Issuu on Google+

ANNO 1 NUMERO 1 – OTTOBRE 2013

MENSILE DI ATTUALITÀ E INFORMAZIONE A DISTRIBUZIONE GRATUITA

Editoriale B

uon nuovo mese! Neanche finito di preparare il numero zero, e già ci ritroviamo ad impaginare il primo numero: sì, facciamo sul serio! Entriamo nel periodo più notoriamente caldo per iniziative ed attività, tutte riassunte nell’ultima pagina del periodico: tanti personaggi interessanti, associazioni da scoprire e comitati con cui collaborare. Il nostro impegno si sta facendo sempre più importante: GCS dopo essere entrata nel forum nazionale di “Salviamo il Paesaggio”, adesso fa orgogliosamente parte della Consulta Antifascista di Grugliasco e del “Comitato W la Costituzione” a rimarcare il nostro desiderio di operare sul territorio nel nome di quei principi scolpiti nel nostro Statuto. Nelle prossime settimane ci vedremo impegnati in parecchi incontri che verteranno su temi che riguardano tutti, perché imperniati in particolar modo sull’ambiente, con un occhio di riguardo a Grugliasco, e a cosa possiamo fare noi tutti per migliorare il luogo, l’aria e l’acqua di cui ci nutriamo ogni giorno. Sono argomenti che necessitano di conoscenza e preparazione, soprattutto per saperci difendere dai messaggi illusori che spesso e volentieri una certa propaganda rilascia a uso e consumo dei cittadini. Sono sicuro che tanti grugliaschesi come noi hanno la voglia e la necessità di comprendere e di capire come e cosa ognuno di loro può fare per migliorare le cose, esattamente come è successo nella serata inaugurale con Giulietto CHIESA. La curiosità dettata dalla necessità di abbattere il muro di “matrix” che ci circonda era palpabile e le domande che sono uscite quella sera ne sono state una dimostrazione. Sappiamo bene che un’affluenza del genere è legata ad un personaggio della caratura di Giulietto, ma sappiamo anche che adesso in molti sanno dove siamo, cosa facciamo e cosa vogliamo trasmettere. E non è poco. Sarà difficile ripetere quei numeri, ma non ci poniamo limiti. Come ho avuto occasione di dire quella sera, la nostra sede deve essere considerata come una CASA dove la

gente sa di potersi confrontare, ascoltare, rispettarsi e crescere. Gli argomenti da mettere al dibattito non mancano, uno su tutti: la Costituzione. La nostra necessità di aderire ad un comitato locale, che si rifà ad uno provinciale, è improntata alla difesa di quella Carta alla quale noi tutti dobbiamo guardare come una stella polare sociale, e senza la quale i nostri diritti non solo verrebbero messi in discussione, ma probabilmente verrebbero abilmente svuotati da meccanismi legislativi finalizzati a tal scopo. Con un colpo di mano le commissioni di Camera e Senato vorrebbero bypassare la norma costituzionale che ne regola le sue modifiche, con l’intento di forzare i tempi per cambiare la parte dell’organizzazione dello Stato prima di un’eventuale caduta di governo. Tutto questo è seriamente INACCETTABILE. Mai come in questo momento c’è stato tanto bisogno di mobilitarsi per far capire che nulla possono contro la nostra volontà, mai come in queste azioni si potrebbero finalmente riversare quegli stati di malessere e di frustrazione che angosciano molti di noi: nel nome della salvaguardia dell’integrità costituzionale ritroveremmo quel barlume di coscienza collettiva in questi ultimi tempi così drammaticamente sopito. Ognuno di noi ha almeno un motivo per dire BASTA all’ennesimo atto scellerato di una classe politica che ha deciso di rendere merce le nostre vite e di commercializzarle in Borsa. Chiunque si voglia ancora definire essere umano dotato di dignità ha il dovere di informarsi, organizzarsi e agitarsi. Noi abbiamo deciso che resisteremo a questa ingiustizia. FACCIAMOLO TUTTI INSIEME!


dal blog

La Costituzione è la nostra Via Maestra

C

he cos'è la Costituzione della Repubblica parlamentare italiana? È un insieme di principi immodificabili, e di prassi generali, su cui si fonda il nostro Stato e il nostro vivere quotidiano, che passa dalla divisione netta dei tre poteri fondamentali (legislativo, esecutivo, giudiziario) alla libertà di espressione e di circolazione. È, in sintesi, il patto (si potrebbe dire "il contratto") sociale condiviso che ci rende ognuno cittadino dell'altro, con gli stessi doveri e diritti, fondati entrambi su un principio di eguaglianza, libertà e rispetto. La nostra Costituzione è discendente diretta non solo della Resistenza antifascista, ma è anche nipote dell’esperienza della Repubblica Romana del 1849. Racchiude in sé la parte migliore dei 150 anni di storia italiana: il primo Risorgimento, con le tre guerre d'indipendenza, e il secondo Risorgimento, già citato, con la guerra di liberazione. È dunque frutto di grandi moti popolari, di molti sacrifici, sangue, profondi processi emancipatori, avanzamento culturale e conquiste sociali. Data la sua forza egualitaria e il suo essere baluardo dei diritti della persona e delle collettività, la Costituzione italiana è stata da sempre bersaglio di chi aveva interesse nel rendere più debole e meno consapevole l'individuo e le masse, nonché minare e decostruire le nostre radici civili. Ultimo, in ordine cronologico, quello a cui stiamo assistendo oggi, un attacco di una pericolosità mai vista, poiché portata avanti da una maggioranza schiacciante in Parlamento (ma de facto minoranza nel Paese) che trascina con sé un progetto di revisione di ben 69 articoli sul totale dei 139, praticamente metà. Il progetto di riscrittura profonda della Costituzione (in sostanza un'abrogazione) mira a modificare, innanzi tutto, il bilanciamento e la divisione tra i tre poteri fondamentali dello Stato,

2

spostando la bilancia del potere in favore di poche persone (il Governo) a scapito dell'Assemblea elettiva popolare (il Parlamento). Qualunque cittadino, che si riconosca come tale, dovrebbe insorgere al solo sentire che uno Stato di 60 milioni di persone è più efficiente se a decidere delle sue sorti sono una decina di persone invece che 900. Solo un cieco d'intelletto non vedrebbe all'orizzonte più prossimo la certezza della rapida perdita delle garanzie minime, come la libertà personale, di pensiero, d'espressione, d'aggregazione, con tutto ciò che ne potrebbe conseguire. Ecco qual è la portata del pericolo che oggi stiamo vivendo. Ed ecco perché, con grande forza, tanti cittadini da tutta l'Italia stanno gridando che la nostra Costituzione è LA VIA MAESTRA, fra questi i noti Don Ciotti, Rodotà, Landini. Gridiamo forte il fatto che noi ci riconosciamo appieno in essa e che questa debba essere applicata, resa viva nella sua attuazione, affinché, finalmente, la nostra Patria possa tornare ad essere quel fulgido esempio, aperto al futuro, che avevano sognato i nostri Costituenti. La Costituzione non ci è stata regalata e, una volta portata via, ci toccherà affrontare gli stessi sacrifici che hanno dovuto portare sulle spalle le generazioni passate. Per questo, sabato 12 ottobre, a Roma, ci sarà una grande manifestazione, alla quale GCS prenderà parte, per dire che questa Costituzione, figlia della nostra storia migliore, non può essere modificata da un Parlamento di nominati, che è privo di ogni credibilità e di sovranità, sia nella forma che nella sostanza. La nostra Costituzione va solamente applicata, seguendo quei principi teorici ma illuminati che, al momento della redazione, si tradussero in lettere. Sabato ne difenderemo l’integrità e l’essenza, come deve essere fatto e come, i nostri partigiani e i nostri Costituenti, avrebbero voluto che facessimo, tutti quanti insieme.


dalla biblioteca

GCS incontra Giulietto Chiesa

G

randissima partecipazione, sabato 21/09/2013, per il primo incontro dell’anno sociale organizzato con Giulietto CHIESA, tenutosi presso la nostra sede. Ringraziamo molto tutte le persone convenute, anche se, l'alta affluenza, ha costretto alcune di loro ad ascoltare buona parte dell'incontro appena fuori dalla nostra porta: siamo riconoscenti per la loro pazienza. L'iniziativa, che ha visto la collaborazione tra GCS e il laboratorio politico ALTERNATIVA, era incentrata sulla presentazione dell'ultimo libro del noto giornalista: "Invece della catastrofe - Perché costruire un'alternativa è ormai indispensabile". A raccogliere il nostro invito a partecipare alla serata anche Mauro Marinari, Sindaco di Rivalta, amministratore di un Comune dalla giunta illuminata, che ha voluto così omaggiarci anche lui con la sua presenza l'inizio della nostra stagione di incontri. L'oratoria di Giulietto Chiesa ha silenziato la sala per tutto il tempo del suo intervento: la crisi polisistemica, la corsa all'accaparramento delle risorse, i conflitti che ne seguiranno sono stati solo alcuni degli argomenti che hanno poi animato il dibattito succeduto. I moniti lanciati dall'autore del libro sono tutti riconducibili, fondamentalmente, ai principi che hanno sostenuto la nascita di GCS: si rende necessaria un'informazione approfondita, una seria e responsabile presa d'atto dello stato della situazione, cui prenda seguito un'organizzazione solida che preluda la necessaria agitazione. Senza questa sequenza di operazioni l'umanità, e l'Italia non ne è assolutamente esclusa, è destinata ad una sorte infausta.

E per poter cambiare, secondo il Presidente di Alternativa, non bisogna ricorrere ad un'inutile quanto avventata uscita dai circuiti europei, bensì con l'attuazione di un manifesto di stampo etico, che miri ad un piano legato alla diminuzione del consumo illogico e sfrenato, del prosciugamento delle risorse e dell'inquinamento ambientale e che punti invece al miglioramento dei ritmi/lavoro, all'equa distribuzione delle risorse fra i popoli e al riequilibrio del rapporto umano/ambiente, il tutto orientato verso un obiettivo unico, comune e irrinunciabile: la Pace. Le prospettive non ci lasciano uno spazio temporale così ampio da poter credere che alla fine arrivi qualcuno che risolverà ogni problema: questa volta più che mai tocca ad ognuno di noi impegnarsi in prima persona affinché non ci si trovi costretti a veder la nostra umanità spazzata via dall'accumulazione smodata e dal profitto speculatore. Come proclamato nei nostri documenti GCS è impegnata seriamente nell'affrontare questi temi e nel portare più persone possibili a sensibilizzarsi e ad attivarsi, perché lo riteniamo un nostro dovere. Un dovere che abbiamo nei confronti di chi ha lavorato finora per la nostra evoluzione, e verso chi verrà dopo di noi, affinché non si trovi a scontare colpe non sue. Non possiamo permetterci di non provarci. Aspettiamo Giulietto per altri incontri, in futuro: la nostra associazione è al fianco del suo impegno e della struttura di cui è responsabile. Dal canto suo sappiamo che lo animano i medesimi intenti nei nostri confronti. Gli associati di GCS, adesso, sanno di poter contare su un alleato in più.

UNA BIBLIOTECA A MISURA DI BAMBINO Dal 02 ottobre, tutti mercoledì dalle ore 17.30 si terranno i laboratori manuali per i bambini dai 2 anni in su. Il tema del mese di ottobre sarà Halloween. Creeremo insieme simpatiche maschere, buffi pupazzetti, fantasmini colorati, tutto con i materiali presenti in ogni casa. Il riciclo è la parola d’ordine! 02 OTTOBRE: confezioni delle uova di cartone – Ecco a voi zucche, pipistrelli e mascherine! 09 OTTOBRE: tubi di cartone – Buffi mostricciatoli, allegri pipistrelli e streghe monelle… 16 OTTOBRE: impariamo a fare le caramelle fatte in casa: tante ricette per pancine golose, ma sane! 23 OTTOBRE: sacchi neri e cartone - Ali di pipistrelli, cappelli e mantelli: cosa vuoi indossare? 30 OTTOBRE: FESTEGGIAMO INSIEME. Piccola festa di Halloween con dolcetti fatti in casa, letture a tema e qualche scherzetto!! Chiunque abbia piacere di portare carta e cartone, tubi dello scottex, bicchieri di plastica, confezioni delle uova e altro materiale riciclabile aiuterà i piccoli creativi a realizzare i loro progetti.

3


Calendario attività

Eventi Ottobre 2013 04 ottobre ore 21,00 SIRIA: GUERRA CIVILE O INVASIONE OCCIDENTALE? Un analisi interessante incentrata sula necessità di comprendere la vera natura del conflitto e quali siano le possibili soluzioni per un cessate il fuoco. Con ENRICO VIGNA e FLAVIO ROSSI del CENTRO INIZIATIVE PER LA VERITÀ E LA GIUSTIZIA

12 ottobre dalle ore 16,00 FACCIAMO FESTA PER “VIA MAESTRA” - Difendiamo la Costituzione festeggiandola. Dalle ore 16.00 alle ore 18.30 Laboratori e letture per bimbi dai 2 anni, approfondimenti sulla In occasione sarà offerto un piccolo buffet di dolci e salati fatti in casa.

16 ottobre ore 21.00 Giornata Mondiale della Alimentazione

ALIMENTIAMOCI PER UN MONDO MIGLIORE Quali sono le scelte alimentari da fare per poter far ben a se stessi, agli altri e al pianeta? Con Viviana Ribezzo responsabile Edizioni COSMOPOLIS

25 ottobre ore 21.00 NOTAV, NOMUOS, NODALMOLIN: perché NO? Le ragioni di un evoluzione sostenibile Interverranno: LUCA GIUNTI tecnico Comunità Montana e GIADA DI GIOVANNI Comitato torinese NOMUOS

TUTTI GLI INCONTRI SI TERRANNO PRESSO LA BIBLIOTECA POPOLARE “IL FAGGIO ROSSO” IN VIA LA SALLE 22 A GRUGLIASCO E SONO GRATUITI. Si ringraziano di cuore C.I.V.G., Viviana Ribezzo, Luca Giunti, Giada DI Giovanni per omaggiarci in maniera gratuita del loro lavoro.

Il 19 e 20 ottobre Grugliasco Comunità Sostenibile è stata invitata a partecipare alla Festa di Sezione dell’ANPI di Grugliasco presso il Circolo “NELLO FARINA” – via San Rocco 20. L’intervento da parte nostra è previsto per il 20 nella mattinata. Invitiamo tutti gli associati e i parteicpanti a partecipare a questo momento conviviale di antifascismo.

Grugliasco Comunità Sostenibile non ha accesso a fondi pubblici e deve la sua vita al lavoro volontario

L’Associazione offerto dai suoi associati e al tesseramento.

ASSOCIATI ANCHE TU, avrai la possibilità di usufruire della Biblioteca Popolare “Il faggio rosso”, accedere agli incontri che organizzeremo, partecipare ai corsi e quanto altro la nostra associazione, anche grazie a te, riuscirà a realizzare. Per informazioni: grugliascocomunitasostenibile.blogspot.it Grugliasco Comunità Sostenibile VIA LA SALLE 22 – GRUGLIASCO Lunedì, mercoledì, venerdì: 17.00-19.30/20.30-23.00 cell. 366/4178480– 338/4781359 - email: grugliasco.sostenibile@gmail.com


Gcs periodico 1 ottobre 2013