Page 1

GENTE SALESE - MENSILE DI ATTUALITÀ, CULTURA E INFORMAZIONE

N° 11 - ANNO XXXI - DICEMBRE 2014

n. 11 DICEMBRE 2014

GENTE SALESE

Buone Feste

La ricchezza della povertà 3

Gettito IMU + 206 mila euro

8

Mirco Marzaro e “Caltana 1914”

13

L’importanza di uno stile di vita sano


intro. 2

Caro direttore, in questi giorni abbiamo versato (chi ancora ce l’ha) la tredicesima allo Stato/Comune. A metà dicembre, tutti in coda a pagare Tari, Tasi, Imu con la frustrante sensazione di stare gettando i soldi in un calderone senza fondo che tutto divora e nulla o ben poco restituisce. A parte la Tari (rifiuti) le altre sono tasse che ci sono state imposte per sostenere le spese del Comune e dello Stato. Ormai siamo rassegnati ad un sistema che non sa più dove prelevare risorse. L’imposizione sui redditi (IRPEF) e sui consumi (IVA ed accise varie) ha raggiunto livelli insostenibili. L’apparato pubblico (Stato, Regioni e Comuni) non è capace di contenersi nella spesa (spesso superflua) e fatalmente il debito pubblico aumenta trascinandoci sempre più a fondo. Lo Stato ha tagliato le risorse ai Comuni ma ha dato ai sindaci un “bancomat” pericoloso: la facoltà di mettere le mani in tasca ai cittadini e tutti ne vediamo le conseguenze. Non ulteriormente aggredibili i consumi (IVA) ed il reddito (IRPEF) ecco che si stanno buttando

all’attacco dei capitali, dei patrimoni, del mattone (IMU-TASI). E non con tasse patrimoniali straordinarie (che si potrebbero anche giustificare se equamente tarate e utilmente spese) ma con tasse patrimoniali ordinarie che servono a sostenere l’allegro carrozzone e tutti i suoi lustrini e balocchi. E non sono solo l’IMU e la TASI (queste sono solo le più pesanti) ma piano piano in sordina, finanziaria dopo finanziaria, stanno aumentando tutte le numerose imposte patrimoniali che già paghiamo: imposta di registro, imposte di bollo, quella ipotecaria, quella sui diritti catastali, il bollo auto, quella sulle transazioni finanziarie, sulle successioni, donazioni, sui beni di lusso e infine il canone Rai. Nel 2014 l’attacco ai patrimoni frutterà al sistema fra i 47 ed i 48 miliardi di euro. E non è finita perché altra stangata arriverà dalla revisione delle rendite catastali (se non si ridurranno le aliquote potremmo pagare anche due/tre volte l’IMU attuale) e dalla “local tax” che il governo ha promesso ai sindaci dal 2015 (forse rinviata al 2016) in sostituzione dell’IMU-TASI. Secondo l’Anci questa tassa do-

Lettere al direttore

vrebbe fruttare ai comuni 31/32 miliardi contro i 28 dell’IMU e Tasi. Una ulteriore mazzata di cui non è responsabile né l’Europa né la Germania ma noi e la nostra classe politica (tutta anche locale) che non sa più frenare la folle corsa alla spesa e alle tasse dilapidatrici. L’aumento esponenziale della tassazione sul mattone (9,2 miliardi dall’Ici del 2011, 28 miliardi da IMU/TASI 2014) ha fatto crollare le vendite immobiliari del 50% e con esse il valore degli immobili (mediamente attorno al 20%) causando anche un psicologico “effetto miseria” nelle famiglie che si sentono meno sicure e tendono, quindi, a contrarre i consumi. Senza contare il crollo dell’edilizia (settore trainante della nostra economia) che ha perso in pochi anni oltre 50 mila imprese e 340 mila posti di lavoro. Purtroppo l’evidenza non basta perché si continua a parlare di tasse, di patrimoniali di entrate ma mai di contenere le spese come dovono fare tutte le famiglie assennate. Io chiedo anche ai nostri “amministratori” locali: “ma siete sicuri

che per guadagnare voti dovete spendere e spandere in progetti inutili o rinviabili a tempi migliori o più onestamente dire ai cittadini di accettare qualche anno di moderazione nella spesa pubblica non strettamente necessaria (carnevale, feste, tablet, sala internet, spritz in villa, inutili parcheggi e lavori di giardinaggio, illuminazione sprecata in certi posti e buio totale in altri, ecc.. ) in cambio di un contenimento (io direi riduzione come il non necessario aumento della addizionale IRPEF) della imposizione fiscale comunale” Cominciamo a fare qualche cosa noi nel nostro piccolo. Il resto poi verrà. Giovanni Vanzetto

TORO Agenti Generali: dott. Vito Stocco e rag. Roberta Degan

di Zanchin O. & Bertocco M. Via Caltana, 10/A - 30030 Caltana (VE) Tel. e Fax 041/5731603

Agenzia Generale via A. Gramsci 61, 30035 Mirano (VE) tel: 041/433333 agenzia451@toro.generali.com Subagenzia via Matteotti 15, 30031 Dolo (VE) tel: 041/413666 toro.dolo@libero.it

ferro tondo per cementi armati profilati - tubi - lamiere - travi profilati speciali per serramenti accessori - raccorderia Tende:

AD ARCO, A CAPPOTTINA, FISSA, A BRACCI ESTENSIBILI PER ARREDAMENTO, GAZEBI PER GIARDINO, BOX AUTO, ZANZARIERE

Via Noalese, 167 Santa maria di sala (VE) Tel. 041.5730222 Fax 041.5730966


Lettere al direttore

Dal Consiglio Comunale

3

Autodeterminazione dei Assestamento di bilancio: popoli è un diritto L’IMU salita di 206 mila € Un nostro lettore ci scrive una argomentata lettera a sostegno dell’autodeterminazione del Veneto. Purtroppo non possiamo pubblicare integralmente la lettera perché non firmata, ma ne riassumiamo sommariamente il contenuto. Il lettore inizia col riportare uno stralcio del discorso tenuto il primo ottobre ‘95 da Papa Wojtyla a New York: “possono esserci circostanze storiche in cui aggregazioni diverse dalle singole sovranità statuali possono risultare persino consigliabili; ma a patto che ciò avvenga in un clima di vera libertà garantita dall’esercizio dell’autodeterminazione dei popoli”. Rileva, poi, che il diritto di autodeterminazione è enunciato dagli art. 1 e 55 della Carta delle Nazioni Unite ed è sostenuto dall’art. 1 del Patto per i Diritti Civili dei Popoli, ratificato dall’Italia con legge 881/77 e che sia il Popolo Sardo che quello Veneto sono riconosciuti come tali dall’ordinamento internazionale.

Dopo queste premesse il nostro lettore ci chiede di pubblicare l’IBAN del conto corrente regionale di appoggio al referendum per l’indipendenza del Veneto previsto dalla Legge regionale 16/2014 su cui chi lo volesse può versare anche una modica somma per il finanziamento dell’importante referendum.

Nel Consiglio Comunale del 28 novembre l’assessore al bilancio ha presentato l’assestamento generale con le ultime variazioni di bilancio dell’anno. Le maggiori entrate accertate riguardano 86.000 € di IMU fra nuove entrate e recuperi di evasione, e 50.000 € di maggiori trasferimenti statali. Mentre le maggiori spese si riferiscono ad incarichi professionali per progettazioni per circa 40.000 €, 23.000 € sono stati anticipati all’Unione dei Comuni (per fortuna non doveva costare) e 28.000 € sono restituzioni di oneri di urbanizzazione. L’assessore ha messo in luce la riduzione dei trasferimenti da parte dello Stato e citando le tabelle ministeriali sulla “capacità fiscale pro capite” (non ha spiegato cosa significa!!) ha evidenziato che Santa Maria di Sala è all’ultimo posto nella applicazione della tariffa TASI e al penultimo posto in quella IMU.

Un lettore esprime un sincero grazie al personale del Servizio di Assistenza Sociale del Comune Passi davanti a quella porta chiusa e sembra che dietro non ci sia nessuno. Pure, quando bussa il volontario, si apre un piccolo mondo che ha dello straordinario. Sempre calme e calibrate, nascondono l’ansia di qualcuno che tutti vorrebbe aiutare, ma che proprio non ce la può fare. La stanza a destra, dove c’è il cuore pulsante, quasi sembra chiusa; sta a protezione di quella persona che al telefono, a volte, sembra non aver ragione. Pure continua con viva costanza grande. A volte ce l’ha

fatta….ma….cavolo! sembra anche sfigurata. Le altre stanze sono gli organi vitali, pronti a reagire agli sforzi, a parare… Senza di loro il cuore non ce la può fare. Pronte sempre nel rispondere ai mille problemi, mille quesiti. Taluni sembrano infiniti. Ci mancava pure quel volontario…. Quando bussa, per lui la normalità è uno straordinario. Pure ti accolgono sorridenti. Se ne percepisci l’affanno, ti allontani. Meglio starci attenti. Tutta la popolazione deve loro riconoscenza.

È bello anche da chi ci rappresenta nell’amministrare ciò che ordinario, porgere loro un augurio straordinario.. ”Grazie ragazze”. Un pensiero, una pacca sulla spalla: su di noi potete sempre contare. Loro sorridono e di fretta salgono sull’auto bianca come pure sul furgone, come non fosse nulla. Sembra stiano benone. Vanno ad ascoltare il loro prossimo cittadino, bisognoso…. quello di turno che dice: “assistente…assistente”. M.B.

Noi non abbiamo i dati ministeriali dell’assessore ma dalla relazione al bilancio consuntivo comunale 2013 leggiamo che la pressione tributaria (quanto ha pagato mediamente ogni cittadino salese per TARI, TASI, IMU ed ADDIZIONALE IRPEF) è passata da 376 € del 2010 a 461 € del 2013 con un incremento del 22,60% contro una flessione generalizzata dei redditi famigliari e di impresa e senza che sia minimamente diminuita l’imposizione fiscale dello Stato/ Regione/Provincia. Il Consigliere Vanzetto ha, invece, evidenziato come l’IMU definitivamente accertata sia salita a 1.547.000 € con un aumento di 206.000 € rispetto alla previsione iniziale di 1.341.00 € (su cui si era inizialmente tarata la spesa dell’Ente) “questo ci fa dire ancora una volta che l’aumento della tassazione comunale è ingiustificato quanto meno nel modo e nella misura applicate -ha commentato Vanzetto - anche perché a fronte di consistenti maggiori entrate (rispetto al bilancio preventivo) sia fiscali che da trasferimenti statali non si vede alcun beneficio per i cittadini che continuano a sopportare un crescente peso fiscale e vedono una continua dispersione di risorse in spese francamente inutili o rinviabili. Noi (Lista Salese) chiediamo ancora una volta - ha concluso Vanzetto - che almeno i recuperi dell’evasione dell’IMU e di altre imposte e tasse comunali siano destinati a ridurre l’imposizione generale voluta dal comune sul reddito e sul patrimonio dei salesi. Allora si darebbe anche senso e forza al messaggio: “pagare tutti per pagare di meno” altrimenti si dovrebbe aggiornare lo slogan in: “pagate tutti che spendiamo di più”. R.G.S.

www.cvviaggi.it

COSTRUZIONI EDILI CIVILI, INDUSTRIALI E RESTAURI

PAGOTTO

di Pagotto Sandro & Co. snc

Via Zinalbo 59 - 30036 Santa Maria di Sala - Venezia Tel./fax 041 5730308 - e-mail: edilpagotto@virgilio.it

Via Bastia Fuori, 26,1 - 30035 MIRANO (VE) Tel. 041.5703812 - Fax 041.5703805


4

Con Gente Salese a vedere i presepi sull’acqua e in barca

Domenica 7 Dicembre si è svolta la 3° gita dell’anno 2014, organizzata dall’Associazione culturale “Gente Salese”. Come sempre la partecipazione dei salesi è stata numerosa ed é stata premiata dal connubio di arte, cultura, devozione religiosa, gastronomia, shopping natalizio. La meta era rivolta verso la Romagna, in particolare Ravenna con la visita alla Basilica di S. Apollinare in Classe, famosa per i suoi mosaici tutti in natura bizantina, dove è stato possibile assistere alla celebrazione della S. Messa. A seguire tutti i partecipanti hanno potuto gustare l’esuberante pranzo presso il ristorante Cà Nori, a Cervia. Nel pomeriggio molto apprezzata è stata la visita del caratteristico presepe sulle barche di Cesenatico, oltre che al Museo galleggiante della Marineria dell’alto e medio Adriatico. Unico del genere in Italia, è noto per i suoi bragozzi che montano le colorate vele al ”terzo” che, in occasione delle feste natalizie, ospitano le statue a grandezza umana a rappresentare

un vero presepe. A concludere era previsto un giro fra le bancarelle natalizie dove è stato possibile acquistare i prodotti dell’artigianato

locale. Considerato l’ottimo esito dell’avvincente gita, l’associazione vi aspetta numerosi alle prossime escursioni che saranno organizzate

nel 2015 e che saranno segnalate sul mensile “Gente Salese”. Bertilla Ceccato

Bassa affluenza per le elezioni del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive Domenica 14 Dicembre si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio di amministrazione del Consorzio di Bonifica Acque Risorgive che sarà composto da 20 Consiglieri, eletti in rappresentanza delle tre fascie con cui sono suddivisi gli elettori (piccoli proprietari, medi proprietari e grandi proprietari). Il Consorzio Acque Risorgive è nato 5 anni fa dalla fusione tra il Consorzio Sinistra medio Brenta con il Consorzio Dese-Sile. Il Consorzio Acque Risorgive sovraintende un territorio vastissimo con una superficie di 101.593 ettari che comprende 52 comuni

RISULTATI VOTAZIONE CONSORZIO DI BONIFICA Lista

1 - Coldiretti Venezia e Treviso 2 - Coldiretti Padova 3 - Bonifica territorio e ambiente 4 - Lista dei cittadini con una popolazione residente di 688.538 abitanti. A S. Maria di Sala l’affluenza al voto è stata scarsissima, come del resto in tutti gli altri 52 comuni.

La tabella dimostra i voti ottenuti dalle rispettive liste. Come si evince dai risultati a S. Maria di Sala ha prevalso nettamente la Lista n.4 (dei cittadini e

• COSTRUZIONE, VENDITA, LOCAZIONE BENI MOBILI ED IMMOBILI • TRASPORTO IN CONTO TERZI • TRASPORTO E SMALTIMENTO RIFIUTI IN IMPIANTI AUTORIZZATI • SCAVI E DEMOLIZIONI EDILI • PULIZIA ED ESPURGO POZZI NERI, DISINTASAMENTO TUBAZ. AD ALTA PRESS. • BONIFICHE AMBIENTALI E RIMOZIONE COPERTURE IN CEMENTO AMIANTO

FASCIA 1

FASCIA 2

FASCIA 3

TOT

69

13

13

95

6

16

0

22

59

25

5

35

114

30

9

153

coltivatori) coordinata da Gabriele Zampieri che ringrazia tutti coloro che hanno posto la loro fiducia alla lista n. 4.

GRUPPO BOLZONELLA Via Ariosto 2 30036 Santa Maria di Sala (Ve) tel. 041 5780386 fax. 041 5780989 -

• COSTRUZIONE IMPIANTI DI SCARICO FOGNATURE E MANUTENZIONE

Email. bolzonella.group@tiscalinet.it

• NOLO CASSONI SCARRABILI E BOX SERVIZI IGIENICI PER MANIFESTAZIONI

www.bolzonellagroup.com


5

A Caselle i presepi richiamano molti visitatori I più belli? Quelli fatti riciclando il materiale La Mostra dei Presepi di Caselle, giunta quest’anno alla sua seconda edizione, si è distinta per la bella ed ordinata disposizione e per il notevole numero di presepi esposti (ben 243 provenienti dal Friuli, dall’Emilia Romagna, dalla Croazia con quello di Hvar, e per la qualità delle opere esposte. Notevole l’impegno ed il lavoro degli organizzatori, in primis Renato Brazzolotto e Roberto Gardin che sono stati ripagati dal grande successo di visitatori, comprese le scolaresche del nostro comune accompagnate dalle insegnanti e dalla dirigente scolastica Dr.ssa Bertilla Mason. Bellissimi i presepi realizzati in più stili e forme, ma soprattutto bellissimo è stato il coinvolgimento delle scuole dell’infanzia e primarie del comune che hanno risposto con entusiasmo e fantasia. È questo l’aspetto, secondo me, più importante e che mi piace sottolineare: il coinvolgimento dei bambini/ragazzi che li ha stimolati a realizzare qualche cosa di bello ed originale e nel contempo li ha avvicinati ad una nostra secolare tradi-

Nella foto a sx: La dr.ssa Bertilla Mason con Renato Brazzolotto e sopra il presepio di Refrontolo

zione di fede e di cultura popolare che non deve andare assolutamente dispersa. A chi chiedeva quale fosse il presepio più bello, Renato Brazzolotto rispondeva che erano tutti belli, ma secondo lui (ed io condivido) il più bello era quello realizzato dai

FESTA DEA STRADEA

A fine estate 2014 si è svolta l’ormai consueta “Festa dea Stradea” giunta alla 3° edizione. La festa di via Campocroce a Caltana racchiude nella sua semplicità i valori dello stare assieme con gioia, entusiasmo ed amicizia.

Anche quest’anno, con il contributo di tutti, si sono ritrovati attorno ad una tavola imbandita di piatti tradizionali. Ora si pensa alla prossima e, con l’occasione, il gruppo accoglierà e festeggerà i nuovi nati.

ragazzi con disabilità dell’Atelier di Pittura del Centro diurno Sorella Luna del Villaggio S.Antonio di Noventa Padovana che abbiamo messo in copertina. Composizione realizzata dai ragazzi con la direzione di Elisabetta Valentini utilizzando materiale di riciclo. A lato della mostra bisogna, anche, segnalare l’originale presepe costruito in chiesa da Renato Brazzolotto

che quest’anno ha voluto riprodurre, come sempre curando tutti i dettagli, il Mulinetto della croda di Refrontolo, recente teatro di una luttuosa catastrofe naturale. La mostra, inaugurata l’8 dicembre con la benedizione di Padre Antonio, Generale dei Frati Minori Conventuali della Basilica del Santo, rimarrà aperta fino a domenica 11 gennaio. Giovanni Vanzetto

Corsi culturali e di lingue Ci sono tantissime ragioni per imparare una nuova lingua: viaggiare, scoprire nuove culture, la carriera, l’amore. È proprio il piacere di imparare le lingue straniere che ha portato tre giovani insegnanti di lingua a creare l’associazione “Libellula” un anno fa. Le attività dell’associazione sono molteplici: dalle lezioni private ai corsi di lingua per adulti, dai centri estivi all’aiuto compiti, dai corsi di italiano per stranieri ai corsi di lingua aziendali. L’ambiente che si respira in casa “Libellula” è internazionale in quanto si possono imparare inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, portoghese,

serbo-croato, ungherese, ma anche le lingue dell’estremo oriente come cinese, giapponese ed arabo. L’Associazione “Libellula” è entrata a far parte dell’“Università popolare” di Santa Maria di Sala con due progetti: i laboratori di lingua e il Super Sabato. Novità del 2015 sono i corsi culturali: con serate apposite si viaggerà attraverso lo spagnolo del tango, il cinema giapponese e cinese, la storia dei manga, un percorso storico delle repubbliche baltiche, solo per citare alcuni titoli degli incontri interculturali che si proporranno. Siate curiosi e venite a scoprirci nel nostro sito www. libellulalingue.com.


6

Roberto Scarpa del CST e la voglia di crescere offrendo sicurezza, servizio e costi

Abbiamo appuntamento alle 15.00 con Roberto Scarpa, rampante imprenditore di Santa Maria di Sala, presidente della CST srl, nella nuova struttura di oltre 150 mila metri quadrati di magazzini e siti di stoccaggio in proprietà, nel comune di Scorzè, lungo il Drizzagno, in via Giuliano De Polo, nella strada che porta a Treviso. Arriviamo puntuali e ci siamo fatti annunciare. Nell’attesa, in sala d’aspetto, abbiamo assistito a un continuo andirivieni di sindacalisti, dirigenti e maestranze per una vertenza che interessa una cooperativa che opera nel confezionamento di ceste e altri imballaggi contenenti prodotti alimentari multimarca per le festività natalizie e pasquali. Problemi di normale routine che però Roberto Scarpa deve seguire con grande attenzione perché ne va anche dell’immagine della sua azienda. Quando Roberto si accorge della nostra presenza ci viene incontro scusandosi di averci fatto aspettare. È stata un’attesa che ci ha permesso di assaggiare la vitalità che sta dietro a un’azienda dove

tutto sembra bello, semplice e luciccante, ma che rappresenta un movimento che bene si addice ai 300 automezzi di ultima generazione marchiati CST che vanno e vengono per l’Italia e all’estero per trasportare prodotti alimentari a favore della grande distribuzione organizzata. Tra i principali clienti della CST c’è la Unilever, la Barilla, la Ferrero, l’Algida e oltre decine di players del settore alimentare. Come è nata questa realtà e come si è sviluppata negli anni? “Dopo un’esperienza di alcuni anni sulle navi mercantili in qualità di Ufficiale di coperta, nel 1984, per motivi di famiglia (padre ammalato), decido di tornare ad una vita sulla “terra ferma”. Assieme a un ex-compagno di scuola, sogniamo un’azienda di trasporti e realizziamo la “Louvenor Trasporti” acquistando due furgoni e iniziamo a lavorare per la Merzario, una compagnia di navigazione. L’attività della “Louvenor trasporti” opera fino al 1990 quando il mio socio mi comunica che non vuole più fare questo la-

Altro reparto del magazzino

4.000 mq di articoli regalo, cartoleria, casalinghi, giocattoli, articoli da campeggio.

BRICO FAI DA TE tutti gli articoli per il tempo libero e il fai da te Presso il Centro Commerciale PRISMA a Caselle di Santa Maria di Sala - Loc. Madonna Mora Tel. (041) 5730377-5730323 - brico center (041) 5731405

Roberto Scarpa.

voro, avevo 28 anni, quindi avvio il Consorzio Scarpa Trasporti che attualmente non è più consortile, ma è una società e lavora per molte ditte di S. Maria di Sala tra le quali la Speed line, Piovan ecc. Nel 1990 ci insediamo a Caltana, in via Caltana,16 acquistando un’area da Tanduo e li, oltre agli uffici e officina, c’erano il magaz-

Interno del magazzino

zino e il piazzale per i mezzi. Nel 1995 acquisiamo un magazzino a Scorzè, in via Moglianese, 23 e trasferiamo la logistica e gli uffici. Lasciamo a Caltana un piazzale e il capannone lo utilizziamo per un servizio di piccola manutenzione per gli automezzi. Dal 1995 al 2003 rimaniamo a Scorzè aprendo anche altre filiali a Firenze, Cesena,


7

Milano. Nel 2003 acquisiamo un deposito che era della Coop a Noale. Quindi manteniamo Caltana come officina, Scorzè come deposito logistico e Noale come logistica per il gruppo Coop. Nel 2009 acquisiamo il terreno per realizzare questa realtà dove ci troviamo ora e i lavori si concludono nel 2014. La nostra attività ora si svolge sulla logistica e nel trasporto e

con la specializzazione del settore alimentare sia a temperatura controllata e non. Disponiamo di 300 automezzi di proprietà con un’area logistica per eccellenza (28 mila metri) sia a temperatura controllata, con impianti ecologici di ultima generazione che non utilizzano nessun freon, bensì a CO2, e sia a temperatura ambiente. Abbiamo fatto delle scelte lun-

gimiranti a medio e lungo periodo, ma in un quadro politico italiano così effervescente, con un problema del mercato così come si presenta ora, potrebbe rappresentare un salto nel buio. Abbiamo fatto un investimento di 25 milioni di euro e crediamo di aver fatto una cosa buona sperando che ci sia lavoro anche se cerchiamo di lavorare anche con l’estero per risponde-

re alle esigenze dei nostri clienti”. Quali sono i problemi e le difficoltà maggiori? “I problemi sono le tasse troppo elevate, i costi di esercizio, il costo del personale e la giustizia. Pensi che abbiamo colto un dipendente in fraganza di furto e il giudice mi ha condannato a pagare 18 mensilità. Poi abbiamo fatto appello e abbiamo vinto. Questo fa capire l’incertezza della giustizia, del diritto. Tutto questo in un momento dove c’è poca marginalità e noi ci dobbiamo caricare di tutti questi costi”. Ma qual è il motivo per cui si è impegnato in maniera esponenziale? “Io ho una visione che fa parte delle strategie imprenditoriali e che nel tempo possono rivelarsi positive o negative. Io penso che per continuare a fare questo lavoro devo garantire ai miei clienti la sicurezza, il servizio e i costi, che devono essere di mercato. Solo così posso essere competivo e stare sul mercato in maniera onesta e trasparente. In Italia ci sono 360 mila aziende di trasporto, più di 50 aziende che hanno oltre 200 camion. Noi siamo tra le più grandi aziende d’Italia. In Francia ci sono flotte di 1000 camion, in Germania da 500-600 camion. Quindi io penso che se siamo in Europa questo modello dovrà essere attuato anche in Italia”. Roberto Scarpa torna a casa alla sera stanco ma soddisfatto di aver fatto un sogno che è riuscito a realizzarlo grazie alla sua determinazione e lungimiranza. Graziano Busatto

Il piazzale esterno deposito degli automezzi

STONE HOUSE S.r.l. Pavimenti - rivestimenti - arredo bagno sanitari - rubinetteria - complementi d’arredo via L. Da Vinci, 5 - 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041.487046 - fax 041.5760097 E-mail: info@simionatosrl.it - www.simionatosrl.it


8

Mirco Marzaro ospite di Gente Salese presenta il suo libro “Caltana 1914”

Sabato 13 dicembre si è svolta la consueta cena di fine anno di Gente Salese. È stata l’occasione per i collaboratori del nostro giornale per stare assieme, farsi gli auguri e rinnovarsi reciprocamente l’impegno di proseguire il lavoro anche per il prossimo 2015. Come di consueto la cena ha avuto un piccolo intrattenimento culturale, quest’anno dedicato al nostro Dr. Mirco Marzaro autore di “Caltana 1914 -comunità investita dalla guerra” attraverso cui rilegge la storia e soprattutto la realtà sociale della comunità di Caltana nella prima meta’ del secolo passato. Di seguito riportiamo un ampio sunto della presentazione dell’opera fatta dal presidente di Gente Salese in occasone della cena: “L’autore testimonia, attraverso la storia di una comunità, delle sue famiglie, delle persone, degli eventi, un mondo antico e la sua evoluzione, un mondo che se ne e’ andato.. che non c’é più. Ne esce una fotografia in bianco e nero, sfumata, che ci riporta al mondo della nostra infanzia con i

Il Dr. Mirco Marzaro

suoi valori: la fede semplice degli umili le relazioni sociali, le attività lavorative, le feste di paese, gli usi ed i costumi di un mondo essenzialmente di poveri contadini. Tutti ugualmente poveri e bisognosi e quindi più’ solidali e con una serenità d’animo che quella realtà’ sociale sapeva assicurare. Il racconto procede senza enfasi

Le lavandaie

Il frontespizio del libro di Mirco Marzaro

o nostalgie. Di tanto in tanto traspare sullo sfondo l’ombra della guerra con le sue conseguenze tutte dolorose. (a Caltana, su poco più di 2.000 abitanti ad un certo punto ci sono stati 400 uomini al fronte, quasi il 20% della popolazione e di questi 400 ben 40 non tornarono; il 10% dei chiamati alle armi) Io non voglio raccontarvi il libro -ha detto Vanzetto- Vi invito a leggerlo ma voglio solo ricordare alcuni passaggi scelti fra tanti significativi che mi hanno colpito. Il primo ci invita a riflettere sul nostro territorio caratterizzato da una ancora pressoché integra centuriazione romana che la nostra frequentazione quotidiana non ci fa apprezzare e che, invece, dobbiamo vedere come un vero e proprio monumento straordinario e preservare. Il secondo e’ un passaggio sulla famiglia dove “i vecchi erano le persone più rispettate perché erano quelle che avevano già dato tutte le loro energie anche intellettuali e spirituali e perché erano i saggi che potevano offrire ancora suggerimenti e consigli

preziosi frutto della loro esperienza di vita...” Un terzo passaggio riguarda la chiave di lettura del campanilismo che caratterizzava i nostri paesi e che li metteva in competizione su chi aveva la chiesa più bella, le campane più grandi, più sonore, ecc. e su questi temi c’era una sorta di competizione fra le comunità. Rimangono..”memorabili (scrive l’autore) i concerti di campane che potevano anche apparire come una volontà, un segno di supremazia; in realtà donavano solo festosità e letizia. Non era perciò solo ordinario spirito di orgoglio (di una comunità) era anche desiderio, forse anche bisogno di liberarsi dai vincoli di una mortificante stagnazione, di forare la cappa che oscurava il ristretto orizzonte entro cui era costretta a vivere, per liberare le proprie energie, le proprie intelligenze, e misurarsi con se stessa, e finalmente con il mondo esterno. Sarà il rombo del cannone e il fragore delle bombe a toglierla dal letargo millenario”

Abitazione di famiglia numerosa: Bovo

AUTOSCUOLA AGENZIA SALESE RECUPERO PUNTI

Via Lissa 124 - Mestre 30174 (Ve) Tel. 041 487010 Fax 041 5760217 Sede Amministrativa in Via Firenze 20 Santa Maria di Sala-VE Cell. +39 335 7053828 E-mail: impresabarizzasas@gmail.com

Patenti: AM-A1- A2- AB1-B-BE-C1-C1C- C- CED1-D1E-D-DE- SPECIALI CQC TRASPORTO MERCI E PERSONE

Email: autoscuola.salese@virgilio.it Via dei Larici, 2 - Tel e Fax. 041.487417 S. Maria di Sala (VE) UNI EN ISO 9001:2008 CERTIFICATO N. 5955/0

SI EFFETTUANO: Passaggi di proprietà auto e moto - Immatricolazioni - Demolizioni auto - Duplicati e conversioni patenti - Collaudi gancio traino e GPL - Targhe ciclomotori - Certificati camerali e Tribunale - Visure P.R.A. - Duplicati carta di circolazione - Corsi per stranieri - Rinnovo patenti con medico in sede


Feste di classe

9

Settantenni di Caltana Domenica 7 dicembre a Caltana hanno festeggiato i loro settant’anni i ragazzini/e della classe 1944. Purtroppo, col passare degli anni, si cominciano a vedere dei vuoti di amici, di parenti lasciati lungo la strada ed allora è giusto ringraziare

il Signore di averci conservati con una bella messa e poi fare una degna festa per esorcizzare le tristezze e le malinconie dei capelli bianchi perché la vita è bella e va vissuta pienamente ad ogni età. Buon Compleanno a tutti.

Sessantacinquenni di Stigliano Si sono ritrovati, domenica 21 dicembre 2014, presso il ristorante da Ciano (ex Desman) a Stigliano, per festeggiare i 65 anni gli amici della classe del 1949 di Stigliano con mogli e mariti. Tanta allegria con chi ha ricordato che nei tempi della giovinezza si diceva che la propria classe era la migliore, la più forte. Ora con

l’andare degli anni ci si accorge che il tempo vola velocemente iniziano gli acciacchi. Allora queste giornate diventano fra le più belle con il piacere di ritrovarsi, gustare dei buoni piatti e fra sorrisi, foto e chiacchiere si trascorre una giornata, donandosi appuntamento al prossimo anno. G.M.

A STIGLIANO BABBO NATALE ARRIVA CON L’ELICOTTERO

Sabato 13 e domenica 14 dicembre, a Stigliano, con ogni anno, si è svolta la Festa di Natale, organizzata dai genitori dell’Infanzia e del Nido Integrato “Madonna del Rosario”. Nel piazzale della chiesa genitori volenterosi hanno allestito uno stand con gustose torte e articoli da regalo. Accompagnava tutto questo la degustazione di cioccolata calda, vin brulè e pinza. Il pomeriggio del sabato i bambini hanno potuto partecipare a bellissimi laboratori di disegno, trucca bambini, giochi vari e decorazioni di biscotti con pasta di zucchero. Domenica mattina, dopo la S. Messa, i bambini hanno guardato in cielo ed

Gottardo Dino & C. snc CARPENTERIA IN FERRO GAZEBI, COPERTURE, RECINZIONI SERRAMENTI IN ACCIAIO INOX, OTTONE E ALLUMINIO (con marchio CE) Via Rugoletto, 49 Veternigo di S. Maria di Sala (VE) Tel. e Fax. (041) 5780374

hanno visto arrivare un elicottero che trasportava Babbo Natale, diretto proprio a loro, che ha ritirato le letterine dei bambini e distribuito caramelle e chiacchierato un po’ con i bambini. Le offerte della festa sono state interamente devolute alla Scuola dell’Infanzia e Nido Integrato. Si ringrazia per la collaborazione e l’impegno l’Associazione Ala Salese, il Bar Todaro, La Fioreria Fasolato, gli Alimentari Zacchello, la Macelleria Panè, la Pizzeria Bella Stigliano, la Pescheria Capo Nord di Veternigo, l’Azienda Agricola Mazzacavallo e Furlan Antonio per l’ottimo vin brulè. Maria Luisa Valentino


10

La forza dell’impresa Pagotto Carlo protagonista dello sviluppo nel dopo guerra

L’Italia, dopo la seconda guerra mondiale, era in depressione e aveva bisogno di tutto. Era in una situazione che necessitava di una grande evoluzione generale e il nordest è stato protagonista formidabile dello sviluppo post bellico. In quegli anni si è accelerata la trasformazione da nazione prettamente agricola a nazione industriale. C’è stato un fervore e un nascere di tantissime attività e aziende, piccole e medie. Per i decenni dagli anni

cinquanta in poi il settore che più di tutti è stato attivo è stato quello delle costruzioni edili. Gli Italiani, in particolare i Veneti, avevano nei loro più intimi desideri la costruzione della casa propria. Sulla scia di queste prospettive e richieste, sono sorte, in questi anni, tantissime piccole imprese di costruzioni edili. Una di queste è stata l’impresa di Pagotto C a r-

lo, sorta negli anni 60. A quel tempo il lavoro edile era particolarmente duro. Tutto si realizzava con le braccia umane, con pochi elementari mezzi di supporto e al prezzo di tanto sudore della fronte. Ma tutto questo non spaventava il titolare dell’impresa Pagotto Carlo il quale,

grazie anche al sostegno della moglie Giuseppina, molto serenamente, passo dopo passo, costruiva quella bella referenza di cui gode tutt’ora. Già dalla costituzione, l’impresa

Una foto storica degli anni ‘60 dell’impresa Pagotto Carlo

per sederti qui chiamaci allo

041 487356

Salone Triade Master head o Micr era cam ntrollo x co tuito gra capello del


Continuiamo sulla strada segnata da papà

Pagotto si è contraddistinta per la grande, riconosciuta, professionalità e serietà nei rapporti con i clienti e con i dipendenti, meritando stima e considerazione da parte di tutti. Solo in seguito sono venuti in aiuto mezzi meccanici per fare la malta, argani elettrici e poi gru per sollevare i carichi e attrezzature ausiliarie per realizzare le condizioni di lavoro in sicurezza, consentendo un’ulteriore sviluppo dell’impresa che è arrivata ad avere, anche, circa 15 dipendenti diretti. Verso gli anni 80 entravano a far parte attiva dell’impresa alcuni figli della numerosa famiglia Pagotto, dandone l’attuale denominazione di Edil Pagotto. Con l’esperienza del padre Carlo e la professionalità dei figli l’impresa Edil Pagotto ha affrontato l’evoluzione del mercato ampliando il campo di interventi anche verso importanti restauri, salvaguardando l’aspetto storico degli edifici, e le costruzioni industriali. L’elemento sempre presente nell’agire dell’impresa Edil Pagotto è stato il mettersi a dispo-

sizione della clientela con la massima umiltà e competenza nell’esclusivo interesse del

cliente. Nel tempo, si calcola che l’impresa abbia realizzato circa 400 pro-

11

gettazioni, fra costruzioni civili e industriali. Un grande risultato di cui i figli di Carlo vanno fieri, particolarmente ora che il papà non c’è più. Carlo, è mancato proprio un anno fa a Natale, lasciando un grande vuoto fra coloro che lo hanno conosciuto e apprezzato a vario titolo. Carlo era, infatti, anche impegnato nel sociale e in particolare nella conduzione della Corale di Caselle, suo paese. I figli sentono che l’eredità lasciata da Carlo, rappresentata soprattutto di valori, deve essere essere coltivata. Per questo, pur nel dolore della scomparsa, si sentono orgogliosi dell’eredità morale lasciata e impegnati a continuare nella strada tracciata ad onorare la memoria del padre. Primo Bertoldo

Caselle 2010 - Inaugurazione del Centro con al centro il Vescovo Mattiazzo e alla sua sinistra il parroco don Don Lucio Monetti e i figli di Carlo Pagotto

AGENZIA DUCALE PRATICHE AUTO E AMMINISTRATIVE ASSICURAZIONI - BOLLI AUTO Via Caltana, 169 - 30036 Caselle di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041 5731255 www.gioielleriadalmaso.com email: oreficeria.dalmaso@gmail.com

Dal lunedì al venerdì: 8.30-12.30 e 15.00-19.00 / sabato: 9.30 – 12.00 Via Cavin di Sala, 65 – 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/487453 – Tel/Fax 041/487871 E-mail: info@agenziaducale.com - web. www.agenziaducale.com


RUBRICHE

12

LA TORMALINA: aspirante e inspirante “Aschentrekker!” mi disse. “Cosa?” chiesi sbigottito mentre, in attesa del volo che da Amsterdam mi avrebbe portato a casa, guardavo nelle mie mani una tormalina di un rosa intenso. “La pietra che tiene in mano… Attira la polvere e la cenere” rispose quell’anziano con gli occhi “strani”. Niente, non capivo. Allora chiesi una spiegazione, e il vecchio seduto sulla poltrona vicino a me con la faccia lunga e le fossette sulle guance mi raccontò che un giorno, mentre si trovava in un negozio di fiori, ascoltò casualmente una storia che risaliva al XVIII secolo. Una storia che arrivò in Olanda attraverso lo Sri Lanka, quando le navi solcavano gli oceani portando tesori lontanissimi in Europa. Quella storia raccontava di alcuni marinai stanchi di caricare e scaricare le navi, pulire i ponti, far da mangiare e mettere in ordine i fornelli, e che due di loro avevano trovato un modo per risparmiarsi quest’ultima fatica. Infatti quei due fumatori di pipa, appena tornati da un lungo viaggio dall’Asia conoscevano le virtù della tormalina, che oltre a essere una pietra davvero ispirante per poeti e artisti, era capace di attirare la polvere e la cenere dopo essere stata riscaldata. E proprio per questo avevano iniziato ad usarla per pulire i forni. “Aschentrekker!” disse ancora. “Vuol dire attira cenere nella mia lingua, in olandese” aggiunse strizzando gli occhi mentre sul suo viso appariva un sorriso compiaciuto. Ma la cosa interessante che quell’anziano mi disse fu che una delle pietre usate dai marinai venne ritrovata molti anni dopo, in

Francia, da un certo Vincent Van Gogh, e visto che per molto tempo quell’artista era stato ritenuto un folle senza fortuna, forse il suo genio alla fine fu ispirato proprio dalla tormalina che aveva trovato… Non so quanto di vero vi fosse in quella storia, ma per certo vi posso dire che è la gemma del mese di ottobre, ma è anche la pietra porta fortuna del toro, della vergine e dei pesci; che esiste nelle colorazioni del verde, del rosa, del blu e del nero, e che in alcune varietà è indicata per ridurre lo

Autoritratto di Vincent Vang Gogh

Macelleria GALLO PLINIO

Q u a l i tà con v e n i e nza e t rad i z ione

stress, per favorire l’imparzialità e ispirare la tranquillità. La mia fantasia, forse ispirata proprio dalla pietra che tenevo in mano, mi portò lontano nel tempo… E immaginai quegli uomini di mare camminare sul ponte di una nave con le loro pipe a parlare di paesi fantastici, di tesori antichi e di donne bellissime, con il fumo che usciva dalle loro bocche nel freddo della notte e i sogni a riempire i loro cuori. Altri invece, giù al porto, sbuffavano perché dovevano risalire a bordo e c’era-

no ancor i forni da pulire, o forse perché stavano per lasciare un altro amore ad attenderli inutilmente su quel molo. Mi parve perfino di vedere cadere una pietra dalla tasca di un giovane marinaio che, incastrata tra le travi di un pontile, rimase in attesa di essere trovata da un signore con la barba ispida e i capelli rossi. Osservai il vecchio vicino a me. Quel viso mi ricordava qualcuno. Poi lessi il nome sul biglietto dell’aereo: Vincent. Scossi il capo e chiusi gli occhi. Oggi, ricordando quell’incontro mi piace pensare che proprio su quello stesso molo, in una “notte stellata”, quel tipo dallo sguardo strano e la barba rossa sia stato ispirato nel suo genio, trovando la serenità che per tutta la vita gli era mancata. Ma so che è solo un’illusione, uno di quei trucchi che la mente crea nelle sere come questa, dove i sogni sono più veri e il cuore più sereno.

Notte stellata di Vincent Vang Gogh (Museum of Modern di New York)

F.B.F. Impianti s.r.l. CONDIZIONAMENTO RISCALDAMENTO IMPIANTI ELETTRICI

Impresa Edile

Concollato Luca Costruzioni e restauri

offe rte sp e c i al i o gn i mese

a cura di Luca Novello

S. Maria di Sala (VE) Via Cavin di Sala, 34-36 Tel. 041.486005

Santa Maria di Sala (VE) Tel. 041486081 - Fax. 041 486928

Via Gaffarello n. 46/ASant’Angelo di Santa Maria di Sala (VE) Cel. 3476032314


UNO STILE DI VITA SANO Esistono dei comportamenti che vengono spesso considerati normali, come pure delle “piccole trasgressioni”, che possono trasformarsi in clamorosi autogol per la nostra salute: sedentarietà, alimentazione scorretta, abuso di bevande alcoliche, fumo, eccessiva esposizione al sole, ecc. Sono circa 22 milioni gli italiani che non praticano sport e questa non è una realtà di cui andar fieri visto che chi svolge attività fisica ha circa il 30% in meno di probabilità di contrarre malattie anche gravi rispetto a chi fa vita sedentaria. L’importante è muoversi, qualsiasi attività va bene, ma deve essere praticata con costanza. Nei giovani l’attività fisica aiuta l’apprendimento, rappresenta uno sfogo per la vivacità giovanile, aiuta la socializzazione e la gestione dei propri impegni quotidiani. Piccoli accorgimenti come fare le scale invece di prendere l’ascensore o non usare l’auto e andare a piedi

Rubriche

13

a cura del dott. Luigi Cazzaro

possono già essere un buon inizio. Un altro passo fondamentale è una corretta alimentazione. Ingrassare significa aumentare il rischio di insorgenza di diabete e di problemi cardiaci, ma pure aumentare il rischio di insorgenza di tumori. Diventa pertanto importante conoscere le calorie da introdurre in relazione alle caratteristiche fisiche, alle abitudini e alle attività fisiche svolte. Una sana alimentazione prevede l’assunzione di verdure, frutta, cereali, legumi, pesce e carboidrati. Da usare con moderazione l’apporto di proteine animali ricavate da carne e affettati. Ricordiamoci poi che l’alcol di per sé è una sostanza tossica e potenzialmente cancerogena che può indurre dipendenza e provocare gravi danni al fegato e al sistema nervoso centrale. Sono sufficienti 50 grammi di alcol al giorno, equivalenti a poco più di 3 bicchieri di una bevanda alcolica per aumentare di 2-3 volte il rischio di tumori rispetto ai non bevitori. Sorvegliate speciali sono l e grandi bevute del fine settimana che risultano essere pericolosissime perché portano all’accumulo di grasso addo-

telefono: 041 5780158 fax: 041 5780668 email: info@bortolato.eu web: www.bortolato.eu BORTOLATO s.a.s. di Bortolato Onorino & C. via Rugoletto, 37 - 30036 Veternigo di S. Maria di Sala (VE)

minale che è legato a diabete, cardiopatie e varie forme di tumore. L’assunzione di alcol è assolutamente sconsigliato prima dei 15 anni perché l’organismo non è in grado di metabolizzarlo efficacemente provocando rapidamente fenomeni di intossicazione alcolica. Associata a questa pericolosa abitudine si deve ricordare quella del fumo. Una sigaretta contiene numerosissime sostanze dannose e nocive per il nostro organismo. Il catrame contiene elementi cancerogeni mentre la nicotina può indurre dipendenza e produrre effetti negativi sul sistema nervoso e cardiocircolatorio. Non cominciare a fumare è il modo migliore per tenere lontane molte forme di tumore e soprattutto smettere prima possibile permette di diminuire il rischio di ammalarsi. Un ultimo appunto possiamo farlo sull’esposizione al sole. I raggi solari sono fondamentali per il nostro organismo e per una corretta formazione delle ossa, ma esporsi in

modo eccessivo e non proteggersi adeguatamente sono importanti fattori di rischio per lo sviluppo del melanoma, un tumore cutaneo molto aggressivo. Cerchiamo quindi di modificare il nostro stile di vita in modo da diminuire il più possibile il rischio di insorgenza di tumori. La statistiche ci dicono che ogni anno circa il 40% dei decessi per tumore è causato da fattori di rischio che possono essere corretti come il sovrappeso, l’obesità, lo scarso consumo di frutta e verdure, il fumo e l’alcol.

DAL 1982 AUTOMOBILI PER PASSIONE - Vendita Nuovo, Km 0 e multi marche - Vendita semestrale e usato garantito - Installazione impianti a GPL - Noleggio Auto Via Cavin di Sala 72/A Mirano (Ve) - Tel. 041 5701190

- Revisione - Elettrauto - Assistenza officina - Gommista www.autorombo.com


Rubriche

14

LA DIETA MEDITERRANEA La dieta mediterranea rappresenta una serie di conoscenze, di competenze, pratiche e tradizioni che vanno dal paesaggio alla tavola, includendo le colture, la raccolta, la pesca, la conservazione, la trasformazione, la preparazione e, in particolare il consumo del cibo. La dieta mediterranea è un modo di nutrirsi che da millenni è patrimonio tradizionale e culturale dei popoli residenti o gravitanti intorno al bacino del Mar Mediterraneo. Questa dieta noi italiani l’abbiamo quasi sempre seguita, poiché da numerosissime generazioni sembrava logico utilizzare le materie prime che la natura e l’agricoltura ci fornivano con più abbondanza: frutta fresca e secca, ortaggi, cereali, olio d’oliva e una moderata quantità di pesce, latte e carne, molti condimenti e spezie, il tutto accompagnato da vino o infusi. Ma a sconvolgere questo tranquillo menage alimentare sono venuti gli studiosi statunitensi che hanno introdotto anche nel nostro paese il culto e il “bisogno” delle cosiddette proteine nobili, secondo cui la carne doveva comparire almeno una volta al giorno: “tre grammi di proteine per kg di peso corporeo” si diceva “e proteine nobili!”. A dire il vero queste proteine ricche di aminoacidi essenziali, cioè indispensabili alla crescita e alla rigenerazione dei tessuti, sono presenti anche nell’associazione cereali integrali-legumi, ma sembrava più logico prenderle da una fonte sicura: la carne. Gli effetti non hanno tardato a comparire; le malattie degenerative come il diabete, il cancro ma

soprattutto la difficoltà di circolazione del sangue, l’aterosclerosi e gli accidenti cardiovascolari sono aumentati vertiginosamente, poichè mangiando carne si i n t rod u co-

libera associazione per i rapporti italo - croati

Via Giovanni XXIII, 11 30036 S. Maria di Sala (VE) Tel 3398192638 www.associazionelesina.org mail: info@associazione lesina.org

a cura della dott.ssa Sonia Giacometti

no anche gli acidi grassi cosiddetti “saturi” che favoriscono le patologie degenerative. Quindi gli esperti riconsiderarono la quota

di proteine, prima portandola a 2 grammi, poi a 1, poi a 0,8 per kg di peso corporeo. Hanno anche riconsiderato l’opportunità di utilizzare grassi alimentari di origine vegetale, ricchi di acidi grassi “insaturi e polinsaturi”, che si sono dimostrati in grado di prevenire le patologie degenerative e quindi di mantenere buone condizioni di salute fisica e mentale. Un’altra considerazione riguarda l’insufficiente presenza nei cibi che consumiamo, di fibra grezza come cellulosa, emicellulosa, lignina, pectina, ecc. di cui sono ricchissimi la crusca e il germe dei cereali, i legumi, la frutta e gli ortaggi. La dieta più idonea al mantenimento della salute dell’uomo è la dieta mediterranea integrale!


lauree Il 10 dicembre Ilaria Zambon ha conseguito la laurea magistrale in “Pianificazione e Politiche per la città, il territorio e l’ambiente” con Master Europeo in “Planning and policies for city, environment and landscape” con punteggio 110/110 presso l’Università IUAV di Venezia. Si congratulano i genitori Loris e Genoveffa, il fidanzato Valentino, i nonni, parenti e amici tutti.

Il 28 novembre Irene Peretto ha conseguito la laurea triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari presso l’Università degli Studi di Padova, discutendo la tesi “Tecniche di monitoraggio e possibilità di contenimento delle contaminazioni allergeniche causate da Acarus siro (Acaridae, Acarina)”. Congratulazioni dai genitori, amici e parenti.

The Baptisms

Domenica 23 novembre don Paolo Ceccheto ha battezzato a Veternigo Giovanni e Antonio. Giovanni è figlio di Silvia e Mauro e le madrine erano Valentina ed Elena; Antonio, figlio di Lucio e Myafte con padrini Roberto e Cosetta. La cerimonia è avvenuta mentre in Piazza San Pietro, Papa Bergoglio stava proclamando Santo San Antonio Giovanni Farina, vescovo di Treviso, che sicuramente vigilerà su questi bambini che portano il suo nome.

years

15

Il 5 Dicembre Alessio Artusi ha compiuto due anni. Tanti auguri dalla mamma Lisa, dal papà Andrea, dai nonni, dagli zii e dai cuginetti.

Il 19 Gennaio Eleonora compie 5 anni. Un mondo di auguri dalla sorellina Elena, mamma Monica, papà Marco e tutti i nonni.

Il 13 dicembre Giovanni Righetto ha compiuto gli anni. Tanti auguri di buon compleanno dalla mamma Giorgia, dal papà Emanuele, dal fratello Filippo, dagli zii e nonni.

Il 28 settembre è nato Edoardo Lomi. Lo hanno accolto con amore mamma Chiara, papà Stefano, i nonni, gli zii e i cugini.

Il 6 dicembre ha compiuto 80 anni Marinetto Luciana. Tantissimi auguri dai figli Roberta, Fiorella e Nicola, dai nipoti Alessia, Ilenia, Giada, Alberto e Alessio, dalla nuora Monica e dai generi Antonio e Mauro.

The Memory anniversari

Giovedì 11 dicembre è stata celebrata l’Eucaristia di commiato di Giovannina Rugoletto di 105 anni. Giovannina Rugoletto classe 1908, era conosciuta dai nostri lettori perchè già in altre occasione l’abbiamo presentata: in occasione del suo centesimo compleanno e perchè, lo scorso anno, era stata nominata come la donna più anziana del comune.

Il 28 Novembre è venuta a mancare Nardin Gina in Lomi. La ricordano con affetto i figli Franco, Daniela e Angelina, la nuora Emanuela, il genero Giovanni, i nipoti Denis, Samuele, Silvia, Ilenia, Daniele, Luisa, i pronipoti e le persone a lei care.

Il 7 Novembre 2014 Eleonora Gottardo e Lino Bortolato, nella chiesa di Veternigo, hanno festeggiato il 50° anniversario di matrimonio scambiandosi le fedi nunziali e rinnovandosi le promesse d’amore. Hanno festeggiato queste nozze d’oro con i figli Filippo con Albertina, Nicola con Sabrina, Martina con Fabio, con i nipoti Angela, Giacomo, Nicolò, Linda, Vittoria e Pietro e amici.

Il giorno 4 novembre Giorgio Simionato e Nazzarena Caravello hanno celebrato le nozze d’oro a Veternigo partecipando alla S. Messa celebrata da don Paolo durante la quale sono state benedette le fedi nunziali e le promesse che cinquant’anni si erano promessi. A far festa agli sposi, c’erano tutti i parenti e gli amici.


L’U.G.S. cambia statuto e presenta il programma 2015

16

Sabato 13 dicembre, presso la Sala del Teatro di Villa Farsetti di Santa Maria di Sala, si è svolto un incontro per trattare i principali adempimenti fiscali e amministrativi a cui le Società sportive A.S.D. Non Profit e Onlus, devono attenersi  per legge. Il convegno è stato organizzato dall’ U.G.S. Unione Gruppi Sportivi Salesi che riunisce 19 società sportive del Salese in collaborazione con l’Ente di promozione Libertas, con la collaborazione dell’Assessorato allo Sport di Santa Maria di Sala. Il tema è stato presentato dal Dott. Enrico Savio, un esperto in materia fiscale sportiva. Sono stati toccati i temi come l’Eas, i versamenti derivanti da compensi e rimborsi, dalla pubblicità agli sponsor, alle assemblee dei soci e loro verbali, dall’assicurazione ai certificati medici e loro responsabilità. Gli argomenti erano molti e il tempo a disposizione era poco. Al convegno hanno partecipato anche ad altre società limitrofe del Comune di Santa Maria di Sala: oltre 50 società presenti comprese  le 19 società dell’ U.G.S. Il presidente dell’UGS Renzo Paganin si è detto disponibile ad organizzare un ulteriore incontro per sviscerare meglio tutte le tematiche per far conoscere ai responsabili dei gruppi i vari provvedimenti in tema fiscale.

DIREZIONE, REDAZIONE, AMMINISTRAZIONE: Associazione Culturale Gente Salese Via dei Tigli 10 - 30036 S. Maria di Sala Ve Tel. 041 486369 E-mail. redazione@gentesalese.com www.gentesalese.com DIRETTORE RESPONSABILE Graziano Busatto PRESIDENTE Giovanni Vanzetto ART DIRECTOR Manuel Rigo TIPOGRAFIA Grafiche Quattro Santa Maria di Sala (VE) Registraz. Tribunale di Venezia n° 770 - 17 gen 1984

Per quanto riguarda il programma dell’UGS, è stato cambiato lo Statuto che prevedeva solo l’organizzazione degli sport equestri . Ora l’ U.G.S. può organizzare tutta una serie di attività con la speranza di poter riattivare, quanto prima, il Concorso Ippico. Ricordiamo il carnevale dell’anno scorso organizzato dall’U.G.S. che disposto poco ma che comunque è stato utile come organizzatore all’evento del Green4Fun, svoltosi il 7-8 giugno con le sociètà volley salese, G.S. Volley Sant’Angelo e Alba che ha coinvolto oltre 400 atleti di tutte le et à:parte del ricavato è stato devoluto alla LABS Laboratorio solidale ONLUS.

Via dei Marsari 23 30036 S. Angelo di S. M. di Sala (Ve) Tel. 041 486088 - Cel. 338 9891652

Dopodiché l’ Unione Gruppi Salesi ha programmato ad ottobre nei giardini di Villa Farsetti il 9° Open Sport in collaborazione del CONI Provinciale e tutte le società del Salese, con una partecipazione di oltre 250 piccoli atleti. Ed infine l’ U.G.S. ha messo in calendario un nuovo convegno fiscale. Già per il 2015 ci saranno  molti altri eventi importanti che l’ UNIONE GRUPPI SPORTIVI SALESI  dovrà organizzare, tra cui la collaborazione per il servizio del passaggio del giro d’Italia. Presidente U.G.S. Renzo Paganin

SIAMO PRESENTI NEI MERCATI DI: lunedì: Mirano (Ve) - Mogliano (Tv) martedì: Pianiga (Ve) - Marghera (Ve) mercoledì: Maerne (Ve) - Mestre (Ve) giovedì: Noale (Ve) venerdì: Martellago (Ve) - Mestre (Ve) sabato: Fiesso d’Artico (Ve) - Vedelago (Tv) domenica: Camisano Vicentino (Vi) SERVIZIO PRO LOCO E COMUNITA’ INFO@LANTICAFATTORIA.NET INFO: LUCA 3356327747 – OLINDA 3356327748

L’ANTICA FATTORIA SNC

DIVENTA NOSTRO AMICO: CLICCA MI PIACE!

Crazy Sun di Barbara e Fabiana

Via Don Gallerani, 2 - Caltana (VE) - Tel. 041.5732508

Bernardi

la TUA sicurezza è la nostra rotta!!! Via Caltana 67 Caltana di S. Maria di Sala (VE) Tel. 041/5730635 assipiu@gmail.com

Onoranze Funebri Via Desman, 139 S. Angelo di S. M. di Sala - tel. 041.487341

ORARI: Lunedì: 15.30 -19.30 Da martedì a venerdì: 9.30-12.30 e 15.30 -19.30 Sabato: 9.30-13.00 e 15.30 -20.00 Domenica (fino al 31 dicembre 2014): 10.00 - 13.00 e 15.30 -19.30

Gs dicembre 2014  
Advertisement