Issuu on Google+

ANNO IV - N° 236 - MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO AL CONAI

Non solo un processo di selezione degli rsu: la raccolta differenziata rappresenta sempre più una risposta concreta alle imperversanti problematiche di tipo ecologico – ambientali: Eppure questo particolare tipo di processo dalle nostre parti – le ultime rilevazioni di settore relegano il Molise agli ultimi posti della graduatoria- sembra latitare. Per sensibilizzare i cittadini sull’importanza e sulla necessità di abbracciare in maniera integrale questo sistema di raccolta dei rifiuti solidi urbani anche a livello locale, il Conai allestirà a partire dalle 11 di questa mattina un presidio informativo in piazza della repubblica, in occasione della tappa campobassana dell’ “educational tour” promosso in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Comune di Campobasso. Iniziativa che vale al Consorzio Nazionale Imballaggi il nostro oscar del giorno.

IL TAPIRO DEL GIORNO AGLI ASTENSIONISTI

Affluenza in calo vertiginoso alle ultime tornate regionali. Il primo partito, ancora una volta, è risultato essere quello degli astensionisti: i dati rilevati nel corso della due-giorni che tra sabato e domenica scorsi ha chiamato i molisani alle urne hanno evidenziato, infatti, un calo di cinque punti percentuali rispetto alle consultazioni elettorali del 2006. Si è passati, per la precisione, dal 65,09% di cinque anni fa al 59,79% che ha caratterizzato le ultime votazioni; un crollo che si è verificato soprattutto nei grossi centri della regione. Una circostanza che segna in maniera inevitabilmente negativa un trend preoccupante proprio perché contraddistinto da una crescita continua e che vede gli astensionisti nostrani ‘premiati’ con il tapiro del giorno.

THE END Bye bye Paolè Bye bye Paolè

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


SPECIALE ELEZIONI L’affluenza si ferma al 59,79%: 5 punti in meno rispetto al 2006. Crolla la partecipazione nei grossi centri: -7% a Campobasso e Temoli, -5% a Isernia

L’astensionismo vince ancora CAMPOBASSO – Anche stavolta l’astensionismo è il primo partito. L’affluenza alle urne si ferma infatti al 59,79%: in pratica, quattro elettori su dieci sono rimasti a casa. Rispetto alle lezioni del 2006, in cui la percentuale si attestò al 65,09%, si registra un calo di oltre cinque punti. Si conferma così il trend delle elezioni provinciali dello scorso maggio in cui la percentuale dei votanti non aveva raggiunto nemmeno il 55%. I cali più evidenti si sono avuti nei grossi centri: a Campobasso si è re-

cato alle urne il 72,24%, a Temoli il 66,76%, a Riccia il 61,43%: in tutti e tre i centri, la diminuzione si attesta sul 7%. Nel complesso, l’intera provincia si attesta al 59,74% rispetto al 65,14 di cinque anni fa, con una perdita di cinque punti. Stesso andamento nell’altra provincia: 59,52% contro il 64,97% del 2006, mentre ad Isernia città l’affluenza è stata del 71,15%, in flessione di circa cinque punti. Numeri a parte, il messaggio che emerge è chiaro: la distanza fra

classe politica e i cittadini è diventata ancor più ampia. Le vicende nazionali, con un Parlamento mai così distante dai bisogni della gente e che si regge in una delle due Camere con numeri risicati, hanno fatto il resto. I candidati molisani, dal canto loro, non sono riusciti a sconfiggere l’idea che domina la testa e la coscienza di molti e che suona più o meno così: “A cosa serve andare a votare? Tanto sono tutti uguali”. E l’astensionismo dilaga ancora una volta. Adimo

La lunga giornata del “popolo arancione” Stracolma, la sede elettorale di Frattura Euforia contenuta prima del responso delle urne

CAMPOBASSO – Più un incontro tra amici che un summit del popolo arancione. Ieri la sede elettorale di Paolo Frattura s’è trasformata in un circolo. Gente sorridente, aria riformista, radical chic, vestiti casual, qualcuno mantiene il

rigore di giacca e cravatta, i giovani spezzano col jeans. Ci sono le telecamere, le dirette tv anche in Puglia. Ci sono giornalisti, qualche faccia rifondarola. Ci si scambiano opinioni, si siede sui divanetti, si indossano decine di braccialetti arancioni, colore simbolo di Frattura al governo. Del candidato presidente, però, neanche l’ombra. Ci si chiede dove sia. Qualcuno dice che arriverà a breve. Qualcun altro che è andato a prendere chi sa chi. I più informati ti guardano sornioni, quasi fossi stupido a non capire che “l’avrebbero assalito tutti. Ha preferito isolarsi. Forse parlerà dopo il verdetto delle urne”. La cronaca è cronaca e per lei l’ovvio diviene tutt’altro che tale e la domanda vaga di viso in viso: Frattura non viene? Sorrisi e nulla più. Un quarto dopo le 19. Il traffico su via Mazzini è scorrevole. Un pullman di linea rallenta, quasi si ferma. Il conducente abbassa il finestrino: “Che stiamo facendo?”, chiede.

“Stiamo vincendo”, risponde un giovane. Gli animi sono sereni. La sede si popola, le voci si confondono. Ad un tratto un grido di gioia. “Che sta succedendo? Stiamo vincendo?”. La domanda di chi entra è la stessa: “Come va?”. Sono le 20 e la situazione è “0,08 percento avanti. Stiamo vincendo, in pratica, per un paio di appartamenti”, dice chi, davanti al Pc, monitora la situazione. Intanto al di là di una parete in cartongesso, lo staff di Paolo Di Laura Frattura è a lavoro. Giovani e meno giovani al computer ed al telefono in contatto con i rappresentanti di lista sparsi per tutto il Molise. Ai microfoni di una tv c’è l’ex sindaco di Campobasso, Augusto Massa. Poche parole. Si spengono le luci. “Ce lo andiamo a prendere sto caffè”, dice mentre s’allontana sorridente e soddisfatto. Di lì a poco ecco decine di persone accalcarsi attorno all’avamposto telematico. “Sindaco, che ci dici da Riccia?”. “Che stiamo pareg-

giando. E pareggiare è un risultato storico”. Micaela Fanelli sorride. Voce alta, tono gioioso. Sono le 21. C’è chi si ristora con un pezzo di pizza. “Isernia è qui”, si sente. “Come siamo messi?”. “Stiamo quattro punti sotto. In pratica un vittoria”. “E Termoli?”. “Stiamo lì”. Bojano sembra cosa fatta per Frattura che, e sono le 21,30, in sede non si vede. La gente si distribuisce lungo il marciapiede. Qualcuno, affacciato al balcone del palazzo di fronte, guarda la folla. La serata trascorre, le strade si svuotano. Nella sede elettorale di Frattura si cerca di tener a freno la gioia. I risultati non parlano ancora chiaro. C’è da capire l’andamento dei paesi e, soprattutto,da attendere il voto dei campobassani. C’è da rimanere concentrati e seri; da chiamare i rappresentanti di lista, calcolare i disgiunti. Per gioire è ancora presto. Sono quasi le 22. Un microfono s’accende. “Prova, prova”. Una voce esclama: “Per piacere, un po’di silenzio, grazie”. La tensione cresce. Stefano Gallotta

Ore 21: commenti ‘cauti’e ‘scalmanati’ Alle 21 di ieri sera la sede elettorale di Michele Iorio era praticamente deserta. Mentre in quella di Paolo Frattura a via Mazzini c’erano decine di persone. In questa competizione, giocata tutta sul filo del rasoio, il centrodestra è stato decisamente cauto. Molto più ‘scalmanati’ i candidati del centrosinistra. Euforici invece i grillini che hanno ottenuto un risultato andato ben oltre le loro aspettative. Ostinato Giovancarmine Mancini. Quando l’esito del voto era ancora lontano, i commenti di candidati e non di entrambi gli schieramenti non sono stati certo pochi. Nelle trasmissioni televisive (Telemolise e Teleregione avanti a tutte), sui quotidiani on line e chiaramente a telefono per la stampa cartacea. E ciascuno di loro ha detto la propria. Per il presidente della Provincia di Isernia, Luigi Mazzuto a farla da padrone “è stato il voto disgiunto che non è certo voto politico ma di protesta.

Solo non ho ancora capito contro chi? Iorio? Non sono d’accordo perché penso che non possono addebitare tutte le responsabilità sul governatore e anche perché va considerato che se questa regione ha ancora un certo peso a livello nazionale è tutto merito suo. D’altro canto non posso negare che la situazione della sanità stia incidendo non poco sul risultato. Ma anche in questo caso devo spezzare una lancia a favore del presidente che non ha chiuso gli ospedali semmai li ha riorganizzati”. Di parere opposto il consigliere comunale del Pd, Antonio Battista: “La sanità è salute e non si realizzano solo negli ospedali, ma su tutto il territorio. I nostri programmi vanno in questa direzione e gli elettori ci stanno dando ragione”. Per Annamaria Macchiarola, candidata nella lista Alternativ@ “l’evidente insoddisfazione delle gente e le scarse risposte avute dalle istituzioni hanno

Giuseppe Caterina

Luigi Mazzuto

Mario Pietracupa

certamente contribuito a questo risultato”. Un risultato che per l’ex segretario regionale dell’Idv, Antonio Caterina, è determinato anche dalla presenza nelle liste del centrodestra di molti sindaci. In effetti la rimonta di Michele Iorio (ma quando lo scrivevamo erano ancora ai dati provvisori, ndr) si è avuta quando le operazioni si erano concluse ma nei piccoli comuni.

Però diceva bene Caterina che la prevalenza di Frattura “si determina nel centri maggiori” come pure che un sindaco attira consenso”. Dello stesso parere anche ex aspirante primo cittadino di Termoli, Filippo Monaco, che diceva: “La partita credo si giochi nei piccoli comuni perché in città come Termoli o Campobasso Paolo stravince”. Cauti il coordinatore provinciali del Pdl Claudio Pian

(“dobbiamo aspettare”), la deputata azzurra Sabrina De Camillis, e Mario Pietracupa (Adc): “L’ho detto in tempi non sospetti che sarebbe stata un’elezione difficilissima”. Soddisfatto del risultato Nicola Gesualdo che ha detto: “La partita è ancora aperta tra Scasserra e Sabatini, ma un calo dell’affluenza come questo non me l’aspettavo proprio”. redpol


SPECIALE ELEZIONI Iorio verso il terzo mandato

355 sezioni su 392

Battaglia all’ultima scheda: dopo la partenza sprint con i dati dei piccoli Comuni, arrivano le docce gelate da Venafro e Termoli CAMPOBASSO – Il suo quartier generale in piazza Prefettura è rimasto chiuso per tutto il giorno. Proprio quella sede elettorale che aveva salutato tutti i trionfi del centrodestra, l’ultimo solo pochi mesi fa alla Provincia di Campobasso con Rosario De Matteis. È evidente che il vento in poppa dei sondaggi che consegnavano a Michele Iorio una vittoria pressoché scontata si è trasformato in una gelida tramontana. Decisivo il voto disgiunto che ha completamente stravolto lo scenario, con punte del 7-8% in favore di Frattura, mentre le liste del centrodestra erano poco al di sotto del 60%. Eppure, dopo una partenza sprint grazie ai dati positivi provenienti dai piccoli comuni, per Iorio sono arrivate le prime docce gelate. Quella più inaspettata nella roccaforte di Venafro, in cui il presidente uscente ha lasciato sul campo ben dieci punti al rivale. Nell’altro feudo (Isernia) la vittoria è stata risicata con un vantaggio di poco più di 1500 voti. Ma in basso Molise il disastro è stato pressoché completo: Termoli (con ben tre assessori della giunta Di Brino in corsa), Larino, San Martino, Ururi sono stati i bocconi più indigesti. La consolazione è arrivata da Trivento con un successo di circa mille voti. Non è andata meglio nemmeno a Campobasso con uno scarto di circa 15 punti percentuali a favore di Frattura. Chissà come la prenderà il deputato molisano, Silvio Berlusconi che, nelle precedenti elezioni, era giunto a sostegno di Iorio per ben cinque volte. Ma, si sa, parafrasando il titolo di un film del Verdone nazionale, “l’amore è eterno finché dura”.

30.300 Voti 18,81%

11.196 Voti 6,95%

80.025 Voti 47,05%

10.919 Voti 6,77%

7.508 Voti 4,66% 9.958 Voti 6,18% 5.883 Voti 3,65% 14.948 Voti 9,28%


355 sezioni su 392

SPECIALE ELEZIONI

Frattura: con me hanno vinto tutti Abbracciato all’ex candidata alla presidenza della Provincia, Micaela Fanelli, dice: non abbiamo commesso gli errori del passato CAMPOBASSO – Non si è sbilanciato fino alla fine. Anche perché tutta la partita si è giocata sul filo del rasoio. I dati della prefettura arrivano in ritardo rispetto a quelli che invece, nella sede di Paolo di Laura Frattura, sono divulgati in tempo reale. Ma qualche ora prima l’ex numero uno dell’Unioncamere era ancora cauto mentre a via Mazzini l’euforia era già incontenibile. “Tutti i grandi centri del Molise sono con me a parte Isernia (il feudo di Michele Iorio, conservato con le unghie dall’ex governatore, ndr). Ha vinto il voto d’opinione – ha detto – i cittadini hanno prima di tutto condiviso il programma che resta aperto al loro contributo. Una cosa che ci differenzia dal centrodestra. Io non mi sento un politico, sono solo uno che

ha vinto le primarie. E sono pertanto il portavoce del programma. Con lui nella sede anche Micaela Fanelli. L’ex candidata alla presidenza della Provincia di Campo-

basso, sconfitta lo scorso maggio da Rosario De Matteis, è vicina a Frattura che dice: “Oggi non abbiamo commesso gli errori del passato”

Questo non ci piace Interviste negate e cori da stadio contro una giovane collega E’ iniziata la vendetta di Frattura? In odore di vittoria, cominciano le prime vendette. Le risate a denti stretti, necessarie in campagna elettorale, si trasformano in scherno. Passata la tempesta, il candidato del centrosinistra Paolo Di Laura Frattura, comincia a togliersi uno alla volta i sassolini dalla scarpa. Ad una collega della carta stampata è stata negata l’intervista. Ma oltre al legittimo ‘no’ è partito anche un coro da stadio dai sostenitori di Frattura: “Fuori, fuori!” - le hanno gridato dietro dalla sede di via Mazzini. Una cosa è prendersela con le testate giornalistiche, l’altra è farla pagare alle persone, che hanno l’unica colpa di fare il proprio lavoro. Magari proprio in quelle condizioni precarie che Frattura dice di voler stabilizzare con politiche a sostegno del lavoro giovanile. Quando si è attaccati da un giornale, si risponde con la stessa arma: scrivendo. Quando ci si crede accusati falsamente, ci si discolpa, se si vuole, o ci si lascia scivolare le parole addosso. Le strade ed i mezzi sono tanti, ma quello di umiliare le persone è forse il più sbagliato. Il nuovo presidente della Regione dovrà, giocoforza, una volta insediatosi e dopo aver assunto il proprio ruolo pubblico, confrontarsi con tutti gli organi di informazione. O ha intenzione di azzerarli e fondarne di nuovi a lui compiacenti ed adottare i metodi da lui tanto criticati ed attribuiti agli avversari?

78.003 Voti 45,86%

14.154 Voti 8,78% 9.375 Voti 5,82% 6.570 Voti 4,07%

15.347 Voti 9,52%

6.896 Voti 4,28% 7.957 Voti 4,94% 4.693 Voti 2,91%


SPECIALE ELEZIONI La vera sorpresa sono loro

355 sezioni su 392

Il Movimento 5 Stelle con il suo piccolo, grande risultato Sorridono, Antonio Federico ed i suoi. Assiepati in un locale del centro storico per guardare la diretta elettorale, con gli aggiornamenti minuto per minuto, i ‘grillini’ sono contenti ed hanno ragione. La vera sorpresa di queste elezioni sono loro, lo sanno bene e lo sanno tutti. Sono spuntati come un coniglio dal cilindro, quasi dal nulla, con una campagna elettorale fatta con pochi mezzi, senza avere rilievo mediatico, senza quell’apparato fatto di sedi e spot ritenuto da altri indispensabile. “La cosa più bella – commenta pro-

prio il candidato presidente Federico – è che ci siamo incontrati e trovati tra ragazzi, tra persone che vogliono condividere un progetto. Abbiamo destabilizzato gli equilibri, sono saltate le loro regole”. Sin dall’inizio i ‘grillini’ sono stati al centro di polemiche per via del voto incrociato. In molti a destra ed a sinistra temevano che il movimento diventasse la ‘via di fuga’ per gli scontenti: per chi era stanco di votare Iorio e per tutti i perplessi sulla candidatura di Frattura. Per tutto il tempo, non hanno fatto una piega. Hanno sempre riba-

Antonio Federico e Beppe Grillo

dito di non voler togliere niente a nessuno e di rivolgersi a tutti i delusi dai partiti. “Centrodestra e centrosinistra – continua Federico - si punzecchiano ancora per capire a chi abbiamo rubato più voti. E’ stucchevole, non hanno capito nulla, parlano ancora di antipolitica”. No, non hanno capito proprio nulla. Non si perde mai per colpa di qualcun altro e se Beppe Grillo ha riempito piazza Prefettura a Campobasso, di curiosi e sostenitori è perché, probabilmente, ha fatto da catalizzatore ad istanze rimaste inascoltate dalle coalizioni principali e, sicuramente, ha dato una grande mano ai giovanissimi che hanno provato a sfidare i giganti dell’establishment regionale. Giganti che, come nel caso del centrosinistra, hanno tremato, tanto da precisare che votare il Movimento 5 Stelle significava far vincere Iorio. I ragazzi del movimento acconsentono ad una foto di gruppo, tutti insieme, candidati e sostenitori. Uno dei ragazzi protesta: era fuori al telefono e non ha potuto essere immortalato, poi dice ridendo: “Vabbè, ne faremo un’altra quando uscirà il primo sindaco del Movimento 5 Stelle”. E forse non sbaglia neanche un po’.

9.846 Voti 5,78%

3.920 Voti 2,43%

Giovancarmine Mancini: “Un’avventura meravigliosa” 2.188 Voti 1,28%

1.445 Voti 0,89%

L’irriducibile candidato de ‘La destra’ alle prese con i bilanci e l’attesa dei risultati “E’ stata un’avventura meravigliosa, combattuta con passione e poche risorse, rispetto agli altri” – commenta Giovancarmine Mancini, candidato presidente per ‘La destra’. In attesa dei risultati finali, traccia un bilancio della campagna elettorale. Una battaglia combattuta con un unico obiettivo che Mancini ha sintetizzato in una sola frase: “Liberare il Molise da Michele Iorio”. Un risultato che la sua lista ha cercato di raggiungere intercettando i voti degli scontenti. Buoni i risultati, anche se parziali e provvisori, su alcuni comuni dell’alto Molise. Risultati che fanno piacere a chi con la propria candidatura ha cercato di contrastare il predominio del governatore uscente. “Il nostro contributo per tentare di sconfiggere Iorio è stato determi-

nante”. Certo, a scrutinio ancora in alto mare, di più non potrebbe dire. Quando tutto è ancora così in forse, così sospeso, quando i dati confusi che si rincorrono fanno pensare ad una vittoria al fotofinish, è improbabile una analisi del voto. Di una cosa, però, Mancini è certo e la dice senza peli sulla lingua: ”A scrutinio finito, risulteremo sicuramente penalizzati da una marea di sindaci ‘yes man’, che portano i voti seguendo le direttive di Iorio. Nei comuni con un forte voto d’opinione i risultati raggiunti da noi sono molto buoni”. L’irriducibile Mancini, dopo la battaglia condotta alla Provincia di Campobasso - che non ha impedito la conquista della poltrona di Palazzo Magno a Rosario De Matteis ha sposato una nuova causa: tentare di

Giovancarmine Mancini arginare il centrodestra di Iorio, cercare di sbarrargli l’ingresso a Palazzo Moffa. Sono le 22,17, i risultati definitivi sono ancora lontani. Ce la farà?


CAMPOBASSO – Il testa a testa si è protratto fino all’ultimo. Sorpassi e controsorpassi il governatore uscente, Iorio, e il suo principale avversario, il candidato del centrosinistra, Paolo Frattura. La situazione di incertezza è stata dovuta alla tempistica differente sulla raccolta dei dati tra i centri minori e le grandi città. Nei piccoli paesi, soprattutto quelli dell’entroterra isernino, si registra un successo a pelle di leopardo per Iorio che si conferma – seppur di poco – anche nella sua roccaforte, Isernia città, nella quale prevale di 1.700 voti circa. Ma la sorpresa arriva da Venafro che incorona lo sfidante con circa dieci punti. Ma è a Campobasso, Termoli, Larino Santa Croce di Magliano e in quasi tutti i centri del basso Molise che Frattura costruisce il risultato. In particolare, il candidato del centrosinistra si afferma nettamente nella cittadina adriatica (con circa dieci punti di vantaggio), la cui amministrazione ha schierato ben tre esponenti: Vergallo, Cocomazzi e De Felice. A Montenero di Bisaccia (paese natale di Antonio Di Pietro) il centrosinistra prevale con 2017 voti, trascinato anche dal boom dell’Idv e da Di Pietro jr che conquista

SPECIALE ELEZIONI Frattura espugna Venafro e dilaga in basso Molise Il candidato del centrosinistra si impone a sorpresa nel centro isernino e spopola a Termoli con dieci punti di scarto. Iorio si difende nei piccoli comuni e vince a Trivento circa 900 preferenze, mentre Iorio si attesta sulle 1390. Anche Ururi premia Frattura che supera Iorio di circa 300 voti. Sorpresa anche a Guglionesi (amministrazione di centrodestra) con l’ex presidente della Camera di Commercio che si impone con circa mille preferenze di scarto. Stesso divario anche a San Martino in Pensilis, mentre a Petacciato Frattura incassa un centinaio di voti in più. A Bojano, invece, il candidato del centrosinistra prevale per soli 18 voti. La situazione, per Iorio, si capovolge (oltre ai vari successi nei piccoli comuni) soltanto a Trivento, che lo premia con 1928 preferenze, quasi mille

più del rivale che si ferma a 990. Ma non basta per opporsi all’onda arancione. Adimo

Il giorno più lungo Operazioni a rilento in gran parte delle sezioni a causa del doppio scrutinio

Termoli, alta tensione al seggio 17 TERMOLI – Momenti di tensione, ieri pomeriggio, al seggio numero 17 della scuola di via Volturno. Un litigio ‘al vetriolo’ ha infatti caratterizzato la fase di scrutinio, per altro cominciata in ritardo rispetto alle altre sezioni locali. Nel corso delle operazioni, il presidente ed un rappresentante di lista sono stati pro-

tagonisti di un acceso diverbio; a generare la discussione sarebbero state alcune divergenze sul conteggio relativo ad una scheda elettorale: un alterco che ha ulteriormente ritardato lo spoglio. Per sedare la discussione e porre fine alle ostilità è dovuta intervenire addirittura la Polizia.

CAMPOBASSO – Dopo la chiusura dei seggi, ieri pomeriggio alle 15 sono partite subito le operazioni di spoglio. Lentissime e lunghissime in gran parte dei 136 Comuni. Soprattutto in quelli più grandi. Un dato però è balzato immediatamente all’occhio: l’astensionismo. Alle elezioni del novembre 2006 (dove si sfidarono Michele Iorio e Roberto Ruta) si recò ai seggi oltre il 65% degli elettori. Tra domenica e ieri, invece, solo il 59,79%. Ben 6 punti percentuali in meno, dunque. In particolare in questa tornata elettorale si è registrata un’adesione al voto del 59,74% in provincia di Cam-

pobasso (contro il 65,14% della precedente elezione), e del 59,92% (contro il 64,97%) in quella di Isernia. Altro fatto inconfutabile è che il voto del Molise, azzurro da oltre un decennio, ha rappresentato un test nazionale anche per il governo Berlusconi. Sebbene siano stati solo gli osservatori ad accorgersene giacché il premier in questa regione non ci ha messo piede per tutta la campagna elettorale. Un’assenza ancor più evidente visto che sempre Berlusconi optò per il seggio molisano alle elezioni nazionali del 2008 conquistato dall’ex Fli, Quintino Pallante.

7 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011


REGIONE

Scuola, sindacati ai ferri corti CAMPOBASSO – Anche la Cisl Molise condivide le preoccupazioni della Flc Cgil sui tagli alla scuola pubblica. Ma precisa che “le stesse non vanno solo declamate sperando di ottenere l’oscar del siamo solo noi”. E’ ancora il dimensionamento della rete scolastica e la costituzione degli istituti comprensivi a tenere banco. Anche alla luce dell’ultima nota del ministero in cui si invitano i direttori regionali ‘ad assumere immediati contatti con i competenti enti locali per una sollecita applicazione degli interventi di aggregazione in istituti comprensivi delle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado’. Per la Cisl però la “solerte” Cgil sarebbe troppo concentrata su “personalismi sterili e inutili. La loro de-

La Cisl attacca la Flc Cgil: basta fare i protagonisti. E poi invita il prossimo governo regionale a difendere il sistema nuncia è fatta solo allo scopo di dimostrare di esserci. Riflettendoci bene le denunce fatte, da diversi anni a questa parte, sempre dalla stessa sigla sindacale, sono uguali nella forma e nel tenore, con l’unica differenza delle date, dei numeri e di qualche momento di pausa, soprattutto estiva, come successo nelle ultime operazioni svolte dalle Usp di Campobasso ed Isernia (chissà perché)”. Dopo le bordate, però, arriva anche il momento delle proposte. In sintesi la Cisl “auspica che la Regione Molise, che ha sì la competenza in materia di

istruzione e formazione, con la nuova componente, eletta in questi giorni, possa avere veramente a cuore il destino della scuola molisana, difenderla nelle decisioni nazionali e a livello locale definisca, anche con il sindacato, un piano con gli opportuni accorgimenti sulla rete scolastica , sulle infrastrutture e sul finanziamento, vero e non solo enunciato, delle risorse necessarie per potenziare tutte le attività necessarie a qualificare il sistema scolastico molisano”.

Osteoporosi, anche Servizio civile, il Neuromed aderisce opportunità alla giornata mondiale per 199 ragazzi L’istituto di Pozzilli apre giovedì le porte alle donne per divulgare informazioni su abitudini e corretta alimentazione

ISERNIA – Non poteva mancare l’Irccs Neuromed alla giornata mondiale sull’osteoporosi. L’istituto neurologico di Pozzilli aderisce infatti alla campagna di prevenzione e sensibilizzazione organizzata dall’osservatorio nazionale sulla salute della donna con lo slogan ‘Costruisci le tue difese contro l’osteoporosi’. Il personale medico molisano incontrerà gio-

8 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011

vedì dalle 9 alle 19 le donne per valutarne il rischio dell’insorgenza della patologia e per fornire tutte quelle indicazioni, non esclusivamente di carattere farmacologico, che possano contribuire a rendere il loro organismo più preparato a difendersi dall’insorgenza di una tra le malattie più diffuse su scala mondiale. Conoscenza del problema, indicazioni sulla corretta alimentazione e sulle abitudini di vita i temi su cui sarà possibile informarsi presso l’istituto dalle 9 e 30 alle 12 e 30 e dalle 15 alle 19 nel centro commerciale itaca di Formia. Solo in Italia l’osteoporosi interessa oltre 5 milioni di persone ed è la causa principale delle fratture ossee che avvengono dopo i 50 anni. Il fenomeno è di portata tale che da circa 10 anni l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) lo annovera tra i problemi sanitari più urgenti. L’osteoporosi consiste nella progressiva perdita di calcio del tessuto osseo che diventa così meno denso, più poroso e fragile. Il rischio di fratture vertebrali o di femore può compromettere seriamente la possibilità di muoversi e vivere la vita in modo indipendente. L’osteoporosi day ha quindi l’obiettivo di sensibilizzare le donne affinché prendano coscienza dell’importanza della prevenzione contro questa malattia insidiosa che può progredire per diversi anni senza sintomi e che, di conseguenza, molto spesso viene diagnosticata quando è troppo tardi, ovvero dopo una frattura.

CAMPOBASSO - Dodici mesi di solidarietà, di formazione e di crescita personale. Questo è il Servizio civile, un’opportunità che si presenta in Molise per 199 giovani. L’invito arriva dall’assessorato alle Politiche sociali della Regione e dal Centro regionale per il Servizio civile. Il bando scade il prossimo 21 ottobre. I settori in cui i giovani volontari potranno essere coinvolti riguardano l’assistenza, l’educazione, la promozione culturale, l’ambiente e coinvolgono sia comuni della provincia di Campobasso che di Isernia. Il bando è rivolto ai ragazzi dai 18 ai 29 anni a cui, per l’intera durata del Servizio civile, sarà corrisposto un rimborso mensile di 433,80 e u r o , con la possibilità del riconos c i m e n t o della copertura previdenziale, dei crediti formativi e dei tirocini.

Ogni volontario selezionato avrà a disposizione un periodo di formazione e assistenza sul campo con esperti del settore, mentre il Centro regionale del Servizio civile di via Toscana a Campobasso fornirà il supporto necessario. La struttura si occupa di dare informazioni sui progetti, sui bandi e offre consulenza per la compilazione delle domande e l’orientamento. In pratica viene attivato un percorso ad hoc per ogni giovane sulla base delle sue aspirazioni, competenze, interessi”. Tutte le informazioni per compilare la domanda di adesione sono disponibili nella sede dell’assessorato alle Politiche sociali della Regione Molise in via Toscana a Campobasso, al centro per l’impiego nei locali della Provincia di Isernia e al centro per l’impiego di via Corsica a Termoli.

Black bloc, Maroni annuncia nuove leggi

G20, Parigi chiude le frontiere con l’Italia

ROMA – Maroni oggi annuncerà una proposta per “nuove misure legislative, che possano consentire alle forze dell’ordine di prevenire più efficacemente le violenze come quelle di sabato. Riferirò in Senato e devo dire che per una volta sono d'accordo, con l’onorevole Antonio Di Pietro, che ha detto che servono nuove norme per prevenire, una legge Reale Bis”.

ROMA – Le frontiere tra Francia e Italia, entrambe nello spazio Schengen, saranno ripristinate a partire dal 24 ottobre per impedire l'ingresso sul territorio francese di potenziali pericoli per l’ordine pubblico attirati dal G20 di Cannes, in programma il 3 e 4 novembre. Lo annuncia il prefetto di Nizza, Jean-Michel Drevet, in una conferenza stampa.


CAMPOBASSO Baranello, urgono interventi sulla Sp49 Monita sulla preoccupante escalation di incidenti: “La Provincia intervenga subito” BARANELLO – Non si placano le polemiche sulla ‘questione sicurezza’ della strada provinciale 49, a Baranello. Dopo il grave incidente avvenuto lo scorso fine settimana – a seguito del quale tre persone sono finite in ospedale, una di queste in modo serio – la comunità è tornata a rivendicare maggiori garanzie per la propria incolumità. Tanti gli automobilisti che ogni giorno usufruiscono dell’arteria; tanti, purtroppo, anche i sinistri verificatisi negli ultimi tempi: poco più di un mese fa, infatti, un altro ‘crash’ si era verificato nello stesso punto. Sotto accusa la scarsa visibilità

CAMPOBASSO – Ancora aria di protesta a Campobasso. I sindacati di Polizia Siulp, Sap, Ugl e Consap, torneranno in piazza per ribadire – insieme ai colleghi del Corpo forestale dello Stato e dei Vigili del Fuco - la propria opposizione ai tagli di settore operati dal Governo. Le organizzazioni del comparto Sicurezza si ritroveranno dalle 10 alle 12 di questa mattina in piazza Prefettura per contestare le ‘sforbiciate’ inflitte dal ministro Tremonti al comparto in questione nell’ultimo anno. Nell’occasione verranno anche distribuiti volantini ed allestiti spazi informativi per

del tracciato, soprattutto nella parte coincidente con quella curva che sempre sembra ormai rappresentare una vera e propria minaccia, anche perché molto spesso percorsa ad alta velocità. A sollecitare nuovamente l’intervento della Provincia per la messa in sicurezza della strada è stato Giuseppe Monita (Dc), a distanza di un anno dalla lettere – firmata da 118 sottoscrittori inviata a palazzo Magno per “richiedere misure urgenti per il controllo della velocità degli autoveicoli”. All’appello, l’ente aveva risposto – stando a quanto afferma

Monita - sostenendo che “il tratto stradale interessato, oltre che per il traffico della zona, costituisce itinerario preferenziale dei veicoli normalmente impiegati per i servizi di pronto soccorso, ed e' pertanto consentito l'utilizzo dei soli sistemi di rallentamento costituiti da bande trasversali applicate sulla carreggiata stradale e/o da incisioni della pavimentazione alla cui realizzazione, provvederà a breve questa amministrazione”. Operazioni che ad oggi non sono ancora state effettuate, lasciando così praticamente inalterata la percentuale di rischio per gli utenti dell’arteria.

Tagli al comparto sicurezza, oggi nuova protesta Organizzazioni sindacali di Polizia ancora in piazza contro il governo sensibilizzare i cittadini sulla problematica “Volanti senza benzina, operatori di Polizia senza le necessarie divise, colleghi costretti ad esborsare anticipi economici per poter effettuare le espulsioni di cittadini extracomunitari irregolari, razionalizzazione degli interventi per non consumare le scorte di carburante residue”: queste le maggiori criticità denunciate dai sindacati.

Provincia: il consiglio alle prese con il riequilibrio di bilancio Nella seduta di martedì 25 di scena anche il programma di mandato della giunta De Matteis CAMPOBASSO – Torna a riunirsi il consiglio provinciale. La seduta, convocata per martedì 25, vedrà l’assise impegnata nella discussione, e approvazione,delle variazioni di bilancio necessarie per poter dare seguito ai progetti di trasporto scolastico degli alunni disabili, assistenti alla comunicazione e mediazione scolastica e all’acquisto di scaffalature per la Biblioteca provinciale Albino. Il consiglio, inoltre, è chiamato a prendere atto della riduzione del capitale disposta per il Centro fieristico polifunzionale di Selva Piana. In fine, sarà il presidente De Matteis ad illustrare il punti principali del programma di mandato.

Raccolta differenziata, l’educational tour del Conai arriva in città

CAMPOBASSO - Informare i cittadini sulle modalità e sul valore della raccolta differenziata: questo l’obiettivo dell’Educational tour promosso dal Conai e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. L’iniziativa – sostenuta in collaborazione con l’Associazione nazionale dei comuni italiani - farà tappa a Campobasso questa mattina, a partire dalle 11, con il presidio informativo allestito in piazza della Repubblica: all’appuntamento parteciperanno anche Gino Di Bartolomeo, sindaco del capoluogo, Gennaro Bonauro, tecnico del Consorzio nazionale imballaggi ed il direttore generale Sea Mauro Vitolo.

9 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011


CAMPOBASSO Evasione del dazio doganale, parlano gli ultimi testi dell’accusa Tra gli imputati anche l’ex patron dell’Ittierre, Tonino Perna Nuova udienza, ieri nel tribunale di Campobasso, del processo a carico di Tonino Perna, ex patron dell’Ittierre, dell’amministratore delegato dell’azienda isernina Maurizio Negro, del responsabile delle spedizioni Francesco Fusco e dei dirigenti di due società Andrea Lombardi e Giuseppe Germano, tutti nell’occhio del ciclone per evasione di dazio doganale e falso in atto pubblico. Ipotesi di reato per cui nel febbraio del 2010 il gip Falcione dispose il rinvio a giudizio. Ieri, in aula, ascoltati due teste dell’accusa. A parlare per primo un dipendente dell’Ittierre, impiegato, fino al cambio di dirigenza, nell’ufficio logistica. Dinanzi

Non versava il mantenimento, condannato a 3 mesi di reclusione

il giudice monocratico Gianpiero Scarlato ha spiegato l’iter di certificazione delle materie prime. “Una volta che l’ufficio produzione lanciava la commessa – ha detto – veniva stampato, attraverso un sistema informatico, il documento che attestava la provenienza”. “Se un tessuto dal Giappone giungeva in Turchia e poi in Italia – ha ribadito l’altro teste, attualmente assunto in una diversa azienda – veniva certificato che proveniva dalla Turchia. Nel sistema informatico v’era poi un modello preimpostato che automaticamente assegnava una origine europea”. Intanto, secondo l’accusa, nello specifico, i cinque impu-

Ragazzi si scagliano contro coetanee, tutti assolti

Avrebbe dovuto versare alla moglie e ai due figli un assegno di 300 euro al mese ma si è sottratto, per diverso tempo, agli obblighi di assistenza finendo nei guai. Ieri, nel tribunale di Campobasso, dinanzi il giudice monocratico Petti, l’udienza in cui l’uomo è stato condannato a 3 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di 500 euro. Accolta dunque, in parte, la richiesta del pubblico ministero Cirelli che per l’imputato, difeso dall’avvocato Santoro, aveva preteso oltre al pagamento della multa una condanna a 5 mesi di reclusione.

Tagli alla spesa e tasse invariate: Riccia premiata L’Assise incassa l’ok della Corte dei conti per gli interventi di razionalizzazione della spesa e lotta all’evasione Tarsu RICCIA – Esultano Micaela Fanelli & co.. Riccia ottiene il plauso della Corte dei Conti per la gestione sinora adottata in ambito rifiuti, tasse e tagli alla spesa pubblica. A ratificare il placet è stato il consiglio comunale, riunitosi venerdì per l’approvazione del riequilibrio di bilancio. Manovrina resasi necessaria per recepire, e rendere attuativi, i finanziamenti regionali riguardati campo sportivo, strade, acquedotti rurali e zona storica. “Siamo uno dei tre comuni molisani che ha avuto un esito positivo immediato. – ha commentato la consigliera Iapalucci -. Riteniamo che dipenda dalla gestione severa che ha azzerato l’evasione per i rifiuti, per le tasse e l’azzeramento o quasi dei costi degli amministratori: zero euro a sindaco e alcuni assessori”. Il primo cittadino, invece, è intervenuto sugli altri provvedimenti: “Il mutuo che ora non serve più per il campo era stato stipulato con la condizione che potesse essere usato in altre direzioni. E’ quello che faremo”. Soddisfazione giunge anche dall’opposizione e dal consigliere Amorosa: “Concordo, la viabilità è un tema da affrontare sia per la campagna che per il paese e quindi queste risorse contribuiranno a risolverlo. Sottolineo una differenza fondamentale: noi andiamo letteralmente a caccia di risorse, riuscendo a intercettarle su altri fondi e così non gravando sulle tasche dei riccesi. In passato, si sono sempre e solo accesi mutui che oggi gravano pesantemente sul nostro bilancio”. Nuovi investimenti, dunque, e nuova gestione del preesistente, a partire dal campo sportivo e dalla riqualificazione della piazza centrale. In calce il no secco del sindaco ai tagli ai Piani di assetto idrologico, con riferimento alla realizzazione dell’albergo diffuso del benessere da realizzare nel centro storico: “I tagli ai Pai, che si stanno immaginando per coprire il disavanzo sanitario, ci vedono fortemente contrari. Spero solo che la battaglia per lo sviluppo dei territori più bisognosi venga combattuta da tutti, al di là delle appartenenze politiche”. SG

10 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011

tati sarebbero responsabili di aver falsificato le dichiarazioni doganali dell’azienda pentra, evitando inoltre, in alcuni casi il pagamento del dazio doganale. In buona sostanza, l’Ittierre acquistava tessuti in paesi extracomunitari spacciandoli poi per europei. Un’evasione per centinaia di migliaia di euro. Per la difesa, invece, alla base un errore nella qualificazione del tessuto in uscita dall’Italia per la successiva lavorazione. Dunque nessun dolo. Si tornerà in aula a dicembre per conferire al perito, indicato dal giudice Scarlato, l’incarico di trascrizione delle intercettazioni.

Sono stati tutti assolti i sei ragazzi molisani finiti sotto processo per rissa e lesioni. Assolti perché non è stato possibile ricostruire con certezza gli eventi. I giovani, assistiti dagli avvocati Albino, Prencipe, Baranello, Santoro, Fedele e Cirese, nel novembre del 2004, conobbero in un locale di Campitello Matese delle coetanee (tutte di origine campana) che, al termine della serata, rientrarono a casa. I ragazzi, a quel punto, si spostarono sotto l’abitazione delle giovani bussando alla porta e chiedendo loro di raggiungerli. Le ragazze scesero così in strada. Nacque una discussione, forse degli spintoni, tanto che le giovani si recarono dalla guardia medica. Le stesse, però, come è emerso durante il processo, la sera prima dei fatti, ebbero un incidente stradale, ed è per questo che non è stato possibile appurare se quanto refertato era riferibile ad un eventuale scontro con i molisani o al precendente sinistro.

Asrem, migrazione telefonica: nuovi numeri per il centralino di Termoli Anche il presidio ospedaliero del San Timoteo sarà interessato dai processi di migrazione telefonica alla nuova centrale attivati, dal 21 al 23 ottobre prossimi, nel territorio del distretto di Termoli. Per questa ragione – dalle 14,30 del 21/10 alle 18,30 del 23/10 – il numero del centralino Asrem locale (0875/71591) verrà sospeso. Per contattare la struttura nel periodo in questione, dunque, sarà possibile contattare i numeri 0875-714163 e 0875-714194. Il servizio di Emergenza territoriale 118 funzionerà, invece, regolarmente e potrà essere contattato senza alcun disservizio.


SPECIALE ELEZIONI


SPECIALE ELEZIONI


TERMOLI Troppi accessi al Pronto soccorso: ricoveri e visite specialistiche inutili

Il segretario del sindacato Fimmg denuncia i mali della sanità Totaro: “Chiunque vinca le elezioni dovrà avere il coraggio di eliminare una volta per sempre il cancro del clientelismo” Il sindacato Fimmg ha inviato un documento al direttore generale dell’Asrem Angelo Percopo, al direttore sanitario Paglione e ad Alberto Montano in qualità di responsabile dell’osseratorio regionale sulla qualià dei servizi sanitari, con il quale porta a conoscenza dei lunghi tempi di attesa per le visite specialistiche e la diagnostica strumentale e le file al Pronto soccorso. “Troppi accessi al Pronto soccorso inutili, troppi ricoveri ospedalieri inutili, troppe visite specialistiche inutili, troppe ecografie ed esami radiologici inutili, troppe analisi del sangue inutili. La "medicina di base, guardia medica e 118" – scrive Giancarlo Totaro, segretario regionale del sindacato - sono la vera medicina che serve a gua-

rire la sanità molisana perché riescono ad eliminare la richiesta impropria che a nostro avviso è il vero male nostro sistema sanitario regionale. Le liste di attesa per le visite specialistiche all’Asrem e gli accessi al Pronto soccorso avvengono veramente con tempi troppo lunghi e costituiscono una vera emergenza sanitaria da risolvere in tempi brevissimi. Si provi a richiedere al Cup (Centrale unica di prenotazione) una visita di qualunque specialità e ci si renderà subito conto che i tempi sono dell’ordine di mesi e che sicuramente tali tempi non sono compatibili con un’adeguata cura e tutela della salute. Tutto questo –continua Totaro comporta che il paziente deve ri-

volgersi a proprie spese a professionisti esterni per avere una cura prima che la propria salute venga compromessa dall’incedere della malattia. Premessa la giusta impossibilità di incrementare il personale a causa delle restrizioni imposte dal Piano di rientro si rende necessaria una razionalizzazione a costo zero per il miglior utilizzo possibile delle risorse umane e strumentali che il sistema Asrem ci offre, e per far questo è necessario abbandonare il consolidato sistema clientelare che da sempre attanaglia la sanità pubblica molisana e che forse costituisce il vero problema che impedisce il risanamento dei bilanci regionali. Chiunque vincerà le elezioni – conlude il segretario regionale

Situazione Fiat, conferenza stampa dei sindacati BASSO MOLISE - Le Organizzazioni Sindacali Uilm-Uil - Fiom-Cgil - Fim Cisl e Ugl domani mattina alle 10 terranno una conferenza stampa davanti all’ingresso principale dello stabilimento Fiat Powertrain di Riolta del Re. I rappresentanti dei lavoratori spiegheranno perché sono contro la mancanza di piani industriali per il nostro territorio; contro una politica industriale che non tiene conto delle esigenze e delle problematiche dei lavoratori; contro l’immobilismo totale da parte di una dirigenza che non vuole affrontare argomenti che riguardano anche i lavoratori e contro una gestione di stabilimento che vuole creare solo divisioni sociali con atteggiamenti intimidatori minacciando licenziamenti.

Presentato il libro di don Mario Colavita COLLETORTO - È stato presentato presso la chiesa del Purgatorio, il nuovo volume editoriale di don Mario Colavita dal titolo “S. Alfonso Maria de Liguori. Visite al Ss. Sacramento e a Maria Ss.”. Il testo vuole restituire la giusta importanza e far riscoprire al lettore l’Eucarestia e, per farlo, si rifà all’opera di sant’Alfonso Maria de Liguori, tra i più noti e venerati santi Partenopei. Il suo lavoro diventa così non un testo da porre nello scaffale ma, un testo da leggere e consumare pagina per pagina perché, attraverso 31 capitoletti detti visite, unisce e sintetizza preghiera e devozione a Maria SS e al SS Sacramento. Un vero e proprio manuale di conversazione con Gesù Cristo dal ritmo agile, snello e breve che si arricchisce attraverso canti, icone e incisioni. Nell’introduzione si riporta: “Sappiate che il tempo che spenderete a trattenervi con devozione avanti questo divinissimo Sacramento, sarà il tempo che più vi frutterà in vita e più vi consolerà nella vostra morte e nel-l’eternità. E sappiate che forse guadagnerete più in un quarto d’ora d’adorazione alla presenza del sacramento, che in tutti gli esercizi spirituali del giorno. Presentategli le proprie necessità, come fa un amico a un altro amico con cui si abbia tutta la confidenza”; la frase, estratta dagli scritti di Sant’Alfonso diventa un rilanciare l’adorazione eucaristica nelle parrocchie come un rinvigorire la fede nel Signore risorto e far diventare il corpo e sangue di Cristo centro e culmine della vita cristiana. Hanno partecipato alla presentazione monsignor Gianfranco De Luca, vescovo di Termoli - Larino, monsignor Emidio Cipollone, vescovo di Lanciano - Ortona e Grazia Servillo, presidente diocesana di Termoli-Larino di Azione cattolica. I tre ospiti hanno tenuto relazioni sull’importanza dell’Eucarestia nella storia e oggi. A concludere l’incontro è stato il saluto del sindaco di Colletorto.

Fimmg - dovrà avere il coraggio di eliminare una volta per sempre il cancro del clientelismo dalla sanità molisana in modo ra-

dicale, solo con questa premessa si potrà risolvere con le giuste decisioni il problema del deficit di bilancio”.

Lavoro, ecco il progetto Il mondo che vorrei CAMPOMARINO - L’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Cammilleri, allo scopo di sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il reinserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati per combattere ogni forma di discriminazione del mercato del lavoro, ha presentato all’Assessorato Politiche Sociale della Regione il progetto “Il Mondo che vorrei”. L’iniziativa, che rientra nell’ambito del Programma Operativo Regionale (Por Molise) 2007/2013,

prevede l’impiego, attraverso lo strumento della borsa lavoro, di 7 Borsisti ai quali è offerta un’esperienza lavorativa ai fini dell’inserimento nel mondo del lavoro. Tale esperienza permetterà ai borsisti di conoscere ed acquisire familiarità con gli iter burocratici, gli uffici in cui recarsi per il disbrigo delle pratiche; acquisire una valida esperienza formativa nei settori in cui opereranno, per poter costituire sufficienti conoscenze per la ricerca di un futuro lavoro.

La fondazione Malagutti organizza il concorso Diritti a Colori La Fondazione Malagutti onlus e le sue Comunità per Minori organizzano la10^ edizione del concorso internazionale di disegno “Diritti a Colori”. L’iniziativa ha lo scopo di promuovere i diritti dell’infanzia, ispirandosi alla Convenzione sui Diritti dell’Infanzia approvata dall’O.N.U. La manifestazione ricorda ogni anno un diritto in particolare. Nell’ambito di questa edizione, promosso dalla Fondazione Malagutti onlus l’ Ufficio di Piano dell’ambito territoriale sociale di Termoli organizza delle iniziative per i bambini nei comuni di: Acquaviva Collecroce: 27 Ottobre dalle 17 alle 19 presso la Biblioteca “Centro Sociale Comunale”, in Via Trieste 1; Montefalcone nel Sannio: 27 Ottobre dalle 17 alle 19 presso la Ludoteca comunale “Peter Pan”, in Via De Fanis Vico; Montecilfone: 27 Ottobre dalle 16 alle 18 nella sede del laboratorio in Via Roma 109; Palata: 20 Ottobre dalle 14 alle 17 presso l’Istituto Comprensivo in Via Kennedy; San Giacomo degli Schiavoni: 24 Ottobre dalle 15 alle 17 nella Sala consiliare Comunale; Termoli: Scuola Elementare III Circolo, Via Stati Uniti il 20 Ottobre; Scuola Elementare II Circolo, plesso Pantano Basso il 25 Ottobre; Scuola Elementare II Circolo, plesso via Po il 24 Ottobre; Ludoteca Comunale, via Asia il 19 ottobre alle 16. Un’occasione per riunire i giovani, facendoli incontrare in un ambiente stimolante per favorire nuove emozioni e forme di espressione, offrendo strumenti per sperimentare tecniche diverse lasciando loro la libertà di esprimersi. I disegni realizzati in occasione di questa iniziativa parteciperanno alla selezione regionale del Molise. I vincitori saranno premiati in occasione della Festa finale che si terrà al PalaBam di Mantova il 20 novembre 2011. Questa edizione del Concorso promuove i Diritti che contrastano il coinvolgimento dei minori nei conflitti armati; l’utilizzo di bambini soldato è una delle più pesanti violazioni delle norme che regolano i diritti umani nel mondo e questa pratica è diffusissima. E’ un’atrocità e una triste realtà che in 87 Paesi, firmatari della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia, i bambini siano reclutati nelle forze armate governative e nei gruppi armati paramilitari e non governativi e che le condizioni in cui si trovano siano disperate.


TERMOLI Convocata per domani una sessione straordinaria della giunta comunale

No alla chiusura pomeridiana delle Poste di Difesa Grande TERMOLI – Ieri mattina, dopo un precedente incontro che si è tenuto in Municipio tra il sindaco Di Brino e Concetta Maiorino, direttrice della succursale di Poste Italiane di contrada Difesa Grande, è stata rappresentata al primo cittadino la reale possibilità che, a partire dalla prossima settimana, l’ufficio non potrà più operare durante le ore pomeridiane. La notifica, inviata dalla sede centrale di Campobasso e pervenuta tra l’altro solo nel fine settimana scorso, obbligherebbe dal prossimo 24 ottobre la sua chiusura forzata al pomeriggio. Da palazzo di città fanno presente che è difficile comprendere come mai una struttura che sin dal suo insediamento ha sempre ope-

rato con scrupolosa serietà, senza nulla togliere alla sede centrale di Termoli e alla succursale di Via Madonna delle Grazie, si veda costretta a sopprimere l’offerta di un servizio così utile per l’utenza, recando altresì notevoli disagi non solo ai residenti della zona ma anche a tutti coloro che di esso si servono. Per questo motivo, vista l’urgenza ed i disservizi che ne potrebbero conseguire, il sindaco Di Brino ha convocato per domani una sessione straordinaria di Giunta, dove verrà formulata da parte dell’esecutivo una presa d’atto nei confronti della sede centrale di Campobasso, al fine di scongiurare la chiusura pomeridiana della succursale di Difesa Grande.

Cinque anni di ‘Laboratorio Molise’

Furto di rame in parrocchia

L’appello di un trentenne al presidente della Regione: “Dedichiamo la prossima legislatura a riforme coraggiose”

TERMOLI – Dopo quello avvenuto nelle gallerie della tangenziale sud, un altro furto di rame è stato compiuto oi9n città In questa occasione i ladri hanno asportato le canaline di scolo dell’acqua posizionale sul tetto della parrocchia dei Santissimi Pietro e Paolo. I ladri, sicuramente di più di uno, hanno agito durante le ore notturne e nessuno si è accorto di nulla. Difficilmente si riusciranno a scoprire gli autori del furto e tanto meno si recupererà la refurtiva.

Egregio presidente, Le scrivo nel pieno delle operazioni di voto, ad urne ancora aperte. Non conosco, di conseguenza, il nome del destinatario delle mie riflessioni, ma so per certo che, superata la sbornia dei propositi elettorali e dei festeggiamenti, Lei ha ora l’ingrato compito di agire. Mentre Le scrivo impazza la contestazione degli Indignati: una generazione inesorabilmente condannata al presente, niente affatto arrendevole dinanzi al lento declino italiano. Le ragioni della protesta sembrano nobili, le modalità della stessa molto meno, con un bilancio dei danni ampiamente al di sopra del milione di euro. La condanna ad un siffatto atteggiamento deve essere netta ed unanime, ma non si possono tralasciare i problemi che hanno innescato la rivolta. L’Italia (e con essa il Molise) si connota ogni giorno di più come un paese per vecchi, all’interno del quale appaiono “scarse le opportunità offerte alle giovani generazioni di contribuire allo sviluppo”. Il virgolettato è del futuro presidente della Banca centrale europea e già Governatore di Bankitalia, Mario Draghi. Il capo dello Stato è addirittura lapidario sull’argomento: “Se non apriamo ai ragazzi nuove possibilità di occupazione, di vita dignitosa e affermazione sociale, la partita del futuro è persa non solo per loro, ma per l’Italia tutta. Ad essere sotto scacco è la democrazia”. Cosa fare in concreto? Come evitare di perdere ancora del tempo, in attesa di soluzioni salvifiche da Roma? Presidente, io auspico una legislatura regionale che sia un vero e proprio laboratorio, tesa ad un ambizioso progetto di sintesi tra le varie anime partitiche, per il varo di riforme coraggiose, investendo – mediante la piena autonomia legislativa e amministrativa derivante dal federalismo – in un riformismo a tinte forti, i cui capisaldi siano il lavoro e uno snellimento degli apparati istituzionali. Negli ultimi mesi, con punte ormai insostenibili, la politica sembra appiattita sulla tattica, svuotata di una qualsivoglia idea e di un progetto di cambiamento: navighiamo a vista, subendo la modernità, senza riuscire a governare le tante trasformazioni in atto. Modificazioni sociali, economiche e culturali alle quali sembriamo impreparati, puntando ad una difesa assurda dello status quo. È invece giunto il tempo delle analisi e delle soluzioni realistiche, senza arrenderci alla realtà delle cose. Il Laboratorio Molise può essere il luogo del confronto e della sintesi, lo stimolo a fare subito in Molise le riforme che in Italia arriveranno forse tra dieci anni: investendo su noi stessi, sulla nostra voglia di futuro. Il momento è propizio anche e soprattutto per l’ingente disponibilità economica dei fondi Fas: un’opportunità concreta per il Laboratorio Molise di non restare una speranza, ma di essere l’epicentro di un nuovo sviluppo, condiviso perché partecipato, tangibile perché concreto. Le chiedo, presidente, di fare del Molise la regione delle Best practices, senza perdere tempo prezioso nell’affrontare i nodi che strangolano il nostro futuro. Con stima e fiducia Aldo Fabio Venditto

Professionisti di Chieti visitano i borgo antico TERMOLI – Una visita guidata al Borgo Antico e al Castello Svevo. Questo il motivo della presenza in città di 15 soci di un’associazione culturale di Chieti che sono stati guidati alla scoperta della città entro le mura da Oscar De Lena, socio dell’Archeoclub di Termoli. Ai professori e liberi professionisti Di Lena ha illustrato tutta la storia ed i personaggi legati al Borgo. Gli ospiti hanno approfittato anche per fare acquisti di souvenir nei negozi dei vicoletti del Borgo e promnesso che presto torneranno in Molise per visitare Larino e Geronium di Casacalenda.

L’abbraccio di una comunità: don Benito è il nuovo parroco di San Timoteo TERMOLI - Il lungo applauso di centinaia di fedeli, appostati all’ingresso della parrocchia di San Timoteo, ha accolto il nuovo parroco, don Benito Giorgetta. Striscioni manifestanti affetto, disegni e sguardi pieni di ricordi, da parte dei membri della sua vecchia comunità parrocchiale, hanno fatto da cornice a questo nuovo e fondamentale passaggio della vita di un parroco che in ventiquattro anni di servizio a Santa Maria degli Angeli (Termoli), ha saputo farsi amare e costruire una solida comunità parrocchiale. Don Benito Giorgetta arriva così a San Timoteo, nel pieno centro di Termoli, in una parrocchia che da un anno si è avvalsa della guida di don Ulisse Marinucci che, dalla scomparsa di don Tarcisio, ha svolto il servizio di amministratore parrocchiale. La celebrazione eucaristica di presa possesso canonica è stata presieduta da monsignor Gianfranco de Luca che, nella sua omelia, ha tenuto a evidenziare l’importanza di accogliere e vivere il Vangelo e restare fermi nella speranza. Per il presule diocesano diventa importante, in questo tempo, “risplendere come astri nel mondo, tenendo alta la parola di Vita e guardando alla nostra storia con lo sguardo di Dio”. Per Lui, il messaggio conclusivo è un invito alla comunità a diventare “ascoltatori attenti della parola” per entrare nella visione bella del mondo che è quella della “certezza che la morte è stata vinta”. Incisivo è stato il discorso del nuovo parroco: “Carissimi fratelli e sorelle della parrocchia di San Timoteo, sappiate che siete entrati a far parte delle mie preghiere dal primo istante in cui ho saputo che ero destinato a questa parrocchia. Ringrazio tutti coloro che sono qui per darmi il benvenuto, i con-fratelli nel sacerdozio e, in modo del tutto particolare, saluto don Mario, mio antico rettore che oggi ritrovo qui e lo ringrazio per tutto quello che ha dato e continuerà a dare a questa comunità. L’unico mio impegno vorrà essere quello assicurato da San Paolo alla comunità di Corinto: “non padrone della vostra fede ma collaboratore della vostra gioia” (cfr 2 Corinzi 1, 24). Un prete che non serve non serve! Lo stesso vale per una comunità cristiana e ogni singolo battezzato, per questo cercheremo insieme di percorrere i sentieri del servizio indossando l’abito che lo caratterizza fatto di premure, attenzioni, accoglienze, sensibilità e partecipazione. M’inserirò nel cammino che da sempre questa comunità ha vissuto. Cercheremo la continuità nella progressione. Mi aspetto, auspicandola, la collaborazione di tutti”. La conclusione del suo discorso coincide con un dono alla comunità parrocchiale: un Evangeliario, portato in processione dal diacono, e il leggio in legno d’ulivo su cui esso stesso poggia che per don Benito “vorrà essere la base sulla quale appoggiare il nostro sguardo perché i passi del nostro camminare siano discepolari e seguano la vita buona del Vangelo”.


ANNO IV - N° 236 - MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO AL COMUNE DI CAMPOBASSO PER IL GELO DEL PALAVAZZIERI

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA FENICE ISERNIA

Le temperature polari di questi ultimi giorni hanno invogliato ancor di più gli sportivi molisani a rifugiarsi in questo week end nel Palazzetto dello sport di contrada Vazzieri. Il pubblico che sabato ha assistito al derby tutto molisano del campionato di basket di serie C regionale tra l’Olimpia Campobasso ed l’Isernia era numerossissimo, così come quello che domenica ha assiepato gli spalti dell’impianto sportivo per assistere alla prima gara casalinga, nel campionato nazionale di serie B, della Women’s Campobasso che ha affrontato il Roseto. Peccato che nella fatiscente struttura di contrada Vazzieri i riscaldamenti fossero spenti ed il freddo si avvertisse in maniera esagerta,anche sul parquet di gioco, tant’è che molti spettatori hanno preferito tornare a casa, piuttosto che rischiare di beccarsi l’influenza. Il Comune di Campobasso ancora non provvede ad accendere i riscaldamenti nella struttura, eppure il 15 ottobre è già passato. Inevitabile il nostro tapiro all’amministrazione comunale del capoluogo.

La scorsa settimana avevamo assegnato alla Cicchetti Isernia un tapiro, all’indomani della terza sconfitta consecutiva rimediata in altrettante gare di campionato, ma nel contempo avevamo augurato alla squadra di coach Giannini che questo nostro gesto fungesse da apripista per una serie di successi. Così è stato. Finalmente il team biancazzurro nel quasi derby con il Sora ha messo a segno la prima vittoria stagionale strappando applausi al caloroso e numeroso pubblico presente sugli spalti del PalaFraraccio. Una partita tatticamente perfetta: ricezione, difesa, muro tutto ha funzionato per il verso giusto. La squadra è scesa in campo concentrata e non ha concesso nulla agli avversari, liquidati in un’ora e venti minuti. La Fenice Volley è sulla strada giusta e lo ha dimostrato domenica. Questa volta il nosto oscar i pentri se lo meritano tutto.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Nel pomeriggio la ripresa degli allenamenti: con quale staff tecnico non è dato sapere

Campobasso con il fiato sospeso Sono attese per oggi le decisioni della proprietà in merito alle ultime vicende Sarà quella odierna la giornata decisiva in casa Campobasso. Sono attesi, infatti, per oggi i provvedimenti della società in merito alla situazione che si è venuta a creare alla fine della scorsa settimana. Il momento è delicato e per questo la proprietà si sta prendendo tutto il tempo necessario per poter effettuare le valutazioni del caso. Per ora tutti tesserati sono stati invitati al silenzio stampa per evitare di alimentare polemiche e confusione. Nel pomeriggio è in programma la ripresa degli allenamenti, con quale staff tecnico non è dato sapere: nella mattinata ci saranno le eventuali comunicazioni della società. E’ possibile che si continui con Coscia e Provenza, ipotesi al momento remota, o che la società cambi completamente registro. La posizione più pesante al momento è quella del tecnico salernitano, mentre quella del ds sembrerebbe essersi alleggerita. Anche se le due figure sono strettamente connesse. Nel caso in cui si decidesse di voltare pagina, ci sono diverse strade percorribili. In preallarme ci sono Molino e Iovino, per quanto riguarda l’aspetto dirigenziale, mentre lunga è la rosa di tecnici: si va dai ritorni di Trillini e Cosco, alle ipotesi Capuano e Ferazzoli. Quest’ultimo non sarebbe legato a direttori sportivi, ma verrebbe accompagnato da Tosi. In calo le quotazioni di Eziolino Capuano in corsa anche per la panchina del Latina. Infatti, dopo le dimissioni di mister Sanderra, sono molti i papabili a

12 reti Fioretti (Gavorrano; 4 rigori) 8 reti Clemente (Perugia; 1 rigore) 7 reti Orlando L. (Paganese) 6 reti Morga (Giulianova; 2 rigori) 5 reti Balistreri (Campobasso; 2 rig) Carboni (Catanzaro; 1 rigore) Berardino (Chieti; 1 rigore) Mister Provenza sedere sulla panchina vacante: dalle indiscrezioni raccolte in esclusiva da TuttoLegaPro.com anche Eziolino Capuano ha incontrato ieri pomeriggio la dirigenza del club laziale. Il nome dell'ex allenatore della Paganese va quindi ad aggiungersi a quello di Marco Rossi, Paolo Stringara e Giuseppe Brucato. Qualora si scegliesse come direttore Bruno Iovino, l’allenatore sarebbe Sauro Trillini, mentre nel caso in cui la scelta dovesse ricadere su Molino non è da escludere che si possa ricomporre la coppia della passata stagione con Cosco. C’è poi, come detto, l’outsider Ferazzoli. Ad ogni modo la situazione è in costante evoluzione e nella giornata odierna ci saranno gli sviluppi della vicenda. RS

Mister Trillini

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

La società ha indetto il silenzio stampa Il Nuovo Campobasso Calcio, a seguito dei gravi ed ingiustificati accadimenti degli ultimi giorni, che hanno leso irreparabilmente l’immagine della società e della città di Campobasso, comunica che tutti i propri tesserati dovranno attenersi, sin da ora, al silenzio stampa, e fino a nuove disposizioni. Il presente viene redatto al fine di tutelare la società, i tesserati, la tifoseria e gli addetti ai lavori. Si chiede cortesemente agli organi di stampa di comprendere, in questo particolare momento, la gravità della situazione, con la promessa che verrà ristabilita la normalità, non appena saranno risolte le problematiche attuali.

I MARCATORI DELLA 10^ GIORNATA Aversa Normanna - Aprilia 39' (1T) Longobardi (Av) 2' (2T) Ceccarelli (Rigore) (Ap)

1-1

Celano - L'Aquila 3' (1T) Croce

1-0

Chieti - Melfi 23' (1T) Berardino (C) 44' (1T) Spagna (M) 28' (2T) Anastasi (C)

2-1

Fondi - Neapolis 13' (1T) Ricciardo (F) 21' (1T) Cucciniello (F) 34' (2T) Daleno (Rigore) (N)

2-1

Isola Liri - Arzanese

0-0

Milazzo - Fano 15' (2T) Bucolo (M)

1-1

20 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011

CLASSIFICA MARCATORI

20' (2T) Zebi (F) Paganese - Giulianova 2' (1T) Orlando L. (P) 13' (2T) Morga (G) 35' (2T) Siciliano (P)

2-1

Perugia - Catanzaro 42' (2T) Accursi 46' (2T) Gigliotti

0-2

Vibonese - Ebolitana 34' (2T) D'Ancona

0-1

Vigor Lamezia - Gavorrano 14' (1T) Nocciolini (Autorete) 21' (1T) Fioretti (G) 37' (2T) Gattari (V) 46' (2T) Miano (G)

2-2

Ha riposato: Campobasso

4 reti Ceccarelli (Aprilia; 1 rigore) Foderaro (Aprilia) Carotenuto (Arzanese; 1 rig.) Incoronato (Arzanese) Masini (Catanzaro; 1 rigore) Fiore (Chieti) Puntoriere (Vibonese) 3 reti Sandomenico (Arzanese) Sekkoum (Ebolitana; 2 rigori) Marolda (Fano) Bernasconi (Fondi) Ricciardo (Fondi) Caira (Isola Liri) Pellecchia (Neapolis) Fava (Paganese) Gucci (Perugia) Mancosu (V. Lamezia; 1 rigore) 2 reti Quadri (Campobasso) 1 rete Forgione, Todino, Altobello (Campobasso)

10^ GIORNATA

CLASSIFICA

AVERSA N. - APRILIA 1-1 1-0 CELANO - L'AQUILA 2-1 CHIETI - MELFI 2-1 FONDI - NEAPOLIS 0-0 ISOLA LIRI - ARZANESE 1-1 MILAZZO - FANO 2-1 PAGANESE - GIULIANOVA 0-2 PERUGIA - CATANZARO 0-1 VIBONESE - EBOLITANA 2-2 V. LAMEZIA - GAVORRANO HA RIPOSATO: CAMPOBASSO

PAGANESE PERUGIA CATANZARO GAVORRANO GIULIANOVA VIGOR LAMEZIA L’AQUILA CAMPOBASSO ARZANESE FONDI CHIETI EBOLITANA NEAPOLIS AVERSA NORMANNA ISOLA LIRI (-2) APRILIA VIBONESE FANO (-2) MELFI (-2) MILAZZO CELANO

PROSSIMO TURNO 23 ottobre - ORE 15.00 ARZANESE - VIGOR LAMEZIA CATANZARO - APRILIA CHIETI - ISOLA LIRI EBOLITANA - MILAZZO FANO - CELANO GAVORRANO - PAGANESE L'AQUILA - AVERSA N. MELFI - GIULIANOVA NEAPOLIS - CAMPOBASSO VIBONESE - PERUGIA RIPOSA: FONDI

Hamsik:“Bayern? Gara che sogno da bambino”

Leonardo:“L’Inter si riprendera”

''Sono queste la partite che sogni quando sei bambino. Non vediamo l'ora di giocare. Loro sono fortissimi, ma il Napoli sta crescendo. Tutti ci rispettano e vengono al San Paolo per disputare una grande partita. Per questo dico che sara' una battaglia''. Cosi' Hamsik alla vigilia del match di Champions con il Bayern. ''Non e' decisivo per la qualificazione, non credo che i giochi si faranno oggi, pero' certamente e' una sfida di grande fascino. Noi vogliamo dare il massimo''.

''L'Inter e' in una situazione difficile, ma sono sicuro che si riprendera'. Ha fatto dei cambiamenti importanti, ma ha grandi risorse, quindi non avra' problemi a tornare su ottimi livelli''. Questo il commento del dg del Paris Saint-Germain, Leonardo, ex allenatore di Milan e Inter, oggi a Palermo per essere sentito dalla Procura come persona informata sui fatti sulla presunta estorsione subita dal presidente rosanero Maurizio Zamparini, nell'ambito della cessione di Pastore.

23 21 20 18 18 17 17 16 16 12 11 11 11 11 9 9 7 6 5 4 4


S P O RT CALCIO SERIE D

L’Isernia torna a sorridere La squadra di Di Prisco ha messo in cassaforte una vittoria importante contro la Jesina Ancora un pareggio deludente per il Trivento. Sconfitta amara per l’Agnonese a Riccione Dopo il ko di Sant’Egidio alla Vibrata, l’Isernia torna alla vittoria e contro la Jesina mette a segno il secondo successo casalingo consecutivo, dopo quello di due settimane fa contro la Sambenedettese. Soltanto un risultato positivo pieno avrebbe potuto scacciar via i malumori che cominciavano a serpeggiare nella tifoseria che attendeva una prova di carattere ed orgoglio da parte della squadra di Silvio Di Prisco. Ora però bisognerà dare continuità ai risultati, specialmente in trasferta dove la vittoria manca dal lontano 4 settembre, vale a dire dalla gara in casa dell’Atessa Val Di Sangro, in occasione della prima giornata di campionato. Fondamentale in tal senso appare la gara di domenica prossima in casa del Real Rimini.Quella contro la Recanatese doveva essere la partita della svolta ed invece l’Atletico Trivento è incappato in un altro pareggio,dopo quello deludente di Miglianico. Cosa stia accadendo alla squadra di Massimo Agovino è difficile da spiegare, sta di fatto che i numeri dicono che i trignini nelle ultime tre giornate hanno raccolto due soli punti e gettati al vento almeno sette, che avrebbero significato tanto in termini di classifica. E in

CLASSIFICA MARCATORI GIRONE F 8 RETI Arcamone Luis Federico (Teramo) 7 RETI Buonocore Enrico (Riccione) 5 RETI Aquaro Roberto (Trivento), Masini Gerardo (Teramo) 4 RETI Pazzi Christian (Sambenedettese), D'Ambrosio Michele (O.Agnonese), Genchi Giuseppe (Ancona) 3 RETI Bellucci Luca (Vis Pesaro), Zonghetti Stefano (Vis Pesaro), Stefanelli Stefano( Riccione), Rizzi Salvatore (Santegidiese), Galli Giorgio(Santegidiese), Arce Matias (San Nicolò)

Covelli festeggiato dai compagni

un momento delicato arriva il primo derby di campionato, quello più sentito dalla tifoseria trignina: domenica i gialloblù saranno attesi dalla gara del Civitelle di Agnone e Minadeo e company avranno l’occasione migliore per dare una sterzata al proprio campionato.Dopo la straripante vittoria sul Luco Canistro, l’Olympia Agnonese è incappata in una sconfitta a Riccione. Una battuta d’arresto che lascia un po’ di amaro in

bocca alla squadra di Corrado Urbano che, dopo essere passata in vantaggio, ha subito la rimonta dei romagnoli. Al di là del risultato negativo resta la prestazione positiva della squadra alto molisana e questo sicuramente non deve creare drammi in casa alto molisana dove si preparerà in settimana il derby con il Trivento, una gara che sa di riscatto, anche in ricordo dello scivolone di Coppa Italia. AP

2 RETI Parmigiani Josè Augusto (Angolana), Minadeo Antonio (Trivento), Torelli Giorgio (Vis Pesaro), Vicini Emanuele (Vis Pesaro), Belluzzi Andrea (Riccione), Scampamorte Paolo (O.Agnone), D'Ippolito Fabio (Santegidiese), Petrella Mirko (Teramo), Berra Cristian Pablo(Teramo), Buonaventura Alex (Civitanovese), Traini Michael (Civitanovese), Spinaci Riccardo (Civitanovese), Ambrosini Alex (Ancona), Santoni Mattia (Ancona), Orta Mario(San Nicolò), Lalli Alejandro( San Nicolò), Gabrielloni Tommaso(Jesina), Covelli Francesco (Isernia), Valbonesi Davide ( Miglianico), Patrizi Luca (Recanatese), Marchetti Marco (Recanatese), Antonello Corradino (A.Trivento)

Il gialloblù Sabella convocato con la rappresentativa di serie D Andrea Sabella, difensore juniores dell'Atletico Trivento, è stato selezionato dal tecnico della rappresentativa di serie D, Giancarlo Magrini, per il pre-raduno che si terrà domani presso il Salaria Sport Village a Roma. Un primo passo importante per il giovane atleta di mister Massimo Agovino che comunque non si accontenta e punta ad entrare a far parte di quella che sarà la formazione ufficiale. "E' un'occasione per mettersi in mostra spiega Sabella - una possibilità che cercherò di sfruttare nel migliore dei modi per arrivare in fondo". Intanto è tornata alla vittoria la formazione Juniores dell'Atletico Trivento di mister Carmine Rienzo che conquista il derby di Agnone espugnando il Civitelle, per 2-1, con una bella

prestazione corale. Con questi tre punti, la corsa dei trignini riprende dopo il ko interno contro il Miglianico dello scorso turno. La baby formazione dell'Atletico riacquista così anche morale ed entusiasmo in vista dei prossimi impegni di campionato. L'undici di Bucci ha giocato un buon match cercando di mettere in difficoltà i cugini ma alla fine si è dovuto arrendere di misura. Soddisfatto della prestazione il tecnico dei gialloblù Carmine Rienzo: "Sono contento della prestazione offerta dalla squadra - interviene in particolare mi è piaciuta la prova di Perrella che si è riscatto delle ultime opache prestazioni. Al contrario, invece, Iovine, si è espresso al di sotto dei suoi normali standard".

Andrea Sabella

Giudice, 4 di turni squalifica a Kaladze

Robinho:“Sogno lo scudetto e la Champions”

Il giudice sportivo ha squalificato per 4 turni Kaladze (Genoa), espulso per doppia ammonizione e ''per avere, all'atto dell'espulsione, assunto un atteggiamento intimidatorio nei confronti dell'arbitro, rivolgendogli un epiteto ingiurioso e proferendo un'espressione blasfema''. Al giocatore georgiano anche un'ammenda di 5.000 euro. Tre turni di squalifica per Mutu (Cesena) ''per avere, al 28' del secondo tempo, nel corso di un'azione di giuoco, colpito un avversario con un pugno al volto''.

Scudetto e Champions League. ''Vincere tutto'' e' il sogno di Robinho, che dopo oltre un mese di stop e' tornato sabato contro il Palermo ed e' stato fra i protagonisti della vittoria del Milan. ''Ci sono tante squadre in Italia contro cui e' difficile vincere - ha spiegato l'attaccante brasiliano a Milanello -. Pero', con tutto il rispetto, se giochiamo con la stessa fame dell'anno scorso possiamo vincere un altro scudetto. Non so se siamo piu' forti dell'anno scorso, di sicuro siamo forti''.

21 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011


S P O RT VOLLEY MASCHILE SERIE A2

La Fenice festeggia la prima vittoria Al PalaFraraccio la squadra di Giannini infiamma gli animi nel derby con il Sora Il PalaFraraccio torna ad essere un fortino, la vittoria piena tanto agognata arriva e proprio con un secco 3-0. E’ un copione completamente diverso da quello dell’ultima casalinga. La Cicchetti Isernia scende in campo concentrata, riceve bene (78% di positività e 61% di perfezione), difende, mura, lotta coi denti e in un’ora e venti minuti chiude la pratica Sora. Nel primo set subito a segno Di Franco, poi due muri di Sesto e Cardona e Isernia vola sul 5-1, costringendo il tecnico avversario a chiedere il time out. Prova ad accorciare le distanze Sora con Libraro (7-6), ma è un mani e out di Fiore a mandare le squadre in panchina per il primo stop imposto dal regolamento. Tiene il vantaggio Isernia anche nella seconda frazione di gioco ed è sempre capitan Fiore (migliore in campo con 22 punti e il 73% di positività in attacco) ad andare a segno sul 16-11. Allunga poi la compagine pentra 22-17. E’ un missile di ‘El Bombardero’Cardona a chiudere il set 25-20. Non perde la concentrazione la

squadra del tecnico marchigiano Giannini: subito a segno Fiore, seguito da Di Franco. Prova ad invertire la rotta la compagine ciociara con Libraro e Pagni, è il 2 pari (si ferma poi il gioco per l’infortunio di Gemmi portato fuori dal rettangolo di gioco in barella). Al primo stop gli ospiti conducono 7-8. Poi un attacco vincente di Fiore ed un muro di Di Franco invertono il risultato: è 9-8 per i padroni di casa. Recuperano i ciociari, ma invano i ragazzi del presidente Cicchetti danno il via ad uno spettacolo fatto di lunghi scambi e difese spettacolari che animano i tanti tifosi presenti. A chiudere il set ci pensa il centrale siciliano Max Di Franco. Nel terzo set lo start è all’insegnadell’equilibrio: subito a segno Cardona, risponde Sora con una parallela di Van Dijk.Si va avanti all’insegna in un ‘botta e risposta’ con Sesto che porta le squadre sul 32. Un inarrestabile Fiore firma l’8-5. Poi è Fenice show ed i padroni di casa chiudono set (e match) a 13. “E’ stata una partita fantastica da parte di tutta la squadra. Ci

Il capitano Alessio Fiore tra i migliori in campo

aspettavamo un avversario più agguerrito ma il match come nella passata stagione si è risolto facilmente in poco più di un’ora di gioco – commenta il direttore generale Fraraccio - Una nota di merito particolare va al giovane palleggiatore argentino Lucas Simone, al suo esordio nel campionato di A2 da titolare, che ha nettamente sovrastato il suo esperto collega Scappaticcio. ”

VOLLEY FEMMINILE SERIE B2

Buon esordio per l’Effe Sport

Coach Nello Caliendo

Inizio migliore non poteva esserci per la Fonte del Benessere che batte nettamente, per 3-0, il Turi nella prima giornata del campionato di serie B/2 femminile. Di fronte al pubblico amico, Caliendo schiera in partenza Montemurro in palleggio con Muzzo opposto, Tomassetti e Fraraccio centrali, Ricciardi e Salpietro schiacciatrici di

22 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011

banda e Boffa libero. L’approccio all’incontro delle padrone di casa è buono: seppur l’intesa con le centrali non è ancora perfetta, la Montemurro smista bene le alzate e Isernia è avanti 8-4 al primo time-out tecnico. Spettacolare è la combinazione tra la palleggiatrice e la Muzzo che porta sul 13-8, mentre un ace della Fraraccio segna il 16-

10. Il set sembra nelle mani delle padrone di casa che, incredibilmente, sul 17-10, vanno in difficoltà soprattutto nel fondamentale della ricezione, subendo un parziale di 0-8 che permette alle pugliesi di andare a condurre 17-18. Nel frattempo, Caliendo inserisce capitan Cassili al posto della Salpietro, ma è un muro della Montemurro che dà il nuovo vantaggio alle molisane (21-19). Si combatte punto a punto e si va ai vantaggi con la Muzzo che trasforma gli ultimi due attacchi. Al cambio di campo, Caliendo conferma nel sestetto la Cassili. La Fonte del Benessere prende subito un buon vantaggio (7-2) e va alla prima pausa tecnica sul punteggio di 8-5. Le isernine conservano i tre punti in più anche se al secondo tempo imposto dal regolamento la differenza è solo di due per il tentativo di recupero delle ospiti che si concretizza sul 16 pari. Il Turi ci crede, ma la compagine di casa non si fa sorpren-

dere e, complice due errori consecutivi delle avversarie, va sul 22-20, conservando il vantaggio e permettendo alla la Cassili di mettere a terra il pallone che vale il set. La parte iniziale della terza frazione di gioco vede le ospiti tentare una reazione, facilitata da qualche errore di troppo della Fonte del Benessere. Al primo time-out tecnico il Turi è sul 5-8, ma le isernine, guidate nel frangente dalla Ricciardi, si riavvicinano subito e

alla seconda sospensione obbligatoria sono di nuovo avanti (16-15) grazie alla Muzzo. Due volte la Tomassetti (anche con un ace) e la Ricciardi portano il vantaggio a +3 (19-16); poi, dal 20-18 le padrone di casa piazzano un parziale di 5-0 (grazie anche alla buona difesa) che chiude l’incontro con tutte le ragazze ad abbracciare Betty Tortora, l’opposto della squadra pentra, che a giorni si opererà per la lesione al legamento crociato del ginocchio.

L’APPUNTAMENTO

Oggi la consegna della borsa di studio Angelo De Bernrado Questo pomeriggio alle ore 17,00 presso la sede del Comitato Regionale CONI Molise, sita a Campobasso in Via Carducci n. 4/M, si svolgerà la Cerimonia di Premiazione della Borsa di Studio riservata a studenti-atleti e indetta dalla Ditta Sport & Impianti Gioca Giò di Campobasso.

L’ex patron del Venezia nega una combine col Genoa

Bengala e laser, multata la Lazio

Ha negato ogni responsabilita' l'ex patron del Venezia Luigi Gallo nel processo che lo vede accusato di appropriazione indebita di un assegno di 450 mila euro emesso dal presidente del Genoa, Enrico Preziosi. ''Presiedevo il Venezia da soli due mesi, non ne so nulla di combine tra le due squadre. Se ci sono responsabilita', sono di altri e non mie'', ha dichiarato Gallo questa mattina. Il processo e' stato rinviato al prossimo 28 novembre, quando Preziosi verra' sentito dai giudici.

Il giudice sportivo ha inflitto un'ammenda di 20.000 euro alla Lazio perche' i suoi sostenitori, nel corso del derby, hanno usato ripetutamente un fascio di luce laser su alcuni calciatori della Roma, e hanno lanciato ''innumerevoli petardi e bengala ed acceso, nel proprio settore, numerosi fumogeni''. Nessun accenno nel dispositivo del giudice ai cori antisemiti partiti dalla Curva Nord biancoceleste prima del fischio d'inizio del derby.


Meteo Campobasso Mattino

Oroscopo

ORARI TRENI

Pomeriggio

Isernia

Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta Broccoli del Convito (dalla Devozione di Lina Moffa)

Un kg di broccoli neri q. b. di mollica di pane casereccio raffermo un dl di olio extravergine di oliva uno spicchio di aglio un ciuffo di prezzemolo

una manciata di uvetta passita una manciata di gherigli di noci un odore di noce moscata q. b. di sale

Eliminate le foglie dure e il torsolo dei broccoli, staccate le cimette, tagliando in due per il lungo il gambo di quelle più grosse e lasciando intere quelle più piccole. Lavate i broccoli, quindi fateli lessare in acqua bollente salata; a mezza cottura, scolateli e immergeteli per alcuni minuti in una ciotola con acqua molto fredda. Intanto, sbriciolate la mollica di pane, in precedenza fatta asciugare all’aria senza farla seccare, e lasciatela dorare per una decina di minuti in una padella antiaderente con un filo di olio e lo spicchio di aglio privato della camicia e leggermente schiacciato, mescolando con un cucchiaio di legno. Regolate di sale, aggiungete l’uvetta, in precedenza ammorbidita in acqua tiepida, le noci, un trito di prezzemolo e un odore di noce moscata e mescolate il composto. Oleate abbondantemente una tiella di terracotta bassa e larga, adagiatevi i broccoli e spolverizzateli con un’abbondante pioggia di mollica di pane condita. Irrorrate con il restante olio e fate insaporire in forno preriscaldato, a 170°, per una decina di minuti. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili

CAMPOBASSO Farmacia di turno COMUNALE 3 Via Toscana, 24 Tel. 0874.65873

COMUNALE 1 (di appoggio) Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601 Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

TERMOLI Farmacia di turno D’ABRAMO - Piazza Garibaldi - Tel. 0875.706769 PARAFARMACIA DI LENA - Tel. 0875.707976 c/c La Fontana (sempre aperta, anche sabato e domenica, orario continuato)

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

A D N E G A

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 15:22 17:11 17:40 18:18 21:00

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 17:05 18:58 19:30 21:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

Arrivo 09:23 12:15 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro - Il vostro modo di fare piace

Toro 21 apr - 20 mag

(NON DIRETTI)

Partenza 05:15 06:23 13:11 14:04 14:15 17:00 18:15

Arrivo 08:20 09:50 16:53 17:44 17:36 20:26 21:54

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

(NON DIRETTI)

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:37 17:11 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:28 17:50 20:30 20:15 22:48

Leone 23 lug - 23 ago

FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,40 Roma: (Staz. Tiburtina) 11,30-13,30 15,0018,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 15,00-16,3020,00 Venafro: (S.S.85) 13,15-15,35-17,00-20,3022,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 13,45-16,00-17,2520,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 14,10-16,25-18,0021,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 14,30-16,45-18,3021,45-23,15 Termoli: (Terminal) 17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 11.10 12.40 13.50 14.35 (anche festivo) 16.05 17.15 18.30 20.00 21.10 20.05 (festivo) 21.35 22.45 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI

Bilancia 23 set - 22 ott

DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

mille cose da fare ma ve la siete cercata, in quanto non le avete concluse prima e quindi vi ritroverete con il doppio degli impegni, tutti da portare a termine. Diciamo che sarà un giorno tutto da vivere questo, pieno di occasioni e di sorprese, per non dire che sarà un caos totale al quale avreste potuto ovviare con un semplice piano organizzativo.

Vergine - Nella giornata di oggi non avrà molta importanza quello che andrete a fare in ambito lavorativo, quanto interesserà a tutti quanto abbiate da dire in ambito sentimentale. Avete coinvolto un po’ di persone nelle vostre relazioni e quindi è bene che ora mettiate tutti al corrente degli sviluppi ma soprattutto vi toccherà dare qualche spiegazione! nata sarebbe un peccato non procedere con le vostre idee o non divertirvi se ne avete voglia con le persone che vi esprimono un senso di purezza e di serenità. In fondo se non vi fidate abbastanza da non raccontare gli affari vostri, potete sempre restare in silenzio e godervi le ore che trascorreranno in tranquillità.

Scorpione - Nella giornata odierna

Scorpione 23 ott - 22 nov

potrebbe essere un tantino rischioso usare troppo le proprie conoscenze per arrivare ad un compromesso. Se dovete infatti trovare un accordo basterà semplicemente che esplicitiate quello che volete senza fare troppi giri di parole. Lasciate perdere tutto quello che intorno a voi non ha la valenza giusta per il vostro futuro progetto.

Sagittario - Nella giornata di oggi po-

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

treste certamente ottenere un buon risultato grazie al vostro solito impegno. Tuttavia il vostro essere sempre così alla ricerca della perfezione pur essendo persone confusionarie, vi potrebbe portare a volere cose che non sono prontamente realizzabili e che pertanto potrebbero comportare qualche sacrificio che non avevate preventivato!

Capricorno - Coloro che in questa giornata tenteranno di prendervi in giro verranno prontamente allontanati dalle persone che invece hanno capito la loro intenzione e che vogliono proteggervi. Voi infatti non capirete subito di cosa si tratti o meglio, di cosa queste persone vogliano da voi, pertanto è bene tentare un approccio un pochino più determinato e meno dispersivo. Acquario - I sogni possono sempre

LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna

Cancro - Se sapete che alla persona che vi interessa piace un qualcosa in particolare, non c’è motivo per non farla o regalargliela se è questo che sentite dentro il vostro cuore. Se siete persone romantiche è giusto dare sfogo a questa vostra creatività, senza vergognarsi e soprattutto senza pensarci troppo, altrimenti un vostro gesto spontaneo potrebbe divenire costruito.

Bilancia - In questa splendida gior-

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35 - 6,15 (festivo) - 6,30 - 7,00 - 7,45 8,05 (anche festivo) - 11,00 (anche festivo) - 12,35 (anche festivo) - 13,45 - 14,10 (anche festivo) - 14,15 - 16,10 - 17,10 (festivo) 17,20 - 18,05 - 19,55 - 20,35 (anche festivo) TERMOLI-CAMPOBASSO 6,10 (anche festivo) - 6,40 - 6,50 - 7,45 8,15 - 8,30 (festivo) - 10,00 - 12,40 - 13,45 - 14,00 (anche festivo) - 14,10 - 16,05 (anche festivo) - 16,20 - 17,10 - 18,40 (anche festivo) - 19,25 - 20,00 - 21,35 (festivo) 22,10 (anche festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 6.30 7.40 9.10 8.05 (anche festivo) 9.15 10.45 14.15 15.25 16.55 17.10 (festivo) 18.20 19.50

essere quello di oggi, in quanto siete completamente realizzati e non siete minimamente in contatto con energie negative. Finalmente coloro che vi sono intorno saranno di buon umore proprio come lo siete voi e questo si rifletterà in modo positivo anche in campo professionale oltre che affettivo. Tentate le vie più brevi per arrivare al cuore di una persona.

Leone - In questa giornata avrete

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30 Campobasso: (Terminal) 6,10-7,30-9,3013,30-16,00 Bojano: (P.zza Roma) 6,30-7,50-10,0013,55-16,20 Isernia: (P.zza Repubbl.) 7,00-8,20- 10,3014,25-16,50 Venafro: (S.S. 85) 7,25-8,45-10,55-14,5017,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,55-11,2015,15-17,40 Roma: (Staz. Tiburtina) 9,25-10,30-13,0016,45-19,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,30 Siena: (P.zza Rosselli) 12,55 Firenze: (P.zza Adua) 14,00

molto ad una persona e sarà su questa che dovrete puntare per poter ottenere uno sconto, un permesso, l’approvazione di un progetto. Qualsiasi cosa di cui abbiate bisogno, la chiave sarà far passare dalla vostra parte questa persona e chi gli sta intorno e ciò perché potrete riuscire a dimostrare la vostra validità senza dover scendere a compromessi.

Gemelli - Un giorno perfetto potrebbe

CAMPOBASSO-NAPOLI

NAPOLI-CAMPOBASSO CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Notte Termoli

Ariete CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera

Ariete - In questa giornata inizierete la mattinata con grande fervore, in quanto avete iniziato un nuovo ed entusiasmante progetto e non vedete l’ora di metterlo in pratica, ancora prima di dirlo a qualcun altro. Volete sorprendere chi non mostra molta fiducia nelle vostre capacità e fate bene a farlo in questo modo, poiché ci sono questioni che vanno risolte una volta per tutte.

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

realizzarsi e questo potrebbe alla fine della fiera significare che avete molto a cui pensare in questa giornata e molto da fare. Infatti in certi casi la fortuna non c’entra, dovete soltanto impegnarvi fino in fondo per raggiungere il vostro traguardo e quello si materializzerà di fronte a voi senza ulteriori sforzi. Il nocciolo della questione è sempre e solo questo.

Pesci - La giornata potrebbe essere alquanto confusionaria, poiché è possibile che abbiate da pensare a tante cose e non riuscirete fare così come a riflettere. Alcune decisioni dovrete prenderle d’istinto, ma vi dovrete assicurare comunque che vi sia la possibilità di tornare indietro una volta tesa la gamba in avanti. Un passo potrebbe comportare molto più di quanto vi aspettiate!

23 ANNO IV - N° 236 MARTEDÌ 18 OTTOBRE 2011



Quotidiano - 18 Ottobre 2011