Issuu on Google+

ANNO IV - N° 86 - GIOVEDÌ 14 APRILE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO AGLI ALBERGHI DIFFUSI

Quattro sono gli alberghi diffusi presenti in regione e da poco inseriti in una guida nazionale. Valorizzare i centri storici senza impatto ambientale, questo l’obiettivo delle innovative strutture. Sono molti, infatti, i vecchi edifici decadenti o abbandonati che con una buona ristrutturazione potrebbero tornare a vivere. L’iniziativa sembra calzare a pennello per il nostro Molise, caratterizzato da una grande quantità di borghi, ma anche da una affluenza turistica mordi e fuggi. Il nostro oscar vuole premiare il lavoro dei quattro albergatori, che hanno già aderito all’iniziativa e vuole dare una spinta a tutti quelli che vorranno provarci.

IL TAPIRO DEL GIORNO A GINO DI BARTOLOMEO

Un ‘premio’, per dovere di cronaca, che il primo cittadino ‘ritira’ in qualità di rappresentante di un’amministrazione apparentemente un po’ confusa. Demolizione forse, demolizione sì, demolizione no: questa, in ordine di tempo, la successione delle esternazioni rese dal sindaco, dal suo vice Cimino e dall’assessore comunale alla Pubblica istruzione Di Giorgio circa il presunto abbattimento del plesso scolastico di via Kennedy. E’ proprio la mancanza di chiarezza che sembra imperare sull’argomento la maggior colpa riconosciuta a big Gino ed ai suoi. In attesa di risposte univoche e soddisfacenti, assegniamo a loro il nostro tapiro.

REGIONE

CAMPOBASSO

TRIVENTO

Larivera, dopo i tagli alle corse in ritardo anche gli stipendi degli autisti

Ancora furti a Colle dell’Orso Residenti pronti a farsi giustizia da soli

Abusò della madre: disposta perizia psichiatrica per il figlio 39enne

A PAG. 3

A PAG. 7

A PAG. 7

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO

Il ministro all’Economia ha formalmente annunciato il congelamento del programma. Solo qualche settimana fa era un convinto sostenitore ROMA - Era un convinto sostenitore del programma nucleare, ma oggi il ministro Giulio Tremonti è il primo a chiedere al premier Silvio Berlusconi di fare un passo indietro. Proprio ieri, durante il Consiglio dei ministri, Tremonti ha formalmente annunciato la momentanea rinuncia

al ricorso all’atomo perché quanto accaduto a Fukushima “ha indotto il governo italiano a non procedere, per il momento, all’attuazione del programma nucleare fino a che le iniziative già avviate a livello europeo non diano piene garanzie sotto il profilo della sicurezza”. L’annuncio arriva

dallo stesso titolare dell’economia che solo qualche settimana fa si scagliava contro l’eolico (memorabili certe sue dichiarazioni in cui diceva: “Quello dell’eolico è un business ideato da organizzazioni corrotte che vogliono speculare e di cui noi non abbiamo certo la quota di maggio-

ranza”) anche se oggi si dice pronto a cambiare rotta. Certo è che se pure il governo ha deciso di congelare il programma, non è detto che non possa attuarlo in futuro. Usare il disastro giapponese come un parafulmine non convince nessuno. Il problema dello smalti-

mento delle scorie e i rischi sismici idrogeologici del territorio italiano restano a prescindere da dove e quando una centrale verrà istallata. Allora perché non cambiare davvero rotta e fare come il Molise che ha dichiarato il suo territorio denuclearizzato? AD

Nucleare, Di Sandro: l’ambiente è la nostra forza L’assessore difende la scelta della Regione mentre Petraroia invita il governo Berlusconi a riconsiderare “questa scelta inopportuna” CAMPOBASSO – Dopo l’approvazione di due giorni fa della legge regionale che ha dichiarato il Molise zona denuclearizzata (escludendo, di fatto, la possibilità di produrre energia nucleare sul territorio e di stoccare scorie radioattive) è arrivato il commento dell’as-

sessore Filoteo Di Sandro che, come molti ricorderanno, già nel marzo del 2009 aveva presentato una proposta di legge contro il ricorso all’atomo. Oggi l’esponete della maggioranza Iorio ha commentato positivamente l’approvazione con queste parole: Il tema della

creazione di impianti nucleari sul territorio della nostra Regione è sempre stato al centro della mia attenzione, sia per valutazioni legate alla sicurezza dei cittadini sia per considerazioni di carattere ambientale. Mentre è sotto i nostri occhi quanto avvenuto a Fukushima,

ed è ancora vivo il ricordo dei tragici giorni di Chernobyl, non potevamo esimerci dall’opportunità di esprimere una posizione netta in tema di energia nucleare. La forza del nostro territorio è, del resto, l’ambiente naturale e le attività turistico – economiche ad esso strettamente correlate ed era necessario cercare di mantenere, per quanto possibile, l’equilibrio dell’ecosistema. La sismicità del territorio, il rischio di dissesto idrogeologico e la già ingombrante presenza di altri impianti industriali, aggravano il quadro di riferimento portandoci alla naturale e responsabile avversione per questo tipo di produzione energetica. L’approvazione della legge antinucleare, tuttavia, ci porterà ad affrontare il dibattito con una maggiore forza, espressione indiretta della volontà popolare. Non va dimenticato poi che, da un punto di vista energetico, la nostra Regione ha un bilancio positivo. In sostanza già

Filoteo Di Sandro produciamo più di quello che consumiamo”. Coglie invece l’occasione per ricordare a governo, maggioranza e parlamento di riconsiderare la scelta del ritorno al nucleare in Italia il consigliere del Pd, Michele Petraroia che ha detto: “Dopo gli eventi accaduti in Giappone, è inopportuno, insistere sulla produzione energetica in un settore a rischio rilevante, costosissimo, con tecnologia non sicura e senza aver risolto il problema del deposito delle scorie radioattive”.


PRIMO PIANO Sel... e meno male che sono compagni Ziccardi, il comunista ‘duro e puro’, spiega perché appoggerà la moderata Fanelli alle provinciali CAMPOBASSO – Il senatore a vita Giulio Andreotti ha imparato tutto da sua madre che usava ripetergli: “Se non puoi parlare bene di una persona, non dire niente”. L’avesse avuto un aber-

rante insegnamento così anche Rino Ziccardi, oggi non starebbe a rendere pubbliche tutte le scaramucce interne a Sinistra, ecologia e libertà. Dopo il tapiro di ieri, il sindacalista ha infatti preso carta e penna per spiegare come mai l’altra sera all’assemblea provinciale ha votato a favore delle proposte di candidatura della lista che verrà portata in dote a Micaela Fanelli. E’ nota la sua avversione per il sindaco di Riccia. Avversione che lo ha spinto a confluire nelle fila degli autoconvocati (Massa, Astore eccetera) che invece sostengono Simone Coscia di Partecipazione democratica. L’improvvisa virata Rino Ziccardi lui la Ziccardi spiega così: “Ho vo-

tato a favore al comitato provinciale perché quel voto (e quella lista) rappresentano un tassello di questa nuova maggioranza che, per unanime condivisione, si deve assegnare il compito di porre un argine alla deriva moderata che si tenta di imprimere anche con i viaggi di accredito a Roma, sponsorizzati dallo stesso Natalini, dei vari Romano e della candidata Fanelli”. Cosa significa? Che ‘mettiamo comunisti duri e puri nella nostra lista’ anche se l’aspirante presidente non ci piace per niente! Ma allora perché sostenerla? Perché c’è una nuova maggioranza formata da chi è sempre stato contrario alla linea dell’ormai ex coordinatore regionale Mauro Natalini che la Fanelli l’ha fortemente voluta anche se come ripiego al no di Michele Petraroia. In un articolo precedente avevamo anche detto che Natalini non aveva più i numeri nel provinciale per piazzare i suoi candidati. E per questo si sarebbe dimesso dall’incarico. Solo non si capisce quale sia il

La Fit-Cisl: dopo la Cig, niente stipendi per gli autisti Larivera CAMPOBASSO – Sul cotto l’acqua bollente. Dopo il taglio dei chilometri per le linee del trasporto pubblico locale, arriva la beffa del mancato pagamento delle retribuzioni mensili. La Fit-Cisl denuncia il caso “degli autisti della Larivera S.p.A. che, non solo devono subire la cassa integrazione, con conseguente diminuzione delle spettanze mensili, ma addirittura non ricevono nei tempi contrattualmente previsti quanto dovuto per il loro lavoro”. Per il sindacato, il ritardo è dovuto a “mere pastoie burocratiche derivanti da processi di pagamento arzigogolati e privi di quella celerità necessaria per consentire che i mandati di

pagamento siano depositati in banca entro i termini giusti per effettuare i pagamenti dei salari entro il 12 di ogni mese, così come previsto dal contratto collettivo nazionale”. Tutto ciò “è inaccettabile questo comportamento che si ripercuote con maggiore forza sulla parte più debole del circuito dei Trasporti, ossia i lavoratori, che attendono con ansia e trepidazione il mensile per poter fare fronte alla rata dei mutui e alle più impellenti necessità familiari. Questa organizzazione – concludono – non tollererà più siffatti disguidi e procederà nelle forme più opportune, nessuna esclusa, alla tutela dei diritti dei lavoratori”.

vero problema di Ziccardi a questo punto (e infatti a questo non replica): se la Fanelli non gli andava bene prima perché – come lui stesso ammette – non è venuta fuori dalle primarie, come mai oggi è disposto a darsi da fare per lei? La nuova maggioranza nel provinciale continua a volere il sindaco di Riccia candi-

data alla presidenza della Provincia di Campobasso. Il sacrosanto principio delle primarie rimane violato. Vuoi vedere che ha cambiato idea solo perché Natalini si è dimesso? Ma allora il problema dentro Sel sono antipatie e ripicche personali. E poi dicono che sono tutti compagni! AD

Petrolio, Astore contro le trivellazioni CAMPOBASSO - “E’ pazzesco e per noi inaccettabile che si metta a repentaglio il già precario equilibrio dell'ecosistema marino a ridosso delle nostre coste e delle Tremiti per capire se c'è petrolio sotto l'Adriatico!”. Così il senatore Giuseppe Astore ha commentato il via libera alla perforazione dei fondali marini al largo delle Isole Tremiti. Contrariamente a quanto detto in passato, con il decreto 126 del 29 marzo 2011, arrivano le autorizzazioni ministeriali alla Petroceltic Elsa, multinazionale irlandese, che inizierà a trivellare a 26 chilometri dalle isole Tremiti e a una quarantina dal litorale di Termoli. “E’ peraltro singolare – ha rilevato il parlamentare molisano - che il benestare giunga dal Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare, che dovrebbe essere il supremo garante dell'integrità e della salvaguardia di un’area di particolare pregio dal punto di vista ambientale ed economico. Ed è ancora più singolare che ciò avvenga, in barba alla tanto sbandierata riforma federalista dello Stato, nonostante l’assoluta e ferma contrarietà di tutte le comunità interessate. Né è servito, come monito, il disastro ecologico della Bp nel Golfo del Messico, avvenuto circa un anno fa. Subito dopo - ricorda Astore – ho presentato ai ministri dello Sviluppo economico e dell'Ambiente un’interpellanza urgente (a tutt’oggi rimasta inevasa nonostante le mie sollecitazioni), sottoscritta anche dai senatori Ferrante, Della Seta e Burgaretta Aparo. Attraverso la mia iniziativa mettevo in guardia il governo sui danni ambientali connessi a nuove trivellazioni dei fondali dell’Adriatico, un mare già fortemente compromesso in termini di inquinamento derivante dalle attività di perforazione ed estrazione del petrolio, da incidenti nel trasporto marittimo e dalle operazioni di carico e scarico, bunkeraggio, lavaggio delle cisterne delle petroliere, nonché sulle conseguenze, catastrofiche per l'intero bacino, di un incidente che si verificasse in prossimità delle coste dell’Adriatico. Mi sarei aspettato una presa di posizione forte da parte delle Regioni Abruzzo e Molise, ma sono convinto – conclude l'esponente di Partecipazione democratica – che la mobilitazione dei cittadini pugliesi e molisani saprà fermare questo scellerato progetto!”


REGIONE Lunedì scorso l’assemblea dell’associazione nazionale

Alberghi diffusi, in Molise ce ne sono quattro Si è svolta lunedì scorso l’assemblea nazionale degli Alberghi diffusi, alla quale ha partecipato una rappresentanza del Molise. Il presidente Giancarlo Dall’Ara ha aperto l’incontro con una panoramica nazionale degli alberghi diffusi nel nostro territorio. Durante il convegno è stata presentata in

anteprima la prima guida dedicata, realizzata con il Touring Club Italia che, in via ufficiale, sarà resa nota il 10 maggio prossimo a Milano. Nell’opuscolo sono 49 gli alberghi diffusi riconosciuti dall’associazione nazionale. Di questi, quattro sono nel Molise: ’Residenza Sveva’, ‘Locanda Al-

fieri’, ‘La sorgente’ e ‘La piana dei mulini’. Grazie a questa struttura, i turisti potranno “respirare” per più giorni l’aria degli affascinanti centri storici dei nostri piccoli comuni. Qui ci saranno a disposizione stanze o case, adeguatamente ristrutturate, per offrire tutti i confort di un vero albergo. Non bisogna

dimenticare, infatti, che l’albergo diffuso non ha bisogno di nuove strutture; quindi, non essendoci alcun impatto ambientale, la struttura è ricavata dalle costruzioni storiche già esistenti. Un rilevante contributo è stato offerto dall’assessorato del Comune di Termoli, per inserire nella guida una pagina

interamente dedicata al territorio cittadino. L’assessore Michele Cocomazzi , infatti, ha espresso “vivo compiacimento nel partecipare all’iniziativa a beneficio della nostra comunità, che merita un sostegno anche da parte delle altre istituzioni”. RN

Unità nazionale, il contributo del mondo cattolico

Unità d’Italia e mondo cattolico: questo il tema del convegno tenutosi ieri pomeriggio nella sala Celestino V della Curia arcivescovile di Campobasso. Le relazioni della prof.ssa Ada Labanca, Luigi Picardi e Pier Luigi Rovito hanno analizzato le vicende nazionali del complesso percorso unitario: un processo per molti aspetti ancora in fase di completamento. Della dialettica tra Regionalismo e Federalismo ha parlato Picardi, sottolineando come il tema delle autonomie locali si sia sviluppato proprio a partire dall’incontro – scontro tra la corrente definita ‘intransigentista’ (che non vedeva di buon occhio l’unità nazionale) e quella cattolico-liberale: “Il mondo cattolico non è un’unità monolitica, bensì articolata in vari filoni di pensiero. Con l’idea di una ‘democrazia cristiana’ – realizzata da don Murri prima, e da don Sturzo e Moro poi – si inizia a sviluppare l’idea di un diverso

rapporto Stato – Chiesa, con l’esigenza di una riorganizzazione della cosa pubblica attraverso l’istituzione degli altri enti locali, vere e proprie ‘chiavi di volta’ nell’ottica di una riforma profonda della res pubblica. Ma il contributo del mondo cattolico, che va ben oltre il laicato, ha riguardato anche l’elaborazione della carta costituzionale repubblicana; apporto che lo stesso Napolitano ha recentemente definito ‘incancellabile’. Un discorso che oggi si riattualizza nell’ottica federalismo, rispetto al quale la Conferenza episcopale italiana ha ribadito l’esigenza di sussidiarietà per non rischiare di accentuare le differenze tra le regioni”. “Il processo unitario oggi sembra minato dalla stessa prospettiva federalista – ha detto Rovito – Il problema è quello di vedere l’unità come un processo che ci coinvolge ancora. Le anomalie della nostra unità nazionale, l’unica ad essersi realizzata fuori da logiche e istanze religiose, vengono fuori adesso, perché fino al 1861 si è cercato di mettere insieme situazioni fortemente connotate e diametralmente opposte”. A tirare conclusioni del convegno Mons. Bregantini: “Riscoprire l’importanza di leggere la Storia ‘dal basso’ significa riflettere su una storiografia fatta di lacrime, speranze e problemi della gente comune – ha detto l’arcivescovo della Diocesi di Campobasso-Bojano – L’impegno del movimento sociale cattolico ha dimostrato che la fede si incarna nella speranza e nella carità, prima dell’impegno sociale e, quindi, di quello politico. Sussidiarietà e solidarietà – ha detto Bregantini – sono in principi che possono permetterci di vincere la sfida dei nostri tempi, ossia quella di mettere insieme culture e identità diverse, all’insegna della reciprocità”

Oggi D’Ascanio a Roma per il vertice sui migranti, Province in prima fila CAMPOBASSO – Le Province sono in prima fila per l’accoglienza dei migranti dal nord Africa. Il presidente, Nicola D’Ascanio, parteciperà oggi a Roma alla riunione dell’ufficio di presidenza dell’Unione delle Province d’Italia. Al centro dell’incontro, l’accordo con il governo sull’emergenza umanitaria. Gli Enti sollecitano “la rapida applicazione del percorso di concertazione istituzionale oggetto dell’accordo per superare i modelli di accoglienza sinora applicati a livello centrale, che hanno per la verità mostrato limiti macroscopici”. Il vertice romano servirà anche a fare il punto “sul decreto legislativo sull’autonomia tributaria delle Province e sulle conseguenti iniziative degli Enti locali alla luce degli ultimi sviluppi parlamentari del federalismo. Infine, si terrà anche l’assemblea degli assessori alle Politiche giovanili, cui parteciperà Giovanni Norante e che tratterà del nuovo bando “Azione province giovani” con Palazzo Magno pronto gestire la significativa progettualità prevista.


REGIONE Processo breve: Nagni tuona, De Matteis tace Approvata la norma ‘salva premier’ tra le proteste dell’opposizione. Cosa ne pensano i due candidati alla presidenza della Provincia di Campobasso? ROMA – Il cuore di tutto il provvedimento è la norma sulla prescrizione breve per gli incensurati che ieri è passata alla Camera prima del voto finale previsto in serata. A Montecitorio sono stati 306 i sì (contro 288 no) all’articolo 3 che di fatto riduce i tempi della prescrizione per chi non ha riportato condanne passando da un quarto a un sesto della pena edittale. Questa si applica ai processi che non sono ancora giunti a sentenza di primo grado e non riguarda i reati di grave allarme sociale come terrorismo e mafia. Contro questa norma hanno tuonato tutte le opposizioni, sostenendo che si tratta dell’ennesima legge ad personam applicabile al

processo Mills, in cui è imputato il premier Silvio Berlusconi. Dura condanna anche da parte del segretario dell’Idv Molise, nonché candidato alla presidenza della Provincia di Campobasso, Pierpaolo Nagni, che ha dichiarato: “A ridosso della campagna elettorale il segnale che questo governo ci trasferisce non può che indignare il popolo degli onesti e indurlo a riflettere su quanto sia importante, per chi ha un senso civico della vita pubblica, votare in maniera coscienziosa a queste amministrative”. Preferisce non esporsi invece l’altro candidato del centrodestra, Rosario De Matteis, che a caldo non risponde “perché devo ancora

leggere i dettagli di quello che è successo in parlamento, sentiamoci domani”. Ha le idee chiare invece la deputata dell’Idv Anita Di Giuseppe che quasi in tempo reale invia una comunicazione alle redazione per dire “che è vergognoso non aver approvato neanche l’emendamento che di fatto poteva, tra l’altro, tutelare almeno le vittime del terremoto dell'Aquila e del disastro di Viareggio. Quello che stiamo votando alla Camera è un provvedimento fatto ad hoc per permettere a Berlusconi di sfuggire dal processo Mills e se per salvare lui, migliaia di persone non avranno mai giustizia, questo non importa. Oggi la presunta lentezza della

macchina giudiziaria, dovrebbe essere ovviata presentando provvedimenti atti a migliorare l’efficacia del sistema, non creando quella che sarà, di fatto, un’amnistia. Si dovrebbe garantire la certezza della pena come principale deterrente a compiere i reati, al contrario, oggi stiamo fornendo vergognose scappatoie ai crimini dei molti solo per gli interessi dei pochi. Noi rappresentanti del po-

polo abbiamo il dovere di dare il buon esempio, non si può pretendere la rettitudine di un popolo se gli stessi governanti non forniscono prova di onestà morale, intellettuale e civile. Invito gli onorevoli colleghi a non prestarsi ulteriormente a questo atto irresponsabile! Riflettiamo sulle ricadute di questo gesto e pensiamo all’eredità civile e morale che lasciamo ai nostri figli!” redpol

L’osservatorio molisano sulla legalità replica all’intervento del procuratore Mazzetti

Azione penale, le Procure adottano gli stessi criteri CAMPOBASSO – L’osservatorio molisano sulla Legalità replica, con una lettera aperta al Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Campobasso, alle dichiarazioni del Procuratore regionale, Silvano Mazzetti. In occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario 2011, Mazzetti aveva citato nel suo discorso i procedimenti penali pendenti. “Dalla lettura della prima relazione (del Procuratore regionale, Francesco Paolo Romanelli) si evince che la parentopoli è in tutto il Molise, mentre dall’esame del suo in-

tervento (di Mazzetti, ndr) – scrivono – si evince che la Procura di Larino totalizza il 59,17 % dei procedimenti penali pur operando sul 31,64% della popolazione dell’intero distretto. Questo significa che per ogni mille residenti a Campobasso e Isernia risultano 18 procedimenti, a Larino 57, più del triplo”. Inoltre, “la Procura della Repubblica di Larino è costantemente sotto organico sia per i magistrati, sia per il personale amministrativo, a differenza di Campobasso e Isernia. È evidente che così non può essere. Anzi, così non è. Ri-

prendendo l’affermazione categorica del Procuratore Romanelli, la parentopoli non è forse in tutto il Molise? Non dovrebbe essere, a rigor di logica – si chiede l’osservatorio – più presente a Campobasso ove insistono i principali enti e organismi (Regione Molise, Asrem, gli enti sub regionali, le società a partecipazione regionale, e così via), che nel resto della regione?”. Per l’osservatorio “ecco, allora, sorgere una domanda spontanea: possibile che i reati contro la Pubblica amministrazione (certamente gli stessi an-

dranno dimostrati poi in giudizio e fino alla loro conclusione c’è sempre la presunzione di innocenza degli indagati/imputati) avvengano in maniera così evidente solo nel circondario di Larino? Ora, è la Procura di Larino attiva in maniera esasperata o sono le altre silenti? E, poi, nulla si è più saputo, come se fossero cadute nell’oblio, proprio alcune inchieste avviate dalla Procura di Larino e trasmesse alla Procura di Campobasso per competenza territoriale, come quelle sulla ricostruzione e l’allargamento. Si ignora se i

termini delle indagini siano scaduti o si profili la prescrizione per gli ipotizzabili reati. Percorso, quest’ultimo, spesso più comodo. Per altro, siamo certi che questo non è, non può essere voluto. Le ragioni sono sicuramente altre. Non si può dare ai cittadini – conclude l’osservatorio – l’impressione che le diverse Procure adottino pesi e misure differenti, o che abbiano un diverso concetto dell’obbligatorietà dell’azione penale”. Semplicemente, giustizia. E di questi tempi… Adimo


CAMPOBASSO Come disposto dal collegio penale del tribunale di Campobasso, l’uomo verrà sottoposto a perizia psichiatrica

Abusi e minacce alla madre, torna in aula 39enne di Trivento Era in aula, ieri nel tribunale di Campobasso, il 39enne di Trivento finito in carcere lo scorso agosto con l’accusa di aver abusato sessualmente della propria madre e di averla minacciata. E’ giunto nel palazzo di giustizia di viale Elena dalla casa circondariale di Teramo, dove è recluso in una sezione di sicurezza. Dinanzi il collegio penale presieduto dal giudice Giovanni Falcione la te-

stimonianza di quattro testi dell’accusa, tra questi anche il maresciallo che arrestò l’uomo dopo una settimana di indagini. Durante l’udienza, che si è svolta a porte chiuse, a parlare anche l’anziana madre, che avrebbe confermato le accuse. Il 39enne, celibe, viveva proprio con la donna, assistita dall’avvocato Concetta Petrossi. Ma i suoi atteggiamenti, da tempo strani e

morbosi, non hanno lasciato indifferenti i parenti più stretti. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri della Compagnia di Bojano, l’imputato diventava violento ogni volta che l’anziana lo respingeva. Otto mesi di sofferenze, mai denunciate dalla vittima, assente in casa quando al polso del figlio sono scattate le manette così come disposto dal giudice delle indagini prelimi-

Furti a Colle dell’Orso: è allarme Cresce la paura tra i residenti, che ora invocano maggiore tutela Ha il sapore di un vero e proprio incubo per i residenti la preoccupante escalation di furti che nelle ultime settimane ha interessato contrada Colle dell’Orso a Campobasso. Dopo alcuni tentativi, fortunatamente andati a vuoto, perpetrati alcuni giorni fa nella zona, i malviventi sono tornati alla carica nella notte tra martedì e mercoledì, prendendo di mira alcune villette. Nelle scorse settimane i criminali avevano cercato di forzare porte d’ingresso e finestre di diverse abitazioni, svegliando però i proprietari, lestissimi ad avvisare i carabinieri al primo rumore sospetto. Ma il fallimento, in questo caso, non ha per nulla scoraggiato i rapinatori, pronti a collezionare nuove incursioni senza concedere tregua alcuna ai cittadini dell’area periferica, che ora tornano ad invocare a gran voce protezione e tutela maggiori da parte delle autorità. Anziani e bambini, in particolare, in molti casi sono talmente terrorizzati dalla presenza dei ladri da non riuscire a dormire la notte: una situazione ormai giunta al limite della tolleranza. Per tentare di arginarla, da qualche tempo è partito un servizio di ronde private per pattugliare nelle ore di maggior pericolo la contrada, ma questa misura non sembra bastare da sola a contenere il fenomeno. Stanchi e spaventati, i residenti di Colle dell’Orso

continuano a chiedere maggiore vigilanza sul territorio, ma tra la preoccupazione e lo sgomento iniziano ad intravedersi i classici segnali di un’esasperazione potenzialmente pericolosa: in tanti, infatti, hanno minacciato di imbracciare le armi e ‘sparare a vista’ pur di risolvere il problema, secondo logiche di ‘giustizia privata’ che potrebbero portare a conseguenze indesiderate.

nari del tribunale del capoluogo Maria Rosaria Rinaldi, su richiesta del sostituto procuratore Rossana Venditti. Intanto, ieri, accolta la richiesta del difensore, l’avvocato Angelo Piunno: il 39enne verrà sottoposto ad una visita psichiatrica. Ad occuparsene sarà il dottor Salati che riceverà l’incarico il prossimo mercoledì. (ms)

Crollo di Oratino, tocca ai testi della difesa e ai consulenti Verranno ascoltati oggi tutti i testi della difesa ed i consulenti tecnici delle parti del processo per il crollo della casa di Oratino. Nella scorsa udienza, a parlare è stato l’ingegnere Romano, il perito nominato dal giudice monocratico Rinaldi. Il professionista ha relazionato sugli accertamenti svolti evidenziando quanto già rilevato dai consulenti incaricati dal pubblico ministero e cioè che l’impianto di fuoriuscita del gas era perfettamente funzionante. Dunque, per il perito, con buona probabilità il gas sarebbe uscita dall’apertura accidentale dei rubinetti. Ad essere ascoltate in aula anche la madre e la moglie di uno degli imputati. Quest’ultima si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Era la notte del 1° novembre 2006 quando fu udito il boato. Un rumore assordante che svegliò l’intero paese, con echi anche fino a Campo-

basso. Due abitazioni ridotte in macerie, una terza lesionata e poi abbattuta per motivi di sicurezza. La vittima, la 73enne vedova Giovanna Testa, fu sorpresa nel sonno e nonostante fu estratta ancora viva dalle rovine morì poco dopo in ambulanza a causa delle gravi ferite riportate. Solo per un caso il bilancio dell’incidente non fu più grave. Non era rientrata a casa una ragazza del capoluogo che si era intrattenuta in città a casa dei genitori. “E’ stata una fuga di gas”: le prime spiegazioni fornite dai caschi rossi subito dopo il fatto. L’esplosione, però, non partì dalla casa dell’anziana, ma da quella di un vicino. Due, infatti, gli imputati per omicidio e disastro colposo. Il proprietario dell’appartamento in cui era stato lasciato aperto il rubinetto del gas e l’inquilino dello stesso, difesi rispettivamente dagli avvocati Cecanese e Prencipe.

7 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011


CAMPOBASSO Via Kennedy, regna la confusione lanciato un appello Durante (Cd): “L’amministrazione ha agito da principiante, serve concretezza” Ardua questione il destino della ‘Salvo D’Acquisto’. Un destino al momento piuttosto incerto, teso al dubbio più che alla linearità. Un destino poco chiaro. Ed è questo, al momento, ciò che sembra preoccupare di più. Solo qualche giorno fa il sindaco di Bartolomeo aveva preferito rimandare l’approfondimento sulla questione ad altri tempi, ribadendo la necessità di un periodo di riflessione quale anticamera della decisione finale. In controtendenza con le dichiarazioni del primo cittadino, però, erano arrivate le dichiarazioni del suo vice Cimino, che aveva annunciato l’esito di una presunta relazione redatta dai periti incaricati dal Comune, il cui risultato avrebbe ‘consigliato’

l’abbattimento dell’edificio. Altro giro altro parere. Perché il puzzle delle verità si era arricchito nelle scorse ore del contributo dell’assessore alla pubblica istruzione Di Giorgio, che aveva assicurato come, in mancanza di tutti gli elaborati stilati dai tecnici per verificare lo stato e l’agibilità della struttura di via Kennedy, non si sarebbe assolutamente potuta contemplare l’ipotesi della demolizione. A fare chiarezza c’ha provato ieri il gruppo consiliare di Costruire Democrazia, che in una conferenza stampa andata di scena ieri mattina a Palazzo San Giorgio ha chiesto che il sito in questione venga vincolato dall’amministrazione co-

munale a polo scolastico, così da scongiurare l’intromissione di imprenditorie private che possano soffiar via agli studenti l’area, privandola così di quel ruolo di cultura, istruzione e socialità che da sempre la contraddistingue: “Il sindaco ha risposto in maniera vaga alla nostra interrogazione – ha spiegato Michele Durante – un fatto abbastanza emblematico, soprattutto a fronte della presunta relazione tecnica

che avrebbe individuato la scuola di via Kennedy come l’unica da radere al suolo. L’amministrazione ha agito da principiante, ignorando l’esigenze dei cittadini – ha continuato il consigliere di minoranza – anche in considerazione del fatto che più di 600 di loro avevano chiesto maggiore chiarezza e concretezza sostenendo la raccolta firme istituita dal nostro gruppo nei mesi scorsi”.

L’impresa privata può migliorare la città Nei centri commerciali la domenica? No grazie La Fipe Confcommercio contesta l’eventuale ritocco agli orari dei pubblici esercizi “Oltre alle sterili polemiche che oggi lancia dai banchi dell’opposizione chi ha gestito in passato la città, vogliamo un sereno confronto per attuare iniziative di sensibilizzazione dirette agli esercenti, alla clientela dei locali e ai cittadini del centro storico, che sono meritevoli del massimo rispetto e considerazione”: è questa la posizione della Fipe Confcommercio che dichiara la sua completa disponibilità a lavorare di concerto con l’amministrazione comunale per affrontare gli eventuali problemi derivanti dalla concentrazione di pubblici esercizi all’interno del centro storico cittadino. La Federazione riporta l’attenzione a quando in città (nel 1996) si ebbe la liberalizzazione delle attività commerciali: “piccoli imprenditori investirono i

loro risparmi in attività serali, ma inevitabilmente l’impatto fu per i cittadini traumatico. Con il passare degli anni la situazione è andata regredendo anche a causa della mancanza di programmazione e regolamentazione da imputare sia alla vecchia amministrazione che all’attuale classe politica di maggioranza”. Il dito è ora puntato contro l’eventuale ritocco degli orari dei pubblici esercizi, proposta lanciata dall’apposizione di palazzo San Giorgio. “Al di là del fatto che ci saremmo aspettati da tutta la politica locale strategie propositive e programmatiche – continua la Fipe - vorremmo ricordare che l’allora sindaco Augusto Massa e l’assessore alle Attività Produttive Pierpaolo Nagni, misero in atto iniziative riguardanti la rivitalizza-

zione del centro storico, creando la zona franca per le licenze dei pubblici esercizi, mirata a far rivivere una zona che era ormai volta al degrado. Questa iniziativa, da noi molto apprezzata, portò appunto alla proliferazione di pubblici esercizi. Ripetutamente abbiamo denunciato la mancanza di controlli da parte degli organi di Polizia Municipale, ma l’amministrazione comunale si è sempre giustificata ribadendo la mancanza di fondi per il pagamento degli straordinari ai vigili urbani. Abbiamo chiesto ancora di monitorare e controllare, tramite un sistema di telecamere, le effettive cause del disagio, evitando così di colpire tutta la categoria attribuendo colpe anche a chi lavora con dignità e rispetta le regole”.

Qualche settimana fa, la Giunta regionale del Molise ha approvato la richiesta di Isernia, Termoli e Montenero di Bisaccia riguardante l’apertura dei centri commerciali per tutte le domeniche dell’anno, oltre le festività. Questa scelta, secondo il presidente della Federcarni, Michele Natilli, non salvaguarda le piccole realtà economiche della regione, ma le schiaccia violentemente e appoggia soltanto coloro che vedono la nostra terra come un prodotto da vendere e consumare in fretta. Inoltre si è scettici sul vantaggioso servizio offerto ai turisti e ai cittadini, che di solito non dedicano la domenica agli acquisti e gli stessi addetti ai lavori, già sottoposti a turni e orari estenuanti, non troverebbero alcun vantaggio. Essere moderni a tutti i costi, porterà a soffocare i piccoli commercianti locali. Conclude Natilli: “No al Molise usa e getta,sarebbe opportuno fermarsi a riflette e fare un passo indietro, prima che sia troppo tardi”. RN

Il Molise in Italia: domani il convegno Domani alle 16.30 in via Orefici, nella sala ‘E. Gencarelli’ si terrà l’incontro ‘Il Molise in Italia, economia, politica e società’ e la presentazione della mostra ‘Il Molise in Italia attraverso i documenti d’archivio’. Il progetto è stato realizzato dall’archivio di Stato di Campobasso con la collaborazione dell’Università del Molise, in occasione della settimana della cultura promossa dal ministero per i Beni e le Attività Culturali.


SPETTACOLI La miniserie in onda la prossima stagione televisiva

Germano diventa Il toso L’attore molisano sarà “Faccia d’angelo” su Sky cinema Dopo il trionfo a Cannes 2010, con il film di Daniele Lucchetti “La nostra vita”, Elio Germano (l’attore originario di Duronia), e dopo essere stato in tour con il monologo “Thom Pain”, tra l’altro replicato anche a Ferrazzano, si cimenta ora in tv per Sky Cinema. Sarà lui infatti il volto di Felice Maniero nella miniserie in onda la prossima stagione invernale. Le riprese sono ancora in corso tra Padova, Venezia, Mestre, Gorizia e la Slovenia. La serie è tratta dall’autobiografia di Maniero, scritta con Andrea Pasqualetto. Sarà dunque il toso Germano, per una nuova scommessa artistica di sicuro impatto. Maniero, che ora, dopo 17 anni, vive libero ma sotto copertura, è al corrente del progetto ma non ha commentato. chp

Cabaret all’Holzaus

LIVE SHOW Appuntamento a teatro A teatro questa settimana, a Bojano al Comunale, in scena Mariano Rigillo in “Buongiorno contessa”. La Compagnia stabile del Molise con questo spettacolo chiude la stagione 2010/11. A Termoli alla Galleria civica la compagnia diretta da Ugo Ciarfeo l’Altrotheatro replica sino al 17 aprile “Andromaca” di Euripide.

10 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011

CAMPOBASSO - Mercoledì 20 aprile al teatro Savoia in scena alle 21.00 “Nuzzo/Di Biase show”. Ospite sul palco Michele Cafaggi. Le musiche sono suonate dal vivo dai Noflaizon. Info 3383754778. ISERNIA - La birreria Holzaus di Isernia, continua ad essere un vivace ritrovo di musica e cabaret. I live del venerdì hanno un buon seguito, da oggi si tenta la carta del cabaret. Sul palco Tino Fimiani. Sino al 2002 nel duo Lucch&ttino e poi da solista, spesso in tv al Maurizio Costanzo show, Zelig, Zelig off.

Musical TERMOLI - La GiFra (gioventà francescana) di Termoli in tour con il musical “Pinocchio”. Al teatro Lumière il domani e in replica 16 e 29 aprile. Nel capoluogo la messa in scena al teatro Savoia il 20 maggio. Info 3463310690.

Grandi nomi per ‘Rock in Roma’

La Johansson sexy più di tutte le altre

Dal 18 giugno al 29 luglio “Rock in Roma” ospita nomi prestigiosi non solo italiani. Attesi tra gli altri, i 30 second to mars che aprono il 18, Subsonica il 30, gli Afterhours (6 luglio), Fabri Fibra (9), i Chemical brothers (13), Franco Battiato (15), Caparezza (16), Skunk anansie (20), Jamiroquai (22), Moby (24), Slash (29).

Le labbra sensuali e lo sguardo magnetico hanno lasciato senza fiato Woody Allen che l'ha eletta ufficialmente sua musa. D'altronde è proprio difficile sfuggire al fascino di Scarlett Johansson, tant'è che il sito "Celeb Jihad" ha scelto un lista di immagini dei momenti più sexy della carriera dell'attrice 26enne fidanzata con Sean Penn.


ANNO I1 - N° 86 - GIOVEDÌ 14 APRILE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO A LUIGI MAZZUTO

GLI EX LSU ACCUSANO:

Alla presenza del rappresentante istituzionale della società Infratel S.p.a., Ing. Luigi Cudia, responsabile nazionale della rete Infratel, e del Dirigente del Settore Tecnico della Provincia di Isernia Ing. Lino Mastronardi, il presidente dell’Ente di Via Berta Luigi Mazzuto ha sottoscritto i protocolli di intesa con i sindaci della provincia intervenuti in un incontro tenutosi nella Sala Gialla del Palazzo della Provincia, per consentire la realizzazione della banda larga. Gli interventi consisteranno nella realizzazione di infrastrutture in fibra ottica che saranno necessarie per collegare l’intero territorio provinciale alla linea internet veloce e senza fili. Un plauso dunque all’amministrazione provinciale, sempre al passo con i tempi.

IL TAPIRO DEL GIORNO AL GOVERNO CENTRALE

Sono centoquindici le persone che dal prossimo mese di settembre rischiano di rimanere senza lavoro. Sono questi i dati allarmanti resi pubblici dalla Cgil e che riguardano gli addetti alle pulizie nelle scuole molisane. Di questi oltre l’ottanta per centro sono della provincia di Isernia. Un futuro occupazionale reso precario a causa dei tagli alla scuola pubblica che sta attuando il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, e a causa dei pochi fondi che il governo centrale ha promesso al settore. Queste figure professionali rischiano seriamente di scomparire. Un dramma non solo dal punto di vista occupazionale ma anche per quanto riguarda la pulizia dei nostri istituti scolastici.

LA GELMINI NON CI FA PIU’ SCOPARE GIUDIZIARIA

CRONACA

SESTO CAMPANO

Pedofilia a Belmonte Da rifare il processo per uno dei due imputati

Abusi nella comunità Vicina la sentenza per Andrea Pasquini

Affidamento gestione Autovelox È giallo sugli avvisi di garanzia

A PAG. 15

A PAG. 15

A PAG. 16

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Pulizie nelle scuole, rischiano il posto 115 lavoratori L’allarme della Cgil che per il prossimo 28 aprile ha indetto lo sciopero ISERNIA – Dal prossimo anno scolastico (2011-2012) centoquindici persone rischiano di restare senza lavoro. Sono questi i numeri impressionanti resi noti da Franco Spina, segretario generale della FilcamsCgil, illustrati durante un incontro tenutosi ieri mattina presso la sala gialla della Provincia di Isernia. Spina si riferisce al personale addetto alle pulizie nelle scuole. Per lo più tutti ex lsu o appartenenti a vari consorzi nazionali che da

settembre potrebbero non avere un futuro occupazionale. Colpa, secondo la Cgil, dei tagli alla scuola pubblica imposti dal ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini e dai sempre meno fondi messi a disposizione dal governo centrale nei confronti di questa categoria. Una problematica non solo nazionale ma anche molisana. “È come se chiudesse la quarta azienda molisana per numero di dipendenti”, ha spiegato Spina alle tante persone (per lo più donne) presenti nella saletta gialla, “anche la Regione non può fare finta di niente e permettere che oltre cento famiglie rimangano senza stipendi”.

Marucci nominato coordinatore provinciale di Forza del Sud ISERNIA - "Ritengo che Domenico Marucci, sindaco di Miranda possa ottimamente rappresentare i bisogni e le esigenze della provincia di Isernia e quindi, assurgere al ruolo di Coordinatore Provinciale di Forza del Sud Isernia, il movimento politico che ha in Gianfranco Miccichè il leader nazionale". E' quanto dichiarato da Lorenzo Lommano coordinatore regionale di Forza del Sud Molise, che ha promosso e conferito la nomina al mirandese. Sono certo che il sindaco Marucci - ha continuato Lommano - tra l'altro anche presidente dell'Unione dei Comuni Pentri, è una persona alla quale i cittadini potranno intravedere l'amico, la persona alla quale rivolgersi anche per rinnovare la politica con i fatti, la persona alla quale potranno ricorrere tutti i delusi della politica che non trovano spazio e non raggiungono gli obiettivi prefissati nei rispettivi partiti, coloro che amano quella parte dell'Italia troppo spesso dimenticata dal potere centrale di Roma. Da parte sua, il neo coordinatore provinciale di Forza del Sud Isernia Marucci si è detto entusiasta dell'incarico e, ha ribadito, che si attiverà per dare voce alle esigenze dei cittadini de di tutto il territiorio della Pentria. Naturalmente, ha concluso Marucci, il mio obiettivo è condivisibile con quello di Lommano e cioè, quello e comunque di sostenere l'attuale politica del centrodestra e del Presidente Iorio.

14 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011

L’accordo raggiunto a fine gennaio tra Ministero dell’Istruzione, associazioni di impresa e sindacati di categoria, prevede, infatti, una proroga dei contratti di fornitura dei servizi fino al 30 giugno di quest’anno. “Nulla, invece, è stato definito per i mesi successivi – ha continuato Spina, per i quali era stato concordato un incontro tra le parti che avrebbe dovuto svolgersi il 10 febbraio, ma che il Ministero non ha ancora convocato. Una situazione di incertezza che, se non sarà rapidamente risolta, rischia di ripercuotersi anche sulla salubrità e sulla sicurezza degli ambienti scolastici, e porterà inevitabil-

mente pesanti conseguenze per i lavoratori, a partire dall’avvio a marzo, da parte delle imprese, delle procedure di mobilità”. Presto sarà lanciato un appello anche alle due Province, ed in particolare quella di Isernia dove lavorano circa l’80% del personale. Ma intanto le iniziative della Cgil non si fermeranno. “Di fronte alla possibilità – fa sapere il segretario Spina - che dal prossimo mese di settembre altri 115 lavoratori molisani perdano definitivamente il proprio posto di lavoro andando ad ampliare le file dei disoccupati, la FilcamsCgil ha indetto lo sciopero per il prossimo 28 aprile”.

Consiglio, caccia ai fannulloni ISERNIA - Il presidente Domenico Testa ha convocato il consiglio comunale per lunedì 18 aprile, alle ore 15:30. L’ordine del giorno prevede sei argomenti: due in seconda convocazione e quattro in prima convocazione. Per quanto riguarda la seconda convocazione i punti all’ordine del giorno saranno: integrazione della Commissione Paesaggio con la figura professionale del Geometra; edilizia Scolastica. Richiesta di finanziamento per la

realizzazione di un polo scolastico in località Pietradonata, in agro di Sant’Agapito. Per quanto riguarda la priva convocazione, oltre alla reiterazione del vincolo urbanistico per un terreno sito in località Rio, si discuterà della modifica dell’articolo 58 del regolamento del Consiglio comunale. In sostanza, il Consiglio sarà chiamato ad approvare una nuova norma che prevede il mancato rimborso del gettone di presenza per tutti i consiglieri che abbandonano l’aula dopo l’appello.

Frosolone, memorial per Romeo Lesti

Ultimo appuntamento con Impres@ctiva

L'associazione culturale "Amici di Romeo" sorta per ricordare il medico Romeo Lesti prematuramente scomparso a seguito di un incidente stradale di ritorno dall'ospedale di Venafro organizza il concorso "XIII Rassegna di poesia - IX Memorial Dott. Romeo Lesti". La manifestazione conclusiva si terrà il 12 agosto 2011 a Frosolone.

Oggi alle ore 10 presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Isernia si terrà l’evento finale del progetto di formazione Impres@ctiva. Finanziato dalla regione Molise nell’ambito del Por Molise 2007-2013 Asse IV Capitale Umano. Gestita dalla Camera di Commercio di Isernia e dalla sua Azienda Speciale Sviluppo Economico Isernia.


ISERNIA I giudici si astengono dal processare l’agricoltore di Belmonte: per lo stesso reato hanno già condannato il fratello

Pedofilia, nessuno mi può giudicare ISERNIA – Torna in cronaca il presunto caso di pedofilia che si sarebbe consumato a Belmonte del Sannio. Dopo la condanna record per uno degli agricoltori accusato di aver abusato dei nipoti minorenni, ieri era prevista un’udienza per il fratello. Anche lui è imputato per lo stesso reato, ma per lui è in corso un altro procedimento. Ieri mattina l’ennesimo colpo di scena: due magistrati del collegio giudicante Ferdinandi e Ruscito si sono astenuti dal procedere con l’udienza. In sostanza proprio perché hanno già processato il fratello: magari le loro posizioni sono diverse, ma il materiale probatorio è sempre lo stesso. Sull’astensione si pronuncerà il presidente del tribunale di Isernia, Guido Ghionni. A questo punto non si esclude che venga nominato un nuovo collegio giudicante. E non è affatto escluso che debbano arrivare nuovi giudici da Campobasso. Perché quelli Isernia - per via dei vari passaggi tra gip, gup e processo vero e proprio - hanno già avuto a che fare con questo procedimento giudiziario. Se ne saprà di più il 18 maggio, data fissata per

Camillo Colella: non ho truffato l’Inps

la prossima udienza. I tempi sono destinati ad allungarsi. Ma soprattutto su un’eventuale nuovo collegio pende già una spada di Damocle. L’avvocato di fiducia dell’imputato, Marco Zanna, nella precedente udienza aveva avanzato il legittimo sospetto. In parole povere uno dei giudici del tribunale pentro ha rapporti di parentela con un avvocato che a sua volta ha un contenzioso in

atto con l’agricoltore di Belmonte. I giudici isernini, dunque, secondo la difesa potrebbero non giudicare serenamente una vicenda che indirettamente tocca un loro collega. Ebbene: la Cassazione si pronuncerà tra qualche mese. Ebbene: se la richiesta di Zanna dovesse essere accolta, bisognerebbe nominare un altro collegio giudicante. Della serie: la storia infinita.

Abusi sessuali sui ragazzi della comunità, sentenza vicina ISERNIA - Aggiornata al mese prossimo l’udienza a carico di Andrea Pasquini, il procuratore di origini toscane sotto processo a Isernia perché accusato di violenza sessuale ai danni di alcuni minorenni della comunità “V. Mazzola” di Miranda. Anche ieri l’imputato era assente: è ancora in carcere, in Moldavia, perché accusato di reati analoghi. Il suo avvocato di fiducia, Franco Mastronardi, vuole comunque chiudere il processo in corso a Isernia. Non a caso ieri sono state fissate le prossime udienze. L’11 maggio saranno ascoltati tre testimoni citatri dal pm Mattei. L’8 giugno sarà invece la volta dei testi convocati dalla difesa. Il 13 luglio dovrebbe esserci la discussione finale. Subito dipo la sentenza. Il legale isernino aspetta comunque il via libera da suo assistito. Pasquini è sempre stato presente alle udienze, almeno fino a quando non è incappato nell’arresto nel Paese dell’est Europa. Era sua intenzione rilasciare dichiarazioni spontanee, convinto di poter dimostrare la sua innocenza.

Riceviamo e pubblichiamo la precisazione di Camillo Colella, patron della castellina, a proposito di una vicenda di cronaca giudiziaria che lo vede imputato: “L’articolo dal titolo “Assunzioni taroccate, alla sbarra il re della acque minerali” apparso sulla pagina di domenica 10 aprile 2011 come se il rinvio a giudizio fosse odierno e non risalente al 2005, è gravemente offensivo della mia reputazione personale e d’imprenditore e non è degno di essere annoverato nel “diritto di cronaca” giacché, all’evidente unico fine di denigrazione non riporta con tempestività, con chiarezza e completezza, come di dovere, i fatti, che esposti in modo sibillino, non soddisfano le esigenze di informare obiettivamente per interesse pubblico la collettività che della ingannevole lettura del detto articolo della sua formulazione è indotta a ritenere che io abbia effettivamente commesso truffa in danno dell’Inps e dunque sia già stato ritenuto responsabile per tale reato dall’autorità giudiziaria. Se il giornalista, nei cui confronti mi riservo ogni diritto ed azione, non conosce bene i fatti di causa, non è in diritto di inventare e di fare apparire consumata una truffa ai danni dell’Inps, che, invece, non sussiste, come già in sostanza emerso da specifica perizia disposta dal giudice, illustrata dal perito nell’udienza del 5 aprile 2011, in cui la causa è stata rinviata in proseguo ad una prossima udienza. Il giornalista trascura di riferire tale saliente circostanza e, oltre ad evidenziare la sussistenza di qualsiasi truffa, mi rendo chiaramente del tutto estraneo al detto reato. Spiace considerare come tale testata si accanisca con vari articoli di stampa nei miei confronti e delle società da me rappresentate riferendo notizie e fatti denigranti, risultati tutti giudizialmente privi di ogni riferimento, al solo tentativo di infangare me e le società da me rappresentate mentre a mio giudizio, artatamente, trascura di riferire fatti analoghi o, addirittura più gravi riguardanti altre persone o società, evidentemente vicine alle testate. Ritengo di aver il diritto di sollevare vibrata protesta nei confronti di tale testata perché cessi di riportare su stampa locale e su internet, capziose notizie che fuori dalla realtà, costituiscono fonte di grave responsabilità, anche per notevoli danni ricevuti, di cui mi riservo le richieste oltre agli eventuali risvolti penali”. Camillo Colella Da parte nostra non c’è alcun accanimento. Ci siamo limitati a riportare una notizia di cronaca giudiziaria, così come hanno fatto anche altri organi di informazione. Al signor Colella assicuriamo che riporteremo anche l’eventuale sentenza di assoluzione. Ogni altro commento appare superfluo.

Neuromed, esperti a confronto sull’ictus

Venafro, gli studenti ricordano Pilla

POZZILLI - Si è concluso il convegno “L’Unità Ictus-Organizzazione e ricaduta terapeutica”. L’evento, che si è svolto al Neuromed, ha visto la presenza di molti esperti del settore. Responsabile scientifico: Danilo Toni. Analizzati i percorsi terapeutici per l’ictus cerebrale, una patologia che è considerata la terza causa di mortalità e prima di disabilità.

VENAFRO - Nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dall’Unità d’Italia, l’Isiss “Antonio Giordano” organizza una manifestazione che ha per tema: “ La storia locale nel Risorgimento”. L’incontro-dibattito si terrà domani 15 aprile, alle ore 16,30, presso la sala conferenze “don Orione” nel complesso parrocchiale in via Pedemontana.

15 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011


ISERNIA Provincia, un progetto per portare internet veloce su tutto il territorio Alla presenza del rappresentante istituzionale della società Infratel S.p.a., Ing. Luigi Cudia, responsabile nazionale della rete Infratel, e del Dirigente del Settore Tecnico della Provincia di Isernia Ing. Lino Mastronardi, il presidente dell’Ente di Via Berta Luigi Mazzuto ha sottoscritto i protocolli di intesa con i sindaci della provincia intervenuti in un incontro tenutosi nella Sala Gialla del Palazzo della Provincia, per consentire la realizzazione della banda larga. Gli interventi consisteranno nella realizzazione di infrastrutture in fibra ottica che saranno necessarie per collegare l’intero territorio provinciale alla linea internet veloce e senza fili. Tra breve, quindi, inizieranno i lavori di messa in opera per la realizzazione della ‘minitrincea’, ossia piccoli scavi. Lo scavo, effettuato appena fuori la striscia bianca che delimita la carreggiata, consen-

tirà di collocare lungo l’intera rete stradale la fibra ottica. Le perforazioni teleguidate e la cablatura saranno effettuate con le dovute certificazioni e con opportuni controlli. La rete infrastrutturale sarà, quindi, garantita per un ventennio. Quello della Provincia di Isernia è in assoluto il primo intervento che rientra nel piano infrastrutturale, coordinato dal Ministero dello Sviluppo Economico-Dipartimento per le Comunicazioni e dalla Regione Molise attraverso un accordo di programma ed eseguito da Infratel S.p.a. Mediante un’apposita convenzione stipulata tra la Provincia di Isernia ed Infratel S.p.a. è stato consentito l’utilizzo delle strade provinciali e l’avvio delle procedure per la realizzazione dei lavori, curate dal Settore tecnico dell’Ente di via Berta. Il progetto rientra nel piano nazionale “Banda Larga” che ammonta, per la Regione Molise, a circa 24 milioni di euro.

Autovelox, l’ombra degli avvisi di garanzia SESTO CAMPANO - Secondo il quotidiano telematico “Altromolise” la Procura di Isernia avrebbe emesso alcuni avvisi di garanzia per quanto riguarda l’affidamento del servizio di gestione degli autovelox. “Nel mirino degli inquirenti tecnici e, a quanto sembra, anche ad ex amministratori. Sicuramente nell'inchiesta sono coinvolti i membri della commissione che aggiudicò la gara ad una ditta di Cassino - si legge su internet -. Gli investigatori avrebbero concentrato la loro attenzione sui due bandi di gara del 15 ottobre e del 5 novembre del 2008. La commissione esaminatrice avrebbe valutato come migliore l'offerta della ditta che si è poi aggiudicata la gara nonostante, di fatto, quella della ditta esclusa, che tra l'altro è di Sesto Campano, era più conveniente per l'amministrazione. La Procura avrebbe disposto accertamenti anche sull'attività della commissione, che ha proceduto all'aggiudicazione all'inizio del 2009, e sulle modalità di apertura delle buste con le offerte avvenuta a quanto pare senza il contraddittorio dei partecipanti”. Noi comunque torneremo ad occuparci della vicenda cercando di reperire maggiori informazioni.

La Segreteria del Dipartimento di Pubblica Sicurezza del Ministero dell’Interno, per sensibilizzare i giovani, sul tema dei valori e sulla legalità, ha organizzato per oggi, presso il Gran Teatro di Roma, il tradizionale concerto per avvicinare i giovani alle Istituzioni, giunto quest’anno alla sesta edizione. Ogni anno l’iniziativa è accompagnata da uno slogan diverso che rappresenta il filo conduttore dell’evento, quest’anno, in concomitanza con il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, il claim è “Uniti nei Valori”. Unità intesa non solo come appartenenza territoriale sotto una sola bandiera, ma come condivisione di principi e di idee. Valori appunto, in ognuno dei quali si possa riconoscere l’identità nazionale. Lo spettacolo avrà come protagonisti molti nomi noti nel mondo dello spettacolo, beniamini del pubblico più giovane, ma i veri protagonisti saranno proprio gli adolescenti, infatti sul palco si esibiranno anche i vincitori di un concorso promosso a livello nazionale dalla Polizia di Stato sulla migliore canzone Rap composta. Al tradizionale concerto, parteciperanno oltre 3 mila studenti provenienti da tutta Italia, selezionati in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e dell’Università e della Ricerca. Per la provincia di Isernia è prevista l’adesione di una rappresentanza di docenti ed alunni del Liceo Scientifico Statale E. Majorana. Gli studenti, che nello scorso mese di marzo hanno elaborato un video musicale rap dal titolo “Jamal”, partiranno alle ore 11.00 da Isernia a bordo di un autobus della Polizia di Stato, accompagnati da un Funzionario della Questura di Isernia, per raggiungere la Capitale e presenziare al concerto previsto per le ore 17.

Poliziotti isernini e studenti dello scientifico: una canzone rap per l’Unità d’Italia Sarà presentata oggi al Gran Teatro di Roma

16 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011

Scontro tra auto Ferito un 38enne

Agnone, raduno di Barchette

VENAFRO - Incidente nella tarda mattinata di ieri nei pressi del Convento di San Nicandro. Nello scontro tra due auto ad avere la peggio è stato un 38enne del Venafrano. Quest’ultimo soccorso prontamente dai sanitari del 118 è stato trasferito in ospedale. Le sue condizioni non destano preoccupazioni. Sul posto anche i Carabinieri e i Vigili.

AGNONE - L’associazione culturale “Nuova Villacanale” di Agnone, presieduta da Antonio Massanisso, sta organizzando, su iniziativa del consigliere Giuseppe Di Menna, un raduno automobilistico della leggendaria Fiat spider “Barchetta” in Alto Molise per sabato 4 giugno 2011. Hanno già dato la propria disponibilità 52 equipaggi.


TERMOLI Si è tenuta a Roma la riunione dei coordinatori regionali di tutta Italia

Consorzi di bonifica, al via il rinnovo del contratto nazionale Prosegue anche la concertazione con gli Enti locali per il riassetto organizzativo delle strutture ROMA - Si è riunito nei giorni 11 e 12 scorsi il coordinamento nazionale Fai - Cisl dei Consorzi di Bonifica composto dai coordinatori regionali di tutta Italia. Nella prima giornata i lavori sono stati dedicati alla preparazione del percorso che dovrà portare alla definizione della

piattaforma negoziale per il rinnovo del CCNL in scadenza (31/12/2011), e che si concluderà con la stesura di un testo definitivo, condiviso con le altre OO.SS., da inviare entro il mese di giugno allo SNEBI. Nella mattinata del 12, invece, si è fatto il punto della situazione nelle

varie regioni in merito al riordino dei Consorzi di Bonifica, alle leggi regionali, all’incertezza della contribuzione, alle difficoltà di bilancio, alle mancate assunzioni del personale di campagna, al ruolo ambiguo della politica e alla presenza delle organizzazioni datoriali agricole. I

Auguri al neo laureato Antonio Plescia URURI – Confetti rosa per Antonio Plescia che ha concluso il corso di studi presso l'Università G.d’Annunzio di Chieti Pescara conseguendo la Laurea specialistica con 110 e la lode in Civiltà, Economia, Società del Mediterraneo moderno e contemporaneo, discutendo l'interessante tesi ”Il II° Corpo d'Armata del generale Anders: I soldati senza terra”. Relatore il chiarissimo professor Marco Patricelli, docente di storia dell'Europa contemporanea; correlatore il chiarissimo professor Francesco Caccamo, docente di storia dell'Europa Orientale. Al neo dottore, anche per l'avvenire, giungano i più sentiti auguri da parte dei genitori Luigi e Rachelina, dal fratello Giuseppe, da parenti ed amici. Infiniti auguri anche da parte della redazione de “La Gazzetta del Molise”.

da nord-ovest a forza 7 ed il mare agitato hanno impedito alla motonave merci e passeggeri “Isola di Vulcano” di salpare alla volta delle Diomedee.

Corso di micologia, iscrizioni aperte tariato e doveri civili, amano stare insieme per confrontarsi e per proporre iniziative sociali. Un successo crescente, quello dell’Avis locale, che si sostanzia nel nuovo direttivo insediatosi solo due mesi fa e che ha già concretizzato eventi ed incontri che hanno come fine quello di comunicare la gioia della donazione del sangue, quale atto nobile e doveroso. E in tale ottica, nell’ultima settimana di Aprile, è stato organizzato un Convegno medico – scientifico dal titolo “Prevenzione ed autogestione: imparare a comprendere i segnali del proprio corpo”.

Vinitaly, grande successo per la Tintilia

BASSO MOLISE – E' stata la Tintilia, un grande vino al femminile come la Barbera, oggi tutto e solo molisano con il suo riconoscimento Doc, il protagonista assoluto del Vinitaly 2011, la più grande manifestazione fieristica in Italia, seconda a poche altre al mondo, dedicata al vino. Una straordinaria vetrina che ha

Convegno sui temi della bonifica, per evidenziare tutte le problematiche attualmente esistenti, ma al tempo stesso per fornire elementi nuovi, utili a ribadire e rilanciare il ruolo dei consorzi di bonifica quali enti preposti alla prevenzione e alla difesa del territorio.

Mare in burrasca, interrotti i collegamenti con le Tremiti TERMOLI – Interrotti ieri i collegamenti tra il porto di Termoli e le Isole Tremiti a causa delle avverse condizioni meteorologiche. Le forti raffiche di vento spiranti

Gita sociale dell’Avis alla reggia di Caserta TAVENNA - In occasione della settimana della Cultura, la sezione Avis “Nicola Muretta” di Tavenna ha organizzato domenica scorsa una gita sociale alla Reggia di Caserta. Numerosi ed entusiasti gli ottanta partecipanti che hanno condiviso le bellezze del luogo, respirato “l’aria regale” del posto e ascoltato attoniti il racconto delle vicende storiche narrate da una guida all’interno della sontuosa dimora e nello splendido giardino borbonico. Perfetta sia sotto il punto di vista climatico che emotivo la giornata degli avisini tavennesi che, in un’ottica di condivisione, di solidarietà, di volon-

lavori sono stati conclusi dal Segretario Generale della Fai - Cisl Augusto Cianfoni che, ringraziando tutti i partecipanti per l’intenso e proficuo lavoro svolto in questa due giorni e facendo sintesi di quanto emerso dai vari interventi, ha assunto l’impegno a organizzare al più presto un

contribuito, insieme alla Enoteca Italiana a diffondere in Italia e nel mondo l’immagine di qualità della vitivinicoltura italianasi. Una edizione che ha visto il tutto esaurito con 4mila espositori disposti su più di 92mila metri quadrati netti di superficie. Un resoconto dell'avvenimento viene dato da un esperto del settore, Par-

quale Di Lena. “Vinitaly, come sa chi ha avuto modo di frequentarla e viverla come noi per tante edizioni, è anche e da sempre, l’occasione per fare il punto sul “sistema vino” con incontri e confronti, dibattiti, presentazioni di ricerche ed analisi, scambi di opinioni tra esperti e mondo della produzione. L’occasione per avere nelle mani il polso della situazione e sentire bene i battiti della situazione del mercato in Italia e nel mondo; per capire l’evoluzione dei trend e le opportunità di crescita di un comparto fondamentale della nostra agricoltura e della immagine del nostro agroalimentare che, in Italia, vale circa 13,5 miliardi di euro, cui si aggiungono 2 miliardi di euro di indotto e porta ad avere un attivo nel bilancio import-export di oltre 3 miliardi di euro, confermando il nostro paese leader mondiale in fatto di volumi commercializzati. Dentro questo quadro, così ricco di fatti e di speranze, il significato della presenza

LARINO - L'Associazione Micologica Bresadola-Gruppo Molisano " C. Linneo" di Bonefro, in collaborazione dell'Ecomuseo Itinerari Frentani, nei prossimi 2,3 e 4 Maggio dalle 18,30 alle 22, presso la Sala Consiliare del Comune di Larino (lezioni teoriche) e il 7 Maggio (escursione e attività pratica), organizza un corso di micologia di base che prevede il rilascio di un attestato utilizzabile per la richiesta, alla Provincia di Campobasso, del tesserino di idoneità alla raccolta. Il corso verrà effettuato con un numero minimo di partecipanti, e gli interessati all'iscrizione possono rivolgersi: 3406550584 - itinerarifrentani@hotmail.it e www.itinerarifrentani.it.

NOTIZIE BREVI I titolari di due imprese edili con cantieri a Termoli e Colletorto, sono stati denunciati dai funzionari dell'ispettorato del lavoro. Oltre a dover rispondere di violazioni delle norme di sicurezza i due imprenditori dovranno pagare multe per 2250 e 1700 euro. CAMPOMARINO– V.P., 40enne di Campomarino, è stato denunciato a piede libero perchè sorpreso a pescare in mare sprovvisto della regolare licenza. E' stato l'equipaggio della motovedetta dei carabinieri della Compagnia di Termoli ad eseguire il controllo al lago della costa. Tutto il pescato ancora vivo, per un valore di circa 300 euro, è stato rigettato in mare. MONTENERO DI BISACCIA - Il comitato a sostegno della candidata IdV per il collegio di Montenero di Bisaccia, Simona Contucci, domenica alle 18,30 in Piazza Monumento inaugura la nuova sede elettorale. Interverranno il consigliere provinciale Cristiano Di Pietro, il candidato alla presidenza della provincia, Pierpaolo Nagni e l’onorevole Anita Di Giuseppe

del nostro Molise con uno stand partecipato, come lo scorso anno, da venti aziende: Az. Agr. Cianfagna di Acquaviva Collecroce; Az. Agr. Palazzo Livio Franco di Baranello; Cantina coop. Valtappino di Campobasso; Cantina Cliternia, Cantina Grancia di Romitelli, Cantine Di Tullio e Di Majo Norante di Campomarino; Cantina Valbiferno e Az. Agr. Biologica De Lisio di Guglionesi; Angelo D’Uva produttore in Larino; Cantina Sociale S. Zenone, il Vignale sas e la Società il Quadrifoglio di Montenero di Bisaccia;

Az. Agr. Collesereno di Putrella Tifernina; Masserie Flocco di Portocannone; Cantine Cipressi di S. Felice del Molise ; Az. Agr. Catabbo di S. Martino in Pensilis e Cantine Salvatore di Ururi, mentre la vitivinicoltura isernina sarà rappresentata dall’Az. Agr. Sannazzaro di Monteroduni. Una bella squadra, soprattutto di giovani che hanno avuto modo di mostrare in questi anni la loro bravura e che si faranno sicuramente onore con la qualità dei loro vini, portando alto il nome del Molise”.


TERMOLI La richiesta è arrivata durante l’incontro con i responsabili dell’assessorato regionale

Tagli, l’Ugl: le soppressioni creano disagi ai lavoratori Fiat L’eliminazione della corsa delle 16:30 crea molti problemi ai pendolari che si recano nella zona industriale TERMOLI – Non ancora si smorza il clamore per la contravvenzione inflitta ad un autista di Bus extraurbani, sanzionato dalla Polizia Stradale perchè trasportava a bordo del mezzo più passeggeri del consentito. Un caso che potrebbe non resterà isolato. Visti i tagli ai trasporti pubblici su

gomma. E proprio in merito a questi tagli i rappresentanti sindacali dell'Ugl metalmeccanici, prendendo a riferimento i disagi che giornalmente stanno affrontando i lavoratori del Nucleo Industriale di Termoli, durante un incontro con i responsabili regionali del trasporto hanno chiesto di ripristi-

Provincia, Simone Coscia si presenta ai cittadini TERMOLI – Questa mattina alle 11, nel proprio studio professionale in Corso Fratelli Brigida, l’avvocato Simone Coscia presenterà ufficialmente la propria candidatura alla presidenza della Provincia di Campobasso. Simone Coscia, appartenente al

gruppo di Partecipazione Democratica, esporrà i motivi della sua decisione di prendere parte attiva alla tornata elettorale del 15 e 16 maggio prossimi. La candidatura di Coscia è sostenuta anche dal Partito della Rifondazione Comunista.

nare la corsa delle 16,30 che transitava nel Nucleo Industriale. Ed è stato il segretario regionale del sindacato, Domenico Guida, a spiegare quale è stata la richiesta. “Il più grave disagio, per quanto da noi accertato è causato dalla soppressione della corsa delle 16,30, della quale usufruivano molti

Il pittore Nino Barone espone a Trieste

transita alle 17,20. Dopo il colloquio, è emersa la massima disponibilità da parte dei preposti organi regionali alla risoluzione della problematica creatasi a seguito di tale soppressione e quindi al ripristino della corsa soppressa. L’Ugl ringrazia l’assessorato per l’impegno profuso”.

Vincenzo Di Narzo ancora in lizza per Palazzo Magno Il Consigliere provinciale Vincenzo Di Narzo si ricandita per la prossima tornata elettorale. E' stato lui stesso ad ufficializzare la sua candidatura tra le fila del Psi nel collegio di Guglionesi, San Giacomo degli Schiavoni, Palata, Portocannone e Montecilfone.

Perché Dio permette il male, incontro al Café Teologico

TERMOLI - Nuovo e penultimo appuntamento per Café teologico quello previsto oggi alle 20,45 presso il centro La Vida in Via dei Palissandri. Ancora una volta un tema scottante in ordine alla fede, alla ragione e alla morale: “Perché Dio permette il male?”. In effetti, nell’esperienza quotidiana, non è difficile imbattersi in questo inquietante interrogativo. Una malattia grave, un incidente stradale, il recente terremoto e conseguente tsunami in Giappone hanno fatto saggiare la finitezza dell’uomo e la sua precarietà. Anche un

lavoratori sia del turno normale che riguarda gli operai e impiegati della Fiat sia altri lavoratori impegnati in altre realtà produttive del Nucleo stesso. Quindi i lavoratori che escono dallo stabilimento alle 16,15 devono attendere per tornare nelle loro abitazioni circa un’ora l’autobus successivo che

paese tecnologicamente avanzato ed economicamente tra i primi a livello mondiale è stato messo in ginocchio dalla terra che trema e dall’acqua che straripa. Eppure erano abituati e, strutturalmente, equipaggiati ad affrontare ogni evenienza, ma il tremore è stato più forte e più feroce di ogni previsione. È stata seminata tanta morte. Molte vittime innocenti, bambini compresi, sono stati inghiottiti dall’acqua, trascinati chissà dove. Allo stesso modo accade nella vita di una famiglia quando improvvisamente viene visitata dalla malattia o, peggio, da un indicente stradale mortale. Dio dov’è? Ci si interroga. Ma se lui è il sommo bene, l’unico bene, tutto il bene, come mai permette queste cose? Non si commuove di fronte al pianto, alla disperazione, alla sconfitta di coloro che vivono nel tormento? Saranno i coniugi Peppino e Lucia Petracca, due medici presso la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, ad incontrare tutti coloro che vorranno essere presenti e, al termine della conversazione, vorranno porre ulteriori quesiti ai relatori che, come di consueto, risponderanno fornendo tute le ragioni necessarie per fare luce sul mistero del male, del dolore, della morte. TRIESTE – Verrà inaugurata alle 18,30 presso lo spazio Juliet una mostra dedicata al lavoro di Nino Barone, pittore molisano formatosi alla scuola del maestro Achille Pace. Si comprende perciò la doppia componente di questi lavori: da un lato quella vitalistica e irrazionale, e dall'altro quella attenta a evitare i rischi della confusione attraverso la precisa consapevolezza dei complicati giochi del linguaggio, quella della rapporto fra elementi in primo piano e sfondo, quella dell'evocazione del soggetto rappresentato, quella tra massa di un corpo e segno dettagliato. Per Nino Barone la campitura dell'intera superficie, in un acceso dualismo

“Sono stato costantemente impegnato e presente in tante attività e competenze della Provincia in tutto il territorio della Provincia di Campobasso, ma in particolare nel collegio dei Comuni dove sono stato eletto – ha detto Di Narzo -. Con la volontà di dare rispo-

ste ai cittadini, senza pensare come fanno molti ai propri interessi personali, mi sono battuto affinché si realizzasse una rotonda a Guglionesi, e si terminasse la ricostruzione del Teatro Cinema Fulvio e la costruzione di una scala antincendio per l’istituto magistrale”.

In scena Il miracolo di Marcellino TERMOLI – Lunedì prossimo alle 16, nell'auditorium della parrocchia di San Francesco d'Assisi, i ragazzi del centro San Damiano e della ludoteca comunale rappresenteranno lo spettacolo "Il miracolo di Marcellino". La regia è curata da Anna Licursi Anna, animatrice per diversamente abili; costumi e scenografie sono delle educatrici Miriam di Nunzio, Giovanna Perna Gabriella Florio, mentre il personale della ludoteca è stato impegnato nel coordinare i bambini nella recitazione e nella formazione del coro. Il teatro viene inteso

di figura/sfondo, ha sicuramente una sua vita indipendente, che però deve in qualche modo essere domata e portata all'evidenza iconica, liberandola dall'impasto caotico e informe, dilatandola nello spazio bidimensionale, pur sempre affascinante e magico, in termini di chiara evidenza sul piano dell'immaginario estetico. La mostra, composta da dodici tavole e curata da Roberto Vidali, in collaborazione con Hotel Mistral, Officina Solare e Azienda Agricola Skerk, chiuderà il 25 maggio e si può visitare ogni martedì dalle 18 alle 20 oppure su appuntamento telefonando al numero 040-313425.

come mezzo di comunicazione e socializzazione che consente alle persone con disabilità di esprimere emozioni, creatività e giocare ruoli diversi da sé. Questo permette con il tempo un cambiamento positivo interiore, utile al percorso individuale e di gruppo verso una integrazione sociale. E’ luogo ideale per svolgere un percorso interdisciplinare e maturare idee, trovare sinergie tra i vari ambiti del sapere: educazione linguistica, all’immagine, motoria. L'evento, con ingresso gratuito, é patrocinato dall'assessorato alle Politiche Sociali del Comune.


ANNO IV - N° 86 - GIOVEDÌ 14 APRILE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it CAMPOBASSO, COSCO ALLE PRESE CON LE NUMEROSE ASSENZE Procedono senza sosta gli allenamenti del Campobasso in vista della gara di domenica: al Selva Piana arriverà il fanalino di coda Catanzaro, squadra reduce dalla vittoria sul Brindisi e da affrontare con la dovuta concentrazione per non incorrere in brutte sorprese. Alla seduta di ieri erano assenti Agresta, Gallicchio e Visconti. Il terzino sinistro si sta curando a Salerno per recuperare dallo stiramento e non sarà a disposizione per domenica. Un risentimento muscolare ha bloccato Gallicchio, mentre Visconti è tornato a Bari per una visita al piede che, probabilmente, dovrà essere operato. Anche la presenza dei due attaccanti è a forte rischio per la gara con i calabresi. Inoltre saranno assenti gli squalificati Monti e Chiazzolino, appiedati rispettivamente per due ed una giornata dal giudice sportivo. A PAG. 20

CALCIO A 5, LA SCARABEO PERDE L’ANDATA DEI PLAY OFF In un Palapedemontana delle grandi occasioni, sotto la spinta incessante del caloroso e variopinto pubblico venafrano, nella prima gara dei play-off è lo Scafati Santa Maria a battere a 17 secondi dalla fine una Scarabeo Calcio a 5 Venafro che fino ad allora aveva meritato molto di più del pareggio, e che si era sbilanciata per poter vincere. Il primo tempo, terminato a reti inviolate, ha visto una fase iniziale in cui la squadra ospite ha fatto molto possesso palla, ma senza arrivare praticamente al tiro. Sono invece i padroni di casa a costruire nei primi 7 minuti quattro occasioni da goal, di cui una clamorosamente sbagliata da Benincasa, solo davanti all'ottimo Mattiello. A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Nel fine settimana Capone dovrebbe incontrare il tecnico. Oggi amichevole a Selva Piana

Cosco alle prese con le assenze Domenica mancheranno gli squalificati Monti e Chiazzolino e gli infortunati Agresta, Visconti e Gallicchio Procedono senza sosta gli allenamenti del Campobasso in vista della gara di domenica: al Selva Piana arriverà il fanalino di coda Catanzaro, squadra reduce dalla vittoria sul Brindisi e da affrontare con la dovuta concentrazione per non incorrere in brutte sorprese. Alla seduta di ieri erano assenti Agresta, Gallicchio e Visconti. Il terzino sinistro si sta curando a Salerno per recuperare dallo stiramento e non sarà a disposizione per domenica. Un risentimento muscolare ha bloccato Gallicchio, mentre Visconti è tornato a Bari per una visita al piede che, probabilmente, dovrà essere operato. Anche la presenza dei due attaccanti è a forte rischio per la gara con i calabresi. Inoltre saranno assenti gli squalificati Monti e Chiazzolino, appiedati rispettivamente per due ed una giornata dal giudice sportivo. Per preparare il prossimo impegno di campionato, que-

LEGA PRO

Neapolis - Latina si giocherà a porte chiuse La Lega ha rilevato che la società Neapolis Mugnano S.r.l. non ha ancora adempiuto all’adeguamento del proprio impianto sportivo alle normative vigenti. Pertanto, vista la richiesta della società Neapolis Mugnano S.r.l. ed il provvedimento del Prefetto della Provincia di Napoli, ha disposto che la gara Neapolis Mugnano - Latina, in programma domenica 17 aprile, venga disputata a Mugnano di Napoli, Stadio Comunale “A.Vallefuoco”, a porte chiuse , con inizio alle ore 15,00.

Chiazzolino, assente domenica per squalifica

sto pomeriggio i rossoblù affronteranno in amichevole il Ripalimosani: test in pro-

gramma alle 15 al Selva Piana. L’occasione sarà utile al tecnico Vincenzo Cosco per pro-

vare soluzioni tattiche alternative in considerazione delle tante assenze. Le soluzioni non mancano e pertanto l’allenatore molisano effettuerà degli esperimenti per allestire la squadra anti Catanzaro. Un match che i molisani sono intenzionati a far proprio, nel tentativo di scalare ulteriori

posizioni in graduatoria. Il presidente Capone ieri è stato a Montella e probabilmente nel fine settimana tornerà nel capoluogo di regione per incontrare il trainer Vincenzo Cosco. Una cena informale nella quale, ovviamente, si parlerà anche di futuro. dim

SETTORE GIOVANILE

Positivo il raduno dei giovani Opzionati molti elementi molisani Si è tenuto nelle giornate di lunedì e martedì il primo raduno di giovani calciatori organizzato dal Nuovo Campobasso Calcio. L’iniziativa ha riscosso un grande successo, ma soprattutto è stata proficua per la società rossoblù. Sono stati visionati oltre 150 ragazzi provenienti sia da scuole calcio del territorio molisano, sia da fuori regioni. Il successo della manifestazione risiede nel fatto che sono stati ‘opzionati’ soprattutto elementi molisani che si sono messi in evidenza durante i raduni. Tante le società che hanno partecipato, testimonianza evidente che il Campobasso funge ancora dal fulcro per il calcio regionale. Sono state presenti nel capoluogo compagini importanti quali SS Pietro

20 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011

e Paolo, Difesa Grande, Primavera, Jelsi, Riccia e Cercemaggiore. E’ stato svolto un lavoro importante da parte della dirigenza che ha quasi completato le formazioni Berretti e Allievi per il prossimo anno: bisognerà soltanto effettuare le scelte definitive. Questa volta ci si è avviati per tempo e l’opera di ristrutturazione del vivaio prosegue senza sosta. Anche grazie all’impegno di Alfonso Bavota che cercherà, il prossimo anno, di ripetere gli ottimi risultati ottenuti con il settore giovanile negli scorsi anni: si ricorderà la vittoria del campionato nazionale juniores nella stagione 2008/2009. RS

Pato:“Vorrei 80.000 persone al Meazza”

Berlusconi:“Troppe tasse nel mondo del calcio”

''Con il supporto dei tifosi il Milan vincera' questo campionato''. Ne e' sicuro Alexandre Pato che sabato, senza lo squalificato Zlatan Ibrahimovic, guidera' l'attacco rossonero contro la Samp. ''Vorrei che fosse una partita come il derby, con 80.000 persone che urlano e che ci sostengono'', aggiunge il brasiliano. Di Ibra, parla invece Alessandro Nesta: ''Lui e' fondamentale, ma il gruppo puo' prescindere da tutti. Per lo scudetto sono in lizza anche Napoli e Inter, ma tutto dipende da noi''.

Per vincere bisogna spendere, ma in Italia e' tutto piu' complicato perche' le tasse sono circa il doppio rispetto a quelle spagnole. Silvio Berlusconi, nel corso della cena con alcuni corrispondenti esteri, ha parlato anche come 'patron' del Milan, sottolineando le difficolta' che un imprenditore incontra nel mondo del calcio. Nonostante le ingenti cifre investite - ha spiegato il Cavaliere - le entrate sono inferiori rispetto agli altri club europei: cosi' e' molto difficile restare competitivi.


S P O RT CALCIO SERIE D

Favo corteggiato dall’Ancona Il Trivento è pronto a riconfermare l’ex tecnico della Viterbese ma bisognerà fare i conti con la neo promossa marchigiana Il campionato di serie D volge al termine, con tre giornate alla fine della stagione regolare, ed ogni società seria che si rispetti ha cominciato a lavorare in vista del prossimo torneo. Tra queste c’è anche l’Atletico Trivento: il presidente del club gialloblù Edoardo Falcione è uno che non si lascia cogliere in contropiede( già lo scorso anno ad Aprile infatti aveva scelto Francesco Farina come sostituto di Carannante). Prossimamente il numero uno trignino incontrerà l’attuale tecnico Massimiliano Favo per fare il punto della situazione e sondare le intenzioni del mister ex Viterbese il quale in queste ultime ore è stato contattato dall’Ancona che sta già gettando le basi per la nuova stagione sportiva, dopo aver vinto la Coppa Italia

Dilettanti, infatti, il club marchigiano ha ottenuto, di diritto, la promozione in Serie D. L'attuale allenatore Marco Lelli, di comune accordo col patron Andrea Marinelli, sembra abbia deciso di lasciare la panchina, nonostante sia intenzionato a rimanere nello staff tecnico; inevitabile dunque il totoallenatore chiamato a sostituire Lelli: sono tre i nomi trapelati negli ultimi giorni ed in pole position,quello di Massimo Gadda, alla guida della Giacomese in Lega Pro Seconda Divisione, Sauro Trillini, tecnico del Fondi anche lui in Seconda Divisione e Massimiliano Favo, trainer del Trivento. Ancona è una piazza molto ambita, dai trascorsi importanti, per Favo, campano di nascita ma anconetano di adozione, si tratterebbe di un trampo-

VENAFRO

lino di lancio, insomma di un’occasione da non lasciarsi sfuggire. Dall’altro lato però c’è l’Atletico Trivento che ha dato tanto all’ex centrocampista del Napoli, una società seria che ha dato sempre forti garanzie in una piazza piccola dove si può lavorare bene, senza grosse pressioni. Nelle prossime ore si potrebbe già sapere qualcosa di più e dunque capire se tra Favo ed il Trivento il matrimonio possa continuare anche per la prossima stagione, oppure se le strade si divideranno.Intanto c’è da chiudere una stagione e bisogna farlo nel migliore dei modi, domenica all’Acquasantianni arriva il Cesenatico e per il Trivento è severamente vietato fallire. ANPA

CALCIO GIOVANILE

Al via il torneo delle regioni Luedì prossimo al Del Prete raduno di ’96-’97 in collaborazione con la Roma Grande iniziativa dell’US Venafro per il settore giovanile. Lunedì prossimo, 18 aprile 2011, la società bianconera, in collaborazione con l’A.S. Roma e la Figc Molise, organizza un raduno di giovani calciatori classe 1996-97. Una intera giornata dedicata ai giovani nell’ambito delle attività programmate dal settore giovanile del Venafro coordinato da mister Nicolò Stella. A visionare i “calciatori in erba” saranno presenti osservatori di primo piano; tra questi Bruno Benal, responsabile di tutte le scuole calcio della Roma e l’osservatore specifico Roberto Muzzi, ex calciatore giallorosso. A questa iniziativa, prenderanno parte le più importanti scuole calcio della regione e delle zone limitrofe della Campania e del Lazio. Un momento di aggregazione di grande rilievo per i sodalizi calcistici giovanili accreditati presso il settore giovanile e scolastico della FIGC – LND Molise. Il programma della giornata è il seguente: ore 11,15 sala consiliare

del Comune di Venafro, dove i responsabili della manifestazione, saranno accolti dall’Assessore allo Sport Benedetto Iannacone che darà il benvenuto dell’intera città agli illustri ospiti della Roma di Totti. A seguire pausa-pranzo. Alle ore 14,45 spostamento di tutta la comitiva allo stadio comunale “Marchese del Prete” dove si disputeranno partite da 30 minuti. La giornata si concluderà intorno alle ore 18,30. Una grande occasione dunque per tante società che hanno la possibilità di far visionare i loro giovani atleti da osservatori seri e competenti. Così commenta l’iniziativa il responsabile del raduno Nicolò Stella: “Un importante evento che vede il nostro settore e quindi la società dell’Us Venafro sempre presente nella promozione della disciplina sportiva del giuoco del calcio, in un momento di particolare attenzione verso le problematiche legate ai giovani della nostra realtà. Con la Roma calcio continua la nostra collaborazione in un

quadro di collaborazione che ci rende veramente fieri di essere affiliati con una delle società d’Italia più attente ai ragazzi e alle scuole calcio. Per tutti noi, il raduno di lunedì prossimo, ci darà modo, insieme ai responsabili del settore giovanile dell’A.S. Roma, di vedere all’opera il meglio dei giovani calciatori molisani”.

Il Comitato Regionale Molise della FIGC-LND comunica che sabato 16 aprile 2011 (per le Rappresentative inserite in gironi a cinque squadre) avrà inizio, nel Lazio, la 50a edizione del Torneo delle Regioni, riservato alle Rappresentative Juniores, Giovanissimi, Allievi, Femminile e Calcio a 5. Il C.R. Molise, inserito nel girone 4 (composto da quattro squadre), inizierà a giocare lunedì 18 aprile 2011. Il raduno di tutte le Rappresentative molisane è previsto per domenica 17 aprile 2011, alle ore 17, presso l’Hotel Europa ad Isernia, fatta eccezione per la Juniores e gli Allievi, che svolgeranno una rifinitura tecnica (alle ore 10) rispettivamente presso l’antistadio “Le Piane” di Isernia ed il campo sportivo di Pettoranello di Molise. La partenza per Fiuggi è stata fissata alle ore 15,00. Inoltre, mercoledì 20 aprile, giornata di riposo del Torneo, tutte le Rappresentative partecipanti saranno ricevute in udienza privata dal Santo Padre Benedetto XVI. Le semifinali, alle quali accederanno le vincitrici di ciascun girone, sono in programma venerdì 22 (Calcio a 5) e sabato 23 aprile per le altre Rappresentative). In caso di passaggio del turno, le Rappresentative del C.R. Molise incontreranno le vincitrici del girone 3 (composto da Calabria, Emilia-Romagna, Lazio e Veneto). Le finali si svolgeranno sabato 23 aprile (Calcio a 5) e lunedì 25 aprile 2011 (Giovanissimi, Allievi, Femminile e Juniores.

L’APPUNTAMENTO

A Mirabello si inaugura il campo in sintetico Il presidente del Venafro Patriciello

Il Sindaco di Mirabello Luciano Di Biase sta preparando, insieme a tutta la sua amministrazione, una grande festa per inaugurare il nuovo campo sportivo comunale in erba sintetica sito in contrada Fontanelle di Mirabello. L’appuntamento è per sabato, 16 aprile, a partire dalle ore 16.00.

Niente Coppa America per la Spagna

Stampa: il Real Madrid vuole Nuri Sahin

La Spagna non partecipera' alla prossima Coppa America di calcio, in programma in Argentina a luglio. ''Non parteciperemo, ma siamo molto grati alla Federazione Argentina per il suo invito. Non possiamo essere presenti per motivi di pianificazione. Ci dispiace molto'', ha spiegato Jorge Carretero, portavoce della federcalcio spagnola. Le Furie Rosse erano state invitate al posto del Giappone, che ha rinunciato in seguito al terremoto dell'11 marzo.

Il Real Madrid avrebbe presentato un'offerta al Borussia Dortmund per il centrocampista offensivo Nuri Sahin, 22 anni. Lo scrive la Bild, ricordando che la clausola di rescissione per il giocatore tedesco di origine turca e' fissata in soli 6 milioni di euro. Sahin, che ha un contratto con il Dortmund fino al 2013, ha giocato quest'anno 29 partite in Bundesliga, realizzando 13 reti.

21 ANNO IV - N° 86 GIOVEDÌ 14 APRILE 2011


S P O RT CALCIO A 5 SERIE B- PLAY OFF

La Scarabeo beffata nel finale A diciassette secondi dalla fine lo Scafati Santa Maria ha realizzato il gol della vittoria nella gara di andata

Una simpatica coreografia

La coreografia dei tifosi di casa

In un Palapedemontana delle grandi occasioni, sotto la spinta incessante del caloroso e variopinto pubblico venafrano, nella prima gara dei play-off è lo Scafati Santa Maria a battere a 17 secondi dalla fine una Scarabeo Calcio a 5 Venafro che fino ad allora aveva meritato molto di più del pareggio, e che si era sbilanciata per poter vincere. Il primo tempo, terminato a reti inviolate, ha visto una fase iniziale in cui la squadra ospite ha fatto molto possesso palla, ma senza arrivare praticamente al tiro. Sono invece i padroni di casa a costruire nei primi 7 minuti quattro occasioni da goal, di cui una clamorosamente sbagliata da Benincasa, solo davanti all'ottimo Mattiello. Il primo tiro dello Scafati arriva solo al 12', ma termina fuori; nella ripartenza è nuovamente pericolosa la Scarabeo Venafro, che costruisce poi altre tre occasioni. Negli ultimi minuti del tempo sono invece i campani ad essere più intraprendenti in area avversaria, con due tiri fuori misura di Andreozzi e Botta, e una traversa sfiorata da Romulo Rocha. Il secondo tempo è un po' più equilibrato, con gli ospiti più attivi in fase offensiva, anche se sono i padroni di casa ad essere più attivi sotto la porta avversaria. Al 3' Mietto trova un varco sulla destra e porta in vantaggio i suoi. Nemmeno il tempo di riprendere il gioco che Mazzocchi, da dentro l'area venafrana, riesce a trovare l'angolino giusto e a pareggiare. La Scarabeo Venafro vuole a tutti i costi conquistare il risultato pieno e costruisce altre buone trame offensive, alcune neutralizzate dal sempre attento Mattiello, mentre Piedimonte rimane inoperoso. Ma negli ultimi secondi paga a caro prezzo la voglia di vincere; un pressing troppo alto, con un rimpallo fortunato per lo Scafati, mette in condizione la squadra ospite di andare in tre contro il solo Piedimonte: Schleder attende l'uscita del portiere avversario e appoggia a Mazzocchi, che a 17 secondi dalla fine sigla il definitivo 2 a 1, fra la delusione dei tifosi e simpatizzanti della squadra molisana. A fine partita il coach dello Scafati, Crescenzo Falcone, che ha vissuto la partita con preoccupazione per quello che vedeva in campo, ha dichiarato: “Contro la Scarabeo Venafro soffriamo sempre, ed anche in questa occasione l'abbiamo fatto, vincendo a pochi secondi dalla fine. Non è stata una vittoria 'netta': ci hanno messo in difficoltà, calciando spesso, forse anche più di noi, e il nostro portiere è stato molto più impegnato di Piedimonte”, e guardando al ritorno di questa prima fase dei play-off, aggiunge: “Credo che anche a Scafati dovremo lottare per superare il turno. Speriamo di riavere in campo Sharnosky, assente per infortunio, per poter dare più concretezza al nostro possesso palla. Dovremo giocare con la stessa determinazione, la stessa voglia e, direi, anche con la stessa umiltà che abbiamo espresso in questa partita”.

Deluso dal risultato, non dalla prestazione dei suoi ragazzi, il mister della Scarabeo Venafro Luca Terenzi ha così commentato la partita: “Purtroppo abbiamo commesso un grave errore a pochi secondi dalla fine, e abbiamo perso. La troppa voglia di vincere ci è costata la sconfitta! E' stata una partita equilibrata, molto combattuta e fisica, ma molto corretta. Lo Scafati ha fatto molto possesso palla, essendo molto bravi in questo; noi siamo stati molto attenti nella fase difensiva, sbagliano poco, ma quel poco ha determinata la sconfitta. Nel primo tempo abbiamo avuto molte occasioni non sfruttate, ma purtroppo siamo stati poco lucidi, pagando anche un po' la tensione del pre-partita. Tutto sommato è ancora un risultato aperto, e noi ce la giocheremo fino alla fine. A Scafati dovremo ripetere la partita che abbiamo fatto in campionato: prepareremo al meglio la gara di ritorno, con la voglia di vincerla. Come sempre!”. In relazione al pubblico numeroso e assai caloroso, Terenzi dice: “Ci ha dato incoraggiamento il pubblico della grandi occasioni. Approfitto per ringraziare tutti quelli che sono venuti, venafrani e molisani. E' stato veramente un grande spettacolo, che ci ha fatto felici”. Appuntamento quindi a Scafati, sabato 16 aprile, alle ore 15.00, in cui si deciderà chi delle due squadre continuerà la corsa verso la serie maggiore.

Mister Terenzi

Un’azione di gioco Il pubblico presente a Venafro

Un momento della gara

Foto tratte dal sito www.scarabeocalcioa5.net


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta Insalata di nervetti Uno piedino e un ginocchio di vitello un dl di olio extravergine di oliva q. b. di aceto una cipolla una costa di sedano bianco un ciuffo di prezzemolo un limone grani di pepe, a piacere q. b. di sale Pulite il piedino e il ginocchio, lavateli e fateli lessare in abbondante acqua salata bollente per il tempo necessario. A cottura, sgocciolateli, staccate dall’osso sia i nervetti sia le cartilagini, ancora caldi, metteteli in un piatto con un peso sopra e quando raffreddandosi avranno formato un pezzo unico, tagliateli a striscioline e disponeteli in un piatto da portata. Aggiungete la cipolla tagliata ad anelli e condite con un’emulsione ottenuta battendo in una ciotola l’olio con una spruzzata di aceto, un pizzico di sale e una spolverata di pepe macinato al momento. Mescolate, coprite con una pellicola trasparente e fate insaporire la preparazione in frigorifero per qualche ora. Prima di portare in tavola aggiungete il sedano a fettine e spolverizzate con un trito finissimo di prezzemolo. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno COMUNALE 1 Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

Farmacia di turno DI GIROLAMO Rampa Mercato Tel. 0865.50625

COMUNALE 2 (di appoggio) Via XXIV Maggio, 180 Tel. 0874.66811

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno D’ABRAMO - Piazza Garibaldi - Tel. 0875.706769

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 13:11 14:15 18:01

Arrivo 07:53 09:22 16:13 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:04 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,30-12,4013,30-13,45 -14,00 (anche festivo)-14,1015,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

20 feb - 20 mar

Ariete - Se in questa giornata vorrete qualcosa di spettacolare ad attendervi cercate di essere piuttosto più predisposti verso le persone che vi vogliono bene e sicuramente qualcosa di speciale lo otterrete davvero senza cercare lontano da voi e dalla vostra quotidianità! Toro - In questa giornata non sarete dell'umore giusto per affrontare certi tipi di questioni, quindi non forzatevi e cercate di avere sotto controllo le vostre emozioni in quanto potrebbero esplodere da un momento all'altro causando un po' di scompiglio tra tutti coloro che non conoscete molto bene! Gemelli - Forse vi state raccontando delle frottole in questa giornata e quello che dovreste fare sarebbe di chiarire prima di tutto a voi stessi quali siano le vostre intenzioni e poi eventualmente cercare di rendere partecipi anche gli altri di questa vostra particolare fase! Cancro - In questa giornata vi sentirete molto più che splendenti quindi crederete di avere in pugno tutti e tutto ed in parte sarà davvero così. L'importante sarà farlo con un certo stile, in modo tale che nessuno possa poi dirvi che non siete stati eleganti o che lo avete fatto con poca determinazione! Leone - Forse il centro della vostra vita in questa giornata potrebbe non essere esattamente quello che volevate che sia e questo perché chi vi sta vicino a volte può avere delle mancanze, come tutti, quindi sarà inutile cercare altrove ciò che avete ad un passo, basta infatti attenderlo! Vergine - Qualcosa oggi potrebbe essere davvero troppo difficoltoso per voi ma questo non dovrà assolutamente fermarvi anzi, dovrebbe spronarvi a fare sempre di più e sempre meglio. Non abbiate timore di prendere l'iniziativa e cercate di rialzarvi sempre con il sorriso, poichè questo disorienterà gli avversari Bilancia - In questa giornata vivrete finalmente un momento di gloria e avrete la rivincita sulle vostre antiche paure. Questo è il giorno giusto per sfidare la sorte e per sfidare chi vi ha messo alla prva non credendo in voi! Tutti si ricrederanno, voi per primi e acquisirete molta più sicurezza! Scorpione - In questa giornata sarete parecchio proiettati verso il vostro lavoro poiché vi siete accorti che ultimamente avete un po' tralasciato gli affari ed i progetti più importanti, quindi volete recuperare e fate bene! Verrete premiati per il vostro sforzo e per la vostra audacia! Sagittario - Oggi avrete molto da fare, come sempre e questo implicherà molto del vostro tempo in cose noiose e quotidiane e ripetitive. Ovviamente non vi lamenterete poiché sapete che è tutto necessario ma, se alla fine della serata vi vorrete dedicare un pochino a voi fatelo pure liberamente! Capricorno - In questa giornata avrete la possibilità di prendere in considerazione vari aspetti della vostra relazione sentimentale poiché c'è un punto che ultimamente vi sfugge e non potete di certo fare a meno di esaminarlo, visto che siete grandi analisti e che non vi piace lasciare le cosse a metà! Acquario - In questa giornata dovrete risovere dei problemi che vi assillano da un po' di tempo e che avete tutto l'interesse a trasformare in qualcosa di positivo. Le vostre mani potrebbero essere piene di speranze e di sogni, che però resteranno vuote se non adopererete un pochino di astuzia in più! Pesci - C'è sempre qualcosa di buono nelle vostre impressioni, potete di certo prendere in considerazione molti sogni e cercare di realizzarli tutti insieme in questa giornata, ma sarà meglio andare per gradi, pur mantenedo sempre alta la speranze e soprattutto la positività che è molto importante!



lagazzettadelmolise140411a