Page 21

lunedì 18 novembre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

VA L D I G N E

mont b lanc

21

■ la salle / Tanta gente, ma domande rimaste senza risposta all’incontro di venerdì sera

Folla per il Piano regolatore Giacomo MANGANO inviato a La Salle LA SALLE - A una settimana dall’approvazione del nuovo piano regolatore, i sallereins scoprono le novità edilizie di La Salle. A informare la popolazione ci ha pensato il gruppo dell’Union Valdôtaine Progressiste di La Salle che, venerdì 15, nella sala consiliare del comune ha organizzato un dibattito sulla nuova pianificazione territoriale comunale. Il piano, approvato definitivamente in consiglio comunale il 7 novembre non senza critiche, è stato adeguato alle disposizioni della legge regionale 11 del 1998 e ha recepito le modifiche apportate dagli uffici tecnici della Regione. «Ho votato contro l’approvazione di questo piano regolatore - spiega Corrado Beneyton, consigliere del comune di La Salle - è una questione politica, il documento inviato in regione conteneva un indirizzo politico di gestione del territorio e, malgrado l’impegno del sindaco - riconosce Beneyton , è tornato completamente stravolto». È stata, però, proprio l’assenza del primo cittadino e dei tecnici comunali, che avevano redatto

la versione proposta all’assessorato del Territorio e Ambiente, che non ha soddisfatto alcune domande dei cittadini che chiedevano le motivazioni tecniche su alcune scelte del piano regolatore appena approvato. Numerosi, infatti, i partecipanti alla serata, tra i quali anche l’assessore Franco Ottoz e il consigliere Margaux Bello-

ne, con parte dell’uditorio che ha dovuto seguire la serata anche in piedi, fatto che, tra la soddisfazione degli organizzatori, ha dimostrato l’interesse della popolazione per l’argomento. Critiche sia sui mancati obiettivi prefissati dal piano originario sia dal punto di vista politico sono state espresse da Laurent Viérin, consigliere

Una parte del pubblico intervenuta venerdì sera

■ pré-saint-didier / I cartelli indicatori indicano i posteggi liberi guidando l’automobilista

In cerca di parcheggio con i pannelli Tasmac Pré-Saint-Didier – Sono funzionanti dal mese di ottobre i pannelli indicatori installati nei tre ingressi principali al paese, nell’ambito del progetto Tasmac sulla mobilità urbana. I cartelli installati ai bivi con le strade per La Thuile, Courmayeur e Morgex, indicano i posteggi liberi disponibili guidando l’automobilista vero il parcheggio. «I posti auto a Pré-SaintDidier sono 472 – spiega il sindaco Alessandra Uva – 280 di questi, in quattro parcheggi diversi (posteggio coperto delle Terme, Cuffion coperto, piscina e Cordero Lanza) sono monitorati. Sempre nel-

I pannelli all’ingresso del paese

l’ambito dello stesso progetto abbiamo posizionato anche due “Info città” che daranno informazioni sulla viabilità e informazioni utili agli auto-

mobilisti e ai pedoni». Nel mese di dicembre, inoltre, partirà la sperimentazione post-operam sull’azione congiunta del sistema di infomo-

bilità (pannelli a messaggio variabile) e del sistema di navetta. «Saranno nuovamente monitorati i parametri ambientali di qualità dell’aria e rumore connessi ai flussi di traffico transitanti nel centro paese – spiega il sindaco -. Si potranno quindi confrontare i dati acquisiti prima del modello Tasmac e verificare la bontà delle azioni messe in campo». Sarà inoltre possibile prenotare il proprio parcheggio on line dal sito internet del Comune e da quello delle terme grazie a un software creato ad hoc per il progetto. ■ e.d.

regionale, che si chiede quale sia «il limite tra la discrezionalità tecnica della pianificazione territoriale regionale e l’indirizzo politico che l’amministrazione comunale vuole dare al proprio territorio. Sembra una forma di ingerenza - chiosa l’ex assessore - che va oltre il parere tecnico e che spesso non è suffragata da motivazioni tecniche».

Valdigne Mont-Blanc Flash

La Thuile, senso unico per asfaltatura

Proseguirà fino a mercoledì 27 novembre il senso unico alternato istituito sulla statatle 26 tra i km 144,168 e 146,500 per consentire lavori urgenti di manutenzione straordinaria sulla pavimentazione stradale. La limitazione sarà in vigore solo nei giorni feriali. Pré-Saint-Didier, Capodanno alle Terme Anche quest’anno le Terme di Pré-Saint-Didier organizzano un Capodanno speciale tra i vapori delle acqua termali. La quota di partecipazione è di 190 euro. Dress code: costume da bagno. Sarà invece necessario l’abito da sera per il Cpaodanno al Qc Terme Resort (150 euro). Prenotazione anticipata.

■ courmayeur / Respinta la mozione della minoranza sulla sentenza del Tar

Nelle mani del Consiglio di Stato

Un momento del Cosniglio comunale di giovedì 14

Courmayeur - É arrivata fuori tempo massimo la mozione della minoranza che impegna il sindaco e l’amministrazione comunale di Courmayeur a chiedere l’immediata sospensione della sentenza del Tar -che contesta due deliberazioni sulle norme tecniche di attuazione-, ad annullare i provvedimen-

ti contestati, valutare l’eventuale decadenza dell’attuale piano regolatore, riavviare la procedura seguendo l’iter corretto e di rinunciare al ricorso al Consiglio di Stato. Ricorso che il sindaco, Fabrizia Derriard, ha presentato il 21 ottobre. A onor del vero una prima

istanza della minoranza era già stata presentata ma non ammessa perché non corretta nelal forma, «bastava una telefonata per dirci cosa mancava e avremmo integrato» è l’osservazione di Raffaella Roveyaz, ma i consiglieri di minoranza hanno ritenuto comunque importante presentarla in Consiglio comu-

■ courmayeur / Prosegue la rassegna dedicata ai Jeunes d’Antan del paese, sabato 23 la festa dei coscritti con i nonni

Le Montagne si tingono d’Argento anche nel 2014 courmayeur - Giunge al quinto anno Montagne d’Argento, il ciclo di appuntamenti che l’assessorato alle Politiche sociali dedica a chi ha ormai i capelli d’argento. Un’iniziativa di successo con un nutrito numero di anziani che segue attivamente i vari appuntamenti in calendario. Il via all’edizione 2013/2014 lo aveva dato la castagnata di ottobre con i bambini dell’asilo nido, il primo degli appuntamenti di “Nonni al Nido”. Sabato prossimo è in programma la Festa dei Coscritti con i Nonni con la cerimonia in municipio alle 17 e l’aperitivo al circolo ricreativo. A seguire sono in calendario gite al mercatino di Natale di Annecy (1° dicembre), il pranzo di Natale organizzato dai commercianti di Courmayeur (18 dicembre), la tombolata della Befana (6 gennaio), la visita al Castello Gamba nel mese di marzo, una gita di tre giorni in Maremma, in Fran-

ciacorta, all’Acquario di Genova e al Mercatone dell’antiquariato a Milano. A inframezzare le uscite gli appuntamenti con i bimbi dell’asilo nido con i quali porteranno avanti un laborato-

rio di recupero dei materiali per concludere nel mese di luglio con la realizzazione dell’orto e il pranzo con i prodotti coltivati. Le iniziative sono rivolte a tutti gli ultresessantacinquenni,

con priorità per i residenti di Courmayeur e della Valdigne. Sempre dedicati agli anziani sono i pomeriggi al centro ricreativo, da novembre a maggio, che prevede al martedì

un pomeriggio in cucina, il mercoledì ricamo, cucito e bricolage, il giovedì giochi di società, il venerdì incontri culturali e il sabato pomeriggio per le attività libere. ■ r.g.

Pré-St-Didier, bimbi delle elementari a lezione in stalla

I bambini di 1ª, 2ª e 3ª elementare in visita all’azienda agricola cooperativa Palver di Pré-Saint-Didier; Maura Mochet e Cyrille Chevalier hanno illustrato loro la stalla e le varie operazioni di cura degli animali. Tutti i bimbi hanno avuto in dono uan bottiglia di latte appena munto

nale, riunitosi giovedì scorso, perché «questo è il luogo deputato per discuterne. Il Consiglio ha delle competenze, in particolare sul piano regolatore, ed è giusto rispettarle». «Ci tengo a precisare che non sono state violate le competenze del Consiglio – ha replicato il sindaco Fabrizia Derriard -, abbiamo individuato più che validi motivi per appellarci al Consiglio di stato, legittimamente il sindaco ha dato mandato a un avvocato e abbiamo già presentato il ricorso con richiesta di sospensiva. Al momento si sta percorrendo questa strada». Sospensiva che potrebbe arrivare entro un mese, mentre il Consiglio di stato per pronunciarsi, ha ricordato il consigliere, e avvocato, Alessandro Quagliolo, potrebbe anche metterci un paio di anni. Qualora, invece, la sospensiva non venga accolta, i tempi si allungherebbero ulteriormente fino a circa 7 anni per arrivare a una sentenza. Derriard e Quagliolo respingono al mittente la mozione anche per il fatto che «è fuorviante. Non ci sono normative illegittime, stiamo operando seconda la normativa vigente (adesso il piano regolatore precedente il 2007, ndr) e le concessioni rilasciate sono perfettamente legittime». «Il nostro interesse – conclude il capogruppo di minoranza, Raffaella Roveyaz – è che di questo tema si parlasse attorno a questo tavolo». ■ Erika David

Gazzetta Matin del 18 novembre 2013  

Versione sfogliabile del settimanale Gazzetta Matin

Advertisement