Page 1

Minacciava l’ex moglie, allontanato da casa

Contratto di quartiere E’ scontro di cifre

CAMPOBASSO – Dopo la denuncia per molestie da parte dell’ex moglie, ad un imprenditore 41enne del capoluogo è stato notificato l’allontanamento dalla casa familiare ed il divieto di avvicinamento ai luoghi abitati dalle persone offese. A pag.9

CAMPOBASSO. Chi avrà ragione tra l’assessore Cimino e il commissario Iacp? Ma soprattutto quanti soldi arriveranno a San Giovanni dei Gelsi? Un milione come annunciato dal vicesindaco di Campobasso o due milioni come sostiene invece Lepore? Sul contratto di quartiere è scontro di cifre. A pag. 11

ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: Poligrafica Ruggiero srl - 83100 Avellino - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Statuto regionale, 10 anni per non cambiare nulla

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A ORESTE CAMPOPIANO Nell’ultimo dei suoi proverbiali sermoni ha definito “specchietti per le allodole” la due giorni degli stati generali dell’economia molisana e l’annuncio del presidente Iorio di ridurre la sua indennità e quella degli assessori di 2mila euro mensili. Secondo l’avvocato Oreste Campopiano, in questo momento di crisi, ci vorrebbe ben altro. Intanto lui, presidente del Nucleo di Valutazione dei dirigenti regionali, incarico che gli viene retribuito per 25mila euro l’anno, dispensa premi a tutti, o quasi. Secondo le sue “pagelle”, abbiamo una struttura burocratica al top.

L’OSCAR DEL GIORNO A SALVATORE MUCCILLI Saranno presto attivi i nuovi percorsi formativi per la polizia locale molisana, frutto della convezione stipulata tra la Regione Molise e il ministero dell’Interno. Grande merito per il raggiungimento dell’accordo va all’assessore regionale, Salvatore Muccilli, che punta molto su questo nuovo compartimento. La convenzione con il Viminale prevede diverse tipologie di intervento, che vanno dalla formazione iniziale all’immissione in servizio, passando per la qualificazione e l’aggiornamento professionale. Un investimento importante, dunque, quello di Muccilli (cui va l’oscar del giorno) su una risorsa che procurerà molti benefici ai cittadini.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Solito sermone dell’avvocato termolese che sputa nel piatto in cui mangia

Dirigenti regionali: per Campopiano meritano tutti un extra da 20mila euro CAMPOPIANO - Oreste Campopiano continua a scrivere i suoi soliti sermoni. Ormai a cadenza settimanale dispensa giudizi e consigli, naturalmente tutti negativi verso chi ha preferito che la fascia tricolore del Comune termolese la indossasse Basso Di Brino anziché lui. Questa volta sotto tiro ci sono ancora l’assessore Vitagliano e, manco a dirlo, il presidente Iorio. Il primo viene preso di mira per essere il promotore di quegli Stati Generali dell’Economia che - secondo il parere dell’avvocato (stavolta Campopiano ha avuto finalmente il pudore di parlare a titolo personale e non da segretario regionale del Nuovo Psi) - “hanno offerto da un lato una specie di libro dei sogni scollegato dalla attuale realtà economica e finanziaria regionale, dall’altro hanno visto l’assenza della delegazione parlamentare (senza dubbio censurabile attesi gli argomenti in discussione), oltre che di gran parte dei consiglieri regionali”. Il governatore invece finisce sulla lista nera per quell’annuncio fatto in rete di volersi ridurre di duemila euro l’indennità sua e degli assessori.

Ebbene i due eventi collegati semplicemente da un fattore temporale, perché accaduti in settimana, “di fronte alla drammaticità della situazione economica e finanziaria molisana, rivestono carattere di assoluta marginalità” sentenzia l’ex consigliere comunale di opposizione dell’amministrazione Greco. Tornando al taglio della busta paga del governatore, Campopiano aggiunge: “Non vi è dubbio che la riduzione dell’indennità risponda più a finalità di propaganda che ad una reale riduzione dei costi della politica, per i quali ci vuole ben altra determinazione e coraggio a cominciare dalle consistenti spese per i gruppi consiliari che in Molise rappresentano ancora Partiti politici e formazioni non più esistenti nel panorama italiano. Di fronte ad una realtà economica ormai in stato di evidente e profonda crisi invero, non servono né gli specchietti per le allodole, né atteggiamenti improntati alla mistificazione e talvolta al ribaltamento della verità. Serve invece coraggio ed umiltà”. Lo stesso coraggio che dovrebbe trovare il buon Oreste Campopiano quando stila la

Campopiano graduatoria dei dirigenti regionali meritevoli premio di produzione. Sarà sfuggito a tanti ma non certo a noi che l’avvocato termolese, come si suol dire, sputa nel piatto in cui mangia ancora. Il

piatto naturalmente è quello di Michele Iorio e della sua Giunta che tempo fa lo hanno nominato, a suon di euro, presidente del Comitato di valutazione, un organismo che dà le pagelle ai dirigenti regionali a fine anno. Per i più bravi scatta l’incentivo economico, tecnicamente indennità di risultato, che praticamente il segretario regionale del Nuovo Psi in questi ultimi anni ha concesso a tutti o quasi. A questo punto due sono le cose: o abbiamo una struttura burocratica che fa scintille e quindi non si spiega l’attuale situazione, oppure Campopiano è di manica larga. Troppo larga. Certo è che il suo operato, ad essere buoni è un tantino discutibile, e non ha certo contribuito a restringere i cordoni della spesa pubblica. Semmai il contrario. Visto che per Campopiano i nostri dirigenti (80 oggi fino a qualche anno fa 130) sono tutti meritevoli di beccarsi un extra da 20mila euro. Cinquemila in meno di quello che continua a intascare l’avvocato termolese per l’incarico che ricoprirà fino alla fine del 2010. a&a

L’Idv studia una contromanovra economica

Una Finanziaria da 60 miliardi di euro che punta a combattere l’evasione fiscale, ridurre i costi della politica, sopprimere enti inutili, auto blu e dispendiose sedi all’estero

2 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010

CAMPOBASSO – Crescita, risanamento, equità sono i tre concetti di cui, secondo il giudizio dell’Italia dei valori, il governo Berlusconi non ha tenuto conto nell’elaborazione della manovra economica. Ecco perché i dipietristi hanno presentato una contromanovra da sottoporre al parere di Camera e Senato e che è stata illustrata anche a Campobasso. La finanziaria da 60 miliardi di euro targata Antonio Di Pietro prevede minori tasse e una forte riduzione del debito pubblico. E sulla base di queste proposte alternative, fatte da chi non è certo per un governo delle larghe intese ma che, al contrario, auspica elezioni anticipate, si uniranno anche quelle studiate a livello locale per il rilancio delle diverse regioni. In Molise i provvedimenti non sono poi tanto diversi da quelli proposti a livello nazionale: lotta all’evasione fiscale, riduzione dei costi della politica, riduzione delle indennità dei consiglieri regionali, blocco immediato delle

auto blu (“in 3 anni – come si legge nella relazione - la Regione Molise ha speso ben 700mila euro per comprare nuove auto, spendendo 1 milione e mezzo di euro l’anno di costi fissi) e per finire, soppressione degli enti territoriali (comunità montane da ‘sostituire’ con le unioni dei comuni). Tra le altre proposte c’è inoltre la riduzione dei componenti degli organi di società a partecipazione pubblica: “Gli enti subregionali – si legge ancora nel documento - rappresentano una piaga per il Molise, e soprattutto, sono di dubbia utilità al territorio e ai cittadini. A dirla tutta, questi sono nati per ben’altri scopi e si sono trasformati in distributori di poltrone e fabbriche di voti. Ma al di là di questo restano altri interrogativi. Ad esempio l’Arsiam è davvero diversa da quel carrozzone mangiasoldi che ha sostituito, vale a dire il vecchio Ersam, l’ente con il record mondiale di dipendenti assunti come dirigenti? Davvero è utile per lo

sviluppo agricolo? Che dire poi di tutte le società controllate dalla Regione Molise, definite tecnicamente ‘enti economici, cioè la Finmolise, Sviluppo Italia Molise, Molise Dati e Società Campitello Matese, i cui bilanci sono da diverse decine di milioni di euro”. Non sono escluse dal taglio di questa contromanovra le sedi di rappresentanza regionali: “i molisani pagano infatti 4 milioni l’anno di pigioni per gli uffici della loro Regione che ha ben due sedi di proprietà a Roma e che ha acquistato, negli anni scorsi, un ex albergo e uno stabile dell’Enel per una spesa complessiva di 18 milioni di euro. Ebbene, in aggiunta a questi dati non può mancare il riferimento alla prestigiosa sede della Regione Molise a Bruxelles. Ben 554 metri quadrati extra lusso, nella centralissima Rue de Toulose, n. 47 per un costo di 1 milione e 600mila euro”. redazionepolitica

Napolitano: indagare sulle stragi mafiose

Università, Berlusconi: qui belle ragazze, non come la Bindi

ROMA – “È indispensabile sostenere le nuove indagini sulle stragi che sconvolsero l’Italia negli anni Novanta è indispensabile”. Lo ha scritto il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel messaggio inviato ad Agnese Borsellino, moglie del giudice Paolo. Il capo dello Stato ha ricordato così il magistrato ucciso 18 anni fa a Palermo assieme ai cinque agenti della scorta.

COMO – Nel corso del faccia a faccia con gli studenti all’università telematica Ecampus di Novedrate, nel Comasco, l’ateneo privato creato dal fondatore del Cepu, Berlusconi ha fatto battute pesanti su Antonio Di Pietro e sulla presidente del Pd, Rosy Bindi. “Qui ci sono delle belle ragazze che si sono laureate con il massimo dei voti e che non assomigliano certo a Rosy Bindi”.


PRIMO PIANO I ‘dissidenti’ Tamburro, Pietracupa e Chierchia alla fine cambiano idea e solo in 4 si astengono (Chieffo, Niro, Natalini e Pangia)

Statuto, cambiare tutto per non cambiare nulla CAMPOBASSO – Ci sono voluti 10 anni, però… beh, a dirla tutta, non è cambiato assolutamente nulla. Il Consiglio regionale del Molise, che ieri sera ha approvato il nuovo Statuto, ha semplicemente ratificato una modifica costituzionale. Tutto qui. L’iter è ancora lungo e i nodi, quelli veri, non sono stati ancora affrontati. Saranno due mesi di riflessione, poi la conferenza dei capigruppo deciderà se rimettere mano a qualche articolo della Carta costituzionale del Molise appena riformata. Un evento che si verificherà di sicuro. Basti pensare che appena ieri l’emendamento del presidente Iorio per ridurre il numero di consiglieri da 30 a 26 è stato giudicato inapplicabile dalla struttura tecnica. E non è nemmeno l’unico argomento su cui il governatore ha promesso di voler tornare. Anche l’incompatibilità tra consigliere e assessore ‘costringerà’ l’aula a una seconda lettura. E se solo una di queste proposte dovesse passare, sarebbe necessaria addirittura una terza lettura. Sempre con 2 mesi sabbatici tra un’approvazione e l’altra.

Dopo 10 anni viene riformata la Carta che dovrebbe riscrivere le regole democratiche del Molise E’ evidente, quindi, che alle prossime elezioni regionali di novembre con buone possibilità si andrà a votare così come si è fatto nel 2006. Alla votazione del tardo pomeriggio di ieri gli unici astenuti sono stati i consiglieri Antonio Chieffo, Vincenzo Niro, Mauro Natalini e Michele Pangia. Arcinote le loro posizioni “e – come ha detto il coordinatore dei Popolari per il Sud - logica conseguenza di quanto dichiarato durante il dibattito in questi mesi”. Quantomeno singolare il sì dei tre ‘dissidenti’ Gennaro Chierchia, Mario Pietracupa e Riccardo Tamburro. Beninformati raccontano che avranno avuto il loro tornaconto per cambiare idea. E chissà che quell’incarico alla presidenza del Comitato tecnico- scientifico sulla dislessia avuto da Tamburro non abbia influenzato su posizioni che fino a poco fa sembravano andare in benaltra direzione. Assenti invece Danilo Leva,

Massimiliano Scarabeo, Massimo Romano e Nicandro Ottaviano. Ma dati oggettivi a parte, resta il fatto che per la legge elettorale, probabilmente la cosa più importante dello Statuto perché dice se il

Legge elettorale, incompatibilità di carica e riduzione del numero di consiglieri: tutto rinviato alla seconda lettura

governatore deve essere indicato direttamente dagli elettori sulla scheda o dai consiglieri, non se ne parlerà almeno fino a dopo l’approvazione definitiva della Carta. Le modalità saranno demandate a una specifica legge regionale. Nemmeno una parola sul listino e sulla forma di governo. Cambiare tutto per non cambiare niente, La “pagina importantissima” come l’ha definita ieri il presidente del Consiglio Michele Picciano non è poi così rilevante come

vogliono farci credere. Non lo è almeno per i tanti cittadini che hanno pagato le sedute straordinarie e monotematiche in questi 10 anni di un iter cominciato nell’epoca Di Stasi che proprio al consigliere di minoranza Michele Iorio affidò, nel 2000, l’incarico di presidente della Commissione per l’autoriforma del Molise. Incarico, si ricorda, passato 6 mesi dopo al collega Nicola D’Ascanio. Insomma, proprio una svolta non c’è stata e i tempi ristretti che ci separano dalle prossime consultazioni non lasciano presagire nulla di buono. Assunta Domeneghetti


REGIONE Il Tar chiamato a pronunciarsi sul ricorso della Essebiesse per far cadere il veto a Monteverde di Vinchiaturo

Eolico selvaggio, domani il verdetto nizzazione sindacale – la sua battaglia l’ha persa: il Consiglio di Stato ha dato il via libera a un impianto di 18 pale. È la legge regionale a permetterlo. All’inizio era stato previsto un limite di distanza per gli impianti, ma il Governo ha impugnato la legge. Così sono arrivate le nuove linee guida grazie alla legge 22, presentata dal consigliere Berardo, e addio ai limiti previsti”. Di fronte a questo stato di cose, per la Uil “la denuncia e la protesta si propagano coinvolgendo strati della società civile sempre più numerosi e soprattutto unendo le associazioni ambientaliste che negli ultimi anni hanno contestato in maniera forte la programmazione regionale riguardante la produzione dell’energia a vento. Soprattutto quella che dovrebbe interessare i luoghi d’arte e quindi di particolare rilievo storico architettonico e naturalistico. L’energia alternativa – spiega la Uil – oltre che un obbligo imposto dalla comunità europea, presume la volontà di imporre un indirizzo, economico ma anche fortemente politico. Ma – conclude

La Uil: “Le istituzioni si uniscano a noi nel manifestare il dissenso” CAMPOBASSO – Anche la Uil Molise prende posizione contro l’eolico selvaggio. Il sindacato “rivolge un appello ai consiglieri e agli assessori di Regione, Province e Comuni affinché domani manifestino, insieme alla Uil, il proprio dissenso dinanzi al Tar Molise che si pronuncerà in merito al ricorso della Essebiesse Power contro il Mibac per rimuovere il veto alla realizzazione dell’impianto eolico a Monteverde di Vinchiaturo”. Per la Uil, “la gente del Molise combatte da sola. Fuori dalla regione, però, nessuno ne parla. Purtroppo, che cosa si celi spesso dietro gli investimenti nell’eolico sta emergendo dalle inchieste in mezza Italia. Sepino – ricorda l’orga-

Legautonomie

Manovra, Poleggi: la sudditanza imposta agli Enti locali contraddice la Costituzione CAMPOBASSO – Il membro del coordinamento federale operativo di Legautonomie, Filippo Poleggi, interviene sull’approvazione al Senato della manovra economica. “La lotta dei sindaci non è affatto finita. L’intesa è stata fatta su promesse e la manovra portata in Parlamento con una blindatura inaccettabile ed anche i tagli sulle regioni ricadranno, almeno per la metà sui comuni, come tutti hanno chiaro. Il conflitto istituzionale che si è aperto – prosegue – per responsabilità del Governo, non è risolto. La sudditanza imposta agli enti locali contraddice la Costituzione. L’impegno per nuovi provvedimenti di fiscalità locale è importante, ma è contraddetto, intanto, dai contenuti della manovra e dall’iter della riforma della Carta delle Autonomie. I Comuni, così, non reggeranno e gli amministratori hanno il dovere – conclude Poleggi – di farsi capire dai cittadini che verranno colpiti, parlando chiaro e facendo atti conseguenti di contrasto all’espropriazione delle prerogative garantite dalla Costituzione e al taglio di risorse che impedirà di fornire servizi essenziali”. “La fiscalizzazione delle entrate va bene, ma non sposta i termini del problema: con questa manovra economica rischiamo il paradosso di dover chiedere soldi ai cittadini continuando a tagliare i servizi – afferma il presidente nazionale di Legautonomie, Marco Filippeschi –. Il problema vero rimane quello dei vincoli di spesa. Questi vincoli non verrebbero meno, neppure per i Comuni virtuosi, nemmeno se divenisse immediatamente esecutiva l’autonomia impositiva”. Per il presidente Filippeschi, la strada da percorrere “è quella di ripartire certo dal federalismo fiscale, ma anche dalla verifica dei costi di funzionamento di tutte le pubbliche amministrazioni e non solo degli enti locali, perché con questa manovra finanziaria a farne le spese saranno soprattutto i cittadini”.

l’organizzazione sindacale – non ci sono soltanto i siti archeologici; San Pietro Avellana, Macchiagodena, Guglionesi, Riccia, San Martino in Pensilis, succede dappertutto. Come sui pascoli selvaggi di Acqua Spruzza a Frosolone”. Intanto, anche il consigliere regionale del Pd, Michele Petraroia, interviene sull’argomento. “Esprimo apprezzamento per la sensibilità dell’assessore Muccilli, che si dice pronto a riaprire il confronto sulle modifiche della legge regionale sulle fonti rinnovabili, la numero 22 del 2009 recentemente abrogata, in parte dell’articolato dalla Corte Costituzionale. Prendo atto positivamente dell’impegno della Provincia di Campobasso al fianco del ministero dei Beni Culturali nel contenzioso in atto al Tar”. Ma sull’esito finale, Petraroia non è molto ottimista: “Sarà difficile fermare un affare che vale 20 miliardi di euro in dieci anni. La partita è compromessa e ci sono tutti i presupposti per perderla senza ombre di dubbio. Saremo sconfitti ma non ci daremo per vinti, ci sentiremo con la coscienza a posto di chi si è battuto con tutti gli strumenti a disposizione nel contesto dato e, tra dieci anni, quando il nostre

territorio sarà stato sventrato, devastato e svenduto potremo dire ai nostri figli che abbiamo perso a testa alta”. Tuttavia, “la Regione fa ancora in tempo a costituirsi in giudizio e speriamo che Muccilli riesca a convincere la giunta ad adottare la delibera e impegnare il servizio legale in tal senso”.

Polizia locale, convenzione tra Regione e Viminale L’assessore Muccilli: formazione e aggiornamento per far crescere il corpo in Molise CAMPOBASSO – È stata definita nei giorni scorsi una convenzione, tra la Regione Molise e il dipartimento della pubblica sicurezza del Ministero degli Interni, sull’erogazione di percorsi formativi per le polizie territoriali molisane. “Si tratta di un’iniziativa che rafforza il percorso di collaborazione da tempo intrapreso con gli operatori di polizia locale della regione – afferma l’assessore Salvatore Muccilli –. Siamo particolarmente soddisfatti del partner individuato, sia perché si tratta di un partner istituzionale, sia perché ci offre grandi possibilità di crescita professionale. Il dipartimento di pubblica sicu-

rezza, infatti, per il tramite della direzione generale per gli istituti di istruzione ha da tempo sperimentato nuove metodologie didattiche e dispone di moderni impianti formativi, tali da potere realmente valorizzare le competenze e le capacità della polizia locale molisana”. Ma cosa prevede nei dettagli l’accordo con il Vicinale? Ci sono “diverse tipologie di intervento, che vanno dalla formazione iniziale all’atto dell’immissione in servizio alla qualificazione e all’aggiornamento professionale anche su specifici assetti monotematici. Bisogna anche considerare come con le ultime disposizioni legislative si vada accentuando il livello di rischio cui viene sottoposto l’operatore di polizia locale ed è indispensabile elevarne la capacità operativa, con particolare attenzione ai settori della prevenzione, del monitoraggio del territorio e dell’assistenza e del soccorso ai cittadini. Sono convinto – conclude Muccilli – che la polizia locale sia una grande risorsa per il cittadino molisano e la Regione vuole offrire il proprio sostegno per valorizzare un comparto che ha il contatto quotidiano con la gente e garantisce loro sicurezza e tranquillità”.


REGIONE Sinistra Ecologia Libertà bolla la due giorni degli Stati Generali dell’Economia

“Un patto per il futuro (di Iorio)“ CAMPOBASSO Giudizio senza possibilità di appello sulla due giorni degli Stati generali dell’Economia quello di Sinistra Ecologia Libertà. Rino Ziccardi in una lunga nota bolla i buoni propositi di Vitagliano e Iorio, responsabili dello sviluppo regionale degli ultimi dieci anni. “Una due giorni, quella degli stati generali dell’economia, di discussione sul futuro economico del Molise presentato in pompa magna e con grande sostegno mediatico manco fosse l’inizio di una nuova era di sviluppo. Iorio, (e Vitagliano), si vestono da agnelli e propongono una ennesima riedizione, riveduta e corretta, di tutte le carte e gli impegni che hanno preso con il partenariato sociale, in questi

anni, e mai mantenuti. A sentire e leggere le cose che hanno proclamato sembra di assistere ad un flash back riepilogativo di azioni di sviluppo sempre promesse e mai realizzate. Il bello che il partenariato intero è stato a sentire, per l’ennesima volta ,di una necessità di riformare il sistema regionale per fronteggiare i cambiamenti in arrivo per necessità di debito pubblico eccessivo e quadro economico nazionale depresso. Vitagliano (e Iorio) i due artefici della spesa allegra di questi ultimi dieci anni, promettono una ottimizzazione della spesa pubblica regionale adattandola alla responsabilizzazione dei costi imposti dal federalismo fiscale. Se non si fa questo, gridano, è in pericolo la stessa esistenza

della entità regione Molise. Se ne sono accorti dopo dieci anni e prevedono, alla fine della legislatura, nientedimeno che una nuova architettura istituzionale fatta di un consiglio regionale snello, una rinnovata efficacia territoriale da assegnare alle associazioni dei comuni, la dismissione delle partecipazioni ai valori di molte delle maggiori aziende produttive della regione, il “reenginnering”(in italiano reingegnerizzazione) del sistema istituzionale con l’abolizione di enti, organismi, agenzie che , di fatto, svolgono funzioni e compiti propri dei comuni province (dopo che per anni gli ha negato le deleghe che pure gli spettavano con la riforma del Titolo V della Costituzione), una attenzione particolare

ai fondi FAS che non ci sono perché bloccati dal governo e, contentino finale tanto per fare massa critica, un ruolo di monitoraggio operativo assegnato al partenariato. Ruolo già promesso una volta nel lontano marzo 2007 quando, in pompa magna, fu firmato un altro accordo, disatteso, di “concertazione partenariale” sulle politiche di sviluppo della regione Molise. Allora si lasciò convincere il partenariato intero, compreso CGIL CISL e UIL, oggi ci crede solo la CISL e imprenditori, agricoltori, commercianti, professionisti, che attendono di vedere risolte le "necessità" della loro azienda o dei loro rappresentati. E bene hanno fatto CGIL e UIL a non apporre la loro firma, che sarebbe stata compromisso-

ria, sotto un documento- fotocopia masterizzato da migliaia e migliaia di pagine prodotte su centinaia di documenti ripetuti quasi sempre uguali in anni di promesse di sviluppo mai arrivato. Questo spostamento del potere decisionale verso il basso, questo tentativo di coinvolgere la parte produttiva della regione è quanto meno sospetto in questo momento politico delicato per Iorio e suoi amici di avventura. Iorio e Vitagliano si riciclano in una contingente situazione politica con una nuova forza politica che verrà. Per farlo debbono ricreare l’illusione di politica economica per la regione rimotivando gli stakeholder che fino ad oggi lo hanno sostenuto per convenienza e utilitarismo.

Istat: calano gli occupati in Molise nel I trimestre 2010 Merlo (Cgil): i numeri mostrano una popolazione sfiduciata nella ricerca di un lavoro CAMPOBASSO – Il responsabile regionale Mercato del Lavoro della Cgil, Lucia Merlo, analizza i dati allarmanti dell’Istat sulla situazione occupazionale nel I trimestre 2010. “Il tasso medio è del 9,1% ed è aumentato del 14,69% rispetto allo stesso periodo del 2009, mentre il tasso di attività continua ad essere eccessivamente basso e si attesta al 62,4%. Aumenta, inoltre, il numero degli inattivi nel 2010 di 290.846 unità che, se sommati al numero dei disoccupati, porta la percentuale della disoccupazione al 10,6%. La situazione diviene ancora peg-

Confesercenti: Molise regione autonoma, non si può tornare indietro

giore – prosegue la Merlo – se consideriamo i lavoratori in Cig come potenziale di disoccupazione, si determina quindi un tasso disoccupazione-inattività pari al 12,1%. In Molise – sottolinea – la situazione rispecchia quella nazionale. Aumentano le ore di Cig che, da 783.060 passano a 1.064.703, con un incremento del 35,97%. Il dato più sconfortante è quello del numero degli occupati che registra, nei settori considerati, una contrazione pari al 2,26%. Si passa cioè dai 109mila occupati del 2009 ai 106.534 del 2010. Il settore più in crisi è quello dei

CAMPOBASSO- E’ assolutamente negativo il giudizio di Confesercenti Molise, sulla ipotesi di ricongiungere il Molise all’Abruzzo. “La conquista della regione Molise, come regione distaccata dall’Abruzzo, che risale al 1963, non può essere assolutamente rimessa in discussione, come purtroppo si tenta di fare mediante comunicati stampa che hanno un solo obiettivo, il raggiungimento di fini personali”. Con questa dichiarazione, il direttore regionale di Confesercenti Molise Graziano D’Agostino condanna senza appello le ipotesi recentemente formulate anche da esponenti regionali dell’IdV nel dibattito in corso sull'idea di fondere le due regioni di Abruzzo e Molise. “Queste sono manovre estive senza senso, sollecitate da politici

Servizi che registra una contrazione pari al 4,80% passando dai 72.000 occupati 2009 ai 68.545 del 2010”. Tutto ciò “conferma non solo il perdurare delle difficoltà, ma una continua e preoccupante contrazione del tasso di attività. Questo elemento sottolinea la sfiducia della popolazione molisana nella probabilità di trovare un’occupazione e falsa palesemente il dato di disoccupazione che passa ufficialmente dal 9,9% all’8,2% del 2010. Lo scenario molisano appare, quindi, fortemente critico e riporta, in tutta la sua drammati-

guidati da interessi personali. Sul tema della riunificazione tra Abruzzo e Molise, tornato di attualità grazie al can can di associazioni misconosciute e personaggi interessati, gli abruzzesi non dicono affatto la verità, perché parlano di un solo Consiglio regionale invece dei due attuali, una sola Giunta e una presidenza, con la riduzione drastica del numero dei consiglieri e degli assessori, meno uffici, burocrazia e spese. Ma non dicono che, in questo modo, l’attuale regione Molise avrebbe appena cinque o sei consiglieri regionali, nel parlamentino abruzzese-molisano, e forse un solo assessore, e nemmeno quello. Infatti - aggiunge il dott. Graziano D’Agostino- le forze in campo sono sproporzionate, 1.340.000 abruzzesi contro 320.000 molisani, con un rapporto

Sardegna, Pd: pronta la sfiducia a Cappellacci

Piero Marrazzo torna con un reportage su Rai 3

ROMA – Pronta la mozione di sfiducia del Pd contro il governatore della Sardegna, Ugo Cappellacci, coinvolto nello scandalo dell’eolico. Il partito preme ora sugli alleati affinché appoggino la mozione. “È venuta meno la fiducia tra il governatore e i sardi per il fallimento delle politiche del centrodestra, a partire dalla questione eolico”, ha detto il segretario Lai.

ROMA – Piero Marrazzo sta lavorando a un progetto di singoli reportage internazionali per RaiTre, ma l’ex governatore non tornerà a condurre. “La sua vicenda personale lo ha molto provato, ma vuole giustamente tornare a fare il giornalista – ha detto il consigliere del Cda Rai, Nino Rizzo Nervo –. Ha ottime idee sulla realizzazione di inchieste e ne ha parlato con il direttore di Rai Tre”.

cità, i dati di una regione ormai sull’orlo della recessione. Se – conclude la Merlo – si continuerà a pensare che l’unica soluzione possibile alla crisi sia l’ammortizzatore sociale, se non si metteranno in campo serie politiche industriali e azioni vere per determinare lo sviluppo, il rischio evidente è che si intraprenderà una strada senza ritorno”.

superiore di uno a quattro. Dunque, chi parla di annessione, lo fa esclusivamente per scopi politici, che giocano tutti a favore dell’Abruzzo. Già negli anni Sessanta,infatti, l’Abruzzo faceva sempre la parte del leone, e la provincia di Campobasso, che allora rappresentava l’intero Molise, raccoglieva solo briciole. Pensare di tornare a quella situazione, per i molisani tutti,sarebbe un vero suicidio. Questo non vuole dire che la Regione Molise non debba tagliare tutti gli sprechi, anche per migliorare sensibilmente i parametri dell’economia molisana, nel commercio, nell’artigianato e nei servizi in primis. Ma tutto questo non certo con l’Abruzzo a dominare lo scenario, e non certo per motivi altruistici come si vorrebbe far credere”.

7 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010


CAMPOBASSO Ieri è stata effettuata l’autopsia sul corpo del ragazzo. Intanto l’uomo alla guida dell’auto che ha travolto il 16enne è indagato per omicidio colposo

Petrella, oggi pomeriggio l’addio a Gianluca Di Lisio CAMPOBASSO – Si svolgeranno oggi pomeriggio alle 17, a Petrella Tifernina nella chiesa di San Giorgio Martire, i funerali di Gianluca Di Lisio, il 16enne figlio del sindaco del paese. Per l’occasione, è stato proclamato un giorno di lutto cittadino. Il ragazzo ha perso la vita venerdì scorso, in sella alla sua Aprilia 50, scontrandosi con un’auto sulla Statale 87 a pochi chilometri dal bivio di Montagano. L’autopsia e gli esami tossicologici di rito sulla salma, richiesti dal pm, Nicola D’Angelo, sono stati eseguiti ieri alle 15 all’ospedale Cardarelli di Campobasso dal medico legale, Vincenzo Vec-

chione. Alle operazioni ha assistito anche l’avvocato difensore dell’investitore, Gianfederico Cecanese, il quale, dopo un incontro con il suo cliente, ha sostenuto che un’altra vettura gli avrebbe impedito di evitare l’impatto violento con il motorino. L’automobilista, intanto, è stato iscritto nel registro degli indagati dalla Procura della Repubblica di Campobasso. Il reato di cui dovrà rispondere è omicidio colposo. Intanto, i genitori, i parenti, gli amici e i conoscenti, distrutti, non riescono ancora a credere a quanto accaduto. Sul luogo dell’incidente sono stati sistemati

dei fiori e una fotografia di Gianluca. Intanto, continuano le manifestazioni d’affetto di tutto il paese alla famiglia del sindaco del paese, Fulvio Di Lisio. La pagina personale di Gianluca su Facebook trabocca ancora di messaggi e ricordi. Tra i più toccanti, i riferimenti al Paradiso: “... Ti auguro che questo tuo nuovo viaggio sia più emozionante… correndo nelle lunghe valli del Paradiso”; le canzoni di Gianluca Grignani “Destinazione Paradiso” e “Gli angeli” di Vasco Rossi. E una frase, emblematica, che racchiude con dolcezza il senso di questa morte tanto assurda quanto prema-

tura: “Si dice che tutti gli angeli siano biondi, forse Dio aveva bisogno di un angelo rosso. Per questo ti ha portato via dai tuoi cari e da tutti noi. Addio caro, unico ed indimenticabile angelo rosso”. Non sembri troppo ardito, allora, affidarsi ad una citazione di San Paolo: “Le sofferenze del tempo presente non sono paragonabili alla gloria che deve rivelarsi in noi (lettera ai Romani)”. Ed oggi, Petrella, saluterà per l’ultima volta il suo piccolo Gianluca con il cuore gonfio di dolore, ma con la speranza che un nuovo fiore è spuntato nel giardino di Dio. Adimo

Molesta l’ex moglie, divieto di avvicinamento per un 41enne

Week end di denunce dell’arma in provincia Ventitre anni e trentacinque, pregiudicati e nullafacenti, si tratta di C.C. e D.N.G., entrambi denunciati dai carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Campobasso per estorsione. I due, lo scorso 15 luglio, in serata, hanno minacciato e percosso un 50enne del capoluogo al fine di farsi consegnare 70 euro. Per minaccia a P.U., a Santa Croce di Magliano, invece, è finito nei guai un 23enne del posto, muratore. Il giovane, D.P.V., domenica sera, ha minacciato di morte,

senza alcun motivo, uno dei militari dell’Arma intervenuti per sedare una lite tra il denunciato ed un suo congiunto. Infine, ancora una denuncia. A Larino i Carabinieri del Nor della locale Compagnia hanno denunciato per falsità ideologica commessa da privato in atto pubblico M.G., 40enne da Termoli, disoccupato; l’uomo, controllato alla guida della propria autovettura Alfa 146, ha dichiarato di aver dimenticato la patente di guida a casa, ma in realtà il documento risultava sospeso.

Sono stati i carabinieri di Campobasso a notificare ad un imprenditore 41enne del capoluogo (G.G.) la misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare e divieto di avvicinamento ai luoghi abitati dalle persone offese. Ad emetterla il Gip del Tribunale di Campobasso dopo la denuncia presentata dalla consorte 40enne. L’uomo, infatti, sin dall’agosto del 2009, a seguito dell’avvio della procedura di separazione coniugale, aveva vessato e molestato ripetutamente la donna con ingiurie e minacce verbali e telefoniche, seguendola anche nei suoi spostamenti, tanto da ingenerare nella vittima un fondato timore per la propria incolumità. Dunque un altro caso di stalking. Un reato che balza alla cronaca sempre più spesso. L’ultimo, la scorsa settimana. A finire nei guai un 40enne del capoluogo.

Con minacce, sms notturni ed appostamenti, tormentava la sua ex compagna, arrivata al punto di non uscire più di casa per paura di incontrare l’uomo. Dopo la segnalazione da parte della donna, le indagini, in questo caso, della polizia postale. Gli agenti hanno acquisito ed analizzato tabulati telefonici denunciando, di conseguenza, il 40enne per stalking. Anche nei suoi confronti il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima. Lo stalking è stato introdotto nell’ordinamento italiano con notevole ritardo rispetto a quelli europei. A regolare la nuova fattispecie il decreto legge n. 11/09. Essa è finalizzata a far venire meno la pericolosa condotta “persecutoria” nei confronti soprattutto delle donne. La figura ai sensi dell'art 612 bis c.p. prevede che, “salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque reiteratamente, con qualunque mezzo, minaccia o molesta taluno in modo tale da infliggergli un grave disagio psichico ovvero da determinare un giustificato timore per la sicurezza personale propria o di una persona vicina o comunque da pregiudicare in maniera rilevante il suo modo di vivere, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da sei mesi a quattro anni”.


CAMPOBASSO Per il commissario Iacp (Lepore) il ministero avrebbe promesso due milioni di euro L’assessore Cimino che è stato personalmente a Roma parla di un solo milione

Sul contratto di quartiere San Giovanni si danno i numeri... pardon le cifre Dopo l’intervento del consigliere di Costruire democrazia Michele Coralbo che ne sottolineava lo stato dell’arte non proprio roseo (casualità) è arrivata la bella notizia: per il contratto di quartiere San Giovanni dei Gelsi sono in arrivo altri fondi, un milione di euro. Ad annunciare giovedì scorso la novella il vicesindaco Giuseppe Cimino che durante una visita al Ministero delle Infrastrutture a Roma è riuscito a strappare una promessa: un altro milione di euro per completare le opere lasciate in sospeso da ormai cinque anni. E fin qui nulla di strano se non fosse che ieri è arrivato in redazione una nota del commissario straordinario dello Iacp (ente con cui il Comune ha dovuto spartire l’ultima come la prima tranche di finanziamenti ottenuti per il quartiere) in cui si fa accenno alla stessa riunione di Roma, allo stesso finanziamento ma ad una cifra corrisponde al doppio di quella annunciata dall’assessore Cimino. Nella nota inviata dall’ente di via Mon-

tegrappa, commissariato da Iorio da anni, e che ora tocca a Pierluigi Lepore reggere, si legge a chiare lettere: “Sono in arrivo finanziamenti per un importo di un milione di euro per il contratto di quartiere San Giovanni a Campobasso. I fondi saranno stanziati dal Ministero delle Infrastrutture e serviranno a ristrutturare e riqualificare le opere del quartiere San Giovanni. Il commissario straordinario Pierluigi Lepore si è prodigato ed ha propiziato l’incontro con la struttura dirigenziale del Ministero per favorire l’appalto dei lavori di completamento nel quartiere San Giovanni che necessitano di ulteriori oneri. A conclusione dell’incontro, che si è tenuto la scorsa settimana, lo Iacp ha ottenuto promesse di finanziamento per un milione di euro ed altrettanti saranno assegnati al Comune di Campobasso per lo stesso quartiere”. E’ chiaro che davanti ad una simile dichiarazione vanno fatte almeno un paio di considerazioni: come avrà

fatto Lepore a prodigarsi per avere questi fondi visto che è al vertice dell’Istituto da appena tre mesi? La seconda considerazione è più che altro un appunto: il commissario straordinario che all’incontro capitolino non ha partecipato è stato un po’ largo di mano. Il finanziamento (di cui Cimino ‘rivendica’ la paternità) non ammonta a due milioni di euro ma ad un solo milione da dividere equamente tra Comune e Istituto autonomo case popolari. Forse Lepore faceva riferimento agli altri 500mila euro che le due strutture potrebbero recuperare dalle economie, dai ribassi d’asta. Ma questa è un’altra storia e non c’entra nulla con la somma che la delegazione è riuscita a ‘sficcare’ al sottosegretario al ministero delle Infrastrutture. “Con questi fondi l’Istituto autonomo per le case popolari realizzerà la ristrutturazione delle facciate dei fabbricati di San Giovanni, la riqualificazione e la realizzazione di garage. I lavori erano fermi da un paio di anni ed avevano visto una situazione di

Fruttivendoli ambulanti Parpiglia vuole vederci chiaro Qualcuna è già spuntata, qualche altra si vedrà fra non molto. Anche in centro città. Stiamo parlando delle bancarelle difrutta, una specie di punti vendita ambulanti ma con tutte le caratteristiche dei negozi al chiuso. A sollevare la questione è il consigliere di centrosinistra Carmelo Parpiglia ex assessore al Commercio che conosce bene la materia e che ora è preoccupato per questa invasione di postazioni nell’area di Campobasso che potrebbe andare a ripercuotersi ancora una volta sulle già critiche condizioni economiche in cui versano i

commercianti che hanno aperto l’attività nei mercati o comunque al coperto (basterebbe vedere l’affluenza negli stand di via Monforte o di via Benedetto Croce al Cep per accorgersi di quanto il settore sia in crisi). E sono proprio questi negozianti , ancora più minacciati da, ad alzare la voce e a rivolgersi agli ammnistratori di turno. Carmelo Parpiglia dal canto suo spiega che la delibera oltre agli interessi dei negozianti va contro il regolamento comunale che dovrebbe essere modificato prima di dare il via libera agli ambulanti di vendere nelle postazioni strategiche della città.

Il cordoglio di D’Ascanio per la morte di Eleonora Moro Anche il presidente della Provincia di Campobasso, Nicola D’Ascanio, ha espresso vicinanza ala famiglia Moro per la scomparsa della signora Eleonora, vedova di Aldo Moro, indimenticato statista vittima delle brigate rosse. Appresa la triste notizia, il presidente D’Ascanio ha inviato un telegramma di condoglianze ai congiunti – rivolgendosi in modo particolare ai figli Maria Fida,

Agnese, Anna e Giovanni, in virtù di un consolidato rapporto di cordialità di stima rinnovatosi nelle molteplici occasioni che li hanno visti ospiti in Molise nell’ambito di dibattiti di carattere sociale e politico - a nome di tutta l’amministrazione provinciale, ricordando la figura della signora Eleonora: grande esempio di compostezza, serietà e fierezza per tutti gli italiani.

stallo per mancanza di fondi. (Cimino aveva invece sottolineato che il Comune aveva impegnato gran parte dei quattro milioni del primo finanziamento a differenza dell’Iacp che invece di quella prima somma aveva speso poco). E adesso, a seguito dell’incontro con il sottosegretario Mario Mantovani a cui ha partecipato una delegazione dello Iacp con il direttore generale ing.

Nicola Lembo, la promessa di finanziamento è sicuramente un’opportunità per riqualificare un quartiere ad alta densità di popolazione e che attende da anni la sistemazione di alcune opere”. Tra tante verità c’è n’è una inconfutabile: il quartiere San Giovanni ancora non vede realizzate le opere in questione. Nonosotante la vera o presunta pioggia di milioni.

Teatro officina: al via la rassegna itinerante della Provincia Promuovere un più profondo senso di socialità e un nuovo dinamismo culturale attraverso l’esperienza teatrale: questo lo scopo del “teatro officina”, rassegna promossa dalla Provincia di Campobasso e presentata ieri a palazzo Magno. Un progetto che fa del teatro itinerante la chiave ideale per raggiungere scopi socialmente rilevanti, andando oltre la dimensione del mero intrattenimento: “Vogliamo restituire qualcosa ai cittadini e al nostro territorio e così abbiamo deciso di valorizzare alcuni teatri molisani appena restaurati per coniugare l’attività artistica e quella di promozione sociale e territoriale – ha detto l’assessore alla cultura Nicola Occhionero – Le carenze infrastrutturali e la situazione di forte disagio impongono di dare ascolto alle esigenze dei nostri ragazzi, che spesso si sentono abbando-

nati in balia dei loro problemi. In situazioni del genere, è facile cercare un’illusoria via di fuga nella droga. C’è bisogno di una sensibilità diversa, di puntare sui rapporti e sui legami autentici”. La manifestazione farà tappa a Fossalto, Civitacampomarano, Guglionesi, Ripalimosani, Campomarino e Casacalenda a partire dal prossimo 24 luglio, con spettacoli di forte impatto sociale. Un’idea che nasce dal percorso formativo che la fondazione Teatro Savoia e il Teatro officina di Milano portano avanti ormai da oltre un biennio. Ad illustrare la valenza “ulteriore” dell’evento è stato Massimo De Vita: “Siamo interpreti di un teatro che non nasce dal palcoscenico, ma dal sociale e dalla sua rete di relazioni. I nostri attori sono, ad un tempo, testimoni e voce di ciò che esprimono e i nostri prodotti sono una risposta alle esigenze culturali di un territorio”. Quest’estate andranno in tournee due spettacoli prodotti la scorsa stagione: “S-legami” (rappresentazione sul tema della droga realizzata in collaborazione con la comunità di recupero “la Noce” di Petacciato) e “Per la misera!”, favola di Mario Tanno sul rapporto tra povertà e globalizzazione. A trovare spazio, però, sarà anche una nuova produzione, “Io sono l’altro”, che verrà inscenata a Casacalenda con il supporto della comunità di malati psichici “Il casone”. Lu.a.


Cavallo impazzito semina il panico

Macerone, corse clandestine di moto

ISERNIA - Attimi di paura nel pomeriggio di ieri quando un pony di proprietà di un rom è scappato dal quartiere San Leucio, dove generalmente pascolano liberamente i cavalli. Dopo aver percorso un tratto di Statale 17 l’animale si è rifugiato dietro alcune abitazioni del quartiere Nunziatella.

RIONERO SANNITICO - Con dei cartelloni pubblicitari l’amministrazione comunale ha lanciato un monito agli automobilisti e soprattuto ai motociclisti che sfrecciano a gran velocità lungo la strada che attravero il paese. Ma alcuni cittadini sono convinti: “Lungo quella strada si fanno corse clandestine”.

ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Il degrado sotto la finestra www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL COMUNE DI ISERNIA Ma come si fa ad avere sotto gli occhi un sito termale che versa nel degrado e non fare nulla. Questa volta non siamo noi che consegniamo il tapiro, ma è lo stesso Comune che se l’è cercato. L’area dell’acqua solfurea è abbandonata a sè stessa. Una struttura che si trova proprio di fronte alla sede del V settore, che dovrebbe occuparsi di tutela e salvaguardia dell’ambiente. Una situazione che ha del paradossale. Nel sito termale ci si può trovare di tutto. Erbacce, rovi di spine, sporcizia e rifiuti. Il tutto sotto gli occhi indifferenti di chi viene pagato per far sì che tutto ciò non accada. Melogli pensaci tu...anche perché dopo il tapiro potrebbe arrivare anche il gabibbo.

L’OSCAR DEL GIORNO A FERDINANDO CARMOSINO Il giovane sindaco di Rionero Sannitico è stato protagonista di una campagna pubblicitaria sul sociale che farà tanto parlare. Il primo cittadino, infatti, per contrastare le auto e soprattutto le moto, che sfrecciano a tutta velocità lungo il Macerone, ha fatto installare dei cartelloni sui quali c’è scritto “In questo Comune non abbiamo bambini in più...Per favore andate piano”. Un monito, quello di Carmosino, che speriamo venga accolto da tutti. Al sindaco di Rionero oggi va il nostro oscar. Il secondo in pochi mesi. Complimenti!

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Il sito termale nel degrado...proprio di fronte alla sede del Settore Ambiente

C’era un volta l’acqua solfurea ISERNIA - Ce l’hanno tutti i giorni davanti agli occhi ma fanno finta di niente. Stiamo parlando di un paradosso incredibile, uno dei tanti che ci sono nel capoluogo pentro. Questa è la storia dell’acqua solfurea, un tempo sito termale, oggi trasformata in discarica a cielo aperto. Peccato che solo pochi anni fa il Comune di Isernia ha investito centinaia di migliaia di euro per riqualificare un sito abbandonato a se stesso. E oggi, dopo un investimento oneroso, poco è cambiato. Una struttura che potrebbe far gola a “Striscia la Notizia”. Qualche cittadino, infatti, si sta già attivando per chiamare il ga-

14 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010

bibbo. Vi starete chiedendo qual è il paradosso? Semplice. Come tutti sapranno proprio di fronte al sito termale è stata realizzata la sede comunale del V Settore, che tra le altre cose si occupa anche di Ambiente e Salvaguardia del Territorio. C’è un’area, insomma, che si trova nel degrado più assoluto proprio di fronte agli uffici che si dovrebbero occupare di migliorare la vivibilità della città. Se questo non è un paradosso! Perché allora non far ripulire l’area dai cittadini che hanno appena vinto la borsa lavoro? Erbacce, sporcizia ed incuria. Sono queste le condizioni in cui

versa l’antico sito termale dell’Acqua Solfurea. L’area, è stata inaugurata in pompa magna solo qualche anno fa. Ma il progetto, in sostanza, non è mai partito. La struttura, dicono i residenti, è diventata un ritrovo per alcolisti e tossicodipendenti che hanno persino fatto razzia di rame, rubando le grondaie collocate sui tetti degli edifici. Il rame, infatti, viene rivenduto per acquistare dosi di droga. La struttura termale viene aperta al mattino e chiusa la sera da un dipendente comunale. Ma chi vuole trascorrere una giornata all’insegna della natura e assaggiare la famosa acqua iser-

nina deve fare i conti con le condizioni disastrose in cui versa l’area. Ci sono rifiuti ovunque, parte delle strutture non sono state ancora ultimate e ci si trova davvero di tutto. Ormai è diventato quasi impossibile camminare lungo i sentieri senza pungersi con erbacce ed ortiche, che hanno letteralmente invaso le stradine. Per non parlare della fontana da dove esce l’acqua termale, che è arrugginita e divelta. Sulla cupola della stessa, inoltre, c’è anche un grosso buco dal quale qualeche malintenzionato potrebbe riversare sostanze pericolose per inquinare la falda. La scorsa estate il Comune

diede in gestione parte dell’area ad un gruppo di giovani che aveva aperto un locale. “Solfurea go go”, questo il nome del bar. Almeno in quell’occasione il sito era tornato a rivivere. Ma la convenzione è scaduta solo dopo pochi mesi e quest’anno da Palazzo San Francesco sembrano intenzionati a non voler ripetere l’esperienza. Si cerca ancora un privato pronto a gestire la struttura. Ma tutti gli imprenditori si sono tirati indietro. In tanti ora si chiedono quanto tempo ancora dovrà passare per vedere funzionante un’opera costata non poco alle casse del Comune.

Pony impazzito semina il panico in città

Pietrabbondante piange il vicesindaco

ISERNIA - Attimi di panico ieri pomeriggio in località Nunziatella. Un pony, appartenenente ad un rom isernino è scappato dal quartiere San Leucio, dove di solito i cavalli pascolano liberamente, e dopo aver fatto un tratto di Statale, si è nascosto dietro alcune case. Dopo qualche ora l’animale è stato recuperato dal proprietario.

PIETRABBONDANTE - Commozione domenica pomeriggio ai funerali di Lucio Di Iorio, vicesindaco del centro altomolisano. Tutta l’amministrazione e numerosissimi cittadini ed autorità hanno voluto dare l’ultimo saluto ad un uomo che ha fatto tanto per il suo paese. Condoglianze alla famiglia Di Iorio anche da La Gazzetta del Molise.


ISERNIA Rionero. Campagna pubblicitaria del sindaco Carmosino contro gli automobilisti spericolati

Macerone killer, adesso basta In questo Comune non abbiamo bambini in più. Per favore andate piano”. È questo il disperato appello fatto dal sindaco di

Rionero Sannitico, Ferdinando Carmosino, su diversi cartelloni che campeggiano nel paese dell’Alto Volturno. L’invito è sempre lo stesso: convincere automo-

bilisti ma soprattutto centauri, che percorrono il Macerone, a mantenere una velocità moderata sulla strada principale del paese. Su quest’ultima infatti non possono essere collocati i cosiddetti “rallentatori”, dato che andrebbero a cozzare con le norme del codice della strada relative al transito dei mezzi di soccorso. Sul manifesto inoltre è sintomatica l’immagine di una lumaca, quasi a significare che “chi va piano va sano e va lontano”. Purtroppo però non è così, perché la trafficatissima Statale 17 trancia esattamente in due il paese di Rionero Sannitico, ed è transitata di solito da mezzi pesanti e, in queste giornate di caldo e sole, da numerosissimi centauri che scambiano la strada per un’autentica pista da corsa, pronti a frantumare i loro personalissimi nonché pericolosissimi record di circuito. La situazione è

Riccardo Fico, al via il secondo Memorial Partirà domani il secondo Memorial Riccardo Fico in favore dell'AIRC. Il torneo di calcio è dedicato al giovane sessanese morto nel novembre del 2008 a soli 22 anni. Riccardo aveva cominciato subito a giocare a calcio. Già a quattro anni seguiva il papà negli allenamenti e con lui cominciava a tirare i primi calci al pallone. Aveva fatto tutta la trafila delle giovanili nella San Leucio di Isernia e poi, dopo aver interessato i dirigenti tecnici del Pavia (serie C) che volevano che rimanesse nelle loro giovanili, aveva deciso di rimanere in Molise e di non allontanarsi dalla sua famiglia. Aveva disputato due campionati con l'Atletico Sessano, uno di II e uno di I ca-

tegoria. Tutti ricordano il suo ingresso in campo, negli ultimi venti minuti di una partita di play-off: entrò e realizzò una doppietta. Già colpito dalla malattia, cominciava da allora il doloroso percorso che lo ha visto spegnersi pochi mesi fa. Per tenere vivo il suo ricordo e per raccogliere fondi per la ricerca contro il cancro, l'Associazione Riccardo Fico ha deciso di organizzare un torneo di calcio con il patrocinio dell'Assoc i a z i o n e Italiana per la Ricerca contro il Cancro. Lo scorso anno, alla prima edizione del Memorial, fu raccolta la somma di 2.165 euro, interamente versata all'Airc.

delle più allarmanti, e a farne le spese come al solito sono i bimbi più piccoli che con la chiusura delle scuole e l’avvento della bella stagione si riversano nelle strade del paese per giocare. E come dargli torto? Non si può di certo privare un bambino del suo naturale diritto di giocare in mezzo alle strade insieme agli amici, né tantomeno è pensabile far placare la voglia di fare entusiasmo cercando di spiegare il pericolo che corrono tutti i giorni a causa dell’automobilista spericolato di turno. Diverse proposte sono state fatte sia dai genitori che dall’amministrazione comunale. Come già spiegato anche dal sindaco Carmosino, l’ipotesi rallentatori è stata gioco forza accantonata in quanto non si sposa con il codice della strada. Si è pensato anche di costituire un comitato civico per coadiuvare il vigile urbano locale nel suo ormai improbo compito o di costruire una rotonda per limitare in qualche modo la velocità di transito. Staremo a vedere cosa succederà, ma intanto si sollecitano tutti gli automobilisti ed i motociclisti che abbiano un minimo di buon senso a regolare l’uso dell’acceleratore durante i loro viaggi.

Altomolise.net: è subito boom di accessi per il nuovo portale Trentottomila pagine visualizzate, sedicimila visite e oltre seimila visitatori unici assoluti, in appena tre mesi. Sono questi i 'numeri' di cui può vantarsi www.altomolise.net, il nuovo portale di informazione territoriale che aspira ad essere la "Voce dell'Alto Molise". E il ringraziamento più grande, affettuoso, deve andare sicuramente ai lettori che, sempre più numerosi, seguono il nostro portale. On line da poco più di tre mesi, la nostra testata è già diventata un punto di riferimento per l'informazione molisana e altomolisana in particolare. In un momento in cui va di moda tagliare i servizi nell'Alto Molise, anche quelli basilari come i tagli all'ospedale 'Caracciolo' dimostrano, in controtendenza, come è nostra abitudine per formazione culturale e per 'mestiere', abbiamo deciso di regalare al territorio montano un 'servizio' in più. Il portale di informazione locale www.altomolise.net è on line da qualche mese appena e sta già facendo registrare una crescente attenzione da parte dei lettori, della politica e degli altri organi di informazione. News, politica, attualità, cronaca, ma anche approfondimento, interviste, riflessioni dal e per il territorio. Senza dimenticare lo sport, il calcio, una passione che hanno in molti ad Agnone e che finalmente sarà trattata come si deve anche on line, cioè prima della carta stampata. Un sito di informazione, un quotidiano on line che va a colmare, finalmente, un vuoto incomprensibile e inaccettabile per un bacino di lettori rappresentato non solo da Agnone,

Incidente, feriti due agenti della forestale

Cerro ricorda Mario di Ianni

Anche i Vigili del Fuoco di Isernia sono intervenuti in un incidente stradale avvenuto ad Acqua Fondata (Provincia di Latina), a pochi chilometri da Filignano. Un mezzo del Corpo Forestale dello Stato si è ribaltato mentre interveniva per spegnere un incendio. Due gli agenti rimasti feriti. Per fortuna solo tanto spavento per loro.

CERRO A VOLTURNO - Il governatore Michele Iorio ricorda l’amico Mario Di Ianni in occasione dell’anniversario della morte. In paese si sta realizzando un libro sul personaggio politico anche grazie al lavoro di un comitato spontaneo di cittadini e di giovani che si stanno adoperando non poco per ricordare Mario di Ianni.

ma da tutto l'Alto e l'Altissimo Molise. La 'Voce dell'Alto Molise', questa è la nostra ambizione, questo vorremmo essere con il nuovo sito. Un portale di informazione ad uso e consumo anche dei tanti cittadini altomolisani che, per lavoro o per studio, risiedono altrove, anche all'altro capo del pianeta, e non hanno la possibilità di acquistare in edicola un giornale 'made' in Molise. Un sito vicino alla gente, ai problemi reali e quotidiani del territorio, scritto dalla gente, dai Comuni, dalle associazioni, dai movimenti, dai semplici cittadini.

15 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010


TERMOLI Un luogo di abbandono abusivo si trova a San Giacomo in contrada Frassineto

Paese che vai, discarica che trovi È colma di materiale di risulta, cartoni, pneumatici, elettrodomestici, vetri, plastica e sacchetti contenenti probabilmente spazzatura SAN GIACOMO DEGLI SCHIAVONI – Anche il ridente e lindo paesello che dista quattro chilometri da Termoli non è immune dalle nefandezze di qualche scellerato. Se l'Amministrazione comunale fa il massimo per tenere pulitio non solo il paese ma anche tutto il proprio territorio, qualcuno invece pensa solo ai fatti propri creando una vera e propria discarica a cielo aperto. L'abbiamo scoperta per caso in Contrada Frassineto, una strada asfaltata che dall'ingresso del paese porta a sia a Petacciato che a Guglionesi ed è meglio conosciuta come la “strada dei palatesi. Proprio in direzione Guglionesi, in un tratto rettilineo e all'altezza

di un boschetto c'è lo scempio. Oltre ad una montagnola di materiale edile di risulta si trova di tutto: cartoni, pneumatici, elettrodomestici, vetri, plastica e sacchetti che sicuramente con-

è di competenza comunale o della Provincia di Campobasso e per non commettere errori segnaliamo il caso ad entrambi gli enti affinchè intervengano e facciano ripulire il sito. Come, allo

tengono spazzatura. Non si sa da quanto tempo esiste quella discarica e persistendo la sua presenza è un invito ad altri scriteriati di servirsene. Non sappiamo se quel tratto di strada

stesso tempo, lo segnaliamo al presidente dell'associazione Basso Molise, Luigi Lucchese, che è uno dei pochi a cercare con i suoi volontari di salvaguardare l'ambiente e la natura.

Al via la turnazione Assegnato al lido Aurora Beach il Fratino d'Oro dell’erogazione dell’acqua potabile GUGLIONESI - A seguito dei problemi insorti a causa della erogazione ridotta, da Molise Acque, da 28 litri al secondo a soli 8 litri al secondo, senza preavviso e per oltre 10 ore, il sistema idrico di Guglionesi è entrato in crisi. Il sindaco, Bartolomeo Antonacci, tenendo anche conto che i consumi sono aumentati tanto, ha ritenuto necessario prevedere la turnazione nelle contrade rurali e la chiusura notturna dalle ore 22 alle ore 5, fino alla fine di agosto. Lo stesso primo cittadino comunica anche che nel caso, per un ritorno alla normalità, fosse possibile aumentare i giorni di erogazione e fosse possibile evitare la chiusura notturna del serbatoio principale, si provvederà tempestivamente. Si avvisa anche che, con una delibera di Giunta si partirà, secondo un criterio di priorità, ad effettuare controlli e spostamenti di contatori ai limiti delle proprietà: si partirà dalle utenze per le quali non è stato possibile effettuare le letture, anche per più di un anno.

16 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010

CAMPOMARINO – Grande successo anche per questa edizione del Dune Day, organizzata da Ambiente Basso Molise, Il Melograno e dall’Università degli Studi del Molise. Al termine della giornata di studio è stato assegnato il premio Fratino D’Oro allo stabilimento balneare Aurora Beach di Campomarino: “Una piccola perla nel mare più blu d’Italia” la motivazione. Purtroppo – ha detto il Presidente Ambiente Basso Molise, Luigi Lucchese - è ancora debole la percezione

dell’importanza della conservazione della biodiversità, anche perché nel nostro Paese sono ancora pochi gli effetti sulla vita quotidiana di tali perdite. Ma ogni specie che scompare rende l’ambiente più fragile e vulnerabile nei confronti di eventi estremi come agenti patogeni o cambiamenti climatici e provoca sempre un calo nell’abilità del sistema di recuperare lo stato di salute ottimale in caso di degrado.Contribuire alla salvaguardia della biodiversità significa quindi anche impegnarsi sul quotidiano, adottando stili di vita sobri, operando scelte di acquisto oculate e a basso impatto ambientale, eliminando il superfluo e pensando alle implicazioni sull’ambiente, che è lo stesso dei nostri figli e nipoti, di ogni decisione che prendiamo. E’ sentimento tanto comune – ha concluso Lucchese - quanto nobile amare la natura, lo è meno se si rivela incoerente con la nostra pratica di ogni giorno. Alla giornata di studio e premiazione sono stati presenti il Presidente della Provincia di Campobasso, gli assessori Borgia e Norante, i colleghi del Comune di Campomarino Di Labbio e Occhionero. Una nota di merito al servizio d'ordine svolto dalla locale Protezione Civile. Alice

Don Antonio Sabetta preside dell’Ecclesia Mater ROMA - È stata ufficializzata lo scorso 16 luglio la nomina a don Antonio Sabetta a Preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Ecclesia Mater” per il quinquennio 2010-2015. A deciderlo è stato il cardinale Agostino Vallini, vicario generale di Sua Santità Benedetto XVI. L’Istituto “Ecclesia Mater” è a Roma presso la Pontificia Università Lateranense ed è collegato accademicamente con la Facoltà di Teologia della medesima Università. L’Ecclesia Mater è un Istituto universitario, riconosciuto dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica (1973) e dallo Stato Italiano (1985) e sorto per provvedere alla formazione teologica culturale e pastorale dei fedeli laici attivi nella catechesi, nell’animazione dei gruppi ecclesiali e nell’insegnamento della Religione cattolica. Al momento conta più di settecento iscritti. Il rev.do Prof.

Antonio Sabetta, classe 1972, appartenente al clero della diocesi di TermoliLarino ed originario di Guglionesi, è dottore in teologia e filosofia nonché docente dal 2002 di teologia fondamentale presso la Facoltà di Teologia della Pontificia Università Lateranense e l’ Istituto “Ecclesia Mater”. Studioso del pensiero moderno di Gian Battista Vico, del postmoderno e dei rapporti fra cristianesimo e modernità, oltre a diversi articoli su riviste scientifiche italiane ed estere ha pubblicato i volumi: Teologia della modernità (C. Balsamo 2002); I “lumi” del cristianesimo. Fonti teologiche nell’opera di G. Vico (Roma 2006); Dal senso cercato al senso donato. Pensare la ragione nell’orizzonte della fede (Roma 2008, ed. inglese 2010); G. Vico (Roma 2010). All’attività accademica ha unito quella pastorale come vicario parrocchiale di Larino e della parrocchia S.

Maria degli Angeli in Termoli e come amministratore parrocchiale delle comunità di San Felice del Molise e di Montemitro. Legati al ministero pastorale sono i due volumi “Amare Cristo corpo e cuore di Dio” (Roma 2008) e “Lo sguardo della fede” (Roma 2010).

Avaria in mare, tre diportisti soccorsi dalla Capitaneria

Vietri, continua la raccolta delle tessere elettorali

VASTO – Tre diportisti di ritorno dalle Isole Tremiti e diretti nel porto di Vasto sono stati soccorsi dagli uomini della Capitaneria di porto e condotti fino al porto abruzzese. L'imbarcazione ha avuto un guasto al notore e in balia delle onde ha iniziato ad imbarcare acqua. Per fortuna per i tre diportisti tutto è terminato solo con tanta paura.

LARINO – Continua la raccolta delle tessere elettorali, un atto di protesta per la paventata riduzione dei servizi nell'ospedale Vietri. Il Comitato ha comunicato che si prosegue per tutto il mese di Luglio e negli ultimi 15 giorni di Agosto. Le tessere si possono riconsegnare i giovedì dalle 9 alle 12 nei pressi del nosocomio frentano, e le domeniche nel Centro Storico dalle 18,30 alle 21,30.


TERMOLI L’ex segretario Petrosino aveva parlato di comodato d’uso e non di proprietà

Acquisto del motoscafo della Polizia Municipale Ecco le fatture Il sindaco Di Brino: “Ne sono arrivate due per un totale di 32mila euro, senza impegno di spesa; situazione che non ha seguito l’iter di legittimità” TERMOLI – E' stato bello vederlo, anche se in poche occasioni, solcava il mare. Talmente sfavillante da richiamare lo sguardo di diportisti o semplici passanti sul molo del porto. Purtroppo quest'anno non è ancora in mare e forse non lo rivedremo più, almeno con la scritta Polizia Municipale con tanto di lampeggianti ed equipaggio. A distanza di qualche mese torniamo a riparlare del “famoso” motoscafo

che l'Amministrazione Greco aveva ricevuto in comodato d'uso dalla cantieri navali Manò Marine 21 Pilot nell'ambito del “Progetto speciale Sicurezza e Vivibilità”. Comodato d'uso dal 27 Luglio al 30 Settembre dello scorso anno, come affermò per scritto l'allora segretario generale, Donato Petrosino, in risposta ad una interpellanza del gruppo consiliare di opposizione datata 8 Settembre 2009. smon-

Divieto di sosta sul territorio comunale Cresce il malumore dei camperisti

tando il teorema dell'acquisto. Ai tempi si parlo di un possibile costo d'acquisto di 22mila euro (invece sono 32) ma la dichiarazione di Petrosino smontò il teorema. E invece, in uno degli articoli da noi pubblicati, scrivemmo che esistevano delle fatture emesse dalla Manò Marine ed avevamo ragione. E' stato l'attuale sindaco Antonio Basso Di Brino a dirlo ufficialmente: “Sono arrivate due fatture per un costo totale di 32mila euro senza un impegno di spesa. Non ho intenzione di pagare una cosa che non vogliamo e soprattutto non intendo coprire una situazione che non ha seguito l’iter di legittimità”. Già, legittimità, legalità,

democrazia, partecipazione e trasparenza: il cavallo di battaglia in campagna elettorale dell'ex sindaco Vincenzo Greco. Ma Di Brino ha fatto capire che non intende assolutamente aprire le casse del Comune perchè: “E’ una spesa inutile, già c’è carenza di vigili urbani e non possiamo impegnarli nel controllo della costa, quando ci sono già preposti i carabinieri, la guardia di finanza e la Capitaneria”. Capitolo chiuso e quest'anno niente motoscafo per la municipalizzata e forse non lo vedremo più. Ma un altro è l'aspetto da chiarire. Perchè la cantieri Manò Marine avrebbe dato in comodato d'uso lo scafo allestendolo con tutti i crismi ri-

chiesti per un mezzo militare? Perchè ora sono saltate fuori due fatture per un importo di 32mila euro per l'acquisto del natante? Qualcosa non torna e qualcuno deve fare chiarezza una volta per tutte. Il sindaco Di Brino ha parlato di “operazione poco trasparente dell'Amministrazione Greco”. Cosa ha voluto significare e perchè non spiega anche a noi quello che è accaduto? Non sappiamo se dopo questo nuovo articolo qualche forza di Polizia voglia vederci chiaro. Noi speriamo di si ed esclusivamente per rifarci al famoso ritornello “grechiano” sulla legalità, democrazia, partecipazione e trasparenza. Angelo Santagostino

Inaugurata la passeggiata sotto le mura del borgo TERMOLI – Lo scorso 5 Luglio il sindaco Basso Antonio Di Brino, ha firmato una ordinanza relativa al divieto sosta finalizzata al campeggio anche temporanea per i caravan, autocaravan, camper, roullottes, veicoli comunque denominati, attrezzati e/o trasformati, tende e simili per il pernottamento ai fini abitativi, sul suolo pubblico. Un divieto in vigore 7 giorni su 7 e per 24 ore che coinvolge anche i privati che non possono cedere qualsiasi tipo di aree di loro competenza per la sosta dei suddetti, finalizzata sempre al campeggio. E i turisti che si nuovono in camper o caravan e similari cosa devono fare, non fermarsi a Termoli e recarsi altrove. Se da una parte l'ordinanza detta regole dall'altra penalizza tante persone che si muovono con le cosi dette “Case viaggianti”. Le lamentele ci sono giunte da un gruppo di camperisti posteggiati alla fine del lungomare Cristoforo Colombo, nei prerri della Torre Saracena. Non danno fastidio a nessuno ne portano via spazio a qualcuno ma a più riprese la Polizia Municipale è intervenuta. Due le domande che formuliamo al Sindaco: Come fanno i forestieri a sapere che esiste una ordinanza di divieto (sapendolo prima saltano Termoli per cercare città più attrezzate); Come si è potuto diramare il divieto pur sapendo che l'area attrezzata di Rio Vivo non è fruibile. Ai camperisti che ci hanno contattato è parsa mancanza di ospitalità. Avrebbe fatto meglio il primo cittadino a preoccuparsi prima a far funzionare l'area di Rio Vivo e poi emettere l'ordinanza. Se a tutto questo aggiungiamo che siamo in piena estate e di intere famiglie che a gruppi si spostano in caravan la frittata è fatta. E si perché nolente o dolente queste persone spendono euro per poter cibarsi e divertire. Ultima domanda: il divieto vale anche per i camperisti che sostano nel parcheggio libero del Porto e si recano a Tremiti o in Croazia?

TERMOLI – E' stata inaugurata, anche se non del tutto completata, la passeggiata sotto le mura del Borgo Antico. Il tratto percorribile va dall'altezza dello “Spirito Divino” fino a quasi il depuratore. Una passeggiata veramente suggestiva che è stata inaugurata dal Sindaco e gran parte della sua maggioranza. Per il tratto frubile la pavimentazione è completa, si possono usare le pedane il legno per prendere e le scalette per scendere a mare. Anche il verde è completo e sia l'ingresso che la passeggiata sono aadornati con vasi di fiori. Come detto l'opera non è ancora completa perchè manca la piazzetta in largo Pié di Castello, il tratto che immette nel porto deve essere completato e poi biso-

Al via l’Info-point per l’estate 2010 TERMOLI – Sono operativi le due postazioni per fornire informazioni turistiche di ogni genere a tutti i turisti, ai cittadini termolesi e a coloro che magari sono soltanto di passaggio nella nostra città, un servizio organizzato dal Consorzio Turistico Molisano “Acque Chiare”. Come già anticipato le postazioni info point sono Torretta Belvedere situata all’ingresso del borgo antico (con orario d’apertura dalle 18 alle 24) e di fronte la Stazione ferroviaria (con orario dalle ore 9 alle 13 e dalle 15 alle 21). Tutti gli hotel, i ristoranti, gli stabilimenti balneari, le associazioni, le agenzie di eventi e gli organizzatori di spettacoli, concerti e se-

Presentazione del volume “Isole Tremiti e Termoli”

Il“Nuovo Trenta Carrini”porterà San Basso in processione a mare

TERMOLI – Oggi alle 19,30, nella Sasa consiliare del Municipio, ci sarà la presentazione del libro “Isole Tremiti e Termoli” scritto da Donatella Langiano con fotografie di Edoardo Agresti e dato alla stampa dalle Edizioni Polaris di Firenze. L'iniziativa ha il patrocinio del Lions Club Termoli Host, Comune di Termoli e Regione Molise.

TERMOLI – Sarà il peschereccio Nuovo Trenta Carrini dell'armatore Basso Cannarsa a portare in processione a mare il patrono San Basso. Dall'urna sono usciti anche i nomi dei pescherecci che faranno da scorta: “San Pio”, che trasporterà le autorità, e il “Luigi Padre, la banda. La cerimonia dell'estrazione è stata presieduta dal Vesvovo, Monsignor Gianfranco De Luca.

gna sistemare i fari che la sera illumineranno il muraglione del Borgo. Tutti interventi che saranno iniziati dopo l'estate e completati per la priossima primavera. Unn progetto che risale a 16 anni fa e rispolverato dall'ex assessore della Giunta Greco, Mario Di Blasio. I lavori hanno avuto dei rallentamenti a causa di intoppi di varia natura ma alla fine il progetto vedrà il proprio compimento. Dunque, durante le giornate e sere sia i termolesi che gli ospiti della città potranno passeggiare in sicurezza sotto le mura del Borgo ed ammirare i trabucchi e la bellezza del mare. Ultima annotazione è che la asseggiata, a meno di ripensamenti, verrà intitolata a Di Bitonto sindaco della città negli anni '50. rate musicali sono invitate a fornire il proprio materiale promozionale che sarà mostrato dagli operatori ai numerosi avventori (italiani e stranieri) degli info point; molto importante sarà anche in contemporanea l’attività svolta dal call center molisano “S.O.S. Turista” (numero 840 700 852 ) per conoscere tutte le attrattive turistiche e manifestazioni che riguardano il territorio molisano. Gli sportelli informativi termolesi saranno presenti sicuramente fino a domenica 5 Settembre ma si stà già valutando la possibilità di un prolungamento nelle settimane successive così come di una eventuale terza postazione. Il Consorzio Turistico Molisano Acque Chiare porge un ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato per la realizzazione di questo importante servizio turistico: gli albergatori consorziati, l’amministrazione comunale e l’Assessorato al turismo di Termoli, l’Azienda di Soggiorno e Turismo di Termoli e l’Ente Provinciale al Turismo di Campobasso, l’Assessorato al Turismo della Regione Molise e la sede di Termoli dell’Università degli Studi del Molise (corso di Laurea di Scienze turistiche).

17 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010


Il sindaco incontra le due società di basket campobassane

Calcio a 5: Scarabeo, ingaggiato La Rocca

Nel pomeriggio di ieri il sindaco Di Bartolomeo ha incontrato Mens Sana Campobasso e Nuovo basket Campobasso. Presenti al summit il primo cittadino del capoluogo di regione, Umberto Anzini per la Mens Sana e il presidente Paolo Di Laura Frattura per il Nuovo basket. All’ordine del giorno un punto della situazione sulla pallacanestro cittadina e l’annoso problema delle infrastrutture. A PAG. 22

E’ notizia fresca che un nuovo giovane venafrano si aggiunge alla rosa a disposizione di Mister Cipro. Si tratta di Marciano La Rocca, arcigno ed esperto difensore, con una lunga esperienza nel calcio, ma anche nella Serie B nazionale del calcio a 5, con il Venafro Calcio a 5. A PAG 22

ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it TRAINI: ‘ENTUSIASTA DI INTRAPRENDERE L’AVVENTURA A CAMPOBASSO’ La nuova dirigenza del Campobasso inizia a prendere forma. Come riferito la scorsa settimana la manager annunciata dalla società sarà Anna Favi, che si occuperà della ristrutturazione del settore giovanile, di marketing e cartellonistica. Intanto ieri è stato il giorno del direttore generale. Mauro Traini è stato nel capoluogo di regione dove ha incontrato patron Capone per definire i dettagli della trattativa. Traini ha una lunga esperienza nel professionismo, essenzialmente come direttore sportivo. Dal 2002 al 2004 è stato nella società dell’Ascoli, nel 2005 a Chieti, mentre nel 2006 ad Ancona. Per lui un’esperienza importante anche a Teramo. Ad inizio estate è stato vicinissimo al Como. A PAG 20

E’ INIZIATO IL RITIRO DEL TRIVENTO QUINTIGLIANO PARLA DA EX E’ partita ufficialmente ieri l’avventura dell’Atletico Trivento. Squadra, società e staff tecnico si sono ritrovati a Rivisondoli sede scelta per il ritiro pre campionato. Nella rosa dei ventotto convocati spuntano tre volti nuovi: due under di proprietà del Chievo Verona, si tratta degli attaccanti Merola e Carlini rispettivamente classe 1990 e ’91 che sono stati portati in gialloblù dal nuovo direttore sportivo dei trignini Bruno Grillo, osservatore del club professionistico, e che in passato ha lavorato al servizio di società importanti come il Milan ai tempi di Arrigo Sacchi.I due calciatori saranno chiamati a non far rimpiangere un altro under promettente Spagna che ha deciso di tentare la carta dei professionisti. A PAG 21

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO SERIE D

‘Ho sposato il progetto perchè c’è un presidente ambizioso e poi Campobasso non si può rifiutare’

Traini: vengo in una grande piazza Ieri sera l’incontro con il presidente Capone e la definizione di obiettivi e strategie future La nuova dirigenza del Campobasso inizia a prendere forma. Come riferito la scorsa settimana la manager annunciata dalla società sarà Anna Favi, che si occuperà della ristrutturazione del settore giovanile, di marketing e cartellonistica. Intanto ieri è stato il giorno del direttore generale. Mauro Traini è stato nel capoluogo di regione dove ha incontrato patron Capone per definire i dettagli della trattativa. Traini ha una lunga esperienza nel professionismo, essenzialmente come direttore sportivo. Dal 2002 al 2004 è stato nella società dell’Ascoli, nel 2005 a Chieti, mentre nel 2006 ad Ancona. Per lui un’esperienza importante anche a Teramo. Ad inizio estate è stato vicinissimo al Como, insieme all’imprenditore Ciuccariello, ma poi la trattativa per rilevare la società lombarda fallì. E così Traini giunge nel capoluogo di regione dove lavorerà a stretto contatto con la Favi e con il presidente Capone. Abbiamo raggiunto tele-

Mauro Traini

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

E’ nato il comitato spontaneo ‘C Siamo’ “E’ nato in questi giorni il Comitato spontaneo “C SIAMO”, costituito da tifosi del Campobasso, non ufficialmente riconducibili a nessuno dei gruppi organizzati della Curva Nord, ma uniti profondamente dalla passione per i colori rossoblù senza distinzione di appartenenza e/o grado di militanza. Il Comitato spontaneo “C SIAMO”, considerata la delicata fase che attraversa il sistema calcio, soprattutto nelle serie cosiddette minori, e constatata la possibilità concreta per il nostro amato Campobasso di poter usufruire del ripescaggio in Lega Pro Seconda Divisione (l’agognata, per anni, serie C2 per gli amanti della terminologia di un tempo) intende attraverso questo comunicato porsi come interlocutore costruttivo per la comunità, numerosissima ma al tempo stesso frammentata, dei tifosi del Campobasso. Il Comitato intende in primis sollecitare l’amministrazione comunale del capoluogo di regione a mantenere gli impegni presi ,e dichiarati apertamente a mezzo stampa, con la società in caso di ripescaggio; auspica inoltre una ulteriore convergenza di tutte le figure istituzionali che abbiano seriamente intenzione di dare il proprio contributo, insieme alla famiglia Capone, affinché il Campobasso possa tornare, seppur dalla porta di servizio, in categorie più consone alla propria storia, al blasone e al calore che il pubblico riesce a dare. Consci che il calcio a buoni livelli può risultare un efficace veicolo di promozione oltre a

20 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010

fungere da collante sociale per l'intera comunità molisana, coloro che aderiscono al suddetto Comitato sono pronti ad attivarsi concretamente tramite ogni iniziativa ritenuta utile e costruttiva per garantire il proprio sostegno alla società ed al presidente Ferruccio Capone; è infatti opinione condivisa che la disputa di un campionato di Seconda Divisione di Lega Pro rappresenti realmente un’occasione da non perdere per riaccendere, con una notevole spinta propulsiva, l’entusiasmo covato sottotraccia nel cuore di molti appassionati. Adesso più che mai è il momento di unire le forze e di trovare le forze e le risorse, materiali ed umane, affinché il sogno del salto di categoria accarezzato in tutti questi anni possa diventare finalmente realtà.”

In passato ha lavorato sempre in società professionistiche principalmente da direttore sportivo fonicamente il neo direttore generale rossoblù poco prima dell’incontro con il patron. “In questo momento sono a Campobasso a colloquio con il presidente Capone – ha esordito Traini – per definire le strategie.” Perché ha deciso di sposare il progetto del Campobasso? “Innanzitutto per il rapporto di amicizia che mi lega al presidente

Capone. Poi come si può rinunciare ad una piazza importante come questa. Anche se da qualche anno è lontana dagli antichi splendori ha un pubblico eccezionale”. Ha lavorato in passato sempre nel professionismo, perché ha scelto di scendere in D? “Sicuramente perché c’è un progetto serio. C’è un presidente ambizioso, una squadra che si sta formando e anche la possibilità di un ripescaggio in C che potrebbe essere la ciliegina sulla torta. E’ un’opportunità da non perdere per un progetto che può diventare davvero importante.” Occuperà il ruolo di direttore generale, ma vista la sua esperienza come ds potrà dare dei consigli anche sulla campagna acquisti. “Sicuramente lavorerò a stretto contatto con il direttore sportivo e poi il presidente mi ha chiamato anche per fornire delle consulenze.” A giorni le ufficialità da parte del club di Traini e della Favi. IR

Saltato l’incontro tra sindaco e presidente Summit rimandato a questa mattina Per il mercato possibili gli arrivi di Bernardi e Quintigliano E’ saltato l’incontro previsto nella serata di ieri tra il sindaco Di Bartolomeo e il presidente Ferruccio Capone. Il primo è stato impegnato in incontri con i vertici della pallacanestro cittadina, mentre il secondo è giunto nel capoluogo in tarda serata. Così le parti si sono aggiornate a questa mattina. Alle ore 10.00, presso palazzo San Giorgio, ci sarà l’atteso summit. Intanto nella giornata di ieri sono continuate le visite mediche dei giocatori che dovrebbero concludersi nella giornata di giovedì. Venerdì i convocati si ritroveranno a Selva Piana per essere sottoposti ai test atletici e domenica il gruppo partirà per il ritiro irpino. Per quel che concerne il mercato è tornata calda, come già riferito, la pista che porta ad Alberto Bernardi. Il fantasista torinese ha avuto un contatto anche con l’Agnone, sua certa destinazione se non dovesse accordarsi con il Campobasso. Il centrocampista vorrebbe tornare a lavorare con Carannante e proprio il mister dei rossoblù sta facendo da tramite in queste ore con la società per riuscire a portare Bernardi nel capoluogo di regione. Ma non sarebbe l’unico ex Trivento a ritrovare il vecchio mister. Anche Quintigliano potrebbe giungere sotto il castello Monforte. Il forte portiere, dopo aver divorziato dai gialloblù, potrebbe ritrovare allenatore e soprattutto il preparatore dei portieri Mazza, a cui è molto legato. Infine sembra essersi risolta anche la grana Fazio. Il centrocampista campobassano è stato convocato per il ritiro e partirà regolarmente con il resto del gruppo. Nel fine settimana è stato ingaggiato il terzino sinistro Pasquale Acquaviva, classe ‘91, proveniente dal Castel di Sangro, squadra che ha partecipato lo scorso anno al torneo di Eccellenza abruzzese. EB

L'Inter presenta il centrocampista brasiliano Coutinho

Offerti 100.000 dollari per il polpo Paul

Il tecnico dell'Inter, Rafa Benitez, ha presentato Philippe Coutinho Correia, 18 anni, centrocampista offensivo proveniente dal Vasco da Gama.'E' un giovane che ha molte qualità, può essere il futuro della società e ci aspettiamo molte cose buone', ha detto il tecnico spagnolo. 'Mi piace giocare dietro alle punte, Robinho e Kakà sono i miei modelli - ha detto il giovane brasiliano -. Non vedevo l'ora di arrivare qui. Ora voglio affermarmi e diventare un volto noto del calcio italiano'.

Una società russa di scommesse sportive via internet, la ligastavok.com, ha offerto 100.000 dollari (circa 77.000 euro) per il polpo Paul.'Sara' uno dei nostri 120 impiegati' ha spiegato Oleg Jouravski, comproprietario della società. L'offerta è stata presentata all'Acquario di Oberhausen (Germania), dove il vive il polpo. Paul e' entrato di diritto tra le stelle del Mondiale sudafricano grazie ai suoi pronostici: ha indovinato tutti i risultati della Germania e il trionfo della Spagna.


S P O RT CALCIO SERIE D

Il Bojano in serie D con riserva La società matesina ha presentato ieri un reclamo alla Covisod con una documentazione incompleta

I tifosi matesini incrociano le dita

Le speranze del Bojano di restare in serie D sono appese ad un filo sottilissimo. Venerdì scorso la Covisod aveva sancito di fatto l’esclusione del Bojano dal prossimo campionato di serie D , poiché la domanda di iscrizione era stata presentata con riserva, vale a dire corredata solo dalla somma di diciottomila euro ma priva della fideiussione bancaria di trentunomila euro; i matesini avevano di tempo fino alle 18 di ieri per sanare la propria posizione, pena l’esclusione dal campionato. La società è riuscita in extremis a presentare un reclamo contro l’esclusione ma carente di una parte di documentazione. Per il momento dunque i matesini sono in serie D e mercoledì la Co-

visod si riunirà per discutere la posizione del club biancorosso dopodiché venerdì si saprà con certezza il futuro dell’US Bojano e di tutte quelle società che sono in bilico e che attendono di conocere il proprio destino, dentro o fuori dal campionato nazionale dilettanti. Nei prossimi giorni dunque l’amministrazione comunale e quel che è rimasto del vecchio direttivo societario dovranno provvedere a sanare la parte mancante della documentazione. E’ una corsa contro il tempo ma si sta facendo il possibile per salvare il salvabile, questo il commento dell’assessore allo sport Gianluca Colalillo che sta seguendo in prima linea le vicende

del calcio matesino: “Diciamo che oggi è stato compiuto un piccolo passo in avanti e come amministrazione comunale abbiamo il dovere istituzionale di fare il possibile fino all’ultimo secondo. Certo mancano poche ore e la situazione è abbastanza confusa ma non dobbiamo disperare”. Quarantotto anni di storia calcistica non possono svanire così e la speranza è che la cittadinanza si risvegli dal torpore generale e faccia un passo in avanti affinchè la storia del calcio matesino possa continuare a regalare pagine importanti per la piccola comunità ai piedi del Matese che anche grazie a questo sport è riuscita ad avere visibilità a livello nazionale. JM

Trivento: Quintigliano si difende dalle accuse Non abbiamo trovato un’intesa economica ma sarei rimasto volentieri in gialloblù E’ partita ufficialmente ieri l’avventura dell’Atletico Trivento. Squadra, società e staff tecnico si sono ritrovati a Rivisondoli sede scelta per il ritiro pre campionato. Nella rosa dei ventotto convocati spuntano tre volti nuovi: due under di proprietà del Chievo Verona, si tratta degli attaccanti Merola e Carlini rispettivamente classe 1990 e ’91 che sono stati portati in gialloblù dal nuovo direttore sportivo dei trignini Bruno Grillo, osservatore del club professionistico, e che in passato ha lavorato al servizio di società importanti come il Milan ai tempi di Arrigo Sacchi. I due calciatori saranno chiamati a non far rimpiangere un altro under promettente Spagna che ha deciso di tentare la carta dei professionisti accasandosi al Melfi in seconda divisione. Ad un’altra partenza improvvisa, quella del portiere Quintigliano, è stato subito trovato un rimedio ingaggiando l’estremo difensore ex Cavese, Potenza e Sarno Michele Radunanza, classe 1978, il quale

svolgerà anche il ruolo di preparatore dei portieri. Sul forfait di Christian Quintigliano si è fatta sentire la voce della società presieduta da Falcione che non sembra aver gradito l’atteggiamento del calciatore. Noi abbiamo provato a fare chiarezza sulla questione proprio con l’ex numero uno gialloblù: “Sapere di aver ricevuto delle critiche sul mio comportamento è veramente un colpo al cuore perché significa che i due anni vissuti al Trivento non sono significati nulla. Non credo di aver avuto un comportamento scorretto nei confronti della società; ho avuto un colloquio con il team manager Fagnano e semplicemente non ci siamo accordati economicamente sull’ingaggio, non ho sentito né il presidente Falcione e né il direttore Meo e anzi, nonostante non fosse arrivato un accordo mi sono messo a disposizione della società per trovare un preparatore dei portieri perché la scorsa settimana lo stavano cercando. Questo lo dico a dimostrazione del fatto che io sono sereno e ho la coscienza a posto

e ho rinunciato a diverse offerte perché ero quasi certo che sarei rimasto in gialloblù. La società non è venuta incontro alle mie richieste, io sarei stato ben lieto di restare a Trivento perché sono stato benissimo, è pur vero che loro sono liberi di fare le loro scelte però io penso di essermi comportato bene e colgo questa occasione per fare un grosso in bocca al lupo al Trivento,a mister Farina che stimo tantissimo e ai miei compagni De Gennaro, Voria, Corradino, Guglielmi e Varchetta e spero che possano ricevere tutte le soddisfazioni che meritano”. Abbiamo lanciato una provocazione: e se li incontrasse da avversari con la maglia del Campobasso? A questa domanda Quintigliano ha preferito non rispondere, ufficialmente per motivi “scaramantici” ha scelto di non svelare le squadre che lo hanno contattatoin queste ore anche se “radio mercato” parla di un suo avvicinamento al capoluogo alla corte del suo ex allenatore Carannante. JSV

Il presidente, i giocatori, lo staff tecnico, i dirigenti e i soci dell’Asd Petrella si uniscono con viva partecipazione al dolore che ha colpito il sindaco, Fulvio Di Lisio e famiglia per la prematura scomparsa dell’amato figlio GIANLUCA

Joe Cole al Liverpool, contratto per 4 anni

Fifa: uso della tecnologia? Ancora un rinvio

La prossima stagione Joe Cole giocherà con il Liverpool: il centrocampista della nazionale inglese era svincolato dal Chelsea. Ha firmato con i Reds un contratto di quattro anni. Cole, 28 anni, era approdato al Chelsea nel 2003, proveniente dal West Ham. Con i Blues ha giocato 183 partite, segnando 28 gol.

L'uso della tecnologia sulla linea di porta per evitare i cosiddetti 'gol fantasma' subisce un'altra battuta di arresto. L'argomento - contrariamente a quanto annunciato da Sepp Blatter - non sarà infatti trattato nella riunione dell'International Board della Fifa, in programma mercoledì a Cardiff. La federazione internazionale ha fatto sapere, infatti, che l'unico tema all'ordine del giorno riguarderà l'assistente di porta, dopo la sperimentazione in Europa League.

21 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010


S P O RT BASKET - SERIE B DILETTANTI

Le due società incontrano il sindaco Umberto Anzini

Paolo Di Laura Frattura

Nel pomeriggio di ieri il sindaco Di Bartolomeo ha incontrato Mens Sana Campobasso e Nuovo basket Campobasso. Presenti al summit il primo cittadino del capoluogo di regione, Umberto Anzini per la Mens Sana e il presidente Paolo Di Laura Frattura per il Nuovo basket. All’ordine del giorno un punto della situazione sulla pallacanestro cittadina e l’annoso problema delle infrastrutture. Innanzitutto la discussione ha riguardato la dispersione di energie con due squadre in serie B. Tuttavia si è preso atto di questa situazione, essendo il dado tratto, e pertanto eventualità differenti potranno essere prospettate solo il prossimo anno, con la mediazione dell’amministrazione comunale. Per quanto riguarda la problematica delle infrastrutture sportive entrambe

le società hanno prospettato le identiche esigenze. Di Bartolomeo ha preso l’impegno di soddisfare entrambe e entro questa settimana scioglierà tutti i dubbi. Sicuramente le due squadre inizieranno a giocare a Vazzieri, ed avranno un utilizzo congiunto dell’impianto. La struttura necessita di alcuni adeguamenti, in seguito al cambiamento di alcune norme. Lavori che tuttavia non riguarderanno la capienza. Poi il sindaco si è impegnato a mettere a norma l’impianto di Selva Piana, i cui lavori da effettuare, però, sono molti. Dal parquet, alla divisione dei settori, fino a giungere all’omologazione e all’agibilità. Lavori che richiedono necessariamento del tempo e quindi la struttura non sarà a disposizione entro quest’anno. IR

Il sindaco Di Bartolomeo

CALCIO A 5

Scarabeo: preso il difensore La Rocca Il nuovo team venafrano,tra arrivi e conferme,comincia a prendere forma Con l'ufficiale apertura del mercato del primo di Luglio, è iniziato il consolidamento della rosa maggiore della Scarabeo Calcio a 5 Venafro. Numerose sono le trattative in corso, tutte rigorosamente riservate, con una serie di calciatori italiani ed extracomunitari di indubbio valore tecnico e tattico che si sono proposti per venire a giocare in Molise, e che sono oggetto di attenta valutazione da parte della società venafrana. Il nuovo Mister, Mario Cipro, ha espresso le proprie preferenze e i ruoli da coprire e potenziare, e il trio Ricamato-Prete-Pagano, rispettivamente direttore sportivo, general manager e team manager, della società del patron Gabriele Scarabeo stanno lavorando alacramente per portare a Venafro quegli elementi che sono necessari a centrare gli obiettivi societari, che nel giro di un paio d'anni dovrebbe portare il nome di Venafro e del Molise nei livelli massimi del futsal nazionale. Intanto è notizia fresca che un nuovo giovane venafrano si aggiunge alla rosa a disposizione di Mister Cipro. Si tratta di Marciano La Rocca, arcigno ed esperto difensore, con una lunga esperienza nel calcio, ma anche nella Serie B nazionale del calcio a 5, con il Venafro Calcio a 5. Se sul fronte dei nuovi arrivi c'è per ora solo questa notizia, le novità nel campo delle riconferme riguardano i bomber Moreira e Benincasa (nella foto, dopo un duetto, in goal nell'ultima di campionato), che avranno

22 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010

il compito di dare vigore al reparto offensivo anche nella prossima stagione. Il team manager Gaetano Pagano commenta così l'arrivo di Marciano La Rocca: “Siamo molto soddisfatti di aver concluso le trattative per Marciano, che è un difensore roccioso, quasi insuperabile, da anteporre agli assalti degli avversari, e tali caratteristiche erano state richieste dal Mister, per cui siamo stati fortunati ad averlo qui a Venafro, e sicuramente sarà molto utile con la sua esperienza a far raggiungere gli obiettivi alla squadra. L'ingaggio del giovane venafrano conferma la volontà della nostra società che da quattro anni ormai investe su giovani locali per dare loro la possibilità di confrontarsi in un campionato difficile e stimolante come quello della serie B na-

zionale”. Una strategia societaria quella della Scarabeo Venafro che è tesa a ricercare il perseguimento delle finalità societarie utilizzando largamente giocatori della propria città, in maniera tale da poter coltivare con successo il raggiungimento di un altro obiettivo strategico che la società si è data, che è quella della crescita della pratica del calcio a 5 in tutto il territorio dell'hinterland venafrano. “Dovrebbe essere ormai noto che il Presidente Gabriele Scarabeo e la sua famiglia” dice il general manager Emilio Prete “stanno cercando di coltivare un sogno nella nostra città, che non si limita al mero salto di categoria, ma è anche quello di poter dare slancio e vigore non solo al calcio a 5, ma a tutto lo sport. E il progetto del

Palazzetto dello Sport ne è una testimonianza evidente. Nella nostra città i giovani hanno bisogno di canalizzare le proprie energie nelle attività sportive, e il successo delle società sportive nelle diverse competizioni nazionali e regionali è un presupposto per far crescere questo entusiasmo. Per questo sono lieto che Marciano abbia condiviso questo nostro progetto, che non è solo sportivo ma assume anche un carattere etico e sociale, visto che oltre ad essere un ottimo giocatore, è una persona seria e squisita, legata da un vincolo d'amicizia con tutti noi, e come tutti noi ama la nostra città”. La conferma di Danilo Benincasa e del brasiliano Rodrigo Moreira sono invece commentate dal direttore sportivo Nicandro Ricamato: ”Con i loro goal e con la loro indubbia classe ed esperienza Danilo e Rodrigo sono stati fondamentali nella scorsa stagione, da quando sono approdati, per la riconferma della nostra partecipazione al campionato di Serie B. Siamo estremamente conviti che anche quest'anno sapranno esprimersi come sanno fare, e reputiamo che sono delle pedine importanti per il raggiungimento dei nostri obiettivi, che nel giro di due anni ci devono consentire, ci auguriamo tutti, di fare il salto nella serie maggiore”. E sulle prossime novità in casa bianconera, chiude: “Naturalmente l'arrivo di Marciano La Rocca è solo l'inizio della campagna di potenziamento che stiamo portando avanti. Il mercato è solo iniziato. Siamo rimasti sorpresi per il nu-

mero di giocatori che si sono autonomamente proposti. Sicuramente la serietà e il programma della società sono ormai divenuti chiari in tutto l'ambiente del futsal nazionale, e con orgoglio posso dire che abbiamo l'imbarazzo della scelta. Stiamo valutando il tutto con scrupolo ed estrema attenzione, anche se un'idea, e più di un'idea, ce la siamo già fatta, e nei prossimi giorni si trasformerà sicuramente in concretezza . Sempre, però nel rispetto dello spirito che anima la nostra società, e degli obiettivi che sono stati chiaramente e più volte formulati ”. In relazione alle possibili partenze, il direttore sportivo Ricamato dice: ”Vorremmo riconfermare tutti quelli che sono stati con noi lo scorso anno, ma per forza di cosa qualcuno dovrà essere escluso e qualcun altro 'accontentato'. Ad esempio, ci troviamo in difficoltà viste le numerose richieste che abbiamo ricevute per Fernando Delli Carpini, tutte provenienti da società di Serie B, dei gironi del centro-sud e del nord Italia. Fernando è un professionista serio e di talento, è anche un under 21, e nel caso estremo verrà ceduto in prestito, visto che nei programmi futuri il giovane argentino rimane una figura importante per dare valore alla squadra con il suo indubbio talento. E sicuramente verrà momentaneamente ceduto, se dovesse essere ceduto, ad una squadra che saprà valorizzare in pieno il suo estro, contribuendo a farlo maturare, per essere il campione che potenzialmente è”.

Accordo Genoa-Lazio su Acquafresca

'Balotelli non ha scelto, non c'è fretta'

Robert Acquafresca potrebbe diventare fra qualche ora un giocatore della Lazio. Genoa e società capitolina hanno infatti raggiunto l'accordo. La formula sarebbe quella del prestito oneroso con diritto di riscatto. 'Acquafresca può accasarsi a Roma - ha detto il patron rossoblu' Enrico Preziosi -. Ora manca l'intesa tra la Lazio e il calciatore'. Da parte sua, Acquafresca afferma: 'Non ho mai rifiutato di giocare nella Lazio, e non ho mostrato alcuna remora di natura tecnica'.

'Non è oggi il giorno in cui si decide il futuro di Mario Balotelli': ad assicurarlo è l'agente dell'attaccante interista, Mino Raiola. 'Non ci lasciamo mettere fretta, facciamo con calma, Mario non ha firmato alcun accordo', aggiunge Raiola, glissando sia sulle offerte sia sui nomi dei club interessati che, comunque, dovrebbero essere Manchester United, Manchester City e Chelsea.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza 06:02 06:49 09:30 12:20 14:12 17:13 17:40 20:55

Arrivo 07:40 08:35 11:07 14:11 15:56 19:02 19:30 22:45

Ariete 21 mar - 20 apr

TERMOLI-CAMPOBASSO

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta “Cuzzetielle” al ragù di lepre 400 g di farina di grano duro un uovo una lepre un mazzetto guarnito (lauro, rosmarino, salvia e nepitella), prezzemolo, sedano e carota pepe in grani e chiodi di garofano q. b. di vino rosso

un dl di olio di oliva extravergine una fetta di lardo di prosciutto un l di passata di pomodori una piccola cipolla uno spicchio d’aglio formaggio pecorino nostrano grattugiato

Lavate ed asciugate la lepre e, affinché perda il caratteristico odore di selvatico, mettetela a marinare, per 24 ore, in una terrina, con il mazzetto guarnito, i grani di pepe ed i chiodi di garofano, coperta di vino, rigirandola di tanto in tanto. Trascorso il tempo necessario, sgocciolate la lepre, tagliatela a piccoli pezzi e fatela rosolare a fuoco vivace in un tegame con olio cipolla carota sedano e prezzemolo ed un battuto di lardo, utile a rendere più morbida la carne di lepre di per sé asciutta. Bagnate, di tanto in tanto, la carne con il vino della marinata e, appena questo sarà evaporato, aggiungete la passata di pomodori, salate e portate a cottura dolcemente. Per, i “Cuzzetielle”, impastate la farina con un pizzico di sale, l’uovo e quel tanto d’acqua calda necessaria ad ottenere un composto morbido ed elastico. Sulla spianatoia infarinata, stendete la “panetta” ottenuta con il matterello, fino ad ottenere una sfoglia non troppo sottile. Tagliatela a “sagnette” larghe più o meno un centimetro e lunghe due, cavatele con due dita, strusciandole sulla spianatoia. Terminata la pasta, lessate i “Cuzzetielle” in abbondante acqua salata in ebollizione, scolateli, versateli in una grossa “spasa” e conditeli con abbondante ragù e formaggio. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

COMUNALE 1 Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

DI TOMMASO C.so G. Garibaldi, 48 Tel. 0865.50891

COMUNALE 2 (di appoggio) Ospedale Veneziale Via XXIV Maggio, 180 centralino 0865.4421 Tel. 0874.66811 Ospedale Cardarelli Municipio centralino 0874.4091 Tel. 0865.50601 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921 Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CENTRALE - C.so Nazionale, 102 - Tel. 0875.702492 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591

(DIRETTI)

Partenza 05:46 06:44 12:13 13:22 14:40 16:13 17:14 18:40 20:48

Arrivo 07:39 08:23 13:56 15:00 16:25 17:59 18:55 20:30 22:38

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:50 08:53 08:28 11:40 12:19 16:25 14:15 17:16 16:30 19:25 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 06:15 09:15 11:15 14:15 14:47 16:45 17:15 19:40

Arrivo 09:18 12:15 15:22 17:30 19:25 20:15 20:46 22:40

(NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:24 06:54 13:11 14:15 16:30 18:03

Arrivo 07:48 09:18 10:47 16:03 17:39 20:02 21:00

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 05:51 05:51 12:14 12:40 14:13 15:06 15:22 17:30 19:43

Arrivo 08:55 09:18 15:22 16:02 17:09 17:30 19:25 20:28 22:20

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45

Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432

ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

A D N E G A

CAMPOBASSO-NAPOLI

AUTOBUS

NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia

Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

Toro 21 apr - 20 mag

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 -8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,3012,40-13,30-13,45 -14,00 (anche festivo)14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In Questa giornata, sarà inutile diventare matti per qualcosa la cui riuscita è comunque incerta. Dovrebbe bastarvi sapere che vi siete impegnati al massimo o nel limite del possibile, per non potervi rinfacciare proprio niente! In fondo sapete bene quanto valete e un insuccesso è possibile anche per voi! Toro - In questa giornata, non appena aprirete i vostri occhi, postreste decidere di intraprendere una strada diversa da quella di solito percorsa. Non avete quindi timore di qualcosa di diverso e questo è senz'altro una buona caratteristica, ma non è propriamente da voi, che siete sempre così concreti e concentrati sui vostri obiettivi! Gemelli - Qualsiasi siano le vostre pretese in questa giornata, cercate di ridimensionarle, poiché è possibile che le persone intorno a voi non abbiano le potenzialità e nemmeno la voglia di impegnarsi troppo e quindi non riuscirete in nessun modo ad ottenere quello che volete! Un amico tuttavia, vi farà ragionare e voi capirete e rimedierete! Cancro - Forse non siete dell'umore giusto oggi per lavorare e se ne accorgeranno anche i vostri colleghi, i quali faranno di tutto per spronarvi ma alla fine si rassegneranno e sappiate che, non prenderanno più le vostre parti nei casi in cui vi troverete in difficoltà. Ve la state cercando, perché sapete bene che in qualsiasi altra situazione avrebbero fatto di tutto per coprirvi! Leone - In questa giornata dovreste alzarvi presto, poiché dipenderà molto dal vostro impegno il raggiungimento dei vostri scopi. Avete molto da imparare e molto da insegnare, ma intanto potete applicarvi per avere qualcosa in più da chi vi ha sempre negato tutto a causa di una vostra presunta inerzia! Vergine - In questa giornata farete bene a prendervi più di una pausa, poiché il vostro cervello avrà indubbiamente bisogno di tranquillità e di momenti sereni, per potersi poi riattivare. La concentrazione è una qualità che si conquista con una mente lucida e questa lucidità potrete averla solo se riuscirete a pianificare anche le vostre pause! Bilancia - In questa giornata per fortuna, avrete molta più diligenza che nei giorni passati e per questi motivi riuscirete anche a dedicarvi alle persone che fino ad ora avevate trascurato, in quanto troppo presi da voi stessi. Cercate di non immischiarvi in questioni che sapete essere troppo complicate per essere risolte da soli! Scorpione - C'è molto caos intorno a voi, ma questo non vi fermerà dall'ottenere quello che volete, soprattutto considerando le ragioni che vi hanno spinto fino a questo momento. Siete molto caparbi e questa è un'ottima qualità, ma dovete anche considerarne i rischi, soprattutto prendendo in considerazione quello che voi credete essere un vostro amico, ma che a volte vi volta le spalle! Sagittario - In questa giornata i vostri sentimenti saranno talmente esuberanti che non potranno fare a meno di notarli tutti coloro che vi sono intorno. Quindi, oltre alle persone interessate, saranno edotti anche tutti quelli che non c'entrano nulla. La vostra forza sarà senza dubbio il vostro carattere, allegro e spensierato, che non sarà poi tanto scosso da questi avvenimenti. Capricorno - La vostra energia in questa giornata potrebbe essere tutta trasposta sulle persone che amate e quindi non potrete fare a meno di essere romantici e di esprimere il vostro sentimento in modo amorevole. Avere qualcuno da amare è senza dubbio qualcosa di splendido per voi, che adesso avete bisogno di sentirvi amati e di amare! Acquario - In questa giornata mostrerete molto più riguardo di quanto in realtà le persone che vi sono intorno meritino. Abbiate quindi poca sensibilità se questi non vi mostreranno abbastanza stima e iniziate a prendere sul serio l'opportunità di dire loro in faccia quello che pensate davvero, senza freni e senza limiti, nè rimorsi! Pesci - Se volete avere in ogni momento qualcuno accanto, allora sarebbe bene cercare di impegnarsi affinché queste persone si avvicinino a voi, invece di lasciarle scappare, senza nessuna azione che possa far intravvedere un vostro interesse. Non potete restare da soli se quando lo siete fate solo brutti pensieri!

23 ANNO III - N° 165 MARTEDÌ 20 LUGLIO 2010


lagazzettadelmolise200710a  

L’OSCAR DEL GIORNO A SALVATORE MUCCILLI Minacciava l’ex moglie, allontanato da casa Contratto di quartiere E’ scontro di cifre DISTRIBUZIONE...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you