Issuu on Google+

Provincia, bando scaduto per 21 co.co.co

Grossi ratti e vipere a Fontana Vecchia

CAMPOBASSO - La Provincia di Campobasso cerca 21 consulenti che saranno assunti con contratto di collaborazione. Il bando è scaduto ieri. Corsia preferenziale per chi ha già lavorato a Palazzo Magno. A PAG. 3

CAMPOBASSO - I residenti della zona di Fontana Vecchia non ne possono più e hanno più volte chiesto al Comune di intervenire. Qualche giorno fa sono stati proprio i vigili a fotografare i topi. A PAG. 7

ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Vacanze a Berlino www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A VINCENZO DI GREZIA Non c’è stata opera pubblica che non sia passata per le sue mani. Almeno negli ultimi trent’anni. I risultati però non sono lusinghieri, se si considera che le due grandi infrastrutture viarie (Tangenziale e Rivolo) quasi ultimate restano inservibili. Da anni. L’ingegnere Vincenzo Di Grezia perde colpi e forse anche il posto. Al Comune perché non ci sono soldi (era in lizza per fare il top manager), alla Regione dove ora ricopre l’incarico di direttore generale ai Lavori pubblici per sopraggiunti limiti di età. Dalla Gazzetta il tapiro del giorno.

L’OSCAR DEL GIORNO AD ANTONIO PICONE (BAFFO) L’oscar di oggi va ad Antonio Picone che a Campobasso conoscono tutti perché si fa chiamare ‘Baffo’ e perché è l’uomo simbolo del centro storico. Lui che da anni si impegna per valorizzare il borgo murattiano e per dare impulso al cuore della città ieri si è ribellato a quanti invece non rispettano il vecchio quartiere. Qualcuno ha lasciato lungo via Cannavina un water rotto e Baffo stanco di ‘predicare contro chi insulta quelle strade’ ci ha attaccato sopra un bel foglio di carta con su scritto: “Benvenuti nel centro storico”. La provocazione è servita sul piatto d’argento, pardon sul water. A buon intenditor poche parole.

redazione@lagazzettadelmolise.it 20.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Le modifiche al Codice della Strada in vigore dallo scorso 8 agosto hanno scatenato numerose proteste di associazioni e ciclisti

Infrazioni in bicicletta? Ora si rischiano i punti sulla patente Evidenti le discriminazioni: se chi infrange le regole è un minorenne o non ce l’ha, non subisce nessuna sanzione

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino

CAMPOBASSO – Più prudenti di notte e massima attenzione anche quando si pedala in bicicletta, pena il taglio dei punti fino al ritiro della patente. Le modifiche al Codice della Strada, in vigore dallo scorso 8 agosto, hanno dato un’ulteriore stretta sulle infrazioni commesse in orario notturno (l’ubriachezza tra le 22 e le 7, viene punita dal giudice, trattandosi di reato, con aumento delle pene da un terzo fino alla metà) e, per la prima volta, equiparano motorizzati e no nelle sanzioni accessorie. Se infatti il ciclista è stato da sempre tenuto a rispettare le regole della circolazione, dai semafori alle segnaletica fino al trasporto di passeggeri

A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 E-mail: Redazione

redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail: Amministrazione-Pubblicità

commerciale@lagazzettadelmolise.it

www.lagazzettadelmolise.it www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: Poligrafica Ruggiero Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

2 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009

Influenza A, pronti i piani regionali ROMA – A poco più di 15 giorni dalla riapertura delle scuole, quasi tutte le Regioni e Province autonome sono pronte ad affrontare l'influenza A/H1N1. Manca all’appello la Calabria che conta di avere il Piano entro la prima metà di settembre. I Piani Regionali prevedono l’istituzione di un comitato regionale per il contenimento della pandemia.

quando è consentito, da ora procedere contromano, saltare la precedenza e, nei casi più gravi, alzare il gomito oltre il lecito potrà costare il taglio dei punti della patente, fino al suo ritiro e alla denuncia penale. Lo stabilisce il nuovo articolo 219-bis, comma secondo, del Codice della Strada, introdotto dalla legge sul pacchetto-sicurezza (n. 94 del 2009) che prevede le nuove, pesantissime sanzioni anche quando “le violazioni sono commesse alla guida di un veicolo per il quale non è richiesta la patente di guida”. Si tratta, senza dubbio, di una scelta radicale del legislatore, che però potrebbe sollevare molto presto una questione di costituzionalità della norma. Due ciclisti pizzicati in sella ubriachi, per esempio, potrebbero ricevere pene differenziate se uno solo di loro ha la patente: quest’ultimo se la vedrebbe ritirare, mentre il primo risponderebbe solo davanti al giudice per l’ubriachezza. Quindi, indipendentemente dal mezzo di trasporto che si guida, si rischiano decurtazioni di punti sulla patente, fino alla sospensione o al ritiro del documento. Se invece chi infrange le regole è un

minorenne o non ha la patente di guida, non succede nulla, nessuna sanzione. Si crea, in questo modo, una evidente discriminazione tra chi la patente ce l'ha e può subire la sanzione e chi non ce l’ha; un ciclista agonista, che in allenamento percorre decine di migliaia di chilometri all’anno, si trova un’ipoteca non di poco conto sulla patente dell'auto. Tutto ciò pone, innanzitutto, un problema di tenuta rispetto al principio di uguaglianza, di cui all’articolo 3 della Costituzione. La norma impone lo stesso trattamento delle situazioni analoghe e, reciprocamente, un trattamento diverso delle situazioni diverse. In questo senso, sottrarre punti alla patente auto per violazioni del codice della strada commesse alla guida di veicoli che non prevedono una specifica abilitazione alla guida (le bici, appunto) appare contraddittorio e immotivato. Non solo: anche condizionare l’applicazione della sanzione al possesso della patente è un ulteriore elemento di incomprensibile discriminazione, risultando sfavorito, a fronte di una medesima violazione, chi possiede la patente. Anche questo stride palesemente con il principio di uguaglianza. Guarda caso, anche il pedone che attraversa con il semaforo rosso dovrebbe su-

bire la decurtazione dei punti della patente di cui egli sia eventualmente in possesso. Su questa linea, si sono moltiplicate le proteste degli amatori della bicicletta e delle associazioni connesse. Prima fra tutte la Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) che ha definito la norma “illegittima e incostituzionale”. Legambiente, nonostante abbia definito la modifica “non così sbagliata”, denuncia l’assenza delle sanzioni anche per chi è minorenne o senza patente di guida. E così si potrebbe parlare dell’(ennesimo) pasticcio all’italiana. Un colpo di scure a chi si muove su due ruote, non inquina e nonostante ciò perde punti sulla patente. Anche perché la bicicletta sta tornando di moda, soprattutto in tempi di crisi economica e di sensibilità verso l’ambiente. Ma quanto si fa in Italia per agevolare la circolazione su due ruote? Qual è il rapporto fra le infrazioni commesse dai ciclisti per colpa e quelle commesse perchè non ci sono piste adeguate? Se, come pare, uno dei sistemi su cui molte città puntano per la sostenibilità ambientale è il bike sharing (bici di proprietà comunale a disposizione dei cittadini – previa sottoscrizione di apposito abbonamento – che possono utilizzare durante il giorno con l’obbligo di riconsegnarle alla fine dell’utilizzo in uno dei punti di raccolta), quanto incide questa novità nel decreto sicurezza sull'utilizzo delle due ruote in città? Forse, incentivare lo sviluppo delle bici prima di applicare sanzioni quando un ciclista ci investe, potrebbe migliorare la situazione. Antonio Di Monaco

Franceschini: apprezziamo il presidente Fini NAPOLI – “Fini sta svolgendo bene il ruolo di presidente della Camera rispetto alle scelte sciagurate del suo schieramento”, osserva Franceschini, Il segretario del Pd spiega così la calda accoglienza a Fini alla festa del Pd di Genova.“Spesso Fini - aggiunge Franceschini - usa parole di buon senso. Bisogna apprezzare anche gli avversari quando dicono cose giuste e di buon senso”.


PRIMO PIANO Cercasi 21 co.co.co. alla Provincia, bando scaduto Corsia prefenziale per chi ha già esperienza (24 punti se ha lavorato a Palazzo Magno) CAMPOBASSO – Ci saranno presto nuovi co.co.co al lavoro dentro Palazzo Magno. Ieri infatti è scaduta la selezione pubblica per affidare incarichi di collaborazione coordinata e continuativa a 21 persone ‘per lo svolgimento di attività nell’ambito della prima progettazione esecutiva annuale relativa al masterplan dei servizi per il lavoro della Regione Molise 2007-2013’. Quella che sembra una buona notizia è invece l’ennesima riprova di come funziona una certa Italietta, più abituata a preparare bandi e concorsi dopo aver individuato i destinatari, piuttosto che stabilizzare, magari a tempo indetermi-

nato, chi produce e realmente ‘serve’. Per i fortunati vincitori della lotteria, pardon della selezione, aver maturato un’esperienza di almeno due anni a via Roma varrà molto più di un dottorato di ricerca. Inizialmente il requisito discriminante era stato anche abolito perché (come si legge nel documento scaricabile dal sito della Provincia di Campobasso) c’era l’esigenza ‘di consentire la partecipazione ad una più ampia platea di candidati, garantendo in tal modo una maggiore trasparenza ed oggettività delle procedure selettive’. A pagina 18 dello stesso bando però l’ostacolo viene facil-

mente aggirato attraverso un’assegnazione di punteggio (fino a un massimo di 24) che da sola vale tutti gli altri requisiti (per una laurea di 110 e lode si prendono al massimo 18 punti, mentre l’iscrizione ad un albo professionale ne vale appena 1). Insomma, chi dentro un’amministrazione provinciali ha già lavorato, avesse fatto pure solo le fotocopie (e di co.co.co a Palazzo Magno se ne contano diversi), avrà sicuramente qualche chance in più. E pensare che c’è chi ancora si rompe la schiena sui libri. Giorgia Lollo

Non ci sono soldi per il liceo Romita ma per la trasferta tedesca della delegazione provinciale ai Mondali di Atletica leggera subito pronti 10mila euro

Vacanze a Berlino a spese dei contribuenti

CAMPOBASSO – Mondiali di atletica: il presidente della Provincia Nicola D’Ascanio perché è ciclista e aitante,Vincenzo Mucci perché ha il fisico, Giovanni Varra e Pierpaolo Nagni per un certo phisique du role (compressor? ndr). E Maurizio Tiberio perché laureato (ci dicono) in Scienze motorie. Una bella delegazione non c’è che dire quella che da poco ha fatto ritorno da Berlino dove, dal 15 al 23 agosto, si sono svolte le gare sportive che

Chiamparino: serve piano Marshall per i Comuni RIMINI - Un “piano Marshall” per far ricominciare a correre le grandi città italiane: lo chiedono Alemanno e Chiamparino. I primi cittadini di Roma e Firenze, insieme al Meeting di Cl a Rimini, hanno chiesto un impegno al Governo. “Serve – ha detto Chiamparino – una legge obiettivo che stabilisca procedure e finanziamenti delle grandi opere nelle aree metropolitane”.

hanno tenuto incollati al televisore gli sportivi di tutto il mondo. Anche se l’invitato istituzionale di Palazzo Magno, ovvero l’assessore allo Sport Pietro Montanaro che ha declinato l’invito, conferma la presenza solamente del trio Nagni, Mucci e Varra. Se a Palazzo Magno si ‘tirano la calzetta’ per il problema del liceo Romita (non ci sono soldi per acquistare l’edificio provvisorio che dovrebbe ospitare i ragazzi nei tre anni di lavori a via Scar-

docchia), 10mila euro per una vacanza alla Porta di Brandeburgo (dai nobilissimi fini istituzionali, però) si possono trovare in quattro e quattr’otto. L’uscita è stata programmata mesi fa. Già a febbraio l’ente di via Roma, quello di via Berta (Provincia di Isernia) assieme alla Regione Molise, all’Ice e all’Uprom hanno aderito a Casa Italia, un progetto della Federazione di atletica leggera che in una vetrina così importante come i Mondiali di Berlino ha promosso il made in

Biotestamento: il Pdl difende il testo ROMA – “La legge sul testamento biologico approvata a Palazzo Madama è frutto del libero convincimento dei senatori”, afferma Gasparri. In una nota congiunta con il suo vice, Gaetano Quagliariello, rileva che i senatori “non possono essere tacciati in alcun modo di clericalismo, ma si sono espressi nella libertà della loro coscienza”. E avverte: non accettiamo lezioni di laicità.

Italy. In sostanza gli enti hanno acquistato gadget, omaggi, e brochure ottenendo ospitalità dalla Fidal. Praticamente la trasferta l’hanno pagata i contribuenti. Ma di una cosa si può stare tranquilli: che il ritorno in termini economici c’è stato. Da quando il Molise è sbarcato all’Olympia le vendite di caciocavalli e Tintilia hanno subito un’impennata. red

3 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009


REGIONE La grande sfida secondo Domenico Di Lisa, candidato alla segreteria regionale

“La politica è la grande malata, il Pd deve diventare il medico che la cura” CAMPOBASSO – Campagna elettorale pacata e ragionata quella di Domenico Di Lisa, candidato alla segreteria regionale del Pd. Zero populismo, zero veleni, zero demonizzazione dell’avversario, a differenza di qualche suo collega che ogni giorno, in pieno delirio propagandistico, dà i voti (proprio lui che con la scuola ha così poca confidenza ndr) tutto proteso com’è verso la candidatura istituzionale più alta (!) Di Lisa, professore al liceo scientifico di Campobasso, la sua partita se la gioca invece con più discrezione che diventa fermezza quando si tratta di rimarcare le cose da fare subito in casa propria. Il primo pensiero è per la riforma del Titolo V della Costituzione e la riforma federalista che per il Mo-

lise si traduce in una sfida non facile sia per le sue dimensioni territoriali che demografiche, sia per i ritardi storici accumulati. Senza girarci intorno Di Lisa avverte: in un sistema federale non si giustifica una regione che conta poco più di 300mila abitanti con un apparato istituzionale composto dalla Regione, due Province, 136 comuni, 10 comunità montane, svariate unioni di comuni, l'Asrem, numerosi (troppi) enti sub-regionali. E qui un monito agli ex colleghi regionali (Petraroia in primis che si è appena dimesso da capogruppo a Palazzo Moffa): il Pd per dimostrare la sua coerenza si impegna a non partecipare alla spartizione delle nomine per gli enti che intende sopprimere perché il processo di semplificazione e sfoltimento

istituzionale non è più rinviabile. Insomma non è sempre e solo un problema di chi governa, anche l’opposizione di centrosinistra se ne faccia carico con proposte (pochissime finora per la verità) e progetti seri. Sulla carta statutaria della Regione (si aspetta il varo da sette lunghi anni) il giudizio del candidato alla segreteria del Pd, l’unico dei quattro che appoggia la mozione Franceschini, è durissimo: è’ inquietante che la discussione sulla riforma dello Statuto sia stata affrontata in modo inadeguato e superficiale dagli stessi soggetti che avrebbero dovuto, per funzione e ruolo, ‘dirigere’ il confronto: i partiti, che hanno brillato per la loro totale assenza, il Consiglio regionale, gli Enti locali e la stessa Commissione

che non si sono certo distinte per impegno ed entusiasmo. Per il Pd dunque si presenta l’occasione di diventare il motore di uno sforzo collettivo che coinvolga le istituzioni, le forze politiche, sociali ed economiche, associazioni e società civile per tentare di ridisegnare e progettare una regione modernamente ancorata alla sua specificità territoriale e ai suoi valori dandosi un assetto istituzionale essenziale e funzionale agli interessi collettivi e non a logiche di potere perché è compito di un partito autenticamente riformatore come il Pd impegnarsi nella riforma di una Pubblica Amministrazione che abbia tempi, risultati e costi paragonabili alle migliori esperienze nazionali ed europee per introdurre nella società, nell’economia e nella

stessa P.A. robuste dosi di meritocrazia, per ridare senso, dignità e prestigio alla politica, rilanciando la ‘questione morale’ come grande questione politica, da non confondere con quella giudiziaria, che resta per il Paese e per il Molise l’emergenza principale intimamente legata alla questione delle libertà e della democrazia. Di Lisa chiude il suo intervento con una constatazione e un auspicio: la politica è la grande malata e il Pd deve ambire a diventare il medico che contribuisca a curarla. Non ci potrà essere alcun cambiamento della società se la politica non riformerà se stessa, se non riuscirà ad appassionare i giovani, se non torna a progettare, a programmare.

Scientifico, lunedì vertice in Prefettura I genitori intanto aspettato di incontrare il presidente della Regione CAMPOBASSO – Il comitato dei genitori del liceo scientifico Romita è in attesa. Aspetta di conoscere il giorno in cui il presidente della Regione Michele Iorio li riceverà. A lui infatti si sono rivolti perché metta la parola fine a una vicenda che sta cominciando ad assumere contorni grotteschi. Attriti personali tra il capo dell’esecutivo provinciale Nicola D’Ascanio e la stessa Giunta regionale rischiano di far precipitare le cose a poche settimane dall’inizio dell’anno scolastico. A via Roma intanto, sono al lavoro per trovare una soluzione. Ieri il presidente di Palazzo

Magno ha incontrato il sindaco del capoluogo Gino Di Bartolomeo che ha rinnovato l’autorizzazione all’utilizzo parziale della D’Ovidio, l’istituto dove già a giugno parte dei liceali ‘vagabondi’ ha fatto lezione su doppi turni (l’altra metà era stata divisa tra il Pilla e la zona agibile di via Scardocchia). Lunedì nell’agenda di D’Ascanio c’è già un appuntamento: quello con il prefetto Carmela Pagano a cui sarà consegnata la documentazione tecnica che assicura il regolare inizio delle attività scolastiche nelle sedi provvisorie il 14 settembre. L’ente

pare abbia già studiato la strategia per eliminare i turni pomeridiani nella scuola media, e migliorato le condizioni di sicurezza, probabilmente del Pilla (tra i più vulnerabili) dove i lavori per usare l’aula di informatica e trasformarla in un paio di aula ‘buone’ procedono alacremente (anche se il comitato ha già detto no). Dall’incontro di lunedì a Palazzo di Governo dovrebbe venir fuori una proposta sostenibile finanziariamente anche dalla Regione Molise che per l’operazione Romita ha già garantito 2,5 milioni di euro.

Ciudad Jaurez la città più pericolosa del mondo

Sarkozy e Putin disertano la festa del rais

CITTÀ DEL MESSICO - La città messicana di Ciudad Juarez, posta al confine con gli Stati Uniti, è la più pericolosa al mondo, davanti a Caracas, capitale del Venezuela, e New Orleans, negli Stati Uniti. Lo afferma un rapporto di una Ong messicana. La città di 1,4 milioni di abitanti l’anno scorso ha registrato 130 omicidi ogni centomila abitanti.

MILANO - Sarkozy, Medvedev e Putin non andranno a Tripoli per le celebrazioni del 40° anniversario dalla rivoluzione che ha portato al potere Muammar Gheddafi. Berlusconi sarà a Tripoli invece il 30 agosto. Il 1° settembre il presidente del Consiglio sarà a Danzica per il 70° anniversario dell'inizio della seconda guerra mondiale.

5 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009


CAMPOBASSO Il nuovo progetto è da mesi al vaglio del Provveditorato alle opere pubbliche di Napoli

Tangenziale, manca il pressing dell’ingegnere Cocozza L’ingegnere Rodolfo Cocozza

Uno scaricabarile, una questione politica e forse anche un problema di ‘vocaboli’. C’è un po’ di tutto nell’intricata ricetta che ha permesso alla Tangenziale di

non essere conclusa dopo una quindicina di anni dal fatidico ‘via ai lavori’. Non è colpa del Comune, non è colpa nemmeno della Regione, masoprattutto non

è colpa degli utenti se per raggiungere le località interessate dall’opera ci si impiega giusto il doppio del tempo, se non il triplo. Ma andiamo con ordine: erano i primi anni 90 quando con un finanziamento di 17 milioni di euro (convertendo gli allora oltre trenta miliardi di lire) dell’AgenSud ex Cassa del Mezzogiorno e poi Cassa depositi e prestiti di Roma si diede il via. Nel corso degli anni la Cassa depositi e prestiti chiuse i battenti e lo Stato trasferì alle Regioni il pacchetto delle opere finanziate e non completate. Tra queste anche la Tangenziale. A rallentare il corso dello ‘stradone’ ci si mette pure la risoluzione del contratto con la ditta che aveva vinto l’appalto (pare che gli strascichi giudiziari siano ancora in piedi). Intanto il finanziamento dell’opera fu confermato il progetto rivisto e riappaltato e i lavori furono avviati. Poi per magia si bloccano di nuovo. Perché in un

primo momento la bretella di congiunzione tra lo stadio di Selvapiana (tanto per essere pratici) e la zona industriale essere larga sei metri. Il Comune però, negli anni si è accorto dell’importanza strategica di quella strada sottovalutata in fase di progettazione e allora ha deciso di allargarla di due metri portandola a otto. La Regione ha fornito il successivo finanziamento di sette milioni di euro ma il Comune, prima di far partire i lavori, ha dovuto chiedere una variante all’originale che ora è al vaglio del Provveditorato alle opere pubbliche di Napoli (che si occupa anche di quelle molisane) da gennaio scorso. Dalla città del Vesuvio ancora non arriva nessuna risposta (che in gergo si chiama voto) ma da indiscrezioni di chi è nell’ambiente pare che l’esito sia positivo. Il finanziamento concesso dalla Regione è sottoposto comunque ad alcune regole, ad esempio va rispettato l’impegno

dell’aggiudicazione dei lavori. E così è stato. Ma la questione, senza volerlo, si è complicata per una quisquiglia (per essere buoni ndr). Nella Finanziaria 2009 della Regione, all’articolo 11, invece della parola ‘aggiudicazione’ si parla di ‘contratto’. Anche se ai non addetti ai lavori può sembrare una banalità la differenza è sostanziale perché in tanti casi le aggiudicazioni ci sono state e i contratti no. La Regione si è subito accorta dell’errore e ha proposto una ‘variante’ alla legge che dovrebbe passare in Consiglio già a settembre. C’è la sicurezza matematica che il cambiamento dell’articolo 11 avverrà e che quindi il finanziamento non sarà perso (chi è nell’ambiente è totalmente ottimista). Ora che anche questa questione si può dire risolta il Comune potrebbe chiedere al Provveditorato di Napoli di dare subito una risposta e riaprire il cantiere.

Le sentenze dei giudici hanno dato ragione a chi si era opposto alla pratica illegittima della capitalizzazione degli interessi. Vittoria per lo studio De Benedittis

Anatocismo bancario, altre due vittorie per i consumatori Portano la data di agosto le due sentenze a favore dei consumatori deliberate dal Tribunale di Larino, (Roberto Veneziano il giudice), e della sezione distaccata di Termoli (giudice Barbara Previati) con le quali la ex Banca Popolare di Lodi e l’Unicredito Italiano s.p.a. hanno dovuto restituire complessivamente più di trecentomila euro a due correntisti, imprenditori del basso Molise, difesi e rappresentati in giudizio dagli avvocati Aldo De Benedittis e Carmine De Benedittis del Foro di Campobasso, tra l’altro legali dell’associazione dei consumatori Adusbef della provin-

6 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009

cia di Campobasso.. La questione riguarda la pratica illegittima dell’anatocismo che è stata applicata dalle banche in questione. Ora i clienti in questione che hanno fatto intrapreso le vie legali hanno finalmente visto riconosciuti i propri diritti di restituzione di quanto ‘indebitamente pagato – si legge nella nota dei legali - negli anni nel corso del rapporto contrattuale intrattenuto”. Insomma un’altra vittoria messa a segno per gli utenti contro la pratica illegittima delle banche di capitalizzare ogni trimestre, gli interessi passivi, le commissioni e le

Gran Bretagna: Facebook, assicurazione piu' cara LONDRA - Una assicurazione sulla casa piu' cara per utenti Facebook: la studia un'impresa britannica, secondo cui i dati su web aiutano i ladri. Secondo uno studio commissionato da Legal & General, è semplice per i ladri mettere insieme informazioni sulle proprie vittime e conoscere le loro abitudini e quando non sono in casa. Su 2.000 utenti intervistati circa la metà non ritiene rischioso divulgare dettagli personali su internet.

spese. Sentenze queste due ottenute ad agosto che si vanno ad aggiungere a tutta una serie di risultati positivi già raggiunti sino ad ora dallo studio legale De Benedittis di Campobasso. Per dovere di cronaca e per incoraggiare chi si è trovato nella stessa situazione dei clienti in questione cui la legge ha dato ragione, “va detto che anche la Corte d’Appello di Campobasso con due sentenze che portano la data del 2008, ha confermato la illegittimità della capitalizzazione trimestrale degli interessi, commissioni e spese, affermando che, in virtù

della nullità di questa clausola, nessuna capitalizzazione composta può essere applicata, neanche annuale”. Chi ha avuto nel corso degli anni passati scoperti di conto corrente può richiedere la restituzione di ingenti somme pagate indebitamente alle banche! Ciò è possibile anche per i rapporti di conto corrente già estinti, purché non siano decorsi 10 anni dalla loro chiusura o estinzione. La ripetizione dell’indebito – si legge sempre nella nota - può essere richiesta fin dall’inizio del rapporto contrattuale (quindi, a ritroso, anche da 10, 20 o

30 anni) purché si sia in possesso della documentazione contabile di riferimento (estratti conto). Massima attenzione per i correntisti a cui è stato notificato un Decreto Ingiuntivo! Nella maggior parte dei casi dalla rielaborazione del conto corrente risulta un credito a favore e non un debito, oppure l’eventuale debito si riduce di somme consistenti.Opporsi sempre entro 40 giorni dalla notifica dello stesso. Per ulteriori informazioni rivolgersi allo Studio Legale De Benedittis avv.debenedittis@tin.it. oppure aldo.de.benedittis@alice.it.

Tv: Happy Days telefilm più amato ROMA - E' la sitcom statunitense 'Happy Days' il telefilm piu' amato dagli italiani, seguito da 'Star Treck' e 'Hazzard'. E' quanto emerge da un sondaggio del sito del mensile Focus Storia. Per il 22,3%, la sitcom con le vicende della famiglia Cunningham e' ''il telefilm piu' bello''. Nella top ten anche 'A-Team', 'La famiglia Addams' e 'Starsky & Hutch'.


CAMPOBASSO Un water rotto in via Cannavina è il biglietto da visita all’ingresso del borgo vecchio

Benvenuti nel centro storico Picone: “Il Comune fa orecchie da mercante ma la colpa è di chi vive qui” Una provocazione? Sicuramente sì, ma quel cartello attaccato ad un water rotto, che fa bella mostra di se lungo via Cannavina, con su scritto “benvenuti nel centro storico” è la conseguenza logica di chi è stanco di vedere sotto i propri occhi un atteggiamento di totale indifferenza verso il cuore della città. Senza girarci troppo intorno sveliamo subito l’arcano: a scrivere la frase - che si commenta da sola - è stato Antonio Picone, meglio conosciuto come Baffo, un’istituzione

per il centro storico di cui lui conosce vita morte e miracoli (pochi purtroppo) e di cui, da anni, cerca di prendersi cura anche a costo di mettersi contro sindaco e assessori. In effetti torto non gli si può dare. Lungo via Cannavina, che è l’ingresso principale per accedere al borgo ci si può trovare di tutto per non parlare di piazza San Leonardo. Ieri mattina, per tutti i mobili vecchi che c’erano sotto e sopra la scalinata di via Chiarizia, sembrava ci fosse un trasloco in corso,

era semplicemente qualcuno che invece di informarsi su come smaltire i rifiuti ingombranti aveva deciso di sbarazzarsene nel modo più semplice: lasciandoli sulla pubblica piazza. Ma non è tutto. Di solito sono le piccole e grandi imprese edili a creare i maggiori rifiuti. Sono infatti pochi gli operai che caricano le buste con i materiali di scarto (calcinacci, pavimenti vecchi, sabbia e cemento) sui camion per portarle via.

Strisce pedonali in via San Giovanni In serata erano già cancellate E’ cambiata l’amministrazione ma sul fronte ‘strisce pedonali’ la musica è sempre la stessa. Ieri è stata la volta del restyling nel quartiere San Giovanni dei Gelsi. Un caos. A conferma le tante telefonate giunte in redazione e fatte dai tanti residenti che hanno contestato il metodo di lavoro. Prima di tutto molte vie sono rimaste chiuse per ore creando disagi enormi. E poi, soprattutto, non c’era nessun segnale che informasse gli automobilisti che di là a qualche metro c’era un’interruzione del traffico per ‘lavori in corso’. In tanti hanno anche rischiato di fare incidente perché, sempre per mancanza di segnaletica, si sono ritrovati ‘faccia a faccia’ con altre auto. Vabbè, le strisce pedonali sono utili, avrà pensato più di qualche persona prima di urlare. Ma, poi lo sfogo è stato inevitabile: ironia della

sorte in qualche punto dopo poche ore dall’ultimazione, le strisce pedonali erano già cancellate.

Molti preferiscono depositare i sacchi dove è più comodo, anche se si tratta di marciapiedi o piazze. E’ una questione di cultura. Che spesso manca. “La verità è che la causa dell’incuria è in minima parte da attribuire all’amministrazione mentre – sostiene Baffo – il grosso delle responsabilità è dei residenti, o di chi nella zona ci lavora. Ecco perché sono arrabbiato. Vorrei che l’amministrazione facesse di più ma vorrei pure che

l’amore per la propria città fosse un sentimento molto più sentito. Difendere il nostro centro storico significa difendere la storia della città, significa volersi bene e puntare anche sul turismo, perché se è vero che a Campobasso non ci sono molti visitatori è altrettanto vero che quelli che arrivano vengono a vedere, prima di tutto, le bellezze del borgo. Dobbiamo difendere e preservare il nostro territorio se veramente vogliamo scommettere su un futuro migliore.

Grossi ratti e vipere a Fontana Vecchia Ancora Sos al Comune I residenti della zona non ne possono più. Hanno chiesto più volte al Comune di Campobasso di intervenire ma a quanto pare il problema resta. Stiamo parlando delle vipere e soprattutto dei grossi ratti che circolano nella zona di Fontana Vecchia. In questo periodo di gran caldo i ratti sembra si siano moltiplicati e

Moda, stage a ragazza senzatetto

Dieta: 'congela' la fertilità nei vermi

NEW YORK - Il mensile di moda Elle ha offerto uno stage di quattro mesi a una ragazza senzatetto. Lei si chiama Bri ed e' una blogger di 24 anni che cambia spesso città a bordo della sua auto in cui passa anche la notte. Lo scorso aprile Bri aveva inviato il suo curriculum alla redazione di Elle. Lo spirito ottimista della giovane ha convinto la columnist della rivista che le ha offerto un posto da stagista.

ROMA - Mangiare poco puo' ritardare la menopausa, almeno nei vermi. Lo afferma uno studio pubblicato dalla rivista Science. Questi animali se tenuti a stecchetto 'congelano' la propria vita riproduttiva. Poi, quando ricominciano a mangiare, la fertilita' riprende e permane per un periodo ben oltre quello cui normalmente un verme e' fertile. Secondo gli scienziati un meccanismo simile potrebbe essere riscontrato anche negli esseri umani.

nel frattempo l’ira dei residenti è arrivata all’esasperazione. Qualche giorno fa sul posto hanno fatto un sopralluogo anche i vigili urbani che hanno immortalato gli indesiderati ospiti. Ora sarebbe il caso di intervenire con una derattizzazione e con una pulizia accurata della zona. Anche questa nell’elenco di quelle da tutelare.

7 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009


SPETTACOLI Si chiude domani con Papaleg duo e Paolo Giordano & Dago Red

La tre giorni di blues Oggi secondo appuntamento con il festival a tema LA CANZONE D’AUTORE ISERNIA - Seconda serata del festival dedicato alla canzone d’autore. Oggi sul palco altri dieci emergenti: C.F.F., Il nomade venerabile, Orange Beat, Amarena, D-Synth, Chiara Morucci, Kekkorè, Shamandura, Marco Candigliota, Fuoriorario, Didie Caria. Ospiti Jonie Falcone e Jimmy Fontana. Domani gran finale con Luca Bussoletti, Fabio Concato, Silvia Salemi ed Eugenio Finardi.

di Charles N. Papa MACCHIA D’ISERNIA - Seconda giornata del “Macchia blues”, il festival itinerante di fine agosto nel piccolo centro in provincia di Isernia. Oggi tre i live in tre diverse location. The acoustic flight (foto) si esibiranno nel piazzale della Chiesa Madre, i Warm gun saranno live in piazzetta di via del Popolo e La grange acoustic band invece in piazza della porta di Basso. Tutti e tre i live avranno inizio alle ore 22:00. Prima di tutto ciò si terrà la semifinale del concorso di chitarra blues “IV memorial Paolo Far-

done” e subito dopo, in concomitanza con i live, una jam session aperta al pubblico. Domani la terza ed ultima giornata vedrà nelle piazze del paese, le stesse, altri tre live. L’apertura della serata sarà dedicata alla finale del concorso per chitarra blues, i vincitori apriranno i live in programma: Papaleg duo, Ramegna shuffle e Paolo Giordanoe & Dago red. Tutto il paese è allestito per chiunque abbia voglia di portarsi uno strumento e suonare nei vicoli e nelle piazze di Macchia. Stand gastronomici allestiti nei vicoli con prodotti tipici, completano l’offerta.

TEATRO E DANZE CAMPODIPIETRA - Ultimi tre giorni per salutare l’estate a Campodipietra. Stasera alle 22:00 in piazza Rimembranza in scena la commedia “Tutta colpa della primavera” di Garinei e Giovannini. Sabato 29 alle 17:30 torneo di calcio balilla umano. Domenica 30 agosto alle 16:00 la “Soap box lupis”, la corsa più pazza del mondo con veicoli buffi e divertenti. La serata si conclude con lo spettacolo “Ballando sotto le stelle”.

10 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009

Giobbe Covatta censore dei sette vizi CASTELBOTTACCIO - Domenica 30 agosto Giobbe Covatta andrà in scena a Castelbottaccio con “Seven” (biglietti euro 15,00 e 10,00). L’incasso sarà devoluto alla cooperativa “Colle di nisi” di Guglionesi, gestita da operai diversamente abili e che produce olio. Covatta sarà a visitarla nel pomeriggio.

DANCE

FLASH MACCHIAGODENA - Oggi giornata del tartufo. JELSI - Domani concerto dei Noflaizon. SAN SALVO - Domani motoraduno in piana Sant’Angelo. Ingresso libero. Tatoo, musica, giochi, toro meccanico, campeggio libero. TERMOLI - Domani nel piazzale del porto concerto de I ratti della sabina. GILDONE - Domani all’aosi Paradise Village, serata reggae. LARINO - Domani alle 18:30 al palazzo Ducale inaugura la mostra di Giuseppe Terrigno.

FROSOLONE - La corsa degli asini di domani (giunta alla 15ma edizione) alla tana dell’orso è uno degli eventi più caratteristici dell’estate molisana. Abbinato all’evento, la sagra della bistecca fiorentina, altra tradizione immancabile.

Servillo canta Modugno VINCHIATURO - Oggi al Move Village presso hotel Le Cupolette, party di fine estate a bordo piscina. Dj Flavio Emme e il giovane Gianmarco Pascale. Ingresso euro 6,00. VASTO - Domani alla discoteca Baja Village di Punta Penne, doppia ospitata. In consolle revival, il sempreverde Enzo Persueder, nome storico del Bandiera Gialla. Nella main room da “Uomini e donne” Federico Mastrostefano. RIPALIMOSANI - Domani al Blue Note la serata è “Single party”. Sabato dedicato a tutti coloro che cercano l’anima gemella. Ospite in consolle, alla voce, Vanessa Jay, con Raf e Pippo Venditti. Info 087439530.

RICCIA - Cantare l’Italia di 50 anni fa attraverso l’estro di Domenico Modugno, oggi, da un’idea di Peppe Servillo, voce degli Avion Travel e da Furio De Castri. Il progetto jazz si sviuluppa attraverso musicisti quali: Javier Girotto, Fabrizio Bosso, Fausto Mesolella, Mimmo Epifani, Rita Marcotulli, Mimi Ciaramella. Classicità e contemporaneità dunque, elementi che possono fondersi in un progetto musicale come “Uomini in frac”, omaggio a Modugno, voluto da questo gruppo di musicisti e che approda in Molise per

la prima volta. Stasera in piazza Sedati a Riccia alle 21:00. Il progetto ambizioso certamente, ma ben realizzato, scava nella poliedricità di ‘mister volare’, cantante, autore, attore, regista, teatrante, politico, e certamente jazzista no. Ecco quindi che il progetto “Uomini in frac” incuriosisce per la sua assimetria artistica con Modugno. La band assemblata da Servillo e Di Castri, è ormai ben rodata, tanto che è in tour in Italia da alcuni mesi e stasera è in anteprima per il Molise a Riccia.

Due giorni di vita da cavallaro RIPALIMOSANI - Domani e domenica “Balla coi lupi” alla sua prima edizione. Due giorni di vita da cow bow con gare equestri come Pole Bending e Barrel Racing e tutte le attrazioni collaterali: musica dal vivo, ristorazione, toro meccanico, campeggio, passeggiate. Informazioni 3397026084.


ISERNIA Le rassicurazioni dell’assessore provinciale all’Ambiente, Andrea Di Lucente

“La riserva di Collemeluccio non perderà il patrocinio Unesco” “I Comuni e il Corpo forestale hanno già assolto alle prescrizioni richieste per non lasciarsi sfuggire questo riconoscimento” ISERNIA - In merito alla notizia riportata dalla stampa locale circa l’allarme lanciato dalla funzionaria dell’Unesco di origini isernine, Giuliana Fasano, sul pericolo della perdita del patrocinio dell’Unesco per la riserva naturale di Collemeluccio, l’assessore all’ambiente della Provincia di Isernia, Andrea

Civitanova, centenario del manifesto del futurismo CIVITANOVA - La ricorrenza del Centenario della pubblicazione del Manifesto del futurismo firmato da Filippo Tommaso Marinetti, celebrata già da alcuni mesi a Milano, atterra nel Molise a Civitanova del Sannio che ieri ha ricordato il suo Nuccio Fiorda, il massimo esponente futurista molisano della Musica.

Di Lucente, ha contatto direttamente la dottoressa Fasano e il responsabile del Corpo Forestale dello Stato di Isernia, Cardillo per avere chiarimenti. Da questi colloqui è emerso che la riserva naturale di Collemeluccio non corre il rischio di perdere il patrocinio dell’Unesco. “La dottoressa Fasano – ha detto l’assessore – mi ha riferito che qualche anno fa c’erano state effettivamente alcune lamentele da parte dell’Unesco sulla gestione della riserva. In particolare, l’organismo internazionale aveva chiesto che alla gestione della riserva partecipassero in maniera attiva i Comuni. Alla richiesta dell’Unesco – ha sottolineato Di Lucente – hanno adempiuto i Comuni della zona creando il consorzio Assomab, attualmente presieduto dal dottor Pellegrino. L’Unesco ha fatto, inoltre, anche tutta una serie

di altre prescrizioni a cui Comuni e Corpo forestale dello Stato stanno puntualmente adempiendo. In base a ciò, quindi, ritengo di dover evidenziare come la riserva di Collemeluccio non sia a rischio”. L’assessore ha anche annunciato di aver già convocato per la prossima settimana un incontro

Castelpizzuto, meeting dei giovani CASTELPIZZUTO - Avvicinare i giovani a Dio attraverso la figura di San Rocco. è questo l’obiettivo del primo meeting dei giovani rocheliani che si svlogerà domani a Castelpizzuto che accolgierà nuovamente le reliquie del santo. Ancora un’inziativa promosssa e sostenuta dall’associazione europa “Amici di san Rocco”, guidata dal parroco don Vincenzo Frino di Longano. L’appuntamento è alla 14.30, il meeting avrà inizio nella piazza centrale del paese in prossimità della chiesa di Sant’Agata.

con il gestore delle riserve di Collemeluccio e di Montedimezzo, il presidente dell’Assomab e con i responsabili degli uffici regionali preposti per fare il punto della situazione e per intraprendere tutte le iniziative necessarie per tutelare e potenziare le riserve naturali in questione.

A Geo&Geo il carro di Giorgio riattraversa il Molise ISERNIA - Mercoledì 26, nella popolare trasmissione di Geo&geo si è potuto rivedere il famoso carro azzurro trainato da un cavallo del narratore Pierluigi Giorgio che attraversava l’Alto e Basso Molise lungo i tratturi della regione: Capracotta, Agnone, Pescolanciano, Isernia, Frosolone, i Monti del Matese, Campobasso, Jelsi, Riccia, Casacalenda, Pietracatella, sino al confine con le Puglie. Si è trattato di una replica estiva poiché il regista girò nel 2000 il documentario “La lunga via verde” proponendo ai responsabili di Geo per la prima volta, l’inserimento del carro gitano. L’idea itinerante si dimostrò vincente per popolarità e share d’ascolto, al punto che la Direzione Rai gli commissionò la serie completa in giro per l’Italia. L’argomento “transumanza” fu toccato in video altre volte dall’autore che ne aveva attraversato a piedi nel 1986 ben 250 chilometri per sensibilizzare l’opinione politica e della gente sulla loro salvaguardia. Il primo filmato fu “Mal di Tratturo”, l’ultimo recentissimo: “Uomini, transumanze e tradizioni”. A distanza di tanti anni la sua opinione è che nulla è stato fatto per i trat-

Oggi l’incontro con Iorio e Di Pietro ISERNIA - Il presidente della Regione, Michele Iorio, interviene oggi 28 agosto, alle ore 17.30, a Isernia, al Convegno dal tema“Il Molise dopo la crisi”. Il Convegno è stato organizzato dall’“Associazione Molise in Movimento e vedrà la partecipazione anche di Antonio Di Pietro. Modererà l’incontro il giornalista Giovanni Minicozzi.

turi molisani sia in termini di salvaguardia, sia in quelli di proposta turistica: “Esistono i cartelli, ma indicano il nulla!” dice il regista “s’intensificano le Feste e Convegni della transumanza, ma sono nuove altre occasioni in cui la bocca è usata

Venafro, presentata la guida turistica VENAFRO - Presentata ieri alla stampa la nuova guida turistica della città, edizione 2009. La guida, realizzata dagli assessorati al Turismo e alla Cultura, in distribuzione a titolo gratuito, rappresenta uno strumento pratico e chiaro per scoprire le tante risorse artistiche, ambientali e culturali della Città.

per sciorinare chiacchiere o per abbuffarsi dell’offerta dei prodotti locali. Esistono consulenti pagati, ma a tutt’oggi non è stato fatto un programma serio per la riattazione dei luoghi e la sua fruizione: non c’è competenza e volontà e intanto quel che resta dei tratturi scompare sotto una coltre di vegetazione o peggio, di catrame o per concessione reiterata ai contadini. E poi ci sono gli avventurieri senza scrupoli che hanno scoperto la gallina dalle uova d’oro e che non perdono occasione per inventarsi ed organizzare qualcosa che abbia solo sentore di “tratturo” ma che ingrossi il fondo delle proprie tasche! Anche in Molise -come a suo tempo in Puglia e poi in Abruzzo- stiamo assistendo non alla Festa, ma al “Funerale dei tratturi”, alla loro estinzione! E pensare - conclude il regista - che dall’Inghilterra alla Francia e alla Svizzera, dal Piemonte sino a Roma, hanno ritracciato da tempo i percorsi del pellegrinaggio medievale della via Francigena, come all’estero quello di Santiago di Compostela, innestando un perfetto meccanismo turistico ed economico che ruota attorno all’intera operazione”.

11 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009


TERMOLI Congresso Pd, la ricetta di Cicchetti TERMOLI - Ho sempre pensato che un segretario si sceglie sulla base di ciò che propone e non sulla base di quanto prende. Per cui non ci si può schierare a prescindere. Non ripetiamo l'errore del 2007 con gli schieramenti delineati, dove non ci fu competizione ma un plebiscito su Annamaria Macchiarola, un segretario pensato più per mantenere certi equilibri che capace di interpretare tutte le linee e, quindi, nessuna linea coerente e riconosciuta da tutti. Questo fu l'errore e le colpe non possono essere attribuite alla Macchiarola ma allo stesso partito. Era prevedibile che un segretario designato su basi non politiche non avrebbe retto per troppo tempo! Un partito che si reggeva su quote di spartizione non aveva futuro né poteva dare corso a un preciso mandato e ad una coerente linea politica. Perciò il congresso non può non partire da questa analisi critica di errori e di responsabilità e porvi rimedio. Questo congresso segnerà le politiche del futuro della nostra regione, decreterà la fine di un ciclo e l'inizio di una nuova era. Si devono chiudere definitivamente le identità, non dobbiamo mantenere più insieme le grandi tradizioni, ma andare oltre, parlare chiaramente del nostro futuro, visto che fino ad ora non ci siamo riusciti. Forte discontinuità con il passato, non dobbiamo fare un congresso fondativo né far diventare il PD un partito nuovo, come dice il candidato Petraroia, il partito nuovo

c'è ed è il PD e bisogna continuare sulla linea del Lingotto. Gli elettori molisani hanno espresso un grave giudizio negativo su di noi perciò dobbiamo riavviare il dibattito politico con proposte innovative coinvolgendo tutti, con la partecipazione di tutti e coinvolgendo il territorio. Giusto e opportuno il manifesto redatto dal Basso Molise. Perciò credo sia indilazionabile un rinnovamento di uomini e donne, mettere insieme il meglio delle culture diverse se vogliamo riparare i danni causati dal disastro elettorale. Dopo il tempo delle parole bisogna passare al consenso e all'impegno diretto e attivo e quindi alle iniziative. Vero che dobbiamo mantenere le amministrazioni che governiamo ma gli

amministratori devono usare il consenso per amministrare e non usare l'amministrazione per fare consensi. Bisogna mettere in campo tante iniziative, anche azzardate, con proposte specifiche per ottenere risultati concreti. Se il PD vuole essere il faro, deve correre il rischio, avere il coraggio di innovarsi e sfidare il centrodestra sull'innovazione se non vogliamo che le affermazioni diventino mancate promesse. Il rilancio del PD è vincolato alle scelte che faremo e sul coinvolgimento dei cittadini. Dobbiamo rivolgerci non solo agli iscritti ma anche agli elettori se vogliamo un grande partito. Dobbiamo costruire ipotesi nuove che si trasformino in successi elettorali. Dibattito vero, se non vogliamo il par-

tito come uno strumento di proprietà di qualcuno o che il congresso finisca per ratificare decisioni prese altrove. Non dobbiamo fare un partito ridotto ad essere una macchina elettorale al servizio del leader. Serve un leader per il partito e non un partito per il leader. La battaglia congressuale non può ridursi al sostegno di questo o quel candidato o da chi viene supportato. Sono i programmi, le proposte, le scommesse su cui uno può vincere o perdere. Per cui non servono rivincite ma ci vuole una classe dirigente capace di risanare la crisi attuale pensando alle nuove generazioni come fecero i nostri padri nel secondo dopo guerra. È il momento del cambiamento. Accanto ai grandi problemi dobbiamo porre anche la questione anagrafica con un dibattito, con progetti che giustifichino il ricambio generazionale, altrimenti si fa solo demagogia e si parla di rinnovamento solo perchè non si è capaci di elaborare idee e aggregare consensi. Ci vuole un grande progetto politico, dire cose nuove a cominciare dalla sicurezza, dall'ambiente, affrontare le emergenze: corruzione, povertà, alcool, droga e su questo favorire un progressivo ricambio dei gruppi dirigenti. Dobbiamo saper incanalare questo processo altrimenti l'innovazione si risolverà nell'esatto opposto con la conservazione dello stato attuale. Non vorrei che la graduale discontinuità si trasformasse nella massima continuità. Dobbiamo delineare un futuro credibile e per-

corribile per recuperare tutti gli elettori che ci hanno lasciato o che non vanno più a votare. Partendo dal congresso di ottobre bisogna preparare una nuova classe dirigente pronta a governare, instaurando un nuovo clima, con personalità di rilievo a prescindere dal colore politico presenti sul territorio. Per stabilire, per pensare un futuro diverso dovremo fare accordi non politici ma di programma. Un Molise moderno e influente si costruisce con un grande progetto che tenga conto delle zone, del territorio, delle infrastrutture presenti e non di come usufruire delle risorse e dove intervenire prima. Questo non toglie che bisogna distribuire il potere politico equamente senza campanilismi ma per necessità. Il riscatto della politica nel Molise passa attraverso il PD, perciò le porte sono aperte a tutti e tutti devono farsi avanti per costruire un partito forte, con nuovi valori, non con una carta dei valori! Dobbiamo unirci, rilanciare la linea politica del PD coinvolgendo i cittadini, le donne, i giovani che non si sono sentiti e non si sentono rappresentati da nessuno ma che culturalmente si ritrovano nel progetto del PD. Un grande partito che culturalmente deve nascere con ambizioni nuove e con nuove generazioni, con nuove priorità improntate sul cambiamento la cui missione è quella di offrire a tutti migliori opportunità. Angelo Cicchetti circolo di Termoli

qualità e specificità eco-ambientali. Infine va aggiunto che, a completamento dell’intervento, un analogo

cartellone sarà posizionato a giorni sempre sulla “A 14” in direzione Sud.

Campagna di marketing turistico sull’autostrada TERMOLI - Da qualche settimana sull’autostrada “A 14” Adriatica, in direzione Nord , in corrispondenza del confine regionale tra Molise ed Abruzzo, é stato posizionato un cartellone pubblicitario che segna metaforicamente l’ingresso nella provincia di Campobasso e ne pubblicizza le bellezze. “Entra nella storia, amerai il territorio” è lo slogan scelto dalla Provincia di Campobasso per valorizzare le potenzialità turistiche anche attraverso l’uso di spazi pubblicitari sui maggiori snodi viari del

12 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009

Paese. In questo caso, esso è posto sotto la fotografia di Porta Bojano della civitas romana di Altilia di Sepino che, secondo una precisa strategia di comunicazione istituzionale applicata al marketing territoriale, si rivolge alle moltitudini di viaggiatori che si spostano su una delle due principali direttrici autostradali del Paese. Il messaggio è teso ad evidenziare in maniera evocativa le peculiarità del Molise: la grande ed antica storia dei luoghi e del popolo che li ha vissuti con tutto il portato culturale delle tradizioni, del patrimonio ar-

Campomarino, ritrovato il giovane scomparso lunedì scorso CAMPOMARINO – E' stato ritrovato vivo e vegeto Toni Nardoni, il 30enne di Campomarino, che si era allontanato da casa alcuni giorni fa senza dare sue notizie. L'uomo è stato ritrovato dai carabinieri alla periferia di Petacciato poco lontano dalla sua autovettura. Al momento di partire con la propria autovettura aveva salutato la moglie dicendole che si recava a Lanciano per acquistare materiale per la sua attività.

cheologico, dei beni storici ed ambientali ancor oggi ben presenti nella vita quotidiana della gente molisana che significano anche e soprattutto attrattività turistica, ospitalità ed enogastronomia. La valorizzazione delle potenzialità turistiche del territorio provinciale è una delle priorità che l’Amministrazione provinciale si è data sin dal suo insediamento e che va sviluppandosi attraverso l’attuazione di numerosi programmi e azioni amministrative che vanno di pari passo con una attenta e puntigliosa politica di difesa delle sue

Da domani“Notti in stelle molisane” CAMPOMARINO - “Notti in stelle molisane” é il tema dell'evento che si terrà domani dalle 20 all'1 del mattino in Piazza Municipio. La manifestazione astronomica permetterà di poter osservare il cielo con un telescopio e si terranno lezioni sul firmamento. Una iniziativa dell'Amministrazione e dell’ associazione di divulgazione e ricerca astronomica molisana (Adram) con una mostra fotografica “I giganti in cielo”.


TERMOLI Collegamenti con le Tremiti: si muove il sindaco Greco incontra in Municipio le associazioni di categoria TERMOLI – Il sindaco Vincenzo Greco ha convocato in Municipio una riunione per discutere sul rischio di soppressione dei collegamenti via mare tra Termoli e le Isole Tremiti. All'incontro hanno partecipato i rappresentanti di ASEC ConfEsercenti Campobasso, FIPE Molise, ConfCommercio Campobasso e Termoli, FederAlberghi Termoli, ConfEsercenti Termoli e AMA CASARTIGIANI Molise. Il primo cittadino ha introdotto l'argomento della riunione commentando la notizia del passag-

gio dalla competenza statale a quella regionale, a partire dal 1° gennaio 2010, dei collegamenti via mare. Nello specifico, in relazione al collegamento con le Isole Tremiti, chee appartengono territorialmente alla Regione Puglia, i presenti hanno convenuto sul fatto che il collegamento ordinario per merci e persone si effettua quasi in via esclusiva dal porto di Termoli, che rappresenta quindi il porto di elezione per il collegamento con l’arcipelago delle Diomedee ormai da molti decenni, da

quando cioè il Servizio Statale è stato spostato da Manfredonia a Termoli. I convenuti, pertanto, hanno espresso la loro preoccupazione per il fatto che, a causa di questo mutamento della regolamentazione dei trasporti marittimi, possa venire leso il rapporto quasi esclusivo delle Isole Tremiti con Termoli, che verrebbe così a perdere molti vantaggi legati alle forniture di merci e servizi per l’intera economia delle isole e al flusso di passeggeri che, partendo dal porto di Termoli, hanno molto spesso motivo di stazionare in città. A questo si deve aggiungere la predilezione dell’intera popolazione tremitese ad essere collegata con la città adriatica. È notorio, infatti, che i tremitesi passano l'inverno a Termoli, dove hanno acquistato beni, anche immobili, e dove

Raccolta differenziata, interpellanza dell’opposizione TERMOLI - “Quali interventi intende assumere nel breve e medio periodo il neo assessore all’ambiente Gabriele Petrella per scongiurare danni ambientali irreversibili per la nostra città?”. Il riferimento é alla raccolta differenziata della spazzatura porta a porta e in merito i consiglieri di opposizione in Comune hanno presentato una interpellanza non nascondendo i propri timori circa un ‘rischio ambientale da servizio di raccolta differenziata stile discarica’. Già in precedenza gli stessi firmatari del documento, durante la discussione del Regolamento per la raccolta dei rifiuti solidi urbani, avevano evidenziato con vari emendamenti i punti critici e tentato di migliorare il sistema e la modalità della raccolta e del conferimento dei rifiuti, suggerendo di istallare in alcune zone della città isole ecologiche di prossimità. Purtroppo, ad oggi, non ci sono state risposte e tutto continua come prima. “Visto che la cittadina è divenuta ormai una discarica a cielo aperto con i quartieri periferici, il centro ed il Borgo Antico sommersi dalle buste di spazzatura – é scritto nell’interpellanza - e constatato che Termoli potrebbe raggiungere livelli insostenibili di inquinamento come la città di Napoli durante il Governo Prodi e prima dell’insediamento del Governo Berlusconi, vogliamo conoscere le intenzioni dell’assessore Petrella circa tale problematica”.

La Finanza sequestra 2mila ricci di mare CAMPOMARINO – Gli uomini della sezione navale della Guardia di finanza di Termoli hanno sequestrato 2000 ricci di mare appena pescati illegalmente che sono stati rigettati in mare. Ai quattro pugliesi sono state sequestrate anche 4 paia di pinne, 4 mute complete da sub, 4 maschere, varie torce, coltelli, cinture con piombi ed altra minuta attrezzatura. Comminate anche sanzioni fino a 24mila euro.

usufruiscono dei vari servizi (scuole, ospedali ecc.). Durante l'incontro, poi, è stata presa in considerazione la notizia dell’orientamento della Regione Puglia verso una possibile soluzione di intesa con la Regione Molise, diretta a regolamentare la conservazione del collegamento con le Isole Tremiti, che sarebbe effettuato attraverso il porto di Manfredonia dalla futura società regionale (oggi “Tirrenia”) nel solo periodo estivo, lasciando invece il collegamento per il resto dell’anno con Termoli. In questo modo Termoli non resterebbe senza collegamenti nel periodo estivo, giacché da molti decenni è servita da altre linee di navigazione private. “Se ciò rispondesse al vero – hanno concordato i presenti – sarebbe una soluzione da considerare auspicabile. Una convenzione tra le Regioni Pu-

glia e Molise potrebbe formalizzare questo accordo e puntualizzerebbe anche le rispettive compartecipazioni al sostenimento delle spese relative”. Greco e i rappresentanti delle Associazioni convocate, pertanto, trovandosi tutti d’accordo sulla bontà di una tale possibile soluzione, si sono ripromessi di sensibilizzare la Regione Molise, e quindi l’Assessore Regionale di competenza, per discutere del problema con le Associazioni e gli Enti convenuti, oltre che con la Camera di Commercio e tutti gli altri portatori di interesse. I presenti, quindi, hanno deciso di fissare un prossimo incontro nella prima decade del prossimo mese di settembre, alla presenza anche dei rappresentanti della Regione Molise, per delineare un possibile percorso d’intesa con la Regione Puglia.

Carenza di sangue: l’Avis lancia un appello TERMOLI – Nessuno se lo aspettava ma l'emergenza é scattata improvvisamente. La carenza di donazioni di sangue si fa sentire e la sezione locale dell'Avis lancia l'appello per sopperire all'attuale situazione. Ogni sera i soci dalle 18 alle 20.30 effettuano numerose telefonate per spronare i volontari a recarsi presso la Sala donatori dell'ospedale San Timoteo. Attualmente serve in modo particolare sangue 0 positivo, 0 negativo e A positivo. Senza dubbio le ferie estive, ancora in fase di svolgimento, creano problemi per reperire i donatori abituali ed iscritti alla sezione termolese ma un monito va indirizzato a quelle persone che potrebbero fare un gesto d'altruismo verso chi ha bisogno. Attualmente la stragrande maggioranza dei donatori appartiene

Vespe e calabroni infestano Termoli TERMOLI – Vespe e calabroni in abbondanza disturbano la i residenti della città rivierasca e del Basso Molise. Tantissime le chiamate le chiamate e gli interventi degli uomini del 115 del distaccamento di Termoli per rimuovere i nidi in giardini ma anche all'esterno ed interno di abitazioni. Del caso é stata interessata anche la Asl che sta predisponendo interventi di disinfestazione su gran pare del territorio della propria giurisdizione.

alla categoria degli operai mentre mancano all'appello i professionisti, docenti scolastici ma anche gli amministratori comunali. Ecco, per l'appunto, perché Assessori e Consiglieri comunali di Termoli non danno l'esempio e si recano a donare.

13 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009


S P O RT CALCIO SERIE D

La società ha reso noti i prezzi dei biglietti e quelli degli abbonamenti: sale l’attesa tra i tifosi

Il Campobasso è pronto per la Coppa Ieri test in famiglia per i rossoblù che sono apparsi in buone condizioni fisiche Amichevole in famiglia nel pomeriggio di ieri per il Nuovo Campobasso Calcio. L’occasione è stata utile al tecnico Paolucci per valutare la condizione di forma raggiunta dal gruppo dopo oltre un mese di preparazione. La squadra, ovviamente, risente ancora dei pesanti carichi di lavoro di questo periodo, ma è iniziata la fase di scarico e dunque le gambe dovrebbero iniziare ad essere più leggere. Nel test di ieri il mister ha provato anche diverse soluzioni per il primo impegno ufficiale della stagione. Domenica al Romagnoli sarà di scena il Trivento nel 1° turno della Coppa Italia e la nuova formula della competizione tricolore prevede gare ad eliminazione diretta e dunque sarà già un test decisivo per entrambe le formazioni. Nell’ambiente rossoblù c’è voglia di vedere all’opera la nuova squadra costruita dall’Avvocato Nucifora e da mister Paolucci. C’è attesa e fermento nonostante le vicissitudini recenti della società del presidente Capone. I rossoblù stanno preparando il match con dovizia di particolari per non steccare la prima, anche se la coppa Italia è considerata come propedeutica per il campionato, vero obiettivo di Teta & co. Il tecnico avrà tutti gli uomini a sua disposizione e per lui sarà già tempo di scelte importanti. In difesa sono in ballottaggio in tre per due maglie da titolare: Maglione, Manzo e Cirilli; i primi due sembrano essere in leggero vantaggio. Altro dubbio da sciogliere per il mister di Tollo riguarda il modulo da adottare: Paolucci preferisce giocare con una sola punta, e in questo caso la maglia da titolare sarebbe di Gherardi, ma affascinante è anche l’idea di vedere insieme Gherardi e Covelli. Il dubbio sarà sciolto solo alla vigilia del match. Per quanto riguarda la diatriba col comune

14 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009

Il Ds Enzo Nucifora sono queste ore di febbrile attesa. Ieri mattina l’Avvocato Nucifora si è recato dal primo

cittadino di Campobasso per cercare una mediazione e risolvere una volta per tutte la questione. Le parti sembrano essere vicine, ma l’ultima parola spetterà sempre al presidente Capone. Intanto la società ha reso noti i prezzi dei biglietti per la gara di domenica e quelli per gli abbonamenti. Per la gara di coppa Italia il tagliando per la tribuna centrale costerà 20 € intero e 15 ridotto; per la laterale e il parterre occorreranno 15 € per l’intero e 10 per il ridotto; il biglietto di curva nord costerà 10 € l’intero e 7 il ridotto. Per quel che concerne gli abbonamenti, la cui campagna sarà lanciata ad inizio prossima settimana, occorreranno 400 € per assicurarsi la tribuna centrale intero, 250 ridotto; la tribuna laterale e il parterre avranno un costo di € 250 per l’intero, 180 per il ridotto; infine l’abbonamento per la curva nord avrà un

I tifosi del Campobasso costo di 120 € intero, 80 ridotto. La società si augura che gli sportivi campobassani possano

dare il proprio contributo attraverso la sottoscrizione degli abbonamenti.

L’Olympia Agnone attende l’esordio casalingo Domenica i granata ricevono al Civitelle il Bojano per il primo derby

Capitan Di Vito in azione

Calcio: oggi i calendari di Eccellenza e Promozione 2009/2010 Questo pomeriggio, con inizio alle ore 18,00, presso la sala riunioni dell'Hotel Eden di Campobasso - (c.da Colle delle Api), avverrà la presentazione dei calendari dei Campionati di Eccellenza e Promozione della stagione sportiva 2009/2010. Contestualmente, come di conseguito, a seguire la presentazione dei Calendari, si terrà anche la Riunione Ufficiale di tutte le società partecipanti ai summenzionati Campionati Regionali.

L’Agnone sta preparando nel migliore dei modi la prima uscita stagionale. Domenica i granata affronteranno davanti al pubblico amico il Bojano nel primo turno della coppa Italia. I biancorossi hanno superato nei preliminari il Miglianico, dimostrando già una buona condizione di forma. Pertanto il match non sarà certamente agevole per la squadra di Agovino, considerando anche che si tratta di un derby. La formazione alto molisana sta cercando la forma migliore dopo aver stentato nel precampionato. Ciò non preoccupa affatto lo staff tecnico che considera la coppa Italia come propedeutica al campionato.

Tuttavia l’Agnone ci tiene ad iniziare la stagione con il piede giusto e soprattutto a presentarsi nel migliore dei modi ai propri sostenitori. Anche perché bisogna trovare subito i giusti ritmi e la necessaria concentrazione perché dopo sette giorni sarà già tempo di campionato. E per quella data, ha assicurato Massimo Agovino, l’Agnone sarà nelle migliori condizioni. L’obiettivo resta la salvezza, ma non ci si nasconde dietro ad un dito e si spera di poter ripetere la strepitosa stagione dello scorso anno, magari raggiungendo i play off, sogno che la passata stagione è stato solo accarezzato.

Pallanuoto per tutti a Termoli E’ stato un grande successo di pubblico e di partecipanti la seconda edizione del Torneo “Pallanuoto per tutti”, manifestazione organizzata dall’ASD Pallanuoto Termoli e tenutasi presso la piscina dello stabilimento Cala dei Longobardi. Al primo posto si è classificata la società assori Foggia, secondo piazzamento per la Presidenziale e terzo posto per la Termoli Nuoto.


S P O RT SERIE D

Infermeria affollata in casa Trivento Dopo Guglielmi e Colella arriva l’infortunio per l’attaccante Monaco di Monaco Amichevole in famiglia ieri pomeriggio per l’Atletico Trivento che si sta preparando in vista del debutto ufficiale in Coppa Italia che avverrà domenica in occasione del derby del Selva Piana contro il Nuovo Campobasso. Mister Carannante nella circostanza dovrà rinunciare a tre giocatori: il terzino Collella, alle prese con una distorsione alla caviglia, dovrà restare a riposo per un paio di settimane, l’attaccante Guglielmi invece sta svolgendo un lavoro di preparazione differenziato rispetto al resto della squadra e tornerà a disposizione di Carannante non prima di un mese, in ultimo c’è da registrare il brutto infortunio occorso alla punta Peppe Monaco di Monaco: il responso medico parla di una frattura del quinto metatarso che lo costringerà a saltare quasi certamente il primo mese di campionato. Insomma l’infermeria giallo-

La Coppa Italia non rappresenta un obiettivo prioritario per il club gialloblu ma certamente, vista la circostanza, tutti i giocatori, memori anche della straripante vittoria conquistata nella scorsa stagione a Campo-

basso, cercheranno di dare il massimo per non sfigurare al cospetto di una delle squadre che partono con i favori dei pronostici per la vittoria finale del campionato. JSV

BASKET

Italcom: Salvemini traccia un primo bilancio Il tecnico Roberto Carannante blu al momento è piuttosto affollata ma l’allenatore dell’Atletico Trivento non fa drammi: la rosa, a differenza dello scorso campionato, è molto più ampia

e composta da valide alternative, dunque contro il Campobasso ci sarà comunque modo di mandare in campo la migliore formazione.

VOLLEY

La Nuova Pallavolo festeggia le nozze d’argento coppia di Cesare-de Soccio, 5 i campionati vinti per raggiungere la B1, oltre 400 gli iscritti che ogni anno frequentano i corsi di pallavolo (che moltiplicato per 25 anni di attività fa venir fuori un bel numero di ragazzi e famiglie che sono cresciuti con la pallavolo), oltre 100 i titoli regionali vinti con le squadre giovanili sia nel settore maschile che femminile con 15 Una formazione della Nuova Pallavolo finali nazionali e...non si contano i palloni lanciati dagli alleLa Nuova Pallavolo si appresta a dare natori nelle varie palestre del capoluogo inizio alla 25° stagione agonistica...nozze con il caldo, con il freddo, senza docce fino d'argento per il sodalizio campobassano ad arrivare da ormai 7 stagioni ad occupare che oramai da anni riveste un ruolo di priil meraviglioso impianto della Villa De missimo piano nella pallavolo regionale e Capoa dove finalmente nel 2002 la società nazionale. Ripercorrere 25 anni di pallasi è trasferita e dove ha creato un vero e volo sarebbe davvero un'impresa ma il proprio regno per gli appassionati del voltutto può essere riassunto ricordando ley! l'escalation che ha portato la squadra dalla Proprio questo è infatti il fiore all'oc1° divisione nel lontano '84 alla B1 naziochiello della società che custodisce l'imnale vincendo sempre e solo sul campo con pianto in maniera impeccabile facendolo sole atlete molisane! Un pò di numeri? 25, sembrare quasi un albergo per qualità e gli anni di affiliazione alla FIPAV, 2 gli allenumero di servizi a disposizione, dalle atnatori storici che non hanno mai lasciato trezzature prettamente ginniche, all'igiene, la panchina, meglio conosciuti come la all'ambito sanitario e alla disponibilità del-

Marcia Alpina: a Belluno la trentesima edizione dei campionati italiani E’ Rocca Pietore( Bl) ad ospitare l’annuale edizione dei campionati nazionali di specialità per Associazioni il 5 e 6 settembre. Per l’occasione saranno in lizza circa 500 atleti suddivisi nelle varie categorie. Questo appuntamento agonistico è particolarmente sentito e rappresenta un momento clou per la FIE ( Federazione Italiana Escursionismo) dopo il successo ottenuto a Marzo con i Campionati Nazionali di Sci Alpino a Bardonecchia (To), e le numerose manifestazioni che hanno costellato la stagione agonistica. Per informazioni : www.fieitalia.it

l'intero staff. Non bisogna dimenticare che quello che ora è un paradiso anni fa era un ritrovo per ragazzacci che sfuttavano la zona riparata e poco illuminata per attività non proprio lecite, la Nuova Pallavolo è riuscita anche nell'intento di risollevare una zona della città da cui i ragazzi si erano dovuti allontanare, rendendola invece un posto sicuro e controllato sotto il punto di vista morale ma anche delle strutture. Anche quest'anno settembre sta per arrivare e la società è in fermento per l'inizio della stagione agonistica 2009/2010 che partirà come sempre dal settore giovanile con i corsi di mini volley che coinvolgono bambini dai 5 anni di età, con i gruppi preagonistici e con la prima squadra sia del settore maschile che femminile che affronteranno il campionato di serie C. Sono passati 25 anni ma nulla è cambiato anzi...come viene detto ne 'Il Gattopardo' 'cambia tutto perchè niente cambi!', l'entusiasmo e la passione sono sempre alle stelle, l'amore e la dedizione per lo sport hanno portato la società a raggiungere tanti tragurda ma sono ancora tanti i successi che tutto lo staff vuole conquistare con un unico e solo comandamento allenarsi tanto...divertirsi un mondo!

La nuova Italcom è al lavoro da una settimana con doppi turni giornalieri al "Palavazzieri". Dopo i primi giorni di fatiche abbiamo fatto il punto della situazione con il coach della formazione campobassana. Coach Salvemini dopo la prima settimana di lavoro quali sono le sue prime impressioni sul gruppo? Le impressioni di questa prima settimana di lavoro sono positive per come la squadra, che è quasi nella totalità nuova (7 elementi), si sta impegnando nel quotidiano sia sotto l'aspetto fisico, curato con grande professionalità ed esperienza dal Prof. Petti, e sia sotto l'aspetto tecnicotattico con il sottoscritto e con il mio assistente De Vivo. Con l'arrivo di Antonio Labate, aggiuntosi ai tanti nomi importanti già presenti, la Italcom è ormai nel novero delle migliori squadre del torneo. Una bella responsabilità. Innanzitutto voglio fare i com-

Coach Salvemini

Tiro a volo: importante manifestazione in Umbria Sarà una kermesse di livello internazionale quella che sabato 29 e domenica 30 agosto 2009 ricorderà la figura di Nando Rossi, Presidente del Coni Regionale dell’Umbria e Vice Presidente Nazionale della Fitav, scomparso anni fa. 1.500 atleti provenienti da 15 nazioni saranno impegnati in gare di tutte le specialità sugli impianti dell’intera Umbria.

plimenti alla società, alla Presidente Raffaela Franzese ed in prima persona al Direttore Generale Anzini per aver fatto un grandissimo lavoro in sede di mercato. Penso che in questo campionato ci siano diverse squadre che possano contendersi il raggiungimento di obiettivi importanti e sicuramente anche noi proveremo in tutti i modi a giocarci le nostre carte. Di certo non mancheranno impegno, dedizione e tanto lavoro. Il sottoscritto, lo staff tecnico e tutta la squadra siamo consapevoli di avere una bella responsabiltà nei confronti dei nostri tifosi e dell'intera città. Cercheremo di non deluderli mai offrendo prestazioni che possano esaltarli e renderli sempre orgogliosi di questa squadra. Oggi al Vazzieri, inizio ore 19.30, ci sarà il primo test match vs Banca Etruria Venafro. Incontro dal risultato assolutamente inutile che servirà, però, per i primi ripassi tecnico-tattici di stagione. Che squadra vedremo? L'interpretazione che daremo a tutte le amichevoli pre-campionato sarà quella di verificare lo stato di avanzamento del lavoro fisico e del lavoro tecnico-tattico svolto, con la consapevolezza che i carichi in preparazione sono fortemente condizionanti. I meccanismi miglioreranno con il tempo e con l'applicazione. Il planning pre-stagionale è strutturato per consegnare la squadra pronta per l'inizio del campionato, che ci vedrà esordire proprio fra le mura amiche contro Monteroni domenica 27 settembre.

15 ANNO II - N° 187 VENERDÌ 28 AGOSTO 2009



lagazzettadelmolise_28-8a