Page 1

Parla Filoteo Di Sandro, consigliere regionale di Aenne

Nel Pdl con le nostre idee e i nostri programmi CAMPOBASSO – La crociata per la reintroduzione delle preferenze un primo risultato l’ha già ottenuto. Sulla scheda per votare alle Europee del 6 e 7 giugno prossimo potranno essere selezionati fino a tre candidati. Lo stesso non si può dire per le ultime Politiche (aprile 2008) che hanno costituito una delle storture più evidenti dell’attuale sistema elettorale. Le liste bloccate, cioè costituite da candidati decisi dalle segreterie di partito, hanno avvantaggiato molti ‘personaggi’ che altrimenti non sarebbero stati in grado di arrivare in Parlamento. “Le persone devono essere elette, non nominate”, chiosa il consigliere regionale del PdL ed ex assessore all’Ambiente, Filoteo Di Sandro.

sti dati può rispecchiarsi nel Molise? Il Molise rappresenta, in questo senso, una regione in controtendenza con una provincia chiamata al voto (Isernia) con amministrazione uscente del centrodestra che potrebbe essere confermata e un comune capoluogo (Campobasso) con amministrazione uscente di centrosinistra che rischia di cambiare colore. Consigliere, il suo nome è stato tra i papabili del centrodestra per la presidenza della Provincia di Isernia. Poi, com’è andata? “Il mio nome è venuto fuori diversi mesi prima, ma ho preferito farmi da parte perché c’erano molti altri amici interessati e ho quindi ritenuto opportuno agire in questo modo”.

Non mi sono dimesso e ho rinunciato all’assessorato, ma non ne sono pentito Con le elezioni, si sa, vanno a braccetto i sondaggi sulle intenzioni di voto (oggi l’ultimo giorno per la loro pubblicazione). Il centrodestra – secondo l’ultimo rilevamento Demos che però non tiene conto delle motivazioni della sentenza del processo BerlusconiMills – marcia verso il 50%, trascinato dal PdL con il 38,8%, e dalla Lega che potrebbe sfondare il 10%. Il centrosinistra sfiora il 34%, con il Pd intorno al 26% e l’IdV oltre l’8%; i centristi dell’Udc superano quota 7%. Ma quanto l’onda lunga di que-

I rilevamenti – nel Molise – offrono buone prospettive per il PdL. Quali sono le aspettative in provincia di Isernia e a Campobasso? “In provincia di Isernia l’obiettivo è di vincere al primo turno ed è una cosa possibile con il PdL che potrebbe raggiungere una percentuale elevata. Anche a Campobasso credo che si possa vincere al primo turno, ma con una percentuale inferiore”. Nel governo regionale precedente è stato assessore per cinque anni. In quello attuale non

Sisma, ok del Senato al contributo del 100% ROMA - Via libera dell'Aula del Senato all'emendamento della Commissione al decreto terremoto che prevede che lo Stato pagherà, a fondo perduto e al 100%, la ricostruzione e la riparazione della prima casa. Nel testo si prevede in alternativa anche la possibilità, su base volontaria, dell'utilizzo del credito di imposta o del finanziamento agevolato.

si è dimesso dalla carica preferendo essere sostituito. È pentito per questo o si aspetta di rientrare nella squadra? “Non mi sono dimesso perché la linea del partito era quella. Sono stato eletto coordinatore regionale di Alleanza Nazionale e sono stato eletto sulla base di una mozione che non prevedeva le dimissioni dalla giunta. Non mi pento assolutamente di questo perché ho seguito la linea del mio partito. Oggi esiste il PdL, il partito unico, e le cose sono cambiate”. Appunto. Forse è proprio la componente di An che può avere maggiori difficoltà a riconoscersi in questo disegno. “Siamo confluiti nel PdL in maniera convinta e consapevole, con le nostre idee e con i nostri programmi. Uomini e donne che possono apportare le proprie idee ed i propri valori in questo nuovo progetto politico. Quello che conta sono la nostra volontà e il nostro carattere”. I sondaggi – a livello nazionale – danno il PdL in lieve calo, ma con un vantaggio pur sempre rassicurante. “I sondaggi sono un modo per valutare le reazioni alle azioni del Governo. Basta una polemica o qualcosa di simile per determinare uno spostamento dell’1 o del 2%. L’obiettivo è la vittoria del centrodestra e credo che alle prossime elezioni il PdL possa andare oltre il 50%”. Referendum: il PdL, in qualità

di primo partito, è ovviamente interessato affinché la consultazione passi. “Il PdL voterà ‘Sì’ perché è interessato alle modifiche che devono essere apportate a questa legge, premio di maggioranza a parte. Poi, la possibilità di candidatura in più collegi rappresenta un fatto

davvero poco morale. Ma soprattutto devono essere reintrodotte le preferenze, come ci sono in queste elezioni Europee. Le persone bisogna eleggerle, non sceglierle. Per arrivare a ricoprire incarichi istituzionali ci vogliono i voti e il consenso della gente”. Antonio Di Monaco

Possiamo vincere al primo turno sia in Provincia di Isernia che a Campobasso

Crisi, Marcegaglia: non abbassiamo la guardia MILANO – “La crisi non è affatto finita, il cammino è difficile e non bisogna abbassare la guardia”. Così Emma Marcegaglia, presidente degli industriali, nel corso dell'assemblea di Confindustria al Parco della Musica di Roma che ha chiamato a raccolta più di un migliaio di imprenditori e diversi esponenti del mondo istituzionale.

5 ANNO II - N° 115 VENERDÌ 22 MAGGIO 2009

Pagina_05_La Telefonata:Layout 1.qxd  

Sisma, ok del Senato al contributo del 100% VENERDÌ 22 MAGGIO 2009 davvero poco morale. Ma soprat- tutto devono essere reintrodotte le prefe...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you