Issuu on Google+

Postino imbosca la corrispondenza

A una donna il comando del Nucleo Operativo

CAMPOBASSO- E’ stato denunciato il postino che invece di recapitare la corrispondenza la teneva ben custodita nel bagagliaio della macchina. Da tempo la Finanza lo tenevano d’occhio. A PAG. 9

CAMPOBASSO - E’ la prima donna carabiniere che arriva in Molise. Si tratta di Francesca Ferrucci, sottotenente che prenderà il comando del Nucleo Operativo e Radiomobile di Campobasso. A PAG. 7

ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

L’OSCAR DEL GIORNO AD ENRICO GENTILE

Non riesce a farsene una ragione il consigliere regionale Enrico Gentile. Ogni volta che va in edicola a comprare Il Giornale della famiglia Berlusconi trova un attacco al ‘suo’ presidente Gianfranco Fini. Tenta di consolarsi con la cronaca regionale, apre l’allegato Nuovo Oggi Molise di Giuseppe Ciarrapico ed è costretto a leggere un altro attacco, questa volta al ‘suo’ presidente Michele Iorio. Il vaso è colmo, al punto che ieri il mite inquilino di Palazzo Moffa ha preso la parola durante la seduta consiliare minacciando l’autosospensione dal Pdl. “Servirebbe un momento di chiarezza e un atto di fiducia anche da parte dei miei colleghi di Aenne che non hanno speso una sola parola in difesa del presidente della Camera. Se poi questo non dovesse arrivare, annuncio fin da ora che sarò più organico a questa maggioranza pur continuando a sostenere il governatore Iorio”.

IL TAPIRO DEL GIORNO AI PRECARI INCONTENTABILI

Ormai hanno cavalcato saldamente l’onda della protesta e non hanno alcuna intenzione di scendere. Al coordinamento dei precari della scuola, sembrano non bastare 2 milioni e mezzo di euro stanziati dalla Regione, il piano triennale per la sicurezza degli edifici ed altri 15 milioni per le eventuali emergenze. A questo punto (ci perdoni l’ardito paragone lo scrittore Cervantes) la storia si riduce al fantomatico duello tra don Chisciotte e i mulini a vento. Quello del romanzo era frutto della fantasia, ma questo dei precari nostrani è (purtroppo) la realtà: il secondo tapiro di fila è d’obbligo.

Gli scheletri di Petraroia www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Astore (Idv): ecco il ‘regalo di Berlusconi al Molise’. Di Giacomo (Pdl): ora bisogna fare fronte comune. E Petraroia (Pd) scrive al ministro Prestigiacomo: non vogliamo essere la pattumiera d’Italia

Eolico in mare, sale il coro del no CAMPOBASSO – “Il parco eolico off-shore sulle coste molisane è il regalo che Silvio Berlusconi fa al Molise, grato per essere stato eletto”. È questo il sarcastico commento del senatore dell’Idv, Giuseppe Astore, che scarica qualche responsabilità anche sul governatore. L’esponente del partito dipietrista spiega la posizione del suo

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Tel. Isernia: 0865/414168 E-mail Redazione Campobasso:

redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it E-mail: Amministrazione-Pubblicità

commerciale@lagazzettadelmolise.it

www.lagazzettadelmolise.it www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: International Printing srl Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

2 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009

partito: non siamo contro l’energia pulita ma dobbiamo farlo con una programmazione del territorio ed anche del turismo. Decine di pale vicino alla costa non incentiveranno l’unico settore che, nei prossimi anni, può dare una mano al Pil nazionale. Intanto, il Molise si appresta ad installare duemila torri in un fazzoletto di terra, guadagnando il poco invidiabile primato su scala europea. Auspico che anche la Regione segua l’esempio della Provincia di Campobasso e ingaggi una battaglia con tutti i mezzi a disposizione per tutelare gli interessi dei molisani. Anche il senatore del Pdl, Ulisse Di Giacomo, esprime la sua contrarietà alla costruzione del parco eolico al largo della costa di Petacciato. “Anch’io mi schiero a fianco del governo regionale e dico ‘no’, in maniera decisa e indiscutibile, all’impianto eolico in mare previsto sulla nostra costa”, fa sapere il coordinatore regionale azzurro. “Ci sentiamo ancora più indignati, in quanto la decisione è stata presa senza alcuna consultazione preventiva, né con il presidente della Regione, né con la delegazione parlamentare. Per la nostra piccola regione – rimarca Di Giacomo – il turismo è una delle poche risorse disponibili, per cui vorremmo poter dire la nostra su ogni decisione che vada a modificare le caratteristiche del nostro territorio. Siamo consapevoli dell’importanza che il settore dell’energia riveste nella programmazione nazionale – ammette – e vogliamo dare il nostro contributo, come sempre abbiamo fatto. Adesso, però, è necessario fare fronte comune, bisogna che tutti, ognuno per la propria parte, assumano iniziative tese a contrastare l’ iniziativa – conclude Di Giacomo – con

Lettera di ex An al premier, evitare il corto circuito ROMA - La missiva preparata da Italo Bocchino, vicepresidente vicario dei deputati Pdl, sarebbe stata firmata da oltre cinquanta parlamentari ex An. Si chiede a Berlusconi un intervento per evitare uno sbilanciamento in favore della Lega, un "patto di consultazione permanente" tra il premier e Fini, unito ad un giudizio severo sugli attacchi di Feltri.

l’obiettivo di salvaguardare il nostro territorio, il nostro ambiente e, nel caso specifico, anche l’economia del basso Molise”. Il consigliere regionale del Pd, Michele Petraroia, manifesta la propria disapprovazione al progetto, scrivendo direttamente al ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo. “La sollecito ad approfondire meglio la questione – scrive Petraroia – stante la contrarietà netta più volte ribadita dai Comuni, dalla Provincia, dagli operatori economici del turismo e della pesca, dalla quasi totalità delle associazioni ambientaliste e dalla Regione Molise. Non abbiamo compreso perché – prosegue – come Governo avete impugnato la nostra legge regionale sull’eolico (numero 15/08) davanti alla Corte Costituzionale. L’improvvida iniziativa legislativa locale ha determinato l’abrogazione di tale legge con la conseguenza che in Molise potranno installarsi oltre due mila torri eoliche quando in regioni tre o quattro volte più grandi ci si ferma a 200 o 300. Non vorrei – conclude Petraroia – che i progetti di centrali a biomassa di Agnone e Mafalda, quelle ad olio di Trivento e Montefalcone, l’ampliamento dell’impianto di termodistruzione di Pozzilli, insieme all’eolico selvaggio e alla paventata ipotesi di costruire una delle quattro centrali nucleari nazionali a Termoli, facciano configurare la nostra terra come la pattumiera d’Italia”. Intanto, l’altro consigliere del Pd e candidato alla segreteria regionale del partito, Danilo Leva, accusa: “È gravissimo che il Consiglio regionale non abbia dato alcun segnale di contrarietà all’impianto eolico off-shore che ha ricevuto il placet del Governo Berlusconi”. L’esponente del Pd

Danilo Leva: è grave che il Consiglio regionale non abbia espresso il proprio dissenso aveva infatti presentato un ordine del giorno nel corso dell’assise di ieri. “Nonostante questo e nonostante le rassicurazioni del governatore Iorio, che aveva annunciato azioni a difesa del territorio e delle scelte delle istituzioni molisani, l’argomento non è stato affatto trattato per una decisione arbitraria della presidenza del Consiglio regio-

nale. Mi aspettavo – nota – come migliaia di molisani, un atteggiamento diverso, invece la questione è passata nel silenzio e nell’indifferenza generale. Non saranno questi i canoni – conclude Leva – ai quali intende ispirarsi il Pd per contrastare, in maniera decisa, la realizzazione del parco eolico al largo delle coste molisane”.

Franceschini dice no a Porta a Porta ROMA -"Caro dottor Vespa, Le scrivo per comunicarle la mia indisponibilità a partecipare alla puntata di Porta a Porta del 23 settembre". Così il segretario del Pd Dario Franceschini in una lettera inviata al conduttore televisivo comunica il suo rifiuto a partecipare alla trasmissione. Una presenza che avrebbe rimesso la palla al centro dopo quella di ieri con ospite Berlusconi.


PRIMO PIANO

Gli scheletri nell’armadio di Michele Petraroia Nel 2008 il consigliere regionale ha speso come capogruppo Ds circa 80mila euro per collaborazioni e consulenze. Soldi pubblici, naturalmente CAMPOBASSO – “Sulla gestione del personale regionale bisogna fare chiarezza e definire una volta per tutte le effettive necessità dell’ente così come va valorizzato, qualificato e professionalizzato il lavoro pubblico interno senza discriminazioni e ingiustizie”.

Appena qualche mese fa a parlare così era il consigliere regionale Michele Petraroia. Oggi queste parole sono per lui un boomerang. Andando a spulciare le spese sostenute dal suo gruppo consiliare (gestito dall’ex sindacalista della Cgil come capogruppo

fino al 26 agosto di quest’anno) salta immediatamente all’occhio un cifrone spaventoso: gli ex Ds hanno speso 127mila e 290 euro di soldi pubblici per pagare le retribuzioni dei dipendenti, ma soprattutto collaborazioni e consulenze di professionisti. Va subito precisata una cosa però. Del gruppo diesse fanno parte tre inquilini di Palazzo Moffa: Danilo Leva, Pardo Antonio D’Alete (oggi è lui il capogruppo) e lo stesso Petraroia. Di lavoratori alle loro dipendenze ce ne sono appena 5, di cui soltanto 3 a tempo pieno. Calcolando che il loro stipendio è di circa 1200 euro (più o meno) e che i 3 che invece lavorano part time prenderanno grosso modo 600 euro a testa, resta da capire come abbia fatto Petraroia, che in qualità di capogruppo godeva di una certa autonomia gestionale, a spendere più di 76mila euro per consulenze e collaborazioni. Chi e quanti sono questi consulenti e collaboratori? Amici suoi? E quanto sono stati veramente necessari per la causa, considerando anche che si sta parlando di un consigliere di minoranza e non certo di un assessore regionale, che magari ha giusto qualche grattacapo in più di lui? Gianfranco Vitagliano ad esempio, che in qualità di componente di giunta gestisce patrimonio, finanze e bilancio (un mucchio di grane, un mucchio di viaggi al mese) è stato additato appena qualche settimana fa da Petraroia come un assessore spendaccione. Lo stesso inquilino di via IV Novembre, oggi in corsa per la segreteria regionale del Partito

Democratico, non ha ancora replicato (e questo è molto strano) a noi della Gazzetta che qualche giorno fa abbiamo scritto di contrattini di collaborazione stipulati poco prima delle dimissioni ‘indotte’ (è stato disarcionato dai suoi stessi compagni di partito) gettando il sospetto che quei co. co. co. (pagati sempre con i soldi pubblici) siamo in realtà utili soltanto alla sua campagna elettorale. Ieri Petraroia ha spezzato una lancia a suo favore scrivendo che “dei 196mila euro annui (questa la somma totale rendicontata nel 2008) 148mila sono destinati alla voce per il personale (127mila + 21mila di oneri contributivi), 7mila sono imposte e solo 40mila garantiscono le spese telefoniche, stampati, cancelleria, assistenza informatica e attività istituzionale. Chiedo di capire qual è il punto

Berlusconi a Onna inaugura l’asilo intitolato a Giulia

Fisco: lotta evasione, in cassa 2,8 mld in 8 mesi

ONNA - Si chiamava Giulia Carnevale, aveva 22 anni, ed è morta la notte del terremoto nella Casa dello Studente. I genitori hanno trovato la sua tesi, disegni di una studentessa per progettare un asilo nido, e l'hanno consegnato a Bertolaso. Poi i tecnici della Protezione Civile di Trento hanno realizzato il sogno di Giulia e ieri Silvio Berlusconi, accanto alla madre della ragazza, ha inaugurato a Onna l'asilo nido intitolato a Giulia.

BARI - Nei primi otto mesi del 2009 il fisco italiano ha riscosso, in seguito ad accertamenti antievasione, 2,8 miliardi di euro, con un incremento del 47% rispetto allo stesso periodo del 2008, quando erano stati incassati 1,9 miliardi di euro. Lo ha riferito il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, intervenendo alla Fiera del Levante di Bari ad un convegno sul contrasto all'evasione fiscale.

politico che viene sollevato? Si intende modificare la legge 20/91 e ridurre i fondi per i 15 gruppi consiliari regionali? Sono pronto a fare la mia parte e confrontarmi su una proposta di legge che va in questo senso e che muta per tutti e 30 i consiglieri e per tutti e 15 i gruppi politici le normative in essere. Ricordo però che la proposta di legge presentata insieme ai colleghi Leva, Romano e D’Alete per il contenimento dei costi istituzionali e per la riduzione delle indennità di mandato giace da due anni e mezzo in prima commissione e non viene mai messa all’ordine del giorno. Per quel che mi riguarda l’ho firmata e sono pronto a discuterla e approvarla con una corsia preferenziale in Consiglio. Se altri vogliono passare dalle parole ai fatti battano un colpo!” GL

3 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


CAMPOBASSO Il testo di legge sugli aiuti alla stampa ieri era all’esame del Consiglio regionale

Editoria, ritorno in commissione CAMPOBASSO – Tra favorevoli e contrari è tornata all’esame della IV Commissione consiliare la proposta di legge numero 76, d’iniziativa della giunta regionale, concernente: ‘Misure urgenti a sostegno degli editori molisani operanti nel settore della carta stampata’. Se ne è discusso ieri a Palazzo Moffa durante la seduta del Consiglio regionale. Per Pardo Antonio D’Alete “la legge in esame non risolve il problema di dare un sostegno efficace al settore, essa dovrebbe piuttosto affrontare in maniera completa e concreta tutti i problemi dell’informazione”. Un momento di chiarezza è arrivato con l’intervento del presidente Michele Iorio che ha affermato “che dovrebbe essere interesse di tutti intervenire con misure urgenti a sostegno degli editori perché la problematica del settore richiede interventi condivisi. L’informazione infatti non sempre arriva ai cittadini”. La proposta del governatore è stata questa: “Mettere da parte le faziosità e approvare velocemente il provvedimento”, un metodo che potrebbe valere anche per lo Statuto (da venerdì cominciano anche le sedute monotematiche per approvarlo entro dicembre, ndr). Disponibile ad accettare il metodo D’Alete, che poi ha precisato: “Passi pure, purché la proposta torni all’esame della Commissione competente per

le necessarie rivisitazioni”. Si è poi discussa e approvata (con il voto contrario di Petraroia) la proposta di legge numero 178 d’iniziativa dei consiglieri Chieffo, Gentile e Ottaviano concernente la ‘Proroga della Commissione speciale per gli affari comunitari’. Sul Piano triennale degli interventi a favore di Molisani nel mondo relativo agli anni 2008, 2009 e 2010 ha relazionato Salvatore Muccilli. “L’intervento pubblico - ha detto - rivolto ai molisani nel mondo si trova ad affrontare oggi un delicato passaggio nel quale confluiscono aspetti ed esigenze di segno diverso. Da un lato, infatti, si rafforzano le ragioni di un profondo rinnovamento di metodi e di scelte d’interlocutori, legate al naturale passaggio delle generazioni e al progredire dei processi d’integrazione nei paesi di residenza. Dall’altro, invece, riaffiorano, talvolta drammaticamente, momenti d’emergenza e conseguenti bisogni di tutela sociale, collegati alla fase di crisi che alcune aree di storica emigrazione, situate soprattutto in America Latina, stanno attraversando”. Michele Petraroia ha presentato vari emendamenti finalizzati a consolidare il rapporto tra la Regione Molise e le associazioni presenti all’estero. Successivamente il piano è stato approvato con l’astensione del consigliere Quintino Pallante.

Il presidente ha poi chiesto ed ottenuto l’iscrizione dell’ordine del giorno del consigliere Petraroia inteso a querelare l’assessore Gianfranco Vitagliano. Picciano ha poi posto in discussione l’odg del consigliere Danilo Leva volto a sollecitare una serie d’interventi della Regione per fronteggiare i problemi derivati dalla riforma Gelmini. L’esame del documento è stato sospeso per essere riformulato alla luce delle novità annunciate due giorni fa da Iorio dopo la firma dell’accordo con il Miur per salvaguardare la scuola molisana. Prima della conclusione dei lavori è stato iscritto un odg del consigliere D’Alete che ha criticato la decisione di Rete ferrovie italiane di trasferire i posti di telecomando del traffico ferroviario da Campobasso e Isernia a Bari, privando di fatto le ferrovie molisane di 10 posti di alta specializzazione e di una struttura tecnologica di qualità. Posto in votazione il documento è stato approvato all’unanimità. Tra le novità l’ingresso di Antonino Molinaro e Vincenzo Bizzarro nel gruppo di Forza Italia e la nomina del portavoce del Pd Francesco Totaro. red

L’Arsiam sperimenta la coltivazione del grano saraceno: il progetto Valgrasar affidato a tre aziende molisane CAMPOBASSO – Il grano saraceno alla prova del territorio molisano. Il progetto scientifico dell’Arsiam, per conto dell’Enea, punta a verificarne l’attecchimento, attraverso la coltivazione di 36 varietà attraverso tre aziende della regione. “Un programma sperimentale di notevole importanza – nota il presidente dell’Arsiam, Emilio Orlando – finanziato dal Miur, che vede coinvolte numerose Università su tutto il territorio nazionale. Si tratta di una sperimentazione di coltivazione del grano saraceno che potrebbe rivelarsi preziosa per l’agricoltura molisana in generale, per rispondere alle esigenze di mercato e, nel contempo, per offrire nuove possibilità di sviluppo agli operatori del settore, sia in termini economici che occupazionali”. “Il progetto nazionale Val.Gra.Sar., capofila l’Enea, si prefigge – spiega il responsabile scientifico del progetto, Michelina Colonna – la valorizzazione di tutta la filiera del grano saraceno e prende in esame gli aspetti agronomici, la prima

4 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009

e seconda trasformazione, nonché le valutazioni chimico-nutrizionali. La coltura ha subito, negli ultimi decenni a causa delle basse rese, una drastica riduzione (solo la Valtellina conserva la tradizione di impiegare il grano saraceno per la preparazione di dolci, polenta taragna e pasta – i famosi pizzoccheri). Il progetto prevede inoltre – sottolinea – l’ottenimento di prodotti (pasta,

prodotti da forno, alimenti per l’infanzia e miele) ad elevato valore aggiunto, ad esempio quelli dietetici e funzionali nonché quelli gluten-free (adatti alle persone affette dal morbo celiaco). Dopo la raccolta verranno effettuate sui campioni di prodotto le analisi di qualità, le prove tecnologiche e la produzione di alimenti gluten-free, dietetici e funzionali”. Il progetto si chiuderà a fine settembre con la raccolta delle varietà seminate in tre siti sperimentali scelti dall’Enea sul territorio molisano: l’azienda Maria Damiano di Matrice, Arcangelo Lucarelli di San Polo Matese e Angiolina Orlando di Agnone. Il responsabile scientifico del progetto è l’agronomo Michelina Colonna dell’ufficio Ricerca e Sperimentazione dell’Arsiam. La ricerca, infine, riserva un’attenzione particolare all’agricoltura biologica, nell’ambito di una prova di fertilizzazione tesa a stabilire la possibilità di non ricorrere ai metodi di concimazione tradizionali.

Domani III meeting degli enti locali CAMPOBASSO – È stato convocato giovedì prossimo, 17 settembre, all’hotel San Giorgio di Campobasso, il III meeting regionale degli enti locali. L’appuntamento, indetto dall’Anci Molise, verterà sul tema del nuovo codice delle autonomie locali, recanti disposizioni in materia, di organi funzioni e organizzazione degli enti locali. La sfida che i comuni dovranno affrontare nei prossimi anni sarà indirizzata proprio dall’approvazione di questa importante riforma. I lavori del convegno saranno coordinati dal Presidente dell’Anci Molise, Francesco Miranda, e vedranno la presenza dell’onorevole Mario Valducci che illustrerà il disegno di legge, l’iter parlamentare e i tempi di attuazione e dai presidenti nazionale dell’Anci piccoli comuni e dell’Unione dei Comuni, Mauro Guerra. Gli specifici aspetti tecnici saranno evidenziati dal professor Edoardo Barusso, il ruolo dei segretari comunali sarà trattato da Alessandro Annibali, mentre Davide Sabato, della Corte dei Conti del Molise, relazionerà in merito alle nuove forme di controllo che quest’ultima avrà sugli enti locali. Nell’occasione, ci sarà anche una vetrina tecnologica con la società molisana Halley Sud Est che presenterà la “Clik Tv – Web Tv dei Comuni”, un importante strumento a disposizione dei comuni per fare comunicazione istituzionale e promozionale attraverso la rete web. I lavori del meeting saranno trasmessi in collegamento Streaming sul sito Internet http://62.94.24.124/agenziasegretari/cliktv.

Pa, Brunetta: sanzioni per i manager inadempienti

Bce, Trichet: i governi taglino la spesa

ROMA – Brunetta sta predisponendo “le sanzioni per privare del salario accessorio i dirigenti inadempienti: saranno pronte entro qualche mese”. Il ministro alla Pubblica amministrazione e l’Innovazione, lo ha annunciato riguardo agli obblighi di pubblicazioni di curriculum vitae, retribuzioni e tassi d’assenza dei dirigenti pubblici.

ROMA – Se i governi non riducono la spesa pubblica, a tagliare i propri consumi saranno le famiglie: ne è convinto il presidente della Bce, Trichet. E spiega: le famiglie, se non sono fiduciose della gestione dei conti pubblici e del calo del deficit nel medio termine, ”sanno, che le loro tasse aumenteranno considerevolmente domani e il giorno dopo ancora, e quindi non spenderanno oggi”.


REGIONE L’assessore risponde alle accuse d’inerzia della Regione nei confronti di Trenitalia

Trasferimenti nelle ferrovie la replica diVelardi “Solo speculazione politica” CAMPOBASSO – Sale la polemica per il trasferimento a Bari dei cosiddetti Dirigenti centrali operativi. Dopo lo sciopero dell’altro giorno del personale addetto alla circolazione dei treni regionali, a far sentire la propria voce questa volta è stato l’assessore ai Trasporti, Luigi Velardi. L’esponente politico ha replicato alle accuse di inerzia della Regione nei confronti di Trenitalia. “In riguardo a questa vicenda – scrive in una nota – si tratta di interferire su processi interni di riorganizzazione di un’azienda che ha operato delle scelte e che, da diversi anni, come ha detto l’amministratore delegato Moretti, intende attuare logiche industriali, scevre dai condizionamenti della politica”. E aggiunge: “Quanto, poi, ai dodici posti di lavoro sottratti alla nostra regione, si possono recuperare nel tempo, attraverso un accordo con le ferrovie, come abbiamo fatto anche nel passato con l’ultima tornata di assunzioni di personale di macchina e di scorta, da parte di Trenitalia che per i servizi ferroviari di competenza ha scelto, tra i richiedenti, quelli nati e/o residenti in Molise. Lo stesso discorso vale per i lavori sulla rete.

Come si pretende maggiore sicurezza, se poi si alzano barricate ogni volta che questi lavori vengono fatti, ignorando l’impegno politico profuso per ottenere i finanziamenti?”. Velardi ha poi ricordato come proprio nel suo intervento nella trasmissione Rai di Uno mattina, il sette settembre scorso, ha fatto sentire in modo “vibrante le ragioni della nostra regione”. “Né si possono – continua – dimenticare tutte le proteste portate avanti e il fatto che noi abbiamo guidato la cordata delle Regioni che non hanno firmato il nuovo contratto di servizio con Trenitalia fino a quando non saranno date tutte le assicurazioni richieste”. L’assessore ha chiesto anche l’intervento personale del presidente Iorio, il quale a sua volta ha inoltrato diverse note di protesta all’amministratore delegato di Rfi, Michele Elia. E che seguiranno altre richieste allo stesso ministro dei Trasporti, Matteoli. Precisa poi l’esponente di maggioranza: “Rassicuro il personale addetto a questo servizio che non sarà licenziato (perché già pensionato con incentivi), ma che a Bari ver-

ranno trasferite le funzioni, in ragione di una scelta tutta aziendale, sulla quale peraltro la Regione ha interferito chiedendo di non attuarla, che ha un progetto di centralizzazione del servizio che riguarda tutta l’Italia (verranno creati solo nove Centri di controllo), e che risponde ad una esigenza di controllo del traffico sulla rete affidato ad un sistema operativo centrale”. Velardi non risparmia una sferzatina a chi sta lì pronto a “cogliere le occasioni utili alla strumentalizzazione politica, innescando processi sommari ed accuse, ricorrendo anche ad offese personali, col solo fine di creare polveroni che non sono di alcuna utilità alla gente, interessata solo a viaggiare meglio e in assoluta sicurezza, piuttosto che ad assistere a questa bagarre corporativa”. Secondo l’assessore regionale sono proprio questi atteggiamenti negativi a far fallire i vari progetti di riorganizzazione del servizio. “La gente – afferma – dovrebbe ricordare il polverone alzato per la chiusura notturna del collegamento Termoli-Campobasso e forse porsi la domanda se quel servizio, con

utenza quasi inesistente, non sarebbe meglio affidarlo alla gomma e con i risparmi potenziare magari il collegamento con Roma”. E poi si chiede: “Ma sarà mai possibile muovere anche una sola foglia quando la demagogia e le corporazioni bloccano tutto e si preferiscono mantenere in vita realtà che appartengono al mondo delle ferrovie di due secoli fa?”. Inoltre, replica alle accuse di fare degli sperperi. “Chi ha parlato di questo – sottolinea – ignora che il servizio sostitutivo non è pagato dalla Regione, ma appartiene ad un pacchetto di chilometri bus offerto gratuitamente da Trenitalia. Allora prima di farsi belli nei confronti della pubblica opinione è meglio informarsi, a meno che la protesta non appartenga semplicemente ad una

professione svolta o al desiderio di ritagliarsi un ruolo non avendo null’altro da fare oppure per accendere su se stessi i riflettori della stampa”. Infine, interviene sui lavori di manutenzione che da qualche anno si stanno eseguendo sulla rete ferroviaria molisana. “Rientrano – dice – in un piano di messa in sicurezza e di efficienza infrastrutturale e tecnologico. La cadenza annuale degli interventi è la conseguenza sia di programmazioni elaborate a livello nazionale, per quelli di questo anno sono impegnati oltre 10 milioni di euro, sia della scelta di effettuarli in periodi caratterizzati da flussi di traffico meno intensi in modo da contenere al massimo i disagi causati ai pendolari che si spostano per studio e per lavoro”.

L’Adoc esprime solidarietà ai genitori del Romita CAMPOBASSO – Il comitato genitori del liceo Romita incassa la solidarietà dell’Adoc, l’associazione dei consumatori. Secondo l’Adoc, le “istituzioni interessate hanno mostrato una preoccupante lentezza nell’adozione delle procedure necessarie a far fronte all'emergenza e, dunque, all’individuazione di uno stabile adeguato. La soluzione temporanea prescelta è assolutamente inadeguata. L’istituto “Pilla” – sottolinea – come hanno potuto constatare

Immigrati, Frattini: “Roma è in regola” SEUL –“L’Italia rispetta tutte le regole internazionali”. Così il ministro Frattini, replica alle anticipazioni sulla relazione dell’Unhcr. “Evidentemente – prosegue – non è a noi che si deve indirizzare critica o qualsiasi tipo di rilievo”.“Ascolteremo la relazione dell’Alto commissario e il nostro ambasciatore a Ginevra esprimerà la posizione dell'Italia”.

alcuni componenti del direttivo Adoc, non rispetta diversi i criteri di sicurezza richiesti dalla normativa vigente in materia: non si può insegnare e imparare in un ‘cantiere aperto’”. L’Adoc, inoltre, ricorda “come il dirigente scolastico, ad opera del D.M. Istruzione 21/06/1996 numero 292, è stato identificato datore di lavoro e, quindi, responsabile dell’attività e destinatario di tutti gli obblighi previsti, compreso quello di applicare i

principi dell’igiene e sicurezza di cui alla normativa in tema di sicurezza anche agli utenti/alunni. L’indice minimo – sottolinea l’Adoc – di ‘spazio’ per ogni alunno dovrà essere di 1,80 o 1,96 mq netti per 3 metri di altezza riferito alle aule: questa è la condizione minima di cubatura necessaria per garantire l'igiene, evitare la trasmissione delle malattie infettive (virus e batteri) e dei parassiti (pediculosi), oltre che stabilire l’affollamento massimo ipotizzabile

Pd, incontro Franceschini-Di Pietro ROMA – Un pranzo tra Franceschini e Di Pietro per mettere da parte la concorrenza e far prevalere l’unità delle opposizioni. I due leader sono“determinati a ricompattare le forze in un momento – dice l’ex pm – di emergenza nazionale per la crisi e l’attacco alla libertà di informazione”. Qualche apertura sulle alleanze con l’Udc alle regionali: si deciderà caso per caso.

ai fini della efficace gestione delle emergenze e della evacuazione dell'edificio in modo sicuro così come prevedono le vigenti normative, ivi compreso il documento sulle linee guida per la prevenzione incendi, evacuazione e pronto soccorso”. L’Associazione si dichiara, infine, disponibile a vigilare sul rispetto di tale normativa e ad appoggiare ogni azione, anche legale, che il comitato genitori vorrà avviare per la migliore tutela degli alunni.

5 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


CAMPOBASSO Ieri un’assise lunghissima per discutere di interpellanze e mozioni. Tre sono state ritirate

Pisu, se ne parla oggi in Consiglio E’ stato aggiornato a questa mattina il Consiglio comunale di Campobasso che è tornato a riunirsi ieri dopo la pausa estiva. All’ordine del giorno 2 interpellanze, 1 proposta di deliberazione e 9 mozioni di cui tre ritirate (ad opera del consigliere Pdl Musenga) e altre due inserite per forza di cose nel calendario di oggi. Se escludiamo la questione della sicurezza delle scuole e della stabilizzazione dei lavoratori socialmente utili (mozioni presentate dal gruppo del Partito democratico ed entrambe approvate) il resto degli argomenti era piuttosto ‘leggero’, nonostante tutto c’è stato il prolungamento dell’assise nel pomeriggio e la convocazione per stamattina. Chiacchiere. Un fiume di chiacchiere soprattutto sulla prima mozione (a firma di Musenga, Branca, Tramontano ed altri) quella sulla realizzazione di aree di parcheggio cosiddetto ‘rosa’ e su cartelli atti a dare la precedenza a donne in dolce attesa. Argomento di spiccata sensibilità ma tutt’altro che nuovo tra gli scranni di Palazzo San Giorgio dove già qualche anno fa era stato proposto all’attenzione dell’assise. Una pioggia di critiche: che la mozione sia stata presentata da un gruppo di consiglieri del centrodestra ha sicuramente ‘insospettito’ l’opposizione sulla

compattezza degli avversari, etichettando il fatto come una ‘questione politica’. ‘Sarebbe sbagliato pensare che la maggioranza debba solo votare’ ha esordito Terzano del centrodestra, ‘Forse oggi si è inaugurato un nuovo modo di fare maggioranza o è un incidente di percorso?’ si è chiesta l’opposizione. Chissà. Troppo presto per dirlo. Fatto sta che le mozioni inserite all’ordine del giorno e poi ritirate non hanno contribuito a far apparire ‘in forma’ la maggioranza che invece avrebbe potuto confrontarsi prima di andare in aula. Insomma di fronte ad un’opposizione così agguerrita avrebbe potuto fare meglio. Positivo invece l’impegno dell’assise sulla sicurezza degli edifici scolastici (passata la mozione di Massa, Battista, Maio e D’Anchise). Relatore l’ex sindaco Massa che oltre alle scuole ha voluto allargare il discorso anche ad altre strutture pubbliche. Un accenno nel suo discorso al Romita ‘che era la scuola più grande del Molise e che invece è stata depotenziata da tutta questa vicenda che tiene banco da mesi”. Le due mozioni sui Pisu, progetti integrati di sviluppo, (presentate dal Pd e dall’Idv) saranno discusse oggi. Non si escludono colpi di scena.

Arriva da Roma ed è la prima ‘ufficiale carabiniera’ in Molise. Ricopre un posto di comando

Francesca Ferrucci, una donna a capo del Nucleo operativo e radiomobile Chi fa delle pari opportunità una ragione di vita non può che gioire: il sottotenente Francesca Ferrucci da qualche giorno ha preso il posto del tenente Giuseppe Capoluongo (trasferito al Nucleo Investigativo del Gruppo di Castello di Cisterna): è al comando del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Campobasso. Nonostante il suo recente arrivo ha già conseguito un primato: è il primo ufficiale dei Carabinieri di sesso femmi-

Nuovo anno pastorale e nuove regole in vista Cambio di regole per il nuovo anno pastorale della diocesi di Campobasso-Bojano. Anno entro il quale ci si muoverà, all’insegna della “corresponsabilità”. Tante le novità che entreranno a far parte del nuovo modo di concepire l’essere cristiano. Tra queste spicca il cammino dell’iniziazione cristiana, che ‘si pone – come si legge nella nota inviata dall’arcidiocesi di Campobasso-Bojano – come una nuova urgenza. Il cammino di catechesi (che in passato sostanzialmente coincideva con “la preparazione alla Prima Comunione”) sarà gradualmente strutturato nell’arco di cinque-otto anni, dalla prima alla quinta elementareterza media”. In questo lungo percorso “le famiglie dovranno pian piano diventare protagoniste nella preparazione ai sacramenti che chiedono per i loro figli (battesimo, cresima, eucaristia)” ma anche l’intera comunità ecclesiale “nelle sue varie articolazioni pastorali, sarà impegnata in questa missione di evangelizzazione”. “Forte impulso riceveranno i consigli pastorali parrocchiali – si legge

sempre nella nota - che saranno rimotivati, rilanciati e radicalmente rinnovati nella loro composizione, al termine di un itinerario scandito in tre tappe: lettura del territorio parrocchiale, formazione dei fedeli alla riconciliazione e alla corresponsabilità, nascita dei nuovi consigli parrocchiali”. Tra le novità l’altra buona notizia è l’arrivo, nella diocesi, di nuovi ordini religiosi. I monaci cistercensi fonderanno un eremo nell’area Stella Vitae di Guardiaregia. Le suore carmelitane dell’Antica Osservanza si stabiliranno invece a Santa Maria in Faifoli, (a Montagano) la storica abbazia che, dopo avere ospitato Celestino V nella sua prima esperienza monastica, lo ebbe abate per un biennio. Nella fase di ristrutturazione complessiva rientrano anche le nuove nomine, tra le più in vista quelle che riguardano la Cattedrale di Campobasso. Il posto del compianto don Pasquale Pizzardi, sarà preso da due co-parroci: don Armando Di Fabio – che è ne stato per lunghi anni stretto collaboratore – e il più giovane don Michele Tartaglia.

nile in servizio nel Molise. Il sottotenente Ferrucci è nata a Roma nel 1975 e dopo la laurea in “Conservazione dei Beni Culturali” con indirizzo archeologico conseguita all’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo, si è arruolata nel 2004 nei Carabinieri come Ufficiale in Ferma Prefissata. In virtù della sua specializzazione è stata destinata al Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale di Roma, quale Ufficiale Addetto alla sezione “archeologia”. Una volta entrata in servizio permanente effettivo, ha frequentato il 49° corso applicativo presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma, al termine del quale è stata trasferita a Campobasso quale comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della locale Compagnia. Francesca Ferrucci, nubile, è iscritta alla facoltà di “Scienza della Pubblica Amministrazione” presso l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo.

Di Lisa, per le primarie del Pd non c’è nessun accordo tra candidati Riceviamo e pubblichiamo Relativamente a voci artatamente fatte circolare, relative a presunti accordi stipulati per le primarie del PD, preciso quanto segue: da sempre pratico la politica in modo trasparente e lineare, facendo battaglie alla luce del sole, che possono o meno essere condivise. Ho un'idea di politica che non ha nulla a che vedere con quella fatta da altri, che magari militano nel mio stesso partito, che a corto di proposte fanno ricorso alle insinuazioni e alle falsità.

Ho aderito alla mozione Franceschini ma nel Molise avendo costatato che c'è una componente della mozione che (legittimamente) ha deciso di non sostenere la mia candidatura, ma un candidato espressione di altra mozione nazionale, nei congressi dei circoli presenterò liste separate dall'altra componente. Pertanto ogni illazione su presunti accordi attuali e futuri è destituita di ogni fondamento. Domenico Di Lisa Candidato alla segreteria regionale PD

Danno all’ambiente, tre denunce Vinchiaturo – continuano incessantemente i controlli da parte dei militari del Noe. Tre persone, di cui un titolare di impresa e un funzionario pubblico, e tutte residenti del posto, sono state denunciate dal Comando Carabinieri per la tutela dell’Ambiente di Campobasso. Il reato palesato, è di danno all’ambiente in evidente contrasto con la normativa vigente. Le persone denunciate avevano dato esecuzione a lavori di bonifica delle discariche

dimesse nel territorio di Vinchiaturo in difformità di quanto prescritto nel progetto. Avevano provveduto ad interrare i rifiuti anziché trasportarli correttamente al sito di smaltimento. E per giunta gli stessi avevano anche ottenuto un finanziamento preposto per i lavori di bonifica delle discariche. Sono tuttora in corso le indagini da parte dell’Autorità competente. Cafe


CAMPOBASSO E’ stato beccato dagli uomini della Finanza di Campobasso che lo seguivano da tempo

Nasconde 637 lettere nella sua auto Giovane postino nei guai Nel suo bagagliaio oltre alla corrispondenza c’erano anche un grosso martello e una placca metallica usata alla Polizia I primi ad accorgersi che qualcosa di strano quel postino ce l’aveva sono stati sicuramente i residenti del centro di Campobasso che giorno dopo giorno si sono trovati la cassetta della posta vuota. Chissà da quanto tempo il portalettere del capoluogo continuava a imboscare la corrispondenza da recapitare nel bagagliaio della sua auto. A metterlo con le spalle al muro sono stati gli uomini della Guardia di Finanza che lo hanno beccato fuori dal centro primario distribuzione delle Poste, in via San Giovanni dei Gelsi.

Lì, all’interno della sua auto, i militari hanno ritrovato 637 missive non consegnate ai destinatari, sette francobolli (che con molta probabilità sono stati staccati dalla corrispondenza) un grosso martello e un portafogli con una placca metallica che di solito viene utilizzata dalle forze di Polizia. Subito dopo l’arrivo del comunicato della Finanza abbiamo cercato di contattare l’ufficio centrale delle Poste per capire se qualcuno dell’azienda si era accorto del comportamento poco ortodosso del dipendente postale: no-

Preti in auto quanto i dirigenti E in Molise si viaggia più che in Lombardia

Si attende il rientro a Jelsi di Pietro Jacovelli Senza intoppi o problemi dell’ultima ora potrebbe arrivare questa notte o al massimo nella mattinata di domani la salma di Pietro Iacovelli, il 58enne di Jelsi, travolto e ucciso a Lourdes da un suo collega tedesco. Secondo la prima ricostruzione dei fatti, compiuta dalle autorità locali, pare che Pietro fosse sceso dal suo pullman (con cui aveva accompagnato una comitiva di pellegrini) quando l’autista tede-

nostante l’insistenza dalle Poste non ha mai risposto nessuno. Intanto il 36enne si è beccato una denuncia per sottrazione di corrispondenza commessa da persona addetta al servizio delle Poste e oltre ai guai con la giustizia il dipendente rischia di trovarsi anche senza lavoro. Non è detto che l’azienda decida di licenziarlo. Dalla Finanza fanno inoltre sapere che le indagini continuano e che approfondiranno la questione senza tralasciare nessun elemento che è scaturito dalla vicenda.

Sono finiti i tempi in cui i preti, al massimo, andavano a benedire le case dei loro parrocchiani che raggiungevano a piedi o al limite in bicicletta. Ora che le case quasi non si benedicono più emerge un dato piuttosto curioso: gli ecclesiali sono quelli che con l’automobile percorrono più chilometri. Ma chi l’avrebbe mai detto che un prete si sposta più di un insegnante o di un operaio? Eppure i numeri parlano chiaro: anche se la crisi ha fatto diminuire gli spostamenti per via del caro benzina quella dei religiosi con 13.100 chilometri l'anno è fra le categorie che macisco durante una manovra lo ha travolto e ucciso. La solita burocrazia ha rallentato le operazioni di rientro in paese dell’uomo che lascia la moglie franca e tre figli. Ancora qualche perplessità sulla forma di cordoglio che l’ammnistrazione metterà in atto. “Per noi - ribadisce il sindaco Ferocino - va tutto bene, ma dovrà essere la famiglia a decidere sull’opportunità o non di proclamare il lutto cittadino”.

Alle 22 la prima edizione della Corsa sui tacchi CAMPOBASSO - E’ fissata per questa sera a via Ferrari la prima Corsa sui tacchi della città. Un breve percorso di 80 metri e un premio in denaro alla maratoneta più veloce (e glamour) in grado di coprire la distanza su luccicanti decollté di almeno 8 centimentri. Appuntamento alle 22 in zona pub.

Conflitto interessi: Pd, serve legge SCANDICCI (FIRENZE) - Per Dario Franceschini e' il momento di 'fare una battaglia fino in fondo' sul conflitto d'interessi. 'Naturalmente sappiamo di essere minoranza e che la maggioranza non ha molta intenzione di occuparsi di conflitto di interessi. 'E' un dovere - ha aggiunto - dopo gli errori che ha commesso in passato il centrosinistra'.

nano più chilometri ogni anno, tanto che fanno la stessa strada di un dirigente. Sembra un paradosso ma è così. L'indagine è stata effettuata da Assicurazione.it, che ha passato sotto la ente le varie tipologie di automobilisti. Nell’ultimo anno la media è di 12.500 chilometri praticamente 5.000 in meno rispetto al 2006. La professione più 'itinerante' resta quella degli agenti di commercio. Chi non vuole proprio saperne di mettersi al volante sono le casalinghe (10.600), i pensionati (11.052) e gli insegnanti (11.335). Un medico in media percorre 13.350 chilometri, più di un commerciante (13.064) o un dirigente 13.200, ma meno di un rappresentante delle forze armate (13.600) o di un libero professionista (14.400). Passando invece ai consumi delle singole regioni si scopre che in Umbria si percorrono (15.220 km/anno), in Lucania (14.554) e in Molise (14.340). In Liguria (11.427), in Sicilia (11.802) e i Campani (12.091) i più sedentari. Chi abita in Trentino si sposta più di chi vive n Lombardia, Piemonte e in Veneto. Nel Mezzogiorno al Sud, i pugliesi amano stare al volante più di sardi e calabresi. Al Centro, infine, marchigiani, emiliani e toscani macinano più chilometri di abruzzesi e laziali.

9 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


SPETTACOLI Il censimento dei teatri inattivi in Italia conferma l’indifferenza verso siti dimenticati

Cultura negata, si alzi il sipario In Italia censite 428 sale inutilizzate, 4 chiuse in Molise di Charles N. Papa La chiusura di un teatro, il suo non utilizzo, è un’affronto alla cultura di una città, alla crescita culturale di una popolazione. Un teatro chiuso è una tristezza al solo vederlo. Uno schiaffo improvviso, doloroso e che lascia il segno delle dita. E’ così che chi lavora, a qualunque titolo, ma anche chi ha coscienza dell’arte da palco, sente la chiusura di un teatro. La tristezza infinita di una catena che tiene unite le maniglie dell’ingresso, sono il simbolo della disfatta culturale di una società. Il chi è di scena? che non echeggia nei camerini, un silenzio assordante. I gravi danni arrecati nel passato, a teatri come La fenice di Venezia o il Petruzzelli a Bari e la loro rinascita, fanno intuire quanta voglia di riscatto c’è da parte di chi produce cultura. I tagli al Fus (Fondo unico spettacolo) nel periodo 2009-2011) incidono ancorpiù nel legittimare azioni volte alla ristrutturazione e alla riapertura di sale chiuse. Secondo il censimento dell’associazione ‘Teatri aperti’, in Italia sono 428 le sale chiuse. Record negativo in Sicilia dove sono inattive ben 59 sale, Lombardia 57, Toscana 39. In Abruzzo e nelle Marche sono rispettivamente 9 e 16 i sipari abbassati.

LA STORIA DEL SAVOIA CAMPOBASSO - Il Teatro venne costruito negli anni Venti nel luogo in cui si trovava il precedente Teatro Margherita, risalente alla fine dell’Ottocento. All’esterno gli elementi decorativi sono influenzati dallo stile francese e si caratterizzano per le forme curvilinee e floreali culminanti nella realizzazione delle lampade sporgenti della facciata, che rappresentano un bellissimo esempio di gusto Liberty. All’interno, l’atrio è decorato con raffigurazioni di luoghi significativi della regione e della città. Il teatro è composto da quattro ordini di palchi e il soffitto della sala centrale è affrescato con scene del Trionfo dei Sanniti, realizzate da Arnaldo De Lisio. L’interno è ornato con stucchi dorati e piccole colonne che separano i vari palchi.

Il censimento di ‘Teatri aperti’ conta quattro sale chiuse in Molise: il cine-teatro Ariston di Campobasso, il cine-teatro Fulvio di Guglionesi, il teatro del Cenacolo culturale ad Agnone e il cine-teatro San Domenico di Venafro. Di queste non si sa la destinazione nei prossimi anni. L’Ariston nel capoluogo, con oltre mille posti a sedere, è stata una sala cinematografica importante e un palco che ha visto passare artisti del calibro di Goran Bregovic, Fiorello, Beppe Grillo, Ivano Fossati, Elio e le storie tese, il Rocky horror picture show, Forza venite gente. L’ultimo spettacolo teatrale

il 3 febbraio 2005 con Francesco Paolantoni e Syria nel cartellone Atam. La sala fredda scatenò numerose polemiche, soprattutto da parte degli attori, che non mancarono di punzecchiare anche dal palco. Fu l’ultimo volta che il sipario calò sul teatro Ariston. L’indagine condotta da “Teatri Aperti” prende il via nel settembre 2006 e termina nel marzo del 2007. Gli spazi teatrali chiusi, abbandonati, in ristrutturazione, inagibili, che l’indagine ha scovato, denota la grave carenza culturale che manca in molte parti d’Italia e la strana vicenda di alcuni teatri, come quella della più recente costruzione teatrale in Italia, a Bronte in Sicilia, il teatro fu inaugurato nel 2001 e nel 2006 già chiuso per resturi, o quella curiosa motivazione “chiuso per mancanza di iniziative” che fa perdere ben 237 posti a sedere a Pescara in Abruzzo per l’auditorium Luigi Sciarretta.

Un palco importante

Il teatro più antico Della Pergola

Il teatro più piccolo a Perugia: 99 posti

FIRENZE - Sono 350 gli anni che compie il Teatro della Pergola di Firenze. Furono gli Accademici Immobili a far costruire il teatro al posto del Teatro del Cocomero. Fu inaugurato al pubblico pagante nel 1718 con un’opera di Vivaldi. Il primo camerino fu costruito nel 1906 per Eleonora Duse.

MONTECASTELLO DI VIBIO (PG) - Si chiama Teatro della Concordia, nel piccolo centro alle porte di Perugia. Dotato di 99 posti, fu inaugurato nel 1808. Il nome deriva dal clima storico del tempo, la concordia tra i popoli che andavano ad insediarsi nell’Europa.

Per quanto la nostra città sia geograficamente tagliata fuori dalle grandi produzioni e dai grandi live, il teatro Savoia ha ospitato nomi importanti e rassegne teatrali come ‘Primavera teatrale’, quella dell’Atam e il cartellone della Provincia. Resta l’unico riferimento il Savoia, per ricordare alcuni dei nomi che lo hanno calcato: Poalo Rossi, Madredeus, Samuele Bersani, Litfiba, Enzo Jannacci, Panariello, Nicola Piovani, Paola Cortellesi, Alessandro Gassman. Senza dimenticare gli allestimenti del conservatorio Perosi.

11 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


Resta in carcere lo spacciatore marocchino

Caos in Giunta per la sicurezza scolastica

Era stato beccato dalla Guardia di Finanza di Isernia con 600grammi di hashish pronti per essere rivenduti. Ieri, presso la casa circondariale di Ponte San Leonardo, è stato interrogato dal Giundice per le indagini preliminari Cuomo e trattenuto in carcere.

Il contrasto tra Comitato “scuole sicure” e Amministrazione comunale è ormai arrivato all’esasperazione. La maggioranza sembra perdere compattezza e i genitori continuano a pretendere soluzioni rapide e concrete.

ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - tel 0865.414168 email: lagazzettaisernia@alice.it

I bambini come pedine

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A NICANDRO COTUGNO Il tapiro del giorno va al sindaco di Venafro, Nicandro Cotugno. La nomina dell’ex nemico della giunta, Franco Valente a “Conservatore onorario dei beni architettonici, archeologici, artistici e bibliotecari del territorio venafrano“ voleva, nei suoi intenti, essere un segnale forte di pluralismo e di ritrovata collaborazione “trasversale”. Da indiscrezioni sembra, invece, che il nome dell’architetto Valente abbia finito per creare malumori all’interno della maggioranza e l’ennesimo grattacapo al primo cittadino. Un tapiro, quindi, alla sua buona volontà incompresa.

L’OSCAR DEL GIORNO A ROSA IORIO Premiamo con un oscar l’umiltà, la capacità di ascolto e la disponibilità di Rosa Iorio. Lunedì scorso, durante il consiglio comunale monotematico sulla sicurezza scolastica, l’assessore ai Lavori pubblici del Comune di Isernia ha ascoltato tutte le richieste del Movimento spontaneo della San Giovanni Bosco . E, tra tanta indifferenza, si è unita alle mamme e ha chiesto scusa per le sue eventuali responsabilità, nonostante sia stata promotrice delle uniche certezze immediate, quelle dei due prefabbricati per evitare i doppi turni.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Ittierre, scatta la cassa integrazione Firmato l’accordo con i sindacati. Prevista inoltre la rotazione del personale I dipendenti percepiranno le indennità nello stesso giorno previsto per la normale retribuzione PETTORANELLO DEL MOLISE - È stato siglato ieri l’accordo sulla cassa integrazione guadagni per il periodo dal 21 settembre al 31 ottobre 2009. Uno dei risultati otte-

nuti è quello dell’applicazione della rotazione del personale, dove ovviamente essa sia possibile. A renderlo noto le segreterie regionali di Filtea Cgil Femca Cisl e Uilta Uil. “Va precisato, onde evitare futuri fraintendimenti – affermano i sindacati - che la rotazione del personale è dovuta, sempre all’interno di una fattibilità organizzativa, per la cassa integrazione guadagni straordinaria e non per l’ordinaria, come sta succedendo in questo caso. Bisogna avere ben chiaro che questa rotazione è una conquista sindacale ottenuta in trattativa e non un diritto dovuto per legge”. Intanto la prossima settimana ci sarà un utilizzo minimo della Cigo

che interesserà un numero molto inferiore alle 200 persone previste; verranno infatti poste in cassa integrazione prevalentemente le persone che volon-

tariamente hanno aderito. Sempre nel corso della prossima settimana la Rsu, in appositi incontri, pianificherà l’utilizzo più diffuso del provvedimento per le cinque set-

L’uomo è stato beccato dalla GdF con 600 grammi di hashish nascosti tra pannolini e biberon della figlia

14 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009

dall’altro l’atteggiamento incerto dell’extracomunitario hanno fatto saltare il suo piano, già ben premeditato. Ad incastrarlo e tradirlo, proprio quel malcelato nervosismo, manifestato davanti ai finanzieri. È bastato poco ai militari per capire che qualcosa non quadrava; insospettiti, hanno notato una borsa all’interno dell’auto, borsa nella quale la coppia, fra pannolini, salviettine e altri accessori per la cura della bambina, aveva nascosto ben sei panetti di hashish che, se spacciati al minuto, avrebbero immesso sul territorio molisano numerose dosi di sostanza stupefacente. La droga è stata sequestrata. Denunciata, a piede libero, la minorenne. La brillante operazione si inquadra in un preciso piano di controllo, predisposto dalla Guardia di Finanza ai fini della prevenzione e della repressione del traffico di droga nella Provincia che, nell’ ultimo periodo, ha portato ad ulteriori sequestri ed alla segnalazione di dieci persone. intanto l’uomo è stato interrogato ieri, presso il carcere di Ponte San Leonardo. Il gip Cuomo ha convalidato l’arresto, mentre l’avvocato Maria Assunta Baranello, si è riservata di presentare istanza di scarcerazione.

Sicurezza ferroviaria, le richieste di Patriciello Maggiore controllo e più sicurezza nei trasporti ferroviari e garanzie per i passeggeri delle compagnie aeree. Due temi che hanno impegnato l’eurodeputato del PdL Patriciello, che a Strasburgo ha sollecitato la Commissione affinché vengano rafforzati i poteri dell’Agenzia europea.

mano dalla Cgil Cisl e Uilnon perché scorretta dal punto di vista etico, ma solo perché la legge non ci permette di esigere la rotazione da quest’ultima ipotizzata. Anche Cgil, Cisl e Uil avevano richiesto una rotazione più diffusa ma, nella consapevolezza di non esercitare un diritto esigibile, hanno firmato un accordo che prevede comunque una significativa rotazione del personale. Possiamo affermare solo che, se la rotazione del personale non è un diritto nella fase attuale, esso lo diventa in caso di cassa integrazione straordinaria; probabile strumento che i Commissari – concludono - metteranno in campo dopo la presentazione del piano industriale”.

Aumento tasse, Isernia fanalino di coda

Droga, resta in carcere il marocchino SESTO CAMPANO - Aveva nascosto 600 grammi di hashish tra pannolini e salviettine per neonati, con la speranza così di passare inosservato. Ma qualcosa non è andato come avrebbe desiderato. A finire in manette E.K., un ventisettenne di origine marocchina con regolare permesso di soggiorno, residente nel comune di Bojano (CB) e ora accusato di spaccio. L’uomo è stato beccato in flagrante dai militari della Guardia di Finanza di Isernia, nel corso di controlli svolti per il contrasto al traffico delle sostanze stupefacenti. L’extracomunitario è stato fermato ad un posto di blocco nei pressi del Comune di Sesto Campano, mentre era di ritorno da Napoli dove, secondo quanto riferito dai militari, si sarebbe quasi certamente recato per rifornirsi della droga. Non era solo in macchina, anzi per non destare sospetti, aveva portato con sé la propria compagna e connazionale, ancora minorenne – K. F. e la figlioletta di appena quattro mesi. La presenza della famigliola a bordo dell’auto aveva l’evidente scopo di non insospettire le Forze dell’Ordine, in caso di controlli. Ma da una parte l’esperienza professionale, l’intuito e la meticolosità operativa dei militari della Fiamme Gialle,

timane restanti, tenendo presente anche criteri solidaristici. L’azienda, dietro richiesta della delegazione sindacale, ha accettato di anticipare i trattamenti di Cigo e quindi tutti i dipendenti interessati percepiranno le indennità nello stesso giorno in cui si prende normalmente la retribuzione. La riunione di ieri si è conclusa con la piena soddisfazione di Cgil Cisl e Uil Non è dello stesso parere l’Ugl che, pur avendo firmato l’accordo, ha subordinato future azioni di protesta, all’accoglimento della loro richiesta di applicare la rotazione del personale in Cigo a tutta la forza lavoro dello stabilimento. “Non ci sentiamo di condividere la posizione dell’Ugl – affer-

Le tasse locali nel 2009 sono aumentate del 4,8% passando da 101,6 a 107,3 miliardi mentre quelle statali dello 0,4%. È quanto risulta da uno studio, condotto da Krls Network of Business Ethics per conto dell'Associazione Contribuenti Italiani, presentato ieri a Roma nel corso della manifestazione Fisco Tour 2009 dal presidente Vittorio Carlomagno, che sarà pubblicato nel prossimo numero della rivista mensile Contribuenti.it. Fortunati i contribuenti del capoluogo pentro che risultano all'ultimo posto, con soli 670 euro pro capite. È infatti Isernia la città dove la pressione fiscale locale è cresciuta di meno. E se la nostra città risulta ultima, Milano è prima nella sfortunata classifica, ma stavolta lombardo avrebbero fatto a meno del primato. Ogni milanese verserà nel 2009, tra acconti e saldi, ai propri enti locali, imposte, tasse, tributi e addizionali varie per 2.307 euro contro una media nazionale di 1.588 euro.Al secondo posto, ha sottolineato il presidente di Contribuenti.it Vittorio Carlomagno, c'è Napoli con 2.198, anche se il capoluogo partenopeo e' da ritenere fuori classifica, visto che tra le entrate tributarie comunali annoverano la tassa rifiuti e quella sui morti, che ''falsano la classifica'': da sole incidono per 298 euro contro la media nazionale di 220 euro. Al terzo posto, Aosta con 2.178 euro e al quarto posto Bologna con 2.139 euro. Considerando la ripartizione delle imposte tra gli enti locali, dallo studio emerge che il 54,2% va alle Regioni, il 40,7% ai Comuni e il rimanente 5,1% alle Province. ''Le ragioni di questa crescita - sostiene Carlomagno - sono da ricercarsi principalmente nella assenza di un Garante per la sorveglianza dei tributi. Bisogna istituire presso il ministero dell'Economia la figura di Mister Fisco per non vanificare i risultati ottenuti dal ministro Tremonti''.

Fragnete celebra la Giornata dei giovani Nella parrocchia San Pietro Celestino V Papa Santuario Diocesano Santa Maria della Pace di Fragnete, in occasione della visita della Madonna di Fatima, è stata festeggiata la Giornata dei Giovani. La Messa solenne è stata celebrata da Mons. Francesco Bartolini.


ISERNIA Scuole, la Giunta alle corde Peggiora la situazione sulla sicurezza degli edifici. Genitori esasperati, maggioranza spaccata Qualcuno lo ha definito un “consiglio farsa”, altri lo hanno etichettato come una semplice “presa in giro”. Le polemiche dopo l’ultimo consiglio comunale, quello di lunedì scorso, lungi dal diminuire, sembrano crescere di ora in ora e tra il comitato scuole sicure ed il Comune, ormai è frattura insanabile: bocciato l’operato dell’amministrazione Melogli su tutta la linea, bocciato in particolare l’operato dell’assessore Iorio che aveva fatto intuire ben altre soluzioni nel breve periodo. Come se non bastasse, la larga coalizione che appoggia il primo cittadino sembra sfaldarsi e la minoranza incalza e attacca da tutte le parti, ritrovando una compattezza che forse mai, negli ultimi anni, aveva mostrato.

Insomma, a livello politico il terremoto sembrerebbe imminente e la bagarre continua. Da una parte Melogli e la sua giunta stanno attraversando sicuramente il periodo più difficile della loro storia, dall’altro il comitato scuole sicure che non arretra di un passo, e ripete in continuazione uno slogan fatto di una sola, semplice parola: vergogna. “Ci sono volute sette ore di seduta consiliare e di confronti in parte animati – si legge in una nota - per generare la proposta approvata in consiglio comunale: la costituzione di un comitato-commissione, poi composto e coordinato da Giovanni Fantozzi e Alfredo D’Ambrosio. Il nuovo organo si è riunito per la prima volta ieri mattina

sole settimane dal sisma. La minoranza ha basato proprio su questa “proposta bis” le proprie feroci critiche all’operato della giunta, in seno alla quale sembrano moltiplicarsi crepe, difficilmente immaginabili qualche mese fa. Una di questa è frutto del contrasto

Rifiuti, giro di vite sui trasgressori

A Chianciano voglia di centro “Una tre giorni da incorniciare, soprattutto per la grande partecipazione e l’altrettanto grande voglia di dar vita ad un nuovo soggetto politico che raggruppi tutte le anime centriste. Siamo all’inizio di un percorso che entro il 2010 darà al nostro Paese una nuova opportunità, quella di essere rappresentati da una politica più vicina alla gente, capace quindi di ascoltare e rispondere alle esigenze di chi non si sente rappresentato dal duopolio PdL – PD, ma anche di chi guarda con diffidenza all’Italia dei Valori e rifugge le spinte secessioniste della Lega”.È il commento di Nicola Di Rosso, presidente del Circolo Pentro, aggregazione vicina al consigliere regionale Massimiliano Scarabeo, di rientro da Chianciano, dove, unitamente a diversi esponenti della politica campobassana ed isernina, ha preso parte agli Stati generali della Costituente di Centro.

e tornerà a farlo nella giornata di domani per cocuparsi della programmazione volta alla realizzazione del futuro polo studentesco. In pratica, accusano i genitori, la stessa identica proposta votata ed approvata nella seduta del 27 aprile scorso, a tre

VENAFRO - L’abbandono scorretto da parte dei cittadini di rifiuti di ogni genere lungo le strade, ha indotto l’amministrazione comunale a introdurre misure più severe e provvedimenti più restrittivi sullo sversamento dei rifiuti, onde evitare la formazione di discariche abusive e, specie, durante la stagione estiva ed eliminare il problema del cattivo odore. La nuova ordinanza fissa norme più rigorose sulle modalità di deposito dei rifiuti e anche sulle sanzioni. I cittadini possono depositare i rifiuti domestici delle civili abitazioni dalle ore 19 alle 6 del mattino. Pur nella intenzione di mantenere una soglia minima di elasticità sugli orari prescritti, si avvisa la cittadinanza che i controlli saranno più severi. I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani non possono essere utilizzati altrimenti. Quindi vetro, plastica, carta e cartone, devono essere depositati negli appositi contenitori, che a breve, saranno sostituiti e incrementati. E’ vietato

Venafro, Franco Valente in conferenza stampa Domani, alle ore 10, è convocata presso il Comune di Venafro, la conferenza stampa di presentazione di Franco Valente, recentemente nominato “Conservatore onorario dei beni architettonici, archeologici, artistici e bibliotecari del territorio venafrano”, con delibera di Giunta.

depositare nei cassonetti di raccolta RSU, sul suolo e nel suolo pubblico, privato di tutto il territorio comunale rifiuti come cartoni, elettrodomestici, rottami in ferro o legno, farmaci e batterie. Per tutti coloro che violeranno tali provvedimenti sono previste sanzioni amministrative e pecuniarie fino a 620, oltre alla denuncia all’Autorità Giudiziaria. Giro di vite anche nei confronti di coloro che assumono comportamenti impropri, come l’imbrattamento del suolo nonché la sosta dei veicoli davanti ai cassonetti del servizio di igiene pubblica. I controlli saranno intensificati anche nelle attività commerciali. Tutti le attività di ristorazione quali bar, ristoranti, trattorie, pizzerie, paninoteche, gelaterie, ritrovi ecc.. ricadenti nel territorio comunale sono obbligati a conferire i rifiuti putrescibili prodotti nell’esercizio della propria attività mediante consegna diretta ad addetti della società “Smaltimenti Sud”,che provvederanno al ritiro in azienda dalle ore 9 alle 12.

tra le dichiarazioni di Melogli e quelle del Dirigente Giulio Castiello. “Non esiste emergenza sismica” ha ribadito il sindaco nell’ultima assise. A queste parole il comitato ha risposto con l’estratto della relazione di Castiello in merito ai risultati delle verifiche sulla vulnerabilità degli edifici scolastici comunali, presentati nel corso della seduta del 3 agosto scorso. Quel documento, dopo aver spiegato le carenze tecniche dell’edificio, termina con un esplicati vo “.. quindi è molto pericolosa la struttura …”. Non serve essere del mestiere, dunque, per capire che almeno per la San Giovanni Bosco, esiste eccome l’emergenza sismica. A tal proposito, proprio il Movimento spontaneo della scola di corso Gari-

baldi attacca ancora: “Vogliamo sapere che fine ha fatto il rapporto Barberi della Protezione Civile nazionale consegnato al Comune nell’anno 2001, perché non si è fatto nulla dopo le verifiche della Regione Molise del 2005 e chiederemo inoltre un confronto pubblico con chi fa queste affermazioni sedendosi al tavolo con dei veri esperti nel campo sismico che possono parlare in perfetta autonomia e libertà���. E ancora: “Continueranno a spostare i nostri figli come pedine su una scacchiera in un ambito ben definito, quello delle scuole a rischio, a giocherellare con le loro vite per fare politica e per farne un efficace strumento di campagna elettorale, ma domani i nostri figli saranno ancora lì”. Tau

Ottaviano:“Urge bloccare la captazione delle acque” “Desidero manifestare pieno sostegno personale alla richiesta avanzata dal circolo cittadino dell’Italia dei Valori, per arrivare ad ottenere il blocco della captazione delle acque del San Bartolomeo da parte della Regione Campania. La questione, raccolta anche dal Presidente del Consiglio comunale Palumbo, che l’ha inserita nell’agenda della prossima assise civica, da troppo tempo si trascina in un clima di sospetto ed ambiguità, che lascia adito ad ipotesi di interventi compiuti con grave nocumento per la città di Venafro. Adesso che, grazie all’iniziativa personale dell’assessore comunale ai Lavori Pubblici Claudio Petrecca, la vicenda è diventata oggetto di un’inchiesta della Magistratura, potrebbero esserci tutti gli elementi utili per operare una sospensione cautelativa dell’emungimento di acqua, fino a quando non saranno accertati tutti gli elementi atti a comprovare che i lavori di captazione eseguiti dalla Regione Campania, non abbiano causato danni idrogeologici a Venafro. Riservandomi di sottoporre la problematica all’attenzione del Consiglio regionale, pur nella consapevolezza che l’acqua è un bene prezioso e comune, per amor di giustizia e necessità di salvaguardare il patrimonio idrico di Venafro, appoggerò qualunque provvedimento il Sindaco voglia emettere a fini cautelativi”.

Attacchi a Iorio, ancora solidarietà Il sindaco Melogli e l’intera giunta di Isernia si uniscono ai messaggi di solidarietà inviati da molti esponenti politici al Presidente della Regione Michele Iorio, oggetto di reiterate aggressioni mediatiche travalicando il diritto d’informazione, evidenziano il tentativo di destabilizzare la democrazia istituzionale molisana.

Il capogruppo IdV alla Regione Nicandro Ottaviano

15

ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


TERMOLI Presa di posizione di Lorenzo Lommano nei confronti del sindaco santacrocese

Nucleare, no della Lega sannita SANTA CROCE DI MAGLIANO - Il nucleare? “No grazie”. A dirlo ad Alberto Florio, sindaco di Santa Croce di Magliano, è Lorenzo Lommano presidente della Lega San-

nita che è totalmente contrario all’energia nucleare. Lommano si dice esterrefatto e sbigottito non per la legittima e coraggiosa posizione del sindaco di Santa Croce di

Magliano che si dice d’accordo sul nucleare anche se lo fa quasi in modo provocatorio, ma per l’assordante silenzio di quella parte della sinistra santacrocese che tale non è più, “che viaggia in Suv, che pensa solo alla fase del post terremoto e prende solo ordini da uno dei tanti caporali della sinistra molisana a cominciare da quelli dell’IdV che di Santa Croce non gli interessa un fico secco”. Po parte il secco no di Lommano al nucleare. “ A Florio debbo dire no al nucleare a Melanico così come a Termoli e nel Molise, perché sono già tante le responsabilità che pesano sul capo di chi progettò lo sviluppo del litorale adriatico con l’industria chimica. Migliaia di casi di tumori nel basso Molise, che gri-

dano ancora vendetta”. Il presidente della Lega Sannita non va per il sottile ed é pronto a fare le barricate e invita ad organizzare un dibattito e discuterne con la gente. E rispondendo al sindaco di Santa Croce che ritiene sicure le centrali d ultima generazione, Lommano risponde che: “ Il nucleare non è sicuro e non lo sarà mai, si sfrutti invece l’energia solare. Anzi noi siamo contrari anche al parco eolico che verrà parcheggiato a Santa Croce di Magliano, perché arricchirà solo poche persone a danno di tutta la comunità santacrocese. Ed i comuni molisani, molti di loro, al pari dei barbari stanno vendendo la nostra storia, il nostro territorio e la nostra identità. Quando un’ammini-

Il presidente non va per il sottile ed è pronto a fare le barricate e invita ad organizzare un dibattito e discuterne con la gente strazione comunale accetta il ricatto del parco eolico - ha concluso Lommano -, vuol dire che è alla fine, è fallita, non riesce più a progettare ed è disposta a vendersi per un piatto di lenticchie pur di non dimostrare la sua inefficienza”.

La Fruttagel e i consiglieri del centrodestra Le proposte del Pd per le aree interne BASSO MOLISE - Continuano gli incontri per discutere sulle “Proposte del PD per le Aree Interne”, con il candidato alla segreteria regionale del Partito Democratico Michele Petraroia. Momenti per presentare proposte per lo sviluppo delle Aree Interne del Molise, per valorizzarne le risorse e garantire a tutti di poter fruire degli stessi diritti. “La recente approvazione della legge sul federalismo fiscale – scrivono dal Comitato giovani per Petraroia e Bersani -, nei prossimi mesi ridurrà di molto le risorse a disposizione delle piccole regioni e imporrà una nuova e più attenta gestione delle risorse economiche, ma ha già posto un tema cruciale: come garantire a tutti i cittadini gli

16 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009

stessi diritti fondamentali di fronte all'egoismo di alcune regioni e di alcuni politici della destra? Sarà compito del PD Molise lottare affinché tutti gli italiani devono avere gli stessi diritti e garantire che si applichi un federalismo equo, pur nella consapevolezza che molte spese regionali vadano ridimensionate”. Per il Comitato Le aree interne del Molise stanno subendo da decenni un drammatico spopolamento, causato dalla mancanza di opportunità di lavoro, di infrastrutture e di prospettive di sviluppo, “al quale è necessario porre un freno con delle politiche lungimiranti di sviluppo, che sfruttino al meglio le peculiarità del territorio, investendo al meglio anche i fondi europei ed i fondi Fas”.

LARINO - Spesso si crede, o lo si vuol far credere, che il futuro di un’azienda sia roseo per merito di un intervento di una amministrazione comunale, provinciale o regionale. E’ questa una manfrina così abusata che oggi quasi annoia; nel frattempo, però, i soldi pubblici sono stati buttati in ogni angolo, come meglio si pensava ma con risultati quantomeno dubbi. Dimenticando, quando comodamente seduti in poltrona, che le fortune delle aziende le fanno i loro dirigenti e lavoratori, con le buone scelte ed l’applicazione nel lavoro e, raramente, gli interventi pubblici. Mi sembra, a ben ricordare, che sia la Fruttagel quanto i suoi dipendenti chiedevano proprio questo: poter lavorare secondo le normali dinamiche di mercato. Ma c’è chi, tra i consiglieri regionali, più realista del Re, si affretta ad annunciare l’ennesima vittoria della “politica del fare” del centro destra rispetto alle chiacchiere disfattiste del centro sinistra. Tralasciando di citare, con imbarazzante facilità, le tante chiacchiere che si sono dovute ascoltare negli anni

precedenti (ma anche i tanti silenzi) e di enumerare i mesi che si sono dovuti aspettare per risolvere la questione. Non so cosa faceva in quei mesi la “politica del fare” del famoso centrodestra, ma si è dovuto aspettare l’arrivo di un assessore regionale dal centro sinistra, con tanta di lunga e comprovata esperienza nello schieramento, per dipanare la matassa. Chissà perché. Claudio Nuonno Segretario Circolo PD Larino

Pesca, altri 10 milioni per la Cigs

Alle Tremiti il campionato di fotografia sub

ROMA – E' stato firmato ieri, presso il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, l'accordo che stabilisce, per gli ammortizzatori sociali in deroga per l’anno 2009, ulteriori risorse per 10 milioni di euro. L'accordo prevede anche che la CIGS in deroga possa essere riconosciuta in tutte le situazioni in cui si renda necessario sospendere l’attività lavorativa per cause non imputabili al datore di lavoro

ISOLE TREMITI – Grande appuntamento alle Diomedee dove dal 19 al 27 settembre si svolgeranno i campionati italiani di fotografia subacquea. All'iniziativa sono iscritti 150 concorrenti che per 8 giorni immortaleranno i fondali delle isole che poi passeranno al vaglio dei giudici. La manifestazione é stata presentata durante una conferenza stampa tenuta dal sindaco dell'arcipelago, Giuseppe Calabrese.


TERMOLI In Consiglio sono affiorate molte novità che mettono a rischio il futuro dell'amministrazione Il sindaco può contare su una maggioranza risicata dopo che Luigi Leone ha votato con l'opposizone TERMOLI – “Di cosa ha paura. Di cosa avete paura”. Queste le frasi più volte proferite dall'opposizione all'indirizzo del Sindaco e della maggioranza consiliare in merito alla richiesta di istituire una commissione d'inchiesta sulla raccolta differenziata, punto all'ordine del giorno che non é passato per un solo voto: 15 si e 16no (in maggioranza ha votato anche il Sindaco smentendo se stesso che in un documento aveva annunciato di non farlo). Un Greco che quando si trova in difficoltà, é lo é, minaccia di dimettersi. Ma lunedì sera in Consiglio sono affiorate alcune novità. Ad iniziare da Luigi Leone che ha votato a favore della commissione insieme all'opposizione ed ai colleghi Antonio Paparella e Mchele Colella (entrambi seduti tra i banchi della maggioranza); la restituzione della delega del neo assessore all'ambiente, Gabriele Petrella (a chi ha chiesto del perché della sua assenza é stato risposto per urgenti motivi di famiglia). Ma é stato lo stesso Leone a sbugiardare tale risposta dicendo pane al pane e vino al vino. Al vetriolo poi il suo intervento nei confronti del Sindaco e del sistema di raccolta porta a

Raccolta differenziata No alla commissione d’inchiesta

porta che fa acqua da tutte le parti, la città é sporca e si vedono ratti n varie zone, situazioni che mettono a rischio la salute pubblica. Ma le sorprese non sono finte perché consiglieri di maggioranza Franco Scurti e Vincenzo Criniti ritirano le dimissioni da presidente e consigliere della IV commissione. Da Scurti nessuno lo aspettava visto che pochi giorni fa é stato aggredito verbalmente da un cittadino di Difesa Grande, stesso rione dove abita l consigliere, il quale si lamentava proprio della raccolta porta a porta. Terminato, no. Altra sorpresa é stata quella di dove si smaltisce il pattume dopo che la discarica di Montagano ha chiuso le porte al Comune termolese, dopo che da quella di Guglionesi sono arrivate lamentele: in aula é stato scandito il nome Puglia. Comunque resta quella richiesta a cui manca la risposta: di cosa ha paura il sindaco Vincenzo Greco per non aver voluto che passasse l'istituzione della commissione d'inchiesta e per farlo ha minacciato le dimissioni. Ha paura che si potesse scoprire qualcosa che non deve sapersi. Infine anche un'altra domanda non ha avuto risposta: la famosa sanzione

Presentazione dei progetti sperimentali del volontariato TERMOLI - E’ stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale la direttiva del Ministro Maurizio Sacconi, che stabilisce “Le linee di indirizzo per la presentazione di progetti sperimentali di volontariato, finanziati con il Fondo per il volontariato. Possono richiedere il contributo le organizzazioni di volontariato costituite da almeno due anni e regolarmente iscritte nel registro regionale del volontariato alla data di pubblicazione della direttiva nella Gazzetta Ufficiale. I progetti possono essere presentati da singole organizzazioni di volontariato o congiuntamente da più organizzazioni di volontariato. Il testo integrale della Direttiva e la modulistica sono disponibili sul sito del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali. Il formulario di presentazione del progetto deve essere inviato entro le ore

Incendio, denunciato termolese TERMOLI – Un 42enne residente in città, M.C., é stato denunciato a piede libero per aver dato alle fiamme carcasse di pneumatici e imballaggi di plastica nei pressi di abitazioni in Via Sandro Pertini nella periferia della città. Sono stati gli uomini della Guarda forestale d Petacciato e volontari della Protezione civile di Campomarino, intervenuti per spegnere le fiamme, a sorprenderlo in flagranza d reato.

12 del prossimo 19 ottobre al Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali - Osservatorio nazionale per il volontariato - Div. III Volontariato - Direzione Generale per il Volontariato, l’Associazionismo e le Formazioni sociali - Via Fornovo. 8 00192 Roma.

di 60mila euro nei confronti della società che ha in appalto il servizio e stata o

meno pagata all'Amministrazione comunale?

Corte costituzionale, niente Iva sulla tassa rifiuti TERMOLI – Chiunque fino ad oggi ha pagato l'Iva sulla tassa rifiuti può chiedere il rimborso perché la Tassa di smaltimento rifiuti solidi urbani (Tarsu) e la Tariffa igiene ambientale (Tia) sono imposte e pertanto non soggette ad Iva che, se pagata, deve essere restituita. Lo ha stabilito la Corte costituzionale che ha anche fatto presente che si può ottenere il rimborso seppure limitato alle fatture degli ultimi dieci anni. Ma chiariamo un aspetto basilare. La Tia è il nuovo sistema di finanziamento comunale della gestione dei rifiuti e della pulizia degli spazi comuni introdotto nel 1997 con il decreto Ronchi, una tassa veniva sostituita da una tariffa con l'obiettivo di far pagare agli utenti esattamente per quanto usufruiscono del servizio. La Tarsu era calcolata solo sui metri quadrati di un appartamento mentre la Tia introduce altri parametri di calcolo, come il numero di persone che ci abitano. Ma su come ottenere i rimborsi basta seguire i consigli di Altroconsumo. Prima di compilare il modulo, verificate sulle fatture degli ultimi 10 anni se l'Iva è stata applicata. Se l'avete versata allegate al modulo le copie delle fatture ed elencate gli importi nella tabellina riepilogativa che trovate nel modulo stesso. Altri suggerimenti sono: Se non avete nulla che provi il versamento dell'Iva perché avete solo i bollettini, usateli comunque senza indicare gli importi

Agenzia entrate, terminata formazione studenti TERMOLI - Con la consegna degli attestati da parte del direttore dell’Ufficio, Gianfernando Di Rienzo, si è conclusa l’esperienza di tre giovani studenti del “Boccardi” che hanno fatto un tirocinio di formazione e orientamento presso l’Agenzia delle Entrate di Termoli. L’iniziativa rientra nel progetto “Alternanza Scuola-Lavoro”.

dell'Iva versata; Se negli ultimi 10 anni è cambiato il gestore del servizio, ad esempio siete passati dal versamento al comune a quello all'ente municipalizzato, inviate due richieste separate per i rispettivi periodi di competenza; La prescrizione per la richiesta di rimborso dell'Iva è di 10 anni, ma potete bloccare questo termine inviando il modulo tramite raccomandata con ricevuta di ritorno; Il comune o gli altri enti a cui avete pagato la Tarsu hanno 90 giorni per rispondere alla vostra richiesta di rimborso. Se non rispondono vale il principio del "silenzio diniego"; Potete presentare la richiesta di rimborso fino al 24 luglio 2011, ovviamente più aspettate più slittano i termini di prescrizione. In pratica entro il 2009 potete chiedere il rimborso fino al 1999, dal 2010 potete risalire al 2000 e così via. Infine se l'Ente non riconosce la sentenza della Corte costituzionale e vi nega il rimborso, o non risponde, potete presentare un ricorso alla commissione tributaria provinciale. Potete farlo come singolo contribuente se il valore della causa risulti inferiore a 2.582,28 euro. Al di sopra di questa cifra è necessario farsi assistere da un avvocato. Per fare ricorso alla commissione avete 60 giorni di tempo dal momento in cui ricevete la risposta negativa dell'ente o dal termine dei 90 giorni dalla presentazione della richiesta di rimborso.

17 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


E’ ripreso ieri il lavoro della Katay Isernia

Si è conclusa in Provincia la visita di Rosolino

Sono ripresi ieri pomeriggio alle 16.30 con una seduta in sala pesi gli allenamenti per la Katay Isernia, dopo i quattro giorni di pausa concessi alla troupe biancoazzurra da coach Fenoglio. A PAG. 22

Si è conclusa con un incontro istituzionale nel palazzo di Via Berta con il presidente Mazzuto e la Giunta provinciale la visita di Massimiliano Rosolino. Il campione olimpico è tra i testimonial de La settimana dello sport della Provincia di Isernia. A PAG.22

ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT Si è tenuta ieri la conferenza stampa di presentazione dell’ultimo acquisto dell’Atletico Trivento Christian Pablo Ferreyra (nella foto insieme al Presidente Edoardo Falcione) A PAG. 20

Il Trivento pensa in grande www.lagazzettadelmolise.it IL CAMPOBASSO IN ANSIA PER LE DECISIONI DELLA GIUSTIZIA SPORTIVA Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti del Nuovo Campobasso Calcio. Il clima, ovviamente, non poteva essere dei più distesi, vista la debacle casalinga maturata domenica nel derby con l’Agnone. Mister Paolucci ha tenuto a lungo a rapporto i suoi, analizzando le cause dell’insuccesso e dell’improvviso calo della squadra. Come ha affermato il tecnico, la sconfitta può essere salutare a patto che vengano compresi gli errori commessi e si lavori per porvi rimedio. Il gruppo sembra aver recepito la strigliato del mister ed è tornato a lavorare con determinazione. D’ora in poi non possono essere commessi passi falsi e non sono consentiti cali di concentrazione. A PAG. 21

IL REAL ISERNIA DI MISTER DI PRISCO HA INIZIATO A FARE SUL SERIO Cresce a vista d’occhio il progetto del Real Isernia. Una prestazione maiuscola dell’undici bianco celeste fa tornare il sereno nel capoluogo pentro dopo il mezzo passo falso della prima giornata, nel match contro l’Aurora Ururi. Tante le buone notizie che giungono da Termoli. Innanzitutto la conferma dello splendido momento che sta attraversando il reparto difensivo che ancora non subisce reti in gare ufficiali, considerando le due di Coppa Italia e le prime di campionato. Un reparto che ha trovato in Guadagno, Barbato (assente nell’incontro di domenica scorsa) e Vallefuoco, tre ottimi centrali, mentre sulle fasce i vari Ricci, Esposito e Verruti fanno progressi di partita in partita. A PAG. 21

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO SERIE D

L’ultimo colpo di mercato del Trivento darà maggiore qualità al centrocampo gialloblu

Ferreyra si presenta alla stampa L’argentino è apparso entusiasta della sua nuova avventura e del progetto della società Una conferenza stampa tenutasi in un clima disteso e molto familiare,come nello stile dell’Atletico Trivento. L’arrivo in gialloblu del centrocampista argentino Christian Pablo Ferreyra ha acceso ulteriormente gli entusiasmi dei sostenitori trignini che si godono l’ottimo avvio di stagione della squadra di Roberto Carannante che ha conquistato due vittorie in altrettante gare di campionato. “Ferreyra era l’uomo che mancava per completare il nostro scacchiere- ha dichiarato il presidente Edoardo Falcione- avevamo bisogno di un ulteriore rinforzo a centrocampo per aggiungere valore ai già bravi ed esperti Corradino e Trovato. Questo acquisto, benché di spessore, non andrà a modificare quelli che sono i nostri obiettivi. Vogliamo disputare un buon campionato ma senza fare voli pindarici”. Ferreyra giunge a Trivento fresco della vittoria del campionato di serie D con la maglia della Pro Vasto e dopo una brevissima parentesi, questa estate, all’Atessa Val Di Sangro. Il calciatore argentino ha interrotto il suo rapporto con il club abruzzese per via di un problema fisico che non avrebbe garantito la sua presenza in campo sin dalle prime giornate. Il Trivento ha colto l’occasione al volo intavolando una trattativa durata diverse settimane. La società presieduta da Falcione ha preso tempo per valutare con attenzione l’entità dell’infortunio e soprattutto l’effettiva volontà del calciatore che nel frattempo ha ricevuto diverse offerte anche da club di categoria superiore. Del resto non c’è da meravigliarsi basta dare uno sguardo al curriculum del centrocampista argentino che non ha bisogno di ulteriori commenti: 4 stagioni nella serie A argentina con l’Huracan, poi Andria in C1 e C2. Poi le esperienze di Celano, Valle Del Giovenco e Renato Curi Angolana, e in ultimo Vasto. L’arrivo di Ferreyra, che tra qualche settimana potrebbe essere già a disposizione di mister Carannante, sicuramente darà maggiore qualità alla squadra gialloblu che al momento sembra avere tutte le carte in regola per puntare ad un campionato di vertice anche se, come ribadito in conferenza stampa, la società trignina non vuole assolutamente sentir parare di lotta per il vertice. JSV

20 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009

LA SCHEDA ruolo: posizione: piede di calcio: nazionalità: nato il: a: altezza: peso forma: società di appartenenza:

centrocampista destra centrale sinistro destro Argentina 08/07/1975 Buenos Aires 175 cm 71 Kg Atletico Trivento

CURRICULUM

Il fantasista con il presidente Edoardo Falcione

STAGIONE

SQUADRA

CATEGORIA

PRES

RETI

2008/9 2007/8 2006/7 2005/6 2004/5 2003/4 2002/3 2001/2 2000/1 1999/00 1998/99 1997/98 1996/97 1995/96

Pro Vasto R . C. Angolana Valle del Giovenco Valle Del Giovenco Celano Celano Celano Fidelis Andria Fidelis Andria Nueva Chicago(Arg) Huracan(Arg) Huracan Huracan Huracan

SERIE D SERIE D SERIE D ECCELL. SERIE D SERIE D ECCELL. C2 C1 B A A A A

32 26 31 29 28 27 27 24 12 30 15 15 15 15

2

Ferreyra con il DS Gino Griguoli

Il tavolo della presentazione

Coni, campagna Onu contro la povertà Si mobilita anche lo sport per l'edizione 2009 di 'Stand Up', l'iniziativa che si inserisce nella Campagna Onu contro la povertà Il Coni ha aderito alle tre giornate di 'Stand Up, Take Action' dal 16 al 18/10. In occasione della Giornata mondiale contro la poverta' il gesto di alzarsi in piedi richiamerà i governi ad intervenire sulla povertà più estrema e sui cambiamenti climatici.

Christian Pablo Ferreyra

Boxe, è morto a Londra Sutherland L'irlandese Darren Sutherland, bronzo a Pechino 2008 nei pesi medi di pugilato è stato trovato impiccato nella sua casa di Londra. La notizia è trapelata dalla polizia e dal manager dell'atleta, Frank Maloney che ha scoperto il corpo dell'atleta nella sua casa, a Bromley, nella periferia sud di Londra

2 2 6 5 5 1 1


S P O RT CALCIO - SERIE D

Lupi, attesa per il giudice sportivo Campobasso in ansia per la “questione” Centobuchi e per l’entità della squalifica di Murano Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti del Nuovo Campobasso Calcio. Il clima, ovviamente, non poteva essere dei più distesi, vista la debacle casalinga maturata domenica nel derby con l’Agnone. Mister Paolucci ha tenuto a lungo a rapporto i suoi, analizzando le cause dell’insuccesso e dell’improvviso calo della squadra. Come ha affermato il tecnico, la sconfitta può essere salutare a patto che vengano compresi gli errori commessi e si lavori per porvi rimedio. Il gruppo sembra aver recepito la strigliato del mister ed è tornato a lavorare con determinazione. D’ora in poi non possono essere commessi passi falsi e non sono consentiti cali di concentrazione. Bisogna

lavorare in silenzio e cercare di trovare la giusta quadratura del cerchio. La squadra ancora non assimila completamente le direttive dell’allenatore e ciò è testimoniato da qualche imperfezione palesata nel derby con l’Agnone. Le responsabilità sulla prima rete granata vanno divise in tre: in primis Cirilli ha commesso uno svarione, dando la possibilità all’Agnone di ripartire; Grasso non è salito con la difesa, tenendo in gioco l’autore del gol Salvatore e infine il portiere Colantonio non è stato impeccabile nell’uscita. Meccanismi questi che vanno oleati al maglio e ciò è possibile solo con il trascorrere del tempo e con un lavoro continuo. Altro aspetto sul quale il mister dovrà

girare la squadra a dovere, non cambiando passo e giocando sotto ritmo. Da rivedere anche il reparto offensivo, nel quale Covelli sta deludendo le attese e per il momento non sta supportando Gherardi. Ma conosciamo tutti il valore del bomber ex Casoli e siamo certi che saprà ritrovarsi e tornare ad essere determinante, così come si aspetta la società di conLa rabbia di mister Paolucci trada Selva Piana. Per la giornata odierna è lavorare riguarda gli ingranaggi del prevista una doppia seduta di allenacentrocampo. Domenica qualcosa mento, atletica in mattinata e tattica non è andata nel verso giusto e Teta e nel pomeriggio. Mentre a tarda matPriore non sono stati in grado di far

tinata sono attese le decisioni del Giudice Sportivo. E, in tal senso, il Campobasso tratterrà il respiro in attesa di due decisioni. La prima riguarda la “faccenda” Centobuchi ed è probabile che il giudice sportivo disponga la sconfitta a tavolino del Campobasso, ma ciò non preoccuperà perché il sodalizio del capoluogo farà valere le proprie ragioni presso la Corte di Giustizia Federale. Probabile anche che il Giudice Sportivo soprassieda alla decisione, inviando gli atti direttamente alla Procura Federale. L’altra decisione attesa riguarda l’entità della squalifica di Murano, espulso ingiustamente domenica scorsa. EB

ECCELLENZA

Il Real Isernia di Di Prisco ha iniziato a fare sul serio Cresce a vista d’occhio il progetto del Real Isernia. Una prestazione maiuscola dell’undici bianco celeste fa tornare il sereno nel capoluogo pentro dopo il mezzo passo falso della prima giornata, nel match contro l’Aurora Ururi. Tante le buone notizie che giungono da Termoli. Innanzitutto la conferma dello splendido momento che sta attraversando il reparto difensivo che ancora non subisce reti in gare ufficiali, considerando le due di Coppa Italia e le prime di campionato. Un reparto che ha trovato in Guadagno, Barbato (assente nell’incontro di domenica scorsa) e Vallefuoco, tre ottimi centrali, mentre sulle fasce i vari Ricci, Esposito e Verruti fanno progressi di partita in partita. Ma le notizie più interessanti giungono dalla linea mediana e a questo punto va dato merito alla società del presidente Claudio Stabile di aver avuto coraggio ed aver azzeccato le mosse giuste. Salutare ad inizio torneo gente come Claudio Bonomi e Pierluigi Mulattieri, oltre che Fabio Verde non è stata di certo cosa facile, ma il Real sorride soprattutto per i giocatori che sono arrivati a sostituirli. Innanzitutto Andrea Sivilla, l’ex dal dente avvelenato che ha letteralmente stregato l’ambiente isernino: intelligenza tattica, velocità e tre reti che ne certificano la completezza e soprattutto una duttilità che potrebbe tornare molto utile in futuro a mister Di Prisco. Sempre a centrocampo ottime le prove degli altri due debuttanti di giornata. Luca Cichella, uno dei più attesi, ha dato conferma delle proprie doti mettendo lo zampino in tre reti almeno, mentre l’altro Luca, Catalano, si è mosso con una disinvoltura invidiabile, uscendo stremato dal campo, a pochi minuti dalla fine. Se a queste note liete, aggiungiamo quelle al-

Il secondo pari di fila ha soddisfatto Barrea, mister del Miletto

Mister Di Prisco trettanto positive suggerite dall’ennesima grande prestazione di Cifani, almeno per ora il centro campo del Real Isernia sembra offrire garanzie assolute. Infine, il reparto d’attacco. Il bomber Annunziata è andato in rete alla prima gara giocata in campionato: sulle doti del ragazzo non si discute, soprattutto quando viene servito in velocità. L’unico neo di giornata potrebbe essere l’assenza dal tabellino marcatori di Carmine Carraturo ma chi sta seguendo le prime uscite stagionali dell’ex Bojano, deve riconoscere la sua importanza tattica ed il suo sacrificio per i compagni. Insomma, il Real Isernia che torna da Termoli sembra aver acquisito consapevolezza dei propri mezzi, il primo passo per diventare grandi.

Il Miletto ha ripreso ieri la preparazione in vista della terza giornata di campionato. Il ritrovo, come di consueto, c’è stato alle 15:30 al campo sportivo di San Massimo, sede sportiva del club di patron Michele Scinocca. Durante questa settimana la compagine di Roberto Barrea si allenerà fino a venerdì, mentre sabato i calciatori usufruiranno di una giornata di riposo in vista del match del “Colalillo” contro l’ambiziosa Turris. Il pareggio, il secondo consecutivo per 2-2 in queste prime due gare di campionato, ha lasciato soddisfatto a metà l’allenatore gialloverde, visto che il Miletto ha dovuto lasciare l’intera posta in palio a soli due minuti dal termine dell’incontro. E per giunta a causa di un calcio di rigore molto dubbio. “Diciamo che anche noi all’esordio abbiamo pareggiato alla stessa stregua di quanto fatto a Vastogirardi – ha affermato l’allenatore Roberto Barrea –. Ma l’amaro in bocca resta ugualmente perché siamo riusciti a passare due volte in vantaggio su un terreno di gioco difficile, quale è quello altomolisano. Abbiamo disputato una buona gara e sono convinto che giocando in questa maniera ci toglieremo delle gran belle soddisfazioni. Sono contento dal punto di vista del gioco, però dopo due buone prestazioni, l’imminenza è cercare di vincere. Due punti in altrettante partite sono un buon inizio, considerando che abbiamo affrontato la Capriatese che punta al vertice della classifica e il Vastogirardi sul campo altomolisano, dove anche l’anno scorso poche formazioni sono riuscite a portare a casa il bottino pieno”. Era in tribuna ad assistere all’incontro dei nuovi compagni di squadra il neo-calciatore gialloverde Alberto Esposito, che era accompagnato dall’allenatore dell’Agno-

Maradona presente nel centro benessere di Merano

La Lazio affronta il Salisburgo senza Rocchi

Diego Armando Maradona è giunto a Merano nel centro benessere di Henri Chenot: l'intenzione e' quella di perdere qualche chilo. Il ct dell'Argentina dovrebbe fermarsi un paio di settimane per sottoporsi ad una rigorosa dieta. Nei giorni scorsi, la stampa spagnola aveva parlato del viaggio in Europa di Maradona.

Lazio in emergenza per l'esordio nella fase a gironi dell'Europa League contro il Salisburgo, anche se è previsto il rientro di Zarate. L'attaccante argentino si è allenato e giochera' giovedi' sera al fianco di Cruz. Confermata invece l'indisponibilita' di Rocchi ancora alle prese con la contusione al quadricipite della gamba destra.

Esposito e il tecnico Barrea nese Massimo Agovino. “Ho visto un buon Miletto contro il Vastogirardi – ha esordito il mediano Esposito –. Mi è piaciuta la partita dei miei nuovi compagni di squadra e non vedo l’ora di esordire con la casacca del Miletto. Ho accettato di vestire il gialloverde perché il mio ex allenatore Agovino mi ha consigliato fortemente, per il bene della mia carriera, di approdare in una società seria, quale è quella bojanese. Le premesse al Miletto sono buone. E’ un bell’ambiente, ideale per fare calcio ed è un’ottima piazza per un calciatore come me, che vuole cercare di tornare, da protagonista, in serie D. Spero che il mister mi faccia giocare già dal prossimo incontro contro la Turris, perché voglio dimostrare sin da subito il mio valore”.

21 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009


S P O RT L’EVENTO

Grande entusiasmo per Rosolino Il campione di nuoto è stato ospite ad Isernia in occasione della “Settimana dello Sport”

Rosolino con la Giunta Provinciale Si è conclusa con un incontro istituzionale nel palazzo di Via Berta con il presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto e la Giunta provinciale la visita di Massimiliano Rosolino. Il campione olimpico è tra i testimonial de La settimana dello sport della Provincia di Isernia. A fare gli onori di casa ai super ospiti Rosolino e l’ostacolista Laurent Ottoz il Presidente Mazzuto che ha fatto un punto sullo sport nel territorio provinciale alla presenza dei due pluridecorati campioni: “Bene ha fatto la passata amministrazione ad aver dotato la provincia di piscine – ha esordito Mazzuto – il nostro progetto è quello di continuare ad investire nel nuoto con la realizzazione di un impianto olimpionico. Quanto all’Atletica – il presidente si è quindi rivolto ad Ottoz – c’è un fermento molto positivo soprattutto nella città di Isernia che vede protagonisti numerosi giovani

e meno giovani in occasioni di gare e competizioni sportive”. Al presidente Luigi Mazzuto è seguito Massimiliano Rosolino che ha inteso complimentarsi per il vivo interesse manifestato dalla Provincia di Isernia, “un ente pubblico” – ha detto Rosolino, verso lo sport: “Sono stupito positivamente della forte azione di promozione delle varie discipline sportive da parte di questa amministrazione provinciale. Io viaggio molto e, credetemi, è la prima volta che constato un così fattivo interesse per lo sport spesso appannaggio di privati e quasi mai di enti pubblici. La stessa trovata di avere più piscine anche di piccole dimensioni distribuite su tutto il territorio provinciale è lodevole. I genitori spesso costringono i figli a rinunciare allo sport perché le strutture sono distanti, non a portata di mano”. In mattinata Rosolino e Laurent Ottoz hanno incontrato gli studenti dell’Istituto

Giovanni XXIII e del Liceo Scientifico di Isernia. “Sono entusiasta dell’appuntamento con le scuole – ha detto il fuoriclasse partenopeo – mi sono intrattenuto piacevolmente con i vostri giovani, li ho trovati educati, ben disposti all’ascolto, motivati”. Dello stesso parere l’atleta azzurro: “Hanno prestato attenzione a ciò che abbiamo detto loro – ha dichiarato Ottoz – erano incuriositi, ci hanno subissato di domande, indice di un forte interesse nel nostro percorso atletico e nello sport in generale”. L’assessore allo Sport Angelo Iapaolo, infine, ha voluto sottolineare l’importante finalità de La settimana dello sport della Provincia di Isernia: “L’arrivo in Molise di questi grandi fuoriclasse dello sport dà stimoli e motiva i nostri giovani

Rosolino e Mazzuto sportivi e futuri campioni. L’incontro di Rosolino con l’astro nascente del nuoto italiano, originario di Roccaravindola, Romeo Morelli è

stato un momento indimenticabile per il campione in erba, balzato ai vertici delle graduatorie nazionali giovanili di nuoto”.

ATLETICA

XXVIII Memorial ‘P. Musacchio’: martedì la presentazione dell’evento L’edizione 2009 del Memorial ‘P. Musacchio’ sarà presentata martedì prossimo, 22 settembre. Alle 11, nella sede regionale del CONI, Mario Ialenti, presidente del Comitato regionale FIDAL per il Molise, descriverà i contenuti della manifestazione, giunta alla XXXIII edizione, che si svolgerà domenica 27 settembre ad Isernia, allo stadio ‘Lancellotta’. Sulla pista di Contrada Le Piane si sfideranno gli atleti (cadetti e cadette) delle rappresentative delle regioni del Centro-Sud d’Italia in una competizione di rilievo nazionale che, nel passato, ha dato grosse soddisfazioni in termini di partecipazioni e risultati. Quest’anno, il meeting – oltre ad essere inserito nel circuito delle manifestazioni di presentazione dei risultati del P.O.R. Molise 2002-2006 – comprende anche il I Trofeo Regione Molise, ente che ha contribuito alla sua realizzazione attraverso l’Assessorato allo Sport. A fare gli onori di casa in occasione della presentazione, il presidente regionale del CONI, Guido Cavaliere, ed i presidenti provinciali, Antonio Rosari (Campobasso) e Ulisse Di Giacomo (Isernia). Partner della manifestazione, alla quale, oltre al Molise, hanno aderito le regioni Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Marche, Umbria, Puglia, sono la Provincia di Isernia e il Comune di Isernia. La manifestazione serve anche a definire per tutti i comitati regionali interessati le rappresentative che rappresenteranno le entità territoriali al Campionato Italiano per Regioni in programma a metà ottobre a Desenzano sul Garda.

VOLLEY MASCHILE A2

La Katay ha ripreso gli allenamenti Dopo una breve pausa concessa dal tecnico Marco Fenoglio per ricaricare le batterie dopo una settimana intensa di preparazione, sono ripresi ieri pomeriggio alle 16.30 con una seduta in sala pesi gli allenamenti per la Katay Isernia, dopo i quattro giorni di pausa concessi alla troupe biancoazzurra da coach Fenoglio.

22 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009

Si apre così l’ultima fase della preparazione, quella che porta dritto alla gara con Crema del 27 settembre, a meno di clamorose rivoluzioni nel calendario a seguito della decisione del CONI sul caso Pineto. Intanto, Gemmi e compagni, nonché gli atleti del settore giovanile, sono stati presenti

Del Potro:“Un sogno che si realizza” 'Avevo due sogni: vincere gli Us Open ed essere come Federer. Sono riuscito a realizzarne uno. Per l'altro mi sto allenando', confessa Del Potro. E' emozionato il nuovo re sul cemento newyorkese: 'ho bisogno di migliorare per diventare un grande campione come lui, uno di quelli che si pone un obiettivo e combatte fino alla fine'. Per Del Potro e' la prima vittoria in carriera in un torneo del Grande Slam. Il tennista 20enne diventa così il secondo argentino a vincere gli Us Open, dopo Vilas (1977).

alla celebrazione della Santa Messa officiata da Monsignor Francesco Bartolini, cancelliere della curia di Pozzuoli, nell’ambito della Giornata dei Giovani organizzata dal Parrocchia di Santa Maria della Pace di Fragnete in occasione dell’esposizione della statua della Madonna di Fatima proveniente dal Portogallo.

Coach Marco Fenoglio

F1: un gruppo svizzero rileva il team Bmw La Bmw ha accettato l'offerta d'acquisto del suo team di Formula 1 presentata dal gruppo svizzero Qadbak Investment. Lo ha reso noto il marchio bavarese, precisando che la fondazione rappresenta gli interessi di alcune famiglie del medio oriente ed europee. La Bmw aveva annunciato il suo addio al circus a partire dal 2010.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta Cappuccia Una verza un litro di bollito di maiale un dl di passata di pomodori formaggio pecorino grattugiato a piacere un peperoncino piccante q. b. di sale Preparate il bollito con gli ingredienti e secondo le indicazioni della ricetta “Bollito di maiale”. Mentre il bollito cuoce, pulite la verza, eliminando le foglie esterne più dure, tagliatela a striscioline, lavatela accuratamente e lessatela in acqua bollente salata. Appena cotta, togliete la verdura dalla pentola e tuffatela in acqua fredda per alcuni minuti. Sgocciolate per bene la verza, mettetela in un tegame e copritela con il bollito filtrato. Aggiungete il sale, se necessario, e il peperoncino a vostro piacere e fate insaporire tutto insieme per una ventina di minuti. Portate in tavola la “Cappuccia”, spolverizzata di formaggio, e gustatela calda. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili

CAMPOBASSO Farmacia di turno MANZONI Via Manzoni Alessandro, 89 Tel. 0874.97070 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.414143

TERMOLI Farmacia di turno SPAGNOLETTI - Via Molise, 78 - Tel. 0875.703846 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza Arrivo 06:02 07:52 06:49 08:39 09:35 11:25 12:30 14:11 14:12 16:02 17:14 19:04 17:40 19:30 18:23 20:13 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO

Ariete 21 mar - 20 apr

(DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:46 07:36 06:25 08:15 12:08 13:58 13:22 15:12 14:30 16:20 16:00 17:50 17:14 18:55 18:40 20:30 20:40 22:30 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:00 06:24 06:54 13:00 14:15 16:25 18:00

Arrivo 07:48 09:16 10:47 16:03 18:13 20:02 21:00

Partenza Arrivo 05:45 08:53 08:25 11:40 14:10 17:16 14:15 18:00 16:25 19:25 19:35 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

NAPOLI-CAMPOBASSO

(NON DIRETTI)

(NON DIRETTI)

Partenza 06:15 08:20 09:15 14:00 14:15 16:00 17:15 19:40

Arrivo 09:25 12:05 12:25 17:30 17:30 20:15 20:50 23:00

Partenza 05:03 05:51 12:14 12:40 14:15 17:30 19:43

Arrivo 08:35 08:55 15:25 16:02 17:10 20:30 22:35

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-6,30 (anche festivo)-6,45-7,00-7,45 8,00-8,10 (anche festivo)-9,20-10,10 (an- che festivo) -12,00-12,30-12,45 (festivo)-13,3014,00-14,10-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo)-17,45-19,00-20,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,30-6,50-7,00-7,40-8,10 (anche festivo)8,30 (festivo)-9,40 (anche festivo)-11,2012,15-12,40 (festivo) -13,30-13,45 -14,00 (festivo)-14,10-15,15 -15,55-16,20 (festivo)17,15-17,30 (anche festivo) -18,40 -20,0021,35 (festivo)-22,10-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

A D N E AG

Ariete - In questa giornata potrebbe essere molto più importante provare a controllare un progetto che avete da tempo abbandonato piuttosto che iniziarne subito uno nuovo! Ci sono persone che si aspettano di avere notizie da voi e quindi non potete fare finta di nulla e continuare a mentire o evitare i suddetti! Le opportunità per andare avanti le avreste, quindi spetta a voi decidere da che parte stare! Toro - In questa giornata non dovreste pensare troppo a quello che potrebbe succedere in futuro o a quello che accade alle persone che vi sono intorno! Dovrebbero essere loro a preoccuparsi e non voi, per cui cercate di darvi da fare per i vostri affari e non per altre futilità! Avete forse anche bisogno di qualcuno che vi dia più attenzione, in modo tale da non essere costretti a pensare a frivolezze! Gemelli - La vostra famiglia potrebbe mettervi di fronte ad alcuni problemi, che fino a questo momento non avevate mai considerato! Certamente l'impatto con la realtà non sarà dei migliori, ma potete sempre appellarvi alla vostra grande volontà e al vostro modo di prendere la vita per come viene! Non sarà poi così tremendo occuparsi di questioni che riguardano anche voi! Cancro - In questa giornata se avete un appuntamento importante, sia di lavoro, che romantico, cercate di dare spazio anche ai dettagli! Curate il vostro aspetto e cercate un posto speciale per pranzare o cenare! Vedrete che tutti i discorsi saranno più semplici da affrontare e non vi sentirete affatto impacciati! Leone - In questa giornata voler risparmiare, rinunciando a qualcosa di futile che solitamente fa parte del vostro quotidiano, sarà davvero una bella idea, poiché vi accorgerete di quanto inutile sia appunto, qualche vostro acquisto, che fate solo per togliervi lo sfizio, senza pensare che buttate soldi dalla finestra! Vi impartirete una bella lezione! Vergine - Avete lavorato molto ed ora vi sentite in debito con voi stessi! In sostanza vorreste soltanto riposarvi in questa giornata, senza stare a pensare alle varie esigenze di figli, partner, famiglia, ecc! In fondo avete ragione, ma non fatevi troppo prendere dalla mania di protagonismo e soprattutto non fate lavorare troppo il vostro orgoglio! Bilancia - In questa giornata dovrete fare il punto della situazione, valutando quante volte avete avuto una idea che poi, puntualmente non avete sviluppato per pigrizia o perché credete di essere troppo indaffarati per coordinare il tutto! Se il bilancio non sarà poi molto positivo, allora dovrete necessariamente cercare di porre rimedio a questo vostro odioso difetto! Scorpione - Certo usare il vostro fascino sempre e per ogni occasione, potrebbe davvero finire per stancare e quindi in questa giornata dovreste meglio valutare quale sia la strategia migliore per attrarre le persone ed ottenere quello che volete! Potete continuare con il vecchio metodo solo con coloro che non conoscete e che presto però si abitueranno! Sagittario - In questa giornata potreste imparare qualcosa sulla riservatezza e sul fatto di tenere delle informazioni importanti per se stessi e per pochi altri intimi. A volte non conviene rivelare troppe cose neppure ai componenti delle propria famiglia, che potrebbero fraintendere e raccontare in giro questioni altamente risevate! Capricorno - Forse potreste sentirvi un pochino contrariati in questa giornata dagli atteggiamenti che qualcuno adotterà nei vostri confronti, ma non dovete subito saltare alle conclusioni, poiché non è detto che questi lo facciano apposta per farvi restare male o per ferirvi! Spesso le persone sono quello che sono e non badano neppure a voi e ai vostri umori! Acquario - In questa giornata dovreste porre particolare attenzione ai vostri modi di porvi nei confronti delle persone con le quali stringerete degli affari, poiché potrebbero essere molto permalose e non gradire affatto il vostro modo di porvi sornione e scherzoso! Evidentemente per una giornata dovrete rivoluzionare il vostro modo di essere, per una buona causa! Pesci - Alcune delle persone che sono intorno a voi in questo periodo potrebbero essere molto eccitate per un cambiamento che li riguarda o che vi riguarda, ma che a voi non provoca le stesse sensazioni o almeno non con la stessa intensità e soprattutto non vorreste metterle in mostra! Ciò che infatti potrebbe più darvi fastidio è proprio la pretesa che questi hanno, di vedervi sempre al massimo!

23 ANNO II - N° 203 MERCOLEDÌ 16 SETTEMBRE 2009



lagazzettadelmolise_16-9a