Page 1

Truffe post terremoto, 26enne siciliano denunciato

Violenza sessuale, il marito nega

CAMPOBASSO – Volevano indurre ignari cittadini a versare somme di denaro da destinare ai terremotati d’Abruzzo. Per questo motivo la polizia postale del Molise insieme a quella di Catania ha denunciato il titolare di un sito di annunci della provincia di Torino. A pag 8

LARINO – Rimane in carcere il 38enne accusato di violenza sessuale nei confronti della moglie. Lo ha stabilito il gip di Larino Aldo Aceto perché non ha ancora avuto il parere del pm. Il 38enne intanto ha negato tutte le accuse a suo carico. A pag 18

ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Alla faccia della legalità!

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A LUIGI DE MAGISTRIS Inizia bene il suo percorso da politico il caro ex giudice. Quando abbiamo appreso che nella giornata odierna si darebbe recato a Campobasso, soprattutto perchè sponsorizzato da un volantino con il suo amico Romano di Bojano, abbiamo cercato di sentire il suo parere sulle prossime elezioni. Volevamo chidergli è voluto scendere in campo come candidato alle Europee. Ma i suoi addetti stampa ci hanno così risposto: “Ci dispiace ma il dottore è molto impegnato”. E’ vero che noi siamo un piccolo quotidiano e lui è abituato a grandi palcoscenici...ma due parole ce le poteva anche concedere. Comunque, grazie . E a buon rendere

L’OSCAR DEL GIORNO A GIOVANNI CANNATA Lodi, lodi, lodi al Magnifico Rettore dell’Università degli Studi del Molise, Giovanni Cannata. Il barbuto professore ha mostrato grande disponibilità ed apertura verso la questione più spinosa dell’attuale momento storico (non solo molisano): la sicurezza delle scuole. Il liceo Scientifico Romita di Campobasso, dopo l’allarmante dato sulla scarsa resistenza del proprio cemento, vedrà abbattuta e successivamente ricostruita la sua ala B (tempo: due anni). La soluzione è quella di ospitare gli studenti interessati nei locali dell’ateneo. Il prossimo passo è quello di verificarne la disponibilità. In caso positivo, gli studenti potranno dormire finalmente sonni tranquilli e concludere al meglio l’anno scolastico.

www.gazzettadelmolise.com 18.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Fiducia nei partiti: crescono il Popolo delle Libertà e l’Udc. In calo Lega Nord e IdV Negli ultimi trenta giorni Berlusconi guadagna 4 punti percentuali e torna al 56%

Consensi, il Cavaliere avanza CAMPOBASSO - Governo e premier in salita, ma anche Udc e Pd. Forte calo per Lega Nord e Idv, secondo un sondaggio dell'Ipr Marketing. Negli ultimi 30 giorni Berlusconi guadagna 4 punti percentuali nella fiducia degli italiani e torna al 56%. Fra i partiti, la Lega subisce il calo maggiore (-4%) e scende al 29%. Anche l’Italia dei valori scende al 37%. Guadagna invece il Pdl, che torna a guidare la classifica col 50%. Cresce la fiducia nel Pd, che torna oltre il 30% (31%, +2%), mentre l'Udc raggiunge il 33%. I sondaggi sono come le ciliegie, uno tira l’altro. E l’ultimo rilevamento è quello più dolce. Almeno per il Cavaliere che vede

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 E-mail: lagazzettadelmolise@tin.it Sito internet: www.gazzettadelmolise.com

(almeno secondo le previsioni) il Pdl (da solo) alle prossime Europee sfiorare la fatidica soglia del 50 per cento. I numeri li ha dati Renato Mannheimer riferendo di un sondaggio riservatissimo in mano al presidente del Consiglio. Ma c’è dell’altro. La performance del Pdl, oggi esattamente al 49 per cento, si otterrebbe non a danno degli alleati (la Lega infatti è stabile sopra il 10%), ma addirittura rosicchiando voti all’Udc e al Partito democratico, oltre a recuperare nell’area degli astensionisti. A spingere i sondaggi sarebbe l’immagine del premier con la sua “politica del fare” anche nell’emergenza terremoto. Il dubbio che lasciano queste intenzioni di voto non è sulla legittimità e sulla bontà dei sondaggi piuttosto sulla credibilità di ciò che riferiscono gli intervistati, spesso impegnati a … depistare, non tanto per mentire quanto per non volersi esporre. C’è poi ancora un 30% di elettori, deluso e incazzato, che dice di non volersi recare alle urne e di non voler votare.. Vedremo. A questo punto, una domanda è d’obbligo: stiamo marciando verso una “gloriosa” maggioranza bulgara o ci facciamo infinocchiare dalle solite balle bulgare? Silvio Berlusconi “ha confermato le proprie capacità comunicative e la sua abilità nell’instaurare, spesso al di là di ogni intermediazione, un rapporto e un colloquio diretto con la gente”. L’esperto Renato Mannheimer riassume così le motivazioni a corredo dell’ultimo

su dieci, tra i votanti del Partito democratico, “confessa” - è il verbo usato da Mannheimer - di «provare, dopo il terremoto, più fiducia in Berlusconi”. Insomma, il premier ha “conquistato simpatie” - che non si traducono necessariamente, sia chiaro, in consensi alle urne - in un “piccolo segmento” dell’opposizione. Detto questo, mentre nessuno tra i pidiellini afferma di averne meno di prima, il 25% dei democratici assicura che il proprio gradimento è in calo. In linee generali, però, la “conseguenza” di questa maggiore “popolarità” post-sisma è un «ulteriore allargamento del grado di consenso goduto nel Paese, oggi superiore al 50%”. E poi, fa notare il sondaggista, le intenzione di voto verso il Popolo della Libertà “oltrepassano” adesso “il 45%”. R.P. sondaggio Ispo, commissionato per verificare l’apprezzamento verso il premier. Una rilevazione, pubblicata ieri, tarata su effetti e ripercussioni dell’emergenza terremoto sull’opinione pubblica. Da cui viene fuori, innanzitutto, che il 48% dell’elettorato, quindi quasi un italiano su due, ritiene che il Cavaliere, “al di là del proprio giudizio di merito”, a seguito del suo comportamento dopo il sisma in Abruzzo riscuota oggi più fiducia di prima. Insomma, la presenza continua sul territorio, le iniziative già prese e quelle annunciate per la ricostruzione, hanno accentuato la percezione che il gradimento sull’operato del presidente del Consiglio sia cre-

sciuto. E lo riconosce anche un elettore su tre del Partito democratico (il 36%), convinto che “abbia ottenuto un vantaggio”. Il 6%, in termini assoluti, ritiene invece che la fiducia sia in calo. Ma il quadro, delineato da Mannheimer, assume un significato a tratti sorprendente se si scende nel particolare, “se si interrogano i cittadini” sulla «propria reazione alle iniziative» di Berlusconi. Più di un quarto degli intervistati, infatti, il 26%, “dichiara di avere incrementato la personale fiducia” nel capo del governo. Tra chi ha votato Pdl, ovviamente, il dato risulta più alto: 46%. Ma la notizia, semmai, è un’altra. Ovvero, quasi uno

Ma c’è ancora il 30% degli elettori, deluso e arrabiato, che non vuole votare

STAMPA: Tipografia Poligrafica Ruggiero Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

2 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

49%

25 aprile, La Russa: premier vada MILANO - Per il ministro della Difesa La Russa ''I partigiani meritano rispetto ma non di essere celebrati come portatori di liberta'' .Questo perche' volevano per l'Italia ''un futuro stalinista''.Il premier, secondo il ministro,deve partecipare alle celebrazioni del 25 aprile non a Milano, ma in un luogo istituzionale.

33%

31%

37%

Conti pubblici, 3 miliardi di stipendio in più ROMA - Nel 2009 ci sono a bilancio 3 miliardi in piu', rispetto al 2008, per le retribuzioni degli statali ma c'e' un taglio dei costi di gestione. Ai tagli dei costi di gestione (-18%) si aggiungono quelli relativi ai beni di consumo (-40%). Il totale generale dei costi resta pressochè invariato rispetto allo scorso anno: in bilancio la voce 'totale generale costi' e' di 90.972.086.000.

29%


PRIMO PIANO De Magistris e Genchi, Di Pietro e Romano Attenti a quei quattro Ma che c’azzecca l’ex pm di Catanzaro e la sua crociata anti-sistema con le elezioni comunali di Campobasso? CAMPOBASSO - Odore di ‘manette facili’ a Campobasso. Massimo Romano, di Bojano, vuol convincere i campobassani che è il migliore sindaco possibile per il capoluogo, portando in città il delfino giudiziario di Antonio Di Pietro. La nuova creatura partorita da papà Tonino con lo stesso culto per la giustizia-spettacolo, specie se si tratta di politici. Che cavolo c’azzecca De Magistris e la sua crociata antisistema con le elezioni comunali di Campobasso è cosa a noi ignota. Ma, comunque sia, questa sera Luigi De Magistris, magistrato e candidato alle Europee per l’Idv di Antonio Di Pietro sarà a Campobasso, ospite del convegno ‘Sviluppo e legalità’ organizzato dal candidato sindaco dell’Italia dei Valori Massimo Romano. “Con la presenza di De Magistris a Campobasso – dice Massimo Romano - lanciamo un appello alla politica e alla società molisana. L’Italia dei Valori non candiderà condannati né pregiudicati nelle sue liste. Invitiamo tutti gli altri

partiti a fare lo stesso perché siamo convinti che la credibilità della politica passi attraverso la condanna unanime delle illegalità purtroppo diffusissime anche in Molise”. Luigi De Magistris ha intrapreso la carriera di magistrato nel 1995 e, dal 1998 al 2002, è stato magistrato presso la Procura della Repubblica di Napoli per poi passare come Sostituto Procuratore della Repubblica al Tribunale di Catanzaro. Nel 2009 rinuncia alla propria carica e si lancia in politica, presentandosi alle Europee fra le file dell'Italia dei Valori. Di questa candidatura ha affermato: “Lascio così, un lavoro al quale ho dedicato quindici anni della mia vita e che è stato il mio sogno, come ha detto qualcuno, la missione di questi anni. Sono stato in qualche modo ostacolato nelle attività di Pubblico Ministero che non mi è più possibile esercitare da alcuni mesi. Quello che mi inquieta di più, in questo momento storico,

è l'attività di delegittimazione, di ostacolo e di attacco nei miei confronti e della mia professione, e nei confronti di tutti coloro che hanno cercato, in questi mesi, in queste settimane e in questi anni di accertare i fatti. Da ultimo, quello che è accaduto ai magistrati di Salerno che sono stati o sospesi o esiliati in altre parti del territorio nazionale”. Fin qui il comunicato stampa di Massimo Romano, candidato sindaco per l’Idv a Campobasso. Ma chi è davvero Luigi De Magistris, il magistrato convinto da Di Pietro alla discesa in campo e, soprattutto, di chi si è servito De Magistris per la sua indagine Why Not che tanto clamore ha fatto in Italia? De Magistris è il Pm di Catanzaro che indagava sul sottobosco politico degli affari e delle tangenti che arrivò a sfiorare perfino Prodi. Nulla da dire su quell’indagine, ma qualche dubbio sul suo principale consulente, Gioacchino Gen-

chi, ancora c’è. Dovete sapere, cari lettori della Gazzetta, che De Magistris per ottenere risultati così dirompenti utilizzò le informazioni raccolte da Gioacchino Genchi, un ex-commissario di polizia in distacco sindacale, che aveva costruito un archivio elettronico gigantesco dove erano custodite informazioni riservate su tredici milioni di utenze telefoniche. Per qualcuno Genchi è un eroe e un martire della legalità, per altri un abile e pericoloso manipolatore. Poi ci sono quelli che lo temono, quelli che lo vogliono vedere in galera, quelli che lo implorano di non esporsi così tanto nella lotta al Male. Chi è davvero Gioacchino

Pd, disponibilità allo slittamento del referendum

Berlusconi, ricostruzione in Abruzzo in 5 o 6 mesi

ROMA -Il Pd,sul referendum, aspetta ''parole chiare dal governo e dalla maggioranza e da' la sua disponibilità allo slittamento al 2010. Lo afferma in una nota, denunciando la ''gravissima scelta'' di impedire l'accorpamento con le europee e amministrative. Il Pd -prosegue la nota- ha dato la propria disponibilita' a votare il 21/6, con un risparmio minore, ma significativo.

ROMA - Ricostruzione in Abruzzo in tempi da record, cinque o sei mesi al massimo: lo ha promesso Berlusconi in una intervista alla Radio Vaticana. ''La cosa importante adesso - ha affermato - e' che noi riusciamo nell'opera di approntamento di nuove case e di ricostruzione ad avere tempi brevi, perche' la permanenza in tenda non puo' prolungarsi troppo''.

Genchi? Perché Genchi è indagato se ha sempre collaborato con i magistrati? I Pm romani intendono verificare in che modo, quanto tempo fa, in riferimento a quali inchieste, il consulente palermitano abbia raccolto le centinaia di milioni di dati di cui è anche attualmente in possesso e sui quali continua a operare. Genchi è stato accusato, dalla Procura i Roma, di aver, nella consulenza per Luigi De Magistris, acquisito in modo regolare dati (tabulati di parlamentari e di membri dei Servizi di sicurezza) dei quali avrebbe dovuto però spogliarsi appena individuatane la natura. Invece, sostiene l'accusa, il consulente dell'allora Pm di Catanzaro avrebbe proseguito ricerche, analisi, incroci di dati e acquisito nuovi tabulati. Avrebbe inoltre illecitamente estratto dati dagli archivi delle Entrate. Ancora oggi molte Procure e Tribunali considerano ancora Genchi il miglior consulente su piazza perché negli Anni 90 il poliziotto con il bernoccolo dell'informatica è stato un indubbio precursore di tecniche di analisi su tracce elettroniche, telematiche, telefoniche, grazie all'incrocio di anagrafiche, mappe satellitari, dati sanitari, tabulati telefonici, e.mail ecc. Per alcuni Pubblici ministeri è un consulente come tanti; per altri, invece, è un'arma letale da usare contro il malaffare, la Casta corrotta, la “zona grigia” che si collega alla mafia. Re.P.

3 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


REGIONE Il 6 e il 7 giugno prossimi in corsa per un seggio a Strasburgo con l’Italia dei Valori l’avvocato di Campomarino Erminia Gatti, candidata nella circoscrizione meridionale

L’ex pm di “mani pulite” Tonino Di Pietro capolista in tutta Italia Se eletto il montenerese dovrà decidere se restare a Montecitorio Critico Franceschini per la scelta dell’alleato

Aldo Patriciello eurodeputato uscente ci riprova Ripescato dopo le dimissioni del segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa, adesso ritenta l’impresa con il Pdl

Le Europee si tingono di rosa CAMPOBASSO – Al momento sono tre i candidati molisani in corsa per le elezioni europee che si terranno insieme alle consultazioni amministrative il 6 e 7 giugno prossimi. Scenderà nuovamente in campo, stavolta non con l’Udc ma con il Popolo delle Libertà, l’eurodeputato uscente Aldo Patriciello. Can-

4 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

didato nella circoscrizione meridionale, nelle scorse elezioni aveva mancato il seggio per un soffio. Poi grazie alle dimissioni del segretario nazionale dell’Udc Lorenzo Cesa eletto anche a Montecitorio, era stato ripescato nel Parlamento di Strasburgo. In corsa pure Antonio Di Pietro. Per questa candidatura gli sono

Fiom, arriva la norma salva manager ROMA - Arriva la norma ''salva-manager' dalle responsabilità nella delicata materia della sicurezza sul lavoro, una sorta di 'lodo Alfano'.Fiom Cgil che sottolinea come la norma può ribaltare l'esito di processi come quello sul rogo della Thyssen Krupp. La Fiom Cgil punta il dito contro la riformulazione dell'art. 10 bis del Testo unico sulla sicurezza sul lavoro.

piovute addosso le critiche di Dario Franceschini, numero uno del Partito democratico. L’ex pm di mani pulite infatti una volta eletto in Europa (ma l’Idv dovrà superare la soglia del 4%) dovrà rinunciare allo scranno se vorrà conservare quello di Montecitorio. A questo punto favorita è l’avvocato Erminia Gatti, tre figli, di

Campomarino, specializzata in diritto amministrativo, alla sua prima esperienza politica. Ma da sempre dipietrista della prima ora. Un valore aggiunto per l’Italia dei Valori, il partito di riferimento che l’ha scelta perché donna e perché fuori dalla solita nomenclatura. Lei, a proposito della sua scesa in campo, dice: è una sfida che ac-

cetto con grande umiltà ma anche con senso di responsabilità nella quale spero di poter trasferire le competenze professionali che ho acquisito finora, ma con l’approccio tipicamente femminile ai problemi della società politica e civile. Di Pietro punta molto su di lei per dare un forte segnale al Molise: più spazio al ricambio generazionale.

Pinar, Maroni rispetti le regole VARESE - ''Malta prende contributi come tutti i Paesi per fare interventi che dobbiamo fare noi''.Lo ha detto Maroni, a proposito della nave Pilar. ''Ragioni di carattere umanitario ci hanno indotto ad accogliere questi immigratiha proseguito il ministro rispondendo ai giornalisti a proposito della nave con a bordo 144 migranti.


REGIONE

Il terzo polo punta su Di Niro che sfida alle comunali Massa, Romano e Izzi

Centrosinistra, corsa ad ostacoli Fallisce miseramente il tentativo di ricompatttare la coalizione che governa la città di Campobasso da 14 anni CAMPOBASSO – Anche l’ultimo appello all’unità è miseramente caduto nel vuoto. Il centrosinistra si presenta diviso alle elezioni per il rinnovo del Consiglio di Palazzo San

Giorgio. Altro che gruppone: l’ex ministro Di Pietro non ha risposto alla chiamata e corre da solo con Massimo Romano capolista. Augusto Massa, uscito vincitore dalle primarie del Pd, dopo la legittimazione popolare non ha nessuna intenzione di abbandonare il sogno di tornare a governare la città. Adriana Izzi, l’unica donna in corsa per la poltrona più ambita del Municipio pare non voglia mollare la presa. Resta in piedi anche il terzo polo ancora incartato sul nome del capolista. Ufficialmente non è stato designato: ma sarà Gaetano Di Niro a guidare le tre liste del gruppo. Tra domani e giovedì la conferenza stampa per rendere pubblica la scelta dell’ingegnere campobassano con un passato da assessore comunale alla viabilità. Momento cruciale per il leader della

‘Lampadina’ che dovrà aggregare quante più anime attorno al suo nome e tentare allargare il raggio d’azione che ora può contare sulla sua lista, quella di Primavera democratica e quella di Verdi e Sdi. Per Gaetano Di Niro è ancora tutto possibile “Fino alla presentazione delle liste possono cambiare ancora molte cose e se l’idea dell’unitarietà sembra ormai sfumata, più percorribile è la strada di fare attirare attorno al nostro gruppo quante più persone possibili e siccome pensiamo che le elezioni si concluderanno solo al ballottaggio sarà il caso di trovare già da ora il metodo di accordarci all’interno del centrosinistra”. Gaetano Di Niro è piuttosto entusiasta della missione che sta per intraprendere anche se il suo nome in un primo momento non aveva non aveva provocato fuochi

d’artificio. Soprattutto quando si era parlato di lui come l’uomo che doveva aggregare il centrosinistra. Ai tavoli della coalizione, più di qualcuno aveva storto il muso e aveva sollevato i dubbi sulla candidatura a sindaco dell’ex assessore di Palazzo San Giorgio ‘fatto fuori’ in quattro e quattr’otto da Di Fabio. Dubbi che scoraggiarono l’operazione. “Niente di fatto - si disse all’epoca – serve un’altra persona che metta tutti d’accordo”. In realtà si scelse un’altra strada: invece di trovare il candidato che accontentasse anche l’incontentabile Di Pietro, ogni gruppo decise di andare per fatti suoi. Il Pd andò avanti con le primarie che premiarono Augusto Massa. Nessuno spiraglio di trattativa con l’Italia dei Valori ancorata a Massimo Romano. Nonostante le reticenze ar-

L’assessore Fusco Perrella incontra la“Pafrè”

Ventinove punti nell’odg del Consiglio

C AMPOBASSO – L’assessore regionale al Lavoro Angiolina Fusco Perrella ha incontrato ieri mattina i rappresentanti e i lavoratori dell’azienda “Pafrè” per fare il punto della situazione e trovare eventuali soluzioni per i dipendenti licenziati a seguito della chiusura della sede di Bojano. La riunione è stata aggiornata al 22 aprile.

CAMPOBASSO – Varianti al Piano regolatore di Campobasso, designazione di quattro membri in rappresentanza della Regione in seno alla Finmolise Spa. All’ordine del giorno del consiglio di Palazzo Moffa di questa mattina. Anche un’interrogazione con la quale si chiede di semplificare gli adempimenti amministrativi in favore dei disabili.

rivate anche dall’interno del partito dell’ex ministro Di Pietro è rimasto della sua posizione con o senza il consenso plebiscitario. Il terzo polo tra conferme e passi indietro aveva scelto Giuseppe Biscardi: l’uomo di sinistra, che avrebbe dovuto mettere d’accordo le vaie voci all’interno del gruppo compresa quella dei dissidenti del Pd e di qualche democristiano che ha fatto carriera. Ma la ‘nomination’ è durata poco: le perplessità hanno avuto la meglio e il figlio dell’ex senatore si è ritirato dalle scene ancora prima di scendere in campo. A corto di persone disposte a combattere mettendo in conto un’alta percentuale di sconfitta, la scelta è ricaduta su Gaetano Di Niro che ha deciso di accettare la scommessa. jr

5 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


CAMPOBASSO Su un annuncio il numero di un conto corrente falso per i terremotati in Abruzzo

Truffe online, denunciato un siciliano L’operazione è stata portata a termine dalla polizia postale di Campobasso e Catania CAMPOBASSO – Volevano indurre ignari cittadini a versare somme di denaro da destinare ai terremotati d’Abruzzo. Per questo motivo la polizia postale del Molise insieme a quella di Catania ha denunciato il titolare di un sito di annunci della provincia di Torino.

E’ avvenuto nelle giornate immediatamente successive al grave sisma che ha colpito la città de L’Aquila. Le indagini della polpost sono state avviate prevedendo la possibilità del realizzazione di attività illecite relative ad individuare fenomeni di sciacallaggio informatico. L’avviso incriminato è stato pubblicato nella giornata dell’8 aprile. In quest’ultimo si invitavano i navigatori della rete ad effettuare versamenti su un c/c bancario a beneficio dei terremotati. Le indagini sono state avviate immediatamente. La polpost ha immediatamente deciso di oscurare l’annuncio e permesso di procedere alla identificazione del presunto autore della truffa. Con-

Esami truccati, gli avvocati si difendono CAMPOBASSO – “La categoria degli avvocati molisani è pulita. Le mele marce sono un po’ ovunque”. La dichiarazione del presidente dell’ordine Demetrio Rivellino in seguito allo scandalo scoppiato sull’esame scritto che si svolse nel dicembre 2007. In quell’occasione ben 38 aspiranti legali hanno falsificato le loro prove. Tre compiti riguardanti due pareri legali ed un atto vero e proprio. Tutti gli indagati avrebbero copiato i loro elaborati. In un caso un atto sarebbe stato riprodotto in ogni sua parte. Non tutti però sono coinvolti nell’inchiesta allo stesso modo. Alcuni non avrebbero copiato tutte le prove dell’esame scritto. Ora che le indagini della Procura di Campobasso sono state ufficialmente chiuse gli avvocati dei due avranno venti giorni di tempo per presentare le loro memorie difensive. Se non dovessero emergere novità sostanziali il titolare dell’inchiesta, il sostituto procuratore Rossana Venditti, potrebbe richiedere per tutti il rinvio a giudizio. Le accuse vanno da tentata truffa ad attribuzione a se stesso elaborati altrui. Due accuse pesanti per i 38 aspiranti legali. Capi d’imputazione che potrebbero mettere a rischio il superamento finale dell’esame. Infatti chi di questi 38 ha superato l’esame scritto con queste modalità rischia di non essere ammesso lo stesso agli orali. Il presidente dell’ordine sostiene che la categoria molisana è pulita. Ma i dati dell’inchiesta dimostrerebbero altro. Infatti la maggior parte degli indagati è residente in provincia. Gli altri provenienti da fuori regione avevano comunque sostenuto la pratica legale (che dura 24 mesi) presso studi legali di Campobasso. VivP

8 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

testualmente, si è provveduto a dare esecuzione al provvedimento di sequestro preventivo delle somme presenti sul c/c., ed al sequestro dei dati telematici. All’interno dello stesso annuncio era pubblicizzato il sito di una presunta banca on-line, rivelatasi inesistente. Accedendo al sito, gli utenti erano invogliati a procedere al versamento di depositi bancari a zero spese ed al fine di essere contattati dal personale della banca. Erano richiesti oltre che i dati anagrafici, anche i codici relativi alle carte di credito possedute, con il chiaro intento, una volta in possesso dei dati, di procedere all’utilizzo fraudolento delle carte. Viviana Pizzi

Rubano auto, due romeni in manette Il furto a Bojano.La Punto rinvenuta a Ripalimosani CAMPOBASSO – Furto aggravato in concorso: è il reato di cui devono rispondere, B.M.A. e G.A., due romeni rispettivamente di 21 e 22 anni. I due avevano deciso di rubare un’utilitaria forse per rientrare nella località di attuale dimora o per utilizzarla al fine di commettere qualche altro reato. I due soggetti, nelle prime ore della mattinata di ieri hanno rubato una Fiat Panda a Bojano. A bordo della stessa si sono allontanati in direzione del capoluogo. Il conducente era pure senza patente perché mai conseguita. I due ladri, però, avevano fatto i conti con i controlli dei carabinieri per contrastare anche questo tipo di furti. Per loro sfortuna, una pattuglia di carabinieri ha intercettato la Fiat Panda in località Taverna del Cortile del Comune di Ripalimosani. Erano coordinati dal tenente Giuseppe Capoluogo. Alla vista della pattuglia, i due ladri hanno tentato una rapida, ma

inutile fuga. Subito dopo infatti, sono stati condotti in caserma per gli accertamenti del caso. La Fiat Panda è stata riconsegnata alla legittima proprietaria.

Per loro si sono aperte le porte del carcere di questa via Cavour. Nella giornata di oggi si svolgerà il processo per direttissima. Vivip

Occupa un appartamento Iacp, 35enne nei guai

Terremoto, verifica stabile in via Cannarsa

SANTA CROCE DI MAGLIANO - Danneggiamento aggravato ed invasione di terreni o edifici. Per questo motivo C.L. 35enne è stato denunciato all’autorità giudiziaria. L’uomo aveva tentato di occupare abusivamente un edificio dell’Istituto autonomo case popolari.

TERMOLI – La psicosi terremoto sta coinvolgendo tutti, da strutture pubbliche a privati. Una pattuglia di vigili del fuoco si è recata nella tarda serata di ieri in via Cannarsa per una verifica ad uno stabile di undici piani. Si teme il rischio agibilità.


CAMPOBASSO

Terminal, quando si apriranno le porte? La struttura rimane ancora chiusa nonostante i lavori siano terminati CAMPOBASSO- Il terminal degli autobus extraurbani: una struttura progettata in maniera avveniristica qualche decennio fa e proprio per questo ancora attuale e potenzialmente funzionale, degna di essere il punto di arrivo per i viaggiatori diretti al capoluogo regionale. Eppure…..Il terminal non parte, nonostante si sia arrivati ad un punto di svolta ovvero l’individuazione della S.E.A.C. quale soggetto che gestirà materialmente la struttura. Il nodo da sciogliere era il quantum: ovvero la somma che la S.E.A.C. doveva corrispondere al Comune per la gestione del terminal. Individuato il quantum di cui sopra, si è deciso di detrarre da questa somma i soldi necessari a risistemare la struttura stessa, lasciata in abbandono per anni. L’accordo dunque è concluso, si può finalmente partire. E’ allora perché il

terminal giace ancora lì, con i suoi prefabbricati e con le sue gravi carenze , a recitare la parte della classica cattedrale nel deserto? Ma la cosa che lascia ancora più perplessi è che solo pochi giorni fa il Sindaco Di Fabio ha annunciato i nuovi lavori di costruzione del tunnel di collegamento tra il Terminal e il centro cittadino. Prima ancora di iniziare dei lavori che con molta probabilità dureranno altri 30 anni, per i più pessimisti non termineranno mai, non sarebbe stato più opportuno sistemare l’attuale? La politica degli annunci, specie durante una campagna elettorale lascia il tempo che trova. I cittadini di Campobasso, anche quelli dell’intera Regione sono stufi di aspettare all’addiaccio gli autobus, l’inverno ormai è passato ma delle lamentele ancora se ne ode l’eco. G.T.

Una citta’ piena di “trappole”

CAMPOBASSO- Si era detto e scritto diversi mesi addietro, che le strade cittadine di Campobasso fossero in qualche modo delle vere e proprie “trappole” per pedoni, auto-

mobilisti, centauri e ciclisti. Ovunque, all’improvviso, nel bel mezzo della gareggiata, spuntano i “lavori in corso”. Vuoi che il problema sia rappresentato dalle croniche per-

Progetto Moli-sani in mostra CAMPOBASSO- Dodici mesi in compagnia della ricerca. È questa l’anima del calendario 2009 del progetto Moli-sani che anche quest’anno mette in mostra gli scatti inediti di un’iniziativa giunta al suo quinto anniversario. Il ta-glio del nastro per l’esposizione è in programma mercoledì 22 aprile nei locali dell’enoteca “La Dolce Vita” in viale Elena a Campobasso, alle ore 18,00.

dite della rete idrica, vuoi che ogni tanto bisogna fare qualche “rappezzatura” dell’asfalto, si assiste quotidianamente alla apertura di trincee e scavi che oltre a rallentare il traffico cittadino rappresentano dei veri e propri pericoli alla circolazione stradale. Nonostante tutto anche oggi si assiste ai cosiddetti lavori di manutenzione stradale che, a dispetto delle più elementari norme di sicurezza, rimangono ancora delle trappole. Da alcune settimane la strada che conduce ai Licei di Vazzieri è interessata da lavori. Di giorno, a parte il disagio causato agli automobilisti, l’evidenza è alquanto palese. La sera rimane drammatica, causa anche la scarsa illuminazione pubblica, per gli automobilisti è un rischio, i cartelli che segnalano i lavori in corso si parano davanti al cofano delle auto all’improvviso, la totale assenza di segnali luminosi, previsti del resto dal codice della strada, potrebbe causare seri incidenti con conseguenze anche gravi.

Giornata nazionale delle Oasi Wwf CAMPOBASSO- All'Oasi di Guardiaregia-Campochiaro, la Sezione Wwf di Campobasso ha accolto un buon numero di visitatori che, nonostante il maltempo, hanno percorso il sentiero-natura ed hanno poi assistito alla liberazione di due rapaci, un gheppio ed una poiana.Un concerto di musica jazz nei locali messi a disposizione dal Comune di Guardiaregia ha concluso la manifestazione.

9 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


CAMPOBASSO Un coordinamento di commercianti fa appello alle istituzioni locali

Lavori su Ingotte Aziende preoccupate Chiedono di non chiudere la strada durante la realizzazione del viadotto fatto saltare nel ‘97 dopo una frana A breve avranno inizio i lavori di ricostruzione del ‘Viadotto Ingotte’, lungo la Strada Statale 647, in località Lama del Gallo che rientra nel comune di Ripalimosani. Tutte le aziende con sede operativa sulla Ss 647 temono che per la realizzazione dei lavori l’Anas possa interrompere la viabilità sul tratto di strada interessato e deviare il traffico su altra direttrice. Per scongiurare questa ipotesi si è costituito un coordinamento delle aziende, rappresentato da Rolando Mitri, che si è rivolto al Dirigente Anas per il Molise con una petizione che illustra i motivi della richiesta e le preoccupazioni di tutti gli operatori economici direttamente coinvolti. Ma anche le imprese che hanno sede nelle zone limitrofe hanno espresso forti preoccupazioni per un’eventuale interruzione del traffico. Nella richiesta inviata al capo compartimento Anas gli operatori

firmatari hanno, fra l’altro, fatto presente: “…che sul tratto di strada interessato dai lavori hanno sede numerose aziende, che impiegano circa 50 lavoratori, la cui attività dipende esclusivamente dal flusso di persone che transitano sulla 647. Una eventuale e prolungata interruzione di tale flusso provoche-

rebbe un danno irreversibile, che potrebbe pregiudicare sia la conservazione dei posti di lavoro, sia la sopravvivenza delle aziende stesse”. “Siamo consapevoli dell’importanza dei lavori finalizzati alla costruzione dell'opera, che sostituirà la bretella provvisoria – hanno, inoltre, dichiarato gli im-

prenditori - ma è fondamentale che essi vengano realizzati salvaguardando i posti di lavoro, a maggior ragione in una fase di crisi come quella che l’economia in generale sta attraversando”.

Il coordinamento delle aziende chiede pertanto che l’ente stradale elabori una variante che incida minimamente sul percorso esistente e che consenta, dunque, al pubblico di continuare a percorrere la Ss 647, non solo per le ragioni già esposte ma anche per evitare disservizi a tutti i cittadini che quotidianamente fruiscono di questo asse viario. La questione sono state interessate tutte le autorità territoriali: il presidente della giunta regionale, il presidente della Provincia di Campobasso, il Presidente della Camera di Commercio di Campobasso, il Presidente del Consiglio regionale e l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, i sindaci dei Comuni di Montagano e Ripalimosani, e le associazioni di categoria Confcommercio e Confesercenti.

L’ Anas spiega: l’opera è ancora in fase di progettazione CAMPOBASSO - Una situazione che metta d’accordo sia i commercianti che l’Anas ancora non è stata trovata. Però c’è ancora qualche mese per decidere come affrontare il problema di chi ha l’attività lungo la Statale 647 e che durante il periodo dei lavori lungo Ingotte potrebbe vedersi costretto a chiudere il negozio. Il capo compartimento dell’Anas mette le mani avanti e assicura che le attività non dovranno superare troppe difficoltà durante la ricostruzione

10 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

Tutto pronto per la festa di San Giorgio CAMPOBASSO – Tutto pronto per festeggiare il patrono di Campobasso, San Giorgio, festa che ricorre il 23 aprile. Il parroco dell’omonima chiesa di Campobasso, don Luigi Di Nardo, ha organizzato gli eventi religiosi in onore del Santo patrono per riportare in auge una ricorrenza che gli stessi campobassani avevano dimenticato.

del Viadotto perché la strada, se si dovrà chiudere lo si farà per brevi periodi o durante la notte. Insomma si farà il possibile affinché il comparto economico non resti soffocato. Ma ci vorrà ancora parecchio prima che i lavoratori dell’Ati (associazione temporanea di imprese) raggiungano il viadotto perché il progetto sarà pronto entro giugno poi ci sarà l’iter di approvazione dello stesso. Solo in un secondo momento verranno consegnati i lavori che dovrebbero concludersi, come da contratto, in 910 giorni.

Vacanze, numeri in crescita in Molise CAMPOBASSO – Ancora non togliamo i cappotti dall’armadio ma già si pensa alle vacanze estive. I numeri del turismo parlano chiaro e da una ricerca di Trademark Italia si scopre che gli italiani quest’anno . Gli italiani sceglieranno di rimanere lungo lo Stivale. La crisi ha scoraggiato gli appassionati delle mete esotiche a vantaggio delle nostre regioni, Molise compreso.


Clandestini, un arresto ed un’espulsione

Pozzilli, sindacalista muore investito da auto

ISERNIA - Un arresto ed un’espulsione. E’ il bilancio di un’operazione portata a termine dalla Questura. A subire il provvedimento S.J. di 26 anni e S.D. di 43 anni. I due sono stati trovati sprovvisti di qualsiasi documento. A pagina 15

ISERNIA – Alessandro Di Carlo è sceso dall’autobus per andare a lavorare alla Astec è stato travolto da una Smart guidata da una donna che si stava recando nella stessa azienda. A pagina 15

ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Isernia

“Vogliamo scuole sicure”

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A RAFFAELE MAURO Il tapiro, per la legge del contrappasso, spetta al presidente della Provincia Raffaele Mauro. Al contrario del primo cittadino il capo della Giunta di Palazzo Berta ha deciso la riapertura di tutti gli istituti delle scuole superiori. Questo perché tutti gli edifici sono stati giudicati agibili. Ma la decisione non è stata affatto gradita dai genitori degli studenti che, insieme ai loro figli, hanno organizzato un sit in di protesta davanti alla sede della Provincia. Il liceo scientifico, costruito per 400 studenti ne ospita 800 mentre il classico è stato costruito nel 1925 quando le norme antisismiche non dovevano essere rispettate. Tutti vogliono studiare tranquilli ma, a quanto pare, il problema non sfiora Raffaele Mauro.

L’OSCAR DEL GIORNO A GABRIELE MELOGLI L’oscar del giorno lo consegniamo quest’oggi nelle mani del sindaco Gabriele Melogli. Per il suo grande impegno nella risoluzione dei problemi relativi agli edifici delle scuole elementari e medie. Lo ha fatto insieme al vicesindaco Giovancarmine Mancini trovando soluzioni alternative per tutti in modo da garantire sia il diritto allo studio che l’incolumità degli studenti. La lezione dei terremoti di San Giuliano e de L’Aquila il comune di Isernia l’ha recepita in toto. Il sindaco Gabriele Melogli ha capito che per mandare gli studenti a scuola non basta il certificato di agibilità ma occorre anche quello antisismico non presente in quasi nessuna struttura del capoluogo pentro.

www.gazzettadelmolise.com 18.000 copie in omaggio


ISERNIA Gli alunni chiedono il certificato antisismico che nessun edificio possiede

Scuole sicure, mamme e studenti in piazza Il corteo ha percorso il centro della città per arrivare a palazzo Berta Delegazione ricevuta dal presidente Mauro ISERNIA - Mentre le scuole elementari e medie, con l’attenzione palesata dal sindaco Melogli e dal vicesindaco Mancini, hanno trovato delle soluzioni alternative per consentire agli alunni lo svolgimento delle lezioni in strutture più sicure

(cercando di spostare l’orario delle lezioni, con turni pomeridiani, giungendo fino al trasferimento di intere scolaresche come il caso della elementare Ignazio Silone presso l’istituto tecnico industriale e il centro anziani), l’attenzione si sposta ora sulle scuole superiori di competenza della Provincia. Ieri mattina si è tenuto un corteo con gli studenti e le mamme degli alunni che ha percorso il centro cittadino per approdare davanti al palazzo provinciale in via Berta con una delegazione che è salita al sesto piano per incontrare il presidente Mauro. Le richieste di alunni e genitori vanno nella direzione della totale sicurezza delle scuole. Non basta solo il certificato di agibilità come ribadiamo da diversi giorni, è necessario il certificato antisismico che nessuna scuola possiede. Oggi non è rimandabile la sicurezza degli

Corso Garibaldi,Voria convoca il tavolo di lavoro ISERNIA - L’assessore all’urbanistica, Celestino Voria, ha convocato un tavolo di concertazione per discutere il progetto preliminare di riqualificazione di corso Garibaldi. La riunione si terrà giovedì prossimo, alle ore 17, presso la sala consiliare del Comune. Si tratta dell’incontro già fissato per lo scorso 7 aprile e poi rinviato a causa del sisma che ha colpito l’Abruzzo. Al tavolo sono stati invitati il sindaco e il presidente del consiglio comunale, gli ordini degli ingegneri e degli architetti, i com-ponenti della giunta municipale e i consiglieri comunali, il presidente della camera di commercio e le associazioni dei costruttori edili, il collegio dei geometri e la Confesercenti.

14 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

Tagli alla scuola, sindaco preoccupato AGNONE – C’è apprensione per la riduzione drastica del personale docente che avverrà dal prossimo anno e che comporterà la perdita di moltissime unità lavorative. Fortemente preoccupato per i risvolti negativi per la nostra provincia e le aree montane della legge Gelmini il sindaco di Capracotta Antonio Monaco.

edifici scolastici, secondo i manifestanti, le scuole superiori non sono adeguate strutturalmente a garantire il minimo di sicurezza in caso di terremoto. Il liceo scientifico, omologato come struttura per ospitare circa 400 alunni, ne ospita oltre 800. Il liceo classico costruito nel 1925, sicuramente non possiede nessun certificato antisismico. L’istituto magistrale, presenta una situazione di forte precarietà strutturale evidenziata dagli stessi alunni e dai tecnici. Insomma è una situazione difficile a cui il presidente della provincia dovrà far fronte, e dare risposte esaustive, anche se è al termine del mandato e la patata bollente dalla seconda metà di giugno passerà al nuovo presidente. Tutti esigono la tranquillità di poter lavorare e studiare senza rischiare la propria vita. Kefa

Acqua Castelpizzuto, una storia da raccontare Il ricordo dell’ex presidente della Provincia Caranci Giuseppe Caranci* Nel corso del 2007, quando il già scarso apporto idrico di cui beneficiavano i cittadini di Castelpizzuto si andava riducendo, via via fino a scomparire, si accertò che qualcuno, alla chetichella, con una semplice ma efficace mossa si era impadronito della sorgente che originariamente alimentava il civico acquedotto. Era infatti bastato staccare la condotta di adduzione dalla sorgente principale, spostandosi poche decine di metri più a valle, per approvvigionarsi ad altra fonte, decisamente più povera e di dubbia potabilità. Immediata e tempestiva fu la denuncia presentata dal sindaco. Relativamente alla localizzazione della sorgente, non avrebbero dovuto esserci dubbi di sorta perché, indipendentemente da una copiosa documentazione, le strutture precedentemente realizzate a seguito di ripetuti e documentati interventi da parte dell’Amministrazione civica, anche se in buona parte poi rimosse per far spazio ai nuovi presunti “padroni”, costituivano di per se preziosa ed inequivocabile testimonianza. Ma, evidentemente, ciò non era bastato. Bisognava cercare ancora, mentre le

autobotti della Protezione Civile erano impegnate a portare acqua in un paese dove altri la prelevano e la vendono. Per alcuni mesi, si sono svolte indagini accurate condotte con rigore scientifico, arrivando a servirsi persino di un satellite. Si sono consultati enormi carteggi, si sono ascoltate tante testimonianze, cercando conferme. Poi la conclusione stupefacente: la sorgente sarà pure quella, per intenderci, che il Comune rivendica e che gli è stata sottratta, ma meglio archiviare il tutto. L’Amministrazione locale e l’avv. Gianni Perrotta che cura gli interessi del Comune, con impegno ed indiscussa professionalità, decidono di proseguire l’azione giudiziaria. Il provvedimento del Pm di Isernia viene impugnato presso la Procura Generale di Campobasso che accoglie il ricorso e, fatti gli accertamenti del caso, decide diversamente: la “Castellina” viene posta sotto sequestro e si indicano i presunti responsabili di gravi reati i cui nomi ben si conoscono. Si torna quindi a sperare, a credere in una giustizia più vera e più giusta. Ci si chiede soltanto: quelli che, non sappiano a che titolo, si sono impossessati della sorgente non dovrebbero essere ob-

bligati a lasciarla alla sua originaria destinazione? Inoltre, chi si appropria di qualsiasi bene senza averne diritto, può continuare a tenerselo impunemente e a trarne beneficio? Noi crediamo di no! Ma fin quando i diritti del Comune non troveranno pieno riconoscimento e non si tornerà a fruire della sorgente che già alimentava il civico acquedotto, resta la spada di Democle rappresentata dalla precarietà dell’approvvigionamento idrico, che può riproporsi in ogni momento in tutta la sua gravità. Dunque, una situazione difficile che pone una pesante ipoteca sul futuro del paese, e dalla quale, finora, inutilmente abbiamo cercato di venirne fuori. Per anni i cittadini di Castelpizzuto si sono rivolti alle istituzioni, a coloro che le rappresentano, a quelli che contano. Ma non hanno mai avuto risposte, forse perché vivono ai margini della società civile. Però vantano l’amore per la propria terra e sono custodi di valori antichi come l’onestà, la dignità, l’orgoglio. Senza indossare il saio di San Francesco, non chiedono nulla al di fuori di quel che già avevano: l’acqua. *ex presidente della Provincia

Comune, convocato il consiglio ISERNIA - Il presidente Domenico Testa ha convocato il Consiglio comunale per lunedì 27 aprile, alle ore 16. Undici gli argomenti in agenda con risposte alle interrogazioni. Tra i punti l’approvazione monetizzazione porticato pubblico sito nel fabbricato A del Comparto edificatorio Nunziatella.


ISERNIA L’incidente è avvenuto nella mattinata di ieri nei pressi del nucleo industriale di Pozzilli

Investito da un’auto, muore sindacalista Alessandro Di Carlo è sceso dall’autobus per andare a lavorare alla Astec E’ stato travolto da una Smart guidata da una donna

ISERNIA - Stava entrando in fabbrica quando è stato investito in pieno da un'auto. Alessandro Di Carlo, 45anni, sindacalista dalla Uil, è morto ieri mattina sul colpo a pochi metri dalla Astec, azienda del nucleo industriale di Pozzilli, in provincia di Isernia. L'uomo è stato centrato da una Smart guidata da una donna del posto, titolare di una ditta di pulizie. Anche lei si stava recando nella stessa azienda. Dalla ricostruzione effettuata dai carabinieri, il sindacalista era appena sceso da un autobus e si era diretto

Processo Di Bucci, assolti i medici ISERNIA – Assolti perché il reato non sussiste. Termina così il processo di primo grado nei confronti dei quattro medici accusati della morte di Francesca Di Bucci. La vita della ragazza è terminata nel 2001 a causa di un’infezione polmonare. I sanitari erano stati accusati di omicidio volontario. La decisione del giudice Elena Quaranta è stata presa dopo otto ore di camera di consiglio. Il pm aveva chiesto un anno e quattro mesi di reclusione per tutti e quattro gli imputati. Uno dei medici, prima delle discussioni di pm, parti civili e difesa ha reso dichiarazioni spontanee. Ha spiegato che la ragazza era morta a causa di una grave complicazione polmonare difficile da combattere con qualsiasi tipo di antibiotici. La tesi è stata sposata anche dall’avvocato difensore Arturo Messere. Le motivazioni del giudice verranno rese note tra sessanta giorni. Vivip

Lutto, il cordoglio della Uil provinciale ISERNIA - La segreteria provinciale della Uil, unitamente alle Segreterie di comparto dell’industria si uniscono al dolore che ha colpito la famiglia Di Carlo, per l’improvvisa e prematura scomparsa di Alessandro.“Persona splendida lavoratore sempre al servizio degli altri ed impegnato in prima persona nel mondo sindacale”.

a piedi verso i cancelli dell'industria metalmeccanica quando è stato investito. Nella zona non esistono attraversamenti pedonali e fermate degli autobus illuminate. Era stato proprio Di Carlo, come rappresentante sindacale della Uil, a denunciare un mese fa ai vertici del nucleo industriale la mancanza dei servizi minimi di sicurezza per gli operai pendolari. Qualche giorno fa aveva avviato anche una raccolta firme. Il quarantacinquenne, originario di Pietrabbondante lascia la moglie e due figli.

Immigrazione clandestina, un arresto ed un’espulsione ISERNIA - Un arresto ed un’espulsione. E’ il bilancio di un’operazione portata a termine dalla Questura. A subire il provvedimento S.J. di 26 anni e S.D. di 43 anni. I due sono stati trovati sprovvisti di qualsiasi documento di identificazione. Il primo è stato tratto in arresto perché con altre generalità era risultato inottemperante ad un precedente ordine del Questore di Caserta. Secondo quest’ultimo avrebbe dovuto lasciare il territorio nazionale entro cinque giorni. Nei confronti del secondo il Prefetto ha emesso soltanto un provvedimento di espulsione. Non c’erano però posti disponibili per identificarlo. Per questo il Questore di Isernia ha emesso un ordine formale a lasciare il territorio nazionale entro cinque giorni. Il giorno precedente è stato scarcerato dalla locale casa circondariale l’albanese L.M. di 27 anni. E’ avvenuto perché il giovane aveva espiato tutta la pena. Era stato arrestato 15 ottobre 2005 dalla Guardia di finanza della To-

scana per la violazione di cui all’art.73 D.P.R.309/90. Nei confronti dello straniero, sprovvisto di permesso di soggiorno, dopo gli accertamenti di rito eseguiti dall’ufficio

Isernia, iniziativa sul disagio giovanile ISERNIA - “Introspezioni”, è il titolo emblematico dell’evento che si è tenuto domenica nel capoluogo pentro. I giovani sempre al centro dell’attenzione per il disagio che è il simbolo di una comunicazione malata e di una carenza di dialogo profondo con sé e con le figure di riferimento.

immigrazione, il Prefetto di Isernia ha emanato un decreto di espulsione con accompagnamento coattivo alla frontiera di Bari. C.T.

15 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


TERMOLI La denuncia pubblica é del direttore responsabile di info@consumatori

A Termoli nuova ondata di cartelle pazze TERMOLI - Ancora cartelle pazze in Molise. Una quantità sproporzionata. La denuncia é di Massimiliano Orlando direttore responsabile di info@consumatori. Secondo quanto rportato in un suo documento, gli uffici dell’Agenzia delle Entrate sono sommersi di pratiche per richieste sbagliate. Addirittura non si riesce più neanche a contestare l’errore in giornata. Bisogna compilare una domanda in attesa di essere richiamati. I contribuenti ed i commercialisti sono infuriati e sfiancati da lunghe file agli sportelli. “Alla nostra redazione

sono arrivate decine di lamentele e disponiamo di prove inoppugnabili che, questa volta, in periodo natalizio, si é verificata un'anomalia per la quale chiediamo spiegazioni ai direttori dell'Agenzia delle Entrate e di Equitalia e, a mezzo stampa, chiediamo un interessamento del Prefetto. Quanto andiamo a raccontare è ampiamente documentato. Alla vigilia di Natale un’azienda di Termoli riceve un avviso bonario con il quale l’Agenzia delle Entrate contesta il mancato versamento di ritenute. L’imprenditore trova il pa-

I commercialisti annunciano nuovi arrivi relativi al modello 770/2006 riferito all'anno 2005. Sono per lo più sbagliate gamento, che era stato regolarmente effettuato, ed incarica il commercialista di recarsi all’Agenzia per far annullare la richiesta. Nell’arco di 18 mesi all’azienda di avvisi simili, tutti regolarmente sbagliati, ne erano arrivati già 3, e due ne sono arrivati tra i mesi di marzo ed aprile 2009. Una percentuale di errore del 100% su un totale di 6 avvisi.

Ricordiamo che dall’arrivo di un avviso bonario dell’Agenzia delle Entrate ci sono 30 giorni per sanare la richiesta con eventuale pagamento o, in caso di errore, per contestarne gli importi. A metà gennaio, nei termini previsti, il commercialista richiama il cliente: “E’ la prima volta che mi succede, ma l’Agenzia delle Entrare in prossimità della scadenza dell’anno e prima dello scadere dei 30 giorni, ha trasferito a ruolo gli importi e la rettifica dell’avviso bonario non è più possibile. Occorre attendere la notifica della cartella esattoriale da parte di Equitalia e successivamente effettuare richiesta di sgravio della medesima”. Quanto accaduto é gravissimo e viola lo Statuto del contribuente perché: 1) il contribuente in difetto, se non contesta il mancato ricevimento dell’avviso bonario, non ha la facoltà di avvalersi delle sanzioni ridotte, ma dovrà pagare quelle ordinarie; 2) il contri-

buente che invece ha pagato, ed è quindi vittima di un errore dell’Agenzia delle Entrate, vede recapitarsi una cartella esattoriale che, se non impugnata, innesca una serie di procedure esecutive quali: il fermo amministrativo di autoveicoli e motoveicoli, ipoteca, pignoramento immobiliare, pignoramento mobiliare, pignoramento dei crediti verso terzi. “I commercialisti da noi consultati per verificare altre eventuali anomalie, vanno anche oltre: ”Tanti nostri clienti hanno ricevuto direttamente la cartella da Equitalia, senza neanche l’avviso bonario dell’Agenzia. Una cosa assurda, inconcepibile. Né noi, né i nostri clienti abbiamo tempo da perdere appresso a loro. E quando non si ritrovano i documenti son dolori! Devi pagare e basta. Avvisiamo i cittadini che stanno arrivando una marea d cartelle sbaglate relative al modello 770/2006 riferito all'anno 2005. Sono per lo più sbagliate”.

Resta in carcere il 38enne accusato di violenza sessuale nei confronti della moglie L’uomo, durante l’interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso parte delle sue responsabilità LARINO – Rimane in carcere il 38enne accusato di violenza sessuale nei confronti della moglie. Lo ha stabilito il gip di Larino Aldo Aceto. L’uomo, durante l’interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso parte delle sue responsabilità. “Molto spesso – ha dichiarato il 38enne davanti al giudice – io e mia moglie abbiamo avuto rapporti sessuali consenzienti. Qualche volta l’ho minacciata e l’ho anche picchiata perché non andavamo d’accordo”. Fin qui le ammissioni dell’indagato.

18 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

Poi la netta smentita. “A mia moglie voglio bene – ha continuato davanti al giudice- non l’avrei mai violentata. Non l’avrei mai fatto”. Il confronto in carcere a Larino è continuato per circa un’ora. Successivamente il suo legale Michele Urbano ha chiesto la scarcerazione dell’uomo o in alternativa la reclusione agli arresti domiciliari. Il giudice non ha preso alcuna decisione perché non c’era nessun pm che potesse esprimere un parere. Oggi probabilmente il verdetto. Vivip

Richiesta ausiliari per ospedale BASSO MOLISE - La Asrem, zona Termoli e Larino, ha fatto richiesta di 22 ausiliari, 17 per l’ospedale San Timoteo e 5 per l’hospice, per un servizio della durata di 4 mesi. I lavoratori interessati dovranno recarsi presso i Centri per l’Impiego di Campobasso e Termoli o presso i Recapiti di appartenenza (solo in quelli aperti l’intera settimana ) il giorno 30 aprile dalle ore 8,30 alle ore 12.30, e nel pomeriggio dalle ore 15,30 alle ore 17,30.

Convegno su energie alternative TERMOLI – Giovedì alle 18, presso la Sala Adriatico dell'Università, organizzato dal Lions Club Termoli Host si terrà un convegno sul tema: “L'ambiente e la ricerca di Energie alternative”. Saranno presenti: Oreste Campopiano, presidente Lions; l'assessore regonale Gianfranco Vitagliano; il presidente della Camera di Commercio di Campobasso, Paolo Di Laura Frattura


TERMOLI Diga Piano dei limiti, incontro con il ministro Fitto La situazione sta per sbloccarsi. Sembra esserci infatti la volontà del Governo di risolvere una questione ingarbugliata ma di vitale importanza

PIANO DEI LIMTI – Sta per sbloccarsi la situazione per la realizzazione della diga di Piano dei Limiti. Il ministro per gli Affari Regionali Raffaele Fitto ha incontrato il presidente della Provincia di Foggia, Antonio Pepe; il presidente della Camera di Commercio Eliseo Zanasi; i sindaci dei Comuni di Carlantino, Vito Guerrera; Celenza Valfortore, Francesco Santoro; mentre é stato assente per motivi istituzionali il sindaco di Casalnuovo Monterotaro, Pasquale De Vita. Durante l'incontro é stata consegnata al Ministro una documentazione con la rimodulazione delle richieste di intervento infrastrutturali formulate dai Comuni a titolo di ristoro per l'esproprio dei terreni necessario alla costruzione dell'invaso. Fitto, dal canto suo, ha assicurato a nome del Governo la volontà di definire la soluzione di un problema estremamente complesso ma di vitale importanza per le popolazioni di Capitamata e Molise. Dunque si é aperto uno spiraglio per chiudere definitivamente la partita, anche se oltre che l’impegno del Governo nazionale è fondamentale quello del governo Pugliese ed in particolare la regione Molise.

Due sponde un mare: manifestazioni a Termoli TERMOLI - Mancano ormai pochi giorni alla cerimonia di apertura della quarta edizione del Festival Internazionale "Due sponde un mare". Il 24 aprile, con l'inaugurazione della "Casa dell'Adriatico", Termoli tornerà ad essere la capitale culturale primaverile del bacino Adriatico, con un programma ricchissimo di eventi che toccherà anche alcuni paesi limitrofi e le Isole Tremiti. L'organizzazione del Festival, in collaborazione con Il Comune di Termoli, ente promotore dell'evento, ha realizzato un cartellone straordinario con musica, danza, teatro, letteratura, cinema, arti visive, gastronomia, e cultura del mare; circa 50 eventi con artisti provenienti dalla Croazia, Italia, Albania, Slovenia, Bosnia, Grecia, Turchia, Serbia e Montenegro. Al programma principale del Festival si affiancano anche una sezione didattica con seminari giornalieri, un programma gastronomico, la rassegna nei club e quella itinerante, che porterà musica e allegria per le strade del Borgo Antico di Termoli e nei paesi vicini. Con il patrocinio del Ministero della Cultura e l'Ambasciata Croata, in collaborazione con la Regione Molise, Molise Live, la Provincia di Campobasso e i comuni di Montemitro, Campomarino, Montecilfone e delle Isole Tremiti, il Comune di Termoli ha affidato l'organizzazione ad uno degli artisti termolesi più affermati in Italia e all'estero, il musicista Luca Ciarla, che ha realizzato il cartellone avvalendosi di una commissione artistica che ha curato le varie sezioni. C'é quindi tanta attesa per il programma definitivo che verrà ufficializzato entro pochi giorni. In occasione del primo maggio balcanico, il Festival organizzerà anche una raccolta fondi per aiutare le istituzioni culturali abruzzesi colpite dal sisma.

Mancinelli presidente dell’Idv Larino LARINO – Stefano Mancinelli é il nuovo presidente della locale sezione Idv. Nella stessa seduta sono stati nominati i membri del direttivo: Nicola Anacoreta; Antono Di Bello; Remo Del Zoppo; Pasquale De Notariis; Andrea Del Zoppo; Laura Benedetta Giannone; Anna D’Ermes; Maria Libera Petriella; Chiara Petriella; Antonio Mancinelli; Giuliano Maglieri; Vincenzo Centra; Tesoriere Alberto Stelluti.

Vietri, continua l’azione di difesa A condurre la battaglia ancora il Comitato costituitosi di recente Per questa settimana è in programma un incontro pubblico al fine di informare la cittadinanza sulla situazione attuale della nostra sanità e sulle iniziative da porre in essere a breve termine. A tal proposito si fa presente che il Comitato è ben lieto di ricevere proposte utili alla causa per meglio organizzare nuove e più efficaci iniziative di lotta, in modo da evitare di “apparire” soltanto ma di “essere” concretamente. Intanto il Comitato, consapevole della bontà della propria proposta, insiste nel tentativo di persuadere le autorità competenti a compiere l’atto gestionale propedeutico per dare un futuro lungimirante

al nostro nosocomio e cioè l’attivazione di almeno un posto tecnico di rianimazione o terapia intensiva H24 e per sette giorni, con un numero adeguato di anestesisti e altro personale paramedico. Solo in questo modo si consente ad un Ospedale di essere tale. A riguardo ribadisce che gli anestesisti devono essere garantiti tramite adeguate assunzioni e non attraverso le prestazioni aggiuntive in linea con l’indirizzo di razionalizzazione della spesa sanitaria. Purtroppo si deve continuare a constatare una informazione artatamente voluta dai burattinai della politica sulla riorganizzazione della sanità molisana che disorienta l’opinione pubblica. Non si comprende da dove possa derivare il comportamento così spudorato di sedicenti giornalisti che tentano di far passare il messaggio che i “Comitati di protesta” siano solo demagogici e vadano azzittiti (desiderio anche di personaggi politici larinesi in cerca di visibilità e di accreditamenti), e la questione sanità debba essere argomento esclusivo di chi detiene quel potere che negli anni passati ha determinato il clamoroso fallimento gestionale della sanità molisana e non solo. L’opinione pubblica non può dare fiducia a coloro i quali, colpevoli e incapaci di garantire in modo adeguato i servizi essenziali, dovrebbero assumere il ruolo di riorganizzatori e di salvatori della sanità e assicurare il

Monsignor D’Ambrosio nuovo vescovo di Lecce SAN GIOVANNI ROTONDO – L'ex vescovo della diocsi Termoli – Larino e attualmente a San Giovanni Rotondo é il nuovo arcivescovo di Lecce. Dopo sei anni il presule lascia l'incarico della città dove riposano le spoglie di San Pio. Domenico D'Ambrosio prende il posto dell'arcivescovo Cosmo Francesco Ruppi, anche lui in precedenza aveva ricoper5to la carica di Vescovo della diocesi Termoli

diritto fondamentale alla salute di ogni cittadino. Fanno ridere alcuni articoli, vuoti di qualsiasi contenuto, che ritengono il processo di razionalizzazione della sanità debba passare attraverso i tagli dei posti letto, tra l’altro la nostra zona sotto questo aspetto è la più virtuosa. Ma il problema per risparmiare è purtroppo ben altro. E’da mesi che si cerca di far conoscere i termini esatti della questione. Il Comitato è favorevole alla razionalizzazione della sanità, purchè questa si realizzi prima di tutto attraverso il taglio degli sprechi, e cioè soppressioni di reparti doppioni presenti in uno stesso ospedale (due chirurgie con due primari al Cardarelli, due reparti con due primari di endoscopia al San Timoteo), eliminazione di primariati senza reparto (neurochirurgia al San Timoteo) e razionalizzazione delle nove strutture sanitarie pubbliche e private nell’area Campobasso-Isernia in modo da eliminare i tanti reparti doppioni in un raggio di pochi chilometri. Purtroppo però tutto rimane così com’è per dare “sistemazione” a parenti, ad amici ed a grandi elettori. Non si riesce a comprendere quindi come un sistema sanitario così organizzato possa garantire prestazioni sanitarie di qualità ed attenuare il grosso male della mobilità passiva che pregiudica il futuro della sopravvivenza della sanità molisana. Il Comitato Civico Pro Vietri

19 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


S P O RT CALCIO SERIE D

Giornata amara per i colori molisani Il punto sul trentesimo turno Il Casoli espugna il Romagnoli CAMPOBASSO - Un mese fa Fano era a +10, a Pasqua era solo a +1, dopo il primo tempo di ieri era risalito a +4, alla fine si è ritrovato a –1. Una realtà amara ma le conseguenze potrebbero esserlo di più. A meno che l’entusiasmo per le sei vittorie in fila e il riconquistato primato non faccia girare la testa alla Pro Vasto. E che invece il Fano, scavandosi dentro, non trovi le energie per dimostrarsi più forte di tutto. Dei suoi errori e di quelli altrui. Quello che era accaduto in diverse partite e soprattutto di recente aveva fatto pensare male, quello che è successo nella partita contro il Morro d’Oro farebbe invece venire voglia di pensare ad altro. Di sicuro i segnali vanno adesso tutti in una direzione e i gol (o autogol) in dirittura d’arrivo degli abruzzesi sono in questo senso illuminanti. A farne le spese ieri la Maceratese, che nel primo tempo ha difeso bene il sollecito vantaggio, ma che strada facendo si è dovuta assoggettare. Biancorossi ora di nuovo ultimi, agganciati dal Grottammare che per non finire in Eccellenza ha bisogno di fare punti ovunque e soprattutto in casa. Il successo sul Trivento indica la strada. Lì in fondo resiste il terzultimo posto del Montecchio, che ha avuto la disavventura di trovare un’Angolana ancora motivata, mentre l’Elpidiense Cascinare lascia ad altri il cerino play out con un risultato che ha il potere

non trascurabile di confinare il Canistro agli spareggi. E che fosse cominciata male e sia invece finita in gloria, può dare una spinta in più alla squadra di Clerici. Restando in tema, il pareggio fra Tolentino e Centobuchi serve poco ai cremisi e non può soddisfare appieno la squadra di Fontana, che aveva colpito per prima e che è stata raggiunta solo nel finale. Procede quasi per inerzia la Recanatese, che si toglie lo sfizio di rimontare un’Agnonese sempre a suo agio quando gioca in casa sua. I risultati: Chieti - Santegidiese 1-0; Elpidiense - Canistro 4-1; Fano - Morro d'Oro 1-1; Grottammare - Atletico Trivento 1-0; Maceratese - Pro Vasto 1-2; N. Campobasso - Casoli 0-1; Olimpia Agnonese - Recanatese; RC Angolana - Real Montecchio 2-1; Tolentino - Centobuchi 1-1. Classifica: Pro Vasto 59; Fano 58; Casoli 53; RC Angolana 51; Olimpia. Agnonese 47; Chieti 46; N. Campobasso 44; Recanatese 42; Santegdiese 41; Atletico Trivento 40; Morro d'Oro 36; Centobuchi 34; Elpidiense 33; Tolentino 32; Canistro 28; Real Montecchio 25; Maceratese, Grottammare 23. Prossimo Turno: Canistro - Chieti; Atletico Trivento - Elpidiense; Recanatese Fano; Morro d'Oro - Grottammare; Casoli - Maceratese; Centobuchi - N. Campobasso; Pro Vasto - Olimpia Agnonese; Santegidiese - RC Angolana; Real Montecchio - Tolentino.

CAMPOBASSO - Il Casoli dell'ex Silvio Paolucci vìola il Nuovo Romagnoli (1-0) e rafforza la terza posizione in classifica. La formazione abruzzese, ben messa in campo dal tecnico (che ieri, squalificato, ha assistito al match dalla tribuna) nel primo tempo ha schiacciato gli avversari nella propria metà campo. Nella seconda frazione di gioco invece è riuscita, senza sforzarsi più di tanto, a controllare il risultato. Prima del fischio d’inizio è stato osservato un minuto di riposo per ricordare le vittime del terremoto che ha duramente colpito la popolazione abruzzese. L'inizio della gara è tutto a favore degli ospiti che già al 9' si rendono pericolosi: Pulcini, servito da Covelli, colpisce la palla di testa che va a sbattere sotto la traversa. La sfera danza sulla linea di porta prima di essere spazzata da un difensore campobassano. Al 12' è di nuovo il Casoli a sfiorare il vantaggio: Covelli si invola verso l'area avversaria e fa partire un bolide che si spegne di poco a lato. Al 23' altra occasionissima per il Casoli. Gli abruzzesi recupe-

rano un pallone a metà campo con Ferraioli, il numero 10 del Casoli si invola verso la porta avversaria e una volta davanti al portiere spara sopra la traversa tra l'incredulità dei suoi compagni. Alla mezz'ora il meritato vantaggio: Covelli batte una punizione, sponda di testa di Romano e Pulcini, lasciato solo dagli avversari, insacca senza problemi alle spalle di Cavaliere. Il goal galvanizza la formazione ieri in gialloblu che sul finale di tempo ancora una volta con Covelli (tiro sul fondo) sfiora il raddoppio. Nella ripresa Trillini inserisce Majella e Todino (mossa tardiva). Il Casoli però, riesce a controllare le avanzate avversarie ed anzi, si rende anche pericoloso. Al 69' l'episodio che potrebbe cambiare le sorti del match: Majella entra in area e viene messo a terra da un avversario. Il direttore di gara indica direttamente il dischetto ma l'assistente di linea chiama un fuorigioco e così l'arbitro assegna una punizione al Casoli tra le proteste dei giocatori di casa. Negli ultimi minuti il Campobasso prova a pungere, ma con scarsi risultati.

L’Olympia Agnonese pareggia Brutte sconfitte per Trivento e Venafro AGNONE - La Recanatese strappa un punto importantissimo sul difficile campo dell'Olimpia Agnonese. Una gara sofferta per gli uomini di Mobili che proprio nel finale si salvano grazie ad un intervento straordinario di Loris Cantarini su di un colpo di testa ravvicinato di Ruggieri. Un punto, dunque, che permette ai marchigiani di proseguire la marcia verso una tranquilla salvezza. Gara senza grandi sussulti quella che le due formazioni hanno offerto nei primi 45 minuti. Il primo vero sussulto del match giunge al 34' quando Di Vito, servito al limite dell'area da Siciliano, fa partire un sinistro che impegna severamente Cantarini, costretto a stendersi per salvare in angolo. Tre minuti dopo Pica ci prova direttamente su calcio piazzato con la sfera che fa la barba al palo. Nei minuti finali da segnalare un gol annullato all'attaccante Antenucci pescato in posizione di fuori-

20 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

gioco. Nella ripresa i padroni di casa affondano al 48'. Ruggieri al limite dell'area spizza di testa un pallone per Di Vito, controllo a seguire dell'esterno di casa che con un diagonale chirurgico di sinistro batte Cantarini. I leopardiani hanno l'occasione buona per pareggiare tre minuti più tardi. Pica viene lanciato a rete dalle retrovie e si ritrova a tu per tu con Rimi ma al momento di calciare si fa anticipare da Ciarlariello, partito in netto ritardo. Al 68' capovolgimento di fronte e l'undici di Mobili perviene al pareggio: Pica buca la difesa granata con un assist che trova pronto in area Meschini, lo juniores arpiona la sfera e in velocità batte Rimi in uscita. Nei minuti finali capitan Salvatelli e soci in difesa gestiscono al meglio l'assalto dei locali che prima con Siciliano colgono la traversa (73'), poi con Ruggieri all'86' non riescono a superare uno strepitoso Cantarini.

GROTTAMMARE - Si riaccende la speranza per il Grottammare che supera il Trivento in una partita maschia e nervosa (un espulso ed otto ammoniti) in cui ha tirato davvero fuori tutto il carattere necessario. Gli ospiti si sono battuti come hanno potuto, nonostante gli infortuni abbiano costretto in mezzora ad uscire i due cardini della difesa, Ciafardini e Voria. Addirittura quest’ultimo ha provocato il gol dei biancocelesti, rimanendo a terra con il ginocchio dolorante, mentre Di Felice fuggiva in contropiede, al 31’. La cronaca inizia al 2’ con Maraschio che approfitta dell’errore di Gentile, ma il tiro è alto di poco. Al 20’ azione di Maccagnan che serve Di Felice in area: esce Quintigliano e para. Al 24’ insiste il Grottammare con Vrioni che schiaccia di testa su cross di Marcatili, ma trova ancora il portiere molisano che smanaccia sulla traversa e l’occasione sfuma. Al 31’ il gol: Di Felice che vola per trenta metri grazie all’infortunio di Voria ed infila il portiere in uscita con un diagonale angolato. Nella ripresa ancora un contropiede Di Felice-Maccagnan, ma Maraschio, solo in area, non viene servito. Cerca di reagire il Trivento che ottiene solo un tiro su punizione al 40’ con Incitti, tiro che si spegne sulla barriera. Al 51’ azione di Vrioni che viene servito tutto solo al limite dell’area da Maccagnan, ma scivola e non riesce a concludere. Al 53’ Maraschio salta due avversari,

riesce a superare anche il portiere, sulla linea trova però Gentile che ricaccia il pallone destinato ad entrare. Al 56’ Di Felice crossa in area, nessuno è lesto a spingere il pallone in rete. Al 65’ ancora una splendida azione con Del Moro che si libera di due avversari e smarca al centro dell’area Vrioni; il pallonetto del mediano è troppo corto e sulla linea riesce a salvare ancora una volta Gentile. Al 71’ viene ingiustamente espulso il Dt biancoceleste Pino Aniello per proteste, dopo che l’arbitro aveva negato un evidente corner e dopo che la panchina ospite aveva requisito un pallone per velocizzare la ripresa del gioco. All’84’ ancora Vrioni protagonista con un tiro a colpo sicuro da non più di sei metri: il portiere compie ancora un prodigio e riesce a respingere con i pugni. La partita si spegne con il Grottammare ancora in avanti alla ricerca del raddoppio che non arriva. Ai ragazzi di Buccilli, non basta il doppio vantaggio siglato da De Simone nel corso della prima frazione, per portare a casa un risultato utile. I bianconeri venafrani si sono visti superare dall’agguerrita compagine locale che ora ha messo in tasca la sicurezza quasi matematica di permanenza nel campionato Interregionale. Per i Venafrani si fa sempre più concreto lo spettro della retrocessione nel campionato redionale di Eccellenza dopo una stagione decisamente sfortunata.

Ruggero nuovo campione regionale di equitazione

Basket, Airino retrocesso, Cisam ai playoff

Francesco Ruggero, portacolori della società campobassana della Campobasso Equitazione, è il nuovo campione regionale di Equitazione Fisd-Dir del Comitato Italiano Paralimpico del Molise.Il giovane campobassano, otto anni, è riuscito a battere la concorrenza degli altri contendenti al titolo sia della sua società che del sodalizio della Villa Silvia di Salerno.

Cisam sesta e quindi ai playoff. Airino ultimo e retrocesso in serie D. Sono questi i verdetti, in parte già noti, emersi dalla 30a e ultima giornata dei campionati di serie C. Nel torneo Dilettanti la Cisam ha chiuso la regular season con una sconfitta nel derby contro la Geotec Campobasso per 73-58. Buone le prestazioni di Rubino e Bertinelli, entrambi con 19 punti a referto.


S P O RT ECCELLENZA

A 90 minuti dal termine del campionato decise le quattro semifinaliste dei playoff

Montenero secondo, in coda è bagarre Rossoblu adriatici, Sesto Campano, Termoli e Petacciato agli spareggi CAMPOBASSO - A 90 minuti dal termine del campionato di Eccellenza decise le quattro semifinaliste dei playoff, col Petacciato che batte la Sgm e stacca il biglietto. Il Montenero è secondo dopo il pari col Sesto Campano. Termoli umiliato in casa dal Bojano. Bagarre in coda: la Turris vince e spera nella salvezza, mentre l’Isernia si toglie dall’ultimo posto. Montenero secondo, Petacciato ai playoff, Campobasso 1919 e Capriatese matematicamente salve. Sono questi i verdetti della penultima giornata del campionato regionale di Eccellenza. Decise le quattro squadre che si contenderanno il posto

spettante alle molisane negli spareggi interregionali per la D. Sono Montenero, Sesto Campano, Termoli e Petacciato. Queste ultime due si contendono ancora il quarto posto e quindi tengono in bilico gli accoppiamenti. Ma è in coda che l’ultima giornata terrà alta la tensione. Con una vittoria sul filo di lana sulla Frentana Larino, la Turris si porta a un solo punto dalla salvezza diretta. Tre le squadre che non possono ancora dirsi salve: Miletto, Sgm e Vastogirardi. Infine la lotta per evitare l’ultimo posto che per ora condanna il Colletorto. Una giornata ricchissima di gol e di risultati scoppiettanti. Si comincia dal Cannarsa, dove il Termoli perde per 2-0 col Bojano già promosso da un pezzo. Quattro reti e pareggio finale fra Montenero e Sesto Campano. Sei gol e successo per 4-2 del Petacciato sulla Sgm. Sei reti anche a Campobasso, dove il 1919 asfalta per 5-1 il Vastogirardi. Due reti di Manno nel finale regalano il successo della speranza alla Turris sulla Frentana Larino. La Capriatese travolge 4-1 il Colletorto. Pirotecnico 3-3 fra Miletto e Guglionesi.

Si risolleva l’Isernia con un 2-1 al Monti Dauni. Ci sono voluti 20 minuti in più del previsto, causa sospensione per nebbia, poi il verdetto dal ‘Ventimila’ campo clou della 29° giornata. La Turris sconfigge 2-0 la Frentana Larino grazie alla doppietta del formidabile centravanti argentino Manno e spera ancora nella salvezza diretta. In settimana la squadra di Bisci aveva incassato 3 punti dal giudice sportivo. Verificata l’irregolarità del Campobasso 1919 nel match coi santacrocesi e conseguente 0-3 a

PALLAMANO

tavolino con aggiunta di un punto di penalizzazione per i rossoblu. Ora la Turris è un punto sotto il Miletto. Per la Frenatana Larino invece, addio sogni playoff. Alla post-season prenderà parte invece il Petacciato, vittorioso davanti al proprio pubblico per 4-2 con la Sgm. Mattatore ancora una volta Esposito con una doppietta. A segno per i giallo neri anche Luongo e Di Blasio. Per gli ospiti, ora a rischio retrocessione, gol di Flacone e Gaudio su penalty. E’ finita 2-2 al ‘De Santis’ fra Monte-

nero e Sesto Campano, per una sfida che metteva in palio il secondo posto. Si accontenta il Montenero, due volte avanti con Ferro e Silverio e ripresa da Raucci e Di Paolo. Altra delusione per il Termoli, evidentemente già con la testa agli spareggi. Giallorossi superati in casa dalla capolista Bojano con gol di Fusco e Carrino. Si sono messe in salvo con due goleade Campobasso 1919 e Capriatese. I ragazzi di Lozzi ne hanno fatti 5 al Vastogirardi. Straripante Keyta che si regala un poker. L’altro gol è di Di Chiro. Gol della bandiera ospite di Ciccozzi. Si ferma a 4 la Capriatese, in rete con Riccitiello due volte, Trotta e Viscarsi. Gol del Colletorto di Santucci. Trema il Miletto, incapace di raccogliere bottino pieno in casa contro il Guglionesi. Non basta super Ricci, autore di una tripletta anche grazie a due rigori. Per i neroverdi doppio Annunziata e Petrachi. Lo scontro fratricida fra Isernia e Monti Dauni premia i baincoblu che vincono 2-1 e si tolgono dall’ultimo posto. Reti di Pinella e Vacca da una parte e Siena dall’altra. Carla Ferrante

KICK BOXING

Il Free Volley Campobasso A Fiuggi Fighting Ring sugli scudi impegnato nella solidarietà

CAMPOBASSO - La società campobassana del Free Volley, dopo aver concluso con un ottimo risultato il campionato di serie D interregionale Abruzzo – Molise e il campionato di under 18 maschile, ha richiamato i propri atleti per raggiungere un obiettivo altamente propositivo e solidale che nello spirito che li ha sempre contraddistinti nel mondo del volley regionale, rivolto all’associazionismo sportivo finalizzato alla formazione allo sport dei giovani;

non poteva sottrarsi nell’organizzare il “Torneo Primavera di Solidarietà” a sostegno dei cugini abruzzesi che li hanno ospitati con affettuosa fratellanza nel campionato interregionale appena concluso. Il torneo non competitivo voluto e organizzato dalla Società, vedrà impegnati e coinvolti tutti i tesserati del sodalizio nonché tutti i giovani amanti di questa disciplina e vicini alla società del Free Volley e alla solidarietà. Tutti i partecipanti all’iniziativa si autotasseranno, nonché, in occasione degli incontri, saranno posti dei raccoglitori per le “offerte” volontarie che saranno devolute agli amici abruzzesi. Successivamente la società Free Volley Campobasso comunicherà i nominativi dei partecipanti, la struttura che li ospiterà per lo svolgimento del “torneo di solidarietà” e la contabilizzazione della raccolta fondi.

Razzismo, punita la Juve: una gara a porte chiuse Obbligo per la Juventus di disputare una partita a porte chiuse. Questo il provvedimento, adottato dal Giudice sportivo dopo la gara di campionato Juventus-Inter, disputata sabato scorso a Torino. In molteplici occasioni sostenitori della Juventus in vari settori dello stadio intonavano cori costituenti espressione di discriminazione razziale nei confronti di Balotelli, nella foto.

CAMPOBASSO - Al di sopra di ogni aspettativa la partecipazione alle finali dei Campionati Italiani di Semy e Light Contact svoltisi Sabato 18 e Domenica 19 Aprile nel Palasport di Fiuggi. Cinque degli otto atleti iscritti dalla A.S.D. Fighting Ring Boiano ai Campionati, sono saliti sul podio ottenendo 3 medaglie d’Oro, 2 medaglie d’argento e 1di Bronzo. Nella prima giornata di gara (Sabato) era di scena il Light Contact, Luigi Monaco e Jlenia Carbone Conquistano

il Titolo di Campioni Italiani a conferma di un anno strepitoso dei due atleti matesini, ai quali non dovrebbe tardare la convocazione in Nazionale. Medaglia d’Argento per Giuseppe Gagliardi categ. -63 kg, un piazzamento che va stretto al nostro Capitano,nella finale con il Piemontese di origine marocchina Jahmed Ehuseim , il nostro atleta esordiente nei Seniores, compie un autentico capolavoro, ma un giudizio arbitrale (preferiamo dire) errato, gli nega di salire sul gradino più alto del podio. Medaglia di Bronzo per Gino De Cesare 3°class. nella categ +69 kg cadetti alla sua prima esperienza in campo Nazionale. Nella seconda giornata dedicata al Semy Contact. Ancora lei, la tigrotta Campochiarese Jlenia Carbone, per nulla appagata della vittoria del giorno prima, si aggiudica anche il titolo in questa disciplina battendo in finale la Siciliana Antonella Esposito. Medaglia d’ar-

Giudice sportivo: una giornata a Tiago Oltre ad avere punito la Juventus con l'obbligo di disputare una gara senza tifosi, il Giudice ha fermato 9 giocatori. Una giornata: Amoruso (Siena), Barreto, Costa (Reggina), Cannavaro (Napoli), Mascara (Catania), Mauri (Lazio), Tiago (Juventus), Ariatti (Lecce),Volpi (Bologna). Ammende a società: Inter euro 11.000 , Juventus euro 10.000, Lecce euro 5.000.

gento categ. cadetti -37 kg per Abate Marco contribuisce ad arricchire il palmares della Fightin Ring. Cala il sipario su questi Campionati, negli occhi dei due preparatori Fabrizio Carbone e Gabriele D’Andrea, fierezza, orgoglio, soddisfazione, e la certezza di avere una squadra, un gruppo di atleti di tutto rispetto. Prossimo appuntamento 16/17 Maggio, fiera del Fitness di Rimini Coppa del Presidente di Semy e Light Contact. Carla Ferrante

21 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


S P O RT VOLLEY A2

La Olio Pignatelli e la Nava Gioia del Colle hanno offerto uno spettacolo di alto livello

La Fenice Isernia agguanta “Gara 3” ISERNIA - Hanno davvero avuto di che divertirsi i circa 1200 spettatori presenti ieri sera al PalaFraraccio. La Olio Pignatelli Isernia e la Nava Gioia del Colle hanno offerto uno spettacolo di alto livello con continui cambi di fronte; alla fine – e ci è voluto il tie break – ha avuto la meglio la formazione di Fenoglio apparsa più effervescente, sia fisicamente che mentalmente, nel corso del quinto set. A fare la differenza anche il grande lavoro a muro dei pentri, non solo per i 13 block messi a segno contro gli 8 del Gioia, ma anche per tutti quei palloni smorzati che la difesa ha potuto rigiocare con facilità. I 53 errori al servizio (27 per Isernia e 26 per Gioia), inoltre, sono indice inconfutabile di una partita impostata in maniera aggressiva sin dalla linea dei nove metri da entrambi i tecnici e sicuramente quel pizzico di perfezione in più nella ricezione locale è stato un altro importante elemento nell’economia della formazione pentra. Rispetto a gara 1 nessuna novità nello starting six di Cannestracci, invece, a sorpresa Fenoglio schiera Mari libero al posto di Spampinato e Pagni per D’Avanzo, non al meglio fisicamente. Sono gli ace di Dias a dare il là alla gara costringendo immediatamente Fenoglio al tempo, Isernia prova a riavvicinarsi con il bel secondo tocco di Valera, ma la Nava ha una marcia in più trascinata da Dias e Diogo. Nel secondo parziale la parità regna sovrana, mentre la pallavolo cresce di tono con belle combinazioni ideate tanto da De Giorgi quanto da Valera. La svolta prende il via con l’attacco di Libraro, Dias non tiene il passo e sbaglia per due volte prima di prendersi anche un muro dal pari ruolo Darraidou, ancora lui in diagonale alza la voce, gli fa eco Gemmi per chiudere con il sesto block biancoazzurro della frazione. La Pignatelli parte forte nel terzo parziale: 3-0 grazie al mani out di Gemmi e due attacchi in tribuna di Dias e Rigoni; tuttavia, gli ospiti recuperano con il turno al servizio di capitan De Giorgi, ma il pallonetto di Darraidou beffa la difesa pugliese, mentre il muro a uno di Gemmi su Diogo infiamma il PalaFrarccio che va in delirio per i due ace di Libraro (10-5), mentre tra i due Fenoglio inserisce D’Avanzo per Pagni. Diogo accorcia le distanze, ma per Isernia sale in cattedra Peralta, autore anche di un ace che porta alla seconda

22 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009

sosta tecnica (16-12). Una serie di errori in battuta agevolano i padroni di casa; non sbaglia Dias al primo servizio, ma manda in rete quello successivo, per Isernia è Gemmi, sempre in battuta, a fornire ai suoi quattro palle set, la prima è annullata per un errore in difesa, ma la seconda, affidata in primo tempo a Peralta, va a segno. Il 2-1 pare appagare i pentri e galvanizzare i pugliesi che con l’ingresso di Belardi per Giosa, sul 6 pari, sembrano trovare la giusta quadratura imbeccando due muri, rispettivamente su Darraidou e su Gemmi, e un ace di Diogo che allarma il tecnico cuneese dell’Isernia che ricorre al tempo. La Nava continua a macinare punti mentre la temperatura nell’impianto di via Gioivanni XXIII si surriscalda oltremodo, non solo sugli spalti, ma anche in campo. La coppia Puletti-Gentile, impeccabile nella direzione di gara e nella gestione autorevole della stessa, opta per una momentanea sospensione del match, un toccasana per una partita maschia, giocata sui nervi, ma mai scorretta. Gli animi si placano e la pallavolo può tornare a regalare emozioni: favolosa la pipe di Diogo, alla quale risponde con un delizioso pallonetto Darraidou. Il successivo ace di Valera e il muro di D’Avanzo, che riducono a meno 3 lo svantaggio molisano, fanno chiamare il tempo a Cannestracci, ma Isernia pasticcia su una ricezione lunga di Diogo. Fenoglio vede l’ombra del tie break e concede una pausa, nell’ordine, a Libraro, sostituito da Bertoli, a Valera, al suo posto Kindgard, e a Darraidou, il cui posto è preso da De Luca. Il parziale non è finito, c’è ancora il tempo di vedere un bel block out di Gemmi e un muro a una mano di D’Avanzo, mentre la mente è già al tie break, prima che l’uomo set Belardi decreti di fatto la conclusione di gara al quinto. Sono gli errori al servizio a dare avvio al tie break, ma è proprio la battuta dell’opposto argentino in forza alla Pignatelli a fornire la chiave di volta del set (e del match). Un break di quattro lunghezze che porta dritto al cambio campo e ancora una volta sono gli errori dai nove metri a caratterizzare il gioco. Il muro di Darraidou, autore di 24 score, due in meno del top scorer Dias, preannuncia la “bella” di mercoledì a Gioia del Colle (ore 20.30) che viene decretata definitivamente dallo stesso opposto in diagonale e da Libraro in pipe. C.F.

VOLLEY SERIE B2/ F

Due punti d’oro per La Fonte dell’Astore ISERNIA - Dovevano portare a casa il successo e l’hanno fatto garantendosi di fatto un’ulteriore chance di salvezza, legata alla matematica, con però l’imperativo categorico, domenica prossima, di andare a cogliere un successo da tre punti in casa del S. Lazzaro, terza forza del torneo. Così, lottando coi gomiti e lavorando forte soprattutto nei fondamentali offensivi, in primis la battuta e l’attacco, la Fonte dell’Astore Isernia piega al tie-break il Moie con l’unico piccolo rammarico di una superba rimonta sulle doriche nel quarto set svanita per quei pochi centimetri esterni alla riga di un muro preso da Francesca Battagli (ancora una volta regina nel fondamentale con ben cinque block), la stessa cifra realizzata, nel computo degli aces, dalla regista Stefania Calista. Al via, sciolta la commozione nel ricordo dei due giovani isernini periti sotto le macerie del sisma a L’Aquila, sono subito le astorine a fare la partita grazie alle gemelle Lauducci (l’opposta Miriam metterà a segno, nel frangente, sei punti col 67% di positività a rete, la centrale Oriana toccherà diversi palloni a muro) ed al solito grande cuore di capitan Caterina Cassili (sette col 58%). Così le

Buono l’esordio del Volley Campobasso CAMPOBASSO - Atmosfere di altri tempi quelle che sono calate ad Ururi Domenica pomeriggio. La Pallavolo, anche nelle serie “inferiori” torna a dare spettacolo. Due ottime formazioni si sono affrontate per la prima giornata del girone unico delle Seconda Divisione di Pallavolo Molisana: Aurora Ururi e Volley Campobasso. I campobassani guidati da Mister Iannone si ritrovano a giocare insieme dopo un pausa di qualche anno, lasciando intravedere buone cose per le partite successive. Un primo set molto ballerino vede prevalere la formazione di casa con il punteggio di 25 20. Il set è caratterizzato da un maxi cambio avvenuto a pochi punti dall’inizio, sintomo che in casa Volley Campobasso si lavora bene sulle strategie. Buona la prestazione dei padroni di casa che con una discreta dose di esperienza portano a casa un prezioso primo set. Anche il secondo set è all’appannaggio dei basso molisani che riescono a vincere ma con pochi punti di differenza. Mister Iannone gioca tutte le sue carte cambiando il palleggiatore: un disorientato D’Onofrio lascia il posto ad un più equilibrato Oto che riesce a rimettere in sesto il match vincendo in maniera rilassata il terzo set. Determinanti sono state la continuità degli attacchi di Vitale e Parziale, la potenza esplosiva di Iannetta e la sicurezza nella ricezione del libero Saluppo.

pentre, dopo il primo tempo tecnico, con un parziale di 82, prendono l’abbrivio per andarsi a conquistare il set, mollando un po’ in concentrazione nel finale, ma chiudendo la pratica con un mani-out della Cassili, sigillo ad un 45% di squadra a rete da consegnare agli annali nel novero di questa stagione delle blufucsia.

La Nuova Pallavolo supera il Termoli CAMPOBASSO - A causa del blocco dei campionati da parte dell'Abruzzo a causa degli eventi sismici noti a tutti, i campionati di serie C sono stati sospesi per una giornata, infatti la Nuova Pallavolo ha giocato una sola gara e fortunatamente, nonostante le molteplici assenze, non ha fallito nemmeno questo colpo. A Termoli è stata giocata una buona partita che ha visto le ragazze molto impegnate e differenza degli ultimi incontri che invece sono stati molto tranquilli. Il Volley Termoli ha avuto sicuramente la fortuna di affrontare una formazione non al completo, mancavano infatti Ianiro e Palladino tra le titolari e l'intera schiera di riserve che hanno messo in difficoltà l'allenatrice dato che, come è ormai noto, la Nuova Pallavolo è una squadra che usa tantissimo la panchina! Il primo set è stato un po’ alterno con le due squadre che si sono avvicendate nelle varie situazioni di gioco in maniera positiva, tra le fila campobassane è stato di vitale importanza la prestazione di Santoro che ha trascinato la squadra nonostante un momento 'no' di Passarella e compagne. Nel secondo parziale, nonostante le ragazze sono riuscite a salire di intensità, il gioco è andato a favore delle padrone di casa per 25-21 complici troppi errori in bat-

tuta (ben 5 servizi sbagliati) e in ricezione. Al cambio del campo però c'è stata la svolta infatti da lì in poi c'è stata assoluta unidirezionalità con le campobassane che hanno vinto in successione sia il 3° che il 4° set chiudendo i conti e tornando a casa con 3 punti. Merito va dato alle avversarie che hanno davvero giocato una buona gara e che sono apparse molto motivate e grintose, in alcuni frangenti hanno però dimostrato di avere qualche carenza tecnica soprattutto in ricezione; è vero che la Nuova Pallavolo può vantare uno dei migliori servizi del campionato, avendo un'ottima percentuale di realizzazione con tale fondamentale e infatti l'ascesa del Termoli è avvenuta proprio quando è calata la qualità del servizio! Coach Di Spensa si è trovata ad affrontare un incontro un bel po’ difficile ma fortunatamente il risultato finale è stato positivo; buona la decisione di schierare Pilone libero che si è difesa bene nonostante un iniziale disorientamento, e Sassano opposta che in alcuni frangenti si è alternata con Mascioli; ancora un po’ fuori forma Macoretta, reduce ancora dall'infortunio al piede, anche se è riuscita a gestire bene il gioco se pur con poche realizzazioni personali, bene anche Di Maio soprattutto in difesa. Carla Ferrante

ATP Barcellona: Starace passa, Seppi eliminato

F1: Domenicali "Aspettiamo Barcellona, poi vedremo"

Potito Starace si qualifica al secondo turno del torneo Atp di Barcellona (terra rossa, 1.995.000 euro). Battuto in rimonta il talento lettone Ernests Gulbis in tre set, 4-6, 6-3, 6-3. Eliminato invece, l'altro azzurro iscritto al torneo, Andreas Seppi, sconfitto in tre set dal russo Igor Andreev, punteggio finale 6-3, 3-6, 7-5.

“Fa male essere ancora a zero punti, ma non entriamo nel panico”, Stefano Domenicali parla dopo il Gp di Cina. La Ferrari è ancora fuori dalla classifica dopo 3 gare (un risultato così negativo non arrivava dal lontano 1981) a causa di un mix tra la poca velocità e la scarsa affidabilità della F60. “Siamo tutti al fianco di Felipe e Kimi, dobbiamo reagire e lavorare. E' l'unico modo per uscire da questa situazione”.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta Frittata di patate e mozzarella 4 8 uova 2 grosse patate 1/2 mozzarella 2 cucchiai di formaggio pecorino grattugiato ½ dl di olio di oliva extravergine un ciuffo di prezzemolo grani di pepe bianco sale q. b. Bollite Lavate le patate, mettetele in una pentola coperte di acqua e fatele lessare, quindi, ancora calde, sbucciatele e schiacciatele grossolanamente con una forchetta. In una ciotola, battete le uova con un pizzico di sale, aggiungete il formaggio, la mozzarella a dadini ed il prezzemolo tritato. Unite il composto ottenuto alle patate, mescolando bene, e versatelo in una padella con l'olio sufficientemente caldo. Fate cuocere la frittata da ambedue le parti, giratela aiutandovi con un coperchio e lasciatela sul fuoco fino a quando si formerà la crosticina. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO Farmacia di turno COMUNALE 2 Via XXIV Maggio, 180 Tel. 0874.66811 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno DI TOMMASO C.so G. Garibaldi, 48 Tel. 0865.50891 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.414143

TERMOLI Farmacia di turno MARINO - C.so Nazionale, 42/44 - Tel. 0875.706234 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

A D N E AG

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI Partenza Arrivo Feriale 06:02 07:40 06:49 08:35 09:30 11:07 12:20 14:11 14:12 15:56 Festivo 15:44 17:27 Feriale 17:14 19:01 18:23 20:08 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo Feriale 05:46 07:39 06:49 08:23 12:13 13:56 13:22 15:00 14:40 16:25 16:13 17:59 17:14 18:55 20:40 22:30 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza Arrivo Feriale 05:50 08:53 08:28 11:40 14:15 17:16 Festivo 16:28 19:28 Feriale 16:30 19:25 17:00 (cambio) 21:39 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo Feriale 06:15 09:18 07:38 (cambio) 11:05 09:15 12:15 09:45 (cambio) 15:22 10:27 (cambio) 15:22 10:45 (cambio) 16:02 14:15 17:30 15:38 (cambio) 20:15 17:15 20:46 19:40 22:40

Ariete 21 mar - 20 apr

CAMPOBASSO-NAPOLI Partenza Arrivo Feriale 05:18 07:48 05:30 (cambio) 07:56 Festivo 05:50 (cambio) 09:26 Feriale 06:24 09:16 07:30 (cambio) 10:17 Festivo 08:28 (cambio) 12:18 Feriale 13:11 16:02 Festivo 14:15 (cambio) 19:01 Feriale 14:50 (cambio) 17:39 Festivo 16:28 (cambio) 19:54 Feriale 17:00 (cambio) 19:36 18:03 21:00 NAPOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo 05:51 (cambio) 08:35 06:48 (cambio) 09:54 08:24 (cambio) 11:05 08:30 (cambio) 12:15 Feriale 12:14 15:22 12:40 (cambio) 16:02 14:15 17:09 Feriale 15:06 (cambio) 17:30 Festivo 15:27 (cambio) 20:46 Feriale 17:30 20:28 18:25 (cambio) 21:14 Festivo 19:41 22:33 Feriale 19:43 22:20 Feriale Festivo

Toro 21 apr - 20 mag

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 AUTOLINEE CERELLA Tel. 0874.61171 CAMPOBASSO-NAPOLI: 4,45-5,156,10-6,50-7,55-8,45-12,50-13,3014,00-15,30 NAPOLI-CAMPOBASSO: 5,40-6,006,20-7,30-8,30-12,25-14,20-15,0016,00-18,00

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-6,30 (anche festivo)-6,45-7,00-7,45 8,00-8,10 (anche festivo)-9,20-10,10 (an- che festivo) -12,00-12,30-12,45 (festivo)-13,3014,00-14,10-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo)-17,45-19,00-20,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,30-6,50-7,00-7,40-8,10 (anche festivo)8,30 (festivo)-9,40 (anche festivo)-11,2012,15-12,40 (festivo) -13,30-13,45 -14,00 (festivo)-14,10-15,15 -15,55-16,20 (festivo)17,15-17,30 (anche festivo) -18,40 -20,0021,35 (festivo)-22,10-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - Questa giornata potrebbe essere problematica dal punto di vista economico, poiché non riuscirete bene a mettere in luce tutte le spese che avete affrontato ma di cui non ricordate l'importo esatto. Certamente non gradirete l'aiuto di altre persone, poiché questo potrebbe essere imbarazzante e potreste rivolgervi in malo modo a chi cercherà di intromettersi nei vostri affari. Toro - In questa giornata potreste non trovarvi d'accordo con alcune persone che esprimeranno i loro pareri non per farvi un torto, ma perché credono davvero in quello che dicono. Per tanto essere sgarbati con loro non vi porterà da nessuna parte, soprattutto perché non è colpa loro se le loro opinioni avranno più seguito delle vostre! Evidentemente avete errato qualcosa. Gemelli - In questa giornata potreste trovare una nuova fonte di ispirazione che vi porterà a considerare meglio alcune vostre opportunità in campo professionale! Anche durante l'ora di pausa, potreste trovare qualcosa di interessante da fare e questo vorrà dire che siete molto attivi in questo periodo e che le persone che vi circondano non potranno fare a meno di notarlo e di farlo notare agli altri. Cancro - In questa giornata dovrete prendervi il giusto tempo per riflettere su alcune questioni che verranno alla luce improvvisamente, ma che non potranno essere sottovalutate! La superficialità non vi si addice, quindi c'è bisogno di tutto il vostro impegno e la vostra concentrazione per far si che la questione di definisca relativamente in fretta, considerandone la serietà. Leone - In questa giornata avrete la possibilità di ottenere grandi soddisfazioni se farete esattamente ciò per cui siete apprezzati. Una buona idea potrebbe venire proprio da voi o da coloro che vi sono più vicino ed hanno la giusta cognizione delle cose. Un nuovo progetto potrebbe essere in attesa delle vostre abilità, sarà necessario soltanto definire la vostra posizione in tutto ciò. Vergine - Gli errori passati non dovranno condizionarvi anche in questa giornata, in cui è richiesta tutta la vostra concentrazione ed il vostro impegno per portare avanti alcune questioni che riguardano la vostra famiglia o qualcuno che vi è molto vicino e che in questo momento ha bisogno del vostro appoggio, più morale che materiale! Cercate di non far pesare tutto sulle loro spalle. Bilancia - In questa giornata siete in un ottima posizione per pensare al vostro lavoro e per fare del vostro meglio per realizzare quel progetto che da tanto tempo ormai vi portate dietro. Tutti i mezzi sono a vostra disposizione, manca soltanto la vostra volontà di mettervi in gioco sul serio ed in modo continuativo! Non cercate lo sprono da parte delle persone che vi circondano. Scorpione - In questa giornata avrete l'opportunità di organizzarvi e di prendere tempo per progettare con le dovute cure un affare che rischiava di non andare in porto se non avreste prestato attenzione! Ci sono diversi motivi che spingono le persone che vi sono vicino a rivolgersi sempre a voi ed una di queste è il vostro ottimismo ed il modo in cui affrontate le situazioni. Sagittario - In questa giornata potrebbe rivelarsi un errore il cercare di usare tattiche con una persona che vi piace, perché se non vi mostrerete per quello che siete veramente, non potranno apprezzarvi e si faranno una idea sbagliata! La prossima volta che chiederete un appuntamento, potrebbero rifiutarvelo proprio per questo motivo. Capricorno - In questa giornata fareste bene a pianificare meglio i vostri prossimi appuntamenti, poiché potrebbe essere importante seguire una certa logica! Ci sono alcune persone impazienti, che non amano aspettare e che, nonostante possano risultare un po' troppo presuntuosi, vi porteranno dei vantaggi non indifferenti, quindi soffrire un po' potrebbe valerne la pena. Acquario - Gli ultimi accadimenti nella vita di un vostro amico vi hanno lasciato tutt'altro che indifferenti, quindi in questa giornata, sarete spesso portati a riflettere e pensare proprio a questa situazione! Sicuramente i vostri sentimenti per questa persone sono sinceri ed è questo che vi porta ad essere un po' malinconici. Pesci - In questa giornata è giunto il momento di affrontare i giudizi delle persone. Ve lo siete sempre risparmiati, ma è giunta l'ora anche per voi, poiché non siete esenti da pettegolezzi e malignità, anche se pensate esattamente il contrario! Forse avete un po' troppo sopravvalutatola vostra posizione, poiché nessuno può essere immune dalla cattiveria gratuita delle persone che non sanno come altro trascorrere il loro tempo.

23 ANNO II - N° 90 MARTEDÌ 21 APRILE 2009


La Gazzetta del Molise - free press 20/04/2009  

La Gazzetta del Molise - free press 20/04/2009

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you