Issuu on Google+

S P O RT PRIMA CATEGORIA

Vi prenderanno parte le squadre che hanno vinto i rispettivi gironi

Domani la finale per il titolo regionale Lupi Clean 2000, Fornelli e Campobasso calcio si contendono il Trofeo Alessandro Del Rosso CAMPOBASSO - La finale per il titolo regionale, con le tre squadre vincenti i rispettivi gironi del Campionato di Prima Categoria (Fornelli, Campobasso Calcio e Lupi Clean 2000), si svolgerà, in una gara unica, con la formula del triangolare rapido, con gare di 45’ minuti, con inizio alle ore 18.30, di domani venerdì 15 maggio 2009 sul “Nuovo Antistadio” di contrada Selva Piana di Campobasso che, ricordiamo, per decisione del Consiglio Direttivo è stato indicato come impianto destinato ad ospitare in ciascuna edizione la manifestazione. E’ prevista la disputa di tre mini partite, ciascuna di 45 minuti, nelle quali ciascuna squadra incontrerà le altre. Al termine dei 45 minuti di ciascuna gara (due mini tempi di 22 minuti e 30 secondi con immediato cambio di campo), se dovesse verificarsi una situazione di parità, si procederà direttamente all’esecuzione dei tiri di rigore con le modalità previste dalla Regola 7 delle Regole del Giuoco del Calcio. Ai fini della compilazione della classifica finale, saranno assegnati i seguenti punteggi: 3 punti per la vittoria al 45’; due punti per la vittoria a seguito dell’effettuazione dei tiri di rigore; 1 punto per la sconfitta a seguito dell’effettuazione dei tiri di rigore; 0 punti per la sconfitta al 45’. Sarà considerata vincente, e quindi campione regionale di Prima Categoria per la stagione 2008/2009, la squadra che al termine delle tre mini partite avrà conseguito il migliore punteggio. In caso di parità di punteggio tra due squadre o più squadre, il titolo sarà assegnato tenendo conto, nell’ordine esposto, dei seguenti parametri: vincente scontro diretto (anche in caso di conclusione ai calci

22 ANNO II - N° 108 GIOVEDÌ 14 MAGGIO 2009

di rigore); migliore differenza reti (conteggiata al termine dei 45 minuti di giuoco effettivi) maggior numero di reti segnate nel corso dei 45 minuti di giuoco effettivi. In caso di perfetta parità tra due squadre sarà necessario ricorrere ad una ulteriore gara di spareggio da effettuarsi in altra data ed in campo neutro; in caso di perfetta parità tra tutte e tre le squadre, invece, sarà necessario ripetere tutti e tre gli incontri, in data da indicare successivamente. Ciascuna squadra, che dovrà essere presente sul terreno di giuoco di Selva Piana, entro le ore 18.00, dovrà disporre di numero quattro palloni e di numero due divise di gioco complete e di colori diversi. La prima gara in programma sarà determinata dal sorteggio che si terrà sul campo, alla presenza dei dirigenti delle tre società. La squadra che avrà riposato la prima gara, disputerà la seconda gara con la squadra che risulterà sconfitta al termine della prima gara. Nella terza gara si incontreranno le due squadre che hanno riposato nella prima e nella seconda partita. In caso di perfetta parità tra due squadre sarà necessario ricorrere ad una ulteriore gara di spareggio da effettuarsi in altra data ed in campo neutro. In caso di perfetta parità tra tutte e tre le squadre, invece, sarà necessario ripetere tutti e tre gli incontri, in data da indicare successivamente. Le tre gare saranno dirette a rotazione dai componenti la terna arbitrale appositamente designata dal Presidente del Comitato regionale Arbitri. L’accesso dei tifosi al campo di Selva Piana sarà consentito a titolo gratuito. Al termine delle gare, intorno alle ore 21.00, si svolgerà la cerimonia delle premiazioni, in ricordo dell’indimenticabile Alessandro Del Rosso, dirigente della Federazione. Carla Ferrante

ATP Madrid: Seppi si qualifica per gli ottavi Buone notizie per il tennis italiano dal torneo ATP di Madrid (terra rossa, € 3.700.000). Andreas Seppi si è qualificato per il terzo turno (gli ottavi di finale) dopo aver sconfitto in tre set l'americano Sam Querrey. Ora il tennista azzurro dovrà affrontare il serbo Novak Djokovic, testa di serie n° 3 del tabellone e fresco vincitore del torneo di Belgrado.

COPPA ITALIA

La Virtus Casarano fa l’en plein, è suo anche il trofeo tricolore

CAMPOBASSO - Virtus Casarano su tutti: dopo aver stravinto l’Eccellenza pugliese ed aver dominato la fase regionale della Coppa Italia, l’undici di Bianchetti mette a segno una favolosa tripletta conquistando anche il trofeo nazionale. Al termine di una gara per certi versi storica, la formazione rossoblu non aveva mai vinto la coccarda dei Dilettanti, la Virtus può finalmente brindare ad una stagione perfetta che la accredita come sicura protagonista anche per la prossima stagione. Il progetto del presidente De Masi, infatti, non si conclude di certo con la vittoria conquistata allo stadio Flaminio contro il Castelrigone, ma prosegue anche per il futuro iniziando con l’assalto al campionato di Serie D già da settembre prossimo. D’altro canto la formazione umbra, nonostante la sconfitta, può festeggiare lo stesso visto che, con l’accesso a questa finale ha conquistato lo stesso la promozione. La finale di Coppa Italia Dilettanti 2008-09 inizia in sordina, le

due formazioni si studiano e si rispettano, ma già al 10’ Valli va vicino alla segnatura quando, largo sulla destra, angola troppo il diagonale che esce ad un metro dal palo opposto. Il brivido scuote i pugliesi che pressano maggiormente a centrocampo e tengono in mano per alcuni minuti il pallino del gioco, ma a rendersi pericolosi sono ancora gli avversari che con De Luca, stavolta dall’out di sinistra, confezionano una buona occasione che esalta i riflessi dell’attento Leopizzi. Al 19’ gli umbri imbastiscono l’azione più pericolosa del primo tempo complice una sbavatura in fase di opposizione di Niccolini che lascia campo libero a Rigucci il quale calcia a botta sicura, ma l’estremo difensore del Casarano non si fa sorprendere compiendo un miracolo e deviando in angolo con la punta del piede. Nel momento migliore per il Castelgirone però l’uomo del destino salentino, il bomber Alberto Villa, pesca l’ennesimo jolly e dimostra di che pasta è fatto anche fuori dalla sua regione calciando di collo pieno di prima intenzione sfruttando un rimpallo all’altezza dei sedici metri. La formazione di Nofri Onofri non si scompone e ricomincia a costruire gioco come se nulla fosse successo, ma rimontare un gol a questo Casarano è compito assai arduo anche perché il rischio di scoprirsi troppo è dietro l’angolo. E puntualmente arriva il raddoppio rossoblu con l’incontenibile Villa che ha la capacità di trovarsi sempre puntuale all’appuntamento con il gol: nell’occasione fa tutto, e bene, Sanguinetti che dalla sinistra fa partire un traversone teso sul quale

si avventa il capocannoniere dell’Eccellenza pugliese, al quale non basta altro che appoggiare in rete superando l’incolpevole Puntelli. La ripresa, complice il gran caldo ed il risultato ipotecato in favore dei pugliesi, vive di ritmi molto più blandi, ma Aragao non si lascia perdere l’occasione per mettersi in evidenza al 10’ rendendosi protagonista di una discesa inarrestabile lungo l’out sinistro prima di calciare di poco a lato da posizione ravvicinata. Cinque minuti dopo bomber Villa si trasforma in assistman e serve un pallone che non aspetta altro che essere appoggiato in porta di testa da Sanguinetti che invece spedisce alto. Arrivati a metà tempi inizia la festa dei tifosi rossoblu accorsi in gran numero da Casarano, una gioia che diventa tripudio per il terzo gol della Virtus realizzato ancora da Villa su calcio di rigore al 24’. Lo sforzo generoso del Castelrigone basta per arginare la furia offensiva di una squadra dal ruolino di marcia impressionante e dalla differenza reti praticamente inimitabile (in campionato 70 gol fatti e solo 11 subiti). Prima del triplice fischio finale c’è addirittura il tempo per il quarto gol rossoblu che porta la firma di D’Anna il quale pesca un vero e proprio jolly da fuori area indovinando la traiettoria giusta per superare l’estremo difensore avversario. Il trionfo della Virtus Casarano viene celebrato a fine gara da un’invasione pacifica dei propri supporters e dalla premiazione del presidente della Lega Nazionale Dilettanti che consegna nelle mani del capitano pugliese la Coppa Italia Dilettanti 2008-09. C.F.

MOTOCROSS

A Riccia sport e scienza CAMPOBASSO - Domenica a Riccia si è svolta una competizione regionale di Motocross organizzata dal Motoclub di Riccia, il quale vista la giovane nascita in Regione della Federazione di riferimento e dell’utenza molisana che partecipa assiduamente a competizioni di carattere regionale, ha voluto dare un’impronta anche scientifica per conoscere gli aspetti fisiologici legati alla prestazione del motociclista. Il Dott. Johnny Padulo "Science of the Sport Human Performance lab and Training Carmelo Bosco Tor Vergata

Roma" unitamente al Dott. Raffaele Camino, ha analizzato 5 partecipanti a campione per rilevare la frequenza cardiaca con sistema telemetrico "Polar Team System" ed i livelli di acido lattico (lattacidometro "Arkray") prodotto a fine di ogni prova. Inaspettatamente, a sorpresa anche degli atleti è emerso che in ogni prova di durata media di 1’50’’ la frequenza cardiaca media è stata di 195 bt/min e in media la produzione di lattato è stata di 7 mMol; dato alquanto rilevante considerando l’impegno fisico a cui sono

sottoposti. Quindi è plausibile considerare questo sport ad impegno anaerobico lattacido. In genere, gli atleti hanno una scarica di adrenalina che gli permette di effettuare la prova per pochi minuti come accade spesso trascurandone gli effetti cardiocircolatori; pertanto per migliorare la performance con lavori a secco è necessario tener conto dei dati sopra riportati, soprattutto al fine di riprodurre quanto più possibile il modello di prestazione reale per un miglior rendimento energetico.

Euro 2012: l'Uefa conferma solo cinque sedi L'edizione 2012 degli Europei di calcio continua ad essere avvolta da una fitta nebbia. Sono infatti innumerevoli i dubbi su quali saranno le città sede delle gare della manifestazione, che si dovrebbe tenere in Ucraina e Polonia. L'Uefa ha infatti confermato solo quattro citta' della Polonia e una dell'Ucraina si tratta di Varsavia, Gdansk, Wraclow e Poznan Kiev.


Pagina_20_21_22_Sport:Layout 1.qxd