Page 1

Furti di auto, in manette un albanese

Inps, arriva l’estratto conto previdenziale on line

CAMPOBASSO – I Carabinieri di Bojano e Benevento hanno sventato una banda di ladri dediti al furto di auto tra Molise e Campania. Ad essere arrestato un 27enne albanese, mentre sono ancora ricercati gli altri complici. Intanto, i militari hanno recuperato i mezzi rubati dai malviventi, tutti stranieri. A PAG11

CAMPOBASSO - Saranno on line le novità per 200mila “pensionandi” italiani per il 2010 e 2011. Si potrà consultare da casa il proprio estratto conto previdenziale in formato elettronico, collegandosi al sito dell’Inps (www.inps.it), e si potranno segnalare eventuali lacune presenti. A PAG. 2

ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: Poligrafica Ruggiero srl - 83100 Avellino - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Ora chiedi scusa alla città www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A REMO PERNA E’ un botta e risposta senza fine quello tra il quotidiano Nuovo Molise e l’imprenditore Remo Perna. La questione è quella dello Zuccherificio. E proprio ieri il socio venafrano replicava e chiariva la sua versione dei fatti rispedendo di fatto al mittente gli attacchi del giornale di Ciarrapico. Poi però alle 17 il direttore di Nuovo Molise, Pasquale Di Bello, è stato avvistato al bar Brisotti giustappunto con Remo Perna. Ma niente niente si stavano accordando sul prezzo del silenzio? E’ proprio vero, loro sì che hanno la schiena dritta!

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA COLDIRETTI Una grande festa in piazza Municipio a Campobasso ha chiuso l’iniziativa “Campagna Amica” della Coldiretti che ha coinvolto 1.500 bambini delle scuole materne ed elementari. I ragazzi più grandi si sono cimentati nei laboratori per la trasformazione del latte, la preparazione del pane e della pasta, mentre i più piccoli hanno appreso nozioni sul lungo lavoro delle api che porta alla produzione del miele. Un ottimo modo per avvicinare le nuove generazioni alla campagna ed alla natura, ma anche per creare una cultura del mangiar bene e sano contro la filosofia dilagante dell’eccesso di cibo. Tutti ingredienti giunti per l’oscar del giorno alla Coldiretti.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Niente più file inutili agli sportelli e aggiornamenti in tempo reale Anche l’istituto di previdenza di adegua all’era di internet

L’Inps mette in rete l’estratto conto di 200mila futuri pensionati CAMPOBASSO – Arrivano on line le novità per 200mila “pensionandi” italiani. Tutti quelli che conseguiranno l’età pensionabile nel corso di questo e del prossimo anno (2010 e 2011) potranno consultare da casa il proprio estratto conto previdenziale in formato elettronico, collegandosi al sito dell’Inps (www.inps.it), e potranno segnalare interattivamente le eventuali lacune presenti. Basterà essere in possesso del codice personale di accesso (il Pin si può richiedere online o via telefono), per garantire la necessaria riservatezza nel corso della consultazione. Infatti, oltre alla semplice consultazione, sarà consentito un alto grado di interattività: i cittadini potranno segnalare direttamente on line i dati errati o mancanti, attra-

verso una procedura guidata sul sito, eventualmente allegando in formato digitale documenti utili alla definizione della richiesta. La comunicazione della richiesta di variazione del proprio estratto conto previdenziale elettronico sarà così automaticamente protocollata e inoltrata alla sede Inps territorialmente competente per le necessarie fasi di lavorazione. Il sistema consentirà l’emissione di una ricevuta stampabile. Dopo l’estate l’operazione verrà estesa ai circa tre milioni di cittadini iscritti alla Gestione separata: anche loro, dotandosi di Pin, potranno consultare online il loro fascicolo previdenziale personale. L’uso del Pin consentirà quindi a tutta la popolazione italiana assicurata all’Inps di abituarsi a leggere il

proprio conto previdenziale online. Nello stesso spirito di un rinnovato servizio ai cittadini assicurati Inps, dalla fine del mese di maggio i lavoratori dipendenti attivi tra il 2005 e il 2009, potranno consultare sul sito Inps – sempre tramite il codice personale Pin – il proprio Cud previdenziale. Il Cud previdenziale contiene in modo analitico tutti i dati presenti sul quadro C del Cud e, analogamente a quanto previsto per l’estratto conto elettronico, sarà possibile per l’utente segnalare eventuali informazioni errate o mancanti. Anche in questo caso, una lettera a domicilio degli interessati informerà circa l’attivazione del servizio e solleciterà l’acquisizione del Pin necessario alla consultazione.

Franco D’Abarno, membro del movimento Piccoli Comuni, descrive il rapporto della fondazione Agnelli del marzo scorso

Scuola: “In Molise la spesa per studente supera di 527 euro il costo standard” “Federalismo scolastico? Nella nostra regione servono 23 milioni per mantenere la situazione attuale” CAMPOBASSO – Franco D’Abarno, ex consigliere del Comune di Lupara e membro del movimento Piccoli Comuni, riporta il sunto del rapporto della fondazione Agnelli (del marzo scorso) sui numeri della scuola molisana. “La scuola del sud è ‘scarsa’ rispetto alla scuola del nord, compreso il nostro Molise. La spesa per la scuola nella nostra regione è notevolmente superiore rispetto alla spesa standard calcolata nello studio, il cosiddetto ‘costo standard’, che vincolerà il nostro futuro. La riduzione del personale docente, a seguito del calo demografico subirà un drastico taglio. Nel 2012, la regione Molise subirà un taglio del personale docente del 18% con l’applicazione del federalismo scolastico, e del 16 % anche senza l’applicazione del federalismo

2 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010

scolastico. Il costo per studente nel Molise risulta essere di 527 euro in più rispetto al costo standard simulato dallo studio. Se si dovesse applicare il federalismo scolastico, significherebbe che la parte eccedente del costo medio per studente, cioè 527 euro, dovrebbe ‘uscire dalle tasche’ della regione Molise. Facendo un semplice calcolo, dato dalla moltiplicazione del numero degli studenti molisani, circa 45mila (anche se in calo di circa 1000 unità per l’anno prossimo) per il costo eccedente (527 euro), è presto detto: al Molise per mantenere la situazione attuale servono 23 milioni di euro. Dove potremmo prendere questi soldi se la situazione rimarrà invariata? Ci sarà un aumento delle tasse regionali?

Nemmeno questo potrebbe aiutarci: sono già tutte impegnate per coprire il debito della sanità, e quindi si deve pensare ancora a chiusure e diminuzioni di servizi? Oppure interverrebbe sempre lo Stato con il famoso fondo perequativo che ancora non è chiaro in che misura e dove interviene? Quindi, noi che viviamo in piccoli comuni (montani, collinari o no) da oggi siamo classificati come “sprechi”. Prendiamo atto della nuova denominazione: non più cittadini della Repubblica italiana, ma sprechi della Repubblica italiana! Il fatto che l’efficienza debba essere un modello da perseguire siamo tutti d’accordo, ma che l’efficienza debba diventare eliminazione di servizi, non credo che possa ancora essere ancora efficienza. Nel 2012, infine, la regione

Molise subirà un taglio del personale docente del 18% con l’applicazione del federalismo scolastico e del 16 % anche senza l’applicazione del federalismo scolastico”.

Taglio alle Province Primo sì alla Camera

Manovra, il Pd a Roma il 19 per manifestare

ROMA – Piccole province addio, ritornano d'attualità le misure inizialmente previste nella manovra. Arriva infatti il taglio delle mini-province sotto i 200 mila abitanti. La commissione Affari Costituzionali della Camera ha infatti approvato un emendamento del relatore al ddl sulla Carta delle Autonomie, Donato Bruno. L'emendamento è passato con i voti di Lega e Pdl.

ROMA – La crisi economica, e le misure adottate dai vari governi per tentare di fronteggiarla, restano ovviamente al centro dell’agenda politica. Il Pd annuncia una manifestazione nazionale per il 19 giugno. “Questa manovra non porta da nessuna parte”, sostiene il segretario, Pier Luigi Bersani. Ci opponiamo per dire che è possibile un’altra politica economica con crescita e lavoro”.


PRIMO PIANO Provincia, si prepara l’ultimo round Tra oggi e venerdì la riunione dell’esecutivo nazionale dell’Idv che dovrà decidere se mettere alla porta il presidente D’Ascanio e i nuovi assessori dipietristi o lasciare che la legislatura si concluda senza ulteriori scossoni

Di Pietro CAMPOBASSO – Sarà l’esecutivo nazionale a pronunciare l’ultima parola sulla vicenda della Provincia di Campobasso. Il coordinamento e l’assemblea regionale dell’Italia dei valori hanno infatti dato mandato ai vertici capitolini del partito di Antonio Di Pietro, che dovrebbero riunirsi tra oggi e venerdì, affinché chiariscano, una volta e per tutte, la posizione e il ruolo della rappresentanza Idv nella nuova giunta messa a punto, non senza polemiche, dal presidente Nicola D’Ascanio.

D’Ascanio

Per ora l’unica certezza è che i neo assessori Giovanni Norante e Angelo Spina, come pure Michelino Borgia e lo stesso capo dell’esecutivo di via Roma “svolgono il loro mandato – come hanno spiegato i consiglieri dipietristi – a titolo personale”. Insomma, per gli esponenti della maggioranza, come pure per il segretario regionale Giuseppe Caterina, l’Idv non ha più rappresentanti a Palazzo Magno. Un ‘dettaglio’ che metterebbe in discussione anche la mission annunciata da D’Ascanio con l’operazione

giunta: ovvero ricompattare il centrosinistra molisano. Che unito non lo è da parecchio, ma che ora rischia di sfasciarsi per l’ennesima volta dopo la decisione che arriverà nei prossimi giorni. L’ufficio di presidenza ha infatti ricevuto una corposa documentazione, compresi i video della conferenza stampa in cui D’Ascanio ha comunicato il ritiro delle proprie dimissioni (decisione anche questa assunta in totale autonomia), oltre a due missive in cui, in buona sostanza, l’Idv molisano

ha fatto presente come il presidente della Provincia abbia escluso gli assessori esterni Pierpaolo Nagni e Giacomo D’Aquila ignorando l’indicazione del partito. Al vaglio dell’esecutivo nazionale, comunque, c’è più di qualche opzione. La più rumorosa prevede l’espulsione dalle fila dipietriste di D’Ascanio e degli assessori che hanno accettato l’incarico. Ci sarebbe poi la possibilità che vengano indicati nuovi nomi da sostituire con gli attuali componenti di giunta. Da scegliere chiara-

mente tra gli eletti dell’assemblea provinciale (Antonio Di Bello, Cristiano Di Pietro, Maurizio Tiberio e, questi almeno sarebbero i più accreditati, Giovanni Varra e Vincenzo Mucci). Ma potrebbe anche non accadere nulla, con i consiglieri di maggioranza che valuteranno di volta in volta se votare a favore o contro i provvedimenti sottoposti al parere dell’aula. In questo modo l’ultimo anno di mandato del presidente D’Ascanio potrebbe concludersi senza ulteriori scossoni. AD

Sanità, Iorio a Roma non la perde di vista Settimana fitta di impegni nella capitale per il governatore molisano Paralizzata per la sua assenza anche l’attività del Consiglio regionale CAMPOBASSO – L’agenda del presidente Iorio di questa settimana è fitta di appuntamenti. Nella riunione di giunta di lunedì ha comunicato ai suoi assessori che sarebbe rimasto nella capitale per qualche giorno dove sarà alle prese con l’appena confermata soppressione della Provincia di Isernia, il piano di riordino sanitario, e gli impegni da vicepresidente della conferenza Stato-Re-

gioni. La sua assenza ieri in Consiglio regionale, come pure quella di buona parte della giunta, ha rallentato i lavori dell’assemblea presieduta da Michele Picciano il quale ha rinviato a data da destinarsi i 50 argomenti iscritti all’ordine del giorno. Nessuno sa nulla, invece, dello statuto. Fermo al palo da intere settimane la cui discussione è stata sollecitata anche dall’ultima riu-

nione di maggioranza. Per ciò che riguarda invece la sanità, l’assessore al ramo Nicola Passarelli ha confermato quella che lui stesso ha definito “la scadenza di un termine prestabilita con Iorio” e annunciando che a luglio, al massimo a settembre, lascerà l’incarico da esterno per dedicarsi interamente agli impegni universitari. Sul paventato aumento delle tasse sollecitato dal governo nazionale alle regioni commissariate ha detto: “Non è un procedimento automatico e poi serve un atto da parte della giunta”.

L’esecutivo molisano come si sa non ha alcuna intenzione di chiedere altri sacrifici ai suoi contribuenti. Ma il deficit milionario, e la bocciatura del piano di rientro con il conseguente congelamento dei fondi Fas pesa come un macigno sui provvedimenti che a questo punto dalla capitale dovrebbero soltanto imporre. Forse è per questo che Iorio in questi giorni non si muove da Roma. E a proposito di tagli e risparmi, è stata confermata anche l’anticipazione del Dpef (il documento di programmazione economica e finanziaria) al 31 luglio.


REGIONE

L’iniziativa della Coldiretti ha coinvolto quest’anno 1.500 bambini per avvicinarli al mondo rurale e al rispetto della natura

CAMPOBASSO – Si è concluso ieri, con una grande festa in piazza Municipio a Campobasso, il progetto “Campagna Amica” della Coldiretti. Nel corso della mattinata si sono alternati sul palco i tanti bambini che hanno preso parte al progetto esibendosi in canti e balli anche in costume tipico.

Alla manifestazione è inoltre intervenuto il sindaco della città, Luigi di Bartolomeo, che ha lodato l’iniziativa della Coldiretti “a sostegno dell’agricoltura e dell’ambiente”. Molto soddisfatto del successo dell’iniziativa anche il presidente regionale della Coldiretti, Amodio De Angelis, che ha ri-

marcato l’importanza della manifestazione per avvicinare le giovani generazioni al mondo rurale facendo particolare attenzione ai temi dell’ambiente e dell’alimentazione. “Grazie a questa bella iniziativa – ha detto De Angelis – abbiamo potuto contribuire anche quest’anno ad avvicinare i bambini alla campagna spiegando e insegnando loro da dove arrivano i tanti alimenti che consumiamo oltre che l’importanza di rispettare sempre la natura”.

Il progetto, che quest’anno ha coinvolto circa 1.500 bambini delle scuole materne ed elementari, in Molise è partito nel 2000, grazie ad una convenzione tra la Coldiretti e l’Ufficio Scolastico Regionale. Il progetto è stato articolato in lezioni teoriche in aula e visite guidate in aziende agricole e zootecniche della regione. A tal proposito quest’anno i partecipanti al Progetto hanno avuto anche modo di cimentarsi in laboratori sulla trasformazione del latte, la preparazione

del pane e della pasta, mentre ai più piccini delle scuole materne è stato spiegato il lungo lavoro delle api che porta alla produzione del miele. Tutto ciò mira non solo ad avvicinare le nuove generazioni alla campagna ed alla natura ma anche a creare una cultura del mangiar bene e sano, restituendo alla frutta ed alla verdura, come vuole il progetto di Coldiretti sulla filiera a chilometri zero, il giusto ruolo che meritano sulle nostre tavole.

Iorio replica a Nuovo Molise: smentisco in maniera categorica di voler lasciare il Pdl

Il senatore è intervenuto ieri a Palazzo Madama durante la celebrazione del 40esimo anniversario della nascita delle Regioni

CAMPOBASSO – In riferimento ad un articolo pubblicato sul numero di ieri in edicola di “Nuovo Molise”, nel quale veniva prospettato il passaggio del presidente della Regione, Michele Iorio, dal Pdl ad un altro soggetto politico, lo stesso presidente ha dichiarato: “Continua la campagna di disinformazione, basata su pura fantasia, portata avanti da Nuovo Molise. Questa volta ci sarebbe in ballo un mio passaggio dal Pdl ad un altro soggetto politico. E’ questa l’ennesima elucubrazione mentale di un giornale che, come al solito, produce illazioni, bugie e offese al solo fine di perseguire un malcelato interesse di qualche suggeritore occulto. L’articolo in questione, oltretutto, è condito da una serie di evoluzioni fantasiose che interesserebbero anche altri esponenti politici. Il tutto, ovviamente, non basato su alcun elemento di verità. Smentisco nella maniera più categorica di voler lasciare il Pdl. Ho militato, e intendo continuare a farlo, in un Partito che coincide perfettamente con l’idea che ho della politica e dell’azione di governo. Questa mattina (ieri, ndr), al contrario del pettegolezzo menzognero da retrocucina di Nuovo Molise, in sede di ufficio di Presidenza del Pdl, mi sono lungamente intrattenuto con il presidente, Silvio Berlusconi, con il quale ho discusso di varie problematiche relative alla gestione della crisi che stiamo attraversando”.

Astore: “Garantire gli stessi diritti a tutti i cittadini” CAMPOBASSO – Il senatore di Partecipazione Democratica, Giuseppe Astore, è intervenuto ieri a Palazzo Madama in occasione del 40esimo anniversario della nascita delle regioni. “L’unità nazionale deve esprimersi garantendo a tutti i cittadini, che siano calabresi, molisani, lombardi o veneti, gli stessi diritti”, ha affermato Astore. Alla cerimonia erano presenti, oltre al presidente del Senato, Renato Schifani, il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e le massime autorità dello Stato, nonché i presidenti di tutti i Consigli regionali. Il parlamentare molisano ha ricordato come sia fondamentale il rapporto tra le

Regioni e l’Europa anche in vista, come è stato annunciato, di nuovi criteri di ripartizione dei Fas già dal 2020. Da ciò consegue “l’importanza di evitare che il federalismo in via di costruzione crei nuove ingiustizie, soprattutto in relazione ai costi standard, che devono essere corretti per territori da organismi terzi. Non si può affidare – ha proseguito il senatore – il costo standard sulla sanità dell’Emilia-Romagna, della Toscana, del Molise e così via ad organismi politici: solo organismi terzi sono in grado di garantire regole serie e uguali per tutti, prerequisito questo di un federalismo solidale”.


CAMPOBASSO Nuova udienza a carico di Battista ancora rinchiuso nel reparto di Psichiatria dell’ospedale Cardarelli di Campobasso

Mago Bruno, oggi si torna in aula

Nuova udienza per Bruno Battista, alias Mago Bruno. Oggi, infatti, si torna in aula a Campobasso nell’ambito del processo che vede l’uomo accusato di truffa, circonvenzione di incapace ed abusi sessuali. Il Mago si trova ancora rinchiuso nel reparto di psichiatria nonostante il dottor Nunzio Marchetti, nominato dal Tribunale del capoluogo per effettuare una perizia sull’imputato, abbia

disposto il suo trasferimento in una struttura privata di Genzano. “Le condizioni di Battista, ai domiciliari nel nosocomio del capoluogo dallo scorso 11 febbraio, infatti – come sostenuto la scorsa volta dai suoi legali, Verde e Valentini – sono peggiorate e non sono compatibili con le misure restrittive a lui imposte”. I difensori del Mago avevano richiesto una revisione

poiché il reparto in cui si trova Battista non è attrezzato per la lunga degenza e per la situazione che lo stesso sta vivendo. L’uomo è stato trasferito nel nosocomio del capoluogo dal carcere di Teramo in cui aveva tentato, a fine dicembre, di togliersi la vita. Agli arresti dal giugno del 2009, a carico di Battista le accuse di truffa, circonvenzione di incapace ed abusi sessuali. Inizialmente, il Mago fu denunciato da un uomo dell’hinterland termolese che, dicendosi perseguitato da alcune voci ed in cambio di aiuto, si era rivolto a Battista consegnandogli nel tempo migliaia di euro. Da quel momento sono scattate le indagini della Squadra Mobile di Campobasso e solo successivamente sono sopraggiunte anche le denunce di alcune donne che lo hanno accusato di violenza sessuale. Prossima udienza fissata al 9 giugno.

Sei avvisi di garanzia al Comune di Bojano, nei guai tecnici e amministratori

Irregolarità ed abusi nell’ambito della gestione del servizio di igiene urbana ed ambientale a Bojano, per questo motivo, al sindaco della cittadina matesina Silvestri, all’assessore Policella, al funzionario Robusto ed ad altri

Una finestra sulla natura al reparto di Psichiatria “Sfatare il pregiudizio di un reparto che una volta si diceva essere solo per matti”: è anche questo uno dei messaggi lanciato ieri durante la cerimonia di inaugurazione di “Decorazioni”, il progetto fortemente voluto dal dipartimento di salute Mentale e commissionato dall’Asrem alla cooperativa sociale “Laboratorio Aperto” che comprende tra i soci anche gli utenti del servizio di psichiatria. All’ospedale Cardarelli di Campobasso, sulle pareti del reparto, disegni, colori e forme più consoni per i ricoverati. Balconi e finestre che si affacciano su distese versi. Fiori, alberi e cielo azzurro le raffigurazioni che rilassano e rendono meno arido il percorso di cura degli utenti. “Si tratta di un’operazione scientifica riportata anche nella letteratura – ha spiegato il Primario Franco Veltro - Forme e colori, infatti, aiutano le persone con disagi e particolarmente stressate ad un pronto recupero. Alla base del nostro lavoro vi è l’integrazione psicosociale. Inoltre, all’interno del reparto, attraverso proce-

dure scritte, si fornisce sostegno ai degenti affinchè si pongano obiettivi di vita personalizzati. A tal proposito, pochi i casi di ricaduta”. Ed intanto, diverse le iniziative attuate, oltre che per accelerare i tempi di recupero e reinserimento degli utenti di psichiatria, anche per sensibilizzare la popolazione. “Molte le cose in cantiere – ha aggiunto il dottor Veltro – Stiamo costituendo una polisportiva in linea con quanto si fa a livello nazionale. I nostri ragazzi hanno già partecipato ad un quadrangolare in Abruzzo grazie all’attività svolta dal centro diurno, una struttura con 15 persone. In questi giorni inoltre, con l’Anps (Associazione nazionale delle polisportive per soggetti con disagi psichici) l’appuntamento è in Puglia. Ed ancora, per favorire il dialogo con la comunità, ad ottobre, d’intesa con l’Istituto di Sanità ed il Ministero, partirà un progetto nelle scuole. Infine, prevista la presenza di totem in città per offrire una diversa immagine della salute mentale alla popolazione”. (ms)

tecnici del comune Casciani, Prioriello e Carfagna, sono stati notificati sei avvisi di garanzia. I reati ipotizzati dal pubblico ministero a cui è affidata l’inchiesta, Fabio Papa, sono quelli di concorso e abuso d'ufficio.

Scuola di Polizia Arriva De Magistris Il dipartimento Giustizia e Sicurezza dell’Italia dei Valori Molise promuove per oggi l’incontro che si terrà a Campobasso tra i sindacati e i rappresentanti della Scuola di Polizia “G. Rivera” di Campobasso e l’europarlamentare Idv Luigi de Magistris nella sala del Rinascimento, avente ad oggetto la paventata chiusura della struttura. Nell’ottica di una pretestuosa

politica di risparmi della spesa pubblica e di una razionalizzazione delle strutture periferiche dello Stato, la giusta chiave di lettura della vicenda è di natura prettamente politica, a testimonianza del sempre più carente peso politico della regione Molise. L’ennesimo colpo al capoluogo, al territorio regionale e al complessivo indotto economico che orbita intorno alla Scuola.


CAMPOBASSO Conferenza stampa fiume del sindaco Di Bartolomeo che difende a spada tratta gli ingegni del Di Zinno e la devozione dell’intera Campobasso

La Lattanzio chieda scusa alla città Io intanto chiamo Obama Mai vista conferenza stampa così affollata e così accorata. Forse perché le proporzioni sono veramente uno contro tutti, o giù di lì. Da una parte c’è il tutore pubblico dei minori Nunzia Lattanzio, dall’altra un’intera città (ma il fronte è destinato ad allargarsi), compresa l’amministrazione comunale, che fa muro contro chi vorrebbe eliminare, perché è questa la sintesi, una tradizione secolare che non ha mai fatto vittime. Almeno a memoria d’uomo, a differenza di altre pratiche in cui i bimbi sono purtroppo protagonisti. Ma torniamo alla conferenza stampa di ieri. Maggioranza allineata (occasione persa per il centrosinistra) per tracciare il bilancio del Corpus Domini appena concluso. Ma dopo i ringraziamenti di rito alla struttura, agli assessori e a Stefano Ramundo in particolare - che da presidente della Commissione Cultura ha seguito passo passo gli eventi – c’è voluto poco per passare al nocciolo della questione: la polemica che si è innescata sull’opportunità di far sfilare i bimbi sulle macchine del Di Zinno. E poi via alle repliche e alle repliche delle repliche. Con dosi più o meno alte di vetriolo. Una cosa è certa: la Lattanzio, processata in contumacia, ne è uscita con le ossa rotte. Di Bar-

tolomeo non l’ha mai nominata, né ha nominato il suo collega campano. Ma le parole del sindaco (che ieri sembrava anche piuttosto trattenuto) hanno colpito nel segno e affondato definitivamente l’idea rinnovatrice del tutore pubblico dei minori contro la quale le mamme dei bambini, i portatori e gli organizzatori stanno raccogliendo le firme e organizzando una fiaccolata. Iniziative come fendenti che non hanno lasciato scampo, che sono andati dritte nel segno. “Ha detto che mi vuole querelare? Lo facesse pure - incalza Di Bartolomeo - non mi difenderò

e mi farò anche condannare, ma i Misteri continueranno ad uscire. Così come continuano a fare da secoli. In tanti anni di lavoro prima, e di politica poi, non mi è mai capitato di essere querelato. Qualcuno mi ha detto che bisognava denunciare lei, ci sto pensando, chiederò supporto alla struttura. Ma non è questo che voglio. In realtà voglio che lei (l’innominata, ndr) chieda scusa alla città, perché nessuno si può permettere di definire masochisti i genitori che mandano i bimbi sui misteri. Lei se l’è presa perché domenica mattina sul balone del Comune ho detto che con i bambini non si

Il racconto di un portatore: il tutore ha offeso il sindaco dicendo che sugli ingegni ci dovevano salire i suoi figli “Stavamo in via Mazzini, nelle vicinanze della Caserma dei carabinieri, e stavo portando a spalla, insieme agli altri ragazzi, il mistero di Sant’Isidoro, il primo a sfilare, quando vedo la Lattanzio insieme ad un gruppo di persone che diceva che sui Misteri ci sarebbero dovuti salire i figli del sindaco. A quel punto io le ho risposto che non era educata perché un figlio del sindaco non c’era più e che sarebbe stato meglio evitare certe polemiche facilmente degenerabili. Dopo di che si è dileguata insieme agli altri”. Protagonista dello ‘spiacevole’ episodio è stato, proprio la mattina di domenica, Luigi Iannaccone, uno dei portatori degli ingegni anche lui ieri mattina nell’aula consiliare di Palazzo San Giorgio per l’applauditissima conferenza stampa di Gino Di Bartolomeo. Luigi è un giovane campobassano che i misteri li vede dal basso visto che li porta sulle spalle ma è un giovane che come tanti tiene alla sua città e ad uno degli eventi più importanti che si tengono nel capoluogo ed è disposto a difenderlo con i denti. Come lui anche tutti i membri dell’associazione “Il Borgo” che con il supporto di un legale ha trovato tre motivi per far saltare dalla sua poltrona il tutore pubblico dei minori Nunzia Lattanzio, nominata (in quota all’Udc) dall’ex presidente del Consiglio Mario Pietracupa perché l’assise di Palazzo Moffa non aveva fatto in tempo ad indicarla entro i limiti previsti. Chissà chi avrà ragione. Il buon senso sicuramente.

fanno soldi, e volevo dire che non si può arrivare dalla Campania per parlar male di una tradizione campobassana quando proprio nella regione di provenienza i bambini vengono usati per spacciare droga o per l’accattonaggio. Questa è una regione pulita (a rischio di creare un incidente diplomatico), ecco perché non consento a nessuno di fare lezioni a questa amministrazione che sta provando a risolvere i problemi, che comunque non sono equiparabili a quelli di altre realtà”. Il ragionamento di Gino Di Bartolomeo non fa una piega, come non fa una piega la volontà di un’amministrazione di voler puntare su una manifestazione per far conoscere il proprio territorio fuori dai confini regionali e perché no, nazionali. “Progetto questo

che aveva avviato anche il governo Di Fabio proprio per far decollare una manifestazione apprezzata anche dal Papa”. Poi giù con la lista di iniziative che il sindaco vuole portare avanti: “Ho chiesto un incontro con il ministro Bondi proprio per tutelare questo nostro patrimonio. E a tal proposito chiederò alla speciale commissione di inserire i Misteri del Di Zinno come bene dell’Unesco anche se si tratta di un bene immateriale. Non so cosa sia successo alla Lattanzio, non so se sia stata aizzata da qualcuno, o se questa sua uscita sia dettata solo dalla voglia di apparire, di fare politica. Io la conosco e so che è una persona perbene. Ma pretendo che faccia le scuse a tutta la città, deve chiedere perdono ai genitori trattati come fossero gentaglia, come se loro godessero nel veder soffrire i propri figli sui Misteri. E invece non è così. La gente di questa città lavora e suda e non è abituata a vestire i panni di Arlecchino. Se ho fatto del male ai bambini mi venissero ad arrestare ma io gli ingegni li faccio uscire anche l’anno prossimo. Inviterò (e qui esagera! Ndr) addirittura il presidente degli Usa Obama”.

I genitori dei bimbi e i portatori stanno raccogliendo firme e organizzando una fiaccolata

Anche Pallante contro la Lattanzio Il consigliere regionale del Pdl, Quintino Pallante, ha presentato una mozione all’assessore alla Cultura e al presidente della giunta, che li impegna ad “intervenire affinché vengano salvaguardate le tradizioni di un popolo che rappresentano la storia, la cultura e l’orgoglio sia della Città di Campobasso che dell’intero Molise, dando pieno sostegno al sindaco e a tutta l’amministrazione”. Pallante ha inoltre ricordato che “è una delle manifestazioni regionali che sono radicate nell’animo delle popolazioni del Molise e che ogni anno a Campobasso, la proces-

sione dei Misteri, sfila per le strade dando vita ad uno spettacolo raro e suggestivo, che ha pochi paragoni in Italia e nel mondo. I Misteri non sono solo folklore e tradizione – ha aggiunto Pallante –, ma anche momento di aggregazione educativa, con valenze storiche, urbanistiche ed economiche. Le polemiche di questi giorni – ha concluso – non fanno altro che danneggiare l’immagine della città, oltre che ledere la storia e le tradizioni di Campobasso e dell’intero Molise, offendendo tradizioni culturali plurisecolari, trattandosi di polemiche sterili e pretestuose”.


CAMPOBASSO I militari delle Compagnie di Bojano e Benevento alla ricerca dei componenti di una banda

Ladri di auto nel mirino dei carabinieri, albanese in manette Sicurezza urbana a Bojano, richiesta l’attivazione di poteri speciali Diversi gli episodi di criminalità che, soprattutto negli ultimi mesi, si sono verificati nel comune di Bojano. A tal proposito è intervenuto il consigliere regionale di Costruire Democrazia, Massimo Romano che ha richiesto l’attivazione di poteri speciali rivolgendosi al Prefetto di Campobasso, Stefano Scammacca, al Comandante della Regione Carabinieri del Molise, Generale Gianfranco Rastelli, al Comandante Compagnia dei Carabinieri di Bojano, il Capitano Michele Raimondo Gammone, al Sindaco di Bojano, Antonio Silvestri. Ai capigruppo consiliari di Palazzo Moffa ed al Presidente della Consulta comunale. “Dai continui furti nelle abitazioni ai ripetuti episodi di violenza sessuale, tentata o consumata, fino ai tristemente noti fenomeni di prostituzione, Bojano appare luogo ove particolar-

Dopo una breve fuga a piedi, M.N., un 27enne albanese domiciliato a Santa Maria Capua Vetere (Ce), è stato arrestato per furto aggravato, resistenza a P.U., possesso ingiustificato di grimaldelli e guida senza patente. Il pluripregiudicato è finito nel mi-

mente allarmante risulta il fenomeno della microcriminalità – ha ribadito il consigliere Romano - Tali fenomeni stanno provocando grandissima preoccupazione nell’opinione pubblica e nonostante lo sforzo delle forze dell’ordine, in particolare dei militari della locale compagnia dei Carabinieri grazie al cui impegno risulta tangibile la presenza dello Stato sul territorio, probabilmente sarebbe richiesta una maggiore sensibilità da parte delle autorità politiche cittadine, segnatamente del Sindaco, mediante una presenza politicamente tangibile che sta mancando, nonché attraverso l’adozione di tutti gli strumenti che l’ordinamento giuridico conferisce ai Sindaci per contenere e reprimere i fenomeni delinquenziali che minacciano la sicurezza urbana e la pubblica e privata incolumità.

rino dei carabinieri della Compagnia di Bojano che in collaborazioni con i colleghi di Benevento, ieri notte, hanno sventato un vero e proprio raid di furti di autovetture. Una banda , presumibilmente composta tutta da albanesi, aveva messo a ferro e fuoco il territorio tra le due province, asportando alcune vetture dopo essersi procurati le chiavi dei mezzi nell’abitazione dei proprietari. Ad essere state rubate una Audi A4 ultimo modello, a Sant’Angelo in Cupolo (Bn) ai danni di 51enne operatore socio-sanitario del luogo; una Fiat Doblò a Baranello (Cb) sottratta ad una 43enne del luogo; una Ford Transit rubata sempre a Baranello ai danni di un 46enne ed una Toyota Rav4 sottratta a Vinchiaturo ad un 35enne. Il dispositivo di controllo coordinato dal Comando della Compagnia di Bojano, formato da pattuglie delle Stazioni di Baranello, Vinchiaturo, Sepino e del Nucleo Operativo e Radiomobile, immediatamente attivato, ha permesso di intercettare e recuperare in agro di Sepino le autovetture Ford Transit, Toyota e Audi A4. Gli occupanti, ancora attivamente ricercati, hanno però fatto perdere le proprie tracce dileguandosi tra le campagne circostanti; l’ultima autovettura (Fiat Doblò) invece è stata intercettata e bloccata in contrada Olivola, in agro di Benevento, dai militari del Nor della locale Compagnia , prontamente allertati dai colleghi bojanesi. Ed è proprio qui che è finito in manette il malfattore 27enne. All’interno del furgone sono stati altresì recuperati attrezzi atti allo scasso ed un televisore LG da 50 pollici asportato da una abitazione di Vinchiaturo durante la scorribanda notturna. Il valore complessivo dei mezzi e dei beni recuperati supera i 100.000 euro.

L’opposizione aveva presentato la mozione nella scorsa assise per chiedere lumi sul mega progetto

In Consiglio sbarca il Masterplan Di Master Plan se ne parlerà oggi perché nel Consiglio comunale di venerdì è caduto il numero legale necessario per mandare avanti i lavori rinviati a questa settimana. A presentare la mozione sulla realizzazione della sede regionale nel cuore della città (sull’ex stadio Romagnoli il gruppo di Costruire democrazia in testa). Una mozione-diffida lunga quasi quaranta pagine necessarie per riassumere le alterne vicende di progetto bocciato per ben due volte dai giudici ma che la Regione si ostina a portare avanti adducendo motivazioni più o meno valide. Con la mozione si chiede al sindaco di trasmettere ai consiglieri copia dell’accordo di programma sottoscritto dall’ex sindaco di Fabio nel novembre 2005 e del Protocollo attuativo sottoscritto dall’ex

primo cittadino nel luglio 2008 verificando se gli stessi siano stati regolarmente registrati, protocollati e pubblicati agli atti del comune, ma si chiede pure di aggiornare il consiglio sulle proprie scelte urbanistiche e territoriali riguardanti la destinazione dell’area dell’ex Romagnoli evidenziando se le stesse si pongano a tale specifico riguardo in continuità o discontinuità con l’ex Sindaco Di Fabio e con gli accordi o protocolli da questi sottoscritti; di astenersi dall’adottare scelte di pianificazione territoriale in contrasto con gli atti sino ad oggi adottati dal comune o in assenza di apposita deliberazione del competente consiglio comunale e del rispetto di adeguate garanzie partecipative dei cittadini; di dare esecuzione alle deliberazioni già adottate dal consiglio

comunale anche ai fini del prosieguo dell’iter di perfezionamento della variante al Prg, anche in ragione dei consistenti esborsi che la stessa ha comportato e dell’obbligo posto dal giudice amministrativo nelle citate sentenze di garantire il prosieguo e l’approvazione della stessa presso gli organi competenti; di dare esecuzione alla scelta operata dal Consiglio comunale di delocalizzare il Palazzo della Regione in area periferica (scelta non soltanto conseguente ad indagini e rilievi geomorfologici e sismici, ovvero ad una compiuta istruttoria tecnica ed urbanistica, quanto soprattutto all’avvenuto perfezionamento di un accordo di programma ratificato dagli organi consiliari e dunque perfezionato in un atto giuridico del tutto valido ed efficace, mai revocato né annullato. Nella parte finale della mozione i consiglieri chiedono che una copia della stessa venga trasmessa alla Procura della Repubblica affinché accerti se dalle condotte commissive e/o omissive si evincano /o si evinceranno responsabilità sotto il profilo erariale e se del caso anche penale, alla luce delle consistenti somme e dei consistenti investimenti sino ad oggi effettuate dalla Regione e delle consistenti perdite di risorse investite dal Comune per la formazione degli atti istruttori, tecnici e documentali sottesi alla formazione della variante ed alle scelte urbanistiche connesse alla delocalizzazione del Palazzo della Regione.

Berlusconi: la sovranità oggi è passata ai magistrati

Demolizioni in Campania Governo e maggioranza battuti

ROMA – Berlusconi, dopo l’ufficio di presidenza, partecipa alla convention di Federalberghi e attacca: “Lobby dei magistrati e dei giornalisti ci hanno impedito di giungere ad un testo che difenda al 100% il nostro diritto di libertà. La sovranità nel nostro Paese – afferma – dovrebbe essere del popolo, che la conferisce al Parlamento, ma oggi è passata alla magistratura e ai pm”.

ROMA – Governo e maggioranza sono stati battuti alla Camera. L’Aula ha approvato la pregiudiziale di costituzionalità presentata dall’Italia dei Valori sul decreto legge per la sospensione delle demolizioni in Campania. In questo modo, il decreto presentato dall’esecutivo, si intende quindi decaduto.

11 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010


Troppo goloso di tartufo Denunciato agnonese

Di Pietro a Isernia Ecco cosa c’è dietro

Gli agenti della Polizia Provinciale hanno denunciato un cittadino residente ad Agnone, intento a ricercare tartufo nel territorio di Carpinone, avendo superato di gran lunga il limite odierno di raccolta fissato ad un chilogrammo. L’uomo alle 7 del mattino, aveva già recuperato 1 chilo e 700 grammi.

ISERNIA - Domani il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, sarà in città per partecipare ad un convegno sullo sviluppo dell’economia regionale. Ma sarà anche l’occasione per fare il punto della situazione sulle Regionali e sulle Comunali. Ecco chi sono i probabili candidati.

ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Bruno ci ha dato il cartellino rosso www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL GOVERNO Quando tutto sembrava ormai finito e la Provincia di Isernia se l’era scampata alla grande, ecco arrivare l’emendamento Bruno. La modifica alla Carta delle Autonomie è stata approvata ieri pomeriggio in Commissione per gli Affari Costituzionali. Addio alle province con meno di 200mila abitanti. Questo significa che manca davvero poco per vedere la scomparsa definitiva dell’ente di Via Berta. Ma cosa vogliono tutti da noi? Perchè un ente così importante le cui spese sono davvero minime rispetto agli sprechi perpetuati in tutto il resto della Penisola, deve essere fatto fuori? Domande cui solo l’attapirato del giorno, cioè il Governo, dovrà rispondere.

L’OSCAR DEL GIORNO A LUIGI MAZZUTO Solo lui sembra poter salvare la Provincia di Isernia. Ma dovrà fare in fretta altrimenti sarà ricordato come l’ultimo dei Presidenti dell’ente di Via Berta. Il nostro è un oscar alla fiducia, perchè sappiamo che farà tutto ciò che è in suo potere per salvaguardare l’esistenza della nostra provincia. Come? Innanzitutto integrando i comuni dell’Alto Sangro che già hanno espresso la volontà di passare con il Molise. Lo stesso discorso si dovrà fare con i centri dell’Alto Casertano. Presidente dimostri di che pasta sono fatti gli isernini.

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Saranno tagliati tutti gli enti provinciali con meno di 200mila abitanti. Ma Mazzuto non ci sta

La Provincia rischia grosso Pochi giorni e sarà abolita Approvato dalla Commissione Affari Costituzionali l’emendamento Bruno

ISERNIA – Sembra non esserci più pace per la Provincia di Isernia che ora rischia concretamente di essere soppressa. È stato approvato ieri pomeriggio, infatti, in commissione Affari costituzionali della Camera, l’emendamento presentato da Donato Bruno (Pdl) alla Carta delle Autonomie. L’emendamento è stato approvato con i voti di Pdl e Lega. Il testo originario, contro cui hanno votato Pd, Udc e Api, é stato modificato con l'approvazione di un sub-emendamento

Lorenzin (Pdl) che abbassa a 150 mila abitanti per la soppressione delle province che abbiano almeno la metà di territorio montano. Per le altre province, invece, il limite è rimasto a 200mila residenti. In entrambi i casi la Provincia di Isernia sarà soppressa, visti i suoi 88mila abitanti. Ora la modifica alla Carta delle Autonomie arriverà alla Camera, lunedì prossimo e dopo la sua approvazione sarà al vaglio del Senato. In linea di massima l’emendamento sarà approvato anche dal Parla-

mento, visto che tutti i partiti (compreso anche quelli del centrosinistra) si stanno muovendo verso una riduzione drastica della spesa pubblica. L'emendamento di Donato Bruno delega il governo a procedere entro un anno alla soppressione delle province con meno di 200 mila abitanti “in base all'entità della popolazione di riferimento – si legge sulle agenzie di stampa -, l'estensione del territorio di ciascuna provincia e il rapporto tra la popolazione e l'estensione del territorio e tenendo conto della peculiarità dei territori montani ai sensi dell'articolo 44 della costituzione”. Non servirà, dunque, cambiare la Costituzione, le Province, come ha sostenuto Bruno, saranno soppresse anche tramite una legge approvata dalle due Camere. Oltre ad Isernia, le province che, in base a quanto stabilito dagli emendamenti al ddl sulla Carta delle autonomie, dovrebbero essere abolite perché al di sotto dei 200 mila abitanti secondo i dati Istat relativi all'anno 2009 sono quattro: Vercelli (180.111 ab.) in Piemonte, Fermo (176.488 ab.) nelle Marche e Vibo Valentia (167.334 ab.) in Calabria. Altre tre province sono ancora in forse perché pur avendo meno di 200 mila abitanti potrebbero non

Brasiello punta sulla lana per rilanciare l’economia Il Presidente della Camera di Commercio di Isernia, Luigi Brasiello ha partecipato nei giorni scorsi, a Biella, al Convegno di chiusura del Progetto di recupero e valorizzazione delle lane autoctone piemontesi. Il progetto ha l’obiettivo di sviluppare una filiera dedicata al recupero e alla trasformazione delle lane autoctone piemontesi in una serie di prototipi di prodotti tessili per l’abbigliamento, per accessori, arredamento e per l’utilizzo in edilizia come pannelli isolanti e fonoassorbenti. Al termine del progetto si sarà creata una nuova nicchia di mercato, sostenibile non solo dal punto di vista economico. Si era svolto, proprio presso la Camera di Commercio di Isernia, un incontro con i rappresentanti dell’Agenzie Lane d’Italia con sede presso la Camera di Commercio di Biella, il direttore dell’A.R.A. (Associazione Regionale degli allevatori del Molise) ed i vertici istituzionali del-

14 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010

l’Ente camerale per avviare un importante riflessione sul tema della valorizzazione delle lane italiane. Erano presenti all’incontro anche alcuni allevatori della provincia. L’ e s p e r i e n z a della Camera di Commercio di Biella ed il progetto creato per “resuscitare la lana povera” poteva, infatti, essere seguita anche dagli allevatori della nostra regione, coinvolgendo anche le altre istituzioni interessate presenti sul territorio.

rientrare in quanto al 50 per cento con territorio montano; si tratta della provincia di Biella e Verbano-Cusio-Ossola in Piemonte, e di Crotone in Calabria. Una volta approvata la riforma il Governo interpellerà i comuni interessati sulle loro preferenze in merito alla nuova collocazione provinciale. Cosa che non accadrà per Isernia che, se dovesse essere soppressa si riunirà con la provincia di Campobasso. Almeno che non si acceleri il processo che vedrebbe la riorganizzazione dei confini della provincia pentra. In tal senso, già nei giorni scorsi, il presidente Mazzuto ha incontrato una delegazione di politici dell’alto sangro. La volontà di questi ultimi è quella di passare in Molise. Non è escluso, dunque, che a breve, nella provincia di Isernia possano entrare a far parte comuni come Castel di Sangro, Roccaraso e Alfedena. Pronti a passare con l’ente di via Berta anche alcuni centri dell’alto casertano e del cassinate.. Vista l’urgenza della situazione non è escluso che già nei prossimi giorni possa essere organizzato un incontro con Mazzuto e con la sua giunta. “Sono sempre stato consapevole del fatto che l’abolizione della nostra Provincia è una eventualità non ancora scongiurata” – è il

commento a caldo del Presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto, subito dopo esser venuto a conoscenza dell’approvazione da parte della commissione Affari Costituzionali della Camera dell’emendamento proposto dal relatore al ddl sulla Carta delle Autonomie, Donato Bruno, che prevede che la popolazione delle province non possa essere in ogni caso inferiore ai 200 mila abitanti. ”Non mi sembra un criterio attendibile quello di stimare la validità di una Provincia e il suo ruolo istituzionale sul territorio sulla base della quantità della popolazione. Sarebbe necessario piuttosto valutare i compiti gestionali e amministrativi di questi Enti e capire se le Province servano o meno. Impegnerò il presidente dell’UPI, Giuseppe Castiglione – ha concluso Mazzuto – ad intervenire, convocando con urgenza il Direttivo nazionale, al fine di promuovere un’azione comune che tuteli il ruolo delle Province. Nel contempo, continueremo a lavorare perché la nostra Provincia possa essere punto di riferimento anche per quei comuni abruzzesi dell’Alto Sangro che hanno chiaramente manifestato la volontà di entrare a far parte del nostro ambito di Governo”.

Al via Scuola e dintorni Evento organizzato dalla S. Giovanni Bosco Il primo circolo didattico di Isernia, San Giovanni Bosco, propone la nona edizione di : “Scuola e Dintorni”, manifestazione che vedrà coinvolti genitori, alunni, insegnanti, personale Ata, a testimonianza del lavoro di squadra che caratterizza questa istituzione. La manifestazione si terrà oggi, con inizio alle ore 16. Si aprirà con la sfilata dei bambini della scuola dell’infanzia .Nella villa comunale saranno aperti gli spazi laboratoriali destinati agli alunni : laboratorio di arte, di danza, di manipolazione di teatro , di lettura , e sarà allestita una mostra fotografica e di lavori dei bambini concernente il passato, il presente, il futuro della nostra scuola. Uno spazio particolare sarà riservato alle attività di gioco-sport che concludono il progetto di alfabetizzazione motoria realizzato grazie all’impegno dell’assessorato allo sport della Regione Molise del comitato provinciale del Coni . Nel corso della manifestazione saranno illustrate alla comunità scolastica le motivazioni, gli obiettivi, le modalità attuative del progetto.

In libreria l’ultima opera di Gioielli

Ecco i redditi dei nostri politici

“Il Regno delle Tre Monagne d’oro”, la più recente pubblicazione di Mauro Gioielli, è disponibile da pochi giorni nelle librerie. L’opera, edita dalla Palladino di Campobasso, si compone di dodici novelle tradizionali del Molise, recuperate dall’autore nel corso di alcune campagne di ricerca sul folklore narrativo regionale.

Come lo scorso anno, è consultabile presso la Prefettura di Isernia da ogni cittadino iscritto nelle liste elettorali per le elezioni della Camera dei Deputati, il bollettino relativo all’anno 2009 (redditi 2008) concernente le dichiarazioni patrimoniali e reddituali di titolari di cariche elettive e direttive di alcuni enti locali.


ISERNIA Il leader Idv domani ad Isernia. Possibile un summit in vista delle Regionali

Di Pietro in città, cosa c’è sotto? ISERNIA - Antonio Di Pietro sarà domani in città per partecipare ad un incontro-dibattito dal titolo “Per un Molise che vuole crescere – Proposte per rilanciare il sistema produttivo e le infrastrutture”. L’appuntamento è fissato per le ore 17:30 presso l’aula magna dell’Itis. Apriranno i lavori il coordinatore regionale dell’Italia Valori, Giuseppe Caterina e Maria Teresa D’Achille. Il consigliere comunale del Partito democratico, dunque, potrebbe passare a breve proprio nel partito dipietrista. Subito dopo il discorso del presidente, Antonio Di Pietro, interverranno il deputato molisano Anita Di Giuseppe, Sandro Trento, responsabile nazionale del Dipartimento di Economia e Finanze e Maurizio Zipponi, responsabile nazionale del partito per quanto riguarda il lavoro ed il Welfare. Saranno

ascoltate anche diverse testimonianze di imprenditori locali. Ma, oltre all’interessante convegno, che cosa c’è dietro l’arrivo dei big nazionali, in primis Antonio Di Pietro, e regionali (non si erano mai visti tutti insieme lo stesso giorno) dell’Italia Valori nel capoluogo pentro? Forse il giovedì isernino potrebbe trasformarsi in un vero e proprio summit politico per i dipietristi in vista delle prossime elezioni regionali. L’Italia dei Valori, infatti, come ha fatto negli ultimi appuntamenti elettorali, vuole partire in anticipo per mettere in piedi una strategia valida. Bruciare i

tempi, questo il diktat che sarebbe arrivato dall’alto. È possibile, dunque, che già da domani si comincerà a parlare di possibili candidati, per quanto riguarda i collegi isernini, alle prossime Regionali. In tanti sperano in una candidatura che però dovrà ricevere il consenso dai vertici nazio-

nali e da Antonio Di Pietro. Il politico di Montenero di Bisaccia, forte di un ottimo risultato alle scorse Provinciali, vorrebbe puntare su candidati validi. Sembrerebbe scontata, in tal senso, la presenza nella lista di Giuseppe Caterina, attuale coordinatore regionale dell’Idv che nella scorsa tornata elettorale non riuscì ad entrare in Parlamento per una manciata di voti. In pole position per una probabile candidatura anche il consigliere comunale e provinciale Cosmo Tedeschi. Il costruttore isernino è il prototipo di nuovo politico che piace tanto a Di Pietro. Sempre pronto a dire la sua anche in questioni molto spinose (vedi Ittierre e Geomeccanica), si sta conquistando un posto di rilievo nel mondo politico isernino. Su Tedeschi, però, ci potrebbe essere un dubbio. In tanti, infatti, lo vorrebbero come

Planta Tour a Bagnoli del Trigno Un viaggio attraverso la natura Si svolgerà domenica 13 Giugno 2010 a partire dalle ore 7,15 a Bagnoli del Trigno “Planta Tour”, passeggiata alla scoperta delle piante officinali che crescono spontaneamente sul nostro territorio. “Planta Tour”, giunto alla IV edizione, nasce nel 2007 come manifestazione ideata e promossa dal Centro Studi “Cosmo de Horatiis” e dall’Associazione “La Chiave della Salute” di Bagnoli del Trigno (IS); nato ancor prima del Progetto di Ricerca applicata sulle Piante Officinali, incluso nel programma Pluriennale di interventi diretti a favorire la ripresa produttiva del Molise, finanziato dalla Legge Regionale art. 15, e di

cui ha rappresentato momento promozionale importante per due anni, ora che il Progetto stesso si è concluso e ne sono stati presentati i brillanti risultati raggiunti in un Convegno tenuto presso l’Università del Molise il 21 novembre 2009, continua la sua storia e la sua evoluzione. Il Progetto di ricerca ha consentito l’acquisizione di conoscenze fondamentali, direttamente sul territorio, circa piante officinali selezionate di cui, al più presto, si giungerà alla coltivazione intensiva, così da aprire nuovi sbocchi all’agricoltura locale ed incentivare lo sviluppo economico e sociale e, non meno importante, per salvaguardare l’ambiente quale risorsa preziosa del nostro territorio.

Montaquila, nuova edizione della sagra del cinghiale Si è svolta a Tarquinia la ventesima edizione del Game Fair, unico esempio di festa campestre in Italia che ogni anno accoglie circa 50mila visitatori appassionati di caccia, pesca, cinofilia, ippica e tutto ciò che riguarda la vita nella natura. Non poteva certamente mancare l'Associazione Cacciatori "VALLE DEL VOLTURNO" il cui Presidente Antonio Lollis ha organizzato un accogliente pulman con la Cerresi tour di Cerro al Volturno. Dalla giornata verrà tratto qualche spunto che risulterà utile alla

buona riuscita della prossima SAGRA DEL CINGHIALE, giunta ormai alla 4^ edizione e che quest'anno si svolgerà sempre a Masserie la Corte di Montaquila nei giorni 7 e 8 Agosto. Si è decisa tale data, in piena estate, per far conoscere ed apprezzare la manifestazione anche agli emigranti che in tale periodo rientrano per le ferie.Fervono comunque i preparativi (già scritturate due ottime orchestre di liscio con

ballerine brasiliane), sarà allestita una mostra canina con giudici federali, un vesparaduno, una giornata ecologica e un convegno con illustri relatori.

prossimo candidato sindaco di Isernia alle prossime Comunali. Ma sembra quasi certa la sua partecipazione anche alle Regionali. Elezioni che potrebbero rappresentare un ottima occasione anche per il sindaco di Capracotta, Antonio Monaco. Il primo cittadino è salito alla ribalta per le sue battaglie in difesa dell’ospedale Caracciolo e per aver sventato la chiusura degli impianti sciistici di Capracotta, conquistando la simpatia di molti altomolisani che potrebbero ripagarlo per il suo operato. Infine c’è da definire la posizione delle “nuove leve” come il consigliere comunale Edmondo Angelaccio. Il summit isernino, dunque, servirà ad Antonio Di Pietro e ai suoi collaboratori per capire quale siano le intenzioni generali dei suoi “seguaci” nella provincia di Isernia.

Incollingo a Iorio: Riqualifichiamo l’Alto Volturno Il Vicepresidente del Consiglio Regionale, Tony Incollingo, parla apertamente al Governatore Michele Iorio attraverso una lettera. Incollingo interviene sulla riqualificazione dell’Alto Volturno. “Gentile Presidente, pochi giorni fa abbiamo partecipato, a Scapoli, alla celebrazione della “Giornata del Ricordo” in onore degli oltre mille caduti civili e militari della regione durante la Guerra di Liberazione. Alla presa di Monte Marrone, da parte delle truppe italiane e in primis degli alpini, seguì, come è noto, la rinascita dell’Esercito Italiano e la riconquista della dignità come Paese agli occhi degli Alleati. Negli anni successivi alla Guerra, Monte Marrone ed il Monumento ivi eretto furono meta di grandi personalità di Stato(civili e militari) che hanno celebrato, insieme a tanti cittadini, le giornate del 25 aprile e del 2 giugno. Sento, perciò, il dovere – da Consigliere Regionale del Molise, da figlio di quel territorio e da Alpino - di tornare a parlare della strada che collega Castelnuovo al Volturno con Monte Marrone, che versa in condizioni di degrado sempre più preoccupante. Già in passato ho sollevato la questione in altra direzione, purtroppo senza esito, per cercare la

Agnone, minoranza in difesa dell’ospedale

Protezione Civile 25 nuovi volontari

AGNONE – Alcuni consiglieri comunali appartenenti ai gruppi di minoranza del Comune di Agnone, hanno chiesto la convocazione del consiglio comunale per discutere del nuovo piano sanitario della Regione Molise che prevede il ridimensionamento delle attività dell’Ospedale S.Francesco Caracciolo di Agnone.

E’ terminato il corso di formazione organizzato dall’associazione Italia Verde Volontari per l’Europa e dal Centro Alfredo Rampi Molise per i volontari della Protezione Civile, patrocinato dalla Regione Molise e dal Comune di Scapoli. Sono stati formati circa 40 volontari di cui 25 già pienamente operativi nel reparto interforze logistico.

giusta soluzione ad una situazione diventata oramai inaccettabile; io credo che in questo particolare momento e in prospettiva dei festeggiamenti dei 150 anni dell’Unità d’Italia (l’anno prossimo) sia nell’interesse della nostra Regione dare la necessaria considerazione ad un monumento che ricorda le Regioni d’Italia, nonché un avvenimento di straordinaria importanza per tutto il Paese. Pochi luoghi, come Monte Marrone, simboleggiano in Molise l’Unità d’Italia e, dunque, esso sarà sicuramente meta di rappresentanti dello Stato per festeggiare la ricorrenza del 2011; si parla già della possibile visita del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Mi rivolgo, pertanto, a Lei Presidente, anche richiamando, al riguardo, l’ordine del giorno approvato all’unanimità in Consiglio Regionale in data aprile 2008, affinché, con l’ autorevolezza che Le è propria, affronti personalmente la problematica, al fine di procedere, con assoluta urgenza in considerazione della ristrettezza del tempo rimasto, ad un necessario finanziamento per sistemare il manto stradale e ridare a quel luogo il rispetto che gli è dovuto dalla storia”.

15 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010


TERMOLI Parte dalla Puglia la protesta contro contro i nuovi metodi di cattura imposti dall’Ue

I pescatori di Molfetta riconsegnano le licenze L’iniziativa adottata nella cittadina pugliese può avere ripercussioni anche su Termoli e gli altri centri adriatici MOLFETTA – Dallo stato di agitazione al blocco totale delle attività di pesca. Questa la decisione da parte degli armatori della flottiglia di Molfetta che attuano una ferma protesta contro il regolamento della Comunità Europea 1967/2006 inerenti i metodi di pesca nel Mediterraneo. Gli armatori hanno fatto rientrare in porto tutte le imbarcazioni e riconsegnato in Capitaneria le rispettive licenze di pesca. Alla consegna della documentazione é stato presente il senatore Antonio Azzolini che é anche sin-

daco della cittadina in provincia di Bari. L'esponente politico, esprimendo la sua solidarietà a pescatori e armatori ha sostenuto che: “Queste nuove norme, così come sono state concepite, rendono di fatto impossibile la pesca nel Mediterraneo”. Azzolini ha chiesto un incontro con il ministro Galan per discutere sull'attuale situazione in cui si trova la marineria molfettese e di tutto l'Adriatico. Incontro che potrebbe avvenire già oggi al termine del “tavolo” che il Ministro terrà a Roma con i rappresentanti di tutte le associazioni

della pesca. “E' necessario – ha detto il Senatore – che l’Unione Europea accetti di avviare un negoziato, alla luce delle sperimentazioni realizzate in queste ultime settimane, aperto non solo ai tecnocrati ma anche direttamente agli operatori del settore pesca. Solo così si può avere l’esatta cognizione dei problemi e individuare soluzioni che contemperino due esigenze: quella di garantire il ripopolamento delle specie marine; assicurare ai pescatori condizioni di lavoro ragionevoli. Per il resto, tutte le istituzioni –

Zuccherificio, la Flai-Cgil interviene sul piano industriale

Tra pochi giorni partirà la campagna saccarifera e partiranno le assunzioni degli stagionali. In merito la Flai – Cgil aziendale sottolinea che il numero delle assunzioni rientra nel consueto organico di dipendenti stagionali normalmente assunto. Il sindacato aziendale, a prescindere dalle questioni relative alla procedura di definizione dei nuovi assetti societari e nella consapevolezza che la sopravvivenza dell’intero sistema produzione – trasformazione - vendita deve ineludibilmente improntarsi all’autosostentamento economico, si sofferma sul Piano Industriale presentato ai lavoratori dello Stabilimento la scorsa settimana. “Le informazioni ricevute – scrive la Flai - Cgil, pur denotando organicità di contenuti che hanno orientato positivamente il giudizio dei lavoratori, richiedono un appro-

16 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010

fondimento indispensabile per poter esprimere una valutazione realistica circa la sostenibilità economica e tecnica del progetto su cui si incardina il Piano. Perciò, posto che - come auspicato - le attività lavorative previste si basano sulla conservazione della filiera bieticolo-saccarifera opportunamente efficientata, differenziata e diversificata oltreché rispettosa dell’ambiente, per poter valutare la credibilità e la realizzabilità del Piano è necessario conoscere alcuni fattori economici e tecnici”. E ad esempio chiedono: “Quali valutazioni esprime il mondo agricolo relativamente al prezzo bietole garantito? Viene preservata e incentiva l’attività agricola di produzione?; Sono congrue e fattibili le scelte progettuali di modifica ed ampliamento degli impianti?; E' garantita la copertura finanziaria complessiva degli investimenti?; Quali saranno i futuri livelli occupazionali interni ed esterni?”. Per questo motivo il sindacato ha chiesto formalmente alla Società il documento completo del Piano Industriale, “fiduciosi di potervi riscontrare le migliori soluzioni finalizzate ad un rilancio complessivo dello Zuccherificio del Molise SpA irrinunciabile riferimento per l’economia dell’intero territorio molisano. La Flai-Cgil aziendale – conclude la nota -, rimandando le valutazioni più opportune all’analisi del Piano, intende fin da ora esprimere apprezzamento per il lavoro svolto da tutti i soggetti che ne hanno curato la stesura”.

ha concluso – devono farsi promotrici dell’unica misura possibile in questo momento: la sospensione temporanea del regolamento per almeno 12 mesi”. Dunque parte da Molfetta la

presa di posizione che potrebbe estendersi a tutte le marinerie dell'Adriatico, determinando il blocco totale con intuibili ripercussioni per tutto il comparto ittico e sui consumatori.

Acqua pubblica, domani la raccolta delle firme a Colletorto

COLLETORTO - Continua la campagna di mobilitazione a sostegno della proposta di legge regionale n°205 (di modifica ed integrazione alla Legge Regionale del Molise n°37 del 1° dicembre 1999, ad oggetto: Istituzione dell’Azienda Speciale Regionale,

denominata: “Molise Acque”) presentata unitariamente da tutti i gruppi consiliari del centrosinistra alla Regione Molise. L’iniziativa a difesa dell’acqua pubblica molisana, che proseguirà durante tutta l’estate, toccherà i comuni molisani attraverso una raccolta di firme a sostegno della proposta di legge regionale, l’allestimento di stands informativi, la convocazione di assemblee pubbliche, seminari e convegni sul tema. Lo scopo è quello di coinvolgere ed informare i cittadini circa l’importante iniziativa legislativa in grado di arginare oggi i devastanti effetti che il decreto Ronchi rischia di provocare già dal 2011. Il prossimo appuntamento, al quale parteciperanno anche i Consiglieri regionali promotori dell’iniziativa, prevede l’allestimento di un punto informativo e la raccolta di firme, e per domani a Colletorto in Corso Vittorio Emanuele, nei pressi della fiera di San Teodoro, a partire dalle 9,30.

Trivellazioni, Nazario Malerba plaude alla collaborazione della minoranza In merito alla vicenda Petrolceltic Italia che dovrebbe occuparsi delle trivellazioni al largo delle Isole Tremiti e della costa molisana alla ricerca di giacimenti petroliferi, e alle dichiarazioni fatte dal Consigliere di minoranza e vice presidente della Commissione Ambiente, Erminia Gatti, ove si ritiene soddisfatta della presa di posizione della stessa Commissione che ha deliberato all’unanimità su un’iniziativa della minoranza, il presidente della VI Commissione Nazario Malerba, ha dichiarato: “Sono soddisfatto della collaborazione della minoranza su un tema così importante come quello della salvaguardia del nostro territorio e delle nostre coste. Ritengo doveroso e opportuno distinguere l’iniziativa già preventivamente adottata dall’Amministrazione comunale, assunta con la conferenza dei sindaci della scorsa settimana, e il parere della

commissione ambiente che ha ribadito il suo pensiero unanime a rinforzo di una posizione già adottata dalla maggioranza, il no alle trivellazioni con tutti gli atti che ciò comporta”.

Guida in stato di ubriachezza Denunciato un 37enne

Incidente stradale, ferita una 25enne di Petacciato

URURI – I carabinieri della Compagnia di Larino, durante un controllo alla viabilità veicolare, hanno denunciato a piede libero per guida in stato di ebrezza R.A., 37enne di Ururi. L'uomo fermato per un controllo e sottoposto all'elitometro è risultato positivo: gli è stata ritirata anche la patente di guida. a

PETACCIATO – Potrebbe essere sottoposta ad intervento chirurgico B.M., la 25enne di Petacciato rimasta coinvolta in un incidente stradale avvenuto lunedì pomeriggio lungo la Provinciale che collega Termoli a Petacciato. Nell'impatto con un altro mezzo la donna ha riportato una doppia frattura ed ora é ricoverata in Ortopedia al San Timoteo.


TERMOLI Il natante non è più ormeggiato in porto da mesi e al momento non si sa dove sia

Che fine ha fatto la barca della Polizia municipale? TERMOLI – Che fine ha fatto l'imbarcazione acquistata lo scorso anno dalla passata amministrazione comunale e che doveva servire agli agenti della Polizia Municipale per controllare la costa di pertinenza. Al molo si riva del porto ci sono attraccate le imbarcazioni della Capitaneria di Porto, Guardia di finanza e carabinieri ma non quella della municipalizzata. A dire il vero, sempre la scorsa estate, l'imbarcazione si é vista navigare poco o niente ma ha fatto bella mostra di se con tanti di equipaggio durante la processione a mare del patrono San Basso. La decisione di acquistare l'imbarcazione, si parla di oltre 20mila euro, fu presa dall'Amministrazione guidata dall'allora sindaco Vincenzo Greco. Un acquisto che sembrò abbastanza fuori luogo viste che già a quei tempi le finanze comunali non prosperavano certamente. Fatto sta che venne acquistato dalla cantieri navali Manò Marine un 21 Pilot con motore da 100 cavalli, accessoriato completamente e sulle fiancate la scritta Polizia Municipale. Una innovazione per gli Agenti e per la cittadinanza visto che nelle intenzioni dell'esecutivo comunale il Pilot doveva servire a monitorare la costa nell'ambito del Piano sicurezza e la decisione venne presa in breve

e nel Sinarca, eventuali interventi di protezione civile”, recita il deliberato. Alcuni Vigili presero parte ad un corso per acquisire la patente nautica ma non si sa se ne entrarono mai in possesso anche se, come detto, il Pilot ha navigato il giorno di San Basso ma poi pare non sia più uscita in mare ed ora non é più da tempo attraccata in porto. Che fine ha fatto? E' stata ri-

Voluta dalla giunta Greco per il Piano sicurezza, ha navigato solo per San Basso e poche altre volte tempo con la relativa delibera stilata e firmata. “Acquisto natante da diporto per salvamento a mare, controllo della velocità delle imbarcazioni da diporto entro i limiti previsti dal codice della navigazione,

recupero di specie ittiche: delfini, tartarughe marine etc. di competenza del Comune, controllo clandestini, abusivismo commerciale sulla spiaggia, controllo eventuali scarichi inquinanti abusivi in mare, nel Biferno

Via Corsica senza marciapiedi Sale la protesta dei cittadini

TERMOLI – La scorsa settimana, su segnalazione di un nostro lettore, scrivemmo che in una zona a poche centinaia di metri dall'ospedale San Timoteo e nei pressi di abitazioni e attività commerciali pascolavano cavalli in mezzo alla vegetazione incolta e che sotto una struttura in cemento armato dormivano alcuni senza tetto. Una segnalazione che ha colto nel segno perché tutta l'area é stata ripulita, i quadrupedi sono spariti almeno da quella zona, e anche i senza dimora non si vedono più, almeno da quanto riferito dai residenti. A questo punto non sappiamo se l'intervento di bonifica era già stato programmato oppure sollecitato dopo il nostro articolo, l'importante é il risultato. E un risultato ora si attendono anche altri cittadini che ci hanno segnalato un'altra situazione che abbisogna di un intervento. Via Corsica, la strada più trafficata della città mostra dei limiti: a partire dall'ultima rotonda che si trova nelle adiacenze del Liceo Artistico per chi procede verso Campomarino, non esiste un marcia-

piede su ambo i lati della carreggiata. Chi percorre a piedi quel tratto di strada per recarsi in negozi o nella zona industriale trova non poche difficoltà. Deve per forza di cose camminare sul pietrisco oppure sul ciglio della strada visto che su gran parte del “camminamento” sono presenti erbacce. Lungo il percorso ci sono ben due fermate della linea urbana ma non ci sono pensiline che permettano agli utenti di ripararsi in caso di pioggia. Ma non é tutto perchè ci é stato segnalato che verso la fine del tratto, di fronte all'ex stabilimento Barilla, proprio dove esiste una fermata delle circolari c'é una pericolosa buca. Ci sarà anche in questo caso un pronto intervento almeno per sfalciare le erbacce e chiudere quella buca che rappresenta un pericolo specialmente per gli anziani?

consegnata al Cantiere, e ricoverata in qualche capannone al riparo dalle intemperie? Si vede che chi dirige il settore non ancora entra in pieno nei meccanismi: ai tempi del coordinatore Rocco Giacintucci era tutto diverso e se ci fosse stato ancora lui la barca sicuramente sarebbe in acqua. Comunque ora spetta alla nuova amministrazione dare delle risposte.

L’opposizione dell’epoca: “Perché questa scelta?” TERMOLI – Proprio in riferimento alla barca, suo impiego e personale di bordo, intervennero con un documento (primo firmatario Ennio De Felice) i consiglieri di opposizione i quale chiesero al sindaco e all'assessore competente di riferire in Consiglio comunale. Di seguito il testo del documento presentato. “Considerato che risulta che questa amministrazione abbia provveduto all’acquisto di un motoscafo per il controllo della costa da parte dei vigili urbani; Considerato inoltre che il numero dei suddetti vigili è già esiguo per lo svolgimento della ordinaria amministrazione; Visto che in tutte le città costiere c’è la tendenza a concentrare il controllo marittimo sotto l’egida della Guardia Costiera e della Guardia di Fi-

nanza, tant’è vero che in molte altre città è stato addirittura revocato l’incarico di controllo a Carabinieri e Polizia che per parecchi anni hanno affiancato le altre forze dell’ordine nel controllo in mare; Ritenuto che il bilancio di questa Amministrazione è a dir poco asfittico e non permette certo spese superflue quando si fa fatica a svolgere l’ordinario; si chiede al sindaco ed all’assessore preposto di relazionare in Consiglio sui perché di questa scelta, sull’organizzazione del lavoro in mare, sulla capacità degli eventuali addetti e, soprattutto su quanto è stato speso per la suddetta imbarcazione ed in quale capitolo di spesa è rientrata o, in alternativa, qualora si fosse trattato di donazione, da chi è stata eseguita ed a quale titolo”.

L’amministrazione presenta il piano Casa TERMOLI – Domani alle 12, presso la Sala consiliare del Municipio, il sindaco Basso Antonio Di Brino insieme all’Assessore all’Urbanistica Ennio De Felice, al Presidente della III Commissione che si occupa della gestione del territorio, Vincenzo Aufiero, ai componenti della Commissione Urbanistica, Bruno Verini e l’ingegnere Francesco Roberti, quest’ultimo Relatore del testo di Commissione e il Dirigente di settore l’avvocato Daniele di Vito, presenteranno in conferenza stampa il progetto per il Piano Casa. Il testo per il piano casa è stato elaborato dalla struttura e condiviso in modo congiunto da parte di tutti i Consiglieri di maggioranza all’insegna di un’azione propositiva e di trasparenza. La Commissione e tutta la maggioranza è aperta a suggerimenti da parte dei consiglieri di minoranza.

Pesca di frodo, la Finanza sequestra 7mila ricci

Famiglie, Di Brino: sono disponibili 176mila euro

TERMOLI - Ancora in azione gli uomini della Guardia di finanza per contrastare la pesca abusiva. Otto persone sono state bloccate mentre pescavano abusivamente ricci di mare. Le Fiamme gialle hanno sequestrato e rigettato in marer 7mila ricci e le attrezzature quali mute da sub, pinne, maschere e bombole di ossigeno. In totale sono state elevate sanzioni per 48mila euro.

TERMOLI – L’amministrazione comunale ha sbloccato i fondi per l’erogazione dei contributi per il pagamento dei canoni di locazione a favore di cittadini in situazioni di disagio, pari a 176.058.069 euro. Il sindaco ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto dall’amministrazione: "Cerchiamo di andare incontro alle esigenze dei cittadini più deboli e sostenere le famiglie termolesi”.

17 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010


Internazionali di tennis Doppia impresa azzurra

Kick boxing, oro e argento per la Fighting ring

CAMPOBASSO - Giulia Gatto Monticone e Gioia Barbieri passano al 2° turno eliminando due teste di serie del tabellone. La piemontese ha eliminato la numero uno del seeding, l’australiana Olivia Rogowska, in rimonta (3-6, 7-5, 6-3), mentre la romagnola si è sbarazzata della cinese Jing Jing Lu [7] in due set (7-5, 6-3). A PAG. 21

I fratelli Luigi e Antonio Monaco atleti della Fighting Ring di Boiano, conquistano un oro e un argento nella Coppa del Mondo di Light Contact svoltasi a Rimini. Le migliori scuole Europee di Kick Boxing, presentavano alle iscrizioni Campioni di indiscusso valore Internazionale. A PAG. 22

ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it IL CAMPOBASSO E’ VICINO ALL’INGAGGIO DI MISTER DI NOLA Situazione ancora in stand by in casa Campobasso. I lavori dovrebbero essere in corso, ma al momento non sono ancora noti programmi, obiettivi e ambizioni. Nonostante questo le voci di corridoio circolano e qualcosa dovrebbe muoversi nelle prossime ore. Come ampiamente annunciato la scorsa settimana Salvatore Di Somma ha declinato l’invito del patron Capone, preferendo la sistemazione a Castellammare di Stabia, sua città, come direttore tecnico. Così la società ha virato su Mario Di Nola. Tecnico giovane, preparato e che conosce benissimo la realtà del capoluogo. Dove ha lasciato un ottimo ricordo e un’avventura a metà. Ma bisogna fare in fretta perché Di Nola è appetito da molte società importanti, prima tra tutte la Turris. A PAG. 20

PIANETA D, SAMBENEDETTESE SCATENATA: PRESO PAZZI Tra le squadre più attive sul mercato c’è il Teramo, che dopo aver ufficializzato il tecnico Cifaldi ha ingaggiato l’ex Trivento Borrelli e Colacioppo. Ma anche le altre big della prossima serie D sono in fermento. L'altra matricola e nobile decaduta la Sambenedettese di Ottavio Palladini, ha annunciato l'acquisto del bomber Cristian Pazzi , nell'ultimo campionato in Seconda divisione con il Fano, con cui è andato ,ancora una volta, in doppia cifra. Pazzi farà coppia con l'attaccante abruzzese Cristian Cacciatore (ex Hatria), confermato dal tecnico marchigiano dopo la vittoria dell'Eccellenza. L’attaccante Fanesi, ex Angolana, invece ha raggiunto un accordo con la Fermana in Eccellenza. A PAG. 20

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO SERIE D

Lupi, quasi fatta per Di Nola Ore decisive per il ritorno del tecnico campano che è corteggiato anche dalla Turris 10 %

80 %

Situazione ancora in stand by in casa Campobasso. I lavori dovrebbero essere in corso, ma al momento non sono ancora noti programmi, obiettivi e ambizioni. Nonostante questo le voci di corridoio circolano e qualcosa dovrebbe muoversi nelle prossime ore. Come ampiamente annunciato la scorsa settimana Salvatore Di Somma ha declinato l’invito del patron Capone, preferendo la sistemazione a Castellammare di Stabia, sua città, come direttore tecnico. Così la società ha virato su Mario Di Nola. Tec-

nico giovane, preparato e che conosce benissimo la realtà del capoluogo. Dove ha lasciato un ottimo ricordo e un’avventura a metà. Ma bisogna fare in fretta perché Di Nola è appetito da molte società importanti, prima tra tutte la Turris. L’ottimo campionato disputato la scorsa stagione dall’ex tecnico del lupo non è passato inosservato e così Di Nola fa mercato, per usurare un’espressione tecnica. Nelle prossime ore dovrebbe esserci l’incontro con il presidente Capone per mettere a punto

i dettagli dell’operazione e soprattutto programmare la stagione. Di Nola porterebbe con sé uomini di sua fiducia, ma soprattutto giovani di grandi prospettive. In tal modo si materializzerebbe il progetto di austerity, con una squadra, però, competitiva e che potrebbe anche puntare in alto. Altri ragazzi in età di Lega sarebbero prelevati dalla Juve Stabia e così il quadro potrebbe essere completo. Tuttavia c’è la necessità di bloccare subito l’allenatore campano, mettere in chiaro le strategie e partire

Giorni decisivi per il Bojano Gioffrè vicino alla guida tecnica L’incontro tra l’attuale presidente del Bojano Egidio Amatuzio, il sindaco Antonio Silvestri e l’Assessore allo sport del comune matesino Gianluca Colalillo sarà fondamentale per le sorti del calcio bifernino. Il summit ci sarà a breve e dagli esiti dello stesso sarà possibile dedurre se il calcio ai piedi del Matese dovrà vivere un’altra, ennesima, estate infuocata. Il numero uno del club biancorosso ha già annunciato, all’indomani del raggiungimento della salvezza, di voler mollare la guida della società perché non ci sono le prospettive economiche per poter disputare un altro campionato di serie D in totale solitudine. Immediata si è alzata una voce fuori dal coro del quasi totale immobilismo a cui si è assistito in questi ultimi anni a Bojano: la voce è quella di Vittorio Iacovantuono che è stato sempre vicino alla società e che sarebbe pronto a ricevere un’investitura ufficiale per guidare la società nel prossimo campionato. Iacovantuono ha già avuto un colloquio informale con l’Assessore Cola-

20 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010

Carmelo Gioffrè lillo, un primo ma significativo passo in avanti in vista di un “matrimonio” che sarebbe avvallato anche dall’opinione pubblica boianese che sembrerebbe gradire questa nuova soluzione. E’ chiaro però che un nuovo progetto ha bisogno delle dovute garanzie e quindi se non ci sarà il sostegno

della città e di un paio di imprenditori locali, sarà molto difficile portare avanti qualunque tipo di discorso. Una volta risolte le problematiche societarie si dovrà procedere alla costruzione della squadra ed in primis alla scelta del nuovo allenatore chiamato a sostituire Francesco Farina accasatosi al Trivento. In queste ultime ore si è fatta insistente la voce che vedrebbe sulla panchina biancorossa il capitano nonché difensore Carmelo Gioffrè che potrebbe vestire i panni del play manager nel prossimo campionato. L’idea sembra piacere molto alla vecchia dirigenza che ovviamente dovrà prospettare questa nuova soluzione a chi eventualmente subentrerà alla guida del club bifernino. Ma la sensazione comune è che moltissimi giocatori della passata stagione lasceranno Bojano: certe le partenze dei centrocampisti Altieri e Iaboni e del difensore Ruggieri che seguiranno Farina a Trivento( a questi potrebbe aggiungersi anche l’attaccante Diallo). JM

10 %

ufficialmente con la stagione 2010/2011. Stando così le cose Mario Di Nola sarebbe il nuovo allenatore del Campobasso all’80%. Un 10% ciascuno lo conservano ancora Carannante e Trillini. Quest’ultimo, già contattato, vorrebbe garanzie per l’allestimento di una rosa da primato e pertanto non in linea con le strategie attuali della compagini di Selva Piana. Ma Carannante e Trillini tornerebbero in auge solo se dovesse sfuggire l’ingaggio di Di Nola. IR

PIANETA D

Colpo della Samb: Pazzi L’Aquila allarga la società Tra le squadre più attive sul mercato c’è il Teramo, che dopo aver ufficializzato il tecnico Cifaldi ha ingaggiato l’ex Trivento Borrelli e Colacioppo. Ma anche le altre big della prossima serie D sono in fermento. L'altra matricola e nobile decaduta la Sambenedettese di Ottavio Palladini, ha annunciato l'acquisto del bomber Cristian Pazzi , nell'ultimo campionato in Seconda divisione con il Fano, con cui è andato ,ancora una volta, in doppia cifra. Pazzi farà coppia con l'attaccante abruzzese Cristian Cacciatore (ex Ha- Cristian tria), confermato dal tecnico marchi- Pazzi giano dopo la vittoria dell'Eccellenza. L’attaccante Fanesi, ex Angolana, invece ha raggiunto un accordo con la Fermana in Eccellenza. E’ attivissima sul mercato anche L’Aquila che per la prossima stagione si è assicurata le prestazioni di Garaffoni, Miani e Monti mentre a breve deciderà sulla scelta dell’allenatore che dovrebbe essere uno tra Ammazzalorso e Pierini. Intanto arrivano interessanti novità sul fronte societario: forze imprenditoriali nuove sono pronte a supportare l’operato del presidente Elio Gizzi. E’ sempre più concreta infatti l’ipotesi che una cordata locale sia pronta a rilevare il 50% del pacchetto azionario. Questo significherebbe una maggiore possibilità per il club aquilano di poter effettuare una campagna acquisti altisonante che garantirebbe la costruzione di una squadra in grado di puntare al salto di categoria. Domani verranno svelati tutti i particolari di questa operazione nel corso di una conferenza stampa indetta dalla società. JSV

Maldini:“In Nazionale? Nessuna proposta”

Il Portogallo deve rinunciare a Nani

''Un mio futuro in Nazionale? Per ora non c'è nessun tipo di proposta''. Così Paolo Maldini sulle voci di un suo possibile ruolo. ''Finora - continua Maldini - ho avuto una collaborazione per la candidatura di Euro 2016. In quell'occasione ho parlato con il presidente Abete: da parte sua c'e' grande disponibilità a qualsiasi tipo di collaborazione e anche da parte mia. Vedremo. In questo momento comunque non c'e' niente''.

Il Portogallo deve rinunciare a Nani. L'ala del Manchester United non ha superato il test decisivo per capire se c'era possibilità di recuperare dall'infortunio alla clavicola sinistra che il giocatore si è procurato in allenamento, prima di partire per il Sudafrica. "Nani non è in condizione di affrontare l'impegno Mondiale", ha reso noto la Federcalcio portoghese in un comunicato. Il suo posto sarà preso da Ruben Amorim, 25 anni, laureatosi campione del Portogallo con il Benfica.


S P O RT TENNIS FEMMINILE

Gatto Monticone&Barbieri L’Italia che avanza La torinese vince addirittura in rimonta sulla Rogowska [1] in 3-6, 7-5, 6-3 e la romagnola fa fuori la cinese Lu (7-5, 6-3) La Schiavone ha fatto scuola. E a Campobasso ha trovato due allieve di grande talento. Giulia Gatto Monticone e Gioia Barbieri. Le due tenniste azzurre hanno eliminato altrettante teste di serie. Al termine di tre tiratissimi set, la Gatto Monticone ha rimandato a casa addirittura la testa di serie numero 1, l’australiana Olivia Rogowska. Già dall’inizio, la torinese si è fatta valere strappando per due volte il servizio all’avversaria. Ma la Rogowska, numero 162 al mondo, ha reagito e fatto suo il set iniziale col punteggio di 6-3. La Gatto Monticone non si è persa d’animo ed ha guidato dall’inizio la seconda partita, fino ad avere tre palle per il set sul 5-4 senza concretizzarle. La sua avversaria ne ha approfittato e l’ha raggiunta sul 5 pari, ma a questo punto c’è stata la nuova reazione della ventitreenne piemontese, numero 308 al mondo e 15 in Italia, che si è aggiudicata il set col punteggio di 75. Nella terza ed ultima partita, decisivo è stato il break del 5-3, seguito dal gioco che ha chiuso set e gara sul 6-3. Contemporaneamente, sul campo 2, Gioia Barbieri annientava la cinese Jing Jing Lu, testa di serie numero 7 del torneo. Sul 5 pari nel primo set, la romagnola piazzava il break che segnava la gara in suo favore. E domani, negli ottavi, ci sarà per lei un altro importante banco di prova: Vanessa Henke. La tedesca, già numero 137 al mondo, ha eliminato l’australiana Tammi Patterson al termine di una delle tante ‘maratone’ della giornata. Il primo set, equilibratissimo, si è risolto al tie-break (7-4) per la ‘aussie’, che poi si è trovata a rincorrere nella seconda frazione: 1-4, poi 4 pari, prima dell’allungo della Henke sul 6-4, replicato nell’ultimo set. La ventenne Patterson esce di scena con tanti complimenti per il suo tennis tutto all’attacco. Fuori una terza australiana, Alenka Hubacek, che solo nel secondo set ha reso difficile la vita dell’argentina Maria Irigoyen, numero 2 del seeding: 6-1, 7-5 il risultato in favore della sudamericana che tra due giorni si troverà di fronte Erika Zanchetta. La romana è nel tabellone

PRIMO TURNO Valentine CONFALONIERI (Ita) Giulia SUSSARELLO (Ita)

3 6

7 6

6 2

Vanessa HENKE (Ger) Tammi PATTERSON (Aus)

6 7

6 4

6 4

Erika ZANCHETTA (Ita) Bianca BOTTO (Per)

7 6

7 6

Jessica MOORE (Aus) Avgusta TSYBYSHEVA (Rus)

6 7

6 2

Margalita CHAKHNASHVILI (Geo) Valentina SULPIZIO (Ita)

6 0

6 3

Maria IRIGOYEN (Arg) Alenka HUBACEK (Aus)

6 1

7 5

Giulia GATTO MONTICONE (Ita) Olivia ROGOWSKA (Aus)

3 6

7 5

Gioia BARBIERI (Ita) Jing Jing LU (Cin)

7 5

6 3

principale grazie ad una wild card: ben spesa, a giudicare dal doppio 7-6 con cui ha eliminato la peruviana Bianca Botto che la sopravanza di oltre trecento posizioni (274 contro 622) nella classifica mondiale. Nel primo set, la Zanchetta è stata brava a recuperare dal 2-4 annullando anche due set point all’avversaria mentre nel secondo set, dopo un tentativo di ‘fuga’ (3-0) è stata raggiunta sul 3 pari. Poi le due atlete hanno sfruttato i rispettivi turni di servizio prima del netto (7-2) successo dell’italiana nel gioco supplementare. Facile successo, inoltre, della georgiana Margalita Chakhnashvili su Valentina Sulpizio. L’azzurra ha conquistato nel secondo set i suoi soli tre giochi della partita. La prima giornata del tabellone principale si era però aperta con due maratone, conclusesi quasi in contemporanea, entrambe dopo il terzo set. Dopo due ore e mezzo di battaglia sotto il sole, Jessica Moore e Valentine Confalonieri hanno eliminato rispettivamente Avgusta Tsybysheva e Giulia Sussarello. Sul campo 1 erano di fronte due italiane, la Sussarello e la Confa-

Confalonieri

6 2

6 3

lonieri, per giunta coetanee (classe ’92). Il primo set è stato favorevole alla Sussarello, che ieri aveva eliminato la campobassana Struzzolino. Nella seconda partita, la Confalonieri è cresciuta soprattutto al servizio ma la Sussarello ha lottato su ogni palla, recuperando dall’1-5 al 5 pari ed arrendendosi solo al tie-break (terminato 7-3). A senso unico il terzo set, dove la Confalonieri ha fatto valere il fisico e forse si è fatta sentire la stanchezza della Sussarello, reduce da due partite nel tabellone di qualificazione. Tra la Moore e la Tsybysheva c’è stato grande equilibrio nel primo set, la cui naturale conclusione è stato il tie-break, dove la russa si è subito portata sul 4-0 per poi chiuderlo sul 7-4. Ma anche qui c’è stata la rimonta dell’atleta che aveva ceduto la prima partita: la ventenne australiana, tornata a Campobasso dopo l’esperienza del 2006 (dove raggiunse i quarti di finale) si è affermata nel secondo per 6-2 e nel terzo ha allungato dal 2-2 al 6-2. Oggi, infine, sono in programma le restanti gare del primo turno che ha già iniziato a sovvertire i pronostici della vigilia.

Moore

Gatto Monticone

Inter-Benitez: mancano gli ultimissimi dettagli

Lippi non e' interessato al Liverpool

Proseguono le trattative per definire l'ingaggio di Rafa Benitez come nuovo allenatore dell'Inter, ma non e' ancora il momento degli annunci. ''Bisogna sistemare alcuni dettagli, ma per l'ufficialità dobbiamo attendere al massimo la mattina'', ha spiegato il direttore dell'area tecnica nerazzurra Marco Branca che in questi giorni sta seguendo in prima persona le trattative con l'allenatore spagnolo e il suo entourage. A quanto si apprende, Benitez non si trova ancora a Milano e arriverà solo per la presentazione, la cui data non è però ancora stata stabilita.

Niente Liverpool per Marcello Lippi: il ct dell'Italia ha fatto sapere di non essere interessato ad un'avventura inglese dopo il Mondiale. Il nome del tecnico italiano era nella lista dei possibili successori di Rafa Benitez, ma secondo il 'Sun' non esistono possibilità che ci sia un altro italiano in Premier League con Carlo Ancelotti, Roberto Mancini e Roberto Di Matteo. Così rimane Roy Hodgson il favorito per la panchina di Anfield Road.

21 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010


S P O RT KICK BOXING

Un oro e un argento per la Fighting Ring Prestigiosi risultati per la società boianese in occasione della Coppa del Mondo svoltasi a Rimini

I f.lli Luigi e Antonio Monaco atleti della Fighting Ring di Boiano, conquistano un oro e un argento nella Coppa del Mondo di Light Contact svoltasi a Rimini. Le migliori scuole Europee di Kick Boxing, presentavano alle iscrizioni Campioni di indiscusso

valore Internazionale. Non da meno i nostri due ragazzi che vantano ormai un'esperienza da veterani,subito in evidenza nelle rispettive fasi eliminatorie, Croati, Russi, Sloveni, Ungheresi, Francesi, rimangono sul campo di battaglia spianando la strada

della finale ai nostri portacolori, Luigi, nella categ. dei -69kg, trova in finale l'italiano Massimiliano Panelli (di Napoli) Campione Europeo nel Taekwondoo accredidato tra i favoriti di questa categ. ma il nostro atleta presentatosi in una forma eccezzionale,conduce il mathc dal primo secondo, gli applausi e gli incitamenti del numeroso pubblico presente accompagnano il nostro beniamino alla conquista del prestigioso trofeo. Nella categoria -63 kg il nostro Antonio compie tre autentici capolavori che lo proiettano nella finale contro il bravissimo atleta Polacco Maciej Modrzejewski, il mathc in perfetto equilibrio fino agli ultimi venti secondi, un leggero rallentamento del nostro atleta veniva percepito dal Polacco che portava a segno due tre tecniche in più che influenzano a suo favore il giudizio arbitrale. Soddisfazione dei Maestri D'An-

Luigi e Antonio Monaco

drea e Carbone veramente risultati eccezionali, peccato per Antonio, mancava veramente poco, questi ragazzi ancora una volta ci hanno regalato delle emozioni indimenticabili, le lacrime di Luigi dopo il verdetto, le fatiche, la passione per questa disciplina gli apprezzamenti dei tecnici presenti, la gioia, le pacche sulle spalle,la dedica, il primo pensiero a mamma e papà,ai compagni di palestra a tutti coloro che li incoraggiano e gli stanno vicini, questi ragazzi nonostante la loro

giovane età (16Antonio, 18Luigi) hanno compiuto un'impresa da uomini veri, è la nostra prima partecipazione a una Coppa del Mondo,ed è il risultato tra i più prestigiosi della Kick Boxing e di tutto lo Sport Molisano. Qualche giorno di riposo, Luigi e Antonio torneranno ad allenarsi, c'è l'ultimo appuntamento con il collegiale Azzurrabbili dove verranno selezionati gli atleti per i prossimi Mondiali, forza ragazzi un ultimo sforzo e complimenti ancora.

DANZA

Trofeo dei Sanniti Acsi ottima l’Aks Agnone

Capracotta – Alessandra, il tecnico rumeno che da anni insegna ad Agnone nella palestra AKS potrebbe entrare a far parte della commissione tecnica regionale e nazionale dell’ACSI. E’ quanto dichiarato da Aida Romagnuolo al termine della Trofeo dei Sanniti di danza tenutosi a Capracotta ed organizzato dal Comitato provinciale ACSI di Isernia con il patrocinio della Regione Molise assessorato allo sport. Sarei felicissima di avere Alessandra nel mio staff regionale – ha proseguito Romagnuolo - perché ancora una volta a Capracotta ha dimostrato con

22 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010

le esibizioni delle sue allieve, di essere una straordinaria ed eccezionale insegnante, cosa questa che rallegra tutto il movimento della danza ACSI. Con il tecnico rumeno – ha continuato Romagnuolo – la danza dell’ACSI molisana potrebbe fare quel salto di qualità che cerca da anni, quel qualcosa che farebbe emergere dal sommerso tutta una tradizione molisana da sempre legata al ballo. A giorni – ha concluso Romagnuolo – mi recherò ad Agnone per premiare personalmente Alessandra e tutte le sue splendide e straordinarie ragazze.

Ancora una vittoria per la Free Dance Acsi Termoli Termoli – Ancora una volta l’A.S.D. Free Dance ACSI Termoli dei maestri Marilena D’Agostino e Anna Laura De Gregorio hanno agguantato il primo posto a Capracotta (IS) in occasione del Trofeo dei Sanniti di Danza, manifestazione sportiva di rilevante interesse organizzata dal Comitato Provinciale ACSI di Isernia e patrocinata dalla Regione Molise Assessorato allo sport alla quale hanno preso parte ballerini provenienti da diverse Regioni d’Italia. Raggianti le due insegnanti termolesi per aver ancora una volta visto i propri atleti salire sul podio più in alto nella categoria master-senior, a dispetto di chi invece, continua a mormorare che il ballo non è adatto per tutte le età. Alla gara di Capracotta - dice Anna Laura De Gregorio – abbiamo dato il massimo anche perché ci tenevamo molto a fare bella figura ad un appuntamento così importante che in passato ci già regalato due primi posti e poi, anche perché non potevamo deludere il presidente regionale Aida Romagnuolo. Aver ottenuto ancora una volta un primo posto – ci riferisce invece Marilena D’Agostino – è la dimostrazione che la nostra scuola di ballo A.S.D. Free Dance di Termoli ha ormai da diversi anni i numeri e la qualità per fare bella figura in competizioni importanti come quella di Capracotta. Poi – ha proseguito D’Agostino - voglio ricordare a tutti gli appassionati di ballo, che naturalmente invito nella

nostra scuola, che alcune delle mie allieve hanno superato abbondantemente anche i settant’anni e che in gara non sono da meno delle ventenni. Soddisfazione per il risultato, è stato espresso anche da Aida Romagnuolo che è rimasta ancora una volta esterrefatta ed incantata per il risultato delle maestre D’Agostino-De Gregorio, ma anche per il bellissimo lavoro che le due insegnanti promuovono come associazione di promozione sociale.

Abete:“Partiamo per vincere i Mondiali”

Barcellona: ok alla cessione di Ibra

''Bisogna sempre puntare al massimo risultato''. Il presidente della Federcalcio, Giancarlo Abete, rinnova la sua fiducia nella Nazionale. ''Non ci siamo prefissati alcun tipo di obiettivo minimo in Sudafrica, non credo sia giusto farlo - spiega - Abbiamo dimostrato di avere capacità vincenti sul campo e speriamo di poterlo fare anche stavolta difendendo al meglio il titolo mondiale''. ''Io ho la massima fiducia nella squadra e nel ct'', conclude Abete.

Il tecnico del Barcellona Guardiola ha dato l'ok alla cessione di Ibrahimovic: lo scrive 'Marca', parlando di un cartellino sui 40-45 milioni. L'attaccante svedese, reduce da una stagione sotto tono, interesserebbe a Milan, Manchester United, Manchester City e Chelsea. Mancini, secondo 'As', avrebbe proposto uno scambio con il brasiliano Robinho, più un conguaglio. L'ipotesi di un trasferimento a Barcellona sarebbe gradito a Robinho, secondo 'Sport'.


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

ORARI

Oroscopo

TRENI

CAMPOBASSO-TERMOLI (DIRETTI)

Partenza 06:02 06:49 09:30 12:20 14:12 17:13 17:40 20:55

Arrivo 07:40 08:35 11:07 14:11 15:56 19:02 19:30 22:45

Ariete 21 mar - 20 apr

TERMOLI-CAMPOBASSO

Sera

Sera

Notte

Notte

La Ricetta “Coppe” d’Agnone 2,5 dl di acqua 250 g di farina 00 un cucchiaio di olio di oliva extravergine un pizzico di sale 400 g di miele 50 g di zucchero 350 g di scaglie di cioccolato fondente

50 g di cacao amaro 200 g di mandorle pelate e tritate 400 g di gherigli di noci tritati un limone ed un’arancia una stecca di cannella un cucchiaino di polvere di caffè

Per le “Coppe”, in una ciotola amalgamate farina olio sale e acqua, mescolando per evitare che si formino grumi. Fate scaldare per bene sul fuoco l’apposito ferro, leggermente unto, quindi fatevi cadere una cucchiaiata di pastella, chiudete lo e fate cuocere la “cialda” da entrambi i lati; toglietela dal ferro delicatamente e con le forbici rifilate per bene i bordi fino ad aver eliminato la pasta fuoriuscita. Mettete la “Coppa” sul tavolo e su di essa appoggiate un peso per evitare che, raffreddandosi, si accartocci. Continuate così fino a esaurire l’impasto. Per il ripieno, in una casseruola, un tempo era utilizzato l’apposito tegame di rame stagnato, fate sciogliere il miele a bagnomaria, unite lo zucchero caramellato a parte e fate cuocere per circa 30 minuti, mescolando con un cucchiaio di legno, fino a quando il composto farà il filo. Aggiungete il cioccolato, il cacao, le bucce di arancia e di limone tagliate a filetti, la cannella, il caffè, il trito di noci e mandorle e, sempre a bagnomaria, lasciate insaporire tutto insieme, per una decina di minuti, mescolando. Lasciate in caldo il composto sul bagnomaria e stendete una cucchiaiata di ripieno su una “Coppa”, in modo da coprirla interamente per lo spessore di mezzo centimetro; sovrapponeteci un’altra “Coppa”, schiacciandola leggermente, e mettetela subito sotto un peso. Riempite, allo stesso modo tutte le “Coppe”, disponetele a torre di dieci e mettete pressate sotto una tavoletta per 2 0 3 ore, quindi conservatele in luogo asciutto. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

MANZONI DI GIROLAMO Via Manzoni Alessandro, 89 Rampa Mercato Tel. 0874.97070 Tel. 0865.50625 GRIMALDI (di appoggio) Via Marconi Guglielmo, 3/5 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Tel. 0874.311259 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno CENTRALE - C.so Nazionale, 102 - Tel. 0875.702492 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.746484

A D N E G A

(DIRETTI)

Partenza 05:46 06:44 12:13 13:22 14:40 16:13 17:14 18:40 20:48

Arrivo 07:39 08:23 13:56 15:00 16:25 17:59 18:55 20:30 22:38

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Partenza Arrivo 05:50 08:53 08:28 11:40 12:19 16:25 14:15 17:16 16:30 19:25 19:43 22:50 ROMA TERMINI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 06:15 09:15 11:15 14:15 14:47 16:45 17:15 19:40

Arrivo 09:18 12:15 15:22 17:30 19:25 20:15 20:46 22:40

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:24 06:54 13:11 14:15 16:30 18:03

Arrivo 07:48 09:18 10:47 16:03 17:39 20:02 21:00

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 05:51 05:51 12:14 12:40 14:13 15:06 15:22 17:30 19:43

Arrivo 08:55 09:18 15:22 16:02 17:09 17:30 19:25 20:28 22:20

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,307,50-10,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,4510,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,5511,20-13,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,009,30-14,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,2513,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 -15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 -8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,1017,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 -8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,3012,40-13,30-13,45 -14,00 (anche festivo)14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 É STATA ISTITUITA L’AUTOLINEA STATALE: VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / CESENA / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO VERRÀ SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI: LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO 3.40 Venafro - 4.05 Isernia - 4.35 Bojano 5.00 Campobasso - 6.00 Termoli - 9.00 Area ser. Conero Est e Ovest - 10.20 Rimini 11.05 Cesena - 11.55 Imola - 12.40 Bologna DA BOLOGNA 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - Fareste bene ad essere un pochino più puntuali del solito, in quanto le persone che vi saranno intorno avranno il loro bel da fare e quindi non avranno molto tempo da dedicarvi se non sarete voi a prendervelo appunto, arrivando in anticipo ai vari appuntamenti. Non potete lasciarvi scappare l'opportunità di finire ciò che avete iniziato! Toro - Dovrete cercare di sfruttare le qualità migliori delle persone che vi capiteranno a tiro poiché, così facendo, riuscirete ad ottenere il massimo dal loro aiuto ed impegno e voi invece, dovrete sforzarvi il minimo. Avete un obiettivo importante da raggiungere e siete consapevoli di non poterci riuscire con le vostre sole forze, soprattutto se non siete abbastanza in forma! Gemelli - Solitamente siete le persone meno adatte a mantenere dei segreti e per questo oggi vorrete restare all'oscuro di alcuni pettegolezzi che i vostri amici o colleghi insisteranno a darvi. Farete bene a rimanere fuori da tutto ciò, poiché vi distrarrebbe troppo dai vostri impegni e finireste per parlare di questo tutto il giorno e proprio non potete permettervelo! Cancro - I vostri amici si dimostreranno più svogliati del solito per cui, se avete voglia di uscire e di distrarvi, non pensate a loro e risparmiatevi le telefonate! Fareste meglio a rivolgervi a qualcuno che conoscete da poco e che quindi non ha molte pretese, vedrete che sarà una buona occasione per approfondire e farsi un’idea più chiara sul loro conto! Leone - Non dovreste aspettarvi troppo dalle persone che vi sono intorno, poiché non è bene contare su chi non ha fatto altro che deludervi in questo ultimo periodo. Avete una concezione un pochino distorta del bene e del male, per questo non riuscite a focalizzare il carattere delle persone! Abbiate più cura di questo aspetto della vostra vita! Vergine - L'universo vi potrebbe apparire un pochino differente da quello che è in realtà, colpa forse del vostro pessimismo nei confronti della vita e colpa anche di chi vi sta intorno che non riesce a darvi una mano concreta. Forse dovreste puntare un pochino meno sugli altri ed un pochino di più su voi stessi e vedrete che tutto andrà meglio! Bilancia - In questa giornata le vostre relazioni dovranno avere un risalto particolare, poiché ci sono degli aspetti che vanno approfonditi e ques'oggi è proprio il momento giusto per affondare il colpo. Questo sarà abbastanza impegnativo, quindi non prendete troppi appuntamenti e cercate di focalizzarvi molto di più sulle argomentazioni da dare! Scorpione - Dovreste cercare di tenere le vostre relazioni fuori dalla vita professionale e cercare di tenere per voi quei particolari e quelle questioni che potrebbero diventare fastidiosamente di dominio pubblico tra i vostri colleghi, che non risparmieranno battute e che forse non vi risparmieranno neppure di cattiverie, quindi attenzione a come esordite! Sagittario - Fareste bene a muovervi un pochino, nel senso fisico, quindi a fare ginnastica e a concedervi qualche ora di libertà in più solo per prendervi cura del vostro corpo, che ne ha davvero bisogno. Vi siete eccessivamente lasciati andare, quindi è tempo di rimediare. Avete bisogno di poco per rimettervi in sesto, quindi iniziate subito! Capricorno - Non dovreste essere molto o troppo interessati a voi stessi, poiché intorno c'è qualcuno che ha molto più bisogno della vostra attenzione di quanto non ne abbiate voi. Insomma, anche se vostro figlio è alle prese con l'adolescenza o il vostro amico con problemi sentimentali che a voi sembrano sciocchi, siate presenti comunque, perché il loro affetto è troppo importante! Acquario - Sarete emozionalmente coinvolti in qualche situazione che normalmente non vi desterebbe alcun sentimento. Probabilmente siete più vulnerabili in questo periodo perché avete attraversato un momento molto intenso con una persona che vi è vicina e quindi ogni sensazione vi sembrerà moltiplicata! Non sarà affatto male fare anche questo tipo di esperienza! Pesci - Potreste trovarvi di fronte ad un bivio e questo è senza dubbio qualcosa che vi irrita parecchio nella vostra scala delle cose irritanti! Le decisioni non sono il vostro forte, soprattutto dopo che le avete prese, poiché avete quella tipica sensazione di aver sbagliato! Se poi coinvolegerà qualcun altro, sarete ancora più tormentati, ma l'indomani vi sarà chiaro aver fatto la scelta giusta!

23 ANNO III - N° 130 MERCOLEDÌ 9 GIUGNO 2010


lagazzettadelmolise090610a  

Furti di auto, in manette un albanese L’OSCAR DEL GIORNO ALLA COLDIRETTI Inps, arriva l’estratto conto previdenziale on line DISTRIBUZIONE G...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you