Issuu on Google+

Allarme bomba, evacuati tribunale e Ragioneria

Caso di malasanità, s’indaga alla Cattolica

TERMOLI - Evacuatoi per un falso allarme bomba sia la sede distaccata del tribunale di Larino sia l’istituto Boccardi. Ad annunciare la presenza di un ordigno dentro le aule giudiziarie un volantino trovato da un bidello attaccato ai cancelli del Ragioneria. A PAG. 18

CAMPOBASSO - Dopo la rimozione di un tumore, nell’utero di una 60enne viene lasciata una garza idrofila di circa un metro. La donna denuncia i fatti alla magistratura. La procura archivia i fatti ma il fascicolo viene riaperto dal P.G. Mazzetti. A PAG.10

ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Acque agitate www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A DANTE DI DARIO Senza stipendio da due mesi, senza buoni pasto da due anni. Sono i 600 lavoratori della Solagrital, la cooperativa che produce per il marchio Arena di proprietà del patron Dante Di Dario. Gli operai, che ieri hanno presidiato Palazzo Moffa (senza peraltro ottenere risultati) oggi chiedono di sapere che fine hanno fatto i 27 milioni di euro che la giunta regionale ha stanziato appena lo scorso autunno. E soprattutto perché Di Dario non eroga le spettanze alla cooperativa bojanese che di conseguenza non riesce a pagare i suoi dipendenti.

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA COALIZIONE CONTRO L’EOLICO SELVAGGIO La centrale eolica della Castagna non verrà realizzata. A deciderlo il Ministero per i Beni Culturali dopo che il Consiglio di Stato, con apposita sentenza, aveva invece dato l’ok all’installazione delle “pale”. Una battaglia vinta soprattutto dalla Coalizione contro l’eolico selvaggio, da sempre in campo a tutela del crinale dei monti del Sannio, territorio che chiude la valle del Tammaro e sovrasta gli scavi di Sepino. Proprio per la tenacia sempre dimostrata, il nostro oscar oggi va a tutte le associazioni e comitati che fanno parte della Colazione.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO S’infiamma lo scontro elettorale in riva all’Adriatico. L’ex deputato di nuovo in corsa per il Municipio di Termoli contesta duramente le scelte politiche della giunta regionale

Sanità e Zuccherificio, l’affondo di Remo Di Giandomenico CAMPOBASSO – A quattro giorni dal voto lo scontro politico s’infiamma in riva all’Adriatico dove i cittadini sono chiamati ad eleggere di nuovo il sindaco dopo le dimissioni anticipate del notaio Vincenzo Greco. A scendere in campo stavolta è nientedimeno che il governatore della Regione tirato per la

Quotidiano del mattino Registrazione al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 DIRETTORE RESPONSABILE Angelo Santagostino A.I. COMMUNICATION SEDE LEGALE via Gorizia, 42 86100 Campobasso Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Tel. Isernia: 0865/414168 E-mail Redazione Campobasso:

redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it E-mail: Amministrazione-Pubblicità

commerciale@lagazzettadelmolise.it

www.lagazzettadelmolise.it www.gazzettadelmolise.com

STAMPA: Poligrafica Ruggiero srl Avellino

Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

2 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

giacca dall’ex primo cittadino e deputato Remo Di Giandomenico ancora in corsa per la poltrona di sindaco. Che spara a zero sull’azione del governo targato Iorio e in particolar modo sulle scelte politiche fatte in materia di sanità e zuccherificio. Due temi caldissimi sui quali le polemiche non sono certo mancate in questi ultimi tempi. Di Giandomenico mette carne al fuoco e articola per bene il suo dissenso, motivando le sue contrarietà e denunciando le modalità delle procedure. Ma andiamo con ordine partendo dal piano di rientro del deficit sanitario. La Regione Molise entro l’anno ha l’obbligo di coprire il disavanzo gestionale della sanità per gli anni 2007-2008 per quasi 30milioni di euro mentre per il 2009 il deficit da ripianare è di circa 39 milioni. Per far fronte a questo debito con una delibera di giunta approvata lo scorso 26 giugno la Regione ha quindi pensato di vendere tutti i suoi beni immobiliari dai quali calcola di ricavare 28.250.000 euro. Tra questi beni da vendere la parte del leone la fa l’azienda ‘Pantano Basso’ (ex Saf) di Termoli. Inoltre con il decreto n.6 dello scorso febbraio del presidente della Regione, che ricordiamolo è anche commissario ad acta della sanità, vengono individuati altri immobili dell’Asrem da vendere, e buona parte di questi (per un valore di 800mila euro) sono ubicati nel Comune di Termoli. Con lo stesso atto il governatore definisce anche i termini per dare attuazione alle procedure per la vendita. Fatte queste premesse Remo Di Giandomenico (uomo del Pdl ma in corsa per il Municipio contro Di Brino, candidato ufficiale del partito di Berlusconi) avanza il primo sospetto: Questo potrebbe essere il preludio alla vendita a privati anche

Berlusconi: non sono un monarca ROMA – “Non sono un monarca, ma esattamente il contrario, nel partito vige una democrazia assoluta”. A dirlo il premier, Silvio Berlusconi, commentando così le parole di Gianfranco Fini sul Pdl, durante la trasmissione Uno Mattina. “Qualcuno dice che si può migliorare – ha aggiunto –certamente tutto si può migliorare, ma io sono soddisfatto degli organismi che ci siamo dati”.

dell’edificio dell’ospedale vecchio ‘San Timoteo’ con grave danno per la nostra città. Perciò riteniamo di opporci agli atti procedurali in quanto non è corretto privare di beni ricadenti nel nostro territorio al fine di sopperire alla cattiva gestione della sanità. Difendere l’azienda ‘Pantano Basso’ potrebbe sembrare una semplice questione di campanile. E invece no. Di Giandomenico giustifica il suo dissenso: no alla vendita di quei 97 ettari da sempre fiore all’occhiello del territorio e frutto di scelte oculate dei nostri politici termolesi. Piuttosto che sbarazzarsene la Regione farebbe bene ad utilizzarla come polo di eccellenza dell’agricoltura in collaborazione con l’Università del Molise. Insomma un modo per rivitalizzarla dopo l’alluvione del 2003 durante la quale l’azienda ha subito ingenti danni con la perdita totale del settore zootecnico e nella totale indifferenza

della Regione che adesso vuole darla via. Ma perché proprio Pantano Basso e non Selva del Campo di Campochiaro o San Pietro Avellana inserite anche queste nel Piano forestale regionale insieme ad altri vivai? Fin qui la sanità. Ma l’ex deputato ne ha di cose da dire anche sullo Zuccherificio, il primo opificio industriale che si è insediato nel Nucleo di Termoli, il capofila di altre attività di trasformazione (cantine, conservificio).Voluto da Lapenna e D’Aimmo fu inaugurato nel 1970 alla presenza di Fanfani, allora presidente del Consiglio. La sua storia è legata a quella della città adriatica. Ma oggi cosa è cambiato? Il socio privato innanzitutto: il 37,7% del pacchetto azionario appartenuto per anni alla famiglia Tesi adesso è in mano alla G&B Investiment (famiglia Remo Perna). Qualche precisazione su questa

staffetta. Dice Di Giandomenico: da notizie diffuse da stampa e televisioni si apprende che il passaggio di quote del socio privato è avvenuto per solo 2.650.000 euro ed è stato possibile semplicemente in seguito alla rinuncia al diritto di prelazione delle quote sia da parte della Regione (che detiene il 24,5 per cento delle azioni) sia da parte dell’Ersam in liquidazione (34,6%). Primo rilievo: la Regione Molise in pratica non ha attivato alcuna procedure di evidenza pubblica per individuare il nuovo socio privato. Secondo rilievo: la Regione ha deliberato la modifica dello statuto societario consentendo al socio privato, pur essendo socio minoritario, la gestione ordinaria. La composizione del Cda risulta di solo tre componenti di cui uno (il presidente) alla Regione Molise e i restanti al socio privato. Per questi motivi Remo Di Giandomenico, nella veste di candidato sindaco di Termoli, anticipa a muso duro e sin da ora il ricorso nelle sedi opportune per bloccare le operazioni e dar vita a nuove procedure con evidenza pubblica. red

Bersani: dal premier un comizio continuo ROMA – L’intervento di Berlusconi in tv provoca l’immediata reazione dell’opposizione. Il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani: “Con cento voti in più in Parlamento – ricorda Bersani – in venti mesi ha messo 28 volte la fiducia e fatto 58 decreti. Il governo come un comizio continuo, questo è il suo modo di dialogare”.


PRIMO PIANO La replica del presidente della Regione Michele Iorio all’ex deputato termolese

“Termoli invertirà la rotta fra qualche giorno” CAMPOBASSO - Non ci mette molto il presidente della Regione a rispondere alle dichiarazioni rilasciate dal candidato sindaco di Termoli Remo di Giandomenico sulla necessità di un cambio di rotta della politica regionale per la città adriatica, per lo Zuccherificio del Molise e per l’Azienda Pantano. Questa la replica di Iorio: “Termoli ha una gran voglia di invertire la rotta e lo farà tra qualche giorno scegliendo in piena libertà e autonomia il nuovo Sindaco. E’ del tutto improprio e poco avveduta l’illazione sostenuta da Di Giandomenico circa un cambio di rotta che dovrebbe effettuare la Regione su Termoli. Abbiamo ben chiare le

prospettive di sviluppo di questa città e siamo anche convinti che il percorso intrapreso per il suo risanamento è quello giusto. Anche sullo Zuccherificio siamo certi di seguire un percorso che porterà a mantenere la produzione di zucchero in Molise, a garantire i livelli occupazionali, a sostenere l’indotto e ad arrivare gradualmente ad una fuoriuscita dalla compagine societaria garantendone, come è opportuno che sia, una gestione imprenditoriale privata. Il tutto con procedure limpide e trasparenti come è nostro costume fare. Circa la questione delle vendite immobiliari, evidenzio che la Regione Molise non ha mai program-

mato la semplice vendita dell’Azienda Pantano a scopi finanziari, ma ha deciso la valorizzazione delle sue peculiarità strutturali e di collocazione territoriale a fini economici. Specificità che, a nostro parere in questo momento, più che a soli indirizzi agricoli, possono essere utilizzate a scopi turistici, commerciali e imprenditoriali. Il tutto dando una grossa ricaduta occupazionale e di benessere a all’intera area circostante. Dunque non vendita, ma valorizzazione. E’ tanto vero questo che pur avendo inserito questa azienda tra gli immobili soggetti ad ipotesi di vendita o valorizzazione ad altri scopi, abbiamo successivamente sta-

tuito, con atto commissariale, che le uniche strutture a dover essere alienate dovevano essere quelle di proprietà della ASREM e non utilizzate o utilizzabili dal punto di vista socio-sanitario. Sicuramente non abbiamo bisogno di bieche intimidazioni. Abbiamo, infatti, a cuore lo sviluppo di Termoli e di tutto il Basso Molise. Questo, devo dire, nonostante la candidatura di Di Giandomenico. Il mio unico rammarico è che Di Giandomenico, avendo proposto una candidatura in alternativa a quella del centrodestra, sta alimentando le

stesse polemiche che prima di lui avevano già sostenuto i rappresentanti della sinistra in Consiglio Regionale. Capisco bene che queste cose non sono utili al confronto politico di questi giorni, sono però convinto della bontà e della validità della linea politica che abbiamo intrapreso e che stiamo portando avanti”.

La controreplica di Remo Di Giandomenico al governatore

Caro Iorio lascia ai termolesi le scelte di sviluppo territoriale Egregio Presidente Michele Iorio, mi sento coinvolto, mio malgrado, in una polemica che né volevo né intendo alimentare; pertanto, a precisazione di quanto da me esposto in conferenza stampa e da te dichiarato in risposta, specifico quanto segue: 1) Fa piacere apprendere che, relativamente all’azienda Pantano, hai deciso “la valorizzazione delle sue peculiarità strutturali e di collocazione territoriale a fini economici” …dando “una grossa ricaduta occupazionale e di benessere all’intera area circostante”. E’ esattamente quello che la città si aspetta e proprio per questo ti ho rivolto l’invito a revocare la delibera regionale n. 683 del 26 giugno 2009 che, smentendo i tuoi

dichiarati buoni propositi, parla solo di “alienazione” dell’Azienda. 2) Quanto allo Zuccherificio, non ho contestato le “procedure legali e trasparenti” ma, non attivando alcuna procedura di evidenza pubblica per individuare il nuovo socio privato e per giunta rinunciando la Regione al diritto di prelazione, non solo non percorre la strada migliore per garantire, come dichiari, “i livelli occupazionali” ed il “sostegno all’indotto”, ma evidenzia tutte le contraddizioni di un intervento che in delibera compare come “vendita” e nella tua risposta cerchi di accreditare come “sviluppo”. 3) Sono lieto che tu abbia “ben chiare le prospettive

di sviluppo” della città di Termoli ma, a parte il sospetto sulla tempistica di questi tuoi buoni propositi, lascia ai cittadini termolesi il diritto-dovere di intervenire nelle scelte di sviluppo territoriale. 4) Mi preme sottolineare che i miei interventi, oggi come in passato, sono sempre stati dettati da motivazioni politiche e mai di personale contrapposizione; anzi, a tal proposito, consentimi di rammentarti che erano solo politiche anche le ragioni per cui, nel 1998, votai a tuo favore permettendoti di passare da Assessore del centrosinistra a Presidente del centrodestra. Ti saluto Remo Di Giandomenico

Sanità, Obama firma la legge: ora una nuova era

L’Anm al premier: “Noi applichiamo la legge”

WASHINGTON – “Si apre una nuova era negli Stati Uniti”. Sono parole di grande emozione quelle pronunciate dal presidente Obama dopo la firma apposta sotto la legge sulla sanità. Il presidente commosso ha dedicato la vittoria alla madre: “Firmo nel nome di mia madre, che ha dovuto lottare con le compagnie assicurative persino mentre combatteva contro il cancro nei suoi ultimi giorni”.

ROMA – A proposito delle accuse alla magistratura, è il presidente dell’Anm, Luca Palamara, a rispondere alle accuse del premier. “È sconcertante che in campagna elettorale venga aggredita quotidianamente un’istituzione dello Stato – afferma. – Noi non siamo un partito, ma in uno Stato di diritto il nostro compito è quello di applicare la legge”.

3 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


REGIONE Una delegazione di lavoratori ieri mattina in Consiglio regionale

Solagrital, operai senza stipendio da due mesi Nessuna risposta alle loro istanze, i lavori dell’assemblea focalizzati sull’approvazione del bilancio dell’Iresmo e la commemorazione dell’ex consigliere Cofelice CAMPOBASSO – Da due mesi sono senza stipendio. Tempi duri per i 600 operai della Solagrital di Bojano, la cooperativa che produce per il marchio Arena di proprietà del patron Dante Di Dario, che vanno avanti a ‘pane e frittata’ non percependo da due anni nemmeno i buoni pasto. Ieri mattina una folta delegazione convocata da non si sa bene chi, ha assistito senza esito alla seduta del Consiglio regionale. Hanno presidiato il palazzo e poi, constatato che nell’ordine del giorno la questione che più sta a cuore ai lavoratori non era menzionata, sono andati via. Sconsolati. Che fine hanno fatti i 27 milioni di euro che la giunta ha stanziato lo scorso au-

tunno? Perché Di Dario non eroga le spettanze a Solagrital che, di conseguenza, non può pagare le retribuzioni ai suoi dipendenti? Se lo chiedono da mesi, e la risposta, ancora una volta, non è arrivata. Ben altre faccende - del resto hanno tenuto banco a Palazzo Moffa: la commemorazione dell’ex consigliere Dc, assessore e vicesindaco di Campobasso Mirco Cofelice recentemente scomparso, nonché l’approvazione (con l’astensione della minoranza) del bilancio 2010 dell’Istituto (commissariato) regionale per gli studi storici del Molise ‘V. Cuoco’ pari a circa 500mila euro. Relatore della proposta il consigliere Mario Pietracupa che in aula

Bonomolo: serve un’operazione-verità sui bilanci della sanità regionale

ha ricordato come “la commissione competente ha promosso una audizione del direttore generale e del commissario dell’Iresmo che ha permesso di rilevare le difficoltà nel realizzare i fini istituzionali per il lungo periodo di commissariamento, la carenza di personale e la mancanza di un ragioniere. Da questa situazione derivano anche le somme non spese, comunque insufficienti a dare possibilità di manovra all’ente che tuttavia ha portato a termine la realizzazione del catalogo del patrimonio cartografico regionale mentre si sta provvedendo alla digitalizzazione delle pubblicazioni già realizzate nonché alla prosecuzione degli studi sulla storia del Molise.

La discussione ha preso un’altra piega quando l’esponente del Pd Michele Petraroia ha evidenziato che l’Iresmo, “rischia di rimanere ancora fermo perché in attesa del decreto di nomina da parte del presidente Iorio (che ha mantenuto la delega alla Cultura) come del resto paralizzata è anche la neonata fondazione Molise Cultura che al momento è costretta solo a remunerare il personale e il proprio direttore perché gli organi non sono ancora costituiti”. Insomma per Petraroia aleggia un clima di totale confusione tra assessorato, Iresmo e fondazione “con una frammentazione degli interventi e l’utilizzo di uno strumento quale è Molise Cultura che

CAMPOBASSO – Il consigliere regionale dei Comunisti italiani/Sinistra popolare, Michelangelo Bonomolo, chiede un’operazione-verità sui bilanci con il taglio di consulenze e sprechi, ma non dei servizi ai cittadini. Oggi, infatti, al ministero ci sarà la verifica trimestrale sull’andamento dei conti. “Ritengo sia doveroso suggerire proposte credibili che da una parte mettano in luce le metastasi che hanno avvolto il sistema sanitario regionale e che dall’altra salvaguardino i livelli essenziali di assistenza, faticosamente conquistati negli anni dalle popolazioni delle aree interne e montane – ha affermato Bonomolo –. Il tempo a disposizione è poco. Per salvare il sistema sanitario regionale occorre una operazione verità che metta in luce gli sprechi che hanno causato il commissariamento da parte dei ministeri competenti. Da tempo – ha sottolineato – il dibattito sulla sanità in Consiglio regionale è bloccato, nono-

Propaganda senza consenso Il Garante apre l’istruttoria

Voto pulito, Di Pietro lancia il numero verde

ROMA – In seguito alla segnalazione di numerosi cittadini che hanno denunciato di “aver ricevuto telefonate di propaganda elettorale senza il loro consenso”, e alla presentazione di esposti da parte di associazioni di consumatori, il Garante per la protezione dei dati personali ha avviato un’istruttoria sul “rispetto delle regole sul corretto uso dei dati personali degli elettori”.

ROMA – “Ogni cittadino diventi osservatore elettorale”. È l'appello con cui il leader dell’Idv Antonio Di Pietro lancia, su Sky Tg24, l'operazione “Sos voto pulito”. Bisogna verificare cosa succede a monte del voto; se c’è qualcosa che non va, se ci si accorge che c’è un mercimonio del voto si deve telefonare all’800.974.478; ci pensiamo al dossier e a trasmetterlo alla magistratura”.

non si capisce come opererà e come si raccorderà con le amministrazioni locali, le associazioni e con lo stesso assessorato. Sta di fatto che da due anni si è in attesa della risposta scritta a un’interrogazione su Molise live che ha speso milioni di euro per iniziative di dubbio rilievo (100mila euro a Renzo Arbore per una serata a Trivento). Non è possibile che soldi pubblici e atti amministrativi non siano messi a disposizione di chi li richiede. Una tale anomalia andrebbe formalmente sanzionata perché nessun amministratore o dirigente regionale può sottrarsi agli obblighi di legge”. AD

stante i continui rilievi da parte della Corte dei Conti. In questo senso ho provveduto a denunciare pubblicamente l’immobilismo della Commissione Sanità nonché l’inutilità della Commissione per la verifica del debito sanitario tanto da farmi decidere di dimettermi dalla stessa. Di fatto, il Consiglio è stato esautorato nei suoi compiti di analisi e di verifica in materia sanitaria, prima da parte della Giunta Regionale ed ora dal commissario ministeriale. In proposito – ha concluso Velardi – la Corte dei Conti, per l’ennesima volta, il 9 febbraio scorso ha evidenziato come occorra una manovra di contenimento dei costi pari a 91 milioni di euro per garantire l’equilibrio economico per l’anno 2009. Ancora una volta rivolgo questo accorato appello ai responsabili regionali, e sarei oltremodo grato ai colleghi tutti se questa volta ci fosse una maggiore e magari definitiva attenzione”.

5 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


REGIONE E’ polemica sull’organizzazione dell’offerta scolastica in regione. L’assessore al ramo convoca un tavolo per superare i vincoli posti dal governo nazionale. Fuori dal coro la Cisl che denuncia: diritto all’istruzione a rischio

Scuola, tutti i nodi vengono al pettine CAMPOBASSO – Ci sono argomenti che ogni anno tornano a far discutere sempre con maggiore insistenza. Un po’ per delle oggettive difficoltà (come i vincoli eccessivamente severi posti dal governo), un po’ per la superficialità con cui certi temi vengono affrontati o meglio, soltanto sfiorati, e di conseguenza mai veramente risolti. E’ il caso del dimensionamento scolastico, cioè l’organizzazione dell’offerta formativa sul territorio. Una questione che necessita di un piano regionale (per quest’anno e per il 2011 la Regione Molise l’ha lasciata immutata così come richiesto dalle due Province) in grado di “garantire – come ha detto anche l’assessore all’Istruzione Filoteo Di Sandro che oggi ha convocato un tavolo

con tutti gli attori interessati – il diritto all’apprendimento, la riduzione del disagio per gli studenti oltre che una efficace azione didattico-educativa”. Ma la scuola, si sa, è ormai una vera e propria emergenza. La programmazione della rete scolastica è materia di competenza delle Regioni eppure le istanze delle realtà locali cozzano il più delle volte con le norme restrittive emanate dallo Stato. Ancora più difficile è trovare un equilibrio in Molise, dove la conformazione orografica non giustificherebbe un accorpamento di presidenze o addirittura la chiusura degli istituti di montagna. Intanto anche la IV Commissione presieduta dal consigliere regionale Vincenzo Niro ha trattato l’argomento nella seduta di ieri alla presenza del neo direttore scolastico Italo Iodice e dei dirigenti dello Snals e della Gilda, della Uil scuola, della Flc Cgil, dell’Uncem e dell’associazione dei presidi. Tutti hanno concordato nella richiesta di mantenere intatto il

quadro già disegnato con il piano 20092010 e di prevedere un adeguato momento di riflessione per valutare anche le conseguenze dell’attuazione della riforma dell’istruzione scolastica. “A b b i a m o avviato un proficuo confronto su un tema di fondamentale importanza per il la regione e il suo futuro, – ha detto il presidente Niro – in particolare è da apprezzare il ragionamento complessivo che viene fuori dal dibattito, teso a tener conto anche dei tassi di denatalità e di spopolamento che si riscontrano in Molise.

Un dato qualificante di questa programmazione è sicuramente il tavolo interistituzionale che consentirà di giungere ad attivare per il futuro un’ottima rete di offerta scolastica”. Fuori dal coro invece la Cisl Scuola Molise che in una

Di Sandro: “Necessaria riorganizzazione complessiva” CAMPOBASSO – Riceviamo e pubblichiamo la dichiarazione dell’assessore regionale all’Istruzione Filoteo Di Sandro in merito al piano di dimensionamento scolastico. “Per permettere al mondo scolastico di operare con serenità, per l’anno scolastico 2010-2011 la Regione, con il piano di dimensionamento scolastico, ha di fatto

6 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

mantenuto l’organizzazione esistente sul territorio come proposto dalle due Province. Tuttavia alla luce del nuovo assetto ordinamentale della scuola, a livello nazionale, e delle competenze regionali , è necessario guardare al futuro attivando una riorganizzazione complessiva dell’offerta formativa e delineare le scelte che segnino una prospettiva di sviluppo per il futuro, garantendo un diritto costituzionalmente tutelato, quello dell’istruzione, e

non mortificando le professionalità che operano nel mondo scolastico. Siamo consapevoli che in questo momento sono in atto grandi cambiamenti, a livello nazionale, che potrebbero danneggiare il sistema scolastico molisano soprattutto perché esso è molto piccolo e frammentato sul territorio, ma sarà nostra cura e priorità assoluta difendere quello che abbiamo e lavorare per ampliare l’offerta formativa. Per questi motivi si ritiene indi-

spensabile un forte impegno sia da parte della Regione che di tutti i soggetti istituzionali coinvolti attraverso una più concreta collaborazione che avvenga con i fatti e non attraverso i proclami sulla stampa. Con tale spirito abbiamo promosso l’istituzione del tavolo di confronto, per avviare un percorso condiviso e partecipato per la definizione di un programma unitario della politica scolastica molisana per i prossimi anni”.

nota inviata nel pomeriggio alle redazione dice: “Non intervenire significa che in presenza di un minor numero di alunni, previsto anche per il prossimo anno scolastico anche l’organico del personale assegnato dal ministero diminuirà; il che significa, quindi, che si dovranno aprire le stesse scuole con le stesse sezioni staccate e succursali e continuerà il valzer di classi che sforano il numero massimo e altrettante, anzi di più, con pochi alunni e quindi che non sarà garantita la qualità del servizio, in quanto classi numerose non permetteranno ai pur qualificati e preparati docenti molisani di dare e ricevere il massimo, e classi con pochi alunni e pluriclassi possono spesso essere più dannose che utile ai piccoli studenti. Siamo convinti invece che, il Governo regionale ha deciso per il prossimo anno scolastico di non intervenire sul dimensionamento della rete scolastica in quanto deciso a contribuire con fondi regionali al finanziamento per incrementare le risorse economiche ed umane messe a disposizione dal ministero onde garantire la piena qualità del servizio scolastico della regione” AD

Cittadinanza, Fini: iter breve per i figli di immigrati

Giustizia, Alfano: riforma è priorità per il Paese

MILANO – Si arrivi in fretta a concedere la cittadinanza ai bambini figli di immigrati. È questo l’auspicio del presidente della Camera Gianfranco Fini, che a Milano è intervenuto alla presentazione del rapporto sulla famiglia del Cisf. “Se non fosse per le coppie degli immigrati – ha affermato Fini – il tasso di natalità del nostro Paese sarebbe da allarme rosso”.

VENEZIA – La riforma della giustizia è una priorità del Paese “perché una giustizia che non funziona lo danneggia”. A dirlo ieri mattina il ministro della Giustizia, Angelino Alfano. “Abbiamo già completato due blocchi importanti della riforma – ha spiegato – che sono la più grande normativa antimafia dai tempi di Falcone e la riforma del processo civile”.


REGIONE Un ponte fra Molise e Argentina Iorio riceve il governatore di Còrdoba. Firmata una dichiarazione congiunta di intenti per iniziative di cooperazione ed interscambio tra i due territori CAMPOBASSO – Migliaia di chilometri di distanza con un oceano nel mezzo, ma il Molise e la provincia argentina di Còrdoba non sono mai stati così vicini. Ieri mattina il presidente della Regione, Michele Iorio, ha ricevuto il governatore sudamericano, Juan Schiaretti, in visita ufficiale in Molise con una delegazione di ministri provinciali e imprenditori argentini. Iorio, accompagnato dal presidente del Consiglio, Picciano, e dagli assessori, Marinelli, Cavaliere, Fusco Perrella, Velardi e Di Sandro, ha interagito

con la delegazione argentina sulla possibilità di intraprendere varie iniziative di cooperazione e interscambio tra le due realtà territoriali. La provincia di Còrdoba conta oltre un milione e 250mila abitanti e ospita nel proprio territorio grosse realtà industriali e commerciali di eccellenza, sia nel campo automobilistico che in quello dell’agro-alimentare e delle telecomunicazioni. Il Molise, da parte sua, come ha sottolineato il presidente Iorio, può vantare iniziative industriali di rilievo come la Fiat e

la Dr Group, mentre per l’agro-alimentare emergono l’Arena e lo zuccherificio del Molise, oltre ad altre produzioni di qualità nel campo vinicolo e alimentare, senza tralasciare l’università che lavora a progetti di alta formazione e ricerca scientifica. Iorio e Schiaretti hanno ricordato come le due realtà hanno in comune molti elementi, primo tra tutti la grossa presenza nel territorio di Còrdoba di emigrati molisani. Sulla base anche delle comuni caratteristiche sociali e produttive, i due presidenti hanno

firmato ufficialmente una dichiarazione congiunta di intenti che prevede l’attivazione di progetti di interscambio economico e culturale e la programmazione di almeno due incontri annui per monitorare le diverse attività già avviate. Inoltre, era presente all’incontro, il senatore Esteban Caselli, parlamentare italiano eletto nella circoscrizione del sud America, il quale è di origine molisana (è nato a Pesche) ed è stato promotore ed organizzatore di questo incontro.

Due milioni e mezzo per il Comune di Bojano Il finanziamento della giunta regionale servirà per interventi di riqualificazione ambientale ed urbana CAMPOBASSO – La Giunta regionale ha approvato, su proposta dell’assessore Luigi Velardi, un finanziamento di due milioni e mezzo a favore del Comune di Bojano. Si tratta di interventi di riqualificazione urbana, di promozione turistica e di salvaguardia ambientale che verranno realizzati dell’ambito del progetto “Le vie dell’acqua”, per la cui attuazione verranno utilizzati fondi provenienti dalle risorse idriche delle sorgenti del Biferno, trasferite a titolo oneroso alla regione Campania. “Si tratta – ha dichiarato Velardi – di un intervento molto importante per la città di Bojano, che denota

peraltro una elevata e qualificata capacità propositiva da parte dell’amministrazione comunale che da tempo mi veniva sollecitato dal presidente Iorio e dallo stesso sindaco Silvestri. La proposta dell’amministrazione di Bojano prevede anche l’utilizzazione a fini sportivi di una tratto del fiume; la valorizzazione di reperti archeologici legati alla produzione artigianale, la utilizzazione dei più avanzati sistemi di ingegneria ambientale”. Il progetto si pone l’obiettivo di recuperare e di valorizzare alcuni ambiti specifici, dalle sorgenti ai primi tratti del corso fluviale che attraversano e delimitano

Dl enti locali è legge dopo il sì del Senato ROMA – Diventa legge il decreto sugli enti locali. Il Senato ha approvato il testo con 151 voti favorevoli e 92 contrari. Tre gli astenuti. Tra le novità previste l'anticipo all’anno in corso del taglio del numero di assessori comunali e provinciali (nei comuni e province di nuova elezione), l’esclusione delle spese per i grandi eventi e per le emergenze dal patto di stabilità.

l’abitato di Bojano, attraverso un percorso che riesca a ricollegare anche fisicamente l’elemento acqua con l’abitato e la sua vita quotidiana. Con i fondi deliberati dalla Giunta regionale saranno realizzati i seguenti interventi: recupero dell’area fontana Majella, sistemazione dell’area di via Taddeo, sistemazione dell’area di Pietre cadute, sistemazione spondale del canale di Spio, sistemazione dell’alveo del primo tratto del fiume Biferno per sport fluviali, sistema di monitoraggio dei corpi idrici degli ambiti e promozione ai fini della tutela da fenomeni di inquinamento ambientale.

Bonino: i cattolici non sono un pacco di voti ROMA – “I cattolici non sono un pacco voti che si spostano a pacchi e a tonnellate” ha detto la candidata del centrosinistra alla presidenza della Regione Lazio Emma Bonino,“Un cattolico, come tutti gli altri, ha molto a cuore la libertà di scelta - ha aggiunto – il libero arbitrio è l’essenza di ogni religione: credo che nessun cattolico voglia imporre ad altri quelle che sono le sue scelte”.

7 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


CAMPOBASSO Sparite le antenne dal castello Monforte Appena qualche giorno fa l’associazione Centro Storico aveva denunciato la presenza di alcuni “intereventi dubbi”

operati dall’amministrazione locale sulla struttura del castello Monforte, individuati nell’installazione di alcune antenne (di non ben definita natura) sul terrazzo del castello e nel posizionamento di un bagno chimico nel cortile interno dello storico edificio. Sottolineando l’inutilità e la superficialità di tali misure, l’associazione aveva richiesto l’intervento diretto della

soprintendenza ai baas per la rimozione delle antenne, che nella giornata di ieri, quasi magicamente, hanno fatto registrare la propria scomparsa. L’associazione ha sottolineato la propria soddisfazione per la conclusione della vicenda, ma continua ad invocare maggiore chiarezza nel rapporto tra l’amministrazione comunale ei cittadini, soprattutto nell’ambito della politica

interventuale inerente il centro storico di Campobasso. l.a.

Nel pomeriggio l’ordinazione presbiterale del monaco che iniziò il cammino di fede 17 anni fa

Cerimonia a San Giovanni per fra Raffaele Prencipe Entra per caso nella libreria delle suore Paoline e da quel giorno, anche se di anni ne sono passati tanti, per Raffaele Prencipe la vita prende un’altra strada, quella di Dio. Strada che

oggi corona con la cerimonia di ordinazione presbiterale che avverrà davanti alla comunità di frati minori della Provincia di Puglia e Molise e alla sua famiglia nella chiesa di San Giovanni dei Gelsi a Campobasso. “Non era un periodo molto felice per me. Vivevo una vita che non mi apparteneva più. Sentivo il peso di un’esistenza che ormai mi stava stretta. Ecco perché quel giorno di tanti anni fa – spiega Raffaele - entrai nella libreria delle suore Paoline. Cercavo delle risposte che solo la Parola di Dio poteva darmi. Ero curioso di leggere quel libro. Di addentrarmi in

un mondo che fino a poco prima avevo tenuto lontano. A distanza. Prima di allora infatti non frequentavo la chiesa. La mia era una vita sregolata. Mi piaceva divertirmi, e alle cose di Dio preferivo tutt’altro. Avevo lavorato come volontario nella Marina e poi mi ero messo a commerciare mobili antichi. Insomma una vita all’apparenza piena”. E invece? E invece mancava qualcosa, la fede. E senza fede Raffaele non era tranquillo. Un po’ di tempo c’è voluto ma alla fine la pace è arrivata. Dopo un po’ il giovane originario di Foggia, anche se a Foggia c’è stato veramente poco,

è entrato in convento ed è diventato frate. Con il passare degli anni e con una fede sempre più salda Raffaele ha preso un’altra decisione: studiare. E così grazie alla sua forza di volontà e ai superiori che glielo hanno permesso oggi pomeriggio a 48 anni, il giovane ribelle di tanti anni fa, coronerà il sogno diventando presbitero. Una cerimonia unica nel suo genere, per un evento non comune ma che insegna come nulla è impossibile a Dio e che davanti alla parola del Signore ci si può solo inchinare come servi. E dall’esempio di Raffaele possiamo solo imparare.

Alla caserma “Frate” consegna di medaglie e precetto pasquale Due semplici ma significative cerimonie si sono svolte ieri nella caserma “E.Frate” del Comando Legione Carabinieri Molise. Sono state infatti consegnati, da parte del Comandante della Legione, Gen.B. Gianfranco Rastelli, alcuni riconoscimenti. Al Luog. Pietro Iorio , comandante della Stazione di Termoli, è stata assegnata la Medaglia Mauriziana al merito di 10 lustri di carriera militare; al Ten.Col. Umberto Tamborrino, comandante del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Campobasso, la medaglia d’oro al merito di lungo comando; al Cap. Nicolino Petrocco, capo sezione motorizzazione dell’Ufficio Logistico del Comando Legione Molise, la medaglia di bronzo

al merito di lungo comando; infine, al Cap. Nicola Gismondi, comandante del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Campobasso medaglia di bronzo al merito di lungo comand. Alla cerimonia ha presenziato una rappresentanza di Ufficiali, Marescialli, Brigadieri, Appuntati e Carabinieri della Legione. A seguire, presso la cappella del Comando Legione, l’arcivescovo di

Campobasso-Bojano mons. Giancarlo Bregantini ha officiato la Santa Messa in occasione del precetto pasquale per i Carabinieri del capoluogo. Al rito, concelebrato dal cappellano militare capo Don Nino Romano, hanno assistito rappresentanti del Comando Legione, della Scuola Allievi di Campobasso, dell’ Associazione Nazionale Carabinieri nonché familiari di militari dell’Arma.


CAMPOBASSO I medici lasciano una garza nell’addome di una donna che denuncia i fatti alla magistratura

Caso di malasanità alla Cattolica, riaperto il fascicolo Sarà il Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Campobasso, Silvano Mazzetti, ad occuparsi delle indagini su un caso di malasanità all’Università Cattolica del Sacro Cuore del capoluogo. A

deciderlo, ieri, il Giudice del Tribunale molisano Teresina Pepe. I fatti si riferiscono ad un intervento chirurgico di rimozione di un tumore all’utero, asportato ad una signora A.P. di Campobasso di 60 anni

dall’equipe medica della Cattolica nel maggio di due anni fa. Tre mesi dopo il non facile intervento, nell’addome della malcapitata paziente è stata rinvenuta una garza di circa un metro. La paziente ha così denunciato tutto alla magistratura locale. Immediate le indagini condotte dai Carabinieri del N.A.S. del capoluogo che hanno sequestrato il corpo del reato (una garza idrofila di circa un metro) e la cartella clinica relativa all’intervento chirurgico eseguito. Il Pubblico Ministero, tuttavia, non convinto della responsabilità pe-

nale dei medici della Cattolica e degli infermieri addetti alle medicazioni domiciliari della paziente, ha deciso di archiviare il caso. A tale decisione però la signora si è opposta e , tramite l’Avv. Luigi Iosa, un’udienza è riuscita ad ottenere un’udienza camerale davanti al Tribunale penale di Campobasso. Il Procuratore Generale presso la Corte d’Appello, dopo l’opposizione all’archiviazione fatta dall’Avv. Iosa, ha dunque disposto la avocazione a sé del fascicolo d’inchiesta, facendo valere il suo ruolo istituzionale di capo dell’ufficio inqui-

rente e compiendo un’attività inusuale: quasi mai il capo dei Pubblici Ministeri, infatti, interviene nelle inchieste svolte dai sui sottoposti. Così facendo, il P.G. Silvano Mazzetti ha del tutto tolto l’inchiesta alla Procura ordinaria di Campobasso e ha deciso di indagare di nuovo sulle persone che hanno lasciato “per colpa medica” nell’addome della signora molisana un corpo estraneo che le stava procurando la morte per setticemia della ferita chirurgica. La donna, viva per miracolo, è in attesa che le si renda giustizia.

Il sexy gate di Palazzo San Giorgio finisce sui banchi del Consiglio Due interrogazioni, altrettanti ordini del giorno, sette mozioni e due proposte di deliberazione. Agenda piuttosto ricca quella del prossimo consiglio comunale di Campobasso indetto per venerdì 26 in prima e martedì 30 in seconda convocazione. Sul tavolo anche le comunicazioni del presidente sulla delibera della sezione regionale di controllo per il Molise della Corte dei Conti. A tenere banco sarà senza dubbio la mozione (prima firmataria Adriana Izzi) presentata all’indomani del polverone sul chiacchierato sexy gate a Palazzo San Giorgio (risolto in una bolla di sapone) che ha rischiato di mietere qualche vittima (politicamente parlando) e far rimbalzare il Comune in cronaca nazionale. A smorzare la potenza di un uragano che si stava abbattendo sulla città l’interveto ‘provvidenziale’ del sindaco che dopo aver ascoltato i protagonisti di questo presunto scandalo ha dichiarato attraverso un comunicato ufficiale che non c’era nulla di intenzio-

nale e che si era trattato di un equivoco. Darà filo da torcere alla maggioranza anche la mozione presentata dal gruppo del Pd sulla delega al cimitero concessa al consigliere Luigi Ciaramella. Tornano nell’agenda dei lavori anche il progetto del mercato coperto di via Monforte e il programma Natale in Città 2009. Sarà inevitabile aprire la discussione anche sulle agevolazioni fiscali per le zone franche urbane e per l’inquadramento dei lavoratori socialmente utili nei vari uffici comunali. Nell’assise si tornerà a parlare anche di Liceo Scientifico Romita e dei problemi alla viabilità che la nuova sede sta creando a via Facchinetti. Problemi legati soprattutto ai flussi di traffico e alla mancanza di parcheggi che con l’apertura del nuovo Romita ha sollevato. Tra gli argomenti dell’assise anche il simbolo della campobassanità e quindi il Castello Monforte e i costi dei servizi ad esso relativo.

Al Blue Note gli Almamegretta RIPALIMOSANI – La data zero del mini tour degli Almamegretta questa sera al Blue Note di Ripalimosani. Sul palco del club alle porte di Campobasso saranno presentati in anteprima alcuni brani tratti dall’ep Drop&roll che anticipa l’uscita del nuovo disco ‘Almamegretta presents Dubfellas vol.2’, previsto per la fine aprile. Il viaggio che sta per cominciare mette in primo piano l’approccio sperimentale e di ricerca tipico del dub. Tra le collaborazioni anche Neil Perch (Zion Train), Marcello Coleman, Julie Higgins aka Princess Julianna e Raiz. Ingresso 8 euro, per info contattare lo 0874 39530.


CAMPOBASSO Il ministero dei Beni Culturali dice no alla centrale della Castagna e tutela gli scavi di Saepinum

Eolico, niente pale nella valle del Tammaro

La realizzazione della centrale eolica della Castagna è stata bloccata dal Ministero per i Beni Culturali. A confermare la notizia le associazioni aderenti alla Coali-

zione contro l’eolico selvaggio che ieri sono intervenute in una apposita conferenza stampa tenuta nella sede della Camera di Commercio di Campobasso. Dunque, niente “pale”

lungo i tre chilometri e mezzo del crinale dei monti del Sannio, territorio che chiude la valle del Tammaro e sovrasta gli scavi archeologici dell’antico sito di Saepinum. “Finalmente – ha commentato Amodio De Angelis, presidente regionale della Coldiretti nonché del Comitato contro l’eolico selvaggio – lo Stato, tramite il Ministero per i Beni Culturali, ha detto chiaramente che in quell’area non può sorgere alcuna centrale eolica essendo quello un sito culturale di interesse nazionale. Noi – ha tuttavia precisato De Angelis – non siamo contro l’eolico a priori ma avversiamo quello che definiamo ‘selvaggio’, ovvero privo del rispetto delle norme dettate dal buon senso”. Più nello specifico, l’intervento

del Ministero è giunto dopo che, lo scorso 22 febbraio, il Consiglio di Stato, con apposita sentenza, ha dato ragione a chi intendeva costruire la centrale. Ed intanto, i problemi che possono provocare le centrali eoliche non sono solo di natura ambientalistica o paesaggistica. “Uno studio condotto negli Stati Uniti – ha spiegato il presidente De Angelis – ha evidenziato che chi vive nelle vicinanze di pali eolici (circa due chilometri) può avere problemi di salute, legati spesso al forte stress generato dal continuo rumore di fondo delle pale”. Dunque, lo Stato ha bloccato il parco eolico nei pressi di Sepimum ma la battaglia del Comitato non si ferma. “Continueremo ad opporci all’istallazione ‘senza regole’ di parchi eolici nella nostra regione – ha

assicurato De Angelis – e dove i Comuni dovessero decidere, rispettando alla lettera le norme, di creare dei parchi eolici nei loro territori (la legge consente di impiegare il 5% del territorio comunale per tali impianti) chiediamo di reinvestire il ricavato per il beneficio di tutta la popolazione”. Per quanto riguarda, infine, la richiesta al mondo politico, De Angelis è stato chiaro: “Occorre che la politica torni in campo per stabilire, in questo campo, norme chiare a tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini”. A far parte della coalizione contro l’eolico selvaggio, oltre la Coldiretti Molise, Italia Nostra, WWF, Lipu, Cai, Dimore Storiche, Terra Nostra, Mountain Wilderness, Federcaccia, Enalcaccia e Comitato per il Paesaggio.

Collina Monforte: ma la “cura” della Regione già funziona? Come annunciato nei giorni scorsi, la Regione Molise ha deciso di occuparsi direttamente delle riqualificazione e valorizzazione della collina Monforte. I provvedimenti- riguardanti l’opera di miglioramento forestale, di rimboschimento e di prevenzione degli incendi- sono stati adottati dalla giunta regionale su proposta dell’assessore Nicola Cavaliere e mirano al completo recupero della zona, considerata importante dal punto di vista selvicolturale e ambientale, come aveva sostenuto lo stesso Cavaliere: “Il sito riveste un ruolo di primaria importanza in materia di beni culturali, storico-culturali, artistici e religiosi. Il Sacrario dei Caduti in guerra e il Viale

delle Rimembranze ne fanno un simbolo dell’unità nazionale. Proprio per questo motivo la Collina Monforte rappresenta un bene di enorme valore non solo per il Comune di Campobasso, ma per tutta la regione”. Gli sforzi compiuti dall’amministrazione locale in favore della collina sono stati salutati con estrema soddisfazione anche da alcuni cittadini di Campobasso, che hanno avuto in passato più di un’occasione per lamentarsi del degrado e che oggi non possono far altro che sperare in un intervento migliorativo dell’intera area. l.a.

‘Sicuramente’, parte oggi il progetto dell’Inail diretto alle medie imprese Partirà oggi il progetto “Sicuramente”, iniziativa nata da una convenzione che l’Inail regionale ha stipulato con l’Associazione industriali del Molise e Orfeo Fondimpresa Molise allo scopo di favorire la sensibilizzazione in tema di sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro. Il programma interesserà in modo particolare la piccola e media impresa molisana, soprattutto nell’ambito di quei settori in cui la cultura della sicurezza negli ambienti lavorativi appare poco diffusa. La direzione regionale dell’Inail, infatti, ha promosso l’iniziativa per verificare l’affidabilità dei sistemi di sicurezza adottati dalle aziende e diffondere la cultura della prevenzione nei contesti lavorativi e formativi, in modo da ridurre l’incidenza degli infortuni. Il progetto- che vede oggi il suo primo appuntamento, di scena alle ore 10,00 nei locali dell’associazione Industriali del Molise- si aprirà con un seminario sui modelli organizzativi aziendali volti alla tutela della sicurezza sul lavoro, fondamentali nell’ottica della prevenzione dei reati e delle responsabilità amministrative: secondo il decreto legislativo 81 del 2008, infatti, l’adozione di adeguati regimi organizzativi atti a favorire la sicurezza negli ambienti di lavoro esclude le imprese da possibili responsabilità amministrative in

caso di infortunio o malattia professionale commessi in violazione delle norme antinfortunistiche e della tutela della salute sul lavoro, oltre a consentire all’imprenditore un controllo quasi capillare di tutti i livelli di responsabilità presenti in azienda. Al dibattito parteciperanno il prof. Giuseppe Biscardi, ricercatore all’Università di Tor Vergata di Roma, il prof. Giorgio Fidelbo, consigliere della Corte di Cassazione e Fabio Petrandolfi, dirigente dell’area sicurezza e affari sociali di Confindustria. l.a.

Prevenzione sui luoghi di lavoro Venerdì il seminario Si terrà venerdì prossimo il seminario di aggiornamento per i tecnici della prevenzione sui luoghi di lavoro dei 4 ambiti territoriali dell’Asrem. L’appuntamento è dalle 9 alle 13 nella sala conferenze dell’ospedale Cardarelli in via Ugo Petrella. L’iniziativa, promossa dall’assessorato regionale al Lavoro, è finalizzata all’aggiornamento del personale, con particolare riguardo al decreto legislativo 106 del 2009 (correttivo del D. lgs numero 81 del 2008). Al seminario-aggionarmento seguirà un ulteriore ciclo di incontri con i suddetti tecnici della prevenzione,

in attuazione della deliberazione numero 131 del 2009 che ha previsto appositi finanziamenti per l’aggiornamenti del personale ispettivo Asrem. “La prevenzione sui luoghi di lavoro al pari della tutela dei lavoratori in difficoltà – sottolinea l’assessore Fusco – è alla costante attenzione dell’assessorato che rappresento. Mi preme sottolineare, inoltre, che, lo scorso 15 marzo, la giunta regionale ha approvato la deliberazione su una serie di iniziative dirette alla diffusione della cultura della sicurezza sui luoghi di lavoro”.


Giusy e Raffaella “due giovani donne molisane� hanno debuttato nel mondo del lavoro grazie alla loro passione per il cioccolato e per la pasticceria dolce e salata Laboratorio Artigianale per lavorazione di Cioccolato - Confetti - Torrone rigorosamente a mano Buffet per eventi di ogni genere

Caffetteria Pasticceria

S.S. 17 Km. 204,300 - Bojano (CB) Italy

0874 783174


Lavoro nero, sospesa attività isernina

Isernia verso il Cosiglio, assente il “caso stazione”

Multata e sospesa attività a causa di infrazioni per omessa assunzione e regolarizzazione dei rapporti di lavoro, rispetto alla speciale normativa di settore, per la accertata presenza di alcuni dipendenti “in nero”. Denunciato anche un 16enne rumeno per aver derubato una signora.

Il “caso-stazione”, resterà fuori dalla prossima assise civica, convocata alle ore 15.30 di dopodomani. Insomma, il tema che ha tenuto banco nell’ultima riunione nell’aula Wojtyla e non solo, dovrà attendere ancora per raggiungere il verdetto della votazione.

ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e.mail: lagazzettaisernia@alice.it

Centro storico, si progetta il futuro IL TAPIRO AL COMUNE DI CASTEL SAN VINCENZO Abbiamo anche atteso troppo per donare il tapiro del giorno al Comune di Castel San Vincenzo. Nel paese del lago, il consiglio comunale sembra far acqua da tutte le parti. Le “perdite” sono cominciate con quella del sindaco Di Cicco, dichiarato incompatibile dal Tribunale di Isernia, prima, dalla Corte d’Appello poi, che ha lasciato l’assise nel caos. Nell’ultimo incontro, alcuni consiglieri hanno minacciato di occupare l’aula, dato che da giorni manca finanche il segretario comunale, un ruolo divenuto scomodissimo: nessuno, infatti, vuole accollarsi questa “croce” per poco più di 50 euro. Nel marasma generale, c’è voluto il Prefetto D’Agostino che ha richiamato tutti all’ordine, convocando egli stesso un Consiglio comunale. Ma basterà questo a calmare le acque?

L’OSCAR DEL GIORNO AL COMITATO CIVICO “CENTRO STORICO” La critica, diceva un vecchio adagio, è l’unica dote di chi non sa proporre. Loro invece, i membri del Comitato civico “Centro storico” di Isernia, hanno fatto della critica uno stimolo per avanzare un programma preciso, che prende in considerazione ogni singolo punto di criticità della zona antica di Isernia e ne propone la soluzione migliorativa. L’oscar di oggi va proprio al Comitato che vuole la rinascita del centro storico. Ma non solo con belle parole, ma con i fatti. Con una serie di proposte presentate direttamente agli amministratori.

www.lagazzettadelmolise.it lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Futuro di centro storico e scuole in Consiglio Intanto è statarimandata la discussione sull’area ferroviaria

Più che i punti inseriti nell’odg del prossimo consiglio comunale, fa notizia l’esclusione dell’argomento principe di queste settimane a Palazzo san Francesco. Il “caso-stazione”, resterà fuori dalla prossima assise civica, convocata alle ore 15.30 di dopodomani. Insomma, il tema che

ha tenuto banco nell’ultima riunione nell’aula Wojtyla e non solo, dovrà attendere ancora per raggiungere il verdetto della votazione. Sul punto, comunque, le ultime ore sembrano aver stemperato gli animi. La volontà di Melogli e company di voler far leva sul “diritto di prelazione” del Comune

in fase d’asta, consentirebbe all’ente di acquistare l’area a rischio cementificazione e magari scongiurare la costruzione dei famigerati tre palazzi. La posizione del primo cittadino è piaciuta a molti, ma un accordo definitivo sul punto sembra ancora lontano. Nonostante manchi il piatto forte, tuttavia il Consiglio avrà a disposizione altri argomenti di spunto. Tra gli otto punti in agenda, l’amministrazione Melolgli troverà i suoi avversari sugli scudi ancora sul problema scuole sicure. Si tornerà a parlare della scuola San Giovanni

Bosco, in particolare del servizio di trasporto tramite scuolabus o navetta, già richiesto nei giorni scorsi dal Dirigente scolastico Mariella Di Sanza, portato in aula dagli esponenti di Pd, Idv e Iniziativa Democratica. Per la verità sul tema, già nel corso dell’ultima assise è intervenuta l’assessore Rosa Iorio che ha risposto picche con fermezza e cordialità. Dal consigliere Alfredo D’Ambrosio, arriva anche la richiesta di chiarimenti in merito alla scuola di San Leucio. Spazio poi al capitolo “centro storico”, con il documento firmato da venti

consiglieri di maggioranza alcune settimane fa, tornato d’attualità nelle ultime ore, dopo l’intervento in tema dell’opposizione. Per il resto gli altri argomenti andranno dalla “costituzione di un’azienda consortile per la concessione dei servizi sociali nell’ambito n. 4”, passando per la “nomina dei revisori dei conti per il triennio 2010-2013”, fino ai provvedimenti inerenti al consorzio per lo sviluppo industriale di Isernia-Venafro. In assise, infine, anche una delibera della Corte dei Conti e le risposte alle interrogazioni. DaCi

Bandiera arancione per Agnone Teodoro: “Due mercatini Marinelli:“Molise pieno di borghi meritevoli del marchio Toring Club che attesta la qualità dell’offerta turistica regionale” La Giunta Regionale – su proposta dell’Assessore Marinelli - ha approvato la delibera che fissa l’accordo tra il Touring club e la Regione Molise, in merito al Progetto Interregionale “Itinerari culturali e tematici nei borghi storici italiani – annualità 2008”. Prima edizione. “Il nostro auspicio – spiega l’Assessore al turismo Franco Giorgio Marinelli – è che, anche da questa iniziativa, si spronino nuove attività economiche che diano un salutare respiro all’occupazione ed una nuova prospettiva, specialmente per la gioventù molisana. La nostra precipua speranza è che l’ottenimento di questo importante riconoscimento, che è la bandiera arancione, riguardi molti dei Comuni molisani e non più uno soltanto. Sappiamo, infatti, che tra i nostri borghi vi sono tanti candidati possibili. E’ bene che ovunque possibile si cominci a lavorare – all’immagine e ancor più alla sostanza – per

fare di questo simbolo un vero primato della nostra regione, a beneficio di quel settore oramai irrinunciabile che è il turismo.” Il Touring Club Italiano si è fatto da tempo promotore delle Bandiere Arancioni, il cui logo ad oggi, in Molise, è stato assegnato soltanto al Comune di Agnone. La Bandiera Arancione è un marchio famoso, destinato alle località dell’entroterra, e viene attribuito ai territori che soddisfano criteri basati sullo sviluppo di un turismo di qualità (che tenda a valorizzare il patrimonio culturale e ambientale), la cultura dell’ospitalità, la facilità d’accesso e di fruizione delle risorse, la qualità della ricettività, della ristorazione e dei prodotti tipici. La Bandiera Arancione è uno degli strumenti con il quale il Touring Club offre ai turisti una garanzia di qualità ed uno strumento prezioso di valorizzazione delle località più piccole o lontane dai circuiti più noti.

La Castellina riparte con slancio Da diversi giorni è di nuovo in funzione lo stabilimento di imbottigliamento Castellina di Castelpizzuto. L’azienda, guidata dall’ing. Colella, ha chiesto ed ottenuto il nulla osta dalla Regione Molise a prelevare l’acqua da un altro punto di captazione, nel pieno rispetto della concessione rilasciata dalla Regione Molise, punto indipendente da quello oggetto di contenzioso con il Comune di Castelpizzuto. Venerdì alle 10 presso lo stabilimento Castellina Spa di Castelpizzuto si terrà un incontro con la stampa, durante il quale saranno aperte alle telecamere le porte dello stabilimento per l’imbottigliamento dell’acqua oligominerale “molisana per eccellenza”.

14 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

Ars ora et labora, due artisti espongono a Montecassino. Ars ora et labora, è il titolo della mostra di arte contemporanea inaugurata presso il salone San benedetto dell’Abbazia di Montecassino in occasione dei festeggiamenti del patrono d’Europa. Tale mostra vede in primo piano due artisti: si tratta di Angelo Calabrese e Antonio Risi. La mostra sarà aperta fino al 31 ottobre, è organizzata dall’ associazione culturale Pentacromo.

per rivitalizzare il centro storico” Nuove iniziative a favore del commercio e del centro storico. Le ha preannunciate l’assessore Raffaele Teodoro, a cui la giunta municipale ha dato mandato per l’analisi delle modalità di fattibilità e di programmazione. Non si è fatta attendere, dunque, la risposta dell’Amministrazione comunale di Isernia. Proprio nelle stesse ore in cui a Palazzo San Francesco si teneva una riunione del comitato spontaneo di cittadini sorto in difesa del centro storico, l’assessore Teodoro annunciava le due novità volte alla rivitalizzazione della parte più antica del capoluogo. “Si tratta di due mercatini che l’amministrazione comunale ha intenzione d’organizzare nelle prime e nelle seconde domeniche d’ogni mese – ha dichiarato–, utilizzando piazze e luoghi tipici della zona. Essi si affiancheranno al mercatino che già da tempo si effettua nell’ultima domenica del mese. L’iniziativa rientra nel quadro delle politiche che il Comune sta attuando da anni per la rivitalizzazione del centro storico e per il rilancio delle attività commerciali». Se l’idea diverrà concreta, in occasione dei nuovi appuntamenti mercantili si potranno trovare oggetti dell’artigianato, dell’antiquariato e del modernariato. Ma c’è pure un’altra novità. L’assessorato al commercio, infatti, ha in animo d’attivare anche un “Mercato dei Motori”, da svolgere mensilmente in località Colle Breccione. “Sarà un punto-meeting per chi è interessato ad acquistare veicoli usati – ha spiegato Teodoro –. L’area ricettiva per le auto e per gli utenti verrà attrezzata con ampio parcheggio e servizi igienici. Il Mercato dei Motori vuole essere un modo per facilitare l’incontro fra chi voglia offrire automezzi di seconda mano e chi desideri fare un acquisto conveniente. Inoltre, – ha aggiunto l’assessore Teodoro – sono allo studio ulteriori azioni d’incentivazione commerciale che avranno luogo nell’accogliente Piazzale degli Orti, inaugurato lo scorso gennaio”.

Venafro,Veglia per i missionari martiri Si svolgerà questa sera a Venafro, presso la Basilica di san Nicandro la giornata di preghiera e digiuno in memoria dei missionari martiri, indetta dalla Diocesi. Alle 20 la veglia sarà presieduta dal vescovo Visco. Sarà celebrata la memoria del sacrificio delle missionarie e dei missionari martiri, nel 30° anniversario dell'uccisione di mons. Oscar Arnulfo Romero.


ISERNIA Lavoro nero, chiusa una nuova attività Denunciato un rumeno che ha chiesto un passaggio ad una donna per derubarla Continua l’attività ispettiva dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro dell’Arma della Direzione Provinciale del Lavoro di Isernia, casi di lavoro nero con tutte le incidenze a fini assicurativi e previdenziali nei confronti dei lavoratori, che vengono così a trovarsi fuori da ogni forma di tutela che la legge prevede. I controlli dell’Arma, questa volta, hanno interessato varie attività commerciali su tutto il territorio della provincia pentra, da Agnone nei confronti di una ditta artigiana ad un centro del basso Volturno

sino al capoluogo provinciale dove, in questi ultimi due casi sono state ispezionate una impresa edile ed un esercizio commerciale. Complessivamente sono state riscontrate infrazioni per omessa assunzione e regolarizzazione dei rapporti di lavoro, rispetto alla speciale normativa di settore, per la accertata presenza di alcuni dipendenti “in nero”, cui è conseguita la irrogazione di sanzioni amministrative pecuniarie per un ammontare di 13mila euro e, nel caso di una attività commerciale anche l’adozione del provvedi-

mento accessorio e consequenziale della “sospensione dell’attività”. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Isernia, invece, hanno denunciato a conclusione di una indagine lampo un sedicenne nullafacente di origine romena domiciliato in un centro del capoluogo di provincia, che approfittando di un “passaggio in autovettura” datogli da una automobilista, con scaltrezza ha alleggerito, durante il breve viaggio, la conducente del proprio portafoglio.

Geomeccanica, il Governo spinge per l’accordo con l’Egt nistero romano che spingerà ancora una volta per l’accordo. I lavoratori, intanto, per niente certi di una soluzione a loro favorevole, chiedono di far presto. Il rischio di attivazione delle procedure per il fallimento della Geomeccanica resta dietro l’angolo. Ieri mattina, intanto, ispettori dell’Inps hanno fatto visita allo stabilimento per valutare l’esistenza dei presupposti per l’allungamento del periodo di cassa integrazione ordinaria di altre nove settimane. In caso di risposte negative da parte dell’Istituto di previdenza, l’unica soluzione potrebbe essere quella della cassa integrazione in deroga. Da. Ci.

Nell’ambito della vertenza Geomeccanica, la prossima data da tenere d’occhio è ora quella del 29 marzo. Lunedì prossimo, infatti, dovrebbe tenersi l’ennesimo incontro definito “determinante”, per giungere alla soluzione di una vicenda che va avanti da mesi. Nella sede del Ministero per lo Sviluppo Economico, a Roma, i funzionari del governo, i rappresentanti della Regione Molise e la proprietà dell’azienda di Pozzilli, incontreranno ancora una volta i vertici della Eg Tecnologies di Parma. Gli emiliani restano l’interlocutore più credibile, a fronte di altre richieste d’interesse poi non concretizzatesi. A sponsorizzare l’interesse della Egt, leader nel campo delle macchine perforatrici, è lo stesso Mi-

Paglione: “ Frane in Alto Molise, una vera e propria emergenza” Passato l’inverno si fanno i conti con i danni provocati dalle precipitazioni su buona parte del territorio altomolisano. “Più in particolare, nel territorio di Capracotta la situazione ha assunto, ormai, i caratteri di una vera e propria emergenza con le strade provinciali che somigliano più alle strade di Nassirya che a quelle di un moderno territorio europeo”. Così Candido Paglione, dirigente del Partito Democratico. “Le strade - in particolare la provinciale per Agnone - piene di buche, a volte trasformate in vere e proprie voragini, sono divenute quasi impercorribili, costringendo gli automobilisti ad improbabili gimkane per salvaguardare l’incolumità propria e delle automobili – prosegue Paglione -. A questo va aggiunto il problema, ancora più grave, dei movimenti franosi che sono in atto in varie parti del territorio comunale, come quello, sviluppatosi, ormai da diverse settimane, nella località Macchia del Comune di Capracotta, lungo la declività del Monte San Nicola e che minaccia la strada provinciale per

Come aiutare i figli a superare l’ansia L'Associazione "Crescere Insieme" Onlus informa che il prossimo 26 marzo alle 20,15 presso la Sala della Provincia di Isernia si terrà l'incontro con la dott.ssa Maria Rita Parsi sul tema "Come aiutare i figli a superare l'ansia". E' possibile acquistare i biglietti in prevendita all'ingresso della Sala della Provincia il giorno stesso a partire dalle 19,00.

Agnone”. “Noi siamo preoccupati – continua l’ex consigliere regionale – perché le istituzioni, salvo qualche sporadico annuncio di facciata, non stanno dando segni di impegno concreto, soprattutto nel campo della prevenzione e, quindi, della manutenzione costante e continua del territorio. La sensazione che abbiamo è quella di un territorio abbandonato al proprio destino, praticamente da tutti. A ciò si aggiunga il problema della diminuzione inarrestabile della popolazione che toglie, giorno dopo giorno, anche risorse umane all’azione, fondamentale, di cura, di manutenzione e di restauro del patrimonio ambientale”. “Occorrono meno chiacchiere e più fatti – conclude Paglione – a cominciare anche da un uso più oculato delle risorse disponibili, magari programmando un piano di manutenzione e di restauro del territorio che vada ad incidere, da subito, nelle situazioni di criticità presenti, come la frana di Monte San Nicola, prima che sia troppo tardi”.

Seminario presso la DR Motor

La filiera interregionale del metalmeccanico

Emofilia, in Molise nasce un’associazione Frosolone. Nasce l'associazione "Amici degli emofilici ed emopatici molisani" onlus che va a colmare una grave lacuna di rappresentanza che interessava finora soltanto il territorio molisano. Si tratta di una malattia ereditaria dovuta ad un difetto della coagulazione del sangue. L'attuazione di tale progetto eviterà ai pazienti molisani lunghi ed estenuanti spostamenti.

Domani, alle ore 9.30, presso la sede dell’azienda DR Motor Company, si terrà il seminario di presentazione del progetto “Automotive in Molise”. Si tratta di un’importante iniziativa, condivisa da più regioni (Lazio, Abruzzo, Molise Campania, Puglia, Basilicata), finalizzata a costituire una filiera del settore metalmeccanico, migliorando nel contempo il patrimonio di conoscenze e sapere del personale delle aziende del settore, attraverso azioni di formazione continua interaziendale. Nel Molise il progetto è stato elaborato e seguito da Cosmo Servizi, la società di servizi di Assindustria Molise e da Fondimpresa. Le aziende molisane coinvolte sono 18, tra cui: Dr Motors Company spa – Isernia, Fiat Powertrain Techonologies spa - stabilimento di Termoli e ITT Italia srl – Unità di Termoli.

15

ANNO III - N° 67

MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


TERMOLI Il catamarano “Termoli Jet” raggiungerà Korkula e Hvar con cadenza bisettimanale

Presto i collegamenti tra il Gargano la Croazia RODI GARGANICO. - A breve dovrebbero riprendere i collegamenti via mare con la Croazia. Ma non da Termoli, bensì da Rodi Garganico e sarà il “Termoli Jet” a trasportare i passeggeri nella traversata. Lunedì mattina si è tenuta una Conferenza di servizi nella sala consiliare del comune di Rodi, proprio per discutere del servizio di collegamento tra Rodi Garganico e le località croate di Korkula e Kvar: un collegamento che all'inizio sarà bisettimanale con partenza e ritorno in giornata. Come detto i collegamenti saranno assicurati dal catamarano “Termoli Jet” di pro-

prietà della Regione Molise. Ai lavori della Conferenza sono stati presenti vari esponenti politici della regione Puglia, rappresentanti della Capitaneria di Porto, Demanio, Dogana, Polizia di Stato e il ragionier Giacomo Guidotti, Amministratore della ‘Ltm’ Trasporti. “Siamo orgogliosi di essere ad un passo dall’ottenere questo straordinario risultato – ha detto il sindaco di Rodi Garganico Carmine D’Anelli – che premia l’impegno profuso a favore dello sviluppo del porto di Rodi in questi anni e nello stesso tempo conferma la validità delle sinergie istituzionali e commerciali messe in campo.

Siamo certi che la nascita di un collegamento diretto e bisettimanale con la Croazia sia un ulteriore ele-

Riuscita la giornata della Colletta alimentare

TERMOLI – Pienamente riuscita l’iniziativa della Colletta alimentare svolta dall’Associazione in partenariato con la Provincia di Campobasso, capofila del progetto Youth at Work-destinaazione lavoro finanziato dall’Upi e dal Ministero della

Gioventù per orientare i giovani al lavoro. Alla Colletta hanno partecipato oltre ai volontari dell’associazione, due classi dell’Ipia di Montenero di Bisaccia e del Liceo Artistico di Termoli che hanno potuto realizzare sul campo autentiche esperienze di solidarietà e condivisione con coloto che sono in condizione di indigenza ed esclusione sociale. Grazie all’aiuto dei volontari e degli studenti, ha detto il presidente dell'associazione Buon Samaritano, Francesco Colucci, in una sola giornata sono stati raccolti ben 21 quintali di alimenti di prima necessità presso gli ipermercati Carrefour e Fontana che la stessa associazione redistribuirà alle famiglie bisognose della regione. “Per questo – ha detto Colucci - ringraziamo di vero cuore i cittadini, i volontari e gli studenti che hanno donato alimenti e tempo per la buona riuscita della manifestazione”.

mento di stimolo e di sostegno all’industria turistica, un’offerta di grande qualità e livello”.

Il mezzo navale che assicurerà il trasporto è di proprietà della Regione Molise

Costituita l’associazione “Sistema assistenziale europeo – Sae112” Onlus TERMOLI - Dopo una laboriosa fase preparatoria, si è recentemente costituita Termoli l’Associazione “Sistema Assistenziale Europeo – Sae112” Onlus, presieduta dal termolese dottor Matteo Gentile. L’Associazione è stata fondata da un nutrito gruppo di professionisti e tecnici specializzati molisani, con il dichiarato intento di costituire il punto di congiunzione tra il mondo del volontariato e gli enti pubblici di qualsiasi dimensione: dal Comune all’Unione Europea, nei confronti dei quali intende porre a disposizione elevate competenze specialistiche, in particolare di “management” nel senso più esteso

del termine, attraverso la realizzazione di percorsi di formazione, consulenza e partenariato, di ampio respiro. La nuova realtà, già riconosciuta quale onlus dalla direzione regionale delle Entrate ad ulteriore riprova dell’esclusivo interesse solidaristico, richiama nella propria denominazione quel numero “112” che l’Unione Europea ha già individuato quale numero unico di emergenza per il cittadino, in riferimento alla propria vocazione internazionale, all’intenzione di porsi quale collettore delle esigenze pubbliche e private e nella fortissima volizione di portare assistenza alla popolazione.

Il centro di salute mentale mette su una compagnia teatrale TERMOLI - Il Centro di Salute Mentale e l’Associazione Incontrarsi presentano il progetto “Movi…mente… e si aprano i sipari”. Numerosi i partners, provenienti da tutto il Molise: Associazioni “Movi” di Termoli, “Anteas” di San Martino in Pensilis, “Luna” di Isernia, “Tito Barbieri” di Ripabottoni, “Dalla parte degli ultimi” di Campobasso, Cooperativa “Il Mosaico” di Casacalenda. Il progetto è stato finanziato dall’assessorato regionale alle Politiche Sociali, ma è stato anche importante il contributo dei comuni di Termoli e San Martino in Pensilis. Avrà la durata di 22

mesi e mira alla creazione di laboratori espressivi, finalizzati ad abbattere le barriere che si creano intorno alla disabilità; intende inoltre creare un gruppo che, attraverso un percorso di laboratori teatrali e di danza movimento-terapia, possa far compiere un viaggio di consapevolezza, creare relazioni significative, aiutare a scoprire un nuovo modo di esprimersi. I Laboratori si terranno presso il Centro di Salute Mentale di Termoli e a San Martino in Pensilis e saranno finalizzati alla creazione di una Compagnia Teatrale e di uno spettacolo che sarà portato in giro

per il Molise. È questa l’ennesima espressione di “penetrazione” del territorio da parte delle iniziative del gruppo del dr Malinconico, stavolta valicando i confini del Basso Molise. Il progetto, promuovendo la socializzazione, il lavoro comune e alla pari, il confronto con l’altro, permette di uscire da dinamiche di esclusione in un contesto relazionale delicato ma certamente non privo di creatività e capacità espressive da parte dei partecipanti. L'iniziativa verrà presentata con una conferenza stampa che si terrà alle 12 di oggi nella sede del centro di salute mentale.

Chiappini invita gli altri candidati ad un confronto

Ultimo appuntamento per il cartellone teatrale

MONTENERO DI BISACCIA - Il candidato sindaco della lista “Progresso e Liberta”, Giuseppe Chiappini, rivolge l’invito agli altri candidati, Nicola Travaglini e Margherita Rosati, per un confronto pubblico da tenersi presso la Sala consiliare nei prossimi giorni. Confronto da tenersi alla presenza di un moderatore e dei giornalisti delle testate locali.

GUGLIONESI – Questa sera alle 21 va in scena l'ultimo spettacolo del cartellone teatrale invernale. Al Teatro Fulvio Peppe Barra propone lo spettacolo Le follie del Monsignore” che sostituisce “La vecchia scorticata” che era stato annullato precedentemente. Lo spettacoloo scritto dallo stesso Barra con Memoli, Lambertini, vede tra i protagonisti con Patrizio Trampetti.

17 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


TERMOLI Il giovane candidato dei Popolari Liberali ha le idee chiare per la ripresa e lo sviluppo della città

Pino Sciarretta: ripartiamo dal settore turistico TERMOLI - “Mi preme innanzitutto fare una considerazione di tipo politico in riferimento alla presenza del Sottosegretario, onorevole Carlo Giovanardi che nella giornata di ieri è venuto qui a Termoli in sostegno del candidato sindaco, onorevole Remo Di Giandomenico, testimoniando quanto sia incisivo il supporto alla candidatura dello stesso di una parte importante del Pdl…confutando coloro che si arrogano l’ esclusivo supporto del centro destra nazionale”. Così inizia l'intervista con Pino Sciarretta, candidato consigliere comunale nella lista Popolari Liberali. Perché ritiene che debba essere preferito il suo candidato sindaco agli altri? “Innanzitutto per il pregevole programma elettorale ma ancor più per la fattività dello stesso da parte dell’ unica persona che a mio giudizio (per quanto di parte, non di certo facilmente contestabile) con le capacità, la preparazione e l’ esperienza tali da permettere il raggiungimento di tali obiettivi..in una frase: “Non è sufficiente prefiggersi obbiettivi nobili ma avere le capacità per poterli perseguire”, soprattutto se richiesti da una città nelle condizioni in cui è ora la nostra amata Termoli”. Una considera-

zione sul candidato della stessa coalizione? “Semplicemente non vorrei che si deterritorializzi il potere politico della nostra città…”. Entrando nel merito del programma, quale tema avverte più sensibile alle sue inclinazioni? “Sicuramente quello di far ripartire il settore a cui tale territorio dovrebbe essere predisposto; ovvero quello turistico, sia per la vantaggiosa posizione geografica in cui è situata la nostra città ma soprattutto per le potenzialità che essa detiene, e che ora in nessun modo vengono sfruttate; ciò ripartendo innanzitutto da un decoro urbano che possa ridare degna presentazione agli occhi di coloro che ci arrivano, oltre che restituire agli stessi cittadini il piacere di guardarla nella sua bellezza perché lo è tanto, sotto lo sporco e la disorganizzazione che la sommerge. Immediatamente dopo, una riqualificazione ed un piano di sviluppo concreto del Lungomare Nord e quello Sud (ovviamente estendendo, immediatamente dopo, tale riqualificazione anche alle altre zone del territorio) affinché possa partire una vera e propria rivoluzione dell’immaginario concreto di come da queste due zone possa ripartire una spinta brillante verso una recettività non più

insufficiente a quelle che dovrebbero essere le aspettative di un territorio così amato da chi lo vive per la prima volta ma che lo saluta sempre con un pò di ‘sufficienza’. Come concilierebbe la proposta turistica giovanile con quella delle famiglie? “Ovviamente lo proietterei in modo da consentire una recettività turistica accessibile sia ai giovani che alle famiglie non facendo andare in conflitto l’ una con l’ altra, cosa che puntualmente si ripete ogni anno con le manifestazioni lamentose di chi cerca ristoro estivo nella tranquillità ed è costretto ai “rumori festaioli”, e con chi invece diversamente cerca divertimento e si trova soffocato dai limiti di tale disorganizzazione ed è costretto a “divertirsi sottovoce”- Io ho sempre creduto che ciò sia sanabile con l’ individuazione di aree destinate al semplice ristoro come il borgo antico, il centro stesso e il lungomare sud, ed aree invece che potrebbero essere qualificate a permettere un divertimento un pò più audace (come l’ organizzazione di eventi musicali che si protrarrebbero in orari meno convenzionali) come quella del lungomare nord. Così da sanare una volta per tutte

l’eterno diatriba tra le due categorie; ambedue degne di attenzioni, di concentrazione ed impegno affinché vi sia il pieno sviluppo delle stesse”. Cosa pensa produrrebbero tali intenti? Questi sono punti che se sviluppati seriamente indurrebbero certamente innanzitutto un allungamento del periodo recettivo stagionale, non più l’attuale di 3 mesi (poi concreti 15 giorni), bensì di 6 mesi (da aprile a settembre) cosa che ho sempre pensato questa città meritasse, fino a raggiungere una vera e propria destagionalizzazione della recettività turistica. Questa sarebbe, a mio giudizio, una degna valorizzazione del territorio, punto di partenza del rilancio economico della nostra città”.

Comune, gli ex amministratori godono ancora dei parcheggi riservati

TERMOLI – La casta che ha governato il Comune fino a dicembre, tra mille difficoltà e molti privilegi, non é ancora convinta di essere andata a casa e continua ad approfittare di privilegi che non gli competono più. Stiamo parlando dei posti auto in piazza Sant'Antonio riservati ai privilegiati, A quei ex amministratori che per motivi istituzionali non avevano tempo di trovare un posto libero (a trovarlo è sempre una fortuna) per la loro autovettura neanche a pagamento. Ecco dunque che l'allora sindaco

18 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

Vincenzo Greco, a sua insindacabile decisione, decise di riservare alla casta privilegiata alcuni posti auto a dispetto dei normali cittadini costretti a sbuffarer di continuo per trovarne uno. Detto ciò, con la caduta dell'era Greco, si era pensato che scomparsa la casta quei posti potessero diventare neutri. E' invece no perché sono sempre riservati ai “Mezzi del servizio comunale e organi istituzionali”, come indica la scritta in bella mostra su un cartello. Vada che qualche dirigente con regolare permesso occupi il suo posto; vada che qualche mezzo dell'amministrazione ne usufruisca, ma non va che qualche furbetto la passi liscia ingannando anche gli Agenti della municipalizzata che nulla possono nei loro confronti. E si perché un ex consigliere comunale (non ex assessore) e un ex (potente?) co.co.co. sono stati visti parcheggiare proprio in quegli spazi riservati. Un nostro lettore, che ha segnalato il caso e scattato alcune foto delle autovetture, ha immortalato anche un permesso messo in bella mostra all'interno del vetro anteriore delle autovetture. Autorizzazione a parcheggiare con la scritta “Governo Locale”. Ora la domanda che ci ha posto il lettore, che noi giriamo al Commissario prefettizio Roberto Aragno, un ex Consigliere e un ex (potente?) co.co.co.possono ancora usufruire di questo beneficio? Visto che l'amministrazione che aveva rilasciato quei permessi e decaduta gli stessi hanno ancora valore? Il nostro lettore crede di no e noi ci associamo. In chiusura un consiglio e un invito. Il primo é indirizzaqto al Comando della municipalizzata affinché controlli maggiormente quegli spazi riservati e i permessi che risulteranno esposti; il secondo all'ex consigliere e all'ex (potente?) co.co.co. : siete tornati tra i comuni mortali e, pertanto, comportatevi di conseguenza.

L’onorevole Marina Sereni oggi al comizio di Erminia Gatti TERMOLI - Prosegue il tour elettorale della candidata a sindaco del Pd, Erminia Gatti. Oggi alle 18, in piazza Monumento, è in programma l’intervento dell’ex Idv che sarà affiancata dall’onorevole Marina Sereni, attuale vicepresidente gruppo Pdl’Ulivo alla Camera dei deputati. Lunedì a sostegno della Gatti era giunto Castagnetti.

“La presenza di Giovanardi testimonia quanto sia incisivo il supporto a Di Giandomenico di una parte importante del Pdl”

Allarme bomba, evacuati Tribunale e Ragioneria TERMOLI – È scattato l'allarme ieri mattina per la paventata presenza di una bomba (poi risultata inesistente) all'interno della sede staccata del Tribunale di Larino e nell'Istituto Boccardi. È stato un bidello che ieri mattina, al momento di aprire l'Istituto scolastico, ha visto appeso ai cancelli un volantino con la minaccia scritta della presenza dell'ordigno. Sul posto sono giunte molte pattuglie delle forze dell'ordine che hanno fatto evacuare i circa mille studenti e tutta la sede del Tribunale. Poi é iniziata l'ispezione, che é durata circa un'ora e poi é stato dato il cessato allarme con la ripresa dell'attività didattica e giudiziaria. Non é questa la prima volta che mani ignote affiggono cartelli minacciosi e anche in passato le ispezioni hanno sempre dato esito negativo. Comunque anche se si tratta di un banale e non gradito scherzo resta il procurato allarme e il massiccio impiego di carabinieri.

Appuntamento elettorale dell'Italia dei Valori TERMOLI – Ancora un appuntamento elettorale da parte dell'IdV in vista delle prossime amministrative. Questo pomeriggio alle 17:30, presso l'hotel Mistral, ci sarà un incontro sul tema “Lo sfascio della Sanità tra sprechi, tagli e totale sottomissione alla politica”. Tra gli altri é stata assicurata la presenza del senatore Alfonso Mascitelli.


Eccellenza, si gioca oggi la 27^ giornata

Volley, momentaccio per il ‘Caseificio Di Nucci’

Turno infrasettimanale quest’oggi nella massima serie regionale dove si gioca la quart’ultima giornata di campionato. Il Venafro, reduce dai festeggiamenti per la promozione anticipata in serie D, sarà ospite dell’Aurora Ururi formazione bisoA PAG. 20 gnosa di punti.

Di fronte alla falcidie di infortuni che sta colpendo la compagine del Caseificio Di Nucci Agnone nel campionato nazionale di Serie B2 di pallavolo maschile, non è bastato l’ingresso in campo anche come atleta di mister Mariano Maniscalco per evitare la quarta sconfitta consecutiva. A PAG. 22

ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it UN MESE DI FUOCO ATTENDE IL LUPO SI PARTE SABATO CON L’AQUILA Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti in casa Campobasso dopo la vittoria ottenuta domenica a Sant’Elpidio. L’umore del gruppo è leggermente migliorato rispetto alle ultime settimane, ma di contro c’è anche la consapevolezza di andare incontro ad un mese di fuoco. Per questo concentrazione e determinazione sono d’obbligo, oltre al lavoro che mister Di Somma sta cercando di portare avanti. Non senza difficoltà, visto che in pochissimo tempo deve riuscire a dare un’impronta alla squadra e soprattutto capire le dinamiche del gruppo. All’allenamento di ieri hanno preso parte tutti, ad eccezione di Iannitti e Gennarelli, impegnati con la juniores nel match di recupero con il Bojano. A PAG. 21

DOPO LA PROMOZIONE IN SERIE D IL VENAFRO RINGRAZIA LA SCARABEO Il Presidente, Il Direttore Generale, i Dirigenti, lo Staff Tecnico, gli Atleti e tutti i tesserati della U.S. VENAFRO ringraziano di cuore la Società “ SCARABEO CALCIO A 5 VENAFRO” per gli attestati di stima e rispetto manifestati in occasione della raggiunta certezza della promozione in serie “D” della prima squadra. E’ stata una dimostrazione di signorilità e di sportività a riprova che la nostra città, il nostro territorio e tutti i cittadini meritano un palcoscenico sportivo ben più ampio degli angusti confini regionali. La “SCARABEO CALCIO A 5 VENAFRO” deve continuare a portare alto il nome della nostra Città nel contesto nazionale insieme a tutte le altre società sportive che operano sul territorio. A PAG. 20

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO SERIE D

“Alleno i calciatori migliori del mondo” Umiltà e sacrificio sono le armi della matricola Bojano, lo afferma il tecnico Francesco Farina Il pareggio di domenica al “Colalillo” contro la quotata Civitanovese va preso per quello che è: un punto strappato ad una delle squadre più quotate del girone F ed il tecnico del Bojano Francesco Farina guarda al bicchiere mezzo pieno, non si può parlare di due punti persi perché il divario esistente tra le due squadre era ben chiaro, sin dalla vigilia, con un’avversaria che è riuscita a battere i cugini del Campobasso e del Trivento e tra quindici giorni se la vedrà con l’Agnonese, una squadra, quella marchigiana, che ha totalizzato la bellezza di diciotto risultati utili consecutivi e che è imbattuta da tantissimi mesi. “Alla vigilia pensavamo che strappare anche un solo punto alla Civitanovese poteva essere un’impresa- ha dichiarato Farina- poi per come si è messa la partita è chiaro che potevamo anche vincerla; purtroppo è venuta a mancare la determinazione,la cattiveria e quella organizzazione tattica avuta per i primi sessantacinque minuti. La doppia espulsione a danno degli avversari ha creato più problemi a noi perché i ragazzi hanno mollato la

presa, credendo di avere la vittoria in tasca, e quindi è venuto meno il Bojano operaio diventando una squadra borghese. Si è cercata la conclusione personale e si è pensato meno al gioco di squadra, questo mi ha fatto arrabbiare molto ma ho già chiarito tutto con i giocatori alla ripresa degli allenamenti”. Molti hanno interpretato la sua scelta di inserire Gioffrè al posto di Diallo come un volersi accontentare del risultato, ma da uno come lei è impossibile aspettarsi questo “appagamento”. “Diallo fino al venerdì non si era allenato per un problema muscolare quindi al settantesimo l’ho tirato fuori ma per preservalo in vista delle prossime partite. A quel punto ho dovuto inserire l’unico giocatore di esperienza presente in panchina che era Gioffrè e comunque siamo rimasti in campo sempre con tre punte e questo a dimostrazione che la partita la volevamo vincere”. Al di là del risultato che poteva essere ancora più positivo a questo Bojano non si può

chiedere davvero di più. “Ai miei uomini posso concedere venti muniti di follia perché alla fine stiamo conducendo un grosso campionato e nel chiuso degli spogliatoi cercherò di lavorare su alcune lacune cercando di migliorare sempre e di trasformare in virtù questi difetti. Mi preme sottolineare, perché spesso si tende a dimenticarlo, che il 90% dei giocatori di questa squadra lo scorso anno giocava in Eccellenza. Nel momento in cui ho sottoscritto il contratto con il Bojano, ed è stata una mia scelta nessuno mi ha obbligato, ero consapevole che i miei calciatori da quell’istante sarebbero diventati i migliori del mondo e poi chiaramente sta a me farli diventare, con il lavoro, ancora più forti”. Quindi non li cambierebbe con nessuno? “Con la situazione societaria e con tutti i problemi che abbiamo avuto io penso che solo questi calciatori, con la loro umiltà e spirito di sacrificio sono stati capaci di fare questi risultati”. Un piccolo neo, se proprio dobbiamo trovarlo, è rappre-

sentato da una netta discordanza tra gli ottimi risultati che ottenete in casa ai quali però non corrispondono quelli in trasferta. “Fuori casa siamo venuti un po’ meno perché abbiamo avuto qualche problema in più in fase conclusiva, non a caso sono andati a segno giocatori sempre diversi. In

trasferta ci capitano meno occasioni da rete e molte volte non riusciamo a tramutarle in gol. Sicuramente dobbiamo migliorare sotto questo punto di vista e penso che già da domenica in casa del Centobuchi, contro una avversaria diretta per la salvezza, dobbiamo tornare a vincere fuori casa”. JM

ECCELLENZA

Tutte in campo oggi per la 27^ giornata Turno infrasettimanale quest’oggi nella massima serie regionale dove si gioca la quart’ultima giornata di campionato. Il Venafro, reduce dai festeggiamenti per la promozione anticipata in serie D, sarà ospite dell’Aurora Ururi formazione bisognosa di punti per restare fuori dalla zona retrocessione. La vicecapolista Capriatese, proiettata alla sfida di Coppa Italia Nazionale contro il Cisterna di Latina, riceverà la Frentana Larino. Interessantissima in chiave salvezza la sfida tra il Miletto ed

20 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

27^ GIORNATA Miletto-Campobasso 1919 Capriatese-Frentana Larino Turris S. Croce-Guglionesi Vastogirardi-Petacciato Sesto Campano-Real Isernia Termoli-Real Liscione Aurora Ururi-Venafro Montenero-M. Santangiolese

il Campobasso 1919 divise in classifica da soli tre punti. JM

Leonardo: ‘Balotelli rossonero? Uno scherzo’ Mario Balotelli con la maglia del Milan Leonardo non l'ha visto. 'Me l'hanno detto ma ovviamente si tratta di uno scherzo'. L'allenatore rossonero non ha comunque nascosto di non aver gran voglia di parlare delle vicende del baby nerazzurro. E cosi' a chi gli ha chiesto se secondo lui Balotelli valga 70 milioni di euro che sarebbe la cifra fissata dalla clausola rescissoria, Leonardo ha risposto: 'Se trova qualcuno che li paga vuol dire che li vale'.

CLASSIFICA Venafro Capriatese Petacciato Turris Real Isernia Sesto Campano Vastogirardi V.M. Santangiolese Aurora Ururi Campobasso 1919 Frentana Larino Miletto Real Liscione Termoli Montenero Guglionesi

69 56 47 56 50 36 32 31 31 31 29 28 26 18 17 15

Il Venafro ringrazia la Scarabeo calcio a 5 Il Presidente, Il Direttore Generale, i Dirigenti, lo Staff Tecnico, gli Atleti e tutti i tesserati della U.S. VENAFRO ringraziano di cuore la Società “ SCARABEO CALCIO A 5 VENAFRO” per gli attestati di stima e rispetto manifestati in occasione della raggiunta certezza della promozione in serie “D” della prima squadra. E’ stata una dimostrazione di signorilità e di sportività a riprova che la nostra città, il nostro territorio e tutti i cittadini meritano un palcoscenico sportivo ben più ampio degli angusti confini regionali. La “SCARABEO CALCIO A 5

VENAFRO” deve continuare a portare alto il nome della nostra Città nel contesto nazionale insieme a tutte le altre società sportive che operano sul territorio, affermandosi come punto di riferimento per numerosi giovani locali e contribuendo così a rafforzare il ruolo altamente sociale della pratica sportiva. Per questo sabato prossimo la U.S. VENAFRO sarà vicina alla “SCARABEO CALCIO A 5 VENAFRO” perché ottenga sul campo quella vittoria che le garantisca la permanenza in serie “B” e che sicuramente merita.

Storari: ‘Ho detto a Cassano di tirare da fuori C'e' lo zampino di Storari sul gol di Cassano alla Juve. ''Avevo suggerito ad Antonio di provare dalla distanza'', ha detto il portiere. ''L'ho detto a lui - ha aggiunto - ma anche a Pazzini, Poli e Palombo: provateci. Pioveva, il pallone era viscido e per un portiere diventa difficile bloccare certi tiri. Poi Cassano ci ha messo del suo: e' stato geniale e bravissimo''. Domani il fantasista tornera' davanti al suo pubblico. All'andata per lui salirono a Marassi 5mila tifosi biancorossi.


S P O RT CALCIO - SERIE D

Ieri la ripresa degli allenamenti. Un mese di fuoco attende i lupi: si inizia sabato con L’Aquila

Al Campobasso serve continuità Dopo la vittoria di domenica a Sant’Elpidio i rossoblù vogliono dimostrare di aver invertito rotta Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti in casa Campobasso dopo la vittoria ottenuta domenica a Sant’Elpidio. L’umore del gruppo è leggermente migliorato rispetto alle ultime settimane, ma di contro c’è anche la consapevolezza di andare incontro ad un mese di fuoco. Per questo concentrazione e determinazione sono d’obbligo, oltre al lavoro che mister Di Somma sta cercando di portare avanti. Non senza difficoltà, visto che in pochissimo tempo deve riuscire a dare un’impronta alla squadra e soprattutto capire le dinamiche del gruppo. All’allenamento di ieri hanno preso parte tutti, ad eccezione di Iannitti e Gennarelli, impegnati con la juniores nel match di recupero con il Bojano. In gruppo è tornato anche Ermanno Cordua, il quale ha recuperato pienamente dall’infortunio, ma ora deve ritrovare la condizione migliore. Dunque per la gara di sabato con L’Aquila saranno tutti abili e arruolati, eccezion fatta, ovviamente, per Gallicchio, e il tecnico avrà solo

l’imbarazzo della scelta. Determinante per stilare la formazione sarà il lavoro che si svolgerà in settimana, dal quale l’allenatore campano potrà trarre utili indicazioni sulla forma dei singoli. Il prossimo avversario rappresenta un ostacolo arduo da superare. L’Aquila, infatti, con i suoi 51 punti occupa la seconda piazza e si trova ad una sola lunghezza dal vertice. E’ in piena lotta promozione e pertanto scenderà al Selva Piana con il chiaro intento di conquistare l’intera posta in palio. Il Campobasso, di contro, vorrà dimostrare di aver invertito rotta e soprattutto ha la necessità di dare continuità ai propri risultati. Da rimarcare che l’intera 28^ giornata si giocherà sabato alle ore 14.30. Nella giornata odierna i rossoblù saranno sottoposti ad una doppia seduta di allenamenti, atletica in mattinata, tattica nel pomeriggio, mentre nel pomeriggio di domani ci sarà la consueta amichevole infrasettimanale. In.Ro.

JUNIORES

I rossoblù vincono il recupero di Bojano Va al Campobasso il recupero del campionato juniores tra i rossoblù e il Bojano. Il match non era andato in scena per l’impraticabilità del Varazi la scorsa settimana. Ieri le due squadre si sono affrontate al Colalillo ed ha prevalso il Campobasso di Bavota che si è imposto per 2-1 grazie alla reti di Leccese e Gennarelli. Con questi tre punti i lupetti si portano a quota 43 in classifica generale, mentre i biancorossi restano fermi a 17. Venerdì, si giocherà in anticipo, andrà in scena l’ultima giornata di campionato.

Covelli in azione

ATLETICA LEGGERA

Messi: ‘Io un grande? Devo vincere il Mondiale’ Per diventare grande come Maradona o Pele' bisogna vincere i Mondiali. Ne e' convinto il fuoriclasse del Barcellona Lionel Messi. 'Per diventare una leggenda, per essere un grande, devi anche vincere una Coppa del Mondo - dice Messi a El Mundo -.Ho appena compiuto 22 anni, sta accadendo tutto molto rapidamente e bisogna restare calmi'. Messi respinge in qualche modo gli accostamenti con Maradona e Pele'.'Non voglio mai mancare di rispetto a nessuno.Io gioco solo a calcio.A modo mio'.

Athletic Club in 1h21’30”, Donatella Vinci del Road Runners Club Milano in 1h21’50”, Simona Baracetti dell’Atletica Varese in 1h21’51” e Monica Bottinelli della Cover Sportiva Mapei in 1h22’30”. Il percorso è oramai consolidato con i primi chilometri corsi nelle vie del centro e il solito caratteristico passaggio nella Piazza Ducale. Mentre sabato in una splendida giornata di sole si è disputata a Lanciano all’ippodromo Villa delle Rose la 29^ edizione del “Cross del Sud”, manifestazione nazionale di corsa campestre sulla distanza di circa 8 km organizzata dall’Atletica Fiat Auto Formia, con la partecipazione di alcuni dei migliori specialisti italiani della specialità. Vincenzo Trentadue dell’Athletic Terni si è classificato al 15° posto con un crono di 24’28” mentre la vittoria è andata al favorito della vigilia Gabriele De Nard delle Fiamme Gialle in 21’52” davanti a Giammarco Buttazzo del Centro Sportivo Esercito in 22’25” ed al Campione del Mondo di corsa in montagna Marco De Gasperi del Gruppo Sportivo Forestale in 22’32”.

Trivento Chieti L.Canistro RC Angolana Santegidiese Campobasso Centobuchi O.Agnonese Miglianico Morro d'Oro Bojano L'Aquila Atessa VdS Casoli

51 48 48 48 44 43 43 43 43 26 17 14 14 11

SPORT INVERNALI

Buoni risultati per la Termoli Athletic In questo week end Mortillaro e Trentadue, atleti del tecnico termolese Pasquale Venditti, sono stati impegnati in Lombardia e in Abruzzo. Nel primo giorno di primavera a Vigevano, in provincia di Pavia, alla 4^ edizione della “Scarpa d’Oro Half Marathon”, manifestazione internazionale di corsa su strada con oltre 1500 partecipanti, Corrado Mortillaro dell’Atletica Gonnesa ha conquistato un’ottimo 4° posto in assoluto e primo atleta italiano correndo i 21,097 km in 1h08’32” preceduto in volata da Ridha Chihaoui della Tunisia in 1h08’29” e superando Marco Brambilla dell’Atletica San Marco in 1h08’33”, Davide Milesi del GS Orobie in 1h08’37” e Salah Ouyat del Marocco in 1h08’41”. La gara che si è disputata sotto un’insistente pioggia è stata vinta da Mehdi Khelifi della Tunisia in 1h06’52”, stabilendo anche il nuovo record del percorso, e con al 2° posto Lahcen Mokraji del Marocco in 1h06’54”, tra le donne il successo è andato a Eliana Patelli dell’Atletica Valle Brembana in 1h19’43” davanti a Paola Testa dell’Italgest

CLASSIFICA

Corrado Mortillaro

Real interessato a Maicon Maicon, il laterale destro dell'Inter, piace molto al Real Madrid, che non lo ha perso di vista dall'inizio del campionato. Lo scrive As.L'interesse per il brasiliano risale alla scorsa stagione, quando Florentino Perez non era ancora presidente dei blancos. Secondo As anche dopo il cambio alla presidenza l'interesse continua a essere alto per Maicon, un giocatore che 'per carisma e caratteristiche si troverebbe bene tra i giocatori' merengue.

Il Club Bojano al ‘Pinocchio sugli Sci’ Mercoledì 24 Marzo in Località Abetone, Toscana, alcuni degli atleti dello Sci Club Bojano prenderanno parte alla Finale del 28° Pinocchio sugli Sci: si tratta di una importante manifestazione alla quale arrivano tutti gli atleti più bravi d'Italia che hanno ottenuto la qualifica per questa finale e lo Sci Club Bojano rappresenterà il Molise. Si tratta di uno Slalom Gigante che si svolgerà sulla famosa pista Zeno Colò. Gli atleti dello Sci Club Bojano che si sono qualificati sono: Spina Michela, Napoletano Federica, Lucia Perrotta, Sbisà Antoniomaria, D'Andrea Giovanni e Romano Carmine.

21 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010


S P O RT VOLLEY - SERIE B

Momento nero per l’Agnone Il Caseificio Di Nucci è incappato domenica nella quarta sconfitta consecutiva contro il Marcianise Di fronte alla falcidie di infortuni che sta colpendo la compagine del CASEIFICIO DI NUCCI AGNONE nel campionato nazionale di Serie B2 di pallavolo maschile, non è bastato l’ingresso in campo anche come atleta di mister Mariano MANISCALCO per evitare la quarta sconfitta consecutiva. Dopo il forfait ormai sancito di Michele GALANTE e della presenza in campo solo grazie ad un’infiltrazione di capitan Luca MARESCA, in settimana si è aggiunta la distorsione alla caviglia per Giorgio RUSSO. S e a questo si aggiunge il periodo di scarsa vena che sta colpendo l’opposto Simone CRISPI, pur comprensibile tenendo conto del determinante contributo di questi finora dato alla classifica della squadra della Regione Molise, ci si rende conto che in un campionato così incerto e con pochi valori assoluti, è assai difficile conquistare punti con tante e

Mariano Maniscalco

tali emergenze. Ad approfittarne è stato, nella gara disputatasi in Agnone domenica sera, il MARCIANISE allenato da un ex illustre, quel Massimo MONFREDA che guidò la pallavolo agnonese e molisana allo storico traguardo della Serie A2. Dopo un brutto approccio alla gara dei molisani (0-4), questi sfruttando l’efficacia di Luca MARESCA e di Marco TAMBURRO, riuscivano a portarsi in vantaggio (23-21) ma non a chiudere il set che veniva conquistato dai ragazzi di MONFREDA (27/25). L’avvio di secondo set vedeva il MARCIANISE partire in avanti e qui mister MANISCALCO provava a cambiare l’assetto di squadra immettendo Federico ROMAGNOLI al posto di Simone CRISPI ed entrando egli stesso in campo al posto di Davide IONATA. Il CASEIFICIO DI NUCCI

AGNONE rimontava così lo svantaggio e riusciva ad aggiudicarsi il set col punteggio di 25/23. Nel terzo set la compagine agnonese si portava subito in vantaggio ma non riusciva a controbattere al ritorno degli avversari che si aggiudicavano lo stesso col punteggio di 25/22. A questo punto la compagine agnonese si disuniva e nulla poteva contro la squadra campana che approfittava dell’occasione per chiudere il set col punteggio idi 25/18 con la conquista dei tre punti in palio. Con questo risultato la compagine del presidente Tonino MASTROSTEFANO scende al 10 posto in classifica con cinque punti di vantaggio sulla zona pericolosa, onde per cui necessita alla compagine agnonese di ritrovare la strada della vittoria già da giovedì prossimo quando farà visita al MARIGLIANO ultimo della classe, sperando nel recupero di qualche pedina.

VOLLEY - 1^ DIVISIONE

TENNIS TAVOLO - SERIE B2

Esordio Sorprendente per il Guardialfiera

Il Regione Molise battuto dalla seconda della classe

Sabato ha preso il via il campionato di pallavolo femminile di prima divisione e ai nastri di partenza c’è stata anche la rappresentativa di Guardialfiera dell’Eurovolley. La partecipazione della squadra al campionato è il frutto di due anni di attività pallavolistica e di iniziative sul territorio finalizzate e portate avanti nel paese dalla società campobassana grazie alla collaborazione delle persone del posto e dell’amministrazione comunale, che ha sin da subito appoggiato e contribuito al progetto. L’allenatore Buongusto ha schierato una formazione giovane che è apparsa subito molto motivata e poco intimorita dall’emozione. Le ragazze erano per la quasi totalità under 16 ed erano alla loro prima esperienza in una gara ufficiale, per cui ci si aspettava un approccio più timido sul campo di gioco. Nei fatti le ragazze hanno smentito le previsioni iniziando a macinare gioco e met-

22 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010

tendo pressione alle avversarie che ci hanno messo un po’ di tempo per riprendersi e per imporre il proprio ritmo. Alla lunga, infatti, la pur sempre giovane formazione termolese ha fatto valere una maggiore esperienza e un gioco più ordinato che le hanno fatto vincere il set. Le ragazze di Guardialfiera nella fase centrale e finale del set hanno tirato un po’ i remi in barca e hanno lasciato più spazio alle offensive avversarie. Nel secondo set tale calo di concentrazione si è fatto sentire ancora di più, è affiorato un po’ di quella timidezza che è normale in una partita d’esordio e quindi il parziale del secondo set è stato più pesante. L’Eurovolley però non si è persa d’animo e al ritorno in campo la squadra è sembrata più determinata e decisa a dare i proprio meglio per non fare brutta figura davanti al proprio pubblico accorso numeroso per l’occasione.

Le ragazze di mister Buongusto hanno provato anche nel terzo set a ribaltare le sorti della gara ma senza riuscirci. Si è vista, però, qualcosa in più rispetto al set precedente e si è accennata una reazione che comunque ha avuto effetto positivo sul risultato. Il Volley Termoli a parte l’attimo di smarrimento iniziale ha gestito la gara ricorrendo anche a qualche cambio dimostrando una certa sicurezza e una certa esperienza per quanto sia possibile a ragazze molto giovani. Anche l’Eurovolley può essere soddisfatta del lavoro svolto perché pure se non si è raccolto nessun punto le ragazze hanno ampi margini di crescita e per questa stagione, come diceva De Coubertin l’importante è partecipare. E poi non è detto che la squadra non si possa togliere più di qualche soddisfazione nel prosieguo della stagione, anzi ci sono tutte le premesse per disputare un bel campionato.

Conto la seconda in classifica la "Giovanni Castello Rosso" di Roma il Tennistavolo "Regione Molise" di Isernia ha lasciato i due punti in palio nel campionato nazionale di serie B2 maschile. L'incontro, giocato presso il Centro Federale di Castelpetroso, è terminato infatti per 5 - 0 in favore dei laziali, facendo scendere in bassa classifica la squadra isernina che pure si è difesa con grinta.

Le squadre sono scese in campo con tutti i titolari e precisamente per la G.Castello Roma: Salvatore Chessa, Augusto Ferranti e Daniele Bianche; per il TT Regione Molise: Biagio Ciambriello, Daniele Di Leva e Agostino Rinaldi. I campionati nazionali a squadre resteranno ora fermi per consentire l'attività individuale e la disputa della "Coppa delle Regioni" che si svolgerà a Molfetta il 2 e il 3 aprile.

Nba: i Raptors vincono in Minnesota

Speed skiing: primato per Ivan Origone

Andrea Bargnani contribuisce con 19 punti in 39'25'' al successo esterno (106-100) dei Toronto Raptors sui Minnesota Timberwolves. Miglior realizzatore dell'incontro Jefferson (Minnesota) con 22 punti. Per Toronto 21 punti di Chris Bosh. Altri risultati: Philadelphia-Orlando 93-109 New Jersey-Miami 89-99;ChicagoHouston 98-88; Milwaukee-Atlanta 98-95; New Orleans-Dallas 115-99; Oklahoma City-San Antonio 96-99;Utah-Boston 11097;Sacramento-Memphis 85-102;Golden State-Phoenix 131-133.

Ivan Origone vince la tappa di Idre, in Svezia, e balza al comando della classifica generale di Coppa del mondo di speed skiing. Per l'atleta di Champoluc si tratta della terza vittoria della stagione, che lo proietta al primo posto della classifica graduatoria con un buon margine (40 punti) sul fratello Simone (foto archivio), oggi quarto. A Idre, inoltre, Ivan ha fissato il nuovo record della pista a 177,04 km/h. Dietro di lui il francese Montes e l'austriaco Schrottshammer.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta Baccalà e “peparulesse rechiene” 800 g di baccalà già spugnato 4 “peparulesse” sottaceto 250 g di mollica di pane casereccio raffermo 2 spicchi di aglio un ciuffo di prezzemolo

6 pomodori maturi uvetta, pinoli, noci, capperi, olive verdi spagnole snocciolate, a piacere un dl di olio di oliva extravergine q. b. di sale

Mettete a bagno le “peparulesse” in acqua fresca perché perdano l’eccesso di aceto, quindi sgocciolatele, asciugatele e pulitele eliminando i semi ed i filamenti interni. Intanto preparate il loro ripieno: in una ciotola sbriciolate la mollica di pane, aggiungete le olive e le noci spezzettate, l’uvetta ammorbidita in acqua tiepida, i pinoli, i capperi, il prezzemolo tritato finemente e l’aglio schiacciato (ricordate di eliminarlo prima di utilizzare il composto). Salate, condite con abbondante olio e lasciate insaporire per circa trenta minuti. Con il composto, riempite le “peparulesse” tenendo da parte quello che resta. Disponete sul fondo di una teglia rettangolare ben oleata, uno strato di pomodori affettati in senso orizzontale e su di essi adagiate i pezzi di baccalà e le “peparulesse” ripiene. Spolverizzate il tutto con la restante mollica, irrorate abbondantemente di olio e fate cuocere in forno, a calore moderato, per circa venti minuti, prestando attenzione che la superficie diventi dorata e croccante. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO Farmacie di turno PICCA Via Mons. Bologna, 24 Tel. 0874.416177

ISERNIA Farmacia di turno SILVESTRI Via Lazio, 10 Tel. 0865.50789

NERILLI Via Monforte, 2 Tel. 0874.311373 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Municipio 0874.4051

Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CARUSO - Via Delle Querce, 1/F - Tel. 0875.751898 Ospedale San Timoteo - centralino 0875.71591 Municipio - Tel. 0875.7121 Stazione Ferroviaria - Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto - Tel. 0875.746484

A D N E AG

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza Arrivo 06:02 07:40 06:49 08:35 09:30 11:07 12:20 14:11 14:12 15:56 17:13 19:02 17:40 19:30 20:55 22:45 TERMOLI-CAMPOBASSO

Ariete 21 mar - 20 apr

(DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:46 07:39 06:44 08:23 12:13 13:56 13:22 15:00 14:40 16:25 16:13 17:59 17:14 18:55 18:40 20:30 20:48 22:38 CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:50 08:53 08:28 11:40 12:19 16:25 14:15 17:16 16:30 19:25 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 06:15 09:15 11:15 14:15 14:47 16:45 17:15 19:40

Arrivo 09:18 12:15 15:22 17:30 19:25 20:15 20:46 22:40

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:24 06:54 13:11 14:15 16:30 18:03

Arrivo 07:48 09:18 10:47 16:03 17:39 20:02 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 05:51 05:51 12:14 12:40 14:13 15:06 15:22 17:30 19:43

Arrivo 08:55 09:18 15:22 16:02 17:09 17:30 19:25 20:28 22:20

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 -8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,3012,40-13,30-13,45 -14,00 (anche festivo)14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata cercate di non scappare da certe situazioni, poiché è sempre meglio affrontarle piuttosto che rimandarle! Ciò ve lo dicono sempre le persone che vi sono intorno, ed in effetti è proprio la verità. Non siete molto abituati a prendervi le responsabilità non appena si presentano, dovete sempre rifletterci un po' e questo vi fa perdere molto tempo! Toro - In questa giornata non sarete molto sicuri di voi stessi e questa vostra insicurezza la trasmetterete anche agli altri. Se dovete concludere un affare quindi, dovrete fare molta attenzione a non dare a vedere troppo il vostro disagio, altrimenti potrebbe andare tutto a vostro discapito. Gli altri non possono prendere sempre il vostro posto! Gemelli - In questa giornata potreste dovervi ricredere su alcune affermazioni fatte nei giorni passati, nei quali spesso avete trascurato la parte più sensibile di voi e avete tirato fuori il lato irriverente. Questo vi insegnerà qualcosa, soprattutto quando le persone che avete ferito verranno a chiedervi conto del vostro operato e non vi lasceranno semplicemente scusare! Cancro - In questa giornata potreste dover stravolgere qualche piano, poiché ci saranno delle questioni più urgenti e più piacevoli alle quali rivolgere la vostra attenzione. E' possibile che il lato sentimentale sia quello più coinvolto e quindi potrete senza dubbio provare delle emozioni che non provavate da parecchio tempo e che permetteranno al vostro umore di migliorare! Leone - In questa giornata ci potrebbero essere più persone irresistibilmente attratte da voi e dal vostro modo di fare. Questa non è certo una novità, ma quello che potrebbe esserci di nuovo è che anche voi siate combattutti tra più persone! Dovrete scegliere prima o poi, quella alla quale dedicare tutta la vostra, ed esclusiva attenzione, in quanto nessuno merita di dividervi con altri! Vergine - In questa giornata avrete sicuramente modo di prendervi del tempo tutto per voi per riflettere o altro, ma sarete spesso anche interrotti, da qualcuno che vorrà sapere di voi, dei vostri progetti, del vostro futuro. La parola futuro in questo periodo la sentite spesso e, se da un lato vi eccita, dall'altro vi spaventa, come è anche giusto che sia! Bilancia - Potreste dover cambiare qualcosa nei vostri programmi, ma questo non è una novità in quanto siete abituati a gestire certe situazioni di emergenza. Quello che magari non vi andrà giù, sarà il fatto che questi contrattempi, non saranno dovuti a questioni serie, ma al'inerzia altrui! In questo caso, farete bene a ribellarvi e a dire quello che pensate! Scorpione - Oggi, dopo qualche tumulto nei giorni passati, trascorrerà abbastanza serena e questo grazie al vostro umore nettamente migliorato. Anche se ogni tanto avete qualche strascico, cercherete di non darlo a vedere e cercherete di rilassarvi per non pensare a cose negative! Fate benissimo a cercare la vostra armonia e a non permettere che qualcuno la intralci! Sagittario - La giornata potrebbe rivelarsi particolarmente intensa anche per voi che non vi amentate mai della fatica! Probabilmente ci saranno delle occasioni in cui non basteranno le vostre capacità oratorie, ma dovrete mettere in pratica anche la furbizia e la tenacia. Ci potrebbero essere dei confronti importanti, ma voi ne verrete fuori con la solita eleganza, sebbene un po' provati! Capricorno - In questa giornata vi dovrete mostrare particolarmente versatili, poiché le varie situazioni in cui vi andrete a trovare lo richiederanno! Niente sarà così diverso dal solito, ma ciò che dovrebbe cambiare, sarà l'intensità del vostro impegno, poiché potreste davvero concludere qualcosa di importante oggi, come ad esempio l'affare del secolo! Acquario - In questa giornata sarebbe bene cercare di mandare un messaggio positivo alle persone che di solito credono in voi ed in quello che fate, poiché soltanto in questo modo esse si rassicureranno e verranno incondizionatamente dalla vostra parte! Cercate di non giungere a conclusioni affrettate se qualcuno sarà meno convinto di altri, dovete solo avere pazienza! Pesci - In questa giornata qualcuno dei vostri amici o il vostro partner, potrebbe rivelarsi più impulsivo degli altri giorni e farsi uscire qualche parola di troppo, che generalmente non gradite! E' vero che queste vi dovranno delle scuse, ma non esagerate nel pretendere troppo, poiché talvolta capita anche a voi di sbagliare e non ve ne viene fatta una tragedia!

23 ANNO III - N° 67 MERCOLEDÌ 24 MARZO 2010



lagazzettadelmolise230310a