Issuu on Google+

SERRAMENTI & PORTONCINI

Claudio Bruna

Direttore: LUCA MERCANTI

Consulente tecnico commerciale cell. 346 6245983 claudio.bruna@alpifenster.it - www.alpifenster.it

ANNO XII - N° 43

www.gazzettamatin.com www.newsvda.it

Poste italiane. Spedizione in A.P.D. L.353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1. DCB Aosta

lunedì 7 ottobre 2013 Tel. 0165 231711 centralino segreteria@gazzettamatin.com

SETTIMANALE INDIPENDENTE DI INFORMAZIONE, POLITICA, CULTURA, SPORT

EURO 1.50

www.montebianco.com info@montebianco.com

DAL 9 SETTEMBRE AL 3 NOVEMBRE 2013

Funivie Monte Bianco prezzo speciale euro 20,00 per tutti i residenti della Valle d’Aosta per il biglietto A/R La Palud-Rifugio Torino e ancora per i buongustai sconto di del 10% sul pranzo al ristorante del Pavillon.

VDA news: vieni a visitare il nuovo quotidiano online www.newsvda.it

■ CASINÒ / Deciso «no» dei sindacati ai 145 esuberi tra casa da gioco e hôtel

«VENDEREMO CARA LA PELLE»

L’Azienda: «le lungaggini sull’accordo pregiudicherebbero ulteriormente il possibile rilancio proprio al termine del processo di innovazione» Editoriale

Un nuovo modello di sviluppo di Luca MERCANTI blocco delle domande di Iperlcontributo a fondo perso i valdostani è come un

pugno allo stomaco. Noi che siamo stati abituati a chiedere e ottenere - chi più, chi meno - denaro un po’ per tutto, adesso ci vediamo negato, giocoforza, quello che in virtù dell’autonomia e della ricchezza economica che ne derivava, credevamo si fosse (pericolosamente) trasformato in un diritto acquisito. E eliminare un diritto acquisito si sa (la trattativa sui tagli al Casinò ne sono un esempio) è assai complicato. Con la ritrovata stabilità politica, la Valle d’Aosta potrebbe ricevere buone notizie dal governo centrale in merito a Patto di stabilità e federalismo fiscale, il che significherebbe sbloccare l’attuale situazione e rifiatare. Ma certezze non ce ne sono. I tempi di vacche molto grasse, ci hanno permesso di fondare un modello di

sviluppo basato sulla dipendenza, con una società che oggi soccombe di fronte ai problemi dello Stato, perché non è stata capace di creare autonomia interna a livello economico. Quanto sta accadendo suona non solo come un semplice campanello d’allarme. Siamo di fronte a un cambio epocale. Il modello che ha retto fino a qualche anno fa, tra l’altro molto criticato da qualcuno, ma di cui abbiamo beneficiato davvero tutti, dobbiamo dimenticarcelo. La Valle necessita di un nuovo modello di sviluppo, basato sul fare e sulla meritocrazia, che allontanerebbe l’odioso dubbio sul voto di scambio e cancellerebbe qualsiasi forma di assistenzialismo. Per arrivare a questo è necessaria una rivoluzione culturale. Rivoluzione di cui le forze politiche, se vogliono riacquistare la fiducia dei cittadini, si devono fare promotrici, dando loro il buon esempio. E non solo a parole

PER LA PUBBLICITÀ LG PRESSE

-

SAINT-VINCENT - «Venderemo cara la pelle». Tuonano le sigle sindacali alla vigilia di un un incontro con i vertici della Resort & Casinò di Saint-Vincent, fissato per mercoledì 8, che si annuncia ad alta tensione. I sindacato dicono «no» al piano dell’Azienda, intenzionata ad accompagnare in pensione nei prossimi tre anni 145 dipendenti, per risparmiare 12 milioni di euro. Al «no» dei sindacati, l’amministratore unico, Luca Frigerio, dice che «ulteriori lungaggini sull’accordo pregiudicherebbero ulteriormente il possibile rilancio proprio al termine del processo di innovazione». ■ a pagina 13

SERVIZIO a PAGINA 25

In mille ad Arrancare

■ MICROCOMUNITÀ / Arvier e Cogne

A rischio chiusura

CALCIO

Ko Vallée d’Aoste e Charva, pari Aygre ■ da pagina 49

TSAN

Terence Tessarin è lo Champion d’Auton ■ a pagina 68

AOSTA - Le microcomunità di Arvier e Cogne, ovvero le due più piccole della Comunità montana Grand Paradis, sono a rischio chiusura. A confermarlo è il presidente della Comunità montana, Bruno Domaine, il quale non nasconde le difficoltà economiche e la necessità di un taglio alle spese di gestione e funzionamento delle strutture socio-assistenziali per anziani sul territorio.

TEL:

■ a pagina 29

0165.1845110 CELL: 366.6174591 - EMAIL: M.HENRY@LGPRESSE.COM


2

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


1P °

PRIMO PIANO

lunedì 7 ottobre 2013

L’associazione nazionale carabinieri cotna 35 iscritti

3

Valle d’Aosta Motor Sport, 34 aderenti

■ EVENTO / In piazza Chanoux, la Giornata delle associazioni di volontariato di Protezione Civile

Chiamateli «angeli dell’emergenza» L’alluvione che nel 2000 mise in ginocchio la nostra regione ha ‘segnato’ molti gruppi di bénévoles Alessandra BORRE inviata in piazza Chanoux AOSTA - Per una regione piccola, territorialmente parlando, come la Valle d’Aosta, il panorama del volontariato di emergenza è assolutamente notevole; sono otto infatti le associazioni attualmente convenzionate con la Protezione Civile regionale, per oltre 230 volontari. L’associazione nazionale dei Carabinieri fa parte, per statuto, anche della protezione civile nazionale e conta collaborazioni soprattutto con gli enti pubblici locali e le pro loco per quel che riguarda il servizio d’ordine nelle manifestazioni pubbliche; i compiti degli iscritti sono principalmente di titpo logistico, ma in più sono autorizzati a effettuare mansioni di vigilanza, come già successo nelle tendopoli durante le emergenze in Emilia. Fanno parte della colonna mobile regionale l’associazione Valle d’Aosta Motorsport e i Volontari del Soccorso della Valpelline; i primi mettono a disposizione mezzi specifici e l’esperienza in caso di situazione di emergenza e calamità, fiori all’occhiello dell’associazione sono l’unità mobile di potabilizzazione, utilizzata nel caso in cui salti la rete idrica, ad esempio in caso di terremoto, e il gruppo elettrogeno da 30KWA. Con 82 iscritti, i volontari del Soccorso di Valpelline sono il gruppo più numeroso presente in Valle d’Aosta. All’associazione della Comunità Montana Grand Combin sono stati affidati il Modulo telecomunicazioni di emergenza e il Modulo segreteria e comando della colonna mobile regionale. L’associazione della Coumba Freida nasce nel 1993 con il solo obiettivo di garantire il servizio sanitario nella Valpelline; dopo l’alluvione del 2000 esce dai suoi tradizionali confini e partecipa ad attività in tutta la regione. L’alluvione del 2000 ha segnato la storia di molte di queste associazioni, tra le quali il Gruppo comunale di Verrès, vera attrattiva della giornata di sabato 5 ottobre in piazza Chanoux, grazie al gommone da rafting, di cui è dotato, installato ai piedi dell’Hôtel de Ville di cui hanno beneficiato i bambini divertiti e incuriositi. Il Gruppo della Bassa Valle si è istituito nel 2001, a seguito del cataclisma che colpì la regione ed è dotato di due idrovore per svuotare cantine e bacini acquei più ampi. Nell’ambito dell’attività di recupero e ricerca in ambiente acquatico la Valle d’Aosta può vantare il Gruppo Sommozzatori VdA completamente composto da istruttori con brevetto ed è la prima associazione nella regione ad intervenire in caso di dissesto idrogeologico.

Corteggiatissimo il gommone del Gruppo di Verrès che conta 23 volontari

Giuseppe, Roberto e Marco, Gruppo Sommozzatori, 24 volontari

Pietro, concentrato, sul gommone

Patrizia e Franco, Volontari del Soccorso della Valpelline, 82 iscritti

Salvatore, Angelo e Federico del Gruppo di Verrès

In Salita

Un giretto in compagnia sul quad dell’Unità Soccorso e Ricerca Courmayeur che conta 12 volontari

PIERO FLORIS

Presidente Alpe

HENRI CALZA

Sindaco Châtillon

Logisti dell’associazione Psicologi per i popoli, Adriana, Adolfo e Ugo; il gruppo conta una trentina di volontari

Di tutt’altra natura, ma comunque estremamente importante,il lavoro svolto dall’associazione Psicologi per i Popoli, che ha operato sia in Abruzzo, sia in Emilia

e fornisce supporto psicologico in seguito a eventi traumatizzanti grazie a una squadra di psicologi supportati da logisti che ne garantiscono l’organizzazione.

TERENCE TESSARIN

Giocatore rebatta

In Discesa Il momento per la Valle d’Aosta e la politica in genere è delicato e il compito a cui è chiamato il nuovo presidente di Alpe non è sicuramente semplice. A lui e ai rinnovati vertici l’augurio di buon lavoro della redazione. Accogliendo una mozione di Autonomie communale, non sostituisce l’assessore dimissionario (Jean-Claude Daudry) e in pratica risparmia circa 10 mila euro. Una cura dimagrante che di questi tempi è ben accetta. Dopo aver conquistato il campionato individuale primaverile e sfiorato (“bicca” all’ultimo tiro) lo Champion d’été, si laurea Champion d’auton, a confermare, se ce ne fosse ancora bisogno, di essere l’uomo da battere della specialità.

VIVENDA Società di produzione di pasti

FIS Federazione internazionale sci

ALBERTO LUPPI

Allenatore Val d’Ayas Calcio

Nuove critiche al servizio mensa del Comune di Aosta, soprattutto dal mondo della scuola. E genitori infuriati per una comunicazione “fantasma” di una riunione. Come dire: anno nuovo, problemi vecchi. Per La Thuile doveva essere il gioco del «sì» o del «no» alla Coppa del Mondo di discesa libera, invece i commissari della Fis hanno dato l’ok solo per le strutture, tranne che per la pista. Prima vogliono provarla con la neve. Pensavano forse che si potesse sciare a ottobre? Un punto in quattro partite e per giunta due derby persi in casa di seguito. Infatti, dopo lo 0-4 con il Grand Combin, è arrivato lo 0-2 con il Sanson. Al mister il compito di dare una scossa ai suoi ragazzi, partiti davvero male.


1P °

primo piano

4

lunedì 7 ottobre 2013

■ produzione / Quest’anno si raccoglie una nuova varietà, la Crimson Crisp; ai conferitori, la Cofruits corrisponde in media 60 centesimi al kg

IMPERFETTA ma SANA, altro che MELA di Biancaneve! saint pierre - Buone, gustose, magari con qualche piccolo difetto di buccia, «ma le nostre mele sono sane; il 99,9% non ha alcun residuo rispetto a trattamenti chimici antiparassitari e simili». Attilio Fassin è il presidente della Cofruits di Saint-Pierre che raccoglie circa il 60-70% della produzione totale dei frutti nella nostra regione. «Produzione difficile da quantificare – spiega, ci sono piccoli produttori e privati che sfuggono alla ‘conta’ – possiamo comunque ipotizzare ogni anno circa 7mila500/12 mila quintali di frutti. Quest’anno la raccolta è stata ed è tardiva e piuttosto abbondante; si avvìa alla conclusione la raccolta delle renette che ha fatto segnare un ritardo di ma-

turazione di almeno venti giorni. Si è già conclusa la raccolta della varietà Gala; ora cominceremo le Golden e poi la Fuji. La Golden è la varietà più presente, circa 6/7 mila quintali; segue la Renetta, 3 quintali circa, poi la Gala, circa 5/600 quintali e il restante sono Jonagold, Fuji e altre qualità». All’appello quest’anno è presente la Crimson Crisp, «una varietà nuova, che resiste ai funghi e ai parassiti ed è autodiradante. La pianta è cioè resistente a ticchiolatura e difetti dovuti all’umidità e ‘sa’ quanti frutti può far crescere, facendo cadere quelli in esubero. Non si tratta di modifiche di laboratorio – tiene a precisare Fassin – ma di una caratteristica scoperta negli anni ‘50 su un melo selvatico caratterizzato da frutti molto piccoli; bhè sol-

Attilio Fassin, presidente Cofruits

tanto nei primi anni 2000 si è riusciti a trasferire questa proprietà su porta innesti e oggi abbiamo frutti di calibro commerciabile».

Come si selezionano le mele? «Chi conferisce le mele si attiene a un disciplinare di produzione molto rigoroso; i conferitori compilano un’autocertificazione, poi la cooperativa consegna i contenitori per la raccolta e attraverso un istituto di Cuneo vengono effettuati due tipi di analisi, per accertare l’assenza di residui chimici di anticrittogamici. I frutti vengono scelti a seconda della dimensione, del colore e dei difetti di buccia. «La selezione delle mele avviene attraverso una macchina che sceglie a seconda del calibro e del colore; il lavoro del macchinario è integrato dal lavoro manuale di alcuni dipendenti». Prezzi? «Naturalmente il prezzo riconosciuto a chi conferisce dipende dal ca-

libro e da eventuali difetti della buccia. La media si aggira sui 60 centesimi al kg, che può arrivare anche a 90 oppure a 20 centesimi; nel punto vendita, il prezzo all’ingrosso varia quotidianamente». I valdostani scelgono la qualità o guardano l’aspetto estetico dei frutti? «Ahimé è ancora prevalente l’aspetto estetico, si preferisce il frutto pressoché perfetto, lucido e senza alcun difetto di buccia, non pensando però che dietro quella buccia si nascondono trattamenti chimici». La varietà preferita dai valdostani? «Senza dubbio la renetta, per le sue molteplici qualità, dalla cucina alla cosmesi». ■ Cinzia Timpano

■ gressan / Prima edizione della Festa delle Mele nel borgo

Pommes au village in rodaggio Frédy PASCAL inviato nel borgo Gressan - Come da piano, domenica 6 ottobre, la manifestazione Pommes au village, è sbarcata in centro paese alle 10, dove la popolare Festa delle mele ha preso vita animata da tanti espositori, musica e intrattenimento. Ad accogliere i visitatori in arrivo con la navetta gratuita da Les Iles, davanti alla scuola del paese - inizio dell’ideale percorso - le maestre e le mamme dei bambini che hanno offerto dolci e frittelle di ogni genere ed esposto le produzioni dei piccoli allievi. «Il progetto di poter realizzare la Festa delle Mele all’interno del paese è stata un’idea per poter far vivere maggiormente il borgo, di farla conoscere meglio - spiega il presidente della Pro loco Massimiliano Martinet -; abbiamo dovuto fare un’accurata selezione degli espositori per riuscire a ottimizzare gli spazi. Infatti, la zona a nostra disposizione si è ridotta, in quanto l’area verde, dove gli anni scorsi si teneva la festa, era molto più vasta. In questo modo vogliamo venire a contatto direttamente con le persone, proponendo Gressan come centro di iniziative che va incontro ai residenti e ai turisti. A causa delle novità è stato molto difficile organizzare l’eventoquest’anno; un esempio lo possiamo vedere con la pianificazione delle navette messe a disposizione, così da riuscire a garantire agli ospiti una piacevole visita». Il programma della giornata, vasto e carico di proposte, iniziato alle 10 con la presentazione degli espositori e del mercatino di prodotti tipici e artigianali, si è sviluppato durante tutta la giornata con estrazioni a premi per i frutticoltori ad aggiudicarsi un buono acquisto Giuseppe Berlier, Clément Desaymonet e Luciano Bisson -, un mini-laboratorio di falegnameria indirizzato ai bambini e con la conferenza “Le mele tra salute e bellezza” del naturopata Enrico Bernero. Interessanti e molto apprezzate sono state le due mostre all’interno della pale-

Da sinistra: Giuseppina Curtaz, i piccoli Gilles e Martina della scuola dell’infanzia, i visitatori e nel riquadro il presidente

Giuseppe Berlier

Il banchetto delle scuole dell’infanzia e lo stand della Cofruit

La produzione di Anito Viérin

Da sinistra: Erik Tognan e l’azienda Les Fruits de Tchien di Munier Joseph

stra: “Mela Creativa”, esposizione dei disegni dei bambini della scuola e la mostra-concorso, con l’esposizione dei cesti, presentati in diversi modi creativi, dei partecipanti. «Il trasferimento è stato molto apprezzato – conclude Martinet – sperando che l’anno prossimo questo evento sia ancora più grande e ancora più di qualità, come è sempre stato».

Louis e Cinza dell’azienda Agricola La Cort


lunedĂŹ 7 ottobre 2013

5


1P °

PRIMO PIANO

6

lunedì 7 ottobre 2013

■ DONNAS / Archiviata con successo la 47ª edizione

SAGRA dell’UVA É di Renato Vaccari il Grappolo d’Oro Adesso spazio alla festa dei ricci delle castagne Dall’alto le bande di Donnas e Ardenno, Enrietti Bortolotto prepara le miasse; qui a sinistra i coscritti del 1996; in basso alcune delle fotografie in mostra, la premiazione di Renato Vaccari e la scelta dell’uva

Francesca JACCOD inviata a Donnas DONNAS - �� una buona annata, anche se non eccezionale, quella che i vignerons della bassa Valle inizieranno a vendemmiare fra una quindicina di giorni. La raccolta è stata anticipata dalla tradizionale Sagra dell’Uva di Donnas, giunta alla 47ª edizione e svoltasi da venerdì 4 a domenica 6 ottobre in località Outrefer. Un’occasione di festa e divertimento per chi lavora in vigna tutta l’estate, ma anche per fare un bilancio sullo stato di salute dell’agricoltura della zona. «Affrontiamo tre grandi problemi - ha detto il sindaco di Donnas, Amedeo Follioley -. La mancanza di ricambio generazionale, un territorio agricolo più difficile da lavorare rispetto ad altri limitrofi e i danni portati dalla fauna selvatica, come i cinghiali, che stanno diventando un problema». Le opportunità per Donnas si chiamano fondi europei e Piano di sviluppo rurale, temi su cui l’Assessore regionale all’agricoltura e risorse naturali Renzo Testolin assicura «grande attenzione per il futuro». La festa dell’uva premia anche i migliori vignerons della zona, in tre categorie (uve bianche, nere e uve Nebbiolo) rappresentate da circa un centinaio di piccoli produttori. Nella competizione più prestigiosa, quella dedicata alla categoria Nebbiolo, si è imposto il vicepresidente delle Caves Cooperatives di Donnas, Renato Vaccari, vigneron da 40 anni. «Questo è un riconoscimento frutto di impegno, lavoro e condiviso con la famiglia», ha spiegato dopo la premiazione, visibilmente emozionato. L’incanto delle uve, per un ammontare di circa 200 quintali, è stato aggiudicato da Lucio Bosonin di Donnas, andando così a sostenere con il ricavato l’attività della Pro loco. «Questa edizione della Sa-

gra dell’Uva è stata ottima - dice il presidente Fabrizio Curti -. Il tempo ci ha graziato e c’è stata grande partecipazione. Al pranzo della domenica abbiamo servito 290 coperti, mentre alla cena enograstronomica del sabato hanno partecipato ben più di 300 persone: la Pro loco di Pianella, il Comune con cui Donnas è gemellato da 30 anni, ha portato in Valle circa 1000 arrosticini che sono andati a ruba». La Pro loco di Donnas ha da tempo avviato una collaborazione con gli altri sodalizi della zona, come quelli di Pont-Saint-Martin e Hône. «Basta campanilismi», dice Fabrizio Curti, che presen-

ta anche l’iniziativa “La Pro Loco cerca amici”: chi fosse interessato a dedicare anche solo alcuneore alle attività della Pro loco senza

necessariamene entrare a farne parte, può telefonare al 329 2156662 oppure scrivere all’indirizzo email info@prolocodonnas.it. A Don-

nas l’Uva passa la mano a un altro frutto autunnale: il prossimo fine settimana a Outrefer si festeggerà la Sagra della Castagna.

Tutti i premiati alla 47ª Sagra dell’Uva PREMIAZIONE UVE NEBBIOLO

1° posto ( Grappolo d’Oro) RenatoVaccari 2° Rita Vuillermoz 3° Bonin Alberto (Arnad) 4° Caves Cooperatives de Donnas 5° Felice Dalbard 6° Amedeo Follioley 7° Raymond Dalbard 8° Elso Chenuil 9° Celestino Jaccod 10° Alessandro Jans 11° Lucio Bosonin 12° Luigi Bonel (Montjovet) 13° Ferdinanda Chenuil 14° Ercole Bosonetto (Pont-Saint-Martin) 15° Claudio Dalle PREMIAZIONE UVE ROSSE

1° Claudio Dalle 2° Giovanni Jaccod 3° Piero Dalle PREMIAZIONE UVE BIANCHE

Molti i visitatori della mostra

1° Franco Bonel (Arnad) 2° Giovanni Follioley 3° Amedeo Follioley


7

lunedì 7 ottobre 2013

Dal 01/10 al 31/10

esposizione su alcuni prodotti esposti

SCONTI

dal 30% al 70% a a

a r r e d a m e n t i

Loc. Grand Chemin16 /11020 Saint-Christophe / www.casapiuarredamenti.it / Tel. 016540293-236795

© 2013

RINNOVO


8

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


1 P ■ Quart a pià/ Pienone per la passeggiata enogastronomica °

primo piano

lunedì 7 ottobre 2013

9

Piace il menù in collina Giulio GASPERINI inviato a Villefranche QUART - «La prima edizione di Quart a pià si tenne nel 2001 e i partecipanti furono un centinaio; oggi, tredici anni dopo, siete in 700, divisi in quattro gruppi». L’alpino Elio racconta così com’è nata la manifestazione alle persone del quarto e ultimo gruppo, in partenza per la passeggiata enogastronomica in barba alla meteo incerta di domenica 6 ottobre. «L’iniziativa nacque con l’intento di far conoscere il territorio di Quart ai concittadini stessi, ma nel corso degli anni l’interesse si è esteso e oggi abbiamo partecipanti da tanti luoghi d’Italia; persino, quest’anno, dalla Svizzera!». La passeggiata si sviluppa lungo un percorso di sette tappe, dagli aperitivi ai dolci e caffè, tutto cucinato con estrema bravura da Pro Loco e dalla sezione degli Alpini di Quart. Come duplice intento quel-

A sinistra: il gruppo di alpini e volontari della Pro loco addetti alla fermata dei primi piatti

lo sia di far conoscere le bellezze paesaggistiche della collina di Quart sia di far apprezzare quelle gastronomiche e vinicole della regione. Il menù, tenuto segreto dall’organizzazione fino alla partenza, comprende vari piatti tipici della tradizione valdostana, dalle tartine al “beuro coulou” e zucchero, alle tartare di manzo all’olio tartufato, dagli gnocchetti di patate alle pere martine su crema di Bleu d’Ao-

ste, all’entrecôte al burro maître d’hôtel con cipolline brasate all’aceto balsamico. Dieci erano invece i vini di produzione locale ad accompagnare il pranzo itinerante: dal Petite Arvine di Les Crêtes al Fumin di Barrò, dall’Arline della Maison Anselmet all’Ancestrale Blanc Passion della Crotta di Vigneron. «Questo percorso sulla montagna di Quart – ha spiegato il presidente della Pro Loco Ennio Barocco

– alla destra orografica del torrente del Castello è stato scelto per la sua importanza panoramica e perché offriva degli ottimi luoghi per sostare e mangiare. La ricchezza di ‘Quart a pià’ – sottolinea ancora – è quella di scegliere ogni anno un percorso diverso, per far conoscere il più possibile tutta la nostra varietà naturale». L’edizione di quest’anno assume, però, anche un valore più profondo: «Abbiamo voluto pun-

tare sul concetto di amicizia: oltre a far trascorrere una piacevole domenica a tutti i partecipanti – spiega il presidente Barocco – alla fine del percorso regaleremo a tutti i partecipanti un pane, che nella nostra tradizione è un gesto di estrema e profonda solidarietà. È stata la popolazione della frazione di Morgonaz – conclude il presidente – a cuocerli e ad aiutarci in questo gesto, al quale teniamo molto».

Ilda, Ivana, Rosalia, Elvira, Donata, Roberta, Romilda e Silvano Emanuela, Andrea, Eleonora, Sara, Stefano e Jean

I volontari addetti ai secondi piattti

Da sinistra: Alessia, Giorgia, Giulia, Michelle, Andrea e Martina, un nutrito gruppo di gourmet e una tavolata


10

lunedì 7 ottobre 2013

Cod. 410124 - Ciao, il mio nome è Carlo, ho 32 anni, celibe, operaio. Mi reputo serio e determinato, molto carino e simpatico, cerco una ragazza semplice, comunicativa e fedele per costruire il mio futuro. Invia un SMS al 3481036123 Cod. 205084 - Luca 33enne, celibe, bella presenza, capelli neri e occhi castani, un’ottima posizione economica. Ha molti interessi. Generoso e attento alle esigenze di chi ha accanto, cerca una ragazza semplice, discreta e sensibile, che voglia vivere le emozioni di una meravigliosa storia d’amore. Invia un SMS al 3341810520 Cod. 2050920 - Mi presento: Valerio, 35 anni, operaio. Amante della natura, dei viaggi. Sono alto 1,85 e ho un fisico asciutto. Cerco una donna brillante e giovanile con cui condividere passioni e... Innamorarsi! Invia un SMS al 3663605348 Cod. 410145 - Roberto, 35enne celibe, impiegato bancario. Amante dello sport, cinema, viaggi, ha diverse proprietà, è un uomo gradevole e dolce, cerca Lei semplice e sportiva per iniziale amicizia e possibili sviluppi futuri. Invia un SMS al 3341810520 Cod. 944060 - Lui è Enrico, un simpatico ed energico 36enne! Crede nei valori e dedica tutte le sue attenzioni alla donna che ama. Ti cerca affascinate, sensibile, ironica. Se il tuo desiderio è sempre stato quello di avere una famiglia e un uomo serio e maturo, non aspettare! Invia un SMS al 3341810520 Cod. 820268 - Ciao, ho 37 anni e mi chiamo Lucio. Sono carino, serio, onesto, lavoratore e molto affettuoso. Cerco una ragazza di aspetto gradevole, gentile e passionale che, come me, desideri una bella famiglia. Ho una bella casa, un buon lavoro e posso rendere felice una donna. Chiamami Tel 0125 1925243 Cod. 410184 - Ciao a tutte, sono Marco, ho 38 anni. Non ho ancora trovato la donna capace di farmi capitolare, anche se la voglia di dedicarmi ad una donna in particolare c’è, ed è anche tanta. Ti sto aspettando... Chiama! Tel. 3341810520 Cod. 454049 - Mi chiamo Lorenzo, sono un bell’uomo di 39 anni. Ho molto amore da dare, e soprattutto ho tanto bisogno di riceverne. So che sei lì e che cerchi l’amore vero pure tu. Allora? Cosa aspetti a chiamarmi? Invia un SMS al 3481036123

Cod. 591846 - Giuliano ha 40 anni, celibe, alto, muscoloso. Fa il responsabile sicurezza e ama la musica. Cerca una ragazza simpatica e carina, possibilmente mora, da conoscere e amare! Invia un SMS al 3341810520 Cod. 454014 - Ciao, mi chiamo Roberto, ho 42 anni, e lavoro in una grande azienda. Sono una persona speciale, la mia intelligenza e la mia simpatia ti faranno sicuramente innamorare. Tel 0125 1925243 Cod. 410134 - “Non mi sono mai sposato ed ho deciso di dare una svolta alla mia vita e cercare la mia donna ideale, dinamica, non aggressiva, mia complice in tutto, se sei sola cercami, posso dare tanto amore!” Giorgio, 42enne, impiegato, occhi e capelli castani, carino e simpaticissimo.... Prova a conoscerlo! Invia un SMS al 3481036123 Cod. 472021 - Sono un libero professionista di 43 anni. Il mio nome è Fabio. Voglio provare a raccontare un pò di me. Sono alto e dal portamento elegante. Conduco un tenore di vita alto. Ho tutto quello che serve per essere felice e sentirmi realizzato... ma solo materialmente. Ora ho deciso di dedicarmi al mio cuore! Voglio una storia importante, sogno una donna gentile e serena con la quale iniziare una relazione seria. Potresti essere tu! Invia un SMS al 3663605348 Cod. 944041 - Valentino, 44 anni e non sentirli! Dolce, romantico e davvero simpatico, divorziato con figli adulti, ex impiegato della pubblica amministrazione, ora libero professionista. Cerca una compagna con la quale poter ricominciare e alla quale dedicare la sua vita. E’ un incontro da non perdere! Invia un SMS al 3341810520 Cod. 2050540 - Quando Fabio entra in una stanza, porta una ventata di buonumore. Spiritoso, mai volgare, un sorriso per tutti. 45 anni portati splendidamente, grazie ad un lavoro che lo ha mantenuto in ottima forma fisica, che lo appassiona e lo gratifica in ogni senso. In amore sincero, fedele, rispettoso, cerca una compagna per condividere un quotidiano sereno e ricco di amore e passione. Tel 0125 1925243 Cod. 472091 - Cosa sto cercando? Una donna simpatica e solare, che come me, sia socievole e sensibile! Mi chiamo Alberto, ho 46 anni, occhi scuri e capelli brizzolati. Sono un uomo ottimista, amo la famiglia e ho mille interessi. Vorrei condividerli con una compagna dolce e premurosa... non vedo l’ora di coccolarti! Cosa aspetti? Invia un SMS al 3341810520

Cod. 410114 - Sono Gianna, 36 anni, nubile in cerca dell’anima gemella. Nonostante il mio aspetto gradevole, non sono ancora riuscita a trovare un uomo che sappia guardarmi dentro. Se vuoi, puoi provarci tu! Invia un SMS al 3663605348 Cod. 944100 - Francesca, dopo una esperienza matrimoniale ormai alle sue spalle, non ha perso il buonumore e la voglia di fare nuove conoscenze e di rimettersi in gioco con un nuovo amore. 37 anni, un buon lavoro, tante amicizie ma le manca qualcosa! Se vuoi fare un incontro interessante, non devi aspettare! Invia un SMS al 3341810520 Cod. 286396 - Che dirvi di me? Mi chiamo Alessia, sono una ragazza solare, mediterranea, ho 39 anni, nubile, con lunghi capelli corvini, ho un ottimo lavoro... Mi manca però una cosa... L’amore, quello con la A maiuscola!! Chiamami, la tua telefonata non sarà sprecata! Tel 3481036123 Cod. 908086 - Lei è Simona, una bella 40enne motivata a trovare l’uomo della sua vita, con cui crearsi una famiglia. E’ una persona colta ed intelligente, con un ottimo lavoro e con tanta voglia di innamorarsi. Chiamala subito. Invia un SMS al 3341810520 Cod. 944080 - Vorrei avere accanto un uomo serio, rispettoso, semplice e simpatico. Mi chiamo Lorena, ho 42 anni, economicamente indipendente. Sono una donna carina, capelli e occhi castani, sorridente e sportiva. Mi interesso di antiquariato e amo gli animali! Non farmi aspettare! Nella mia vita manchi soltanto tu! Invia un SMS al 3663605348 Cod. 944061 - Mi chiamo Loretta, ho 43 anni. Adoro essere femminile, curata e in forma. Credo che una donna debba sempre trovare il tempo per coccolare il proprio uomo. Sto cercando una persona intrigante, rassicurante, sensibile e divertente. Se stai leggendo questo annuncio e ti riconosci, contatta la Meeting! Invia un SMS al 3341810520 Cod. 472031 - Samantha ha 44 anni. Ha capelli lunghi castani, fisico atletico e sensuale, alta 1.65. E’ molto dolce, sensibile e socievole. Ama fare esperienze sempre nuove e cerca un uomo che le dia stabilità, serenità e sicurezza. Se ti reputi un uomo serio e maturo e hai voglia di fare una conoscenza interessante, non aspettare! Invia un SMS al 3481036123 Cod. 454036 - Ciao, mi chiamo Federica, ho 45 anni e sono una persona socievole ed affidabile. Ho molto amore nel cuore e sono consapevole di chiedere tanto, ma do altrettanto! So perfettamente che mi hai trovata. Contatta la Meeting e sarò tua. Invia un SMS al 3341810520 Cod. 472075 - Angelica ha 48 anni, alta 1.68, bellissimi occhi scuri e sorriso dolcissimo. E’ una persona socievole, affettuosa, fedele, ottimista e sensibile! Adora il teatro, il cinema, andare in giro per musei e viaggiare. La sua vita è piena: le manca solo un uomo accanto. Lo cerca dolce, con una posizione economica stabile, di buona cultura e libero da impegni familiari. Conoscerla ti piacerà! Tel. 0125 1925243 Cod. 410111 - Mi chiamo Ilenia, ho 49 anni, divorziata. Lavoro come insegnante, sono sensibile e generosa. Alle persone dedico me stessa e i miei sorrisi, ma nel tempo libero, mi sento sola. Vorrei incontrare un uomo, con cui condividere tanti indimenticabili

momenti. Invia un SMS al 3341810520 Cod. 944086 - Rachele, 52 anni, è una donna solare, dolcissima, con un figlio che adora, la sua professione la porta a vivere sempre di corsa. Vorrebbe fermarsi e incontrare un uomo che abbia voglia di rimettersi in gioco con sincerità. Prova a conoscerla! La tua vita potrebbe cambiare! Tel.3481036123 Cod. 476117 - Bionda, longilinea, 55 anni e non sentirli. Lei è Lara, affascinante donna con la passione per il teatro e per la buona cucina, per l’arte e per tutto ciò che può portare un pò di allegria e piacere nella vita. Cerca un compagno professionalmente affermato come lei, premuroso e pronto per intraprendere una vita in due! Invia un SMS al 3341810520 Cod. 472083 - Pamela è un’affascinante donna di 56 anni, nubile, bruna, un bellissimo sorriso. Lavora nel campo della moda, è alta 1.67, sensuale ed elegante. E’ appassionata di arte e viaggi e vorrebbe incontrare un uomo raffinato, di buona cultura, socievole e aperto alle nuove esperienze! Vieni a conoscerla! Lei cambierà la tua vita! Invia un SMS al 3481036123 Cod. 824589 - Occhi scuri, viso simpatico e solare, lei è Iolanda 57enne, oculista. E’ una donna molto semplice, ama il ballo, piccolina di statura, capelli corti biondi, casa di proprietà, non fumatrice, automunita. Cerca Lui dinamico per serio legame affettivo. Tel. 0125 1925243 Cod. 410131 - Ciao! Mi chiamo Maria. Ho 58 anni e sono pensionata, ho i capelli biondi e gli occhi verdi. Mi considero una persona romantica, dolce e sensibile. Vorrei conoscere un uomo educato e dinamico. Invia un SMS al 3341810520 Cod. 472048 - Mariella, 62 anni, laureata, insegnante di lettere, donna sensibile, generosa, estroversa e dinamica. Le piace osservare la natura durante le sue lunghe passeggiate. Ama molto leggere. Desidera incontrare un uomo allegro, socievole e dinamico come lei per iniziale amicizia e poi... chissà! Invia un SMS al 3481036123 Cod. 410135 - Ciao mi chiamo Marzia, 63 anni, sono casalinga. Ho un carattere intraprendente dinamico e socievole, sono molto curiosa, mi piace esplorare e conoscere cose nuove. Cerco un compagno giovanile, anche con figli, per iniziale amicizia. Tel 3481036123 Cod. 59193 - Luisa è un’elegante donna di 64 anni, divorziata, agente immobiliare. Capelli e occhi scuri, fisico perfetto, sorriso da ragazzina. Vuole incontrare un uomo affascinante e intelligente che la faccia sentire desiderata! Contattala subito! Tel 0125 1925243 Cod. 454039 - Il mio nome è Clara, sono una donna di 64 anni, e nella mia vita mi sono realizzata tante volte; tranne, purtroppo, nell’amore. Voglio vivere l’amore come fa un’adolescente. Ti aspetto, so che ci sei. Invia un SMS al 3481036123 Cod. 296140 - Roberta ha 65 anni ma non li dimostra. Ha i capelli biondi e gli occhi verdi. Ha un carattere socievole, generoso e protettivo. Ama il mare e ascoltare musica classica. Cerca un uomo che le faccia ancora provare forti emozioni. Invia un SMS al 3341810520


c ro n ac a

lunedì 7 ottobre 2013

11

■ assalto portavalori / Emersi dettagli inediti e agghiaccianti dalla fase dibattimentale del processo a Fabrizio Casanova

«In fuga, i malviventi si nascosero in un CIMITERO»

Trovati diversi elementi sulla presenza di un basista aostano della banda, ritenuti però non sufficienti per sostenere un processo indiziario di Patrick BARMASSE aosta - Dettagli inediti quanto agghiaccianti. E’ quanto emerso mercoledì durante la fase dibattimentale del processo a carico di Fabrizio Casanova, 42 anni di Collegno, uno dei tre presunti componenti del gruppo di fuoco che il 17 dicembre 2012 assaltò il furgone portavalori della All System a Pollein, alla periferia est del Capoluogo. Casanova, giudicato con rito ordinario, è stato condannato dai giudici del Tribunale di Aosta a 12 anni per concorso materiale nella tentata rapina, o comunque per un suo concorso morale agevolatore. L’udienza del processo con rito abbreviato a carico degli altri due presunti componenti, Michele Bassu, ex latitante sardo di 38 anni, e Vincenzo Pasquino, 23 anni di Torino, è stata invece rinviata all’8 novembre per poter provvedere all’analisi dei tabulati telefonici dell’utenza in uso la sera del 17 dicembre scorso a Pasquino. Nelle dichiarazioni rese al giudice Paolo De Paola, infatti, Bassu si sarebbe assunto la responsabilità della detenzione delle armi utilizzate nella tentata rapina e della sua organizzazione logistica, sollevando da qualsiasi responsabilità sia Casanova (già condannato) sia Pasquino. Avrebbe anche sostenuto di conoscere i nomi di coloro che parteciparono materialmente all’assalto, ma di non poterli fornire per salvaguardare l’incolumità sua e della sua famiglia. Ora, però, quello che ci preme affrontare sono quei dettagli

- o nelle immediate vicinanze - già dal mese di ottobre del 2012: il problema sarebbe consistito esclusivamente nel collocare temporalmente e spazialmente l’evento. Un cimitero come covo

Michele Bassu, Fabrizio Casanova e Vincenzo Pasquino

inediti riportati negli atti processuali, che sono stati portati all’attenzione dei giudici da diversi testimoni chiamati a deporre in aula, vertici della Squadra mobile della Questura di Aosta compresi. Il presunto basista Dagli atti processuali sarebbe emersa la presenza di un basista aostano, che avrebbe fatto da anello di congiunzione tra la All System e il commando. Una convinzione, quella degli inquirenti, ridotta però a mera ipotesi dopo che le indagi-

ni (due gli aostani indagati nella primavera scorsa, tra cui un’ex guardia giurata) portarono a raccogliere diversi elementi a riguardo, ritenuti però non sufficienti per sostenere un’eventuale accusa in un processo indiziario. Gli uomini della Squadra mobile di Aosta, secondo le dichiarazioni rese in aula dal vice commissario Valter Martina, dopo una soffiata proveniente da fonti confidenziali, erano d’altra parte a conoscenza di un possibile assalto a un furgone portavalori ad Aosta

ALL SYSTEM: «La presenza di un BASISTA ad Aosta? La escludiamo» aosta - «La presenza di un possibile basista della banda ad Aosta? E’ un’eventualità che escludiamo, anche perché se così fosse stato, mi creda, il colpo sarebbe andato a buon fine». E’ categorico Mauro Giannini, direttore della sede aostana della All System, che prosegue: «La realtà della Valle d’Aosta, anche per via di specifiche disposizioni prefettizie avallate dalla Questura, ci impone di svolgere i servizi di trasporto valori seguendo itinerari ben precisi e comunque sempre entro un determinato orario, quindi è evidente che, monitorando per qualche giorno la nostra attività, chiunque avrebbe potuto trovarsi a quell’ora a Pollein, proprio in concomitanza col passaggio del blindato».

L’altro elemento di novità emerso a livello processuale, forse il più agghiacciante, è stato quello relativo al fatto che gli almeno sette componenti del commando (tra cui secondo l’accusa figuravano anche Michele Bassu, Fabrizio Casanova e Vincenzo Pasquino), una volta andato in fumo l’assalto al portavalori, sarebbero fuggiti - anche a bordo di una Lancia Y rubata sul luogo della tentata rapina - verso la Bassa Valle, raggiungendo una tomba di famiglia in un cimitero non meglio precisato. Là si sarebbero nascosti almeno fino al primo pomeriggio del 18 dicembre 2012, se è vero che - nella mattinata del giorno successivo all’assalto uomini della Squadra mobile di Aosta e Torino fecero irruzione in massa all’interno del cimitero di Montjovet, convinti di trovare armi e componenti del gruppo di fuoco ancora nascosti all’interno di una tomba di famiglia. Armi e malviventi non furono trovati, probabilmente all’ultimo optarono per un altro cimitero. Questo costituì di fatto il punto di svolta dell’intera vicenda, visto che degli almeno sette componenti del gruppo di fuoco, a oggi soltanto tre sono stati rinviati a giudizio (tra cui uno, Fabrizio Casanova, già condannato).

carabinieri

Il Maggiore SIGHINOLFI nuovo comandante del Reparto Operativo aosta - Il Maggiore Samuele Sighinolfi (foto), classe 1975, coniugato dal 2006, padre di due bimbi di 2 e 4 anni, è da una settimana il nuovo comandante del Reparto Operativo dei Carabinieri di Aosta; sostituisce il Tenente Colonnello Cesare Lenti, attualmente in servizio a Cremona. «Buona parte del mio lavoro nell’Arma l’ho svolta nei reparti speciali - ha commentato il neo comandante - sono molto felice di essere qui in Valle». Il Maggiore Sighinolfi giunge dal Comando Compagnia Carabinieri di Alassio; nonostante la giovane età, vanta un ricco curriculum: è stato comandante di Plotone del I Reggimento Paracadutisti Tuscania. E’ stato in missione con i paracadutisti a Mostar, subito dopo la fine della guerra, ed è stato responsabile del Plotone Tuscania nella ‘Missione Primavera’, che nel 2000 mise fine al traffico di armi, tabacco e droga tra Italia e Albania. Dal 2001 al 2003 è stato comandante del Plotone dello Squadrone Eliportato Cacciatori Sardegna e, successivamente, fino al 2008, è stato vice comandante del Centro Carabinieri Subacquei. Dal 2008 a oggi è stato in servizio ad Alassio con l’incarico di Ufficiale di Pubblica Sicurezza e dirigente dell’ufficio Polizia di frontiera dell’aeroporto internazionale di Villanova d’Albenga. «Per otto mesi, nel 2011, sono stato in missione civile in Afghanistan in qualità di comandante del contingente italiano nella Missione Eupol - ha spiegato -; abbiamo collaborato attivamente con il sistema giudiziario afghano, rapportandoci direttamente con il procuratore capo di Herat. E’ stata un’esperienza altamente formativa e arricchente».  «Non potrà forse mettere in pratica le sue qualità di sub, ma essendo paracadutista ed essendo stato nel Plotone Cacciatori, avrà senz’altro familiarità con il terreno montano valdostano», ha scherzato il comandante del Gruppo Carabinieri di Aosta, Tenente Colonnello Massimiliano Rocco. ■ c.t.

■ il caso / La Procura ha promosso ricorso avverso una sentenza di assoluzione e una di condanna parziale del dirigente regionale

Corte dei Conti vs Raffaele Rocco, la contesa si sposta in APPELLO Il procuratore Chiarenza: «Fiduciosi di poterle ridiscutere con successo»; il coordinatore: «Certo della bontà del mio operato» aosta - ��������������������������� Il braccio di ferro tra la Procura regionale della Corte dei Conti e il coordinatore regionale Raffaele Rocco si rinnoverà presso una delle tre Sezioni centrali d’Appello della Corte dei Conti di Roma. Qualche giorno prima della sospensione dei termini processuali disposta in occasione della pausa estiva, il procuratore regionale Claudio Chiarenza ha perfezionato i ricorsi avverso due sentenze che hanno interessato il dirigente regionale: la prima, pubblicata il 26 gennaio 2012 dalla Sezione giurisdizionale valdostana, assolse Raffaele Rocco dall’accusa di aver generato un danno erariale all’amministrazione pari a 30.714 euro a seguito del conferimento di un presunto incarico illegittimo di collaborazione coordinata e continuativa all’ingegner Manuel Lavoyer; la seconda, pubblicata il 24 maggio scorso, condannò (parzialmente) il coordinatore del Dipartimento territorio, ambiente e risorse idriche al pagamento di 261.175 euro (del milione 533.272 euro contestati dalla Procura regionale della Corte dei Conti) nell’ambito di un procedimento per danno erariale avviato a seguito della mancata riscossione preventiva di canoni erariali (e delle conseguenti sanzioni maturate nel tempo) scaturiti dall’intervento di sistemazione idraulica della Dora Baltea mediante l’estrazione di materiale inerte. Secondo quanto riferito dal

euro

Danno contestato nei due procedimenti

1.563.986 Il procuratore Claudio Chiarenza

Il coordinatore Raffaele Rocco

procuratore regionale della Corte dei Conti, Claudio Chiarenza, in entrambe le sentenze si sarebbero ravvisati molteplici passaggi in cui gli stessi giudici della Sezione giurisdizionale avrebbero parlato di elementi di incertezza, confusione e irregolarità

caratterizzanti le due vicende, per cui «siamo fiduciosi di poter ridiscutere con successo le due questioni a Roma», conferma Chiarenza. Alla vigilia della discussione del primo dei due ricorsi, quello sul presunto incarico illegittimo conferito

all’ingegner Manuel Lavoyer, in programma il prossimo 14 novembre a Roma, il coordinatore regionale Raffaele Rocco dichiara: «Andiamo con ordine: nell’ambito dell’incarico di collaborazione coordinata e continuativa affidato all’ingegner Lavoyer, sono assolutamente certo della bontà del mio operato, a maggior ragione dopo la sentenza

di assoluzione pronunciata nei miei confronti ad Aosta. Passando alla seconda vicenda, quella relativa alla mancata riscossione dei canoni erariali - prosegue -, a mio avviso tutto verte attorno a una differente interpretazione giuridica del quadro normativo vigente. A questo punto vedremo cosa deciderà la Sezione d’Appello di Roma, soprattutto considerando che, per quanto riguarda la seconda vicenda, l’impresa esecutrice dei lavori di disalveo del tratto di Dora tra Donnas e Pont-St-Martin ha già perfezionato un piano di rientro per il pagamento di quanto dovuto, quindi il danno erariale a mio avviso non sussiste. Staremo a vedere», conclude Rocco. ■ pa.ba.

PROCESSO SANTORO: il rinvio dell’udienza indispettisce il vice direttore generale RAI aosta - E’ stata rinviata al 25 ottobre l’udienza del processo per concorso in diffamazione nei confronti di Michele Santoro, giornalista nonché attuale conduttore del talk show politico ‘Servizio Pubblico’ su La7. All’udienza in programma venerdì dinanzi al giudice del Tribunale di Aosta, Davide Paladino, assenti la parte civile Mario Gatto e l’imputato, si sono presentati - in qualità di testimoni - l’attuale vice direttore generale della Rai, Antonio Marano (foto), il dirigente Rai Massimo Liofredi e colui che rilasciò l’intervista incriminata, l’ex vice sindaco di Legnano, Carmelo Tomasello. Una volta optato per il rinvio dell’udienza, così da permettere l’ascolto di testimoni da parte della difesa di Michele Santoro, il vice direttore generale della Rai si è rivolto al giudice Davide Paladino commentando: «Oggi, in una giornata particolare come questa, segnata dal lutto nazionale per la tragedia di Lampedusa, per poter salire ad Aosta sono stato costret-

to a gestire tutte le mie incombenze via telefono, e ora apprendo del rinvio dell’udienza. Ho rispetto per tutti, anche per la giustizia, mi sarebbe piaciuto che ci fosse stato anche per coloro che oggi si sono presentati regolarmente in aula». I fatti contestati si riferiscono al 2008, quando durante una puntata della trasmissione in prima serata ‘Annozero’, venne mandata in onda un’intervista a Carmelo Tomasello, in cui l’ex vice sindaco di Legnano avrebbe raccontato di aver girato parte di una mazzetta da 180.000 euro a Mario Gatto, ex dirigente di Forza Italia in Piemonte, che in cambio gli avrebbe procurato un appuntamento con l’allora ministro Claudio Scajola. Accuse false, quelle che hanno coinvolto Gatto, se è vero che nel maggio del 2012 Tomasello venne condannato per diffamazione a sei mesi di reclusione (pena sospesa) oltre al risarcimento di 25.000 euro per danni morali procurati proprio a Mario Gatto, all’epoca dei fatti residente a Courmayeur.

Cronaca

Flash

Moto contro auto: guida alpina in Rianimazione Permane ricoverato nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Umberto Parini di Aosta, dopo essere stato sottoposto nella tarda serata di venerdì a un intervento chirurgico alla gamba sinistra, Mario Ravello (foto), guida alpina di 50 anni rimasta ferita a seguito di un incidente stradale avvenuto venerdì, attorno alle 16.30, sulla strada statale 26, in prossimità dell’incrocio con via Condemines, a Morgex. Ravello, in sella alla sua moto, una KTM 700, per cause ancora al vaglio dei carabinieri, sarebbe andato a scontrarsi contro una Fiat Punto condotta da una donna sessantenne. Immediato il suo trasporto in ospedale ad Aosta, dove gli è stato riscontrato un grave politrama. La prognosi è di 90 giorni.


POLITICA

12

lunedì 7 ottobre 2013

■ ALPE / Piero Floris è stato eletto sabato 5 a Nus alla presidenza del movimento autonomista

«Crediamo davvero nell’autonomismo» I consiglieri comunali Bruno Chaussod (Quart) e Raffaella Roveyaz (Courmayeur) vice presidenti di Bruno FRACASSO NUS - Congresso di Alpe a Nus, nella sala consigliare, sabato 5 per rinnovare i vertici del movimento e discutere di autonomia. L’assemblea ha deciso di accorpare la presidenza con la segreteria e quindi di eleggere Piero Floris (foto) alla carica di presidente e la coppia Raffaella Roveyaz-Bruno Chaussod a quella di vice presidente. Piero Floris, Raffaella Roveyaz e Bruno Chaussod sono stati eletti a votazione segreta con 89 voti su 90 (una scheda bianca, probabilmente quella di Floris). Alla votazione si è arrivati dopo diversi minuti di discussione sulle modalità dell’elezione, dopo che il presidente dell’assemblea, Leonardo Tamone, aveva confessato che il congresso aveva «un problema», ovvero quello di dimostrare massima trasparenza, scacciando così apparenze «bulgare». Il movimento centrerà la sua azione sull’autonomia da rinnovare nei modi e su di un metodo di fare politica senza favoritirsi, attraverso un federalismo avanzato. Non sono mancate le critiche all’Uv e all’Uvp, anche se con toni differenti soprattutto riferendosi al Leone dorato e anche se il congresso è stato perlopiù centrato su cosa Alpe intende fare, piuttosto che sull’analisi di quello che fanno gli altri. Il Comitato dei garanti Questa la composizione del Comitato dei garanti: Mathieu De Renzis, Michel Milliery, Giuseppe Moro, Piermauro Reboulaz, Scattolin Gabriele, mentre nel Consiglio direttivo sono stati eletti: Martina Alliod, Paola Antonutti, Erik Artaz, Roberto Avetrani, Ruggero Balduzzi, Luca Barbieri, Fausta Baudin, Lucia Bich, Alain Boccaleri, Irene Bosonin, Gianluca Cana, Piero Cassius, Luciano Cerise, Ornella Cheillon, Michèle Chenuil, Annie Cometto, Elena Corgnier, Roberto Cunéaz, Carlo Curtaz, Claudia De Santis, Sara Desandré, Livio Dezzutto, Henri Dondeynaz, Adolfo Dujany, Clement Dupont, Loredana Faletti, René Faval, Gianpaolo Fedi, Vanni Florio, Marco Gheller, Gianpiero Girod, Marco Grange, Tamara Lanaro, Eliseo Lumignon, Iris Morandi, Manuela Naudin, Alessandro Neyroz, Susanna Occhipinti, Maria Vittoria Pepellin, Aline Perrin, Andrea Piccirilli, Walter Pivato, Rudy Pivot, Laurent Roulet, Loris Sartore, Maria Pia Simonetti, Dina Squarzino, Leonardo Tamone, Massimo Tamone, Carmelo Termine, Anna Maria Torrione, Alexis Vallet, Franco Vallet, Pietro Varisella, Ilio Viberti.

iero Floris, ispettore scoP lastico, guiderà il movimento di Alpe nei prossimi

anni. Si è presentato con il suo solito tono leggero, ma profondo all’assemblea dopo aver avuto l’investitura con 89 voti su 90 votanti. Presidente, un buon successo. «Non si tratta di un successo personale, ma politico di Alpe alla quale va l’applauso. Data per scomparsa prima delle elezioni, ora è viva e vegeta». Come si sente a guidare un movimento complesso? «Siamo liberi e autonomi e

io mi sento così». Alpe vuole una nuova autonomia, perché? «La Valle d’Aosta, i suoi vertici hanno sempre cercato un’ autonomia da qualcuno o da qualcosa, mai hanno cercato un’autonomia per fare qualcosa. Come se l’autonomia in sé fosse un privilegio. Noi non vogliamo cambiare i vertici dell’Uv, risolvere i suoi problemi di egemonia interna, non siamo nati per quello, siamo nati per dare un modello di sviluppo nuovo, diverso dall’attuale, messo in piedi non solo dalle persone che sono ora al potere, e che si è dimostrato inadeguato ai

BRUNO CHAUSSOD

«La vita politica è una specie di virus» NUS - Per Bruno Chaussod l’elezione a vice-presidente di Alpe è solo il ritorno alla vita politica attiva dopo qualche anno di militanza. Come si trova nel suo nuovo ruolo? «La vita politica è una specie di virus. Sono ovviamente felice per me e per il movimento, ma soprattutto perché posso contribuire a portare avanti il programma elettorale del movimento». Cosa si propone di perseguire in particolare? «Quando il movimento dice di voler riconsiderare l’autonomia io penso a cose concrete da valorizzare anche alla luce di una situazione finanziaria non nuova, ma finalmente portata alla luce dagli ultimi eventi». ■ br.fr.

bisogni della Valle». In cosa non regge questo modello? «Se si fonda un modello di sviluppo sulla dipendenza si lascia spazio solo a quello e si crea una società destinata a soccombere. Il problema è l’autonomia interna economica e amministrativa». E’ un potere che ha retto in questi anni. «E’ stata usata l’arma della concessione e della distribuzione di prebende per mantenere il potere. Così abbiamo scialacquato il capitale senza farne sviluppo. I nostri figli sono i primi che rischiano di nascere ricchi e di morire poveri». Cosa si propone di portare avanti per il suo movimento? «Voglio sconfiggere l’idea che siamo tutti uguali e il nostro successo ci sarà se riusciremo a mostrare la nostra differenza».

Raffaella Roveyaz e Bruno Chaussod sabato 5 ottobre a Nus al congresso

Perché lei dice no al giovanilismo e al nuovismo? «Perché sono veli che i partiti agitano per fare sembrare nuovo il vecchio. Io sono per i giovani in politica, ma per coloro che hanno idee nuove da discutere. Nuovo e giovane non coincidono necessariamente con migliore. Ben vengano coloro che hanno qualcosa da portare indipendentemente da sesso, età e novità. Altrimenti si rischia che vengano dal nulla e nel nulla ritornino. Noi non siamo quelli che si aggregano alla protesta mentre fino ad un attimo prima eravamo nella stanza dei bottoni».

Concretamente cosa si propone? «Di prendere atto che è finito il tempo dell’appartenenza ideologica e di impegnarci sui problemi concreti. Vogliamo essere vicino ai bisogni della gente e trasformarli in proposta politica». Sarà un gestione difficile viste le molte anime di Alpe? «Essere plurali è sempre complesso, ma le battaglie cui Alpe ha messo mano hanno avuto buon esito. Nessuno qui dentro è un servo o un lacchè di qualcuno perché noi crediamo davvero nell’autonomismo». ■ b.fra.

RAFFAELLA ROVEYAZ

«In Alpe la presenza femminile è forte» NUS - Raffaella Roveyaz è la nuova vice-presidente di Alpe. Un direttivo completamente nuovo. «Alpe non ha mai disdegnato di affrontare la complessità di posizioni non uniformi. La ricchezza del movimento è proprio lì. Il nostro gruppo lavorerà nell’ottica di far crescere il movimento e di far passare l’idea che l’uomo solo al comando non funziona e la collegialità è l’arma vincente». Un’altra donna ai vertici del movimento. «Non è un caso, ma rappresentativo della nostra ricchezza di genere. Non lo ritengo essenziale, ma in Alpe la presenza femminile è forte. Lavorerò nell’ambito in cui sono più competente, quello sociale, affinché il benessere sia diffuso son equità». ■ b.f.

■ CONSIGLIO VALLE / L’assemblea è convocata per martedì 8 e mercoledì 9 ottobre

Diciasette mozioni: maggioranza sotto attacco

Forum bilaterale

A Cogne si parlerà di riforme costituzionali

Tra gli argomenti caldi, il Casinò, i rifiuti, la riforma degli enti locali

Ospiti i ministri Quagliariello e la francese Lebranchu

AOSTA - L’assemblea del Consiglio Valle, convocata per martedì 8 e mercoledì 9, si aprirà sul disegno di legge che dispone uno stanziamento di 298.500 euro per l’acquisto degli arredi necessari all’allestimento della nuova sede della Torre dei Balivi dell’Istituto musicale pareggiato della Valle d’Aosta-Conservatoire de la Vallée d’Aoste. Iniziativa bocciata da Alpe, M5S, Pd e Uvp (foto). Un antipasto che si annuncia scottante prima della discussione di 17 mozioni presentate «non per fare dell’ostruzionismo ma per spingere la maggioranza a prendere posizioni in un’ottica di responsabilità», per dirla con Andrea Rosset (Uvp); per «stanare i franchi tiratori» per dirla fuori dal politichese. Le iniziative sono state illustrate dalle quattro forze di minoranza in una conferenza stampa. Alberto Bertin (Alpe) torna sugli avvisi di garanzia nell’ambito dell’inchiesta sulla realizzazione del parcheggio dell’ospedale Umberto Parini, valso la richiesta di rinvio a giudizio al presidente della Giunta Augusto Rollandin. «Vogliamo riportare l’attenzione - ha spiegato Bertin - su un fatto grave che condiziona la poli-

AOSTA - Dalle riforme, la Rinascita. E’ il tema del forum bilaterale italo-francese che si terrà a Cogne al villaggio dei minatori, sabato e domenica prossimi, 11 e 12 ottobre, «occasione per analizzare i principali progetti di riforma costituzionale e il loro impatto sullo scenario politico-nazionale e internazionale» – ha commentato il presidente della Regione Augusto Rollandin. Il ministro per le Riforme Costituzionali Gaetano Quagliariello e la collega francese Marylise Lebranchu interverranno durante la seconda giornata di lavori per mettere a confronto il progetto di riforma recentemente redatto dalla Commissione per le Riforme Costituzionali con quando realizzato in Francia dalla Commissione Balladur. La giornata di sabato sarà l’occasione per porre l’autonomia speciale della Valle d’Aosta e delle altre regioni alpine al centro del dibattito internazionale; sarà il direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli a moderare il confronto tra il presidente della Regione Rollandin, il presidente della provincia autonoma di Trento Alberto Pacher e l’assessore alla funzione pubblica, autonomie locali e coordinamento riforme della Regione autonoma Friulia Venezia Giulia, Paolo Panontin. Sarà l’occasione per ragionare sul futuro delle regioni, in un quadro europeo ma anche approfondendo il tema di grande attualità della macroregione alpina. Il Forum è organizzato dalla Presidenza della Regione, dal Consiglio regionale della Valle d’Aosta e dalla Fondation Grand Paradis.

tica valdostana». Parlerà di rifiuti e elettrodotto Terna Fabrizio Roscio (Alpe) con quattro mozioni «che vogliamo siano condivise da tutti e nelle quali sono contenute proposte operative per la gestione dei

rifiuti sulla quale pende il rischio di un’infrazione europea». A Stefano Ferrero (M5S) preme il Casinò: «Abbiamo visto il piano industriale del Casinò di Saint-Vincent ed è un piano di cartapesta, che por-

IDV

Congresso regionale sabato 19 AOSTA - E’ per sabato 19 ottobre la convocazione del Congresso regionale dell’Italia dei Valori. L’assemblea si terrà nella sede del partito di via Saint-Martin de Corléans. Tra i punti all’ordine del giorno l’elezione del nuovo segretario regionale. «E’ un momento molto importante sia a livello nazionale che regionale in quanto nella stessa data si svolgeranno congressi in tutte le regioni italiane per creare una nuova squadra di dirigenti politici» spiega il segretario regionale Marco Belardi. Ricorda il cambio del simbolo dal quale è stato tolto il nome del fondatore Antonio Di Pietro ed è stata aggiunta la bandiera italiana stilizzata per simboleggiare la difesa della Costituzione.

terà a un inevitabile fallimento. O si corre ai ripari o il Casinò avrà gli anni contati, se non addirittura i mesi». Basilare per JeanPierre Guichardaz la trasparenza delle nomine regionali, direttore generale dell’Usl in testa, e il contenimento della spesa delle controllate «di decine di società che fanno capo alla Regione e che sfuggono ai controlli». Non mancherà l’argomento agricoltura con la richiesta di rimborsi rateizzati all’Area. Elso Gerandin (Uvp) punta sulla riforma degli Enti locali «sulla quale abbiamo perso troppo tempo; non possiamo permettere che gli Enti locali arrivino a fine anno senza conoscere il modello riorganizzativo», ha puntualizzato. Della destinazione dei fondi comunitari «mai importanti come in questo momento vogliamo conoscere» chiederà conto Andrea Rosset (Uvp). ■ Danila Chenal


regione

lunedì 7 ottobre 2013

13

■ Casinò / I sindacati non ci stanno e dicono «no» al piano dell’Azienda, che vuole accompagnare in pensione 145 lavoratori

«Noi lavoratori violentati, piani alti indenni» Diffidenza nei confronti del Savt che assicura: «Così com’è l’accordo non piace neppure a noi» Danila CHENAL inviata a Saint-Vincent Saint-Vincent - «Abbiamo proposto un percorso in vari step da condividere nei contenuti». A puntualizzarlo è l’amministratore unico della Resort & Casinò Luca Frigerio all’indomani dell’annuncio dello stato di agitazione del personale del Casinò e dell’ex Billia proclamato dalle organizzazioni sindacali (Savt escluso). La decisione era giunta nella serata di venerdì 4 dopo un’assemblea sindacale di più di tre ore nella quale i dipendenti avevano mostrato i muscoli decisi a ‘vendere cara la pelle’. Prosegue Frigerio nell’analisi: «Dalle notizie frammentarie che abbiamo ricevuto, e ci sembra normale, data la complessità del progetto, ci sono tra i sindacati e i lavoratori differenti posizioni. E’ nostro augurio che nel prossimo incontro si possano chiarire le differenti visioni ed entrare nel merito degli interventi da porre in essere». L’ultimatum dell’azienda del 30 settembre - prendere o lasciare - slitta ma non decade. Scandisce le parole l’amministratore unico: «E’ chiaro che ulteriori dilazio-

In alto: il tavolo dei sindacati Cgil, Cisl, Uil e Ugl; l’amministratore unico Luca Frigerio; a sinistra: i lavoratori in sala

ni dei tempi aprirebbero un periodo di incertezza che non farebbe altro che pregiudicare ulteriormente il possibile rilancio dell’azienda proprio al termine del processo di innovamento». Nella serata di venerdì, nella sala Gran Paradiso, in 250 hanno chiesto di

rifiutare l’accordo-quadro che, oltre alla fuoriuscita di 145 dipendenti, per il prossimo triennio prevede internalizzazioni, depontenziamento dei contratti e tagli agli stipendi. «Non accettiamo in bianco né licenziamenti né stravolgimenti dei contratti; non sarà

l’azienda a dettare i tempi», aveva sottolineato il segretario della Cgil Domenico Falcomatà. Non ci stanno i dipendenti. Tuona uno di loro: «Non mi piacciono le frasi di circostanza, qui si violentano e ghettizzano i lavoratori, dimenticando chi sta ai piani alti».

Gli fa eco un altro: «Solo noi siamo lasciati al pubblico ludibrio. Ci accusano di assenteismo e di essere poco produttivi ma noi lo stipendio non lo rubiamo». Rivangano il piano di ristrutturazione del 2009 quando la strategia dei prepensionamenti fu accettata.

«Non sono serviti a nulla – dicono –. E chi ci dice che tra un paio di anni non saremo punto a capo?». Puntano il dito contro la politica: «Si sono tolti la maschera preelettorale quando dicevano non esserci problemi. Tutto vabene madama la marchesa». Desta sospetti l’assenza del Savt - la sigla autonoma si era riunita in assemblea nella mattinata di venerdì, ricevendo mandato a trattare e una voce si alza in sala: «Non vorrei avesse già venduto le nostre chiappe». Rispedisce al mittente i sospetti Claudio Albertinelli, segretario della Funzione pubblica del Savt: «Noi andremo al tavolo della trattativa, chiedendo di modificare l’accordo-quadro perché così com’è non lo accettiamo e ci riserviamo azioni qualora la trattativa non andasse a buon fine». Le organizzazioni sindacali - Cgil, Cisl, Uil e Ugl - hanno deciso di procedere nella trattativa ma «su una proposta alterativa elaborata con i lavoratori», ha sottolineato Riccardo Monzeglio segretario della Cisl. Prossimo round tra organizzazioni sindacali e azienda mercoledì 9 ottobre.

■ bilancio / Alla Cittadella l’incontro conclusivo con i ragazzi partecipanti a Trekking Nature

Quando l’ambiente è pure divertente Serena BAZZOCCHI inviata alla Cittadella

conclusivo con i giovani partecipanti all’edizione 2013 di Trekking Nature, che anche quest’anno ha coinvolto circa 200 ragazzi con escursioni sul territorio e pernottamento in rifugio o bivacco. Alla scoperta della natura imparando ad averne cura è il tema dell’edizione di quest’anno che è stata l’occasione per i giovani trekkers, accompagnati da guide alpine ed escursionistiche, per affrontare una serie di attività sportive, di educazione ambientale, di orientamento con uso di cartine, bussola e gps, di riconoscimento dei percorsi e della segnaletica e di soccorso

aosta - «Trekking nature è un’iniziativa importante che consente di avvicinare i giovani al territorio e di sensibilizzarli per ciò che riguarda la tutela dell’ambiente. Per poterlo proteggere è necessario conoscerlo bene, ed è proprio per questo che è importante che queste iniziative, che associano divertimento a conoscenze nuove, coinvolgano le scuole e abbiano a che fare con i ragazzi». L’assessore all’Ambiente Luca Bianchi ha introdotto così alla cittadella, l’incontro

■ promozione sportiva/ Lo Sci Club Avvenire presenta la sua attività, «ma senza agonismo»

«Sport di qualità a costi sostenibili per le famiglie» aosta - Divertimento, sport e qualità a costi sostenibili. Sono i principi ispiratori dell’associazione sportivo-dilettantistica Sci Club Avvenire che venerdì ha presentato la sua offerta di corsi di sci e snowboard, che inizieranno nel week-end dell’Immacolata, con una particolare attenzione rivolta ai baby sciatori. «Lo Sci Club sposa appieno le finalità promosse dal Comitato regionale Uisp – spiega il presidente Massimo Verduci – la nostra non è un’attività agonistica, ma un’occasione di sport per tutti, senza rinunciare a maestri professionisti e con accorgimenti che mirano a facilitare la pratica sportiva, ad esempio per i bambini». Dopo tre lustri di letargo, lo sci club è rinato nella stagione 2007/2009, raccogliendo il testimone dello storico Sci Club Avvenire che fino agli anni ‘90 fu affiliato al comitato Fisi Asiva, svol-

nistica calibrata su piccoli gruppi». «Lavorare con mini gruppi di 4-6 allievi consente un apprendimento della tecnica più efficace – spiega Francesca Menaldo, maestra di sci – considerato il maggior tempo dedicato al singolo allievo. Lo sport Uisp è educazione e promozione sociale, pertanLidio Lucianaz, Massimo Verduci e Francesca Menaldo to anche lo sci cura la tecnica, non gendo anche attività agonistica e l’aspetto agonistico. Un aspetto per raccogliendo oltre 700 tesserati noi importantissimo è la sicurezza – tra amatori, atleti e maestri. Dai continua – in fondo siamo alle prese 15 soci del 2008/2009, lo Sci Club con bambini piccoli, anche di quatAvvenire conta oggi 75 soci. tro anni. Il primo a portare sempre il «La filosofia è cambiata – spiega casco è il maestro, nessuno è esenVerduci – oggi lo Sci Club svolge te, così ai piccoli non sembrerà un esclusivamente attività non ago- sacrificio indossarlo anche se ma-

gari patiscono un po’ il caldo. Abbiamo anche pensato a orari a cavallo della pausa pranzo o del primo pomeriggio, in modo che le temperature non siano troppo rigide». I maestri sono Francesca Menaldo, Lido Lucianaz, Riccardo Vuillermoz, Sabrina Brazzale, Italo Bonvicini, Luke Cambiolo (per lo snow); «e dobbiamo ringraziare Luca Garbarino che ha intuito e ci ha suggerito il modello di organizzazione dei corsi, con le lezioni individuali e i piccoli gruppi». «Ci sembra importante sottolineare la sostenibilità delle tariffe – commenta Verduci – di questi tempi non è semplice ritagliare risorse per lo sport in famiglia. Per lo snowboard, abbiamo anche a disposizione l’attrezzatura, scarponi e tavole». Per iscrizioni e informazioni scrivere una mail a sci.aosta@uisp.it oppure contattare il Comitato Uisp VdA, 0165-31342. ■ c.t.

in montagna. Sono state anche organizzate attività per meglio conoscere i prodotti locali e la vita di alpeggio insieme a laboratori di cucina, di prevenzione incendi, di osservazione della fauna e di lettura del paesaggio alpino. Tra i numerosi partecipanti, Nicola, «ho partecipato al sesto turno quest’anno e insieme ai miei compagni ho fatto diverse attività divertenti come scalare, giocare e vedere posti che non avevo mai visto prima. Mi sono divertito molto e sicuramente sarò felice di partecipare anche il prossimo anno». Commenta Mathieu, «anch’io mi sono divertito davvero tanto, sono stati dei giorni davvero intensi duranti i quali abbiamo fatto tante cose, abbiamo scoperto luoghi davvero belli e di cui non sapevo neanche l’esistenza; abbiamo avuto molti momenti di svago, giocando a palla prigioniera e a altri giochi. Gli accompagnatori non erano per niente severi e ci hanno fatto davvero divertire, la sera poi a volte potevamo stare svegli un po’ di più per giocare. Ripeterei senz’altro questa esperienza». L’incontro si è concluso con un filmato con immagini e video girati durante le settimane del trekking; prima di dare l’arrivederci al prossimo anno, l’assessore Bianchi ha poi consegnato un riconoscimento ai ragazzi del turno 6 le cui fotografie comporranno il calendario 2014 allegato alla rivista dell’assessorato ‘Environnement’. Sono Massimiliano e Francesco Prato, Sophie Bordet, Sophie Borbey, Alessandro Foretier, Nil Garin, Davide Fazari, André Dovigo, Yannick Vallet, Jerome Bianquin, Lorenzo Vai, Sebastian Sucquet, Herbert Xavier Marquiand, Andrea Quendoz, Gabriel Pietropaolo e Philippe Celesia.


regione

14

lunedì 7 ottobre 2013

■ giunta 1 / Secondo il presidente della Regione, Rollandin, il mancato federalismo fiscale ci ‘toglie’ 200 milioni di euro

Risorse all’osso, STOP ai contributi Gli aiuti previsti dal pacchetto anticrisi - bon de chauffage in primis - saranno erogati comunque aosta - Stop ai contributi a fondo perso. Lo ha deciso la Giunta che fino al 31 dicembre prossimo non accetterà domande relative alla copertura dei tetti in lose, richieste di contributo per attività turistico-ricettive, commerciali, industriali, artigianali e agricole. Al bando, almeno temporaneamente, gli incentivi alle assunzioni, le iniziative per la promozione dell’efficienza energetica e per lo sviluppo delle fonti rinnovabili.  L’assessore al Bilancio Mauro Baccega ha spiegato «che l’amministrazione regionale non può più sostenere iniziative a fondo perso considerato che non vi sono le risorse per sostenerle.» Tra i contributi sospesi, non rientrano i fondi di rotazione e i provvedimenti anti crisi confermati per il 2014.  «L’esigenza di sospendere la presentazione delle domande per i contributi a fondo perso è emerso in sede di colloqui per la predisposizione del bilancio di previsione 2014/2016, in quanto le richieste presentate agli uffici dell’amministrazione regionale fanno supporre che le stesse non potranno essere interamente soddisfatte nell’anno 2013, in considerazione delle attuali disponibilità finanziarie». «La priorità - ha commentato il presidente della Regione Augusto Rollandin - va agli investimenti e alle leggi di settore che li sostengono e che diventano volàno per l’economia». Le domande già presentate verranno tenute in considerazione, magari riparametrando il contributo. «E’ volontà della Giunta informare cittadini e imprese che hanno già presentato le domande, che

saranno quantificati e pianificati i finanziamenti per dare le necessarie risposte» - ha spiegato l’assessore Baccega. Nel futuro, non è da escludere che alcuni provvedimenti vengano ripensati o definitivamente cancellati se la valutazione costi-benefici sarà negativa. La critica di Rollandin «Oggi (venerdì, ndr) ho chiesto al presidente del Consiglio dei Ministri Letta un incontro urgente; ho informato i nostri parlamentari. Sul ta-

Il presidente della Regione Augusto Rollandin e gli assessori Mauro Baccega e Pierluigi Marquis

■ giunta 2 / Massimiliano Cadin nominato a capo della struttura Politiche della formazione e occupazione

IRAP più leggera per le aziende che assumono aosta - Incentivare l’occupazione stabile, stabilizzando i lavoratori oppure procedere a nuove assunzioni. Con questi obiettivi la Giunta ha approvato un documento che detta le modalità applicative per l’agevolazione Irap concessa agli operatori economici. A partire dal primo gennaio, l’agevolazione comporta una riduzione dell’aliquota Irap pari alla percentuale massima dello 0,92% per quelle imprese che assumono personale a tempo indeterminato e per nuove iniziative produttive che si insediano sul territorio regionale. «L’agevolazione – ha precisato l’assessore alle Attività Produttive Pierluigi Marquis – è fruibile per tre anni d’imposta a decorrere dal momento dell’assunzione dei nuovi lavoratori, con l’obbligo di mantenere in forza i nuovi lavoratori per lo stesso periodo». Costruzione in zone sismiche L’Esecutivo ha approvato le prime di-

sposizioni attuative della legge che disciplina le attività di vigilanza su opere e costruzioni in zone sismiche. La delibera stabilisce che tutti i comuni della Regione sono classificati in zona sismica 3; ne deriva che le attività di vigilanza sulle opere e costruzioni – prima limitate esclusivamente ai comuni di Valtournenche, Pré Saint Didier e Courmayeur – sono estese a tutti i comuni della Valle. «Una procedura semplice, snella e condivisa – ha commentato l’assessore alle Opere Pubbliche e difesa del suolo Marco Viérin – frutto del lavoro condiviso tra tecnici regionali e rappresentanti tecnici dei comuni». L’applicazione della normativa sarà oggetto nei prossimi mesi di verifiche, con la collaborazione dei comuni e degli ordini professionali, «i nuovi obblighi devono sì migliorare la qualità degli interventi edilizi e la sicurezza ma non devono appesantire più del necessario le procedure autorizzative che

già penalizzano il settore edile». Istituto musicale e Inps L’Inps, istituto nazionale di previdenza sociale ha stabilito la possibilità di ricongiunzione del servizio prestato dal personale che ha lavorato per l’Istituto e che in precedenza era iscritto al Fondo Pensione lavoratori dipendenti dell’Ago, Assicurazione generale obbligatoria. La questione è sorta dopo la scissione della Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta dall’Istituto Musicale Pareggiato, inserito nel sistema italiano dell’alta formazione e specializzazione artistica ae musicale nell’ambito delle istituzioni di alta cultura. Nomina La presidenza della Regione ha nominato Massimiliano Cadin a capo della Struttura politiche della formazione e dell’occupazione. ■ c.t.

volo ci sono una serie di questioni che spiegano il nostro stato di difficoltà; la Commissione paritetica, lo Statuto, ma in special modo la situazione finanziaria, minata dal Patto di stabilità e dai tagli. L’attuazione del federalismo fiscale, iniziato e mai andato avanti ha compromesso il nostro benessere; con il federalismo fiscale noi avremmo più di 200 milioni di euro disponibili che ci avrebbero permesso di percorrere altre strade e non essere obbligati ad adottare una delibera come quella odierna». Adava preoccupata «Come imprenditori dell’industria turistica ricettiva prendiamo atto, con evidente rammarico, del blocco dei contributi a fondo perso - commenta il presidente Adava, Alessandro Cavaliere -. Chiediamo al contempo una ferma presa di posizione da parte dell’amministrazione regionale a sostegno e rilancio degli investimenti quale strumento prioritario per riprendere la strada dello sviluppo. Riteniamo infatti che, in un’economia profondamente dipendente dal comparto turistico come quella valdostana, sia drammaticamente pericoloso fare dei tagli lineari su qualsiasi tipo di supporto fino ad ora dato al settore. Le scarse risorse vanno oggi con ancora più determinazione convogliate negli investimenti che permettono una riqualificazione del nostro prodotto turistico e al contempo costituiscono un volano per l’intera economia regionale alimentando fra gli altri in maniera preponderante il settore edile, artigiano, agroalimentare e dei servizi».


regione

lunedì 7 ottobre 2013

15

■ lega italiana lotta tumori / Il calendario delle visite senologiche gratuite, da mercoledì 9, nella sede di Aosta

E’ ROSA il colore della prevenzione d’autunno

Salvatore Luberto e Joël Farcoz ‘accendono’ il Teatro Romano (foto Pallu)

aosta - «Prevenire è meglio che curare», oltre a essere un detto della saggezza popolare è anche diventato lo slogan di Alice, l’associazione per la lotta all’ictus cerebrale, che aggiunge però anche un’altra importantissima parola: riabilitare.

aosta - Il Teatro Romano di Aosta sarà illuminato di rosa fino al 13 ottobre, speciale testimonial della campagna nazionale di prevenzione del tumore al seno ‘Nastro Rosa 2013’. «In Italia - ha esordito il presidente della Lilt valdostana Salvatore Luberto innanzi al monumento nel cuore di Aosta, venerdì sera, quando è stata avviata la campagna - ogni anno si ammalano 46mila donne, circa 14% negli ultimi 6 anni e in particolare vengono colpite donne in età compresa tra i 25 e 44 anni con un incremento del 29%. Le nuove tecnologie permettono di individuare lesioni millimetriche in fase iniziale permettendo così interventi

chuirurgici conservativi che non provocano danni estetici e offrendo un apercentuale di guarigione del 30-35%. Non bisogna, accanto a ciò, dimenticare un sano stile di vita evitando in particolar modo il fumo». «Questa amministrazione - ha spiegato l’assessore Farcoz - ha aderito alla campagna e scelto come simbolo della campagna 2013 il Teatro Romano in quanto simbolo della storia delle nostre origini e uno dei monumento più significativi dell’Italia settentrionale». Il presidente della Lega e l’assessore all’Istruzione hanno proceduto all’accensione del monumento; poi Luber-

■ alice / Giovedì 10 ottobre, un incontro sul tema farmaci con il dottor D’Alessandro

La prevenzione PAGA: ictus in calo In acqua, si può fare riabilitazione

Screening Tornano quest’autunno le giornate di screening gratuiti e incontri informativi in occasione della giornata nazionale della prevenzione dell’ictus del prossimo 26 ottobre. «I weekend della prevenzione di quest’anno in varie zone della città di Aosta hanno avuto un ottimo riscontro - spiega il presidente Lorella Zani. Abbiamo controllato oltre 600 persone di ogni età, senza contare i 150 screening effettuati presso le farmacie comunali. Ancora lo scorso fine settimana a Pont-Saint-Martin un centinaio di persone ha voluto farsi fare un check-up completo. È per questo che vogliamo continuare con i controlli gratuiti di pressione, glicemia e frequenza cardiaca anche dopo la pausa estiva: saremo presenti al-

to ha offerto la tessera di soci onorari agli assessori Farcoz e Fosson. Le visite si svolgeranno gratuitamente per tutto il mese di ottobre per le donne in età compresa tra i 25 e 44 anni, previo appuntamentoall’ambulatorio della Lilt di Aosta Via Xavier de Maistre 24 , telefono 0165 31331 oppure, per informazioni, telefonando al numero verde SOS Lilt, 800-998877. Il calendario delle visite Mercoledi 9 ottobre dalle 17 alle 19; mercoledì 16 ottobre dalle 16 alle 19; lunedì 21 ottobre dalle 15 alle 19 e mercoledì 30 ottobre dalle 16 alle 19. ■ Elettra Crocetti

Da sinistra, Nicola Brischigiaro, Lorella Zani e Giuseppe D’Alessandro

l’arena della Croix Noire in occasione delle batailles des reines e il 26 in piazza Chanoux e al mercato di Aosta, dove oltre ai controlli raccoglieremo anche fondi con la vendita dell’olio di noci che ha proprietà terapeutiche proprio per contrastare i rischi di ictus cerebrale. Inoltre il 9 novembre e il 14 dicembre saremo nella farmacia

di corso Battaglione». I dati I dati danno ragione all’importantissima opera di prevenzione che Alice porta avanti da ormai 16 anni: dal ’97 al 2003 i decessi per ictus in Valle d’Aosta sono stati 150, mentre dal 2006 al 2008 c’è stata una riduzione netta, con 40 casi in meno per anno.

Novità sui farmaci Oltre ai prossimi appuntamenti partiranno a breve anche i nuovi progetti per la sensibilizzazione sull’argomento, con un incontro aperto a tutti tenuto dal neurologo Giuseppe D’Alessandro il 10 ottobre alle ore 17 presso la nuova sede dell’associazione in via Lucat 2/A sul tema dei nuovi farmaci anticoagulanti orali.

«Tali farmaci sono una novità: hanno infatti recentemente ottenuto l’autorizzazione all’uso da parte dell’Agenzia Italiana del farmaco, non solo per la prevenzione della trombosi a seguito di grossi interventi chirurgici ma anche per la prevenzione della fibrillazione atriale, causa più frequente dell’icuts» - spiega il dottor D’Alessandro. «La cosa positiva di questo nuovo tipo di cura è che non necessita di continui controlli dei valori di scoagulazione con analisi del sangue una volta a settimana, perché il dosaggio è fisso: con una compressa al giorno si tengono a bada questi valori». La rieducazione Ma la vera sfida di quest’anno sarà il progetto di rieducazione psicomotoria in acqua che ALICE ha messo a punto

in collaborazione con Nicola Brischigiaro, apneista e fondatore della ‘Apnea National School’. «Il progetto prevede sedute di 45 minuti in acqua, ambiente adatto per la riabilitazione motoria in quanto parzialmente privo di gravità, con esercizi calibrati e mirati con gli educatori volontari - spiega Brischigiaro. Il candidato ideale alla sperimentazione è il paziente che ha avuto un ictus non invasivo, che riesce ad alzarsi dalla sedia e a camminare autonomamente e anche coloro che, economicamente, non possono permettersi sedute riabilitative. Verrà fatta una valutazione clinica e psicologica prima e dopo le attività che dureranno 2 mesi per decidere chi è idoneo alla terapia e gli effetti che questa porterà. Per ogni informazione o per le candidature al progetto si può contattare la sede di Alice al numero 3246098740 oppure inviare una e-mail all’indirizzo aliceictus@gmail.com. I nuovi orari d’apertura della sede (via Lucat 2/A) sono il martedì dalle 15 alle 17 e il sabato dalle 10 alle 12. ■ Cristina Compagnoni

■ fondazione comunitaria valle d’aosta / In cinque anni di attività sono stati raccolti 651 mila euro

«Trasparenza, semplicità e rispetto per il bene della comunità

Il segretario Giancarlo Civiero e il presidente Luigino Vallet

aosta - Uscire dalla logica angosciata del mio e del tuo e pensare di entrare nella logica della condivisione. Utilizzando le parole del priore di Bose Enzo Bianchi, il presidente della Fondazione Comunitaria Valle d’Aosta onlus Luigino Vallet ha tracciato il bilancio «soddisfacente» dei primi cinque anni di vita della Fondazione, in occasione della Giornata europea delle Fondazioni e dei Donatori, ribadendo «l’obiettivo di solidarietà sociale, attraverso fondi da destinare – con la concessione di contributi o la pubblicazione di bandi – a iniziative e progetti

che migliorano le condizioni di vita della comunità valdostana». Nella nostra regione, le Fondazioni sono 32, sfiorano le 5 mila unità nel bel Paese e coinvolgono qualcosa come 100 mila volontari. In cinque anni, la Fondazione ha raccolto 651 mila euro, «siamo nati con la crisi che sembrava una situazione contingente e che invece è ancora oggi quotidianità» – ha commentato Vallet. Di questi, 440 mila euro sono contributi ricevuti dalla Compagnia di San Paolo e i restanti 211 mila euro sono risorse raccolte sul territorio. I fondi di terzi ammini-

■ fidas / Il video realizzato dalle studentesse del liceo artistico di Aosta, Giorgia, Hiromi e Corinna, nuovo strumento di promozione

Donare il sangue «è come una storia d’amore» aosta - «Donare è alla base di ogni attività medica. Bisogna essere capaci oggi, in un paese che sta invecchiando, a trasmettere questo messaggio in particolare ai giovani. Dobbiamo essere in grado di comunicare a tutti che per donare il sangue non si deve essere eroi, ma spesso questo piccolo gesto è sufficiente per diventarlo». Sono queste le parole con cui il dottor Pierluigi Berti, direttore SIMT dell’azienda Usl ha concluso il suo intervento venerdì in biblioteca, in occasione della Giornata nazionale del donatore di sangue, dove si è svolta la prima delle tre iniziative organizzate dalla Fidas Valle d’Aosta: comunicare la donazione del sangue. A presentare l’evento è stato il delegato nazionale della Fidas VdA Valerio Lancerotto, insieme a numerosi ospiti tra i quali Pierluigi Berti, Elisa Terrazzino, docente del liceo artistico, Annamaria Traversa, dirigente scolastico del liceo, gli assessori regionali Joël Farcoz e Antonio Fosson e Rosario Mele,presidente dei donatori di Sangue Fidas VdA.

Grandi protagoniste della serata sono state però tre ragazze della V B del liceo artistico di Aosta che con l’aiuto della professoressa Elisa Terrazzino, hanno realizzato due video per promuovere la donazione di sangue. «Questa collaborazione con la Fidas ha offerto ai nostri ragazzi una grande occasione di apprendimento e crescita personale - esordisce la professo-

ressa Terrazzino - si sono documentati, hanno riflettuto e hanno potuto spendere il loro talento e la loro energia in un progetto al di fuori delle aule della scuola». La dirigente scolastica Annamaria Traversa ha concluso poi sottolineando l’importanza per i ragazzi di aprirsi a proposte provenienti dal territorio, poiché sono queste che permettono loro di aprir-

si a esperienze su grande scala. I video realizzati da Giorgia, Hiromi e Corinna hanno sorpreso positivamente tutti i presenti in sala e non solo; dopo la proiezioni dei progetti ideati dalle tre ragazze Lancerotto ha annunciato che i video sarebbero diventati strumenti promozionale dell’associazione. «Abbiamo voluto pensare alla donazione del sangue come a una storia d’amore - spiegano Giorgia e Corinna - siamo partite del punto di vista gioioso di questo atto, quello del dare e ricevere gratuitamente, non da quello del sangue che può sembrare più cruento». Irene Pagano, componente della della Fidas VdA, ha consegnato alla dirigente scolastica Annamaria Traversa una macchina fotografica per il liceo; non solocome segno di riconoscimento al lavoro svolto dalle tre ragazze, ma come promessa di una futura collaborazione tra Fidas e liceo artistico. ■ Ilaria Cavalet Giorsa

strati sono pari a 126 mila euro mentre le somme impegnate per il piano di attività 2013 ammontano a 75 mila euro. «Abbiamo pensato in special modo al sostegno di chi è senza lavoro e al pronto soccorso sociale, quella forma di microerogazione, rapida e snella, che aiuta quei cittadini che fanno fatica, che sono alla soglia della povertà. Nel prossimo bando, che sarà pubblicato il 10 ottobre – abbiamo pensato al sostegno di persone inattive – ha spiegato Giancarlo Civiero, segretario generale della Fondazione Comunitaria – alla necessità di mantenere efficienti lavoratori che magari sono in cassa integrazione o in mobilità e che possono ancora dare il proprio contributo». Dei 18 progetti fin qui presentati, solo 7 sono stati scelti e finanziati; «la scelta è rigorosa – commenta Civiero – non scegliamo personalmente a chi destinare risorse ma pubblichiamo bandi, scegliendo i progetti di maggiore impatto sul territorio. Gli ambiti di intervento sono l’assistenza socio sanitaria, il volontariato e la beneficenza, l’istruzione, la formazione, la tutela del patrimonio storico e artistico, la tutela dell’ambiente, ma anche la ricerca scientifica e tecnologica e gli sport dilettantistici. «Lavoreremo perché la Fondazione sia conosciuta sempre di più, valorizzando ancora di più l’economicità, l’efficacia, la semplicità e la trasparenza del nostro operato. La Fondazione è un ente che offre al donatore la tranquillità di sapere che le proprie volontà saranno rispettate» - commenta Vallet. Le donazioni godono dei maggiori benefici fiscali attualmente vigenti; attraverso l’intermediazione della Fondazione sono deducibili anche le donazioni versate a favore di progetti di utilità sociale realizzati da enti no profit che non sono onlus, le parrocchie e gli oratori per esempio. Lavoriamo insieme per costruire bene per la comunità». ■ Cinzia Timpano


e c o n o m i a & l avo ro

16

lunedì 7 ottobre 2013

■ lavoro / In 4 anni -30% di incidenti, calo che si ripercuote sull’attività di riparazione auto

Crollano i sinistri e le carrozzerie piangono Francesco Iannizzi (Rete Carrozzeria Amica) denuncia: «Senza inversione di tendenza inizieranno i licenziamenti» Aosta - Caro benzina, codice della strada, etilometro, autovelox, c’è molta più attenzione, meno auto sulle strade, meno rischio e di conseguenza meno incidenti. Di per sé questa dovrebbe essere una notizia positiva, per i carrozzieri lo è un po’ meno. «Noi viviamo sulle disgrazie degli altri – confessa Francesco Iannizzi, presidente di Rete Carrozzeria Amica -, è brutto da dire, ma è così. Nemmeno gli inverni ci danno una mano, le grandi nevicate non ci sono più e le strade, con gli acidi e i prodotti che usano per tenerle pulite, non sono più ghiacciate...» Il risultato è un crollo dei sinistri del 30% negli ultimi 4 anni

e di conseguenza una perdita di lavoro della stessa entità per le carrozzerie. I dati li dà direttamente l’Ania, l’Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici, che evidenzia come la crisi nel settore auto sia iniziata nel 2008, e che abbia subito un’impennata negli ultimi due anni, passando da un calo del 10% registrato nel 2011 al 30% attuale. Le cause? Il costo del carburante, i maggiori controlli delle forze di polizia, la diminuzione della velocità, il minor numero di auto in circolazione e l’introduzione di sistemi di sicurezza più avanzati nelle auto di nuova generazione. Sempre l’Ania fornisce un ulteriore dato interessante. Il costo

Francesco Iannizzi, presidente di Rete Carrozzeria Amica

medio per per la riparazione di un’auto in Valle d’Aosta si attesta sui 2.809 euro, il più economico d’Italia. Anche le assicurazioni Rc auto in Valle d’Aosta sono meno costose con un rapporto sinistri /premi del 47,5%.

«Purtroppo, nonostante i costi contenuti, il lavoro scarseggia sempre di più e molti colleghi sono in difficoltà. Alcune imprese hanno diminuito le ore di lavoro, prima si rimaneva aperti fono al venerdì, adesso c’è qual-

cuno che il mercoledì a mezzogiorno ha già finito e tira giù la serranda. Negli ultimi due anni tre/quattro carrozzerie hanno chiuso e non c’è stata nessuna nuova apertura. Fare investimenti in questo settore adesso significa mettersi la corda al collo» continua Iannizzi. Per il presidente se non ci sarà un’inversione di tendenza, entro la fine dell’anno partiranno i primi licenziamenti. Secondo Iannizzi anche la tendenza delle assicurazioni di proporre un’autofficina di fiducia a i propri clienti incide in maniera negativa sul lavoro. «Con Rete Carrozzeria Amica, che riunisce trenta aziende in Valle d’Aosta da Montjovet a Vil-

■ motori / Presentato il progetto imprenditoriale tutto italiano sviluppato alla Pépinière d’Entreprises di Aosta

Tacita T-Race, la moto elettrica debutta all’Eicma

Pierpaolo Rigo con la moto e la T-Station

aosta - Se la volete provare... ricordatevi di metterla in carica! É la Tacita T-Race, la prima moto enduro elettrica 100%, un progetto imprenditoriale tutto italiano insediato alla Pépinière d’Entreprises Espace Aosta e presentata venerdì scorso alla stampa e agli addetti del settore. Tacita nasce dalla passione per le due ruote unita al rispetto per il territorio e l’ambiente. Un team di 5 ingegneri ha lavorato al prototipo per un anno, esemplare che, raggiunti i 12.500 km, «morirà» spiega l’ideatore Pierpaolo Rigo, «sarà smontata per capire come hanno funzionato le varie componenti». Tacita sarà all’Eicma 2013, il salone internazionale del motociclo (Mila-

no 7-10 novembre), nelle tre versioni cross, enduro e rally. Un telaio in cromo realizzato su misura per assicurare la giusta distribuzione dei pesi, un propulsore elettrico, cuore silenzioso della moto, cambio a 5 rapporti, 250 cc e 4 tempi, velocità massima 113 km/h. Il peso può variare tra i 130 kg nell’assetto da cross, 154 kg enduro light, 190 kg la versione rally fino ai 220 kg della futura versione da strada. «La batteria al momento è tarata sulla durata di una gara - spiega Rigo , l’obiettivo è di prolungare l’autonomia per la versione da strada in modo da garantire 200/250 km. Volutamente non abbiamo lavorato sul silenzio. La moto, soprattutto sui sen-

leneuve, abbiamo stilato una carta dei servizi per opporci a questa tendenza. É giusto che ogni automobilista possa scegliere dove portare la propria auto ad aggiustare senza le influenze di nessuno». Un piccolo segnale positivo arriva dai giovani. «Abbiamo seguito i ragazzi del Cnos di Châtillon – spiega Iannizzi -, tutte le carrozzerie della rete hanno preso un ragazzo per lo stage, sui 23 avviati in 11 hanno conseguito il diploma di carrozziere di base. Tre di questi sono entrati in azienda a lavorare come apprendisti. Un piccolo segnale di speranza per il futuro...» ■ Erika David

ECONOMIA

tieri, deve farsi sentire. Sicuramente il rumore è meno invadente rispetto alle moto tradizionali». Per ricaricarla si può utilizzare la TStation il carrello dotato di pannelli fotovoltaici con accumulatori in grado di ricaricare la moto e alimentare le utenze domestiche con i 2,5 Kw che produce. Costo? dai 16/18.000 euro della versione da cross a salire. Le moto sono realizzate su ordinazione per ogni singolo cliente. «Perché comprare una moto elettrica? Beh, perché una volta acquisito dimestichezza con la guida, che è diversa rispetto all’enduro tradizionale, per dirla in termini tecnici, è una figata!» ■ er.da.

Flash

Chambre, l’esecutivo ribadisce la propria unità Dopo le dimissioni del consigliere Tiziana Limonet, per motivi personali, accolte con «sorpresa», è tornata a riunirsi la giunta della Chambre Valdôtaine. «Per sgombrare il campo da fraintendimenti» si legge in una nota, i componenti della giunta ribadiscono il clima collaborativo in seno all’esecutivo e confermano la volontà di sostituire il consigliere dimissionario dopo un confronto con le associazioni.

IL TROVA LAVORO

Fonte: Dipartimento Politiche del Lavoro e della Formazione: CENTRO PER L’IMPIEGO DI AOSTA Tel. 0165 271311 - 32374 - CENTRO PER L’IMPIEGO DI MORGEX Tel. 0165 809681 CENTRO PER L’IMPIEGO DI VERRES Tel. 0125 929443 OFFERTE DI LAVORO PRIVATE MONTJOVET CHÂTILLON COURMAYEUR

AZIENDA DI HAUTE COUTURE SPECIALIZZATA NELLA PROGETTAZIONE E CONFEZIONAMENTO DI ABBIGLIAMENTO FEMMINILE: 1 sarta/o modellista, la candidata/o ideale ha almeno 10

anni di esperienza in atelier di moda, è in grado di creare autonomamente la realizzazione di un capo, dalla trasposizione del modello su carta, al taglio del tessuto, al confezionamento a mano e a macchina. La retribuzione sara’ commisurata alle caratteristiche del candidato/a. Inviare C.V. all’indirizzo email cpi-verres@regione.vda.it

AZIENDA SETTORE IMPIANTISTICA-SISTEMI D’ALLARME: 1 elettricista abilitato al rilascio certificazione di conformita’, con buone conoscenze informatiche e linguistiche, il candidato/a ideale inoltre ha una solida preparazione tecnica, una consolidata esperienza in ambito elettrico e impiantistico e buone capacita’ relazionali, e’ disponibile alla formazione con almeno patente B e automunito. Contratto commisurato alle caratteristiche del candidato/a. Orario a tempo pieno. Inviare C.V. all’indirizzo email cpi-verres@regione.vda.it AMERICAN BAR: 1 sushi chef con esperienza di cucina giapponese preferibilmente automunito. Contratto per la stagione invernale, servizio serale e notturno. Tel. 338-6374149 oppure inviare C.V. all’indirizzo email f.glarey@tiscali.it

COGNE

ALBERGO BELVEDERE: 1 cuoco liv. 5, automunito. Contratto annuale, alloggio da concordare. Tel. 0165-751812 per colloquio presso il datore di lavoro

AOSTA

FAMIGLIA PRIVATA: 1 coppia di domestici per grande villa in Svizzera (Montreux), lei dovra’ occuparsi della casa (pulizie, aiuto cucina, stiro e lavanderia), lui si occuperà di lavori di manutenzione, giardinaggio e

AOSTA

PIZZERIA D’ASPORTO: 1 addetto alla consegne pizze a domicilio con patente B ed esperienza nella mansione. Contratto a tempo indeterminato con orario part-time dalle ore 18 alle ore 22. Tel. 335-6192215 dal-

VALTOURNENCHE

ALBERGO - RISTORANTE IN ALTA MONTAGNA: 1 cuoco capo partita ai primi con età non superiore ai 26 anni, con conoscenze nella preparazione della pasta fresca. Contratto di apprendistato per la stagio-

COURMAYEUR QUART

autista, automuniti e si richiede conoscenza della lingua francese e inglese. Contratto a tempo indeterminato. Inviare C.V. all’indirizzo email montreux70@tiscali.it si valutano solo candidature con referenze verificabili e corredate da curriculum le ore 10 alle 15

ne invernale 2013/14 (dicembre - maggio), si offrono vitto e alloggio. Tel. 0166-948775

IL RISTORANTINO: 1 aiuto cucina o sala. Contratto a tempo determinato. Tel. 0165-89214 oppure inviare C.V. all’indirizzo email alessandra.decicco@virgilio.it JOYVILLAGE RICERCA PER PROSSIMA APERTURA CENTRO DIVERTIMENTI AD AOSTA: 5 operatori per bar, servizio e cassa, con esperienza al pubblico, con patente B, automunito, conoscenza del-

la lingua francese e inglese, conoscenze informatiche di base. Per la baby area richiesta esperienza gestione bambini dai 4-12 anni. Per la manutenzione preferibilmente esperienza con il bowling o settore elettromeccanico. Contratto a tempo pieno o part-time (30 ore settimanali) e determinato, disponibilità serali, notturni, festivi e week end. Inviare C.V. con foto all’indirizzo email job@ledbs.it (indicando il riferimento di interesse e specificando la modalità con la quale si vuole essere contattati)

AYAS

BAR RISTORO SULLE PISTE DA SCI - “LA TANA DEL LUPO”: 2 camerieri sala/baristi, preferibilmente con conoscenza delle lingue, e’ necessario aver maturato esperienze professionali in posizioni analoghe

AYAS

HOTEL CREFORNE’ : 1 cuoco capo partita ai secondi con esperienza lavorativa, autonomo nello svolgimento della mansione e con ottime capacità organizzative. 1 barista con ottima conoscenza dell’italiano, del-

COURMAYEUR LA SALLE

ed essere motivati al lavoro in ristoro sulle piste da sci. 2 cuoco e aiuto cuoco con conoscenze nella cucina classica e regionale, e’ necessario aver maturato esperienze professionali in posizioni analoghe ed essere motivati al lavoro in ristoro sulle piste da sci. Contratto per la stagione invernale con orario a tempo pieno, si offrono vitto e alloggio. Inviare C.V. alla Sig.ra Carratino Chiara via Maitre Dondeynaz n. 83 11020 Champoluc, Ayas, oppure all’indirizzo email c.carratino@gmail.com l’inglese e del francese, esperienza in caffetteria e miscelazione. 1 cameriere di sala con ottima conoscenza dell’italiano, dell’inglese e del francese con esperienza nella mansione, costituirà titolo preferenziale la conoscenza dei vini e della cucina valdostana. 1 cameriere ai piani con esperienza almeno biennale nella mansione. Contratti per la stagione invernale 2013-2014, orario a tempo pieno. Si offre alloggio. Inviare C.V. all’indirizzo email lavoro@champoluc.it

CAFFE’ DELLA POSTA: 1 pasticciere qualificato e 1 cameriere di sala e bar con esperienza, automuniti e si richiedono referenze. Contratto per la stagione invernale 2013/14, alloggio da concordare. Tel. 339 5213237

SOCIALNIS SCRL (STRUTTURA PER ANZIANI): 1 infermiere professionale con laurea in scienze infermieristiche e iscrizione all’albo professionale “IPASVI”, automunito, è gradita esperienza, necessaria residenza o domicilio nelle vicinanze massimo 30 km di distanza. Contratto a tempo determinato, 30 ore settimanali. Inviare C.V. all’indirizzo email ufficiopersonale@eurotrendbiella.it

AOSTA

STUDIO DENTISTICO: 1 assistente alla poltrona anche con funzioni di segreteria, con esperienza lavorativa nel settore, preferibilmentecon licenza di media superiore, patente B, automunit e con conoscenze infor-

AYAS

CENTRO BENESSERE HOTEL RELAIS DES GLACIERS: 1 estetista con buona conoscenza della lingua inglese, esperienza lavorativa e automunito. Contratto per la stagione invernale 2013-2014, orario a tem-

matiche. Contratto a tempo determinato eventualmente trasformabile a tempo indeterminato. Orario part-time, 20h settimanali. Inviare C.V. all’indirizzo email costador@hotmail.com po pieno dalle ore 13 alle ore 20. Si offrono vitto e alloggio. Inviare C.V. all’indirizzo email info@hotelrelaisdesglaciers.com

OFFERTE DI LAVORO PUBBLICHE COMUNITA’ MONTANA MONT EMILIUS

MICROCOMUNITÀ DI SAINT-CHRISTOPHE: 1 assistente domiciliare in subordine generico catB pos B2 con diploma di istruzione secondaria di 1° grado, patente B e disponibilità utilizzo mezzo proprio per

servizio e in possesso dei requisiti per l’accesso ai pubblici impieghi. Periodo e orario: dall’immediato al 09-05-2014 con possibilità di proroga, 36 ore settimanali distribuite su turni in microcomunità. Prove da sostenere: prove di selezione: francese scritto e orale; prove di idoneità: prova pratica relativa alla mansione


e c o n o m i a & l avo ro

lunedì 7 ottobre 2013

17

■ manifestazione / Sono solo due le distillerie che producono grappe in Valle d’Aosta

Le grapperie valdostane aprono le porte

La Saint-Roch e la Valdôtaine hanno partecipato all’iniziativa nazionale che ha coinvolto 34 aziende aosta - Per promuovere la grappa, ma anche per far visitare gli impianti e i locali di invecchiamento nasce 10 anni fa la manifestazione “Grapperie aperte”, organizzata dall’Istituto nazionale della Grappa in cui le distillerie di tutta Italia aprono le porte al pubblico. Ieri sono state 34 le distillerie che hanno aderito, anche le due aziende distillatrici in Valle d’Aosta. Le grapperie valdostane La Saint Roch di Quart e La Valdôtaine di Saint-Marcel hanno accolto appassionati e semplici curiosi. La manifestazione è stata un’occasione per scoprire il distillato di bandiera, la grappa è infatti è un prodotto solo italiano per tradizione, cultura ma anche per legge e per ammirare i begli alambicchi con cui la grappa viene prodotta. Le grappe prodotte in Valle d’Aosta sono legate alla tradizione, al territorio, molto apprezzate, come accade per il vino del resto, sono le grappe monovitigno da vitigno autoctono come il Blanc de Morgex e la Salle o il Muscat di Chambave per esempio, ma anche cornalin, fumin e torrette. Il mercato «Il mercato è piuttosto vario - spiega Nicola Rosset titolare della Saint Roch

Distilleria La Valdôtaine

- per quello che riguarda l’estero è molto ricettiva la Svizzera che per vicinanza capisce meglio i prodotti di montagna come i nostri ma esportiamo anche in Germania Olanda, Belgio e Francia». Distilleria Saint Roch Le distillerie Saint Roch, che vantano una tradizione familiare ultra centenaria lavorano oltre 1800 quintali di vinaccia, inoltre distillano anche la frutta, come mirtilli e lamponi ottenendo ottimi riconoscimenti nei concorsi internazionali dedicati. Durante la ma-

Franco Levi (St-Roch)

Paolo Covi (La Valdôtaine)

nifestazione è stato possibile assaggiare proprio i prodotti premiati e vedere

la distillazione dei mirtilli, produzione che entrerà in commercio nel 2014.

Mentre La Valdôtaine tra le varie proposte ha presentato il tradizionale gelato, molto apprezzato, con la grappa “Blanc de Morgex”. La produzione de La Valdôtaine, sul mercato da oltre 50 anni, e che da qualche anno fa parte del gruppo Francoli di Ghemme, raggiunge le 100.000 bottiglie e la distilleria genera oltre 30.000 litri di grappa per anno, i prezzi variano dai 7 euro in su. «Il nostro mercato è prevalentemente nazionale - spiega Paolo Covi direttore della distilleria - per quello che riguarda

l’export parliamo di Belgio soprattutto, il mercato della grappa richiede soprattutto conoscenza e tradizione, essendo un prodotto alpino è più difficile da far capire, va molto bene infatti nei paesi come Svizzera, Austria o Germania». La distilleria di Saint Marcel vanta una collaborazione con la famiglia del famoso stilista Roberto Cavalli, dalle vinacce del pregiato vino che producono nella loro tenuta in Toscana, nasce la grappa Tenuta degli Dei racchiusa in bottiglia che sembra un profumo pregiato. ■ Simonetta Padalino

■ progetti / Ridare vita a vecchi abiti e sfornare pane come itinerari di cittadinanza

Labeau, a scuola di riuso e panificazione aosta - Attenzione alla disabilità vista come attenzione alla persona grazie al lavoro, con il quale si può dare più dignità alla persona stessa. Anche con questo obiettivo nascono i laboratori occupazionali, “Labeau” itinerari di cittadinanza e partecipazione, per il momento solo sperimentali, finanziati secondo la legge regionale 14 del 2008 in materia di disabilità. Si tratta di laboratori per il riuso e il riciclo di vestiti usati e per la panificazione destinati a disabili fisici o mentali valdostani tra i 18 e i 65 anni. Il laboratorio del riuso e riciclo

creativo, che inizierà a inizio 2014, si prefigura di coniugare l’aspetto occupazionale con quello ecologico. «Una parte degli abiti vestiti usati verranno recuperati - spiega Flavia Tartaglione, della cooperativa Esprit à l’Envers - saranno lavati e igienizzati alla lavanderia del carcere, che dà lavoro a sei persone, rimessi in ordine ed etichettati, dopo di che saranno messi in vendita nelle giornate di porte aperte nel laboratorio o in mercatini e fiere. Altri capi invece saranno trasformati grazie all’aiuto di una stilista, creando una linea di pro-

dotti e accessori o complementi d’arredo, questi prodotti sarà possibile trovarli al negozio Lo Pan Ner di Aosta. Per avere più indumenti possibili invito la popolazione valdostana, in occasione anche del cambio di stagione, a donare gli abiti dismessi per questo progetto, per il momento possono essere consegnati nella sede della nostra cooperativa in via Monte Pasubio 25» conclude Tartaglione. Il laboratorio dei panificatori è già iniziato a marzo di quest’anno e il nuovo finanziamento prevede la sua continuazione fino al 2015. «La panificazione si tie-

ne in una cucina vera, al ristorante-pizzeria “Progetto altro che”- spiega Lui- Flavia Tartaglione e Luisa Trione sa Trione, presidente dell’Enaip Valle d’Aosta - prato ha notevolmente aumenle quattro persone che frequen- tato l’autostima delle persone tano questo laboratorio sono af- che seguono il progetto». fiancate da un educatore e da «É prevista per i partecipanti un cuoco che richiede degli stan- un’indennità di frequenza, un dard di qualità calibrate ovvia- modo per dare loro più dignità mente alle capacità del singolo, spiega l’assessore alle politiche qualità perché i prodotti devono sociali Antonio Fosson - sono dei essere vendibili e quindi buoni. lavoratori che producono qualAbbiamo riscontrato che il fatto cosa di valore e che troverà una di produrre qualcosa, non fine a commercializzazione». se stesso ma che poi viene com■ si.pa.


18

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


lunedì 7 ottobre 2013

B de

S

19

ataille reine

■ COMBATS / Domenica 13 ottobre a Gressan, ultime dodici qualificate per la finale regionale della Croix Noire

Bandit, Caprice e Venise incoronate e St-Christophe SAINT-CHRISTOPHE - Si sono presentate in 223 nell’arena di Saint-Christophe per tentare di strappare i penultimi 12 biglietti per la finale regionale del 20 ottobre. Sul peso ha vinto Mora (783 kg) di Elio Ottin di Aosta, mole che però non ha aiutato la bovina ad agguantare un posto per la Croix Noire. In prima categoria ha vinto Bandit (685 kg) di Stefano Pepelin che si è imposta su Marseille (705 kg) di Borinato-Arnod di Quart. Al terzo/quarto posto si piazzano Saphir (645 kg) di Marina Pascal di La Salle e Allegra (712 kg) di Michel Squinabol di Pollein. In seconda categoria bosquet a Caprice (565 kg) dei fratelli Yeuilla di Pollein ai danni di Fiura (570 kg) di Lauro Pont di Pollein. Le altre semifinaliste sono Feisan (570 kg) di En-

Caprice dei fratelli Yeuilla

rico Grivel di Courmayeur e Reinetta (587 kg) di Claudio Berthod di Doues. Infine in terza categoria successo di Venise (538 kg) di Aurelio Cretier di SaintChristophe davanti a Soulida (538 kg) di Giulio Noussan di Saint-Christophe. Terze/quarte Mourina (538 kg) di Carlo Bovet di Saint-Christophe e Mitra (540 kg) di Brissogne. Venise oltre al bosquet si è portata a casa anche un campano, uno Chamonix 10, offerto dalla famiglia di Augusto Bionaz. Prossimo appuntamento domenica 13 ottobre nell’arena di Gressan per l’ultima eliminatoria del 2013. Per l’occasione il comité organizzerà tre giorni di festa (vedi altro servizio a pagina 31). ■ r.g.

Bandit di Stefano Pepelin

Venise di Aurelio Cretier


20

LEGALITÀ

Arianna e Chiara, studentesse dell’ITPR con le parole simbolo del Generale Dalla Chiesa, l’uomo dell’Arma con gli alamari cuciti sulla pelle; la figlia Simona ha ricordato un’altra espressione cara al padre, che ne fotografa la dirittura morale e rafforza la validità del messaggio generazionale; «comandare significa dare l’esempio; senza l’esempio, si chiama sopraffazione»

L’insegnante Donatella Corti ha letto un passaggio del discorso che il Generale Dalla Chiesa tenne innanzi ai ragazzi dell’istituto Gonzaga di Palermo «vivete la vita anche se è una lotta» - disse loro.

s o c i e tà

lunedì 7 ottobre 2013

Il coraggio, l’esempio e l’attualità del pensiero del Generale Dalla Chiesa

«Il Generale è nel cuore di tutti gli italiani per bene». Lo ha detto il luogotenente Romano Romano, decàno dei carabinieri in Valle, che ha negli anni ‘80 ha lavorato nel Nucleo Antiterrorismo guidato dal Generale Dalla Chiesa Il tenente colonnello Guido Di Vita - che era Cadetto - nei giorni in cui il Generale abbandonò l’Arma per diventare prefetto di Palermo, si è commosso e ha definito Dalla Chiesa «un mito», esortando il rispetto per lo Stato e chiedendo agli amministratori pubblici di servire i cittadini. «Sradicheremo la mafia - ha detto - sono sicuro, solo quando anche noi carbinieri entreremo nel territorio, non solo sul territorio».

Gli studenti che hanno letto l’intervista che il 10 agosto 1982 il Generale rilasciò a Giorgio Bocca per il quotidiano La Repubblica

Ospiti di Libera Valle d’Aosta, i figli del Generale Simona e Nando, qui in foto con il Sindaco di Aosta Bruno Giordano e la referente di Libera Vd’A Marika Demaria, sono intervenuti per l’intitolazione ufficiale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa, incontrando poi gli studenti alla cittadella dei giovani; Simona ha parlato di «alto senso dello Stato coniugato al senso della famiglia»; Nando si è soffermato sulle parole che il padre disse a dei giovani studenti: «la vita è fatica, la nostra fatica oggi è per la democrazia che verrà». Per leggere il resoconto dell’incontro alla cittadella dei giovani, www.newsvda.it

Una parte degli studenti che mercoledì ha affollato il teatro della cittadella dei giovani

Fraz. Plan Felinaz, 19 - Charvensod (AO) Tel. 0165/262286 Fax 0165/41337


ao s ta

lunedì 7 ottobre 2013

21

■ progetto / Il capoluogo ha chiesto alla Regione di rimodulare le risorse della legge Aosta Capitale

Restyling, ma non solo al Montfleury

Un impianto di cogenerazione a metano fornirà energia agli impianti di regione Tzambarlet aosta - Lo stadio Puchoz, ma anche l’area Monfleury e la cittadella sportiva di regione Tzambarlet. E’ delle scorse settimane la rinuncia dell’amministrazione regionale a dichiarare il glorioso Mario Puchoz stadio di interesse regionale. Ragioni di cassa principalmente, considerato che non ci sono le risorse necessarie a sostenere l’importante restyling del quale l’impianto cittadino ha bisogno. «Nei giorni scorsi abbiamo spedito una lettera all’amministrazione regionale perché sia rimodulato un asse del finanziamento speciale per Aosta Capitale, in principio destinato alla riorganizzazione dell’area sportiva Montfleury – spiega l’assessore all’Urbanistica Flavio Serra. Diversi gli intenti; la razionalizzazione dell’area Monfleury avrebbe dovuto ottimizzarne la gestione, coordinare e integrare la zona con il restante domaine sportivo comunale e intercomunale – l’area Tzambarlet e Gressan e al tempo stesso liberare l’area del Puchoz dalle funzioni sportive a favore di altre destinazioni di pubblico interesse.

Il terreno dello stadio Puchoz; nel riquadro l’assessore Flavio Serra

Non sarà così poiché la richiesta dell’amministrazione comunale si muove su tre fronti, compreso lo stadio Puchoz. «Abbiamo chiesto che sia previsto un intervento significativo per lo stadio cittadino, perché torni a essere uno stadio di rilievo, pronto ad accogliere squadre della massima serie, in osservanza a quanto disposto dalle regole della Federazione - commenta l’assessore Serra -. Rimane in piedi una parte del progetto di restyling del-

la zona sportiva del Montfleury; sarà ristrutturato il blocco degli spogliatoi e sarà installata una struttura per lo skateboard nella parte oggi occupata dalla pista di rotellistica. Saranno anche acquisite alcune aree private a Sud, verso la Dora, con l’obiettivo di sistemazione del terreno e riorganizzazione complessiva della zona. Terzo ‘capitolo’ riguarda la realizzazione di un impianto di cogenerazione a metano per la produzione di acqua calda sa-

nitaria ed energia elettrica che serva il polo sportivo di regione Tzambarlet. I costi per l’approvvigionamento energetico rappresentano un costo spesso proibitivo per chi gestisce gli impianti; avremo così un investimento interessante che permetterà di abbattere i costi per la piscina, il palaghiaccio e il bocciodromo». L’area sportiva Montfleury L’area sportiva è costituita da tre campi di calcio: Ghignone, Zam-

broni e Frand Genisot che occupano circa 18.800 metri quadrati; a servizio ci sono otto spogliatoi. I campi da calcio a 5 sono due (il Comume ne entrerà in possesso a fine 2014 alla scadenza del contratto ventennale con Aosta Calcio a 5/Regisport, che lo hanno realizzato a loro spese su un terreno in diritto di superficie di proprietà comunale. Oltre al campo principale coperto, con tribuna da 330 posti a sedere, c’è un secondo campo esterno in sintetico e un edificio adibito a spogliatoi e bar-ristorante. La pista di rotellistica è un nastro di asfalto di 240 metri, un tempo utilizzata per gli allenamenti estivi dello short track e per la rotellistica. E’ in disuso da tempo. Punto interrogativo sull’impianto del calcio a 5 che il prossimo anno – 2014 – estinto il periodo di diritto di superficie – diverrà di proprietà dell’amministrazione comunale. In realtà una delibera del consiglio comunale del 1996, la numero 175, posticipa il termine al 14 dicembre 2015. L’impianto fu realizzato in approvazione della delibera 152/1994; il provvedimento concedeva l’area di

3250 metri a valle del campo di calcio Ghignone in diritto di superficie alla società PCF Aosta Calcio a cinque e approvava la bozza di convenzione per la costruzione, l’utilizzo e la dismissione dell’impianto. Progetti futuri «Gli uffici, nello specifico l’ingegner Muraro si sta occupando del progetto presentato dal Vallée d’Aoste – commenta l’assessore allo Sport Patrizia Carradore – per verificare la possibilità di ipotizzare un project financing per l’ambizioso progetto imprenditoriale che ci hanno presentato qualche tempo fa. Non sono escluse forme di partenariato con i privati per realizzare e gestire strutture sportive, ma il tema è complesso e non può prescindere dal chiarire ed evidenziare quali siano le esigenze e i fabbisogni della comunità e dalla questione risorse disponibili». Qualcuno ipotizza un progetto di restyling per l’impianto del calcio a 5… «Al di là di quella del Vallée d’Aoste non ho ricevuto alcuna proposta». ■ Cinzia Timpano

■ scuola / L’assessore Paron rispedisce al mittente le critiche sulla scarsa pulizia, «non è giunta alcuna segnalazione»

Mensa, la riunione ‘fantasma’ fa arrabbiare i genitori L’incontro con la società Vivenda del tardo pomeriggio è stato comunicato solo la mattina stessa aosta - Scuolabus e mensa: anno (scolastico) nuovo, grane vecchie. Così aveva titolato Gazzetta Matin la scorsa settimana, riferendosi alle conseguenze di un pulmino scolastico non sufficiente alle esigenze delle classi e alle ormai note, seppur in calo, lamentele per il servizio di mensa garantito nelle scuole della città dalla ditta Vivenda. Giovedì scorso, alla Cittadella dei giovani, le famiglie avrebbero dovuto partecipare a un incontro organizzato proprio per fare il punto con l’azienda, con il direttore del servizio Pier Giorgio Venturella, così come previsto dalle nuove modalità di comunicazione e confronto studiate per migliorare il servizio partito con qualche problema di troppo. Riunione convocata per giovedì 3 ottobre alle 18.30 alla cittadella dei giovani. Peccato che l’avviso, sia stato scritto sul diario dei bambini soltanto al mattino dello stesso giovedì. Risultato: genitori imbufaliti (i bambini escono da scuola alle 16.30) e solo una ventina presenti all’incontro. «Non so cosa sia successo – commenta l’assessore all’Istruzione Andrea Edoardo Paron – la comunicazione è stata effettuata il 18 settembre. Dev’esserci stato un disguido, ma ormai era troppo tardi per annullare la riunione. Viste le circostanze, anziché convocare la prossima riunione in primavera, la faremo a metà novembre, per dare alle famiglie la possibili-

tà di partecipare». I toni dell’incontro? «Devo ammettere con una certa soddisfazione che siamo sideralmente lontani dalle ripetute lamentele dello scorso anno. La bollettazione è la questione più contestata e non disconosciamo che alcuni problemi vi sono stati. Erano presenti anche alcune insegnanti della scuola dell’infanzia che hanno sottolineato la bontà dei piatti serviti, ad esempio l’ottima qualità della carne. Qualcuno ha sollevato qualche

questione pratica, relativa ad esempio al taglio del pane, ma direi che problemi veri e propri non ve ne sono; certo tutto è migliorabile e lavoreremo anche sui dettagli. Oltre alle modalità di comunicazione e segnalazione già note, abbiamo previsto che due genitori in rappresentanza dell’istituzione scolastica, possano, insieme al direttore del servizio, l’ingegner Venturella, visitare i refettori». Qualche genitore continua a lamentare la scarsa pulizia…

«A me non risulta alcuna segnalazione. Non riesco a capire come si possa lamentare la scarsa pulizia quando non si è presenti. Ripeto, sono sempre stato il primo a invitare le famiglie a rapportarsi con noi, a comunicare eventuali necessità o criticità. Le famiglie sono informate, sanno quali sono le modalità di comunicazione che abbiamo adottato; si possono contattare il direttore del servizio, la direttrice del centro di cottura, si può partecipare all’incontro settimanale alla cit-

Andrea Edoardo Paron

tadella e, ripeto anche questo, si può pranzare alla mensa con i propri bambini, così da rendersi conto della qualità del cibo e della pulizia dei locali, semplicemente richiedendolo, ritirando il modulo di adesione allo sportello amicoinComune». ■ c.t.

Bi4C: sono i centauri che vogliono il sorriso dei bambini aosta - Sono centauri dal cuore tenero quelli dell’Associazione Bi4C, Bikers for children. Spiega Fabrizio Favre, presidente della onlus per la sezione Piemonte Valle d’Aosta. «Siamo un’associazione di motociclisti che ha come obiettivo il benessere, la gioia e la felicità dei bambini. Abbiamo analizzato e ci siamo documentati circa lo stimolo, la curiosità che i bambini sviluppano, in un modo del tutto spontaneo, nei confronti del nostro mezzo a due ruote e da qui, dunque, è nata così l’idea di riunirci. Il nostro obiettivo è da fungere da anello di congiunzione tra le strutture sanitarie e le famiglie con bambini affetti da disagi. La nostra è un’associazione seria che vuole essere allo stesso tempo competente e tecnica ed è per questo che abbiamo, in squadra, uno psicologo e un avvocato. Siamo, per ora a uno stato embrionale, anche se il nostro obiettivo ultimo vorrà essere quello dell’intervento diretto nelle strutture. Per ora, passo passo, partecipiamo a piccole manifestazioni come feste, castagnate o altre attività, con l’intento di raccogliere fondi da devolvere a loro, ai più piccoli». Sono bikers, questi, pronti ad anteporre il sorriso di un bambino al roboante suono dei motori. ■ va.lu.

■ compleanno/ L’Anpi ha ricordato le 90 primavere di Mestieri che fece parte della Banda Vertosan

Auguri Giulio, coraggioso partigiano Giulio Mestieri, seduto davanti al vice sindaco Follien, festeggiato dai ‘colleghi’ vigili del fuoco volontari di St-Martin

aosta - Buon compleanno Giulio Mestieri, valoroso e coraggioso partigiano della Banda Vertosan, lavoratore alla Cogne Acciai Speciali e tra i fondatori del gruppo vigili del fuoco volontari del gruppo di Saint-Martin de Corléans. Il comitato regionale dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia ha ricordato i 90 anni di Giulio Mestieri, partigiano della Banda Vertosan. Classe 1923, Giulio Mestieri entrò giovanissimo, a soli 21 anni, nella Resistenza, aderendo alla Banda Vertosan che, al comanda di Bert Pautasso, operava a Saint-Nicolas. Mestieri è uno dei superstiti all’eccidio nazifascista che si consumò il 30 luglio 1944 con il bombardamento dell’abitato di Chaillod, poi il rastrellamento di Fossaz, Cerlogne e Vens

e dove furono uccisi 16, tra partigiani e civili. Dopo l’attacco, con il comandante Jorrioz, Giulio Mestieri si unì per pochi giorni al gruppo di Valsavara, per poi trasferirsi nel gruppo Rutor dove conobbe il generale De Gaulle. Conclusa la guerra, Mestieri lavorò alla Cogne fino alla pensione, impegnandosi molto nel volontariato. Giulio Mestieri fu tra i fondatori del gruppo dei vigili del fuoco volontari del distaccamento di Saint-Martin de Corléans. In occasione del compleanno, il 25 settembre scorso, l’Anpi valdostana gli ha consegnato una pergamena per ringraziare Giulio, «di aver combattuto in difesa della democrazia e dei valori di uguaglianza e libertà». ■ re.ga.


ao s ta

22

lunedì 7 ottobre 2013

■ giunta / I volontari dell’associazione Amis du cimetière du Bourg si occuperanno del cimitero storico di sant’Orso

Task force per l’emergenza abitativa Una unità di progetto tecnico-politica lavorerà per risolvere i casi più gravi e urgenti sul tema casa aosta - L’assessore alla Casa Carlo Marzi lo aveva ammesso qualche settimana addietro: l’emergenza abitativa è un problema quotidiano, non passa giorno senza che si presenti un problema legato alla casa. Lo stesso Marzi aveva auspicato una ‘presa in carico’ complessiva della questione, sul piano regionale, fermo restando l’assoluta priorità al problema, aggravato da una crisi che fa ancora sentire i suoi morsi. La giunta del capoluogo ha deciso di istituire una Unità di progetto tecnico-politica in materia di emergenza abitativa, considerata la valenza sociale del tema e il perdurare della situazione di crisi economica che aggrava la fragilità del tessuto sociale. Nell’ottica di coordinare i servizi coinvolti e di consentire una rapida soluzione dei casi sociali più rilevanti, la neonata unità di progetto sarà coordinata dal segretario generale del comune e composta dagli assessori comunali Carlo Marzi (Edilizia Residenziale) e Marco Sorbara (Politiche Sociali) oltre ai dirigenti delle aree A2 Finanze, patrimonio ed Erp (Valeria Zardo), A3 Servizi sociali (Annamaria Tambini) e T4 Stabili comunali (Mirko Muraro), dal responsabile del servizio Erp dell’Aps, da un dirigente dell’assessorato regionale alle Politiche sociali e da un responsabile dell’Arer. L’unità avrà durata sino al 30 giugno 2015.

Nel giorno del lutto nazionale per la tragedia di Lampedusa, i lavori della giunta si sono aperti con un minuto di silenzio (foto pagina Facebook Comune di Aosta

Strutture sportive L’Esecutivo del capoluogo ha

espresso gli indirizzi per affidare la gestione di due strut-

ture sportive comunali: le sale comunali di ginnastica ar-

tistica e di pesistica ‘Pierino Creux’, in via Volontari del Sangue, le cui convenzioni scadono rispettivamente il 31 ottobre e il 31 dicembre prossimi. Per entrambe le strutture, la volontà è di dar corso, in linea con le concessioni in scadenza, ad un affidamento diretto alla Federazione sportiva nazionale di riferimento, o a una società o associazione sportiva dilettantistica sua affiliata da essa indicata. Il periodo di affidamento andrà dal 1° novembre 2013 al 31 ottobre 2019 per la sala di ginnastica e dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2017 per quella di pesistica. Dal punto di vista sostanziale verranno confermate (fatti salvi gli

Gli Anthurium aiutano l’AIDO a diffondere la cultura del dono

Le volontarie Graziella e Annamaria

aosta - Un fiore, un’offerta, possono salvare una vita. E’ l’instancabile motto dell’ Aido, Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule. Il banchetto allestito per la giornata di sabato nel centro di Aosta è testimonianza della presenza, anche in Valle d’Aosta, di una sezione importante e in continua crescita. Graziella, volontaria in prima linea afferma «la giornata odierna, complice anche un meteo sfavorevole ci ha visti partire un po’ in sordina; a livello generale, siamo soddisfatti i numeri sono in continua crescita e siamo arrivati a 6600 iscritti ed è indubbio sia un grande traguardo». L’Aido valdostana è impegnata in una campagna di comunicazione per la donazione consapevole; una scelta, quella del consenso alla donazione degli organi, che deve essere consapevole, dopo una opportuna informazione, per se stessi e per la propria famiglia. Donazione come valore sociale e opportunità di salvare una vita a persone che, altrimenti, non avrebbero altre possibilità di sopravvivenza. Una piantina, l’Anthurium andreanum, in cambio di un’offerta, una goccia che andrà a finanziare ulteriori campagne informative e l’attività di ricerca in tema di trapianti. ■ va.lu.

adeguamenti obbligatori, anche normativi) le condizioni economiche dei contratti in scadenza. Cimitero di sant’Orso Sarà l’associazione Amis du cimetière du Bourg a occuparsi del cimitero storico di sant’Orso, secondo una convenzione per la quale Sindaco e Giunta si erano impegnati durante una passata riunione del consiglio comunale. La convenzione che sarà sottoscritta tra il comune di Aosta e l’associazione decorrerà dal primo giorno del mese successivo a quello della sottoscrizione e avrà durata di sei anni, rinnovabili secondo esigenze e volontà dell’amministrazione. L’associazione si assumerà la responsabilità della corretta fruizione del cimitero, impegnandosi alla sua apertura al pubblico in periodi concordati con il comune e, in considerazione del valore storico e documentale dell’area, alla programmazione delle attività di valorizzazione della stessa. Sport La Giunta ha approvato lo svolgimento, domenica 27 ottobre, nel centro storico di Aosta, della ventisettesima edizione del ‘Trofeo 7 Torri’, gara podistica nazionale a staffetta3x4 km. La deliberazione stabilisce la quota d’iscrizione per ogni staffetta in 12 Euro e approva il regolamento della gara. ■ re.ga.

■ alla cittadella / A partire da quest’oggi, lunedì 7 ottobre, la mostra fotografica si sposta all’atrio del Beauregard

Allattamento al seno, è amore LIQUIDO aosta - Tripudio di mamme e bambini. Sorrisi, qualche pianto e tanto amore. Questi gli ingredienti all’inaugurazione della mostra fotografica ‘Naturalmente...latte’, ospitata alla cittadella in occasione della settimana mondiale dell’allattamento materno e che ieri, in piazza Chanoux, ha vissuto il suo flash mob, con accessori e indumenti fuxia a sottolineare la gioia e la naturalità dell’allattamento al seno. Promotore dell’evento è stato il gruppo Pronto Mamy la cui referente, mamma e ostetrica è Corinne Ménabreaz; «siamo un nutrito gruppo, di mamme e neo-mamme, oltre agli incontri e alle telefonato di auto aiuto dove ci scambiamo consigli e parliamo della nostra esperienza con l’allattamento, abbiamo una pagina Facebook. Abbiamo elaborato l’idea di una mostra fotografica perchè passi il messaggio che si tratta di una pratica naturale per la quale non bisogna vergognarsi o peggio nascondersi». Allattamento è nutrimento, è amore e se proviene dal diretto contatto tra mamma e bambino riassume in sé la naturalità dell’atto: questo il messaggio di Pronto Mamy. Da quest’oggi, lunedì 7 ottobre, la mostra sarà trasferita all’atrio dell’ospedale Beauregard. ■ Valeria Luberto

Alice, Christian, Lapo e Sabrina

Mamma Tiziana allatta Diletta e ha allattato al seno anche la sorellina maggiore Camilla

Venticinque le mamme che hanno dato vita al flash mob allattando insieme in piazza Chanoux domenica pomeriggio

Mamma Valentina con la piccola Emma

Mamma Susy con l’affamata Alice


ao s ta

lunedì 7 ottobre 2013

23

■ san rocco / Alla scuola Saint-Roch, sono ripresi i pomeriggi d’incontro, tra chiacchiere e taglio e cucito

La spesa si fa in compagnia di Ilaria Il ‘gruppo giovani’ dell’associazione di quartiere è impegnato nel volontariato con gli anziani aosta - Una chiacchierata con Monica, sulla meteo, sui fatti del tg oppure, perchè no, sul pettegolezzo di quartiere. Una passeggiata con Elisa, sfruttando gli ultimi raggi di sole prima dei rigori invernali. Un’uscita con Ilaria, per prendere il pane ma anche per fare un salto al mercato rionale, a curiosare tra i banchi. E’ attivo con successo da tempo il servizio di volontariato organizzato dall’associazione Quartiere San Rocco a favore degli anziani del quartiere. «Con la collaborazione del gruppo giovanile dell’associazione e in particolare grazie all’impegno delle giovani Monica, Elisa e Ilaria – riusciamo a garantire il servizio di volonta-

Monica ed Elisa (seconda e terza da sinistra) e Ilaria (quinta da sinistra), le volontarie del gruppo giovanile

riato – spiega la presidente dell’associazione Quartiere San Rocco Emma Ramolivaz.

notizie in breve Venerdì 11 ottobre è tempo di cena in famiglia Una cena in famiglia un po’ speciale. E’ quella che andrà in scena venerdì prossimo, 11 ottobre al ristorante Intrecci in via Binel (19.45). Speciale perchè è pensata per cenare con i propri figli, senza privarsi di un momento di tranquillità con il proprio partner o approfittando di una conversazione con gli amici. La cena sarà seguita da un intrattenimento per i bambini, gestito da personale specializzato che proporrà laboratori creativi e giochi. Per i bambini, menu a 8 euro (bistecca alla milanese con patate al forno, pizza, gelato e bibita o acqua); per gli adulti, una buona cena a 15 euro (carpaccio di carne salata ai funghi, con insalatina di mele, fontina e sedano, risotto alle erbette, stufato di vitellone al vino bianco con patate e biete, torta pere e cioccolato, acqua e vino, caffè). La prenotazione è obbligatoria entro domani, martedì 8 ottobre, 01651850204, 334-6533115, ristoaranteintrecci@lasorgente.it. Giovedì all’AD Forum il porte aperte di Petrel Petrel, open day. Giovedì prossimo, 10 ottobre, sarà l’AD Forum, in piazza della Cattedrale, ad Aosta a ospitare la presentazione dei corsi proposti da Petrel, accademio del massaggio olistico e benessere. Petrel nasce proprio con l’idea di formare operatori nel campo del massaggio, del benessere ad approccio olistico. Tra le offerte di Petrel, il corso di massaggio classico (tradizionale, antistress o sportivo), il corso di linfodrenaggio manuale secondo il metodo Vodder, la riflessologia plantare e il massaggio decontratturante. «I corsi cominceranno giovedì 17 ottobre – spiega Andrea Pirana di Petrel – al termine dei corsi sono previsti tirocinii in centri benessere o termali. Nella quota di iscrizione sono compreso il libro di anatomia e il materiale per lo studio e anche un lettino da massaggio. Chi desidera informazioni ulteriori può presentarsi all’Open Day, consultare il sito www.petrelmassaggi.it oppure scrivere una mail ad andreapirana80@hotmail.com; è anche attiva una pagina Facebook. Corsi sportivi: ultimi giorni per le iscrizioni Ultimi giorni per iscrivere bambini e ragazzi ai corsi sportivi invernali organizzati dall’amministrazione comunale. Ai corsi, aperti ai minori tra 6 e 16 anni possono aderire i residenti nel comune di Aosta e nei comuni della Plaine che hanno aderito all’iniziativa e cioè Brissogne, Charvensod, Gignod, Gressan, Jovençan, Pollein, Saint-Christophe e Saint-Pierre. Le iscrizioni si ricevono esclusivamente allo sportello amicoinComune; è necessario esibire il certificato di buona salute del minore. Al momento dell’iscrizione bisognerà pagare i 16 euro della marca da bollo e la quota di iscrizione del corso prescelto. Le attività: arrampicata sportiva, calcio a cinque, danz moderna, ginnastica artistica, karate, nuoto, pallavolo, pattinaggio su ghiaccio, sci alpino, sci nordico e snowboard; le quote vanno da un minimo di 33 euro per ginnastica e pattinaggio a un massimo di 145 per lo sci alpino. Informazioni sul sito www.comune.aosta.it oppure telefonare al numero 0165-300777. Bambini di Chernobyl: soggiorni per il Natale Anche quest’anno, per il periodo natalizio, il Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl organizza i soggiorni per i minori bielorussi, per un periodo di vacanza terapeutico-solidale. Chi fosse interessato ad accogliere un minore o desidera informazioni può contattare Armando Vandelli (329 8643558) oppure Giovanni Uvire (349 8446367). Possono ospitare i bambini le donne single o le coppie sposate o di fatte. Le adesioni si raccolgono entro il prossimo 15 ottobre. Corso di meditazione per battere lo stress Mindfulness Based Stress Reduction. Meditazione per combattere lo stress. Al via nelle prossime settimane il corso basato su una forma di meditazione conosciuta come Mindfulness. La Mindfulness non è qualcosa che si può ottenere o acquisire. E’ una risorsa interiore disponibile e che attende pazientemente di essere risvegliata ed usata, per imparare, crescere, guarire. Il corso si terrà per otto martedì consecutivi, dal 22 ottobre al 10 dicembre 2013, dalle ore 20 alle ore 22.30; giornata “full-immersion” sabato 30 novembre dalle ore 10 alle ore 18 alla sala riunioni di Plan Félinaz e verrà attivato con un numero minimo di 10 partecipanti. Gli istruttori saranno: Anita Novaro, formatrice, meditante da più di 10 anni ed istruttrice Mindfulness (AIM); Sara Siccardi, medico, psichiatra ed istruttrice Mindfulness (AIM).Per ulteriori info:mbsrmocalieri@hotmail.it - clarachiabotto@yahoo.it Le iscrizioni sono aperte; contattare Clara Chiabotto tel. 328.7120593 mail: clarachiabotto@yahoo.it

Dal primo ottobre sono cambiati gli orari di apertura della segreteria, aperta alla scuo-

la Saint-Roch di corso Ivrea il lunedì e giovedì dalle 9 alle 11».

Nonostante la giovane età, l’associazione Quartiere San Rocco è ben radicata e sta portando avanti con successo una serie di iniziative che intendono favorire la conoscenza e lo scambio tra le famiglie che vivono e che lavorano nel rione. «Dalla scorsa primavera, il lunedì pomeriggio (14.3017.30), alla scuola Saint.-Roch, va avanti il progetto ‘Due chiacchiere per cucire insieme’; un’occasione per favorire lo scambio tra generazioni e promuovere l’invecchiamento attivo della popolazione». Giovani e meno giovani si ritrovano e tra un orlo da tirare su e un bottone da attaccare, o un gomitolo per sferruz-

zare, ecco l’occasione per fare due chiacchiere, combattere la noia e la solitudine e perchè no imparare i primi rudimenti di ago e filo». «Continuiamo anche la collaborazione con il tavolo delle risorse del quartiere Dora – commenta Ramolivaz e il giovedì pomeriggio (14.30-17.30), ci ritroviamo al centro anziani di via Valli Valdostane – qualche ora di svago, per una passeggiata, per uscire di casa o per giocare a carte» - conclude Emma Ramolivaz. Chi desidera informazioni può contattare la segreteria, alla scuola Saint-Roch oppure telefonare alla presidente, 3466937941. ■ c.t.


24

C O M U N I TÀ M O N TA NA

VA L D I G N E

mont b lanc

lunedì 7 ottobre 2013

■ la thuile / Decisione rinviata all’inverno dopo un test alla pista

Fumata nera per la Coppa Berthod: «Abbiamo avuto l’ok per tutto il resto, manca quello sul tracciato»

La delegazione che ha effettuato il sopralluogo su pista e strutture alberghiere

La Thuile - Tutto da rifare. La Thuile non può ancora tirare il tanto atteso sospiro di sollievo e cacciare un urlo di gioia festeggiando una gara di Coppa del Mondo di sci alpino. Dovrà aspettare l’inverno e la neve che imbiancherà la pista 3- Franco Berthod sulla quale i tecnici della Fis,

Atle Skaardal, responsabile della Coppa del mondo femminile, e Jan Tischhauser, direttore di gara del circuito mondiale femminile, vogliono sciare. «Abbiamo avuto l’ok per tutto il resto - spiega Dante Berthod, consigliere federale -. La delegazione internazionale è stata colpita dal-

l’accoglienza, ha valutato positivamente le strutture ricettive, i parcheggi, ha particolarmente apprezzato il fatto che la pista arrivi praticamente in paese. Anche il tracciato è stato valutato positivamente, gli esperti hanno detto che è una pista tecnica e difficile, per questo motivo vogliono provar-

■ morgex / L’amministrazione parteciperà al bando per il finanziamento di alcuni progetti per i comuni sotto i 5.000 abitanti

L’ex Maisonnette punta ai seimila Campanili d’Italia morgex - Il futuro della Maisonnette è appeso al campanile. O meglio a “6000 Campanili”, il programma contenuto nel decreto “del fare”, rivolto ai comuni sotto i 5.000 abitanti, che finanzia interventi infrastrutturali con il coinvolgimento di piccole e medie imprese locali. «Sembra un progetto fatto apposta per noi» commenta Lorenzo Graziola, sindaco di Morgex, alla ricerca di risorse per finanziare il recupero dell’ex Maisonnette e la sua trasformazione in centrale unica di soccorso per vigili del fuoco e volontari del 118. Un progetto praticamente pronto rimasto in stand by per il blocco delle risorse, già stanziate, a causa del patto di stabilità. «Parteciperemo senz’altro

sperando che la commissione decida che il nostro è uno dei progetti da finanziare». Il ministero delle infrastrutture ha siglato una convenzione con l’Anci fissando i requisti per i progetti finanziabili che dovranno essere

compresi tra i 500 e il milione di euro di investimento (per la Maisonnette ne sono previsti circa 600 mila) e dovranno riguardare interventi infrastrutturali di adeguamento, ristrutturazione e nuova costruzione di edifici pubblici, compresa l’ado-

zione di misure antisismiche; adeguamento normativo di edifici pubblici esistenti; ristrutturazione, rifunzionalizzazione e nuova costruzione di edifici pubblici; realizzazione e manutenzione di reti viarie e infrastrutture accessorie e funzionali alle stes-

se o reti telematiche di Ngn e Wi-Fi o interventi sulle reti viarie di competenza comunale, compresi gli eventuali lavori connessi a sottostanti sottoservizi e la salvaguardia e messa in sicurezza del territorio. ■ er.da.

La Salle, ok della giunta regionale al piano regolatore la salle - Arriva l’ok definitivo della giunta regionale al nuovo piano regolatore di La Salle. Turismo di qualità, sport e recupero del patrimonio edilizio esistente sono le caratteristiche del nuovo strumento urbanistico. In particolare il Comune intende incentivare l’imprenditoria locale, privilegiando gli investimenti basati su un turismo di qualità, a basso impatto, compatibile con i caratteri prevalenti del paesaggio locale e con le strutture edilizie esistenti, preservare e migliorare il sistema agricolo, ampliare la dotazione di servizi destinati sia ai residenti sia ai turisti, incentivare una

riqualificazione dell’edificato esistente e lo sviluppo di attività artigianali, terziarie e commerciali. Per quanto riguarda il turismo La Salle punta tanto sul golf prevedendo la realizzazione di un nuovo campo da golf, da 18 buche che dovrebbe sorgere sui prati nella zona delle ex colonie. Ora spetta ora al Comune concludere definitivamente l’iter di approvazione con l’accoglimento della deliberazione della Giunta regionale e quindi la pubblicazione del nuovo piano, dalla cui data questo sarà a tutti gli effetti vigente. ■ r.g.

la prima di decidere». La decisione riguarda due gare femminili, una discesa libera e una supercombinata, in calendario per il 20 e 21 febbraio 2016 che La Thuile punta a ospitare. Un appuntamento che La Thuile vuole fortemente, tanto da decidere di rinunciare a ospitare due prove veloci di Coppa Europa per poter accantonare le risorse ncessarie per la massima serie del Circo Bianco. La delegazione che ha visionato il dossier tecnico e promozionale era composta, oltre che da Skaardal e Tischhauser, dal presidente della Federazione italiana, Flavio Roda, da Markus Waldner numero uno del circuito iridato maschile, Massimo Rinaldi, direttore di gara e coordinatore della nazionale azzurra, il comandante del Cse Marco Mosso, il presidente dell’Asiva Riccardo Borbey. «Sicuramente abbiamo fatto un’ottima impressione commenta Gilberto Roullet, presidente delle Funivie Piccolo San Bernardo -, purtroppo la pista è sembrata troppo difficile per una libera femminile. Comunque il fatto che i tecnici abbiano preso l’impegno di tornare quest’inverno è senz’altro positivo, è un premio per tutto il lavoro che la comuniotà di La Thuile ha fatto in questi anni». ■ Erika David

■ courmayeur / Il Tar boccia due deliberazioni, si ristabilisce il regime di salvaguardia

Piano regolatore, si torna indietro courmayeur - Suona quasi come un «noi l’avevamo detto», il comunicato stampa con il quale la minoranza consiliare di Courmayeur rende noto l’annullamento da parte del Tar di due deliberazioni sulle norme tecniche di attuazione del piano regolatore del comune e la richiesta della convocazione urgente di un consiglio stradordinario. Il Tribunale amministrativo si è pronunciato su uno dei cinque ricorsi contro il nuovo piano regolatore di Courmayeur, in particolare ha accolto l’impugnazione da parte di un privato, che chiedeva la trasformazione di alcuni locali adibiti a uffici in civili abitazioni, di due provvedimenti, il 28/2012 e il 39/2012. Secondo il Tar le «impugnate deliberazioni avrebbero dovuto seguire la procedura prevista per le varianti sostanziali; diversamente opinando - si legge nella sentenza -, sarebbe troppo semplice vanificare il disposto legislativo attraverso la predisposizione di una variante che seguisse l’iter procedurale previsto, poi seguita da altra variante, modificativa della prima, che obliterasse passi essenziali di tale iter». I consiglieri di minoranza rammentano nella nota di aver espresso «più di una perplessità in merito alla legittimità delle scelte operate» ed esprimono «preoccupazione» per i cittadini che già si sono avvalsi del nuovo piano regolatore e per

La Thuile, l’ex Ecole des Neiges in Consiglio comunale

la thuile - É tornato sui banchi del Consiglio comunale il piano urbanistico di dettaglio dell’ex Ecole des Neiges per l’approvazione di una seconda variante. «Il progetto è giunto alla penultima fase - spiega il sindaco di La Thuile, Carlo Orlandi -, abbiamo approvato la realizzazione dell’albergo e di un parcheggio da circa 100 posti auto che andrà al Comune». Un passaggio importante che prevede la dislocazione della struttura alberghiera più vicina agli impianti di risalita, e l’aumento dei posti letto che dai 180 previsti sale a 240. In un primo tempo la società aveva chiesto all’amministrazione comunale di poter ridurre i posti letto dell’albergo (il Pud prevede anche una parte residenziale per i lavoratori stagionali), richiesta respinta dal Comune che ha poi esaminato le concessiola comunità per un «ulteriore utilizzo di risorse pubbliche destinate ai tecnici per terminare l’iter in maniera

corretta». Ci vorranno un paio di mesi per decidere quale strada al Comune convenga adot-

ni che l’impresa fa all’amministrazione, decidendo per il parcheggio interrato da 100 posti. «Un intervento che ha una valore di mercato di circa 2 milioni di euro e che sarà un’interessante valvola di sfogo, soprattutto in inverno, grazie alla sua vicinanza con la stazione di partenza della funivia» aggiunge Orlandi. All’ordine del giorno anche alcune modifiche sulle volumetrie concesse alle strutture pertinenziali a servizio degli edifici esistenti. «La legge prevede che le costruzioni aggiuntive possano arrivare fino a 20 metri quadri - dice il sindaco -, noi abbiamo limitato a 10 mq per le case nelle zone A e 15 mq per gli alberghi, per dare un certo ordine contenendo un pochino la volumetria nei centri storici». ■ e.d. tare, come spiega il sindaco Fabrizia Derriard. «Possiamo decidere l’immediata richiesta di sospensione

con ricorso al Consiglio di stato - spiega -, oppure possiamo adeguarci alla decisione del Tar andando ad

Il sindaco Fabrizia Derriard

apportare le dovute modifiche. In ogni caso ci vorranno due mesi di tempo, mesi durante i quali si torna necessariamente al regime di salvaguardia. In pratica è un passo indietro che ci riporta a sei anni fa. Spiace soprattutto per quelle domande sulla prima casa in fase istruttoria che subiranno inevitabilmente un rallentamento. Non c’è tanto da essere felici per questo». ■ er.da.

VALDIGNE, a La Salle e La Thuile nascono le sezioni locali dell’Uvp

Commune de La Salle Référent: Elisabetta Conedera, Vice- référents: Gilles Jordaney e Charlotte Chiste. Membres: Elvio Fosseret, Lorenza Malara, Corrado Beneyton e Sylvie Chanoine

Commune de La Thuile: Référent: Eddy Berger Vice-référents: Maria Vittoria Menel et Milva Scandella. Membre: Daniele Collomb


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

Podio Scoiattoli F. (anni 2004/5/6): 1° Annet Alliod - 2° Cecilia Pizzinato - 3° Margherita Ravagnara

VA L D I G N E

mont b lanc

Podio Scoiattoli Maschile (anni 2004/5/6):1° Carlo Ravagnani 2° Lorenzo Gambino - 3° Aaron Rey

25

Podio Leprotti femminile (anni 2002/3): 1° Gaia Spinella - 2° Sara Spinella - 3° Camilla Sergi

■ courmayeur / A Davide Cheraz l’8ª Arrancabirra

E se piove? Arranchiamo! Classifiche bloccate per contestazioni sulle birre Evi GARBOLINO inviata a Courmayeur courmayeur - A distanza di un mese dalla partenza del Tor de Géant piazza Brocherel è di nuovo piena di atleti, questa volta un po’ particolari. Si tratta dell’ottava edizione dell’Arrancabirra e trofeo Hurzeler-Grivel, gara podistica nel comune di Courmayeur, svoltasi sabato 5 settembre. «La cosa che colpisce di più di questa fantastica competizione è l’aria di allegria e di festa che si può respirare. Nessuna tensione, nessuna competizione. Tutti insieme per concludere al meglio una lunga stagione agonistica. È per questo che è nata l’Arrancabirra» spiega sorridendo Alessandra Nicoletti, organizzatrice. «Nonostante le condizioni meteorologiche avverse, la voglia di condividere una giornata di festa era troppa. Lo spirito di questa manifestazione rende piacevole la fatica. Siccome dovremo affrontare il percorso ridotto di 13 km anzicchè diciotto, con conseguente diminuzione dei punti birra da 6 a 5, mi sono portata avanti e ne ho gia bevute due» spiega Manuela, concorrente incallita, prima della partenza. Moltissimi i travestimenti che quest’anno vertevano sul tema dei “gemelli”: dai bebè, alle api, fate, bagnini, fino alla squadra dei “Bruni” sosia di Bruno Brunod, che lo hanno definito «un amico, grande corridore e un esempio sportivo da seguire per tutti!». Hanno poi detto «siamo suoi gemelli perchè corriamo forte come lui!». Nella categoria CCC (Concorrente con Cane) spuntano due concorrenti particolari: Chiara e Orso, amici da una vita. Alla domanda perchè hai scelto di correre col tuo cane Chiara ha risposto «almeno sono sicura di finirla con lui. Siamo fratelli gemelli, ci siamo anche vestiti uguali!» Max invece racconta: «l’anno scorso l’ho affrontata da solo,

Canterbury, tappa iniziale della Via La Banda Bassotti; a destra podio Leprotti M. (2002/3):1° Giacomo Ceresetto - 2° Federico Bonino 3° Pietro Segor

quest’anno sono riuscito a convincere anche Letizia. L’allegria alla fine ha contagiato anche lei». Molti gli stranieri che hanno voluto partecipare alla competizione il che lascia intendere che la voglia di divertirsi e stare insieme è assolutamente internazionale, nono-

Max e Letizia

stante la pioggia e i sei gradi centigradi alla partenza. «Possiamo ricondurre la gara a tre parole - spiega Davide -: sport, divertimento e birra, se non se ne beve troppa!». Siamo tutti abituati alle competizioni ricche di tensioni e agonismo. Fortunatamente, almeno una volta all’anno c’è

l’Arrancabirra che ci ricorda che sport non è solo gareggiare ma conoscersi, migliorarsi e partecipare, tutti insieme, con un bel sorriso. Ndr Le classifiche al momento di andare in stampa non erano ancora disponibili per alcune contestazioni sul conteggio delle birre.

Podio Cerbiatti Femminile (anni 2000/1):1° Chiara Lorenzi - 2° Silvia Comé - 3° Alice Bico

Andrea e Marco broglia. i fratelli chef Igemelli Chiara e Orso

I bagnini di baywatch

Valentina, Samanta, Manuela


26

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

G R A N D PA R A D I S

27

■ DESARPA / Sabato il maltempo non ha fermato la discesa a valle delle mandrie

Alpeggi in FESTA a St-Nicolas Ursula FERRARI Inviata a Saint-Nicolas st-nicolas - «Vogliamo che questa giornata sia un evento celebrativo da dedicare a tutti gli allevatori che per tutto l’anno lavorano duramente dietro le quinte, ma che, con le loro aziende agricole, danno un valore in più al nostro territorio», spiega il sindaco di St-Nicolas, Davide Sapinet, parlando della Désarpa organizzata sabato. Sono state quattrocento le mucche scese nel centro del paese dopo aver occupato, per tutta l’estate, i cinque alpeggi di Saint-Nicolas: Or-De-Frà di Martinod, Maisonnettes della famiglia Yeuillaz, Breuil di Orlando Domaine, Rovine di Diego Verthuy e Seutsen della famiglia Vial. In concomitanza con la Désarpa, l’amministrazione comunale - in-

Gino dell’azienda vinicola di Anna Denarier

Da sinistra Yannick, Ivo, Yves, Loris e Donato, e i bambini Didier, Rhemy, Nicole e Laurent

sieme a Christiane Dunoyer, presidente del Centre d’Etudes Francoprovençales - hanno riproposto l’esposizione fotografica ‘En attendant la Désarpa’ allestita in frazione La Cure per tutta l’estate, oltre a un piccolo mercatino di prodotti a km 0. Il brutto tempo

ha sicuramente influenzato l’andamento di quest’ultimo, dove si potevano trovare solamente il banchetto di Gino che vendeva vini biologici e il banchetto di Riccardo con il suo vino DOC e le sue mele. «Organizzare una Désarpa alla quale partecipas-

sero tutti e cinque gli alpeggi lo stesso giorno era l’idea di Vittorio Fanny, e oggi, a quasi un anno dalla sua scomparsa, abbiamo deciso di far diventare il suo sogno realtà», commenta Donato, uno dei tanti giovani allevatori di Saint-Nicolas.

Palma dell’azienda agricola di Riccardo Vagneur

L’inconfondibile suono delle fisarmoniche ha allietato l’appuntamento

COGNE: i premiati della prima edizione del concorso BALCONE FIORITO

E’ stato Fabio Borsa di Legnano, con il suo scatto dal titolo ‘I colori della mia estate’ (a sinistra), il vincitore della prima edizione del concorso ‘Balcone Fiorito’, foto che ha ricevuto il maggior numero di ‘Mi piace’ (384) sulla pagina Facebook del Comune di Cogne (l’allestimento floreale è stato curato dai gestori dell’Hotel Sant’Orso). Il punto dell’Ufficio stampa è andato invece allo scatto ‘Un mosaico di colori’ di Maurizio Giussani di Sesto San Giovanni (al centro), premiato per la ricchezza del balcone floreale del ristorante Lou Tchappé; il punto del Consorzio degli operatori turistici, infine, è stato attribuito alla foto ‘Sinfonia di rosso’ di Simone Bordo di Genova (a destra), che ha immortalato i balconi fioriti dell’abitazione Abram di Epinel


28

lunedì 7 ottobre 2013

AOSTA - QUART Loc. Ame AOSTA - QUART Loc. Amerique, tel 0165765839 IVREA 10 - BOLLENGO IVREA - BOLLENGO Statale Viverone - tel 012557585 CONCESSIONARIA UFFICIALE OFFICINA ASSISTENZA E MAGAZZINO RICAMBI


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

G R A N D PA R A D I S

29

■ comunità montana / Mercoledì 9 si annuncia un Consiglio dei sindaci ad alta tensione sull’analisi della bozza inoltrata dal Celva

Ipotesi di CHIUSURA per le micro di Cogne e Arvier

Il presidente Bruno Domaine: «Ascolterò le posizioni di tutti; bisogna tagliare, a rischio c’è la sopravvivenza stessa degli enti locali» villeneuve - «I tagli, ahimé, non sono un’ipotesi caldeggiata dal sottoscritto perché ce l’ha con qualcuno in particolare o perché va di moda, bensì una necessità. Senza l’abbattimento delle spese è a rischio la sopravvivenza stessa degli enti locali, spero che tutti affrontino con il dovuto senso di responsabilità la riunione di mercoledì». Ad anticipare che non si tratterà di un Consiglio dei sindaci come gli altri, quello in programma dopodomani, mercoledì 9 ottobre, è lo stesso presidente della Comunità montana Grand Paradis, Bruno Domaine. «In occasione dell’ultimo incontro al Celva, a tutti i sindaci e presidenti delle comunità montane è stata sottoposta una bozza di riorganizzazione su scala regionale del comparto dei servizi socioassistenziali, riorganizzazione da attuarsi verosimilmente nel corso del 2014 - spiega Domaine -. Da questa bozza si evince che le microcomunità dovranno per forza di cose scendere di numero, quindi è logico pensare che in un simile contesto nemmeno la nostra comunità montana possa ritenersi immune da questa revisione». Una riorganizzazione del comparto che, dunque, dovrà gioco forza attuarsi attraverso la chiusura di alcune strutture, presumibilmente quelle più piccole. «Questi sono gli indirizzi contenuti nel documento trasmesso agli enti locali dal Celva - conferma Domaine -. Una bozza che ora dovremo analizzare all’interno

La microcomunità di Arvier; nel riquadro Bruno Domaine

del nostro Consiglio dei sindaci, sede all’interno della quale sono disponibile ad ascoltare le posizioni e le istanze di tutti, anche se anticipo già che probabilmente delle scelte andranno pur fatte. Scelte forse dolorose, per carità, ma

in gioco c’è la sopravvivenza stessa degli enti locali, torno a ribadirlo». Parlando di scelte dolorose, si riferisce forse alle ipotesi di chiusura delle microcomunità di Arvier e/o Cogne? «Sono decisioni che prima o poi

andranno affrontate - precisa Domaine -, a maggior ragione considerando che, per quanto concerne i servizi socio-assistenziali erogati all’interno del nostro territorio, ogni anno siamo costretti a chiedere ai tredici comuni del Grand Paradis il ripianamento di parte degli oltre 800.000 euro di deficit che scaturiscono dalla gestione di tale comparto». E del progetto di eventuale esternalizzazione di parte dei servizi socio-assistenziali? «Lì stiamo ancora lavorando in prospettiva 2014. So che nei giorni scorsi si è riunito il tavolo tecnico, ora restano da capire gli orientamenti di Regione e Celva», conclude Bruno Domaine. ■ Patrick Barmasse

VILLENEUVE: nata la locale sezione dell’UVP

E’ nata ufficialmente la sezione di Villeneuve dell’Union Valdôtaine Progressiste; a far parte del Consiglio direttivo sono Mirena Vaudois (référent), Donatella Dayné e Giuliano Morelli (vice-référents) e Bruno Jocallaz e Roger Chuc (membres)

valsavarenche

I lombardi della SnowMet si allargano Dopo Rhêmes, un altro domaine skiable valsavarenche - Il piano di sviluppo dell’attività di gestione di domaine skiable promosso in Valle d’Aosta dalla società lombarda SnowMet Srl, per quanto riguarda la stagione invernale 2013/2014 ormai alle porte, potrà contare su una novità non certo di secondaria importanza: la gestione degli impianti di risalita, della direzione delle piste di sci nordico e delle attività di pisteur-secouriste a Valsavarenche, il secondo comprensorio sciistico regionale a essere gestito dalla SnowMet dopo quello di Rhêmes-Notre-Dame. «Come avevamo anticipato all’atto della stipula del contratto di gestione del domaine skiable di Rhêmes - commenta Matteo Colombo della SnowMet Srl (foto) - la nostra intenzione era quella di insediarci in Valle d’Aosta per cercare successivamente di capire se potevano esserci degli spazi sufficienti per provare a sviluppare la nostra attività. Dopo la prima stagione invernale di rodaggio a Rhêmes (gestione degli impianti che continuerà anche nella stagione 2013/2014, che da qui a un paio di mesi debutterà con una seggiovia nuova di zecca, ndr), che ha fatto registrare 26.100 presenze complessive nella stazione e circa 180.000 euro di incassi tra discesa, fondo e snow park, abbiamo deciso di raccogliere anche la sfida di Valsavarenche, località in cui ci siamo aggiudicati la gestione degli impianti di risalita, la direzione delle piste di fondo di Dégioz e Pont, e l’attività di pisteur-secouriste limitatamente a Dégioz». Un’attività di gestione che si svilupperà quindi su due fronti, Rhêmes-Notre-Dame e Valsavarenche, quella che scatterà ufficialmente con l’apertura degli impianti, prevista il prossimo 6 dicembre. «La nostra intenzione, sulla scorta di quanto siamo riusciti a fare a Rhêmes, sarà quella di promuovere la località di Valsavarenche attraverso appositi pacchetti pensati di concerto con gli operatori turistici locali», conclude Colombo. ■ pa.ba.

■ st-pierre / Il sindaco castellano saluta così la consegna delle ‘pouette’ ai nuovi nati; a seguire spazio ai corsisti di intaglio e lavorazione pelle Grand Paradis

«Cittadini del domani, non abbiate paura delle istituzioni» st-pierre - «Mi rivolgo soprattutto a voi, piccoli cittadini del domani, affinché non nutriate paura per le istituzioni, anzi. L’auspicio è che vi avviciniate in maniera consapevole e attiva, ed è anche per questo che abbiamo deciso di organizzare questo momento di incontro». Queste le parole del primo cittadino di St-Pierre, Daniela Lale-Demoz, nel corso dell’iniziativa organizzata venerdì dall’amministrazione comunale di St-Pierre, nel corso della quale sono state consegnate le ormai tradizionali ‘pouette’ dell’Unicef ai trentasei nuovi nati nell’anno 2012. A corollario dell’appuntamento che ha visto protagonisti i sen pierrolen del domani, c’è stata poi la consegna degli attestati di partecipazione ai corsisti capitanati dai docenti Antonio Schiavon e Aldo Villegas - della locale scuola di intaglio e lavorazione pelle e cuoio. I nuovi nati nel 2012 Joelle Bassignana Alvarez, Lisa Bellomo, Tess Bochet, Maha e Ziyad Bouzerda, Emma Bushaj, Eleonora Carboni, Luca Champretavy, Thomas Cheli, Adam Dahbi, Joshua Del Degan, Mattia Di Castro, Fabiana Elena Dima, Simone Distrotti, Leon Benito Faro, Gianmarco Ferrandoz, Giulia Maria e Sofia Gallizzi, Ludovica Grolli, Etienne Lale-Murix, Francesca e Joseph Lazzaro, Beatrice Lorenzetti, Claudia Malara, Fatima Ezzahra Mechti, Samuele Moretto, Olti Nela, Thomas Noussan, Teodora Ioana Penescu, Sofia Quadrato, Dario Rupiani, Pietro Savoia, Chloé Tacchella, Elisa Maria Ticu, Margot Vallet, Marco Haojie Wen.

Flash

GAL Alta Valle, Grandmères du village Il GAL Alta Valle, questa mattina, lunedì 7 ottobre, alle 11.30, nella sala consiliare del Comune di Villeneuve, si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa ‘Grand-mères du village’, inserita nell’ambito del progetto ‘Services de garderie et éducation rurale’ del piano di sviluppo locale. Cogne, sospesa erogazione acqua Oggi, lunedì 7 ottobre, sarà interrotta l’erogazione dell’acqua potabile in frazione Crétaz (dalle 9 alle 12) e in frazione Capoluogo (dalle 13.30 alle 19) per permettere un intervento di manutenzione sull’acquedotto comunale.

Sopra nove dei trentasei nuovi nati nel 2012 a St-Pierre; sotto i partecipanti ai corsi di intaglio e lavorazione pelle e cuoio

St-Nicolas, ritrovo ex allievi Don Bosco E’ in programma domenica 13 ottobre, a St-Nicolas, il ritrovo degli ex allievi dell’Alta Valle del Don Bosco. Dopo la santa messa delle 10.30, il pranzo conviviale è previsto alle 12.30. Prenotazioni entro giovedì al 349 3919974. Sarre, corso di teatro La biblioteca comunale di Sarre, in collaborazione col maestro Aldo Marrari, organizza un corso base di recitazione teatrale articolato in 10 lezioni. Le lezioni, di due ore ciascuna, aperte alla partecipazione di un massimo di 12 persone, prenderanno il via il 28 ottobre (tutti i lunedì dalle 20.30 alle 22.30). Adesioni entro il 22 ottobre al 0165 257818.


30

C O M U N I TÀ M O N TA NA

GRAND COMBIN

lunedì 7 ottobre 2013

■ Traforo GSb / E’ l’imperativo dei ministri plenipotenziari sui lavori (fermi da un anno) di costruzione della canna di sicurezza

«Nuovo appalto europeo ENTRO il 2014» Sul contenzioso con la Condotte d’Acqua, Ugo Voyat della Sitrasb tuona: «Non ci stiamo alle loro condizioni» st-rhémy-en-bosses - Parola d’ordine: accelerare i tempi. E’ questo l’imperativo pronunciato dai ministri plenipotenziari svizzero e italiano durante la commissione mista di giovedì e venerdì, nel corso della quale i vertici della Sitrasb Spa e dell’omologa società svizzera Tgsb Sa hanno provveduto a fare il punto della situazione (di stallo) in cui versano i lavori dei lotti 1 e 2 per la realizzazione della galleria di sicurezza e servizio del traforo del Gran San Bernardo. Ad analizzare lo stato dell’arte dell’intervento, completamente fermo dal novembre del 2012, a seguito della rescissione del contratto da parte della Sistrasb per presunte gravi inadempienze dell’impresa appaltatrice, la Condotte

d’Acqua-Cossi Costruzioni, martedì e mercoledì ci hanno pensato i commissari della speciale commissione di collaudo, che sono entrati all’interno del cunicolo per valutare e quantificare sia i lavori già svolti, sia quelli da rifare e quelli che rimangono ancora da effettuare. «Con gli elementi raccolti dalla commissione di collaudo, ora aspettiamo di essere convocati presso il Ministero delle Infrastrutture per poter dare gambe alla procedura per l’indizione di un nuovo appalto europeo utile al completamento dei

lavori», spiega il presidente della Sitrasb Spa, Ugo Voyat (foto). Con la Condotte d’Acqua, quindi, nessuna possibilità di ricucire lo strappo? «Guardi, cifre e condizioni poste dalla Condotte d’Acqua sono per noi inaccettabili, dunque la nostra intenzione è quella di andare avanti per la nostra strada, evitando di perdere ulteriore tempo prezioso, visto che abbiamo capito che la tattica di Condotte è proprio quella di cercare di temporeggiare, trascinando il più in là possibile il contenzioso», replica Voyat.

Quindi? «Quindi non è nostra intenzione farci trascinare oltre. Giovedì saremo a Milano per ridiscutere alcuni aspetti del progetto con i professionisti incaricati, dopodiché ci attiveremo a livello ministeriale per riuscire a indire un nuovo appalto entro il 2014», conclude Ugo Voyat. In merito alla vicenda, dalla Condotte d’Acqua Spa di Roma fanno sapere che nulla è cambiato rispetto a prima dell’estate, che in pratica vuole dire che le posizioni tra le parti rimangono lontanissime. Come dire, una soluzione extragiudiziale del contenzioso (attraverso un eventuale atto di transazione) appare sempre più remota. Patrick Barmasse

GRAND COMBIN: gita d’autunno al castello Baron Gamba per gli over 65 La biblioteca intercomunale Abbé Henry ha organizzato per gli over 65 di Ollomont, Valpelline, Doues, Allein e Roisan la gita d’autunno al castello Baron Gamba di Châtillon; dopo la visita culturale, i partecipanti hanno potuto concludere in bellezza la giornata con le degustazioni di prosciutto St-Marcel, robiola di capra e alcune delle oltre 70 grappe presenti a La Valdôtaine

doues

Il Comune incrocia le dita e spera nell’arrivo di un gestore per l’alimentari doues - Conclusa l’opera, o quasi, adesso per l’amministrazione comunale di Doues è tempo di provvedere a individuare il gestore dell’alimentari e della rivendita giornali che - dal 1° gennaio prossimo - dovrebbe con tutta probabilità aprire al pubblico all’interno del neonato centro polifunzionale ‘Pour le Pays’ di località Planavilla, a Doues (foto). «Dopo avere raccolto quattro manifestazioni d’interesse inoltrateci da altrettanti potenziali gestori, da qui a fine mese chi sarà realmente interessato a prendere in mano l’attività commerciale dovrà farsi avanti - commenta il sindaco di Doues, Franco Manes -. Non nascondo che ora arriva il difficile, ovvero trovare un gestore per il negozio posto all’interno della struttura polifunzionale; i tempi sono quelli che sono, me ne rendo conto, la speranza è che si presenti comunque qualcuno. Sarebbe estremamente importante aprire al pubblico l’alimentari all’interno del vecchio rustico ristrutturato, un aspetto socialmente rilevante, se consideriamo che gli alimentari più vicini si trovano a Valpelline o a Etroubles». Il nuovo negozio, le cui offerte di gestione verranno valutate a cavallo dei mesi di ottobre e novembre, è stato ricavato all’interno del rinnovato centro polifunzionale comunale, che oltre all’alimentari e alla rivendita giornali, ospiterà l’ambulatorio medico, la sede del consorzio di miglioramento fondiario e una sorta di internet point. I lavori di ristrutturazione e ampliamento del rustico sono stati eseguiti a valere su un finanziamento Fospi da circa 800.000 euro, che ha contemplato anche la riqualificazione della piazza della chiesa parrocchiale e l’intervento di restyling del municipio.

■ oyace / Approvato l’intervento di adeguamento e ampliamento della scuola dell’infanzia che raccoglie i bimbi dell’alta Valpelline Grand Combin

Progetto di RESTYLING per il plesso scolastico del paese

Sui lavori pende però l’incognita dei fondi regionali; il sindaco Domaine: «Il nostro è un importante presidio educativo di montagna» oyace - Il �������������������� plesso di scuola dell’infanzia di Oyace, che come dirigenza e gestione dipende dall’Istituzione scolastica Grand Combin di Variney, potrebbe presto essere oggetto di un ampio intervento di adeguamento, messa in sicurezza e ampliamento. Il condizionale, però, appare quanto mai appropriato, se è vero che il perfezionamento dell’operazione sarà per forza di cose subordinato all’aggiudicazione dei fondi regionali stanziati per l’edilizia scolastica. Una ‘condicio sine qua non’ della quale lo stesso sindaco di Oyace, Remo Domaine, ne è ben conscio. «L’intervento per cui abbiamo approvato il progetto esecutivo nella seduta della Giunta comunale te-

Il plesso di scuola dell’infanzia e primaria di Oyace

nutasi il 13 settembre scorso spiega - ricopre un’importanza primaria per la nostra comunità, perché in caso di ottenimento del finanziamento regionale, andrà a intervenire su una struttura, quella del

plesso di scuola dell’infanzia, che ormai da anni raccoglie sia i nostri piccoli residenti, sia quelli di Bionaz». Una sorta di presidio educativo di montagna, insomma. «Proprio così - conferma

Il sindaco Remo Domaine

Domaine -. L’intervento per il quale abbiamo deciso di partecipare al bando regionale, sarà di fatto un completamento dei lavori effettuati sull’edificio qualche anno fa, a inizio legislatura. D’altra parte le normative cambiano molto rapidamente, quindi non potevamo più posticipare la messa in cantiere di alcuni

interventi, come ad esempio la sistemazione della zona di ingresso alla scuola e la riorganizzazione interna degli spazi, che porterà a ricavare una stanza in più». Interventi, quelli enunciati poc’anzi, per un importo complessivo di 325.111 euro, che - come anticipato saranno però subordinati all’aggiudicazione dei fondi regionali. «Rimaniamo fiduciosi - conclude il primo cittadino - anche perché l’adeguamento e la messa in sicurezza dell’edificio altro non sarebbero che la degna conclusione della prima tranche di lavori effettuati qualche anno fa, quindi aspettiamo speranzosi la valutazione del nostro progetto». pa.ba.

ROISAN: il Piccolo Coro e il gruppo gemellato di Riccione chiudono i festeggiamenti di St-Victor roisan - Si è chiusa con l’esibizione del Piccolo Coro di Roisan (foto), che per l’occasione ha ospitato all’interno della chiesa parrocchiale anche il gruppo gemellato di Riccione, l’edizione 2013 della festa patronale di St-Victor. L’iniziativa, organizzata sabato sera dalla direttrice del coro, Michela Gorré, coadiuvata da Noemi Leveque e da tutti i genitori dei coristi, si è articolata in due diverse fasi: prima hanno cantato i ragazzi di casa, proponendo vari brani - anche in lingue diverse - con armonie difficili e ben eseguite, mentre in un secondo tempo è stata la volta della bellissima esibizione degli ospiti. La serata si è quindi chiusa con ‘La Désarpa’, canto che ha unito in un tutt’uno coristi valdostani e romagnoli.

Flash

Etroubles, gita a Savigliano

Il Comune di Etroubles, in occasione della premiazione del concorso nazionale ‘Comuni Fioriti 2013’, organizza per domenica 13 ottobre una gita a Savigliano, in provincia di Cuneo. Info: 328 1003031. Gignod, corso base di cucitura su carta

Il patch club ‘Le Bouquet’ di Gignod, presso la Maison des Associations, organizza un corso base di cucitura su carta. Il corso, articolato in due appuntamenti (sabato 19 e 26 ottobre dalle 8.30 alle 12.30), si rivolge a chi ha partecipato a un corso base sulle tecniche del patchwork o comunque risulta in possesso di una discreta competenza nel settore del cucito a macchina. Le due lezioni avranno quale obiettivo quello di proporre e illustrare la tecnica della cucitura su carta, che permette di realizzare blocchi del patchwork tradizionale, figurativi e geometrici. Info e iscrizioni: 329 2270039, 347 4274646, 329 1667879. Gignod, chiusura biblio

La biblioteca comunale, per corso di aggiornamento del personale, rimarrà chiusa da domani - martedì 8 ottobre a venerdì. Riaprirà il 15 ottobre dalle 14.30 alle 18.30.


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

MONTE EMILIUS FLASH Fénis, musica e caldarroste Una quarantina di volontari, 1.600 chilogrammi di castagne - in buona parte autoctone -, musica e danze sono gli ingredienti della 53a edizione della Festa del la Castagna in calendario dall’11 al 13 otto bre in lo calità Tzanté de Bouva. In regia la Pro loco, guidata dal presidente Giorgio Pieiller che, facendo i debiti scongiuri, spera in una bella gio rnata di sole domenica 13, gio rno clou della manifestazione. Per intanto i caldarrostai si scaldano i muscoli. L’evento debutta venerdì 11 alle 22.30 con la serata Disco Evo luzio ne. Si replica sabato 1e ma a suo nare sarà l’orchestra di Tony Todisco (7 euro). Alle 24 verranno co n segnate le fasce di Miss e Mister Riccio . Do menica 13 si co mincia alle 13.30 con la distribuzio ne delle prime fumanti caldarroste. All’intrat tenimento musicale ci penseranno la banda municipale, prima, e l’orchestra Piero De Rosa, poi. Gressan, Fëta de la Reina In concomitanza dell’ultima bataille, Gressan omaggia le regine di corna con una tre giorni di eventi collaterali in località Les Iles. Il debutto è per venerdì 11 alle 19.30 con l’apertura della mostra fotografica ‘I tori’, alle 20.30 proiezione del video ‘Tori guerrieri’, sulle battaglie di tori nel mondo, alle 21.30 Philippe milleret intratterrà il pubblico con un intermezzo musicale, alle 22 casse-croûte e serata danzante. Per sabato 12 è in programma, alle 20.30, la pièce teatrale ‘Tormenta’ messa in scena da ‘La compagnie Di Crotte’. Poi spazio alle danze e all’elezione di Miss Reina 2013. Domenica dopo i combats di rito e la consegna dei bosquets si passa a tavola. La festa si concluderà sulle note di Lady Barbara.

MONT EMILIUS

31

■ SAINT-CHRISTOPHE / Affidato al Vallée d’Aoste il campo sportivo

Fogne e acquedotto per Cerisolaz Tares: sconto del 20% per le famiglie che fanno compostaggio domestico SAINT-CHRISTOPHE - «Aspettano le fognature e l’acquedotto da una decina di anno: la necessità di realizzarli è evidente anche alla luce del fatto che il villaggio di Cerisolaz si sta ripopolando. E’ il villaggio con più richieste di ristrutturazioni. Ora senza infrastrutture è impossibile rilasciare concessioni edilizie». Lo sottolinea il sindaco Paolo Cheney riferendosi al bando di gara di appalto per un importo di 438 mila euro, finanziato dal Bim. Sa il primo cittadino che c’è un’altra fognatura in attesa: quella di Condemine. «Non me ne dimentico – spiega – ma il progetto è fermo per la nota vicenda legata alla concessione del passaggio da parte delle Ferrovie italiane. Ho già bussato più volte alle loro porte e tornerò a insistere». Intanto dopo un lungo percorso la struttura sportiva di Prévot è stata affidata in gestione. L’appalto per il campo da calcio e connessi è ufficialmente del Vallée d’Aoste. La società riceverà dal Comune un contributo attorno ai mille euro mensili. Nell’ultima assemblea minicpale è stato approvato il regolamento relativo alla Tares. «Questa tassa - ha ricordato il primo cittadino nelle premesse - che è “venduta” come comunale va interamente nelle casse del-

Dopo un lungo iter la struttura sportiva ha un nuovo gestore

lo Stato». Dopo un passaggio in commissione è stata prevista, tra i pochi spazi di pertinenza comunale, la riduzione del 20% per i nuclei familiari che praticano il compostaggio domestico. Infine il Primo cittadino ha

preso la parola per aggiornare il Consiglio in merito alle ultime novità che hanno riguardato il territorio. «L’asilo nido comprensoriale di Saint-Christophe - che coinvolge anche le amministrazioni di Brissogne e

NOTIZIE IN BREVE E’ per lunedì 7 alle ore 13 la sfilata in paese delle mandrie al ritorno dagli alpeggi. Arpian e animali sosteranno poi in frazione Chez Sapin dove bambini e adulti portanno entrare in contatto con il mondo agro-pastorale.

cus con tema: Mal di schiena, il male del 2000. Disturbi, cause e strategie. Interverrà alla serata il fisioterapista Roberto Russo. Al termine verrà offerto un soft-drink. Entrata libera e prenotazione necessaria al: 331-275.66.43.

Nus, serata sul mal di schiena

St-Marcel, pomeriggi in compagnia

L’Associazione Anthropika organizza per sabato 12 ottobre con inizio alle ore18 con la collaborazione del Comune di Nus nella sala del Consiglio comunale, un Fo-

Riprendono da giovedì 10 alle ore 15 i pomeriggi in compagnia nei locali dell’ex municipio. L’iniziativa è rivolta a tutta la popolazione.

Fénis, désarpa in paese lunedì 7

■ GRESSAN / Per il terzo anno il comune ha accolto la sfilata delle mandrie

Le REGINE tornano nelle stalle Valeria LUBERTO invita a Les Iles GRESSAN - Il grigio giovedì pomeriggio d’autunno non frena il fermento in Località Les Iles: appassionati, residenti e semplici curiosi fermano piccoli gruppi in attesa delle mandrie in discesa dagli alpeggi di Pira e Pila. Terzo anno da protagoniste in una manifestazione che ha lo scopo di riprendere per mano la tradizione, una delle più antiche della nostra Valle, ovvero la désarpa. Destinatari indiretti dell’evento sono stati loro, i piccoli delle scuole elementari del comune che, accompagnati dalle maestre, hanno seguito l’allegra e sonante batteria di bovini confluiti nell’area verde. La maestra Rosita spiega: «Abbiamo portato i bambini per far loro vedere e toccare con mano la realtà che ci circonda; in classe abbiamo affrontato l’argomento, aperto discussioni e svolto spiegazioni; il tutto con l’attiva risposta e partecipazione dei ragazzi e ciò non può che essere di buon auspicio circa la ricezione del messaggio che voleva essere passato con questo pomeriggio, diciamo, alternativo». A valle intanto davanti al piacevole tepore del fuoco ci sono, Germano, Francesco e Renzo, volontari intenti a cuocere le caldarroste per la merenda. «E’ sempre un piacere e una gioia incontrare le nuove generazioni ed essere presenti nelle attività organizzate dal comune, ci divertiamo, facciamo sgranocchiare le nostre castagne ed un bel pomeriggio è passato». La sonante e tintinnante mandria bicolore ha sfilato, tra di esse qualche asinello ecavallo, gli intrusi; inizia la

Alcuni scatti dalla desarpa

fase di carezze e foto. C’è chi, come Charlotte e Camilla non hanno timore nello slancio verso le bestiole, e chi, invece, come Estelle, è più cauta e prudente... perché fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio.

Quart - evidenzia un esubero di dieci posti. In collaborazione con la gestione si sta lavorando per andare a modificare i parametri», ha spiegato Cheney che è andato oltre: «Pare oramai evidente la necessità che l’a Regione vada incontro a nuove scelte per quanto attiene il sociale. Così come per gli asili nido, attorno ai quali sono state create soluzioni alternative a favore delle famiglie, anche le microcomunità stanno mostrando una serie di criticità che determinano una serie di deficit di bilancio. Per questo risulta importante aggiornare le scelte per evitare di tenere in piedi servizi non più attuali che gravano pesantemente con i loro costi di gestione». ■ Danila Chenal

POLLEIN

Nuovo reparto gastronomico nell’ipermercato Carrefour POLLEIN - L’ipermercato Carrefour di Pollein si rifà il look. Un investimento da un milione e mezzo di euro, un investimento così importante da richiedere la firma del direttore europeo della catena francese. Il restyling non è solo estetico ma anche organizzativo e funzionale nei reparti gastronomia e fresco ma anche freezer. Al posto del reparto frutta e verdura si trova ora il reparto gastronomia dove troneggia un grandissimo forno a legna che servirà non solo per la cottura dei polli, ma anche per le costine, alette, fagottini, salamelle e spiedini. «Dopo il Carrefour di Milano, siamo per ora gli unici ad avere questo forno» spiega Massimo Patané responsabile dei freschi e aggiunge: «la carne viene cotta meglio ed in modo più naturale rimanendo morbida e più gustosa». Il Carrefour di Pollein vanta la vendita maggiore di polli allo spiedo in tutti gli ipermercati italiani della catena, tra i maggiori consumatori i camionisti che si fermano all’autoporto. «Per promuovere il prodotto cotto con il nuovo sistema dal 12 ottobre e per un’intera settimana lo proporremo a 3 euro e 49» dice Donato Frisoli, direttore dell’ipermercato. L’altro reparto completamente rinnovato è quello dei surgelati, i vecchi e obsoleti freezer sono stati sostituiti dai nuovi che non solo assicurano un risparmio energetico di per sé, ma che grazie al loro sistema di funzionamento garantiscono acqua sanitaria ed una parte del riscaldamento dell’ipermercato. Oltre ai freezer sono state sostituite le celle frigorifere ed il sistema di illuminazione il tutto nell’ottica del risparmio energetico. ■ Simonetta Padalino


32

C O M U N I TÀ M O N TA NA

MONT EMILIUS

lunedì 7 ottobre 2013

■ pollein / Bourg en Fête soddisfa visitatori, espositori e organizzatori

Musica, cibo e piccoli affari Renato DUCLY inviato a Crêtes

POLLEIN - Sono state più le nuvole minacciose, che la pioggia (alla fine praticamente assente), a spaventare la settima edizione de Le Bourg en Fête. Rispetto agli ultimi anni le presenze sono state in leggero calo, ma chi ha scelto di trascorrere una serata in allegria, sabato 5 ottobre, lungo le viuzze del villaggio Crêtes ha trovato la tavola della festa ottimamente apparecchiata: 21 stand di artigianato, 23 punti di degustazione per una merenda e una cena alternativa, volontari della Pro loco (or-

Da sinistra: il gruppo della Pro loco capitanato da Giorgio Maio e i piccoli alunni delle elementari con i loro lavoretti

ganizzatrice dell’evento insieme all’amministrazione comunale e alla biblioteca) pronti a servire un pa-

sto caldo e infine musica itinerante, con fisarmoniche e fléyé e con gli energici componenti dell’Ao-

sta Feels Good Marching Band. Ospite d’eccezione lo squisito speck del Trentino, mentre è stata mol-

to apprezzata la Birra du Grand Saint-Bernard. L’occasione è stata propizia pure per celebrare i 40 anni della Polisportiva locale, con una mostra sulle imprese agonistiche dei pollèntchón, mentre un bel segnale di rispetto verso l’ambiente è stato dato con lo smistamento dei rifiuti della festa nella postazione “Io differenzio”. «Viste le non rassicuranti previsioni meteo sapevamo che l’evento

avrebbe potuto essere condizionato dalla pioggia, ma a conti fatti il calo di presenze è stato leggerissimo - fa sapere il sindaco Angelo Filippini -; siamo pertanto contenti della partecipazione e soddisfatti sono stati anche gli espositori. Personalmente, poi, sono fiero della macchina organizzatrice, la quale è fondamentale per un evento del genere e ha funzionato ottimamente».

Sara, Barbara e Carole

Luciano, Francesco, Ezio e Santina

Da sinistra: Sebastien e Stefano e Bruno ai cestini

Alessandra, André, Sofia e Paola


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

MONT EMILIUS

33

■ brissogne / Primo corso a debuttare in Valle, punta all’integrazione

Patois per tutti a Pâcou Brissogne - Nell’intento di promuovere integrazione, cultura e socializzazione, la biblioteca comunale di Brissogne ha organizzato una serie di incontri, a cadenza settimanale, per favorire la diffusione del patois. Il corso base, iniziato venerdì 4 ottobre, ha visto la partecipazione di ben 21 iscritti di tutte le età (foto), in arrivo dal paese ma anche dal capoluogo regionale. «Queste serie di lezioni incentrate sul patois – afferma l’assessore alla Cultura Dimitri Démé – sono

le prime in Valle d’Aosta. La Biblioteca Comunale di Brissogne ha gestito e finanziato direttamente questo progetto, incaricando l’insegnate Denise Borbey, formata dal Bureau regional ethnologie et linguistique (Brel), di istruire i partecipanti. La socializzazione è uno dei principali obiettivi, oltre alla finalità di far conoscere il territorio, la cultura e le feste della nostra comunità. Il patois deve essere una fonte di unione, non deve dividere, ed è per questo che questo corso è fondato sul principio del-

l’integrazione» Le lezioni, suddivise in tematiche, non puntano solamente al lessico e alla semantica, ma anche alle varie diffusioni di questo dialetto esteso in tutta la valle in modi diversi. Molte domande sono state effettuate da parte dei partecipanti, che hanno ascoltato con attenzione le prime parole dell’insegnante. «Mi sono iscritto a questo corso sopratutto per imparare a parlare il patois – spiega Lorenzo, uno degli iscritti – ; mi servirà sopratutto per fare nuove amici-

zie ai palchetti e per integrarmi al meglio alle feste della nostra regione». In un clima particolarmente familiare, la prima lezione è stata caratterizzata da una panoramica introduttiva sul percorso che si terrà fino a dicembre. «Siamo molto contenti della forte affluenza al corso – conclude Dimitri Démé –; con questo vogliamo creare degli appuntamenti dove gli iscritti partecipino attivamente, facendo domande e sentendosi a casa» ■ Frédy Pascal

Quart, tutti ad accogliere le mandrie di Fontin Quart - Gli alunni delle classi quinta della scuola elementare del Villair, martedì primo ottobre hanno atteso trepidanti l’arrivo delle mandrie dagli alpeggi a Trois Villes. Artefice dell’appuntamento con la desarpa è stata l’Associazione zootecnica di Quart, capitanata da Angiolino Berriat. I bambini, accompagnati dalle maestre, sono andati incontro alle mandrie che scendevano dall’alpeggio di Fontin. Gli alunni, hanno accompagnato per alcuni chilometri le mandrie, fino a raggiungere il Villaggio di Avisod , dove li attendeva una grande e prelibata polenta accompagnata da specialità valdostane. Alla loro tavola anche l’assessore Joël Farcoz, il dirigente dell’istituzione scolastica “Monte Emilius” .Daniela Sarteur e il sindaco Giovanni Barocco. Il presidente Berriat e i collaboratori dell’associazione zootecnica di Quart hanno donato agli alunni e alle maestre un ciondolo in cuoio in ricordo della bella giornata trascorsa vivendo insieme un importante momento per tutti gli allevatori.

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

■ Saint-Vincent / Birra regina nel fine settimana grazie alla sinergia tra locali

Un po’ di Baviera in centro paese SAINT-Vincent - Le atmosfere e i sapori dell’Oktoberfest sono sbarcati a Saint-Vincent per un fine settimana, permettendo a un pubblico numeroso di sentirsi, per qualche ora, un po’ più vicino alla Baviera. Grazie a cinque locali della cittadina termale (Lo Peyo, La Cage aux folles, Bar Alba, Residence StVincent e Rolling Rock), un padiglione allestito in piazza Zerbion ha infatti ospitato la prima edizione della Festa della Birra. Regina della kermesse è stata, naturalmente, proprio la birra, nella particolare lavorazione non pastorizzta dell’HB München; ad accompagnarla, alcuni grandi classici come le salsicce e lo stinco di maiale, oltre agli immancabili crauti. Nei tre giorni di festa c’è stato poi anche lo spazio per la musica, con i dj set di Armando Martellini e Andrea Fiore e, nella serata inaugurale di venerdì, con il concerto dei Funk a Five (Bojana Krunic alla voce, Marta Caldara alla tastiera, Enrico Laganà al basso, Vincent Boniface ai sax ed Elena Frezet alla batteria). L’organizzazione di quest’evento è un segnale di vitalità da parte di cinque esercenti che, a Saint-Vincent, si trovano ai margini del salotto di via Chanoux, da sempre il luogo dove si concentrano le manifestazioni organizzate nel paese. Come spiega Christian,

Christian Salvatore della Cage aux folles

titolare della Cage aux folles, «la scelta della location è caduta su piazza Zerbion un po’ perché vi si affacciano tre dei cinque locali orga-

nizzatori, un po’ perché è giusto ogni tanto fare qualcosa anche in posti diversi dalla via centrale, che ha sempre tanti eventi; per questo ci sia-

mo messi insieme e abbiamo messo in piedi la festa». Così, per una volta, è valsa la pena di andare in quella piazza non per posteggiare

o prendere il pullman, ma per sorseggiare birra dai tradizionali boccali di vetro e ascoltare musica. ■ Julien D’Herin

St-Denis Patronale

Neonati, coscritti e anziani uniti Saint-Denis - Neonati, coscritti e anziani saranno i protagonisti della patronale di San Dionigi domenica 13 ottobre. Prologo alle celebrazioni del santo patrono sarà la gara di belote a barando nella serata di sabato 12 in programma alle 21 alla trattoria Caminetto. Ad aprire le solennità, domenica 13, la messa alla quale seguiranno la sfilata nel capoluogo della banda municipale di Chambave e l’aperitivo in piazza, organizzato dalla Pro loco. Entrerà po in scena l’amministrazione comunale, con in testa il sindaco Franco Thiébat, che consegnerà le puette ai novelli concittadini. In cinque sono arrivati nell’ultimo anno e sono Martin Boniface, Gloria Myriam Mantione, Yuri D’Herin, Nicolas Perrin e Kirsten Vesan Vuillermoz. Toccherà poi alla neo diciottenne Giorgia Marchetto essere omaggiata con lo Statuto speciale e la Costituzione italiana. Il primo cittadino consegnerà infine la grolla dell’amicizia a ognuna delle sei famiglie neo residenti. Poi pranzo per tutti - gli over 60 sono ospiti e riceveranno anche un piccolo dono - nel salone polifunzionale del municipio e pomeriggio a suon di musica e animazione per i bambini. Alle 16.30, in regia la biblioteca, caldarroste per tutti.


34

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

lunedì 7 ottobre 2013

■ la magdeleine / Du blé au pain comunque un successo

La fraganza del pane Carlotta MAQUIGNAZ inviata a La Magdeleine LA MAGDELEINE - Mille pani, circa 40 volontari della Pro loco, tra cui anche alcuni villeggianti entusiasti, hanno fatto della settima edizione “Du Blé au pain” un ennesimo successo, anche se in molti sono stati scoraggiati dalle previsioni meteorologiche. «L’affluenza è stata sicuramente minore rispetto agli anni scorsi proprio per il condizionamento del meteo, ma ci riteniamo comunque soddisfatti», afferma il presidente della Pro loco Moreno Vittaz. La manifestazione, iniziata sabato 5 ottobre, ha avuto il suo clou domenica 6 quando gli espositori hanno allestito le loro bancarelle e i mulini hanno aperto i battenti. Un profumo di pane appena sfornato e il rumore dell’acqua che scorreva dai sette mulini, hanno permesso a tutti gli spettatori di rivivere per un giorno un’atmosfera “d’antan”. Il forno di Brengon, costruito nel 1914, un tempo il cuore del villaggio, prende di nuovo vita oggi, ogni mese di ottobre, grazie a questa importante manifestazione. Pane nero alle olive, alle acciughe, al cioccolato, dolce: queste le prelibatezze reinterpretate in chiave moderna che si potevano assaggiare nei punti di ristoro, sempre nel rispetto dell’antica ricetta tramandata di generazione in generazione. Il pane

Dario Artaz specialista in formaggi

Un gruppo di volonatri della Pro loco

MIchele Furfaro e Antonio Vottari

Da sinistra: Agostino e Stéphanie Follin, Barbara Désayeux e Davide Follin della Scoietà Cooperativa Latte Châtillon e Armando Seris

è stato vero protagonista anche di tutti i piatti del menù del pranzo: dalla polenta, al viandon al budino. Lo spirito dell’evento è proprio quello di far conoscere quest’antica tradizione. «Bisogna cercare di valorizzare i forni, i mulini, le macine. Abbiamo anche un campo di segale che usiamo per

fare il pane in questi giorni», commenta il sindaco Edy Dujany che sottolinea il grande lavoro che si cela dietro a questo evento. Marisa, canavesana, viene alla Magdeleine dall’ ’84 e si sente ormai parte della comunità: «Quello che apprezzo è il fatto di stare in compagnia e di vedere soddisfatti gli avvento-

ri. Siamo sempre più individualisti, è bello lo spirito di collaborazione». Il concetto chiave della condivisione si riscontra anche nelle parole degli spettatori. Un gruppo di giovani ragazzi di Chieri dice di aver apprezzato la manifestazione proprio per la possibilità di passare una giornata insieme.

Monica Voncini de Lo Dzét; sotto: in visita ai mulini

Da sinistra: un gruppo di giovani in visita al mercatino di La Magdeleine, si sfornano i pani per poi venderli

■ antey-saint-andre / Sabato 12 prologo all’evento di domenica 13 dedicato alle mele

A MeleVallée oltre cento espositori

Sempre più ambita dai frutticoltori la kermesse di Antey

Antey-sAin t-Andre – «Programma collaudato non si cambia». Ne è convinto Mario Bertuletti, vicesindaco di Antey e in prima fila per l’organizzazione della popolare fiera Mele Vallée, dedicata all’apprezzato frutto autunnale, in calendario sabato 12 e domenica 13. «Dal punto di vista della commercializzazione l’appuntamento è positivo e non temiamo più la concorrenza di Marché au Fort. Anzi propongo che i due eventi siano promossi in abbinata», conclude Bertuletti che annunci a la presenza di 120 espositori. L’apertura della sagra è per le 18 di sabato 12 con una conferenza tematica in biblioteca. Sabato Si va avanti con una cena a base di mele nei ristoranti di Antey e dintorni che aderiscono al menù tematico e a partire dalle ore 21 nel padiglione dell’area sportiva ci sarà una serata danzan-

te con la compagnia dei gemellati. Domenica 13 dalle 9 prenderanno posto nell’antico borgo di Antey gli espositori e i visitatori potranno scoprire le diverse qualità di mele dei produttori valdostani e tutti i possibili impieghi del frutto autunnale. L’evento è anche l’occasione per rinsaldare i legami con i paesi gemellati di Sant’Andrea dello Jonio – di cui ricorre il decennale - e Les Mathes – La Palmyre, i quali parteciperanno con uno stand dove sarà possibile assaggiare e acquistare le loro specialità. Intorno alle 12.30 sarà servito nel padiglione dell’area sportiva il pranzo. Tra i piatti: insalata di pollo con mele e noci all’aceto balsamico, risotto alle mele sfumato con Refrain e Lombo la forno con mele e patate. Prenotazioni allo 0166 548209. Nel pomeriggio musica, animazioni per bambini, frittelle di mele per tutti.


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

35

■ chatillon-St-vincent / Festa dell’Uva «in tono sommesso» per un lutto

Raisin d’Or a Milliery e Neyroz L’ex senatore Dujany: «Torneremo all’agricoltura solidale di prossimità» Chatillon - «Per la produzione di uva è un’annata infelice condizionata dalla meteo sfavorevole. Malgrado questo 32 espositori ci hanno portatole loro uve che giudichiamo di qualità medio-alta, seppure indietro nella maturazione». A parlare è Paolo Merlet, presidente dell’associazione viticoltori di Châtillon che domenica 6, ha accolto per la trentesima volta, in località Les Perolles la Festa dell’uva, celebrata in sinergia con i colleghi di Saint-Vincent i cui viticoltori sono guidati da Pio Chadel. In tutto una settantina di associati che produce quasi esclusivamente per la commercializzazione. Merlet, ricordando che Chadel è il padre dello sfortunato giovane Alberto morto in un incidente a Valtournenche, parla di «un appuntamento in tono sommesso per il vuoto lasciato dal giovane ma anche da altri quattro associati». Tuttavia nel salone è radunato un centinaio di persone. «L’agricoltura tutta attraversa un momento difficile – commenta il sindaco Henri Calza – e il Comune si impegna a sostenerla anche se con alcune difficoltà. Vorremmo poter fare di più per chi coltiva le vigne con tanto impegno e passione». Il primo cittadino si rammarica del fatto che «pochi giovani seguano le orme dei padri. Sarebbe bello vedere i padri, che si sentirebbero ripagati delle fatiche, con i figli».

A sinistra i premiati con le autorità e, in alto, Attilio e Giuseppe

Alla festa non poteva mancare l’ex senatore Cesare Dujany che del periodo difficile dice: «L’agricoltura è in crisi ma non bisogna disperare». Parla poi di ritorno a un’agricoltura di

prossimità per «non essere vittime delle grandi produzioni industriali. Sarebbe da incoraggiare ma i cambiamenti non sono mai rapidi. Ritengo che la crisi metterà in mo-

to un mondo diverso che assomiglierà, pur nelle novità, all’antico e avrà un volto più umano, più sociale e nel quale ci sarà una maggiore collaborazione reciproca».

Per Saint-Vincent il Raisin d’Or è andato a Angelo Milliery, alle sue spalle Luciano Charrière e Alessandro Chadel. Premiato fuori concorso Pio Chadel. A conquistare il

Raisin d’Or per Châtillon Erminio Neyroz, secondo Federico Poli e terzo Giuseppe Dujany. Fuori concorso premiato Fabio Viérin. ■ Danila Chenal

Châtillon, don Silvio Carlin nuovo direttore dell’istituto salesiano Don Bosco Chatillon - Don Silvio Carlin, nuovo direttore della casa salesiana di Châtillon, ha incontrato i delegati zonali degli ex allievi dell’Istituto salesiano (foto). Il presiden Albino Demé ha colto l’occasione per ringraziare il precedente Direttore don Ugo Bussolino per la sua costante partecipazione alle attività degli ex allievi. Don Carlin ha invitato gli ex allievi presenti ad essere pronti a ricevere il passaggio dell’Urna di Don Bosco il 19 e 20 gennaio 2014 ad Aosta.


36

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

37

E VA N Ç O N

■ issogne / Quarta edizione della désarpa e secondo patrono all’insegna della tradizione e della dolcezza

Il grande weekend degli allevatori Soddisfatto il presidente della Pro loco, Patrick Thuégaz: «Due eventi che piacciono molto alla nostra comunità» issogne - Allevatori sotto i riflettori a Issogne, in un intenso weekend che ha regalato, sabato, la quarta edizione della désarpa, mentre domenica ha visto andare in scena le celebrazioni del secondo patrono. «La desarpa è andata decisamente bene - esclama Patrick Thuégaz, presidente della Pro loco di Issogne, che ha organizzato gli appuntamenti insieme all’amministrazione comunale -. Il tempo fortunatamente ha retto e abbiamo potuto mettere in scena nel migliore dei modi la quarta edizione di quella che sta diventando una vera e propria tradizione. Oltre alle capre e alle mucche dei tre allevatori coinvolti, abbiamo potuto goderci anche i canti dei bambini delle scuole, che hanno riadattato nel patois issognein canzoni della nostra regione». Non solo animali, perché la désarpa ha regalato anche un momento di vera e propria dolcezza, con il concorso di torte. Undici i partecipanti, con Lorena Cout che ha vinto il premio per la torta più buona e Lucia Salerno che ha sbaragliato la concorrenza in materia di bellezza, presentando una vera e propria opera d’arte, con tanto di prato, casetta, alberi e mucche realizzate in marzapane.

Ai lati due momenti della sfilata per le vie del paese; al centro, Luciana Salerno, con la torta più bella della gara

I volontari della Pro loco di Issogne, super impegnati in questo weekend

di Champdepraz), che a giorni prenderà il posto di Don Eraldo Segafredo, che ha da poco lasciato la parrocchia di Issogne dopo aver festeggiato i 50

anni di sacerdozio. «Il secondo patrono è stato riportato in auge proprio dalla nostra Pro loco - ricorda ancora Patrick Thuégaz -. Dopo 50

Arnad: ludoteca in festa per i nonni

Festa dei nonni in ludoteca ad Arnad mercoledì 2 ottobre. Un pomeriggio speciale, dove i nonni hanno condiviso momenti di allegria e divertimento con i nipoti, grazie alle attività e alla festicciola organizzate dalle simpatiche Stefania e Alessia

Brusson: 1265 “gol” per l’Associazione Valdostana Autismo brusson - Un torneo di calcio riservato ai veterani, occasione per aiutare l’Associazione Valdostana Autismo. La bella iniziativa di sport e solidarietà è andata in scena nei giorni scorsi a Brusson, organizzata dall’Associazione Amatori Calcio Magenta con la collaborazione dei gestori dell’Hôtel du Foyer e la partecipazione di cinque squadre: i Veterani Calcio Rivoli, Veloces Vercelli, Circolo Abbiategrasso, Amatori Calcio Magenta e Amatori Zibido San Giacomo. A impreziosire la giornata anche la scultura di legno raffigurante un gufo di Enzo Cretier Payn ed Ettore Merlet che, insieme ai fondi raccolti dalle squadre, ha permesso di consegnare 1.265 euro

Flash

Digiuno d’autunno al Forte di Machaby

Secondo patrono Domenica, invece, è stata la volta del secondo patrono, festeggiato con un pranzo conviviale. Mancava all’appello solamente Don Renato Giovanni Tallone (anche nuovo parroco

Arnad

Da sinistra: Christian Varone, presidente dell’AVA, lo scultore Enzo Cretier Payn, Maurizio e Patrizia, tra gli organizzatori della manifestazione

al presidente dell’Associazione Valdostana Autismo Christian Varone. Il torneo è stato vinto dai veterani Veloces Vercel-

li, ma a rendere onore a tutti i partecipanti sono stati il fair play e la solidarietà. ■ r.g.

anni, abbiamo ripristinato questo appuntamento per permettere agli allevatori, che a Ferragosto sono in alpeggio, di festeggiare la Madonna al loro

rientro nella prima domenica di maggio. E’ una cosa a cui gli anziani del paese tengono in maniera particolare». ■ Alessandro Bianchet

Il digiuno d’autunno. E’ questa la curiosa iniziativa organizzata dal dottor Daniele Vallet in collaborazione con il Forte di Machaby di Arnad. Il programma dell’insolito weekend prevede la messa in pratica di questo semplice metodo, utile per la rigenerazione psico-fisica, il rafforzamento del sistema immunitario e la cura del proprio essere. Il gruppo si terrà proprio al Forte di Machaby da giovedì 31 ottobre a domenica 3 novembre. Per informazioni e iscrizioni, è possibile contattare Daniele Vallet al 366-1882783 o via mail all’indirizzo premsaakshi@gmail.com.


38

C O M U N I TÀ M O N TA NA

E VA N Ç O N

lunedì 7 ottobre 2013

■ verres / Una ventina gli espositori di ortaggi; nel pomeriggio la sgambata non competitiva

Tutti di corsa per la ZUCCA Salim ZNAIDI Inviato a Verrès

verres - La zucca torna protagonista grazie alla seconda edizione della manifestazione “La zucca dall’orto alla tavola” che ieri, domenica 6, ha popolato il borgo di Verrès. L’appuntamento è stato organizzato dalla Pro loco in collaborazione con il comune di Verrès. «Non è stato molto facile organizzare l’evento, ma grazie al duro lavoro dei 20 volontari, che hanno dato una mano, tutto è filato liscio - commenta il presidente della Pro loco Jean Pierre Perruchon - hanno aderito a questa giornata 20 espositori con differenti banchi espositivi molto belli ed invitanti». Nel po-

I partecipanti alla corsa della zucca

meriggio la premiazione delle zucche: la più piccola, la zucca più grande, il banco espositi-

vo più creativo, il piatto dolce più buono e il piatto salato più buono. «É il secondo anno che

Aldo Baudin e Diego Marivot

partecipo e trovo che l’iniziativa sia buona, ma che potrebbe essere migliorata ulteriormen-

te - dice Mary Favre, vincitrice per la zucca più piccola -. Mi auguro che continui, perchè è

Esmeralda Toffano

un momento di aggregazione per il paese». Anche Enrica Heresaz, vincitrice per il banco espositivo più creativo sottolinea: «l’evento è molto interessante, peccato che non ci sia stata molta partecipazione da parte dei verrezziesi. Sono contenta di aver vinto anche quest’anno, l’anno scorso ho vinto il premio per la zucca più grande». La manifestazione è stata arricchita anche dal banco di Claudio Bordin: «i prodotti esposti sono coltivati in località Rovarey, la zucca che ha vinto è stata seminata a metà giugno e raccolta solo due giorni fa». Nel pomeriggio c’è stato spazio anche per una gara podistica amatoriale con partecipanti di tutte le età. «Faccio podismo da diversi anni - commenta Aldo Baudin, il vincitore della corsa - e oggi ho colto l’occassione perchè mi sembrava una bella iniziativa». Mentre il secondo arrivato, Diego Marivot commenta: «la festa è carina, peccato che non ci siamo stati molti partecipanti alla gara». «Ho trovato la gara molto interessante, con dei percorsi vari e belli - conclude Esmeralda Toffano, quinta - Trovo che sia un’esperienza da ripetere assolutamente».

Il banco più bello è di Enrica Heresaz

La zucc più grande è quella di Claudio Bordin

Mary Favre vince per la zucca più piccola

Champdepraz

Flash

“Pensieri in parole” presentato in biblioteca «Una raccolta di testi scritti con linguaggio poetico, la cui immediatezza permette, più facilmente del racconto, di tradurre in parole pensieri, sensazioni ed emozioni». Con questi termini l’autrice, Luciana Blanc Perotto, descrive “Pensieri in parole”, il libro che verrà presentato giovedì 17 ottobre alle 21. L’appuntamento, organizzato dalla biblioteca comunale di Champdepraz, si terrà nel salone polivalente di frazione Fabbrica. Nel frattempo, la biblioteca rimarrà chiusa per ferie da lunedì 7 a domenica 20 ottobre. La riapertura è prevista per lunedì 21.


lunedì 7 ottobre 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T RO S E

39

■ DONNAS / Venerdì 11 ottobre taglio del nastro per la 41ª edizione della Festa della castagna

Le “mendaye” raccolgono il testimone dell’uva DONNAS - Neanche il tempo di smaltire le fatiche della 57ª Sagra dell’Uva, che i volontari della Pro loco di Donnas, coadiuvati dall’amministrazione comunale, sono già all’opera per onorare nel migliore dei modi la “sorellina minore”, quella Sagra della Castagna giunta ormai alla 41ª edizione. L’esordio è previsto per venerdì 11 ottobre, quando il padiglione di località Cignas ospiterà, dalle 19, la cena bavarese, con tanto di birra Löwënbräu a caduta e specialità gastronomiche della Baviera; il tutto accompagnato dalla musica dell’orchestra Dolomiten Bier Band. Sabato 12 ottobre gli appuntamenti inizieranno alle 15.30, con la gara di morra a coppie fisse, seguita alle 19 dalla cena a base di asado argentino. Per smaltire il banchetto, poi, ecco la serata danzante a ingresso libero, con la musica dell’orchestra Dolce Vita. Il clou della storica manifestazione arriverà nella giornata di domenica, che decollerà alle 11.30 con

l’apertura della mostra fotografica Donnas in movimento. Alle 12 aprirà i battenti il ristorante, per un pranzo a base di prodotti tipici, mentre alle 14 i mitici caldarrostai della Pro loco cominceranno con la distribuzione delle “mendaye”. Le castagne torneranno grandi protagoniste alle 14.30, quando ci sarà il fischio d’inizio della gara di cottura, seguita dalla gara di torte (aperta a tutti e con incasso devoluto in beneficenza) e da un pomeriggio in allegria. Alle 17 le torte migliori verranno premiate e distribuite per merenda, in attesa che venga assegnata la tanto attesa Castagna d’oro. La giornata, però, non è ancora conclusa: alle 19.30 i Fior di giglio allieteranno la spaghettata in compagnia che darà l’arrivederci al prossimo anno. Per informazioni è possibile telefonare a Fabrizio (329-2156662) o scrivere via mail a info@prolocodonnas.com. I mitici caldarrostai della Pro loco al lavoro ■ al.bi.

■ PONT-ST-MARTIN / Approvato il progetto esecutivo per il recupero del cimitero di Fontaney

Rinascita a tappe tra gli ostacoli Dopo il restauro della chiesa nel 2009, il patto di stabilità rallenta il resto dell’iter PONT-ST-MARTIN - Anche la cultura e le opere d’arte vittime del patto di stabilità. Sembra essere proprio così, visto il destino della chiesa e del cimitero di Fontaney, al centro di una grande opera di recupero, divisa in tre lotti, che vede l’amministrazione comunale di Pont-St-Martin in prima fila a cercare di bruciare le tappe, ma frenata dagli estenuanti problemi di disponibilità economiche non utilizzabili. «Nel 2009 è stato completato il restauro della Chiesa di Fontaney per una spesa totale di circa 400 mila euro, con un sostanzioso contributo da parte della Regione - spiega il primo cittadino Guido Yeuillaz -. Ora abbiamo approvato il progetto esecutivo per il secondo lotto, che prevede il restauro delle tre edicole funerarie (una di proprietà della Fondazione Asilo Baraing, in cui riposano i coniugi Baraing, un’altra di proprietà di un privato e l’altra ancora in cui riposa monsignor Capra), la sistemazione della cinta muraria del cimitero, nonché delle lapidi e delle croci in ferro. Insomma, siamo pronti a dare il via ai lavori

in attesa che ci siano le disponibilità economiche, che come sempre ci sarebbero, ma devono essere sbloccate». Per questa parte si parla di circa 150 mila euro di fondi comunali, ma le operazioni non si concluderebbero qui. «Abbiamo approvato anche il progetto preliminare per il recupero dell’area privata, anticamente sedime

della torre dei Valleise - chiosa ancora Yeuillaz -. In questo caso, però, dovremo prima procedere con l’acquisizione dei terreni, per cui ci muoveremo in un secondo tempo, non essendo una cosa immediatamente realizzabile». In questo caso la spesa prevista è di circa 200 mila euro, «dovuti - continua il sindaco - in gran par-

te agli scavi archeologici che molto probabilmente dovremo affrontare, vista la presenza di cunicoli e locali interrati». Insomma, le idee ci sono, ma le tempistiche probabilmente non potranno coincidere con le speranze. «Speriamo che la situazione si sblocchi in fretta - chiude Guido Yeuillaz -, anche perché vogliamo portare a

La Chiesa di Fontaney e uno scorcio di cimitero

termine la nostra idea di ridare dignità alla zona dopo il recupero del Castello Baraing, ora sede della comunità montana;

vogliamo riportare agli antichi splendori un pezzo importante della nostra storia». ■ Alessandro Bianchet

BARD

Il Marché au Fort diventa grande e spegne la decima candelina BARD - Diventa grande Marché au Fort, che raggiunge il prestigioso traguardo della decima edizione e offre un menù ricco di spunti, domenica 13 ottobre, nel solito e suggestivo scenario del borgo di Bard. Ben 85 produttori pronti a far degustare i migliori prodotti tipici della nostra regione e visitare il Forte di Bard con tutte le sue peculiarità. Sono questi alcuni dei principali spunti di una manifestazione che si aprirà alle 9.30 per concludersi alle 18 sotto l’attenta organizzazione dell’associazione Forte di Bard, del Comune, dell’assessorato regionale all’Agricoltura e della Chambre. Come detto, il taglio del nastro è previsto per le 9.30, quando prenderanno il via al-

La giornata della prevenzione fa centro, ma occhio ai giovani

PONT-ST-MARTIN - Fanno centro i volontari del soccorso di Donnas, in occasione della giornata della prevenzione, andata in scena a Pont-Saint-Martin. I volontari del soccorso, in collaborazione con l’associazione Alice, hanno effettuato la misurazione gratuita della saturazione, della glicemia, del colesterolo e della pressione. Entra nei dettagli Sandra Bagatella, presidente dell’associazione di Donnas: «Abbiamo rilasciato ai partecipanti un tesserino, dove alla fine di ogni attività, abbiamo registrato i risultati. Al termine i volontari di Alice inserendo questi dati, consegnavano un test evidenziando in che fascia di rischio-ictus si trovava l’utente». Una giornata di prevenzione che ha richiamato oltre 130 persone, continua Bagatella: «Hanno partecipato molte donne nella fascia d’età tra i 50 e i 70 anni». Questa iniziativa ha denotato una particolarità, chiosa Sandra Bagatella: «In molti giovani abbiamo riscontrato valori non nella norma. Al contrario tanti anziani in buone condizioni». Si tratta della quattordicesima mattinata dedicata alla prevenzione che si svolge ormai da molti anni. Conclude Bagatella: «La prossima volta contiamo di aumentare il numero di volontari (in questa occasione ne erano impegnati sedici del soccorso e due di Alice ndr.) in modo da velocizzare le varie attività di prevenzione. Ci tengo a rivolgere un ringraziamento al comune Pont-Saint-Martin e alla sezione ANA di Donnas per la collaborazione». ■ te.ma.

cune delle iniziative che accompagneranno i visitatori nel corso della giornata, come le animazioni per i bambini, le sfilate dei gruppi folkloristici e la possibilità di ottenere l’annullo filatelico dell’evento. Sempre alle 9.30 inizieranno le degustazioni guidate dei “Formaggi dell’arco alpino”, prelibatezze casearie ospitate nella Petite Place du Marché. La sala al pianoterra del municipio, invece, farà da scenario a “RiTORniamo La riscoperta della tornitura a pertica”, una parte della mostra attualmente allestita al MAV di Fénis. Dalle 11.30 alle 14.30, invece, inizieranno le visite guidate del territorio, con tappe previste alla scoperte delle meraviglie di Hône, Donnas e Arnad. I punti ri-

storo apriranno i battenti alle 12. Ma le iniziative non finiscono qui, visto che dalle 9.30 alle 19 i visitatori potranno ammirare le sale e le mostre del Forte, oppure potranno recarsi nella sezione “libreria del Marché”, dove si potranno acquistare volumi dedicati alla cucina e ai sapori della Valle d’Aosta. Nell’auditorium dell’Opera Mortai del Forte verranno proiettati i film vincitori dell’ultima edizione del Cervino CineMountain Festival e del Gran Paradiso International Nature Film Festival, mentre per chi volesse “allargare gli orizzonti” saranno a disposizione due trenini. Il primo, eseguirà tour panoramici del centro storico e delle aree verdi del comune di Hône, mentre il

secondo collegherà l’area della Festa della castagna di Donnas con le fermate delle navette dirette proprio al Forte. «Il Marché au Fort raggiunge il decimo anno di vita, confermandosi un’importante vetrina per i produttori valdostani che possono così cogliere l’opportunità di farsi conoscere al numeroso pubblico che il Forte e il Borgo di Bard riescono ad attrarre - spiega il Presidente dell’Associazione Forte di Bard, Augusto Rollandin –. L’incontro tra offerta culturale, turistica ed enogastronomica non può che essere una delle leve su cui puntare per lo sviluppo del nostro territorio». ■ al.bi.

■ HONE / Deserta anche la seconda gara d’appalto per la gestione dell’esercizio di proprietà comunale

L’ex Bistrot Antichi Sapori non fa più gola HONE - Evidentemente l’ormai ex Trattoria Bistrot Antichi Sapori di Hône non fa più gola. E’ infatti andata deserta anche la seconda gara di appalto, indetta dall’amministrazione hônois per affidare la gestione del complesso aziendale esercizio pubblico di proprietà comunale, situato in località Crocetta. «Purtroppo abbiamo solamente perso tanto tempo, ma alla fine alla consegna delle buste del 2 ottobre non è stata presentata nessuna offerta - spiega con un pizzico di rammarico il sindaco Alex Micheletto -. Siamo dispiaciuti che nessuno abbia partecipato, anche perché capiamo il diffcile momento economico, ma le condizioni erano abbastanza favorevoli (base d’asta fissata a 14 mila euro annui, IVA esclusa), vista anche la qualità della struttura; avremmo accettato anche offerte al ribasso pur di soddisfare le nostre esigenze e quelle degli interessati». Ora, però, bisognerà cercare vie alternative. «Dobbiamo valutare come muoverci, perché siamo consapevoli delle potenzialità del locale e non vogliamo assolutamente che resti inutilizzato - conclude Mi-

L’ex Trattoria Bistrot Antichi Sapori

PONTBOSET

Privato in campo per la mulattiera AOSTA - «In questo periodo l’intervento dei privati è sempre una buona notizia, per cui accogliamo di buon grado la richiesta che ci è pervenuta». Sorride il sindaco di Pontboset, Ilo Chanoux, al termine del consiglio comunale di giovedì 3 ottobre, nel quale è stato dato il via libera alla richiesta di autorizzazione per la sistemazione di un tratto di mulattiera tra l’arrivo della monorotaia e frazione Boset Damon. «Si tratta di lavori di poco conto - spiega ancora Chanoux , ma per noi si tratta comunque di una miglioria importante. Per questo abbiamo deciso di dare il via libera, anche perché in questo periodo ogni aiuto, che sia di privati o meno, è ben accetto».

Alex Micheletto

cheletto -. Insieme al segretario comunale soppeseremo le diverse strade e sceglieremo la via percorrebile. Se possibile, non escludo la trattativa privata, dove probabilmente sarà più facile soddisfare le esigenze di tutti i soggetti interessati. Finora abbiamo provato la via dell’evidenza pubblica, ma evidentemente non è la modalità più adatta. In ogni caso, vogliamo fare in fretta». Sembrano invece tramontate definitivamente le possibilità dell’ex proprietaria, Filomena Ravo, di poter continuare la sua avventura alla guida del locale che, così, continua a tenere chiusi i battenti. ■ al.bi.


40

C O M U N I TÀ M O N TA NA

WA L S E R

lunedì 7 ottobre 2013

■ GRESSONEY-ST-JEAN / Una decina gli allevatori che hanno portato 126 bovine e 32 capre

Autunno, tempo di fiera per il bestiame GRESSONEY-SAINT-JEAN - «Le bacche dei crespini sono mature, i frutti del sorbo aspettano i passeri, le mucche mangiano l’ultima erba e le capre brucano quanto è rimasto sugli alpeggi». Questo recita la descrizione dell’autunno “Herbscht” e all’autunno si ispira da sempre la fiera “dei feirotag”, ora denominata mostra dei migliori bovini e caprini, giunta ormai alla 53ª edizione, e andata in scena sabato 5 ottobre. Dopo l’ultima guerra, non si dava più grande importanza al mercato del bestiame, in quanto questo veniva contrattato e venduto direttamente nella stalla. Successivamente, però, i due comuni, Saint-Jean e La-Trinité, decisero di abbinare alla fiera (ora non più in uso) l’esposizione dei capi di bestiame. Non più le bancarelle lungo le case che si affacciano sulla piazza, ma il bestiame, ora in zona Lago Gover, un tempo nella zona antistante l’edificio scolastico. I pastorelli che durante l’estate si erano presi cura del bestiame venivano ricompensati con una mancia di qualche soldo. Sabato, dieci allevatori hanno esposto 126 mucche e 32 capre, esaminate da una giuria che ha stilato la classifica. Premio? Le campane che andranno ad arricchire il corredo degli animali. Il comi-

Il sindaco Luigi Chiavenuto tra appassionati e allevatori; in basso le capre esposte Il presidente del comitato Elder Squindo

ISSIME

51 mila euro per piazza Letz Duarf

tato presieduto da Elder Squindo ha fatto le cose per bene, e non è mancato l’angolo degli allevatori che intorno a un banco di prodotti enogastronomici tipici si sono dati al canto di quelle affascinanti filastrocche che non sfioriscono mai. In serata la classifica è stata distribuita durante la riunione convivia-

le allo “Stambecco” tra un piatto e l’altro non è mancata la musica e qualche passo di danza, perché la mostra è anche motivo di incontro tra coloro che hanno trascorso l’estate in alpeggio e quindi non hano avuto modo di incontrarsi e dialogare.

ISSIME - Costeranno 51 mila euro al comune di Issime i lavori di manutenzione straordinaria della pavimentazione della piazza comunale Letz Duarf, dell’area pertinenziale di Maison Vallaise, dei vialetti dell’area cimiteriale nuova e dei vialetti adiacenti d’Chinnumattu. «L’ultimo intervento risale a una ventina di anni fa - ricorda il sindaco Christian Linty (foto) - e la pavimentazione inizia a risentirne, con qualche tratto sollevato e non in buono stato. Insomma, un normale intervento per rendere ancora più accogliente il paese». I lavori saranno realizzati dall’impresa Bertero Costruzioni. ■ al.bi.

Le classifiche

LABORATORI

CHE...CAMBIANO! OTTOBRE/NOVEMBRE 2013

“ARTE IN TESTA” organizza quattro serate tenute da uno psicologo con ampia esperienza clinica, volte a fornire ai partecipanti STRATEGIE e SOLUZIONI pratiche ed efficaci a situazioni problematiche assai diffuse, in un clima interrattivo, piacevole e dinamico. I laboratori proposti in orario serale dalle 20.00 alle 22,30 sono:

16 OTTOBRE 2013 VINCERE L’ANSIA E LA PAURA 23 OTTOBRE 2013 AUTOSTIMA: COME ACCRESCERE LA FIDUCIA IN SE STESSI 30 OTTOBRE 2013 GENITORI EFFICACI: COSTRUIRE RELAZIONI POSITIVE CON I PROPRI FIGLI 6 NOVEMBRE 2013 DIETA, CORPO E BELLEZZA: LE TRAPPOLE DEL CIBO MASSIMO 15 ISCRITTI PER LABORATORIO PER INFO E ISCRIZIONI: “ARTE IN TESTA” VIA MONTE GRAPPA 6, AOSTA

CELL. 349/7872457 o 328/0812422

1ª Categoria vitelli: 1ª Cremona di Edilio Rial; 2ª Diva dei fratelli Squinobal; 3ª Rigotta dei Fratelli Squinobal. 2ª Categoria manzette: 1ª Regina di Edilio Rial; 2ª Onda di Edilio Rial; 3ª Papillon di Edilio Rial. 3ª Categoria manzette pregnanti: 1ª Briganda dei Fratelli Squinobal; 2ª Pinca di Elder Squindo; 3ª Zolia di Alfredo Lateltin. 4ª Categoria vacche da latte: 1ª Paloma dei Fratelli Squinobal; 2ª Ballerina di Edilio Rial; 3ª Rigotta di Alfredo Lateltin. 5° Categoria vacche pregnanti: 1ª Riviera di Edilio Rial; 2ª Grinta dei Fratelli Squinobal; 3ª Bellesse dei Fratelli Squinobal. 6ª Categoria torelli: 1° Birillo di Kamil e Amalia Laurent; 2° Tornado di Remo Squindo. 7ª Categoria tori: 1° Pippo dei Fratelli Squinobal; 2° Delice dei Fratelli Squinobal; 3° Lupo di Elder Squindo. 8ª categoria gruppo di almeno 5 capi: 1ª Fratelli Squinobal; 2ª Alfredo Lateltin; 3ª Edilio Rial. 9ª Categoria capre: 1ª Birichin di Ferruccio Favre; 2ª Furba di Ferruccio Favre; 3ª Perla di Ferruccio Favre. 10ª categoria caproni: 1° Tornado di Christian Regis; 2° Zorro dei Fratelli Squinobal; 3° Pippo di Matteo Pecco. 11ª Categoria gruppo di almeno 5 capre: 1° Ferruccio Favre; 2° Sorelle Squinobal; 3° Matteo Pecco. ■ Franco Ormea

■ GRESSONEY-ST-JEAN / Confermati i contributi alle associazioni

A bilancio una pezza sui furti del rame GRESSONEY-ST-JEAN - Da una parte la previsione di finanziamento per dare il via, appena possibile, alla conversione della centrale termica del centro sportivo, dall’altro l’esigenza di mettere una pezza sui danni fatti dai “ladri del rame”, che nel mese di agosto hanno fatto razzia nella cabina elettrica a servizio dell’impianto di illuminazione della pista Leonardo David (e non solo). C’era tutto questo nella variazione di bilancio approvata dal consiglio comunale di Gressoney-StJean, come spiega il sindaco Luigi Chiavenuto. «Abbiamo provato sulla nostra pelle che i sempre più frequenti furti di rame stanno arrivando anche da noi - chiosa il primo cittadino -. Ad agosto, abbiamo subito un furto nell’importante cabina elettrica che alimenta l’impianto della pista da sci di Weissmatten e, ironia della sorte, anche l’unica videocamera presente in zona. E’ stata una mossa ben studiata, visto che si trova grosso modo a metà della pista, e a noi, costerà circa 15 mila euro. Anche se continuo a chiedermi come ci si possa avventurare al fondo di una valle senza sbocchi; certo che se le videocamere dei paesi sottostanti fossero state già pronte magari li avremmo quantomeno identificati». L’altra variazione, ben più sostanziosa, parla di circa 612 mila euro, destinati al rifacimento della cen-

trale termica del centro sportivo gressonaro, riconvertendolo in un impianto alimentato a biomassa e cippato. «Abbiamo richiesto che l’intervento fosse inserito nel quadro del quarto conto energia - spiega ancora Chiavenuto - e stiamo attendendo una risposta. Ma per accedere ai finanziamenti dovremo farci trovare pronti e concludere poi l’opera entro un anno, per questo tra poco presenteremo già il progetto esecutivo. In questo modo, vorremmo arrivare a una filiera locale, con la raccolta di legna che si trasformerebbe anche nella pulizia dei boschi, con riduzione dei costi di gestione, attualmente di 100 mila euro, e conseguente apertura prolungata della piscina». Gli altri provvedimenti Una delibera di indirizzo relativa ai tetti di lose, ha stabilito che, nonostante la normativa regionale abbia eliminato l’obbligo, sul territorio comunale l’uso della pietra sia ancora obbligatorio, così come avviene ad Ayas. Infine, la convenzione con la Comunità Montana permetterà alla sezione distaccata del Liceo linguistico di Courmayeur (ospitata a Villa Belvedere) di occupare il terzo piano dell’edificio delle scuole medie. Il 30% circa delle spese di gestione sarà a carico del liceo. Prossimamente anche il convitto dello stesso Liceo troverà col-

locazione nel centro storico. Si parla di Villa Borgogna. Contributi In periodo di spending review, il comune di Gressoney-Saint-Jean decide di non far soffrire più del dovuto le proprie associazioni. L’amministrazione, infatti, ha confermato i 5 mila euro destinati all’associazione allevatori e utilizzati per la riuscita della rassegna bovina appena andata in scena. Quattro mila euro vanno anche alla Pro loco, nuova realtà del panorama gressonaro. «É la prima volta che assegnamo loro un contributo, in quanto esistono solamente da un anno - dice Luigi Chiavenuto -. Sono soldi che diamo proprio volentieri e speriamo che aiutino questa bella novità». L’ultimo stanziamento riguarda la parrocchia di San Giovanni Battista, per la quale il comune ha donato 5 mila euro in seguito a un accordo. «Si tratta di un trasferimento per partecipare alle spese di ricostruzione della cappella Zem Chritz, situata nella zona più colpita dagli eventi alluvionali del 15 e 16 ottobre 2000 - spiega Chiavenuto -. La rinascita dell’opera è costata 10 mila 240 euro, con la parte restante che è giunta da offerte e sottoscrizioni. É stato un lungo lavoro, ma possiamo dire con gioia che sabato 12 ottobre alle 15 verrà finalmente inaugurata». ■ al.bi.


41

lunedì 7 ottobre 2013

Teatro popolare in festa

Tan Pe Ri-Ye si regala il primo premio per i 10 anni SAINT-MARCEL - Ha vinto la compagnia locale Tan Pe Ri-Ye, che si è fatta il regalo per il suo decimo anniverasio, la Fita di teatro 2013, svoltasi sabato 5 ottobre nella palestra comunale di Saint-Marcel. Un esilarante sketch sulla crisi che stuzzica l’ingeno per guadagnare qualcosa facendo qualsiasi cosa. Al secondo posto Le Falabrac di Brusson, simpatica crisi coniugale intorno al desiderio femminile e terzi i bambini de Le Fripón di Valtournenche...ognuno con la sua crisi. La Fita di teatro, la cui prima edizione si svolse a Ozein nel 1986, dal 2009 ha cadenza biennale ed è organizzata dalla Fédérachon Valdotena di Teatro Populero. Particolarità dell’iniziativa è il concorso a tema per il

Terzi classificati i bambini de Le Fripón di Valtournenche

Le ragazze vincitrici della compagnia Tan Pe Ri-Ye

quale la Fédérachon sceglie appunto il tema, quest’anno La Crize/La crisi sotto tutti i punti di vista, e i sette oggetti che ogni compagnia deve utilizza-

re negli sketch della durata massima di 10 minuti, come da regolamento. La giuria, composta da Roger Vuillermin, Luciana Casassa, Nella Joly, Corrado

Lantelme, Elmo Meynet e Roberto Cretier, ha valutato ogni pièces per recitazione, ritmo, qualità del patois, originalità del contenuto, rispetto del tempo

e uso degli oggetti. «Sono molto soddisfatto dichiara Ivano Favre Presidente della Fvtp - Buona la partecipazione del pubblico e delle compa-

La compagnia Le Falabrac di Brusson si è piazzata seconda

gnie le cui pièces hanno avuto, in generale, una buona valutazione. In più, quest’edizione ha tenuto a battesimo La Cabala di Ayas, compagnia new entry della Fédération. Un inserimento che dà vigore alla nostra famiglia teatrale». Le otto compagnie che hanno calcato la scena sono state: Lou Tracachemén di Cogne, Tan Pe Ri-Ye di Saint-Marcel, Le Falabrac di Brusson, La Compagni dou Beufet di Arnad, Lé Guiandéc è lè Fouehtéc dè Vión-a di Hône, Le Fripón (bambini) di Valtournenche, La Cabala di Ayas e Le-S-Ami dou Patoué di Nus. Avrebbe dovuto esserci anche La Béguiò di Valtournenche, ma lo skecht riguardava un naufragio che per rispetto alla recente tragedia di Lampedusa, non è stato rappresentato. Nella palestra, è stata allestita anche una mostra “amarcord”, con foto, costumi e oggetti di scena usati nelle 52 pièces tenutesi nei dieci anni di attività del gruppo Tan Pe Ri-Ye. «Sono contento che SaintMarcel abbia potuto ospitare le compagnie di teatro - dice il sindaco Roberto Cretier - espressione che secondo me, per le piccole comunità come la nostra è fondamentale per l’aggregazione, nel mettersi in gioco e intanto mantenere vivo il patois». ■ re.ga.


C U LT U R A & S P E T TAC O L I

BOOMERANG PARTY II

42

La locandina per l’evento del 12 ottobre e quella per il party atto I dello scorso maggio

GRESSAN - Dopo gli anfibi d’ordinanza, per chi il venerdì e il sabato sera andava a pogare, la locandina del film The Doors di Oliver Stone ad annunciare il Boomerang Party, atto II. A grande, grandissima, richiesta Andrey Spinella torna alla consolle riproponendo la musica che ha fatto ballare, vent’anni fa, una generazione di valdostani. Troppo piccolo il Circoloko che lo scorso 4 maggio ha ospitato la prima serata dedicata alla vecchia discoteca di Plan Felinaz preso d’assalto dai nostalgici delle notti rock passate alla “clinica”, questa volta si cambia sede e si fanno le cose in grande. Sabato 12 ottobre il Boomerang Party, atto II, si sposta nel capannone dell’area verde di Gressan dove, a partire dalle 18, inizierà la festa. Subito un po’ di musica live con Feyatomica, Ondadhurto e Nero!, dalle 22.30 selezione originale Boomerang 1993-1995 di

lunedì 7 ottobre 2013

Andrey Spinella: Rage Against the Machine, Clash, Smiths, Cure, Police, Metallica, ma anche Casino Royale, 99 Posse, AK 47... Il Boomerang è stato più di una discoteca, un punto di ritrovo, una valvola di sfogo, l’occasione per ascoltare e scoprire una musica diversa. Dietro al bancone Dario Cardellina e Donatella Giamberini, i pilastri del locale, che potrebbero anche decidere di fare un tuffo nel passato e andare a incontrare quei ragazzi che hanno visto divertirsi, ballare e innamorarsi sulla pista con le mattonelle colorate. Alla consolle, oggi come allora, Andrey: «Nel settembre 1993 ricevetti una telefonata nella mia casa di Torino. Era Dario Cardellina che mi chiedeva se volevo diventare il dj del Boomerang. Dissi subito di sì. Ci vedemmo ad Aosta e gli chiesi subito di darmi un po’ di soldi per prendere un po’ di vinili per la discoteca. Feci un bel carico di grunge, punk, posse, britpop, madchester, skapunk e classici. Il 2 ottobre 1993 iniziò tutto». ■ e.d.

EVENTO - Il cartellone della stagione 2013/2014 sarà svelato venerdì 11 alle 17.30 nel nuovo teatro

Faletti allo Splendor per la Saison AOSTA - Bocche cucite, impossibile carpire un nome, una data, un tema... A internet però non si può sfuggire ed ecco che, a cercare bene, un nome, una data e un titolo tra quelli che comporranno il cartellone 2013/2014 della Saison culturelle salta fuori. La programmazione della nuova stagione sarà presentata venerdì 11 ottobre alle 17.30 al Teatro Splendor, quando sarà svelata anche l’immagine coordinata curata da Metro Studio. Se non è ancora dato sapere nemmeno quando sarà il primo spettacolo

in programma, ha trovato conferma la voce di un ritorno ad Aosta, quello di Giorgio Faletti, questa volta nella veste di interprete. Lunedì 4 novembre l’attore, scrittore e cantante piemontese porterà sul palco del Teatro Splendor lo spettacolo di musica e parole “Da quando a ora in scena”, ispirato dal suo omonimo libro, pubblicato recentemente da Einaudi. «Ho scritto un libro come si scrive una canzone. O forse ho scritto delle canzoni come si scrive un libro, affidandomi all’emozione e alla memoria. Il ri-

CINEMA

ST. CHRISTOPHE

AOSTA

CINELANDIA

CINEMA DE LA VILLE

sala 1 digitale: lunedì 7, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 20 e alle ore 22.40 Rush sala 2 3D-open sky: lunedì 7, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 20.30 e alle ore 22.40 Gravity sala 3 digitale: lunedì 7, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 20.15 e alle ore 22.40 Come ti spaccio la famiglia sala 4 digitale: lunedì 7, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 20.10 I Puffi 2 sala 4 digitale: lunedì 7, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 22.45 Sotto assedio White house down sala 5 digitale-open sky: lunedì 7, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 20.20 e alle ore 22.35 Bling ring

lunedì 7 ottobre alle ore 21 Anni felici

IVREA ABCINEMA ROSSE TORRI lunedì 7 ottobre alle ore 20.15 e alle ore 22.30, martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 21.15 Anni felici

SAINT-VINCENT AUDITORIUM lunedì 7 ottobre alle ore 20.15 Universitari Molto più che amici e alle ore 22.30 Sotto assedio White House Down martedì 8 e mercoledì 9 ottobre alle ore 21 Gravity in 3D

VERRÈS CINEMA IDEAL lunedì 7 ottobre alle ore 21 Gravity in 3D mercoledì 9 ottobre alle ore 21 Per altri occhi

Giorgio Faletti e in alto la band senese dei Baustelle

sultato, qualunque sia la prospettiva, è che all’interno ci sono parole e musica che costituiscono una parte della mia vita, un discorso iniziato tanti anni fa e mi auguro non ancora concluso» scrive l’autore. Lo spettacolo sarà firmato da Massimo Cotto alla regia e Faletti sarà accompagnato da Lucio Fabbri al pianoforte, chitarra e violino, Massimo Germini alla

chitarra, Marco Mangelli al basso, Roberto Gualdi alla batteria e dal Quartetto d’Archi Orchestra Sinfonica di Asti. Un altro nome che circola per la nuova Saison culturelle musicale, anche se non ha ancora trovato conferme, è quello dei Baustelle che, concluso il Fantasma Tour nei teatri italiani, riprenderanno a girare con la versione acustica del concerto, accompagnati da un quartetto d’archi, a fine novembre a Roma. Per saperne di più appuntamento venerdì alle 17.30 allo Splendor. ■ Erika David

MUSICA - Dopo anni di produzione per se stesso il 21 ottobre esce il primo Ep di Christian Tosi

Lo Yeti esce allo scoperto AOSTA - «Cosa faccio? Rap con influenze cantautoriali. Così ho detto tutto senza dire nulla», esordisce così Christian Tosi aka Yeti Ricoxian: fa musica da tantissimo tempo, ma non ha mai pubblicato a causa della sua insicurezza e del suo essere scontroso e solitario, per sua stessa ammissione. «Yeti è la cosa che meglio mi rappresenta, spesso la gente rimane intimorita da me, ma chi mi conosce sa che sono un babbalucco a cui piace scherzare, uno Yeti». Dopo anni in cui Ricoxian scrive e fa musica praticamente per se stesso è l’avventura del Meatbeat di Raffaele “Neda” D’Anello a dargli la spinta definitiva e la sicurezza per con-

Christian Tosi, in arte Yeti

cretizzare i suoi lavori: il 21 di ottobre uscirà in free download il suo primo EP, mentre sul web impazzano le puntate quotidiane

in diretta dal suo rifugio, “la Caverna dello yeti”. Le idee sono tante e lo Yeti per non perdere il filo ha deciso di creare un suo persona-

La Semaine «culturale» I segreti dell’orto, con Viola, al Café Librairie Mercoledì 9 ottobre, dalle 16, il Café Librairie di piazza Roncas ospiterà la presentazione del libro “Viola e i segreti dell’orto di montagna”, un libro con laboratorio creativo intorno. Si parlerà di orti in tutte le stagioni, l’ingresso è libero e consigliato a chi ha più di 4 anni e meno di 13. Durante il laboratorio si immaginerà un orto e lo si disegnerà, imparando quando e dove piantare le verdure e le erbe aromatiche e scoprendo cosa succede nell’orto quando è autunno e l’inverno sta per arrivare, per concludere con un bellissimo collage. Fotografia, giovedì la premiazione del contest Instagram sul Topolino Calcio É in programma per giovedì 10 ottobre alle 17,

all’area verde Les Iles di Gressan, la premiazione del contest Instagram Topolino Calcio, concorso fotografico abbinato al torneo dello scorso giugno e organizzato in collaborazione con Instagramers Valle d’Aosta e Aosta Sera. 300 gli scatti postati con l’hashtag #topolinocalcioaosta, poco meno di 200 quelli selezionati. 15 le foto finaliste tra le quali saranno scelti i vincitori. Imagespassages le opere di Giuliana Cuneaz a Annecy Si chiama “Eclat Moléculaire” la mostra di Giuliana Cuneaz allestita nell’ambito di Imagespassages, arts visuels et numériques contemporains, ad Annecy. La mostra che riunisce una serie di opere che coniugano immagini, disegni, tecnologia 3d e scienza, rimarrà aperta dall’8 al 30 ottobre.

le contenitore che riempie di volta in volta con haiku, filastrocche, interventi e racconti: la Caverna dello Yeti. Il progetto del 30enne valdostano è dei più vari, non solo musica, ma anche sinergie con altri creativi che operano in diversi settori: a curare la copertina del suo EP due fotografi aostani molto promettenti, Samuel Giudice e Fabrizio Falcomatà, e il grafico illustratore Manfredi Cortivo, mentre per il suo sito si avvale della collaborazione del webengineer Nicola Napoli. C’è tanta carne al fuoco nel futuro di Ricoxian, effervescenza che sottolinea come il fermento musicale e creativo valdostano non si sia spento e l’onda sia ancora lunga. Per quanto riguarda il panorama musicale italiano lo Yeti non ha dubbi: «La musica rap é l’ultimo genere musicale originale concepito dall’uomo, tutto il resto da lì fino ad oggi é solo un mix di generi diversi. É il genere piú vario che esita e ha poco più di 30 anni. Ha influenzato tutto il panorama musicale mondiale ma in Italia se dici rap ti rispondono con parole come ‘yo, ghetto, gangstar, catene d’oro, Eminem e Fabri Fibra’», per capire quanto lo Yeti sia distante da tutto ciò basta un solo ascolto. Trovate il contenitore di Ricoxian sulla rete all’indirizzo www.lacavernadelloyeti.com. ■ Alessandra Borre


C U LT U R A & S P E T TAC O L I

lunedì 7 ottobre 2013

43

EVENTO - Le formule dei secrets e i gesti dei rabelieurs svelati dal regista Joseph Péaquin

La medicina umana si svela jovençan - Questa è la storia di Maria, anzi, di Ninì che ha passato le formule dei secrets alla madre di Maria che a sua volta le ha cedute alla figlia; a dire la verità questa è una storia comune a molti, la storia di questa medicina tradizionale sospesa tra fede e mistero, tra credenze e diffidenza. Il regista Joseph Péaquin ha raccolto le storie dei rappresentanti di quella che lui stesso chiama “medicina umana”, una medicina che non si vuole esatta, né scientifica e tanto meno esaustiva, ma semplicemente composta di cure e attenzioni che toccano le corde più intime dell’essere umano e scaldano il cuore. I video-ritratti, di una durata variabile da 10 a 20 minuti, sono stati raccolti in un’unica opera e presentati mercoledì 2 ottobre nella sala consigliare del comune di Jovençan, stracolma per l’occasione. Tredici videoclip, tredici protagonisti che possono essere divisi in tre categorie: i “rabelieurs”, i conoscitori di piante e coloro che praticano i secrets. Le categorie non possono però essere divise in modo definito, spesso le persone che possiedono il dono dei secrets, ovvero di alleviare il dolore in particolari occasioni recitando preghiere (spesso in francese), coincidono con chi utilizza le piante come rimedi naturali, senza utilizzare farmaci creati in laboratorio. “Á la découverte de la médecine humaine” racconta di per-

Da sinistra Louis, Rosita e Henry; nei riquadri a destra il regista Joseph Péaquin e Anna Montrosset, presidente del centro studi Anciens Remèdes

sonaggi che non amano apparire, persone che esistono in tutta la Valle e che mettono i loro doni a disposizione degli altri, senza chiedere nulla, con il solo scopo di aiutare. Ecco come si intrecciano le storie di Louis, che si aggira nelle radure alla ricerca di calendula e assenzio come un

fine alchimista moderno; quella di Gemma, ai piedi del valico del Gran San Bernardo, seguita dai nipoti ai quali senza presunzione spiega proprietà e utilizzo delle varie piante; e quella di Carlo che deve interrompere per un periodo più o meno lungo la sua attività durante l’anno per poter eserci-

tare il suo dono nel modo migliore, ovvero senza accumulare troppa energia negativa nelle sue preziose mani. «La vera forza del progetto sono loro - racconta il regista Péaquin - io in realtà non ho fatto nulla di speciale, sono loro che rendono il documentario fantastico, loro, le loro sto-

rie e il loro dono», subito gli fa eco l’ottuagenaria Jelie, ospite d’onore della serata, in quanto abitante di Jovençan e protagonista dell’ultima clip proiettata nella serata del 2 ottobre: «Ho passato mezza giornata bellissima con te Joseph, abbiamo assaggiato tantissi-

mi frutti della terra e sai che quando vuoi io sarò nel mio orto ad aspettarti!». Per chi non fosse presente mercoledì è possibile visionare i videoclip alla Maison des Anciens Remèdes, prenotandosi al 333/3589863. ■ Alessandra Borre

...Pillole di cultura...Pillole di cultura...Pillole di cultura...

Cinema, Luca Casella nel docu-film di Soldini

Proiezione cinematografica unica il 9 ottobre prossimo via satellite in parecchie sale italiane e in Valle d’Aosta al cinema Ideal di Verres alle ore 20,30 del docu-film Per altri occhi, avventure quotidiane di un manipolo di ciechi, di Silvio Soldini e Giorgio Garini, prodotto dallo stesso Sol-

Blasone di qualità per il Teatro Instabile grazie al Mibac

aosta - La compagnia Tida teatro instabile di Aosta, di Marco Chenevier Smeralda Capizzi, Alessia Pinto e Nicola Agiuggioli ha ottenuto l’accredito al Mibac, Ministero per i beni e le attività culturali. «Questo riconoscimento ci permetterà di ottenere un piccolo finanziamento, 10.000 euro - spiega Marco Chenevrier - ma diventando compagnia ministeriale ci permette soprattutto di avere un blasone di qualità». Per festeggiare questo importante evento Tida ha organizzato una tre giorni di spettacoli terminati martedì 1 ottobre al San Pietro in vincoli zona teatro di Torino in occasione del festival andando in scena a “Il sacro attraverso l’ordinario” con “Quintetto”. «Confidiamo di poter continuare con il nostro lavoro, in modo continuativo sia con i comuni che con le scuole della regione continua Chenevier -, per il resto dipenderà molto dalle scelte culturali che l’amministrazione intenderà prendere, nel mentre noi continueremo ad esportare

Sopra da sinistra Jelie, Diomira, Elena e Maria

il made VdA fuori Valle con le nostre produzioni, come è stato quest’anno per Medea Reloaded, uno spettacolo di danza contemporanea che è soprattutto espressione del corpo e che vanta un numero di interpreti notevole, 12 in tutto, e un costo di 60.00 euro». Il Teatro instabile fa parte insieme ad altre 8 compagnie teatrali, professionali e non, dell’Assemblea delle compagnie valdostane che ha il compito di parlare con le amministrazioni pubbliche e di difendere il budget per le compagnie che a causa della crisi ha visto un taglio del 35% dei finanziamenti «è inoltre un luogo di incontro che ci permette grazie allo scambio una grande occasione di crescita personale e professionale» conclude Chenevier. ■ Simonetta Padalino

dini insieme a Lionello Cerri. Dieci racconti che il regista Silvio Soldini ha raccolto da dieci persone strordinarie, non vedenti. Tra i protagonisti il musicista valdostano Luca Casella. Al film seguirà l’evento speciale, trasmesso sempre via satellite da Anteo spazioCinema (format visionaria) con Silvio Soldini, Giorgio garini, Giovanni Sol-

dini, Gianna Nannini e i protagonisti del film. Conduce Gianni Fantoni. La violenza e il coraggio L’Anpi, in collaborazione con l’amministrazione regionale e Donne in Opera, organizza per domenica 13 ottobre l’incontro “La violenza e il coraggio - Donne, fascismo, antifascismo, Resistenza ieri e oggi”.

L’appuntamento è alle 16.30 a La Tour de Villa di Gressan, interverranno Monica Minnozzi del coordinamento nazionale donne dell’Anpi, Silva Presa, direttrice dell’Istituto storico della Resistenza, Anna Castiglion, coordinatrice di progetti di pace, Lidia Menapace, ex partigiana. La voce e la musica di Naïf Hérin arricchiranno il pomeriggio.

EVENTO - Presentati i corsi di francese storici e le novità per l’anno 2013/2014

Il Québec è più vicino con l’Alliance aosta - Azzerare la distanza fra Parigi e la Valle d’Aosta si può, basta recarsi in via Porta Praetoria 19, nella sede dell’Alliance Française Vallée d’Aoste e approfittare della mediateca, dei corsi formativi e di tutto ciò che la sede offre ai valdostani. «Mi sono insediata un mese fa – spiega Claire Keefe, neo direttrice della struttura -, anche per me quest’anno sarà una sorpresa. Le novità sono molte, vorrei sottolineare la possibilità di seguire da noi, con il sostegno dei professori di madrelingua, il corso per il Test de connaissance de la langue française specifico per il Québec: una serie di lezioni seguite da un esame che dà la pos-

Adeline Braibant, la neo direttrice Claire Keefe e Rosanna Bionaz nella sede dell’Alliance Française

EVENTO - Musica, cucina e cultura di paesi diversi per Vues d’ici & Vents d’ailleurs

A Hône la multiculturalità è di casa

Alcuni momenti della tre giorni ospitata a Hône del Festival multiculturale dedicato all’alterità

sibilità di poter lavorare nella provincia francofona del Canada senza aver bisogno di ulteriori prove d’esame sul posto». Oltre ai corsi “storici” dell’Alliance, come quelli del Quadro europeo comune di riferimento per le lingue,vengono inoltre proposte lezioni di conversazione, dedicate soprattutto alla scoperta della cultura francese e più in generale francofona e ateliers per farsì che anche i più piccoli possano avvicinarsi alla lingua dell’Esagono. Le altre novità dell’anno scolastico 2013 – 2014 riguardano la parte online dell’apprendimento, sono infatti previste lezioni su internet: Speedlingua web, un metodo innovativo che permette di avvicinarsi alla lingua francese seguendone musicalità e ritmo; e un corso di francese generale on line. L’alliance française nasce a Parigi più di un secolo fa e, da allora, diverse sedi sono state aperte in tutto il mondo, attualmente sono 1.016 i validi partner della diplomazia culturale francese; l’unico modo più efficace per imparare le cose basilari, ma anche le curiosità, sul mondo francofono è recarsi sul posto, in alternativa il metodo dell’Alliance in Valle d’Aosta funziona perfettamente da ben 30 anni. ■ al.bo.


AG E N DA

44

L’

Oroscopo di Gazzetta Ariete

Leone

Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: la settimana nascerà all’insegna di una bella vitalità, che vi permetterà di agire tempestivamente e bene, nonché di essere progettuali e trascinanti. Da mercoledì a venerdì mattina, vi attesterete su una tabella di marcia più regolare: sì a occupazioni domestiche, alla sistemazione di archivi o scadenze e all’ottimizzazione dei carichi di lavoro. Nel week-end, però, cercate una compagnia rilassante e non abusate delle vostre energie.

Sagittario

Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: la partenza sarà decisamente sprint, soprattutto per la terza decade del segno, che può anche vantare l’adrenalinica congiunzione di Marte. Un po’ più ordinaria la fase centrale di settimana: può darsi che dobbiate dar prova di abnegazione e di spartana adesione alla realtà: proibito lamentarsi. Il week-end sarà, invece, assolutamente godibile, piacevole, socievole, con le vostre quotazioni sentimentali in vertiginosa ripresa. Bravi.

Vergine

Toro Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: la Luna, in Leone dei primi due giorni, potrà creare attriti in famiglia: lasciate più spazio all’intraprendenza di un figlio. Da mercoledì a venerdì mattina, sarete decisamente più in forma, pronti a rimettervi al lavoro con invidiabile pazienza, ma anche con la capacità di entusiasmarvi per le piccole cose. La restante parte del week-end si attesterà anch’essa su una tranquilla e piacevole continuità e con i sentimenti in primissimo piano.

Gemelli Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: la Luna, in Leone nel terzo campo di lunedì e martedì, metterà le ali ai piedi alla vostra già spiccatissima attitudine socievole. Fate il pieno di energie e di contatti, perché mercoledì e giovedì saranno proprio le relazioni (le più strette) a riservarvi possibili discordie su questioni di principio: non schizzate via come schegge. Il week-end filerà via liscio: tra un’occasione mondana e l’altra, certo non vi annoierete!

Cancro Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: particolarmente attaccati al vostro territorio, lunedì e martedì lo difenderete da chiunque voglia invaderlo. Mercoledì e giovedì, vi dedicherete, invece, ad approfondire alcune conoscenze, o a farne di nuove: favoriti anche gli affari e il commercio. Da venerdì a domenica mattina, sarete forse troppo nervosi per apprezzare le attenzioni di chi vi sta accanto: lasciatevi andare. Ampie schiarite dal pomeriggio di domenica.

Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: anche se potrebbe essere un lunedì da leoni, per voi rischierà di essere una giornata dalle molte velleità, ma dai risultati non sempre eclatanti. Vi rifarete senza esitazioni già mercoledì e giovedì, grazie al vostro insuperabile talento organizzativo, che farà fioccare risultati concreti. Nel week-end, gli aspetti sentimentali e sensuali avranno la meglio rispetto a quelli intellettuali: ideale per vivere pienamente una passione. Ancora più interessante il pomeriggio di domenica.

Bilancia Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: in apertura di settimana, potrete contare su un carisma speciale, molto proficuo per relazioni e negoziati: via libera a colloqui, riunioni e brainstorming. Da martedì a venerdì mattina, il focus si sposterà su lavori che richiedano concentrazione, con i rapporti sentimentali che assumeranno sfumature più riflessive e intimiste. Il week-end sarà esaltante per la vita di coppia e per i vostri interessi, che riuscirete perfettamente a coniugare.

Scorpione Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: l’inizio settimana non sarà forse dei migliori, per via di una Luna che vorrà illuminare qualche zona d’ombra. Già mercoledì e giovedì, avrete però modo di rifarvi, riprendendo con successo una trattativa, o impegnandovi con successo nello studio. I più acuti? Gli Scorpioni della prima decade. Quelli della terza decade, per qualche giorno moderino lo spirito caustico. Da venerdì a sabato mattina, vivrete i sentimenti con grande intensità. Domenica pomeriggio andrà ancora meglio.

Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: la terza decade è ancora sostenuta dal trigono di Marte al quale, da lunedì, si aggiungerà anche quello della Luna: per i primi due giorni, tutti i Sagittario respireranno a pieni polmoni. Mercoledì e giovedì, sarete richiamati all’ordine dalla solerte Luna in Vergine nel settore dell’autonomia professionale: la fatica non vi spaventa, tenete duro. Decisamente più rilassante l’atmosfera di venerdì e sabato, che vi regalerà uno spirito eco-friendly. Domenica pomeriggio sarete meditabondi.

Capricorno Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: con la Luna nell’ottavo campo, lunedì e martedì andrete a caccia dei significati reconditi delle cose: non vi accontenterete di risposte banali. Mercoledì e giovedì, sarete particolarmente acuti nei lavori di ricerca, negli studi e nelle materie pedagogiche. Venerdì e sabato, una responsabilità supplementare non vi permetterà forse di rilassarvi a dovere, cosa che vi riuscirà benissimo già dal pomeriggio di domenica: sì a nuove conoscenze, svaghi e uscite.

Acquario Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: l’inizio settimana è un po’ stentato: con la Luna e Marte (solo per la terza decade) opposti, il rischio di qualche litigio col partner salirà in maniera esponenziale. Decisamente più agevoli e tranquille le giornate seguenti, che lucideranno a specchio i vostri neutroni super efficienti: via libera ai lavori di ricerca, agli studi e alle riflessioni di qualità. Sabato e domenica, la Luna, in trigono dal nono campo, esalterà il dinamismo e le attitudini sociali.

Pesci Settimana dal 7 al 13 ottobre 2013: Mercurio sostiene egregiamente la prima decade, avvantaggiata nelle questioni professionali. Giove sta inviando i suoi benefici influssi alla seconda, che farà il pieno di ottimismo ed energia. Infine, la terza decade farà bene a sfruttare a pieno i benefici influssi di Venere, eccellenti per la vita sentimentale. La fase centrale della settimana potrà essere lievemente più critica per le questioni di coppia. Il week-end appianerà ogni cosa: sentimenti ed eros in netta ripresa.

NUMERI UTILI

Questura Polizia Stradale Polizia di Frontiera Polizia Monte Bianco Polizia Gran San Bernardo Protezione Civile Polizia Locale Vigili del Fuoco Carabinieri Aosta Carabinieri Courmayeur Carabinieri Verrès Carabinieri Donnas Carabinieri Nus Carabinieri Morgex Carabinieri Etroubles Carabinieri Saint-Pierre Carabinieri Valtournenche Carabinieri Gressoney Carabinieri Cogne Carabinieri Châtillon Carabinirei Cervinia Carabinieri Brusson Carabinieri Valpelline Guardia di Finanza centralino ospedale

0165 279111 0165 279300 0165 279515 0165 890811 0165 787811 0165 238222 0165 238238 0165 44444 0165 2331 0165 842225 0125 929010 0125 807054 0165 767934 0165 809412 0165 78229 0165 904124 0166 92022 0125 355304 0165 74026 0166 569300 0166 949073 0125 300123 0165 713508 0165 40308 0165 5431

MERCATI

LUNEDÌ: Châtillon, La Salle e Verrès. MARTEDÌ: Aosta. MERCOLEDÌ: Courmayeur, Fontainemore, Pont-Saint-Martin. GIOVEDÌ: Hône, Gressoney-St-Jean, Brusson, St-Vincent e Morgex. VENERDÌ: Ayas, Gaby, Issogne, Valtournenche, Etroubles, Donnas.

SABATO:

Bard, Pont-Saint-Martin, La Thuile, Antey.

DOMENICA:

Gressoney La Trinité, Cogne, Aymavilles.

lunedì 7 ottobre 2013

EDITRICE GAZZETTA MATIN S.R.L. A SOCIO UNICO Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta P.IVA E C.F.: 00475000071 CAP. SOCIALE € 25.000 - Iscr. REA: 43679 Amministratore unico: Arianna Gori Chisari REDAZIONE Centro Direzionale “I Prismi” Regione Borgnalle, 12 Tel. 0165 231711 (centralino) E-mail: segreteria@gazzettamatin.com Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/02 del 20/05/02 Direttore responsabile: l.mercanti@gazzettamatin.com

Luca Mercanti

Patrick Barmasse Alessandro Bianchet Danila Chenal Erika David Davide Pellegrino Cinzia Timpano Fabio Cento Roberta Prodoti

Redazione: p.barmasse@gazzettamatin.com a.bianchet@gazzettamatin.com d.chenal@gazzettamatin.com e.david@gazzettamatin.com d.pellegrino@gazzettamatin.com c.timpano@gazzettamatin.com Grafico: grafico@gazzettamatin.com Segretaria: segreteria@gazzettamatin.com

COLLABORATORI: Massimo Altini, Samir Bastajib, Serena Bazzocchi, Miriam Begliuomini, Angela Bellin, Michelle Berard, Marta Bonarelli, Riccardo Bortolotti, Simona Bosonin, Alessandra Borre, Emanuele Burzio, Nadia Camposaragna, Michelangelo Carrupt Belfiore, Ilaria Cavalet Giorsa, Andrea Chiericato, Cristina Compagnoni, Elettra Crocetti, Andrea Cura Curà, Camilla Di Tommaso, Renato Ducly, Christian Evaspasiano, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Giulio Gasperini, Francesca Jaccod, Luca Lavit, Sonia Locatelli, Valeria Luberto, Joelle Lucianaz, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Teresa Marchese, Umberto Martelli, Federico Mecca, Jean-Claude Mochet, Claudia Olivotto, Franco Ormea, Simonetta Padalino, Matteo Paolini, Giulia Pasi, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Thierry Pronesti, Raffaele Romano, Luca Rosati, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Stefano Spandonari, Piera Squillia, Albert Tamietto, Laura Vinaj, Sophie Tavernese, Andrea Trovato, Caterina Venchi, Wilma Zanelli. Abbonamento: 65 euro all’anno (+ online 80 euro) - c/c postale: 000059269571 - bonifico bancario: Banca Sella, Succursale 56 IBAN: IT 06 P 03268 01200 052886002500 (intestato a: Editrice Gazzetta Matin S.r.l. a socio unico Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta) Concessionaria di pubblicità LG PRESSE S.R.L. Regione Borgnalle, 12 - 11100 AOSTA Tel: 0165 231711 - 0165 1845110 Fax: 0165 1820141 Michel Henry (resp. commerciale) m.henry@lgpresse.com Arianna Gori Chisari (commerciale) a.chisari@lg.presse.com

FARMACIE DI TURNO LUNEDÌ 7 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia Comunale di Viale Conte Crotti Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti La Salle: farmacia S. Vittoria dott.ssa Cinzia Serravalle St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Sarre: farmacia dottor Renato Rovito Valpelline: farmacia di Valpelline MARTEDÌ 8 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia dott. Nicola, Viale Federico Chabod 22 Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti Morgex: farmacia di Morgex S.n.c. St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline Villeneuve: farmacia dottor Cesare Saroglia MERCOLEDÌ 9 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia Moderna dottori Orillier e Lupi, Via Torino 20 Arvier: farmacia di Arvier dott.ssa Simona Mazzola Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti Morgex: farmacia di Morgex S.n.c. St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline GIOVEDÌ 10 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia comunale di Corso Battaglione Aosta Aymavilles: farmacia dottoressa Milena Cuc Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco

Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti Pré-St-Didier: farmacia Del Verrand dott.ssa Caterina Tubère St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Valpelline: farmacia di Valpelline VENERDÌ 11 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia comunale di Corso Ivrea Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Courmayeur: farmacia di Monte Bianco S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Sarre: farmacia dottor Renato Rovito Valpelline: farmacia di Valpelline SABATO 12 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia comunale di Via Saint-Martin de Corléans Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti Pré-St-Didier: farmacia Del Verrand dott.ssa Caterina Tubère St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Sarre: farmacia dottor Renato Rovito Valpelline: farmacia di Valpelline 13 OTTOBRE Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia Croix de Ville dottor Chenal, Via Croix de Ville 1 Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Courmayeur: farmacia di Monte Bianco S.n.c. Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Hône: farmacia San Giorgio dott.ssa Federica Scarafiotti St-Christophe: farmacia di St-Christophe dott.ssa Emilia Brero St-Vincent: farmacia dottor Lorenzo Repetto Sarre: farmacia dottor Renato Rovito Valpelline: farmacia di Valpelline DOMENICA

Prezzi per pubblicità a modulo (IVA esclusa): Commerciali euro 28,00 - Occasionali euro 30,00 Finanziari, Legali, Concorsi, Aste euro 30,00 Economici euro 20,00, max 20 parole (modulo 38x38 mm) Necrologie: euro 37,00 (senza foto), 50 (con foto) Posizione di rigore: +20% Il giornale si riserva di rifiutare qualsiasi inserzione Stampa: I.T.S. Sarnub SpA Cavaglià (Bi) Via Abate Bertone, 14 - 13881 Tel. 0161/996411 - Fax 0161/996400 P.Iva 01805240023 Distribuzione: Altrimedia e Taramino E’ vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale, di tutto quanto pubblicato su questo giornale. Ogni violazione è perseguibile per legge.

Concessionaria per la vostra

PUBBLICITÀ

Regione Borgnalle, 12 AOSTA PER INFORMAZIONI: 0165/231711 (Segreteria) 0165/1820141 (Fax) m.henry@lgpresse.com a.chisari@lgpresse.com segreteria@gazzettamatin.com


AG E N DA

lunedì 7 ottobre 2013

45

Anniversario Fabio Salvatore Claudio Ferruccio Emanuele Simone Katia Claudio Davide Luigi Luigi Carlo Ivan Claudio Maria Teresa Davide Roberta Adele Giuseppe Eronne Simone Marco Walter

Adorni Agostino Benzo Bredy Burzio Chierici Cino Collura Collura Concio Danieli Decurti Ferretti Gamba Germosen Impieri Lanivi Modola Rao Ruffini Tripodi Turato Tutel

10 Ottobre 8 Ottobre 12 Ottobre 9 Ottobre 14 Ottobre 7 Ottobre 10 Ottobre 13 Ottobre 13 Ottobre 8 Ottobre 8 Ottobre 9 Ottobre 14 Ottobre 7 Ottobre 11 Ottobre 12 Ottobre 13 Ottobre 12 Ottobre 12 Ottobre 13 Ottobre 14 Ottobre 8 Ottobre 13 Ottobre

Centrato il traguardo delle nozze d’oro, alla coppia Ines-Beniamino non resta che veleggia re

Un messaggio speciale per...

verso quelle di diamante!

Fiocco rosa

Il 29 settembre è nata Ambra per la felicità di mamma Elena, papà Domenico e del fratellino Giuseppe

Inviate le vostre foto all’indirizzo email segreteria@gazzettamatin.com

E’ un servizio gratuito!

Auguri!!

3 ottobre 2013: auguri angioletto nostro per il tuo primo anno da Oui Oui e la tua famiglia

Agli ex mitici pulcini ‘99 del St-Christophe: Nicolò Martini, Lorenzo Valente, Edoardo Grimaldi, Alessandro Ramires, André Podio, Alberto Casale e a tutti i nuovi compagni di squadra, un augurio per un buon esordio nel campionato “Giovanissimi Vallé d’Aoste”. I nonni

Fiocco rosa

Un messaggio per...

Tanti auguri per il tuo Battesimo Marc! I cuginetti Annie e Xavier, gli zii e i nonni

Il 30 settembre, mamma Monica, papà Davide e Ambra hanno festeggiato la nascita di Aida. Ben arrivata!

Fiocco azzurro

Fiocco rosa

Ecco Edy nato il 29 settembre da mamma Flora e papà Leo

La dolce Candice è arrivata a completare e allietare la vita della nostra esperta di ginnastica Camilla e di Etienne. Ai neo genitori le felicitazioni della redazione di Gazzetta Matin

Fiocco azzurro

Il 30 settembre è nato Gabriele piccolo di mamma Angelica e papà Cristian


46

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


lunedì 7 ottobre 2013

CALCIO

a pagina 62

da pagina 48

ATLETICA

IL RUGGITO

a pagina 63

SPORT POPOLARI

■ TRIATHLON / I due valdostani in forza alla Polizia Penitenziaria secondi nella prova tricolore sprint a squadre

Ascenzi e Bonin d’argento con le Fiamme Azzurre LOVADINA - Si chiude con una medaglia d’argento tricolore la stagione di Alex Ascenzi e Charlotte Bonin. I due valdostani delle Fiamme Azzurre sono saliti con i compagni di gruppo sportivo Davide Uccellari e Marta Gaiardelli sul secondo gradino del podio nella prova a squadre dei campionati italiani di triathlon sprint di Lovadina, in provincia di Treviso. Il titolo è andato alla Polizia di Stato. La formazione del Triathlon Valle d’Aosta composta da Isabella Contu, Nicolò Borghini, Manuela Contu, Davide Bajo ha ottenuto un buon 15° posto. Niente sorrisi per la Valle d’Aosta, invece, nel-

Alex Ascenzi e Charlotte Bonin

Vi aspettiamo 13 ottobre Issogne

la prova individuale, visto che Alex Ascenzi ha chiuso 19° a 2’14” dal Carabiniere Daniel Hofer, che si è messo al collo la medaglia d’oro. Cinque i giovani rossoneri. La Junior Isabella Contu si è piazzata 27ª assoluta, 9ª di categoria, mentre la sorella Manuela (Youth B) si è classificata 43ª, anche lei 9ª di categoria. In campo maschile Davide Bajo (Youth B) ha chiuso 66° assoluto, 7° di categoria, con il compagno di squadra Matteo Bozzato 154° assoluto (17° di categoria); l’Under 23 Nicolò Borghini è stato costretto al ritiro per un problema tecnico. ■ d.p.

a pagina 68-69

Oggi l’ultima giornata della Coppa Piemonte di volley a pag. 64


48

lunedĂŹ 7 ottobre 2013


CALCIO

lunedì 7 ottobre 2013

SERIE D

GIRONE A PROMOZIONE

GIRONE A ECCELLENZA

6ª giornata - Andata

Squadra

Asti - Borgosesia . . . . . . . . . . . . . .2 - 2 Caronnese - Albese . . . . . . . . . . . . .2 - 2 Chiavari Ca. - Sestri Levante . . . . . .3 - 0 Derthona - Verbania . . . . . . . . . . . .3 - 2 Caratese - Rap.Bogliasco. . . . . . . . .2 - 1 Giana Erminio - Chieri . . . . . . . . . .3 - 1 Pro Dronero - Lavagnese . . . . . . . . .0 - 3 Santhià - Novese . . . . . . . . . . . . . .1 - 3 Vado - Vallée d’Aoste . . . . . . . . .1 - 0

Prossimo turno Albese - Chiavari Ca.. . . . . . . . . . . . . . . Borgosesia - Derthona . . . . . . . . . . . . . Chieri - Pro Dronero . . . . . . . . . . . . . . . Lavagnese - Asti . . . . . . . . . . . . . . . . . . Novese - Caronnese . . . . . . . . . . . . . . . Rap.Bogliasco - Santhià . . . . . . . . . . . . Sestri Levante - Giana Erminio . . . . . . . Vallée d’Aoste - Caratese . . . . . . . . . Verbania - Vado . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Caronnese Vado Chiavari Ca. Borgosesia Giana Erminio Novese Chieri Asti Rap.Bogliasco Derthona Pro Dronero Lavagnese Albese Santhià Caratese Vallée d’Aoste Sestri Levante Verbania

PRIMA CATEGORIA 6ª giornata - Andata

Prossimo turno Banchette - P.V.F. . . . . . . . . . . . . . . . . . Colleretto G.P. - St-Vincent Châ.. . . . . Esperanza - Castellamonte . . . . . . . . . . Fenusma - Quart. . . . . . . . . . . . . . . . Real Sarre - Real Leinì . . . . . . . . . . . San Maurizio - A.S.Francesco . . . . . . . . Vallorco - Bosconerese . . . . . . . . . . . . . Verrès - La Chivasso . . . . . . . . . . . . .

Real Sarre La Chivasso Banchette P.V.F. Bosconerese Colleretto G.P. Quart Vallorco Fenusma St-Vincent Châ. Real Leinì Verrès San Maurizio Castellamonte A.S.Francesco Esperanza

Squadra

Albese - Asti . . . . . . . . . . . . . . . . .2 - 0 Chieri - Derthona . . . . . . . . . . . . . .3 - 0 Lavagnese - Vado . . . . . . . . . . . . . .2 - 3 Novese - Chiavari C. . . . . . . . . . . . .1 - 4 Rapallo B. - Santhià . . . . . . . . . . . .3 - 0 Sestri L. - Pro Dronero . . . . . . . . . .2 - 3 Vallée d’Aoste - Verbania . . . . . .3 - 6 Borgosesia riposa . . . . . . . . . . . . . . . . .

Prossimo turno Asti - Sestri L. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Chiavari C. - Albese . . . . . . . . . . . . . . . Derthona - Lavagnese . . . . . . . . . . . . . . Pro Dronero - Chieri . . . . . . . . . . . . . . . Santhià - Novese . . . . . . . . . . . . . . . . . Vado - Vallée d’Aoste . . . . . . . . . . . . Verbania - Borgosesia . . . . . . . . . . . . . . Rapallo B. riposa . . . . . . . . . . . . . . . . .

Partite V N 3 3 3 3 3 2 2 4 2 4 2 3 3 0 2 3 2 2 2 1 1 3 1 3 1 3 1 3 1 3 1 2 1 1 0 3

P 0 0 1 0 0 1 3 1 2 3 2 2 2 2 2 3 4 3

Reti F S 11 3 8 4 7 3 10 5 8 4 11 9 8 10 6 4 6 6 8 10 10 13 7 7 5 5 5 7 4 8 3 7 7 13 4 10

Squadra

Atletico Torino - Sp.Bellinzago . . . . .1 - 1 Gassino S.R. - Ivrea . . . . . . . . . . . .5 - 1 Gattinara - Caselle . . . . . . . . . . . . .3 - 3 Jr Biellese - Omegna . . . . . . . . . . . .1 - 2 Lascaris - Aygreville . . . . . . . . . .2 - 2 Orizzonti U. - Borgaro . . . . . . . . . . .2 - 1 Osmon Suno - Ce.Ver.Sa.Ma. . . . . . .2 - 0 Settimo - Città di Baveno . . . . . . . .0 - 3 Charvensod - Pro Settimo . . . . . .2 - 3

Prossimo turno Aygreville - Settimo . . . . . . . . . . . . . Ivrea - Jr Biellese . . . . . . . . . . . . . . . . . Caselle - Lascaris . . . . . . . . . . . . . . . . . Ce.Ver.Sa.Ma. - Gattinara . . . . . . . . . . . Città di Baveno - Atletico Torino . . . . . . . Omegna - Borgaro . . . . . . . . . . . . . . . . Osmon Suno - Orizzonti U. . . . . . . . . . . Pro Settimo - Gassino S.R. . . . . . . . . . . Sp.Bellinzago - Charvensod . . . . . . . .

P.ti

Sp.Bellinzago Città di Baveno Pro Settimo Omegna Jr Biellese Osmon Suno Borgaro Gassino S.R. Orizzonti U. Ivrea Aygreville Atletico Torino Gattinara Ce.Ver.Sa.Ma. Charvensod Settimo Caselle Lascaris

19 19 19 13 11 11 11 10 10 9 7 7 6 6 5 4 3 3

P.ti 16 16 15 14 13 9 8 7 6 6 4 3 3 3 2 1

G 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

Partite V N 5 1 5 1 5 0 4 2 4 1 2 3 2 2 1 4 1 3 1 3 0 4 0 3 0 3 0 3 0 2 0 1

P 0 0 1 0 1 1 2 1 2 2 2 3 3 3 4 5

Reti F S 15 2 14 3 20 5 10 4 10 5 4 3 10 9 10 10 10 12 6 8 6 12 6 13 4 10 4 11 5 14 7 20

4ª giornata - Andata

Squadra

Agliè - Bajo Dora . . . . . . . . . . . . . .1 - 2 Aosta Calcio 511 - La Romanese .2 - 2 Corrado Gex - Fiorano. . . . . . . . .2 - 1 Grand Combin - Aosta GLV . . . . .1 - 1 Introd - Azeglio . . . . . . . . . . . . .1 - 1 Val d’Ayas - CG Sanson. . . . . . . .0 - 2 Valchiusella - Red Devils . . . . . . .3 - 6

Azeglio - Valchiusella . . . . . . . . . . . . . . Bajo Dora - Grand Combin . . . . . . . . CG Sanson - Aosta Calcio 511 . . . . . . Fiorano - Introd . . . . . . . . . . . . . . . . La Romanese - Corrado Gex . . . . . . . Aosta GLV - Val d’Ayas . . . . . . . . . . . Red Devils - Agliè . . . . . . . . . . . . . . .

Rapallo B. Verbania Chieri Albese Vado Asti Novese Vallée d’Aoste Derthona Lavagnese Pro Dronero Santhià Chiavari C. Sestri L. Borgosesia

P.ti 12 10 9 8 6 6 6 6 4 4 4 3 3 0 0

Partite Reti G V N P F S 4 4 4 4 4 4 4 3 4 4 4 3 3 4 3

4 3 3 2 2 2 2 2 1 1 1 1 1 0 0

0 1 0 2 0 0 0 0 1 1 1 0 0 0 0

0 0 1 0 2 2 2 1 2 2 2 2 2 4 3

9 20 12 7 12 12 9 7 11 7 6 4 4 3 3

1 7 6 3 8 8 16 8 10 6 7 6 4 26 10

3ª giornata - Andata Orizzonti United - Sp.Nolese . . . . . .0 - 1

P 0 0 0 2 2 2 2 3 3 2 2 4 3 5 4 5 4 4

Reti F S 24 5 21 6 14 7 14 12 14 10 13 11 11 8 14 11 8 9 14 13 12 11 7 12 16 19 6 12 7 15 8 18 6 15 4 19

CG Sanson

Partite Reti G V N P F S 12 4 4 0 0 11 1

Azeglio

10 4 3 1 0 10 3

Valchiusella

9 4 3 0 1 14 10

Introd

8 4 2 2 0 7 5

Red Devils

6 4 1 3 0 9 6

Corrado Gex

5 4 1 2 1 3 5 4 4 1 1 2 7 7

Grand Combin 4 4 1 1 2 7 8

Chambave - Jr Salassa . . . . . . . .1 - 4 Champdepraz - Châtillon . . . . . . .6 - 0

Champdepraz

Partite Reti G V N P F S 7 3 2 1 0 12 5

Bellavista

7 3 2 1 0 9 3

Forno

6 3 2 0 1 8 4

San Grato - Forno . . . . . . . . . . . . . .3 - 2 San Grato Sporting Issogne - Montjovet . . .2 - 2 Montjovet

6 3 2 0 1 6 4 5 3 1 2 0 7 4

Sporting Issogne 5 3 1 2 0 6 5

Prossimo turno

Jr Salassa

4 3 1 1 1 6 6

Chambave

4 3 1 1 1 5 5

CGC Aosta

3 3 1 0 2 8 10

Atletico 1912

3 3 1 0 2 4 7

Forno - Bellavista . . . . . . . . . . . . . . . . .

La Romanese

2 4 0 2 2 4 7

Jr Salassa - CGC Aosta . . . . . . . . . . .

Fiorano

2 4 0 2 2 2 7

Montjovet - Champdepraz . . . . . . . . .

Rivarese

0 3 0 0 3 2 11

Val d’Ayas

1 4 0 1 3 2 10

Rivarese - Sporting Issogne. . . . . . . .

Châtillon

0 3 0 0 3 1 10

GIRONE A C JSUNIORES ERIE B DPONNE ROVINCIALE P.ti

Rivarolese

Partite Reti G V N P F S

9 3 3 0 0 10 2

6 3 2 0 1 8 4

Charvensod

4 3 1 1 1 9 6

Ivrea

4 3 1 1 1 7 8

P.D.H.A.

3 3 1 0 2 4 9

Real Canavese

3 3 1 0 2 4 10

Pro Candelo S.

0 3 0 0 3 4 11

Real Canavese - Rivarolese . . . . . . . . . .

Mathi Lanzese

0 3 0 0 3 4 14

Sp.Nolese - Brandizzo . . . . . . . . . . . . . .

Orizzonti United 0 3 0 0 3 2 5

Pro Candelo S. - Orizzonti United . . . . . .

CGC Aosta - Rivarese . . . . . . . . .4 - 2

P.ti

Aosta Calcio 511 3 4 0 3 1 4 6

6 3 2 0 1 9 4

Mathi Lanzese - Jr Biellese . . . . . . . . . .

GIRONE A Squadra

Bellavista - Atletico 1912 . . . . . . . .3 - 1

Reti F S 17 3 13 5 9 7 12 11 9 11 7 9 11 8 11 6 9 12 5 5 9 9 8 11 7 8 9 14 5 12 6 10 4 10

Châtillon - San Grato . . . . . . . . . . . .

Rivarolese - Jr Biellese . . . . . . . . . .4 - 1 Jr Biellese Charvensod - Ivrea . . . . . . . . . . .2 - 2 Brandizzo

Ivrea - P.D.H.A.. . . . . . . . . . . . . . . . .

3ª giornata - Andata

P 0 0 2 2 2 2 2 2 2 2 1 4 2 4 4 4 4

4 4 1 1 2 3 5

9 3 3 0 0 8 2

Aygreville - Charvensod . . . . . . . . . .

18 13 12 10 10 10 9 8 7 7 6 6 6 4 4 3 2

Partite V N 6 0 4 1 4 0 3 1 3 1 3 1 3 0 2 2 2 1 2 1 1 3 2 0 1 3 1 1 1 1 1 0 0 2

Bajo Dora

9 3 3 0 0 7 1

Prossimo turno

Alicese - Quinci.Tava. . . . . . . . . . . . . . . Bollengo A. - LG Trino . . . . . . . . . . . . . . Crescentinese - Casale . . . . . . . . . . . . . Leinì - Venaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P.D.H.A. - Brandizzo . . . . . . . . . . . . . San Carlo - Real Canavese . . . . . . . . . . . Sp.Nolese - Mathi L. . . . . . . . . . . . . . . . Volpiano - Rivarolese . . . . . . . . . . . . . . Pavarolo riposa . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Volpiano Casale Venaria Rivarolese Leinì Mathi L. P.D.H.A. Quinci.Tava. Bollengo A. Brandizzo LG Trino Sp.Nolese Real Canavese Crescentinese San Carlo Alicese Pavarolo

G 6 5 6 6 6 6 5 6 5 5 5 6 6 6 6 5 6

Atletico 1912 - Chambave . . . . . . . .

Aygreville

Real Canavese - Pro Candelo S. . . . .3 - 2

Prossimo turno

P.ti

4 4 1 1 2 7 10

Sp.Nolese

P.D.H.A. - Mathi Lanzese . . . . . . .4 - 3

Squadra

Brandizzo - Alicese . . . . . . . . . . . . .1 - 0 Casale - Pavarolo . . . . . . . . . . . . . .2 - 0 LG Trino - P.D.H.A. . . . . . . . . . . .3 - 4 Mathi L. - Volpiano . . . . . . . . . . . . .0 - 4 Quinci.Tava. - Sp.Nolese . . . . . . . . .4 - 1 Real Canavese - Crescentinese . . . . .3 - 3 Rivarolese - Leinì . . . . . . . . . . . . . .4 - 1 Venaria - San Carlo. . . . . . . . . . . . .3 - 0 Bollengo A. riposa . . . . . . . . . . . . . . . .

Aosta GLV

Squadra

Brandizzo - Aygreville . . . . . . . . .1 - 2

Partite V N 6 1 6 1 6 1 4 1 3 2 3 2 3 2 3 1 3 1 2 3 1 4 2 1 1 3 2 0 1 2 1 1 0 3 0 3

P.ti

Agliè

Prossimo turno

G 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7 7

GIRONE B

6ª giornata - Andata

GIRONE A E TSERZA ERIE B CATEGORIA DONNE

ERIE BRD EGIONALE ONNE GIRONE A JSUNIOR

JSRERIE NAZIONALE B DONNE 4ª giornata - Andata

12 12 11 10 10 9 9 9 8 7 6 6 6 6 6 5 4 3

G 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6 6

7ª giornata - Andata

GIRONE C SECONDA ERIE B DCONNE ATEGORIA

Squadra

A.S.Francesco - Vallorco . . . . . . . . .0 - 3 Bosconerese - Esperanza . . . . . . . . .2 - 0 Castellamonte - Real Sarre . . . . .0 - 2 La Chivasso - Fenusma . . . . . . . .4 - 2 P.V.F. - Verrès . . . . . . . . . . . . . . .2 - 1 Quart - San Maurizio . . . . . . . . .3 - 1 Real Leinì - Colleretto G.P.. . . . . . . .0 - 0 St-Vincent Châ. - Banchette. . . . .0 - 2

P.ti

49

3ª giornata - Andata

Squadra

Montaltese - Banchette . . . . . . . . . .1 - 1 Castellamonte - Chiavazzese . . . . . .4 - 1 CGC Aosta - La Romanese . . . . . .3 - 2 P.V.F. - Montanaro . . . . . . . . . . . . . .5 - 1

GIRONE A P.ti

Partite Reti G V N P F S

P.V.F.

9 3 3 0 0 12 3

Castellamonte

9 3 3 0 0 9 3

Montaltese

7 3 2 1 0 6 2

6 3 2 0 1 6 3 Quinci.Tava. - Red Devils . . . . . . .3 - 0 Quinci.Tava. St-Vincent Châ. - Bollengo A. . . .0 - 3 St-Vincent Châ. 4 3 1 1 1 4 5

Prossimo turno Banchette - La Romanese . . . . . . . . . . . Bollengo A. - Quinci.Tava. . . . . . . . . . . . Chiavazzese - St-Vincent Châ. . . . . . . Montanaro - Castellamonte . . . . . . . . . .

Chiavazzese

3 3 1 0 2 7 8

Bollengo A.

3 3 1 0 2 5 6

La Romanese

3 3 1 0 2 5 8

CGC Aosta

3 3 1 0 2 5 6

Montanaro

3 3 1 0 2 4 11

P.V.F. - CGC Aosta . . . . . . . . . . . . . . .

Banchette

2 3 0 2 1 2 3

Red Devils - Montaltese . . . . . . . . . .

Red Devils

0 3 0 0 3 2 9

■ VETERANI / Il Verrès rallenta l’Olimpia Gressan

L’Issogne primo da solo

Diego Milani

VETERANI Squadra

P.ti

Issogne Olimpia Gressan Sarre St-Vincent Fenusma Quart Aymavilles Verrès St-Pierre VdA Châtillon Grand Combin St-Christophe Casinò

10 8 7 7 7 6 5 4 4 3 1 1 0

G 4 4 4 4 4 3 3 3 3 3 4 4 3

Partite V N 3 1 2 2 2 1 2 1 2 1 2 0 1 2 1 1 1 1 1 0 0 1 0 1 0 0

P 0 0 1 1 1 1 0 1 3 2 3 3 3

AOSTA - Calando un poker firmato da Oscar Dalbard (doppietta), Pierangelo Iachi e Marco Vigna Ton in faccia al Casinò (rete di Alessandro Celano), l’Issogne ha conquistato il primo posto solitario della classifica del campionato Veterani organizzato da US Acli e VdA Châtillon. Tutto facile anche per il Sarre, che con un tris di Diego Milani ha tritato il Grand Combin; nel derby della media Valle il Fenusma è passato 2-1 a Quart per merito degli acuti di Beppe Anile e Moreno Savoretti, che hanno vanificato il centro di Marco Telesforo. Blitz esterno 3-1 a St-Christophe firmato da Massimo Pol (doppietta) e Lawrence Nozari del St-Vincent; per i granata ha segnato Davide Casola. Prima vittoria stagionale del St-Pierre, che ha superato 2-1 il VdA Châtillon con i gol di Massimo Altomonte e Salvatore Barillaro; per i castiglionesi rete di Stefano Fughetta. Pari a reti bianche tra Verrès e Olimpia Gressan. In classifica marcatori Oscar Dalbard vola a quota sei, tre in più di Didier De Antoni del Quart e di Marco Girelli e Diego Milani del Sarre.

ALLIEVI

ALLIEVI FASCIA B

GIOVANISSIMI

GIOVANISSIMI FASCIA B

5ª giornata - Andata

5ª giornata - Andata

5ª giornata - Andata

5ª giornata - Andata

C.M. Grand Paradis - Vallée d’Aoste . . . 0 - 5

Aygreville - CGC Aosta . . . . . . 6 - 1

Aosta Calcio 511 - Aygreville . 1 - 4

Aygreville - CGC Aosta . . . . . . 3 - 0

Evançon - Banchette . . . . . . . . 2 - 3

Evançon - La Romanese . . . . . 4 - 0

Ivrea - Grand Combin . . . . . . . 9 - 2

Bollengo A. - Grand Combin . . 1 - 0

Quinci.Tava. - Ivrea . . . . . . . . . . .2 - 4

Ivrea - Montaltese . . . . . . . . . . .1 - 2

P.D.H.A. - Evançon . . . . . . . . . 1 - 1

C.M. Grand Paradis - Evançon . 2 - 3

Real Canavese - La Chivasso . . . .2 - 0

Settimo Vittone - St-Vincent Châ.. . . .2 - 3

Vallée d’Aoste - C.M. Grand Paradis . . 4 - 0

Fenusma - Vallée d’Aoste . . . . 3 - 1

Rivarolese riposa . . . . . . . . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P Vallée d’Aoste 12 5 4 0 1

Charvensod riposa . . . . . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P Montaltese 12 4 4 0 0

Charvensod riposa . . . . . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P Vallée d’Aoste 12 4 4 0 0

Aosta Calcio 511 riposa . . . . . . . . Squadra P.ti Partite G V N P Fenusma 13 5 4 1 0

Real Canavese

10 4

3

1

0

Aygreville

10 4

3

1

0

Aygreville

12 4

4

0

0

Aygreville

13 5

4

1

0

Rivarolese

10 4

3

1

0

Charvensod

10 4

3

1

0

P.D.H.A.

10 5

3

1

1

Evançon

11 5

3

2

0

Ivrea

9

3

0

0

St-Vincent Châ. 9

4

3

0

1

Ivrea

6

2

0

2

Aosta C. 511

6

2

0

2

3

4

4

La Chivasso

6

5

2

0

3

Ivrea

6

5

2

0

3

Charvensod

6

4

2

0

2

Vallée d’Aoste 6

4

2

0

2

Banchette

6

3

2

0

1

Settimo Vittone

4

5

1

1

3

Evançon

4

4

1

1

2

Grand Combin 3

5

1

0

4

Evançon

3

5

1

0

4

Evançon

4

4

1

1

2

Aosta Calcio 511 3

5

1

0

4

C.M. Grand Paradis 3

4

1

0

3

C.M. Grand Paradis 0

4

0

0

4

CGC Aosta

2

5

0

2

3

Grand Combin 3

5

1

0

4

Bollengo A.

3

4

1

0

3

Quinci.Tava.

5

0

0

5

La Romanese

0

5

0

0

5

C.M. Grand Paradis 3

5

1

0

4

CGC Aosta

0

4

0

0

4

0

Prossimo turno

Prossimo turno

Prossimo turno

Prossimo turno

6ª Giornata

6ª Giornata

6ª Giornata

6ª Giornata

Banchette - Quinci.Tava. . . . . . . . . . .

Montaltese - Settimo Vittone . . . . . . .

Aygreville - P.D.H.A. . . . . . . . . . . .

Evançon - Bollengo A. . . . . . . . . . .

Ivrea - C.M. Grand Paradis . . . . . .

CGC Aosta - Charvensod . . . . . . . .

C.M. Grand Paradis - Ivrea . . . . . .

CGC Aosta - C.M. Grand Paradis . .

La Chivasso - Rivarolese . . . . . . . . . .

La Romanese - Aygreville . . . . . . .

Evançon - Vallée d’Aoste . . . . . . . .

Grand Combin - Aosta Calcio 511 .

Vallée d’Aoste - Real Canavese . . .

St-Vincent Châ. - Evançon . . . . . . .

Grand Combin - Charvensod . . . . .

Vallée d’Aoste - Aygreville . . . . . .

Evançon riposa . . . . . . . . . . . . . .

Ivrea riposa . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Aosta Calcio 511 riposa . . . . . . . .

Fenusma riposa . . . . . . . . . . . . . .


CALCIO

50

lunedì 7 ottobre 2013

■ SERIE D / Una capocciata del difensore ligure piega i granata; Cusano: «Si risolleveranno»

Rondinelli INFILZA il VdA Andrea LANCINI Inviato al Ferruccio Chittolina VADO - Niente da fare per il Vallée d’Aoste, battuto 1-0 dal Vado. I rossoneri vengono puniti nel finale del primo tempo da Rondinelli, il più lesto di tutti ad arrivare sul pallone dopo il calcio d’angolo dalla sinistra battuto da Sancinito per battere il portiere Baican, lanciato dal 1’ a un mese dall’arrivo in granata. In una gara condizionata dal forte vento, Dossena deve rinunciare a Cammarosano e Gentile (in panchina per tutto il match a causa di un problema muscolare avvertito nel riscaldamento) e parte con il 4-1-4-1: il portiere ex Benevento e Latina tra i pali, Rega e Fiore centrali difensivi supportati da Raso e Boi sulle fasce, Mazzei davanti alla difesa, Podvorica largo a sinistra e il rientrato D’Errico sulla destra, in mezzo Di Maira e Furfaro, con Artaria “mascherato” da unica punta per non dare punti di riferimento ai liguri. I padroni di casa rispondono con il classico 44-2, con l’ex Cusano lasciato inizialmente in panchina dal tecnico Fresia, mentre l’altro valdostano in rosa, Fabio Balbis, finisce in tribuna a causa della sospetta lesione al crociato del ginocchio rimediata giovedì in allenamento. Sono i padroni di casa a tenere in mano il pallino del gioco e a provare a sbloccare il risultato dopo poco più di un quarto d’ora con Amodeo, il

LE NOSTRE PAGELLE

Podvorica spento, Baican all’altezza

Rondinelli, lasciato colpevolmente solo, colpisce di testa il pallone che regalerà la vittoria al Vado

cui tiro finisce di un soffio sopra la traversa. Nel finale del primo tempo la gara si accende e al 41’ arriva la rete decisiva: la retroguardia granata si fa trovare impreparata sul corner da cui scaturisce l’10, con il pallone che si infila nell’angolino alto alla sinistra del portiere ospite. Il gol suona come una mazzata per la compagine guidata da Dossena, che rischia di crollare prima dell’intervallo, con Baican che ci mette una pezza su Amodeo. Nella ripresa è ancora il Vado a spingere sull’acceleratore, con una bella conclusione di Condorelli dalla sinistra sventata ancora una volta dall’estremo difensore valligiano. Finalmente si vede anche il Vallée d’Ao-

VADO VALLEE D’AOSTE

1 (1) 0 (0)

MARCATORE: 41’ pt Rondinelli. VADO (4-4-2): Dondero, Condorelli, Fabris, Rondinelli (27’ st Pereyra), Gallotti, Barone, Zuloaga, Sancinito, Amodeo (22’ st Cusano), Arcidiacono (39’ st Balbo), Soragna. All.: Fresia. VALLÈE D’AOSTE (4-1-4-1): Baican, Raso (31’ st Pascale), Boi, Mazzei (18’ st Lionetti), Fiore, Rega, D’Errico, Furfaro (39’ st Bedini), Podvorica, Di Maira, Artaria. All.: Dossena. ARBITRO: Pedretti di Brescia. AMMONITI: Rondinelli, Fabris, Rega, Podvorica, D’Errico, Di Maira. NOTE: pomeriggio nuvoloso, forte vento; spettatori 150 circa; terreno in buone condizioni; recupero 2+6. Fabio Cusano: «Abbiamo disputato una buona gara, riuscendo a sbloccare la partita nel finale del primo tempo. Abbiamo affrontato un’ottima squadra, con un allenatore che ha dimostrato di sapere il fatto suo: sono convinto che i granata sapranno risollevarsi».

ste, che al quarto d’ora sfiora il pareggio con Di Maira sugli sviluppi di un calcio di punizione, ma Dondero è attento. I locali partono poi subito in contropiede, con Arcidiacono che serve Zuloaga in profondità e soltanto l’intervento provvidenziale in spaccata di Boi evita la frittata. I liguri controllano poi agevolmente la gara, amministrando il vantaggio. Neppure l’ingresso di Lionetti al posto di Mazzei cambia l’andamento dell’incontro, con i valligiani che passano ad un 4-4-2 più offensivo: il forcing finale non porta a nulla, con la retroguardia avversaria che concede pochi spazi agli attaccanti granata e il risultato non cambia più.

Baican 7: il nuovo arrivato si rende subito protagonista con almeno un paio di ottime parate. Raso 5.5: si limita a controllare, più che a spingere. Pecca di timidezza. Dal 31’ st Pascale s.v. Boi 6: decisivo il suo intervento in spaccata in avvio di ripresa. Mazzei 6: contiene le sfuriate del Vado e tutte le iniziative passano dai suoi piedi. Un po’ troppo nervoso, viene sostituito. Dal 18’ st Lionetti 6: entra per dare vitalità all’attacco, senza troppa fortuna. Fiore 5.5: qualche sbavatura di troppo. Rega 5.5: l’ex Bogliasco torna in Liguria e qualche responsabilità sul gol ce l’ha. D’Errico 6.5: si rende pericoloso sulla destra, quando spinge fa male. Furfaro 6: sempre un combattente, non molla mai, nonostante la giovanissima età. Dal 39’ st Bedini s.v. Podvorica 5: non si vede quasi mai, è il peggiore in campo. Di Maira 6.5: sfiora il pari al quarto d’ora della ripresa. Artaria 6: ci prova in più di un’occasione, ma senza trovare lo specchio della porta.

St.Christophe (AO) loc. Grand Chemin, 33/c Tel. 0165 236026 Fax 0165 230176

VENDITA E RIPARAZIONE

PNEUMATICI

FABIO CENTO © 2013 - LG PRESSE

PER MEZZI AGRICOLI

Il tuo pneumatico per ogni esigenza...


CALCIO

lunedì 7 ottobre 2013

51

■ ECCELLENZA / I ragazzi di Fermanelli (espulso) reggono bene, ma vengono beffati nel finale dalla capolista Pro Settimo

Allo Charva non basta il cuore Renato DUCLY Inviato al Guido Saba CHARVENSOD - Peccato, davvero peccato, perché, contro la Pro Settimo, lo Charvensod non meritava di perdere. I rossoneri erano chiamati a un immediato riscatto dopo il brutto 0-5 di una settimana fa e dinanzi a colei che da ieri sera è in testa al girone (compagine ben organizzata dietro, ma che non è apparsa così intraprendente e pericolosa come descritta alla vigilia) hanno mostrato anima e cuore, portandosi avanti e restando in partita anche dopo lo svantaggio del primo tempo, con una ripresa di ottima fattura (meglio degli avversari), e raggiungendo il pareggio. Salvo poi buttare tutto alle ortiche al 90’, non spazzando in tribuna una palla pericolosa e permettendo così agli ospiti di fare bottino pieno al secondo tiro nello specchio della porta (il terzo è stato su un rigore molto contestato). Fermanelli, che ha dovuto fare a meno di Antonacci, squalificato, e Vaida, infortunato, schiera davanti a Pomat la coppia centrale Berger-Carlotto, con Dragota a destra e Condò a sinistra, quindi in mediana Alessi, Menegazzi e Ierace con Garbini a far da tramite con la coppia d’attacco Rovira-Sterrantino. La prima mezzora scivola via su un sostanziale equilibrio. Ci prova Sterrantino (palla smorzata da un difensore) e risponde Caracciolo (dalla distanza, ampiamente fuori). Quindi il risultato si sblocca: bravo Rovira a entrare palla al piede in area e a servire al centro; altrettanto bravo Sterra, in mezzo a due, a depositare

CHARVENSOD PRO SETTIMO

2 (1) 3 (2)

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Carlotto è in giornata no; Berger non sbaglia nulla

MARCATORI: 33’ pt Sterrantino; 35’ pt rig. Parisi; 45’ pt Zenga; 25’ st Alessi; 46’ st Cacciatore. CHARVENSOD (4-3-1-2): Pomat, Dragota, Condò (17’ st Joly), Ierace (44’ st Timpano), Berger, Carlotto, Alessi (47’ st Donato), Menegazzi, Sterrantino, Garbini, Rovira. All.: Fermanelli. PRO SETTIMO (4-3-3): Gaudio Pucci, Barabino,Vasario, Godio (8’ st Mezzela), Cacciatore, Grancitelli,Vingiano, Caracciolo, Zenga (32’ st Di Renzo), Parisi, Gallace. All.: Siciliano. ARBITR: Landoni di Milano. AMMONITI: Pomat, Ierace, Berger, Carlotto, Alessi, Menegazzi, Godio, Vingiano, Mezzela. NOTE: terreno sintetico, recupero 2+5. Nell’intervallo espulso Fermanelli.

Pomat 6: poco impegnato. Avrebbe preferito subire più conclusioni e vincere. Dragota 5.5: a tratti soffre, fatica in velocità e non sempre i rilanci sono precisi. Condò 5.5: bada più che altro a tenere la posizione. Dal 17’ st Joly 6: più motivato, si destreggia meglio del compagno. Ierace 6.5: mette in difficoltà gli avversari aggredendoli, quindi è lucido nelle giocate. Dal 44’ st Timpano s.v. Berger 6.5: contesta aspramente la decisione arbitrale in occasione del rigore (prende anche il giallo e sarà squalificato la prossima), per il resto non sbaglia nulla.

Claudio Fermanelli: «Non è facile commentare; abbiamo giocato contro una candidata alla vittoria finale, ma non meritavamo la sconfitta. La terna ci ha messo del suo, inventandosi un rigore e dirigendo con atteggiamento sbagliato. Spiace perché oggi i ragazzi hanno dato l’anima».

a porta vuota. Il match si accende definitivamente (e in tutti i sensi; da lì crescerà anche il nervosismo che porterà all’allontana-

mento di Fermanelli a fine frazione) quando il signor Landoni da Milano assegna un penalty su un presunto contatto tra Berger

e Parisi; rigore che lo stesso numero 10 ospite realizza spiazzando Pomat. La reazione rossonera è immediata: conclusione di

Sogno salva l’Aygreville dalla figuraccia PIANEZZA - In casa del fanalino di coda Lascaris, l’Aygreville perde un’altra occasione per risalire la classifica. I rossoneri mettono grande impegno in campo, ma al primo errore difensivo vengono puniti; in questo modo diventa difficile portare a casa il risultato. Benedetti si affida al 4-3-3 per superare i bianconeri, ma il rientrante Lopez va in panchina, mentre in campo scende il tridente formato da Turato, Caputo e Sogno. I locali, invece, rispondono con un guardingo 4-2-3-1 per sfruttare al massimo il contropiede, dove Cavazzi agisce da unica punta. I rossoneri provano subito a impensierire Asinelli con un tiro dal limite di Caputo, ma il pallone esce di un soffio. I primi minuti sono avvincenti con continui capovolgimenti di fronte, infatti, Cavazzi risponde ai valligiani con una discesa sulla destra conclusa con un diagonale, che colpisce in pieno il palo. I pianezzini ci credono e al 9’ trovano il vantaggio: Cavazzi è bravo a ripartire in velocità e a lasciare sul posto Challancin, poi a tu per tu con Gini non sbaglia. La reazione dell’Aygre-

ville è sulle spalle di Caputo, che gioca a tutto campo, ma dietro i rossoneri sbandano sulle ripartenze avversarie, come al 15’ quando il tiro al volo di Oirilio esce di un soffio. Con il passare dei minuti i bianconeri si chiudono dietro, mentre i rossoneri iniziano a spingere sull’acceleratore trovando il meritato pareggio al 27’: punizione dal limite di Caputo per Challancin, che di testa mette in mezzo per Sogno, bravo a girarsi e infilare l’incolpevole Asinelli. A inizio ripresa il tema dell’incontro non cambia, con l’Aygreville in avanti alla ricerca della vittoria e il Lascaris pronto a colpire in con-

tropiede. Al 5’ capita sui piedi di Furfori la palla della vittoria, ma il diagonale esce di un soffio. La risposta dei pianezzini non tarda ad arrivare e sul capovolgimento di fronte Cavazzi chiama al miracolo Gini. I rossoneri continuano a spingere, ma non trovano spazi in area avversaria e al 20’ vengono beffati in contropiede: Oirilio è bravo a entrare in area, dove Challancin lo attera. Rigore, che lo specialista Cavazzi non sbaglia. A questo punto Benedetti si gioca il tutto per tutto inserendo Lopez per Marchesano e passando al 4-2-3-1. Il bomber argentino, anche se non ancora al meglio, dopo il lungo infortunio,

tiene da solo in apprensione la retroguardia avversaria, come al 29’ quando porta via due uomini liberando la strada a Turato, che da due passi calcia alto di un soffio. Il pareggio dei valligiani è nell’area e arriva puntuale al 41’ quando un traversone di Furfori inganna Asinelli, che sbaglia l’uscita; sul pallone vagante si avventa Sogno, che a porta vuota non sbaglia. Nei minuti finali l’Aygreville cerca vanamente la vittoria con un assalto all’arma bianca.

LASCARIS AYGREVILLE

no avanti: angolo di Parisi e stacco di testa vincente di Zenga. La ripresa racconta di una netta intraprendenza dello Charva e una Pro Settimo (pericolosa solo con una punizione targata Parisi) brava soprattutto a imbrigliare Rovira e Sterrantino. Ci provano così Menegazzi e due volte Garbini, il quale al terzo tentativo prende il palo, la palla schizza al centro dove irrompe Alessi, più lesto di tutti, per il meritato 2-2. A quel punto lo Charva crede anche nella vittoria, andandoci vicino con Sterrantino (conclusione fuori di un soffio). Invece al 91’ arriva la beffa: il pallone balla pericolosamente in area rossonera, Carlotto decide di giocarlo, invece di spazzarlo lontano, e così Cacciatore lo piazza, dal limite, alla destra di Pomat, buttando nello sconforto tutto l’ambiente rossonero, che fra sei giorni dovrà vedersela in casa di un’altra capolista: lo Sporting Bellinzago.

2 (1) 2 (1)

MARCATORI: 9’ pt e 20’ st rig. Cavazzi; 27’ pt e 41’ st Sogno. LASCARIS (4-2-3-1): Asinelli, Barbero, Mandes, Ferroglio, Ughetto, Alfonzo, Napoli (29’ st Odoni), Bellacozza, Cavazzi, Oirilio, Bettega (33’ st Lavalle). All.: Balla. AYGREVILLE (4-3-3): Gini, Milani (37’ st Luca Marchetto),Vitale, Challancin, Pramotton, Spinardi,Turato (43’ st Pasteris), Furfori, Sogno, Caputo, Marchesano (25’ st Lopez). All.: Benedetti. ARBITRO: La Pertosa di Torino. AMMONITI: Ferroglio, Ughetto, Caputo, Pramotton e Sogno. NOTE: giornata nuvolosa e fresca; terreno di gioco pesante; spettatori paganti 45; recupero 2+4; tiri in porta 7-5; tiri fuori 1-6; angoli 39; fuorigioco 2-3; falli commessi 17-10.

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Javier Lopez: «Sono contento di essere rientrato dopo il lungo infortunio. Devo ancora lavorare molto per ritrovare la forma migliore. Peccato per due punti persi, visto che l’avversario era alla portata, ma sono convinto che recupereremo in fretta il tempo perduto».

Spinardi sicuro; per Challancin partita da dimenticare Gini 6: in occasione del vantaggio bianconero ritarda l’uscita dando spazio a Cavazzi per concludere a rete. Milani 6: presidia con disinvoltura la zona destra della difesa. Dal 37’ st Luca Marchetto s.v. Vitale 5.5: fatica a tenere a bada la velocità di Napoli e si propone poco in sovrapposizione sulla fascia sinistra. Challancin 5: giornata da dimenticare; si fa beffare dallo scatto di Cavazzi in occasione del primo vantaggio e provoca il rigore nella ripresa. Pramotton 5.5: lotta come un leone davanti alla difesa, ma non è sempre preciso nel recupero della palla. Spinardi 6.5: al centro della difesa si rivela il più

Davide Spinardi impegnato in un contrasto a centrocampo

Carlotto 4.5: è lui a saltare con Zenga sul gol dell’1-2; è lui che non scaglia lontano quel pallone al 90’. Giornataccia. Alessi 6.5: qualche sbavatura, ma anche la rapidità nel buttarsi su quella palla che vale il 2-2. Dal 47’ st Donato s.v. Menegazzi 6.5: dirige ottimamente il centrocampo. Sterrantino 7: non ha vita facile, ma sul gol è bravo ad anticipare i centrali difensivi. Garbini 6.5: molte insidie per gli avversari partono dai suoi piedi. Rovira 6.5: il bell’assist per Sterra, poi ingaggia una lotta con i difensori.

Rovira e respinta del portiere dalle parti di capitan Menegazzi, il quale spara alto di poco. Allo scadere, però, i piemontesi si porta-

Jacopo Zenga sigla di testa il provvisorio 1-2 nel finale del primo tempo

■ ECCELLENZA / I rossoneri agguantano il pari nel finale di gara in casa della cenerentola Lascaris

Federico MECCA Inviato a Pianezza

sicuro dei suoi. Turato 5.5: corre molto, ma non trova lo spunto vincente. Furfori 6: sulla destra si propone poco in avanti, e nella ripresa fallisce una grande occasione. Dal 43’ st Pasteris s.v. Sogno 7: prestazione generosa; realizza la doppietta che tiene a galla i compagni e gioca a tutto campo. Caputo 7: tutte le azioni pericolose dell’Aygreville passano dai suoi piedi. Marchesano 6.5: recupera palloni e spinge sulla sinistra con grande continuità. Dal 25’ st Lopez 6: crea scompiglio nella difesa avversaria, ma non ha ancora la forma dei tempi migliori.


CALCIO

52

lunedì 7 ottobre 2013

1ª CATEGORIA

1ª CATEGORIA

Nulla da fare per il Verrès nella tana del Pertusio

Matteo Diano trascina il Real Sarre a Castellamonte

P.V.F. VERRES

2 (1) 1 (0)

MARCATORI: 10’ pt Catania; 9’ st Boero; 48’ st Gariano. PERTUSIO VICTOR FAVRIA (4-4-2): Di Carlo, Pavani, Trabucco, Ziano, Gisolo, Corona, Brillante (40’ st Blanchietti), Boero (28’ st Durando), Catania, Brunetta, Oberto (20’ st Biesta). All.: Perardi. VERRES (4-4-2): Orru, Voyat, Borrettaz (35’ st N’Doye), Giovanzana, Noro, Dattolo, Bionaz (12’ st Sirigu), Furfaro, Bonjean (35’ st Cauteruccio), Porro, Gariano. All.: Marcellan. ARBITRO: Colotti di Collegno.

AMMONITI: Orru, Voyat, Bionaz, Bonjean, Brunetta. FAVRIA - Nulla da fare per il Verrès, costretto a inchinarsi al Pertusio Victor Favria. I padroni di casa sbloccano la gara dopo 10’ con Catania sugli sviluppi di un calcio di punizione battuto da Brunetta. A inizio ripresa è Boero che chiude definitivamente i conti, con Brunetta che allarga sulla destra per Catania che mette in mezzo per il compagno di reparto, che sigla il raddoppio. Proprio all’ultimo respiro arriva la rete della bandiera di Gariano (foto), direttamente su calcio di punizione. ■ r.g.

CASTELLAMONTE REAL SARRE

0 (0) 2 (1)

MARCATORI: 15’ pt e 42’ st Matteo Diano. CASTELLAMONTE: Verdoliva, Leone, Porcu (35’ st De Fazio), Straullo, Liadicicco, Salto (15’ st Tomasi), Frola (5’ st Crivellaro), Secci, Guglielmetti, Luciani, Pisano. All.: Bellino. REAL SARRE: Mancuso, Giannini, Gagliardi, Luigi Raco I, Bandieri, Berthod, Andrea Raco, Bregoli (30’ st Locci), Riente (20’ Luigi Raco II), Matteo Diano, Culotta (41’ st Marco Diano). All.: Girelli. ARBITRO: Tuccillo di Pinerolo. AMMONITI: Luigi Raco II e Locci.

CASTELLAMONTE - Continua la marcia del Real Sarre in vetta alla classifica. Giannini (foto) e compagni disputano una partita di alto profilo contro un avversario ostico e pronto a colpire in contropiede. I valligiani aprono le marcature al 15’ con una bella punizione di Matteo Diano, poi falliscono diverse occasioni. Nella ripresa il tema dell’incontro non cambia e Mancuso deve solo compiere una parata nell’arco dell’incontro. Allo scadere del tempo ancora uno scatenato Matteo Diano trova la rete della sicurezza su assist di Luigi Raco II. ■ r.g.

■ PROMOZIONE / I valdostani vincono in extremis su rigore su un LG Trino che finisce in nove

Al P.D.H.A. il festival del gol LG TRINO P.D.H.A.

3 (2) 4 (1)

MARCATORI: 26’ pt Romaniello; 38’ pt rig., 45’ pt e 48’ st Paniucci; 20’ st Ollier; 33’ st rig. Menchini; 49’ st rig. Canalini. LG TRINO (4-3-2-1): Parisi, Balocco (35’ st Marin), Geminardi (40’ st Pozzati), Cucè, Carachino, Bigatti, Cafasso, Lopes, Paniucci, Mirone, Colangelo. All.: Petrucci. PONT DONNAZ HONE ARNAD (44-2): Peirano, Bergonzi, Vercella, Della Rosa, Barbiero, Carere, Ollier, Scala, Umeroski (25’ st Canalini), Menchini, Romaniello (30’ st Moretto). All.: Milani. ARBITRO: Cito di Torino. ESPULSI: 21’ st Bergonzi; 35’ st Cucè: 49’ st Cafasso. AMMONITI: Ollier, Barbiero, Bergonzi,Vercella. TRINO - Vittoria al cardiopalma del Pont Donnaz Hône Arnad, che piega all’ultimo respiro il Trino Le Grange. Un successo arrivato all’ultimo minuto di recupero, per di più su calcio di rigore conquistato e realizzato da Canalini, subentrato nella ri-

presa. Il P.D.H.A. era passato in vantaggio per primo con Romaniello, bravo a sfruttare l’ottimo invito dalla sinistra di Ollier. Pochi minuti dopo, però, i padroni di casa trovano il pari su calcio di rigore per fallo di Barbiero su Cucè, con lo scatenato Paniucci che non sbaglia. A pochi

istanti dall’intervallo è ancora l’attaccante di casa ad andare a segno, siglando così il sorpasso. Nella ripresa il Pont Donnaz Hône Arnad scende in campo con maggior piglio e trova il 22 con Ollier. Poco dopo, però, i valligiani rimangono in inferiorità numerica per l’espulsio-

ne di Bergonzi e sbagliano un calcio di rigore con Menchini, che si fa perdonare dieci minuti più tardi, realizzando la conclusione dagli undici metri. Ma non è finita qui. I locali, in pieno recupero, beffano la retroguardia rossoblu, che si fa trovare impreparata sugli svilup-

pi di una rimessa, con il solito Paniucci che trova il 3-3. Poi, nell’ulteriore minuto di recupero concesso dal direttore di gara, gli ospiti beneficiano dell’ennesima massima punizione, con Canalini che fissa il risultato sul definitivo 4-3. «Era importante vincere - com-

menta proprio Canalini -. Sapevamo fin dall’inizio che sarebbe stata una partita difficilissima. Siamo contenti del risultato, era fondamentale portare non perdere ulteriore terreno dalle squadre che ci precedono in classifica». ■ an.tro.

■ EVENTO / Consegnati i premi del concorso “Claudesport”; pronta al via la terza edizione

GIORGIO MAMMOLITI è il Pallone d’Oro AOSTA - Scarpa d’oro, pallone d’oro, Guanto d’oro: tempo di premiazioni anche per la categoria Senior del giococoncorso di Gazzetta Matin, in collaborazione con il negozio di articoli sportivi di corso Battaglione ad Aosta, “Claudesport”. Consegnati lunedì 30 settembre i premi (trofei, targhe ricordo e soprattutto materiale sportivo) ai vincitori della seconda edizione. La Scarpa d’oro (la classifica dei bomber) è stata assegnata a Carlo Corniolo (Fenusma), con 2° Sebastian Rovira (Charvensod) e 3° Francesco Sterrantino (Charvensod). Pallone d’oro (premi assegnati con le votazioni dei lettori) a Giorgio Mammoliti (Quart), con 2° Ivan Calvi (Fenusma) e 3° Erik Miassot (Fenusma). Guanto d’oro (migliori portieri) a Marco Mancuso (Real Sarre), con 2ª Giorgia Miniol (Le Violette) e 3° Paolo Scarabelli (Quart). La settimana prossima partirà la terza edizione del gioco. ■ r.g.

Il direttore Luca Mercanti e Andrea Valenti con alcuni dei premiati della categoria Senior

■ CALCIO A 5 / Gli uomini di Rosa, privi di Turello, Barcellos e Fernandez, sconfitti di misura a Forlì ■ CALCIO A 5 / L’Aosta batte 8-0 il Blueorange

All’Aosta Calcio 511 non riesce la rimonta Esordio sul velluto FORLI’ AOSTA CALCIO 511

3 (1) 2 (0)

MARCATORI: 11’10” pt e 11’22” st Salles; 5’14’’ st De Lima; 6’34” st Cangini; 13’54” st Luca Iurmanò. FORLI’: Moretti, Nakamura, Salles, Vignoli, Lucas, Migliori, Deuner, Fumia, Cangini, Mirenda, Ruffilli, Liistro. All.: Matteucci. AOSTA: Gozi, Birochi, De Lima, Rosa, Lucianaz, Traglia, Fabio Iurmanò, Luca Iurmanò, Gullone, Monteleone. All.: Rosa. ARBITRI: Fratangeli di Frosinone e

Cursi di Jesi. ESPULSO: 13’32’’ st Lucas. AMMONITI: Lucas, De Lima, Rosa, Birochi e Luca Iurmanò. FORLI’ - Inizia male la nuova stagione dell’Aosta. I gialloblu vengono sconfitti 3-2 dal neopromosso Forlì all’esordio nel campionato di serie A2, nonostante una buona prova, tenuto conto delle pesanti assenze degli squalificati Turello e Barcellos, ai quali si è aggiunto l’ultimo arrivato Fernandez, ancora privo del transfert della Di-

SERIE C ALCIOBAD5ONNE SERIE A2 1ª giornata - Andata Forlì - Aosta Calcio 511 . . . . . . .3 - 2 Carmagnola - PesaroFano . . . . . . . .2 - 2 Città di Sestu - Comelt Toniolo . . . . .5 - 1 Kiwi Belluno - Reggiana . . . . . . . . .2 - 6 Lecco - Cagliari . . . . . . . . . . . . . . .1 - 2 New Team - Tridentina . . . . . . . . . . .6 - 4 Gruppo Fassina riposa. . . . . . . . . . . . . .

Squadra

GIRONE A P.ti

Partite Reti G V N P F S

Reggiana

3 1 1 0 0 6 2

New Team

3 1 1 0 0 6 4

Città di Sestu

3 1 1 0 0 5 1

Forlì

3 1 1 0 0 3 2

Cagliari

3 1 1 0 0 2 1

Carmagnola

1 1 0 1 0 2 2

Prossimo turno

PesaroFano

1 1 0 1 0 2 2

Aosta Calcio 511 - Lecco . . . . . . . . . Cagliari - Città di Sestu . . . . . . . . . . . . . Comelt Toniolo - Carmagnola . . . . . . . . . Tridentina - Kiwi Belluno . . . . . . . . . . . . Gruppo Fassina - New Team . . . . . . . . . . Reggiana - Forlì . . . . . . . . . . . . . . . . . . PesaroFano riposa . . . . . . . . . . . . . . . .

Tridentina

0 1 0 0 1 4 6

Kiwi Belluno

0 1 0 0 1 2 6

Aosta Calcio 511

0 1 0 0 1 2 3

Lecco

0 1 0 0 1 1 2

Comelt Toniolo

0 1 0 0 1 1 5

Gruppo Fassina

0 0 0 0 0 0 0

visione. Poche le emozioni nella prima frazione di gioco, con i padroni di casa che trovano il vantaggio dopo undici minuti grazie a Salles, che buca l’incolpevole Gozi. Nella ripresa la gara si accende e sono i valligiani a trovare il pari con De Lima, bravo a sfruttare al meglio l’ottimo invito di Rosa. Ma la gioia dura ottanta secondi, tanto basta a Cangini per siglare il nuovo sorpasso romagnolo. L’Aosta soffre e nel giro di un altro minuto e mezzo subisce il terzo gol dei locali con il solito Salles, vero e proprio spauracchio dei gialloblu. Ma la reazione non si fa attendere ed è Luca Iurmanò, appostato sul secondo palo, ad accorciare le distanze su assist del solito Rosa, e a riaprire la partita quando i locali sono in inferiorità

Luca Iurmanò

numerica per l’espulsione di Lucas. Nel finale è un assedio: prima Rosa e poi De Lima vanno vicinissimi al pareggio, con la palla che esce di pochissimo dallo specchio della porta difesa da Moretti. «Sono comunque contento afferma il tecnico dell’Aosta - i ragazzi hanno giocato bene, ci è mancato solo il risultato. Siamo stati in partita fino all’ultimo, non abbiamo pareggiato per un soffio, ma questa prestazione ci lascia ben sperare per il futuro». ■ an.tro.

IMPERIA - Esordio a senso unico per l’Under 21 dell’Aosta 511 allenata da Rodrigo Rosa (in tribuna per scontare un turno di squalifica, con in panchina i due dirigenti Mauro Capello e Maurizio Capua) che ha sconfitto in trasferta 8-0 i liguri del Blueorange. Il risultato è eloquente e non lascia spazi ad altro se non a sancire un dominio assoluto dei ragazzi di Rosa, autori di una prestazione ineccepibile sotto il piano tecnico e tattico. Una sola distrazione in quaranta minuti

SERIE D

Le avversarie del Valtournenche AOSTA - Prenderà il via lunedì 14 ottobre il campionato di serie D al quale prenderà parte il Valtournenche. La formazione, anche in questa stagione targata Bar Meabé, è stata inserita nel girone A, che comprende, al pari degli altri due gruppi, appena nove formazioni. Il comitato regionale, infatti, con una decisione piuttosto cercellottica, ha scelto di suddividere le ventisette iscritte in tre raggruppamenti, dando vita a un campionato molto corto (la prima salirà diretta in C2, dalla seconda alla settima prenderanno parte ai play out). Il Valtournenche debutterà in casa contro il Cafasse e il lunedì successivo renderà visita alla Pro Vercelli. I valligiani osserveranno il turno di riposo lunedì 2 dicembre. ■ r.g.

che ha fruttato un palo colpito in contropiede dai giocatori liguri. Ma sull’altro piatto della bilancia ci sono almeno tre quattro legni o traverse e ben otto reti alcune di pregevole fattura, come la seconda personale di Luca Iurmanò con salto di tre avversari e ‘cucchiaio’ vincente. Ha aperto le marcature proprio Luca (doppietta per lui al pari di Lucianaz) e le ha chiuse Picciavani; in mezzo hanno segnato anche Turello, Birochi e Gullone. Prossimo impegno domenica alle 11 contro il Carmagnola del grande ex Lino Gomes. AOSTA CALCIO 511: Gozi, Traglia, Turello, Birochi, Picciavani, Fabio Iurmanò, Luca Iurmanò, Lucianaz, Gullone, Sinopoli. All.: Rodrigo Rosa. ■ l.p.

Mathias Lucianaz


CALCIO

lunedì 7 ottobre 2013 ST-VINCENT CHATILLON BANCHETTE

0 (0) 2 (1)

MARCATORI: 31’ pt Padovan; 30’ st Enrico. ST-VINCENT CHATILLON (4-4-2): Bonomo, Belloro, Duce (31’ st Venturino), Lavoyer, Borrione, Morelli (19’ st Vitale), Bocca (27’ st Gallo), Arena, Ara, Vaccaro, Bonin. All.: Grenier. BANCHETTE (4-4-2): Crotta, Zanotti, Mendo, Lupo, Gambone, Bianco, Padovan (45’ st Savio), Ferrero, Migliorin, Enrico (40’ st Brizzi), Laboroi (24’ st Aime). All.: Lago. ARBITRO: Garreffa di Collegno. AMMONITI: Migliorin, Morelli, Bocca. NOTE: pomeriggio fresco, recupero 0+4, terreno in buone condizioni. Simon Lavoyer: «Siamo stati troppo molli, poco convinti. Peccato perché avremmo potuto e dovuto giocare una partita diversa. Un passo indietro rispetto alla vittoria nel derby, anche se sono state due gare contro formazioni di differente rango».

53

LE PAGELLE DEL NOSTRO INVIATO

Lavoyer è l’ultimo a mollare, Ara non si vede, Bonin ne azzecca poche Bonomo 6: salva in un paio di circostanze complicate, non può nulla sui gol; non esce mai nella sua area su cross che dovrebbero essere il suo pane quotidiano. Belloro 6: la coppia centrale con Lavoyer funziona abbastanza bene; impreciso nei rilanci, ma il suo mestiere lo svolge al meglio. Duce 5: timido, deve crescere in personalità; errori banali in fase di appoggio; Migliorin lo surclassa sulla sponda di testa in occasione del raddoppio. Dal 31’ st Venturino s.v. Lavoyer 6.5: è l’ultimo a mollare; guida

la difesa cercando di dare sicurezza all’intero reparto; gladiatore. Borrione 5.5: quando spinge fa vedere anche belle cose, ma l’errore sul primo gol pesa come un macigno: Padovan lo beffa in maniera troppo agevole in piena area. Morelli 5.5: un buon avvio, poi piano piano perde il ritmo e scompare da tutti i radar. Dal 19’ st Vitale 5.5: non cambia le cose. Bocca 5: non entra mai in gara; sia a destra che a sinistra tanto fumo e poco, pochissimo, arrosto. Dal 27’ st Gallo s.v.

Arena 6: cerca di dare ordine, ma spesso predica nel deserto; nel finale molla gli ormeggi pure lui. Ara 5: non viene mai innescato a dovere, ma lui non fa nulla per mettersi in evidenza. Vaccaro 5.5: rispetto al compagno di reparto inizia alla grande, poi però la difesa piemontese gli mette la museruola e non punge più. Suo l’unico tentativo verso la porta di Crotta. Bonin 5: parte a sinistra, prosegue a destra e poi torna sulla mancina; in nessuno dei tre casi riesce a combinare qualcosa di buono.

■ 1ª CATEGORIA / La formazione eporediese passa al Perucca grazie a Padovan ed Enrico

Il Banchette non fa sconti Alessandro ROSSI Inviato al Perucca ST-VINCENT - Torna subito alla realtà il Saint-Vincent Châtillon dopo la bella vittoria nel derbissimo di Verrès di domenica scorsa. Contro la corazzata Banchette la compagine di Dominique Grenier ha giocato una delle partite peggiori di questo inizio di stagione e, conoscendo il mister, martedì al ritrovo per il primo allenamento della settimana ai giocatori non mancherà di certo qualche lavata di capo. Ieri al Perucca è mancata la grinta, la cattiveria, la determinazione per affrontare una delle corazzate del girone. La sconfitta ci può stare, eccome, ma certamente quello che è andato di traverso al trainer di Châtillon è stata la scarsa vena dei suoi, apparsi imbambolati e davvero troppo molli per essere veri. Un buon inizio, ma dopo due minuti di gioco e un paio di discese di Loris Vaccaro, il Banchette ha preso in mano le redini del gioco e non le ha più lasciate per l’intero match. Per di più da parte dei termali un solo tiro nello specchio

Bonomo risponde a pugni chiusi a un calcio di punizione calciato da Gambone

della porta nell’arco dei 90’, segno tangibile della superiorità dei piemontesi, ma anche della pochezza, di ieri sia ben chiaro, dei locali. Veniamo alla partita. In casa valligiana assenti Perri e Gio-

vanardi, dunque Grenier mette in campo la stessa compagine di domenica scorsa con Duce basso a sinistra al posto di Gallo. Fra gli ospiti gioca quarto di centrocampo Federico Padovan, ex Hone Arnad. La partenza è

sprint: al 1’ Migliorin vince due rimpalli, l’ultimo con il portiere Bonomo, ma sul tiro a porta vuota salva tutto Borrione; passa un minuto e Vaccaro risponde di testa anticipando Crotta, ma la sfera termina a lato; tren-

ta secondi dopo è Morelli a incumearsi in area da destra, ma l’estremo difensore ospite con i piedi respinge la conclusione del numero sei di casa. I valligiani terminano qui le trasmissioni offensive, ed il Banchette inizia

■ 1ª CATEGORIA / Il rigore di Zizzo fa tremare i viola, che nella ripresa ribaltano il risultato

LE NOSTRE PAGELLE

Il Quart si sveglia nel secondo tempo Christian EVASPASIANO Inviato al Comunale BRISSOGNE - Un Quart volenteroso e determinato riesce a piegare il San Maurizio nonostante una formazione rimaneggiata. La sete di vittoria ha trascinato gli uomini di Brigantino che, dopo un primo tempo contratto e senza spunti, surclassano gli avversari con una ripresa di grande intensità. La prima occasione, al12’, capita sui piedi di Zizzo, che anticia l’uscita del portiere, ma

conclude a lato. Trascorrono tre minuti, e Montanaro mette i brividi ai padroni di casa con una conclusione da pochi passi che termina di poco sopra la traversa. Al 22’, l’episodio che sposta gli equilibri del match: Mammoliti è troppo irruento su Zizzo e lo mette a terra sul vertice destro dell’area di rigore; al direttore di gara non rimane altro che decretare un sacrosanto calcio di rigore che lo stesso numero 9 trasforma spiazzando Minuzzo. I locali accusano il colpo e, nonostante un

tentativo di Destrotti al 26’ (girata viene ribattuta in extremis da Ossati), non riescono a trovare il bandolo della matassa. Prima della fine del tempo, al 45’, uno scriteriato retropassaggio di Mammoliti per poco non lancia a rete Zizzo, ma Minuzzo è attento e sventa con una provvidenziale uscita di piede. Di tutt’altro spessore la ripresa dei viola che sembrano trasformati. Subito padroni del campo, i locali schiacciano il piede sull’acceleratore e già al 5’ un’ottima triangolazione

1ª CATEGORIA

Un bel La Chivasso non concede scampo al Fenusma LA CHIVASSO FENUSMA

4 (2) 2 (1)

MARCATORI: 16’ pt Rosso; 17’ pt Massimino; 43’ pt Barbaro; 4’ st Barbaro; 25’ st Bergese L.; 43’ st Lugon. LA CHIVASSO: Gazzini, Antonacci, Parisi, Emanuel, Agricola, Prodi, Bergese L. (38’ st Avena), Bergse M. (10’ st Crivellari), Barbaro (20’ stTuncali), Poleo, Rosso. All.: Giraudo. FENUSMA: Favre,Voyat, Rey (20’ st Ruscio), Comé, Spataro, Massimino (20’ st Lugon), Droz, Perruquet, Corniolo, Money (20’ st Lavevaz), Della Gianna. All.: Money.

ARBITRO: Cicoria di Novara. AMMONITI: Parisi, Emanuel, Crivellari, Money e Della Gianna. CHIVASSO - Troppo forti i padroni di casa per il Fenusma, che regge un tempo prima di capitolare sotto i colpi dei chivassesi. Il Chivasso passa in vantaggio con un destro imprendibile di Rosso, ma la reazione del Fenusma si concretizza un minuto più tardi con Massimino (foto). Nel finale di primo tempo Barbaro riporta in vantaggio i locali. I chivassessi chiudono i conti a inizio ripresa con le reti di uno scatenato Barbaro e di Luca Bergese. Fissa il risultato nel finale il neo-entrato Lugon.

Lévèque-Candiloro-Destrotti è sventata all’ultimo istante dal recupero di Ossati che anticipa il capitano valligiano. Passano due minuti, quando Candirolo è pescato in area da Léveque, ma il pallonetto del centrocampista termina alto. Al10’ calcio d’angolo dalla destra di Salvemini sul quale si avventa Allegri, che insacca di testa in maniera perentoria. Locali sempre in avanti e, al minuto 21 Salvemini lancia Destrotti sul filo del fuorigioco; il capitano non si lascia pregare e realizza di precisione. Al

QUART SAN MAURIZIO

a macinare gioco. Al 13’ Mendo alto di testa, al 26’ Laboroi per Migliorin, il cui destro finisce a lato; al 29’ Bonomo è attento su liscio di Lavoyer così come al 30’ su punizione di Ferrero. Passa un minuto e il Banchette va in vantaggio: cross da destra di Migliorin, Padovan passa davanti alla bella statuina Borrione e di piatto mette nell’angolino. I locali accusano il colpo ed al 39’ Mendo sfiora il raddoppio con un bel destro dalla distanza. Ad inizio ripresa Grenier inverte gli esterni, Bonin a destra e Bocca a sinistra, ma la musica non cambia. Al 4’ Lavoyer salva su Enrico lanciato da un rimpallo con Bonomo, dal corner il solissimo Zanotti arriva tardi all’appuntamento con il gol. Al 7’ Bonomo dice di no ad un piazzato di Gambone, al 13’ Migliorin anticipa Duce, ma la sfera termina a lato. Il raddoppio arriva al 30’: Padovan centra per Migliorin che surclassa di testa Duce appoggiando per il solissimo Enrico che da un metro mette nel sacco a porta vuota. Il match finisce qui, ancora da segnalare al 46’ un gol annullato a Migliorin per fuorigioco.

34’ anche Lévèque ha l’occasione per iscriversi sul tabellino dei marcatori, ma la sua conclusione è debole e il portiere riesce a sventare il pericolo. L’ingegnere, però, riesce a riscattarsi in piena zona Cesarini, al 48’, quando deposita comodamente in rete un assist al bacio di Destrotti dalla sinistra. Prima della rete che chiude le sorti dell’incontro, però, ci era voluto un gran Minuzzo, al minuto 45, per salvare il risultato, respingendo una velenosa conclusione dal limite di Baccarin.

3 (0) 1 (1)

MARCATORI: 22’ pt rig. Zizzo; 10’ st Allegri; 21’ st Destrotti; 48’ st Léveque. QUART (4-3-3): Minuzzo, Bianchi, Rezzaro, Allegri, Mammoliti S., Borrello, Candiloro (35’ st Badarello), Atfane (42’ st Balan), Salvemini (28’ st Barrel), Lévèque, Detrotti. All.: Brigantino. SAN MAURIZIO (4-2-3-1): Avataneo, Massa (35’ st Berlingeri), Leura, Ossati, Franciolo, Capogna (38’ st Volpato), Ghilleri (35’ st D’Auria), Lo Buono, Zizzo, Baccarin, Montanaro. All.: Callegari. AMMONITI: Mondini da Chivasso. AMMONITI: Rezzaro, Franciolo, Mammoliti S., Candiloro, Borrello, Bianchi, Massa, Barrel. NOTE: corner 9-5 per gli ospiti; recupero 0+5. Alberto Destrotti: «Sono tre punti d’oro, che arrivano in un momento estremamente difficile per le tante assenze. Nonostante un primo tempo contratto, siamo usciti nella ripresa e abbiamo meritato la vittoria. Sono contento della mia prestazione, gol compreso, anche se sembrava che la porta fosse stregata».

Allegri fondamentale, Destrotti è un leone Minuzzo 8: non fa rimpiangere Scarabelli. Lo stile a volte è da rivedere, ma le parate sono decisive. Bianchi 6: spesso fuori posizione nel primo tempo. Molto meglio nella ripresa quando c’è da offendere. Rezzaro 6: onesta prestazione difensiva. Allegri 8: giganteggia in difesa e ha il grande merito di siglare la rete del pareggio. Mammoliti 6: partita decisa, macchiata, però, dall’intervento che ha causato il rigore. Borrello 6.5: tanta sostanza, anche non sempre preciso. Candiloro 7: gioca su entrambe le fasce e, soprattutto nella ripresa, è una spina nel fianco per gli avversari. Dal 35’ st Badarello s.v. Atfane 6: pomeriggio difficile, anche di testa tocca pochi palloni. Dal 42’ st Balan s.v. Salvemini 6.5: giocatore recuperato, che garantisce qualità. Dal 28’ st Barrel s.v. Lévèque 6.5: potrebbe fare e dare di più, ma si impegna e lotta, venendo premiato con il 3-1. Destrotti 7: lotta come un leone, andando a disturbare gli aitanti difensori centrali; nella ripresa trova anche il gol del sorpasso.


CALCIO

54

lunedì 7 ottobre 2013

Il Grand Combin prima del calcio d’inizio

La formazione dell’Aosta GLV

■ 2ª CATEGORIA / Un penalty contestato permette all’Aosta GLV di impattare la rete di Rosson

Monteleone acciuffa il GC GRAND COMBIN AOSTA GLV

1 (0) 1 (0)

MARCATORI: 3’ st Rosson, 32’ st rig. Monteleone. GRAND COMBIN (4-5-1): Glarey 6, Rosson 6.5, Barrel 6.5, Pellissier 6, Diémoz 6, Guglielmetti 6.5, Rossetto 7, Dujany 6 (33’ st Prisant s.v.), Bal 6.5 (18’ st Pernechele 5.5), Farcoz 6.5, Fazari G. 6 (28’ st Gullone 6). All.: Drudi. AOSTA GLV (4-2-3-1): Lucà 7, Raffa 6, Gijni 6, Piatto 7, Fazari C. 6 (18’ st Jorrioz 6), Costenaro 7, Diano 6.5 (39’ st Cordì s.v.), Di Fresco 7, Monteleone 6.5, Fanan 6, Laghfoud 6 (8’ st Contini 6.5). All.: Vigna. ARBITRO: Vaccaro di Aosta. ESPULSO: Pernechele. AMMONITI: Rosson, Di Fresco, Monteleone, Diano e Guglielmetti.

Julien D’Hérin Inviato a Rhins ROISAN - Non sono bastati neanche i 52 minuti di un infinito secondo tempo per decretare il vincitore della sfida di Roisan tra Grand Combin e Aosta GLV. Al termine di un confronto che

nel finale si è fatto anche piuttosto nervoso, il punteggio è rimasto inchiodato sul pareggio maturato con i gol di Rosson e Monteleone. La partita inizia all’insegna dell’equilibrio, in un primo tempo in cui entrambe le squadre hanno le occasioni per passare: su tutte, una punizione di Di Fresco che

esce sopra la traversa dopo aver rimbalzato pericolosamente davanti alla porta e, dall’altra parte, un guizzo di Fazari che mette di poco fuori correggendo in spaccata un tiro di Farcoz. I ritmi sono alti e le due compagini vanno più volte al tiro, soprattutto da fuori area, e nel finale della frazione hanno ancora due

grosse possibilità di segnare. Al 40’ Diano chiude un primo tempo di grande spinta sulla sinistra con un tiro ben parato da Glarey; due minuti dopo, ancora Fazari, ben imbeccato da Rossetto, manda a lato tentando di anticipare l’uscita di Lucà. Al rientro dalla pausa, i padroni di casa trovano il vantaggio. Rosson scappa sul-

la destra grazie a uno splendido velo di Bal e il suo diagonale si insacca alle spalle di Lucà. Dopo il gol del terzino, il GC continua a spingere e va vicino al raddoppio quando Rossetto, pescato in area da Farcoz, lascia partire un velenoso destro a giro alzato sopra la traversa dal portiere. L’Aosta GLV, con le idee più

2ª CATEGORIA

In zona Cesarini la sorpresa Introd stoppa anche la capolista INTROD AZEGLIO

1 (0) 1 (1)

MARCATORI: 30’ pt Fracasso; 45’ st Alessi. INTROD (3-5-2): Pietro Perrier, Negri, Jocollé, Gontel, Peano (Jacquemod), Nicholas Vallet (Hervé Vallet), Alessi, Jean Pierre Perrier, Jocallaz, Pellissier, Jean Marc Perrier (Franchino). All.: Panont. AZEGLIO (4-2-3-1): Blanc, Davide Santina (Fabio Santina), Loreni, Falcone, Sonnati, Dotelli, Farinella (Ca-

mosso), Fracasso, Soda, Mollo, Padovan (Corotti). All.: Masi. AMMONITI: Gontel, Negri, Soda. INTROD - Pareggio in extremis dell’Introd che, opposto all’ormai ex capolista Azeglio, trova il punticino in zona Cesarini. Un altro passo avanti per la sopresa di questo inizio di stagione, nonostante una gara al di sotto

degli standard messi in mostra nelle prime tre gare. Al gol di Fracasso alla mezz’ora del primo tempo risponde Alessi (foto) proprio allo scadere. «Nemmeno io mi aspettavo un avvio di stagione di questo tipo - spiega a fine gara il presidente Gabriele Dayné. In ogni caso qualche acquisto lo ab-

biamo messo a segno e la squadra sta davvero girando a mille. Sono soddisfatto, insieme al mister siamo contenti di come i ragazzi si stanno disimpegnando in campo. Questi 8 punti sono ottimo fieno in cascina per periodi di magra che potrebbero arrivare». Il mister ospite Masi è diretto: «Sono comunque soddisfatto, per chiunque sarà dura fare punti sul campo dell’Introd».

confuse rispetto al primo tempo, si aggrappa alle iniziative personali. Così, al 31’, uno slalom di Costenaro si chiude in area contro Diémoz: lo stopper del Grand Combin lascia un po’ lì la gamba, il centrocampista aostano lo va a cercare e Vaccaro fischia un rigore contestato in campo e in tribuna. Monteleone trasforma e la sfida torna in parità. Nel finale domina il nervosismo, con alcune baruffe tra i giocatori, ma nel lungo recupero Pernechele e Costenaro hanno ancora due opportunità per andare in gol. Nel dopopartita, il tecnico aostano Alessandro Vigna descrive una «partita equilibrata; il pareggio è giusto, anche se loro hanno fatto un po’ meglio di noi nel secondo tempo». Sul versante opposto, mister Renzo Drudi è invece perplesso per il rigore: «Peccato. Avevamo iniziato bene il secondo tempo. Comunque siamo in miglioramento, alcuni giocatori che hanno cominciato tardi la preparazione stanno entrando in forma e oggi si è finalmente rivisto dopo l’infortunio Prisant, una pedina fondamentale per il nostro centrocampo».

2ª CATEGORIA

2ª CATEGORIA

2ª CATEGORIA

Bomber Fraschetto regala il successo

Il Corrado Gex doma il Fiorano

Mezza beffa per l’Aosta Calcio 511

VALCHIUSELLA RED DEVILS

3 (2) 6 (3)

MARCATORI: 13’ pt, 28’ st, 30’ st e 43’ st Fraschetto; 18’ pt e 20’ st rig. Pastore; 22’ pt rig. Bonin; 25’ pt Cappo; 40’ pt Apostolo. VALCHIUSELLA (3-5-2): Libertini, Gechele, Bocca, Zanchetta (Streito), Bardus, Angeli (Simone Baldi), Matteo Baldi, Bettarello, Arnodo (Corso), Pastore, Cappo. All.: Scapino. RED DEVILS (3-5-2): Roberto Peila, Zunino, Bonin, Giachino, Camerlo, Dalle (Leoni), Rotundo (Stefano Bosonin), Alessandro Peila, Apostolo (Andreo), Fraschetto, Ardesi. All.: Blanc. ARBITRO: Savoca di Aosta. ESPULSI: 30’ st Ardesi, Bocca, Bardus. AMMONITI: Zunino, Camerlo, Apostolo, Zanchetta, Pastore, Bettarello, Angeli. VISTRORIO - Prima vittoria per i Red Devils sul difficile campo del Valchiusella. Mattatore del match Fraschetto (foto), autore di un poker di reti; altri gol di Apostolo e Bonin su rigore.

CORRADO GEX FIORANO

2 (1) 1 (1)

MARCATORI: 12’ pt Corrente; 22’ pt Furfaro; 7’ st Romeo. CORRADO GEX (3-5-2): Farcoz,Vaccari, Lancellotta (foto), Romeo, Donato (41’ pt Barmaverain), Nex, Enrietti, Chasseur, Furfaro, Zefilippo (31’ st Dell’Innocenti), Pellicanò (40’ st Busso). All.: Vigon. FIORANO (4-4-2): Bonfanti, Salvato, Grosso, Corsetti, Bulam, Ferro (7’ st Salaro), Giaquinto (20’ st Filippetto), Gardellin, Corrente, Nocco, Brunero. All.: Vitaliano Giaquinto. ARBITRO: Azzaro di Aosta. ESPULSO: 35’ st Olivieri. AMMONITO: Bulam. NOTE: traversa di Brunero. AYMAVILLES - Preziosa vittoria per il Corrado Gex, che va sotto al 12’ con Corrente che si inserisce su spizzata di Nocco. Il pari al 22’, con i padroni di casa che ripartono da corner ospite; Pellicanò lancia Furfaro che trova un diagonale imparabile. Il gol vittoria al 7’ della ripresa: punizione di Zefilippo, il portiere non trattiene e Romeo trova il pallonetto vincente.

AOSTA CALCIO 511 LA ROMANESE

2 (2) 2 (0)

MARCATORI: 37’ pt Luca Paonessa (foto); 40’ pt Cerise; 16’ st Ceccone; 18’ st D’Errico. AOSTA CALCIO 511 (3-5-2): Monteleone,Traverso, Andrea Paonessa, Stan (40’ pt Bertolino Prado), Barcellos, Bazzani (30’ st De Lima), Cerise, Armenghi, Luca Paonessa (35’ st Angiulli),Tibaldi, Dell’Ovo. All.: Lumicisi. LA ROMANESE (4-4-2): Zublena, Formento (D’Errico), Franza, Mellina, Carlisi, Lache (Orso Giacone), Bizzotto, Piredda, Mucilli, Welter, Ceccone (Sarcon). All.: Bello. ARBITRO: Domanico di Chivasso. AMMONITI: Andrea Paonessa, Bazzani, Dell’Ovo e Angiulli. AOSTA - Occasione persa per l’Aosta calcio 511, che domina con La Romanese, ma si fa raggiungere nella ripresa. Dopo i pali colpiti da Barcellos (foto) e Tibaldi, è Luca Paonessa a sbloccare sfruttando l’assist di Tibaldi. Cerise fa bis sfruttando un traversone dalla fascia, ma gli ospiti non mollano e realizzano il definitivo 2-2.


CALCIO

lunedì 7 ottobre 2013

55

■ 2ª CATEGORIA / Nell’anticipo del sabato sera la Barzagli-band vince con i gol di Vittoni e Pozzolini

Un bel CG Sanson passa anche a Brusson VAL D’AYAS CG SANSON

0 (0) 2 (2)

MARCATORI: 23’ pt rig. Vittoni; 27’ pt Pozzolini. VAL D’AYAS (3-5-2): Prola, Favre E. (Vastarini), Martignene (Favre S.), Chasseur, Panetto, Gens, Nicco, Ansermé, Artaz, Sarteur, Bosonin. All.: Luppi. CG SANSON (3-5-2): D’Ambrosio, Adriano, Soldano, Giorgi, Bagnasco, Pozzolini, Manenti (Belmonte), Guedoz (Haddouche), Vitto-

ni, Cetara, Perotti (Marchetto). All.: Barzagli. ARBITRO: Magagna di Biella. ESPULSO: 40’ pt Vittoni. AMMONITI: Adriano, Haddouche, Cetara, Bosonin. BRUSSON - Prosegue il magic moment del CG Sanson che espugna anche il terreno di gioco del Val d’Ayas e rimane in vetta alla classifica a punteggio pieno dopo quattro giornate. Nell’anticipo di sabato sera la squa-

dra di Federico Barzagli ha chiuso i conti nel primo tempo e, seppur in inferiorità numerica per quasi 50’, ha contenuto con ordine i tentativi di rimonta dei padroni di casa nella ripresa. Il match si sblocca al 23’ grazie ad un rigore che Vittoni trasforma; passano 4’ e il CG Sanson mette in ghiaccio la gara con la rete del 2-0 di Pozzolini. Al 40’ viene espulso per doppia ammonizio-

ne Vittoni, ma nonostante l’uomo in più il Val d’Ayas non riesce ad andare oltre a due traverse colpite, la prima da Sarteur e la seconda da Artaz. «Una buona gara e una vittoria meritata - afferma a fine gara mister Barzagli - anche se sinceramente il rigore è stato generoso. Sono contento del secondo tempo della squadra, in quanto non abbiamo mai sofferto in inferiorità numerica».

Nicolò Vittoni

Nadir Artaz

Delusione nelle parole di Alberto Luppi: «E’ girato tutto male - spiega il trainer -. Il rigore concesso con troppa facilità ha spezzato il nostro buon ritmo iniziale ed

il secondo gol dopo soli quatro minuti ci ha tagliato le gambe. Nella ripresa poi le due traverse ci hanno impedito di riaprire la partita». ■ ale.ro.

■ 3ª CATEGORIA / La corazzata di Frassy regala un cappotto ai cugini castiglionesi

Lo Champdepraz ingrana la sesta CHAMPDEPRAZ CHATILLON

6 (4) 0 (0)

MARCATORI: 5’ pt Calvi; 15’ pt e 27’ pt Miassot; 22’ pt Ceseracciu; 21’ st rig.Treu; 26’ st Melada. CHAMPDEPRAZ (3-5-2): Prelaz, Balme (Baldi), Borettaz, Santangelo, Cuoghi, Calvi (Valerio Miassot), Melada (Apetre),Yoccoz, Ceseracciu, Rollet, Erik Miassot (Treu). All.: Frassy. CHATILLON (4-4-2): Soni, Samaali (Richard Ribera), Bushaj, Arapi,

Mazzotta, Zecca (Napoli), Di Palo (Toselli), Gianotti, Sottini (Vargiu), Mabchour (Giovannelli), Oliveira (Piperata). All.: Natalino. ARBITRO: Lattanzio di Collegno. ESPULSO: 20’ st Soni. AMMONITO: Bushaj. CHAMPDEPRAZ - Prima dimostrazione di forza della corazzata Champdepraz, che dopo due gare in sordina (vittoria di misura ad Aosta e pareggio in extremis contro lo Sporting) schianta lo Châtillon con un perentorio

Simone Melada

6-0. I padroni di casa partono fortissimo e al 5’ mettono già il muso avanti: punizione di Melada dalla destra, Calvi di punta anticipa tutti e sblocca il risultato. Il vantaggio non placa la voglia dei locali, che continuano a macinare gioco e al quarto d’ora raddoppiano con un pallonetto di Eric Miassot. Nemmeno dieci giri di lancette e Ceseracciu cala il tris sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Il 4-0 arriva prima del ripo-

Raffaele Piperata

so ed è un gioiello di Eric Miassot, che di tacco devìa in fondo al sacco un traversone di Melada. Nella ripresa continua a grandinare sullo Châtillon: al 21’ Soni stende Treu in area, rigore ed espulsione, con lo stesso giocatore che batte in neoentrato Piperata. In chiusura c’è ancora spazio per il 6-0 di Melada, per un rigore tirato alto da Ceseracciu e per due grandi parate di Piperata su Apetre. ■ r.g.

3ª CATEGORIA

3ª CATEGORIA

3ª CATEGORIA

Perrone su rigore acchiappa il Montjovet

Lo Junior Salassa si impone a Chambave

Il CGC Aosta piega nel finale la Rivarese

SPORTING ISSOGNE MONTJOVET

2 (1) 2 (1)

CHAMBAVE JUNIOR SALASSA

1 (0) 4 (2)

CGC AOSTA RIVARESE

4 (1) 2 (0)

MARCATORI: 10’ pt Pavia; 44’ pt Cheraz; 40’ st Matteo Spalla; 49’ st rig. Perrone. SPORTING ISSOGNE (3-5-2): Marchesi, Juglair (Cheraz), Solari, Tessaur, Fichera, Giansetto, Perrone, Borettaz, Godio, Cauteruccio, Marinucci (Miope). All.: Ferrari. MONTJOVET (4-3-3): Cerquetti, Luca Spalla, Cestari (Marco Gamba), Dalle, Lo Piccolo (Portè), D’Amico, Matteo Spalla, Bertoldo, Pavia (De Muro), Nordera (Foti), Maneglia (Lantermo). All.: Bozzetti. ARBITRO: André Charles di Aosta. ESPULSO: 49’ st Marco Gamba. AMMONITI: Cestari, Bertoldo, Cauteruccio e Perrone.

MARCATORI: 17’ pt Gagliardi; 26’ pt Masili; 8’ st Billeci; 15’ st Amoroso; 29’ st Masili. CHAMBAVE (3-4-1-2): Palma, Cominelli,Voce (Vidiri), Matteo Elos, Capano (Fary), Pivot, Ferreira Coutinho (Sarteur), Castiglione, Amato, Carta (Amoroso), Contardo (Albanese). All.: Tosetto. JUNIOR SALASSA (4-4-2): Trione, Peradonto (Vailero), Bietto, Gatto, De Simone, Masili (Bartolini), Alessandro Verre (Maretta), Sapia, Gagliardi (Billeci), Rharbal, Ferrara (Federico Verre). All.: Mariconda. ARBITRO: Alex Charles di Aosta. ESPULSO: 32’ st Cominelli (foto). AMMONITO: Masili e Rharbal.

MARCATORI: 17’ pt De Ceglie; 6’ st Borgia; 11’ st Trocino; 14’ st Ousman; 36’ st Nigra; 40’ st Pellegrino. CGC AOSTA (4-5-1): Colosimo, Martina, Trocino, Tarea, Addario, Podio (Nigra), Fisanotti, Ferrino (Raco), Pellegrino, Carena, De Ceglie. All.: Alì. RIVARESE (4-4-2): Taraglio, Aimonino, Renato Marino, Balmane, D’Errico, Sciarrone (Cortello), Turano, D’Introno (Grosso), Ousman, Borgia, Chakir. All.: Marino. ARBITRO: Costantino di Ivrea. ESPULSI: Turano e Aimonino. AMMONITI: Sciarrone, Turano, Carena e Ferrino.

Un rigore (molto contestato dagli ospiti per una dubbia trattenuta di Marco Gamba su Godio) trasformato da Perrone (foto) in pieno recupero ha permesso allo Sporting di acciuffare il Montjovet. Nel primo tempo Cheraz aveva risposto a Pavia, poi in apertura di ripresa aveva segnato Matteo Spalla.

Brutta battuta d’arresto interna dello Chambave. I canavesani volano sul 2-0 con due ficcanti contropiede, nella ripresa i locali si svegliano colpiscono una traversa con Cominelli, si vedono annullare un gol ad Amato, ma Billeci fa il 3-0. Nel finale Amoroso riduce le distanze, ma Masili segna il definitivo 4-1.

Prima vittoria stagionale del CGC Aosta, che piega 4-2 la Rivarese. Vantaggio bianconero di De Ceglie, poi nella ripresa succede di tutto. Borgia pareggia, Trocino fa 2-1, De Ceglie calcia fuori un rigore e Ousman pareggia. Il CGC non molla e vola sul 4-2 con Nigra e Pellegrino (foto).


56

lunedì 7 ottobre 2013

La concessionaria

per la Valle d’Aosta

AUTORIPARAZIONI

ONI

GIACHINO presenta

NUOVO PORTER E PORTER MAXXI Diesel o benzina Trazione integrale inseribile

CON RIDOTTE

Vi aspettiamo per una prova su strada... Saint-christophe (AO) 7, loc. Grande Charriere tel. 0165 42207

GI


S P E C I A L E C L AU D E S P O RT

lunedì 7 ottobre 2013

57

■ SERIE A / Nella divisione inferiore la sfida tra retrocesse va al G7 Team Café St-Anselme

Piaggio Giachino e Nipponly a braccetto AOSTA - Seconda giornata che permette a due squadre di mantenersi in vetta a punteggio pieno in A1: sia la Concessionaria Piaggio Giachino, sia il Nipponly si aggiudicano la seconda vittoria consecutiva. Vona & C. si sbarazzano facilmente del Bar San Carlo con i gol del bomber ex Aymavilles, la doppietta di Chatrian e la segnatura di Girardi per il 5-2 finale; risponde presente anche il Nipponly che regola a sua volta una neo promossa, il Solarspot, con i gol di Zorzi, Tacchella e Salvadori. Anche la terza neo promossa, ossia il Gelati Algida, non riesce a portare a casa punti cedendo il sentito ‘derby’ con la Trattoria Aldente, che riesce a impor-

Andrea Cortese

Luca D’Agostino

si per 3-2 al termine di una bella sfida, agonisticamente valida e correttissima. Sono i gol di Borgia, Napoli e Gamalero a regalare i tre punti ai ‘ristoratori’, mentre per i ‘gelatai’ sono andati a segno con due grandi conclusioni Nicoletta e Brunetti. Nelle restanti due sfide importante suc-

cesso dell’IAR, che supera per 3-1 la Technos Medica grazie alla doppietta di Passerat, mentre la Caldarelli stoppa i campioni in carica del CB Costruzioni, imponendogli il 3-3 finale, nel quale si è messo in particolare evidenza Bardhoku con una doppietta. In A2 l’attenzio-

ne era rivolta alla sfida fra neo retrocesse Erbavoglio e G7 Team Café St-Anselme, con questi ultimi che si sono imposti con un perentorio 6-0 che non ammette repliche; a fare la voce grossa Trèves con la una tripletta. Restano a punteggio pieno anche il Pellissier Helicopter, che mette ko il Pub Beautiful per 3-1, e la mina vagante Pizzeria Le Vieux Bourg, che vince per 5-2 sull’Oriental Bambù grazie alla doppietta di Fanny e i gol di Dosso, Mangiardi e Agostino. Da segnalare, infine, le vittorie anche di VTV Viaggi e del Bar Agip Angelini Costruzioni, che conquistano così i primi punti stagionali. ■ c.r.

■ SERIE B / In B2 La Thuile e Valcolor a punteggio pieno

Cobola Serramenti ne fa 8 all’esordio stagionale

Diego Aprea

son Vive grazie ai gol di Ciobanu e Garatti. Nell’ultima categoria, ossia la C2, un solo pareggio, quello conseguito dall’Aia s.a.s. contro l’Alpistrutture: ai gol di Arecco (2), Spinella e Amato ha risposto lo scatenato Rudda. che ha scagliato per ben quattro volte il pallone in rete. Resta sola al comando a 6 punti la Locanda Place Moulin che grazie ai gol di Venturini, Vaudan, Rizzotto e Bionaz regola per 4-2 il Lumar. Vittorie per 4-3 del Pesa Carpenterie sul Legno Arredo Centro Viman e del Vama Antincendio Aosta sul Camelliti Costruzioni, tra le cui fila si è messo in bella evidenza Rao, autore di un

tris. Infine rotondo 4-0, quello ottenuto da L’Artigiana idraulica Nus sul Nex impianti elettrici, grazie ai gol di Macori, Filippella e Fanti. ■ r.b.

Luca Susanna

alcuna chance al Break House che è stato battuto per 8-0 grazie alle triplette di Borinatto e Cecchetto e alla doppietta di Caliano. La Ferramenta Peretto, invece, ha dovuto faticare non poco per avere la meglio della Buvette Courmayeur, alla quale non è bastata la doppietta di Trionte; Marino, Trieste e D’Amico hanno firmato i gol del 3-2 finale. Nelle restanti sfide di giornata nette vittorie per l’Impresa edile Giovinazzo-St-Nicolas per 7-2, con doppiette di Sucquet e Arseni, e per la Banca Carige-Fides con i gol di Pison, Boccaleri, Gallo e Chuc. Infine pareggio per 1-1 fra Mda Edil e Mai-

Graziano Giordano

AOSTA - In B1 la copertina va certamente alla roboante vittoria del Cobola Serramenti che asfalta per 8-0 la malcapitata Pizzeria Ristorante Il Tripoli: nella festa del gol si sono messi in luce soprattutto Chabloz e Viviani, autori rispettivamente di un tris e di una doppietta, mentre segnano il loro nome sul tabellino anche Raso e Airaudi. Sale a quota 8 in classifica marcatori Marco Cabraz della Vinosteria Antirouille, dato che insacca altri tre palloni alle spalle del portiere dell’Impresa edile F.lli Macrì, consentendo ai suoi di imporsi per 6-3 mantenendosi a punteggio pieno; così come l’Impresa Ligato che regola per 5-3 il Querio Paolo-Papagrand ed il B.E Impianti-Netphone, che si impone per 2-1 sul Caffé Quotidiano-Tecnocasa con i gol di Aprea e Jorrioz. Nell’ultima sfida di giornata bel successo del Motor Café sul Pe-

SERIE A1

SERIE A2

SERIE B1

SERIE B2

SERIE C1

■ SERIE C / Nella categoria inferiore resiste a punteggio pieno soltanto la Locanda Lac Place Moulin

F.C. Calia e Ferramenta Peretto in vetta AOSTA - Anche in serie C1 ci sono appaiate in testa due squadre a quota 6 punti: l’F.C. Calia e la Ferramenta Peretto. In questo turno il Calia ha dato spettacolo non lasciando

Squadra

P.ti

CONC. PIAGGIO GIACHINO NIPPONLY I.A.R. CB COSTRUZIONI SOLARSPOT ALDENTE TRATTORIA CALDARELLI ASS. GELATI ALGIDA TECHNOS MEDICA BAR CARLO COURMAYEUR C.S. AYMAVILLES ASD VALDOSTANA

6 6 4 4 3 3 2 0 0 0 0

G 2 2 2 2 2 2 2 2 1 2 1

Partite V N 2 0 2 0 1 1 1 1 1 0 1 0 0 2 0 0 0 0 0 0 0 0

Squadra

P 0 0 0 0 1 1 0 2 1 2 1

G7 TEAM CAFE’ ST-ANSELME PIZZERIA LE VIEUX BOURG PELLISSIER HELICOPTER VTV VIAGGI IMPRESA EDILE BREDY-DEVOIX BAR AGIP - ANGELINI COSTR. ERBAVOGLIO PUB BEAUTIFUL ORIENTAL BAMBU’ VALSER SERRAMENTI DECORART - KRUDER

SERIE A1 Aldente Trattoria Italiana

3

Technos Medica 1 Marcatori: 2 Passerat, Filippetto (I); Felicetti (T). Ammoniti: Contino (I). Bar Carlo Courmayeur

2

Concessionaria Piaggio Giachino 5 Marcatori: Chiodo R., Corongiu (B); 2 Vona, 2 Chatrian, Girardi (C). Solarspot

1

Nipponly 3 Marcatori: Gottardelli (S); Tacchella, Zorzi, Salvadori (N). Ammoniti: Gottardelli, Verthuy J. (S); Chabod (N). Caldarelli assicurazioni

6 6 6 3 3 3 3 0 0 0 0

G 2 2 2 1 1 2 2 2 2 2 2

Partite V N 2 0 2 0 2 0 1 0 1 0 1 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0

Squadra

P 0 0 0 0 0 1 1 2 2 2 2

3

CB Costruzioni 3 Marcatori: Cappellari, Veronesi, Bataillon (Ca); 2 Bardhoku, Sterrantino (Cb). Ammoniti: Giovetti (Ca); Rainero (Cb).

Pub Beautiful

4

Valser serramenti 2 Marcatori: 2 Alessi, Marcgese, Fabbri (B); Chatrian, Thiebat (V). Ammoniti: Fabbri (B). Pizzeria Le Vieux Bourg

5

Oriental Bambù 2 Marcatori: 2 Fanny, Dosso, Agostino, Mangiardi (P); De Lio, Trento (O). G7 Team Café St-Anselme

6

Erbavoglio 0 Marcatori: 3 Treves, Savioz, Grimod, Porcu (G). Decorart - Kruder

G 2 2 2 2 1 2 2 2 1 2 2

Partite V N 2 0 2 0 2 0 1 1 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0

P 0 0 0 0 0 1 1 2 1 2 2

SERIE B1 1

Pellissier Helicopter 3 Marcatori: Amato (Pu); Furfaro, Ienaro, Benvenuto (Pe). Ammoniti: La Face, Tripepi, Cattarinussi (Pu). Bar Agip - Angelini Costruzioni

P.ti

IMPRESA LIGATO 6 VINOSTERIA ANTIROUILLE 6 B.E IMPIANTI - NETPHONE 6 MOTOR CAFE’ 4 COBOLA SERRAMENTI 3 PEPE E SALE 3 QUERIO PAOLO - PAPAGRAND 1 CAFFE’ QUOTIDIANO - TECNOCASA 0 OPEN ANTINFORTUNISTICA 0 IMPRESA EDILE F.LLI MACRI’ 0 PIZZERIA RIST. IL TRIPOLI 0

SERIE A2 3

Gelati Algida 2 Marcatori: Borgia, Napoli, Gamalero (A); Nicoletta, Brunetti (G). Ammoniti: Napoli (A); Borrello, Brunetti (G). Institut Agricole Régional

P.ti

2

VTV Viaggi 4 Marcatori: Borgese, Mammoliti (D); Curcuruto S., Tripodi, Masoni, Cordeddu (V). Ammoniti: Mammoliti, Fonte, Carere (D); Gagliano (V). Espulsi: Borgese (D).

B.E Impianti - Netphone

0

Cobola serramenti 8 Marcatori: 3 Chabloz, 2 Viviani, Raso, Airaudi S., aut. Boero (C). Impresa edile F.lli Macrì

3

Vinosteria Antirouille 6 Marcatori: 2 Ricciardello, Melloni (I); 3 Cabraz, Cairo, Simao Cardoso, Tagite Millet (V). Ammoniti: Ghidinelli, Tagite Millet (V). Querio Paolo - Papagrand

3

Impresa Ligato 5 Marcatori: 2 Tumiatti, Marconi (Q); 2 Filice, Amortoae, Sociu, Ligato (I). Pepe e Sale

P.ti

LA THUILE CARTER & BENSON 6 VALCOLOR 6 SERDOZ ASCENSORI OLD DIST. 3 CHEZ DRINK BIRRA MENABREA 3 PIZZERIA IL CAPRICCIO - BAR RUITOR 3 AGRICENTER JACQUEMOD 2 AVIS DONATORI ST-PIERRE 2 F.IM.EL. IMPIANTI ELETTRICI 1 CANNATA’ DISCOUNT - ZAZY’S PUB 1 SUPERMERCATI CHATRIAN 0 CARROZZERIA ALPINA - GLI INUSUALI 0

G 2 2 1 2 2 2 2 2 2 1 2

Partite V N 2 0 2 0 1 0 1 0 1 0 0 2 0 2 0 1 0 1 0 0 0 0

Squadra

P 0 0 0 1 1 0 0 1 1 1 2

0

Motor Café 3 Marcatori: Lucchini, Moretto, Kowalski (M). Ammoniti: Novel (P); Kowalski (M). Espulsi: Moretto (M).

Agricenter Jacquemod

Supermercati Chatrian 2

5

Pizzeria Il Capriccio - Bar Ruitor 6 Marcatori: 2 Chamonin, Ghidoni, Berard, aut. Chetreanu (C); 4 De Lorenzis, Tripodi, Zerbo (P). Ammoniti: Massarenti, Minniti (C); Sorace Di., Sorace S. (P). 3

Avis donatori St-Pierre 3 Marcatori: Laface,Vierin, Filippone D. (F); Giri, Tripodi, Trione (A). Ammoniti: Maulu (A). La Thuile Carter & Benson

Break House

Partite V N 2 0 2 0 1 1 1 0 1 0 1 0 0 1 0 1 0 1 0 0 0 0

SERIE C2 Squadra

P 0 0 0 1 1 1 0 0 1 2 2

5

Carrozzeria Alpina - Gli iNUSuali 3 Marcatori: 2 Jacquemod M., 2 Jacquemod A., Boche (L); 2 Fazari, Lillaz (C).

1

3

La Buvette Courmayeur 2 Marcatori: Marino, D’Amico, Trieste A. (F); 2 Trionte (L). Ammoniti: Piccolo, Gobbo (L). Impresa edile Giovinazzo - St-Nicolas 7 Corsi ortofrutticoli - Leone Rosso 2 Marcatori: 2 Sucquet, 2 Arseni, Sirianni, Giovinazzo, Nebiolo M. (I); Barbacetto, Bova (C). Ammoniti: Minniti (C). Bar osteria Lo Peyo

G 2 2 2 2 2 2 2 2 1 2 1

Partite V N 2 0 1 1 1 1 1 1 1 0 1 0 1 0 0 1 0 0 0 0 0 0

P 0 0 0 0 1 1 1 1 1 2 1

SERIE C2 0

Maison Vive 1 Marcatori: Ciobanu Pe. (Md); Garatti L. (Ma). Ferramenta Peretto

P.ti

LOCANDA LAC PLACE MOULIN 6 L’ARTIGIANA IDRAULICA NUS 4 AIA S.A.S. 4 ALPISTRUTTURE 4 LEGNO ARREDO - CENTRO VIMAN 3 PESA CARPENTERIE 3 VAMA ANTINCENDIO AOSTA 3 LUMAR MACCHINE PER CAFFE’ 1 SLOT CAFE’ 0 CAMELLITI COSTRUZIONI 0 NEX IMPIANTI ELETTRICI 0

F.C. Calia 8 Marcatori: 3 Borinatto M., 3 Cecchetto, 2 Caliano (F). Ammoniti: Timpano, Macrì Ant., Condello (B); Caliano (F). Mda Edil

Valcolor 3 Marcatori: Candiloro, Marjolet (S); 2 Macrì, Seminara (V). Ammoniti: Serradura, Marjolet (S); Macrì, Seminara (V). Espulsi: Mainetti, Serradura (S); Barmasse, Seminara (V).

F.im.el. Impianti elettrici

G 2 2 2 2 2 2 1 1 2 2 2

Domenico Sorace

SERIE C1 3

Cannatà discount - Zazy’s Pub 3 Marcatori: 2 Dilallo, Jacquemod M. (A); Abbate, Lungu, Massaroni (C). Ammoniti: Laino (A); Abbate, Beltramelli, Scarpone, D’Auge (C).

Chez Drink - Birra Menabrea

P.ti

F.C. CALIA 6 FERRAMENTA PERETTO 6 MDA EDIL 4 LA BUVETTE COURMAYEUR 3 IMPRESA EDILE GIOVINAZZO - ST-NICOLAS 3 BANCA CARIGE - FIDES 3 AVALANCHE GUARD 1 MAISON VIVE 1 BAR OSTERIA LO PEYO 1 CORSI ORTOFRUTTICOLI - LEONE ROSSO 0 BREAK HOUSE 0

SERIE B2 2

Caffé Quotidiano - Tecnocasa 1 Marcatori: Aprea, Jorrioz (B); Torello (C). Pizzeria ristorante Il Tripoli

Squadra

pe e Sale per 3-0. In B2 solo due squadre salgono a quota 6 e sono il La Thuile Carter & Benson e la Valcolor: i primi battono per 5-3 la Carrozzeria Alpina-Gli iNUSuali per 5-3 grazie alle doppiette di Mattia e André Jacquemod, mentre i secondi hanno la meglio del Supermercati Chatrian per 3-2 al termine di un match comunque troppo nervoso, come testimoniano le quattro espulsioni decise dagli arbitri. Per i capolisti, comunque, in gol sono andati Macrì (2) e Seminara. Nelle restanti sfide due pareggi per 3-3 fra Agricenter Jacquemod-Cannatà Discount Zazy’s Pub e F.im. el.-Avis donatori St-Pierre, mentre la Pizzeria il Capriccio-Bar Ruitor fa sua la sfida con lo Chez Drink-Birra Menabrea per 6-5 grazie soprattutto al poker di De Lorenzis. ■ r.b.

1

Banca Carige - Fides 5 Marcatori: Gorizia (Bo); 2 Pison, Boccaleri, Gallo, Chuc (Bc).

Vama Antincendio Aosta

4

Camelliti costruzioni 3 Marcatori: Muscatelli, Danieli L., Amato, Comè L. (V); 3 Rao G. (C). Ammoniti: Amato (V); Lanzo A., Rao G. (C). Nex impianti elettrici

0

L’Artigiana idraulica Nus 4 Marcatori: 2 Macori, Filippella, Fanti (L). Aia s.a.s.

4

Alpistrutture 4 Marcatori: 2 Arecco A., Spinella, Amato (Ai); 4 Rudda (Al). Ammoniti: Burac (Al). Espulsi: Evolandro (Ai) Pesa Carpenterie

4

Legno arredo - Centro Viman 3 Marcatori: 2 Lattanzi, Zanin M., Zanin J. (P); Cilione, Minniti, Mileto (L). Ammoniti: Fazari D., Cilione (L). Lumar macchine per caffé

2

Locanda Lac Place Moulin 4 Marcatori: Cairo, Bertotto L. (Lu); Venturini, Vaudan G., Rizzotto, Bionaz (Lo). Ammoniti: (Lu); (Lo).


C A L C I O G I OVA N I L E

58

lunedì 7 ottobre 2013

■ JR REGIONALE / L’Aygre passa a Brandizzo e rimane prima, vince il P.D.H.A., pari dello Charva

Aquile: blitz per volare alto AOSTA - Fine settimana decisamente positivo per le valdostane. L’Aygreville è passata 2-1 anche a Brandizzo, rimanendo in vetta assieme a Rivarolese e Sportiva Nolese. Le Aquile aprono le danze al 10’ con uno splendido sinistro da fuori area di Zerbo, poi vanno vicine al raddoppio in più di una occasione con lo stesso mancino numero 10 e con Carpentieri nel primo tempo, seguito nella ripresa da Gorraz, Luboz e ancora Carpentieri. Così il Brandizzo al 20’ della ripresa pareggia, con un tiro da fuori che sfrutta un errato disimpegno della difesa valligiana. Al 35’, però, Gritti ruba palla sulla destra, resiste a due cariche, centra per Scalise, il quale deposita in fondo al sacco per il 2-1 finale. Sfida vietata ai deboli di cuore tra P.D.H.A. e Mathi Lanzese, con i locali che hanno vinto 43 un match che a inizio ripresa sembrava perso. Onore al

merito della squadra di mister Giraudo, insomma, che dopo essere pervenuta al pareggio con Chiavenuto al 18’, è stata costretta a incassare un doppio svantaggio a causa delle reti subite da Soffietti al 24’ e da Lenti al 5’ della ripresa. Azzeccato il cambio di Bevilacqua per Rosina, i padroni di casa sono

BRANDIZZO AYGREVILLE

1 (0) 2 (1)

MARCATORI: 10’ pt Zerbo, 20’ st Modafferi, 35’ st Scalise. AYGREVILLE (4-3-3): Imperial, Rollet (15’ st Gritti), Puglisi, Ferrarese, Zimara (21’ pt Berthod), Gorraz, Carpentieri (37’ st Del Col), Thomain, Hafidi, Zerbo (10’ st Luboz), Scalise. All.: Mercanti. ARBITRO: Bui di Nichelino. AMMONITI: Luboz, Modafferi, Vieni.

clamorosamente riemersi dalle sabbie mobili nel giro di un quarto d’ora, per merito delle marcature del subentrato Bevilacqua al 19’ e ancora di Chiavenuto al 34’. Quando il 33 sembrava ormai pronto a essere mandato in archivio, ecco il rigore realizzato ancora da Bevilacqua, a fissare il risulta-

CHARVENSOD IVREA

2 (1) 2 (1)

MARCATORI: 2’ pt Blanchietti, 30’ pt Ricciardello, 2’ st Soster, 24’ st Chiono. CHARVENSOD (4-3-3): Fornaro, Chiono (Zuccolotto),Vuillermoz, Rollandin, Sangineto, Franceschelli, Cordì (Christille), Guglielmetti (Valenti), Ricciardello, Framarin, Di Clemente (Lucianaz). All.: Montrosset. ARBITRO: Charles di Aosta. AMMONITI: Cordì, Guglielmetti, Gurioli, Cau.

to finale sul 4-3 interno. Passando allo Charvensod, al Guido Saba di Plan Félinaz i ragazzi di mister Montrosset hanno impattato 2-2 al cospetto di un Ivrea che ha trovato le sue due reti proprio in avvio delle due frazioni di gioco, a testimonianza del fatto che i valdostani si sono fatti sorprendere nei

primi minuti fuori dagli spogliatoi. Dopo il vantaggio esterno firmato da Blanchietti, lo Charva ha pareggiato al 30’ con Ricciardello, che non sbaglia a tu per tu col portiere ospite. Nuovamente sotto (gol di Soster), i padroni di casa riescono a riacciuffare il pareggio al 24’ della ripresa con Chiono, bravo a concludere nel migliore dei modi una grande discesa sulla destra di Lucianaz. ■ r.g.

Ferderico Scalse (Aygreville)

Alessandro Chiono (Charvensod)

Radu Dumitroae (P.D.H.A.)

Michel Lucia

Francesco Vinzio

Davide Donanzan

da che si invola sulla fascia, si accentra, e fulmina Bottan a fil di palo. Al 25’ arriva il tris. Gastaldo salta il diretto avversario, si ritrova a tu per tu con Bottan e non si fa pregare chiudendo il match.

al 20’, impattano con Sferrazza, bravo a trovare la rete su punizione. Il CGC Aosta si sblocca e trova il raddoppio quattro minuti più tardi, grazie a Boccia che sfrutta nel migliore dei modi una ripartenza. Il copione si ripete al 27’, ma questa volta è Vinzio l’attore protagonista che realizza il tris. Sul doppio vantaggio, gli aostani arretrano un po’ il baricentro e a due minuti dal triplice fischio finale permettono agli ospiti di riaprire il match, ancora con Cesarco, freddo dagli undici metri. La maginot bianconera, però, regge e i tre punti vanno

in cassaforte. Crolla tra le mura amiche, invece, il Saint-Vincent Châtillon, che incassa tre reti tutte nel secondo tempo. Il Bollengo Albiano va vicino al gol già nel primo tempo con Givogre, ma la svolta arriva all’8’ della ripresa, quando Brunet viene espulso per un fallo di mano in area; dal dischetto Scarlatta non sbaglia. Il raddoppio ospite arriva al 29’ con Stomboli che insacca direttamente da calcio di punizione. Il StVincent Châtillon non riesce a rialzarsi e Rotundo chiude i conti con un’azione in solitaria. ■ al.bi.

P.D.H.A. MATHI LANZESE

4 (1) 3 (2)

MARCATORI: 5’ pt rig. e 24’ pt Soffietti, 18’ pt e 34’ st Chiavenuto, 5’ st Lenti, 19’ e 46’ st rig. Bevilacqua. P.D.H.A. (4-4-2): Trocino, Careglio, Rosina (Bevilacqua), Rolland (Stanganello), D’Imperio, Sirigu, Longis, Dumitroae, Ruggeri (Oliviero), Ficarra, Chiavenuto. All.: Giraudo. ARBITRO: Cavallero di Ivrea. AMMONITI: D’Imperio, Dumitroae, Stanganello, Cotto, Masangui.

■ JR PROVINCIALE / Al Quinci il quasi-derby con i Red Devils

Il CGC Aosta piega La Romanese Tracollo interno del St-Vincent Châtillon con il Bollengo QUINCI.TAVA. RED DEVILS

3 (1) 0 (0)

MARCATORI: 4’ pt Mordenti; 15’ st Spada; 25’ st Gastaldo. QUINCI.TAVA. (4-4-2): Bove, Fassini (Natale), Iachi, Amedeo Fasero,

S.V.C. BOLLENGO A.

0 (0) 3 (0)

MARCATORI: 9’ st rig. Scarlatta; 29’ st Stomboli; 42’ st Rotundo. ST-VINCENT CHATILLON (3-52): Lucchetti, Manna, Bocca, Semia (Cramarossa), Brunet, Picciariello, Romeo, Badiluzzo (Lucia), Olivari (Oggiani),Vaccaro (Cerise), Vuillermoz. All.: Pirana. ARBITRO: Centrella di Ivrea. ESPULSO: 8’ st Brunet. AMMONITI: Romeo, Badiluzzo, Oggiani.

Peretto (D’Agosto), Mordenti (Spada), Franchino (Carrera), Cavoretto, Mazzei, Aimo Boot, Gastaldo (Rizzi). All.: Bonacci. RED DEVILS (4-4-2): Bottan,Trentaz (30’ st Dragos), Scali, Gaioni, Russiano, Enrico, Donazzan, Rotundo, Bonin, Chenal, Cojocariu. All.: Nicchia.

CGC AOSTA LA ROMANESE

3 (0) 2 (0)

MARCATORI: 10’ st e 43’ st rig. Cesarco; 20’ st Sferrazza; 24’ st Boccia; 27’ st Vinzio. CGC AOSTA (4-3-1-2): Marrari, Marco Scopacasa, Mangeruga, Monteleone (Furru),Trombatore (Vierin), Avoyer (Stevenin), Nigra, Lupi (Palermo),Vinzio, Sferrazza (Giulio Scopacasa), Boccia. All.: Jans. ARBITRO: Charles di Aosta. AMMONITI: Nigra e Marco Scopacasa.

ARBITRO: Savoca di Aosta. AMMONITI: Russiano, Rotundo, aimo Boot, Fassini e Gastaldo. NOTE: al 25’ st allontanato dalla panchina il mister ospite Nicchia per proteste. QUINCINETTO - Niente da fare per i Red Devils nel derby “di vicinato” con il Quinci.Tava. I padroni di casa non fanno sconti e passano in vantaggio già al 4’, con Mordenti che sblocca il match risolvendo in mischia un’azione da calcio d’angolo. I Red Devils non riescono a pungere e, anzi, rischiano il secondo gol al passivo, ma Bove calcia alto un rigore concesso per fallo di mano della barriera su punizione del Quinci.Tava. dal limite. Il raddoppio canavesano è solo rimandato e arriva al 15’ della ripresa, con Spa-

Le altre partite Prima vittoria stagionale per il CGC Aosta, che si scorda la giovane età e fa secca la più esperta La Romanese. Dopo un primo tempo senza troppe emozioni, la ripresa si apre con lo squillo degli ospiti, che passano in vantaggio al 10’ grazie alla rete di Cesarco. I ragazzi di Jans non ci stanno e,

■ LE PARTITE DI MERCOLEDI’ / Tra gli Allievi il VdA piega il Quinci, l’Evançon si fa beffare dall’Ivrea

FIORI D’ARANCIO

Lo Charva ‘98 inchioda sul pari l’Aygre AOSTA - Match scoppiettanti nel turno infrasettimanale dei campionati giovanili, che mercoledì hanno vissuto la quarta giornata. Cominciamo dagli Allievi, dove il Vallée d’Aoste ha compiuto un altro passo verso il passaggio del turno, superando 2-0 (a segno Giordano e Boussik) il Quinci.Tava. Ancora una beffa allo scadere per l’Evançon, battuto 5-4 (4-4 soltanto nei primi 40’) dall’Ivrea; agli orange di Vallomy non sono bastati i gol di Bruni, Rousc, Engaz e Pinet. Nulla da fare per la C.M. Grand Paradis, travolta 7-0 sul terreno del La Chivasso. Il derby piemontese tra Rivarolese e Real Canavese si è chiuso sull’1-1. E’ finito senza vincitori né vinti il big match del campionato Allievi fascia B, con Charvensod ed Aygreville che hanno impattato

Davide Scalise

Alex Samueli

2-2: per i locali doppietta di Macrì, per gli ospiti reti di Scalise e Boverod. Divisione della posta anche nell’altro derby di giornata, quello tra CGC Aosta ed Evançon, terminato 3-3 con le marcature di Glassier (doppietta), Usel (per gli aostani), Candian, Comandù e Lefhal (per i ragazzi della bassa Valle). Torna a sorridere il St-Vincent Châtillon, che ha battuto 5-4 l’Ivrea grazie alla doppietta di Racca e ai gol

di Treves, Casella e Servidio. Il Settimo Vittone, infine, si è imposto 7-0 a casa della Romanese. Nel campionato Giovanissimi è quasi totalmente saltato il fattore campo, con il solo Charvensod capace di fare punti sul campo amico. I rossoneri di Macrì hanno superato al Guido Saba 3-2 l’Ivrea trascinati da una tripletta dello scatenato Caminiti. Blitz esterni di Pont Donnaz Hône Arnad (3-0

a casa della C.M. Grand Paradis con reti di Fantini, Angelo e Cuomo), Vallée d’Aoste (3-0 a Roisan contro il Grand Combin per merito della doppietta di Martini e dell’acuto di Bosonin) e Aosta Calcio 511 (1-0 nella tana dell’Evançon grazie al solito Gos). Aggancio in vetta, nel torneo dei Giovanissimi fascia B, con il Fenusma che, superando 7-0 il CGC Aosta (doppietta di Cardella e centri di Arieta, Meggiolaro, Quispe, Giuramento e Triglia), hanno raggiunto l’Aygreville, fermata sullo 0-0 dall’Evançon. Secondo successo consecutivo dell’Aosta Calcio 511, che ha regolato 3-0 il Bollengo Albiano con i gol di Chabod, Tesauro e Belley. Un guizzo di Samueli ha regalato al Grand Combin il derby con la C.M. Grand Paradis. ■ r.g.

Giornata di festa in casa St-Vincent Châtillon: sabato il presidente Luca Bertuletti si è sposato con Marcella Mantova. Ai novelli sposi gli auguri di giocatori, allenatori e dirigenti, ai quali si aggiungono quelli della redazione sportiva di Gazzetta Matin.


c a l c i o g i ova n i l e

lunedì 7 ottobre 2013

59

■ tabellini / Il dettaglio delle partite giocate questa settimana da Pulcini ed Esordienti

Jacopo Fimiano vendemmia PULCINI A 6 MERCOLEDI’

CGC AOSTA COURMAYEUR

AYGREVILLE: Dattola, Benvenuto, Zanat, Panetta, Lesto, Perrin, Ponsetti, Ferrarese, Cannatà, Quaranta, Rao, Mammoliti, Boffetti. All.: Neu e Verde.

0 3

ESORDIENTI A 9

PARZIALI: 1-2, 0-4, 0-1. MARCATORI: 3 Thierry Nobile; 2 Zanini; 1 Bertolotti, Broglio e Mosca. CGC AOSTA: Dessimo Davide, Dovigo, Pisani, Mosca Davide, Nola, Bulat, Dascalu, Dal Follo. All.: Medici. COURMAYEUR: Cedric Nobile, Bertolotti, Broglio,Thierry Nobile, Zanini, Gazzera, Casalenuovo, Cavallo. All.: Argese.

QUART GRAND COMBIN

PULCINI A 7 MERCOLEDI’ 0 3

PARZIALI: 0-2, 0-3, 0-3. MARCATORI: 5 Canonico; 1 Milani, Najam e Scala. C.M. GRAND PARADIS: Kiram, Berengan, Lodi, Fazio, Buglio, Veronesi, Florio, Gianchini, Piccolo. All.: Gobbo. CGC AOSTA: Bazzano, Najam, La Rosa, Ciccarese,Viscariello, Milani, Canonico, Scala, Catalano, Affortunato. All.: Merlicco.

COURMAYEUR VERRES

0 3

PARZIALI: 2-4, 0-1, 1-2. MARCATORI: 4 Machmachi; 3 Manca; 2 Macinato; 1 Perruquet, Gazzera e Carrel. COURMAYEUR: Chatel, Borrelli, Belfrond, Cerminara, Perruquet, Gazzera, Carrel, Rosas, Cristofaro, Dal Molin, Blanchet. All.: Bozzetto. VERRES: Cortese, Jeantet, Francisco, Belkhiri, Alvarez, Joly, Muratore, Machmachi, Manca, Macinato. All.: Pinet.

PULCINI A 5 SABATO AYGREVILLE CHARVENSOD

2 2

PARZIALI: 4-3, 0-0, 1-2. MARCATORI: 3 Cuc; 2 Franceschi e Lucianaz; 1 Salvi, Benvenuto e Chianese. AYGREVILLE: Borre, Rossi, Cuc, Benvenuto, Chianese, Mendez, Palmas, Nastasi, El Kayat, Franceschini. All.: Marchesano e Bastia. CHARVENSOD: Maruca, Anania, Denic, Salvi, Corselli, Lucianaz, Franceschi. All.: Manfrin.

C.M. GRAND PARADIS A AOSTA GLV

2 2

PARZIALI: 2-2, 0-1, 2-0. MARCATORI: 2Tommaso Gobbo; 1 Monegato, Betemps, Gagliardi, Carretta, El Ouatassi. C.M. GRAND PARADIS A: Thomas Testolin, Carretta, Fico, El Ouatassi,Tommaso Gobbo, Romania,Verna, Herman Testolin, Siriani. All.: Robert Gobbo. AOSTA GLV: Monegato, Iurlaro, Betemps, Gagliardi, Orfano. All.: Luberto.

GRAND COMBIN C.M. GRAND PARADIS B

1 2

PARZIALI: 2-0, 0-4, 0-3. MARCATORI: 4 Boussik; 1 Rao, Cerise, Giangrasso, Luboz e Villano. GRAND COMBIN: Riva Rivot,Tesoro, Rao, Cerise, Scapin,Verducci, Carvalho, Bionaz, Guiot-Pin. All.: Macori. C.M. GRAND PARADIS B: Francesco Distrotti, Benaim, Gastaldo, Rey, Difrancescantonio, Giangrasso, Saudin, Luboz,Villano, Boussik. All.: Riccardo Distrotti e Marco Gastaldo.

EVANCON S.V.C.

3 0

PARZIALI: 4-1, 4-0, 6-0. MARCATORI: 4 Carrel e Grizzi; 2 Melis, Challancin e Ruggeri; 1 Porceillon. EVANCON: Ciottarello, Ruggeri, Challancin, Melis, Iachi, Carrel, Grizzi. All.: Tonino.

3 1

PARZIALI: 0-0, 2-0, 2-0. MARCATORI: 2 Podio; 1 Bosonin e Piccolo. AOSTA CALCIO 511: Berthod, Bisson, Pellissier, Battilani, Borraccino, Podio, Ciavorella, Ribiero, Bosonin, Piccolo, Giovinazzo, Sirianni. All.: Mazzotta. GRAND COMBIN: Diemoz, Uroni, Noyer, Ceccon, Cottin, Salvoldi, Cerise, Foretier, Bredy,Tamone,Vallet. All.: Erculiani.

3 0

PARZIALI: 3-0, 2-0, 3-0. MARCATORI: 4 Moro; 3 Budroni; 1 Rollet. QUART: Blua, Rollet, Desandré, Chentre, Rey, Ronco, Budroni, Moro, Sinigaglia. All.: Savasta. GRAND COMBIN: Betemps,Verducci, Nex, Colombino, Cecchellero, Mecugni, Fussambri, Picciau, Valentina Carrozza. All.: Viglino.

C.M. GRAND PARADIS CGC AOSTA

AOSTA CALCIO 511 GRAND COMBIN

C.M. GRAND PARADIS AYGREVILLE Gli Esordienti a 11 del Centro Giovani Calciatori Aosta

ST-VINCENT CHATILLON: Corsi, Zocco,Tasri, Lavevaz, Perrin, Spalla, Juglair, Porceillon, Rollandin, Doldo, Messelod, Fey Besenval. All.: Fusero.

CGC AOSTA B FENUSMA

1 3

PARZIALI: 1-2, 2-2, 2-5. MARCATORI: 5 Pieiller; 3 Tercinod e Bich; 1 Esquisito, Cintori e Presti. CGC AOSTA B: Cakaj, Cintori, Bich, Presti, Mantione, Addario, Armenghi, Silarbi. All.: Monti. FENUSMA: Pandolfi,Thédy, Pieiller, Esquisito,Tercinod, Calia. All.: Favre.

VERRES P.D.H.A.

3 3

PARZIALI: 2-2, 1-1, 1-1. MARCATORI: 2 Broglia e Alessio Bordet; 1 Ricchiello, Bosonin, Magro e Follioley. VERRES: Vuillemoz, Ricchiello, BenYoussef, Broglia, Di Bene, Bosonin, Pinet, Janin. All.: Memoli. PONT DONNAZ HONE ARNAD: Lazzarin, Biazzetti, Francesca Crivellaro, Cristina Follioley, Alessio Bordet, Girod, Magro, Pramotton, Savin. All.: Mauro Bordet.

PULCINI A 6 SABATO AYGREVILLE CHARVENSOD

1 2

PARZIALI: 1-4, 0-1, 3-1. MARCATORI: 4 Gullone; 2 Zanardi; 1 Cotrone, Mammoliti,Vescio e Cutano. AYGREVILLE: Bosonin, Adamo, Vallet, Raffa, Cao, Foriglio, Nicolò Zoppo, Mammoliti, Zanardi, Cotrone, Borney, Ceriolo. All.: Samuele Zoppo. CHARVENSOD: Giacomo Rinato, Grande, Giuseppe Rinato,Vescio, Gullone, Barletta, Scordamaglia, Cutano, Mathiou, Bonazzi. All.: Zenti.

CGC AOSTA C.M. GRAND PARADIS A

2 2

PARZIALI: 2-1, 0-3, 0-0. MARCATORI: 3 Puppi; 2 Cantele; 1 Perrier. CGC AOSTA: Ansermin, Cantele, Carlotto, Cartalemi, Nigra, Scali, Soldano, Cannatà, Brunelli, Dessimone. All.: Di Vito. C.M. GRAND PARADIS A: Latini, Manzone, Loka, Bonfanti, Sedda, Anglesio, Perrier, Puppi, Billotti. All.: Spiga.

C.M. GRAND PARADIS B EVANCON A

2 1

PARZIALI: 2-4, 1-0, 9-1. MARCATORI: 7 Jacopo Fimiano; 4 La Pica; 2 Florio; 1 D’Angelo, Lorenzo Bidese, Nicolò Fimiano e Calliera. C.M. GRAND PARADIS B: Chabloz, Ronc, Lorenzo Bidese, Jacopo Fimiano, Florio, Pellissier, Nicolò Fimiano, D’Angelo. All.: Roberto Bidese. EVANCON A: Mortara, La Pica, Calliera, Lo Porto, Bianco, Jellouli, Camosso. All.: Vinante.

FENUSMA EVANCON B

3 1

PARZIALI: 1-1, 2-1, 3-1. MARCATORI: 3 Choukairi; 2 Fazari e Nicod; 1 Mattioli e autogol. FENUSMA: Guichardaz, Chuc, Choukairi, Dalla Palma, Attak, Ravasegna, Pisano, Rean, Fazari, Sveica. All.: Bottani.

EVANCON B: Cout, Dalle, Mattioli, Frachey, Nicod, Péaquin. All.: Melis.

S.V.C. P.D.H.A.

3 0

PARZIALI: 2-0, 2-1, 1-0. MARCATORI: 2 Collin; 1 Hérin, Durante, Neyvoz eYoccoz. ST-VINCENT CHATILLON:Treves, Muraca, Cornaz, Ducly,Viérin, Hérin, Silvestro, Collin, Neyvoz, Gaglione, Durante, Pramotton,Trucco. All.: Romano. PONT DONNAZ HONE ARNAD: Kriki, Belkhiri, Bosonin, Boulkhoukh, Correia, Dirmi, Ferrari, Rolfini,Yoccoz, Zola. All.: Morgani.

PULCINI A 7 SABATO AOSTA CALCIO 511 FENUSMA

3 0

PARZIALI: 3-0, 1-0, 4-0. MARCATORI: 3 Lanièce, 2 Martinod; 1 Campagnolo, Iamonte e autogol. AOSTA CALCIO 511: Magro, Martinod,Tarchoun, Clermont, Iamonte, Lanièce, Campagnolo, Xhaferi, Chabod. All.: Volpone. FENUSMA: Perron, Regazzoni,Visinoni, Ottolenghi, Ottomanelli, Pieiller, Racchio, Orru, Agostino, Giancotta. All.: Rudda.

EVANCON CGC AOSTA

2 1

PARZIALI: 2-1, 3-1, 1-2. MARCATORI: 3 Canonico; 2 Vergano e Christille; 1 El Khayat, Ruggeri e Valleise. EVANCON: Azzaz,Valleise, Ludovico Chiumello, Grizzi, Bottoni,Vigna Lasina, Christille, Ruggeri, Scali,Vergano. All.: Fabio Chiumello. CGC AOSTA: Gorziglia, Polignone, Pession, Savioz,Tamone, Bilel, Usel, Canonico, Milani, Del Pero, El Khayat. All.: Ayassi.

GRAND COMBIN S.V.C.

2 3

PARZIALI: 0-0, 0-0, 1-3. MARCATORI: 1 Loic Proment, Lo Faro, Roncali e Donato. GRAND COMBIN: Ricci, Florian Luca, Elton Luca, Bianquin, Guerrisi, Cedric Proment, Bin, Cerva, Asero, Loic Proment, Davisod. All.: Danna e Florio. ST-VINCENT CHATILLON: Artaz, Ciurca, Dimitrov, Doci, Donato, Lo Faro, Péaquin, Roncali, AndréVallet, DanielVallet, Zani, Filippo Zurzolo, Nicolò Zurzolo. All.: Pisani.

P.D.H.A. VERRES

1 3

PARZIALI: 0-0, 1-2, 1-2. MARCATORI: 1 Alvarez Llauger, Bede, Macinato, Manca, Muratore, Romei. PONT DONNAZ HONE ARNAD: Rampin, Ammoni, Arvat, Bastrentaz, Barra, Bede, Bottan, Cresto, Gamba, Alessandro Niosi, Pitti, Romei. All.: Maurizio Niosi. VERRES: Droghese, Alvarez LLauger, Belkhiri, Bevilacqua, Benincasa, Casadei, Machmachi, Macinato, Muratore, Manca. All.: Pinet.

CHARVENSOD AYGREVILLE

1 3

PARZIALI: 0-1, 0-0, 0-3. MARCATORI: 1 Ferrarese, Quaranta, Ponsetti e Cannatà. CHARVENSOD: Hassani, Figliuzzi, Catalano, Lanzo, Bonatti, Giordano, Maruca, Pozza, Fazari, Diaconu, Laino, Monteleone, Haddad, Boche, Corselli, Giannattasio. All.: Framarin.

3 1

PARZIALI: 1-0, 3-0, 0-0. MARCATORI: 1 Girotti, Monteleone, Etienne Boniface e Bethaz. C.M. GRAND PARADIS: Benvenuto, Billotti, Blanc, Boemio, Iannino, Jocallaz, Laarussi, Lika, Mariano, Melidona, Perrier, Ronc, Rosset,Vagneur,Vitale. All.: Morabito. AYGREVILLE: Mugione, Emile Boniface, Etienne Boniface, Raffa, Scaletta, Coquillard,Viérin, Bethaz, Berthod, Adorni, Girotti, Monteleone, Bozzetto, Alessandro. All.: Nieroz.

S.V.C. QUART

3 0

PARZIALI: 2-0, 3-0, 7-2. MARCATORI: 4 Petey; 2 Todaro, Lombardini e Lombard; 1 Lunardi, Barone, Caponetti e Riga. ST-VINCENT CHATILLON: Juglair, Barone, Stevanoni, Casella, Silvestro, Iacono, Joyeusaz, Rade, Petey, Lombardini,Todaro, Stabile, Fichera, Lunardi, Gaspard, Cerise, Lombard. All.: Iacobucci. QUART: Riga, Cerise, Ricca, Rossi, Rovere, Andrea Bionaz, Caponetti, Bosonin, Giada Bionaz, Pegorotto, Barbara Chellini. All.: Rezzaro.

ESORDIENTI A 11 EVANCON CHARVENSOD

1 3

PARZIALI: 0-0, 1-3, 0-1. MARCATORI: 2 Ciammaichella; 1 Jellouli, Rollet e Caminiti. EVANCON: Glarey, D’Herin D., Foy,Ventrice E., Pinet,Teani, Brunod, Jellouli, Saladino, Nassiri, D’Herin E., Novallet, Comparetto,Ventrice C., Da Ros, Sirigu, Gal, Girodo. All.: Pernice. CHARVENSOD: Antonin S., Bennati, Fazari D., De Fazio, Antonin L., Rollet, Ceriani, Berger, Fazari S., Gerard, Jorrioz, Padula, Mitic, Ciammaichella, Camminiti. All.: Bravi.

FENUSMA CGC AOSTA

3 2

PARZIALI: 1-1, 1-1, 2-0. MARCATORI: 2 Cecchi; 1 Ortu, Sorcelli, Scattolin, Giovinazzo. FENUSMA: Bencardino N., Ortu, Belloli, Bencardino M., Pascarella S., De Marco, Esquisito, Brancazi, Cecchi, Sorcelli, Donato, Addaurhe, Berthet, Spalla, Gilio, Enriod. All.: Pascarella. CGC AOSTA: Frassy, Dovigo,Tripodi, Presti, Rarhai, Milleret, Medici, Scattolin,Tedesco, Mazza,Vighetti, Aloisi, Camelliti, Curtaz, Giovinazzo, Mirabello, Colomba, Comé, Mosca. All.: Carere.

QUART AYGREVILLE

0 3

PARZIALI: 0-1, 0-1, 0-1. MARCATORI: 1 Gentili, Jeantet e Laffranc. QUART: Chaussod, Barone, Baratta, Charrier, Rossi, Bianquin, Marzo, Chenal, Cheli, Norbiato, Addario, Merivot. All.: Maietti. AYGREVILLE: Borney, Cardo, Raso, D’Abrusco, Ierace, Ferrari, Gentili, Jeantet, Laffranc, Cavallero, Conforto, Buschino, Mantega, Saluard, Ravelli, Mammoliti, Alamia, Mascaro. All.: Milani.

VERRES AOSTA CALCIO 511

1 3

PARZIALI: 0-6, 1-1, 0-2. MARCATORI: 3 Arlian; 1 Marchese, Belley,Viot, Chabod, Saracino, Grange e Sorvillo. VERRES: Francisco, Cominelli,Vitello, Mancuso, Cristina, Benali, Mascaro, Giovenzi,Thiébat, Singh, Marchesi, Howlader, Ricchiello, Sorvillo. All.: Mercurio. AOSTA CALCIO 511: Fachin, Pettinari, Macrì, Munier, Pesa, Marchese, Bisi, Grange, Belley, Giovinazzo, Ignoti, Gagliardi, Viot, Saracino, Chabod, Arlian. All.: Volpone.


c a l c i o g i ova n i l e

60

lunedì 7 ottobre 2013

■ allievi fascia b / Grande rimonta del S.V.C.; l’Evançon cala il poker

L’Aygreville chiude il set AYGREVILLE CGC AOSTA

6 (2) 1 (0)

MARCATORI: 10’ pt e 19’ st Poletti; 36’ pt Telesforo; 3’ st e 9’ st Boverod; 33’ st Glarey; 40’ st Sarteur. AYGREVILLE (4-4-2): Bianchi, Mameli (Mongino), Rizzi (Pieropan), Zadkovich (Argese), Florio, Gentili (Canonico), Glarey, Simone Telesforo, Poletti (Perrier), Boverod (Clusaz), Scalise. All.: Giovinazzo. CGC AOSTA (4-4-2): Panella, Vighetti, Harir, Gharred (Sarteur), Mattia Telesforo, Bosonin, Tufano (Tufano), Usel (Ambrosio), Glassier, Girod, Pronestì (Petitjacques). All.: Hattab. ARBITRO: Morra di Aosta. GRESSAN - Dopo le fatiche infrasettimanali nel derby con lo Charva, l’Aygreville si regala un sabato pomeriggio senza patemi e supera il CGC Aosta con un rotondo 6-1. Partita mai in bilico, con i padroni di ca-

sa che sbloccano il risultato al 10’ con Poletti e raddoppiano poco prima dell’intervallo con Simone Telesforo. Nella ripresa la musica non cambia e le Aquile completano il set con le realizzazioni di Poletti, Boverod (doppietta anche per

EVANCON LA ROMANESE

4 (2) 0 (0)

MARCATORI: 16’ pt Comandù; 29’ pt Daricou; 2’ st Lefhal; 36’ st Massari. EVANCON (4-4-2): Gheorghita (Lavorgna), Lorent, Meraglia, Daricou, Shaulli, Balbiano, Della Rosa (Chenuil), Massari, Lefhal, Vergano, Comandù. All.: Edifizi. ARBITRO: Vignolo di Aosta. NOTE: partita corretta, senza provvedimenti disciplinari da parte dell’arbitro.

lui) e Glarey. In chiusura l’orgoglio della formazione di Hattab viene premiato dal gol di Sarteur. Vince ancora il St-Vincent Châtillon, che espugna il campo del Settimo Vittone al termine di un match vietato ai deboli di cuore. I

SETTIMO VITTONE S.V.C.

2 (1) 3 (0)

MARCATORI: 15’ pt Yon; 10’ st Perito; 31’ pt e 39’ st Racca; 36’ st Treves. ST-VINCENT CHATILLON (35-2): Buha, Pusceddu, Pilloni, Alessandro Servidio, Caresio, Casella, Zingarelli (Marrari), Zublena, Racca, Treves, Luca Servidio (Brscic). All.: Chirico. ARBITRO: Boria di Ivrea. AMMONITI: Racca e Luca Servidio.

canavesani passano in vantaggio al quarto d’ora con un centro di Cristiano Yon, uno dei valdostani presenti in rosa. Al 10’ della ripresa il Settimo raddoppia con Perito e la partita sembra finita, ma il finale è tutto termale. Racca accorcia le distanze, Treves pareggia al termine di una spettacolare azione personale e, proprio all’ultimo minuto, ancora Racca firma di prepotenza il punto del sorpasso. Bella vittoria, infine, dell’Evançon, che non ha lasciato scampo alla Romanese, travolta ben al di là del 4-0 sancito dal campo. Lorent e compagni hanno equamente diviso il bottino tra il primo e il secondo tempo, andando in rete con Comandù, Daricou, Lefhal e Massari. Tra i pali ha esordito il talentuoso rumeno Gheorghita. ■ r.g.

Riccardo Poletti

Matteo Racca

Xavier Massari

Daniele Sarteur

■ UNA SQUADRA ALLA VOLTA / Il gruppo si è formato nella passata stagione su iniziativa di Fenusma e St-Vincent Châtillon

Il contributo di tre società dietro ai ‘99 del Vallée d’Aoste Vincenzi: «I ragazzi hanno la cultura del lavoro»; Mazzocchi: «Importante l’esperienza con i ‘98 nazionali» Davide PELLEGRINO Inviato al Comunale nus - I Giovanissimi del Vallée d’Aoste sono il prototipo di quella collaborazione tra società che ogni estate viene sbandierata e poi, puntualmente, mai attuata. Il progetto che coinvolge questi giovani calciatori nati nel 1999 è nato nella tarda primavera del 2012 a seguito dell’accordo tra il Fenusma e l’allora Monte Cervino (diventato ora St-Vincent Châtillon). Prima dell’iscrizione al campionato, si è inserito anche il Vallée d’Aoste e il gruppo allora affidato a Karim Umlil poté partecipare al campionato regionale per le squadre professionistiche e le seconde squadre dilettantistiche. La collaborazione allargata ha dato buoni risultati e, così, è stata prorogata per un’altra stagione. Nome e colori sociali del Vallée d’Aoste, giocatori in comune tra le tre società, allenatore nuovo sempre di scuola Fenusma, dirigenti assortiti, campobase il Comunale di Nus. «Ho a disposizione un buon gruppo, l’unico limite è il numero ristretto, perché in totale siamo diciassette, ma non posso che essere sottisfatto e stimolato dall’esperienza che sto vivendo - spiega il tecnico Davide Vincenzi -.

I Giovanissimi del Vallée d’Aoste sono al comando del girone di qualificazione ai regionali

I ragazzi hanno già la cultura del lavoro e si danno parecchio da fare, hanno tanta voglia di imparare ancora e crescere. Sono convinto che insieme possiamo fare bene». Il tecnico passa quindi a parlare dei programmi che sta svolgendo: «A livello fisico, dopo una prima parte di fondo, stiamo puntando molto sulla velocità e sui cambi di ritmo. Durante l’al-

lenamento curiamo tanto la tecnica individuale, perché è uno degli aspetti più importanti a questa età. Dal punto di vista tattico, invece, stiamo affrontando il concetto di squadra, partendo dalla fase difensiva. Il sistema di gioco è il 4-4-2, quello più classico e più semplice per i giovani alle prime esperienze nei campionati ufficiali». Vincenzi si trova tra le mani

un gruppo che l’anno scorso ha disputato un campionato particolare, affrontando club professionistici titolati o seconde squadre dilettatistiche. «In effetti non hanno avuto mezze misure - aggiunge il mister -, o avevano di fronte corazzate o formazioni abbordabili. Quest’anno non conoscono i loro avversari attuali, ma questo non è un grosso problema,

perché a questa età vogliono vincere sempre e comunque. La stagione passata, per loro, avrebbe dovuto essere propedeutica al passaggio al campionato nazionale Giovanissimi, ma, purtroppo, la retrocessione della prima squadra ha precluso loro questa possibilità. Dobbiamo quindi riuscire a qualificarci per i regionali, in modo da dare comunque un po’ di continui-

■ jr nazionale / Una retroguardia non certo irreprensibile costa la prima sconfitta al VdA

Il Verbania approfitta degli errori difensivi granata VALLEE D’AOSTE VERBANIA

Alex Apparenza

3 (2) 6 (3)

MARCATORI: 6’ pt Rossitto; 8’ pt e 1’ st Murara; 14’ pt e 11’ st Apparenza; 19’ pt e 7’ st Zonca; 30’ pt e 3’ st Guandalini. VALLEE D’AOSTE (4-4-2): Passino, Angiulli, Boussik (Ghanmi), Fonte (Caccamo), Collé, Gamba, Belardo (Dayné), Apparenza, Gagliano, Bisi, Rossitto. All.: Giovetti. VERBANIA (4-4-2): Luciani, Fontana (Odini), Silvestri, Rubertà, Salvo (Progni), Murara,Valci, Zanni, Zon-

ca (Pederzani), Guandalini, Bartolini. All.: Sena. ARBITRI: Zanolini di Biella. ST-CHRISTOPHE - Festival del gol, quello andato in scena sabato pomeriggio al comunale di Saint-Christophe tra Vallée d’Aoste e Verbania. 6-3 il risultato finale in favore dei piemontesi, un punteggio tennistico che testimonia come entrambi gli attacchi abbiano avuto buon gioco al cospetto di due reparti difensivi sicuramente da registrare. Pronti via, e l’altalena di emozioni può avere inzio: partono su-

bito meglio i padroni di casa di mister Giovetti, già avanti al 6’ grazie a Rossitto. Passano 2’ e il Verbania perviene al pareggio per merito di Murara, nonostante al 14’ siano nuovamente i granata a scappare avanti, questa volta grazie ad Apparenza, scaltro nel liberarsi in area e nel battere l’estremo difensore ospite Luciani. Da qui in poi è stato un autentico assolo ospite, con l’organico di Sena capace - dopo il momentaneo pareggio al 19’ firmato da Zonca - di andare a segno in rapida suc-

cessione con Guandalini (al 30’ pt e al 3’ st), ancora Murara (1’ st) e Zonca (7’ st). A rendere meno amara la sconfitta, all’11’ della ripresa, ci ha pensato ancora Apparenza, che scagliando la palla in fondo al sacco (per lui doppietta personale) ha fatto scorrere i titoli di coda sulla partita. Assente bomber Schirru, convocato in prima squadra, il Verbania ha comunque potuto contare sul talento di Guandalini, già autore di sei reti stagionali ■ pa.ba.

tà al percorso di crescita che hanno intrapreso nel 2012. Se giochi a un livello alto, e sei attrezzato, hai la possibilità di migliorare di più. Credo che gli avversari più duri siano Aygreville e P.D.H.A., ma dovremo stare attenti anche all’Evançon». A coprire le spalle alla squadra ci sono le manone di Alessandro Juglair, portiere che ha già un notevole physique du rôle. «Speriamo di fare un bel campionato, qualificandoci per i regionali - spiega la saracinesca granata -. L’esperienza dell’anno scorso ci sta aiutando. Personalmente sono sicuro di me, anche se so che devo migliorare nell’uno contro uno». Davanti a Juglair, al centro della linea difensiva, c’è Mattia Uda: «Nella difesa a quattro mi trovo bene. Vogliamo andare ai regionali, le due rivali più temibili sono Aygreville e P.D.H.A.». Uno dei finalizzatori del lavoro della squadra è Emanuele Mazzocchi. «Spero di fare una quindicina di gol - prova a sbilanciarsi il puntero che ha come mito Leo Messi -. Mi piace fare la seconda punta, andare incontro al compagno e aprire il gioco. Sono mancino, ma ho imparato a usare anche il destro per essere più imprevedibile. L’anno scorso ho giocato tutta la stagione con i ‘98 nel campionato nazionale ed è stata una grande esperienza, nella quale ho capito l’importanza del lavoro fisico, del coprire la palla e far salire la squadra e di come curare la fase difensiva da attaccante». La rosa PORTIERI: Alessandro Juglair e Alberto Casale Brunet. DIFENSORI: André Podio, Marc Brunod, Edoardo Grimaldi, Marco Paolini, Albert Grange, Mattia Uda. CENTROCAMPISTI: Nicolò Martini, Christian Paolini, Alessandro Ramires, Raphael Bosonin, Mika Pastore, Andrea Magro. ATTACCANTI: Emanuele Mazzocchi, Lorenzo Valente, Anwar Errati.


C A L C I O G I OVA N I L E

lunedì 7 ottobre 2013

61

■ allievi / Battuta 5-0 la C.M. Grand Paradis; l’Evançon si arrende al Banchette

Il VdA completa la cinquina C.M. GRAND PARADIS VALLEE D’AOSTE

0 (0) 5 (3)

MARCATORI: 1’ pt e 21’ pt rig. Campagnolo; 31’ pt Zisa; 12’ st e 14’ st Dakhlaoui. C.M. GRAND PARADIS (4-4-2): Di Turo, Blanc, Cerise, Noto, Piccot (Brunet), Di Caprio, Fiou (Bertone), Arizio, Azdini (Spiga), Barbuto, Lorche. All.: Malacrinò. VALLEE D’AOSTE (4-2-3-1):Vietti (Juglair), Bionaz (Betemps), Bonel, Bosonin (Carlotto), Udali, Giordano, Dakhlaoui, Frison (Mammoliti), Rossi, Zisa, Campagnolo (Riccardi). All.: Telesforo. ARBITRO: Fiori di Aosta. AMMONITI: Rossi, Carlotto e Noto. AYMAVILLES - Il Vallée d’Ao-

ste cambia modulo e la nuova disposizione tattica esalta i suoi tenori offensivi, che schiantano 5-0 la C.M. Grand Paradis, scesa in campo senza alcuna intenzione di vestire i pan-

Andrea Campagnolo

ni dell’agnello destinato al patibolo. Luciano Telesforo, per risolvere i problemi in zona-gol, punta sul 4-2-3-1, mettendo i fantasisti Frison, Dakhlaoui e Zisa alle spalle dell’unica punta

Thomas Piccot

Campagnolo. Il sistema di gioco funziona e al 1’ proprio il terminale offensivo dei granata sblocca il match. Passano 20’ e lo stesso Campagnolo raddoppia trasformando con freddez-

Andrea Pinet

za un penalty. Subito dopo la mezz’ora Zisa si inventa un eurogol e firma il 3-0 che, di fatto, chiude il match con una cinquantina di minuti di anticipo. Nella ripresa sale in cattedrà Dakhlaoui, che sull’esterno fa malissimo ai cugini e con una doppietta nello spazio di due giri di lancette fissa il risultato conclusivo sul 5-0. Ancora una sconfitta di misura, invece, per l’Evançon, superato 3-2 dal Banchette. Botta e risposta iniziale tra Bonadero e Pinet, quindi i canavesani scappano con gli acuti di Trombetta e Maccioni. Nella ripresa ancora Pinet riduce le di-

stanze, ma il Banchette rischia poco o nulla e porta a casa i tre punti. ■ r.g.

EVANCON BANCHETTE

2 (1) 3 (3)

MARCATORI: 7’ pt Bonadero; 10’ pt e 33’ st Pinet; 21’ pt Trombetta; 30’ pt Maccioni. EVANCON (4-4-2): Nolly, Bich (Collura), Buschino (Bosonin), Coccato, Noro, Ferraris, Duguet (Engaz), Pinet, Mileto (Harkane), Bruni (Vuillermin), Rousc. All.: Vallomy. ARBITRO: Cauzo di Aosta. AMMONITI: Servidio, Pinet eVuillermin.

■ giovanissimi / L’Evançon esce con un pari dal Crestella; vincono Aygre e VdA

Bianco e Martino frenano il P.D.H.A. P.D.H.A. EVANCON

1 (1) 1 (1)

MARCATORI: 8’ pt Cuomo; 27’ pt Martino. PONT DONNAZ HONE ARNAD (35-2): Ambrosio, Arena, Dametto, Palanca, Suozzo, Romei, Angelo, Dotelli,Torricelli (Sertoli), Fantini (Bastrentaz), Cuomo. All.: Perottino. EVANCON (4-3-1-2): Bianco, Colliard, Noro, Chodakowski, Francisco,

Stefano Bianco

Zinutti, D’Imperio, Ferrante, Veliu (D’Angelo), Petruolo (Girodo), Martino (Ferrero). All.: Gamba. ARBITRO: Dufour di Aosta. AMMONITI: Chodakowski e Zinutti. DONNAS - Un Evançon determinato non si piega al Pont Donnaz Hône Arnad e strappa un pari che potrebbe costare molto caro ai cugini in chiave qualificazione ai regionali. Il derby del Crestella si sblocca all’8’ per

Didier Barbieri

merito di Cuomo. I locali continuano ad attaccare e al 21’ Angelo costringe al fallo in area Colliard, ma Bianco si esalta e gli respinge il calcio di rigore. Il pericolo corso scuote gli ospiti, che al 27’ raggiungono il pareggio con Martino. Nella ripresa il P.D.H.A. continua ad attaccare e nel finale opera un forcing che, però, non produce risultati. Vittorie all’insegna della quaterna per le due prime della

Andrea Spataro

classe. Il VdA è passato subito in vantaggio con Mazzocchi, poi, fino al riposo, ha giocato meglio la C.M. Grand Paradis, che, però, non è riuscita a pareggiare e nella ripresa i granata hanno preso il largo con la doppietta di Errati e la rete di Martini. L’Aygreville, contro l’Aosta Calcio 511, si è portata sul 2-0 grazie a Zanat e Raso;

IVREA GRAND COMBIN

9 (4) 2 (0)

MARCATORI: 4 Andrea Barbieri; 2 Sajeva; 1 Didier Barbieri, Slama, Maggio, Filetti, Bertolino. GRAND COMBIN (4-4-2): David, Erculiani, DiVito, Aloisi (Slama), Palumbo, Didier Barbieri, Faslia, Jordan, Marguerettaz, Mirabello (Rosset), Lo Presti. All.: Corrado Babieri. ARBITRO: Giovannini di Ivrea. AMMONITO: Jordan.

nel secondo tempo Gos ha ridotto le distanze e per due volte i locali hanno sfiorato il pari, ma nel finale Spataro ha messo in ghiaccio la partita con due

VALLEE D’AOSTE 4 (1) C.M. GRAND PARADIS 0 (0) MARCATORI: 7’ pt Mazzocchi; 3’ st e 34’ st Errati; 21’ st Martini. VALLEE D’AOSTE (4-4-2): Juglair, Podio (Grange), Marco Paolini, Christian Paolini, Brunod, Uda, Martini (Magro), Ramires, Errati, Mazzocchi (Pastore), Bosonin (Grimaldi). All.: Vincenzi. C.M. GRAND PARADIS (4-4-2): Alberti,Thomain (Lazzaro), Boniface, Mascherona, Munari (Letizia Lauri), Lale Murix, Handragel,Vizzardelli (Clap), Celoria, Salandini, Nicolas Luboz. All.: Luciano Luboz. ARBITRO: Badiluzzo di Aosta. AMMONITO: Brunod.

gol. Nulla da fare, infine, per il Grand Combin, battuto 9-2 a casa dell’Ivrea: per i neroverdi a segno Barbieri e Slama. ■ r.g.

AOSTA CALCIO 511 AYGREVILLE

1 (0) 4 (2)

MARCATORI: 9’ pt Zanat; 34’ pt Raso; 4’ st Gos; 33’ st e 36’ st Spataro. AOSTA CALCIO 511 (4-4-2): Bogoni, Pandolfino, Di Maio (Leonardo Fea), Pajusco, Formento (Gragnano), Horr, Gos, Licordari, Avallone, Veronesi, Mocanu. All.: Gianluca Fea. AYGREVILLE (4-4-2): Biscardi, Grappein, Melchiorre, La Marra (Spataro), Moret, Boch, Zanat (Vassoney), Contu, Gullone, Cotrone (Bersano), Raso (Marchese). All.: Vallet. ARBITRO: Nguepi di Aosta. AMMONITI: Gullone e Horr.

■ GIOVANISSIMI FASCIA B / Il Grand Combin gioca, ma fa strada al Bollengo; l’Evançon passa sul campo della CM Grand Paradis

Fenusma e Aygreville ancora avanti a braccetto FENUSMA VALLEE D’AOSTE

3 (2) 1 (0)

MARCATORI: 15’ pt Martinet; 26’ pt Giuramento; 10’ st rig. Schito; 25’ st rig. Neyvoz. FENUSMA (4-4-2): Leone, Gaspard, Barmasse, Quispe, Labidi (Poletto),Triglia (Neyvoz), Forgione, Jacobucci (Natalino), Giuramento, Martinet, Cardella (Baudin), Arieta. All.: Statti. VALLEE D’AOSTE (4-4-2):Thomain, Platì, Negri, Jorrioz, Desandré (Desaymonet), Riviello, Zappia, Schito, Pellizzeri, Mammoliti, Cerise. All.: Belley. ARBITRO: Villeret Foyang Keuko di Aosta. AMMONITO: Negri. ST-CHRISTOPHE - Prezioso successo interno del Fenusma che continua a fare la voce

Lorenzo Giuramento

grossa in ottica qualificazione. I padroni di casa hanno in mano il pallino del gioco e concretizzano subito la superiorità al 15’, con Martinet che sfrutta un’indecisione della retroguardia del Vallée d’Aoste. Giuramento raddoppia dieci minuti più tardi e regala un riposo tranquillo. I granata, però, non ci stanno e al 10’ della ripresa accorciano le distanze con Schito, che trasforma un rigore fischiato per fallo su Jorrioz. Non è finita qui, perché il Fenusma spinge ancora e chiude i conti su rigore realizzato da Neyvoz.

su conclusione non irresistibile di Panizzi. Il discorso si chiude nella ripresa: uno-due fulminante al limite e Apparenza salta Asiatici e deposita in rete. Soffre, ma passa sul cam-

Cade nel finale di gara il Grand Combin, che tiene testa al Bollengo Albiano, ma

deve inchinarsi. Nell’equilibrato primo tempo, Pomat e Tamone non riescono a sfruttare due ghiotte occasioni. Nella ripresa il match rimane equilibrato, ma un intervento di Manes su un attaccante di casa lanciato a rete induce Stievano a fischiare il penalty, che De Santis non sbaglia. Non basta il mini assalto finale dei neroverdi: per ben due volte Christian Diemoz I si vede negare il pari. Tutto facile, invece, per l’Aygreville, che si prende il derby con il CGC Aosta. I ragazzi di Giovinazzo partono subito forte e al 5’ trovano il vantaggio, grazie a un missile di Rizzi da fuori area. Il raddoppio arriva al 13’, con Asiatici che si lascia sfuggire la sfera

Niko Schito

Federico Pomat

Valentin Mazzarello

Le altre partite

BOLLENGO A. GRAND COMBIN

1 (0) 0 (0)

MARCATORI: 20’ st rig. De Santis. GRAND COMBIN (4-2-3-1): Manes, Gasparini (Danese), Christian Diemoz I, Christian Diemoz II, Ceccon, Matteo Barrel, Chatrian, Consoli (Desandré), Pomat, Abram, Tamone (Ricci). All.: Grimod. ARBITRO: Stievano di Ivrea.

po della CM Grand Paradis l’Evançon, che va in vantaggio al 13’ con un gol di rapina di Roveyaz su azione da calcio d’angolo. Mazzariella fa bis centrando il secondo palo dal limite, prima che Borney accorci le distanze. Ancora Borney impatta a inizio ripresa, ma ci pensa Paris con una stupenda mezza rovesciata al volo a regalare tre punti d’oro ai suoi. ■ al.bi.

C.M. GRAND PARADIS 2 (1) EVANCON 3 (2) MARCATORI: 13’ pt Roveyaz; 21’ pt Mazzarello; 35’ pt e 2’ st Borney; 12’ st Paris. C.M. GRAND PARADIS (4-4-2): Pellissier, Jula, Lale Murix, Curcio, Vallet, Ronc, Piras (Laganà), Noto (Rostagno), Bovet (Cartagine), Fiou, Borney. All.: Masoni. EVANCON (4-4-2): Cuoghi,Todino (Luca Borettaz), Zeno, D’Agosto, Gramazio, Caridi, Girodo, Paris, Roveyaz (D’Herin),Troilo (Mazzei), Mazzarello. All.: Cramarossa. ARBITRO: Monteiro Fernandes di Aosta. AMMONITI: Roveyaz, Cuoghi, Piras e Ronc.

Gilbert Borney

AYGREVILLE CGC AOSTA

3 (2) 0 (0)

MARCATORI: 5’ pt Rizzi; 13’ pt Panizzi; 35’ st Apparenza. AYGREVILLE (4-1-4-1): Raniero, Lituana (Salvatori), Mongino, Mariano, Boccarella, Sheti (Chaib El Aine), Rizzi, Panizzi, Macrì (Spanò), Bastia (Bouamer), Scarfò (Apparenza). All.: Giovinazzo. CGC AOSTA (4-4-2): Asiatici, Merlicco, Macrì, Mafteuta (Marcoz), Affortunato, Scattolin (Fontana), Usel (Mirabello), Camelliti (Fabrizi), Amato, Avoyer, Ciavattone. All.: Bellissimo. ARBITRO: La Piana di Aosta.


PA L L AC A N E S T RO

62

lunedì 7 ottobre 2013

■ C REGIONALE / Un quarto parziale devastante regala l’overtime e i primi due punti

3ª giornata - Andata Fossano - Saluzzo ............58 - 54 Carmagnola - Kolbe .........69 - 74 Arona - Ciriè....................42 - 64 Torino - Serravalle .................n.p. Lettera 22 - Chivasso.............n.p. Il Canestro - Biella ...........55 - 73 Moretti Zero - College Borgo...64 - 63 Cuneo - Trecate ................73 - 66 Squadra P.ti Partite G V P

MORETTI ZERO 64 (58) (25) COLLEGE BASKET 63 (58) (30) dopo un tempo supplementare PARZIALI: 12-15, 13-15, 11-19, 22-9, 6-5. MORETTI ZERO: De Riccardis 7, Franzoso, Frassy 9, Chenal 17, Seminara, Cosentino 3, Padovani 8, Plati 2, Marsilio 18, Pietrini. Coach: Renna. COLLEGE BASKET BORGOMANERO: Facchin 6, Motti 5, Pilla 5, Merlo 3, Maioni 5, Cozzi 2, Giadini 17, Zanoli, Cressati n.e., Airaghi 2, Crusca 12, Scaglia 5. Coach: Di Cerbo. ARBITRO: Sarzano di Casale Monferrato e Negri di Valenza.

Alain MULLER Inviato al PalaMiozzi AOSTA - I sali, per favore. I tifosi si sono sentiti così, quasi esanimi per la tensione, dopo che la Moretti aveva condotto in porto una gara già persa, e piuttosto nettamente (a inizio dell’ultima frazione era sotto di tredici punti, dopo aver toccato anche il meno 19) e poi ricucita grazie a una remuntada insperata, suggellata dal 22-9 dell’ultimo quarto. Ma non era finita. Si andava al supplementare, in bilico fino all’ultimo secondo, che la Moretti girava a suo favore di un soffio, grazie al cuore e alla determinazione, peraltro alimentata da un Borgomanero che ha gettato un’occasione d’oro. Gli ospiti sono usciti dalla partita nell’ultimo quarto, segnando solo nove punti (tre nei primi sette minuti) e sbagliando l’indicibile. Un Borgomanero che si è retto su Giadini, unico elemento di spicco, e su alcuni sprazzi di Crusca: per il resto una squadra mediocre contro la quale non si poteva perdere. E invece la Moretti c’è andata vicino consegnandosi nei primi tre quarti, soprattutto il terzo, lasciando poche speranze al pubblico, sempre sparuto, del PalaMiozzi. Poi, lo scatto d’orgoglio e il blackout ospite hanno consentito il mezzo miracolo. Per resta-

re nella categoria, comunque, occorre altro, se si vince di misura con un avversario, come si diceva, mediocre. Onestà intellettuale vuole che si sottolineino le assenze per infortunio di Maglione e Gasperin, che, forse, avrebbero garantito maggiore agio, ma la fatica è apparsa evidente e poco rassicurante. Un dato: trenta la percentuale dei liberi. Da segnalare la prestazione d’eccezione di Marsilio che, oltre alla consueta generosità, ha trascinato i suoi e ha messo a segno le triple che hanno fatto la differenza. Già a fine primo quarto Borgomanero scappa con due bombe di Pilla e Motti, poi il pressing ordinato da coach Renna contiene il passivo. Nel secondo quarto Giadini colpisce da tre, ma gli risponde Padovani che, con Frassy, limita Borgomanero. Borgomanero che, però, dopo l’inter-

Grande prova per VIncenzo Marsilio

vallo lungo accelera e complici un fallo tecnico e un paio di canestri di Crusca, si porta sul 2539 a 8’ dalla sirena. Marsilio colpisce da tre, ma la Moretti concede rimbalzi e opportunità e quindi la partita svolta inesorabilmente verso gli ospiti. Nell’ultimo quarto, la svolta che non ti aspetti. Renna tenta il quintetto lungo con Plati play, Cosentino, Frassy, Chenal e Marsilio. E’ la scelta azzeccata. Chenal e Marsilio firmano la rimonta e iniziano a crederci, anche perché Borgomanero si carica di falli (finirà con mezza squadra fuori) e non segna, Giadini a parte. Poi, l’apnea del supplementare e, infine, l’urlo liberatorio. Vincenzo Marsilio è l’eroe della serata: «Ho fatto bene a tirare, mi sono preso le responsabilità. Raccogliamo i frutti del lavoro in allenamento, una vittoria che dà morale».

SERIE C GIRONE A

Moretti, è mezzo miracolo

Fossano Cuneo Kolbe Trecate Serravalle Biella Torino Carmagnola Saluzzo Ciriè Moretti Zero Chivasso College Borgo. Arona Il Canestro Lettera 22

6 6 6 4 4 4 4 2 2 2 2 2 0 0 0 0

3 3 3 3 2 3 2 3 3 3 3 2 3 3 3 2

3 3 3 2 2 2 2 1 1 1 1 1 0 0 0 0

0 0 0 1 0 1 0 2 2 2 2 1 3 3 3 2

Prossimo turno 4ª Giornata

Trecate - Lettera 22 .................... Saluzzo - Arona .......................... Chivasso - Il Canestro.................. Kolbe - Torino ............................. Serravalle - Moretti Zero ......... Biella - Carmagnola .................... Ciriè - Cuneo .............................. College Borgo. - Fossano .............

■ PROMOZIONE / Simone Blanc: «Il nuovo coach vanta un’esperienza che potrà essere molto preziosa»

Fristachi plasma l’Eteila: «Proviamo a migliorarci ancora» AOSTA - Una serata mite di inizio autunno accoglie l’Eteila che ha da qualche settimana ha iniziato la preparazione in vista del torneo di Promozione, che dovrebbe prendere il via a fine ottobre. Torna in panchina un tecnico che ha contribuito a fare la storia del basket valdostano, Roberto Fristachi. «L’anno scorso siamo arrivati alla finale dei play - spiega il caoch -, chiaro che sia difficile fare meglio. Posso dire che ci proveremo, proprio sulla scorta dell’esperienza passata». Al momento, i pronostici sono al buio, più che mai. «Sì, i gironi non sono ancora stati formati - continua Fristachi -. Sono state riaperte le iscrizioni per comporli. Che dire, cercheremo di fare il meglio possibile, di andare più lontano possibile, di più, al momento, non si può affermare». Pur in un

contesto ancora in divenire, non mancano i motivi di ottimismo: «Credo che la squadra sia equilibrata. A livello di ruoli, il reparto lunghi vede l’arrivo di Citti e Fracelio e direi che siamo messi bene anche con gli esterni. Investiremo sui giovani, che godranno di maggiore minutaggio: parlo dei ragazzi del ’95, ’96, anche qualcuno del ’97 si allenerà con la prima squadra. L’obbiettivo è il ricambio». Potrebbe essere l’anno della definitiva maturazione di Catalfamo, un giocatore che ci ha impressionato per la personalità e la versatilità, come play e come guardia. «Ha le potenzialità per emergere, indubbiamente», ammette il tecnico aostano. Ci raggiunge, prima di un test in famiglia volto a far riprendere confidenza con il basket giocato, Simone Blanc, realiz-

zatore principe e “sorvegliato speciale” delle difese avversarie: «Ritengo che l’Eteila abbia un buon organico, con un mix riuscito di giovani e giocatori più esperti. Vedo che i giovani hanno voglia di fare e c’è un bel gruppo. Possiamo anche contare sul cambio di coach. Intendiamoci, Pronesti ha lavorato benissimo e siamo stati bene con lui, ma Fristachi vanta un’esperienza che potrà risultare preziosa». Per finire, da ultima ma non ultima come dicono gli inglesi, la presidentessa, Stella Lippolis, che ci accoglie con la sua solita energia positiva e coinvolgente. «Per quanto riguarda la Promozione, avrei poco da dire, visto che i calendari ancora non sono noti, quindi non faccio pronostici. Mi piace però constatare l’entusiasmo dei ragazzi, giovani e meno giovani e li ringrazio

comunque per questo». Ma è il settore giovanile che, da sempre, sta particolarmente a cuore della presidente, quando ne parla le si illuminano gli occhi e l’eloquio si fa passionale e pieno. «Sto conoscendo grandi soddisfazioni con il minibasket, anche nella zona di Châtillon aggiunge Lippolis -, con una sessantina di bambini seguiti da un pool di istruttori giovani e capaci. E’ così che si fa vivere il basket. Non dimentico, poi, le nostre squadre under 13, 15 e 17. Esprimo il mio apprezzamento per l’accordo con il Monte Emilius, che sta andando a gonfie vele: qualcuno ha parlato di screzi, ma smentisco, si tratta di normali scambi di opinioni, sono contenta». Non manca qualche accenno di carattere generale su cosa significhi attualmente la gestione di una società

sportiva: «I costi sono elevati, le voci trasferte e palestra incidono significativamente». Un appello alla Federazione: «Le società devono versare una quota per i loro dirigenti, tutti volontari, non certo professionisti: forse dovrebbe essere il contrario, per premiare chi dedica il suo tempo libero a questo sport». ■ al.mu.

Simone Blanc

■ GIOVANILE / Enrico Pronesti pronto per il campionato Elite con l’Eteila Under 13

«Lavoro per formare i giocatori del futuro» AOSTA - La squadra più promettente del panorama cestistico della nostra regione è senza dubbio la formazione Under 13 dell’Eteila Basket, che è stata iscritta giustamente dai lungimiranti dirigenti della società aostana al campionato Elite, viste le norme attuali del ranking che regolano le ammissioni ai campionati giovanili che avrebbero precluso in futuro una partecipazione a tali tornei. La formazione aostana sarà diretta in panchina dal valido tecnico Enrico Pronesti, che sarà coadiuvato dall’assistente Daniel Rossi, reduce dalla partecipazione al corso per allievo allenatore a Ghemme. A sponsorizzare i giovani biancoblu sarà la DIGEL. Lo scorso anno i ragazzini di Enrico Pronesti hanno disputato un buon trofeo Esordienti competitivo, migliorando moltissimo tecnicamente nell’arco della stagione, culminata con la partecipazione agli Jamboree Provinciali e Regionali. Nella prima fase del campionato Under 13 Elite, la DIGEL è stata inserita nel girone C assieme a Grugliasco, Lettera 22 Ivrea, Cirié, Oasi Laura Vicuna Rivalta, San Mauro,

Rebabasket e Alter’ 82 Piossasco. L’esordio della DIGEL avrà luogo domenica 20 ottobre alle 11.30 tra le mura amiche del palaMiozzi dove arriverà il temibile Cirié, superato due volte di misura la scorsa stagione. Nella DIGEL sono confluiti diversi ragazzini provenienti dal Centro Minibasket di Châtillon gestito dall’istruttore Dennis Treves, che due volte settimanalmente sono trasportati ad Aosta con il pulmino della società Eteila, ottimo viatico per aumentare il raggio di reclutamento dei giovani atleti e sopperire alle carenze dei trasporti pubblici. Abbiamo chiesto al tecnico Enrico Pronesti quali saranno gli obiettivi per la prossima stagione: «Non mi pongo obiettivi di risultati, l’errore grave sarebbe di dare attese troppo grandi ai ragazzi e all’ambiente che gli sta intorno. I ragazzini devono vivere queste prime annate di settore giovanile con allegria, forza, impegno e tante altre piccole cose che sono fondamentali per la loro crescita cestistica e non. E come ultima cosa, ma non meno importante, non voglio dare loro come obiettivo principale quello di vincere a

tutti i costi, ma di vincere dimostrando di essere più bravi sotto tutti i punti di vista, per vincere a tutti i costi ci sono le prime squadre, se così si farà tutti insieme le vittorie arriveranno perché questo gruppo ha le potenzialità, e ripeto solo le potenzialità, per fare bene. L’obiettivo mio e del mio vice Daniel Rossi è di riuscire a dare a questi ragazzi più mezzi e basi tecniche possibili per riuscire a crescere e dare loro la possibilità di giocare in futuro laddove potranno fisicamente e mentalmente. Il traguardo che inseguo da allenatore e responsabile tecnico della società è di riuscire a creare dei giocatori autonomi in campo con più ragazzini possibili. Qui in Valle d’Aosta nessun allenatore si prende mai la briga di ammettere che i giocatori che sono incapaci di giocare a certi livelli, grosse responsabilità derivano da noi stessi perché non siamo riusciti a renderli tali. La cosa più facile che ci viene da dire è che non si allenano, che non hanno voglia, che l’avversario difende a zona a 13 anni, che i genitori sono la peggiore cosa. Senz’altro questi problemi esistono, ma così non pensiamo che quando

Il gruppo dell’Eteila Under 13 con coach Enrico Pronesti e la presidentessa Stella Lippolis

questi ragazzi vengono in palestra alla fine siamo noi allenatori che non diamo loro i mezzi per crescere o per incapacità nostre o perché rinunciamo a farlo davanti alle difficoltà». Sentendo queste sacrosante parole non posso nascondere che finalmente dopo tanti anni bui, la pallacanestro giovanile valdostano ha trovato un giovane allenatore con le idee chiare e con programmi tecnici seri per la sana crescita dei ragazzi, dopo anni d’improvvisazione. «Gioco a basket da cinque anni - spiega Matteo Paonessa, che il papà Fabio ha iniziato

anche al tennis -. Della pallacanestro apprezzo il fatto che è uno sport di squadra e che mi permette di confrontarmi con avversari che vengono da un’altra regione. Mi piace attaccare e provare a fare canestro. I miei giocatori preferiti sono Le Bron James e Kobe Briant». Anche il suo compagno di squadra Edoardo Silvestri, è alla quinta stagione, ma non è la sua unica passione. «Il basket è l’unico sport che pratico - afferma un altro fan di Kobe Briant -, ma nel tempo libero suono anche il violino. In campo mi piace difendere, perché è la fase di gioco

nella quale mi trovo meglio. Quest’anno affronteremo un campionato impegnativo, ma stiamo lavorando molto bene e speriamo di vincere tante partite». Il roster Davide Artuso, Giovanni Azzaroli, Henry Betral, Alessandro Borrione, Davide Chasseur, Jacopo De Gattis, Matteo Fiori, Simone Mimotti, Matteo Paonessa, Lorenzo Pardini, Alessandro Pezzoli, Alessandro Rollandin, Daniele Scattolin, Federico Schiavo, Edoardo Silvestri, Giovanni Sulis. ■ Gabriele Peloso


S P O RT VA R I

lunedì 7 ottobre 2013

63

■ ATLETICA / L’Allieva della Calvesi si migliora di 49/100 sul giro di pista con barriere, ma non basta per avere la meglio sulla Folorunso

Marchiando, gli ostacoli tricolori sono d’ARGENTO

Buone le prestazioni di Ian Campaci, Camilla Vuillermoz, Arianna Imperial e della staffetta 4x400 AOSTA - Una medaglia d’argento. E’ il bottino raccolto dalla delegazione valdostana presente ai Campionati italiani Allievi di Jesolo, in provincia di Venezia, rassegna tricolore andata in scena nel fine settimana alla stadio comunale Armando Picchi. A conquistarla - manco a dirlo - è stata l’Allieva dell’Atletica Calvesi, Eleonora Marchiando (in foto a pagina 47), che sul giro di pista dei 400 metri con barriere ha chiuso la finale alla piazza d’onore in 1’02”41, alle spalle della fortissima Ayomide Folorunso del Cus Parma (1’01”18), dopo aver chiuso la batteria di qualificazione col miglior tempo in assoluto di 1’02”62 (la Folorunso si è qualificata alla finalissima tricolore a 8 con il terzo riscontro di 1’03”52, preceduta anche dalla veronese Jessica Peterle poi 4ª - in 1’02”79). «E’ andata bene, in tutta onestà non avrei mai pensato di riuscire a mettermi la medaglia d’argento al collo», commenta Eleonora Marchiando, raggiunto telefonicamente sulla via del rientro a casa. Al termine delle batterie di qualificazione, dopo aver fatto registrare il miglior tempo, hai pensato di poter centrare la vittoria tricolore? «No, non ho mai pensato di poter salire sul gradino più alto del podio, anche perché sapevo benissimo che alcune delle mie rivali più accreditate si

I quattro portacolori dell’Atletica Cogne di scena a Jesolo

erano risparmiate in batteria, prima fra tutte la Folorunso. Diciamo che speravo di salire sul podio, ma questa era una possibilità tut-

t’altro che scontata», racconta ancora l’Allieva dell’Atletica Sandro Calvesi, che ha migliorato di ben 49 centesimi di secondo il suo pre-

Claire Challancin

Ian Campaci

cedente ‘personal best’ sulla distanza. In un contesto caratterizzato da pioggia, vento e freddo, buona prestazione anche per l’Allievo Ian Campaci, atterrato a 13.51 nel secondo e unico tentativo vali-

do nel concorso del salto triplo, e per l’Allieva classe 1997 dell’Atletica Cogne, Camilla Vuillermoz, capace di varcare l’asticella posta a quota 2.90 al primo tentativo nel salto con l’asta (dopo gli errori intermedi in cui è incappa-

TRICOLORI MASTER DI PENTATHLON LANCI

Pioggia di MEDAGLIE per gli over 35 dell’Atletica Calvesi AOSTA - Una medaglia d’oro, quattro d’argento e una di bronzo. E’ il medagliere con cui il comparto Master dell’Atletica Sandro Calvesi è rientrato a casa dalla due giorni agonistica di Bologna, sede di gara dei Campionati italiani estivi over 35 di Pentathlon Lanci - Trofeo Beppe Tosi. In un simile contesto, a conquistare la medaglia del metallo più prezioso è stato Emanuele Tortorici, che nel Pentathlon MM45 è riuscito a mettere in fila l’intera concorrenza, a partire dal suo compagno di club nelle fila dell’Atletica Calvesi, Antonino Lo Nano.

Il riepilogo dei risultati

UOMINI: 1° Emanuele Tortorici con 2888 punti (34.55 nel martello, 11.70 nel peso, 29.84 nel disco, 32.90 nel giavellotto, 10.72 nel martellone); 2° MM55 Michelangelo Bellantoni con 3132 punti (33.03 nel martello, 12.05 nel peso, 33.76 nel disco, 32.66 nel giavellotto, 11.96 nel martellone); 2° MM45 Antonino Lo Nano con 2693 punti (32.38 nel martello, 10.17 nel peso, 30.32 nel disco, 34.73 nel giavellotto, 9.47 nel martellone); 6° MM50 Francesco Cazzato con 2492 punti (28.88 nel martello, 10.63 nel peso, 33.35 nel disco, 32.62 nel giavellotto,

9.52 nel martellone). DONNE: 2ª Maria Luigia Belletti con 1548 punti (8.79 nel martello, 4.86 nel peso, 9.66 nel disco, 7.49 nel giavellotto, 4.87 nel martellone); 2ª Debora Locatelli con 2050 punti (21.52 nel martello, 8.65 nel peso, 18.28 nel disco, 20.65 nel giavellotto, 8.70 nel martellone); 3ª Domenica Vadalà con 1756 punti (20.48 nel martello, 7.14 nel peso, 12.42 nel disco, 10.39 nel giavellotto, 5.79 nel martellone); 4ª Lyana Calvesi con 1448 punti (11.44 nel martello, 4.69 nel peso, 11.14 nel disco, 9.55 nel giavellotto, 5.05 nel martellone). ■ p.b.

ta a quota 2.50 e 2.70). Note di merito anche per Arianna Imperial sui 400 metri, se non altro perché ha chiuso al 14° posto il giro di pista in cui si era iscritta col 22° tempo di accredito, e per la staffetta 4x400 delle Allieve Calvesi, che hanno migliorato di 3”25 il tempo di accredito. Rassegna tricolore da dimenticare, invece, per l’Allievo Lorenzo Serpone, che ha concluso il concorso del lancio del martello con tre nulli. Il riepilogo dei risultati ALLIEVE: 2ª Eleonora Marchiando sui 400 hs (Calvesi, 1’02’41”); 12ª Camilla Vuillermoz nel salto con l’asta (Cogne, 2.90); 14ª Arianna Imperial sui 400 metri (Calvesi, 1’00”64); 17ª staffetta 4x400 Calvesi (Claudia ComettoIrene Glarey-Arianna Imperial-Eleonora Marchiando, 4’15”52); 19ª Valentina Campana nel lancio del disco (Cogne, 29.89); 22ª Marta Arlian nel salto con l’asta (Calvesi, 2.70); 24ª Claire Challancin nel salto triplo (Pont Donnas, 10.55); 24ª Veronica Pirana sui 400 metri (Cogne, 1’01”73); 36ª Claire Challancin nel salto in lungo (Pont Donnas, 4.91). ALLIEVI: 11° Ian Campaci nel salto triplo (Calvesi, 13.51); 34° Fabrizio Merlo nel salto con l’asta (Calvesi, 3.30); Lorenzo Serpone (Cogne) non classificato nel lancio del martello a causa di tre nulli. ■ Patrick Barmasse

UN SERVIZIO

COMPLETO dal progetto realizziamo i tuoi sogni...

Show Room News

Loc. Grande Charriére 64 - 11020 Saint-Christophe (AO) 328 3244571 - 0165 231026 - dgarredi@gmail.com


pa l l avo l o

64 Antonella PERRIELLO Inviata alla Peila-Pressendo aosta - Raggruppamento tutto valdostano per l’ultimo atto di Coppa Piemonte 2013 al femminile. Di fronte, alla Peila Pressendo, le tre valligiane di serie D: CCS Cogne, CSI Châtillon e Conad Pont-St-Martin. Sono proprio le padrone di casa ad aprire le danze con il CSI Châtillon. Le castiglionesi entrano in campo determinate a far bottino pieno. Squadra ordinata e molto ben organizzata, nonostante l’assenza della palleggiatrice titolare Sofia Di Giuseppe, non trova un valido ostacolo nelle aostane che non riescono mai a entrare in partita: troppi gli errori in ricezione e in battuta. Lo conferma il capitano aostano Arianna Varvello: «Siamo entrate in campo bloccate, contratte. Abbiamo fatto troppi errori e non siamo mai riuscite a costruire il nostro gioco». Di ben altro equilibrio e levatura il match tra CSI e Conad Pont-St-Martin. Due squadre abbastanza simili, che sbagliano poco e che puntano il loro gioco di attacco su due centrali

lunedì 7 ottobre 2013

■ coppa piemonte / Grumolato e soci dominano la Coppa Piemonte; il sestetto di Matteotti sfiora il passaggio

Il Bruno Tex si prende la final four Il CSI Châtillon brilla nel primo assaggio di derby; a mani vuote il CCS Cogne di coach Bajo di grande esperienza e capacità come Bertocco per le castiglionesi e Cimmino per il Conad. Entrambe le squadre mettono anima e corpo in campo e il duello tra le due centrali è avvincente e, alla fine di un match estremamente equilibrato e combattuto, vede la Bertocco aver la meglio e trascinare le sue compagne alla vittoria, chiudendo set e partita con un ace. Soddisfatta la stessa Gwenael Bertocco: «La prima partita è stata utile per provare alcuni meccanismi di gioco che nella seconda partita han funzionato bene. Dobbiamo lavorare ancora tanto, ma credo che ci siano degli ottimi presupposti per la prossima stagione». L’ultimo incontro vede di fronte le padroni di casa e il Conad. Partono male

le aostane che entrano in campo molto contratte come nella prima sfida con il CSI. Il Conad non perdona e chiude il primo set con un netto 25/15. Nel secondo, però, è capitan Varvello che suona la carica, indovina un paio di servizi vincenti e ricarica di fiducia le proprie compagne. Il CCS si trasforma, riprende a funzionare in tutti i settori, cresce punto dopo punto e ha la meglio su un Conad rientrato in campo sconcentrato e convinto di avere la vittoria in tasca. Pegorotto e Di Marco diventano implacabili in attacco, le ragazze di Quarello riescono a fare il loro gioco e ad aggiudicarsi la prima vittoria stagionale. Amareggiato coach Arizio: «Siamo entrati in campo come se avessimo già vinto, abbia-

mo smesso di giocare e abbiamo permesso alle avversarie di crescere e fare il loro gioco. Avremmo dovuto continuare come nel primo set». RISULTATI: CCS Cogne - CSI Châtillon 0-3 (13/25, 10/25, 22/25), CSI Châtillon - Conad Pont-StMartin 2-1 (25/22, 21/25, 27-25), CCS Cogne - Conad 2-1 (15/2525/20-25/17). Formazioni CCS COGNE: Scandariato, Grosjacques, Pegorotto, Ciurca, Marchesini, Marcati, Di Sciacca, Di Marco, Grange, Ceccarelli, Chira, Varvello. All.: Quarello. CSI CHATILLON: Bertocco, Cornaz, Cout, Cretier, Fosson, Martello, Perruquet, Ploner, Servidio, Termine, Torreano, Treves. Coach: VIttone.

CONAD PONT-ST-MARTIN: Borettaz, Cassol, Guglia, Gamba, Balzarotti, Chenuil, Vietti, Bordet, Pavani, Cimmino, Costa, Andreoli. All.: Arizio. Le altre partite Sempre in campo femminile, il CCS Cogne Acciai Speciali torna a casa a mani vuote dal concentramento di Settimo Torinese. Le ragazze di coach Bajo hanno prima fatto strada all’Ascot Lasalliano per 3-0 (25/21, 25/20, 25/22), poi hanno ceduto ai padroni di casa del Lilliput per 21 (25/16, 25/23, 25/27). CCS COGNE ACCIAI SPECIALI: Albarello, Ricciardello, Bajo, Henry, Buson, Mussone (L); Pilia, D’Anna, Giulia Zanin. Coach: Leo Bajo. In campo maschile, grandi sor-

risi in casa Bruno Tex che fa razzia di punti sia con la compagine di serie C che con il sestetto di coach Matteotti. I ragazzi di Arbaney e Baldon chiudono al primo posto nel girone, staccando il pass per le finali, sbaragliando la concorrenza nel concentramento di Chivasso. Prima, schiantando per 3-0 Caluso (25/14, 25/15, 25/14), poi ripetendosi con il volley Montanaro con identico punteggio e i parziali di 25/11, 25/14, 25/22. Più sofferto il percorso dell’Olimpia Bruno Tex di serie D. Boi e soci hanno strappato per 21 il primo match con San Benigno-Caselle Volley (25/19, 25/23, 22/25); il bis è arrivato con l’Alto Canavese, con i valdostani usciti vincenti ancora per 2-1 (25/20, 25/19, 24/26). OLIMPIA BRUNO TEX C: Grumolato, Grosjacques, Vercellone, Bertoni, Mammoliti, Valentino, Genola, Perret, Solera, Mascotto. Coach: Arbaney e Baldon. OLIMPIA BRUNO TEX D: Boi, Matteotti, Carvallo, Macrobio, Pagani (cap.), D’Amico (L), Cremascoli, Henry Bianchi, Laurent Bianchi, Luca Sordi, Caielli. Coach: Matteotti.

Il CCS Cogne Acciai Speciali di serie D

Il CSI Châtillon di serie D

■ giovanile / Il St-Vincent vuole creare un vivaio

L’Ayma rilancia la sfida

aymavilles - Tutto pronto ad Aymavilles dove la locale società di pallavolo si appresta ad affrontare la stagione agonistica. Il nuovo gruppo dirigenziale sta proseguendo sulla via del rilancio dell’attività giovanile femminile e ha intenzione di partecipare ai campionati Under 12 e Under 13, oltre ai concentramenti di minivolley; il tecnici è Alessandro Cavalieri, coadiuvato da Daniela Gal. L’attività si svolge a Villeneuve il mercoledì dalle 17 alle 18.30 e alla palestra delle scuole elementari di Chevrot a Gressan il venerdì. La società, viste le difficoltà di ottenere spazi adeguati nelle strutture della Comunità Montana Grand Paradis, ha chiuso di avere a disposizione delle ore anche in impianti di Aosta. Per informazioni scrivere all’indirizzo mail aymavolley@libero.it o telefonare al 328 1220527. Anche il St-Vincent sta pianificando la nuova stagione cercando di allestire un settore giovanile; chi fosse interessato può contattare Cristina Giannini al 347 4858984 o scrivere una mail a volley.sv@hotmail.it. ■ r.g.

Alcune delle giovani pallavoliste dell’Aymavilles


65

lunedì 7 ottobre 2013

A+ Il fotovoltaico conviene ancora? Si! DE FI TRA NO Z AL ION 31 I IR DI PE CE F 5 M 0% BR E

Ecco alcune cose da sapere sugli incentivi

Detrazioni Irpef al 50% fino al 31 dicembre Puoi anche aggiungere lo “scambio sul posto” che ti permette di ridurre o addirittura azzerare la tua bolletta


S P O RT VA R I

66

lunedì 7 ottobre 2013

■ PODISMO / Il genovese si impone nella 6ª Scalata dei Salassi; Giulia Collavo senza rivali al femminile

Poggi padrone delle salite SAINT-PIERRE - Sesta Scalata dei Salassi sabato 5 ottobre, – ormai stabilmente non più a cronometro, ma con partenza in linea – ottimamente organizzata dal Comité Les Cinq Villages. La gara parte da Rue de la liberté in centro paese (quota 672 metri); si svolta sulla destra e si sale verso Rumiod Dessus, per un percorso di 6,860 chilometri, dei quali 5.3 in salita (si scollina a quota 1430 metri) con finale in discesa fino al traguardo (quota1230 metri). Si è trattato della penultima prova valida per il campionato delle martze a pià, che si concluderà domenica 13 con la mezza maratona cittadina. Settantotto i partecipanti (oltre a quaranta non competitivi e a una decina di

cuccioli) in un tardo pomeriggio risparmiato dal maltempo. Un atleta su tutti ha fatto il vuoto in salita: si tratta dello scalatore genovese Gabriele Poggi, classe 1981, affezionato a questa gara dove è stato primo nel 2009 e terzo nel 2010, che ha scollinato con oltre un minuto di vantaggio sugli immediati inseguitori, Davide Sapinet della Sant’Orso e Luigi Cocito della Calvesi – più a loro agio sul tratto terminale – che hanno tagliato il traguardo piuttosto vicini al vincitore: per Poggi 42’13”, quattordici secondi in meno di Sapinet e venti di vantaggio nei confronti di Cocito. La conferma viene da Davide Sapinet: «Poggi è un ottimo scalatore ed è partito subito facendo il

Il podio assoluto maschile: Sapinet, Poggi e Cocito

vuoto e raggiungendo il punto più alto con oltre un minuto su di noi. Da quel punto, su di un misto in leggera discesa, sia Cocito che il sottocrit-

to, lo abbiamo notevolmente avvicinato ma sapevamo che lui, forte del vantaggio accumulato, avrebbe facilmente controllato e non lo avremmo

mai raggiunto». A completare la decade dei migliori troviamo Guido Aiazzi, il Veterano Fabrizio Attardi, Rudy Vallet, Ermes Prudenziati, Luca Casali, Jean Courtil e Marco Moretti, tutti valdostani. Nelle rimanenti categorie si sono imposti Enrico Cognein fra gli Juniores, Carlo Chabod fra i Pionieri e Vincenzo Perret nei Superpionieri. Sedici le donne in gara, messe in fila dalla giovane biathleta di Introd Giulia Collavo che in queste ultime gare podistiche si è messa in vivida luce ottenendo vittorie e piazzamenti di rilievo: la ragazza, in maglia Sant’Orso, ha chiuso 19ª assoluta in 47’21”, precedendo ancora Gloriana Pellissier, ottima seconda con la quale si

sviluppano sempre duelli molto equilibrati. Sul podio, dopo l’Alpina in 48’48”, è salita Marlène Jocallaz dello Zerbion in 49’10”. A seguire Chantal Vallet, Federica Barailler, Moira Montanelli, Valeria Poli, Jenny Ferrod, Nadia Perruquet e Adele Bethaz al decimo posto. Prima della cena è stata effettuata la premiazione con la consegna del 5° Trofeo Raphael Jocallaz a Gabriele Poggi vincitore assoluto e di una pregiata opera lignea marchiata ‘Les Cinq Villages’ a Giulia Collavo prima del settore femminile. Sono rimasti imbattuti i primati della corsa, che appartengono ad Andrea Dufour (39’23”) e a Charlotte Bonin (45’02”). ■ Luigi Perosino

Il podio assoluto femminile: Jocallaz, Pellissier, Collavo

Sono nate per la prima volta al Parc Animalier d’ Introd due Civette delle Nevi, Gauffre e Tartiflette... I primi tre classificati tra i Veterani: Attardi, Giovinazzo e Quendoz

LE CLASSIFICHE DI ST-PIERRE

Venite a conoscerle! WWW.PARC-ANIMALIER-INTROD.IT

Frazione Villes Dessus Introd Tel: 0165 95982 / 0165 95557 Fax: 0165 95982 Cell: 334 7955000 Mail: info@parc-animalier-introd.it

Juniores m.: 1° Enrico Cognein (Lo Contrebandjé 46’50”); 2° Stefano Carrel (P.S.Martin 49’43”). Seniores f.: 1ª Giulia Collavo (S.Orso 47’21”); 2ª Federica Barailler (Cogne 4061 52’53”); 3ª Moira Montanelli (Zerbion 55’16”); 4ª Valeria Poli (id. 56’42”); 5ª Veronica Zonin (S.Orso 1h06’47”); 6ª Monica Brunet (Calvesi 1h13’10”); 7ª Michela Pagani (S.Orso 1h16’24”). Master f. ‘A’: 1ª Gloriana Pellissier (R.S.A.Courmayeur 48’48”); 2ª Marlène Jocallaz (Zerbion 49’10”); 3ª Chantal Vallet (FF.GG. 49’53”); 4ª Jenny Ferrod (Monterosa 57’10”); 5ª Nadia Perruquet (P.S.Martin 57’50”); 6ª Adele Bethaz (S.Orso 1h02’14”); 7ª Claudia Canavese (S.Orso 1h16’32”). Master f. ‘B’: 1ª Anna Maria Savin (P.S.Martin 1h24’27”). Seniores m.: 1° Gabriele Poggi (Cambiaso Risso 42’13”); 2° Guido Aiazzi (Lo Contrebandjé 43’05”); 3° Rudy Vallet (Monterosa 44’43”); 4° Marco Moretti (P.S.Martin 45’44”); 5° Joel Thomas Deanoz (S.Orso 47’01”); 6° Loris Morello (Monterosa 47’29”); 7° Alberto Franchino (id. 48’24”); 8° Omar Peradotto (Lo Contrebandjé 48’41”); 9° Marco Susanna (S.Orso 49’15”); 10° Stefano Mussatti (P.Donnas 50’55”). Amatori: 1° Davide Sapinet (S.Orso 42’27”); 2° Luigi Cocito (Calvesi 42’33”); 3° Ermes Prudenziati (P.S.Martin 45’09”); 4° Luca Casali (S.Orso 45’19”); 5° Jean Courtil (id. 45’20”); 6° Joel Fusinaz (S.Orso 45’56”); 7° Emanuele Giannelli (id. 46’51”); 8° Remo Gorraz (id. 47’12”); 9° Domenico Imbimbo (FF.GG. 47’44”); 10° Alberto Cena (S.Orso 48’11”). Veterani: 1° Fabrizio Attardi (Monterosa 43’27”); 2° Giuseppe Giovinazzo (Calvesi 45’52”); 3° Savino Quendoz (S.Orso 46’15”); 4° Remo Garino (id. 46’27”); 5° Osvaldo Baudin (P.S.Martin 47’46”); 6° Luciano Seghesio (FF.GG. 50’38”); 7° Gianfelice Ferrario (id. 50’45”); 8° Edi Jeantet (Cogne 4061 51’33”); 9° Alessandro Perego (Calvesi 53’17”); 10° Diego Pellissier (FF.GG. 54’47”). Pionieri: 1° Carlo Chabod (S.Orso 47’45”); 2° Angelo Nicco (Monterosa 48’44”); 3° Alessandro Neyroz (P.S.Martin 50’31”); 4° Alberto Collavo (S.Orso 53’43”); 5° Marco Ceccarelli (id. 54’03”); 6° Tullio Ballarino (Cogne 4061 54’15”); 7° Luigi Plati (S.Orso 54’34”); 8° Lorenzo Carrara (id. 56’49”); 9° Valter Pellissier (Zerbion 59ì43”); 10° Gerolamo Tortone (P.S.Martin 1h00’22”). Superpionieri: 1° Vincenzo Perret (Zerbion 1h04’58”); 2° Lionello Della Schiava (S.Orso 1h05’53”); 3° Augusto Chincheré (id. 1h19’52”). Società m.: 1ª S.Orso p.ti 494; 2ª Monterosa 259; 3ª P.S.Martin 211. Società f.: 1ª Zerbion p.ti 32; 2ª S.Orso 31; 3ª R.S.A. Courm. 14. Società giovani m.: 1ª Lo Contrebandjé p.ti 2; 2ª P.S.Martin 1.


S P O RT VA R I

lunedì 7 ottobre 2013

67

■ BIATHLON ESTIVO / Il Giovane dell’Amis de Verrayes trionfa nella tappa di Rapy

RAPY (VERRAYES) - Ultima fatica stagionale per il circuito di biathlon estivo, che per il congedo ha scelto l’area sportiva di Rapy e l’organizzazione del locale sci club Amis de Verrayes. Per quanto riguarda le diverse categorie in gara, il padrone di casa Rayan Chapellu non ha problemi, tra i Giovani, a sbaragliare la concorrenza con il tempo di 14.52.5 (0 2). Secondo posto per Laurent Bionaz (Granta Parey; 17.56.6 - 2 5), davanti a Matteo Chenal (Granta Parey) e Nicholas Follis (Amis de Verrayes). Negli Aspiranti, Michael Durand (Bionaz Oyace) non ha rivali e si impone

Fotoservizio www.fotoextreme.it

Rayan Chapellu profeta in patria Melodie Bionaz

Rayan Chapellu

Laura Sciarpa

Emile Guidetti

in 15.50.0 (3 2), con il podio completato da Thierry Brunier (Amis de Verrayes) ed Emile Guidetti (Granta Parey). Michela Carrara (Valdigne Mont Blanc) vince nella Aspiranti femminile in 15.09.6 (0 1) lasciandosi

alle spalle Martina Cassol (Sarre) e Hillary Pellissier (Granta Parey). Negli Allievi, a imporsi è Kevin Gontel (Granta Parey; 8.48.8 - 0 0), che ha la meglio su Iacopo Leonesio (Brusson) e su Francesco Grange (Val-

digne Mont Blanc). In rosa sorride Martina Vigna (Entracque), che batte le valdostane Federica Cassol (Sarre) e Ambra Fosson (Brusson). Vittoria cuneese anche tra i Ragazzi, grazie a Matteo Vegezzi Bossi che

si impone facendo il vuoto su Davide Pesenti (Valdigne Mont Blanc) e Francesco Vigna (Entracque). Parla sarrolein la femminile, grazie a Laura Sciarpa (7.40.6 - 0 0) che supera Desirée Oreiller (Gran-

ta Parey) e Gaia Brunetto (Entracque). L’atleta di casa André Philippot (5.38.7 - 0 0) vince nei Cuccioli, lasciando il secondo gradino del podio al compagno di sodalizio Federico Leone, con terzo Thierry Bianquin. Meoldie Bionaz (Granta Parey; 6.26.4 - 1 3) è prima in rosa, seguita da Amelie Pession (Amis de Verrayes; 6.39.9 - 0 0) e Valeria Barailler (Bionaz Oyace). Nei Baby, due soli concorrenti al traguardo, con Simone Betemps del Bionaz Oyace a chiudere in 5.07.7 (4) e Nicole Ghignone che ha portato a termine la sua fatica con un ottimo 4.42.8 (0). ■ ale.bi.

■ GINNASTICA / De Fazio e Faure sul podio nel campionato di specialità; brave anche Rosset e Moret ■ RUGBY / Una domenica particolare alle Vallette

Valdostane convincenti nell’esordio torinese Lo Stade parte vincendo AOSTA - Prima prova al Palaginnastica di Torino del campionato di categoria e di specialità per Junior e Senior di ginnastica artistica. Per quanto riguarda le competizioni di specialità Junior, nel corpo libero Sara De Fazio e Aurora Faure Ragani dell’Olimpia si sono classificate rispettivamente 2ª e 3ª con 10.95 e 10.85. Alla trave, la migliore è stata ancora Sara De Fazio, 2ª con 11.35; Asya Rosset della Gym si è piazzata 5ª con 10.85, 8ª la sua compagna di club Sophie Moret con 10.35. Alle parallele, terza piazza per Aurora Faure Ragani con 9.30. Alla gara di categoria avrebbe dovuto prendere parte la Junior Alexia Angelini della Gym, che ha dato forfait per motivi di salute.

Buoni riscontri, intanto, le giovani ginnaste dell’Olimpia li avevano avuti al test regionale di Biella riservato alle Allieve. Tra le 2002 Eleonora Munari ha ottenuto il miglior punteggio

finale con 73.00; 4ª Serena Ramanzin (49.50). Tra le 2004 3ª Elisabetta Munari (66), 4ª Alice Pacchiodi (52.50); tra le 2003 4ª Emily Mombelli (53), mentre tra le 2005 affermazione

di Aurora Vidi (59) davanti alla compagna di squadra Sofia Chiumello (46). Primo posto anche tra le 2006, con Sofia Faure Ragani che totalizza 61.5 punti. ■ r.g.

BIKE TRIAL

Tourel e Lini secondi nell’ultima tappa di Coppa Italia

I quattro bikers valdostani protagonisti a Piateda

Sport

Flash

programma a fine mese.

Mattia Giorla 3° a Borgo Ticino Terzo gradino del podio per Mattia Giorla nella decima prova, a Borgo Ticino, del Campionato Brianza Karting. Il tredicenne di Quart ha fatto registrare il quarto tempo (a 16 decimi dalla pole) nelle prove cronometrate su pista asciutta, quindi, sotto la pioggia e complice la regolazione errata dell’assetto, ha chiuso in coda al corteo la prefinale. In finale si è riscattato alla grande ed è sempre rimasto nel treno dei primi quattro; l’unico rammarico è stato un contatto con il cordolo, che gli ha impedito di migliorare il terzo posto. In calendario il Brianza Karting prevede ancora due gare, entrambe a Ottobiano; per Mattia è da valutare la partecipazione alla prima, il 27 ottobre, mentre è sicura la presenza in quella conclusiva di fine novembre. I corsi dell’Aosta Skating Sono ripresi i corsi di avviamento al pattinaggio su ghiaccio dell’Aosta Skating. L’iniziativa rivolta ai bambini dai 5 ai 6 anni è in calendario il giovedì dalle 17-18 e il sabato dalle 14-15. Per i più grandi viene organizzato il corso adulti il venerdì dalle 20-21. Per informazioni telefonare al 327 0549083 o scrivere a skatingaosta@gmail.com. Gli atleti dell’agonismo e del pre-agonismo si stanno allenando in vista delle prime gare della nuova stagione, in

Riprende l’attività della scherma Tempo di ripresa dell’attività anche per il Circolo Scherma Aosta, che sta completando l’organizzazione dei corsi in collaborazione con la U.I.S.P.; le lezioni, a causa di problemi di disponibilità delle palestre, partiranno a fine ottobre. Due gli appuntamenti previsti: il martedì dalle 17 a cura di un istruttore sportivo locale che si occuperà della preparazione atletica e di base; il venerdì sempre dalle 17 a cura di Massimo Restivo, istruttore nazionale di Casale Monferrato, che curerà la parte tecnica ed agonistica. Oltre ai giovani (neofiti e agonisti), il Circolo Scherma Aosta vuole rivolgersi agli adulti: è prevista la possibilità di usufruire di 4 lezioni gratuite all’inizio, per permettere a tutti di avvicinarsi e provare. Per informazioni scrivere all’indirizzo mail schermaaosta@gmail.com, o telefonare dopo le 19 al 327 1945696. Pitti e Dalbard al traguardo Anche uno spicchio di Valle d’Aosta al traguardo della Maratona di Verona corsa ieri. Due portacolori del Pont Donnas, Maurizio Pitti e Marco Dalbard (in foto) hanno completato la prova veneta in 3h58’.

PIATEDA - Ultima tappa della Coppa Italia in Valtellina con buoni risultati per i giovani bikers dell’Orange Bike Team. Tra i Giovanissimi ‘bianchi’ secondo Marco Tourel, nei ‘verdi’ terzo Jean Ramolivaz; tra le Esordienti seconda Elisa Neve Lini (Orange Bike Team). Quarto l’Elite Alessandro Delfino del Courmayeur.

LA DROLA STADE VALDOTAIN

15 (7) 19 (7)

STADE VALDOTAIN: Caponetti, Rossi V., Mathiou, Anselmet, Nato, Sandri, Carlino, Duc, Coquillard, Cumino, Henriod, Boeris, Andreacchio, Santilli, Frazzetta. A disposizione: Rossi S., Solenne,Vuillermoz, Fida. Coach: Padovano. TORINO - Parte con il piede giusto lo Stade Valdôtain, impegnato in C regionale, grazie all’unificazione dei campionati che ha azzerato la retrocessione di maggio. I ragazzi di Padovano hanno portato a casa per 19-15 la difficile trasferta sul campo de La Drola, formazione di carcerati delle Vallette di Torino, che prendono parte al torneo nell’ambito di un programma di recupe-

ro. I torinesi partono subito forte e vanno in meta dopo pochi minuti, ma ci pensano la meta di Andreacchio e la realizzazione di Anselmet a rimettere le cose a posto nel finale di frazione. Al rientro dagli spogliatoi, La Drola ancora avanti su punizione, ma ci pensa Rossi a schiacciare in meta il vantaggio giallonero. Arriva anche una meta tecnica guadagnata da Saverio Rossi e condita dalla trasformazione di Anselmet: Nato (foto) e compagni volano, il La Drola non si scoraggia e accorcia, ma non riesce a portarsi oltre il -4. «E’ stata una partita molto dura e fisica - spiega il capitano Antonio Santilli -. Sono contento dell’esperienza fatta giocando in un luogo sicuramente inusuale». ■ ale.bi.

■ HOCKEY / Buona la prima stagionale per l’Under 11 rossonera

I Gladiators in evidenza a Lugano AOSTA - Comincia con un’ottima figura l’esperienza dell’Under 11 degli Aosta Gladiators nel campionato Under 11 svizzero. I giovanissimi gladiatori, inseriti in formazione mista col Real Torino, si sono infatti difesi alla grande nel raggruppamento di Lugano. Nel primo match, i Gladiators/Real Torino si sono imposti per 42 sul Como, grazie alle reti di Perino (doppietta), De Luca e Picchetti. Buono anche il pareggio per 3-3 col Bellinzona (2 gol di De Luca e rete di Perino), mentre non è bastato un grande Edoardo Berti per evitare lo 0-3 subito con i padroni di casa del Lugano. Buone notizie arrivano anche dagli Under 13, con Thomas La Rivière, Nicolò Pellegrini, Kevin Paillex e Yannick Tussidor che hanno preso parte al Trofeo Scola di Canazei. Inseriti nel roster della rappresentativa piemontese, i valdostani tornano a casa con un prestigioso terzo posto alle spalle delle rappresentative di Ticino e Alto Adige, ma davanti a potenze del calibro di Lombardia, Veneto e Trentino. Si avvicina l’inizio della stagione, infine, anche per la prima squadra degli Aosta Gladiators, che martedì alle 21 scenderà in campo la Palaghiaccio di Aosta per sfidare in amichevole una rappresentativa canadese.

Chiudiamo con l’Under 16, che ha visto Alessandro Iacovelli e Simone Carollo esordire con i Torino Bulls. Per la compagi-

ne torinese è arrivato un secco 4-1 sul difficilissimo campo del Valpellice. ■ r.g.

GOLF

A Courmayeur è calato il sipario AOSTA - Si chiude la stagione del Golf Club Courmayeur. Domenica 6 ottobre è stata la volta della gara a coppie organizzata per dotare il circolo di un defibrillatore. A vincere il netto sono stati Andrea e Alessandro Arnaldi su Lucia Audisio-Niccolò Rabbia e Antonio Barone-Tommaso Rabbia. Nel lordo ok Marcel e Ottavio Comé. Intesne giornate al Golf Club Les Iles di Brissogne. Dominio dei portacolori del Golf Ayas e dei padroni di casa nella tappa del Podio Sport Argenti Tour. Nel netto di prima categoria ci pensa Mario Bartaccioli (Les Iles) a mettere tutti in riga, imitato in Seconda dal compagno di squadra Bernardino Zoppo. Il terzetto è completato da Liliana Cornaz che si impone nelle Lady. Gli ayassin si riscattano nel lordo, con Simone Favre e completano l’opera con Massimo D’Amato (primo nel netto di Terza) e Thomas D’Amato (conquista dell’HCP di gioco). Successo di partecipanti per il Trofeo Centro della sicurezzza, vinto per il netto di prima categoria da René Rosset, che si toglie anche la soddisfazione di un hole in one alla buca 9. Roberto Vilbrant si impone nel lordo, mentre Alesio Demiri è il primo della classe nel netto di seconda. Valter Rodino domina in terza, mentre Paola Raffaelli e Bernardino Zoppo vincono tra le Lady e i Seniores. Domenico Scopacasa ha vinto ieri all’Arsanières il netto di Prima Categoria del Trofeo Festa Immobiliare precedendo Ivo Letey; primo lordo Loris Farinet. In Seconda si è imposto Giorgio Gagliardi su Maurizio Vicentini, in Terza ha primeggiato Vincenzo Cairo su Marco Edifizi. Prima Ladies Elisa Vitton Mea, primo Seniors Guido Nieroz, primo N.C. Dario Comé.


s p o rt va r i

68

lunedì 7 ottobre 2013

■ rebatta / Nelle altre categorie vincono Blanc, Chabloz, Chiarello, Botteon, Martinet, i due Quendoz e Cuaz

Tessarin Champion d’Auton Riccardo SAVOYE Inviato sui campi regionali brissogne - Terence Tessarin imbraccia la doppietta e, dopo il titolo individuale primaverile, conquista anche quello autunnale, assegnato in concomitanza con la seconda manche di campionato. I CATEGORIA Il bombardiere di Jovençan nelle canoniche dieci battute ha totalizzato 145 punti, frutto di un 17, quattro 15, tre 14 e due 13. «Non posso che essere soddisfatto - ci ha detto Terence Tessarin - perchè non speravo proprio bissare il sucecsso primaverile. Anche in questa competizione è il mio primo successo, per cui sto provando una grande mia gioia. Dedico questa vittoria alla famiglia, ai compagni di squadra e ai colori di Jovençan ai quali auguro di vincere il titolo autunnale a squadre». Alle spalle del vincitore si è piazzato con 135 punti il campione estivo, David Nex del Doues, che ha preceduto di una lunghezza Fabrizio Sandi dello Jovençan.

III Categoria: lo Jovençan

zo posto rispettivamente con 125 e 120 Fabio Cottin del Doues e Carlo Bataillon dell’Aymavilles. In Terza la vittoria è an-

data a Fulvio Chabloz del Gressan con 110 punti, quattro in più della promessa del Valpelline, Nikolas Antoniotti; ter-

Femminile: lo Gignod

zo Massimo Manella con 101. Maicol Chiarello di Bionaz si è portato a casa il titolo di Quarta con 86

punti; assieme a lui sul podio Uka Lulzin (Doues) con 84 e Darwin Salvoldi (Valpelline) con 83. La vittoria in Quinta è an-

LE ALTRE CATEGORIE In Seconda, con 127 punti, a imporsi è stato Jean Pierre Blanc del Valpelline, con al secondo e ter-

IV Categoria: l’Aymavilles

IV Categoria: il Cogne

data a Hervé Botteon (Gignod) con 80 punti, uno in più di Marco Cazzato (Chevrot) e due in più del compagno di squadra Simone Udali. In campo femminile ha bissato il successo dello scorso anno Rita Cuaz (Doues) con 46 punti; in seconda e terza posizione: Katlein Ghyselen (Doues) e Sonia Cuzzocrea (Jovençan). Tre i titoli assegnati a livello Juniores. Nella categoria A a vincere è stato Davide Quendoz (Jovençan) che si è aggiudicato lo spareggio (entrambi avevano chiuso a quota 76) con Thierry Brumin (Doues) che, lo ricordiamo, si era laureato campione estivo, vincendo lo spareggio proprio contro il neo-campione autunnale. Per la categopria B sucecsso di Henry Martinet (Gressan) con 45 punti e per la categoria C, con il puntegghio “super” di ben 70 punti, il giovanissimo Mathieu Quendoz (Jovençan) che ha bissato il successo dello scorso autunno. Al posto d’onore si sono rispettivamente piazzati, per le categorie B e C Samuel Salvoldi (Valpelline) e Andrea Belli (Jovençan). Terzi Christian Diémoz e Gabriel Scarfò per la A, Alexis Bonazzi per la B e André Bonazzi e Mathieu Comé per la C.

■ rebatta / Conclusa la fase di qualificazione Sport

Tempo di semifinali brissogne - Con la disputa della seconda manche si è conclusa la fase di qualificazione, che ha ridotto il numero edelle squadre da 43 a 28. Domenica le formazioni ancora in lizza scenderanno in campo per contendersi l’accesso alle finali. Vediamo, categoria per categoria, come è terminata la prima fase della stagione autunnale. I CATEGORIA Al primo posto, con 1153 punti complessivi, si è piazzato l’Ollomont che, grazie a una brillante seconda manche (588 punti, dei quali 127 di Valter Tutel), ha superarto di tre lunghezze lo Jovençan che aveva chiuso al primo posto la prima manche. Terzo il Gressan, anche lui autore di una bella seconda giornata (586); al quarto posto si è piazzato il Doues con 1112. In semifinale avremo quindi due derby: Doues-Ollomont e Jovençan-Gressan. LE ALTRE CATEGORIE Le semifinali della Seconda (dove c’erano solo quattro squadre iscritte) saranno Doues (1068)-Valpelline (1030) ed Aymavilles (1032)Gressan(1049). In Terza, invece, le squadre erano dieci e sei hanno così già concluso la loro avventura. Per la III Categoria le squadre erano dieci, per cui per 6 l’avventura autunnale si è già conclusa. Accedono alle semifinali: Doues B (830)Doues A (403) e Valpelline (809)- Aymavilles (799) Per la quarta categoria (8 squadre al via) alle semifinali accedono: Jovençan (686)-

Flash

Equitazione: El Dorado in evidenza a Torino

Valpelline e Charvensod (652)-Gressan(633). In Quinta l’abbinamento delle semifinale è Chevrot (550)-Gignod B (380) e Bionaz (517)Gignod A (457). In campo Juniores si giocheranno Gressan (529)-Valpelline (276) e Doues (405)-Jovençan (381), mentre nel femminile si sfideranno Doues-Valpelline e Jovençan-Gignod ■ ri.sa.

Ottime notizie per l’El Dorado Jumping Team dal concorso ippico nazionale di Torino. L’agente di polizia locale del comune di Aosta Alberto Barrovecchio ha vinto la C120 a barrage con Nad Boy. Rebecca Pession e Sofia Carmosino su Starsky hanno ottenuto tre primi posti ad ex aequo nella L60; due primi posti ex aequo per Matilde Benedetto.

■ morra / A Cagliari il Festival del Mediterraneo

La Valle brilla in Sardegna aosta - Bella figura della sezione valdostana della Morra al Torneo Internazionale del Mediterraneo di Cagliari. L’incontro si è svolto in due momenti: il primo al mattino, al centro congressi, dedicato allo scambio di esperienze da parte delle varie delegazioni italiane ed europee; il secondo al pomeriggio riservato al torneo a coppie fisse, conclusosi con un brillante piazzamento dal secondo al quinto posto da par-

te della delegazione valdostana, rispettivamente con Sergio Jovial-Franco Carlin, Guido Théodule-Jean Claude Cena, Dario Pareyson-Joel Cena e Rinaldo Bal-Dino Vidi. Sabato 12 a Donnas, invece, ci sarà una gara a baraonda; la decima e ultima tappa del primo campionato valdostano (già vinto da Franco Carlin di Aymavilles) è fissata per domenica 27 ottobre al PalaFent. ■ ri.sa.

La delegazione valdostana in Sardegna


S P O RT P O P O L A R I

lunedì 7 ottobre 2013

69

■ TSAN / La classifica avulsa sorride a Verrayes I e Chambave I, che in semifinale si scontreranno con Montjovet I e Châtillon I

Lo Challand I out al fotofinish BRISSOGNE - La caduta dei campioni. Lo Challand-St-Anselme I, pur essendosi aggiudicato la super sfida di ieri - domenica 6 ottobre - contro il Verrayes I, è stato costretto a dire anzitempo addio a possibili sogni di doppietta, dopo il trionfo autunnale 2012, lasciando di fatto via libera proprio al Verrayes I e allo Chambave I, due squadre che hanno chiuso la regular season a quota 8 così come i biancoverdi della Val d’Ayas. Ai ragazzi di capitan Fabrizio Perret, d’altra parte, è risultata fatale la classifica avulsa negli scontri diretti (Verrayes I 3, Chambave I 2 e Challand I 1). Situazione risoltasi al fotofinish anche nel girone B di serie B, dove questa volta è stata la differenza metri negli scontri diretti a designare la seconda semifinalista del raggruppamento (Challand II +509, Emarèse I +53, Chambave II -562). Per quanto riguarda la serie C e la divisione femminile, nel prossimo fine settimana è in programma la penultima giornata, mentre per individuare gli abbinamenti di semifinale degli Juniores B bisognerà aspettare il recupero del match previsto in set-

timana tra Valtournenche e Brusson. I risultati SERIE A. GIRONE A: St-Christophe I-St-Vincent I 2701-2713 (pareggio), Challand S.A. IVerrayes I 2792-2600, Montjovet II-Chambave I 16852539. RECUPERO: Verrayes I-Chambave I 1965-995. GIRONE B: Chatillon I-Montjovet I 2390-2354 (pareggio), Nus I-Verrayes II 3710-1305, ha riposato Pollein I. SERIE B. GIRONE A: Nus II-

Brisma I 1738-763, Valtournenche I-Chatillon II 2688-1726, ha riposato Ayas I. RECUPERI GIRONE B: Challand S.A. II-Brisma II 2653-4336, Chambave II-Emarèse I 307-1638. SERIE C: Pollein II-Quart I 2150-2122 (pareggio), St-Vincent II-Antey Torgnon I 19621153, Montjovet IV-Verrayes III 2683-1741, ha riposato StChristophe II. FEMMINILE: St-ChristopheQuart 828-1013, St-VincentNus 1639-1298, Verrayes-Challand S.A. 374-723, ha riposa-

to Pollein. JUNIORES A: Verrayes-Brisma 1538-1933, MontjovetChatillon 1317-2858, ha riposato Chambave. JUNIORES B: Quart St-Christophe-Brusson 955-662, Challand S.A.-Valtournenche 450-586, ha riposato Emarèse St-Vincent. RECUPERO: Challand S.A.-Brusson 607-1405. Le classifiche SERIE A. GIRONE A: Verrayes I, Chambave I, Challand S.A. I 8, St-Vincent I, St-Christophe

I 3, Montjovet II 0. GIRONE B: Chatillon I, Montjovet I 7, Nus I 4, Pollein I 2, Verrayes II 0. SERIE B. GIRONE A: Chatillon II, Nus II 6, Valtournenche I 5, Ayas I 3, Brisma I 0. GIRONE B: Brisma II 6, Challand S.A. II, Emarèse I, Chambave II 2. SERIE C: Quart I 9, Pollein II 7, St-Vincent II, St-Christophe II, Montjovet IV 4, Verrayes III 2, Antey Torgnon I 0. FEMMINILE: Challand S.A. 10, St-Vincent, Nus, Quart 6, Pollein 2, St-Christophe, Ver-

rayes 0. JUNIORES A: Chatillon 8, Brisma 6, Chambave, Verrayes 3, Montjovet 0. JUNIORES B: Quart St-Christophe 8, Emarèse St-Vincent, Valtournenche 4, Brusson 2, Challand S.A. 0. Le semifinali SERIE A: Verrayes I-Montjovet I, Chatillon I-Chambave I. SERIE B: Chatillon II-Challand S.A. II, Brisma II-Nus II. JUNIORES A: Chatillon-Verrayes, Brisma-Chambave. ■ Patrick Barmasse

PETANQUE

Brillano Marquet e Dujany AOSTA - Grande prestazione valdostana al Festival Internazionale della Petanque di Platja D’Aro. In terra spagnola si sono distinte Pascasia Marquet e Natalina Dujany (foto) del Variney, che si sono piazzate seconde assolute. Alla manifestazione hanno preso parte trentasei coppie appartenenti a undici club provenienti da Francia, Svizzera e Italia. La formazione femminile del St-Vincent

■ FIOLET / Definito il quadro delle diciassette squadre che sabato animeranno la Journée des Finales

Il St-Oyen I torna a casa, la finale sarà St-Chri I-Avise I Il Tour di Fiolet è andato a Ezio Marguerettaz, che nell’ultima tappa ha chiuso 2°, alle spalle di Patrik Parléaz BRISSOGNE - Lo scudetto cucito sulla maglia deve aver pesato più del previsto ai portacolori del St-Oyen I, se è vero che - dopo l’inopinata sconfitta di una settimana fa contro la matricola Avise I - nemmeno ieri (domenica 6 ottobre) gli interpreti della Coumba sono riusciti a trovare il bandolo della matassa, venendo estromessi anzitempo da quel Trofeo autunnale che un anno fa li vide giungere fino in finale. 12931163 il risultato in favore del St-Christophe I, che si è così guadagnato l’accesso alla Journée des Finales di sabato 12 al pari dell’Avise I. Migliori in campo nella sfida andata in scena sul terreno di gara di Champ Mort, a Doues, sono stati Ezio Marguerettaz con 278 punti da una parte, e Michel Ronc con 244 dall’altra. In serie B la corazzata Etrou-

bles I non ha incontrato difficoltà a sbarazzarsi del Morgex I; in finale se la dovrà vedere con il La Salle I, organico già battuto nella regular season. In C accedono alla ‘final four’ Morgex III, Etroubles III, Sarre I e Oyace I, al trittico conclusivo di D St-Martin I, Gignod II e St-Christophe III, mentre nella divisione femminile la grande sfida sarà tra il St-Oyen II e lo Gignod III, smaniosi di riscattarsi dopo una stagione primaverile tutt’altro che positiva (lo Gignod III venne stoppato in semifinale mentre il St-Oyen II manco si presentò ai nastri di partenza del Campionato). I risultati SERIE A: St-Christophe I-StOyen I 1293-1163. SEMIFINALI SERIE B: Etroubles I-Morgex I 1162-1033, La Salle I-Allein I 999-967.

SEMIFINALI SERIE C: Gignod I-Morgex III 793-824, Etroubles III-Allein II 914-715, La Salle II-Sarre I 698-765, Morgex II-Oyace I 655-742. SEMIFINALI SERIE D: StMartin I-La Thuile II 574-528, Gignod II-Arpuilles I 767-629, St-Christophe III-Sarre II 665615. FEMMINILE: Gignod III-StOyen II 302-333, Etroubles IV-La Salle V 248-249. SEMIFINALI JUNIORES A: Morgex I-Sarre I 391-217, Allein I-Arpuilles I 237-233. SEMIFINALI JUNIORES B: Morgex II-Charvensod II 341172, St-Christophe I-Morgex III 215-158. Le finali di sabato SERIE A: St-Christophe IAvise I. SERIE B: Etroubles I-La Salle I. SERIE C: Morgex III, Etroubles III, Sarre I, Oyace I.

SERIE D: St-Martin I, Gignod II, St-Christophe III. FEMMINILE: St-Oyen II-Gignod III. JUNIORES A: Morgex I-Allein I. JUNIORES B: Morgex II-StChristophe I. Tour di Fiolet E’ stato il bombardiere del StChristophe I, Ezio Marguerettaz, a essersi aggiudicato la terza edizione del Tour di Fiolet, circuito individuale - sulla distanza delle otto prove - che si è concluso sabato a Valpelline col Trofeo Attilio Favre. Un dominio pressoché assoluto, quello di Marguerettaz, che ha fatto della regolarità la sua arma vincente, se è vero che anche sabato - dopo il 3° posto del Trofeo St-Martin di una settimana fa - è riuscito a salire sul podio, battuto soltanto dal talento dell’Avise I, Patrik Parléaz.

Lo Gignod I di serie C

Nelle altre categorie vittorie in classifica generale per Manuel Junod in B, Devis Jacquemod in C, Luca Dorigatti e Claudio Piccioni in D (lo scettro verrà assegnato dall’Assotchachòn Valdoténa Fiolet valutando i punteggi fatti registrare nei ‘rientri’ dai due giocatori a pari merito) e Va-

lentina Bal tra le donne. Questi i vincitori di categoria al Trofeo Favre: Patrik Parléaz in A (51), Edi Chenal in B (43), Devis Jacquemod in C (46), Claudio Piccioni in D (44) e Annie Chanoine tra le donne (14, ex aequo con Valentina Bal). ■ pa.ba.

PALET: a Ives Théodule la 2ª tappa del Trofeo Comé, ad Albert Cornaz la gara di Cignas a Donnas Foto di gruppo per i partecipanti alla seconda tappa del Trofeo Lidio Comé in corso di svolgimento a Gressan (foto Michel Prodoti)

AOSTA - Seconda tappa del Trofeo Lidio Comé in corso di svolgimento a Gressan. A vincere è stato Ives Théodule, che ha preceduto Silvano Tessarin e Adriano Perrod. In

classifica generale comanda Mimmo Tripodi (13 +31) seguito da Orlando Blanc (12 +33), Danilo Bonin (12 +32), Elio Savioz (12 +28), Filippino Curtaz (10 +18), Andrea Chabloz

(10 +17), Luciano Berthod (10 +15) e Mauro Lucianaz (10 +14). Terza tappa giovedì 10 ottobre. Con la partecipazione di 44 giocatori, si è giocata sabato a Donnas - in

località Cignas - una gara a baraonda, articolata sulle tre partite. A imporsi è stato Albert Cornaz di St-Vincent, con al 2° e 3° posto Marco Bordet di Aymavilles e Franco Machet

del Marmore. Nell’ordine, quindi, si sono piazzati Clemente Pramotton, Leo Perron, Gianni Darbaz, Remo Cugnach, Giorgio Peterle, Loris Peaquin e Orlando Blanc.


Annunci Economici •INDICE RUBRICHE

➜ Lavoro 01 - lavoro offerta 02 - lavoro domanda 03 - prestazioni professionali 04 - lezioni e traduzioni 05 - artigiani

TEL. 334 9871845 • LAVORO 2. LAVORO DOMANDA

➜ Immobiliari 06 - aziende e negozi 07 - abitazioni vendita 08 - abitazioni acquisto 09 - abitazioni affitto 10 - terreni e locali industr./comm.

➜ Varie 11 - sentimentali 12 - auto e accessori 13 - moto cicli e accessori 14 - macchinari e attrezzature 15 - animali vendita e acquisto 16 - animali, oggetti smarriti e regalo 17 - scambi e baratti 18 - abbigliamento 19 - articoli sportivi 20 - audio, video, foto e computer 21 - varie (le rubriche non sottolineate sono a pagamento) 02-16-17

REGIONE AUTONOMA VALLE D’AOSTA COMUNE DI ISSOGNE OGGETTO: AVVISO DI DEPOSITO DEGLI ATTI INERENTI L’ADOZIONE DEL TESTO PRELIMINARE DELLA VARIANTE SOSTANZIALE N.° 1 AL P.R.G.C. (PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE) AI SENSI DELL’ART. 15 DELLA L.R. 11/1998 NONCHE’ ADEGUAMENTO ALLE DETERMINAZIONI DEL P.T.P. (PIANO TERRITORIALE PAESISTICO) AI SENSI DELL’ART. 13 DELLA L.R. 11/1998. IL SINDACO Ai sensi e per gli effetti dell’art. 15, comma 8, della Legge Regionale 06.04.1998 n.° 11;

RENDE NOTO Che il Consiglio Comunale, con deliberazione n.° 32 in data 19.09.2013, ha adottato il testo preliminare della variante sostanziale n.° 1 al P.R.G.C. e al P.T.P., in adeguamento della Legge Regionale 06.04.1998 n.° 11; Copia della deliberazione di adozione del testo preliminare della variante di cui trattasi, corredata dai relativi atti, sono depositati in pubblica visione presso gli Uffici del Comune di Issogne per 45 (quarantacinque) giorni consecutivi dal 02 ottobre 2013 al 16 novembre 2013. Chiunque ha facoltà di presentare, ai sensi dell’art. 15, comma 8, della L.R. 11/1998, osservazioni, esclusivamente nel pubblico interesse, fino allo scadere del termine predetto, all’Ufficio protocollo del Comune di Issogne, fraz. La Place n.° 26. Issogne, li 01 ottobre 2013

CRISTINA

MARZIA Aosta, affascinante spagnola sexy e piacevole, bel fisico, 6ª naturale, fantasiosa, giocherellona e molto disponibile. Anche massaggi

f.to IL SINDACO (Battistino DELCHOZ)

GRANDE AFFARE!!!

BEBY SITTER OFFRESI mamma 44 enne con grande esperienza con i bambini, automunita, con ottima conoscenza della lingua inglese e francese, libera la mattina. Tel. 340 0657203 CERCHIAMO LAVORO come cuoca, aiuto cuoca, sala bar, piani, anche a chiamata extra e festivi. Tel. 339 5975997 KINESITERAPEUTA con lunga esperienza professionale, cerca impiego in centro di riabilitazione e fisioterapia, case di riposo, cliniche e ospedali. Tel. 339 1568989 PERSONA SERIA CERCA LAVORO COME badante, assi-

AOSTA-SOFIA

ragazza 35 enne ti aspetta ad Aosta per momenti di svago TEL. 339 8382273

sexy e affascianante latina, simpatica, allegra, bella, biricchina, snella, 4ª abbonadante, bellissimo fondoschiena e labbra da favola, disponibile anche per massaggi indimenticabili

stenza invalidi, anziani, ammalati, colf in famiglia, pulizie e sostituzioni. Tel. 339 5975997 RAGAZZA AUTOMUNITA cerca lavoro come cameriera ai piani e badante. Disponibile da subito. Tel. 346 7149904 SIGNORA DI 31 ANNI automunita, come assistenza anziani, colf, baby sitter, lavapiatti, pasticceria e panetteria. Tel. 329 4321451

miniali. Tel. 338 8936295 - e-mail: ferdesi@yahoo.it AFFITTO AD AOSTA zona centrale, un box a 90 euro mensili. Tel. 338 8936295 - e-mail:ferdesi@yahoo.it

• IMMOBILIARI 09. ABITAZIONI AFFITTO AFFITTO AOSTA CENTRO appartamento signorile, camera doppi servizi, angolo cucina, soggiorno, seconda camera, 2 balconi e cantina. Arredato euro 550,00 al mese + spese condo-

TEL. 389 8472024

• VARIE 14. MACCHINARI E ATTREZZATURE PER CESSATA ATTIVITA' vendo un tino da 500 L; una vasca da 300 L, una da 200 L in vetroresina; una vasca da 200 L in acciaio; un atomizzatore e un alambicco da 100 L a bagno maria. Tel. 340 8016621

21. VARIE VENDO CAMINETTO A LEGNA Mod. Favilla con ruo-

ST-VINCENT

Genni bella venezuelana, affascinanate, coccolona, passionale, 6ª misura di seno, completissima, molto sexy, biricchina, simpatica, mulatta con fisico da urlo, snella e alta 1.70

TEL. 327 3507973 te, doppio, pot. 15,5 kw, termica 10,8 kw, portata utile aria 405 N mc/H, pressione statica aria 20 Pa, potenza ventilatore 77 w. Prezzo interessante. Tel. 340 9362667 VENDO COMO' a 4 cassetti in vero legno antico, lavorato a mano, 120x90hx60 circa. Solo interessati, no perditempo. Tel. 329 1925944 ore serali VENDO DIVANO LETTO e gabbia per conigli. Tel. 0165 551923 VENDO SCARPIERA Foppapedretti a € 30. Solo se interessati. Tel. 0165 31832 ore pasti VENDO STUFA Zibrocamin. Tel. 339 3645326 VENDO STUFA A LEGNA con fiamma rovesciata, scalda 500 mq, vendo a € 1.000. Tel. 0165 762246.

VENDESI MAGAZZINO ARTIGIANALE

COMUNE DI ETROUBLES AVVISO DI DEPOSITO

mq. 350 – h. 7 mt con piazzale antistante in localita’ tzamberlet

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIO-URBANISTICO Ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 16, comma 1, della Legge Regionale n° 11 del 06/04/1998

Telefonare ore ufficio al n. 3332115102

AFFITTANSI APPARTAMENTI

non ammobiliati, tre camere, cucina e bagno al prezzo di 500 euro mensili in Viale Conte Crotti

Per info tel. ai numeri:

393 37 92 279 328 46 78 772

RENDE NOTO che presso la segreteria comunale si trova depositata la Deliberazione di Consiglio Comunale n° 28/2013 del 23.09.2013 all’oggetto: Adozione della Variante n. 4 al P.U.D. di iniziativa pubblica inerente le sottozone Ab1-Af1 ex zona A12 del vigente P.R.G. del Comune di Etroubles, comportante variante non sostanziale al PRGC e contestuale approvazione del progetto preliminare relativo alla realizzazione della nuova strada e del nuovo parcheggio a servizio della parte alta del Borgo denominata “Bordonnet” ricompresa all’interno della Variante n. 4 al P.U.D. di iniziativa pubblica”; chiunque possa essere interessato all’adozione della variante non sostanziale anzi descritta può prendere visione della documentazione progettuale allegata presentando eventualmente le proprie osservazioni scritte e depositandole presso la Segreteria di questo comune nel termine massimo di 45 giorni decorrenti dalla data di inserzione del presente avviso presso l’albo pretorio. Etroubles, 25.09.2013

VENDESI

AFFITTASI

alloggi in villa oppure villa singola

azienda conduzione famigliare hotel, bar, ristorante (bistagionale). Località turistica montana attigua impianti risalita, piste di fondo, sci alpinismo ed escursionismo

Per info telefonare ai numeri:

393 37 92 279 347 35 15 433

Tel. 339 5819339

Il responsabile del servizio edilizio-urbanistico (dott.ssa Sabina ROLLET)

ACQUISTO BOX/POSTO AUTO zona Palazzo regionale (no Palais Challand)

Tel. 333 6192124

annunci gratuiti

IL TAGLIANDO

(SOLO PER PRIVATI) RUBRICHE N.

2-16-17

COME?

Con il tagliando Compilare l'apposito tagliando pubblicato su ogni numero del giornale e consegnarlo - o inviarlo - alla segreteria della redazione del vostro settimanale locale; l'annuncio deve contenere al massimo 20 parole. Ogni tagliando vale una pubblicazione.

PER I VOSTRI ANNUNCI

➜ Massimo 20 parole ➜ Scrivere in stampantello ➜ Indicare nel riquadro a fianco il numero della rubrica prescelta

DOVE? Presso questa sede:

LG Presse - GAZZETTA MATIN Regione Borgnalle 12 - 11100 AOSTA Tel. 0165 231711 Fax 0165 1820141

Dati per la segreteria (che non saranno pubblicati):

Vendesi gruppo statico di continuità marca ASTRID, 20 KVA. Prezzo euro 1.000 (fatturabile) Tel. 0165 231.711

AVVERTENZE. Le inserzioni si ricevono in orario di ufficio (9/12) - (15/18). La direzione, pur impegnata nell'opera di controllo, non è responsabile della veridicità e della provenienza dei testi pubblicati. Si riserva, in ogni caso, di rifiutare qualsiasi inserzione.

NOME INDIRIZZO TEL


lunedĂŹ 7 ottobre 2013

71


72

lunedĂŹ 7 ottobre 2013

CIELO

VENTO SOLE

VARIABILE

NUVOLO

Oggi in Valle d’Aosta

NEVE

PIOGGIA

NEBBIA

TEMPORALE

VENTO

Il sole

T

empo irregolare. Ancora nuvolositĂ  e fenomeni piĂš insistenti nei settori sud orientali, schiarite piĂš ampie altrove. Temperature: stazionarie o in lieve rialzo. Venti: a 3 mila metri deboli orientali; deboli da sud est nelle valli.

sorge oggi alle 7.33 e tramonta alle 19.05

VENTO FORTE

La luna

sorge oggi alle 10.17 e tramonta alle 20.23

Situazione generale

G

raduale e lento miglioramento in un contesto peraltro ancora piuttosto umido e fresco. Evoluzione ancora incerta a partire da giovedĂŹ prossimo, con un possibile peggioramento dovuto alla discesa da nord verso le regioni alpine di una zona di bassa pressione.

Tendenza successiva MartedĂŹ 8 sistenti a sud est. Temperature: stazionarie.

  



!    

  

arzialmente nuvoloso P con addensamenti e deboli precipitazioni piĂš con-

MercoledĂŹ 9

M

ercoledĂŹ abbastaza soleggiato; evoluzione piĂš incerta da giovedĂŹ in poi.

Accadde oggi 1849 - A Baltimora (Maryland) muore lo scrittore Edgar Allan Poe, l’inventore del genere poliziesco, della letteratura horror e del giallo psicologico. 1950 - I soldati della Repubblica popolare cinese invadono il Tibet centrale. 1959 - Muore a Roma per un’embolia polmonare il tenore Mario Lanza. Era nato a Filadelfia nel 1921. Da qualche mese era stato colpito da attacco cardiaco. 1959 - La sonda sovietica Luna 3 raggiunge il lato della Luna non visibile dalla Terra e ne scatta le prime foto della storia. L’altro emisfero, il lato oscuro, è costituito principalmente da montagne e valli. 1978 - In Spagna viene legalizzata la vendita della pillola anticoncezionale. 1985 - Un gruppo di terroristi sequestra la nave da crociera Achille Lauro con 400 persone a bordo. Chiedono la liberazione di prigionieri detenuti in Israele.

  %(*##%((&#',(('+-&#    %$&&#++#('#  !$&

++,,( *#%0,(  +#+,& *#) (',*(%4 )* -' )* ,, ,*0#(' +- (!'# ,**'( +%-+#.( .(%', (&),,(  *"##'%! 5)*+)*#&*%.*++'0%*(++(.*(,(*##&#*(#*##'0#'# #%#'*#)#3 *,,#.#,1&'(('+-&#(&),,( -(*# +#'',',*(('#%(-"+*' 5('#%*$++#+,)*"!!# +(%(#.#-'6+)*#'0#!-#*#.(%-0#('*#2',(#%#,/*(++(.*

      


Gazzetta Matin del 7 ottobre 2013