Page 19

lunedì 18 novembre 2013

ao s ta

19

■ appalto / Il servizio di asporto dei cumuli non è compreso nel bando aggiudicato a nove aziende

NEVE, sgombero da 700 mila euro

Primi fiocchi venerdì in città e prima uscita delle lame nella zona di Arpuilles dove si sono depositati 15 cm aosta - La ‘macchina-neve’ del comune di Aosta è pronta, dopo il primo test positivo di venerdì scorso. Mentre in città cadevano i primi fiocchi, nella zona di Arpuilles, i 15 centimetri accumulati hanno infatti reso necessario il passaggio dei mezzi spartineve. «I mezzi dotati di lame sono intervenuti nelle frazioni al di sopra di quota mille metri per rimuovere dalle strade i primi accumuli nevosi senza alcuna criticità – ha commentato il vice sindaco Alberto Follien. Il servizio di sgombero neve è frutto del rinnovo di un appalto triennale che interessa la stagione in corsa e quella 2014/2015 e 2015/2016 – commenta – garantito dal primo novembre al 30 aprile. Il territorio comunale è diviso in dodici zone (Zona A, Arpuilles-Excenex; Zona B, Signayes-Vignoles; Zona C, collinare Pléod; Zona D, collinare Porossan; Zona E, quartiere Cogne; Zona F, Saint-Martin-de Corléans e impianti sportivi; Zona G, quartiere Dora; Zona H, circonvallazione nord e sud; Zona I, centro storico-Croix de Ville; Zona L, centro storico sud; Zona M, centro città e Zona N, vie principali) alle quali lavorano nove imprese (Due strade srl, Edil Alex, Futura Costruzione in associazione temporanea di im-

Neve in città lo scorso anno e nel riquadro Alberto Follien

presa con Giovinazzo, Rosalia Charbonnier & figli, Val Pavé in ATI con Levit, impresa Russo, Micron, Agrindustria e Mochettaz); «alle aziende sono affiancate squadre comunali di operai – una dozzina circa – che si occupano del centro storico – spiega il pro sindaco. Il ‘solito’ avvertimento è valido anche per la stagione invernale in corso: è perfettamente inutile tempestare di chiamate il centralino del comune o della polizia locale;

■ verso natale / Sono iniziati i lavori di posa dei decori in 31 vie e piazze e in otto rotonde

Sobrietà, ma le luminarie si accenderanno aosta - Sono iniziati giovedì gli interventi di posa delle luminarie natalizie che abbelliranno le vie e piazze nel periodo natalizio. Le operazione di installazione e montaggio delle collane luminose avverrà in orario notturno dagli operatori della ditta Centro Luminarie Metal Lux srl di Cumiana, la stessa che lo scorso anno e quello precedente si è occupata delle decorazioni delle oltre 30 vie interessate e della facciata della casa comunale. «Il momento di difficoltà socio-economica permane ed sotto gli occhi di tutti – commenta il pro sindaco Alberto Follien – la Giunta ha ritenuto dare un segnale in questo senso, investendo perchè la città si presenti viva e attraente, nell’ottica di promozione e valorizzazione turistica del capoluogo, pur con sobrietà». Saranno 31 le vie e piazze abbellite,

mento di tre alberi di Natale, in piazza Chanoux, piazza Salvadori e piazza Roncas. Le luminarie impiegate sono a led, a luce bianca, «semplici, eleganti e con appalto complessivo di 80 mila euro». L’intervento interesserà le vie Aubert, De Tillier, Croce di Città, Porta Praetoria, sant’Anselmo, Martinet, Angioletti e renne alla rotonda dell’ospedale Parini Ponte Romano, Sant’Orso, Xavier de Maistre, Chamoltre alle otto rotonde (corso Batta- béry, Festaz, Vevey, Ribitel, Conseil des glione, viale Partigiani, strada Para- Commis, Gramsci, Losanna, Trottevera, viale Ginevra, strada della Con- chien, Challand, De Sales, Lexert, Consolata, Arco d’Augusto, via Clavalité e te Crotti, Ex Prato Fiera, Torino, Lys, via Monte Grivola) decorate con cor- Chabod, Hotel des Etats, corso Ivrea, pi luminosi a forma di renne, angio- Saint-Martin de Corléans, Battaglione letti, fiocchi e pacchi dono. Nell’appal- e le piazze Chanoux, Roncas, Battaglioto rientrano anche la posa e l’abbelli- ne Cervino e piazza Salvadori.

«le imprese che si sono aggiudicate i lavori hanno l’obbligo di intervenire entro 30 minuti dalla chiamata dei responsabili del comune e comunque in presenza di un accumulo di neve di almeno 10 centimetri – per quantità inferiori le lame non possono operare». Compito delle aziende sarà anche quello di pulire le fermate dei bus e le aree mercatali e, nel caso di precipitazioni nevose straordinarie, anche delle aree pubbliche e di pertinenza di edifici comunali. La pulizia dei percorsi pedonali e dei marciapiede e lo spargimento del sale antigelo sono affidate alla Quendoz Services Ecologiques che si occupa del servizio di igiene urbana nel comune capoluogo (tranne nelle zone A e B della città). «I mezzi dotati di lama si occupano dello sgombero neve – commenta Follien – altra questione è l’asporto dei cumuli di neve – servizio questo non oggetto dell’appalto e che, com’è noto, assorbe risorse economiche importanti e ha una gestione complessa, visto che è effettuato in orario notturno e che non tutte le tipologie di mezzi possono entrare nel centro storico». Per ogni stagione invernale, il comune capoluogo ha impegnato la somma di 700 mila euro. ■ c.t.

Gazzetta Matin del 18 novembre 2013  
Gazzetta Matin del 18 novembre 2013  

Versione sfogliabile del settimanale Gazzetta Matin

Advertisement