Issuu on Google+

Ater, polemiche nel centrosinistra

Frosinone, la Cosap verrà sospesa

FROSINONE - La nomina di Giuseppe Tedesco a direttore generale dell’Ater sta suscitando in seno al centrosinistra provinciale una furiosa ventata di polemiche. In fibrillazione soprattutto l’europarlamentare De Angelis (Pd) e il leader dei Socialisti Schietroma che ritengono quella nomina irregolare. PAG. 3

FROSINONE - Nel consiglio provinciale che si radunerà nella giornata odierna, tra i punti all’ordine del giorno, spicca quello inerente la sospensione del pagamento del canone Cosap per l’anno 2010. Si tratta della famigerata imposta conosciuta con il nome di “tassa sui passi carrabili” che tanti malumori suscita in Ciociaria e non solo. PAG. 3

ANNO 1 - N° 16 GIOVEDÌ 18 MARZO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Poligrafica Ruggiero 83100 Avellino (Av)

Pdl, altra legnata www.lagazzettafrosinone.it IL TAPIRO DEL GIORNO A FRANCESCO SCALIA Francesco Scalia, ex presidente della provincia di Frosinone e assessore regionale uscente, si sta adoperando non poco per cercare di far inaugurare domenica prossima, a soli otto giorni dalle elezioni, il tratto di superstrada Sora-Ferentino, la cui realizzazione si attendeva da ben 30 anni. Il fatto è, però, che l’opera è largamente incompleta e secondo qualcuno mancherebbero persino le più elementari misure di sicurezza. Certo è che dopo aver aspettato tanto si poteva lasciar trascorrere qualche altro giorno. Il fatto è che a fine mese si vota...

L’OSCAR DEL GIORNO A SANDRO DE GASPERIS Sandro De Gasperis, consigliere regionale uscente del Pdl, è stato inserito in extremis nel quintetto della lista proporzionale della provincia di Frosinone. Sarà, forse, anche per questo che la sua è una campagna elettorale di basso, anzi bassissimo, profilo. Pochissimi manifesti, pochissimi incontri, nessuna vela con il suo gigantesco poster in giro per le cittadine dl Lazio meridionale, nessuno striscione e così via di seguito. Di certo alla fine per lui i voti potranno essere pochini ma per lo meno non avrà speso un patrimonio come tanti altri suoi colleghi di partito. E questo è già qualcosa.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


pag 09 nuovaa