Issuu on Google+

ANNO IV - N° 138 - GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA 3^D DELLA SCUOLA PETRONE

Primo e secondo posto ai ragazzi della 3^D dell’istituto comprensivo Igino Petrone nelle gare nazionali relative ai progetti Matematica & Realtà e Matematica senza frontiere. Esprimiamo la più grande soddisfazione a questi ragazzi che hanno gareggiato con entusiasmo e con progetti di grande interesse e rilievo, soprattutto perché hanno proposto un lavoro relativo alla loro regione, cioè un lavoro di matematica applicata al fenomeno delle campane di Agnone. Ecco perché il nostro oscar del giorno non poteva che andare a questi talentuosi studenti.

IL TAPIRO DEL GIORNO AL TAVOLO DEL CENTROSINISTRA

Alle elezioni provinciali le primarie sono state usate dai segretari regionali del centrosinistra come strumento per mantenere buoni quelli che le primarie volevano farle sul serio. E oggi la storia sembra ripetersi. Due giorni fa il tavolo allargato ai movimento civici ha deciso di prorogare sia la data di presentazione delle candidature, che le stesse consultazioni. La sensazione è che stiano tentando di tirare in questa farsa anche Di Pietro che ha tanti difetti, ma non è certo uno che Ruta o Leva possono prendere in giro. E allora si facciano coraggio e vadano dritti per la strada intrapresa, senza più indugi che tanto, si è capito, così si perde solo tempo. Saremo ‘cattivi’ ma certe volte a pensar male finisce che ci si indovina.

REGIONE

CAMPOBASSO

TERMOLI

Dimensionamento scolastico, l’assessore all’Istruzione Di Sandro ci mette una pezza

Anziano dispettoso graffia l’auto di una coppia e viene condannato a 8 mesi

Rapina alla stazione di servizio sulla A-14 Ladro porta via 2mila euro

A PAG. 5

A PAG. 9

A PAG. 12

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Discarica a Pozzilli, Pietracupa: non faremo sconti a nessuno Il vice presidente della Regione ha chiesto all’assessore Muccilli di sospendere l’autorizzazione per un sito che non è a norma EOLICO SELVAGGIO

La Rete delle associazioni: ora si approvi la mozione a difesa dei siti L’atto impegna il governatore e l’assessore all’Ambiente a costruirsi in giudizio davanti alla Corte costituzionale CAMPOBASSO – La Rete delle 136 associazioni e comitati contro l’eolico selvaggio e i rifiuti extraregionali in Molise esprime apprezzamento per la sensibilità mostrata dal Consiglio Regionale che, nella seduta di martedì scorso, ha avviato la discussione sulla mozione Petraroia - Romano in difesa della legge 23 del 23 dicembre 2010. L’atto impegna il presidente della giunta e l’assessore all’Ambiente a costituirsi in giudizio davanti alla Corte Costituzionale e a “difendere la potestà legislativa della Regione Molise in materia di protezione ambientale (articolo 117 della Costituzione)”. La Rete, pertanto, chiede a “tutti i consiglieri regionali di approvare

POZZILLI - In riferimento alle problematiche di carattere ambientale relative all’area venafrana, il vice presidente della Regione, Mario Pietracupa, conferma di aver ottenuto rassicurazioni dall’assessore Salvatore Muccilli “che, a seguito delle mie segnalazioni che hanno comportato l’intervento dell’Arpa, a breve interverrà un provvedimento di sospensione dell’autorizzazione relativa alla discarica per rifiuti tossici del nucleo industriale di Pozzilli in quanto la stessa non risulta essere a norma. Riguardo le segnalazioni di inquinamento ambientale, ritengo che vada fugato ogni dubbio presente nella popolazione dell’area in questione, e in tutta la regione. In tema di tutela del territorio non devono sorgere equivoci né posizioni di pregiudizio che possano turbare la serenità di alcuno, pertanto, anche in questo caso, ho trovato la piena condivisione dell’assessore, nell’intensificare ogni genere di controllo oltre a quello ordinario già svolto, con particolare attenzione alle cosiddette zone ‘critiche’. Sulla salvaguardia della salute dei cittadini e la tutela del nostro ambiente ribadisco che non vanno fatti sconti a nessuno”.

PESCA

nella prossima seduta del 28 giugno la mozione” perché “sarebbe oltremodo sbagliato che la Regione ripetesse l’errore del 2008 quando scelse di non difendere la prima legge di regolamentazione della produzione energetica, la numero 15 del 21 maggio 2008, innanzi alla medesima Corte Costituzionale e preferì abrogarla, stranamente, prima della pronuncia della Consulta con un provvedimento di massima apertura verso le imprese e di scarsa attenzione nei confronti del territorio e dell’ambiente regionale. Basta favorire indiscriminatamente il privato – concludono le associazioni – . È ora di riaffermare il primato dell’interesse pubblico”.

Stilato un documento che raggruppa varie proposte sul fermo biologico

Le istanze degli armatori arrivano fino a Roma TERMOLI – Un plauso all’assessore regionale alla Pesca produttiva, Nicola Cavaliere, giunge dall’associazione armatori pesca del Molise e dall’organizzazione produttori della pesca ‘San Basso’ che ieri in una nota hanno scritto: “Da anni viene rivendicato un fermo biologico effettuato in tempi e zone diverse, con il divieto assoluto di pesca nelle zone di nursery, e la ridefinizione delle zone di tutela biologiche anche al largo, dove specialmente in primavera avviene la riproduzione e l’accrescimento di alcune specie

ittiche molto importanti per la marineria molisana (scampi, merluzzi, totani, polpi, etc.). Il preoccupante calo delle catture, ha messo d’accordo tutti i rappresentanti delle organizzazioni di categoria molisane, a sottoscrivere un documento nel quale vengono individuate, a parere dei pescatori, le misure da prendere nell’immediato. Il documento scaturito da numerose riunioni effettuate in tutti i porti dell’Adriatico già dallo scorso novembre, al quale hanno sempre partecipato in modo costruttivo i

rappresentanti dell’associazione armatori pesca del Molise aderente a Federpesca, non è altro che la sintesi delle varie proposte che negli anni passati sono sempre state sostenute con forza dagli scriventi, che pertanto esprimono soddisfazione e auspicano che venga tenuta in considerazione dal ministro, e messa in pratica al più presto. Il coordinatore Federpesca Molise, Basso Cannarsa, ha evidenziato ieri a Roma che a differenza di altre regioni il Molise ha già in essere un piano ben preciso di attuazione”.


PRIMO PIANO

Progetto Molise, Galasso è fuori Il coordinatore regionale si è dimesso. Rumors parlano di tensioni interne riconducibili ai nuovi assetti alla Provincia di Campobasso Terremoto interno a Progetto Molise, il movimento politico regionale nato nel 2005, su iniziativa di un gruppo di soci fondatori capitanati da Luca Iorio, e collaterale al Popolo della Libertà e al presidente Iorio. Infatti, per motivi personali e non ricollocabili, in alcun modo all'attuale situazione politica, il coordinatore regionale in carica, Cosmo Galasso, si sarebbe di-

messo dall'incarico con decorrenza immediata. Le indiscrezioni però volano e parlerebbero di una grossa tensione interna al movimento scatenatasi all'indomani della nomina della giunta provinciale di Campobasso, guidata da Rosario De Matteis. In ballo per il posto di assessore in conto di Progetto Molise c'erano Micone e Di Labbio. Alla fine l'ha spuntata

Zuccherificio, Porfido: la Procura faccia luce in tempi brevi

Micone. Ma la versione ufficiale del ribaltone al vertice parla, come confermato personalmente da Luca Iorio, di motivi personali che hanno portato Galasso alle dimissioni. Ieri sera la nomina del nuovo coordinatore eletto dal comitato dei soci fondatori di Progetto Molise. Si tratta di Mario Lombardi, consigliere comunale e provinciale di Isernia, vicinissimo a Luca Iorio.

TERMOLI – Il presidente dello zuccherificio del Molise, Domenico Porfido, chiede chiarezza in tempi brevi alla Procura di Campobasso sullo stabilimento. La richiesta arriva in un momento particolare per lo stabilimento termolese, sia a livello finanziario sia a livello produttivo con l’annunciata riconversione per la produzione di energia dalla combustione degli scarti delle barbabietole

Minacce al giornalista Mignogna, solidarietà da Odg nazionale e Cgil Molise CAMPOBASSO – Il Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti e la consulta dei presidenti e dei vice presidenti, su mozione dei consiglieri nazionali, Enzo Cimino e Cosimo Santimone, riuniti ieri a Roma, esprimono piena solidarietà al collega Michele Mignogna, collaboratore free lance della rivista molisana on line “Primo Numero”, fatto oggetto di gravi e odiosi atti minatori, l’ultimo dei quali lunedì scorso con una busta contenente una testa di agnello lasciata sulla soglia della sua abitazione. “Il consiglio nazionale condivide la preoccupazione espressa in sede di Consulta dal presidente dell’Odg del Molise e si unisce – spiegano – alla decisa condanna di questi inaccettabili atti di intimidazione e di minaccia già espressa dalle rappresentanze regionali dei giornalisti e dalle istituzioni locali a tutela di quanti, in condizioni

spesso non facili, compiono con serenità e senso della legalità il loro lavoro al servizio dei cittadini”. La solidarietà a Mignogna arriva anche dalla Cgil Molise: “L’estrema attenzione ai problemi della tutela e difesa dell’ambiente, sottolineata dai recentissimi risultati dei referendum in Italia e nel Molise, da parte dei lavoratori e dei cittadini, deve trovare una risposta adeguata da parte delle istituzioni e bisogna che sia garantita la libertà di stampa in particolar modo tutelando gli operatori dell’informazione che coraggiosamente affrontano i temi in questione”. Il sindacato, infine, ritiene che “siano ormai assai numerosi i segnali di una presenza delle ecomafie nella nostra regione e che vadano prese tutte le misure di contrasto necessarie, a partire dalla corretta informazione su tali fenomeni”.

da zucchero. Il presidente Porfido, considerando la situazione precaria dell’azienda saccarifera, nonché “la complessità della materia”, chiede quindi all’autorità giudiziaria del capoluogo di “evitare nuove proroghe di indagini che potrebbero ulteriormente pregiudicare la già precaria situazione finanziaria dello stabilimento saccarifero”.

Centrosinistra, le primarie per le Regionali slittano all’11 settembre Il termine per le candidature è stato prorogato al 7 luglio CAMPOBASSO – Le forze politiche del centrosinistra e i movimenti civici nella riunione odierna hanno fissato per il 7 luglio alle 20 il termine per la presentazione delle candidature a presidente della Regione Molise e le elezioni primarie di coalizione l’11 settembre 2011, “ciò al fine di consentire la più ampia partecipazione possibile recependo le numerose richieste pervenute in tal senso”. Inoltre, i partiti e i movimenti “hanno convenuto circa la necessità di promuovere un ampio confronto programmatico con tutti coloro, singoli o associazioni, che vorranno offrire il proprio contributo attraverso momenti assembleari che si terranno nelle prossime settimane. Resta l’auspicio di un pieno coinvolgimento dell’Italia dei Valori al processo unitario avviato”. Le modalità di presentazione delle candidature, regolamento e ulteriori iniziative, infine, saranno approvate nel corso di un ulteriore incontro che si svolgerà sabato prossimo.


REGIONE

Scuola, Di Sandro corregge il tiro L’assessore regionale all’Istruzione, recepite le osservazioni del Tar che aveva bocciato il piano di dimensionamento, ha fatto approvare di nuovo il provvedimento dalla giunta

CAMPOBASSO – Dopo le osservazioni del Tar Molise, l’assessore regionale all’Istruzione, Filoteo Di Sandro, ha modificato il piano di dimensionamento scolastico 2011-2013 approvato nell’ultima seduta di giunta. Il nuovo provvedimento, che ha tenuto conto delle osservazioni dei giudici amministrativi, dovrà comunque garantire stabilità nel tempo al sistema e conciliare le necessità del territorio con le esigenze di razionalizzazione dettate dal Miur. La sentenza numero 222 del 2011 aveva di fatto bocciato il dimensionamento che aveva invece ottenuto l’ok dal Consiglio Regionale (delibera n. 19 del 24 gennaio 2011). Impensabile pertanto arri-

vare al nuovo anno scolastico con questo vuoto normativo che aveva già disegnato la struttura della rete scolastica regionale e preso atto del fatto che le proposte di dimensionamento presentate dalle due Province erano state rispettate (seppur con qualche modifica concordata) dalla deliberazione di giunta regionale n. 862 del 25 ottobre 2010. Ecco perché Di Sandro ha ritenuto di dover riproporre quel piano. La delibera 862/2010, infatti, salvata in qualche modo dalle motivazioni della sentenza del Tar, era stata il frutto di numerosi incontri preparatori, promossi dall’assessore, tra le parti sociali, i vertici istituzionali ed i rappresentanti dell’Usr.

“Pericoloso vuoto normativo, molte famiglie ci contavano”

Ecco perché a molti è sembrato inutile gettare alle ortiche tutto il lavoro svolto fino a quella sentenza. “L’annullamento del piano di dimensionamento scolastico 2011/2013 da parte del Tar Molise – spiega il titolare dell’Istruzione - aveva destato in me qualche preoccupazione in quanto molte famiglie molisane avevano già orientato le proprie scelte educative sulla base delle decisioni assunte dall’amministrazione regionale. Il pericoloso vuoto che si era determinato avrebbe, inoltre, potuto creare confusione nell’assegnazione del personale docente che, è bene ricordarlo, viene determinato dal Miur. Con il recupero del provvedimento di giunta n. 862 del 25 ottobre 2010, apportando qualche piccola modifica di carattere tecnico, non solo viene salvato tutto il lavoro concertativo che aveva preceduto quell’atto ma viene anche garantito un futuro più certo e stabile a tutti gli studenti della nostra Regione. Sono certo che il lavoro svolto potrà essere apprezzato anche nella successiva

fase d’esame da parte del Consiglio regionale, nella speranza che si giunga presto alla definizione di un assetto scolastico efficace ed efficiente. Le osservazioni del Tar in merito hanno inevitabilmente rallentato l’adozione del provvedimento, tuttavia, poiché nelle motivazioni della sentenza si poteva leggere un certo favore nei confronti della dgr n. 862/2010 che aveva apportato delle modifiche ai piani provinciali concordate con le parti e debitamente motivate, ho ritenuto fondamentale recuperare detto atto. Non va di-

menticato, infatti, che, il piano di dimensionamento regionale, non contiene solo le indicazioni relative alla riorganizzazione delle dirigenze, ma inserisce anche nel piano dell’offerta formativa regionale i c.d licei musicali, vera avanguardia e novità della riforma Gelmini. Auspico pertanto un sereno e proficuo prosieguo dell’iter consiliare che possa riconsegnare, nel più breve tempo possibile, alla nostra Regione quella stabilità organizzativa che sta alla base di un efficiente sistema scolastico”. AD

LE PRINCIPALI MISURE Riorganizzazione delle dirigenze e più ampia offerta formativa con i cosiddetti licei musicali


CAMPOBASSO Tratta di persona e schiavitù, oggi primi interrogatori Madre e due figli finiti in carcere verranno ascoltati dai giudici a Chieti e Campobasso

Graffia l’auto di una coppia, otto mesi per un 65enne

bio della disponibilità a rendere padre Luigi. Pressioni fisiche e psicologiche che hanno logorato la Petrova fino a quando gli uomini del dirigente Baroni, sono intervenuti per porre fine alle sue sofferenze. Madre e figlia, in particolare, sarebbero anche accusate di concorso in resistenza, violenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale: nel corso di un’azione condotta dalla polizia a fine marzo, infatti, le due donne avrebbero letteralmente aggredito un’agente della Mobile. Decisive, ai fini delle investigazioni, le segnalazioni di alcuni funzionari del Comune di Santa Croce di Magliano: sono stati proprio loro ad accorgersi per primi della situazione in cui versava la donna.

Aveva avuto un diverbio con una coppia di coniugi circa un contratto di locazione e da allora aveva iniziato a vendicarsi con dispetti di ogni genere. Fin quando è stato colto in flagranza di reato mentre stava graffiando l’automobile delle parti offese e denunciato per danneggiamento dalla polizia del capoluogo. Si tratta di un 65enne che ieri, nel Tribunale di Campobasso, è stato condannato dal giudice Falcione ad otto mesi. Per i coniugi, che rappresentati dall’avvocato Forcione si sono costituiti parte civile, è stata disposta anche una provvisionale. Il danno sarà dunque liquidato in sede civile.

Verranno ascoltate questa mattina, nel carcere di Chieti, Rosaria Casamonica ed Emilia Stefania Di Silvio, madre e figlia, accusate di tratta di persona e riduzione in schiavitù. Ieri l’altro il blizt della Squadra Mobile di Campobasso che ha visto finire

in manette anche Luigi Di Silvio, altro componente della famiglia di etnia rom residente a Santa Croce di Magliano. L’uomo, presumibilmente, verrà interrogato domani nella casa circondariale del capoluogo. Tutti minacciavano e picchia-

vano Maria Petrova, 28enne bulgara. La donna, per mesi, dunque, sarebbe stata vittima di terribili angherie. Una vicenda cominciata – secondo quanto ricostruito - lo scorso settembre, con l’arrivo della ragazza in Italia. A spingerla alla partenza con la promessa di un lavoro sicuro, sarebbe stato un connazionale tutt’ora irreperibile e ricercato dalle autorità - che avrebbe in un primo momento tentato di avviare la malcapitata alla prostituzione, salvo poi venderla per 2mila euro al Di Silvio. Ed è proprio a questo punto che la vicenda assume toni ancor più inquietanti. Perché la famiglia avrebbe costretto la donna in una condizione di schiavitù, segregandola in casa ed intimorendola con minacce continue; proponendole la libertà in cam-

Trasporto urbano, nuove pensiline a Vazzieri Strutture implementate già da qualche giorno per la felicità degli utenti Le estenuanti attese dei bus urbani sotto pioggia battente e neve potrebbero presto diventare un lontano ricordo. Dopo aver pazientato, e non poco, i cittadini residenti a Vazzieri hanno infatti salutato con estremo piacere l’installazione delle nuove pensiline in via Pirandello e via Alfieri. Una novità assai preziosa per gli utenti del servizio di trasporto pubblico urbano ed in modo particolare anziani e bambini, che fino a qualche tempo fa risultavano essere i più disagiati dall’assenza dei supporti in questione. Alunni con zaini pesanti e signore reduci da spese quotidiane

6 ANNO IV - N° 138 GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011

per minuti interminabili dinanzi alle fermate dei bus, molto spesso in balia delle intemperie, hanno purtroppo costituito scene abbastanza ricorrenti; l’auspicio è che da ora in avanti possano ridursi drasticamente proprio grazie agli interventi di messa in sicurezza attuati dall’amministrazione comunale. I lavori, ad ogni modo, dovrebbero presto procedere anche in altre zone della città, interessando soprattutto quelle fermate che accolgono abitualmente un gran numero di persone, come ha sottolineato anche l’assessore Cefaratti: “Si tratta di interventi programmati da tempo – ha spie-

gato Cefaratti – e scaturiti dalle segnalazioni dei nostri cittadini. Presto provvederemo a porre nuove pensiline all’altezza di altre fermate non protette, per garantire agli utenti un servizio sempre più efficiente”. Mancano ancora alcuni accorgimenti, senz’altro necessari, a rendere pienamente funzionali le nuove opere - il riferimento è, in primis, alle le segnalazioni delle fermate ed ai cartelli recanti gli orari delle corse dei mezzi pubblici – ma la politica interventuale intrapresa sin qui lascia ben sperare per il futuro. Preferibilmente prossimo. RedKro


CAMPOBASSO Campobasso guarda a Oriente CAMPOBASSO – Singapore non è così lontana. Almeno a detta dell’ambasciatore coreano che ieri ha fatto visita al prefetto Stefano Trotta e al sindaco di Campobasso Gino Di Bartolomeo. Un vertice preliminare a quelle che dovrebbero essere future collaborazioni tra il Comune capoluogo e l’Asia. Young Seok Kim ha potuto così apprezzare la nostra città gettando le basi per future visite. L’ambasciatore, dal settembre dello scorso anno, ha avuto modo di iniziare a visitare in lungo e in largo l’Italia e le varie regioni del nostro paese. Nella tappa molisana, ed in particolare a Campobasso, ha trovato molta disponibilità da parte del sindaco, ben felice di cominciare questi scambi culturali con realtà territoriali distanti e vicine tra loro. Per l’ambasciatore coreano infatti il Molise e il capoluogo regionale pur essendo di piccole dimensioni territoriali hanno tutte le potenzialità di crescita esattamente come è accaduto per Singapore in Corea. Il primo cittadino da parte sua ha tenuto a sottolineare che il Molise, con Campobasso, si presenta come

Vertice in Comune tra il sindaco Di Bartolomeo e l’ambasciatore coreano Young Seok Kim

una realtà ricca di prodotti tipici, di tradizioni locali e di siti archeologici rilevanti come Altilia a Sepino, San Vincenzo al Volturno e Pietrabbondnte, senza escludere altrettanti siti da valorizzare e far conoscere. Lo scambio tra il territorio regionale e il mondo asiatico visto come un miglioramento continuo e di crescita. Questo primo incontro, basato su una conoscenza iniziale, si è presentato come preludio di nuovi incontri, sottolineato dalla volontà dell’ambasciatore in una

nuova visita dove avrà modo, con la stretta collaborazione del sindaco, di incontrare la camera di commercio, l’università del Molise e varie realtà locali. Di Bartolomeo da parte sua ha ribadito l’importanza dei rapporti da poter avere con l’università del Molise ed in particolar modo con i giovani, un dialogo da aprire. L’incontro si è concluso con uno scambio di doni da parte del sindaco e l’ambasciatore ed un brindisi finale come augurio di una collaborazione proficua. mp

L’ambasciatore dal prefetto

Sicurezza sul lavoro, L’istituto Petrone partecipa e vince alle gare seminario all’Albino nazionali per studenti di calcoli e problemi CAMPOBASSO - Lunedì 20 giugno alle ore 9.45 l’agenzia formativa Formalab, in collaborazione con U.r.a. (Unione regionale artigiani), Uil (Unione Regionale Uil Molise), Cia (Confederazione italiana agricoltori), Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa), Fism (Federazione italiana scuole materne), Confesercenti, promuove il seminario “La sicurezza in ambito scolastico” nell’ambito del progetto Molisafety “Azioni formative ed informative per la promozione della sicurezza sui luoghi di lavoro”. Il dott. Emiliano Rocco, direttore tecnico dell’agenzia formativa Formalab, oltre ad aprire e gestire i lavori interverrà in relazione alla sicurezza in ambito scolastico analizzandone lo stato attuale e le prospettive. Ferdinando Mancini, rappresentante Uil scuola Molise, presenterà dati statistici sulla sicurezza scolastica. Interverranno anche l’arch. Cosmo Galasso e il geom. Marco d’Angelo rispettivamente sui fattori di rischio in ambito scolastico e la valutazione da stress da lavoro correlato. Il seminario avrà luogo presso la sala conferenze della biblioteca provinciale Albino dove ai partecipanti sarà rilasciato un attestato di partecipazione.

La classe 3^ D si aggiudica il secondo posto, a Laura Rivellino il primo

CAMPOBASSO – L’istituto comprensivo “Igino Petrone” di Campobasso ha avuto modo di aggiudicarsi con grande soddisfazione il primo e secondo posto nelle gare nazionali per studenti

appassionati di calcoli e problemi nei progetti Matematica & Realtà e Matematica senza Frontiera. La classe 3^ D, si è aggiudicata il secondo posto presentando un interessante progetto sulla

I ragazzi della scuola Petrone

matematica applicata per quel che riguarda il fenomeno delle campane di Agnone, dalla loro costruzione al suono che producono. Nell’ambito dello stesso progetto l’alunna della 3^ D, Laura Rivellino, ha vinto il primo premio nel test finale della gara di modellizzazione, cioè la capacità di esposizione scritta di alcuni problemi matematici applicati alla realtà. La classe in più ha avuto modo di primeggiare anche nella gara di Matematica senza Frontiera con la palma di ‘piccoli Fibonacci’. Soddisfazione da parte del dirigente scolastico Piero Pontico e dei docenti.

7 ANNO IV - N° 138 GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011


SPETTACOLI Sabato l’atteso live del Parto delle nuvole pesanti

La musica di S.Amanzio Domani al via la tradizionale due giorni “...atti da legare...”

CAMPOBASSO - Oggi alle 21.00 al teatro Savoia in scena “...atti da legare...”, due atti unici “I pergoletta” e “La banda degli onesti” organizzati dall’associazione Albatros. L’incasso della serata sarà devoluto alla Caritas Diocesana per sostenere il progetto “Prestito solidale, La rosa del deserto, un fiore di speranza”. Prevendita presso la Caritas. Info 3333013309.

di Charles N. Papa JELSI - Sicuramente tra i paesi in Molise, Jelsi è uno dei più attivi dal punto di vista dell’organizzazione di eventi di tradizione popolare. Certo il più famoso è la Festa del grano in onore di S.Anna. Ma anche la Festa di S.Amanzio, giunta ormai al decimo anno, è tra le più sentite dagli abitanti. La due giorni si terrà il 17 e 18 giugno e sarà un evento pieno di prelibatezze culinarie e tanta musica. Si comincia domani alle 17.00 con la classica gara delle carrozze con i cuscinetti, competizione assolutamente ilare e coinvolgente. Si prosegue alle 21.00 con il concerto della Fantomatik orchestra. Nella giornata di sabato alle 18.00 si terrà la messa e la processione in onore di S.Amanzio martire, accompagnata dal gruppo Pistonieri dell’abbazia di Badia Calavena, Verona. La chiusura dei festeggiamenti è affidata alla musica. Alle 22.00 l’esibizione del Parto delle nuvole pesanti, folk band della quale Peppe Voltarelli è stato uno dei fondatori. Alle 24.00 e prima dei fuochi d’artificio, il live della Piccola underground orchestra. Ovviamente nelle due serate, non mancherà il cibo, e dunque vitello allo spiedo, pizza, ventresca e peperoni.

Concorso LARINO - Scadono sabato 18 giugno le iscrizioni al concorso “Cortincentro”, festival che si terrà a Larino nel parco di Villa Zappone nei giorni 21 e 22 luglio. Due le sezioni: cortometraggi e cortissimi. La partecipazione è estesa a tutti ed è gratuita. In palio, ai primi classificati, euro 500,00.

In biblioteca CAMPOBASSO - Quest’anno anche la Biblioteca provinciale Albino, giovedì 16 giugno, intende ricordare l’opera dell’innovativo scrittore irlandese Leopold Bloom, e per farlo propone un particolare percorso espositivo all’interno dei propri spazi, per ripercorrere i tragitti di Leopold Bloom nelle strade sempre affascinanti di Dublino.

08 ANNO IV - N° 138 GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011

LIVE BOJANO - La Riserva Moac in tour in Germania con due date. Domani on stage al Rolandsfest di Nordhausen e il 18 live ad Hamm, nei pressi di Francoforte. E’ “la musica dei popoli tour”.

Ripalimosani, estate in programma

Pooh, cresce l’attesa per Corpus Domini

I festeggiamenti per la Madonna della neve a Ripalimosani, si terranno dall’11 al 13 agosto. Il comitato festa ha in programma, per la serata del 12, il concerto di Michele Zarrillo, l’autore di “Una rosa blu” è, ormai, richiesto dalle feste di piazza dove ripropone tutto il suo repertorio, caro ad ex teenager ormai mamme di famiglia.

Sarà l’unico evento inserito nei festeggiamenti del Corpus Domini, ad avere un richiamo extraregionale. Il concerto dei Pooh, il 26 giugno, orfani di Stefano D’Orazio, accontenta più generazioni sull’onda emotiva di brani come “Notte a sorpresa”, “Linda”, “Piccola Katy”, “Uomini soli”, “Ultima notte di caccia”, “Dammi solo un minuto”.


ANNO IV - N° 137 - GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO A FRANCESCO BARBABELLA

L'oscar oggi lo assegniamo volentieri a Francesco Barbabella dell'F&B sport di Isernia che, come ogni anno, ha organizzato un eccellente e organizzatissimo campus estivo per i bambini. Barbabella, nelle sue strutture, offre numerosi insegnamenti di discipline sportive, ma non dimentica l'aspetto pedagogico e formativo, dando continuamente messaggi positivi ed educativi ai suoi piccoli allievi. Per i genitori una piccola fortuna, per Francesco Barbabella un'opera meritoria che gli vale il nostro oscar.

IL TAPIRO DEL GIORNO A MARIA TERESA D'ACHILLE

Il Tapiro oggi lo assegniamo all'unanimità alla già vista e già sentita, Maria Teresa D'Achille, reduce di mille battaglie politiche e di mille partiti. Una donna sempre in movimento che qualche volta fa uno scivolone, come quando partecipa alla manifestazione per l'acqua pubblica (lei che è la moglie del più grande imbottigliatore privato del Molise) oppure quando attacca l'università perchè a Pesche non funzionerebbe la rete internet. Si informi meglio la signora D'Achille, perchè se c'è una cosa che funziona a Pesche è proprio il web. Per questo, per la sua voglia di partecipare comunque, che la espone a diverse figuracce, le regaliamo il tapiro.

Parto mortale, ci sono gli indagati AGNONE

AGNONE

VENAFRO

Donna tenta di togliersi la vita Salvata in extremis dai carabinieri

Carenza di personale al reparto dialisi del Caracciolo Soluzione vicina

Entrano nel vivo i festeggiamenti in onore del Santo patrono

A PAG. 10

A PAG. 10

A PAG. 10

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA I familiari accusano: la madre aveva chiesto il cesareo, ma non è stata ascoltata

Parto mortale, l’inchiesta si allarga La procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo Cinque, forse sei, gli indagati. Sequestrata la cartella clinica ISERNIA. Sarà l'autopsia a fare chiarezza sulle cause della morte di un neonato, deceduto l'altro pomeriggio durante il parto assistito nella sala del reparto di Ostetricia e Ginecologia dell'Ospedale Veneziale di Isernia. Il padre, Vincenzo Neri, autotrasportatore di Rocchetta a Volturno, ha presentato denuncia in Questura, facendo aprire un'indagine per omicidio colposo. Al momento gli iscritti nel registro degli indagati sono 5, ma nelle prossime ore potrebbero anche arrivare a sei, così come dichiarato dall’avvocato D’Orsi. Il sostituto procuratore, Alfredo Mattei, ha disposto il sequestro della cartella clinica. Le indagini le conduce la Squadra mobile di Isernia. Gli uomini del dirigente Vittorio Di Lalla, attraverso la testimonianza del genitore del piccolo deceduto, hanno identificato le persone che in qualche modo hanno avuto a che fare con questo parto. La madre, Liliana Rodriguez, 30enne originaria della Bolivia, è ancora ricoverata al Veneziale. È comprensibilmente sotto choc. Nelle prossime ore sarà ascoltata.

Racconterà cosa ricorda, dirà agli inquirenti cosa è accaduto durante le fasi concitate del parto. La famigli Neri si è affidata agli avvocati Marco Pontarelli e Francesco D'Orsi. Ieri mattina hanno avuto un colluquio con il magistrato di turno e gli investigatori della Polizia. Chiedono che si faccia chiarezza. Ma soprattutto vogliono sapere se vi siano delle responsabilità. In parole povere: questa morte poteva essere evitata? Risposte importanti dovrebbero arrivare dall'autopsia. Probabilmente domani mattina il sostituto Mattei conferirà l'incarico a un medico legale. L'esame potrebbe essere effettuato in giornata. Con ogni probabilità la famiglia Neri nominerà un consulente di parte. Stando alle testimonianze raccolte tra i familiari e gli amici della coppia di Rocchetta a Volturno, sembra che le operazioni di parto siano durate oltre due ore. L'ultimo tracciato effettuato le ore precedenti il parto non aveva fatto registrare particolari anomalie. E anche il travaglio era avvenuto in maniera spontanea. Ma

qualcosa, poi, non è andata per il verso giusto. La testa è uscita, ma il resto del corpo è rimasto bloccato all'altezza delle spalle. La madre del piccolo – alla seconda gravidanza - avrebbe anche chiesto di essere sottoposta a un parto cesareo. Ma a quanto pare si è deciso di andare avanti come da prassi. Poiché durante il travaglio non erano emerse indicazioni particolari tali da dover giustificare un intervento di questo tipo, ha detto il primario del reparto, Luigi Falasca. Ed è stato proprio quest'ultimo a intervenire in un secondo momento. Con una manovra è riuscito liberare il bambino. Che non avrebbe pianto. Si è tentato di rianimarlo, ma purtroppo non c'è stato nulla da fare. L'anomalia che si è verificata durante il tragico parto viene definita “distocia di spalle”. Esce la testa, ma non le spalle. Perché il bimbo cominci a respirare è necessario che esca tutto il corpo. La distocia di spalle è uno degli eventi tra i più brutti che possano capitare durante il parto, ha detto il primario Falasca. Ed è un problema di difficile soluzione.

L'episodio si è verificato ad Agnone

Donna tenta il suicidio Salvata dai carabinieri AGNONE. Non è la prima volta che tenta un gesto estremo. Una straniera residente ad Agnone, forse per problemi economici, ha tentato il suicidio. L'episodio si è verificato l'altro pomeriggio. Nell'abitazione della 48enne sono intervenuti i Carabinieri del Nucleo Radiomobile della Compagnia dell’Alto Molise. Era stata proprio lei a contattare la centrale operativa dell’Arma , annunciando le sue intenzioni. L’operatore della centrale ha cercato di calmare la donna, nel frattempo ha inviato una gazzella del Nucleo Radiomobile sul posto. E infatti i militari nel giro di pochi minuti hanno individuato la donna che nell’abitazione brandiva un grosso coltello da cucina. Se l'era puntato alla gola. Con calma e determinazione i militari sono riusciti a far desistere la donna disarmandola dell’arma da taglio. Successivamente la straniera è stata affidata alle autorità sanitarie locali per le eventuali cure del caso. Già pochi mesi fa, la donna aveva posto in essere in pieno centro cittadino un analogo gesto autolesionistico minacciando di darsi fuoco con liquido infiammabile. Anche in quel caso fu bloccata prontamente da un altro equipaggio del pronto intervento dell’Arma.

Caracciolo, emergenza finita al reparto dialisi AGNONE. Va verso la soluzione il problema della carenza di personale che sta interessando il servizio dialisi dell’ospedale San Francesco Caracciolo di Agnone. Da lunedì la struttura potrà contare su due medici. La conferma è stata data dal manager dell’Asrem Angelo Percopo. Una decina di giorni fa alcuni dei quattordici 14 pazienti dializzati del presidio ospedaliero altomolisano avevano minacciato di interrompere le cure perché da feb-

10 ANNO IV - N° 138 GIOVEDÌ 16 GIUGNO 2011

braio era rimasto un solo medico che non poteva garantire la reperibilità nell’arco della giornata. La protesta dei dializzati, molisani e abruzzesi, era rientrata dopo poche ore perché dall’Asrem di Campobasso erano arrivate rassicurazioni circa il riconoscimento economico per l’attività aggiuntiva dell’unico nefrologo rimasto dopo i tagli per il rientro dal debito sanitario regionale. Ma dall’Asrem era stato garantito anche l’arrivo di un secondo

nefrologo. “L’emergenza di Agnone – ha detto Percopo – è stata risolta, nella prima fase con il riconoscimento economico delle reperibilità svolte dal nefrologo. Ora, nella seconda fase, con l’arrivo di una nuova unità, un altro nefrologo contrattualizzato”. L'ospedale di Agnone si trova a vivere una fase delicata. Questa notizia va nella direzione auspicata dai comitati che si battono per difendere il presidio dalla scure dei tagli.

San Nicandro Venafro Appuntamenti di oggi

Isernia, sabato congresso provinciale dell'Ugl

VENAFRO. Entrano nel vivo i festeggiamenti in onore dei santi patroni Nicandro, Marciano e Daria. Oggi alle 7 suono di campane e lancio di granate. Alle 9 giro per le vie della città della banda musicale. Dalle 19:30 prima processione. In serata, in piazza Mercato, concerto della banda Città di Noci.

ISERNIA. “Uscire dalla crisi in sicurezza e competitività”: è il tema del congresso provinciale dell'Ugl, in programma sabato alle 16:30 alla sala gialla della Provincia di Isernia. Si parlerà dei problemi di occupazione che si sono venuti a creare nel nucleo industriale e alla Ittierre. Sotot la lente anche le problematiche del pubblico impiego.


TERMOLI Il colpo di martedì sera ha fruttato circa duemila euro

Rapina alla stazione di servizio sulla A-14 Ad agire una sola persona a viso coperto ed armata di pistola che poi ha fatto perdere le proprie tracce TERMOLI – Ancora una rapina in territorio termolese, anche se in questa occasione il colpo è stato messo a segno nella stazione di servizio Rio Vivo Est in direzione Nord dell'A14. Ad agire una sola persona a volto coperto ed armata di pistola. Erano all'incirca le 21 di martedì quando l'individuo, dall'accento molisano, si è

presentato all'addetto alle pompe, estratto una pistola puntandogliela alla tempia. Poi gli ha intimato di consegnargli il denaro contenuto nella cassa: circa 2000 euro. Immediatamente dopo si è allontanato di corsa dopo aver scavalcato la recinzione si è dileguato tra le case del quartiere di Via Stati Uniti nei pressi di Piazza del

Arpa, via il laboratorio di Termoli Secco no dall’Unione dei comuni

L'Arpa Molise ha chiuso il laboratorio di Termoli, che di fatto serviva tutto il basso Molise, suscitando la presa di posizione di Associazioni ed Enti. L'ultima è della Giunta dell’Unione dei Comuni del Basso Biferno la quale ha approvato un ordine del giorno con cui si chiede all’Arpa Molise la revoca della decisione del Direttore Generale Petracca. “La decisione dello smantellamento dei laboratori – si legge in un documento dell'Unione dei Comuni del Basso Biferno - potrebbe mettere in discussione la funzionalità generale dell’Arpa nella zona di Termoli, in cui la sua presenza è fondamentale alla luce dei tanti casi di inquinamento che si registrano. Si verrebbe a determinare una situazione di incertezza circa la possibilità da parte dell’Arpa di Termoli a continuare ad effettuare le analisi delle acque in generale ed i controlli nelle aziende che ricadono nel consorzio della Valle del Biferno, considerato che le analisi dovranno essere effettuate a Campobasso, con ulteriori perdite di tempo e aggravio di costi”. L’Unione dei Comuni del Basso Biferno con il deliberato ritiene “urgente e necessario chiedere ai vertici dell’Arpa Molise di revocare tale provvedimento al fine di assicurare la tutela della salubrità delle acque, dell’aria e del suolo nel territorio del Basso Molise, facendo voti anche al Presidente della Regione Molise e all’Assessore regionale all’Ambiente, di fare il possibile per evitare lo smantellamento”.

Festa di Sant’Antonio da Padova Sentite celebrazioni a Santa Croce SANTA CROCE DI MAGLIANO - Si è svolta la tradizionale processione di Sant’Antonio da Padova: il simulacro del Santo è stato preceduto da 13 carri , trainati da vacche e addobbati a festa con coperte ricamate, nastri colorati, fiori e spighe di grano. Nella parte anteriore dei carri è riportata l’immagine del santo più venerato in Italia e un cesto di pane

benedetto. Il carro che precede la processione è quello “del pane benedetto”, organizzato da decenni dalla stessa famiglia, e trasporta tremila forme di pane che sono state benedette davanti al piazzale della Chiesa Madre dal parroco Don Angelo. Le forme di pane sono prodotte grazie al lavoro della Signora Assunta Di Nunzio e vengono distribuite, du-

Papa. Immediatamente è stati dato l'allarme e sul posto è giunta una pattuglia della Polstrada mentre al di fuori dell'arteria autostradale uomini del Commissariato e carabinieri si davano alla ricerca del malvivente ma senza profitti. Nel giro di pochi giorni è la quarta rapina che si registra a Termoli e fa seguito a quelle messe a

segno alle Poste centrali, al casello Autostradale e al Discount MD. Gli investigatori proseguono nelle indagini per scoprire gli autori delle rapine e se esiste un collegamento tra di loro. I colpi sono stati compiuti a macchia di leopardo e questo lascerebbe supporre che i malviventi conoscono bene il territorio e le vittime da colpire.

Diocesi e cultura, quando la fede incontra l’intelletto La diocesi di Termoli-Larino ha avviato lo scorso 20 Maggio, con la presentazione del libro di Giuseppe Mammarella “San Pardo, patrono principale di Larino e Diocesi”, edito da Palladino, un progetto teso alla valorizzazione della sua storia ponendo l’attenzione ai beni culturali. Al fine di attuare questo progetto si è avviata una rete di collaborazioni volta a creare momenti educativi per tutte le comunità con attenzione soprattutto ai giovani. In particolare, tra i prossimi appuntamenti è prevista per il 28 Luglio, presso il cinema Sant’Antonio, la presentazione del volume “San Basso, patrono principale di Termoli e Diocesi”, a cura di Giuseppe Mammarella ed edito da Palladino. A Luglio e Agosto si svolgerà presso l’Episcopio diocesano di piazza Duomo, una mostra di tele settecentesche a tema mariano. A Settembre sarà inaugurato, e troverà sistemazione definitiva, l’archivio storico diocesano, presso l’Episcopio di Larino. Nello stesso mese sarà sistemata, in via definitiva, la prima sezione del museo diocesano presso la sacrestia della concattedrale di Larino e

rante lo svolgimento della processione, a tutti i fedeli. Non sono mancati adulti e bambini che, in segno di devozione al santo, indossavano il “saio di Sant’Antonio”. Al passaggio del Santo in processione, in molti quartieri, i cittadini festeggiano con tradizionali fuochi d’artificio. Partecipare a questa festa significa immergersi nei variopinti colori dei carri, nei suoni dei campanacci, in un’atmosfera agreste farcita dalla profonda devozione dei santacrocesi per il loro Santo patrono. Da anni manca nella processione “U stannardele”, un grosso palio portato da più persone in processione che rappresenta un ulteriore segno della profonda devozione dei cittadini del paese di Raffaele Capriglione per Sant’Antonio da Padova. Si spera, magari con l’intervento di qualche associazione, che nei prossimi anni, “U stannardele” possa ricomparire in processione, magari a partire dalla festa del 2012. Alla fine della processione, il Santo, tra lo scampanio dei carri, le preghiere di una folla in festa è rientrato nella chiesa madre tra gli applausi della gente. Nella sfilata si ha un’esplosione di colori ma anche di suoni. Iinfatti all’interno dei carri dei cantori, per lo più anziani, accompagnati da una fisarmonica, eseguono un antichissimo canto devozionale : “La carregna”. Come per le laudate

sarà avviata una sistemazione provvisoria anche per una seconda sezione del museo diocesano con opere di alcune chiese soggette al terremoto del 31 ottobre del 2002. Da Ottobre a Novembre allestita presso l’Episcopio di Termoli, in Piazza Duomo, si terrà la mostra su Michele Greco di Velona dal titolo “Rinascimento adriatico danzante”. L'evento è dettato dall’occasione della restituzione, dal museo nazionale d’Abruzzo alla parrocchia di Guglionesi, del Trittico della Madonna con Bambino tra san Giovanni Battista e sant’Adamo Abate nonché, di una statua lignea del XIV secolo di san Pardo alla cattedrale di Larino. Sempre a Novembre è prevista la pubblicazione della traduzione in italiano (lingua originale, il latino) del Codice diplomatico del monastero benedettino di S. Maria delle isole Tremiti. Nel codice si trovano i documenti più antichi delle comunità della fascia costiera del Molise. Infine a Dicembre verrà presentata la pubblicazione sulle eccellenze artistiche della diocesi di Termoli-Larino.

o carresi di San Pardo a Larino e di San Leo a San Martino in Pensilis, nella Carregna di Santa Croce di Magliano è evidente la profonda religiosità e devozione per il Santo Patrono dei santacrocesi; inoltre, visto che le popolazioni del Basso Molise, tradizionalmente, erano legate per il loro sostentamento ai prodotti della Terra, non mancano nel canto frasi relative al ciclo della natura con la sottintesa richiesta di protezione da parte del

Santo. In serata, in Piazza Marconi, si è svolta, a cura del Carro della famiglia Petruccelli, la tradizionale asta di prodotti agricoli: il ricavato viene messo a disposizione del comitato festeggiamenti per il pagamento delle spese. L’asta è stata allietata, in presenza di un folto pubblico divertito, dall’esibizione del gruppo di musica Etnica di Larino “I Cantori della Memoria” e dall’Associazione Musicando di Santa Croce di Magliano.


TERMOLI Carenza di infermieri, lettera della Fials alla direzione sanitaria TERMOLI - C'è carenza di personale infermieristico all'ospedale San Timoteo che rasenta l'emergenza e il segretario provinciale e dell’ambito territoriale di Termoli-Larino della Fials, Mariacristina Magnocavallo, insieme a Gianluigi Angelucci hanno scritto una lettera alla direzione sanitaria e al dirigente del servizio infermieristico del San Timoteo Antonio Basso Di Brino che è anche il sindaco della città. “Il periodo di incertezza che sembrava essersi risolto con l’invio di telegrammi, da parte dell’Azienda Sanitaria – ASReM -

per l’assunzione di personale infermieristico oggi si definisce “emergenza”, in quanto agli infermieri chiamati a rispondere è stato sottoposto un contratto per inizio Luglio (fino al 30 giugno quanti ordini di servizio scatteranno ancora???). Tutto ciò è assurdo, inconsapevole e immorale nei confronti dei cittadini e del personale lavoratore che ad oggi è costretto ad effettuare doppi turni (venendo sempre meno al D.Lgs. 66/2001) caratterizzati da ordini di servizio. I periodi di grandi incertezze, sono diventati “certezza” di una sanità

malata che lavora solo con personale precario e nessun dirigente ha capacità decisionali, chi curerà “la Sanità”. Si rimarca che “il cittadino”, con il suo bisogno di salute non

Referendum, Caruso: un messaggio alla politica TERMOLI - Il risultato ottenuto nelle consultazioni referendarie del 12 e 13 Giugno, hanno messo in evidenza il forte senso civico e la voglia di partecipazione da parte dei cittadini. A Termoli il quorum è stato raggiunto con il 63%, l’intera provincia ha fatto registrare il 60% , superando quello della media nazionale del 57%, nonostante gli inviti a non andare a votare, espressi dai rappresentanti vicini al governo. Un risultato che non può non assumere una connotazione politica, anche alla luce dei dati delle scorse elezioni provinciali, che hanno messo in evidenza una crescente “disaffezione” dei cittadini rispetto alla politica, con un aumento della percentuale di astensionismo. Si tratta di un chiaro messaggio all’intero mondo politico, sulla necessità di ripensare alle logiche partitiche sempre più distanti dalle esigenze e i bisogni dei cittadini. Credo che questi dati, oggi, impongano una riflessione da parte dei segretari dei partiti del centrosinistra rispetto alla politica condotta fino a questo momento, incapace di tradurre la politica fallimentare del

centrodestra in scelte programmatiche alternative e sulla necessità di convergere verso una reale e concreta unità d’intenti. Un discorso valido anche per quelle associazioni e quei movimenti civici, cresciuti notevolmente negli ultimi tempi, anche a livello locale, che nonostante i propositi iniziali, nelle ultime consultazioni elettorali hanno creato momenti di divisione a discapito di una coalizione unita. Ritengo sia venuto il momento anche per il centrosinistra molisano, di mettere da parte logiche e alleanze trasversali e di lavorare per un progetto politico comune e di condivisione, che coinvolga tutti i cittadini rendendoli partecipi delle scelte programmatiche. Mi auspico che le prossime consultazioni regionali, non si trasformino in un pretesto per proporre un cambiamento di facciata, ma che rappresentino l’occasione per un cambiamento reale, per costruire una coalizione unita che sia espressione di una politica propositiva, basata sul confronto e la partecipazione. Francesco Caruso

Emarginazione, domani convegno del Movi

TERMOLI - “L’ Amministrazione di sostegno e gli strumenti di tutela per le persone fragili ”, é il tema di un incontro formativo ed informativo con personalità del campo giuridico, scientifico e sociale, utile per tutti gli interlocutori che a diverso titolo si occupano di persone a rischio di emarginazione. L'evento si terrà domani all'Hotel Majestic dalle 15 alle 20 é organizzato dal MO.V.I., in collaborazione con

Camera minorile inCaMmino, e con il patrocinio di diversi Ordini professionali. L “Amministrazione di sostegno” é una misura di protezione giuridica delle persone nell’impossibilità di provvedere da sole ai propri interessi, introdotta dalla legge n. 6 del 2004 che, rispetto alle forme “storiche”– inabilitazione e interdizione – ha un pregio inestimabile, che è quello della flessibilità. A differenza dell’interdizione che dichiara la permanente incapacità di agire (l’interdetto non può stipulare alcun contratto, non può sposarsi, fare testamento, ecc), l’amministrazione di sostegno è prevista – anche in via temporanea – con un decreto del giudice tutelare che determina gli atti che l’amministratore può compiere nell’interesse (riscossione pensione, gestione conto corrente, titolo, gestione immobiliare, consenso rispetto al collocamento in casa di riposo,istituzione trust) del beneficiario, e la prima serie di atti può essere modificata nel tempo, in relazione alle esigenze della persona. Tema centrale del convegno è anche la destinazione delle risorse economiche a favore del soggetto debole, quando i genitori e/o la famiglia non ci sarà più.

può attendere, in caso contrario scattano denunce”. Dalla Fials fanno sapere che attendono risposte “dall’ispettorato del lavoro sempre a tutela del cittadino e del lavoratore,

viste le conseguenze ipotizzabili dallo stato psicofisico del personale e delle gravose responsabilità di natura civile e penale insite nella situazione delineata”.

Finanze precarie, Di Giandomenico scrive al sindaco Di Brino TERMOLI - Si torna a parlare delle casse comunali che si troverebbero in una situazione disagevole e l'onorevole Remo Di Giandomenico ha scritto una lettera al sindaco Basso Antonio Di Brino. “I resoconti della stampa locale sulla conferenza stampa da Lei tenuta sabato scorso sui problemi finanziari del Comune, alla luce della deliberazione della Corte dei Conti di Campobasso, hanno registrato una Sua dichiarazione su "qualcuno che agita lo spettro del dissesto finanziario andando contro la sua gente, c'è qualcuno che non merita questa città, etc.". Noi condividiamo questa Sua presa di posizione, che conferma la validità

della nostra proposta di deliberazione, inviata al Consiglio Comunale, sulla necessità di richiedere una visita ispettiva da parte dei funzionari del Ministero degli Interni e dell'Economia. Ciò contribuirà a rendere chiara la situazione, a far sì che vengano individuate le responsabilità di chi ha determinato una situazione difficile e di chi ha approvato conti sanando "le gravi irregolarità", evidenziate dalla Corte dei Conti. Andrà a Suo merito questa operazione di trasparenza ed avrà al Suo fianco i Popolari Liberali in questa azione che tende a far luce sulla situazione amministrativa del Comune”.

Al via la ristrutturazione della sala consiliare del Municipio TERMOLI – Sono iniziati i lavori di ristrutturazione e arredo della Sala consiliare del Municipio, che termineranno entro il prossimo 31 Agosto. L’intervento riguarda la sistemazione di pareti interne, l’istallazione di elementi di arredo, sistemi audio e video, impianto elettrico, nonché l’impianto di votazione per le sedute consiliari.

Espletata la gara d’appalto, con contratto del 22 Settembre 2009, l’esecuzione dei lavori è stata affidata, per un importo di 145.000 euro, alla ditta Ellebi S.r.l. di Taranto. Con delibera di Giunta Comunale del 25 marzo 2011, l’attuale amministrazione, dopo aver approvato una variante tecnica, ha autorizzato l’inizio dei lavori.

Area di sosta camper, sabato l’inaugurazione TERMOLI – La Giunta municipale lo scorso 27 Gennaio ha deliberato l’attivazione delle procedure per l’affidamento della gestione dell’area demaniale di Rio Vivo – Marinelle, adibita all’uso sosta camper, alla ditta New Service S.r.l. di

Leinì (TO). Ora l'amministrazione comunale comunica che sabato alle 10, alla presenza dei rappresentanti dell’amministrazione comunale, si terrà la cerimonia di inaugurazione per la nuova gestione dell'area.


S P O RT CONI CAMPOBASSO

Educamp, scuole aperte per ferie Due settimane a Campomarino per il progetto che coinvolge alunni di età compresa tra i 5 ed i 14 anni. L’obiettivo è quello di diffondere il concetto di sport inteso come stumento di crescita personale e collettiva Un momento del camp Ha preso il via nei giorni scorsi la prima delle due settimane del camp estivo organizzato dal CONI di Campobasso all’Happy Family Village di Campomarino. Anche quest’anno, per il secondo consecutivo, il Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca ed il CONI Nazionale hanno promosso il Progetto “Educamp – Scuole aperte per ferie”, centri estivi scolastici e sportivi per gli alunni di età compresa tra i 5 e i 14 anni con l’obiet-

tivo di diffondere, attraverso la pratica di attività motoria, il concetto di sport inteso come strumento fondamentale di crescita personale e collettiva. Elemento distintivo del progetto è l’offerta di attività sportiva multidisciplinare finalizzata non alla competizione agonistica ma al divertimento e alla socializzazione. L’iniziativa, realizzata con successo la scorsa estate in 6 province italiane, quest’anno è stata estesa a 14 sedi

tra cui Campobasso. Il Comitato presieduto da Antonio Rosari ha organizzato un campus con formula residenziale della durata di due settimane (la prima dal 12 al 18 giugno e la seconda dal 19 al 25 giugno) riservato agli studenti della scuola primaria, delle classi 4^ e 5^ che hanno attuato il Progetto di Alfabetizzazione Motoria. Gli alunni, 50 a settimana, avranno l’opportunità di praticare diversi sport (calcio, pallavolo, pallacanestro, tennis, ginnastica, nuoto, vela, equitazione) sotto l’attento controllo di educatori sportivi laureati in scienze motorie, uno ogni 10

L'intervento del presidente Rosari partecipanti, con un docente esperto supervisore della programmazione delle attività e con un gruppo di animatori che organizzerà i momenti non sportivi. Vero valore aggiunto offerto dagli Educamp: un contesto ludico educativo sicuro, unico nel suo genere per la qualità e la competenza della struttura organizzativa e per il personale altamente qualificato. Il contributo richiesto alle famiglie

è a parziale copertura dei costi di realizzazione e comprende, oltre alla partecipazione alle attività sportive e di animazione in programma, copertura assicurativa, vitto e alloggio e un kit di abbigliamento composto da t-shirt, pantaloncini e cappellino. La prima settimana si concluderà sabato con la consegna dei diplomi di partecipazione ai primi 50 protagonisti molisani dell’Educamp 2011.

ATLETICA LEGGERA

Trofeo San Nicandro, bis della Lamachi

Continuano i successi degli atleti del “Venditti Team” del tecnico molisano Pasquale Venditti con Meriyem Lamachi grande dominatrice a Venafro, con Corrado Mortillaro vittorioso a Novara ed a Arona e con l’ottavo posto di Abderrahim El Asri in Francia a Clermont Ferrand.La 23enne Meriyem Lamachi si è aggiudicata per il secondo anno consecutivo il “Trofeo San Nicandro” a Venafro, manifestazione nazionale di corsa su strada di 9 km su un circuito cittadino di 3 km da ripetersi 3 volte, correndo in 30’38” stabilendo così anche il nuovo record del percorso, l’atleta del Running Club Futura ha superato Soumiya Labani del Marocco che ha concluso al secondo posto con il tempo di 31’35” con un distacco di 300 metri dalla vincitrice, al terzo posto si è piazzata Zipporah Chebet del Kenya con 32’33” davanti alla prima delle italiane Antonietta D’Orsi dell’Atletica Training quarta con 35’13”. Da sottolineare

che solo 7 atleti maschi di cui un solo italiano sono riusciti a precedere Meriyem Lamachi a conferma dell’ottima prestazione fornita dall’allieva di Pasquale Venditti. Nella gara maschile il successo è andato a Erastus Kipkorir Chirchir del Kenya con il crono di 26’20” battendo in volata Issam Zaid del Marocco con 26’22”, al terzo posto Edwin Kiptanui Kichwen del Kenya con 26’57” mentre il primo degli italiani è stato Ivan Di Mario della Polisportiva Molise Campobasso giunto al sesto posto con 28’41”. Doppio successo per Corrado Mortillaro dell’Atletica Palzola, a Novara è salito sul gradino più alto del podio alla 6^ tappa del “Grand Prix Città di Novara”, gara di corsa su strada di 6 km precedendo il compagno di squadra Diego Abbatescianni e Alessandro Brustia dell’Atletica Trecate ed a Arona, in provincia di Novara, ha vinto la 9^ edizione della “Mezzamaratona dei Lagoni”, con un percorso di 21,097 km immerso nel fantastico Parco dei lagoni con i suoi boschi, le sue pinete ed i suoi laghi, Mortillaro ha vinto con il tempo di 1h13’54” nuovo record del percorso, al secondo posto si è classificato il vincitore delle due edizioni precedenti Stefano Luciani della Cover Sportiva Mapei che ha preceduto il compagno di squadra Gabriele Blardone.Abderrahim El Asri si è piazzato all’ottavo posto in Francia a Clermont Ferrand alla 21^ edizione della “Courir a Clermont”, manifestazione internazionale di corsa su strada di 10 km con la partecipazione di oltre 5000 atleti, purtroppo un ritardo aereo lo ha costretto a non poter dormire la notte precedente la competizione e in gara poi si è dovuto accontentare di un crono di 29’39” lontano dal suo primato sui 10 km di 28’06”, la vittoria è andata a Paul Melly del Kenya con 28’45” davanti a Ezekiel Nizigiyimana del Burundi con 28’46”, Abel Maina Ndemi del Kenya con 28’54”, James Kibocha Theuri della Francia con 28’59” e Josephat Muraga del Kenya con 29’02”.

A Vasto Zippo conquista la medaglia di bronzo Domenico Zippo della Polisportiva Molise centra il Bronzo ai Campionati Italiani Master 10 km su Strada.Su un percorso che presentava un coefficiente di difficoltà molto elevato a causa di un’altimetria davvero impegnativa, Domenico Zippo della Polisportiva Molise di Campobasso, atleta dalla classe cristallina, centra una storica medaglia di bronzo con una condotta di gara intelligente che lo vede passare solo 7° a metà gara, per poi iniziare una rimonta strepitosa che si conclude al 3° posto della categoria MM55 del Campionato Italiano Master 10 Km su Strada. A livello societario, grazie anche alla prestazione di Zippo, il team della Polisportiva Molise si piazza al 25° posto assoluto nella classifica a squadre del Campionato Italiano.


S P O RT L’EVENTO

Un saluto a Tonino, sabato a Campobasso Cresce l’attesa per l’importante manifestazione organizzata dall’Asd Hammers in ricordo di D’Altorio giocatore e dirigente di rugby di origini molisane Le partite si teranno presso l’impianto del vecchio Romagnoli Sarà una giornata all’insegna dello sport più sano, quella di sabato 18 giugno al vecchio Romagnoli di Campobasso, quando l’Asd Hammers Rugby, unica realtà molisana della palla ovale, ospiterà la manifestazione “Un saluto a Tonino”, dedicata alla memoria di Antonio D’Altorio, giocatore e dirigente di rugby di origine molisana (per la precisione di Sant’Elia a Pianisi), scomparso prematuramente nello scorso autunno. La Hammers ha invitato la San Mauro Torino, la società che è stata presieduta dal 2003 al 2010 dallo stesso D’Altorio, che fu anche uno dei fondatori del club nel 1985 ed è stato anche consigliere del Comitato piemontese della Federazione italiana rugby. La San Mauro ha collaborato anche all’organizzazione dell’evento, insieme ad Ortenzia D’Altorio, sorella di Tonino. La delegazione piemontese sarà composta da circa cinquanta persone tra atleti, dirigenti ed accompagnatori ed arriverà a Campobasso nella mattinata di sabato. Per i graditi ospiti sarà anche l’occasione per

D’Altorio

IMPIASTICA

Querelle con le società sportive, il comune di Isernia dice la sua RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO: L’assessorato allo sport del comune di Isernia informa la cittadinanza che l'utilizzo degli impianti sportivi (10 Settembre e campo in terra battuta di Le Piane) da parte delle società di calcio è scaturito da conferenze di servizio nelle quali ciascuna società ha liberamente scelto le ore di utilizzo sottoscrivendo contestualmente i relativi verbali. Le doglianze pervenute dai genitori degli atleti non sono ascrivibili a questa Amministrazione che ha avuto l'unico onere di razionalizzare le richieste sovrapposte per giorni e tempi. Le Società Sportive potranno formulare ri-

chiesta di nuova conferenza di servizio al fine di valutare l'eventuale miglioramento dell'attribuzione degli spazi senza ledere le aspettative di ciascuna. Il consigliere comunale con delega allo Sport, geom. Mauro DE TOMA informa la cittadinanza che, nonostante l’impegno profuso attraverso l’indizione di una conferenza di servizio indetta per il giorno 12 ottobre presso la sede comunale, per dirimere i diverbi tra le Associazioni Sportive che hanno tra le loro finalità la disciplina del nuoto ed il gestore della Piscina comunale di c.da “Le Piane”, la stessa è andata deserta.

conoscere la città, visitando il centro storico ed il Museo dei Misteri dopo aver preso parte ad una cerimonia religiosa in memoria del compianto Tonino. La manifestazione inizierà alle 16.00 con un incontro tra gli under 12 della Hammers ed i pari età della San Mauro; alle 17.00 scenderanno in campo gli under 16 sempre dei molisani e dei piemontesi, mentre alle 18.00 toccherà alle due formazioni seniores disputare la terza ed ultima gara. Una volta concluse le partite, ci sarà la premiazione, fissata per le 20.00; la manifestazione si chiuderà col tradizionale incontro dopo-gara tra i giocatori delle due squadre e che meglio incarna lo spirito di questa disciplina: il ‘terzo tempo’ a base di cavatelli e birra, con musica ed un maxi-schermo allestito per l’occasione dove verranno proiettate immagini e filmati sullo sport della ‘palla ovale’. “Tonino D’Altorio – spiegano gli organizzatori del memorial - ha incarnato lo spirito ed i valori del rugby. Ha vissuto ogni istante della sua vita, anche quelli duri della malattia, sempre con il sorriso, la forza, la lealtà, il

rispetto, la solidarietà ed il coraggio propri del rugbista e tipici del molisano. Recita un vecchio adagio che i rugbisti non muoiono mai, al massimo passano la palla”. L’evento ha avuto il patrocinio della presidenza del Consiglio regionale, della Protezione civile Regione Molise, della Provincia di Campobasso, della Città di Campobasso, del Comune di San Giovanni in Galdo, dell’Ente provinciale turismo di Campobasso, della Croce Azzurra Molisana, dell’Iis Pertini ed ha ricevuto il contributo di numerosi sponsor privati. Nata dalla passione dei suoi soci fondatori per la nobile ed antica disciplina del rugby, l’Asd Hammers Rugby Campobasso si prefigge di formare i ragazzi in un contesto sociale e sportivo sano, leale e costruttivo e di puntare sulle giovani leve per creare un movimento rugbystico regionale solido e di prospettiva. Tutta l’attività dell’associazione è tenuta da esperti tecnici federali presso il vecchio e glorioso stadio ex Romagnoli tutti i martedì e i giovedì dalle ore 15:30 alle 17:00.

ARTI MARZIALI

Nel capoluogo pentro domani arriva Haojun Zhuo L’Assessore allo Sport Raffaele Teodoro informa che domani alle ore 11.00 presso la Sala Museo del Comune di Isernia, si terrà la presentazione del Prof. HAOJUN Zhuo del WIPE Wuhan Istitute of Phisical Education (CINA), cintura nera 7° Duan, Direttore Tecnico della Nazionale Tedesca di Wushu (DWF), membro della Commissione Europea di Wushu Tradizionale (EWuF), Arbitro Internazionale (IWuF) Il professore curerà uno stage tecnico-didattico, con il Patrocinio del Comune, presso il Palazzetto dello Sport di Via Giovanni XXIII, per gli atleti dell’associazione ASCA di Isernia. Le Sue conoscenze e l’alta professionalità daranno un contributo al miglioramento del Wushu Kungfu che qui nella cittadina pentra si sta diffondendo tantissimo e che oggi vanta medagliati ai campionati italiani di categoria e convocati nella Rappresentativa Italiana alle competizioni internazionali con risultati di rilievo.



lagazzettadelmolise160611a