Issuu on Google+

Ferentino-Sora, Iannarilli chiarisce

Frosinone, fontana resta senza acqua

FROSINONE - Il presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli, torna ancora una volta sulla superstrada Ferentino-Sora analizzando i benefici effetti di un’apertura avvenuta dopo ben trenta anni. Nello stesso tempo però stoppa chi tenta di percorrere la strada delle autocelebrazioni. PAG. 3

ANNO 1 - N° 21

FROSINONE - La parte alta del capoluogo ciociaro è una delle zone più belle della città ma anche una delle più degradate.Tipico esempio l’antica fontana nei pressi del cosiddetto arco Campagiorni che da tempo non vede scorrere acqua. La denuncia è pervenuta ad un blog locale da parte di due cittadini. PAG. 11

MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Poligrafica Ruggiero 83100 Avellino (Av)

E l’ospedale resta chiuso www.lagazzettafrosinone.it IL TAPIRO DEL GIORNO A MICHELE MARINI Ancora una volta ci vediamo costretti ad assegnare il tapiro del giorno al sindaco di Frosinone Michele Marini. Qualcuno potrebbe pensare ad una sorta di accanimento ma così non è. Il fatto è che Frosinone, un po’ ovunque, giace in uno stato di desolante abbandono: strade dissestate e piene di buche, fogne che scoppiano, fontane dalle quali non sgorga un filo d’acqua, cumuli di immondizia dappertutto, solo per citare situazioni che appartengono agli ultimi giorni. Forse sarebbe stato il caso di “punire” l’assessore al ramo. Ma è comunque la regia che ci sembra molto ma molto carente.

L’OSCAR DEL GIORNO A CARLO NOTO Il primo cittadino di Anagni, Carlo Noto, assieme alla sua giunta, ha messo a punto un progetto davvero interessante ed innovativo che vedrà come protagonista assoluta la splendida città dei papi. Si tratta di “Navig@nagni” in virtù del quale chiunque avrà la possibilità dinavigare liberamente attraverso le straordinarie testimonianze storiche ed architettoniche di Anagni (cattedrale, cripta, sala dello schiaffo, salla della ragione) comodamente seduto sulla poltrona di casa adoperando il suo computer. Un sistema quanto mai intelligente anche a fini turistici.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE L’appello è lanciato da Legambiente Lazio che ha presentato uno specifico dossier

No alla privatizzazione dell’acqua ROMA - Il Lazio è tra le poche Regioni promosse in Italia per la gestione delle acque minerali, grazie al doppio canone applicato sia in relazione all'estensione delle concessioni che alla quantità di acqua prelevata e imbottigliata, anche se preoccupa l'enorme estensione di oltre 3.600 ettari per le 34 concessioni esistenti, che portano la nostra regione al secondo posto in Italia per estensione della superficie destinata al prelievo delle acque minerali. In occasione della giornata mondiale dell’acqua, Legambiente e la rivista “Altreconomia” tornano a denunciare, con il dossier “Il far west dei canoni di concessione sulle acque minerali”, il business dell'oro blu in bottiglia nel nostro paese, che fa registrare un consumo pro capite di 194 litri di acque minerali, più del doppio della media europea e americana che si aggira sugli 80 litri. Nel Lazio, sulla base dei parziali dati raccolti, sono quasi 290 milioni i litri imbottigliati (dei quali il 25% in vetro) e quasi 360 mila i metri cubi emunti. Sul fronte del canone si prevedono dai 60 ai 120 euro per ciascun ettaro dato in concessione, penalizzando di più il maggiore prelievo di acqua (la soglia limite per la tariffa più bassa è di 25 milioni di litri all’anno); 2 euro per ogni metro cubo di acqua im-

bottigliata; 1 euro al metro cubo per il volume emunto ma non imbottigliato. Sono inoltre previsti degli incentivi per favorire l’uso degli imballaggi in vetro o meglio ancora del vuoto a rendere, con una riduzione del canone sull’imbottigliato rispettivamente del 50% o del 70%, per l’acqua commercializzata non solo in vetro ma anche con vuoto a rendere. “Nel Lazio la regione ha compiuto un primo fondamentale passo definendo i canoni per le concessioni delle acque minerali, ma ci preoccupano ancora le tante e troppe estese concessioni – ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio –. L'acqua è una risorsa preziosa e come tale va trattata. I cittadini si sono affezionati alle minerali con le bollicine ma spesso l'acqua di rubinetto è di eguale qualità e certamente ha un numero di controlli molto elevati. Servono allora norme più stringenti, per favorire l'uso dell'acqua pubblica, innalzando ancora i canoni, fermi dal 2006, stabilendo una cifra di almeno 2,5 euro per metro cubo imbottigliato o solo emunto e nel frattempo avviando una campagna di informazione tra i cittadini per proteggere questa risorsa così importante”. In Italia le regioni incassano dalle aziende cifre mediamente irrisorie e insufficienti a ricoprire anche solo le

spese sostenute per la gestione amministrativa delle concessioni o per i controlli, senza considerare quanto viene speso dagli enti locali per smaltire il 65% delle bottiglie in plastica che sfuggono al riciclaggio. L’imbottigliamento di 12,5 miliardi di litri comporta inoltre l’uso di 365 mila tonnellate di Pet, un consumo

mando combustibili fossili (gasolio) ed emettendo grandi quantità di inquinanti in atmosfera (da quelli globali come la Co2 a quelli locali come il Pm10). “Il Lazio viene promosso per i canoni di concessione delle acque minerali, ma il business dell'oro blu in bottiglia continua ad essere insostenibile per la collettività sotto il punto di vista economico e ambientale – ha dichiarato Maurizio Gubbiotti, coordinatore della segreteria nazionale di Legambiente –. L'acqua di rubinetto è più economica e meno dannosa per l'ambiente, ma anche più sicura, servono campagne per promuoverne l'utilizzo. Un contesto nel quale è fondamentale impedire qualsiasi obbligo di privatizzazione nella gestione dell'acqua di rubinetto. L'acqua è un diritto fondamentale e universale, una risorsa primaria senza la quale è impossibile vivere, non un servizio pubblico qualsiasi, non può essere ridotta a merce”. Per maggiori approfondimenti è stato pubblicato il libro “Imbrocchiamola” (Altreconomia, edizioni 2010, 72 pagine, 3 euro). Il dossier completo “Il far west dei canoni di concessione sulle acque minerali” è disponibile su www.legambiente.it. Andrea Capobasso

di 693 mila tonnellate di petrolio e l’emissione di 950 mila tonnellate di Co2 equivalente in atmosfera. Per la fase di trasporto poi solo il 18% delle bottiglie di acqua minerale viaggia su ferro, mentre il resto è affidato ai grandi Tir che viaggiano per centinaia di chilometri lungo le autostrade d’Italia consu-

Dalla Pisana arrivano i fondi per i malati di Alzheimer La giunta regionale ha stanziato 1,6milioni di euro per progetti di assistenza ROMA - L’esecutivo della regione Lazio ha approvato, su proposta dell'assessore alle politiche sociali e delle sicurezze Luigina Di Liegro, una delibera che stanzia 1,6 milioni di euro per il finanziamento di progetti innovativi finalizzati al miglioramento della qualità di vita dei portatori del morbo di Alzheimer e delle famiglie che li assistono in casa. In Italia si stimano circa 700.000 ammalati, di cui circa 70.000 nel Lazio. L'80-90% di tutti i casi sono di demenza nella terza età, l'1% delle persone viene colpita prima di 65 anni, l'11% in età compresa fra i 65 e gli 80 anni, il 30% nei soggetti ultraottantenni. “È il secondo anno - ha detto l'assessore Di Liegro - che finanziamo 4 progetti per il sostegno ai malati di Alzheimer e alle famiglie che se ne prendono cura. Tutti gli interventi

2

ANNO I - N° 21 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

Polverini: nuove norme sui saldi ROMA -Una nuova normativa sui saldi. Ma anche rifinanziamento dei centri commerciali naturali e valorizzazione del ruolo delle associazioni di categoria per il rilascio dei titoli autorizzatori per le grandi strutture di vendita. Questi i punti chiave del programma per il commercio di Renata Polverini.

sono realizzati da Associazioni di volontariato (Auser Lazio, Casa Aima Onlus. Alzheimer Roma Onlus, Atama Anagni Onlus), perché crediamo fer-

Nel Lazio sono 70 mila le persone colpite da tale grave patologia mamente nell'importante supporto che i volontari danno in questi programmi di assistenza”. “Il fine di que-

sti progetti, che non sono spot, ma programmati a lungo termine - ha continuato Di Liegro - è quello di garantire una maggiore integrazione socio-sanitaria tra Asl, enti locali e associazioni di volontariato, per superare la prevalenza della sanitarizzazione rispetto all'assistenza domiciliare e fornire servizi socio-assistenziali più attenti ai bisogni degli anziani, favorendo il mantenimento ed il recupero dei livelli di autonomia dei malati e il sostegno alla famiglie che si fanno carico dell'assistenza”. “I dati dell'ultimo Rapporto sui servizi sociali del Lazio realizzato dal Sistema informativo dei servizi sociali del Lazio (Siss) dell'Assessorato alle Politiche sociali e delle sicurezze, dimostrano che gli anziani, insieme alle famiglie, ai minori e ai giovani disagiati, rappresentano quasi

il 90% dell'utenza dei servizi sociali nel Lazio. Dal 2007 ad oggi, l'utenza di anziani è cresciuta del 3,6% e le strutture e servizi a loro dedicati sono 1.080. Di questi, 23 strutture sono riservate alle 1.192 persone affette da patologie invalidanti (+21,1%), come l'Alzheimer. Queste percentuali di utenti anziani aumenteranno, perché l'invecchiamento demografico è in costante crescita. Questo - conclude Di Liegro comporterà un aumento della spesa pubblica per l'assistenza a lungo termine. È necessario, quindi, progettare un sistema di welfare che si basi su una rete integrata di supporto agli anziani in difficoltà e che punti ad un'azione di formazione specialistica sia per gli operatori socio-sanitari e gli infermieri professionali, che per i volontari attivi in questo settore”.

Bonino: con la 194 aborti diminuiti ROMA - Emma Bonino si aspettava la critica della Cei. ”La legge 194 ha diminuito gli aborti L'80% degli italiani è contro l'aborto clandestino. Se si facesse piu prevenzione diminuirebbero ancora; le donne italiane sanno quanto sia doloroso abortire. Nessuno in Italia vuole tornare a mammane e cucchiai d'oro”.


PROVINCIA “Superstrada: basta con le autocelebrazioni” Il Presidente Iannarilli analizza gli effetti dell’apertura della Sora-Ferentino FROSINONE – L’inizio della settimana ha rappresentato un momento molto importante, diremo quasi storico, per la viabilità ciociara. Finalmente dopo decenni di lavori è percorribile la superstrada Sora-Frosinone-Ferentino. Una strada che mancava come il pane in questo territorio. Servirà a favorire i collegamenti tra la parte sud e nord della provincia, servirà ad incrementare il commercio e a decongestionare il traffico su Frosinone. Molti gli interventi sull’apertura da parte di personalità della politica, in lotta per rivendicarne il merito. Molto lucida ci è sembrata la posizione del presidente della Provincia, Antonello Iannarilli, che ha elogiato la realizzazione della tratta, ma evidenziando ancora le carenze presenti e la fretta, elettorale a suo dire, di tagliare comunque il nastro ed inaugurare l’opera. Spiega Iannarilli: “La superstrada è un’opera viaria strategica, che porterà sicuri benefici agli automobilisti ciociari, soprattutto di quei centri che sono attraversati dalla nuova arteria regionale 214, come Tecchiena, Alatri,

Veroli, Monte San Giovanni Campano, Isola Liri, Sora e centri limitrofi, giacché saranno più vicini all’autostrada A1, che potrà essere imboccata attraverso il casello di Ferentino, ma anche allo scalo ferroviario ferentinate per chi preferisce viaggiare in treno. Momentaneamente, in mancanza della rotatoria principale che sarà a servizio del flusso veicolare derivante sia dal casello che dalla superstrada, le auto affronteranno una rotatoria provvisoria per poi dirigersi verso l’autostrada o verso il centro di Ferentino. Manca ancora qualche dettaglio per il perfezionamento dell’opera. Entro aprile prossimo, si spera che tutto venga definitivamente ultimato e che la segnaletica da cantiere si trasformi in definitiva. Nel frattempo, sia il casello di Ferentino, in funzione dal 23 dicembre 2009, che la superstrada Ferentino-Sora, operativa dal 22 marzo 2010, sono al servizio degli automobilisti”. “Il taglio del nastro dell'ultimo tratto della superstrada Sora-Ferentino – ha continuato Iannarilli - ha segnato un momento molto importante per la

nostra provincia. Come ho avuto modo di dire questa bella opera arriva molto in ritardo e non è il caso di fare troppe celebrazioni, tuttavia

sottolineare una data saliente per il nostro territorio, un momento positivo, è doveroso. La Sora-Frosinone non ha genitori facilmente ricono-

scibili perché è il frutto di generazioni di amministratori che si sono succeduti, nel merito e nel demerito, ma ha certamente un futuro denso e utile. Si tratta di una vera e propria svolta per un ampio comprensorio. Si consideri l'importanza per l'area del sorano, per esempio, che ha finalmente un collegamento diretto con l'autostrada A1. I grandi vantaggi per i cittadini e per gli operatori nelle aree produttive del comprensorio di Anagni e di Ferentino, il respiro di sollievo che attraverso l'apertura della superstrada si offre al traffico veicolare che soffoca letteralmente la parte bassa del Capoluogo. Sono innumerevoli i vantaggi del completamento della superstrada e del suo collegamento all'autostrada con uno snodo. L'inaugurazione è stata fatta un po' in fretta perché c'è sempre qualcuno che vuole sfruttare queste circostanze per farsi campagna elettorale, comunque la superstrada è funzionante e lo sarà con completezza assoluta tra qualche giorno quando tutte le opere accessorie saranno terminate”. Pompeo Di Fazio

Anche in Ciociaria le giornate Fai

La protesta dei lavoratori socialmente utili

FROSINONE – Le bellezze della Ciociaria protagoniste del prossimo fine settimana, il week end del 27 e 28 marzo. Infatti, è in programma la 18esima edizione della giornata di primavera, promossa dal Fondo per l’ambiente italiano in collaborazione con l’amministrazione provinciale. L’iniziativa che consentirà di visitare gratuitamente alcuni importanti luoghi storici e naturalistici solitamente chiusi al pubblico, farà tappa anche nel nostro territorio, in particolare nei comuni di Paliano, Ripi e Serrone. La giornata di promozione turistica è stata presentata nel palazzo della Provincia, alla presenza di Pio Roffi Isabelli, responsabile provinciale del Fai, dei rappresnetantii dei paesei coinvolti, Maurizio Proietto di Serrone, Giovanni Celli di Ripi e Simone Marucci e Tomamso Cenciarelli di Paliano.A fare gli onori di casa l’assessore provinciale alla cultura, Antonio Abbate. Quali le ricchezze che i paesi protagonisti dell’appuntamento metteranno in mostra? Paliano aprirà le porte della Collegiata di Sant’Andrea, di Palazzo Colonna – Sala degli arazzi, della Biblioteca di S. Maria di Pugliano e della Fortezza Colonna.A Serrone, si potranno visitare le Mura poligonali, il Romitorio di S. Michele Arcangelo, nonché la mostra permanente del costume teatrale e, una vera chicca per gli appassionati, la visita guidata salendo al Monte Scalambra. Ultima tappa, Ripi, dove, oltre alla Chiesa di S. Agostino, si potrà visitare il Museo dell’energia e le Petroglie di Colle San Silvestro.

Iannarilli ha promesso che risolverà la questione in maniera definitiva

Alatri, nuovo atto di vandalismo ALATRI - Un branco di vandali, molto probabilmente ubriachi, ha pesantemente danneggiato una Citroen che era parcheggiata ai lati della carregiata con un’ananas lanciata violentemente dall’alto. Brutta sorpresa per la proprietaria dell’auto che ha trovato il parabrezza in frantumi.

FROSINONE – Sono circa, lavorano da quindici anni per poco più di 500 euro al mese, senza contributi previdenziali, sono impiegati in tutti i settori dell’ente e attendono finalmente la definitiva sistemazione e regolarizzazione del contratto di lavoro. Sono i lavoratori socialmente utili, gli Lsu, in servizio presso l’amministrazione provinciale di Frosinone. Il governo e la regione provvedono a stanziare, per quanto di competenza, le cifre che servono a coprire quel misero assegno di indennità che percepiscono. Di anno in anno, a volte di sei mesi in sei mesi, viene rinnovato il loro contratto. Tutte le maggioranze che si sono alternate al governo di palazzo Gramsci, hanno preso l’impegno di sistemarli, ma ad oggi ancora si trovano a vivere nella precarietà. Si son dati appuntamento tutti insieme all’ingresso delle scale che conducono

al primo piano della provincia, per far sentire la loro protesta al presidente Iannarilli. L’hanno fatto, civilmente, all’indomani dell’approvazione della delibera di sospensione della Cosap, un impegno del presidente durante la campagna elettorale. L’hanno fatto perché l’eliminzaione della tassa ha risvegliato le loro speranze. Infatti Iannarilli aveva annunciato anche la soluzione definitiva del problema Lsu in Provincia. E il presidente, come suo solito, li ha ricevuto nella sua stanza. Ha parlato con loro, li ha rassicurati. “E’ mia intenzione risolvere la vostra situazione – ha spiegato Iannarilli, guardando negli occhi ognuno dei lavoratori – ho preso l’impegno in campagna elettorale e lo manterrò. Ho bisogno di tempo perchè qui ho trovato una situazione del personale incredibile. Ancora non riesco a sapere quanti

Ceccano, arrestati due giovani CECCANO - I Carabinieri della compagnia di Frosinone, in collaborazione con i colleghi di Anagni, hanno tratto in arresto due giovani di Ceccano responsabili di coltivazione e detenzione di sostanze stupefacenti. I Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 4 piante di marijuana e 250 grammi di hashish.

dipendenti ha la Provincia e quanto costano”. Il presidente ha fatto intervenire nella riunione anche il dirigente del settore personale, il dott. Elvio De Santis, che ha spiegato le linee guida sul personale che l’ente sta adottando. Conoscere la situazione, monitorare le spese e accantonare le cifre per sanare le situazioni di precariato estremo. I lavoratori, gli Lsu, hanno mostrato gradimento per le parole dl presidente. La loro è una battaglia di civiltà, per vedere riconosciuto il sacrosanto diritto al giusto trattamento lavorativo. “E’ tempo che la nostra condizione lavorativa sia sanata, basta schiavitù, basta ingiustizie” – hanno sostenuto in coro i manifestanti. La loro fiducia e speranza è tutta riposta nelle mani del presidente Iannarilli. A lui il compito di sistemare questa annosa e incresciosa questione.

3

ANNO I - N° 21

MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


PRIMO PIANO Il candidato del Pdl alla Pisana si è soffermato con i vertici delle piccole e medie imprese che nella regione laziale contano 3.200 aziende e 65 mila addetti ai lavori

Abbruzzese ha incontrato Federlazio FROSINONE - Mario Abbruzzese, candidato alle prossime elezioni regionali del Lazio, nei giorni scorsi ha incontrato i vertici di Federlazio Frosinone, l’Associazione delle Piccole e medie imprese che in tutto il Lazio raggruppa oltre 3200 imprese per circa 65000 addetti ai lavori e oltre 10 miliardi di euro l’anno di fatturato. L’incontro si è tenuto all’interno della sede di via Cicerone, nel capoluogo ciociaro, alla presenza del presidente del sodalizio, Silvio Ferraguti, e del direttore Enzo Carlevale. “Ho ritenuto fosse un atto dovuto incontrare il vertici di Federlazio - ha affermato Abbruzzese nel corso dell’incontro per raccogliere qualche suggerimento da inserire nel mio programma elettorale. Sono ancora più convinto che bisogna dare alle imprese l’opportunità di far emergere ed incidere sul mercato globale il nostro valore aggiunto, che sono il know-wow, la professionalità, la

Mario Abbruzzese qualità e l’innovazione di management e maestranze. In quest’ottica - ha detto il candidato pidiellino - è fondamentale anche avvicinare di più aziende ed istituti finanziari per

facilitare l’accesso al credito e favorire gli investimenti. Non è un caso che lo stabilimento Fiat di Piedimonte San Germano sia stato classificato al primo posto tra tutti gli stabilimenti mondiali del Gruppo. Anche la Provincia di Frosinone si sta attivando attraverso il Tavolo del Comitato per il lavoro e lo sviluppo, passo decisivo per pianificare e concertare le azioni a sostegno dello sviluppo economico provinciale. E’ necessario potenziare le infrastrutture - ha concluso Abbruzzese - utilizzare al massimo i fondi strutturali europei, in particolare il Programma Operativo Regionale Competitività 2007-2013, dare sostegno economico e tributario alle imprese in difficoltà, ma anche alle famiglie. Questa è la strada maestra che intenderò tracciare una volta in regione per recuperare Pil, favorire i consumi, rilanciare l’occupazione sul nostro territorio”.

Buschini (Pd): un grazie di cuore a Bersani FROSINONE – “Sono davvero felice per la presenza qui in Ciociaria del nostro segretario Pierluigi Bersani”. Così Mauro Buschini, candidato del Partito Democratico al consiglio regionale del Lazio. “Ringrazio Bersani per l’attenzione che rivolge al nostro territorio – ha aggiunto Buschini – un territorio che è dilaniato dalla crisi economica. E’ di questo che si deve parlare, affinché i cittadini conoscano i problemi reali del territorio, del Paese. La visita qui in provincia di Frosinone del nostro segretario nazionale ha proprio questo scopo. Non a caso, Bersani farà visita anche alla Videocon, una realtà che si trova in un momento molto difficile. Purtroppo, conosciamo molto bene il dramma dei 1400 lavoratori dello stabilimento di Anagni. Una vicenda che ci tocca tutti da vicino. Il Partito Democratico ha sempre fatto sua la causa dei lavoratori e nei progetti sostenuti dalla coalizione il punto fondamentale è quello del

10 ANNO I - N° 21 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

Mauro Buschini lavoro. Creare occupazione per sostenere un nuovo sviluppo e migliorare la qualità della vita ai cittadini. E’ importante che il centrosinistra si riconfermi alla guida della Regione Lazio: è fondamentale per il futuro del territorio. Non possiamo permettere che il diritto al lavoro sancito dalla nostra Carta Costituzionale venga infangato da un governo che fallisce continua-

Ceccano, La Destra “chiude” domani CECCANO - La Destra Ceccano comunica agli elettori l'invito a partecipare giovedì 25 marzo, alle 19.30, alla chiusura della campagna elettorale per le elezioni regionali. Sarà presente il candidato Antonio Abbate, accompagnato dai dirigenti locali, Loreto D'Emilio, Matteo Tiberia, Marco Colasanti, Vincenzo D'Onofrio, Sabina Bonifazi.

mente tutti i suoi obiettivi. C’è un concetto molto bello e profondo di Pierluigi Bersani che amo citare spesso durante questa campagna elettorale: il lavoro è libertà e democrazia. Niente di più vero. Nel programma elettorale in cui spiego le mie idee per la Regione Lazio, il lavoro è messo al primo posto, in quanto rappresenta la vera emergenza del nostro territorio. Ecco, io credo che una campagna elettorale che si basi sul rispetto dei cittadini, sulla trasparenza, sulle posizioni chiare, debba innanzitutto far conoscere ai cittadini la verità, i problemi del territorio, e ascoltare direttamente dalla gente quelli che sono i reali bisogni della società. Martedì, l’appuntamento con il segretario nazionale del Partito Democratico, Pierluigi Bersani, rappresenterà un momento importante di confronto con i cittadini. Sono sicuro che il prossimo 28 e 29 marzo i cittadini premieranno le idee e l’impegno concreto del centrosinistra”.

A Tecchiena di Alatri bagno di folla per Scalia ALATRI - Bagno di folla per Francesco Scalia a Tecchiena (Alatri) dove oltre 500 persone hanno partecipato all'incontro pubblico, manifestando il proprio sostegno nei confronti dell'assessore Regionale, già presidente della Provincia per 10 anni. Erano presenti Fabio Di Fabio, capogruppo consiliare del Pd, Patrizio Cittadini, ex sindaco di Alatri, Francesca Gatta, segretario territoriale del Pd, Antonio D'Alatri e Daniele Grassi Bertazzi, rispettivamente coordinatore e vice-coordinatore del comitato elettorale di Scalia, Antonino Francesco Scalia Scaccia, dirigente del Pd, Silvio Campoli, sindacalista della CGIL ed una folta delegazione dei lavoratori della Videocon, che hanno sempre visto in Scalia un alleato credibile e affidabile, nelle tante battaglie condotte in questi anni per la riconversione del sito industriale. “Ringrazio tutti voi per la numerosissima presenza – ha detto Scalia – e per l'entusiasmo che state dimostrando nei miei confronti e nei confronti del centrosinistra. Del resto, la Provincia di Frosinone non ha mai contato così tanto nelle scelte e negli investimenti della Regione Lazio, come in questi anni, ed i cittadini se ne sono ampiamente resi conto. La giunta regionale di centrosinistra ha realizzato nel Frusinate l’opera infrastrutturale più importante, la superstrada Sora-Ferentino, ed ha dato la massima priorità a Frosinone nell’agenda dei nuovi ospedali previsti dal Piano Sanitario, realizzando in soli 4 anni una struttura all'avanguardia, con servizi e reparti specialistici, con oltre 100 posti letto in più e con una superficie raddoppiata rispetto all'Umberto I. Ma soprattutto – ha continuato Scalia – la nostra Regione ha dimostrato un’attenzione costante nei confronti delle tante situazioni di disagio sociale e professionale che stanno colpendo il nostro territorio, e qui ringrazio e saluto gli amici della Videcon, con cui ho condiviso in questi anni tante battaglie e a cui ribadisco il mio impegno assoluto, fino alla risoluzione positiva di tutta questa vicenda. Il clima politico in Italia e nella nostra provincia è cambiato. E' bastato che Berlusconi toccasse i fondamenti della democrazia per suscitare una reazione forte in tutto il Paese. Andiamo a vincere questa competizione elettorale – ha concluso Scalia – con un consenso largo che ci consenta di far pesare le nostre ragioni in sede regionale. Diciamo no ai giochi di potere di questo centrodestra e diamo continuità al piano di sviluppo messo in campo in questi 5 anni dalla Regione Lazio”. Parole di stima e fiducia a Francesco Scalia, sono state pronunciate da tutti i partecipanti, che hanno ribadito come l'ex Presidente della provincia, sia l'unico vero punto di riferimento politico e amministrativo del territorio. “C'è differenza di stile e di metodo – ha detto Fabio Di Fabio – tra il modo di governare del centrosinistra e quello del centrodestra. La Regione Lazio in questi 5 anni ha distribuito risorse a tutti i comuni, senza guardare il colore politico, e lo ha fatto per il bene del territorio e per il suo sviluppo, stanziando in favore di Alatri, fondi per l'ospedale, le chiese, le scuole e le infrastrutture. Massimo esempio di questo modo di fare politica – ha aggiunto – è proprio l'amico Scalia, da sempre al fianco delle nostre esigenze, fine conoscitore della nostra provincia e unico politico in grado di rivendicare in sede regionale l'importanza che il Frusinate merita. Lo ha fatto finora, realizzando la superstrada attesa da 30 anni e lo farà in futuro con il progetto dell'aeroporto che migliorerà in modo decisivo le condizioni economiche di tutto il territorio”.

Foglietta, nuovo corso per l’ambiente FROSINONE - “Programmare, attuare e controllare le politiche in tema di ambiente, di energia e di rifiuti è una responsabilità che non può essere evasa – dice Alessandro Foglietta (Udc) -. Nella definizione della strategia ambientale la regione conserva un ruolo nodale cui si deve associare una sana logica di pianificazione”.


FROSINONE Questa volta, malgrado le pressioni, non c’è stato alcun taglio del nastro elettorale

Il nuovo ospedale resta ancora chiuso FROSINONE - Siano benedette le elezioni. Di qualunque tipo esse siano. E qualunque sia la parte politica che poi, alla fine, riesce a prevalere. Questi, più o meno, sono i pensieri che agitano la mente del cittadino comune. Quello che, beato lui, con l'agone politico e il guazzabuglio infinito dei partiti, sempre più rissosi e in perenne fibrillazione, non ha

La moderna struttura è pronta ma tarda ad entrare in funzione troppa dimestichezza. E, soprattutto, benedetto sia il periodo che precede

la tornata elettorale, quello durante il quale i candidati di ogni colore politico scendono, per così dire, in campagna. E' proprio in questa fase, breve ma intensa che, spesso e volentieri, si concretizzano i miracoli. In Ciociaria il primo di questi eventi prodigiosi, e francamente inaspettati, si è già materializzato. E' stata finalmente aperta al traffico automobilistico il tratto di superstrada Sora-Ferentino, un'opera che si era letteralmente dissolta nelle nebbie della inefficienza e della cattiva amministrazione. Basti pensare che per ultimare 12 chilometri o giù di lì sono stati impiegati ben trent'anni. Un record che fa impallidire persino i ritardi atavici che hanno caratterizzato, e purtroppo caratterizzano ancora, la storia infinita della Salerno-Reggio Calabria. Sabato scorso, al fatidico taglio del nastro, c'era una nutrita parata di politici e di amministratori pubblici tra cui moltissimi di quelli ai quali può essere imputata la responsabilità di così grande dispendio di tempo e, conseguentemente, di denaro pubblico. Ma ciò, all'atto pratico, importa poco. L'opera è stata finalmente inaugurata e il politico ha fatto la sua fruttuosa e fotogenica passarella.

Benedette siano, ancora una volta, le elezioni. Che qualcuno provveda a santificarle nel più breve tempo possibile. E, come si suol dire, l'appetito vien mangiando. Ora che un miracolo si è verificato nulla vieta di pensare che ce ne possa essere, di qui a breve, anche un altro. Ossia l'apertura ufficiale del nuovo ospedale di

Frosinone che, bello e pronto già da un bel pezzo, rimane ancora desolatamente vuoto e chiuso. Eppure l'Umberto I, il vecchio e malandato nosocomio del capoluogo ciociaro, versa ormai da anni in una situazione pietosa, indegna di una struttura sanitaria degna di tal nome. Qualche settimana fa, ad onor del

vero, si era parlato della possibilità di procedere ad una apertura, sia pure parziale, del nuovo ospedale. Una apertura di chiaro stampo elettorale, con i servizi che sarebbero rimasti, tutti o quasi, nel vecchio stabile. Poi, però, qualcuno deve essersi reso conto che si stava tirando troppo la corda: qui, infatti, non si trattava si aprire al traffico una strada ma di giocare a rimpiattino con la salute delle persone. Il che è tutt'altra cosa. E così la decenza ha preso il sopravvento e si è deciso, sia pure malvolentieri, di soprassedere. L'atteso taglio del nastro, dunque, ci sarà dopo la tornata elettorale. Una volta tanto, dunque, il miracolo non si è realizzato e più di qualcuno ha visto sfumare l'irripetibile occasione di mostrarsi impettito in tv e di raggranellare qualche altro consenso. Il che non guasta mai. Ma, d'altro canto, le elezioni hanno già dato. Dopo il miracolo dell'apertura della superstrada Sora-Ferentino, non ci si poteva aspettare anche l'inaugurazione del nuovo ospedale di Frosinone. Sarebbe stato davvero troppo. Anche perché i miracoli hanno una particolare peculiarità: quella di essere davvero molto rari. Altrimenti che miracoli sarebbero...

La fontana dell’arco Campagiorni è senz’acqua

Si è conclusa “Pane, vino e Ciociaria”

La denuncia di due cittadini è pervenuta al blog “Frosinone bella e brutta”

Presentato anche un libro di ricette tradizionali

FROSINONE – La parte alta di Frosinone, il cosiddetto centro storico, che si snoda attraverso quel dedalo di viuzze intorno a Corso della Repubblica, è certamente una delle zone più belle della città, ricca di ricordi e di storia. Una di questi pezzi, è la zona del cosiddetto arco Campagiorni, che prende nome dall’artista che nel 600 provvide ad abbellirla di sua volontà, senza spesa da parte dell’amministrazione pubblica e che proprio per questo meritevole gesto ebbe in dedica la via. Proprio nei pressi dell’arco c’è una fontanella, a cui si sono abbeverati nel corso degli anni, tutte le generazioni di frusinati. Ora quella fontana è momentaneamente senz’acqua. E’ questa la denuncia dei signori Antonio Spaziani e Luciano Bragaglia,

All’ex mattatoio spettacolo teatrale FROSINONE - Giornata mondiale del teatro anche per la città di Frosinone. Sabato 27 marzo, all'interno del Festival “Aspettando... il Teatro”, in corso presso l'ex mattatoio, propone lo spettacolo teatrale “Only music in my life” presentato dall'associazione culturale “Tdo-Fiuggi” per la regia di G. M. Martucci.

riportata nelle pagine del blog “Frosinone Bella e Brutta”. Noi, che amiamo la città di Frosinone e la sua antichissima storia, ci siamo permessi di riprendere la segnalazione, sperando in un sollecito intervento si chi di dovere, in modo che la fontana torni all’antico splendore. Si parla tanto di decadimento del centro storico di Frosinone, di negozi che chiudono, di gente che abbandona le case per recarsi altrove. Basterebbe anche un piccolo gesto per dare un segno di discontinuità a questo processo di invecchiamento. In fondo l’acqua è il simbolo della vita. Dunque, si attivi chi di dovere, cosicché possa tornare a sgorgare dalla fontana il prezioso liquido. Pompeo Di Fazio

FROSINONE – Si è conclusa con una conferenza stampa, presso la sala convegni della Camera di Commercio di Frosinone, la manifestazione “Pane, vino e…Ciociaria” iniziativa finalizzata a fare del turismo enogastronomico un’occasione di rilancio dell’economia locale. La manifestazione ha voluto valorizzare la ricca offerta enogastronomica che la nostra terra offre fatta da prodotti agricoli di ottima qualità sapientemente cucinati. Al termine della manifestazione è stata presentata proprio una guida che raccoglie le ricette tipiche del frusinate. Alla presentazione hanno partecipato: il presidente dell’ente camerale Mario Papetti, il segretario generale Mario Popolla, il dirigente Giuseppe Masetti e i componenti del comitato tecnico-scientifico del progetto: Florindo Buffardi, Gianni Lisi, Giampiero Canestraro e Stefano Venditti.

Notarcola: sbagliato non aprire l’ospedale FROSINONE - “Tutelare la salute del cittadino e pretendere un servizio sanitario migliore”: queste le richieste delle associazioni del capoluogo nell'assemblea di ieri presso la Asl di Frosinone. Il presidente dell'assemblea, Francesco Notarcola, ha affermato: “Ritardare l'apertura dell'ospedale è un grande errore”.

I1

ANNO I - N° 21

MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


FRUSINATE L’innovativo progetto presentato dal Comune

Anagni, i monumenti saranno visitabili in 3D ANAGNI - Al via un importantissimo ed innovativo progetto che vedrà protagonista Anagni e le sue bellezze. E’ stato presentato, presso la sala della Ragione del palazzo comunale, il progetto Navig@nagni, finalizzato alla salvaguardia e alla promozione del patrimonio artistico della città. Si tratta di una vera eccellenza tecnologica per promuovere nel mondo i preziosissimi monumenti della Città dei Papi. Un’iniziativa fortemente voluta dall’amministrazione comunale, così come ha confermato l’assessore alla Cultura e Turismo Daniele Natalia: “Si tratta di un progetto innovativo, che si avvale di moderne e avanzate tecnologie e che consentirà di percepire la bellezza dei nostri meravigliosi monumenti e

della nostra Anagni, oltre che, naturalmente, di affascinare e attirare i visitatori che potranno rendersi conti di quanto sia affascinante la nostra città. Per questo stiamo lavorando ad un’azione di rilancio a 360 gradi del territorio e cercando di dare forte ed innovativo impulso al canale turistico, volano di una vera ripresa economica”. Con un "laserscanner" di ultimissima generazione, sono stati scansionati i principali monumenti anagnini (Cattedrale, Cripta, Sala dello Schiaffo, Sala della Ragione) e oltre alle misurazioni (al millimetro) effettuate, sono state ricavate delle visuali in 3D in altissima risoluzione che saranno, appunto, "navigabili" sul sito istituzionale. Entusiasmo da parte del Consi-

gliere con delega ICT ed Innovazione tecnologica, Antonio Di Giulio: “Voglio ringraziare sin d’ora tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questo progetto: Navig@nagni nasce perché fortemente voluto da me e da tutta l’amministrazione comunale. E’ un Progetto che riguarda la salvaguardia e la promozione del patrimonio artistico di Anagni, che per nostra fortuna è veramente di ricco di magnifici monumenti ed opere d’arte. Mi preme sottolineare che, nonostante la nostra amministrazione guidata dal sindaco Carlo Noto, si sia insediata soltanto da pochi mesi, sta mantenendo l’impegno sottoscritto con i cittadini, cercando di attuare in breve tempo ciò che nel nostro programma elettorale

veniva proposto. Uno dei principali punti era proprio il rilancio del turismo, la valorizzazione dei prodotti storici, artistici ed enogastronomici. Avendo così tante risorse storicoculturali, è importante, soprattutto in questo periodo di crisi del settore

industriale, che purtroppo riguarda anche il nostro territorio, pubblicizzare i nostri bellissimi monumenti ed incentivare quindi il turismo per far crescere e sviluppare l’economia della nostra città e creare nuove opportunità di lavoro”.

Sora, interventi per viabilità e sicurezza Alatri, nel museo una sezione Li annunciano il sindaco Casinelli e l’assessore De Donatis SORA - Il sindaco Cesidio Casinelli e l’assessore ai Lavori Pubblici Roberto De Donatis hanno comunicato che la giunta comunale ha approvato due importanti progetti per la zona Selva Alta. Tali interventi sono finalizzati a migliorare la viabilità e a garantire la sicurezza dei cittadini. In particolare il primo intervento riguarda il potenziamento dell’impianto di pubblica illuminazione in via Mezzano e di un tratto di via Cioppiglio. Inoltre saranno posizionati nei punti più critici della provinciale Sora-Veroli. Tale intervento dà finalmente risposta alle esigenze della numerosa comunità della Selva come espresso nel corso degli incontri avuti con l’Amministrazione nelle sedute del Bilancio Partecipativo. L’intervento ha un importo lavori di 50mila euro ed è stato progettato dall’Ufficio Tecnico dell’Ente. Il secondo intervento, finanziato dalla Regione Lazio per un importo di 290mila euro riguarda la sistemazione di

Piazza Mezzano per mezzo di una risagomatura perimetrale della piazza, una realizzazione di aiuole e spazi pavimentati e una regolamentazione delle acque superficiali che consentiranno una migliore fruibilità ed aggregazione sociale. In Via Mezzano,

Isola Liri, incidente per Valeria Altobelli ISOLA DEL LIRI - Valeria Altobelli, capolista dell'Unione per Lirinia nelle elezioni per il rinnovo del consiglio comunale di Isola del Liri, ha subito uno spiacevole incidente che ha molto complicato la sua campagna elettorale. La leggiadra ragazza però non demorde “Non sarà certo la frattura di un metatarso a bloccarmi”.

Via Cioppiglio e Via Quagliarino, si procederà al rifacimento del manto stradale. Inoltre verrà data definitiva soluzione a un movimento franoso in Via Cioppiglio attraverso la messa in opera di gabbionate che saranno adeguatamente naturalizzate.

dedicata all’archeologia locale ALATRI – Presto all’interno del museo civico di Alatri verrà allestita una sezione dedicata ai reperti archeologici locali. A dare la notizia è stato l’assessore alla cultura del Comune, Giulio Rossi. “L'amministrazione comunale, in accordo con la direzione del museo, con la soprintendenza per i beni archeologici per il Lazio, con la provincia di Frosinone, con la regione Lazio e con la collaborazione del liceo ‘Pietrobono’, ha presentato un progetto di allestimento dei reperti archeologici locali, in fase di attuazione, che porterà alla realizzazione di una sezione loro interamente dedicata, la cui apertura al pubblico è prevista per il mese di Giugno 2010”. Proprio in virtù di questo una serie pregevole di reperti, provenienti dagli scavi archeologici di Alatri e conservati finora in un magazzino di Frosinone, sono stati recentemente riportati nel museo della città per essere esposti nel suddetto contesto ed essere quindi giustamente valorizzati". Reperti che in questa maniera potranno essere

Patrica, lavori in contrada Illori PATRICA - Buone notizie per i residenti in contrada Illori a Patrica: la XXI Comunità Montana ha approvato il progetto preliminare per un ulteriore intervento sulla strada locale. Con questo ennesimo intervento, di oltre 30.000 euro, verrà messo in sicurezza e riasfaltato un altro tratto stradale fino ad oggi sconnesso.

valorizzati con la possibilità una volta posti nell'edificio storico di avere il responso del pubblico e visitatori.

13 ANNO I - N° 21 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


S P O RT INIZIATIVA SPORTIVA

Il servizio di censimento ideato dalla Pisana è consultabile sul sito sport.regione.lazio.it

Nasce “Impianti a misura di sport” Nella nostra provincia presenti 639 strutture, molte delle quali obsolete ed inadeguate "Impianti a misura di Lazio", questo il nome del censimento, monitoraggio e georeferenziazione di tutti gli impianti e spazi sportivi del Lazio presentato nella sede della Regione Lazio assieme all'assessore regionale allo sport Rodano e agli assessori con delega allo sport delle provincie laziali. Nella regione Lazio sono presenti 6.282 impianti sportivi: 472 a Viterbo, 639 a Frosinone, 677 a Latina, 468 a Rieti e 4026 a Roma. In percentuale la Capitale raggiunge il 64% mentre la nostra provincia di Frosinone il 10% con 1.233 impianti sportivi. La top ten spazi attività sportiva Lazio, vede il calcio a 5 conquistare il primo posto (2.027), seguito da attività ginnico-motoria (1.669), tennis (1.555), pallavolo (1.244), pallacanestro (1.078), fitness (1.048), calcio a 11 (869), nuoto (463), bocce (463) ed infine judo lotta karate ed arti marziali (282). Si tratta della prima fase di un progetto ambizioso ed innovativo, che ha come obiettivo il censimento e la

georeferenziazione di tutti gli impianti sportivi del Lazio, con informazioni anagrafiche, funzionali e gestionali. "Impianti a Misura di Sport" sarà un servizio al cittadino, che saprà dove e come fare sport, e un supporto agli Enti Locali per la

Uno scorcio del “vecchio” Matusa

BASKET SERIE A DILETTANTI

Ferentino: tutto in una gara FERENTINO - Dura solo un quarto il sogno del Ferentino. Il quintetto allenato da Friso ha ceduto (78-68), com’era previsto, alla capolista del torneo ma ha ottienuto l’onore delle armi disputando una prestazione più che sufficiente. Poco si poteva fare contro un Sigma sempre più schiacciasassi.Al Ferentino non è bastato portare cinque uomini in doppia cifra e nemmeno tirare con il 51% dal campo per avere ragione dei siciliani. Archiviata la sconfitta, ora Ferentino è chiamata alla prova decisiva contro Liomatic Perugia. Domenica ventotto alle ore 18.00 la Fmc Ferentino si giocherà tutte le speranze play-off al Ponte Grande. La squadra di coach Friso appare da oltre un mese molto stanca e poco lucida sotto canestro e sicuramente la gara non si prospetta molto facile. Nessuno si era illuso di vincere domenica scorsa in Sicilia. Dalla trasferta a Barcellona nessuno si aspettava l’impresa, ma tutti aspettavano una risposta e cioè che questa squadra ci fosse ancora, che fosse ancora in grado di dire la propria in questo campionato e che non avesse mollato. Bene, questa risposta c’è stata. A Barcellona si è perso di dieci ma il Ferentino è rimasto in partita fino alla fine portandosi nei minuti finali addirittura a meno uno. Poi la differenza tra le due squadre in questo momento si è fatta sentire ed i siciliani hanno portato a casa il risultato. Ma la squadra ha dato segni risveglio importanti. I ragazzi di coach Friso hanno dato segnali positivi in vista del match decisivo di domenica con Perugia. Da lunedi hanno tutti cominciato a fare i conti su chi incontrare nella fase ad orologio, ma prima bisogna pensare a battere gli umbri. Quella di domenica è una partita fondamentale che può mettere in buone condizioni nella fase successiva la Fmc considerando la posizione di vantaggio per scontri diretti che contro Siena, Palestrina e Ruvo. Ma a tutto questo si penserà dopo, ora serve concentrazione massima per affrontare la Liomatic. Inutile dire che servirà un grande aiuto anche dal pubblico ferentinate,un risultato positivo potrebbe aprire scenari favorevoli in proiezione playoff. A.M.

I4 ANNO I - N° 21 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

programmazione dell'impiantistica nel territorio. Attraverso questa iniziativa si intende perseguire la valorizzazione del patrimonio dell'impiantistica sportiva, di promozione e di incentivazione della pratica delle attività sportive, ludico-motorie e sociali sul territorio della regione Lazio. Sono intervenuti al Tavolo dei Relatori tra gli altri Giulia Rodano, Assessore Cultura, Spettacolo e Sport della Regione Lazio, Alessandro Palazzotti, Presidente del Comitato Regionale CONI Lazio, Francesco Romussi, Direttore Patrimonio, Consulenza Impianti sportivi Coni Servizi. Ha coordinato i lavori il Direttore di Agensport Cecilia D'Angelo. A partire da lunedi la piattaforma informatica messa a disposizione dalla Coni Servizi sarà on-line sul sito sport.regione.lazio.it e, a margine della conferenza, è stata consegnata agli Assessori allo Sport delle cinque Province laziali e del Comune di Roma una password di accesso attraverso la quale sarà pos-

sibile interagire con il sistema, integrando e completando i dati relativi agli impianti dei territori di competenza, effettuando anche analisi di geo marketing. E' la prima volta che sullo sport la Regione Lazio porta avanti un lavoro di questo genere, in un'ottica di trasparenza e di lavoro in rete a servizio del cittadino grazie alla felice sinergia con le Istituzioni Sportive e con gli EELL. Si tratta del raggiungimento del primo step di un lavoro in itinere che si alimenterà con le segnalazioni, gli aggiornamenti e le integrazioni delle Amministrazioni Locali e degli stessi cittadini utenti. Alessandro Palazzotti , presidente del Comitato Regionale CONI Lazio si ritiene soddisfatto dei lavori: "Sono soddisfatto di questo momento, abbiamo potuto dare una prima risposta alle necessità di Amministrazioni e cittadini nel Lazio. Impianti a Misura di Sport è una base di partenza per lavorare in rete, con un minor spreco di risorse". Andrea Mastrantoni

CALCIO SCOMMESSE

Il turno di serie A A nove giornate dal termine il gioco delle motivazioni comincia a farsi sentire in serie A, riflettendosi di conseguenza sugli scommettitori. Per questo motivo molte quote del turno infrasettimanale sono già scese a picco. In calo il 2 del Milan a Parma e quello della Roma a Bologna (entrambi a 1,75), così come l’1 dell’Udinese sul Chievo (1,60) e quello dell’Atalanta sul Cagliari (1,70). Distinguiamoci dalla massa e prendiamo solo l’1 del Friuli come fissa, essendo quello che, ad un’analisi più approfondita, nasconde meno insidie. Preferiamo l’over per la partita di Bologna (1,80). Evitando l’Inter, causa quota, possiamo costruire un sistemino di triple legando i due pronostici di sopra di volta in volta con un pareggio. Le X da “mettere a giro” sono quelle di Bari-Samp, Catania-Fiorentina e Genoa-Palermo. L.T.

BASKET FEMMINILE SERIE B

Anagni conquista la vetta della classifica Contro Empoli un primato da difendere ANAGNI - La Romana Chimici Anagni passa anche all’Altero Felici ed è una vittoria fondamentale per la corsa della squadra del presidente Di Palma che è balzata prepotentemente in testa alla classifica. Nella gara delle bombe (51 tirate in totale!) vince chi sbaglia di meno e chi gestisce meglio il finale:la Stella si ferma proprio sul più bello,in pratica non segnando più negli ultimi 2’,Anagni ringrazia e festeggia. Come da pronostico è una gara giocata a mille da entrambe le squadre, tanti contatti dal primissimo secondo e gli arbitri mettono mano al fischietto subito,tanto che dopo 2’30”Caceres è già in panca con due falli,lo segue Ricci che al 5’ha commesso il terzo. Anagni prova subito a mettere la testa avanti (9-3), ma D’Ascanio non è della stessa idea, due triple nel 10-5 di break che rimettono a posto le cose (15-14). E l’equilibrio non si schioda, come spiegano le cifre del tutto simili dopo 20’: perché se la Stella tira meglio da tre (5/12 contro il 2/10), lo fa peggio dal pitturato, il 36% contro il 57 dei ciociari. Salta agli occhi il numero dei tiri liberi tirato, 17 contro 4 per Anagni,semplicemente perché i ragazzi di D’Arcangeli non appoggiano mai la palla dentro l’area, mentre la Romana Chimici penetra con una certa costanza; il corri e tira paga poco all’inizio del secondo periodo, quando il tabellone recita 2-4 per gli ospiti. Iannone predica pallacanestro, Santolamazza lo soffre e Anagni ne risente, tanto che la Stella vola sul 60-66, dopo aver anche sprecato un paio di possessi; lo stesso numero 8 di casa commette il quarto fallo stupidamente, e sarà un caso ma con lui in panca la Romana Chimici impatta a quota 66 con Bruni dall’angolo,prima di due perse di Giampaoli che aprono il fianco al contropiede stellino, 69-66 a 4’dalla sirena. Si gioca sui nervi, quelli ciociari sono saldissimi, prima 4 liberi poi il 5-0 che sembra dare il break decisivo: tripla di Romano in transizione (il marchio di fabbrica di questa squadra), poi Santolamazza si fa perdonare il fallo sul tiro da 3 di Iannone: 77-72 a 2’dalla sirena. La Stella non segna più, bella la stoppata di Franzè su Barucca (certo poi il lungo di coach Nunzi poteva e doveva risparmiarsi le provocazioni al suo ex pubblico), poi Anagni mette i liberi della staffa e il primato della regular season sembra essere una formalità. Con vista sulla B1. Appuntamento importantissimo quindi quello di domenica prossima. La Romana Chimici Anagni è chiamata a difendere il primato in casa contro la Mazzanti Empoli. Mai come stavolta ha bisogno dell'apporto dei suoi tifosi. A.M.

Leo difende Balotelli: “Era solo uno scherzo”

Giannini choc, a Gallipoli neanche i soldi per il cibo

L'allenatore del Milan difende l'attaccante dell'Inter che ha indossato la maglia rossonera: «Non diamo importanza a questo episodio». Sullo sprint scudetto: «Ci mancano nove partite, siamo pronti». Sulla sfida con il Parma: «Dovremo giocare come fatto a tratti contro il Napoli». Pato? Ha l'ansia di stare fuori».

Giannini chiarisce:“Quello che ho visto e sentito ieri sera non mi era mai capito in 30 anni di calcio. Sono rimasto colpito sul piano umano sotto il profilo della sensibilità: in quel momento ho capito che andare avanti era davvero difficile.“Di sicuro questa notizia ha scoraggiato i ragazzi, che non ricevono gli stipendi da 5 mesi ed arrivano a fatica a comprarsi gli alimenti”.


S P O RT CALCIO LEGA PRO

Il Cassino è tornato al lavoro per preparare l’ostica trasferta sul campo del Monopoli

Pellegrino chiede continuità Il tecnico azzurro:“Sarà fondamentale non fermarsi prima del doppio turno casalingo” CASSINO - In un clima disteso la truppa azzurra si è ritrovata ieri pomeriggio al Salveti per la ripresa degli allenamenti. I giocatori cassinati, agli ordini di Maurizio Pellegrino, dopo aver goduto di due giorni di assoluta libertà, hanno ri-

Il capitano del Cassino Martinelli

preso la preparazione al prossimo impegno di campionato che li vedrà protagonisti sul campo di una delle squadre più in forma del girone, quel Monopoli allenato da Chiricallo che non perde da oltre tre mesi e che nell’ultimo periodo ha inanellato una serie di sette partite senza sconfitte che la dice lunga sul momento di forma della compagine pugliese. Per il tecnico del Cassino, che ha parlato con i giornalisti nella consueta conferenza stampa del martedì, quello del “Veneziani” sarà il primo incontro di un trittico di gare al termine del quale sapremo se gli azzurri saranno in grado di lottare fino in fondo per l’obiettivo dei play-off. “Sono abituato a preparare una partita alla volta ed in questo momento il gruppo è concentrato esclusivamente sull’impegno di Monopoli. - ha esordito mister Pellegrino dinanzi ai taccuini dei cronisti - Il nostro obiettivo è quello di dare continuità alle prestazioni positive

sia in termini di gioco espresso che di risultati ottenuti arrivate nell’ultimo mese. Certo, ora che abbiamo archiviato il discorso relativo ad una salvezza che era stata messa in discussione seppur per un breve periodo, ci rendiamo conto di avere la possibilità di giocarci le nostre chance per l’accesso agli spareggi promozione. In questo senso, la gara di Monopoli sarà ancora più importante perchè precede il doppio impegno casalingo che ci vedrà ospitare Brindisi e Siracusa, due delle nostre rivali più agguerrite nella bagarre play-off. Sarà fondamentale quindi ottenere un risultato positivo che infonderebbe maggiore fiducia in questo gruppo che finalmente ha acquisito forza e consapevolezza nei propri mezzi”.Maurizio Pellegrino sa bene che in terra pugliese troverà una squadra in buona salute che intende archiviare il prima possibile il discorso relativo alla permanenza in seconda divisione. “Il Monopoli è senza dubbio uno

Maurizio Pellegrino nell’ultima gara vinta contro l’Igea Virtus dei peggiori avversari che poteva capitarci in questo momento - ha concluso il tecnico cassinate - in quanto è riuscito a mettere in fila una serie di risultati positivi che gli ha consentito di tirarsi fuori dalle sabbie mobili della bassa classifica. Ma, al di là della forza della squadra pugliese, siamo coscienti del fatto che

se giocheremo con la stessa intensità e cattiveria agonistica delle ultime uscite, il risultato arriverà. La tranquillità che pervade il gruppo deve essere la nostra forza, la spinta che serve per affrontare le sette finali che ci attendono con il giusto approccio mentale”. Antonino Massara

CALCIO LEGA PRO

CALCIO 1^ CATEGORIA

Jefferson recupera in fretta: “Vogliamo continuare a sognare”

Sant’Apollinare torna a guardare tutti dall’alto Mister Zollo: “Con l’Arpino la prima di sei finali”

CASSINO - Andrade Siqueira Jef- di acquisire maggiore fiducia e di inteferson è un brasiliano atipico, un ra- grarmi con il resto del gruppo senza gazzo serio ed introverso che particolari problemi. - ha chiosato Jefpreferisce parlare sul campo a suon ferson - L’allenatore ha da subito credi gol piuttosto che dispensare sorrisi duto in me ed io ho fatto di tutto per ripagarlo con l’impeo dichiarazioni a gno sul campo. Il mio ritmo di samba. Il compito è quello di centravanti arrivato aiutare la squadra a in gennaio alla corte centrale l’obiettivo dei di Pellegrino ieri poplay-off: siamo a due meriggio ha lavorato punti ed abbiamo il a parte a causa della dovere di inseguire contrattura che lo ha questo splendido trabloccato nello scorso guardo che fino a fine settimana. La ripoche settimane fa sonanza effettuata sembrava irraggiunl’altro ieri ha scongiugibile. Non conosco rato lo stiramento al L’attaccante Jefferson molto bene i nostri flessore della coscia destra e quindi da quest’oggi Jeffer- prossimi avversari del Monopoli però son tornerà a lavorare in gruppo. mi sono reso conto che in questo camNessun dubbio sull’utilizzo della pionato non ci sono partite facili: siamo punta carioca al Veneziani di Mono- consapevoli di vivere un buon mopoli. “A Cassino mi sono trovato subito mento quindi andremo in Puglia conbene, sono riuscito ad andare in gol alla vinti di poter ottenere un risultato ant.mass. prima uscita e questo mi ha permesso positivo”.

Il Sant’Apollinare, vincendo sul campo dell’Ambrosiana Ferentino, è sbalzato, quasi a sorpresa, al comando della classifica del girone H di prima categoria. Non ci si meraviglia certo del fatto che un gruppo come quello di mister Zollo possa guardare tutti dall’alto, cosa che ha già dimostrato di poter fare nel corso della stagione, ma ciò che sorprende è come il tanto agognato sorpasso ai danni del Paliano, che non si era concretizzato due domeniche fa quando sembrava nell’aria, in occasione dello scontro diretto tra Tecchiena e Paliano, ci sia stato nel turno in cui la ex capolista è tornata a giocare tra le mura amiche. Certo l’avversario di turno per il Paliano si chiamava Aquino, squadra di tutto rispetto, partita per centrare i play off, obiettivo ora difficilmente raggiungibile. Mettia-

moci pure che il Sant’Apollinare è tornato a vincere in trasferta, dove non è mai stato un fulmine di guerra, ed il gioco è fatto. “Devo dire che ci aspettavamo questa vittoria, vista la differenza di valori in campo, - ci dice l’allenatore Roberto Zollo – anche se poi, a questi livelli, giocare lontano da casa apporta sempre delle insidie. Conoscere il risultato del Paliano, che in mattinata era stato fermato sul pareggio dall’Aquino, ci ha indubbiamente dato una marcia in più: siamo entrati in campo con la certezza matematica che i tre punti ci avrebbero restituito la vetta. La partita è stata sempre nelle nostre mani, anche dopo il nostro vantaggio, ad eccezione degli ultimi cinque minuti in cui il Ferentino ha provato il tutto per tutto. Siamo stati bravi a segnare il gol del 2 a 0 e a chiudere i conti. In sintesi posso

Alonso prepara il bis: “Mi piace Albert Park”

Inter, si ferma Milito In dubbio per il Livorno

Il pilota spagnolo nel suo blog personale sul sito internet della Ferrari: "La doppietta di Sakhir ci ha dato una bella iniezione di fiducia, ma non deve farci dare nulla per scontato. Ho un buon feeling con il circuito australiano. Tracciato tecnico, con curve interessanti. Sorpassi non facili, importante il risultato delle qualifiche".

Per l'argentino dell’Inter Diego Milito problema muscolare in allenamento: a rischio per la sfida di domani sera a San Siro contro il Livorno di Serse Coscmi. Mancheranno anche Wesley Sneijder e probabilmente Mario Balotelli: l'attacco è un rebus. Mourinho costretto a rinviare la lista dei convocati. Tornerà il romeno Christian Chivu.

parlare, senza presunzione, di un impegno abbastanza facile”. A rendere la domenica del Sant’Apollinare ancora più dolce ci ha pensato il Ceprano, che ha giocato un brutto scherzo al Real Tecchiena, battendolo per 2 a 1 davanti al proprio pubblico e facendolo precipitare a cinque lunghezze dal primo posto. Tuttavia Zollo non crede che, a sei giornate dal termine, la lotta si sia ridotta a sole due squadre. “Non considero assolutamente il Tecchiena estromesso dai giochi, visto che tra le tre contendenti è quella con il calendario più facile. Noi al contrario abbiamo ancora sfide con squadre molto attrezzate, a partire dalla prossima, in casa contro un Arpino che mi ha fatto una grande impressione all’andata. Si tratterà della prima di sei finali”. Luca Tedeschi

15

ANNO I - N° 21

MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


ALLA REGIONE LAZIO P O OL IN N RE ESIIIDE DE E N TE POLVERINI PO OLVER V R RIN NII PRESIDENTE P PRE ESI EN NTE E LVER ID

FAMIGLIA SOCIALE LAVORO SANITA

“C mbia la “Cambia la Regione, R Reg gion i ne, all Ce C Centro entr tro cii seii Tu!” Tu!”


lagazzettafrosinone240310a