Page 1

ANNO IV - N° 09 - GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO ALL’ASSESSORATO REGIONALE E ALL’ENTE PROVINCIALE TURISMO

Chi viaggia utilizza sempre meno le agenzie turistiche e sempre più internet, perciò l’assessorato per il turismo della Regione e l’ente turistico provinciale di Campobasso, lanciano un nuovo sito con un link su face book. L’iniziativa è semplice ma intelligente, offrendo la completezza di un ufficio informazioni a portata di click. Per di più la pagina iniziale del portale sarà gestita direttamente dagli operatori del settore, mettendo in risalto le migliori offerte last-minute. Un punto d’incontro tra albergatori e turisti che merita il nostro oscar.

IL TAPIRO DEL GIORNO AL TAVOLO DEL CENTROSINISTRA

Mentre la discussione sulle candidature in seno al centrodestra è in fase avanzata, il tavolo del centrosinistra non dà segni di vita. Si sono ormai perse le tracce dei segretari regionali, partiti mesi fa con l’intento di trovare una sintesi sulle modalità di selezione dei candidati per le prossime elezioni amministrative. Le settimane passano, le primarie le chiedono tutti, ma la situazione resta invariata: D’Ascanio continua a proporsi, Nagni confida in una soluzione partitica, Natalini cerca altrove l’ispirazione (mentre quelli del suo partito hanno già raccolto 100 firme per i gazebo) e Leva, imperturbabile, tace. Che vogliano aiutare Iorio a prendersi anche l’ultima enclave del centrosinistra?

CAMPOBASSO

BONEFRO

COLLETORTO

Condannata una mamma che cerca di vedere i figli in casa famiglia

Oggi i funerali di Nicola Colombo Il sindaco proclama il lutto cittadino

Truffa post sisma: Pallante e Di Grezia prosciolti

A PAG. 7

A PAG. 7

A PAG. 7

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Pubblicato il rapporto Quars 2010 che misura il livello di benessere dei territori italiani in base a diversi parametri

Ricchezza delle regioni Molise solo 15esimo Bene gli indici relativi ai diritti, istruzione e cultura. Il risultato peggiore nel comparto salute: cittadini poco soddisfatti CAMPOBASSO – Non brilla il Molise nella classifica della qualità dello sviluppo delle regioni italiane stilata dal Quars (Indice di Qualità dello Sviluppo Regionale) che premia Trentino Alto Adige, Emilia Romagna e Toscana. Un risultato complessivamente insoddisfacente certificato da un anonimo 15esimo posto. Ad eccezione degli indicatori relativi ai Diritti e a Istruzione e Cultura, di poco sopra la media, tutte le altre dimensioni che compongono il Quars assumono valori inferiori alla media nazionale. Per quanto riguarda la dimensione Ambiente, il Molise si pone in una posizione leggermente inferiore rispetto alla media nazionale. Molto scarsi,

Sanità, rinnovate le convenzioni a quattro centri socio-assistenziali

2 ANNO IV - N° 09 GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011

tore Diritti e Cittadinanza. Per quanto riguarda i diritti delle famiglie, per esempio, a fronte di una situazione piuttosto buona rispetto all’emergenza abitativa (meno di uno sfratto ogni mille nuclei familiari), emerge una grande difficoltà nel raggiungimento dei servizi e nel sostegno offerto alle fasce deboli della popolazione. Infine, la situazione relativa al tasso di abbandono della scuola dell’obbligo appare in peggioramento. Nella dimensione Istruzione, invece, la situazione del Molise è abbastanza positiva, soprattutto per quanto riguarda la partecipazione all’istruzione secondaria (il 100% della popolazione di età compresa tra i 14 e i 18 anni) e il conseguimento

invece, i risultati relativi alle politiche ambientali: ultimo posto tra le regioni italiane per la raccolta differenziata dei rifiuti (solo il 6.5% dei rifiuti prodotti), in penultima posizione per quanto riguarda la diffusione di buone pratiche ambientali nelle amministrazioni locali, valutate dalla variabili Eco-management. La situazione del Molise è ancora più sfavorevole nella dimensione Economia e Lavoro. Il mercato lavorativo è caratterizzato dalla presenza della disoccupazione che riguarda il 9% della forza lavoro, una precarietà diffusa e un’elevata povertà che colpisce oltre il 24% della popolazione. Il miglior risultato ottenuto dalla regione riguarda l’indica-

del titolo universitario (il 10,6% della popolazione). Inoltre, il numero di biblioteche per abitante presenti sul territorio è il più alto in Italia, ma i molisani spendono solo 2 euro al mese per eventi teatrali e musicali, il minimo tra tutte le regioni italiane. La dimensione relativa alla Salute è quella in cui il Molise registra il risultato peggiore, soprattutto a causa dello scarso livello quali-quantitativo delle strutture ospedaliere e di assistenza sanitaria; la soddisfazione percepita dai cittadini è dunque molto bassa. Le uniche note positive provengono dal servizio di Assistenza domiciliare integrata e dalla mortalità

CAMPOBASSO - Il governatore Iorio, nel ruolo di commissario ad acta per la sanità molisana, ha rinnovato la convenzione tra la Regione e alcuni centri socio assistenziali fino al 31 dicembre 2011. Oggetto del provvedimento, parte integrante del piano di rientro e del programma operativo sottoscritto tra Molise e governo, sono quattro strutture per un totale di 167 posti letto. Sessanta presso la casa Serena senectus di Sessano del Molise; trentasette presso la Casa mia di Isernia e per la fondazione Opera serena di Termoli altrettanti. Trentaquattro per la coop.a.s.s. di Sant'Elia a Pianisi.

evitabile. I servizi pubblici di sostegno alle donne sono inadeguati (solamente 4 posti ogni 100 bambini), cosi come quelli per l’autodeterminazione femminile (0,5 consultori ogni 20mila abitanti). La disparità di accesso al mercato del lavoro è ancora elevata: il tasso di attività degli uomini supera quello delle donne di oltre il 25%. Le variabili relative alla Partecipazione in Molise denotano valori molto scarsi sia rispetto alla partecipazione attiva della popolazione nella politica e negli eventi della società civile, sia riguardo gli sforzi fatti dalle amministrazioni locali per garantire trasparenza nello svolgimento del pubblico. L’unico dato superiore alla media nazionale è quello relativo alla presenza di organizzazioni di volontariato: 5,2 ogni 10mila abitanti. Adimo

Berlusconi: i giudici il male del Paese

Fiat, Vendola: la vita lavorativa peggiora

ROMA – “Questa volta, l’unica cosa che ho già avuto modo di dire in tv – ha detto il premier Berlusconi – è che io spiegherò agli italiani di cosa si tratta e verrà fuori quella che è la patologia per la nostra democrazia. Mi riferisco cioè alla presenza di un ordine giudiziario che si è trasformato in un potere giudiziario, esorbitando dal suo alveo costituzionale”.

TORINO – “La Fiat ha paura che i lavoratori leggano il contratto”. Così Nichi Vendola, governatore della Puglia commenta la sua visita davanti ai cancelli di Mirafiori. “I lavoratori, invece – ha aggiunto – sia che votino sì, sia che votino no, hanno un tratto in comune, la mescolanza di rabbia e dolore e la percezione di una vita lavorativa che peggiora continuamente”.


PRIMO PIANO Bilancio rinviato, ma non i suoi nodi Tra emendamenti e prove di stabilità, la discussione a palazzo Moffa slitta a domani Delusi i dipendenti del settore trasporti che in massa hanno affollato via IV Novembre CAMPOBASSO – Una seduta decisamente affollata quella di ieri mattina in Consiglio regionale. Seduta che non ha prodotto per nessuno dei presenti (i dipendenti della Molise trasporti e della Sati, oltre agli agricoltori e alcuni rappresentanti delle comunità montane) i risultati sperati. La discussione sul Bilancio di previsione 2011, infatti, è slittata a domani pomeriggio alle 16, perché la documentazione non è arrivata in tempo sulle scrivanie dei consiglieri. A denunciare la situazione è stato Michele Petraroia (Pd) che ha sollevato formale questione pregiudiziale per rinviare gli argomenti iscritti all’ordine del giorno. “Secondo il dettato normativo – come ha spiegato in aula - in vigore a ogni consigliere regionale vanno consegnati con congruo anticipo copia delle proposte di legge da esaminare con tutta la documentazione allegata, ivi comprese eventuali verbali di audizioni delle commissioni. Ebbene nonostante l’allegato esposto del 5 gennaio 2011 prot. 2/2011, alle ore 12 e 30 del giorno antecedente la sessione consiliare di Bilancio, non risultano ancora consegnati gli atti della prima commissione inerenti la proposta di legge finanziaria 2011 e la proposta di legge sul bilancio annuale e pluriennale della Regione Molise”. Il presidente dell’assemblea, Michele Picciano, sentita la conferenza dei capigruppo, non ha potuto fare altro che accettare la richiesta di Petraroia anche se, a dirla tutto, forse il tempo per consegnare gli atti poteva esserci. Sarebbe bastato convocare i la-

vori con procedura d’urgenza (in modo da non dover aspettare necessariamente 5 giorni) dopo aver ricevuto i pareri della prima commissione (venerdì scorso, per sua stessa ammissione ) e la Conferenza dei capigruppo (lunedì). Quello che si sa per certo fin da ora è che saranno tantissimi gli emendamenti, sia della maggioranza (Adc e Fli, che intanto si è costituito in gruppo col passaggio nel partito di Fini di Pallante, Incollingo e Berardo) che dell’opposizione. Le prossime 48 ore saranno dunque decisive per sciogliere alcuni nodi: primo tra

tutti la questione tagli ai trasporti pubblici, settore ormai in crisi con licenziamenti e riduzione delle corse in vista. Ma tengono banco anche la stabilizzazione del personale interno e la revoca dei fondi per il conservatorio Perosi di Campobasso destinati alla fondazione Molise Cultura. Quella, per intendersi, creata ad hoc dall’ex assessore alla Cultura, Sandro Arco, dopo che l’accordo di metà mandato siglato con il governatore Iorio lo ha costretto a fare le valige dai comodi scranni della giunta molisana. AD

Il presidente del Consiglio regionale Michele Picciano

Iorio: daremo al Molise un’orchestra regionale stabile Intanto i solisti rispondono agli studenti del Perosi: un’idea indovinata l’inserimento del complesso nella Fondazione Cultura CAMPOBASSO – Il presidente della Regione, Michele Iorio, rassicura tutti sulla creazione di un’Orchestra stabile regionale affidata alla fondazione Cultura: “È nostra intenzione darne una al Molise che sia volano di promozione culturale, ma anche elemento di valorizzazione artistica e risposta occupazionale per le tante professionalità di cui è ricco il nostro territorio. Oggi abbiamo un’Orchestra che ha certamente ben svolto il suo compito in questi anni, ma che non ha elementi di stabilità e quindi capacità di dare un futuro artistico e lavorativo a chi vi è impiegato. Ci è parso quindi naturale immaginare l’incardinazione dell’intera struttura della nuova Orchestra nella fondazione Cultura. Tutto ciò ci consentirà di accedere a finanziamenti nazionali, e di utilizzare, nel contempo, pienamente il patrimonio della stessa fondazione che tra le altre cose avrà prestissimo di-

sponibili spazi, come il grosso immobile dell’Ex Gil di Campobasso, e attrezzature adatte alle finalità e alle attività della stessa Orchestra. Questo avverrà ovviamente in collaborazione con il conservatorio Perosi che è sicuramente una risorsa importante per il Molise. Una risorsa che resta tale anche scorporandola dall’Orchestra del Molise”. Intanto, i solisti dell’Orchestra regionale del Molise rispondono ai rappresentanti degli studenti del conservatorio, che avevano criticato il finanziamento a Molise Cultura a scapito dei musicisti professionisti, definendoli “megafono ai vittimismi di qualcuno che si sente abbandonato dalla gallina dalle uova d’oro”. Gli stessi solisti poi, rimarcano che “se vogliamo veramente parlare di tutela del territorio, dei suoi valori e delle sue tradizioni allora dovremmo leggere e far approvare la legge che riporta l’Orchestra sinfonica regionale nel contesto

della fondazione Molise Cultura”. Inoltre, “il Conservatorio ‘Perosi’ non ha mai offerto gratuitamente, come da rendicontazione ufficiale, il personale assistente, l’ispettore dell’Orchestra, il personale amministrativo” e “la proposta di legge sull’inserimento dell’Orchestra regionale nella fondazione Cultura Molise è una idea indovinata: essa è volta a raggiungere due obiettivi in particolare: il primo è quello del lavoro, ovvero consentire ai musicisti selezionati per l’Orchestra di essere realmente contrattualizzati (all’inizio con rapporti stagionali); il secondo, è la qualità che certo non si può ottenere con una paga irrisoria e perciò indegna”. In questo modo, “il nuovo sistema concepito permetterà di potenziare l’aspetto distributivo promozionale dell’attività dell’Orchestra, sdoganandola da una visione prettamente territoriale, che dia, al contempo, dignità al territorio”.


REGIONE ‘Parco del Molise’ per difendere il territorio “Il Parco del Molise”, un territorio una storia lunghissima. L’idea del Parco se recepita positivamente dai sindaci dei comuni interessati, da sogno diventerà presto realtà. Non è una favola, ma l’iter storico dell’istituzione del Parco naturale del Matese. Un’oasi di incontaminata bellezza naturalistica con specie protette, flora e fauna inimitabili. L’idea, fortemente voluta da cittadini e associazioni ambientaliste, è stata subito supportata con passione e fermezza dall’Adc, e in particolar modo dal capogruppo Riccardo Tamburro. Il Molise è un territorio vergine la cui più grande vocazione è quella paesaggistica e

Il progetto sarà presentato alla Provincia di Campobasso sabato non bisogna certo essere esperti per capirlo. È evidente, dunque, che non si sposa con strutture industriali, insediamenti produttivi, pale eoliche e

centrali a biomasse. Ed è altrettanto evidente che di ostacoli ne incontra tanti, dai cacciatori ai grandi industriali che hanno già puntato lo sguardo sul Molise, terra di conquista. E per parlare, discutere sull’ambizioso progetto sabato un mega incontro. Tante le massime autorità istituzionali presenti, a partire da Michele Iorio, presidente della Regione Molise, Aldo Patriciello, eurodeputato, Giovanni Cannata, rettore dell’Università del Molise e volti noti del panorama nazionale come Mario Tozzi esperto geologo,e poi loro, fulcro importante, i sindaci del territorio matesino. Il loro intervento è previsto come ultima fase del

meeting, ma per una semplice ragione. Dare a loro l’opportunità di ascoltare le testimonianze e poi offrire il loro giudizio. Si spera sia positivo, così finalmente si mette la parola fine ai tanti avventori che arrivano in Molise senza rispetto e senza cura del patrimonio, che solo un “molisano doc” comprende ed apprezza fino in fondo, da autentici sanniti. Interessante anche il manifesto della Conferenza di sabato prossimo che precisa Tamburro “non ha colore politico, non ha simbolo” . evidente l’intendo di queto per far capire che il Molise non è di nessuno, ma è di tutti i molisani”. Cafe

Diossina, le carni molisane sono sicure CAMPOBASSO - A dispetto del rischio diossina, la carne prodotta in Molise è sicura. L’associazione degli Allevatori molisani e il consorzio Carni del tratturo, tranquillizzano i consumatori: nessun allarmismo dunque, la tracciabilità del prodotto è garanzia di qualità. Lo sottolinea Giovanni Monaco, che certifica la serietà dei centoquaranta soci fra allevamenti, macellerie e mattatoi. “Quello su cui noi abbiamo scommesso è la

4 ANNO IV - N° 09 GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011

genuinità e l’alta qualità della carne. Obiettivi conseguiti grazie a rigidi protocolli sulla salubrità degli animali e sul controllo della loro alimentazione”, spiega Monaco che annuncia pure “un progetto sulla tracciabilità ed etichettatura delle carni finanziato dall’assessorato regionale alle politiche agricole”. Un programma avviato pochi mesi fa, ma fondamentale per il sostegno all’intero comparto.

Cooperando si impara Un progetto innovativo quello della scuola Mascione del III circolo Giovanni Paolo II a Campobasso. Ieri mattina è stato siglato l’atto costitutivo tra il corpo docente, gli alunni e alcuni genitori dell’iniziativa Cooperando si impara. Tutti soci della neo costituita rete Csm (Cooperativa scolastica di Mascione). Firmati gli atti, sottoscritto lo Statuto e il regolamento interno, attribuite le cariche societarie, tutti pronti, dunque, per iniziare a lavorare. E da adesso si fa sul serio. Si progettano lavori, si dirige, si lavora, si coopera. Soddisfatta la dirigente scolastica, Agata Antonelli, del progetto intrapreso. Attività scolastiche, nel senso stretto della parola, che camminano a braccetto con attività innovative, utilizzando tecniche di metodologia cooperativa. Entusiasta anche il primo cittadino di Campobasso, Gino di Bartolomeo, che assicura la presenza dell’ente nell’iniziativa intrapresa ed invoglia gli altri istituti ad adottare pratiche scolastiche similari. C.F.

Bocchino: Berlusconi è la destra estremista

Fini: patto per l’Italia ferma e sfiducia

ROMA – “Berlusconi è tutto tranne che moderato. È la destra estremista”, ha osservato Italo Bocchino aggiungendo che Futuro e Libertà “è la destra moderata che in Italia manca e che vogliamo costruire. Berlusconi il lunedì se la prende con la Consulta, il martedì coi magistrati, il mercoledì con i gay, il giovedì con i giornali...”.

ROMA – L’Italia è un Paese “fermo” e “sfiduciato” ed è un dovere di maggioranza e opposizione “proporre soluzioni per evitare l’asfissia”. Il presidente della Camera, Gianfranco Fini, in un’intervista alla Repubblica, a quasi un mese dal voto di fiducia al governo, quando ha “preso atto di una sconfitta politica”, auspica un “salto di qualità” per i prossimi mesi.


REGIONE Primarie della Gazzetta

Partenza lanciata per Chieffo e Pallante CAMPOBASSO - C’è chi le primarie del centrodestra le invoca su facebook, per poter scegliere - si legge - solo i migliori ad ogni livello amministrativo. Al Comune e alla Regione, alla Provincia, alla Camera e al Senato. Al Parlamento europeo e pure nel partito. La febbre dei gazebo scantona, coinvolgendo pure chi al governo c’è già, ma non si accontenta: “Ci vuole più meritocrazia, maggiore partecipazione degli elettori alla politica e alle sue scelte, ulteriori opportunità di confrontare i candidati possibili e misurare le loro posizioni su argomenti cardine dell’agenda amministrativa. Per ravvivare il partito”. La motivazioni addotte sono lecite e la richiesta, in un partito a forte vocazione leadristica, assume il peso di una svolta politica. Quando Roberto

CAMPOBASSO - Mirafiori torna ad essere l’epicentro della politica della sinistra. Non solo un déjà vu, quanto la necessità inderogabile per il Partito democratico di ritrovarsi, di attaccarsi addosso un’etichetta qualsiasi, pur se vecchia. La Mirafiori molisana è la Powertrain di Termoli, ed è lì che Danilo Leva individua qualche possibilità di invertire il trend elettorale dei democrats. “Il tema del lavoro avrebbe dovuto occupare l’agenda politica - osserva il segretario regionale – ma non risulta essere tra le priorità dell’attuale governo regionale”. Dopo la bocciatura degli sperperi del duo Iorio - Vitagliano per lo Zuccherificio, la Solagrital e la Ittierre (che hanno il solo merito di preservare l’occupazione), Leva

Subito una new entry: tra i candidati anche Chierchia, proposto da un lettore Formigoni, governatore della Lombardia, pensa al dopo Berlusconi (“un futuro non certo vicino”), indica come “unica strada percorribile per individuare il successore del premier, le primarie”. Tornare tra la

Il lavoro prima di tutto Danilo Leva incontrerà i sindacati dei metalmeccanici

gente dunque, lasciando il ruolo di protagonista agli elettori piuttosto che inveire dal palco. Limitare il tifo da stadio e non avere paura del confronto, della competizione. Di più, investire nella competizione interna facendola emergere, non nascondendo attriti e cordate, ma offrendo loro una valvola di sfogo. Per trasformare l’ambizione dei singoli in un’opportunità collettiva. Intanto arrivano le prime email. In testa Antonio Chieffo e Quintino Pallante, seguiti dal sindaco di Mirabello Luciano Di Biase. Già staccati la new entry Adc Chierchia e De Matteis che superano solo Niro, ancora fermo a quota zero. Continuate a votare il vostro candidato presidente per la Provincia di Campobasso, scrivendo a primariecb@gmail.com. afv

chiama a raccolta i responsabili locali dei metalmeccanici. Venerdì 14 è in programma un vertice tra la segreteria regionale del Pd e le parti sociali; obiettivo dell’incontro è la questione Fiat e le tematiche legate al rilancio del sistema produttivo molisano. Una serie di appuntamenti utili a “parlare di lavoro, analizzare i dati e trovare sinergie e strategie industriali, per cominciare a ridisegnare un futuro” diverso. I capisaldi sono la rappresentanza e la partecipazione democratica dei lavoratori e delle lavoratrici, per questo “il Pd sostiene le ragioni dell’unità del mondo del lavoro”, argomenta Leva, chiedendo parallelamente di innovare le regole della rappresentanza nei luoghi di lavoro. afv


CAMPOBASSO Fa visita ai figli in casa famiglia e ferisce un agente, condannata Quattro mesi e sette giorni di reclusione convertiti in otto mesi e quattordici giorni di libertà controllata con immediata scarcerazione. Questo quanto deciso, nel giudizio per direttissima di ieri mattina al tribunale di Campobasso, nei confronti di R.M., la 43enne di Bojano finita nei guai due giorni fa per rifiuto di fornire indicazioni sulla propria identità personale, false dichiarazioni sull’identità, violenza ed oltraggio a Pubblico Ufficiale e lesioni personali aggravate. La donna, ieri l’altro, aveva provato ad entrare nella casa famiglia “Madre Teresa”

Accolta dai giudici la richiesta di scarcerazione avanzata dal difensore, l’avvocato Carmine Verde del capoluogo per vedere i suoi due figli, nonostante un provvedimento di sospensione della potestà genitoriale vigente a suo carico. Il desiderio di incontrare i due minori, però, ha spinto la 43enne a non tener conto delle disposizioni del giudice. A fronte dell’insistenza della donna, in

quel momento in stato di alterazione psicofisica da assunzione di alcolici, le operatrici della struttura situata a Porta Mancina hanno contattato i carabinieri. Una volta giunti sul posto, i militari hanno provveduto ad identificare la 43enne che ad un certo punto, forse a

causa della disperazione, si è scagliata contro uno dei carabinieri provocandogli una ferita al volto giudicata guaribile dai sanitari del Cardarelli di Campobasso in 5 giorni. Ieri, dunque, il giudizio in cui la donna è stata difesa dall’avvocato Carmine Verde.

La vicenda è finita anche in un capitolo del libro di D’Ambrosio. L’esponente di Fli: “Gli farò causa”

Post sisma a Colletorto, prosciolti Pallante e Di Grezia CAMPOBASSO – Si è conclusa positivamente per il consigliere regionale Quintino Pallante (Fli) e per il direttore generale della Regione Molise, Vincenzo Di Grezia, la vicenda

relativa alle attività legate alla ricostruzione nel comune di Colletorto. Prosciolti entrambi dopo 2 anni e 8 mesi, per gli altri 25 indagati il giudice per l’udienza preliminare di Larino,

Incidente sulla Ss. 87: oggi i funerali del 34enne scomparso

Enzo Turco, ha deciso il rinvio a giudizio. Nel mirino della Procura l’attuale sindaco Fausto Tosto, il suo predecessore Antonio Mucciaccio ed altri amministratori. Tutti dovranno presentarsi in aula il prossimo 10 maggio e rispondere delle accuse di concussione, truffa, falso e abuso d’ufficio. L’inchiesta fu condotta dai militari della Guardia di Finanza di Larino su delega del procuratore, oggi in pensione, Nicola Magrone che aveva rilevato irregolarità nella ricostruzione a Colletorto. Una

su tutte la realizzazione della rete internet Silcra con la quale si doveva costruire un progetto di miglioramento informatico per tutta la zona del cratere sismico. Quintino Pallante, era finito sotto inchiesta in quanto legale rappresentante della società edilizia e strade, che si era aggiudicata i lavori della messa in sicurezza dell'asilo. La sua storia è finita anche nel ‘best seller’ di Vinicio D’Ambrosio a cui ora l’esponente del partito di Fini farà causa.

Il sindaco di Bonefro ha proclamato il lutto cittadino Una tragedia che non sarà dimenticata. A Bonefro, oggi, è il giorno del dolore, il momento dell’ultimo saluto a Nicola Colombo, 34enne scomparso nella notte tra lunedì e martedì scorsi dopo un violento schianto sulla statale 87, all’altezza di Campolieto. Nella chiesa di San Nicola, alle 14,30, tutta la comunità si raccoglierà in cordoglio attorno ai familiari del giovane, distrutti da un’assenza che lascia un vuoto incolmabile. Nicola stava rientrando in paese da Campobasso quando, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo del proprio fuoristrada finendo in una cunetta: uno scontro violentissimo, che ha fatto terminare il corpo della vittima – ritrovato solo diverse ore dopo dal personale del corpo forestale in servizio - a diversi metri di distanza dal punto dell’impatto, rendendo così inutile l’intervento dei soccorritori del 118. Gli accertamenti svolti dai carabinieri di Campobasso e i risultati dell’autopsia condotta ieri chiariranno dinamiche e cause del sinistro: non si esclude che a generare lo schianto possa essere stato un malore improvviso, anche se le indagini degli inquirenti hanno preso in considerazione anche altri fattori, quali la scivolosità dell’asfalto e la scarsa visibilità causata dalle condizioni atmosferiche piuttosto ostili. Intanto, il sindaco di Bonefro, Pino Montagano, ha annunciato la proclamazione del lutto cittadino per l’intera giornata odierna.

Violenza sessuale a Bojano, integrazione di perizia per l’imputato Era il due marzo dello scorso anno quando, a Bojano, un 35enne si introdusse nell’abitazione di una coetanea scavalcando prima un recinto e poi il balcone. Una volta in casa, l’uomo costrinse con la forza la donna a subire atti sessuali. Nell’udienza di ieri, al tribunale di Campobasso, su richiesta del difensore dell’imputato l’avvocato Iannetta, disposta una integrazione della perizia per verificare se il 35enne possa stare in giudizio. L’uomo, infatti, soffrirebbe di deficienze psichiche e pare abbia dei precedenti specifici relativi ad una violenza su minore. Ad effettuare gli ulteriori accertamenti, così come deciso dai giudici, sarà il dottor Salati. In aula, ieri, presente la vittima, costituitasi parte civile, assistita dall’avvocato Sulmona.


CAMPOBASSO Blitz vincente di Big Gino a Roma: Matteoli dà il via libera

Contratti di quartiere, sbloccati i fondi Riporta a casa un successo decisivo Gino Di Bartolomeo dalla “mission romana” al Ministero delle Infrastrutture. Il vertice con Matteoli ha sortito infatti l’esito sperato: il primo cittadino di Campobasso ha “strappato” al ministro una promessa importante, grazie alla quale le casse di Palazzo San Giorgio potranno finalmente beneficiare dei fondi necessari a coprire l’investimento per la realizzazione di quaranta nuovi alloggi nel quartiere di San Giovanni. Un incontro assolutamente proficuo, dunque, che ha visto il direttore generale dell’edilizia Arredi assicurare la completa disponibilità al sindaco: fattore, questo, che ha reso decisa-

mente meno problematico il lavoro del tavolo tecnico, cui ha partecipato – oltre al direttivo che ha curato il progetto - anche l’Istituto autonomo case popolari di via Montegrappa, rappresentato dal commissario straordinario Pierluigi Lepore e dall’ingegnere Lembo. Per la realizzazione della struttura, che prevede tra l’altro anche la completa ristrutturazione dei sedici alloggi già presenti, servirebbero oltre 2 milioni di euro: una cifra che dunque supera il milione già promesso dallo stesso Ministero delle infrastrutture all’amministrazione comunale. Una problematicità, ad ogni modo, che non sembra spaventare Di Barto-

lomeo, deciso a “sfoltire” la lista delle opere pubbliche cittadine pur di realizzare un programma fermo ormai da undici anni. “E’un risultato importante – ha commentato l’assessore all’edilizia pubblica Mariagrazia De Vincenzo, altra protagonista del blitz romano – che testimonia l’attenzione di questa amministrazione alle problematicità prioritarie del territorio”. Intanto, le parti si sono date appuntamento a venerdì prossimo, quando la commissione tecnica incontrerà nuovamente la delegazione del ministro Matteoli per definire dettagliatamente il “quantum” economico per l’esecuzione del progetto.

Comune, un nuovo regolamento per il Consiglio CAMPOBASSO – Meglio tardi che mai. È prossimo all’approvazione il nuovo regolamento per il consiglio comunale di Campobasso che, dopo l’ok in commissione Statuto e regolamenti, si appresa a ricevere l’ok definitivo dell’aula. Lo annuncia Antonio Columbro, sottolineando un ritardo ventennale: “Si è cercato di rendere finalmente effettivo quel ruolo di indirizzo e controllo che il legislatore, già nel

1990, intese conferire al consiglio nel quadro di un generale riequilibrio dei poteri”. Così il consigliere in una nota stampa che continua: “La bozza di regolamento è il frutto di un ampio ed articolato dibattito ed è caratterizzata dalla finalità di razionalizzare l’intera attività del consiglio e delle commissioni”. Buone nuove dopo le polemiche delle ultime settimane legate al moltiplicarsi dei gettoni di presenza. All’oriz-

zonte diverse modalità di convocazione, la riduzione del numero commissioni permanenti e l’introduzione di un quorum più stringente per le sedute in seconda convocazione. Un occhio di riguardo per la trasparenza, con l’impegno di regolamentare le registrazioni audio e video tramite webcam, auspicando siano fruibili anche dai cittadini e non solo dalla commissione di controllo e di garanzia. afv

Oml, per formare nuove coscienze L’iniziativa dell’Osservatorio sulla legalità Domani al liceo ‘Romita’ il giornalista Orioles Legalità e illegalità, due termini contrapposti, ma facce di una stessa medaglia. Il confine , a volte, è talmente labile che occorre una conoscenza dettagliata della materia per evitare di sconfinare. Basta una sillaba e comportamenti “contra legem” per spezzare quel sottile ma essenziale velo di confine. Negli ultimi tempi pare che le due parole si intersecano, si confondono tra loro su aspetti e argomenti importanti e ormai sotto i riflettori nazionali. “Si parla spesso di legalità e di illegalità, da bravi maestri, ma poi allo stato dei fatti tutti assenti ingiustificati, come qui alla sala dello ‘Terzo spazio ’ a Campobasso” come dice Eliseo Trombetta, presidente dell’Osservatorio Molisano sulla legalità. Davvero pochi i presenti per argomenti di chiara attualità e che spesso non lasciano dormire sonni tranquilli a qualcuno ai vertici del potere. La riunione indetta dall’associazione no profit nata nel 2009 cerca di “invogliare - come spiega lo stesso Trombetta – i giovani a percorrere strade che, se pur tortuose, sono caratterizzate dalla ricerca del bene comune vigilando su atteggiamenti dei singoli e della collettività e soprattutto su quelli della pubblica amministrazione, che molte volte adotta sistemi che già di per se lasciano dubbi certi”. Bella e riflessiva la citazione tratta dal libro del giudice Paolo Borsellino utilizzata da Trombetta per spiegare in poche parole la differenza tra la legalità e la illegalità “Il silenzio, il voltare la faccia per non ascoltare, per non sapere, puzza; la libertà, la libertà che dà la legalità odora, profuma” e poi aggiunge con una nota di sarcasmo “e noi signori, lasciatecelo dire, profumiamo”. Cafe


SPETTACOLI L’attore campobassano scovato nella rete nei panni di Herbert ballerina

Il Molise in cima al Box office Luigi Luciano nel cast del film “Che bella giornata”

di Charles N. Papa MILANO - Come ritrovarsi, da un giorno all’altro, nel cast del film italiano che ha battuto molti record, per esempio ha superato al box office titoli come Avatar o Harry Potter. Luca Medici meglio conosciuto come Checco Zalone, alla sua seconda prova cinematografica con Che bella giornata, sbanca senza precedenti il botteghino. Quasi 20 milioni in una settimana (è uscito il 5 gennaio), biglietti ovunque su prenotazione, quasi sempre per il giorno dopo. Inaspettato, imprevedibile, una bella conferma per Zalone/Medici che, dopo Cado dalle nubi era ad una prova di fuoco, e l’ha superata. Il film veleggia tra uno scanzonato Pieraccioni ed un meno vago De Sica, un filone trasversale che, per ora, è vincente.

10 ANNO IV - N° 09 GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011

Nel cast la parte di Giovanni è interpretata da un giovane talento molisano, Luigi Luciano (foto). Poca esperienza in regione (solo uno spettacolo in Cattedrale), partito subito per Milano (è laureato in Cinematografia), lascia i genitori e il negozio di famiglia (Cose belle in via Nobile) per inseguire il suo sogno, fare l’attore. Lo raggiungiamo a Milano in una pausa della promozione di Che bella giornata. Come ci si sente dall’alto di 20 milioni di euro? “Beh ovvio bene, magari è meglio non soffrire di vertigini però. Non ce lo aspettavamo ma tutti lo speravamo, ed ora siamo qui a vedere gli effetti”. Quale la prima reazione? “Guarda ad essere sincero ancora non metabolizzo, però di sicuro, mi sono convinto che almeno, non porto sfiga”.

L’incontro con Zalone? Come ti ha beccato? “Mi ha visto nella rete. Nei video che abbiamo realizzato con Maccio Capatonda”. L’incontro con Marcello Macchia, tra l’altro nato a Vasto, ha cambiato la tua vita? “Sicuro. Tanto inatteso quanto popolare. I video che abbiamo ideato e realizzato sono nella rete e hanno una grossa serie di contatti. Alcuni hanno superato il milione. Molti sono stati presi dalla Gialappa’s band per Mia dira gol”. Parlaci di Herbert ballerina. “E’ il personaggio con cui sono diventato famoso nella rete e con il quale Zalone mi ha scoperto. In realtà Checco mi ha inseguito, perchè quando mi ha visto, non aveva trovato il modo di contattarmi, io non avevo agente”. Che persona è Luca Medici? “Una gran bella persona. Io mi sono trovato molto bene e sono contento di aver accettato la sua proposta. Per ora mi godo il successo e tutto quello che può accadere, poi, mi attrezzo per il futuro. So bene che un successo come questo, non è per sempre, ho ancora tanto da imparare. Intanto proseguo nei video con Maccio Capatonda”. Che bella giornata ha battuto molti record, c’è la fila davanti ai botteghini, si prenotano i biglietti per il giorno dopo. “Credo che in Italia ci sia tanto bisogno di ridere evidentemente. Ed io voglio continuare a farlo, questo è il mio mondo ed è questo che voglio fare nella vita”. Torni spesso a Campobasso, magari a dare una mano ai tuoi nel negozio in via Nobile? “ Certo. Quando mi capita non mi tiro indietro”. I tuoi amici di sempre? “Emanuele e C ramine, con loro sono cresciuto e per me sono fratelli. Con loro ho condiviso molto, anche il tifo per il Campobasso. Quando sono a cb vado a vedere la partita al Romagnoli. Forza lupi!”

La lupa in scena TERMOLI L’associazione Molise cultura prosegue con la proposta artistica dello spettacolo “La lupa” di Giovanni Verga. Atto unico che vede in scena Mena Vasellino e Manfredi Saavedra, sarà in scena oggi alle 21.00 presso il cinema S.Antonio a Termoli. Su musiche di Fabrizo De Andrè, l’adattamento della Vasellino (alla sua prima prova da regista) non ha discrepanze e non da spazio a tentennamenti interpretativi. Lo spettacolo sostiene la Debra, associazione per la ricerca sull’epiudermolisi bollosa.

Mostra fotografica CAMPOBASSO - Un evento della durata di un mese, oltre quaranta immagini di Campobasso scrutata in ogni angolo dagli obiettivi degli appassionati di fotografia e un numero considerevole di visitatori che hanno avuto modo di apprezzare l’originale location strutturata come fosse un cantiere aperto. “Campobasso fuori le mura” è stato tutto ciò. La mostra si è svolta con il patrocinio e il sostegno di tutte le istituzioni locali. “Un ultimo ringraziamento – conclude Carmine Aceto di NOIDEA - va alla famiglia Di Biase e in particolare a Mario, purtroppo scomparso in queste settimane, che nonostante le precarie condizioni fisiche fu presente all’inaugurazione dell’esposizione, dimostrando fino alla fine la sua volontà di dare un contributo alla crescita culturale di Campobasso”.

Oxegen 2011: Foo Fighters, Arctic Monkeys e Blink 182

I Chemical Brothers al Southside 2011

Per l’edizione 2011 l’Oxegen mette in campo come headliner tre delle band più popolari del rock contemporaneo: Foo Fighters, Arctic Monkeys e Blink 182, a cui si è aggiunto nelle ultime ore Paolo Nutini.La manifestazione si terrà dal 7 al 10 luglio del prossimo anno a Punchestown Racecourse, County Kildare.

I Chemical Brothers e tanti altri artisti si esibiranno, da venerdì 17 a sabato 19 giungo, al festival che si terrà a Neuhausen Ob Eck. Insieme a loro i Foo Fighters e Blink-182 (che saranno gli headliners) i Wombats, Two Door Cinema Club, Sick Of It All, Friendly Fires, Darwin Deez e Converge.


ANNO IV - N° 09 - GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO ALL’ASSOCIAZIONE ATAM

Un plauso va a questa associazione che da sempre è impegnata nel proporre spettacoli teatrali in tutta la regione ed in particolare in provincia di Isernia. Anno nuovo, vecchie abitudini. L’ATAM infatti sarà protagonista presso il teatro ItaloArgentino di Agnone. Alle ore 21:00 andrà in scena lo spettacolo dal titolo “Nunsense - Le amiche di Maria. Sul prestigioso palco agnonese saliranno artisti come Lisa Angiolillo, Serafina Frassica, Paola Lavini, Elisa Santarossa e Francesca Cinanni. La regia e la coreografia sarà magistralmente diretta da Fabrizio Angelini. Uno spettacolo da non perdere, come del resto tutti quelli che sono e saranno promossi dall’ATAM.

IL TAPIRO DEL GIORNO AL COMUNE DI ISERNIA

Che fine farà? Come se non bastasse un anno di polemiche e discussioni che hanno messo persino a repentaglio la maggioranza del sindaco Meloglio ecco che sul comune di Isernia si abbatte una nuova grana. Sempre colpa dell’ormai famosa convenzione tra l’ente e Ferrovie dello Stato per la riqualificazione dell’area stazione. Alcuni consiglieri di minoranza, infatti, sarebbero pronti ad impugnare l’accordo per presentare ricorso davanti al Tribunale Amministrativo Regionale. Per loro infatti ci sarebbero alcuni punti controversi che cozzerebbero con il Piano Regolatore. I tempi stringono. L’amministrazione comunale ha solo tre mesi per sbrogliare la matassa. E i soldi intanto ancora non si vedono.

POLEMICHE

ITTIERRE

LA NOVITÀ

Accordo con Fs Ecco perchè l’opposizione vuole rivolgersi al Tar

Il presidente Iorio gongola: “Una vittoria del Molise”

Centro storico Sospesa la zona a traffico limitato

A PAG.14

A PAG. 14

A PAG.14

www.lagazzettadelmolise.it

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Alcuni consiglieri comunali di opposizione pronti a rivolgersi al Tar per annullare la convenzione con Fs. Ecco quali sono i punti più criticati

Stazione, altre grane in vista ISERNIA – Una doccia fredda per l’amministrazione comunale. La minoranza, infatti, sarebbe pronta a presentare ricorso contro l’intesa tra Comune e Ferrovie dello Stato per la riqualificazione dell’area stazione. Alcuni esponenti dell’opposizione, infatti, starebbero studiando le carte per presentarle davanti al Tar (Tribunale Amministrativo Regionale) e chiedere l’annullamento della convenzione stessa. Ma ecco i termini dell’accordo: il Comune concederà licenze edilizie per costruire tre palazzine ed in cambio Ferrovie dello Stato cederà all’ente 13mila metri quadri di terreno da destinare a parco verde, più l’officina della cultura, attualmente in fitto alla Provincia. Ma il Comune, inoltre, si è impegnato entro Pasqua a reperire i 2 milioni e 800mila necessari per acquistare anche i terreni dove dovrebbero sorgere le tre

palazzine. Soldi che potrebbero arrivare dalla Regione Molise. Ma i consiglieri di opposizione, ed in particolare Luciano Sposato (Pd) già lo scorso 29 novembre, quando lo schema di convenzione fu approvato dal Consiglio comunale, fecero trasparire alcune perplessità. Prima tra tutte la destinazione urbanistica dell’area. Dubbi, da parte delle opposizioni, anche per quanto riguarda da doppia opzione, scambio-vendita. Un accordo che, dunque, per le minoranze manifesterebbe alcune illegittimità, sotto diversi profili. Per questo motivo, gli stessi consiglieri avrebbero già dato mandato ad un legale di preparare le carte necessarie per il ricorso. Ricorso che si baserà su alcune fondamenta. Innanzitutto, per le minoranze, il Piano Regolatore prevede per l’area stazione un indice di edificabilità di 0,5mq al metro quadro. In sintesi il 50% dell’area dovrebbe

Iorio: Ittierre, vittoria del Molise Il presidente della Regione Molise Michele Iorio ha espresso soddisfazione per l’accordo raggiunto tra i proprietari della nuova Ittierre, il gruppo Albisetti e i rappresentati sindacali del tessile per il riavvio dell’azienda e l’assorbimento immediato di 570 lavoratori. “ Credo che la firma di quest’accordo – ha detto Iorio – rappresenti l’ennesimo importante risultato positivo nel lungo percorso intrapreso e che ha visto sia i soggetti istituzionali – governo nazionale, Regione Molise e commissari straordinari – che quelli imprenditoriali e sociali lavorare insieme per salvare quest’azienda e per riportarla, attraverso l’ideazione di un complesso, coraggioso e intelligente piano industriale, ad occupare il posto di prestigio che le compete nel panorama tessile e dell’alta moda nazionale ed internazionale. Un risultato positivo che appartiene a tutti e che deve essere vissuto come un successo di tutto il “Sistema Molise” che ha saputo dare una prospettiva ad una delle aziende più importanti e rappresentative oltre che confermare un futuro occupazionale per i centinaia di dipendenti diretti e indiretti che ad essa sono legati. Iorio ha poi voluto ribadire come il governo regionale intenda tener fede all’impegno assunto di sostenere e accompagnare quei lavoratori della stessa Ittierre che non sono interessati da questa prima fase di assunzione.

14 ANNO IV - N° 09 GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011

essere destinata a servizi pubblici e solo l’altro 50% per edilizia privata. L’accordo con Fs, invece, secondo l’opposizione, prevede un indice di edificabilità pari a 1,2 mq per metro quadro. Per fare l’accordo, dunque, il Comune avrebbe dovuto modificare il Piano Regolatore. Ma per l’opposizione nello schema di convenzione sarebbe stata ignorata anche la relazione tecnica al P.R.G. che prevede la sollecitazione nei confronti di privati a realizzare sia la quota di edilizia privata ma anche (almeno in parte) le opere pubbliche. Nell’accordo, invece, non ci sarebbe quest’obbligo, ma solo un invito. Stesso discorso anche per i parcheggi, non previsti nella convenzione ed invece inseriti nella relazione tecnica al Piano Regolatore. Polemiche anche sulla documentazione allegata alla proposta di convenzione. Per la minoranza, infatti, non ci sa-

rebbe l’effettiva altezza dei manufatti da costruire, raffigurati più bassi rispetto al numero di piani di cui dovrebbero essere composti. Inoltre, non ci sarebbe l’effettiva distanza tra gli edifici da realizzare e le strade, gli altri palazzi e gli spazi pubblici già presenti. Ed infine il ponte pedonale artistico che, per i consiglieri, sarebbe stato semplicemente enunciato, senza che ci sia nessuna rappresentazione grafica utile a capire dove sarà realizzato. Tutti punti che, come detto, hanno spinto alcuni consiglieri di minoranza ad impugnare la convenzione e procedere verso il ricorso al Tar. Intanto i tempi stringono e nel giro di pochi mesi il Comune dovrà decidere il da farsi. Se l’accordo non dovesse andare a buon fine, infatti, si rischia una cementificazione selvaggia dell’intera area della stazione

Centro storico Ztl sospesa L’assessore ai lavori pubblici, Rosa Iorio, rende noto che per consentire la realizzazione delle opere di sistemazione e di messa in sicurezza di alcune strade cittadine, è stato necessario che la dirigenza della Polizia Municipale disponesse diverse modifiche transitorie alla circolazione stradale. Per Via Occidentale è stato disposto il divieto di transito e di sosta nel tratto compreso tra il parcheggio coperto e la rampa secondaria di accesso di piazza Andrea D’Isernia. Predisposto anche il doppio senso di circolazione con ingresso riservato solo ai residenti nel tratto compreso tra il ponte Cardarelli ed il parcheggio coperto. In Via Roma invece divieto di sosta e doppio senso di circolazione così come in Via Gramsci. Oltre ad altre modifiche prevista anche la sospensione temporanea della ztl nel centro storico.

Atam, il teatro protagonista ad Agnone

Pesche, conferenza di Fabio Ottaviano

Nuovo appuntamento con la stagione teatrale dell’ Atam presso il teatro ItaloArgentino di Agnone. Domani alle ore 21:00 in scena “Nunsense – Le amiche di Maria”, con Lisa Angelillo, Serafina Frassica, Paola Lavini, Elisa Santarossa e Francesca Cinanni. Regia di Fabrizio Angelini. Un appuntamento da non perdere per gli amanti del teatro.

PESCHE - Questa mattina si terrà presso la sede di Pesche dell’Università degli sudi del Molise una conferenza stampa per presentare l’attività tecnicoscientifica promossa dall’Organismo Congiunto Consuntivo presenti anche rappresentanti del Energonut e il presidente del Consorzio industriale Fabio Ottaviano.


TERMOLI L’operazione è saltata in seguito al mancato accordo tra Abruzzo e Molise

No ai rifiuti a Guglionesi, Pineto chiede i danni Il sindaco della città abruzzese: smaltire lì costava meno, ma il presidente Chiodi non ha mai firmato la delibera Divampa la polemica tra il sindaco di Pinero, Luciano Monticelli, nei confronti delle Giunte regionali di Abruzzo e Molise ed ora è deciso ad andare fino in fondo. Al primo cittadino del centro abruzzese non è andato giù il divieto di portare i rifiuti dei suoi cittadini (insieme a quelli di tutta la Val Fino) nella discarica molisana di Guglionesi. Un blocco che sarebbe dovuto alla mancata sottoscrizione dell'accordo tra Abruzzo e Molise, contenuto nella delibera di Giunta regionale abruzzese numero 428 dell'agosto 2009. Secondo quanto accertato da Monticelli, la regione Abruzzo non ha mai dato seguito alla delibera, dando la colpa alla mancata approvazione da parte della Giunta molisana, costringendo i comuni della Val Fino a conferire i propri rifiuti prima a Grasciano (discarica Cirsu), poi a Cerratina di Lanciano. "Per il conferimento dei rifiuti a Guglionesi - sostiene Monticelli - i Comuni avrebbero pagato 90 euro a tonnellata (più Iva). Il conferimento a Grasciano ha avuto un costo doppio, ovvero di 180 euro a tonnellata, mentre a Cerratina i Comuni stanno pagando 150 euro. Questa situazione ci ha co-

stretto ad individuare un debito fuori bilancio per pagare le discariche"- Un aggravio di costi per il Comune di Pineto, di 300 mila euro che Monticelli ha intenzione diriavere. "Chiederò alla Regione Abruzzo che mi vengano ridati questi soldi, poiché è colpa della Giunta Chiodi se non ci è stato permesso di andare a Guglionesi visto che in base alla delibera 428 l’accordo con la Regione Molise era praticamente fatto". Il Sindaco è un fiume in piena ed ora vuole spiegazioni sul perché non si è dato mai seguito a quella delibera. "Qualcuno mente - conclude - non mi fermo qui. Ho intenzione di andare sino in fondo e capire cosa realmente è accaduto. Voglio una giustizia sociale in quanto è stato creato un disagio economico ad una intera collettività”. Nelle prossime ore il Comune di Pineto chiederà ufficialmente alla Regione Abruzzo l’accesso agli atti per verificare lo stato reale della delibera di Giunta Regionale 428 dell’agosto del 2009 con cui veniva determinato il conferimento dei rifiuti abruzzesi nella discarica di Guglionesi, in provincia di Campobasso.

Depuratore di contrada Padula Travaglini: tuteliamo la salute pubblica

MONTENERO DI BISACCIA - “Il nostro obiettivo primario resta la tutela della salute dei cittadini”. E’ stato questo, in sintesi, uno dei punti su cui il sindaco Nicola Travaglini ha posto l’accento nella discussione che si è tenuta all’interno del Consiglio comunale convocato, per l’occasione, in seduta monotematica aperta sul tema del Depuratore sito in Contrada Padula. L’impianto, come si ricorderà, è stato coinvolto nell’operazione giudiziaria denominata “Open Gates”. L’assise civica, nel corso della quale sono intervenuti anche l’assessore regionale all’Ambiente Salvatore Muccilli, il presidente della Provincia di Campobasso Nicola D’Ascanio e il sindaco di San Salvo Gabriele Marchese, ha permesso ai consiglieri di analizzare e dibattere i temi sollevati dalle inchieste venute alla luce negli ultimi mesi. A fronte di dubbi e perplessità di varia natura espresse dai rappresentanti dell’opposizione, l’Amministrazione comunale, per mezzo del sindaco Travaglini, ha inteso prima di tutto rassicurare i cittadini, confermando che i terreni del Comune non sono stati interessati dallo sversamento di fanghi; il primo cittadino ha poi sottolineato il regolare funzionamento

dell’impianto sito in Contrada Padula – che depura le acque reflue provenienti sia dall’agglomerato industriale e dall’area urbana di San Salvo, che dalla fascia costiera compresa nei comuni di Vasto, San Salvo e Montenero di Bisaccia – attestato anche da report forniti dall’Arpa Molise. “Una problematica di questa portata – ha affermato tra le altre cose il Sindaco nel corso del suo intervento – non può essere oggetto di una battaglia partitica; non siamo qui per fare critiche semplicistiche, ma per capire in che modo possiamo essere più efficienti nelle attività di controllo. Proprio in questo senso sto verificando se esistono le condizioni per avviare anche attività di controllo in proprio, oppure interagire e partecipare in qualche modo con i soggetti preposti a tali funzioni, soprattutto al fine di fugare ogni dubbio sulle attività di depurazione delle acque. Sono consapevole del fatto che viviamo in un periodo storico in cui si tende ad avere sfiducia nelle Istituzioni; questa tendenza, però, non può tradursi in un’improvvisa e generalizzata sfiducia negli enti preposti ai controlli. Se dovessero essere accertate responsabilità, ovviamente saremo i primi a prenderne atto e ad agire di conseguenza”. Il presidente del Consiglio comunale Domenico Porfido, invece, ha sottolineato l’esigenza di riacquisire una coscienza globale sui problemi legati all’Ambiente, perché “in caso contrario si farà sempre più fatica a capire chi è il controllore e chi il controllato”. Porfido ha poi affermato che non vi è una carenza di organi deputati al controllo – ve ne sono almeno cinque - ma che invece bisognerebbe avviare una riflessione e fare chiarezza sull’intera “catena dei controlli”, magari affidando ad un unico Ente super partes tutte le attività dedicate a queste tematiche, a tutela degli interessi pubblici e del territorio, oltre che per rintracciare in maniera più veloce eventuali mancanze. Nel corso del Consiglio comunale è stata inoltre auspicata un’opportuna collaborazione con il Comune di San Salvo: su questo argomento Travaglini e Marchese hanno già deciso di incontrarsi per affrontare alcuni temi comuni alle due realtà limitrofe.

Domani il convegno su Hospice e cure palliative GUARDIALFIERA - L'Hospice e le cure palliative, come occuparsi dell'interminabile e paziente voglia di vivere. Questo il tema del convegni di Studi organizzato dal Centro Studi Molise 2000, 'Hospice "Madre Teresa di Calcutta" di Larino e il Comune di Guardialfiera, fissato per le 17 di domani presso la Sala Conedera. Sul mistero della sofferenza e sulla lotta contro il dolore inutile, interverranno: Mariano Fiocco, primario dell'Hospice di Larino; Gennaro Barone, presidente dell'Ordine Provinciale dei Medici; Girolamo Baldassarre, responsabile dell'Ordine degli Psicologi; Giovanni Colei la, presidente del Collegio degli Infermieri; Antonio Chieffo, Consigliere Regionale. Durante l'incontro, condotto da Paola di Sabato, ci saranno canzoni di vita eseguite da "I sempre que//i/~' Pina di Nardo, Aldo Gioia, Arturo Troilo, e la messa in scena de "L'uomo dal fiore di bocca" atto unico di Luigi Pirandello, interpretato da "Maschere Nude" - Teatro Pirandelliano per la regia di Aldo Gioia.

Diocesi, oggi III incontro formativo SANTA CROCE DI MAGLIANO – Oggi alle 17,30, presso il “Centro della Comunità” in Via dei Carri, si svolgerà il terzo incontro del Percorso di Formazione Socio-Politico realizzato dalla Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali coadiuvata dalla Caritas Diocesana e dall’Ufficio Diocesano della Pastorale Sociale e del Lavoro. Il tema: “Per una società responsabile e solidale”, avrà come relatrice Suor Alessandra Smerilli. Introdurrà i lavori monsignor Gianfranco De Luca, vescovo della diocesi di Termoli-Larino. Questo percorso di formazione, iniziato lo scorso 26 ottobre con l’intervento del professore Franco Miano e proseguito il 3 dicembre scorso con il professore Giuseppe Savagnone, vuole rispondere all’invito di papa Benedetto XVI di impegnare i cristiani nella politica e nella ricerca del bene comune: "Non stancatevi di affidarvi a Cristo e di annunciarlo con la vostra vita, in famiglia e in ogni ambiente perché è questo che gli uomini anche oggi attendono dalla Chiesa. Come Leone XIII, Pontefice della prima enciclica sociale, la “Rerum novarum”, anche voi cercate il rinnovamento dell'impegno dei cattolici nella società". E’ quindi prioritario l’impegno dei cattolici in politica anche al fine di porre in atto quell’”Agenda di speranza per il futuro del paese” programmata a Reggio Calabria in occasione della Settimana Sociale dei Cattolici Italiani (2010), ove fu affermato: “Il bene comune impegna tutti i membri della società: nessuno è esentato dal collaborare, a seconda delle proprie capacità, al suo raggiungimento ed al suo sviluppo. Il bene comune esige di essere servito pienamente, non secondo visioni riduttive subordinate ai vantaggi di parte che ne possono essere ricavate, ma in base ad una logica che tende alla più larga assunzione di responsabilità”.


TERMOLI La struttura non compare tra i beni della lista pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale

Tremiti, lo Stato non vende il faro Il Comune potrà ottenerlo gratuitamente per la valorizzazione e l’eventuale vendita, a patto che il ricavato sia destinato all'abbattimento del debito pubblico

ISOLE TREMITI – Il faro di San Domino, che sorge in prossimità di “Punta del Diavolo” non sarà posto in vendita. Non rientra, infatti, nell'elenco pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di 61 beni del Ministero della Difesa posti alla vendita a privati e tra questi caserme, fari e un'isola. Nell'elenco ci sono i fari: Capo Rizzuto, Capo Trionto a Rossano, il Faro della Guardia sull'isola di Ponnza, Capo Molini ad Acireale, Punta liveccio a Favignana, Capo Milazzo, Punta Spadillo a Pantelleria, Capo

Faro a Santa Maria Salina, Scoglio Formica Maggiore. Dunque il faro di San Domino resta fuori dalla vendita ed ora il Comune potrà richiedere il bene al Governo centrale, che potrà essere ottenuto a titolo gratuito per una possibile valorizzazione ed eventuale vendita, ma a condizione che l’introito riscosso dalla pubblica amministrazione venga destinato all’abbattimento del debito pubblico. La storia del faro di Punta del Diavolo è stato toccato anche da un attentato pochi giorni dopo che nel 1987 il colonnello libico Gheddafi, rivendico le Isole Tremiti quale territorio appartenente al suo stato a seguito della deportazione di libici nel 1911. Pochi giorni dopo la rivendicazione, il faro fu preso di mira da due mercenari di nazionalità svizzera, Ian nater e Samuel Wampfler. Ma qualcosa non andò per il verso giusto e la bomba che i due stavano collocando all'interno del faro scoppio causando la morte di Nater, mentre Wampfler restò leggermente ferito e catturato mentre cercava di imbarcarsi sulla nave per far ritorno a Termoli dove avevano lasciato la loro autovettura con la quale erano giunti in Molise. Wampfler venne processato e condannato dai giudici della Corte di Assise di Foggia. Invece di terminare dietro le sbarre di un carcere, stranamente gku furono concessi i domiciliari in Valle d'Aosta, ai confini con la Svizzera. Dopo qualche mese di soggiorno, Wampfler sparì e di lui non si seppe più nulla. Come nessun altro particolare si seppe dell'intrigo.

Omosessuali si nasce? Luca Di Tolve al Cafè Teologico TERMOLI - Luca Di Tolve potrebbe essere un nome qualsiasi ma se ci si rifà a Povia, il noto cantante italiano, tanto caro a molti estimatori del suo genere musicale, viene immediatamente alla mente la canzone “Luca era gay” con cui si presentò al festival di San Remo del 2009 con un testo che da subito scatenò tante polemiche. Il protagonista di quella storia è proprio Luca Di Tolve. Sarà lui questa sera alle 20,45 presso laVida ad animare il “cafè teologico” per rispondere alla domanda ”Omosessuali si nasce?”. Partendo dalla sua esperienza personale fatta di lotte, ricerche, di tanta preghiera e soprattutto di molto coraggio Luca, di fronte alle speciose accuse d’ esser stato vittima di un lavaggio del cervello, in una intervista replica: “Non ci sto. Sono una persona in grado di intendere e di volere come lo ero quando ero un gay. La vera violenza è dire che è impossibile uscire dall’omosessualità”. E insiste: “Basta con questa accusa di omofobia. Chi discrimina è chi pensa che gay si nasce. Non esiste certo un gene. La mia scelta ha richiesto coraggio, anche perché non ho dovuto lottare solamente contro le mie abitudini, praticare l’astinenza per un periodo, ma ho dovuto rinunciare anche ai privilegi di una società in cui essere gay è trendy, ti serve a trovare un lavoro più facilmente e a fare soldi più in fretta”. Il tema dell’omosessualità è molto presente nella cultura contemporanea e soprattutto nel costume

Il Pdci Molise solidale con le maestranze Fiat TERMOLI – Anche sindacati e maestranze della Fiat di Termoli sono in attesa del risultato del voto di oggi a Mirafiori. Anche a livello locale, come per quello nazionale, i pareri sono discordanti e il segretario regionale del Pdci Molise, Giovanni Montesano, spezza una lancia a favore deilavoratori”. Montesano non nasconde la sua preoccupazione ritenendo che dopo Pomigliano e Mirafiori stessa sorte possa toccare anche lo stabilimento di Termoli. “La minaccia di delocalizzare viene ormai agitata in tutta la filiera auto. La cosa ancora più grave dell’atteggiamento della Fiat è che tale comportamento diventa un apripista per tutte le altre categorie. Saranno probabilmente in tanti a chiedere l’uscita dai contratti nazionali di lavoro – continua il segretario regionale - nella vana illusione che da una crisi di questa portata si possa uscire comprimendo ancora di più i salari dei lavoratori italiani che sono tra i più bassi in Europa. Andrebbe invece fatto l’esatto contrario, investire in formazione, innovazione e qualità, sia per il prodotto che per il lavoro. Imprenditori e governo da quest’orecchio non vogliono sentire troppo presi dalla visione corta dei loro interessi che guardano solo ai profitti di oggi. La Fiom e i lavoratori tutti della Fiat di Termoli sappiano che i Comunisti italiani e la Federazione della sinistra saranno al loro fianco contro un accordo che limita il diritto di sciopero, il diritto alla salute (chi si ammala rischia il licenziamento) il diritto alla rappresentanza. Siamo convinti – termina Giovanni Montesano - che questa battaglia abbia bisogno di un fronte unitario ampio, non è solo una battaglia sindacale”.

Si insedia il nuovo questore Maria Santoli

e negli stili di vita sessuale. E’di sicuro un tema scottante che però non bisogna escludere ma affrontare. Questa è un’occasione avendo la possibilità di ascoltare un vero protagonista. Il servizio di Pastorale Giovanile della Diocesi avvertendo questa urgenza se n’è fatta carico organizzando questo insolito modo di dibattere su un tema scottante e di attualità.

TERMOLI – Il Vice Questore maria Santoli ha preso ufficialmente il comando del Commissariato e il Presidente del Consiglio comunale, Alberto Montano, le ha inviato un messaggio di saluto e benvenuto. “Egregia dott.ssa Santoli, è con vivo piacere che accolgo la notizia della Sua nomina e del Suo insediamento a Termoli in qualità di Dirigente del Commissariato locale. Sono certo, da quanto ho potuto apprendere attraverso gli organi di informazione, che all’ impegnativo compito che l’attende Lei saprà rispondere con la professionalità e l’efficienza che L’ hanno già contraddistinta nei precedenti incarichi ricoperti. La nostra Città rappresenta una realtà dinamica e complessa, con problematiche sicuramente non paragonabili a quelle di altre aree urbane di maggior degrado più segnate da fenomeni criminosi, ma che richiede un impegno costante e una particolare sensibilità professionale per poter continuare a preservare quanto di buono è stato nel tempo realizzato in termini di tranquillità sociale e sano svi-

Chiamata d’imbarco per un pescatore

Presentato il progetto “Conoscere Termoli”

TERMOLI – La Capitaneria di porto ha diramato la chiamata d'imbarco per un pescatore sul motopesca “Fante di Picche”. Gli interessati devono presentarsi in Capitaneria alle 8 di domani, muniti di libretto di navigazione, foglio di ricognizione, tesserino di iscrizione al registro dei pescatori e certificato medico di visita preventiva d'imbarco.

TERMOLI – Alle 12 nella Sala consiliare del Comune, conferenza stampa per la presentazione del progetto “Conoscere Termoli”, dedicato al mondo della scuola. Saranno presenti il sindaco Antonio Di Brino, l’assessore alla Cultura Michele Cocomazzi, il coordinatore del progetto il professore Antonio Smargiassi, dirigenti e docenti dei plessi scolastici che aderiscono all’iniziativa.

luppo economico. Mi permetta per questo di inviarLe a nome mio personale e di tutto il Consiglio comunale che mi onoro di rappresentare un augurio di buon lavoro per un’azione fattiva e concreta a favore della comunità termolese. AssicurandoLe ogni proficua forma di collaborazione, Le invio i miei più cordiali saluti”.

17 ANNO IV - N° 09 GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta

Zuppa alla Santè

Una gallina con le interiora 800 g di scarola bianca e riccia, lessata un Pane di Franze, preparato con 6 uova, 300 g di farina 00 e 75 g di formaggio parmigiano grattugiato palluttelle, ottenute con 400 g di macinato misto

(vitello e tacchino), 2 uova e una manciata di formaggio di mucca grattugiato noce moscata un ciuffo di prezzemolo interiora di pollo e caciocavallo agnonese, a piacere q. b. di sale

Fiammeggiate la gallina per eliminare l’eventuale peluria, lavatela accuratamente insieme con le interiora, quindi mettetela in una pentola con l’acqua necessaria bollente, con aggiunta di sale e prezzemolo. Fate cuocere il brodo, a calore moderato, per il tempo necessario, avendo l’accortezza di schiumare di tanto in tanto. A cottura, tagliate a piccoli pezzi le interiora e fatele cuocere per cinque minuti nel brodo in ebollizione. Preparate, intanto le palluttelle: in una ciotola amalgamate la carne, macinata finemente, con le uova, un pizzico di sale, un odore di noce moscata ed un trito finissimo di prezzemolo. Unite la quantità di formaggio necessaria ad ottenere un composto della giusta consistenza e con esso fate delle polpette molto piccole, infarinatele leggermente e friggetele in olio bollente, ma potete anche cuocerle in qualche mestolo di brodo. Per il Pane di Franze, battete i tuorli delle uova con un pizzico di sale, un odore di noce moscata e il prezzemolo tritato finemente, aggiungete a pioggia la farina e il formaggio, mescolando fino ad ottenere un composto omogeneo. Unite, quindi, gli albumi montati a neve ben soda con un pizzico di sale, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto. Versate il composto in una teglia rivestita con carta forno e fate cuocere in forno preriscaldato, a 180°, per 12 minuti, sfornate il Pane, fatelo raffreddare e tagliatelo a cubetti regolari. Filtrate il brodo, mettetelo in una pentola e fatevi insaporire, a calore moderato, la scarola tagliata a coltello, quindi disponete in una zuppiera o nei piatti individuali una manciata di tocchetti di Pane, una di caciocavallo e una di palluttelle di carne. Aggiungete il brodo fumante con la scarola, un’abbondante pioggia di formaggio e portate in tavola la Zuppa, un primo maestoso per gusto e prestigio. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

COMUNALE 1 Via Calabria, 37 Tel. 0874.483629

FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123

COMUNALE 2 (di appoggio) Via XXIV Maggio, 180 Tel. 0874.66811

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CARUSO - Via Delle Querce, 1/F - Tel. 0875.751898 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 12:56 14:15 18:01

Arrivo 07:53 09:22 17:57 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:04 17:29 19:30

Arrivo 09:00 09:23 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,10-17,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,30-12,40(anche 13,30-13,45 -14,00 festivo)-14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

20 feb - 20 mar

Ariete - Oggi sarà abbastanza inutile scendere a compromessi con la persona che vi sta di fianco, poiché tanto alla fine avrete la meglio e indietreggeranno senza bisogno che voi facciate il minimo sforzo. Sapete come far pesare le vostre idee sugli altri e soprattutto sapete far pesare la vostra enorme influenza! Toro - In questa giornata guardarvi intorno potrebbe esservi utile, poiché potreste scoprire qualcosa che vi interessa proprio in quegli ambiti che di solito tralasciate e a cui non prestate attenzione poiché li ritenete inutili. Sarà bene per prima cosa prestare l'orecchio ad alcuni discorsi delle persone della vostra famiglia e già da qui inizierete bene! Gemelli - Un vostro amico in questa giornata potrebbe lasciarvi a bocca aperta poiché potrebbe assumere un atteggiamento che proprio non vi sareste mai aspettati da lui. Delle volte capita che ci si possa sbagliare su una persona, l'importante però è non ripetere due volte lo stesso errore, quindi occhio per il futuro! Cancro - Dovreste aspettare qualcosa in questa giornata, un pacco, una risposta, una notizia. Qualsiasi cosa sia, assicuratevi che non vengano a saperlo troppe persone, altrimenti vi rovineranno la sorpresa ed un momento che doveva essere tutto vostro, diventerà in un battibaleno di pubblico dominio. Proprio quello che vi ci vuole per la vostra autostima! Leone - In questa giornata di tutto potreste preoccuparvi, fuorché di soldi e questo non perché ne abbiate a palate, ma semplicemente perché per oggi non vi serviranno e quindi tanto vale non pensarci troppo per rovinarsi un bell'attimo di pace. Se volete affrontare delle spese, pensateci domani, farete due conti con più serenità! Vergine - La vostra vita adesso sta attraversando una fase quasi magica, che nemmeno voi riuscite pienamente a realizzare per quanto è inverosimile. Difficilmente vi accontentate e difficilmente sapete stare tranquilli, soprattutto per quel che riguarda i sentimenti, ma oggi non avrete proprio nulla di cui lamentarvi, discutere o crucciarvi! Bilancia - In questa giornata potrebbe arrivare una notizia che vi toccherà condividire con molte persone, nonostante avreste preferito di gran lunga poter affrontare da soli o con le persone che amate. Comunque si tratterà di qualcosa di estremamente positivo, quindi non disperate, piuttosto preparatevi ad essere al centro dell'attenzione di tutti per un po'! Scorpione - La vostra energia supererà quella di ieri e voi sarete in una forma smagliante, pronti già in mattinata a fare qualcosa di grande per voi stessi e per la vostra vita! Forse qualcosa di grande no, ma un piccolo successo personale si può sempre ottenere e questo ci aiuta ad andare avanti e fare sogni sempre più lontani dalla realtà che però potrebbero avverarsi prima o poi! Sagittario - In questa giornata assumerete un atteggiamente talmente tanto positivo, che vi sarà alquanto difficile lagnarvi di qualcosa anche quando ne avreste tutti i motivi! E' importante per tutti iniziare bene la giornata e la vostra sarà fantastica, ecco perché troverete difficoltà a rovinarvela. Che poi, perché mai dovreste tentare di rovinarvela? Capricorno - In questa giornata è possibile che se sarete a contatto con il pubblico e la gente in generale, la troverete insopportabile ed irritante! Tuttavia sapete benissimo anche che non avete un carattere semplice e che il più delle volte, lascontrosità degli altri dipende dalla vostra! Un piccolo controllo sul vostro umore prima di parlare sarebbe il massimo! Acquario - Oggi qualcuno vi mostrerà un lato del proprio carattere che non avevate mai nè visto nè considerato e sulle prime non saprete neppure se prenderla bene o male. Tuttavia, dovete sempre trovare positivo il fatto che riusciate a conoscere meglio qualcuno, perché in questo modo potete fare esperienza con i rapporti personali di qualsiasi tipo! Pesci - Oggi avrete molto bisogno di distrarvi e di non approfondire alcune questioni sentimentali che vi hanno colpito ultimamente ma che non avete saputo gestire per un eccesso di emozione. Odiate non controllare la vostra reazione, pertanto al momento siete arrabbiati con voi stessi anche se non dovreste!


ANNO IV - N° 09 - GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it IL VENAFRO SI PREPARA PER LA CIVITANOVESE

PARTITO IL PROGETTO “CRESCERE CON LO SPORT”

Oggi pomeriggio amichevole al “Marchese del Prete” tra il Venafro e l’Alvignano, squadra che milita nel campionato di promozione campana. Si tratta di un test utile al tecnico Corrado Urbano per provare uomini e schemi in vista del delicato match di domenica in casa contro la Civitanovese dell’ex difensore Francesco Marotta, attuale capitano del team marchigiano reduce dal convincente successo interno ottenuto ai danni del Fossombrone. Per l’occasione sono tutti arruolabili in casa Venafro ed in campo potrebbe esserci anche il difensore Avolio. La pesante sconfitta rimediata nello scorso turno in casa della capolista Teramo è stata smaltita in questi giorni e alla ripresa degli allenamenti mister Urbano si è soffermato a lungo con la sua squadra per analizzare attentamente la partita giocata in terra abruzzese: qualche ingenuità di troppo sta finendo per penalizzare la squadra di patron Patriciello ed in causa è chiamata soprattutto la difesa. A PAG. 21

Ha preso il via la quarta edizione del Progetto "Crescere con lo Sport", ideato e promosso dal Comitato Provinciale del CONI di Campobasso. L'inrziativa è rivolta alla Scuola Primaria ed è in corso di attuazione presso il III Circolo diCampobasso, scelto come scuola destinaria del Progetto. L'attività prevede un programma di educazione motoria attraverso la pratica degli sport tradizionali ed è rivolta agli alunni della scuola ubicata in un quartiere popolare della periferia della città, priva di palestra e di attrezzature sportive. Il fine ultimo è, in sostanza, quello di prevenire il disagio minorile attraverso lo sport, promuovendo i giochi tradizionali attraverso un percorso educativo-didattico intenzionale per pennettere ad ogni alunno di conoscere, accettare e sviluppare le proprie capacità motorie sotto forma ludica, in un clima di serenità. A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Due le ipotesi al momento: ingresso di Pulitano in società o la costituzione di un pool di imprenditori

Quale futuro per il Campobasso? Il presidente Capone ha lanciato l’allarme, seppur intenzionato a non lasciare la guida Il giorno dopo il summit societario l’ambiente rossoblù si interroga su quale futuro attende la società del capoluogo di regione. Se da una parte il presidente Capone ha cercato di tranquillizzare la piazza, affermando di non essere intenzionato a mollare, dall’altra ha palesato delle difficoltà economiche alle quali bisognerà pure fornire delle risposte. ‘Il Campobasso non è in vendita’ – ha dichiarato l’imprenditore irpino, ma non ha chiuso la porta della società ad eventuali acquirenti che, però, siano realmente interessati alle sorti del calcio cittadino. C’è stato, insomma, un primo step che comunque ha fatto suonare un campanello d’allarme. Se la città era abituata alla solidità economica del club, garantita sino a questo momento dalla famiglia Capone, adesso la linea di demarcazione è divenuta più sottile e le preoccupazioni potrebbero tornare all’ordine del giorno. E’ necessario l’apporto dell’intera comunità, in primis di quegli enti,

Marco Pulitano

comune e regione, che stanno facendo venir meno il proprio contributo. Sul web ci sono stati attestati di solidarietà alla famiglia Capone e l’invito, da parte del popolo rossoblù, al patron di non mollare. Ma quali scenari si aprono ora? Innanzitutto si deve partire dal presupposto, dichiarato, che la società non è in vendita, ma ha ravvisato la necessità di ricevere contributi per concludere nel migliore dei modi la stagione. Al summit di martedì era presente anche il commercialista di Marco Pulitano in rappresentanza dell’imprenditore campobassano, il quale ha preso visione del bilancio societario. E non solo in quanto sponsor principale, ma anche, evidentemente, in prospettiva futura. Nelle intenzioni di Pulitano c’è quella, non celata, di acquisire quote societarie, magari anche la prossima stagione, ma partendo da un ulteriore contributo da fornire in quest’annata. A questa ipotesi va ad aggiungersi un’eventualità, più re-

mota. Cioè quella di creare un pool di imprenditori campobassani e molisani che possano entrare in società o eventualmente acquisire l’intero pacchetto azionario. Un tentativo è stato già fatto in queste ore, ma sembra non essere andato a buon fine. Sembra siano stati contattati Edoardo Falcione, Paolo di Laura Frattura, Vittorio Molinaro, Mascioli, Colavita, Scassera e altri cinque imprenditori della zona. L’obiettivo sarebbe quello di riunire almeno quindici imprese in modo tale che il dispendio economico sia moderato. Al momento pare che nessuno abbia fornito un’adesione certa, in attesa di verificare l’evolversi della situazione. Ovviamente di questo pool farebbe parte anche Pulitano. L’ipotesi, suggestiva, crediamo sia di difficile attuazione in questo contesto. Nelle prossime settimane ci sarà un nuovo incontro per valutare i cambiamenti avvenuti, qualora dovessero esserci, e stabilire nuove strategie. mdi

LA SQUADRA

CURIOSITA’

Mercato in stand by in attesa di Pifano Il gruppo lavora al completo

Da Che bella giornata il grido Forza Lupi

Oggi amichevole all’antistadio con gli allievi della Primavera

Luigi Luciano resta tifoso rossoblù

Ancora un allenamento mattutino nella giornata di ieri per il gruppo rossoblù che si avvicina a grandi passi alla ripresa del campionato. Domenica, come noto, per la 1^ giornata del girone di ritorno, i molisani saranno di scena ad Aversa. Il gruppo sta lavorando al gran completo e anche gli infortunati di lungo corso hanno ripreso il consueto lavoro, ovviamente a piccoli passi. Per domenica saranno disponibili anche Gallicchio e Murati, mentre per Ibekwe e Gennarelli bisognerà attendere un’altra settimana. Questo pomeriggio Minadeo & co. saranno impegnati nel consueto test amichevole infrasettimanale e affronteranno la formazione

allievi della Primavera presso l’antistadio di Selva Piana (ore 14.30). L’occasione sarà utile al tecnico Vincenzo Cosco per valutare lo stato di forma raggiunto dal gruppo e anche per provare uomini e schemi in vista della gara di domenica. Per l’incontro in terra campana l’allenatore molisano dovrà fare a meno di Frank Maglione, che deve scontare una giornata di squalifica. Il mercato, invece, è ancora in stand by e probabilmente non ci saranno colpi da novanta, ma solo l’ingaggio di qualche under. Pifano resta in attesa di ricevere buone nuove, ma al momento non è ancora stato contattato dalla società rossoblù. dim

Intervistato dal collega della pagina della culura, Luigi Luciano, attore campobassano nel cast di ‘Che bella giornata’, film che sta sbancando i botteghini, ha concluso la mail con un inatteso FORZA LUPI. L’attore continua a seguire le sorti della squadra della sua città ed ogni qual volta fa ritorno nel capoluogo di regione, si reca in curva nord per seguire la sua squadra del cuore.


S P O RT CALCIO SERIE D

Venafro, test in vista della Civitanovese I bianconeri oggi al Del Prete affrontano l’Alvignano.Urbano studia l’undici da schierare domenica

Corrado Urbano tecnico del Venafro

Oggi pomeriggio amichevole al “Marchese del Prete” tra il Venafro e l’Alvignano, squadra che milita nel campionato di promozione campana. Si tratta di un test utile al tecnico Corrado Urbano per provare uomini e schemi in vista del delicato match di domenica in casa contro la Civitanovese dell’ex difensore Francesco Marotta, attuale capitano del team marchigiano reduce dal convincente successo interno ottenuto ai danni del Fossombrone. Per l’occasione sono tutti arruolabili in casa Venafro ed in

campo potrebbe esserci anche il difensore Avolio. La pesante sconfitta rimediata nello scorso turno in casa della capolista Teramo è stata smaltita in questi giorni e alla ripresa degli allenamenti mister Urbano si è soffermato a lungo con la sua squadra per analizzare attentamente la partita giocata in terra abruzzese: qualche ingenuità di troppo sta finendo per penalizzare la squadra di patron Patriciello ed in causa è chiamata soprattutto la difesa; non a caso la retroguardia bianconera risulta essere la più perforata del raggruppamento F con ben quaranta gol incassati in ventuno gare, praticamente una media di due reti a partita, troppe per una squadra che punta dritta alla salvezza senza passare per i play out. Urbano spera nella pronta reazione della sua squadra e guarda alla sfida di domenica con moderato ottimismo: “Non era a Teramo che dovevamo fare punti e la sconfitta ci poteva pure stare. Ora dobbiamo subito rialzarci e pensare di fare bene domenica in casa contro la Civitanovese. Ci attendono due incontri decisivi in tre giorni , infatti mercoledì prossimo saremo attesi dalla insidiosa trasferta di Fossombrone. Ai miei ragazzi alla ripresa degli allenamenti ho chiesto massima concentrazione e determinazione, ed è quella che voglio vedere in campo sin da domenica”. AP

Il Teramo ingaggia l’under Bontà La S.S.D. Teramo calcio S.r.l. comunica di aver raggiunto l'accordo con il calciatore Eugenio Bontà, il quale è già a disposizione di Mister Cifaldi. L’under, classe 1991, ricopre il ruolo di esterno di centrocampo e proviene dall'Aquila Calcio società

con la quale ha collezionato in questa stagione una presenza nel Campionato di Seconda Divisione. L'ingaggio del giovane esterno segue quello del difensore di fascia Umberto De Lucia, classe 1992, proveniente dal Fossombrone.

CLASSIFICA

GIUDICE SPORTIVO 1 gara Fusaro (Trivento) Gregorio (Santarcangelo) Sebastianelli (Jesina) Focante (Jesina) Berardi (O.Agnonese) D’Alessandro (Angolana) ALLENATORI Favo (Trivento) Ristic (Real Rimini) DIRIGENTI Sabelli (Agnonese) inibito fino al 31/03/11 AMMENDE 1.500.00 euro e diffida alla Jesina

Teramo Rimini Santarcangelo Santegidi. (-1) Real Rimini Jesina Forli’ R. C. Angolana* Civitanovese Sambenedettese Recanatese Olymp. Agnonese Atl. Trivento Atessa VDS Luco Canistro* Venafro Miglianico Fossombrone Cesenatico Bojano

47 44 39 33 33 33 32 31 29 29 29 28 26 26 26 22 18 15 14 8

*Una gara in meno

Il Forlì espugna Fossombrone Si è giocato ieri pomeriggio il recupero valevole per la diciannovesima giornata del girone F tra Bikkembergs Fossombrone e Forlì. La formazione ospite si è imposta di misura grazie alla rete realizzata al 63’ da Perazzini, abile a deviare in rete di testa una punizione dal limite calciata da Balestra. Per il Forlì si tratta della seconda vittoria consecutiva che lancia la formazione romagnola a ridosso della zona play off.

Una formazione del Forlì

PALLAVOLO FEMMINILE

Al via il campionato di prima divisione per l’Eurovolley

La formazione del Guardialfiera

Nel corso della pausa natalizia del campionato di serie C, l’Eurovolley, con le ragazze del gruppo di Guardialfiera, ha cominciato il campionato di prima divisione regionale in trasferta sul campo della Nuova Pallavolo nella palestra della Villa De Capoa di Campobasso. La poca abitudine a calcare i campi di gioco e l’inesperienza delle ragazze del duo Iannone – Spallone, alla sua prima esperienza ufficiale, hanno fatto sì che la partita non dicesse molto anche se a sprazzi l’Eurovolley ha messo in mostra delle qualità sulle quali lavorare per il futuro. La partita è finita 3-0 in favore della Nuova Pallavolo che ha meritato ampiamente avendo condotto la gara per tutti e tre i set disputati. Il primo set non era iniziato male per l’Eurovolley che è scesa in campo per nulla intimorita e con una certa sicurezza, mettendo a segno qualche bel punticino. La squadra ospite però non è stata a guardare e ha risposto punto su punto. Una flessione nel gioco della squadra ospite e la reazione della Nuova Pallavolo hanno però con-

sentito a quest’ultima di allungare nel finale e fare proprio il set. Questo è bastato per scoraggiare le ragazze dell’Eurovolley che sia nel corso del secondo che del terzo set non sono più riuscite a contrastare efficacemente le avversarie, chiudendo le successive frazioni di gioco con passivi più consistenti. La poca esperienza purtroppo ha giocato un ruolo importante a sfavore delle ragazze di Guardialfiera che hanno ancora molti margini di miglioramento soprattutto in fase di impostazione del gioco. Pur essendo una squadra giovane le padrone di casa hanno dimostrato già un buon carattere e una discreta continuità nel gioco, fatta salva qualche distrazione più che comprensibile. L’Eurovolley ha approfittato come ha potuto di questi cali delle avversarie per prendere slancio e convinzione e giocare senza timore, ma senza riuscire ad essere costante nelle proprie azioni di gioco. Questo ha dato via libera alla Nuova Pallavolo che non ha perso l’occasione per condurre il gioco e imporre il proprio ritmo alla gara.


S P O RT CONI CAMPOBASSO

Ha preso il via il progetto Crescere con lo Sport Ha preso il via la quarta edizione del Progetto "Crescere con lo Sport", ideato e promosso dal Comitato Provinciale del CONI di Campobasso. L'inrziativa è rivolta alla Scuola Primaria ed è in corso di attuazione presso il III Circolo diCampobasso, scelto come scuola destinaria del Progetto. L'attività prevede un programma di educazione motoria attraverso la pratica degli sport tradizionali ed è rivolta agli alunni della scuola ubicata in un quartiere popolare della periferia della città, priva di palestra e di attrezzature sportive. Il fine ultimo è, in sostanza, quello di prevenire il disagio minorile attraverso lo sport, promuovendo i giochi tradizionali attraverso un percorso educativo-didattico intenzionale per pennettere ad ogni alunno di co-

noscere, accettare e sviluppare le proprie capacità motorie sotto forma ludica, in un clima di serenità. All'occhio comune, i giochi tradrzionali divertono semplicemente, ma all'educatore appare chiara la loro valenza nello sviluppo di tutte le capacità coordinative speciali; per la sua dinamicità e variabilità questo tipo di attività induce il bambino a trovare soluzioni nuove, stimolandone la creatività e favorendo l'acquisizione di nuovi schemi motori. La corsa con i sacchi, il tiro alla fune, un due tre stella, regina reginella, palla rimbalzata,la campana sono solo alcuni dei tanti giochi che la fantasia di piccoli e grandi hanno prodotto per un sano divertimento. L'attività proposta risponde ai principi della polivalenza (favo-

rire lo sviluppo di tutte le aree della personalità), della multilateralità (favorire una base motoria ampia ed integrata) e della partecipazione (creare le condizioni affinché tutti gli alunni indipendentemente dal loro livello di capacità motoria possano prendere parte ai giochi in maniera attiva). In questo contesto si colloca il Comitato Provincaile CONI di Campobasso che ha selezionato un gruppo di istruttori federali, nell'ambito dello Staff Tecnico del Comitato stesso, che svolge attività motoria con gli alunni della scuola. In virtù del principio "nessuno escluso" che muove tutte le attività promozionali del CONI, sono coinvolti tutti gli alunni di tutte le classi prescelte, secondo un calendario stilato in accordo con il dirigente della

Antonio Rosari,presidente del Coni Campobasso

scuola, per un numero di partecipanti pari a circa 500 unità. "Crescere con lo Sport" si concluderà con una manifestazione finale, in programma nel mese di maggio, a cui parteciperanno tutti i protagonisti del progetto.

BASKET SERIE C DILETTANTI

Il Termoli ritrova il sorriso

Foto di S.Braccia

Dopo un periodo nero, la Corazzata Martino Group torna a vincere.In unapartita giocata sabato 8 gennaio in serale tra le mura del palazzetto di Giulianova, i biancazzurri chiudono la tredicesima partita di campionato con un +10 di scarto sugli avversarsi. Una vittoria necessaria per riprendere fiato e serenità e che porta gli uomini del coach Di Salvatore a prepararsi con maggior lucidità e consapevolezza verso la prossima partita. Gori è il top score della squadra con i suoi 15 punti personali,Ivano De Sanctis, ancora in recupero, inizia a muovere i primi passi importanti con la casacca virtussina e và anche lui in doppia

22 ANNO IV - N° 09 GIOVEDÌ 13 GENNAIO 2011

cifra e a ruota lo segue Balsa Vulekovic e infine Mario Milone con i suoi 10 punti personali. Il Giulianova invece, è trascinato da Simone Travaglini che non teme il canestro e infatti porta a casa 21 punti personali e da Daniele Iagrosso anche lui in doppia cifra. Il primo quarto di gioco della Martino Group si apre con Michele Bertinelli che va a canestro da sotto ed è portato avanti da Gori e Milone e si chiude con canestro di Balsa Vulekovic; il secondo quarto parte con un canestro di Daniele Iagrosso prosegue con Corbetta che fa un 2/2 nei tiri liberi e De Sanctis la piazza da 3. Il giuliese Simone Travaglini si rende temibile realizzando una serie di tiri liberi, dopo un fallo di Andrea Casasola, De Sanctis realizza un 2/2. Si va al break con una situazione di netta superiorità dei termolesi (27-43). Le squadre tornano in campo, Montuori va a canestro e Iagrosso risponde, qualche minuto dopo Travaglini la centra da 3, i giuliesi proseguono nel tentativo di racimolare qualche punto e Giorgio Palantrani fa un 2/2 ma la Virtus è ancora in vantaggio e lo mantiene fino alla fine di questo terzo quarto. La fase

finale della partita vede Montuori che realizza da 3, il Globo Giulianova che si porta avanti con una serie di tiri dalla lunetta e Fabio Sciarretta che la centra da 3. La partita si chiude con De Sanctis che fa un 2/2 e Iagrosso che tenta invano un tiro da 3, suona la sirena ed il risultato finale è di 6373 per la Martino Group. Dando uno sguardo alle altre compagne di girone vediamo: Us Basket Lucera che perde inaspettatamente contro la squadra in coda alla classifica, il Sulmona; la Pinauto Airola continua nella sua corsa e mette un´altra bandierina vincente, questa volta a discapito dell´Alidaunia Trinitapoli; la Mister Toto Juve Trani vince in casa con la Quarta Caffè Monteroni; la molisana Banca Etruria Venafro perde con il Mola, il quale si aggiudica l´accesso in Coppa Italia e infine la Dimensione solare Roseto vince con un buono scarto sulla Bio Fox Vasto. Il prossimo appuntamento della Martino Group è domenica prossima 16 Gennaio tra le mura casalinghe contro l´Us Basket Lucera. La palla a due è come sempre alle 18. Ilaria Rivellino

BASKET SERIE C REGIONALE

Sconfitta interna per l’Olympia Peccato. L’Olimpia Campobasso cancella la brutta prestazione di inizio anno fatta registrare contro il Lanciano, ma non riesce a prendere i due punti nel secondo turno interno casalingo consecutivo con il Campli, 56 a 63 il risultato finale. In una gara condizionata dai tanti strappi messi in pratica da una parte e dall’altra, i sussulti migliori arrivano nell’ultimo quarto, quando gli ospiti riescono a piazzare l’allungo decisivo che punisce oltre misura la squadra del capoluogo di regione. Tra i locali, che hanno pagato ancora una volta il fattore inesperienza nei momenti caldi del match, va segnalata un’altra buona prestazione del playmaker Romito autore di 21 punti.

Classifica Fifa: l'Italia resta 14^

Totti e De Rossi hanno interrotto l’allenamento

L'Italia non cambia il suo ranking mondiale. Nella nuova classifica della Fifa aggiornata ad oggi, gli azzurri si mantengono al 14/o posto. Pressoche' immutata la top 10: al primo posto c'e' sempre la Spagna campione del mondo, davanti a Olanda, Germania, Brasile, Argentina e Inghilterra. L'unica variazione, rispetto a dicembre, riguarda l'Egitto che perde un posto (ora e' decimo), e la Croazia, che riconquista la nona piazza. In settima posizione l'Uruguay, ottavo il Portogallo.

Piccolo allarme per Totti e De Rossi: i due giallorossi hanno interrotto l'allenamento in anticipo per alcuni problemi fisici. Ieri mattina, a Trigoria, capitano e vicecapitano hanno dovuto lasciare il campo prima del tempo. Sul sito internet della Roma e' stato reso noto che per De Rossi si e' trattato di un riacutizzarsi di un problema al ginocchio destro; affaticamento, invece, per Totti.


lagazzettadelmolise130111a  

IL TAPIRO DEL GIORNO AL TAVOLO DEL CENTROSINISTRA CAMPOBASSO COLLETORTO L’OSCAR DEL GIORNO ALL’ASSESSORATO REGIONALE E ALL’ENTE PROVINCIALE...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you