Page 1

ANNO IV - N° 10 - VENERDÌ 14 GENNAIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA LEGA CONSUMATORI

È tempo di saldi ma, a quanto pare, ci sarebbe qualche negoziante che cerca di fare furbo ritoccando al rialzo il prezzo originario di vendita dei prodotti. Lo denunciano alcuni cittadini che hanno informato la Lega Consumatori del Molise. L’associazione si è prontamente attivata e ha invitato i consumatori “che abbiano prova documentale o testimoniale di simili accadimenti, a fornire tale materiale all’associazione che provvederà successivamente ad agire nelle sedi competenti”. Per cui, i commercianti che vogliono fare i “dritti” sono avvisati… Grazie al prezioso apporto della Lega Consumatori, vincitrice dell’oscar del giorno.

IL TAPIRO DEL GIORNO A MUCCI,VARRA E TIBERIO

Da destra a sinistra, andata è ritorno. È quello che ha fatto il consigliere provinciale Maurizio Tiberio, già Forza Italia ed ora tornato all’ovile. Con lui pure Vincenzo Mucci e Giovanni Varra, tanto desiderosi di restare in via Roma altri cinque anni e perciò disponibili a salutare Idv e Pd, per accasarsi nel Popolo della libertà. Un tapiro assegnato a chi fa della politica una professione, l’occasione personale per far parte della casta e non del governo: per arricchirsi e non per arricchire, con la propria esperienza, la ricerca di soluzioni. Attapirati sono i molisani che meritano di più, ma il tapiro va a loro.

CAMPOBASSO

CAMPOBASSO

CAMPOBASSO

L’Appello conferma la pena all’orco di Jelsi: nove anni di reclusione

Assegni falsi per pagare auto Denunciati i ‘Bonnie & Clyde’ della truffa

Via Gorizia nel mirino degli scassinatori Ieri messo a segno un altro colpo

A PAG. 7

A PAG. 9

A PAG. 9

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Evitare sprechi e spese folli

Le capacità e i meriti degli amministratori si valuteranno Vorremo vederli gli amministratori scorazzare sulle auto blu, assicurarsi premi e vantaggi utilizzare il potere “sibi et suis” mentre la collettività è chiamata a tirare la cinghia nella ricerca sua dissennata attività dissipanimi di efficienza e funzionalità. l’asse portante dell’economia, ’arido linguaggio dei nudi equilibrio tra trice, nel mantenimento di priviSoprattutto nel Molise, gli ammidello sviluppo e dell’occupazione, meri e delle statistiche legi (finiamola una buona volta nistratori dovranno riordinare a sta facendo la sua parte e chiede dice ai molisani che i con le auto blu, i telefonini, i porpuntino la spesa pubblica, tache sia ora l’apparato pubblico a e gli anni a venire sono il contenimento giorni taborse, i leccapiedi), nella acgliare i privilegi, combattere fare la propria. Come? Programduri da affrontare e richiedono centuazione del divario che lo l’inefficienza, abbattere la corrumando le priorità e utilizzando le come non mai prima una presa di della spesa divide dalla società civile. Il fedezione. Come? Eliminando le poche risorse finanziarie con coscienza collettiva per imporalismo se ha qualcosa di buono è strutture e le sovrastrutture inuestrema attenzione e intellistare un nuovo costume di vita. nella possibilità per il cittadino di tili, gli sprechi, e snellendo al genza. Diversamente il rischio è Sicuramente più sobrio, più acpubblica valutare il comportamento di chi massimo la burocrazia. Non a di rimanere impantanati nel fatacorto e selettivo, che metta da l’amministra, di considerarne le caso dicevamo all’inizio dell’arilismo. La mannaia della legge di parte il superfluo e punti all’ese il sostegno capacità amministrative e, quindi, dità delle cifre. Da un conteggio stabilità varata dal governo è casenzialità delle cose. Per primi di liberarsene con il voto al mofatto sulla scorta di ciò che detta lata pesantemente sui fondi dedovranno adeguarsi gli amminimento opportuno. Un’arma, il l’ex articolo 14, comma 2, del destinati alla scuola, all’ambiente, stratori locali (comuallo sviluppo voto, che col federalismo diventa creto legge 78/2010, Campobasso alle attività culturali, alla sicu-

L

nali, provinciali, regionali e di tutte le altre rappresentanze territoriali). Il sistema privato, ossia

rezza, alla sanità, ai servizi sociali. Per non dire dei fondi destinati agli investimenti. Un quadro fosco, che annuncia e pretende sacrifici. Ma che siano equamente distribuiti. E’ qui, in questa ricerca di equilibrio tra il contenimento della spesa pubblica e il sostegno allo sviluppo che si valuteranno le capacità e i meriti degli amministratori. I quali, soprattutto nel Molise, regione prevalentemente legata ai servizi e al terziario, dovranno inventarsi la maniera per stare in piedi senza intaccare i livelli mi-

Inpdap, 12 mesi di assistenza ai pensionati non autosufficienti CAMPOBASSO – Tutto pronto per accedere al servizio di assistenza domiciliare in favore dei pensionati Inpdap non autosufficienti. Lo annuncia, in una nota, la direzione regionale di Campania e Molise. Le domande di accesso agli interventi previsti dall’avviso, debitamente sottoscritte e corredate da tutta la documentazione richiesta (certificazione del medico di famiglia che attesti la condizione di non autosufficienza; situazione Isee del nucleo familiare riferita all’ultimo anno disponibile al momento della presentazione dell’istanza; fotocopia del documento di riconoscimento o, in caso di delega, del documento di riconoscimento della persona delegata), devono essere presentate all’ambito territoriale sociale di riferimento in cui è compreso il Comune di residenza del richiedente, o, in alternativa, al Comune. Nell’informativa si legge anche che ‘in caso di richieste il cui costo risulti eccedente alla disponibilità economica prevista nella convenzione, si darà priorità ai pensionati Inpdap con reddito familiare più basso, calcolato con il metodo Isee’ e che ‘l’assistenza verrà assicurata per 12 mesi’. Ulteriori informazioni e il modello della domanda potranno essere richieste nelle sedi Inpdap di Campobasso (via Garibaldi 2/C) e Isernia (corso Risorgimento).

avrà 1.248.297,32 euro in meno dalla stato; 540.615, 96 Isernia; 562.068,98 Termoli; 273.914,21 Venafro; 203.663,23 Larino. Ancora più pesante il salasso alle Province: 5.057.524,59 euro in meno a Campobasso; 3.093.152,95 a Isernia. Fin qui i numeri. Da qui la necessità di cambiare registro, di fare meglio i conti e stabilire le priorità. Sarà inevitabile chiedere sacrifici alla gente, ma sarebbe davvero singolare che nel momento in cui vengono chiesti, l’appartato pubblico e burocratico continuasse nella

AMBITI TERRITORIALI

davvero efficace, in quanto svincolato da condizionamenti di tipo clientelare, espressione di una oggettiva valutazione dell’operato di chi è stato chiamato ad amministrare la cosa pubblica. E vorremo vederli gli amministratori scorazzare sulle auto blu, utilizzare il potere “sibi et suis”, i dirigenti assicurarsi premi di rendimento e vantaggi economici oltre i propri meriti, mentre la collettività è chiamata a tirare la cinghia, a pagare le tasse, a fare la fila, insomma ad arrangiarsi. Dardo

INDIRIZZO

ISERNIA

Via G. Verdi n.9 - 86081 Agnone IS Tel. 0865723228 ufficiodipiano@comune.agnone.is.it Via Piano della Corte - 86016 Riccia CB Tel. 0874/715075 martedì ore 09.00 - 13.00 ambitoriccia@libero.it Via Cavour n.5 - 86100 Campobasso Tel. 0874405251 0874405576 segreteria.sindaco@comune.campobasso.it P.zza Marconi n.1 - 86170 Isernia Tel. 0865449202 Fax. 0865449205 ufficiodipiano@ambitosociale.isernia.it

LARINO

P.zza Nardacchione n.4 - 86043 Casacalenda CB Tel. 0874-828223 pszlarino@tiscali.it

TERMOLI Comune Capofila PORTOCANNONE

Via Madonna Grande, 7 - 86045 Portocannone CB Tel. 0875599320 sociale.portocannone@gmail.com asservizisociali@comune.termoli.cb.it

VENAFRO

P.zza Cimorelli n.1 - 86079 Venafro IS Tel. 0865900917 politichesociali@comune.venfra.it

AGNONE RICCIA - BOJANO CAMPOBASSO


PRIMO PIANO Saltano le aree con esenzioni fiscali automatiche per le piccole e micro imprese nelle aree depresse CAMPOBASSO – Addio alle Zone franche urbane. La parola “fine” è scritta nel decreto di riforma degli incentivi alle imprese. Le Zfu dovevano essere la chiave per il rilancio di 22 aree depresse del Paese ad alto disagio sociale ed economico, attraverso esenzioni fiscali automatiche per le piccole e micro imprese. Il governo, però, ha fatto dietrofront, preferendo a questa formula le Zone a burocrazia zero. Non più sconti su Ici, Irap e contributi da pagare ai dipendenti, dunque, ma aiuti concessi dai sindaci a beneficio delle nuove iniziative produttive. Tutto era pronto per il via in quattro territori del centro-nord e altri 18 del sud, tra cui proprio Campobasso (in molte agenzie immobiliari campeggia ancora la scritta “Zona franca urbana”), con tanto di autorizzazione della Commissione Ue. Una prima dote di 100 milioni di euro, già ripartita dal Cipe, con Catania in testa a 7,3 milioni e Matera in coda con 3,7. La storia delle zone franche urbane è già la cronaca di una morte annunciata. La storia delle zone franche urbane è già la cronaca di una morte annunciata. Dopo la firma, il progetto per diventare realtà aveva bisogno dell’ultimo atto: il decreto attuativo da parte del

Addio alle zone franche urbane Anche Campobasso è fuori ministero dell’economia, che non è mai giunto a destinazione. Anzi, l’avvisaglia di una frenata nelle intenzioni del governo è arrivata con il decreto “milleproroghe” dell’anno scorso. Qui le esenzioni automatiche venivano trasformate in un mero contributo. La modifica era stata però annullata in sede di discussione alla Camera. Con la manovra d’estate un nuovo stop

aveva aperto la strada alle novità più recenti. E allora, vengono introdotte le Zone a burocrazia zero (Zbz) nel Mezzogiorno. E si precisa che se queste coincideranno con le 18 Zone franche urbane individuate nel sud, dovrà essere applicata una nuova disciplina di aiuto con contributi concessi dai sindaci solo a beneficio delle nuove iniziative produttive. Se entro 30 giorni

dall’avvio del procedimento non viene emanato alcun provvedimento, questo si intende adottato nei confronti del richiedente. Le prefetture dovranno, infine, dal canto loro, assicurare che nella realizzazione dei piani di sicurezza del territorio sia data priorità alle iniziative da assumere nelle zone a burocrazia zero. Adimo

Il governo ha optato per le zone a burocrazia zero: il sostegno all’economia potrà arrivare solo dai sindaci

Cattolica-Regione, torna il sereno Ieri la firma sull’accordo da 56 milioni di euro Nel documento prevista anche una programmazione concordata con il commissario Michele Iorio per le attività dei prossimi cinque anni

CAMPOBASSO – La trattativa è stata lunghissima e per certi versi estenuante, ma alla fine la Cattolica di Campobasso ha siglato l’intesa con la Regione Molise accettando i 56 milioni di euro offerti dal commissario per la sanità, Michele Iorio. Ieri la ratifica dell’accordo tra il rettore dell’università Lorenzo Ornaghi e i vertici regionali. “L’accordo – come si legge in una nota inviata dal centro di

ricerca alle redazioni - riguarda l’anno 2010 con impegni per i prossimi anni. Consapevoli delle difficoltà finanziare della Regione Molise, le parti sono riuscite ad individuare le migliori condizioni possibili perché il centro di Campobasso potesse continuare la sua attività d’eccellenza ed alta specializzazione al servizio della popolazione molisana e di tutto il centro sud d’Italia, in un rapporto

lineare e costruttivo con la Regione”. E non dimenticano i ringraziamenti, al sub commissario Isabella Mastrobuono e al direttore generale Roberto Fagnano, con

un grazie particolare a monsignor GianCarlo Maria Bregantini, arcivescovo di Campobasso e principale promotore dell’affollata manifestazione di settembre. “Nel confermare che il centro di Campobasso – proseguono nel comunicato - continuerà ad essere un punto di riferimento per le patologie ad alta complessità per migliaia di pazienti provenienti da ogni parte d’Italia, l’università Cattolica esprime l’auspicio che i rapporti istituzionali siano sempre orientati ad una proficua ed intensa collaborazione, nell’esclusivo interesse della comunità. E’ infine auspicabile che, come stabilito nell’accordo, vengano presto utilmente concordate le linee programmatiche per i prossimi cinque anni, in modo tale che il centro possa organizzarsi con la dovuta razionalità e continuare così a svolgere la sua attività di alta specializzazione, nell’ottica della già consolidata integrazione con il sistema sanitario regionale.


REGIONE

Rischio licenziamento per gli autoferrotranvieri Petraroia (Pd) boccia “la politica di soli interessi e delle logiche di appartenenza” del governo regionale CAMPOBASSO - Tagli e licenziamenti. “Gli autoferrotranvieri perderanno il posto nei prossimi mesi perché nel bilancio non sono appostate le risorse per bandire la gara del trasporto pubblico locale”. Michele Petraroia affronta così l’imminente discussione del consuntivo 2011, puntando ancora una volta l’indice contro il governo regionale, reo di aver varato tagli discrezionali dei chilometri che

penalizzeranno “solo alcune società”. Il consigliere Pd prevede conseguenze rovinose per i pendolari, dubitando pure delle erogazioni a favore delle comunità montane e degli enti sub regionali. I trasferimenti infatti, sarebbero insufficienti a garantire il pagamento dei “salari e l’attività minima di strutture tenute in vita artificialmente dal governatore Iorio, per meri interessi politici”.

Stessa dinamica alla base delle stabilizzazioni, per nulla orientata a premiare chi ha coperto “i vuoti d’organico, quanto piuttosto rispondente a logiche di appartenenza che mal si conciliano con il presunto rigorismo del ministro Brunetta”. Un maxi-emendamento elettorale che cassa i controlli sulla sanità, ingrossa la fondazione Molise Cultura, rinvia la riforma dei nu-

clei industriali e non alloca risorse nei comparti socio-assistenziali e produttivi. Tutto ciò a fronte di un’esposizione debitoria ragguardevole, affonda Petraroia, e di una gestione pubblica abituata a considerare “le leggi come un orpello”. Per questo, conclude l’esponente del Partito democratico, è d’uopo per il centrosinistra compattarsi intorno ad una mozione di sfiducia a Iorio.

Parco del Matese, Minori in istituto, il sindaco di Jelsi chiede un contributo alla Regione gli Ecologisti democratici: JELSI – Il sindaco di Jelsi, Mario Ferocino, scrive al presidente della Regione, Michele Iorio, all’assessore alle Politiche sociali, Angela Fusco Perrella, e a tutti i consiglieri e il resto della giunta per chiedere un aiuto finanziario per l’affidamento dei minori in istituto. Già nel dicembre 2009 il primo cittadino “rappresentava le enormi difficoltà in cui versava, e versa, il Comune di Jelsi a causa delle ingentissime spese legate al pagamento delle rette dalla fine dell’anno 2008”. Ma, “come già segnalato in sede di audizione Bilancio, tenutasi il 5 gennaio scorso davanti alla I Commissione regionale, devo rilevare che per l’anno 2010 la Regione Molise, a tutt’oggi, non ha inteso contribuire neanche con una minima forma finanziaria in favore del Comune che rappresento”. Per Ferocino “è evidente che una spesa di circa 140mila euro annui non è sostenibile per un ente come il Comune di Jelsi. Il dato economico è certamente importantissimo, perché investe di riflesso l’intera vita di una comunità, per altro senza certi limiti temporali, e non può essere lasciato a carico della sola collettività locale investita dalla vicenda. Per cui, il sindaco Ferocino chiede di inserire le somme “nel redigendo bilancio regionale di previsione 2011, nella speranza che l’intera Regione Molise vorrà esprimere sensibilità in favore della collettività di Jelsi ed in particolare dei minori protagonisti, loro malgrado, di drammatiche vicende rese pubbliche anche dagli organi di informazione regionali”.

Raccolta firme contro la legge sul commercio

Torna sulla scena cittadina ma ad eco regionale, o meglio non ha mai abbandonato il palcoscenico della quotidianità, la vicenda legata alle deroghe domenicali e festive della legge 22 del 2010, meglio conosciuta come legge sul commercio. Ancora una volta le voci delle organizzazioni sindacali di categoria, Filcams-Cigl e Uiltucs ribadiscono la loro posizione di assoluta contrarietà alla Legge. La motivazione di fondo, la enorme perequazione tra gli esercenti commerciali, tra la grande distribuzione e la media-piccola attività commerciale. È un po’ come nei fondali marini, dove il pesce grande mangia quello piccolo, perché non ha i mezzi per fuggire e difendersi. Da ieri è partita su iniziativa delle associazioni di categoria una petizione popolare, una raccolta di firme non

ora si approvi la legge

CAMPOBASSO – L’Associazione Ecologisti Democratici del Molise accoglie con soddisfazione la manifestazione per la presentazione della proposta di legge istitutiva del Parco Regionale del Matese che si terrà domani a Campobasso. Un’iniziativa che ben si sposa con le caratteristiche peculiari del Molise come territorio vergine la cui più grande vocazione è quella paesaggistica, non certo industriale, eolica e con centrali a biomasse, sulle quali puntano moli cacciatori ai grandi industriali che hanno già puntato lo sguardo su questa regione. “È assolutamente strategico – affermano – puntare sulla valorizzazione delle nostre preziose risorse naturali, paesaggistiche, archeologiche, storiche e culturali. Per questo, come EcoDem, sosteniamo con determinazione l’approvazione della proposta di legge regionale e ci auguriamo che il Comitato, con la stessa fermezza, valorizzi il disegno di legge parlamentare per l’istituzione del Parco Nazionale del Matese, sollecitato – conclude l’associazione – dagli Ecologisti Democratici e presentato da 12 senatori di tutti gli schieramenti politici”.

solo tra lavoratori del settore ed esercenti ma rivolta soprattutto ai cittadini, ai consumatori ultimi, l’ultimo anello della catena. “Le aperture domenicali e festive – spiegano i segretari regionali, Franco Spina e Pasquale Guarracino – sono discriminanti e portano solo disagi”. L’accento è stato posto su ciò già previste ma non tenute in debito conto dalla classe politica che così velocemente senza preventivi confronti bypassa le richieste e approva la Legge n.33. Mentre prima il festivo e le domeniche erano considerate giornate pagate come straordinario oggi invece sono parificate a giorni di lavoro ordinario e le prime avvisaglie di seccature si sono già avvertite con reclami. È opportuno fare un passo indietro ricordando che la Legge attuale doveva nascere come rivi-

sitazione della Legge 33 del 1999 in quanto vecchia e non attuale con i tempi in continua evoluzione. E proprio l’Osservatorio sul Commercio nato con la legge 33 doveva aiutare la Regione Molise ad analizzare lo stato attuale, con la verifica delle zone coperte già dalla grande distribuzione, controllare la piccola e media distribuzione, creare, quindi, un piano serio per il Molise. Ma così non è stato secondo i rappresentanti sindacali. “ Non c’è nella classe dirigente alcuna cognizione di causa di che cos’è il commercio oggi in Molise” chiarisce Spina e poi continua a sferrare colpi “il vero problema in Molise oltre alle aperture, è se ci sono effettivamente le risorse nelle famiglie, perché se non ci sono i soldi non si spende e l’economia non gira …” Cafe


REGIONE Pdl, la campagna acquisti non piace agli elettori CAMPOBASSO - Sono partito per il gusto di tornare. Con queste parole Maurizio Tiberio potrebbe spiegare il ritorno nelle fila del Popolo delle libertà, dopo una legislatura provinciale a sostegno di Nicola D’Ascanio. Ex Forza Italia, il consigliere di palazzo Magno capeggia il gruppo di coloro i quali hanno cambiato idea e bandiera. Tra questi, Vincenzo Mucci e Giovanni Varra che indosseranno oggi la nuova maglia, entrando nella galassia azzurra con il placet dal coordinatore regionale Ulisse Di Giacomo. I due dovranno spiegare come mai, dopo la Margherita e i Ds, hanno optato per un cambio di campo tanto radicale. E

dovranno smentire il pregiudizio secondo cui, abili opportunisti, entrare nel Pdl sia solo un modo per conquistare la riconferma in Provincia. Risulta infatti difficile cancellare anni di invettive contro la gestione Iorio, ieri gramigna da estirpare e oggi modello amministrativo di riferimento. Evidentemente le preferenze garantite dai tre fanno gola al primo partito molisano, pur se pare abbiano creato qualche malumore interno. Per questa ragione anche il coordinatore Di Giacomo dovrà chiarire come mai, l’apparato che coordina ha ripiegato su tre nomi, bollati quali voltagabbana a sinistra e come opportunisti a destra. Dovrà convincere i propri elettori che l’alternativa a

Sondaggio centrodestra

Chieffo e Pallante, una poltrona per due CAMPOBASSO - Quintino Pallante e Antonio Chieffo alla Provincia di Campobasso ci pensano eccome. La caterva di e-mail giunte a sostegno della loro candidatura è inequivocabile, lasciando presagire per entrambi un solido consenso elettorale, come pure la volontà degli elettori di opporre al centrosinistra un uomo forte, un leader capace di garantire sull’unità delle parti e sulla credibilità

delle promesse elettorali. Niente yes man né candidature di comodo. I sostenitori del Pdl come quelli di Fli mettono sul tavolo le loro carte migliori, alzano subito la posta e riducono la rosa dei contendenti a due soli nomi. I loro. Bene pure Di Biase, ipotesi acerba per la presidenza ma da non scartare per uno scranno da consigliere. Delusione De Matteis. afv

Quintino Pallante Antonio Chieffo Luciano Di Biase Rosario De Matteis Gennaro Chierchia Vincenzo Niro

26 20 9 6 2 1

D’Ascanio non nasce con i medesimi requisiti d’instabilità dell’attuale giunta. Che la coalizione a cui si sta lavorando non esporrà a crisi né a fuoriuscite in corso d’opera: da scongiurare c’è il rischio Idv e soprattutto l’ipotesi che qualcuno anteponga l’interesse personale ad un programma di

cambiamento chiaro e condiviso. Un programma basato su proposte di soluzione e non su compravendite, sulla somma matematica del consenso. In ballo c’è la credibilità di tutta l’alleanza, non solo quella già duramente compromessa dei tre ex. afv

Unità e contraddizioni, chi decide nel centrosinistra? CAMPOBASSO - Sinistra ecologia e libertà continua la sua battaglia per le primarie. O meglio, lo fa il circolo di Campobasso che continua a raccogliere firme a sostegno dell’ipotesi gazebo. Nonostante la portavoce Laura Vincelli convochi una conferenza stampa per sabato, Mauro Natalini, coordinatore regionale e supporter del tavolo dei segretari, tira diritto. È questo scisma interno alla formazione di Nichi Vendola a destare perplessità, spingendoci a chiedere se i rappresentanti del tavolo trattano a titolo personale o, come sarebbe normale, abbiano convocato le rispettive direzioni regionali. L’empasse del centrosinistra pare dovuto proprio a questa ambiguità, all’assenza di coinvolgimento delle minoranze da parte dei vertici del partito. Lamentele comuni all’Idv basti ricordare la polemica di qualche settimana fa tra Nagni e i due ex iscritti - e al Pd, dove le richieste di chiarimento di Macchiarola e company restano inevase. Il vuoto pneumatico a cui i partiti condannano così i molisani, verrebbe riempito dalle primarie che prefigurerebbero d’un colpo l’occasione di esserci, di votare e di scegliere. Come dire, se i partiti sono gestiti alla stregua di apparati personali, meglio andare in piazza. Non è un caso che associazioni di ogni risma, si battano per un modello partecipativo con cui individuazione il candidato per le elezioni provinciali. Fanno eccezione solo i cristianosociali, secondo i quali “va istituito un tavolo permanente di confronto delle forze di centrosinistra con all’ordine del giorno la stesura del programma e la scelta dei candidati”. Si legge nella nota del movimento vicino al Pd che, agitare le primarie “come una clava, prescindendo dall’unità della coalizione, fa il gioco di Michele Iorio”. afv


CAMPOBASSO Il legale del condannato ha annunciato il ricorso in Cassazione

Nove anni al pedofilo di Jelsi, la conferma dell’Appello Sentenza aggravata per l’operaio 39enne di Jelsi colpevole di pedofilia e maltrattamenti. Ieri, nel pomeriggio, il pronunciamento della Corte d’Appello di Campobasso, presieduta dalla dottoressa Rossana Iesulauro. Per l’uomo confermato il giudizio di primo grado in cui era stato condannato, dal giudice per l’udienza preliminare Giovanni Falcione, a 9 anni di reclusione. Disposta, inoltre, la decadenza dalla patria potestà così come richiesto dalla Procura, rappresentata in aula dal pm Claudio Di Ruzza. Il 39enne, difeso dall’avvocato Giuseppe De Rubertis ha dunque lasciato il tribunale del

capoluogo per rientrare nel carcere di Teramo, dove è recluso in una sezione speciale dall’ottobre del 2009. L’operario era finito nella rete della Squadra Mobile di Campobasso nell’ambito di una serie di storie collegate tra loro. Ha abusato a lungo della sorella della moglie e della figlia di un vicino, entrambe minorenni. Sia la cognata che la consorte, a loro volta, per anni, avevano subito le violenze sessuali del padre, un netturbino oggi 70enne condannato a 10 anni di reclusione. Di 18 anni, invece, la pena inflitta al 50enne padre della minore di cui abusava l’operaio. L’uomo, infatti,

dormiva nello stesso letto con la figlia e la ‘cedeva’ in cambio di denaro. Storie contorte, espressione di un profondo disagio sociale. Sguardo basso per il 39enne appena uscito dall’aula dove la sentenza è stata pronunciata a porte chiuse. In tribunale era presente anche la giovane moglie. “E’ stata fatta giustizia – il primo commento dell’avvocato di parte civile Nicolino Cristofaro – Ora le ragazze, vittime degli abusi, potranno volare alto”. Ed intanto, l’avvocato De Rubertis, che aveva richiesto l’abbreviato per il suo assistito, ha annunciato: “Faremo ricorso in Cassazione”.

Omicidio Niro, si avvicina la sentenza Non c’era ieri, in tribunale a Benevento, Domenico Felice. Avrebbe dovuto parlare lui. Avrebbe dovuto rispondere alle domande dei giudici sulla morte di Lucio Niro. Il pastore di Santa Croce del Sannio si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ascoltati, invece, la madre dell’agricoltore, un operatore ecologico ed un cugino di Rosanna Parlapiano. La donna ha raccontato che la notte dell’omicidio, dopo aver sentito un rumore, è uscita di casa per verificare cosa fosse accaduto ed ha visto il figlio che “dormiva profondamente in macchina”. Il ragazzo, alternandosi con i suoi familiari, si trovava fuori casa per vegliare una mucca che avrebbe dovuto partorire. Il cugino della Parlapiano ha invece ribadito che tra Domenico Felice e Lucio Niro non vi era amicizia: “Qualche volta avevano fumato una sigaretta insieme a casa di Rosanna. Ma niente di più”. Si tornerà in aula il prossimo giovedì, mentre è prevista per il 3 marzo la discussione. Tempi celeri, dun-

que, per far luce su una vicenda che sullo sfondo potrebbe avere il movente passionale. Era la notte dell’11 febbraio del 2008 quando Niro, di rientro a Baranello da casa della fidanzata, fu brutalmente assassinato a colpi di fucile. L’operaio fu freddato nelle campagne tra Molise ed Abruzzo mentre era a bordo della sua auto. Per l’accusa, il pastore è il colpevole, colui che non aveva mai accettato l’amore tra Lucio e Rosanna che proprio dall’operaio aspettava un figlio. I legali dell’imputato Claudio Fusco e Antonio Di Maria hanno da sempre ribadito che “si tratta di un procedimento indiziario poiché non esistono prove certe che attestino che Felice sia colpevole”. Ma gli indizi a carico del pastore, per il pm Antonio Clemente che ha chiesto il rinvio a giudizio, invece, sono indubbi e gravi. A rappresentare la famiglia di Lucio, l’avvocato Piunno, mentre Rosanna Parlapiano, oggi madre di una bambina, ha scelto il legale Tibaldi. Genitori e fidanzata si sono costituiti parte civile.

Shanti, domiciliari per i fratelli Setaro Arresti domiciliari per i fratelli Setaro. A deciderlo il tribunale del Riesame di Campobasso che ha dunque accolto le richieste degli avvocati Carmine Verde (legale di Aldo Setaro), di Arturo Messere e Demetrio Rivellino (difensori di Nicola Setaro). I due fratelli sono usciti dal carcere di via Cavour nel pomeriggio di ieri. Entrambi erano stati arrestati lo scorso giugno nell’ambito dell’operazione Shanti. 16, in tutto, le persone che finirono nei guai per associazione a delinquere finalizzata alla tratta di esseri umani, alla riduzione in schiavitù, al favoreggiamento ed allo sfruttamento della prostituzione.

7 ANNO IV - N° 10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011


CAMPOBASSO Auto scassinata per rubare telefonini e contanti lasciati sui sedili: le autorità indagano

Furti in via Gorizia, ieri un altro caso Parlare di vero e proprio ‘allarme’ sarebbe forse eccessivo; eppure è accaduto ancora. In via Gorizia – più precisamente nell’area del parcheggio antistante la piscina comunale di Campobasso – finestrini rotti e portiere forzate rappresentano purtroppo scene abbastanza frequenti. Ieri mattina, attorno alle 11,30, l’ultimo episodio increscioso. Due ragazzi, di ritorno dalla consueta ‘nuotata’, si sono visti derubati della borsa, dei rispet-

tivi telefonini e dei portafogli lasciati sui sedili e nei vani della propria auto. Anche in questa circostanza, così come nelle precedenti, i primi rilievi suggerirebbero la presenza di un “palo” che avrebbe dato il ‘via libera’ al furto, sgombrando la strada all’illecito del proprio complice. Eventualità confermata anche dalla rapidità disarmante della sequenza, passata inosservata nonostante le luci del giorno: i malviventi hanno dapprima tentato di sfondare uno dei fi-

Pagavano auto con assegni falsi: scatta la denuncia Coppia di truffatori sgominata dalla Polizia dopo due “colpi” nel capoluogo Una vicenda dai contorni cinematografici. Un criminale e la sua aiutante, le loro vittime ignare, un’escalation di raggiri a dir poco preoccupante e le incessanti indagini delle autorità sulle tracce dei malfattori: sembra la sinossi del tipico film giallo e invece è accaduto davvero. A Campobasso una coppia di truffatori – il 46enne L.A. e la sua sedicente figlia, D.L.M., di 27 anni – avevano dato vita, nei mesi scorsi, ad una serie di frodi abilmente ordite. Il modus operandi dei balordi era piuttosto semplice nella propria dinamica: i “bonny” e “clyde” della truffa rispondevano ad alcuni annunci sul web relativi alla vendita di auto pubblicizzate su un noto sito internet, contattavano i proprietari delle vetture e nel giro di poche ore realizzavano il passaggio di proprietà nelle filiali delle agenzie competenti, saldando i conti attraverso assegni circolari magistralmente falsificati e tratti sulle sedi di istituti creditizi di altre province. “Giulia” - questo il nome fittizio della ragazza, che era solita presentarsi come figlia del proprio complice - avvicinava le malcapitate vittime sotto le mendaci spoglie di rappresentante di macchinari per centri estetici, dando loro appun-

tamento nei pressi della stazione ferroviaria del centro cittadino, dove le automobili venivano visionate. I veicoli, una volta acquistati, venivano intestati ad L.A. e successivamente reintrodotti sul mercato nel giro di poco tempo. Sarebbe stata questa la sorte di una Lancia Musa entrata nelle mire dei truffatori, se il rapido intervento della squadra mobile di Campobasso non avesse smascherato l’inganno e strappato il legittimo intestatario del mezzo alla rete dei malintenzionati. Le immagini registrate dalle telecamere di un’agenzie di pratiche cui i truffatori si erano rivolti per perfezionare la vendita hanno permesso agli uomini del comandante Baroni di risalire all’identità dei due impostori, “inchiodati” dal riconoscimento fotografico. Gli approfondimenti investigativi condotti a via Tiberio hanno inoltre permesso di appurare come i due, entrambi pregiudicati, appartenessero ad un’organizzazione criminale più ampia, operante su tutto il territorio nazionale: per loro è scatta la denuncia per truffa e falso in concorso. Lu.a.

nestrini con una pietra, salvo provvedere successivamente a scassinare lo sportello del latoguida con una spranga. Nessuno dei residenti ha notato nulla; dei ladri nessuna traccia. L’intervento delle forze dell’ordine, per quanto immediato,

ha potuto quindi solamente constatare l’entità dei danni riscontrati. Intanto le autorità sono già a lavoro per tentare di dare nomi e volti agli autori del misfatto: i responsabili potrebbero avere le ore contate. Lu.a.

Sepolture illecite, avviati gli scavi Indagini partite dopo l’inchiesta della Procura di Campobasso Potrebbero esserci presto novità clamorose nell’ambito dell’inchiesta avviata dalla Procura della Repubblica di Campobasso sul caso delle presunte sepolture illecite nel cimitero del capoluogo. La vicenda, portata alla luce nei mesi scorsi anche dal consigliere Ciaramella, ha suscitato diverse polemiche e sembra destinata ad un’evoluzione ulteriore. Nella mattinata di mercoledì, infatti, sono stati avviati gli scavi nella parte della necropoli individuata come possibile sede di un illecito – quello dello smalti-

mento illegale di resti umani – che avrebbe potuto fruttare ai trasgressori un traffico economico di diverse migliaia di euro. La zona in questione, già posta sequestro la scorsa estate, sarà quindi oggetto di verifiche approfondite, che mireranno ad accertare se il sottosuolo dell’area sia effettivamente stato il teatro di tumulazioni non consentite. Solamente dopo queste indagini sarà possibile stabilire se ci sia stata o meno la presenza di reato e risalire così alle responsabilità connesse all’illecito.


SPETTACOLI Alle 21 e 30 il giovane chitarrista laziale in un live blues con i Loud staff

Dlf, musica tra le rotaie Stasera al Dopolavoro ferroviario concerto del Davide Pannozzo trio

CAMPOBASSO - Piccolo ma accogliente, il palco del Dopolavoro ferroviario del capoluogo questa sera ha in serbo un altro concerto inserito nel cartellone “Dlf, voglia è sunà,

musica tra le rotaie”. Davide Pannozzo, giovane chitarrista (è nato a Formia 26 anni fa) è considerato un talento ancora in crescita, nel panorama blues italiano. Mol-

FLASH

CAMPOBASSO - Stasera al Kamaloca è Charme electronique. ISERNIA - Oggi al discobar La Strada serata revival: i Settantoni con Claudio Gentile da Rds. CAMPOBASSO - Stasera dalle 18.30 apericena al Mama’s cafè. CAMPOBASSO - Domani alla discoteca Alexander in consolle Renee la Bulgara e Chiara Robiony, in diretta su M2o.

10 ANNO IV - N° 10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011

teplici le sue collaborazioni. Tra i nomi va annoverato George Benson, ma anche la partecipazione come chitarra solista, nel 2009, nell’orchestra diretta da Pippo Caruso su Rai1 a “Domenica in”, condotta da Pippo Baudo. Attualmente è in tour con altri due validi musicisti, Lello Somma al basso e Claudio Romano alla batteria. Il Dopolavoro, prosegue con molti sacrifici e la dedizione di pochi volenterosi collaboratori (Alessia D’Alessandro in particolare) alla realizzazione dei live del venerdì, con la supervisione dell’infaticabile Sebastiano Iannone. Per un breve periodo la struttura è rimasta inattiva e con il rischio dello sfratto che è stato sventato all’ultimo momento. Oggi, per entrare ad assistera ai concerti, biosgna essere tesserati, e l’adempimento 2010 è scaduto. Per rinnovare le tessere, è possibile farlo in ogni momento per il 2011. Chi era già tesserato, può ritirare direttamemente la nuova tessera presentando copia della vecchia e della richiesta per il 2011. chp

Atam, doppia serata La piccola stagione Atam, prosegue oggi con un doppio appuntamento, in due paesi diversi. Alle 21.00 al teatro Fulvio di Guglionesi in scena “L’innocente” di Gabriele D’Annunzio, regia di Giancarlo Marinelli con Ivana Monti (foto)e Rosario Coppolino. Nel paese bassomolisano sono previsti altri tre spettacoli in cartellone: “Radice di 2” il 3 febbraio con Edy Angelillo, “Il caso di Dorian Gray” con Manuele Morgese e “Romeo & Giulietta” il 17 marzo. Ingresso euro 23,00. Info 0875689010. Al teatro Italo-Argentino ad Agnone, sempre alle 21.00 in scena “Nunsense, le amiche”, con Lisa Angelillo,Paola Lavini, Elisa

Santarosa, Francesca Cinanni e Serafina Frassica.”

Concerto CAMPOBASSO - La stagione concertistica degli Amici della musica presso il teatro Savoia, prosegue domani alle 18.30 con Flavio Cucchi e gli Archi di Firenze (Mauro Fabbrucci, Riccardo Capanni, Leonardo Barsali, Giovanni Lippi, Andrea Capanni). Sette canzoni dei Beatles nel programma “From Yesterday to Penny Lane” e !American portraits” per chitarra e archi. Biglietti in vendita da domani alle 18.00 al botteghino, ingresso euro 10,00. Prossimo concerto sabato 22 gennaio, chitarra solo Manuel Barrueco. Info 0874416374.

Take That, atteso ritorno a Sanremo

Bregovic e la sua band in Italia a febbraio

Ci saranno tutti quanti al Festival: Gary Barlow, Howard Donald, Jason Orange, Mark Owen e Robbie Williams. Come riporta l'agenzia ADN Kronos, i Take That saranno ospiti della prossima edizione del Festival di Sanremo per promuovere il loro ultimo album "Progess". Per loro, sarà un gran ed atteso ritorno.

Goran Bregovic sarà in Italia a febbraio per una data del suo tour. Il musicista balcanico si esibirà con la sua Wedding & Funeral Band l'11 febbraio al Gran Teatro Geox di Padova. Il concerto sarà un'anteprima dello Sherwood Festival, manifestazione che si svolgerà dal 16 giugno al 17 luglio presso lo Stadio Euganeo della città veneta.


ANNO IV - N° 10 - VENERDÌ 14 GENNAIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO AL NUCLEO INDUSTRIALE

In termini di crescita non è di certo il migliore con tanti stabilimenti che hanno chiuso i battenti. Ma almeno dal punto di vista del rispetto dell’ambiente il Consorzio industriale guidato dal commissario Fabio Ottaviano sta facendo passi da gigante. Dopo alcuni strumenti per il monitoraggio donati da aziende locali all’Arpa Molise e alla Provincia di Isernia, ecco un’altra iniziativa degna di nota. Stiamo parlando della creazione dell’Organismo Congiunto Consuntivo, formato da membri nominati sia dallo stesso Consorzio che dall’Energonut. Un organismo che non solo controlla ma sta avviando diversi progetti di educazione ambientale nelle scuole locali.

IL TAPIRO DEL GIORNO A MOLISENERGY

Ancora un’altro no secco da parte della Regione Molise alla Molisenergy che si era detta pronta a realizzare una centrale turbogas anche a Venafro. Questa volta l’assessore Muccilli rende noto che l’ente ha ricorso alle vie legali. La Giunta regionale, infatti, ha deliberato di costituirsi innanzi al Tar Molise dando l’incarico all’avvocato Umberto Colalillo di rappresentare e difendere al Regione Molise nella controversia inerente il decreto n. 843 del 18 novembre 2010 con cui il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha espresso giudizio favorevole sul progetto della Molisenergy s.r.l. per la realizzazione della centrale.

Stazionopoli? FROSOLONE

ITTIERRE

COMMERCIO

Grave incidente stradale, in coma una 18enne di Macchiagodena

Bianchi firma dal notaio e già da questa mattina sarà a Pettoranello

Il sindaco Melogli vuole i negozi aperti anche la domenica

A PAG.15

A PAG. 15

A PAG.14

www.lagazzettadelmolise.it

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Stazione. Il primo cittadino: un errore il bando pubblicato da Fs, sarà modificato

“Oscure manovre dietro l’accordo” Melogli: non è escluso che i grossi imprenditori non vogliano la convenzione ISERNIA – Oscure manovre per far saltare l’accordo tra Comune e Ferrovie dello Stato per riqualificare l’area Stazione. Un’ipotesi che non è stata esclusa dal sindaco Gabriele Melogli che, di certo, non ha preso bene la pubblicazione del bando da parte di Sistemi Italia relativa alla vendita dell’area. Bando nel quale non si fa riferimento alla convenzione recentemente approvata in Consiglio comunale. Ferrovie dello Stato, infatti, ha inserito nel bando non solo i terreni dove, secondo l’accordo, sarebbero dovute sorgere le tre palazzine, ma bensì tutta l’area, compresa quella che dovrebbe essere ceduta gratis al Comune per realizzare un parco verde. Nel bando inserita anche l’Officina della Cultura, anch’essa presente nell’accordo. Un fulmine a ciel sereno per Melogli, convinto com’era di aver superato la fase più critica, ovvero l’ostracismo della sua stessa maggioranza. Da sempre il primo cittadino ha parlato della riqualificazione dell’area retrostante

l'area interessata, così come riprodotta sulla indicata pagina de Il Sole 24 Ore, possono trarre in inganno eventuali offerenti, anche perché risultano offerti in compravendita terreni e costruzioni che, per effetto della Convenzione, dovranno essere trasferiti gratuitamente al Comune di Isernia. Al fine d’evitare spiacevoli equivoci, nel mentre sollecito la sottoscrizione dell'atto convenzionale, invito a voler opportunamente rettificare l'avviso di cui innanzi, apportando quelle correzioni e modifiche tali da renderlo conforme agli accordi conclusi con questo Ente. Fin qui la lettera del sindaco, il quale ribadisce come, sulla base della Convenzione, le FS possono cedere solo un’area edificabile di circa 18mila metri cubi (ovvero il terreno su cui il Comune ha concesso licenze edilizie e sul quale lo stesso ente ha il diritto di prelazione). “Da Fs mi hanno rassicurato – ha continuato Melogli -. Il bando è stato sbagliato per questioni di tempi. La convenzione, infatti, è

la stazione come il fiore all’occhiello della sua amministrazione. Un progetto che, come dimostrato anche dal bando di Fs, avrebbe scongiurato la cementificazione selvaggia di tutta la zona. Melogli, comunque, non ha perso tempo, e dopo la pubblicazione del bando ha immediatamente contattato l’amministratore delegato di Sistemi Italia, società che ha il compito di vendere tutto ciò che non serve a Ferrovie dello Stato. “Ho costatato con grande disappunto che è stato pubblicato l'avviso di vendita del complesso immobiliare – già area della stazione ferroviaria – recante il numero di identificazione “Isernia Su7BaO1”. L’immagine riportata sull'avviso di vendita e l’indicazione dell'area offerta appaiono chiaramente contrastanti con il contenuto della Convenzione approvata dal Consiglio Comunale di Isernia il 30 novembre scorso, rimessa a codesto Gruppo con nota del 14 dicembre e ricevuta in data 20 dicembre. L’avviso, per come pubblicato, e la foto del-

stata approvata dal Consiglio proprio mentre stava per essere pubblicato il bando. Comunque mi hanno riferito che sarà modificato al più presto. Qualsiasi risposta al bando che arriverà ad Fs, dunque, sarà rimandata al mittente”. Tornando alle oscure manovre, Melogli si è detto risentito per l’atteggiamento di alcuni consiglieri comunali, compresi alcuni dell’opposizione che “dapprima hanno lodato l’iniziativa e poi nel momento in cui la convenzione stava per andare in porto hanno fatto un brusco dietrofront. Non so cosa sia successo – ha spiegato il primo cittadino -, ma sta di fatto che questo è un atteggiamento quantomeno strano. Non ho nessuna idea precisa in mente ma non vorrei che dietro ci fosse l’interesse dei grandi costruttori, che mirano alla cementificazione dell’area e che, dunque, sono

contrari alla convenzione stipulata dal Comune. Ma i cittadini possono stare tranquilli – ha concluso Melogli -. Eserciterò tutti i miei poteri affinché questo non avvenga”. E sui soldi per acquistare la restante parte dell’area il sindaco si è detto sicuro che il presidente Iorio manterrà gli impegni presi.

Il sindaco dice sì all’apertura domenicale dei negozi ISERNIA - Riguardo all’apertura domenicale e festiva degli esercizi commerciali, il sindaco di Isernia, Gabriele Melogli, intende precisare che lo scorso 4 gennaio ha inviato al presidente della giunta regionale del Molise, sen. Michele Iorio, una nota con la quale ha chiesto di autorizzare la suddetta apertura lungo l’intero arco annuale, lasciandone di volta in volta la determinazione alla volontà degli interessati. «Ho avanzato l’istanza –

14 ANNO IV - N°10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011

ha precisato Melogli – convinto che la deroga illimitata possa favorire e incrementare lo sviluppo turistico della città. Senza voler polemizzare – ha continuato il sindaco –, non comprendo le lamentele che le associazioni di categoria hanno espresso di recente su tale questione. La richiesta da me inoltrata alla Regione vuole fare di Isernia una città moderna e sempre pronta a rispondere alla molteplici esigenze dell’utenza».

Piedi d’Argilla, oggi Patriciello dal Gup

Colli, devastata statua della Madonna

ISERNIA - Si terrà questa mattina davanti al Gup del tribunale di Isernia l’udienza relativa al filone principale dell’inchiesta Piedi d’argilla. Il magistrato pentro dovrà decidere se rinviare a giudizio o meno gli imputati tra cui c’è anche l’europarlamentare Aldo Patriciello. L’inchiesta riguarda la realizzazzione della variante di Venafro.

COLLI A VOLTURNO - Vandali devastano una statua della Madonna nella frazione Cerreto. L’episodio avvenuto nella notte tra domenica e lunedì. Indignati gli abitanti del posto. A fare l’amara scoperta dei residenti del posto che hanno immediatamente provveduto a segnalare il gesto alle autorità competenti e alle forze dell’ordine.


ISERNIA Frosolone. La giovane in coma all’ospedale Cardarelli. I carabinieri indagano sull’accaduto

Incidente, grave una 18enne

FROSOLONE - E’ in coma e i medici ancora non hanno sciolto la prognosi ma allo stesso tempo traspare un certo ottimismo su una sua possibile ripresa. Un grave incidente questa notte, intorno alle 2, è avvenuto a due chilometri da Frosolone, sulla strada che collega il comune altomolisano a quello di Macchiagodena. Una 18enne a bordo della sua auto, per cause ancora al vaglio

degli inquirenti, è finita fuori strada. Sul posto sono immediatamente intervenuti i sanitari del 118 di Frosolone. Le condizioni della giovane sono apparse subito gravi, anche perché a causa del forte impatto aveva perso conoscenza. Per questo motivo si è reso necessario un trasferimento d’urgenza presso il Pronto Soccorso dell’ospedale Cardarelli di Campobasso. Nel presidio ospe-

daliero i medici hanno evidenziato un politrauma della strada e soprattutto un trauma cranico. Per questo motivo la 18enne è stata immediatamente trasferita presso il reparto di Rianimazione dove attualmente si trova ancora in coma. Come detto, i medici non si sono voluti sbilanciare sulle sue condizioni che, al momento, restano gravissime. La 18enne, dunque, ancora non è fuori pericolo. Sul luogo dell’incidente anche i carabinieri della locale stazione che stanno indagando sulle cause e sulla dinamica del sinistro. Un incidente, avvenuto in piena curva, che potrebbe essere stato causato dal manto stradale ghiacciato a quell’ora della notte. Ma non si escludono anche altre cause. C’è ancora riserbo sulle generalità della giovane. Sembrerebbe, però, che la 18enne non sia di Frosolone ma risieda in un paese limitrofo, probabilmente a Macchiagodena.

Ambiente, ci pensa Ottaviano Ad un anno dalla sua attivazione può essere ritenuto più che positivo il bilancio dei controlli effettuati dall’Organismo Congiunto Consuntivo, organismo che verifica l’impatto ambientale e il possibile inquinamento derivato dalla aziende del nucleo industriale di Isernia-Venafro i cui membri sono stati nominati proprio dai vertici del Nucleo Industriale e dall’Energonut, azienda che si occupa di produzione di energia elettrica attraverso la combustione dei rifiuti. Presso la sede di Pesche dell’Università degli Studi del Molise è stato tracciato un primo bilancio delle attività finora svolte. L’Occ, ha spiegato il presidente dello stesso organismo, l’ingegner Nicola Iannarelli di Venafro, non vuole sostituirsi ai soggetti istituzionali preposti al controllo ma vuole contribuire alla salvaguardia dell’ambiente e al rispetto delle norme vigenti in materia di inquina-

mento. In sostanza una sorta di autocontrollo, soprattutto per quanto riguarda l’Energonut. In questo progetto innovativo sono state inserite anche l’Università degli Studi del Molise e quella di Cassino. E i dati di questo primo anno sono incoraggianti. Secondo le verifiche e i campioni prelevati le polveri e i gas sprigionati dagli impianti, compresa l’Energonut, non inciderebbero sull’ecosistema circostante. Per quanto riguarda il direttivo dell’organismo, oltre al già citato presidente Iannarelli, ci sono altri due membri rispettivamente nominati da Enerogonut e Consorzio Industriale, e sono Umberto Di Matteo e Marco Marchetti. Da qualche mese a questa parte, inoltre, l’organismo sta tentando di diffondere la cultura della salvaguardia dell’ambiente e quello della raccolta differenziata dei rifiuti anche tra le scolaresche dei comuni limitrofi.

Ittierre, Bianchi firma davanti al notaio Si è consumato ieri mattina l’ultimo atto dell’acquisto di Ittierre da parte del gruppo comasco Albisetti. Antonio Bianchi, infatti, patron del gruppo e da ieri ufficialmente nuovo proprietario dell’azienda tessile di Pettoranello, si è recato nello studio milanese del notaio Marchetti, dove ha posto la sua firma sotto l’atto di acquisto della Ittierre. Ventiduemilioni di euro, questa la cifra che dovrà sborsare il gruppo. Più della metà (12 milioni di euro) saranno ricavati dalla fideiussione della Regione Molise. A tal proposito nei prossimi giorni il Consiglio regionale sarà chiamato ad approvare la delibera proposta dal presidente Michele Iorio. “Oggi nasce ufficialmente la nuova Ittierre e si concretizza la visione di un nuovo Gruppo che tornerà a rappresentare un modello industriale di eccellenza nel settore della moda e del made in Italy. Ittierre poggia su solide basi rappresentate da un patrimonio industriale, da un know how unico nel settore e da una coesione tra territorio, Istituzioni e organizzazione industriale che dimostra, come il Sistema Italia possa ancora funzionare con successo.” Cosi Antonio Bianchi, Amministratore Delegato della società di Vertemate, ha commentato il closing dell’operazione avvenuto oggi con la firma dell’atto notarile che rende esecutiva la cessione del complesso aziendale Ittierre al Gruppo Albisetti. Albisetti con sede e stabilimenti in provincia di Como, gestisce oggi un portafoglio di brand in licenza e di produzioni ampio ed articolato, con un fatturato 2010 di circa 60 milioni di Euro e 120 dipendenti. “Ittierre - ha affermato il nuovo Presidente - ha tutte le potenzialità per tornare velocemente ad essere leader indiscussa a livello mondiale nella produzione e distribuzione di abbigliamento e accessori di importanti brand anche attraverso la valorizzazione e lo sviluppo dell’insediamento produttivo in Molise e del network di competenze esistente nell’indotto del centro sud.” “Il nostro piano industriale - ha spiegato Antonio Bianchi - prevede un importante percorso di crescita che si basa sullo sviluppo delle licenze attuali, sull’inserimento di nuove licenze tutte di livello internazionale, su importanti partnership commerciali per lo sviluppo del retail e su strategiche collaborazioni produttive. Anche a Plus IT, polo dell’accessorio in pelle, verrà dato un notevole impulso.” “Un ringraziamento particolare va a tutte le organizzazioni sindacali che hanno dimostrato un grande senso di concretezza e responsabilità e a tutti coloro che hanno contribuito al raggiungimento di questo importante obiettivo.”

Geomeccanica, Sorbo critica la Regione

Aido, dilettanti allo sbaraglio

VENAFRO – “Bisogna evitare che la Geomeccanica faccia la stessa fine della Fonderghisa. Per questo motivo è necessario che la Regione e la Finmolise, dopo essere rimaste a guardare senza fare nulla di concreto per scongiurare il fallimento dell'azienda, adesso entrino in campo in prima persona”. Queste le dichiarazioni di Antonio Sorbo.

MACCHIAGODENA - Si è tenuta lo scorso fine settimana la seconda edizione de “La Corrida” organizzata dal gruppo comunale Aido. Dopo il successo riscosso nello scorso anno, è stato riproposto l’evento per condividere con tutta la cittadinanza un momento fortemente intriso di un significativo messaggio umanitario e solidale.

15 ANNO IV - N°10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011


TERMOLI Un accordo di massima tra le due regioni può consentire lo smaltimento in tre siti

Di Narzo e gli Ecodem: no ai rifiuti abruzzesi "È impensabile che il basso Molise, già penalizzato e mortificato, diventi la pattumiera dei territori limitrofi” GUGLIONESI - In merito alle notizie diffuse dagli organi di informazione, relative alla possibilità che la discarica di Guglionesi possa accogliere i rifiuti provenienti dall'Abruzzo, il consigliere provinciale di San Giacomo degli Schiavoni Vincenzo Di Narzo sottolinea la sua totale contrarietà. "E' impensabile che il nostro territorio, già penalizzato e mortificato, diventi la pattumiera delle regioni limitrofe.. Apprendo con stupore la notizia relativa al possibile conferimento nella discarica di Guglionesi dei rifiuti provenienti dal vicino Abruzzo e non posso che contestare questa decisione, laddove venisse confermata. Credo che le discariche molisane debbano ospitare solo i rifiuti provenienti dal nostro territorio nella considerazione che è un imperativo attuare tutte le prescrizioni necessarie per preservare e tutelare al massimo il nostro patrimonio ambientale. Il nostro impegno – conclude Di Narzo - attuato nei cinque anni di legislatura in Provincia, è stato finalizzato alla preservazione del territorio, alla sua custodia e tutela: aprire le porte ai rifiuti provenienti da altre regioni significa mettere una seria ipoteca su quel patrimonio che vogliamo consegnare integro ai nostri figli". E un no secco viene anche da parte degli Ecologisti democratici di Guglionesi i quali ritengono che: “Il Molise sta vivendo una vera e propria emergenza ambientale col blocco della discarica di Montagano, l’abbancamento di Eco-Balle e le difficoltà connesse la gestione del ciclo dei rifiuti. Non è nella condizione di poter accogliere istanze di altri territori e al contrario avrebbe necessità di essere aiutato”. Intanto sul problema avanzato dal sindaco di Pineto, Luciano Monticelli, sul mancato conferimento dei rifiuti nella discarica di Guglionesi, si apprende che era intervenuto il consigliere regionale abruzzese del Pd, Claudio Ruffini, che a metà dello scorso anno aveva presentato un’interrogazione e chiedeva “come mai non si procede alla sottoscrizione dell’accordo che pure è stato deliberato nell’agosto del 2009 da parte della Regione Abruzzo, di una convenzione con la Regione Molise per l’utilizzo della discarica di Guglionesi. All’interrogazione rispose il 6 luglio del 2010 l’allora assessore Daniela Stati che ricordò l’esistenza di un accordo interregionale per il conferimento dei rifiuti abruzzesi in alcuni impianti molisani. “Ho provveduto a sollecitare più volte la Regione Molise – si legge nella risposta di Stati - con la quale a livello tecnico sono state definite tre discariche utilizzabili per un totale di oltre 40 mila metri cubi di sostanze di risulta ed ora si è in attesa che la Regione Molise a sua volta deliberi per sottoscrivere l’accordo di programma tra i presidenti delle due Regioni. Ho nuovamente contattato sia l’assessore che l’ingegner Campana e mi hanno assicurato che la delibera è pronta e verrà portata in giunta prima della fine dei lavori estivi”. A questo punto, anche per non continuare nello scaricabarile, sarebbe opportuno che la Regione Molise e l’assessore e l’ingegnere tirati in ballo da Daniela Stati rispondessero per chiarire la situazione.

Riordino scolastico l’Idv continua la battaglia per il polo di Mafalda MAFALDA - L’Italia dei Valori avvia una raccolta di firme per chiedere alla Provincia di Campobasso di bloccare e rivedere la delibera di Giunta 174 che prevede, al punto 6, l’aggregazione delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado del Comune di Mafalda, attualmente dipendenti dall’Istituto omnicomprensivo di Montenero di Bisaccia, all’Istituto comprensivo di Montefalcone nel Sannio. E’ previsto per il pomeriggio di oggi a Mafalda, in corso Vittorio Emanuele, il presidio dell’IdV presso il quale sarà possibile apporre le firme per la petizione da presentare poi alla Provincia di Campobasso, con la richiesta di inoltrarla anche alla commissione della Regione che si occupa del ridimensionamento scolastico. L’iniziativa dell’IdV avrà luogo, indicativamente, dalle 16,30 alle 19.

16 ANNO IV - N° 10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011

Dislessia, convegno all’istituto San Pardo LARINO – Si terrà alle 14,30 di oggi nell'aula Magna dell'Istituto Tecnico San Pardo Agrario e Geometri il secondo incontro formativo sulla Dislessia. Docenti, genitori, operatori psico-pedagogici ed educatori si ritroveranno per discutere e confrontare le proprie esperienze sul tema. In particolare verranno trattate le strategie didattiche ed educative da mettere a vantaggio degli alunni portatori di DSA. Ancora una volta l'Agrario ha avuto la sensibilità di affrontare un problema posto da una recente normativa nazionale e acquisita da quella regionale che riguarda l'individuazione non solo degli alunni portatori di DSA ma anche degli strumenti educativi da impiegare in questa prima fase caratterizzata dall'assenza di esperienze e di indicazioni da parte degli organi centrali. E' quindi necessario svolgere un lavoro "di frontiera", interpretativo ed operativo, a supporto di coloro che si trovano ad affrontare tale problematica in vari ambiti supportandoli con un'adeguata formazione che è proprio ciò che l'Istituto si è proposto di dare a partire dal primo incontro del 10 Dicembre scorso, con questo quello di domani e con i prossimi che l'esperienza e la verifica svolta in classe suggeriranno di implementare nel prossimo futuro. Relatrici dottoresse Anna Paolella (referente per la Dislessia USR) che tratterà il tema: Indicazioni didattiche per la scuola secondaria di primo e secondo grado; Loretta Mattioli (esperta attività con disabili) esperta USP di Pesaroe Urbino. Gli interventi saranno moderati da Graziella Vizzarri e al termine ci sarà un dibattito.

Un sistema di videosorveglianza protegge le isole Tremiti ISOLE TREMITI – Ci sono anche le Diomedee fra le 14 aree marine protette che presto beneficeranno di un sistema di videosorveglianza che ha la finalità a prevenire e scoraggiare i reati ambientali. E' notizia di ieri che, nell’ambito del Pon sicurezza, é stato dato il via ad un nuovo progetto tecnologico di videosorveglianza non invasiva, presentato dal Ministero dell’Ambiente e finanziato con oltre 16 milioni di euro. Il sistema si baserà su telecamere intelligenti, fisse e mobili, che verranno installate su ciascuna delle 14 aree marine protette prescelte, fra cui appunto Le Isole Tremiti. Oltre alle telecamere, verranno realizzate sale operative di monitoraggio per ogni Comune gestore delle aree protette e le stazioni di monitoraggio - sorveglianza potranno interagire con il centro elaborazione dati del sistema informativo per la tutela dell’ambiente gestito dal Comando dei Carabinieri per la Tutela Ambientale. La banca dati del Ced sarà anche potenziata con dei nuovi Dataset (sistemi per la raccolta dati forniti da telerilevamento aereo) e sarà fruibile dai 14 enti gestori e dagli utenti dello stesso sistema. Oltre al Comando dei Carabinieri per la Tutela Ambientale, il progetto coinvolgerà i Comuni gestori delle aree marine protette, il Comando delle Capitanerie di porto e il Corpo forestale dello Stato. L’iniziativa, come detto, rientra nell’obiettivo operativo 1.3 del Pon sicurezza, denominato “Tutelare il contesto ambientale”, ed ha l’obiettivo di prevenire reati diffusi a danno dell’ambiente marino e costiero come la pesca di frodo, lo sversamento in mare di rifiuti, l’abusivismo edilizio e il prelievo indiscriminato di sabbie marine.

Al teatro Fulvio “L'innocente” di Gabriele D'Annunzio GUGLIONESI – Questa sera alle 21 il Teatro “Fulvio” ospita lo spettacolo l'Innocente di Gabriele D'Annunzio, per la regia di Giancarlo Marinelli con Ivana Monti, Rosario Coppolino e Barbara Terrinoni. Lo spettacolo “L’Innocente” ci riporta al capolavoro di Gabriele D’Annunzio scritto nel 1892, riproposto dal Teatro Stabile d’Innovazione La Piccionaia – I Carrara e Molise Spettacoli, con la complicità dell’esperienza recitativa di Ivana Monti. L’intreccio parla di un infanticidio, di una malattia psichica e di un amore nevrotico, ma innanzi tutto è la storia di una confessione. Il protagonista è il tipico eroe (anti-eroe) dei romanzi dannunziani. Tullio Hermil è un ricco e nobile intellettuale nel quale, a parte il particolare dell’agiatezza, possiamo ritrovare facilmente le peculiarità, i paradossi, le manie, gli eccessi di un personaggio che ricorda l’autore del romanzo. “L’innocente” mette in risalto i temi dell’estetismo, edonismo ed erotismo. Magistrale è la capacità di

D’Annunzio di tratteggiare i minimi cambiamenti d’animo dei protagonisti, seguendoli anche negli antri più reconditi del conscio e dell’inconscio, dando una struttura ineccepibile alle numerose sequenze riflessive. Con questo testo, il Vate anticipa le tragedie dei nostri tempi.

Pensionati, rinnovo delle cariche sociali

Fiat, conferenza stampa di Fim, Uilm, Fismic e Ugl

SAN GIACOMO DEGLI SCHIAVONI – Convocata dal presidente dell'Associazione Pensionati i S.Giacomo, che conta quasi 300 iscritti, questo pomeriggio nel Centro Sociale si riunisce l'Assemblea dei soci. All'ordine del giorno: approvazione del bilancio del 2010 e quello preventivo 2011; elezione del Consiglio Direttivo, dei Revisori dei Conti e del nuovo Presidente .

TERMOLI – La vertenza Fiat che si dibatte in questi giorni è al centro di una conferenza stampa che si terrà alle 9,30 nella sede della Cisl in Corso Nazionale, e vedrà la presenza dei componenti le segreterie Territoriali di Fim, Uilm, Fismic e Ugl. Saranno trattati i temi: Situazione Attuale della realtà Fiat; Accordi in atto sul territorio nazionale; Situazioni e ripercussioni sul territorio.


TERMOLI La richiesta a Governo e Regione per il bianchetto e il rossetto molto diffusi al sud

Federcoop: salviamo le ‘pesche speciali’ Le proposte: monitoraggio dello stock e sperimentazione di attrezzi alternativi e indennizzi Salvare la pesca del bianchetto e del rossetto e evitare un “bagno di sangue” per imprese e lavoratori. Questo l’appello rivolto al Governo e alle Regioni dalla dirigenza della Federcoopesca - Confcooperative e da una folta rappresentanza dei suoi associati che si sono incontrati a Roma, alla presenza di funzionari regionali e del coordinatore pesca Fai - Cisl Silvano Giangiacomi, per far si che non si perdano queste pesche speciali tradizionali messe al bando dal Regolamento comunitario 1967/2006 (entrato in vigore nel giugno scorso), che nel complesso sono praticate da 1000 pescherecci e 3000 addetti, per un volume d’affari che incide un 5% sul totale del settore. “Se il via libera di Bruxelles per la pesca del rossetto - sottolinea l’associazione - sembra meno complicato da ottenere, più difficile la partita legata alla pesca del bianchetto, praticata soprattutto nel sud Italia”. La strada suggerita dalla Federcoopesca per ottenere la deroga dall’Unione europea, prevede: monitoraggio degli stock del novellame di sardina, ma anche dell’esemplare adulto, al fine di delineare lo stato di salute di questa specie; attivare una sperimentazione di pesca con attrezzi alternativi allo strascico come sciabica e circuizione; l’attivazione degli indennizzi per imprese e lavoratori per attenuare gli effetti della mancata campagna di pesca o l’attivazione del

Fiat, la Flc-Cgil del Molise al fianco dei lavoratori

Fep per destinare risorse necessarie ad attuare un fermo biologico per questo tipo di pesca”. Infine Federcoopesca ritiene che è: “Indispensabile recuperare il tempo perduto, salvare il salvabile per quest’anno e gettare le basi per garantire questi mestieri di pesca anche nel prossimo futuro. Da questa emergenza si può uscire con un lavoro sinergico di Stato, Regioni e parti economico – sociali”.

Il PdCi basso Molise incontra i dirigenti Fiom di Termoli

TERMOLI - La Flc Cgil sosterrà le manifestazioni del 28 Gennaio, promosse dalla Fiom, nell'ambito dello sciopero nazionale, per rispondere all'attacco alla democrazia e al peggioramento delle condizioni di lavoro. “Le intese di Pomigliano e di Mirafiori – scrive il sindacato - sono una evidente violazione dei principi e dei valori della nostra Costituzione perché vietano ai lavoratori di poter scegliere liberamente il sindacato che ritengono possa difendere i propri diritti. Non sono più rinviabili le regole sulla democrazia e sulla rappresentanza. Il primo atto concreto deve essere il rinnovo delle RSU nei settori pubblici perché ai lavoratori con il voto deve essere garantito l'esercizio della democrazia sui posti di lavoro. Non si può accettare che il lavoro, da misuratore di civiltà e di democrazia, regredisca in merce. Le imprese e il Governo – continua il comunicato - vogliono utilizzare la crisi e l'alibi della globalizzazione per eliminare conquiste sociali e diritti fondamentali, a partire dallo stravolgimento delle norme che disciplinano i rapporti di lavoro e dal contratto nazionale. Le politiche del Ministro Gelmini, che intendono demolire la scuola, l'università e la ricerca pubblica, così come gli accordi Fiat, prefigurano un modello di società con più accentuate disuguaglianze e perciò inaccettabile”. Per il 28 Gennaio il sindacato auspica una forte partecipazione alle manifestazioni dei lavoratori della conoscenza, degli studenti, dei ricercatori e dei precari per costruire una alternativa alla regressione della civiltà del lavoro, alla mercificazione dei saperi e alla cancellazione del diritto allo studio. La Flc Cgil del Molise parteciperà al presidio organizzato dalla Fiom Cgil il 28 gennaio prossimo, in occasione della giornata di sciopero, davanti ai cancelli della Fiat di Termoli.

TERMOLI - L’incontro è stato utile per approfondire i temi del lavoro, dell’economia globale e soprattutto per discutere l’emergenza democratica che i lavoratori del Gruppo FIAT sono chiamati in questo periodo a fronteggiare. Presente all’incontro, tra gli altri, l’assessore alla Provincia di Campobasso Nicola Occhionero, membro della segreteria regionale del PdCI, che al termine della discussione ha espresso con fermezza la necessità di difendere i diritti sociali sanciti dalla Costituzione repubblicana. “Il dottor Marchionne lancia proclami ed ultimatum quotidiani travisando e travalicando quelli che sono i compiti di un manager industriale. Un tentativo fuori dalle regole che avviene nell’assenza colpevole del Governo che, anzi, per bocca di Berlusconi si è addirittura schierato dalla TERMOLI - “La certificazione della causa di morte” è il tema di un corso organizzato dai parte di chi vuole abbandonare il nostro Paese in forza di pretesti Distretti Asrem di Termoli e Larino per oggi e domani. L’evento si rivolge ai medici di mediche da nessuna altra parte avrebbero trovato assenso, ma anzi sacina generale, ai pediatri di libera scelta, ai medici necroscopi e ai medici ospedalieri e asserebbero stati respinti e zittiti in nome del bene comune. Marchionne continua a parlare di piani fantasmagorici, di gna ai partecipanti cinque crediti formativi. L’obiettivo è quello di aumentare la qualità ristrutturazioni aziendali che nessuno conosce ed in nome di un rigore a senso unico si erge ad arbitro del destino complessiva della scheda di morte: leggibilità, completezza di compilazione, chiarezza, coedi migliaia di lavoratori. In queste ore, con un referendum che sa tanto di ricatto morale e politico, si tenta di dare renza della sequenzialità del processo di certificazione; migliorare il flusso informativo della una spallata ai danni di diritti conquistati grazie alle capacità lavorative e all’intelligenza degli operai italiani. Nesmortalità per integrarlo con gli altri flussi sanitari di interesse regionale utilizzati a fini di suno deve dimenticare che in campo lavorativo e sul terreno dello sviluppo della nostra società il contributo di programmazione e studio; stimolare la riflessione clinica sull’evoluzione del processo mortutti i cittadini italiani è stato enorme. Se la FIAT è diventata una grande azienda lo si deve anche agli enormi conboso che ha portato alla morte. Il corso si svolgerà nel pomeriggio di oggoi, a partire dalle 14, tributi che essa ha ricevuto sia in termini monetari che legislativi. La FIAT è stata aiutata da tutti gli italiani e questo presso la sala Hospice, a Larino e domani alle 9, a Termoli, presso la sala conferenza delnon può essere dimenticato proprio dal Governo che in un momento come questo dovrebbe essere arbitro e fattore l’ospedale San Timoteo. Interverranno il dottor Daniele Agostino, medico Igienista di Bologna, di moderazione ed invece clamorosamente viene meno alla propria funzione plaudendo alla minacciata delocala dottoressa Patrizia Manzo, docente di Scienze Statistiche della Lilt di Campobasso, e la lizzazione. Se è vero come è vero che il costo del lavoro incide solo per il 3% sulla produzione automobilistica, come dottoressa Felicia Santomiero, dirigente medico della Asrem di Termoli. La metodologia disi spiega l’accanimento di Marchionne verso le tra l’altro minime prerogative degli operai in fabbrica? Per tutto ciò dattica prevede lezioni frontali con dibattito, la presentazione di casi clinici, dimostrazioni ed il 28 gennaio prossimo saremo con i lavoratori, con la Fiom e con la CGIL davanti ai cancelli della FIAT di Termoli esercitazioni, lavori di gruppo. a portare la solidarietà e l’appoggio morale ai lavoratori metalmeccanici del Molise con l’augurio che il tentativo di far tornare indietro le lancette del progresso e dei diritti lavorativi e sociali venga definitivamente respinto”.

Asrem, oggi e domani il corso sulla certificazione della causa di morte

Coro di voci“bianche” Al via le audizioni

Misericordia di Termoli Record di interventi

TERMOLI – Si terranno dalle 16, nella Cattedrale, le audizioni per l’iscrizione e l’ammissione al coro di Voci Bianche della Diocesi. L’Ufficio per la Musica rende noto che al termine delle audizioni sarà ufficializzato direttamente l’esito delle stesse. È auspicabile che gli aspiranti portino con sé una fototessera. Potranno partecipare i bambini iscritti alle scuole Elementari.

TERMOLI – Nell'anno appena concluso i volontari della Misericordia di Termoli hanno effettuato in totale 7745 interventi. Un record che batte i 7601 interventi del 2007. I volontari, guidati dal governatore, Romeo Faletra, si sono occupati principalmente di pronto intervento, trasporto disabili e infermi, protezione civile, donazione sangue per mezzo del gruppo Fratres.

17 ANNO IV - N° 10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta Baccalà e pepacchie rechiene 800 g di baccalà già spugnato 4 pepacchie sottaceto 200 g di mollica di pane casereccio raffermo uno spicchio di aglio un ciuffo di prezzemolo

un pugno di gherigli di noci un pizzico di origano un dl di olio extravergine di oliva q. b. di mollica di pane casereccio raffermo q. b. di sale

Quando il baccalà, ben dissalato e spugnato, avrà riacquistato l’umidità perduta per l’essiccazione, eliminate le lische più grosse e la pelle, tagliatelo a pezzi e tenetelo da parte. Mettete a bagno le pepacchie (peperoni rossi e tondi, conservati nella cumposta) in acqua fresca perché perdano l’eccesso di aceto, quindi sgocciolatele, asciugatele e pulitele eliminando i semi e i filamenti interni. Per il ripieno, sbriciolate la mollica di pane in una ciotola, aggiungetevi le noci spezzettate, il prezzemolo tritato finemente, l’aglio schiacciato (ricordate di eliminarlo prima di utilizzare il composto) e una spolverata di origano. Irrorate il composto con abbondante olio, insaporite di sale e lasciate prendete sapore, quindi con una parte di esso riempite le pepacchie e chiudetele con un tocchetto di pane. Disponete sul fondo di una teglia rettangolare ben oleata, i pezzi di baccalà e le pepacchie ripiene, spolverizzate il tutto con la restante mollica, irrorate abbondantemente di olio e fate cuocere in forno preriscaldato, a calore moderato, per circa venti minuti, facendo attenzione che la superficie diventi dorata e croccante. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

COMUNALE 1 Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123

COMUNALE 2 (di appoggio) Via XXIV Maggio, 180 Tel. 0874.66811

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CARUSO - Via Delle Querce, 1/F - Tel. 0875.751898 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro -

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 13:11 14:15 18:01

Arrivo 07:53 09:22 16:12 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:04 17:29 19:30

Arrivo 09:00 09:23 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,10-17,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,30-12,40(anche 13,30-13,45 -14,00 festivo)-14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

Ariete - In questa giornata avrete tutta l'attenzione di cui avete bisogno, poiché le persone che vi sono vicino non esiteranno a darvela e a farvi sentire speciali. Sarete davvero fortunati, soprattutto se avete delle richieste da fare che verranno puntualmente esaudite. Non trattenetevi dunque per scrupolo, un'altra occasione non capita!

20 feb - 20 mar

Gemelli - In questa giornata potreste venire a conoscenza di alcune notizie particolari che daranno un nuovo senso ai vostri scopi. In sostanza sarete molto più attivi ed entusiasti di ciò che state facendo e questo soltanto perché avete rinnovati obiettivi e molte possibilità di riuscita per il futuro. Non fatevi però troppe domande e non fatevele fare! Cancro - Non avete alcuna ragione in questa giornata per sentirvi poco apprezzati dalle persone che vi circondano poiché queste in realtà vorrebbero soltanto spronarvi a fare sempre meglio e quindi non vi incitano a parole. Certo ogni tanto potrebbe risultare un metodo un tantino svilente, tuttavia è pur sempre molto efficace! Leone - Oggi anche una sola parola detta da altre persone che neppure conoscete, potrebbe avere un effetto sconvolgente su voi stessi e questo non tanto perché siano vere queste affermazioni, ma semplicemente perché non avrete una buona predisposizione d'animo e quindi ve la prenderete per un nonnulla. Ora che lo sapete, tentate di rimediare! Vergine - Forse oggi le persone che vi sono vicino, il partner, qualcuno di famiglia, un collega o una amico, potrebbero non avere voglia di ascoltare le vostre lamentele o i vostri sfoghi e farvelo presente senza mezzi termini. Sulle prima vi offenderete, tuttavia poi dovreste anche capire che non hanno tutti i torti e che forse potete ascoltare anche i loro di problemi! Bilancia - Ogni volta che pensate a qualcosa di divertente da fare, puntualmente non trovate mai le persone con le quali fare queste cose! Oggi tuttavia, se cercherete molto attentamente e vi accontenterete di quello che c'è, vi è la possibilità che riusciate a farvi una bella risata in compagnia di persone che si riveleranno molto simpatiche! Scorpione - Qualsiasi siano i sentimenti che proverete oggi, state pur certi che saprete condividerli e che li saprete dimostrare a coloro che ne hanno bisogno. Finalmente avete deciso di interagire con gli altri e questo è senz'altro un buon segno per coloro che vi avevano accusato di essere troppo cinici o freddi! Sagittario - Oggi dovrete affrontare una situazione abbastanza impegnativa, soprattutto dovrete lasciare che qualcuno insieme a voi si prenda cura delle vostre faccende, nel momento in cui non riuscite ad ottemperare certi obblighi. In fondo vi stanno facendo un favore che non capita tutti i giorni e voi potrete dedicarvi pienamente a ciò che è più importante! Capricorno - In questa giornata metterete come sempre in opera il vostro straordinario senso degli affari, che vi porterà a consolidare una posizione che avevate già preso ma che non aveva troppo convinto il vostro interlocutore. Ora non gli darete spazio neppure per pensare o controbattere ed avrete campo libero su tutta la linea! Acquario - Forse vi preoccupate un po' troppo delle opinioni che persone esterne hanno sui vostri rapporti e questo è sbagliato proprio perché vi impedisce di vivere con serenità le vostre relazioni, di qualsiasi tipo esse siano. Cercate pertanto di applicare un po' della fortuna che avete anche alle relazioni e vedrete che tutto andrà meglio! Pesci - Siete estremamente conosciuti per il vostro carattere riservato ma comunque intrigante e questo andrà a vostro beneficio in questa giornata, poiché quello di cui avranno bisogno le persone che vi sono intorno, sarà proprio questo! L'essere onesti e non legati alle cose materiali poi, faranno il resto!


ANNO IV - N° 10 - VENERDÌ 14 GENNAIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it TRIVENTO, FAVO: ‘I RAGAZZI DEVONO ACQUISIRE CONSAPEVOLEZZA’ L’Atletico Trivento prepara la gara di Recanati e la speranza dei gialloblù è quella di cogliere il primo successo stagionale lontano dall’Acquasantianni. La squadra gialloblù, reduce dal successo casalingo ottenuto contro la Santegidiese, è intenzionata ad allungare la serie positiva cercando di trarre il massimo dai prossimi cinque impegni, racchiusi in sole due settimane. Il tecnico del Trivento Massimiliano Favo così commenta il periodo “intenso” che attende il suo team: “Purtroppo questo girone è composto da molte squadre ed inevitabilmente siamo messi di fronte a questo tour de force. Per fortuna ho a disposizione una rosa ampia e competitiva. Con gli arrivi di Ottonello e Lustrissimi abbiamo aggiunto maggiore qualità al centrocampo ed ora avrò la possibilità di alternare le pedine in questo reparto; credo che lo spirito di competizione non possa che far bene al gruppo. A PAG. 21

AGNONESE, SI AVVICINA L’ATTACCANTE EX GALLIPOLI RICCARDO Si chiama Giovanni Riccardo l’ultima idea di mercato dell’Olympia Agnonese. La società altomolisana da tempo è sulle tracce di un attaccante di esperienza da affiancare a Milozzi e sembra aver individuato in Riccardo l’uomo giusto. La punta casertana, classe 1977, è reduce da due stagioni in forza al Gallipoli in Prima Divisione e vanta un curriculum decennale con importanti esperienze in serie B a Padova e in Seconda Divisione in piazze come Triestina e Messina. La squadra intanto continua ad allenarsi in vista dell’anticipo di domani pomeriggio a Santarcangelo di Romagna dove i ragazzi di Massimo Agovino, reduci da tre sconfitte consecutive, sono chiamati ad una prova di carattere e di orgoglio per tentare di dare una sterzata decisa ad una classifica che comincia a farsi preoccupante. A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Poi faccia a faccia con Cosco. Nel test di ieri il mister ha schierato i suoi con il 4-2-3-1

Capone jr ha fatto visita alla squadra L’amministratore rossoblù ha tranquillizzato il gruppo sulla situazione societaria COSI’ IN CAMPO NEL 1° TEMPO 4-2-3-1

1 FURLAN

3 POSILLIPO

4-4-2

10 MONTI

6 DI FIORDO

8 CACCIAGLIA

5 MINADEO

4 CAMMAROTA

2 SCUDIERI

Consueto test infrasettimanale nel pomeriggio di ieri per il Campobasso che ha affrontato, presso l’antistadio, la formazione allievi della Primavera. Prima dell’amichevole l’amministratore delegato rossoblù Gaudiano Capone ha fatto visita alla squadra, con la quale si è intrattenuto, sul sintetico di Selva Piana, circa una mezz’ora. Capone jr. ha voluto tranquillizzare il gruppo in merito alla situazione societaria e alla solidità economica della stessa. Un atto dovuto per fare in modo che i rossoblù restino al di fuori dalle questioni non calcisti-

Gaudiano Capone

COSI’ IN CAMPO NEL 2° TEMPO

9 CHIAZZOLINO

11 VISCONTI

11 TODINO

che e siano concentrati esclusivamente sul campionato. Successivamente l’amministratore delegato ha avuto un faccia a faccia con mister Cosco e all’ordine del giorno c’è stato il mercato. Per il momento arriverà il solo Pifano, ma non è escluso l’approdo di un attaccante proprio in extremis. All’amichevole di ieri hanno preso parte tutti, ad eccezione di Ibekwe, unico che continua a lavorare a parte. L’attaccante di colore, che ha rinnovato il look con un taglio alla Hamsik, rientrerà in gruppo la prossima settimana.

1 ASCANI

3 SIVILLA

11 CALAMAIO

6 AGRESTA

8 GENNARELLI

5 GIUSTI

4 FAZIO

2 DE FALCO

Il test è stato utile a mister Cosco per valutare le condizioni generali della squadra e soprattutto per provare l’undici da opporre domenica all’Aversa. Nella prima frazione di gioco il trainer molisano ha provato quella che dovrebbe essere la formazione titolare. La novità sostanziale riguarda il modulo tattico: lo ‘Special Wolf’ ha schierato la squadra con un 4-2-3-1, infoltendo il centrocampo. In porta è andato Furlan; in difesa hanno operato Scudieri e Posillipo sugli esterni, con Minadeo e Di Fiordo al centro. Davanti alla difesa hanno

10 GALLICCHIO 9 MURATI

7 CRUZ

agito Cacciaglia e Cammarota, Todino e Monti sulle corsie laterali con Chiazzolino alle spalle dell’unica punta Visconti. Si tratta del cosiddetto modulo da trasferta con il quale i rossoblù sembrano trovarsi a proprio agio e che poi ben si adatta alle caratteristiche dell’Aversa. Nella ripresa c’è stato spazio per il resto della truppa. Oggi è in programma l’ultimo allenamento settimanale con una seduta mattutina, mentre domani, dopo il risveglio muscolare, ci sarà la partenza per il ritiro di Aversa. dim

IL CASO

MERCATO

Cruz alla Sangiovannese La società smentisce

Quasi fatta per il laterale Pifano Da oggi si aggregherà al gruppo

E’ scoppiato ieri il caso Cruz, se così possiamo chiamarlo. La Sangiovannese, squadra che milita nel girone B della seconda divisione, ha ufficializzato sul proprio sito, notizia riportata da Datasport, l’ingaggio di Sergio Pereira Cruz, ‘23enne brasiliano proveniente dal Campobasso’ – si legge nella nota. Nel pomeriggio, però, Cruz era presente agli allenamenti ed ha giocato anche l’amichevole che hanno disputato i rossoblù. Nessuno era al corrente della notizia e quindi il brasiliano resta ancora a far parte del gruppo, seppur non rientri nei piani tecnici dello staff. RS

Cruz

Dopo lunghi mesi di trattative e di estenuanti tira e molla sembra esser giunti ad una conclusione definitiva. Da oggi Pietro Pifano inizierà ad allenarsi con il Campobasso: le parti si incontreranno a breve per definire i dettagli dell’operazione, ma la trattativa – ci ha spiegato il ds Molino – sembra essere giunta in porto. Pifano dovrebbe giocare nel capoluogo di regione ‘quasi gratuitamente’ anche per un’operazione simpatia e per dimostrare l’attaccamento alla maglia della propria città e la ferrea volontà di accettare un progetto. Con l’arrivo di Pifano aumenterà la colonia dei molisani in squadra e l’ex Agnone andrebbe ad aggiungersi a Minadeo, Fazio, Gennarelli e mister Cosco. In tal modo verrebbero assecondate le richieste del tecnico rossoblù che aveva espresso la volontà di poter contare su un laterale di centrocampo under ed aveva indicato proprio in Pifano l’elemento giusto. Come detto la trattativa non è ancora chiusa, ma quest’oggi il centrocampista campobassano si allenerà a Selva Piana e lo staff tecnico potrà valutare le sue condizioni fisiche. dim

Pietro Pifano


S P O RT CALCIO SERIE D

La squadra deve acquisire maggiore sicurezza Il tecnico del Trivento Favo parla del prossimo impegno e del lavoro che sta svolgendo sul gruppo Intanto nelle prossime ore è attesa la firma del difensore, ex Samb, classe ’91, Valerio Cordova

Massimiliano Favo

L’Atletico Trivento prepara la gara di Recanati e la speranza dei gialloblù è quella di cogliere il primo successo stagionale lontano dall’Acquasantianni. La squadra gialloblù, reduce dal successo casalingo ottenuto contro la Santegidiese, è intenzionata ad allungare la serie positiva cercando di trarre il massimo dai prossimi cinque impegni, racchiusi in sole due settimane. Il tecnico del Trivento Massimiliano Favo così commenta il periodo “intenso” che attende il suo team: “Purtroppo questo girone è composto da molte squadre ed inevitabilmente siamo messi di fronte a questo tour de force. Per fortuna ho a disposizione una rosa ampia e competitiva. Con gli arrivi di Ottonello e Lustrissimi abbiamo aggiunto maggiore qualità al centrocampo ed ora avrò la possibilità di alternare le pedine in questo reparto; credo che lo spirito di competizione non possa che far bene al gruppo.Manca ancora qualcosina a livello di under ma la società ha cercato subito di venirmi incontro e nelle prossime ore dovrebbe arrivare la firma di un esterno basso, il classe 1991 Valerio Cordova, che ha iniziato il campionato alla Sambenedettese e

poi è stato tesserato dal Pomezia. Si tratta di un calciatore di struttura che può essere impiegato anche nel ruolo di centrale di difesa. In questi giorni si è allenato con noi e credo che possa darci una mano, bisogna definire qualche dettaglio ma ritengo che non ci saranno problemi”. A proposito di difesa,questo reparto non sta vivendo un momento felice. Come spiega le troppe reti che ultimamente incassa il Trivento? “Abbiamo una difesa strutturata in un certo modo e che ha poca rapidità. Se però analizziamo la partita di domenica possiamo vedere come le reti realizzate dagli avversari sono poco imputabili ad errori della nostra difesa. Però ho notato che la squadra durante le partite perde di sicurezza, prendiamo gol sempre nei primi venti minuti del secondo tempo, forse quando prevale uno stato di appagamento:si tratta di un problema prettamente psicologico e su questo dobbiamo lavorarci su tanto”. In questo momento il Trivento è invischiato nelle sabbie mobili della classifica, riuscirà a tirarsene fuori? “Se guardassimo l’attuale classifica sa-

remmo già salvi poiché siamo ad undici punti di vantaggio sulla terz’ultima. Di fatto siamo fuori per modo di dire perché mancano ancora tantissime partite. Se escludiamo il brutto risultato di Santarcangelo,credo che in questi primi due mesi alla guida del Trivento la squadra abbia fatto dei progressi e si esprime meglio sul piano del gioco. Non posso fare miracoli però per me la più grande vittoria sarà quella di veder giocare la squadra con la fisionomia del suo allenatore. Siamo sulla strada giusta, ho a disposizione un gruppo che si impegna e che è animato da grande spirito di sacrificio. Ora dobbiamo allungare il passo, abbiamo tre partite determinanti a cominciare da quella di Recanati. Dobbiamo essere bravi a sfruttare il loro entusiasmo e i loro punti deboli; in questo campionato, rispetto a quello laziale, si preparano le partite più guardando agli avversari, cercando di essere concreti e di sfruttare i loro errori. La squadra dovrà essere determinata e non potrà concedersi cali di concentrazione”. ANPA

Test in famiglia per i gialloblù Regolare seduta di allenamento ieri pomeriggio per l’Atletico Trivento. Il tecnico Massimiliano Favo ha preferito rinunciare al consueto test del giovedì e dedicarsi ad una seduta tecnico tattica per preparare al meglio i suoi uomini in vista del delicato impegno di domenica contro la Recanatese. Il trainer gialloblù ha potuto contare sull’organico al completo dal momento che si sono aggregati al resto del gruppo anche Iaboni e Guglielmi. Al termine dell’allenamento mister Favo ha sperimentato il probabile undici anti-Recanatese nel corso di una partitella in famiglia. Squadra che vince non si cambia,almneno queste sembre-

rebbero essere le intenzioni del tecnico campano, ma è pur vero che Favo deve fare a meno in difesa di Danilo Fusaro, appiedato dal giudice sportivo per un turno,restano poi da sciogliere gli ultimi dubbi sulle condizioni fisiche dell’attaccante Carmine Guglielmi che questa settimana ha disertato due sedute di allenamento a causa di un virus influenzale. Ma il tecnico gialloblù sembra avere le idee ben chiare sul modulo. Sarà sempre un 4-3-2-1, schema che ha fruttato tre punti contro la Santegidiese e che sembra quello che ha fatto esprimere al meglio la compagine trignina. Tra i pali è stato impiegato Mariosi, in

difesa al centro Varchetta e Voria,mentre Ruggieri è stato utilizzato a sinistra( in sostituzione dello squalificato Fusaro) mentre sulla corsia di destra Favo ha gettato nella mischia l’under in prova Valerio Cordova che nelle prossime ore dovrebbe firmare per il club gialloblù. Sulla mediana sembra essersi conquistato la maglia da titolare Ottonello che nel test è stato affiancato da Lustrissimi e Iaboni, a supportare Aquaro, unica punta, Scarano a sinistra e Lombardi a destra. Oggi pomeriggio ultima seduta di allenamento, mentre sabato mattina è in programma la rifinitura e dopo pranzo la squadra partirà alla volta di Recanati.

Garrone: "Pozzi per Bojinov? Non se ne parla"

Roma: Pizarro torna a Trigoria

Uno scambio Pozzi-Bojinov? ''Non se ne parla proprio''. Lo ha detto stamani il presidente della Sampdoria, Riccardo Garrone. In merito a prossime operazioni di mercato, il patron blucerchiato ha risposto con un laconico ''vedremo''.

David Pizarro e' tornato. Il regista cileno e' a Trigoria ed ha subito cominciato con il programma di recupero. Il centrocampista tornato in ritardo dal Cile per curarsi il ginocchio destro - si e' riunito al gruppo giallorosso al centro 'Bernardini' e ha cominciato prima con un lavoro in palestra, poi sul campo. A seguirlo e' il preparatore atletico Paolo Bertelli.

Guglielmi è tornato ad allenarsi

21 ANNO IV - N° 10 VENERDÌ 14 GENNAIO 2011


S P O RT CALCIO SERIE D

Poule scudetto, ecco il calendario La post season inizierà il 22 maggio e la finale, per aggiudicarsi il titolo di Campione d’Italia, l’11 giugno Il Comitato Interregionale ha fissato le date e le modalità di svolgimento della fase post campionato valida per l'assegnazione del titolo di Campione d'Italia a cui parteciperanno le squadre vincenti i nove gironi di Serie D che saranno suddivise in tre triangolari così strutturati: T1 vincenti gironi A, B, C; T2 D, E, F; T3 G, H, I. Le squadre si affronteranno in gare di sola andata, la società che riposerà nella prima giornata sarà sorteggiata così come la squadra che giocherà la prima partita in trasferta. Riposerà nella seconda giornata la formazione che avrà vinto il primo incontro o, in caso di pareggio, quella che avrà disputato la prima partita in trasferta. Acce-

dono alla fase successiva le vincenti dei rispettivi gironi e la migliore seconda classificata di tutti i triangolari. In caso due o più squadre concludessero il girone a parità di punti la squadra vincente si determinerà prendendo in considerazione nell'ordine, lo scontro diretto e la miglior posizione nella classifica della Coppa Disciplina. Per calcolare la miglior seconda classificata dei triangolari si privilegerà nell'ordine, i punti ottenuti, la migliore posizione nella graduatoria della Coppa Disciplina e l'età media più bassa (calcolata nelle sole gare dei triangolari). Le semifinali, con abbinamenti sorteggiati, e la finale (che sarà ripresa in diretta su RaiSport),

LE DATE DELLA FASE FINALE 22 maggio - 1^ gara triangolare 29 maggio - 2^ gara triangolare 5 giugno - 3^ gara triangolare 9 giugno - semifinali 11 giugno - Finale

si giocheranno in gara unica su campo neutro, se persiste la parità al termine dei tempi regolamentari si effettueranno direttamente i calci di rigore.

Riccardo vicino all’Agnonese Si chiama Giovanni Riccardo l’ultima idea di mercato dell’Olympia Agnonese. La società altomolisana da tempo è sulle tracce di un attaccante di esperienza da affiancare a Milozzi e sembra aver individuato in Riccardo l’uomo giusto. La punta casertana, classe 1977, è reduce da due stagioni in forza al Gallipoli in Prima Divisione e vanta un curriculum decennale con importanti esperienze in serie B a Padova e in Seconda Divisione in piazze come Trie-

stina e Messina. La squadra intanto continua ad allenarsi in vista dell’anticipo di domani pomeriggio a Santarcangelo di Romagna dove i ragazzi di Massimo Agovino, reduci da tre sconfitte consecutive, sono chiamati ad una prova di carattere e di orgoglio per tentare di dare una sterzata decisa ad una classifica che comincia a farsi preoccupante. Il tecnico campano dovrà, ancora una volta, fare i conti con alcune incognite

su tutte quelle di capitan Orlando e Bernardi le cui condizioni fisiche non sono ottimali, per cui la loro presenza in campo in terra romagnola appare in forte dubbio anche perché Agovino non ha nessuna intenzione di “rischiare” i suoi uomini poiché mercoledì prossimo ci sarà il turno infrasettimanale e bisognerà attuare un tour over per dar fiato a qualche elemento. AP

Giovanni Riccardo

CO.RE. MOLISE-FMI

ATLETICA LEGGERA

Alla prima prova di corsa campestre buoni piazzamenti per la Runners Termoli Anche il 2011, ha portato bene a Termoli, prescelta dalla Federazione Italiana di Atletica Leggera – Comitato Regionale Molise, quale località per lo svolgimento della prima prova di Corsa Campestre esordienti m/f, valida come 1° prova del campionato di società ragazzi/e – cadetti/e e come 1° prova del Grand Prix 2011 di corsa campestre all/jun/pro/sen/am/master. La manifestazione ha avuto luogo domenica scorsa presso l’Aero Club Molise (Ultravolo) per gentile concessione del suo direttivo. Alla prova hanno partecipato tutte le società molisane e non sono mancati gli atleti di casa. Infatti la società di atletica termolese Runners Termoli si è presentata ai nastri di partenza con ben 25 atleti suddivisi in tutte le categorie partecipanti. A dare subito sfoggio della loro bravura tra gli esordienti, vittoria per VALLARIO Maria, prima assoluta anche sui coetanei di sesso maschile. Nella cate-

goria ragazzi/e, bronzo per CANTORE Simona che si è disimpegnata egregiamente sul percorso di 1,5 km. Oro e argento tra le cadette adriatiche, con il gradino più alto conquistato da PAGLIUSO Nicla, seconda ONUTO Gabriela, terza MASTRANGELO Giulia del GS Virtus Campobasso. Tra i maschi in evidenza CONTE Giovanni giunto 3° e CHIMIENTI Francesco 5°, entrambi all’esordio sulla distanza di 2,5 km dopo il passaggio nella categoria superiore. A farla da padrone nella gara clou della giornata, quella riservata agli amatori/master, è stato il termolese DI BLASIO Gianni in forza alla Runners Termoli che dopo il bronzo della passata stagione, ha conquistato in questa specialissima prova il gradino più alto del podio, portando onore alla sua città ed alla sua società. Tra gli assoluti, predominio di Ivan DI MARIO della Polisportiva Molise, giunto in solitaria sul traguardo.

Organizzato uno stage per il Pit Bike La Federazione Motociclistica Italiana sta organizzando un stage FMI per il settore PitBike. Lo stage sarà tenuto da Attilio Pignotti, Vice Campione del Mondo Supermoto e attuale CT della Maglia Azzurra FMI, sul Kartodromo di Santa Maria del Molise nel giorno 6 febbraio. Tutti gli interessati sono invitati a segnalare la propria adesione all'indirizzo molise@federmoto.it entro il 31 gennaio, indicando un recapito telefonico. La quota di iscrizione non è prevista, ma sarà necessario pagare il noleggio della pista con un costo di € 10,00 a partecipante.


lagazzettadelmolise140111a  

CAMPOBASSO CAMPOBASSO CAMPOBASSO L’OSCAR DEL GIORNO ALLA LEGA CONSUMATORI IL TAPIRO DEL GIORNO A MUCCI,VARRA E TIBERIO ANNO IV - N° 10 - VEN...

Advertisement
Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you