Page 1

ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Al parlamento europeo

A ISERNIA

Vota

L’OSCAR DEL GIORNO A MICHELE IORIO

VOTA

scrivi: Berlusconi

Matera

PER LUIGI MAZZUTO

PER LUIGI DI BARTOLOMEO

Luigi MAZZUTO

Luigi DI BARTOLOMEO

presidente della Provincia

sindaco di Campobasso

Il presidente della Regione Michele Iorio è tra i politici italiani più presenti e più comunicatori su Facebook, la piazza telematica più trendy del momento. Al primo posto, per sostenitori, c’è il governatore della Puglia Nichi Vendola, con 14091 contatti. Ma il nostro presidente si aggiudica la palma del più presente e ‘commentato’ dalla rete virtuale di Facebook. Notizie in tempo reale sull’attività della Giunta regionale del Molise, sugli appuntamenti istituzionali, curiosità e, persino, musica fanno aggiudicare a Michele Iorio il titolo di presidente della Regione più comunicatore e ‘virtualmente’ vicino al cittadino.

IL TAPIRO DEL GIORNO ALLA CGIL MOLISE

Ripuliremo la città

Ci risiamo. L’ennesima fumata nera dopo le consultazioni dei dirigenti, potrebbe consegnare la Cgil molisana ancora ad un commissario esterno. Il tentativo di convergere sul nome unico del segretario – ne sa qualcosa una parte politica vicina, guarda un po’, allo stesso sindacato – ha provocato un’ulteriore spaccatura all’interno dell’organizzazione. L’eredità di Italo Stellon è destinata ad essere raccolta fuori regione, magari da qualcuno che, con tutto il rispetto, non può conoscere la realtà molisana come chi vi è nato. E dire che il sindacato predica sempre l’unità. Ma al suo interno l’eccezione conferma la regola che gli vale un bel tapiro.

www.lagazzettadelmolise.it 20.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Ieri nel capoluogo il leader de La Destra: lontani dai poteri forti e vicini al Sud

Storace: vogliamo rilanciare l’autonomia della politica CAMPOBASSO – “La politica, tra i tanti valori, ha perso quello dell’autonomia. Noi vogliamo rilanciarlo”. Francesco Storace, segretario nazionale della Destra ieri a Campobasso, è pronto al giorno del giudizio: quello che gli elettori esprimeranno domani e dopodomani per le elezioni Europee e amministrative. Perché un’alleanza con il Movimento per le Autonomie e l’Alleanza di Centro? Per superare, con qualche probabilità in più, lo sbarramento del 4% nazionale? “I nostri riscontri sono più che buoni. Vogliamo che la politica dell’auto-

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 E-mail: lagazzettadelmolise@tin.it Sito internet: www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: Tipografia Poligrafica Ruggiero Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita

nomia del Mezzogiorno sia lontana dai poteri forti”. L’Italia “è l’unico Paese dei 27 d’Europa che ha approvato la misura dello sbarramento alla vigilia delle elezioni. Si tratta di un atto di prepotenza politica”. L’anno scorso “volevano farci scomparire, come hanno fatto con Alleanza Nazionale confluita nel Pdl. Ricordo ancora le parole di Berlusconi dal palco: ‘vengano i leader di partito e consegnino le bandiere’. Questa è una richiesta che si avanza in guerra ai vinti. E noi non siamo sconfitti. Anzi, abbiamo i nostri valori da affermare”. Valori, come quelli anticasta: “Nelle nostre liste i candidati sono in ordine alfabetico e gli elettori decideranno le gerarchie in base ai voti”. Dopo Europee e Amministrative, un’altra prova potrebbe ulteriormente mutare gli equilibri del quadro politico: il referendum abrogativo del 21 giugno. Tre quesiti sull’abolizione del collegamento tra liste alla Camera, al Senato e della possibilità di candidatura in più collegi. “Siamo contrari al referendum. Il Governo ha avuto l’accortezza di spostarlo a dopo le elezioni per farlo saltare. Noi inviteremo a non votare. È quantomeno singolare che uno come Fini, poi confluito nel Pdl con Alleanza Nazionale, abbia sguinzagliato i

suoi per raccogliere le firme contro l’accordo Berlusconi-Bossi che poi si è trasformato in un coriandolo”. Ed è ad Isernia che “si è consumata la rottura del centrodestra con il vice sindaco della città pentra candidato alla presidenza della Provincia. Questo è un esempio di protagonismo politico e ne siamo orgogliosi”. L’ex ministro della Sanità del precedente Governo Berlusconi ha poi parole ‘dolci’ per il giovane candidato al consiglio Comunale di Campobasso, Marco Saluppo: “È importante che ci sia un rappresentante della Destra nell’assise civica, il quale potrà restituire una speranza ai suoi coetanei”. Una speranza che sembrano aver perso proprio le giovani generazioni, le vere protagoniste della nuova emigrazione: “L’Istat ancora non lo dice, ma ci sono moltissimi giovani che

dal Mezzogiorno si spostano verso il Nord per una politica che ha costretto le persone alla rassegnazione”. Il lavoro, infatti, è in cima alla lista dei problemi di questo angolo d’Italia: “Vogliamo restituire ai cittadini del sud la possibilità di vivere dignitosamente. Queste elezioni non sono un test per il Governo, ma per noi rappresentano l’interesse per il meridione attraverso il riequilibrio sociale. Non come l’esecutivo che è comandato dalla Lega e pensa solo al Nord”. Quali sono, allora, gli obiettivi della Destra in Europa? “Faremo di tutto per frenare l’ingresso della Turchia, sia per l’identità continentale che per impedire il proliferare delle moschee, sul modello di Sarkozy, a scapito delle nostre cattedrali. Inoltre, 90 milioni di turchi contro 300mila molisani, possono costituire un pericolo per la riparti-

zione dei fondi”. Le banche: “Gli istituti di credito concedono prestiti a tassi usurai e le imprese medie e piccole del sud finiscono gambe all’aria. Questo a causa del troppo potere della Banca Centrale Europea che non permette loro di beneficiare degli ammortizzatori sociali”. Commercio estero: “l’Europa dica a Cina, India e alle altre economie emergenti che devono pagare i dazi, così come le nostre imprese, per entrare nel mercato comunitario”. Immigrazione: “L’Unione europea deve darsi una regola. In Italia ci sono troppe norme di favore. Troppo spesso gli immigrati delinquono – il 60% dei detenuti è di nazionalità straniera – e devono scontare la pena nel loro paese d’origine. Non si può far convivere il danno con la beffa”. Trattato di Lisbona: “Nega il diritto di veto, come quello minacciato dall’Italia sull’applicazione del protocollo di Kyoto – quello sulle emissioni inquinanti – e la rappresentanza in Europa delle nostre imprese”. Infine, la natura pubblica dell’acqua: “Questa risorsa non deve essere in mano ai poteri forti. Dobbiamo restituire all’Italia il suo ruolo di eccellenza nel mondo della scuola e della cultura popolare. I segnali sono incoraggianti”. Adimo

Una prepotenza politica lo sbarramento al 4% prima del voto

L’esecutivo è comandato dalla Lega e pensa solo al Nord

GIORNALE SATIRICO

2 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009

Voli di Stato, la Procura vuole vederci chiaro ROMA - La procura di Roma è intenzionata a chiedere al Tribunale dei ministri indagini mirate su diversi aspetti della vicenda dei cosiddetti voli di Stato che hanno determinato, come atto dovuto vista la denuncia del Codacons, l'iscrizione del presidente del consiglio Silvio Berlusconi nel registro degli indagati per l'ipotesi di reato di abuso d'ufficio.

La Bce lascia invariato il costo del denaro FRANCOFORTE (GERMANIA) - Nessun cambiamento. La Banca centrale europea ha lasciato invariato all'1% il costo del denaro in Eurolandia. Lo ha deciso il Consiglio direttivo dell'istituto centrale a Francoforte. Invariati anche il tasso sui prestiti marginali erogati dall'istituto centrale (1,75%) e quello sui depositi overnight presso la Bce.fermo allo 0,25%


PRIMO PIANO Il vicepresidente della Camera ieri a Campobasso per l’ultimo appello al voto Le amministrazioni del Partito democratico sono una garanzia

Rosy Bindi: il Governo ha lasciato solo il Paese CAMPOBASSO – “Il Governo ha lasciato solo il Paese. Il presidente del Consiglio ha detto che c’è la crisi, ma tanto non muore nessuno. Ogni giorno però c’è qualcuno che muore sul posto di lavoro”. Rosy Bindi, vice presidente della Camera, ieri a Campobasso a sostegno dei candidati del Pd – Augusto Massa al Comune di Campobasso e Antonio Sorbo alla Provincia di Isernia – non risparmia accuse al capo del Governo dopo le dichiarazioni di mercoledì sera a Porta a Porta. “Ci accusano di non sapere dove collocarci al Parlamento europeo. Noi, invece, lo sappiamo: ci collochiamo dalla parte degli europei. Gli euroscettici sono loro: contro l’euro, a favore di Bush nella guerra in Iraq che ha diviso l’Europa, in disaccordo con le direttive comunitarie per la gestione dei finanziamenti, con Tremonti che ‘riscopre’ il protezionismo e che fa salire il debito pubblico, con un ministro che taglia continuamente l’offerta formativa scolastica e contro le donne che sono costrette a rimanere a casa invece di lavorare

perché i figli escono da scuola alle 12:30 e bisogna andarli a prendere”. In Molise, è noto che Pd e Italia dei Valori corrono divisi nelle due principali amministrazioni da rinnovare. “Il radicamento di Di Pietro qui è forte e mette a rischio la vittoria del centrosinistra. Lo fa solo per il gusto di affermare chi è più forte. Di Pietro può fare l’alleato, non l’alfiere”. Al ruolo di alfiere deve ergersi – precisa la Bindi – a prescindere dall’appartenenza politica, chi è contro “il potere del presidente Iorio che si fonda sulla sanità, attraverso un ben noto conflitto di interessi: è contemporaneamente controllore, controllato ed erogatore di servizi. Neanche San Francesco…”. L’ex ministro della Famiglia nell’ultimo Governo Prodi ricorda come “il centrosinistra ha apportato una svolta storica elargendo finanziamenti cospicui alle regioni che, però, dovevano osservare comportamenti virtuosi. Ora, siccome molte di esse hanno sforato il tetto di spesa, anche quelle amministrate dal centrosini-

stra, devono presentare un piano di rientro. La situazione del Molise è sospesa e, se non adempie, rischia il commissariamento con delle conseguenze pesanti: il debito ricadrà sulle casse regionali – e quindi sui cittadini – e la Regione non potrà più fruire di ulteriori fondi. Si è fatto un piano di rientro in fretta e furia tagliando servizi ai cittadini”. Cittadini di un mondo e di un Paese che, piaccia o no, è sempre più globalizzato. “Perché gli Usa hanno accettato questa realtà? Perché lì tutti si sentono americani”. La Toscana, lo scorso 1° giugno, ha varato una legge sull’immigrazione “basata sulla sicurezza, sulla solidarietà e sull’integrazione” contro la quale “il Governo ha già presentato ricorso alla Corte Costituzionale”. Si tratta di un controsenso perché la normativa “si basa sull’articolo 2 della Costituzione – i diritti inviolabili dell’uomo e l’adempimento dei doveri di solidarietà politica, economica e sociale – e non come la Bossi-Fini che è cattiva nel senso ‘maroniano’ del termine. Che senso ha dire che il 75%

degli italiani è d’accordo con i respingimenti? Il respingimento è un atto individuale: ci si può trovare di fronte a donne, donne incinte e bambini. Non credo – spiega – che l’Italia debba comportarsi come la Svizzera che respingeva alla frontiera gli ebrei in fuga. Non è questa l’Italia che abbiamo costruito. La Bossi-Fini cavalca la paura dei cittadini, costringendoli a compiere atti cattivi e disumani”. I cittadini del domani, o meglio i giovani, “sono vittime di una società bloccata che sembra mettere da parte i valori che ci sono stati trasmessi dai nostri genitori che, pur non avendo studiato tanto, ci hanno insegnato a vivere nella maniera migliore ed è per questo che l’Italia è un grande Paese”. La famiglia, cui “il governo ha dimezzato il fondo che aveva a disposizione”, è la prima formazione sociale “depositaria di diritti nella Costituzione”. Ma se “uno ha deciso di non vivere

secondo quel modello, deve essere considerato un clandestino? È questo quello che noi chiamiamo uno Stato laico che deve proteggere queste forme non tutelate dalle sopraffazioni. I primi laici devono essere proprio i cristiani”. Del resto, anche nel Vangelo si legge “date a Cesare quello è di Cesare, cioè il denaro e non la persona, perché la propria vita e i propri diritti non sono di qualcun altro. La Chiesa e la religione devono essere liberi di parlare di Dio a tutti. Chi ha usato il nome di Dio in politica, ha sempre fatto danni. Come Tremonti che si richiama a Dio, patria e famiglia: i laici devoti sono una specie molto diffusa in questo periodo. Per questo il Pd – conclude – è il centro dei valori che si richiamano alla laicità”. Antonio Di Monaco

Presidenti delle Regioni su ‘Facebook’ Il governatore Michele Iorio tra i più presenti e comunicatori CAMPOBASSO - E' guerra di adesioni su 'Facebook' tra i politici italiani. Una battaglia trasversale, che si combatte anche tra esponenti dello stesso schieramento. L’indagine, questa volta, è stata condotta tra i presidenti delle Regioni d’Italia. Al primo posto, per sostenitori, il Presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, con 14091 sostenitori : bacino di sostenitori influenzato sicuramente dalla sua posizione di politico nazionale ed esponente di spicco del Movimento per la Sinistra. Al secondo posto , il presidente della Regione Sardegna, Ugo Cappellacci, con 3104 sostenitori ; segue a ruota Gianni

Chiodi, presidente della Regione Abruzzo, con 1507 fan. Quarto posto a Mercedes Bresso, con 1221 sostenitori, governatoredella Regione Piemonte. Quinto posizionato quello della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, con 997 fan. La Lombardia, con il suo governatore Roberto Formigoni si attesta al sesto posto, con 762 fan. Sesto posto per il presidente della Regione Molise, Michele Iorio, con 448 sostenitori, che batte il suo collega veneto, Giancarlo Galan (240 fan), il friulano Renzo Tondo (183), il ligure Claudio Burlando (121), il marchigiano Gian Mario Spacca (118); l’emiliano Vasco Errani (49) e, addirittura, il presi-

Chi va in carcere non può essere licenziato

Calderoli: i difetti di Noemi non bella e napoletana

ROMA - Chi va in carcere per motivi indipendenti dall'attività lavorativa, non ha diritto allo stipendio ma non può essere licenziato se l'azienda può far fronte alla sua mancanza senza nuove assunzioni o cambiamenti organizzativi. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione convalidando il reintegro al posto di lavoro di un'azienda napoletana.

ROMA - “Noemi? Ha due difetti: È bruttina (l'è gnanca tant bela e napoletana”. Così il ministro Calderoli che fa un appello a Berlusconi: “Basta con Napoli, torna ad Arcore”. E ancora: “Fini è bravo ma i suoi voti li prendiamo noi”. «Conquisteremo le piazze rosse: Franceschini si trovi un lavoro, da lunedì sarà disoccupato».

dente della Regione Lazio, Piero Marrazzo, che si ferma a quota 38 sostenitori. Ma il governatore del Molise, Michele Iorio, si aggiudica essere anche il presidente più presente e ‘commentato’dalla rete virtuale di Facebook. Notizie in tempo reale sull’attività della Giunta regionale del Molise, sugli appuntamenti istituzionali, curiosità e, persino, musica fanno aggiudicare a Michele Iorio lo scranno di presidente della Regione più comunicatore e ‘virtualmente’ vicino al cittadino. Assenti i presidenti delle Regioni Campania, Trentino, Umbria, Calabria, Basilicata, Valle d’Aosta e Toscana.

3 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


A tu per tu con il candidato sindaco del Pdl

Gino Di Bartolomeo: non temo nessuno dei miei avversari CAMPOBASSO – Passione e competenza, è questo lo slogan scelto dal candidato sindaco del Pdl Gino Di Bartolomeo. Un campobassano conosciuto da tutti, talmente noto in città che ha avuto il sostegno per la corsa a Palazzo San Giorgio di 11 liste. Un esercito di aspiranti consiglieri. Donne, giovani e facce più o meno note dell’ambiente. Qualcuno lo ha criticato, ma su ‘big Gino’ (come è stato affettuosamente ribattezzato, non sappiamo se per la stazza o per la personalità ndr) una cosa non si può proprio dire: che non abbia bene in mente il suo obiettivo. E se è vero che il fine giustifica i mezzi, almeno è vero in politica, tutti sanno, pure i sassi, che il ‘fuciliere’ vuole diventare primo cittadino. Senatore Di Bartolomeo, oggi si chiude la campagna elettorale, già domani pomeriggio buona parte della città andrà ai seggi per esprimere la preferenza. I toni sono stati accesi durante queste ultime settimane, lei è stato invitato molte volte al confronto con i ‘colleghi’, in qualche caso c’è andato in qualche altro no. Ci spiega perché? “Mi sono accorto che quando io c’ero, loro cinque si coalizzavano contro di me, e quando ero assente, stavano l’uno contro l’altro. Questa cosa andava evidenziata. Poi c’è un’altra ragione, e mi riferisco al confronto organizzato dalla sede regionale della Rai. Io che non sono andato avrei avuto 3 minuti per parlare del programma, loro 15 minuti se consideriamo che stanno tutti nello stesso centrosinistra. Perché sappiamo tutti quanti che se si dovesse arrivare al ballottaggio troveranno quella sin-

Sinistra e libertà in autunno sarà un partito In autunno Sinistra e libertà, lista che si presenta alle elezioni Europee, diventerà un partito: lo annuncia Claudio Fava. Fava aggiunge che chi accusa Sl di essere solo una riproposizione della Sinistra arcobaleno “lo fa in malafede, dicendo il falso e sapendo di dire il falso”

tesi che fino a oggi è mancata. Poi c’è quel ragazzino di oltreconfine (Massimo Romano ndr) che parla dell’ex Romagnoli e dice che vuole farci la foresta, dimenticando che uno dei suoi candidati (il consigliere comunale uscente Carmelo Parpiglia, passato, solo recentemente, nelle fila dell’IdV ndr) ha votato il Masterplan per la costruzione della nuova sede della Regione Molise. Sono loro che dicono frottole, non si può andare dietro a queste baggianate”. Quale dei suoi avversari teme di più e perché? “Non ne temo nessuno”. Lei ha sempre sfoggiato una certa sicurezza durante i comizi e la presentazione delle liste. E’ ancora sicuro di vincere, anche dopo che è esploso il caso campobassano sul voto di scambio e che vede indagati due consiglieri uscenti di centrodestra? Se il voto di scambio c’è stato lo accerterà la magistratura. Ma vorrei dire

“Quel ragazzino di oltreconfine vuole fare una foresta sull’ex Romagnoli Dimentica che nella sua lista c’è chi ha votato il Masterplan”

che anche candidarsi (si riferisce ancora a Massimo Romano) per portare voti a Di Pietro a Bojano è una forma di scambio”. Se l’elettorato la sceglierà, che tipo di sindaco sarà per questa città? “Sarà il sindaco dei giovani e della gente. Una persona dai capelli bianche che penserà ai ragazzi e alle loro famiglie. Perché non assumano nulla, né alcol né altre sostanze. I genitori devono poter stare tranquilli e sapere che i loro figli torneranno a casa. Noi vigileremo perché certi fatti spiacevoli non si verifichino più”. Dei numerosi progetti illustrati nel programma a quale darebbe priorità assoluta. Insomma, quali emergenze vive Campobasso? “Questa città è tutta un’emergenza. Il bilancio comunale sarà l’emergenza più grossa perché a Palazzo San Giorgio troveremo un buco enorme. Ascoltare per capire, è il mio motto. Sarà la gente a segnalarmi le urgenze, ma voglio essere attento soprattutto alle categorie svantaggiate. Voglio poter restituire ai campobassani quello che loro, in termini di voto, mi hanno dato in 40 anni. E mi auguro che chi ha di più possa dare a chi ha meno, perché se stanno bene i più deboli stanno meglio tutti”. Sa che parla un po’ come il segretario del Partito democratico Dario Franceschini. Due giorni fa nel suo comizio su corso Vittorio Emanuele il numero uno del Pd ha detto proprio

Europee: non diffondere risultati prima delle 22 Nessun risultato relativo alle elezioni europee potrà essere reso noto dalle autorità pubbliche fino a domenica sera alle 22. E tutti gli Stati membri “dovranno rispettare le regole”. E' il richiamo della Commissione Ue dopo le notizie dall'Olanda, secondo cui i primi risultati elettorali sono stati diffusi già nella serata di ieri.

questa cosa. Facendo riferimento però, ad alcune mozioni bocciate dal governo Berlusconi rispetto alla tassazione dei redditi più alti a favore delle associazioni di volontariato che si occupano di povertà. “Franceschini ha avuto 18 mesi per fare quello che oggi dice che vorrebbe fare. Invece lui e la sua squadra capeggiata da Prodi hanno protetto banche e cooperative rosse”. AD

5 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


REGIONE Falsità sul bando ‘Giovani e Lavoro’. Ecco tutta la verità dell’avviso pubblico

La Direzione regionale III striglia Romano di Bojano CAMPOBASSO – Ha sventolato per l’intera campagna elettorale la palma della legalità. Ha perfino salito le scale della Procura per denunciare presunti comportamenti illeciti di avversari che non l’hanno degnato di un confronto. Ma stavolta Massimo Romano di Bojano (che in barba ad ogni etica politica invoca il voto disgiunto) ha toppato proprio. A furia di vedere del marcio in qualsiasi iniziativa si è lasciato trasportare da dichiarazioni che non rispondono al vero. Tant’è che una bella nota ufficiale

inviata dalla Direzione generale III della Regione Molise gli risponde per le rime a proposito del Bando ‘Giovani al Lavoro’: “Il bando ‘Giovani al lavoro’ è un avviso pubblico approvato con deliberazione di Giunta regionale n. 850 del 29 luglio 2008 e pubblicato sul Burm (Bollettino Ufficiale Regione Molise) n. 21 del 1 settembre 2008. Il bando prevede la concessione di un contributo ai giovani molisani per la creazione di nuova impresa. La valutazione delle domande

pervenute in relazione alla prima scadenza prevista, è stata effettuata da un’apposita Commissione che, nel corso dei lavori, ha constatato l’impossibilità a determinare gli importi del contributo erogabile per ciascun richiedente, in conseguenza della mancanza di dettaglio delle spese ammissibili, esposte nei singoli progetti; pertanto ha rinviato alle valutazioni dell’organo regionale competente la decisione circa il prosieguo dell’esame, al fine della determinazione del contributo erogabile per ciascun pro-

getto, suggerendo di richiedere ai singoli candidati la acquisizione di ulteriori dettagli, relativi alle voci di spesa dichiarate. Pertanto la Giunta regionale, con Dgr n. 509 del 11 maggio 2009, ha ritenuto opportuno richiedere per tutti i progetti ammessi una informativa di dettaglio attraverso schede esemplificative predisposte dalla Commissione, la cui compilazione da parte dei candidati,

potrebbe costituire la informativa di dettaglio. Tale procedura ha necessariamente comportato un ritardo della pubblicazione della graduatoria definitiva sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise”.

Benefici della riduzione dei tributi e contributi post-sisma

Coldiretti: ingiusto penalizzare chi ha già pagato CAMPOBASSO – Ingiusta l’interpretazione restrittiva della legge n. 201 del 22 dicembre 2008, che nell’area del “cratere” del sisma in Molise del 2002 - riconosce la riduzione al 40% della imposizione contributiva e tributaria nel periodo di sospensione, dal 31 ottobre 2002 al 31 dicembre 2007, solo per le quote non pagate. Così – dice la Coldiretti provinciale – si penalizzano di fatto coloro i quali hanno già effettato i pagamenti e quindi soprattutto le imprese agricole. La Coldiretti rammenta che il pagamento, parziale o totale, dei contributi nel periodo di riferimento, non è stata una libera scelta del coltivatore ma sollecitata dall’Inps che – nel periodo di vacatio tra una norma e l’altra che stendeva la sospensione di contributi e tributi

6 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009

–minacciando i contribuenti agricoli di applicare pesanti sanzioni in caso di mancato versamento dei contributi. In alcuni casi – ricorda la Coldiretti provinciale di Campobasso è stata la stessa Agea a trattenere, forzatamente, i contributi Inps non versati dall’imprenditore agricolo dalle rimesse dovute all’azienda agricola. Ora, stante alla interpretazione della norma operata dall’Inps, chi è stato indotto a pagare a seguito di lettera di sollecito o ha subito la ritenuta coatta delle somme relative ai contributi previdenziali non può usufruire della riduzione al 40% dell’importo dell’imposizione contributiva perché ha già pagato. La Coldiretti che, attraverso le sue strutture periferiche e quelle del Pa-

tronato EPACA a disposizione di tutti i cittadini, sta garantendo l’assistenza alle imprese, che devono comunque inoltrare richiesta per beneficiare delle agevolazioni tributarie e contributive, ha perciò inviato una nota anche al presidente della Giunta regionale, Michele Iorio, ed al sub-commissario alla ricostruzione, Nicola Romagnuolo, affinché intervengano sulla questione. I comuni interessati sono per la provincia di Campobasso: Bonefro, Castellino del Biferno, Casacalenda, Colletorto, Larino, Montelongo, Montorio nei Frentani, Morrone del Sannio, Provvidenti, San Giuliano di Puglia, Santa Croce di Magliano, Ripabottoni, Rotello, Ururi; per quella di Foggia: Castelnuovo Monterotaro e Pietra Montecorvino.

Obama al Cairo per fare pace con l’Islam

Le Monde: l’Airbus volava a una velocità sbagliata

MILANO - «Tutti i popoli del mondo possono vivere in pace tra loro. E' questo il disegno di Dio». Il presidente degli Usa Barack Obama lo ha detto chiaramente, in conclusione del suo atteso discorso all'università del Cairo, citando brani del Corano, del Talmud, della Bibbia. E lo ha ribadito più volte nel corso di un intervento durato circa un'ora.

PARIGI - L'Airbus A330 precipitato sull'Atlantico mentre era sulla rotta Rio de Janeiro - Parigi, volava a una velocità «sbagliata», secondo quanto rende noto oggi il quotidiano francese Le Monde sul suo sito Internet. Le Monde cita «fonti vicine all'inchiesta».


REGIONE Dopo le consultazioni con la segretaria Vera Lamonica il sindacato non trova la sintesi

Cgil spaccata a rischio commissariamento CAMPOBASSO – La Cgil Molise sarà consegnata, molto probabilmente, a un segretario forestiero. Dopo che i dirigenti del sindacato sono stati ascoltati nelle scorse settimane, la prima fase si è conclusa con un nulla di fatto. Due giorni fa il comitato direttivo di via Mosca a Campobasso è tornato in conclave con la segretaria confederale Vera Lamonica. Il tentativo di trovare unità sull’uomo, o la donna, che do-

vrebbe raccogliere l’eredità del dimissionario Italo Stellon, ha evidenziato una nuova spaccatura sul piano programmatico. Ecco perché oggi appare sempre più difficile pensare che la segreteria possa finire nelle mani di un molisano, capace non solo di guidare la Cgil, ma anche di conoscere a fondo quelle che sono le problematiche del lavoro di questa regione. Almeno 4 i nomi che circolano

Giornata mondiale dell’Ambiente, aderisce anche l’Arpa Molise CAMPOBASSO – Oggi si celebra la Giornata Mondiale dell’Ambiente, istituita dall’Organizzazione delle Nazioni Unite con una risoluzione adottata nel 1972 durante la Conferenza di Stoccolma sull’Ambiente, sede in cui si richiamò per la prima volta l’attenzione sull’importanza della cooperazione internazionale a beneficio della salvaguardia dell’ambiente. Una giornata che resta uno dei principali veicoli attraverso i quali le Nazioni Unite cercano di promuovere universalmente la sensibilità nei confronti dell’ambiente e attirano l’attenzione della politica sulle tematiche legate alla sua protezione. All’evento aderisce anche

l’Arpa Molise che organizza una giornata di informazione ed educazione ambientale nonché aprendo al pubblico le porte dell’ Agenzia in via D’Amato dalle ore 10 alle ore 14. L’iniziativa prevede la distribuzione di materiale informativo, tra cui testi di recente pubblicazione, riguardanti le attività e i progetti attuati dall’Agenzia, la proiezione di documentari a carattere ambientale e filmati prodotti dalle scuole attinenti alle tematiche della sostenibilità ambientale. In occasione dell’evento le strutture dell’Agenzia forniranno, su richiesta, tutte le informazioni atte a dare un quadro puntuale delle caratterizzazioni ambientali della nostra regione.

con maggiore insistenza: Lucia Merlo, unica donna in lizza, Sergio Sorella del sindacato della scuola, Domenico Di Martino e, dalla parte opposta, Franco Spina. E proprio a causa del braccio destro del consigliere Michele Petraroia (già segretario regionale, prima di cedere lo scranno per un posto nei banchi dell’opposizione di Palazzo Moffa ndr) la frattura pare stia diventando insanabile. Chi sostiene la sua candidatura infatti, fa parte, almeno stando a quanto dicono voci insistenti e accreditate, dello stesso gruppo che tre anni fa bocciò il passo avanti fatto da Rino Ziccardi per il vertice del sindacato, favo-

rendo di fatto l’arrivo del veneto Stellon, non senza l’ingerenza della dirigenza romana. La stessa storia potrebbe ripetersi anche questa volta se la campagna elettorale (perché di quello si tratta) non condurrà a una sintesi sul nome. Una volta passate le elezioni amministrative, quelle vere, la commissione dovrà confrontarsi di nuovo, uno per uno, con i dirigenti locali. Hanno un’ultima possibilità dunque, per accordarsi. Se dovesse mancare di nuovo l’unitarietà sulla proposta, i molisani, possono star certi, avranno un altro segretario ‘straniero’. Giorgia Lollo

Come tre anni fa la storia si ripete Almeno quattro i dirigenti in lizza

“Cacciate Ciarrapico dal Pdl” La richiesta di alcuni dirigenti che lo accusano di aver appoggiato nel Lazio una lista civica CAMPOBASSO – Il senatore Giuseppe Ciarrapico si sarebbe reso autore di un “atto lesivo dell’integrità morale del Popolo della Libertà e degli interessi politici dello stesso”. Oggi dirigenti, amministratori, e candidati del Pdl laziale chiedono la sua testa. Vogliono cioè che l’editore ciociaro venga espulso dal partito del presidente Silvio Berlusconi per una palese violazione dell’articolo 46 dello Statuto. Ciarrapico avrebbe infatti pubblicamente e ripetutamente sostenuto, alle imminenti elezioni provinciali di Latina, una lista civica non appartenente al Pdl, ma concorrente al candidato ufficiale del centrodestra Armando Cusani. Ecco perché la nutrita delegazione (composta dal coordinatore regionale del Pdl Piso, da quello provinciale di Latina Fazzone, e dallo stesso aspirante presidente della Provincia di Latina Cusani) ha scritto una nota al Cavaliere, ai coordinatori nazionali Bondi, La Russa e Verdini, al collegio nazionale dei probiviri e ai capigruppo di Camera e Senato, affinché prendano immediatamente un serio provvedimento. A nulla sono valsi infatti i ripetuti richiami del Comitato di coordinamento nazionale. “Ciarrapico – come segnala anche il senatore molisano Ulisse Di Giacomo – avrebbe continuato nella sua provocazione, arrecando evidenti danni all’immagine del Pdl. A questo punto al presidente Berlusconi e ai dirigenti nazionali non resta che cacciarlo dal partito, cosa che sarà accolta come una liberazione da tutti coloro che correttamente e dignitosamente militano nel PdL”. red

Lenti a contatto alle staminali “Possono far tornare la vista”

Benzina, ancora rialzi Verde vicina ad 1,33

Riacquistare la vista grazie alle cellule staminali. Un gruppo di ricercatori australiani sostiene di aver trovato il modo per “migliorare in modo decisivo” la vista in pazienti con danni alla cornea, dovuti a malattie o incidenti, grazie alle potentissime cellule. Il recupero della facoltà visiva è stato ottenuto in modo rapido, nel giro di alcune settimane.

Non si arresta la corsa dei carburanti, con la benzina che arriva a un soffio dagli 1,33 euro al litro e il gasolio che sfiora 1,12 euro. I rialzi sono scattati alla Shell: il prezzo di riferimento consigliato ai gestori e' di 1,329 per la verde e di 1,119 per il diesel. Tutti gli altri marchi si stabilizzano per la verde sopra 1,3.

7 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


CAMPOBASSO Oltre a molestare l’autista per cui aveva perso la testa infastidiva anche la famiglia

Stalking, nei guai una 30enne innamorata La donna era solita inviare squilli anonimi sia all’uomo che alla moglie quando erano sul posto di lavoro CAMPOBASSO – E’ il primo caso di stalking in cui viene denunciata una donna in Molise. A finire nei guai una 30enne residente nel capoluogo di regione. L’attività d’in-

dagine della polizia postale è stata avviata all’inizio di marzo. Le vittime erano invece i componenti di una famiglia del capoluogo. L’uomo, del quale la trentenne si era particolarmente invaghita, è un’autista della Seac. La donna, una 35enne, sua moglie. E’ stata proprio quest’ultima a far scattare le indagini. A quest’ultima sul luogo di lavoro, sono arrivate alcune lettere anonime, contenenti ritagli fotografici del marito e del loro figlio, dell’età di pochi mesi. Una di esse recava il timbro dell’ufficio postale di un giorno antecedente a quello del compleanno del marito e conteneva la frase “spero di non aver rovinato il compleanno”. Nello stesso periodo la donna sempre sul luogo di lavoro, con cadenza quotidiana, ha ricevuto squilli telefonici privi di

risposta che si estendevano anche al marito. A tradire l’autrice dello “stalking” un particolare dello sfondo del ritaglio fotografico che ha consentito di individuare il locale dove erano avvenuti gli scatti. Si tratta di un ex bar di Campobasso. Altri accertamenti hanno permesso di rintracciare l’autrice delle foto. La straniera, , interrogata in merito, ha forniva elementi utili all’individuazione della persona a cui, attraverso il collegamento bluetooth del telefono mobile, aveva consegnato le foto. All’individuazione dell’autrice del fatto contribuiva, tra l’altro, un particolare presente sulla lettera anonima, e precisamente il riferimento ad un luogo di Campobasso. E’ stato notato dal personale operante durante l’analisi in una tele-

fonata molesta registrata e ricevuta mentre la famiglia era in auto. E’ stata fatta ascoltare, ai fini dell’individuazione, la telefonata della molestatrice, la cui voce veniva riconosciuta da parte di un cono-

Furto in appartamento, arrestati rimessi in libertà Per loro sussiste soltanto l’obbligo di dimora. I legali: si tratta di una bravata CAMPOBASSO – Sono stati rimessi in libertà gli studenti universitari di 21 e 23 anni accusati del furto in un appartamento avvenuto due giorni fa in via Ungaretti. Lo ha deciso il giudice Teresina Pepe in seguito al giudizio per direttissima svoltosi ieri mattina nell’aula 2 del Tribunale. Ma i due dovranno comunque subire, nei prossimi mesi, un processo perché il legale Valentina Piunno ha chiesto per i suoi assistiti i termini a difesa. Ma per loro le restrizioni di legge non sono totalmente terminate. Infatti, almeno fino al processo, saranno costretti a rimanere a Campobasso perché per loro è rimasta in piedi l’accusa di obbligo di dimora. Non è stato difficile per il legale ottenere la scarcerazione dei due studenti universitari. Il giudice infatti ha tenuto conto essenzialmente del fatto che i due fossero incen-

surati. La difesa dell’avvocato è stata basata proprio sull’incensuratezza dei suoi assistiti. Due ra-

gazzi che, fino a due giorni fa, avrebbero sempre rigato dritto. Quella del furto in via Ungaretti è

stata giudicata una bravata. Proprio la loro inesperienza gli ha giocato contro ed ha permesso alla polizia di arrestarli. Gli improvvisati topi d’appartamento, prima di agire, avevano approfittato dell’assenza dall’abitazione del pensionato proprietario. Ma non avevano fatto i conti con i vicini di casa e con la difficoltà di scassinare il portone. Ci hanno messo troppo tempo e chi li ha uditi ha fatto in tempo ad avvertire il 113 attraverso una telefonata. Quando la polizia è arrivata sul posto i malviventi erano entrati da poco tempo all’interno dell’appartamento da svaligiare. Non hanno fatto in tempo a prendere niente perché sono stati prima ammanettati e poi trasportati prima in Questura e successivamente nel penitenziario di via Cavour. Vivip

Molise security, gli indagati restano sette

Carabinieri, oggi il 195esimo compleanno

CAMPOBASSO – Va avanti l’inchiesta sull’ammanco di 5,650 milioni di euro dal caveau della Molise security. Gli inquirenti smentiscono però l’iscrizione sul registro degli indagati di altri due dipendenti. Le persone coinvolte nell’inchiesta restano quindi sette. Vincenzo Miele, l’ex amministratore, ha completamente scagionato tutti gli altri coinvolti nella vicenda.

CAMPOBASSO – Si svolgerà questa mattina alle 10 alla Caserma Frate del capoluogo di regione il 195esimo annuale di fondazione dell’Arma dei carabinieri. Alla cerimonia saranno presenti le autorità regionali, provinciali e comunali di Campobasso ed i gonfaloni dei comuni di tutto il territorio.

scente. Soltanto in seguito è emerso che la giovane, oltre ad inviare gli squilli telefonici, era solita seguire l’autista anche sul luogo di lavoro. Vivip

Traffici di droga dall’Albania Processi rinviati a novembre CAMPOBASSO – Due processi rinviati a novembre per traffico internazionale di sostanze stupefacenti dall’Albania all’Italia. E’ accaduto nella giornata di ieri in Tribunale. I due casi, uno riferito al 2003 e l’altro al 2005 dovevano essere discussi in sede di udienza preliminare ma non è stato così. Per il primo si è presentato un difetto di notifica per il quale uno dei quattro imputati non si è potuto presentare davanti ai giudici. In quello riferito al 2005 invece sempre una delle persone coinvolte ha presentato certificazioni mediche per sostenere di non poter essere presente al processo. Il gup Laura Scarlatelli non ha potuto far altro che prenderne atto e rinviare tutto a novembre.

9 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


CAMPOBASSO Contraffazione, protocollo d’intesa per il contrasto CAMPOBASSO - Borse firmate, scarpe all’ultima moda, vestiti come quelli visti sulle ultime passerelle. Ma anche telefoni ed altri beni richiestissimi ma assolutamente contraffatti, da oggi hanno nuovi avversari. Il grido d’allarme per il fenomeno di capi contraffatti arriva dalle piccole e medie imprese della provincia e la Camera di Commercio di Campobasso lo ha recepito, proponendo alle Associazioni dei Consumatori di stipulare un Protocollo d’intesa finalizzato a sensibilizzare i consumatori sui danni, sociali ed economici, della contraffazione. La produzione e la vendita di prodotti con marchi falsificati oltre ad essere fonte di finanziamento per la criminalità organizzata, provoca delle grosse ricadute sull’economia delle imprese, sia medie che di piccole dimensioni, che si impegnano a vendere legalmente i prodotti, compromettendone la loro redditività. Nella provincia di Campobasso, come in altre realtà, il fenomeno del falso è piuttosto diffuso e si insinua attraverso vari canali, partendo dall’industria per arrivare allo smercio. E proprio per limitare questo

genere di mercato che è stata predisposta una strategia atta a contrastare la contraffazione e l’abusivismo commerciale che coinvolge tutti i soggetti interessati: sistema camerale, imprese e consumatori. E che prevede una serie di strumenti operativi, indicati nel protocollo di intesa, tra i quali:un’azione di sensibilizzazione nei confronti dei consumatori, sulla nocività e sulla mancanza di sicurezza dei prodotti commercializzati abusivamente e contraffatti; una campagna d’informazione e comunicazione sui rischi derivanti dall’acquisto di oggetti falsificati soprattutto nei luoghi ove è concentrata in maniera significativa la presenza di consumatori/utenti; una specifica sezione del sito camerale, aperta al contributo dell’Associazione firmataria del presente Protocollo, destinata all’informazione sul fenomeno della contraffazione; la diffusione degli strumenti di tutela della proprietà industriale (marchi e brevetti) presso le imprese; programmi congiunti di educazione civica, rivolti in particolare ai giovani, sul tema della Proprietà intellettuale, della lotta alla contraffazione e dei relativi strumenti di tutela.

Paolo di Laura Frattura, presidente della Camera di Commercio di Campobasso, anticipa così le “misure” di contrasto (varate lo scorso 28 aprile dalla Giunta camerale): “La produzione e la vendita di merce contraffatta compromettono l’unica possibilità che le nostre imprese, in particolar modo piccole e medie, hanno di rimanere competitive sul mercato, vale a dire offrire prodotti di qualità. Il Made in Italy è simbolo in tutto il mondo di

tradizione, creatività e qualità. Produrre beni e servizi “Made in Italy” ha però un costo, soprattutto per le imprese, rappresentato proprio dall’adozione di tutte quelle misure aziendali – materie prime, risorse umane, luoghi di lavoro tecnologicamente avanzati e sicuri e altro ancora – che consentono di realizzare prodotti di qualità. La contraffazione altera le regole di un’economia di mercato concorrenziale, con pesanti ricadute sul piano degli investimenti e dei livelli occupazionali; impoverisce l’economia poiché evade il fisco, in quanto produce e commercializza ‘in nero’; nega i diritti sociali elementari ai lavoratori coinvolti nella produzione e, spesso, nella distribuzione; costituisce, in molti casi, un pericolo per la salute e per l’incolumità fisica del consumatore. Solo sensibilizzando il consumatore sulle conseguenze negative che l’acquisto di un bene contraffatto produce sull’intera collettività è possibile contrastare il fenomeno. Sono questi i motivi fondamentali che hanno portato la Camera di Commercio di Campobasso a proporre alle Associazioni dei Consumatori la stipula del protocollo di intesa e sono convinto che le associazioni sosterranno anche questa ulteriore iniziativa”.

FABBRICATORE ULISSE detto NINI’ BASANISI MICHELE VINCENZO BRANCA GIULIANO CENTORAME NICOLA CICCONE MASSIMO CIERI VINICIO COCCAGNO GABRIELE CUCCARO ANTONIO DATO MASSIMO DE MARCO ALDO DI IELSI ANTONIO DI LISIO GIUSEPPE FAONTE GUIDO FRATANGELO NICOLA GENTILE PASQUALE GEREMIA MARIANGELA

MASTROGIACOMO GIOVANNI MORENA ROBERTA NOVELLINO DANILO PALLADINO FRANCESCO detto FRANCO PAVENTI MARIA PIERLUIGI GIORDANO PIETRONIRO MARIANTONIETTA PITTARELLI EVELINA PIZZA TIZIANO PRIOLO MICHELE SALUPPO MARCO SAMMARTINO MICHELE SPIRITO VERONICA URCIUOLI MARIO VALLETTA FRANCO


CAMPOBASSO Intervista a Carlo Astorri, candidato consigliere al Comune di Campobasso con il Pdl

“Pronto per un nuovo viaggio” “L’amministrazione uscente? Un disastro. Il centrosinistra lascia una città inaridita” Carlo Astorri è nato e vive a Campobasso, è laureato ed esercita la professione di commercialista e revisore ufficiale dei conti. E’ già stato consigliere comunale di Campobasso, eletto due volte in Forza Italia. Allora Astorri, è un ritorno? “Non propriamente. Direi che è un nuovo viaggio nell’amministrazione comunale, perché, se vinceremo le prossime elezioni, sarò in maggioranza e non più all’opposizione. Sarà una nuova esperienza, conosco alla perfezione la macchina amministrativa del nostro Comune e saprò compiere bene il mio dovere”. E’ candidato con il Popolo della Libertà. Che effetto le fa essere candidato nel nuovo partito, nato dalla fusione di Forza Italia ed Alleanza Nazionale? “Mi fa un bellissimo effetto. Essere parte del primo partito d’Italia è motivo di orgoglio. Ho aderito a Forza Italia fin dalla sua nascita, ne sono stato capo-gruppo al Comune ed ho lavorato nell’ ente con i colleghi di Alleanza Nazionale. La fusione tra i due partiti era nelle cose, trattandosi di due partiti fratelli”. Che ne dice della uscente am-

ministrazione di centrosinistra? “Un disastro. Un vero disastro per la nostra città. Una coalizione scivolata verso la sola gestione del potere, fino a corrodere completamente il rapporto con i cittadini. Di Fabio aveva avuto un consenso enorme, poiché la gente aveva investito su di lui e sulla sua coalizione. In pochi mesi ha dimostrato di non essere all’ altezza della situazione, chiuso nell’ orgoglio di quel successo eccessivo che ne ha folgorato le attitudini. Credo che gli sia mancata quella necessaria modestia, l’attaccamento alla città (che probabilmente non ha) e la vicinanza alle persone, a quel popolo che pure lo aveva voluto. Tutti hanno notato una forma di ritrosia verso il contatto con la gente che faceva supporre una forma di misantropia. Un peccato aver perso delle occasioni utili per la nostra città”. Cosa non ha fatto la vecchia amministrazione? “Il centrosinistra lascia una città

inaridita, sia in senso metaforico, riguardo all’ animo delle persone, sia in senso oggettivo riguardo a ciò che possiamo osservare. Nella maggioranza sono presenti i Verdi e guardi com’è ridotta la città giardino. Addirittura i Verdi hanno un assessore che, spero, si sia almeno dedicato alle piante del suo terrazzo. Le politiche di nettezza ur-

bana sono state fallimentari e la stessa società che gestisce i servizi della pulizia della città ha avuto non pochi problemi. Il costo delle bollette è triplicato, mentre il servizio è diminuito di valore. Politiche urbanistiche “ ad personam “ e costo degli immobili alle stelle, grazie alle scarse costruzioni, troppo spesso affidate a pochi intimi. La circolazione stradale caotica e paralizzante, parcheggi assenti ed esposizione degli automobilisti a contravvenzioni salate, con grave nocumento per le attività mercantili. Nessun approccio utile per portare il capoluogo regionale al centro dell’ attenzione, la chiusura più totale verso l’idea dello sviluppo di qualsivoglia iniziativa utile alla città”. Voi, invece, cosa farete se vincerete? “Intanto rimedieremo alle fallaci politiche della sinistra. Renderemo la città più vivibile, con più ordine nelle questioni che attengono alla competenza dell’ Ente Comune. Gli

spazi comuni dovranno essere rispettati, soprattutto dopo che saranno stati risistemati e sottratti alla decadenza cui li ha ridotti l’ attuale amministrazione e quella immediatamente precedente. Impiegati ed operai del Comune, saranno chiamati a svolgere con serenità ed autorevolezza i propri compiti e saranno un punto di riferimento per i cittadini. L’ onore della nostra Città si misurerà con il grado di civiltà di chi vi abita. Tutti saranno chiamati a concorrere per tenerla pulita, indenne da infiltrazioni di chi è dedito all’ illegalità, i Vigili urbani avranno un ruolo importante di vicinanza alla gente non solo in quanto automobilisti. Chiederemo soldi per le infrastrutture, i parcheggi in particolare, il terminal, gli impianti sportivi. Aiuteremo il commercio a riorganizzarsi e, dulcis in fundo, daremo il via al piano regolatore per lo sviluppo urbanistico ordinato del capoluogo”. Un bel lavoro, non le pare? “Bello davvero. Il centrosinistra ci lascia una città non molto bella, è il caso di dire. Noi faremo in modo che chi ci succederà, tra cinque anni, non possa dire questa stessa cosa”.

Passaporto a domicilio, lo assicurano 53 uffici postali CAMPOBASSO – Si avvicina sempre più il tempo delle vacanze estive. Per questo motivo Poste Italiane si sta organizzando per permettere ai viaggiatori di spostarsi in tranquillità. La convenzione è stata stipulata mesi fa ma andrà effettivamente in vigore dai prossimi giorni. Il partner dell’azienda privata è il Ministero dell’Interno. Parteciperanno 53 uffici postali abilitati di Campobasso e provincia. Negli edifici preposti sarà possibile richiedere il servizio di rilascio e rinnovo del passaporto. Ma la novità vera e propria consiste nella consegna a domicilio del documento. Lo si può fare tramite Posta

Aumentano le auto acquistate con ecoincentivi CAMPOBASSO - In provincia sono state 415 le auto acquistate a maggio con gli ecoincentivi, con un aumento del 18,57 % rispetto ad aprile. Nel 95,18% dei casi è stato contemporaneamente rottamato un veicolo. Il 74,46 % delle agevolazioni ha riguardato auto di cilindrata compresa tra 1.200 e i 1.500 cc. I dati sono stati resi noti dal direttore dell’Aci Giovanni Caturano.

Assicurata, senza recarsi in Questura. Presso gli uffici – Campobasso Centro (via Pietrunto) e Campobasso 2 (via D’Amato) nel capoluogo - sono infatti già disponibili gli appositi kit contenenti il modulo per la richiesta. E’ sufficiente che il cliente consegni allo sportello due fotografie formato tessera, la fotocopia del documento di riconoscimento e una marca da bollo per passaporto reperibile presso le tabaccherie autorizzate. Per ulteriori informazioni e per l’elenco completo degli uffici postali abilitati al servizio è possibile visitare il sito www.poste.it o chiamare il numero gratuito 803.160.

Presentato il volume sulle donne molisane ROMA - “Il tempo sospeso – Donne nella storia del Molise”, di Barbara Bertolini e Rita Frattolillo. E’ il volume presentato nella sede dell’UNAR (Unione delle Associazioni Regionali di Roma e nel Lazio), in via Aldrovandi, 16, nel quartiere romano dei Parioli. Il libro è edito dalla Libreria Editrice Filopoli in Campobasso (Info: www.filopoli.it; gianfazzini@alice.it).

11 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


Spaccio, blitz della polizia

Market rom, altri quattro in manette

ISERNIA - I quartieri messi sotto assedio, come è successo nell’operazione contigua dei carabinieri, sono stati San Lazzaro e San Leucio. Le persone finite in manette sono tutte personaggi di spicco del traffico di droga nella città A pagina 15

ISERNIA – Secondo round per l’operazione “Market rom” avviata il 13 maggio scorso con l’arresto di quattro persone. A finire in manette ieri mattina altre quattro persone di etnia rom, due uomini e due donne. A pagina 15

ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

A ISERNIA scrivi: PER

LUIGI MAZZUTO

Luigi MAZZUTO presidente della Provincia

ISERNIA

Provinciali, termina il tour di Mazzuto www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AD ALFREDO D’AMBROSIO Il tapiro di oggi lo consegniamo volentieri nelle mani del candidato alla presidenza della Provincia Alfredo D’Ambrosio con la lista Iniziativa democratica. La motivazione è da ricondursi al suo eccessivo presenzialismo in tutte le competizioni elettorali che interessano la città o il territorio provinciale pentro. Ad ogni elezione alla quale si presenta il simbolo che lo appoggia è diverso. Questa strategia però in passato non gli ha portato molta fortuna portandolo a racimolare soltanto pochi voti. La strada che lo dovrebbe portare a Palazzo Berta anche questa volta è tutta in salita vista la caratura degli avversari in corsa. Forse avrebbe fatto meglio a rinunciare.

L’OSCAR DEL GIORNO MICHAEL RONGIONE Un Oscar lo poniamo nelle mani dell’ex sindaco di Filignano Michael Rongione, l’inventore del festival Internazionale Mario Lanza; l’inventore del golf nel suo paese di origine ed oggi candidato di nuovo a sindaco a Filignano. Dopo di lui vi è stato un periodo di oscurantismo che potrebbe finire. Con la sua presenza, il bel comune a ridosso della Valle del Volturno potrebbe ritornare ad essere protagonista della cultura e delle novità a livello regionale un in bocca al lupo al grande Michael.

www.gazzettadelmolise.com 20.000 copie in omaggio


ISERNIA Alto Molise, inarrestabile il processo di spopolamento ISERNIA - Il processo di spopolamento dell’alto Molise è inarrestabile. Nessuno vuole più restare nei piccoli borghi e tra qualche anno, a meno di un miracolo, si decreterà la scomparsa di molti piccoli comuni. Non si tratta di un’ipotesi o di pessimismo esasperato, è una realtà effettuale, avvalorata dai numerosi investimenti immobiliari che gli attuali residenti nelle zone montane della provincia stanno realizzando su Isernia città. In questo modo è chiaro che si gettano le basi per la completa fine dei comuni al di sotto dei mille abitanti. Con la liberalizzazione del piano regolatore cittadino, la città pentra ha avuto negli ultimi tre anni un’exploit immobiliare senza precedenti. In un primo momento gli investitori sono stati gli stessi isernini, poi l’attrazione sul mattone si è spostata proprio sulle popolazioni residenti nei comuni montani che vogliono garantire ai propri figli un futuro senza le limitazioni imposte dalla progressiva desertificazione . Il risultato è che gli immobiliaristi continuano a fare affari milionari e tra breve si avrà la totale scomparsa dei

residenti nei comuni citati. Naturalmente, la popolazione residente anziana resterà nei nostri borghi fino ad estinzione naturale, senza ricambio e possibilità di garantire un futuro ai giovani che di stabilirsi in questi luoghi nemmeno ci pensano lontanamente. Senza lavoro, senza servizi essenziali, l’oblio è assicurato. L’aumento della popolazione isernina non dovrà essere interpretata come fattore positivo di svi-

Mazzuto presenta la candidata di “Provincia Protagonista”

luppo, con i meriti che i politici di turno saranno pronti a prendersi. La verità è che l’incremento demografico se ci sarà, dipenderà dall’azzeramento delle comunità dell’alto Molise, un prezzo troppo duro da pagare al progresso, che determinerà l’irrimediabile cancellazione, tra meno di un ventennio, delle tradizioni, della cultura e della storia dei nostri paesi. Kefa

SCAPOLI - In una sala gremita di gente, alla presenza del consigliere regionale Massimiliano Scarabeo, di Luigi Mazzuto candidato dal centrodestra alla presidenza della Provincia, e dei responsabili dei circoli “Valle del Volturno”, “Pentro” e “Venafrum”, è stata presentata la candidata della lista “Provincia Protagonista”. Si tratta dell’avvocato Delia Di Meo, scapolese, cui toccherà il compito di rappresentare nel collegio di Colli al Volturno, Rocchetta a Volturno e Scapoli, il movimento civico nato a sostegno proprio della candidatura di Luigi Mazzuto. Un compito importante, quello dell’avv. Di Meo, raccolto con grande entusiasmo dalla giovane professionista che si è detta onorata di rappresentare nel proprio collegio la lista nata per contribuire a decretare la vittoria del centrodestra, quindi di Luigi Mazzuto, alle Provinciali 2009. Grande apprezzamento è stato rivolto sia dal consigliere regionale Scarabeo, sia dal candidato del centrodestra Mazzuto, i quali hanno evidenziato l’importanza di puntare in questa campagna elettorale anche sui giovani, “una delle armi in più del centrodestra” – è stato detto – “che intende creare le condizioni per un rinnovo naturale e graduale della classe dirigente negli enti locali”. Soddisfazione è stata infine espressa dai dirigenti dei tre circoli territoriali vicini al consigliere Scarabeo, che dal canto loro hanno posto in evidenza quanto sia fondamentale ed indispensabile la creazione di un percorso politico, sociale ed economico che accomuni le aspirazioni ed i bisogni delle popolazioni che vivono nel territorio pentro.

Dr groupe, le Giornate della sicurezza stradale ISERNIA - Un tema nobile, tremendamente attuale e sul quale l’opera di sensibilizzazione attuata dagli operatori del settore non è mai da ritenere superflua. La sicurezza stradale sta a cuore a tutti, compreso a chi le auto le vende e, da qualche tempo, le produce anche. La Città dell’Auto, l’anima commerciale della DR Groupe, ha promosso in questi giorni degli incontri a favore degli studenti del Liceo scientifico Majorana, in cui l’argomento dominante è costituito dall’educazione alla cultura della sicurezza in strada, obiettivo da perseguire e sostenere sin dalla giovane età. Nella sede di Macchia d’Isernia, si sono svolte lezioni molto ben organizzate dalla struttura automobilistica, in collaborazione con l’Aci di Isernia, l’Istituto riabilitativo Igea e soprattutto con il supporto dell’Associazione motoristica Cotek8 di Cassino,

14 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009

Il Pd:“Come rilanciare l’economia molisana” ISERNIA -“Uno sguardo oltre la crisi”. Come rilanciare l’economia molisana. 6 Giugno sede elettorale “Antonio Sorbo Presidente”, Piazza stazione. Introduzione: Marco Amendola, segretario provinciale Pd. Interventi: Antonio Sorbo, candidato Presidente alle elezioni provinciali e Danilo Leva, consigliere regionale Pd. Conclusioni: Andrea Cozzolino.

vivace ente che coniuga con successo la cultura degli sport sulle due ruote con i temi della sicurezza. “Siamo molto contenti di aver partecipato a questi incontri – afferma il preside Eugenio Silvestre – in quanto organizzati con molta sensibilità dalla Città dell’Auto e approfonditi con eccezionale professionalità dai relatori e anche con il giusto connubio tra teoria e pratica in modo da non annoiare i ragazzi. Un esperimento che ci siamo già promessi di ripetere a breve”. Grande attenzione da parte dei presenti per la proiezione di alcuni filmati scioccanti sulle conseguenze degli incidenti, ma anche per le prove pratiche sull’assunzione di alcool e la misurazione degli effetti con i test etilici, nonché per le prove di guida in sicurezza effettuata a bordo di una DR5.

Venafro, concerto in onore di De Andrè VENAFRO - Sabato 20 e domenica 21 giugno prossimi, all'interno del chiostro del museo archeologico di Santa Chiara, ci sarà lo spettacolo musicale "Dai diamanti non nasce niente dal letame nascono i fiori", concerto omaggio al cantautore genovese Fabrizio De Andrè.


ISERNIA Gli arresti dei carabinieri per droga nel quartiere San Lazzaro dal 13 maggio salgono ad otto

Market rom, in quattro dietro le sbarre Si tratta di un’intera famiglia che usava la propria dimora per vendere la droga Gli uomini erano già stati in carcere per un presunto stupro ISERNIA – Secondo round per l’operazione “Market rom” avviata il 13 maggio scorso con l’arresto di quattro persone. A finire in manette ieri mattina altre quattro persone di etnia rom, due uomini e due donne. Un’intera famiglia di cui gli uomini erano già finiti in manette in occasione della presunta violenza sessuale avvenuta nel sottopassaggio della stazione ferroviaria. L’irruzione, così come avvenuto 20 giorni fa, è scattata alle prime luci dell’alba nel quartiere San Lazzaro. Gli arresti sono stati disposti dal Gip del Tribunale di Isernia su richiesta della Procura. Gli uomini si trovano reclusi nel penitenziario di Ponte San Leonardo mentre le donne

“Colpo mortale” allo spaccio, la polizia ne becca altri cinque

sono state trasferite a Chieti. L’attività d’indagine che ha portato ai fermi è durata circa un anno. E’ stata individuata e smantellata una vera e propria centrale dello spaccio di “eroina” e crak a base di cocaina. Era stata messa in piedi da componenti di una famiglia Rom stanziale. Il quartiere era diventato meta di riferimento per gli assuntori di stupefacenti della provincia e dei paesi contermini della limitrofa provincia di Campobasso. In ogni ora del giorno si presentavano

nella palazzina abitata dalla famiglia rom, ove trovavano sicuro approvvigionamento di droga. I carabinieri e la procura hanno pazientemente documentato le modalità dello spaccio, identificando i responsabili della fiorente attività, facente capo ai giovani componenti della famiglia rom. L’azione dei militari del reparto operativo è stata supportata da un elicottero del nucleo elicotteri dell’Arma di Pontecagnano e da unità antidroga del nucleo cinofili di Chieti. Viviana P

ISERNIA - “Abbiamo inferto un colpo mortale al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti”. Con queste parole il Questore Antonio Miele ha aperto la conferenza stampa sull’omonima operazione antidroga terminata alle 5.30 di ieri mattina con l’arresto di 5 persone rom. I quartieri messi sotto assedio, come è successo nell’operazione contigua dei carabinieri, sono stati San Lazzaro e San Leucio. Le persone finite in manette sono tutte personaggi di spicco del traffico di droga nella città. Anche il blitz della polizia non è altro che la seconda tranche degli arresti già effettuati nella notte tra il 12 ed il 13 maggio scorso. Questo giro di sostanze stupefacenti era quello più fiorente della città. Gli spacciatori si facevano consegnare, nell’ordinario, circa 45 euro a dose. Per le partite di stupefacenti più chic si arrivava anche ad 8mila euro. Durante gli arresti sono state ordinate anche tre perquisizioni in altrettante abitazioni dei rom. Tutte sono risultate negative ma il particolare non ha impedito ai poliziotti di eseguire le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Isernia su ordine del sostituto procuratore della Repubblica. Tutti si trovano ora reclusi nel carcere di Ponte San Leonardo ad Isernia in attesa degli interrogatori di garanzia previsti al massimo nella giornata di oggi. Vivip


TERMOLI L'indagine riguarda la posizione di 23 ausiliari del traffico che vennero tutti inquadrati

Inchiesta Vigilini verso l’archiviazione I difensori hanno dimostrato che non ci furono favoritismi e che tutta la procedura fu regolare

TERMOLI - Colpo di scena nell'indagine che vede interessati l'ex sindaco di Termoli, Remo di Giandomenico, il capitano della Polizia Municipale, Ugo Sciarretta, e il dirigente del Comune, Alfredo Dalla Torre, difesi rispettivamente dagli avvocati Ruggero Romanazzi, Luigi Greco e Domenico Porfido, e Antonio De Michele, indagati per l'assunzione di Vigili stagionali nel 2005. Nel Tribunale di Larino i difensori, dopo aver abbondantemente dimostrato l'infondatezza dei presunti reati attribuiti agli in-

dagati, oltre al non luogo a procedere hanno chiesto al Gup Aceto la trasmissione degli atti alla Procura per procedere ne confronti di un collaboratore del Sindaco di Termoli per presunta calunnia nei confronti degli stessi indagati. I fatti si riferiscono al 2005 e all'assunzione temporanea di 23 ausiliari del traffico. Secondo una denuncia presentata dal co. co. co. Rocco Giacintucci, i tre indagati avrebbero favorito l'assunzione di qualche vigilino. Ma durante la seduta davanti al Gup, tra le altre

cose, é emerso che l'Amministrazione comunale, all'epoca dei fatti, assunse temporaneamente tutti i giovani aspiranti iscritti alla società che forniva il personale. La domanda ovvia é: come si poteva favorire qualcuno se furono assunti tutti in quanto nel periodo estivo si aveva bisogno di personale? Dopo la richiesta de difensori sul non luogo a procedere per fatti ch appaiono evidenti, il Gup ha preso tempo per ascoltare i testimoni che in precedenza, con le loro dichiarazioni rilasciate alla Procura, ave-

vano già smentito quanto asserito dal collaboratore del Sindaco. Ora le parti si potrebbero invertire e l'accusatore potrebbe essere rinviato a giudizio. Ultima annotazione. Il sindaco Vincenzo Greco, a nome dell'Amministrazione comunale, si é costituito parte civile nei confronti dei tre indagati. In caso che la richiesta dei difensori di non luogo a procedere fosse accolta dal Gup, dovrebbe invertire la richiesta di parte civile nei confronti del suo collaboratore.

degli ordini professionali, altro “ sonnellino” delle istituzioni preposte per quasi 30 giorni ed ora l’ incredibile diniego al rinvio. Facile supporre le motivazioni: la crisi finanziaria, problemi di cassa, il terremoto in Abruzzo. Tutto ci è noto come ci è noto il preoccupante stato di abbandono dei Comuni del cratere sismico molisano, sfruttato e strumentalizzato, privato di servizi vitali come il pronto soccorso, con una spesa alimentare superiore del 30/40% rispetto alle grandi città e ora chiamato a pagare per colpe non sue ma di una politica poco stimabile. I liberi professionisti del “cratere” si dichiarano estremamente

preoccupati e stupefatti per il negato rinvio e informano che, nonostante il massimo dell’impegno, sono organizzati per operare solo il possibile e il possibile non prevede, per il 16 giugno prossimo, la possibilità di raccogliere ed elaborare i dati di 7 annualità per circa 15.000 contribuenti. A parte le difficoltà tecniche operative riscontrate e che saranno ancora discusse, manca il tempo materiale. A fronte del “no” al rinvio, i contribuenti tutti dovranno rivolgersi agli Enti creditori (Agenzia delle Entrate e INPS) per quantificare i versamenti da effettuare. Si rischia il caos e i Sindaci del cratere si occupano di elezioni.

Post sisma, rimborso tributi e contributi: rinvio negato CRATERE - Il 6 maggio 2009, i presidenti (Siravo e Amoruso) degli ordini professionali dei Consulenti del Lavoro di Campobasso e dei Dottori Commercialisti di Larino, hanno motivatamente sollecitato, tramite la Direzione Regionale delle Entrate di CB, un rinvio dell’inizio del rimborso rateale dei tributi e

contributi sospesi a seguito del terremoto dell’ottobre 2002. Veniamo ora informati che per giovedì 4 giugno la Direzione Regionale delle entrate ha convocato gli ordini professionali per comunicare, probabilmente, qualche “specifica” alle istruzioni ma, in sostanza, per comunicare un secco no, arrivato da

Roma, al rinvio richiesto. Dal 30 giugno 2008 (fine della sospensione), il provvedimento di approvazione del modello e le relative istruzioni per effettuare i versamenti, sono stati resi disponibili solo il 10 aprile 2009 (protocollo n. 55493). Dopo la formale richiesta di rinvio (6 maggio 2009) da parte

Questo pomeriggio la festa della Repubblica TERMOLI – E' stata rinviata ad oggi alle 17 la Festa della Repubblica e della Costituzione in programma lo scorso 2 giugno sul lungomare Cristoforo Colombo. L'appuntamento era stato sospeso a causa del forte vento.. Ad organizzare l'evento l’associazione Italia Civile e come già avvenuto negli ultimi due anni l’iniziativa è aperta a tutti i cittadini e il tema dibattito sarà incentrato sul diritto al lavoro. Per l'occasione il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica ha inviato un messaggio al presidente dell'associazione. “Gentile signor Angelo Fiardi, la ringrazio, a nome del Presidente della Repubblica, dell'invito a presenziare alla “Festa della Repubblica e della Costituzione”, orga-

16 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009

nizzata a Termoli dall'associazione da lei presieduta. Concomitanti impegni istituzionali non consentono, purtroppo, di accogliere la sua cortese richiesta. Il Capo dello Stato che, in più occasioni, ha sottolineato la centralità del diritto al lavoro e dell'impegno per una piena attuazione di tutte le tutele previste a livello costituzionale, augura pieno successo a questa iniziativa di sensibilizzazione nei confronti dei valori di giustizia, solidarietà e coesione sociale che costituiscono il fondamento del nostro sistema democratico. Il Presidente Napolitano invia a lei ed a quanti prenderanno parte all'evento un cordiale saluto, cui unisco il mio personale”.

Foto inedite di Hitler in privato WASHINGTON - Una serie di foto inedite e a colori di Hitler, ripreso spesso in momenti privati, sono uscite dagli archivi della defunta rivista Life. E’ solo un piccolo assaggio di una mole di immagini scattate tra il 1936 e il 1945 dal fotografo tedesco Hugo Jaeger.

Il Pd protesta per Mattino cinque ROMA - Il Pd protesta per la durata dell’intervista fatta ieri al premier Berlusconi a Mattino cinque. Oggi Mediaset concederà 25 minuti a Franceschini, a fronte dei 47 dati al Cavaliere. “Uno spot senza freni, in barba alle regole della par condicio”, così il Pd che ha chiesto l’intervento dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.


TERMOLI Illazioni giornalistiche sulla polizia municipale: la precisazione del direttore generale del comune XMTERMOLI – Nell'ultimo mese sono apparsi, su un organo di stampa locale, diversi articoli contenenti numerose illazioni e notizie false riguardanti il Corpo di Polizia Municipale e il Comune di Termoli. Negli articoli in questione, tra l'altro, si mettevano in relazione tra loro alcuni fatti (indagine della Guardia di Finanza presso il Municipio, rivisitazione della gerarchia interna del Corpo di Polizia Municipale) completamente indipendenti e assolutamente privi di collegamento tra loro. Nell'intento di fare chiarezza sulle vicende riportate in maniera impropria dall'organo di stampa locale (la “Gazzetta del Molise”), il Direttore Generale dell'Ente, Donato Petrosino, precisa quanto segue. In ossequio alla massima trasparenza, tali precisazioni vengono divulgate a tutti gli organi di stampa. “Prima di tutto, deve essere messo in chiaro che la vicenda del sequestro di documenti eseguito nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza nulla ha a che fare con la Polizia Municipale. Gli articoli apparsi sull'organo di stampa locale, invece, hanno costruito su questi fatti un’informazione ambigua, obliqua, 'passando' ripetutamente notizie con l’uso del 'condizionale d’obbligo', che già di per sé è fuorviante nei confronti del lettore. La prima vicenda, quella del sequestro documentale, per verità di informazione, si riferisce ad atti relativi a pagamenti dovuti dal Comune al gestore del servizio di trasporto pubblico locale. Fermo il procedimento cognitorio del competente magistrato, va ricordato che per legge sono nulle ed inefficaci le procedure esecutive su somme dichiarate impignorabili dal Comune perché destinate a servizi pubblici locali indispensabili (tale è il servizio di trasporto). Va anche ricordato, per la medesima verità di informazione, che la nullità degli atti contrari a siffatta regola può essere rilevata d’ufficio dal giudice e che nel caso di specie sia il Dirigente del Servizio Finanziario che il Dirigente del Servizio Ambiente, nel rispetto della legge e del contratto di servizio, hanno eseguito il pagamento come atto dovuto per-

ché vincolati dalle scadenze contrattuali, evitando anche pregiudizio all’utenza pubblica per il conflitto sindacale interno all’azienda generato dal ritardo delle competenze stipendiali ai dipendenti. Quanto al procedimento compiuto per definire la gerarchia interna del Corpo di Polizia Municipale, perché di questo si tratta e non di altro, vale ricordare che la materia era stata disciplinata da alcune estemporanee Deliberazioni della Giunta Comunale: la n. 527 del 29 luglio 1982, poi ratificata dal Consiglio Comunale; la n. 1209 dell’11 dicembre 1994, mai ratificata dal Consiglio Comunale; la n. 248 dell’11 ottobre 2001, adottata per delega consiliare secondo quanto detto nello stesso provvedimento di Giunta. Quest’ultima Delibera presenta, purtroppo, nel testo e nei suoi allegati, proprio su alcuni punti essenziali, incomprensibili rimaneggiamenti grafici a discapito della sua autenticità. Questi stessi provvedimenti, adottati a prescindere da una organica riforma di settore, hanno comportato nel passato riconoscimento di gradi (ma anche di funzioni vicarie) ad personam molto discutibili giuridicamente e tanto discussi tra gli stessi interessati.Con Deliberazione Consiliare n. 63 del 21 dicembre 2007, quindi, l’Amministrazione Comunale attualmente in carica ha approvato il Regolamento Speciale del Corpo di Polizia Municipale di Termoli che, all’art. 4, ferme le posizioni giuridiche ed economiche personali già acquisite da ciascuno, ha fissato i requisiti e le procedure per la gerarchia interna del Corpo, in funzione della quale è stato, quindi, avviato il procedimento nel rispetto delle regole approvate dal Consiglio Comunale, chiare ed univoche per tutti i soggetti interessati. Volendo dare a tutti pari opportunità, il Direttore Generale, in concomitanza con la prima applicazione delle nuove disposizioni regolamentari, ha poi ritenuto utile organizzare un corso di aggiornamento e specializzazione, a carattere non obbligatorio, per la trattazione di materie significative, quali l’immigrazione clandestina e gli

Iniziativa per non dimenticare Giulio Rivera GUGLIONESI - “Adottiamo Piazza Giulio Rivera”. Questa la proposta degli alunni delle seconde e terze classi dell’Istituto Comprensivo che rientra nel Progetto d’Istituto “Per non dimenticare Giulio Rivera”e al laboratorio didattico:“A scuola di sostenibilità ambientale” promosso dall’Arpa Molise. Gli stessi alunni, in altro contesto e per ricordare il giorno della Memoria.

stupefacenti, affidandone le lezioni ad un esperto della Guardia di Finanza. Il corso, di natura sperimentale, non ha avuto il fine occulto di penalizzare chi non vi avesse partecipato per una qualunque ragione, o anche per precostituire profili culturali privilegiati, così come, forse, qualche riottoso e loquace dipendente o ex dipendente, equivocando, ha lasciato intendere agli organi di stampa, ma ha avuto l’unico scopo manifesto di accrescere in ciascuno dei corsisti il livello individuale di conoscenza a tutto vantaggio della funzione svolta a tutela degli interessi della collettività. Lo stesso corso, inoltre, nessuna incidenza ha avuto sulla selezione interna, fondata, invece, sui seguenti elementi: anzianità di servizio, titolo di studio, posizione giuridico-economica da ciascuno posseduta, prova per quiz attitudinali. Formata la graduatoria, il comitato (composto come da Regolamento) ha assegnato agli aventi diritto i nuovi gradi distintivi (simbolici) regolamentari dopo averli equiparati ai vecchi, proprio per evitare incongruenze e declassamenti di sorta, fermo il maturato economico e giuridico personalmente acquisito e mantenuto a tutti gli effetti. Il Direttore Generale, nella qualità di responsabile ad interim della struttura, ha seguito il procedimento svolgendo le funzioni che gli sono state riservate dall’ordinamento organizzativo dell’Ente. Nello svolgimento di tali funzioni, è ovvio che il Direttore Generale si è avvalso della solida esperienza del valente collaboratore Rocco Giacintucci, chiamato dal Sindaco all’interno del suo staff proprio per la riforma della Polizia Municipale onde restituirle dignità di Corpo. Quanto ai diritti di accesso presuntivamente negati a qualcuno (vuoi il dipendente insoddisfatto, vuoi il legale dello stesso dipendente, vuoi il Consigliere Comunale interessato al caso), è valso per tutti il principio giuridico della riservatezza in ossequio del quale è inibito l’accesso diffuso a chiunque di dati personali e non può tale principio, per scelta impropria di qualcuno, essere distratto dalla sua

La risposta del direttore Esimio dottor Petrosino, ci eravamo quasi dimenticati della vicenda del Concorso degli agenti della Polizia Municipale per l'avanzamento di gradi, ma la sua ci riporta ad affrontare l'argomento. Non oggi ma nei prossimi giorni. E allora vedremo se nei nostri“diversi articoli contenenti numerose illazioni e notizie false riguardanti il Corpo della Polizia Municipale e il Comune di Termoli” sono tali o meno. Prima di tutto un richiamo a lei: La Gazzetta del Molise é stato l'unica testata giornalistica regionale a trattare l'argomento e pertanto mi pare strano che le sue “precisazioni vengono divulgate a tutti gli organi di stampa”. Ma va da se. Ed ora veniamo ai fatti. Prima di tutto non abbiamo mai collegato il sequestro di documenti eseguito nei giorni scorsi dalla Guardia di Finanza con il Concorso per gli agenti della Polizia Municipale. Per poi risponderle del“condizionale d'obbligo”, mi permetta: non spetta a lei giudicare la prassi (noi non abbiamo mai giudicato il suo operato) e le assicuro che non é stato affatto forviante per i nostri numerosissimi lettori, anzi. Tralasciamo, proprio per non essere ripetitivi sulla vicenda, quella inerente agli atti relativi a pagamenti dovuti dal Comune al gestore del servizio di trasporto pubblico locale, che abbiamo illustrato nel modo esatto. Mentre entriamo nel merito a quello che lei chiama “procedimento compiuto per definire la gerarchia interna del Corpo di Polizia Municipale”. Nessuno ha mai scritto che non avete seguito“il procedimento nel rispetto delle regole approvate dal Consiglio Comunale, chiare ed univoche per tutti i soggetti interessati”, ma abbiamo solo posto dei quesiti a cui lei non risponde se non vagamente e girando intorno a quanto abbiamo offerto ai nostri lettori. Le sue disquisizioni sul corso di aggiornamento e specializzazione per la trattazione di materie significative sono lodevoli ma non danno risposte. Noi non abbiamo mai sostenuto che il corso “ha avuto il fine occulto di penalizzare chi non vi avesse partecipato per qualche ragione”, mentre abbiamo scritto che qualcuno non vi ha preso parte per motivi personali. Come pur abbiamo riportato che la graduatoria é scaturita per anzianità di servizio, titolo di studio, prova per quiz attitudinali. Lei scrive che ha svolto le funzioni che gli sono riservate dall'ordinamento organizzativo dell'Ente. Cosa vuole affermare che é stato lei a correggere i quiz come noi abbiamo scritto al“condizionale”?; ma non risponde se risulta vero che in Commissione la graduatoria é giunta bella che fatta. E ancora lei scrive che si é avvalso della “solida esperienza del valente collaboratore Rocco Giacintucci, chiamato dal Sindaco all'interno del suo staff proprio per la riforma della Polizia Municipale onde restituirle dignità di Corpo”(dimenticando di citare che é indagato dalla Procura della Repubblica di Larino, unitamente al sindaco Vincenzo Greco, per abuso d'ufficio); lo stesso che ha ricevuto le valutazioni del Corso che gli agenti hanno sostenuto prima del concorso. Orbene, noi non abbiamo mai messo in dubbio le qualità del Giacintucci ma abbiamo solo chiesto perché erano presenti in una seduta della Commissione il co. co. co, per l'appunto Giacintucci, e anche il sottufficiale Michele Gianquitto, quest'ultimo ha preso parte al concorso e poi risultato terzo in graduatoria. Lei non da una risposta. Non entriamo nel merito dei diritti di accesso “presuntivamente negati a qualcuno”, perché ci risulta che ci sono stati degli interrogatori in merito. Infine, e concludiamo anche se ritorneremo su questo argomento e su atti firmati da persone dell'enturage del comando Vigili che non avrebbero potuto farlo (e questa volta con la pubblicazione di testimonianze e documenti), ricordandole che tutto ciò che abbiamo pubblicato non sono “illazioni e notizie false” e la sua scorribanda poco delucidante non fa che rafforzare tutto quanto scritto. Ultima cosa: cosa vuol dire la dicitura “Visto per avvenuta preventiva intelligenza con l'Unità di Staff”. Attendiamo con impazienza insieme ai nostri lettori. Angelo Santagostino

In riunione il consiglio comunale URURI – Oggi alle 19, in seduta straordinaria, si riunisce il Consiglio comunale. All'ordine del giorno: La variazione al Bilancio di previsione per l’anno 2009; devolvere il gettone di presenza e della quota di indennità di funzione alle popolazioni dell’Abruzzo colpite dal terremoto; due interpellanze sul sisma del 2002 ed il Cosib.

17 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


SPECIALE CAMPOMARINO Vincenzo Cordisco candidato al consiglio comunale: la Campomarino che vorrei 49 anni, nato a Campomarino, sposato con Costanza Carriero, ha una figlia - Flavia - di 15 anni ed ha vissuto e lavorato a Roma per 30 anni. L’amore per il suo paese ha fatto si che fosse sempre presente nella vita politica anche se non attiva, ma soprattutto nella vita sociale, tant’é che con la moglie Costanza ed altri amici hanno dato vita e cuore all’Associazione “Borgo Antico” con l’intento e la voglia di rivalutare il borgo di Campomarino, cercando di far conoscere il nostro paese anche al di fuori dei confini regionali. Con questa tornata elettorale si apre una nuova stagione di impegno politico-amministrativo, una grande occasione per lavorare e migliorare la nostra cittadina. Con il Partito Democratico di

Campomarino, prima, con il movimento di Sinistra e Libertà ed il Partito dei Comunisti Italiani, dopo, quali alleati nella coalizione di centro sinistra che ha dato vita alla lista “CAMPOMARINO DEMOCRATICA”, abbiamo individuato tre grandi punti programmatici che ispireranno il capitolo della nostra azione di governo: 1. La risposta ai bisogni delle persone in tutte le età della vita, dall'infanzia fino alla vecchiaia; 2. Lo sviluppo economico del nostro territorio per dare sostegno alle imprese esistenti e attrarne di nuove, lo sviluppo commerciale per migliorare e consolidare l’offerta in quantità e qualità e lo sviluppo dei servizi alla persona e di quelli culturali; 3. La definizione del ruolo e dell'identità che il nostro paese

vuole avere nel basso Molise, nella Provincia e nella Regione. Come è noto Campomarino si trova al crocevia di un percorso culturale-turistico per il Molise, per la sua vicinanza con le isole Tremiti e la Croazia, finora poco sviluppato. Consapevoli di questa centralità, vogliamo costruire una Campomarino che sia moderna, aperta, solidale, orientata allo sviluppo e alla crescita, nella quale tutti possono vivere con serenità e fiducia. Vogliamo realizzare un paese di qualità, un paese dalle tante qualità. Vogliamo che la nostra Campomarino sia un luogo in cui è bello nascere, abitare, crescere, studiare, lavorare e fare impresa, svagarsi e anche invecchiare. Un paese dove le donne trovino le condizioni per partecipare alla vita sociale, culturale ed economica. Un bel paese in cui è bello vivere e in cui non si è più soli quando si ha bisogno di aiuto. Vogliamo fare di Campomarino un paese riconoscibile e riconosciuto per questo tratto distintivo nell’intero panorama regionale. Lo faremo rinnovando e ridisegnando l’ambiente urbano, completando le infrastrutture, abbellendo e valorizzando le piazze e i luoghi d’incontro, restituendo alle persone gli spazi del paese, costruendo nuove aree verdi, piste ciclabili, ampliando la possibilità per i cittadini di incontrarsi, camminare e divertirsi. Perseguiremo politiche integrate per la qualità della vita e contro gli sprechi, in particolare in tema di acqua, energia e rifiuti, nella consapevolezza che per migliorare l’ambiente che ci circonda è neces-

sario anche un forte impegno culturale, che incida sui comportamenti collettivi e individuali, anche prevedendo delle forme di premio per i comportamenti più virtuosi. Lavoreremo per l’integrazione tra vecchi e nuovi campomarinesi, favorendo la partecipazione dei cittadini e l’inclusione sociale Arricchiremo ancora l’offerta culturale promuovendo lo sport sin dal livello amatoriale. Saremo il paese della musica e della cultura, proseguendo nel lavoro svolto per radicare a Campomarino quelle manifestazioni che l’hanno proiettata ad avere ospiti di carattere nazionale e mondiale. Saremo la città dei bambini investendo in servizi e strutture a loro misura, mantenendo e migliorando i livelli qualitativi negli asili, nelle

scuole, negli spazi aperti, nei luoghi per lo sport. Saremo il paese delle trasformazioni urbane, nelle singole realtà delle quali è composto, progettando programmando una riqualificazione urbana. In questo progetto impegneremo i più qualificati professionisti, che saranno scelti attraverso un concorso, valorizzando il partenariato tra iniziativa privata e pubblica amministrazione e attraverso scelte e procedure trasparenti e partecipate. QUESTA E’ LA CAMPOMARINO CHE VORREI E CHE LA LISTA N. 1 “CAMPOMARINO DEMOCRATICA” CON CANDIDATO SINDACO VITO D’APRILE VUOLE PER I CAMPOMARINESI. CREDIAMOCI!!


SPECIALE CAMPOMARINO Luisa Conti: idee chiare ma pronti ad ascoltare la gente Luisa Conti in Falasca, candidata al Consiglio comunale del Comune di campomarino nella lista n. 1 “Campomarino Democratica” si presenta. Sono molto onorata per essermi candidata in questa lista capeggiata da Vito d’Aprile. Uomo fermo nelle sue idee politiche, preparato e coraggioso nell’affrontare una comunità arrabbiata e rassegnata dalle troppe delusioni ereditate dal susseguirsi delle amministrazioni precedenti. Vito ha preferito circondarsi di candidati che, come lui, hanno voglia di spendersi per questo paese con trasparenza, legalità e interesse per i cittadini di Campomarino. Il nostro gruppo è formato da volti nuovi e giovani (purtroppo io sono la più grandicella), nutrito da un numero considerevole di donne. Nessuno di noi ha mai avuto candidature precedenti, nessuno di noi è caratterizzato da personalismi ma nessuno di noi è sprovveduto. Tutti ci avvaliamo di idee chiare sappiamo ascoltare le istanze della gente. Non posso fare a meno di confessare la mia mortificazione nell’avvicinare persone, in questa campagna elettorale, nell’ascoltare giovani, anziani, disabili e disagiati avviliti che esprimono la delusione e la rassegnazione dell’andazzo politico superficiale e indifferente nei loro confronti. Vi parlo con il cuore in mano: non immaginavo che la gravità dell’attuale situazione potesse giungere fino a questi livelli. Ho

visto gente piangere e disperarsi a tal punto da farmi riflettere sulla mia candidatura, ma ho preso questa decisione ed intendo rispettarla con coraggio e senso del dovere e andare avanti anche perché la mia vita è caratterizzata da un episodio molto particolare. Il primo verso della divina commedia di Dante Alighieri: “ nel mezzo del camin di nostra vita mi ritrovai in una selva oscura chè la dritta via era smarrita” si addici molto bene per spiegare la mia attuale condizione di vita. Fino a cinque anni fa ero una donna normodotata e piena di vita. Non incontravo ostacoli fisici nel dividermi tra famiglia, casa, lavoro, genitori anziani e quant’altro la vita ti presenta nella società in cui viviamo. Una malattia rara si è impossessata del mio corpo rendendomi totalmente inabile. Sono vissuta, per sei mesi con la respirazione meccanica, con l’alimentazione artificiale e completamente afona. Ora, seppur rimasta tetraplegica, con l’aiuto di Dio e con intervento dei sanitari del Torrette di Ancona, ho ripreso buona parte delle mie funzionalità corporee. Inoltre la mia malattia, pur devastandomi tutta, mi ha risparmiato il cuore e il cervello ed è per questo che sento il dovere di spendermi per le persone che sono nelle mie stesse condizioni e purtroppo anche peggiori, di cui il nostro Comune ne abbonda. La vecchiaia è una FASE della vita che può renderti non

autosufficiente soprattutto se complicata da problemi di salute. In questo caso l’amministrazione locale ha il dovere di facilitare la vita a queste persone mettendo a disposizione una vera assistenza domiciliare caratterizzata da personale efficiente e responsabile, impegnando un numero di ore soddisfacenti per l’assistito stesso. In questo modo si da la possibilità di far lavorare persone del posto dando la priorità alle più svantaggiate economicamente. La disabilità, invece, è una CONDIZIONE della vita che può accompagnarti fin dalla nascita o ritrovartela nel corso della tua esistenza in seguito a malattie, interventi o incidenti. Ritrovarsi con un disabile in casa significa scombussolare tutto un sistema familiare dove oltre alla sofferenza del disabile stesso si aggiunge quella di chi deve farsene carico. Quest’ultime, di solito, si riversano sulle figure delle mamme, mogli, sorelle, mariti, figli. Queste persone devono rinunciare ad ogni spazio per se stesse e soprattutto ad un lavoro. Da qui scaturisce un ulteriore impoverimento rendendo ancor più deleterie le condizioni di una famiglia già disagiata. Come dovrebbe intervenire l’amministrazione comunale per affrontare e risolvere realmente le condizioni di una persona disabile? Il disabile è un cittadino, membro della collettività di una comunità. Il ché significa che l’amministrazione comunale ha il

dovere di far rispettare le normative sull’abbattimento delle barriere architettoniche che oltre a rendere più difficile la nostra vita ci negano il diritto alla mobilità e quello alla libera scelta. Dobbiamo avere la libertà di accedere in tutte le strutture della nostra città che siano edifici pubblici o privati, di culto o di cultura, di sport o di spettacolo. Inoltre a Campomarino dobbiamo realizzare e rendere adeguate le principali strutture esterne come marciapiedi, passaggi pedonali e parcheggi. Dobbiamo urgentemente attivare il servizio di trasporto con mezzi adeguati ai disabili. Purtroppo Campomarino è l’unico comune ad esserne completamente sprovvisto. Considerando che ci ritroviamo nel 2009 questo significa che la disabilità è ancora scarsamente considerata da amministratori e progettisti. Per fare in modo che non vi siano sperperi di capitali è necessario che i progetti siano sottoposti all’approvazione di associazioni di categorie delle persone con disabilità. Se gli elettori di Campomarino ci aiuteranno a portare il nostro candidato a sindaco, Vito D’aprile, a governare con la sua

squadra il Comune di Campomarino, ci attiveremo per far recepire anche dalla nostra Regione la Legge nazionale n.162/98, che permette l’assistenza personale autogestita dal disabile stesso e che nella maggior parte delle Regioni del nord è già in funzione. Essendo Vice Presidente dell’unica Associazione esistente nel Molise (M.O.V.I. per la vita indipendente) con sede in Termoli, ho riscontrato la giusta sensibilità da parte del nostro candidato a Sindaco, ma anche di tutta la lista della quale faccio parte, nel percepire tutti i vantaggi all’attivazione della citata legge, che tra l’altro può essere fonte di lavoro per i nostri giovani. La cultura di aiutare il prossimo, soprattutto chi versa in difficoltà, deve rientrare nella mentalità delle amministrazioni. Riguardo a questo Campomarino, purtroppo, non si può certo dire che abbia progredito. Chiedo all’elettore di non farsi più del male e di votare con la testa e la coscienza, dando modo a “Campomarino Democratica” al suo leader Vito D’Aprile ed a me personalmente di adoperarci per queste ragioni nella costruzione di una Campomarino migliore.

Mario Belpulsi: in lista persone che vogliono veramente bene a Campomarino Mario Belpulsi, 20 anni e frequenta la facoltà di Economia e Amministrazione al "Politecnico delle Marche". Nonostante la giovane età ha deciso di aderire al progetto "CAMPOMARINO DEMOCRATICA" appunto perchè al centro del programma di governo del dr. Vito D’Aprile le esigenze dei giovani sono al primo posto. Afferma il candidato al Consiglio comunale che: “Durante questa tornata elettorale ho potuto notare che per le altre liste forse il giovane viene visto come figura debole di un ipotetico sistema amministrativo ma, secondo me, non c'è cosa più errata che considerare i ragazzi come anelli deboli. Noi ragazzi siamo la linfa vitale di un sistema che deve essere formato da un giusto mix di persone esperte e di giovani e siamo l'unica lista che comprende tra i suoi candidati abbraccia tutto il tessuto sociale, dai ragazzi agli imprenditori agricoli, agli artigiani, dai liberi professionisti ai fino ad arrivare alle persone disabili (la candidata sig.ra Luisa Conti). Tutte persone pulite, che non si sono candidate per fini speculativi o interessi di varia natura, ma che vogliono realmente il bene di Campomarino, un paese che negli ultimi decenni è stato

amministrato solo per accrescere i propri interesse personali cercando di arrivare il più in alto possibile a spese dei nostri cittadini. La lista "CAMPOMARINO DEMOCRATICA" cercherà di vivere le problematiche di tutta la popolazione, non dall'alto verso il basso, ma realmente al fianco delle persone perchè siamo tutte persone come loro! Chi più di un ragazzo come me può conoscere le problematiche dei giovani della mia età a Campomarino??? Chi può conoscere gli ostacoli delle barriere architettoniche se non una disabile? Chi può conoscere i disagi del quartiere di Nuova Cliternia se non una persona che risiede in quel luogo??? Ecco, noi siamo tutto questo... Siamo le uniche persone che possono aiutare Campomarino a risolvere i suoi problemi, essendo gli stessi che viviamo noi nella nostra quotidianità. Ecco perché saremo in grado di dare le giuste risposte, anche perché la preparazione professionale del dr. Vito D’Aprile è notevole e sarà un ottima guida per noi che ci affacciamo per la prima volta in una competizione elettorale”.


SPETTACOLI Parla il produttore della pièce Rosario Coppolino: “Attori e maestranze del territorio”

Un successo molisano La compagnia Molise Spettacoli in scena un mese al teatro Manzoni di Milano di Charles N. Papa ROMA - Parlare di teatro è sempre complicato. Soffermarsi sulle carenze del Molise, terra dalla quale si fugge , ancora di più. Regione non contemplata dalle grandi produzioni che non la considerano nei loro tour. E poi, la mancanza di un teatro stabile che scandisca le professionalità regionali e che produca e assembli spettacoli dal Molise. O una scuola di teatro, che formi le figure che vanno a comporre poi il puzzle. Se qualcosa si muove, lo si deve a privati che investono su di loro, e spesso rimettendoci. Ma sono storie vecchie dalle quali sembra ci si voglia impantanare spesso, solo per arrivare allo scontro verbale inutile. La compagnia Molise Spettacoli, supportata da Molise Live e dunque dall’assessorato alla Cultura della Regione Molise, realizza e produce spettacoli da qualche anno. Rosario Coppolino ne cura il lavoro e Edorado Siravo ne è il Presidente. E’ l’unica riconosciuta dal Ministero ed è dunque l’unica che può accedere ai fondi previsti per le compagnie professionali. Raggiungiamo al telefono Rosario Coppolino, il produttore (con Antonella Piccolo) di “L’anatra all’arancia”, la pièce con Debora Caprioglio e Corrado Tedeschi che ha tenuto il palco del Manzoni a Milano dal 5 al 31 maggio raggranellando la ragguardevole cifra di euro 265.000 con 13.000 presenze: “Ove possibile - spiega Coppolino - cerchiamo di operare e di partire dal Molise. Cerchiamo sempre di utilizzare risorse moli-

20 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009

sane, in ogni spettacolo che abbiamo prodotto e allestito, come I ponti di Madison county o La dodicesima notte ci sono sempre maestranze molisane, attori o tecnici. In questo spettacolo la costumista è molisana, si tratta di Alessandra Benaduce. Purtroppo per il cast ridotto non abbiamo potuto inserire attori del Molise, ma lo abbiamo già fatto nel passato e continueremo a farlo nel futuro”. Scegliendo di parlare in seguito di quanti attori molisani validi possono ambire a Molise Spettacoli, va ricordato che Simone Vaio, Chiara Izzi, Daniele Ialicicco, Paola Cerimele hanno già fatto dei lavori con la compagnia. “Le polemiche puntualizza Coppolino fanno parte del gioco”. Dello spettacolo in oggetto, ci pregia parlare del nome Molise, che gira in tutta Italia: “Eh si - prosegue Coppolino vedere la scritta Molise campeggiare in pieno centro a Milano, in via Manzoni, e per tutto quel tempo, è gratificante. E torneremo al San Babila con I ponti di Madison county e ancora con Molise Spettacoli, mentre L’anatra all’arancia farà il tour invernale nel resto d’Italia”. Ma le considerazioni sul successo lombardo dello spettacolo? “Per essere maggio - conferma Coppolino - abbiamo avuto una media altissima, dal 5 al 31 maggio abbiamo totalizzato 13.000 spettatori con una media di 500 a serata ed un incasso di euro 265.00 a fronte di una media giornaliera di euro 11.000 fra abbonati e sbigliettamento”. Dunque il frutto di un lavoro che raccoglie consensi e prosegue nel tour, anche per la coppia De-

Seminario di management CAMPOBASSO - Dall’8 al 10 giugno, Komart e ARES organizzano un seminario di ‘Management artistico e produzione - Strategie di comunicazione’. Il corso ha una durata di 15 ore con una classe di max 23 alunni. La sede è quella dell’Ares nella zona industriale. Info 3346886367.

bora Caprioglio e Corrado Tedeschi: “Esatto, la coppia Tedeschi-Caprioglio è inedita, l’abbiamo messa insieme noi e, a quanto pare con successo, perchè stanno bene insieme e funzionano, il pubblico ha molto gradito”. O v v i o però che ci preme sap e r e quando ci sarà uno spettacolo prodotto e allestito con tecnici e artisti molisani: “E’ quello che cerco di fare sempre - dice Coppolino. Nel prossimo lavoro abbiamo una disponibilità minore perchè è una co-produzione, ma nell’estiva Le donne al parlamento di Aristofane

useremo quanto più possibile, artisti e tecnici molisani”. Ma Debora Caprioglio cosa dice della compagnia Molise Spettacoli? “Beh lei è contenta - dice Coppolino - è molto fiera di contribuire alla nascita di questo progetto. Lei lavora con me da anni, e dice spesso che vedere nascere una nuova realtà teatrale è sempre qulacosa di positivo”. Ma come mai la sua compagnia non è mai in cartellone in una struttura come il Savoia? “Mah questo non lo so - conclude Coppolino - il direttore artistico Poggiali, non ci ha mai

considerato ne mai ci ha contattato. Francamente non ne capisco il motivo. Al di fuori del Molise siamo ostentati, qui invece è guerra, quelli che sono legati solo al territorio, dicono che non agiamo sul territorio e non facciamo attività. Non è vero, i contribuiti che percepiamo dagli Enti regionali, li ho investiti in allestimenti per esempio ad Agnone, e tutto l’indotto ne trae beneficio. Dunque investo in Molise con molisani”. L’ultima idea è quella di creare un Borgo del teatro a Pietrabbondante. Parole che speriamo, diventino fatti.

BREVI CAMPOBASSO - Da oggi e sino al 9 giugno, dalle 18:00 alle 20:00 mostra antologica galleria Limiti Inchiusi: 14° Mistero, passatofuturo. ISERNIA - Questa sera al discobar La Strada ‘Positivanight’ con Pietro Rama & Charles Papa.

LA SCUOLA DI MIRABELLO PREMIATA A ROMA ROMA - Il 17 maggio si è svolta a Roma la “II giornata nazionale della musica popolare”, istituita con lo scopo di promuovere e valorizzare la cultura musicale popolare e amatoriale quale fondamentale fattore di diffusione delle tradizioni del nostro paese, il tema per le scuole di I grado è stato: "La riscoperta delle tradizioni musicali: bande, cori e gruppi folclorici nel tuo paese". Le scuole che hanno vinto sono state due: l’istituto Petrone di Mirabello Sannitico e il Frank di Cannara (Perugia). Grazie all’interesse delle professoresse Anna Delli Bovi e Giampiera Di Vico il bando del Ministero è stato accolto e realizzato. La ricerca si si è svolta sul gruppo folkloristico dei Mattacchini di Mirabello, lo stesso che, secondo fonti storiche, apparve in un film di Giuseppe Folchi prodotto da Vincenzo Compagnucci “Il prezzo dell’onore” dove il gruppo eseguiva la “Danza dei Mattacchini”. Con grande onore, ancora una volta, come lo scorso anno, la scuola media di Mirabello Sannitico è stata prescelta e premiata.

I Pooh in concerto ad agosto a Miranda MIRANDA - Dopo le defezioni di valerio Negrini e Riccardo Fogli, per oltre trent’anni i Pooh hanno tenuto la stessa formazione. Il tour d’addio di Stefano D’Orazio tocca il Molise l’8 agosto con il concerto allo Stadio. Biglietti in prevendita, cinquemila tagliandi disponibili.


S P O RT CALCIO SERIE D

Un anno fa era ancora in B e l’anno prima duellava con la Juventus

Lo Spezia pronto alla sfida con il Fano La squadra marchigiana si prepara al delicato confronto CAMPOBASSO – Un anno fa, di questi tempi, era ancora in B e l’anno prima duellava con la Juventus. Poi il fallimento, che ha fatto ripartire lo Spezia dalla D ma non gli ha portato via la storia e nemmeno la dimensione professionistica. Perché per tornare al piano di sopra la società guidata da Gabriele Volpi, abituato a primeggiare nella pallanuoto con la Pro Recco, si è affidata ad un allenatore e a un gruppo di giocatori che con questa categoria ha preso confidenza solo in questi mesi. Marco Rossi, ex esterno di Torino, Brescia e Samp, ha allenato a lungo la Pro Patria e da quella sua esperienza ha tratto profonda ispirazione per modellare la sua squadra attuale. Lì giocavano Citterio, Salvalaggio e Imburgia, che fanno i tre quarti della difesa (l'alternativa è Fusco, altro 'espertone'), lì è transitato anche il centrocampista Pessotto, fratello d’arte, che a La Spezia era peraltro già stato. Trascorsi in C pure per Capuano, che è reduce da un infortunio ma che domenica col Casale si è fatto rivedere e dovrebbe togliere il posto proprio a Pessotto. Lui è stato preso dal Rivoli a stagione avviata, proprio come il bomber Lazzaro, 17 gol coi

bianchi e altri 7 fino a dicembre. Il suo partner col Casale è stato Nieto, a segno nell’occasione, ma col rientro di Citterio dalla squalifica la regola degli under potrebbe privilegiare Triglia, uno dei giovani ereditati dalla Primavera del pre-fallimento. Gli altri che trovano stabilmente posto, nel 4-4-2 forgiato da Rossi, sono il laterale destro difensivo Cintoi e il portiere Fornari, che viene dal Verona e che ultimamente viene preferito a Bertagna. A centrocampo gravita anche il ceco Herzan, che con lo Spezia l’anno scorso ha messo assieme 18 presenze in B, mentre a destra si alternano gli under Frateschi e Innocenti e a sinistra si muove Masi, con 10 gol la seconda bocca da fuoco, sulla linea di quel Di Paola che spesso compare in corso d’opera. E il Fano? Ieri un po’ di gente a curarsi o a fare lavoro leggero (Amaranti, Bartolini, Fenucci e Pentucci), ma nessuno che, in questo momento, preoccupi veramente. Già acquisite invece le assenze di Misin, Luchetti e Santi più quella dello squalificato Lepre. A oggi Carbonari terzino destro, Marchetti in mezzo al posto di Scoponi, unico ex della sfida, e Bartolini al fianco di Roncarati, le novità ipotizzabili. MONTECCHIO Obiettivo decimo anno. La società del presidente Angelo Ghiselli chiama a raccolta i montecchiesi per la gara di ritorno con il Tolentino. L’ultimo sforzo stagionale che può spingere il Real ad un decennio ininterrotto di permanenza nel campionato di serie D. Un traguardo che darebbe ulteriore lustro ad una realtà che già da diversi anni ha saputo ergersi ad eccellenza del movimento calcistico provinciale. Ingresso unico a 10 euro per la partita di domenica allo “Spadoni” in cui al Montecchio basterà un pareggio per raggiungere una salvezza dai forti significati, dopo le tante difficoltà di una ripartenza con azzeramento dei precedenti vertici dirigenziali. Il Real autogestito avrà oggi la sua consueta partitella infrasettimanale, utile agli “anziani” coordinatori del gruppo per testare il polso della condizione generale. Mengo e soci lavorano già su un’ottima base di partenza (l’organico è al completo), ma non trascurano nulla. A cominciare dalla variabile imprevedibile rappresentata dall’arbitraggio, ritenuta troppo spesso penalizzante nei confronti della compagine montecchiese. Nemmeno domenica scorsa è stata esentata dal fastidioso trend, dove al gioco duro dei crèmisi, l’arbitro ha risposto con cartellini gialli distribuiti esclusivamente al Real.

Inter, Mourinho: "Servono tre rinforzi" Josè Mourinho, all'uscita dall'incontro con Moratti, conferma che l'Inter tornerà sul mercato: "Servono tre rinforzi". L'allenatore portoghese, insomma, prima di partire per le vacanze è passato dal suo presidente per fare l'elenco della spesa. "Per migliorare la nostra rosa ci servono un centravanti, un centrocampista e un difensore centrale - ha affermato in una intervista a Telelombardia - Intanto abbiamo chiuso per Milito e Thiago Motta e questo è importante. Quando avremo questa struttura completa saremo piu' forti".

VOLLEY A2

Fenice, al via la campagna abbonamenti Lorenzo Gemmi convocato in Nazionale

CAMPOBASSO - "Coltiva la nostra stessa passione" è questo lo slogan scelto da La Fenice Volley Isernia per accompagnare e promuovere la sesta campagna abbonamenti della Serie A2 della società presieduta da Mimmo Cicchetti. Campagna abbonamenti che ha preso il via già dalla giornata di ieri e che vede per il quarto anno consecutivo un blocco dei prezzi delle tessere. Pertanto, come nelle passate stagioni, il costo dell'abbonamento resta di € 100,00

per il posto unico e € 500,00 per le tessere "socio sostenitore" per coloro che volessero contribuire in maniera più fattiva alla causa biancoazzurra. Rispetto alla passata stagione sono aumentati, invece, i punti vendita dove abbonarsi in modo da coprire ogni punto della città e raggiungere i diversi target di appassionati; politica intrapresa anche per agevolare la riuscita dell'obiettivo della vendita delle 1000 tessere promessa dalla tifoseria molisana in occasione della riunione con i vertici societari. Questi i punti vendita dove trovare l'abbonamento per poter condividere la medesima passione della società e per poter farsi coinvolgere dalle emozioni della formazione biancoazzurra che inizia a prendere forma: Profumeria Pina - Corso Garibaldi; Ag++ - Via Libero Testa; Sport Club Via Umbria; Edicola - Corso Risorgimento. Sono giorni di lavoro intenso per i vertici de La Fenice Volley Isernia impegnati nella campagna acquisti che chiuderà i battenti il prossimo 23 luglio, ma sono anche giorni di grande soddisfazione per aver portato un altro biancoazzurro a conqui-

stare la maglia della nazionale. Questa volta è toccato al vice capitano pentro Lorenzo Gemmi, rispondere alla chiamata della Nazionale B, guidata da “Mister Secolo” Lorenzo Bernardi e impegnata in terra trevigiana nella preparazione dei Giochi del Mediterraneo. “Dire che sono contento è dire poco – afferma lo schiacciatore settempedano, raggiunto telefonicamente nel ritiro azzurro – anche se all’inizio, quando ci sono state le prime convocazioni un po’ero amareggiato per essere stato escluso, vista la buona stagione, così mi sono messo l’anima in pace pensando che nella prossima stagione avrei dovuto fare meglio per rientrare nel giro azzurro”. Invece, quasi inaspettata, ma meritata, è arrivata la chiamata che da ieri ha portato Lollo Gemmi nel ritiro azzurro. “Ora – continua lo schiacciatore maglia numero 9 – sono molto contento, per me e per tutte quelle persone che in me hanno sempre creduto, e quindi il mio obiettivo sarà quello di dare il massimo per tutto il periodo che sarò qui e dare una mano alla causa perché per la nazionale si fa questo ed altro”.

“Sui Tratturi del Molise”, bene la Termoli Athletics TERMOLI - La Termoli Athletics del Presidente Pasquale Venditti ha ottenuto buoni risultati anche nella 5a edizione della manifestazione nazionale di corsa a tappe “ Sui tratturi del Molise” che si è disputata nel suggestivo scenario dei tratturi molisani su 3 tappe: la Prima da San Massimo a Cantalupo del Sannio di km 9, la Seconda a Capracotta di km 10,1 e la Terza da Villa Centocelle a Campolieto di km 8,7. La società termolese ha ottenuto un ottimo quinto posto assoluto con Gilda Genova che ha concluso con il tempo finale di 2:21:57. I parziali nelle varie tappe sono stati per lei 35:31, 50:31 e 55:55. Con questa bella prestazione la Campionessa Italiana Master di Staffetta di Corsa in montagna ha confermato

di esprimersi molto bene su questi percorsi trail. Nella Categoria maschile MM55 l’Associazione Termoli Athletics ha conquistato il secondo posto con Michele Di Bona che ha corso in 2:01:01 con i seguenti parziali per singola tappa, 29:57, 44:07 e 46:57 mentre l’altro rappresentante del team adriatico Bruno Irace ha concluso al sesto posto in 2:07:13 dimostrando però di poter aspirare ad un piazzamento ancora migliore, infatti nella prima tappa è giungo all’ottavo posto con 36:55 perché al mattino aveva già partecipato al Giro del Gargano, una gara ciclistica di 160 km. Nella seconda tappa è arrivato quinto con 45:53 e addirittura nell’ultima tappa ha tagliato il traguardo al secondo posto con 46:45. Alla mani-

Napoli, Lavezzi: "Il Milan? Non ne so niente" "Il Milan vuole Lavezzi? Non ne so niente - dice l’agente dell’avanti argentino – ma che piaccia ai rossoneri è risaputo". Alejandro Mazzoni, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, fa il punto della situazione sul suo assistito: "Il Napoli non si è ancora fatto sentire né con me né con il calciatore. Deve essere chiaro che Lavezzi non ha mai detto di voler lasciare Napoli".

festazione organizzata dal SC Promosport hanno partecipato oltre 100 atleti.

21 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


S P O RT CONFEDERATIONS CUP

Un azzurro più chiaro, i calzettoni marrone scuro e uno dei due pantaloncini della stessa tinta

La nuova maglia della Nazionale Gli inediti colori sono un omaggio e un richiamo alla Nazionale di Vittorio Pozzo, due volte campione del Mondo

europeo Thierry Henry, la partnership con la Nazionale Italiana, le giovanili e la nazionale di calcio a 5 intende rafforzare il legame col mondo del calcio. E’ stata ufficializzata anche la collaborazione tra Fini e la Nazionale Italiana di Calcio. Sarà l’azienda di Modena, fondata nel 1912 da Telesforo Fini, a prendersi cura dell’alimentazione dei campioni del mondo. La Figc ha scelto l’azienda modenese emblema della tradizione culinaria italiana per la grande qualità, genuinità e bontà che da quasi 100 anni distingue i suoi prodotti.

Decisioni del Giudice sportivo

CANOA

Josefa Idem guida gli azzurri in Coppa del Mondo CAMPOBASSO - Un azzurro più chiaro, i calzettoni marrone scuro e uno dei due pantaloncini della stessa tinta: è questa la novità della maglia, prodotta dalla Puma e presentata oggi a Coverciano, che la Nazionale Italiana indosserà in Sudafrica, in occasione della Confederations Cup. Un’edizione speciale dedicata esclusivamente a questo evento. Gli inediti colori sono un omaggio e un richiamo alla Nazionale di Vittorio Pozzo, due volte campione del Mondo: il marrone invece è una variazione sul nero che l'Italia indossò in alcune occasioni all'inizio degli anni '30. “E' un azzurro meno intenso - ha commentato il ct Marcello Lippi – ma, qualsiasi sia il colore, le quattro stelle ci sono e noi vogliamo onorare questa maglia”. Alla presentazione, nell’Aula Magna del Centro Tecnico, oltre al commissario tecnico, al Capo delegazione Gigi Riva e a Rino Gattuso, capitano in rappresentanza della squadra, hanno partecipato il direttore generale Antonello Valentini, la responsabile del Marketing Figc Benedetta Geronzi e Andrea Rogg, amministratore delegato della Puma Italia. Inoltre si è conclusa positivamente l’operazione commerciale con la Gillette, marchio leader nella rasatura maschile, che sarà partner ufficiale della FIGC fino al 2010. Dopo l’ingresso di Fabio Cannavaro come nuovo testimonial, in sostituzione del campione

CAMPOBASSO - Da oggi a domenica 7 giugno tornano in azione gli azzurri della velocità impegnati nella terza prova della Coppa del Mondo a Szeged (Ungheria). L’Italia approda a questa prova con una squadra completa e desiderosa di migliorare i risultati ottenuti in occasione della prima gara di coppa a Racice, dove lo scorso 10 maggio si presentò senza i medagliati olimpici Josefa Idem, Andrea Facchin e Antonio Scaduto, ma chiuse comunque con il bronzo nel K1 500 di Maximilian Benassi ed il quinto posto nel C1 500 di Enrico Calvi. A Szeged, invece, saranno presenti tutti i big internazionali. Gli azzurri schierano una formazione con molte certezze e qualche novità, tenendo anche conto che all’inizio di luglio ci sarà l’importante impegno dei Giochi del Mediterraneo a Pescara. Insieme con la veneta Alessandra Galiotto (prima domenica scorsa nelle selezioni di Mantova) Josefa Idem sarà in gara nel K1 500. Doppio impegno per la toscana Stefania Cicali: nel K1 1000 (a Mantova ha vinto la selezione) e nel K2 500 in coppia con Alessandra Galiotto. La palermitana Fabiana Sgroi e la triestina Anna Alberti scenderanno in acqua nel K2 500 e K2 1000. Alberti, Galiotto, Sgroi e Norma Murabito (in gara quest’ultima anche nel K1 200) gareggeranno anche nel K4 500. Al maschile il triestino Michele Zerial e Alberto Regazzoni gareggeranno nel K1 500; il carrarese Maximilian Benassi nel K1 1000. Nel K2 500 e 1000 mancheranno ancora Andrea Facchin e Antonio Scaduto, rimasti in Italia per affinare la preparazione. A difendere i colori azzurri, la coppia veneta della Canottieri Bucintoro Nicola Dall’Acqua-Mattia Colombi e Matteo Galligani con Alberto Regazzoni. Nel K4 infine l’Italia si misurerà sui 200 e sui 1000 con i finalisti olimpici di Pechino Franco Benedini, Luca Piemonte, Alberto Ricchetti ai quali si aggiunge Albino Battelli. Tra gli avversari da battere ovviamente gli ungheresi padroni di casa e i tedeschi che schierano tra gli altri il bronzo di Pechino, dietro Josefa Idem, Katrin Wagner Augustin. In gara nel K2 200 e 500 l’ucraina Inna Osypenko Radomska. L’oro di Pechino, vinto per 4 millesimi su Josefa Idem, non si misurerà dunque con l’italiana in un remake della finale cinese, preferendo pagaiare nel doppio. Domani il programma prevede le batterie di qualificazione mentre sabato e domenica si disputeranno semifinali e finali. Al sito www.federcanoa.it sarà presente il link per seguire in diretta, da domani, tutte le gare con risultati pubblicati in tempo reale.

La Motus sulle pagine di Autosprint CAMPOBASSO - Per i più scettici ora arriva la conferma. Il più autorevole settimanale di sport e motori d’Italia, "Autosprint", esce in edicola con un articolo sui programmi sportivi sia della Ford Italia sia della termolese Motus, scuderia ufficiale dell’ovale blu. Ormai ben conosciuti i programmi sportivi per la stagione attuale, dall’appuntamento tenutosi in Sardegna per la tappa italiana del mondiale WRC, i riscontri sono stati piu che positivi. Con ordine, intanto è stato presentato il progetto Fiesta R2 Trophy, dove le vetture oltre che rinnovate nella carrozzeria rispettano le nuove regole di categoria R2 creata dalla Fia. Ma il tutto non è bello se non si parla del top della categoria, infatti la Ford Italia annuncia che lascerà alla Motus anche la preparazione e l’impiego nelle gare della nuovissima Fiesta Super2000 promessa per fine anno dai vertici Ford M-Sport. Due saranno le vetture a disposizione della scuderia di c/da Pantano Basso, da affidare a drivers d’eccezione che andranno a sfidare le attuali Punto Abarth e Peugeot207 nel Cir ovvero Campionato Italiano Rally quindi la massima serie iridata tra gli asfalti e le terre di tutta Italia. Ovviamente massimo riserbo sulle consultazioni con i migliori piloti in circolazione. Chissà, forse sarà proprio l’automobilismo a far balzare ai vertici nazionali la Termoli sportiva.

22 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009

Il Giudice Sportivo Territoriale del Comitato Regionale Molise della Lega Nazionale Dilettanti, Antonio Persichillo, assistito dal Rappresentante dell’A.I.A., A.B. Elio Di Rienzo, nella seduta del 3 Giugno 2009, ha adottato le decisioni che di seguito integralmente si riportano: PRIMA CATEGORIA – PLAYOFF A CARICO DI SOCIETÀ AMMENDE € 50,00 CIORLANO A.S.D. “Per carenze igieniche nello spogliatoio arbitrale”. A CARICO DI DIRIGENTI Inibizione fino al 10/ 6/2009 Ciorlano Mario (Domenico De Sisto) A CARICO DI CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Palermo G. Gennaro (Macchiagodena) NON ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Berchicci Alessandro (Amatori C. Petacciato) Zancu Claudiu (Amatori Calcio Petacciato) Priolo Lino (Macchiagodena) Michilli Enrico (Maronea Calcio) Brunetti Nicola (Rinascita Bussese) Gammieri Alessandro (Rinascita Bussese) PRIMA CATEGORIA – PLAYOUT A CARICO DI SOCIETÀ AMMENDE € 300,00 CIL CASTELLINO “perché dal 10' del secondo tempo un a.a. federale veniva fatto ripetutamente oggetto di insulti, ingiurie e intimidazioni da parte di sostenitori locali. Successivamente al 31' del secondo tempo propri sostenitori tentavano minacciosamente di oltrepassare la rete di recinzione, senza riuscirvi per il pronto intervento della forza pubblica presente. A fine gara, inoltre, proprio sostenitore entrava nel recinto di gioco senza autorizzazione attraverso una porta posizionata tra le due panchine tentando di avvicinarsi minacciosamente al direttore di gara, ma veniva fermato da un calciatore locale. Lo stesso sostenitore si posizionava all'esterno del recinto di gioco, offendeva la terna arbitrale ed i vertici della FIGC e dell'AIA Molise; infine spingeva violentemente un sostenitore avversario verso il cancello di ingresso scatenando un tentativo di rissa con i sostenitori avversari, prontamente sedata dalla forza pubblica presente”. A CARICO DI DIRIGENTI Inibizione fino al 17/ 6/2009 Persichilli Giuseppe (Cil Castellino) A CARICO DI CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO Squalifica fino al 31/12/2013 De Lisio Luigi (Cil Castellino) “Espulso per condotta violenta nei confronti di un calciatore avversario, alla notifica del

provvedimento disciplinare di espulsione si avvicinava ad un a.a. Federale e gli rivolgeva frasi minacciose; successivamente lo colpiva con una violenta manata al volto provocandogli una ferita lacerocontusa di circa un centimetro di lunghezza. Solo l'intervento dei propri compagni di squadra riusciva a farlo allontanare dal terreno di gioco. Tornata la calma, l'a.a. Federale era in grado di proseguire l'incontro. Quest’ultimo, dopo la gara veniva accompagnato all'ospedale di termoli, dove gli venivano refertati tre giorni di prognosi”. Squalifica per una gara Di Bona Luca (Cil Castellino), Di Toro Luca (Real Juvenes Cb), Di Girolamo Alessandro (Real Roccavivara). NON ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Ialicicco Giuseppe (Fiamma Folgore) Galasso Alessandro (Portocannone 1993) Manes Adamo (Portocannone 1993) De Guglielmo Umberto (Real Juvenes Cb) Giordano Gianluca (Real Juvenes Cb) Paduano Giovanni (Real Roccavivara) SECONDA CATEGORIA - PLAYOFF A CARICO DI ALLENATORI Squalifica fino al 17/ 6/2009 Tucci Mercurio (Hermes Toro) A CARICO DI CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Di Genova Antonio (Castelnuovo), Belpulsi Diego (Olimpia Kalena), Biello Pietro (Olimpia Kalena), Giannone Raffaele (Rotello), Zollo Gian Paolo (S. Pietro Avellana), Di Paolo Vincenzo (S.Angelo Limosano). NON ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Ceglia Flaviano (Olimpia Kalena) Giannone Raffaele (Rotello) Minervini Pierluigi (S.Angelo Limosano) MOLISE CUP A CARICO DI CALCIATORI ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Paggiotta Pierluigi (Difesa Grande Porticone), Colella Alessio (Ferrazzano Calcio), Paolucci Alessandro (Ferrazzano Calcio). Gentile Lorusso Bruno (Oratino A.S.D.). NON ESPULSI DAL CAMPO Squalifica per una gara Petrecca Selineo (Colli A Volturno), Cocchianella Teodoro (Difesa Grande Porticone), Vasellino Marco (Ferrazzano Calcio), Martorano Massimiliano (Atletico Sessano), Farinaccio Lucio (Oratino A.S.D.), Silvaroli Angelo (Oratino A.S.D.)

Milan, Berlusconi: "A me la squadra piace com'è"

Juventus, Cobolli: "Il tecnico? Non abbiamo deciso"

Berlusconi critico sul Milan che verrà: "A me la squadra piace così com'è". Ma poi conferma: "Per Kakà si saprà lunedì". Altro che Ronaldinho o Kakà. Il dribbling più mirabolante ed estroso, ancora una volta, lo fa Silvio Berlusconi. Ermetico, ambiguo. O, meglio, ambivalente. La replica del patron rossonero Silvio Berlusconi ai giornalisti di Sky Sport 24, che gli chiedevano quale Milan stuzzicherebbe la sua fantasia per la stagione 2009/2010, è un gioco di prestigio.

Il presidente della Juve Cobolli Gigli conferma che la società non ha ancora deciso il nome del nuovo tecnico. Non e' ancora l'ora di annunciare chi sarà il nuovo tecnico della Vecchia Signora. Il presidente bianconero non si sbilancia, potrebbe rimanere Ferrara, ma anche no. "I nomi non sono stati ancora decisi - ha detto Cobolli Gigli - E Ferrara rimane un valido candidato, però ci sono anche degli altri nomi, e Blanc intende arrivare alla decisione nei prossimi giorni".


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta Agnello “casce e ova” Un chilo di carne d’agnello un dl di olio d’oliva extravergine una fetta di lardo di prosciutto un bicchiere di vino bianco secco mezza tazza di brodo una cipolla

200 g di formaggio parmigiano e pecorino grattugiati noce moscata a piacere 8 uova un ciuffo di prezzemolo una spolverata di pepe mezzo limone q. b. di sale

Versate l’olio in un tegame, unitevi un battuto di lardo, cipolla e prezzemolo e fate appassire dolcemente a fuoco lento. Aggiungete l’agnello tagliato a piccoli pezzi e fatelo rosolare a fuoco vivo, quindi, spruzzatelo col vino e, quando questo sarà evaporato, bagnate la carne col brodo caldissimo. Insaporite di sale, pepate se vi piace, e lasciate cuocere dolcemente. Intanto preparare il “casce e ova”: in una ciotola battete le uova con il formaggio, aggiungete un pizzico di sale, il prezzemolo tritato ed una grattata di noce moscata. Adagiate l’agnello con il suo sughetto in una teglia, aggiungetevi il “ casce e ova”, cercando di distribuirlo per bene ed infornate a 150° per circa 20 minuti, fino a quando sulla superficie si sarà formata una crosticina dorata. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili

CAMPOBASSO Farmacia di turno GIAMPAOLO Piazza Pepe Gabriele, 39 Tel. 0874.94076 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.414143

TERMOLI Farmacia di turno TRABOCCHI - Via Tevere, 17 - Tel. 0875.705030 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

A D N E AG

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI Partenza Arrivo Feriale 06:02 07:40 06:49 08:35 09:30 11:07 12:20 14:11 14:12 15:56 Festivo 15:44 17:27 Feriale 17:14 19:01 18:23 20:08 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo Feriale 05:46 07:39 06:49 08:23 12:13 13:56 13:22 15:00 14:40 16:25 16:13 17:59 17:14 18:55 20:40 22:30 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza Arrivo Feriale 05:50 08:53 08:28 11:40 14:15 17:16 Festivo 16:28 19:28 Feriale 16:30 19:25 17:00 (cambio) 21:39 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo Feriale 06:15 09:18 07:38 (cambio) 11:05 09:15 12:15 09:45 (cambio) 15:22 10:27 (cambio) 15:22 10:45 (cambio) 16:02 14:15 17:30 15:38 (cambio) 20:15 17:15 20:46 19:40 22:40

Ariete 21 mar - 20 apr

CAMPOBASSO-NAPOLI Partenza Arrivo Feriale 05:18 07:48 05:30 (cambio) 07:56 Festivo 05:50 (cambio) 09:26 Feriale 06:24 09:16 07:30 (cambio) 10:17 Festivo 08:28 (cambio) 12:18 Feriale 13:11 16:02 Festivo 14:15 (cambio) 19:01 Feriale 14:50 (cambio) 17:39 Festivo 16:28 (cambio) 19:54 Feriale 17:00 (cambio) 19:36 18:03 21:00 NAPOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo 05:51 (cambio) 08:35 06:48 (cambio) 09:54 08:24 (cambio) 11:05 08:30 (cambio) 12:15 Feriale 12:14 15:22 12:40 (cambio) 16:02 14:15 17:09 Feriale 15:06 (cambio) 17:30 Festivo 15:27 (cambio) 20:46 Feriale 17:30 20:28 18:25 (cambio) 21:14 Festivo 19:41 22:33 Feriale 19:43 22:20 Feriale Festivo

Toro 21 apr - 20 mag

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 AUTOLINEE CERELLA Tel. 0874.61171 CAMPOBASSO-NAPOLI: 4,45-5,156,10-6,50-7,55-8,45-12,50-13,3014,00-15,30 NAPOLI-CAMPOBASSO: 5,40-6,006,20-7,30-8,30-12,25-14,20-15,0016,00-18,00

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-6,30 (anche festivo)-6,45-7,00-7,45 8,00-8,10 (anche festivo)-9,20-10,10 (an- che festivo) -12,00-12,30-12,45 (festivo)-13,3014,00-14,10-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo)-17,45-19,00-20,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,30-6,50-7,00-7,40-8,10 (anche festivo)8,30 (festivo)-9,40 (anche festivo)-11,2012,15-12,40 (festivo) -13,30-13,45 -14,00 (festivo)-14,10-15,15 -15,55-16,20 (festivo)17,15-17,30 (anche festivo) -18,40 -20,0021,35 (festivo)-22,10-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata sarà particolarmente importante essere sinceri con la persona che amate, poiché essa potrebbe rendersi conto da sola che ci sono dei problemi e che non avete voglia di condividerli con lei perché credete di deluderla! Ricordatevi che l'amore è fatto anche di prove e che la vita di tutti i giorni ci riserva tanti piccoli ostacoli che vanno condivisi con chi si dice di amare. Toro - Questa è la giornata giusta per prendere in mano le redini della vostra vita e darle una direzione diversa rispetto a quella che tutti gli altri si attendono! Siete solo voi che dovete decidere il vostro futuro, senza condizionamenti, nonostante abbiate dalla vostra parte poca esperienza. Questo però non dovrà fermarvi se siete intenzionati a fare qualche serio cambiamento, perché è la vostra grande occasione per crescere. Gemelli - Se in questo periodo state vivendo un nuovo amore, questa sarà la giornata giusta per stabilire se le cose potranno continuare ad andare avanti o se invece troverete qualche ostacolo nel carattere dell'altro, magari troppo diverso dal vostro! A volte la diversità avvicina, mentre altre volte allontana definitivamente! Solo la conoscenza più approfondita potrà rispondervi. Cancro - Cercate di esprimere i vostri sentimenti in questa giornata alle persone che hanno bisogno di conoscere cosa vi passi per la mente in questo periodo. Non potete continuare a nascondervi, soprattutto se non sapete come potrebbero andare a finire le vostre relazioni più recenti, proprio a causa di poca comunicazione e scarsa connessione con il partner. Leone - Se avrete anche in questa giornata la stesa grinta e passionalità che dimostrate sempre per le cose che vi piacciono, allora siete sulla buona strada per combinare qualcosa di buono entro la fine della serata! Cercate di sfruttare al massimo il vostro istinto propositivo, perché sapete bene che domani potrebbe non essere più così! Non siete lunatici, ma il vostro umore è comunque ballerino di questi tempi. Vergine - Se siete preoccupati per il vostro lavoro o per la vostra relazione, in questa giornata vi conviene fare il punto della situazione per tranquillizzarvi! Avete bisogno di essere analitici e di ripassare tutto nella vostra mente, in modo da convincervi che non c'è nulla che non va in realtà e che potrete invece realizzare qualcosa di importante per il vostro futuro, continuando ad impegnarvi come avete fatto fino a questo momento. Bilancia - E' tempo anche per voi di far venire fuori il vostro lato romantico e di cercare di appagare il vostro partner o di fare un gesto eclatante per la persona che vorreste conquistare! Dovete trovare in voi la forza e la voglia di osare, perché è l'unico modo di dimostrare anche a voi stessi che siete capaci di realizzare qualcosa di sorprendente, che possa lasciare stupiti qualcuno a cui tenete particolarmente. Scorpione - In questa giornata dovrete assistere un vostro amico che riceverà una bella sorpresa! Voi sarete fortunati, poiché godrete comunque di una gioia anche se non vi riguarderà direttamente! E' sempre bello poter affiancare qualcuno cui si vuole bene in certi momenti della vita. La vostra felicità sarà così naturale che quasi non ci crederete di poterlo essere per qualcosa che non vi colpisce in prima persona. Sagittario - Resterete sorpresi in questa giornata dalla onestà di alcune persone che vi sono vicine e che fino a questo momento non vi hanno dimostrato granché! E' giunto il momento per loro, di giocare a carte scoperte e di prendersi le responsabilità delle proprie azioni! Questo ovviamente alleggerirà le vostre di responsabilità e potrete finalmente dedicarvi in pace a ciò che vi interessa davvero. Capricorno - In questa giornata potreste perdere il controllo di alcune situazioni sul posto di lavoro, che potrebbero comportarvi dei piccoli intoppi in futuro. Tuttavia la colpa non è solo vostra, ma anche delle persone che vi circondano e che non vi lasciano lo spazio necessario per terminare ogni volta il vostro compito, che quindi va ad accumularsi con qualcos'altro! Cercate di mantenere la calma. Acquario - Siete pronti anche voi in questa giornata a far trasparire i vostri sentimenti, in quanto avete bisogno che qualcuno vi prenda meno sul serio e che, allo stesso tempo, si accorga di che cosa covate nel vostro cuore ormai da un po'! Sfogarsi è l'unico modo per andare avanti più leggeri, consapevoli di aver fatto la cosa giusta e di essersi dati una possibilità in più per essere felici. Pesci - La parte più complicata di un segreto per voi è quello di doverlo mantenere senza rendere altri partecipi! Non ci riuscite mai e nemmeno questa volta sarete da meno, quindi almeno, cercate qualcuno che non sia come voi e che riesca a sua volta e tenerlo per se senza divulgarlo! Sapete a chi rivolgervi in queste situazioni, poiché ci sarà pure tra i vostri amici qualcuno che vi può assistere.

23 ANNO II - N° 127 VENERDÌ 5 GIUGNO 2009


La Gazzetta del Molise - free press 5/06/2009  

La Gazzetta del Molise - free press 5/06/2009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you