Issuu on Google+

ANNO IV - N° 91 - MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO A ELISEO CASTELLI

Questo pomeriggio al convitto Pagano di Campobasso, si terrà il convegno ‘Obiettivo giovani’ organizzato dall’assessorato alle Politiche giovanile della Regione alla presenza del ministro della Gioventù Giorgia Meloni. A conclusione del suo intervento verrà consegnato un prestigioso riconoscimento all’amministrazione comunale di Casalciprano, Comune più giovane d’Italia. Un’importante testimonianza per l’amministrazione del piccolo centro molisano, che dal giorno del suo insediamento ha messo in atto una serie di interventi volti al sociale e alle politiche giovanili. Al primo cittadino Eliseo Castelli, oltre al premio del ministro Meloni, consegniamo anche il nostro, meritato, oscar.

IL TAPIRO DEL GIORNO AL GOVERNO BERLUSCONI

Ieri il senato ha approvato un emendamento che posticipa la localizzazione degli impianti nucleari. L’atomo insomma non sarebbe più una priorità per il governo Berlusconi che in questo modo cerca di prendere due piccioni con una fava. Da un lato evita, a ridosso delle elezioni, di percorrere una via tanto impopolare come quella del ritorno al nucleare. E dall’altro evita che siano i cittadini a decidere su una materia così importante attraverso il referendum di giugno che vorrebbe annullare. Ma è l’intera legge a dover essere cancellata se il premier vuole davvero evitare il referendum. Lo sa bene il nostro Di Pietro che ha subito messo in guardia l’opinione pubblica smascherando la ‘furbata’ del presidente del consiglio.

CAMPOLIETO

CAMPOBASSO

CAMPOMARINO

Condannati a sette anni per omicidio colposo i genitori della piccola Ginevra

Soppressa per motivi di sicurezza la fermata bus di via Cavour Utenti infuriati

Dissapori tra sindaco e assessore Revocata la delega a Di Stefano

A PAG. 7

A PAG. 9

A PAG. 17

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Un comitato scientifico grandi firme per la fondazione Molise Cultura Spiccano le presenza di Mogol e Gino Marotta

Gino Marotta

CAMPOBASSO – Se Antonio Di Pietro dovesse candidarsi alle regionali di novembre, dipende tutto dai referendum del 12 e 13 giugno. Lo ha confermato lui stesso in una lunga intervista rilasciata ieri su queste colonne. Il leader dell’Italia dei valori ha spiegato che se il popolo degli astensionisti andasse a votare contro il legittimo impedimento, il nucleare e la privatizzazione dell’acqua, si creerebbe una “dicotomia insanabile perché Berlusconi sarebbe messo all’angolo dai cittadini che così dimostrano che non può decidere in solitudine solo perché ha la maggioranza in parlamento”. Di Pietro ha detto anche che se il risultato fosse quello sperato il presidente

CAMPOBASSO – Sarà un comitato scientifico “grandi firme” quello nominato dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione cultura. L’organismo, composto dal presidente della Regione, Michele Iorio, da Arturo Messere e da Adalberto Cufari, ha nominato Gino Marotta, Giulio Rapetti (in arte Mogol), Chiara Gamberale, Pino Nese e Dante Gentile Lorusso quali nuovi componenti del comitato. Il governatore, nell’esprimere la sua soddisfazione, ha evidenziato come “i nominativi scelti siano di grossa esperienza per avere, nelle singole vite professionali, svolto attività di caratura nazionale ed internazionale. Abbiamo inteso dare spazio – ha sottolineato Iorio – anche a giovani come la Gamberale che, pur non avendo da lungo tempo intrapreso la strada letteraria, ha già riscosso consenso e approvazione di pubblico e di critica. Le presenze, poi, di Marotta, scultorepittore molisano e di fama internazionale, nonché sovrin-

Mogol tendente della fondazione, e di Mogol, uno dei più conosciuti e apprezzati autori della canzone italiana, testimoniano ancor più quella che è una nostra precisa intenzione: fare di Molise Cultura uno strumento di crescita culturale e di sviluppo socioeconomico del territorio molisano attraverso una stabile interconnessione con il panorama italiano e globale”. Il presidente della Regione ha, quindi,

voluto porre l’attenzione sullo sforzo operato nella scelta di professionisti nel campo dell’arte, della musica e della letteratura identificandoli con i filoni principali su cui si muoverà nell’immediato futuro la fondazione. Infatti, con la nomina del comitato scientifico, l’organismo ha completato il proprio assetto operativo ed è pronto a lavorare per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Iorio: una scelta forte per la crescita culturale e socio-economica

Nucleare congelato, Di Pietro: una truffa Il senato ha approvato un emendamento che posticipa la localizzazione delle centrali senza però abrogare la legge Per l’ex pm si tratta di un giochino per evitare i referendum Napolitano potrebbe sciogliere le Camere il giorno successivo. Lui sarebbe allora pronto ad andare al voto forte di questo risultato.

Ma i piano dell’ex pm si sono infranti ieri pomeriggio quando il senato ha approvato un emendamento che posticipa la localizzazione degli impianti in materia di nucleare. Un correttivo che non abroga per sempre la legge sul ritorno all’atomo, ma congela, solo momentaneamente, questa ipotesi. E Di Pietro ha subito convocato una conferenza stampa a Montecitorio per informare correttamente l’opinione pubblica che forse ignora il doppio gioco del governo Berlusconi “che tenta di truffare i cittadini con un colpo di mano”. Congelare la localizzazione delle centrali, infatti, evita il referendum, e non esclude che anche quello sul legittimo impe-

dimento finisca a un vicolo cieco. Ecco perché Di Pietro ha chiesto di abrogare l’intera legge e ha promesso “che il referendum andrà avanti. Ci rivolgeremo all’ufficio dei referendum della Corte di cassazione per certificare che questa modifica é una truffa e che senza l’abrogazione della legge persiste il referendum. Siamo disponibili al fischio anticipato di fine partita, ma a condizione che il governo ammetta di aver fatto un errore, che ormai la partita è persa. Non creda di fermare il referendum con un giochino: deve essere abrogata la legge del 2009, e si dovrebbe fare in parlamento o con il referendum”. AD

Antonio Di Pietro


REGIONE Il senato ha approvato una legge per eliminare la custodia cautelare in cella per chi ha figli al di sotto dei sei anni. Il plauso della consigliera Lembo

Madri detenute, cambiano le regole

CAMPOBASSO – Cambiano le regole per le madri detenute con figli minorenni. Lo scorso 30 marzo, infatti, il senato ha approvato il disegno di legge n. 2568 che modifica il codice penale a altre

disposizioni a tutela di questo rapporto con l’obiettivo di eliminare la custodia cautelare in cella per chi ha figli al di sotto dei sei anni. Secondo la consigliera di Parità della Regione Molise, Giu-

ditta Lembo, si tratta di un intervento legislativo di grande importanza. “Il disegno di legge – scrive la Lembo - prevede che per una donna incinta, o che ha figli fino ai sei anni di età, il giudice non potrà più disporre la custodia cautelare in carcere se non quando sussistano esigenze cautelari di eccezionale rilevanza, come può, per esempio, avvenire per i delitti di mafia o per il terrorismo. Lo stesso varrà per il padre, nel caso in cui la madre sia morta o sia impossibilitata a dare assistenza al figlio. Qualora il giudice ritenga comunque necessaria la custodia caute-

lare, si prevede che egli abbia la possibilità di disporla in una casa famiglia protetta o presso un istituto di custodia attenuata per detenute madri. Il disegno di legge appena approvato prosegue la Lembo - interviene anche sul diritto di visita delle madri e dei padri in caso di imminente pericolo di vita o di gravi condizioni di salute del figlio. In questo caso, la madre condannata, imputata o internata, ovvero il padre che versi nelle stesse condizioni della madre, sono autorizzati, con provvedimento del magistrato di sorveglianza o, in caso di assoluta urgenza,

del direttore dell’istituto, a recarsi, con le cautele previste dal regolamento, a visitare l’infermo. Viene poi stabilito il diritto della detenuta o imputata di essere autorizzata dal giudice ad assistere il figlio fino a dieci anni di età durante le visite specialistiche relative a gravi condizioni di salute. Altro intervento riguarda la possibilità di scontare la pena agli arresti domiciliari”. L’applicazione della legge scatterà a partire dal 2014, fatta salva la possibilità di utilizzare i posti già disponibili a legislazione vigente presso gli istituti a custodia attenuata.

Buoni casa, Romano: a quando i pagamenti ai meritevoli? Il consigliere di Cd interroga Iorio e l’assessore Velardi sulla graduatoria per l’edilizia residenziale pubblica CAMPOBASSO – Non si placa la polemica attorno al pagamento dei buoni casa, come disposto dal bando regionale del 2004 e dalla relativa graduatoria sull’edilizia residenziale pubblica che stenta a scorrere. Dopo il consigliere regionale del Pd, Petraroia, anche Romano (Costruire Democrazia) chiede lumi al presidente Iorio e all’assessore delegato alle Politiche della Casa, Velardi, con un’interrogazione urgente a risposta scritta ed orale. È agli atti “lo scorrimento della graduatoria in cui si procedeva all’erogazione dei contributi ai primi 348” e che “successivamente, per esaurimento risorse finanziarie, lo scorrimento della graduatoria si arrestava”. Tuttavia, nello scorso maggio, su proposta dell’assessore Velardi, la giunta stanziava tre milioni di euro, già impegnati dal servizio Politiche finanziarie. Inoltre, a completamento dell’iter, “la Regione ha richiesto l’integrazione della documentazione,

mentre per altri è stata disposta la liquidazione”, anche se – per Romano – sembrerebbe che permangano problemi dal punto di vista contabile. Per questi motivi, il consigliere di Cd chiede se l’iter procedimentale sia completato; se le graduatorie definitive siano state redatte; la tempistica entro la quale la Regione disporrà i pagamenti; le ragioni per le quali perdurano i ritardi nelle erogazioni e se sia vero che per effetto dei problemi contabili i pagamenti risultano bloccati e fino a quando”.

Soddisfatti per l’approvazione di un ordine del giorno ora chiedono maggiori risorse per il comparto

Tagli alla zootecnia, l’Ara promuove raccolta firme CAMPOBASSO - L’Associazione degli allevatori del Molise plaude all’approvazione di lunedì scorso in consiglio regionale dello stanziamento di risorse per il settore. “Siamo moderatamente ottimisti, ma continuiamo a tenere alta la guardia. Il ‘taglio’ agli aiuti, porterà allo smantellamento del settore zootecnico, che da sessant’anni è protagonista di un miglioramento genetico, che favorisce l’intera collettività”. Queste le parole del presidente dell’Ara Molise, Giuseppe Porrazzo. Ricordiamo, inoltre, che gli imprenditori agricoli regionali e nazionali, richiedono a gran voce la riattivazione del sostegno pubblico alle aziende. E

proprio l’Ara, gli corre in soccorso, promuovendo l’iniziativa di una raccolta firma tra gli allevatori molisani. In particolare il provvedimento impegna il governo nel trovare in tempi brevi, le risorse necessarie per garantire la continuità dei libri genealogici e dei controlli funzionali del bestiame, inoltre deve proteggere la sicurezza alimentare dei consumatori, nonché la tracciabilità delle produzioni agricole. Punto importante della proposta approvata, è quello di evitare lo smantellamento del settore con ricadute inevitabili nel campo occupazionale ed economico. RN


REGIONE Pd, riammessa Laura Venittelli Correrà nel collegio di Termoli 1 per un posto da consigliere provinciale CAMPOBASSO – Non è più fuori dai giochi la candidata a consigliere del Partito democratico, Laura Venittelli, che dopo le osservazioni della commissione elettorale torna a gareggiare nella corsa per la Provincia di Campobasso. L’aspirante inquilina di via Roma, infatti, aveva presentato

ricorso contro la decisione della Corte d’appello che l’avrebbe esclusa perché sulla documentazione presentata aveva rilevato delle cancellature. Ieri mattina l’ufficio preposto al controllo dei moduli ha comunicato la buona nuova all’esponente democratica del basso Molise che con la riammissione

potrà dare il suo sostegno a Micaela Fanelli. La commissione elettorale, che già aveva ammesso la lista Gruppo etico Molise dell’outsider Domenico del Cioppo, ha confermato inoltre l’esclusione di Provincia libera, una delle tre liste a sostegno di Giovancarmine Mancini. redpol

Appuntamenti elettorali

Il programma di Nagni Riceviamo e pubblichiamo parte del programma elettorale del candidato presidente dell’Idv, Pierpaolo Nagni. Il ruolo delle Province: La Provincia di Campobasso è così un ente intermedio che, potenzialmente, potrebbe diventare braccio operativo della programmazione regionale e valido supporto delle attività di servizio alla persona dei Comuni, ma che oggi, non ancora in possesso delle deleghe piene, svolge parzialmente il suo ruolo. Io credo che sia urgente in Molise che la Regione si liberi nell’ambito delle sue competenze attuali di tutte quelle forme di intervento diretto che dovrebbero diventare proprie della Provincia; mi riferisco, ad esempio, alla formazione professionale o alle competenze sull’agricoltura o sulle sviluppo energetico locale o sulla cultura e spettacoli e sui beni architettonici, quella sull’urbanistica che sbloccherebbe il piano territoriale (Ptcp), quella sulle autorizzazione paesaggistiche o sull’edilizia sismica, quella sui trasporti. Viabilità: Intanto bisogna riordinare il quadro delle competenze (Anas, Provincia, Comuni). Un riordino quindi che crei una rete efficiente e sempre assistita. Poi bisogna trovare nuove forme di finanziamento oltre a quelle tradizionali. Credo che sia importante rimodulare anche gli interventi per contemplare il quadro con il progetto complessivo dell’autostrada del Molise ma, di certo, è una ricchezza progettuale che non possiamo lasciare nei cassetti. Politiche europee: La prima azione è la riqualificazione ed il sostegno del personale che deve occuparsi di queste tematiche. Il potenziamento della struttura Europa passa sia dall’aumento del personale con nuove figure professionali sia da una formazione del personale interno più rispondente alle esigenze attuali. Parallelamente non disdegnare l’affidamento a soggetti esterni per l’intera fase di

progettazione, soprattutto a soggetti con background solido che diventano la porta d’ ingresso per una serie di progettualità che potrebbero rivelarsi produttive. Istruzione ed edilizia scolastica: Io credo che è arrivato il momento di affrontare il problema delle strutture scolastiche in modo frontale: la Provincia è proprietaria di una serie di immobili di sicura commercializzazione, vetusti e che ‘pesano’ sul piano manutentivo, un programma equilibrato di alienazione di questi immobili potrebbe permettere la costruzione di strutture scolastiche nuove, veri e propri poli magari con scuole con discipline compatibili e finalmente con servizi di supporto

comuni. Politiche del lavoro: Ci vogliono politiche che generino le condizioni per mettere in moto il quadro strutturale: la Regione deve programmare con norme certe le misure che determinano lo sviluppo del territorio, la Provincia deve formare ed inserire lavoratori nell’ambito di una progettualità obbligatoria che crei economie per le aziende ed occupazione per i lavoratori. E’ ovvio che la trasversalità delle politiche europee con quelle del lavoro si estrinseca nella capacità di incrociare misure europee adatte che finanzino progetti intelligenti. Federalismo fiscale: Deve instaurarsi una lealtà istituzione fra tutti i livelli di governo ed ovviamente una maggiore responsabilità amministrativa finanziaria e contabile con la consapevolezza che il trasferimento statale ‘generalizzato’ scompare a vantaggio di una copertura diretta ed anche derivata ma precisamente finalizzata. Insomma pensare ad una Provincia dinamica e fattiva non periferia dell’ente Regione ma vero e proprio braccio operativo. Ambiente, energia, turismo: Energia alternativa sì, ma anche rispetto dell’ambiente in cui viviamo. E’ proprio l’ambiente il nostro fiore all’occhiello, la nostra carta d’identità sulla quale scommettere fortemente nel futuro. Parchi giochi naturalistici, incentivazione della fruibilità della nostra fauna, integrazione ed accompagnamento di quelle forme sportive (dalla neve di Campitello, al lago di Guardialfiera fino al mare di Termoli) che ben si sposano con il territorio ed infine in aree con meno vocazione turistica strutture di intrattenimento e di incontro. Cultura e comunicazione Non esiste una società che possa definirsi davvero civile se non sensibilizziamo tutti ad una fruizione sempre maggiore delle più alte espressioni della conoscenza.

Questa mattina alle 11 sarà presentata la lista Alternativ@ che sostiene la candidata Micaela Fanelli. L’appuntamento è in largo Maddalena (di fronte al teatro Savoia) a Campobasso. In serata, la Fanelli sarà ad alle 21 nella sala consiliare del Comune di Oratino. La lista civica “San Giacomo in Comune” presenterà, oggi alle 17, i candidati per il rinnovo del Consiglio comunale nei locali del Centro Anziani. Il ministro della Gioventù, Giorgia Meloni, sarà a oggi alle 17 a Campobasso al Centrum Palace e interverrà al convegno della Giovane Italia, il movimento giovanile del Pdl. Questa mattina alle 11.30, all’hotel San Giorgio di Campobasso, sarà presentato il gruppo politico “Regione nuova” che sostiene il candidato presidente Oreste Campopiano.


CAMPOBASSO Caso Ginevra, genitori condannati a sette anni Ieri la sentenza in tribunale. Entrambi sono stati ritenuti responsabili di omicidio colposo Quattro anni e quattro mesi di reclusione per omicidio colposo con colpa cosciente e tre anni per maltrattamenti. Questa la pena inflitta a Victoriya Yefimova e Antonio De Marco, i genitori di Ginevra, la bambina di due anni morta nella notte tra il 30 ed il 31 dicembre del 2007 a Campolieto per una overdose da metadone. Ieri, nel tribunale di Campobasso, poco dopo le 16, la lettura della sentenza da parte del giudice Giovanni Falcione. I genitori della piccola erano presenti in aula, assistiti dagli avvocati Mara Siravo ed Antonello Veneziano che per loro avevano

chiesto l’assoluzione o, in subordine, una condanna per colpa e non per dolo. Quattordici anni ed otto mesi per la donna e sedici anni per il marito, invece, era stata la richiesta dell’accusa, rappresentata dal pm Rossana Venditti. “Una sentenza tecnica – ha spiegato – attendiamo le motivazioni”. Ed aspettano queste ultime anche i difensori che non escludono del tutto un eventuale ricorso. Intanto, come ribadito nella scorsa udienza nella relazione di Lucio Strada, il perito che si è occupato del decesso della bambina, ‘se quella notte ci fosse stato un intervento

tempestivo, Ginevra di sarebbe salvata’. Del resto, l’accusa aveva sempre sostenuto che se la piccola fosse entrata in ospedale alle 23 e non alle 5 del mattino (come poi è avvenuto) non sarebbe morta. Se i suoi genitori, una volta dinanzi il pronto soccorso, non fossero andati via, ce l’avrebbe fatta’. Tutti elementi questi che, anche per l’avvocato Maria Assunta Baranello (curatrice speciale di Ginevra e della sorellina della vittima che non si è costituita parte civile e che è stata affidata alla nonna materna) avrebbero potuto far emergere il dolo. (ms)

Resta in carcere Rapina alla Nova ricambi: il 43enne finito chiesta la scarcerazione per il pregiudicato campano in manette per droga Si è avvalso della facoltà di non rispondere Alfonso Gruosso, il 63enne di Santa Maria a Vico arrestato due giorni fa dagli agenti della Mobile. L’uomo, coinvolto nella rapina avvenuta lo scorso 7 aprile alla ‘Nova ricambi’ di contrada Colle delle Api, assistito dall’avvocato Mirella De Santis, è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari, Teresina Pepe, nel penitenziario del capoluogo. Per lui, il legale ha chiesto la revoca della misura cautelare in carcere. Dopo l’arresto di Giuseppe Mariano, uno dei responsabili dell’agguato e vecchio proprietario del capannone in cui sono avvenuti i fatti, i poliziotti hanno dunque messo le mani sul pluripregiudicato, affiliato agli ambienti malavitosi della camorra. Per gli inquirenti è stato lui ad impugnare il bastone che ha colpito ri-

petutamente la vittima: Massimo Colozza, titolare dell’attività commerciale finito in ospedale dopo essere stato selvaggiamente picchiato e rapinato. E’ stato lui a riconoscere il suo aggressore in una foto. “Si tratta di un soggetto non

nuovo a Campobasso – ha specificato il dirigente della Mobile Mauro Baroni – perché circa un anno fa si era presentato nel capannone della ‘Nova ricambi’ per chiedere di averne in affitto uno dei due piani: un tentativo che fallì di fronte alla richiesta della controparte di avere come garanzia una fideiussione bancaria che coprisse alcune mensilità. Circostanza, questa, che ci spinge a interpretare l’episodio come una spedizione punitiva ‘camuffata’ in rapina proprio perché sia Mariano che Gruosso avrebbero potuto avere sentimenti di astio verso il giovane titolare, picchiato e derubato”. Il quadro investigativo, dunque, è quasi completo: a mancare, adesso, è il tassello relativo all’identità del terzo rapinatore. Ma l’ennesima svolta potrebbe arrivare ad ore.

Confermata la misura cautelare in carcere per il 43enne arrestato per droga sabato scorso dalla Mobile. Assistito dall’avvocato Nicolino Cristofaro, l’uomo, ieri, è stato interrogato dal gip Giovanni Falcione. Si è però avvalso della facoltà di non rispondere. Ad inchiodare il 43enne un controllo del Nucleo antidroga della Polizia di Campobasso. A seguito della perquisizione, gli agenti hanno rinvenuto tredici buste di cocaina, un bilancino di precisione ed altri arnesi utili al confezionamento delle dosi: articoli che sono stati prontamente sequestrati insieme alla droga. Un altro colpo vincente, dunque, per gli agenti di via Tiberio, che continuano la preziosa opera di controllo sul territorio finalizzata a contrastare il fenomeno del consumo e dello spaccio di sostanze stupefacenti

7 ANNO IV - N° 91 MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011


CAMPOBASSO Prefettura, fermata soppressa in via Cavour: critiche e disagi Trasporti urbani ancora al centro della bufera. A far discutere, stavolta, è la soppressione dell’ormai ‘storica’ fermata bus di via Cavour, posta proprio all’altezza del carcere del capoluogo. Una misura, quella decisa nelle scorse ore dalla Prefettura di Campobasso, che ha finito inevitabilmente per scontrarsi con il malcontento di quei cittadini da sempre abituati ad attendere i mezzi pubblici su quel marciapiede. Una scelta dettata ufficialmente da ragioni di sicurezza, ma non è escluso che alla base della disposizione possano esserci anche esigenze di viabilità e di miglioramento della fluidità del traffico veicolare. Non di rado,

Centri per l’impiego, arrivano i fondi dalla Provincia Potenziare e qualificare i servizi per il lavoro: questo l’obiettivo della Provincia di Campobasso, che nelle scorse ore ha salutato l’approvazione di due progetti volti a rafforzare i settori di Campobasso e Termoli. A finanziare le attività per il biennio 2011 -2013 le risorse comunitarie del Por 2007/2013, con uno stanziamento di circa 700mila euro. In cima alla lista della programmazione figura il riassorbimento dei lavoratori e la realizzazione dei piani del Masterplan regionale dei i servizi per il lavoro: l’ente di via Roma incasserà, per quest’ultima attività, circa 400mila euro provenienti dagli stessi Por, in modo da contribuire ad un sensibile miglioramento del mercato del lavoro sul territorio locale.

Le lamentele maggiori sono giunte dagli anziani provenienti dai paesi limitrofi infatti, le soste dei bus per raccogliere i passeggeri in quella zona causano rallentamenti ed ingorghi, con grande tedio degli auto-

mobilisti. A non vedere di buon occhio il provvedimento soprattutto gli anziani, che dovranno percorre circa centocinquanta metri per poter salire sui bus: per loro il nuovo riferimento sarà rappresentato dalla fermata situata dinanzi alla stazione ferroviaria. Il tragitto da affrontare, per quanto breve, rischia di causare forti disagi per quanti si recano abitualmente in centro per fare spesa: con buste colme e altri ‘bagagli’ al seguito, infatti, anche poche centinaia di metri da compiere a piedi possono costituire un impedimento importante. Le polemiche e riserve, dunque, non sono tardate ad arrivare: un nuovo tormentone in vista?

L’università Cattolica modernizza lo stemma

Dinamicità, attualità e bellezza. Queste le parole che hanno guidato il restyling del nuovo marchio dell’università cattolica. Nuovi colori e rivisitazione del logo, senza cambiare il simbolo classico, che da sempre ha accompagnato il nome della prestigiosa università. Il cambiamento è stato realizzato da Y2K Communication, che si occuperà anche della declinazione delle nuove regole di immagine sulla modulistica, sul piano editoriale e sulla segnaletica. Ovviamente questo restyling coinvolgerà tutte le sedi, facoltà e dipartimenti dell’ateneo.


SPETTACOLI L’attrice originaria di Bonefro esordisce nel 1996

Live show di Nuzzo e Di Biase La coppia comica al Savoia con i Noflaizon e Michele Cafaggi CAMPOBASSO - Integrazione artistica sul palco del teatro Savoia questa sera. Il “Nuzzo Di Biase live show” fa tappa a Campobasso nell’ambito del tour che sta girando tutta l’Italia. Mercoledì 20 aprile 2011 al teatro Savoia di Campobasso l’appuntamento è con il cabaret del Nuzzo e Di Biase Live Show. Sul palco i comici saranno accompagnati dalla musica dei Noflaizon mentre le evoluzioni con bolle di sapone giganti di Michele Cafaggi daranno allo spettacolo un tocco di atmosfera circense. Imprevedibile, surreale, esilarante, poetico. Il Nuzzo e Di Biase Live Show è un vero originale e strampalato show che esalta le potenzialità di un popolo che ha sempre saputo ridere e prendersi in giro, invidiato per la sua creatività e fantasia, che di colpo si trova spaesato, povero e spaventato. Un varietà che ogni sera dà largo spazio all’improvvisazione e al coinvolgimento del pubblico per rendere il tutto unico e irripetibile. Nella data campobassana il duo comico sarà supportato dai Noflaizon, che per questa occasione vestirà i panni di big-band creando il giusto commento sonoro ai vari sketch. C’è spazio anche per godersi uno spettacolo unico con Michele Cafaggi, l’artista delle bolle di sapone, mimo, clown, giocoliere. Da diversi anni studia per sviluppare sul palco di un teatro la tecnica delle bolle di sapone giganti portando in scena un racconto visuale che trae ispirazione dalle atmosfere circensi e del varietà. La prevendita dei biglietti è attiva fino a martedì 19 aprile presso Pulp Bar, Bar Morelia, Dolce Stil Novo, Bar Centrale, Caffè Teatro, Mama’s e presso il botteghino del teatro Savoia nella sola giornata di mercoledì 20 aprile.

Le bolle di Cafaggi

NOFLAIZON I Noflaizon si sono fatti strada nel panorama musicale italiano, fino ad ottenere importanti collaborazioni. Il gruppo è salito sui palchi di festival quali lo Show Hall in Spagna, il Folk Festival di Pisa, il Matese friend festival, il Villa festival, e tanti altri. Ha partecipato ad importanti progetti, tra cui l’inaugurazione del teatro “Art’in scena” di Cagliari assieme ad Antonello Salis, la “Grande impresa” da svolgersi nelle terre del Nepal con Marco Banchelli, la rassegna di musiche popolari con Giovanna Marini e la scuola del Testaccio di Roma. I Noflaizon hanno all’attivo la registrazione del primo disco "A TIEMP' A TIEMP' ", con la partecipazione di Daniele Sepe, Piero De Asmundis, Auli Kokko, Brunella Selo, Gianfranco Campagnoli, Aurora Arenare.

Michele Cafaggi, la sua arte circense per uno show da non perdere, unico nel suo genere. Un eccentrico direttore d'orchestra porterà gli spettatori nel mondo fragile e rotondo delle bolle di sapone, in un "concerto" dove l'imprevisto è sempre in agguato, infatti da strani strumenti nas c e ra n n o bolle giganti, bolle rimbalzine, bolle da passeggio, grappoli di bolle...Si tratta di uno spettacolo di clownerie, pantomima e musica, adatto per bambini dai due anni di età in poi.

Live

Dance

CAMPOBASSO - Sabato al Move club il concerto di Good Fellas, presentato dalla Soupy records. Otto musicisti che dal 1993 si commentano tra swing, rock’n’roll e Rhythm’n’blues. Info soupyrecords.com

CAMPOBASSO - Oggi al Mama’s in via Scardocchia Aspettando la Pasqua. Al Red Passion è Easter school party, presentato dalle scuole di Campobasso. Ingresso euro 10,00. Info 3278645535.

MARIA DI BIASE Maria Di BIase, è nata a Montreal nel 1974 ma le sue origini sono molisane, di Bonefro. In coppia con Corrado Nuzzo, da oltre dieci anni si divide tra teatro e tv. Sul piccolo schermo hanno raggiunto la popolarità in trasmissioni quali “Mai dire gol”, “Zelig”. Sketch come “Tua sorella” li hanno consacrati come un duo che fa della comicità, una strampalata e arguta visione della realtà.

10 ANNO IV - N° 91 MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011

Gorillaz, nuovo disco disponibile

I Papaboys contro Nanni Moretti

E' disponibile da ieri nei negozi tradizionali di dischi e in digitale “The fall”, l'ultimo album registrato dai Gorillaz. Il disco della band capitanata da Damon Albarn, è già disponibile dallo scorso 16 aprile in vinile da 180 grammi, la versione "fisica" commercializzata in occasione del Record Store Day. "The fall" fu registrato su iPad.

Non potevamo aspettarci opere d'arte da Nanni Moretti, e questo è chiaro. Ma doversi trovare a vedere un filmetto di seconda categoria che sa di "cineuovo" proprio non ce lo aspettavamo". E' questo il commento di Daniele Venturi, presidente dell'associazione nazionale Papaboys, al film "Habemus Papam" di Nanni Moretti.


ANNO IV - N° 91 - MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO A LUIGI MAZZUTO

Si è svolto ieri mattina a Campobasso un importante incontro sulla viabilità, con particolare riguardo alla situazione dei lavori sulla Trignina, tra il Presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, e il capo compartimento Anas del Molise, Valter Bortolan. Nel corso dell’incontro è stata accolta la proposta presentata dal Presidente, Luigi Mazzuto, di non chiudere la galleria San Venditto di Pescolanciano, che sarà oggetto di lavori nella settimana subito dopo Pasqua. Infatti, è stato deciso che in questa galleria l’Anas effettuerà i lavori soltanto in orari notturni e, più precisamente, dalle ore 21 alle ore 6. In questa fascia oraria verrà lasciata aperta al traffico una corsia per gli automobilisti che viaggiano in direzione Isernia.

IL TAPIRO DEL GIORNO ALLA SEVEL

MELOGLI L L’INDOVINO ’INDOVINO Secondo il consigliere regionale Francesco Totaro nello stabilimento industriale della Val Di Sangro sarebbe in atto una sorta di “discriminazione” nei confronti dei lavoratori molisani. La Sevel, infatti, negli anni passati aveva dato occupazione a tantissimi altomolisani. Con la crisi però e il conseguente ridimensionamento dell’azienda molti di loro sono rimasti a casa. Ora però le cose sembrano andare meglio e sembrerebbe che i vertici dell’azienda stiano richiamando il personale che fino a poco tempo fa era considerato in esubero. Peccato però che secondo il consigliere regionale a trovare nuovamente il posto di lavoro siano solamente i lavoratori residenti in Abruzzo.

PESCOPENNATARO

PROVINCIA

AGNONE

Senza lavoro Ingegnere scappa di casa Ritrovato dagli agenti della Mobile

La giunta assicura: non sarà nominato il direttore generale

I dissidenti e i rinnovisti chiedono ai cittadini di recarsi alle urne

A PAG. 16

A PAG. 14

A PAG. 16

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Stazione, Melogli ci azzecca Nessuno risponde al bando Alla scadenza dei termini l’asta per l’acquisizione dei terreni è andata deserta ISERNIA – Area stazione, nessuno la vuole. Da indiscrezioni, infatti, sembrerebbe che nessuno abbia risposto al bando pubblicato da Ferrovie dello Stato. Bando scaduto due giorni fa. Melogli, dunque, ci aveva azzeccato quando a gennaio si era detto sicuro che nessuno avrebbe risposto al bando per la cessione di tutta l’area della stazione per una cifra di 2 milioni e 800mila euro, ma che in più prevedeva la cessione a titolo gratuito (per conto terzi qualora qualche privato avesse acquistato l’area) di 13.500 metri quadri che l’amministrazione comunale trasformerà in un parco verde e dell’officina della cultura. Ma cosa succederà ora? Ovviamente Ferrovie(tramite la società Sistemi Italia) ha interesse che l’area si venda. Per questo motivo nei prossimi giorni pubblicherà un nuovo bando. La cifra per acquistare l’area dovrebbe aggirarsi sempre intorno ai tre milioni di euro. Per poi abbassare il costo se l’asta dovesse andare nuovamente deserta. Dal momento della pubblicazione del nuovo bando il Comune di Isernia avrà a disposizione due mesi per far valere il diritto di prelazione anche per l’area in cui l’accordo con Fs prevede la realizzazione di tre palazzine. Servono 2,8 milioni di euro, fondi che potrebbero arrivare dalla Regione Molise. Intanto in mattinata davanti al sottopasso ferroviario le opposizioni comunali hanno organizzato una conferenza stampa per discutere proprio della riqualificazione della stazione e dell’accordo tra Fs e Comune di Isernia.

Mazzuto: non ci sarà nessun direttore generale ISERNIA - “Non nominerò nessun direttore generale”. Con questa semplice frase il presidente della provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, ha risposto alle opposizioni che avevano presentato un’interrogazione su questa nuova figura prevista nel nuovo piano occupazionale dell’ente di Via Berta. In realtà Mazzuto ha spiegato che si tratta solamente di un regolamento ma che è sua intenzione non nominare una figura super partes che visioni tutti gli altri dirigenti. Per il resto il Consiglio provinciale, svoltosi ieri pomeriggio, ha visto la discussione di diversi argomenti quali la revoca

14 ANNO IV - N° 91 MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011

della delibera degli autovelox e la problematica relativa alla possibile presenza di rifiuti pericolosi sul territorio provinciale. A tal proposito il consigliere Sorbo è stato molto critico nei confronti dell’amministrazione.

I Padri vocazionisti in festa: Don Giustino diventerà beato MONTERODUNI – Spazio alla religione nel programma “Il Molise che va”, in onda quest’oggi, dopo tutti i telegiornali su Tlt Molise. Nella settimana Santa Michele D’Alessio, che conduce la nota trasmissione televisiva, ha voluto parlare della comunità dei padri vocazionisti presenti nella Diocesi di Isernia-Venafro, dove gestiscono con don Paolo e don Nibin la parrocchia di Monteroduni e quella della frazione di Sant’Eusanio. La puntata odierna vuole essere anche un omaggio alla congregazione religiosa che, il prossimo 6 maggio a Pianura (Napoli), in una so-

lenne celebrazione eucaristica vedrà dichiarato Beato il fondatore dell’ordine: don Giustino Russolillo, sacerdote che già in vita era da tutti considerato Santo per la sua saggezza, il suo spirito di abnegazione e l’apostolato presso tutti i fratelli, con particolare riferimento ai bambini. Nella trasmissione ci sarà la testimonianza di don Ernesto che ancora alunno delle elementari sentì la vocazione al sacerdozio e don Giustino lo ammise nella loro casa di Pianura, dove iniziò il suo percorso. Oggi don Ernesto ricopre un ruolo di responsabilità tra i vocazionisti che ormai svolgono il

loro apostolato non solo in Italia ma in quasi tutti i Continenti. Manca la sola Australia che raggiungeranno a breve. Si parlerà anche dell’esperienza che stanno vivendo don Paolo e don Nibin, i due sacerdoti che a Monteroduni sono diventati un punto di riferimento per l’intera comunità e in modo particolare per i giovani. In cantiere ancora molte iniziative che raggiungeranno il loro culmine quando saranno ultimati i lavori della chiesa, dell’oratorio, del campo polivalente e di tutte le altre strutture in costruzione a Sant’Eusanio. Un programma che vi consigliamo di non perdere.

Carovilli, mostra fotografica

Totaro: alla Sevel non c’è posto per i molisani

Carovilli ospita la mostra fotografica del chirurgo Luciano Greco dal titolo “Così lontano … Così vicino”. Un molisano, un medico chirurgo, un uomo altruista, si è trasformato in fotografo per immortalare una realtà umana con sullo sfondo una natura profondamente ostile. La mostra resterà aperta fino al 27 aprile, presso la Società Operaia.

Il consigliere regionale Francesco Totaro ha chiesto alla giunta regionale spiegazioni circa lo stato in cui versa lo stabilimento Sevel di Val di Sangro, dove lavorano molti molisani. Secondo Totaro, infatti, sembrerebbe che siano stati richiamati solo operai ex interinali residenti in Abruzzo. Niente lavoro dunque per i molisani.


ISERNIA Vittoria di Mazzuto: l’Anas riapre la galleria di Pesche, quella di Pescolanciano non chiuderà

Trignina, fine del calvario ISERNIA – Ancora un paio di giorni la galleria di Pesche riaprirà. Mentre quella di Pescolanciano non chiuderà. Sono queste le novità salienti dell’incontro di ieri - incentrato sulla situazione dei lavori sulla Trignina - tra il Presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto, e il capo compartimento Anas del Molise, Valter Bortolan. Innanzitutto, è stato stabilito di riaprire nell’arco di due giorni la galleria Serre nei pressi di Pesche, i cui lavori stanno volgendo al termine. In secondo luogo, è stata accolta la proposta presentata dal Presidente, Luigi Mazzuto, di non chiudere la galleria Sella Venditto di Pescolanciano, che sarà oggetto di lavori nella settimana subito dopo Pasqua. In questa galleria l’Anas effettuerà i lavori soltanto in orari notturni e, più precisamente, dalle ore 21 alle ore 6. In questa fascia oraria verrà lasciata aperta al traffico una corsia per gli automobilisti che viaggiano in direzione Isernia. Il traffico in direzione Vasto,

verrà dirottato, sempre nella stessa fascia oraria, sulla strada provinciale che attraversa Sessano, la zona di Colle Venditto e Pescolanciano. Il tutto, natural-

mente, dopo che la Provincia avrà messo in piena sicurezza quest’ultima strada sia sotto il profilo della segnaletica che degli interventi strutturali. Nelle ore

giornaliere la galleria Sella Venditto sarà aperta al traffico regolarmente in entrambi i sensi di marcia. “In tal modo – ha dichiarato il Presidente Luigi Mazzuto - è stato evitato che questi lavori, pur essendo giustificati dalla messa in sicurezza delle gallerie, potessero arrecare ulteriori disagi ai cittadini. Inoltre, anche per quanto riguarda le gallerie di Chiauci e di Civitanova è stato deciso di diluirne i lavori nel tempo. Il tutto al fine di evitare che tali interventi possano ricadere nei periodi che, notoriamente, fanno registrare il massimo afflusso di traffico sulla Trignina, ossia nei mesi di luglio e agosto. Abbiamo poi messo in evidenza, nell’occasione, - ha aggiunto il Presidente - la necessità di intraprendere un protocollo di intesa tra Anas, Province e Regioni finalizzato alla messa in sicurezza delle strade sull’intero territorio regionale e per prospettare una serie di interventi manutentivi. Lo scopo è, infatti,

quello di creare una strategia di interconnessione e complementarietà tra le strade Statali e quelle Provinciali nell’ottica di una programmazione e di un utilizzo anche in caso di emergenze di Protezione civile. Sono estremamente soddisfatto – ha sottolineato Mazzuto - per i risultati raggiunti. Siamo riusciti non solo a ridurre al minimo i disagi per gli automobilisti che percorrono la Trignina, a causa dei lavori in atto in alcune gallerie, ma anche a porre le basi per il miglioramento e la messa in sicurezza delle strade Provinciali e Statali presenti sul nostro territorio. Il risultato conseguito con l’Anas è la dimostrazione concreta – ha concluso Mazzuto - del grande impegno messo in atto dalla nostra amministrazione a tutela degli automobilisti e della loro sicurezza. Quando si ascoltano le esigenze dei cittadini e si apre un percorso di dialogo e collaborazione tra le istituzioni si raggiungono sempre obiettivi importanti come è avvenuto in questo caso”.

Nuovi investimenti da parte dell’imprenditore isernino Camillo Colella

Santa Croce, parte l’operazione rilancio

ISERNIA - Santa Croce si sta riguadagnando un posto di rilievo nel panorama nazionale delle acque oligominerali. Dall’arrivo della nuova proprietà - il gruppo guidato dall’ing. Camillo Colella - sono stati fatti passi da gigante per riportare il marchio abruzzese nel mercato che conta nonostante la congiun-

tura economico-finanziaria che ha investito anche tale settore. Un'opera di rilancio fondata su visioni lungimiranti di marketing ed investimenti cospicui per ampliare e ammodernare gli impianti, presentarsi sul mercato in formati rispondenti ad ogni esigenza, oltre che avere una nuova, costante e capillare presenza sui media. Grazie all'esborso di notevoli risorse economiche, infatti, si sta portando a compimento la ristrutturazione e l'ampliamento dello stabilimento di Canistro. “Investimenti che proseguiranno – afferma il Presidente del Cda di Santa Croce, Camillo Colella – per rilanciare il marchio nel prossimo futuro e far sì che

Santa Croce entri nella top ten delle acque oligominerali italiane con evidenti risvolti positivi dal punto di vista occupazionale in azienda, non tralasciando i benefici che ciò apporterà a tutto l'indotto”. “I risultati conseguiti in questi ultimi anni – aggiunge Colella – fanno ben sperare. Le vendite stanno registrando buoni incrementi nonostante il periodo di crisi economica. Ciò grazie all'opera di rilancio del marchio sui network nazionali e locali, mirata a sottolineare le ottime caratteristiche organolettiche (poco sodio, equilibrato residuo fisso e massima purezza) che fanno di acqua Santa Croce un prodotto che non teme il con-

fronto con le migliori acqua oligominerali presenti sul mercato. E, si sa, di questi tempi, come negli altri segmenti di vendita, la gente va alla ricerca della qualità innanzitutto”. I benefici che Santa Croce ha sull'organismo, infatti, sono certificati da numerosi studi: favorisce l'eliminazione dell'acido urico, agisce sul metabolismo epatico e sul ricambio renale e facilita le funzioni digestive, aiuta a contrastare la ritenzione idrica e l'ipertensione arteriosa, previene la calcolosi renale e le sue complicanze infettive a carico delle vie urinarie. Un'altra sfida vinta dalla neoproprietà è stata quella di offrire una completa gamma di prodotti

Agnone, sabato Via Crucis vivente

Venafro, ultimati i lavori sul ponte

AGNONE - Il Cenacolo Culturale Francescano Camillo Carlomagno di Agnone ripropone, sabato, la rievocazione storica della Via Crucis Vivente. Oltre 150 gli attori-figuranti. Articolata in otto atti, la drammatizzazione si svolgerà a partire dalle ore 18:00, in piazza Plebiscito, giungendo fino alla Nuova Villa Comunale.

VENAFRO - Ultimati i lavori al ponte lungo via Colonia Giulia, la struttura che collega la trafficata via cittadina al viale della Stazione. Interventi promossi dall’assessore Alfonso Cantone che ha inteso riqualificare un altro punto nevralgico della Città. I lavori hanno avuto finalità di abbellimento ma soprattutto di messa in sicurezza.

in Pet e vetro. E’ presente nei più prestigiosi hotel, nei migliori ristoranti oltre ad aver conquistato il servizio catering. Insomma, uno dei punti di forza del marchio risiede proprio nella gamma completa di formati, alla cui base c'è l'attenzione alle nuove tendenze del mercato unitamente alla ricerca e all'innovazione costante del packaging. In tale ottica il nuovo progetto di Santa Croce riguarda proprio il lancio sul mercato del formato Sport Cup per rispondere adeguatamente alle esigenze del mondo fitness e sportivo in genere. La parola d’ordine, quindi, è continuare nell’opera di rilancio del prestigioso marchio Santa Croce.

15 ANNO IV - N° 91 MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011


ISERNIA Pescopennataro. Il 44enne per più di un giorno non ha dato più notizie di sé. Ritrovato a Salcito

Senza lavoro, ingegnere nordafricano scappa di casa PESCOPENNATARO – Si è allontanato di casa la notte scorsa, da allora la sua famiglia non avevaa più sue notizie. Sembrava essere scomparso nel nulla un ingegnere nordafricano di 44 anni residente nel centro altomolisano sposato ma senza figli. Sul caso hanno indagato gli agenti della Squadra Mobile di Isernia, coordinati dal dottor Vittorio Di Lalla. L’uomo è stato ritrovato nel pomeriggio di ieri sulla strada che porta a Salcito. A ritrovarlo sono stati gli stessi agenti della Squadra Mobile in collaborazione con i carabinieri della zona. Al momento del suo ritrovamento era in buone condizioni ed aveva con sé uno zaino ed un sacco a pelo, nel quale, molto probabilmente, le due notti trascorse all’addiaccio. Il suo è stato un allontanamento volontario. L’uomo, infatti, avrebbe dichiarato di essere fuggito per trovare lavoro, ma depresso a causa della difficile situazione economica in cui verserebbe la sua famiglia, avrebbe deciso di non avvertire nessuno.

A dare l’allarme la moglie dello scomparso. L’uomo da qualche tempo era disoccupato, e potrebbe essere proprio questo il motivo del suo allontanamento che gli inquirenti credono sia volontario. Le condizioni economiche della famiglia dello scomparso, infatti, non sarebbero delle migliori. Sembrerebbe che il 44enne in questo ultimo periodo abbia tentato di cercare un posto di lavoro. Ma senza riuscirci. La coppia da poco si era trasferita da Milano, sperando di aver fiutato un affare proprio in Alto Molise. Ma in realtà così non è stato. La crisi si faceva sentire sempre di più. E forse è per questo motivo che ha deciso di recarsi altrove, in una città, probabilmente Campobasso, dove le opportunità lavorative sono maggiori rispetto al piccolo centro dell’Alto Molise. Può tirare un sospiro la moglie del nordafricano che era molto preoccupato. Pensava che suo marito avesse potuto compiere un insano gesto. In realtà l’ingegnere è tornato a casa sano e salvo.

Agnone,parte la campagna elettorale I dissidenti:importante andare a votare Le ben note vicende sull'ospedale Caracciolo, le false promesse in merito a ciò e il sentirsi traditi da una classe politica sulla quale molti cittadini avevano fatto affidamento, ha fatto nascere in molti di noi il pensiero che non bisogna andare a votare perché è tutto inutile. Il non-voto credo che sia la cosa più sbagliata che un cittadino possa fare, soprattutto in questo delicato momento storico. Il non-voto non produrrà nessun effetto positivo, non salverà Agnone e non ci restituirà né il punto nascita né, tanto meno, l'Ospedale Caracciolo. Qualcuno disse, a suo tempo, che il non-voto era l’unica arma nelle nostre mani, ma non è affatto vero. Il non-voto è l'arma della rabbia e della protesta insensata, ma, come un boomerang, rischia seriamente di ritorcersi contro chi la usa e di rafforzare tutti coloro contro cui questa arma viene puntata. La risposta a chi ci amministra da quasi un decennio e si rifiuta di ammettere che stiamo vivendo un momento drammatico non è quella di rinunciare al voto. La risposta a chi continua a ripetere che arriveranno milioni di euro per le scuole, che l’ospedale è salvo, che bisogna incentivare il turismo e altre frasi di propaganda è quella di esercitare il proprio diritto di cittadino che vive in democrazia. Nelle mani degli elettori esistono armi efficacissime in grado di annientare la propaganda elettorale di chi ci ha governato senza preoccuparsi del futuro di Agnone. Le armi dei cittadini sono il tenersi aggiornati, il monitorare l'attività dei propri rappresentanti, farsi un'idea propria e, al momento giusto, scegliere i propri referenti politici sulla base delle loro professionalità, della loro intelligenza e del loro spessore culturale e umano, lasciando da parte logiche clientelari e di parentela che tanto hanno penalizzato il nostro amato territorio. Queste, e non altre, credo siano le uniche armi in mano a tutti noi. E' per questo motivo che, adesso, è necessario che tutti gli agnonesi prendano coscienza di quello che è successo. Lista Agnone Rinasce

16 ANNO IV - N° 91 MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011

Gamberale compone un inno per Campobasso Il Notaio Giuseppe Gamberale chiude il cerchio :dopo l’inno alla Regione Molise,dopo l’inno alla Provincia d’ Isernia,dedica un inno alla Provincia di Campobasso,provincia che ben conosce per aver studiato al Collegio Mario Pagano. La musica e’ di un Boianese doc:Costantino Pietrangelo.Il video e’ stupendo con le immagini di tutti i paesi della Provincia ,ciascuna recante scritta la caratteristica che distingue il paese . La Musica è ascoltabile sul sito www.giuseppegamberale.it e su You tube .

“Avevo un debito di gratitudine per questa provincia Ho cercato di pagarlo con questo umile inno in cui magnifico i luoghi più belli personaggi più significavi ,gli eroi i martiri uomini e donne saluto gli emigranti e finisco l’inno con l’immagine degli abitanti che giurano fedeltà alla loro provincia. Il video contiene le immagini di tutti i paesi i della provincia . Ed in ogni immagine e’ riportata la caratteristica che contraddistingue il paese.

Rocchetta aVolturno festeggia la Liberazione

Isernia, premiato l’olio più buono

Il sindaco di Rocchetta a Volturno , Antonio Izzi, illustrerà in conferenza stampa, fissata per sabato 23 aprile, con inizio alle ore 11 all’interno dell’aula consiliare comunale, il programma completo degli eventi organizzati in occasione del 25 aprile. Quest’anno l’amministrazione omaggerà il partigiano “Giaime Pintor”.

ISERNIA - Si è svolta la premiazione dei vincitori della seconda edizione del concorso ‘Gli Oli Monovarietali Molisani’. Istituito dalle Camere di Commercio di Isernia e Campobasso, su proposta della Coldiretti, il concorso mira alla valorizzazione e promozione delle produzioni agricole più rappresentative della regione.


TERMOLI Presente anche Pierpaolo Nagni, in corsa per la presidenza della Provincia

Idv, inaugurata la sede elettorale di Petacciato La candidata locale Simona Contucci: un voto utile per cambiare il sistema. Vogliamo una politica di scelte responsabili PETACCIATO – E' stata inaugurata la sede elettorale dell’Italia dei Valori alla presenza del segretario regionale e candidato alla presidenza della Provincia di Campobasso, Pierpaolo Nagni, e del comitato a sostegno della candidata IdV Simona Contucci nel collegio di Montenero di Bisaccia, Petacciato e Tavenna, Simona Contucci. L’evento, partecipatissimo, è stato occasione per porre l’attenzione ad alcuni temi fondamentali inerenti al territorio nelle sue criticità ma anche nelle grandi possibilità che potrebbe avere. “Questa – ha dichiarato

la Contucci - è la mia prima esperienza da candidata in una competizione elettorale e, non vi nascondo, tutto il mio orgoglio e la mia gioia per potermi presentare a voi sotto il simbolo del partito di Antonio Di Pietro. Il partito di un uomo che questi posti e i problemi che affliggono questi posti, li conosce bene e vi garantisco, non li dimentica neppure solo per un istante. Milito in questo partito praticamente da sempre, da quando, cioè, ho iniziato a muovere i miei primi passi in politica. AI valori della legalità e della solidarietà, entrambi simbolo e

bandiera del nostro partito, mi sento di associare quello della coerenza, coerenza nel portare avanti le proprie idee anche in condizioni di disagio e debolezza. L’Italia dei Valori non ha promesse elettorali da proporre ai propri elettori, ma solo ed esclusivamente proposte e progetti per migliorare la qualità della vita dei cittadini e del territorio in cui essi vivono. La Provincia, come noto, ha competenze prevalentemente in materia di strade e scuole, e di assetto e gestione del territorio. In questo collegio c’è la possibilità di votare il candidato IdV. Il

Possesso di droga e armi Denunciate quattro persone

I carabinieri della Compagnie di Larino e Termoli hanno svolto servizi di controllo nelle rispettive giurisdizioni che

hanno portato alla denucia di quattro persone e al sequestro di una modica quantità di droga. A Petacciato i militari dell'Arma hanno controllato il conducente di una Fiat Marea, S.G. 51 anni pregiudicato di Mafalda, e all'interno delmezzo hanno rinvenuto un coltello del genere proibito e, pertanto, è scattata la denuncia nei suoi confronti per porto ingiustificato di oggetto atto ad offendere. A Bonefro, con il medesimo reato, i carabinieri della locale Stazione hanno denunciato B.I. di 33 anni e A.A. Di 37, entrambi pregiudicati di nazionalità bulgara domiciliati a Serracapriola. I due viaggiavano a bordo di una Opel Vectra quando sono stati fermati per controllo e sono stati tro-

vati in possesso di due coltelli del genere proibito: per entrambi è scattata anche la richiesta di emissione del foglio di via obbligatorio. A Santa Croce di Magliano i militi, durante una perlustrazione per le vie del paese, hanno riconosciuto R.N. 47Enne pregiudicato con obbligo di dimora a Bonefro, suo paese. Per lui è scattata la denuncia per inosservanza ai provvedimenti dell'autorità. Inine a Termoli i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno segnalato come assuntore di sostanze stupefacenti M.R., operaio di 24 anni del posto perchè trovato in possesso di 1,2 grammi di cocaina che è stata sequestrata.

Comunali, Teresa Licursi si presenta ai cittadini PORTOCANNONE – Oggi, nell'Auditorium della Scuola Media ci sarà la presentazione della lista numero 2 “Insieme per l'avvenire di Portocannone” con candidato sindaco la giovane Teresa Licursi. Figura forte e molto rappresentativa, quella di Teresa é per la comunita Arbreshe una ventata di innovazione. Infatti, in un epoca dove i politicizzati cercano

di rimanere a galla in ogni modo e maniera, la giovane avvocatessa offre stimoli, ma sopratutto innovazione ad una comunità che negli ultimi 5 anni ha ottenuto solo smembramenti e perdite importati, una fra tutte quella della caserma dei Carabinieri. La squadra capeggiata da Teresa Licursi é vicina alle esigenze dei cittadini.

simbolo dell’Italia dei Valori è un simbolo forte che ha garantito fino ad ora la sicurezza e la tutela dei cittadini e, quel che più mi preme ricordare è che il nostro non è uno di quei partiti che si organizza e si muove solo in periodi strettamente elettorali, ma segue un percorso fatto di battaglie per i diritti e

Cammilleri revoca la delega all’assessore Di Stefano CAMPOMARINO – Colpo di scena nella Giunta Municipale. Il sindaco, Gianfranco Camilleri, ha revocato la nomina all'assessore all'Ambiente Fausto Di Stefano, delega che per il momento ha assunto in prima persona. “Il perdurare delle scelte dell’Assessore – si legge nel decreto firmato da Camilleri ha fatto venire meno il presupposto fondamentale del rapporto di fidu-

cia che aveva ispirato e aveva sotteso alla nomina”. “Non riesco a capire a quali mie scelte si riferisca il sindaco – è stato ol commento dell'ex Amministratore -. Un Assessore, proprio per il ruolo che gli compete, non ha potere decisionale. Forse è una scelta scellerata preoccuparsi del futuro del proprio paese e cercare di salvaguardare gli interessi della collettività?”.

Trivento, ecco il programma della settimana santa in cattedrale TRIVENTO – Anche la diocesi di Trivento si appresta a vivere con intensità questa settimana che ci condurrà alla festa della resurrezione di nostro signore Gesù, ed ha stilato una serie di appuntamentiche si terranno in Cattedrale. Giovedì alle 10 la messa Crismale; alle 19,30 messa “In

Un ricordo di monsignor Gerardi Conedera GUARDIALFIERA – Il ramoscello di pace é stato idealmente scambiato nel segno e nel ricorso di colui che si è fatto immolazione di pace di monsignor Juan Gerardi Conedera, vescovo titolare della Cattedrale di Guardialfiera, barbaramente trucidato dagli squadroni della morte nel 1998, entro il cortile drll'Episcopio nella città di Guatemala. E' stato ricordato nella Sala a lui intitolata e presso la nicchia che contiene alcune sue reliquie: la mitria che gli copriva il capo nei pontificali a Guardialfiera, lo zucchetto raccolto dalla sorella fra il sangue, a fianco del cadavere il mattino del 27 Aprile 1998. E' stato ricordato attraverso un capolavoro di narrativa storica, di lettere penetranti, teatrali, elaborate da Carmela di Soccio e Gabriella Antonelli, tratte dal libro coraggioso di Margarita Carrera “Il Vescovo che ruppe il silenzio”. Letture incalzanti di suggestioni e sfumature emotive

per il bene comune che vede la nostra presenza sulle piazze in ogni periodo dell’anno. È per questo che mi appello al voto utile. Solo i cittadini possono cambiare il sistema politico degli ultimi anni per tornare alla centralità della politica buona, della politica fatta, finalmente, di scelte responsabili”.

declinate, sotto la regia di Gabriella Antonelli, da Isabella Astorri, Sergio Bucci, Rosamaria Camposarcuno, Nicola d'Ascanio, Carmela Di Soccio, Antonio Matricola, Maria Sollazzo, Franco Valente, Lina Zappone: intellettuali, politici, giornalisti, scrittori, solo per questa occasione prestati al teatro. Interpretazioni rese particolarmente avvincenti dagli effetti luci e suoni di Michael Salcedo e Rino Spugnardi. Tante volte il presule martire é stato commemorato a Guardialfiera con testimonianze di amici e confidenti. Si ricordano in particolare quelle di Renato di Nicola, Francisco Velasco e Rosalina Tuyuc venuti dal Guatemala. Oanche quella di Mariella Minnozzi che, nel 2006 in Cattedrale, presentò il suo libro “Gerardi il Vescovo dei diritti umani”. Si è compreso adesso la grandezza della sua opera, attraverso il contesto politico e storico in cui Conedera è vissuto: le guerre spor-

Coena Domini. Venerdì alle 17 solenne celebrazione della Passione del Signore e a seguire la processione di Cristo morto e dell'Addolorata. Sabato 23 Aprile alle 23 solenne veglia: é la Pasqua del Signore. Domenica 24 Aprile alle 11 solenne messa stazionale di Pasqua.

che; le migliaia di civili e desaparisidos ammazzati; i milioni di esuli, villaggi cancellati dalla mappa del paese; lo sfruttamento, la sopraffazione; gli indigeni massacrati. “Quelli che non sanno ricordare il passato sono condannati a ripeterlo”. E' la citazione del manifesto affisso dal “Centro Studi”, organizzatore dell'incontro. Dissolviamo infatti nell'oblio il passato che si ripresenta implacabile sugli stessi abissi. Perciò questo particolare ricordo nella Settimana Nazionale della Cultura, perchè il nostro agire possa diventare fondamentale per ilnostro progresso. Perchè solo con l'eredità della sapienza... odella insipienza ricevuta dal passato, possiamo prendere in mano la fiaccola dell'insegnamento, che dirada l'oscurità incerta del futuro. “E' così che le infinite croci dell'uomo e quel mondo guatemalteco che è tutta una collina di cori – ha osservato in conclusione Monsignor Gianfranco De Luca – é cosi che ci scuotono, che ci suscitano domande, ci liberano dalla coltre nebbiosa del torpore e dell'indifferenza e che diventano poi mistero di speranza per il presente e alimentazione nel futuro dell'anima”.


TERMOLI Il tanto atteso contributo sarà erogato dalla Regione Molise tramite l’Absi

Oggi il pagamento “de minimis” per la campagna saccarifera 2009 Il presidente dell'associazione Cast, De Angelis: “Il nostro impegno ha prodotto i risultati sperati” Cast, l’associazione bieticoltori, esprime soddisfazione per l’imminente pagamento del contributo ‘de minimis’, dovuto ai produttori di bietole da zucchero per la campagna bieticola 2009. Il contributo, che complessivamente ammonta a 163mila euro da dividersi tra gli aventi diritto, sarà erogato oggi dalla Regione

Molise per il tramite dell’Absi, l’Associazione bieticola e saccarifera italiana. “Siamo molto soddisfatti – ha detto il presidente del Cast, Amodio De Angelis - di questo risultato. Il pagamento delle somme evidenzia – ha aggiunto il presidente - che l’impegno profuso in questi mesi per l’erogazione delle somme, sia dal

Cast che dalla Coldiretti, ha dato i risultati sperati, consentendo ai nostri produttori di poter ricevere il contributo che spettava loro. Ora ci impegneremo – ha concluso De Angelis – perché ai nostri produttori venga pagato, al più presto, il saldo della campagna bieticola 2010 per le bietole già conferite allo Zuccherificio”.

Interruzioni temporanee La Federpesca non ci sta

Buche in via Venezia, i Popolari liberali interpellano il sindaco

TERMOLI - Lo scorso 14 Aprile Federpesca ha presentato alla direzione generale Pesca del Ministero per le Politiche Agricole una nota circa la situazione della Pesca in Italia, con particolare riferimento alla grave crisi dell’Adriatico causata oltre che dal continuo aumento del prezzo del gasolio, principalmente dalla considerevole riduzione delle catture, in tutto il bacino, specialmente nell’ultimo anno. I soci dell’Associazione Armatori Pesca del Molise, da anni rivendicano un “Fermo Biologico” effettuato in tempi e zone diverse, con il divieto assoluto di Pesca nelle zone di nursery, e la ridefinizione delle zone di tutela biologiche anche al largo, dove specialmente in primavera avviene la riproduzione e l’accrescimento di alcune specie ittiche molto importanti per la marineria molisana quali: Scampi, Merluzzi, Totani, Polpi. Il preoccupante calo delle catture, ha convinto tutti i rappresentanti delle marinerie interessate, a sottoscrivere un documento nel quale vengono individuate, a parere dei Pescatori, le misure da prendere nell’immediato: Almeno 45 giorni di fermo, da Trieste a Termoli per la GSA 17, in forma consecutiva ovvero in due periodi (ciascuno della durata minima di 15 gg consecutivi), indennizzato per imprese e marittimi, attraverso fondi FEP; Ridefinizione delle zone di Tutela biologica ed individuazione di altre aree di nursery; Nel periodo dal 1° Giugno al 30 Settembre interdizione della fascia costiera – da un minimo di 4 mg. sino a 6 mg., seconda della morfologia dei fondali – per tutte le attività di Pesca, e 2 giorni alla settimana di sospensione per la piccola Pesca con attrezzi passivi; Individuazione di forme di moratoria degli impegni bancari per le imprese del settore; Intensificazione dei controlli sulla Pesca illegale, con particolare riferimento alla Pesca non professionale; Regolamentazione del periodo successivo al fermo straordinario da parte dei Comitati di Gestione delle GSA 17 e 18 formati da operatori della Pesca e dalla ricerca scientifica applicata alla Pesca. Il documento scaturito da numerose riunioni effettuate in tutti i porti dell’Adriatico già dallo scorso Novembre, al quale hanno sempre partecipato in modo costruttivo i rappresentanti dell’Associazione Armatori Pesca del Molise aderente a Federpesca, non è altro che la sintesi delle varie proposte che negli anni passati sono sempre state sostenute con forza dai componenti l'Associazione i quali esprimono soddisfazione e auspicano che venga tenuta in considerazione dal Ministro, e messa in pratica al più presto.

TERMOLI - Il Gruppo consiliare al Comune di Termoli dei Popolari Liberali formato da Francesco Panico, Giuseppe Mottola e Remo Di Giandomenico, pone all'attenzione del sindaco Antonio Basso Di Brino il grave rischio per la sicurezza degli automobilisti e dei cittadini dovuto alle innumerevoli buche, talune di grandi dimensioni, presenti in Via Venezia. Il problema è aggravato dal fatto che la strada in questione è un'arteria di collegamento molto trafficata, nei pressi della quale è presente l'Istituto Tecnico Industriale con conseguente transito di studenti e genitori. “Il nostro intervento – hanno scritto i tre Consiglieri - intende da una parte tutelare i cittadini che ogni giorno, uscendo di casa a piedi, o transitando in Via Venezia con la propria autovettura, devono stare ben attenti ad evitare spiacevoli incidenti dovuti al rovinoso dissesto della strada. Dall'altra parte intendiamo mettere in guardia il Comune di Termoli da spiacevoli inconvenienti per le casse comunali, alla luce della recente sentenza della Corte di Cassazione, che ha condannato per lesioni colpose un dirigente dell'Ufficio tecnico del Comune di Acqui Terme (AL), incaricato della manutenzione ordinaria di strade e marciapiedi. La Sentenza – continiano i Popolari Liberali - sottolinea che: “il Sindaco ed il responsabile dell'Ufficio tecnico del Comune assumono la posizione di garanzia sulla base di una generale norma di diligenza che impone agli organi dell'amministrazione comunale, rappresentativi o tecnici che siano, di vigilare, nell'ambito delle rispettive competenze, per evitare ai cittadini situazioni di pericolo derivanti dalla non adeguata manutenzione e dal non adeguato controllo delle strade comunali". Per questi motivi i tre Consiglieri chiedono al primo cittadino di prendere visione di quanto denunciato e di intervenire tempestivamente per la risoluzione del problema.

Provincia, l'Idv presenta i candidati a Termoli TERMOLI - L’Italia dei Valori, domani pomeriggio alle 16,30 nella propria sede di Via XXIV Maggio, terrà una cvonferenza stampa per presentare i suoi candidati alla carica di consigliere per le prossime elezioni provinciali neo collegi di Termoli I, Termoli II e Termoli III - Campomarino. L'incontro sarà anche l'occasione per illustrare i punti salienti del programma elettorale dell’Italia dei Valori che i candidati Manes, D’Amario e Colombo intenderanno seguire al fine di dare un contributo fattivo alla crescita e allo sviluppo della provincia di Campobasso e di Termoli.

Fede e arte, ieri la premiazione TERMOLI – Nella parrocchia di San Francesco si è svolta la cerimonia di premiazione del concorso “Fede e arte – categoria Messa Crismale”. Ad aggiudicarsi il primo premio (pari a 200 euro) è stata la studentessa Martina Gaudio, diciassettenne del Liceo Scientifico di Termoli. Il suo lavoro, all’unanimità, è stato giudicato meritevole di vincita, su altri sette. “L’autrice - scrive l’esperto d’arte Luca Soriano - ha realizzato il soggetto basandosi sulla correlazione degli elementi essenziali creando così un giusto connubio fra sintesi e chiarezza rappresentativa”. Nel suo elaborato sono rappresentati lo Spirito Santo, un albero d’ulivo, il Vescovo e i sacerdoti”. “Sono felice di questo premio – ha affermato la vincitrice -. Ho deciso subito di partecipare al concorso e nel cuore ho sentito di poterlo vincere già dopo essermi collegata al sito internet

Musical Pinocchio, i complimenti del consigliere Caruso TERMOLI – Il consigliere comunale Francesco Caruso si complimenta con i ragazzi della Gioventù Francescana di Termoli, protagonisti del musical Pinocchio, che è stato messo in scena al Teatro Lumière. “Uno spettacolo che ha messo in evidenza le qualità e il talento di tanti giovani della nostra città che hanno saputo affrontare sapientemente un tema importante come quello della famiglia, offrendo una chiave di lettura attuale della crescita dell’adolescente e del rapporto spesso complicato con la realtà esterna. Un plauso va naturalmente anche agli organizzatori – scrive Caruso -, che con tanto lavoro e impegno, hanno permesso a questi ragazzi di esprimere le loro capacità artistiche, all’interno di un percorso fatto di momenti di condivisione e di confronto. Invito quindi tutti quelli che non lo avessero ancora fatto – comclude il Consigliere -, ad andare a vedere il musical Pinocchio e so-

diocesano e aver scaricato il modulo d’iscrizione. Avevo le idee chiare su cosa realizzare e così, oggi sono felice di vedere il mio lavoro sul libretto della Messa Crismale diocesana in programma mercoledì prossimo”. Con questa iniziativa si vuole evidenziare l’attenzione della chiesa diocesana ad esprimere sensibilità e promozione culturale, sociale e religiosa in vari contesti e con varie espressioni non escluse quelle artistiche. Intanto, con tante novità, è partita anche la seconda fase del concorso che ha come tema la “Veglia di

prattutto questi ragazzi, nell’altro appuntamento previsto il prossimo 29 aprile, per contribuire ad un’iniziativa di natura benefica. Tutto il ricavato dello spettacolo sarà infatti devoluto alle missioni in Etiopia delle suore Francescane missionarie di Cristo.

Pentecoste”. Già trentotto le opere in gara che potranno essere votate con un metodo del tutto nuovo. A decretare il vincitore, infatti, sarà una classifica frutto di due votazioni. Alla commissione di giornalisti e esperti d’arte presieduta da Monsifnor Gianfranco De Luca, si assocerà il gradimento che gli internauti di facebook assegneranno all’opera attraverso il voto di gradimento che potrà essere espresso dal prossimo 6 maggio sul profilo che la Diocesi ha nel famoso social network.


ANNO IV - N° 91 - MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it CAMPOBASSO, IERI LA RIPRESA DEL LAVORO IN VISTA DELLA GARA DI SABATO Sono ripresi nella giornata di ieri gli allenamenti del Campobasso dopo la vittoria ottenuta domenica sul Catanzaro. L’umore del gruppo è buono, nonostante le vicissitudini stagionali. Segno dell’unità d’intenti di una rosa che sta cercando di onorare fino alla fine un campionato sui generis e una maglia importante. Con il successo di domenica i rossoblù hanno effettuato un balzo in avanti in classifica generale e sono intenzionati a restare nelle zone medie della graduatoria. Ieri è riperso il lavoro in vista del prossimo turno di campionato che, come noto, ci sarà sabato 23 aprile. I rossoblù saranno impegnati sul campo del Fondi, squadra allenata dall’ex trainer Sauro Trillini. Si tratterà della terzultima gara stagionale per poi chiudere con Milazzo in casa e Avellino in trasferta. A PAG. 20

VOLLEY, LA FENICE RICEVE IL SANTA CROCE PER GARA TRE Per la Fenice Volley Isernia questa sera, con fischio d’inizio fissato alle 20.30, c’è solo un risultyato possibile: la vittoria. Soltanto con un successo infatti la squadra di coach Cannestracci può continuare il sogno play off. Domenica in casa del Santa Croce si è conclusa con una sconfitta gara 2 dei quarti di finale e, in base al nuovo regolamento di questi play off, i conciari sono ora avanti 2-0. Isernini e toscani hanno dato vita ad un match intenso e vibrante, caratterizzato da un inseguimento punto a punto. Questa sera i pentro dovranno sfoderare la migliore prestazione e alla luce di quanto visto domenica Alessandro Giosa, centrale della Fenice appare fiducioso: “In casa possiamo ancora giocarcela, soprattutto col supporto del nostro fantastico pubblico, che anche al PalaParenti ha fatto sentire il suo calore”. A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Invariato il programma settimanale: domani amichevole e venerdì la partenza per il Lazio

Lupi, si pensa già al Fondi Ieri la ripresa degli allenamenti in casa rossoblù in vista del match che ci sarà sabato PROGRAMMA GARE E ARBITRI DELLA 28^ GIORNATA (SABATO 23.04)

GIUDICE SPORTIVO 1 gara Capicotto (Catanzaro) Grillo (Vibonese) La Rocca (Isola Liri) Pagliarulo (Trapani) Cala (Matera) Capolei (Matera) Manetta (Matera) Fiore (Neapolis)

Sono ripresi nella giornata di ieri gli allenamenti del Campobasso dopo la vittoria ottenuta domenica sul Catanzaro. L’umore del gruppo è buono, nonostante le vicissitudini stagionali. Segno dell’unità d’intenti di una rosa che sta cercando di onorare fino alla fine un campionato sui generis e una maglia importante. Con il successo di domenica i rossoblù hanno effettuato un balzo in avanti in classifica generale e sono intenzionati a restare nelle zone medie della graduatoria.

Balistreri e Minadeo

Ieri è riperso il lavoro in vista del prossimo turno di campionato che, come noto, ci sarà sa-

bato 23 aprile. I rossoblù saranno impegnati sul campo del Fondi, squadra allenata dall’ex

Latina-Brindisi

Lobina di Cagliari

Fondi-Campobasso

D’Angelo di Ascoli Piceno

Catanzaro-Isola Liri

Zappatore di Taranto

Melfi-Neapolis M.

Giallanza di Catania

Matera-Aversa N.

Aloisi di Avezzano

Vibonese-Pomezia

Cangiano di Napoli

Avellino-Trapani

Di Bello di Brindisi

Milazzo-V. Lamezia

Spinelli di Terni

trainer Sauro Trillini. Si tratterà della terzultima gara stagionale per poi chiudere con Milazzo in casa e Avellino in trasferta. Gli ultimi due incontri sono, sulla carta, proibitivi visto che siciliani e campani sono in lotta per i play off e a questo punto le motivazioni fanno la differenza. Proprio per questo sarà importante per Minadeo & co. il match contro il Fondi. I laziali in classifica sono dietro i molisani di una lunghezza e pertanto cercheranno il nuovo sorpasso. La squadra di

Cosco, però, vuol chiudere nel migliore dei modi la stagione per non aver rimpianti di alcun genere. Nonostante la prossima gara si giocherà di sabato, il programma settimanale dei rossoblù non cambierà. Oggi ci sarà la seduta lunga, mentre domani la consueta amichevole del giovedì per provare la formazione da schierare la domenica successiva. Venerdì mattina la seduta di scouting e nel pomeriggio la partenza per il Lazio. EB

LEGA PRO

LEGA PRO

Nuovi deferimenti per Campobasso, Matera, Vibonese e Mugnano

Neapolis, esonerato D’Arrigo, in panchina arriva Chiricallo

Quindici società sono state deferite dal Procuratore federale, su segnalazione della CO.VI.SO.C., alla Commissione Disciplinare Nazionale. Si tratta di: Pergocrema (due deferimenti), Matera, Vibonese, Alessandria, San Marino, Ternana, Nocerina, Spezia, Prato, Virtus Lanciano, Foggia, Neapolis Mugnano, Pavia, Campobasso e Feralpisalò. I club sono stati deferiti “per aver utilizzato un conto corrente diverso da quello indicato in sede di ammissione al campionato di competenza”, pertanto non sono previsti punti di penalizzazione, ma ammende. Per quel che concerne il girone C il nuovo deferimento ha colpito, oltre al Campobasso, Matera, Vibonese e Neapolis. La società molisana è la seconda volta che incorre in questo genere di deferimento ed ha già provveduto a chiarire con un comunicato, la propria posizione. RS

20 ANNO IV - N° 91 MERCOLEDÌ 20 APRILE 2011

La notizia era già nell’area, ma alla fine il presidente Moxedano si è deciso. Il presidente del Neapolis ha infatti sollevato dall’incarico il tecnico Francesco D’Arrigo dopo la sconfitta interna di domenica contro il Latina. Il tecnico paga la troppa incostanza tra le mura amiche. Al Vallefuoco il NeaIl presidente polis ha subito ben 7 sconfitte, Moxedano mostrando gravi pecche. Al suo posto è stato ingaggiato Marcello Chiricallo. L’allenatore di origini pugliesi è stato già sulla panchina del Barletta. In questa stagione ha già assistito alla partita del Neapolis contro il Matera.

Allegri: ‘Vogliamo Coppa Italia e scudetto’

Tare: ‘Reja resta alla Lazio’

Ci sara' Andrea Pirlo dall'inizio dopo oltre 3 mesi e la coppia d'attacco sara' composta da Cassano e Ibrahimovic. Massimiliano Allegri tiene alla Coppa Italia e domani schierera' il Milan migliore nella semifinale di andata contro il Palermo. 'Vogliamo onorare questa coppa, i ragazzi ci tengono molto. Abbiamo il dovere di provare a vincere lo scudetto e di arrivare in finale di Coppa Italia', dice il tecnico rossonero, spiegando che il merito della buona stagione 'e' tutto dei giocatori'.

''Reja sara' l'allenatore della Lazio anche il prossimo anno. Abbiamo l'accordo per il rinnovo e lo annunceremo al momento opportuno''. Lo afferma il ds Igli Tare.''La societa' sta lavorando per lottare il piu' presto possibile per lo scudetto, vogliamo tornare su questi livelli a tutti i costi'', aggiunge il dirigente biancoceleste. Ora c'e' l'obiettivo Champions e ''la cosa piu' importante non e' l'euforia, ma rimanere concentrati. Il futuro di Zarate? Contiamo di arrivare in alto con lui''.


S P O RT CALCIO SERIE D

Inizia il valzer delle panchine Tra Agovino e l’Agnone l’idillio potrebbe continuare ma in altomolise spunta il nome di Farina A Trivento si cerca di confermare Favo su cui c’è il pressing dell’Ancona ma anche del Lanciano

Agovino raggiante dopo la salvezza della sua Agnonese

Acquisita la salvezza matematica in serie D in casa Olympia Agnonese si comincia a programmare la prossima stagione e sulla panchina granata per il quarto anno consecutivo potrebbe esserci Massimo Agovino che, nonostante qualche dissapore nato negli ultimi tempi con una piccolissima frangia della tifoseria, è legato alla piazza da un rapporto quasi “viscerale”. Una storia d’amore che dunque potrebbe essere destinata a durare nel tempo anche perché Agovino

gode della massima stima da parte della dirigenza e soprattutto di Rocco Sabelli il quale ha letteralmente “obbligato” l’allenatore di San Giuseppe Vesuviano a restare al timone della barca nel momento in cui navigava in acque agitate (benchè, dopo nove sconfitte in dieci partite, qualunque altra società avrebbe optato per un cambio tecnico). Agovino però potrebbe spiccare il volo verso altri lidi, uno tra l’altro molto vicino, Isernia (ma ovviamente il tutto dipenderà dall’esito del campionato di Eccellenza e dalla promozione o meno in serie D della squadra del patron Monfreda). Qualora il matrimonio granata dovesse interrompersi consensualmente, per la panchina altomolosana in questi ultimi giorni è saltato fuori il nome dell’ex tecnico del Trivento e del Bojano Francesco Farina il quale piace molto al diesse agnonese Maurizio Sabelli che vedrebbe in lui un ottimo sostituto di Agovino. Ma per Farina c’è anche la corte della neo promossa in Eccellenza Termoli che punterebbe su di lui per il ritorno in interregionale. Passando alla sponda Atletico Trivento, nelle prossime settimane la società presieduta da Falcione dovrebbe sciogliere il nodo legato all’allenatore, passo questo necessario per la costruzione della squadra in vista del prossimo campionato nel quale il sodalizio trignino ha intenzione di puntare soprattutto sulla valorizzazione dei giovani. Il Trivento vorrebbe riconfermare Massimiliano Favo che, al di là degli ultimi risultati, ha destato un’ottima impressione sul piano umano e professionale ma l’allenatore campano (nonostante le sue smentite) continua ad essere oggetto del desiderio dell’Ancona, lo testimoniano le dichiarazioni rilasciate su Etvmarche dal presidente Andrea Marinelli che entro fine mese ufficializzerà il nome del nuovo allenatore: “ Tra il 26 ed il 30 aprile ci dovrebbe essere la stretta finale per sce-

gliere il successore di Marco Melli che resterà comunque a far parte dello staff tecnico. Il nome? Il più gettonato è quello di Massimilano Favo, amico di Lelli, conoscitore della piazza, della serie D. A far propendere per lui sicuramente il gran favore che ha fatto all’Ancona consigliandoci, in sede di campagna acquisti, il bomber Genchi”. Sulla stessa lunghezza d’onda anche il vicepresidente dell’Ancona Gilberto Mancini, il quale però rispetto al patron appare più “abbottonato” ma sulle colonne del Corriere Adriatico lascia intuire che la corsa per la panchina si riduce a tre soli nomi, tra questi c’è anche Favo: “Trillini, Favo e Gadda, la scelta è in ordine decrescente di probabilità. Chi sarà il prescelto? Toccherà al presidente Marinelli decidere. Gli resta da incontrare solo Trillini. Degli altri due si è già fatto un’idea. La decisione avverrà subito dopo Pasqua”. Ma nelle ultime ore il nome di Massimiliano Favo è stato accostato anche al Lanciano, club abruzzese che milita nel campionato di Prima Divisione. Il tecnico del Trivento piace molto al diesse Leone che sembra stia facendo pressioni per portarlo a Lanciano, ma la situazione societaria del club professionistico è attualmente tutta da definire, anche nei programmi, ed ovviamente con essa anche la posizione del direttore sportivo. ANPA

GIUDICE SPORTIVO 2 gare Scuffia (Rimini 1912) Cordisco (Atessa) Sabatino (Bojano) 1 gara Del Pivo (Santarcangelo) Savini (Fossombrone) Conversano (Miglianico) Voria (Trivento) Ruggieri (Trivento) Fabrizi (Santegidiese) Filipponi (Santegidiese) Berardi (Agnonese) Galuppi (Agnonese) Rachini (Civitanovese)

La juniores del Trivento in un girone di ferro I sorteggi effettuati nella giornata di ieri dalla Lnd per la fase finale del Campionato Nazionale Juniores ha posto la squdra gialloblù guidata da Carmine Rienzo nel raggruppamento 7, in un mini girone di ferro con le due campane Forza e Coraggio Benevento ed Arzanese. La prima gara si giocherà il prossimo 30 aprile, con inizio alle ore 16.00, all’Acquasantianni e vedrà i trignini affrontare la Forza e Coraggio. Riposerà invece l’Arzanese. PA

AUTOMOBILISMO

A Matera importanti riconoscimenti per i piloti molisani Molise in bella evidenza nel corso del campionato interregionale CSAI Rallies & Velocità Basilicata-PugliaMolise le cui premiazioni, relative alla stagione 2010, si sono svolte nell’ultimo weekend a Melfi. La nostra regione ha avuto importanti riconoscimenti. Martina Iacampo è stata premiata per la vittoria del Campionato Italiano Slalom femminile, Mario Testa come vincitore nella classe FA7 (Rally), Fabio Notte, Massimo Di Marco, Benedetto Pisano, Michele Nobili e Patrik Santagata per le affermazioni nel Karting. Restando in ambito regionale, nel corso della cerimonia sono stati premiati anche Gabriella D’Alessio (segretaria di manifestazione), Davide Rizzi (commissario sportivo regionale), Eduardo Vitale (verificatore tecnico) e Raffaele Spirito (commissario di percorso), nonché l’addetto stampa dell’ Automobile Club di Campobasso per la sua professionalità e fattiva collaborazione nel corso degli anni. Nutrito e valido, come di consueto il tavolo dei relatori con il delegato regionale Csai Saverio Ricciardi a rappresentare la nostra regione e presidente del Comitato Organizzatore. Con lui il delegato regionale della Basilicata e quindi padrone di casa, Francesco Solimena, il componente nazionale

della Csai Oronzo Pezzolla, il vicepresidente della Csai Mario Colelli, Mario Walter Oliva segretario del comitato organizzatore e Zoran Bakrac in rappresentanza degli Automobile Club di Serbia e Montenegro con le quali nazioni è stato stipulato un protocollo d’intesa per la promozione degli sport motoristici . Tutti nel corso della cerimonia hanno sottolineato la bontà del lavoro svolto nell’organizzazione del campionato interregionale e hanno ribadito la ferma volontà di continuare una proficua collaborazione fra le tre regioni che hanno dato e possono dare tanto al mondo motoristico nazionale. “E’ per noi tutti motivo di grande soddisfazione e orgoglio ritrovarci ogni anno a queste premiazioni – ha spiegato il delegato regionale del Molise Ricciardi – anche quest’anno è venuta fuori una bella manifestazione grazie alle sinergie poste in essere con gli amici di Basilicata e Puglia e con i quali c’è un ottimo rapporto di collaborazione. Speriamo di riuscire a fare ancora meglio n futuro”. Nel corso dell’evento sono state presentate anche le prossime gare si svolgeranno sia nel Molise che nelle altre due regioni interessate all’edizione 2011.

La premiazione di Martina Iacampo


S P O RT VOLLEY MASCHILE SERIE A2

La Fenice si gioca le ultime chance Questa sera la squadra di Cannestracci al Palafraraccio ospiterà il Santa Croce Gli avversari sono avanti di 2-0, i pentri devono vincere per non uscire fuori dai play off Per la Fenice Volley Isernia questa sera, con fischio d’inizio fissato alle 20.30, c’è solo un risultyato possibile: la vittoria. Soltanto con un successo infatti la squadra di coach Cannestracci può continuare il sogno play off. Domenica in casa del Santa Croce si è conclusa con una sconfitta gara 2 dei quarti di finale e,

in base al nuovo regolamento di questi play off, i conciari sono ora avanti 2-0. Isernini e toscani hanno dato vita ad un match intenso e vibrante, caratterizzato da un inseguimento punto a punto. Questa sera i pentro dovranno sfoderare la migliore prestazione e alla luce di quanto visto domenica Alessandro Giosa, centrale

della Fenice appare fiducioso: “In casa possiamo ancora giocarcela, soprattutto col supporto del nostro fantastico pubblico, che anche al PalaParenti ha fatto sentire il suo calore”. Dello stesso avviso il suo compagno, il palleggiatore Rodman Valera: “Ora non dobbiamo pensare alla partita che ci siamo appena la-

sciati alle spalle, ma occorre focalizzare la nostra attenzione su gara-3. Se giochiamo come abbiamo fatto negli ultimi incontri in casa possiamo portare a casa il risultato. Voglio anche ringraziare i tifosi, che sono venuti a Santa Croce e non perdono occasione per dimostrarci il loro calore ed il loro affetto”.

Rodman Valera

VOLLEY FEMMINILE SERIE B2

Splendida vittoria a Jesi per l’Effe Sport Isernia

Nello Caliendo coach del team pentro

La Fonte del Benessere conquista una importantissima e (forse) inaspettata vittoria a Jesi e conquista tre punti fondamentali per la corsa-salvezza. A due giornate dalla fine del campionato, la squadra isernina ha ora cinque punti di vantaggio sul Castelfidardo, terz’ultimo e ospite in Molise sabato 30 aprile alla ripresa dopo la sosta pasquale, e ha anche alle sue spalle sia l’Ascoli che il Moie. Contro una delle

formazioni in lotta per un posto nei play-off, la compagine allenata da Nello Caliendo ha offerto una splendida prestazione sia tecnica che caratteriale, venendo fuori alla distanza, dopo aver perso il primo set, grazie anche alle buone percentuali a muro, pur priva di una delle centrali titolari, Marianna Tomassetti, utilizzata poco dal coach per dolori alla schiena, ma ben sostituita da Ilaria Fraraccio. Inizia meglio l’incontro la squadra di casa che arriva in vantaggio al primo tempo tecnico (8-7) e quindi fa il vuoto prima del secondo (16-11), contenendo il ritorno delle molisane che arrivano anche al -3 (21-18), prima dell’allungo definitivo delle marchigiane. Ma al cambio di campo comincia tutta un’altra musica. La Fonte del Benessere approccia in maniera più decisa, tanto che alla prima sosta obbligatoria è già avanti di tre punti (5-8); il gioco di Cassili e compagne è più fluido e per lo Jesi aumentano le difficoltà nel metter palla a terra, tanto che alla seconda

sosta le isernine aumentano il distacco (16-12), andando ad incamerare il parziale. Terza frazione di gioco molto simile alla precedente, con la formazione di Caliendo sempre in vantaggio (7-8) ed anzi capace di incrementare azione dopo azione il suo distacco sulle avversarie (12-16 e 17-21), riuscendo a contenere il tentativo di rimonta finale delle padrone di casa. La Monteschiavo, “nobile decaduta” per i suoi recenti trascorsi in serie A/1, sembra scuotersi nel quarto set. Arriva con un vantaggio di quattro punti al primo time-out tecnico (8-4) con la chiara intenzione di portare la gara al tie-break. Ma la Fonte del Benessere sente profumo di impresa e reagisce prontamente, tanto che alla seconda sosta obbligatoria è già avanti (14-16). Le padrone di casa ne risentono a livello psicologico e cedono di schianto (15-21), dando via libera alle ospiti per la vittoria finale che significa tre punti in più in classifica e salvezza sempre più a portata di mano.

ATLETICA

Nelle Marche quarto posto per Di Mario

A San Benedetto del Tronto trionfo per Gilda Genova Domenica a San Benedetto del Tronto Gilda Genova della Termoli Athletics è salita sul podio del Campionato Italiano Fidal Master di Mezzamaratona conquistando la medaglia di Bronzo nella categoria F60 con un crono di 1h43’36”, la forte atleta master del sodalizio presieduto da Pasquale Venditti ha superato Annunziata Serafini della Podistica Avis Lattanzi quarta con 1h45’00”, Rita Pezzica degli Amatori Atletica Carrara quinta in 1h59’59” e Stella Liberatore della Runners Chieti sesta in 1h59’58”. Il titolo italiano è stato conquistato da Franca Costantini del Gruppo Podistico Amatori Teramo con il tempo di 1h37’39”

davanti a Lucia Fanchi del 2002 Marathon Club con 1h42’40”. Quest’anno Gilda Genova aveva già ottenuto brillanti risultati con la prestigiosa vittoria nella RomaOstia, il terzo posto ad Ancona nei 3000 metri dei Campionati Italiani Master Indoor ed il quarto posto in Puglia ad Ugento ai Campionati Italiani Master di Corsa Campestre. A San Benedetto, con la presenza di oltre 2200 atleti, nella categoria F40 ha gareggiato anche Rosalba Monachese della Termoli Athletics, recente dominatrice del Grand Prix Master Molise di Cross, che si è piazzata al 19° posto con 1h33’44”.

Gilda Genova

Acuto di Ivan di Mario alla “Maratonina dei Fiori” di San Benedetto del Tronto dove giunge 4° al traguardo e 2° degli italiani in un ottimo 1h 08′ 41″. Di Mario conferma, quindi, una condizione fisica in netta crescita in previsione degli appuntamenti più importanti della stagione su strada che sono i Campionati Italiani di ½ Maratona e i Campionati Italiani di 10 km. Ottimi risultati anche nelle categorie Master da parte dei portacolori dalla Polisportiva Molise, nella prova valevole quale Campionato Italiano Master Individuale e di Società di ½ Maratona, dove spicca il 4° posto di Domenico Zippo nella categoria MM55.


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta Pìzze gònde 500 g di farina di granone 1,5 dl di olio extravergine di oliva q. b. di sale 5 o 6 pomodori maturi una grossa cipolla un mazzetto profumato (basilico e prezzemolo) peperoncino piccante, a piacere q. b. di sale In una ciotola abbastanza capiente, impastate la farina con quel tanto di acqua bollente salata necessaria ad ottenere un composto morbido. Aggiungete metà dell’olio ed amalgamate bene. Oleate abbondantemente una teglia, versatevi il composto e con le mani unte di olio pressatelo. Con il pollice fate dei buchi sulla superficie della pizza, contribuiranno a farla cuocere meglio e ad insaporirla. Irrorate la superficie con l’olio rimasto e fate cuocere in forno già caldo per 45 minuti. Nel frattempo, in un tegame di coccio con l'olio, fate soffriggere la cipolla affettata finemente, aggiungete i pomodori lavati e pelati, un trito di prezzemolo e basilico e la giusta quantità di sale. Portate a cottura il sughetto che deve essere lento e odoroso. Lavate, intanto, i peperoni, asciugateli e, dopo aver eliminato il picciolo e i semi, friggeteli in una padella con un po’ d’olio. Appena cotti, uniteli al sughetto e fate insaporire tutto insieme per pochi minuti. Quando la pizza è cotta, fatela intiepidire, tagliatela in senso orizzontale e farcitela con il sughetto e i peperoni. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno COMUNALE 3 Via Toscana, 24 Tel. 0874.65873

Farmacia di turno DI TOMMASO C.so G. Garibaldi, 48 Tel. 0865.50891

COMUNALE 1 (di appoggio) Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CAPPELLA - Via Maratona, 1 - Tel. 0875.703233

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 13:11 14:15 18:01

Arrivo 07:53 09:22 16:13 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:04 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,30-12,4013,30-13,45 -14,00 (anche festivo)-14,1015,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata avrete il punto di vista giusto a proposito di una questione che vi ha interessato parecchio ultimamente, mentre gli altri cercavano di distogliervi dai vostri pensieri, forse perché scomodi per loro! Recentemente però, non avete più paura di affrontare il giudizio degli altri, quindi fatevi avanti. Toro - In questa giornata potreste sforzarvi di più nel prendere di petto una questione che in fondo non occuperà tutto il vostro tempo e quindi potreste mettervi a disposizione di chi ve lo chiederà! Anche se non riguarda direttamente voi, qualcuno a cui volete bene potrebbe tenerci affinché voi diciate la vostra e prendiate una posizione in merito, quindi non tiratevi indietro. Gemelli - In questa giornata non dovete avere paura di mostrare i vostri sentimenti ala persona che amate in quanto essa non si aspetta altro da voi e quindi sarebbe una bella sorpresa vedervi così presi dall'amore e dal romanticismo! Non sfigurerete di certo se cercherete di esprimere i sentimenti che il vostro cuore vi suggerisce, almeno per una volta. Cancro - In questa giornata vi renderete conto di quanto sia sbagliato a volte, basare la propria esistenza sulle proprie fantasie, perché vi scontrerete con la dura realtà dei fatti! Ciò non vuol dire che i vostri sogni siano irrealizzabili, solo che non sempre sono così semplici da raggiungere e quindi ci vuole più impegno e tanta tenacia che a volte a voi manca. Leone - In questa giornata molte persone cercheranno di indagare il vostro umore per sincerarsi che stiate bene e che nonostante la vostra aggressività, non ci siano altri problemi in vista! Dovete far capire a chi vi vuole bene che non sempre siete in grado di reggere certi ritmi e che non sempre siete all'altezza della situazione. Ammettere le proprie debolezze è un primo passo verso il miglioramento. Vergine - Non ci dovrebbero essere dubbi in merito al fatto che siete persone sentimentali e questo, nella giornata di oggi, sarà ancora più evidente per le persone che vi sono intorno! Chi non vi conosce sotto questo aspetto, avrà una nuova visione della vostra personalità e non è detto che ciò sia sbagliato anzi, vi vedranno sotto un aspetto più umano. Bilancia - In questa giornata non potrete fare a meno di commentare tutto quello che vi passerà dinnanzi agli occhi e questo potrebbe essere controproducente poiché qualche gaffe potrebbe essere assicurata, nonostante la vostra attenzione! Non che dobbiate necessariamente trattenervi, ma sarebbe comunque meglio non esagerare, quindi un po' di autocontrollo in più non sarebbe male. Scorpione - In questa giornata potreste anche concentrarvi in modo più continuo su un progetto che state portando avanti e che gli si aspettano che finiate a breve! Effettivamente avete già avuto più tempo del dovuto, quindi è il momento di prendersi le proprie responsabilità e fare di tutto in modo tale da riuscire a compiere il vostro dovere. Sagittario - Certo non siete i re dell'autocontrollo, ma in questa giornata potete comunque aspirare ad avere abbastanza sangue freddo per non farvi prendere alla sprovvista da una notizia che preferireste non sentire. Le vostre emozioni difficilmente sapete mascherarle ed è per questo che chi vi sta intorno potrebbe insistere con il volervi mettere alla prova. Capricorno - In questa giornata dovrete evitare che qualcuno venga a conoscenza di un vostro segreto, oppure di un segreto che qualcun altro vi ha confessato ma che non vuole venga divulgato facilmente, neppure a persone vicine ad entrambe! Ci sono delle buone ragioni se queste hanno deciso per il silenzio e voi dovreste rispettarle mantenere il riserbo. Acquario - In questa giornata potrebbe essere semplice per voi trovare il modo di avere successo in una questione che ormai conoscete alla perfezione, mentre gli altri potranno soltanto restare a guardare! Cercate di non ripetere troppe volte però, quello che vi passa per la mente, altrimenti chi vi sta accanto potrebbe credere che lo facciate apposta e che vogliate prendervi gioco di tutti. Pesci - In questa giornata fareste bene ad avere dalla vostra parte le persone che vi amano e che vi vogliano bene e che non permetterebbero mai che qualcun altro vi possa ferire nei sentimenti o comunque nell'animo! Cercate il loro appoggio da subito, senza metterli troppo alla prova, altrimenti potrebbero irritarsi e non essere disposti a darvi una mano.



lagazzettadelmolise200411a