Issuu on Google+

Carenza personale, Ortopedia “rischia”

Aquino, diffidati Italcogim e Acea

CASSINO - Ospedale “Santa Scolastica” in affanno. E’ carenza di personale medico ed infermieristico. I tempi stringono e l’Asl di Frosinone è alla ricerca frenetica di medici per evoitare soprattutto la chiusura del reparto di Ortopedia dove i ricoveri sono sospesi da circa un mese. PAG.6

AQUINO - Il sindaco Antonino Grincia diffida l’Italcogim e l’Acea Ato 5 per il ritardo della consegna dei lavori per il ripristino della viabilità Secondo il primo cittadino questi ritardi sarebbero causati proprio dai loro interventi la cui consegna, nei tratti interessati sembra un’odissea., PAG.8

ANNO I - N° 74 GIOvEdì 27 mAGGIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

Fumata nera sulla crisi

www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALL’ATER Perseverare è davvero diabolico. Evidentemente, però, all’Azienda territoriale dell’edilizia residenziale di Frosinone, poco interessa dirispondere alle richieste dei cittadini, né tantomeno di ascoltare le loro istanze, se è vero come è vero, che i vertici aziendlai continuano a disertare gli incontri organizzati a Pontecorvo. Ad oggi l’Ater ha fatto scena muta., Ci auguriamo che perlomeno alla manifestazione di protesta in programma per domani a Pontecorvo, qualcuno abbia il coraggio di dare qualche risposta.

L’OSCAR DEL GIORNO AGLI AGENTI PENITENZIARI Ieri, dopo la festa nazionale di Roma dello scorso 18 maggio, presso il carcere “San Domenico” di Via Sferracavalli, hanno festeggiato la ricorrenza. Agli agenti della polizia penitenziaria di Cassino, e tramite loro a tutti i colleghi che operano negli istituti di pena italiani, va la nostra ammirazione per il lavoro che svolgono quotidianamente in condizioni davvero disumane. Turni stressanti e carceri sovraffollate sono divenuti pane quotidiano.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


pag 01a