Page 1

Caso Garofalo, Cosco resta in carcere

Prima assemblea in via Facchinetti

CAMPOBASSO – Il Tribunale del Riesame di Campobasso ha rigettato la richiesta del legale di Carlo Cosco, di scarcerazione del suo assistito. Il boss della Ndrangheta accusato di essere il mandante del tentativo di sequestro di Lea Garofalo resterà in carcere in Calabria. PAG 10

CAMPOBASSO. Prima assemblea stamattina (stando alle voci di corridoio) al nuovo liceo di via Facchinetti per mettere sul tavolo i problemi della nuova struttura. Problemi che si registrano soprattutto al piano superiore. PAG 9

ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Antonio D’Uva

50000 euro di consulenza è il premio che Iorio dà ai trombati di centrosinistra www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A MICHELE IORIO La sua ben nota generosità ha colpito ancora. Il presidente della Regione, Michele Iorio, ha assegnato un incarico di consulenza da 50mila euro per cinque anni ad Antonio D’Uva, mancato consigliere comunale a Campobasso con il Pdl. Non solo. Soltanto due settimane fa, D’Uva ha perso il ricorso elettorale presentato contro il sindaco Di Bartolomeo. Un premio eccessivo e ricco di contraddizioni, quello assegnato dal governatore, a chi (fresco ex centrosinistra) ha fallito l’obiettivo ed ha addirittura tentato di spodestare il primo cittadino del suo stesso partito. Per questi motivi, Iorio conquista meritatamente il tapiro del giorno.

L’OSCAR DEL GIORNO A REMO DI GIANDOMENICO La sua (nuova) discesa in campo ha già provocato più di qualche mal di pancia. Remo Di Giandomenico, candidato a sindaco di Termoli, pian piano sta costituendo le proprie liste e va avanti spedito nella corsa a palazzo San Francesco. Una competizione che si preannuncia certamente difficile per lui, ma l’ex sindaco tira dritto per la sua strada senza curarsi dei giudizi altrui non certo entusiastici (vedi Vitagliano). Comunque vada, l’oscar per la tenacia, Di Giandomenico lo merita tutto.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Il senatore e presidente onorario di Costruire democrazia sta con Monaco Intanto nel Pd chiedono la convocazione urgente dell’assemblea regionale

Di Pietro e Astore, di nuovo insieme? CAMPOBASSO – “Erminia Gatti, oggi, può rompere gli schemi e rappresentare sicuramente un progetto di rilancio e di crescita della città di

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Tel. Isernia: 0865/414168 E-mail Redazione Campobasso:

redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it E-mail: Amministrazione-Pubblicità

commerciale@lagazzettadelmolise.it

www.lagazzettadelmolise.it www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: Poligrafica Ruggiero srl Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Termoli. Con lei può emergere una classe dirigente nuova, radicata sul territorio, capace di espandere i confini del consenso e di intercettare i bisogni di tutti i cittadini. L'auspicio è che anche l'Italia dei Valori rispetto ad un nome terzo, faccia un passo indietro ed aderisca, con senso di responsabilità politica, alla candidatura di Erminia che può riunire l'intera coalizione. L'unico obiettivo da perseguire è quello di battere il centro-destra e tornare ad essere forza di governo nella città di Termoli”. Questo l’appello del segretario regionale del Pd che invita gli alleati dello schieramento a sostenere Erminia Gatti, portavoce del movimento Costruire democrazia, come aspirante sindaco della città adriatica, dove il 28 e 29 marzo i cittadini torneranno alle urne con largo anticipo dopo il fallimento dell’amministrazione Greco. L’entrata in scena dell’avvocato, ex dipietrista, rompe gli schemi ma non riesce a ricomporre il puzzle. Il senatore Astore rimane isolato nel suo movimento, ma non molla. Fermo com’è a sostenere Filippo Monaco, ex vicesindaco di Greco, tesserato piddì, in corsa per la fascia tricolore ma senza la benedizione del partito. Dicono che stia già pensando al dopo

voto. E naturalmente a come farla pagare al partito di Leva e Ruta in caso di sconfitta. Commissariamento: questa la parola d’ordine. Ne avrebbe parlato con l’amica Rosy Bindi. Naturalmente la chiacchiera elettorale viaggia insieme ai malumori che accompagnano questa candidatura inattesa, così come inaspettata è stato il passo indietro di Antonio D’Ambrosio, il primo sostenitore della Gatti. Non è un chiacchiera invece la richiesta di alcuni componenti dell’Assemblea regionale del Pd che reclamano una riunione urgente per discutere sulle prossime ele-

zioni amministrative di Termoli e Montenero di Bisaccia. In calce alla nota, mandata per conoscenza anche a Bersani, le firme di Michele Petraroia, Augusto Massa e Gigino D’Angelo (assessore provinciale di Campobasso). Con altri iscritti chiedono la convocazione urgente dell’assemblea. Dalla dirigenza comunque hanno fatto sapere che l’incontro ci sarà a breve. In riva all’Adriatico intanto è tutto un fermento. Fra quattro giorno si presentano le liste. Pochissimi per chi non ha alle spalle una macchina da guerra. Siamo nella fase più delicata, quella in cui molti rinunciano alla partita.

Intanto il simbolo di Costruire democrazia sarà collegato all’avvocato Erminia Gatti e non a Filippo Monaco. Il senatore Astore potrà appoggiare con una lista civica il candidato sindaco sostenuto anche dall’Italia dei valori. Rifondazione, comunisti e socialisti al momento si dicono vicini all’ex sindaco di Termoli, da tempo nell’orbita di Tonino Di Pietro. Sinistra e Libertà invece sta insieme al Partito democratico, con la portavoce di Costruire democrazia. A Montenero di Bisaccia tutto è pronto: tre liste in corsa. Di Pietro corre da solo. Come nel 2000.


PRIMO PIANO Sommossa a Palazzo San Giorgio: i consiglieri del Pdl insorgono contro il governatore che ha premiato chi voleva far cadere l’amministrazione Di Bartolomeo

Consulenza da 50mila euro a D’Uva CAMPOBASSO – Ieri mattina c’è stata una mezza sommossa al Municipio di Campobasso. La notizia che il presidente Iorio abbia inserito nella lista delle consulenze anche chi ha cercato di far cadere l’amministrazione Di Bartolomeo ha scatenato un putiferio. Ad Antonio D’Uva, già vicesindaco di Peppe Di Fabio, campione di trasformismo nelle ultime elezioni amministrative perché candidato e non eletto col Pdl, è andato un incaricuccio da 50mila euro, tanto sussurrano a Palazzo San Giorgio, per curare il nuovo sito internet della Regione Molise. Una consulenza che durerà per cinque anni (!) e che a conti fatti gli frutterà mezzo miliardo di vecchie lire. Grazie ad un tesserino da pubblicista rispolverato al momento opportuno. Al Comune sussulti a ripetizione ieri mattina. A dir poco incavolati sono i consiglieri di centrodestra che si sono dovuti parare (a suon di euro) dal ricorso elettorale presentato da D’Uva, professore di musica nella vita, che chiedeva l’annullamento del voto per vizi insanabili.

Oggi si scopre che l’autore di questa iniziativa (infruttuosa nelle aule giudiziarie) è stato ampiamente ripagato dal leader maximo della coalizione. Con una bella consulenza, proprio come si fa con chi porta tanta acqua al proprio mulino. Ma di acqua D’Uva, ex centrosinistra, ne ha portata davvero poco: appena 161 voti nelle consultazioni di giugno 2009 contro i 500 che invece incassò nel 2004 con la vittoria di Di Fabio. Tra le fila della maggioranza di Palazzo San Giorgio c’è parecchio malumore: da qualche tempo i consiglieri aspettano di essere ricevuti dal g o v e r n a t o r e. Dall’opposizione c’è qualcuno che è pronto a saltare sul carro. Ma non prima che Iorio abbia dato il suo assenso.

Varra (Idv) usa il legittimo impedimento per non farsi processare Il consigliere provinciale vanifica la battaglia del suo leader Antonio Di Pietro. Assente ieri all’udienza che lo vede imputato per minacce e aggressione ai danni dell’ex assessore Angelo Cristofaro CAMPOBASSO – “Diciamo no a questa legge porcata che umilia le istituzioni, offende il parlamento e il paese e ha un unico mandante: il signor presidente Berlusconi. Una persona che l’Italia farebbe bene a mandare a casa quanto prima”. Commentò così Antonio Di Pietro, tra i fischi della maggioranza, l’approvazione alla Camera del testo di legge sul legittimo impedimento. Con 316 voti a favore, 239 contrari e 40 astensioni il provvedimento, che permetterà al presidente del Consiglio e ai ministri di non comparire per 18 mesi alle udienze giudiziarie in caso di concomitanti impegni istituzionali, sta ora per arrivare all’esame del Senato. Sabato, contro l’approvazione definitiva, è stata organizzata anche una manifestazione a Roma dal Popolo Viola (quelli del No B day) a cui prenderà parte anche l’Idv. E chissà se nella Capitale si farà vivo anche il consigliere provinciale

Giovanni Varra. Lui da esperto qual è del legittimo impedimento di sicuro non sprecherà l’occasione. Proprio ieri mattina, l’inquilino di Palazzo Magno, da pochi mesi nelle grazie di Di Pietro (fa parte del gruppetto, guidato dal presidente Nicola D’Ascanio, che espulso dal Pd ha preso la tessera dell’Idv) ha infatti utilizzato il legittimo impedimento per evitare di presentarsi davanti al giudice di pace e rispondere alle accuse di minacce, ingiurie e tentata aggressione ai danni dell’ex assessore provinciale Angelo Cristofaro. I fatti si svolsero nel pieno della crisi alla Provincia di Campobasso. Cristofaro, all’epoca braccio destro del presidente D’Ascanio, per dare appoggio all’ex segretaria regionale del Pd Annamaria Macchiarola (assieme ai consiglieri di minoranza e a quelli di maggioranza Manes Gravina e Neri firmò la sfiducia) venne silurato dal palazzo. Il 23 luglio del 2008,

durante l’assemblea regionale del Pd fu letto un documento (firmato anche da Cristofaro) che dava in sostanza pieno appoggio alla Macchiarola. Varra, alla presenza di svariati testimoni (alcuni dei quali anche ieri mattina in aula) e di due

agenti della Digos, si scagliò subito dopo contro l’ex vice presidente dell’esecutivo. Parole pesanti, minacce rabbiose e un tentativo di aggressione alla base della querela poi presentata da Cristofaro. Un primo rinvio per un difetto di notifica c’è già stato. Ieri alle 11,30 il secondo dopo che l’ex Ds ha inviato un fax per giustificare la sua assenza con un impegno in Commissione. Un nulla di fatto insomma, il giudice ha accettato il legittimo impedimento e ha spostato l’udienza a maggio. Senza voler entrare nel merito della vicenda giudiziaria, una riflessione politica però va fatta. Perché è quantomeno singolare, che un dipietrista utilizzi proprio gli stessi argomenti del premier per non farsi processare vanificando in qualche modo anche gli sforzi del suo leader Di Pietro. E se non è questa una mancanza di rispetto… AD


REGIONE Un convegno a Campobasso per ricordare l’ex presidente del Consiglio a 10 anni dalla morte

Craxi, socialista riformista e autonomista Gianni De Michelis: ha cercato di modernizzare il Paese che si porta dietro vent’anni di non governo

CAMPOBASSO – “Craxi, accanto al socialismo riformista, compì la scelta autonomista con il rifiuto dell’accordo di Yalta”. A dieci anni ed un mese dalla scomparsa del leader socialista, il partito molisano lo ha ricordato ieri con un convegno, cui ha partecipato anche l’onorevole Gianni De Michelis, già ministro al Lavoro, agli Esteri e vice presidente del Consiglio nel governo Craxi che si insediò nel 1983. Il segretario regionale del Ps, Oreste Campopiano, ha ricordato

come l’ex primo ministro abbia portato avanti l’istanza di modernizzazione dello Stato cercando di frantumare la diarchia tra populisti e Democrazia Cristiana e manifestando sempre il suo amore per l’Italia, come dimostra la sua tomba ad Hammamet (Tunisia) rivolta in direzione del nostro Paese: “La libertà è uguale alla mia vita”. È stato il professor Marco Gervasoni, che insegna Storia Contemporanea all’Università del Molise, a tracciare il quadro storico

Conferenza internazionale organizzata dall’Euroregione CAMPOBASSO - Organizzato dall’Euroregione Adriatica si terrà, presso il Comitato delle Regioni a Bruxelles, la conferenza internazionale dal titolo: “Iniziative per la creazione di una strategia Adriatica – Un contributo all’integrazione Europea”. La conferenza fortemente voluta da Ivan Jakovčić e Michele Iorio, rispettivamente presidente e vicepresidente dell’Euroregione Adriatica, mira a mettere a confronto i vertici istituzionali dell’Unione Europea, Commissione, Parlamento e dei Governi dell’area Adriatica, per spronarli a proporre una strategia complessa e particolareggiata di rilancio dello sviluppo per l’intero bacino adriatico. “Vogliamo creare

Via Craxi, Stefania: “La Moratti tace” MILANO – L’intitolazione di una via o di un parco a Milano a Bettino Craxi sembra essere uscita dall’agenda politica del sindaco Letizia Moratti. È quanto lamenta la figlia dell’ex leader del Psi, Stefania Craxi. “Questo silenzio mi stupisce molto - ha detto a margine di un convegno della Camera di Commercio di Milano - aspetto con fiducia che questa decisione diventi operativa”.

- ha detto il presidente Iorio - un luogo di incontro e di confronto in cui presentare ai rappresentanti della Commissione e del Parlamento Ue idee, progettualità e iniziative per accompagnare una crescita socioeconomica di tutta l’area Adriatica”. Saranno presenti i massimi rappresentanti istituzionali di ciascuna delle 25 autonomie regionali e locali aderenti all’Euroregione Adriatica. Oltre a relatori di grossa caratura provenienti da varie strutture Europee, è prevista la presenza del vicepresidente della Commissione Europea, Antonio Tajani, e della Presidente della Commissione Parlamentare per gli Affari Regionali, Danuta Hubner.

del socialismo riformista di Craxi. “Nel 1976 diventò segretario del Psi dopo che il partito alle elezioni raccolse il 9,6%, il minimo storico. Craxi privilegiò il ringiovanimento della classe politica, attraverso il riformismo – parola-tabù all’epoca per il centrosinistra – proiettato verso il futuro e collegato all’Europa. Il modello esistente fino ad allora era quello della socialdemocrazia che privilegiava il welfare e l’alta produttività, che pagò in quegli anni la crisi petrolifera. Nel 1983 Craxi divenne presidente del Consiglio, anche se nel 1978 ebbe l’incarico, ma non riuscì a portarlo a termine. La Dc e il partito comunista non colsero le trasformazioni in atto durante il suo governo. Tuttavia, anche nel governo dal 1987 al 1992, il Psi ebbe un ruolo di primo piano, ma sono gli anni in cui il rapporto tra l’Italia e la politica si inceppò, nuova crisi esplose nel 1986. Il segretario della Democrazia Cristiana, Ciriaco De Mita, ottenne che il secondo incarico conferito dal nuovo Capo dello Stato, Francesco Cossiga, a Craxi fosse vincolato ad un informale “patto della staffetta”, che avrebbe visto un democristiano alternarsi alla guida del governo

dopo un anno, per condurre al termine la legislatura fino al crollo della prima repubblica”. “L’emancipazione del socialismo di Craxi dal comunismo è totale – ha spiegato De Michelis – e persino più profonda delle svolte di Nenni e Saragat. L’introduzione della scala mobile è il punto più alto con l’impegno nello sforzo di modernizzare un paese ancora molto arretrato, che si rivela capace di abbattere l’inflazione a due cifre e rilanciare il prodotto interno lordo. Un amico e un interlocutore stimato di grandi leader riformatori europei, come Mitterrand e Gonzalez. Con loro Craxi aprì un processo continentale che si sarebbe concluso con gli accordi di Maastricht. Poi, però, siamo stati fatti fuori perché non ci siamo accorti dei cambiamenti che erano in atto. Nel prossimo futuro, con Berlusconi alla fine della sua parabola, non sappiamo chi verrà dopo. Quello che è certo – ha concluso – è che siamo alle battute finali della seconda repubblica, con un Paese che si porta dietro un non governo di vent’anni”. Adimo

D’Alete: uniti contro la droga e vicini alle famiglie CAMPOBASSO – Il capogruppo in Consiglio regionale del Pd, Antonio D’Alete, invita a non lasciar cadere nel vuoto l’appello del vescovo Bregantini contro la droga. “Il pericolo è che si torni velocemente nel silenzio, riconsegnando le famiglie coinvolte alla solitudine più assoluta, prima di ritrovarci nuovamente a discuterne della prossima vittima, del prossimo caso di cronaca – ha detto D’Alete –. La politica e le istituzioni tutte, invece, raccolgano immediatamente il messaggio lanciato dal vescovo Bregantini perché in Molise si apra finalmente un grande confronto attorno al tema prioritario di come

Polverini: la Bonino? Io non ho tempo per scioperare ROMA – La candidata del Pdl a presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha commentato lo sciopero della fame e della sete della candidata del centrosinistra Emma Bonino dicendo: “Io non ho tempo di scioperare, sono in campagna elettorale”.

stiamo costruendo il futuro. Una società – nota – che si nutre di se stessa, che divora i propri ragazzi, come prezzo altissimo e senza speranza, pagato alla peggiore modernità possibile. Combattere insieme la droga – sottolinea D’Alete – vuol dire prendersi cura di tutti i ragazzi, evitando facili e comodi luoghi comuni, iniziando con l’interessarsi delle famiglie, a volte sperdute, senza neppure sapere a chi chiedere perfino un semplice consiglio, un aiuto. Ricominciamo a pensare al domani – conclude – partendo dai nostri ragazzi e dalle famiglie, dunque, con coraggio ed ostinazione”.

5 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010


REGIONE Albergo diffuso, vocazione sostenibile Presentata la campagna di promozione turistica che vuole ‘mettere in rete’ le micro strutture ricettive del Molise CAMPOBASSO – Limousin è una regione della Francia centrale dove la politica dell’accoglienza è diventata nel giro di pochi anni un traino importante per l’economia locale. Qui le strutture alberghiere e i servizi alla persona hanno stretto un patto d’acciaio per incentivare l’offerta turistica e arginare quel fenomeno desolante che si chiama spopolamento. Un’esperienza, quella dei cugini d’oltralpe, che il Molise vorrebbe imitare e diffondere nei suoi 136 comuni. Ecco perché ieri pomeriggio nella ex sede della giunta regionale è stata presentata la campagna di comunicazione per la micro ricettività, alla presenza di parecchi operatori turistici, del presidente della Regione Michele Iorio, e dell’assessore Franco Giorgio Marinelli. Il piano, affidato con bando alla società Grafo di Roma, ha già realizzato alcuni obiettivi. Ma per ‘mettere in rete’ tutte le strutture ricettive occorre una vocazione “e poi - come ha spiegato lo stesso Marinelli - farci

Ne è un esempio l’interesse dimostrato in più occasioni dagli investitori stranieri che arrivano in Molise colpiti dal patrimonio edilizio spesso in stato di totale abbandono. Questa campagna di comunicazione dovrà servire proprio a far conoscere la nostra offerta, le sue peculiarità e gli indubbi vantaggi che la caratterizzano, rendendola di sicuro interesse nel panorama ricettivo nazionale”. Olanda, Gran Bretagna, Danimarca e Svezia sono alcuni dei paesi su cui focalizzare l’attenzione. Il punto sulle domande inolconoscere all’esterno”. Ciò che manca infatti, non è certo un paesaggio incontaminato, i borghi ricchi di storia, le tradizioni o la buona cucina. Il Molise dovrebbe forse scegliere da che parte stare, così com’è, perennemente in bilico tra voglia di modernità fatta di autostrade super veloci, piccoli aereoporti, e collegamenti interni ‘disastrosi e

ha approvato la graduatoria da elargire alle 106 imprese beneficiarie

L’assessore Marinelli: “Questa regione dovrebbe essere conosciuta di più e meglio”

In arrivo oltre due milioni per rilanciare il commercio

La giunta

per i contributi

disastrati’ come hanno evidenziato i presenti in sala, non si va da nessuna parte. O meglio, si può guardare all’immediato futuro abbandonando però il sogno di uno sviluppo sostenibile e a più ampio raggio. “Il nostro patrimonio – ha detto il presidente Iorio – è in grado di attrarre turisti non soltanto italiani ma soprattutto stranieri.

trate per i finanziamenti lo ha fatto l’assessore Marinelli: “Sono 281 e speriamo davvero di riuscire a trovare i fondi necessari (impegnati già 2 milioni di euro, ma ne occorrono altri 2 milioni) per arrivare ad offrire 2mila posti letto. Anche il Coniglio regionale è stato coinvolto. Al vaglio dell’assemblea c’è la legge del riordino del sistema turistico. Colgo inoltre l’occasione per chiedere al governatore di attivarsi per avere maggiori controlli sulle strutture e di conseguenza maggiori garanzie per i turisti vecchi e nuovi che verranno a trovarci”. AD

CAMPOBASSO – L’assessore regionale alle Attività Produttive, Franco Giorgio Marinelli annuncia che la giunta ha approvato la graduatoria relativa agli interventi finanziari per il commercio, disciplinata dalla legge numero 33 del 2000. Gli aiuti finanziari si propongono di incentivare la qualificazione, la promozione e lo sviluppo degli esercizi di vicinato e degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande nei centri storici, nei piccoli comuni (sotto i 3mila abitanti) e nei Comuni appartenenti a Comunità montane. Inoltre, questa misura favorirà la costituzione delle

Ru486, Fazio: serve una normativa nazionale ROMA – Il ministro della Salute Ferruccio Fazio ha detto che formalizzerà nei prossimi giorni una richiesta al Consiglio superiore di sanità per redigere una normativa nazionale in merito alle modalità di utilizzo della pillola abortiva Ru486. “Esiste un’esigenza sentita da molte parti - ha detto Fazio – di dare una normativa nazionale”.

piccole imprese e lo sviluppo del commercio al dettaglio, dei suoi soggetti distributivi e degli esercizi di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande. I 106 soggetti beneficiari avranno accesso alle risorse per il consolidamento e lo sviluppo delle loro attività. I contributi ammontano ad oltre 2 milioni di euro e permetteranno un investimento totale di circa 6 milioni e 800mila. Soddisfazione è stata espressa dall’assessore Marinelli: “È la dimostrazione di una fattiva azione, tesa a contribuire il miglioramento dei servizi del commercio e della loro fruibilità e competitività. E non pos-

Regionali, Bersani: “Bonino non rischia” ROMA – Pier Luigi Bersani ha detto che la candidatura di Emma Bonino non è a rischio: “Da Bonino arriva una protesta forte che va ascoltata”. Si tratta, ha spiegato Bersani, di “una segnalazione verso le istituzioni e verso il sistema dell’informazione. Bersani ha poi parlato dell'inchiesta sulle opere del G8: “Sarà la magistratura a dire se sono solo birbantelli”.

siamo non considerare le nuove opportunità di lavoro che potrebbero realizzarsi in un momento congiunturale assai critico come quello che stiamo vivendo”.

7 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010


CAMPOBASSO Prima assemblea degli studenti delusi dal Liceo di via Facchinetti Quello che sembrava oro a distanza di pochissimo tempo comincia a luccicare molto meno. Il capannone commerciale, trasformato in scuola, mostra già i suoi lati negativi e gli studenti, che non hanno perso tempo a scendere in piazza per chiedere una struttura sicura, ora continuano su quella scia. A meno di una settimana dall’avvio ufficiale delle lezioni nel nuovo edificio di via Facchinetti, i ragazzi hanno indetto per oggi un’assemblea durante la quale discutere dei disagi nel nuovo edifi-

cio. I più colpiti sono quelli del secondo piano dove, solo qualche giorno fa, è stato necessario mettere a terra un po’ di stracci per raccogliere l’acqua arrivata dal tetto. Tra i problemi da mettere sul tavolo gli spazi non proprio agevoli: aule troppo lunghe e strette in cui diventa complicato seguire i prof. E ancora l’impossibilità di aprire le finestre (pare ci sia addirittura un divieto sia pure solo a voce), mancano le tende alle vetrate, e dulcis in fundo il traffico infernale nelle ore di punta in via Facchinetti.

Il ministro veneziano ha posto dei limiti agli incarichi di fiducia Intanto a palazzo San Giorgio già si sente la mancanza di Rodolfo Cocozza

Cefaratti dirigente? In Comune se la dovranno vedere col decreto Brunetta Ha dato uno scossone a chi nei palazzi della pubblica amministrazione andava solo a dormire. Ha fatto rientrare negli uffici chi considerava il posto statale alla stregua di una lunga vacanza da trascorrere all’aperto, ha fatto persino guarire finti malati. Brunetta power borbottano i detrattori. E così tra chi vorrebbe innalzarlo agli altari della santità e chi non vede l’ora di farlo sparire dalla circolazione c’è più di qualcuno che aspetta un miracolo dalla bacchetta magica del ministro veneziano. Magari per fare quel salto di qualità da tempo atteso. In lista ci sarebbe anche Nicola Cefaratti, assessore alla viabilità di Palazzo San Giorgio in odore di promozione. Da qualche settimana circola voce che l’ingegnere di Campodipietra possa diventare il nuovo dirigente comunale ai Lavori Pubblici. Posto lasciato va-

cante dal collega Rodolfo Cocozza che ha scelto di terminare la sua carriera a Palazzo Magno. E proprio ora che sembrava tutto pronto per passare il testimone spunta qualche dubbio sulla possibilità che l’amministrazione possa consegnare nelle mani del giovane professionista il prestigioso incarico. Dubbi che deriverebbero dai requisiti in suo possesso e dai veti che pone sul tema il famigerato decreto Brunetta. La materia non è delle più semplici ma sembrerebbe che il documento voluto dall’infaticabile ministro ponga dei limiti per la cosiddetta nomina di fiducia (del sindaco). O meglio servirebbe un’evidenza pubblica e un curriculum in cui si legga a chiare lettere anche l’esperienza nel settore. Esperienza che però a Cefaratti mancherebbe, nonostante la sua militanza in prestigiosi studi tecnici e gli in-

Oggi anziani in piscina progetto dell’Asrem Nell’ambito del progetto di integrazione socio-sanitaria che coinvolge la divisione di assistenza anziani della Asrem e l’ambito sociale di Campobasso, il Laboratorio itinerante del benessere psico-fisico e sociale dell’anziano ha organizzato, per questa mattina alle 10 una giornata in piscina con gli anziani del centro sociale di via Gramsci di Campobasso, di Castellino del Biferno e di Petrella Tifernina. “L’attività fisica abituale promuove anche l’aspettativa di vita in anni – afferma il Cosimo Dentizzi, geriatra e coordinatore delle attività del Laboratorio - ritardando il sorgere e moderando gli effetti delle malattie croniche degenerative, dell’obesità, dell’ipertensione, delle alterazioni metaboliche di zuccheri e grassi e delle correlate malattie vascolari, dell’osteoporosi e della depressione. In particolare il lavoro svolto in acqua ha delle ricadute positive sia sul corpo che sulla mente. Ci è parso, quindi, importante far provare ai nostri anziani quest’esperienza in vasca che se ritenuta positiva potrà avere un proseguo. Un ringraziamento particolare va al direttore sportivo del Centro M2 di Campodipietra Marco Pizzuti, il quale ha accolto con entusiasmo la nostra idea mettendoci a disposizione il centro in particolar modo la piscina fitness, l’idromassaggio e la sala Cardio Easy”.

carichi fino ad ora ricoperti nei vari Comuni molisani. Volere è potere recita l’antico adagio. E visto che il potere c’è non è detto che non si superino (o aggirino) le difficoltà per consegnare al bravo professionista quel posto dirigenziale. Nel frattempo chi aveva cominciato a sfregarsi le mani in vista della sostituzione di Cefaratti nell’esecutivo, dovrà temporeggiare, avere pazienza, o nel peggiore dei casi sperare in un allargamento di giunta. E intanto, mentre si studia la soluzione più opportuna per non scontentare nessuno, a reggere l’assessorato ai Lavori pubblici di Palazzo San Giorgio è Giuliana Carano. Ma a quanto pare la mancanza di Cocozza già si sente. La commissione municipale ai Lavori pubblici non viene convocata da parecchio. E chissà fino a quando si dovrà ancora aspettare.

Domani la prima seduta del Consiglio dei bimbi e delle bimbe Ci è messa pure la neve di qualche settimana fa a bloccare i lavori del consiglio comunale dei bambini tanto che è stato necessario aggiornare la seduta a domani. Alle 16 di pomeriggio. A coadiuvare l’attività dei piccoli i volontari dell’Unicef Molise. Quaranta i componenti della nuova assise dei bambini, tutti provenienti dalle quarte e quinte classi delle scuole elementari di Campobasso. A dare il via alla loro avventura amministrativa ci saranno sia il sindaco Gino Di Bartolomeo che l’amministrazione comunale. Durante la seduta i ragazzi tracceranno insieme agli educatori, le linee del programma da portare avanti durante l’anno. Un progetto importante che attraverso laboratori ed iniziative mura a difendere e a mettere in pratica il diritto alla partecipazione, diritto che non appartiene solo ai grandi.


CAMPOBASSO Ancora nessuna notizia di Lea Garofalo, la collaboratrice di giustizia scomparsa a Milano e vittima di un tentativo di rapimento a Campobasso. In carcere l’ex convivente

Riesame per Cosco, rigettata la richiesta di scarcerazione Udienza di riesame ieri mattina al Tribunale di Campobasso per Carlo Cosco, l’uomo arrestato il 5 febbraio a Petilia Policastro, in Calabria, per il tentativo di rapimento dell’ex convivente e madre di sua figlia, Lea Garofalo, nel maggio dello scorso anno nel capoluogo molisano. Il suo legale, l’avvocato Francesco Garofalo ha chiesto ai giudici la scarcerazione del suo assistito o in subordine la concessione degli arresti domiciliari. Richiesta rigettata dal collegio presieduto dal giudice Russo. Come disposto dalla Procura della Repubblica di Campobasso nelle scorse settimane, ad essere arrestato, oltre Carlo Cosco (40 anni),

anche Massimo Sabatino (37 anni) già detenuto per altra causa. Secondo quanto è emerso dalle indagini dei carabinieri del capoluogo, il primo sarebbe stato il mandante del tentato sequestro e tentato omicidio della donna, mentre il secondo avrebbe messo in atto il piano non riuscito a seguito della reazione della stessa. Ma nella casa di via Sant’Antonio Abate, luogo in cui Lea Garofalo rischiò la vita, restarono le impronte di Sabatino, prova sufficiente per procedere ai successivi arresti. Della 36enne, però, dallo scorso novembre non si hanno più notizie. La donna sarebbe finita nel mirino del suo ex perché, in qualità di collaboratrice

di giustizia, in passato, aveva raccontato diversi particolari degli affari delle cosche di Petilia Policastro ed aveva parlato anche dell'omicidio del fratello, Floriano, ucciso in un agguato nel 2005. Inoltre, aveva rivelato particolari su un altro omicidio, quello di Antonio Comberiati, avvenuto a Milano nel 1995, e su un traffico di droga. Dopo il suo contatto con la magistratura la donna aveva deciso di trasferirsi a Campobasso con la figlia, provando a rompere con il passato. Senza riuscirci però. Dopo il tentativo di omicidio, il rientro in Calabria, poi la decisione di recarsi a Milano per alcune questioni familiari. Nella città lombarda pre-

Un convegno per ricordare Don Milani

“Il rischio biologico” Se ne parla stamattina nel seminario alla Cattolica

Giovedì 4 marzo a Pietracatella Giovedì 4 marzo alle ore 16.30 nella sala consiliare del Comune di Pietracatella si terrà il Convegno sulla figura di Don Milani. Inoltre, la Pro Loco Pietramurata (Pietracatella), in collaborazione con il Comune di Pietracatella e l’Arcidiocesi di Campobasso-Boiano, con il patrocinio della Fondazione Don Lorenzo Milani, promuove la visita della mostra “Barbina: il silenzio diventa voce” ospitata nelle sale del palazzo municipale di Pietracatella dal 2 al 7 marzo. La Fondazione don Lorenzo Milani di Barbina ha realizzato la mostra fotografica composta da 27 pannelli di grandi dimensioni su Don Loreno Milani e la scuola di Barbina con foto dell’epoca completate da pensieri estrapolati dagli scritti di don Lorenzo. Un’iniziativa pensata per le scuole, gruppi, associazioni, e per l’esposizione durante convegni ed eventi. La figura di Don Milani, per certi versi dimenti-

10 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

senti anche numerosi parenti di Carlo Cosco. Ma proprio in quel luogo, a fine novembre, si sono perse le tracce della donna che non si è mai presentata in stazione ferroviaria per incontrare la figlia e ripartire per Petilia Policastro. Adesso gli inquirenti stanno cercando di capire se Cosco e Sabatino abbiano responsabilità anche nella scomparsa della Garofalo. L’uomo, intanto, sostiene di aver incontrato per l’ultima volta la donna in una via di Milano e di averle consegnato anche dei soldi. Poi di averne denunciato la scomparsa insieme alla figlia. Ma l’ipotesi che la 36enne sia ancora viva, per gli investigatori, si fa sempre più debole.

cata e messa da parte, sta tornando sempre più forte quale esempio nella società moderna, così povera di valori sociali e cristiani, soprattutto nell’ambito scolastico: “se si perde loro (i ragazzi più difficili) la scuola non è più scuola. É un ospedale che cura i sani e respinge i malati” (da Lettera ad una professoressa). La Pro Loco è lieta di invitare la vostra Scuola a prendere parte alla visita della mostra nei giorni in cui sarà ospitata presso il Comune di Pietracatella.

Il “Rischio Biologico - prevenzione e gestione nelle strutture sanitarie - è il tema del seminario di aggiornamento che si terrà questa mattina a partire dalle 9 nell’aula Crucitti dell’Università Cattolica Campobasso organizzato dalla stessa Università Cattolica in collaborazione con l’Asrem e la Regione Molise. Il rischio biologico rappresenta il rischio lavorativo più significativo in ambito sanitario, per numero di soggetti esposti ma anche per le conseguenze sulla salute. Un operatore sanitario attento alla sua sicurezza nell'ambiente di lavoro diventa la migliore garanzia della qualità delle stesse prestazioni sanitarie erogate ai cittadini. Obiettivo del seminario è proprio l’aggiornamento degli operatori sanitari sulle problematiche relative

ai rischi legati all’esercizio professionale e sulle prospettive di intervento del professionista anche in relazione alle sue competenze e responsabilità nell’ambiente o nella struttura in cui egli opera. A relazionare sarà il professor professore Roberto Lombardi coordinatore del Dipartimento Igiene del Lavoro dell’Ispesl, autore delle linee guida dell’Istituto già divulgate e pubblicate e autore di oltre 120 pubblicazioni tecnicoscientifiche. Interverranno, altresì, il dottor Gennaro Barone, Presidente dell’ordine dei medici della provincia di Campobasso, il professor Giuseppe Di Martino della facoltà di Medicina dell’Università Chieti e l’Avv. Roberto Fagnano direttore generale dell’assessorato alla Sanità della Regione Molise.

Poliziotti cocainomani, 13 a giudizio

Sedicenne in overdose su scuolabus

GENOVA - Il sostituto procuratore Ranieri Miniati ha chiesto il rinvio a giudizio per 13 persone, tre delle quali agenti di Polizia. Il provvedimento avviene nell'ambito dell'inchiesta su poliziotti consumatori di cocaina che prestavano servizio nelle questure della Liguria, Lombardia e Piemonte. L'indagine aveva portato nel febbraio 2009 all'arresto di 11 persone.

ARCEVIA (ANCONA) - Uno studente di 16 anni si e' sentito male per un'overdose da eroina sull'autobus che lo portava a scuola a Senigallia. E' successo stamani, all'altezza di Arcevia. I compagni hanno dato l'allarme e il ragazzo e' stato trasportato d'urgenza in ospedale. Dopo le cure del caso, e' stato dimesso.


CAMPOBASSO All’età di 82 anni se n’è andato lo storico molisano, educatore e divulgatore di prim’ordine

La cultura in lutto, è morto Renato Lalli CAMPOBASSO - Si è spento nella notte all’età di 82 anni lo storico molisano Renato Lalli. Un pensiero volge all’uomo e allo studioso per la sua instancabile attività professionale di storico che ha pubblicato 42 opere monografiche e 351 tra articoli e saggi, apparsi in oltre cinquanta riviste (molte delle quali di notevole valore scientifico e a diffusione nazionale), o tenuti in

occasione di conferenze, di tavole rotonde e di convegni di varia natura. Continuo e di eccellenza il tributo alla ricostruzione storica molisana: la bibliografia registra gli scritti di Renato Lalli in un ampio arco cronologico e documenta la definizione di un profilo identitario del Molise. A partire dai suoi primi studi e ricerche fino alle riflessioni e ai

lavori più maturi il Molise viene indagato sotto gli aspetti storici, letterari, economici e antropologici. Educatore e divulgatore di prim’ordine sia come docente sia attraverso la sua intesa produzione pubblicistica e letteraria, resteranno nella memoria di tutti i molisani le qualità umane e professionali del compianto Renato Lalli.

Il ricordo del presidente della Regione: se ne va un ricercatore attento e scrupoloso

Chieffo: piango la perdita di un amico leale e sincero “La scomparsa di un insigne studioso qual è stato il professore Renato Lalli spegne una voce che in modo sommesso ma assolutamente penetrante ha reso riconoscibile ai molisani, ma soprattutto al resto del Paese, le ragioni di una regione che avvertiva il bisogno di riconoscersi, farsi conoscere e considerare, attraverso l’identità storica che la caratterizza, insieme al valore lettarario che da questa regione è stato espresso, la realtà economica e l’aspetto antropologico, percorso di un passato anteriore e recente”. Così Antonio Chieffo ricorda Renato Lalli e prosegue: “Ed è su questi presupposti che si basa il rapporto di conoscenza che ho stabilito con Renato Lalli negli anni che mi hanno visto nel ruolo di Presidente della Provincia di Campobasso. Insieme e con il pieno, condiviso e convinto consenso dell’Amministrazione sono state pubblicate opere come: Dalla Provincia di Molise alla XX Regione; Francesco D’Ovidio - Ricerca Storia Personaggi; Luoghi del Molise scritti scelti, raccolti e commentati da Renato Lalli; I Consigli della Provincia di Molise; Studio sui Profili dei personaggi del Molise; volumi che contribuiscono ad arricchire il patrimonio librario storiografico del Molise esprimenti un rilievo anche morale. Oggi però insieme al tratto dell’uomo di cultura al quale interessava valorizzare la storia del Molise piango la perdita di un amico leale e sincero”.

Il Molise perde uno storico di valore, un uomo di cultura, un ricercatore attento e scrupoloso che ha dedicato tutta la sua vita allo studio, all’approfondimento di fatti e personaggi della nostra storia recente e passata. Le sue numerose pubblicazioni costituiscono la testimonianza del suo costante impegno e del suo lavoro quotidiano. Renato Lalli era un punto di riferimento anche per l’Ente Regione che si avvaleva della sua collaborazione per la stesura e la elaborazione di testi. Per la Regione ha curato l’edizione di libri e saggi che rievocano e valorizzano eventi storici e uomini illustri del Molise. Forte il suo legame con gli intellettuali del ‘700, dell’ ‘800 e del ‘900 di cui ha riproposto il pensiero analizzandolo e attualizzandolo al presente. Forte anche il suo trasporto umano con i nostri connazionali residenti all’estero ai quali si sentiva particolarmente vicino. Ad un emigrato importante per le sue battaglie sindacali in America, Arturo Giovannitti, ha dedicato anche uno specifico saggio.

Una grave perdita per tutto il mondo culturale molisano; una grave perdita anche per la sua preziosa e amorevole compagna, la Prof.ssa Rosamaria Camposarcuno, che lo aiutava negli studi e nella ricerca. A lei e a tutti i familiari da parte mia e dell’intera Giunta il più sincero e profondo cordoglio nella certezza che il messaggio ed il significato che Renato ha dato alla cultura e alla sua terra costituiscono un solido contributo per il proseguimento del faticoso cammino verso la definizione di una più marcata identità regionale. Ai tanti riconoscimenti attribuitigli va aggiunto anche quello del suo leale sostegno e del suo apporto alle iniziative culturali delle Istituzioni democratiche di cui rispettava il ruolo ed i principi. Conforta il convincimento che tutta la sua vasta bibliografia rappresenta non solo una fonte di conoscenza della nostra storia ma anche la base per futuri studi e ulteriori pubblicazioni. Michele Iorio presidente della Regione Molise

Arco: un intellettuale che ha dedicato la sua vita a questa terra Il professor Renato Lalli non c’è più. Rimarranno però, a noi sempre presenti, la sua dedizione, la sua passione, la sua forza e dignità di intellettuale puro che ha dedicato tutta la sua vita a questa terra: il Molise. Il suo lavoro ha spianato, in molti casi, la via a ricerche, approfondimenti storici affascinanti tutti guidati dal suo infaticabile modello di

studioso accorto e vicino ai giovani. Non potrò mai dimenticare le ore passate con lui nel suo studio di Campobasso alla frenetica ricerca di fonti, di autori e di indicazioni per una mia ricerca sul Teatro nel Molise. Non sarà possibile dimenticare la sua fisicità: un piccolo uomo sempre pronto a rispondere alle sollecitazioni su progetti, idee e confronti… fino alla fine. Un uomo che ci mancherà e che mancherà alla Cultura della nostra regione. Sandro Arco Direttore Fondazione Molise Cultura


Prostitute e trans, denunce a Sesto Campano Dovranno rispondere di ‘adescamento finalizzato alla prostituzione’ due donne, una 35enne ed una 45enne, ed un trans 25enne, che facevano bella mostra del proprio corpo sulla S.S. 85, in località “Favaro” nel comune di Sesto Campano.

Scuola, bus messi in sicurezza Pace fatta tra amministrazione e cittadini sul parco scuolabus comunale, per molti vecchio e privo della dovuta manutenzione. Interessato della questione, l’assessore comunale Piero Sassi sembra ora aver risolto qualsiasi problema.

ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e.mail: lagazzettaisernia@alice.it

IL TAPIRO DEL GIORNO AL COMUNE DI ISERNIA Ancora strisce blu. Negli ultimi giorni il Comune di Isernia è stato chiamato in causa ancora una volta sulla gestione dei parcheggi a pagamento. Questa volta a lamentarsi è Domenico Viscosi, Presidente dell’Onmic, l’Opera nazionale mutilati invalidi civili. Viscosi accusa il Comune di rilasciare più autorizzazioni di quanti siano i posti disponibili per “le carrozzelle” e lamenta il mancato rispetto delle autorizzazioni. Queste prevedono che i disabili siano autorizzati a “sostare a tempo indeterminato nelle zone disco e nelle aree ove vige espresso divieto a condizione che non sia intralciato il traffico”, ma ad Isernia invece, non possono sostare sulle strisce blu. Per questo il tapiro del giorno va al Comune di Isernia, in attesa della sua risposta.

L’OSCAR DEL GIORNO A PIERO SASSI Nonostante non ci fossero soldi nelle casse comunali è riuscito a trovare il modo per rimettere in sesto gli scuolabus. È stato di parola ed ha dimostrato di essere persona che ha a cuore la sicurezza dei bambini che viaggiano sui mezzi comunali, recependo così le istanze e le preoccupazioni delle tante famiglie che affidano quotidianamente i propri figli alle istituzioni scolastiche. Proprio per l’attenzione dimostrata e la solerzia dell’intervento di manutenzione degli scuolabus il nostro oscar del giorno va all’assessore al bilancio Piero Sassi che come un vero mago, è riuscito a tirar fuori dal cappello i fondi necessari.

Scuolabus e litigi Sassi corre ai ripari

www.lagazzettadelmolise.it lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Prostite e trans sulla strada, denunciati I tre della provincia di Napoli, beccati nudi sulla Ss. 85 mentre cercavano di adescare clienti Dovranno rispondere di ‘adescamento finalizzato alla prostituzione’ due donne, una 35enne ed una 45enne, ed un trans 25enne, che facevano bella mostra del proprio corpo sulla Strada Statale 85, in località “Favaro” nel comune di Sesto Campano. I tre, provenienti dalla provincia di Napoli, esibivano agli automobilisti di passaggio tra Venafro e Sesto Campano, parti intime, così da attirare nuovi clienti. Quell’abbigliamento così succinto però, invece di clienti e curiosi ha attirato l’atten-

un’altra donna. Il terzetto è stato bloccato e controllato dagli uomini dell’Arma in piena notte e al termine delle operazioni è stato notificato loro l’avvio del procedimento amministrativo per l’applicazione del rimpatrio con foglio di via obbligatorio, con l’invito a lasciare immediatamente il territorio molisano. Solo qualche settimana fa, Sesto Campano era salito agli onori della cronaca sempre per prostituzione. In quel caso, a vendere il proprio corpo tre donne residenti fermate a Caserta.

Sventato furto a Pozzilli, romeni pronti ad agire

Scuole sicure “Visitate le nuove strutture e iscrivete i vostri figli” Il 15 settembre 2010 gli alunni della scuola primaria della San Giovanni Bosco entreranno nella nuova struttura realizzata nell'area di S. Lazzaro, localizzata tra l'edificio della scuola elementare ed il poliambulatorio, mentre quelli della scuola dell'infanzia andranno in strutture prefabbricate posizionate nell'area dell'ex terminal in contrada Tremolicci. La promessa è giunta nel corso dell’ultima seduta del Consiglio Comunale di giovedì scorso. La mattina successiva, poi, un rappresentante del Comitato Scuole Sicure, insieme al dirigente scolastico della S. G. Bosco Mariella Di Sanza ed un docente, ha potuto prendere visione del progetto preliminare della struttura scolastica, ideata per diventare una futura scuola media, constatando che la tipologia costruttiva è la stessa del prefabbricato realizzato per la scuola Ignazio Silone. Una copia della relativa pianta sarà presto consultabile oltre che sul sito del primo circolo di Isernia(www.primocircoloisernia.com), come già preannunciato dal dirigente

zione dei carabinieri della locale stazione che, nel corso di un servizio preventivo, hanno interrotto la loro redditizia attività, deferendoli in stato di libertà. Una delle due donne è stata anche denunciata per il reato di false dichiarazioni rese a pubblico ufficiale e per inosservanza dell’obbligo di dimora nella città di Napoli. La prostituta, infatti, costretta a rimanere nel capoluogo partenopeo, aveva scelto invece il Molise per guadagnarsi la giornata, pensando bene di fornire ai militari le generalità di

scolastico, anche sul sito del Comitato Scuole sicure, www.scuolesicure.it e sulla pagina di Facebook dello stesso Comitato, in modo da consentirne ampia diffusione, perché possa finalmente rassicurare tutti i genitori che hanno ritardato le iscrizioni dei propri figli in attesa di una risposta. “Data l'esplicita garanzia fornita dall' Amministrazione – affermano dal Comitato - confidiamo che il progetto abbia certezza di realizzazione”. Intanto il dirigente scolastico della S. G. Bosco invita i genitori a visitare questo pomeriggio le 7 aule della nuova struttura della Ignazio Silone, sita in via Umbria, dalle ore 16 alle ore 18, al fine di verificare personalmente la bontà della tipologia costruttiva che verrà utilizzata, nonché l’adeguatezza degli spazi. In questo modo, la dirigenza della scuola tenta di arginare il crollo delle iscrizioni al primo circolo didattico, che come sostenuto qualche giorno fa, potrebbe decretarne addirittura la chiusura.

Hanno subito destato sospetti due romeni, un 33enne ed una 31enne, provenienti dal campo profughi di Napoli Doganella. Entrambi disoccupati, i due si aggiravano, a piedi, nei pressi di obiettivi sensibili della cittadina di Pozzilli. A fermarli, nel corso di un servizio preventivo, i militari della stazione di Filignano. È bastato un semplice controllo agli uomini dell’Arma per capire che la coppia di stranieri non era proprio ben intenzionata. Forse meditavano qualche furto ai danni dei residenti. Gravati da numerosi precedenti penali e reati contro il patrimonio, ad entrambi è stato notificato l'avvio del procedimento amministrativo, per l'adozione del provvedimento di rimpatrio con il foglio di via obbligatorio, con divieto di fare ritorno nel comune di Pozzilli per i prossimi tre anni. Sempre a Pozzilli infine, i militari hanno denunciato un 39enne, abitante in un centro limitrofo, risultato ubriaco al volante. Al controllo con l’etilometro i militari hanno constatato presenza di alcool nel sangue fortemente superiore ai limiti stabiliti dal codice della strada. I carabinieri hanno proceduto all’immediato ritiro della patente di guida ed all’affidamento dell’autovettura in custodia giudiziale.

E’ cominciata ieri l’avventura dello Sportello Itinerante per le imprese. Fino al 18 giugno prossimo, l’Azienda Speciale Sei della Camera di Commercio di Isernia, nell’ambito del Progetto “Sportello Imprenditoria Femminile”, provvederà ad erogare presso enti e associazioni che hanno aderito all’iniziativa, informazioni inerenti le procedure burocratiche per avviare un’attività in proprio e le opportunità agevolative rilevanti per le imprese. Al progetto ha aderito anche lo Sportello unico per le attività produttive del Comune, i cui referenti saranno il Capo servizio Ser¬gio Fraraccio e Barbara Di Castro. Attenzione al calendario dello sportello che di qui a giugno sarà aperto in giorni e sedi diversi. Il lunedì alla Provincia di Isernia dalle 10 alle 12 e al Comune di Agnone dalle 16 alle 18, mentre il martedì lo sportello sarà attivo solo nella sede della Coldiretti di Isernia, in località Nunziatella, dalle 10 alle 12. Due gli appuntamenti anche il mercoledì: di nuovo in Provincia dalle 10 alle 12 ed in Regione dalle 15.30 alle 17.30. Il giovedì è il giorno della Confcommercio dove il servizio sarà disponibile per un’ora, tra le 10.30 e le 11.30. L’ultimo giorno settimanale utile per usufruire dei servizi, sarà il venerdì, con il doppio appuntamento: un’ora a partire dalle 10 nella sede della Confartigianato di via del Casale, ed un’ora tra le 11.30 e le 12.30 in piazza Marconi, sempre ad Isernia. Lo Sportello è attivo anche presso gli uffici dell’Azienda Speciale Sei, in via Gonnella - tel. 0865 455239/235075 e a breve sarà disponibile anche on line attraverso il “Servizio Nuove Imprese - Sni” a cui si potrà accedere, registrandosi, dalla home page del sito della Camera di Commercio di Isernia.

Sportello itinerante per le imprese, inizia l’avventura

14 ANNO III - N°43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

Maurizio Santilli pronto per Montreal L’attore venafrano Murizio Santilli è stato l’ospite d’eccezione del Carnevale Molisano, organizzato dalla Federazione delle Associazioni molisane canadesi in collaborazione con la Regione Molise. Domenica scorsa Santilli ha incontrato la comunità molisana di Toronto, prima di partire per Monteal dove si concluderà la sua trasferta d’oltreoceano.

Milioni di euro per le ferrovie provinciali Il nuovo accordo firmato tra Regione Molise e Rete Ferroviaria italiana per complessivi 17 milioni di euro, comprende diversi lavori di miglioramento alle strade ferrate della provincia. La direttrice maggiormente interessata sarà quella tra Campobasso e Venafro, nei tratti Bojano-Cantalupo, CantalupoCarpinone e S. Agapito-Roccaravindola.


ISERNIA Bambini a scuola Sgominata baby in totale sicurezza gang isernina Preso anche l’ultimo piccolo delinquente

L’assessore Piero Sassi ha in breve tempo risolto il problema degli scuolabus. Genitori entusiati In un periodo alquanto difficile per l’intero universo scuola, ad Isernia si registra la pace appena fatta tra amministrazione e cittadini sul parco scuolabus comunale, per molti vecchio e privo della dovuta manutenzione. Interessato della questione, l’assessore comunale Piero Sassi sembra ora aver risolto qualsiasi problema.“È stato di parola ed ha dimostrato di essere persona che ha a cuore la sicurezza dei bambini che viaggiano sugli scuolabus comunali, recependo così le istanze e le preoccupazioni delle tante famiglie che affidano quotidianamente i propri figli alle istituzioni scolastiche”. Esprimono in maniera chiara la propria

soddisfazione, i genitori dei bimbi che ora viaggeranno sui nuovi scuolabus messi a disposizione dal Comune pentro. L’immediato e fattivo intervento dell’assessore Sassi, insomma, ha sostanzialmente accolto le richieste di rendere sicuri i mezzi sui quali viaggiano i piccoli, iniziando con il cambio dei treni di gomme degli automezzi. “Siamo ancor più soddisfatti – spiegano i genitori – perché, in un momento nel quale si continua a parlare tanto della sicurezza nelle scuole, luoghi dove i nostri figli dovrebbero essere più al sicuro che altrove, ci si dimentica forse che la questione sicurezza riguarda anche altri contesti

con i quali i nostri bambini, i nostri ragazzi, ovvero il futuro della nostra società hanno quotidianamente a che fare. Ecco perché – dicono ancora i genitori – siamo compiaciuti del fatto che l’assessore Piero Sassi ha dato immediatamente seguito alle nostre richieste, attivandosi perché gli scuolabus fossero messi in condizione di dare quelle garanzie di sicurezza tali da far stare più tranquille le tante famiglie che si avvalgono di tale servizio. Dunque, un plauso all’assessore – concludono – per la solerzia e l’attenzione dimostrata, cosa che non è di tutti i giorni, soprattutto in un periodo nel quale di promesse se fanno tante”.

Sgominata la baby gang artefice di un furto d’auto. Ieri personale dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso pubblico della Questura di Isernia è riuscito ad identificare il quinto giovane che, nella notte del 3 gennaio scorso, insieme ad altri quattro amici tutti minorenni, si era reso responsabile di un furto di auto. I primi quattro erano stati intercettati immediatamente dalla squadra Volante, e fermati a bordo dell’auto da poco rubata in una piazza del centro storico. Mentre quest’ultimo era riuscito a fuggire, senza lasciare tracce. Grazie alle meticolose indagini svolte dai poliziotti, il giovane è stato identificato e deferito al Tribunale dei Minori di Campobasso. Due dei giovani già in precedenza erano stati denunciati per analoghi reati. Denunciata a seguito di indagini anche una 29enne di Isernia, per inosservanza agli obblighi inerenti la Sorveglianza speciale.

Viscosi:“Per gli invalidi pochi Pizzone, furto Comunità Alto Molise, Iacovone soddisfatto: parcheggi e multe ingiuste” di legname Ha vinto la trasparenza Nella mia qualità di Presidente dell’Onmic, Opera Nazionale Mutilati Invalidi Civili, ogni qualvolta leggo articoli sui diversamente abili mi viene forte lo sconforto nel pensare che, purtroppo, esiste gente che in qualche modo possa offendere la moralità e lo stato della categoria. Si è a conoscenza del fatto che il Comune di Isernia ha rilasciato moltissime autorizzazioni al parcheggio delle auto dei disabili, ma bisogna anche constatare che le concessioni rilasciate sono di gran lunga superiori ai posti disponibili per il parcheggio. E’ vero che il Comune di Isernia si fregia di una medaglia d’oro al valor civile, ma è pur vero che qualcuno deturpa ed offende il valore di quella medaglia se fa gli interessi della Metropark a danno dei poveri e malcapitati invalidi al solo scopo di far cassa, vergognosamente, a danno di quelli che non possono difendersi. Le autorizzazioni che vengono concesse statuiscono quanto segue: “Autorizza il Signor… a sostare a tempo indeterminato nelle zone disco e nelle aree ove vige espresso divieto a condizione che non sia intralciato il traffico” ed ancora “ La sosta non è consentita nei divieti di fermata e nelle isole pedonali”.Se questo è vero perché scritto da un dirigente della Polizia municipale, perché non è consentito sostare nelle strisce blu? In questa controversia, battaglia assurda e meschina, contro i diversamente abili, il sindaco, che rappresenta l’onore della medaglia d’oro al valor civile, perché tace ? Perché non sente il bisogno di un suo coinvolgimento per soddisfare le richieste dei tanti disabili? Nessuno delle Autorità si assume la paternità di difendere una categoria debole e poco considerata in una sorte di vero menefreghismo; queste cose succedono solo ad Isernia, in altre città c’è grande rispetto e ci si può parcheggiare ovunque! A questo punto è poco onorevole fregiarsi della medaglia d’oro se la categoria degli invalidi è abbandonata a se stessa, in una sorta di ansia, di paura, di rassegnazione e di sfiducia nelle istituzioni. Presidente Associazione Invalidi Gennaro Viscosi

14

ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

“Storie di salute”arriva a Pozzilli Oggi, il Neuromed di Pozzilli sarà la protagonista della rubrica “Eccellenze” della trasmissione “Storie di salute”, in onda su Rai Due. Ad essere intervistato il Prof. Giampaolo Cantore, Neurochirurgo di fama internazionale conosciuto per il suo ampio contributo alla ricerca nel settore delle Neuroscienze.

Un furto organizzato e messo a segno con la massima calma, quello che ha preso di mira una catasta di legna accuratamente tagliata e sistemata davanti casa. Il legname è stato portato via durante la notte, sicuramente con un tir o comunque con un mezzo abbastanza capiente da contenere tutti quei quintali di legna. I ladri hanno agito indisturbati e tranquilli, sapendo che la casa in quel momento era disabitata. Si tratta infatti di un’abitazione di montagna, frequentata solo occasionalmente dai proprietari residenti a Colli a Volturno. Accortisi dell’amara sorpresa, i malcapitati non hanno potuto fare altro che constatare la pochezza di certa gente e quanto sia diventato infido il nostro caro Molise!

Giorni fa Albino Iacovone, ex consigliere della Comunità Montana Alto Molise annunciava l’apertura di un’indagine della Procura Regionale della Corte dei Conti per l’indebita attribuzione di una indennità di oltre 300 euro mensili che la Giunta della Comunità aveva pagato a Donato Giuliani, in qualità di presidente del Consiglio. L’atto di citazione a giudizio si è poi tramutato in una sentenza di condanna per danno erariale, nei confronti dell’ex direttore, più sette ex amministratori. A dicembre, infatti, è stata depositata la sentenza con la quale la Corte dei Conti di Campobasso, ha accolto in toto le richieste della Procura Regionale, e condannato tutti al risarcimento alla Comunità Montana “Alto Molise” di oltre 8.500 euro complessivi, più le spese di giudizio. Scrive la Corte, che gli imputati “nel contribuire all’assunzione di una deliberazione illegittima e in contrasto con gli interessi finanziari dell’Ente di appartenenza, hanno tenuto una condotta contraria ai doveri d’ufficio, nell’attribuire una indebita indennità di funzione all’ex Presidente del Consiglio Donato Antonio Giuliani”. Fa notare lo stesso Iacovone che la Corte è lapidaria nel dichiarare “il danno erariale atteso che il disvalore della condotta tenuta dagli ex Presidente, Assessori e Dirigente coinvolti nella vicenda, è altresì connotato dal requisito soggettivo della colpa grave”, parlando di “atteggiamento di inescusabile negligenza e incuria nella gestione della cosa pubblica”. Commenta lo stesso Iacovone: “Con questa sentenza della Corte ha vinto la trasparenza, il rispetto delle regole e il principio costituzionale di imparzialità e buon andamento della Pubblica Amministrazione, e in sostanza ha vinto anche la Comunità di cittadini e di contribuenti dell’Altissimo Molise”.

Mal d’amore, colpa della feniletilamina Quando si è innamorati non si riesce a fare a meno della persona desiderata. Le somiglianze tra l'amore e la dipendenza da sostanze sono molte. Si sa che alla base di tutto c’è irrazionalità ma non c’è modo per controllare il proprio malessere. Colpa della feniletilamina che quando diminuisce crea una specie di crisi di astinenza.


TERMOLI La denuncia pubblica arriva dal comitato per la difesa dell’ospedale larinese

Vietri, la precarietà in radiologia LARINO - Il Comitato per la difesa dell’ospedale Vietri continua a far sapere in dettaglio come il nosocomio frentano vive la sua notevole precarietà e di come sono aumentate le difficoltà per tutti i reparti e i servizi diagnostici. Oggi sotto la lente é il reparto di Radiologia. “Provate, per esempio, a prenotare un esame diagnostico radiologico ordinario – scrivono dal Comitato - e vi accorgerete che da un tempo di attesa di una settimana occorrono, ormai, due mesi e mezzo per poterlo effettuare”. Una situazione che pare destinata a peggiorare visto che negli ultimi 12 mesi i radiologi si sono ridotti da 5 a 3; i tecnici effettivi sono solo 4 più due esonerati dalla reperibilità e altri 3 operanti in regime di part-time; un portantino è in dotazione solo la mattina. “Andando alle origini del problema si scopre che, pur in presenza del pensionamento imminente di una unità medica, non si adotta alcun provvedimento per la sua sostituzione. Sembrerebbe che piuttosto as-

sumere nuove unità si privilegia, di fatto, la pratica del “gettone” per prestazioni aggiuntive. Un sistema che fa lievitare di molto la busta paga di qualche medico (anestesisti, cardiologi) ma che non assicura ai pazienti l’efficienza e la qualità delle prestazioni che si avrebbe con personale effettivo e non in regime di straordinario. Se è vero, inoltre, che al “S. Timoteo” tutte le prestazioni radiologiche effettuate per pazienti ambulatoriali vengano considerate come prestazioni aggiuntive effettuate solo di pomeriggio, che faranno sì lievitare gli stipendi degli operatori della radiologia di Termoli ma con risultati qualitativi sicuramente non adeguati (ci si chiede come può oggettivamente un operatore, che ha svolto già il suo turno la mattina, eseguire prestazioni nel pomeriggio per altre sei ore e probabilmente assicurare anche la reperibilità)”. Poi lo sguardo é in generale sulla sanità regionale che, per essere risanata, pare che la Regione Molise sia costretta ad

utilizzare i fondi Fas, che dovevano essere destinati per la spesa in investimenti e invece si dirottano per coprire spesa corrente della sanità, e a vendere il proprio patrimonio immobiliare e tra questi potrebbe esserci anche l’immobile che ospitava il Vietri qualche anno fa, un edificio frutto di una donazione di un privato con il

Successo per la festa della pignatta

GUGLIONESI - Il centro sociale "Guglionesi Vive" ha ospitato la festa della pignatta, una antica tradizione nell'ambito del carnevale guglionesano, serata organizzata dai volontari dell'Associazione di Promozione Sociale Anteas "per Guglionesi", non nuova a simili iniziative socio-culturali. La conservazione e la divulgazione di queste forme di aggregazione sono un prezioso patrimonio da tramandare alle nuove generazioni che, spesso, non ne conoscono l'esistenza. Anteas pone grande attenzione

16 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

ai rapporti intergenerazionali e da tempo ha aperto le sue associazioni alla partecipazione giovanile con l'ambizione di fare da traino per avvicinarli all'impegno sociale attraverso la partecipazione a progetti condivisi con le persone anziane (progetti per le tre età). Non c'è niente di più bello vedere giovani ed anziani che si scambiano le reciproche esperienze e tutti abbiamo bisogno di buoni esempi. Il nonno ascolta con interesse il nipote che cerca di spiegargli il vantaggio del computer donando in cambio la conoscenza degli antichi mestieri e le usanze di una volta. Ed è proprio in quest'ottica che più di cento persone tra anziani, giovani e bambini si sono ritrovati per condividere la festa della pignatta e trascorrere qualche ora di spensieratezza e di gioia. Le tre età si sono incontrate e per un pomeriggio sono diventate una cosa sola tra lo schiamazzo festoso dei bimbi che hanno partecipato molto interessati alla rottura della pignatta, vedendo così dal vivo quello che i nonni chissà quante volte gli avevano raccontato magari vicino ad un camino in una fredda serata d'inverno.

vincolo di destinarlo ad attività sanitaria e con particolare riferimento agli indigenti. “Se dunque è questa la sanità che si vuole offrire ai molisani, il Comitato per la difesa dell’ospedale “Vietri” si dichiara pronto a nuove e più eclatanti forme di protesta a salvaguardia della pari dignità di tutti i cittadini.

“Siamo pronti a nuove e più eclatanti forme di protesta a salvaguardia della pari dignità di tutti i cittadini”

“Open day” alla scuola di Pantano Basso TERMOLI - Presso la scuola “Pantano Basso”, plesso del 2° circolo didattico, si è tenuto l’Open day che ha visto una grande partecipazione dei genitori, come è ormai nella tradizione di questa struttura scolastica. I bambini della scuola si sono esibiti in canti della tradizione popolare termolese guidati dal maestro Nicolino Cannarsa, padre indiscusso del Folklore nostrano. La collaborazione del maestro Nicolino si pone al centro di un offerta formativa che si arricchisce di numerose attività e progetti che sono stati svolti negli anni e che si svolgeranno ancora. Queste attività sono state presentate dalle insegnanti e dal Preside del 2° circolo professor Pierluigi Pranzitelli contestualmente alle linee guida del Pof. Il Comitato dei genitori sottolinea i punti di forza di questa piccola scuola che non è più da considerarsi di quartiere ma, vista la posizione strategica (facilmente raggiungibile con la rotonda di Rio Vivo), l’elevata professionalità del corpo docente, è scelta sempre più spesso da famiglie che provengono da ogni parte della città Termoli. Un’altra qualità è senza dubbio l’unione e la collaborazione che lega le famiglie e le insegnanti; questa collaborazione è stata alla base della riuscita dei progetti degli anni passati. Il Comitato dei genitori sottolinea che se la scuola pubblica può offrire ancora un servizio eccellente alla collettività, senza dubbio questo è rappresentato dalla scuola Primaria e dell’Infanzia di Pantano Basso. Una scuola piccola, ma che offre ad ogni alunno la possibilità di raggiungere un ottimo successo scolastico. Il Comitato ritiene doveroso dare l’opportuno risalto anche a questi aspetti positivi che il servizio pubblico offre ai cittadini.

Possesso di attrezzi da scasso Denunciati due pugliesi

Pro-loco, nominato il nuovo Consiglio di amministrazione

CASACALENDA – I carabinieri hanno denunciato a piede libero due pugliesi della provincia di Foggia con l'accusa di possesso ingiustificato di attrezzi atti allo scasso. Durante un controllo, a bordo della Fiat 500 sulla quale viaggiavano i militari hanno trovato un trapano elettrico, varie tronchesi e diversi cacciaviti. Per i due è stato anche proposto il foglio di via obbligatorio.

CASACALENDA – La Pro Loco ha il nuovo Consiglio di amministrazione che risulta composto da: Cinzia Masciantonio, Carmine Di Rienzo, Antonietta Moriello, Francesca Giacomodonato, Simona Lallitto, Marco Sciscente come consiglieri d'amministrazione, e Michela Tartaglia, Annamaria Di Tota e Fortunato Buccigrossi nominati dall'amministrazione comunale.


TERMOLI Ancora malumori nel Partito Democratico dopo la scelta dell’avvocato di Campomarino

Erminia Gatti: sì alla candidatura TERMOLI – I giochi pare siano ormai fatti per le prossime amministrative di fine marzo. Dopo che Erminia Gatti, di Costruire Democrazia, ha ufficializzato di aver accettato la candidatura proposta dal Pd, i candidati a sindaco sono cinque a meno di altre e nuove sorprese. Antonio Di Brino, candidato del Pdl è sostenuto da: “Il Popolo di Termoli per Di Brino sindaco”, l’Udc, Democrazia Cristiana, Progetto Molise, l’Udeur, La Destra, Molise Civile, Apt, e una dove confluirebbero gli appartenenti a l’Adc e Democrazia Popolare. Passiamo a Remo Di Giandomenico che ha la possibilità di schierare due liste: Popolari Liberali per il Pdl e Giovani Termoli. Nel centrosinistra Filippo Monaco é sostenuto da cinque liste più quella che fa capo al senatore Astore che ha cambiato nome al suo movimento in “Partecipazione Democratica” dopo la “defezione” Di Gatti e Romano: Liberatermoli, Socialisti, Rifondazione Comunista, Comunisti Italiani e Italia dei Valori. Erminia Gatti è sostenuta dal Pd e da una parte dello schieramento “Costruire Democrazia”. Infine corsa in solitaria per Antonio Fasciano, che ha preso le distanze sia dal centrodestra che centrosinistra, e si presenta con la lista “Il Bene Comune”. La scelta dl Pd di candidare Gatti ha scontentato molti iscritti al partito che starebbero migrando verso altri schieramenti come nel caso di Antonio Giuditta, ex consigliere co-

La Fiva: disinteresse del centrosinistra sul mercatino di via Inghilterra

munale e componente della segreteria regionale del partito il quale si dissocia dalla scelta della Gatti e declinando le responsabilità politiche della scelta: potrebbe confluire nel nuovo soggetto “Partecipazione Democratica”. Una vera rivoluzione nel Pd che in tutta questa fase pre elettorale ha perso diversi pezzi compresi Filippo Monaco e Antonio D'Ambrosio. Tutto scorre tranquillo nel centrodestra dove il candidato del PdL, Antonio Di Brino, domenica mattina ha inaugurato la propria sede e iniziato il tour in città per incontrare i residenti. Anche Remo Di Giandomenico ha dato il via ufficiale ai suoi incontri in attesa della definizione delle liste e la loro presentazione ufficiale con la presenza del senatore Carlo Giovanardi.

Al via la raccolta di occhiali usati

“Accetto con senso di responsabilità Non mi sono autocandidata e non mi presento contro Monaco”

TERMOLI - Il coordinatore Fiva Basso Molise, Daniele Di Gennaro, torna sulla questione del mercatino di via Inghilterra dopo la replica operata dal candidato sindaco della lista civica “Per il Bene Comune”, Antonio Fasciano. “Non voglio aprire polemiche – ha dichiarato Di Gennaro – ma voglio sottolineare come la questione annosa circa il mercato di Via Inghilterra sia stata determinata dal completo disinteresse degli ex vertici della categoria dei venditori ambulanti, e della passata amministrazione guidata da Vincenzo Greco. Finora – continua Di Gennaro – non c'è mai stato un coordinatore Fiva, qui a Termoli, che ha mostrato impegno e interesse nei confronti della propria categoria”. Il rappresentante dei venditori ambulanti del Basso Molise ricorda anche che la minoranza, durante l'amministrazione Greco, aveva presentato una mozione (primo firmatario Antonio Di Brino, seguito dall'ex consigliere Bruno Verini) nella quale si chiedeva soltanto l'eliminazione dell'eternit sul tetto del mercato di Via Inghilterra, e non lo smantellamento totale della struttura. “Mozione – puntualizza Di Gennaro – ovviamente respinta dalla maggioranza di centrosinistra. La mia posizione – conclude Di Gennaro – può anche stare scomoda a qualcuno all'interno della categoria, ma di certo continuerò a impegnarmi e lottare per fare gli interessi dei venditori ambulanti, che qui a Termoli sono stati per troppi anni lasciati nel dimenticatoio”.

TERMOLI - Tra le attività di Service per l’anno sociale 2009/2010 il Lions Club Termoli Host, con la Presidenza dell’Ing. Piergiorgio Brini, sta dedicando una particolare attenzione all’iniziativa della raccolta degli occhiali usati. Infatti, considerata la grande richiesta 0di occhiali usati proveniente

da tutte le parti del mondo ed anche dall’Italia e vista l'alta sensibilità che si riscontra nel nostro paese nel donare i vecchi occhiali dimenticati nel cassetto o non più adatti ai propri occhi, i Lions italiani hanno creato a Chivasso (TO) il "Centro Italiano Lions per la Raccolta degli Occhiali Usati". In funzione di una tangibile contribuzione a questa iniziativa cui ha aderito con entusiasmo, il Lions Club Termoli Host ha istituito in città cinque punti permanenti di raccolta occhiali usati, situati presso l’ottica Vincitorio in corso Nazionale 118, presso il centro ottico Nicola Mastropietro in via XX Settembre 51/A, presso l’Ottica Loredana De Palma in Corso Nazionale 49, nella Farmacia D'Abramo in Piazza Garibaldi (Stazione Ferroviaria) ed infine all’interno del Centro Commerciale Lo Scrigno in via Martiri della Resistenza. La cittadinanza è inviata a contribuire a questa iniziativa, portando i propri occhiali oramai non più utilizzabili presso questi centri di raccolta. Sarebbe un gesto nobile che, senza alcun aggravio di spesa, può contribuire a salvare la vista di tante persone che, pur gravate da problemi ai propri occhi, sovente non possono neanche permettersi di sostenere la spesa per potervi ovviare.

Attivato il blog “Per il Bene Comune”

Incontro tra Cosib e associazione imprese edili

TERMOLI - E' stato attivato sul blog www.antoniofasciano.it, un forum dove il candidato sindaco della lista civica “Per il Bene Comune”, Antonio Fasciano, risponde alle domande, o alle richieste di chiarimenti – in tempo reale – dei cittadini. Sul forum è possibile scrivere inserendo il proprio nome o nickname e la propria email (che per motivi di privacy non verrà mostrata).

TERMOLI – Alle 17, presso la sede del Nucleo Industriale di Termoli, si svolgerà un incontro tra il Presidente del Cosib, Ingegner Tonino Del Torto e una rappresentanza dell’A.M.I.E.S., Associazione Molisana delle Imprese Edili e dei Servizi (A.M.I.E.S) . Saranno presentate una serie di iniziative dell’AMIES, inclusa la recente costituzione del Consorzio di imprese “Adria”.

17 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010


Volley, la Katay ferma la sua corsa a Sora

Atletica, Andrea Lalli secondo a Volpiano

Servono oltre due ore, 24 punti del “solito” Anderson Giacomini, ed un Sora molto concentrato per aver ragione di una Katay Geotec Iserna che esce tra gli applausi del proprio pubblico (almeno un centinaio i tifosi di Isernia presenti nel bell'impianto di Frosinone) ma torna a casa senza punti. A PAG. 22

Altro importante risultato per il molisano Andrea Lalli. Domenica a Volpiano, sede della Finale Nazionale dei Societari di corsa campestre con oltre 1600 iscritti e 202 club in gara, doppietta maschile delle Fiamme Gialle che, oltre a quello nel cross corto, conquistano anche il quinto scudetto consecutivo sui 10 km. A PAG. 21

ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALLA MENS SANA Dopo aver perso inopinatamente il derby di Termoli la Mens Sana Campobasso cade anche sul parquet di Vazzieri contro il Pescara. In due settimane la formazione del capoluogo di regione ha compromesso, ci auguriamo non definitivamente, la sua stagione. Un black out improvviso per la formazione di coach Salvemini, difficile da spiegare. Probabilmente si è sofferto d’alta quota o si sono effettuati voli pindarici. Ora, però, occorre un bagno d’umiltà nel tentativo di riprendere la strada giusta. Il tapiro, però, è inevitabile.

L’OSCAR DEL GIORNO ALL’ATLETICO TRIVENTO Il Trivento domenica ha sciupato una ghiotta occasione per avvicinarsi prepotentemente alla vetta della classifica ma contro la capolista Santegidiese la squadra di Roberto Carannante ha dato dimostrazione di tutto il suo valore e soprattutto ha confermato, ancora una volta, di essere una delle formazioni più accreditate alla vittoria finale del campionato. Il team del presidente Falcione può puntare in alto, l’importante è che rimanga con i piedi ben saldi a terra e,soprattutto, sfrutti nel migliore dei modi tutti gli scontri diretti che si presenteranno di qui fino alla fine del campionato.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO SERIE D

Bojano sempre più sorprendente La squadra di Farina vola in classifica distanziandosi di soli quattro punti dai cugini rossoblù Nel calcio tutto può succedere, nulla è scontato. E così succede che il piccolo Davide sconfigge il gigante Golia, mettendo a tacere tutti i pronostici della vigilia che davano il Bojano certamente non favorito nel confronto casalingo con il Campobasso. La squadra di Francesco Farina ha così sfatato il tabù che vedeva in questa stagione i biancorossi sempre battuti contro i rossoblu, sia nella gara di andata di campionato che in Coppa Italia. Reduce da due sconfitte consecutive, di cui una rimediata in un altro derby quello di Agnone, il Bojano aveva bisogno di tornare a far punti e quindi questa vittoria ha un sapore ancora più bello perché i matesini hanno acquistato maggiore consapevolezza nei propri mezzi e soprattutto la convinzione che la salvezza appare un obiettivo sempre più vicino; a questo punto della stagione essere a –4 punti in classifica dal Campobasso è un traguardo davvero strepitoso per una squadra che ha vissuto tante traversie. Francesco Farina, il grande ex di turno che ha riportato in passato il Campobasso in serie D,, ha saputo interpretare tatticamente la partita nel modo giusto, ha preparato nei minimi dettagli questa gara, apportando anche qualche

Un anno dalla scomparsa Ieri messa per il capitano

Il gemellaggio tra le tifoserie nel prepartita modifica rispetto al modulo consueto,cercando di sfruttare i punti deboli degli avversari e con la consapevolezza che al cospetto del pubblico di casa la matricola molisana è in grado di esprimersi al meglio contro chiunque. Il lavoro dell’allenatore campano sta continuando a produrre i suoi frutti e a questo punto la conquista della salvezza, anticipatamente, senza passare per i play out, appare un

obiettivo davvero alla portata dei matesini che oggi, sulle ali dell’entusiasmo, tornano al lavoro per preparare nel migliore dei modi il prossimo impegno di campionato. Domenica capitan Gioffrè e compagni saranno attesi da un altro difficile impegno la trasferta di Chieti contro una delle squadre ancora in lotta per la vittoria finale del campionato. JSV

Così lo hanno ricordato domenica i tifosi rossoblù: ‘Ovunque porteremo il tuo nome’. In basso una foto di Michele Scorrano.

E’ passato un anno, ma sembra trascorsa un’eternità. La mancanza di Michele Scorrano è enorme, ma il suo ricordo è vivo in tutti. Il 22 febbraio 2009 la sua prematura scomparsa e ad un anno dal triste eventi si è celebrata ieri pomeriggio una messa in suo suffragio. RS

Il Campobasso ha mostrato i propri limiti ed è stato azzannato. Oggi resa dei conti

Lupo ferito, ma ancora vivo E’ stata una brutta ferita quella inferta domenica dal Bojano al lupo. Un morso che ha messo in evidenza limiti importanti della formazione del capoluogo di regione. Mai realmente in partita e incapace di tenere testa alla ‘belva’ biancorossa. Anche in parità numerica il Campobasso è stato messo sotto dai matesini che hanno disputato la cosiddetta partita perfetta. Fatta di sacrificio, carattere, cuore e mosse vincenti. Tutto quello che non c’ha messo il Campobasso. Che ha avuto il suo momento migliore proprio quando è rimasto in dieci uomini per la dissennata e incomprensibile espulsione di Maglione, più nervoso degli altri. In quel frangente i rossoblù hanno avuto l’occasione migliore con il solito Alessandrì, che si fa trovare sempre al posto giusto nel momento giusto, ma sempre mostra tutti i propri limiti. Una palla che chiedeva di essere sospinta in rete e che, invece, è stata spedita tra il folto pubblico di fede rossoblù. Perché gettare la croce su Alessandrì? Perché non è la prima volta che compromette le partite del Campobasso. E così è stato lasciato negli spogliatoi dal

20 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

poco audace tecnico La Cava. Pavido nel mettere in campo un difensore e nel non rischiare il tutto per tutto. Mourinho docet in tal senso. Ma il Campobasso ha tante attenuanti si dirà. Terza gara in sette giorni, gambe pesantissime per via dei campi infangati, inferiorità numerica. Tutto vero. Ma se non si rischia, si finisce per essere relegati a centro classifica. E le altre che fanno? Nessuno ne approfitta e così i più idealisti pensano ancora ad un’improbabile rimonta. Che la matematica consente, ma per la quale bisognerebbe invertire rotta. Forse per questo il lupo non è ancora morto. A patto che la musica cambi. Alessandrì e Todino hanno dimostrato di non essere all’altezza della situazione, così come Murano. Ma il giovanotto lucano ha qualche attenuante in più. Essendo stato tra i più impiegati. Pertanto bisogna ricaricare in fretta le batteria e cercare di recuperare subito Cordua. Elemento imprescindibile per il Campobasso. Anche se, ad onor del vero, Gennarelli domenica è stato stoico ed ha sfoderato un’ottima performance. Serve, però, l’esperienza nei momenti

topici di chi ne ha viste tante come Cordua. Domenica arriva il Casoli e ci saranno altri problemi. Mancheranno Fazio e Maglione che il giudice sportivo provvederà ad appiedare domani pomeriggio. Oggi, invece, riprenderanno gli allenamenti e certamente dallo spogliatoio rossoblù si udiranno voci alte e adirate. Perché bisogna fare molto di più. Ricordandosi, sempre, della maglia che si indossa. In.Ro.

Miccoli: ‘Ho comprato io l’orecchino di Maradona’

Zac: ‘Fuori moda i tecnici di buon senso’

'Dietro la misteriosa signora che si è aggiudicata all'asta l'orecchino di Maradona c'ero io'. Lo ha rivelato Fabrizio Miccoli. Il bomber del Palermo ha deciso di fare 'outing' e in una trasmissione di Dahlia Tv, rispondendo ad una domanda del conduttore Claudio Lippi, ha svelato ciò che molti sospettavano: è lui che ha comprato, tramite una donna che lo rappresentava, l'orecchino dell'ex 'Pibe de Oro' (di cui Miccoli e' grande ammiratore) messo all'asta dal Fisco.

Zaccheroni lancia un appello alla sua categoria 'anche se i tecnici di buon senso non sono di moda', per 'abbassare i toni tutti insieme'.'Si è creato un clima - dice - che non fa bene al calcio'. E gli arbitri?'Io so che senza loro non si gioca. Poi l’accanimento sul presunto fallo di mano di Del Piero è figlio della settimana vissuta e di certe provocazioni'. Quanto alla Juve 'è ancora in convalescenza'.


S P O RT ATLETICA

Altro importante risultato per il molisano Andrea Lalli

Altro importante risultato per il molisano Andrea Lalli. Domenica a Volpiano, sede della Finale Nazionale dei Societari di corsa campestre con oltre 1600 iscritti e 202 club in gara, doppietta maschile delle Fiamme Gialle che, oltre a quello nel cross corto, conquistano anche il quinto scudetto consecutivo sui 10 km. Decisivo il secondo posto di Andrea Lalli, autore di un coraggioso finale in rimonta dietro solo all’italo-marocchino Slimani.

TERMOLI ATHLETICS

ATLETICA

Antonella Manes ha conquistato il titolo di campionessa regionale di corsa campestre

La Termoli Athletics del Presidente Pasquale Venditti, che quest’anno festeggerà i 20 anni di attività, in questo week end è stata protagonista in diverse competizioni. A Colle d’Anchise, in provincia di Campobasso, su un percorso ricavato nella Piana dei Mulini la giovane promettente Antonella Manes ha conquistato il titolo di Campionessa Regionale di corsa campestre nella categoria Ragazze sulla distanza dei 1000 metri e la compagna di squadra Maddalena Macrellino si è classificata quarta tra le Cadette nella prova dei 2000 metri. Mentre nella 21^ edizione della Maratonina di Centobuchi di 21,097 km che si è disputata a Monteprandone, in provincia di Ascoli Piceno, con la partecipazione di oltre 750 partecipanti buon quarto posto tra le Master F55 di Gilda Genova in 1h51’55”, la maratoneta termolese era reduce dall’ottimo terzo posto nei 3000 metri ai Campionati Italiani Indoor Master di Ancona di due giorni prima, sesto posto per Rosalba Mona-

Sci alpino, Cortina si candida per il 2015 Cortina d’Ampezzo ha scelto il palcoscenico olimpico per presentare la sua candidatura a ospitare i mondiali di sci alpino 2015.C’erano segretario e direttore generale del comitato organizzatore, Nicola Colli e Martin Schnitzer, e il presidente Fisi Giovanni Morzenti.Rivali di Cortina sono St.Moritz e la quotatissima Vail (Usa). La Federazione deciderà il 2 giugno ad Antalya in Turchia.

chese nella categoria Senior donne con 1h38’10”, ottavo posto per Michele Di Bona tra i Master M55 in 1h29’10”, un atleta che da 40 anni è grande protagonista dell’atletica termolese, e il 15° posto sempre tra i Master M55 di Bruno Irace in 1h32’54” anche lui impegnato due giorni prima ai Tricolori Indoor. A Volpiano, in provincia di Torino, si disputati i Campionati Italiani di Società di corsa campestre dove hanno gareggiato anche alcuni atleti del tecnico termolese Pasquale Venditti, grande dominio dell’Esercito con il titolo italiano vinto nel Cross Lungo Donne di 6 km con Elena Romagnolo, Federica Dal Ri, Giulia Francario e Laila Soufyane, il secondo posto nel Cross Corto Donne di km 4 con Valentina Costanza, Veronica Inglese, Cristiana Artuso e Fatna Maraoui, il secondo posto nel Cross Lungo Uomini di km 10 con Daniele Meucci (che in preparazione per un esordio in grande stile alla Maratona di Roma del 21 marzo è stato inserito in squadra all’ultimo momento), Giammarco Buttazzo, Marco Najibe Salami e Gilio Iannone, e il quinto posto nel Cross Corto Uomini di km 4 dove un generoso Giovanni Auciello, influenzato, ha voluto lo stesso partecipare contribuendo al piazzamento di squadra insieme a Cristian Gaeta, Luigi La Bella e Pasquale Rutigliano. Nel Cross Lungo Uomini erano presenti anche altri due atleti del tecnico Venditti, Vincenzo Trentadue dell’Athletic Terni che purtroppo durante la gara sui continui fossati e saliscendi del percorso si è infortunato ad un ginocchio mentre Corrado Mortillaro dell’Atletica Gonnesa ha ottenuto un buon 32° posto in assoluto e 17° atleta italiano. Alla manifestazione hanno partecipato 1657 atleti in rappresentanza di 202 società.

Ottimi risultati per Anna Pagnotta del Cus Molise Anna Pagnotta ha conseguito il titolo di campionessa italiana nei 400 e negli 800 metri piani ai campionati italiani categoria master di atletica. Le gare si sono svolte al ‘ Palaindoor’ di Ancona nelle giornate di sabato 20 e domenica 21 febbraio. Grandissima gioia per l’atleta che rientrava in una gara indoor dopo diverso tempo. L’assenza dalle gare era dipesa dal cambio di allenatore. L’atleta molisana , infatti, dopo un periodo di riposo forzato per l’assenza del tecnico aveva perso le motivazioni giuste per continuare a gareggiare. Grazie alla guida di Teodoro Simone e la sconfinata passione per l’atletica la Pagnotta è tornata in pista ottenendo il primato a livello nazionale. Nessun problema in gara , sia nei 400 e sia negli 800 , non ci sono state assolutamente rivali. ‘Immensa soddisfazione – recita la Pagnotta - per il ritorno alla vittoria e alla competizione ma soprattutto per aver portato in alto il nome della nostra regione: il Molise.’

TENNISTAVOLO

Trasferte negative per le rappresentative molisane Doppia trasferta negativa per i portacolori della Fitet Molise sia al Torneo nazionale Giovanile di Terni che al Torneo nazionale Veterani di Caserta. In entrambe le manifestazioni il sorteggio è stato decisamente sfavorevole ai pongisti molisani che, sicuramente per merito dei propri avversari, non sono riusciti a superare il girone di qualificazione. Una nota più che positiva, comunque, è giunta dal giovane petrellese Emanuele Amoroso, che ha gareggiato nella categoria ragazzi, al suo assoluto debutto in una competizione di valenza nazionale. Di lui si è detto più che soddisfatto il tecnico Raffaele Ruscitto che nel contempo ha sottolineato come a simili livelli il Molise può tentare solo di limitare i danni. C’è da dire, malgrado tutto, che la selezione molisana era molto numerose e questo è senza dubbio un segnale positivo che rende merito al lavoro svolto dallo staff tecnico della federazione a livello giovanile e promozionale.

Atp Baires, vince lo spagnolo Ferrero Lo spagnolo Juan Carlos Ferrero ha vinto il torneo Atp di Buenos Aires battendo in finale il connazionale David Ferrer in tre set. Punteggio: 5-7, 6-4, 6-3. Ferrero, già vincitore la settimana scorsa del torneo di Costa de Sauipe in Brasile, con questo successo sale nel ranking Atp dal n.22 al n.16, guadagnando 6 posti. A Memphis successo invece dell’americano Sam Querrey che in finale ha avuto ragione del connazionale John Isner per 6-7 (3/7), 7-6 (7/5), 6-3.

21 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010


S P O RT VOLLEY MASCHILE

Katay Isernia, sconfitta onorevole Dopo due vittorie consecutive la squadra di Lorizio si è arresa, dopo oltre due ore, al Sora Servono oltre due ore, 24 punti del “solito” Anderson Giacomini, ed un Sora molto concentrato per aver ragione di una Katay Geotec Iserna che esce tra gli applausi del proprio pubblico (almeno un centinaio i tifosi di Isernia presenti nel bell'impianto di Frosinone) ma torna a casa senza punti. Dopo due successi di fila la conferma che comunque questa squadra può tener testa a chiunque e che correggendo qualche piccolo automatismo può ancora regalare soddisfazioni. Tutti equilibratissimi i 4 set giocati, compreso il primo che vede Isernia recuperare lo svantaggio iniziale (3-8) con la concretezza di Maly e con la buona presenza in

campo di Oro. Isernia c'è, anche perchè Sora non carbura in attacco (44%) e viene messa in difficoltà dal servizio dei molisani. Bellissimo l'ultimo lunghissimo scambio chiuso da Salgado con grande lucidità. Meglio i ciociari nella seconda frazione, anche se il match è sempre tiratissimo (16-15). Il brasiliano Giacomini è devastante, ma Janusek e Maly sono efficaci in banda. Sora fa il break con Libraro, Lorizio effettua il cambio che è stato propiziatorio in altre cirostanze (Piovarci al turno di servizio) ma il parziale si chiude 25-21. L'euquilibrio si ripete all'inizio nella terza frazione (8-7) dove a sentirsi molto è la costanza di Argilagos e qualche

passaggio a vuoto in attacco (41%) e al servizio. Il 21-16 di tre quarti set rompe gli indugi e regala il vantaggio ai locali, che ripartono decisi anche nel quarto ed ultimo frangente (8-5). Isernia stavolta ci mette il cuore e reagisce con veemenza. Entra Valera per Batista e il match è sul filo dell'equilibrio (1919). Una serie di errori al servizio rende tutto incerto, ma ci pensa Giacomini a chiudere un diagonale da posto due ed a firmare l'ace che chiude i conti. Katay Geotec battuta ma che raccoglie l'applauso di incoraggiamento dei tanti ed encomiabili tifosi che hanno sostenuto la squadra dal primo all'ultimo scambio.

Piovarci, Salgado e Batista

CALCIO A 5 – SERIE B

Scarabeo battuta: la motivazione e l’arbitraggio fanno la differenza

Il goal di Valvona Nella ventunesima giornata del campionato nazionale di Serie B, la Scarabeo Calcio a 5 Venafro affronta in casa i pugliesi del Manfredonia Calcio a 5, una concorrente diretta per la lotta per uscire dalla fascia dei play-out, e perde per 5 a 2. Nei padroni di casa rientra, dopo un lungo stop, il bomber Luca Peluso, il portiere Gianluca Placella torna a disposizione, ma non ancora al meglio della forma siede in panchina, mentre il player-manager Luca Terenzi è ancora infortunato; assente per squalifica il brasiliano Moreira, che nell'ultima gara, contro il Barletta, aveva messo a segno un bel poker, e torna a disposizione della guida tecnica TerenziTroiano, Pasquale Valvona, che ha scontato la giornata di squalifica. Il risultato finale è stato deciso da una maggiore determinazione degli ospiti, che hanno ben interpretato la gara, affrontandola con il giusto rigore e carattere, al contrario dei padroni di casa, meno concentrati e determinati. Una direzione arbitrale ampiamente discutibile ha innervosito ancora di più gli animi dei venafrani, oltre a quello dei numerosi simpatizzanti e tifosi della squadra di casa, presenti al Palapedemontana. Nella prima metà del primo tempo il gioco si è articolato più lento, con le due squadre molto contratte, per cercare di interpretare i punti deboli degli avversari. Inizialmente sono i pugliesi a condurre il gioco, e passano in vantaggio dopo solo un minuto di gioco, con Orbelli, che, dopo un rimpallo favorevole, liberissimo sul secondo palo, a porta sguarnita, insacca il

22 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010

più facile dei goal. La prima vera occasione della Scarabeo Venafro arriva al settimo, con un tiro di Benincasa, per un soffio fuori misura; il goaleador, autore del primo goal, oggi ha giocato una gara al di sotto delle sue potenzialità, causata da una forma fisica non perfetta e da un piccolo infortunio al ginocchio subito a Barletta. Da quel momento i venafrani iniziano ad articolare meglio le trame offensive, e il goal del momentaneo pareggio, siglato da Benincasa, arriva dopo un paio di minuti. Dopo una buona deviazione in calcio d'angolo del portiere ospite, sempre su tiro di Benincasa, è Valvona a trovare il suo In vantaggio, la squadra di casa non riesce però ad essere lucida e determinata, come nelle ultime due gare, e subisce così il goal del pareggio, segnato dal brasiliano Andregtoni, che approfitta di un evidente errore di Bosco, che in piena area di rigore, con due compagni liberissimi ai suoi fianchi, si intestardisce in un improbabile dribbling tra due avversari. Anche in fase offensiva i venafrani mancano in lucidità, non riuscendo a finalizzare a dovere qualche buona occasione create, in sequenza, da Palumbo, Benincasa e Bosco. Nell'ultimo minuto il Manfredonia ha per due volte la ghiotta occasione del tiro libero, ma prima Andregtoni si fa deviare il tiro dall'ottimo Di Paolo, e poi Orbelli spedisce direttamente fuori, dopo che per analoghi interventi gli arbitri, inspiegabilmente, non avevano dato la stessa opportunità alla squadra di casa. Nel secondo tempo è il Manfredonia che inizia meglio, con Di Paolo che esce tempestivamente sul brasiliano Andregtoni. I molisani cercano di reagire, e per due volte il giovane talento Natale è bravo a costruire due buone occasioni da goal, meno a concretizzarle. Dopo sei minuti di gioco entra Peluso, che però non può fare molto, visto che ancora deve recuperare a dovere dal lungo infortunio. Al nono il Manfredonia trova il suo terzo goal con Cotrufo, con un'azione viziata da un fallo dei sipontini su Natale. Al decimo viene espulso per proteste Mister Troiano, che perde la pazienza dopo che gli arbitri avevano fischiato una lunga serie di falli a sfavore della sua squadra, non ve-

Auto, la Jaguar ritorna a Le Mans Dieci anni dopo aver abbandonato la 24 Ore di Le Mans, la Jaguar ora controllata da Tata Motors annuncia il ritorno alla gara. Vincitrice per sette volte fra il 1951 e il 1990 la Jaguar si presenterà alla partenza di giugno con la versione chiamata RSR XKR GT2.Il responsabile marketing ha detto che 'le gare sono importanti'.

dendone di eclatanti commessi dagli avversari. A cinque minuti dalla fine gli ospiti arrotondano il vantaggio, nuovamente con il brasiliano Andregtoni, con un bel diagonale dalla fascia destra. Sulla pressione dei padroni di casa, a tre minuti dalla fine, Benincasa è sfortunato, e colpisce il palo, con un tiro che avrebbe potuto riaprire la partita. A 54 secondi dalla fine, con i padroni di casa che giocavano con il portiere di movimento, il capitano Ese segna direttamente dalla propria metà campo. A fine partita, Mister Terenzi non cerca alibi, e non fa sconti alla sua squadra: “Per come è andata la partita il Manfredonia ha meritato di vincere. Ha disputato la stessa partita che abbiamo fatto noi sabato scorso a Barletta. Erano motivati e concentrati, e sono venuti qui per vincere. Avevo avvertito i ragazzi che è una bella squadra, che con importanti pedine acquisite a fine anno, è certo diversa da quella che avevamo affrontato all'andata. E' la motivazione e la determinazione che decide il risultato finale, ed oggi noi non abbiamo espresso in campo queste caratteristiche che fanno la differenza in un campionato come questo. Mancava anche Moreira che in questo momento ha una ottima condizione di forma, e che è fondamentale per il nostro gioco”. E quando il giornalista gli ha chiesto sulla direzione arbitrale, Mister Terenzi, con un sorriso eloquente, ha così concluso: “Una giornata no degli arbitri ci può stare, ma personalmente ricerco le cause in quelli che sono i nostri errori”. Sulla stessa lunghezza d'onda il commento del preparatore atletico Raffaele Di Cicco; “La squadra che abbiamo affrontato oggi ha avuto la stessa mentalità che abbiamo avuto noi sabato scorso a Barletta. Abbiamo peccato di presunzione, perché da un punto di vista mentale ci siamo sentiti sicuri di vincere la partita. Nel primo tempo abbiamo giocato bene, e negli spogliatoi ci siamo detti di stare più tranquilli. Ma così non è andata. Non è la motivazione che è mancata, ma quella determinazione, quasi cattiveria, che abbiamo avuto sabato scorso. Ora dobbiamo metterci sotto a lavorare sodo, e lottare per vincere ogni partita, già a partire dalla prossima, ad Altamura”.

Nba, Durant come Michael Jordan Nella Nba Oklahoma City passa sul campo dei Timberwolves e Kevin Durant eguaglia Michael Jordan: per la 28/a gara di fila più di 25 punti. Risultati: OrlandoCleveland 101-95, Denver-Boston 114-105, Detroit-San Antonio 109-101, New Jersey-Memphis 94-104, Minnesota-Oklahoma City 107-109, New Orleans-Houston 102-94, Golden State-Atlanta 108-104, Phoenix-Sacramento 104-88, Portland-Utah 89-93.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta

“Ceppelliate”

500 g di farina 00 (più quella necessaria per la spianatoia) 9 uova 250 g di zucchero 200 g di sugna o burro un limone non trattato

un pizzico di ammoniaca per dolci un vasetto di marmellata di amarene di casa, non molto dolce zucchero a velo per spolverizzare

Per preparare la sfoglia, battete in un’insalatiera i tuorli delle uova con lo zucchero fino a renderli spumosi, quindi fatevi cadere a pioggia la farina, mescolando con un cucchiaio di legno. Aggiungete la sugna, la “rasatura” del limone e l’ammoniaca o un cucchiaino di lievito per dolci in polvere. Amalgamate e versate il composto sulla spianatoia: lavoratelo velocemente, fino ad ottenere una “panetta” omogenea, stendetela con il matterello in una sfoglia non troppo sottile. Con una tazza da latte capovolta, ricavate dalla sfoglia tanti dischi, ponete al centro di ognuno una cucchiaiata di marmellata, ripiegateli su se stessi, schiacciando bene i bordi. Disponete i “ceppelliate” sulla placca del forno ben unta ed infarinata e fateli cuocere a calore moderato. Appena dorati, sfornateli e freddi spolverizzateli di zucchero a velo. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO Farmacie di turno GIAMPAOLO Piazza Pepe Gabriele, 39 Tel. 0874.94076

ISERNIA Farmacia di turno DI GIROLAMO Rampa Mercato Tel. 0865.50625

CASTIGLIONE Via XXIV Maggio, 14 Tel. 0874.65105 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Municipio 0874.4051

Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno TRABOCCHI - Via Tevere, 17/G - Tel. 0875.705030 Ospedale San Timoteo - centralino 0875.71591 Municipio - Tel. 0875.7121 Stazione Ferroviaria - Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto - Tel. 0875.746484

A D N E AG

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza Arrivo 06:02 07:40 06:49 08:35 09:30 11:07 12:20 14:11 14:12 15:56 17:13 19:02 17:40 19:30 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO

Ariete 21 mar - 20 apr

(DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:46 07:39 06:44 08:23 12:13 13:56 13:22 15:00 14:40 16:25 16:13 17:59 17:14 18:55 18:40 20:30 20:48 22:38 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:50 08:53 08:28 11:40 12:19 16:25 14:15 17:16 16:30 19:25 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 06:15 09:15 11:15 14:15 14:47 16:45 17:15 19:40

Arrivo 09:18 12:15 15:22 17:30 19:25 20:15 20:46 22:40

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:24 06:54 13:11 14:15 16:30 18:03

Arrivo 07:48 09:18 10:47 16:03 17:39 20:02 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 05:51 05:51 12:14 12:40 14:13 15:06 15:22 17:30 19:43

Arrivo 08:55 09:18 15:22 16:02 17:09 17:30 19:25 20:28 22:20

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 -8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,3012,40-13,30-13,45 -14,00 (anche festivo)14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - Dovreste cercare di anticiparvi alcuni impegni, poiché la settimana potrebbe riservarvi qualche sorpresa, alla quale dovrete essere pronti a rispondere. Non agitatevi nel momento in cui qualcuno vi farà notare gli scarsi risultati. Promettetevi piuttosto di fare meglio in seguito e di non ricadere negli stessi errori del passato, che hanno condizionato anche chi vi sta vicino. Toro - Cercate di continuare ad adottare la stessa politica, con le persone che vi sono state vicino fino a questo momento, ma che non hanno mancato di giudicarvi non appena avete commesso qualche imprecisione. Invece di recriminare, queste persone dovrebbero cercare di aiutarvi il più possibile e voi dovrete farglielo notare, senza ovviamente esagerare in nessun caso! Gemelli - Oggi si aprirà in modo davvero esilarante e questo potrebbe darvi la carica nelle ore che verranno. Non pretendete troppo da chi vi sta vicino, poiché qualcuno potrebbe essere un po' limitato e non riuscire a dare il meglio di sé come invece voi vorreste. Abbiate più fiducia, poiché come avete cambiato umore voi, sarà possibile anche per gli altri modificarlo,ma dovrete essere abili! Cancro - Le questioni più improponibili, potrebbero prendere una piega diversa e più favorevole. Cercate qualche alleato in questo momento particolare, poiché nel caso in cui tutto diverrà realizzabile, non dovrete farvi pregare e non dovrete farvi trovare impreparati! Qualsiasi progetto può prendere vita nell'attimo in cui deciderete di dare a questo una possibilità per svilupparsi. Leone - La giornata potrebbe iniziare molto presto e questo potrebbe voler dire che vi sveglierete con un umore pessimo, non adatto al contatto sociale. Non fatevene un problema, se non se lo faranno neanche gli altri! Tuttavia, qualcuno potrebbe a ragione chiedervi il perché di tanto astio, visto che in fondo non avete grandi problemi da risolvere. La vostra contraddizione andrebbe tenuta sotto controllo. Vergine - Tutte le persone che avrete intorno, si preoccuperanno per voi e vi chiederanno notizie su qualsiasi aspetto della vostra vita. Tutta questa attenzione vi farà piacere all'inizio, ma dopo un po' potrebbe anche stancarvi, vista la scarsa attitudine al dialogo che vi accorgerete di avere oggi. Sarà il caso di rifugiarsi tra le braccia di qualcuno che possa realmente comprendere il vostro stato d'animo e con il quale sarete davvero disposti ad aprirvi! Bilancia - Prendetevi del tempo tutto per voi in questa giornata. Anche se sapete quello che vi aspetta in seguito, questo non vuol dire che non possiate avere un attimo per raccogliere le idee e fare il punto della situazione. Una volta organizzati al meglio, nessuno vi fermerà e non avrete neppure più bisogno di riflettere, poiché il vostro istinto vi guiderà verso la direzione più consona e soprattutto più giusta per tutti. Scorpione - Sarete molto attivi socialmente, soprattutto con le persone che per una coincidenza o per l'altra si troveranno a discutere con voi di questioni inerenti al vostro lavoro o ai vostri interessi e dalle quali potrebbe nascere una interessante collaborazione! Non tiratevi indietro se questi vi chiederanno di essere ancora più intraprendenti, poiché potrebbe essere una buona occasione per dimostrare quanto siate abili e capaci nel vostro settore! Sagittario - Potreste essere un pochino presi di mira, da persone che evidentemente hanno paura di voi e che conoscono come unica arma di difesa l'attacco verbale! Non cedete alle loro provocazioni, poiché la dareste vinta a gente che proprio non lo merita e soprattutto siete voi non meritare le conseguenze che ne potrebbero scaturire, come una perdita di stima e fiducia da parte di altri colleghi o membri della famiglia! Capricorno - Se in questa giornata non avrete niente di meglio da fare, dovreste cercare i vostri amici ed avere un contatto con quelli più lontani, poiché questi potrebbero iniziare a pensar male di voi, in quanto non siete più presenti nella loro vita, nemmeno mentalmente, nemmeno con un piccolo gesto tangibile, come una semplice telefonata! Acquario - Dovreste sinceramente cercare di dare un aiuto alle persone che vi sono intorno e che vi hanno chiesto di essere più presenti, almeno moralmente. Magari non sarete le persone più adatte per dare certi consigli, ma potrebbe essere importante per le persone che vi vogliono bene, sapervi accanto a loro in ogni caso, malgrado i vostri impegni! Pesci - Sarà tempo di dedicarsi anima e corpo al vostro lavoro, in quanto tutto prenderà una piega diversa, a seconda che interveniate in modo tempestivo, oppure no. Molti dei vostri affari, potrebbero dipendere dal vostro impegno, come è giusto che sia e per questo non dovreste perdere tempo con facezie inutili, che servirebbero soltanto a distrarre voi e le persone che vi sono intorno!

23 ANNO III - N° 43 MARTEDÌ 23 FEBBRAIO 2010


lagazzettadelmolise_230210a  

Caso Garofalo, Cosco resta in carcere IL TAPIRO DEL GIORNO A MICHELE IORIO Prima assemblea in via Facchinetti L’OSCAR DEL GIORNO A REMO DI G...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you