Issuu on Google+

Arrestato per violenza sessuale e atti osceni

Raggira l’élite della città 27enne in manette

CAMPOBASSO - I carabineri del capoluogo hanno eseguito un’ordinanza di carcerazione emessa dalla Procura della Repubblica di Campobasso ai danni di un 32enne. D. N. A. queste le sue iniziali è stato arrestato dai militari di via Mazzini: dovrà scontare 1 anno e 8 mesi di reclusione. A PAG. 5

CAMPOBASSO - E’ reclusa nel carcere di Chieti l’insospettabile 27enne di Monacilioni che per mesi ha raggirato noti professionisti, amici e parenti. La ragazza è stata colta in flagranza di reato dagli agenti della squadra mobile del capoluogo che l’hanno arrestata. A PAG. 5

ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL COMUNE DI CAMPOBASSO Nonostante abbiano sempre difeso a spada tratta l’associazione dalle roventi (eufemismo) polemiche estive per i bambini a bordo degli Ingegni, alla presentazione del calendario dei Misteri 2011 non c’era nessuno. Assessori, sindaco e l’intero Consiglio comunale di Campobasso hanno disertato l’importante appuntamento con l’associazione “Misteri e Tradizioni” che contribuisce a dare lustro alla città con la festa del Corpus Domini in cui sfilano in processione le macchine del Di Zinno. Non è che la loro sia stata solo una difesa “di facciata”, o avevano tutti degli impegni istituzionali quel giorno di inizio dicembre? Nel dubbio, assegniamo loro il tapiro del giorno.

L’OSCAR DEL GIORNO A NUNZIA LATTANZIO Ha le carte in regola per ricoprire l’incarico che riveste. Nunzia Lattanzio, il tutore pubblico dei minori a cui oggi va questo oscar, non dovrà lasciare il suo posto di lavoro. Stando a quanto raccontano le nostre fonti, l’Avvocatura dello Stato, a cui l’associazione Misteri e tradizioni di Campobasso si era rivolta per spodestare il tutore, ha visionato i suoi titoli ed è giunta a conclusione che ha tutte le credenziali per continuare ad occuparsi, come ha fatto in questi anni, dei minori in difficoltà.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Premio Cittadino europeo, si parte Patriciello: importante riconoscimento per avvicinare l´opinione pubblica alle istituzioni comunitarie CAMPOBASSO – E’ stato presentato durante la sessione plenaria del Parlamento in corso a Strasburgo il premio del Cittadino europeo. “Si tratta - ha commentato l´onorevole Aldo Patriciello di un importante riconoscimento istituito dall’Ufficio di presidenza del Parlamento europeo destinato a ricompensare: azioni, condotte da singoli cittadini, gruppi, associazioni o organizzazioni che si distinguono per il loro carattere di eccezionalità nel promuovere una migliore comprensione reciproca e una stretta integrazione tra i popoli degli Stati membri; azioni quotidiane che mettono in pratica i valori dell'ospitalità, della solidarietà e della tolleranza o che incoraggiano l'integrazione europea; azioni

Ieri conferenza a Roma con il presidente D’Ascanio

No all’eolico offshore, al ministero si rafforza il fronte del “no” Sul tavolo la pregiudiziale che blocca le autorizzazioni in attesa del Tar Molise CAMPOBASSO – Vince il “no” all’eolico al largo delle coste molisane nella conferenza di servizi di ieri mattina al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. È stata esaminata la richiesta della ditta Effeventi finalizzata alla costruzione di una centrale eolica offshore al largo di Termoli con la pregiudiziale posta dal presidente della Provincia, Nicola D’Ascanio, che ha evidenziato come nessun procedimento autorizzativo può essere attivato in presenza della sospensiva e sino al definitivo pronunciamento del Tar Molise. I giudici amministrativi, infatti, lo scorso mese di maggio, erano intervenuti sul decreto del ministero dell’Ambiente che, di concerto con il ministero dei Beni Culturali, aveva espresso parere favorevole alla realizzazione della centrale eolica. Dopo una breve disamina della pregiudiziale, sulla quale hanno concordato anche il sindaco di Termoli, Di Brino, il sindaco di Petacciato, La Palombara, e l’assessore del Comune di Montenero di Bisaccia, i funzionari ministeriali hanno chiuso la conferenza alla quale era assente la Regione Molise. “Esprimo convinta soddisfazione per come abbiamo condotto e per come si è conclusa la riunione odierna – afferma D’Ascanio –. Sono fiducioso nell’esito della battaglia per la salvaguardia del nostro territorio. La posta in gioco è troppo importante per il futuro stesso dei nostri giovani ai quali dobbiamo offrire speranze e prospettive fondate di sviluppo e benessere. Non capisco – aggiunge – come a fronte di questi bei risultati unitari degli Enti locali, la Regione Molise stia ancora aspettando nel decidere una volta per tutte il blocco di ogni ulteriore installazione eolica. Tale sovrapproduzione non ha peraltro determinato nessun beneficio di ritorno, né a favore del cittadino, né a favore delle imprese che al danno aggiungono la beffa del superprelievo tributario praticato dalla giunta regionale. Spero – conclude D’Ascanio – che questo importante, seppur parziale risultato di oggi, convinca le responsabilità politiche regionali ad imboccare la giusta strada dello sviluppo sostenibile”.

2 ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010

particolarmente meritevoli intraprese da cittadini nel contesto del lavoro dell'Unione europea con paesi terzi e che traducono in pratica i valori della solidarietà e della cooperazione internazionale. Mediante tale premio - ha continuato Patriciello - si é inteso stimolare i cittadini affinché cresca il sentimento di appartenenza europea”. I cittadini, gruppo, associazioni o organizzazioni interessate, hanno facoltà di presentare la propria candidatura tramite un membro del Parlamento europeo che potrà ‘patrocinare’ le proposte indirizzandole al segretariato della cancelleria entro il 15 febbraio 2011. La segreteria di Patriciello é a disposizione di tutti coloro vogliano partecipare al concorso.

Liu Xiaobo, il Molise dalla sua parte CAMPOBASSO – Il consigliere regionale di Progetto Molise, Nicola Eugenio Romagnuolo, ha presentato un ordine del giorno in Consiglio regionale per esprimere solidarietà e vicinanza a Liu Xiaobo, premio Nobel per la pace che sta scontando una condanna in carcere in Cina per il suo impegno a favore della democrazia. L’odg impegna l’aula di palazzo Moffa a sostenere qualsiasi iniziativa (anche a mezzo di petizioni online attraverso il sito internet liberiamoliu.wordpress.com) volta alla immediata ed incondizionata liberazione di Liu Xiaobo e di sua moglie Liu Xia e a garantire la piena incolumità dei loro familiari, votando la proposta di immediata liberazione dei coniugi vittime del regime comunista cinese. “E’ nostro dovere – ha scritto Romagnuolo - come rappresentanti dei cittadini in un paese libero e democratico, impegnarci ed esprimere la nostra vicinanza con azioni concrete nei confronti di coloro che si battono per affermare gli ideali di libertà e democrazia in un paese dove questo non è ancora possibile e lo Stato cerca di controllare e reprimere anche il confronto e la comunicazione

tra gli individui. Con questo provvedimento vogliamo sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema”. Liu Xiaobo, 54 anni, cittadino cinese ed ex professore universitario di filosofia, vincitore del Nobel per la Pace, corrispondente per alcune testate giornalistiche cartacee e online, nel 1989 viene arrestato e incarcerato per aver partecipato allo sciopero della fame degli studenti cinesi. Nel 2009 Liu Xiaobo è stato condannato a 11 anni di prigione per istigazione alla sovversione, reo di aver partecipato alla stesura della Carta 08, un documento favorevole alla democrazia sottoscritto da migliaia di cittadini cinesi. La moglie, Liu Xia, che ha dato al marito in carcere la notizia della vittoria del premio Nobel della Pace, si trova agli arresti domiciliari, con le autorità che le impediscono contatti con l’esterno, pur non essendo stata accusata formalmente di alcun crimine, colpevole solamente di essere la moglie di un sovversivo.

Il consigliere regionale Romagnuolo ha presentato un ordine del giorno di solidarietà al dissidente cinese premio Nobel per la Pace

Berlusconi: ho molti posti da offrire

Bersani: il premier compra voti

ROMA – Silvio Berlusconi il giorno dopo aver incassato la fiducia per tre voti alla Camera ribadisce: vado avanti, niente elezioni, ora allargare la maggioranza. Ieri, intanto, a pranzo Berlusconi ha raggiunto il Quirinale, per la consueta colazione di lavoro in vista degli appuntamenti europei di oggi a Bruxelles.

ROMA – “Alla Camera il governo non ha la maggioranza dei voti, si tratta di una operazione di sopravvivenza, di un capo del governo che aggira il tema politico raccattando, comprando un voto qui e là – ha detto il leader del Pd, Pierluigi Bersani –. Mi chiedo cosa c’è da aspettarsi da un vivacchiamento che non porta a nessuna decisione utile”.


PRIMO PIANO

Tengo famiglia... ma tengo pur 'o giurnal! Il suo nome è sulla bocca di tutti, anche se noi della Gazzetta ci auguriamo che si tratti solo di cattiverie. Ma certo è che in Molise non si parla d'altro e cioè di come sia riuscito Cosmo Galasso, coordinatore regionale di Progetto Molise, a infilare due suoi stretti parenti (si dice la moglie e il cognato) nella sterminata compagine impiegatizia della Asrem. In tempi di crisi, come quella attuale, e con i pericoli che ci sono di commissariamento, l'impresa che è riuscita a Galasso è a dir poco magistrale. Piazzare mezza famiglia in un ente pubblico, senza né concorso, né selezione, nel silenzio più totale, è un vero e proprio colpaccio. Le malelingue sostengono che, da quando Galasso si è trasformato in editore della versione corretta e aggiornata de Il Nuovo Molise, abbia raggiunto una potenza e un gradimento alla corte di Iorio che

non ha eguali. Ma qualcuno suggerisce che il presidente non ne sappia niente e il giornale o il mestiere di editore non c'entrino nulla. Anzi, Iorio si sarebbe seriamente rabbuiato, quando l'ha saputo. L'assunzione pilotata dei due illustri congiunti di Galasso non sarebbe frutto di una forzatura presidenziale, ma sarebbe stata guidata dai suggerimenti disinteressati di un importante dirigente della Asl di Isernia a caccia di candidature regionali. Progetto Molise, di cui Galasso è il capo supremo, gliela avrebbe promessa ed ecco che arrivano le due assunzioni dirette. Un ruolo altrettanto importante l'avrebbe rivestito Remo Di Ianni, coordinatore provinciale di Progetto Molise, guarda caso anche lui impiegato negli uffici della Asrem a Isernia. Mah, quando si parla di coincidenze...

Sarà vero...? Se fosse così, si tratterebbe di cose molto serie e fatte anche senza informare Rosa Iorio, la direttrice del distretto, che però non avrebbe potuto fare nulla perchè le assunzioni sarebbero state fatte dalla gestione straordinaria delle ex-Asl regionali. Insomma un partitino delle exAsl controllato direttamente dagli uomini di Progetto Molise. E bravi.......! Comunque sia, quanto accaduto a Isernia merita una attenta riflessione. Siamo curiosi di stare a sentire il Coordinatore regionale di Progetto, quando si rivolgerà ai giovani disoccupati, per chiedere il voto in favore del suo movimento. Cosa si inventerà per essere credibile...........? L'unico slogan che potrebbe declamare senza tema di essere smentito è il seguente: “Venite via con me. Se va bene, avrete un fu-

turo alla Asl, se va male un contrattino da collaboratore a Il Nuovo Molise”. Ignazio Annunziata

Regione Molise, accreditati 118 mln di euro Dalla Ragioneria dello Stato una boccata d’ossigeno per l’economia locale. Vitagliano: ora potremo soddisfare imprese e fornitori che in questi mesi hanno sofferto la nostra carenza di cassa CAMPOBASSO – Sono finalmente arrivati i soldi alla Regione Molise. Lo rende noto l’assessore alla Programmazione Gianfranco Vitagliano che ieri ha annunciato la conclusione delle procedure di accreditamento da parte della Ragioneria generale dello Stato che ha messo nelle casse molisane circa 118 milioni di euro. Il braccio operativo della giunta Iorio spiega inoltre che “in questo momento le strutture delle Finanze della Regione Molise sono impegnate a perfezionare le procedure che consentiranno, finalmente, di soddisfare tante imprese e tanti fornitori che in questi mesi hanno sofferto la carenza di cassa della Regione deri-

vante dal mancato rientro di crediti vantati nei confronti delle amministrazioni centrali”. Il consueto scaricabarile che per mesi è andato avanti sembra essersi concluso. E potranno tirare un sospiro di sollievo anche i dipendenti delle imprese che avevano avuto la ‘sfortuna’ di aggiudicarsi gli appalti della Regione. Appalti per i quali gli imprenditori hanno anticipato i soldi e preso impegni con gli operai e le loro famiglie e che, a causa di questi crediti mancati, rischiavano davvero di passare un brutto Natale. L’ultimo esempio, ma solo in ordine di tempo, riguarda la Falcione Costruzione i cui lavoratori proprio pochi giorni fa hanno protestato sotto la

Prefettura. Da due mesi erano senza stipendio. Noi scrivemmo che la colpa era della Regione e del Comune di Campobasso che rispettivamente dovevano alla ditta 11 e 4 milioni di euro. Trenta miliardi delle vecchie lire ‘ostaggio’ del governatore Iorio e del sindaco Di Bartolomeo. Ci avevamo visto giusto, tanto che oggi le parole di Vitagliano sembrano confermare la posizione assunta. Si tratta solo di capire se questo accreditamento sarà sufficiente per tutte le aziende che avanzano denaro dalla Regione e soprattutto in quanto tempo sarà ridistribuito. Redazione politica


REGIONE Firmata ieri l’intesa che garantisce l’assistenza a 1350 anziani ex dipendenti pubblici

Pensionati non autosufficienti Accordo Regione-Inpdap CAMPOBASSO – Anche i pensionati pubblici non autosufficienti potranno fruire dell’assistenza domiciliare. È stato, infatti, firmata ieri la convenzione, per l’attuazione di un progetto sperimentale, tra la Regione e l’Inpdap Molise. Presenti l’assessore alle Politiche sociali, Angela Fusco Perrella, la direttrice regionale Inpdap Molise, Raffaella Buonsanto, il direttore generale della Regione Molise, Antonio Francioni ed i coordinatori degli ambiti territoriali. “È un momento importante

e significativo – ha affermato l’assessore Fusco –. Il progetto garantisce assistenza a 1.350 anziani, considerando che, complessivamente, nel Molise rappresentano il 21,9% della popolazione. Si tratta del secondo protocollo firmato con l’Inpdap – ricorda – dopo quello per i minori non vedenti e, quindi, ci piace lavorare con questa rete. Mi auguro che su possa continuare a lavorare in questo modo”. Continua, quindi, la proficua collaborazione tra Regione Mo-

Un molisano che vive a Milano scrive a Marinelli sulla Fiera dell’Artigianato

“Il mondo ci guarda, evitiamo figuracce!” CAMPOBASSO – Giorgio Marinelli, un giovane molisano di Petrella Tifernina che, purtroppo, come tanti suoi corregionali, ha dovuto inseguire i suoi sogni altrove, scrive all’assessore regionale alle Attività Produttive e Turismo quasi omonimo. “Non avrei mai immaginato – o meglio non avrei mai sperato – di sentirmi moralmente costretto a scriverle questa lettera. Purtroppo la ferita al mio orgoglio di molisano merita giustizia! Milano, la città che da oltre sette anni mi ospita, nel ponte di Sant’Ambrogio si raccoglie intorno alla Fiera Internazionale dell’Artigianato. C’erano proprio tutti: dalla Siria alla Colombia, dalla Calabria alla Thailandia. Ho cercato invano, senza trovarli, i merletti di Isernia, i coltelli di Frosolone, le campane dei suoi concittadini di Agnone, la Tintilia, il caciocavallo dell’alto Molise, l’olio e i salumi delle nostre colline. In cambio, però, ho trovato 7-8 stand tristissimi, deserti, riempiti di bigiotteria, argenteria, articoli da regalo, orologi a muro, scarpe e… mi sono reso conto di essere in Molise solo perché lo avevo cercato sulla mappa e – anche dopo averlo trovato – ho dovuto chiedere conferma ad un misero cartello pubblicitario che sovrastava lo scarno allestimento. So bene che lei è preso dalle sue tante carte, riunioni, sagre di paese, convivi, ma si ricordi che il mondo ci guarda e, quando deluso smetterà di farlo, sarà peggio. L’unica cosa che le consento è di radunare tutti gli illustri consulenti ed addetti che a vario titolo hanno organizzato nel concreto la manifestazione e – a nome del popolo molisano – ‘li prenda a calci’, il dove lo scelga lei, per me fa lo stesso. Per lei, visto il risultato, confido nei ‘calci’ delle urne elettorali! Il prossimo anno, però, prima di ri-prendere decisioni sbagliate, le consiglio di scendere in strada, di fermare il primo passante e di chiedergli cos’è l’artigianato in Molise. Eviteremo un’altra figuraccia, per dirla in modo gentile! Chiudo dicendo che a mio modesto avviso i sogni dei politici molisani non hanno mai rispecchiato – e purtroppo ancora oggi non rispecchiano – i sogni dei giovani molisani, ai quali non resta che rincorrerli anche molto lontano. Rincuorandola della mia più totale estraneità a doppie ed ambigue finalità politiche, la saluto cordialmente”. Dott. Giorgio Marinelli

lise e Inpdap, ente previdenziale orientato ad offrire ai dipendenti pubblici e alle loro famiglie prestazioni a carattere socio-assistenziale, con l’intento di promuovere il benessere collettivo in sinergia con altri soggetti pubblici. Una scelta strategica per i progetti da attuare sul territorio regionale con uno sguardo al nuovo sistema sanitario che punterà ad evitare il più possibile l’ospedalizzazione. L’iniziativa, inoltre, rappresenta per la Regione Molise una preziosa opportunità per

implementare la progettazione territoriale degli interventi sociali ed incrementare il numero degli anziani non autosufficienti assistiti dagli Ambiti territoriali. Garantire sostegno ai pensionati pubblici con i fondi concessi dall’Inpdap consentirà, infatti, di liberare risorse utili a potenziare l’offerta delle prestazioni assistenziali sull’intero territorio regionale, ampliando la gamma degli interventi diretti all’utenza.

Aperte le iscrizioni al corso per esperti alimentaristi CAMPOBASSO – Sono aperte le iscrizioni per il corso per la formazione di esperti nella valutazione sensoriale di prodotti alimentari emblema del Made in Italy agro-alimentare, quali formaggi, salumi e pane. L’iniziativa è stata presentata ieri dall’Ordine dei Tecnologi Alimentari della Regione Molise (Ota Molise), in collaborazione con la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi del Molise, l’associazione Formica Onlus, l’Istituto di Scienze dell’Alimentazione del Consiglio Nazionale delle Ricerche e con la Camera di Commercio di Campobasso. Il requisito fondamentale di questa figura professionale è l’elevata dinamicità tale da consentire una sinergica interazione con una realtà produttiva, quale quella agro-alimentare, in continua evoluzione. Il corso si articola in tre moduli formativi relativi alle tre differenti tipologie di alimenti. Ciascun modulo, avente la durata di trentaquattro ore, è caratterizzato da una sezione formativa di carattere generale, avente una durata di 18 ore, che intende fornire i principi di analisi sensoriale, e da una parte speciale, avente una durata di 16 ore, rivolta all’acquisizione degli strumenti e delle conoscenze per l’analisi sensoriale dello specifico prodotto. Al corso formativo possono accedere un numero massimo di

40 partecipanti che siano in possesso di almeno uno dei seguenti requisiti: iscrizione all’ordine dei Tecnologi alimentari, possesso della laurea in Scienze e Tecnologie alimentali, appartenenza ad un’azienda operante nella preparazione e/o trasformazione e/o somministrazione di alimenti, possesso di una comprovata esperienza

nell’ambito del settore agro-alimentare. La domanda di iscrizione, compilata su apposito modulo disponibile sul sito www.otamolise.it o dovrà essere inviata attraverso e-mail all’indirizzo: info@otamolise.it o spedita all’indirizzo: “Settore Formazione Otas Molise-Via Carducci 88/Q, 86100 Campobasso” entro il 21 gennaio 2011.

Michele Picciano a Santa Croce SANTA CROCE DI MAGLIANO – Continua il ‘tour istituzionale’ del presidente del Consiglio regionale Michele Picciano. L’ultima visita, ma solo in ordine di tempo, nell’amministrazione del sindaco Alberto Florio che assieme a maggioranza e opposizione ha accolto il capo di palazzo Moffa in una freddissima giornata invernale. Nella sede di via Crapsi è stato il primo cittadino, con la fascia tricolore, a ricevere Picciano a cui ha voluto ribadire “la stretta sintonia che di fatto unisce la nostra comunità al governo regionale”. Santa Croce, si ricorda, è stato uno dei comuni più gravemente colpiti dal terremoto del 2002 e, inevitabilmente, il discorso è scivolato sulla ricostruzione, “nel cui ambito, nel nostro centro – ha proseguito Florio - molte cose sono state già fatte, ma tante restano ancora da fare e ci aspettiamo, perciò, un forte supporto da parte della Regione”. “Non è una visita elettorale – ha aggiunto la massima espressione del Consiglio regionale del Molise, in ciò rispondendo subito anche al rappresentante della minoranza che, appunto, si auspicava che non fosse un incontro in vista delle prossime elezioni – ma una visita essenzialmente istituzionale, concordata con il sindaco e programmata da tempo. Questi incontri devono servire a rafforzare il senso dello Stato ed è stato un mio preciso impegno assunto al momento del mio insediamento, per far sentire vicina l’istituzione regionale più alta alle realtà locali. Ho raccolto le vostre indicazioni e i vostri suggerimenti per lo più riguardanti la ricostruzione dopo terremoto, che saranno puntualmente rappresentati al presidente della Regione, Michele Iorio”.


CAMPOBASSO Si trova reclusa nel carcere di Chieti la 27enne che aveva messo in piedi raggiri per diverse centinaia di migliaia di euro

Tuffa parenti e professionisti, in manette insospettabile ragazza Negli ultimi due anni si era spacciata per la Dirigente della sede di Campobasso di una fantomatica Società di Recupero Crediti di Salerno truffando e raggirando anche noti professionisti del capoluogo. Si tratta di una insospettabile 27enne di Monacilioni, Cristina Mezzacappa. La ragazza, che ora si trova reclusa nel carcere di Chieti, è stata arrestata dagli agenti della Squadra Mobile del capoluogo, colta in flagranza del reato di tentata truffa aggravata ai danni dell’Ivri (locale istituto di vigilanza), falso ed altro. La giovane, che si presentava a tutti come laureata (titolo mai conseguito), è stata beccata sul fatto durante una delle sue ‘operazioni’. Dopo essersi recata qualche giorno prima all’Ivri per depositare nel caveau dell’Istituto 3 valigie di sicurezza contenenti, a suo dire, denaro contante ed oro (per un importo pari a 500 mila euro) si era occupata della stipula del contratto assicurativo sul valore dichiarato. In base agli accordi, le valigie, a cui poi se ne è aggiunta una quarta, dovevano essere consegnate a due venditori di autovetture

(per il pagamento di mezzi già intestati e non ancora saldati) e a un gioielliere (il quale doveva ricevere una considerevole partita di ora proveniente da un’asta tenutasi al Tribunale di Benevento). Un’operazione sospetta che ha fatto scattare gli accertamenti degli uomini della Mobile, i quali hanno sorpreso la ragazza nel momento in cui si accingeva ad intraprendere il giro di consegne con le guardie Giurate. Alla vista degli Agenti la 27enne ha accusato un malore manifestando evidente disagio. Messa alle strette ha quindi aperto le valigie rivelando il vero contenuto: niente soldi o oro, ma solo risme di carte bianca e documentazione senza valore. Intento della giovane era dunque quello di lucrare sulle somme corrisposte dall’assicurazione stipulata sui valori fraudolenti dichiarati, facendo così ricadere la colpa sul personale dell’Istituto. Dietro quest’episodio, però, una lunga lista di raggiri. La ragazza era riuscita ad ingannare un noto avvocato di Campobasso, l’ex sindaco di Monacilioni, uno

Violenza sessuale e atti osceni: in manette un 32enne L’uomo, arrestato dai carabinieri, dovrà scontare 1 anno e 8 mesi di reclusione Sulle sue spalle pesava un’ordinanza di carcerazione emessa dalla Procura della Repubblica di Campobasso. Provvedimento che i carabinieri di via Mazzini hanno eseguito nelle scorse ore, traendo in arresto D.N.A., 32enne del capoluogo, condannato a un anno e otto mesi di reclusione per violenza sessuale e atti osceni. Guai anche per N.M., pregiudicato di 51 anni denunciato dai militari del nucleo operativo e radiomobile per inosservanza dei provvedimenti dell’autorità. L’uomo, infatti, sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora con divieto di allontanarsi dall’abitazione dalle 20 alle 8 del giorno successivo, non si trovava all’interno della propria residenza al momento del controllo di verifica effettuato dai carabinieri. Lu.a.

zio, altri parenti ed amici. Nello specifico, era riuscita ad ottenere 5 autovetture con l’impegno di pagarle successivamente per un valore superiore ai 100 mila euro (mezzi che aveva poi regalato ad amici e parenti) ed aveva ricevuto un prestito di 40 mila euro da un disoccupato a cui aveva fatto firmare un falso contratto di lavoro, corrispondendogli solo poche mensilità. Inoltre, 120 mila euro li aveva avuti dai congiunti. Nella sua abitazione, la 27enne aveva dei timbri che utilizzava per rendere più credibili gli atti. Ignari di tutto i genitori che mai avevano avuto sospetti sull’onestà della propria figlia. Ieri mattina, nella sede della Squadra Mobile di Campobasso, una conferenza stampa per illu-

strare i dettagli dell’operazione. Il Dirigente Barone ed il vice Commissario Oriente non escludono del tutto che la ragazza possa avere dei complici. Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Fabio Papa vanno dunque avanti.

Esercito, presentato ieri il nuovo calendario 2011 Piccotti: “Comunione d’intenti e buon senso per un anno di serenità e di pace” “Un momento che rappresenta l’augurio dell’esercito a cittadini e istituzioni per un Natale di serenità ed un nuovo anno ricco di speranza”: il generale Piccotti inaugura così la cerimonia di presentazione del calendario 2011 dell’esercito italiano. Un percorso di foto e immagini che ripercorre le tappe di maggiore rilevanza della storia del corpo militare, proprio nel centocinquantesimo anniversario della sua nascita: “L’esercito ha contribuito al processo identitario della nazione, anche nei momenti meno felici, come quelli delle guerre che hanno coinvolto il nostro Paese. Una forza che è espressione della nazione e della società anche in una realtà come quella del Molise, territorio in cui c’è piena sinergia e comunione di intenti con l’attività delle altre istituzioni”. A presenziate all’incontro anche il vicesindaco di Campobasso Cimino e gli assessori Muccilli e Occhionero – rispettivamente per Regione e Provincia - nonché Monsignor Giancarlo Bregantini, arcivescovo della diocesi di Campobasso - Bojano: “La crisi che stiamo vivendo è di carattere etico, prima ancora che economico e sociale. Per questo c’è l’esigenza di maggiore solidarietà e di comportamenti più sobri per recuperare un indirizzo etico chiaro”.

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO Riceviamo e pubblichiamo la rettifica dell’associazione “Il nostro quartiere S. Giovanni” in merito all’articolo apparso sul nostro quotidiano il giorno 12/ 12/ 2010, dal titolo “Vinchiaturo ce l’ha fatta, Campobasso no”. Questa la replica: Abbiamo letto, con grande sorpresa, l’affermazione del giornalista ‘A. Cu.’ allorquando egli sostiene, con riferimento allo stato di abbandono delle opere del contatto di quartiere che il comitato “tiene la bocca chiusa”.

Siamo stati gli unici a seguire lo svolgimento dei lavori senza mai arrenderci, istituendo tavoli di lavoro, assemblee pubbliche, continui solleciti all’amministrazione comunale e allo Iacp arrivando anche a denunciare all’autorità giudiziaria lo stato dei lavori. Testimonianza del nostro operato in tutti questi anni, come unica parte spronante, per risolvere le problematiche sorte nel corso dei lavori, meritandoci anche l’appellativo di perenni rompiscatole, lo sono i R.U.P. e i direttori dei lavori dei due enti, nonché l’attuale amministrazione comunale, che dalle nostre segnalazioni ha potuto con-

statare la gravità della situazione in atto. L’associazione difende il proprio ruolo, quale firmataria del protocollo d’Intesa del contratto di quartiere continuando ad essere punto di riferimento, per gli abitanti della zona, sia per informazioni che per la raccolta delle segnalazioni inerenti al contratto stesso. Il tutto è consultabile, sia in articoli che foto, sul nostro sito. Respingiamo, quindi, con forza l’affermazione fatta dal giornalista circa il comportamento tenuto dalla nostra associazione ed invitiamo lo stesso ad approfondire le proprie conoscenze in merito.


SPETTACOLI La serata proseguirà alla discoteca Alexander con il dj Claudio Di Rocco

Gazzè, ritorno con stile Sabato il cantautore romano live al Blue Note music club Marco, giovane talento?

RIPALIMOSANI - Il cartellone natalizio del Blue Note ha in serbo ancora grossi nomi del cantautorato italiano. Sabato prossimo (18) il concerto di Max Gazzè sarà il terzo in ordine cronologico. Con nove album pubblicati, Gazzè si concede a lunghi tour. Non si è lasciato sfuggire Sanremo (l’ultimo nel 2007) e neanche il cinema. Infatti ad inizio anno si è cimentato per la prima volta in un film, nell’esordio alla macchina da presa di Rocco Papaleo “Basilicata coast to coast”. Interpretava un musicista muto. Il cartellone invernale terminerà il 5 gennaio 2011 con il live di Nidi d’Arac. Unica pecca l’annullamento del concerto della Bandabardò previsto il 28 dicembre. La serata seguirà sino a notte fonda alla discoteca Alexander, dove ospite in consolle il dj house Claudio Di Rocco. Con il biglietto del Blue Note si avranno agevolazione alla cassa della discoteca. La sera di Natale al Blue Note un classico da oltre vent’anni, il Funkydrome, mentre all’Alexander la serata sarà in diretta su M2o con dj Provenzano. Contatti 087439530, 087461123.

Campane e percussioni CAMPOBASSO - Si intitola “Campana e sonus” la serata di sabato al teatro Savoia nell’ambito del cartellone degli Amici della musica. Un’esibizione che esula dal carettere musicale dell’intera proposta, sarà infatti un live che vedrà interagire campane, metalli e percussioni con i musicisti delle Percussioni ketoniche (foto): Giulio Costanzo, Gra-

ziano Carbone, Tony Salvador Conte, Ivan Messere, Roberto Napoletano, Marco Tamburri, Oreste Sbarra. Sarà questo l’ultimo concerto per il 2010, si riprenderà l’8 gennaio con l’orchestra sinfonica dell’Hermitage di San Pietroburgo. Il 15 gennaio Flavio Cucchi e gli Archi di Firenze, mentre il 22 chitarra solo con Manuel Barrueco.

FLASH CAMPOBASSO - Questa sera da Pulp, è Arrocksticino party. CAMPOBASSO - Domani aperitivo in musica dalle 20.00 al Physique in via Fusco. ISERNIA - Venerdì 17 dicembre al discobar La Strada ospite il percussioniosta Mario Ciacciarella. Play Alessandro Roccia, Pietro Rama. CAMPOBASSO - Venerdì al Kamaloca serata Charme electronique. Play Mario Tallari, Andrea Palazzo, Pietro Mucciarone. CAMPOBASSO - Sabato 18 dicembre alla discoteca Red Passion, special guest J-Ax. CAMPOBASSO - Sabato al Rudy’s lounge bar Soul vibes, sound Charles Papa. FERRAZZANO - Sabato e domenica al Teatro del loto in scena Maddalena Crippa in “E pensare che c’era il pensiero”.

CAMPOBASSO - Il piglio è quello di chi si affaccia nel dorato mondo dello spettacolo e vuole arrivare in alto. Marco D’Alena, 24enne molisano, di Campobasso (papà portalettere, mamma casalinga), si cimenta con gran passione nel canto. Interpreta ma scrive anche, si definisce un cantautore e in questo senso ha già scritto molte canzoni. Non sarà certo facile farsi spazio nel rutilante mondo dello showbiz, ma Marco ha la grinta giusta. Certo è che la dea bendata può farsi largo tra le aspettative del giovane molisano che, nel frattempo, ha pubblicato un video in rete “Forse un giorno” con circa 1.000 visite in meno di un mese. Il brano rientra sicuramente nella fascia più easy della melodia italiana, quella più cantautorale stile Canu, Carta, insomma una risultante mediatica tipo Amici-De Filippi-XFactor, dalla quale però, è bene prendere le distanze per la blanda resistenza del prodotto finale alle lusinghe del mercato, ai compromessi con gli sciacalli del business ad ogni costo. Per ora Marco può godersi i riconoscimenti vari che sta ottenendo e il successo del video in rete. Lo attendiamo al primo disco.

Nuzzo Di Biase show

BOJANO - Il cartellone teatrale al comunale di Bojano, ha preso il via sabato scorso, il secondo appuntamento è previsto martedì 28 dicembre alle 21.00 “Nuzzo Di Biase show” con Maria Di Biase e Corrado Nuzzo (foto). Si riprende il 17 gennaio con “Pirandello, personaggio e scrittore”. In scena Lino D’Ambrosio, Paola Cerimele, Silvia Siravo, Raffaello Lombardi, Valeria D’Avorgna. Info 0874772830.

Gorillaz a profusione In arrivo nuovo disco

Gery Halliwell torna a cantare

Al microfono di una radio australiana, Damon Albarn ha annunciato che il titolo del nuovo album dei Gorillaz in download gratuito il giorno di Natale, sarà "The fall". Albarn aveva dichiarato: "Abbiamo registrato del nuovo materiale mentre eravamo on the road. Cercheremo di pubblicarlo prima dell'inizio delle festività natalizie.

Erano vere le voci secondo le quali Geri Halliwell avrebbe deciso di tornare alla musica dopo un'assenza di sei anni. La ex Ginger delle Spice Girls, il cui ultimo album solista risale al giugno 2005, ha confermato la notizia dicendosi "Molto elettrizzata, è una cosa alla quale penso da molto tempo e adesso le cose mi sembrano essere al punto giusto",

7 ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010


Neve e gelo, Isernia come la Siberia

Scuole, Mauro bacchetta la Provincia

La provincia di Isernia nella morsa del gelo. Le temperature, in questi ultimi giorni, sono rimaste costantemente sotto lo zero. Ieri ha fatto la sua prima comparsa stagionale anche la neve, soprattutto in Alto Molise. Sulle principali arterie stradali non sono stati registrati gravi disagi.

Al consigliere regionale ed ex presidente dell’ente di Via Berta non piace il piano di ridimensionamento scolastico presentato dalla Provincia pentra. Il consigliere comunale ha parlato di scelte dettate dalla politica e che non hanno fatto altro che provocare danni in Alto Molise.

ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Troppi lo vogliono... Pochi lo avranno www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL COMUNE DI VENAFRO Agli Lsu del Comune di Venafro sta per scadere il contratto. A gennaio torneranno a casa. I lavoratori socialmente utili sono ancora in stato di agitazione. A detta del consigliere comunale Antonio Sorbo, l’ente non avrebbe fatto nulla per garantire loro l’occupazione. Mentre, sempre secondo il consigliere di Città Nuova, avrebbe proposto a parte di loro una sorta di “elemosina”. Ora della vicenda è stato interessato anche l’assessore provinciale alle Politiche Sociali, Domenico Izzi, affinché l’ente di Via Berta possa assorbire parte dei lavoratori. Del caso sarà interessata anche l’assessore regionale Fusco Perrella. Al Comune di Venafro, dunque, non si spengono le polemiche.

L’OSCAR DEL GIORNO A FILOMENA CALENDA L’assessore provinciale allle Poltiche per le Pari Opportunità si è resa protagonista di un‘iniziativa interamente dedicato agli anziani. Oggi, infatti, presso l’Officina della Cultura, ci sarà una manifestazione dal titolo “Un sorriso per loro”. Durante l’evento gli anziani avranno modo di discutere le loro problematiche con i rappresentanti della varie istituzioni. Un progetto davvero molto interessante che vede protagonista gli anziani, troppo spesso dimenticati e non inseriti nella società. Un plauso, dunque, a Filomena Calenda.

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Boom di adesioni al concorso. Il Comune costretto a rinviare le prove d’esame

Il regalo di Natale per gli isernini? Un posto da Vigile Urbano

ISERNIA – Boom di adesioni al concorso per entrare nella Polizia Municipale. Una partecipazione mai vista prima e che ha costretto il Comune ha rinviare le prove d’esame. Come si evince anche dal comunicato inviato da Pa-

lazzo San Francesco, infatti: “Sono state rinviate a data da destinarsi le prove d’esame della selezione pubblica bandita dal Comune di Isernia lo scorso 16 novembre e finalizzata alla formazione d’una graduatoria da

utilizzare per assunzioni, a tempo determinato, di agenti di polizia municipale. La decisione s’è resa necessaria per l’alto numero degli aspiranti e per la conseguente difficoltà di provvedere ad una completa istruttoria delle domande. Il nuovo calendario delle prove verrà pubblicato sul sito web del Comune di Isernia”. Nel capoluogo pentro, dunque, tutti vogliono fare il difficile e faticoso mestiere del Vigile Urbano. Una scelta dettata, per la maggior parte dei casi dalla crisi economica che l’Italia sta attraversando e dalla mancanza di occupazione. Entrare a far parte del Corpo di Polizia Municipale, seppur con un contratto a tempo determinato, potrebbe rappresentare una svolta per i tanti giovani isernini disoccupati. Con questi chiari di luna, infatti, solo negli enti pubblici (in questo caso il Comune di Isernia) i dipendenti hanno assicurato lo stipendio

Anziani, ecco le iniziative dell’assessore Calenda I dati sulla popolazione confermano come la Provincia di Isernia, dal punto di vista del numero di abitanti, sia la più piccola d’Italia, con la caratteristica saliente, in termini di distribuzione della popolazione per classi di età, della bassa quota di persone in età compresa tra i quindici e i 64 anni, con una forte incidenza di ultrasessantenni. Le problematiche più rilevanti – nella provincia di Isernia – sono, quindi, legate alla numerosa presenza di persone anziane che, costituiscono il 25% dell’intera popolazione con intuibili conseguenze in tema di incidenza sulla spesa sanitaria, dell’esiguità del reddito pro-capite e dei problemi legati all’assistenza. “La nostra provincia – ha dichiarato in merito l’assessore Filomena Calenda nella conferenza stampa tenutasi questo pomeriggio presso il Presidio Turistico della Provincia - vanta l’assessorato alle Politiche Sociali per Anziani, l’unico in Italia, che inizia il suo percorso con l’elezione del Presidente Luigi Mazzuto.

10 ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010

Quindi, in qualità di assessore alle Pari Opportunità e alle Politiche Sociali per Anziani mi sento impegnata nel portare avanti linee programmatiche che mirino a migliorare sostanzialmente la qualità di vita degli anziani. “Un sorriso per loro” è il primo evento, da considerarsi come inizio di una lunga serie di progetti che – con la mia competenza – ed il sostegno della Provincia di Isernia, nonché del Presidente Mazzuto, si terrà il 16 dicembre alle ore 18 ad Isernia presso l’Officina della Cultura. Gli anziani, nell’occasione, avranno modo di discutere le loro problematiche con i rappresentanti della varie istituzioni. Ritengo che essi debbano ritrovare la loro dignità senza dimenticare che costituiscono il vero patrimonio della nostra società, considerando che l’invecchiamento si è fortemente innalzato. Gli anziani devono convincersi che sono una forza e devono continuare ad essere i veri protagonisti della loro vita, fonte di orgoglio per tutti noi”.

mensile. E poi, per chi non ce la dovesse fare al primo turno, pazienza, in questi ultimi anni la Polizia Municiapale pentra ha raddoppiato il numero degli agenti. Cosa che potrebbe accadere anche in un futuro pros-

simo. Alcuni agenti, infatti, stanno per andare in pensione ed inoltre, l’espansione territoriale della città, con il nuovo quartiere Nunziatella, sta generando una richiesta sempre maggiore di vigili urbani.

Il Comune sempre più all’avanguardia Dal 1° dicembre, i comunicati stampa del Comune di Isernia possono essere letti attraverso il link “quotidiano te-lematico”, nella sezione “Isernia Informa”, che si trova in alto a destra sulla homepage del sito web dell’ente. Il predetto link introduce in una pagina contenente altri quattro collegamenti che danno accesso ai settori di competenza del quotidiano telematico comunale, ossia quelli riguardanti i già menzionati comunicati stampa, il web magazine “città news”, le trasmissioni in diretta delle sedute consiliari e altri video d’archivio.

Tagli alle scuole, Mauro: “Solo scelte politiche” E’ all’esame della IV Commissione regionale il piano di dimensionamento della reste scolastica. Per quanto attiene la Provincia di Isernia la proposta formulata dalla Amministrazione Provinciale a seguito dell’assemblea dei sindaci e recepita dalla Giunta regionale non presenta grandi questioni circa le direzioni didattiche su cui normalmente si concentra l’attenzione dei più e che, a mio parere, non rappresentano l’aspetto più rilevante del problema. Ciò che mi ha colpito e continua a colpirmi è che la proposta che dovrà in ultimo essere approvata dal Consiglio regionale prevede la chiusura del punto di erogazione del servizio di scuola primaria in ben sei comuni ( Poggio Sannita, Cantalupo, Acquaviva d’Isernia, Scapoli, Longano e Venafro) e del punto di erogazione del servizio di scuola secondaria di primo grado in Bagnoli del Trigno e Miranda . E’ vero che le scuole elementari elencate sono delle pluriclassi ma è pur vero che la maggior parte dei comuni in argomento,sono montani e per essi valgono una serie di eccezioni che , secondo la vigente legislazione, autorizzano il mantenimento dei punti di erogazione. Data la relativa discrezionalità dell’eccezione ritengo che la scelta sia e debba essere sostanzialmente politica non ravvisando nelle varie proposte specifici motivi pedagogici che hanno indotta alla soppressione tanto più che altre pluriclassi restano in altri comuni della provincia. Poiché il numero di alunni dei punti di erogazione in argomento non sono poi così tanto distanti dal numero che avrebbe impedito la soppressione, sul punto si impone sicuramente una riflessione ulteriore di carattere più sociologico e meno burocratico . Personalmente sono dell’avviso che fin quanto sarà possibile è necessario evitare di depauperare il territorio dei servizi minimi essenziali tra cui le istituzioni scolastiche anche al fine di ridurre al massimo i disagi che vi sono connessi. Per questo mi farò promotore in Commissione ed in consiglio delle opportune iniziative dirette a mantenere i punti di erogazione dei servizi nei su indicati comuni confortato dalla vigente normativa e nella convinzione che la politica molisana, in questo particolare momento storico, debba dare segnali di vita e non di morte. Il consigliere regionale Raffaele Mauro

Il Tratturo si esibisce anche ad Udine

Rocchetta, apre le porte il museo

Continua la tournée natalizia del "Tratturo". Sabato prossimo, la band isernina suonerà a Udine, nel teatro "Giovanni Madrassi". Prima del concerto, Mauro Gioielli terrà una conferenza etnomusicologica sulle zampogne. La manifestazione è stata organizzata dall'Associazione Abruzzesi e Molisani in Friuli Venezia Giulia.

ROCCHETTA - Si svolgerà questa mattina, a partire dalle ore 10:30 l’inaugurazione del museo “Il secondo Risorgimento”.Parteciperanno come ospiti Agnese Moro, figlia di Aldo Moro, il console tedesco in Italia (sede di Napoli) e le massime autorità militari presenti sul territorio. Ci saranno anche gli interventi delle autorità regionali.


ISERNIA Il gruppo Albisetti in rampa di lancio: pronto l’acquisto di altri prestigiosi marchi

Ittierre, il giorno del giudizio Oggi la nuova proprietà presenterà il piano industriale ai sindacati Potrebbe essere un giorno decisivo per il futuro della Ittierre. Oggi, infatti, il patron di Albisetti, Antonio Bianchi, nuovo proprietario dell’azienda tessile di Pettoranello, potrebbe consegnare il piano industriale a Roma, presso il Dicastero delle Attività Produttive. Lo stesso sarà visionato anche dai sindacati, che sino ad oggi hanno lamentato un certo silenzio da parte dei nuovi proprietari in merito alle domande sul rilancio dell’azienda e sul futuro occupazionale. Tutte domande a cui oggi potrebbero essere date delle risposte precise. Anche perché lo stesso Bianchi ha più volte ribadito la volontà, da parte del suo gruppo imprenditoriale, di investire sull’indotto molisano”. Per quanto riguarda la strategia occupazionale, la so-

La neve e il freddo flagellano la provincia La provincia di Isernia nella morsa del gelo. La perturbazione che proviene dalla Siberia sta letteralmente flagellando il territorio pentro. Dall’altro ieri la temperatura è costantemente sotto lo zero. Ad Isernia ieri notte sono stati registrati -6 gradi. Meno dodici, invece, a Capracotta. Il freddo straordinario si farà sentire anche per tutto il fine settimana. E ieri ha fatto la sua comparsa anche la neve.

Imbiancato l’Alto Molise. Ma i primi fiocchi di neve si sono visti anche ad Isernia e a Venafro. Per fortuna non ci sono stati disagi sulle principali arterie stradali, anche se il fondo stradale ghiacciato ha provocato diversi incidenti. Per fortuna tutti non gravi. I Vigili del Fuoco di Isernia ed Agnone hanno dovuto effettuare diversi interventi per rimuovere dalla carreggiata alberi caduti o per tagliare rami pericolanti. Danni ingenti anche alle coltivazioni, completamente ghiacciate. Gli unici ad esultare sono gli operatori turistici di Capracotta. I

Ciechi, istituzioni ancora in silenzio L'Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti della provincia pentra lamenta la totale assenza degli amministratori locali. “La provincia e il Comune non rispondono – si legge nella nota a firma di Marco Condidorio - né ai Progetti proposti dall'Unione in favore della autonomia dei disabili visivi né alle sollecitazioni che provengono dall'intero mondo associativo sulle questioni concernenti l'abbattimento delle barriere architettoniche, le agevolazioni fiscali e la fruizione dei servizi per i quali, per esempio, l'Amministrazione provinciale riceve a detta dell'Assessorato alle Politiche sociali della Regione Molise qualcosa come centocinquanta mila euro annui. L'Unione Italiana dei Ciechi molisana tutta, in particolare quella pentra, oggi attende risposte concrete sulla destinazione, l'uso che la Provincia e il Comune ricevono e fanno dei finanziamenti pubblici destinati all'handicap, al plurihandicap, insomma in favore di quei cittadini maggiormente svantaggiati che pure pagando le tasse come tutti hanno diritto di voto e dunque di giustizia”.

cietà bergamasca potrebbe garantire sin da subito 570 assunzioni. Gli altri lavoratori, attualmente ancora in cassa integrazione, dovranno attendere ancora qualche mese. E già nel primo periodo del 2011 lo stabilimento di Pettoranello potrebbe riaprire le porte ad altri operai. Una decisione che potrebbe accontentare le sigle sindacali. Queste ultime hanno come obiettivo principale proprio quello di garantire il posto di lavoro a tutti quei dipendenti in esubero, tagliati dopo il crack finanziario. Un traguardo a cui Bianchi sta lavorando scrupolosamente. E a dirlo sono gli stessi operai della Ittierre che, nonostante continuino ad avere una certa apprensione, hanno posto la loro fiducia nella nuova proprietà. Intanto un

altro giorno fondamentale per le sorti dell’azienda sarà il prossimo dicembre. Proprio i giorni antecedenti la fine dell’anno, infatti, Albisetti d’accordo con i tre commissari straordinari Chimenti, Ciccoli e Spada potrebbe firmare il passaggio di proprietà. Dal giorno dopo, dunque, il lavoro dei tre commissari traghettatori sarà ultimato. L’amministratore delegato Bianchi, inoltre, nei giorni scorsi ha anche spiegato quali saranno le strategie a medio termine. Ad Albisetti non preoccupa la possibile fuoriuscita di Cavalli. Lo stesso Bianchi, infatti, ha annunciato che il gruppo bergamasco sta tentando di acquisire altri marchi prestigiosi, indispensabili per un rilancio decisivo dell’azienda.

Lsu, continua lo stato di agitazione Esprimo la mia solidarietà agli lsu del Comune di Venafro e ai sindacati, costretti a proclamare lo stato di agitazione contro la volontà dell'Amministrazione di non procedere alla stabilizzazione di tutti i lavoratori decretandone, di fatto, il licenziamento. Ritengo che il lavoro, oltre ad essere un diritto sacrosanto, sia anche un presidio di dignità e, pertanto, il Comune di Venafro avrebbe dovuto fare ogni tentativo per garantire a tutti i lavoratori lsu la possibilità di una stabilizzazione dignitosa e non proporre ad una parte di essi un'elemosina. Il duro documento odierno dei sindacati Cgil Cisl e Uil dimostra non solo l'inaffidabilità dell'Amministrazione comunale e la sua totale inadeguatezza, ma testimonia anche che la mia denuncia e la mia richiesta di trovare una soluzione diversa rispetto a quella prospettata dall'Amministrazione non era né una posizione isolata e. E' grave che ad ormai pochi giorni dalla scadenza del termine per la stabilizzazione (31 dicembre 2010) non vi sia ancora una soluzione chiara e che i sindacati siano costretti a chiedere la convocazione di un tavolo di confronto, tavolo che doveva essere convocato molto prima. Confido nella disponibilità e nella competenza dell'assessore regionale Fusco Perrella, la quale, a mio avviso, male ha fatto a fidarsi del Comune di Venafro che, come denunciano chiaramente i sindacati, si è rimangiato gli impegni assunti. Per quanto mi riguarda, insieme all'assessore provinciale Domenico Izzi, mi sto comunque impegnando per cercare una soluzione che faccia in modo che, eventualmente, si creino le condizioni perché la Provincia di Isernia possa riassorbire quella parte di lavoratori lsu che dovessero rimanere fuori dalla stabilizzazione. Nella giornata di domani giovedì insieme all'assessore Izzi incontreremo i funzionari della struttura della Provincia per individuare gli strumenti utili per dare un'ulteriore opportunità a questi lavoratori. Nel pomeriggio di domani, d'intesa con lo stesso assessore Izzi (che ringrazio per la disponibilità), chiederò all'assessore regionale Fusco Perrella, a margine di una riunione che terrà ad Isernia, un incontro per fare il punto della situazione. Antonio Sorbo

Agnone, in scena Capasciacqua

Provinciale Vandra da riqualificare

Al via la stagione teatrale dell’Atam all’Italo Argentino di Agnone.Domani, alle ore 21, andrà in scena “Capasciacqua”di Luciano Saltarelli e Marina Confalone, con Marina Gonfalone, Pino Strabioli e con Luigi Cricelli. Regia di Marina Confalone. Testo vincitore nell’anno 2008 della quinta edizione del Premio Gassman.

Problemi alla viabilità si stanno registrando nelle ultime giornate sulla strada provinciale 627 della Vandra, soprattutto lungo i tratti tra Colli a Volturno e Fornelli. Le piogge torrenziali delle ultime settimane hanno complicato maggiormente le cose. Infatti, sul manto stradale la corrosione dell’acqua ha letteralmente mangiato l’asfalto.

11 ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010


TERMOLI Le famiglie e coloro che sono interessati all’attività potranno visitare i locali della società dalle 11:30

Primo Family Day alla Cc Management I responsabili dell’azienda illustreranno in una conferenza stampa i risultati raggiunti e gli obiettivi per il 2011 SAN GIULIANO DI PUGLIA – Sabato a partire dalle 11,30 la CC Management di San Giuliano di Puglia apre le porte alle famiglie dei propri operatori ed a tutti coloro che sono interessati a conoscere la realtà aziendale che opera nel centro del cratere, nel primo “Family Day” dell’impresa. Iniziativa fortemente voluto dal management per illustrare la realtà imprenditoriale del luogo, le opportunità ma anche il clima di socialità creatosi tra gli operatori. All’appuntamento sono invitate le famiglie molisane, giovani, adulti ma anche associazioni, enti operanti sul territorio oltre a rappresentanti istituzionali. I visitatori, a partire dalle 11,30, saranno accompagnati dal personale dell’impresa negli uffici e locali situati in due livelli della Scuola degli Angeli e potranno rendersi conto delle attività e, nel contempo, visitare la mostra fotografica curata dallo Studio Kerem di Casacalenda. La rassegna rappresenta alcuni dei luoghi e monumenti tra i più incantevoli

dell’hinterland molisano e vuole coniugare i valori della CC Management con quelli della tradizione molisana: professionalità, determinazione, perseveranza ed accoglienza. Alle 11 è invece prevista una conferenza stampa, riservata agli organi di stampa. Il Management illustrerà i primi risultati raggiunti dall’apertura, avvenuta lo scorso mese di giugno ad oggi e gli obiettivi prefissati per il prossimo anno. La CC Management è un’azienda specializzata nell’erogazione di servizi commerciali, di gestione della clientela, di ricerche di mercato e sondaggi di opinione. Rappresenta, oltre ad una realtà economica significativa, un fondamentale motore della socialità, del sistema socioculturale del basso e medio Molise. Quello di San Giuliano di Puglia è un luogo di lavoro che accoglie e favorisce nuove dinamiche di interscambio fra le comunità dell’hinterland. Per questo si è deciso di aprire le porte del Centro Servizi alle famiglie.

Affidamento del servizio metano Larinascita chiede di velocizzare le procedure LARINO – Il movimento Larinascita sollecita l'amministrazione comunale ad abbreviare i tempi per le procedure del nuovo bando di gara per l'affidamento del servizio di metano e, allo stesso tempo, recuperare i crediti. Larinascita chiede esplicitamente che l'amministrazione valuti “l’eventualità di citare per danni la Baiengas s.a.s per aver ostacolato l’indizione della gara andata annullata e la possibilità di recuperare i crediti insoluti a favore del Comune visto lo stato di liquidazione nel quale la società è avviata dopo aver venduto il ramo d’azienda, che riguarda la distribuzione del gas e ceduto nelle scorse settimane alla Estra Spa anche l’altro ramo d’azienda che comprende la commercializzazione del gas”. Inoltre il movimento chiede di controllare “la veridicità delle perizie di stima effettuate dai tecnici per la predisposizione del disciplinare della gara annullata; le potenziali responsabilità del consulente perito Brugnettini e quelle del Segretario comunale per il danno rilevante arrecato dall’imperizia nelle procedure che portarono all’annullamento della gara;

l’inserimento nel nuovo bando di gara della zona degli impianti produttivi che oltre ad aggiungere un rilevante consumo di gas annuale ai metri cubi citati dal bando di gara annullato, all’epoca fu del tutto omesso dal servizio che si concedeva in convenzione”. Non per ultimo Larinascita ritiene che “sarebbe utile vagliare anche l’ipotesi, individuata dal consigliere Puchetti nel corso dell’ultimo Consiglio comunale, di costituire una commissione specifica che si impegni su una più attenta valutazione degli aspetti sopra citati per porre rimedio ad una questione che finora ha evidenziato notevoli perplessità in termini di efficienza e trasparenza. L’augurio, dunque, è che tali procedure vengano effettuate quanto prima e che il nuovo bando di gara venga esperito nel più breve tempo possibile per porre fine all’ingente perdita erariale e restituire una sicura entrata alle casse dell’ente comunale che non potrà che trarre giovamento da tali risorse sia per la disponibilità economica di cui potrà disporre che per la possibilità di erogare servizi utili a tutta la comunità”.

Riordino scolastico: l’Idv chiede ancora giustizia per gli alunni e i genitori di Mafalda

CAMPOBASSO – Non ci sta Cristiano Di Pietro alla risposta dell'assessore provinciale Gigino D'Angelo sul riordino delle scuole che interessa quelle di Mafalda. “Mi fa piacere che, di fatto, l’assessore D’Angelo confermi quanto da me

analizzato in merito al suo interesse, assecondato dalla Provincia di Campobasso, di tutelare Montefalcone nell’ambito del piano di riordino scolastico proposto dall’ente. Sia chiaro – scrive Cristiano Di Pietro -, penalizzare il paese dove lo stesso D’Angelo è sindaco, non è nelle mie intenzioni ma non è possibile accettare che a pagare le spese di certe scelte sia il comune di Mafalda che risulta essere, nel quadro generale, il centro più penalizzato. Conosciamo le norme e sappiamo, lo abbiamo anche scritto, che il quadro di riordino riguarda la dirigenza scolastica, ma l’allarme in prospettiva rimane così come rimane la contrarietà, manifestata più volte, anche in sede di Consiglio comunale, dai genitori degli alunni di Mafalda a lasciare la direzione di Montenero per quella di Montefalcone”. Poi Di Pietro fa riferimento a

quando D'Angelo parla della libertà per i genitori di iscrivere i propri figli in altre scuole pur sapendo tutti che è proprio l’accorpamento di Mafalda che permette a Montefalcone di mantenere in piedi la direzione didattica. “Trovo francamente improbabile che Montefalcone, in caso di numerose richieste di nulla osta, favorisca un esodo massiccio. Appare evidente che, per la sua salvezza, la direzione didattica si difenderebbe come la legge le consente. Per questo non demordo e chiedo, ancora una volta, che Mafalda abbia giustizia per la situazione indebita prevista dal piano di riordino provinciale. Per questo – conclude il capogruppo IdV alla Provincia di Campobasso - insisto affinchè la sua difficile posizione venga rivista dalla Provincia prima che la Regione ci metta le mani e arrechi ulteriori danni”.

Oggi e domani la VII edizione Lommano: un teatro comunale del premio Goccia d'Oro al posto della chiesa greca

LARINO – Ben 47 campioni di olio extravergine di oliva sono stati consegnati ai tecnici dell’Arsiam e preso parte alla settima edizione del premio regionale Goccia d’Oro. Un appuntamento che ogno anno prende più consistenza e che ha fatto conoscere la genuinità e qualità dell'olio molisano anche a livello nazionale. Oggi un gruppo di esperti assaggiatori, a cui si aggiungerà una giuria composta da giornalisti regionali, valuterà le caratteristiche dei campioni di olio. Domani, sempre nella città frentana, ci sarà la premiazione degli olii vincitori divisi per categorie: fruttatto leggero, medio e intenso. La premiazione avverrà in concomitanza con il diciassettesimo anniversario della nascita a Larino dell’Associazione Nazionale delle Città dell’Olio che raggruppa oltre 350 comuni e province soci. Il premio Goccia d'Oro è organizzato dall’Agenzia regionale per lo sviluppo e l’innovazione agricola del Molise di cui é presidente Emilio Orlando, ed è patrocinato dall’Assessorato regionale all’Agricoltura, dalla Provincia di Campobasso, dalla Città di Larino e dall’Associazione nazionale Amici delle città dell’Olio.

SANTA CROCE DI MAGLIANO – “La qualità di una comunità la si denota anche dalla cultura che si produce nella stessa comunità e soprattutto, dall’educazione culturale alla quale i cittadini vengono abituati fin da piccoli a produrre cultura. Troverò perciò interessante che il sindaco Alberto Florio, particolarmente sensibile alla cultura ed ai fenomeni culturali di Santa Croce di Magliano, raccolga il mio suggerimento di far costruire quanto prima un Teatro comunale al posto dell’ex chiesa greca, di reperire i fondi e di consentire a tutta la comunità di fruire di vera cultura”. E’quanto dichiarato da Lorenzo Lommano leader della Lega Sannita, che da tempo si batte a Santa Croce di Magliano per la nascita di un teatro comunale, uno di pochi strumenti capace di lottare contro la droga e l’alcolismo giovanile. Lommano ha dichiarato che presto presenterà una richiesta ufficiale al sindaco Florio, affinché interceda con la curia per entrare in possesso di quella “vecchia, abbandonata ed obsoleta struttura che una volta era la chiesa greca, per farla diventare un teatro a disposizione del paese ma anche di tutto il circondario, una struttura che non deve essere la solita piscina spreca soldi, ma un luogo di fucina culturale capace di attrarre soprattutto i giovani. Come Lega Sannita – conclude Lommano – consiglierò inoltre al sindaco Florio, di nominare direttore artistico dello stesso teatro, il bravo Nicola Macolino”.


TERMOLI Il perito designato dal pm ha escluso che le sostanze potessero avvelenare le colture

I fanghi sparsi non sono nocivi per i terreni Ecco il motivo del mancato sequestro. Ma i prodotti non dovevano essere destinati ai campi: chi risarcirà ora gli agricoltori?

BASSO MOLISE – Dietrofront. I fanghi industriali prodotti al Coniv e gestiti dalla Inside sparsi sugli oltre 200 ettari di terreno del Basso Molise non hanno alcun effetto di contaminazione. E' stato il perito nominato dal pm, pur se confermando che sono presenti quantità di sostanze nocive (quali non ne hanno?) avrebbe confermato che per quei fanghi, che non sarebbero dovuti essere destinati per l'agricoltura, ha escluso categoricamente che potessero avvelenare i prodotti agricoli. Ma come. Qualche testata giornalistica fino a pochi giorni fa ha scritto che gli indagati, a vario titolo, erano accusati (se ricordiamo bene e non abbiamo letto male) di violazione di

norme in materia ambientale, inquinamento, falso ideologico e materiale, corruzione e abuso d’ufficio, ed ora invece si scopre, secondo fonti giudiziarie, che le accuse sono la sistematica violazione delle norme ambientali e reati contro la pubblica amministrazione. Mancherebbe dunque quell’inquinamento da “disastro ambientale” che ha gettato fango e veleni su 18 persone indagate e atterrito agricoltori e consumatori. Il perito ha chiarito che negli esami eseguiti sui fanghi sono si presenti metalli, inchiostri e oli ma escluso totalmente la possibilità che potessero inquinare i prodotti coltivati in quei terreni che, per questo motivo, non sono stati posti sotto sequestro. E chi ri-

pagherà ora gli agricoltori proprietari di quei terreni; chi ripagherà i contadini e fruttivendoli che da quando è scattata l'inchiesta “Open Gates” hanno visto i loro già precari affari diminuire notevolmente? Chi ripagherà il presidente del Cosib, Antonio Del Torto, del “ fango” gettatogli addosso : “Ha fatto affari sulla salute delle persone” la frase più morbida nei suoi confronti che circolava a Termoli e dintorni. Certamente spetta alla giustizia chiarire i contorni della vicenda e noi attenderemo. Siamo garantisti e fino a che il terzo grado di giudizio non emetterà qualche sentenza di condanna definitiva non getteremo veleni addosso a nessuno. Intanto ieri sono continuati altri interrogatori che hanno visto in Tribunale la presenza delle tre persone ai domiciliari: Rossana Catelli, segretaria di Del Torto, difesa dall'avvocato Luigi Greco; il biologo della Regione Molise, Michele Serago, assistito dall'avocato Giuseppina Serago; e il funzionario della Provincia di Campobasso, Giuseppe Perrino, difeso dall'avvocato Mariano Prencipe. La Catelli ha risposto alle domande dei magistrati e si é dichiarata estranea ai fatti, così come ha fatto Serago, mentre Perrino ha preferito depositare una memoria a sua difesa. Per tutti è stata chiesta la scarcerazione.

La minoranza consiliare presenta una mozione a sostegno dei genitori separati TERMOLI - I consiglieri comunali di opposizione hanno presentato una mozione per le iniziative di sostegno a favore di genitori separati. I firmatari del documento fanno presente che la separazione delle coppie con figli, genera non solo il turbamento degli equilibri psicologici ed affettivi ma determina anche una modifica dell’assetto economico dei soggetti coinvolti che, nel nuovo status di single, devono affrontare maggiori oneri finanziari non più distribuiti su risorse condivise. Poi sottolineano che i genitori non affidatari, solitamente i padri, vivono il maggiore disagio economico dovuto al fatto che oltre a dover garantire il mantenimento dei figli e/o del coniuge, devono contestualmente lasciare la dimora familiare ed individuare un nuovo alloggio e pagare un canone elevati creando ulteriore difficoltà. A questo punto, avendo appreso che altri Comuni hanno assunto iniziative di sostegno a favore dei padri separat, ai quali è stato riservato un bando specifico per l’assegnazione di piccoli appartamenti dotati dei servizi essenziali, al fine di garantire un alloggio per un periodo massimo di 12 mesi a coloro che si vengano a trovare temporaneamente in difficoltà economica. Pertanto Filippo Monaco, Antonio Giuditta, Francesco Caruso, Antonio Russo, Mario Di Blasio, Da-

Ambiente Basso Molise scrive a Babbo Natale

niele Paradisi, Paolo Marinucci, invitano il Sindaco: “A promuovere presso la Regione Molise una modifica dei criteri di assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, al fine di prevedere agevolazioni a favore dei genitori che, a seguito della separazione, vengano a trovarsi in condizioni di disagio economico garantendo loro un sostegno, anche temporaneo, che consenta il superamento della crisi nonché la salvaguardia dei rapporti affettivi ed educativi”.

LITORALE – Ci avviciniamo al Santo Natale e Ambiente Basso Molise ha scritto una lettera a Babbo Natale con tante richieste e speranze. “Caro Babbo Natale, dopo gli ultimi avvenimenti ti chiediamo per tutti (anche per i cattivi) salute, serenità e conserva le specie vegetali, animali e paesaggi per i nostri pronipoti così come hanno fatto i nostri trisavoli; ridai dignità ai nostri fiumi, maltrattati e sfruttati. Proteggi il mare del nostro pianeta blu dall’arroganza della nostra specie; abolisci il nucleare e l’eolico selvaggio; insegnaci a produrre meno rifiuti e a riciclarli tutti; portaci il parco della costa molisana o almeno una riserva naturale. Ricordati dei Bambini, soprattutto di quelli di San Giacomo degli Schiavoni che aspettano un piccolo “parco giochi” vicino al loro Parroco; ri-

Neve e freddo sul litorale e in basso Molise TERMOLI – Ieri mattina Termoli, Campomarino e molti comuni dell'interland e basso Molise si sono svegliati sotto la neve e un freddo gelido. Dopo i primo problemi per gli automobilisti più mattinieri, non si sono registrati particolari disagi ne lungo la costa ne in altri centri. Dalle prime ore della giornata sono scattati gli interventi con mezzi spazzaneve e spargisale che hanno liberato le strade dalla coltre bianca. Proprio per l'improvvisa nevicata, anche se era stata annunciata dai servizi meteo, ieri mattina il sindaco di Termoli Di Brino per motivi di sicurezza ha emesso l'ordinanza di chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado. Grande festa per gli studenti che hanno trascorso la mattinata a

spasso e in vere battaglie con palle di neve. E stesse ordinanze di chiusura sono state firmate dai sindaci di Guglionesi, San Martino in Pensilis e Montenero Di Bisaccia. A San Giacomo degli Schiavoni il sindaco Galasso ha ordinato la chiusura della scuola elementare "B. Croce". Ieri pomeriggio c'é stata una tregua ma, secondo i meteorologici le precipitazioni nevose potrebbero riprendere. Se ciò dovesse avvenire, Di Brino ha già annunciato che emetterà in mattinata una nuova ordinanza di chiusura delle scuole. Comunque, vista la stagione invernale, le forze di Polizia raccomandano di montare sugli autoveicoli pneumatici da neve o termici, e in mancanza avere sempre al seguito le catene.

Al via il Café Teologico, la nuova sfida dell’evangelizzazione TERMOLI - Ha suscitato in città vivo interesse l’iniziativa del “Cafè teologico”. Sarà l’idea innovativa, saranno i temi trattati o l’inusuale location ove si svolgerà, sta di fatto che finanche la radio vaticana ha richiesto un’intervista al responsabile dell’ufficio stampa diocesano per illustrare l’avvenimento. “Esiste Dio?” a questa domanda cercherà di rispondere il teologo e filosofo don Antonio Sabetta. Una domanda provocatoria dal gusto e dal sapore intellettuale oltre che precipuamente teologico. L’esposizione tematica precederà il dibattito tra coloro che vi prenderanno parte prima ancora di poter formulare delle domande al relatore. Il clima che si cercherà di determinare sarà quello tipico di un bar: tavolini disposti nella sala con la possibilità d’essere animati, ciascuno, da non più di tre quattro persone. Durante l’ascolto sarà offerto del caffè, del tè, delle tisane che, mentre verranno sorseggiate, aiuteranno ad ascoltare l’esposizione dottrinale ed apologetica dell’argomento messo a tema. L'appuntamento é per le 20,45 di oggi presso LaVida in Via dei Palissandri. Don Antonio Sabetta sacerdote della Diocesi Termoli - Larino, originario di Guglionesi è attualmente Preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Ecclesia Mater” della diocesi di Roma è dottore in teologia e filosofia oltre che docente di Metodologia e Teologia Fondamentale presso la Pontificia università Lateranense e la LUMSA e di Introduzione alla Teologia e Teologia filosofica presso l’Istituto di cui è Preside. Studioso della modernità, di G. Vico, del rapporto tra cristianesimo e post - modernità e delle tematiche liminari tra filosofia e teologia (fede e ragione, cristologia filosofica), oltre a diversi saggi in testi e riviste scientifiche ha pubblicato i seguenti volumi: Teologia della modernità (C. Balsamo 2002), I “lumi” del cristianesimo. Fonti teologiche nell’opera di G. Vico (Roma 2006), Dal senso cercato al senso donato. Pensare la ragione nell’orizzonte della fede (Roma 2008), Vico (Roma 2010). Per collana di spiritualità “Mane nobiscum” della LUP ha scritto i volumi Amare Cristo corpo e cuore e cuore di Dio (2008) e Lo sguardo della fede (2010).

cordati dei nostri amici Giornalisti, soprattutto di quelli che fanno di tutto per dirci la verità; vorremmo un paese in cui la gentilezza fosse facoltativa, ma la buona educazione fosse obbligatoria; vorremmo un paese in cui gli avvocati si adoperassero perché la legge venga applicata in nome della verità, e non per vincere le cause; vorremmo che il dolore di chi soffre di malattie da agenti fisici e chimici in nome del solo dio denaro , possa essere di monito agli untori e ai loro figli. Infine, ricordati del nostro Governatore Iorio " illuminalo" affinché ci dia un Registro Regionale dei Tumori e se non lo fa, fa in modo che non venga più eletto. …. a volte i sogni si avverano. Grazie Babbo Natale Ambiente Basso Molise

Sapori d'autunno allo“Spirito Divino”

Sanità, internisti ed infermieri sabato a convegno

TERMOLI – Questa sera alle 20,30 torna “Sapori d'autunno”, iniziativa enogastronomica organizzata dal winebar Spirito Divino. Il quarto appuntamento é dedicato ai prodotti della Di Iorio Tartufi di Busso in degustazione con i vini delle Tenute Marchesi De Cordano. A seguire degustazione di Passito con cioccolato della Gelateria - Cioccolateria Yo-Go di Termoli.

TERMOLI – Sabato, nell'Aula Magna dell'Università del Molise si terrà il settimo congresso Regionale della Federazione dei dirigenti internisti ospedalieri) e dell'Associazione degli infermieri della Medicina Interna Ospedaliera. Il congresso é patrocinato dagli Ordini dei Medici di Isernia e Campobasso e tratterà il tema di estrema attualità: “L’ospedale senza dolore”.

13 ANNO III - N° 278 GIOVEDÌ 16 DICEMBRE 2010


S P O RT L’APPUNTAMENTO

Oggi la presentazione di SportHando Il progetto, ideato dal Coni di Campobasso, verrà illustrato alle 10.30 nella sala consiliare della Provincia Questa mattina, alle ore 10.30, nella sala Consiliare della Provincia di Campobasso, il Comitato Provinciale CONI di Campobasso e 1'Amministrazione Provinciale - Assessorato allo Sport presenteranno il Progetto "SportHando". Come noto, il Progetto SportHando, al suo ottavo anno di attuazione, è rivolto ai ragazzi disabili presenti su1 territorio de11a provincia di Campobasso ed è finalizzato all'integrazione sociale attraverso l'attività sportiva, senza escludere lo spirito di sana competizione. L'iniziativa consente la pratica sporliva integrata dei ragazzi disabili in età scolare con i coeta-

nei normodotati ed è realizzala in collaborazione con le Federazioni Sportive e con le Società Sporlive che mettono a disposizione le proprie strutture ed i propri tecnici specializzati che fungono da tutor affiancando i ragazzi disabili ne1lo svolgìmento de11'attività. Quest'anno le Federazioni Sportive che hanno aderito al progetto sono 11, le Società Sportive che hanno dato la disponibilità ad accogliere i partecipanti sono 20, gli istruttori specializzati impiegati sono 40 e gli iscritti sono 105. Ogni allievo del proegtto ha la possibilità di effettuare le lezioni della disciplina spotliva prescelta, con ca-

denza settimanale, nell'arco del periodo di svolgimento dell'attività prevista dal Progetto. I numeri confermano che anche quest'anno la risposta è stata massiccia, riscontro che gratifica il CONI di Campobasso per i1 lavoro svolto e rende merito all'Amministrazione Provinciale per I'impegno economico assunto, contributo indispensabile per la realizzazione dell'iniziativa. L'orgattzzazione di tutte le attività previste dal Progetto è di competenza del Comitato Provinciale CONI di Campobasso; l’ iniziativa, così come negli anni scorsi, è stataco-finanziata da1l' Ente Provincia di Campobasso.

CONI ISERNIA

Grande successo per “Le stelle di Natale” Ha riscosso un notevole successo la cerimonia ‘Le stelle di Natale: un anno di sport, una vita per lo sport’, l’evento organizzato dal Coni di Isernia come momento di celebrazione dell’anno solare che, a breve, andrà in archivio. Così come nelle passate edizioni, sono state numerose le persone che hanno affollato l’Auditorium della provincia pentra per assistere alla consegna dei riconoscimenti, preceduta, così come negli anni passati da un convegno nello specifico legato al tema dell’evoluzione dello sport dall’Olimpiade di Roma 1960 a quella di Londra 2012 con ospiti d’onore l’olimpionico del tandem Bianchetto ed il promoter Stefano Ciallella. A moderare l’iniziativa il regista della trasmissione Rai ‘Sfide’ Cesare Squitti. Successivamente è stato dato spazio alle premiazioni

Di Giacomo, Cavaliere, Bianchetto e Squitti

con grande risalto per le tre stelle al merito sportivo attribuite dal Coni nazionale. E cioè quella di bronzo per Massimo Di Nezza e quelle d’argento per Antonio Mangione e Vincenzo Tesone. Riconoscimenti accompagnati da scroscianti applausi come quelli tributati ai rappresentanti delle singole federazioni, chiamati a salire sul palco in corso di serata. Tutti con piccole grandi storie d’eccezione, come quelle del cestista Antonio Cardinale (il figlio d’arte la scorsa stagione a Caserta in A) e ancora la pallavolista Serena Santagata, il tandem di ballerini Luca Colella ed Angelica Fino e gli altri (tecnici, atleti e dirigenti) distintisi nell’ultima annata. Al termine, come da tradizione, tutti gli invitati, i premiati, i dirigenti e gli ospiti hanno preso parte alla riuscita conviviale di fine serata.

BASKET SERIE C DILETTANTI

Sconfitta interna Secondo ko di fila per il Termoli per l’Olimpia Nella seconda partita interna consecutiva non riesce il “double” all’Olimpia Campobasso che viene superata dalla capolista Penta Basket Teramo. Nonostante la sconfitta, ci sono dei segnali positivi che arrivano da questa partita. Ancora una volta i giovani campobassani hanno tenuto botta ad una squadra molto più esperta facendo capire che con il passare del tempo si potranno togliere delle belle soddisfazioni. Non è un caso che gli abruzzesi sono stati sotto per quasi tutto il match, salvo poi piazzare l’allungo decisivo negli ultimi minuti di gara, grazie ad un paio di bombe che hanno spezzato l’equilibrio. Nel primo quarto regna un sostanziale equilibrio tra le due formazioni, mentre nel secondo periodo i locali provano a mettere la freccia portandosi sul 23-17. Potrebbe essere un segnale di fuga, ma Teramo resiste. Per tre minuti non si

segna in nessun lato del campo. Poi sono gli ospiti a riportarsi sotto. Prima della serena c’è un nuovo allungo dei campobassani che vanno al riposo sul 35-27, grazie anche a due liberi su tre messi a segno dall’eterno Mario Greco. Nel terzo periodo, dopo un piccolo break della Penta, si rivede l’Olimpia che tocca anche un vantaggio di dieci punti. E’ qui che si decide la partita, nel senso che Facci e soci non riescono a dare la stoccata vincente sugli avversari, i quali, invece, rimangono sul pezzo. E così nell’ultimo quarto la Penta si rimette in sesto, supera i biancoblu e chiude la gara con un altro successo. E’ molto il rammarico, invece, per i ragazzi di Sabatelli che hanno denotato la mancanza di esperienza nei momenti cruciali dell’incontro dove sarebbe servita una migliore gestione dei tiri e delle scelte in attacco.

All’undicesima giornata del giorne G della C dilettanti, la Martino Group ha la seconda battuta d’arresto consecutiva, questa volta contro la Mister Toto JuveTrani. Un risultato inaspettato dato il potenziale, le capacità sempre dimostrate e l’alta posizione in classifica dei bianco azzurri. L’avversaria non era temibile ma lo è diventata minuto dopo minuto, i padroni di casa sbagliano molto e i bianco-neri ne sanno approfittare e cosi, inevitabilmente, la Martino Group inciampa. I tranesi si sono sempre portati avanti in partita, chiudendo con bilancio positivo ogni quarto. La Virtus Termoli perde troppe palle, difende al di sotto delle proprie capacità e fatica nel recupero ma dall’altra parte la Mister Toto JuveTrani non ha posto in essere una partita intensa e di rilievo ma avuto dalla sua parte una buona dose di fortuna e soprattutto l’intelligenza di saper sfruttare l’appannamento degli uomini del coach Di Salvatore. I primi tre quarti hanno seguito un andamento costante con una percentuale di tiri centrati da entrambe le compagini davvero bassa, infatti, il terzo quarto si chiude a 32-40.Nell’ultimo quarto la Martino Group tenta di prendere il ritmo giusto per affrontare la risalita e la partita si riscalda nei minuti finali. A due minuti dalla fine su canestro di Mario Milone i bianco azzurri riducono il gap e si portano a -3, i tifosi sugli spalti ci sperano e si alzano in piedi, inizia a far davvero caldo a Palasabetta. L’ex virtussino Marco Sisto và a canestro, Montuori subisce fallo e mette un 2/2, Bertinelli su rimbalzo difensivo centra da tre e la situazione che si attesta è un 57-58 per i bianco-neri. Bertinelli

commette fallo e Sisto fa un 1/3. La tensione sale, Montuori su fallo subito fa 1/2 e la Martino Group si porta a -1. Mancano pochi interminabili secondi e Andrea Pomenti su fallo va in lunetta e mette 1/2 e il tabellone segna 58-60. Il capitano Michele Bertinelli tenta un azione al limite del possibile, tira e và a canestro sul suono della sirena. I tifosi termolesi esultano pensando ai supplementari ma la realtà è diversa, il gesto dell’arbitro è inequivocabile, il canestro non è valido!I tranesi festeggiano lasciando ai padroni di casa un pungente gusto amaro. La Martino Group ora non è più sola in cima alla classifica e torna di nuovo ad essere in compagnia del Mola e dell’Airola, le quali, chiudono questa giornata di campionato positivamente. La Geofarma Mola festeggia in casa giuliese e la Pinauto Airola vince sulla Biofox Vasto. Al secondo gradino della classifica troviamo la Pallacanestro Pescara che perde con al Dimensione Solare Roseto; la Banca Etruria Venafro che vince sulla Quarta caffè Monteroni; l’Alidaunia Trinitapoli vince di 1 sull’US Basket Lucera e infine l’ASD TorreGreco chiude in scioltezza la partita con la Fasoli & Massa Sulmona. Il prossimo appuntamento di campionato della Martino Group sarà uno scontro al vertice. I termolesi dovranno scontrarsi con la collega capolista Pinauto Airola. La partita è fortemente attesa e si prevede difficile, Sciarretta e compagni non possono permettersi un altro stop, devono riscattarsi…..sarà una partita da non perdere e da non perdersi!!!Appuntamento domenica 19 Dicembre ore 18:00 al Palasabetta!



lagazzettadelmolise161210a