Page 5

REGIONE Bilancio, in tre mosse la proposta del Pd Ieri il segretario regionale Danilo leva ha incontrato le parti sociali e lunedì il suo gruppo presenterà degli emendamenti al documento “che oggi fatica a dare risposte alle istanze del Molise” CAMPOBASSO – E’ un problema di visione. L’approvazione del Bilancio e della legge Finanziaria 2010 cui Iorio ha dato un’accelerata improvvisa a fine anno si giustifica “da un’idea di partecipazione diversa che il governatore ha rispetto a noi del Partito democratico, che all’uomo solo al comando preferiamo la concertazione”. Sono le parole del segretario regionale Danilo Leva che ieri ha incontrato le parti sociali (sindacati, cooperative e associazioni di categoria) per accogliere le loro istanze e farsene portavoce in Consiglio regionale dove lunedì comincerà la discussione dei documenti economici e finanziari più importanti dell’anno. I rappresentanti dei lavoratori e degli imprenditori infatti hanno lamentato nei giorni scorsi il ritardo con cui sono stati convocati dalla prima commissione di Antonino Molinaro, che lunedì ha licenziato il testo. “E’ stato un incontro molto proficuo – ha spiegato Leva nel corso della conferenza convocata nel pomeriggio di ieri – anche perché oltre alla denuncia di una posizione perfettamente condivisibile, noi facciamo delle proposte”.

In tre ‘c’ la sintesi dell’alternativa: competitività, coesione sociale e capitale umano. Sono questi i temi su cui lavorare migliorando, attraverso degli emendamenti che il Pd presenterà alla bozza, un documento “che oggi fatica a rispondere alle esigenze di un Molise che arranca, un documento in cui le uscite (242 milioni di euro) superano le entrate (199 milioni) con 50 milioni di deficit sanitario, checché ne dica il presidente Iorio”. Tre le voci da cui attingere: i 57 milioni di euro del fondo anticrisi “che andrebbero ‘travasati’ in quelle aziende che fanno ricerca e investono nelle innovazioni; poi eliminare i 10 milioni di euro che oggi si spendono per le consulenze e che potrebbero essere destinati ai precari e a tutti coloro che sono stati esclusi dagli ammortizzatori sociali in deroga. Infine, vanno rimosse le commissioni speciali che costano alle tasche regionali 1 milione di euro, denaro che potrebbe servire alle scuole, gli istituti di montagna e il tempo prolungato”. AD

L’ex dirigente dell’Idv: alle primarie di Termoli con un nostro candidato

Astore vs Di Pietro: riproporre Greco è solo una lavata di faccia CAMPOBASSO – Mentre i due grandi partiti del centrosinistra – Pd e Idv – perdono pezzi, il nuovo movimento Costruire Democrazia ne approfitta per portare avanti la sua opera di “proselitismo”. La prossima primavera, nella quale sono in programma le ele-

Carburanti: volano benzina e diesel MILANO - Ondata di rialzi sulla rete carburanti dopo lo scatto di avanti di Agip di martedì scorso. In questi due giorni tutte le compagnie hanno rialzato i listini di benzina e diesel. Lo stesso presidente dell'Antitrust, Antonio Catricalà, ammette di non capirne il motivo, ma di non essere grado di dimostrare che sia un illecito.

zioni comunali a Termoli e Montenero di Bisaccia, potrebbe portare in dote una geografia politica rivoluzionata. È solo di qualche giorno fa la re-investitura all’ex sindaco Vincenzo Greco da parte di Antonio Di Pietro che ne ha apprezzato l’azione amministrativa, nonostante le molteplici divisioni in seno alla sua maggioranza (“Il sindaco Greco ha tutto il nostro appoggio per l’impegno politico dimostrato in questi anni. L’Idv è pronta ad appoggiare la sua candidatura e prenderà atto di altre proposte solo se Greco non vorrà accettare”). Giuseppe Astore di Costruire Democrazia bolla la decisione dell’ex pm con un “a me le lavate di faccia non piacciono” e definendo lo stesso Greco come “un buon candidato, ma che deve uscire da un tavolo”. Ipotesi primarie, dunque? “Non siamo con-

trari alle primarie per scegliere la classe dirigente con delle regole, anzi le sosterremo con un nostro candidato”. A Montenero la situazione è ancor meno chiara: “Non so bene cosa accadrà, ma non litighiamo con nessuno, né tantomeno favoriamo i giochi di potere”. Sabato, intanto, ci sarà la prima assemblea cittadina del movimento a Campomarino con il presidente, Massimo Romano, lo stesso Giuseppe Astore, Erminia Gatti, oltre all’assessore comunale Giuliano Rainone ed i consiglieri Patrizia Taormina e Pasquale Di Giulio. “Sarà un incontro come quello che abbiamo tenuto a Campobasso, per prendere contatto con il territorio” – chiosa il senatore ex Idv. D’altra parte, il movimento è nato con l’obiettivo di promuovere un dibattito sui temi civili e politici più rilevanti rappresen-

Maroni: entro 3 mesi body scanner in tre scali ROMA - Al massimo entro tre mesi sarà avviata la sperimentazione dei body scanner in tre aeroporti italiani: Fiumicino, Malpensa e Venezia. Lo hanno annunciato i ministri dell'Interno Roberto Maroni e delle Infrastrutture e trasporti Altero Matteoli al termine di un vertice all'Enac.

tando un punto di riferimento per coloro che avvertono l’esigenza di contribuire alla nascita di una nuova fase della vita politica regionale. Uno strumento di partecipazione attiva alla vita democratica: “Contro il declino sociale non ci si vuole rassegnare – avevano sottolineato Astore Romano e la Gatti alla presentazione della scorsa fine novembre a Campobasso –. Avvertiamo, invece, la responsabilità di dire ai molisani come stanno realmente le cose, di denunciare il malaffare politico e di proporre le soluzioni possibili per restituire al Molise una prospettiva di futuro”. La battaglia contro il nucleare e la relativa proposta di legge regionale ne sono un esempio che, di certo, non rimarrà il solo. Adimo

5 ANNO III - N° 04 VENERDÌ 8 GENNAIO 2010

lagazzettadelmolise_8-01-10a  

Risucchiato dalla macina, muore agricoltore L’OSCAR DEL GIORNO A GIUSEPPE ASTORE Ingotte, consegnati i lavori del viadotto DISTRIBUZIONE GRA...