Issuu on Google+

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia Maroc

HOLDING: un modello organizzativo complesso.

Mantova, 8 maggio 2008


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia

HOLDING: classificazione secondo la MISSION

Maroc

HOLDING PURA HOLDING MISTA o OPERATIVA

Mantova, 8 maggio 2008


HOLDING:

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia

la MISSION

(1)

Maroc

Esercita attività di assunzione di partecipazioni, di concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma, di prestazione di servizi, di pagamento e di intermediazione in cambi (Art.106 TUB).

HOLDING PURA

OBBLIGO D'ISCRIZIONE IN APPOSITA SEZIONE DEL REGISTRO TENUTO DAL U.I.C.

DIVIDENDI INTERESSI Mantova, 8 maggio 2008

OBBLIGO, PER I PARTECIPANTI, DI AVERE E MANTENERE REQUISITI DI ONORABILITA' E, PER GLI ESPONENTI AZIENDALI, ANCHE QUELLO DELLA PROFESSIONALITA’.


HOLDING:

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia

la MISSION

(2)

Maroc

HOLDING MISTA o OPERATIVA DIVIDENDI INTERESSI ROYALTIES

Detiene le Partecipazioni ed esercita funzioni di pianificazione, finanza e controllo ma SVOLGE ANCHE ATTIVITÀ CONTROLLO PRODUTTIVO. Fornisce servizi ed entra, in altre parole, nelle WORKING PROCEDURES del processo produttivo. NB. Se attività finanziaria genera 50% RICAVI o l'attivo Patrimoniale è costituito per il 50% da attività finanziaria.

COST SHARING HOLDING PURA Mantova, 8 maggio 2008


HOLDING OPERATIVA

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia Maroc

COME STRUMENTO DI CONTROLLO DI PIÙ SOCIETÀ (VOCAZIONE ALLA GOVERNANCE)

In questa funzione si inquadra l'utilizzo della HOLDING per disciplinare le partecipazioni dei soci e, tra questi, ben soddisfa alla esigenza di organizzazione e gestione delle partecipazioni, dei membri della famiglia, al patrimonio societario famigliare. Mantova, 8 maggio 2008

(1)


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco

HOLDING OPERATIVA

(2)

Italia Maroc

COME STRUMENTO DI COORDINAMENTO DI PIU' BUSINESS (VOCAZIONE AL BUSINESS)  PER ACQUISIRE E GESTIRE BENI IMMATERIALI (Brevetti-Copyright)

mettendoli a disposizione del gruppo e/o di terzi.  PER ACQUISIRE E GESTIRE BENI MATERIALI (per es.Impianti)

mettendoli a disposizione del gruppo.  PER CENTRALIZZARE LA GESTIONE DI ALCUNI SERVIZI

utili alle Società del Gruppo rendendola più performante.  PER ACCENTRARE LA FUNZIONE DI CONTROLLO GESTIONALE

ED AMMINISTRATIVO.

Mantova, 8 maggio 2008


HOLDING OPERATIVE

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia Maroc

COME STRUMENTO DI OTTIMIZZAZIONE FINANZIARIA E FISCALE (VOCAZIONE ALLA FINANZA)  Per gestire la tesoreria di GRUPPO centralizzandola.  Per avere accesso a strumenti finanziari internazionali

più performanti.

 Per una ottimizzante pianificazione fiscale internazionale:  Minimizzazione della ritenuta sui dividendi  Differente imposizione sui dividendi  Partecipation exemption.  Per gestire un raccolta differenziata degli utili tra le controllate.

Mantova, 8 maggio 2008

(3)


United Kingdom Suisse

STRUTTURA PARTECIPATIVA

Principaute de Monaco Italia

CON CONTROLLO DIRETTO

Maroc

SOCIETÀ HOLDING

x%

y%

k%

SOCIETÀ X

SOCIETÀ Y

SOCIETÀ Z

Paese X

Paese Y

Paese Z

Mantova, 8 maggio 2008


United Kingdom Suisse

STRUTTURA PARTECIPATIVA

Principaute de Monaco Italia

CON CONTROLLO INDIRETTO

Maroc

SOCIETÀ HOLDING x% SOCIETÀ X Paese X

y% SOCIETÀ Y Paese Y Mantova, 8 maggio 2008


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia

STRUTTURA PARTECIPATIVA MISTA

Maroc

SOCIETÀ HOLDING %

SOCIETÀ X Paese X %

SOCIETÀ A Paese a

Mantova, 8 maggio 2008

%

%

SOCIETÀ Y Paese Y %

SOCIETÀ Z Paese Z

SOCIETÀ B Paese b

%


United Kingdom

LA RESIDENZA

Suisse Principaute de Monaco

in generale

Italia Maroc

SEDE LEGALE:

quella indicata nell’atto costitutivo.

SEDE AMMINISTRAZIONE:

Centro di Management - Centro Decisionale

1. Luogo ove vengono tenute le riunioni del CDA. 2. Luogo di residenza della maggior parte degli Ammnistratori.

Mantova, 8 maggio 2008


United Kingdom Suisse

LE RITENUTE ALLA FONTE

Principaute de Monaco Italia

Contesto Internazionale.

Maroc

DIVIDENDI INTERESSI ROYALTIES

Mantova, 8 maggio 2008

RITENUTE D’ACCONTO

TRATTATI CONTRO LE DOPPIE IMPOSIZIONI


LIMITI

United Kingdom Suisse

in generale

Principaute de Monaco Italia Maroc

NO NO

EVASIONE:

Il presupposto dell’imposta è del tutto occultato.

SIMULAZIONE:

Viene rappresenta una volontà diversa da quella effettiva.

NO

FRODE:

Mediante artifici e raggiri, vengono ostacolati tanto l’accertamento quanto la corretta qualificazione giuridica dei presupposti del tributo.

NO

ELUSIONE:

Le operazioni sono effettivamente concluse ma gli schemi negoziali sono concatenati in modo tale da realizzare vantaggi fiscali indebiti.

Mantova, 8 maggio 2008


ELUSIONE = TAX AVOIDANCE

United Kingdom Suisse

(1)

Art.37 bis

Principaute de Monaco Italia Maroc

PRESUPPOSTO Essere in presenza di atti posti in essere tra quelli TASSATIVAMENTE previsti nell’elenco.

NON VI È INVERSIONE DELL’ONERE DELLA PROVA. L’AUTORITA’ CHE PROCEDE ALL’ACCERTAMENTO DEVE DIMOSTRARE: 1. L’INESISTENZA di una valida ragione economica. 2. L’AGGIRAMENTO di obblighi e/o divieti stabiliti dall’ordinamento tributario. Mantova, 8 maggio 2008

3. LA FINALITÀ della riduzione indebita del tributo.


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco

ELUSIONE = TAX AVOIDANCE

(2)

Italia Maroc

TREATY SHOPPING CONDUIT COMPANIES Utilizzo di architetture STEPPING STONE Abuso di ruolo della HOLDING COMPANY

Utilizzo di strutture

ASSENZA DI UNA VALIDA RAGIONE ECONOMICA Mantova, 8 maggio 2008


TREATY SHOPPING

United Kingdom Suisse

DIRECT CONDUIT

Principaute de Monaco Italia Maroc

CONCRETEZZA GIUSTIFICAZIONE ECONOMICA

PAESE A

PAESE C

Mantova, 8 maggio 2008

(1)

S I

N O T R A T T A T O

T R A T T A T O

PAESE A

PAESE B

S I T R A T T A T O

PAESE C


TREATY SHOPPING

United Kingdom Suisse

STEPPING STONE

Principaute de Monaco Italia Maroc

SOCIETA’ ITALIANA

15%

10%

SOCIETÀ X

SOCIETÀ Y

SOCIETÀ Z

Paese X

Paese Y

Paese Z

Mantova, 8 maggio 2008

5%

(2) (a)


TREATY SHOPPING

United Kingdom Suisse

STEPPING STONE

Principaute de Monaco Italia Maroc

SOCIETA’ ITALIANA 0% SUB HOLDING Paese A 10%

5%

SOCIETÀ X

SOCIETÀ Y

SOCIETÀ Z

Paese X

Paese Y

Paese Z

Mantova, 8 maggio 2008

0%

(2) (b)


TREATY SHOPPING

United Kingdom Suisse

(3)

Abuso del ruolo di HOLDING

Principaute de Monaco Italia Maroc

SOCIETA’ ITALIANA 0% Tassazione tra differenza interessi attivi e passivi

SUB HOLDING Paese A

NESSUNA concreta giustificazione economica NO TASSAZIONE plusvalenze NO TASSAZIONE dividendi

10%

5%

SOCIETÀ X

SOCIETÀ Y

SOCIETÀ Z

Paese X

Paese Y

Paese Z

Mantova, 8 maggio 2008

0%


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia Maroc

Mantova, 8 maggio 2008

Clausole per la NON limitazione della operativita’ delle società HOLDING


NORME ANTI ELUSIONE SPECIFICHE

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia Maroc

GESTIONE COSTI IN GENERALE

GESTIONE COSTI INFRA GRUPPO

CRITERI DI DEDUCIBILITA’ (art.110 TUIR)

COST SHARING = COST CONTRIBUTION ARRANGEMENTS

DETERMINAZIONE DEL PREZZO PER LE TRANSAZIONI INFRA GRUPPO = NORME SUL TRANSFER PRICE IMPUTAZIONE REDDITO DELLA CONTROLLATA ALLA HOLDING ITALIANA

Mantova, 8 maggio 2008

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES = CFC


GESTIONE DEI COSTI IN GENERALE

United Kingdom Suisse Principaute de Monaco

CRITERI DI DEDUCIBILITA’

(art. 110 TUIR)

Italia Maroc

(art. 110 TUIR) NON SONO AMMESSE IN DEDUZIONE LE SPESE, E LE ALTRE COMPONENTI NEGATIVE, DERIVANTI DA OPERAZIONI INTERCORSE TRA: IMPRESE ITALIANE

Imprese residenti o domiciliate in territori NON UE aventi regimi fiscali privilegiati

RIMEDIO 1. Su iniziativa del contribuente: INTERPELLO PREVENTIVO. 2. Su iniziativa dell’Autorità: prima di procedere al definitivo accertamento, obbligo di NOTIFICA DI AVVISO con 90 giorni di tempo per fornire prova della concretezza economica.

Mantova, 8 maggio 2008


United Kingdom Suisse

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES

Principaute de Monaco Italia

ART.167 N.T.U

(1)

Maroc

OBIETTIVO

Imputare, per trasparenza nello Stato Italiano, alla Società controllante, i redditi realizzati da imprese residenti in Paesi con regime fiscale privilegiato.

Soggetti residenti in Italia : Persone fisiche, Società di Persone,

SOGGETTI Società di Capitali o Enti che hanno per oggetto principale CONTROLLANTI l’esercizio delle attività commerciali.

CONTROLLO DIRETTO O INDIRETTO

Mantova, 8 maggio 2008

Partecipazione diretta od anche per il tramite di interposta persona o Società Fiduciaria.


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco Italia Maroc

COSTS SHARING AGREEMENT = COSTS CONTRIBUTION ARRAGEMENTS

OBIETTIVO

CONDIZIONE ESSENZIALE PRINCIPALI ELEMENTI FONDAMENTALI DI UN: COST CONTRIBUTION AGREEEMENT

Mantova, 8 maggio 2008

Imputare,costi relativi a servizi comuni gestiti dalla Holding alle singole strutture del Gruppo .

La quota di costo attribuita a ciascuna società del Gruppo deve essere PROPORZIONALE alla quota di benefici potenziali attesi . •Lista delle società interessate destinatarie dei benefici attesi. •Obbiettivi delle attività che vengono accentrate ed i cui costi saranno suddivisi. •La durata del C.C.A. •Il metodo in base al quale si misureranno i benefici attesi dalle singole società.


United Kingdom Suisse

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES ART.167 N.T.U

Principaute de Monaco Italia Maroc

PAESI A FISCALITÀ PRIVILEGIATA • Livello di tassazione sensibilmente inferiore rispetto a quello applicato in Italia • Mancanza di un adeguato scambio di informazioni

RIMEDIO OBBLIGATORIO L’INTERPELLO PREVENTIVO Mantova, 8 maggio 2008

(2)


United Kingdom Suisse Principaute de Monaco

TRANSFER PRICE

(1)

Italia Maroc

STRATEGIA

Ripartite il risultato economico realizzato da una sussidiaria imputandolo ad altra Entità del Gruppo

STRUMENTO

Determinazione di un prezzo ad Hoc

OBIETTIVO

Incrementare l’utile di una struttura del Gruppo ai fini di: • Diminuire il carico dei dazi • Trasferire risultati positivi dalla Società NON quotate a Società quotate • Diminuire l’imposizione fiscale della Società del gruppo costituita in giurisdizione meno performante a favore di altra Società del Gruppo costituita in Giurisdizione più performante.

Mantova, 8 maggio 2008


United Kingdom

TRANSFER PRICE

Suisse Principaute de Monaco

(2)

Italia Maroc

RIMEDIO DETERMINAZIONE DEL VALORE NORMALE DELLA TRANSAZIONE. METODI

COMPARATIVO

Comparazione del prezzo di trasferimento infra gruppo con quello praticato in analoghe transazioni tra imprese Indipendenti.

DEL COSTO MAGGIORATO

Il prezzo è determinato sommando al costo di produzione un margine di utile lordo in percentuale.

DEL PREZZO DI VENDITA

Il prezzo è dato dalla differenza tra il prezzo di rivendita operato dall’acquirente detratto un congruo utile.

DELLA SPLITTATURA Le Entità in gioco vengono considerate come DEL PROFITTO apparentemente uniche e l’utile viene ripartito e quindi, con procedimento inverso, si determina il prezzo. Mantova, 8 maggio 2008


Convegno Mantova 2008