Issuu on Google+

ANNO III - N° 282 - MARTEDÌ 21 DICEMBRE 2010 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Mario Di Biase: l’uomo, l’imprenditore e l’amico La città deve molto a Mario Di Biase, per come ha tentato, in gran parte riuscendo, di migliorarla sotto il profilo della funzionalità urbana, architettonico e costruttivo. Uomo di notevole spessore umano; imprenditore di grande capacità manageriale; amico di tantissima gente che nel giorno della sua morte ha voluto testimoniargli l’affetto e la stima. La retorica di circostanza si concede facilmente alle iperboli; nel caso di Mario Di Biase non fa altro che rendergli ciò che gli spetta , essendo stato un gran lavoratore animato da grandi progetti e da grandi passioni. E’ stato e rimane una delle figure più significative del mondo imprenditoriale per come ha saputo sviluppare le sue doti naturali e caratteriali una volta imboccata la difficile arte delle costruzioni. A chi vorrà valutare con obiettiva serenità le scelte aziendali e le realizzazioni non potrà sfuggire il sottofondo culturale dell’uomo che si è fatto da sé senza rinnegare le origini anzi, ponendole a base della sua conclamata oculatezza imprenditoriale, facendone un punto di leva ogni qualvolta si è dovuto confrontare con il manierismo amministrativo e le immancabili contraddizioni dell’establishment politico. Anche in quella sorta di ginepraio riusciva a districare le proprie idee e i propri progetti in virtù della concretezza di cui si faceva scudo e della determinazione di cui si avvaleva nel difenderli. CONTINUA SULLA 3

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AI MOLISANI CHE NON FANNO LA DIFFERENZIATA La raccolta differenziata non piace ai molisani. Il dossier 2010 sui rifiuti ci colloca all’ultimo posto per quantità di scarti riutilizzati: dato allarmante alla luce delle recenti polemiche sul Cosib e sulla discarica di Montagano. Il Molise non pensa in prospettiva, tende la mano a Napoli, svuotando la città da quintali di sacchetti, ma non è in grado di elaborare un ciclo completo dei rifiuti che allo smaltimento in discarica prediliga il recupero. Uno scempio, anche perché la nostra tassa sui rifiuti è la più bassa d’Italia: non sarebbe il caso di spendere un po’ di più, preservando la qualità ambientale della nostra regione?

L’OSCAR DEL GIORNO A LISA SANDONNINI Una bella soddisfazione per lo sport molisano arriva dal mondo del karate dove una giovane promessa ha conquistato la medaglia d’oro ai Campionati Italiani a squadre giovanili che si sono svolti a Colleferro in provincia di Roma. Si tratta di Lisa Sandonnini, atleta del Budokan Karate Campobasso, che ha sbaragliato l’agguerrita concorrenza salendo sul gradino più alto del podio dopo un’avvincente finale aggiudicata nettamente per tre a zero. La Sandonnini è risultata l’atleta italiana più forte d’Italia nella categoria dei 60 kg.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO CAMPOBASSO - Cittadinanzattiva diffonde il dossier 2010 sui rifiuti, lanciando pure una campagna di informazione sulla corretta gestione dei rifiuti speciali. Stando alle elaborazioni della onlus molisana, la nostra regione svetta nella classifica nazionale per l’esiguità dei costi di smaltimento: solo 131€ contro i 233 della media nazionale. A Campobasso in dettaglio per la Tarsu si arrivano a pagare 139€, poco più di Isernia che risulta la città italiana con la tassa sui rifiuti più bassa. Dal 2008 ad oggi, né Campobasso né Isernia hanno fatto registrare alcun incremento tariffario. Buone notizie per il portafoglio dei molisani, se non fosse che la nostra regione precipita all’ultimo posto per quanto attiene alla differenziata. Particolari lacune vengono evidenziate sul fronte dello smaltimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche, a questa branchia Cittadinanzattiva guarderà prioritariamente nel corso del 2011.

Rifiuti, Tarsu minima ma ultimi per differenziata Censimento agricolo, in giro i rilevatori con i questionari

Si è svolto ieri a Palazzo Moffa il seminario della Conferenza dei presidenti dei Consigli delle Regioni e delle Province autonome

Assemblee legislative, ruolo più forte con regole efficaci CAMPOBASSO – Un ruolo più forte con regole e strumenti efficaci per l’attuazione delle leggi e delle politiche pubbliche. Va in questa direzione il progetto CAPIRe (Controllo delle Assemblee sulle politiche e gli interventi regionali), oggetto del seminario di ieri a Palazzo Moffa e promosso dalla conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative delle Regioni e delle Province autonome. A questo proposito, il Consiglio regionale del Molise ha avviato una collaborazione con l’Asvapp (associazione per lo sviluppo della valutazione e analisi delle Politiche Pubbliche), la struttura di ricerca impegnata nel promuovere nelle assemblee l’esercizio di una rinnovata funzione di controllo e valutazione. È stata prevista, inoltre, la realizzazione a Campobasso di un incontro di lavoro con i consiglieri per discutere del significato e della portata delle recenti innovazioni istituzionali, compreso il ruolo da assolvere dalle assemblee anche in rapporto agli esecutivi e ai vertici.

CAMPOBASSO – L’assessore regionale all’Agricoltura, Nicola Cavaliere, fa sapere che in questi giorni, nelle residenze degli imprenditori agricoli, si stanno recando i rilevatori per la compilazione dei questionari relativi al Censimento generale dell’Agricoltura. “Tutti gli imprenditori – spiega Cavaliere – sono tenuti per legge a fornire ai Rilevatori i dati richiesti al fine di consentire lo svolgimento delle operazioni censuarie entro i tempi previsti. Le informazioni rilasciate dagli interessati con la compilazione e la sottoscrizione dei questionari – conclude l’assessore – saranno trattate in forma aggregata e non saranno resi pubblici i dati relativi alle singole aziende”.

Il focus dell’incontro è stato la possibilità di migliorare la capacità di un’assemblea legislativa di ricevere e utilizzare informazioni sull’attuazione delle leggi e l’efficacia delle politiche, su quali nuovi saperi sono necessari per attivare e sostenere i processi informativi e come dovrebbe cambiare la organizzazione di un Consiglio che vuole esercitare. Su tali aspetti hanno portato il loro contributo i due relatori del progetto CAPIRe, Alberto Marini e Marco Sisti, affiancati dal segretario generale del Consiglio regionale, Antonio Francioni e dalla responsabile del servizio documentazione, studi e monitoraggio delle politiche regionali, nazionali e comunitarie del Consiglio, Maria Grazia Lalli. Il presidente di Palazzo Moffa, Michele Picciano, ha introdotto e moderato il dibattito. Sono poi intervenuti l’ex presidente del Consiglio, Mario Pietracupa, e il presidente della commissione Affari comunitari, Antonio Chieffo, già promotore di significative iniziative a favore della trasparenza amministrativa, oltre al presidente regionale dell’Aiccre, Gaspero Di Lisa, e del presidente dell’associazione ex consiglieri regionali, Fernando Di Laura Frattura, che hanno auspicato un ruolo primario e determinante per le assemblee elettive, facendo anche un parallelo tra l’amministratore di oggi e quello di ieri.


PRIMO PIANO Un rendiconto sul filo del rasoio Il documento consuntivo della Regione Molise oggi in aula per l’approvazione Patto di stabilità e aumento del debito sanitario i nodi più difficili da sciogliere CAMPOBASSO – Ancora un’approvazione sul filo del rasoio. Oggi infatti in Consiglio regionale arriva il Rendiconto generale del 2009, il documento consuntivo da ratificare in fretta e furia che arriva in aula con 6 mesi di ritardo. La legge regionale numero 4 del 2002 prevede che il Nuovo ordinamento contabile della Regione Molise debba essere presentato dalla Giunta entro il 30 aprile, e approvato dal Consiglio entro il 30 giugno. “Una prassi che come scrive il consigliere Michelangelo Bonomolo anticipando fin da ora il suo voto contrario - non consente di produrre valutazioni politiche e di verificare la situazione finanziaria, dati i tempi e la mole dei documenti giunti solo pochi giorni fa all’attenzione del Consiglio”. I nodi più difficili da sciogliere, e che indurranno anche il resto della minoranza a fare come lui, riguardano il Patto di stabilità - sforato di 131 milioni di euro - e l’aumento dell’indebitamento sanitario. Quest’ultimo, nonostante un maggiore trasferimento delle risorse dal governo centrale (si tratta di 16 milioni di euro) ha prodotto una perdita d’esercizio di 9 milioni di euro. Svariati in più rispetto al 2008 e al 2007. redpol

La Giunta autorizza uno stanziamento di 150mila euro ma a Palazzo Moffa la delibera non c’ è mai arrivata

La Festa del Molise finisce in Procura

Il consigliere Petraroia (Pd) ha presentato un esposto alla Corte dei Conti CAMPOBASSO – Qualche giorno fa abbiamo raccontato dei 150mila euro che la Giunta regionale ha stanziato per l’edizione 2010 della Festa del Molise, partita ieri pomeriggio con un convegno all’hotel Centrum palace. Lo abbiamo raccontato perché ci sembrava eccessivo di questi tempi mettere in ballo quasi 300 milioni delle vecchie lire per cartolina, concerti e mostre sui costumi tipici molisani. Il tutto è ben documentato nella delibera 936 del 1 dicembre scorso che probabilmente deve aver visto anche il consigliere regionale del Pd, Michele Petraroia. L’ex sindacalista ha fatto sapere di aver trasmesso gli atti riferiti alla Festa del Molise 2010 alla Corte dei Conti “perché ad oggi – come ha scritto - manca l’approvazione vincolante per legge del Consiglio regionale e non c’è una descrizione delle voci di spesa tra costi dei concerti, dei convegni, delle cartoline illustrate, mostre e acquisto libri. La legge n. 3/2004 impone l’obbligo al presidente della Giunta di predisporre un programma e farlo approvare in Consiglio, dandogli la prerogativa, solo a valle di tale pro-

cedura, di mettere in attuazione il piano esecutivo. La sensibilità istituzionale prima che il doveroso rispetto di una norma di legge dovrebbe indurre il governatore a non calpestare sistematicamente il ruolo del Consiglio”. Come a dire che se i molisani pagheranno queste celebrazioni istituzionali la colpa non è dell’aula di palazzo Moffa ma solo del governatore Iorio e dei suoi assessori, i soli ad aver deciso quanto spendere per la manifestazione. redpol

Mario Di Biase: l’uomo, l’imprenditore e l’amico SEGUE DALLA PRIMA. Ha cominciato giovanissimo a caricarsi sulle spalle le responsabilità di chi aveva il dovere di sopperire alla perdita del padre, e ha continuato senza sosta, in una combinazione straordinaria di eventi ,a rendersi garante della sua missione e di chi gli stava accanto. Il diagramma della sua vita (pubblica e privata) s’è interrotto nel momento in cui poteva chiudere con una sommatoria di successi e di soddisfazioni il suo essere stato padre, marito, compagno e capo d’azienda. Il destino ha una sua intangibile capacità di decidere e ha deciso con una repentinità che ha stordito che gli sono stati cari e gli hanno voluto bene. Restano le opere a testimoniare soprattutto l’amore per il lavoro e per la città. Resta lo straordinario (per novità costruttive, architettoniche e urbanistiche) intervento di recupero edilizio connotato con lo slogan “La città nella città”, accezione pertinente e accattivante per capire come sia possibile, in una realtà “minimalista” quale quella campobassana, realizzare un insieme abitativo su standard costruttivi e stilemi architettonici da capitali europee. Ciò che è stato realizzato è un esempio articolato e complesso di valori tecnici, sociali, ed economici finora costantemente estranei al contesto imprenditoriale locale e regionale, reso possibile dal coraggio e dalla determinazione della DB Costruzioni capace di affrontare l’enorme alea d’impresa e, soprattutto, di rimuovere la stagnazione mentale degli amministratori

comunali che, nel corso dei decenni in cui la città è cresciuta e s’è sviluppata, hanno ceduto a interventi edilizi asfittici, speculativi, di chiara impronta utilitaristica, privi di elementi creativi e innovativi. La frattura tra un retaggio costruttivo fondato su elementi di scarso rilievo, peraltro incluso in una chiara decadenza complessiva dell’arredo urbano, e la novità di un complesso edilizio in cui interagiscono con evidente armonia servizi comuni, abitazioni private, soluzioni urbanistiche e stilemi architettonici, è percepibile anche all’occhio meno avvezzo al nuovo e al bello, che sono gli elementi distintivi dell’intervento realizzato dalla DB Costruzioni a Corso Bucci. Mario Di Biase meritava che gli venisse riconosciuto l’attaccamento alla città e a volerla, se possibile, più bella e migliore. Per questo, sincero gesto d’amore, aveva recuperato con pazienza certosino le pietre della vecchia Fontana Cacciapesci per restituirla ai cittadini e avrebbe voluto che fosse il primo cittadino ad inaugurarla. L’animo umano concesso agli arcani della contrapposizione politica purtroppo lo ha impedito. Una volta però calato il sipario della dipartita dalle piccinerie terrene non resta che ridare quella Fontana ai cittadini nel nome di Mario Di Biase e dell’attaccamento alla sua terra. La cerimonia di inaugurazione riparatrice è prevista per il primo pomeriggio di lunedì 27 dicembre. Un sincero atto dovuto. A.Cu.


REGIONE Basta pantomime: “Vogliamo le primarie” CAMPOBASSO - Weekend di fibrillazioni. Le primarie della Gazzetta fanno discutere e qualcosa nel centrosinistra si muove: decine di persone invocano il ricorso ai gazebo, seppur solo una parte esprime la propria preferenza. Chi lo fa contribuisce a confondere le carte di un’alleanza ancora traballante. Annamaria Macchiarola guida il plotone con 11 voti, seguita da Nicola D’Ascanio 6 e Massimo Romano 5. Il campione non è significativo, eppure l’orientamento degli elettori pare privilegiare una certa continuità amministrativa, almeno per la Provincia di Campobasso. Solo quarto infatti il segretario regionale dell’Idv Pierpaolo Nagni - 4 voti - che sarà pure il favorito delle oligarchie, ma agli elettori piace poco. Da subito poi, si allarga la rosa dei contendenti grazie alla new entry del

11

guerriero sannita, Giovanni Muccio. Un solo voto per il presidente del movimento regionale che Francesco così motiva: “È l’unico che dice le cose come stanno”. Del resto, nel silenzio funereo della coalizione di centrosinistra ci voleva qualcuno che

“Non sono la cura. Meglio l’antidoto di niente” Matteo

6

5

facesse chiarezza. Primarie sì, “purché funzionino e non creino danni servono garanzie e regole”, ha precisato nelle ultime ore Massimo D’Alema. E allora scriviamole queste norme, senza derogare sul metodo: “Le primarie sono indispensabili” ammonisce Luca; “servono a restituire credibilità al centrosinistra”, gli fa eco Michela. Angelo invece chiede la fine “dei giochi di palazzo. Ora riprendiamoci la politica”. Pochi voti, dicevamo, ma la certezza di una politica appiattita sull’interesse dei singoli, impantanata in trattative “per i partiti e non per la gente” (Vito). Jack89 è lapidario: “Io scelgo, io voto, io decido. Primarie sempre”. Continuate a votare e a commentare, scrivendo a primariecb@gmail.com. afv

4

1

Stimolate il dibattito, non come l’IdV

Sono un lettore della Gazzetta del Molise ed ho apprezzo la vostra iniziativa perché stimola il dibattito in seno alla coalizione di centrosinistra per designare il leader in vista delle lezioni provinciali. Sempre dalle colonne del Vostro giornale apprendo che il candidato proposto dall’Idv sarebbe Pierpaolo Nagni (finora, sempre da informazioni di stampa, sembrerebbe solo un’autoinvestitura). Ma mi assale un interrogativo: perché il segretario regionale dell’Idv non vuole le primarie? Eppure Antonio Di Pietro ad Annozero dichiara: “Vorrei che fossero i cittadini a scegliere i candidati da proporre”. Allora mi domando ancora: come mai i vertici dell’Idv Molise si comportano come un corpo a sé stante? Antonio Di Cesare, presidente Adusbef

Giovani assessori crescono CAMPOBASSO - Due ore di seduta. Sbagliava chi immaginava una giunta lampo alla vigilia dell’iniziativa denominata “Un giorno da assessore”, organizzata dalla consigliera delle pari opportunità Giuditta Lembo e ovviamente presieduta dal governatore Iorio. Sette ragazzi, ognuno con una delega diversa, hanno vestito i panni degli assessori regionali cimentandosi in una serie di proposte che hanno sorpreso gli amministratori per originalità

Mario Travaglini - Ambiente e lavori pubblici (Majorana, Isernia); Davide Tartaglione - Pubblica istruzione (Majorana, Isernia); Arianna Pallotta - Politiche sociali

La Giunta (Majorana, Isernia); Diana Manocchio - Politiche agricole (Marconi, Campobasso); Florinda Petrecca - Sicurezza

(Giordano, Venafro); Jacopo Di Donato - Attività produttive (Pertini, Campobasso); Giulia Soccio - Lavoro (Majorana, Isernia)

e completezza. “Questa manifestazione - ha commentato Michele Iorio - ci ha consentito di incontrare i giovani e di avvicinarli alle istituzioni e alle responsabilità di governo. Da loro, come accaduto negli altri anni, raccogliamo importanti suggerimenti per porre in essere programmazioni più incisive per il Molise e i suoi abitanti”. Indirizzi interessanti sul trasporto pubblico, l’ambiente, la pubblica istruzione, le politiche sociali, l’agricoltura, la sicurezza e le attività produttive. Dal car sharing ai tirocini lavorativi obbligatori per gli studenti, dalle campagne di sensibilizzazione contro l’uso di alcool e droghe a un sistema di videosorveglianza pubblica per la polizia locale, dalla riqualificazione agricola a quella industriale. Plauso generale degli assessori Cavaliere, Di Sandro, Marinelli, Muccilli, Fusco Perrella, Vitagliano e Velardi. Di seguito l’elenco dei ragazzi a cui è andata un’indennità di cento euro e che il governatore promuove a pieni voti: “Ottima squadra”. afv


CAMPOBASSO ‘Master plan’, Fare Verde incalza Di Bartolomeo “Chiediamo al sindaco di Campobasso di far sentire il proprio peso politico ed istituzionale nei confronti della Regione Molise che sta perseverando nelle proprie intenzioni incurante di tutto e tutti”. E’ questa la posizione dell’associazione Fare Verde che si rivolge direttamente al primo cittadino Gino Di Bartolomeo con riferimento alla realizzazione della nuova sede della Regione Molise nell’area dell’ex Romagnoli. Le procedure del bando per la costruzione, infatti, stanno andando avanti con una certa celerità. Nonostante il pronunciamento del Tar che ha dichiarato illegittimo il costosissimo concorso di idee internazionale, che prevede un intervento edificatorio sull'area del campo sportivo per 28mila metri quadrati (tra sede della Giunta regionale, piastra direzionale destinata agli uffici degli assessorati regionali e 8.000 mq. destinati a centro commerciale), partorito

I volontari dell’ambiente chiedono al sindaco di mediare con la Regione che intanto procede spedita

nell’ambito del contestatissimo “Master Plan” di Iorio e l’ex sindaco del capoluogo Di Fabio. Dunque, nessuna sentenza, oltre a quella del Tar, è stata ancora emessa in merito, contrariamente a quanto si vuole far credere dagli uffici regionali

che hanno volutamente interpretato la sospensiva del Consiglio di Stato come un pronunciamento definitivo che invece non esiste. Sentenza che, quando arriverà, qualunque essa sia, non potrà comunque autorizzare la Regione all’edifi-

Turismo economicamente sostenibile: Gambatesa docet Sono decenni che in Molise si discute delle politiche più idonee da attuare per lo sviluppo turistico della nostra regione. Ma qual è per le istituzioni il vero elemento discriminante? Sicuramente il beneficio in termini economici per l’indotto presente sul territorio interessato, che a sua volta si ripercuote sull’economia dell’intera regione, influenzando indicatori non solo economici, ma anche occupazionali e demografici. In parole più semplici è la differenza tra la spesa affrontata per finanziare l’evento e la ricchezza che l’evento ha prodotto nell’area in cui è stato svolto. Se questo fosse il criterio in base al quale si dovrebbero assegnare una parte dei

finanziamenti regionali dedicati al turismo e alla cultura, molte associazioni di volontariato che gelosamente custodiscono tradizioni, usi e costumi legati alla cultura popolare, ma di scarso impatto turistico, non vedrebbero un euro. La Regione Molise tramite i suoi assessorati dovrebbe prestare maggiore attenzione alle iniziative più meritevoli: a tal proposito Gambatesa docet. Tramite una collaborazione tra l’associazione “I Maiunat’” che ha come scopo principale la valorizzazione dell’omonima tradizione e il club Campeggio Molise, è nato il “Raduno di Capodanno” che ha visto la partecipazione di 107 equipaggi per un totale di circa 230 persone

Sedi Inps di Campobasso e Larino oggi chiuse Gli uffici della sede provinciale Inps di Campobasso e l’agenzia di Larino, a causa dell’assemblea del personale indetta dalle orga-

nizzazioni sindacali Cgil, Uil, Cisal, Rdb e dalle Rsu, resteranno chiusi al pubblico per l’intera giornata di oggi.

provenienti da tutta Italia. La particolarità risiede proprio nel fatto che senza alcuna struttura ricettiva, con un costo che sfiora quasi lo zero, 230 turisti, per la maggior parte di fuori regione, hanno potuto visitare le bellezze del nostro Molise, in questo caso dei piccoli centri di Oratino e Gambatesa e il capoluogo Campobasso. Le domande di contribuzione effettuate dall’associazione a diversi enti pubblici (Comune compreso!) in questi anni non hanno prodotto risultati concreti e si è preferito dirottare finanziamenti su manifestazioni sicuramente a saldo negativo invece di concentrarsi su eventi la cui riuscita in termini ricettivi è di gran lunga meno costosa e sicuramente più soddisfacente. Quest’anno si svolgerà la seconda edizione del “Raduno” e già a fine novembre i numeri circa la partecipazione sono stati confermati. L’auspicio è che le istituzioni siano più sensibili! lucadalex@hotmail.com

cazione. L’ultima parola spetterà, in ogni caso, al Consiglio di Palazzo San Giorgio che, con votazione unanime dello scorso 20 settembre, ha già bocciato nettamente l’ipotesi dei lavori. Circostanza in cui, inoltre, il sindaco Di Bartolomeo ha an-

nunciato un nuovo accordo per ridurre drasticamente le cubature, da 28000 a soli 2000 mq. “Ci aspettiamo – il commento di Fare Verde - che il sindaco Di Bartolomeo quanto prima faccia chiarezza sullo stato dei fatti, dichiari pubblicamente le proprie intenzioni, accetti il confronto con le associazioni cittadine, finora sempre evitato, e mantenga l’impegno preso in Consiglio comunale di difendere gli interessi di Campobasso e dei campobassani facendo ravvedere i suoi colleghi regionali sulla volontà di portare avanti un progetto che, come tutti sanno, nessuno vuole”. Come noto, per contrastare la cementificazione dell’area del vecchio stadio, in città si è creato un vastissimo movimento d’opinione, ad oggi rappresentato da un comitato spontaneo che raccoglie cittadini ed associazioni sotto la sigla “Comitato Parco Pubblico Ex Romagnoli”.

Quest’oggi alla casa di riposo Pistilli il concerto ‘Un Natale a mani giunte’ ‘Un Natale a mani giunte’. E’ questo l’interessante progetto ideato dalla casa di riposo ‘Pistilli’ di Campobasso che va ad inserirsi all’interno di una più vasta programmazione sociale in favore degli ospiti della casa. Si tratta di un’iniziativa che vede coinvolti la struttura ‘Pistilli’ e la scuola media D’Ovidio di Campobasso. Questo pomeriggio, alle ore 16, presso la struttura di via delle Frasche ci sarà un concerto dal titolo ‘Un Natale a mani giunte’ durante il quale si esibirà un coro speciale composto dagli alunni della scuola D’Ovidio e dai ‘nonni’ ospiti della casa ‘Pistilli’.

Visite gratuite per conoscere ‘Villa Maria’ Grande successo dell’iniziativa portata avanti dalla Casa di Cura ‘Villa Maria’ di Campobasso. La Direzione sanitaria, infatti, ha avviato un progetto per migliorare il livello di conoscenza delle attività mediche e chirurgiche operanti nella struttura del capoluogo. Lo scorso sei novembre sono state effettuate delle visite gratuite alla vista a numerosi pazienti pervenuti nel capoluogo. L’11

dicembre giornata dedicata al controllo della ghiandola tiroidea. I consensi riscossi hanno quindi indotto la direzione ad elaborare un programma specifico dedicato allo studio ed al controllo di potenziali patologie riferite ad altri organi. Diversi specialisti metteranno a disposizione le loro competenza professionali. Presto verranno resi noti i muovi appuntamenti.


CAMPOBASSO A Castellino sarà lutto cittadino per il 45enne scomparso sabato in un incidente sulla tangenziale

Palombo, disposta l’autopsia Tante lacrime, poche parole. Lo sconcerto ed il dolore scavano solchi ancora più profondi nell’animo di chi ha conosciuto Americo Palombo, 45enne di Castellino del Biferno scomparso lo scorso sabato in seguito al drammatico incidente avvenuto sulla tangenziale est a Campobasso. Viaggiava insieme all’amico Matteo a bordo della Hyundai coupè travolta e distrutta dall’impatto con un fuoristrada che procedeva sulla corsia opposta, prima di sbandare – per cause ancora da accertare – e ridurre la berlina ad un ammasso di lamiere accartocciate. Una carambola folle, che ha reso le due vetture simili a trottole impazzite, schizzate via dall’asfalto di fronte agli sguardi attoniti degli altri automobilisti che hanno assistito allo scontro. Attimi di panico e preoccupazione, poi l’ar-

rivo dei soccorsi. Immediato anche l’intervento dei vigili del fuoco, impegnati a lungo per liberare i due amici dall’abitacolo dell’auto. Ma la disperata corsa in ospedale per strappare Americo alla morte, purtroppo, non ha sortito gli effetti sperati. L’intervento d’urgenza effettuato al Cardarelli riesce, ma il bollettino clinico diffuso nelle ore immediatamente successive all’operazione conferma le gravi condizioni. Nel tardo pomeriggio di sabato, però, anche la più flebile speranza tramonta, insieme alle ultime luci del giorno, e il cuore di Americo si ferma. Definitivamente. Il sindaco di Castellino ha annunciato la proclamazione del lutto cittadino, non prima, comunque, che il magistrato autorizzerà i funerali, subito dopo l’autopsia a questo punto sempre più probabile. Tutta la comunità, allora, si

stringerà attorno ai familiari della vittima, in un abbraccio rivolto in modo particolare alla moglie e ai due figli: rispettivamente orfani di marito e padre, certo, ma non dell’amore che Americo ha donato loro. Un amore più forte persino dello strazio di questi giorni terribili, di un’assenza che pesa e che lacera nel profondo. Un amore che traspare e che vive ancora nel ricordo di chi gli è stato accanto: un amore che non sarà dimenticato. Lu.a.

Ieri il primo incontro a Palazzo del Governo tra i rappresentanti dell’azienda e i sindacati

Molise Trasporti, slitta la conciliazione in Prefettura CAMPOBASSO – Bisognerà attendere una settimana per sapere se il tentativo di conciliazione tra azienda e sindacati andrà in porto. L’incontro di ieri in Prefettura (come prescritto dalla legge 146 del 1990 che dispone, in materia di controversie lavorative che comprendano servizi pubblici, il passaggio al Palazzo del Governo prima di rendere effettiva una vertenza) sul caso della Molise Trasporti e dei dieci dipendenti a rischio, è servito per tracciare, a grandi linee, il quadro della situazione. Che resta di muro contro muro. Riprenderà, infatti, dalle 10 di questa mattina il presidio dei lavoratori e dei sindacati della Filt-Cgil, Uilt e Uglt davanti alla sede dell’azienda in via San Giovanni in Golfo a Campobasso. L’obiettivo è quello di scongiurare il licenziamento dei dieci lavoratori, vittime dei tagli nel settore del trasporto pubblico, ai contributi e ai chilometri di percorrenza. La manifestazione di venerdì scorso davanti al palazzo della Giunta regionale, nonostante il freddo polare, non ha avuto esito. C’erano, oltre ai lavoratori della Molise Trasporti, anche altri di altre autolinee per portare solidarietà ai colleghi. Purtroppo per loro, il tavolo tenutosi in

via Genova tra il presidente Iorio e i sindacati, ha confermato i timori che già erano nell’aria: le corse di competenza statale non saranno finanziate in alcun modo dalla Regione (diretta conseguenza del 35% dei tagli disposto dalla Finanziaria approvata dal governo). Con buona pace dei dieci lavoratori della Molise Trasporti che vedono sempre più in bilico il prosieguo della loro attività e, ovviamente, degli utenti. Dal 1° gennaio prossimo, infatti, viaggiare alla volta della Capitale, sarà sempre più difficile. A questo proposito, il rischio sciopero generale è più che mai concreto. L’unico spiraglio sarebbe quello di bandire una gara pubblica per trovare un gestore unico in regione. Ma ciò, al momento, sembra alquanto difficile, considerando che ci sono 32 aziende a rischio, con esuberi non quantificabili e difficoltà ad operare una razionalizzazione proprio a causa del ritardo sulla gara che in tutti i casi non potrà essere pronta prima di agosto. Un po’ come giocare alla roulette russa, solo che, al prossimo tiro, il bersaglio non cambierà. E saranno sempre i lavoratori. Adimo

Il cordoglio dei colleghi della Sati Grazie a quella strada ci siamo incontrati. Dal 1992 abbiamo lavorato fianco a fianco con la tua onestà , con la tua semplicità e disponibilità. Il tuo sorriso e la tua simpatia ci hanno alleviato le giornate. Per colpa di quella strada ci siamo separati, ma il ricordo che ci lasci è più grande del dolore che ci unisce alla tua famiglia. Prima che un collega sei stato un vero amico, di quelli su cui puoi sempre contare. Caro Americo, rimarrai sempre nei nostri cuori. I colleghi

Violenza domestica muore dopo lunga agonia Il più tragico dei finali ha calato il sipario sulla storia di Carmen Otero Diz. Sessant’anni, gli ultimi dei quali vissuti tra le mura domestiche all’ombra degli abusi e delle violenze inflittele dal marito, conseguenze estreme e brutali dei litigi che turbavano la tranquillità familiare ormai da tempo. Troppo tempo. Tanto che Carmen aveva deciso di porre fine a quelle indicibili sofferenze, non senza qualche difficoltà, avanzando istanza di divorzio. La causa parte e il giudice le dà ragione, costringendo il consorte a versare la somma per gli alimenti: una situazione vissuta dall’uomo come un affronto. Ecco, allora, che il periodo della convivenza nell’abitazione di Vinchiaturo diviene presto il teatro di sopraffazione e abusi. E il 12 luglio scorso l’epilogo comincia, all’insegna della follia e del macabro. Ancora un diverbio dai toni infuocati, una colluttazione intensa che presto imbocca i binari del delirio: Carmen viene colpita ripetutamente dai calci e dai pugni del marito, poi vola giù per le scale. Dopo il chiasso e le urla un silenzio abissale. I vicini di casa, preoccupati dalla dinamica della discussione, si affacciano sul pianerottolo, trovando la donna priva di sensi, con il volto tumefatto e il corpo pieno di lividi. Immediata la chiamata ai soccorsi del 118, che giungono sul posto dopo pochi minuti: inizia la corsa contro il tempo per trasferire all’ospedale “Cardarelli” la vittima, ricoverata d’urgenza in gravi condizioni. Il quadro clinico non migliora con il trascorrere del tempo, tutt’altro. Carmen entra in coma: un’agonia durata cinque mesi, fino alla notte scorsa. E adesso per P.L., il 62enne marito e carnefice, si aprono nuovi scenari. Prima l’allontanamento dalla casa familiare, poi l’arresto per lesioni volontarie e aggravate: ora l’accusa più pesante. Quella di omicidio. Lu.a.


ISERNIA Assemblea presso lo stabilimento di Pettoranello tra dipendenti, sindacati ed Rsu

Ittierre, dipendenti preoccupati: “Basta con il clientelismo” PETTORANELLO DI MOLISE - “Basta con questo sistema clientelare, i nuovi proprietari dovranno garantire trasparenza”. Queste le parole dei dipendenti della Ittierre di Pettoranello che ieri mattina si sono riuniti in un’assemblea pubblica indetta dai sindacati ed Rsu. Presente anche Lino Zambianchi della Cgil. I lavoratori si sono detti abbastanza preoccupati, anche se sperano che il gruppo imprenditoriale “Albisetti” possa rispondere in modo positivo alle loro istanze. I sindacati si sono detti preoccupati soprattutto per quanto riguarda i criteri che saranno adottati per selezionare i 570 lavoratori (su circa 800) che saranno impiegati nella produzione. “In passato - hanno spiegato alcuni dipendenti - questi criteri non sono stati sempre trasparenti”. Si dovranno, inoltre, tener conto i nuclei familiari che

Solidarietà alla Giovanni XXIII Nell’ambito delle manifestazioni Telethon 2010, l’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” e la Banca Nazionale del Lavoro di Isernia, sono lieti di comunicare che presso la sede della Scuola Media di Corso Garibaldi in Isernia, oggi alle ore 11, si terrà un Incontro Scientifico con la partecipazione del Dott.Battaglia, Ricercatore presso l’Istituto Neuromed di Pozzilli. Tema dell’incontro: La ricerca scientifica nella Medicina. Sempre oggi alle ore 17 presso l’Officina della Cultura di Isernia, l’Istituto Comprensivo “Giovanni XXIII” presenterà il Concerto di Natale 2010. La cittadinanza è invitata a partecipare.

8 ANNO III - N° 282 MARTEDÌ 21 DICEMBRE 2010

lavorano nell’azienda. In sostanza, se ci sono due persone appartenenti alla stessa famiglia, i sindacati chiederanno alla nuova proprietà di garantire un futuro occupazionale almeno ad uno dei due. Gli operai, inoltre, hanno chiesto un incontro urgente alla Regione Molise per discutere dei futuri ammortizzatori sociali.

Intanto emergono novità anche per quanto riguarda il prossimo incontro che si terrà a Roma il 22 dicembre tra l’amministratore delegato Bianchi e i sindacati. Per porre rimedio alla fuga di Cavalli, Bianchi porterà la dichiarazione d’intenti di tre nuovi marchi. Con la fuoriuscita del prestigioso brand di moda, infatti, a rischio ci sono circa cento posti di lavoro.

Gli studenti isernini bloccano la città E oggi il flash mob iSERNIA - La protesta degli studenti contro la riforma Gelmini non si placa. Ieri mattina gli alunni delle scuole superiore hanno bloccato il traffico lungo viale dei Pentri. I giovani si sono fermati al centro della carreggiata, nei pressi della rotonda ed hanno occupato la strada, bloccando di fatto il traffico veicolare. Sul posto sono arrivati gli agenti della Questura pentra che hanno tentato di riportare l’ordine. Ma gli studenti hanno rimosso, spontaneamente il presidio. ''Siamo scesi in strada - hanno spiegato - con la speranza di poter attirare l'attenzione delle istituzioni per avere una risposta alle nostre istanze per la tutela dell'istruzione pubblica''. ''E' piu' di una settimana, ormai - hanno detto ancora che siamo in regime di occupazione, ma ciò, non è servito”. Una forma di protesta innovativa che si chiama flash mob. Gli studenticcupano improvvisamente uno spazio pubblico, per poi disperdersi dopo qualche minuto. A volte i manifestanti si sdraiano a terra e con i loro corpi disegnano qualcosa riguardante il motivo per cui stanno protestando. Genere di protesta che potrebbe verificarsi anche oggi. Sembrerebbe, infatti, che diversi studenti siano pronti a scendere di nuovo in strada.

Letterine a Babbo Natale Le Poste rispondono

Rifiuti, le aziende corrono ai ripari

Anche per queste festività Poste Italiane vuole dedicare ai più piccini un gesto di attenzione e di affetto raccogliendo le letterine destinate a Babbo Natale. Ogni anno sono oltre 150mila le letterine che vengono trovate nel circuito postale indirizzate “a Babbo Natale”. A tutti sarà inviata una risposta personalizzata e un simbolico dono.

ISERNIA - La Camera Commercio di Isernia informa che, nel corso dell’anno, ha provveduto a contattare e a distribuire alle imprese delle provincia (circa quattrocento) iscritte al Sistri (Sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti) i dispositivi informatici necessari per far fronte agli adempimenti previsti dalle vigenti norme.


ISERNIA In un mese arrivate circa 1.500 persone. Per il 2011 cinquemila posti già prenotati

Turismo, ecco la ricetta vincente Ottimi risultati per il progetto avviato dalla Provincia e dalla Camera di Commercio ISERNIA - “Porterò dentro di me il ricordo di tutto questo ma soprattutto l’amore che ogni persona che abbiamo incontrato sul nostro cammino ci ha trasmesso”. Questo uno dei commenti dei circa 1.200 turisti che hanno soggiornato nella provincia di Isernia nell’ambito del progetto denominato “Isernia Insieme” promosso dalla Provincia pentra in collaborazione con la Camera di Commercio. I risultati di questa iniziativa sono stati presentanti durante una conferenza stampa tenutasi al City Fashion. 1.200 persone in un mese, questi i numeri impressionanti che lasciano ben sperare per il futuro. Un progetto costato poco più di 100mila euro, fondi stanziati sia dalla Provincia che dalla Camera di Commercio. I

Florindo Di Lucente coadiuvato da altre professionalità, è già al lavoro per migliorare l’offerta in vista del prossimo anno. Un anno che dovrebbe partire già da una base solida. Sono già cinquemila, infatti, le persone che hanno prenotato un soggiorno di più notti nella provincia di Isernia. Per i cral, inoltre, Provincia e Camera di Commercio hanno promosso delle agevolazioni economiche

due enti hanno puntato sulla pubblicizzazione del territorio mediante le guide turistiche, le fiere internazioni e soprattutto i

cral aziendali provenienti da fuori regione. Ed i risultati hanno dato ragione. Intanto l’assessore al Turismo,

San PietroAvellana,polemiche sull’adesione al polo scolastico Molti piccoli paesi in Italia e anche in Molise, stanno istituendo dei poli scolastici per andare incontro alle necessità dei cittadini. Alcuni paesi tardano a capire l’importanza dell’iniziativa e rinviano la loro adesione alle strutture nascenti. Uno dei paesi in ritardo è San Pietro Avellana che ha rimandato la decisione di aderire al polo che nascerà nel territorio di Carovilli ad un prossimo consiglio comunale. Esistono, tuttavia, situazioni e prospettive che non possono essere trascurate. Il primo obiettivo di carattere generale che può essere raggiunto con l’istituzione del Polo scolastico tra alcuni comuni dell’Alto Molise è quello di rilanciare dal punto di vista economico e sociale l’intero territorio. IInoltre, nel rispetto della legge che impone ai piccoli comuni di unirsi per gestire al meglio tutti i servizi resi ai cittadini occorre cogliere l’occasione

che in un periodo di crisi potrebbero indurre i turisti a visitare i nostri territori. Estremamente soddisfatti dell’iniziativa i due presidenti, Luigi Mazzuto e Luigi Brasiello. Quest’ultimo ha voluto lanciare un appello all’assessorato al Turismo della Regione Molise affinché “si inserisca in questo progetto ambizioso che sta dando grandi risultati”.

Venafro, arrivano gli aiuti alle famiglie Il Consigliere alle Politiche Sociali Roberto Oliva informa i cittadini aventi diritto che è possibile riscuotere il contributo “Minimo vitale”. Le somme sono riscuotibili a partire da mercoledì 22 dicembre presso la filiale di Venafro della Banca di Ancona. «Siamo spiacenti di dover comunicare –spiega il Consigliere Oliva- che quest’anno il contributo sarà leggermente inferiore agli altri anni a causa della concomitante riduzione dei fondi stanziati per alcuni interventi di carattere sociale e l’aumento del numero delle famiglie che ha inoltrato richiesta di contributi. Abbiamo lavorato, anche quest’anno, per rendere possibile la riscossione delle somme prima di Natale e andare incontro alle esigenze delle famiglie». Gli aventi diritto saranno informati anche attraverso comunicazione cartacea.

per unire le forze anche nell’organizzazione scolastica. L’occasione è giusta per far uscire dall’isolamento i nostri paesi e combattere quello spirito campanilistico che impedisce di raggiungere risultati positivi solo per alimentare la competizione tra “poveri”. Occorre una sterzata, un nuovo spirito di collaborazione che possa facilitare la crescita di tutti. Uno degli aspetti più negativi della scuola nei piccoli paesi è quello dell’organizzazione di pluriclassi perché impedisce ai bambini più piccoli di crescere e imparare gradualmente secondo le loro capacità e nello stesso tempo costringe i più grandi ad attendere che gli insegnanti dedichino loro una parte delle attenzioni. Tutto ciò finisce per essere di intralcio alla crescita culturale dell’intera classe. Al contrario, un aspetto estremamente qualificante della costi-

tuzione di poli scolastici è la creazione di nuove strutture che rispetteranno tutte le regole antisismiche, di sicurezza e che potranno garantire i servizi più avanzati dal punto di vista didattico, tecnologico, ricreativo e sportivo. Naturalmente rimarrà ai genitori la possibilità di iscrivere i loro figli alla scuola che riterranno più adatta, ma compito irrinunciabile dei comuni è quello di offrire ai loro cittadini tutte le possibilità di scelta. Che cosa aspettiamo? A questo punto occorre affrettarsi e aderire con entusiasmo, come hanno già fatto alcuni comuni; la Regione questa volta si è preparata ad accogliere i progetti ed a finanziare le opere, siamo noi in ritardo. Guido Trozzi, consigliere di S. Pietro Avellana

Lsu, contratto prorogato fino a marzo

Convegno sulla “Direttiva Nitrati”

Il consigliere provinciale e comunale di Venafro, Antonio Sorbo, e l’assessore provinciale Domenico Izzi, hanno incontrato l’assessore regionale Angela Fusco Perrella per fare il punto della situazione sulla stabilizzazione degli Lsu del Comune di Venafro. A questi ultimi sarà prorogato il contratto fino al mese di marzo.

ISERNIA - L'Unioncamere Molise in collaborazione con l'azienda speciale Sei di Isernia ha organizzato, oggi a partire dalla ore 9.00 , presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Isernia un seminario dal titolo " La Direttiva Nitrati ". Un interessante convegno, dunque, per i titolari di aziende agricole e zootecniche.

9 ANNO III - N° 282 MARTEDÌ 21 DICEMBRE 2010


TERMOLI Il consigliere di opposizione del Pd, Vincenzo Cordisco, ha presentato un’interrogazione

Acqua potabile, continua il divieto d’uso Nel documento suggerisce all’amministrazione “di predisporre autobotti per la distribuzione gratuita per l’uso quotidiano” CAMPOMARINO – Continua il divieto di usare l'acqua per scopi potabili, usufruibile solo per l'igiene personale e per pulizia dei locali. Sull'ordinanza emessa dal Sindaco chiede spiegazioni il consigliere comunale di opposizione del Pd Vincenzo Cordisco che ha presentato una interrogazione. “Considerando che non è già la prima volta che si è dovuti ricorrere a tale limitazione – scrive Cordisco - e che questa situazione è, apparentemente, ciclica nel tempo, è stata sottolineata la scarsa informativa nei confronti della cittadinanza, in quanto la semplice affissione dell’ordinanza, e la sua pubblicazione su quotidiani e telematici, non raggiunge l’intera popolazione. Molti cittadini, infatti, ancora oggi non risultano essere a conoscenza della grave situazione verificatasi, questo con conseguenze altamente nocive per la salute pubblica soprattutto visto il reiterarsi dell’evento. Si è, pertanto, invitato il Sindaco e/o l’Assessore competente a porre in essere, qualora non già

Città Verde Premiate Campomarino e Termoli CAMPOMARINO – Due centri della costa, Campomarino e Termoli, hanno ricevuto riconoscimenti dall'associazione Ambiente Basso Molise nell'ambito del premio “Città Verde”, per l'impegno nel contrastare le discariche abusive e nel migliorare l'ambiente. La scelta é caduta sui due centri dellitorale dopo un attento studio da parte dell'Associazione in collaborazione con la protezione civile di Campomarino e al contributo del Melograno di Larino. Dai dati raccolti é risultato che sono state dodici le discariche bonificate e, principalmente, in zone periferiche. “La colpa non è dei Comuni, ma dei cittadini - ha spiegato Lucchese -, il quale ha sostenuto che bisogna combattere le discariche e continuare la raccolta differenziata”. Il premio per Campomarino é stato il sindaco, Gianfranco Cammilleri, e l'assessore Fausto Di Stefano. Per Termoli presente l’assessore all’Ambiente Luigi Leone.

10 ANNO III - N° 282 MARTEDÌ 21 DICEMBRE 2010

provveduto, tutte le misure necessarie per far rientrare lo stato di emergenza ed a risolvere in via definitiva l’annoso problema, oggetto dell’ordinanza sindacale e della interrogazione. E’ stato anche suggerito all’Amministrazione – continua la nota - di provvedere a predisporre autobotti per la distribuzione gratuita di acqua potabile per l’uso quotidiano, necessarie al soddisfacimento delle normali esigenze, al fine di non costringere le famiglie all’acquisto di acqua imbottigliata in sostituzione dell’acqua potabile comunale e, conseguentemente, per non fare sostenere a dette famiglie costi aggiuntivi in questo periodo di estrema crisi. Inoltre – conclude Cordisco -, è stata formulato specifico atto di impegno nei confronti dell’Assessore al bilancio, affinché disponga apposito bonus in favore di tutti i titolari di utenza idrica, per uso civile, da inserire nelle prossime bollette per il pagamento dell’acqua comunale, quale risarcimento del disagio subito reiteratamente”.

Sgombero neve CC Management, successo per il primo Family Day Travaglini: giudizio positivo della gente MONTENERO DI BISACCIA - Il Sindaco Nicola Travaglini comunica il giudizio positivo, confermato da decine di testimonianze acquisite in maniera diretta ed indiretta dal primo cittadino e dai dipendenti comunali, sul servizio di sgombero neve messo in atto la scorsa settimana. “Intendo rendere pubblico il fatto che questa Amministrazione ha ricevuto – afferma Travaglini – l’elogio da parte di molti concittadini che, nonostante le eccezionali precipitazioni nevose verificatesi la scorsa settimana, hanno potuto raggiungere in tempi rapidi i Comuni vicini per recarsi al lavoro o a svolgere le proprie attività. L’intera struttura ha risposto nei tempi e nei modi consoni a tale urgenza, risolvendo in tempi celerissimi il disagio causato, non bisogna dimenticarlo, da un’ondata di maltempo dai caratteri quantomeno inconsueti, così come testimoniato dalle cronache che hanno riportato le numerose difficoltà patite dai Comuni limitrofi. Il servizio di sgombero neve – conclude Travaglini - ha quindi funzionato adeguatamente all’interno del paese e nelle zone più esterne; per questo va dato atto all’assessore Giuseppe Murazzo, per essersi prodigato con la sua presenza continuata, con la sua consueta efficienza e con la sua riconosciuta ed indiscussa disponibilità”.

SANTA CROCE DI MAGLIANO – Pieno successo per il primo Family Day alla CC Management di San Giuliano di Puglia a cui hanno partecipato 400 persone e tra queste un centinaio di bambini tra alunni della Scuola degli Angeli e accompagnati dalle famiglie: per i più piccoli è stato allestito un apposito spazio ludico con animazione musicale. L’apertura del Family Day è stata caratterizzata dall’inaugurazione della mostra fotografica curata dallo studio Kerem di Casacalenda dedicata ai valori del territorio che rispecchiano quelli dell’azienda: professionalità, determinazione, perseveranza ed accoglienza. Alla manifestazione ha preso parte il Sindaco del paese Luigi Barbieri che ha sottolineato l’importanza della realtà imprenditoriale per la zona del cratere. “Il Family Day ha avuto un buon successo - hanno dichiarato Francesco Esposito, Direttore Generale della Cc Management e Francesco Picco, Presidente dell’azienda -. E’ stata una bella esperienza e la popolazione ha risposto secondo le nostre aspettative. Visto il gradimento sia della famiglie che dei più piccoli, pensiamo di riproporlo”.

Centosettanta persone tra staff ed operatori occupate in appena 5 mesi di attività, investimenti strutturali significativi, creazione di un indotto sul territorio del cratere, attivazione di una navetta da Termoli e Campobasso per il trasporto gratuito dei collaboratori con tappe intermedie in vari paesi della provincia e della costa molisana. Questi alcuni dei risultati conseguiti del 2010 dalla Cc Management di San Giuliano di Puglia, azienda specializzata nell’erogazione di servizi di Contact Center evoluto, ricerche di mercato e sondaggi per i principali istituti di ricerca italiani. L’impresa ha aperto i battenti a giugno 2010 e, nell’arco di pochi mesi, ha dato un importante contributo al tessuto economico del “cratere” molisano con investimenti strutturali ed opportunità lavorative rilevanti. Nel mese di settembre 2010 risultavano già contrattualizzate 100 persone tra giovani ed adulti tra cui casalinghe della zona. Per quanto riguarda il 2010 queste le attività intraprese in dettaglio: Pianificazione investimenti, allestimento infrastrutture (impianti, tecnologia, postazioni) ed inizio attività 1° giugno 2010.

XIV mostra dei Presepi di Guglionesi GUGLIONESI – Domani alle 18, nella chiesa di San Nicola,verrà inaugurata la 14^ Mostra del Presepe con esposizione di artistici lavori. Quest’anno a conferma della continua crescita della mostra confortata dalla grossa partecipazione di pubblico e dal plauso della critica, sono 35 gli artisti - presepisti che espongono le loro opere costruite e realizzate con stili, materiali e simbolismi diversi ed eviden-

ziano culture e tradizioni popolari con giuochi di luci e di coreografie all’interno della suggestiva chiesa. E’ una mostra da visitare, fuori dalle ruotine natalizie, non da concorso ma realizzata con l’umiltà della gente semplice. I presepi esposti sono oltre 60 curati in ogni particolare: dal più grande di 20 metri quadrati realizzato nella cripta, al più piccolo realizzato nel guscio di una castagna, si coniugano

con un contesto strutturale architettonico romanico. Lungo il percorso,alcune scene del mondo agricolo faranno da cornice alla mostra per rappresentare la gioia, la povertà e l’amore verso la famiglia della gente contadina. L’esposizione si può visitare nei giorni feriali dalle 18 alle 19,30 e nei festivi dalle 17 alle 20. È possibile prenotare visite, con aperture straordinarie, per gruppi scolastici ed associazioni.

Senegalesi intossicati salvati dalla camera iperbarica

I bambini festeggiano “Natale a scuola”

LARINO – Due senegalesi residenti in Abruzzo R.N. di 39 anni e G.N di 40, si trovano ricoverati nell'ospedale Vietri per una intossicazione da monossido di carbonio. I due hanno accusato malore mentre si trovavano in casa e dopo essere stati soccorsi trasportati al Vietri e trattati nella camera iperbarica. Ora sono fuori pericolo e a giorni potranno tornare a casa.

SANTA CROCE DI MAGLIANO - Pro Loco Quattro Torri, con il patrocinio del Comune, organizza “Natale a scuola” manifestazione riservata ai bambini delle scuole primarie e secondarie. La manifestazione avrà luogo nell'’Istituto Comprensivo “M. Del Gatto” in Via Caduti di Nassirya domani alle 11.00. Alle 10, invece, é prevista la visita presso l’Istituto Sacro Cuore.


TERMOLI Nessun mezzo spazzaneve è passato e gli abitanti hanno provveduto da soli alla pulizia

I residenti di via Lissa abbandonati a se stessi Proteste anche per le condizioni della “strada” e il mancato ritiro della spazzatura nella fine settimana

TERMOLI – Terminata l'emergenza neve e ghiaccio si contano i danni alle colture, si moltiplicano le lamentele per gli interventi a rilento per spazzare le strade. Ma se per queste tre fasi la colpa é soltanto del meteo e dell'impreparazione a tali situazioni (solleviamo giustamente di responsa-

bilità l'Amministrazione comunale), non altrettanto possiamo fare per altre che allo stato attuale rientrano in un menefreghismo totale. Parliamo della situazione che continuano a vivere e sopportare i residenti di Via Lissa. Nei giorni della nevicata abbandonati al loro destino nell'anonimato più totale, come se non esistessero anche se il sindaco Antonio Di Brino in campagna elettorale ha visitato la zona e, nella maggior parte dei casi, ottenuto i voti che hanno contribuito alla sua elezione. Tralasciando che i residenti hanno pensato loro stessi alla buona e meglio a ripulire la “strada”, quello che non accettano é di non essere considerati non solo dagli amministratori comunali ma anche da chi dovrebbe svolgere un servizio pagato profumatamente. Ci riferiamo, in questo caso, alla raccolta della nettezza urbana. E si perché non è la prima volta che Via Lissa viene “saltata” nella raccolta e non è la prima volta che si lamentano. L'ultima occasione è proprio in

Abusivismo commerciale Potenziati i servizi di controllo TERMOLI – Siamo nel pieno delle feste natalizie e, anche se in modo parsimonioso, è iniziata la corsa agli acquisti. Ma non sempre l'utente si reca dai commercianti che devono seguire determinate direttive ma spesso si indirizzano verso gli abusivi. Certamente per una convenienza finanziaria nell'acquisto anche di false griffe a discapito della qualità e salute pubblica. Per questi motivi sono iniziati da alcuni giorni i controlli mirati nei mercati comunali e sul commercio ambulante. All'opera gli agenti della Polizia Municipale ma anche carabinieri, Guardia di finanza, Capitaneria di porto e Polizia di Stato per prevenire e reprimere un fenomeno che, comunquer, é di “moda”. Una attenzione particolare é rivolta alla tracciabilità dei prodotti alimentari come ortofrutta, latticini, carne e pesce, nonché alla conservazione ed alla scadenza degli stessi, in modo da garantire la tutela della salute pubblica. Non a caso, ad inizio settimana, gli agenti della municipalizzata hanno sequestrato 80 chilogrammi di prodotti ittici che stavano per essere immessi in pescherie e mercati. La decisione di rinforzare i controlli è stata presa dall'Amministrazione comunale per tutelare sia i consumatori sia gli stessi commercianti e ambulanti regolari. Oltre agli agenti del nucleo Polizia Amministrativa ed Annonaria, effettueranno controlli anche gli ispettori della Asrem e i dirigenti del Servizio Veterinario.

concomitanza con le nevicate. Nessuno si è lamentato per questa indiscutibile impossibilità al ritiro del pattume perché venerdì le strade erano ghiacciate (in periferia ma non in centro città) e plausibilmente i mezzi avrebbero trovato difficoltà a circolare (solo in periferia). Quindi i residenti di Via Lissa hanno ritirato i bidoncini per poi riposizionarli fuori dalle abitazioni sabato nella speranza che saltata la giornata precedente per motivi indiscutibili (?) il giorno successivo chi di dovere avrebbe provveduto. E invece niente. Caro Sindaco in Via Lissa si sono visti nuovamente costretti a ritirare i contenitori ed ora attendono oggi per la raccolta del secco residuo e venerdì per quella di vetro e metallo. Ora la domanda che le poniamo e poniamo a chi é preposto alla raccolta: ma chi coordina il servizio? E' mai possibile che non si sia pensato a far eseguire il giro il giorno successivo alla nevicata? Eppure sono stati visti i mini compattatori gironzolare a poche centinaia

di metri. Dimenticanza, si è solo tenuto fede al calendario che al sabato non prevede il passaggio in Via Lissa? Caro Sindaco veda un pò lei. E veniamo al secondo aspetto che assilla da molti anni i residenti: la “strada”. La passata Amministrazione comunale, guidata da Vincenzo Greco, di quella via di comunicazione se ne fregò altamente perché la ritenne privata anche se percorsa da tutti. Pensò bene di rimuovere un finanziamento della precedente Amministrazione a guida Remo Di Giandomenico di circa 100mila euro che sarebbe servito per i primi interventi. Lei queste cose le sa bene. Come é anche a conoscenza che i “ricconi” che vivono in quel rione (sono parole di un ex assessore di centrosinistra sempre dell'amministrazione Greco) si sono autotassati per 5.000 euro e far dare una sistemata alla via. Purtroppo le intemperie e la mancata manutenzione, che spetterebbe al Comune (vedi molte sentenze della Cassazione per altre situazioni analoghe),

La Luce di Betlemme è transitata per Termoli TERMOLI – Un centinaio di giovani hanno atteso in stazione il transito del convoglio che trasportava la fiamma proveniente da Betlemme e che farà il giro d'Europa. Il treno, partito da Trieste e diretto a Lecce, ha sostato per qualche minuto nella stazione adriatica, il tempo necessario affinché i giovani in attesa accendessero le loro torce. L’iniziativa, denominata “Luce della Pace”, è giunta alla quindicesima edizione e si propone di condurre nel nostro territorio, la fiamma che, da moltissimi secoli, arde nella Chiesa della Natività di Gesù a Betlemme. Questa grande lampada è perennemente accesa ed è alimentata dall’olio donato a turno da tutte le nazioni della Terra ed é partita da Trieste per giungere a Lecce. La Luce della Pace arriva in Italia nel 1986, ad opera degli Scout sud-tirolese di madre lingua tedesca. La diffusione rimane limitata al territorio dell’Alto Adige per diversi anni, fino a quando un Gruppo Agesci di Valenza Po si organizza per andare a recuperala a Vienna. Nel 1993, un Capo scout austriaco, Fritz, si reca a Trieste in occasione di una delle molteplici attività di grande accoglienza effettuate dall’ Ostello Scout AMIS, associazione scout locale. Nel Natale dello stesso anno, chiamato ed ospitato dai Capi di questa Associazione Fritz ritorna in Italia con la Luce della Pace per la Messa scout di Natale cittadina ed interassociativa. Nel 1994 viene costituito un comitato spontaneo locale, e nel Natale dello stesso anno partecipa fattivamente alla manifestazione per la Luce della Pace, accendendola a Vienna e portandola in Italia con un furgone fino a Trieste. Da quel momento in poi si sono moltiplicate le richieste e la luce richiama a sé un numero sempre maggiore di fedeli. Per l’Italia l’iniziativa é del “Comitato Luce della Pace da Betlemme”, con la collaborazione delle associazioni Scout Triestine / Tržaške Skavtske Organizacije, Agesci, Amis, Assg, FsE, Gei, FvG, Masci, con il supporto delle Ferrovie dello Stato.

Politiche sociali,VI “Giornata della solidarietà” TERMOLI – In occasione della celebrazione della VI “ Giornata della Solidarietà”, che si é tenuta ieri presso i locali della Chiesa di San Francesco con il patrocinio dell’Assessorato ai Servizi Sociali e Cultura, in collaborazione con le Associazioni ”Gocce di Speranza” e “Luciano Lama” di Campobasso, sono giunti a Termoli trecento bambini bosniaci, orfani e profughi della drammatica guerra fratricida che si è consumata in quella terra, per un’accoglienza temporanea, durante le feste natalizie, presso le tante famiglie italiane che si sono offerte di ospitarli. “Nell'occasione – ha riferito l'Assessore comunale alle Politiche sociali, Michele Cocomazzi -, i giovani bosniaci, sosteranno anche a Termoli dove sono stati accolti per una pausa pranzo, offerta dalla Cooperativa Turist. Sessanta di essi sono stati

la “strada” é tornata ad essere un colabrodo. Ora forse la soluzione, anche se non a breve termine, sarebbe stata trovata. Circola voce, e non è la sua, che Via Lissa potrebbe essere sistemata non dall'Amministrazione comunale ma da un privato costruttore edile. Le “malelingue” riferiscono che il personaggio dovrebbe realizzare in zona alcune villette e, pertanto, potrebbe provvedere anche alla strada ma quando non si sa. Comunque i residenti di Via Lissa, che di pazienza ne hanno molta, augurano a lei e all'Amministrazione i migliori auguri di buon Natale e per il nuovo anno. Angelo Santagostino

Avis, anno record per le donazioni TERMOLI – L’anno che giunge al termine sarà ricordato negli annali della sezione Avis termolese. Il direttivo annuncia che è vicino il traguardo delle oltre 2600 donazioni tra sangue e plasma, con un incremento del 30% rispetto al 2009. Centocinquanta sono i nuovi donatori, che vanno a sopperire coloro che per motivi di età sono usciti dai “ranghi”, e questo grazie anche al progetto Scuola che ha avuto inizio 25 anni fa e che permette ai giovani di conoscere l’utilità dell’Avis e li avvicina alla donazione di sangue e derivati. E come ogni fine anno, iIl consiglio direttivo é lieto di comunicare a tutti i soci che abbiamo effettuato almeno una donazione di sangue nel 2010, che possono ritirare la strenna natalizia. Il ritiro si può effettuare dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 18alle 20 di tutti i giorni escluso sabato pomeriggio e domenica. Per comunicazioni contattare lo 0875 – 704703 oppure 3238266365 (Michele Fanelli)

assegnati ad altrettante famiglie molisane, mentre il resto della carovana has proseguito il viaggio fino a raggiungere la Sicilia, ove verranno accolti dalle famiglie isolane. E’ un momento di meravigliosa solidarietà internazionale – continua Cocomazzi -, finalizzato alla promozione dell’integrazione e allo scambio culturale delle diverse etnie, considerato che i bambini, sono indistintamente musulmani, cattolici ed ortodossi”. L'Assessore ringrazia per l’organizzazione Domenico Esposito, Anna Maria Monteferrante e Matteo Tagliaferri, delle associazioni sopra citate che si sono prodigati e spesi incondizionatamente per la riuscita dell’evento. “Non ultimo, ringrazio il sindaco Di Brino che ha creduto fermamente nell’autenticità dell’iniziativa”.

Domani in riunione il Consiglio comunale

A giorni il doppio senso di marcia in via De Gasperi

TERMOLI – Mercoledì alle 18 si riunisce il Consiglio comunale e tra i punti all'ordine del giorno la variante al Prg area di sedime della chiesa di Santa Maria degli Angeli, la modifica e approvazione dello schema di convenzione generale sulle opere di urbanizzazione primaria da eseguire all’interno dei piani di lottizzazione e una serie di interpellanze e mozione. dalle ore 18.

TERMOLI – Doveva entrare in funzione il ieri ma le nevicate dello scorso fine settimana hanno fatto rinviare di qualche giorno il doppo senso di marcia in Via De Gasperi. Una decisione presa dall'amministrazione comunale dopo la riunione con i commercianti della zona. Da ieri gli operai comunali sono al lavoro per ridisegnare la segnaletica e definire i parcheggi.

11 ANNO III - N° 282 MARTEDÌ 21 DICEMBRE 2010


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE PRIMA DEL MATCH Nella prima immagine l’ingresso in campo delle due formazioni; di fianco il minuto di raccoglimento che ha preceduto la gara in memoria dell’ex allenatore rossoblù Lucio Milone, scomparso in settimana

Fotoservizio a cura di Antonio Rateni

Il Campobasso ha scoperto cuore e grinta Una nuova dimostrazione di forza e carattere da parte del Campobasso che aveva bisogno di quest’iniezione di fiducia dopo la sconfitta di Milazzo. Domenica i rossoblù hanno dimostrato di avere anche gli attributi ed hanno fatto tutto ciò che era nelle loro possibilità. Di più era impossibile chiedere ad una squadra che ha giocato metà della ripresa in dieci ed ha finito in nove, visto che Monti zoppicava. Al cospetto dell’Avellino i lupi molisani non hanno sofferto il più quotato avversario, seppur l’approccio alla partita non sia stato dei migliori. Lo stesso mister Cosco ha riconosciuto una partenza ‘lenta’, ma questa volta dopo il gol subìto i rossoblù hanno

Il gol di Visconti

reagito rabbiosamente, ma soprattutto da squadra. Nella parte centrale del primo tempo il Campobasso ha letteralmente dominato gli avversari, raggiungendo il pareggio e sfiorando il vantaggio. Poi i molisani hanno dovuto parare i colpi, anche se gli irpini raramente si sono resi pericolosi, per via di alcune vicissitudini. Murati, che si stava esprimendo su ottimi livelli, è stato costretto al cambio per un problema muscolare. Stesso discorso per Todino, ad avvio di ripresa, e per Gallicchio che era subentrato. Risultato? Il Campobasso è rimasto senza attaccanti, in inferiorità numerica per l’espulsione di Maglione, e con un Monti a mezzo servizio

anche lui per un problema fisico. Nonostante tutto la squadra di Cosco, che ha rispecchiato il carattere del proprio allenatore, ha stretto i denti ed ha portato a casa un punto meritato, che fa classifica e morale. La prestazione di tutti i rossoblù è stata soddisfacente, ma questa volta dobbiamo rimarcare le performance di Furlan e Scudieri. Il primo è stato decisivo. Ha compiuto due interventi prodigiosi che sono valsi quanto due gol: nella prima circostanza ha tolto la palla indirizzata sotto la traversa con un balzo felino, dopo un colpo di testa di un attaccante avversario; sul finale, poi, ha neutralizzato una punizione

Murati in azione

Monti in azione

insidiosa. Scudieri è stato impeccabile da terzino destro, sublime da centrale quando il mister gli ha chiesto di sostituire l’espulso Maglione. Nonostante la buona prova di domenica, i rossoblù sono usciti con le ossa rotte dalla gara con l’Avellino. Problemi muscolari per Murati, Todino, Gallicchio e Monti: per fortuna sarà provvidenziale la lunga pausa per le festività, visto che il campionato ripartirà il 16 gennaio. Gli allenamenti, invece, riprenderanno lunedì 27, dopo le festività natalizie e nell’occasione si valuteranno anche le condizioni degli infortunati. dim


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Cosco soddisfatto: ora i rinforzi La pausa sarà utile per ricaricare le batterie. Il tecnico auspica che la società possa tornare sul mercato Una prestazione, quella sfoderata domenica dalla squadra, che ha rispecchiato il carattere del proprio allenatore. Per questo mister Cosco è soddisfatto del punto guadagnato dai rossoblù: ‘Il pari è stato buono per noi soprattutto per le tante problematiche che abbiamo avuto. Strategicamente avevamo preparato la partita per ribattere colpo su colpo, con un atteggiamento speculare al loro. Purtroppo i nostri piani sono saltati per quel gol subito a freddo. Loro hanno avuto

Mister Cosco

15^ GIORNATA AVERSA NORMANNA-LATINA BRINDISI-VIBONESE CAMPOBASSO-AVELLINO ISOLA LIRI-MATERA NEAPOLIS M.-MILAZZO POMEZIA-MELFI TRAPANI-CATANZARO VIGOR LAMEZIA-FONDI

CLASSIFICA 2-4 0-0 1-1 RIN 1-0 1-0 2-1 2-3

PROSSIMO TURNO 16 gennaio-ORE 14.30 AVERSA N.-CAMPOBASSO BRINDISI-ISOLA LIRI FONDI-MELFI LATINA-MATERA MILAZZO-AVELLINO NEAPOLIS M.-CATANZARO TRAPANI-POMEZIA VIGOR LAMEZIA-VIBONESE

un’altra occasione con Comini, ma da quel momento abbiamo preso in mano le redini del gioco: abbiamo raggiunto il pari, potevamo fare altri gol ed avevamo in mano la partita. Poi i tanti infortuni e l’espulsione hanno condizionato la partita. Tuttavia ci siamo difesi con ordine e soprattutto è venuto fuori il carattere di questo gruppo. Un punto per noi guadagnato – continua Cosco – che fa morale e classifica e poi aumenta l’autostima in questi ragazzi che stanno dimostrando di tenere alla maglia rossoblù.’ Ora ci sarà quasi un mese di sosta visto che le ostilità riprenderanno il 16 gennaio con la trasferta di Aversa. Un lungo periodo per ricaricare le batterie, ma anche per decidere le strategie future. ‘Adesso i ragazzi hanno bisogno di staccare la spina, perché questi cinque mesi caratterizzati da varie vicissitudini sono stati per loro pesanti. Poi dovremo cercare di recuperare i tanti infortunati e infine discuteremo con la società sull’eventualità di tornare sul mercato per effettuare un grande girone di ritorno. In questi mesi abbiamo recuperato una situazione difficile ed è cresciuta la nostra autostima e l’entusiasmo in città. Se ci saranno nuovi arrivi ne guadagneremo tutti, altrimenti la squadra può comunque fare un buon girone di ritorno, a patto che tutti siano a disposizione. La cosa importante – conclude lo ‘Special wolf’ – è aver trovato tanta disponibilità da parte di questi ragazzi.’ dim

LATINA

35

TRAPANI

29

POMEZIA

29

NEAPOLIS MUGNANO

26

AVELLINO

23

AVERSA NORMANNA

23

MELFI

22

MILAZZO

21

MATERA

20

BRINDISI

19

VIGOR LAMEZIA

18

FONDI

17

CAMPOBASSO

14

VIBONESE

12

ISOLA LIRI

11

CATANZARO [1]

2

SOCIETA’

LEGA PRO

Anche i tifosi hanno chiesto l’allontanamento della Favi

Il torneo riprenderà il 16 gennaio

Anche i tifosi rossoblù hanno chiesto l’allontanamento della dottoressa Favi. Domenica sera, al termine della gara con l’Avellino, alcuni supporters rossoblù si sono recati in segreteria e sono rimasti per oltre un’ora a colloquio con il presidente Capone e con il figlio Gaudiano. I rappresentanti di una parte della tifoseria hanno chiesto l’allontanamento della dottoressa Favi per il bene del Campobasso. Se la sua permanenza – hanno affermato – può essere in contrasto con gli interessi della società, è sempre meglio tutelare il bene dei colori rossoblù. Queste le motivazioni dei tifosi che hanno invitato il patron a compiere al più presto questo passo. mdi

CLASSIFICA MARCATORI 7 reti Grieco (Aversa N.; 3 rigori) Tortolano (Latina; 1 rigore) Macciocca (Pomezia; 1 rigore) Mangiapane (Vigor L.; 4 rig.) 6 reti Lattanzio (Vigor Lamezia) 5 reti Vicentin (Avellino; 2 rigori) Ceccarelli (Brindisi) Agostinelli (Fondi; 1 rigore) Ancora (Matera; 2 rigori) Longobardi (Neapolis; 1 rigore) Madonia (Trapani) Grillo (Vibonese; 2 rigori) Pasca (Vibonese) De Luca (Vigor Lamezia) 4 reti Raffaello (Isola Liri; 4 rigori) Martinez (Latina; 1 rigore) Polani (Latina; 1 rigore) Giannone (Matera) Russo (Melfi) Bonanno (Neapolis) 3 reti Visconti (Campobasso, 1 r.) 2 reti Murati (Campobasso) 1 rete Monti, Posillipo, Scudieri, Chiazzolino (Campobasso)

Anna Favi

Il campionato di II divisione, come noto, osserverà una lunga sosta. Il torneo sarà fermo per tre domeniche: domenica 26 dicembre, domenica 2 gennaio e domenica 9 gennaio. Le gare riprenderanno domenica 16 gennaio quando sarà in programma, per il girone C, la 1^ gara del girone di ritorno. Il Campobasso sarà impegnato nella trasfert6a di Aversa. RS

CHI SALE

CHI SCENDE

Scudieri

Chiazzolino

Una delle sue migliori partite a Selva Piana. Il giovane Piero Scudieri ha sfoderato un’ottima prestazione, soprattutto quando è stato spostato in posizione centrale dal tecnico.

Giacomo Chiazzolino ha fatto un leggero passo indietro rispetto alle ultime prestazioni e non è stato brillante come al solito. Probabilmente perchè ci aveva abituato bene.


S P O RT CALCIO SERIE D

Fa festa solo il Venafro Importante successo dei bianconeri sull’Angolana. In caduta libera il Bojano di Gioffrè Pareggio con rimonta per il Trivento che chiude l’anno a secco di vittorie in trasferta Nell’ultima gara del girone di andata, ultima anche del 2010, l’unica molisana a fare festa è il Venafro(in attesa ovviamente del recupero di domani 22 dicembre del match Luco Canistro- Olympia Agnonese, rinviato domenica per neve). Corrado Urbano non poteva ricevere regalo più bello per festeggiare le sue cento panchine in bianconero. Il successo di misura ottenuto contro la Renato Curi Angolana, quinta della classe,tra le formazioni più in forma del momento e reduce, tra l’altro, da tre successi consecutivi ha permesso a Keita e compagni di congedarsi dal girone di andata con un pizzico di ottimismo in più(anche se le difficoltà continuano ad esserci in casa bianconera) e con la consapevolezza che la salvezza diretta è un obiettivo

tutt’altro che impossibile da conquistare. Sperava di chiudere l’anno in modo migliore l’Atletico Trivento che ad Atessa ha strappato l’undicesimo pareggio stagionale; un punto ottenuto in rimonta poiché la squadra di Favo era sotto di due reti ma è riuscita a restare compatta e a lottare fino alla fine portando a casa un risultato comunque positivo che muove la classifica che, comunque, al momento resta deficitaria poiché ci sono diverse gare da recuperare nei prossimi giorni. I gialloblù si congedano dal 2010 a secco di vittorie lontano dall’Acquasantianni e sono costretti a rinviare l’appuntamento al nuovo anno quando il girone di ritorno si aprirà, il 5 gennaio, proprio con la trasferta i casa del Santarcangelo, prossimo

avversario anche nei quarti di finale di Coppa Italia). Il Bojano è in caduta libera. La squadra di Carmelo Gioffrè è stata strappazzata dalla Santegidiese con un imbarazzante punteggio tennistico che la dice lunga sulla situazione tutt’altro che tranquilla che sta vivendo la squadra biancorossa molisana che domenica in terra abruzzese era imbottita di giovani. La dodicesima sconfitta stagionale(in diciannove gare) suona come un campanello d’allarme che non fa dormire sogni tranquilli in vista di un girone di ritorno che per il Bojano si preannuncia tutto in salita. Il panettone dei tifosi matesini è amaro e per il nuovo anno la speranza è che possano arrivare rinforzi. ANPA

Il gol di Iaboni ad Atessa (foto Santorelli)

VOLLEY FEMMINILE SERIE B2

KARATE

Medaglia d’oro per la Sandonnini L’Effe Sport Isernia saluta il 2010 con una sconfitta ad Ascoli ai campionati italiani giovanili

Si Sono svolti a Colleferro (RM) nello scorso week-and i Campionati Italiani a squadre sociali giovanili e il Campionato Italiano Esordienti “A”. Hanno partecipato alla competizione due atlete Campobassane, Chiara Piano della S.S. BUDOKAN KARATE CAMPOBASSO in prestito alla S.S. DINAMIC’S

KARATE ROMA e Lisa Sandonnini sempre per la BUDOKAN KARATE CAMPOBASSO . E’ iniziata bene la gara del team S.S. Romana, capitolato però negli incontri finali anche a causa di alcune discutibili decisoni arbitrali. Grande gara invece per Lisa Sandonnini che mette in riga tutte le avversarie salendo, dopo una avvincente finale vinta nettamente per tre a zero, sul gradino più alto del podio e conquistando una prestigiosa medaglia d’oro classificandosi negli Esordienti “A” l’atleta femminile italiana più forte dei 60 kg. Grande soddisfazione per tutto lo staff della BUDOKAN KARATE CAMPOBASSO ASD (scuola elementare via D’Amato), ancora un’altra medaglia dopo quella di MARA VIGLIONE ai Campionati Italiani Cadetti , davvero un anno speciale per la Società Sportiva del capoluogo di regione che in pochissimi anni è riuscita a creare un gruppo di atleti ben affiatati e vincenti. Ringraziamenti, per la grande collaborazione prestata, vanno anche al M° Massimo Portoghese e ai ragazzi della CHAMPION CENTER di Napoli Società Sportiva Campione d’Italia, dove gli stessi ragazzi Campobassani della Budokan si allenano fianco a fianco con atleti già pluricampioni a livello europeo e mondiale che fanno parte della Nazionale Italiana.

Chiude con una sconfitta netta il 2010 la Fonte del Benessere che torna a mani vuote da Ascoli Piceno nella decima giornata di andata del campionato di serie B/2 femminile. Cambia poco, comunque, in classifica, dove le pentre continuano a conservare il sesto posto, a debita distanza dalla zona retrocessione a, invece, a soli tre punti dai play-off.. La partita, a dispetto di quanto indica il risultato, è stata comunque equilibrata, con la squadra molisana che è stata in gara in tutti e tre i set, gli ultimi due addirittura persi sul filo di lana. A parziale scusante della sconfitta, le precarie condizioni fisiche di alcune atlete isernine, in particolare dell’opposto Tortora, fortemente limitata da un problema alla spalla (tanto da essere sostituita nel terzo set) che la costringerà ad un ciclo di terapie intensive nel corso del periodo di sosta coincidente con le vacanze natalizie. Nel primo parziale, la Fonte del Benessere è passata in vantaggio al primo time-out tecnico (8-7), per poi subire il ritorno delle padrone di casa che alla seconda sospensione obbligatoria erano in vantaggio 16-15. Al rientro in campo la compagine marchigiana ha piazzato il break decisivo che, con un parziale di 9-2, ha bloccato il risultato prima sul 21-15 e poi sul definitivo 25-17. Perso il set, Cassili e compagne non si sono comunque perse d’animo e, pur poco incisive in attacco, hanno sempre condotto la frazione di gioco (8-7 e 16-15 i punteggi ai due tempi tecnici), per venire però scavalcate dalle avversarie sul finale. Il terzo parziale è stato praticamente la fotocopia del precedente, con le molisane in vantaggio fino al sorpasso delle padrone di casa avvenuto dopo la seconda sosta imposta dal regolamento. Il campionato di B/2 ora si ferma per le festività natalizie. La ripresa è prevista sabato 8 gennaio, per l’undicesima giornata di andata, con la Fonte del Benessere impegnata contro la Monteschiavo Jesi. Con l’occasione, la società Effe Sport Isernia, i tecnici e le atlete formulano i migliori auguri per un sereno Natale ed un buon 2011.

CALCIO A 5 SERIE B

Pronto riscatto per la Scarabeo Dopo la brutta sconfitta di sabato scorso ad Ortona, contro il Pino Di Matteo, nella prima giornata di ritorno del campionato nazionale di Serie B la Scarabeo Calcio a 5 Venafro ha affrontato in casa l'Azzurra Paganese: al termine di una gara molto intensa i venafrani si impon-

gono per 3 a 0, e chiudono, così, l'anno al sesto posto, a sei punti di distanza dalla zona play-off. Rispetto alla gara di andata, terminata con la vittoria dei molisani per 5 a 1, i campani si presentano a Venafro con una rosa rinforzata, con alcuni buoni colpi fatti sul mercato invernale, mentre i molisani soffrono ancora per infortunio qualche assenza: il difensore Massimo Bosco è ormai alla terza partita in tribuna, e il neo-acquisto Moreira sarà in campo solo dopo lo stop delle festività di fine anno; nota positiva per Mister Terenzi è il recupero dell'estremo difensore, Gennaro Piedimonte, autore di una bella gara.E' stata la difesa il reparto che ha funzionato meglio nella squadra di casa, come è nella visione calcistica del Mister bianconero, che la considera, in-

sieme al possesso palla, basilare per aspirare a successi prestigiosi; ma il giovane allenatore venafrano può essere soddisfatto anche per il buon possesso palla che i suoi hanno espresso in campo, e per una buona percentuale in fase realizzativa, rispetto alle occasioni create. La Paganese, invece, ha evidenziato di essere un'altra squadra, rispetto a quella vista all'andata, con buone individualità e con una discreta organizzazione di gioco: ha confezionato un paio di belle azioni corali, qualche bel guizzo dei suoi uomini migliori, fra cui il brasiliano Sgarbi, e una serie di tiri dalla distanza, alcuni senza pretese, e pochi pericolosi, su cui Piedimonte ha dimostrato di essere tornato in gran forma a difendere la porta della sua squadra.

Pidimonte


S P O RT VOLLEY MASCHILE SERIE A2

Non basta una volenterosa Fenice La squadra di Cannestracci è capitolata sotto i colpi della vicecapolista Ravenna Non bastano cuore e carattere alla Geotec Isernia per portare a casa qualche punto contro la vicecapolista Ravenna: i romagnoli dimostrano infatti di valere la seconda piazza dell'A2 e portano a casa 3 punti vincendo per 3-1 al termine di un match comunque ben giocato dalla squadra molisana. L'avvio di gara è caratterizzato dalla pressoché perfezione da un lato e dall'altro visto che al primo timeout tecnico la squadra in vantaggio, Ravenna, è avanti di una sola lunghezza (7-8). Alla ripresa del gioco è un muro dell'ex Salgado su Westphal a sancire il primo minibreak della gara (8-10) seguito a ruota da un buon lavoro a muro degli ospiti su un attacco di De Paola che porta al massimo vantaggio ravennate (9-12). La Geotec, però, non si sfalda e riesce a rimanere incollata alla vicecapolista anche all'arrivo del secondo stop forzato che giunge sul punteggio di 16-14 in favore degli ospiti. Al ritorno sul mondoflex, il parziale rimane in bilico fino al 18-20 prima, cioè, del blackout di Westphal che con due errori in attacco concede l'allungo a Ravenna. I romagnoli possono così portarsi a casa il set con il punteggio di 25-20. Il secondo set comincia come era finito il primo ossia con la Geotec troppo fallosa in attacco. Il risultato è il 5-1 in favore di Ravenna prima del timeout chiamato dal tecnico dei molisani Cannestracci. Lo stop

ottiene l'effetto sperato visto che il risultato viene ribaltato come un calzino: i biancazzurri ottengono infatti un break di 6-0 che li porta avanti sul 7-5. I cali di tensione sono però dietro l'angolo e due errori in fase di ricezione consentono a Marcegaglia di tornare nuovamente avanti al primo stop tecnico (7-8). Isernia, torna più convinta in campo e ottiene subito il nuovo sorpasso (9-8). Da quel momento il set rimane in equilibrio costante e si gioca punto a punto: conseguentemente al secondo stop tecnico le due compagini sono molto vicine visto che i padroni di casa conducono per 16-14. Un ace di Sabbi ed un muro di Pambianchi permettono alla Geotec di arrivare al +4 (18-14), vantaggio che viene incrementato da un errore in attacco di Salgado (20-15). Gli ospiti provano a rientrare riuscendoci anche grazie al buon turno di servizio di Moro (23-22) e a un errore di Sabbi sul 24-23 che sancisce l'approdo del parziale ai vantaggi. Il set diventa bellissimo ed interminabile con le due squadre che si sorpassano vicendevolmente fino al muro decisivo di Castellano su Sabbi che sancisce il 33-31 con il quale i romagnoli si portano sul 2-0. L'inizio di terzo set vede le due squadre commettere molti errori sia al servizio che in fase di attacco. Isernia, però, lavora meglio a muro di Ravenna ed al primo stop forzato i padroni di casa

sono avanti 8-5. Il set rimane sulla stessa lunghezza d'onda anche al ritorno in campo delle due compagini prima dell'incremento del vantaggio isernino arrivato grazie ad un ace di Sabbi (13-9) che spinge il tecnico ospite Babini a chiamare timeout. Lo stop per i romagnoli non ottiene l'effetto sperato visto che il martello laziale della Geotec replica l'ace permettendo ad Isernia di allungare a +5, vantaggio che resiste fino al secondo timeout tecnico del set (16-11). A dispetto del secondo parziale, questa volta i molisani non staccano la spina ed il vantaggio per la compagine di Cannestracci rimane cospicuo (21-15) anche al nuovo timeout chiamato da Babini. L'interruzione chiamata dal tecnico ospite rivitalizza Ravenna che con un minibreak di 3-0 si porta a -3 (2118). Questa volta è il momento di Cannestracci per chiamare timeout e l'esito è similare a quello ottenuto dalla Marcegaglia: due punti consecutivi e Isernia che si riporta a +5 (23-18). I romagnoli hanno un nuovo sussulto (23-20 e 24-23) ma questa volta i biancazzurri riescono a chiudere 2523 portando la gara sull'1-2. Il quarto set comincia con i ravennati indiavolati in difesa: gli ospiti, infatti, riescono a tirar su un gran numero di palloni apparentemente impossibili. Nonostante ciò, però, la Geotec Isernia rimane a stretto contatto con i romagnoli e al primo stop forzato

PALLACANESTRO SERIE B DILETTANTI

Marcegaglia è avanti solo di due lunghezze (6-8). Al ritorno sul mondoflex, le distanze fra le due compagini rimangono invariate fino all'11-13, momento nel quale Sabbi sbaglia un attacco concedendo agli ospiti il massimo vantaggio (+3) del set prima di un ulteriore allungo romagnolo al secondo timeout tecnico (12-16) dovuto ad un errore in fase di ricezione dei molisani. Lo stop forzato serve come ulteriore trampolino di lancio per Ravenna che, complice anche un calo di tensione isernino, allunga sul 1319 prima dell'interruzione chiamata da Cannestracci. Il tecnico argentino prova a mischiare le carte inserendo Fiore al posto di De Paola ed il tarantino dà la scossa riuscendo a condurre i suoi da -7 a -3. (17-20). I padroni di casa premono sull'acceleratore

e guadagnano un altra lunghezza (19-21) ma non basta: i romagnoli resistono fino alla fine e chiudono il match con il parziale di 25-22. A fine gara questo il commento di coach Cannestracci,tecnico della Fenice Volley Isernia: "Dopo la partita, credo di poter dire che la mia squadra possa fare meglio. La preparazione al match non è stata delle migliori, soprattutto per me che del lavoro faccio una dottrina e credo che in campo si sia visto. Abbiamo lottato su ogni pallone con cuore e carattere ma questa è una nostra prerogativa. Dal punto di vista tecnico, avremmo potuto fare meglio. Comunque faccio i complimenti a Ravenna perchè è una squadra che esprime un bel gioco ed in particolar modo apprezzo le doti di Moro e Plesko assieme ai due centrali che fanno la differenza".

BASKET FEMMINILE SERIE B D’ECCELLENZA

Il Nuovo Basket saluta il 2010 La Women’s travolge il Perugia con una vittoria a Ragusa

Torresi Lelli

Buon Natale e Buon anno! L’Accademia Britannica si congeda dal 2010 con il suo quarto successo in trasferta e fa gli auguri ai propri tifosi dall’alto della classifica che vede i molisani ancora in vetta. Non era facile andare a vincere a Ragusa, soprattutto dopo

le due sconfitte consecutive incassate contro Francavilla e Corato. Invece il carattere dei campobassani è uscito nuovamente fuori, dimostrando come questa squadra sappia soffrire ed incassare i brutti colpi. La partita parte con un certo equilibrio. Le due formazioni viaggiano a braccetto e nel primo quarto non c’è alcun tipo di break sostanziale. Si arriva sul 19-20 per gli ospiti che poi mettono il turbo nella seconda frazione. Torresi Lelli e Gaido piazzano un parziale di sette punti a zero che porta il team del presidente Di Laura Frattura sul 2331. E’ una mera illusione, perché i siciliani trovano immediatamente morale e forza e con uno dei due Sorrentino si rifanno sotto tanto da andare al riposo in vantaggio di una sola lunghezza (35-34). Alla ripresa dei giochi la capolista si ripresenta

concentrata. E’ il fratello Luigi Sergio a suonare la carica con una prestazione balistica dalla linea da tre letteralmente mostruosa. Il suo 3/3 iniziale, poi tramutatosi in 4/6, è un segnale importante per il quintetto ospite a cui dà seguito Torresi Lelli che con cinque punti consecutivi porta sopra la sua squadra sul 50-56. E’ il momento migliore del Nuovo Basket, perché l’Accademia mette il muso avanti per poi non voltarsi più. L’ultimo quarto vede Gaido e compagni allungare sempre di più sino a toccare anche nove punti di vantaggio. Sul finire c’è la chiara reazione di Ragusa che ci mette cuore e grinta, ma ormai è troppo tardi. L’Accademia ritorna a sorridere ed a vincere. Quello importava alla vigilia. Due punti dovevano essere e due punti sono stati. Tutto il resto conta poco.

Con una partita avvincente e grintosa le ragazze della Women’s Basket Campobasso concludono il turno di andata del girone C1, 78 a 46 il risultato finale ottenuto sabato al Palavazzieri. Di contro, per l’undicesima ed ultima giornata prima della sosta natalizia il Perugia di coach Piselli che, pur facendosi sentire e valere sotto canestro non è riuscito ad avere la meglio contro la forte determinazione dimostrata dalle campobassane – e questa sera è proprio il caso di sottolineare la provenienza geografica avendo, ad un certo punto dei quaranta minuti di gioco, sul parquet casalingo ben tre elementi cittadini (Maiella, Gianfagna, Vettese). A referto in doppia cifra ben quattro giocatrici, Vargiu, Isac-

chi, Errico e Gianfagna. Ma al di la dei punti è ciò che è stato messo in campo a valere e a dare soddisfazione. Un grande gioco condotto grazie a spirito di squadra e tecnica, segnato dalle triple di Isacchi, Vargiu ed Errico e dalle ottime prestazioni di tutte le giocatrici convocate da coach Ladomorzi, ad iniziare dall’ala Gianfagna. In panchina sono rimaste Torre e Castorani, due importanti assenze ma che, grazie davvero alla tecnica dimostrata dalle altre, hanno pesato meno. Una prova davvero soddisfacente che chiude questa prima fase lasciando grande gioia in tutta la società, in attesa di quello che sarà il grande match dell’anno: l’incontro, al rientro sul parquet, con il Bari capolista.



lagazzettadelmolise211210a