Issuu on Google+

Direttore: LUCA MERCANTI Anno XIi - n° 29

www.gazzettamatin.com www.newsvda.it

Poste italiane. Spedizione in A.P.D. L.353/2003 (conv.in L.27/02/2004 n. 46) art. 1 comma 1. DCB Aosta

lunedì 1 luglio 2013 Tel. 0165 231711 centralino segreteria@gazzettamatin.com

settimanale indipendente di informazione, politica, cultura, sport

EURO 1.50

COMPI UN GESTO

DI SOLIDARIETÀ

DIVENTA DONATORE DI SANGUE

VIA XAVIER DE MAISTRE 19 AOSTA TEL: 0165 552196 CELL: 366 6067082 WEB: www.fidas.it MAIL: fidasvda@gmail.com

■ XIV legislatura / Decisa in extremis da Uv e Sa

EDITORIALE

VDA news: vieni a visitare il nuovo quotidiano online www.newsvda.it

Nuova legislatura sì, ma spada di Damocle sulla testa di tanti (troppi) consiglieri di Luca MERCANTI arte la XIV legislatuP ra. E lo fa con una spada di Damocle sulla testa.

Tutti i movimenti e partiti presenti in Consiglio Valle, tranne ovviamente i neonati M5S e UVP, sono coinvolti nell’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari, chi più chi meno. Si va dal finanziamento illecito dei partiti fino al peculato. Per carità, ipotesi di reato ancora da recapitare ai diretti interessati e soprattutto da dimostrare. Sono certo, però, che un po’ di apprensione i consiglieri sia della passata legislatura che quelli riconfermati la stanno vivendo. Se così non fosse, significherebbe che non hanno preso coscienza della gravità delle accuse che gli vengono mosse. Per fortuna la vecchia legge che regolava le modalità di spesa dei gruppi consiliari non esiste più. E’ stata sostituita da una più trasparente. Decisamente diversa da quella precedente, grazie alla quale tra superficialità, ingenuità e ingordigia di qualcuno che evidentemente non si accontentava dei seimila euro al mese in busta paga, sono stati bruciati per anni soldi dei cittadini. Di quei cittadini che oggi chiedono ai nuovi eletti sobrietà e trasparenza, oltre che capacità e risposte ai bisogni, che sono gli stessi di tutti gli italiani: lavoro, lavoro e ancora lavoro. Un grosso in bocca al lu-

po allora ai 35 consiglieri regionali, certo che un’opposizione così numerosa e qualificata servirà da stimolo a fare ancora meglio a un governo regionale che non può sbagliare un colpo. E non solo per stare in vita, ma per non far affondare la Valle e possibilmente - è la speranza comune - di farla ripartire. Sbagliare è umano, è vero. Ma è altrettanto vero che nelle difficoltà in cui siamo errori non ce ne possiamo permettere. Figuriamoci, poi, se questi non fossero commessi in buona fede. Nel rinnovare gli auguri, ribadisco un concetto già espresso qualche settimana fa: per quanto mi riguarda, i consiglieri eventualmente indagati dovranno dimettersi nel caso in cui le loro posizioni non venissero archiviate. Si tratta di un gesto che i valdostani hanno il diritto di pretendere. E sul quale Gazzetta Matin farà la sua modesta battaglia.

LA NUOVA GIUNTA

Oggi, lunedì, il primo Consiglio regionale aosta - Renzo Testolin (Agricoltura), Luca Bianchi (Ambiente), Pierluigi Marquis (Attività produttive), Mauro Baccega (Finanze), Jeol Farcoz (Istruzione e Cultura), Marco Viérin (Opere pubbliche), Antonio Fosson (Sanità) e Aurelio Marguerettaz (Turismo). E’ questa la nuova squadra del governo targato Augusto Rollandin, che oggi, lunedì, si presenta al Consiglio Valle per il via alla XIV legislatura. Emily Rini (foto) viene proposta come presidente del Consiglio. Le due vice presidneze a André Lanièce (maggioranza) e Andrea Rosset (opposizione). ■ a pagina 3

Augusto Rollandin (UV), presidente della Regione

Pierluigi Marquis (Sa), assessore alle Attività produttive

Renzo Testolin (Uv), assessore all’Agricoltura

Mauro Baccega (Sa), assessore alle Finnaze e Bilancio

Marco Viérin (Sa), assessore alle Opere pubbliche

Joel Farcoz (Uv), assessore Istruzione e Cultura

Presidente sulla graticola «Nessun imbarazzo» aosta - Acque agitate al Co.Re.Com. Valle d’Aosta. Il 4 luglio il vice presidente Boccarella, oltre ai consiglieri Sciulli, Amedeo e Patacchini “sfiduceranno” la presidente Manuela Ghillino (foto). Se questa non lascerà, pronte le dimissioni dei quattro, e così verrà meno il numero legale.

aosta - A un paio di settimane dall’inizio della festa dei santi Giorgio e Giacomo, la cosiddetta festa dei calabresi, il presidente dell’associazione, Giusepep Tropiano e don Albino Linty Blanchet, rispondono con un laconico «nessun imbarazzo» alle polemiche degli ultimi tempi in merito all’opportunità di mantenere la sede dell’associazione nella parrocchia di Saint-Martin.

■ a pagina 6

■ a pagina 21

-

tel:

Aurelio Marguerettaz (Uv), assessore al Turismo

Antonio Fosson (Uv), assessore alla Sanità

■ co.re.com. / Il 4 luglio riunione decisiva ■ festa calabresi / Tropiano e la Chiesa

per la pubblicità lg presse

Luca Bianchi (Uv), assessore all’Ambiente

ciclismo

A Falzarano e Cappiello la Cervino Cycling Marathon ■ a pagina 58

0165.1845110 cell: 366.6174591 - email: m.henry@lgpresse.com


2

© 2013

lunedì 1 luglio 2013

Oggi arredare la tua casa

costa la metà

a a

Approfitta dei nuovi incentivi fiscali sulla ristrutturazione

a r r e d a m e n t i

Loc. Grand Chemin16 /11020 Saint-Christophe / www.casapiuarredamenti.it / Tel. 016540293-236795


1P °

PRIMO PIANO

lunedì 1 luglio 2013

3

Presidenza del Consiglio

Presidenza della Regione

Sanità e politiche sociali

EMILY RINI - Nata ad Aosta il 15 agosto 1982, è residente a Villeneuve. Laureata in giurisprudenza, avvocato praticante e coagente di assicurazione nell’impresa di famiglia, sposata, mamma di Iris. Già ideatrice dei Foyer valdôtain, si presenta per la prima volta alle elezioni regionali nel 2008 nella lista dell’Union Valdôtaine e viene eletta. Diventa segretario del Consiglio Valle e nel settembre 2012 è eletta presidente del Consiglio. Nel corso della Legislatura ha partecipato attivamente alle attività istituzionali della Conferenza dei Presidenti dei Consigli regionali. Nel maggio del 2013 viene rieletta con 3220 voti.

AUGUSTO ROLLANDIN - Nato a Brusson il 13 giugno 1949, sposato due figli, è laureato in medicina veterinaria. Dal 1975 al 1978 è consigliere comunale e sindaco di Brusson. Nel 1978, viene eletto per la prima volta in Consiglio regionale e diventa assessore alla Sanità. Conferma la sua elezione a Palazzo nel 1983, nel 1988, nel 1993 e nel 1998. Nel 1998 è nominato presidente dell’Union Valdôtaine. Nel maggio 2001, viene eletto senatore. Nel 2006-2007, diventa presidente del consiglio di amministrazione della Compagnia Valdostana delle Acque. Nel marzo del 1992 riceve l’onorificenza di Chevalier de l’ordre National de la Légion d’Honneur. Eletto nel 2008 bissa il successo a maggio con 10.872 voti.

ANTONIO FOSSON - Nato a Ivrea, ma originario di Ayas, l’11 ottobre 1951, laureato in medicina e chirurgia, sposato, quattro figli, Fosson entra in Consiglio Valle nel 2003 e fino al 2008 ricoprirà la carica di assessore alla Sanità. Nel 2008 viene eletto senatore per la lista Vallée d’Aoste, composta da Union Valdôtaine, Stella Alpina e Fédération Autonomiste, battendo il senatore uscente Carlo Perrin. In parlamento entra a far parte della 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità) e della Commissione parlamentare per le questioni regionali. Rientra a Palazzo forte di 4635 voti personali.

■ XIV LEGISLATURA / Oggi, lunedì, il primo Consiglio

La nuova giunta regionale Turismo, sport e trasporti AURELIO MARGUERETTAZ - Nato ad Aosta il 22 agosto 1963, residente nel capoluogo, è laureato in economia e commercio e iscritto all’albo dei dottori commercialisti dal 1994. E’ stato vicesindaco del Comune di Saint-Rhémy-En-Bosses e vicepresidente della Comunità montana del Grand-Combin. Dal 2001 al 2003 ha ricoperto la carica di presidente dell’Union Valdôtaine. Nel 2003, entra in Consiglio regionale e diventa assessore al Bilancio, finanze, programmazione e partecipazioni regionali. Si presenta alle elezioni regionali del 25 maggio 2008 ed è rieletto. Nella XIII legislatura ricopre la carica di assessore al Turismo, sport, commercio e trasporti. Confermato con 2543 preferenze.

AOSTA - Renzo Testolin (Uv) all’Agricoltura, Luca Bianchi (Uv) all’Ambiente, Pierluigi Marquis (Sa) alle Attività produttive, Mauro Baccega (Sa) alle Finanze, Joel Farcoz (Uv) all’Istruzione e Cultura, Marco Viérin (Sa) confermato alle Opere pubbliche, Antonio Fosson (Uv) alla Sanità e Aurelio Margurettaz (Uv) confermato al Turismo. E’ la composizione del nuovo governo regionale targato Augusto Rollandin, i cui nomi degli ultimi componenti, quelli unionisti, sono stati svelati dal presidente uscente solo nel corso del Comité Fédéral di ieri sera, domenica, a Quart. Qualcuno aveva temuto che Rollandin rimandasse tutti all’inizio della prima seduta del Consiglio Valle di oggi, la prima della XIV legislatura, poiché il presidente al Comité Fédéral di un paio d’ore prima non aveva detto nulla riguardo la composizione della sua nuova squadra. Delle voci che si erano rincorse nelle ultime ore sui possibili nuovi assessori, solo una sorpresa: Renzo Testolin all’Agricoltura. Marcato il rinnovamento: se si escludono presidente della Regione, Marguerrettaz e

Viérin, tutti gli altri componenti il governo sono nuovi, con ben cinque new entry assolute in Consiglio (non contiamo Fosson, perché è stato assessore alla Sanità nella XII legislatura). Qualche malumore tra gli esclusi, come il presidente del Leone rampante, Ego Perron (che sarà comunque capogruppo), e qualche mal di pancia per la mancata eliminazione dell’assessorato all’Ambiente. Sul mantenimento del numero degli assessorati c’è stata una richiesta di chiarimento, che ha portato all’astensione di tre persone. Alla presidenza del Consiglio Valle sarà proposta per la votazione di oggi, Emily Rini (una conferma). Alle due vice presidenze, André Lanièce (Sa) e Andrea Rosset (Uvp). ■ l.m.

Agricoltura RENZO TESTOLIN - Nato ad Aosta il 28 marzo 1968, consulente finanziario all’Unicredit, è padre dei gemelli Herman e Thomas. Residente a Aymavilles, ha dato per anni una mano alla Pro loco, di cui è stato anche vicepresidente. E’ sceso in politica nel 1995 nella lista Pour le Pays, eletto diventa consigliere comunale di Aymavilles. Passa anche nel 2000 e fino al 2005 ricopre la carica di assessore all’Istruzione, cultura e politiche sociali. Nel quinquennio successivo entra in municipio da vicesindaco. Dopo una pausa ritorna alla vita politica attiva, entrando in Consiglio forte di 1.590 voti di preferenza.

Istruzione e cultura JOEL FARCOZ - Nato ad Aosta il 27 luglio 1987, laureato in ingegneria energetica, risiede a Gignod. Farcoz è l’animateur principal del movimento giovanile dell’Union, Jeunesse valdôtaine, ama la montagna e gli sport. E’ il più giovane tra gli eletti nelle consultazioni regionali di maggio. Alla sua prima esperienza politica incassa 1813 voti che gli spalancano le porte di Palazzo regionale.

Finanze e patrimonio

Ambiente e territorio

MAURO BACCEGA - Nato ad Aosta il 15 agosto 1955, geometra, pubblicitario tecnico, è padre di Giovanni. Dal 1972 al 1981 impiegato alla Ceda SpA, spediozionieri Doganali; consigliere di amministrazione della Banca della Valle d’Aosta dal 5 luglio 1989 al 30 giugno 1992. Eletto in Municipio ad Aosta nel 1985. Nuovamente eletto dal 27 giugno 1990 al 5 maggio 1992, rassegna, in tutti e due i casi, le dimissioni per motivi di lavoro. Rientra in Comune nel 2005 ed è nominato assessore ai Servizi Finanziari e Patrimonio fino a maggio 2010. Nuovamente eletto il 10 maggio 2010 reintegra le Finanze. A maggio è eletto in Consiglio Valle con 1597 preferenze.

LUCA BIANCHI - Nato a Aosta il 4 dicembre 1967, geometra, assistente di direzione al Casinò di Saint-Vincent, padre di Henri, cinque anni. Risiede a Pollein ed è vigile del fuoco volontario. Da sempre dell’Union valdôtaine integra le fila della Jeunesse da ragazzo. Entra in consiglio comunale nel 1990 come consigliere di minoranza dove resterà fino al duemila. Dopo una pausa di cinque anni si ripresenta nel 2005 in coppia con Paolo Gippaz come sindaco. Le strade dei due si dividono per le comunali del 2010 e si ritrovano su fronti opposti. Bianchi vince e indossa la fusciacca. A maggio è eletto nella lista dell’Union valdôtaine con 1924 preferenze.

In Salita

MAURIZIO MARTIN

Presidente Stella Alpina

Attività produttive PIERLUIGI MARQUIS - Nato ad Aosta il 30 maggio del 1964, è residente a SaintVincent. Laurea in architettura è libero professionista, sposato, è papà di Luca. Viene eletto in Consiglio comunale nel 1995 ed è nominato assessore ai Lavori pubblici; rieletto nel 2000, Marquis dal 2003 assume anche la carica di vicesindaco che manterrà fino al 2010. Confermato per la terza volta, resta all’assessorato Opere pubbliche e integra la carica di presidente della Comunità montana Monte Cervino; dal 2009 al novembre del 2012 è stato alla presidenza della società Raccordo autostradale valdostano. Alle Regionali di maggio viene eletto nella lista della Stella Alpina con 1945 voti.

In Discesa Dalle trattative per la formazione del nuovo governo regionale Stella Alpina ottiene il massimo risultato. Dopo aver “resettato” Fédération, quello dell’Edelweiss oggi è massimo splendore dalla sua nascita.

E’ stata premiata in piazza Chanoux, ad Aosta, per il suo impegno nella Croce Rossa che dura da tantissimi anni. Un riconoscimento a una persona EMMA con un cuore grande così, BETHAZ BONETTI che a chi ha più bisogno Volontaria continua a dare tanto. Croce Rossa

ANDREAS VITTONE

Biker

Bel gesto del portacolori del G.S. Cicli Lucchini: vince la gara di Rhêmes-Notre-Dame cat. G6, ma regala la coppa a chi avrebbe desiderato tanto salire sul podio, un compagno del cat. G5

MANUELA GHILLINO

Presidente Co.Re.Com. VdA

PIERINO BIONAZ

Dirigente regionale

ALAIN SELETTO

Ciclista

La presidente sulla graticola. Gli altri quattro compomenti il Comitato regionale sembrano intenzionati a chiederle di fare un passo indietro. Nel frattempo, si limitano a smentirla e ad affermare che non concorda le azioni. Duro colpo per il dirigente delle Attività produttive. La Corte dei conti lo ha infatti condannato al risarcimento di circa 83 mila euro, il 50% di quanto contestato dai giudici per corresponsabilità della giunta. Taglia per primo il traguardo della gran fondo a Cervinia, ma poi perde la sfida tra titani di velocità con Federico Pellegrino: l’azzurro si dimostra più scattante con gli skiroll rispetto a Seletto in bici. Sarà per la prossima volta.

Opere pubbliche e casa MARCO VIERIN - Nato ad Aosta il 5 marzo 1958, è residente a Pollein. Diploma di ragioneria, sposato con Patrizia, padre di Elisa e Sara. Già consigliere e sindaco di Pollein dal 1985, nel 1993 entra per la prima volta in Consiglio regionale nella lista della Democrazia Cristiana nel 1993. Confermato nel 1998 e nel 2003, Viérin viene rieletto nel 2008 e assurge alla carica di assessore alle Opere pubbliche, difesa del suolo ed edilizia residenziale pubblica in quota Stella Alpina dove resta in carica fino al 2013. Nelle ultime consultazioni regionali è rieletto con 3179 voti.


1 P ■ Consiglio regionale / Via alla XIV legislatura °

primo piano

4

Aspettando gli “avvisi” AOSTA - Stamani, lunedì, la prima seduta del Consiglio regionale, legislatura XIV. Il capogruppo di Alpe sarà Patrizia Morelli, il consigliere che ha ottenuto più voti di preferenza. Riconfermata, quindi, dopo essere subentrata, nella scorsa legislatura a Roberto Louvin. Dal punto di vista del collocamento sui banchi è riconfermata la posizione immediatamente a seguire quella del Pd. Riguardo alla vicende giudiziarie in cui sono coinvolti i gruppi regionali, Chantal Certan, segretario uscente e neo consigliere regionale assicura che «da parte nostra non sono prevedibili contraccolpi in quanto è stato tutto assolutamente giustificato. Certo non si potrà far finta di niente per le vicende in cui è coinvolto il vertice della Regione». Per Stefano Ferrero, capogruppo M5S, la giunta regionale sarà molto disturbata nel suo lavoro dalla situazione giudiziaria dei singoli: «Se gli avvisi di garanzia riguarderanno anche persone ai vertici regionali, è chiaro che non sarà possibile fare finta di niente

Bilancio XIII Legislatura

Taglio ai costi della politica e misure anticrisi le eccellenze aosta - Sono i tagli ai costi della politica - un risparmio da due milioni di euro all’anno - e le misure anticrisi i fiori all’occhiello della XIII legislatura rispettivamente per il presidente del Consiglio Valle Emily Rini e il presidente della Regione Augusto Rollandin. Entrambi hanno tracciato un bilancio dell’attività del quinquennio che si è chiuso formalmente ieri, domenica 30 giugno. «Il miglior risultato ottenuto da questa Giunta l’aver affrontato efficacemente la crisi, con misure a favore di famiglie e imprese che ci sono state copiate dagli altri. Abbiamo mantenuto in Valle d’Aosta un’economia che regge e contenuto la disoccupazione», ha sottolineato Rollandin. In cinque anni 278 riunioni, 16.504 delibere approvate, 183 disegni di legge licenziati e inviati al Cosniglio: sono in sintesi i numeri della Giunta regionale. «Il più bel ricordo della legislatura? La legge sui costi della politica, approvata all’unanimità, con un dibattito sereno nonostante l’introduzione di modifiche impattanti. Siamo stati i primi e gli unici a farlo con immediata decorrenza», ha evidenziato Rini. In cinque anni 257 riunioni con 2.939 oggetti trattati, 194 leggi e 10 regolamenti approvati, 596 interrogazioni, 1.080 interpellanze, 107 mozioni, 125 risoluzioni e 17 petizioni discusse in aula: sono alcuni numeri della tredicesima legislatura del Consiglio regionale della valle d’Aosta.

Oggi, lunedì, aula del Consiglio regionale nuovamente occupata dai consiglieri

lunedì 1 luglio 2013

I CAPIGRUPPO Union valdôtaine EGO PERRON -Nato ad Aosta il 3 febbraio 1967, ragioniere perito commerciale, residente a Fénis. Ha iniziato la sua carriera politica come consigliere comunale. Nel 1988 diventa animateur pricipal de la Jeunesse valdôtaine. Eletto in Consiglio Regionale la prima volta nel 1993, viene rieletto nel 1998 nel 2003. Dal 1994 al 1998 è segretario del Consiglio e dal 2003 al 2008 è presidente del Consiglio. Nel 2008è stato candidato alla Camera dei deputati con la lista Vallée d’Aoste. Dal 23 novembre 2008 è presidente dell’Union valdôtaine. Rientra in Consiglio, ottenendo 1754 voti.

Stella Alpina - afferma -. Ribadiamo, come già fatto per la vicenda ospedale, l’intempestività degli interventi della magistratura. Se i risultati dell’inchiesta fossero stati resi noti prima anche la Giunta ne avrebbe avuto giovamento». La posizione fisica del gruppo in aula «è stata decisa nella riunione dei gruppi di minoranza, M5S incluso, che hanno deciso di collocarsi in quest’ordine Pd, Alpe, Uvp, M5S», comunica il presidente dell’Uvp, Alessia Favre. «Le inchieste in corso, ma soprattutto quelle in cui si ipotizzano legami con

Movimento 5 Stelle STEFANO FERRERO - E’ nato ad Aosta l’11 settembre 1963 ed ha conseguito il diploma di ragioniere nel 1982. E’ stato dipendente dell’Istituto autonomo case popolari, dell’azienda farmaceutica municipalizzata di Aosta e della Regione autonoma Valle d’Aosta a partire dal 1987. Ha militato nel Movimento 5 Stelle fin dai suoi esordi. E’ stato candidato al Senato della Repubblica ottenendo un successo considerevole per il suo movimento con 13760 voti pari al 20,71%. Alle regionali del 12013 è risultato il primo eletto con 1170 voti.

la ‘ndrangheta - dice Raimondo Donzel, capogruppo Pd in sostituzione di Carmela Fontana - da parte di politici che hanno contatti diretti con la mafia, come dimostrano le intercettazioni, creerà notevoli problemi. Sono meno convinto che ci saranno problemi per l’altra inchiesta: non vedo nessun caso Fiorito in giro. Meglio dirottare l’interesse su di una fattura da 100 Euro che su Sorbara che fa certe dichiarazioni. Da parte nostra siamo tranquilli perché era tutto pubblico sul sito. Adesso attendiamo gli avvisi di garanzia, ma poi bisognerà riflettere sull’opportunità di dare incarichi esecutivi a persone coinvolte nelle indagini». Sulla collocazione nell’aula conferma la riunione della minoranza e precisa: «Uno dei criteri scelti nella riunione della minoranza allargata al M5S è stato quello di favorire lo spostamento del consigliere Alberto Bertin nell’aula». «Noi siamo fuori dalle inchieste della magistratura, ma bisogna considerare la diversa gravità tra il peculato e un utilizzo illecito di fondi, perché questi ultimi potrebbero derivare da scarsa conoscenza della normativa - è il parere di Alessia Favre -; nell’altro caso c’è una precisa volontà di commettere un reato. Certamente se si dà un incarico ad una figura istituzionale coinvolta si pone in una situazione delicata lei e l’istituzione stessa». ■ Bruno Fracasso

Vicepresidenza Consiglio

Vicepresidenza Consiglio

ANDRÉ LANIÈCE - Nato ad Aosta il 5 dicembre 1964, risiede ad Aosta. Laureato in Economia e Commercio a Torino. Viene eletto per la prima volta alla carica di consigliere regionale nel 1993, viene poi confermato nel 1998, nel 2003 e nel 2008. Dal 2003 ricopre il ruolo di vice presidente del Consiglio. E’ tra i fondatori della Stella Alpina, fondatore della Pro loco de Tsandepra, ha curato l’organizzazione di fiere, gite sociali e manifestazioni. Fa parte del direttivo della sezione valdostana della Lega Italiana Lotta contro i Tumori, dell’Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare e del Comitato Telethon della Valle.

ANDREA ROSSET - Nato ad Aosta il 17 novembre 1948, è residente a Quart. Diploma di geometra, è pensionato ex funzionario della Regione autonoma Valle d’Aosta. Nel 1980 è eletto in seno al Consiglio comunale di Quart. E’ assessore per 11 anni - dal 1984 al 1995 - e sindaco per 13 anni - dal 1995 al 2008. Nel 2005 viene eletto presidente della Comunità montana Mont-Emilius. Si presenta alle elezioni regionali del 25 maggio 2008 nella lista Union Valdôtaine e viene eletto con 1944 voti. Dall’8 gennaio 2013 aderisce al gruppo consiliare Union Valdôtaine Progressiste, lista nella quale viene rieletto.

■ idv / Il segretario regionale Marco Belardi a Roma ha sostenuto la mozione di Ignazio Messina

«Congresso democartico e partecipato»

Marco Belardi con il nuovo segretario Ignazio Messina in visita ad Aosta

aosta - «E’ stato un Congresso di democrazia diretta e partecipata». E’ il commento a caldo del segretario dell’Idv Marco Belardi a qualche minuto della nomina di Ignazio Messina in qualità di nuovo segretario del partito di Antonio Di Pietro domenica 30 giugno poco dopo le 13. Belardi ha partecipato nella Capitale alla tre giorni di lavori che ha portata alla designazione di un nuovo leader, la cui linea piace al segretario regionale. «E’ un momento di ripartenza per dimostrare che non ha alcun senso l’inciucio tra il Pdl e il Pd; abbiamo bisogno di un vero governo di sinistra che sia vicino ai bisogni del Paese». Ignazio Messina, ex responsabile Enti Locali del partito, che, grazie ai gazebo e al voto online, ha ribaltato le attese della vigilia battendo con un 69,11 per cento delle preferenze Niccolò Rinaldi, unico avversario superstite delle 5 mozioni presentate ■ da.ch.

SFEANO BORRELLO - Nato ad Aosta il 20 agosto 1977, laurea in scienze geologiche, è padre di due bambini e funzionario dei vigili del fuoco. Entra in Consiglio comunale ad Aosta nel 2005 nella fila della Stella Alpina. Nel 2010 viene rieletto ed è nominato assessore all’Urbanistica, viabilità, espropri e mobilità. La sua passione politica nasce Torino ai tempi dell’Università quando integra i gruppi giovanili. A maggio incassa 1571 preferenze e risulta il terzo eletto nella lista della Stella Alpina.

Union valdôtaine progressiste LUIGI BERTSCHY - E’ nato ad Aosta, ha 47 anni ed è residente a Hône. E’ sposato con Stefania Gamba dal 1991 e ha due figli: Gianluca e Nathalie, che hanno rispettivamente 20 e 13 anni. Ha sempre sostenuto che a spingerlo verso l’impegno amministrativo sia stato il suo grande amore per Hône, il paese in cui vive. E’ stato presidente dell’Istituto musicale. La sua carriera politica inizia con l’elezione nel 1995 a vice-sindaco del suo paese. Nel ’98 diventa sindaco fino all’attuale elezione alla carica di consigliere regionale con 1954 preferenze.

Alpe PATRIZIA MORELLI - Albergatrice, ha ricoperto la carica di capogruppo già nella precedente legislatura sostituendo il dimissionario Robert Louvin. E’ al suo secondo incarico amministrativo. Nella sua prima legislatura è stata eletta con 1023 voti, in questa ha raggiunto la quota di 2295 voti. Ha ricoperto la carica di vice presidente dell’Union Valdôtaine dal 1997 al 1998. Nel 2006 è stata vice coordinatore di Renouveau Valdôtain. Ha conteso il seggio a Palazzo Madama nelle ultime elezioni politiche per l’Alleanza autonomista progressista ad Albert Lanièce.

Pd RAIMONDO DONZEL - E il segretario del Pd della Valle d’Aosta. E’ risultato eletto nelle ultime elezioni regionali con 1397 voti, primo del suo raggruppamento Pd-Sinistra Vda. Insegnante di storia e filosofia, proviene dal sindacato dei quale ha ricoperto cariche di vertice fino dal 2001. Nato ad Aosta il 19 novembre 1963, è residente a Charvensod. Nel 1996, inizia la carriera sindacale entrando nel direttivo della CGIL Scuola e nel 2001 ne viene eletto Segretario regionale. Il suo impegno politico si concretizza nel 2003 quando viene nominato nella Direzione della Gauche Valdôtaine-Democratici di Sinistra (GV-DS).


C RO N AC A

lunedì 1 luglio 2013

5

■ gruppi consiliari / La Procura ha affidato nuovi approfondimenti alla Finanza; probabile il rinvio di qualche settimana degli avvisi di garanzia

Nel mirino tutti i capigruppo della XIII legislatura

Nel pomeriggio di venerdì vertice tra il procuratore Marilinda Mineccia e il presidente della Sezione di controllo Gaetano D’Auria aosta - Potrebbe slittare a fine mese l’invio degli avvisi di garanzia predisposti dalla Procura della Repubblica di Aosta nell’ambito dell’inchiesta sulle spese dei gruppi consiliari. Il procuratore capo Marilinda Mineccia, dopo il vertice avuto venerdì pomeriggio col presidente della Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti, Gaetano D’Auria, ha deciso di affidare all’aliquota della Guardia di Finanza della Polizia Giudiziaria nuovi «approfondimenti specifici» che - di fatto - potrebbero unire la fase iniziale delle indagini con la fase successiva tutt’ora in corso. Fonti interne alla Procura, in ogni caso, hanno confermato il coinvolgimento di tutti e sei i gruppi della XIII legislatura del Consiglio regionale della Valle d’Aosta: secondo quanto si è potuto apprendere, il fascicolo è passato da modello 45 (‘Registro degli atti non costituenti notizia di reato’) a modello 21 (‘Registro delle notizie di reato a carico di persone note’), con le ipotesi di reato che sono finanziamento illecito ai partiti e peculato. In un simile contesto, al fine di dettagliare il più possibile le diverse posizioni degli indagati, dalla Procura hanno fatto sapere di aver vagliato attentamente le posizioni di tutti i personaggi coinvolti tra Union Valdôtaine, Fédération Autonomiste, Stella Alpina, Pdl, Alpe e Pd. Ed è così che in attesa della notifica

Il procuratore capo Marilinda Mineccia e il dottor Gaetano D’Auria, protagonisti del vertice di venerdì

degli avvisi di garanzia ai diretti interessati, che a questo punto potrebbero essere consegnati contestualmente all’avviso di conclusione delle indagini preliminari, si è letteralmente scatenata la caccia ai possibili primi nomi iscritti nei giorni scorsi nel reg-

istro degli indagati. «Almeno un terzo degli eletti», secondo una fonte non smentita dalla Procura. In merito ai possibili nominativi coinvolti, sembra probabile il coinvolgimento nell’inchiesta dei capigruppo, se non altro perché sarebbero considerati al-

la stregua di legali rappresentanti dei rispettivi gruppi consiliari presenti nel periodo preso in esame dalle indagini, vale a dire gli anni 2009, 2010 e 2011. Insomma, oltre molto probabilmente a Diego Empereur (Uv), Leonardo La Torre (Fa), Franc-

INCHIESTE: il M5S ‘indaga’ la Procura di Aosta aosta - «Fugare ogni dubbio circa la possibile esistenza di logiche di cortesia istituzionale». E’ questo l’obiettivo dell’iniziativa presentata in settimana dai neo consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle, Stefano Ferrero e Roberto Cognetta, che attraverso il «cittadino parlamentare» Ivan Della Valle (foto), hanno dichiarato di voler promuovere un’apposita interrogazione parlamentare innanzi al Ministro della Giustizia, Anna Maria Cancellieri. Nel mirino dei ‘grillini’ valdostani sarebbero finite le tempistiche relative sia all’inchiesta ‘Usque Tandem’ sulla realizzazione del parcheggio pluripiano di via Roma e sull’ampliamento dell’ospedale Umberto Parini, sia all’inda-

gine inerente alle spese dei gruppi consiliari della XIII legislatura. Pur confermando «l’assoluto apprezzamento per i risultati ottenuti finora dalla magistratura», Ferrero e Cognetta non hanno nascosto «una certa perplessità circa le tempistiche relative alle notifiche degli avvisi di garanzia (in questo caso nell’inchiesta ‘Usque Tandem’, ndr), notifiche perfezionate immediatamente dopo la tornata elettorale delle Regionali, motivo per cui intendiamo promuovere direttamente innanzi al Ministro della Giustizia un’azione volta a verificare che tutti abbiano nuotato nella stessa direzione e alla stessa velocità». ■ pa.ba.

esco Salzone (Sa), Massimo Lattanzi (Pdl), Robert Louvin (Vallée d’Aoste Vive-Renouveau e Alpe fino al 3 maggio 2011), Patrizia Morelli (Alpe dal 4 maggio 2011) e Carmela Fontana (Pd), il nodo da sciogliere sembra ora capire quali altri consiglieri regionali della XIII legislatura possano essere potenzialmente passibili di iscrizione nel registro degli indagati. Condotte dall’aliquota della Guardia di Finanza della Polizia Giudiziaria su delega del procuratore capo Marilinda Mineccia, le indagini si sono finora articolate in numerosi accertamenti bancari, che hanno interessato i movimenti di denaro effettuati nel periodo compreso tra il 2009 e la fine del 2011. Da una prima relazione dell’attività consegnata al pm dagli uomini delle Fiamme Gialle, si evincerebbero diverse fattispecie di illecito: in alcuni casi i fondi destinati ai gruppi sarebbero stati versati al partito di appartenenza, in altri casi le somme erogate mensilmente dalla Presidenza del Consiglio regionale sarebbero state stornate su conti correnti riconducibili a singoli consiglieri, in altri casi ancora sarebbero state destinate alla regolarizzazione dei contributi previdenziali dei consiglieri. Tutte spese, insomma, non strettamente correlate all’attività politicoamministrativa promossa dal Consiglio regionale. ■ Patrick Barmasse

Cronaca

Flash

Minacciano, picchiano e sequestrano operatori socioassistenziali: denunciati M.L.M., aostana di 45 anni, e R.P., aostano di 58, sono stati denunciati in stato di libertà dagli agenti della Sezione reati contro la persona della Squadra mobile della Questura di Aosta per i reati di sequestro di persona, violenza privata, minaccia aggravata, ingiurie e percosse. L’attività investigativa degli uomini della Mobile ha preso avvio da notizie informali e da numerose denunce, provenienti anche da operatori dei servizi sociali. Gli accertamenti hanno confermato la particolare aggressività della coppia: la spasmodica ricerca di soldi per l’acquisto di gratta e vinci ha portato i due a essere conosciuti in ambito cittadino per la veemenza con la quale si interfacciavano con i cittadini, soprattutto anziani, ai quali chiedevano soldi. A carico dei due sono stati confermati numerosi episodi di violenza, minacce e percosse nei confronti di operatori del servizio di assistenza domiciliare: in alcuni casi i due si sarebbero spinti addirittura oltre, rinchiudendo a chiave gli operatori in stanze dell’alloggio per pretendere ulteriori servizi di assistenza rispetto a quelli normalmente previsti ed erogati. E quando gli operatori socio-assistenziali cercavano di contattare le forze dell’ordine, i due soggetti prendevano con la forza il telefonino dell’operatore di turno. In un’altra occasione i due sono stati protagonisti di un episodio di furto avvenuto presso un noto supermercato del Capoluogo. L’accertamento di questa serie di reati ha portato la coppia a essere segnalata per i fatti compiuti all’Autorità Giudiziaria.


c ro n ac a

6

lunedì 1 luglio 2013

■ co.re.com. / I consiglieri componenti il Comitato sono pronti a dimettersi; il 4 luglio riunione “calda”

La presidente Manuela Ghillino rischia la sfiducia aosta - Terremoto in casa Co.Re. Com. Valle d’Aosta (Comitato regionale per le comunicazioni). I consiglieri componenti il Comitato, Daniele Amedeo, Massimo Boccarella, Renato Patacchini e Carmine Sciulli annunciano le loro dimissioni e sono pronti a presentarle al presidente della Regione, Augusto Rollandin. Il motivo? L’impossibilità a lavorare con la presidente Manuela Ghillino, la quale - pare - terrebbe una linea troppo autonoma, non gradita ai colleghi

del Comitato. Come avvenuto, per esempio, a metà della scorsa settimana, quando proprio la stessa presidente ha inviato agli organi d’informazione una nota nella quale annunciava il suo imminente ingresso nella giunta esecutiva nazionale, targandola come «la prima volta di un presidente valdostano». Notizia prontamente smentita dai quattro, i quali - con un comunicato stampa a breve distanza dal precedente - ricordavano che prima della Ghillino avevano fatto parte

della giunta esecutiva i presidenti Fabio Truc (il primo presidente del Co.Re.Com. Valle d’Aosta) e Corrado Bellora. Amedeo, Boccarella, Patacchini e Sciulli hanno poi precisato, riferendosi al comunicato della presidente, che «nulla è stato concordato». A evidenziare come Manuela Ghillino, secondo loro, operi in autonomia rispetto al Comitato. Forse quella del comunicato stampa è stata soltanto la goccia che ha fatto traboccare il vaso. Infatti, il 4 luglio è in pro-

gramma una riunione del Comitato nella quale sembra che i quattro chiederanno alla presidente di fare un passo indietro. Se Manuela Ghillino si opporrà, Amedeo, Boccarella, Patacchini e Sciulli formalizzeranno le loro dimissioni, facendo così venire meno il numero legale, con conseguenza quella di dover sciogliere il Comitato dopo nemmeno un anno dalla sua nomina. Se la Ghillino si dimetterà, invece, sarà possibile nominare un nuovo presidente. ■ l.m.

L’avvocato Manuela Ghillino

■ Corte dei conti / Questo il motivo che ha permesso l’applicazione del potere riduttivo all’ex responsabile del Servizio contingentamento, Pierino Bionaz

«Giunta corresponsabile del danno erariale»

Come avvenne per Vally Lettry e Paola Ippolito, la «colpa grave» è stata però ravvisata soltanto nei confronti del dirigente regionale di Patrick BARMASSE aosta - «Da un lato è condivisibile l’affermazione della responsabilità (del dirigente regionale Pierino Bionaz, ndr) per non aver segnalato i profili d’illegittimità dei conferimenti degli incarichi ai vertici politici e della sussistenza del nesso di causalità tra la condotta (a lui imputabile, ndr) e il danno verificatosi. Dall’altro lato il Collegio ritiene che non possa essere disconosciuto, tuttavia, un apporto della Giunta regionale alla determinazione della situazione di fatto, poi gestita dal dirigente convenuto». E’ questo il passaggio chiave della sentenza 6/2013 della Sezione giurisdizionale della Corte dei Conti della Valle d’Aosta, sentenza che ha condannato il dirigente regionale Pierino Bionaz - ex sindaco di Brissogne - al pagamento di 82.909 euro, ovvero la metà del danno erariale contestatogli nell’udienza del 18 aprile scorso dal procuratore regionale Claudio Chiarenza. I fatti oggetto del procedimento promosso dalla magistratura contabile risalgono a una consulenza ultradecennale conferita a decorrere dal 1° maggio 1999 all’avvocato Roberto Latini nell’ambito del Servizio contingentamento dell’assessorato regionale alle attività produttive. Una consulenza, quella conferita all’avvocato Latini, che attraverso contratti autonomi rinnovati ogni undici mesi (con una sospensione di 45 giorni tra un rapporto di lavoro e l’altro), si è protratta fino al 15 settembre del 2010 (l’attenzione della procura contabile si è limi-

Il procuratore Claudio Chiarenza; nel riquadro il dirigente regionale Pierino Bionaz, condannato a rifondere 82.909 euro

tata però al periodo 2007-2010 perché per gli anni precedenti era già scattata la prescrizione). «Altro che consulenza, questo è stato un allargamento fittizio dell’organico del Servizio contingentamento», aveva tuonato nel corso della sua requisitoria in aula, il procuratore contabile Claudio Chiarenza. Una tesi, quella della pubblica accusa, in qualche modo

fatta propria dal Collegio composto dai magistrati Gianfranco Bussetti, Paolo Cominelli e Alessandra Olessina, se è vero che in un altro passaggio della sentenza - pubblicata giovedì scorso - si legge: «Gli incarichi di consulenza a favore del dott. Latini si presentano gravemente difformi dal modello indicato dal legislatore, almeno sotto i profili decisivi».

Parzialmente accolte - attraverso l’applicazione da parte della Corte del potere riduttivo - le eccezioni sollevate nel corso dell’udienza dal difensore del dirigente Pierino Bionaz, l’avvocato Domenico Palmas, che aveva sostenuto: «Le responsabilità in merito a questo procedimento, se mai verranno accertate da questa Corte, sono da imputare in maniera esclusiva alla Giunta regionale. E’ arrivata l’ora di mettere chi di competenza innanzi alle proprie responsabilità». Di fatto, il Collegio presieduto dal magistrato Gianfranco Bussetti ha ravvisato gli estremi per l’applicazione della colpa grave esclusivamente nei confronti del dirigente Pierino Bionaz (a capo del Servizio contingentamento dal 1° gennaio 2004), ravvisando tuttavia una compartecipazione della Giunta regionale al danno erariale (da qui la condanna al pagamento del 50% della somma richiesta in citazione).

Lesioni personali: Roberto Vicquery a processo aosta - E’ stato fissato per il prossimo 22 ottobre dinanzi al giudice monocratico del Tribunale di Aosta, Marco Tornatore, il procedimento penale a carico del coordinatore regionale del Dipartimento politiche del lavoro e della formazione, Roberto Vicquery (foto), in ordine al reato di lesioni personali. Nel procedimento a cura del pm Pasquale Longarini, nel capo di imputazione si legge: «Afferrandolo per un braccio e strattonandolo violentemente per trascinarlo verso la porta, cagionava a Lotto Luca Giuseppe lesioni personali consistite in ‘sofferenza del nervo ulnare sinistro probabilmente

da stiramento del nervo o della radice’ giudicate guaribili in 30 giorni».��������������������� I fatti oggetto del procedimento risalgono al 20 novembre del 2012, quando durante un meeting di lavoro, Luca Lotto - funzionario regionale dell’ufficio controlli dei fondi erogati dal Fondo Sociale Europeo, trasferito dal 17 giugno scorso al Dipartimento sanità, salute e politiche sociali - sarebbe stato aggredito verbalmente e fisicamente da Roberto Vicquery, accuse fermamente respinte dalla difesa del coordinatore regionale, che a supporto della posizione del suo assistito avrebbe tutta una serie di testimonianze.

usl: inchiesta gestione lpa

L’illegittimità di un atto potrebbe dare avvio alle citazioni a giudizio Aosta - Tutta la questione sembra ruotare attorno alla legittimità o meno di un provvedimento: la deliberazione 4259 adottata il 29 dicembre del 2006 dalla Giunta regionale presieduta all’epoca da Luciano Caveri, delibera in merito alla quale fu rilasciato apposito parere favorevole di legittimità da parte del direttore della Direzione salute dell’assessorato regionale alla sanità, Morena Junod. A farlo intendere è stato il procuratore regionale della Corte dei Conti, Claudio Chiarenza, che ha di fatto confermato la richiesta di proroga di 60 giorni (proroga concessagli) ai termini utili per decidere chi citare a giudizio (e se citarne qualcuno) tra i diciotto tra politici, dirigenti regionali, dirigenti e revisori dei conti dell’Usl a cui - nel novembre scorso - vennero a vario titolo notificati inviti a fornire controdeduzioni su un presunto danno erariale di 3,9 milioni di euro, danno che si sarebbe sviluppato nell’arco di poco meno di cinque anni nell’ambito della gestione delle prestazioni aggiuntive rese dal personale del servizio sanitario regionale nell’interesse dell’Azienda Usl (le cosiddette LPA). La delibera licenziata a fine 2006 dalla Giunta Caveri, recepita nel 2007 dall’Usl della Valle d’Aosta attraverso due diversi provvedimenti, avrebbe dato di fatto il via libera alla corresponsione di compensi in misura superiore a quanto previsto dal contratto collettivo nazionale al personale medico impiegato nelle prestazioni aggiuntive rese nell’interesse dell’Azienda. Da qui l’apertura di un’istruttoria per verificare la sussistenza del presunto danno erariale, istruttoria che - secondo lo stesso procuratore regionale Claudio Chiarenza - dovrebbe concludersi tra un paio di mesi con la formulazione delle eventuali citazioni a giudizio. Tra le diverse persone coinvolte nell’inchiesta contabile figurano l’ex presidente della Regione, Luciano Caveri, tutti gli ex componenti della sua Giunta (Antonio Fosson, Giuseppe Isabellon, Leonardo La Torre, Aurelio Marguerettaz, Ennio Pastoret, Laurent Viérin e l’ormai defunto Albert Cerise), il senatore nonché assessore alla sanità nella XIII legislatura, Albert Lanièce, il direttore generale dell’Usl VdA, Carla Stefania Riccardi (foto), il dottor Giuseppe Villani e i dirigenti Igor Rubbo, Clemente Ponzetti e Morena Junod. ■ pa.ba.

■ aosta / Giovedì pomeriggio identificati una trentina di soggetti; per la rissa di fronte al Tribunale denunciato un rumeno

Retata ANTICRIMINE nelle zone più sensibili al degrado sociale aosta - Due denunciati a piede libero, un procedimento in atto ai fini dell’espulsione dal territorio nazionale, una trentina di soggetti identificati (dei quali una ventina stranieri) e una decina di veicoli passati al setaccio. Sono alcuni dei numeri della retata di controlli scattata giovedì pomeriggio - dalle 15 alle 19.30 - nel centro di Aosta, con particolare riferimento alle zone di piazza Manzetti, piazza della Repubblica, piazza Vittorio Veneto, via Avondo e dell’area verde che costeggia le mura romane in via Monte Solarolo. L’operazione anticrimine, a cui vi hanno partecipato tre equipaggi della Squadra Volanti, tre in borghese della Squadra mobile, due pattuglie del Nucleo prevenzione crimine di Torino e una a testa tra Polstrada e Polfer, così come confermato dal commissario capo della Squadra mobile, Nicola Donadio, «non è che il punto di partenza di una serie ciclica di controlli volti a dare risposte concrete ai cittadini, andando a intervenire in contesti particolarmente sensibili a fenomeni di forte degrado sociale, che se sottovalutati potrebbero sfociare in atteggiamenti molesti perpetrati a danno dei cittadini». Un’operazione coordinata in piena regola, quella di giovedì pomeriggio, se è vero che sono stati controllati i documenti di numerosi giovani immigrati, anche di quelli che ormai da tempo campeggiano

Un controllo su un‘automobile - con quattro giovani a bordo effettuato giovedì pomeriggio in piazza della Repubblica da una pattuaglia del Nucleo prevenzione crimine di Torino

nelle zone limitrofe alla stazione di Aosta (a tal proposito Gazzetta Matin denunciò la problematica nel numero del 17 giugno scorso). Particolare attenzione le forze dell’or-

dine l’hanno dedicata anche ai giardini di fronte al Tribunale di Aosta, zona in cui si è consumata una violenta rissa tra due cittadini stranieri. In merito a quest’ultimo episodio - più nel dettaglio - N.D., trentasettenne rumeno residente fuori Valle, momentaneamente domiciliato nel Capoluogo, è stato denunciato in stato di libertà dagli agenti delle Volanti e della Squadra mobile della Questura di Aosta per lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma. Giovedì pomeriggio - proprio in concomitanza con la retata anticrimine nel centro di Aosta organizzata dalla Polizia - nei giardini di via Ollietti di fronte al Tribunale, per futili motivi e visibilmente ubriaco, N.D. ha bloccato a terra un altro ragazzo, colpendolo al volto con numerosi pugni. Il comportamento violento e ingiurioso è quindi continuato anche nei confronti dei poliziotti mentre lo immobilizzavano. Nel corso della perquisizione personale, addosso gli è stato rinvenuto un coltello. Nei confronti del rumeno, oltre alla denuncia penale, sarà ora valutata una misura di prevenzione da parte del Questore e la sua posizione sul territorio nazionale sarà valutata ai fini dell’espulsione. ■ pa.ba.


7

lunedì 1 luglio 2013

TRA

LUGLIO MUSICA, GUSTO & SPORT Soul & Blues, Musicastelle ma anche Giro della Valle, ritiro della Juve e festa dei calabresi M usica, gusto e sport caratterizzeranno il mese di luglio in Valle d’Aosta. L’Aosta Blues & Soul festival aprirà questa settimana con sonorità calde (concerti al Puchoz a ingresso gratuito); si prosegue con la rassegna Musicastelle Outdoor che porterà le voci più interessanti del panorama musicale italiano a esibirsi in scenari naturali; inaugura la rassegna Simone Cristicchi sabato prossimo nel parco del castello di Verrès (ore 18). Ma luglio è anche il mese dello sport; alla miriade di tornei e kermesse si aggiungono il 50esimo giro ciclistico della Valle d’Aosta e il ritiro della Vecchia Signora del calcio italiano. Ci sarà spazio anche per la gola, con la sagra de la seupa à la Vapelenentse, senza dimenticare la festa dei santi Giorgio e Giacomo, evento clou del capoluogo che per dodici serate offrirà, insieme al ristorante con specialità della tavola calabrese, intrattenimento, tra orchestre, tarantelle e allegria.

FESTA DEI SANTI GIORGIO E GIACOMO. Dal 17 al 28 luglio, 12 serate di festa, allegria, tarantella e i ghiotti piatti della cucina calabrese. Domenica 28 luglio, processione delle statue dei santi e fuochi d’artificio.

TREKKING e PASSEGGIATE. Luglio è senza dubbio il mese dei trekking, più o meno impegnativi ma anche di passeggiate per tutta la famiglia, organizzate dai comuni, dalle biblioteche e dalle associazioni delle guide della natura.

SAGRA de la SEUPA A LA VAPELENTSE. L’ultimo fine settimana di luglio sarà all’insegna del gusto a Valpelline, per la tradizionale sagra che celebra la gustosa seupa a base di pane raffermo, fontina e cavolo.

Foto

www .sac

AOSTA BLUES & SOUL FESTIVAL. Allo stadio Puchoz, le note calde del blues e del soul per l’edizione numero 11 del festival. Il 3 e 4 luglio, concerti a ingresso gratuito; sul palco, tra gli altri, Sidney Selby, in arte Guitar Crusher, 82enne bluesman originario della Carolina, accompagnato dalla Emiblues band.

MUSICASTELLE OUTODOOR. Simone Cristicchi inaugurerà la rassegna di concerti in ambientazioni naturali sabato 5 luglio nel parco del castello di Verrès. Seguiranno Chiara Galiazzo e Max Gazzé; chiuderà la rassegna Raphael Gualazzi al lago di Chamolé il 14 luglio. JUVENTUS. La Vecchia Signora del calcio italiano si ritroverà alla scuola alberghiera di Châtillon dal 12 al 22 luglio. IL 17 luglio è in programma un’amichevole; da StVincent a Châtillon sarà istituito un trenino turistico da 36 posti per seguire i beniamini bianconeri.

ado

s.it

FIABE NEL BOSCO. I topolini Sirat e Sitop prenderanno per mano i bambini e li condurranno attraverso la Storia della nostra regione. Spettacoli teatrali gratuiti e all’aperto.

GIRO DELLA VALLE. Dal 9 al 14 luglio si correrà l’edizione numero 50 del Giro ciclistico internazionale della Valle d’Aosta; si comincia con il prologo serale a PontSaint-Martin martedì 9 luglio; l’ultima tappa sarà la Pré-SaintDidier-Aosta.


8

lunedĂŹ 1 luglio 2013


9

lunedì 1 luglio 2013

LUNEDÌ 1 LUGLIO AOSTA Ore 21: Théâtre De la Ville , Estate d’Essai, proiezione del film Studio illegale. Costo: 6 euro. Ore 21.30-23.30: Teatro romano,Théâtre et lumières, proiezioni ogni 30 minuti, ultima proiezione alle 23, gratuito. Saletta d’arte comunale, inizio della mostra di Roberto Pepino, ingresso libero. Terminerà lunedì 15 luglio. Informazioni: 0165.300461. AYAS Ore 8.30: partenza piazzale di Saint-Jacques, escursione giornata intera al Palon Resy. Costo: 10 euro. Gratuito per i bambini sino a 12 anni. Informazioni: 340.9175734. Ore 10-17:Corso di arrampicata per bambini dai 6 ai 14 anni nelle falesie di Extrepieraz e Arnad. Costo 50 euro. Settimana di sport e passione per ragazzi dai 6 ai 16 anni. Costo: 490 euro. Informazioni: 335.7355576 – 334.7643640. Ore 9-13.30: Champoluc, settimana di stage di danza Hip-Hop per bambini dai 6 ai 12 anni. Costo:20 euro. Informazioni: 0125.306632. BIONAZ Ore 10.30: Cappella S. Cuore di Prarayer, celebrazione Santa Messa in onore della festa patronale. BRUSSON Ore 15-17.30: Località Laghetto, animazione ludico e didattico creativa lungo i Rûs per bimbi dai 6 ai 11 anni. COGNE Lillaz, escursione di mezza giornata “L’elemento acqua risorsa fondamentale per l’uomo”. Costo: 12 euro. Gratuito per i bambini fino a 10 anni. Informazioni: 0165 74835. COURMAYEUR Ore 7.30: Società delle guide alpine, escursione giornata intera al rifugio Monzino. Costo: 80 euro. Informazioni: 0165.842064. Ore 8.30-17: Campi estivi per ragazzi dai 5 ai 13 anni dal lunedì al venerdì. Informazioni: 347.2417667 / 347.4929576. Ore 9.30-17: Forum Sport Center, stage di pattinaggio su ghiaccio di una settimana per ragazzi dai 5 anni. Informazioni: 329.3337008. Ore 9-18: Forum Sport Center, campo estivo di tennis per bambini nati dal 2002 al 2008. Ci sarà, inoltre, un corso di specializzazione agonistica per i ragazzi nati dal 1999 al 2005. Terminerà venerdì 5 luglio. Informazioni: campiestivi@tenniscourmayeur.it. DONNAS Ore 15-18: laboratorio per la realizzazione di un murale rivolto ai ragazzi dai 10 ai 18 anni. Costo: 10 euro per l’intera settimana. Informazioni: 0125/806508. GRESSONEY-SAINT-JEAN Palazzetto dello Sport, corsi collettivi di pilates e cardiopilates. Termineranno sabato 6 luglio. Informazioni: 348 2445453 / 348 2445453. Località Tschoarde, “Torino F.C. Camp 2013”, vacanza settimanale per ragazzi e ragazze dai 7 ai 16 anni. Informazioni: +39 011 3276052/+39 366 3542955. LA THUILE/ PRÉ-SAINT-DIDIER Ore 8: gionata di arrampicata a Courmayeur/ Valgrisenche per gruppi da 3 a 6 persone, dai 14 anni. Costo: 65 euro. Informazioni:340.0700010/ 347.2778911. NUS Festa del gruppo alpini a Lignan. SAINT-VINCENT Terme, mostra fotografica “Un clic sulle terme”, ingresso libero. Terminerà lunedì 15 luglio. VALGRISENCHE Escursione giornata intera al Col Vaudet. Costo: 30 euro. Informazioni: 329 0857865. Escursione giornata intera al lago San Grato. Costo: 30 euro. Informazioni: 329 0857865. Escursione giornata intera al Lac du FondCol de Crosatie. Costo: 30 euro. Informazioni: 329 0857865. VALSAVARENCHE Ore 9-16.30: escursione giornata intera al fronte del parco e vallone di Levionaz. Costo: 15 euro, gratuita per i bambini al di sotto dei 10 anni. Informazioni: 0165.363851 – 335.8118731. Ore 10-15.30: inizio nordic walking estivo al lago di Maen, campo sportivo a Breuil-Cervinia, Antey-Saint-André. Costo:15 euro. Terminerà sabato 31 agosto. Informazioni: 333 2350817/338 9256990. MARTEDÌ 2 LUGLIO AOSTA Ore 21: Théâtre De la Ville , Estate d’Essai, proiezione del film Studio illegale. Costo: 6 euro. CHAMPOLUC Ore 16-22: Oratorio per bambini. Informazioni: 0125.307120. Ore 14: ritrovo piazza chiesa Champoluc, escursione di due giorni con salita al Monte Castore. Costo: 120 euro. Prenotazioni entro lunedì alle 12. Informazioni: +39.346.2441219. COGNE Ore 9-17.30: Palestra di roccia e paleofrana a Lillaz. Ritrovo in piazza Chanoux. Rivolto a adulti e ragazzi a partire dai 7 anni. Prenotazioni entro le 12 del giorno precedente. Informazioni: 0165 74835. COURMAYEUR Ore 7.30: Escursione giornata intera al bivacco Adolfo Hess. Costo: 80 euro. Necessaria prenotazione. Informazioni 0165.842064. LA SALLE Ore 9-16: Arrampicata con guida alpina dedicata ai bambini dai 4 ai 6 anni. Costo: dai 15 ai 45 euro. Informazioni: 347.8632466. LA THUILE/PRÉ-SAINT-DIDIER Ore 8: escursione giornata intera a La Thuile/ Courmayeur, attività organizzata per gruppi da

■ teatro per bambini / Sabato 6 appuntamento a Doues, domenica 7 a St-Nicolas

Viaggio nella Storia con Sirat e Sitop aosta - Sirat e Sitop sono due topi simpatici e un po’ pasticcioni, protagonisti delle ‘Fiabe nel bosco 2013’, l’appuntamento teatrale dedicato ai bambini organizzato dall’Office Régionale du Tourisme; la produzione teatrale e la direzione artistica sono curate da Arti di Eris. Dal 6 luglio al primo settembre, i due topolini prenderanno per mano i bambini e li accompagneranno in un viaggio attraverso la storia, dai Salassi, ai Romani, al MedioEvo e Napoleone. Le straordinarie avventure di Sirat e Sitop saranno raccontate nei 42 appuntamenti itineranti, nei luoghi all’aperto, a partecipazione gratuita. In caso di maltempo, le animazioni teatrali si terranno nello stesso comune, ma in un luogo al coperto indicato dall’amministrazione comunale. Le animazioni sono indicate per bambini dai cinque anni in su. Sono quattro le avventure raccontate, ‘Un giorno nella Valle dei Salassi’, ‘Un giorno nella Valle dei Romani’, ‘Un giorno nella Valle medievale’, ‘Un giorno nella Valle di Napoleone’. I primi appuntamenti, il prossimo fine settimana. Sabato 6 luglio appuntamento all’aula verde ‘Goille des Renoilles’ a Doues (Valle dei

Sirat e Sitop, i topolini che aiuteranno i bambini a conoscere la Storia della nostra regione

Salassi) mentre il giorno successivo appuntamento a Saint-Nicolas, a Bois de la Tour (Valle dei Romani). L’inizio degli spettacoli è fissato per le ore 16. Un giorno nella Valle dei Salassi: nel loro viaggio indietro nel tempo, i due topolino finiranno in mezzo ai Salassi, l’antica popolazione di origine celtica che abitava in Valle. Si dice che addirittura i Salassi discendessero da Ercole... Un giorno nella Valle dei Romani: Sirat e Sitop si ritroveranno ad avere a che fare con architetture e opere imponenti volute dell’Impe-

3 a 6 persone, dai 14 anni. Costo: 65 euro. Informazioni: 340.0700010/340.0700011. NUS 16.20-23.30: Osservatorio Astronomico di SaintBarthélemy, visite guidate diurne e notturne dal martedì al sabato. Necessaria prenotazione da effettuare presso l’osservatorio nei giorni feriali. Costo: dai 3 ai 15 euro. Informazioni: 0165.770050. 14.30-16: “Una valigia spaziale”, laboratorio per ragazzi da 10 a 15 anni presso il planetario di Lignan. Costo: 5 euro. Necessaria prenotazione. Informazioni: 0165.770050. PONTBOSET Ore 6-11: Processione al santuario di Retempio Simone Cristicchi, in concerto sabato 6 luglio al dove si celebrerà la Santa Messa. parco del castello di Verrès per Musicastelle Outdoor VALSAVARENCHE Ore 21-23:Sala consiliare del comune, presentazione del volume “Amore carnale” di William ni 0165.74835. Amighetti nell’ambito della manifestazione COURMAYEUR Ore 7.30: Società delle guide alpine, escursioMontagne aux livres. ne giornata intera al rifugio Monzino. Costo: 80 euro. Informazioni: 0165.842064. MERCOLEDÌ 3 LUGLIO FÉNIS AOSTA Ore 21: Théâtre De la Ville , Estate d’Essai, proie- Ore 10-17: Museo dell’artigianato valdostano di tradizione, atelier didattici per bambizione del film Studio illegale. Costo: 6 euro. Ore 21: Stadio Puchoz, esibizione di Guitar Cru- ni da 3 a 12 anni. Costo: 5 euro. Informaziosher e Dana Fuchs nell’ambito dell’Aosta Blues ni 0165/763912. LA SALLE & Soul Festival. Informazioni: 0165.231273. Ore 14-17: Museo archeologico regionale, visi- Ore 9-16: Atelier di falegnameria per bambini ta guidata “Come allo specchio tra reale e im- dai 7 ai 12 anni nell’ambito del progetto “Una montagna di avventure per ragazzi”. Informamaginato, dalla preistoria a Gattuso”. zioni 347.8632466. ARVIER Ore 21: Castello La Mothe, ensemble musica- Ore 14.30-17.30: Riserva naturale del Marais, le di Christian Leroy con la compagnia teatrale laboratorio scientifico dedicato ai ragazzi dai 9 Versi Diversi di Arvier nell’ambito di Châteaux ai 14 anni per realizzare esperimenti naturalien musique. Ingresso gratuito. Informazioni: stici al fine di scoprire il concetto di pH. Costo: 5 euro. Prenotazione obbligatoria. Informazio0165273457. ni 0165.1845115. BRUSSON Ore 15.30-17.30: Patinoire L’Etoile, corso di NUS avvicinamento al pattinaggio. Costo: 10 eu- Ore 14.30-16: Osservatorio astronomico, laboro. Iscrizione obbligatoria presso l’ufficio del ratorio per bambini da 7 a 12 anni sullo spazio. turismo di Brusson entro le ore 17.00 di mar- Costo: 5 euro. Informazioni 0165.770050. SAINT-OYEN tedì 2 luglio. Ore 21-24: serata ludica in previsione dell’arCHAMOIS Ore 9-17: escursione giornata intera ai laghi rivo della quinta GiocAosta. Informazioni: inCleyvabella. Prenotazione obbligatoria entro le fo@aostaiactaest.it. 12 del giorno precedente. Costo 15 euro. Infor- SAINT-VINCENT Ore 19: Terme, apericena bordo piscina almazioni: 0165.363851 – 335.8118731. l’aperto. Prenotazione tavoli: 333 4951464 – CHATILLON Ore 15-16:30: Castello Baron Gamba, attività 333 6645007. laboratoriale per bambini dai 5 ai 12 anni in- Ore 15: passeggiata a Saint-Vincent, dintorni centrata sulla figura di Mirò e sulla tematica Villaggio di Moron e Cappella di San Mauridel colore. Costo: 8-3 euro. Prenotazione obbli- zio. Informazioni: 348 5190517 VALSAVARENCHE gatoria. Informazioni: 0166.563252. Ore 19: ritrovo ai rifugi per escursione di due COGNE Escursione giornata intera ai laghi di Lussert. giorni in cima al Gran Paradiso. Informazioni: 345.2106893. Costo: 15 euro. Informazioni 0165 74835. Ore 9-17.30: Palestra di roccia e paleofrana Ore 10.30-12.30: gita al parco avventura Le a Lillaz. Ritrovo in piazza Chanoux. Rivolto a Gordze du Terré. Prenotazione obbligatoadulti e ragazzi a partire dai 7 anni. Prenota- ria entro il giorno precedente. Informazioni: zioni entro le 12 del giorno precedente. Infor- 345.2106893. Ore 9.30: escursione giornata intera a Valtourmazioni: 0165 74835. Ore 21: escursione serale alla scoperta di Cogne. nenche, Cheneil e Colle Fontana Fredda. Costo: Costo: 7 euro, gratuito fino a 10 anni. Prenota- 30 euro. Informazioni: 0166.948169. zione obbligatoria entro le 18 del giorno preceGIOVEDÌ 4 LUGLIO 2013 dente. Informazioni 348.2308967. Ore 15-16: piazza E.Chanoux, “I misteri del AOSTA Dottor Grappein”, visita guidata nel centro di Ore 17.30-18.30: Biblioteca regionale, ora del Cogne. Costo: 5 euro. Prenotazioni entro le ore racconto dedicata ai ragazzi. Prenotazione a par18 del giorno precedente presso il Consorzio tire dalle 14. Informazioni 0165274822. Operatori Turistici Valle di Cogne. Informazio- Ore 21: Stadio Puchoz, esibizione di Roland

ro romano ma anche con legioni romane e centurioni. Un giorno nella Valle Medievale: per uno strano incantesimo, i topolini potranno incontrare sant’Orso, la cui fama è legata alla Millenaria fiera che porta il suo nome e che ogni anno, il 30 e 31 gennaio, invade pacificamente il capoluogo regionale. Un giorno nella Valle di Napoleone: Sirat e Sitop, convinti che sia carnevale, si trovano nuovamente in un viaggio nel tempo... stavolta incontreranno una truppa napoleonica e scorgeranno persino Napoleone a cavallo... Tchakounte e serata dedicata alla leggenda ‘Motown nell’ambito dell’Aosta Blues & Soul Festival. Informazioni:0165.231273. BRUSSON Ore 14.30: Escursione alla scoperta dei Rus. Iscrizione gratuita ed obbligatoria c/o Ufficio del Turismo di Brusson entro le ore 17.00 di mercoledì 3 luglio. CHAMPORCHER Ore 9: Escursione giornata intera al frullo del forcello e al rifugio Dondena nel parco del Mont Avic. Costo:15 euro, gratuito per bambini fino a 10 anni. Prenotazione telefonica:0165.363851. COGNE Ascensione alla vetta del Gran Paradiso (m. 4061) lungo la via normale con pernottamento in un rifugio della Valsavarenche. Iscrizione obbligatoria entro le 12 della vigilia. Informazioni presso la società delle guide alpine di Cogne. Tel: 0165.74835. COURMAYEUR Ore 7.30: Escursione giornata intera al bivacco Adolfo Hess. Costo: 80 euro. Necessaria prenotazione. Informazioni 0165.842064. GRESSAN Ore 10: Escursione di due giorni al Monte Emilius con pernottamento al rifugio Arbolle. Prenotazione necessaria con sette giorni d’anticipo. Informazioni: 0165.40939. ISSOGNE Ore 19:Castello di Issogne, gara Tour du Château valida per il campionato Martze a Pià. LA SALLE Ore 9-16: Attività “Alla scoperta delle orme degli animali” per bambini dai 4 ai 6 anni. Informazioni: 347.8632466. LA THUILE/ PRÉ-SAINT-DIDIER Ore 8: Escursione giornata intera sul ghiacciaio a Courmayeur. Costo: 65 euro. Attività organizzata per gruppi da 3 a 6 persone, dai 14 anni. Prenotazione telefonica: 340.0700010/ 340.0700011/ 347.2778911. NUS Ore 14-16: Planetario di Lignan, laboratorio “Lo Zodiaco fa 13” per bambini da 7 a12 anni. Costo: 5 euro. Prenotazione obbligatoria. Informazioni:0165.770050. PRÉ-SAINT-DIDIER Ore 15.50: Loc.Semanaz, visita guidata al magazzino della Fontina e degustazione. Prenotazione gratuita ed obbligatoria presso la Pro-Loco. Informazioni: 0165 878170165 1820263. RHÊMES-NOTRE-DAME Ore 15.30-17.30: Laboratorio “Il miele dall’arnia alla cucina” rivolto ai bambini da 4 a 8 anni. Costo: 5 euro. Prenotazione obbligatoria. Informazioni:0165.33352. SAINT-VINCENT Ore 11: 8° Campionato Italiano di biliardo a coppie presso il Casino’. Iscrizioni entro martedì 4 luglio. La finale si terrà sabato 6 luglio. Informazioni: 0331.404383/414702. Ore 8.30: Intera giornata alla scoperta delle antiche mulattiere. Costo: da 8 a 15 euro. Prenotazione necessaria entro le 12 del giorno precedente. Informazioni: 335 6062076. TORGNON 16° Trofeo “Les Grandes Montagnes” – tappa Campionato regionale valle d‘Aosta. Il concorso Endurance terminerà domenica 7 luglio. Informazioni: 335.5901825.

VENERDÌ 5 LUGLIO AOSTA Inizio torneo di calcetto ‘Città di Aosta’. Terminerà domenica 7 luglio. Ore 21: Théâtre De la Ville , Estate d’Essai, proiezione del film Razzabastarda. Costo: 6 euro. AYAS Ore 21: Tensostruttura Champoluc, serata danzante con Lady Barbara. Ore 14: Escursione di mezza giornata all’alpeggio Metsan. Costo: 5 euro. Iscrizioni presso l‘ufficio del turismo di Champoluc. Informazioni: 0165.306319. Ore 9: Escursione giornata intera “Lo specchio del cielo” al Lago Blu. Costo 15 euro. Prenotazione obbligatoria entro le 12 del giorno precedente. Informazioni:0165.363851. Ore 9.30-11.30: Laboratorio didattico per bambini dai 4 ai 12 anni dedicato al formaggio e alla sua storia. Costo: 5 euro. Prenotazione obbligatoria presso l‘Ufficio del Turismo di Champoluc. Ore 10: escursione di due giornate al Monte Glacier con pernottamento al rifugio Dondena. Prenotazione necessaria. Informazioni: 0165.40939. COGNE Ore 8.30:Escursione giornata intera Alpe Bardoney-Lago di Loie. Costo: 30 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni:333 737363. Ore 8.30: Escursione giornata intera GimillanLago Coronas. Costo: 30 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. Ore 9: Inizio Festival Internazionale Nordic Walking. Terminerà domenica 7 luglio. Informazioni: 0165.7483. Ore 9:Escursione di mezza giornata sul sentiero “Montseuc”. Costo:15 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. Ore 14: Escursione di mezza giornata nel Parco Nazionale del Gran Paradiso. Costo: 7 euro. Prenotazione obbligatoria entro le 18 del giorno precedente. Informazioni: 348.2308967. Ore 14.30: Escursione di mezza giornata sulle alture dell‘abitato di Champlong con visita a un laboratorio artigianale. Costo: 12 euro. Prenotazione obbligatoria entro le ore 18 della vigilia Informazioni: 0165 74835. Ore 14.30: Laboratorio di avvicinamento alle piante officinali presenti nel Giardino Botanico Paradisia per bambini da 5 a 13 anni. Costo: 5 euro. Informazioni: 0165.33352. Ore 16-17.30: Laboratorio di avvicinamento alle piante officinali per adulti. Costo: 5 euro. Informazioni: 0165.75301. COURMAYEUR Ore 7.30: Società delle guide alpine, escursione giornata intera al rifugio Monzino. Costo: 80 euro. Informazioni: 0165.842064. Ore 9-16: Escursione giornata intera per ragazzi alla scoperta del ghiacciaio di Pré de Bard. Informazioni: 347.8632466. Ore 7.30: Escursione giornata intera al Bivacco Borelli. Prenotazione necessaria. Informazioni: 0165.842064. Inizio stage di danza che terminerà sabato 13 luglio. Informazioni: 0161.215023 – 339.8403062. Inizio della manifestazione Celtica nel bosco del Peuterey. E-mail.: info@celtica.vda.it. DOUES Ore 22.30: inizio VII^ Sagra della polenta che terminerà domenica 7 luglio. FÉNIS Ore 10-17: Museo dell’artigianato valdostano di tradizione, atelier didattici per bambini da 3 a 12 anni. Costo: 5 euro. Informazioni 0165/763912. HÔNE Ore 20:30: Festa patronale nel villaggio di Biel fino a domenica 7 luglio. Per informazioni contattare la Proloco. LA THUILE/PRÉ-SAINT-DIDIER Ore 8:Escursione giornata intera su via ferrata a Courmayeur/Rhêmes-Notre-Dame. Costo: 65 euro. Informazioni: 340.0700010. POLLEIN Ore 15.30-17.30: Laboratorio per bambini da 4 a 8 anni presso la Fattoria didattica La Reina. I bimbi potranno imparare alcune semplici ricette utilizzando i prodotti del luogo. Costo: 5 euro. Informazioni: 0165.33352/347.2778911. RHÊMES-NOTRE-DAME Ore 8.30: Escursione giornata intera a Thumel,Rif. Benevolo, Lago Goletta,Thumel. Informazioni: 333 7373636. Ore 9: Escursione di mezza giornata al Grand Rû. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. Ore 9: Escursione giornata intera a Bruil-SortPlan di Feye-Brui. Necessaria prenotazione. Informazioni: 333 7373636. TORGNON Ore 21: “Armonie della sera”, concerto con gli allievi del corso di pianoforte e musica da camera presso la palestra delle scuole elementari. VALSAVARENCHE Ore 8.30:Escursione giornata intera “Plan Borgno- Vallone delle Meyes”. Prenotazione obbligatoria. Informazioni: 333 7373636. Ore 8: Escursione giornata intera Praviou-dessus- Rif. Chabod- Rif. Vittorio Emanuele II- PontPraviou dessus. Necessaria prenotazione. Informazioni: 333 7373636. VERRÈS Ore 18: Parco del Castello, concerto di Simone Cristicchi nell’ambito di Musicastelle Outdoor Informazioni: 0165548065.


10 SABATO 6 LUGLIO ANTEY-SAINT-ANDRÉ Ore 18: Inaugurazione esposizione di pittura ‘Da Dresda alle Hawaii’ di Raffaella Rezzin presso la biblioteca. Terminerà domenica 14 luglio. Informazioni:0166.548450. Ore 15.30-17.30: Laboratorio per bambini da 4 a 8 anni presso La Ferme d’Antey. Costo: 5 euro. Informazioni: 0165.33352. AOSTA Ore 21: Théâtre De la Ville , Estate d’Essai, proiezione del film Razzabastarda. Costo: 6 euro. Ore 14.30-18.30: Spazio 4K in Rue Malherbes 34, incontro con i curatori della mostra “Gli amanti del sogno” che terminerà domenica 21 luglio. Informazioni: 0165 263554. Ore 17-19: Biblioteca regionale, cinema per ragazzi. Informazioni:0165274822. Ore 21: Espace Populaire, serata ludica in attesa della quinta GiocAosta. Quartiere Cogne, festa del quartiere. Ore 14-17: Museo archeologico regionale, visita guidata “Come allo specchio tra reale e immaginato, dalla preistoria a Gattuso”.Tel.: 3474240138 – 3408572556 AVISE Ore 17-18.30: Laboratorio scientifico ”La Bottega delle scienze - Giochi di luce” rivolto ai bambini dai 7 agli 11 anni. Prenotazione obbligatoria presso la biblioteca. Tel.: 0165.91172. BREUIL-CERVINIA Ore 9:Raduno reduci e famigliari del Battaglione sciatori Monte Cervino. Informazioni: 016692026. CHALLAND-SAINT-ANSELME Ore 16: Fehta da tchivra (festa della capra). Terminerà domenica 7 luglio. CHAMOIS Ore 18: Sala polivalente del municipio, inaugurazione mostra di pittura “emozioni” di Elena Cambiaghi. Terminerà lunedì 15 luglio. Informazioni:0166.47134. CHAMPDEPRAZ Ore 8.30: Escursione giornata intera al rifugio Barbustel. Costo: 10 euro. Prenotazione entro le ore 12.00 del giorno precedente. Informazioni: 340-9175734. CHAMPOLUC Ore 21: Tensostruttura, spettacolo finale degli allievi dello stage di Hip-Hop. Ore 7.30: Escursione giornata intera al monte La Falconetta e al Bec di Nana. Costo: 30 euro. Informazioni: 346.2441219. Ore 10: Gita alpinistica di due giorni al Polluce. Prenotazione obbligatoria. Informazioni: 328.9720451. CHÂTILLON Ore 18: 2a Retro running valdostana “Verso Saint-Vincent guardando Chatillon”. Informazioni: 338.3919800. Ore 16-17: Castello Baron Gamba, attività per bambini dai 5 ai 12 anni “E tu di che colore sei?”. Costo: 3 euro. Prenotazione necessaria. Informazioni: 0166.563252. COGNE Ore 8.30:Escursione giornata intera Alpe Bardoney-Lago di Loie. Costo: 30 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti al-

lunedì 1 luglio 2013 l‘escursione. Informazioni:333 737363. Ore 8.30: Escursione giornata intera GimillanLago Coronas. Costo: 30 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. Ore 9:Escursione di mezza giornata sul sentiero “Montseuc”. Costo:15 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. Ore 18: Sala Maison de la Grivola, priezione film “Tra cielo e terra”, nell’ambito del Festival Internazionale del Nordic Walking. Ingresso libero. Informazioni: 0165.74835. Ore 21: Piazza E. Chanoux, Folklore in piazza. In occasione del Festival Internazionale del Nordic Walking, spettacolo folkloristico con la partecipazione del gruppo folkloristico locale “Lou Tintamaro de Cogne”. Ore 15: Escursione di mezza giornata alla scoperta della piante officinali. Costo: 10 euro. Informazioni: 348.2308967. Escursione giornata intera sulla Punta Tervisa, attività di avvicinamento all’alpinismo. Informazioni: 0165 74835. Ore 15-17: Visita di Cogne e dei suoi monumenti. Costo: 5 euro. Prenotazioni entro le ore 18 del giorno precedente. Informazioni: 0165.74835 COURMAYEUR Ore 7.30: Escursione giornata intera al Bivacco Borelli. Prenotazione necessaria. Informazioni: 0165.842064. Ore 9: Escursione giornata intera dal rifugio Bonatti al rifugio Bertone. Prenotazione necessaria. Informazioni: 0165.363851 – 335.8118731. Ore 18: Auditorium scuole elementari, concerto Zephyr nell’ambito del Festival Internazionale di Musica da Camera. FONTAINEMORE Escursione di due giorni al Mont Mars. Prenotazioni telefoniche o via mai entro venerdì 6 luglio ore 19.00. Informazioni: 340.2736621. Ore 16: Escursione al Lago della Balma enarrazione della leggenda “Le fate del Vargno e della Balma”. Costo: 15 euro. Informazioni:340.2736621. GABY Ore 20: Caccia al tesoro in automobile tra le frazioni del paese, con partenza dalla piazza del capoluogo. Iscrizioni al numero telefonico 340 832726. GRESSONEY-LA-TRINITÉ Ore 9.30-19: Gara regionale di mountain bike specialità downhill sulla pista di Punta Jolanda. Informazioni: 347.0873656. Ore 14: Gita alpinistica di due giorni al Castore. Informazioni: 328.9720451. GRESSONEY-SAINT-JEAN Gara di Golf 2° Tappa World Caribbean Golf Challenge Coppa “Residence Apfel”. Ore 10-18: 1^ fiera di piante e fiori di montagna. Ore 9-17: Corso di fotografia “La luce, il paesaggio e il software”. Anche domenica 7 luglio. Informazioni: 340 3468347. NUS Ore 15-19.15: Proiezioni al Planetario di Lignan. Costo da 4 a 6 euro. Informazioni: 0165.770050.

Ore 8.30: Escursione giornata intera al santuario di Cuney. Costo: 15 euro. Informazioni: 334 8104003. POLLEIN Ore 15: Inizio della 4° edizione della Festa country che terminerà domenica 7 luglio. Tel.: 346.6553535. PONTEY Ore 8: Itinerario alla scoperta di un antico sito di estrazione delle macine. Escursione giornata intera a pagamento. Prenotazione entro le ore 12.00 del giorno precedente. Tel.: 335 6062076. RHÊMES-NOTRE-DAME Ore 8.30: Escursione giornata intera a Thumel,Rif. Benevolo, Lago Goletta,Thumel. Informazioni: 333 7373636. Ore 8.30: Escursione giornata intera - ThumelAlpeggio Grand Vaudalaz-Rif. Benevolo-Thumel. Informazioni: 333 7373636. Ore 9: Escursione di mezza giornata al Grand Rû. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. Ore 9: Escursione giornata intera a Bruil-SortPlan di Feye-Brui. Necessaria prenotazione. Informazioni: 333 7373636. SAINT-VINCENT Ore 21: Centro congressi, proiezione Cile tra Terra e Cielo con Session musicale di Folk Irlandese. E-mail.: dylandog696@gmail.com. Ore 21: Terme, spettacolo Happening della risata con Claudio Calì. Costo: 12 euro. Tel.: 0166 511223. TORGNON Ore 18: Loc.Les Roncs, concerto gratuito di Chiara Galiazzo nell’ambito di Musicastelle Outdoor. VALSAVARENCHE Ore 8.30:Escursione giornata intera “Plan Bor-

gno- Vallone delle Meyes”. Prenotazione obbligatoria. Informazioni: 333 7373636. Ore 8: Escursione giornata intera Pravioudessus- Rif. Chabod- Rif. Vittorio Emanuele IIPont- Praviou dessus. Necessaria prenotazione. Informazioni: 333 7373636. Ore 21:Sala consiglio comunale, conferenza ” Antropologia alpina al femminile”, nell’ambito della manifestazione Montagne aux livres. Costo: 25 euro. Ore 15: Arrampicata nel parco avventura le Gordze du Terré. Informazioni: 0165.749264. Ore 17-19: Loc. Dégioz, animazione per bambini dai 6 ai 14 anni “Chi conosce il lupo?”. Informazioni: 0165.749264. Ore 13.30: Gita di mezza giornata alla scoperta della tradizione e della cultura dei viticoltori della comunità montana Grand-Paradis con visita alla Maison Bruil di Introd. Informazioni:339 89 09 28. VALTOURNENCHE Ore 21-23:Sala consigliare del comune, presentazione del libro “Rifugi e Bivacchi della Valle d’Aosta” di Massimo Martini e Luca Zavatta. Tel.: 0166 92631. DOMENICA 7 LUGLIO ANTEY-SAINT-ANDRÉ Ore 7-21: “CXT” Ultra-Trail del Cervino. Informazioni: 348.933529. AOSTA Ore 21: Théâtre De la Ville , Estate d’Essai, proiezione del film Razzabastarda. Costo: 6 euro. BARD Ore 15-21: Musiche bretoni e danze irlandesi invaderanno il Forte di Bard nell‘ambito della nuova edizione di Celtica. Parteciperanno i Pendragon e Ascapiss Pipeband. CHAMP0LUC Ore 21: Serata in musica con Les Voix de la Tour.

Al MAV, ateliers per bambini e per famiglie FENIS - Un atelier a misura di bambino con banchi da lavoro e attrezzi da vero falegname. E’ la falegnameria didattica del Mav, il museo dell’artigianato valdostano che per i mesi di luglio e agosto propone gli atelier didattici per le famiglie. Luglio sarà il mese di ‘Giochi semplici e materici’; laboratori all’insegna del toccare, sentire, immaginare e sperimentare. Occasioni per sviluppare la fantasia e la manualità utilizzando i materiali naturali come lana, legno, pietra e altre materie per avvicinarsi al ricco mondo dell’artigianato. I bambini potranno cimentarsi nel realizzare da solo giocattoli; gli atelier si tengono ogni mercoledì e venerdì, al mattino, dalle 10.30 alle 12.30 e al pomeriggio, dalle 15 alle 17. Nel mese di agosto, spazio a ‘Oggi l’Artigiano sono io’; atelier per sperimentare, giocare e creare come veri artigiani. Le famiglie verranno accolto nello spazio museale insieme ai genitori e introdotti all’artigianato di tradizione attraverso i gesti, le tecniche e i materiali che lo contraddistinguono; poi, insieme ad operatori esperti potranno costruire giocattoli artigianali nella falegnameria didattica. Le attività sono rivolte ai bambini tra 3 e 12 anni, hanno un costo di 5 euro a partecipante con possibilità di abbonamento. E’ obbligatoria la prenotazione telefonica, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18 al numero 0165-763912.

Ore 16: messa nella cappella di Fiery in onore del Beato Frassati. Inizio Tennis Camp settimanale dedicato ai ragazzi dai 6 ai 18 anni. Tel.: 348.5617689. CHAMPORCHER Ore 8: Escursione giornata intera al Col de Panaz (2376 m) e al Lac Couvert (2205 m). Costo: 10 euro. L‘iscrizione è obbligatoria e va fatta entro le ore 12,00 del giorno precedente. Tel.: +39.340 9175734. CHÂTILLON Ore 7.30: 29° Trofeo Belvedere - 9° Balconata del Monte Zerbion - 4° Alpemarathon dello Zerbion gara podistica di martze a pià - 7° Marcia con Fido. Informazioni: 338.3919800. Ore 16-17.30: Castello Baron Gamba, attività per bambini ‘Alla bottega di Italo Mus’. Costo: 3 euro. Informazioni: 0166.563252. Ore 15-16: Castello Baron Gamba, Attività per famiglie con figli dai 3 ai 7 anni “Una favola di Museo”. Informazioni: 0166.563252. COGNE Ore 8.30:Escursione giornata intera Alpe Bardoney-Lago di Loie. Costo: 30 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni:333 737363. Ore 8.30: Escursione giornata intera Gimillan-Lago Coronas. Costo: 30 euro. Prenotazione obbligatoria. Ore 9:Escursione di mezza giornata sul sentiero “Montseuc”. Costo:15 euro. Prenotazione obbligatoria entro 3/4 giorni precedenti all‘escursione. Informazioni: 333 7373636. COURMAYEUR Ore 7.30: Escursione giornata intera al Rifugio Boccalatte. Costo: 80 euro. Prenotazione obbligatoria. Informazioni: 0165.842064. Ore 14: Inizio del Summer Camp di calcio che terminerà sabato 13 luglio. Informazioni: 011.19719825. Ore 8.30: Escursione giornata intera dal sentiero balconata dall‘Arnouva al Rifugio Bonatti. Costo: 15 euro. Informazioni: 331.3760971. DOUES Ore 16-18: Sala della Polenta, incontri di sensibilizzazione sull’importanza della lettura fin dal primo anno di vita dei bambini. FONTAINEMORE Ore 8.30: Festa della Riserva Naturale del Mont Mars GRESSONEY-SAINT-JEAN Gara di Golf 3° tappa World Caribbean Golf Callenge “Hotel Lyskamm”. NUS Ore 15-19.15: Proiezioni al Planetario di Lignan. Costo da 4 a 6 euro. Informazioni: 0165.770050. Ore 9-23.30: Osservatorio Astronomico di SaintBarthélemy, visite guidate diurne e notturne . Necessaria prenotazione da effettuare presso l’osservatorio nei giorni feriali. Costo: dai 3 ai 15 euro. Informazioni: 0165.770050. RHÊMES-NOTRE-DAME Ore 8.30: Escursione giornata intera a Thumel,Rif. Benevolo, Lago Goletta,Thumel. Informazioni: 333 7373636. Ore 8.30: Escursione giornata intera - ThumelAlpeggio Grand Vaudalaz-Rif. Benevolo-Thumel. Informazioni: 333 7373636.


scuola

lunedì 1 luglio 2013

11

■ scuola media-1/ Chi sono gli otto ragazzi della Secondaria di primo grado con l’eccellenza dei voti

Anaïs e gli altri, studenti 10 e lode

Valentina Patuzzo si è iscritta al liceo Botta di Ivrea: «potrò studiare il cinese e lo spagnolo» aosta - Anaïs, Sandra, Joelle, Federico, Valentina, Francesca, Kevin ed Elisa, studenti 10 e lode. Proprio così perchè lasciano la scuola secondaria di primo grado con l’eccellenza dei voti. Anaïs Montrosset ha 14 anni, ha frequentato l’Istituto Don Bosco di Châtillon; ha un fratello di 12 anni, Erwin e vive a Montjovet con mamma Giuliana e papà Corrado. «Frequenterò il liceo classico – spiega Anaïs che per la sua tesina ha scelto come tema la progettazione di giardini. «Mi piacerebbe laurearmi e diventare un architetto di giardini – spiega. Anais ama lo sci e la ginnastica artistica, nel tempo libero si dedica al disegno, al giardinaggio e va a correre. Per l’estate? «Trascorrerò le prime due settimane di luglio alla colonia marina del Don Bosco ad Alassio insieme a mio fratello». Verteva invece sulla tromba la tesina di Joëlle Chabloz, altro 10 e lode dell’Istituto Don Bosco di Châtillon; «da quest’anno faccio parte de La Lyretta di Nus e seguo i loro corsi di musica – spiega la giovane, 14 anni, che risiede a Nus con mamma Rosanna, papà Aldo e con la sorella maturanda Denise. «Mi piace la musica, amo la corsa e l’equitazione e in generale mi piace stare all’aria aperta – spiega. Per i miei studi ho scelto l’Institut Agricole Régional». Progetti per le vacanze? «Andrò con la mia famiglia al mare ma non abbiamo ancora deciso né destinazione né data – spiega – intanto con la banda parteciperemo a un concorso in Olanda a Kerkrade, alla 53ª edizione del World Music Contest, il prestigioso concorso musicale e bandistico mondiale che si tiene

ogni quattro anni». Sandra Rade deve ancora compiere 14 anni ed è l’unico 10 e lode della scuola Prosper Duc di Châtillon. E’ residente a Chambave con mamma Mery, papà Damir e i fratelli minori Martina e Gabriel. «Mi sono iscritta al liceo classico – spiega – tra le materie prediligo inglese e francese ma anche storia e matematica». E’ una nuotatrice agonista, «mi alleno cinque volte a settimana in piscina, mi piacciono anche i libri e la chitarra». «Domenica (ieri, ndr) partirò per due settimane di vacanza studio in Inghilterra, nel Kent mentre ad agosto andrò in Croazia al mare, con la mia famiglia per tre settimane». Ama le materie scientifiche e la matematica Federico Meneghetti, 14 anni, residente a Saint-Vincent con papà Ruggero, mamma Nadia e il fratello di 6 anni Gabriele. «Ma anche la musica, la chitarra in particolare – precisa – per questo ho scelto l’indirizzo musicale». Tre anni fa è stato Piccolo Sindaco al Carnevale dei Piccoli sanvincentino. «Mi sono iscritto al liceo scientifico – spiega proprio per il mio spiccato interesse per i temi scientifici. Ho praticato il basket a scuola, vado in mountain bike e gioco a calcio con i miei amici, oltre a suonare la chitarra». Tifoso

Valentina Patuzzo

Anaïs Montrosset

Joëlle Chabloz

Sandra Rade

Federico Meneghetti

dell’Inter, Federico spera di trascorrere l’estate «giocando a calcio con gli amici facendo qualche escursione in mountain bike e suonando la chitarra, coltivando cioè i miei hobbies. Non è ancora deciso ma spero di trascorrere qualche giorno al mare con la mia famiglia prima di affrontare la nuova avventura

scolastica». L’Istituzione scolastica Mont Rose A vanta ottime medie in tutte e cinque le classi III, neppure un sei o un sette, tutti otto, nove, dieci e due dieci e lode, quelli di Valentina Patuzzo e Francesca Rastello. Valentina ha 14 anni, è residente con i genitori e con il fratello Davide, studen-

te all’istituto per geometri a Châtillon, a Pont-SaintMartin. Domani, martedì 2 luglio partirà per un soggiorno studio; «andrò in un college a 15 km da Londra». Per il proseguimento dei suoi studi, la giovane ha scelto il liceo linguistico Botta di Ivrea; «l’ho scelto perchè studierò cinese, spagnolo e inglese, opzioni non previste a Verrès, eccetto per l’inglese. Un po’ mi dispiace per il francese, ma nulla mi vieta di seguire dei corsi». Valentina pratica la danza da sette anni, «classica, jazz, contemporanea e hip hop a Rivarolo, ma ora che cambio scuola frequenterò soltanto la scuola di danza classica a Torino». Suona il flauto traverso, frequenta la Sfom e fa parte della mini banda di Pont-SaintMartin. Progetti per l’estate? «Una volta rientrata dal soggiorno studio, resterò in Valle non credo di andare al mare, forse mi concederò uno stage di musica». Sarà un’estate tra mare e montagna per Francesca Rastello, altro dieci e lode; 14 anni da compiere, Francesca risiede a Pont-SaintMartin con la sorella maggiore Chiara, mamma Maria e papà Edoardo. «Prediligo le lingue e le materie letterarie piuttosto che quelle scientifiche – spiega – motivo per il quale frequente-

Francesca Rastello

Elisa Aral

Kevin Gontel

rò il liceo linguistico di Verrès, come mia sorella». Tifosa della Juventus e soddisfatta per il recente acquisto di Carlos Tevez, Francesca è appassionata di danza e musica. «Trascorrerò un periodo di vacanza in Costa Azzurra, a Mentone e una settimana a Gressoney, dove una mia amica ha la casa e dove ci dedicheremo alla montagna». Quando la sentiamo al telefono, Elisa Aral è al mare, «sono a Spotorno con la mia famiglia per qualche giorno» – spiega. La studentessa 10 e lode risiede a Villeneuve con i genitori Andrea e Barbara e con il fratello Simone, studente al Politecnico di Torino. «Ho scelto il liceo classico musicale – spiega – amo la musica e da cinque anni suono il pianoforte; frequento la Sfom». Predilige le lingue, il francese e l’inglese e «spero di poter trascorrere ancora qualche giorno di vacanza più avanti, prima di iniziare questa nuova avventura scolastica». Kevin Gontel, 14 anni, è invece a Fassinoro, per una gara di biathlon estivo. Ha 14 anni, risiede a Rhêmes Saint Georges con papà Ennio, mamma Ornella e la sorella di 9 anni Nadège. «Ho scelto il liceo scientifico Bérard – spiega – visto che la matematica e le scienze mi appassionano ho pensato fosse la scelta migliore». Kevin pratica sci di fondo e biathlon e in estate si tiene allenato con le martze è pià. Gioca a calcio con gli amici, è tifoso della Juventus e ha accolto con favore l’acquisto di Tevez. Progetti per l’estate? «Parteciperò a due gare di corsa in montagna, quindi mi allenerò in Valle; a settembre, prima di cominciare la scuola, mi concederò una settimana di mare, sulla Costa Adriatica». ■ Cinzia Timpano

Scuola media: ecco gli studenti più brillanti della regione aosta - Tempo di vacanza per gli studenti che hanno sostenuto l’esame che ha significato l’assolvimento dell’obbligo scolastico. Ecco i nomi e i voti (pari o superiori a 8) degli studenti della nostra regione. All’appello mancano le scuole medie di Morgex e Courmayeur e la CM Walser Mont Rose Bi cui risultati saranno pubblicati lunedì prossimo. Per ragioni di spazio, rimandiamo a lunedì prossimo la pubblicazione dei nomi degli studenti meritevoli dell’Institut Agricole, dell’istituzione scolastica di istruzione tecnica di Aosta (Ragioneria) e delle classi mancanti del liceo Binel Viglino di Saint-Vincent e Pont-Saint-Martin. Istituzione scolastica Abbé J. M. TREVES 3ªA Saint-Vincent: Rebecca Di Salvo 9, Nancy Fantini 8, Sylvie Lettry 8, Nadège Morise 9, Lorenzo Parma 9, Alessia Raffaelli 8, Giulia Todaro 8. 3ªB Saint-Vincent: Federico Consol 9, Marco Engaz 8, Federica Lombardini 8, Federico Meneghetti 10 e lode, Elisa Moschella 9, Marco Paolini 9, Martina Xhepa 10. 3ªC Saint-Vincent: Lorenzo Barra 8, Thomas Melis 10, Alessia Napoli 9, Erica Neyroz 9, Christian Paolini 9, Miguel Quispe Gomez 8, Noela Venturini 8. 3ªA Valtournenche: Luca Barmasse 8, Martina Cerrato 9. 3ªB Valtournenche: René Berthod 9, Valentina Herin 8. Istituzione scolastica San Francesco aosta 3ªA: Melissa D’Andreamatteo 8, Davide Fiorani 9, Letizia Franco 8, Amina Selmi 9. 3ªB: Alessandro Bertino 9, Matilda Borney 8, Ciro Costa-Caviglione 8, Fabrizio Dolanti 8, Francesca Spatafora 9.

3C: Aline Manino 8, Niccolò Scipioni 8, Arsen Teqja 8. Istituzione scolastica Don Bénigne Favre QUART 3ªA: Michele Goyet 8, Sara Graceffa 8, Sylvie Pignet 9, Davide Pittet 9, Martina Vayr Piova 8, Matilde Vietti 8. 3ªB: Eleonora Bisoglio 8, Samuele Cavana 9, Federica Marcoz 8, Nicolò Martini 9, Marie Evelyne Morello 9. 3ªC: Gloria Agostino 9, Marco Asioli 8, Martina Borney 9, Alice Brillo 9, Aurora Morabito 9, Umberto Rosaire 8. Istituzione Scolastica Gran Combin Classi terze: Desiré Barone 8, Melanie Cuaz 9, Francesco Palumbo Piccionello 8, Rossana Romeo 8, Muriel Betemps 8, Sebastien Carrel 8, Matteo Erculiani 8, Edoardo Neyroz 8, Valeria Colombo 8, Michael Cuaz 9, Alessio Pressendo 9, Filippo Celli 9, Nicholas Marguerettaz 9, Ilaria Salamino 9, Elisa Prot 10, Arianna Valle 10. Istituzione Scolastica Emile lexert aosta

Classi terze: Abdallah Aoun 9, Flavia Mandatori 9, Donia Nobey 9, Anny Binel 8, Laila Essakhi 8, Serena Lazzaro 8, Alessia Mammoliti 8. Istituzione Scolastica saint roch aosta Classi terze: George Ghiba Satoshi 8, Emma Giovinazzo 8, Albjona Lallinaj 8, Martina Murgia 8, Chiara Presti 8, Mattia Sala 8, Federico Zonin 8, Giulia Avati 9, Filippo Canonico 9, Matteo Da Rin De Lorenzo 9, Riccardo Murzilli 9, Sara Rocchetta 9, Martina Trevisan 9, Federica Fioretti 10, Giuseppe Marchesano 10. Istituzione Scolastica Don Bosco 3A: Valerio Bordet 8, Joelle Chabloz 10 e lode, Luca Chapellu 8, Cristina Lionetti 9, Jonathan Noro 8, Nicolò Olivieri 8, Alfredo Paba 8, Valerio Sorteni 8, Treves Stéphanie 8. 3B: Sukaina Barouz 8, Anaïs Montrosset 10 e lode, Didier Novallet 8, Laurent Rigollet 8, Jean-Luc Sarvadon 10, Lisianne Treves 9. Istituzione Scolastica Abbe Prosper Duc chatillon 3A: Ioan Sebastian Buha 9, Federico Colabello 9, Alberto Gazzi 9, Jacopo Gianotti 9, Stéphanie Lettry 8, Alessia Marquis 8, Sarah Perraillon 9, Elisa Pivato 9, Francesca Posenato 8, Sandra Rade 10 e lode, Rebecca Rossero 10. 3B: Simone Andriotto 9, Nicola Carrel 8, Melanie Chiappalone 9, Martine Dujany 8, Paolo Martignene 9, Celine Merlet 10, Kevin Petey 8. 3C: Raphael Richard Bosonin 9, Joel-

le Gyppaz 9, Loris Le Pera 8, Paulina Lichota 8, Matteo Theodule 8, Sabrina Verthuy 9. Istituzione Scolastica Com. montana Mont Rose A 3A: Marta Bolognini 8, Irene Borettaz 9, Pierre Brunet 8, Patryk Robert Chodakowski 8, Donata Guglielmetti 9, Marco Ozel Ballot 10, Soraya Paganone 9. 3B: Erika Balzarotti 8, Christine D’Herin 8, Riccardo D’Imperio 9, Federico Fragno 8, Luca Paris 8, Nathalie Pramotton 8, Francesca Rastello 10 e lode, Lucrezia Luisa Maria Rodighiero 10, Francesca Yon 8. 3C: Marco Armani 9, Alessia Patrizia Camizzi 8, Jean-Pierre Cretaz 10, Robert D’Herin 8, Niccolò Foy 9, Oleksandr Glesaz 8, Adrian Haba 8, Francesca Juglair 9, Simone Lazier 9, Mirko Martinelli 10, Sara Mussatti 9, Margot Pepè 9, Nicole Vacca 9, Ioana Madalina Zimbru 9. 3D: Miriam Belluco 10, Corinne Challancin 8, Matteo Genis 8, Lucrezia Jacchi 9, Alessia Linty 9, Samuele Masala 8, Alex Vigon 8. 3E: Silvia Bellardone 8, Sofia Capellaro 8, Teodoro Casalatina 8, Michel Chenuil 8, Marianna Metta 8, Francesca Paganoni 8, Valentina Patuzzo 10 e lode, Ludovica Puppi 8, Luca Rossi 8, Federia Savin 8, Cristiano Yon 8. Istituzione Scolastica Mont Emilius 3 CHArvensod Classi terze: Carlotta Da Canal 9, Giorgia Russo 9, Emanuele Mario Ansaldi 8, Fabien Bionaz 8, Davide

Ciocchetti 8, Chantal De Chiara 8, Luca La Marra 8, Mattia Mion 8, Elena Paonna 8, Laurent Bechon 8, Giulia Carletto 8, Michel Comé 8, Noemi Di Giacomo 8, Patrick Salvatore Macrì 8, Edoardo Russo 8, Christianne Albaney 8, Sophie Quendoz 8, Chiara Savona 8. Istituzione Scolastica Mont Emilius 1 NUS 3A: Edoardo Marinone 9, Erica Pompignan 9, Laura Roma 9, Corrado Savioz 9, Yoko Sugiyama 8. 3B: Celine Brulard 9, Anny Daudry 9, Emilie Voyat 9. 3C: Pierre Baudin 8, Filippo Biscardi 9, Margot Blanc 9, Luana Capano 8, Cuignon Karen 8, Marta Lantelme 9,Maria Mauro 8, Simone Piffari 8, Diana Ponsetti 8. Istituzione scolastica Maria Ida Viglino 3A: Corinne Carlin 9, Rebecca Frison 8, Kevin Gontel 10 e lode, Alice Martinet 8, Elisa Pellissier 9, Anna Chiara Saccani 9, Mattia Felgar Tavella 8 3B: Coralie Ballerini 8, Alessia Simona Borney 8, Nicole Chizzo 9, Denis D’Angelo 8, Linda Jacquemod 8, Marzia Lazzaro 8, Marco Turille 8, Wang Yujie 9 3C: Elisa Aral 10 e lode, Martina Blanchet 8, Marcello Caneparo 8, Alice Domaine 8, Ismaele Gazzella 8 3D: Noemi Betemps 10, Aimé Boniface, Martina Canavari 9, Alice Della Valle 9, Letizia Lauri 8, Thierry Perrier 8, Aaron Joshua Lino Salandini 8, Federica Truc 9.


regione

12

lunedì 1 luglio 2013

■ formazione / In 45 hanno frequentato il corso riservato agli autisti di ambulanze e automediche

I VOLONTARI DEL SOCCORSO hanno una marcia in più aosta - Sono 45 i volontari del soccorso appartenenti a diverse organizzazioni sul territorio ad aver partecipato al corso di guida teorico-pratico riservato agli autisti di ambulanze e automediche. Una parentesi formativa fondamentale, tenuto conto che il sistema di trasporto dei pazienti in ambito extraospedaliero rappresenta un elemento importante nel processo assistenziale, in ragione delle tempestività degli interventi e dell’effettuazione in sicurezza degli stessi. Gli istruttori della scuola di Grosseto ‘Formazione Emergenza Medicalizzata’’ hanno allestito al piazzale dell’Heineken di Pollein un vero e proprio percorso a ostacoli, con appositi presidi a rappresentare condizioni di criticità: terreno molto bagnato, curve improvvise, manovre d’arresto in emergenza. I volontari hanno ripetuto più volte le esercitazioni e hanno approfondito la normativa teorica in merito alla responsabilità diretta della conduzione degli speciali veicoli. Al termine del corso, i volontari hanno ricevuto un attestato di partecipazione accompagnato da una nota di merito; gli istruttori che tengono corsi e aggiornamenti in tutta Italia hanno infatti trovato i 45 autisti valdostani già molto preparati.

Un momento dell’esercitazione nel piazzale dell’Heineken di Pollein

■ anpas / A Champorcher e Pontboset un lungo week-end con la maxi esercitazione

Fatica, soccorso e formazione 300 operatori di Protezione civile impegnati a fronteggiare emergenze simulate Champorcher - In una cava, in un terreno impervio, avviene un’esplosione. Tanti feriti e si cercano dispersi in montagna con l’ausilio delle unità cinofile; incidente anche alle funivie, in un ovetto scoppia un incendio; più a valle, un’auto va a sbattere; non manca neppure un soccorso in torrente, con il salvataggio di persone nell’orrido di Ratus, a Champorcher, dai soccorritori del K9 Rescue del Lazio. Scene da Ayasse2013, la maxi esercitazione di protezione civile organizzata dal gruppo Protezione Civile Anpas Valle d’Aosta che lo scorso week-end ha impegnato circa 300 operatori, una cinquantina dei quali di casa nostra, tra Champorcher e Pontboset. Domenica mattina, è ancora tempo di lavorare per smontare il campo di protezione civile ed è anche tempo di bilanci. «Molto faticoso ma altrettanto gratificante – spiega Romuald Desandré, che si occupa della comunicazione per conto della Federazione regionale delle organizzazioni di volontariato del soccorso della Valle d’Aosta alla quale l’Anpas aderisce. Si è trattato di un banco di prova duro ma altamente formativo per noi che siamo abituati a pic-

cole esercitazioni di soccorso. Abbiamo testato la collaborazione con 27 pubbliche assistenze Anpas provenien-

ti da Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Marche e perfino dalla Sicilia.

Sugli scenari dove sono stati simulati i soccorsi – dalla cava al torrente, passando per gli impianti funiviari - sono

infatti intervenuti equipaggi misti, un buon sistema per capire le differenze sul piano della preparazione e della formazione». Gli allievi infermieri del II e III anno si sono occupati del triage di tutti i feriti, provenienti dalle varie simulazioni; è la prima volta che Federazione dei volontari del soccorso e l’azienda Usl collaborano per la gestione di un PMA, posto medico avanzato. «Una collaborazione riuscitissima – commenta Desandré – gli allievi infermieri hanno lavorato coordinati da Eraclide Petrucelli, medico del CTO che si è complimentato per il loro lavoro d’équi-

pe, ben organizzato e portato a termine con grande efficacia e professionalità». La maxi esercitazione è stata anche l’occasione per sperimentare il lavoro di un gruppo di comunicatori del volontariato, grazie a un bando di formazione finanziato dal Fondo sociale europeo presso il CSV; il risultato è un reportage fatto di testi, fotografie, live blogging ma anche trasmissioni e tre dirette web-tv. ■ c.t.

Alcune immagini che testimoniano attività di soccorso e di formazione durante l’esercitazione; qui a lato le magliette del Greundzo Foto www. ayasse2013. tumblr.com

■ valle virtuosa / In attesa della pronuncia sui ricorsi, l’associazione avanza le sue richieste al nuovo governo regionale: raccolta umido e porta a porta su tutto

«Candidiamoci a diventare la prima regione a rifiuti zero» aosta - «Le sanzione dell’Unione Europea sono dietro l’angolo e di certo, tempo non ce n’è. Serve che la parte politica assume quelle decisioni che davvero possono trasformare i rifiuti in una risorsa. Di questi tempi poi, lasciarsi sfuggire un’opportunità del genere sarebbe imperdonabile. La Valle potrebbe candidarsi a diventare la prima regione d’Italia a rifiuti zero. Al Consiglio regionale che si insedierà nei prossimi giorni chiediamo subito l’estensione del porta a porta, la raccolta dell’umido, la riorganizzazione dei sub-ato e una tariffazione puntuale, perchè l’impegno dei cittadini che differenziano correttamente sia premiato dal punto di vista economico». Sono le richieste di Valle Virtuosa, espresse dalla presidente Jeanne Cheillon a margine dell’incontro convocato per fare il punto sulle iniziative intraprese dall’associazione nell’ultimo periodo, «sollecitati dai cittadini, preoccupati che la volontà popolare espressa at-

traverso il referendum del 18 novembre scorso non sia rispettata» - ha precisato Jeanne Cheillon. Le pronunce sui ricorsi depositate alla Corte Costituzionale per difendere la legittimità della norma (contro l’impugnativa del Consiglio dei Ministri e contro il raggruppamento di imprese che si era aggiudicato l’appalto per il pirogassificatore e che ha chiesto la trasmissione degli atti in via pregiudiziale alla Corte Costituzionale perché dichiari anticostituzionale la legge ‘figlia’ del refrendum) sono attese per il 3 e per il 5 novembre; nel frattempo Valle Virtuosa ha continuato a lavorare, per la raccolta firme per la Legge nazionale Rifiuti Zero (circa 1100 le firme raccolte attraverso un lavoro non pressante come in occasione del referendum, considerato che a livello nazionale sono già ampiamente superate le firme richieste). Jeanne Cheillon e Federica Rinaldi hanno tracciato un bilancio molto soddisfacente della festa del sol-

Da sinistra, Federica Rinaldi e Jeanne Cheillon, presidente Valle Virtuosa

stizio d’estate dello scorso weekend, «dove l’aria di cambiamento - tema della kermesse - si è respirata per davvero, con tanta gente interessata e dove il nostro stand è stato davvero molto frequentato. Ci siamo impegnati perchè fosse una festa a rifiuti zero e così è stato; con tanta buona volontà e

tanti volontari, il risultato di tutta la giornata di festa è stato un sacchettino medio di rifiuti indifferenziati, davvero un bell’esempio di come sia davvero possibile arrivare a rifiuti zero». La festa a Tzanté de Bouva è stata anche l’occasione per premiare i partecipanti al concorso di idee

per individuare un nuovo logo da affiancare alla doppia v verde di Valle Virtuosa; «solo cinque proposte sono giunte - ha spiegato Cheillon - abbiamo premiato le tre più meritevoli: terza quella di Silvia Reggiani, secondo Davide Sette e primo premio per Manfredi Cortivo». I tre si sono aggiudicati buoni spesa e prodotti del commercio equo e solidale, «grazie ad alcuni sponsors che ci hanno sostenuti e che hanno deciso in questo modo di dare il loro aiuto all’associazione». Nell’incontro all’Espace Populaire sono state presentate anche le nuove magliette e borse pensate come mezzo per autofinanziare le attività di Valle Virtuosa. «Le borse sono di cotone riciclato al 100% - ha spiegato Jeanne Cheillon - i tessuti sono comprati ai mercatini dell’usato, riciclando le vecchie lenzuola della nonna. Abbiamo voluto dare un ulteriore segnale facendo cucire le borse da un’artigiana valdostana». ■ c.t.


regione

lunedì 1 luglio 2013

13

■ estate in sicurezza / Verrà riproposto il progetto tra comune di Aosta, CRI, Polizia, Carabinieri e azienda Usl

Task force per gli anziani contro caldo, furti e truffe aosta - Anche per l’estate 2013 l’amministrazione comunale di Aosta, in collaborazione con l’azienda Usl, la Croce Rossa Italiana, la Polizia di Stato e l’Arma dei Carabinieri e la società Tesa, ha predisposto il programma ‘Estate in sicurezza’ rivolto agli anziani ultrasessantacinquenni residenti nel capoluogo, che riguarda sia la sicurezza in termine di salute e difesa dal caldo, sia la sicurezza in termini di contrasto ai furti ed alla truffe. «Dal 2012 al 2013 la popolazione anziana è aumentata da 8287 unità a 8957, con un incremento da 2400 a 3023 di anziani che vivono da soli sottolinea l’assessore alle Politiche Sociali Marco Sorbara - pertanto è sempre più importante stargli vicino, quest’anno lo faremo anche gra-

Da sinistra Nicola Donadio, Marco Sorbara e Vincenzo Puzzo

zie al nuovo servizio di prossimità che è stato coinvolto nell’iniziativa che durerà per tutta l’estate». A breve gli interessati riceveranno al proprio domicilio l’opuscolo in cui vengono dati consigli sia alimentari che comportamentali su come contrastare gli effetti di caldo e afa, ma anche le precauzioni per evitare furti e truffe. E dove sono illustrati i numeri da

chiamare in caso di necessità primo fra tutti il numero verde 800585588 a cui ci si può rivolgere tutti i giorni, domenica compresa dalle 8 alle 17. Sono inoltre evidenziati gli appuntamenti di sorveglianza attiva, a cadenza settimanale in diversi presidi della città saranno presenti sia la croce rossa che le forze dell’ordine. «La novità di quest’anno per noi - spie-

ga Gianluca Tripodi, presidente del comitato regionale della Croce Rossa - è che abbiamo aggiunto al servizio sanitario vero o proprio anche un servizio di ascolto con personale opportunamente formato». «Lo scorso anno abbiamo avuto la possibilità di dialogare con oltre 500 persone - racconta il commissario capo della Polizia di Stato Nicola Donadio - vogliamo dare rilievo a questi momenti di prossimità con il cittadino, senza allarmismi ma dando la dovuta attenzione alla tutela delle persone più deboli in ottica di prevenzione». Concorda sull’importanza della vicinanza alla popolazione anche il capitano Vincenzo Puzzo, comandante dei Carabinieri di Aosta; «nel 2012 questo programma è stato molto apprezzato dalla popolazione - ha sotto-

lineato - a volte le persone anziane hanno solo bisogno di essere ascoltate perché sole e poter parlare con una persona in divisa spesso è loro di conforto». Terminata l’estate, l’idea di polizia e carabinieri è quella di proseguire con interventi ed incontri sul territorio con la popolazione, in particolare la Polizia postale effettuerà degli incontri per aiutare gli anziani a muoversi nel web in sicurezza. Prevenzione e collaborazione sono quindi le parole chiave di questo programma tra le istituzioni coinvolte, che prevede anche per chi ne fosse interessato un servizio di telesoccorso e di telecompagnia da richiedere direttamente all’ufficio politiche sociali del comune di Aosta. ■ Simonetta Padalino

■ croce rossa / Ieri, domenica, in piazza Chanoux, la festa del Comitato regionale rinviata lo scorso maggio

«Valdostani, continuate a sostenerci»

Riconoscimento a Emma Bethaz Bonetti; un corso per infermiere volontarie e uno per il soccorso sulle piste da sci Luca SARTORI inviato in piazza Chanoux aosta - Se nella giornata di ieri, domenica, siete passati per piazza Chanoux, l’avrete trovata invasa da volontari, pompieri, infermiere, ambulanze… Un incidente? Niente affatto, si trattava della festa della Croce Rossa Italiana. Inizialmente rinviata a causa della frana del Mont de la Saxe, occasione nella quale i volontari hanno preso parte alle operazioni di evacuazione della popolazione coinvolta, la festa è iniziata alle dieci di mattina e proseguita fino a sera con attività, dimostrazioni ed esposizioni. Mentre tutti erano sull’attenti di fronte all’alzabandiera, alle dieci in punto il Coro Monte Cervino ha dato il la alla cerimonia intonando l’inno di Mameli e Montagnes Valdôtaines. È seguita la lettura dei 7 principi della CRI e l’intervento del presidente della CRI valdostana, Gianluca Tripodi: «Oggi vogliamo portare un messaggio importante. A partire dal gennaio 2014, vi sarà un nuovo statuto per la Croce rossa Italiana, espressione e frutto dell’operato dei volontari. Ciò comporterà al passaggio da diritto pubblico a privato. Noi chiediamo che il nostro operato continui a essere sostenuto, chiediamo di essere pienamente riconosciuti ed essere presenti in altri comprensori regionali e all’interno della comunità». È sfuggita qualche lacrima di commozione in occasione del conferimento di un attestato di benemerenza a Emma Bethaz Bonetti, una riconoscenza per anni di impegno costante per la CRI. Infine, stretta di mano e consegna dei diplomi anche ai volontari che hanno da poco terminato il corso di accesso alla Croce Rossa. Finita la cerimonia, i volontari si sono dispersi per la piazza a occuparsi delle numerose iniziative. All’ombra di un tendone sono state dimostrate su dei manichini le manovre per la disostruzione delle vie aeree e per i casi di arresto cardiaco, mentre lì vicino si è tenuta un’attività di prevenzione: misurazione di pressione arteriosa, indice glicemico e indice di massa corporea. Intrattenimento anche per

I partecipanti al corso per diventare volontari della Croce Rossa; primo a sinistra è Gianluca Tripodi, presidente del Comitato regionale CRI

I neo volontari

Flash

Hanno superato il primo corso per diventare volontari: Naiara Aspesi, Gabriel Bondarncu, Ciro D’Agostino, Matteo Barzan, Solange Cheney, Anna Ragni, Federico Carere, Giulio Gasperini, Giuseppe Gatti, Marta Giugliano, Simone Ialongo, Alessia Lanzo, Luca Militello, Rabab Ouardighi, Mario Macaluso, Romano De Mio, Alessandro Favre, Daziano Demé, Federica Bernardi, Volodymyr Gofman, Carlotta Bottazzi, Martina Trussoni, Mariantonietta Spanò, Annamaria Marangelo, Maurizio Palma, Anna Franchi, Riccardo Vailati, Patrik Chapellu, Simona Ferraris, Sabrina Garzotto, Jean Loup Dufour, Chicca Alessandro, Gabriella Roggero, Ramone Seris, Elisa Pascarella, Adrian Neculai Craciun, Fabio Scuttari, Bruno Arrigo, Katia Milanaccio, Tiziana Sanna.

Qui sopra, al centro, Emma Bethaz Bonetti, commossa per il riconoscimento; sopra, dimostrazione di disostruzione pediatrica

i più piccoli con animazione, giochi e truccabimbi. Oltre a uno stand del corpo delle infermiere volontarie, che hanno svolto una promozione per sensibilizzare le donne dai 18 ai 50 anni ad entrarne a far parte attraverso un percorso formativo, era presente anche uno stand del Soccorso piste. Queste le parole di Claudio Foletto, Istruttore regionale: «la scuola è nata nel 2006. Siamo tutti volontari, occupati durante tutto l’anno: d’estate in ambulanza, d’inverno sulle piste».

Qui sopra attività di prevenzione; qui a destra il sempre apprezzato truccabimbi; sotto l’esibizione del Coro Monte Cervino che ha dato il via alla festa intonando l’Inno di Mameli


regione

14

lunedì 1 luglio 2013

■ institut agricole / Il direttore René Benzo ha ricordato i Canonici del Gran San Bernardo e il già direttore Marguerettaz

MENO risorse, PIÙ iscritti e nuovi corsi

Su 186 studenti iscritti, 133 sono stati promossi senza debiti, 38 hanno un debito, 15 sono i bocciati Francesca JACCOD inviata all’IAR aosta - Una grande festa ha chiuso l’anno scolastico 2012/2013 all’Institut agricole régional, il 62° dalla fondazione dello Iar. Un appuntamento irrinunciabile per i tutti ragazzi, le famiglie, gli insegnanti e il personale della scuola, che tutti insieme costituiscono una vera e propria comunità dall’identità distintiva e dalla vocazione all’eccellenza formativa. Quest’anno, però, l’arrivederci a settembre era per la prima volta segnato dal retrogusto dell’assenza dei Canonici del Gran San Bernardo. Eppure, «lo spirito dei confratelli è sempre presente nelle menti e nei cuori della scuola» - come ha rammentato il direttore dello Iar, René Benzo - nella sua relazione finale, ricordando anche Oscar Marguerettaz che ha diretto la scuo-

Il ricco buffet preparato per studenti e famiglie sabato; nel riquadro il direttore René Benzo

la per 25 anni. E ancora, «l’anno scolastico 2012/2013 ha rappresentato una tappa fondamentale nel-

l’evoluzione dell’Istituto. L’avvio di due nuovi corsi ha avuto come conseguenza l’aumento di classi e allievi, nuove esigenze

che hanno comportato un’importante riorganizzazione dal punto di vista delle attività e degli orari. L’offerta formativa, strettamente legata all’insegnamento agricolo, ha dovuto altresì fare fronte a minori risorse finanziarie». Tuttavia, l’anno si chiude con un segno positivo per l’attivi-

■ giunta / La pista di fondo di Bionaz diventa tracciato di pratica per lo skiroll

365 mila euro per l’Agricoltura aosta - La 278ª riunione della Giunta regionale ha chiuso venerdì mattina la 13ª legislatura. Nell’ultima conferenza stampa post riunione dell’esecutivo, il presidente Augusto Rollandin, dopo aver ringraziato «i colleghi di Giunta, i coordinatori, i dirigenti, i funzionari e tutti i dipendenti per il lavoro svolto», ha posto l’accento su come la Valle in questi cinque anni sia stata brava a «ripondere alla crisi con provvedimenti tempestivi, non a caso poi copiati da altri. Provvedimenti - ha continuato Rollandin - che hanno mantenuto in Valle un’economica capace di reggere in questo momento delicato. Abbiamo sostenuto le famiglie, ma anche gli imprenditori, visto che siamo stati gli unici ad aver ridotto l’Irap. Mantenendo l’attività di opere pubbliche medie, abbiamo garantito la sopravvivenza delle piccole e medie imprese, tanto che adesso c’è la corsa da fuori per venire a lavorare in Valle». Con i provvedimenti adottati venerdì, la Giunta ha toccato quota 16.504 delibere. Presidenza Regione L’esecutivo ha integrato criteri e modalità per il raggiungimento degli obiettivi del patto di stabilità degli enti locali, tenendo conto delle spese correlate all’esercizio delle funzioni devolute dalla Regione al si-

Il presidente della Regione Augusto Rollandin

stema degli stessi enti locali in ambito socio-assistenziale. Agricoltura La Valle ha impegnato 365 mila euro per integrare il piano straordinario di interventi di natura agricolo-forestale, gestito per il 2013 direttamente dall’assessorato.

500 euro, al finanziamento di progetti da inserirsi nel sistema integrato di interventi e servizi a favore delle persone con disabilità; mentre è stata approvata la progettazione esecuti-

va per la realizzazione a Verrayes di un centro polifunzionale, da destinarsi ad assistenza socio-sanitaria e socio-assistenziale. Deliberato, infine, il rinnovo al Comune di St-Vincent dell’accreditamento dello stabilimento termale denominato Fons Salutis per un periodo di cinque anni. Turismo e sport La pista di fondo di Bionaz ha ricevuto l’ok della Giunta per essere classificata anche come pista per la pratica dello skiroll. L’esecutivo ha poi approvato lo statuto dell’Associazione valdostana Maestri di sci. ■ Davide Pellegrino

186 quest’anno

15 i bocciati

studenti iscritti a.s. 2013/2014

studenti promossi senza alcun debito

195

133

tà didattica e il numero degli studenti. «Il nostro lavoro – ha detto il direttore - è fatto di scuola, e in questo stiamo crescendo: il nostro prodotto formativo suscita interesse. Sono stati 70 i ragazzi che quest’anno hanno chiesto di iscriversi all’Institut. Purtroppo non siamo riusciti ad accoglierli tutti, ma saranno 195 a frequentare la scuola il prossimo anno». Malgrado la riduzione di fatto delle attività pratiche, determinata dall’alto numero di studenti

e dalla riduzione da parte del Miur dell’orario settimanale a 36 ore, la parte pratica rimane come punta di eccellenza dell’offerta formativa, così come le possibilità di stage, gli scambi con realtà estere affini e la rete formata da alunni ed ex alunni. Proprio per permettere la possibilità di sperimentare sul campo le competenze acquisite, per la prima volta il convitto dell’Institut non chiuderà quest’anno, e saranno 70 gli studenti impegnati in attività di lavoro.

lions club aosta host

Un fondo a sostegno del GIROTONDO aosta - Un’altra iniziativa benefica, nell’anno del cinquantenario del Lions Club Aosta. Il club lionistico ha infatto siglato una convenzione di collaborazione con l’associazione Girotondo; l’obiettivo è l’istituzione di un fondo patrimoniale separato denominato ‘Fondo Lions Club Aosta Host’ che ha l’obiettivo di sostenere le persone con disabilità e le loro famiglie. La dotazione iniziale del fondo è di 10 mila euro; è un fondo aperto, al quale tutti potranno devolvere donazioni e lasciti, siano essi privati, persone fisiche o giuridiche, fondazioni o associazioni. Il sostegno non è soltanto economico ma anche l’offerta di opportunità che possano aprire ai portatori di disabilità una partecipazione alla vita sociale fino a creare esperienze di vita autonoma e responsabile; ciò significherebbe un tangibile miglioramento della qualità della vita. Il presidente del Lions Club Aosta Host Mario Maione (foto) ha poi sottolineato come eventi di questo tipo, che nascono dalla collaborazione fra soggetti che operano per il bene comune, siano doppiamente significativi, particolarmente in un momento in cui la nostra società barcolla, vittima di difficili condizioni economiche ed esistenziali, aggravate da una crisi globale che nessuno risparmia, auspicando che possano nascere presto soluzioni atte a risolvere progressivamente le gravi difficoltà in cui ci dibattiamo. ■ lu.pe.

Istruzione e cultura Definiti, con un impegno di spesa di 14 mila euro, i progetti da realizzare nel 2013 nell’ambito della convenzione tra Università della Valle d’Aosta e Regione. Nel corso del prossimo anno scolastico, i docenti delle istituzioni scolastiche valdostane di ogni ordine e grado potranno svolgere una formazione specifica sui disturbi di apprendimento. Sanità La Giunta ha dato parere favorevole, impegnando 292 mila

Bambini bielorussi: un mese in Valle, tra svago, affetto e controlli medici Sono arrivati mercoledì sera all’aeroporto di Malpensa i 17 bambini bielorussi che per un mese saranno ospitati dalle famiglie valdostane nell’ambito del progetto ospitalità promosso dal Forum per i diritti dei bambini di Chernobyl. Tre altri minori, che resteranno in Valle due mesi, sono arrivati ieri sera, domenica 30 giugno, mentre altri cinque minori arriveranno a luglio. Oltre ai bambini già ospiti negli anni scorsi, quest’anno vi sono sei nuovi piccoli ospiti.


e c o n o m i a & l avo ro

lunedì 1 luglio 2013

■ VIVAL / Stefano Celi, titolare dell’azienda La Source è il nuovo presidente dei viticoltori valdostani

CERVIM

Da giovedì, 670 vini ‘eroici’ in gara aosta - Si prospetta l’ennesima edizione record del Concorso Internazionale Vini di Montagna che inaugurerà la sua 21esima edizione all’Hôtel Etoile du Nord di Sarre giovedì 4 luglio. Sono infatti 670 i vini iscritti – lo scorso anno erano stati 610 che saranno valutati da una giuria composta da enologi, tecnici e giornalisti internazioanli esperti del settore provenienti da tutta Europa. Al concorso, che ha saputo negli anni ritagliarsi uno spazio di prim’ordine nel panorama dei concorsi enologici, possono partecipare i vini prodotti da uve di vigneti ‘eroici’ che presentano altitudine superiore a 500 metri slm, ad esclusione dei sistemi viticoli in altopiano; pendenze del terreno superiori al 30%; sistemi viticoli su terrazze o gradoni; viticolture delle piccole isole. Soddisfatto il presidente del Cervim Roberto Gaudio, «mai come quest’anno è significativa la rappresentatività delle aziende presenti, 9 Paesi e 40 regioni, le attività promozionali e di valorizzazione dei vini partecipanti al concorso hanno portato a un crescente consenso e interesse». Le degustazioni si concluderanno sabato 6 luglio. ■ re.ga.

Primo obiettivo: «vignerons, facciamo sistema»

aosta - Stefano Celi è il nuovo presidente dell’associazione ViVal, viticoltori valdostani che racchiude tutte le associazioni regionali del settore vitivinicolo, quindi i Viticulteurs encaveurs, le sei cooperative, ma anche il Movimento Turismo del vino e la Route des Vins. All’Institut Agricole Régional, si è recentemente tenuta l’assemblea; a seguito delle dimissioni del presidente del Movimento Vincent Grosjean, neo eletto in Consiglio regionale nelle fila dell’Union Valdotaine Progressiste - dopo un rapido “tour de table” il direttivo ha ritenuto di affidare l’incarico di presidente a Stefano Celi. Classe 1971 Stefano Celi, è il titolare dell’azienda di Saint Pierre La Source, viticoltore da generazioni, lascia nel 2005 il posto fisso all’assessorato all’Agricoltura, dopo 15 anni, per dedicarsi totalmente all’attività vitivinicola. Celi incarna il modello del viticoltore di

oggi, moderno e tecnologico dove serve ma fortemente legato alla tradizione del territorio valdostano. Quali sono i tuoi obiettivi e quelli dell’associazione per il futuro? «La Vival è un’associazione e un’idea già presente nel passato ma che non era stata concretizzata; abbiamo deciso di pro-

■ L’AZIENDA-1 / La Biopanetteria produce ogni settimana 600 kg di pane

L’hobby diventa mestiere Sette ettari di cereali coltivati per ottenere farine rigorosamente bio di Simonetta PADALINO aosta - Oltre 600 chili di pane prodotto a settimana, 7 ettari circa di cereali coltivati, prediligendo le varietà autoctone se presenti, segale, frumento, farro, orzo, monococco, il tutto rigorosamente biologico, nella nuova struttura della Biopanetteria a Chantel di Saint Pierre. L’idea, di Laura Poletti e del marito Sebastiano Perrotta, di seguire tutta la filiera, dalla produzione delle materia prime alla loro trasformazione in pane nasce per caso 25 anni fa. «Siamo sempre stati attenti e interessati alla cucina naturale - racconta Laura - quindi abbiamo iniziato a farci il pane da soli con prodotti biologici, poi abbiamo iniziato a farlo assaggiare ad amici e parenti e piaceva così tanto che ci siamo ritrovati a fare 100 chili di pane a settimana, da qui l’idea di farlo per mestiere». La Biopanetteria nasce quindi nel 1994 con l’obiettivo di promuovere e divulgare la conoscenza e il consumo del pane a lievitazione spontanea rigorosamente prodotto con materie prime da coltivazioni biologiche. Per trasformarlo da un hobby a un mestiere non si sono improvvisati, Laura e Sebastiano hanno frequentato dei corsi di formazione in Francia, Svizzera e Austria dove la tradizione della produzione di questa tipologia di pane è più radicata. Un calore avvolgente e un buon profumo di pane ti avvolge appena si entra anche se il bellissimo forno a legna è spento da ore. Un forno a legna speciale, francese che permette l’immissione del legno dal basso e il pane diret-

15

Laura Poletti e il marito Sebastiano Perrotta al lavoro

tamente nel forno. Di solito invece sono nello stesso vano. Austriaco è invece il mulino con macine a pietra dolomitica fabbricato artigianalmente. «La metodologia della macinatura dei cereali è molto importante per la qualità delle farine e di conseguenza del

pane, soprattutto il ritmo, un ritmo lento che permette alle farine di mantenere tutte le sue qualità nutrizionali» spiega Laura. «Anche la lievitazione spontanea è per noi importantissima - dice Laura - quella che noi utilizziamo è un metodo molto antico che richiede molta

abilità, dedizione e tempo, un metodo che abbiamo imparato in anni di stage all’ estero e con gli anni affinato con il lavoro». Molte le tipologie di pane prodotto, di segale, di frumento, alle noci, ai cereali, al farro, al kamut, alla frutta, biscotti di farro, tra le particolarità anche il pane fatto con il metodo Kousmine, ovvero basato sulle ricerche cliniche e sugli studi scientifici della dottoressa Catherine Kousmine, un metodo che si è rivelato efficace nel migliorare le risposte del sistema immunitario e quindi nel prevenire e combattere malattie autoimmuni. Tra i clienti principali Lo Pan Ner, cooperativa ‘bio’ e l’ipermercato Gros Cidac, sempre attento alle produzioni locali, ma è facile trovarle i prodotti della Biopanetteria anche in qualche mercatino o manifestazioni importanti come la fiera di Sant’Orso.

■ l’azienda-2 / Ma MDPTech cerca progettisti soft e hardware e ingegneri

Elettronica per RISPARMIARE Pont-Saint-Martin -Si è insediata nell’incubatore di PontSaint-Martin, la Pépinière d’entreprises nella metà del mese di aprile MDPTech , l’azienda di Giacomo Baravalle (foto) che si occupa di elettronica e meccatronica. Spiega Baravalle, «E’ un sistema innovativo per il controllo di allestimenti di veicoli industriali e agricoli. La novità consiste nella riduzione dei tempi di installazione e di manutenzione e per questo, di conseguenza, dei costi. Una centralina installata sul veicolo e da cui partono i vari cavi ( a mo’ di ragnatela) e vanno a collegarsi nelle varie

utenze. Abbiamo realizzato micro-centraline, che vengono installate direttamente sulle utenze con un unico cavo che le collega. In buona sostanza abbiamo messo l’elettronica dentro il connettore». Ma non finisce qui il progetto della MDPTech: «abbiamo in corso un brevetto per la realizzazione di sistemi di controllo dove riconosciamo le posizioni dell’operatore nel raggio di 10 metri, un concetto simile al GPS ma con una maggiore precisione, visto che il nostro raggio di azione è di 10

Architetti: Simona Agostino la più votata aosta - Simona Agostino, Luciano Bonetti, Claudio Borgis, Giacomo Galvani, Andrea Marchisio, Sandro Sapia, Adriana Sorrentino, Sergio Togni e Donatello Vitulli. Sono gli architetti risultati eletti al termine dello scrutinio delle votazioni per il rinnovo del Consiglio direttivo dell’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della regione. Il Consiglio direttivo sarà composto da otto iscritti alla sezione A (professionisti con laurea quinquennale) e un iscritto alla sezione B (laurea triennale). Sono stati 166 gli architetti che si sono recati alle urne, a fronte di un quorum richiesto di 94 iscritti; tra gli eletti vi sono il presidente uscente Sandro Sapia e i consiglieri Togni e Marchi-

sio, due architetti che hanno ricoperto il ruolo di consiglieri negli anni precedenti (Galvani e Bonetti) e quattro volti nuovi: Sorrentino, Agostino (top delle preferenze), Borgis e Vitulli. Nel prossimo quadriennio, il consiglio direttivo è chiamato a un lavoro impegnativo a favore della professione; bisognerà applicare la riforma delle professioni normata nell’anno 2012 e affrontare e proporre temi e progetti relativi allo sviluppo sostenibile e alla riqualificazione del contesto paesaggistico e urbano. La data dell’insediamento non è ancora definita; il consiglio attuale completerà il mandato a settembre; poi si procederà all’elezione del nuovo presidente.

metri». Questo brevetto permetterà un’elevata gestione della sicurezza. Una questione questa molto sentita in Germania e nel Nord Europa, più attenti alla sicurezza degli operatori - spiega Baravalle. Troppo presto parlare di fatturato, «ci siamo insediati ad aprile, ma al momento abbiamo degli ordini interessanti soprattutto con i clienti esteri». MDPTech si fatica a trovare ‘forze lavoro’, come conferma Giacomo Baravalle: «siamo alla continua ricerca di progettisti software e hardware e di ingegneri. Ci stiamo appoggiando a progettisti esterni, perché è un profilo professionale difficile da trovare». Una volta concluso il progetto triennale, pensate di stabilirvi in Valle d’Aosta? «Assolutamente sì il nostro progetto è a lungo termine. Abbiamo investito tempo e denaro in questo progetto e sicuramente l’intenzione è di stabilirsi qua, soprattutto nella zona di Pont-Saint-Martin, la cui posizione è logisticamente più appetibile. Abbiamo clienti anche in Germania e da qui è facile raggiungere le varie destinazioni». ■ Teresa Marchese

varci lo scorso autunno, con l’intento di unire sotto un’unica sigla tutta la realtà vitivinicola valdostana, i produttori privati, le cooperative e anche le due associazioni che riguardano il turismo enologico, per fare sistema, per essere più incisivi insieme. Il mio compito sarà quello di proseguire l’ottimo lavoro già svolto da Vincent Grosjean, che tutti noi ringraziamo e al quale auguriamo un buon lavoro in consiglio regionale. Quindi sarà mio compito insieme al direttivo di unire e coordinare i vignerons e di dialogare nel modo più proficuo possibile con l’amministrazione regionale nell’interesse di tutti». L’ordine del giorno del direttivo ha evidenziato il bilancio più che positivo della manifestazione ’Cantine Aperte 2013’ con dati in completa controtendenza rispetto al panorama nazionale con una crescita del 30% nella vendita dei bicchieri. ■ si.pa.

notizie in breve Distilleria Levi: medaglia d’argento al distillato di infuso di mirtilli Un altro riconoscimento, l’ennesimo, per la Distilleria Levi. Questa volta la medaglia ‘ d’argento ed è per il distillato di infuso di mirtilli che al Concours Mondial de Bruxelles, tenutosi a Kaohsiung, Taiwan ha confermato l’eccellenza del prodotto che già nel 2012, si era fregiato della medaglia d’oro al Concorso Acquaviti d’oro di Bolzano. Il distillato di infuso di mirtillo della Distilleria Levi si caratterizza per la distillazione in alambicco discontinuo a una gradazione alcoolica di 38 gradi circa. Al gusto è dolce e armonico, con ricchi profumi di mirtillo, resina, terra bagnata e fiori di campo. Commenta Nicola Rosset, titolare della Distilleria Levi; «un riconoscimento particolarmente significativo che ci consente di promuovere e far conoscere le nostre eccellenze anche al di fuori dei mercati locali e nazionali e che ci consente di confrontarci con produttori di ogni parte del mondo. I risultati lusinghieri sono un importante stimolo per proseguire la nostra attività magari guardando verso orizzonti più lontani. Il Concours Mondial de Bruxelles rappresenta uno dei principali appuntamenti del settore a livello mondiale; ha visto la partecipazione di oltre 30 Paesi produttori e il prossimo anno si terrà a Florianopolis, in Brasile. Terme di Pré: benessere e navetta gratuita «Alle terme ti portiamo noi, gratis, non hai lo stress dell’auto, pensi al relax e ti godi il fresco ai piedi del Bianco». Suona più o meno così la proposta del gruppo QC Terme che ha previsto, per tre giornate (21 luglio, 4 agosto e primo settembre) il trasporto gratuito fino alle terme di Pré Saint Didier attraverso una navetta bus. Il 21 luglio e primo settembre la partenza è prevista da Torino, con fermate a Valpiana, San Giorgio e Ivrea. Domenica 4 agosto, la partenza è prevista da Milano; il bus di fermerà anche a Rho, Novara, Santhià e Ivrea. L’ospite dovrà pagare l’ingresso alle terme (49 euro) mentre il trasporto sarà completamente gratuito. Le partenze saranno garantite con un minimo di 25 partecipanti e saranno confermati cinque giorni prima. Per le prenotazioni, telefonare al numero 0165-867272 oppure inviare una mail all’indirizzo info@termedipre.it. Silvana Perucca vice presidente della Chambre Valdôtaine E’ l’albergatrice di Saint-Vincent Silvana Perucca il nuovo vice presidente della Chambre Valdôtaine; affiancherà il riconfermato presidente Nicola Rosset nel compito di rappresentare le imprese della nostra regione. In un’ottica di contenimento dei costi e in segno di vicinanza alle aziende in un momento di crisi duratura e pesante, è stato deciso di ridurre i gettoni di presenza dei componenti della Giunta e del Consiglio camerale. Tra il 2011 e 2012, analoghe iniziative hanno portato a un risparmio del 30% dei costi di funzionamento degli organi camerali. Start Cup: le iscrizioni scadono il 19 luglio C’è tempo fino a venerdì 19 luglio per presentare i business plan all’edizione 2013 della Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta, la competizione che ogni anno mette in gara i migliori progetti d’impresa a forte contenuto innovativo. La partecipazione al concorso è gratuita; il montepremi complessivo è di 110 mila euro; i tre premi assoluti (25, 20 e 15 mila euro) saranno finalizzati alla nascita di nuove imprese negli incubatori universitari degli atenei piemontesi promotori e per chi vuole fare impresa ad Asti, Cuneo, Novara, Vercelli e in Valle d’Aosta. Alla fase di ‘raccolta idee’ a fine aprile hanno risposto 529 proponenti, con 314 idee, il 12% in più rispetto allo scorso anno. Nella nostra regione, l’attuazione del progetto Start Cup è affidata a Vallée d’Aoste Structure che gestisce le due Pépinières d’entreprises. Le modalità di partecipazione e il regolamento del concorso sono disponibili sul sito ufficiale della Start Cup Piemonte e Valle d’Aosta, www.startcup-piemonte-vda.it. PEC: 45 giorni di tempo per mettersi in regola Il 30 giugno è scaduto il termine per l’iscrizione dell’indirizzo PEC (posta elettronica certificata) delle imprese individuali nel registro delle imprese, così come previsto dalla legge 221/2012. La Camera di Commercio precisa che per l’eventuale inosservanza non sono previste sanzioni; la norma prevede infatti che l’ufficio sospenda per 45 giorni la prima domanda presentata dall’azienda inadempiente, fino a che la stessa domanda non sarà integrata con l’indirizzo PEC. Trascorso questo ulteriore mese e mezzo, a metà agosto, la domanda si intenderà non presentata.


e c o n o m i a & l avo ro

16

lunedì 1 luglio 2013

■ l’intervista / L’imprenditore nel settore delle costruzioni Roberto Montrosset è il nuovo presidente di Rete Imprese Italia Valle d’Aosta

«Alla politica chiediamo di essere SENTITI, non ascoltati» aosta - «Al decisore politico chiediamo di essere sentiti e non ascoltati. C’è una bella differenza. Non serve a nulla essere ascoltati nelle audizioni, dove non possiamo portare il nostro contributo ma soltanto subire decisioni già assunte. Per questo chiediamo al Governo regionale che si insedierà di sentirci, di avere la consapevolezza che il Pil valdostano è prodotto in larga parte da piccole imprese a conduzione familiare. Se c’è una priorità, in questa congiuntura di pesante crisi, è proprio questa, che sia riconosciuto il ruolo di chi rappresenta le imprese». Roberto Montrosset, 52 anni, imprenditore nel settore delle costruzioni e vice presidente CNA, facente funzioni di presidente (do-

po le dimissioni di Maurizio Goi, ndr) è il nuovo presidente di Rete Imprese Italia Valle d’Aosta. Glissa Montrosset quando gli si chiede il perché della nomina, considerato che secondo i bene informati il suo nome non pareva gradito... «Quale vice di Goi in CNA ho assunto la reggenza pro tempore viste le dimissioni, avevo presentato la mia candidatura alla presidenza, poi l’ho ritirata. Fa parte della normale dialettica, ma CNA è un’altra cosa. L’incarico è conseguente alla struttura di Rete Imprese Italia che a turni semestrali prevede che la presidenza sia assunta da un rappresentante delle associazioni che la costituiscono, Confartigianato, CNA Valle d’Aosta, Associazione Artigiani Valle d’Aosta e Confcommercio Imprese

Roberto Montrosset, alla recente riunione di Confidi

per l’Italia». «Il nostro obiettivo è adottare un nuovo modo di rappresentare e tutelare gli interessi della piccola e media impresa nei confronti delle amministrazioni pubbliche locali, di enti e istituzioni. Nella nostra regione, le piccole e medie imprese

sono circa 12 mila, occupando 36 mila addetti, con un tasso di occupazione vicino al 60% e sviluppando un valore aggiunto di circa un miliardo e 450 milioni di euro. Il nostro compito – prosegue Montrosset – è quello di sollecitare la definizione di una strategia di sviluppo a medio e

■ gps standard / L’azienda di Arnad ricorrerà agli ammortizzatori sociali

«Nessun licenziamento»

Due commesse extra europee non partono e il conto economico soffre aosta - «Non c’è ancora una data fissata, ma nei prossimi giorni, la proprietà incontrerà i rappresentanti sindacali e Confindustria. Aver interpellato prima i dipendenti è una prassi consolidata della famiglia Capula che ha sempre condiviso con i propri lavoratori decisioni e fatti che riguardano l’azienda. Nessun licenziamento all’orizzonte, ma una difficoltà momentanea che è bene non sottovalutare». L’ufficio stampa della GPS Standard di Arnad – l’azienda di Arnad, tra i leader della sicurezza - risponde così dopo la riunione dei giorni scorsi organizzata dai vertici aziendali con i dipendenti. «Per usare una similitudine, diciamo che GPS Standard preferisce curare subito il raffreddore anziché dover poi pensare a una polmonite – spiegano dall’ufficio stampa. «I nuovi prodotti tengono, anzi abbiamo anche avuto margini di crescita considerato che la congiuntura di crisi favorisce la domanda di sicurezza; il problema sono due grosse commesse per Nord Africa e Turchia che avrebbero dovuto partire all’inizio dell’anno e invece sono ancora in fase di incertezza; questo, lega-

A destra, l’ingegner Pietro Capula, patron di GPS

to all’instabilità di quei Paesi, è motivo di preoccupazione visto che questi lavori per circa 5 milioni di euro, pesano per il 30% circa sul conto economico. L’azienda è solida a livello patrimoniale e avrebbe potuto tranquillamente ricorrere agli ammortizzatori sociali a fine anno, ma ha deciso di intervenire subito».

Nessun esubero, ma a rotazione, mobilità e casa integrazione. Quanti saranno i lavoratori coinvolti? «La valutazione sarà fatta dopo l’incontro con le parti sociali – spiegano dall’Ufficio Stampa – potrebbero essere una ventina di lavoratori tra la sede di Arnad e le quattro filiali di Milano, Bologna, Palermo e Bari. Gli ammortizzatori sociali peseranno inevitabilmente sulla sede di Arnad, quella produttiva che conta circa 90 dei 120 dipendenti del gruppo GPS; le filiali sul territorio sono infatti commerciali e contano un organico ridotto rispetto allo stabilimento produttivo della bassa Valle». GPS Standard conta un fatturato di 15 milioni di euro; è tra i leader mondiali del settore sicurezza, soprattutto per la realizzazione di sistemi di anti intrusione e nelle applicazioni di video sorveglianza. Nel 2007, GPS Standard è stata premiata da Confindustria come impresa dell’anno; si occupa di sicurezza per banche, hôtel, ospedali, scuole, ma anche porti, navi, metropolitane, edifici industriali, carceri e stazioni petrolifere. ■ c.t.

lungo termine; sarà il decisore politico a studiarla, presentarla e a offrire gli strumenti perché possa essere perseguita delle imprese. Noi imprese rivendichiamo il nostro ruolo economico e sociale; siamo equilibratori e distributori di reddito ma spesso ci troviamo a lavorare in un contesto non virtuoso. Partecipare a un tavolo di lavoro, come auspichiamo possa avvenire, non significa sostituirsi al ruolo del decisore politico, vuol dire partecipare, dare il nostro contributo a strumenti e decisioni che si ripercuoteranno su chi lavora. Fino a oggi le principali scelte economiche sono state compiute senza il nostro contributo. Un’audizione in Commissione a cose fatte serve a poco». Mercoledì scorso, dalla Giornata dell’Economia è emerso che la strada da intraprende-

re è quella del mercato dell’innovazione, magari associato alla tradizione... «Sì ma la questione è ben più complicata. Le imprese devono eccellere ma se poi burocrazia, servizi e infrastrutture sono arretrate di trent’anni, il meccanismo si inceppa. Come dire, posso essere il migliore degli imprenditori in circolazione ma se poi la rete di infrastrutture è obsoleta, la burocrazia mi impedisce di lavorare e per avere un’autorizzazione servono sei mesi mentre al mio concorrente piemontese ne basta uno, bhè allora non ha molto senso. Le eccellenze, la produzione di nicchia, i nuovi mercati sono valori aggiunti ma non è sufficiente». ■ c.t.

giornata dell’economia

«Tradizione e tecnologia, unite a nuove mentalità per bypassare la TEMPESTA» aosta - L’imprenditoria giovanile per superare il periodo di crisi. È questa la ricetta anticrisi emersa all’Institut Agricole in occasione della Giornata dell’economia organizzata dalla Chambre. I dati illustrati da Claudia Nardon, direttore Area Anagrafica della Chambre Valdôtaine, testimoniano i tempi duri del nostro paese: «permane un quadro di profonda crisi economico-finanziaria. I principali fattori economici (Pil e produzione industriale) hanno segnato nel 2012 una flessione notevole che risente in particolare dei valori fortemente negativi di Italia e Spagna. È però il dato relativo alla disoccupazione ad imporsi in negativo: Grecia e Spagna 25%, Portogallo 18% e Italia 12%». Massimo Zanetti, docente dell’Università della VdA, ha esposto cifre concernenti la regione: «dal 2006 i giovani dai 15 ai 24 anni sono in lieve aumento, mentre la fascia 25-34 anni è in calo, l’80% rispetto all’inizio. Sono in aumento i flussi migratori in uscita, mentre diminuisce l’immigrazione dall’estero. Nonostante i livelli di attività, occupazione e disoccupazione siano buoni, il numero di giovani che abbandonano prematuramente gli studi è fra i più alti d’Italia». In questo clima di tempesta, Federico Visconti, docente di Economia Aziendale, crede in un cambiamento per portare uno squarcio di sereno: «ci va una nuova mentalità. Dobbiamo essere aperti al cambiamento, all’innovazione. Bisogna esplorare nuovi mercati, interessarsi al mondo digitale e dunque ai giovani imprenditori. Ci vorrebbe una ‘contaminazione’ fra settori tradizionali e tecnologia». «Il nostro piano è già cominciato e ha come fine trovare dei presupposti per creare posti di lavoro - ha commentato il presidente della Regione Augusto Rollandin. Il nostro obiettivo è intervenire con programmi ad hoc, in modo da dare un po’ di respiro in un momento di grande difficoltà». ■ Luca Sartori

IL TROVA LAVORO

Fonte: Dipartimento Politiche del Lavoro e della Formazione: CENTRO PER L’IMPIEGO DI AOSTA Tel. 0165 271311 - 32374 - CENTRO PER L’IMPIEGO DI MORGEX Tel. 0165 809681 CENTRO PER L’IMPIEGO DI VERRES Tel. 0125 929443 OFFERTE DI LAVORO PRIVATE VALTOURNENCHE

HOTEL DAMA BIANCA: 1 cameriera di sala/bar con esperienza e conoscenza della lingua inglese. Contratto per la stagione estiva, si offrono vitto e alloggio. Orario a tempo pieno. Tel. 0166-92066 oppure 340 3771207 dopo le ore 14

COURMAYEUR

INART SERVICE: 1 ingegnere strutturista con laurea in ingegneria civile con specializzazione strutturale/geotecnica, minima esperienza di progettazione, buone conoscenze informatiche. contratto a tempo deter-

VILLENEUVE

BAR TAVOLA CALDA CHATEL ARGENT: 1 barista anche con mansioni di cameriere/a sala, con esperienza lavorativa nel settore, patente B, automunito e con ottima conoscenza della lingua italiana. Contratto a

SAINT-CHRISTOPHE

AZIENDA DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI ED ELETTRONICI: 1 apprendista elettricista con minima esperienza lavorativa nel settore, patente B, automunito e con età tra i

NUS AOSTA

minato eventualmente prorogabile. Inviare C.V. all’indirizzo email info@inart.it

tempo pieno e determinato eventualmente trasformabile a tempo indeterminato. Tel. 0165-920866 oppure 349-4207065 dalle 14.30 alle 17.30 20 e i 29 anni. Contratto di apprendistato con orario a tempo pieno. Inviare C.V. all’indirizzo email tecnolightaosta@gmail.com

IMMOBILIARE NUS DI MORANI EMILIANO E C. SAS: 1 impiegata con mansioni di coordinatrice della banca dati, telemarketing e gestione dei contatti, con conoscenze informatiche, patente B, automunita/ o, diploma di scuola media superiore, età compresa tra i 18 e i 29 anni. Contratto di collaborazione, si offre formazione interna e incentivi al raggiungimento di obiettivi minimi. Orario a tempo pieno. Inviare C.V. all’indirizzo email aohba@tecnocasa.it

AZIENDA DI INFORMATICA CON SEDE AD AREZZO: 10 venditori/venditrici spazi pubblicitari per vendita prodotti e servizi sul portale www.52048.it; vendita banner pubblicitari; distribuzione e vendita

PC rigenerati; vendita siti web personalizzati, con patente B e automunito. Contratto di collaborazione a provvigioni con orario a tempo pieno/parziale. Contattare l’agente di zona Sig. Pietro Barbagallo tel. 366-2116808 e inviare il C.V. all’indirizzo email pietro52048@virgilio.it

ISSOGNE

VASS TECHNOLOGIES: 1 geometra - tecnico di produzione con esperienza di cantiere e di disegno CAD almeno quinquennale, disponibile a trasferte nella sede di Carmagnola, costituiscono criteri preferenziali la

VERRES

RISTORANTE FERRARI A LIONE - FRANCIA: 1 cuoco/a con conoscenza della lingua francese, preferibilmente con esperienza, nel caso di candidati senza esperienza si potrebbe prevedere un percorso formati-

AOSTA

OFFERTE DI LAVORO ALL’ESTERO - EURES: 1 meccanico agricolo di grossi mezzi agricoli (trattori e mezzi meccanici per l’agricoltura) e 1 autista per mezzi pesanti con patenti C/, (class 1 and class 2 , lgv 1- lgv

frequenza a corsi antincendio e primo soccorso, essere in mobilità, aver avuto esperienze di produzione e avere conoscenze di meccanica. Contratto a tempo pieno e determinato. Inviare C.V. e referenze all’indirizzo email info@vasstech.it vo. Contratto a tempo pieno e indeterminato a partire da fine giugno 2013, stipendio 9,43 euro orarie, trattabili, riposo settimanale sabato e domenica, ferie a dicembre per 3 settimane. Eventuale alloggio per i primi mesi. Inviare C.V. e lettera di presentazione (anche in italiano) a patriciatournier@hotmail.fr

2). Possibilmente con esperienza ( 2-5 anni), massima serieta’ e puntualita’, forte motivazione al trasferimento. Conoscenza della lingua inglese sufficiente. La paga varia dalle 9 alle 14 sterline all’ora, i contratti variano (part-time or full-time) da 1 giorno alla settimana a 6 giorni alla settimana, orario tempo pieno e part-time. Inviare C.V. e altri attestati all’indirizzo email eures@regione.vda.it

SAINT-CHRISTOPHE

ROCK’N’ROLL CLUB: 3 baristi/e con patente B, automunito, ottima conoscenza della lingua italiana e conoscenza base della lingua francese e inglese. Contratto a tempo determinato eventualmente prorogabile.

AOSTA

INSURANCE CENTER S.R.L.-ASSICURAZIONI: 1 impiegato/a con conoscenza della lingua francese e inglese, laurea, conoscenze informatiche di base, automunito. Contratto a tempo determinato eventualmen-

COURMAYEUR

LA MAISON DE FILIPPO - RISTORANTE: 1 cuoco per i secondi piatti con conoscenza della tipica cucina valdostana. Contratto a tempo determinato/stagionale, si offrono vitto e alloggio. Tel. 338-6021107 dal-

Inviare C.V. con foto all’indirizzo email aosta@rocknrollclub.it

te prorogabile. Inviare C.V. all’indirizzo email cristinacaldarelli.ao001@agenziazurich.it le 8 alle 16 esclusi sabato e domenica


*Attraverso le detrazioni fiscali del 50%

lunedĂŹ 1 luglio 2013

17


18 lunedì 1 gennaio 1970

lunedì 1 luglio 2013

SERVIZI PROMOZIONALI A CURA DI

38 I.P.

O TEST DRIVE/ Provato per voi il suv Coreano della concessionaria SEA AUTOMOBILI di Quart

Motore, design e prezzo: Ssangyong Korando fà la differenza Il Test Drive Gazzetta Matin “emigra”per la prima volta in Oriente: grandi soddisfazioni dalla piccola di Seul

A

d essere sincero, fino ad oggi, le avevo provate più o meno tutte almeno una volta: italiane, tedesche, francesi, ceche, spagnole, inglesi, anche americane.... Ma coreane no, mai prima d’ora. Anche perché, diciamocelo, fino a qualche anno fa era difficile soltanto immaginarsele delle auto orientali, figuriamoci dei crossover.... Ebbene, lo ammetto: questa Ssangyong Korando (acronimo di “Koreans can Do”) è stata una grandissima e piacevole sorpresa! Adesso , tra l’altro, a differenza della prima versione, s’è adeguata ai tempi ed è diventata una vera Sport utility; molto del merito va alla matita di Giorgetto Giugiaro, che ha realizzato un corpo vettura davvero gradevole, votato alla sobrietà e all’equilibrio, creando un design con

ta di mano, la Sport utility di Seul regala una grande facilità di guida in tutte le situazioni; la dotazione è di buon livello, soprattutto per la versione utilizzata nel nostro test (Classy), il top di gamma. A farsi notare è soprattutto il progresso nella scelta dei materiali e nella cura degli assemblaggi. Comandi facili, strumentazione chiara e completa e quel “pizzico di Oriente” nella ricerca di soluzioni intelligenti per sfruttare lo spazio. A bordo c’è tutto quello che serve per il comfort. Di serie il bluetooth per il cellulare con i comandi al volante: per avere sempre le mani libere. Non mancano i sensori di parcheggio e una dotazione di sicurezza che comprende sei airbag, i poggiatesta attivi e il controllo della stabilità con funzione antiribaltamento e assistenza per le parten-

un aspetto decisamente europeo: con i suoi 4,41 metri di lunghezza, il suo punto di forza è lo spazio: anche persone più alte della media non rischiano di toccare il soffitto con la testa, così come i passeggeri posteriori godono di un certo agio per le gambe e riescono a stare in tre senza troppi sacrifici. Detto questo, complici la buona visibilità in marcia e i comandi tutti a porta-

ze in salita. Riservati alla versione Classy gli interni in pelle, i cerchi in lega da 18” e il clima automatico bizona. Insomma non manca nulla per macinare chilometri sicuri e comodi. Ma a fare la differenza, per quanto mi riguarda sono state le prestazioni: il motore, un quattro cilindri a gasolio 2.0 con turbina a geometria variabile, accreditato di 175 CV (iniezione diretta common rail) e di

una coppia decisamente sostanziosa spalmata fra 2.000 e 3.000 giri, il primo turbodiesel interamente progettato e prodotto dalla Casa coreana, va davvero alla grande! Potente e omogeneo, sale di giri senza il minimo sforzo, con una vivacità impressionante ti porta da “0100” in soli 9,3 secondi e raggiunge una velocità massima di 179 km/h. Per quanto riguarda i consumi, con il 4WD con trazione integrale a controllo elettronico, in media si fanno 10,7 chilometri con un litro di gasolio. Il SUV coreano è disponibile anche nelle versioni 2WD. Già, le “quattroruotemotrici” come si diceva una volta: mi sono davvero divertito! Ho avuto la possibilità di testare la Korando anche sulla neve ed è stato uno spasso. Il sistema AWD ha la caratteristica di trasferiire automaticamente la coppia motrice all’asse posteriore, nel momento in cui le ruote anteriori iniziano a slittare. Possibile anche inserire manualmente (modalità Lock Mode) con l’apposito tasto in plancia, con conseguente distribuzione di coppia motrice al 50% sui due assi. Del resto le straordinarie doti off-road hanno fatto la storia di questo marchio che, nonostante la nuova impostazione più “stradale”, dimostra di poter affrontare anche percorsi fuoristrada di una certa difficoltà in totale sicurezza, facendo tra l’altro la differenza sui fondi a scarsa aderenza. Se siete più stradali, sappiate che avete di fronte un crossover decisamente versatile: agile e maneggevole, si trova a suo agio nel traffico cit-

tadino, muovendosi con disinvoltura comunque anche su strade extraurbane, mettendosi in evidenza per l’ottima tenuta di strada, anche perchè molto ben piantato a terra. Buone soddisfazioni anche in autostrada. Super competitiva per quanto concerne il prezzo: la Ssangyong Korando 2.0 e-Xdi 4WD

Classy oggetto del nostro test è proposta a 25.990 euro. Disponibili da oggi anche le versioni a ga-

solio da 150 cv (23.490 euro) e gpl (soltanto 18.990 euro). Se la trazione integrale non vi interessa, potete scegliere la già com-

tri oscurati, fendinebbia, sensori di parcheggio posteriori e connettività Bluetooth. La Classy aggiunge i sedili riscaldabili e rivestiti

pletissima 2WD in allestimento C, che offre di serie i sistemi ESP, ABS + EDB, FTCS (controllo di trazione) e HSA (assistenza per le partenze in salita), 6 airbag, climatizzatore manuale, cerchi in lega da 16 pollici con pneumatici 215/65, cruise control, ve-

in pelle, il climatizzatore automatico ed i cerchi in lega da 18 pollici con pneumatici 225/55. Per concludere, vi consiglio di fare un salto alla concessionaria SEA di Quart, in Località Amérique, dove avrete la possibilità di testare personalmente questo fantastico mezzo. Michel Henry

Riassumendo Ssangyong Korando 2.0 E-XDI AWD 175 cv 4 cilindri Turbo Diesel ABITABILITÀ

MOTORE

STRUMENTAZIONE

CONSUMI

COMFORT

ACCELERAZIONE

ACCESSORI

CAMBIO

CLIMATIZZAZIONE

FRENI

POSTO GUIDA

PREZZO

Concessionaria per Canavese, Biellese e Valle d’Aosta Località Amérique, 10 11020 Quart (AO) Tel: 0165 765839


ao s ta

lunedì 1 luglio 2013

19

■ quartiere cogne / Sabato prossimo, 6 luglio, la tradizionale festa in via Vuillerminaz

Giorno di festa ai giardinetti

Un’edizione in tono minore fortemente voluta; confermati giochi, danze e gara di torte aosta - Dopo Dora in festa tocca al quartiere Cogne festeggiare. Sabato prossimo, 9 luglio, nella consueta cornice dei giardinetti di via Vuillerminaz andrà in scena la nona edizione della festa. «Una edizione in tono minore ma che abbiamo fortemente voluto mantenere» – spiega Letizia Patrizi, presidente dell’associazione comunitaria ‘Quartiere Possibile’ che insieme ai partners del territorio organizza la kermesse (servizio di prossimità del quartiere Cogne, cooperativa sociale Anziani per l’autogestione, associazione culturale Universum, ludoteca comunale ‘La bottega di Mastro Ciliegia’, I-Lumina, e l’associazione donne straniere Les Rayons de Soleil, con il patrocinio del comune di Aosta). Non ci saranno la marcia competitiva tra le vie del quartiere che di solito inaugura la giornata di festa, «per problemi organizzativi» e non ci sarà neppure la premiazione del concorso balcone fiorito, «per non gravare ulterioremente sui bilanci già magri delle famiglie» - commenta Patrizi. La giornata, sabato, comincerà con la messa (ore 8.30), seguita dalla preghiera ecumenica. Alle 10 avranno inizio le attività sportive con basket e calcio a 5 a farla da padroni. Il pomeriggio sarà tutto all’insegna dell’intrattenimento; per i più piccoli con i giochi

Un momento di gioco con i ludotecari di Mastro Ciliegia; nel riquadro Letizia Patrizi, associazione comunitaria Quartiere Possibile

organizzati dalla ludoteca comunale ‘La Bottega di Mastro Ciliegia’ e, al campetto attiguo, con il torneo dimostrativo di baskin, organizzato con la collaborazio-

ne dell’associazione Aspert, sport per tutti. Grazie alla collaborazione degli operatori della cooperativa Leone Rosso, nel pomeriggio andrà in scena la finale del torneo di basket. Dallo sport, alla gola, con la premiazione del concorso ‘Dolci senza frontiere’ al quale sono invitati a partecipare tutti, consegnando torte e dolcetti alla tensostruttura che viene piazzata ai giardini. La festa, com’è tradizione, si concluderà con la cena aperta a tutti, rallegrata dalla serata danzante. ■ c.t.

■ iniziativa / Negli esercizi commerciali del quartiere, salvadanai per aiutare la kermesse di metà agosto

Un soldino per aiutare la festa di San Rocco aosta - «Ciò che davvero apprezziamo è la progressiva apertura del quartiere all’evento. Il fatto di essere riusciti a farci conoscere e successivamente a coinvolgere tanta gente è motivo di soddisfazione. Siamo un’associazione volontaria, nata per iniziativa di un gruppo di amici, residenti in questo quartiere mossi dalla volontà di fare qualcosa per ravvivare il luogo dove viviamo». Così Emma Ramolivaz commentava la riuscita della festa di San Rocco organizzata dall’associazione Quartiere san Rocco a cavallo del Ferragosto. Un ricco calendario di appuntamenti per vivere, scoprire e riscoprie il quartiere, dalla messa ai giochi, fino agli appuntamenti a tavola. Una kermesse di successo che pe-

Prima a destra, Emma Ramolivaz, presidente della associazione Quartiere San Rocco

rò si scontra con le difficoltà di budget che attanagliano qualsivoglia manifestazione; «il contributo che il comune di Aosta ci riconosce si è ridotto del 50% - spiega Emma Ramolivaz, presidente dell’associazione Quartiere San Rocco - avremo a disposizio-

ne circa 2 mila euro. Non per questo rinunciamo alla nostra festa, questa terza edizione si farà, nelle consuete date del 15, 16 e 17 agosto e così abbiamo pensato di coinvolgere gli operatori commerciali della zona. «Negli esercizi commerciali che ci han-

no appoggiato abbiamo portato dei salvadanai dove liberamente si potranno fare delle offerte – spiega Emma Ramolivaz – il piccolo aiuto di tutti può aiutarci a rendere migliore e più ricca la terza edizione della festa. Potremo così organizzare grigliate, aperitivi, tornei e una parentesi di giochi, intrattenimenti e truccabimbi per i più piccoli». Pensiamo che la frase ‘con il quartiere per il quartiere’ sia significativa; siamo un gruppo di volontari che lavora per migliorare il luogo dove vive e in questi tempi grigi chiediamo l’aiuto agli stessi residenti, perchè con noi si facciano promotori di iniziative che gratificano i partecipanti e rendono più vivo e bello il nostro quartiere. ■ c.t.


ao s ta

20

■ consiglio / Si è discusso delle feste organizzate alla piscina scoperta

«Aosta sia più tollerante»

L’appello dell’assessore al Turismo ai residenti; «l’accoglienza è anche questa» aosta - «La vocazione turistica della nostra città non può passare solo attraverso belle strutture alberghiere ed esercizi commerciali; gli addetti ai lavori assicurano accoglienza e così dovrebbe essere anche per i cittadini. Essere accoglienti significa anche essere un po’ più tolleranti, a beneficio degli stessi residenti e dei turisti che ci onorano della loro presenza. Aosta non deve diventare una cittàdormitorio, deve mostrarsi attiva, una città viva e vera, una città giovane che sia anche per i giovani». E’ l’appello a una maggiore tolleranza, quello che emerge dalla discussione dell’interrogazione presentata dal gruppo ‘Alpe’ e presentata dal consigliere Loris Sartore a tema ‘Discopiscina’. La risposta dell’assessore al Turismo Patrizia Carradore suona come un invito, peraltro più volte ribadito anche per il centro storico, per la questione degli orari di apertura dei locali di intrattenimento e dei negozi. Secondo il consigliere Sartore le feste serali alla piscina scoperta hanno causato lamentele di alcuni cittadini, soprattutto per la musica «riprodotta a volume alto fino a tarda ora, circa alle 3 di notte». L’interrogazione ha fatto ‘le pulci’ sull’utilizzo dell’impianto, sulle autorizzazioni Siae e dei vigili del fuoco, sul rispetto di piano di zonizzazione acustica. L’assessore Carradore ha citato l’articolo 5 e l’articolo 13 del contratto siglato con la coope-

Andrea Menegazzi, Luca Mauro Melloni e, a destra, in piedi, Marco Mascotto

rativa Regisport che gestisce l’impianto. «E’ ammessa l’organizzazione in favore della collettività per eventi particolari, anche non

legati alla attività natatoria – ha spiegato Patrizia Carradore. Si tratta di quattro serate, su circa cento serate complessive di apertura dell’impianto –

serate regolarmente concordate con gli uffici perchè non si sovrapponessero a manifestazioni già in programma oppure organizzate nei comuni limitrofi. La società ha presentato un’ampia relazione riguardo all’impatto acustico, inviata all’Arpa perchè si esprimesse; il giudizio è stato favorevole». Carte in regola quindi per le serate del 13 e 15 giugno, alle quali ne seguiranno altre due, il 16 e 24 agosto. Nella replica, il consigliere Sartore ha obiettato l’occasionalità delle occasioni di festa, «al momento sono quattro ma non sappiamo se e in quante altre occasioni verranno replicate. Bisognerebbe porre dei limiti di orario notturno, tenendo conto delle sacrosante esigenze di riposo dei residenti della zona Tzambarlet». ■ c.t.

Gli organizzatori: «basta criminalizzare lo svago» aosta - Tra il pubblico, giusto prima della discussione dell’interrogazione ‘Discopiscina?’ arrivano Luca Mauro Melloni e Andrea Menegazzi, volti noti del Duedipicche, il team che ha organizzato le serate all’impianto comunale; li aspetta Marco Mascotto, il giovane che ha curato la parte tecnico.-autorizzativa dei due eventi ospitati alla piscina scoperta a metà giugno. «La città è fatta anche di giovani – commentano – che hanno il diritto di potersi svagare e divertire nella loro città, senza bisogno di varcare i confini regionali. Si tratta di eventi saltuari dietro ai quali c’è un enorme lavoro organizzativo, nel pieno rispetto delle normative. Un’occasione di divertimento e intrattenimento presuppone uno sforzo importante, fatto di autorizzazioni, richieste, licenze. Il successo delle serate poi, ripaga questi

sforzi e ci impegna a organizzare delle occasioni di svago, perchè questo è quello che chiedono i giovani valdostani. La notte crea indotto, perchè lavorano i locali per l’aperitivo, i ristoranti e le pizzerie, dove gli amici si ritrovano prima della festa. Questo è quello che si definisce rete sul territorio, senza contare che queste feste sono anche un’occasione per dare lavoro ad altri giovani, ad esempio per chi si occupa del bar. Credo che anche le famiglie possano guardare con serenità a queste occasioni di intrattenimento; i loro figli sono qui, a due passi da casa, non emigrano a Torino o Milano, non si mettono in strada a tarda ora per ritornare a casa. L’assessore ha parlato di tolleranza, è quella che chiediamo anche noi; si tratta di occasioni sporadiche e in ogni caso, regolari sotto qualsiasi profilo».

lunedì 1 luglio 2013

consiglio in pillole Ex caserma e decoro urbano in via Chambéry «Ho saputo da poco che la proprietà della vecchia caserma è privata, ma ho intenzione di dare voce ai cittadini e alle loro istanze a proposito della situazione di degrado urbano della zona. Così il consigliere di Stella Alpina Vincenzo Caminiti ha commentato la sua interrogazione nella quale chiedeva conto della ex caserma della guardia di finanza, in via Chambéry, crollata parzialmente per un cedimento strutturale dieci anni addietro – era il 31 maggio 2003. Il consigliere di Stella Alpina ha ricordato che i dintorni sono stati oggetto di celeri interventi urbanistici, riferendosi al polo scolastico, ai lavori alla scuola Isabel Allende e alla sala ghiochi Slot Café. «Anzi proprio lì metterei un bel cartello che serva da monito - ha proposto - ‘se continui a giocare in modo dissennato la tua vita finirà così, distrutta’». Gli ha risposto l’assessore all’Urbanistica Stefano Borrello che si è congedato dall’assemblea civica ringraziando tutti e ricordando che nel 2006 si è tenuta un’asta pubblica attraverso la quale «il bene è stato aggiudicato, diventando di proprietà privata». Secondo quanto riferito dall’assessore, il privato proprietario ha chiesto di poter attuare delle modifiche rispetto a quanto previsto dal piano regolatore.  «Intervenire si può - ha spiegato Borrello - naturalmente nel solco di quanto ammesso dal Piano Regolatore e senza dimenticare che la proprietà è di un privato. Dovrà eventualmente essere il Consiglio, eventualmente, dopo il passaggio in Commissione, a decidere diversamente rispetto al Piano Regolatore». Soltanto nel caso in cui l’edificio diventi pericoloso, un’ordinanza del sindaco potrebbe dare indirizzo nel senso di demolire l’edificio al fine di garantire la sicurezza della collettività». Il consigliere Caminiti si è detto soddisfatto dalla risposta, auspicando «la convocazione di una Commissione che possa occuparsi nel dettaglio di decoro urbano di quella zona della città ma anche di altre zone, ad esempio del centro storico». Vecchie targhe stradali vendute all’asta «Siamo nel solco delle idee, dobbiamo decidere forma e modalità per la vendita». Con ogni probabilità, gli aostani che lo desiderano potranno portarsi a casa le vecchie targhe stradali della città. Lo ha confermato l’assessore alla Cultura Andrea Edoardo Paron, rispondendo all’interrogazione del gruppo Alpe che chiedeva informazioni sulla presunta vendita all’asta delle targhe. «Ci siamo permessi di lanciare questa idea considerate le numerose, numerosissime direi, richieste dei cittadini durante i lavori di posa dei nuovi manufatti, richieste per capire dove sarebbero andate a finire le vecchie insegne e per sapere se fosse possibile portarsi a casa un ‘pezzettino’ di storia del capoluogo. «Si tratta di circa 160 targhe che certamente non rilegheremo in un magazzino. Fatta salva una piccola campionatura che terremo, le altre potranno essere vendute all’asta, secondo le modalità che individueremo. E’ ancora presto per parlare del come verranno impiegati i ricavi; il mio sogno è ad esempio recuperare i fondi necessari per restaurare la statua omaggio all’Alpino in piazza Chanoux, oppure sostenere dei progetti di beneficenza». «Suggerirei l’opportunità di pensare di sostituire altre targhe in altre vie della città utilizzando quei soldi» – ha commentato il consigliere Curtaz.


lunedì 1 luglio 2013

AO S TA

21

■ FESTA DEI SANTI GIORGIO E GIACOMO / Sono entrati nel vivo i preparativi per l’edizione numero 21

«Più forte della crisi e delle polemiche» Il Comitato organizzatore risponde alle critiche per la concessione dei contributi pubblici RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO entrati nel vivo i preparativi della 21ª edizione della tanto diSpo,ono scussa festa dei santi Giorgio e Giacomo. Sagra che, con il temè riusita nella sua semplicità e accoglienza, a conquistare la Val-

le d’Aosta e non solo, viste le numerose presenze che ogni anno si sono registrate. Festa che con la sua positività e spensieratezza riesce a raggruppare valdostani, calabresi e tutti coloro che arrivano da fuori Valle, insomma una vera e gustosa ‘macedonia’ di allegria in cui, per 12 giorni, non vi è distinzione ma, si sottolinea la bellezza della parola unione. Il successo di questo evento – che tiene impegnate le ultime due settimane di luglio - non è solo dovuta ai calabresi insediati in Valle nel lontano 1919, ma ai valdostani stessi che hanno nei loro confronti sempre trasmesso accoglienza e condivisione del territorio, creando così una forma di rispetto reciproco, sia negli usi e costumi, sia nei valori che caratterizzano ogni comunità. Certo, il ‘cattivo’ c’è in tutto il mondo, ma non mi sembra il caso di fare di un filo d’erba tutto un fascio; è vero, viviamo in un Paese democratico dove l’opinione pubblica è un diritto, ma da opinione passare a offese e accuse poco fondate mi sembra poco corretto. Questa festa è amata e attesa da molti ed è per questo che è organizzata con il cuore da chi vive in Valle dall’età di 14 anni, ha sempre lavorato e ha saputo sfruttare, facendone tesoro, la fiducia che la regione Valle d’Aosta gli ha concesso e che di conseguenza si è sempre impegnato di ricambiare. Pertanto, anche quest’anno vi invito a partecipare numerosi perchè l’anima di questa festa siete prima di tutto voi. Siete il primo contributo insieme a quello concesso dall’amministrazione regionale e comunale, preciso contributo dato come per altre manifestazioni che si svolgono in Valle nell’arco di tutto l’anno e per il quale sono grato e ringrazio. Anche per questa edizione io, con l’aiuto di tutti coloro che lavorano con me dietro le quinte, assicuriamo impegno, ci metteremo anima e corpo per farvi divertire dodici giorni. Vi aspettiamo! ■ Giuseppe Tropiano (presidente del Comitato per i festeggiamenti dei Santi Giorgio e Giacomo)

DUE DOMANDE A... Pino Tropiano, patron della Festa

AOSTA - Più forte della crisi e delle polemiche. Sono entrati nel vivo i preparativi per la 21ª edizione della festa di san Giorgio e san Giacomo, l’evento che monopolizza le seconde due settimane di luglio capace di contare, nei dodici giorni di festa, oltre centomila presenze. Qualcuno, dopo la condanna in primo grado del patron del Comitato per i festeggiamenti, ha ventilato l’ipotesi che la festa potesse saltare... «Niente di più falso – spiega Nadia Nasso del Comitato organizzatore - i fatti privati non intaccano il grande lavoro che insieme al presidente portiamo avanti. Semmai, ogni anno, cerchiamo di migliorarci, di offrire intrattenimenti di qualità, di regalare serate di svago, delle quali c’è davvero bisogno». La questione ‘contributo pubblico’ è approdata anche in Consiglio comunale... «Vorrei chiarire, come ha già fatto in Consiglio l’assessore al Turismo che non si tratta di un contributo ma di una cessione di beni e servizi, in questo caso la fornitura di energia elettrica. Sono 5 mila euro, a fronte dei 20 mila concessi fino allo scorso anno. Quei 5 mila euro serviranno a coprire buona parte della spesa per l’energia elettrica; i ventimila degli anni scorsi coprivano le spese per l’ingaggio delle orchestre. Ne approfitto per smentire le voci che qualcuno riporta e che vorrebbero ammontare a 50 mila euro il contributo riconosciuto dall’amministrazione regionale. Niente di più falso, sono circa 9 mila euro; quest’anno non è ancora certo che potremo fruirne».

Al lavoro per preparare gli antipasti; nel riquadro Nadia Nasso

Altro tabù...si dice che lo staff venga lautamente ricompensato... «Anche questa è una bugia. Lo staff lavora in modo volontario perchè si sente par-

te di una comunità che organizza un evento che va a beneficio dei residenti e dei turisti. Ci sono volontari che ci aiutano instancabilmente per 12 giorni da almeno 15 anni,

Dodici giorni di festa Orchestre, tarantella, miss e buona cucina Da ritrovo per pochi intimi al circolino di Saint-Martin a evento di dodici giorni in grado di calamitare oltre 100 mila persone; questa è diventata la festa di san Giorgio e san Giacomo, per tutti la festa dei calabresi. L’ingresso è gratuito per tutte le serate; il taglio del nastro sarà mercoledì 17 luglio, con l’apertura del ristorante dove gustare le prelibatezze della tavola calabrese e con l’orchestra di Ruggero Scandiuzzi, fresco vincitore del ‘Microfono d’oro 2013’ con la canzone ‘Colpevole’. Ci saranno la prova di tarantella, che selezionerà i partecipanti alla finale di venersì 26 e sabato 20 si terrà la selezione per il concorso di Miss San Giorgio e San Giacomo, la parentesi dedicata alla bellezza voluta da Giorgio Nasso e che quest’anno coinvolgerà maggiormente il pubblico presente. La serata di chiusura sarà caratterizzata dall’estrazione dei premi della ricca lotteria e, probabilmente ridimensionato per ragioni di budget, dallo spettacolo pirotecnico.

DUE DOMANDE A...

dopo la normale giornata lavorativa. L’unico ‘compenso’ che ricevono? La cena, prima di iniziare il servizio ristorante». A chi critica l’eccessivo periodo di festa? «Rispondo che sostanzialmente si tratta di dodici serate, dalle 19.30 alle 24, offriamo la cena e gli intrattenimenti, le orchestre, la gara di tarantella e la selezione delle miss. Questi dodici giorni di festa richiamano anche turisti che durante il giorno vivono la nostra regione, vanno in montagna, visitano mostre e monumenti, si fermano al bar, pranzano al ristorante. Poi, alla sera, si ritrovano qui. Mi pare un valore aggiunto, non un problema». I contributi pubblici sono decisamente calati, cambierà l’ossatura della festa? «Sostanzialmente no, abbiamo messo in pratica qualche accorgimento per risparmiare, non allestiremo la saletta con servizio ai tavoli ad esempio, ma attraverso sostenitori, sponsors e l’aiuto dei privati cercheremo di mantenere inalterato il programma della festa. Ci saranno i consueti stands nel ‘corridoio’ commerciale che mostreranno beni di diverso tipo, dai dolci alle automobili. Anche qui la crisi si fa sentire, ma ce la metteremo davvero tutta perchè anche questa edizione risponda alle aspettative». ■ Cinzia Timpano

TORNEO DI BELOTE

don Albino, parroco di Saint-Martin

ropiano, non le crea imbarazzo essere a capo del Coon Albino, l’associazione Libera Valle d’Aosta - a seguito della T mitato, dopo la recente condanna per favoreggiamenD condanna in primo grado di Giuseppe Tropiano per favoreggiato? Non era il caso di farsi da parte? Lo ha chiesto l’assomento nell’inchiesta ‘Tempus Venit’ - ha sollevato la questione circa ciazione Libera Valle d’Aosta e sui social network i commenti si sono moltiplicati... «Non mi crea alcun imbarazzo, sono sereno, so di non aver fatto niente di male e sono fiducioso del lavoro della magistratura, convinto che giustizia sarà fatta. Sono presidente del Comitato da undici anni, cogliendo l’eredità dell’indimenticato amico Giorgio Nasso. Lavoriamo sodo per organizzare la festa, per dare continuità a un evento importante per tutta la comunità. Nessun imbarazzo, mai pensato alle dimissioni, qui c’è da lavorare». E’ opportuno che il Comitato abbia sede alla parrocchia di Saint-Martin de Corléans? «Perchè no? In quella chiesa sono custodite le statue dei nostri cari Santi Giorgio e Giacomo, statue acquistate dal Comitato e che grazie all’aiuto di don Luigi Maquignaz e in chiesa hanno trovato una adeguata collocazione. Il programma religioso è importante, la processione è molto sentita, dalla comunità calabrese ma non solo. Non capisco quale sia il problema».

l’opportunità di continuare a mantenere la sede del Comitato dei festeggiamenti presso la parrocchia. Cosa si sente di rispondere? «Premettiamo subito una cosa: la parrocchia ha finalità esclusivamente religiose, ed è in questo senso che bisogna interpretare la collocazione della sede del Comitato. D’altra parte è una realtà che ho ereditato dal mio predecessore, don Luigi Maquignaz, e che il sottoscritto sta portando avanti nell’esclusivo interesse delle famiglie devote residenti nel quartiere. Gli aspetti che interessano alla parrocchia sono unicamente legati alla celebrazione religiosa della ricorrenza (santa messa e processione, ndr), di tutto il resto non so nulla e non mi interessa nemmeno saperlo». D’accordo, ma non le crea un po’ di imbarazzo ospitare la sede di un’associazione presieduta da una persona sulla quale pende una condanna in primo grado? «Se imbarazzo c’è o ci dovrebbe essere, questa è una questione esclusivamente interna al Comitato. La parrocchia si occupa unicamente del rispetto della devozione delle oltre duemila persone che animano la comunità calabrese della zona. A noi tutto il resto non interessa».

Da sinistra, Arturo Chabod e Demetrio Sarlo, vincitori della gara di venerdì

Vinconto Chabod e Sarlo, Pietrosanti in vetta Arturo Chabod e Demetrio Sarlo sono i vincitori della settimana, nella gara di venerdì, al torneo di belote organizzato da Mauro Castori del bar della bocciofila CCS Cogne; in vetta alla classifica c’è sempre Giuseppe Pietrosanti a quota 103 punti, tallonato da Renzo Cheney con 97 punti. Terza piazza per Gino Grossi, 94 punti. Tra le donne, primo posto per Marilena Menabreaz a quota 79 punti; prossima gara venerdì 5 luglio, iscrizioni entro le ore 21.

Venti studenti del CONVITTO alla scoperta della Basilicata AOSTA - Da Aosta a Potenza, in Basilicata, per onorare lo scambio culturale diventato una vera e propria tradizione al Convitto regionale, alla fine dell’anno scolastico e che consente agli studenti di visitare ogni anno una località italiana diversa, ricambiando poi l’ospitalità. Accompagnati da Cinzia Mauro, Manuela Tondella, Giusi Sergio e Bruno Bertolini, venti allievi e allieve delle istituzioni scolastiche superiori che frequentano il convitto sono stati ospiti dell’istituto agrario di sant’Arcangelo, in provincia di Potenza. Una settimana durante la quale sono state visitate molte località, Matera e i suoi sassi, le spiagge di Maratea e il Cristo Redentore, Metaponte con le tavole Palatine, il Parco nazionale del Pollino con il suggestivo paese abbandonato di Laino Castello, Craco, il paese fantasma e Paestum.


22

C O M U N I TÀ M O N TA NA

VA L D I G N E

MONT BLANC

■ PRE-ST-DIDIER / Videosorveglianza al centro dell’attenzione; alcuni intoppi la fanno slittare

«Magari salviamo anche i nostri fiori» PRE-ST-DIDIER - «Magari con le telecamere non ci ruberanno più i fiori». Lo dice con una battuta il sindaco di PréSt-Didier, Alessandra Uva, ma in cuor suo nutre davvero la speranza che il sistema di videosorveglianza in procinto di essere installato porti i suoi frutti. Già, ma il gioiellino della Valdigne dovrà ancora attendere qualche mese per inaugurare il grande fratello, come comunicato nel Consiglio di martedì, che ha approvato del regolamento. «Siamo a buon punto spiega il primo cittadino -, ma per alcuni intoppi dovremmo completare i collaudi per il mese di settembre». In attesa dell’avvio, Uva entra nei det-

tagli: «Le telecamere verranno posizionate nei punti sensibili: la piazza, il sagrato, l’ingresso delle vie e delle arterie principali e nei parcheggi - chiosa il sindaco -. Punteremo l’ attenzione sulla difesa dell’arredo urbano, sulla sicurezza e sulla viabilità. Il tutto costerà 124 mila euro, con 50 mila finanziati dalla Regione: e speriamo che funga anche da deterrente per chi ci ruba i fiori. E’ una cosa cui teniamo particolarmente: siamo l’unico comune fiorito con quattro fiori». Il Consiglio ha poi approvato il rendiconto 2012, che registra un avanzo di amministrazione di 1.9 milioni di euro, su un totale di 5 mi-

lioni e 91 mila di bilancio: «La metà è vincolata, mentre la parte restante è bloccata dal patto di stabilità: purtroppo è un problema che rischia di creare disagi con il passare del tempo» continua Alessandra Uva. Per concludere, l’assemblea ha approvato una variazione di bilancio, per destinare soldi alla promozione turistica, al potenziamento dell’ufficio della Pro loco per la stagione estiva e all’emergenza abitativa. «Vorrei ringraziare i volontari - conclude il sindaco - che sono intervenuti e hanno evitato che lo smottamento di due settimane fa avesse conseguenze peggiori». ■ al.bi.

lunedì 1 luglio 2013

MORGEX

Campi coperti di palet entro fine anno MORGEX - Ora i fondi ci sono tutti, non rimane che completare le pratiche per dare il via ai lavori. Si muove il progetto per la realizzazione dei campi coperti di palet che sorgeranno nell’area sportiva di Morgex. Nel consiglio comunale di giovedì 27, infatti, l’assemblea ha approvato la variazione di bilancio che prende atto della seconda tranche di finanziamenti da parte della comunità montana Valdigne, che si accolla l’intero costo dell’opera. «Ora la copertura dei 360 mila euro più IVA è completa - conferma l’assessore allo Sport Giacomo Do-

menighini -. Non resta che completare le pratiche per avviare i lavori. In ogni caso, dovremmo concludere il tutto entro la fine dell’anno, anche perché questo è il limite imposto per l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione della comunità montana». La struttura coperta ospiterà otto campi di palet, un ufficio, bagni pubblici disponibili anche in estate e un reparto per l’impianto di riscaldamento. «Insomma, sarà una struttura completa, con tanto di postazione riservata al pubblico» chiude Domenighini. ■ al.bi.

■ COURMAYEUR / Prospettive e dubbi nell’incontro con la popolazione per la frana del Mont La Saxe

Il vallo riporta la speranza «Noi come i terremotati»? Riduzione del 50% dell’Imu solo per case inagibili Alessandro BIANCHET Inviato a Courmayeur COURMAYEUR - E’ stata la giornata delle risposte, dei dubbi sollevati dagli abitanti di Entrèves appena rientrati nelle proprie case, ma soprattutto dell’illustrazione dei movimenti e delle soluzioni da adottare per la frana del Mont La Saxe. E’ stato tutto questo l’incontro con la popolazione andato in scena nel salone parrocchiale di Entrèves lo scorso martedì e che ha visto il sindaco di Courmayeur, Fabrizia Derriard, l’ingegnere Raffaele Rocco (Coordinatore del Dipartimento difesa del suolo e risorse idriche) e il geologo della Regione Davide Bertolo, prospettare, si spera già per il prossimo autunno, un vallo a protezione del paese: un terrapieno lungo un chilometro, con base di 15-20 metri e altro dai 6 ai 9 metri, dal costo di un paio di milioni di euro. «Sorgerà lungo la sponda della Dora Ferret - spiegano Rocco e Bertolo -. In questo modo vorremmo evitare di ritrovarci nelle condizioni che hanno portato all’evacuazione, per cui speriamo di completare l’opera già per l’autunno, visto che ora la frana è diventata sensibile anche alle grandi piogge. Così, l’abitato sarebbe al riparo in caso di crollo dei 654 mila metri cubi, ma anche per scenari peggiori, da 800 mila fino a 1.6 milioni di metri cubi e stiamo capendo se si potrà arrivare anche ai 2 milioni. Contestualmente, verrà realizzato anche un by-pass per la Dora, per garantirne il flusso in ogni caso,e metteremo ordine nei sottoservizi». Lo stato di preallarme è stato confermato, anche se lo spostamento nella parte bassa, che non chiama in causa zone abitate, rimane di 3 millime-

tri al giorno, sopra la soglia di allarme. «Si va verso un miglioramento - continuano gli esperti , anche se la frana è anomala. La mancanza di crolli con circa 7 metri di spostamento totali è difficile da capire. Continueremo con i drenaggi e i monitoraggi, ma almeno con il vallo riusciremo a garantire la popolazione, che in futuro potrebbe non venire più evacuata, se non per periodi brevi». Gli abitanti Poi è scattata l’ora delle domande, con il sindaco Derriard a dare spazio ai presenti, «visto che chi pontifica all’esterno, poi in queste

Davide Bertolo, Raffaele Rocco e Fabrizia Derriard

occasioni non si vede mai». «Avrei preferito un po’ di autocritica - esclama il signor Colombati -. Sono 60 anni che vivo sotto la frana; voi non conoscete la montagna e non si va in giro a dare dati che diffama-

no». «Dispiacciono i disagi - replica Rocco -, ma lo spostamento è visibile e se fosse venuto giù tutto cosa avremmo fatto»? Mette in dubbio la trasparenza e la gestione di Entrèves Leo Garin dell’Auberge de La Maison: «En-

Il salone parrocchiale di Entrèves gremito

trèves è disastrato, perché non si è mai pensato a costruire diverse strade di accesso? Dispiace essere abbandonati, soprattutto se poi si pensa alla gestione dell’evacuazione: come mai il Traforo è l’unica cosa non toccata? Non è che qualcuno lavora sui due fronti»? «La situazione è limpida e trasparente e chi ha dubbi faccia una segnalazione in procura - esclama il primo cittadino -. Io non darei pareri su cose che non conosco, ma se qualcuno fa una segnalazione sono solo contenta; noi non ci divertiamo e spero proprio che le chiacchiere da bar finiscano in procu-

Courmayeur: «Con dogybox padroni senza alibi» Valdigne COURMAYEUR - Vita dura da oggi a Courmayeur per i proprietari maleducati di cani. Dal 1° luglio, infatti, sono due le novità che riguardano i nostri amici a quattro zampe, con i padroni che rischiano multe salate in caso di mancata osservanza. La prima ordinanza riguarda la “Regolamentazione per la rimozione delle deiezioni organiche degli animali domestici: d’ora in poi, i proprietari dovranno evitare non solamente che i loro cani sporchino il solo pubblico, provvedendo ad asportare le deiezioni, ma dovranno anche dimostrare di essere in possesso del “kit” per la pulizia, o quantomeno di sacchetti per la raccolta. Se colti in castagna, senza la giusta dotazione ecco multe salate dai 150 ai 500 euro. Multe che potranno anche essere applicate in caso di cani lasciati soli o senza guinzaglio. Ll’amministrazione ha però provveduto a fornire i giusti mezzi per evitare il salasso. Sono stati infatti insa-

Flash

Courmayeur: riparte Mini Mont Blanc Mania

I dogybox installati in paese

tallati dieci cassonetti “dogybox”, contenenti anche un dispenser di palette e sacchetti per la raccolta dei bisogni, acquistabili a 50 centesimi. L’acquisto di sacchetti sarà possibile anche nelle tabaccherie Rabbia e Luboz. «Ora i padroni dei cani non hanno più alibi - spiega l’amministrazione -. Il buon senso, l’educazione e il rispetto per il prossimo non sembrano essere stati sufficienti per evitare i disagi e le numerose legittime lamentele».

Anche quest’anno al centro dell’estate di Courmayeur ci sarà il “Mini Mont Blanc Mania”, appuntamento completamente dedicato ai ragazzi. Per sei settimane, dal 15 luglio al 24 agosto, i bambini dai 6 ai 12 anni potranno cimentarsi in numerose attività tra cui arrampicata, gite in bici, corsi di cucina live e atelier. Grazie alla MBM-minicard, dal costo di 15 euro a settimana, i ragazzi potranno partecipare a tutte le attività previste dal progetto. Questa carta sarà acquistabile presso la biblioteca di Courmayeur e al Jardin de l’Ange, nei mesi di luglio e agosto. Ci sarà poi un programma differenziato per i bimbi dai 4 ai 6 anni che potranno conoscere la natura grazie a “Costruiamo la nostra montagna”, gioco organizzato dal Museo Nazionale di Scienze Naturali della Valle d’Aosta.. Al centro di quest’esperienza ci sarà la montagna per eccellenza, il Monte Bianco. Chi desidera ulteriori informazioni può consultare il sito www.courmayeur.it. Courmayeur: Guide Alpine per la solidarietà Coniugare l’amore e la professione legati alla montagna, alla solidarietà. Questo il compito che verrà protagoniste le Guide Alpine di Courmayeur nelle giornate di sabato 6 e domenica 7 luglio. In collaborazione con l’Ente nazionale sordomuti di Bergamo, infatti, le guide condurranno i membri dell’ente a visitare il Museo Duca degli Abruzzi per poi partire, con alcuni elementi esperti del gruppo alla conquista del Rifugio Monzino (gestito dalla guida Armando Chanoine), percorrendo la via ferrata. Il rifugio è la meta prevista anche per i meno esperti, ma in questo caso verrà raggiunta grazie all’elicottero messo a disposizione dalla società GMH S.R.L. del presidente Carlo Cugnetto, anche lui guida alpina. di cui la Guida Alpina Carlo Cugnetto, ne è il Presidente, formando così una cordata di solidarietà che vede le Guide Alpine, ambasciatori delle Montagne, sempre presenti.

ra. Non voglio che ci siano dubbi. E in merito ad Entrèves, noi affrontiamo i lavori in base alle disponibilità; abbiamo 2 milioni bloccati e non abbiamo potuto dirottare i soldi del Fospi per il centro». «La chiusura del Traforo è prevista solo in caso di caduta degli 8 milioni di metri cubi» chiude il caso Rocco. E Bertolo rincara: «Era più facile evacuare tutti e toglierci ogni pensiero, ma noi ci mettiamo la faccia e non abbiamo code di paglia». L’aspetto economico non poteva non saltare fuori, e arriva dopo l’esclusione dell’idea di costruire una strada alternativa: «La zona è assimiliabile a quelle terremotate? Sono previste riduzioni IMU?» chiede un milanese proprietario di seconda casa. E ancora un’albergatrice di Entrèves: «Visto che due alberghi sono rimasti senza parcheggi privati, non possono essere restituiti i due terzi dei costi»? La risposta di Fabrizia Derriard è decisa: «L’IMU viene ridotto del 50% solo l’edificio è inagibile - chiosa -. Per i parcheggi, siamo consapevoli della loro importanza, ma ora la priorità è per le opere di difesa. Cercheremo di limitare i disagi, salvaguardando la viabilità di La Palud». Esclusa la possibilità di attuare un intervento di “sagomatura” come avvenuto in Valtellina, Bertolo fuga un ultimo dubbio sollevato dal signor Caramello: «Le tremila piante tagliate? E’ vero che la vegetazione aumenta la stabilità di un versante, ma limita l’erosione solo nei primi cinque metri; qui si parla almeno di una ventina di metri e in più gli alberi limitano i monitoraggi. Magari bastasse qualche pianta per risolvere il tutto: saremmo felicissimi».

■ COURMAYEUR / Commosso addio del paese a Franco Trippini, storico comandante dei Vigili urbani

«Arrivederci Comandante»; una vita nel segno dell’Arma COURMAYEUR - «Arrivederci Comandante». Con questo riverente, ma affettuoso saluto, Courmayeur ha accompagnato, giovedì 27 giugno, l’ultimo viaggio di Franco Trippini, storico comandante dei Vigili urbani, andato in pensione nel 1993 e deceduto la scorsa settimana. Già, in pensione, anche se Franco Trippini la divisa (soprattuto quella da carabiniere) e il suo ruolo di punto di riferimento di Courmayeur non li ha mai abbandonati per davvero. Partito da Civitella del Lago (Terni) nella seconda metà degli anni ‘50, il carabiniere Trippini è arrivato a Villeneuve e ha conosciuto la futura moglie Angela, sposata nel ‘57. Da qui le radici valligiane non si sono più staccate, grazie anche al posto come vi-

gile a Courmayeur, dove è iniziata la sua ascesa personale e nel cuore del paese. «E’ arrivato dall’Umbria con una valigia di cartone e non è più tornato a casa fino a quando non ha potuto presentarsi con il vestito buono - ricorda il figlio Lorenzo -. Voleva farcela e ci è riuscito. Lui era un carabiniere sul lavoro, ma anche nella vita. I valori dell’arma hanno guidato tutta la sua esistenza. Voleva avere le cose sempre sotto controllo, fatte come diceva lui, con disciplina. Pretendeva, riprendeva noi figli (oltre a Lorenzo, i fratelli Marco e Antonella ndr.) e i suoi sottoposti in caso di errore, ma si prendeva tutte le responsabilità e difendeva tutti a spada tratta: eravamo la sua squadra». Lorenzo si lascia un po’ an-

dare e ripercorre aneddoti che ben rispecchiano la personalità del “Comandante”: «Agli inizi a Courmayeur si dovevano organizzare i banchi del mercato - ricostruisce -. Bene, ci siamo messi noi fratelli, mio padre e i vigili e abbiamo dipinto tutte le strisce. Era un uomo del fare, che ci ha insegnato i veri valori, a cominciare da quello dei soldi. Era severo, o per meglio dire protettivo. Era ligio al suo lavoro e per questo era rispettato da tutti. Ad esempio, un giorno a Courmayeur, un’autorità dell’arma ha compiuto un’infrazione, passando in auto in una zona vietata: mio padre ha fermato la macchina e fatto la multa. Inutile dire che ogni volta che la persona in questione tornava in paese, rinfacciava a mio padre

questa cosa, ma sono anche diventati molto amici». Insomma, l’arma come ragione di vita, ma non l’unica. «Prima di congedarsi ci ha chiesto solo una cosa: abbiate cura della mamma, mi raccomando». Che Franco Trippini fosse un personaggio amato lo confermano le parole di chi lo ha conosciuto. «Era una persona apparentemente molto burbera, ma in realtà molto buona - ricorda Albert Tamietto -. Nel periodo in cui sono stato sindaco ho potuto apprezzare quello che più che essere un comandante era una sorta di padre per il paese, conosceva pregi e difetti di tutti. Ha segnato la vita di tutti, anche grazie al rapporto particolare che aveva con i bambini. Era molto sincero e impo-

Franco Trippini con la sua adorata divisa

stava tutti i rapporti sulla correttezza, anche a livello personale. E’ l’unico che nonostante la mia carica ha sempre avuto il coraggio di dire quello che pensava». Conferma tutto Dino Derriard: «Era una brava persona che faceva il suo dovere ed era benvoluto - ricorda l’ex sindaco -. Purtroppo non ho avuto il piacere di lavorare con lui, ma anche una volta andato in pensio-

ne è sempre stato un uomo che incontravo volentieri. E’ un altro bel pezzo di Courmayeur che se ne va. Ricordo ancora quando sono stati messi i dossi in paese e i camionisti andavano da lui a lamentarsi per i danni. Si è preso tante critiche, ma grazie al rispetto e alla reverenza che riusciva a incutere è sempre riuscito a risolvere tutti i problemi» ■ al.bi.


lunedĂŹ 1 luglio 2013

23


24

C O M U N I TÀ M O N TA NA

G R A N D PA R A D I S

lunedì 1 luglio 2013

■ aymavilles / Molta curiosità ha suscitato la manifestazione internazionale che ha fatto tappa in Valle

Il XXX raduno GW è di marca rossonera Serena BAZZOCCHI Inviata ad Aymavilles aymavilles - Sabato la città di Aosta ha salutato in maniera ufficiale le spettacolari moto Gold Wing, che da giovedì pomeriggio hanno sfilato per le strade della Media Valle, attirando in più di un’occasione gli sguardi e la curiosità di tutti coloro che le hanno incrociate. A ospitare il trentesimo raduno internazionale di questi grandi gioielli della strada, è stata la Valle d’Aosta, e più precisamente Aymavilles, sede di un incontro che ha visto la partecipazione di oltre 400 moto per poco meno di 650 persone, di cui due terzi italiane e il resto straniere. «La Honda Gold Wing - ha spiegato Gianpino Napolitano, presidente del Gold Wing Club Italia - è una famosa motocicletta prodotta dalla Giapponese Honda dal 1975, con sei cilindri e 1800 di cilindrata, la più sofisticata maxi tourer del mondo. Queste moto sono dotate di un completissimo equipaggiamento, con stereo per la musica, navigatore satellitare integrato, manopole e selle per guidatore e passeggero riscaldabili, display multifunzione, unico airbag specificatamente progettato per una moto in grado di ridurre drasticamente le conseguenze fisiche in caso di impatto, gancio di traino e possibilità di comunicare con il passeggero o con altre moto. Con questi ‘esemplari’ - prosegue - è possibile realizzare

Alcuni membri del comitato organizzatore del raduno di Aymavilles: nella foto - in mezzo - Gianpino Napolitano

un trike, una moto a tre posti o un sidecar». In un simile contesto, sabato pomeriggio ha avuto luogo la grande ‘Parata delle Nazioni’: tutti i partecipanti - in sella alle ri-

spettive moto - allineati dietro alla bandiera del proprio paese di provenienza, hanno effettuato un apposito giro di ringraziamento per l’ospitalità che i motociclisti e i lo-

ro team hanno ricevuto. «La meteo nonostante tutto non è stata così male, anche se questa mattina (sabato per chi legge, ndr) avevamo in programma un tour verso il Monte Bianco che non abbiamo potuto effettuare a causa della pioggia, ma la giornata è continuata lo stesso, perché lo spirito dei Gold Wingers è uno solo: vivere al massimo nonostante tutto», ha precisato Gianpino Napolitano. Nel pomeriggio di ieri, domenica 30 giugno, il campo sportivo di Aymavillles si è quindi spogliato delle sue vesti di campeggio, assunte per ospitare la magia di questo trentesimo Gold Wing Club, con un ultimo grande spettacolo alla vista di queste moto dai mille accessori sfrecciare in fila alla volta di nuove avventure.

Cronaca

Flash

Gold Wing contro bici a Etroubles: due feriti

Ed ecco di che cosa stiamo parlando: uno splendido ‘esemplare’ di Gold Wing, moto che per quattro giorni ha letteralmente incantato la Valle

INTROD: bagarre sulla cittadinanza onoraria al Cardinal Tarcisio Bertone Introd - Nemmeno il punto all’ordine del giorno inerente al conferimento della cittadinanza onoraria a Sua Eminenza, il Cardinale Tarcisio Bertone (foto), è riuscito a mettere d’accordo i gruppi di maggioranza e minoranza nel Consiglio comunale di Introd di giovedì scorso, tanto da indurre l’opposizione a non partecipare alla discussione in aula del punto numero 12 inserito nell’ordine del giorno. Per il capogruppo di minoranza, Bruno Rollandoz, «andava informata prima la popolazione, e poi questo non era il momento, ma non entro nel merito. Di certo sarebbe stato più opportuno aspettare qualche mese prima di attribuire un riconoscimento simile dall’alto significato simbolico». Il riferimento - nemmeno troppo velato - è al recente scandalo che ha investito la Santa Sede, a seguito del quale non sono ancora ben definite le prospettive future sulla guida del governo pontificio da parte del Cardinale Bertone. «Una bruttissima figura», si è limitato a commentare il sindaco di Introd, Vittorio Anglesio. La cittadinanza onoraria al Cardinale Tarcisio Bertone, così come anticipato da Gazzetta Matin nel numero del 24 giugno, verrà conferita nel corso di una cerimonia in programma il prossimo 11 agosto in municipio.

Incidente stradale, ieri mattina a Etroubles, dove sulla strada statale 27 una moto Honda Gold Wing guidata da un 38enne di Sondrio, che procedeva in direzione del Colle del Gran San Bernardo, è finita contro la bicicletta condotta da un 46enne diretto verso valle. Per il motociclista, portato in ospedale ad Aosta, la prognosi è di 29 giorni, mentre per il ciclista è di 20 giorni. Secondo i primi riscontri, la moto avrebbe invaso la corsia opposta di marcia.

cogne

Addio a Maria José Vola: col marito Arturo fecero divertire l’intera VdA cogne - Se n’è andata cercando di tenere come sempre tutto sotto controllo, com’era d’altra parte dal 1968, quando si sposò ai piedi del Gran Paradiso con Arturo Allera. Se n’è andata tra le sue amate montagne di Cogne, Maria José Vola - meglio conosciuta come Jose - i cui funerali si sono tenuti ieri pomeriggio nella ‘sua’ Cogne, lei che era originaria di Rueglio, paesino non distante da Ivrea. Insieme al già defunto marito Arturo Allera (entrambi in una foto d’epoca), formarono una delle coppie di ristoratori più azzeccate e lungimiranti della storia del divertimento e della buona cucina in Valle d’Aosta. D’altronde alzi la mano chi non ha mai sentito parlare de ‘Lou Ressignon’, o più semplicemente «da Arturo» per chi conosce bene sia i piatti serviti al ristorante, sia le hit del momento ballate nella suggestiva taverna al piano interrato. «Mio papà era il più festaiolo dei due, meno male che c’era Maria José in grado di rimetterlo sempre in carreggiata - racconta la figlia Elisabetta, che insieme al fratello Davide ha di fatto rilevato l’attività dai genitori -. Chi era mia mamma? Beh, è presto detto: pensi che fino all’ultimo ha sempre voluto sapere tutto circa l’attività portata avanti al ristorante, compresi i clienti, che per lei costituivano la vera soddisfazione del lavoro di ristoratrice». ‘Lou Ressignon’, fondato da Arturo ed Elda Allera, poté quindi ben presto contare anche sull’apporto decisivo di Maria José Vola, visto che il ristorante - così come confermato dalla figlia Elisabetta - «fu una delle sue più autentiche ragioni di vita, sopravanzato soltanto dall’amore per la nostra famiglia». ■ p.b.

■ sarre / Così il Comune risponde alle paventate difficoltà di mantenimento del servizio da settembre

«Lo scuolabus ci sarà anche il prossimo anno» sarre - Le famiglie delle frazioni alte di Sarre possono stare tranquille: il servizio di trasporto scolastico sarà garantito anche per l’anno scolastico 2013/2014. Insomma, sono state messe a tacere sul nascere (o quasi) alcune voci che avrebbero voluto in forse il servizio di scuolabus per il prossimo anno scolastico, con particolare riferimento ai ragazzi residenti nelle frazioni alte del paese. Da fonti interne all’amministrazione comunale, d’altra parte, arriva la conferma del fatto che della problematica se n’è effettivamente discusso nel corso del-

l’ultima seduta di Giunta comunale. «Il servizio di scuolabus verrà mantenuto anche nel prossimo anno scolastico nonostante dall’organico dell’amministrazione sia uscito un messo comunale - spiega il sindaco Roberto Vallet -. Detto questo, va sottolineato inoltre come il Comune sia impossibilitato ad assumere altri dipendenti, quindi la situazione poteva certamente approdare a un punto di criticità». Punto di criticità che, da quanto abbiamo potuto apprendere, è stato comunque scongiurato. «Confermo il mantenimento del servizio di

trasporto scolastico anche nell’anno scolastico 2013/2014 - precisa Vallet -. L’uscita dall’organico di un messo comunale verrà in qualche modo compensata attraverso una riorganizzazione del settore, anche perché l’esternalizzazione del servizio di scuolabus sarebbe costato uno sproposito per la nostra limitata capacità di spesa. Meglio provvederci in proprio, magari attingendo una risorsa presso qualche agenzia interinale, così da poter sopperire all’impossibilità di assumere in pianta stabile un nuovo dipendente». ■ pa.ba.

Introd

Flash

Centro estivo per bimbi al Parc Animalier Andrà in scena lunedì 8 luglio, dalle 8 alle 17, una giornata al Parc Animalier d’Introd. Le prenotazioni sono da effettuarsi entro sabato presso la biglietteria oppure telefonando al 331 9160773. L’iniziativa, che verrà attivata in presenza di un minimo di 10 e un massimo di 20 bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, avrà un costo di adesione a carico delle famiglie di 15 euro a bambino (4.50 ingresso al parco + 10.50 guida e intrattenimento per l’intera giornata). Pranzo al sacco a carico delle famiglie.

A Sarre rinnovata la tradizione con i fouà de Sen Piére e la festa degli Alpini

I sapeurs-pompiers di Sarre Chesallet che hanno vigilato sul sereno andamento dei fuochi dei santi Pietro e Paolo a La Croix de Bréan organizzati dalla Pro loco; a tavola, un momento della tradizionale festa degli Alpini del gruppo di Sarre Chesallet (nella foto più a destra), ieri, domenica 30 giugno, all’alpeggio La Nouva sotto al lago Fallère, dove sono stati serviti oltre 200 pasti


lunedĂŹ 1 luglio 2013

25


26

C O M U N I TÀ M O N TA NA

G R A N D PA R A D I S

lunedì 1 luglio 2013

■ st-pierre / Tante le iniziative proposte durante i quattro giorni di festa in onore dei santi Pietro e Paolo

Successo di pubblico per la Patronale Serena BAZZOCCHI Inviata a St-Pierre

st-pierre - Giornata clou dei festeggiamenti in onore dei santi Pietro e Paolo, quella di sabato, con la comunità di St-Pierre capace di animare per ben quattro giorni di fila il piccolo borgo ai piedi del castello. Sabato giornata clou dei festeggiamenti, dicevamo: terminata la santa messa del mattino, la popolazione si è riunita all’esterno della chiesa parrocchiale per gustare in compagnia un appetitoso banchetto in attesa del tradizionale enchère, la vendita all’incanto di prodotti locali. Nonostante il tempo non fosse dei migliori, la gente ha partecipato numerosa all’incontro. Il ricavato della vendita sarà utilizzato per gli interventi di manutenzione da effettuarsi sulla struttura Monseigneur Centoz, centro cardine di St-Pierre. Alla vista di tutte quelle pietanze valdostane, non poteva non salire una certa fame, con l’acquolina in bocca che i cuochi e i volontari della Pro loco hanno saputo brillantemente calmare con i loro deliziosi piatti. «E’ da questa mattina alle otto (sabato mat-

I coscritti di St-Pierre classe 1994/1995 a cui sono state consegnate le maturità civiche dal Comune

tina per chi legge, ndr) che i volontari hanno iniziato a lavorare in cucina, nonostante la stanchezza dopo la bella serata di venerdì, conclusasi con musica e balli da discoteca in compagnia dei coscritti. Per il pranzo comunitario di oggi (sabato per chi legge, ndr) abbiamo ricevuto circa 140 prenotazioni, quindi siamo decisamente soddisfatti dell’affluenza, a quanto pare maggiore rispetto agli anni passati», ha spiegato Claudio Courthoud, vice presidente della Pro loco di St-Pierre. Per il pranzo i cuochi hanno proposto specialità che spaziavano da antipasti locali a un invitante risotto al Bleu d’Aoste e radicchio, senza dimenticare il filetto grigliato ai funghi, per concludere con una fresca meringa con crema e frutta. Il coro Nouvelle Harmonie ha quindi allietato il pomeriggio con canti e musica prima di passare alla tanto attesa cena con fritto misto di pesce. Pietanze, quelle enunciate poc’anzi, rese in qualche modo più leggere per merito della serata danzante in compagnia della Marco & Simon Band, capace di entusiasmare fino a notte inoltrata il pubblico presente a ritmo di musica.

Una giornata al Parc Animalier... I volontari della Pro loco presieduti da Marina Lale Murix

Scuola infanzia di Aosta

Scuola infanzia di La Salle -Derby

Il pubblico durante l’enchère condotto da Diego Lale Murix

Centro Estivo di Roma

Scuola infanzia di Introd Il banchetto offerto all’uscita della santa messa di sabato mattina

Grand Paradis

Flash

Sarre, pesca vietata al Lago Fallère A partire da venerdì è vietata la pesca nelle acque del Lago Fallère, nella parte alta del territorio comunale di Sarre. La decisione è maturata dopo il rinvenimento di una decina di trote morte. Dalle prime analisi effettuate, le acque del lago non risulterebbero inquinate, quindi sono in corso ulteriori accertamenti per comprendere le cause che hanno provocato la morìa di pesci. Cogne, Nordic Walking... in Paradiso

WWW.PARC-ANIMALIER-INTROD.IT

Frazione Villes Dessus Introd Tel: 0165 95982 / 0165 95557 Fax: 0165 95982 Cell: 334 7955000 Mail: info@parc-animalier-introd.it

L’International Nordic Walking Festival quest’anno farà tappa a Cogne, ai piedi del Gran Paradiso, negli splendidi paesaggi del Parco nazionale. Nel prossimo fine settimana, dal 5 al 7 luglio, andranno in scena attività , meeting e momenti di allegria imperdibili per tutti gli appassionati della disciplina. Domenica, alle ore 10, è in programma l’inaugurazione del Nordic Walking Park, a seguito della quale ci sarà una sfilata degli istruttori sul Prato di Sant’Orso. Info: www.vdanordicwalking.com, www.scuolaitaliananordicwalking.it, 347 9731963, 340 7085371.


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

GRAND COMBIN

27

■ bionaz / Incassato il doppio via libera da Consiglio comunale e Giunta regionale, l’incognita restano i finanziamenti

Per la pista di skiroll mancano solo più i soldi

Il sindaco Chentre: «Niente mutui, stiamo predisponendo il bando per un’operazione finanziaria particolare» bionaz - Doppio via libera, quello incassato tra giovedì e venerdì scorsi dal progetto di realizzazione di una pista di skiroll a corredo del poligono di località Dzovennoz, a Bionaz, che dopo aver ricevuto l’approvazione del progetto preliminare dell’opera da parte del Consiglio comunale, l’indomani - venerdì 28 giugno - ha ricevuto l’ok della Giunta regionale, che con apposita delibera ha esteso la classificazione di infrastruttura ricreativo-sportiva di interesse regionale anche alla pista per la pratica dello skiroll (dopo che nel 2008 era già stato riconosciuto di interesse regionale l’intervento di ampliamento del poligono del biathlon e delle opere di infrastrutturazione della pista di fondo nell’area sportiva in località Lexert). «Con l’estensione alla futura pista di skiroll della classificazione di infrastruttura di interesse regionale, siamo riusciti di fatto a chiudere il cerchio», commenta il sindaco di Bionaz, Armando Chentre, che però non nasconde come la realizzazione dell’opera sia vincolata alla buona riuscita di «un’operazione finanziaria particolare precisa -. A tal proposito stiamo predisponendo un apposito bando, dopodiché vedremo quale riscontro proverrà dal mercato». In pratica, per la realizzazione della pista di skiroll - un anello lungo poco meno di 1900 metri - l’amministrazione comunale non intende in alcun modo accen-

Il poligono del biathlon utilizzato anche nella stagione estiva

Il sindaco Armando Chentre

dere mutui; va da sé, quindi, che il Comune intenda predisporre uno specifico bando di project financing, nonostante il primo cittadino non voglia addentrarsi troppo nei dettagli. «Quello che posso

e in Val Ridanna, sicuramente l’unico nel Nord Ovest - afferma Chentre -. Per riuscire a fare questo, ci siamo costantemente confrontati con i vertici delle strutture fondo e biathlon della Fisi, e con quel-

dire è che stiamo lavorando a un’opera, quella della pista di skiroll, che una volta realizzata andrà a completare un polo sportivo all’avanguardia a livello nazionale, al pari di quelli esistenti a Forni Avoltri

li dell’Asiva, così da poter ottenere le certificazioni necessarie a rendere la pista (di skiroll, ndr) omologata anche per competizioni a carattere nazionale». L’infrastruttura, la cui spesa di realizzazione dovrebbe aggirarsi attorno ai 400 mila euro, avrà una particolarità in più. «Grande attenzione verrà prestata all’inserimento ambientale della pista, motivo per cui l’anello verrà ricoperto da un asfalto pigmentato di colore verde», conclude Chentre. Una volta certa dei finanziamenti, l’amministrazione comunale avvierà le pratiche di esproprio dei terreni (entro fine anno) per poi dare avvio ai lavori nella primavera del 2014. ■ Patrick Barmasse

AVIS GC: a Torgneur e Peaquin la 6ª edizione del torneo di petanque

Grand Combin

Flash

Doues, bando ‘Tourisme de Terroir’ Il Comune di Doues - con propria delibera di Giunta - ha aderito al bando ‘Tourisme de Terroir’ pubblicato dal GAL Media Valle il 26 aprile scorso. Il progetto a cui ha inteso partecipare l’amministrazione comunale del sindaco Franco Manes - progetto a valere sulla misura 313 del PSR 2007/2013 - tenderà sostanzialmente a due obiettivi: allestimento di un centro di informazione e visita presso la struttura destinata a centro polifunzionale; valorizzazione di un percorso rurale che attraversa tutto il territorio comunale, dal confine con Valpelline fino a Champillon, con la creazione di un blocco servizi nel punto di sosta in località Plan Détruit. Bocce e pinnacola in riva al mare

Sesta edizione del torneo di petanque della sezione Avis del Grand Combin, quella organizzata sabato pomeriggio all’area ricreativa di Gignod. I migliori soci Avis: 1° Achille Torgneur, 2° Bobby De Glaudi, 3° Emeric Danna, 4° Giuseppe Barailler, 5° Raimondo Ronc, 6° Romildo Ceria, 7° Sergio Marjolet, 8ª Gemma Ronc, 9° Emilio Munier, 10ª Sonia Ronc. ������������������������������������� I migliori simpatizzanti: 1° Claudio �������������������������������������� Peaquin, 2° Anselmo Betemps, 3° Bruno Ronc, 4° Romano Magnaghi, 5° Angelo Vaudan, 6ª Benita Cerise, 7° Romano Grange, 8° Augusto Grimod, 9ª Mirella Patrocle, 10ª Iole Cerise

Amici e parenti - capitanati da Gianni Erculiani - nel corso del loro soggiorno marino a Riccione, sulla Riviera Adriatica, hanno organizzato tra una nuotata e l’altra un torneo di bocce e uno di pinnacola. Nel primo a vincere sono state Maria Bosonin e Lidia Collomb, nel secondo Silvana Dujany e Aldo Crivellin.


28

lunedĂŹ 1 luglio 2013


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

GRAND COMBIN

29

■ valpelline / E’ l’auspicio del neo sindaco Ermanno Riva Rivot all’atto del passaggio di consegne dal neo consigliere regionale Restano

«Speriamo di riuscire a correre veloci come Claudio» Tra i fiori all’occhiello da curare ci saranno «i progetti legati alla fibra ottica e il recupero del vecchio villaggio dell’Arca Enel» Patrick BARMASSE Inviato a Valpelline valpelline - «Ora mi tocca prendere il testimone da un podista del calibro di Claudio. Non sarà certo facile correre veloce come lui, ma tutti insieme promettiamo di provarci». Questa la battuta del neo sindaco di Valpelline, Ermanno Riva Rivot, all’atto del passaggio di consegne di venerdì sera con l’ormai dimissionario primo cittadino Claudio Restano, questa mattina già seduto al suo posto nella prima adunanza del Consiglio regionale della XIV legislatura. La lettera di dimissioni di Restano dalla carica di sindaco è stata protocollata sabato mattina dagli uffici comunali. «Un atto dovuto, nonostante l’alto valore simbolico racchiuso al suo interno», ha commentato Restano a margine del Consiglio comunale di venerdì, immediatamente incalzato dall’ormai ex vice sindaco Ermanno Riva Rivot, che in tono scherzoso (ma in fin dei conti non troppo) ha precisato: «Ora speriamo che Claudio non si dimentichi di noi, anzi: voglio già avvisarlo del fatto che qualche volta potrebbe trovarci a palazzo, magari proprio mentre bussiamo alla sua porta per provare a portare a casa qualche risultato importante per la nostra comunità locale». In un simile contesto, caratterizzato da applausi e da qualche piccola lacrimuccia scesa in sede di

Passaggio di consegne tra Claudio Restano ed Ermanno Riva Rivot

discorso conclusivo, Claudio Restano ha voluto ripercorrere in maniera sommaria i risultati portati a casa («grazie a un eccezionale lavoro di squadra», ha tenuto a precisare) negli otto anni in cui ha ricoperto la carica di sindaco. «Nel 2005 ereditammo una situazione certamente difficile, caratterizzata da circa 3 milioni di eu-

ro di debiti - ha raccontato . La nostra ricetta fu chiara sin da subito: ridurre le spese senza per questo andare a intaccare i servizi erogati sul territorio, obiettivo da noi raggiunto grazie a due linee di azione: da una parte una migliore razionalizzazione dei servizi, dall’altra un loro accorpamento con realtà a noi limitrofe e affini». I

Uno scorcio del vecchio villaggio dell’Arca Enel oggetto dell’intervento di recupero da poco meno di un milione di euro

fiori all’occhiello di Valpelline, per l’ormai ex sindaco Claudio Restano, sono sostanzialmente due: «Il progetto di posa della fibra ottica, che a oggi ci pone senza dubbio quale comune all’avanguardia a livello regionale, tanto da poter iniziare a pensare all’adesione al progetto pilota ‘Antenna zero’ - sostiene Restano - e il piano di sviluppo turistico che abbiamo sviluppato sia attraverso una determinata campagna promozionale, sia attraverso scelte che si sono rivelate vincenti. La DeCo sulla Seupa, l’adesione al progetto transfrontaliero SlowAlp, la promozione di un logo unico per tutta la Valpelline e l’istituzione della prima riserva speciale di pesca in Valle non sono che alcuni esempi». Di fatto, per Restano «sono state create le condizioni necessarie per attirare investimenti privati in ambito turistico: dopo l’apertura di due nuove chambres d’hôtes, nei mesi scorsi sono iniziati gli interventi di recupero del vecchio villaggio dell’Arca Enel (associazione per le attività ricreative, culturali e sportive dei dipendenti del Gruppo Enel, ndr), intervento che complessivamente comporterà un investimento di poco meno di un milione di euro di risorse private che, nell’economia turistica locale, si sostanzieranno in circa 60 posti letto e nell’apertura di un’attività di bar ristorante (attività commerciale già attiva da un mesetto, ndr)».

doues

Conto alla rovescia per l’ottava edizione della Sagra della polenta doues - Fervono gli ultimi preparativi in vista dell’ottava edizione della Sagra della Polenta, in programma nel prossimo fine settimana a Doues. Ricco il calendario della manifestazione organizzata dalla Pro loco all’interno della nuova struttura fissa allestita per gli appuntamenti turistico-ricreativi. Si parte venerdì sera - dalle 22.30 - con la serata a ingresso libero seguendo la musica della discoteca mobile ‘One Night’; sabato - alle 14 - scatterà l’edizione 2013 della ‘24 ore di calcio a 6’ promossa a corollario dell’appuntamento enogastronomico, con l’apertura del ristorante prevista alle 19.30 (cena con carni alla griglia, polenta e polenta concia) seguita dalla serata danzante sulle note dell’orchestra ‘E-Summer’. Domenica, giornata clou dei festeggiamenti, prenderà il via alle 10.30 con la celebrazione della santa messa; dopodiché - alle 12 - distribuzione del pranzo conviviale a base di piatti di carne e diverse specialità con polenta; dalle 15 pomeriggio danzante in compagnia dell’orchestra ‘Osvaldo & Angela’ mentre alle 18 andrà in scena la finalissima dell’edizione 2013 della ‘24 ore di calcio a 6’. Alle 19.30 apertura del ristorante con cena a base di carni alla griglia, polenta e polenta concia, con la serata danzante sulle note dell’orchestra ‘Osvaldo & Angela’ a chiudere la tre giorni di festa dedicata alla celebrazione della polenta, proposta ai buongustai nelle sue più disparate sfacettature. ■ p.b.

■ oyace / E’ quanto spera di effettuare il Comune attraverso la partecipazione a un bando a valere sul PSR 2007/2013 Etroubles

Intervento di manutenzione conservativa per La Tornalla oyace - E’ stato approvato il 25 giugno scorso dalla Giunta comunale di Oyace, il progetto ‘Pour le paysage des hameaux et des campagnes autour de La Tornalla’, iniziativa attraverso la quale l’amministrazione comunale di Oyace intende effettuare alcuni interventi di manutenzione straordinaria e di conservazione sul monumento storico simbolo del paese della Valpelline. Torre a pianta ottagonale, La Tornalla - secondo la tradizione - sarebbe stata edificata da un gruppo di Saraceni nel XII secolo. Il progetto, a valere sulla misura 323 - ‘Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale’ - del Piano di sviluppo rurale 2007/2013, prevede un importo stimato dell’intervento pari a 42.300 euro Iva esclusa. Più nel dettaglio, dalla consultazione della relazione tecni-

Il sindaco Remo Domaine La Tornalla, torre a pianta ottagonale che sovrasta il paese di Oyace

ca predisposta dagli uffici comunali a corredo della descrizione dell’idea progettuale, si evince che gli interventi di manutenzione straordinaria e di conservazione saranno volti al raggiungimento di due obiettivi in particolare: «salvaguardare il patrimonio storico e ar-

chitetturale diffuso nel contesto rurale, privilegiando gli interventi che si collocano in circuiti di promozione turistica oppure in prossimità di destinazioni turistiche di interesse per il patrimonio rurale; valorizzare aree di grande interesse culturale e paesaggistico, sal-

vaguardando nel contempo gli aspetti significativi e caratteristici del paesaggio rurale», si legge nella relazione tecnica. Dal punto di vista pratico, l’intervento si sostanzierà nel consolidamento e nella tamponatura dei muri esterni del monumento, e nella riprofilazione del cordolo sovrastante le mura perimetrali della torre. Ora per l’amministrazione

comunale di Oyace non resta che attendere l’esito del bando, che in caso di giudizio positivo in merito alla finanziabilità dei lavori, andrà a interessate un’area, quella de La Tornalla, su cui - dopo oltre quarant’anni - si sta intervenendo anche per il trasferimento definitivo dei ripetitori radiotelevisivi. «Dopo oltre vent’anni di trattative con gli uffici competenti della Regione - spiega il sindaco Remo Domaine -, dopo tanta fatica siamo riusciti a ottenere il via libera al trasferimento dei ripetitori radiotelevisivi dalla zona de La Tornalla a Chalambé. Il perfezionamento delle operazioni dovrebbe avvenire a breve, considerato che lungo la strada consortile per Chalambé sono già state interrate le condotte utili al contenimento dei cavi di collegamento per i ripetitori». ■ pa.ba.

ETROUBLES: familiari, colleghi e amici di Erik Mortara hanno dato vita all’Associazione 140 etroubles - E’ ormai trascorso un anno da quel tragico tardo pomeriggio di lunedì 2 luglio del 2012, quando Erik Mortara - vigile del fuoco professionista in servizio presso il comando regionale di Aosta - cadde in acqua a causa del ribaltamento del gommone a bordo del quale si trovava con tre colleghi durante il tentativo di recupero di un uomo di Gressan che si era buttato in Dora all’altezza del Pont Suaz. I tre colleghi riuscirono a raggiungere la riva a nuoto, non Erik Mortara, che fu trascinato irrimediabilmente dalla corrente. E’ trascorso un anno ormai, dicevamo. Un anno in cui la Regione - con proprio decreto presidenziale - ha deciso di intolare la storica caserma di corso Ivrea proprio a Erik, mentre familiari, colleghi e alcuni amici hanno intrapreso l’iter di costituzione di un’apposita asso-

Il compianto Erik Mortara, vigile del fuoco professionista scomparso il 2 luglio di un anno fa

ciazione in suo ricordo: l’Associazione 140, che prende spunto dal numero di matricola assegnatogli all’atto del suo ingresso in servizio come vigile del fuoco professionista. «Abbiamo deciso di creare questa associazione per aiutare in un certo qual modo le famiglie che, loro malgrado, si sono trovate costrette a fronteggiare una situazione simile alla nostra - ha spiegato la sorella di Erik, Michelle Mortara -. Detto questo, è nostra intenzione organizzare una serie di eventi, il primo dei quali è già in programma il prossimo 9 agosto, così da poter aiutare coloro che, come è successo a noi, un giorno si sono ritrovati orfani di una persona a loro carissima». Domani, martedì 2 luglio, alle ore 18 nella chiesa parrocchiale di Etroubles, ci sarà una messa dedicata a Erik. ■ pa.ba.

Flash

La Collère, i residenti rientrano a casa Martedì scorso l’amministrazione comunale di Etroubles ha deciso di revocare l’ordinanza di evacuazione che, il 19 aprile scorso, aveva costretto otto residenti in frazione La Collère ad abbandonare le loro abitazioni per sistemarsi temporaneamente o in alberghi del paese o in appartamenti presi in locazione direttamente dal Comune. A seguito dell’ultimo summit avuto con i tecnici dell’Anas, è emersa una situazione di ripristinata stabilità del versante a ridosso del villaggio, che nel tardo pomeriggio del 18 aprile scorso era in alcune parti franato a valle, probabilmente a causa dei concomitanti lavori di scavo della galleria a servizio della futura variante della strada statale 27 (la galleria passa proprio in corrispondenza del villaggio, a una profondità di circa 80 metri). Con la revoca dell’ordinanza la ditta Lauro Spa ha comunicato di aver ripreso l’intervento di scavo, seppur garantendo l’utilizzo di modalità di trivellazione meno impattanti. Entente Florale Europe, fervono i preparativi Fervono gli ultimi preparativi in vista del 6, 7 e 8 luglio prossimi, quando a Etroubles salirà la giuria internazionale del concorso europeo Entente Florale Europe, kermesse in cui il paese di Etroubles è candidato a rappresentare l’Italia nella categoria ‘villaggi’.


30

C O M U N I TÀ M O N TA NA

Brissogne

Al via il secondo lotto di lavori sulla strada di Etabloz BRISSOGNE - Al via oggi, lunedì primo luglio, i lavori di riqualificazione della strada a servizio della frazione di Etabloz: un progetto da 165 mila euro. Lo ha riferito all’aula il sindaco Bruno Menabréaz (in foto con il vice Italo Cerise), in apertura di seduta del Consiglio comunale dedicato al conto consuntivo dell’esercizio 2012. Ad illustrarlo il vicesindaco, con delega al bilancio, Italo Cerise che, nel suo intervento, ha sottolineato l’attenzione con la quale l’amministrazione comunale ha operato. «Una gestione attenta che ci ha comunque portato a realizzare l’85,76% di quanto programmato. Abbiamo lavorato con attenzione per ridurre le spese relative alla parte corrente, un passaggio che ci ha permesso di rientrare tranquillamente nei parametri rigidi del patto di stabilità. Al termine dei dodici mesi del 2012 abbiamo potuto registrare un avanzo di amministrazione pari a 581mila euro, risorse preziose che potranno essere redistribuite per interventi o, nel caso, utilizzate per ridurre l’indebitamento del Comune». Parte dell’avanzo - poco più di 260 mila - è stato reinvestito: 40 mila euro per i vari interventi di bitumazione sulle strade comunali, 4 mila euro per uno studio di fattibilità relativo al piano di pubblica illuminazione; piccoli interventi al bivacco Menabreaz e su altri edifici rurali di proprietà pubblica, così come per l’acquisto di attrezzature funzionali alla biblioteca comunale. ■ re.ga.

MONT EMILIUS

■ charvensod / Dopo l’addio di Bianquin, incertezza sul successore

Minoranza, epidemia di rinunce L’attuale capogruppo Laurent Chuc rimanda le dichiarazioni «a bocce ferme» CHARVENSOD - Il rebus della minoranza continua a Charvensod. A definirlo così è il sindaco Ennio Subet che nel consiglio di giovedì 27 ha nominato alla successione di Leo Bianquin, che ha lasciato l’assemblea cittadina in maggio, Ennio Bonazzi dopo la rinuncia di Silvano Bianquin primo escluso della lista di opposizione Autonomie Communale. «Ufficialmente non ha rinunciato ma corre voce che al rientro delle vacanze lo farà», spiega con un punta ironia Subet. E la lista di rinunce non si dovrebbe fermare qui. Sono in odore di diniego pure Cristina Busa e Mauro Ruffier. Il fatto che Pierre Savioz, quinto escluso, sedesse tra il pubblico al fianco dell’ex capogruppo, secondo il primo cittadino la dice lunga. Nicchia sull’argomento l’attuale ‘capitano’ della squadra di minoranza Laurent Chuc. Nega una disaffezione verso l’elettorato e dice che spiegherà «a bocce ferme». Intanto fa appello «agli impegni di lavoro che hanno spinto a rinunciare i candidati del 2010». Nella seduta di giovedì è stato approvato il rendiconto d’esercizio 2012 il cui avanzo di amministrazione si attesta a 370 mila euro. Prudenzialmente accantonato visto che in ballo c’è la ricostruzione della scuola del capoluogo «lavori per i quali abbiamo un impegno da parte della Regione di venirci incontro», sottolinea il primo cittadino. A breve sarà aggiudicato l’appalto per la progettazione definitiva. Il Comune ha rispettato il patto di stabilità. Del documento contabile Subet dice: «E’ un risultato lusinghiero quello che abbiamo ottenuto; abbiamo rispettato tutte le previsioni di spesa e di entrata. Inoltre, per la prima volta, la spesa

Sopra il nuovo capogruppo della minoranza Laurent Chuc e a destra Ennio Bonazzi, provvisorio sostituto di Bianquin, e il quinto escluso Pierre Savioz, probabile il suo arrivo in Consiglio

corrente è al di sotto dei due milioni di euro». Il sindaco sui risparmi focalizza la sua attenzione sul fatto che alcuni di questi sono stati possibili «anche grazie alla sensibilità e alla responsabilità dei nostri concittadini», alludendo all’operazione ‘Adotta un fiore’. «La collaborazione e la sinergia tra soggetti privati e ente pubblico è fondamentale per la costruzione della “casa comune” che potrà avvenire solo grazie al contributo di ognuno nel rispetto dei ruoli e delle proprie sfere di competenza», aveva detto l’assessore Ronny Borbey. I cittadini di Charvensod potranno da oggi usufruire del nuovo servizio di news letter: basta iscriversi accedendo alla home page del Comune. ■ Danila Chenal

■ gressan / La minoranza chiede che il ricavato sia destinato a Pila

Battibecco sull’imposta di soggiorno GRESSAn - E’ la destinazione degli incassi della tassa di soggiorno – 24 mila euro nel 2012 - ad accendere le polveri nella seduta del consiglio comunale di giovedì 27. La minoranza chiede siano investiti per la località turistica di Pila. «La nostra richiesta nasce da un incontro con gli operatori di Pila i quali hanno chiesto di investire in progetti mirati mentre i proventi della tassa finiscono tutti in un gran calderone», puntualizza il capogruppo dell’opposizione Mirko Imperial». Ribatte a stretto giro di posta il sindaco Michel Martinet che non ci sta: «Per Pila spendiamo cifre nell’ordine delle centinaia di migliaia di euro. La tassa la investiamo per sostenere la Pro loco e le manifestazioni a forte impatto turistico». Non può il primo cittadino non citare il successo del recente Trofeo Topolino. Anche per Gressan è arrivato in aula il conto consuntivo con un avan-

lunedì 1 luglio 2013

zo di amministrazione di 790 mila euro di cui«250 mila sono frutto dei risparmi sulle opere pubbliche portate a termine nel 2012», precisa il primo cittadino. Per Imperial «non è un punto d’orgoglio perché sono

solo soldi avanzati sui capitoli; il bilancio resta ingessato e l’amministrazione dovrebbe, oggi, cambiare strategie e mettere in campo idee diverse perché il modo di amministrare è radicalmente cambiato». La minoranza è poi preoccupata dalle bollette energetiche extralarge per l’illuminazione pubblica e per il gas del campo sportivo e chiede agli amministratori «di fare verifiche più approfondite». Al momento l’amministrazione ha deciso di non reinvestire il fondo cassa. ■ da.ch.

Jovençan Il gruppo Avec vous Jovençan guidato da Nicolas Viérin presenta una raffica di iniziative che saranno discusse nel prossimo Consiglio Che fine hanno fatto i soldi per il materiale degli scolari? «Tenuto conto delle ingenti ed urgenti necessità del corpo insegnante delle scuole di Jovençan, al fine di sopperire alle mancanze strutturali e di dotazione tecnica della stessa scuola interpella la Giunta per conoscere quali provvedimenti abbia già adottato, oppure intenda adottare, per stanziare i fondi che tutti consiglieri del Comune di Jovençan hanno destinato alle scuole di Jovençan, rinunciando alle proprie indennità di partecipazione ai Consigli comunali», è quanto si legge nell’interpellanza. Quali novità per l’elettrodotto? L’opposizione chiede di essere messa al corrente degli «sviluppi in merito alla volontà della società Terna di posizionare un tratto del nuovo elettrodotto VilleneuveChâtillon nella parte alta del nostro comune». L’edificio scolastico è al degrado servono decisioni Reclamano Viérin e colleghi decisioni in merito all’edificio scolastico «visto che non è prevista ancora per alcuni anni la realizzazione della nuova scuola dell’infanzia ed elementare e visto l’attuale stato di degrado della scuola, in particolar modo per alcuni elementi di arredo e di servizio». Pista ciclabile anche per noi «Tenuto conto delle annuali spese di gestione sostenute dal comune di Jovençan chiediamo alla Giunta di valutare nuovamente la possibilità di far passare, o arrivare, la pista ciclabile a Jovençan», scrivono.

Nus, dalla RUSSIA con amore Fotoricordo a San Pietroburo per il gruppo de La Dolce Vita capitanato da Paolo Contoz


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

saint-christophe

La minoranza: «Imu più bassa visto l’avanzo milionario» SAINT-CHRISTOPHE - Un avanzo di amministrazione che supera il milione di euro (1.092.310 euro) e che fa chiedere al consigliere di minoranza Davide Casola di ridurre l’Imu. «Così come avevamo già presentato all’assemblea mesi addietro, parte di questo avanzo potrebbe essere destinato a ridurre il peso che grava sui proprietari delle abitazioni, intervenendo sull’imposta dell’Imu, andando a tagliare parte della quota che resta in capo al Comune di Saint-Christophe», ha ribadito. A riguardo il sindaco Paolo Cheney ha evidenziato il

momento «di grande incertezza riguardo questa tassa, con una situazione in costante addivenire sul quale il Governo non ha espresso evidenze certe». Il risultato in conto consuntivo è stato ottenuto cancellando parte dei residui attivi e passivi «un intervento utile e necessario per non continuare ad avere strascichi di opere oramai realizzate e saldate dall’amministrazione che continuavano a restare ingabbiate nelle maglie del bilancio», ha spiegato il primo cittadino. Intanto l’amministrazione comunale interverrà con 64 mila per i due campi da tennis dell’area sportiva di località Prevot. Dopo una lunga discussione è stato approvato da tutto il Consiglio il progetto preliminare che coinvolge un tratto di 160 metri della strada Senin-Sorreley; un intervento di manutenzione straordinaria, per il quale il Comune chiederà un finanziamento. Intanto a Condemine i residenti continuano ad aspettare le fognature nonostante il ricco avanzo di bilancio. Ma il 2015 arriverà. ■ re.ga.

MONT EMILIUS

31

■ NUS / Una petizione per chiedere la riapertura del collegamento con Quart

A Lignan cittadini in subbuglio Il sindaco: «La perizia del geologo è chiara, la strada è a rischio» NUS - Dispiace al sindaco Elida Baravex del malinteso con i suoi concittadini, che venerdì 28 giugno in frazione Lignan hanno atteso invano l’arrivo degli amministratori. Cancellato l’incontro con la popolazione per motivi di lavoro, il primo cittadino ha affidato al sito istituzionale del Comune la comunicazione dello slittamento dell’incontro a venerdì 5 luglio e ad alcuni biglietti affissi nei piazzali. «Lo abbiamo visto all’ultimo momento – fa sapere un imbufalito residente di Lignan – mentre contavamo sull’arrivo di sindaco e giunta anche per discutere della chiusura della strada comunale che collega la frazione Clemensod con il territorio del comune di Quart». L’intransitabilità a causa del pericolo di frane ha dato origine a una petizione il cui primo firmatario è Attilio Lombard. Recita: «Siamo un gruppo di abitanti di Saint-Barthélemy e viviamo una situazione di pesante disagio che, ancora una volta, dobbiamo subire nella più completa indifferenza dell’amministrazione comunale». Accusa che il primo cittadino rimanda al mittente: «Oltre a mettere i teli per arginare la caduta sassi e i movimenti franosi so-

C O M U N I TÀ M O N TA NA

E stato rimandato l’incontro con la popolazione di St-Barthélemy di venerdì 28 e i cittadini si sono arrabbiati

no andata a bussare alle porte di Palazzo regionale per capire se era possibile ottenere un intervento per lavori in somma urgenza. Per la Regione – lo hanno sottolineato – al momento ci sono altre priorità». Il sindaco capisce il disagio ma ricorda che «lungo il tratto di strada non ci sono abitazioni e alpeggi». Sbotta: «Non ho nessun interesse nel chiudere la strada; l’incolumità dei cittadini per me viene al primo posto». Non può Baravex fare finta di nulla di fronte alla relazione del geologo «che parla chiaro: il rischio resta elevato». Rifiuta anche l’accusa «di non aver più dato informazioni». I firmatari lamentano: «Non siamo riusciti, nonostan-

te i ripetuti tentativi e sollecitazioni ad avere spiegazioni circa il permanere del divieto di circolazione. Siamo molto arrabbiati perché abbiamo la sensazione di essere, ancora una volta, presi in giro soprattutto da chi si riempie la bocca delle solite frasi fatte sulla ‘salvaguardia della montagna’ e poi non è in grado di gestire le piccole problematiche ad esse legate». Ribatte Baravex: «Ho spiegato a chi è venuto in Comune esattamente le problematiche di cui sto parlando ora con lei». Per i firmatari la strada rappresenta l’unica alternativa alla regionale 36 per raggiungere Lignan. Prossimo round venerdì 5 luglio. ■ Danila Chenal

Mont Emilius

Flash

A Plout incontro degli ex allievi del Don Bosco Domenica 7 luglio si terrà a Saint-Marcel il raduno degli ex allievi dell’Istituto salesiano Don Bosco di Fénis, Nus e Saint-Marcel. Il programma prevede alle ore 10 il ritrovo al santuario di Plout; alle ore 11.15 verrà celebrata la messa al campo di località Fontillon. Dopo la funzione religiosa tutta a tavola per un pranzo conviviale. Per prenotare rivolgersi a Albino Demé 329 0603286.

M O N T E C E RV I N O

■ Saint-Vincent / Riuscita la festa per oltre cinquecento convenuti al Col de Joux

Per le famiglie una giornata da incorniciare SAINT-VINCENT - Oltre 150 famiglie si sono date appuntamento in Riviera delle Alpi, al Col de Joux, sin dalle 10 del mattino di domenica 30 giugno, per una giornata all’insegna del relax per celebrare il settimo compleanno dell’associazione Giovani Genitori. Gli oltre cinquecento convenuti hanno preso parte a passeggiate, laboratori ludico-scientifici sui colori naturali, sulla tintura della carta e dei tessuti, mentre altri si sono impegnati a far volare aquiloni, e altri ancora si sono fatti travolgere dal ritmo della baby dance, truccati dagli animatori. Alle 13.30 hanno tutti gustato la cucina tipica valdostana e alle 17 si sono radunati nel centro Storico di SaintVincent per i saluti e la merenda a km. Zero. A collaborare alla riuscita anche l’associazione Insaintvincent. Per dirla con gli organizzatori «una domenica da incorniciare». Divertimento e sana aria di montagna ne hanno fatto una giornata da incorniciare. ■ re.ga.

Alcuni momenti dei festeggiamenti per il settimo anno dalla nascita dell’associazione Giovani Genitori

Antey-St-André, beach-volley che passione Sedici squadre si sono misurate in campo; alla fine ad avere la meglio sono stati i Squirtle, secondi i Real Cevapcici, terzi i Valtournenche


32

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

lunedì 1 luglio 2013

■ chatillon / Con il mercatino è andata in archivio la Patronale

Petit marché apprezzato Erica RUDDA inviata a Châtillon chatillon - Il Petit Marché du Bourg ha animato le vie del centro della cittadina castiglionese domenica 30 giugno: la mostra mercato, organizzato dal comune in collaborazione con la Pro loco, ha chiuso la tre giorni di festeggiamente per il la patronale. Il paese ha preso vita a partire dalle 10 fino alle 18 con bancarelle colorate di ogni genere ed espositori anche di fuori Valle. Banchi di alimentari, enogastronomia, formaggio e vini con possibilità di degustazione dei prodotti, artigianato del legno, del ferro, bigiotteria e antiquariato, pannelli fotovoltaici e prodotti naturali hanno attratto turisti e residenti nella via principale. «Questi mercatini che vengono organizzati nei diversi paesi e in diversi periodi dell’anno, sono un’ottima vetrina per farsi conoscere, parlare direttamente con i potenziali clienti, raccontare la storia dei prodotti e di come vengono realizzati scambiando idee e opinioni con le persone che sono molto interessate a quello che mettiamo in esposizione. Non sempre si riesce a vendere come vorremmo, ma anche solo riuscire a farsi conoscere e riconoscere è un ottimo obietti-

vo», spiega uno degli espositori. Tante le persone accorse all’evento approfittando di questa domenica, che arriva dopo una settimana di temperature decisamente sotto la media stagionale, di caldo estivo. «E’ interessante poter guardare, assaggiare, parlare

con i produttori. Spesso si scoprono prodotti nuovi e nuove aziende che lavorano al di là della Valle d’Aosta. Oggi è una bellissima giornata di sole che rende tutto molto più piacevole. Certo, con la crisi non si può pensare di comprare tutto quello che si vorreb-

be in ogni stand, però per dei prodotti di ottima qualità e di nicchia si può pensare di acquistare», commenta una signora intervenuta all’evento. La mostra mercatino di Châtillon tornerà la prima domenica di dicembre sempre nel borgo del paese.

Istantanee dal Petit marché au bourg che ha chiuso la patronale

È l’ora della convenienza OFFERTE VALIDE DA GIOVEDÌ 27 A MERCOLEDÌ 10 LUGLIO 2013

Olio di Oliva Bardo Viola

Mozarì Invernizzi gr.125 - al kg. € 7,12

0,89

Biscotti Novellini senza Zucchero Selex

3,19

Latte intero Selex

0,79

Ammorbidente Selex

lt.1

gr.350 - al kg. € 2,26

lt.1

0,69

Assortiti lt.1

1,00

DOMENICA SEMPRE APERTO CHATILLON 8,30-19,30 Tutti i giorni

SAINT-VINCENT 8,45-12,45 15,30-19,30 Tutti i giorni

VALTOURNENCHE 8,30-12,30 15,30-19,30 Tutti i giorni


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

33

■ verrayes / L’amministrazione regionale ha dato l’ok, ora il sindaco farà il bando di aggiudicazione

Micro, al via la progettazione esecutiva

Approvata una risoluzione per scongiurare la chiusura del liceo scientifico di Saint-Vincent VERRAYES - A porre un altro tassello per la riconversione dell’attuale microcomunità in Champagne l’ho posto il governo regionale dando via libera alla progettazione esecutiva dei lavori. Ora il sindaco Erik Lavevaz conta di lanciare a breve il bando per l’aggiudicazione e conta di vedere le ruspe al lavoro entro la fine dell’anno. L’accordo di programma tra la Regione e il Comune di Verrayes è stato siglato nell’agosto del 2010. La nuova struttura ospiterà una comunità alloggio per cinque anziani autosufficienti, oltre che un centro diurno e un consultorio. I costi preventivati si attestavano a 1,7 milioni di euro, finanziati dalla Regione. L’intervento rientra in una riorganizzazione dell’offerta di servizi per anziani che sta interessando tutta la regione e, in particolare, il territorio della Comunità Montana Monte Cervino, attraverso l’adeguamento anche di altre strutture a Valtournenche e a Pontey. La disponibilità di posti letto passerà dagli attuali 69 a 91. Intanto il Consiglio comunale ha approvato il rendiconto 2012. «Siamo rientrati pienamente nei limiti imposti del patto di

La sigla dell’accordo tra Regione e Comune nell’estate del 2010; da sinistra: l’allora assessore alla Sanità Albert Lanièce, il presidente Augusto Rollandin e il sindaco Erik Lavevaz

stabilità e il conto consuntivo ha evidenziato un avanzo di amministrazione di soli 180.000 euro, segno evidente dei tempi duri che gli enti locali devono sopportare, ma anche delle imputazioni precise delle voci di spesa effettuate in sede di bilancio di previsione resesi necessarie per la carenza di fondi», dichiara il primo cittadino. L’avanzo è stato in buona parte impegnato nella variazione di bilancio che è seguita nell’ordine del giorno. Tra le voci il finanziamento dei lavori da remunerarsi con Voucher per gli operai forestali e non disoccupati (10.000 euro), la copertura degli oneri per l’espropriazioni della strada di Moulin (99.000 euro, lavori ap-

Monte Cervino

Flash

Valtournenche, concorso fotografico “Angoli segreti, Persone e Natura di Valtournenche”. È questo il tema del concorso fotografico indetto dal comune. Le foto dovranno essere scattate all’interno dell’area comunale e inviate alla biblioteca entro il 31 agosto. Le premiazioni avranno luogo in occasione della Dézarpa il 28 settembre 2013. Chamois, personale di Elena Cambiaghi Sabato 6 luglio debutta la stagione estiva delle mostre con la personale Emozioni di Elena Cambiaghi. Il vernissage è per le 18. Orario fino al 15 luglio: dalle 10 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 20.30.

pena appaltati dalla Regione), per la sistemazione di una frana in località Grangeons (10.000 euro). «Grande attenzione è stata posta dal consiglio alla risoluzione relativa al mantenimento degli istituti secondari a Châtillon e Saint-Vincent , in particolare per il Liceo Scientifico di Saint Vincent», fa sapere Lavevaz che, in sintonia con i colleghi del Consiglio di Saint-Vincent ha votato all’unanimità una risoluzione con l’obiettivo di scongiurare la chiusura dell’Istituzione scolastica termale che rischia di non vedere attivato il corso di studio per la mancanza del numero minimo di iscritti - venti - previsto da una legge regionale. ■ da.ch.

Da Valtournenche

Lavori sulla strada di Bringaz l comune di Valtournenche appalta al ribasIopere. so una direzione lavori per 270 mila euro di Si tratta della messa in sicurezza e ri-

facimento del muro di sostegno e sede stradale di un tratto della strada in frazione Bringaz. «Sono lavori che riguardano la sicurezza della sede stradale, ora danneggiata», spiega Eugenio Torri, assessore alle Opere pubbliche del comune. «Il cantiere dovrebbe iniziare a fine luglio e durare 120 giorni e prevede il rifacimento del sostegno murario a valle della strada con consolidamento del terreno tramite micropali e l’irregimentazione delle acque a monte della sede stradale», precisa Torri. Conclude l’assessore: «Si tratta di un vecchio progetto del 2010 che ha trovato ora finanziamento. Il bando di gara prevede una spesa per la direzione lavori di 18 mila euro circa e 12 mila di incarico per la sicurezza del cantiere».

Scattata la stagione dello sci estivo cattata domenica 30, dopo il rinvio di sabato per S maltempo, la stagione dello sci estivo a Cervinia. Si scia sul ghiacciaio di Plateau Rosà e sulla pista

del Ventina fino a Cime Bianche Laghi. Le condizioni del manto nevoso - fa sapere la Cervino SpA «sono eccezionali, con neve invernale». Per domani sono previsti sole e temperature in aumento. Il costo dello skipass è di 31 euro per il versante italiano e di 43 euro per l’internazionale.

■ la magdeleine / L’amministrazione con il Piano regolatore favorisce le attività commerciali

Meno vincoli per alpeggi e mayen LA MAGDELEINE - E’ pronta la variante generale al Piano regolatore del Comune di La Magdeleine. Lo ha anticipato il sindaco Edi Dujany che ne illustra le principali direttrici. «Abbiamo diminuito le aree edificabili, seguendo le direttive regionali, e abbiamo alleggerito i vincoli per la creazione zone commerciali così da incentivare le attività e previsto una maggiore elasticità per mayen e alpeggi affinché proprietari e gestori possano sfruttarli al meglio commercialmente, aprendo B&B, punti vendita e degustazione. Auspichiamo che le facilitazioni spingano al recupero dei fabbricati

I volonterosi magdleins che hanno ripulito cinque frazioni

rurali; sicuramente permettiamo ad agricoltori e allevatori di integrare il proprio reddito», spiega

il primo cittadino. Intanto l’amministrazione comunale ha approvato il conto consunti-

vo che fa registrare un avanzo di amministrazione di 67 mila euro che «terremo di riserva per i

periodi difficili», sottolinea Dujany. Tra le entrate il Comune mette in consuntivo: 6 mila euro

dall’Inail, 10 mila dal Bim per i lavori sull’acquedotto, 67 mila dalla Regione «per la conclusione dei lavori all’impianto di innevamento artificiale», precisa Dujany e 18 mila euro sempre dall’amministrazione regionale per le spese di consulenza nella stesura del Prg. «Cerchiamo di mantenere in efficienza quanto fatto perché i fondi scarseggeranno sempre di più», conclude il sindaco. Non manca però lo spirito comunitario: sabato 22 giugno i magdeleins si sono dati da fare per ripulire cinque frazioni del paese e la Pro loco, ai fornelli, ha garantito loro il meritato pranzo. ■ Danila Chenal

■ chatillon / Passaggio di consegne al vertice della Comunità montana Monte Cervino: da Marquis a Trèves

«Al lavoro per garantire un supporto reale ai comuni»

Stretta di mano tra l’uscente Pierluigi Marquis e il neo nominato Fabrizio Trèves, vicesindaco di Emarèse

Châtillon - Cambio al vertice della Comunità Montana Monte Cervino a seguito dell’elezione di Pierluigi Marquis in consiglio regionale. A sostituire l’assessore comunale di Saint-Vincent sarà Fabrizio Trèves, vice sindaco di Emarèse. Il passaggio di testimone è stato ufficializzato giovedì 27 nel corso della riunione del Consiglio dei Sindaci che si è espresso in maniera unanime sulla nomina del nuovo presidente. «Vorrei ringraziare tutti i componenti del Consiglio dei Sindaci e tutti gli uffici della Comuni-

tà montana – ha detto Marquis nel corso della riunione – per la collaborazione e il rispetto delle diverse realtà comunali dimostrato. Questo ultimo triennio ci ha visti impegnati, in un periodo di grandi tagli alle finanze regionali e comunali, a mantenere invariati i servizi alla popolazione senza andare a gravare ulteriormente sulle casse dei comuni. Questa esperienza, oltre a completare il mio percorso amministrativo a livello locale, mi ha permesso di capire le potenzialità offerte da un lavoro di squadra a livello sovra lo-

cale, nel quale la pianificazione delle risorse è di fondamentale importanza. Credo che sarà un bagaglio di esperienze utile qualunque sarà il ruolo che sarò chiamato a ricoprire». «Sono particolarmente grato per la fiducia conferitami – ha spiegato Trèves subito dopo la nomina – e sono consapevole di assumere questo incarico in un momento di grande difficoltà per gli Enti locali a causa di una crisi economica che ci impone un momento di riflessione in vista di un riordino delle realtà locali. Mi impegnerò per

un mantenimento dei servizi in un ottica di economicit�� per salvaguardare e tutelare le fasce deboli ed in questo senso sarà necessario affrontare scelte forti in termini di innovazione e riorganizzazione delle risorse finanziare e umane. Allo stesso modo vorrei però che potessero essere attivati anche nuovi servizi e funzioni di interesse anche di una sola parte dei comuni del territorio per garantire a tutte le realtà comunali una presenza e un supporto reale della Comunità Montana». ■ re.ga.


34

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T E C E RV I N O

lunedì 1 luglio 2013

■ chamois / Il sindaco Remo Ducly ha convocato un’assemblea pubblica per il 12 luglio

Petizione: no all’antenna sul municipio In 120 sono contrari al progetto sperimentale della Vodafone: temono l’inquinamento elettromagnetico di Alessandro BICH chamois - Chamois non vuole l’antenna. O, almeno, a non volerla sul tetto del municipio, sono i circa 120 firmatari che, con una petizione consegnata al sindaco Remo Ducly, chiedono che l’emettitore di segnale venga spostato rispetto all’ attuale progetto di installazione che la prevede sul tetto dell’edificio comunale. L’antenna della Vodafone fa parte del progetto, all’avanguardia in Italia, di sperimentare la tecnologia 4g su di un territorio di montagna, collegando l’intera regione con una rete capillare di emettitori. A Chamois l’opzione di posizionamento è caduta sul municipio, in quanto edificio centrale rispetto al nucleo abitativo e più semplice da individuare per quanto riguarda l’Inter burocratico del progetto. La scelta ha suscitato qualche perplessità dal punto di vista estetico, in quanto il manufatto si ergerebbe di circa tre metri dal tetto, incombendo su tutta la piazzetta, esteticamente molto pregevole. Ciò che però preoccupa di più i contrari al progetto è però il possibile inquinamento elettromagnetico. Dice Erik Lubrini, promotore dell’iniziativa: «Abbiamo presentato 122 firme, di cui 40 circa di residenti, raccolte in pochi giorni. L’amministrazione comunale è stata molto collaborativa, proponendoci un incontro con i tecnici Arpa e Vodafone». Prosegue: «Non siamo contrari alla struttura, e siamo consapevo-

li che intervenire su un processo già in corso sia spiacevole, ma chiediamo che vengano valutate ipotesi di allontanamento dell’antenna dalle abitazioni, anche al prezzo di maggiori costi di manutenzione da parte dell’azienda». Oltre alla vicinanza con le abitazioni i firmatari sono contrari a causa dell’impatto estetico della struttura. «Non solo - spiega ancora Lubrini -, temiamo anche che altri gestori telefonici possano richiedere analogo posizionamento dei propri apparati emittenti». Interpellato, il sindaco Ducly, conferma la disponibilità ad andare incontro ai cittadini: «Rimaniamo in attesa della riunione, che dovrebbe tenersi il 12 luglio; abbiamo stipulato un accordo di programma con Vodafone

Panoramica di Chamois con la piazzetta che è elemento di pregio

nel 2011allo scopo di favorire l’accesso alla banda larga a residenti e turisti, e confermo che l’impianto in oggetto è a servizio della sola comunità di Chamois». Continua il primo cittadino: «La scelta del tetto del municipio è dettata da sole ragio-

ni tecniche e consente di utilizzare potenze nettamente inferiori rispetto a una collocazione periferica, rientrando inoltre abbondantemente nei limiti di legge ora previsti». Precisa ancora Ducly: «Cambiare ubicazione ci farebbe perdere delle royalties

che potremmo utilizzare per la comunità, oltre a non garantire che l’antenna non venga posizionata sul tetto di un privato, in quanto la legge Gasparri consente ampia libertà alle aziende di telefonia nel posizionamento delle antenne». Sulle emissioni garantisce che «saranno attentamente monitorate dall’Arpa e non supereranno il tetto previsto nemmeno qualora altri gestori decidessero di installare ulteriori antenne sul nostro territorio». Dell’impatto estetico dice: «Siamo consapevoli che l’antenna non sia piacevole alla vista, ma la prospiciente stazione di partenza della funivie ha sul tetto numerosi apparati ad impatto negativo, purtroppo certi servizi richiedono scelte non sempre indenni da critiche».

Chambave

Flash

Debutta la rassegna Degustar leggendo Debutta nella serata di oggi, lunedì primo luglio, alle 21, la terza edizione di “Degustar leggendo”, la rassegna culturale estiva di Chambave, con degustazione di vini. Primo ospite del fitto calendario di iniziative della cooperativa vitivinicola La Crotta di Vegneron è il giornalista Rai e presidente di “Iran Human Rights Italia”, di cui è stato uno dei soci fondatori, Marco Curatolo che terrà la conferenza “Iran, la lunga notte dei diritti umani”. Il calice del pluripremiato vino Valle d’Aosta Chambave Muscat farà da coprotagonista.

Una giornata con i ragazzi di Ollignan Chamois - Una giornata speciale quella di martedì 25 per un gruppo di disabili della Cooperativa di Ollignan (foto) ospite dell’amministrazione comunale di Chamois. E’ stata una giornata di svago in compagnia dell’assessore comunale Paola Brunet, che ha organizzato l’incontro, e di alcuni membri dell’ Associazione Insieme a Chamois. «È da quasi un decennio che tutti gli nni si rinnova l’amicizia tra gli abitanti di Chamois e i ragazzi diversamente abili - racconta Brunet - ospiti della Fondazione che, nel corso degli anni, hanno partecipato a varie attività utili o ludiche a cominciare dal 2005, quando furono i protagonisti di una corvée memorabile. E’ questa la prima volta che si sono cimentati nella lunga passeggiata che unisce La Magdeleine al nostro paese: una camminata gioiosa e inframezzata di stupore per la bellezza dei paesaggi con il Cervino sullo sfondo e la ricchezza e varietà dei profumi e dei colori della flora spontanea». Dopo le fatiche il pranzo ristoratore Chez Pierina dove l’allegria l’ha fatta da padrona.

C O M U N I TÀ M O N TA NA

E VA N Ç O N

■ challand-st-anselme / Parte dell’avanzo di amministrazione destinato al progetto e alla possibile riduzione IMU

«La scuola è la sola nostra priorità» challand-st-anselme - Riduzione dell’Imu e fondo cassa per le scuole. Potrebbe avere il destino già segnato l’avanzo di amministrazione di 695 mila 615 euro fatto segnare dal comune di Challand-St-Anselme nel rendiconto 2012. L’assessore al bilancio Luca Gaspard fa dei distinguo: «L’avanzo di quest’anno è di 300 mila 352 euro, il rimanente della precedente annualità» e prosegue nel dettaglio: «Il risultato di questo avanzo di amministrazione è dovuto alla diminuzione delle spese correnti, all’incirca 250 mila euro di risparmio e 50 mila euro di economia negli investimenti». Il risparmio cospicuo riguarda le spese correnti, quindi il personale, le spese di rappresentanza, la cancelleria, l’illuminazione pubblica e il riscaldamento. Chiosa Gaspard: «Cerchiamo di capire la situazione dell’Imu e se non ci saranno manovre particolari da parte del governo centrale si potrà anche pensare di ridurre le aliquote dell’IMU».

Una fetta importante dell’avanzo sarà accantonata per il progetto delle scuole, come precisa l’assessore Gaspard: «Abbiamo utilizzato 31 mila euro e il resto si tiene da parte per il progetto della scuola. Per noi è la priorità». Si astiene la minoranza e Jean Voulaz

fa il punto sul patrimonio del comune che ammonta a 10 milioni 954 mila euro circa: «Come più volte segnalato, il conto del patrimonio andrebbe rivisto, in quanto contiene anche le poste relative ai beni di proprietà delle Consorterie». Ribatte il sindaco Riccardo Perret:

«Sono consapevole del fatto che le Consorterie non sono ufficialmente riconosciute, ho comunque provveduto ad effettuare un conteggio degli introiti incassati dalla vendita del legname, in gran parte provenienti da boschi delle Consorterie, che al netto del versamento

alla Regione destinato alle Migliorie boschive, saranno e sono stati destinati a interventi nei vari villaggi appartenenti alle stesse. E’ l’unica entrata che arriva dalle Consorterie, per il resto ci sono solo costi di gestione». Puntualizza Voulaz: «La richiesta per il rico-

noscimento è stata effettuato, ma è ferma lì». Il comune di Challand-Saint-Anselme infine come Challand-Saint-victor e Brusson aderisce al centro di conferimento attivato dal Comune di Ayas per i rifiuti speciali delle imprese. ■ te.ma.

■ champdepraz / Il paese si è stretto intorno ai familiari per la scomparsa di Dario Balme

Addio a uno dei papà della Festa dell’Unità Champdepraz - Uomo riservato, ma con la forza e la volontà di fare bene nella e per la sua comunità. Non servono tante parole per ricordare la figura del compianto Dario Balme, papà dell’assessore di Champdepraz Edy, scomparso la scorsa settimana. Nato ad Aosta e vissuto nel villaggio di Oley (Montjovet) fino a 17 anni, Dario Balme era poi emigrato in Francia e si era adeguato a fare qualsiasi lavoro. Dopo aver preso la decisione di tornare in Italia, ha lavorato come saldatore alla Guin-

zio Rossi di Verrès e tra i fondatori della Valsider (carpenteria). Negli anni ottanta ha lavorato sempre come saldatore, riuscendo però a mettersi in proprio e coronando un piccolo obiettivo. Ma Balme non si è fatto mancare niente,visto che qualche anno prima di andare in pensione ha anche lavorato nei cantieri forestali. Un uomo di poche parole, ma di forti azioni, soprattutto nella comunità. Ha fatto parte del direttivo della Pro schola (da quando era emigrante e poi anche quando è ritornato in Italia). Appassiona-

to di politica, militante del Pci, Dario Balme ha dato sfogo al suo credo diventando uno dei fondatori della Festa dell’Unità a Champdepraz, iniziativa questa cui teneva particolarmente. Non è mancato, infine, il suo apporto e il suo impegno anche nella polisportiva. Tante le dimostrazioni di affetto giunte ai familiari di Dario Balme, i cui funerali in forma civile si sono svolti mercoledì scorso. Lascia la moglie Olga Pernel e i figli Edy, Yuri, Ulof, Katuscia, Pascal e Sonia. ■ te.ma.


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

35

E VA N Ç O N

■ champdepraz / Nel borgo di Viéring, sabato sera, la sagra più dolce dell’estate

Mille bontà per tutti i gusti L’incasso - circa 14 mila euro - sarà devoluto all’associazione Autismo e ai Monelli dell’Arte

Alcuni componenti della banda di Issime

Teresa MARCHESE inviata nel borgo di Viéring champdepraz - 600 torte, 200 chili di pastella per le frittelle, cento litri di panna, un’infinità di bontà alla crema, al cioccolato, con la frutta fresca o secca, con la marmellata o la nutella, cialde, biscotti, deliziosi dolcetti. Numeri da capogiro per la sagra più dolce della nostra regione che sabato a Champdepraz ha vissuto la sua 14ª edizione. Lievemente in calo rispetto allo scorso anno l’incasso, circa 14 mila euro. Sabato sera, al lavoro, un esercito composto da 150 volontari, senza contare coloro che hanno contribuito alla logistica, i vigili del fuoco volontari e i volontari del soccorso; sottolinea la presidente della pro loco Mariella Saracino: «grazie a tutte quelle persone che hanno preparato le torte e le numerose altre bontà, dalle pasticcerie ai singoli pasticceri fino alle mamme, nonne e massaie; tutti sono importanti per aver contribuito alla buona riuscita della manifestazione; il ricavato sarà devoluto all’Ava, associazione valdostana autismo e ai Monelli dell’Arte. Tengo a ringraziare l’amministrazione comunale per il prezioso supporto che ci dà, tutti gli sponsor e la biblioteca di Issogne che da quattrodici anni partecipa attivamente. Non posso elencare tutti coloro a cui va il nostro grazie, perché sono veramente tanti». Il caratteristico borgo di Viéring anche quest’anno ha fatto il suo dovere, ospitando i tanti golosi all’assalto delle leccornie. Degna di nota anche la simpatica iniziativa della biblioteca di Champdepraz che ha organizzato un laboratorio di biscotti al quale hanno partecipato numerosi piccoli aspiranti pasticceri, pienamente soddisfatti per i vassoi rapidamente svuotati la sera della sagra.

Piccola, bellissima e golosa!

Una coppia di sorridenti golosi

Gli addetti alle richiestissime frittelle

Un gruppo di amici golosi

Barbara Gatti Gli Alpini hanno servito il caffè

Angelo, addeto alle frittelle

Cedric con mamma Brunella

Torte di mele e frutta fresca

Silvia e Sandro

Che buone le crêpes!


36

C O M U N I TÀ M O N TA NA

E VA N Ç O N

lunedì 1 luglio 2013

■ issogne / Oltre 4mila visitatatori all’ottava edizione del motoraduno Castagneti bikers

La Harley aspetta il suo biker Non è ancora stata rivendicata la fiammante 883-R vinta dal biglietto numero 1.399 issogne - Aspetta il suo nuovo proprietario la fiammante Harley Davidson 883-R, primo premio in palio alla lotteria dell’ottavo motoraduno Castagneti Bikers. «Chi ha il biglietto vincente, il 1.399, può ritirare il premio al bar Luana di Saint-Christophe - spiega Graziano Nicoletta, tra gli organizzatori. Ci sono trenta giorni di tempo». Le bizzarrie di questa pazza meteo hanno condizionato un po’ le presenze, ma il bilancio della kermesse è comunque soddisfacente; «abbiamo servito almeno 2500 persone, credo che nei tre giorni di manifestazione abbiamo richiamato oltre 4 mila persone, forse un po’ meno rispetto alloscorso

Giornate di duro lavoro per lo staff dei Castagneti bikers

anno, ma abbiamo comunque lavorato bene, offrendo qualche novità e gli appun-

tamenti tradizionali». Turisti? «Direi che l’80% dei visitato-

ri sono bikers di fuori Valle, francesi, svizzeri, ma anche tedeschi e austriaci. A gen-

naio abbiamo partecipato a Verona a una importante fiera, il Motor Bike Expo, dove abbiamo conosciuto tante persone e stretto contatti. Ne abbiamo avuto un ottimo ritorno». La ricetta del successo è quella riproposta ogni anno, con qualche piccola novità; «quest’anno abbiamo aggiunto qualche intrattenimento musicale; il motogiro fino al ca-

stello Baron Gamba è stato apprezzato così come i concerti serali. A ogni biker che si rispetti non può mancare una birra - commenta Nicoletta - e così abbiamo cercato di dare spazio ai prodotti di casa nostra, offrendo le ottime Bières du Gran San Bernard». Appuntamento al prossimo anno. ■ c.t.

(Fotoservizio Fabrizio Leonarduzzi)

notizie in breve Verrès: due giorni di festa dei paracadutisti Festa dei paracadutisti della valle d’Aosta sabato 6 e domenica 7 luglio a Verrès. Il programma prevede alle 8.30 l’alzabandiera presso espace loisir ‘Marino Massa’; alle 9 l’arrivo dei partecipanti; alle12 pranzo con spaghettata. Alle 14 partenza per Cervinia. Alle 15 arrivo e inizio sfilata. Alle 16 la commemorazione dei Caduti del Monte Cervino seguita dalla cerimonia di gemellaggio tra ANPI Valle d’Aosta e Reggimento Alpini Paracadutisti Monte Cervino. Alle 17 rinfresco e alle 20 grigliata tra paracadutisti presso espace loisir ‘Marino Massa’. I festeggiamenti continueranno domenica 7 luglio. Alle 8.30 alzabandiera presso espace loisir ed eventuale lancio di paracadutisti al campo sportivo. Alle 10.15 Santa messa al campo. Alle 11 deposizione corona al monumento ai Caduti e al monumento ai paracadutisti. Alle 12.30 pranzo del paracadutista. Alle 18.30 la kermesse si concluderà con l’ammainabandiera. Brusson: corso di arrampicata C’è tempo ancora fino a oggi , lunedì 1°luglio,per le iscrizioni al corso di arrampicata organizzato dalla biblioteca di Brusson e rivolto ai bambini dai 6 ai 14 anni. Il primo incontro si svolgerà lunedì 8 luglio. Il ritrovo per la prima lezione è fissato alla torre di arrampicata al Laghetto. Le altre lezioni si svolgeranno mercoledì 10 luglio, lunedì 15 luglio e mercoledì 17 luglio. Costo ( in base al numero di partecipanti) parte da un minimo di ottanta euro fino a un massimo di 136 euro. Per informazioni telefonare al numero 0125.301004.


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

37

E VA N Ç O N

■ challand-st-anselme / Sabato 6 e domenica 7 luglio la terza edizione della sagra

La Fehta da Tchivra pronta a calare il tris challand-st-anselme - «Stiamo lavorando a questa manifestazione praticamente da otto mesi ed è normale che ci aspettiamo un buon riscontro da parte del pubblico». Cresce l’attesa per la 3ª Fehta da Tchivra, organizzata per sabato 6 e domenica 7 luglio dalla Pro loco di ChallandSt-Anselme e dall’assessorato regionale all’Agricoltura, in collaborazione con l’AREV sezione ovi-caprina. «Quest’anno abbiamo curato particolarmente la parte gastronomica - spiega Sonia Marchese, presidente

della Pro loco -, ma non abbiamo tralasciato le altre sfaccettature della sagra, dal logo realizzato dalla grafica Silvia Bianchetti, fino all’aspetto più ludico dedicato ai più piccoli». L’inizio è fissato per sabato 6 luglio alle 16, con il laboratorio didattico “Dal latte al formaggio passando per la mungitura” curato dall’azienda di Graziella Vuillermin di Arnad, e che si svolgerà nell’area adiacente al padiglione comunale. Rivolto ai bambini, il laboratorio prevede una parte dimostrativa

e una pratica, che porteranno i piccoli partecipanti a realizzare un formaggio. Il tutto, con la possibilità anche di mungere le caprette. Alle 18, verrà inaugurata l’esposizione dei lavori sul tema del “Mondo delle capre”, eseguiti durante l’anno scolastico, dai bambini della scuola dell’infanzia e della scuola primaria di Challand-St-Anselme. Sempre alle 18, verrà presentato il libro di Marzi Verona “Di questo lavoro mi piace tutto”, dedicato al mondo dei giovani allevatori. A seguire, arriverà il

tanto atteso momento dell’apertura del ristorante, con lo chef Ernesto Sarteur che preparerà specialità a base di carne e formaggi di capra, ma non solo. E per la serata, spazio alla musica, con l’Orchestra Gruppo Tre. La giornata di domenica 7 si aprirà già al mattino, con il salone comunale che ospiterà la 5ª edizione del Concorso regionale di Formaggi caprini a cura dell’Arev. Dalle 9 partirà anche il mercatino di prodotti tipici (e non), ospitato dal padiglione. AperArev farà la sua en-

Non mancheranno le batailles des chèvres

trata in scena alle 11, con tanto di banchetto che farà da apripista al pranzo a tema, previsto per le 12.30. Nel pomeriggio, infine, spazio dedicato alla petite bataille des chèvres (curata dall’Association Comité Régional Batailles des Chèvres)

cui farà seguito la premiazione e l’ufficializzazione dei risultati del concorso regionale di formaggi di capra. Il gran finale è per le 21, con lo spettacolo di cabaret a cura di Franco Millet. ■ al.bi.

■ montjovet / Il grande fratello attivato nel giro di una decina di giorni; una dozzina le telecamere nei punti critici

Conto alla rovescia per la videosorveglianza Approvato anche il piano colore prendendo spunto da Bourg, Ghirardi: «Vogliamo evitare “pugni in un occhio”» montjovet - Conto alla rovescia per la videosorveglianza iniziato e piano colore per il borgo approvato. Questi i temi caldi del consiglio comunale di Montjovet, che giovedì 27 giugno ha anche approvato il rendiconto 2012, chiuso su un pareggio a quota 4.5 milioni, con 270 mila euro di avanzo di amministrazione. «Nonostante tutti i tagli siamo riusciti a far quadrare i conti - spiega il sindaco Rinaldo Ghirardi - ottenendo il 90% degli obiettivi che ci eravamo prefissati. Purtroppo l’avanzo è bloccato dal patto di stabilità, ma vediamo se a breve si muove qualcosa; siamo solo contenti di essere riu-

bilità». Piano colore

Uno scorcio della frazione di Bourg; a destra il sindaco Rinaldo Ghirardi

sciti a non mettere le mani sulle spese per scuolabus e mensa scolastica». Videosorveglianza

Approvato il regolamento in Consiglio, è prevista entro una decina di giorni l’attivazione della videosorveglianza, come confer-

■ arnad / Undicesima edizione di Veillà en Veulla; contestualmente il raduno di camper

La tradizione torna in primo piano

Si prospetta un weekend impegnativo per volontari e Pro loco di Arnad

Arnad - «Abbiamo voluto dedicare maggiore spazio alla rappresentazione dei mestieri, per mettere finalmente in risalto il vero valore della veillà e ridare un posto di primo piano alla tradizione». E’ ottimista il presidente della Pro loco di Arnad, Andrea Laurent, in vista dell’undicesima edizione della Veillà en Veulla, che andrà in scena sabato 6 luglio, a partire dalle 17, nelle località di Ville, Pied de Ville e Prouve. «Abbiamo deciso di togliere il ristorante e di piazzare nove punti punti di degustazione - continua Laurent -, così la gente potrà girare più liberamente e godersi lo spettacolo degli antichi lavori. Lavori che terranno impegnati bene 35 “figuranti”, che si vanno ad aggiungere ai tantissimi volon-

tari che ci daranno una mano in questa intensa giornata». Giornata che vedrà parte dell’affluenza costituita dal raduno di camper previsto in zona: «E’ un’ulteriore spinta a fare bene - conclude Andrea Laurent -; speriamo solo che finalmente il tempo ci assista, vista la pioggia che ha caratterizzato tutti i nostri ultimi appuntamenti». Raduno dei camper Arnad sarà anche patria dei camper. Da giovedì a domenica 7 luglio, infatti, il comune arnayot sarà la meta del primo raduno “Inizio estate in Valle d’Aosta”, organizzato dal camper club La Granda in collaborazione con amministrazione comunale, Regione e Pro loco. L’inizio è previsto per le 14 di giovedì, con l’appro-

do nell’area del raduno, per partire con una biciclettata alla scoperta del paese. Venerdì 5 luglio, sono in programma passeggiate alla scoperta di Arnad, con la possibilità di visitare il salumificio Bertolin, il caseificio Evançon e l’azienda vitivinicola La Kiuva. In serata, via all’intrattenimento del Gruppo Pifferi e Tamburi di Arnad. Sabato 6, i partecipanti saranno ancora in giro per il paese, alla scoperta di Château Vallaise e di altre bellezze della zona, come il santuario mariano di Notre Dame des Neiges, in attesa di partecipare alla Veillà en Veulla della sera. La domenica si concluderà con l’immancabile aperitivo delle 12.30 e la conseguente partenza. ■ al.bi.

ma Ghirardi. «Le telecamere entreranno in funzione a breve e saranno una dozzina, piazzate nei punti più sensibili, per un costo to-

tale di 40 mila euro. Ci saranno punti di osservazione, ad esempio, davanti al municipio e all’area sportiva; sono zone centrali, di passaggio ed è un bene che vengano controllate. Puntiamo sul controllo del territorio, ma non disdegnamo un’occhiata alla via-

La seduta consiliare ha visto anche l’approvazione del piano colore per il paese. «Abbiamo preso spunto dal villaggio di Bourg per stilare una sorta di tavolozza di colori che i cittadini potranno utilizzare per ridipingere, eventualmente, le case - chiosa Rinaldo Ghirardi -. Daremo dei codici agli interessati e i colori dovranno essere solamente quelli indicati. Vogliamo creare uniformità ed evitare “pugni in un occhio”; penso che la bellezza di un paese passi anche da questo». ■ Alessandro Bianchet


38

lunedĂŹ 1 luglio 2013


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

39

E VA N Ç O N

■ MONTJOVET / Appuntamento speciale con la 4ª edizione; Desmo VdA: «Ducati ci ha riconosciuti ufficialmente»

Scaldate i motori, arriva la Desmogrigliata MONTJOVET - «Finalmente quest’anno abbiamo coronato il nostro sogno, il riconoscimento ufficiale da parte di Ducati». E’ raggiante Gianluca Calabrò, presidente di Desmo VdA, nel presentare la Desmogrigliata, appuntamento riservato a tutti i ducatisti e non solo che andrà in scena sabato 6 e domenica 7 luglio tra Aosta e Montjovet, grazie all’appoggio della locale Pro loco. «Siamo nati nel 2010 e dopo tre anni abbiamo ottenuto i frutti del nostro lavoro – continua Calabrò -. Contiamo circa una novantina di iscritti e quest’anno riproponiamo l’appuntamento con la grigliata per la quarta volta. Dopo

l’esordio del 2010 con circa 80 moto, abbiamo capito di avere un ritorno e ci abbiamo riprovato, raggiungendo i 180 mezzi nel 2011 e i 200 iscritti (poi dimezzati dalla pioggia) nel 2012. Quest’anno saremo sicuramente più di un centinaio». Oltre a Gianluca Calabrò, il direttivo di DesmoVdA è composto da Didier Viérin (vice presidente), Stefano Corgner (tesoriere), Alessandro Benvenuto (segretario), Daniele Vivenzio (consigliere) e Alberto Andreetto (responsabile sezione pista). Ma veniamo al programma della 4ª Demsogrigliata, che darà anche la possibilità di provare la Ducati Mul-

tistrada insieme ai nuovi bolidi 2013. Si parte sabato 6 con l’aperitivo, dalle 18, al Gekoo di Aosta. La giornata di domenica, invece, comincerà alle 9, con l’accoglienza dei motociclisti e le iscrizioni presso il Café de la Moto di località Amerique a Quart. Dalle 11.30 alle 13 ci sarà il giro turistico, mentre alle 13.30 comincerà la Desmo grigliata a Montjovet. La giornata si chiuderà con il sound contest e le premiazioni. Per le iscrizioni è possibile prenotare entro il 3 luglio contattando il 3451685741, info@desmovda.com o collegarsi a www.desmovda.com. ■ al.bi.

Il direttivo di DesmoVdA

■ VERRES / La minoranza attacca la Giunta sui costi di gestione; Mello Sartor: «Per noi è importante»

Giù le mani dal centro medico, è un servizio Polemiche per l’ex area Balzano; cancellata la pagina Facebook delle politiche giovanili Teresa MARCHESE Inviata a Verrès VERRES - Facebook, il centro medico e l’area ex Balzano al centro dell’acceso dibattito consiliare mercoledì 26 giugno a Verrès. In merito al centro medico, alla minoranza consiliare non va giù il fatto che «la quota pro capite a medico sia di 28.40 euro. Importo non congruo con le quotazioni di mercato che riguardano le locazioni». Snocciola qualche dato da la minoranza : «Ben 14mila179 euro per il riscaldamento, 3 mila 768 per l’energia elettrica e 339 per l’acqua. Per un totale di 18 mila euro circa, di cui 10 mila per la parte della struttura riservata ai medici. Tutto a carico dell’amministrazione, compresi i 12 mila euro per le spese di acqua, gas ed energia elettrica. La quota di canone annuo incassata dal comune, invece, è di 1.704 euro, pari a 142 euro al mese che ripartita sui cinque medici fa appunto

Il sindaco di Verrès. Luigi Mello Sartor con gli Alpini e l’assegno per l’acquisto dei defibrillatori

28.40». Ma il sindaco Mello rimane fermo sui passi intrapresi dalla passata amministrazione e puntualizza. «Il Comune non ha mai affittato quei locali al centro medico, noi copriamo solo i costi di gestione. Per Verrès quel centro è un prestigio e abbiamo la possibilità di dare un servizio continuo alla popolazione. Pertanto respingiamo la mo-

zione». L’area ex Balzano torna, invece, di attualità dopo la discussione del consiglio precedente: «Se l’Amministrazione in carica ritiene utile garantire al comune di Verrès un’area industriale per garantire uno sviluppo occupazionale - chiosa la minoranza , necessita che la stessa al fine di salvaguardare rilevanti interessi economico-

sociali richieda all’amministrazione Regionale di procedere con l’attuazione di interventi per quanto di competenza della stessa (argini, ponti, scolmatori) idonei a rendere ammissibili interventi nell’area D2». Affonda il colpo il consigliere di opposizione Elvis Francisco: «Non vi state muovendo in quella direzione. Siamo preoccupati

per il futuro industriale di Verrès». Non le manda a dire Mello Sartor: «Lei vuole solo mettere i bastoni fra le ruote. Al momento non c’è alcun progetto. Non corro per la Lavazza. Lei (rifendosi al consigliere Francisco n.d.r.) vuole tranciare un eventuale insediamento». La discussione rovente passa poi sulla pagina Facebook “Politiche giovanili

di Verrès”. Marilena Belotti legge su una lettera inviata anonimamente il post, pubblicato sulla pagina e rapidamente rimosso, in merito ai risultati delle ultime elezioni regionali: «In quel post c’erano minacce. Se è una pagina istituzionale del comune di Verrès, la nostra minoranza si dissocia». Prende la parola il vice sindaco Stefano Giovanzana: «Avevamo parlato in commissione della volontà di aprire una pagina Facebook e la commissione ha accettato. Evangelisti e io ne siamo gli amministratori. In seguito alla vicenda del post, la pagina è stata rimossa e provvederemo ad aprirne un’altra inserendo dei filtri». Prima della seduta consiliare il gruppo alpini verrezziese ha consegnato un assegno di 5 mila 392 euro all’amministrazione comunale per l’acquisto di tre defibrillatori, che andranno ad aggiungersi a quello già comprato e ubicato in piscina.

■ BRUSSON / Investiti 25 mila euro di avanzo; salutano Gerandin e Garda ■ CHALLAND-ST-VICTOR / Insieme all’area manifestazioni saranno finanziati dalla Regione

Il Consiglio cala l’asso sul Turismo Parcheggio e area pic-nic per le cascate

Giulio Grosjacques

Elso Gerandin

BRUSSON - Rilancio del turismo, poi spazio alle emozioni degli adii. Ha riservato momenti importanti il consiglio comunale di Brusson, che ha approvato il rendiconto 2012, chiuso con un avanzo di amministrazione di circa 239 mila euro. Precisa il primo cittadino Giulio Grosjacques. «Ben 87.413 euro di avanzo sono stati applicati alla prima annualità del bilancio di previsione 2013/2015 per il finanziamento di interventi in conto investimenti». Entra nei dettagli Grosjacques: «Di concerto con l’assessore al Turismo Tiziana Thiebat, abbiamo evidenziato la necessità di disporre di maggiori risorse a finanziamento delle iniziative e attività finalizzate allo sviluppo turistico, quantificate in 25 mila euro e propor-

re l’applicazione di pari quota di avanzo di amministrazione non vincolato. Questo per dare un segnale positivo all’imprenditoria turistica in un momento di difficoltà economica. Auspichiamo che le iniziative che verranno intraprese servano a mantenere l’utenza turistica e invogliarla per i prossimi anni». Poi è giunto il momento dei saluti da parte di Alex Garda, che lascia dopo l’assunzione come guardia forestale, ed Elso Gerandin, eletto in consiglio regionale. Il neo consigliere si è congedato facendo un excursus della sua vita da amministratore: «Sono contento di aver vissuto per tanto a contatto con il territorio e con i miei compaesani». ■ te.ma.

Alex Garda

CHALLAND-ST-VICTOR - E’ pari a 846 mila euro l’avanzo di amministrazione del comune di Challand-SaintVictor. L’importo non vincolato è di 435 mila euro. Ma come aveva già anticipato alla presentazione del bilancio di previsione, il sindaco Gabriella Minuzzo puntualizza. «Non verranno destinati grossi importi per grandi opere al momento. Quindi saranno eseguiti interventi vari, parteciperemo con una quota ai progetti Gal e 150 mila eu-

VERRES

Non solo musica, la Pro loco rilancia VERRES - Non solo concerto. Provano infatti a calare l’asso e fare il colpaccio la Pro loco e l’amministrazione comunale di Verrès. Venerdì 5 luglio, a partire dalle 18, il castello verrezziese ospiterà infatti l’esibizione di Simone Cristicchi, nell’ambito di Musicastelle in Blue e Outdoor. La serata di festa, però, non si concluderà di certo con l’esibizione dell’artista romano, visto che dalle 20 il centro storico si animerà con musica, balli tradizionali, menù turistici e con tanto di attività commerciali aperte. Insomma, una sorta di anticipazione della notte bianca, che andrà in scena in tutto il suo splendore dalle 17.30 di sabato 13 luglio, ancora grazie all’organizzazione della Pro loco.

E’ in programma un parcheggio per accedere meglio alle cascate di Isollaz

ro saranno destinati agli asfalti e alle manutenzioni delle strade». Il risparmio consistente riguarda il progetto dell’area delle manifestazioni. «Avevamo accantonato dei soldi, ma questa opera viene finanziata dall’amministrazione regionale, quindi l’accantonamento fatto può essere utilizzato per altri interventi. Inoltre c’è stato un buon risparmio sulle spese correnti e naturalmente sul personale». E’ soddisfatta Gabriella Minuzzo. «Questo avanzo è segno di una buona gestione da parte dell’ente comunale. Per ora portiamo avanti i progetti che abbiamo in corso, ma non è detto che non pensia-

mo ad altri investimenti». Oltre all’area delle manifestazioni, nel comune di Challand-Saint-Victor c’è in programma la realizzazione di un parcheggio e di un’area di sosta per coloro che vogliono recarsi alle cascate di Isollaz, ne parla con orgoglio Minuzzo: «Anche questo intervento sarà a cura dell’amministrazione regionale. Molto utile per i visitatori delle cascate il parcheggio, ma anche l’area sosta o meglio area pic-nic che permetterà ai nostri di visitatori di godere del panorama naturalistico che offre il nostro paese. I lavori dovrebbero iniziare in estate». ■ te.ma.


40

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T RO S E

lunedì 1 luglio 2013

■ EVENTI / Pronti gli appuntamenti per l’estate nei comuni di Champorcher, Hône e Pontboset tra sport, patronali e cultura

Altro che stallo, la Valle di Champorcher cala un ricco programma CHAMPORCHER - Si era parlato di un periodo di stallo, con il solo comune di Hône a portare avanti con efficacia il progetto, ma stando a vedere la montagna di appuntamenti estivi, pare proprio che il progetto “Valle di Champorcher”, che mette assieme Hône, Pontboset e Champorcher, stia riprendendo pian piano quota. Tante attività per bambini, il freschissimo raduno della protezione civile, il ritorno della Festa del Sargnun e l’appro-

do di una tappa del Giro della Valle di ciclismo sono solo alcuni degli eventi che caratterizzano l’estate delle tre località “sorelle”. Champorcher La parte del leone è giocata da Champorcher, che giovedì 11 luglio ospiterà l’arrivo della seconda tappa del Giro della Valle. Domenica 14 tocca a Champorcher Narra, una manifestazione per i più piccoli che potranno godersi fantastiche letture negli angoli

più suggestivi del paese. Sabato 20, il padiglione della Pineta ospiterà il gemellaggio con Fagnano, con tanto di pranzo preparato dalla Pro loco. Domenica 21 luglio ci sarà la Festa annuale del gruppo alpini, mentre sabato 27 e domenica 28 il Foyer de Fond ospiterà Champorcetto, torneo di calcio a 5. Agosto si aprirà, sabato 3, con la Festa del pane nero tra le vie di frazione Mellier, mentre da martedì 13 decollerà la tanto attesa Festa del Sargnun, che dopo

due giorni di pantagrueliche mangiate lascerà spazio, venerdì 16, alla Festa dello sport, con tutti gli atleti di Champorcher. E poi tanti altri appuntamenti, tra cultura, escursioni e manifestazioni ludico-sportive. Hône Anche Hône non si tira indietro, presetando da venerdì 5 a sabato 7 luglio la Festa patronale di Biel. Venerdì 12 luglio si correrà la 10ª corsa podistica di San Giorgio, seguita da gri-

gliata e musica, mentre dal 19 al 21 luglio si terrà la Patronale di Courtil. Luglio si concluderà, martedì 30, con la Patronale di Pourcil, mentre sabato 3 e domenica 4 agosto si svolgerà il primo torneo di Green Volley 3vs3. E poi via con tanta musica, esibizioni teatrali e cultura, fino a giungere alle Festa di inizio anno scolastico dell’8 settembre. Pontboset Chiudiamo la carrellata con Pontboset, che comincerà la

sua “avventura” estiva con la visitazione a Retempio. Sabato 13 e domenica 14 luglio, invece, spazio all’arte e all’artigianato con la manifestazione “Scultura dal vivo”, organizzata dall’associazione 4 Communes. Sabato 17 agosto, poi, si torna a Retempio per la Festa di San Rocco, in attesa di mettere in piedi un punto di ristoro in località Capoluogo in vista del Passaggio del Tor des Géants. ■ al.bi.

■ DONNAS / Minoranza all’attacco per la modifica dello statuto comunale, che prevede quattro componenti della Giunta

«Il voto del sindaco vale doppio come per i potestà»

Marra e Maolet formano un gruppo consiliare a parte: «Rivendichiamo maggiore partecipazione» DONNAS - Continua a respirarsi un clima non proprio idilliaco tra i banchi del consiglio comunale di Donnas, dove nella seduta di giovedì si sono registrati altri momenti di tensione tra maggioranza e opposizione, con un comunicato della minoranza in cui si ribadiva la contrarietà alla proposta di modifica dello statuto. «La formazione di un nuovo movimento politico come l’UVP ha mutato lo scenario della maggioranza - è scritto nel comunicato letto da Mario Boschetti -. Certamente porterà nuovi stimoli al dibattito. Se la riduzione a quattro del numero dei componenti della Giunta ci trova concordi, ciò che non possia-

mo condividere è la proposta di modifica dello statuto che dà doppia valenza al voto del Sindaco rispetto agli altri uomini della giunta. Non vediamo alcun motivo per assegnare al sindaco questo ulteriore incremento di potere. Ci stupisce che forze progressiste come PD e UVP diano appoggio a questo. Indubbiamente gli accordi vanno rispettati, ma a condizione che non vengano meno i valori fondanti tali patti. Abbiamo fatto una ricerca su quanti municipi prevedano un super voto per il Sindaco. Bisogna andare molto indietro nel tempo; si chiamava potestà ed era di nomina regia; era il periodo fascista». A simile denuncia la

Donnas: l’estate ragazzi si congeda con una grande festa

Il balletto a sorpresa con cui si è chiusa l’estate ragazzi

DONNAS - Un grande e commovente saluto è andato in scena venerdì scorso all’Oratorio interparrocchiale Giovanni Paolo II di Donnas dopo i dodici giorni di “E...state insieme”, trascorsi insieme tra giochi divertenti, momenti di riflessione, bagni in piscina e grandi mangiate in compagnia. Una serata conclusiva prima della pausa estiva in cui ragazzi, animatori, genitori e organizzatori si sono trovati tutti insieme a tavola a gustare deliziose costine e salamelle facendosi i saluti per la fine di una ennesima bellissima esperienza di oratorio. Oltre duecento ragazzi, una cinquantina di animatori pronti a tutto, numerosi cuochi, un campetto da calcio, un capannone che ha protetto dalla pioggia e tanta, tanta voglia di fare e di divertirsi sono stati il segreto e gli ingredienti di tanto successo. Durante la serata il corpo di ballo dell’Oratorio (completamente autorganizzato dai ragazzi stessi) ha voluto salutare i numerosi presenti con un balletto a sorpresa, con musiche moderne e allegre che hanno movimentato la serata. Al termine, Bruno Genestretti, componente dello staff, con parole commoventi ha voluto premiare i vari volontari che per tutta la durata del centro estivo hanno dedicato del tempo per la riuscita della manifestazione. Genestretti riassume così l’esperienza: «Sono state due bellissime settimane, dure, intense e faticose, un successo dovuto soprattutto alla collaborazione di tutti, dei ragazzi che hanno aiutato gli adulti e degli adulti che si sono messi a disposizione dei ragazzi - spiega -. Alla faccia di chi dice che i ragazzi di oggi non hanno voglia di fare…questa ne è la dimostrazione». Ed infine tutti a giocare e ballare nuovamente insieme tra qualche gelato, qualche gavettone, molti sorrisi e qualche lacrimuccia per un’esperienza che ogni anno lascia un segno indimenticabile. E prima di lasciarsi tutti insieme per un «Grazie all’Oratorio interparrocchiale Giovanni Paolo II di Donnas». ■ Maurizio Pitti

Mario Boschetti

Fabio Marra

maggioranza non ha dato seguito, evitando repliche che avrebbero acceso ulteriori polemiche. Se i rapporti con la minoranza continuano in un clima di tensione, la maggioranza che sostiene il sindaco

Amedeo Follioley, ha anche dovuto prendere atto della formazione di un nuovo gruppo consigliare. Fabio Marra e Francesco Maolet hanno infatti comunicato ufficialmente la costituzione del gruppo

UVP. Con una lettera al sindaco spiegano i motivi di tale decisione: «Un progetto chiaro, le volontà e le passioni dei singoli ed una chiara e forte richiesta di cambiamento e di rilancio del paese hanno portato alla vittoria nel 2010 della lista “Un pays à vivre” si legge nel documento -. Un cambiamento ed un rilancio che non si è concretizzato per l’atteggiamento d’imposizione della Regione (…) Suscitano inoltre perplessità alcune scelte dell’Amministrazione in materia di appalti (…). Si è rilevata quindi la necessità dei consiglieri Fabio Marra e Francesco Maolet di unirsi in un nuovo gruppo consiliare per rimarcare la scelta. (...) Non si

vuole disconoscere un’alleanza che ha contribuito alla vittoria elettorale tuttavia, si rivendica un ruolo di maggiore partecipazione e coinvolgimento soprattutto nelle decisioni e nelle scelte, visto che la conseguenza naturale sarà quella di assumere responsabilità che vedranno tutti colpevoli o innocenti agli occhi del paese». Insomma, per il Sindaco Amedeo Follioley e per la sua maggioranza ci sarà da lavorare per riuscire ad evitare le polemiche e per riportare quel clima di serenità e collaborazione che possa far si di andare avanti a parlare e a risolvere i problemi reali e concreti del paese. ■ a.i.

■ FONTAINEMORE / Scorpacciata di manifestazioni in attesa di celebrare il mirtillo e i piccoli frutti

La Festa di inizio estate per partire col botto FONTAINEMORE - La mostra ‘Eterna Leggenda’, dedicata al Grande Torino, e aperta fino al 7 luglio; la festa di inizio estate, ospitata sabato scorso a Coumarial, con tanto di passeggiata e cena in alpeggio; infine il weekend “Scultura dal vivo”, andato in scena nel capoluogo, con l’organizzazione dell’Associazione 4 Communes, scultori a lavorare “in diretta” e mercatino dei prodotti enogastronomici del territorio. E’ iniziata col botto l’estate di Fontainemore, con l’amministrazione comunale, la Riserva naturale del Mont Mars e le associazioni del territorio che per questo 2013 hanno messo in cantiere un lunghissimo programma di manifestazioni per rilanciare il turismo estivo, dopo un inverno penalizzato dal tardivo arrivo della neve. Natura, fotografia, cultura, mostre ed enogastronomia. Sono le linee guida di un programma che dopo l’apertura, ospiterà domenica 7 luglio “La Festa della Riserva Naturale del Mont Mars”, con tanto di gior-

I partecipanti alla salita all’Alpe Leretta e i musicisti all’agriturismo Le Soleil

nata al lago della Balma. Spiccano la presentazione del nuovo libro di Alexis Betemps “Erbario della Valle d’Aosta” (sabato 13 luglio) e “Dalle stelle alle stalle” (escursione guidata con cena rustica all’Alpe Leretta, sabato 25 luglio. Le foto qui sopra si riferiscono all’iniziativa di sabato 29 giugno con passeggiata lungo il bosco di Pian Fountana fino ai 1800 metri dell’Alpe Leretta seguita da cena rustica al-

l’agriturismo Le Soleil e intrattenimento con musica tradizionale e strumenti antichi delle Alpi con Rinaldo Doro. Durante la discesa verso Courmarial, la guida naturalistica Roberto Giunta, esperto di astronomia, ha raccontato di stelle e mitologia legata agli astri). L’appuntamento clou è sabato 27 luglio, quando andrà in scena Fontainemusique, giornata ricca di musica e balli folk con un occhio di

LILLIANES

Ghiaccio e smottamenti: 400 mila euro per risolvere LILLIANES - Oltre 400 mila euro, con il 95% dell’importo coperto dall’amministrazione Regionale nell’ambito della legge 5. E’ questa la portata dei lavori di raccolta e regimazione delle acque lungo la strada comunale per le località Vers-Barottaz, Les Tournons e Les Courts, che dovrebbero partire presumibilmente in autunno a Lillianes. «L’intervento riguarda una zona in cui, quando ci sono precipitazioni copiose, vengono sempre a crearsi problemi e disagi - spiega il sindaco Daniele De Giorgis (foto) -.

In questo tratto avvengono spesso dei piccoli smottamenti in queste occasioni e l’acqua a volte invade gli orti, i terreni e le abitazioni sottostanti. Il problema maggiore, però, si verifica in inverno, quando sulla strada si formano dei lastroni di ghiaccio che apportano gravi conseguenze alla circolazione». Il lavoro, insomma, è di quelli non più rinviabili. «Convogliando bene le acque andremo a risolvere questo problema e ne guadagnerà tutto il paese» conclude soddisfatto De Giorgis.

riguardo ai prodotti sostenibili di montagna. Per l’occasione, è prevista anche la possibiltà di pernottare in tenda nella zona di Coumarial. Il mese di agosto sarà caratterizzato da una grande varietà di escursioni guidate nei territori della Riserva naturale del Mont Mars. Ma non solo, con la cultura che si ritaglierà il suo spazio, visto che dal 4 al 25 agosto, il Centro visitatori ospiterà la mostra fotografica “La Capra nelle quattro stagioni”. Sempre il 4 la giornata sarà dedicata alla scoperta del villaggio di Farettaz, mentre il 9 prenderà il via la rassegna ‘Aperitivo con...’ aperta da Claudio Bastrentaz, che sarà poi seguito, sempre al centro visitatori, dalla banda di Châtillon (23 Agosto) e dai Pifferi e Tamburi di Arnad (30 Agosto). Mentre San Lorenzo sarà festeggiato con una serata in alpeggio, la Pro loco scalderà i motori per regalare una grande edizione di “Euna Neuit a Boure de Gris”, serata gastronomica che andrà in scena lunedì 12. A Ferragosto ci sarà la grande Polentata, mentre sabato 17 tornerà l’ormai immancabile appuntamento con la Sagra del Mirtillo. ■ al.bi.


lunedì 1 luglio 2013

C O M U N I TÀ M O N TA NA

M O N T RO S E

PONT-ST-MARTIN

41 MONT ROSE

San Lorenzo s’ha da fare, o il Carnevale ne risente

Scattano i controlli per i “furbetti” della differenziata

PONT-ST-MARTIN - Che sia a rischio anche il Carnevale oltre alla Patronale di San Lorenzo? Questa per ora è solamente una boutade, ma se anche la seconda assemblea della Pro loco di Pont-St-Martin andrà a vuoto, questo scenario potrebbe iniziare a delinearsi. Infatti c’è stato un nulla di fatto nella prima riunione, andata in scena lunedì 24 giugno. «Effettivamente oltre ai componenti del gruppo uscente c’erano solamente altre due persone - spiega il presidente dimissionario Battista Enrietti -. Non è facile, anche perché è dif-

PONT-ST-MARTIN - Una campagna di sensibilizzazione mirata a correggere gli errori in materia di differenziazione dei rifiuti. Questa l’iniziativa messa in piedi dalla comunità montana Mont Rose, in collaborazione con Quendoz Srl. e Achab Group. In tutti i comuni della Mont Rose, infatti, a partire dal mese di luglio, ispettori autorizzati controlleranno a campione le raccolte differenziate e non, per verificare e cercare di diminuire l’esistenza di errori nella raccolta, che comportano danni economici e conseguenti aumenti nel costo del servizio. Al termine di ogni verifica, sui contenitori verrà apposto uno speciale adesivo che indicherà

PONT-ST-MARTIN - Avanzo di bilancio oltre il milione e equilibri interni al Consiglio. In estrema sintesi l’assemblea consiliare di Pont-St-Martin, andata in scena venerdì 28 giugno, non risparmiando spunti di interesse. Su tutti l’approvazione del rendiconto 2012, con circa 1.7 milioni di avanzo di amministrazione, a fronte di un bilancio che pareggia a 8 milioni di euro. «Purtroppo, come tanti altri comuni, la gabbia del patto di stabilità ci impedisce di investire come da programma fondi che abbiamo – spiega il primo cittadino Guido Yeuillaz (foto a sinistra) -. Speriamo che la normativa cambi, soprattutto nell’interesse della popolazione e delle piccole aziende cui potremmo dare lavoro. Inoltre, paghiamo in qualche modo anche alcune difficoltà della macchina amministrativa ad adattarsi alla centrale unica di acquisto CONSIP, e questo ha causato qualche rallentamento». Yeuillaz valuta comunque positivamente la cosa: «E’ un bilancio prudente – chiosa –

ficile trovare qualcuno che voglia prendersi in carico certe responsabilità. Se andrà a vuoto anche la seconda assemblea? Ne riconvocheremo subito una, magari la settimana successiva, ma a quel punto i tempi sarebbero davvero stretti». Rischio che salti il Carnevale? «Non esageriamo, anche se a quest’ora negli anni passati noi eravamo già al lavoro. Certo è che se dovesse mai saltare la Patronale di San Lorenzo, per la Pro loco sarebbe difficile recuperare le entrate mancanti altrove». ■ al.bi.

■ PONT-ST-MARTIN / L’avanzo di amministrazione monstre fa insorgere la minoranza e muovere la Giunta

«Vogliamo abbassare le tasse» Roveyaz e Pedrini chiedono la formazione di due gruppi consiliari autonomi e insieme all’assessore Ornella Badery aspettiamo di capire se confermeremo i buoni dati fatti registrare, per diminuire la pressione fiscale (leggasi IMU ndr.) e possibilmente rendere parte dei quattro mutui attualmente accesi dal comune». Si astiene la minoranza, come spiega Cleta Yeuillaz (foto a destra): «Come al solito ci troviamo a fare i conti con un avanzo incredibile – attacca -. Apprezziamo il fatto che PontSt-Martin sia un paese poco indebitato, ma non si possono sempre fare bilanci prudenti sulla pelle dei cittadini. Capiamo le costrizioni del patto di stabilità e derivanti dal-

la crisi, ma visto che non possiamo investire, almeno interveniamo sulla pressione fiscale. Invece, non c’è voglia di cercare via alternativa e pesano anche i 400 mila euro di avanzo del 2011 che non si è riusciti a investire in alcun modo. L’essere virtuosi ci ha penalizzati due volte». Disaccordo dalla minoranza (e voto contrario di Mauro Roveyaz) è emerso anche per l’adesione a INVA come futura centrale unica di acquisto. «E’ la solita cosa calata dall’alto che limita l’autonomia dei comuni – chiude la porta Cleta Yeuillaz -. Siamo sicuri che si semplifichino le procedu-

re e si ottengano risparmi»? In tema di organizzazione del Consiglio, dopo alcuni tentativi andati a vuoto, la maggioranza è riuscita a far approvare la modifica dello statuto comunale in tema di composizione di Giunta che, ora, prevederà fino a quattro assessori, fotografando di fatto la situazione attuale: «Provvederemo presto a un rimpasto per distribuire meglio le cariche» continua Guido Yeuillaz. A proposito di regolamenti, bisognerà ricorrere probabilmente a una modifica dello Statuto per accontentare la richiesta di Mauro Roveyaz, che ha espresso la volontà

C O M U N I TÀ M O N TA NA

Il Piano regolatore è quasi realtà mente soddisfatti non abbiamo frapposto indicazioni per evitare intoppi, infatti nell’agosto di quell’anno abbiamo approvato la bozza stessa». Il testo preliminare è dell’agosto del 2012, sono seguite le osservazioni da parte dei cittadini, e così si è giunti al testo definitivo della variante sostanziale del Piano. «Era necessario ancora il sindaco - perché sono stati introdotti elementi riguardanti il problema della prima casa che non comparivano nella bozza». Pa-

re di individuare una certa soddisfazione da parte del primo cittadino che ha accelerato, nel possibile, l’iter per dotare il Comune di un documento di fondamentale importanza per una località turistica, il cui sviluppo è legato indossulibilmente ad un programma che viene stabilito da una legge del 1998 che prevede che lo stesso piano di sviluppo turistico sia approvato contestualmente al piano regolatore. Nella stessa seduta è stata approva-

di creare un gruppo consigliare autonomo, targato UVP, trovando subito un’insperata spalla in Ennio Junior Pedrini, interessato al gruppo targato Stella Alpina. «Il regolamento prevede l’esistenza solamente di gruppi in rappresentanza delle liste che si presentano alle elezioni – chiosa ancora il primo cittadino -, ma abbiamo accettato di discuterne per andare incontro alle esigenze di tutti». Ultimi provvedimenti riguardano, tra l’altro, l’approvazione delle modifiche in tema di canone per l’occupazione delle aree pubbliche. «Abbiamo cercato di venire incontro ai commercianti

semplificando loro la vita – spiega ancora il sindaco -. In questo modo, per manifestazioni di pubblico interesse che prevedano delibere comunali, gli esercenti saranno esentati dal pagamento della tassa». In occasione di manifestazioni di particolare richiamo, con grande affluenza, anche la figura dei vigili del fuoco volontari sarà finalmente regolata, con i sapeurs pompiers che potranno anche intervenire per dare una mano nella gestione del traffico. Ultimo “squillo”, riguarda la convenzione con Esso per la realizzazione dei lavori sulla regionale di Carema per adeguare il distributore agli standard imposti dall’ANAS e riqualificare la viabilità della zona. Il documento è stato rinviato «in attesa di definire meglio alcuni aspetti con la multinazionale» conclude il primo cittadino. «Questo discorso non convince – sbarra la strada in attesa di ulteriori delucidazioni Cleta Yeuillaz -. La situazione è sospetta e ingarbugliata e vogliamo vedere la documentazione». ■ Alessandro Bianchet

WA L S E R

■ GRESSONEY-ST-JEAN / Via libera per l’accesso a Mettie superiore

GRESSONEY-ST-JEAN - Si potrebbe dire che non tutto è perduto e a lungo andare le cose vanno al loro posto. Parliamo del Piano Regolatore generale di Gressoney-St-Jean, il cui testo definitivo è stato approvato all’unanimità nella seduta straordinaria del consiglio comunale di mercoledì 26 giugno. «Forse l’iter è stato lungo,anzi troppo lungo - esclama il sindaco Luigi Chiavenuto (foto) -, se si pensa che l’incarico per la stesura del piano risale al 2003. Noi abbiamo trovato la bozza che era stata approntata nel febbraio del 2010, anche se non piena-

agli utenti eventuali mancanze o elogerà il corretto utilizzo degli stessi. «La collaborazione è davvero importante - spiega la presidente della comunità montana Mont Rose Ornella Badery -; solo così potremmo raggiungere i risultati ambientali che ci siamo prefissi». Lo scopo di tali controlli è quello di far correggere le cattive abitudini ai cittadini più distratti, in modo da migliorare ulteriormente i risultati ottenuti che, dal 2009, parlano di una raccolta differenziata passata dal 41% al 48%. «Ma i margini per migliorare, soprattutto nella raccolta della plastica, sono ancora ampi» conclude Badery. ■ r.g.

ta, sempre all’unanimità, la convenzione con la Comunità Montana per il servizio di mensa scolastica per la scuola secondaria di primo grado. L’unica località priva di strada di accesso e di parcheggio era sino ad ora Mettie Superiore. Così non sarà più quandi si potranno realizzare i lavori. E’ stato infatti approvato il progetto preliminare per questi lavori che in base alla legge regionale 26/2009 saranno finanziati dall’Amministrazione Regionale nell’ambito delle opere minori di interesse generale. ■ Franco Ormea

GRESSONEY-LA-TRINITÉ

Ecco 40 mila euro per piazza Tache GRESSONEY-LA-TRINITÉ - Una sostanziosa variazione di bilancio ha caratterizzato il consiglio comunale di Gressoney-La-Trinité andata in scena martedì 25 giugno. Entrando nei dettagli, la maggioranza guidata dal sindaco Alessandro Girod (foto) 40 mila euro sono stati destinati alla manutenzione straordinaria della pavimentazione di Piazza Tache, quella al centro di fronte alla Chiesa e al Palazzo Civico. Altri 40 mila euro sono stati stanziati per le aree verdi e le aree di giochi dell’infanzia nei parchi comunali, mentre 10 mila euro serviranno alla revisione

del progetto relativo alle opere di completamento della viabilità e sottoservizi della strada regionale, nel tratto che va dalla nuova costruenda galleria sino a piazza Tache. Si ricorderà che la strada regionale venne danneggiata dall’alluvione; si procedette a una variazione provvisoria. Ora la nuova galleria permetterà alla circolazione di riprendere la regionale. Il marciapiede che verrà costruito dalla galleria sino a Piazza Tache verrà finanziato dall’Amministrazione regionale, costo 250 mila euro, con finanziamento rientrante nella legge 26/2009. ■ fr.or.

VALLE DEL LYS

Consorzio turistico al lavoro; con le piante di montagna di Artemisia decolla l’estate Walser GRESSONEY - L’amministrazione comunale getta la spugna e dà incarico al Consorzio Turistico di gestire le manifestazioni estive. Pier Sandro Maggi, direttore, Lisa Tadiello collaboratrice dello stesso Consorzio, Paola Rodolfo (presidente Monterosa idee) , Sabina Caso (presidente Gymnica Monte Rosa), i presidenti e collaboratori delle Pro Loco dei quattro Comuni della Comunità Montana Walser, siedono a un tavolo per un “brainstorming” e alla fine emerge un programma

che, sin dove è possibile, eviti la sovrapposizione di spettacoli nella stessa serata. Finita la fase di programmazione, ora è già tempo di gettarsi nella mischia. Con il possibile arrivo (finalmente) della bella stagione, ecco le manifestazioni all’aperto. Artemisia, la prima fiera di piante e fiori di montagna è in programma in Piazza Umberto I a Gressoney-Saint-Jean sabato 6 luglio a partire dalle 10 e sino alle 18. Organizza la Pro Loco. «Speriamo che il tempo ci

favorisca - esclama il presidente Alex Follis -, perché saranno ben 34 gli espositori in prevalenza piemontesi; si tratta della prima edizione organizzata dalla Pro Loco, ma in effetti anni or sono se ne svolse un’altra, quindi dovremmo parlare di seconda edizione». Quattro espositori valdostani, uno da Ventimiglia, molti piemontesi, alcuni lombardi, insomma esposizione di grande rilievo che dovrebbe attirare l’attenzione di turisti e non solo. «Offriremo ai nostri ospiti espositori- conclude Fol-

lis - un gelato al genepy e alla viola per essere in sintonia con il titolo dell’esposizione». A Gaby invece nella sera di sabato 6 luglio si balla “con la schiuma” e dovrebbe essere una bella esperienza.Andrà in scena infatti “schiumaparty”. Un cannone nel salone Palatz sparerà schiuma sui presenti che si scateneranno con la musica da discoteca della Midnightexpress. Precede la performance l’aperitivo delle 19 sotto l’attenta regia della locale Pro Loco. ■ fr.or.

Alex Follis


AG E N DA

42

L’

Oroscopo di Gazzetta Ariete

Leone

Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: la Luna in Capricorno e i valori Cancro di lunedì e martedì metteranno alla prova autonomia, controllo ed elasticità: attenzione alla sfera professionale. Mercoledì e giovedì, per contro, potrete godervi una bella arietta spumeggiante: forse vi regalerete una gita in motocicletta, oppure trascorrerete ore piacevolissime con gli amici. Venerdì e sabato, nonostante il mood delicato e introverso della Luna pescina, una sontuosa Venere in Leone verrà in vostro soccorso sentimentale. Domenica strepitosa per la passionalità.

Sagittario

Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: l’apertura della prima settimana di luglio vi vedrà impegnati in questioni burocratiche o di revisione. Mercoledì e giovedì, sarete addirittura intrattabili, per via della Luna opposta, che pretenderà funambolici esercizi di alta diplomazia. Venerdì e sabato, la Luna in Pesci potrebbe far evaporare anche l’ultimo residuo di pazienza. Sarà Venere a salvarvi, partendo con un lungo e caloroso abbraccio da venerdì per quasi un mese. L’amore tornerà protagonista assoluto: già la giornata di domenica ve ne fornirà un assaggio.

Vergine

Toro Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: lunedì e martedì, saranno due giornate cariche di energia: vi verrà offerta l’occasione di lavorare con entusiasmo a un nuovo progetto, o di poter sperimentare una trasferta o una nuova conoscenza. Mercoledì e giovedì, con la Luna in quadratura, fate molta attenzione a non creare situazioni conflittuali sul posto di lavoro, in particolare con un superiore. La notizia più eclatante degli ultimi tempi è sicuramente l’entrata di Giove nel segno del Cancro: da giovedì, il pianeta della fortuna si porrà in morbido sestile, agevolandovi per molti mesi. Pronti?

Gemelli Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: lunedì e martedì vi getterete sul lavoro per combattere qualche rimuginazione che vi attraverserà la mente. Nei due giorni seguenti, il cielo si farà, invece, limpidissimo: il disimpegno e la ricchezza dei rapporti interpersonali vi faranno volare alto. Venerdì e sabato, se la Luna vi renderà vagamente isterici, il trionfale ingresso di Venere nel Leone costituirà un poderoso elisir di bellezza e sensualità, con il coronamento di una domenica super!

Cancro Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: ci sono incomprensioni in vista nelle prime due giornate: si consigliano nervi saldi e tanta pazienza nelle relazioni. Mercoledì e giovedì, la Luna in Acquario alimenterà la fantasia, ma sarà soprattutto l’abbraccio di Giove (da giovedì) nel vostro segno a fare la differenza e per parecchi mesi. Venerdì e sabato, potrete godervi un eccellente inizio di week-end: un viaggetto sarà possibile. Domenica la Luna in Ariete vi renderà nervosi.

Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: le giornate, in cui darete il massimo in termini di leadership, saranno quelle di lunedì e martedì, con una Luna compatta e terrestre che rimetterà ogni cosa a posto. Mercoledì e giovedì, sarete disponibili al dialogo, un po’ meno dal punto di vista passionale. Venerdì e sabato, l’opposizione della Luna sarà accompagnata forse da un’ansietà, che rischierà di creare incidenti diplomatici: attenzione. Domenica, faticherete a essere lucidi e razionali, ma Giove è appena entrato in Cancro e la fortuna sarà dalla vostra parte.

Bilancia Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: dopo due giornate leggermente sotto tono (lunedì e martedì), in cui non dovrete pretendere troppo da voi stessi, mercoledì e giovedì il cielo vi regalerà ampie schiarite: la professione (specie se autonoma) vi regalerà gratificazioni, ma anche l’aspetto sentimentale sarà assai promettente. Venerdì e sabato sarete disponibili fino alla santità, mentre domenica rischierà di essere una giornata molto litigiosa. Il salvagente ve lo fornirà l’ingresso di Venere in Leone, a regalarvi un’affettività senza compromessi.

Scorpione Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: inossidabili ed efficaci nel condurre ogni genere di trattativa, lunedì e martedì riuscirete benissimo a gestire ad alti livelli eventuali colloqui o esami. Mercoledì e giovedì, però, non mantenete posizioni troppo rigide, perché i vostri interlocutori potrebbero avere una visione delle cose più avanguardista della vostra. Nel week-end, sentimenti e fantasie saranno tutelati dalla Luna, ma Venere potrà insidiare un senso di ribellione nei confronti di atteggiamenti vagamente prepotenti.

Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: nel corso delle prime due giornate, sarà la dura realtà (che impatterete benissimo) a impegnarvi: massimo punteggio per la laboriosità. Mercoledì e giovedì per contro, l’elastica Luna acquariana agevolerà tutti i tipi di relazioni: sentimentali, amicali, associative. Venerdì e sabato, la Luna pescina potrà non essere il top per l’umore, ma il caldo abbraccio di Venere nel segno del Leone vi rinfrancherà il cuore. Anche domenica sarà splendida e Giove ha finalmente smesso di ostacolarvi. Cosa volere di più?

Capricorno Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: siete compatti e solidi, grintosi e in pieno controllo dei vostri mezzi: lunedì e martedì, darete ulteriore prova delle vostre qualità organizzative. Mercoledì e giovedì, invece, saranno da dedicare all’ingegnosa risoluzione di un problema domestico. Venerdì e sabato, farete pace con le vostre emozioni, aprendovi con interlocutori assolutamente all’altezza. Domenica, la Luna in Ariete renderà la famiglia un luogo poco idilliaco, ma Venere in Leone vi soccorrerà con l’audacia.

Acquario Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: raccolti e concentrati, lunedì e martedì sfoggerete il vostro lato più saturnino, trincerandovi dietro a una barriera di impenetrabilità. Mercoledì e giovedì sarete decisamente più accattivanti e malandrini, con un desiderio esponenziale di autonomia, da convogliare nel settore lavorativo. Venerdì e sabato, vi concederete anche un pizzico di romanticismo, a dispetto dell’opposizione di Venere, che stabilirà confini più netti a relazioni in bilico. Domenica piacevolissima.

Pesci Settimana dal 1° al 7 luglio 2013: via libera a contratti, esami, studi, collaborazioni comunicazioni: i primi due giorni saranno caratterizzati da una vivacità ben sostenuta dalla chiarezza d’idee. Mercoledì e giovedì, sparirete da qualche parte per i vostri esercizi spirituali, o per immergervi nel mare profondo delle vostre percezioni, da cui vi verranno a ripescare probabilmente nei due giorni successivi. La vera sorpresa è che da giovedì, con l’inizio del fortunato trigono di Giove, il tesoro lo troverete davvero. Domenica sarete molto appassionati.

NUMERI UTILI

Questura Polizia Stradale Polizia di Frontiera Polizia Monte Bianco Polizia Gran San Bernardo Protezione Civile Polizia Locale Vigili del Fuoco Carabinieri Aosta Carabinieri Courmayeur Carabinieri Verrès Carabinieri Donnas Carabinieri Nus Carabinieri Morgex Carabinieri Etroubles Carabinieri Saint-Pierre Carabinieri Valtournenche Carabinieri Gressoney Carabinieri Cogne Carabinieri Châtillon Carabinirei Cervinia Carabinieri Brusson Carabinieri Valpelline Guardia di Finanza centralino ospedale

0165 279111 0165 279300 0165 279515 0165 890811 0165 787811 0165 238222 0165 238238 0165 44444 0165 2331 0165 842225 0125 929010 0125 807054 0165 767934 0165 809412 0165 78229 0165 904124 0166 92022 0125 355304 0165 74026 0166 569300 0166 949073 0125 300123 0165 713508 0165 40308 0165 5431

MERCATI

LUNEDÌ: Châtillon, La Salle e Verrès. MARTEDÌ: Aosta. MERCOLEDÌ: Courmayeur, Fontainemore, Pont-Saint-Martin. GIOVEDÌ: Hône, Gressoney-St-Jean, Brusson, St-Vincent e Morgex. VENERDÌ: Ayas, Gaby, Issogne, Valtournenche, Etroubles, Donnas.

SABATO:

Bard, Pont-Saint-Martin, La Thuile, Antey.

DOMENICA:

Gressoney La Trinité, Cogne, Aymavilles.

lunedì 1 luglio 2013

EDITRICE GAZZETTA MATIN S.R.L. A SOCIO UNICO Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta P.IVA E C.F.: 00475000071 CAP. SOCIALE € 25.000 - Iscr. REA: 43679 Amministratore unico: Arianna Gori Chisari REDAZIONE Centro Direzionale “I Prismi” Regione Borgnalle, 12 Tel. 0165 231711 (centralino) E-mail: segreteria@gazzettamatin.com Iscrizione al Tribunale di Aosta n. 9/02 del 20/05/02 Direttore responsabile: l.mercanti@gazzettamatin.com Direttore editoriale: Umberto Marchesini u.marchesini@gazzettamatin.com Redazione: Patrick Barmasse p.barmasse@gazzettamatin.com Alessandro Bianchet a.bianchet@gazzettamatin.com Danila Chenal d.chenal@gazzettamatin.com Erika David e.david@gazzettamatin.com Davide Pellegrino d.pellegrino@gazzettamatin.com Cinzia Timpano c.timpano@gazzettamatin.com Grafico: Fabio Cento grafico@gazzettamatin.com Segretaria: Roberta Prodoti segreteria@gazzettamatin.com Luca Mercanti

COLLABORATORI: Massimo Altini, Samir Bastajib, Serena Bazzocchi, Miriam Begliuomini, Angela Bellin, Michelle Berard, Marta Bonarelli, Riccardo Bortolotti, Simona Bosonin, Alessandra Borre, Emanuele Burzio, Nadia Camposaragna, Michelangelo Carrupt Belfiore, Ilaria Cavalet Giorsa, Stefania Celesia, Andrea Chiericato, Cristina Compagnoni, Elettra Crocetti, Andrea Cura Curà, Camilla Di Tommaso, Renato Ducly, Christian Evaspasiano, Giuseppe Farinella, Ursula Ferrari, Enrico Formento, Bruno Fracasso, Giulio Gasperini, Francesca Jaccod, Luca Lavit, Sonia Locatelli, Valeria Luberto, Joelle Lucianaz, Stefania Manenti, Andrea Manfrin, Giacomo Mangano, Teresa Marchese, Umberto Martelli, Federico Mecca, Jean-Claude Mochet, Claudia Olivotto, Franco Ormea, Simonetta Padalino, Matteo Paolini, Giulia Pasi, Gabriele Peloso, Luigi Perosino, Antonella Perriello, Maurizio Pitti, Loris Ponsetto, Thierry Pronesti, Raffaele Romano, Luca Rosati, Alessandro Rossi, Erica Rudda, Riccardo Savoye, Rossella Scalise, Stefano Spandonari, Piera Squillia, Albert Tamietto, Laura Vinaj, Sophie Tavernese, Andrea Trovato, Caterina Venchi, Andrea Vigon, Wilma Zanelli. Abbonamento: 65 euro all’anno (+ online 80 euro) - c/c postale: 000059269571 - bonifico bancario: Banca Sella, Succursale 56 IBAN: IT 06 P 03268 01200 052886002500 (intestato a: Editrice Gazzetta Matin S.r.l. a socio unico Regione Borgnalle, 12 - 11100 Aosta) Concessionaria di pubblicità LG PRESSE S.R.L. Regione Borgnalle, 12 - 11100 AOSTA Tel: 0165 231711 - 0165 1845110 Fax: 0165 1820141 Michel Henry (resp. commerciale) m.henry@lgpresse.com Arianna Gori Chisari (commerciale) a.chisari@lg.presse.com

FARMACIE DI TURNO LUNEDÌ 1 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia comunale di Via St-Martin de Corléans Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti La Salle: farmacia S. Vittoria dott.ssa Cinzia Serravalle La Thuile: farmacia dott.ssa Anna Berthet Villeneuve: farmacia dottor Cesare Saroglia MARTEDÌ 2 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia Croix de Ville dott. A. Chenal, Via Croix de Ville 1 Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Arvier: farmacia di Arvier dott.ssa Simona Mazzola Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti La Thuile: farmacia dott.ssa Anna Berthet Morgex: farmacia di Morgex S.n.c. MERCOLEDÌ 3 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia dottor Corrado Papone Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Ayas: farmacia Costa di Simonetta Costa Aymavilles: farmacia dottoressa Milena Cuc Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti La Thuile: farmacia dott.ssa Anna Berthet Pré-St-Didier: farmacia del Verrand dott.ssa Caterina Tubère GIOVEDÌ 4 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia comunale di Viale Conte Crotti Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco

Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Pré-St-Didier: farmacia del Verrand dott.ssa Caterina Tubère St-Pierre: farmacia di Vittore Caprani VENERDÌ 5 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia dott. Nicola, Viale Federico Chabod 22 Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti La Salle: farmacia S. Vittoria dott.ssa Cinzia Serravalle La Thuile: farmacia dott.ssa Anna Berthet Sarre: farmacia dottor Renato Rovito SABATO 6 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia Comunale di Viale Conte Crotti Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti La Thuile: farmacia dott.ssa Anna Berthet Morgex: farmacia di Morgex S.n.c. Sarre: farmacia dottor Renato Rovito 7 LUGLIO Antey-St-André: farmacia Marchesini dott.ssa Laura Desotgiu Aosta: farmacia dott. Nicola, Viale Federico Chabod 22 Arnad: farmacia dottor Pasquale Bramato Brusson: farmacia San Giuseppe dott.ssa Michela Murdocco Chambave: farmacia dottor Stefano Quacquarini Charvensod: farmacia Envers s.r.l. Cogne: farmacia di Cogne dott.sse Frisone & Ruffier S.n.c. Courmayeur: farmacia Monte Bianco S.n.c. Gignod: farmacia comunale di Gignod Gressoney-St-Jean: farmacia Monte Rosa dott.ssa Vietti Sarre: farmacia dottor Renato Rovito DOMENICA

Prezzi per pubblicità a modulo (IVA esclusa): Commerciali euro 28,00 - Occasionali euro 30,00 Finanziari, Legali, Concorsi, Aste euro 30,00 Economici euro 20,00, max 20 parole (modulo 38x38 mm) Necrologie: euro 37,00 (senza foto), 50 (con foto) Posizione di rigore: +20% Il giornale si riserva di rifiutare qualsiasi inserzione Stampa: I.T.S. Sarnub SpA Cavaglià (Bi) Via Abate Bertone, 14 - 13881 Tel. 0161/996411 - Fax 0161/996400 P.Iva 01805240023 Distribuzione: Altrimedia e Taramino E’ vietata qualsiasi riproduzione, anche parziale, di tutto quanto pubblicato su questo giornale. Ogni violazione è perseguibile per legge.

Concessionaria per la vostra

PUBBLICITÀ

Regione Borgnalle, 12 AOSTA PER INFORMAZIONI: 0165/231711 (Segreteria) 0165/1820141 (Fax) m.henry@lgpresse.com a.chisari@lgpresse.com segreteria@gazzettamatin.com


43

lunedì 1 luglio 2013

Musicastelle

concerti fuori porta Il gruppo Stramash

GLI APPUNTAMENTI DI CELTICA Venerdì 5 luglio Courmayeur Ore 9: partenza in autobus per il lago d’Arpy dal piazzale Monte Bianco. Morgex Ore 11: lago d’Arpy, omaggio alle montagne con l’arpa bardica e i racconti antichi di Vincenzo Zitello e Riccardo Taraglio. La Thuile Ore 15.30: capoluogo, concerto Ensemble Sangineto; ore 16.30 The Sidh & Innova Irish dance company. Courmayeur Ore 16.30: Jardin de l’Ange, concerti di Red Hot Chilli Pipers e Old Wild West; ore 14 e fino a notte fonda: bosco del Peteurey, concerti e stage di danza con Chemin de Fer, Pendragon, Gens d’Ys, Folkomondo, Pub Dagda Mor, Ensemble Sangineto, Red Hot Chilli Pipers e Shannon; ore 3 accensione del fuoco druidico Clan della Grande Orsa. Sabato 6 luglio Pré-Saint-Didier Dalle 14.30 alle 18: piazza Vittorio Emanuele II, Ollafest: sidro, idromele, cervogia, birra artigianale e distillati, spiegazioni ed esperienze gustative; suoni e colori dell’arpa celtica con Andrea Novella ed esposizione di arpe celtiche; concerti di Anne-Gaelle Cuif, Ensemble Sangineto, Pendragon, Pauline Fazzioli, Innova Irish dance company, Garlic Bread. Courmayeur Ore 17: Jardin de l’Ange, Athy (foto) e Shannon in concerto; dalle ore 9 a notte fonda nel bosco del Peteurey: mercatino artigianale, attività e conferenze, danza celebrativa delle danzatrici mistiche del Cinghiale Bianco (ore 11), musica itinerante (dalle 15.30) e concerti Mor Arth Pipe & Drums, Ascapiss Pipeband, Gens d’Ys (satge di danza), Stramash, Escarton (stage di danza per adulti), Folkomondo, Old wild west (stage di danza), Pub Dagda Mor e (dalle 20.30) Athy, Garlic Bread, The Sidh & Innova Irish dance company, Stramash e (ore 0.30) Greenlands, inno delle nazioni celtiche con tutti i musicisti, veillà celtica.

di Cristicchi, Chiara, Gazzé e Gualazzi AOSTA - È affidata a Simone Cristicchi, venerdì 5 luglio al parco del Castello di Verrès, alle 18 l’apertura del festival Musicastelle Outdoor. Il cantautore e attore Cristicchi si fa conoscere al grande pubblico nel febbraio 2006 quando sbarca a Sanremo con il tormentone pluripremiato “Che bella gente”, una canzone nata nel clima del suo spettacolo a metà tra teatro e canzone alla Giorgio Gaber. Da allora i successi si inanellano fino all’ultimo brano La prima volta che sono morto. Per la prossima stagione Cristicchi, ancora in scena teatrale, porterà in tour lo spettacolo “Mio nonno è morto in guerra”. L’artista darà vita a 14 sedie, accatastate in scena, che racconteranno 14 storie toccanti, e velate in alcuni casi di cruda ironia, di 14 piccoli eroi quotidiani che hanno attraversato o sono stati attraversati da un terremoto della Storia: la seconda guerra mondiale. Sabato 6 toccherà alla vincitrice dell’ultima edizione di X-Factor, Chiara Galiazzo, che si esibirà a Les Roncs di Torgnon sempre alle 18. La giovane artista veneta ha alle spalle la partecipazione al Festival della canzone con il brano Il futuro che sarà, classificatosi all’ottavo posto. In giugno ha ricevuto il premio Wind Music Awards per le vendite di Due respiri il suo brano d’esordio e viene pubblicato il terzo singolo

tratto dall’album Un posto nel mondo, intitolato Vieni con me. Il fine settimana successivo arriveranno in Valle Max Gazzé, sabato 13, sempre alle 18 a Plan Belle Crête (La Salle). Il cantautore romano cavalca l’onda del successo dai primi anni ‘90. Reduce dall’affermazione sanremese, Gazzé parte con il tour europeo che da Berlino a Bologna, passando per Bruxelles, Londra, Parigi e Barcellona, registra il sold out. Raphaël Gualazzi, domenica 14 luglio, chiuderà la rassegna suonando al lago di Chamolé (Pila) alle 15. Nell’aprile del 2013 per Gualazzi arriva la consacrazione internazionale: in occasione del primo International Jazz Day nella sede Unesco di Parigi, dove il pianista e compositore italiano fa ufficialmente il suo ingresso nell’olimpo mondiale

Dall’alto: Simone Cristicchi, Chiara Galiazzo, Max Gazzé e Raphaël Gualazzi

della musica jazz aprendo con un suo concerto la giornata celebrativa voluta da Herbie Hancock. L’ingresso ai concerti è gratuito. In caso di maltempo i concerti si terranno al Giacosa o in un

altra sede coperta. L’impegno finanziario per i quattro concerti di Musicastelle Outdoor passato dai quasi 80.000 euro dello scorso anno a 102 mila dell’edizione 2013. ■ Danila Chenal

Domenica 7 luglio Morgex Ore 16.30: campo sportivo, concerto a piedi nudi, prova libera collettiva del percorso (con l’accompagnamento di una guida) e 17 si va barefooting sulle note dell’Ensemble Sangineto. Bard Dalle 15: borgo, musica itinerante con i Pendragon e gli Ascapiss Pipeband; ore 21: in piazza d’armi Aosta Free Moves, The Sidh & Innova Irish dance company. Courmayeur Dalle ore 9 fino a notte fonda: bosco del Peuterey, mercatino artigianale, attività e conferenze, sveglia celtica (10.30) con pane nero e miele valdostani, concerti (dalle 11.30) Vincenzo Zitello, Folkomondo. Aosta Free Moves, Athy, danzatrici mistiche del Cinghiale Bianco (ore 15), Old Wild West, Anne-Gaelle Cuif, Gens d’Ys, Pub Dagda Mor, (dalle 21) Bodh’Aktan, Shannon.

AOSTA BLUES FESTIVAL IL 3 E 4 LUGLIO AL PUCHOZ AOSTA - Le calde note del blues, del soul e del r&b risuoneranno allo stadio Puchoz mercoledì 3 e giovedì 4 luglio per l’undicesima edizione di Aosta Blues and Soul Festival, quattro concerti a ingresso gratuito. La rassegna si aprirà sulle note di Sidney Selby, in arte Guitar Crusher (foto), mercoledì alle 21. Il suo repertorio ripercorre i suoi 80 di storia musicale che inizia con il blues e che testimonia in prima persona i tempi d’oro del Rhythm&Blues più autentico. A salire sul palco sarà poi la grintosissima Dana Fuchs con un concerto che è una concentrazione raffinata e grintosa di rock-blues, popo, soul e rock & roll. Giovedì 4, sempre alle 21, tocca al camerunese Roland Tchakounté con il blues africano. Virtuoso di percussioni e chitarra, l’artista si destreggia bene anche al pianoforte e con l’armonica. Chiude la rassegna il gruppo dei Mototown Forever con il soul leggendario che ha reso immortali artisti quali Stevie Wonder, Temptations, Diana Ross e Lionel Ritchie. La formazione è una combinazione sinergica e armonica di otto musicisti e quattro voci, ognuno con un background artistico vissuto nel mondo della danza, del cinema e della musica soul nera.


C U LT U R A & S P E T TAC O L I

44

lunedì 1 luglio 2013

INIZIATIVA: Première alla Cittadella dei giovani di Aosta in attesa della fine dell’estate

Cosplay a raduno in Cittadella AOSTA - Il tempo poco clemente non ha fermato l’invasione aostana dei cosplay, che si sono ritrovati sabato 29 giugno alla Cittadella dei giovani per un pic nic fra costume players. In molti sono accorsi in Cittadella, non solo cosplay aostani, ma amnche torinesi e veneziani, fra questi Belle della Disney, Misty dei Pokémon, Cloud di Final Fantasy e Lara Croft, solo per citarne alcuni. L’evento, organizzato da Manuel Bagna, è il primo di una lunga serie e soprattutto è una prima prova per organizzare un evento molto più importante

A sinistra il gruppo di players e a destra uno dei fantasiosi travestimenti

che i costume players vorrebbero creare per la fine dell’estate: un raduno cosplay con stands a tema in

tutto il capoluogo valdostano. Un evento, questo, che avrebbe una ricaduta estremamente positiva sul

turismo aostano, stando alle cifre di presenze registrate in altre manifestazioni simili come il Lucca

Comics e il Rimicomix. L’universo cosplay rimane un mondo tutto da scoprire e, perché no, da vivere,

con leggerezza e moderazione, ricordandosi sempre che la realtà è un’altra e spesso è più noiosa! ■ Alessandra Borre

MUSICA: una marching band si affaccia al panorama musicale valdostano

In marcia con Aosta Feels Good AOSTA - Una marching band (foto) tutta valdostana: è il progetto Aosta Feels Good, nato dall’idea di un gruppo di ragazzi e musicisti di Aosta che hanno voglia di studiare, di divertirsi e di creare qualcosa di nuovo. Il debutto ufficiale è per il 7 agosto con l’apertura della rassegna di cinema muto musicato Strade del Cinema, in calendario fino al 10 alla Cittadella dei giovani. I 25 giovani, capitanati da Lorenzo Barbera, apriranno le serate marciando per le vie del centro e portando la gente alla cittadella. Un primo assaggio lo hanno dato in occasione del raduno delle bande e del Trofeo Topolino di Gressan. Il gruppo ha deciso di ispirarsi alle formazioni musicali tipiche delle High

Cinema ST. CHRISTOPHE

COURMAYEUR

CINELANDIA

CINEMA PALANOIR

sala 1 digitale: lunedì 1, martedì 2 e mercoledì 3 luglio alle ore 20.30 e alle ore 22.40 After Earth Dopo la fine del mondo sala 2 3D: lunedì 1, martedì 2 e mercoledì 3 luglio alle ore 20.05 e alle ore 22.50 L’uomo d’acciaio sala 3 digitale: lunedì 1 e martedì 2 luglio alle ore 20 e alle ore 22.45 Into darkness - Star trek sala 3 digitale-open sky: mercoledì 3 luglio alle ore 21.30 The lone ranger sala 4 digitale: lunedì 1, martedì 2 e mercoledì 3 luglio alle ore 20 e alle ore 22.45 L’uomo d’acciaio sala 5 digitale-open sky: lunedì 1, martedì 2 e mercoledì 3 luglio alle ore 20.10 e alle ore 22.40 World War Z

sabato 6 luglio alle ore 18.30 Una notte da leoni 3 e Viaggio sola alle ore 21 World War Z e alle ore 21.10 Cha Cha Cha domenica 7 luglio alle ore 18 World War Z alle ore 18.15 Cha Cha Cha alle ore 21 Una notte da leoni 3 e alle ore 21.10 Viaggio sola

SAINT-VINCENT

VERRÈS

AUDITORIUM

CINEMA IDEAL

lunedì 1 luglio alle ore 21 L’uomo d’acciaio martedì 2 e mercoledì 3 luglio alle ore 21 World War Z

lunedì 1 luglio alle ore 21 World War Z mercoledì 3 luglio alle ore 21 The Lone Ranger

IVREA ESTATE NEL CASTELLO DI IVREA lunedì 1 luglio alle ore 22 Frankenweenie martedì 2 luglio alle ore 22 Viva la libertà giovedì 4 luglio alle ore 22 Django Unchained

School americane per creare qualcosa di originale nella nostra valle. L’ensemble, che propone brani di stampo bandistico arricchiti con sonorità funk e rock, è formato principalmente da due sezioni: la Drumline ( ritmica con percussioni) e la Horline ( fiati con legni e ottoni). «Il nostro obiettivo è quello di dare un nuovo significato al tradizionale concetto di banda – spiega Lorenzo Barbera -. Ciò che ci preme dimostrare è che con le dovute conoscenze e la dovuta esperienza un gruppo in movimento può suonare ad alto livello. Amiamo condividere con gli altri la nostra passione e voglia di fare ma soprattutto il desiderio che accomuna tutti noi: far parte di qualcosa di speciale».

Figure di Santi, Abati e Vescovi nell’arte sacra delle valli alpine in mostra alla cattedrale di Aosta AOSTA - Il culto di tre santi legati ai territori alpini, san Grato e sant’Orso per la Valle d’Aosta e sant’Eldrado per la Valle di Susa, costituisce il tema di fondo della mostra ‘Sacerdoti, vescovi, abati. Santi protettori delle valli alpine tra arte e devozione’, allestita fino al 22 settembre all’interno del Museo del Tesoro della Cattedrale di Aosta. Realizzata in collaborazione con la Diocesi di Aosta, l’esposizione si inserisce in un progetto artistico piu’ ampio nato nell’ambito del programma di cooperazione internazionale ‘Sculpture medievale dans les Alpes’ che ha visto nei mesi di maggio e giugno l’apertura simultanea di altre cinque esposizioni a Susa, Sion e Ginevra, Annecy e Chambery. La Valle d’Aosta e’ presente a queste mostre con 11 sculture lignee raffiguranti figure di santi - quali Maurizio, Antonio, Teodulo e Margherita - provenienti da diverse parrocchie. Per quanto riguarda la mostra di Aosta, visitabile tutti i giorni dalle 14,30 alle 17, 30, attraverso pregevoli opere di scultura lignea, di oreficeria e dipinti risalenti all’epoca medievale viene illustrata l’evoluzione e la diffusione del

Sopra il reliquario di sant’Eldrado e a destra la statua lignea di san Grato

Le locandine hollywoodiane allo Spazio 4K Un’immersione nell’universo onirico della cosiddetta “età dell’oro hollywoodiana” è proposta dalla mostra “Gli amanti del sogno”, organizzata dall’associazione culturale Framedivision. I curatori, Michelangelo Buffa e Alexine Dayné, hanno allestito ad Aosta presso lo Spazio 4K di rue Malherbes una collezione di locandine originali di film americani degli anni ‘30-’60, incentrati sul tema degli amanti. Sarà possibile visitare la mostra, la cui inaugurazione è prevista per venerdì 5 luglio alle 19, da sabato 6 luglio a domenica 21 luglio. Ci saranno, inoltre, una lezione-incontro, che sarà tenuta dai due curatori sabato 6 luglio alle 14.30, e un cineconcerto, che si svolgerà giovedì 11 luglio alle 19 con la partecipazione di Beppe Barbera. Ingresso 10 euro. Al Café Librairie le poesie di Mario Badino

culto dei santi Grato, Orso e Eldrado nei territrori di montagna valdostani e piemontesi. Il percorso espositivo si snoda nella Cattedrale del capoluogo a partire dalla cappella di San Grato, posta nella navata meridionale, per proseguire negli spazi del Museo del Tesoro, valoriz-

zati dalla presenza di notevoli opere provenienti dal Tesoro della Collegiata di Sant’Orso, dalle parrocchie di Antagnod, Aymavilles, Saint-Vincent, dall’Abbazia della Novalesa in Valle di Susa e dal Musee d’Art et d’Histoire di Conflans (Albertville). ■ d.c.

Appuntamento, stasera lunedì primo luglio alle ore 18, al Café Libraire di piazza Roncas ad Aosta con Mario Badino, autore del libro di poesie “Cianfrusaglia’’ Sono quattro nuclei tematici: la terra, il mito, il ricordo, il presente e i suoi mali.


C U LT U R A & S P E T TAC O L I

lunedì 1 luglio 2013

La Manhattan con l’ iPhone by Mauro Paillex Nadia CAMPOSARAGNA inviata al Castello dei Signori

Saint-Rhémy-en-Bosses - Al Castello dei Signori di Bosses sabato 29 giugno è stata inaugurata la personale di Mauro Paillex, ginecologo aostano con l’interesse per le immagini, dal titolo iPhone Manhattan di cui, dopo l’esposizione nel marzo 2011 alla galleria Parrellarte per One Day Event, viene riproposta una nuova serie di immagini scattate sempre con iPhone4 e precisamente quaranta, 29 a colori e 11 in bianco e nero, stampate in formato quadrato, (30x30), debitamente incorniciate che offrono al pubblico visioni quotidiane della Grande Mela. Negli scatti ottenuti, sono stati utilizzati i filtri e le applicazioni in dotazione all’apparecchio con i quali si possono mistificare digitalmente le visioni che si vogliono rappresentare, come la sfocatura dei contorni, la saturazione o meno dei colori e molte altre. L’evento, che rientra nella serie di esposizioni d’arte contemporanea presentate al Castello dei Signori, è stato curato da Alessandro Parrella, promosso dal Consiglio della Valle d’Aosta e dal Comune di SainRhémy-en-Bosses, con il patrocinio della Comunità montana del Grand-Combin, del Traforo del Gran San Bernardo, della SRB Energie, della Aiat Grand-SaintBernard e della Tybias Baucii. La mostra resterà visitabile per due mesi fino al primo settembre prossimo con ingresso libero, dal martedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 19, sabato e domenica dalle ore 11 alle ore 19. Lunedì chiuso.

45

MUSICA - Stages, concerti e sfilate ad Aosta, Courmayeur e St-Vincent per festeggiare il traguardo

I vent’anni della Scuola SUZUKI

aosta - Una tre giorni - quella che si è conclusa ieri -di concerti ad Aosta, Courmayeur e Saint-Vincent, introdotti dalle sfilate delle marching bands, per festeggiare il ventesimo anniversario della Scuola Suzuki in Valle d’Aosta. Per l’occasione hanno fatto visita ai valdostani i colleghi di Milano, Bologna, Bolzano e Cuneo: più di trecento giovani musici si sono riversati nelle strade per poi cimentarsi agli strumenti musicali. In regia la Scuola Suzuki della Fondazione Maria Ida Viglino per la cultura musicale. «Era il 1992 quando tre giovani musicisti, carichi di entusiasmo, progettavano di avvicinare i bambini alla musica insieme alle loro famiglie condividendo il metodo Suzuki. Fu così che chiesero al direttore dell’Istituto musicale di aprire le iscrizioni per una sperimentazione: alla scuola pervennero quindici iscrizioni, così i tre insegnanti di violoncello, violino e ritmica iniziarono la magnifica avventura». Così nei ricordi di Adriano Coluccio, responsabile dell’evento Scuola Suzuki, il percorso ventennale. Stessa emozione per il presidente di Crescere con la musica Emanuela Ruiu: «Ho ancora negli occhi lo sguardo di mio figlio di 4 anni, quando insieme di recavamo all’Istituto musicale per

iniziare un cammino che dura da 14 anni», scrive sulle pagine della brochure celebrativa. Carico di entusiasmo lo era anche l’attuale coordinatore della Sfom Efisio Blanc che rammenta: «Nel 1992 ho accompagnato mia figlia alla prima lezione di ritmica. Già allora credevo nella validità del metodo, ma soprattutto credevo nella validità degli insegnanti che quel metodo applicavano». Le celebrazioni si sono aperte venerdì 28 con due children’s concerts e con la presentazione di ‘ Accordation Suzuki Projet” all’Hôtel des États di Aosta. Alle 21 si è tenuto il concerto d’apertura al Teatro Splendor con l’orchestra “Marco Branche”. Sabato 29 gli allievi delle scuole di Aosta, Milano Bologna, Bolzano e Cuneo si sono esibiti in diversi comuni della valle tra

Concerto al Palanoir e sfilata nelle vie di Courmayeur

cui Courmayeur e Saint-Vincent. La giornata è proseguita con il concerto dei pianisti a Aymavilles e il concerto “a pizzico” alla Cittadella dei Giovani, in cui si sono alternati vari ensembles. Domenica 30 giu-

gno al Forum Sport Center di Courmayeur ha avuto luogo il concerto finale, preceduto da una marching band, in cui ha suonato l’orchestra “20AnniSuzukiAosta”. ■ re.ga.


46

C U LT U R A & S P E T TAC O L I

lunedì 1 luglio 2013

NOVITÁ - Un torneo di Fifa sul mega schermo per la prima volta al de la Ville

In torneo di calcio al CINEMA Claudia OLIVOTTO inviata al Théâtre de la Ville aosta - Per la prima volta non è stato né lo schermo di un computer né quello di una televisione a proiettare un torneo di calcio della playstation, bensì quello di un cinema! Lo scorso sabato, 29 giugno, il Théâtre de la Ville ha ospitato, nel pomeriggio, un torneo Fifa, aperto a tutti i ragazzi interessati: «L’idea è nata dal momento in cui con l’impianto multimediale di cui disponiamo ora si possono offrire al pubblico tante possibilità che non sia solo la proiezione di un film – spiegano gli organizzatori –. Cercando di sfruttare la posizione centrale del cinema rispetto alla città, si stanno pensando tante iniziative diverse per soddisfare le esigenze di tutte le fasce di età del pubblico valdostano. Se i film d’essai sono principalmente rivolti agli adulti, la giornata di oggi è rivolta ai ragazzi, a cui sembra essere piaciuta questa nostra idea. Il torneo è un classico “girone all’italiana”, composto da fasi eliminatorie, quarti di finale, semifinale e, ovviamente, la finale, che decreterà la coppia di giocatori vincitori. E’ davvero una bella soddisfazione ve-

dere la partecipazione di tanti ragazzi poiché significa che l’obiettivo della curia, proprietaria del cinema, di fare di questo edificio un punto di aggregazione sociale è stato centrato». E’ stato un pomeriggio diverso anche per i partecipanti, come racconta Joël: «Ho deciso di partecipare mosso dalla curiosità di provare a giocare sullo schermo di un cinema, dato che gioco alla Fifa come passatempo da diversi anni. E’ stata un’esperienza particolare poiché cambia la percezione della partita, e di conseguenza il modo di giocare, a seconda che si tratti di una televisione piuttosto che di un cinema».

La Semaine culturale

Esposizione, Il Viaggio nella natura

L’universo in una fontina

“Valle d’Aosta – Il Viaggio nella natura”. È questo il titolo della mostra allestita sotto i portici di piazza Chanoux che sarà inaugurata giovedì 4 luglio alle ore 18 nella saletta dell’Hôtel des Etats ad Aosta. L’esposizione, realizzata nell’ambito del progetto VIVA, volto a favorire la conoscenza del patrimonio naturale della nostra valle, è caratterizzata da 44 immagini di fotografi valdostani dedicate alle aree naturali e alla fauna e flora che le popolano. La mostra resterà allestita per tutto il periodo estivo, fino al 30 settembre.

Sarà presentato giovedì 4 luglio alle ore 20.30 al Café Librairie di piazza Roncas ad Aosta il libro L’Universo in una fontina - I Jeantet. Storia di una famiglia di allevatori tra passato e futuro.

Musica e poesia al Centro La Place I classici della poesia incontrano i classici della musica: Elisa Tomellini suonerà, nell’ambito di questo progetto, accompagnando la lettura di alcune poesie al Centro Culturale La Place. La serata, organizzata dal Circolo del Cardo e dal Centro culturale è in calendario giovedì 4 luglio alle ore 21.

Personale di Roberto Pepino Sarà allestita da martedì 2 e fino al 15 luglio alla saletta comunale d’arte di via Xavier de Maistre ad Aosta la personale del maestro Roberto Pepino Dal reale all’immaginario. Peculiare alla pittura di Pepino sono la stesura cromatica che scandisce strade e case immaginarie, lo studio delle luci e delle ombre che determinano la profondità e la ricerca poetica che permea tutta la sua vita. Orario: dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.

MUSICA: primo album per il gruppo fra l’onirico e lo psichedelico

Insomniac dei THE ROOM aosta - «Siamo agghiaccianti!», è la prima cosa che viene loro in mente quando viene loro chiesto di ‘ definirsi’’: sono i The Room e non amano avere un genere che li contraddistingua o un’etichetta incollata addosso. È un gruppo che naviga fra il rock e la musica sperimentale senza identificarsi in nessuna di queste accezioni; qualcuno ha azzardato una forte propensione per lo stile dei The Cure anche se ricordano molto i miti dell’outsider music: i The Residents. Tutto inizia nel 2007, quando Loris Massera e la compagna Roberta Brochet (foto) creano il nucleo di quel che diventerà il gruppo definitivo: «È una storia lunga e travagliata – sorride Loris – il nostro album è stato registrato in vari studi e grazie a molte persone, il risultato è che ci abbiamo messo un po’ ma il risultato è molto soddisfacente». Le canzoni erano pronte già prima di due anni fa, ma la formazione attuale, composta da Loris Massera e Roberta Brochet (voce e chitarra), Luca Ventrice (chitarra), Patrick Faccini (basso) e François Domaine (batteria) inizia a suonarle dal vivo solo a partire dal 2011. Il loro album Insomniac comprende dodici tracce fra l’onirico e lo psichedelico che rapiscono l’ascoltatore per portarlo in una dimensione parallela, ma to-

talmente distante da quella reale: un viaggio di cui si conosce solo l’inizio e del quale la fine è incerta e ha un retrogusto angosciante. Dimenticatevi la musica tradizionale: «Ci piace sperimentare – spiega Roberta Brochet –, anche se alla base del nostro lavoro si ritrova la melodia del cantato; abbiamo scoperto il ‘‘fantastico mondo’’ del rumorismo homemade e ci piace tantissimo». Insomniac è un concept album è come tale va ascoltato per vivere appieno un’esperienza simile a quella del sogno, un’esperienza che proietta l’ascoltatore in una dimensione surreale; non è un album da viaggio in macchina e nemmeno da festa in maschera, tant’è che la band, senza presunzione alcuna, inserisce nella copertina del disco le istruzioni per l’uso. Nelle tracce sono stati inseriti molti dia-

loghi estrapolati dai film per dare un taglio cinematografico all’opera: «Siamo molto legati all’aspetto visivo e non c’è modo migliore per rendere un’immagine se non quello di inserire in un contesto audio dei rimandi visivi come possono essere i film». La canzone Vision at 2 AM è stata scelta per la creazione del primo video della band e si puo’ vedere su youtube. I The Room non amano apparire ma la loro produzione parla da sé e racconta di molto impegno e passione, molti pezzi nuovi non solo sono già in cantiere, ma sono già pronti per un secondo album che uscirà in un futuro, promettono, non troppo lontano. La prima data utile per ascoltarli dal vivo sarà il 6 luglio alla Croix Noire per il Bikers Sound Fest che inizierà alle ore 18.30. ■ Alessandra Borre


C U LT U R A & S P E T TAC O L I

lunedì 1 luglio 2013

Il giorno prima, romanzo d’amore di Mauro Soldano AOSTA - E’ alla sua terza pubblicazione lo scrittore valdostano Mauro Soldano (foto), poliziotto scrittore. «Il giorno prima» è però il suo primo romanzo. La trama ripercorre ricordi di amori, lontananze e conquiste affettive. Attraverso il vissuto individuale del protagonista mette in luce sogni, speranze e delusioni con una scrittura semplice, quasi familiare: un monologo autoironico per evidenziare il valore universale dell’amore. Nelle sue pubblicazioni precedenti aveva utilizzato lo strumento del saggio ora è passato al romanzo, cambiando totalmente il registro. Cosa l’ha spinta verso il romanzo? «E’ stato il mio bisogno di dare spazio alla fantasia, dare più possibilità a quello che avevo dentro di esprimersi e di raccontarsi attraverso le vicende di altre persone. Dei saggi rimane la mia voglia di analizzare personaggi e situazioni, ma qui vengono ‘condite’ con la creatività». Come mai scrive? «Mi piace emozionarmi e fare emozionare le persone e attraverso la scrittura riesco a comunicare queste emozioni. Per me sono un aiuto, una valvola di sfogo per superare la quotidianità e passare ad altri il mio pensiero». I suoi libri hanno tutti un fil rouge: l’amore. «E’ un messaggio positivo quello contenuto nei miei testi: io credo che attraverso l’amore si possa costruire il futuro. Però, allo stesso tempo, non taccio le difficoltà che esistono in questo senso, so che l’amore rappresenta anche sofferenza. Ma rispondo con le parole di Emily Dickinson che ho utilizzato come epigrafe al romanzo “La speranza è un essere piumato/che si posa sull’anima/canta melodie senza parole e non finisce mai’. Per questo la mia visione è positiva: perché è una visione di speranza». Quando scrive? «Di notte, quando i miei familiari dormono e io posso concentrarmi su me stesso e su quello che vorrei dire. Non si tratta di una scrittura continua, ma di una scrittura che incontra ostacoli e blocchi come momenti di creatività e di grande voglia di scrivere». ■ Br.Fr.

EVENTO - Sabato 6 e domenica 7 luglio a Pollein torna la festa country-western

Un Weekend da Cowboy POLLEIN - Musica e balli, un concerto live, cavalli e carrozze, animazione per bambini, buvette e ristorante. Sono il piatto forte del Weekend Cowboy’s 2013, la due giorni di festa country in programma al Camping Les Iles di Pollein sabato 6 e domenica 7 luglio. La festa internazionale (saranno presenti gruppi di ballo country-western oltre che italiani, anche svizzeri, francesi e belgi), giunta alla quarta edizione, è organizzata dalla Compagnie Country Dance Vallée d’Aoste, associazione nata poco meno di due anni fa a Fénis, presieduta dal Mirko Bottel, che conta 125 associati e «che ha come finalità la divulgazione della musica e dei balli countrywestern», spiega la portavoce Sara Barbieri. Ricco il programma della manifestazione, con una novità assoluta: la presenza di cavalli per il battesimo della sella per grandi e piccini (sabato), oltre al giro in carrozza (domenica). «La festa è aperta a tutti e si svolgerà anche in caso di maltempo. Vorrei sottolineare che in entrambe le giornate sarà ricordato il caro amico George McAntony, grande artista definito il “Re del country italiano”, che

VERRAYES l nome Verrayes proviene probabilmente Iun’etimologia dal patois Ve-ayes (verso le acque) dunque legata all’aspetto idrogeologico che ricorda come il terrazzamento vicino al capoluogo fosse occupato da terreni acquitrinosi. Altre etimologie quali verus aer (aria pura), vervactum (terra a riposo) sembrano meno plausibili. Lo stemma municipale è composto da due armi familiari, entrambe variate cromaticamente (tecnicamente si dice brisati). La parte destra araldica [sx normale] si riferisce ai nobili Saluard, originari della Tarentaise, che si stabilirono a Verrayes, in frazione Marcillier, verso il 1385, e vi costruirono una casa forte, fondarono una cappella e finanziarono la costruzione di un ru. Lo stemma era di nero [diventato d’azzurro in quello comunale], a tre scaglioni d’argento [lo scaglione è una V rovesciata detta anche capriolo], accompagnati da tre rose [le rose araldiche sono quelle selvatiche salvo diversa descrizione, nello stemma comunale diventeranno con il bottone d’argento], due in capo e una in punta, dello stesso, bottonate d’oro e che si estinsero all’inizio del XVI secolo. La parte sinistra araldica [dx normale] ricorda, invece, i nobili Fabri (variante molto diffusa di Fabbri, Fabbris, Favre), signori del feudo di Cly di cui Verrayes faceva parte e che nel 1567 il duca di Savoia Emanuele Filiberto concesse al proprio Primo Segretario di Stato e Segretario alle Finanze, Jean Fabri, il cui ultimo discendente maschio, Pierre-Clément, morì durante una campagna mili-

47

tare in Ungheria, nel 1638. I Fabri avevano un blasone parlante d’oro [nello stemma comunale d’argento], seminato di chiavi poste in palo di rosso [ridotte a quattro nello stemma del comune], al leone attraversante dello stesso [diventato rosso]. Le chiavi alludevano al mestiere di fabbro, che aveva dato il nome alla famiglia. Lo stemma del comune si blasona: “Partito [vale a dire diviso in due verticalmente]: nel primo, di azzurro, ai tre scaglioni di argento, accompagnati da tre rose, dello stesso, poste due in capo, una in punta; nel secondo, di argento, al leone di rosso, accompagnato da quattro chiavi, dello stesso, poste negli angoli in palo, con l’ingegno all’insù, posto a sinistra. Ornamenti esteriori da Comune”. Il gonfalone è così descritto. “Drappo partito di rosso e di azzurro, riccamente ornato di ricami di argento e caricato dallo stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento, recante la denominazione del Comune. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L’asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati, con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta con nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d’argento”. Stemma e gonfalone sono stati concessi il 9 febbraio 1994. Il gonfalone riporta la dicitura bilingue.

Due giorni di balli countrywestern e tanta musica a Pollein sabato 6 e domenica 7 luglio

per tanti anni ha suonato anche in Valle d’Aosta, mancato l’8 luglio di due anni fa dopo il suo ultimo concerto in Valle d’Aosta, a Sarre». Il programma La festa aprirà i battenti sabato 6 alle 15, con intrattenimento di balli country e animazione per bambini. Il ristorante (anche grigliate di carne) aprirà alle 19. Il momento clou sarà alle 21,30 quando il gruppo veronese Tennessee River Country Band terrà un concerto live, alternato da stage di ballo (gratuiti) e musica su cd. Tra uno stage di ballo (gratuito) e l’altro e musica su cd si arriverà alla seconda giornata di festa, domenica, che ini-

zierà alle 10,30 (per concludersi poco prima dell’ora di cena). Saranno proposte esibizioni, stage e animazioni. Apertura ristorante alle 12 e nel pomeriggio sarà riproposto il concerto live della band veronese, intervallato da stage di ballo e musica su cd. «Stage, animazione, concerti sono rigorosamente gratuiti - sottolinea Sara Barbieri -. Invito tutti a partecipare alla festa, perché ci sarà il modo di fare letteralmente fumare gli stivali con tanti balli su una grande pista in legno e al coperto, riservata a bellerini e pubblico che vorrà cimentarsi anche per la prima volta nella country-western dance». ■ l.m.

Cultura

Flash

Châteaux en musique debutta ad Avier L’ensemble musicale di Christian Leroy, affiancato dalla compagnia teatrale Versi Diversi di Arvier, sarà protagonista della prima serata della VIIa edizione di Châteaux en musique, rassegna culturale itinerante che comprende nove concerti accompagnati da rappresentazioni teatrali in alcuni tra i più suggestivi manieri valdostani. L’evento avrà luogo al Castello La Mothe di Arvier mercoledì 3 luglio alle 21. Ingresso gratuito.


TA N T I AU G U R I A . . .

48

Auguroni!!!

Fiocco azzurro Donatello Noel Sara Ashley Andrea Alice Renzo Karen Giunia Gianni Elena Robert Amilcare Giovanni Ivan Andrea Aurora Vincenzo Silvia Daniele Mario Paola Marco Andrea Julien Luca Fabio Danny Paolo Matthieu Patrick Marco

Anello Artico Bellenda Bocco Borre Brigantino Chamen Chanloung Chenevier Collomb Gagliardi Giambra Giopp Girardini Glarey Leonardi Malacrino’ Memoli Menzio Orsini Page Pellegrino Rossetto Sirigu Spatari Torello Tormena Treves Valente Vierin Zanolli Zaffuto

1 Luglio 5 Luglio 1 Luglio 6 Luglio 7 Luglio 6 Luglio 5 Luglio 1 Luglio 4 Luglio 3 Luglio 6 Luglio 7 Luglio 7 Luglio 3 Luglio 5 Luglio 2 Luglio 6 Luglio 3 Luglio 6 Luglio 2 Luglio 1 Luglio 4 Luglio 6 Luglio 2 Luglio 6 Luglio 3 Luglio 5 Luglio 5 Luglio 5 Luglio 7 Luglio 5 Luglio 2 Luglio

Nozze d’oro

Fiocco rosa

Tantissimi cari auguri a Concetta e Francesco Pavia per il loro 50° anniversario di matrimonio. Gabriele, Paola, Patrizia e Francesca

Fiocco rosa

Un messaggio per...

Tanti auguri per i tuoi 30 anni Luca! ...Da chi ti sopporta ogni giorno!

Il 24 giugno è nato Marcel per la gioia di mamma Milena, papà Orlando e delle sorelline Anaïs, Melanie, Severine ed Elise

Un messaggio per...

Dopo 41 anni di onorato servizio la maestra Gemma Benzo va in pensione. Per lei, il meritato riposo dopo tanti anni dedicati all’insegnamento. Per le colleghe, i genitori ma soprattutto per i bambini della scuola dell’infanzia di Pallein, il rammarico di non poter più beneficiare quotidianamente del suo sorriso e della sua serenità. Ci mancherai tantissimo maestra Gemma!

il 25 giugno è nata Giulia piccola di mamma Sara e papà Davide

Questa è Coralie nata in 23 giugno da mamma Dilva e papà Franco

Fiocco rosa

Fiocco rosa

Ed ecco qui, dopo una lunga attesa, il 25 giugno è arrivata Arianna per la gioia di mamma Agnese e papà Vincenzo che colgono l’occasione per ringraziare i nonni e gli zii

Questa è Melania nata il 23 giugno per la felicità di mamma Manuela e papà Michel che ringraziano tanto i nonni e gli zii

Buon compleanno

Un messaggio per... I bambini della scuola dell’infanzia Petit Prince di Quart ringraziano Valentina, Matteo, Giulia e Samuel per l’ospitalità, per averli fatti divertire al Momi’s Park tra gonfiabili, salterelli, pane e nutella e pizza!

Un bacione alla meravigliosa Ludovica che ieri ha ricevuto il battesimo dalla truppa dei cuginetti

lunedì 1 luglio 2013

GRAZIE e buona estate!

A Marisol, per i suoi 9 anni,compiuti giovedì 27 giugno, tanti auguri!! Denis, mamma e papà


lunedì 1 luglio 2013

ARRAMPICATA

Foto Play Full Nikon

a pagina 59

PODISMO

a pagina 60-61

CHICCO VOLANTE a pagina 58

Oggi la 30 Ore di Settimo Vittone a pag. 54-55

■ TENNISTAVOLO / Lo scudetto Veterani a squadre resta in Valle d’Aosta anche quest’anno

La Libertas Challant centra il tris tricolore AOSTA - Un’altra cavalcata vincente. Un altro scudetto, il secondo consecutivo; il terzo in cinque anni. I Vetarni della Libertas Challant sembrano proprio non conoscere ostacoli. «Con questo risultato (terzo scudetto, ndr) abbiamo raggiunto nella storia del tennistavolo nazionale società del calibro del Villa d’Oro Modena dei fratelli Bisi e del T.T. Vita nelle cui fila giocava un “certo” Costantini», commenta con soddisfazione il presiden-

te della Libertas Challant, Enzo Bonin, il quale annuncia che «adesso davanti a noi c’è una sola società con quattro scudetti, obiettivo che ci poniamo fin d’ora di raggiungere, magari già il prossimo anno». Il tennistavolo valdostano, decisamente in flessione come movimenrto rispetto a qualche anno fa quando era ai massimi livelli sia in campo maschile che femminile, si consola - si fa per dire - con un altro successo nazionale.

Gli artefici dello scudetto della massima serie sono Viktar Synkevich e Xu Fang, che quest’anno non hanno conosciuto ostacoli sul loro cammino. «La loro forza è dimostrata dal fatto che sono imbattuti in doppio da venti partite - racconta Bonin -, in pratica da due anni». Forti in singolare, imbattibili in doppio, il cammino della coppia valligiana è stato inarrestabile, tanto che nel concentramento finale di Riva del Gar-

da la Libertas Challant per mantenere lo scudetto cucito sulle maglie avrebbe anche potuto perdere contro il Prato, diretto concorrente, per 3-2. Invece, nella mattina di ieri, domenica, la squadra toscana è stata sconfitta 3-1 (battuta 3-2 la coppia campione d’Italia Over 50 La Rocca-Adeyamo), mentre nel pomeriggio è stato spazzato via (3-0) il Castello Roma, per quella che è stata la ciliegina sulla torta. ■ lu.me.

Synkevich e Xu Fang, insieme con il presidente Enzo Bonin, mostrano con giustificata soddisfazione lo scudetto 2012-2013


calcio

50

lunedì 1 luglio 2013

■ mercato / L’Aygreville prende in prestito Grenier dalla Pro Vercelli; lo Charva in pressing su Pession

Riente-Pasteris: doppio sogno REAL Il VdA inizia oggi gli stage di selezione: attesi anche lo scozzese Lunday e i nordirlandese Liam Conlon aosta - Scatterà alle 16 di oggi la nuova stagione del Vallée d’Aoste. A Gressan ci sarà la prima delle tre selezioni organizzate dai granata per visionare i giocatori da inserire nella rosa da affidare ad Alexandro Dossena, che è stato presentato ufficialmente a metà settimana. Tanti i nomi sul taccuino del direttore sportivo Christian Filippella; i più importanti sono quelli dei portieri Gianmarco D’Oria (ex Prato) e Francesco Maggi (Terlizzi), del difensore Frank Kamal (Brescia), dell’esterno offensivo Adriatic Podvorika (Berretti del Bassano) e del centrocampista Matteo Bernardini (ex Spal). Per quanto riguarda i giovani valdostani, dovrebbero essere visionati Giuseppe Furfaro, ‘95 ex Toro che ha finito la stagione nel Volpiano, e Gherard Bosonin, ‘96 del Brescia. Filippella ha un accordo sulla parola con Ciro Pernice, terzino del Toro ex Bra, ed è vicino a chiudere con Manuele Sillano, laterale dell’Imperia; il DS ha poi incontrato Mattia Rolando Eugio per verificare la possibilità di trattenerlo. Non è poi escluso che Alessandro Pomat resti al VdA. La novità potrebbe arrivare dai paesi d’oltremanica. «Grazie a un mio contatto - spiega Filippella - dal 5 al 7 verranno a provare due giocatori molto interessanti: il difensore centrale scozzese Gerard Lunday del Dundee United e l’attaccante nordirlandese Liam Conlon attaccante del Donegal Celtic, entrambi con esperienze nelle nazionali giovanili dei rispettivi paesi. Ho poi avuto un contat-

to con il bomber argentino del Servette Kevin Gissi». Settimana dedicata ai giovani in casa Aygreville. Le Aquile hanno riscattato dalla Pro Vercelli il difensore classe ‘96 Matteo Milani e, sempre dalle Bianche Casacche, hanno ottenuto in prestito un altro 17enne, il talentuoso centrocampista Alex Grenier. Per l’attacco, prima di muoversi, Simone Zoppo aspetta di verificare le condizioni di Lopez; intanto Matteo Baldi ha detto di sì allo Sporting Bellinzago di Gianni Koetting. Lo Charvensod è sempre in attesa di sciogliere il nodo del portiere, ma la possibile fusione della società laziale proprietaria del cartellino di Stephan Celesia non ha per ora permesso ai dirigenti rossoneri di fare luce sull’intricata vicenda. In pre-allarme c’è sempre Samuel Pendezza, sul quale, però, ha svoltato con decisione il Monte Cervino. Tornando allo Charva, c’è stato l’incontro con il Real Sarre per parlare dei ‘95 Christian Capello e Riccardo Fonte. «Se i ragazzi vogliono andare non ci metteremo di traverso - spiega il DS del Real Luca Cusano -. Tra l’altro a noi interessa riscattare Andrea Raco e Stefano Riente, quindi credo che si potrebbe trovare un accordo». Sempre sull’asse Charva-Real potrebbe svilupparsi l’operazione che porterebbe Luca Riente via dal Guido Saba. «Luca è il nostro capitano e, per me, è quasi un figlio - afferma il presidente dello Charva Massimo Lattanzi -, ma ci ha fatto presente che per problemi di lavoro potrebbe non continua-

Luca Riente

Patrick Ugonino

re a giocare con noi. Scegliessi io, non lo lascerei mai andare via, anche perché è un giocatore prezioso, che può giocare in due ruoli, ma la decisione spetta a lui. Nel caso ci lasciasse, proveremo a sostituirlo con un fuoriquota di qualità». Non a caso i rossoneri sono sulle tracce di Julien Verthuy, ‘94 con il cartellino suo che piace pure a Fenusma, Monte Cervino e PDHA. In settimana lo Charva ha parlato con Remo Torgneur, ma la trattativa che più sta a cuore ai dirigenti di Plan Felinaz è quella con Luca Pession, che non ha chiuso la porta a un approdo in rossonero. Chi non dovrebbe più vestire la maglia rossonera è Morris Pascale. Dopo i botti di metà giugno, il Pont Donnaz Hône Arnad deve solo più infoltire il reparto dei fuoriquota. Negli ultimi giorni è sfumata la trattativa con Luca Soster, che ha preferito la serie D e dovrebbe finire al Santhià. I rossoblu, come detto, stanno provando a prendere Julien Verthuy e hanno chiesto al Monte Cervino, in cambio di Samuel Pen-

dezza, il portiere Simone Lucchetti e l’esterno Davide Sirigu, che piace pure all’Aygreville. In uscita, Marco Boato, Daniele Apostolo, Mattia e Gianluca Bosonin sono stati richiesti dai Red Devils, ma il capitano della Juniores non dovrebbe lasciare il Crestella; Neal e Matteo Bosonin piacciono al Val d’Ayas. Antonio Zoppo ha intanto chiuso l’organigramma tecnico del settore giovanile: gli Allievi saranno allenati da Piergiorgio Ferrari, i Giovanissimi da Stefano Balbi, gli Esordienti da Filippo D’Aprile, i Pulcini 2003 da Maurizio Niosi, i 2004 da Franco Morgani, i 2005 da Mauro Bordet. Il Fenusma ha visto i suoi piani complicati dall’irruzione sul mercato dell’ambizioso Champdepraz. Prima di partire per le ferie, il nuovo DS Ivan Clerino ha infatti convinto Erik Miassot e Patrick Ugonino a lasciare Nus per trasferirsi in bassa Valle. «Aspettiamo che gli altri spendano i soldi - commenta il presidente del Fenusma Fabio Cerise -, poi ci muoveremo anche noi su quello che sarà rimasto

in circolazione». Il Fenusma ha parlato con Luca Pession e ha ottenuto il sì del Monte Cervino per l’attaccante Yuri Sirigu; adesso c’è da convincere il giocatore, che preferirebbe andare al Verrès, ma che non ha escluso l’ipotesi blucerchiata. In casa termale, detto della richiesta al PDHA per Pendezza, si attende nelle prossime ore la firma dei giovani Saccavino, Belloro, Pangallo e Bruni. Il DS Giuseppe Briarava e mister Dominique Grenier potrebbero riuscire a convincere Francesco Dattolo a rimanere ancora un anno al Perucca. Il Real Sarre, oltre agli intrecci con lo Charva, sta provando a trasformare in realtà il sogno chiamato Matteo Pasteris. Sempre in tema di giocatori offensivi, Luca Cusano ha fatto una chiacchierata con Matteo Bellafiore per convincerlo a tornare al calcio a 11 dopo la parentesi nel futsal. In uscita dovrebbe esserci il portiere Luca Sterrantino, frenato da problemi di studio; potrebbe così arrivare Mathias Passino, ‘94 dello Charva. E a proposito della famiglia Cusano, Fabio (protagonista due stagioni fa della promozione del St-Chri VdA in Lega Pro) è in procinto di tornare a giocare in Italia. L’ipotesi più suggestiva è quella del Rimini; su di lui ci sono anche Taranto e Bogliasco. Torniamo in Valle per segnalare un colpo del Verrès. «Stefano Borettaz giocherà con noi annuncia Vincenzo Mercurio ; siamo d’accordo che quando avrà smaltito il Tor des Géants

si aggregherà al gruppo». In Seconda l’Aosta GLV sta per annunciare il nuovo allenatore. A sostituire Massimo Chiumello dovrebbe essere Alessandro Vigna, colonna della squadra che avrebbe deciso di appendere le scarpette al chiodo. Dopo la parentesi a Chambave (che tratta Jean Claude Cominelli e Paolo Vietto), rientrerà in rosa il talentuoso Andrea Monteleone. Il CG Sanson, invece, accoglierà Luca Pozzolini, mentre il Grand Combin promuoverà in prima squadra Camedda, Abram, Zaffuto e Raiteri. Il Pollein ha completato le carte per la fusione con l’Aosta Calcio a 5: se tutto sarà ok da luglio nascerà l’Aosta Calcio 511, che ha chiesto di giocare le gare interne al Puchoz. Presidente sarà Gianluca Fea. Lo Champdepraz, oltre al doppio colpo Miassot-Ugonino, è vicinissimo a Remy Rollet (inseguito anche dal Montjovet) e ha riscattato Vacca, Melada e Yoccoz dal PDHA. Per la porta piacciono Lucà, Boato e Ruatto. Lo Châtillon è pronto ad avere a titolo definitivo Albert Bushaj, Francesco Mazzotta e Raffaele Piperata, svincolati dallo Chambave. Il Montjovet è vicinissimo al portiere Fabio Cerquetti dell’Introd e sta trattando gli svincolati Andrea Treu e Daniele Surroz. A Issogne, infine, mercoledì ci sarà la riunione con i giocatori. La dirigenza ha confermato la fiducia a Lorenzo Tramontini, che potrebbe essere affiancato da un altro tecnico per permettergli di gestire al meglio i problemi di lavoro. ■ Davide Pellegrino

SOCIETÀ

Stagione 2012 - 2013

Stagione 2013 - 2014

VALLEE D’AOSTE

Giovanni Zichella

Alexandro Dossena

AYGREVILLE

Giorgio Benedetti

Giorgio Benedetti

CHARVENSOD

Claudio Fermanelli

Claudio Fermanelli

P.D.H.A.

Roberto Milani

Roberto Milani

FENUSMA

Claudio Riboni

Claudio Riboni

Luigi Danieli

Dominique Grenier

Marco Brigantino

Marco Brigantino

Marco Girelli

Marco Girelli

Piergiogio Ferrari

Gianluca Marcellan

Massimo Chiumello

da nominare

Federico Barzagli

Federico Barzagli

William Bosonin

Gianluca Vigon

Renzo Drudi

Renzo Drudi

INTROD

Roberto Blanc

Devis Panont

POLLEIN

Francesco Lumicisi

Francesco Lumicisi

RED DEVILS

Riccardo Racchio

Riccardo Racchio

VAL D’AYAS

Alberto Luppi

Alberto Luppi

ACF AOSTA

Luca Lenzi

Luca Lenzi

CGC AOSTA

Franco Alì

Franco Alì

CHAMBAVE

Franco Tosetto

Franco Tosetto

CHAMPDEPRAZ

Simone Frassy

Simone Frassy

CHATILLON

Tonino Natalino

Tonino Natalino

MONTJOVET

Marco Bozzetti

Marco Bozzetti

Lorenzo Tramontini

Lorenzo Tramontini

MONTE CERVINO QUART REAL SARRE VERRES AOSTA GLV CG SANSON CORRADO GEX GRAND COMBIN

SPORTING ISSOGNE


CALCIO

lunedì 1 luglio 2013

51

■ TORNEO DEI COMITATI / Gli Allievi valdostani chiudono sesti, ottavi i Giovanissimi

Esultano Alessandria e Ivrea AOSTA - Festa per due nel fine settimana valdostano. Le formazioni di Alessandria (6-5 a Torino dopo i rigori tra gli Allievi) e Ivrea (1-0 ad Asti tra i Giovanissimi) hanno vinto il titolo regionale per rappresentative assegnato sui campi rossoneri. La kermesse ha coinvolto in totale ventidue squadre (undici per ciascuna categoria) appartenenti alle delegazioni provinciali e locali del comitato Piemonte-Valle d’Aosta. La manifestazione, che è stata ben organizzata dal direttivo valdostano della FIGC presieduto da Luigi Girasole, ha coinvolto sette terreni di gioco: Charvensod, Nus, Montjovet, Chamdperaz, Issogne Hône e Donnas. Sabato si sono giocate le qualificazioni, con le due rappresentative valdostane impegnate in uno scontro diretto con Torino. Sul sintetico di Charvensod gli Allievi di Franco Pagliara si sono inchinati di misura per 3-2, andando in gol con una doppietta di Sferrazza. Nulla da fare, sempre con il minimo scarto, per i Giovanissimi di Stefano Cramarossa, battuti 1-0 dagli avversari torinesi. La Valle ha così dovuto accontentarsi dei quadrangolari di consolazione che mettevano in palio, oltre al Trofeo Regione Valle d’Aosta, i posti dal quinto all’ottavo. Tra gli Allievi i rossoneri hanno vinto la semifinale ai rigori su Ivrea

Tornei

Flash

Summer Cup 2013 Conto alla rovescia agli sgoccioli per la 5ª Summer Cup in programma sabato 6 e domenica 7 a Verrès. Le iscrizioni alla manifestazione organizzata dalla Pro loco si chiuderanno oggi, lunedì 1° luglio; la vincitrice si porterà a casa un premio di 1.000 euro. Durante i due giorni del torneo sarà attivo un servizio bar e ristorante. Per informazioni e adesioni telefonare al 339 4821092.

(decisivi Fonte con una doppietta nei tempi regolamentari e Imperial nella roulette dei rigori, nel corso della quale ne ha parati ben due) per poi arrendersi 4-0 nella finale contro Asti, il che ha significato sesto posto complessivo. I Giovanissimi sono invece stati sconfitti 2-0 da Novara e 2-1 da Cuneo (rete di Daricou), chiudendo ottavi. I valdostani in campo

La formazione Giovanissimi allenata da Stefano Cramarossa ha chiuso all’ottavo posto

Sesta piazza per gli Allievi di Franco Pagliara

VETERANI: il Casinò pareggia e alza il trofeo

Trofeo Città di Aosta Tre giorni di calcio a 5 nel salotto buono del capoluogo. Il primo week end di luglio piazza Chanoux tornerà ad accendersi per la maratona di calcio a 5 organizzata dall’Asd Valdostana con il patrocinio dell’assessorato comunale allo sport e turismo; il torneo si disputerà sotto l’egida della Libertas, chi vincerà conquisterà il titolo di campione nazionale di calcio a 5 dell’ente di promozione sportiva presieduto in Valle d’Aosta da Enzo Bonin. Da venerdì 5 a domenica 7 sui due campi in erba sintetica realizzati davanti all’Hotel de Ville, cinquanta squadre in rappresentanza di bar, ristoranti, alberghi e negozi valdostani si sfideranno per conquistare il Trofeo Città di Aosta. Ospite d’onore della kermesse sarà la Nazionale di calcio freestyle. La prima formazione classificata si porterà a casa un rimborso spese di duemila euro oltre al diritto di partecipare alla finale nazionale del circuito 24 Ore in programma a settembre a Cesenatico; sono previsti premi speciali per il miglior portiere, il miglior giocatore, il giocatore più giovane, il gladiatore del torneo e la squadra simpatia.

GIOVANISSIMI: Nicolò Romei (Pont Donnaz), Andrea Caminiti, Fabio Martorello (Charvensod), Luca Lamarra, Fausto Vassoney (Aygreville), Marcello Glassier, Samuele D’Asta, André Betemps (CGC Aosta), Didier Daricou, Federico Trocino, Lorenzo Meraglia, Nicolas Candian (GSC Evançon), Joel D’Hérin, Patrick Gal Percali, Andrea Pramotton, Matteo Pillon (Fenusma). Allenatore: Stefano Cramarossa. ALLIEVI: Alexis Imperial, Andrea Mangeruga, Riccardo Nigra, Daniele Sferrazza (CGC Aosta), Giacomo Bonomelli, Didier Duguet, Samuel Rousc, Ahmed Harkane (GSC Evançon), Riccardo Fonte, Michel Christille, Davide Crestani, Simone Franceschelli (Charvensod), Alessandro Barbuto (C.M. Grand Paradis). Allenatore: Franco Pagliara. ■ d.p.

Il Circolo Casinò di St-Vincent

Il St-Christophe

GRESSAN - Il più dolce dei pareggi. Il Circolo Casinò di StVincent ha conquistato martedì la prima edizione del torneo di calcio a 8 per Veterani organizzato dall’US Acli. Il Casinò, che all’ultima curva guardava tutti dall’alto avendo vinto quattro partite su quattro, ha sfruttato al meglio il vantaggio di poter contare su due risultati su tre e ha conquistato contro il St-Christophe (obbligato dal -3 in classifica a vincere) il punto necessario a chiudere la manifestazione al primo posto. La partita è stata molto tirata, con i termali che hanno subìto l’espulsione del loro bomber principe Alessandro Celano. Il Fenusma, che ha travolto 7-3 il VdA Châtillon, ha così dovuto accontentarsi della seconda piazza a una lunghezza dal Casinò. Nell’ultima sfida in programma, l’Olimpia Gressan ha battuto 5-2 il St-Pierre lasciando ai blu castellani l’ultimo posto solitario della graduatoria. CLASSIFICA: Circolo Casinò St-Vincent p.ti 13; Fenusma 12; St-Christophe 10; VdA Châtillon 6; Olimpia Gressan 3; StPierre 0. ■ r.g.

Il Fenusma

Il St-Pierre

CALCIO A 5 GIOVANILE

I talentini aostani trionfano a Montesilvano

PESCARA - Grande impresa degli Esordienti dell’Aosta 511, che hanno vinto la Montesilvano Futsal Cup finita sabato pomeriggio in Abruzzo. La formazione del capoluogo regionale, impreziosita da alcuni ragazzi del Real Sarre, ha trionfato battendo nell’ordine il Marconi Roma (4-1), la Marca Futsal Treviso (16-1), la favoritissima Lazio (3-2) e il Valerano Roma in finale (4-3). Questo l’elenco dei giocatori diretti da Rodrigo De Lima con la collaborazione di Edi Volpone: Federico Frassy, Emanuele Gragnano, Leonardo Fea, Lorenzo Cordì, Silvestro Michelangelo Siciliano, Benoit Chabod, Lorenzo Gagliardi, Giovanni Avallone (miglior giocatore del torneo), Davide Pesa, Anas Najoui, Federico Belley. ■ r.g.


tornei estivi

52

lunedì 1 luglio 2013

Il Michelangelo centra la doppietta nel Trofeo Arte Moda charvensod - Un gol di Francesco Sterrantino a un minuto dalla fine dei tempi supplementari ha regalato al Michelangelo la seconda vittoria consecutiva nel Trofeo Arte Moda che si è chiuso martedì sul sintetico del Guido Saba di Charvensod. Gli orange hanno piegato 10 la Carrozzeria Scarfò-Gullone; terzo poso a pari merito per il Love Matilda e l’Associazione Campani VdA, sconfitti in semifinale. ■ r.g.

Le due finaliste a centrocampo prima della sfida decisiva con la coppia arbitrale e Claudio Fermanelli, in rappresentanza del negozio Arte Moda

■ torneo c.m. grand combin / Seconda giornata con sei reti; stasera si gioca ■ torneo di oyace / Quarto turno

L’Etroubles all’inglese sul Roisan Due formazioni Esultano anche Bosses e Gignod sempre in vetta Doues - Seconda giornata in archivio senza sorprese nel 39° Trofeo Comunità Montana Grand Combin. In vetta alla classifica

ci sono due delle grandi favorite per la vittoria finale. L’Etroubles ha vinto 2-0 la sfida con il Roisan grazie ai gol di Didier De Anto-

ni (capocanniere con due reti) e Flavio Priod; bottino pieno anche per il Bosses, che ha travolto 3-0 il Valpelline grazie a Marco

Lo Gignod ha esordito nel torneo battendo di misura il Doues

Cabraz, Paolo Jacquin e a un autogol. Successo di misura, infine, per lo Gignod, che con un acuto di Alex Bandieri ha piegato un gagliardo Doues. Il torneo, dopo un fine settimana di riposo per lasciare spazio al torneo di Prenoud, riprenderà oggi, lunedì 1° luglio. Anche questa settimana si giocherà soltanto fino a giovedì, perché poi nel fine settimana il palcoscenico sarà tutto per la 24 Ore di Doues. CLASSIFICA: Bosses ed Etroubles p.ti 6; Gignod e Roisan 3; St-Oyen, Doues e Valpelline 0. IL PROSSIMO TURNO (tutti i match alle 20.30): Gignod-Etroubles (1° luglio a Doues), St-Oyen-Bosses (3 luglio a St-Oyen), RoisanValpelline (4 luglio a Doues); riposerà il Doues. ■ r.g.

Primo punto nel torneo per la Locanda Lac Place Moulin

OYACE - Quarta giornata del Torneo di Oyace. Risultati: Valpelline-St Christophe 11-7 (V: 7 Prisant, 1 Vuillermoz, Vevey e Restano; S: 3 Noussan, 2 Dalbard, 1 Bredy e Venturini), Vieux BourgLocanda Lac Place Moulin 3-3 (V: 1 Morvillo, Cerise e Letey; L: 2 Petitjacques, 1 Vallet); Variney-Oyace 10-2 (V: 4 Fazari, 3 Rossetto e Accatino; O: 1 Betemps e Chenal), Sergnau-Lac Lexert 9-1 (S: 5 Betemps Matteo, 2 Désandré, 1 Bredy e Nex; L: 1 Giometto). CLASSIFICA: Variney e Valpelline p.ti 12; Sergnau 9; Lac Lexert 6; Vieux Bourg 4; St-Christophe 3; Locanda 1; Oyace 0.

CHAMPOLUC: Les Grignotteurs più forti di tutti champoluc (ayas) - Les Grignotteurs hanno vinto meritatamente il torneo di calcio a 5 di Champoluc. Alan Gaspard e compagni si sono im-

posti lunedì sera nella finalissima giocata contro l’Hotel Laghetto per 5-4. Il terzo posto, invece, se lo è aggiudicato il Ristorante l’Aroula.

I premi speciali sono andati a Daniele Surroz dell’Hotel Laghetto (miglior giocatore), Simon Vuillermin de Les Grignotteurs (miglior portiere)

e Lorenzo Sarteur del Ristorante l’Aroula (capocannoniere con 19 reti). Alla manifestazione, che si è giocata per metà sul campo co-

munale in erba naturale e per metà su quello in erba sintetica del Residence Les Coupoles, hanno preso parte sei squadre; dopo una fase

eliminatoria a girone unico all’italiana, le migliori quattro hanno dato vita a semifinali e finali. ■ r.g.

Les Grignotteurs

L’Hotel Laghetto

Il Ristorante l’Aroula

L’Hotel Castor

I Bardaz

La Pizzeria Lo Churen


tornei estivi

lunedì 1 luglio 2013

Il DMP - Gea Freschi

53

La Brasserie de la Rionda

Il VillSarre Juniores

Il Bar Chiribiri

■ trofeo prenoud / I rossoneri battoni in finale i padroni di casa

CB Costruzioni al settimo cielo I premi speciali ad Alessandro Pomat, Francesco Sterrantino e Stefano Antonacci st-oyen - Vincendo 3-2 la finalissima contro gli azzurri padroni di casa, il CB Costruzioni ha vinto ieri a St-Oyen il primo Trofeo Prenoud di calcio a 6 organizzato dall’Asd Valdostana al quale hanno preso parte dieci formazioni. I rossoneri di mister Luca Terzoni sono approdati all’atto conclusivo dominando la semifinale con il Vallée Casa per 6-0. Dall’altra parte del tabellone, invece, il Bar Prenoud ha riservato un trattamento simile alla Citroen Auto Mont Blanc, eliminata con un perentorio 4-1. Il match decisivo è stato vibrante, con il CB Costruzioni che si è imposto per 3-2 grazie alla doppietta di Stefano Antonacci e alla rete di Davide Spinardi; agli sconfitti non sono bastati i gol di Marco Cabraz e Diego Brunetti. Tre i giocatori premiati: Alessandro Pomat (Bar Prenoud) miglior portiere, Francesco Sterrantino (CB Costruzioni) miglior giocatore, Stefano Antonacci (CB Costruzioni) gladiatore del torneo. ■ r.g.

Il Beneamato Circus

Il CB Costruzioni

Il Bar Prenoud

Il Vallée Casa

Il Football Club Seseun

■ 2 vs 2 / Diciotto squadre in campo a Pollein

L’acuto del Nigama

Il Nigama

Gli Eschimesi

pollein - Il Nigama ha vinto ieri a Pollein l’edizione 2013 della Gladiators Cup di calcio due contro due. Nella finalissima si sono arresi per 6-4 gli Eschimesi; terzo posto per l’Asd Pollein, che ha superato 4-2 il Manicomius. Alla manifestazione hanno partecipato 18 squadre.

L’Asd Pollein

Il Manicomius

La Citroen Auto Mont Blanc


speciale 30 ore

54

lunedì 1 luglio 2013

■ calcio a 5 / Trentaquattro squadre in campo

Il Conad vine a Settimo superando i Red Cats Il Conad in trionfo dopo la premiazione

settimovittone - Per l’indisponibilità del Crestella (occupato da una manifestazione di atletica), la 30 Ore organnizata dal Team M10 Sport ha dovuto emigrare a Settimo Vittone, ma ha comunque fatto centro. Trentaquattro sono state le squadre che per due giorni si sono date battaglia. A vin-

L’M10 Sport

Il Veliero

cere è stato il Conad, che in finale ha battuto 4-3 i Red Cats; terzo si è piazzato Il Veliero, 4-3 all’M10 Sport. Jean Claude Consol (M10 Sport) è stato premiato quale miglior portiere, Andrea Sardo (Toro Boys) è stato incoronato miglior giocatore. ■ r.g.

I Toro Boys

I Red Cats

I Back Street Boys

L’A-Team

L’Arcimboldo

L’Armanac

Gli Amici Hooligani

Il Bar dei Sardi

Il Buona l’Idea - Bar Lys

L’Eporedia

L’Extrème Music

Il Freedom


speciale 30 ore

lunedĂŹ 1 luglio 2013

55

Il Vodka e Fanta solo e santa

I Boys

Il Geymar

La Iena

La Quintalata

Le Mohitine

Il Merenderian Numero 10

Il Full Resident

Les Petits Bleus

Il Tequila Sale e Limone

Lo Scommettiamo che...

Il Team A.

I Turbosacchi

La Bodeguita

Il Mai TravaiĂ 

Il Ristorante Marino


PA L L AVO L O

56

lunedì 1 luglio 2013

■ PERSONAGGIO / Tommy Ferrari traccia il bilancio dei suoi tre anni all’Olimpia

«Non solo una questione di soldi»

Il coach: «Alla base del divorzio anche aspetti tecnici e di prospettive; comunque abbiamo lavorato bene» ro, il bilancio è positivo». Ogni stagione partiva con incognite più o meno marcate. «Ogni anno un punto interrogativo, legato all’inserimento dei giovani. Però i risultati sono arrivati: play off sempre raggiunti, tranne nel campionato appena trascorso, nel quale però ci siamo arrivati molto vicini». Anche quest’anno, tra l’altro, non senza dubbi amletici. «Legati alle novità nei ruoli di palleggiatore e di centrale, ma sia Trucco che Henri Bianchi hanno risposto molto bene». Se dovessi scegliere uno solo, tra tutti, dei valori che hai

trasmesso? «Direi l’aver dato la consapevolezza della cultura fisica: dopo la B2, i giocatori potevano perderla. Ma aggiungerei il lavoro sui giovani, avviati a titolari, dimostrando che con serietà e sacrificio si colgono gli obbiettivi». Il rammarico per il rapporto che si interrompe? «Non vorrei ripetermi, ma proseguire con i giovani. L’Under 13 ha conquistato il sesto posto in Italia su 42 squadre. Avrei potuto dare qualcosa in più per preparare un’Under 17 molto forte». Ferrari spiega pacatamente i motivi del divorzio. «Motivi non solo di carattere economi-

co. Si tratta di diversi aspetti, anche tecnici e di prospettive, come la filosofia nell’utilizzo dei giovani. Comunque, serbo un ottimo ricordo e ringrazio la società per avermi dato gli strumenti per fare un buon lavoro, nel migliore dei modi. Io resto a disposizione». Come vedi il tuo futuro? «Attualmente, continuo a esercitare l’incarico federale, che concerne le giovanili maschili. Continuerò anche a occuparmi della rappresentativa femminile valdostana e del minivolley. Poi vedrò le eventuali offerte e le valuterò». ■ Alain Muller

Tommy Ferrari ha guidato l’Olimpia per tre stagioni

■ MERCATO / La Cogne Acciai Speciali vuole riscattare Bajo e Ricciardello; il CSI a caccia dei diritti per la serie D; Chapellu responsabile tecnico del Fenusma

L’Olimpia pensa a una COPPIA: tra Baldon e Genola spunta Arbaney

Gianpiero Baldon

Myriam Chapellu

Alessia Ricciardello

che sia, deciderà in totale autonomia». Gadina passa quindi ai saluti all’ormai ex coach: «Posso solo ringraziare Tommy per il lavoro che ha fatto con noi in

questi tre anni. Ci ha fatto crescere come società e ci ha dato tanti spunti per crescere ancora. Il suo lavoro è stato importante sia in prima squadra, che nella rifondazione del settore giovanile con l’attività di Châtillon». Nomi per la successione, Gadina non ne fa, ma i rumors sembrano indirizzare verso l’incarico a una coppia: in pole position potrebbero esserci Gianpiero Baldon e Stefano Genola, ma non è escluso che il secondo possa dedicarsi ai giovani e lasciare il posto a Michel Arbaney, ancora indeciso se continuare o meno a giocare. Un addio sicuro c’è, è quello di Ruggero Mastrolenzi, che abbandona l’agonismo per dedicarsi all’attività di violinista a Torino. Dal settore femminile arrivano meno turbolenze. La Cogne Acciai Speciali parteciperà sia al campionato di serie C, che a quello di D. Al timone delle due squadre ci saranno i ricon-

fermati coach delle promozioni, Leo Bajo e Biancarosa Quarello. «Non abbiamo intenzione di snaturare i due organici - spiega Leo Bajo -. Per quanto riguarda la serie C, sul mercato dobbiamo risolvere le questioni dei prestiti di mia figlia Michela con il Pagliare e di Alessia Ricciardello con Modena (quest’ultima ha richieste dal Lilliput Settimo ndr). Cristina Piccinelli alla fine del campionato aveva manifestato la volontà di smettere, ma proveremo a farle cambiare idea. Alla società ho chiesto qualche dirigente in più che ci segua assiduamente». Cambierà il vice di Bajo: Myriam Chapellu è tornata al Fenusma a occuparsi delle squadre giovanili e sarà sostituita da Pierdomenico Pileri, ex libero dell’Olimpia. Il gruppo della serie D potrebbe essere rimpolpato dalle giovanissime talentine dell’Under 14 Noela Danna e Mihaela Chira.

Flash

AOSTA - Due settimane di tempo. E’ quanto si è presa l’Olimpia per decidere a chi affidare la panchina che nelle ultime tre stagioni è stata di Tommy Ferrari. «L’addio era una delle possibilità sul tavolo, è da marzo che discutevamo del suo rinnovo del contratto - dichiara il direttore sportivo Jean Gadina . Abbiamo idee sia per il posto di responsabile del progetto del settore giovanile di Châtillon, che per quello di capo allenatore della serie C; si tratta di ragionarci sopra e, per quanto riguarda la prima squadra, di parlarne con lo spogliatoio per sapere cosa pensano i giocatori. Poi la società, com’è normale

Sport

AOSTA - La bella stagione della pallavolo valdostana, con il Bruno Tex a sfiorare i play off in serie C maschile e la Cogne Acciai Speciali a trionfare nel torneo femminile di serie D, si condisce di amarezza, come il risotto di Ugo Tognazzi. Lascia l’Olimpia Tommy Ferrari, dopo un triennio da headcoach fatto di tanti successi e soddisfazioni. Tommy è un tecnico di valore assoluto, come dimostra il suo palmarès, con esperienze importanti, di livello italiano (A1 femminile) e internazionale (con le Nazionali giovanili). Ferrari è capace di esaltare le caratteristiche dei suoi giocatori, spronandoli a dare il meglio, dal punto di vista sia tecnico che mentale. Per quanto riguarda la tattica e l’organizzazione, sa dare quel quid che porta a un valore aggiunto di squadra superiore alla somma del valore dei singoli: non è da tutti. L’Olimpia, per larghi tratti della stagione, appariva sul parquet come un’orchestra che eseguiva a memoria gli schemi, con armonia e determinazione insieme. «Quando mi ha contattato l’Olimpia, tre anni fa, ho assunto un grande impegno. Si trattava di curare la preparazione atletica e di prendere in mano la prima squadra e le giovanili. Occorreva anche procedere a un ricambio generazionale, dopo la retrocessione dalla B2. Ogni anno abbiamo promosso tra i titolari alcuni atleti del vivaio. Credo che abbiamo fatto un buon lavo-

Volley: via al Trofeo delle Regioni E’ iniziata questa mattina l’avventura delle rappresentative giovanili valdostane di pallavolo al Trofeo delle Regioni. La comitiva rossonere è partita nelle prime ore della mattina alla volta di Loreto, dove si giocherà la trentesima edizione dell’importante kermesse nazionale. Questi gli organici delle nostre due squadre. FEMMINILE: Bruna Scandariato, Adriana Mihaela Chira, Noela Danna, Alessia Pianezzola, Chiara Fosson, Ilaria Cavallo, Stefania Cout, Jessica Joly, Erica Neyroz, Paulica Lichota, Gloria Gamba, Erika Balzarotti. Allenatore: Tommy Ferrari; vice allenatori: Myriam Chapellu e Pierdomenico Pileri; dirigente: Barbara Ballot. MASCHILE: Alessandro Anedda, Zakaria Asmar, Julien Bargero, Kristian Gamba, Ilario Gianotti, Michel Jeantet, Davide Mangaretto, Fabio Mangaretto, Lorenzo Parma, Andrea Polesel, Stefano Varvello, Simone Rolland. Allenatore: Stefano Genola; vice allenatore: Gianpiero Baldon; dirigente: Jean Gadina.

A Châtillon sono ore decisive per il futuro della prima squadra. Il club biancoazzurro sta infatti cercando di concludere la trattativa con un club piemontese per comprare i diritti della serie D. In panchina è stato confermato Riccardo Vittone. Il Conad ripartirà da Fabio Blanchet, blindato al pari del gruppo che ha conquistato la salvezza con largo anticipo (probabile la promozione in prima squadra di Erika Balzarotto); con il coach, dovrebbero continuare a scendere da Aosta Eleonora Vietti e Nathalie Brulard, che comincerà anche a svolgere il ruolo di tecnico, fungendo da secondo a Fénis a Myriam Chapellu. «Continuiamo a lavorare sul gruppo con cui abbiamo ricominciato due stagioni fa - afferma il patron del Fenusma Salvatore Monticciolo -. Nella stagione appena conclusa abbiamo vinto il titolo Under 13, speriamo quindi di essere competitivi nel torneo Under 14. Al momento non pensiamo all’iscrizione alla Prima Divisione, anche se a mio parere avere una prima squadra è importante, perché fa da traino per le giovani. Per riuscirci, però, dovremo trovare qualche elemento di esperienza da inserire sul nostro gruppo che è ancora molto giovane. Ne riparleremo in autunno, quando il quadro sarà più chiaro». ■ Davide Pellegrino

Arco: bravi i valdostani al Topolino Buone prove dei giovani arcieri valdostani che si sono messi in mostra nelle finali nazionali del Trofeo Pinocchio a Silvi Marina. Nella categoria Giovanissimi Eloé Bullio si è piazzata 16ª, Alessia Bianquin 32ª, come Laurent Perrier nella prova maschile; tra i Ragazzi di prima media 18° posto per Stefano Spanò, mentre tra quelli di seconda media va segnalato l’ottima settima piazza di Matteo Fazari, con Christian Soster che ha chiuso 23°. Tra i Ragazzi di terza media, infine, Marscha Bologna si è classifica 25ª e Gianmarco Pangaro ha chiuso 31°.

La delegazione valdostana a Silvi Marina


M O U N TA I N B I K E

lunedì 1 luglio 2013

57

■ GP GIOVANISSIMI / Il club della media Valle vince la terza tappa; bel gesto di Andreas Vittone

Rhêmes si colora di ORANGE RHEMES-NOTRE-DAME - L’Orange Bike Team vince la terza tappa del Grand Prix Giovanissimi e torna sul gradino più alto del podio per la seconda volta nella stagione dopo il successo ottenuto nella prova di casa del circuito rossonero. Location spettacolare a Pellaud, dove tecnici e dirigenti del Cicli Lucchini hanno sfruttato al meglio le caratteristiche del terreno, disegnando per i centoquindici partecipanti dei tracciati belli e particolari, con tanto di attraversamento del laghetto. Come detto, sul gradino più alto del podio è salito il club della media Valle, che ha messo nel carniere 1.044 punti, precedendo i Lupi Valle d’Aosta (1.000) e il Cicli Lucchini.com (986). Dopo le prime tre tappe, al comando della graduatoria generale ci sono proprio i Lupi VdA (3.214), inseguiti da Cicli Lucchini (3.103) e Orange Bike (3.046). Ma veniamo alle classifiche individuali, partendo dai più piccoli. Tra i G1 l’Orange ha imbracciato la doppietta, vincendo con Gaia Gorret su Matilde Chatrian, terza Emilie Bionaz (Lupi VdA); in campo maschile successo di Giusep-

Matilde Chatrian

Andrea Carbone

Martina Lenta

Nicolas Seris

Nicole Favre

pe Abbate (Lupi VdA) su Matthieu Navillod (Orange) e Andrea Brunier (Orange). Fabienne Aguettaz (Cicli Lucchini) è salita sul gradino più alto del podio tra le G2, tenendosi alle spalle Carlotta Piccinini (Lupi VdA) e Matilde Albertazzi (VTT Arnad); nella prova in azzurro il miglior tempo l’ha fatto segnare Remy Latella (Cicli Lucchini), seguito da Etienne Grimod (Lupi VdA) e Gabriel Borre (Cicli Lucchini). I colori del Courmayeur hanno svettato tra le G3 per merito di Elisa Rosset, che ha battuto Annet Alliod (Orange) ed Evi Ci-

na (Lupi VdA); tra i maschi a segno Nicolas Seris (Orange) su Lorenzo Stirano (Pila Bike) e Didier Quinson (Courmayeur). Salendo tra le G4 va celebrata la prestazione di Silvia Borroz (Orange), capace di sopravanzare Francesca Minellono (Ci-

cli Lucchini) e Sophie Limonet (Courmayeur); André Philippot (Orange) è stato il più bravo al maschile, con Marco Gozzi (Villese) e Davide Panegos (Orange) a fargli compagnia sul podio. La tripletta d’élite delle G5 è formata da Alessandra Pic-

colo (Pila Bike), Gaia Tormena (Cicli Lucchini) e Lucrezia Balbo (Club Sportivo Lys), mentre tra i maschi Lorenzo Russotto (Lupi VdA) ha vinto su Filippo Latella (Cicli Lucchini) e Alessandro Nigra (Lupi VdA). Chiusura come sempre affidata alla categoria G6, nella quale si sono imposti Camilla De Pieri e Andreas Vittone, entrambi del Cicli Lucchini; sul podio con loro sono saliti Elisa Muratori (Pila Bike), Michela Doveri (Courmayeur), Mattia Borroz (Orange Bike) e Thierry Grivel (Courmayeur). Bel gesto di fair play in sede

di premiazione da parte proprio di Andreas Vittone, che ha ceduto il suo riconoscimento a Sean Brunodet, ragazzino G5 alle prime armi con la bicicletta e ‘meno fortunato’ dei coetanei in gara. «Mentre aspettavo di salire sul podio lui mi ha detto: “Prima o poi anch’io la vincerò una coppa così” - racconta Vittone - e allora mi è venuto spontaneo cedergliela una volta che me l’avevano consegnata. Sean è un grande, ci mette sempre l’anima ed è un esempio importante per tutti noi». ■ Davide Pellegrino

Emilie Bionaz

André Parisi

Alice Albertazzi

Filippo Agostinacchio

Ninive Pavese

Hervé Bionaz

Didier Yon

Denis Donzel

LE CLASSIFICHE DI RHEMES-NOTRE-DAME

Le nuove leve della categoria G0 raccolgono sempre tanti applausi

G1 FEMMINILE: 1ª Gaia Gorret (Orange) 1’54”60, 2ª Matilde Chatrian (Orange) 2’07”12, 3ª Emilie Bionaz (Lupi VdA) 2’14”44, 4ª Alida Gaia Vitulli (Lupi VdA) 2’20”27, 5ª Ginevra Louise Vittone (Lucchini) 2’20”94. G1 MASCHILE: 1° Giuseppe Abbate (Lupi VdA) 1’53”41, 2° Matthieu Navillod (Orange) 1’58’57”, 3° Andrea Brunier (Orange) 2’01”53, 4° Niccolò Peloso (Lupi VdA) 2’09”03, 5° Michel Perron (Orange) 2’10”27. G2 FEMMINILE: 1ª Fabienne Aguettaz (Lucchini) 1’42”56; 2ª Carlotta Piccinini (Lupi VdA) 2’09”55, 3ª Matilde Albertazzi (VTT Arnad) 2’17”56, 4ª Sofia Fresia (Lupi VdA) 2’22”08. G2 MASCHILE: 1° Remy Latella (Lucchini) 1’24”89, 2° Etienne Grimod (Lupi VdA) 1’29”77, 3° Gabriel Borre (Lucchini) 1’32”34, 4° Andrea Carbone (Lupi VdA) 1’33”61, 5° Mattia Polin (Lucchini) 1’33”90.

G3 FEMMINILE: 1ª Elisa Rosset (Courmayeur) 3’22”84, 2ª Annet Alliod (Orange) 3’47”26, 3ª Evi Cina (Lupi VdA) 4’46”15, 4ª Martina Lenta (Lupi VdA) 4’57”58. G3 MASCHILE: 1° Nicolas Seris (Orange) 2’49”78, 2° Lorenzo Stirano (Pila Bike Planet) 3’01”25, 3° Didier Quinson (Courmayeur) 3’04”61, 4° Alessio Cino (Lupi VdA) 3’29”60, 5° Simone Dalle (VTT Arnad) 3’33”40. G4 FEMMINILE: 1ª Silvia Borroz (Orange) 2’58”22, 2ª Francesca Minellono (Lucchini) 3’02”58, 3ª Sophie Limonet (Courmayeur) 3’07”30, 4ª Giulia Challancin (Orange) 3’11”50, 5ª Nora Cosentino (Orange) 4’04”11. G4 MASCHILE: 1° André Philippot (Orange) 2’26”58, 2° Marco Gozzi (Villese) 2’34”82, 3° Davide Panegos (Orange) 2’35”16, 4° Nicholas Evolandro (Lucchini) 2’37”42, 5° Filippo Agostinacchio (Pila Bike Planet) 2’41”30. G5 FEMMINILE: 1ª Alessandra Piccolo (Pi-

la Bike Planet) 4’29”36, 2ª Gaia Tormena (Lucchini) 4’34”72, 3ª Lucrezia Balbo (Lys) 4’55”76, 4ª Nicole Favre (Diavoli Sarre) 5’23”80, 5ª Francesca Morra di Cella (Lucchini) 6’47”99. G5 MASCHILE: 1° Lorenzo Russotto (Lupi VdA) 4’29”33, 2° Filippo Latella (Lucchini) 4’35”92, 3° Alessandro Nigra (Lupi VdA) 4’49”77, 4° Matteo Balestrini (Orange) 4’57”12, 5° Davide Balmino (Lys) 5’07”70. G6 FEMMINILE: 1ª Camilla De Pieri (Lucchini) 4’15”18, 2ª Elisa Muratori (Pila Bike Planet) 4’23”72, 3ª Michela Doveri (Courmayeur) 4’47”07, 4ª Camilla Martinet (Lupi VdA) 5’00”36, 5ª Ninive Pavese (Courmayeur) 5’41”01. G6 MASCHILE: 1° AndreasVittone (Lucchini) 3’53”08, 2° Mattia Borroz (Orange) 4’01”67, 3° Thierry Grivel (Courmayeur) 4’03”82, 4° Federico Chiodo (Lupi VdA) 4’32”83, 5° Federico Serpone (Lupi VdA) 4’34”03.


s p e c i a l e c e rv i n o c yc l i n g m a r at h o n

58

lunedì 1 luglio 2013

■ la gara / Falzarano, Cappiello, Eskov e Palombo vincono una grandissima prima edizione con un migliaio al via

La Gran Becca promossa a pieni voti E alla fine della giornata, Federico Pellegrino batte Alain Seletto nella sfida skiroll contro bici Davide TACTEL Inviato al Breuil

cervinia (valtournenche) - Pedalare con il Cervino davanti al manubrio non è usuale. Quando i ciclisti della 1ª edizione della Cervino Cycling Marathon arrivavano affaticati al Breuil il viso tradiva la stanchezza, ma gli occhi esprimevano felicità. Quasi 28 chilometri da Chatillon a Cervinia con la Gran Becca che cresce chilometro dopo chilometro riempie il cuore. Un regalo che si sono fatti gli oltre mille che hanno accettato la sfida della granfondo più alta d’Europa: partenza da Cervinia e 92 chilometri oppure 144 su e giù per le strade valdostane compresa la salita finale che li ha riportati nell’ombelico dello sci alpino. Hanno vinto i campioni delle granfondo: il toscano Alfonso Falzarano e il russo Nikita Eskov, ex pro della Katusha. I valdostani, contro questi colossi, hanno fatto quello che hanno potuto. Alain Seletto ha chiuso al quarto posto la medio fondo, a 5’14”, e battendo in volata il secondo valdostano, Mattia Luboz. Yuri Droz ha pedalato bene nelle posizioni di vertice della granfondo finendo poi 11°. Alle 9 del mattino ci sono 8 gradi ma il sole è già alto. La carovana si muove a velocità controllata sino ad Antey. Poi è gara vera: sulla prima salita di giornata fanno il ritmo il vincitore del Mezzalama Damiano Lenzi e il biellese Paolo Ramella. I grossi calibri stanno a guardare. Almeno fino alla discesa quando iniziano gli attacchi. Al giro di boa un gruppetto di sei ciclisti si porta al comando della medio fondo: tra loro c’è anche Mattia Luboz. Nella lunga, invece, Falzarano allunga sulle rampe di Pila Les Fleurs e Lenzi va con

L’arrivo a braccia alzate di Alfonso Falzarano

Foto Play Full Nikon e Nicolò Caneparo - Nickland

lui. L’ex campione del mondo a squadre rimane però presto senza rifornimenti idrici e deve alzare bandiera bianca. Falzarano ha via libera e arriva sul traguardo con 8’37” di vantaggio sul compagno di squadra Enrico Magazzini che regola in volata l’altro ex pro Piergiorgio Camussa. Droz è 11°, a 18’49”, Paul Pellissier 16°, a 24’43”, Francesco Antonio Macrì (Benato) 33°, a 42’08”, Diego Marana (Benato) 72°, a

59’36”; Cosimo Pellicanò (Benato) 73°, a un’ora 20”, Dino Boverod (Benato) 89°, Marco Thiebat (Aquile) 91°, Guido Rossa (Aquile) 143°, Luciano Gullone (Gran Combin) 164°, Matteo Chatrian (Aquile) 176°, Roberto Chinchella (Benato) 188°, Paolo Luca Pramotton (Lucchini), 197°. Nella mediofondo all’inizio della salita finale Michel Chocol è a solo al comando ma a Valtournenche viene raggiunto da Eskov e da Da-

vide Aufiero. Poi il russo alza ancora il ritmo e gli altri due mollano. Tra i valdostani Corrado Cianciana (Gressan) è 30°, Edoardo Buscaglione (Aquile) 38°, Roberto Canonico (Benato) 53°, Gianpiero Glarey (Gran Combin) 94°, Marco Susanna (Vigili del Fuoco Godioz) 100°, Luciano Viérin (Pancalieri) 108°, Massimo Giangrasso (Aquile) 166°, Enrico Nigra (Aquile) 118°, Christian Vallet (Polisportiva Cervinia) 127°, Matteo Ottino (Polisportiva Cervinia) 128°, Lorenzo Baldon (Aquile) 141°, Carlo Inglese (Aquile) 155°, Lorenzina Rosset (Cinelli) è 202ª e seconda tra le donne dietro Raffaella Palombo, Luigi Brusaferro (Aquile) 223°, Leandro Marcoz (Saint-Marcel) 226°, Eugenio Dodaro (Aquile) 228°, Gianfranco Cimberio (Aquile) 233°, Mauro Viérin (Aquile) 263°, Marco Madeo (Benato) 265°, Bruno Vitton Mea (Jolly Europrestige) 269°, Diego Merivot (Aquile) 274°, Fabio Cianciana (Aquile) 276°, Mauro Pallais (Aquile) 284°. Per fortuna senza conseguenze gli investimenti da parte dei concorrenti di due donne di 77 e 82 anni a Verrayes e Nus, che sono state medicate al Parini e subito dimesse. La grande sfida Poi, finita la gara, largo alla sfida: Federico Pellegrino vs Alain Seletto; skiroll contro bici. Ha vinto Federico Pellegrino alla quinta sfida dopo che Seletto aveva primeggiato nella prima e nella terza e Pellegrino aveva vinta la seconda, la quarta e la quinta. Una sfida accattivante e interessante che ha richiamato l’attenzione e l’interesse dei turisti (non solo ciclisti) di Cervinia. E in inverno ci sarà un’altra sfida; quella tra fondisti nella via centrale del paese durante le feste di Natale.

A sinistra Mattia Luboz e Damiano Lenzi fanno l’andatura; a destra Paul Pellissier detta il ritmo nel suo gruppo di inseguitori

■ sala stampa / Occhiello in chiaro per titolo sdue righe con una di titolo Oc

pagato un po’ le poche gare che ho nelle gambe rispetto ai miei avversari. Sulla prima salita ho fatto tanta fatica, poi è andata meglio. E’ stato emozionante arrivare nel mio paese e farlo con le persone con le quali di solito gareggio la domenica». Mattia Luboz aveva vinto un mese fa una prova di Coppa Piemonte, «ma allora non c’era una salita finale così dura. L’ho presa un po’ troppo forte e ho pagato le conseguenze.

Davanti hanno un altro ritmo. Va bene così». Massimo Chatrian, assessore allo Sport del comune di Valtournenche, dice: «Cervinia è terra di sport. Tutti ci hanno messo una parte per la riuscita di questa prima granfondo su strada. Era la prima edizione di una gara che credo farà strada: oggi abbiamo offerto una cartolina di rara bellezza delle nostre montagne. L’anno prossimo vogliamo crescere e portare il

doppio dei ciclisti». Mauro Benedetti, organizzatore: «Organizzare la granfondo più alta d’Europa aveva un sacco di incognite. E’ andato tutto bene, ce l’abbiamo fatta. La partenza in discesa ci ha fatto venire qualche pensiero alla vigilia e, invece, è stata gestita con grande maturità da tutti. Rotto il ghiaccio siamo pronti per una grande edizione numero due». ■ da.ta.

George Brannigan del Trek World Racing ha vinto ieri a Champoluc la seconda prova del Circuito nazionale Gravitalia precedendo la coppia del GT - 360Degress formata da Oscar Harnstrom e Alan Beggin. La gara femminile delle Agoniste è andata ad Alia Marcellini del Torpado Surfing Shop su Elisa Canepa del Riviera Out Door e a Veronika Widmann dell’Egna Neumarkt. Tra gli Amatori si sono imposti Manuel Dal Pozzo (Team Scout) ed Eleonora Farina.

Flash

cervinia (valtournenche) - Nikita Eskov arriva sul traguardo con lo sguardo smarrito. E’ contento di aver vinto ma quasi chiede scusa. Lui, pro sino allo scorso anno, nel percorso medio insieme agli amatori. «Ho sbagliato al bivio - dice - a quel punto ho tirato dritto. Bella gara, suggestiva questa salita finale». Poco dopo ecco Alain Seletto, che vince la volata con Mattia Luboz ed è primo tra i valdostani: «Ho

Sport

Seletto: «Emozionante arrivare nel mio paese»

Downhill: vince Brannigan

Triathlon: Ascenzi 13° in C.E. Si chiude con un 13° posto la trasferta olandese di Alex Ascenzi. Il portacolori delle Fiamme Azzurre sabato ha preso parte a Holten a una gara sprint valida per la Coppa Europa (70 atleti al via). La gara è stata vinta dall’australiano Wilson in 56’18”; Ascenzi ha chiuso la sua fatica in 57’17”. Triathlon: acuto di Manuela Contu

La gioia di Olga Cappiello sulla linea del traguardo

Ancora un acuto di Manuela Contu. La valdostana ha vinto sabato tra le Youth B la prova di Cesate del circuito Nord Ovest Cup. Nella stessa categoria, ma al maschile, Matteo Bozzato si è piazzato 9° e Lorenzo Cossard 25°; sfortunato Davide Bajo, vittima di una brutta caduta in bici che l’ha costretto al ritiro mentre era al secondo posto (l’aostano è stato assistito da Lorenzo Cossard, che messo le condizioni di salute del compagno di squadra davanti posizione in classifica). Nella gara degli Youth A Valeria De Bona si è classificata 14ª e Sebastien Carrel 16°.


S P O RT va r i

lunedì 1 luglio 2013

59

■ arrampicata / Allera, Deval e Bovo protagonisti sabato ad Antey nonostante il maltempo

Rossoneri tre volte sul podio Renato DUCLY Inviato ad Antey antey-st-andre’ - Il maltempo ha condizionato sotto il profilo della partecipazione l’appuntamento conclusivo di sabato 29 giugno ad Antey (organizzazione a cura dall’Asd Oasi Vertical) con la prima edizione del circuito NO.8a Rope Challenge (le altre due tappe si erano svolte il 25 maggio a Torino e il 15 giugno a Cuneo). A partecipare sono stai ventuno atleti, di cui sei valdostani, impegnati nelle categorie Acidi e Basici, con sei vie di qualificazione a formula raduno e finale a vista su unico itinerario 7b (Acidi maschile e femminile e Basici femminile) e 7c (Basici maschile). Stefano Allera di Pont-St-Martin, portacolori del Pan & Sport Quincinetto, e Luca Deval di Verrès (TopoPazzo Climbing House), sono saliti sul podio nella categoria Acidi, rispettivamente sul secondo e terzo gradino, (1° il piemontese Carlo Ruffinengo). Sesto posto per Alessio Garofalo di Pont-St-Martin e nono per Aurelio Fattori di Valtournenche, entrambi dell’Oasi Vertical. Tra i Basici, secondo posto per JeanPierre Bovo di Pont-St-Martin del B-Side Torino, (1° e 3° i torinesi Nicolò Manca e Andrea Revello), mentre Jacopo Alberti di Brusson (TopoPazzo) si è dovuto accontentare della quarta piazza. In campo femminile nessuna rappresentanza rossonera, quindi i

due podi sono stati entrambi di marca piemontese (Acidi: 1ª Ludovica Demasi, 2ª Marzia Cerruti, 3ª Camilla Dozza; Basici: 1ª Bianca Quercetti, 2ª Lucia Arata). «E’ andata meglio di quanto pensassi, le vie erano molto difficili e sono pertanto contento della prestazione», spiega il dodicenne Aurelio Fattori, il più giovane in gara. «E’ stata una bellissima manifestazione e sarebbe bello ce ne fossero altre e con più partecipanti», afferma un soddisfatto JeanPierre Bovo. «Un bel ambiente, una buona struttura e vie piacevoli, dure ma non impossibili; purtroppo, però, non mi è andata troppo bene in finale», è invece il pensiero di

I sei valdostani che hanno preso parte alla gara di Antey

■ corsa in montagna / Nel km verticale francesce Burgada battuto dal colombiano Rodriguez

Vuillen e Sirigu in evidenza a Chamonix chamonix - La notizia ha del clamoroso: nel ‘Kilomètre Vertical’ di Chamonix, valido per il circuito mondiale Sky World 2013, al favoritissimo Kilian Jornet Burgada non è bastato battere il proprio record del 2012 per vincere. Più forte di lui è andato il colombiano Saul Antonio Padua Rodriguez. Alla gara, la più spettacolare delle due organizzate nella località francese e valide per il circuito

Sky World (l’altra era la Mont Blanc Marathon sulla tradizionale distanza di 42 chilometri, con un percorso trail), hanno partecipato tutti i più forti specialisti mondiali: quattrocento gli iscritti, con liste chiuse ormai da mesi. Il colombiano ha impiegato 34’34” per percorrere i mille metri di dislivello su una lunghezza di poco più di 4 chilometri sviluppatosi sulle pendici del Brevent: un

sentiero a zig zag che saliva sotto la telecabina omonima, e un passaggio finale in cresta con l’ausilio di corde fisse e scalette in ferro. Kilian Jornet Burgada è stato battuto per l’inezia di 19”; terzo Eirik Dagsonn Haugness a 28”. Pochi i valdostani in gara: su tutti ha primeggiato Loris Vuillen (Courmayeur Trailers - foto a sx), 51° in 46’12”(secondo della categoria V2H), confermando

così la bella prestazione della settimana precedente al Gran Paradiso Trail. Conferma la prestazione della gara di sabato 22 anche Daniela Sirigu (Courmayeur Trailers - foto a dx) che tra le donne è arrivata 41ª con il tempo di 1h04’40” (seconda delle italiane, dopo la fortissima Antonella Confortola che con il tempo di 42’55”ha conquistato il terzo posto assoluto). ■ a.t.

Alessio Garofalo. Contenta anche Cristiana Martinetto, presidente dell’ASD Oasi Vertical: «Con un’altra meteo ci sarebbero stati più partecipanti ma è andata comunque benissimo - spiega -, questo tipo di circuito verrà riproposto e spero possa prendere piede e crescere». Stilate anche le classifiche combinate relative alle tre tappe. Acidi M.: 1° Carlo Ruffinengo, 2° Luigi Sulla, 3° Luca Deval, 8° Stefano Allera, 14° Alessio Garofalo, 17° Aurelio Fattori. Acidi F.: 1ª Ludovica Demasi, 2ª Marzia Cerruti, 3ª Monica Sciajno. Basici M.: 1° Nicolò Manca, 2° Francesco Bosco, 3° Jacopo Alberti, 4° Jean-Pierre Bovo, 15° Marco Dellanoce. Basici F.: 1ª Lucia Arata, 2ª Bianca Quercetti, 3ª Agnese Migliardi. Le altre gare Buon ottavo posto infine per l’Under 16 Paolo Martignene di Verrayes, portacolori dell’Oasi Vertical, impegnato con la Nazionale Giovanile a Imst, in Austria, nella gara EYC Speed degli Europei. Il valdostano, grazie a questa prestazione, è stato convocato anche per la tappa di Chamonix (10 luglio) del circuito continentale. Partirà invece il 25 agosto da Antey-St-André il 3° Circuito Regionale Promozionale Giovanile; le altre tappe saranno a Verrès (6 ottobre), Courmayeur (3 novembre), Ollomont (24 novembre) e Aosta (14 dicembre).


s p o rt va r i

60

lunedì 1 luglio 2013

■ il personaggio / Eleonora Marchiando, in raduno fino a domani a Formia, si prepara per l’appuntamento iridato di Donetsk sui 400

«Sono pronta a dare il massimo, spero di migliorarmi» aosta - Rimarrà a Formia fino a domani mattina, martedì 2 luglio, Eleonora Marchiando dell’Atletica Sandro Calvesi, in ritiro insieme agli altri suoi compagni di nazionale convocati dal selezionatore tecnico azzurro Stefano Baldini in vista dei Campionati mondiali giovanili di atletica leggera, in programma dal 10 al 14 luglio sulla pista dell’Olimpiyskyi Stadium di Donetsk, in Ucraina. Eleonora, che prenderà parte già nella tarda mattinata di mercoledì 10 luglio alle batterie di qualificazione dei 400 metri, l’abbiamo raggiunta telefonicamente durante una pau-

sa tra una seduta di allenamento e l’altra. In un simile contesto, qual è stata la tua reazione all’atto dell’ufficializzazione della tua convocazione azzurra per l’ormai imminente rassegna mondiale? «E’ stata una grandissima soddisfazione, a maggior ragione considerando che per ogni specialità, soltanto le prime due in Italia hanno potuto ottenere il pass per i Mondiali (Eleonora Marchiando l’ha ottenuto in virtù del 56”68 siglato una settimana fa a Orvieto, ndr)». Bene, ora che sei certa di poter-

ti schierare sui blocchi di partenza dei 400 metri che assegneranno il titolo iridato Allieve, quali sono le tue velleità? «Guarda, sono già molto contenta di essermi qualificata per i Mondiali. E’ ovvio che a Donetsk cercherò di dare il massimo, sperando prima di tutto di riuscire a migliorare il mio primato personale di 56”68 sulla distanza. Tutto quello che verrà in più sarà tanto di guadagnato, anche perché sarò costretta a confrontarmi con avversarie con tempi molto bassi sul giro di pista». Con la convocazione per i Campiona-

ti mondiali giovanili, va da sé che tu sia diventata a tutti gli effetti un’atleta di interesse nazionale, addirittura selezionata niente meno che da un campione che di nome fa Stefano Baldini. A questo punto hai già iniziato a pensare al tuo futuro? «Per il momento preferisco vivere il presente, cercando di impegnarmi al massimo delle mie possibilità. Al futuro ci penserò tra qualche tempo, anche perché al momento pratico sport perché mi piace e mi diverto. Ripeto, al futuro avrò modo di pensarci con più calma». ■ pa.ba.

■ podismo / A Rhêmes prima vittoria in rosa per Giulia Collavo

Orozco Sanchez... c’è Rhemes-St-Georges - I due vincitori, un campione affermato come Juan David Orozco Sanchez e una promessa che si sta affermando, Giulia Collavo (è anche ‘Promessa’ come categoria Fidal essendo una ventunenne). Subito le dichiarazioni dei primi arrivati. «Un percorso molto bello e ben preparato, molto nervoso per i continui cambi di pendenza - afferma Juan David -. Sono partito forte con un gruppetto che comprendeva Ivo Aimone, Matteo Savin e un atleta marocchino, Hadri Abdelaziz che dopo un po’ si è però ritirato. Fra il secondo e il terzo chilometro, controllati gli avversari in discesa, ho provato l’allungo in salita e ho visto che si è creato un piccolo vuoto. Devo ringraziare Renzo Bosonetto che mi allena tutto l’anno e ha voluto portarmi a questa gara. Il mio prossimo impegno sarà la Biella-Monte Camino del 30 giugno». Ed ecco quanto ha detto Giulia: «Mi sto trovando bene con il podismo. Prima gara in assoluto al ‘Baroli’, poi il secondo posto al ‘Vion’ di Challand e ora questa vittoria. Ho lottato per un po’ con Jessica Gérard e Marlène Jocallaz, poi ho accelerato e ho visto che le avversarie cedevano ed è andata bene. Ho fatto sci alpino, poi sono passata al biathlon approdando in squadra B. Ora sono fuori ma mi sto preparando intensamente, e anche queste gare sono utili per ritrovare una buona condizione e magari rientrarci; per lo meno è ciò

Nella foto in alto la partenza dei Cuccioli; in quella qui sopra il via delle categorie Ragazzi e Cadetti

che mi auguro». E’ stata ancora una volta una grande gara, che ha raccolto circa 250 atleti, dai più piccini sino ai meno giovani. Ben organizzata, con Giorgio Pellissier nella stanza dei bottoni, un ambiente accogliente, una buona cena, una premiazione ‘comme il faut’, insomma tutti soddisfatti. Già si evince dalle dichiarazioni dei vincitori come si è sviluppata la competizione, e le classifiche in questa pagina illustrano con i numeri quali sono stati i migliori in ogni categorie, davvero tutte presenti. La

parte giovanile, che ha preceduto la gara principale, ha fornito prove interessanti, dalla grinta dei Cuccioli in una volata costante, agli arrivi al ‘fotofinish’ di altre categorie. Merita citazione Jean Claude Ferrod, una spanna su tutti, gran talento naturale. Detto dei primi arrivati nella prova di 5,9 km, vanno sottolineate le belle prestazioni di Ivo Aimone (a 10” dal vincitore) e Matteo Savin (37” il suo distacco), con a seguire a seguire Klaus Mariotti, Christian Joux, Davide Sapinet e Miche-

le Saba, senza dimenticare gli Junior Jean Paul Perret e Mathieu Courthoud (ottavo e nono assoluti) e il Veterano Rudi Veronesi (decimo assoluto). Fra i Pionieri Giorgio Courthoud, al primo anno di categoria, non fa sconti a nessuno e domina alla grande (27° assoluto), mentre Mario Casu fa vedere le lucciole alla concorrenza fra i Superpionieri. Nell’ampio settore rosa (39 concorrenti), detto della Collavo, davvero rimarchevole la Junior Michela Comola (che qui vinse l’anno scorso), capa-

ce di rimontare fino alla piazza d’onore a 35” dalla leader; poi Jessica Gérard, Marlène Jocallaz, l’Allieva Michela Carrara (che brava), Valeria Poli, Federica Barailler, Laura Maschi, Chantal Vallet ed Elisa Vitton Mea a chiudere la lista delle dieci migliori. Nelle ‘Master B’ si è confermata l’indimenticata protagonista di tante belle imprese in maglia azzurra nello sci alpino, Paola Marciandi, che ha anticipato Luisa Gallino e Rosalba Lana. ■ Luigi Perosino

Eleonora Marchiando

le classifiche Cuccioli f.: 1ª Silvia Paris (0’53”); 2ª Annet Alliod (0’53”); 3ª Sofia Rollandin (0’55”). Cuccioli m.: 1° AlessioTurino (0’50”); 2° Gianluca Concio (01’01”); 3° Sebastien Gerbore (1’01”). Esordienti f.: 1ª Martina Trabucchi (FF.GG. 5’13”); 2ª Michelle Quendoz (S.Orso 5’31”); 3ª Martina Turino (P.Donnas 5’37”). Esordienti m.: 1° Walid Gillio (P.S.Martin 4’55”); 2° Etienne Boniface (Zerbion 5’06”); 3° Emile Boniface (id. 5’23”). Ragazzi f.: 1ª Emilie Jeantet (Cogne 4061 12’27”); 2ª Chiara Lorenzi (Calvesi 12’30”); 3ª Martina Bottan (P.D. 12’50”). Ragazzi m.: 1° Giacomo Villanese (P.S.M. 11’26”); 2° Davide Santarelli (Cal. 11’26”); 3° Andrea Gorret (S.O. 11’27”). Cadetti f.: 1ª Estelle Charruaz (Cal. 13’21”); 2ª Noemi Betemps (Cogne 4061 13’34”); 3ª Nicoletta Chatel (Zer. 17’11”). Cadetti m.: 1° Jean Claude Ferrod (Zer. 10’42”); 2° Nathieu Charruaz (S.O. 11’10”); 3° Kevin Gontel (Zer. 11’14”). Allievi f.: 1ª Michela Carrara (Zer. 29’14”); 2ª Irene Glaret (Cal. 33’02”). Allievi m.: 1° Henri Aymonod (Cal. 25’29”); 2° Etienne Engaz (P.S.M. 27’42”); 3° Mathieu Podio (FF.GG. 28’25”). Juniores f.: 1ª Michela Comola (P.S.M. 27’45”); 2ª Valérie Desandré (id. 31’55”). Juniores m.: 1° Jean Paul Perret (Cal. 24’15”); 2° Mathieu Courthoud (P.S.M. 24’22”); 3° Marco Ranfone (Cal. 24’54”). Seniores f.: 1ª Giulia Collavo (S.O. 27’10”); 2ªValeria Poli (Zer. 29’40”); 3ª Federica Barailler (Cogne 4061 30’17”). Master ‘A’ f.: 1ª Jessica Gerard (Cogne 28’23”); 2ª Marlène Jocallaz (Zer. 28’43”); 3ª Laura Maschi (S.O. 30’28”). Master ‘B’ f.: 1ª Paola Marciandi (Cal. 31’57”); 2ª Luisa Gallino (Zer. 37’26”); 3ª Rosalba Lana (id. 42’27”). Seniores m.: 1° Juan David Orozco Sanchez (Monterosa 22’31”); 2° Ivo Aimone (P.D. 22’41”); 3° Matteo Savin (P.S.M. 23’08”). Amatori: 1° Klaus Mariotti (Cogne 4061 23’21”); 2° Christian Joux (S.O. 23’30”); 3° Davide Sapinet (id. 23’39”). Veterani: 1° RudyVeronesi (P.S.M. 24’32”); 2° Mauro Buvet (id. 24’50”); 3° Marco Bethaz (S.O. 25’17”). Pionieri: 1° Giorgio Courthoud (P.S.M. 26’18”); 2° Angelo Nicco (Mont. 27’36”); 3° Pierino Stacchetti (S.O. 28’02”). Superpionieri: 1° Mario Casu (S.O. 31’56”); 2° Enrico Sanna (FF.GG. 36’51”); 3°Vincenzo Perret (Zer. 38’42”). Società m.: 1ª S.Orso 868. Società f.: 1ª Zerbion 135. Società giovani m.: 1° Zerbion 43. Società giovani f.: 1° FF.GG. 12.

■ kermesse / L’auspicio espresso dal grande Pietro Pastorini in occasione del Grand Prix in piazza Chanoux ■ corsa in montagna / Al pari di Chevrier

«Aosta come realtà di punta della marcia in Italia» Comola agli Europei aosta - «Visto il contesto eccezionale in cui si è svolta la manifestazione, spero vivamente che Aosta possa diventare ben presto una realtà attenta e attiva nell’ambito della specialità della marcia. Ce ne sarebbe davvero bisogno». Questo l’auspicio di Pietro Pastorini, già tecnico della nazionale italiana di marcia con all’attivo ben sei Olimpiadi vissute a bordo strada in qualità di allenatore, al termine del Grand Prix di marcia organizzato sabato pomeriggio ad Aosta dall’Atletica Cogne. Una kermesse, quella della specialità volgarmente chiamata del ‘tacco-punta’, capace di richiamare in Valle - e più precisamente nel ‘salotto buono’ di piazza Chanoux - un centinaio di atleti, per un pomeriggio in grado di elevare all’attenzione dei più una disciplina, quella della marcia, che nonostante le numerose soddisfazioni regalate ai colori azzurri in pressoché tutti i palcosce-

Gli atleti che sabato pomeriggio in piazza Chanoux hanno partecipato al Grand Prix di marcia

nici internazionali più importanti, in Valle d’Aosta effettivamente necessita ancora di molto lavoro per la sua promozione. In un simile contesto, merita menzionare le presenze ad Aosta della Juniores azzurra Nicole Colombi (1ª assoluta) e dei forti bergamaschi di Scanzorosciate, l’esperto Roberto Defendenti e la giovane promessa Mas-

similiano Cortinovis (1° e 2° al maschile). Passando ai colori rossoneri, buon secondo posto assoluto sulla distanza femminile per Micaela Benzi dell’Atletica Sandro Calvesi, con i giovanissimi Martina Chiodo (Calvesi) ed Edoardo Gagliardi (Cogne) capaci di salire sul terzo gradino del podio nelle categorie Esordienti e Cadetti.

I valdostani in gara ESORDIENTI F.: 3ª Martina Chiodo (Calvesi). CADETTE: 6ª Barbara Sciardi (Calvesi). CADETTI: 3° Edoardo Gagliardi (Cogne), 4° Simone Ciocchetti (Cogne). ASSOLUTE: 2ª Micaela Benzi (Calvesi). ■ pa.ba.

aosta - Per i Campionati europei in programma domenica prossima, 7 luglio, a Borovets, in Bulgaria, nel quartetto della prima squadra era già stato inserito Xavier Chevrier. Ma a sorpresa ecco la grande notizia che ha entusiasmato l’interessata e la sua società, segnatamente Erminio Nicco e la consorte Rina Bonel, sua attiva e onnipresente collaboratrice: la convocazione della Juniores Michela Comola, anch’essa quale probabilissima partecipante alla gara bulgara nella propria categoria. Michela se lo merita per la sua crescita esponenziale: nelle gare valdostane - spesso e volentieri - è salita sul podio accanto ad atlete affermate e con tempi di tutto rilievo. L’ultimo biennio è stato quello della sua esplosione sportiva, e già nella passata stagione la Federazione si era accorta di lei, facendola partecipare (ancora da Allieva) a un incontro internazionale a Glendalough, in Irlanda, dove contribuì

alla conquista della medaglia d’argento a squadre da parte dell’Italia. Giustificata a non partecipare al raduno del Sestriere in forza di un obbligatorio ‘stage’ scolastico che sta completando, la ragazza raggiungerà il resto della spedizione giovedì, momento della partenza per la località bulgara. Un ulteriore bel gettone per la società della Bassa Valle, che aveva fino a due anni fa curato l’ascesa proprio di Chevrier, l’altro ‘nazionale’ valdostano.

Michela Comola


s p o rt va r i

lunedì 1 luglio 2013

61

■ atletica / Nel meeting promozionale di Prove multiple l’unica vittoria valdostana è targata Atletica Cogne; molto bene anche Bottan, Robbin e Merli

Jerome Romano doma la concorrenza nel Tetrathlon Ragazzi donnas - Meeting promozionale dedicato alle Prove multiple delle categorie Ragazzi e Cadetti, quello andato in scena ieri al campo Crestella di Donnas, manifestazione - organizzata dall’Atletica Pont Donnas - capace di richiamare in Valle numerosi giovani interpreti provenienti dalle regioni limitrofe alla nostra. In un simile contesto, qualche individualità valdostana è riuscita in ogni caso a mettersi in bella mostra. Partendo dal Tetrathlon Ragazze (600 metri, salto in lungo, 60

hs e lancio del peso), vittoria finale che è andata all’atleta della Stronese, Rebecca Menchini (2485 punti), davanti alla beniamina di casa Martina Bottan (2454) e alla vercellese Ludovica Megna (2249). Nella medesima categoria, giornata sfortunata per la talentuosa Charlotte Siani (Calvesi), che ha dovuto dire addio anzitempo a possibili velleità di classifica a causa di un problema fisico occorsole durante il concorso del salto in lungo. Tra i coetanei maschi, Valle d’Aosta sugli scudi per merito dei giova-

ni pistard dell’Atletica Cogne Aosta, società capace di piazzare sui primi due gradini del podio rispettivamente Jerome Romano (2568) e Simone De Marco (2332), con il concorrente di Santhià, Gabriele Favro, a completare il trio d’élite (2226). Trasferendoci al Pentathlon Cadette (600 metri, salto in alto, salto in lungo, lancio del giavellotto e 80 hs), sinfonia targata Atletica Bienate Magnago di Milano, con le gemelle Sofia e Martina Ronchetti protagoniste del 1° e 2° posto di categoria con 3729 e

3395 punti. Medaglia di bronzo per la cuneese Erica Bruggiafreddo (3380), con la prima valdostana, Corinne Challancin del Pont Donnas, a chiudere 8ª con il punteggio di 2591. Chiudendo con i Cadetti, divisione che ha visto primeggiare il vercellese Stefano Favro (3270), ottime notizie sono giunte dai tesserati rossoneri Jean Marie Robbin della Calvesi e Luca Merli del Pont Donnas, protagonisti nell’ordine della 2ª (3250) e 3ª piazza (3086) finale di categoria. ■ pa.ba.

Simone De Marco secondo nel tetrathlon

■ podismo / Festa grande in casa Pont-St-Martin, che nell’Avise-Baulin fa man bassa di vittorie

Erik Rosaire in solitaria aosta - Malgrado il sole brillasse nella ridente conca di Baulin, il Comité des Traditions d’Avise per cause legate ad alcuni eventi calamitosi e naturali - ha dovuto rinunciare alla preparazione e distribuzione della famosa ‘fiocca’ e anche all’ormai classica cucina da campo con padiglione mensa. I 76 atleti in gara (nella media per questa prova molto impegnativa) hanno pertanto completato la classica salita da Avise (775 metri s.l.m.) a Baulin (1758) per poi ridiscendere a valle dove a Condemine di Runaz c’era la possibilità di pranzare, per poi passare alla premiazione prevista per le ore 14. Peccato che parecchi dei primattori si siano assentati, evidentemente per altri impegni, lasciando ad altri il ritiro dei loro premi. Questa 21ª edizione è stata terra di conquista per il Pont-StMartin, che ha piazzato tre dei suoi atleti sul podio assoluto, oltre al primato in campo femminile e al successo fra le società in campo maschile. Gara senza storia, con la fuga solitaria di Erik Rosaire che ha iscritto il suo nome per la prima volta in un albo d’oro ricco di grandissimi nomi, con un ottimo riscontro conclusivo di 48’57”. I compagni di maglia saliti sul podio, dopo distacchi dai tre ai cinque minuti, sono stati il giovane Massimo Farcoz e Matteo Savin. «Erik è partito subito forte - ha dichiarato Farcoz, che ha ripreso le gare con continuità dopo una pausa durante la quale ha superato brillantemente il concor-

classifiche

Atleti schierati sulla linea di partenza di Avise, prima di inerpicarsi verso i 1758 metri di quota del villaggio di Baulin

Cerimonia di consegna del premio alla migliore società femminile, l’Atletica Zerbion

so entrando in Forestale - e io me ne sono andato sulle sue orme, presto distaccato dal suo passo veloce. Come per lui anche

per me è stata una gara solitaria dal primo all’ultimo chilometro, senza riferimenti. Dopo il primo tratto molto duro, soprav-

viene un tratto di respiro e al rifornimento ho mollato un po’ e ho visto avvicinarsi pericolosamente Savin e Sapinet. Allora

ho ripreso a forzare e sono arrivato comodamente secondo». Dopo il terzetto della Bassa Valle, ecco Davide Sapinet, quindi Klaus Mariotti, Massimo Junod rientrato dalle ferie, Christian Joux, Eric Benedetto, Luigi Cocito e buon decimo lo Juniores Mathieu Courthoud. Fra le diciotto donne in gara, la favorita Maria Luisa Riva del Pont-St-Martin non ha smentito il pronostico vincendo in 1h04’53”; sul podio la sempre piazzata Marlène Jocallaz e Chantal Vallet. A seguire Alice Naudin (prima Seniores), Laura Maschi, Paola Marciandi (prima Master B), Rosa Ierardi, Marisa Jordaney, Nadia Perruquet e Valeria Poli al decimo posto. La premiazione, presenti autorità comunali e presidente del Comité, Elio Jacquemod, ha visto le consegne del Trofeo Carlo Jacquemod de-

Juniores m.: 1° Mathieu Courthoud (P.S.Martin 59’02”). Seniores f.: 1ª Alice Naudin (Calvesi 1h11’54”); 2ª Valeria Poli (Zerbion 1h16’43”); 3ª Corinne Margueret (S.Orso 1h33’49”). Master ‘A’ f.: 1ª Maria Luisa Riva (P.S.Martin 1h04’53”); 2ª Marlène Jocallaz (Zerbion 1h07’21”); 3ª Chantal Vallet (FF. GG. 1h07’57”). Master ‘B’ f.: 1ª Paola Marciandi (Calvesi 1h13’55”); 2ª Manuela Tussidor (Zerbion 1h29’09”); 3ª Luisella Gerard (Calvesi 1h29’31”). Seniores m.: 1° Erik Rosaire (P.S.Martin 48’57”); 2° Massimo Farcoz (id. 52’39”); 3° Matteo Savin (id. 53’59”). Amatori: 1° Davide Sapinet (S.Orso 54’24”); 2° Klaus Mariotti (Cogne 4061 55’14”); 3° Massimo Junod (Zerbion 55’32”). Veterani: 1° Luca Perrier (FF.GG. 1h00’35”); 2° Giovanni Bordet (P.S.Martin 1h05’06”); 3° Gianluigi Carrara (Zerbion 1h06’40”). Pionieri: 1° Carlo Chabod (S.Orso 1h04’19”); 2° Felice Vallainc (P.S.Martin 1h04’53”); 3° Maurizio Luboz (id. 1h08’36”). Superpionieri: 1° Vincenzo Perret (Zerbion 1h27’34”); 2° Ferruccio Fournier (id. 1h27’55”); 3° Lionello Della Schiava (S.Orso 1h39’21”). Società m.: 1ª P.S.Martin 444; 2ª S.Orso 389; 3ª Zerbion 240. Società f.: 1ª Zerbion 49; 2ª S.Orso 40; 3ª Calvesi 37. Società giovani m.: 1ª P.S.Martin 1. stinato a Erik Rosaire (ritirato da Matteo Savin) e del Trofeo Edoardo Usel assegnato a Maria Luisa Riva. Come sempre l’organizzazione è stata ottima; peccato per la festa della ‘fiocca’ che tutti si augurano possa essere ripristinata per il prossimo anno. ■ Luigi Perosino

■ Atletica / Gli over 35 aostani conquistano sette titoli nazionali ai Campionati italiani Master, oltre alla classifica finale della sezione Veterani

La Calvesi rientra a casa da Orvieto con 15 medaglie tricolori aosta - Sette medaglie d’oro, cinque d’argento e tre di bronzo. E’ con questo bottino che la rappresentativa Master dell’Atletica Sandro Calvesi è rientrata ieri sera da Orvieto, sede di gara dei Campionati italiani outdoor riservati al comparto over 35. I ‘rossi’ aostani, in un simile contesto, sono anche riusciti ad aggiudicarsi la classifica finale della sezione Veterani inserita nell’ambito della manifestazione, a dimostrazione della grande competitività di un settore, quel-

lo Master valdostano, che nella tre giorni agonistica in provincia di Terni, ha vissuto sulle belle prestazioni fatte registrare in particolare dall’MM50 Giancarlo Ciceri nel concorso del salto triplo (12 metri 48 cm), dall’MM45 Emanuele Tortorici e dall’MM55 Michelangelo Bellantoni sulla pedana del getto del peso (rispettivamente 11 metri 69 cm e 12 metri 21 cm), senza dimenticare gli ottimi risultati portati a casa dagli inossidabili Maria Luisa Finazzi (MF65), Umberto Be-

nevenia (MM70) e compagnia bella. I medagliati valdostani ORO: MF40 Debora Locatelli (Calvesi, 1.53 nell’alto); MF55 Sandra Dini (Calvesi, 1.30 nell’alto); MF65 Maria Luisa Finazzi (Calvesi, 8.29 nel peso); MF65 Maria Luisa Finazzi (Calvesi, 18.41 nel giavellotto); MM45 Emanuele Tortorici (Calvesi, 11.69 nel peso); MM50 Giancarlo Ciceri (Calvesi, 12.48 nel triplo); MM55 Michelangelo Bellantoni (Calvesi, 12.21 nel peso).

ARGENTO: MF40 Debora Locatelli (Calvesi, 23.10 nel giavellotto); MF65 Lyana Calvesi (Calvesi, 1.00 nell’alto); MM55 Giovanni Rastelli (Calvesi, 38.17 nel disco); MM70 Umberto Benevenia (Calvesi, 10.44 nel peso); MM70 Umberto Benevenia (Calvesi, 33.91 nel giavellotto). BRONZO: MF40 Debora Locatelli (Calvesi, 7.97 nel peso); MF65 Maria Luisa Finazzi (Calvesi, 17.46 nel disco); MM75 Roberto Fasoli (Calvesi, 1.21 nell’alto). ■ pa.ba.

La staffetta 4x100 MF50 dell’Atletica Sandro Calvesi


s p o rt va r i

62

Le portacolori dell’Augusta Praetoria

aosta - Sugli scudi le ginnaste valdostane, protagoniste alla ‘Ginnastica in festa’ di Pesaro, la kermesse nazionale di ginnastica artistica e ritmica che ospita ogni anno oltre 1600 atleti per le finali nazionali del sincrogym, torneo GpT, Coppa Italia, Gymteam, Serie D e tante altre manifestazioni sportive, suddivise in tre diversi periodi. Torneo GPT E il primo periodo non poteva iniziare meglio di così; la Valle d’Aosta si è resa subito grande protagonista con Aurora Caruso, giovane ginnasta della GymAosta, che nel “Torneo GpT” di 2° livello di artistica femminile, categoria “prima fascia” (811 anni), è salita sul gradino più alto del podio nella specialità del volteggio, con il punteggio di 12.20. Aurora ha poi ottenuto il 23° posto al trampolino (3° in “fascia bronzo”). Nella stessa categoria erano presenti altre due ginnaste della Gym, Michela Spagnuolo e Sara Spensatello, entrambe qualificate per la competizione assoluta, su 4 attrezzi: molto brava Sara, che ha concluso la sua gara in 15ª posizione, mentre Michela ha terminato 48ª. Sempre nel “Torneo GpT” di 2° livello, ma nell’artistica maschile, buona prova di Simone Jorioz (Gym), che in “prima fascia” e nella specialità del corpo libero è giunto 13° (3° in “fascia argento”). Nel “Torneo Gpt” 1° livello, in 2ª fascia, erano presenti le atlete della ginnastica Olimpia: nella classifica di specialità per attrezzo, Lucrezia Rossi si qualifica 8ª al corpo libero con 11.25 in fascia argento; in fascia bronzo Lucrezia Rossi è 19ª al minitrampolino, Gaia Roppa è giunta 28ª al corpo libero e 31ª alla trave. Nella classifica assoluta (tutte in fascia bronzo) Noemi Di Giacomo conclude al 25° posto con la compagna Elisabetta

lunedì 1 luglio 2013

... e le colleghe della Ginnastica Olimpia

■ ginnastica / Alle finali nazionali di sincrogym, GpT e Coppa Italia

La Valle brilla a Pesaro Filippini 29ª e 31ª Alexa Borrettaz (tutte ginnaste dell’Olimpia). In 3ª/4ª fascia, Sophie  Borney ha concluso con un buon 20° posto nella classifica assoluta. Nel “Torneo GpT” di 3° livello di artistica femminile, ancora la Gym in pedana, con 13 ginnaste qualificate. In “prima fascia”, il miglior risultato è arrivato da Arianna Alciati, ottima 9ª alle parallele, in un confronto fra 34 concorrenti; Arianna è giunta anche 30° al trampolino e 42° alla trave. Nella stessa categoria, Yvonne Jaccod e Maya Vallet hanno gareggiato per la classifica assoluta (5 attrezzi), giungendo rispettivamente 27ª e 32ª. Da segnalare ancora Alice Politi, 17ª alle parallele e 51ª alla trave, e Clizia Vallet, 32ª alle parallele. In ‘seconda fascia’ (12-14 anni), nella classifica assoluta Hélène Dotti è 26ª, Enrica Rigollet 30ª e Alessia Parini 51ª; nelle classifiche di specialità, Francesca Restano è giunta 36ª alle parallele e 39ª alla trave. In “terza fascia” (15-19 anni), nella classifica assoluta Greta Rosset è giunta 24ª e Giorgia Castagna 30ª; nella gara di specialità Sophie Frassy ha concluso 41ª alle parallele, 39ª al volteggio e 42ª alla trave, mentre Lisa Vallet ha terminato 38ª al trampolino e 48ª al corpo libero. Ginnastica ritmica Per quanto riguarda la ginnastica ritmica, erano presenti a Pesaro sia l’Augusta Prætoria che la Gym-Aosta, entrambe qualificate a due competizioni a squadre, la “Serie D”, nel pri-

La squadra di ritmica della Gym Aosta

mo periodo, e il “Sincrogym” nel secondo periodo. Nella prima gara, nella categoria “allieve” la Gym (Giulia Cremonese, Gaia Di Carlo, Cecilia Nuvolari, Greta Pica, Carlotta Scipioni) ha ottenuto la 40ª posizione, tra le 73 squadre presenti; nella categoria “open” l’Augusta (Estelle Crétier, Giorgia Grenier, Carlotta Pellissier, Letizia Trèves, Alice Vignati) ha concluso la prova in 31ª posizione, tra le 63 compagini in gara. Nel “Sincrogym” senza attrezzi, categoria “prima fascia”, la squadra della Gym (Rebecca Caputo, Federica De Girolamo, Martina Diemoz, Carlotta Patella, Beatrice Stuffer) si è piazzata 48ª (40ª nel collettivo); nel “Sincrogym” con attrezzi, categoria “prima fascia”, la Gym (Giulia Cremonese, Gaia Di Carlo, Cecilia Nuvolari, Greta Pica, Carlotta Scipioni) è giunta 31ª (26ª nel collettivo), mentre l’Augusta (Sara Balan, Ilaria Bertoncin, Julie Besenval, Sara Biondi, Alice Donato, Giorgia Massa, Emilie Paolini, Carlotta Stoc-

co, Ilenia Théodule, Leonor Vasquez) ha concluso subito dietro, in 32ª posizione (18ª nel collettivo); infine, nel “Sincrogym” con attrezzi, categoria “terza fascia”, la squadra dell’Augusta (Alessia Cramarossa, Alessia Fornaro, Giada Gemello, Aline Grange) si è classificata 25° (15° nel collettivo). Artistica maschile Sempre nel secondo periodo è andata in scena la finale del campionato nazionale di Serie d di ginnastica artistica maschile; la squadra dell’Olimpia, con Mattia Tomis, Lorenzo Mascotto e Lorenzo Madeo, ha strappato un ottimo 5° posto con 161.300, guadagnandosi anche la finale a 10 squadre, dove hanno confermato la posizione migliorando però il punteggio di quasi un punto e dimostrando di essere tra le migliori squadre d’Italia. Gymteam di artistica Nell’ ultimo periodo di gare si è

svolto il Gymteam di artistica: la squadra di “terza/quarta fascia” della Gym-Aosta, composta da Giorgia Castagna, Sophie Frassy, Greta Rosset, Lisa Vallet e Gaia Zorzetto, nella specialità del “tumbling” (pedana acrobatica) ha conquistato un ottimo 7° posto, in un lotto di 45 concorrenti; la stessa squadra è poi risultata 28ª al trampolino, 38ª nel collettivo e 33ª nella generale. In “prima/seconda fascia”, buona la prova della squadra gialla della Gym, con Hélène Dotti, Sophie Martinet, Alessia Parini, Francesca Restano, Enrica Rigollet e Asya Rosset, che ha concluso in 15ª posizione al trampolino, tra 50 finaliste, al 19° posto nel “tumbling”, al 32° nel collettivo e 28° nella generale. La seconda squadra della Gym, con le giovanissime Arianna Alciati, Yvonne Jaccod, Michela Spagnuolo, Sara Spensatello, Clizia e Maya Vallet, ha terminato la sua gara con un 46° posto nella generale, risultando poi 34ª al “tumbling”, 37ª al trampolino e 47ª nel collettivo. Coppa Italia e serie D A Pesaro erano in programma anche altre 2 finali nazionali: quella di “Coppa Italia” e quella del “Campionato di serie D” di ginnastica artistica femminile. Nella prima, la Gym-Aosta era presente con una squadra in ogni categoria; in “prima fascia” la compagine composta da Arianna Alciati, Yvonne Jaccod, Michela Spagnuolo, Sara Spensatello, Clizia e Maya Vallet si è piazzata 28ª (69 finali-

ste), in “seconda fascia” la squadra con Hélène Dotti, Camilla Gianchini, Elodie Lumignon, Alessia Parini, Francesca Restano e Enrica Rigollet si è classificata 59ª (72 finaliste), mentre in “terza/quarta fascia” la compagine composta da Giorgia Castagna, Sophie Frassy, Greta Rosset e Gaia Zorzetto si è piazzata 24ª (76 finaliste). Nella finale del “Campionato di serie D” categoria “allieve”, la squadra rossa della Gym (Yvonne Jaccod, Alessia Parini, Francesca Restano, Maya Vallet) si classificata in 29ª posizione, mentre la squadra verde (Arianna Alciati, Alice Politi, Michela Spagnuolo, Sara Spensatello, Clizia Vallet) si è piazzata 39ª (81 finaliste); nella categoria “open”, infine, la squadra gialla della Gym (Sophie Frassy, Greta Rosset, Gaia Zorzetto, Lisa Vallet) ha ottenuto la 39ªposizione, mentre la squadra blu della Gym (Hélène Dotti, Sophie Martinet, Enrica Rigollet, Asya Rosset) ha concluso la propria gara al 51° posto tra le 96 squadre finaliste. Anche l’Olimpia era presente con un folto gruppo di ginnaste nelle gare dell’ultimo periodo. In serie D, nella categoria Open, ottimo il 49° posto. Nel Gymteam, in 1ª e 2^ fascia, buona 40^ posizione con in particolare un buonissimo 10° posto nelle progressioni acrobatiche al suolo. Sempre nel Gymteam, ma in 3ª/4ª fascia, ottima 36ª posizione su 45 squadre partecipanti. Nella gara di Coppa italia, in prima fascia, buon 48° posto; ottimo anche il 32° posto su 62 compagini in seconda fascia. Nella gara di Coppa Italia “mista”, buon 32° posto su 43 squadre. In seconda fascia la squadra dell’Olimpia è giunta 29ª su 57 e in 3ª/4ª fascia le ginnaste hanno concluso con un ottimo 15° posto, sfiorando la ‘super finale’ a 10 squadre. ■ Camilla Di Tommaso

■ basket giovanile / Promossa a pieni voti la seconda edizione del Monte Emilius UISP Camp

Una settimana intensa con Richard Lee Brooks aosta - Circa trenta ragazzi, suddivisi in due differenti turni in base all’anno di nascita hanno partecipato alla seconda edizione del Monte Emilius UISP Camp, patrocinato dal Comune di Aosta, che si è svolto la scorsa settima nana al PalaMiozzi. A guidare il camp è stato chiamato il coach statunitense Richard Lee Brooks, che vanta un palmarès di tutto rispetto avendo in passato allenato presso l’Arkansas College, la St.George Hight School, il New York State, e fatto diverse esperienze europee con la Mazionale Lussemburghese o in Austria, e attualmente gestisce una società a Galanta in Slovacchia, dove risiede. Brooks ha dimostrato ben presto le sue enormi capacità comunicative e tecniche, riuscendo con il suo innegabile entusiasmo a far apprezzare ai ragazzi il duro e meticoloso lavoro sui fondamentali individuali svolto nelle due sedute giornaliere di allenamen-

to. Il Monte Emilius UISP Camp è stato creato e voluto da Raffaele Romano. «Sono orgoglioso di aver riportato a Aosta un grande coach come Ricky Brooks ha spiegato Romano -. Sono felice che i miei ragazzi abbiano potuto fare con lui un’esperienza unica e indimenticabile che sarà loro molto utile in futuro. Mi dispiace che il camp, aperto a tutti, sia stato snobbato dai tecnici e dai ragazzi di Aosta appartenenti agli altri club della regione». Purtroppo per l’ennesima volta gli allenatori valdostani hanno perso un’occasione d’oro per arricchire il loro bagaglio personale dimostrando davvero poca voglia di crescere. Gli unici a coadiuvare coach Brooks negli allenamenti sono stati Enrico Pronesti, Mino Conte e Pietro Catalfamo. I coach nostrani si sono limitati a partecipare solamente alla riunione d’aggiornamento PAO per recuperare i due punti mancanti per svolgere attività nella prossima stagione,

dimostrando scarsa professionalità, quando invece gli allenamenti meritavano d’essere filmati per la bellezza e l’intensità degli esercizi proposti. Una tiratina d’orecchie la meritano anche i dirigenti delle varie società, che purtroppo hanno dato l’ennesima dimostrazione di scarsa apertura mentale, non riuscendo a capire che se un giocatore migliora tecnicamente, la prima a trarne vantaggio è la squadra di appartenenza dell’atleta stesso e visti i risultati non troppo brillanti accumulati nelle ultime stagioni ce ne sarebbe stato davvero un gran bisogno. Un elogio particolare va al referente tecnico territoriale Raffaele Romano e al presidente della Commissione Nazionale Allenatore valdostana Pietro Catalfamo per tutte le iniziative (Settimana Azzurra, Trofeo delle Regioni, Jamboree Minibasket, riunioni PAO) che hanno messo in piedi nella stagione che si è appena conclusa,

dimostrando innegabile passione e ottime qualità organizzative. Peccato che nella palla a spicchi valdostana siano ormai mosche bianche, visto che la gran parte degli addetti ai lavori è più incline a fare gossip e sterili polemiche sui vari social network, che non faranno mai crescere il movimento. ■ Gabriele Peloso

I due gruppi che hanno preso parte al Monte Emilius UISP Camp 2013


63

lunedì 1 luglio 2013

CLASSIFICA GENERALE

CLASSIFICA GPM

CLASSIFICA A PUNTI

CLASSIFICA SPRINT CATCH


s p o rt va r i

64

lunedì 1 luglio 2013

■ golf / I tornei della settimana in Valle d’Aosta

Fabbri concede il bis aosta - Attività a pieno regime in Valle d’Aosta, con diversi tornei disputati su quattro green sparsi sul territorio.

Yvonne Adam e Alessandro Rossi, premiati in settimana al Golf Club Les Iles di Brissogne

Brissogne

Week end ricco al Les Iles. Sabato si è giocata una delle gare di torneo del circolo, il Torneo Golf Les Iles 2013 -

Vola in Sicilia; primo lordo Roberto Vilbrant, nel netto si sono imposti Mario Bartaccioli in Prima e Giuseppe Carpentieri in Seconda. Ieri, invece, si è giocata la Coppa Hotel Biancaneve. Nel lordo si si sono imposti Roberto Vilbrant-Alex Marjolet; nel netto hanno primeggiato Aldo Baloire-Fabio Perini su Renato Communod-Anita Cuneaz. Durante la settimana, infine, sono stati festeggiati i due soci che stanno alle estremità anagrafiche del circolo presieduto da Andrea Leonardi: Alessandro Rossi (classe 2007) e Yvonne Adam (classe 1924). Courmayeur Doppio appuntamento anche

La premiazione della gara di domenica all’Arsanières di Gignod

ai piedi del Monte Bianco. Sabato il Trofeo CRER Enti locali si è chiuso con il successo, nel netto di Prima Categoria, di Claudio Fabbri, che ha preceduto Fausto Milanesi; primo lordo Michel Gal. In Seconda vittoria di Roberto Rota su Alessandro Vermondi, in Terza di Mariella Vallet su Marco Girardi; prima Ladies Sakina Ait Belabbess, primo Seniores Maurizio Maffeo,

primo CRER Flavio Vertui; driving contest Fabio Perino e Orietta Pisano Pozzolini. Ieri, invece, si è giocata la Coppa Rotary Club International Courmayeur-Valdigne, che nel netto di Prima Categoria ha visto l’affermazione ancora di Claudio Fabbri, questa volta davanti a Marcel Comé; primo lordo Andrea Nicola. In Seconda si è imposto Maurizio Maffeo su Bruno Freydoz, in Terza ha primeggiato Lorenzo Turconi su Orietta Pisano Pozzolini; prima Ladies Alessandra Agnoletto, primo Seniores Enrico Delfino. Gignod Giorgio Borre ha vinto ieri all’Arsanières di Gignod il netto di Prima Categoria nel Trofeo Toro Assicurazioni precedendo Francesca Marconi e Roberto Fiabane; primo lordo Domenico Pellico-

ne. In Seconda Categoria successo di Simone Real davanti ad Armando Martellini e a Edy Incoletti; in Terza affermazione di Massimo Valentino su Vincenzo Cairo e Rolando Real. Prima Ladies Augusta Petey, primo Seniores Giorgio Gagliardi. Gressoney Prima gara di stagione al Golf Club Gressoney Monte Rosa, dove sabato è andato in scena il World Caribbean Gol Challenge by Hotel La Gran Baita. Nel netto di Prima Categoria ha vinto Valentino Follioley su Giorgio Mastrota, in Seconda si è imposto Giulio Girivetto su Luca Bertino, in Terza ha primeggiato Patrick Bianchi su Federico Girivetto. Primo lordo Claudio Carletti, prima Ladies Graziella Ferrari, primo Senior Danilo Girivetto. ■ r.g.

I premiati della gara di apertura del Golf Club Gressoney

Massimiliano Molino (presidente del Rotary), Claudio Fabbri (autore di una splendia doppietta tra sabato e domenica) e Mario Bianchi (presidente del Golf Club Courmayeur Mont Blanc)

■ kart / Buone prestazioni in gara dei due valdostani

Linty e Boch rimontano aosta - Con test e qualifiche di giorno e finali in notturna, si è disputato sabato 29 giugno a Cervia, sul circuito Happy Valley, il suggestivo sesto round del Trofeo Nazionale Easykart. Nella 60cc (categoria in cui si sono presentati 51 piloti) buona prova, sotto le luci artificiali, di Etienne Linty, dopo aver avuto qualche difficoltà nella prima parte di giornata. In Finale A, partito dalla decima fila (20° posto), al termine del primo giro aveva già rimontato fino alla 13ª posizione; la scalata è poi proseguita fino al 9° posto a cinque giri dal traguardo, salvo poi chiudersi in decima posizione. Piazzamento poi rettificato per una penalità ai danni del pilota giunto sesto; Etien-

ne termina quindi 9°. In precedenza aveva chiuso 7° nel warm-up, 8° nelle prove cronometrate e 6° nella manche di qualificazione. In classifica il pilota del team D&F Promotion rosicchia una posizione e attualmente occupa la nona piazza con 136 punti. Nella categoria 50cc l’unico rossonero a scendere in pista è stato invece Mathieu Boch (foto), che ha dato il meglio di sé partendo dalle retrovie. Il classe 2005 di St-Christophe è partito 4° nella prima manche, chiudendo però al 7° posto, mentre nella prova successiva, quando a schieramenti invertiti è partito 27°, ha rimontato ben sedici posizioni terminando 11°. ■ Renato Ducly


lunedì 1 luglio 2013

s p o rt va r i

65

■ carretti / Il giovane equipaggio sbanca La Thuile, costringendo alla piazza d’onore Lovison-Ialongo

La prima volta di Rosset-Cerise La Thuile - Prima vittoria in carriera per il giovane equipaggio composto da Patrick Rosset e Pierre Cerise, quella conquistata ieri sulla pista di La Thuile, sede di gara della seconda tappa del Campionato valdostano 2013 di carretti con cuscinetti a sfera. Dopo la prova di St-Christophe, che vide primeggiare Alberto Branche e Nadir Bionaz, sul gradino più alto del podio è finita un’altra coppia alla sua prima affermazione in assoluto. Come dire, l’assenza forzata per problemi personali dei pluricampioni Corrado e Moreno Philippot - costretti ai box presumibilmente per tutta la stagione - non ha fatto altro che rimescolare le carte in tavola, lasciando di fatto la specialità - almeno in Valle d’Aosta - orfana di una leadership stabile. Ed è così che Patrick Rosset e Pierre Cerise sono riusciti a ritagliarsi la loro autentica giornata di gloria, legittimando appieno il successo di tappa grazie ai migliori riscontri cronometrici siglati sia nella 2ª che nella 3ª discesa (l’1’46”06 fatto registrare nell’ultima manche di giornata costituisce inoltre il miglior riscontro cronometrico della competizione). «Siamo riusciti a portare a compimento una splendida prestazione - commenta a fine gara Patrick Rosset -. Una vittoria, quella di oggi, che ci ripaga di tutti i sacrifici fatti in questi ultimi anni». Alla piazza d’onore si confermano Marco Lovison e Simone Ialongo, ovvero l’equipaggio che

■ bocce / Assegnati ieri i pass per gli italiani giovanili

Falconieri e Zinutti campioni

Andrea Zinutti Andrea, Pier Antonio Monetta, Sergio Péaquin, Jessica Curcio, Pier Carlo Brunero, Stefano Bulla, Valerio Sorteni, Mattia e Gaia Falconieri

pont-st-martin - Gaia Falconieri (Zerbion) e Andrea Zinutti (Helvetia) sono i nuovi campioni valdostani giovanili nella specialità individuale-combinato rispettivamente nell’Under 14 e nell’Under 18. E’ questo il verdetto della kermesse che oggi ha concluso le sette selezioni per i campionati italiani giovanili in programma a Caraglio dal 16 al 24 luglio. Il calendario prevedeva due prove individuali, altrettante di combinato e a coppie, oltre all’ultima di tiri. Per la rassegna in terra cuneese si sono qualificati dieci giocatori. UNDER 18. Coppia: Gaia Falconieri-Simone Borgaro (Zerbion); individuale: Gaia Falconieri (Zerbion) e Stefano Bulla (Helvetia); combinato: Gaia Falconieri e Stefano Bulla; tiro di precisione: Gaia Falconieri, Valter Clerin (Helvetia), Simone Vacchiero (Helvetia) e Stefano Bulla; navetta: Simone Vacchiero, Valter Clerin e Stefano Bulla. UNDER 14. Coppia: Jessica Curcio-Valerio Sorteni (Zerbion) e Stefano Vairos-Andrea Ghirardo (Helvetia); individuale e tiro combinato: Jessica Curcio e Andrea Zinutti (Helvetia). Settore Amatori Anna Coutier ha vinto la quarta gara stagionale organizzata dagli Amici Bocce US Acli e valida per il campionato regionale di società. Al bocciodromo di Châtillon sono stati ventuno i partecipanti a darsi battaglia secondo la formula delle tre partite a baraonda a otto mani o agli undici punti. Anna Coutier è salita sul gradino più alto del podio accompagnata da Antonio Mammoliti e Stefano Bulla; seguono, fino al dodicesimo posto: Vincenzo Coluzzi, Piero Peloso, Anna Vesan, Gilda Borettaz, Gino Porliod, Lelia Oro, Clelia Dalla Zanna, Francesco Riviera, Alessandro Broglio. ■ r.g.

I protagonisti della gara amatoriale di Châtillon

sembra aver fatto sin da subito della regolarità la sua possibile arma in più rispetto alla concorrenza, con medaglia di bronzo per gli inossidabili Rinaldo Frova e Claudio Lunardi. Tra gli Juniores vittoria per Federico e Claudio Vietti (3ª coppia assoluta) davanti a Darwin e Lucio Salvoldi (4° equipaggio assoluto) e ai vincitori di St-Christophe, Alberto Branche e Nadir Bionaz (6° binomio assoluto). Prossimo tappa - la terza di sei - in programma il 27-28 luglio prossimi a Verrayes. Classifiche di tappa

Patrick Rosset e Pierre Cerise in azione ieri a La Thuile

SENIORES: 1. Patrick Rosset-Pierre Cerise 3’32”92 (1’46”86+1’46”06); 2. Marco Lovison-Simone Ialongo 3’34”35 (1’46”87+1’47”48); 3. Rinaldo Frova-Claudio Lunardi 3’38”52 (1’48”92+1’49”60); 4. Augusto Chapellu-Roberto Chapellu 3’43”07 (1’50”59+1’52”68); 5. Daniele Pession-Emile Berthod 3’43”20 (1’51”40+1’51”80). FEMMINILE: 1. Paola Busso-Elisa Bionaz 4’05”14 (2’02”41+2’02”73); 2. Eliana Chapellu-Elisa Bionaz 4’10”97 (2’07”31+2’03”66). JUNIORES: 1. Federico Vietti-Claudio Vietti 3’35”83 (1’47”66+1’48”17); 2. Darwin Salvoldi-Lucio Salvoldi 3’36”40 (1’48”21+1’48”19); 3. Alberto Branche-Nadir Bionaz 3’38”87 (1’49”60+1’49”27). ■ Patrick Barmasse


S P O RT P O P O L A R I

66

lunedì 1 luglio 2013

■ KERMESSE / Il Punto G vince la quinta edizione del Grand Prix precedendo l’Hibou Project

Tutti pazzi per lo TSAN al Col d’Arlaz Teresa MARCHESE Inviata al Col d’Arlaz CHALLAND-ST-ANSELME Trenta squadre al Grand Prix de Tsan giunto alla quinta edizione e che attira sempre tanti appassionati di questo sport popolare. A vincere è stata la formazione del Punto G, seguita da Hibou Project e dalla Compagnia del Cinghio.Anche le donne possono vantare dei buoni risultati. Nell’individuale primeggia Hilary Fosson, seguita da Isabelle Grosjacques e Simona Crétier. Nella gara a coppie successo di Simona Crétier e Denise Nones davanti a Isabelle Grosjacques e Stefania Malvicino, con terze Genny Nicolet e Karen Fosson. Nel trofeo “paletà d’antan” primo posto per Alberto Gaspard, seguito da Didier Artaz e René

Il Punto G

L’Hibou Project

Gli addetti ai panini e i baristi della due giorni del Col d’Arlaz

La Compagnia del Cinghio

I Saloppas

Priod. Non può che essere colmo di soddisfazione il commento degli organizzatori. A parlare a nome di tutto il gruppo è Fabio Perret: «Una bella manifestazione che ha visto una partecipazione molto buona, nonostante sabato sera facesse freddo. Anche le altre “piccole” (e simpatiche) iniziative che abbiamo proposto hanno riscontrato un buon successo, come il trofeo “birra e salsiccia”, che ha decretato vincitore Giulio Malcuit, seguito da Patrick Follin e Loris Bagnod. In un minuto e 40 secondi i concorrenti in squadre da tre hanno mangiato sei wurstel e bevuto sei birre». Non solo sport, ma anche divertimento e musica con la musica del dj. Due belle giornate di sport, ma anche e soprattutto di convivialità, di amicizia e di simpatia.

La Squadra Taglio

■ PETANQUE / Nella poule B, dopo aver battuto nel big match La Gabella

Il Foyer Prenoud rimane da solo

alt. 2.385 m.

AOSTA - Quarta giornata (gruppo A) e terza (gruppo B) del 1° Torneo dei Bar. I risultati GIRONE A: Mochettaz I-Chiribiri Bar 5-0, Pizzeria La Renoille-La Resaz 2-3, Toni Bar-Bar Miramonti 2-3, ha riposato Il Boccio I. RECUPERO: Toni BarChiribiri Bar 4-1. GIRONE B: Il Boccio II-Reale Mutua 1-4, La Gabella-Foyer Prenoud 2-3, Mochettaz II-La Crotta dou Pou 2-3.

APERTURA ESTIVA

dal 29 giugno...

La classifiche GIRONE A: La Resaz, Mochettaz I 6, Bar Miramonti, Toni Bar 4, Il Boccio I, Pizzeria La Renoille 2, Chiribiri Bar 0. GIRONE B: Foyer Prenoud 6, La Gabella, Reale Mutua 4, La Crotta dou Pou, Mochettaz II 2, Il Boccio II 0.

Siamo aper ti tutti i giorni

Prima vittoria per le donne de La Crotta dou Pou

EVENTO

Grande interesse in Galizia per i nostri cinque ESPORT

Per raggiungere il rifugio, partenza dall’albergo“Notre Maison” di Vetan, passeggiata panoramica in sicurezza, della duranta di 2 ore ca.

• Ristorante con cucina tipica • 46 posti letto • Escursioni

PRENOTAZIONE CONSIGLIATA Rifugio Mont Fallère Loc. Les Crottes, Saint Pierre (AO) Rifugio: 366 1745090 Gestori: 339 1791023 Mail: info@rifugiomontfallere.it

www.rifugiomontfallere.it

I delegati valdostani in Galizia

AOSTA - Trasferta in Galizia per alcuni dirigenti degli sport popolari valdostani, che a Ourense hanno preso parte al congresso dell’AEJST, l’associazione continentale dei giochi tradizionali. L’assiste ha riconfermato alla vicepresidenza Fabrizio Vierin, con Guido Theodule eventuale sostituto. Contemporaneamente all’evento, è andato in scena un festival europeo delle varie discipline, nell’ambito del quale la La

Valle d’Aosta (rappresentata da Ivo Reboulaz, Orso Truc, Emo Broccard, Rinaldo Bal, Guido Theodule, Ezio Cottino, Dino Vidi e Anselmo Bianquin) ha presentato fiolet, palet, rebatta, tsan e morra. L’attrezzatura utilizzata e altro materiale informativo è stato consegnato a un dirigente galiziano che sta allestendo un museo di giochi tradizionali vicino a Santiago de Compostela. ■ r.g.


s p o rt p o p o l a r i

lunedĂŹ 1 luglio 2013

67

Drinking Team

Che fripola

Les Petse

Gli Squirt

F. Panzone

Permecipolla

Ottanta sete

Lessabinsdubaralba

Sei pa encore

Piovesse Bonarda

Pela trufolle

Team Gallo

Skapadaka

Seteciapoteskiapo

Team Ibiza

Team Y Veulla

Tutti in gamba

Team A.

I Tigrotti

Ayassin 2

Stinoboys

Due pali e un’imbucata

Trecento

Zampa Team


s p o rt p o p o l a r i

68

lunedì 1 luglio 2013

■ palet / I giocatori di Issogne e Arnad vincono il Trofeo St-Pierre; al Marmore il Torneo all’italiana

Danna-Marchesi, ancora loro aosta - Fermi i campionati a coppie, la settimana è stata incentrata su tre eventi principali: il Torneo all’italiana, la gara di Pondel e quella di Châtillon.

nei quarti Federico Poli-Maicol Massensini, Ivo Chapel-Eddy Menin, Romano Pernel-Ives Théodule e Ugo Pession-Renato Dal Bosco. Juniores

Torneo all’italiana Con il succeso ai punti sul StVincent (le quattro partite si erano concluse con due vittorie per parte), il Marmore A (Elio Dallod, Guido Aymonod, Mirko Aymonod e Flavio Mathamel) ha vinto il secondo torneo all’Italiana, svoltosi dal 23 maggio a mercoledì 26 giugno. Al torneo, articolato in quattro fasi (qualificazione, quarti, semifinali e finali) hanno partecipato 13 formazioni (composte ognuna da due coppie) suddivise in quattro gironi. Il Marmore A, dopo aver vinto il suo girone, ha superato (ai punti) nei quarti di finale e nelle semifinali le due squadre di Arnad (A e B) e si è imposto in finale sul St-Vincent (Fabio Porceillon, Dino Bionaz, Davide Martinod e Roberto Malcuit) campione in carica. Trofeo Atelier - Bar quota 8.000 Con la partecipazione di 82 giocatori, si è svolto domenica a Pondel il Trofeo Atelier-Bar quota 8000, gara a baraonda a coppie. A imporsi sono stati

Sempre sabato pomeriggio al bocciodromo di Châtillon si è svolta, coordinata dal responsabile giovanile della sezione locale Guido Dufour, una gara Juniores con la partecipazione di 12 ragazzi. A imporsi sono stati Antonio Del Giudice (Châtillon)-Joel Gamba (Valdigne) con al secondo posto Manuel Brunod (Chatillon)Emil Borettaz (Issogne). Terzi Didier Gamba-Sophie Borettaz e Daniel Barbetta-Matteo Messelod. Le prossime gare A sinistra le due squadre finaliste del Torneo all’italiana; sopra, dall’alto, Ugo Pession e Michel Cornaz, vincitori della gara disputata a Pondel

Michel Cornaz di St-Vincent e Ugo Pession di Valtournenche, che in semifinale hanno superato 21-13 Aurelio Bordet (Aymavilles) e Bruno Vaser (Arnad). In semifinale hanno alzato bandiera bianca Renato Dal Bosco (Issogne)-Roberto

Malcuit (St-Vincent) e Mario Théodule (St-Denis)-Erik Orsières (Châtillon). Trofeo St-Pierre Sabato a Châtillon 32 coppie (sei in più rispetto allo scorso anno) hanno dato vita al tra-

dizionale Trofeo St-Pierre 5° Memorial Lorenzo Personettaz. A imporsi, bissando il successo del 2012, sono stati Ugo Danna (Issogne) e Thomas Marchesi (Arnad) che, dopo aver superato in semifinale Elio Dallod (Marmore)-Erik Or-

sières (Châtillon) hanno vinto in finale 21-16 contro i padroni di casa Carlo Personettaz e Marco Neyroz (fratello e nipote del compianto Lorenzo) che in semifinale avevano superato Andrea Vittaz (Marmore)-Davide Pinet (Issogne). Out

Giovedì a Torgnon, organizzata dal Marmore, ci sarà una gara a coppie con vincolo di categoria. Sabato 6 luglio settima tappa dei campionati a coppie: per le categoria A e C appuntamento a Cogne, per la B a Morgex e per la D a Verrayes. Domenica a St-Denis in località Lavesé gara a terne con in palio il Trofeo Emanuele Théodule e, sempre domenica, a Cogne seconda tappa del Campionato Juniores organizzata dal Gressan/Cogne. ■ Riccardo Savoye

■ palet / Ufficializzati i componenti delle 46 squadre iscritte alla maratona di Pontey

Tutti i protagonisti della 24 Ore Mario Cordi-Massimo Gérard

Silvio Chuc-Bruno Montrosset

aosta - A meno di due settimane dal via, la 24 Ore di Palet in calendario il 13 e 14 luglio a Pontey prende sempre più forma. E’ infatti stato completato l’elenco delle 46 squadre che prenderanno parte a uno degli appuntamenti clou dell’estate di questa disciplina. Le squadre rappresentano 18 sezioni appartenenti all’associazione regionale; all’appello mancano soltanto Gressan/ Cogne, St-Christophe, Nus e Grand Paradis. Nel dettaglio, ecco tutti i nomi dei protagonisti. Categoria A/B

Flavio Abram-Valter Tutel

Gilbert e Thomas Pession

GIRONE A: Issogne C (Roger Duc-Alex Pinet e Franco Dondeynaz-Matteo Pinet), Issogne A (Gilles Pinet-Denis Gyppaz e Roberto Nicoletta-Davide Pinet), Verrès A (Maurizio GorretLuigi Monticone e Ugo Pession-Ermanno Albani), StVincent A (Ezio Lini-Christian Dujany e Marco Seris-Giuseppe Tourel), Aymavilles B (Ivo Chapel-Carlo Bataillon e Luigi Manella-Rudy Barsanti), Châtillon A (Marco Neyroz-Eddy Laurencet ed Erik Orsières-Giorgio Favre), Montjovet A (Walter Péaquin-Michel Cornaz e Remo Cugnach-Loris Péaquin), Quart A (Franco Bionaz-Corrado Cerisey e Roberto Henriod-Dino Bionaz), Arnad B (Bruno Vaser-Maicol Massensini e Giuseppe Favre-Paolo Laurent), Valtournenche A (Giuliano Pession-Augusto Perron e Carlo Bich-Luca Vallet), Champdepraz B (Demis Sarteur-Agostino Nicoletta e Stefano BiellerSandro Foretier), Pontey A (Manuel Massensini-Mauro Massensini e Christian Peraillon-Pierre Ducly). GIRONE B: Issogne B (Bruno Pinet-Renato Creux e Renato Dal Bosco-Erik

Terence Tessarin

Bonjean), Issogne D (Giuseppe Chiabotto-Gianni Darbaz e Gherard Bosonin-Davide Dublanc), Aymavilles A (Eddy MeninAldo David e Marco Bordet-Corrado Guichardaz), Champdepraz A (Luciano Péaquin-René Foy e Fausto D’Hérin-Andrea Vittaz), Marmore A (Romano Pernel-Ivo Vittaz e Federico Poli-Giovanni Grosso), Valtournenche B (Daniel BrunodetPierre Vuillermoz e Claudio Barmasse-Mauro Menabreaz), St-Denis A (Mario Théodule-Alex Mongnod ed Ezio Petey-Mirko Farys), Arnad A (Cesare Marchesi-Angelo Berger e Thomas Marchese-Alex Marchesi), Pontey B (Christian Pieiller-Flavio Théodule e Renzo Fontana Ravaz-Andrea Chabloz), Valdigne A (Fabio Seguin-Elwis Champion e Diego Scalvino-Didier Savioz), Aymavilles C (Aurelio Bordet-Terence Tessarin e Marco Chapel-Cesare Bataillon). Categoria C/D GIRONE A: St-Vincent A (Roberto Malcuit-Fabio Joly e Rudy Porceillon-Alex Perron), Marmore A (Flavio Mathamel-Ignazio Grange e Giampiero Pandini-Walter Lezin), Montjovet B (Raniero Annovazzi-Gilles Danna e Ferruccio Borettaz-Marco Bosc), Pontey B (Samuel

Martucci-Davide Martinod e Alessio Del Giudice-Remy Dujany), St-Denis B (Joel Cena-Didier Lettry e Stefano Contoz-Valerio Miassot), Brissogne A (Stefano Porliod-Alessandro Mosquet e Gianni Vigon-Cesare Brunod), Valtournenche A (Gilbert Pession-Patrick Follien e Matteo Perron-Alex Graziana), Montjovet A (Ezio Vout-Stefano Théodule e Gerard PeterleDaniele Péaquin), Quart A (Walter Berthod-Ives Rondin e Robbin Hugonin-Luca Viérin), Doues B (Patrick Cottin-Eddy Devoix e Bruno Diemoz-Daniel Diemoz), Issogne A (Daniele PortèGabriele Pinet e Camillo Pinet-Moreno Pinet), Verrayes B (Alex Petey-Elwis Meynet ed Erik Machet-Stefano Porliod). GIRONE B: Montjovet C (Dario Lucat-Guido Novallet e Giorgio Peterle-Remo Stefanoli), Verrès A (Walter Cugnod-Etienne Engaz e Luca Mogelli-Claudio Neyroz), Donnaz A (Daniel Nuris-Erik Bonjean e Walter D’Hérin-Ferruccio Joly), Pontey A (Mattia Sottini-Patrick Parleaz e Matteo D’Hérin-Andrea Lavevaz), Verrayes A (Francesco Nossein-Gilles Cornaz e Francesco Lavevaz-Romeo Timpano), Doues A (Walter Tutel-Giulio Péaquin e Didier Nex-Ezio Diemoz), Valtournenche B (Bruna DuercheAnna Berger e Vittorio Vuillermoz-Luca Bich), Châtillon A (Daniel Neyroz-Mauro Varaia e Walter GaillardDavide Péaquin), St-Denis A (Denis Perrin-Elwis Berga e Ilario Cretier-Patrizio Marquis), Montjovet D (Nicholas Dallod-Michel Viérin e Remy Péaquin-Luca Carlon), Issogne B (Jean Paul Borettaz-Christian Dublanc e Alex Ducly-Rudy Foy). ■ ri.sa.


Annunci Economici •INDICE RUBRICHE

➜ Lavoro 01 - lavoro offerta 02 - lavoro domanda 03 - prestazioni professionali 04 - lezioni e traduzioni 05 - artigiani

06 - aziende e negozi 07 - abitazioni vendita 08 - abitazioni acquisto 09 - abitazioni affitto 10 - terreni e locali industr./comm.

➜ Varie 11 - sentimentali 12 - auto e accessori 13 - moto cicli e accessori 14 - macchinari e attrezzature 15 - animali vendita e acquisto 16 - animali, oggetti smarriti e regalo 17 - scambi e baratti 18 - abbigliamento 19 - articoli sportivi 20 - audio, video, foto e computer 21 - varie (le rubriche non sottolineate sono a pagamento) 02-16-17

CERCHIAMO LAVORO come cuoca, aiuto cuoca, sala bar, piani, anche a chiamata extra e festivi. Tel. 339 5975997 CERCO LAVORO come muratore, lavapiatti, giardiniere e pastore. Tel. 389 6920039 CERCO LAVORO come badante o in albergo/ristorante, solo nei fine settimana. Tel. 324 0525306 CERCO LAVORO come lavapiatti, pulizie, badante, cameriera ai piani e aiuto cuoco. Tel. 327 5918047 CERCO QUALSIASI LAVORO part-time. Tel. 329 3834913 DONNA RUMENA

AFFITTASI

alloggio in Nus, al 1° piano, composto da due camere da letto, soggiorno, cucina, doppi servizi, cantina, garage e posto macchina. Non ammobiliato

Tel. 335 6952124 CENTRALISSIM0 SAINT-VINCENT affitto alloggio arredato per due persone, con due balconi e posto auto.

cerca lavoro come badante 24 ore su 24, baby sitter, pulizie, lavapiatti, compagnia per anziani e cameriera ai piani e da sala. Tel. 327 7623865 ITALIANO 40 anni, mi offro per lavori di giardinaggio, pulizie, manutenzione in casa o villa, da privati. Referenziato residente ad Aosta solo per persone veramente interessate per tutta la valle. Tel. 329 1925944 RAGAZZA DI 20 ANNI cerca lavoro come cameriera ai piani, lavapiatti, badante, baby sitter e pulizie. Tel. 389 4987468 RAGAZZA DI 28 ANNI rumena, cerca lavoro come baby sitter, collaboratrice domestica, barista, cameriera ai piani, assistente anziani solo di giorno. Tel. 328 8580408 RAGAZZO cerca lavoro come cameriere e panettiere. Tel. 327 8584001 RAGAZZO DI 18 ANNI cerca lavoro come apprendista lavapiatti, cameriere di sala, muratore e tutto fare. Tel. 342 0505510 RAGAZZO DI 26 ANNI con esperienza e patente B, cerca lavoro come elettricista edile. Massima disponibilità oraria e disponibilità di spostamento in tutta la valle.

VENDESI MAGAZZINO ARTIGIANALE mq. 350 – h. 7 mt con piazzale antistante in localita’ tzamberlet

Tel. 346 5187742 solo referenziati

Telefonare ore ufficio al n. 3332115102

VENDESI

AFFITTASI BILO/TRILOCALI

alloggi in villa oppure villa singola Per info telefonare ai numeri:

393 37 92 279 347 35 15 433

PRIMA VOLTA AD AOSTA

Camilla, bella mulatta brasiliana, completa per esaudire i tuoi desideri più nascosti.

TEL. 327 0656043

TEL. 327 3506798

PRIMISSIMA VOLTA

SIGNORA RUMENA cerca lavoro come badante 24 ore su 24, pulizie, lava piatti oppure compagnia per anziani, cameriera da sala o di piani. Tel. 388 1446761 oppure 340 5771821 SIGNORA SERIA E AFFIDABILE DI 47 ANNI con esperienza, cerca lavoro come badante 24 ore su 24 oppure come collaboratrice domestica. Tel. 389 9243993 SIGNORE PERUVIANO con documenti in regola, cerca lavoro come giardiniere, lavapiatti, pulizie, falegname, custode, colf e assistenza anziani, fisso o part time in tutta la Valle. Tel. 335 7112238

QUART

➜ Immobiliari

• LAVORO 2. LAVORO DOMANDA

AOSTA

Jessica, 22enne, sensuale argentina, affascinante e biricchina, fisico da sballo, capelli lunghi, labbra carnose, dolce e fantasiosa ti aspetta per massaggi rilassanti

ammobiliati e non in Viale Conte Crotti

Per info telefonare ai numeri:

393 37 92 279 347 35 15 433

Loc. Amerique, irresistibile indonesiana, decolté da 10 e lode, bellissima bambolina, completissima, affascinante e disponibile ti aspetta in un ambiente tranquillo

TEL. 342 0553569 AOSTA

primissima volta, transex 22 enne, frizzantissima bellezza mediterranea, fisico mozzafiato, dolcissima, coinvolgente, attiva e passiva. Ambiente riservatissimo

Bianca tel. 329 3883136

• IMMOBILIARI 9. ABITAZIONI AFFITTO

AOSTA

AFFITTASI IN COGNE garage per auto, dimensione tipo Panda. Tel. 349 8355835

Marzia, bella biondina, sexy, prosperosa, 6ª naturale, dolce, giocherellona, bel fisico per massaggi soft e momenti divertenti nel massimo relax

AOSTA trans Giulia, bellissima bionda, snella, molto femminile, bel decolté, affascinante e molto sexy

TEL. 334 1689408 • VARIE 12. AUTO E ACCESSORI LANCIA ELEFANTINO fine '98, ben gommata, vendo a 1.300 €. Tel. 338 5803558 VENDESI MERCEDES 2000 88.000 km, unico proprietario, ottime condizioni, 5 gomme nuove, bollo pagato fino a dicembre, prezzo 4.900 €. Tel. 0165 34569 oppure 380 4375277 VENDO FIAT CROMA MJT Emotion, del 2008. Tel. 392 4326572

13. CICLI, MOTO E ACCESSORI PER TRIUMPH BONNEVILLE vendo scarichi aperti 2 in 1 e borsa in cuoio con staffa. Anche separatamente. Tel. 348 2639362 VENDO APE PIAGGIO modello 501, prezzo da concordare. Per informazioni chiamare il numero 347 8807797

IVREA

novità, ragazza bellissima, irresistibile con 6ª abbondante, fisico delizioso, pelle morbidissima, dolcissima, cortese, simpatica. Massima tranquillità e riservatezza

TEL. 389 2025623

VENDO SCOOTER Piaggio Beverly 125, anno 2008, km 6300, colore grigio, ottime condizioni. Prezzo € 1.600 trattabili. Tel. 331 3778433

14. MACCHINARI E ATTREZZATURE VENDO LEVIGATRICE per parquet mignon s200. Ottime condizioni. Prezzo 1.400 € trattabili. Tel. 3332120597

21. VARIE FIENO VALDOSTANO (LA SALLE) di qualità, in balle piccole. Tel. 340 7796179 RABDOMANTE esperto, cerca vene di acqua sorgiva sotterranee per creare pozzo di acqua potabile. Tel. 347 4984947 VENDESI annate complete e raccoglitori di Oasis/Musumeci dal 1992 al 2003 e National Geographic dal 1998 al 2010. Tel. 338 7313987

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona “CASA DI RIPOSO G.B. FESTAZ”

TEL. 334 9871845

Tel. 388 1813464 SIGNORA CERCA LAVORO come lavapiatti, badante 24 ore su 24, cameriera ai piani e pulizie. Tel. 329 0137208 SIGNORA DA 8 ANNI IN ITALIA cerca lavoro come badante 24 ore su 24 oppure come donna di servizio, pulizie e tutto fare. Tel. 388 3626468 SIGNORA DI 54 ANNI con attestato da assistenza domiciliare, esperienza di 5 anni, cerco lavoro di giorno, di notte oppure 24 ore su 24. Tel. 320 1868171 SIGNORA MOLDAVA DI 60 ANNI referenziata e con esperienza di 11 anni, cerca lavoro come badante 24 ore su 24, in tutta la regione. Tel. 327 0654804

Agence Publique de Services à la Personne “MAISON DE REPOS J.B. FESTAZ” Via Monte Grappa, 8 - 11100 AOSTA - 8, Rue Monte Grappa - 11100 AOSTE C.F. 80005670072 --- P.Iva 00035880079 Prot. 4057 AVVISO Il Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona “Casa di Riposo G.B. Festaz/ Maison de Repos J.B. Festaz”, nella seduta del 27 giugno 2013, ha deciso di procedere - ai sensi dell’art. 7 della Legge Regionale 23 dicembre 2004, n. 34 - alla nomina del Direttore dell’Azienda stessa. A tal fine, comunica che le persone interessate a ricoprire tale incarico che siano in possesso dei requisiti previsti dall’art. 7 della legge sopra richiamata possono presentare la propria candidatura con lettera raccomandata con ricevuta di ritorno da indirizzare alla sede della Casa di Riposo (Via Monte Grappa 8, Aosta), improrogabilmente entro le ore 17:00 di LUNEDI’ 29 luglio 2013. Precisa, inoltre, che l’incarico di Direttore verrà assegnato a tempo determinato sino al 31.03.2015 (data di scadenza del Consiglio di Amministrazione) con possibilità di rinnovo e con un periodo di prova di 3 mesi. Il rapporto di lavoro sarà disciplinato per i soli aspetti giuridici dalla L.R. 22/2010 e dal T.U.D.C. per la dirigenza del comparto unico. L’emolumento del Direttore viene stabilito dal Consiglio di Amministrazione ai sensi dell’art. 7 comma 6 della L.R. 34 del 23/12/2004. Informa inoltre che i candidati dovranno allegare alla domanda il proprio curriculum professionale. Aosta, lì 27 giugn0 2013

Il Presidente Carlo FERINA

annunci gratuiti

IL TAGLIANDO

(SOLO PER PRIVATI) RUBRICHE N.

2-16-17

COME?

Con il tagliando Compilare l'apposito tagliando pubblicato su ogni numero del giornale e consegnarlo - o inviarlo - alla segreteria della redazione del vostro settimanale locale; l'annuncio deve contenere al massimo 20 parole. Ogni tagliando vale una pubblicazione.

PER I VOSTRI ANNUNCI

➜ Massimo 20 parole ➜ Scrivere in stampantello ➜ Indicare nel riquadro a fianco il numero della rubrica prescelta

DOVE? Presso questa sede:

LG Presse - GAZZETTA MATIN Regione Borgnalle 12 - 11100 AOSTA Tel. 0165 231711 Fax 0165 1820141

Dati per la segreteria (che non saranno pubblicati):

AVVERTENZE. Le inserzioni si ricevono in orario di ufficio (9/12) - (15/18). La direzione, pur impegnata nell'opera di controllo, non è responsabile della veridicità e della provenienza dei testi pubblicati. Si riserva, in ogni caso, di rifiutare qualsiasi inserzione.

NOME INDIRIZZO TEL


LETTERE

70

lunedì 1 luglio 2013

INVIATE LE VOSTRE LETTERE A: l.mercanti@gazzettamatin.com

E’ trascorso un anno dalla tua tragica, prematura, quanto inaspettata dipartita. Un anno, questo, di domande. Mille e più domande senza risposte. Alla fine ti rassegni, sopraffatto dagli eventi e convivi con la realtà. Perché le cose, ti ripeti tutti i giorni, le cose, quelle belle e quelle brutte accadono. Non ti danno preavviso e ti colgono impreparato buttandoti in un vortice di emozioni. Ma è qui che: «Scruto l’orizzonte cercando... Cercando la nube che raffigura il tuo volto. Tendo l’orecchio ascoltando... Ascoltando, cullata dal vento, la tua voce. Osservo il firmamento guardando... Guardando nelle stelle il tuo splendido sorriso. Vivo la vita aspettando...Aspettando di rincontrarti.” In tutto ciò solo il ricordo della tua persona mi è di conforto. Grazie Chicco, è stato un onore e un piacere aver avuto la fortuna di condividere con te parte della mia vita. ■ L.C., Etroubles Mens sana in corpore sano, un progetto che ha entusiasmato gli studenti Abbiamo ritenuto opportuno scrivere a nome di diversi genitori, per rivolgere alla Dirigente dell’Istituzione scolastica San Francesco di Aosta, dr.ssa Ersilia Ferrario, e a tutti i suoi collaboratori, al Vicario, agli insegnanti della scuola, al personale non docente e a quello ausiliario, il nostro ringraziamento nella realizzazione del progetto “Mens Sana”, che ha visto impegnati in prima persona i nostri figli durante quest’anno scolastico. Abbiamo visto l’entusiasmo con cui i ragazzi hanno partecipato alla realizzazione dell’evento, ma ci siamo resi conto anche dell’enorme lavoro che questo ha comportato nel fare in modo che tutto ciò avvenisse senza problemi e in locali non ordinariamente utilizzati per l’attività didattica. Questo ha richiesto sicuramente un coordinamento e un lavoro supplementare non indifferente a tutti, ma ha messo in luce le potenzialità di questa scuola. Ne siamo grati, anche perché tale impegno mette in campo abilità e competenze diverse dei nostri ragazzi e può essere il motore per il futuro di questa Istituzione e dei progetti che in essa potranno essere realizzati. Cordiali saluti ■ I rappresentanti dei genitori del Consiglio d’Istituto della scuola secondaria di primo grado «Quale strategia politica per Terna?» Recentemente su La Stampa, nell’inserto “Tutto Soldi”, Abbiamo letto l’intervista a Flavio Cattaneo, amministratore delegato del gruppo elettrico Terna dal 2005. Siamo rimasti allibiti nel leggere che il personaggio in questione ha dichiarato dia aver speso 6,5 miliardi di euro per rendere la rete elettrica più efficiente e ha distribuito 2,5 miliardi di euro quale dividendo azionario. Probabilmente, a chi è abituato a gestire somme così grandi di denaro, poco importa se lungo il suo cammino lascia persone che non si rendo-

no conto degli effetti positivi di tali strategie, ma solo dei danni. Ci riferiamo alla nostra casa, recintata la elettrodi di alta tensione. Noi, che abbiamo dovuto abbandonarla per motivi di salute, non capiamo la strategia politica della Terna. Abbiamo chiesto più volte spiegazioni allo staff di dirigenti che lavora per Cattaneo, ma non abbiamo mai avuto risposte. Ci è piaciuta l’affermazione di Cattaneo quando dice che “il politico che nomina una persona brava merita applausi; quello che ne nomina una non brava merita fischi. Anche perché questo significa che quel politico, anche quando dovrà prendere altre decisioni, farà prevalere gli interessi personali”. Tale fase potrebbe essere anche applicata ai dirigenti Terna? Ce lo chiediamo da anni. Le nostre osservazioni sono state rafforzate dalla Commissione Europea che, già nel 1994, affermava che per precauzione e buon senso non si dovevano costruire elettrodi nelle vicinanze delle case. Prima di costruire, i progettisti, con l’aiuto dei politici regionali, pur essendo avvisati del danno che stavano per compiere, si sono schierati con l’allora Enel e non con noi, considerati i più deboli, non garantendo il Diritto alla Salute, sancito dalla Costituzione Italiana. Al danno alla salute va aggiunto il danno economico da noi subito che ci impedisce di avere un dividendo azionario. Secondo un’agenzia immobiliare, una casa in mezzo a due elettrodotti ha il valore quasi dimezzato e, se si crea un campo magnetico artificiale, il suo valore scende ancora, fino ad arrivare a meno del valore del materiale di costruzione. Noi speriamo sempre che un’era democratica abbia inizio e che Terna si assuma le responsabilità delle sue azioni. Ci piacerebbe anche che, prima di costruire, avesse una visione del territorio, anche con foto aeree, per cercare il miglior tracciato. Questo dimostrerebbe attenzione al progresso, alla crescita intelligente anche se dobbiamo essere consapevoli che, come la storia insegna, i pesci grossi hanno sempre mangiato quelli piccoli. ■ Rosemary Cout e Renzo Praduroux, Hône La cura di Place Deffeyes a lavoratori over 45-55 anni Passando sovente davanti a Palazzo regionale, ho notato lo smantellamento del cantiere in atto. Sicuramente è stato fatto un buon lavoro dal punto di vista edile, ma lascia alquanto a desiderare la scelta della sistemazione del verde. A poco più di un mese dalla consegna dei lavori, le essenze arbustive impiantate, erano ricoperte da una vegetazione di erbacce, causata dalla inesistente pacciamatura: questo richiede un lavoro lungo e certosino, per mantenere le aree in modo ottimale. Pensavo che in tal modo si sarebbero create le condizioni per far lavorare quelle persone over 45 e 55, assunte dalla Regione con piani straordinari e per alcuni mesi. Nei giorni scorsi, invece, noto una persona solerte che tutta sola per alcuni giorni si è dedicata al gravoso lavoro di ripulire le aree dalle erbacce infestanti. Informandomi con chi di competenza, scopro che questo e altri lavori, vengono dati in economia, a ditte che hanno vinto lotti delle aree verdi che prima venivano gestite in maniera diret-

ta con gli operai forestali. L’indignazione non viene solo dal fatto che non ci sia oculatezza nella gestione dei soldi pubblici, ma soprattutto che non ci sia una corretta gestione della cantieristica e delle risorse umane. Una domanda, su molte che ho in mente, da porre ai nuovi amministratori e ai dirigenti dell’assessorato all’Agricoltura è questa: questi lavori dati in economia che hanno anche una valenza sociale, non potrebbero essere svolti da quelle persone over 45 e 55 che attualmente vengono confinate in cantieri che di utile e sociale hanno ben poco se non nulla? A giovarne sarebbero sicuramente le casse regionali e soprattutto la dignità di quei lavoratori. Lettera firmata «Affrontare subito la questione della ferrovia!» (Lettera aperta ai nuovi consiglieri regionali) Gentili consiglieri, a nome dei PendolariStanchi

della Valle d’Aosta vogliamo, in questo inizio di legislatura, rinnovarvi la nostra preoccupazione per la situazione dei trasporti della nostra regione e le nostre aspettative nei vostri confronti, affinché affrontiate da subito la questione della ferrovia. L’urgenza di un’azione strutturale che risolva, una volta per tutte, l’estremo disagio di chi viaggia, oggi, nel nostro territorio regionale è sempre poiù pressante. La crisi economica rende più rilevante l’importanza del trasporto pubblico sia sul piano delle opportunità di sviluppo che su quello delle crescenti esigenze delle famiglie valdostane (...e non solo) di risparmiare sui costi fissi della propria gestione quotidiana riducendo le spese per i mezzi privati. In tutto il Paese si registra, nonostante i disagi, un aumento della propensione a usare il trasporto pubblico. Anche sul piano turistico cresce la preferenza per la rotaia rispetto alla gomma come vettore della vacanza breve. Non dobbiamo ricordare a voi quale contraddizione ci sia tra la vocazione turistica della no-

stra Valle e l’estrema inefficienza e dispendiosità delle tariffe autostradali o con l’inaffidabilità e l’inefficienza del sistema ferroviario. Altri territori con le nostre caratteristiche socioeconomiche si stanno attrezzando (...o lo hanno già fatto, come ad esempio la Provincia di Bolzano, che ha recentemente deliberato l’elettrificazione della linea Merano-Malles), determinando in tal modo uno squilibrio competitivo sempre maggiore con la Valle d’Aosta. A ciò si deve aggiungere l’esperienza quotidiana dei pendolari valdostani, che per lavoro o per studio sono costretti a viaggiare in treni in ritardo, sporchi, affollati, e sempre con tempi di percorrenza troppo elevati. Le posizioni e le proposte della nostra associazione sono note da tempo. In particolare, vogliamo ribadirvi la necessità di mantenere e ammodernare la Aosta Pré-Saint-Didier e la convinzione che l’unica vera soluzione sia procedere con l’elettrificazione dell’intera tratta ferroviaria secondo il progetto già presentato da RFI. Sarebbe il mo-

do per riconnetterci con l’intera linea ferroviaria nazionale e poter ragionare su ogni altro sviluppo a partire da una base infrastrutturale certa. Le disposizioni contenute nel recente Decreto Letta e i fondi inutilizzati della Finanziaria 2006 aprono uno scenario concreto che non può essere sottovalutato e che richiede, per essere perseguito, una fortissima e chiara volontà del Consiglio regionale sull’amministrazione regionale e nei confronti dello Stato. Vogliamo ricordarvi, inoltre, che la stessa Comunità europea sta utilizzando, come criterio premiante per l’assegnazione dei fondi per lo sviluppo sociale ed economico dei vari territori, l’esistenza di un piano di ammodernamento del sistema dei trasporti locali. Naturalmente siamo a vostra disposizione per confrontarci e per e per sostenere le decisioni che il Consiglio vorrà prendere in questa direzione. A nome di tutta l’Associazione vi auguriamo per il bene dei cittadini valdostani e di tutti. ■ Associazione Pendolari-

REGALATI

UN ANNO DI

ABBONATI! 52 NUMERI A 65 € E IN OMAGGIO L’

AGENDA 2013

E SE VUOI ANCHE LA VERSIONE

SFOGLIABILE ONLINE UN FANTASTICO

*

OMAGGIO PER TE!

GIACCA

LA

“SOFT SHELL” DI

+ =

80 € In collaborazione con: BRUNELLO

1994

Discount solo nel prezzo

CENTRO

AOSTA & SARRE

*Fino ad esaurimento scorte - immagine puramente indicativa

In ricordo di Erik Mortara


71

lunedĂŹ 1 luglio 2013

Approfitta degli incentivi fiscali sostituisci i tuoi vecchi serramenti entro il 31 dicembre

il 65% della spesa te la paga lo Stato* il resto lo recuperi in pochi anni attraverso il risparmio energetico

SERRAMENTI - PORTE

Via Roma, 7 Aosta - Tel 0165 31011 - fabrizio.cerise@me.com


72

lunedì 1 luglio 2013

CIELO

VENTO SOLE

Oggi in Valle d’Aosta

S

oleggiato, con addensamenti in formazione dal pomeriggio che porteranno a qualche rovescio sparso. Temperature: minime in rialzo; massime in calo. Venti: a 3000 metri deboli dai quadranti Sud, in rotazione da Ovest; brezze nelle valli.

Tendenza successiva Martedì 2 nizialmente prevalenteIpomeriggio mente soleggiato, dal nuvolosità in addensamento con rovesci sparsi. Temperature: massime in calo.

Da mercoledì

M

ercoledì perturbato con precipitazioni diffuse dalle ore centrali, giovedì più fresco e stabile, poi più caldo almeno fino a sabato.

Accadde oggi 1921 - A Shanghai viene fondato il Partito comunista cinese. Il primo segretario nominato e Chen Duxiu. 1931 - Viene inaugurata la stazione centrale di Milano. Sostituisce quella la precedente, inaugurata nel 1894 nella poco distante piazza della Repubblica. 1946 - Gli Stati Uniti fanno esplodere una bomba atomica da 20 chilotoni nei pressi dell’atollo Bikini nell’Oceano Pacifico. 1947 - Viene varata l’Achille Lauro, una delle più imponenti navi passeggeri italiane. 1960 - La Somalia ottiene l’indipendenza dall’Italia e dalla Gran Bretagna. Nello stesso giorno il Ghana diventa una repubblica. 1997 - Hong Kong torna sotto il dominio cinese dopo essere stata per 156 anni colonia britannica. 2005 - Ha fine da oggi l’obbligo del servizio di leva militare in Italia. 2011 - A Montecarlo il principe Alberto di Monaco sposa, con rito civile a Palazzo Grimaldi, Charlene Wittstock. Il rito religioso il 2 luglio.

VARIABILE

NUVOLO

NEVE

PIOGGIA

TEMPORALE

NEBBIA

Il sole

sorge oggi alle 5.40 e tramonta alle 21.30

VENTO

VENTO FORTE

La luna

sorge oggi alle 1.19 e tramonta alle 15.12

Situazione generale ievi indebolimenti dell’altra pressione dovuti a incurLsull’Europa sioni oltralpe da parte di una bassa pressione estesa orientale e settentrionale determineranno

instabilità per la prima parte della settimana, in particolare mercoledì. In seguito l’alta pressione sembra rafforzarsi e stabilizzarsi su quasi tutta l’Europa.


Gazzetta Matin del 01 luglio 2013