Issuu on Google+

Asrem, per Florio e Aiop ko anche in Consiglio di Stato

Comune, alla fine i soldi escono fuori

CAMPOBASSO - La V Sezione del Consiglio di Stato mette fine al contenzioso intrapreso da Sergio Florio (ex super managere) e dall’Aiop contro la Regione per la nomina di Angelo Percopo alla guida dell’Asrem. PAG 5

CAMPOBASSO - Aveva ragione l’amministrazione precdente: i soldi c’erano. E infatti ci sono. Bastava guardare meglio nelle pieghe del bilancio.Ora li ha trovati anche Di Bartolomeo: 12 milioni di avanzo. Altro che bancarotta! PAG 11

ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

L’editoriale

Una volta era il nostro orgoglio Antonio Di Pietro, nato a Montenero di Bisaccia in Molise, all’inizio degli anni ‘90 ci faceva sentire più molisani e più orgogliosi di esserlo. Sì, proprio lui, ‘l’homo novus’ del sud, che, a colpi di articoli di legge e di codici, aveva affondato la prima repubblica. Lui, il Pm più amato d’Italia. La sua è stata un’azione meritoria che sicuramente resterà nella storia del nostro Paese. Da domenica qualcosa è cambiato e non solo per i molisani. Di Pietro, infatti, a seguito del vile attacco sferrato a Silvio Berlusconi, presidente del consiglio dei ministri, ha commentato la notizia che ha fatto subito il giro del mondo, più o meno in questo modo: Berlusconi ha attirato su di sé la violenza ed il gesto era nell’aria. In altri termini, il nostro corregionale più illustre del momento ha detto, nel suo italiano contadino, che il presidente del consiglio ha subito quello che egli stesso si è causato. In pratica è come se Di Pietro, di fronte ad un consumato atto di violenza sessuale, avesse detto che è stata colpa della vittima del reato, poiché troppo bella e caliente per non essere offesa nella sua intimità. Che dire... di fronte a cotanta ignoranza anche i dipietrsti più fedeli provano grande imbarazzo rimanendo, a dir poco, senza parole. Invero, e per fortuna, la maggioranza dei cittadini italiani è sempre più convinta che il signor Di Pietro non solo non conosce la lingua madre ma, ormai, è così invasato contro il presidente Berlusconi da proferire frasi di inaudita bestialità. Il clima d’odio alimentato in questi giorni dagli antiberlusconiani è degno di uno Stato del Terzo Mondo e Di Pietro, che un tempo era il nostro orgoglio, oggi ci fa davvero vergognare di essere molisani.

Vergognati

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A NICANDRO BOGGIA Ha fatto storcere il naso a più di qualcuno la consegna ad Aldo Patriciello del premio “Civis Anni” 2009 di Venafro. Da più parti si è parlato di concorso “politicizzato”, proprio perché conquistato da un politico e non da un cittadino che si è distinto per meriti particolari. Per questo, risulta ancora apparentemente incomprensibile la decisione della commissione presieduta dall’assessore Nicandro Boggia. Quali sarebbero i meriti dell’europarlamentare, oltre ai suoi processi? Si fa strada, però, un’altra ipotesi: e se Boggia volesse approdare alla corte di Patriciello, visto che la sua attuale poltrona non è più così sicura? In attesa di sviluppi, siamo lieti di consegnargli il tapiro del giorno.

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA COOPERATIVA LAI La cooperativa Lai (Lavoro Anch’Io) di Isernia, che si occupa dell’inserimento lavorativo delle persone portatrici di handicap, ha compiuto dieci anni di attività. Per l’occasione, il giovane Antonio Martino (vestito da Babbo Natale) ha consegnato al presidente Iorio un oggetto artistico realizzato dai membri della cooperativa, i quali lo scorso anno hanno raffigurato lo stemma della Regione Molise in terracotta che il governatore ha donato alle comunità dell’America e dell’Australia, oltre a chi è venuto in visita nella nostra regione. Un risultato concreto per gli “artisti” della cooperativa la quale, per la sua opera meritoria, conquista l’oscar del giorno.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO

Forte condanna all’aggressione subìta a Milano dal presidente del Consiglio Oggi i medici del San Raffaele diranno se il Cavaliere potrà lasciare l’ospedale

Il Pdl molisano compatto attorno al premier Berlusconi CAMPOBASSO – Il centrodestra molisano è compatto nella condanna dell’aggressione al presidente Berlusconi, che ha trascorso all’ospedale San Raffaele di Milano anche la giornata di ieri. Le ferite, infatti, pur non gravi, sono un po’ più serie di quanto si fosse ipotizzato domenica sera all’arrivo al pronto soccorso. Il premier continua ad avere forti dolori al viso e fatica a mangiare in seguito alla frattura del setto nasale e della rottura di due denti incisivi e non è detto che possa essere dimesso già oggi. Il capo del governo è sotto terapia analgesica e, secondo quanto riferito dal primario, ha perso circa mezzo litro di sangue. Berlusconi è stato sempre cosciente e a tutti coloro – figli, amici e esponenti politici

– che sono andati a trovarlo ha detto che, al di là dell’amarezza per quanto accaduto, questo episodio non avrà ripercussioni sulla sua azione politica: “Sto bene, sto bene. E non mi fermeranno”. Tuttavia, il suo portavoce Bonaiuti lo ha trovato “Stanco e sofferente”. Il capo del governo ha ricevuto, inoltre, ieri mattina la visita del presidente della Camera, Fini, di quello del Senato, Schifani, del segretario del Pd, Bersani, e dell’ex presidente della Provincia di Milano, Penati, oltre a numerosi messaggi di solidarietà da tutto il Pdl e dal capo dello Stato, Napolitano. Discorso a parte per Antonio Di Pietro. Il leader dell’Italia dei Valori ha fatto sapere che non andrà: “Non sono ipocrita”. Ma erano state le sue

Velardi (Udc): le parole diventano pietre quando c’è una continua istigazione alla violenza “Esprimo la solidarietà mia e degli elettori del mio partito a Berlusconi per l’episodio di violenza di cui è stato vittima - ha dichiarato il commissario Udc Velardi – richiamandomi ai valori di tolleranza e di non-violenza dei quali siamo depositari, nel solco della tradizione dei cattolici democratici. Avverto questo dovere nei confronti del leader del popolo della Libertà il quale, non dimentichiamoci, è anche rappresentante del Molise in Parlamento. Il popolo molisano è da sempre l’interprete più fedele di questi valori di mitezza e di rispetto del prossimo, che mai dobbiamo abbandonare nella vita civile e, soprattutto, nel quotidiano svolgersi del confronto politico. In questa prospettiva mi sento anche di sottolineare la nostra profonda diversità rispetto a chi, invece di invitare ad una maggiore tranquillità e serenità, di fatto fomenta lo scontro politico. Anche l’Udc è su posizioni non solo critiche, ma di aperta contestazione e, a volte, di scontro nei confronti di Berlusconi e della sua maggioranza. Ma questo non autorizza a dimenticare le regole basilari della politica in una società democratica, perché le parole diventano pietre quando c’è una continua istigazione alla violenza e si mette alla gogna l’avversario politico indicandolo come il nemico da abbattere. Sono altri i modi e i metodi per acquisire consensi, e quindi, il diritto di governare. Quello stesso rispetto delle regole – continua Velardi – che chiediamo ai rappresentanti del Governo, vale allo stesso modo per chi esercita il ruolo di oppositore. Diversamente saltano le regole della democrazia che può essere attentata tanto da chi sta al governo quanto da chi sta all’opposizione”.

dichiarazioni dopo l’aggressione ad accendere la miccia: “Berlusconi con i suoi comportamenti e il suo menefreghismo, istiga alla violenza”. Giorni fa, infatti, l’ex pm aveva paventato il rischio di azioni violente per l’inasprirsi della polemica politica. Tutto ciò non giustifica in alcun modo “l’uscita” di Di Pietro che è come se addossasse la colpa di

un’aggressione alla vittima che avrebbe avuto dei motivi per favorire il gesto. Il politico montenerese, tuttavia, trova anche il modo di difendersi puntando il dito contro “il balletto sconsiderato di criminalizzazione nei miei confronti cui sto assistendo da ore. Non intendo associarmi agli ipocriti che vogliono usare questo gesto di violenza folle

come una spugna su quanto ha fatto e sta facendo questo governo”. Sarà, ma la sua definizione di “Berlusconi istigatore a margine dell’episodio di violenza, è da bollare solo come frase inconsulta ed allucinante. Dichiarazioni che hanno forse una responsabilità diretta o indiretta nel clima che ha portato all’aggressione al premier.

Iorio: piena solidarietà umana, politica e istituzionale Credo di interpretare la volontà di tutti i molisani di spirito libero e democratico nell’esprimere al Presidente Berlusconi piena solidarietà umana, politica ed istituzionale per il grave gesto di cui è stato vittima. Non è accettabile e giustificabile in alcun modo che in uno Stato di diritto come il nostro, che pone la democrazia, e quindi il rispetto di tutte le opinioni, a base della sua esistenza, che possano accadere atti del genere. Sono certo però che questo

non fermerà il Presidente Berlusconi nell’attuare la linea politica del Pdl e nel dare compimento alla sua azione di governo. Sono altrettanto certo che tutti i Partiti che credono nella democrazia e nella libertà di espressione vorranno deprecare questo gesto e chiedere la giusta punizione per chi se ne è reso colpevole. Michele Iorio presidente della Regione

Picciano: auguri per una rapida guarigione Il presidente del Consiglio regionale del Molise, Michele Picciano, esprime forte condanna del vile atto di aggressione al Presidente del Consiglio dei Ministri,on. Silvio Berlusconi e profonda solidarietà verso la sua persona augurandogli la più rapida guarigione per riprendere la sua efficace azione di governo. Quanto accaduto è frutto della politica dell’odio e della contrapposizione esasperata e personalistica e richiama tutti ad esprimere forte il senso dello Stato, rispetto per le Istituzioni e per chi le rappresenta. E’ necessario ripristinare questi valori per difendere la libertà e la democrazia, conquiste importanti del nostro popolo, a salvaguardia di tutti i cittadini. Le manifestazioni pubbliche sono un momento forte del confronto democratico ma non devono mai degene-

rare nella violenza, che dobbiamo sempre rifiutare. Il linguaggio del confronto politico deve essere improntato al rispetto reciproco senza mai abbandonarsi alla violenza. La follia aggressiva e l’aggressione fisica sono da stigmatizzare perché non prevedono limiti e freni etico politici; la degenerazione rissosa del confronto, violenta e brutale, fa parte della cultura antidemocratica e illiberale che dobbiamo combattere senza esitazioni. Un paese civile non può abdicare ai principi fondamentali della propria Costituzione, è giusto non dimenticarlo mai. Non possiamo permetterci di perdere queste conquiste di libertà. I valori, i principi, la forza delle idee, sono baluardo della nostra democrazia.


PRIMO PIANO Il coordinatore regionale del Pdl Ulisse Di Giacomo: non è solo opera di uno squilibrato

“E’il frutto di una campagna di odio” La vile aggressione subita a Milano dal Presidente Berlusconi non è solo opera di uno squilibrato, bensì il frutto della campagna di odio e di violenza scatenata negli ultimi mesi da una parte della Sinistra e da una certa Stampa deviata. Ormai, priva di qualsiasi progetto politico, e alla vigilia di una sonora bastonata alle prossime elezioni Regionali, la Sinistra , sostenuta in questo folle disegno da poteri forti fuori controllo, sta cercando di sovvertire la volontà popolare con la menzogna e le falsità, e come conseguenza adesso siamo costretti ad assistere a queste scene di violenza fisica.

In questo frangente così drammatico c’è da condannare fermamente le parole dell’On. Di Pietro che invece di esprimere solidarietà al Presidente non ha perso occasione per offenderlo, definendolo “ un istigatore “ (sic!). In questo momento così drammatico per il nostro Paese, esprimo la mia totale solidarietà a Silvio Berlusconi, nella certezza che gli Italiani, quelli onesti e democratici, sono convintamente al suo fianco. senatore Ulisse di Giacomo coordinatore regionale PdL - Molise

Maggiani: Di Pietro deve essere lasciato solo in balia delle sue derive giustizialiste Esprimo, a nome di tutto il movimento giovanile molisano, vicinanza e solidarietà al nostro presidente Silvio Berlusconi, vittima di un gravissimo episodio di violenza, frutto purtroppo di quel clima di odio e intolleranza che da troppo tempo si vive nel nostro Paese. Il premier, insieme alla sua parte politica, è stato vittima in questi mesi di continui e pesanti attacchi che vanno al di là della normale dialettica politica e che non scongiurano affatto gesti folli e vigliacchi, come quelli che hanno fatto il giro del mondo domenica sera.

Apprezzabili le reazioni all’accaduto di esponenti delle istituzioni e dell’opposizione, che hanno condannato il gesto senza ambiguità. Deprecabile e inaccettabile invece il punto di vista dell’onorevole Antonio Di Pietro. Il leader dell’Italia dei Valori, tra i più accaniti antiberlusconiani, ha perso l’occasione più grande della sua vita: tacere. Dinnanzi a un fatto così grave, Di Pietro, con scarsissimo senso di responsabilità, ha giustificato l’ignobile violenza subita dal premier, accusando lo stesso Berlusconi di istigazione alla violenza. Credo che, in un momento così delicato, la

politica tutta è obbligata a riflettere seriamente su certi comportamenti e ad isolare personaggi che non aiutano certo a civilizzare il confronto democratico. L’appello è ovviamente rivolto ai partiti dell’opposizione e a tutti coloro che considerano l’ex pm ancora un alleato. Di Pietro deve essere lasciato solo, in balia della sue derive giustizialiste e delle sue continue violenze verbali. Solo così il Paese ha la possibilità di lanciare un segnale inequivocabile e fare un passo avanti importante verso la normalizzazione del dibattito politico.

Di Pasquale: il clima politico spesso viene esasperato da chi dice essere paladino della democrazia “Ciò che è accaduto l’altra sera a Milano dimostra quanto sia esasperato il clima intorno al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, vittima di una barbara aggressione che deve essere condannata senza esitazioni da quanti credono nella libertà e nella democrazia”. È il commento del consigliere regionale del PdL Camillo Di Pasquale, che interviene su quanto accaduto al Premier Berlusconi fatto oggetto di un’aggressione che poteva avere esiti ben più tragici. “Nel vedere le immagini trasmesse da tutti i tg nazionali – dice Di Pasquale – che si soffermavano sul volto insanguinato del Presidente Berlusconi, non nascondo di aver provato un’intensa commozione, mista ad un forte senso rabbia per ciò che gli era accaduto. Mai, infatti, avrei immaginato di assistere ad uno spettacolo simile, soprattutto in un paese come il nostro, culla di quei valori che sono alla base di ogni democrazia compiuta. Tuttavia, in Italia quegli stessi valori pare stiano pian piano scomparendo, soprattutto alla luce di quanto accaduto.

Caterina (Idv) condanna senza riserva l’insano gesto

Qualcosa, infatti, è cambiato, e non certo in meglio. Il clima politico – prosegue l’esponente del PdL – viene spesso esasperato da coloro i quali si dicono paladini della democrazia, ma poi dimenticano che il popolo, con il suo voto, ha legittimato a governare il centrodestra ed il suo leader Berlusconi verso il quale si è istaurata una campagna di odio, sapientemente amplificata da alcuni media, che non ha eguali nella storia della nostra democrazia. Quel che più rammarica – dice ancora Di Pasquale – è che qualcuno, in maniera sconsiderata, attribuisce le colpe di questo clima incandescente al nostro Premier, che con pervicacia intende portare avanti il suo programma di governo. Ora, però, c‘è bisogno che la Politica si fermi a riflettere e che si abbassino i toni di un confronto che ha imboccato una strada estremamente pericolosa. Termino esprimendo la mia solidarietà al Presidente Berlusconi – conclude Di Pasquale – augurandogli la pronta guarigione”.

In riferimento all’aggressione subita dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, il Coordinatore Regionale IdV Molise condanna senza alcuna riserva tale insano gesto di violenza. Respinge, però, con fermezza l’idea, ripresa da qualche organo di informazione vicino al centrodestra, che il gravissimo gesto sia addebitabile solo all’atteggiamento dell’opposizione e, in particolare, dell’IdV. Senza dubbio il clima politico e sociale che si respira nel Paese in questo ultimo periodo è a livelli di tensione insolita e ormai insostenibile.

Oggi pomeriggio a Roma, insieme a tanti ragazzi che credono ancora nella libertà e nella possibilità di vivere in un Paese migliore, parteciperò ad una manifestazione organizzata con uno scopo ben preciso: comunicare il nostro disappunto e il nostro sconcerto al leader dell’Idv e invocare, ancora una volta, i sacri principi della Democrazia. Stefano Maggiani Coordinatore Giovane Italia Molise

Incollingo: l’auspicio è che si torni ora ad un confronto civile nei modi e nel linguaggio

Il Gruppo regionale di Forza Italia – Popolo della Libertà esprime piena solidarietà al Presidente del Consiglio dei Ministri, On. Silvio Berlusconi. Condanna in modo categorico qualsiasi forma di violenza usata in ogni circostanza. Esprime l’auspicio che, da un folle gesto, possa trovarsi il convincimento che, pur in una dialettica vivace ed aspra, le parti politiche si confrontino con civiltà di modi e di linguaggio cosi da scongiurare, nella maniera più assoluta, la creazione di un terreno fertile per atti di violenza. Il capogruppo Tony Incollingo

Un episodio come quello di ieri non può che spingerci a riflettere e a fare un comune passo indietro. Crediamo, infatti, che la migliore risposta per scongiurare una temuta perdita di controllo in tale situazione, consista nel tentativo di far rientrare i toni della contrapposizione politica nei limiti di una normalità fisiologica. Ciò per non dividere ulteriormente il Paese, compito questo cui tutti devono attendere, ma cui maggiormente non può sottrarsi chi ha più responsabilità politiche e istituzionali. Giuseppe Caterina coordinatore regionale


REGIONE Civis Anni, concorso politicizzato, è stato tradito lo spirito dell’iniziativa Disappunto a Venafro per l’assegnazione del premio all’europarlamentare Aldo Patriciello

Patriciello CAMPOBASSO - “Come cittadini – queste le considerazioni di alcuni venafrani che discutevano animosamente della questione davanti ad un noto bar di Corso Campano – avremmo comunque contestato l’assegnazione del premio ad un esponente politico. Saremmo stati comunque in disaccordo con una

simile decisione, anche nel caso in cui la scelta fosse ricaduta sul sindaco o altri eminenti esponenti politici. Lo spirito del riconoscimento, rispettato nelle passate edizioni, è stato questa volta completamente travisato, al punto che non avrà più senso riproporre in futuro l’iniziativa. Ormai il Civis Anni di Venafro ha perso ogni credibilità. L’episodio induce inoltre ad amare riflessioni circa la natura politicizzata e servile di quanti, al contrario, avrebbero dovuto essere distanti da ogni condizionamento. Siamo sinceramente disgustati”. Come ben si comprende da queste affermazioni, ha suscitato reazioni sdegnate a Venafro la decisione adottata dalla commissione, presieduta dall’assessore comunale Ni-

candro Boggia, di assegnare all’europarlamentare Aldo Patriciello l’edizione 2009 del “Civis Anni”. Nel 2006, anno dell’istituzione, il premio venne assegnato al cittadino Antonio Canale, ex militare attivamente impegnato nel sociale e nel volontariato, al pari dei colleghi tutti dell’Associazione Nazionale Carabinieri. Nel 2007 il premio venne altrettanto degnamente conferito ad una signora di Venafro che di fronte alla tragica scomparsa del figlio ventenne, seppure nel dolore atroce di quei momenti, non aveva esitato ad optare per la donazione degli organi, restituendo speranza di vita ad altre persone. L’anno scorso il “Civis Anni” è andato alla preside Antonietta Izzo Capobianco, contraddistintasi per l’impegno in favore dei giovani e della promozione della Cultura in generale. Tutti in città pensavano ad una quarta edizione del premio nel solco delle precedenti. I personaggi

meritevoli di ottenere il riconoscimento in città non mancano di certo. Invece, inattesa e subito rigettata, è arrivata la “deriva politica” della manifestazione, che tanti cittadini hanno contestato anche riBoggia guardo ai presunti meriti del premiato: “Alzi la mano chi è accorto di avere un europarlamentare in casa e ci spieghi quali possano essere stati i grandi meriti di Aldo Patriciello per aver meritato il titolo di cittadino dell’anno” . Insomma la vicenda ha scatenato una diatriba che potrebbe avere immediate ripercussioni politiche. Il primo a farne le spese potrebbe essere proprio l’assessore Nicandro Boggia, la cui poltrona è diventata così calda da arrivare a scottare. Nato come esponente di Città Nuova e poi approdato alla corte di

Nicandro Cotugno (dalla quale rischia di essere allontanato a pedate), Nicandro Boggia ha ricevuto la delegittimazione della sua discutibile scelta dalla stragrande maggioranza dei venafrani e dai maggiori politici locali, a partire dal sindaco Nicandro Cotugno e dai consiglieri regionali Massimiliano Scarabeo e Nicandro Ottaviano, che si sono rifiutati di prendere parte alla semideserta cerimonia di assegnazione del premio, svoltasi nel pomeriggio di sabato nella Basilica di San Nicandro.

Nomina di Percopo, nuovo ko per Florio e l’Aiop Il Consiglio di Stato mette la parola fine al contenzioso aperto dall’ex manager dell’Asrem CAMPOBASSO –La nomina di Percopo alla guida dell’Asrem un atto pienamente legittimo. La parola fine la pronuncia la V Sezione del Consiglio di Stato che dopo una lunga e accesa riunione ha annullato l’ordinanza del Tar Molise. Un’altra tegola si è abbattuta dunque sul capo dell’ex manager dell’Asrem Sergio Florio che per rimanere in sella ha fatto carte false. Assieme all’Aiop (Associazione italiana ospedalità privata) infatti aveva impugnato la delibera con la quale la Giunta regionale, alla scadenza della proroga di sei mesi del suo contratto, nominava al vertice dell’azienda unica Angelo Percopo, già direttore amministrativo di via Ugo Petrella. Ma la Regione Molise, rappresentata dall’avvocato Umberto Colalillo, si è rivolta al Consiglio di Stato che ieri ha depositato l’ordinanza (contro l’Aiop e nei confronti di Florio) ritenendo – così come si legge nel documento - ‘che non sembrano sussistere i presupposti per riconoscere in capo alla ricorrente in primo grado (l’associazione) la legittimazione a ri-

Bankitalia: debito record, ma crescono le entrate ROMA – Ancora in aumento il debito pubblico: secondo i dati della Banca d’Italia, a ottobre si è attestato a 1.801,6 miliardi di euro contro i 1.786,8 miliardi di settembre. In un mese, tra settembre e ottobre, il debito è cresciuto di 15 miliardi. In aumento in compenso le entrate tributarie: a ottobre, si sono attestate a 28,4 miliardi di euro contro i 20,1 miliardi di euro di settembre.

correre, l’interesse concreto ed attuale nonché differenziato al ricorso’. Insomma, quel ricorso per i giudici romani non poteva essere presentato da chi non era legittimato a farlo. Un’altra batosta dunque per Florio ma anche per chi, dietro le quinte, in questi mesi ha sostenuto la sua causa. L’ingegnere campano, si ricorda, dopo aver diretto l’Asl 3 di Campobasso era stato promosso da Iorio alla guida dell’Asrem che ha gestito per ben cinque anni. Allo scadere del contratto la giunta pensa di prorogargli l’incarico per altri sei mesi. Era nelle intenzioni dell’esecutivo sostituirlo, ma non gli si voleva certo dare il benservito. Ecco dunque che gli viene offerta la direzione di Molise Acque, che Florio però rifiuta. Scaduta anche la proroga il governo regionale lo rimanda a casa a mani vuote nominando al suo posto Angelo Percopo. Inizia il contenzioso giudiziario. Florio ne esce sempre sconfitto. Ieri l’ultimo ko. red

Il Csm: il processo breve è amnistia ROMA – Il plenum del Csm ha approvato a larga maggioranza il parere della sesta Commissione che giudica il ddl sul processo breve in contrasto con più principi costituzionali e un’“amnistia” per reati “di considerevole gravità”, a cominciare dalla corruzione. Contrari i laici del Pdl; a favore hanno votato invece i togati di tutte le correnti, i laici del centro-sinistra, il vice presidente Mancino.

5 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009


REGIONE Una delegazione della cooperativa Lavoro anch’io di Isernia è stata ricevuta dal governatore Iorio

In giunta arriva Babbo Natale CAMPOBASSO – Un Babbo Natale molto speciale ieri mattina ha fatto visita al presidente Iorio nella nuova sede di via Genova. Il giovane Antonio Martino, a nome di tutti gli ospiti e gli operatori della LAI (Lavoro anch’io) di Isernia, ha consegnato al governatore una realizzazione artistica in ricordo del decennale della Cooperativa. C’erano anche il vicepresidente, Antonio Santoro, e la direttrice, Maria Antonietta Viti, della Lai. Perfettamente a suo agio nel ricevere Babbo Natale, come testimoniano le foto, il presidente Iorio ha ringraziato la Lai, che ha seguito di persona in questi anni, per il ruolo finora svolto nelle politiche sociali e in particolare in quelle rivolte ai portatori di handicap.

“Ho avuto più volte modo di visitare la sede della LAI - ha detto Iorio durante l’incontro - dove sono stato accolto dall’entusiasmo dei ragazzi, dall’affetto di alcuni genitori e dall’amicizia degli operatori. Questi ultimi, con il sorriso dei ragazzi e l’appagamento per quello che facevano, hanno mostrato chiaramente la loro professionalità e l’umanità con cui quotidianamente svolgono il proprio lavoro.

Alla LAI, e ai loro giovani artisti, l’anno scorso – ha ricordato poi il presidente - abbiamo commissionato la realizzazione di un oggetto in terracotta che rappresentava lo stemma della Regione Molise. Oggetto che ho portato in questi mesi a tutte le comunità molisane dell’America e dell’Australia, oltre a farne dono alle varie autorità che si sono trovate in visita in Molise.

Da ciascuno abbiamo ricevuto apprezzamento per l’opera tanto semplice quanto significativa di questi ragazzi. La LAI dunque, al parti di tante altre cooperative e associazioni di indirizzo sociale, rappresenta un punto di eccellenza e di orgoglio per tutto il Molise nell’ambito delle azioni rivolte a chi è portatore di handicap”.

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Tel. Isernia: 0865/414168 E-mail Redazione Campobasso:

redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it E-mail: Amministrazione-Pubblicità

commerciale@lagazzettadelmolise.it

www.lagazzettadelmolise.it www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: Poligrafica Ruggiero srl Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Il consigliere regionale contro il presidente della Provincia di Isernia

Quote rosa: Bizzarro attacca Mazzuto CAMPOBASSO - “Le decisioni della giustizia vanno accettate, anche quando non ci piacciono, e ci si deve regolare di conseguenza”. A lanciare il monito è il consigliere regionale del gruppo Misto Vincenzo Bizzarro. L’inquilino di via IV Novembre, a capo della commissione speciale sul rientro del deficit sanitario, ha aspramente criticato l’azione del presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto. Il capo dell’esecutivo di via Berta non ha inserito nessuna quota rosa nella giunta nonostante l’ordinanza del Tar che qualche settimana fa gli ha azzerato la squadra accogliendo la richiesta di sospensiva presentata da nove donne. Lo scorso nove dicembre però Mazzuto ha dato esecuzione a quanto disposto dai giudici amministrativi firmando un nuovo decreto di nomina, che ha di fatto attribuito le deleghe assessorili alle stesse persone già investite a luglio dell’incarico. Tutt’altra cosa avrebbe dovuto fare il presidente. “A mio avviso – spiega Bizzarro - le soluzioni possibili erano due: ricorrere al Consiglio di Stato per sospendere l’ordinanza del Tar, oppure darvi esecuzione ed emanare un nuovo decreto di nomina degli assessori, questa volta inserendo una o più donne. Si è invece scelta una terza strada, sfruttando un particolare della pronuncia

Al Gore: il Polo Nord potrebbe sparire tra 5 anni MILANO - Al Gore, vicepresidente degli Usa, è stato accolto come una rock star dal pubblico di Copenaghen dove è arrivato ieri per convincere i leader a trovare un accordo sul clima e lanciare l’ennesimo allarme sul riscaldamento globale. Il premio Nobel, paladino degli ecologisti americani, ha messo in guardia i delegati alla conferenza organizzata dall’Onu che il cambiamento è già in atto e che la calotta polare artica potrebbe scomparire, nel periodo estivo, già tra 5 o 7 anni.

Una donna nell’esecutivo non è la fine del mondo, le decisioni della giustizia vanno accettate anche se non ci piacciono dei giudici di Campobasso, quando scrivono che l’atto di nomina dell’esecutivo provinciale ‘non è stato in alcun modo giustificato dal presidente della Provincia, il quale non ha adottato alcuna motivazione nel decreto di nomina’. In verità ora la motivazione viene fornita: in seno alla giunta provinciale di Isernia si è ritenuto di ‘determinare la maggiore rappresentatività del corpo elettorale così come si è espresso in sede di votazione’. E, come tutti sanno, nonostante oltre 40 candidature femminili, purtroppo nemmeno una donna è stata

Fiat, mire cinesi su Termini Imerese MILANO - I cinesi interessati allo stabilimento Fiat di Termini Imerese? «Noi vogliamo far crescere la produzione di auto in Italia. Ci auguriamo di farlo con Fiat ma siamo aperti a chiunque voglia venire» ha spiegato il ministro per lo Sviluppo economico Claudio Scajola rispondendo da New Delhi a una domanda sullo stabilimento siciliano e le mire del gruppo cinese Chery.

eletta in Consiglio”. Ad ogni modo Mazzuto ha detto che modificherà lo Statuto dell’ente per assicurare le pari opportunità. Le buone intenzioni però per Bizzarro non sono sufficienti. Il consigliere chiude la nota scrivendo che “un conto è rivedere uno StaBizzarro tuto nel suo complesso, specie se obsoleto e non più adeguato, come stiamo facendo per la Regione. Un altro è quello di emendarlo per un episodio singolo: sarebbe un atto non condivisibile, a mio avviso. E poi, una donna in giunta non è certo la fine del mondo, anzi. Può portare un bagaglio di esperienze diverso e aggiuntivo rispetto a noi uomini”. red

7 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009


CAMPOBASSO A incastrare il legale rappresentante del caeseificio di Vinchiaturo i carabinieri del Nas

Mozzarelle con etichette falsificate, imprenditore nei guai Aveva esposto delle autovetture nella sua concessionaria per la vendita, ma non le aveva riportate sul registro giornaliero di carico e scarico. Per questo motivo, a Gambatesa, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato M.A., 22enne, originario di Celenza Valfortore (Fg), amministratore unico dell’at-

Prefettura: corsi di formazione per meglio sostenere gli immigrati Consiglio territoriale per l’immigrazione ieri mattina nel Palazzo di Governo. A presiedere il vertice il prefetto Carmela Pagano, con lei l’assessore regionale alle Politiche sociali, Angiolina Fusco Perrella, i rappresentanti dell’ufficio immigrazione della Questura di Campobasso, della Direzione provinciale del lavoro, dell’Associazione Industriali, dell’Asrem, dell’Aiccre, dell’Università degli Studi del Molise e delle organizzazioni sindacali

e di volontariato che operano nel settore. Quattro i punti su cui si è sviluppato l’incontro. Prima di tutto è stata focalizzata l’attenzione sull’attività dello Sportello unico per l’immigrazione soprattutto riguardo alla procedura di emersione in corso (in Molise sono state presentate 190 domande di emersione) nonché sulle novità. Sul tavolo anche il “Report statistico sull’immigrazione nella provincia di Campobasso – Anno 2008”, quale base

di riflessione per ulteriori approfondimenti da parte della Giunta Esecutiva del Consiglio Territoriale per l’immigrazione, che ha avviato un’indagine specifica sulle banche dati esistenti ai diversi livelli istituzionali in materia di immigrazione. Si è parlato anche delle modalità per la presentazione di progetti per l’accesso al Programma europeo solidarietà e gestione dei flussi migratori, annualità 2009, gestito dal Ministero dell’Interno- Diparti-

Alla cattolica due giorni convegno sulle anemie ereditarie Si svolgerà oggi e domani dalle 15 all’Università Cattolica di Campobasso il corso “Le anemie ereditarie” corso diretto dal professor Sergio Storti, responsabile di Oncoematologia della Cattolica. Introdurrà i lavori il professor Cannone interverrà tra gli

altri, il professor Giuseppe Leone, direttore dell’istituto di ematologia della Cattolica di Roma. Un calendario di appuntamenti molto ricco e con decine di interventi che toccano la malattia da diversi punti di vista.

Successo alla fiera di Milano per gli artigiani molisani Dal cinque e fino a ieri l’altro nel nuovo polo fieristico di Milano si è svolta una mega mostra sull’artigianato arrivato da tutto il mondo: 3000 espositori arrivati da tutte le regioni d’Italia ma anche dall’Europa e dall’Asia si sono confrontati sulle nuove tecniche e sulle tipologie di prodotti utilizzati. Alla manifestazione non poteva mancare il Molise che ha partecipato con 10 artigiani tra i quali Concetta Miozzi titolare di“Frammenti di luce”. L’esposizione è stata visitata da un folto pubblico che ha mostrato particolare interesse per quanto proposto dagli espositori molisani.

Nell’area “D. Ferrante” una gara radiantistica Nell’area di sosta “D. Ferrante” di Campobasso si è conclusa la seconda manifestazione che ha visti impegnati campeggiatori e radioamatori che si sono cimentati in una gara radiantistica della durata di 24 ore. Oltre 500 collegamenti durante lo svolgimento della gara chiamata “Contest Italiano 40/80” che è tra le manifestazioni radiantistiche più importanti a livello nazionale. Il nominativo utilizzato è stato I8WEI (Franco),

roulottista convinto da oltre 30 anni, costantemente supportato ed aiutato da altri amici campeggiatori: IK8EVE (Tommaso), IK8HWR (Claudio), IW8XES (Giovanni), IW8XBJ (Gianni) e tanti altri amici e curiosi che ci hanno fatto visita durante tutta la durata della manifestazione. Le foto sono già in rete cliccando su: http://picasaweb.google.com/clubcampeggiomolise/ProgettoAreaDiSostaAperta2#

tività di rivendita di automobili presente nel paese in provincia di Campobasso, in Contrada Varana. E’ stato invece controllato dai Nas del capoluogo un deposito alimentare di Campochiaro appartenente ad un caseificio di Vinchiaturo. A seguito del sopralluogo dei carabinieri è stato denunciato il rappresentante legale dell’azienda, S.F., 50

anni. L’uomo, di Campobasso, aveva commercializzato prodotti caseari riportanti sull’etichetta indicazioni non veritiere, Nell’occasione i militari hanno anche sequestrato 150 confezioni di latticini e 14 bobine per l’etichettatura per un valore complessivo di 3mila euro.

mento per le libertà civili e l’immigrazione, rinvenibili anche sul sito del Ministero dell’Interno, nel contempo è stata avviata la raccolta di proposte per la pianificazione dell’attività del Consiglio per il prossimo anno 2010. E a proposito di attività è emersa la necessità di organizzare corsi di formazione, per migliorare l’attività di sostegno agli immigrati da parte dei patronati operanti sul territorio; veicolare l’informazione all’interno dei componenti del Consiglio e in favore dell’utenza e approfondire il grado di inclusione direttamente percepito dagli immigrati. Il Consiglio tornerà a riunirsi nei primi giorni di febbraio 2010.

Stasera a Riccia si parla di bandi regionali per l’agricoltura Sono stati ampiamente illustrati dal presidente della Regione e dall’assessore Cavaliere la scorsa settimana, questo pomeriggio alle 19 nella sala convegni Beato Stefano, nel Piano della Corte, si tornerà a parlare dei bandi regionali per l’agricoltura. Un seminario organizzato dall’amministrazione comunale di Riccia. “Si tratta di un’iniziativa – ha spiegato l’assessore comunale all’Agricoltura Pietro Testa – di estrema rilevanza: è il primo incontro sul territorio dedicato ai nuovi bandi che viene organizzato in Regione. In un momento di crisi economico – finanziaria anche per l’agricoltura, risulta essenziale far conoscere agli operatori del

settore le opportunità a disposizione; fra queste, saranno approfondite anche le Misure relative a Primo insediamento, Prepensionamento e Acquisto di attrezzature”. Dopo i saluti del sindaco di Riccia Micaela Fanelli e dell’assessore comunale all’Agricoltura Pietro Testa, ci sarà l’introduzione di Nicola Cavaliere, assessore regionale all’Agricoltura. Seguiranno gli interventi dei tecnici della struttura regionale e dei rappresentanti delle associazioni di categoria. Il seminario proseguirà con il dibattito tra i presenti. Le conclusioni sono affidate a Emilio Orlando, presidente Arsiam.


CAMPOBASSO Approvato il rendicoto 2008. Il sindaco repilca: i soldi non ci sono ma meno male che si sono

Comune, altro che bancarotta In cassa dodici miloni di avanzo “Oggi finalmente la verità è venuta a galla e anche molte bufale che si sono dette in questi mesi sono state smentite” è tornato all’attacco il centrosinistra di Palazzo San Giorgio dove ieri mattina è stato approvato il rendiconto della gestione 2008. “Con questo documento abbiamo posto fine alle polemiche e alle chiacchiere” che hanno accompagnato il prima, il durante e il dopo campagna elettorale. Qualche sassolino dalle scarpe se l’è tolto, ieri mattina, anche Antonio Battista ex assessore al Bilancio nella giunta Di Fabio più volte tirato in ballo per la “malsana gestione dell’ex consiliatura”. Insomma i soldi ci sono o non ci sono e soprattutto chi ha ragione? Il sindaco Di Bartolomeo (quando dice che non ci sono i soldi per comprare un gelato) o il centrosinistra che insiste chiedendo di leggere bene le carte? E’ chiaro che il centrodestra ha sfruttato il vento in poppa e si è giocato tutte le carte per vincere le elezioni, gonfiando

determinate situazioni e screditando gli avversari sul tema ‘casse vuote’. Dall’altro canto il centrosinistra ha difeso, come ha potuto, 14 anni di governo cittadino raccontando bene o male i fatti per quelli che erano. Poi sono i numeri a parlare e i e i numeri, manco a dirlo, parlano di 12 milioni di euro d’avanzo di amministrazione (relativi a tutti gli anni passati mentre solo per i primi mesi del 2009 si parla di 425mila euro). Che proprio ‘bruscolini’ non sono. Di fronte all’evidenza e a un pallone che si è via via sgonfiato il centrodestra ha risposto: “I soldi ci sono, ma non li possiamo spendere”. Ma si tratta di un’altra parziale verità. “Perché se è vero che non tutte le risorse sono disponibili è altrettanto vero che c’è della liquidità a disposizione di questo esecutivo e che i governi di centrosinistra non hanno quindi sperperato”. Va anche detto che i revisori dei conti hanno consigliato di non spendere tutta le somme per far fronte a imprevisti e ai ‘classici’

debiti fuori bilancio. Consigli da buon padre di famiglia, da chi insomma non vuole soffocare gli investimenti ma nemmeno far cadere

nel baratro un’amministrazione. Ma il rendiconto è stata anche l’occasione per farsi le pulci (tanto per usare un eufemismo) e per ac-

cusarsi a vicenda su appalti, su gestioni poco trasparenti e su uno degli argomenti più sentiti dai cittadini: le tasse. “In tutti questi anni a Campobasso abbiamo mantenuto le aliquote più basse d’Italia – ha sottolineato, il due volte sindaco ed ex senatore, Massa - ma oggi occorre anche sapere in quale direzione bisogna andare”. Dello stesso parere anche Massimo Romano di Costruire Democrazia che si chiede cosa se ne farà di questo avanzo, quali scelte farà l’esecutivo. Chissà cosa avrebbero aggiunto sul controverso rendiconto Adriana Izzi (candidata a primo cittadino) e Felice Di Donato che però, come spesso accade, in aula non c’erano. Poi dopo la discussione con 31 voti a favore (l’unanimità) il documento è passato. Ma soprattutto è passato il messaggio del sindaco ‘parliamo dei soldi che non ci sono, ma meno male che ci sono’. sarà questo il nuovo motto del sindaco? rp

E in Consiglio passa anche la mozione sul canile di Santo Stefano

Natale in città, è l’ora del programma Ci sarà la pista di pattinaggio su ghiaccio (pare certo di no), che si farà la notte di San Silvestro, cosa è stato organizzato nelle contrade del capoluogo, quali gli eventi di piazza? Tutto questo e altro ancora sul

tavolo della conferenza stampa di presentazione del Natale in città che gli organizzatori terranno questa mattina a Palazzo San Giorgio. Un’ufficializzazione del programma che la città attende con ansia.

Si è espresso con voto unanime il Consiglio comunale di Campobasso. E anche se solo a parole, visto che la situazione sembra non migliorare, Palazzo San Giorgio ha accolto con favore la la mozione sul canile di Santo Stefano promossa da Michele Durante di Costruire Democrazia e firmata anche dagli altri consiglieri di opposizione Con questa votazione l’aula ha impegnato il sindaco e giunta “a porre in essere senza indugio ogni iniziativa finalizzata a migliorare le condizioni di benessere degli animali ricoverati nella struttura sia in fatto di alimentazione che nel rispetto delle norme igienico sanitarie. Con il voto all’unanimità l’Assise ha avallato l'attuazione del regolamento comunale per la detenzione degli animali domestici e l’istituzione e la regolamentazione della figura del garante per la tutela della salute degli animali. L’augurio di Michele Durante, ma è quello che vorrebbero tutti, “è che al voto di oggi seguano immediatamente le azioni indicate dal Consiglio perché la nostra città non debba più essere citata quale cattivo esempio nel rapporto che ha con il mondo animale, e perché la gestione del canile comunale sia per la collettività non un peso inutile, ma uno spazio di civiltà ed un servizio alla città realmente funzionante”. Ecco le funzioni del garante per la tutela della salute degli animali: opera per l'affermazione e la difesa dei principi e valori fondamentali per il benessere e la protezione degli animali; promuove iniziative di sensibilizzazione, crescita culturale ed educativa sui temi della tutela degli animali; favorisce la diffusione dell'informazione e della conoscenza delle norme che regolano la materia. Incoraggia la relazione con le

associazioni protezionistiche ed animaliste presenti sul territorio. Con esse sviluppa un dialogo e un confronto sui temi della tutela degli animali per un migliore coordinamento delle iniziative in programma, per un maggior livello di collaborazione con le istituzioni e per un'integrazione efficace dei contributi della società civile; si relaziona con i singoli cittadini e con le istituzioni al fine di far crescere la sensibilità sulle esigenze di salvaguardia, difesa e valorizzazione dei principi di tutela e protezione degli animali; rappresenta un elemento di raccordo con enti pubblici ed istituzioni per l'attuazione ed applicazione di leggi e regolamenti; raccoglie proposte e segnalazioni da parte di singoli cittadini, delle associazioni professionali e di quelle protezionistiche ed animaliste, in merito a problematiche specifiche presenti in città; comunica esigenze, i problemi aperti e le proposte al Sindaco, collaborando nel progettare provvedimenti specifici volti a migliorare le condizioni per il rispetto degli animali in città. Segnala alle Autorità competenti, carenze, disfunzioni, nonché fatti configurabili come ipotesi di reato in materia di maltrattamento degli animali.


... outlet e non solo ...

CENTRO AS SOCIATO A.I.M.A. Estetica & “Un difetto de ll’anima” no n può essere corretto ma un difetto del co rpo, se corre tto, può migliora re l’anima. Jean Coctea u

di Giovanna

ion

sh easy fa

Via Marconi, 83 (centro storico) CAMPOBASSO Tel. 0874.1960367

benessere

e Ilaria Gab

riele Via Genova, 3 - Campoba sso tel 0874.416 124 - fax 0874 .98008 estetica&bene sseresnc@ho tmail.it

logna, 58-60 Via Mons. Bo sso Campoba via

Tib e

ri

Te o, 98/1 l. 0 00 87 Cam 46 p 30 obass 44 o

Tel. 0874.97909 6 - Fax 0874.315 453 www.motorsgie mme.it info@motorsgie mme.it Via Principe di Piem onte, 131 F/G - Ca mpobasso

* Frag onard Via de’ Fe rrari, 28 Te. 0874.3 11634

Campobasso Piazza G. Pepe, 3 Tel. 0874.94256

RISTORANTE - PIZZERIA f a s h i o n

OUTL

w e a r

Via G. ET Gariba ldi, 177 - Camp obass o

VIA A. FERMI - C.C. FERRAZZANO (CB) TEL. 0874.412212

obasso p m a C 39 auele, m E o i r itto .98499 C.so V l. 0874

Te


Vandali in azione all’istituto Fermi

Zona pedonale su corso Garibaldi, è polemica

Un gruppo di vandali è entrato ieri notte nell’istituto Fermi di Isernia. I responsabili hanno utilizzato gli estintori e riversato la schiuma sulle sedie e sulle poltrone presenti all’interno del locale, poi sono passati all’impianto elettrico rendendo così l’aula magna del tutto inutilizzabile per le normali attività didattiche e culturali.

Tornano anche quest’anno le proteste dei commercianti del centro isernino per le conseguenze dell’istituzione della zona pedonale decisa dal Comune, riguardante il centralissimo corso Garibaldi. A far le spese di quella che sembrerebbe una iniziativa sensata, però, è la“sorella minore”del corso in questione, cioè via XXIV Maggio.

ANNO II - N° 279 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - tel 0865.414168 email: lagazzettaisernia@alice.it

Vandali a scuola, come fermarli?

IL TAPIRO DEL GIORNO ALLA POLIZIA MUNICIPALE Il tapiro del giorno va al Comando della Polizia Municipale di Isernia. Davvero un fine week-end no per i vigili urbani della città. Prima i grattacapi dovuti alle polemiche dei commercianti di via XXIV Maggio che contestano la decisione di utilizzare il doppio senso di marcia sulla strada, con conseguente crollo degli affari. Domenica scorsa, invece, una distrazione del personale stava per far saltare l’iniziativa del Comune, “Bambini a cavallo”. In particolare i vigili avrebbero chiuso in ritardo il traffico su via Dante Alighieri, rischiando di far saltare la domenica a cavallo dei piccoli che attendevano di salire su un pony e non a bordo delle solite auto.

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA PRO LOCO DI VENAFRO La Gazzetta del Molise, così legata al territorio, è sempre attenta a dare spazio agli eventi che rafforzano la tradizione ed il consolidamento delle usanze locali. È per questo che in prossimità del Natale, proprio nei giorni in cui è più vivo lo spirito della festa, non possiamo non regalare l’ oscar del giorno alla Pro Loco di Venafro che promuove corsi sull’arte culinaria tipica e alle donne venafrane che, coadiuvate dallo chef Adriano Cozzolino, ci guideranno domani nella preparazione della Zuppa alla Santè, caratteristico piatto molisano.

www.lagazzettadelmolise.it lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Clandestino pericoloso, Sicurezza, il prefetto a Colli: rimpatriato in Marocco allarme furti e necessità di maggiori controlli sul territorio

Continuano gli incontri, presieduti dal prefetto Raffaele D’Agostino, del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica. L’ultimo in ordine di tempo ieri presso la residenza municipale di Colli al Volturno. Presenti il questore e i comandanti provinciali dei Carabinieri, della Guardia Di Finanza e del Corpo Forestale dello Stato, oltre al comandante della Sezione di Polizia Stradale, i sindaci di Colli al Volturno, Castel San Vincenzo, Cerro al

Volturno e Rocchetta al Volturno e il rappresentante del comune di Fornelli hanno illustrato i principali problemi riguardanti la sicurezza urbana di quei centri. Anche qui, nonostante l’opinione pubblica abbia dovuto seguire con un certo allarme alcuni casi di furti in abitazioni, la situazione complessiva della tutela della sicurezza pubblica è, come per le altre zone sinora esaminate, del tutto soddisfacente, sebbene emergono anche in questi comuni i problemi già constatati negli altri sinora sentiti nel corso delle riunioni decentrate. I sindaci hanno posto la loro particolare attenzione ai problemi del controllo della velocità lungo le arterie che percorrono il territorio, sul randagismo, che incide in misura considerevole sulle risorse economiche dei bilanci, sui problemi derivanti dall’apertura dei locali, che talvolta si protrae oltre il consentito. In generale, è stata lamentata la scarsa disponibilità di risorse, mentre è stata prospettata la possibilità di un impiego congiunto delle forze di polizia municipale, la fine di ottimizzarne l’impiego. L’ultima riunione “decentrata” del Comitato per quest’anno è prevista per oggi alle 9,30, presso la casa municipale di Isernia.

Tradizioni,Venafro a scuola di “Santè” Si rinnova anche per quest’anno l’appuntamento con la tradizione culinaria venafrana. La Pro Loco, in collaborazione con la Federazione Italiana Cuochi e la Slow Food – Condotta “Alto Molise”, ha organizzato per domani, 16 dicembre, a partire dalle ore 19.30, presso l’Hotel Dora un incontro dedicato alla preparazione della “Zuppa alla Santè”. Alcune donne venafrane, coadiuvate dallo chef Adriano Cozzolino, ci guideranno nella preparazione di questo caratteristico piatto che i partecipanti non solo impareranno a preparare ma che potranno anche gustare. Si ricorda che la partecipazione è a numero chiuso ed è soggetta ad una quota di iscrizione pari a € 5,00 a persona. Le prenotazioni si potranno presentare direttamente a Carmine Pietrangelo presso l'ufficio Gabetti, sito in C/so Campano a Venafro. Oppure chiamare i seguenti numeri telefonici: 338.1048796; 328.6732512

16 ANNO II - N° 279 MARTEDÌ 15 NOVEMBRE 2009

Dopo aver scontato una pena di due anni e mezzo nel carcere di ponte San Leonardo, ora un marocchino di 27 anni tornerà nella sua città di origine, a Casablanca. Il giovane clandestino infatti, è stato accompagnato, nei giorni scorsi, a Bari dagli uomini della Questura di Isernia. Due gli agenti, partiti dal capoluogo, che lo hanno scortato ed affidato agli operatori del Centro di identificazione ed espulsione di Bari, in attesa del rimpatrio in Marocco, che avverrà nei prossimi giorni. Pregiudicato, l’extracomunitario, reo – in passato - di aver commesso diversi reati dallo spaccio alla resistenza, fino all’oltraggio ora non potrà più metter piede nella nostra Nazione. Una decisione questa, presa proprio in considerazione dei numerosi precedenti di polizia accumulati negli anni, che hanno permesso di etichettarlo quale individuo dalla spiccata pericolosità sociale.

Upi nazionale, Mazzuto nel direttivo “Mi impegnerò per promuovere un ordinamento amministrativo che valorizzi ancor di più le Province” Il presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, è stato eletto nel direttivo nazionale dell’Unione delle Province Italiane (Upi), l’associazione che rappresenta tutte le Province italiane, escluse quelle autonome di Trento, Bolzano e Aosta. La candidatura di Luigi Mazzuto è stata avanzata dal senatore Giovanni Collino e dall’onorevole Mario Valducci, responsabili degli enti locali per il Popolo della Libertà durante la XXXII Assemblea Congressuale dell’Upi, svoltasi dal 9 all’11 dicembre a Roma, ed è stata votata dagli oltre 900 amministratori di tutte le Province tra i quali 107 Presidenti di Provincia, i 107 Presidenti del Consiglio e gli oltre 300 assessori e consiglieri presenti alla convention.Grande soddisfazione, per questo prestigioso riconoscimento, è stata espressa dal presidente dell’ente di via Berta,

Luigi Mazzuto. “La mia elezione del direttivo nazionale dell’Upi, in rappresentanza del Molise, – ha dichiarato Luigi Mazzuto – rappresenta un prestigioso riconoscimento per il lavoro svolto finora per la valorizzazione della nostra Provincia. Nelle prossime settimane – ha continuato il presidente – mi impegnerò, viste le recenti riforme della Pubblica Amministrazione, per promuovere la realizzazione di un ordinamento amministrativo che valorizzi ancor di più il ruolo delle Province come enti esponenziali delle popolazioni residenti nell'ambito delle rispettive circoscrizioni territoriali. Mi preme, infine, ringraziare gli onorevoli Collino e Valducci del Pdl per avermi proposto questa prestigiosa carica e, naturalmente, tutti gli amministratori che mi hanno accordato la loro fiducia votandomi”.

Primo torneo di scacchi a Isernia

La femminil virtù, la nuova raccolta di Elena Grandi

Lo scorso 13 dicembre si è svolto presso l'Hotel Sayonara il primo Semilampo di Scacchi Hotel sayonara. Il torneo ha visto la partecipazione di ben 22 scacchisti, tra cui molti under 18, che si sono dati battaglia sulle scacchiere. Erano previsti 8 turni di gioco. Molti giocatori venivano dalle province limitrofe, confermando l’assenza di appassionati isernini

Ispirata a un brano di Leon Battista Alberti, Elena Grandi ha pubblicato una raccolta di racconti di autori contemporanei. Chiamati a raccolta a mettere su carta le idee ispirate da La femminil virtù, gli autori contemporanei hanno risposto con voce sia maschile che femminile. La raccolta verrà presentata domenica alle 20, a Macchia d’Isernia presso l’oratorio parrocchiale.


ISERNIA Nella notte, ignoti si sono introdotti nella scuola e hanno danneggiato l’aula magna

Istituto Fermi preso di mira dai vandali Estintori svuotati, schiuma sparsa dappertutto su sedie e poltrone, tende strappate, cattedre divelte. Ma anche grossi danni all’impianto elettrico. Questo lo scenario che, ieri mattina, alcuni dipendenti dell’Istituto Tecnico ‘Enrico Fermi’ di Isernia si sono trovati davanti nell’aprire, come ogni giorno, la scuola. La notte scorsa un gruppo di vandali si è introdotto, rompendo il vetro di una finestra, nell’aula magna dell’Istituto, distruggendo tutto. Gli autori del gesto hanno utilizzato gli estintori e riversato la schiuma sulle sedie e sulle poltrone presenti all’interno del locale, poi sono passati all’impianto elettrico rendendo così l’aula magna del tutto inutilizzabile per le normali attività didattiche e culturali. Non paghi della malefatta, hanno anche deciso di banchettare all’interno

L’istituto danneggiato

dell’aula, lasciando resti di pizza e bevande dappertutto. Sul posto sono giunti gli uomini della Questura che ora indagano sulla vicenda. Sembra che l’aula magna sia l’unico locale non dotato di allarme, certo è che se confermato, significherebbe che i responsabili dell’atto di vandalismo co-

noscono bene la struttura. I danni economici causati sono attualmente in corso di quantificazione, ma dalle prime stime non si esclude che possano essere ingenti.Sull’episodio è intervenuto anche il presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto, che ha inteso esprimere tutto il pro-

prio rammarico e una ferma condanna per quanto accaduto. “Gli atti di vandalismo perpetrati ai danni dell’istituto tecnico Fermi (di proprietà dell’Ente di Via Berta) - ha dichiarato - sono davvero inqualificabili. Vanificano, infatti, il grande lavoro messo in campo da questo ente per rendere sempre più funzionali e sicuri gli edifici scolastici e, soprattutto - ha sottolineato Mazzuto danno il senso di un mancato rispetto verso le istituzioni e di chi le rappresenta che, di giorno in giorno, come dimostrato dagli ultimi episodi, si fa sempre più preoccupante. Ciò significa, d’altra parte, che – ha aggiunto Mazzuto - dovremo aumentare il nostro impegno per promuovere, in particolar modo nei confronti dei più giovani, iniziative di educazione alla legalità e contro il disagio sociale. In

Il presidente Mazzuto: “Un gesto inqualificabile che denota il mancato rispetto verso le istituzioni e chi le rappresenta” ogni caso, posso tranquillizzare gli alunni e i docenti dell’Itef in quanto mi impegnerò affinché, già tra qualche settimana, l’aula magna possa tornare a disposizione per le attività didattiche e culturali”.

Montano le proteste dopo l’istituzione del doppio senso di marcia su via XXIV Maggio

Zona pedonale in centro, commercianti sul piede di guerra Sembra essere divenuto un appuntamento fisso del Natale in città. Tornano anche quest’anno le proteste dei commercianti del centro isernino per le conseguenze dell’istituzione della zona pedonale decisa dal Comune, riguardante il centralissimo corso Garibaldi. Come recentemente annunciato da Palazzo san Francesco, infatti, nei fine settimana di tutto il periodo natalizio il principale corso di Isernia sarà chiuso al traffico per favorire passeggiate e shopping annesso. A far le spese di quella che sembrerebbe una iniziativa sensata, però, è la “sorella minore” del corso in questione, cioè via XXIV Maggio. Lungi dall’essere arteria secondaria per il

traffico in entrata ad Isernia, questa via risente in maniera esclusivamente negativa della zona pedonale sul corso. Questo perché la Polizia Municipale per far fronte alla chiusura del traffico, ha deciso l’incanalamento dei veicoli proprio sulla strada dedicata alla Grande Guerra, con l’istituzione del doppio senso di marcia. E’ proprio quest’ultimo il motivo delle proteste dei commercianti della zona. “Il doppio senso di marcia su questa strada – spiegano i titolari di alcuni esercizi commerciali di via XXIV Maggio - è il colpo di grazia per le nostre attività. Data la già scarsa larghezza di questa strada, con tale decisione diventa praticamente impossibile par-

cheggiare per fare compere, il tutto a svantaggio dei nostri affari, tra l’altro in uno dei momenti più importanti dell’anno in termini di vendite”. I commercianti, quindi, chiedono a chi di dovere di sospendere l’iniziativa della zona pedonale o quanto meno l’eliminazione del doppio senso di marcia su un’arteria, spiegano, che in questo modo “rischia di morire”. Non c’è che dire, una brutta gatta da pelare per la Polizia Municipale che tra l’altro ha sede proprio in via XXIV Maggio. Tuttavia, sembrano davvero poche le possibilità che le richieste dei commercianti vengano esaudite: non sembrano, infatti, esserci soluzioni alternative plausibili in quella zona della città.

Anche da Isernia solidarietà al presidente Berlusconi Il presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, esprime solidarietà, vicinanza e rinnova tutta la propria stima nei confronti del presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi, in seguito all’aggressione subita in piazza Duomo a Milano. “Esprimo a nome mio e dell’ente che mi onoro di rappresentare piena solidarietà politica ed umana nei confronti del presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi. La vile aggressione subita ieri dal Premier rappresenta non solo un pagina nera per la libertà di espressione nel nostro paese e per la democrazia, ma testimonia anche una perdita dei valori sui quali è basata la nostra società. Mi riferisco in par-

CCIAA, Brasiello presenta il bilancio di mandato Il presidente della Camera di Commercio Luigi Brasiello presenta alla stampa il bilancio di mandato. L'incontro è fissato per il giorno 18 dicembre alle 11 a conclusione della riunione del Consiglio convocato per le 9 presso la sala riunioni dell'Ente camerale in C.so Risorgimento 302.

ticolare alla mancanza della cultura del rispetto verso le istituzioni dello Stato e verso chi le rappresenta. Nel rinnovare tutto il mio affetto e la mia stima, auguro al Presidente Berlusconi una pronta guarigione affinché possa continuare l’ottimo lavoro svolto finora sia all’interno del Popolo della libertà che alla guida del Paese”. Ad esprimere solidarietà a Berlusconi è stata anche la Direzione Provinciale dell'ADC di Isernia riunitasi in seduta straordinaria esprime profonda indignazione per la vile aggressione di Milano al Presidente del Consiglio. La Direzione auspica che la politica ritrovi il giusto equilibrio e che cessino definitivamente gli attacchi indiscriminati al Presidente Berlusconi con il ritorno al dialogo costruttivo ed efficace tra tutti i Partiti.

Giornata del bambino a Venafro La Commissione Pari Opportunità ha organizzato per il giorno 20 dicembre “La giornata del bambino”. La manifestazione, realizzata in collaborazione con le associazioni di volontariato e culturali, avrà luogo lungo Corso Campano a partire dalle 14,30, con giochi e spettacoli di intrattenimento per i più piccoli.

17 ANNO II - N° 279 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009


TERMOLI Continuano i controlli da parte degli uomini dell’Arma del centro frentano

Un arresto e due denunce a S. Croce e Larino Servizio di prevenzione e repressione dei reati nello scorso fne settimana da parte dei carabinieri della Compagnia frentana. I servizi su tutto il territorio della giurisdizione, coordinati dal Comando provinciale di Campobasso, hanno portato all'arresto di una persona e alla denuncia a piede libero di altre due. A Larino é stato arrestato con l'accusa di evasione M.M., giovane 29enne del posto, che doveva trovarsi agli arresti domiciliari, perché trovato al di fuori della sua abitazione. Dopo le formalità di rito é stato associato nel carcere larinese. Nel mirino degli uomini dell'Arma anche A. G., 21 anni di Santa Croce di Magliano, che é stato denunciato per porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere e segnalato all’autorità amministrativa come assuntore di sostanze stupefacenti. Durante un controllo stradale, a bordo dell'autovettura che conduceva, sono stati trovati un tirapugni, un attrezzo usato nelle arti marziali, con due lame di ferro di 5 centimetri l’una, e due grammi di hashish. Infine é stato denunciato V.D.P., 22 anni di Santa Croce di Magliano, con l'accusa di guida in stato di ebbrezza per assunzione di alcool e guida senza patene. Il giovane, alla guida di una Golf, avrebbe provocato un incidente

Il Pcl chiede interventi per la viabilità sulla Sp 168

I servizi saranno intensificati su tutto il territorio in vista delle prossime festività di Natale e fine anno stradale per fortuna senza conseguenze per le persone. Dopo l'urto con un altro mezzo, e l'intervento dei carabinieri, alla richiesta degli operanti si é rifiutato di sottoporsi all'alcooltest. Inoltre, al momento del con-

trollo, é risultato sprovvisto della patente di guida. I controlli da parte dei militari dell'Arma continueranno e saranno intensificati nei prossimi giorni anche in vista dlle prossime festività natalizie.

Il PCL BassoMolise denuncia Pubblicamente il Comune di Termoli, il Comune di San Giacomo Degli Schiavoni, la Provincia di Campobasso e la Prefettura di Campobasso per l'incapacità, il disinteresse, la cecità e il “menefreghismo” nel risolvere problemi di primaria importanza quali la viabilità del tratto di strada che collega Termoli a San Giacomo. Sono anni che, con cadenza settimanale se non giornaliera, avvengono incidenti sulla provinciale SP 168, l'ultimo 2 giorni fa all'altezza della chiesetta Madonna a lungo, una utilitaria si è ribaltata con totale distruzione del veicolo e fortunatamente nulla per il conducente. Dopo i vari incidenti mortali su Via Pertini all'altezza del semaforo, il Comune di Termoli, dopo l'ennesimo lutto, decide di eliminare la segnaletica semaforica e installare una rotonda provvisoria che oramai è diventata permanente e ha risolto solo in parte gli incidenti nell'incrocio. Oltre a citare altre problematiche il PCL del basso Molise chiede al Prefetto, che ha emanato un proprio decreto sugli autovelox, perché non viene inserita la strada provinciale 168, che da Termoli porta a Guglionesi. “Come Pcl bassoMolise – si legge nella nota -, chiediamo al Sindaco di Termoli, al Sindaco di San Giacomo, al Presidente della Provincia di Campobasso e al Prefetto della Provincia di Campobasso: di terminare la rotonda in Via Pertini; allargare la carreggiata, dove è presente la pista ciclabile che porta alla chiesetta Madonna a Lungo; risolvere il passaggio di autobus nel centro di San Giacomo, privilegiando non solo l'utilità di un servizio, ma soprattutto la sicurezza per il popolo del servizio medesimo; non fare come Ponzio Pilato, di limitarsi a mettere cartelli che limitano la velocità, ma intervenire sulla strada con opere di allargamento della carreggiata; inserire la SP168, in nuovo decreto del Prefetto, come una strada ad elevata incidentalità.

La Confesercenti ricorda le scadenze per associazioni e società BASSO MOLISE - La Confesercenti di Termoli invita a porre estrema attenzione a due importanti scadenze per associazioni e società. Sanzioni da 206 a 2.065 € per le società che non indicano

18 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009

nelle fatture, negli atti, nella corrispondenza, sul sito internet (solo per le società di capitali) le informazioni richieste quali: sede sociale, registro imprese e numero di iscrizione, capitale sociale effettivamente versato (per le società di capitali), indicazione dell’eventuale stato di liquidazione, presenza di un unico socio (per le società di capitali), indicazione dell’eventuale società o ente alla cui attività di direzione e controllo la società è soggetta. La sca-

Pulizia locali di Tribunale e Municipio, c’è l’appalto LARINO – La Giunta comunale ha indetto una gara d’appalto con procedura aperta per l’affidamento del servizio di pulizia degli uffici comunali e giudiziari per la durata di tre anni. Pr il servizio è stato redatto un apposito capitolato speciale d’appalto, fissando presuntivamente l’importo annuo dello stesso in 18mla euro più Iva e, quindi, pr un totale complessivo nel triennio di 54 mila euro più Iva.

denza era prevista per il 29 luglio 2009 e si da nuovamente notizia in quanto vi sono società che non hanno ancora provveduto all’adempimento. Inoltre la Confesercenti ricorda a tutte le associazioni l’importante scadenza del 15 dicembre 2009: l’invio telematico del modello EAS all’Agenzia delle Entrate. Una nuova circolare ha dissipato gli ultimi dubbi tra i quali: non sono esonerate dalla presentazione le associazioni senza scopo di lucro che posseggono il

requisito del mancato interesse economico. Ciò vale solo per le Pro loco. Stesso discorso per gli enti associativi che svolgono attività commerciali solo marginalmente. Nessun obbligo d’invio per gli istituti di patronato. Le federazioni sportive nazionali, riconosciute e controllate dal Coni, accedono alla versione semplificata del modello. Modalità semplificata anche per l’associazione sindacale “ramo” di una organizzazione nazionale confederale iscritta nel CNEL.

Al via le Olimpiadi della lingua italiana Anche per l'anno scolastico 2009-2010 é indetta l'Olimpiade della Lingua Italiana giunta alla 3ª edizione. La “competizione” é aperta a tutte le classi terminali delle scuole primarie, secondarie di primo grado e agli studenti del secondo anno delle secondarie di secondo grado. In merito, domani mattina alle 11,15, per illustrare e promuovere l'iniziativa, si terrà una conferenza stampa presso l’Istituto Francesco D’Ovidio.


TERMOLI L'Editoriale

Gradi Municipale, vi sveliamo il contenuto del cd TERMOLI – Come annunciato nell'edizione di domenica, da oggi pubblichiamo il contenuto del famoso cd pervenutoci anonimamente e che riguarda, in massima parte, il corso concorso per l'avanzamento di gradi degli agenti della Polizia Municipale. Un colloquio fra tre persone che,

visti i dettagli trattati, non possono che appartenere o aver fatto parte dello stesso comando della municipalizzata e, uno dei tre, avrebbe seguito in prima persona l'evolversi della vicenda. Tralasciamo di fare nomi e usiamo degli “Omissis” per le persone citate nella conversa-

zione dalle tre persone e queste ultime le chiamiamo A, B, e C. Ribadiamo che in un interrogatorio disposto nei confronti del sottoscritto, avvenuto lo scorso 29 Agosto nella caserma della Compagnia carabinieri di Termoli su disposizione della Procura di Larino, ho dato disponibilità a

consegnare copia del cd che non mi é stato più chiesto. Forse la stessa Procura, che pare stia indagando su quel corso concorso, é venuta in possesso dello stesso materiale ma a noi non é dato sapere. Pertanto a distanza di mesi, visto che in uno degli ultimi articoli dell'inchiesta

giornalistica pubblicata a Maggio e successivamente avevo promesso di farlo, da oggi rendiamo pubblici i passaggi più salienti di un documento che a livello giornalistico e non solo ritengo interessante. Lo dobbiamo ai nostri lettori. Angelo Santagostino

In una registrazione giuntaci anonimamente è riportato il colloquio fra tre persone

Domande e risposte preconfezionate In una conversazione in auto spuntano i “luogotenenti” e gli “aiutanti”, oltre a delibere e denuce di un avvocato TERMOLI – Due interlocutori, A e B, sono a bordo di un'autovettura ed entrano subito nel ragionamento. A: “C. sa tutto, solo che ha paura. Il gaggio ci ha saputo far. C. mi ha raccontato il fatto dell'esame. A rutti i Luogotenenti ha dato le domande e si sono preparate le risposte. Se L. e qualcun altro avessero fatto il ricorso, io li avrei appoggiati e avremmo fatto saltare tutti i gradi. A quel tempo il gaggio ha chiamato uno per uno”. B: “I Luogotenenti”. A: “E gli aiutanti. Gli ha dato quello che doveva dargli”. B: “Si era capito, il sentore era quello. Insomma lui li ha identificati tra i sei Luogotenenti”. A: “No. Io non sapevo niente. Mi devi credere. Io delle manovre sue non sapevo niente”. Poi, brevemente, il discorso svicola su altro argomento. A: “Un giorno abbiamo parlato della cena e S. mi ha detto di rinviare al 16 Luglio “cosi la fate insieme”. Ho chiesto perché e mi ha risposto che “il 16 ci sono i rinvii a giudizio. Il 16 lo licenziano”. Ma come fino a ieri gli sei stata sotto sotto ed ora che é in disgrazia. Capto? Però ti dico la verità. Se

fino a ieri mi dispiaceva di essere andato via”. B: “Ora sei contento”. A: Ti giuro. Sono contentissimo e rimpiango di non aver fato piangere qualcuno”. B: “Si stato troppo buono, questa é la verità”. A quel punto sale in macchina C che saluta. A: “Alla cena vengono in 5, hanno paura”. C: “Sono una massa di miserabili. Si vergognano ma gli é stato imposto, non ti preoccupar”. B rivolgendosi a C: “Tu cosa hai fatto con il ricorso?”. C: “Non so come andrà a finire. Questi non si sono degnati di rispondere alle richieste fate”. A: “Posso darti un consiglio. Vai da un avvocato di quelli che é contro questi signori e fai fare una denuncia in Procura per tutto quello che sta succedendo. Sa da chi puoi andare, da quell'Assessore che non parla con (Omisis)”. C: “Ma lascia perdere. Lo sa. Se voleva intervenire intervenivano. Perché lo sanno quello che hanno combinato. Ha firmato. La delibera l'ha firmata. Cosa vado a dirgli a quello li”. A: “Questa é l'impostazione che ha dato il signor (Omisis). Sono convinto”. C: “Ha dato

Presentazione del libro “Termoli, storia di una città” TERMOLI – Alle 17,30 nella Sala consiliare del Municipio si terrà la presentazione ufficiale del libro “Termoli, storia di una città” scritto da Costantino Felice, Angelo Pasqualini e Sergio Sorella. Oltre agli autori saranno presenti Giovanni Brancaccio, Giorgio Palmeri e l'assessore comunale alla Cultura Serena Biondi.

disposizioni che non devono farmi avere la documentazione. Hanno aggiustato sto coso. Aspettiamo ancora un po e si farà tutto, il mio avvocato ha già fatto la richiesta”. A: “Un avvocato che non ha risposte”. C: “Sta aspettando perché mi sembra abbia fatto lettera di sollecito”. A: “Ma quale sollecito. Sono sei – sette mesi che andate avanti con la richiesta documenti e questi non rispondono. Che aspetta a fare la denuncia all'Autorità giudiziaria per il comportamento di questi signori. Vedrai quando arriva il Procuratore come se la fanno sotto”. C: “Si assai se la fanno sotto”. A: “E poi la denuncia si può fare a Foggia, a Campobasso a Bari, dove vuole lui. Questo é il discorso. Non é possibile che una amministrazione dopo sette mesi che hai chiesto i documenti”. C: “E' a discapito amministrazione”. A: “Ma quando se il tuo avvocato non parte con le denunce”. C: “Sta preparando tutto. Ho tutto il tempo”. B: “Per andare avanti con il ricorso dove si può appigliare. Su qualche documento mancante”. (Continua)

“Il sindaco Vincenzo Greco tra Scilla e Cariddi” TERMOLI - Nel 1988 con la regia di Martin Scorsese venne presentato il film “L’ultima tentazione di Cristo”. La figura del Cristo, lacerato tra la sua umanità e la necessità di adempiere alla missione divina, era il tema dominante della trama. Il travaglio dell’uomo attirato dalla volontà di vivere da uomo e nello stesso tempo spaventato dalle “apparizioni” che gli indicavano il percorso da seguire. Mi auguro vivamente per Termoli che il nostro pluridimissionario Sindaco non si faccia tentare dalle “apparizioni” dei vari consigliori della politica locale e nazionale accorsi al suo capezzale, essendo di tutta evidenza che, date le attuali condizioni dell’infermo, gli interessi veri di costoro sono certamente estranei, se non addirittura confliggenti con quelli locali. Allora mi chiedo quale potrebbe essere il vero interesse che spinge Vincenzo Greco, pur di fronte ad una evidente, conclamata ed irreversibile crisi che è numerica, prima ancora che politica, a lasciare intendere che anche questa volta sarebbe disponibile a ritirare le dimissioni, nella certezza (e non potrebbe essere diversamente) di restare in sella solo tra... Natale e S.Stefano. E quale è l’interesse politico complessivo, di fronte a questa così evidente prospettiva, dell’onorevole Di Pietro e dei suoi sodali ad un accanimento terapeutico nei confronti di un soggetto politicamente consunto, atteggiamento che potrebbe rappresentare un boomerang per l’IDV locale e regionale? Vincenzo Greco oggi annaspa, come nell’Odissea omerica, tra i vortici di Scilla e Cariddi. La leggenda dei viaggi di Ulisse è ben nota. Ma non tutti sanno che Cariddi (letteralmente “colei che risucchia”) si trova davanti alla Spiaggia del Faro in Sicilia, mentre Scilla (“colei che dilania”) si trova sulla costa calabrese, nel tratto compreso tra “Alta Fiumara e Punta Pizzo”. Già Punta Pizzo ,”colei che dilania”... Che strana coincidenza della storia! Ma non sarà mica questa ...l’ultima tentazione....? Oreste Campopiano Gruppo Misto N.PSI Termoli

Atti di vandalismo nelle strutture pubbliche TERMOLI – Vandali in azione tra la serata di sabato e domenica in tre strutture di pubblica utilità. Ignoti hanno fatto visita nella piscina comunale coperta, al bocciodromo e l'attiguo centro sociale per anziani. Ovunque hanno arrecato danni alle strutture e agli arredi lasciando anche scritte volgari. Sugli atti di vandalismo le indagini sono condotte dalle forze dell'ordine.

19 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009


S P O RT CALCIO SERIE D

Gallicchio e Follera i migliori in campo, ma il tecnico non è stupito: “Me lo aspettavo”

“Campobasso, uniamo le forze” Appello di mister La Cava: “Questa città ha un potenziale unico. Società, squadra e tifosi insieme” E’ tornato il sorriso in casa Campobasso e pian piano sta tornando anche l’entusiasmo. Tutto grazie alla rivoluzione attuata nei giorni scorsi dalla società e al certosino lavoro di staff tecnico e direttore sportivo. Domenica a Miglianico si è visto un Campobasso nuovo, bello e vincente. Squadra tosta, organizzata e ben messa in campo. Un primo tempo giocato alla grande dai rossoblù che alla fine hanno riportato a casa l’intera posta in palio. Dando respiro alla classifica, rilanciandosi e aprendo ufficialmente il nuovo corso. I tre punti sono stati importanti, ma il mister è stato soddisfatto maggiormente dalla prestazione della squadra: “La vittoria è relativa, anche se in questo momento abbiamo bisogno di punti. Sono contento per il fatto che la squadra abbia espresso un buon gioco, soprattutto nella prima frazione di gioco. Poi abbiamo commesso le solite ingenuità che questa volta, però, non sono state decisive.” A cambiare volto alla squadra sono stati i nuovi innesti. Alla fine Gal-

licchio e Follera sono risultati i migliori in campo, ma La Cava di questo non è stupito: “Diciamo che me lo aspettavo. Follera lo conosco benissimo ed è stato con me per due anni; Gallicchio lo ho sempre avuto come avversario e mi ha creato tanti problemi. Per questo le loro prestazioni non mi hanno affatto meravigliato e sono contento per loro.” Possiamo dire che da domenica è iniziato il nuovo corso del Campobasso? “Sicuramente sì. Ora abbiamo bisogno di lavorare tanto con sacrificio ed abnegazione. Abbiamo cercato di correggere alcuni errori e credo che dalla prima gara dopo la sosta potremo essere al top”. Mister La Cava tra poco avrà solo l’imbarazzo della scelta, soprattutto in avanti. Gallicchio, Alessandrì, Covelli, Coquin e Todino metteranno in difficoltà l’allenatore nel stilare la formazione? “Assolutamente no – è la risposta laconica del tecnico –. Queste sono cose positive e l’importante è che tutti capiscano le indicazioni e i pensieri dell’allenatore. Chi non lo capirà re-

sterà a casa. E’ solo un fattore positivo avere più d’una scelta, soprattutto durante una gara. Chi non si assume responsabilità nell’effettuare le scelte non può fare l’allenatore.” Ora, però, ai rossoblù occorre trovare la giusta continuità. Domenica ci sarà l’importante derby contro il Trivento e sarà un match duro: “Dobbiamo lavorare bene in settimana – ha proseguito l’allenatore – con concentrazione ed umiltà. Il Trivento è un’ottima squadra che ha fatto molto bene sino ad ora. C’è un bravo allenatore e soprattutto una persona per bene. Dobbiamo preparare la gara nel migliore dei modi se non vogliamo farci male.” Ed in una gara così importante avrete bisogno anche dell’apporto del pubblico. “Questo è certo. Io continuo a ripetere che Campobasso deve unire le forze. Un pubblico come il nostro non lo ha nessuno. E potremo divenire un triangolo imbattibile, con una grande forza d’urto se società, squadra e tifosi andassero nella stessa direzione.” EB

Mister La Cava

ATLETICO TRIVENTO

Prima sconfitta in trasferta per il Trivento A Civitanova Marche una battuta d’arresto che non “fa male” I gialloblù pensano già al derby di domenica prossima

La rabbia del tecnico Carannante

20 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009

L’Atletico Trivento non è riuscito nell’impresa di espugnare il campo della Civitanovese ed in terra marchigiana è arrivata la prima sconfitta esterna della stagione(così come per L’Aquila che ad Agnone ha perso questo primato che condivideva con i gialloblù). Tanto rammarico in casa trignina, specialmente perché i risultati delle dirette concorrenti avrebbero favorito la scalata in classifica della squadra di Roberto Carannante che ora è stata scavalcata dalla Santegidiese. I punti dalla vetta occupata dall’Atessa Val Di Sangro restano quattro e per il Trivento i giochi sono ancora apertissimi.

Prima o poi la prima sconfitta lontano dal pubblico amico doveva arrivare e non è certo un caso che sia giunta al cospetto di una delle formazioni più in forma del momento, la Civitanovese di Osvaldo Jaconi, che domenica ha conquistato contro i gialloblù la quinta vittoria consecutiva, infilando l’ottavo risultato utile. Capitan Corradino e compagni come sempre hanno cercato di strappare i tre punti con il solito gioco aggressivo, è mancato probabilmente quel pizzico di concretezza in più in fase offensiva; tuttavia in casa trignina c’è la consapevolezza di aver dato il massimo, come ogni domenica, e

dunque non si fanno drammi anche perché i numeri sono dalla parte del Trivento che resta la prima delle molisane(anche se insidiata dall’Olympia Agnonese, distante un solo punto) ed il campionato sin qui portato avanti dalla squadra di patron Falcione ha regalato enormi soddisfazioni alla tifoseria gialloblù che è già in fermento in vista della gara casalinga di domenica prossima che vedrà l’Atletico Trivento impegnato nell’attesissimo derby dell’Acquasantianni contro il Campobasso,gara che chiuderà il 2009 ed anche il ciclo di stracittadine molisane per quanto riguarda il girone di andata. JSV

Moratti:“No comment su Mourinho”

Diego:“La Juventus può vincere lo scudetto”

“Per il momento preferisco non commentare perchè non ho tutti gli elementi per poter giudicare". Così il presidente dell'Inter Moratti sugli insulti del tecnico nerazzurro José Mourinho a un giornalista al termine della gara di ieri con l'Atalanta. All'Unione della stampa sportiva italiana (Ussi) che ha chiesto un intervento energico del patron dell'Inter, Moratti ha risposto: "Parlerò con la stampa sportiva italiana e chiederò cosa intende per provvedimento energico"

'Battere l'Inter nella corsa scudetto non è una mission impossible'. Nonostante il momento di crisi Diego non si arrende. 'Basta comparare la qualità dei giocatori che abbiamo in squadra-spiega il fantasista brasiliano della Juve in un'intervista al sito della Fifa -. L'Inter ha tanta qualità, come la Juve'. Diego poi sgombra il campo dalle voci su un rapporto difficile con Ferrara: 'conosce benissimo il campionato italiano, per noi e' un ottimo allenatore'.


S P O RT VOLLEY MASCHILE

Katay Geotec Isernia stellare In mondovisione la squadra di Fenoglio ha superato il forte Bologna con un netto tre a zero Prima vittoria da 3 punti, primo 3 a zero della stagione, dodicesimo posto a meno 3 dalla zona play off. Tutto in una notte, tutto contro la temuta Zinella Bologna, quarta forza del campionato. In un colpo solo la Katay Geotec, dopo lo scoramento post-Castellana, si ritrova in posizione decisamente più tranquilla e si gode una vittoria che può rilanciarla nel morale e nelle prospettive di campionato. Che sia la serata giusta lo si capisce dai livelli di rendimento che la squadra riesce a trovare in tutto il match. Funziona la ricezione, Valera, prima volta da titolare, gioca di precisione e fantasia, ed anche i martelli ne traggono giovamento . Su tutti Janusek, che riceve bene (71% di ricezione perfetta)

e attacca meglio del solito (55% di positività e 12 punti), coronando la sua migliore prestazione in biancoazzurro. Benissimo anche Oro. Il capitano di punti ne fa 18, e si rende protagonista agli occhi di un pubblico che finalmente può stropicciarsi gli occhi. Nel primo set l’equilibrio iniziale viene rotto sul servizio di Janusek, che forza molto e porta Isernia sul 16-11. Il vantaggio galvanizza Isernia e destabilizza Bologna, che regge l’urto con la regolarità di Ocampo, ma la Zinella paga oltremodo l’assenza dell’infortunato Facundo Conte e non riesce a cambiare l’inerzia della partita. La Katay Geotec è concentrata e precisa. 7-2 a inizio seconda frazione, che diventa 16-13 solo

grazie alle forzature di Ocampo al servizio, che rendono più difficile le operazioni di ricezione. Qui però viene fuori il famigerato muro isernino, primo nella classifica del campionato. Ne fa uno Oro e due Fiore e a quel punto sembra fatta (24-18). Ma il servizio flot di Inserra e la classica “paura di vincere” mettono ansia ai molisani, che si fanno recuperare fino al 24-23, ma poi chiudono con un muro di Valera. Senza storia la terza frazione. Isernia sempre avanti (16-7) con larghi vantaggi, nonostante i cambi di Hugo Conte, che fa uscire uno spento Moro e prova a cambiare le bande. Ma Isernia vince con merito e torna a guardare con fiducia al campionato.

Peter Janusek

BASKET FEMMINILE

La Women’s Campobasso sconfitta al Palavazzieri dal Monopoli

La Ciminelli in azione Va alla Vis Monopoli la vittoria di questo pomeriggio. Per cinque punti di scarto le ragazze Women’s non riescono a far proprio il match che, semplice sulla carta, si è rivelato essere molto combattuto. L’allenatore Rafaschieri ha,

infatti, messo in campo un quintetto di tutto rispetto che è riuscito a contrastare le campobassane per gran parte dei quarante minuti di gioco. La partita si è aperta con il primo canestro di Ciminelli, subito replicato da Scoglia e Lombardo che portano il Campobasso ad assicurarsi il vantaggio per tutto il primo quarto, nonostante l’incidente dell’appena entrata in campo Giugliano, caduta sbattendo fortemente la testa sul campo durante lo scontro con un’avversaria. Un successivo quarto caratterizzato dalle azioni della Perrone, avversaria protagonista di tutto il match che ha contribuito a far propria la partita grazie ai suoi 24 punti nel canestro del Palavazzieri. Le giocatrici Women’s non riescono a recuperare il vantaggio assicurato nella seconda decina di gioco dal Monopoli e

Il servizio informativo

e di assistenza della

Regione Molise

che porta avanti per i due successivi quarti. Gli ultimi 10 minuti vedono un’ottima entrata in campo delle giocatrici Women’s che, grazie alla strigliata di coach Ladomorzi, in una sequenza di azioni e tiri realizzati in 40 secondi conquistano 6 importanti punti tutti firmati Lombardo-Ciminelli-De Rosa giungendo così al pareggio, poi trasformatosi in vantaggio dalla pivot De Rosa. Subetra tuttavia Perrone a recuperare il distacco e a superarlo continuando a rendersi protagonista dei primi 5 minuti dell’ultimo quarto del match. Diversi i tentativi di Anastasio e Lombardo di portare in vantaggio il team bianco-rosso ma le avversarie hanno ormai fatto proprio l’incontro. E così la Women’s Basket Campobasso si lascia sfuggire la vittoria casalinga. “Si è verificato quello che temevo.

Una perdita di ritmo dopo che il campionato si è fermato”, commenta rammaricato coach Ladomorzi, che continua affermando “abbiamo avuto contro una squadra che era da prendere con le molle e che stava molto bene fisicamente. Noi abbiamo giocato in modo slegato, ci è mancata la cattiveria. Un paio di volte non siamo stati fortunatissimi al tiro, soprattutto nei primi minuti di gioco, mancanze alle quali potevamo sopperire con altre armi, ma non lo abbiamo fatto”. Questo il commento a caldo dell’allenatore campobassano il quale afferma anche come, tuttavia, “il basket e lo sport in generale sono così, non c’è nulla di matematico. Da adesso dobbiamo solo pensare a sabato prossimo, quando ci aspetterà una partita per nulla dolce contro il Latina”.

telefono

e-mail

web

sportelli

ANNO II - N° 278

Campobasso: P.zza Cuoco, 8 Isernia: C.so Garibaldi, 167

MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009

0874 4291 0865 4471

www.quiregionemolise.it

contactcenter@regione.molise.it

21


S P O RT CICLISMO

Grande festa domenica ad Oratino

Il 2009 è andato in archivio ed il bilancio della federazione di Belpulsi è più che positivo Sala gremita al ristorante “La Roccia” di Oratino per la festa del ciclismo molisano 2009. La cerimonia, presentata da Luca Fatica, si è aperta con l’intervento del presidente del Comitato regionale della Federciclismo Silvestro Belpulsi. “Il 2009 va in archivio e per noi è stato un anno positivo – ha detto – anche se restano dei problemi da risolvere per far decollare questo splendido sport nella nostra regione. I tesserati sono aumentati, ma restano sempre troppo poche le corse organizzate in regione. Nelle categorie allievi ed esordienti, rampe di lancio verso il ciclismo che conta, i nostri atleti si sono tuttavia distinti cogliendo diverse vittorie al di fuori dei confrini regionali. Milano ne ha ottenute quattro, Cianci tre, Fiorilli e Donataccio una a testa”. Belpulsi ha poi parlato dell’importanza di entrare nelle scuole: “La bicicletta è stato fino a pochi anni il mezzo di locomozione dell’infanzia di tutti i bambini. Oggi tanti ragazzini, in bici, non ci sanno nemmeno andare. Dobbiamo colmare questa lacuna. Il nostro interesse non è scovare campioni del futuro, ma far sì che le prossime generazioni abbiano un approccio diverso verso il mondo che li circonda. La Federazione sta promuovendo un’iniziativa, il progetto Pinocchio, che sta iniziando a dare i suoi frutti”. Per chiudere, il presidente della Fci Molise ha presentato l’attività del 2010, a cominciare dalla novità più succulenta: il trittico dell’adriatico esordienti (tre tappe: una in Molise, una in Abruzzo e una in Puglia con classifica finale complessiva). Nel nuovo anno, poi, sarà confermata la tappa molisana del piano solidale, l’iniziativa federale per il centtro-sud, riservata quest’anno agli allievi. Nel fine settimana verrà stilato il calendario regionale. Renato Di Rocco, presidente della Federciclismo, era l’ospite più importante della festa. Anche lui ha parlato dell’impor-

tanza della bicicletta nell’età dell’infanzia. “Nonostante gli anni che stiamo vivendo siano quelli dell’ipertecnologia – ha detto - secondo uno studio dell’Istat la bicicletta è il secondo regalo più gradito dai bambini. Ai genitori che avvicinano i loro ragazzi al ciclismo, dico di non dare peso ai risultati dei loro ragazzi ma solo a farli divertire”. Il dirigente sportivo ha poi ricordato che l’Italia resta una delle potenze del ciclismo internazionale, con le sue 44 medaglie conquistate nel 2009 nei vari campionati internazionali. Poi è stata la volta di Guido Cavaliere, presidente del Coni Molise, che ha lodato l’intervento della Federciclismo nazionale per combattere il doping e di quella regionale per la continua spinta a organizzare corsi di formazione per dirigenti e tecnici. “Chi pratica il ciclismo – ha poi aggiuntto - conosce il valore del lavoro, della perseveranza e del sacrificio”. Dopo una veloce carrellata, con gli interventi dei vice presidenti della Fci Molise Priore e Malerba, dei presidenti dei comitati provinciali Di Girolamo e Tamburri, i saluti delle autorità (l’assessore

provinciale Montanaro, il sindaco di Oratino Iannotti ed il presidente del Coni provinciale Rosari), la parola è passata agli altri ospiti: il professionista Alessandro Spezialetti, il campione d’Italia under 23 Matteo Rabottini e il molisano Antonio Testa. Il Comitato ha poi consegnato i tre premi speciali al giudice Enzo Ritota (assente alla cerimonia), al dirigente sportivo Gaetano Rossi ed al giudice sportivo regionale Francesca Mite. A chiudere la cerimonia, la lunga serie delle premiazioni di tutte le società affiliate e dei campioni regionali. Questi i corridori che verranno premiati per aver conquistato i titoli di campione regionale: Cronostrada: Gennaro Donataccio (Euro 90 Molise) per la categoria allievi, Mario Di Florio (Farnese Vini Molise) per la categoria juniores Strada: Gennaro Donataccio (Euro 90 Molise) per la categoria allievi, Alex Tesone (Farnese Vini Molise) per la categoria juniores Mountain bike: Angelo De Nicolis (Cc Raspa) per la categoria allievi, Alessio Petrollini (Sessan Bike Sport &

Natura) per la categoria juniores, Andrea Cardillo (Sessan Bike Sport & Natura) per la categoria master sport, Andrea Tamburri (Sessan Bike Sport & Natura) per la categoria master 1, Pietro Luigi Cicerone (Venafro bikers) per la categoria master 2, Lino Cardillo (Sessan Bike Sport & Natura) per la categoria master 3. Giovanissimi: Gs Garofalo San Timoteo Termoli per la classifica a squadre, Luigi Miozzi (Shoqata Kulturore Arbereshe) e Noemi Lucrezia Eremita (Gs Garofalo San Timoteo Termoli) per la categoria G1, Adamo De Francesco (Pedale Molisano) e Giulia Dato (Pedale Molisano) per la categoria G2, Michele Eremita (Gs Garofalo San Timoteo Termoli) e Federica Parlapiano (Gs Garofalo San Timoteo Termoli) per la categoria G3, Mattia Condidorio (Pedale Molisano) e Giorgia Casando (Cicli Di Niro 1980) per la categoria G4, Danilo Angelone (Pedale Molisano) e Paola Giampetraglia (Pedale Petacciatese) per la categoria G5, Riccardo De Santis (Gs Garofalo Mobili Termoli) e Donatella Cicia (Gs Garofalo Mobili Termoli) per la categoria G6.

ATLETICA

Mortillaro secondo a Peschiera

22 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009

Calciopoli: sono sette gli imputati assolti Sono sette gli imputati assolti dal gup Eduardo De Gregorio al termine del processo di Calciopoli. Tra di essi l'arbitro Gianluca Rocchi. Oltre a Rocchi assolti gli ex arbitri Stefano Cassarà, Marco Gabriele e Domenico Messina e gli ex assistenti Duccio Baglioni, Giuseppe Foschetti e Alessandro Griselli. Nella sentenza il gup ha riconosciuto l'esistenza di una associazione per delinquere che avrebbe condizionato gli esiti dei campionati di calcio.

In una fredda domenica di metà dicembre ancora un buon risultato per un allievo del tecnico termolese Pasquale Venditti a Zeloforamagno di Peschiera di Borromeo, in provincia di Milano. Corrado Mortillaro dell’Atletica Gonnesa, reduce dalla bella vittoria di una settimana fa alla Maratonina di Voltana, si è classificato secondo assoluto in 31:12 alla 36^ edizione “In Gir Ala Cava”, gara internazionale di corsa

su strada di 10,3 km preceduto solo dal marocchino Radouan Boussehaib del Marocco in 30:57, alle loro spalle si sono classificati nell’ordine Jacopo Manetti dell’Atletica Fanfulla Lodigiani in 31:18, Maurizio Vanotti dell’Atletica Marathon Almenno in 31:23 e Davide Milesi del GS Orobie in 31:37. Undicesimo posto per l’ex campione del mondo dei 3000 metri indoor Genny Di Napoli del Track & Field Channel TV

che tre settimane fa si era classificato sesto assoluto al Cross De Boi di Barcellona in Spagna. La prova femminile è stata vinta da Claudia Gelsomino dell’Onda Athletic Club in 36:24 davanti all’azzurra di corsa in montagna Vittoria Salvini dell’Atletica Valle Brembana in 36:51. Alla manifestazione, ottimamente organizzata dal Gruppo Sportivo Zeloforamagno, hanno partecipato oltre 700 atleti.

Calciopoli: tre anni a Giraudo Tre anni di reclusione per l'ex ad della Juve Antonio Giraudo per Calciopoli. Due anni per Lanese e Dondarini, due anni e 4 mesi a Pieri. Lo ha deciso il gup De Gregorio, nell'ambito del procedimento nei confronti degli imputati che hanno scelto il rito abbreviato. L'accusa aveva chiesto per l'ex dirigente 5 anni. Condannati anche l'ex presidente dell'Aia e i due ex arbitri. Assolti gli altri imputati. Pena accessoria per Giraudo, Dondarini e Pieri il divieto per 3 anni di accesso agli stadi.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta “A pizze cù bicarbunate” 500 g di farina 00 (più quella necessaria per la spianatoia) 2 cucchiai di bicarbonato

2 uova 0,5 dl di olio di oliva extravergine q. b. di zucchero semolato

Versate la farina sulla spianatoia a fontana: nell’incavo mettete olio e bicarbonato, amalgamate con le uova, incorporate tutti gli ingredienti e lavorate il composto fino ad ottenere una “panetta” liscia ed omogenea. Stendetela con il matterello in una sfoglia rotonda, dello spessore di circa un centimetro e mezzo e disponetela in una teglia unta ed infarinata. Con la punta di un coltello, incidete la superficie della pizza, disegnando delle losanghe, quindi ungetela abbondantemente e spolverizzatela uniformemente di zucchero. Infornate la pizza a 180° per circa trenta minuti, fino a quando sarà dorata e croccante. La “Pizza cù bicarbunate”, tipica della cucina termolese, era mangiata a colazione, intinta nel latte. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili

CAMPOBASSO Farmacia di turno NERILLI Via Monforte, 2 Tel. 0874.311373 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno DI GIROLAMO Rampa Mercato Tel. 0865.50625 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

TERMOLI Farmacia di turno TRABOCCHI - Via Tevere, 17 - Tel. 0875.705030 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

A D N E AG

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza Arrivo 06:02 07:52 06:49 08:39 09:35 11:25 12:20 14:11 14:12 16:02 17:14 19:04 17:40 19:30 18:23 20:13 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO

Ariete 21 mar - 20 apr

(DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:46 07:36 06:25 08:15 12:08 13:58 13:22 15:12 14:30 16:20 16:00 17:50 17:14 18:55 18:40 20:30 20:40 22:30 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:00 06:24 06:54 13:00 14:15 16:25 18:00

Arrivo 07:48 09:16 10:47 16:03 18:13 20:02 21:00

Partenza Arrivo 05:45 08:53 08:25 11:40 14:10 17:16 14:15 18:00 16:25 19:25 19:35 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

NAPOLI-CAMPOBASSO

(NON DIRETTI)

(NON DIRETTI)

Partenza 06:15 08:20 09:15 14:00 14:15 16:00 17:15 19:40

Arrivo 09:25 12:05 12:25 17:30 17:30 20:15 20:50 23:00

Partenza 05:03 05:51 12:14 12:40 14:15 17:30 19:43

Arrivo 08:35 08:55 15:25 16:02 17:10 20:30 22:35

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 -8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,3012,40-13,30-13,45 -14,00 (anche festivo)14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata dovrete essere molto onesti, in quanto quello che direte potrebbe essere molto influente per le persone che vi sono vicino e che potrebbero avere delle reazioni strane che nemmeno vi aspettate! Abbiate riguardo per queste persone, poiché loro ne avrebbero per voi, quindi cercate la vostra sensibilità! Toro - In questa giornata l'unico vostro pensiero saranno soltanto le vostre finanze, poiché avvertite che si sta avvicinando il periodo in cui dovrete sborsare ingenti somme per qualcosa che forse non vi convince pienamente! Le spese sono quelle che sono, ma voi dovreste evitare di concedervi dei regali in continuazione! Gemelli - In questa giornata una nuova relazione potrebbe iniziare con il piede giusto, ma forse non ve ne accorgerete molto inizialmente, poiché ci sono delle situazioni pregresse che vi daranno un po' di fastidio e vi lasceranno alquanto amareggiati! In realtà dovreste pensare a questa novità ed al fatto che la vostra vita sta andando piuttosto bene! Cancro - In questa giornata, tra lavoro, sentimenti, famiglia e chi più ne ha più ne metta, è possibile che abbiate un po' di confusione in mente e che non riusciate a coordinare precisamente le vostre innumerevoli attività. Cercate almeno di essere disponibili nei confronti di chi ve lo chiederà e già questo sarà sufficiente! Leone - In questa giornata avrete molte possibilità con le persone che vi piacciono, quindi dovreste cercare di prendere degli appuntamenti che possano favorirvi! Curate molto il vostro aspetto invece di pensare che siete splendidi così come siete! Curarsi non è mica poi una così gran fatica! Vergine - In questa giornata qualcuno dei vostri amici potrebbe cercare di rasserenare il vostro umore e potrebbe decidere di ponderare delle scelte al vostro posto. Voi non dovete prendere le loro parole come oro colato, ma dovete comunque ragionare con la vostra testa, cercando di assumervi le vostre responsabilità! Bilancia - Potrebbe essere una giornata bellissima per voi, poiché ci sono un sacco di amici che non aspettano altro che voi alziate la cornetta e che cerchiate degli eventi divertenti per coinvolgere tutti, proprio come sapete fare voi! La vostra natura è un po' lunatica, ma quando volete sapete essere davvero superlativi! Scorpione - In questa giornata potreste essere molto ispirati da quello che faranno gli altri, poiché crederete che con il minimo sforzo, potreste ottenere moltissimo. In realtà sono gli altri che hanno lavorato in silenzio e sono riusciti a costruirsi qualcosa di davvero importante. Se volete altrettanto, iniziate ad impegnarvi anche voi! Sagittario - Oggi potrebbero esserci dei momenti in cui la vostra vita vi potrebbe apparire troppo di responsabilità, quindi potreste essere portati a dire delle bugie. Comunque, dall'altro lato, troverete sicuramente qualcuno che vi farà riflettere e che vi indicherà la via più giusta per rivalutare la vostra esistenza sotto un altro punto di vista. Capricorno - Sarete pronti in questa giornata a seguire i piani che avevate prestabilito e che spesso avete dovuto rimandare, per problemi vari! Siate pronti a dire basta alla sfortuna e finitela di compiangervi. Cercate di prendere del tempo per progettare meglio la vostra rivincita! Acquario - In questa giornata avrete un grande spirito di avventura e questo potrebbe portarvi a fare delle cose avventate, di cui potreste pentirvi, ma anche no! Cercate di essere prudenti della vostra sconsideratezza e vedrete che i danni, se ce ne saranno, saranno comunque limitati e non potrete lamentarvi del vostro destino! Pesci - In questa giornata dovreste stilare una lista di questioni da risolvere, poiché siete un po' indietro con i vostri piani e ci potrebbero essere situazioni in bilico troppo pericolose per non essere risolte. Abbiate pazienza innanzitutto e poi vedrete che piano piano le cose miglioreranno!

23 ANNO II - N° 278 MARTEDÌ 15 DICEMBRE 2009



lagazzettadelmolise_15-12a