Page 1

GENTE SALESE - MENSILE DI ATTUALITÀ, CULTURA E INFORMAZIONE

N° 01 - ANNO XXXI - GENNAIO 2014

GENTE SALESE

n. 1 GENNAIO 2014

4

A CASELLE TANTI PRESEPI

9

LO SCULTORE INSEGNA AI BAMBINI

11

I SESSANT’ANNI DELLA PASUTO srl


intro. 2

Con questo numero di gennaio “Gente Salese” entra nel suo trentunesimo anno di pubblicazione. È un rinnovato impegno con i nostri lettori che tutta la redazione si assume nella consapevolezza della crescente pesantezza dei tempi che viviamo ma anche con l’ottimismo che ci deve guidare verso tempi migliori. Se guardiamo alle difficoltà del vivere quotidiano ed al meschino egoismo ed inadeguatezza di buona parte della classe dirigente del nostro Paese è facile che ci vinca lo scoramento e la frustrazione ma dobbiamo, invece, tenacemente, poggiare la nostra fiducia sui timidi segnali di ripresa dell’economia che qualcuno intravvede e sulla nostra capacità di reazione, di intraprendenza e di solidarietà. Con questo spirito di responsabile fiducia ci apprestiamo a questo nuovo anno di viaggio con voi, cari lettori, ringraziando tutti i collaboratori per il loro generoso impegno e i partners economici che continuano a sostenerci anche in questi momenti di pesante crisi economico-sociale. E ringraziamo particolarmente voi, nostri lettori, che con la vostra vicinanza ed apprezzamento, le vostre critiche ed i vostri suggerimenti ci incoraggiate nel nostro lavoro. A tutti vogliamo porgere il nostro augurio perché possano affrontare con serenità e successo le immancabili difficoltà che anche questo 2014 ci porterà e soprattutto perché riescano a cogliere ed apprezzare quei segni di ripresa che consentono di guardare con rinnovata fiducia al nostro futuro. La redazione

Agenti Generali: dott. Vito Stocco e rag. Roberta Degan

Anno nuovo

Sono arrivato ancora in fasce, appena nato, ma posso parlare. Vorrei, sottovoce, fare tante promesse: il tempo che cresce non si sposerà, c’è volontà di far tutto andar bene, poi si vedrà come vado a finire. Con me ho portato un sacco di cose che ogni stagione farò cambiare. Il carro del sole andrà spruzzato dall’acqua di nuvole assai castigate. Con la sacca del vento ho il mio da fare: lui spiffera, vortica, non si riposa, vuol pizzicare le onde del mare. Farà burrasca questo nato d’inverno, di buono tiene il suo giocare: tutte le nuvole devono correre, specie le bianche, in ogni parte del cielo, così che i bimbi possan sognare con la fantasia, dando loro la forma. Vorrei trovare un po’ di pace, ma mi hanno già detto che è una signora che si fa troppo desiderare. Volersi bene non costa niente, l’umanità non ha capito che rabbia e veleno portano male. Lasciate che nascano i vostri figli, un adagio dice: “I bimbi non portano la carestia, ma arrivano sempre con il fagottino”.

Portate ai vecchi un po’ di rispetto, non è un libro segreto quel che hanno imparato: ve lo insegneranno con tutto l’amore che può solo dare il cuore dei nonni. Faremo il passo secondo il potere, le cose più strane le vivremo insieme, ma con un grammo di filosofia. Ci ritroveremo a S. Silvestro, ci racconteremo come abbiamo vissuto e che volete…ora non potrete piu’ mandarmi via. Mery Turcato.

di Zanchin O. & Bertocco M. Via Caltana, 10/A - 30030 Caltana (VE) Tel. e Fax 041/5731603

ferro tondo per cementi armati profilati - tubi - lamiere - travi profilati speciali per serramenti accessori - raccorderia

Agenzia Generale Via Gramsci - Mirano (Ve) Tel. (041) 433333-4355788 Sub-Agenzia Via Guolo, 4 - Dolo (Ve) Tel. (041) 413666

Pietro Carraro è il 1° bebè nato nel 2014 di S. Maria di Sala! Auguri e Congratulazioni al papà Timmy e alla mamma Valentina.

Tende:

AD ARCO, A CAPPOTTINA, FISSA, A BRACCI ESTENSIBILI PER ARREDAMENTO, GAZEBI PER GIARDINO, BOX AUTO, ZANZARIERE

Via Noalese, 167 Santa maria di sala (VE) Tel. 041.5730222 Fax 041.5730966


Ricordi per rispettare la vita Come ogni anno vogliamo proporre alcune riflessioni sulle Giornate del Ricordo e della Memoria associandole alla Giornata per la Vita promossa dalla Chiesa Cattolica ormai da trentasei anni. Questo perché riteniamo, in estrema sintesi, che tutte e tre abbiano l’obiettivo di affermare il primato della vita e della dignità dell’uomo, di ogni singolo uomo e di tutti gli uomini, su qualsiasi altro aspetto e questione politica, economica e sociale. 2 febbraio 2014 In occasione della 36ª Giornata Nazionale per la vita i vescovi italiani hanno indirizzato a tutti i fedeli il consueto messaggio di cui riportiamo alcuni stralci: Generare futuro “I figli sono la pupilla dei nostri occhi... Che ne sarà di noi se non ci prendiamo cura dei nostri occhi? Come potremo andare avanti?”. Così Papa Francesco all’apertura della XXVIII Giornata Mondiale della Gioventù ha illuminato ed esortato tutti alla custodia della vita, ricordando che generare ha in sé il germe del futuro. Ogni figlio è il volto del “Signore amante della vita”, dono per la famiglia e per la società. Generare la vita è generare il futuro anche e soprattutto oggi, nel tempo della crisi; da essa si può uscire mettendo i genitori nella condizione di realizzare le loro scelte e i loro progetti. ... La società tutta è chiamata a interrogarsi e a decidere quale modello di civiltà e quale cultura intende promuovere, a cominciare da quella palestra decisiva per le nuove generazioni che è la scuola. La cultura dell’incontro, e del dialo go - dice papa Francesco - è indispensabile per coltivare il valore della vita in tutte le sue fasi: dal concepimento alla nascita, educando e rigenerando di giorno in giorno, accompagnando la crescita verso l’età adulta e anziana fino al suo naturale termine, e superare così la cultura dello “scarto”.

Si tratta di accogliere con stupore la vita, il mistero che la abita, la sua forza sorgiva, come realtà che sorregge tutte le altre, che è data e si impone da sé e pertanto non può essere soggetta all’arbitrio dell’uomo. Purtroppo ancora oggi, nascere non è una prospettiva sicura per chi ha ricevuto, con il concepimento, il dono della vita. La nostra società ha bisogno oggi di solidarietà rinnovata, di uomini e donne che la abitino con responsabilità e siano messi in condizione di svolgere il loro compito di padri e madri, impegnati a superare l’attuale crisi demografica e, con essa, tutte le forme di esclusione. Una esclusione che tocca in particolare chi è ammalato e anziano, magari con il ricorso a forme mascherate di eutanasia. Vengono meno così il senso dell’umano e la capacità del farsi carico che stanno a fondamento della società. E così come un giorno si è stati accolti e accompagnati alla vita dai genitori, così nella fase finale la famiglia e la comunità umana accompagnano chi è “rivestito di debolezza”, ammalato, anziano, non autosufficiente, non solo restituendo quanto dovuto, ma facendo unità attorno alla persona ora fragile, bisognosa, affidata alle cure e alle mani provvide degli altri. Generare futuro è tenere ben ferma e alta questa relazione di amore e di sostegno, indispensabile per prospettare una comunità umana ancora unita e in crescita, consapevoli che “un popolo che non si prende cura degli anziani e dei bambini e dei giovani non ha futuro, perché maltratta la memoria e la promessa”.

GIORNATA DELLA MEMORIA La Giornata della Memoria che si celebra il 27 gennaio è stata voluta in ricordo della persecuzione e dello sterminio del popolo ebraico e dei deportati civili e militari nei campi nazisti. La ricorrenza è stata istituita dalla Repubblica italiana con la legge 211 del 20 luglio 2000 e collocata proprio nel giorno dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz il 27 gennaio 1945. Il sistema organizzato dei campi di sterminio aveva annullato prima i nomi e l’identità, poi la dignità ed infine la vita di una moltitudine di esseri umani: ebrei e tutti quegli altri gruppi etnici, politici, sociali ecc che il nazismo considerava “inferiori”, in nome del folle disegno di conseguire l’egemonia di una purificata razza ariana. Questo giorno deve tenere viva la memoria di quei fatti perché non possano più ripetersi. GIORNO DEL RICORDO Il 10 febbraio in tutta Italia si celebra il “Giorno del Ricordo” per non dimenticare le molte migliaia di italiani, per lo più civili inermi ed innocenti, massacrati in Dalmazia, Istria e Venezia Giulia o costretti a lasciare quelle terre con le loro case, i loro averi i loro affetti. La legge istitutiva della giornata commemorativa del 2004 ha scelto la data simbolica del 10 febbraio perché il 10 febbraio del 1947 entrò in vigore il trattato di pace con cui le province di Fiume, Zara e Pola e parte dei territori di Gorizia e di Trieste passarono alla Jugoslavia. Le stragi si compirono dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 quando i partigiani titini si scatenarono contro i nazisti ed i fascisti. Nell’offensiva, però, si colpirono indiscriminatamente tutti gli italiani in quanto tali. Il massacro peggiore fu compiuto nel maggio del 1945 per costringere gli italiani a lasciare le province istriane, dalmate e della Venezia Giulia. Anche qui l’uomo, la sua dignità, la sua vita furono calpestati e annientati in nome di una pretesa “pulizia etnica” mascherata come azione di guerra contro i fascisti.

APRILE “Prova anche tu, una volta che ti senti solo o infelice o triste, a guardare fuori dalla soffitta quando il tempo è così bello. Non le case o i tetti, ma il cielo. Finché potrai guardare il cielo senza timori, sarai sicuro di essere puro dentro e tornerai ad essere felice” Anna Frank

PER RICORDARE Tante, troppe cose l’uomo non deve dimenticare. Per non dimenticare la Shoà, per non dimenticare il fratello negro schiavizzato torturato martoriato, per non dimenticare la crudeltà dei cuori, per non dimenticare il pianto innocente di un bimbo fra braccia tenere inerti, per non dimenticare lo sguardo della sofferenza, per non dimenticare il vuoto dell’ignoranza l’arroganza delle serpi...... Troppo l’uomo ha da ricordare: Per non riviverlo per non farlo rivivere per non ricreare l’Inferno né alimentarne le fiamme. Furore del delitto terrore della mente ubriacatura del potere miseria avvilente paura di Essere! Troppo l’uomo ha da disseppellire da riportare in vita da una morte ingiusta: la dignità il rispetto l’amore, la fierezza di essere Uomini! Letizia

www.cvviaggi.it

COSTRUZIONI EDILI CIVILI, INDUSTRIALI E RESTAURI

PAGOTTO

di Pagotto Sandro & Co. snc

Via Zinalbo 59 - 30036 Santa Maria di Sala - Venezia Tel./fax 041 5730308 - e-mail: edilpagotto@virgilio.it

3

Via Bastia Fuori, 26,1 - 30035 MIRANO (VE) Tel. 041.5703812 - Fax 041.5703805


UN SUCCESSO LA MOSTRA A CASELLE DEi PRESEPI E DELLA VITA DI GESÙ

4

“Finalmente ho realizzato un mio sogno” così ci ha detto Renato Brazzolotto, l’organizzatore della mostra dei presepi di Caselle. Forte della sua esperienza di allestitore dei presepi nell’Arena di Verona, Renato è riuscito a portare a Caselle, tutti assieme in uno spazio dietro la chiesa, oltre 150 presepi realizzati con vari materiali, in vari modi ed ambientazioni e provenienti da tutta Italia e uno molto originale anche dalla comunità della gemellata Hvar . La mostra alla sua prima edizione è rimasta aperta dall’8 dicembre 2013 al 6 gennaio 2014 ed ha visto la presenza di numerosissimi visitatori, fra questi anche numerose scolaresche. Interessantissimo anche il presepio ambientato su una nostra vecchia masseria sempre allestito da Renato Brazzolotto nell’interno della chiesa parrocchiale di Caselle. Questa fedele riproduzione di un nostro vecchio

• • • • • • • •

ambiente rustico è stata curata nei dettagli con puntigliosa precisione e meticolosità ed essa sola valeva la pena di una visita. A margine della mostra è stato allestito anche un percorso in più tappe che ripercorre la passione di Cristo dall’entrata trionfale in Gerusalemme

al processo nel sinedrio, fino alla crocifissione, sepoltura e resurrezione di Cristo. Complimenti a Renato ed a tutti quanti si sono impegnati con lui e i migliori auguri a questa bella iniziativa che ci auguriamo posa proseguire negli anni futuri.

COSTRUZIONE, VENDITA, LOCAZIONE BENI MOBILI ED IMMOBILI TRASPORTO IN CONTO TERZI TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI IN IMPIANTI AUTORIZZATI SCAVI E DEMOLIZIONI EDILI PULIZIA ED ESPURGO POZZI NERI, DISINTASAMENTO TUBAZ. AD ALTA PRESS. BONIFICHE AMBIENTALI E RIMOZIONE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO COSTRUZIONE IMPIANTI DI SCARICO FOGNATURE E MANUTENZIONE NOLO CASSONI SCARRABILI E BOX SERVIZI IGIENICI PER MANIFESTAZIONI

GRUPPO BOLZONELLA Via Ariosto 2 - 3 0036 Santa Maria di Sala (Ve) tel. 041 5780386 fax. 041 5780989 Email. bolzonella.group@tiscalinet.it www.bolzonellagroup.com


A Stigliano Babbo Natale A Sant’Angelo i Re Magi, è arrivato in elicottero tombola e Piroea e Paroea

Sabato 7 e Domenica 8 Dicembre, a Stigliano, come da tradizione, si è svolta la consueta Festa di Natale, organizzata dai genitori della Scuola d’Infanzia e Nido Integrato “Madonna del Rosario”. Nel piazzale della Chiesa genitori volenterosi hanno allestito uno stand con gustosi dolci fatti in casa, tante varietà di piante e articoli di oggettistica varia. Tutto questo accompagnato dalla degustazione di cioccolata calda, vin brulè e pinza. Il pomeriggio del sabato è stato rallegrato da bellissimi laboratori di disegno, trucca bimbi e baby dance. Domenica mattina, dopo la Santa Messa, i bambini hanno ricevuto una straordinaria sorpresa giunta dal cie-

lo: Babbo Natale è arrivato a bordo di un elicottero, ha ritirato le letterine, distribuito caramelle ed è stato poi accompagnato da due asinelli, che hanno allietato i bambini con delle brevi passeggiate sul loro dorso. Il ricavato della festa è stato interamente devoluto alla Scuola d’Infanzia e Nido integrato. Si ringrazia per la collaborazione: Fioreria Fasolato, alimentari Zacchello, Bar Todaro, Rigo Constantino e Associazione Ala Salese, Gruppo Sportivo GS San Marco, Azienda Agricola Mazzacavallo e i Signori Chinellato Gabriele per gli asinelli e Furlan Antonio per l’ottimo vin brulè. Maria Luisa Valentino

Come da tradizione, anche il Natale 2013 e l’Epifania 2014 è stato vissuto in un clima di festa in Parrocchia a Sant’Angelo. In particolare il 6 Gennaio 2014, giorno dell’Epifania, alla Messa del mattino c’è stato l’arrivo dei Re Magi e al pomeriggio, in una chiesa gremita fino all’inverosimile, c’è stato la premiazione dei Presepi e l’esibizione dei bambini nella “Sacra Rappresentazione” che ha ripercorso le vicende legate alla nascita di Gesù. Molto bravi tutti i piccoli partecipanti e gli organizzatori i quali, come rilevato dal parroco Don Pietro, nonostante il breve tempo a disposizione per le prove, hanno prodotto un’ottima e partecipata rappresentazione. Il pomeriggio è proseguito con la tom-

Gruppi affiatati promuovono iniziative coinvolgenti per tutto il paese di Veternigo Lunedì 16 Dicembre alle 20,30, il Coro Magnificat assieme all’Associazione culturale “‘a se stante” e con il patrocinio del Comune di Santa Maria di Sala hanno aperto le manifestazioni natalizie per le festività con una spettacolare rassegna corale. A fare gli onori di casa il Coro Magnificat seguito dal Coro di Stigliano, dal Gruppo vocale femminile Euphonia di Mestre e per finire il Coro Musicalia Fragmenta di Scorzè. In precedenza del Natale, i ragazzi del gruppo Giovani, vestiti da Babbo Natale hanno consegnato a tutte le famiglie un Vademecum parrocchiale che riporta le attività svolte durante l’anno 2013.

Il 30 Dicembre un bel gruppo di persone ha visitato i presepi. Solitamente si faceva in mezza giornata, questa volta invece si è preferita l’intera giornata per visitare il presepio di Don Orione a Firenze. Il 6 Gennaio il circolo Noi ha appassionato una cinquantina di persone nel 1° giro delle Befane. Il 19 Gennaio è stata ripristinata la vecchia festa di San Sebastiano, patrono del Paese, coinvolgendo la Polizia Municipale e, grazie all’interessamento

dell’Associazione “Vita in”, l’allestimento delle bancarelle in Piazza Gabriele D’Annunzio. Tutte queste iniziative, oltre alle altre molteplici proposte durante l’arco dell’anno, si realizzano coinvolgendo numerosi volontari che offrono con passione e competenza il loro tempo libero per realizzare appuntamenti significativi per la comunità sia giovanile che familiare. Bertilla Ceccato

5

bola e l’arrivo della Befana. All’imbrunire, in un’atmosfera gioiosa e sostenuta da vin brulé, cioccolata calda e altre buone cose, c’è stata la “piroea paroea”, cioè il “brusare la vecia”. Uno spettacolo sempre affascinante, che si è svolto nella totale sicurezza e che è terminato con i fuochi artificiali, bellissimi e impressionanti. È doveroso un ringraziamento a tutti gli organizzatori dei vari eventi della giornata, per il loro impegno nei riguardi della Comunità Parrocchiale, impegno, che è stato premiato con una “finestra” di bel tempo proprio in quel giorno, dopo tanta ansia vissuta per le condizioni atmosferiche dei giorni precedenti. Ma la Chiesa di San Michele arcangelo di Sant’Angelo si era riempita anche il 21 dicembre in preparazione al natale per il tradizionale appuntamento del concerto di Natale. Alla serata hanno preso parte sette cori locali di giovani e bambini: il Coro Piccole Note (Sant’Angelo), il Coro Thomas Tallis di Arduino Pertile (Noale), il coro Ad una Voce (San Michele delle Badesse), il Coro Giovani Cantori (Chirignago), il Coro degli Angeli (Moniego), il Coro Insieme Incanto (Noale) e il Coro Giovani S.Angelo. Ogni coro ha presentato tre canti di Natale appartenenti alle diverse tradizioni del mondo, da quella italiana a quella canadese, francese, ucraina, inglese. La serata è stata un bel momento per condividere il periodo dell’Avvento, di attesa e preparazione al Santo Natale, ma anche l’occasione da parte dei cori di augurare a tutti buone festività attraverso un mezzo unico e speciale qual’è il canto nelle sue varie sfaccettuture di armonie e interpretazioni. Elisa Carraro Primo Bertoldo


6

Giorgio Minto riceve il premio Mentore ma le sue iniziative vengono osteggiate

Giorgio Minto, tanto apprezzato e stimato nell’ambiente sportivo provinciale, regionale e non solo, quanto ingratamente osteggiato dai suoi stessi compaesani o meglio da una certa parte dei suoi compaesani che vorrebbero mettere un freno alle sue iniziative. Questo vulcanico uomo, ricco di idee e di volontà, è stato uno dei principali artefici dello sviluppo dello sport a Stigliano e in tutto il comune di Santa Maria di Sala; è stato per lunghi anni presidente dell’U.S. San Marco di Stigliano, fondatore dell’U.G.S. che cura il concorso ippico salese ed ora leader della A.S.D. Arcieri San Marco di Stigliano e negli ultimi dieci anni ha organizzato l’Albo D’oro. A fine del 2013 l’Assessorato allo Sport della Provincia di Venezia ha conferito al nostro Giorgio Minto il Premio Mentore per “il suo impegno e la sua passione nell’insegnamento della lealtà sportiva e come migliore dirigente”. Mentre dalla Provincia gli veniva dato questo pubblico riconoscimento, dai nostri ammi-

Piroea & paroea Giorgio Minto

nistratori comunali riceveva un altro colpo basso avendogli negato, dopo quello dell’uso di Villa Farsetti per le finali del Campionato Nazionale dello scorso settembre, anche l’uso della palestra di Stigliano per lo svolgimento di una gara indoor di tiro con l’arco in programma per il 8-9 febbraio prossimo.

La pergamena del premio Mentore

Quando era con loro era bravo e venivano assecondati i suoi progetti, da quando ha preso le distanze dagli attuali amministratori è divenuto inaffidabile e osteggiato. Per fortuna che nel suo insediamento il primo cittadino ha detto che vuole essere il sindaco di tutti! Sarà così?

Nuovo diniego del sindaco agli Arcieri Lo scorso 3 ottobre l’A.S.D. Arcieri San Marco aveva inoltrato richiesta per l’utilizzo della palestra comunale di Stigliano per organizzare una tappa del Campionato Indoor di Tiro con l’arco l’8 e il 9 febbraio 2014. Questo dopo la buona riuscita della analoga gara disputata negli ultimi anni nella palestra di Stigliano appositamente attrezzata allo scopo dal comune stesso con reti di protezione. A metà gennaio 2014 la nostra amministrazione comunale invia al sodalizio sportivo una lettera non datata con la quale nega l’uso della palestra scrivendo che “.....la decisione di negare il nulla osta all’utilizzo della palestra comunale di Stigliano viene presa dopo una attenta analisi (durata oltre tre mesi) della richiesta che, peraltro, non contiene alcun cenno alle moda-

lità organizzative dell’evento e nessun riferimento alla messa in sicurezza del luogo Motivazioni illogiche e pretestuose che in realtà non esistono, (comunque si potevano sempre chiedere chiarimenti ed integrazioni).......il sindaco scrive anche “proprio in considerazione delle problematiche sorte nei mesi scorsi in riferimento alla organizzazione della gara di Campionato Nazionale di tiro con l’arco in parte svolta nel giardino di Villa Farsetti nel mese di settembre..”(ma chi le ha create queste problematiche, l’amministrazione o la società sportiva?). Come chiamerebbero i giuristi questo reiterato comportamento ostile dei nostri amministratori nei confronti di un gruppo sportivo e del suo presidente? Fumus persecutionis?, attività

4.000 mq di articoli regalo, cartoleria, casalinghi, giocattoli, articoli da campeggio.

BRICO FAI DA TE tutti gli articoli per il tempo libero e il fai da te Presso il Centro Commerciale PRISMA a Caselle di Santa Maria di Sala - Loc. Madonna Mora Tel. (041) 5730377-5730323 - brico center (041) 5731405

antisportiva? L’associazione Arcieri Stigliano non essendo riuscita a trovare la disponibilità in altre palestre è stata costretta a disdire la manifestazione avendo ricevuto prenotazioni da tutto esaurito.

Un pubblico numeroso che non ha precedenti nella storia della “Piroea paroea” di Stigliano, ha partecipato all’edizione del 2014 spettacolo organizzato dagli arcieri con l’U.S. San Marco Stigliano. Soddisfatti gli organizzatori per la bella serata dopo un lungo periodo piovoso. La manifestazione ha iniziato con i canti e racconti dei Fioi del fiò’ mentre gli organizzatori, per creare uno scenario davanti alla catasta di legna, accendevano 300 fiaccole a terra. Il parroco don Rodolfo ha poi benedetto il fuoco e a seguire i ragazzi dell’associazione a distanza ravvicinata hanno iniziato lo spettacolo per proseguire con una quarantina di arcieri che hanno lanciato contro la catasta di “fassine” 250 frecce incendiarie. La piroea paroea ha iniziato a bruciare mentre il pubblico ascoltava i brani musicali delle più belle colonne sonore di noti film, uno spettacolo suggestivo unico che ha decretato il successo della decima edizione. L’associazione ha offerto ai presenti un ricco buffet con musetto, pinza, cioccolata, dolci e vin brulè. L’U.S. San Marco Stigliano, con tutti gli arcieri, ringraziano quanti hanno contribuito, lavorato e partecipato. A tutti si da appuntamento al prossimo 6 gennaio. G.M.


I quarantottenni di Veternigo Cinquantenni di Caselle de’ Ruffi si festeggiano con la maestra Pea raccontano tra una pizza e la torta

Sabato 9 Novembre i quarantottenni di Veternigo si sono ritrovati assieme per celebrare la S. Messa in ricordo della loro coetanea, Cristina Malvestio. La serata è proseguita in allegria, al Ristorante “Belfiore”, dove hanno ripercorso gli anni passati e l’occasione è stata propizia per

raccontarsi vicissitudini presenti e future. Alla rimpatriata hanno partecipato gli allora alunni delle classi elementari A e B di Veternigo, assieme alla Maestra Elvia Pea di Mestre nella foto con i fiori in mano. Bertilla Ceccato

Il giorno 10 gennaio 2014, la classe 1963 di Caselle, dopo tanto tempo, si è riunita per festeggiare insieme l’importante traguardo dei 50 anni di età. I cinquantenni hanno festeggiato in maniera sobria con una buona pizza, anche perchè reduci dai banchetti delle feste natalizie, ma

7

naturalmente non è mancata la torta con dedica, candeline e spumante. Complimenti a tutti i festeggiati per questo bel traguardo, con l’augurio di non aspettare altri cinquant’anni per ritrovarsi. La saggezza che hanno accumulato è bella da raccontarsi.

“L’Avvento in musica” con melodie antiche raccoglie consensi entusiastici tra il pubblico Sabato 14 Dicembre alle ore 20,30 una luce illuminava l’area presbiteriale della chiesa parrocchiale di Caselle, gettando i suoi riflessi sul pavimento, mentre il pubblico si accomodava silenziosamente tra i banchi, per assistere al concerto dal titolo “L’AVVENTO IN MUSICA” organizzato dalla Parrocchia di Caselle, con il Patrocinio del Comune di Santa Maria di Sala – Assessorato alla Cultura. Giancarlo Zamengo, oltre ad illustrare il tema del concerto, ha evidenziato come la musica ha un forte potere evocativo e, anche indipendentemente dalla volontà di ognuno, fa riemergere ricordi, abbozza riflessioni, sussurra idee, bisbiglia nomi, tratteggia luoghi.

L’intreccio armonico ed espressivo delle voci, la delicatezza timbrica, hanno accompagnato un uditorio raccolto, in un viaggio alquanto suggestivo, tra le pagine musicali che gli interpreti hanno proposto. Le note hanno coperto quasi quattrocento anni di storia della musica, sono state donate con cura e dedizione al pubblico. Il concerto interpretato da alcuni allievi di canto della Scuola di Musica “Maria Callas” di Mestre e dalla docente M° Lyudmila Dobreva, accompagnati all’organo dai M° Giovanni Ferrari e M° Mario Trevisan ed al flauto dalla M° Maria Letizia Pizzato, si è svolto in una entusiastica cornice di pubblico, che ha indirizzato

scroscianti applausi ai vari interpreti che si sono succeduti. Sono stati interpretati brani ed arie dei più importanti compositori, quali: Bellini, Caccini, Cherubini, Cohen, Donizetti, Durante, Gluck, Handel, Lorenc, Morricone, Offenbach, Puccini, Saint-Saens, Schubert e Vivaldi, oltre ad una poesia musicata del Beato Karol Wojtyla. I vari interpreti che si sono succeduti sono stati: Francesca Boscaro, Ivano Broggin, Carmen Budau, Patrizia Coianiz, Elda Dal Piaz, Denitsa Dobreva, Roberta Fuga, Martina Minto, Silviana Morando, Marco Palma, Gabriella Salizzato e Annalisa Vianello, oltre alla inconfondibile voce della M° Lyudmila Dobre-

va, mezzosoprano bulgara, naturalizzata italiana, di fama internazionale. Al termine il Parroco Don Lucio, ha rivolto un caloroso ringraziamento agli interpreti augurandosi che la tradizione concertistica a Caselle, sia mantenuta anche in futuro. Giancarlo Zamengo

STONE HOUSE S.r.l. Pavimenti - rivestimenti - arredo bagno sanitari - rubinetteria - complementi d’arredo via L. Da Vinci, 5 - 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041.487046 - fax 041.5760097 E-mail: info@simionatosrl.it - www.simionatosrl.it


8

Il Gruppo Ricreativo di Sant’Angelo interra la linea elettrica sopra l’area delle feste

Come tutti i paesani di Sant’Angelo sanno, a nord della chiesa, sul terreno della parrocchia che normalmente viene utilizato quale area per la sagra, insisteva una linea elettrica a media tensione che andava da est verso ovest, passando davanti l’ingresso del cimitero. Una linea elettrica aerea, normalmente non rappresenta un grande pericolo ma, se non c’è è certamente più sicuro e si evitano tutti i campi magnetici, che costituiscono sempre, potenzialmente, un problema, specialmente per i bambini. Da moltissimi anni il problema della presenza dei cavi elettrici aerei veniva in considerazione presso coloro che, in parrocchia, si adoperavano per progettare l’utilizzo di quel terreno a scopo sportivo. In molte occasioni si sono fatti preventivi per eliminare quei cavi ma ci si è sempre arenati di fronte agli elevati costi del provvedimento. Finalmente, per una fortunata serie di coincidenze, è venuta l’occasione di interrare i cavi in questione con una modesta spesa. Pro-

tagonisti di questa possibilità il Gruppo Ricreativo il quale si è impegnato all’inverosimile per mettere a buon frutto la disponibilità dell’ENEL e riuscire a portare a compimento il lavoro. Dobbiamo, quindi, riconoscere al Gruppo Ricreativo, il merito di avere perseguito l’obiettivo dell’interramento dei cavi, nonostante tutte le difficoltà che si sono manifestate durante l’iter della pratica. Ora, interrati i cavi, l’area ricreativosportiva che il Gruppo Ricreativo sta, passo dopo passo, portando a compimento, è a buon punto e può avere l’accelerazione verso la fine dei lavori, anche grazie all’arrivo del promesso contributo pubblico di € 5000. In primavera è previsto l’inaugurazione ufficiale e fra le date significative del corso dei lavori, quella di mercoledì 18 Dicembre 2013, giorno dell’interramento dei cavi, verrà ricordata come una data “storica” per Sant’Angelo. P.B.

Il Gruppo comunale AIDO riparte con maggiore entusiasmo per condividere un percorso di strada fatto di solidarietà Il Gruppo Comunale AIDO di Santa Maria di Sala, recentemente ricostituitosi, è lieto di invitare tutta la cittadinanza a partecipare all’assemblea annuale dell’associazione che si svolgerà GIOVEDI’ 28 FEBBRAIO 2014, alle ore 20.30, presso la Sala Parrocchiale di Caselle, in Via Cavin Caselle -di fronte Chiesa per trattareCon il seguente ordine del giorno: Programma attività 2014; Approvazione bilancio 2013 e preventivo 2014; Proposte;

Varie ed eventuali. L’associazione, a cui sono iscritti n. 602 cittadini salesi, ha bisogno dell’aiuto di tutti per promuovere la cultura della donazione, che ci accomuna agli amici dell’AVIS, della FIDAS e dell’ADMO. Abbiamo recentemente esposto il “Presepio di Samantha” per ricordare i nostri Donatori, a cui ogni anno portiamo una rosa in segno di riconoscenza per il loro grande gesto d’amore, così come quello dei loro familiari. Stiamo promuovendo incontri con le

classi quinte di Caselle, Caltana, Santa Maria di Sala, Sant’Angelo e Stigliano. Ci piacerebbe fare di più, perciò chiediamo a tutti i nostri concittadini di venire a portare le loro idee e le loro proposte. Insieme ci aiuteremo a realizzarle. Venite, troverete vecchi e nuovi amici, con cui percorreremo insieme un po’ di strada … quella della solidarietà. Vi aspettiamo. Il Direttivo Aido: Sandro De Liberali (Presidente), Giuliano Carraro (Vice Presidente), Renzo Bordin, Matteo Giordan, Niveo Levorato, Paolo Sartore, Wally De Franceschi, Monica Bertolin, Francesca Ceccato, Sebastiano Carraro, Caterino Zagagnin, Annarosa Tonello. Per contattarci: E-mail: aidosala@libero.it Cellulare: 3493558601

CONCORSO DI POESIA

DONNE ANCORA Viste le numerose sollecitazioni ricevute, per la Festa della Donna, Gente Salese ripropone il Concorso di Poesia al femminile avviato nel 2008 dalla allora assessore Francesca Scatto. La sesta edizione il tema sarà DONNE ANCORA Gli elaborati inediti dovranno pervenire entro il 28 febbraio 2014 alla Redazione di Gente Salese Viale dei Tigli 12 – 30036 Santa Maria di Sala. La festa di premiazione si svolgerà, poi, venerdì 14 Marzo 2014. Regolamento e ulteriori informazioni sul sito www.gentesalese.com

AUTOSCUOLA AGENZIA SALESE RECUPERO PUNTI

Via Lissa 124 - Mestre 30174 (Ve) Tel. 041 487010 Fax 041 5760217 Sede Amministrativa in Via Firenze 20 Santa Maria di Sala-VE Cell. +39 335 7053828 E-mail: impresabarizzasas@gmail.com

Patenti: AM-A1- A2- AB1-B-BE-C1-C1C- C- CED1-D1E-D-DE- SPECIALI CQC TRASPORTO MERCI E PERSONE

Email: autoscuola.salese@virgilio.it Via dei Larici, 2 - Tel e Fax. 041.487417 S. Maria di Sala (VE) UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICATO N. 5955/0

SI EFFETTUANO: Passaggi di proprietà auto e moto - Immatricolazioni - Demolizioni auto - Duplicati e conversioni patenti - Collaudi gancio traino e GPL - Targhe ciclomotori - Certificati camerali e Tribunale Visure P.R.A. - Duplicati carta di circolazione - Corsi per stranieri - Rinnovo patenti con medico in sede


Alla Scuola dell’Infanzia di Stigliano il Maestro Vanin propone la scultura Su invito della direttrice della Scuola dell’infanzia di Stigliano, l’artista Gianpietro Vanin, mercoledì 29 Gennaio ha tenuto una lezione sulla scultura sul legno ai circa 80 bambini che frequentano la scuola. M° Vanin, cosa può raccontarci in merito a questa esperienza con i ragazzi? “Vi posso dire che un’esperienza con tutti questi bambini non l’ho mai avuta, è stata una novità per me, anche perché non ho mai avuto l’occasione di tenere una lezione vera e propria sull’arte che io interpreto, per cui cercare di insegnarla ai piccoli è stato per me molto emozionante”. Come ha organizzato questa lezione Gianpietro? “Per prima cosa ho spiegato ai bambini come dall’albero si arriva alle tavole che io utilizzo per scolpire, - ha detto Vanin - poi una volta terminata la spiegazione i bambini, in gruppi di 5 alla volta, sono venuti da me e ho fatto toccare le mie opere per sentire com’è al tatto la scultura sul legno. Infine ho dato ai ragazzi il martello e lo scalpello per fargli capire quanta pazienza e precisione serve per portare a termine un’opera”.

Nella foto: Il M° Vanin mentre fa provare ai bambini ad usare lo scalpello e il martello

Quali opere ha portato con se per far vedere le diverse tecniche che utilizza? “Ho portato con me tre opere: una raffigurante dei personaggi ideati da Walt Disney, soprattutto per far piacere ai

Nella foto: I bambini sentono la la plasticità della scultura improntata dal M° Vanin

bambini che potevano riconoscerne il soggetto. Poi ho portato un’opera raffigurante il Ponte di Rialto di Venezia, anche qui per dare ai bambini un riferimento che può essere conosciuto e in modo che potessero capire come l’arte può essere trasmessa. Infine per far esercitare i bambini e far vedere come effettivamente la scultura si crea ho portato un’opera, ancora incompiuta, raffigurante Sant’Antonio da Padova”. Concludendo, Gianpietro, è stata un’esperienza positiva? “Assolutamente si! È stata una giornata che difficilmente dimenticherò, l’emozione di trasmettere un’arte a qualcun’altro è stata molto appagante. Inoltre i bambini sono stati per tutta la lezione molto attenti ed interessati a quel che dicevo, per cui è stato anche facile insegnare a loro qualche tecnica. Sicuramente se avrò altre occasioni di insegnare, le coglierò con molto piacere. Vorrei ringraziare per l’invito e l’accoglienza la Direttrice della scuola, Marisa Boesso, e tutte le sue collaboratrici per l’importante contributo offertomi durante la lezione. C.V.

Gottardo Dino & C. snc CARPENTERIA IN FERRO GAZEBI, COPERTURE, RECINZIONI SERRAMENTI IN ACCIAIO INOX, OTTONE E ALLUMINIO (con marchio CE) Via Rugoletto, 49 Veternigo di S. Maria di Sala (VE) Tel. e Fax. (041) 5780374

casette in legno - gazebi - pergolati box e coperture per auto

tutto su misura

Via Cainazzi 33/A Veternigo di S. Maria di Sala Ve Tel./Fax 041 5781316 :: Cell. 3392834682

LETTERA

9

Futura mamma non trova un “nido” che accolga suo figlio Buongiorno direttore, mi permetto di scrivere questa lettera con la speranza che venga pubblicata e lo faccio sicuramente anche a nome di molte altre donne che si trovano o si troveranno nella mia situazione. Sono una futura mamma di 34 anni e terminato il periodo di maternità obbligatoria, previsto dall’Inps, dovrò tornare al lavoro. In queste settimane ho cominciato a pensare a come organizzarmi per quando dovrò rientrare in ufficio e, considerando che le nonne non hanno la possibilità e le forze fisiche necessarie per accudire mio figlio, ho pensato di affidarlo ad un asilo nido (o qualche struttura simile)...e qui tutto il mio stupore e la mia immensa delusione. Nel nostro comune si trovano un’infinità di bar ma soltanto 2 asili nido integrati parrocchiali (che accettano i bambini solo dopo i 12 mesi o addirittura a Caltana dai 15 mesi e con orari decisamente poco flessibili) ed un baby-parking che accoglie i bimbi da 6 mesi. Da tener conto che ci si deve mettere in lista d’attesa già durante la gravidanza. Dove lascerò nel frattempo il mio bambino? A giocare a video pocker in qualche bar? Considerato il numero di abitanti ed il numero limitato di bambini che possono accedere alle suddette strutture, io lo ritengo un enorme disagio ed un grave disservizio da parte dell’amministrazione comunale! Guardando un pò nei comuni limitrofi (Noale, Mirano, Salzano, Spinea, Mira, ecc.) si nota subito la differenza e la quantità di opportunità diverse che gli stessi offrono. Fortunatamente, sempre al di fuori del comune di Santa Maria di Sala, esistono delle strutture private dove l’accesso è un po meno complicato, del resto con i soldi (se si hanno) si aprono diverse porte!!! Quello che spero è che l’amministrazione comunale si metta una mano sul cuore ed una sulla coscienza e cominci a fare qualcosa di concreto per tutti quelli come noi. Basta inutili rotonde o tratti di rete fognaria in zone disabitate, facciamo qualcosa per questi bambini che saranno il futuro del nostro comune! Silvia


10

A cinquant’anni dalla tragedia Gente Salese in visita al Vajont L’otto dicembre scorso, sfidando il freddo, oltre cento persone hanno partecipato alla gita di fine anno a Longarone sui luoghi della tragedia del Vajont. A cinquant’anni dal disastro è stata una bella occasione per visitare quei luoghi suggestivi e ancora ricchi di dolore e conoscere come si è costruita con l’imperizia ed il cinismo umano una tragedia senza uguali. Suggestivo è stato l’attraversamento della diga nella sua parte sommitale con una vista impressionante sulla forra che sovrasta il torrente Vajont e il paese di Longarone. Un bel momento, nonostante il freddo intenso,è stata la celebrazione nella chiesetta del cimitero monumentale

di Fortogna che ospita le quasi duemila vittime della tragedia. E’ stata una bella occasione di svago e di conoscenza.

La prossima gita è prevista per la fine di maggio; chissà dove ci porterà questa volta Gente Salese?! R.G.S.

Gita a Firenze con visita al presepe e alla città

Il 30 Dicembre 2013, don Paolo Cecchetto ha organizzato la gita a Firenze per visitare il presepe presso l’Istituto di Don Orione a Firenze – centro per disabili adulti autosufficienti. Hanno partecipato numerose persone di Veternigo e del capoluogo S.Maria di Sala. La visita al presepe ha lasciato tutti i partecipanti a bocca aperta perchè racconta la storia della salvezza. Si

per sederti qui chiamaci allo

041 487356

parte dalla creazione di Adamo e Eva e dal diluvio universale con l’Arca di Noè, si prosegue con l’Annunciazione dell’Angelo a Maria, la visita di Maria a Elisabetta, la natività del Bambino (solo questa scena è animata da ben 80 movimenti), il Battesimo di Gesù al Giordano, l’ultima cena, il Calvario con la crocifissione di Gesù e dei ladroni, la sua deposizione fino alla scena finale con Gesù vittorioso sulla

morte. Il padre Don Pasquale Carredu ha spiegato che sia nella stanza in cui è posto il presepe come nel cenacolo (scene legate al cibo, es: pesca miracolosa, moltiplicazione dei pani e dei pesci), la cappella hanno le pareti e il soffitto affrescati, per opera di Enrico Guerrini. Dopo il pranzo al sacco consumato all’interno di un’altra stanza messa a disposizione dai padri di Don Orione, la gita ha proseguito con un’accurata vista al centro storico di Firenze e ai suoi principali monumenti, tra cui il tempio dell’Itale glorie, la “Basilica di Santa Croce”, (nota per le numerose sepolture di artisti, letterati e scienziati italiani), il Duomo – “Cattedrale di Santa Maria di Fiore”, (famosa per la più grande cupola in muratura costruita dal Brunelleschi), il campanile di Giotto, la “Basilica di Santa Maria Novella”, dove è custodita la celebre Trinità del Massaccio. La gita ha soddisfatto le aspettative culturali dei partecipanti che si augurano che presto ne siano organizzate altre. Bertilla Ceccato

Catechesi festiva sulla Fiducia col nonno vigile

Il 22 Dicembre Don Francesco Garofalo, padre spirituale del seminario a Treviso e collaboratore festivo di Don Paolo Cecchetto, ha celebrato la messa del fanciullo, nella Chiesa arcipretale di Santa Maria di Sala. Durante l’omelia ha spiegato il significato per i cristiani cattolici del termine FIDUCIA. Questa parola era ben visibile perché 7 bambini del catechismo si sono posti davanti all’altare maggiore presentando ciascuno una lettera a caratteri cubitali per formare l’intero vocabolo. Don Francesco ha precisato che fiducia significa: 1) accogliere le persone così come sono: MANO APERTA; 2) lasciare spazio alla vocazione di ciascuno: TESTA APERTA; 3) prendersi cura soprattutto dei più bisognosi e volere bene a tutti: CUORE APERTO. Si deve riporre piena fiducia in Gesù perché senza di essa si rischia la paralisi. Mentre parlava ha voluto acconto a sé un volontario: il Nonno Vigile Giacomo Pulliero, nonché socio dell’associazione Mano Amica. Chi più di un Nonno Vigile può rappresentate la fiducia nell’attraversare la strada? ha chiesto Don Francesco ai piccoli presenti in Chiesa. Egli vigila sulla corretta applicazione del codice della strada e corregge eventuali infrazioni, permettendo a tutti di attraversare la strada in sicurezza. B. C.

Salone Triade Master head o Micr era cam ntrollo x co tuito gra capello del


La Pasuto srl festeggia i 60 anni di attività Un successo che fonda su radici profonde Il sessantesimo compleanno non è un evento banale per nessuno, ma se a festeggiarlo in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo è un’azienda, la celebrazione è più che mai motivata. Non sono molte, infatti, le aziende che arrivano a questo traguardo: l’unico modo per riuscirci è sapersi adattare ai cambiamenti, reinventarsi e, allo stesso tempo, rimanere fermi sui propri valori fondamentali. Di strada, da allora, la Pasuto srl ne ha fatta parecchia: tanto impegno, tanto sacrificio e tanta voglia di crescere, tutti ingredienti che in questi anni sono stati portati avanti a piene mani. Elia Pasuto, fondatore della omonima azienda, ha fatto della sua attività un’impresa vincente, acquisendo nel corso del tempo le tecniche per gestirla con successo. “Sinceramente - ha esordito Tonino Pasuto, il figlio di Elia - non avevamo voglia di far festa per questo traguardo dei 60 anni di attività dell’azienda, per diverse contingenze, ma alla fine abbiamo unanimemente condiviso l’idea di ricordare con semplicità i valori che ci hanno contraddistinto. Li ricordiamo volentieri perchè per noi sono importanti: il valore del rispetto (che io chiamerei amore), il valore della collaborazione, dell’organizzazione, della capacità di rinnovamento, la professionalità, l’umiltà e, infine, ma non meno importante, l’entusiasmo”. Questo mix di valori sono stati alla base di un’azienda che ha costruito le sue fondamenta sulla roccia. Questo brand è il biglietto da visita delle garanzie e delle aspettative che i consumatori si aspettavano dalla Pasuto in relazione al prodotto e al servizio. Di conseguenza, il branding (l’insieme delle attività rivolte a creare quella connessione emozionale con il proprio cliente) sono state delle promesse mantenute. La gente ama e si affeziona a ciò a cui tiene e, scegliendo un marchio, esprime la propria fiducia, la propria

Mirco Marzaro consegna la targa ad Elia attorniato dai figli e dall’assessore Arpi (a sx))

Luisa Pasuto legge la cronistoria della Pasuto

fedeltà verso di esso. Durante la festa sono stati premiati tutti i collaboratori e una nomination particolare è andata a Michela che “rappresenta i valori sopracitati

Michela, ringrazia con “Vi voglio bene”

e che sono stati scritti sulla tazza a ricordo dell’anniversario, espressi con il cuore” - ha detto Carlo. Infatti, la risposta di Michela, con le lacrime agli occhi è stata “Vi voglio bene tutti”.

11

Luisa, tracciando la cronistoria dell’azienda di famiglia, ha concluso dicendo: “Desideriamo costruire sulla roccia con radici profonde. Non sappiamo se ci stiamo riuscendo. Quello che sappiamo è che, per quanto avuto fino ad oggi, dobbiamo ringraziare. Ringraziamo chi ha iniziato (Elia n.d.r.), ma, ancor di più per averci dato fiducia. Ringraziamo chi ha lavorato ma soprattutto chi ha collaborato. Ringraziamo chi ci ha aiutato, ma ancor più chi ci ha sostenuto. Ringraziamo il Signore”. Elia è stato premiato con una targa consegnata dal dottor Mirco Marzaro, ex sindaco, che ha avuto la lungimiranza di portare S. Maria di Sala da zona depressa a prima zona industriale veneziana con l’intento di offrire sviluppo edilizio e occupazionale. Sulla targa è scritto: “A Elia Pasuto per averci dimostrato in tutti questi anni che il successo non consiste nel comprare tutto e tutti, pur di mettersi in mostra, ma contribuire a rendere migliore la propria vita e quella degli altri, giorno per giorno, con professionalità, impegno e gioia”. Il dottor Marzaro ha ripercorso il suo impegno politico e ha detto: “mi fa piacere che molti cittadini abbiano capito, apprezzato e conservano un ricordo grato. Questo, per me, è ampiamente sufficiente e gratificante”. Anche l’assessore Arpi ha ringraziato per l’impegno l’ex sindaco Marzaro e ha detto “essere qui a festeggiare la Pasuto è segno che ha vinto la passione, quella che i greci chiamavano Pathos”. A tenere allegri tutti gli invitati ci ha pensato un trio cabarettistico di Padova che ha fatto divertire con le gag e le canzoni prese in prestito da arie famose adattando il testo per l’occasione. Una gran festa che sicuramente è servita per aumentare l’affiatamento, facendo memoria del passato per costruire un futuro da protagonisti. Graziano Busatto

AGENZIA DUCALE PRATICHE AUTO E AMMINISTRATIVE ASSICURAZIONI - BOLLI AUTO Via Caltana, 169 - 30036 Caselle di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041 5731255 www.gioielleriadalmaso.com email: oreficeria.dalmaso@gmail.com

Dal lunedì al venerdì: 8.30-12.30 e 15.00-19.00 / sabato: 9.30 – 12.00 Via Cavin di Sala, 65 – 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/487453 – Tel/Fax 041/487871 E-mail: info@agenziaducale.com - web. www.agenziaducale.com


12

Sognare non costa

Lo scorso 12 ottobre, nella Sala delle Cedraie di Villa Farsetti a S.Maria di Sala ha ripreso il via la nuova stagione dell’Aperitivo Letterario proprio nello stesso luogo dove quasi quattro anni fa questa iniziativa fu inaugurata. Graditissimo ospite della serata è stato Luca Novello che ha presentato per la prima volta in modo ufficiale, dopo l’anteprima voluta in uscita a luglio, il suo nuovo libro “Il mercante di perle” edito da 0111 Edizioni. Una splendida cornice di pubblico ha accompagnato l’evento negli spazi prestigiosi della Villa, e sono stati davvero in molti a volere un autografo dell’autore Salese. Nonostante non fosse la sua prima pubblicazione devo dire che la curiosità intorno a Luca è stata davvero grande. Sarà per il successo legato al suo primo romanzo “L’ultimo tramonto a Bangkok”, sarà per il fatto che oramai è conosciuto da tutta la comunità salese per i suoi articoli sempre interessanti sul mondo delle pietre e i sui suoi viaggi, è riuscito a intrattenere il pubblico per più di un’ora, grazie anche alla collaborazione di Andrea Artusi, che ha creato un’alchimia particolarissima in sala. Noi di Gente Salese abbiamo atteso il consueto “firmacopie “ prima di avvicinare lo scrittore nonché nostro collaboratore con la sua rubrica “Pietre e Leggende”. Dopo le meritate congratulazioni ho avvicinato l’autore/collaboratore del nostro giornale Gente Salese (Luca da circa un anno firma l’affascinante rubrica “Pietre e Leggende”) e gli ho chiesto un’intervista. Prima di iniziare ni ha detto «Graziano, grazie per essere venuto. Ma non è che i lettori di GS si stancheranno di leggere di me? In pochi mesi è già la seconda intervista!» e poi ha spalancato un sorriso. Io ho sorriso con lui, e mi sorprendo sempre davanti all’umiltà di questo ragazzo. Se la pensano con me, direi proprio di no. Anzi, tuttaltro…Vuoi che iniziamo questa intervista?

Com’è ti è venuta l’idea per questo tuo secondo romanzo? È davvero una storia particolare, che viaggia nel tempo e nello spazio…» «È una storia lunga, durata quasi nove anni. Volevo raccontare del tormento di un uomo diviso tra due mezze vite, della difficoltà di un uomo a vivere a metà, con tutti i problemi legati che ne derivano: famiglia, amicizia, amore, nel senso del rifiuto di questi valori. Tuttavia non riuscivo a trovare l’Anima di questo racconto, così una sera, vedendo piangere mia moglie davanti alla televisione ho capito che quel viaggio fatto tra due mondi e due vite, mi aveva portato fino a lei. Così è diventato un libro più complesso, in cui affronto temi più delicati: l’amicizia tra due uomini, i sogni abbandonati di fronte alle responsabilità della vita, la schiavitù del sesso e l’amore, in tutte le sue sfumature, il destino» . Perché hai scelto di raccontarlo attraverso le parole di in vecchio? Non potevi farlo con le parole di un ragazzo del tuo tempo?» «Alla fine ho deciso di raccontare questa storia attraverso gli occhi di un vecchio innamorato e stanco di vivere perché nei segni che solcano il volto di un uomo anziano si può leggere la storia della sua vita, con le amarezze, le delusioni e le vittorie incise sulla pelle. Abbiamo molto da imparare dal passato.»

Macelleria GALLO PLINIO

Q u a l i tà con v e n i e nza e t rad i z ione

Toglimi una curiosità: perché scrivi libri d’amore? A vederti sembri un uomo rude, con la barba nera e la testa rasata a zero, con i muscoli fatti in palestra. E poi? Eccoti che scrivi storie che accendono il cuore della gente… «Grazie davvero per questa domanda. Qualche mese fa ho letto in blog un commento relativo al mio primo libro e più o meno diceva ha un pregio: sa andare al cuore delle persone perché con il cuore scrive, mosso da un amore immenso. Descrive le emozioni in un modo talmente coinvolgente che alla fine ti domandi se davvero è un uomo a scrivere. Se riesci ad andare oltre a ciò che vedi, evitando di arrivare ad affrettate e strampalate conclusioni, allora riesci ad arrivare all’essenza delle persone. L’aspetto fisico inganna. L’importante è ciò che abbiamo dentro. Purtroppo viviamo in un mondo competitivo, dove vince il più forte, e spesso l’idea di forza è legata a un concetto di potenza e durezza. Ecco allora che un uomo non può piangere e manifestare appieno le proprie emozioni. Ma perché? La vera forza è quella di aprire il cuore…» Non potevo che emozionarmi davanti a lui, perché ha davvero questa strana capacità di arrivare al cuore della gente. Secondo me, che da anni scrivo su questo giornale, uno scrittore deve avere una particolare capacità di osservare le cose, i luoghi, le persone in un modo non banale, senza entrare dentro la notizia come viene riportata

F.B.F. Impianti s.r.l. CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IMPIANTI ELETTRICI

Impresa Edile

Concollato Luca Costruzioni e restauri

offe rte sp e c i al i o gn i mese

nei quotidiani, ma riuscire a scavare in profondità. E Luca ci riesce, non so come ma ci riesce. Vi ho già presentato il suo libro “Il mercante di perle” ma per chi volesse leggerne un’anteprima lo può fare al sito http://issuu.com/0111edizioni/ docs/ante.il_mercante_di_perle. Vi assicuro che non ve ne pentirete! Ho salutato il nostro amico scrittore, ma prima di congedarmi gli ho chiesto se avesse in cantiere un altro libro. Lui mi ha guardato, mi ha fatto l’occhiolino e poi ha detto: «Un libro? Il prossimo sarà un grande libro Graziano» e se ne è andato, prendendo per mano sua moglie che lo ha aspettato fino alla fine. Per chi volesse saperne di più, può visitare la libreria Mondadori di Santa Maria di Sala e ovviamente acquistare “Il mercante di perle”, così anche voi, come me, potrete dire di aver contribuito a realizzare il sogno di un ragazzo, e magari un giorno, quando entrerete in una libreria, sul tavolo dei best seller ci sarà anche il suo nome. Perché come dice sempre Luca, sognare non costa… Graziano Busatto

S. Maria di Sala (VE) Via Cavin di Sala, 34-36 Tel. 041.486005

Santa Maria di Sala (VE) Tel. 041486081 - Fax. 041 486928

Via Gaffarello n. 46/ASant’Angelo di Santa Maria di Sala (VE) Cel. 3476032314


Rubriche

13

L’INFLUENZA Il PINO SILVESTRE

a cura della dott.ssa Sonia Giacometti

a cura del dott. Luigi Cazzaro

Già da un po’ di giorni siamo alle prese con raffreddore, tosse, febbre e dolori diffusi, ma siamo soltanto all’inizio della stagione influenzale il cui picco è previsto per fine gennaio. L’influenza è un’infezione virale delle vie respiratorie che si trasmette attraverso goccioline di saliva che le persone diffondono nell’aria tossendo e starnutendo o anche semplicemente parlando. Una ulteriore via di contagio è il contatto con oggetti sui quali si sono depositati i virus che possono permanere per qualche ora. Proprio per questo motivo è molto importante lavarsi spesso le mani e/o usare degli antisettici, coprire con un fazzoletto il naso e la bocca quando si starnutisce o tossisce gettandolo subito nella spazzatura e aprire spesso le finestre per cambiare l’aria negli ambienti in cui si soggiorna. I sintomi dell’influenza comprendono febbre, tosse, raffreddore, mal di gola, sonnolenza, diminuzione dell’appetito, nausea, vomito e diarrea. I bambini, ovviamente, non sono in grado di riferire con precisione il proprio malessere per cui è necessario che prendiamo in considerazione segni particolari come l’irritabilità, il pianto, l’inappetenza e gli occhi arrossati oltre ai soliti sintomi influenzali che possono verificarsi nell’adulto. In alcuni casi possono verificarsi delle complicanze broncopolmonari soprattutto nelle persone già ammalate, negli anziani o nelle persone affette da patologie croniche. Quando l’influenza colpisce una persona complessivamente sana e non troppo anziana in genere non richiede terapie farmacologiche particolari e specifiche. Il modo migliore per guarire velocemente ed evitare complicanze è quello di rimanere a riposo qualche giorno, bere molti liquidi e seguire una alimentazione legge-

ra e nutriente ricca di vitamine e sali minerali. Alcuni farmaci possono tornare utili per controllare e alleviare la febbre e i sintomi più fastidiosi che di solito accompagnano l’influenza, come il raffreddore, la tosse, il mal di gola, il mal di testa e il malessere in generale. Contro la febbre si possono usare gli antipiretici, mentre per alleviare gli altri sintomi possono tornare utili sciroppi, spray e risciacqui disinfettanti. Ricordiamoci che gli antibiotici non sono indicati per la cura dell’influenza, ma vanno usati solamente in caso di complicanze. Per alleviare i sintomi delle malattie da raffreddamento e dell’influenza, in aggiunta ai farmaci, possiamo ricorrere anche a dei rimedi che vengono usati da decenni, ma che risultano essere sempre validi e adatti a tutti. Tra questi ricordiamo i suffumigi o vapori caldi con bicarbonato o preparati decongestionanti che possono avere un effetto benefico su naso, gola e bronchi. In caso la febbre sia molto alta teniamo in considerazione l’uso della borsa di ghiaccio sulla fronte per 5-10 minuti più volte al giorno e terminiamo con l’impacco balsamico sul torace che può dare sollievo se applicato prima di coricarsi.

telefono: 041 5780158 fax: 041 5780668 email: info@bortolato.eu web: www.bortolato.eu BORTOLATO s.a.s. di Bortolato Onorino & C. via Rugoletto, 37 - 30036 Veternigo di S. Maria di Sala (VE)

Il Pinus Silvestris cresce spontaneo solo nelle Alpi fino ai 2000 metri di altitudine e in aree isolate degli Appennini settentrionali, ma poichè molto spesso viene impiegato per riforestare terreni aridi e incolti, lo troviamo anche in collina e nei giardini di pianura. La parte più usata in medicina sono le gemme di pino, o turioni, che si presentano come masserelle lunghe 1,5-3 cm, giallobrune, cilindro-coniche, e che in numero di sei-sette circondano la punta dei rami. Si raccolgono in marzo ancora ben chiuse, evitando di tagliare i ramoscelli per non diminuire il contenuto di essenza e per non danneggiare o rovinare le piante. Vanno essiccate all’ombra e conservate all’asciutto. L’olio essenziale in esse contenuto è un potente antisettico delle vie respiratorie, urinarie, del fegato e della bile. E’ uno stimolante cortico-surrenale ed un ottimo espettorante-fluidificante delle secrezioni bronco-polmonari anche cronicizzate e nel caso di bronchiectasie. Quindi gli oli essenziali di pino hanno proprietà balsamiche, decongestionanti, antisettiche e pertanto sono particolarmente indicati nel raffreddore, nella congestione nasale, nel mal di gola, nella tosse, nella bronchite, nelle sinusiti e nell’influenza. Questa Pinacea può essere di grande aiuto anche nelle infe-

zioni della vescica, dei reni, delle basse vie urinarie (cistiti e uretriti), della prostata, del colon e della vescicola biliare. Ha azione stimolante e fortificante, perciò è molto indicata durante il superlavoro fisico o psichico e ai soggetti deboli e linfatici. L’azione tonica e le proprietà balsamiche si manifestano anche attraverso i massaggi con l’olio essenziale utili nel caso di stanchezza e depressione. Il massaggio energizzante deve essere fatto all’altezza dei reni, per stimolare le surrenali, le ghiandole che gestiscono lo stress. L’olio per massaggi si prepara mettendo 50 gocce di olio essenziale in 250 ml di olio di mandorle dolci. Nella pratica popolare vengono usate le gemme sottoforma di tintura alcolica oppure preparando l’infuso. Si può raccogliere un cesto di ramoscelli di pino, ma anche di abete e tenerlo in casa, rivoltando le foglie ogni tanto: per circa 15 giorni gli aghi, essiccandosi, lasceranno evaporare le loro preziose essenze. Nelle malattie da raffreddamento si consiglia di mettere in un recipiente di acqua bollente 15 gocce di olio essenziale e procedere con i vapori. Anche la resina che cola dal tronco del pino e dell’abete può essere masticata e succhiata due-tre volte la settimana per rinforzare i polmoni e i vasi sanguigni, mentre applicata localmente ha effetto revulsivo ed antireumatico.

DAL 1982 AUTOMOBILI PER PASSIONE - Vendita Nuovo, Km 0 e multi marche - Vendita semestrale e usato garantito - Installazione impianti a GPL - Noleggio Auto Via Cavin di Sala 72/A Mirano (Ve) - Tel. 041 5701190

- Revisione - Elettrauto - Assistenza officina - Gommista www.autorombo.com


Rubriche

14

Le quattro C del diamante: color, clarity, cut e cuore Era un sabato mattina, di quelli con il cielo grigio e la pioggia lenta che con una mano saluta la bella stagione e con l’altra apre la porta all’inverno. E come ogni sabato mattina di buon’ora io e mia moglie eravamo andati a comprare la frutta e la verdura in centro a Santa Maria di Sala. Avevamo già preso zucchine, spinaci e cavoli, ma quando fu il momento di scegliere la frutta Alessandra si rivolse a quel signore con la traversa blu e gli occhi vispi che per noi è il “Signor Gildo” e chiese: «Mi dai le clementine più dolci che hai?» «Queste qui. Queste sono dolcissime» rispose con un sorriso il proprietario dell’ortofrutta, indicando la cassa appena fuori dalla porta. Così dopo avere raccolto qualche mandarino ci mettemmo in coda per pagare il conto. «Le trovavo sempre nella calza della Befana quand’ero bambina» disse mia moglie con un velo di malinconia. «Non mi piacevano proprio» aggiunse, osservando le carrube nella cesta di fronte alla cassa. Allora ne presi una in mano, la guardai con un sorriso e le dissi: «Le carrube? Ma sai che sono state importantissime per i mercanti di pietre dell’antichità?» Lei mi guardò strabuzzando gli occhi, con l’aria di chi non riusciva a seguirmi. Così le afferrai una mano, la destra, quella con al dito l’anello di fidanzamento e le dissi: «I semi del carrubo hanno sempre lo stesso peso: circa 1/5 di grammo per ognuno. Per questo motivo, quando i mercanti doveva-

Malachite no contrattare il prezzo delle pietre, avevano deciso di usare questo seme per pesare le gemme. E sai come si chiama il peso di una pietra? Carato! Proprio dal seme del carrubo!» Alessandra si mise a ridere e disse: «E quante carrube pesa il mio diamante?» Proprio in quel momento il Signor Gildo terminò di battere lo scontrino e disse: «Sette euro e venti centesimi.» Pagammo il conto e a piedi ci avviammo verso il mercato rionale a comprare for-

maggi e gnocchi. In quel breve tragitto, abbracciati sotto a un ombrello troppo piccolo per tutti e due, visto che ormai eravamo quasi tre, io le dissi che anche se oggi l’Università di Zurigo ha constatato che la massa dei semi del carrubo varia come tutti gli altri semi, l’unità di misura delle pietre continua a chiamarsi carato, e che i diamanti sono e saranno sempre le gemme più amate dalle donne. Inoltre le spiegai che per definire il valore dei diamanti si usano le “quattro C”. Color,

anniversari

Il 28 Novembre 2013, Elina Bortolato e Vittorio Perin hanno festeggiato il 60° Anniversario di Matrimonio, assieme ai figli Giorgio e Paola, Lucia con Angelo, Giuseppe con Annamaria, Paola con Massimo, i nove nipoti Marina, Stefano, Federica, Giulia, Veronica, Valentina, Francesco, Vittoria, Valeriano, parenti e amici.

libera associazione per i rapporti italo - croati

Via Giovanni XXIII, 11 - 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel 3398192638

www.associazionelesina.org - mail: info@associazione lesina.org

a cura di Luca Novello

il colore, che generalmente è bianco, ma si può trovare anche nelle varietà gialle, rosa, rosse, azzurre e persino verdi. Clarity, la purezza, cioè la presenza o meno di quelle che in gemmologia si chiamano inclusioni o carboni, che diminuiscono il valore della pietra. Cut, il taglio. Oggi è quasi sempre rotondo (“a brillante”, appunto) con 57 faccette, ma in passato sono esistiti tipi di taglio diversi e forme differenti. Carat, e quindi il peso. Un carato pesa 0,2 gr, e a sua volta si divide in punti: 100 punti fanno un carato. Ovvio che più la pietra è grande, più costa. E che grande, per noi del mestiere, significa peso! Ma soprattutto le dissi anche, pensando alla sua domanda “quanto pesa il mio diamante?”, è che esisteva un’altra C, che poteva essere Color tradotta in tutte le lingue del mondo e che suonava quasi sempre allo stesso modo... Sì, perché non è importante se abbiamo regalato alla nostra amata una pietra da due carati, da ottanta punti o soltanto da cinque, ma quel conta è se lo abbiamo fatto con la C che vale più di tutte: con il Cuore. Nel sentirmi dire queste parole gli occhi di mia moglie si illuminarono di una luce che puoi vedere soltanto nell’amore, mi baciò e mi disse: «Allora il mio diamante è il più grande del mondo.» Poi, senza togliere la mano dal mio petto, arrivammo al banco del formaggio, e anche se il cielo era ancora grigio e la pioggia non aveva smesso di cadere, su di noi si era posato un raggio di sole.

Il giorno 13 ottobre 2013 i coniugi Munaretto Romeo e Giubilato Teresa hanno festeggiato le nozze d’oro assieme ai loro 7 figli, generi, nuore, i 10 nipoti, amici e parenti. Un augurio speciale da tutti loro e un ringraziamento per l’amore che continuano a dare.


years

15

Il 5 Dicembre Alessio Artusi ha spento la sua prima candelina. Tanti auguri al nostro cucciolo dalla mamma Lisa, dal papà Andrea, dai nonni, dagli zii e dai cuginetti.

Il 2 Gennaio Eva ha compiuto 1 anno attorniata dal papà Massimo, dalla mamma Ivana, dai nonni Elena e Davide, Ines e Giorgio e dagli zii Flavio e Andrea.

L’11 gennaio Beatrice Martignon ha spento la sua 1ª candelina. Tanti auguri dal fratello Filippo, mamma e papà!!!

Il 21 febbraio Tommaso Bolzonella compirà 9 anni e il 9 febbraio la sorella Angela ne compirà 5. Auguri da papà Ennio, dalla mamma Silvia, dai nonni, dagli zii e dalla cugina Anna.

Tanti auguri a Romeo Barizza per il suo 90° compleanno dai figli Luigi e Norma, con Nadia e Nahum, insieme ai nipoti Gianmarco, Luca e Aurora.

La mamma Giorgia e il papà Emanuele, con i nonni e gli zii, augurano Buon Compleanno a Giovanni Righetto (dx) festeggiato il 14 dicembre e al fratellino Filippo (sx) per i 4 anni festteggiati il 28 gennaio.

Il 31 Dicembre Gabriel ha compiuto 1 anno attorniato dalla sorellina Valentina (nella foto), dal papà Majo, dalla mamma Grazia Serena, dai nonni Patrizia e Giovanni, Valentina e Ndini, dai cugini, dagli zii e dai parenti.

I gemelli Alvise e Gabriele Passavanti il 20 Dicembre hanno compiuto due anni. Sono stati festeggiati dai genitori Eloisa e Francesco, dagli zii e dai nonni.

Il 10 Dicembre Ginevra Montin ha spento 6 candeline! Tantissimi auguri dalla sorellina Lucrezia (nella foto con la festeggiata), mamma e papà, nonni, zii e i cugini. Auguri.

Buon compleanno a Giancarlo Lomi che il 21 febbraio festeggierà 82 anni, dalle figlie Federica e Luigina e il genero Federico. Auguri.

Tanti auguri a Matteo Masiero che il 9 gennaio ha spento 3 candeline! Un bacio grande dalla mamma Leda, dal papà Fabrizio, dai nonni, dagli zii e dai cuginetti.

Alessandra, moglie del nostro collaboratore Luca Novello, il 17 dicembre ha partorito una bella bambina di nome Giulia del peso di 3 kg e lunga 48 cm. Congratulazioni dalla redazione.

Appena appena brizzolato, Giuseppe Bovo, il 4 gennaio ha spento 90 candeline! A festeggiarlo i pronipoti, nipoti, moglie e figli! Auguri Nonno Bepin!

lauree

Irene Barbato il 18 Dicembre ha conseguito la Laurea Magistrale in “Scienze criminologiche per l’investigazione e la sicurezza” presso l’Università di Forlì, discutendo la tesi di Laurea in “Tecniche investigative applicate” con il Prof. Ugo Terracciano. Si complimentano con la neo Dottoressa per il traguardo conseguito i genitori Luigi e Isabella, Davide e Gianmarco, i tantissimi amici e tutti i parenti.

Il 16 dicembre 2013 Marco Regazzo (nella foto con mister News) si è specializzato in “Osteopatia animale” a Roma presso lo Still Osteopathic Institute discutendo la tesi: ”Laminite equina: integrazione tra podologia equina naturale e osteopatia animale” con il prof. Giusva Gregori. Congratulazioni da mamma Orietta, papà Giorgio, dai suoceri Fabrizia e Ampelio e dalla futura sposa Annalisa.

Il 24 gennaio ha spento la sua prima candelina Maria Vittoria Ruzza. Tanti auguri da papà Simone e mamma Claudia, dai nonni, dagli zii e cugini”. A tutti i festeggiati gli auguri della redazione di Gente Salese!


16

Il RICORDO DI PERSONE CHE CI HANNO LASCIATO

Angelo Zamengo Margherita Tommasini una vita per il ciclismo premurosa con tutti Si è spento alle luci del nuovo anno il consigliere più anziano del ciclismo Lagunare, Angelo Zamengo, decano dei direttori di corsa del Veneto e organizzatore di grandi eventi nel comprensorio Salese legati alle due ruote. Zamengo che nel nuovo anno avrebbe festeggiato il 90° compleanno, ha dedicato gran parte della sua vita al ciclismo. Per anni ha ricoperto la carica di consigliere del comitato Provinciale di Venezia e fattiva la sua partecipazione come componente del G.S. S.Marco Stigliano. In questi ultimi anni era stato confermato come Presidente Onorario del sodalizio di Stigliano, presieduto da Franco Malvestio. Luciano Martellozzo

La ricordiamo come la nostra seconda zia... che ti offre lo spuntino prima di pranzo perché, come diceva lei, “gavè lavorà tosi”. Era una compagna assidua, battagliera e juventina che durante le partite voleva che facessimo tifo con lei. Una consulente preziosa ed attenta negli acquisti; un capofamiglia che ti apre le porte alle sei di mattina; una lavoratrice instancabile che copriva ogni ruolo a secondo delle necessità. Margherita era una donna silenziosa e discreta, ma sempre attenta ai bisogni della propria famiglia, ma era come una madre per tutti noi. Noi la vogliamo ricordare per essere stata una preziosa compagna di viaggio, esempio di coraggio, semplicità, umiltà e forza e le siamo grati per averla conosciuta e aver condiviso con lei la nostra vita Grazie Margherita! I tuoi dipendenti.

Carlo Paolo Pagotto indimenticabile presidente e appassionato corista della corale “S. Giacomo” La Corale “San Giacomo Apostolo“ di Caselle de Ruffi di Santa Maria di Sala (Ve), e la comunità ricordano con riconoscenza e gratitudine il loro indimenticabile Presidente, nonché appassionato corista Carlo Paolo Pagotto, morto improvvisamente il 26 dicembre 2013. Trent’anni d’impegno, fatto di generosità, entusiasmo e gratuità; partecipando con il canto alla vita della

comunità nei suoi momenti gioiosi di festa e in quelli difficili e tristi che incontra ogni collettività. Siamo uniti ai famigliari nel cordoglio con la consapevolezza dell’amore di chi, pur avendo lasciato questa terra, continua a vegliare su di noi. Grazie Paolo. Corale San Giacomo Apostolo Caselle de’ Ruffi

Via dei Marsari 23 30036 S. Angelo di S. M. di Sala (Ve) Tel. 041 486088 - Cel. 338 9891652

Crazy Sun di Barbara e Fabiana

Via Don Gallerani, 2 - Caltana (VE) - Tel. 041.5732508

Bernardi

la TUA sicurezza è la nostra rotta!!! Via Caltana 67 Caltana di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/5730635 assipiu@gmail.com

Onoranze Funebri Via Desman, 139 S. Angelo di S. M. di Sala - tel. 041.487341

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: Associazione Culturale Gente Salese Via dei Tigli 10 - 30036 S. Maria di Sala Ve Tel. 041 486369 E-mail. redazione@gentesalese.com www.gentesalese.com DIRETTORE RESPONSABILE Graziano Busatto PRESIDENTE Giovanni Vanzetto ART DIRECTOR Manuel Rigo TIPOGRAFIA Grafiche Quattro Santa Maria di Sala (VE) Registraz. Tribunale di Venezia n° 770 - 17 gen 1984

SIAMO PRESENTI NEI MERCATI DI: lunedì: Mirano (Ve) - Mogliano (Tv) martedì: Pianiga (Ve) - Marghera (Ve) mercoledì: Maerne (Ve) - Villorba (Tv) giovedì: Noale (Ve) - Istrana (Tv) venerdì: Martellago (Ve) - Silea (Tv) sabato: Fiesso d’Artico (Ve) - Vedelago (Tv) domenica: Camisano Vicentino (Vi) CON ASSORTIMENTO DI:

GASTRONOMIA - ROSTICCERIA FRIGGITORIA DAL 1964 STIGLIANO DI S. MARIA DI SALA (VE) Via Fracasso 22 Cell. 335 6327747 / Fax 041 2430815 E-mail: anticafattoria@vodafone.it

Gs gennaio 2014  
Advertisement