Issuu on Google+

ANNO III - N° 283 - MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AD ALDO DE BENEDITTIS Un’altra stangata finanziaria in vista per il Comune. Il capogruppo del Pd, Antonio Battista, ha ricordato che l’ente deve all’Inpdap 8 milioni di euro per i contributi previdenziali sospesi per il sisma del 2002 (circa 6,7 sono a carico di palazzo San Giorgio, la restante parte a carico dei dipendenti). L’assessore al Bilancio, Aldo De Benedittis, è sembrato cadere dalle nuvole e lo stesso Battista gli ha “consigliato” di dare un’occhiata ai documenti contabili dell’amministrazione precedente che ha opportunamente stilato il bilancio. Nell’attesa di questa “rinfrescata” di memoria, De Benedittis si becca il nostro tapiro.

L’OSCAR DEL GIORNO A MICHELE PICCIANO Nessuno dono costoso e quindi niente sperperi. E’ stata questa la politica adottata quest’anno dal presidente del Consiglio regionale Michele Picciano che, in occasione del Natale, ha abbandonato l’idea di regali e feste sfarzose per gli inquilini di palazzo Moffa e gli addetti agli uffici. Picciano, ieri, ha scelto di augurare ‘buone feste’ con un piccolo brindisi, accompagnato da panettone e torrone, nella stanza antistante l’aula dei lavori. In sottofondo la musica di Piero Ricci e degli Eclettica Pagus, esibizione rigorosamente gratuita. Dunque, pare proprio che dopo il presidente abbia agito nell’ottica dell’economia e per questo merita il nostro oscar.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Economia, asse Iorio-Scasserra? Convergenza sui fondi Fas per rilanciare il territorio La frattura insorta tra la Regione Molise e l’Associazione degli industriali del Molise, determinata dal finanziamento aggiuntivo concesso dalla Regione allo zuccherificio di Termoli, va sanata possibilmente in fretta, per il bene del Molise. Regione è Assindustria sono i pilastri che reggono il presente e, soprattutto, il futuro della nostra realtà. Che uno dei due dia segno di cedimento, è un pericolo che va scongiurato ricorrendo alla personalità politica e amministrativa di Michele Iorio (per la Regione ) e alla personalità manageriale e operativa di Michele Scasserra (per Assindustria): uomini di differente generazione, ma espressione univoca di praticità, per nulla disposti a concedersi distrazioni o, peggio, risentimenti. Solo pochi mesi fa (luglio 2010), con la convocazione degli Stati Generali e la sottoscrizione del Patto per lo sviluppo, sembrava che i rapporti fossero destinati a produrre effetti rivitalizzanti sia per chi ha la responsabilità di programmare e di utilizzare le risorse pubbliche e per chi, a sua volta, ha la responsabilità di rappresentare il mondo della produzione e, di riflesso, del lavoro. Si erano dati vicendevolmente la mano per uscire da una oggettiva condizione di difficoltà resa ancora più pesante dalla crisi globale. Con il Patto per lo sviluppo veniva sancito un patto, appunto, in cui i firmatari assumevano impegni precisi tra cui, a carico della Regione: una strategia di uscita dalle attività di impresa; la riduzione delle imposte locali attraverso i tagli alla spesa pubblica; il ripianamento del debito della sanità grazie ad una innovativa riorganizzazione del sistema. A detta di Scasserra, questi impegni non sono stati onorati e se parzialmente onorati (l’avvio dei tagli alla spesa pubblica e della riorganizzazione del sistema sanitario) ciò avrebbe dovuto escludere l’utilizzazione dei Fondi per le aree sottoutilizzate (Fas). Quei fondi hanno altra destinazione, a sostegno delle attività produttive, degli investimenti, delle opere utili a muovere l’economia complessiva del territorio. Ma il boccone che gli industriali del Molise non riescono ad ingoiare è la persistenza con cui la Regione Molise continua ad essere presente con propri capitali in alcune industrie locali del settore agricolo (zuccherificio), agroalimentare (Soligral) e tessile (Itr), a dispetto dell’impegno sottoscritto di

avviare una strategia di uscita delle attività di impresa. Attività che Scasserra rivendica spetti unicamente al capitale privato e alla selezione del mercato, lasciando le risorse pubbliche, e in particolare i Fas, destinate a migliorare il sistema delle infrastrutture, della ricerca scientifica e tecnologica e della formazione professionale. La posizione è netta e coraggiosa, che fa da spartiacque alla inveterata tendenza del pubblico a mischiarsi al privato per trarne vantaggi contingenti, spesso elettoralistici e clientelari. La diatriba, che certo non è nuova, è stata rinfocolata non appena è stata data notizia

che altri soldi pubblici sarebbero andati a sostegno dello zuccherificio per tacitare il coro della richiesta di aiuto in cui canta la gran parte dei partiti politici che nel basso Molise e nel settore agroalimentare pescano voti. Scasserra per essere il presidente degli industriali, nella tutela del settore certo non esclude lo zuccherificio, ma ha il dovere di preoccuparsi dell’intero comparto e, quindi, di tutte le piccole e medie imprese molisane che soffrono anche per i mancati pagamenti della pubblica amministrazione, per l’incremento delle imposte che incombe come una spada di Damocle e per le difficoltà di accesso al credito; una realtà composita e maggioritaria che recepisce “la decisione in favore dello zuccherificio come un vero e proprio schiaffo alla loro condizione di criticità”. Difficile dargli torto. Anzi, per il coraggio di essere chiaro e diretto nelle sue esternazioni va apprezzato e considerato, in quanto è dimostrazione che la distinzione dei ruoli e delle responsabilità è l’unica maniera per evitare commistioni e fraintendimenti. Obiettivo, questo di evitare commistioni e fraintendimenti, debitamente incluso a pieno titolo nel Patto per lo sviluppo che Scasserra opportunamente ha richiamato perché venga rispettato. Pena, come accennavamo, il crollo della struttura (Regione Molise – Assindustria Molise) che regge la nostra realtà. A.Cu.

Fondo unico anticrisi, fino a 500mila euro per le imprese Il Comitato di pilotaggio del Fondo unico anticrisi ha approvato un pacchetto specifico rivolto a migliorare le condizioni di attrazione per l’insediamento di gruppi e di imprese che rilevano aziende in difficoltà. È quanto si legge in una nota a firma congiunta dei tre assessori regionali Fusco, Marinelli e Vitagliano che annunciano “fino a 500mila euro alle imprese che rileveranno aziende in difficoltà garantendo, altresì, la continuità dei posti di lavoro. Un significativo abbattimento degli interessi dovuti per l’attivazione delle linee di prestito tese alla realizzazione degli investimenti conseguenti al piano industriale di rilancio delle aziende”. Per avanzare domanda basta compilare gli appositi moduli presenti sul sito internet www.finmolise.it.

Invalidità, l’Inps unico interlocutore del cittadino CAMPOBASSO – L’Inps del Molise diventa da oggi l’interlocutore unico del cittadino residente in regione in tutte le fasi del processo di riconoscimento sanitario, amministrativo ed economico delle prestazioni di invalidità civili. È stata sottoscritta lunedì scorso, infatti, tra il direttore regionale Inps del Molise, Gabriele Mastragostino, e il direttore generale della Regione Molise, Antonio Francioni, la convenzione (predisposta con delibera della Giunta regionale 815 del 11/10/2010) con la quale vengono affidate all’Inps del Molise le attività relative alle concessioni nei

procedimenti di invalidità civile, cecità civile, sordità civile, handicap e disabilità. Un grande risultato sociale di cui va dato atto all’azione sinergica del direttore regionale Inps Molise, al presidente della Regione, Angelo Michele Iorio, ed all’assessore, Angiolina Fusco, che hanno seguito tutte le fasi dell’accordo portandolo a compimento in brevissimo tempo ed a pochi mesi dalla sottoscrizione dell’accordo quadro tra il ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali e la Conferenza permanente per i rapporti fra lo Stato e le regioni.


PRIMO PIANO Zuccherificio CAMPOBASSO - Un Natale amaro. Il tribunale amministrativo regionale ha annullato tutte le delibere approvate dalla giunta Iorio in favore dello Zuccherificio del Molise, denunciando un “allontanamento radicale” tra quando dichiarato dall’ente alla Comunità europea e quanto effettivamente realizzato. Stando alla sentenza la Regione ha sottoscritto un “consistente aumento del capitale sociale e contemporaneamente ha aumentato il controllo del socio pubblico”, nonostante l’annuncio di una exit strategy che riportasse lo Zuccherificio

Tar, bomba ipercalorica per Michele Iorio in una dimensione di mercato. Invece la giunta Iorio si è impegnata in “una rivisitazione strategica dell’intera filiera saccarifera”; da partner di supporto a cervello gestionale, insomma. Da un lato si annunciava “un interesse diffuso per l’ingresso nel capitale sociale di ulteriori soggetti istituzionali, portatori di interessi specialistici di settore che potrebbe determinare una progressiva riduzione delle quote in capo alla Regione Molise”. Dall’altro però si certificava la sussistenza “si condizioni (economiche, ndr) tali da dover prefigurare un ulteriore intervento regionale, in termini finanziari e patrimoniali”. Come dire: lo Zuccherificio interessa ad altri soci, se il deficit e la ristrutturazione se le accolla la Regione Molise. E così è stato. Ancora il primo feb-

braio di quest’anno, dopo una mole impressionante di finanziamenti già erogati, la Regione disponeva un ulteriore prestito di cinque milioni di euro e una ricapitalizzazione di dieci. Va detto che in un primo momento la camera di consiglio del Tar, accogliendo l’istanza cautelare (ord. n.172 del 2010), esortava il governatore a “a porre in essere tutte le azioni finalizzate al mantenimento dell’attività dello Zuccherificio di Termoli, anche attraverso eventuali impegni finanziari da parte della Regione”. Peccato che nel giro di qualche mese cambi tutto: “il Collegio - si legge nella sentenza - rileva che oggetto della presente impugnazione sono le delibere della giunta regionale, e in particolare la n.94 del 2009”. I giudici sottolineano come “l’obiettivo di ricapitalizzare e finanziare, per valorizzare le proprie azioni in caso di uscita dalla società” non è coerente con “la decisione di trasformare le proprie azioni da ordinarie in privilegiate”. Inoltre

la delibera impugnata risulta “illegittima in quanto la giunta regionale appare incompetente a decidere in ordine alle modifiche statutarie poi attuate dalla società Zuccherificio del Molise”. Una gestione spericolata che è anche un’accusa politica. Non a caso Massimo Romano

gongola per lo stop imposto ad “un’operazione allucinante”, studiata a tavolino “da due o tre persone”. Una vittoria parziale, in vista del Consiglio di stato. Resta il dubbio, che ne sarà della partecipazione pubblica all’industria saccarifera? afv

Ieri Giunta al lavoro per pre-adottare il Bilancio di previsione

Rendiconto approvato solo dal centrodestra Il documento passa l’esame del Consiglio regionale tra le proteste dell’opposizione. Sforato il Patto di stabilità e aumentata la spesa sanitaria ma per l’assessore Vitagliano “si arriva a certe cifre per meri meccanismi contabili” CAMPOBASSO – Nemmeno le zampogne di Piero Ricci e dei suoi Ecletnica Pagus sono riuscite a stemperare l’aria tesa che si respirava ieri mattina a palazzo Moffa. Fatti gli auguri, che quest’anno sono stati decisamente più sobri, i consiglieri regionali sono tornati in aula in ‘tenuta militare’. Almeno quelli dell’opposizione che compatti hanno abbandonato i banchi in segno di protesta contro il rendiconto 2009 della Regione Molise. Il consuntivo è stato infatti approvato con i voti del centrodestra, nonostante il giudizio negativo espresso dal Collegio dei Revisori dei Conti che ha evidenziato lo sforamento del Patto di stabilità di ben 131 milioni di euro e l’aumento dell’indebitamento sanitario. Il suo presidente, Riccardo Tamburro, ha espresso grande preoccupazione per l’entità della somma “che rappresenta una percentuale ragguardevole dell’intera spesa (7%)” come pure della spesa sanitaria “che a differenza

degli anni scorsi mette in luce una componente troppo corposa per il bilancio regionale e tale da poterlo destabilizzare”. Va detto che nel rendiconto 2009, arrivato in aula con 6 mesi di ritardo (e anche su questo punto lo scontro è stato vivace), i costi della nostra sanità sono lievitati rispetto agli anni passati. E questo nonostante i maggiori trasferimenti

del governo centrale e i vincoli del piano di rientro. “Inoltre – come si legge nella relazione di Tamburro che si è poi astenuto al momento di votare – il trend delle perdite d’esercizio dell’Asrem destano allarmante preoccupazione per la tenuta del sistema e per la relativa copertura finanziaria”. A convincere la maggioranza è stato l’assessore

alla Programmazione Gianfranco Vitagliano che ha bollato i numeri del rendiconto come “non rispondenti alla realtà. E’ un documento ‘freddo’ che arriva a certe cifre per meri meccanismi contabili”. Per tradurre Vitagliano servirebbe un ragioniere, e i giornalisti si sa, sono quasi sempre scarsi in matematica. E’ chiaro a tutti però che i livelli di spesa (sia per i pagamenti che per gli impegni) sono al di sopra delle possibilità economiche delle magre casse regionali. E, ciliegina sulla torta, sempre ieri pomeriggio la Giunta regionale ha preadottato il Bilancio di previsione. Si tratta di un documento fondamentale per l’economia del territorio da approvare entro il 10 gennaio (dopo un passaggio in commissione). Non desterà alcuno stupore se poi sarà quella stessa ‘bozza’ a condizionare il tessuto sociale della Regione così come ieri sera, nel chiuso di una stanza, il presidente Iorio e i suoi assessori hanno deciso. AD


REGIONE Primarie, il cerchio si stringe CAMPOBASSO - “La situazione dei partiti in Italia è putrefatta, non è curabile, non può andare avanti. I partiti sono pure macchine di potere clientelare, niente di più. E non si riformano. O muoiono o continuano così, perché non c'è nessuna capacità di rimetterli in ordine”. Il politologo Giovanni Sartori fotografa così la situazione politica del nostro paese. Un velo opprimente di pessimismo che va però squarciato. Come? Per ridare dignità sociale ai partiti, questi ultimi vanno resi accessibili e scalabili. Ad oggi lo strumento più efficace sono le primarie. Solo così prassi democratiche come le elezioni risultano momenti vividi di selezione della classe dirigente, piuttosto che semplici ratifiche di yes man al servizio delle oligarchie. Le primarie segnano la differenza tra esserci (fisicamente, seduti in platea) e partecipare (incidere, influenzare le decisioni). Scongiurano il rischio di rattrappimento dei singoli, combattono la rassegnazione dilagante, introducono un momento d’incertezza in una politica sempre più ingessata. Nei prossimi giorni cominceremo a intervistare i singoli candidati; voi continuate a votare il leader del centrosinistra in vista delle provinciali di Campobasso, scrivendo a primariecb@gmail.com. afv

Muccio 1

Sicurezza sul lavoro, 300mila euro al Molise

Nagni 4 Macchiarola 14

Romano 9

D’Ascanio 11

Ora responsabilità, subito i gazebo L’elaborazione di un programma comune è il primo passo per rilanciare il centrosinistra. Poi, per decidere chi dovrà portare avanti questo programma, il modo migliore è affidarsi alle primarie di coalizione. Se i partiti non sono d’accordo con questo processo dicano chiaramente perché e quali alternative ci sono. Le primarie sono un momento fondamentale della vita politica del

Ammontano a circa 300 mila euro le risorse concesse dall’Inail alle imprese molisane per la sicurezza sul lavoro. L’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni ha infatti pubblicato il bando. L’obiettivo è quello di incentivare a realizzare interventi finalizzati al miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: possono quindi essere presentati progetti di investimento, di formazione e per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale. Le imprese possono presentare un solo progetto, per una sola unità produttiva, su tutto il territorio nazionale. Destinatari sono tutte le attività, anche individuali, iscritte alla Camera di Commercio Industria, Artigianato ed Agricoltura. La domanda di contributo può essere presentata tramite procedura informatica a partire dalle ore 14 del 12 gennaio 2011 e fino al 14 febbraio 2011. Per la presentazione della domanda, oltre al possesso dei requisiti di ammissibilità, è necessario raggiungere altri parametri come la dimensione aziendale, la rischiosità dell’attività di impresa, il numero di destinatari, la finalità e l’efficacia.

Pd e per statuto sono il sistema con il quale vanno scelti i candidati. Le primarie per la Provincia di Campobasso dovranno essere fatte in tempi brevi e non troppo a ridosso delle elezioni: le responsabilità di dare un futuro migliore al nostro territorio ricadono su di noi. Non possiamo permetterci il lusso di discutere all’infinito. Giose Trivisonno, segretario Pd Campobasso

Iacp, Lepore passa al contrattacco: “Attacchi strumentali” CAMPOBASSO – Accusato, si difende e rilancia. Per il collegio dei revisori dei conti dello Iacp, il commissario dell’Ente, Pierluigi Lepore, avrebbe fruito di doppi rimborsi per la stessa trasferta con un uso improprio, sia dell’auto a disposizione della struttura, sia di quella personale. La Procura di Campobasso ne ha chiesto il rinvio a giudizio per abuso d’ufficio e truffa. Accuse che lo stesso Lepore è pronto a respingere domani, in un incontro con la stampa, nella sede dello Iacp. Il verbale sotto la lente degli investigatori è quello del 7 dicembre scorso e, in particolare, la dicitura “Viaggi istituzionali”. Il collegio dei re-

visori dei Conti ha preso in esame tutte le spese messe a rimborso da Lepore fino allo scorso mese di giugno. I mezzi dell’Ente sarebbero stati utilizzati, in realtà, molto poco, ma figuravano spesso sulla lista dei rimborsi, mentre l’auto privata (non autorizzata a diventare auto di servizio) era da inserire in questo elenco. L’autista, poi, è assicurato per guidare l’auto dello Iacp, non quella di Lepore e, in caso d’incidente, le grane si raddoppierebbero. La truffa, in particolare, si riferisce al periodo dal 2006 al 2008 quando Lepore, all’epoca presidente dell’Arsiam, avrebbe, per gli inquirenti, compilato falsi moduli per il rimborso

delle spese sostenute per il suo ruolo istituzionale. Rimborsi impropri per oltre 10mila euro, avuti falsificando, di fatto, la modulistica, e per i quali dovrà rispondere in udienza preliminare il prossimo 18 gennaio. Il diretto interessato, in attesa dell’incontro di domani con la stampa, prepara la sua difesa. “Recentemente sono stato oggetto di una serie di attacchi del tutto strumentali e fuorvianti da parte di un giornale locale – spiega Lepore – che sta cercando in tutti i modi di creare una polemica del tutto inesistente circa mie presunte irregolarità nello svolgimento delle mie funzioni”. Il commissario dello Iacp poi entra nel me-

rito: “Quando si è verificato l’utilizzo nella stessa giornata della macchina dell’Ente e di quella di mia proprietà, la circostanza si riferisce ad orari e situazioni completamente diversi. L’utilizzo della mia autovettura personale è disciplinato da un apposito regolamento, approvato in epoca precedente al mio insediamento, che tuttavia ho modificato di mia iniziativa attraverso la riduzione del 20% dei rimborsi chilometrici. Tuttavia, non saranno certamente queste cose a scalfire la mia immagine e, soprattutto, la mia tenacia. Da oggi – conclude Lepore – svolgerò il mio ruolo con maggior entusiasmo e determinazione”.


CAMPOBASSO Maxi operazione dei carabinieri di Campobasso, duro colpo al mercato degli stupefacenti

“L’erba di Grace”: venti arresti C’era una spessa coltre di nebbia, ieri mattina, e le prime luci di un’alba ancora timida, quando il blitz è scattato. Le sirene spiegate a rompere gli indugi, a frantumare la tranquillità di chi pensava di poter dormire sonni tranquilli ancora per un po’: è cominciata così la maxi operazione “L’erba di Grace”, messa a segno dai carabinieri del nucleo investigativo di Campobasso. E questa volta, ovviamente, non si è trattato di un film. Eppure, l’incursione realizzata dagli uomini del capitano Gismondi non sembra priva di una certa “cinematograficità”; almeno nella dinamica: 120 militari impiegati, due unità cinofile (provenienti dal comando di Chieti) e un elicottero appartenente al 7° nucleo di Pontecagnano. Impressionanti anche i numeri dell’operazione, conclusasi con venti arresti. Nel mirino degli inquirenti giovani tra i 18 ed i 36 anni - oltre alla pregiudicata

52enne S.C. residente nel capoluogo - molti dei quali incensurati: è proprio questo il dato che spaventa maggiormente, sottolineando il dilagare di un fenomeno che ormai investe in maniera prepotente anche la realtà locale. Se non proprio allarme sociale, poco ci manca: “Siamo di fronte ad un problema serio – ha affermato Gismondi – che vede nella prevenzione il nemico più temuto. I genitori devono essere i primi a non abbassare mai la guardia e a capire che non sono soli perché hanno le autorità sempre al loro fianco”. Le indagini sono scattate qualche mese fa, quando l’attenzione degli uomini di via Mazzini è caduta sui ripetuti viaggi di una donna di Salerno che, tornando spesso a Campobasso per far visita al marito detenuto, non perdeva l’occasione di consegnare grossi quantitativi di stupefacenti ai rifornitori del posto. Gli approfondimenti condotti successiva-

mente hanno svelato la presenza di una rete di spaccio capillare ed efficiente. I trafficanti più piccoli, impegnati nella vendita al dettaglio sul territorio, facevano capo a pusher più grandi ed esperti, in larga misura “vecchie conoscenze” delle forze dell’ordine. In molti casi a gestire lo smistamento e la vendita erano persone unite da legami di parentela, pronte a “sostenersi” a vicenda nel caso in cui, ad esempio, qualcuno degli “affiliati” non avesse la dose richiesta da un proprio cliente. La struttura criminale poteva contare anche ‘pali’ e ‘vedette’ pronte a segnalare l’eventuale presenza dei militari. Per eludere le ‘sentinelle’ e garantire la riuscita degli appostamenti, i carabinieri hanno usato un’automobile sequestrata nelle scorse settimane ad uno spacciatore della zona, in modo da non destare alcun sospetto. Marijuana, hashish, cocaina, crack e cobret: questi i tipi di droga sequestrati in

Inpdap, otto milioni di contributi sospesi Battista (Pd): l’assessore consulti i documenti degli anni passati CAMPOBASSO – Il capogruppo del Pd in Consiglio comunale, Antonio Battista, interviene sulla questione dei contributi previdenziali, sospesi in seguito al terremoto del 2002, da restituire all’Inpdap che ammonterebbero ad otto milioni di euro. “Le difficoltà a gestire la città si tenta di scaricarle ancora una volta, ancora a torto, sulle passate amministrazioni. L’assessore – spiega – ancora si chiede che ‘fine hanno fatto gli otto milioni di euro dato che il provvedimento di sospensione risale alle precedenti amministrazioni’. Provasse o a leggere i documenti contabili degli anni passati, oppure a farseli spiegare dal dirigente, si accorgerebbe facilmente che le passate amministrazioni hanno provveduto correttamente ad appostare le somme annualmente sui capitoli relativi e conseguentemente ad impegnarle. A fine anno – ricorda Battista – le poste sono transitate nei residui passivi. E quindi perfettamente disponibili e spendibili. Si cerca di raggirare la propria maggioranza e l’opinione pubblica, con dichiarazioni populistiche oramai di nessuna utilità”. Per cui, “andavano intraprese altre iniziative. La

prima: un intervento di sensibilizzazione sul governo Berlusconi mirato all’adozione di norma di legge a tutela degli Enti e dei lavoratori per un rateizzazione molto più lunga della restituzione; la seconda: una azione legale mirata a vedersi riconosciuto un numero di ratei di restituzione, in linea con le prime interpretazioni della norma di istituzione del beneficio di sospensione, che prevedeva l’ultima rata nel 2030. Non solo per gli enti interessati, ma per tutti i dipendenti coinvolti – conclude il capogruppo del Pd – sarebbe risultata una soluzione di molto aiuto considerato la difficile congiuntura attraversata dalle nostre famiglie”.

enormi quantità nel corso delle irruzioni effettuate nelle abitazioni dei pusher. E così a finire in manette sono stati in tanti, tantissimi: M.F., G.D., C.M., P.M, 19enni incensurati di Campobasso, cosi come F.G. di 18 anni. Rinchiusi nel carcere di via Cavour anche D.P.D., 22anni, D.V.E. e D.V.C., 29 e 26 anni, L.P., 31: tutti pregiudicati del capoluogo. Stessa sorte per l’incensurato C.M. ed il pregiudicato R.G., rispettivamente di 23 e 18 anni, di Termoli, per I.F., 24enne di Duronia e per la giovane T.R., 23enne da Scafati, entrambi incensurati. Arrestato anche R.I., pregiudicato nato in Marocco e residente a Campobasso. I provvedimenti emessi dal gip Teresina Pepe su richiesta del pm Fabio Papa hanno previsto, inoltre, i domiciliari per D.A.F. (37 anni) e D.P.M. (22), rispettivamente di Campobasso e Ferrazzano, tutti e due pregiudicati. Colpiti dalla misura

cautelare dell’obbligo di dimora, invece, P.E., pregiudicato 22enne del capoluogo, T.O., 19enne di Oratino e S.M., 19enne di Campobasso, incensurati. Previsti oggi gli interrogatori. Lu.a.

Schianto in tangenziale: domani i funerali di Americo Palombo Oggi, invece, l’autopsia sul corpo del 45enne scomparso lo scorso sabato A Castellino sono i giorni del dolore, in attesa dell’ultimo saluto ad Americo Palombo. I funerali del 45enne scomparso lo scorso sabato in seguito al drammatico incidente avvenuto sulla tangenziale est di Campobasso dovrebbero essere celebrati domani, quando tutta la comunità si stringerà in cordoglio attorno alla famiglia dell’uomo, che lascia una moglie e due figli. Dopo la disperata corsa in ospedale e l’intervento d’urgenza dei medici del “Cardarelli”, le condizioni dell’autista della Sati sono precipitate nel tardo pomeriggio. Una circostanza che è ancora al vaglio dell’inquirenti: oggi dovrebbe aver luogo l’autopsia, mentre i funerali sono previsti per domani. Fin quando l’esame autoptico non sarà ultimato, infatti, non si potrà procedere alle esequie. E giovedì sarà anche il momento della proclamazione del lutto cittadino, già annunciato dal sindaco Fratangelo. Intanto, la Procura di Campobasso è ancora al lavoro per chiarire la dinamica dell’incidente che ha strappato Americo all’affetto dei suoi cari.


SPETTACOLI Tra le hit “Messico e nuvole” e “Tutta mia la città”

Palma e il suo rocksteady Questa sera concerto con i Bluebeaters al Grand hotel Europa ISERNIA - Il ritorno in Molise di Giuliano Palma e dei Blubeaters è sempre gradito dal suo pubblico, che, evidentemente, lo ama tanto, da non abituarsi ai suoi live, e comunque tanto da non stancarsi. Questa sera il live si terrà al Grand hotel Europa ad Isernia alle 22.30 , il repertorio spazia nell’ormai consolidata tracklist che, in chiave rocksteady, ska, reggae, ripesca dagli anni ‘60 a piene mani successi mai tramontati. Ecco che così restano immortalati per sempre, autori come Jannacci per “Messico e nuvole”o Vandelli per “Tutta mia la città”. Palma e i suoi Bluebeaters, musicisti di Fratelli di soledad, Africa Unite, Casino Royale, hanno un proprio marchio musicale che li contraddistingue tra gli altri. Nei 5 album pubblicati dal 1999, il sound resta immutato, l’energia sempre positiva, e il pubblico ripaga sempre con grande affetto. Quest’estate a Riccia e Ripalimosani, ora ad Isernia, con la band che arriva da Novara e proseguirà domani per Genova. Informazioni 3391258438, 3381051949. chp

CONCERTO ISERNIA- L’orchestra sinfonica della Moldavia sarà in concerto in Molise il 27 dicembre nall’Aula Magna dell’Università agli Studi di Isernia. Per la prima volta in Italia, l’orchestra sarà diretta dal maestro Fernando Raucci, al pianoforte solista, ci sarà Simone Sala (foto). Il concerto avrà inizio alle 21.00. I musicisti, provenienti da Chisinau, saranno in Italia sino a gennaio 2011. Il maestro Sala eseguirà arie di Mozart. Nella seconda parte sonate di Tchaikovsky e in chiusura “Christmas festival”. Ingresso euro 15.00.

“La sposa perplessa”

JELSI - Il monologo di Palma Spina “La sposa perplessa”, andrà in scena nella Sala dell’Annunziata “G.Santella” in largo chiesa madre a Jelsi domenica 26 dicembre e sabato 1° gennaio. Nelle due date lo spettacolo sarà proposto in due orari, alle 17.30 e alle 20.30. L’evento è promosso dall’associazione culturale “Carri in cantiere” e dal Comune. La trama della scrittrice molisana è sempre accattivante e adatto ad un pubblico eterogeneo. Possibile prenotare posti a sedere al numero 3496870148.

Flash La sera di Natale al Blue Note di Ripalimosani il Funkydrome, special guest Ruby Trainer, alla discoteca Alexander set di Provenzano in diretta su M2o, al Move special guest Master Freez, al Red Passion Ben dj, con la sua hit “Smile”, da Rudy’s lounge bar, set di Charles Papa. Ad Isernia al discobar La Strada ospite la showgirl Ayda Yespica (foto).

I Muse rischiano 5 anni di embargo live in Australia

'Awesome as Fuck', nuovo album live dei Green Day

I Muse rei di aver disobbedito alle regole antifumo in Australia rischiano 5 anni di embargo live. Il fattaccio è avvenuto durante un concerto alla Rod Laver Arena di Sydney, il bassista Christopher Wolstenholme è salito sul palco e si è acceso una sigaretta, malgrado gli ufficiali per la sicurezza li avessero avvertiti prima di salire di non farlo, perchè nella venue le regole antifumo valgono per tutti.

Già ad agosto Billie Joe Armstrong aveva anticipato che i Green Day erano sul punto di pubblicare un nuovo disco dal vivo. Oggi la notizia ha i crismi dell'ufficiosità: il titolo sarà probabilmente Awesome As Fuck, e sarà in vendita da metà marzo: un doppio con i brani delle migliori performance dal vivo del "21th Century Breakdown Tour".

7 ANNO III - N° 283 MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010


ANNO III - N° 283 - MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Centro commerciale okkupato www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO AL CANILE DI POGGIO SANNITA Già nei giorni scorsi aveva ricevuto il nostro tapiro, ma sicomme siamo amici degli animali non possiamo che ritornare su un caso deplorevole. Stiamo parlando del canile di Poggio Sannita, sulla carta gestito da un’associazione onlus ma che, di fatto, è abbandonato a se stesso. I tanti cani presenti nella struttura sono malati e senza cibo. Non è servito a nulla l’intervento delle autorità, in primis del sindaco Tonino Palomba. Al canile sono tornati nuovamente i Carabinieri del Nas che hanno effettuato i rilievi del caso. A Poggio sono arrivati anche molti animalisti che hanno chiesto giustizia. Gli stessi vogliono che la struttura venga sequestrata e i canii liberati. È Natale, aiutiamo i nostri amici a quattro zampe!

L’OSCAR DEL GIORNO A DANTE CICCHINI Il presidente delle Acli regionali ha ereditato un’associazione che è presente sul territorio molisano da oltre sessant’anni. Ma è anche grazie a lui e ai suoi collaboratori che il Patronato è diventato un punto di riferimento per tantissimi cittadini. Numerosi i servizi offerti, dal Caaf, alle consulenze pensionistiche. Una realtà che si sta espandendo sempre di più. A testimonianza di ciò l’apertura del circolo di Montaquila. E sono proprio i circoli il cuore pulsante di un’associazione che fa del volontariato e dell’assistenza i suoi punti di forza. Complimenti alle Acli e a Dante Cicchini.

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Flash Mob degli alunni di Liceo Classico, Industriale ed Artistico all’interno del centro commerciale

Gli studenti occupano In Piazza ISERNIA - Si chiama Flash Mob l’ultima forma di protesta messa in atto dagli studenti isernini contro la riforma dell’Istruzione varata dal Ministro Gelmini. Riforma in dirittura d’arrivo in Senato dopo essere stato approvato nei giorni scorsi anche dalla Camera dei Deputati. Mobilitazione Veloce, questa la traduzione in italiano di una forma di protesta ideata negli Stati anglosassoni ma che sta prendendo sempre più piede anche nella nostra nazione. L’obiettivo è quello di generare caos e disagi. In genere, i giovani si danno appuntamento in un luogo pubblico (una strada o una piazza) senza avvisare forze dell’ordine ed istituzioni e cominciano a protestare attraverso una forma d’arte che può essere il disegno o la musica. Una manifestazione pacifica che dura solo pochi minuti. Subito dopo, infatti, i manifestanti “rompono le righe” e si disperdono tra la folla, evitando di fatto l’intervento delle forze dell’ordine. E ieri mattina nel capoluogo pentro è successo qualcosa di simile. Gli studenti hanno scelto il centro commerciale in Piazza per far sentire tutto il loro dissenso contro una riforma che, secondo loro, distruggerà il futuro di tanti giovani. Una riforma che penalizzerebbe l’Università ma anche i

Provincia, il corso di formazione per bibliotecari è a rischio

10 ANNO III - N° 283 MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010

ricercatori precari. Con cartelloni, chitarre e fisarmonica si sono dati appuntamenti nel piazzale antistante il centro commerciale. Subito dopo sono entrati all’interno della struttura e, nello stupore generale di negozianti e cittadini, in modo del tutto pacifico, hanno occupato simbolicamente negozi e scale mobili. Una protesta a ritmo di musica e di balli che non ha provocato disagi. “E’ un modo estremo di manifestare – hanno spiegato gli studenti del liceo Classico, Industriale e Liceo Artistico - visto che attraverso l’occupazione dei nostri istituti (da oltre dieci giorni, ndr) non abbiamo ottenuto l’effetto che volevamo”. Tutto, dunque, è andato per il meglio. I giovani, infatti, durante la protesta hanno dimostrato un senso di responsabilità che in altre occasioni era mancato. Ma la mobilitazione degli studenti isernini non si fermerà qui. Per i prossimi giorni, infatti, hanno annunciato altre proteste contro il governo nazionale. Proteste che raggiungeranno l’apice proprio questa mattina, quando per le strade cittadine sfilerà un lungo corteo pacifico. Nel capoluogo pentro potrebbero arrivare anche gli studenti delle scuole superiori di tutta la provincia di Isernia.

Un’altra “perla” dell’Amministrazione Provinciale di Isernia: il corso per aiuti bibliotecari iniziato a maggio scorso è in pieno svolgimento, e dovrebbe concludersi a febbraio con il rilascio dei diplomi di frequenza agli iscritti, circa 200 tra laureati e diplomati. Ma, come si è appreso da varie fonti, il direttore del corso Agostino Rocco, che è anche il direttore della Biblioteca provinciale, verrà collocato a riposo per limiti di età dal 1° gen-

naio. Un fatto che pone seri dubbi sulla normale prosecuzione del corso, che si è sviluppato fino ad ora con lezioni bisettimanali di cultura e tecniche professionali inerenti la professione bibliotecaria. Stando alle notizie che circolano in Provincia, l’Ente non ha assunto alcuna decisione inerente la normale prosecuzione delle lezioni per assicurare agli iscritti il regolare rilascio degli attestati entro il mese di febbraio, come

era previsto dal programma. Questa situazione fa porre seri dubbi sul futuro e sulla regolare conclusione dell’iniziativa, per la qual cosa gli iscritti sono fortemente preoccupati circa i risultati di cinque mesi di studio e di impegno, profusi con grandi sacrifici personali al fine di seguire le lezioni del programma previsto dall’avviso pubblico a suo tempo diffuso dall’Amministrazione provinciale. Antonio Borreli, CittàMolise

Presepe vivente, attesa a San Pietro Avellana

Avsi, serata con Mozart e Pulcinella

Si terrà lunedì a partire dalle ore 16.30, presso la palestra polivalente dell'ex scuola elementare di San Pietro Avellana, la sacra rappresentazione della natività. Il presepe vivente è stato organizzato grazie al contributo fattivo del Museo della Civiltà Contadina e del Costume d'epoca e all'associazione culturale "Gli amici del Museo".

ISERNIA - Gli amici AVSI - Associazione Volontari per il Servizio Internazionale- della provincia di Isernia promuovono “Mozart e Pulcinella – serenata buffa di una notte napoletana”, spettacolo del trio Napolincanto che si terrà stasera alle ore 20.30, presso la Sala Conferenze della Provincia di Isernia in via Berta.


ISERNIA Non rispettate le licenze per costruire. I militari beccano anche due automobilisti ubriachi

Sei denunce nei cantieri edili

Weekend impegnativo per i Carabinieri della Compagnia di Isernia e Venafro che, nell’ambito delle attività predisposte e coordinate dal Comando Provinciale, hanno implementato i servizi sul territorio ed in particolare alla circolazione stradale per garantire la sicurezza della circola-

zione in concomitanza con l’aumento del movimento prenatalizio. Sono inoltre stati effettuati decine di interventi per soccorso connessi alla situazione di emergenza meteorologica che ha interessato tutto il territorio della Provincia. Durante i controlli sulla circo-

lazione stradale in due diverse località i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Venafro hanno sorpreso alla guida di veicoli due conducenti che sono risultati con tasso alcolemico superiore al limite consentito. Inevitabile la segnalazione alla competente Autorità Giudiziaria per “guida sotto l’influenza di sostanze alcoliche” con ritiro della patente, sottrazione dei punti e successivi accertamenti da sostenere per riottenere il documento dopo la sospensione. I carabinieri della Compagnia di Isernia, invece, hanno concentrato la loro attenzione nel controllo di cantieri edili, verificando che, su due di questi, non erano state rispettate le prescrizioni della licenza di costruire e pertanto sono state segnalate sei persone alla competente Autorità Giudiziaria, tra committenti, progettisti ed esecutori per costruzione difforme alla licenza concessa.

Un viaggio nelle Acli regionali Patronato al servizio di tutti Il programma “Il Molise che va”, condotto da Michele D’Alessio in onda oggi su Tlt Molise, subito dopo i tg, punta l’obiettivo sulle Acli – Associazioni Cristiane Lavoratori Italiani presenti nel Molise da oltre sessant’anni. Una realtà che ormai si è ramificata su tutto il territorio e quotidianamente è al servizio di centinaia di cittadini. Il movimento ama definirsi un albero dai tanti rami intendo per rami la molteplicità dei servizi offerti: il patronato, il Caaf, l’Unione Sportiva, la Federazione Pensionati, il Coordinamento Donne ed altri ancora. Il programma ricorda anche i vari personaggi che hanno fatto la storia delle Acli nel Molise. I presidenti regionali che hanno guidato le sorti dell’associazione Luciano Graziani, Armando Cocco, Michele De Gregorio, Tonino Gallotta, Peppino Di Fiore. Soci e simpatizzanti delle Acli tra i tanti anche i politici non più tra noi Vecchiarelli, Sammartino e La Penna e Lello Lombardi. Oggi come ieri i circoli, momento di incontro e di confronto tra soci, sono il cuore pulsante dell’associazione. I serviz, tutti assolutamente gratuiti, maggiormente richiesti, sono quelli del patronato, per lo più per fini pensionasti, ed i Caaf, ovvero il centro assistenza fiscale per le dichiarazioni dei redditi. Ma come risulterà dal programma presso le Acli si va per mille altre ragioni, giacché la disponibilità e la competenza del personale consentono l’instaurarsi di un rapporto più che familiare. Tante altre notizie e curiosità scoprirete guardando la prossima puntata non ultimo il saluto di Orlando D’Ippolito, quarant’anni di Acli ed oggi in pensione ma con il cuore sempre presso il suo patronato.

L’OPINIONE

Turismo, un plauso a Molise Promozione IAbbiamo rilevato con grande soddisfazione i dati forniti dal Presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto e da quello della Camera di Commercio Luigi Brasiello e, la gioia è stata tanto più grande, nel vedere l’enfasi e la partecipazione degli stessi nell’enumerare il successo. Naturalmente, per correttezza, ai dati presentati alla stampa dai due, c’è da annoverare, anche per una forma di narcisismo cronico della verità, delle circa 200 persone che il Consorzio Molise Promozione, associazione questa senza scopo di lucro, ha portato ad alloggiare nelle strutture ricettive di Capracotta dal 4 al 6 giugno scorso, cioè due piccole gocce del nostro sudore che grazie alla professionalità di Fernando Carluccio siamo riusciti a realizzare nelle sue splendide strutture ricettive”. E’ quanto dichiarato da Aida Romagnuolo che, come un trattore, si sta adoperando per lanciare realmente come si deve il turismo montano nella nostra Regione. Necessito ringraziare il Presidente Mazzuto per l’ottimo lavoro che sta realizzando con la Camera di Commercio di Isernia di Brasiello, perché i due Presidenti come la sottoscritta hanno compreso ed intuito che la promozione turistica nel Molise può esserci solo con un reale colpo di coda. Con questo voglio significare che è inutile andare alle mega manifestazioni turistiche come la B.I.T. di Milano che costano un occhio e non producono nulla se non chiacchiere, è inutile promuovere il Molise nei vari eventi turistici che non hanno riscontro di ritorno per la nostra economia turistica regionale, e quindi molto meglio è invece puntare su un tipo di turismo che è collegato ad eventi, allo sport, all’associazionismo di promozione sociale, culturale, archeologico, enogastronomico. Come Consorzio Molise Promozione siamo nelle condizioni di fornire nomi e cognomi con le date di nascita e residenza, delle 200 presenze che sono state ospitate nell’Hotel di Carluccio a Capracotta. Anzi, dirò di più ai bravi Mazzuto e Brasiello che spero di incontrare quanto prima – ha concluso Romagnuolo – anticipo che dal 9 all’11 giugno 2011, saranno circa 300 i pernotti che nei due giorni dormiranno sotto le stelle di Capracotta.

Nucleo Industriale, mozione in Consiglio

Boom di presenze a Prato Gentile

VENAFRO - I consiglieri venafrani Sorbo e Potena di Città Nuova nel prossimo Consiglio comunale presenteranno una mozione con la quale impegnano il Comune a convocare un tavolo tecnico per discutere della crisi che sta investendo il nucleo industriale. Al tempo stesso chiederanno maggiori garanzie alla Regione Molise.

CAPRACOTTA - Boom di presenze nel fine settimana sulle piste di sci nordico di Prato Gentile. Gli impianti, infatti, hanno aperto i battenti per la gioia dei tanti appassionati della montagna. E anche per queste vacanze natalizie si prevede il tutto esaurito. Per l’ennesima volta, dunque, Capracotta si conferma una meta turistica molto importante.

11 ANNO III - N° 283 MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010


TERMOLI Il messaggio lanciato ai monteneresi dal sindaco in occasione delle feste di Natale

Famiglia e bambini al centro del programma amministrativo Travaglini: “Rivolgo l’invito a vivere in armonia queste festività, partecipando alle iniziative che il Comune ha programmato per i prossimi giorni”

MONTENERO DI BISACCIA - “La persona, la famiglia ed in particolare i bambini, sono al centro dell’azione amministrativa di questa Giunta comunale”. E’ questo il messaggio che il sindaco Nicola Travaglini intende lanciare ai monteneresi in occasione delle festività natalizie. Un pensiero che vuole infondere serenità ed esprimere vicinanza alla popolazione, confermando nel contempo l’attenzione di Assessori e Consiglieri comunali di maggioranza nei confronti di un settore fondamentale che è stato inserito nel programma di governo cittadino alle scorse elezioni comunali. “La nostra determinazione nel voler mettere

Alle 19 il concerto di inaugurazione dell'organo ristrutturato SANTA CROCE DI MAGLIANO – Alle 19, presso la chiesa parrocchiale di sant’Antonio di Padova, si terrà il concerto che celebra l’inaugurazione dello storico organo della Chiesa recentemente ristrutturato. Ad allietare i fedeli e coloro che interverranno sarà il maestro Lorenzo Fragrassi, uno dei più talentuosi organisti del territorio. Fragrassi, originario di Pescara, eseguirà le opere di compositori quali Gabrieli, Zipoli, Frescobaldi e concluderà il concerto l’opera di Bach Concerto III in re minore BWV 974. L’organo è stato costruito nel 1749 da Francesco d’Onofrio ed è composto da una tastiera di 45 tasti con ottava corta; di nove pedali è invece costituita la pedaliera. Il restauro è stato curato dalle ditte dé L’Aquila “Dario Carnicelli e figli!” e “Ponziano Bevilacqua”.

12 ANNO III - N° 283 MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010

al centro dell’azione amministrativa la famiglia e i bambini – afferma Travaglini – è confermata nella scelta del simbolo elettorale della lista “Uniti per Montenero”, nella quale è rappresentata proprio una famiglia in cammino. Colgo quindi l’occasione per ribadire la nostra convinta attenzione nei confronti di tutte quelle forme di aiuto e di supporto ad iniziative che vanno nella direzione indicata dal nostro programma amministrativo; in questo senso va ricompreso anche il sostegno economico ad iniziative ritenute meritevoli di attenzione, come ad esempio quella della rassegna cinematografica dedicata ai bambini, che nei giorni scorsi ha suscitato qualche incomprensione. L’equivoco, già ampiamente chiarito, è nato da un semplice malinteso sulla scelta del periodo più idoneo nel quale far svolgere la rassegna stessa. Chiarito il fraintendimento, ribadisco la mia piena fiducia nell’operato del Vicesindaco, l’assessore Giuseppe Di Pinto, per essersi speso con grande spirito altruistico affinché si potesse approntare un programma di eventi natalizi che dessero risalto all’aspetto propriamente Cattolico di questo periodo, senza però tralasciare le consuetudini locali e la volontà di condividere alcuni momenti di festa con i nostri concittadini. Riconoscendo ed apprezzando la generosità e la

Nuova formula per il presepe vivente a Ripabottoni RIPABOTTONI - Anche in paese si organizza, alle 19 del 23 dicembre, la rappresentazione del presepe vivente. Particolarità dello stesso risiede nel fatto che, in cinquanta minuti, si potranno rivivere le scene della Storia della Salvezza: dalla creazione del mondo e di Adamo ed Eva, al peccato originale e alla cacciata dei progenitori dal Paradiso terrestre; dalla storia del Popolo ebraico all'Annunciazione di Maria e alla visita ad Elisabetta, dalla nascita di Gesù alla venuta dei Magi, per terminare con alcune scene di situazioni mondiali in cui il Natale non è ancora realizzato. La voce fuori campo di un attore professionista guiderà il pubblico durante lo svolgimento della rappresentazione e

la colonna sonora è tratta dalla "Sinfonia del Nuovo Mondo" di Dvorak. Oltre alle sceneggiature bellissime, la creazione del mondo è realizzata con immagini proiettate su uno schermo di sedici metri quadri e una voce narrerà i testi biblici mentre la colonna sonora creerà l’atmosfera giusta. Una rappresentazione dal vivo con scene visibili in luoghi vicini ma diversi. Il Paradiso terrestre, le tende del Popolo ebraico, la staccionata dei pastori con le pecore e con l'Angelo annunziante, la capanna di Betlemme, la reggia di Erode con le odalische danzanti e i sacerdoti che leggono ad Erode la profezia di Michea su Betlemme, i Magi che giungono da Erode a cavallo.

Festa in parrocchia per 27 nuovi ministranti CAMPOMARINO - Grande festa in paese per la vestizione di 27 nuovi Ministranti. Tutta la comunità parrocchiale ha preso parte alla cerimonia che si é tenuta nella chiesa del Santo Spirito durante una Santa Messa. Il parroco don Elio Moretti ha accolto con viva gioia la richiesta di 27 nuovi bambini, dalla seconda elementare in su, di voler servire il Signore con tutte le capacità e l’entusiasmo tipiche della loro età. I bambini sono così entrati a far parte del Movimento Ministranti Parrocchiale intitolato a "Giovanni Paolo II" nei tre gradi: Novizi, Ministranti e Cerimonieri. Il parroco, altresì, nel ricordare il grande impegno che si sono assunti con la pronuncia del loro sì, mettendosi al servizio del Signore e della Sua grande famiglia la Chiesa, ha spiegato loro, che significa rinunciare a parte del proprio tempo libero per diventare esempio di fede per tutti coloro che li vedranno servire all’altare. Ha infine asperso con l’acqua benedetta gli abiti che i bambini hanno indossato concludendo il rito con la benedizione, affidandoli uno a uno all’intercessione della Vergine Maria affinché li aiuti a rivestirsi interiormente di Cristo. Al termine della messa, la comunità si è ritrovata per un momento conviviale in oratorio con un ottimo pranzo preparato con gioia dalle mamme dei ragazzi.

concretezza con la quale l’assessore Di Pinto affronta quotidianamente il suo mandato amministrativo – continua Travaglini -, invito le associazioni e i rappresentanti di tutte le realtà sociali di questo paese a farsi portavoce di istanze e suggerimenti, senza alzare polveroni che, purtroppo, non contribuiscono positivamente alla programmazione degli eventi ricreativi e culturali che noi intendiamo realizzare con la collaborazione di tutti. Rivolgo infine l’invito a vivere in armonia queste festività, partecipando alle iniziative che il Comune ha programmato per i prossimi giorni e augurando a tutta la cittadinanza Buon Natale e un Felice Anno Nuovo”.

Il calendario delle rappresentazioni della Natività nei centri diocesani Come ogni anno si susseguono in Diocesi le rappresentazioni dei presepi viventi e fervono gli ultimi preparativi in vista dell'imminente Natale. A San Felice del Molise la rappresentazione è in programma per i prossimi 26 Dicembre, 1 e 2 Gennaio, dalle 17 alle 20, ed il 6 Gennaio alle 4,30 con la sfilata che si concluderà con l'arrivo dei Re Magi a cavallo. Il presepe vivente di San Felice é alla decima edizione; la particolarità nella sua rappresentazione è che richiama l’origine croato-molisana dei residenti nel piccolo comune. A far da cornice alla rappresentazione ci penseranno il centro storico del paese, i quaranta ambienti creati e più di centocinquanta personaggi. A Portocannone la Natività sarà visitabile il 25 e 26 Dicembre e l’1 e 6 Gennaio (in quest’ultima data sarà anche possibile ammirare l’arrivo dei Re Magi), dalle 18 alle 20. La rappresentazione è organizzata dalla parrocchia Santi Pietro e Paolo con il patrocinio del Comune. A Lucito la quinta edizione si terrà il 26 Dicembre e il 2 Gennaio ed é organizzata dalla parrocchia S. Nicola di Bari, vanta quest’anno il patrocinio del Comune, della Pro-Loco Lucitese, della Società Agricola Operaia e dell’Associazione Altair. Il presepe sarà visitabile dalle 17 alle 20. A Larino la IV edizione del Presepe Vivente si svolgerà nel Centro Storico il 26 Dicembre, il 2 ed il 6 Gennaio. L’evento è promosso dall’Associazione Culturale Artistica Ricreativa Larinese, che per l’edizione 2010 ha coinvolto oltre duecento cittadini figuranti in costumi d’epoca. Il Presepe Vivente si svilupperà nelle strade ed i palazzi medioevali mentre la natività sarà allestita all’interno del Palazzo “De Gennaro”. A Montenero di Bisaccia il percorso scenico è allestito all’interno delle grotte di arenaria presenti nella zona, di conseguenza l’impatto che produce sul pubblico è molto toccante e suggestivo. Il percorso che conduce alla grotta della Natività è segnato da una stella lunga quindici metri e visibile anche dai paesi vicini. A Termoli il Presepe di Santa Maria degli Angeli, organizzato dagli scouts Termoli3 della parrocchia di Difesa Grande, ha come punto di forza della rappresentazione l’allestimento in pieno e totale stile scouts. Nodi, funi, pali, abilità, manualità ed una certosina preparazione, trovano espressione in questa raffigurazione. Luogo per rappresentare la Natività, non poteva non essere che una tenda. Il presepe sarà inaugurato alle 19n del giorno di Natale e sarà possibile visitarlo i giorni 26 Dicembre; il primo, il due Gennaio e 6 Gennaio con l’arrivo dei Re Magi a cavallo.

Domani prima festa dell’albero natalizio

Al via la rassegna cinematografica “Giovedì al Cinema”

SANTA CROCE DI MAGLIANO – Addobbare un albero alto 10 metri. Questa la finalità dell'Amministrazione comunale, della Pro Loco “Quattro Torri” e dell'Istituto Comprensivo “M.Del Gatto”. La prima festa dell'albero natalizio “Un addobbo per tutti” si terrà domani in Piazza marconi a partire dalle 16, mentre l'accensione degli addobbi è prevista per le 18.

SANTA CROCE DI MAGLIANO – La Pro Loco “Quattro Torri” da domani al 10 Marzo organizza la rassegna cinematografica “Giovedì al Cinema. La rassegna per i ragazzi avrà inizio alle 17, mentre le proiezioni inizieranno alle 21. Gli appuntamenti, con ingresso gratuito, si terranno nella Sala consiliare del Municipio. Prima proiezione domani sera “Basilicata coast to coast.


TERMOLI Alla conferenza di servizi di Roma era assente l’amministrazione comunale di Termoli

Turbogas, interpellanza dell’opposizione a Di Brino I firmatari del documento vogliono sapere “quali azioni metterà in campo rispetto alle azioni di verifica chieste all’Arpa Molise dal ministero dell’Ambiente” TERMOLI – La scorsa settimana a Roma si é tenuta la Conferenza di servizi per discutere sul rinnovo dell'autorizzazione ad operare da parte della centrale Turbogas. Come abbiamo riportato nei giorni scorsi alla Conferenza, in rappresentanza del Molise, solo la Provincia di Campobasso ed erano assenti la Regione Molise ed il Comune di Termoli. In quella sede i rappresentanti del Ministero dell’Ambiente hanno, seppur parzialmente, accolto le tesi prodotte dalla Provincia di Campobasso, che dimostrano come l’impianto di depurazione del Cosib di Termoli non sia idoneo a smaltire secondo le norme gli elevati quantitativi di solfati e cloruri prodotti dalla centrale Turbogas, perché si tratta di scarichi in acque superficiali e non in mare. E per questi motivi la conferenza di servizi ha deciso che nelle prossime

Via De Gasperi Si torna al doppio senso di marcia TERMOLI – Sono continuati per tutta la giornata di ieri i lavori degli operai comunali per disegnare la nuova segnaletica verticale per permettere a Via De Gasperi di tornare al doppio senso di marcia. Se tutto andrà mei modi dovuti il nuovo senso potrebbe entrare in funzione già da oggi. Intanto, come premesso nei giorni passati, lungo la strada si perderannonare alcuni parcheggi, cosa che era stata messa in preventivo. Comunque a giorni dovrebbe rientrare in funzione a pieno regime il parcheggio multipiano di Via Campania dove, a tariffe abbordabili, potrebbero parcheggiare i propri mezzi i professionisti e professori che frequentano moltissimo la strada che é sede di scuole e della sezione staccata del Tribunale di Larino. Il parcheggio di Via Campania, dopo la rescissione del contratto di appalto con la cooperativa Cibele, a giorni dovrebbe essere affidato all’Aipa, la società che gestisce i parcheggi a pagamento in città.

settimane, attraverso l’ARPA Molise dovranno essere verificati i dati relativi ai parametri imposti agli scarichi dalle leggi vigenti. Per questi motivi i consiglieri comunali di opposizione di centrosinistra Paolo Marinucci, Daniele Paradisi, Filippo Monaco, Antonio Russo, Giacomo Mario Di Blasio, Francesco Caruso e Antonio Giuditta hanno presentato una interpellanza per sapere dal Sindaco: i motivi per il quale il Comune di Termoli non ha partecipato alla suddetta conferenza di servizi; cosa pensa della centrale Turbogas, ubicata nella zona industriale di Termoli, di proprietà Sorgenia sotto gli aspetti di inquinamento e di tutela del territorio; quali azioni metterà in campo nel futuro immediato rispetto alle azioni di verifica chieste all'ARPA Molise dal Ministero dell'Ambiente.

Danneggiamenti Oggi riapre Fermati due minori al traffico il lungomare Cristoforo Colombo TERMOLI - Due minorenni sono stati fermati dagli agenti del Commissariato e finio a ieri sera la loro posizione era al vaglio degli inquirenti. Secondo una prima ricostruzione dei fatti, ieri pomeriggio i due giovani si trovavano nell'area bar al piano terra del Centro commerciale Lo Scrigno, quando avrebbero iniziato a dare fastidio. Sono stati chiamati gli agenti che giunti sul posto hanno subito individuato i minorenni e nell'accertare la loro identità sarebbe nata anche una colluttazione. Uno dei giovani, nel dimenarsi, avrebbe sferrato un pugno contro una slot machine.danneggiandola e ferendosi alla mano. Una volta bloccati il ragazzo ferito é stato trasportato al Pronto Soccorso per le medicazioni.

Avis, un nuovo Cavaliere al merito della Repubblica TERMOLI – Ennesimo riconoscimento per un donatore della sezioner Avis di Termoli. Il direttivo si congratula con Rocco De Gregorio per la nomina a Cavaliere al Merito della Repubblica. De Gregorio, capo distaccamento dei Vigili del Fuoco di Termoli, ha al suo attivo 131 donazioni tra sangue, plasma e piastrine. L'onorificenza verrà consegnata oggi alle 13 nella Prefettura di Campobasso. Rocco De Gregorio si unisce ad altri Cavalieri al Merito della Repubblica dell'Avis di Termoli: Giovanni Amoroso, Vittorio Balducci, Odero Bisacci, Rossana Di Blasio, Michele Di Domenico, Rocco Di Palma e Michele Fanelli. Tantissime felicitazioni anche dalla redazione de “La Gazzetta del Molise”.

Successo per il libro “Parlare con le rose” TERMOLI – Terminati in massima parte i lavori di demolizione del viadotto Foce dell'Angelo, il trainsito dei veicoli ieri è ripreso in Via del Mare e nel tratto compreso tra il ristorante Cian . Il sindaco ha firmato l’ordinanza per la riapertura al traffico di via del Mare e del tratto del lungomare nord tra i ristoranti Cian e il Modenese. Per oggi, invece, è attesa l'apertura totale del lungomare Cristoforo Colombo. Dunque dopo due mesi, anche a causa del maltempo, il grosso dei lavori é stato eseguito er pertanto non esisterebbero più pericoli per il traffico veicolare e pedonale. Una volta trasportate via tutti i calcinacci, la zona verrà bonificata totalmente e poi bisognerà attendere quale decisione prenderà l'amministrazione comunale.

TERMOLI – Continua a riscuotere successo il libro “Parlare con le rose”, il libro realizzato a due mani da uno scrittore, Gian Paolo Bonani, e il fotografo termolese Bruno Caserio, una vera opera editoriale dove si parla delle rose...attraverso le rose. .Gian Paolo Bonani psicologo specialista nello sviluppo delle risorse umane e docente universitario alla Sapienza di Roma. Designer di giardini, coltiva rose da più di 30 anni, sviluppando progetti per giardini e roseti in Umbria, nelle Marche e nel Lazio, nel Molise, a Venezia e in Corsica. Attualmente sta completando uno dei più importanti roseti del mondo, a Roccantica in Sabina, già riconosciuto dalla World rose federation come una delle realizzazioni architettoniche contemporanee più rilevanti: 4500 varietà di rose antiche e moderne con un impianto complessivo di oltre 6000 rosai. Bruno Caserio fotografo professionista, titolare dello studio professionale Fotogramma. Dopo l'Opera Multimediale Termoli d'Epoca (Ben 15 CD ROM con immagine della Termoli d'Epoca commentate da poesie in vernacolo termolese) che tanto successo ha riscosso tra i termolesi e soprattutto tra quelli che vivono lontano dalla città d'origine, e DVD su Termoli e Tremiti si é adoperato in una produzione fotografica di alto pregio e sensibilità artistica. Già collaboratore di Gian Paolo Bonani nel libro La Tacita Rosa sempre edita dalla Iacobelli Editore, Bruno Caserio è presente in questa opera in veste di coautore per la parte fotografica della stesura del libro, con una produzione fotografica attenta e profonda. Parlare con le Rose è un’opera a diffusione nazionale, realizzata in collaborazione con una grande casa editrice e che presto sarà stampata in lingua inglese per il mercato estero e in particolare per quello giapponese noto popolo cultore della rosa. Il libro si può acquistare in libreria ed é occasione proprizia come strenna natalizia.

Punteruolo rosso Abbattuta un’altra palma

Stabilimento Fiat, ieri assemblee della Fiom

TERMOLI – Il punteruolo rosso, il parassita che colpisce le palme e che non si riesce ancora a debellare, ha mietuto un'altra “vittima”. Dopo quelle abbattute in centro città, ieri mattina è stata la volta della palma che dimorava nel piazzale della chiesa di Maria Santissima del Monte Carmelo da tempo infestata dal parassita che non lascia scampo.

TERMOLI – Ieri nello stabilimento Fiat di Rivolta del Re l'assemblea della Fiom-Cgil Molise alla quale ha preso parte la responsabile nazionale delle pari opportunità del sindacato, Barbara Pettine. Nelle assemblee tenutesi durante i tre turni lavorativi lavoratori e lavoratrici sono stati messi al corrente della situazione del Gruppo Fiat e la condizione delle donne nelle fabbriche.

13 ANNO III - N° 283 MERCOLEDÌ 22 DICEMBRE 2010


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Tutti gli autogol della Favi Dal marketing al settore giovanile. La dottoressa sarà la causa dei divorzi societari Nostro malgrado siamo costretti ad occuparci nuovamente di beghe societarie. Argomento che non manca mai a Campobasso. Proprio ora che la situazione, tecnica, volge al meglio, tornano prepotenti dissapori ed fattori destabilizzanti che non possono non nuocere all’intero ambiente. La mina vagante in questa stagione è la dottoressa Anna Favi, la cui presenza nel capoluogo di regione non è giustificabile. Giunta ad inizio stagione grazie al direttore sportivo dell’epoca Traini, con il quale aveva lavorato in passato in altre società, la Favi è stata ‘assunta’ con il ruolo di responsabile dell’area marketing e comunicazione e del settore giovanile. Dopo che la società ha deciso di divorziare da Traini, la dottoressa ha preso le distanze da colui che l’aveva accompagnata nell’esperienza campobassana, iniziando la scalata ai vertici del sodalizio. Nello stesso periodo la dottoressa Anna Favi risultava essere Responsabile marketing del Treviso e Direttore dell’Area marketing del Chieti. Ovviamente riportiamo queste informazioni con cognizione di causa, essendo in possesso dell’organigramma societario del Treviso e del Chieti di inizio stagione, precisamente del luglio 2010. Improvvisamente per lei giunge la promozione a direttore generale, senza motivi validi che giustificassero tale decisione. Tuttavia continua in maniera stakanovista il proprio lavoro presentando una lunga serie di progetti che purtroppo, per lei, sono rimasti solo sulla carta: già nei giorni scorsi vi abbiamo elencato la serie dei 27 piani marketing che, per non essere ripetitivi, non ripetiamo. L’unica iniziativa da lei portata avanti resta quella con la Provincia di Campobasso, ma bisognerebbe ricordare che in tutte le precedenti stagioni l’Ente di via Roma ha provveduto a sponsorizzazioni in favore della società rossoblù per la medesima cifra stanziata quest’anno. Ottenuti importanti successi nel marketing il suo impegno si espande in maniera esponenziale nella comunicazione. Tanto che dopo cinque mesi la società del Campobasso calcio, sodalizio professionistico, è sprovvista di un addetto stampa e, attualmente, i rapporti con la quasi totalità degli organi di informazione sono logori. Però la dottoressa ha ideato e realizzato il magazine ‘Cuore Rossoblù’, altro clamoroso autogol.

L’ex Kettlun finisce al Casarano Era stato uno dei colpi di mercato più importanti dell’Olympia Agnonese questa estate. Poi un infortunio(e il conseguente arrivo di Galuppi) ed il ritorno al suo paese d’origine per le cure necessarie ha contribuito alla rottura con la società granata. Roberto Kettlun, centrocampista cileno, naturalizzato palestinese, dopo aver collezionato quattro presenze ad Agnone ha una nuova squadra. Il giocatore classe 1981 infatti si è accasato in Puglia al Castrano sempre in serie D. AP

Il motivo è presto detto. La top manager ha avuto la brillante idea di abbinare il neo magazine ad un quotidiano locale, emarginando la rimanente parte, numerosissima, della stampa locale: un’idea illuminante degna di strategie di marketing vincenti. Sempre per mantenere ottimi rapporti con gli organi di informazione ha pensato bene di ridurre lo spazio riservato alle interviste ai tesserati. La stampa potrà intervistare i rossoblù solo la domenica e il giovedì. Dopo la levata di scudi dei media nella conferenza stampa della scorsa settimana, la Favi ha deciso domenica, durante l’intervallo della gara, di non predisporre ospiti per le tv locali, cosa consuetudinaria. Ha voluto così dimostrare tutta la propria forza e il proprio ‘animus pugnandi’ contro le critiche. Dopo i trionfi nel marketing e nella comunicazione, eguali sono stati i successi nella conduzione del settore giovanile, ramo questo completamente allo sbando. Dopo essersi affidata al centro di Valva, con la miriade di scuole calcio presenti sul territorio del capoluogo di regione, ha provato

a rilanciare l’attività cambiando allenatore, ma lasciando immutata la strategia. La squadra Berretti è allo sbaraglio e continua a rimediare figuracce: l’ultima in ordine di tempo la sconfitta per 9 a 0 rimediata sabato a Pescara. Roba da paesetti di provincia, non certo degna di un capoluogo di regione. A tutto ciò bisogna aggiungere la ‘scomunica’ effettuata dal presidente Capone nella conferenza stampa di martedì, nella quale il patron l’ha retrocessa nuovamente a responsabile dell’area marketing e comunicazione. Dignità e decoro avrebbero imposto le dimissioni. Che non sono arrivate. Il breve excursus è stato necessario per informare i tifosi del Campobasso, alla vigilia della ratifica della spaccatura definitiva all’interno della società. L’avvocato Mancini e i suoi collaboratori, infatti, sarebbero ad un passo dal divorzio, vista l’incompatibilità con la dottoressa Favi. Un passo indietro da parte di chi ha lavorato in silenzio e per il bene del Campobasso, portando, lo ricordiamo nuovamente, 153.000 euro nelle casse societarie. L’ultima ancora di salvezza è una forte presa di posizione da parte del presidente Capone che ci auguriamo possa giungere dopo le festività del Natale. mdi

GIUDICE SPORTIVO 2 gare Chiaria (Melfi) 1 gara Maccarone (Milazzo) Civitas (Neapolis) Maglione (Campobasso) Pollidori (Brindisi) Mastrolilli (Trapani) Vicentin (Avellino) Viscido (Avellino) Alleruzzo (Fondi) Maisto (Melfi) Di Pasquale (Milazzo) Moxedano (Neapolis) Barraco (Trapani) Lattanzio (Vigor Lamezia) Ammende Campobasso (E. 1.000)

Avellino, richiesta ufficiale a Capone Il patron: ‘Non cedo alle pressioni’ Lunedì sera la dirigenza dell’Avellino ha ufficialmente chiesto a Ferruccio Capone di acquistare il pacchetto azionario della società irpina per divenire socio di maggioranza. Quelle che erano solo indiscrezioni hanno assunto ora il crisma dell’ufficialità. Il presidente Pertanto abbiamo Capone avvicinato telefonicamente il diretto interessato, il quale ci ha confermato la notizia e nello stesso tempo ha voluto rassicurare l’intero ambiente: ‘Non c’è niente di deciso e nulla di serio – ha esordito Ferruccio Capone –. Ci sono delle forti pressioni affinché io acquisti l’Avellino, ma per il momento ho un impegno morale con il Campobasso.’ Ci conferma dunque l’ufficialità della richiesta da parte della dirigenza irpina? ‘Questo non vuol dire che io accetti. Per il momento non c’è alcuna possibilità, perché il mio binomio con Campobasso è inscindibile.’ Il presidente ha voluto tranquillizzare l’intero ambiente, ma comunque la notizia lascia qualche preoccupazione nel capoluogo di regione. mdi

SERIE D

L’Agnone è proiettata al recupero di giovedì Tra Luco Canistro ed Olympia Agnonese a vincere, ancora una volta, è stata la neve. Dopo un primo rinvio della gara sabato scorso, ieri è arrivata l’ufficializzazione da parte della Lega Nazionale Dilettanti del secondo rinvio, sempre a causa delle cattive condizioni meteorologiche che hanno impedito il regolare svolgimento della partita che si giocherà, si spera, il prossimo 30 dicembre, praticamente alla vigilia dell’ultimo giorno dell’anno. L’Olympia Agnonese proverà a congedarsi dal 2010 nel migliore dei modi, cercando di mettere a segno l’ottava vittoria stagionale, che in realtà sarebbe la nona se si considerasse anche quella tolta a tavolino contro il Rimini, e proverà a farlo sul campo del Luco Canistro, contro un’avversaria ostica, in lotta per la salvezza e che la scorsa settiLE GARE DI OGGI mana si è rinforzata in attacco con l’arrivo dell’ex Campobasso Cesenatico–Miglianico e Marcianise Gaetano Poziello. Giua di Pisa La squadra granata, prima delle R.Rimini–Jesina molisane, è reduce da cinque riAbisso di Palermo

sultati utili consecutivi, di cui quattro vittorie, uno score degno di una formazione di vertice che cercherà di confermare, nell’ultima gara dell’anno, quanto di buono fatto vedere sino a questo momento. E se i risultati sembrano sorridere agli altomolisani, non di certo si può dire lo stesso per quanto riguarda la conduzione tecnica della squadra: purtroppo, nel momento migliore dell’Agnonese,l’allenatore Massimo Agovino per seri motivi di salute dovrà restare lontano dai campi per un po’. La squadra è stata affidata al suo vice Enzo Nunziata che ha lavorato al fianco di Agovino negli ultimi tre anni e che conosce bene il modo di preparare le partite del trainer di San Giuseppe Vesuviano per cui cercherà di proseguire lungo la strada spianata dall’allenatore campano e che fino ad ora ha portato ad ottimi risultati. Il gruppo sta svolgendo doppie sedute di allenamento fino a giovedì quando ci sarà il rompete le righe in vista del Natale; solo due giorni di riposo per poi affinare la preparazione in vista della gara contro il Luco Canistro che, come detto, si giocherà il prossimo giovedì. ANPA


S P O RT BASKET SERIE C REGIONALE

Il Ripa trionfa nel derby Un pubblico numeroso ha assistito ad una gara avvincente I padroni di casa hanno superato l’Isernia per 84-74 La Visure online Ripalimosani fa rispettare la legge della Maccabi Arena vincendo un bellissimo derby contro l’Exit Isernia col punteggio di 84-74. Nel turno prenatalizio la truppa allenata da Salvatore Coppola ha avuto la meglio contro la compagine pentra grazie ad una grande prestazione corale che alla fine ha premiato la compagine del patron Roberto D’Alessandro supportata dalla solita “folla” dell’Arena. Gara vera,intensa come ogni buon derby deve essere ma allo stesso tempo correttissima e degna di nota sotto il profilo del fair play. I satiri partono forte sospinti dal rientrante Santella (17 punti e 8 rimbalzi) che ne mette otto sui dieci totali di squadra ben supportato da Antonelli sorvegliato speciale dei ragazzi di coach Biello. In questo primo periodo a farla da padrona sono i tanti, troppi fischi arbitrali che tendono a spezzettare ripetutamente il gioco e ad innervosire il match, ed a pagarne le spese è il nigeriano Chukwuka penalizzato di quattro falli in appena sette minuti(!!!); ma nonostante ciò i satiri chiudono la prima frazione di gioco sopra di 6 lunghezze 25-19. Nel secondo periodo gli isernini si svegliano grazie alle giocate di Rodriguez e Scotto, e totalizzando la bellezza di 25 punti in un quarto chiudono il secondo periodo sopra di tre (41-44) ribaltando di fatto l’inerzia della partita. Ed è proprio

cavalcando quest’inerzia che i ragazzi di Biello provano la fuga arrivando sul +10 alla ripresa delle ostilità (43-53 al 24’). Dopo questa doccia fredda arrivata subito dopo l’intervallo lungo, coach Coppola ci mette del suo, mischiando un pò le carte all’avversario con un rapido susseguirsi di zone miste e difesa a uomo. Il risultato non tarda ad arrivare, difatti in un batter d’occhio il Maccabi si rifà sotto chiudendo il terzo quarto a contatto con l’avversario (59-60). Sarà poi il talento dell’ex Elio Scotto e la scaltrezza dell’argentino Rodriguez a far tentare ancora la fuga agli ospiti (63-68 al 33’), ma stavolta i satiri trovano in Di Cristofaro (20 punti e 3 assist) l’antidoto alle scorribande del duo italo-argentino. Coppola rispolvera al 35’ un Chukwuka gravato di quattro falli, ed il nigeriano risulterà nei rimanenti minuti di gioco un baluardo difensivo insormontabile per i pentri che andranno spesso a “sbattere” contro la sua fisicità. Ed è così, proprio con la difesa, che il Maccabi costruirà il proprio successo, fatto di recuperi difensivi e facili contropiedi che vedranno i vari Antonelli, Santella e Di Cristofaro ergersi a protagonisti in uno splendido finale che vedrà i satiri crescere in atletismo e cattiveria agonistica e gli ospiti sciogliersi come neve al sole vittime di una stanchezza diventata “palpabile” nei suoi giocatori cardine. Ed alla fine dei 40’ di gioco il tabellone

reciterà 84-74. La palma dell’MVP la diamo a Biagio Pennacchio che stando 38 minuti filati “appiccicato” all’argentino dell’Isernia Rodriguez ha limitato il sud americano più di quanto dicano i 23 punti messi a referto dallo straniero pentro. Come detto importantissima vittoria per i satiri che con questo successo consolidano la propria posizione nella zona playoff. Ora dopo la pausa natalizia la truppa di Salvatore Coppola dovrà affrontare due importantissimi match entrambe in trasferta, il primo a Martinsicuro ed il secondo a San Vito Chetino.

Luca Antonelli

Natale con i fiocchi per l’Olimpia E così che ci piace! L’Olimpia Campobasso si regala un Natale con i fiocchi, andando a violare il parquet di Nereto al termine di quaranta minuti davvero intensi, dove i campobassani sono stati per molto tempo sotto nel punteggio,65 a 74 il risultato finale. In pratica si è ripetuta la partita di sabato scorso contro la Penta Teramo, anche se a parti invertite. L’ avvio dei molisani, privi di Mario Greco ed Alessio Facci, non è il migliore possibile. L’approccio è poco convinto e ciò consente agli abruzzesi di mettere il muso in avanti. Sono soprattutto Neri e Settepanella a creare lo scompiglio, segnando da ogni parte del campo. Sotto di cinque punti all’intervallo lungo, i campobassani riescono a rientrare nel terzo periodo

grazie alla difesa a zona. Il capolavoro viene messo in atto nell’ultimo periodo, quando gli ospiti decidono di mettere la freccia e salutare i propri avversari con dieci minuti di grande basket, dove sia in difesa che in attacco le cose funzionano alla perfezione. Top scorers della serata sono il lungo Calcagni e l’istrionica guardia Giangiacomo De Vincenzo che fanno a pezzi il Roseto che si deve arrendere alla voglia di riscatto e di successo dei giovani di Mimmo Sabatelli. Dagli altri parquet, inoltre, arrivano le notizie delle sconfitte di Nereto (a Penne) e Chieti (in casa contro il San Vito) e ciò consente al vulcanico tecnico ed alla sua <cray gang> di poter festeggiare un Natale tranquillo e sereno.

BODY BUILDING

ATLETICA

Bilancio positivo per la stagione agonistica isernina

Barone entra tra i nobili della maratona

Sugli scudi ancora una volta gli atleti isernini della Maximum Fitness che, meritatamente, possono considerarsi i migliori in regione. Ottimi infatti risultati ottenuti in primis da MAGLIOLI Mariangela che, dopo un ottimo quinto posto nel Mondiale N.B.B.U.I., si è prima messa in evidenza nel Trofeo 2 Torri di Bologna (massima competizione a li-

vello nazionale) per poi guadagnarsi la qualifica al campionato italiano I.F.B.B. ottenendo un ottimo sesto posto nel Grand Prix Ludus Maximums di Roma.Entrando di diritto nelle prime sei atlete italiane del momento. Ma non è stata la sola a portare lustro al bodybuilding molisano. Questa volta a scendere in campo è stato anche il coach CECERE Raffaello che, nonostante il duplice ruolo di preparatore e atleta agonista, è riuscito a mantenere la calma e presentarsi in una forma perfetta sia nel Trofeo 2 Torri (ottimo piazzamento in una categoria davvero difficile , gli 85Kg) che nel Grand Prix Ludus Maximus dove, con un ottimo quinto posto, oltre ad ottenere anch’egli la qualifica per gli italiani I.F.B.B., è entrato

di diritto tra gli atleti che contano a livello nazionale. Numerosi addetti ai lavori hanno puntato gli occhi sulla nuova coppia del bodybuilding italiano che già da lunedì ha ripreso gli allenamenti con grande entusiasmo e con tanta voglia di fare ancora meglio nel 2011. Grandissima la soddisfazione in casa Maximum, queste le parole di coach Cecere: “Sono davvero soddisfatto. I risultati che abbiamo ottenuto testimoniano che la professionalità alla fine paga sempre. E questo ci dà lo stimolo per fare sempre meglio. Quello che abbiamo ottenuto non va visto come un traguardo raggiunto, bensì come un punto di partenza verso nuovi e più importanti obiettivi. Colgo l’occasione per fare i miei auguri di buone feste a tutti i molisani!”.

Significativo riconoscimento per Gianfranco Barone. Il podista tesserato per l’Atletica Molise Amatori ha conquistato la settimana scorsa il brevetto “I Nobili della Maratona”, premio assegnato a chi, entro i tempi convenuti, corre nella stessa stagione sette importanti corse sulla distanza dei 42 km e 195 metri (Trani, Roma, Milano, Bolzano, Lucca, la mitica maratona di New York e, ultima in calendario, Reggio Emilia). Complimenti all’esperto atleta molisano che ha corso in Emilia insieme al compagno di squadra Giudo Ponzio. Sul sito della società giallogrigia sono state inserite le felicitazioni di tutti i soci per l’ambito riconoscimento ottenuto da Barone: “Hai ancora molti traguardi da attraversare e molte mete da raggiungere – si legge nel messaggio - con gli auguri che ti hanno accompagnato nelle tue ultime bellissime imprese”. “Auguri di buone feste anche a tutti gli sportivi molisani” – tiene a precisare il soddisfattissimo presidente dell’Ama, Franco Pietrunti, principale organizzatore della Tappino-Altilia. A proposito della mezza maratona in programma tutti gli anni nell’ultima domenica di settembre, l’Atletica Molise Amatori comunica che il 23 dicembre prossimo alle 21 e in replica il giorno dopo, alle 17,30, sugli schermi di Teleregionemolise andrà in onda uno speciale sulla XXVII edizione.

Gianfranco Barone



lagazzettadelmolise221210a