Page 1

Frosinone, ancora polemiche su Acea

L’olio ciociaro può favorire la crescita

FROSINONE - Da quando Iannarilli ha deciso di prendere in mano con decisione la gestione delle tariffe idriche, le polemiche sembrano essere aumentate d’intensità. Questa volta a rumoreggiare sono i sindacati che lanciano l’allarme sui posti di lavoro a rischio. Ma il presidente rassicura i dipendenti. PAG. 3

ANNO 1 - N° 15

FROSINONE - L’olio ciociaro è un prodotto di eccellente qualità che, se adeguatamente valorizzato e promosso, può servire da traino per la cerscita economica, culturale e turistica della provincia di Frosinone. Per di più l’olio del frusinate inizia a vantare un mercato, nazionale ed internazionale, in netta e vorticosa espansione. PAG. 3

MERCOLEDÌ 17 MARZO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Poligrafica Ruggiero 83100 Avellino (Av)

Panino ciociaro ma non troppo www.lagazzettafrosinone.it IL TAPIRO DEL GIORNO A MCDONALD’S ITALIA L’autorità garante per la concorrenza per la comunicazione ha respinto il ricorso presntato nei mesi scorsi dalla Coldiretti di Frosinone contro la multinazionale McDonald’s che aveva lanciato sul mercato un falso “panino ciociaro”. Iniziativa, quella della Coldiretti, sacrosanta e legittima: del resto come si fa a considerare “ciociaro” un panino fatto con panfocaccia al rosmarino, pollo croccante, insalata e formaggio cremoso insaporito al bacon? E invece, alla fine, McDonald’s ha visto premiate le sue ragioni. In nome del dio profitto.

L’OSCAR DEL GIORNO AD ANTONIO ABBATE L’assessore provinciale alla cultura, biblioteche ed archivi storici, Antonio Abbate, si è insediato da neanche un anno in quel di Palazzo Gramsci eppure ha già dato ampia traccia della sua presenza. L’ex primo cittadino di Roccasecca si sta rendendo protagonista di una netta inversione di tendenza rispetto al passato che è ormai sotto gli occhi di tutti. L’assessore Abbate si sta battendo soprattutto, ma con i fatti e non con le chiacchiere, per far emergere la vera identità culturale della provincia di Frosinone. Un’operazione di riscoperta che non mancherà di produrre frutti copiosi.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE “Dobbiamo coinvolgere attivamente tutti gli operatori della provincia di Frosinone”

Abbruzzese punta tutto sul turismo FROSINONE - “La regione Lazio, con 30 denominazioni relative ai vini di qualità (tra cui 26 vini Doc e 4 vini Igt) e 15 prodotti tipici tra Dop e Igt, è una regione che consente di poter pensare allo sviluppo di percorsi enogastronomici di qualità, permettendo la diffusione della cultura e della tradizione regionale fra i turisti stranieri e nostrani”. Questo è quanto sostiene il candidato del Pdl alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo, Mario Abbruzzese, che guarda con un occhio diverso al turismo locale, settore che potrebbe diventare una grande opportunità di sviluppo per tutta la provincia di Frosinone, con la conseguente creazione di decine e decine di nuovi posti si lavoro. L’esponente del Popolo della Libertà ha le idee chiare sul da farsi,

ma soprattutto per far crescere e sviluppare, mettendoli in rete, tutti i settori legati alle varie forme di turismo da quello legato ai prodotti tipici locali, fino a quello religioso. “Il mio compito, una volta eletto in regione - ha continuato Abbruzzese dovrà essere innanzitutto quello di potenziare tali percorsi, coinvolgendo tutti gli operatori della filiera turistica della nostra provincia, attraverso l’attività di coordinamento, promozione e valorizzazione di tutto il territorio. Poi, come non pensare con un occhio diverso al grande patrimonio dei monasteri, conventi e santuari, magari creando itinerari di turismo religioso, pensati non solo per Roma capitale, ma soprattutto per dare risalto a tutte quelle località religiose che si dislocano fra le diverse realtà territoriali

regionali, che rappresentano luoghi di incontro determinanti nell’iter del turista: uno su tutti, l’abbazia di Montecassino, fra le dieci mete più visitate in Italia. La regione Lazio si deve ergere come esempio di buona pratica nella realizzazione di percorsi “ad hoc” che permettano, da un lato la facilitazione dell’introspezione religiosa da parte del turista, dall’altro l’agevolazione nel cogliere la storia e l’arte dei siti da visitare. Solo una rinnovata strategia di promozione - ha concluso Abbruzzese - e una pianificazione di iniziative infrastrutturali potranno permettere la giusta valorizzazione del turismo in provincia di Frosinone, il cui potenziale, ancora inespresso, potrà dar luogo ad un’intensa attività di promozione delle bellezze del nostro territorio”.

Mario Abbruzzese

Servizio di trasporto Cotral, l’affondo di Roma (Pdl) “Il centrosinistra non vuole assumersi le responsabilità di una gestione disastrosa”

Adriano Roma FROSINONE - “Le gravissime condizioni in cui versa la provincia di Frosinone dal punto di vista dei servizi è generata anche da un sistema dei trasporti ormai non più tollerato da migliaia e migliaia di

2

ANNO I - N° 15 MERCOLEDÌ 17 MARZO 2010

pendolari. A fronte di questa situazione gravissima continuiamo ad assistere a un irridente balletto targato centrosinistra che tutto fa tranne che assumersi le proprie responsabilità nei confronti di gente

Gasparri: Renata è la nostra candidata ROMA - “Gli elettori di Roma e provincia che, purtroppo, non troveranno il simbolo del Pdl sulla scheda elettorale, non devono temere. Renata è la nostra candidata. Gli elettori del Popolo della Libertà dovranno farlo cercando sulla scheda il suo nome e facendoci una croce sopra”. Lo ha dichiarato Gasparri, capogruppo dei senatori del Pdl.

ormai allo stremo, che paga ogni giorno i disservizi. Per questo non posso che stigmatizzare quanto è stato segnalato all’opinione pubblica dalla Casa del Consumatore, per mano del sempre solerte Vittorio Perifi. Si è svolto qualche settimana fa presso l’hotel Cesari di Frosinone, un incontro tra Francesco Scalia e i dipendenti Cotral, alla presenza del presidente del Cotral, del consigliere provinciale Simone Costanzo e del segretario provinciale Cisl autisti. L’incontro ha avuto vasta eco sulla stampa locale. Durante il suo svolgimento sono stati esaltati i “successi” del Cotral in questi ultimi anni sia verso i cittadini che verso i dipendenti operando contemporaneamente verso il risanamento dell’azienda. Credo sia un grave errore che un’azienda a partecipazione pubblica si presti ad un simile spot elettorale, soprattutto se consideriamo gli indizi che testimoniano come le cose stiano in maniera sostanzialmente diversa. Si sappia, infatti che la Regione detiene gran parte delle azioni dell'azienda Cotral, e che pur considerando le difficoltà finanzia-

rie in cui versa la stessa, non ci sembra siano state messe in campo strategie tali da cambiare sostanzialmente lo stato delle cose, in primis l’emorragia di denaro pubblico. Si è assistito, insomma, al solito modus operandi del centro sinistra che rappresenta tutto il contrario di ciò che va predicando ormai da anni. L’incontro dell’altro giorno è la dimostrazione di come vengono usate le aziende regionali pubbliche: sirene per attirare consensi e strumento per elargire poltrone per mantenere le sue disomogenee maggioranze. Nonostante qualche tentativo messo in atto, che di fatto non è servito a migliorare il servizio fornito agli utenti ma solo a giustificare abbonamenti e biglietti sempre più costosi, i viaggiatori si vedono costretti a viaggiare in piedi, su veicoli a volte vecchi ed in pessimo stato di conservazione. L’acquisto di qualche mezzo nuovo, infatti, non migliora sostanzialmente quanto offerto a una mole tanto imponente di utenti. Anche in questo caso occorre un radicale cambiamento e lo sguardo deve rimanere fisso su un obiettivo: eliminare i disagi dei pendolari”.

Buschini (Pd) e il precariato FROSINONE - “La vera emergenza della provincia di Frosinone è il lavoro. E dove esistono realtà occupazionali si tratta quasi sempre di posti precari. Il precariato, purtroppo, è un fenomeno che rischia di non rimanere transitorio ed è diretta conseguenza di un aspetto a dir poco drammatico: il tessuto industriale e commerciale del nostro territorio ha perso la capacità di produrre ricchezza”. Così Mauro Buschini, candidato del Partito Democratico al consiglio regionale del Lazio. “Pertanto – ha aggiunto Buschini – è necessario intervenire investendo su tutti quegli ambiti, fino ad ora sfruttati pochissimo, che possono creare nuova occupazione. Il Frusinate deve puntare su una nuova industrializzazione, sull’innovazione e sulla tecnologia, su una forma di turismo integrato, che unisca in una logica di sistema le numerose realtà ciociare con vocazione turistica, sulle infrastrutture, per rendere più competitive le piccole e medie imprese presenti sul territorio, sul rilancio dei prodotti locali, da quelli artigianali a quelli agricoli, ambendo soprattutto a nuovi mercati, come per esempio quello europeo. Anche investire sulle energie rinnovabili – ha sottolineato Buschini – significa creare nuovi posti di lavoro, nuove professionalità da mettere in campo.A questo proposito, un ruolo chiave lo gioca la formazione, altro aspetto sul quale è necessario puntare per uscire dalla crisi: formazione significa offrire ai giovani, ma anche ai meno giovani, l’opportunità di acquisire nuove competenze professionali da spendere in base all’offerta di mercato. Ecco, io credo che in un progetto di rilancio del territorio tutti questi punti siano la condizione necessaria per poter arginare e debellare il fenomeno della disoccupazione e del precariato. In poche parole, dobbiamo “rinnovare” e lo dobbiamo fare soprattutto per i giovani, perché non debbano essere più costretti ad andare a cercare lavoro altrove, perché possano costruirsi un futuro qui, nella loro terra”.

Bonino: l’ambiente è una risorsa ROMA - "Una difesa intelligente dell'ambiente con tutte le politiche collegate ad esse è la risorsa di questa regione". Lo ha detto candidato alla presidenza della Regione per il centrosinistra Emma Bonino durante un incontro elettorale organizzato dai Verdi all'Auditorium del Massimo nella Capitale.


PROVINCIA Acea, continuano le difficoltà di gestione I sindacati lanciano l’allarme sui posti di lavoro. Iannarilli rassicura i dipendenti FROSINONE – Si dovrebbe parlare di acqua dal punto di vista del servizio offerto al cittadino, dal punto di vista degli interventi su una rete idrica fatta di condutture alquanto obsolete, che favoriscono una dispersione ingente del prezioso liquido, si dovrebbe parlare di come ridurre gli oneri in favore dei cittadini, oppure di come garantire che dal rubinetto di esca acqua non inquinata. Invece niente di tutto questo accade in provincia di Frosinone, purtroppo. Si parla sempre delle diatribe relative alla società Acea Ato 5, ai debiti che ha accumulato, alla difficoltà di capire quale tariffa idrica va applicata nelle bollette, all’impossibilità di gestire ed emettere le fatture, al rischio, purtroppo, di dover mettere in discussione il futuro lavorativo dei tanti addetti che svolgono per l’azienda, quotidianamente e senza interruzione, il loro prezioso lavoro. Per fortuna, il presidente dell’amministrazione provinciale, l’onorevole Iannarilli, da persona decisa quale è, si è rimboccato le maniche ed ha preso di petto la situazione, ha deciso di sbrogliare l’intricata matassa. Intanto, ha proposto una solu-

sul mantenimento dei livelli occupazionali dell’Acea Ato 5, dopo che la stessa società ha annunciato di avere forti sofferenze debitorie se, come sembra, verrà confermato l’annullamento delle tariffe idriche già deliberata dall’assemblea dei sindaci. I sindacati, però, non si sono fermati all’incontro con Iannarilli, hanno chiesto anche di parlare con i vertici di Acea Ato 5, con il presidente Raniero Mamalchi e con il nuovo amministratore delegato Stefano Magini: “L’azienda ha denunciato una persistente difficoltà di bilancio per l’anno 2009 – riferiscono i sindacati – derivante soprattutto dall’impossibilità di applicare la tariffa relativa la 2006, che pur non coprendo i costi di gestione come previsto dalla legge Galli, avrebbe limitato la sua pericolosa esposizione finanziaria. D’altra parte ha lamentato che le ripetute riunioni del tavolo di conciliazione tra Autorità d’Ambito e Acea Ato 5, svoltesi nei mesi di gennaio e febbraio 2010 non hanno prodotto apprezzabili risultati di mediazione. A complicare la situazione, si è aggiunta la difficoltà da parte dell’assemblea dei sindaci ad

zione temporanea per quanto riguarda la tariffa da applicare nelle bollette, suggerendo quella del 20005, pari a di 0,96 euro al metro cubo. Questo potrà, intanto, permettere alla società di respirare, di sopravvivere comunque e di garantire il posto di lavoro ai suoi dipendenti. Il presidente ha incoronato le sigle sindacali dei lavoratori, rassicurandoli sul futuro, anche se è deciso ha risolvere, una volta per tutte, le difficoltà che quotidianamente vengono dell’attuale gestione.“Il presidente Iannarilli, pur mantenendo forti riserve sull’operato di Acea Ato 5, soprattutto sul piano degli investimenti sul territorio e pur insistendo sulla necessità di una forte discontinuità rispetto al passato, ha lasciato trapelare un moderato ottimismo sulla possibilità di un’intesa complessiva con la società, tale da garantire i livelli occupazionali per i prossimi anni pur senza un’eccessiva lievitazione dei costi”. A parlare così, i rappresentanti delle sigle sindacali Filcem-Cgil, Femca-Cisl e UilCem-Uil che proprio nei giorni scorsi hanno incontrato il presidente della Provincia, per illustrare le forti preoccupazioni

L’olio può favorire la crescita economica Quello ciociaro è un prodotto di qualità con un mercato in netta espansione FROSINONE - E’ veramente buono l’olio ciociaro e può servire da traino per la crescita e la valorizzazione, anche culturale e turistica, della provincia di Frosinone. Così si può sintetizzare il bilancio della partecipazione dello stand “Ciociaria” alla quarta edizione della rassegna, “Olio capitale – il salone degli oli extravergini e di qualità”, che si è svolta a Trieste nei giorni scorsi. Una idea semplice che però può avere indubbie ricadute positive per il nostro territorio. A volere lo stand “Ciociaria”, l’assessore all’agricoltura della Provincia di Frosinone, Giovanni Melone, insieme ai funzionari del settore Claudio Lucci e Andrea Bianchi, che materialmente hanno provveduto a organizzare lo spazio, a contattare le aziende produttrici. Letteralmente preso d’assalto lo stand nostrano dai tantissimi visitatori presenti nei padiglioni della kermesse. Le aziende presenti sicuramente hanno potuto usufruire di una vetrina di gran-

dissimo livello. Hanno potuto far conoscere e vendere i propri prodotti, ma, soprattutto, hanno potuto mettere nero su bianco su contratti di fornitura, sia con molti e importanti ristoratori italiani, sia con molti buyers esteri, provenienti da ben 17 paesi: Austria, Canada, Estonia, Finlandia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Norvegia, Olanda,

Polonia, Repubblica Ceca, Russia, Serbia, Stati Uniti, Svezia, Svizzera e Ungheria. La fiera, e questo è un altro punto di forza dell’idea di Melone, ha rappresentato anche l’occasione per distribuire brochure, guide e altro materiale promozionale sulle bellezze della terra frusinate, certamente poco conosciute fuori dai confini territoriali.“Sono molto soddisfatto della riuscita dell’iniziativa – ha dichiarato l’assessore Melone – è importante far conoscere fuori confine i nostri prodotti di eccellenza, e l’olio è uno di questi. La valorizzazione delle tipicità ciociare sarà uno dei punti fondamentali della mia azione amministrativa, una valorizzazione che passa certamente attraverso il coinvolgimento delle aziende e dei produttori locali. Far conoscere la Ciociaria, anche attraverso le produzioni tipiche, può creare la nascita di un percorso virtuoso tra buona tavola e bellezze artistiche locali, volano di crescita turistica e, di conseguenza, economica del territorio”.

eleggere i componenti della consulta d’ambito, provocando una sostanziale paralisi da parte dell’organo cui la legge ha deputato il controllo delle attività del gestore”. Diciamo che la posizione di Acea Ato 5, sembra alquanto interlocutoria, sembra quasi un voler mettere le mani avanti, confidando nella situazione di empasse attuale. Tuttavia, non si possono lasciare nell’incertezza i lavoratori, così come non si può improvvisare un servizio come l’erogazione dell’acqua. Ci sembra condivisibile l’atteggiamento dell’amministrazione provinciale e del presidente Iannarilli: ripartire da una equa tariffa come quella del 2005, dare respiro temporaneo alle casse della società, dare un minimo di garanzia ai lavoratori e poi, tutte le parti coinvolte, insieme, dovranno girare finalmente pagina per quanto riguarda la gestione del ciclo dell’acqua in provincia di Frosinone. Caro presidente Iannarilli, a lei sono affidate le sorti di questa importante partita in gioco. Ci sembra l’unico degli interlocutori in campo ad avere le idee chiare. Pompeo Di Fazio

“Mythos”, un progetto per le scuole del territorio FROSINONE – La provincia di Frosinone attraverso l’assessorato alla cultura, affidato alla competenza dell’architetto Antonio Abbate, lancia un interessante progetto rivolto ai ragazzi delle scuole del territorio, il progetto Mythos. Di cosa si tratta? E’ un progetto di diffusione dei laboratori teatarali a scuola. In cosa consistono? Artisti professionisti saranno impegnati in alcune scuole polo del territorio, per insegnare ai ragazzi l’arte della recitazione, impegnarli e appassionarli al teatro, mettere in scena, con il loro contributo uno spettacolo finale. Quale è la finalità dell’iniziativa? Una finalità altamente importante. In primo luogo far scoprire ai giovani la bellezza dell’arte attraverso il teatro, patrimonio importante della nostra cultura e poi, nel contempo, favorire la prevenzione di fenomeni di

Frode informatica, nei guai un 62enne

Isola Liri, il ricordo di Aldo Catallo

VEROLI - I carabinieri di Veroli dopo aver ricevuto tempo fa una denuncia da una donna per degli ammanchi di denaro su una carta Postepay rubata precedentemente, sono riusciti a risalire e quindi denunciare a piede libero una persona di 62 anni, originaria di Cinisello Balsamo nel milanese.

ISOLA DEL LIRI - Si terrà venerdì 26 marzo alle ore 16.30 presso la Piazza Capitino a Isola del Liri l’inaugurazione del monumento, opera in bronzo realizzata dallo scultore Giuseppe Ranaldi in ricordo e omaggio alla memoria di Aldo Catallo. Aldo Catallo era un giovane aviere, nato ad Isola del Liri il 22 marzo 1921.

bullismo e devianza, di abbandono scolastico, in una prospettiva di crescita fondata sul riconoscimento del valore dell’arte. “L’arte può avere molteplici funzioni – ha spiegato l’assessore Abbate– senza scomodare Aristotele, può svolgere un ruolo importante nel processo di crescita dei ragazzi. Può mostrare loro cosa è il bello, cosa è la vita, quali sono i valori da seguire. Per questo, come amministrazione provinciale, proprio in questi giorni abbiamo approvato la delibera del progetto Mythos. Per quest’anno i laboratori teatrali saranno limitati ad alcune scuole polo del territorio. Abbiamo bisogni di sperimentare l’attività. Sicuramente il prossimo anno scolastico, metteremo a regime l’iniziativa e l’allargheremo in maniera capillare a tutta la provincia”.

3

ANNO I - N° 15

NERCOLEDÌ 17 MARZO 2010


PRIMO PIANO Antonio Abbate, assessore provinciale alla cultura, biblioteche e archivi storici, si sta rendendo protagonista di una netta inversione di tendenza rispetto al passato

“Va riscoperta la nostra identità”

FROSINONE – Quante volte è capitato al sottoscritto, e chissà a quanti altri, di entrare nel palazzo della Provincia, sempre in maniera distratta, non pensando a quante ricchezze storiche e artistiche contiene, così come del resto, tutto il territorio che comunemente si definisce Ciociaria. In primo luogo, è lo stesso palazzo Gramsci ad essere una struttura di pregio. E’ opera del famoso architetto Jacobucci. E poi, c’è la sala dedicata al quadro di Cascella, le tele del Cavalier d’Arpino al primo piano, per non parlare dei tesori custoditi in ciascuno dei 91 comuni della provincia. Non è che ho fatto un corso accelerato di arte, è che adesso si è cambiata marcia a Frosinone per quel che riguarda la valorizzazione del patrimonio storico-culturale locale, adesso si dà visibilità e conoscenza a questo patrimonio. E il merito del cambio di passo, della riscoperta delle tradizioni e ricchezze artistiche del territorio, sta anche nelle capacità, nella preparazione e nella voglia di fare del nuovo assessore alla cultura della giunta Iannarilli, l’architetto Antonio Abbate. Proprio per testimoniare questa rinnovata attenzione, mi piace citare una

10 ANNO I - N° 15 MERCOLEDÌ 17 MARZO 2010

iniziativa su tutte, la mostra su Jacobucci, l’architetto del palazzo della Provincia, fatto uscire dall’oblio nel quarantesimo anniversario della morte, attraverso l’esposizione della

E’ mia intenzione e dell’intera giunta provinciale lavorare sodo per far emergere l’identità culturale di questo territorio documentazione e delle carte contenute nell’archivio storico provinciale. “C’è qualcosa di nuovo nell’aria, anzi d’antico”, mi verrebbe da dire citando. L’assessore è un mio compaesano, è stato per due mandati il sindaco di

Veroli si gemella con Vittorio Veneto VEROLI - Il liceo Sulpicio di Veroli si è unito in gemellaggio con il liceo scientifico di Vittorio Veneto. Il patto, sancito nell’ambito dell’iniziativa “Alla scoperta del tuo paese”, voluta dal ministero dell’istruzione in collaborazione con il ministero dei beni culturali, ha portato 25 studenti della scuola veneta nella cittadina ciociara.

Roccasecca e sempre ha dimostrato questa sua attenzione all’universo culturale, in particolare alla riscoperta del patrimonio storico artistico locale. L’assessore Abbate mi ha dato appuntamento per una chiacchierata. lo aspetto nel suo ufficio, in tanti lo aspettano insieme a me: sono coloro che lo invitano alle manifestazioni in programma nei diversi comuni di appartenenza. E mi piace sottolineare questo aspetto: lui non si sottrae a tale forma di rispettoso e doveroso scambio di cortesia. Spesso, gli assessori provinciali, sono interessati solo alle manifestazioni che si svolgono nel proprio territorio di appartenenza. L’assessore Abbate invece, partecipa a tutte le iniziative che riguardano la sua competenza diretta a palazzo Gramsci e di questa attenzione, ne siamo sicuri, il territorio è favorevolmente impressionato. L’assessore ci spiega quali sono le linee guida che intende adottare nel suo mandato amministrativo: “E’ mia intenzione, e dell’intera giunta provinciale, lavorare per far emergere l’identità culturale di questo territorio. Ci confrontiamo continuamente con gli enti locali, proprio per stilare un calendario dei grandi eventi da sostenere. Grandi eventi che devono diventare il marchio di fabbrica di questa provincia, devono essere pubblicizzati, devono essere fatti conoscere al grande pubblico, al grande circuito della cultura con la C maiuscola. Questo significa attrarre visitatori in Ciociaria, questo significa mettere in moto una progettualità di rilancio economico e occupazionale”. C’è un progetto a cui tiene molto l’assessore Abbate, ed è quello della via Francigena del Sud, un percorso che si collega alle antiche strade dei pellegrini in cammino verso Santiago de Compostela: “Attraverso l’Opera romana pellegrinaggi stiamo cercando di inserire la provincia di Frosinone in un grosso circuito di turismo religioso diretto a Santiago de Compostela e stimabile in 12 milioni di visitatori. Stanno per partire i lavori di appalto per la valorizzazione di alcuni grandi attrattori della nostra provincia, in primis le mura poligonali di Alatri”. “Sul progetto della via Francigena – continua l’assessore –

abbiamo creato un tavolo permanente di concertazione e sviluppo a cui partecipano, oltre alla Provincia, Bic Lazio, Sviluppo Lazio, l’Università di Cassino, Ciociaria Sviluppo, l’Unione Industriale. Dobbiamo creare le condizioni per la nascita di un’area integrata di sviluppo turistico. Le premesse, in termini di ricchezze da sfruttare ci sono tutte”. Non tralascia l’attenzione per i giovani l’assessore Abbate e ci illustra una interessante iniziativa rivolta al mondo della scuola: “Proprio in questi giorni abbiamo approvato in giunta la delibera sul progetto Mythos. Si tratta di un progetto di diffusione di laboratori teatrali negli istituti della provincia. Per quest’anno è un progetto pilota che interesserà alcune scuole polo, scelte in modo da coprire tutte le aree della Ciociaria. Attraverso il teatro vogliamo favorire la maturazione dei ragazzi, favorire la prevenzione di fenomeni di bullismo e devianza, aprendo una prospettiva di crescita fondata sul riconoscimento del valore dell’arte”. Non manca l’attenzione alla dimensione sociale e dell’impegno verso i più sfortunati nella visione della cultura che ha in mente l’assessore Abbate per questa provincia: “Si, la cultura ha il dovere di interessarsi a chi, purtroppo, vive

situazioni di disagio. Per questo ci tengo a sottolineare, l’importanza di un appuntamento che abbiamo voluto patrocinare, in programma il prossimo 22 marzo al Teatro Manzoni di Cassino. Una serata dedicata alla raccolta fondi in favore di Unitalsi. Ad esibirsi un corpo di ballo prestigiosissimo e abituale frequentatore dei più famosi palcoscenici italiani: la Scala di Milano, il San Carlo di Napoli, il Teatro dell’Opera di Roma, il Maggio fiorentino di Firenze. Ci sarà anche Leon, ballerino della trasmissione televisiva Amici”. Non possiamo non scambiare una battuta con l’assessore sulle imminenti elezioni regionali, che lo vedono, tra l’altro, candidato capolista in provincia di Frosinone con il partito de La Destra di Francesco Storace: “La Regione Lazio ha bisogno di un cambiamento, Renata Polverini è la persona adatta per realizzare questa svolta. La Destra può rappresentare la forza che interpreta le esigenze più sentite dalla popolazione: una sanità più vicina ai cittadini, maggiore protezione sociale, più sicurezza, più lavoro. Mi candido proprio per interpretare queste esigenze e per far crescere ancora di più questo nostro territorio”. In bocca la lupo assessore! Pompeo Di Fazio

Fiuggi, sito web fuori servizio FIUGGI - Il sito internet del comune di Fiuggi continua a rimanere fuori servizio. E la cosa va avanti ormai da alcune settimane. A quanto pare l’amministrazione comunale sta procedendo a dare una nuova veste grafica al sito. A questo punto è facile prevedere che il ripristino avverrà subito dopo le elezioni di fine marzo.


FROSINONE Il Garante per la concorrenza ha ritenuto non ingannevole lo spot di Mc Donald’s

Panino ciociaro, respinto il ricorso

FROSINONE – L’Autorità garante per la concorrenza e per la comunicazione ha respinto il ricorso presentato, nei mesi scorsi, dalla Coldiretti di Frosinone contro la multinazionale americana Mc

Donald’s che aveva lanciato sul mercato il “panino ciociaro”. L’organo di controllo ha giudicato lo spot ironico e non ingannevole. Ricordiamo che nella nostra provincia il lancio di questo “panino

ciociaro” aveva destato molte perplessità e polemiche. Per iniziare gli ingredienti utilizzati: focaccia con pezzi di rosmarino guarnita con bacon, salsa e cotoletta avevano poco a che fare con la nostra tradizione culinaria. In più l’ambientazione utilizzata nello spot televisivo non rispecchiava certamente la realtà del territorio con attori che parlavano un dialetto più simile al marchigiano che al ciociaro. Ora l’autorità di garanzia ha sancito con un suo pronunciamento che la pubblicità non contiene nessuna irregolarità. Una decisione che giunge a pochi giorni dalla notizia dell’accordo tra la Mc’ Donald’s e la Cia di Frosinone per la preparazione di alcuni menù, destinati al mercato italiano, che prevedono la realizzazione di panini preparati con prodotti di qualità provenienti dalla nostra provincia. Il presidente della Coldiretti di Frosinone, Giovanni Lisi, appresa con non poco stupore la decisione varata dell’autorità garante per la concorrenza e per la comunicazione, ha manifestato la ferma intenzione di non arrendersi ma di continuare a lottare per avere finalmente giustizia.

Varato il piano generale del traffico cittadino FROSINONE - Nella seduta dell’ultimo consiglio comunale è stata approvata la delibera che aveva per oggetto il Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) adottato con deliberazione della Giunta Comunale numero 504 del 22 ottobre 2009. Nella delibera erano incluse le controdeduzioni alle osservazioni pervenute a seguito del deposito degli atti. Con l’approvazione di questa importante delibera si è dato inizio all’iter per la procedura di approvazione che si avrà nella prossima seduta del Consiglio Comunale. Un Piano Generale del Traffico Urbano che va a fotografare l’attuale situazione esistente in città. Quello che si andrà ad approvare sarà un piano “macro” ed in seguito verranno esaminate le varie criticità delle varie zona cittadine. Nel piano sono state individuate quattro zone a 30 Km/h (a traffico moderato)

nella viabilità residenziale: zone nella quali verrà predisposta una specifica segnaletica. Sono state poi identificate Zone a Traffico Limitato (ZTL) nel Centro Storico e in via Acciaccarelli. La redazione del Piano nasce dall’esigenza di migliorare le condizioni veicolari del traffico urbano, la sicurezza stradale, la riduzione del consumo energetico e la riduzione dell’inquinamento atmosferico. Si sta lavorando inoltre ad una rivisitazione del trasporto pubblico locale, anche in vista dell’apertura dell’ascensore inclinato, attraverso l’individuazione di zone interscambio auto-mezzo pubblico e bike sharing. Nella seduta di Consiglio è stata approvata anche una delibera che aveva come oggetto l’individuazione di nuove aree posteggio fuori mercato destinate alla vendita di prodotti del settore alimentare.

Disabilità e musica dal vivo sulle note di Ligabue

Via S. Liberatore chiusa al traffico

versità è un valore che appartiene a tutti gli uomini e come tale si deve rispettare e proteggere - dice il presidente dell'Afas Fabio Martino -. Questo mutamento di prospettiva però non è sempre così naturale e deve partire innanzitutto dalla valorizzazione che ciascuno fa di se stesso, riconoscendo risorse e limiti. Fondamentali in questo processo sono il lavoro individuale sia sulla propria fisicità sia sul proprio vissuto emotivo". L'assessore comunale Angelo Pizzutelli ha sottolineato invece "l'importanza di eventi come questo che, grazie ai valori della musica e dello sport, aiutano a socializzare e a creare i presupposti per una migliore valorizzazione di ogni persona". La manifestazione ha ricevuto il patrocinio di Regione Lazio, Provincia e Ausl di Frosinone, Unitalsi, Unione italiani ciechi, associazione Siloe, Frosinone Calcio, Veroli Basket, Globo Pallavolo Sora, Coni provinciale e cooperative Il colore del grano e Crf. Andrea Mastrantoni

Iniziati i lavori per la messa in sicurezza della frana

FROSINONE - Il 18 e 19 marzo, all'interno del Palazzetto dello sport, spazio a teatro, arti espressive, disabilità e musica dal vivo sulle note di Ligabue. Una manifestazione dal titolo "La diversità tra palco e realtà". Un binomio che prende spunto dal titolo di una canzone di Ligabue per affrontare tematiche come le arti espressive e la disabilità, la teatralità e la relazione di aiuto, la disabilità e il mondo della scuola, del lavoro e dello sport, le nuove tecnologie a sostegno dell'inclusione sociale, il rapporto interistituzionale per la costruzione di un progetto di vita. Il 18 e 19 marzo, all'interno del Palazzetto dello sport di Frosinone, esperti e cantanti scendono in campo per parlare di diversità. Se giovedì 18 marzo sarà la volta del convegno, venerdì 19 toccherà alla musica con il concerto live dei Club Mario, dei Clan Destino, della Banda e con la partecipazione di Albero Bertoli. Un appuntamento imperdibile per tutti i fan della buona musica organizzato dalla cover band ciociara del Liga,

Club Mario, che dopo il successone dell'estate scorsa a Boville Ernica ripropone lo stesso concerto con in aggiunta i Clandestino ! Tema della serata: la discografia di Luciano Ligabue. A promuovere l'iniziativa sono l'assessorato comunale allo Sport, tempo libero e attività ricreative e l'associazione Afas, da anni impiegata al fianco delle persone disabili. "La di-

FROSINONE - “Come preannunciato nei giorni scorsi – dichiara l’assessore ai lavori pubblici e manutenzione Sergio Paris – i lavori di somma urgenza per il ripristino e la messa in sicurezza del tratto di strada franato di via San Liberatore hanno preso il via”. La giunta Marini ha inoltre emesso un’ordinanza che ordina la chiusura totale del traffico sul tratto di strada interessato dai lavori. La chiusura del transito veicolare e pedonale inizierà da oggi, mercoledì 17 marzo, e proseguirà fino al termine dei lavori.

La Destra perde il segretario giovani

Sora, l’ultimo libro di Monica Liberatore

FROSINONE - Domenico Maselli comunica la sua volontà di dimettersi da segretario provinciale dei giovani de La Destra. “Mi dimetto perché non vi sono più le condizioni all’interno de La Destra frusinate per poter continuare a lavorare ed a costruire. Ringrazio tutti quegli amici e quei dirigenti del partito che hanno sempre creduto in certi valori”.

SORA - Domani la biblioteca comunale di Sora ospiterà la cerimonia di presentazione del libro “Oscura compagna della mia vita” di Monica Liberatore e del nuovo cd del cantautore Lor intitolato “Passo dopo passo... in un universo di libertà”. L'evento è organizzato dalla “Bieffemusicastudio”. L'appuntamento è previsto per le 10.30.

I1

ANNO I - N° 15

MECOLEDÌ 17 MARZO 2010


FRUSINATE Le prime saranno posizionate in piazza Santa Restituta e in piazza Mayer Ross

Sora, ecco le telecamere a circuito chiuso

SORA – Una città più sicura e controllata, soprattutto nelle ore notturne. Sono iniziate in questi giorni, partendo da via Loffreda e

dalla Stazione F.S, le installazioni delle telecamere a circuito chiuso nell’ambito del progetto “Help&Go” - Protezione e Sicu-

rezza sociale. Il Comune di Sora è Ente capofila dell’importante iniziativa, realizzata in compartecipazione con i Comuni di Isola del Liri ed Arpino. La progettualità è stata finanziata dalla Regione Lazio con un contributo di € 135.922,50, al quale si aggiunge la quota di compartecipazione degli enti interessati per un ammontare complessivo di € 169.903,12. Grazie alla seconda annualità di finanziamento è stato possibile potenziare ulteriormente il sistema di videosorveglianza, aggiungendo 13 telecamere alle 10 già previste che saranno posizionate in punti particolarmente “sensibili”. L’impianto consentirà di monitorare la città, soprattutto il centro storico, e prevenire fenomeni di micro-criminalità e vandalismo. Le prime telecamere saranno posizionate in via Loffreda, vicolo San Bartolomeo, piazzale della Stazione, piazza S. Restituta, piazza A. La Rocca, via Lucio Sorano, piazza Palestro, piazza Mayer Ross, piazza Vittorio Emanuele III, piazza Carnello.

Vicalvi, per ogni nuovo nato piantato un albero VICALVI - Il giorno 14 marzo 2010 alle ore 16.00, presso il convento di S. Francesco a Vicalvi sono stati posti a dimora quindici alberi per altrettanti neonati, nati negli anni 2008, 2009 e 2010. L'amministrazione comunale ha ripreso in questo modo il dettato della legge regionale 14/92 che prevede che ogni comune pianti un albero, per ogni neonato registrato all’anagrafe del comune. Il comune, nel corso della cerimonia, per ricordare l'evento, ha rilasciato a tutti i genitori dei neonati, una pergamena dove, oltre ai dati anagrafici del bambino stesso, sarà indicato anche il luogo della messa a dimora e la tipologia dell'albero. La manifestazione è stata organizzata in collaborazione con l’associazione ambientalista Legambiente. “Dato che ‘un albero per ogni neonato’ – fanno sapere dal comune di Vicalvi - ha un valore educativo e vuole dare un contributo alla formazione sociale dei più piccoli, insegnare ad amare la natura e a rispettare il contesto in cui vivono. Un paese sempre più a misura di bambino si costruisce anche così, realizzando spazi per i più piccoli e facendo in modo che ciascun cittadino si senta in qualche modo garante, assieme alla pubblica amministrazione, della loro salvaguardia e del loro migliore decoro”.

Ceccano, studenti e professori hanno donato il loro sangue

Anagni, cacciatori sparano ai... segnali ANAGNI - I volontari della protezione civile di Anagni stigmatizzano fortemente l'atteggiamento dei cacciatori della città dei papi. In queste ultime domeniche, infatti, sono aumentati i segnali stradali presi a fucilate dagli amanti delle doppiette. “Questo giochetto, sta diventando un sempre più frequente sfogo di pochi maleducati – affermano i volontari - il cui comportamento, però, negli ultimi tempi, sta infangando l’onore di una categoria che da sempre, soprattutto nella nostra zona, ha avuto nobili tradizioni. Noi volontari c’indigniamo per tale scempio, perché questi pochi sconsiderati, per uno stupido e teppistico gioco, rischiano di mettere in pericolo l’incolumità di ignari passanti che si trovassero ad essere sulla traiettoria degli spari effettuati, per giunta, ad altezza d’uomo. Basta percorrere la strada che da Anagni-Acuto porta a Porciano, a ridosso del bivio del mura-

glione, sulla Anagni-Paliano o quella che porta all’Autogrill per trovare lampanti esempio di co-

Sora, Verde Liri contro la centrale SORA - L'associazione Verde Liri ha scritto ai comuni di Sora, Isola del Liri e Castelliri, alla provincia di Frosinone, alla regione Lazio, all'Arpa Lazio, all'Asl di Sora, in merito ai valori delle emissioni in atmosfera della centrale a turbogas della Cartiera del Sole di Sora. Valori dei quali si chiede una pronta verifica.

tanto scempio. A queste persone vorremmo chiedere: dove sono state educate a tale comportamento? E poi i guardia caccia o le guardie venatorie che fanno? A ridosso di un centro residenziale nella periferia di Anagni sono stati segnalati alcuni cacciatori che sparavano senza osservare la regola della distanza e direzione. La cosa è stata segnalata ad una guardia venatoria volontaria ma il tutto è finito nel nulla. A questo punto e, soprattutto, con certa gente in giro, non sarebbe meglio chiudere e bloccare ogni attività venatoria?”. Quello di sparare ai cartelli stradali oltre ad essere un segno di maleducazione che, come fanno giustamente notare i volotari della Protezione Civile, rischia di mettere in pericolo l’incolumità dei passanti ignari di ciò che sta accadendo. Purtroppo quello di spare alla segnaletica stradale è un’abitudine non folo dei cacciatori anagnini.

CECCANO _ Il sangue langue, mentre un piccolo gesto può contribuire a salvare una vita. Continuano al Liceo di Ceccano le donazioni di sangue: martedì 16 marzo 2010, studenti maggiorenni e professori, in appositi ambienti predisposti per loro, hanno donato il sangue, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione del centro trasfusionale dell’ospedale di Frosinone. Sono circa 40 gli studenti del liceo fabraterno che hanno dato la loro disponibilità ad un gesto d’amore che è tra i più semplici e tra i più importanti che una persona possa fare. La donazione del sangue è un atto di solidarietà che rende partecipi di una grande forza collettiva, quella di tante persone che mettono in condizione gli ospedali e i servizi sanitari di garantire farmaci e cure alle persone colpite da gravi malattie. Nel Liceo di Ceccano, il coordinamento dell’iniziativa è dei professori Nicolina Loffredi e Saulo Lombardi, che hanno fatto da referenti per il cen-

Anagni, torna il mercatino ANAGNI - In concomitanza con l’evento Rosso Cesanese, domenica 21 marzo tornerà ad Anagni il mercato dell’antiquariato caratteristico per i variegati articoli che i circa 70 espositori porteranno da più parti d’Italia. Il tutto nella suggestiva cornice del centro storico della città.

tro trasfusionale di Frosinone, rendendo così possibile la partecipazione dei ragazzi e la giornata trasfusionale che ci sarà appunto domani. Gli insegnanti hanno provveduto a sensibilizzare i ragazzi, raccogliendo così i frutti di un lungo lavoro preparatorio che è consistito anche in uan serie di attività di educazione alla salute.. Insieme agli allievi, doneranno il sangue anche diversi professori. Così per un giorno, le aule del Liceo fabraterno diventeranno il manifesto della solidarietà vera e concreta, non espressa soltanto a parole ma con un visibile gesto d’amore.

13 ANNO I - N° 15 MERCOLEDÌ 17 MARZO 2010


S P O RT CALCIO SERIE B

Il Frosinone in ritiro in Abruzzo continua a lavorare in vista della sfida salvezza di Crotone

Alla ricerca del carattere smarrito La fiducia di Stirpe nei confronti di Moriero mette nelle mani del tecnico il destino della squadra Globo under 18:è scatto play-off SORA - Dopo la vittoria di due settimane fa a Taranto, l’under 18 della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora concede un fantastico bis battendo l’Apulia Monopoli per 3 set a 1 al termine di un’autentica battaglia di quasi due ore. Con questa preziosissima vittoria i ragazzi di mister Cortese si confermano al quarto posto del Girone L e staccano di 3 punti proprio i monopolitani accumulando così un’importante dote di vantaggio che dovrà essere gestita nelle prossime 3 gare del girone di ritorno. La quarta posizione finale infatti è l’ultima utile per accedere ai play-off, un appuntamento che la Globo Sora under 18 a questo punto non vuole lasciarsi sfuggire. Cacciatore e compagni cominciano a sperare sempre più concretamente nella possibilità di accedere alla terza fase del campionato di Lega, un barrage di play off in forma di triangolari che si disputeranno l’8 e il 9 maggio, in cui si conosceranno i nomi delle qualificate alle finali nazionali. Accedere ai play off sarebbe un sogno che si realizza per la compagine del Team Manager Pino Celani: i ragazzi, al primo anno in questa difficile competizione, stanno dimostrando doti tecniche e caratteriali di grande spessore nonostante un organico ridotto all’osso ed avversari di assoluto valore.

FROSINONE - Continua la preparazione del Frosinone in vista della gara di sabato prossimo contro il Crotone. In ritiro in quel di Civitella Roveto i canarini hanno effettuato ieri una doppia seduta di allenamento alle ore 10.00 e alle 15.00. Il gruppo in mattinata ha sostenuto un intenso lavoro atletico basato sul potenziamento muscolare e aerobico con corsa, palestra e ripetute in salita. Nel pomeriggio seduta di lavoro prettamente tecnico tattica basata su una partitella tematica a campo ridotto nella quale il tecnico ha valutato tutti gli effettivi a disposizione in prove di possesso palla e schemi. Non hanno preso parte all’allenamento Sicignano a causa di una leggera contrattura alla coscia sinistra. Le condizioni del portiere canarino saranno valutate domani quando si sottoporrà ad ecografia. Lavoro differenziato a base di corsa per Giubilato che con molta probabilità già da oggi riprenderà ad allenarsi con la squadra mentre Stellone è rimasto a riposo a causa di un risentimento muscolare al tendine di achille. Oggi quindi si proseguirà con una seduta pomeri-

diana sempre nella sede di ritiro abruzzese in vista della gara di sabato. Si tratterà di uno scontro salvezza a tutti gli effetti la gara contro i rossoblu di mister Franco Lerda. Uno soltanto il precedente in Serie B allo stadio Ezio Scida tra le due formazioni. Serie B 2006/07, Crotone-Frosinone 2-3. I ragazzi di Moriero dovranno dimostrare a tutti i costi di avere quel carattere che il tifo gialloblu gli chiede a gran voce. In casa di vittoria del Crotone il Frosinone verrebbe agganciato in classifica proprio dai calabresi e a quel punto si ritroverebbe a tutti gli effetti a dover combattere per la salvezza. Moriero pensa che il ritiro possa finalmente riportare tra i giocatori quella tranquillità e quella serenità perduta ormai da troppo tempo. Il problema dei canarini non è esclusivamente legato alla mancanza di risultati. Le tre sconfitte consecutive non sono altro che il giusto rovescio della medaglia per delle prestazioni prive di carattere e concentrazione. Certamente il lavoro di mister Moriero in queste ultime settimane si è reso più complicato anche grazie ad infortuni e squalifiche

Giubilato sulla via del recupero che hanno perseguitato la squadra ma proprio quel carattere che aveva contraddistinto la formazione gialloblu fin a qualche tempo fa sembra ora essere il vero tallone d'Achille dei ciociari. Sicignano e compagni nell'ultimo mese e mezzo hanno peccato troppo spesso di presunzione in mezzo al campo e se in svantaggio non sono mai riusciti a raddrizzare una gara. Andrea Mastrantoni

CALCIO COPPA ITALIA SERIE D

Boville ospita il Matera nel ritorno della semifinale di Coppa Serve un gol senza subirne per salvare un’amara stagione

Luca Migliorelli non ci sarà

I4 ANNO I - N° 15 MERCOLEDÌ 17 MARZO 2010

BOVILLE ERNICA - E venne il giorno. Come dal titolo del famoso film di Night Shyamalan, oggi pomeriggio (ore 14.30) il Boville di mister Perrotti si gioca tutta la stagione in una gara. Semifinale di ritorno di Coppa Italia contro il Matera al Montorli. La gara di andata si era conclusa sul risultato finale di due a uno per i lucani con il Boville che era passato addirittura in vantaggio grazie al solito Carlini. Poi il Matera si era imposto, meritatamente, con due reti nel finale di gara. Oggi pomeriggio al Boville serve l'impresa. Perchè di impresa si tratta considerando la forza degli avversari e il dover assolutamente vincere. Teoricamente agli uomini di Perrotti per conquistare la tanto importante finale, basterebbe anche vincere per uno a zero. Ma la gara si annuncia molto difficile per i blugranata alle prese anche

con molti problemi di formazione. Oltre ai soliti noti, non figura tra i disponibili dell'allenatore ciociaro neanche il bomber cassinate Luca Migliorelli che la settimana scorsa ha subito un infortunio muscolare. Si sperava di recuperarlo ma nella rifinitura di ieri mattina sono sparite del tutto le possibilità di vederlo in campo. La squadra arriva da una pesante sconfitta in campionato per tre reti a zero in quel di Budoni che ha relegato i ciociari a dover lottare per la salvezza. Fisicamente poi il Boville è molto giù in questo periodo. Mister Perrotti si vede così costretto ad affidarsi all'uomo simbolo di questo Boville. Alessio Carlini, bomber di razza invidiato ai blugranata da tutta la categoria. Carlini è il bomber assoluto della competizione con 6 gol realizzati e in campionato è solo grazie ai suoi 13 gol se il Boville

può ancora lottare per la salvezza. Pienamente arruolato per oggi anche il fantasista Mattia Perrotti, che tanto è mancato ai suoi compagni. Tornando alla gara di oggi mister Perrotti nella rifinutura ha mischiato le carte e si prevede una formazione atipica contro il Matera. Le rivoluzioni più importanti sembrerebbero riguardare il reparto difensivo, molto in affanno in questa stagione, che vedrebbe l'utilizzo per oggi dei soli giocatori di esperienza. Cosciente del fatto che se si prendesse gol subito sarebbe dura poi riprendere la partita, il tecnico dei ciociari si vuole affidare soprattutto, forse anche giustamente, all'esperienza di Palo e Padovani. Forse in panca il giocane Fratini, letteralmente umiliato nel primo tempo a Matera dal forte esterno di colore Alassani. Tra i pali confermatissimo Mai-

nardi, autore proprio nella gara di andata di una prova eccelsa. A dirigere l'incontro è stato designato dalla lega il signor Manganiello Gianluca di Pinerolo, accompagnato dagli assistenti Guarischi Alessio di Lodi e Santoro Antonio di Catania. Si prevede il pubblico delle grandi occasioni al “Montorli” e la società ernica in caso di vittoria ha preparato grandi festeggiamenti. D'altronde già essere arrivati in semifinale di Coppa Italia per un paese come Boville è sinonimo di festa e gioia infinita. Giocarsi poi il tutto contro una squadra del calibro di Matera rende tutto più affascinante e maledettamente complicato. Giusto prepararsi quindi, alla faccia della scaramanzia, per quello che potrebbe essere un traguardo difficilmente ripetibile nella storia sportiva di questa cittadina. A.M.

Mazzarri avverte il Milan: “Il Napoli è arrabbiato”

Risorge la Triestina Albinoleffe annichilito

Come sta il Napoli? Mazzarri: «Guardate, vi dico solo una cosa. Dopo la partita domenica sera nello spogliatoio ho guardato in faccia i ragazzi, non ne ho visto uno rassegnato, tutti erano diapiaciuti ma con grande voglia di ricominciare subito. Il Napoli ha un'anima e l'ho visto ancora una volta da come hanno risposto i miei uomini».

La Triestina batte 3-0 l'Albinoleffe nel posticipo della ventinovesima giornata di serie B. Gol di testa di Della Rocca al 10' del primo tempo e raddoppio su clamorosa autorete di Luoni al 22'. Nella ripresa al 19' Ruopolo fallisce un calcio di rigore. Dal dischetto non sbaglia invece Princivalli che al 47' firma il tris.


S P O RT CALCIO LEGA PRO

Parla il centrocampista azzurro che domenica contro l’Igea ha realizzato la rete della vittoria

Berardi indica la strada da seguire “Il gruppo si è ricompattato e questo Cassino è pronto a lottare per il traguardo play-off” CASSINO - Pasquale Berardi è uno di quei giocatori dai piedi buoni e dal cervello fine. Prelevato dalla Paganese durante la sessione invernale di mercato, l’ex centrocampista del Catanzaro ha portato esperienza e personalità nello spogliatoio azzurro e nella zona ne-

L’esultanza di Berardi dopo il gol

vralgica del campo, dimostrando di essere un uomo squadra che può risultare decisivo in qualsiasi momento della partita come accaduto domenica contro l’Igea Virtus. Appena arrivato a Cassino si è messo subito al lavoro per trovare una condizione fisica accettabile che gli consentisse di rendere al meglio delle sue enormi potenzialità. Conscio di non essere al massimo dal punto di vista fisico, Berardi ci parla del periodo nero appena messo alle spalle e di come il gruppo azzurro sia riuscito a superarlo. “Si respira un clima sereno in gruppo perché siamo finalmente usciti da un periodo difficile. Dopo Melfi abbiamo deciso di ricompattarci e di guardare all’obiettivo primario che in quel momento era la salvezza. - ammette con sincerità il saggio numero dieci cassinate - Volevamo la vittoria di Gela soprattutto per chiedere qualcosa in più a questo campionato: in caso contrario avremmo dovuto accontentarci di un

CALCIO LEGA PRO

Acque agitate a Catanzaro Con puntualità e ciclicità disarmante, nel momento cruciale della stagione, emergono tutte le problematiche che avvolgono la compagine calabrese da qualche stagione a questa parte. La conferenza stampa di lunedì ha palesato che ormai la misura è colma. Il presidente Aiello ha detto che malgrado tutto l’impegno profuso non ce la può fare da solo perché come ha detto lui stesso “non gliel’ha ordinato il medico” di dissanguarsi per il Catanzaro. E allora via al rondò di notizie di cordate virtuali pronte a rilevare quote azionarie, di collette fra categorie professionali e cittadini. Di nomi altisonanti additati come salvatori della patria (più frequenti in periodo elettorale, ndr.), di cortei dei tifosi in trepida attesa sino a notte fonda sotto la sede della Società giallorossa. Le beghe societaria potrebbero creare ripercussioni sul rendimento della squadra di Auteri impegnata nella lotta promozione con Juve Stabia e Cisco Roma.

finale di stagione anonimo ed anomalo per le potenzialità di questo gruppo. Il Cassino ha dimostrato grande carattere e tanta grinta anche contro l’Igea Virtus: abbiamo inseguito i tre punti perché sapevamo che era importante mantenere il passo per rientrare nella lotta play-off e ci siamo riusciti non senza qualche difficoltà di troppo. Abbiamo la consapevolezza di essere venuti fuori da un momento difficile dal punto di vista psicologico e sappiamo di essere una buona squadra che adesso ha le carte in regola per giocarsela alla pari con tutte. Sappiamo di avere dei problemi nell’impostazione della manovra ed in questa settimana avremo la possibilità di colmare le lacune che riguardano la costruzione del gioco. Siamo nelle condizioni di andare a Monopoli a conquistare i tre punti: dobbiamo crederci perché sarebbe ottimale affrontare i due impegni decisivi del Salveti carichi a mille”. Antonino Massara

Il programma settimanale CASSINO - Domenica la Seconda Divisione osserverà l’ultimo turno di riposo prima della volata finale. Per questo la società del presidente Murolo ha organizzato, di comune accordo con lo staff tencico, due amichevoli per questa settimana che consentiranno a Martinelli e compagni di non perdere confidenza con il ritmo partita ed al tecnico Maurizio Pellegrino di provare nuovi schemi e soluzioni in vista del prossimo impegno di Monopoli. Quest’oggi il gruppo azzurro si cimenterà nella consueta doppia seduta del mercoledì; per domani in programma un’amichevole contro l’Us Arce, compagine che milita nel torneo di promozione che si disputerà sul terreno del Salveti con inizio previsto per le ore 15. Per quanto concerne la giornata di venerdì solita seduta pomeridiana mentre sabato il carrozzone azzurro si trasferirà allo stadio “Aragona” di Vasto dove alle ore 11 affronterà i biancorossi locali della Pro Vasto che militano nel girone B della Seconda Divisione. Domenica 21 e lunedì 22 la rosa potrà osservare due giorni di riposo. La truppa riprenderà a lavorare, agli ordini di mister Pellegrino, martedì secondo il programma abituale per preparare la difficile trasferta che li vedrà protagonisti al “Veneziani” di Monopoli dove il Cassino, in tre anni di Lega Pro, non ha mai vinto.

BASKET SERIE C2

Rientra Falanga e la Longo ritrova il sorriso CASSINO - La Longo & Pagano è riuscita domenica scorsa a far dimenticare ai propri tifosi la brutta sconfitta di Marino, battendo tra le mura amiche il quotato St Charles e riducendo a due sole lunghezze il distacco proprio dalla squadra romana. Il punteggio finale, 83 a 62 per i cassinati, è emblematico di come la sfida sia stata sempre nella mani della Longo, restando in equilibrio solo agli inizi del primo quarto, fino a quando i padroni di casa hanno trovato la giusta accelerata per accumulare un vantaggio tale (+12) da poter gestire il match in scioltezza durante le altre frazioni di gioco. Con l’obiettivo play off matematicamente archiviato, lo scorso turno è servito fondamentalmente a due cose: far ritrovare il ritmo partita a qualche elemento rientrante e dar spazio a qualche giovanissimo,

com’è nei piani della società cassinate. La nota più positiva dell’incontro è stata sicuramente il rientro, nel terzo quarto, di Falanga, dopo due mesi e mezzo di assenza per infortunio: “Avere di nuovo a disposizione il capitano non può che essere un grande vantaggio per noi da qui in avanti. – ha dichiarato l’allenatore Luigi Pagano – Per lui ora è importante mettere pian piano minuti nelle gambe, fino a ritrovare la piena forma: per questo ho deciso di inserirlo a partita in corso”. Durante l’ultimo quarto c’è stata la grande occasione di mettersi in mostra per due giovani: Ferrara e Tamburrini, quest’ultimo classe ’94. “Era giusto dare un’opportunità a chi finora ha giocato meno . Considerando i minuti passati in campo, quella di domenica si può considerare la prima apparizione ufficiale

per i due giocatori”. Alla Longo restano ancora quattro incontri della stagione regolare per portare avanti la politica di rotazione dei

Una fase della gara di domenica

propri uomini, in modo da presentarsi al meglio agli spareggi-promozione”. Il prossimo avversario è rappresentato dalla Stelle Marine Roma, compagine pienamente invischiata nella lotta per non retrocedere. “Si tratta di una partita solo

Lippi su Balotelli: “L’Inter lo fa maturare”

Capello aspetta Beckham per l’Europeo 2012

L'Inter sta facendo maturare bene Mario Balotelli. È questo il giudizio del c.t. della Nazionale Marcello Lippi. Il c.t. azzurro conferma quanto affermato in precedenza: "Mario è un ragazzo che ha grandi doti. Sono sicuro, certo, che quando sarà completato il suo percorso di crescita potrà mettere le sue qualità a disposizione della Nazionale".

I giornali inglesi raccontano la disperazione dopo l'infortunio del centrocampista del Milan. E mentre gli amici confidano: "È devastato, convinto di essere stato punito per qualcosa di sbagliato che ha fatto nella vita", il c.t. dell'Inghilterra lo aggrega comunque alla spedizione mondiale e lo aspetta in campo per il prossimo grande appuntamento.

apparentemente facile, solo cioè se ci si limita a guardare la classifica. Due mesi fa avrei parlato, probabilmente, di un match abbordabilissimo per noi, ma gli ultimi risultati clamorosi a favore dei nostri avversari, che stanno tentando lo sprint finale per salvarsi, sommata alla nostra tranquillità, mi fa valutare l’incontro come più ostico di quanto sembri. Per vincere servirà la massima concentrazione e cattiveria agonistica da parte nostra, due fattori che verranno fuori in modo automatico, invece, per una squadra motivatissima come quella avversaria. Il discorso è sempre lo stesso: le nostre prestazioni, da qui alla fine, dipenderanno molto dalla possibilità o meno che avremo di allenarci bene durante la settimana e di presentarci, di conseguenza, con la squadra al completo”. Luca Tedeschi

15

ANNO I - N° 15

MERCOLEDÌ 17 MARZO 2010


ALLA REGIONE LAZIO P O OL IN N RE ESIIIDE DE E N TE POLVERINI PO OLVER V R RIN NII PRESIDENTE P PRE ESI EN NTE E LVER ID

FAMIGLIA SOCIALE LAVORO SANITA

“C mbia la “Cambia la Regione, R Reg gion i ne, all Ce C Centro entr tro cii seii Tu!” Tu!”

lagazzettafrosinone_170310a  

L’olio ciociaro può favorire la crescita IL TAPIRO DEL GIORNO A MCDONALD’S ITALIA L’OSCAR DEL GIORNO AD ANTONIO ABBATE DISTRIBUZIONE GRATUIT...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you