Issuu on Google+

ANNO IV - N° 278 - MERCOLEDÌ 07 DICEMBRE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO AL DUO IORIO-VITAGLIANO

L’oscar del giorno lo consegniamo al presidente della Regione, Michele Iorio - in coppia con l’assessore Gianfranco Vitagliano - di ritorno dalla trasferta romana con un bottino di 612 milioni di euro per il fondo destinato alla Sanità molisana. Al tavolo della Conferenza delle Regioni, il tandem invincibile, in missione nella capitale senza l’ormai caduto in disgrazia Roberto Fagnano, visto che c’era, ha pure sbattuto i pugni sul tavolo contro una riduzione delle risorse al trasporto pubblico locale. Ad entrambi l’ambito riconoscimento della Gazzetta, perché ieri a Roma hanno fatto capire che la musica è cambiata.

IL TAPIRO DEL GIORNO A VINCENZO NIRO

Il tapiro lo assegniamo al consiglierecapogruppo-assessore mancato dell'Udeur, Vincenzo Niro. E' uno dei consiglieri che ha costituito un gruppo monocellulare dopo aver pensato di potere ricoprire l'incarico di assessore. Tanti mal di pancia buttati giù dal fatto di potere ricoprire il ruolo di capogruppo in Consiglio regionale. Il consigliere di Baranello può, ora, tornare a leggere in aula quelle sbobbazze di documenti, che gli fecero prendere l'appellativo di Ministro, delle quali deliziò le orecchie dei pochi che restavano ad ascoltarlo.

REGIONE

CAMPOBASSO

CASTELLINO DEL B.

Ricorsi elettorali, otto cittadini accendono la miccia e il centrodestra affila le armi

Ai domicialiari il 23enne beccato dalla polizia con 1 etto di hashish

Esche avvelenate in località bosco Agnuni Indaga la forestale

A PAG. 9

A PAG. 11

A PAG. 11

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


TAaglio lto

2 07 dicembre 2011

Costi della politica

Dalle parole

ai fatti

Iorio ha fatto il suo per la Giunta ora tocca al Consiglio regionale del Molise di Aldo Fabio Venditto CAMPOBASSO. Una caramella per ognuno, senza esclusioni. Quant’è dolce la politica che dispensa incarichi e poltrone, accorta a non estromettere nessuno dal giro dei gettoni di presenza. Oltre alla presidenza del consesso molisano e al relativo ufficio, nel corso della prima seduta del Consiglio regionale del Molise si è provveduto a comporre le quattro commissioni permanenti di palazzo Moffa. Permanenti: ovvero valide per i cinque anni della legislatura. Dopo aver sbattuto i piedi e alzato (appena un po’) la voce, Vincenzo Niro presiede la commissione Ordinamento ed organizzazione amministrativa, della quale fanno parte anche Vincenzo Bizzarro e Massimo Romano come vicepresidenti e Mimmo Izzi in qualità di segretario. Marinelli (già numero due del Consiglio), Cavaliere, Frattura e Leva completano il gruppo. A latere troverete una sintesi delle quattro commissioni perché, al di là delle combinazioni, ci interessa affrontare la faccenda dei guadagni extra dei trenta eletti nel parlamento molisano. Nel 2009, Michele Petraroia pubblicò la sua busta paga (i curiosi e i funzionari dell’Agenzia delle entrate possono trovarla su www.michelepetraroia.it/costi%20della%20politica.ht ml): 7mila 600 euro lordi di indennità di carica, il 60% dello stipendio di un deputato, a cui va sommata una lunga serie di benefit, rimborsi, agevolazioni e, appunto, gettoni di presenza. Nell’aprile 2009, ad esempio, il consigliere del Partito democratico ho ottenuto un rimborso spese (viaggi e pranzi) di 1.900 euro. Se fosse stato il presidente di una commissione consiliare però, la retribuzione sarebbe salita all’85% di quella di un onorevole: ecco perché Niro, Tamburro e De Bernardo sorridono, mentre Romagnuolo sghignazza dall’alto di un ulteriore (e cospicuo) compenso quale Commissario straordinario alla ricostruzione post terremoto.

Un semplice consigliere percepisce una indennità pari al 60% di quella di un deputato Si sale all’85% per i presidenti di commissione

Il Governatore.

“Sui tagli, si convochino i capigruppo”

Nessuna demagogia; solo un quadro dei costi effettivi delle istituzioni molisane, in modo da permettere ad ognuno di valutare i risultati conseguiti e la spesa sostenuta per raggiungerli. Si sottrae dalla pioggia di extra solo il ruolo di capogruppo, al quale non è assegnato nessun indennizzo, salvo l’assistenza sanitaria per i probabili problemi al fegato che contrarrà chi svolge mansioni di coordinamento del proprio gruppo. A rendere ancor più fastidiosa la questione c’ha pensato infine, mamma Rai, con un servizio d’inchiesta in un programma di intrattenimento pomeridiano. I privilegi vanno cancellati, si è ribadito pure nella prima seduta della decima legislatura. “I molisani ci guardano” ha detto il presidente Pietracupa. È bene, allora, che egli apra i cassetti della scrivania dell’ufficio del secondo piano, dove giacciono da tempo immemore numerose proposte di contenimento della spesa. Ce ne sono di ogni risma e di ogni provenienza partitica. Per empatia gli segnaliamo la numero 28 del marzo 2007 recante disposizioni sul trattamento indennitario dei consiglieri regionali. Taccio volutamente il nome dei quattro propositori, ma virgoletto le conclusioni:

A palazzo Moffa giacciono numerosi disegni di legge che prospettano tagli ingenti alla spesa della casta “Dall’analisi effettuata risulta che la proposta di legge permetterà un risparmio (…) complessivo di 6 milioni”. Non sono peraltro, “immediatamente calcolabili i risparmi derivanti (dalla cancellazione, ndr) dei vitalizi e dei premi di reinserimento” per i consiglieri non rieletti. Sarebbe un atto di coerenza portare subito in discussione questa o altre norme con la medesima incisività, e vedere chi, tra i tanti eletti coscienti di dover dare “il buon esempio”, voterà contro.

Le commissioni permanenti di Palazzo Moffa I Commissione - Ordinamento ed organizzazione amministrativa Presidente: NIRO Vicepresidenti: BIZZARRO e ROMANO Segretario: IZZI Altri componenti: MARINELLI, CAVALIERE, FRATTURA e LEVA II Commissione - Sviluppo economico Presidente: TAMBURRO Vicepresidenti: SABUSCO e PETRAROIA Segretario: IZZI Altri componenti: CAVALIERE, DI PIETRO e CHIERCHIA

III Commissione - Assetto ed utilizzazione del territorio Presidente: ROMAGNUOLO Vicepresidenti: MARINELLI e CIOCCA Segretario: D’AIMMO Altri componenti: NIRO, TEDESCHI e TOTARO IV Commissione - Servizi sociali Presidente: DE BERNARDO Vicepresidenti: SABUSCO e MONACO Segretario: BIZZARRO Componenti: D’AIMMO, BIZZARRO, TAMBURRO, DI DONATO e PARPIGLIA.

CAMPOBASSO. Il Presidente della Regione Michele Iorio ha chiesto formalmente al Presidente del Consiglio regionale Mario Pietracupa di programmare in tempi brevissimi, e comunque entro la fine della settimana, una riunione della Conferenza dei Capigruppo consiliari per discutere delle problematiche inerenti i costi della politica. Per il presidente della Giunta è importante fare veloce anche perchè sarebbe già pronto il testo correttivo. Un tentativo concreto per iniziare a tagliare da subito i costi della politica e, nel contempo, per ribadire la determinazione della Regione a decidere autonomamente il numero dei propri consiglieri. Si tratta, altresì, di dare un forte segnale di austerità. Si mira a una legge che prevede che gli stipendi dei consiglieri non siano più legati a quelli di parlamentari e magistrati, ma avranno come unico adeguamento i parametri stabiliti dall'Istat relativi al costo della vita, esattamente come avviene per qualsiasi altro lavoratore. A partire dalla prossima legislatura vi saranno poi ulteriori economie conseguenti al taglio dei vitalizi e del trattamento di fine mandato. Non un provvedimento di facciata ma un pacchetto di misure reali.


TAaglio lto

3 07 dicembre 2011

La situazione. In Consiglio regionale costituite nove strutture per altrettanti singoli eletti

CAMPOBASSO. Sono nove i gruppi monocellulari, formati cioè da un solo consigliere, costituitosi all'interno del Consiglio regionale del Molise. Lo statuto della Regione, che risale al 1970 ammette, infatti, l' esistenza di gruppi monocellulari. Non solo. Esso stabilisce che ogni rappresentanza abbia a sua disposizione due dipendenti, un ufficio, telefono, attrezzature varie e fondi per 100mila euro l' anno. Fermo restando il contributo per il portaborse che si avvicina ai duemila euro. Spalmando questa cifra si ha una spesa totale di 900mila euro che per cinque anni fanno quasi 5 milioni di euro. A parte, naturalmente, i soldi da destinare ai portaborse. Senza considerare, poi, gli altri appannaggi sempre legati allo svolgimento della vita del gruppo stesso. A costituire il gruppo sono stati: Michele Iorio, rimasto solo con il suo simbolo dopo che i due eletti nel listino, Mario Pietracupa e Luigi Velardi hanno deciso di aderire rispettivamente ai gruppi dell'Adc e dell'Udc. Al pari del presidente, a costituire il gruppo monocellulare anche Paolo Di Laura Frattura candidato sconfitto del centrosinistra. I due competitor non hanno ritenuto aderire a gruppi specifici di partito perchè hanno corso per le rispettive coalizioni. Gruppi monocellulari nel centrodestra sono quelli di Molise civile, con Michele Scasserra e dell'Udeur con Vincenzo Niro. Nel centrosinistra i gruppi sono quelli di Costruire democrazia, di Massimo Romano; di Sinistra e libertà con Filippo Monaco; di Alternativ@ con Felice Di Donato; del Psi con Gennaro Chierchia e della Federazione della Sinistra con Salvatore Ciocca. In altre Regioni non sono ammessi i gruppi monocellulari ma i singoli consiglieri devono confluire nel Gruppo misto proprio per una riduzione dei costi. In Molise, invece, per effetto della mancata riformulazione dello Statuto è stato possibile procedere alla costituzione dei gruppi monocellulari. E' possibile, però, fermo restando la rappresentanza politica che si continui ad appesantire il bilancio regionale con spese finalizzate solo a garantire ai singoli consiglieri posizioni di privilegio? All'interno dei gruppi, infatti, pesanti sono le spese per il pagamento del personale, non sempre secondo i parametri di legge, e per sostenere costi dovuti alla funzionalità dello stesso e, soprattutto, per quelli indirizzati verso l'esterno. Il Molise non può più permettersi questo sperpero di denaro pubblico che non è finalizzato a nessun obiettivo se non al mantenimento di sovrastrutture autoreferenziali. Ora, però, c'è la necessità di andare a riconsiderare questo impalcato che non può più reggere perchè le risorse sono sempre meno e vanno indirizzate sugli investimenti. Al momento, però, è stato possibile costituire i gruppi monocellulari in attesa di uno Statuto tutto da venire. I.A.

La spesa. Dipendenti e costi vari che portano a un totale di legislatura di 5 milioni di euro

Gruppi monocellulari Costo: un milione l’anno

€ Michele Iorio Per il Molise

€ Vincenzo Niro Udeur

€ Felice Di Donato Alternativ@

€ Paolo Frattura Il Molise di tutti

€ Massimo Romano Costruire democrazia

€ Gennaro Chierchia Psi

€ Michele Scasserra Molise Civile

€ Filippo Monaco Sel

€ Salvatore Ciocca Fed. della sinistra

Il punto. Dopo l’incontro di ieri con il Governo

Sanità, al Molise più soldi Sui trasporti invece si tratta CAMPOBASSO. Ieri riunione della Conferenza delle Regioni a Roma. Per il Molise hanno partecipato Michele Iorio e Gianfranco Vitagliano. Due sono stati gli argomenti in agenda: il finanziamento del fabbisogno sanitario per il 2012 e quello relativo al trasporto pubblico locale dopo la manovra adottata dal governo Monti. Per la sanità c'è la disponibilità del Governo a finanziare l'intero fabbisogno nazionale di 106 miliardi di euro che per il Molise comporterebbe un fondo regionale di 612 milioni di euro (ottimo risultato nel riparto). "Abbiamo rintuzzato anche il ten-

tativo di Lombardia, Veneto e Piemonte ha detto l'assessore Gianfranco Vitagliano - che, sostenendo che i loro cittadini contribuiscono di piú, attraverso le tasse e le imposte della manovra Monti, chiedevano un diverso riparto". Per il trasporto pubblico locale, invece, il Governo a fronte dei 1.600 milioni promessi ne garantisce, per il 2012, solo 1.200, impegnandosi a fiscalizzare l'aumento dell'accisa sui carburanti dal 2013. I rappresentanti delle Regioni, però, non accettato la proposta come formulata e un nuovo incontro è stato fissato per giovedì prossimo.


TAaglio lto

4 07 dicembre 2011

A singhiozzo la struttura a Isernia e in pensione lo specialista a Larino Traballa il sistema che dovrebbe garantire gli interventi sul territorio di Giuseppe Di Iorio CAMPOBASSO. I numeri della malattia fanno tremare i polsi: ogni dieci secondi nel mondo qualcuno muore per cause legate al diabete, che in Italia come altrove continua a diffondersi a un ritmo crescente. E l’Organizzazione Mondiale della Sanità avverte: presto proprio per colpa del diabete l’aspettativa di vita potrebbe ridursi, per la prima volta in 200 anni. Non sorprende, allora, che tanti medici italiani abbiano deciso di studiare e combattere il diabete. Tanti i risultati ottenuti anche in Molise negli ultimi anni solo che da qualche tempo a questa parte si registra una sfasatura negli interventi. In pensione, a Larino, è andato il dottore Marco Tagliaferri precursore della materia sul territorio. Anche a Isernia non è stato possibile rimpiazzare il medico andato in pensione tanto che il migliaio di utenti del centro sono stati costretti a spostarsi a Campobasso con un appesantimento di questa struttura retta dal dottore Antimo Ajello che oggi deve pensare anche al territorio di Termoli-Larino. Una

patologia che in Molise colpisce 20mila utenti di cui 7mila nella sola area costiera. Con un tasso di mortalità che si aggira per le donne al 9,41 percento e al 10,87 percento per gli uomini. Dati che proiettano il Molise al secondo posto in classifica per la mortalità dovuta a diabete. Negli ultimi dieci anni gli studi sono stati disegnati per dare risposte chiare, che possano cambiare la gestione dei pazienti. Grazie alla biologia molecolare e cellulare abbiamo capito meglio come ci si ammala, mentre i progressi tecnologici hanno regalato una qualità della vita ai malati impensabile anche solo 5 anni fa: oggi l’insulina si può iniettare con microinfusori, si misura la glicemia a casa, esistono aghi indolori. Sono i famosi piccoli passi della scienza, che sembrano irrilevanti ma poi portano a grossi vantaggi pratici. Oggi grazie alla ricerca disponiamo di tanti farmaci e tipi di insulina fra cui scegliere e possiamo prescrivere cure personalizzate, anche in funzione dei diversi stadi della malattia. Le speri-

Diabetologia Il ‘mal di zucchero’ dei centri molisani mentazioni poi ci hanno insegnato che la glicemia è solo un aspetto del problema

In Senato presentata una mozione al Governo

La scheda.

Le funzioni del servizio I centri di diabetologia devono fornire un servizio qualificato ed aggiornato, in grado di offrire una vasta gamma di prestazioni facilmente accessibili che possano soddisfare le necessità dei diabetici attraverso un'assistenza globale (diagnosi, cura e prevenzione secondaria e terziaria) a tutti i pazienti affetti da diabete. In particolare a diabetici di tipo 1 e 2 insulino-trattati e/o complicati, diabetici con scompensi metabolici e con complicanze croniche in fase evolutiva (piede diabetico infetto o con ulcere , retinopatia, nefropatia e neuropatia). Prestare un servizio ispirato a principi di qualità nella gestione, programmazione ed erogazione delle prestazioni e rivolto al miglioramento continuo. In particolar modo il personale è sensibilizzato a far si che le prestazioni rispettino i diritti del paziente (esplicitati nella carta dei servizi) e che rispondano a criteri di efficienza, efficacia, imparzialità e continuità. Collaborare col Medico di Medicina Generale del territorio nell’ambito del Progetto per l'assistenza integrata di tutti i diabetici di tipo 2 non insulinotrattati e non complicati. Garantire ai diabetici l'educazione terapeutica individuale o in gruppo al fine di rendere possibile l'autogestione e l'automonitoraggio della malattia diabetica finalizzata alla prevenzione e al controllo delle complicanze.

per prevenire le complicanze. Ora, però, sul territorio regionale va ripensato il servizio anche e, soprattutto, alla luce dei tagli che interessano il settore e della particolare situazione molisana alle prese con i pensionamenti e l'impossibilità di dare continuità al servizio in talune aree.

Mortalità per diabete in Molise UOMINI

10,87% DONNE

9,41%

Astore: “Il Molise è un’emergenza clinica e sociale”

Giuseppe Astore

CAMPOBASSO. "Il diabete è da considerarsi un'emergenza clinica, sociale ed economica e non solo un problema di ordine sanitario". Così il senatore Giuseppe Astore in merito alla mozione sui presidi diabetici presentata in Senato.“In uno Stato come il nostro – ha dichiarato il componente della Commissione d'inchiesta sulla Sanità - vi sono circa cinque milioni di diabetici riconosciuti, cui bisogna certamente aggiungere le centinaia di migliaia di cittadini che non lo sanno a cui la malattia non è stata diagnosticata. Credo sia importante che il Servizio sanitario nazionale prenda globalmente coscienza del problema. Emerge da un dato statistico che il Molise è prima in classifica per le malattie diabetiche e che bisogna assolutamente intervenire con la prevenzione e porre in essere un'educazione continua. È importante che sul territorio si creino reti di cura che passino attraverso l’ospedale e terminino negli ambulatori di ordine periferico. Ecco

perché è vero che serve la prevenzione, ma ci vogliono anche progetti, obiettivi e linee guida seri, nonché sollecitazioni forti nei confronti delle regioni inadempienti, perché il ruolo dello Stato e del Governo, nella salvaguardia assoluta dell’autonomia regionale, deve essere quello di curare soprattutto i deboli e di servire i cittadini”.

La regione presenta gli indici più pericolosi legati all’incidenza della patologia


TAaglio lto

5 07 dicembre 2011

Ci sono troppe sacche di inefficenza Abbiamo un numero elevatissimo di dirigenti: più della Lombardia

“Tagli alla politica, sì ma anche agli sprechi” La proposta di Ciocca Faccia a faccia con un’altra di Anna Maria Di Matteo CAMPOBASSO. Un'altra new entry del Consiglio regionale della decima legislatura è Salvatore Ciocca, eletto nella lista della Federazione della Sinistra. Silenzioso, un po' spaesato, per Ciocca la seduta inaugurale del Consiglio regionale ha rappresentato davvero il primo giorno di scuola. Consigliere, l'abbiamo vista un po' a disagio, aggirarsi per l'aula di palazzo Moffa… "In realtà ha visto bene, nel senso che mi guardavo attorno, con curiosità. Conosco pochi consiglieri, tra l’altro. Devo comunque dire che non ero particolarmente emozionato.Una cosa è certa: c'è tanto da imparare". C'è sicuramente da imparare, anche se lei comunque ha maturato esperienza politica, nell'ambito della coalizione di centrosinistra. Non è alle prime armi, insomma "In effetti sono stato per molti anni consigliere comunale a Riccia e alla comunità montana". Che clima ha trovato in aula? "Il clima mi è parso sereno". Anche nell'opposizione? "Sì…" Ma una defezione c'è stata, nel corso delle operazioni di voto. Mi riferisco alla scheda bianca che è venuta fuori dalle urne in ogni votazione. Qualcuno ha pensato che fosse lei il franco tiratore… "Assolutamente no, smentisco nella maniera più assoluta questa voce". Chi potrebbe essere stato, secondo lei? "Non saprei…" Cosa pensa dell'elezione di Francesco Totaro alla vice presidenza del Consi-

new entry del Consiglio regionale E’stato eletto nelle fila della Federazione della Sinistra glio? "C'era un accordo tra i maggiori partiti della coalizione, il Pd e l'Italia dei Valori. Per me non c'era nessun problema a votarlo". Cosa pensa dell'esclusione totale del consigliere Petraroia da qualsiasi incarico? "Sono problemi interni al Pd, non posso aggiungere altro". Parliamo, allora, di quello che attende lei e l'intero Consiglio regionale. Ormai è noto a tutti che i prossimi mesi non saranno facili per la nostra regione… "Il Molise risente ancora di più della crisi che investe il Paese perché, a differenza di altre realtà più oculate e meglio organizzate, ha vissuto per troppo tempo di regalie, promesse e contentini che di certo non hanno portato sviluppo. Sono convinto di quello che sto affermando". In prospettiva come vede la situazione? "La situazione è complicata, particolarmente difficile ed ognuno dovrà fare la propria parte. Dobbiamo crederci tutti, a partire dalla maggioranza". Ha dubbi a riguardo? "Non ho sufficienti elementi per giudicare. Il mio è un auspicio". Una delle priorità del Consiglio regionale, stando alle intenzioni del presidente Iorio, è quella di tagliare i costi della politica. E' d'accordo? "In realtà il tema sembra essere diventato la panacea per na-

scondere altri ragionamenti. E' vero che nell'ottica dei sacrifici deve essere uno dei primi provvedimenti da adottare ma non dobbiamo assolutamente dimenticare che ci sono altre sacche di sprechi, di inefficenza". Faccia un esempio… "Le consulenze, tanto per cominciare. e poi le direzioni generali, strapagate. Abbiamo un numero altissimo di dirigenti, più elevato di quelli della Lombardia… C'è bisogno di un giro di vite deciso e maggiore attenzione nei confronti delle fasce più deboli della popolazione. Altro capitolo è quello della sanità. Anche in questo caso occorrono provvedimenti mi-

rati senza tuttavia penalizzare la qualità delle prestazioni offerte ai cittadini”. A proposito di servizi, lei è stato consigliere nel CdA della Molise Acque... “E’ vero. Recentemente ho richiesto tutta la documentazione relativa alle delibere commissariali dell’ente, adottate nel periodo compreso dalle dimissioni del presidente Sabatini ad oggi. Voglio vederci chiaro". Pensa ci siano delle irregolarità? “Non ho detto questo. Per il momento vorrei capire qual è la situazione. Tutto qua. Credo sia un mio diritto accedere agli atti. Non c’è assolutamente nulla di strano”.

Problemi nella minoranza? Non mi pare Dell’esclusione del consigliere Petraroia non parlo perché è un problema del Pd Il franco tiratore dell’opposizione non sono io. Smentisco con decisione le voci fatte circolare sul mio conto


PPrimo iano

7 07 dicembre 2011

Decreto salva-Italia

Cgil in piazza per dire no Ieri a Campobasso oggi a Isernia contro una manovra iniqua che grava su lavoratori e pensionati CAMPOBASSO – Il volto rigato di Elsa Fornero è molto più che un’emozione forte sfuggita al controllo. Sembra quasi voler dire che se un ministro piange lacrime, i contribuenti potranno solo ‘gettare’ il sangue. Al decreto salva Italia del premier Mario Monti, varato domenica dal Cdm, già firmato dal capo di Stato, Giorgio Napolitano e arrivato ieri alla Camera, c’è chi dice no. C’è la Cgil, ad esempio, che proprio ieri ha presidiato la prefettura di Campobasso (oggi sarà ad Isernia) e annunciato le prossime mosse in vista dello sciopero generale di lunedì “contro una manovra iniqua che grava, come al solito, su lavoratori e pensionati”. Mentre la segretaria Erminia Mignelli spera che anche gli altri sindacati aderiscano all’iniziativa “per 4 ore e non solo per 2” non sono mancati attacchi contro “la mancata indicizzazione per le pensioni basse che è una tassa sulla povertà, l’anzianità a 40 anni che diventa impraticabile e provoca gli effetti di sottrazione di un diritto e di destabilizzazione del mercato del lavoro e, per restare ai temi centrali, la somma di Imu, Iva e addizionali Irpef di Regioni e Comuni che spostano sui soliti noti gran parte delle entrate per tassazione”. L’ira dei sindacati trova giustificazione anche nel mancato confronto con il governo. Ecco perché tra le istanze della Cgil c’è anche quella di essere ascoltati, in particolar modo sulla previdenza: “Chiediamo quindi al Parlamento, al quale presenteremo precise proposte di correggere la manovra sui temi indicati, proponendo anche come reperire le risorse. Abbiamo proposto a Cisl e Uil Molise di decidere insieme proposte ed iniziative per cambiare la manovra, perché i lavoratori ed i pensionati ci chiedono unità in questo momento difficile”. AD

Sel bacchetta Monti: “Ti diciamo noi dove trovare i soldi” Il segretario regionale Paglione contro il provvedimento “perché non tocca i grandi patrimoni” Il termine del dissidio è sempre quello. La patrimoniale in luogo dell’Ici. Più “ombre che luci” sul governo Monti. A dirlo è il segretario regionale di Sel Molise, Candido Paglione. Giudizio duro, quello della sinistra vendoliana, sulla manovra finanziaria. A partire dalle considerazioni sugli effetti, in ambito di economia reale, del rincaro dell’Iva. Un 2% in più – siamo a quota 23% che “non ha pari in Europa”. Una misura, dice Paglione, “che

blocca la crescita e l’economia più in generale, perché colpisce tutti i beni di consumo, indistintamente”. Per non parlare, poi, della reintroduzione dell’Ici sulla prima casa: “Non servirà neanche a dare una boccata d’ossigeno ai comuni”. Non pervenuta, invece, la tassa sul patrimonio, sulle grandi ricchezze. “E questo ci dice che nell’azione di questo nuovo governo manca una solida idea di giustizia sociale”. Questo il motivo per

cui, “nei prossimi giorni presenteremo, insieme con il nostro leader Nichi Vendola, le nostre idee per risanare i conti, contenute in un pacchetto che abbiamo chiamato ‘Patrimoniale per la giusta crescita’“. Una serie di azioni con le quali “diremo come e dove si possono reperire le risorse, andando a colpire i grandi patrimoni, le rendite e tutti quelli che in questo Paese non hanno mai pagato”.

Contributi post sisma, interrogazione in Senato CAMPOBASSO – Ieri mattina e stata protocollata al Senato una prima interrogazione parlamentare al presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Monti, sulla vicenda della sperequazione di trattamento tra lavoratori pubblici e privati nella restituzione dei contributi post-sisma del Molise. Della Seta, Ferrante e Di Giacomo hanno chiesto al premier “se non intenda urgentemente intervenire nel primo provvedimento normativo utile al fine di garantire l’uguaglianza di trattamento tra lavoratori privati e pubblici, consentendo anche a quest’ultimi di restituire l’importo dei contributi previdenziali dovuti in 288 rate mensili”. Interessate sono circa 8mila persone. Per lo più dipendenti pubblici della Provincia di Campobasso che si sono

visti applicare, a partire dallo scorso maggio, prima le ritenute in busta paga dei contributi previdenziali con una rateizzazione pari a 288 rate di circa 20 euro, poi trasformate nel corrente mese in 43 rate mensili dell’importo rapportato all’entità dello stipendio variabile da 100 a 300 euro mensili netti. Queste disposizioni hanno determinato di fatto una disparità di trattamento in ordine alla restituzione dei contributi previdenziali, nonché una drastica riduzione degli stipendi. “Abbandonare tutti questi lavoratori a ricorsi individuali al Tar – scrive la vice presidente degli Ecodem, Elisabetta Brunetti - non è una scelta saggia perché espone le persone al rischio di perdere la causa e sobbarcarsi anche l’onere delle spese di giudizio”.

L’Idv, con Di Pietro jr e Palomba, rilancia: per risparmiare ulteriormente, riunifichiamo Abruzzo e Molise CAMPOBASSO – Le Province non ci stanno. E sono pronte a dare battaglia contro l’articolo 23 del decreto Monti ricorrendo alla Corte Costituzionale “contro una norma che, come hanno confermato illustri costituzionalisti – afferma il presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione – incide con un decreto su una materia che gode di copertura costituzionale e lede l’autonomia organizzativa degli enti garantita dalla Costituzione, perché incide sugli statuti”. Nello specifico, il provvedimento del governo fa piazza pulita di competenze, presidenti, assessori, consiglieri (rimarranno in dieci e saranno eletti dai Comuni) e dipendenti. E, ovviamente, anche dei soldi. Tuttavia – si legge nel decreto – resta il compito di indirizzo politico e di coordinamento delle attività dei Comuni, ma tutte le altre funzioni conferite dalla normativa vigente alle Province sono trasferite entro il 30 aprile 2012 dalle Re-

L’Upi: pronti a ricorrere alla Corte Costituzionale gioni ai Comuni, salvo che, per assicurarne l’esercizio unitario, siano conferite alle Regioni. E se la Regione non si adegua “si provvede in via sostitutiva con legge dello Stato”. Inoltre, “le leggi statali o regionali provvedono altresì al trasferimento delle risorse umane, finanziarie e strumentali per l’esercizio delle funzioni trasferite”. I consiglieri regionali dell’Idv di Abruzzo e Molise, Paolo Palomba e Cristiano Di Pietro, apprezzano le misure del governo Monti sulle Province e rilanciano: “Per risparmiare ulteriormente riunifichiamo

l’Abruzzo e il Molise”. La riunificazione “deve partire dalla fusione delle due entità istituzionali”. In questo modo, per Palomba e Di Pietro, “tutto ciò si tradurrebbe, da subito, in una riduzione delle spese di gestione della politica. I costi verranno praticamente dimezzati. Non si può pretendere di spremere i contribuenti, mettendo le mani nelle loro tasche – concludono i due esponenti dell’Idv – per tentare di uscire dalla crisi economica che attanaglia il nostro Paese, senza dare l’esempio, partendo appunto dai tagli alla politica”.


8

Regione

07 dicembre 2011

Qui Bruxelles CAMPOBASSO – La Commissione europea aprirà un’indagine sulla proliferazione degli impianti eolici in Molise. Lo comunica il Wwf Molise che, la scorsa primavera, ha presentato un esposto in collaborazione con la Rete delle associazioni e dei comitati contro l’eolico selvaggio. Negli ultimi giorni, infatti, la Commissione per le petizioni ha comunicato ufficialmente che, a norma del regolamento del Parlamento europeo, tutte le questioni sollevate dal Wwf Molise sono ricevibili e ha chiesto alla Commissione Ue di avviare l’attività di indagine. La petizione dell’associazione ambientalista aveva sollevato diverse questioni: le potenziali 5mila torri eoliche in una regione che misura 4mila chilometri quadrati; lo stravolgimento di importanti aree archeologiche e naturalistiche; il contrasto tra questa “politica energetica” con l’articolo 9 della Costituzione sulla tutela del paesaggio e del patrimonio storico e artistico della nazione e le logiche della “politica ambientale” regionale, in rapporto alle linee europee di salvaguardia della biodiversità per arrestare questo assalto all’interno e all’esterno delle aree di pertinenza della Rete Natura

La Commissione Ue aprirà un’indagine dopo l’esposto presentato a primavera dal Wwf

L’eolico selvaggio in Molise finisce sotto la lente dell’Europa 2000. La notizia riveste, inoltre, ancora più importanza dopo le recenti sentenze del Tar Molise che hanno annullato i provvedimenti della Direzione regio-

nale dei Beni Culturali e Ambientali del Molise e le ultime autorizzazioni per l’installazione di 22 pali nel territorio dei comuni di San Giuliano di

Dall’incontro romano il quadro drammatico dell’edilizia popolare italiana: in 600mila attendono un alloggio

Case popolari: Iacp con l’acqua alla gola ROMA – Crisi nera nel settore case popolari. A fare il bilancio della situazione è stato il convegno ‘Una casa per tutti. Abitazione sociale motore di sviluppo’ tenutosi a Roma con i vertici dell’Iacp. Presenti anche i rappresentanti molisani dell’Istituto, il commissario Pierluigi Lepore ed il direttore generale Nicola Lembo. Al vaglio, le difficoltà del settore. A partire dal fatto che “dal ’99 i contributi statali sono di tipo una tantum e ciò

preclude a tali enti la possibilità di programmare interventi di manutenzione e di costruzione di nuovi alloggi”. Inoltre, le risorse provenienti dalla vendita del patrimonio immobiliare Erp “sono scarse o nulle”. A ciò si aggiunge l’aggravio fiscale di oltre il 30% costituito da Irap e l’Ires, valore che mina anche “l’adeguamento alle normative europee sul risparmio energetico”. Le cose non andrebbero meglio con la reintroduzione dell’Ici: “In

sede istituzionale – ha affermato Lepore - bisognerà battersi affinché le abitazioni Erp restino esenti dal pagamento di tale imposta. Altrimenti pagare questa tassa su circa 4mila alloggi presenti nella provincia di Campobasso sarebbe molto oneroso”. A ciò vanno aggiunti altri dati: “l’occupazione di alloggi vuoti”, la “morosità nei pagamenti” e l’incremento “della domanda di case popolari a canone contenuto”. Per non parlare della “inadempienza da parte dello Stato e delle Regioni a costituire un osservatorio permanente per monitorare il fabbisogno abitativo”. Quadro non rassicurante che, a livelli nazionale, si traduce in “600mila le richieste di abitazioni popolari” ed in migliaia di case “sfitte” non assegnabili senza “preventiva manutenzione”. Non sono mancate le proposte. Dall’offrire alle aziende casa la possibilità di contrarre con lo Stato mutui di lunga durata, alla creazione di un fondo immobiliare supportato da idonee forme di garanzie”.

Puglia, Santa Croce di Magliano e Rotello, localizzati in aree tratturali sottoposte a vincolo dal competente Ministero dei Beni Culturali, e più in gene-

rale al confine con la Zps (Zona di Protezione Speciale) dei Monti della Daunia e al confine con il Sic del “Vallone Santa Maria”.

Il Molise torna ad Assisi Sarà il Molise, quest’anno, ad addobbare l’albero di Natale di Assisi. Giovedì, nella piazza antistante la basilica inferiore di San Francesco, maestri presepisti e addetti, istalleranno gli addobbi donati dalla Regione. Albero di Natale e presepe accenderanno le loro luci alle 18,30 nell’ambito dell’inaugurazione al termine della quale verranno consegnati pacchi dono per le famiglie più bisognose. Ad illuminare l’albero, in particolare, saranno il presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, Cardinal Jean Louis Tauran, il ministro rappresentante del Governo italiano, ed il custode del Sacro Convento di Assisi, Padre Giuseppe Piemontese. Dopo la consegna dell’olio per la lampada votiva sulla tomba di San Francesco, dunque, il Molise torna ad Assisi con il presidente della Regione Molise, Michele Iorio, che affiancherà il governatore dell’Umbria, Catiuscia Marini. Alla benedizione del Presepe e dell’Albero di Natale parteciperanno anche cento bambini del coro ‘I piccoli armonici di Assisi’. L'Albero verrà addobbato con luci a led e 136 sfere natalizie a simboleggiare i comuni della regione Molise, alla sua base verrà allestito il presepe artistico realizzato dai maestri presepisti di Jelsi. Nel complesso monumentale sono stati allestiti altri 3 presepi: sul prato antistante la Basilica Superiore di San Francesco, all’interno della Basilica Inferiore e nella sala stampa del Sacro Convento di Assisi. Alle 17.00 verrà trasmessa in diretta sul sito www.sanfrancescpatronoditalia.it la Santa Messa presieduta dal Cardinal Tauran.

Donati dalla Regione presepe ed addobbi per l’albero di Natale antistante la basilica inferiore di San Francesco


9

Regione

07 dicembre 2011

I fatti del giorno Ieri mattina al Tar Molise l’avvocato Di Pardo ha depositato il primo atto per ribaltare l’esito elettorale

Scenari futuri Il centrosinistra rompe gli indugi ed interpella i giudici amministrativi all’indomani del primo Consiglio regionale

Ricorsi, in otto accendono la miccia Si è aperta ieri, ufficialmente, la stagione dei ricorsi elettorali. Ieri mattina l’avvocato Salvatore Di Pardo ha depositato al Tar il ricorso proposto da otto cittadini elettori in riferimento alle regionali dello scorso 16 e 17 ottobre. Due le richieste contenute nell’atto giudiziario: in prima istanza l’annullamento e la ripetizione delle operazioni elettorali. In subordine, ove i giudici amministrativi ritenessero non praticabile questa via, il riconteggio dei voti in circa 290 sezioni, nelle quali sussisterebbe il dubbio di una mancata attribuzione di voti al candidato presidente del centrosinistra Paolo di Laura Frattura. Un atto complesso, fondato su tre ordini di motivi. Il primo fa riferimento su alcuni rilievi, effettuati in entrambe le circoscrizioni, relativi ad un presunta inattendibilità dei risultati, che non potevano essere corretti se non attraverso un nuovo scrutinio. “La giurisprudenza del Consiglio di Stato – riferisce l’avvocato Di Pardo – si è pronunciata in altri casi in senso favorevole, ritenendo indispensabile la conoscenza dell’effettiva volontà popolare”. Gli altri punti, sui quali insiste il ricorso, riguardano la presunta illegittimità dell’ammissione delle liste di Molise Civile, Udc e della lista a sostegno del candidato presidente Michele Iorio, per intenderci il listino del maggioritario. Ultimo punto, la presunta illegittimità dell’ammissione della candidatura di Nicola Eugenio Romagnuolo, in corsa alle regionali nella lista di Progetto Molise. Entro l’inizio della prossima settimana, il presidente del Tar Molise fisserà la data dell’udienza nella quale verrà discusso il merito. I ricorrenti avranno dieci giorni di tempo per le notifiche alle controparti. Niente richiesta di sospensiva nel ricorso. Proprio come aveva chiesto il presidente della Regione, Michele Iorio, che aveva fatto appello al senso di responsabilità degli avversari, auspicando ricorsi che non contenessero richieste di congelamento dello status quo, per evitare di paralizzare l’azione di governo. Dunque, così è stato: niente sospensiva, solo la richiesta di vederci chiaro. Quello presentato ieri mattina non sarebbe l’unico ricorso della coalizione a sostegno di Frattura: ne sarebbero pronti altri, il cui contenuto ed i cui termini verranno resi noti al momento del deposito. A quanto pare, la guerra è appena iniziata. Tpx

Intanto il centrodestra non sta a guardare Il ‘se’ era noto, restava il punto interrogativo sul ‘quando’. Ora che anche questo dubbio è stato sciolto ed il primo ricorso elettorale depositato al Tar, il centrodestra - vincitore alle consultazioni elettorali dello scorso 16 e 17 ottobre - è pronto a rispondere rendendo pan per focaccia agli avversari, che sin dalla fase precedente alla proclamazione avevano inoltrato istanze di nuove verifiche. Questi i tempi tecnici: dopo la fissazione dell’udienza da parte del presidente del Tar, i ricorrenti (per capirci il centrosinistra) notificheranno l’atto introduttivo del giudizio insieme alla comunicazione contenente la data dell’udienza di discussione del merito. A partire da quel momento, gli avversari (sempre per semplificare la questione, il centrodestra di Michele Iorio) avranno 15 giorni di tempo per far partire i controricorsi per rispondere e per contrastare le motivazioni della coalizione. Oltre ai controricorsi, la parte chiamata in causa risponderà con i ricorsi incidentali, contenenti rilievi su alcune cose che non quadrano nella squadra avversa. I più informati parlano di micidiali colpi in canna che Iorio & co. sarebbero pronti a far esplodere in risposta ai colleghi dello schieramento opposto. Bocche cucite sul contenuto dell’atto con il quale il centrodestra si costituirà in giudizio e sulle argomentazioni, che potrebbero rivelare più di una sorpresa e determinare un pericoloso effetto boomerang per chi ha aperto le danze.

Petraroia, noi gli diamo un tapiro e lui… ci ringrazia Michele Petraroia non ha tirato le cuoia. E ce ne rallegriamo. Mai vorremmo che in Consiglio regionale venisse a mancare il prezioso contributo dell’attapirato inquilino del Pd a cui ieri abbiamo consegnato il nostro ‘riconoscimento’ per via di quella scheda bianca che, siamo ancora convinti, appartenesse proprio a lui. Ma Petraroia si sa, non è uno che se la prende troppo. Tanto che precisa: “Intendo ringraziare la vostra redazione per la garbata ed ovviamente infondata illazione che mi ha gratuitamente permesso di arricchire la personale collezione di tapiri.

Come ribadiva sornione Giulio Andreotti a fronte di una stampa che lo punzecchiava pervicacemente ‘l’importante è che si parli di me, altrimenti potrebbe sorgere il dubbio che abbia tirato le cuoia’. Ed oggi nella società egemonizzata dalla comunicazione, questa massima è ancora più efficace di allora. In una seduta di insediamento che giustamente ha visto concentrate le attenzioni su molteplici e diversi amministratori, il tapiro è stata per me una preziosa opportunità per confermare ad amici ed avversari che nonostante il cagionevole stato di salute non ho ancora tirato le cuoia”.


10

Campobasso

07 dicembre 2011

L’INIZIATIVA

Educazione stradale: a scuola di ciclismo CAMPOBASSO - Si rinnova, anche quest’anno, il progetto di educazione stradale, indirizzato agli alunni delle scuole elementari (classi V) del territorio della provincia di Campobasso. Iniziativa che, dopo il superamento di alcune prove, permetterà ai ragazzi di ottenere il patentino da superciclista. Quest’anno parteciperanno al progetto 30 Istituti comprensivi, 85 classi per un totale di 1400 alunni. Nella mattinata di ieri la presentazione del progetto, per l’anno 20112012, nella sala della Costituzione della Provincia. L’iniziativa sarà suddivisa in due momenti. Il primo caratterizzato da lezioni teoriche, il secondo da quelle pratiche. Suddivisi in otto incontri, i corsi teorici, inizieranno a dicembre per concludersi nel mese di marzo 2012. Mentre, tra aprile e maggio 2012, i ragazzi avranno modo di partecipare a lezioni pratiche caratterizzate da un percorso mobile con delle biciclette date in dotazione dalla Provincia di Campobasso. Alla presentazione, Isidoro La Farciola coordinatore del progetto e responsabile dell’ufficio Trasporti della Provincia, ha ribadito l’importanza dell’iniziativa a cui partecipano “l’Unasca (Unione nazionale

Il presidente dell’Uprom ringrazia Pdl e Pd che hanno espresso riserve sul decreto Monti

Province a rischio, Colagiovanni rassicura: i partiti non si sono allineati CAMPOBASSO – Il presidente dell’Unione delle Province Molisane, Salvatore Colagiovanni, è fiducioso sul ridimensionamento degli “enti intermedi” contenuto nel decreto Monti. “Il pericolo pare scongiurato. Nonostante sia stato formalmente firmato dal capo dello Stato – ha affermato a margine dell’assemblea nazionale dell’Upi – i partiti non si sono allineati e potrebbero chiedere la fiducia. D’altra parte, la forza di un decreto non è sufficiente a cancellare o comunque a cambiare la carta costituzionale, ciononostante occorre tenere alta l’attenzione sugli sviluppi del riordino della Provincia e più in generale degli enti locali”. Al termine dei lavori “è stato prodotto un ordine del giorno nel quale si chiede al governo di rinunciare al taglio delle giunte e dei consigli provinciali, previsto nella manovra finanziaria. Altrimenti – annuncia Colagiovanni – le Province sono pronte a ricorrere alla Corte Costituzionale”. Il presidente dell’Uprom, infine, ringrazia “i parlamentari Pdl e Pd che contrariamente all’Idv e Udc, hanno capito l’errore cui stavano andando incontro. A noi tocca far capire agli italiani che lo sperpero è altrove”.

Un’attività che fattura circa un milione di euro l’anno, impiegando due lavoratori, può valere 1,7 milioni di euro? Se a ciò si aggiunge che si tratta di un’attività già avviata e che ad oggi frutta 500mila euro annui netti al comune di Campobasso, allora i dubbi diventano rilevanti. Si tratta di una sola delle tre farmacie comunali del territorio: quella di via Calabria. Quella oggetto di un bando di vendita a privati redatto da palazzo San Giorgio. Lo stesso (provvedimento) contro cui si è scagliato ieri l’intero gruppo consiliare di Costruire democrazia. Michele Durante, Michele Coralbo e Teresa Cuomo sono partiti dai dati elencati. Nella conferenza stampa a Palazzo di città, i tre hanno chiarito, in prima istanza, i motivi del voto contrario all’assestamento di bilancio. Termini chiari che vanno riportati come macrosistema in cui si inserisce il discorso specifico sulla cessione delle farmacie. “Il nostro no? Beh, mancava la documenta-

Coinvolti 1400 ragazzi delle scuole di Campobasso Prove teorico-pratiche per ottenere il patentino da superciclisti delle autoscuole), Confarca (Confederazione autoscuole riuniti e consulenti automobilistici), l’ufficio regionale scolastico, il Lions club e l’Aci di Campobasso. In un momento di tagli e di ristrettezza economica - ha proseguito La Farciola - riuscire a riproporre l’iniziativa, arricchirla e trovare maggiore partecipazione, è motivo di soddisfazione”. Giovanna Iannelli, dirigente del 4° dipartimento, ha invece sottolineato come “sia necessario creare, soprattutto in età scolare, momenti di coinvolgimento e condivisione. Diventa così necessario fornire ai ragazzi un adeguato senso civico per rispettare le più comuni regole di convivenza civile”. L’assessore ai Trasporti, Rita Colaci ha ribadito come “ la sicurezza stradale si basa su una buona prevenzione, che diventa di fondamentale importanza soprattutto se rivolta ai ragazzi”. Durante la presentazione, il presidente della Provincia Rosario de Matteis, dopo aver ringraziato tutti coloro che si impegnano nella buona riuscita del progetto, ha consegnato una targa al brigadiere Sandro D’Agostino per “la decennale collaborazione fornita negli anni”. MP

Previdenza forense e circoscrizioni giudiziarie: se ne discute in un convegno

Si parlerà di riforma della professione, previdenza forense e revisione delle circoscrizioni giudiziarie nel convegno che si svolgerà nel pomeriggio di oggi, a partire dalle 15, al Centrum Palace di Campobasso. Organizzato dall’Ordine degli avvocati del capoluogo, in collaborazione con il Consiglio nazionale forense e la Cassa nazionale forense, l’incontro vedrà la partecipazione di Guido Alpa, presidente del Consiglio nazionale forense. Il convegno è accreditato dall’Ordine degli avvocati di Campobasso ed attribuirà 5 crediti formativi.

Farmacie comunali: “Assurdo venderle” Costruire democrazia presenta il suo progetto alternativo alla cessione stabilita dal Comune: creare un incubatore d’impresa, accogliere i codici bianchi zione sui residui attivi, ovvero i crediti vantati dall’amministrazione nei confronti dei cittadini. Ovvero mancava uno screening delle entrate possibili e che non giungono perché il comune non ha più un gestore delle riscossioni”. Ragion per cui, “per l’anno prossimo sarà difficile mantenere gli equilibri e si rischia il default del comune”. Vale a dire: sforamento del patto di stabilità. Questa la cornice in cui si muove Cd, mentre “il governo nazionale ci chiede di essere enti produttivi. E noi che facciamo? Vendiamo tre farmacie che assieme fatturano

4milioni di euro l’anno”. Stesse perplessità sulla cessione dei parcheggi pubblici “800mila euro annue che permettevano alla Sea di chiudere in pareggio il bilancio” -, sulla gestione di villa De Capoa o sulla Cittadella dell’economia ancora “non agibile in alcuni punti”. Quello di cui c’è bisogno – il discorso ritorna sulle farmacie – è un progetto alternativo. E Cd ce l’ha: “Creare un incubatore d’impresa virtuale. Non una struttura in cemento, bensì un a cabina di regia, formata da farmacisti, infermieri, assistenti sociali e amministrativi, che renda

produttive le farmacie”. E ciò tramite l’acquisizioni di nuove mansioni. A partire “dalla creazione di uno sportello informativo, di contatto con gli enti locali e, perché no, tramite il trasferimento nelle farmacie dei codici bianchi che ad oggi intasano l’ospedale regionale”. Situazione allarmante, per Cd che, in chiusura, ricorda come “arriverà domani (oggi per chi legge, ndr) in consiglio una mozione sull’acqua come bene pubblico”. Un piccolo esclamativo tra tanti interrogativi. Stefano Gallotta


11

Campobasso

07 dicembre 2011

GIUDIZIARIA

Domiciliari al giovane beccato con 100 grammi di hashish Ieri la direttissima nel palazzo di Giustizia di viale Elena Il 23enne era stato ammanettato dalla Polizia l’altra sera Convalidato l’arresto del 23enne fermato l’altra sera dalla Polizia di Campobasso e finito nei guai per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti . Ieri mattina, nel Tribunale del capoluogo la direttissima. Per il giovane, as-

sistito dall’avvocato Alessandro Fatica, il giudice Scarlato ha disposto i domiciliari. Il suo legale ha presentato un termine a difesa e quindi si tornerà in aula il prossimo 13 dicembre. C.M. è stato colto in flagranza di reato dagli agenti. Nel percorrere una

strada del centro, gli uomini della Volante hanno notato una autovettura in sosta con a bordo tre persone note per i numerosi precedenti penali. Durante il controllo, uno degli occupanti ha preso dalla tasca del proprio giubbino una busta di colore bianco gettandola sotto il sedile anteriore del mezzo. Dagli accertamenti è così emerso che nella busta c’era dell’hashish. Immediata la perquisizione che ha portato al complessivo rinvenimento di 100 grammi tra hashish e mariujana. Ulteriori accertamenti hanno inoltre consentito alla Polizia di verificare che gli altri due occupanti della autovettura erano totalmente estranei alla vicenda. Il giovane fermato è stato dunque arrestato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti e accompagnato nella casa circondariale di via Cavour dove vi è rimasto fino a ieri mattina.

Violenza sessuale, oggi l’interrogatorio del 38enne ai domiciliari Si svolgerà nella tarda mattinata di oggi, nel Tribunale di Campobasso, l’interrogatorio di garanzia dell’uomo arrestato la scorsa settimana con l’accusa di violenza sessuale. Il 38enne comparirà dinanzi al giudice Maria Rosaria Rinaldi ed al pubblico ministero Rossana Venditti, difeso dall’avvocato Nicola De Pascale. Le indagini sono partite alcuni mesi fa, precisamente dalla denuncia presentata lo scorso luglio da una 29enne del capoluogo che aveva informato le autorità di presunte ‘attenzioni particolari’ dedicate da un giovane commerciante alle sue dipendenti. I successivi riscontri investigativi hanno portato gli inquirenti alla svolta: dagli accertamenti sarebbe infatti emerso che l’uomo, un 38enne residente a Riccia, nonché titolare di un negozio di generi alimentari, negli ultimi quattro anni avrebbe promesso a diverse commesse aumenti di stipendio e altri beni di consumo in cambio di favori sessuali. Sono stati i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Campobasso ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del palazzo di Giustizia di viale Elena.

CRONACA

Ordine e sicurezza, bilancio positivo nel 2011 CAMPOBASSO - Non sono emersi elementi di particolare preoccupazione dalla conferenza regionale dell’autorità di pubblica sicurezza. Il vertice, che ha avuto luogo ieri mattina presso il palazzo di Governo del capoluogo, ha infatti evidenziato una situazione piuttosto felice per il territorio locale in ordine ai temi dell’ordine e della sicurezza pubblica. Il summit cui hanno partecipato, oltre al prefetto di Campobasso Stefano Trotta, anche il procuratore della Corte d’Appello, il procuratore distrettuale antimafia, il prefetto di Isernia e le alte cariche delle forze di polizia - ha insistito anche sui crimini informatici, con particolare riferimento alla tutela dei minori: l’incontro ha mostrato un quadro rassicurante, in cui non sembrano figurare criticità, né specifiche situazioni d’allarme. Un risultato che sottolinea ancora una volta il prezioso lavoro svolto da autorità ed istituzioni locali, ma che testimonia anche l’esigenza di continuare su questa rotta per garantire ai cittadini una tutela sempre maggiore.

Bocconi avvelenati a Castellino del Biferno, indaga la Forestale Ritrovate porzioni di carne sospetta in località Bosco Agnuni: in corso le analisi CASTELLINO DEL BIFERNO - Ancora esche avvelenate nei boschi molisani. Stavolta i ‘bocconi’ incriminati sarebbero stati rinvenuti dal Corpo Forestale dello Stato in agro di Castellino del Biferno, più precisamente in località bosco Agnuni. Cinque porzioni di carne ‘condita’ con una sostanza dalla colorazione scura: stando alle prime indiscrezioni, dovrebbe trattarsi di un normale lumachicida, anche se saranno gli ulte-

riori accertamenti dell’Istituto zooprofilattico a chiarire definitivamente la natura del veleno. Dietro il posizionamento delle esche si nasconde, con ogni probabilità, sempre la stessa causa: quella rivalità tra bracconieri che ha già seminato molte vittime tra la fauna locale e non solo. Perché ad avere la peggio sono stati speso proprio i cani usati nell’attività venatoria: le indagini avviate dai berretti verdi, in questo senso, non

escludono che diversi animali possano aver già ingerito qualche ‘polpetta’ pericolosa. Al momento, comunque, non sono stati segnalati casi di avvelenamento, anche se in alcuni casi i primi effetti tossici possono verificarsi a distanza di qualche giorno. In attesa dell’esito dei riscontri sanitari, le ricerche della Forestale continueranno in maniera serrata con l’obiettivo di individuare i responsabili dell’episodio.


La Gazzetta “palmare” brucia le tappe A pochi giorni dal debutto su iPhone, iPod Touch e iPad, il nostro quotidiano conquista il 14° posto assoluto nella categoria “News”

La Gazzetta del Molise brucia le tappe a pochi giorni dal debutto su iPhone, iPod Touch e iPad. L’applicazione di Next Srl, scaricabile da App Store con iTunes, ha subito fatto il pieno: i 1.250 utenti che ne hanno già usufruito l’hanno lanciata al 14esimo posto a livello nazionale nella categoria “News”. Un successo rapido quanto insperato per le nostro quotidiano, ora più che mai a portata “di palmo” e quindi ancor più vicino ai lettori, i quali hanno la possibilità di scaricare e sfogliare in anteprima i nuovi numeri del giornale. E giudizi degli utenti in rete sono più che lusinghieri: c’è chi apprezza la grafica “bella e immediata nell’utilizzo”, chi l’interfaccia “carina, veloce e sempre aggiornata” e chi, più in generale, la definisce “ben fatta e di facile consultazione”. Un altro bel passo avanti verso i nostri fedeli e affezionati lettori, ai quali va ancora una volta il nostro ringraziamento.


ANNO IV - N° 278 - MERCOLEDÌ 07 DICEMBRE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR DEL GIORNO AD ELISA ANGELONE

L'oscar a Elisa Angelone, dell'associazione isernina Promozione Donna, che con Leontina Lanciano, insieme alla Commissione Pari Opportunità del Comune, ha organizzato nell'auditorium della Provincia un concerto di solidarietà in favore delle organizzazioni umanitarie cittadine. L'incasso dell'esibizione musicale del gruppo napoletano "I Lazzari felici" è stato integralmente devoluto alle quelle associazioni isernine che lavorano in difesa dei più deboli, dei bambini e degli emarginati. Una iniziativa di solidarietà che fa onore alle organizzatrici e agli organismi che validamente rappresentano.

IL TAPIRO DEL GIORNO A FILOTEO DI SANDRO

ISERNIA

ISERNIA

VENAFRO

Gioco d’azzardo: la Finanza scopre una bisca clandestina Denunce e sequestri Il tapiro del giorno all'assessore regionale Filoteo Di Sandro. Non per quello che fa o non fa alla Regione, ma per quello che il suo gruppo combina a Venafro. Qui si è alleato con il gruppo dei Patricielliani, che vuol rientrare in maggioranza, e ha lanciato un ultimatum al sindaco: si vota l'assestamento di bilancio, ma solo se preliminare all'azzeramento della giunta. La classica manovra da teatrino della politica che dimostra, ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, di che portata sono gli ideali etici e politici dei nostri rappresentanti. Visto il vento che tira, Di Sandro farebbe meglio a calmare i suoi adepti. Per ora gli diamo il Tapiro.

Raccolta e smaltimento dei rifiuti, lunedì si pronuncerà l’assise comunale A PAG. 14

Il sindaco Cotugno si complimenta con l’Arma per le ultime operazioni A PAG. 15

A PAG. 15

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


14

Isernia

07 dicembre 2011

Rapina a mano armata alla Banca di Novara Due malviventi hanno ‘prelevato’ 20mila euro dopo aver chiuso il cassiere in bagno ISERNIA. Ha fruttato 19mila euro la rapina messa a segno ieri mattina alla Banca popolare di Novara, in via Occidentale. I malviventi sono entrati in azione intorno alle dieci. In quel momento agli sportelli c'era solo un cassiere. L'unica collega si trovava in un'altra stanza, così come gli altri colleghi del bancario. I due rapinatori sono entrati in banca a volto scoperto. Sono andati dietro al bancone. Hanno minacciato l'impiegato con una pistola e lo hanno rinchiuso nel bagno. Hanno preso i soldi presenti in cassa e sono andati via. Un'azione lampo, silenziosa. Nessuno si è reso conto di nulla. Ma di lì a poco i colleghi hanno capito tutto e hanno lanciato l'allarme. Sul posto è arrivata la Polizia.

Gli agenti della Squadra Mobile hanno raccolto tutte le informazioni necessarie. Grazie alle telecamere interne all'istituto di credito, gli investi-

gatori hanno ricavato i fotogrammi delle due persone ricercate. Gente di mezza età, tra i 40 e i 45 anni, ben vestita. All'apparenza il colpo sembra stu-

L'assise isernina in riunione lunedì prossimo

Smaltimento rifiuti, parola al consiglio comunale ISERNIA. Il consiglio comunale di Isernia è stato convocato per lunedì 12 dicembre, alle ore 9. Sette gli argomenti all’ordine del giorno, di cui quattro da trattare in seconda convocazione e gli altri tre in prima. Questi gli argomenti di seconda convocazione: Verifica sui criteri ed indirizzi da adottare per l’affidamento del servizio di

raccolta e smaltimento nettezza urbana capoluogo e borgate, attualmente svolto in regime di prorogatio. Determinazioni. – Argomento richiesto dai gruppi consiliari Pd, IdV, Iniziativa Democratica; Verifica sui criteri e indirizzi da adottare per l’affidamento del servizio di raccolta, trasporto e conferimento presso impianto di

ROCCARAVINDOLA. Straordinario viaggio Medjugorje per alcuni pellegrini di Roccaravindola accompagnati dal diacono don Emilio Cioffi, protagonisti di eventi straordinari dove i segni non mancano per le persone che si recano in quel luogo di pace. “L’uomo moderno si è allontanato per via della poca voglia di amare - commenta il diacono Emilio di ritorno dal lungo viaggio -, tali segni si manifestano sicuramente perché in molti manca la fede in Dio. Alcuni pellegrini molisani hanno avuto l’occasione di poter almeno una volta assaporare l’aria di pace che Medjugorje offre all’uomo per ricominciare a “vivere in Cristo accompagnato dal-

trattamento e/o recupero rifiuti differenziati, attualmente svolto in regime di prorogatio. Determinazioni. – Argomento richiesto dai gruppi consiliari Pd, IdV, Iniziativa Democratica; Centro Storico: apertura di un posto di polizia municipale. – Argomento richiesto dai consiglieri Giovanni Fantozzi e Raimondo Fabrizio; Verifica in merito al funzionamento ufficio Suap. Provvedimenti. – Argomento richiesto dai gruppi consiliari Pd, IdV, Iniziativa Democratica. Questi infine gli argomenti di prima convocazione: Nomina Commissione Locale per il Paesaggio; Affidamento della struttura comunale ex scuola elementare di Salietto. Provvedimenti. – Argomento richiesto dai gruppi consiliari Pd, IdV, Iniziativa Democratica; Interrogazioni.

diato nei minimi particolari. Non è esclusa la presenza di un palo in città. Qualcuno, cioè, che potrebbe aver suggerito il colpo. Proba-

Coldiretti

Festa provinciale del ringraziamento a Frosolone FROSOLONE. Domenica a Frosolone si è tenuta la 61esima “Giornata provinciale del ringraziamento”. Promossa dalla Federazione Provinciale Coldiretti di Isernia, la manifestazione è partita da via Filangieri, dove si sono radunati i vari mezzi agricoli. Da qui hanno iniziaito una sfilata che ha attraversato Corso Vittorio Emanuele fino ad arrivare in piazza Alessandro Volta. Alle ore 11, poi, nella chiesa di a Santa Maria Assunta, la celebrazione della Santa Messa, al termine della quale c'è stata la benedizione dei mezzi agricoli. Alla manifestazione hanno partecipato, fra gli altri: il presidente regionale e quello provinciale della Coldiretti di Isernia, Amodio De Angelis e Giovanni Monaco, nonché il direttore regionale Angelo Milo. “La giornata di domenica – ha sottolineato il presidente Giovanni Monaco – ha rappresentato un’occasione preziosa per esprimere la nostra riconoscenza a quanti, pur nelle difficoltà dettate dalla grave crisi economica che sta attraversando il Paese, lavorano per produrre ‘cibo’ di alta qualità, in linea con il progetto di Coldiretti per una filiera agricola tutta italiana”. “La giornata del Ringraziamento – gli ha fatto eco il direttore Milo – rappresenta un importante momento di riflessione che consente alla Coldiretti, e più in generale al mondo agricolo, di confermare la sua matrice cattolica ed analizzare i cambiamenti della realtà socio-imprenditoriale alla luce delle nuove esigenze dei cittadini-consumatori”.

Parrocchia di Roccaravindola in pellegrinaggio a Medjugorie l’amore materno di Maria Regina della Pace”. Anche quest’anno i pellegrini sono stati disponibili a vivere l’esperienza per spezzare le tante negatività che le sofferenze provocano. In molti, sul Krizevac (il monte della croce e delle apparizioni) hanno visto la Santa Croce trasformarsi”. Il Krizevac è il monte più alto di Medjugorje (520 m sul livello del mare) sul quale, il 15 marzo 1934, a ricordo dei 1900

bilmente c'è un terzo complice. I rapinatori si sono allontanati a piedi, ma a qualche centinaio di metri di distanza dalla banca potrebbero essere saliti su un'auto che li ha portati in posto sicuro. Tuttavia i malviventi potrebbero aver commesso un'imprudenza. Sembra, infatti, che uno dei rapinatori abbia lasciato delle impronte digitali sul bancone. La Scientifica le avrebbe rilevate. Ed ora si stanno facendo verifiche sulla banca dati, nella speranza che appartengano a persone già segnalate in passato. In questo caso rintracciare i due autori del colpo sarebbe un gioco da ragazzi. Ma almeno per ora, di loro sembra essersi persa ogni traccia. Sono stati attivati posti di blocco in tutta la zona, ma le ricerche finora non hanno dato esito.

anni della morte di Gesù, i parrocchiani hanno costruito una croce di cemento armato alta 8.5 m. Vi hanno inciso le parole: “A Gesù, Redentore dell'umanità, in segno della nostra fede, del nostro amore e della nostra speranza, ed in memoria del 1900esimo anniversario della passione di Gesù”. Questa località è diventata celebre nel mondo perché, il 24 giugno del 1981,

Vicka Ivanković, Mirijana Dragičević, Marija Pavlović, Ivan Dragičević, Ivanka Ivanković e Jakov Čolo (che allora avevano tra 10 e 16 anni, oggi sono tutti adulti, padri e madri di famiglia) affermano di aver ricevuto apparizioni della Vergine Maria, che si presenterebbe con il titolo di "Regina della Pace" (Kraljica Mira). Per questo motivo Medjugorje è divenuta oggi una famosa meta di numerosi pellegrinaggi, all'inizio delle apparizioni era un piccolo villaggio sconosciuto, neppure segnato sulle carte geografiche. Ora è una tra le località più conosciute di tutto il mondo. Il diacono conclude invitando tutti a partecipare al suo prossimo viaggio con una frase: C’è posto per te.


15

Isernia

07 dicembre 2011

Controlli serrati negli esercizi pubblici di tutta la provincia: sequestrate slot machines illegali

Giocavano d'azzardo, raffica di denunce Blitz della Guardia di Finanza: isernini beccati in un locale mentre giocavano a poker

ISERNIA. Il Comando Provinciale di Isernia, nell’ambito dei compiti di polizia economico-finanziaria, ha disposto l’intensificazione dei servizi di contrasto ai giochi illegali e d’azzardo. In particolare ha disposto maggiori controlli dei videogiochi ovvero le cosiddette

“slot machine” non regolarmente autorizzate. Il settore dei congegni da intrattenimento è in continua espansione, ed è divenuto oggi di prassi trovare installate nella maggior parte degli esercizi pubblici (sale gioco, tabaccherie, bar, pub, etc) queste famigerate

macchine denominate anche “mangiasoldi”. La normativa in materia, è particolarmente stringente, difatti ogni apparecchiatura oltre ad essere regolarmente omologata deve essere provvista di autorizzazione da parte dell’Amministrazione dei Monopoli di Stato e, quando è in funzione, deve essere collegata alla rete telematica gestita dai Monopoli; l’uso delle stesse inoltre è vietato ai minori. I controlli che quotidianamente vengono svolti dalla pattuglie delle fiamme gialle sono quindi mirati al riscontro della regola-

Domani tombolata di solidarietà alla parrocchia Sacro Cuore di Isernia ISERNIA. Il movimento per la Vita, sezione di Isernia, organizza per domani, a partire dalle 16:30, presso il teatro della parrocchia del Sacro Cuore di Isernia, una Tombolata. Il movimento per la Vita si occupa di promuovere e difendere la vita umana dal concepimento fino al suo termine naturale, in qualsiasi condizione, riconoscendone la dignità del vivere. L’associazione di Isernia, in linea con quella nazionale, vuole promuovere una cultura della vita per ricordare a tutti che la vita è un dono. Alcune socie stanno girando per i negozi di Isernia per raccogliere dei premi e, grazie alla generosità dei negozianti, alcuni sono anche di un certo valore, cogliendo l'occasione per spiegare di cosa si occupa la nostra associazione oltre che per lasciare delle locandine

sulla tombolata. L'8 dicembre si aprirà l'evento con una piccola presentazione del movimento per la Vita, in cui si farà riferimento a tutte le attività svolte nell'ultimo anno, fatta dalla Presidente Anna Zarlenga, che utilizzerà la proiezione di alcune slide per rendere tangibile il lavoro che svolge il movi-

VENAFRO. L'elezione a presidente del consiglio regionale di Mario Pietracupa può rappresenta una buona opportunità per la città di Venafro. Ne è convinto il primo cittadino, Nicandro Cotugno. In una nota afferma: “Desidero porgere le mie congratulazioni a Mario Pietracupa neo eletto Presidente del Consiglio Regionale. Sono certo che il Presidente Pietracupa, come già dimostrato in passato, saprà esercitare il proprio ruolo con grande senso delle istituzioni improntando l’esercizio delle proprie funzioni sull’equilibrio e in ossequio al ruolo di garante che gli è stato attribuito. Un incarico prestigioso quanto delicato che il Presidente Pietracupa certamente saprà onorare nel migliore dei

mento per la Vita. Poi si procederà con la tombolata che sarà fatta con un videoproiettore in modo da essere ben visibile per tutti. Saranno esposti alcuni lavori svolti recentemente dal movimento. Si ringraziano tutti coloro che parteciperanno, ricordando che La tombolata è aperta a tutti!

rità delle apparecchiature e delle autorizzazioni amministrative e, in tale contesto, anche a verificare che l’utilizzo delle stesse sia consentito solo a persone maggiorenni. Nel trascorso mese di novembre, la Guardia di Finanza di Isernia, anche in collaborazione con i funzionari dei Monopoli di Stato, ha effettuato numerosi controlli in tutta la provincia, riscontrando violazioni sia amministrative che penali e in taluni casi sono scattati anche i sigilli per le macchinette risultate non conformi alla normativa. In tale

Cotugno: “Venafro più sicura grazie ai carabinieri” VENAFRO. Il sindaco di Venafro, Nicandro Cotugno, si congratula con i carabinieri per l'operazione che ha consentito di sgominare una banda specializzata nei furti di rame. “Desidero porgere le mie congratulazioni al Capitano Giovanni Falso e ai suoi uomini della Compagnia dei Carabinieri di Venafro per la brillante operazione condotta contro la banda autrice di un ingente furto di rame. Il blitz degli uomini dell’Arma, che ha condotto in carcere i tre malviventi, è stato lungo e complesso a dimostrazione della sagacia con cui è stata condotta l’operazione. Un plauso all’impegno di tutti gli uomini della locale Compagnia che, con il presidio costante del territorio e anche con il successo di interventi come quello messo a segno nei giorni scorsi, danno un segnale importante a garanzia della sicurezza della Città anche fuori regione. L’operato dei Carabinieri, sempre più sollecitato dai tentativi di infiltrazioni criminali dalle altre regioni e premiato da importanti risultati, è motivo di tranquillità sociale per la nostra comunità”.

Pietracupa presidente, un'opportunità per Venafro modi. Avere un rappresentante venafrano in un ruolo così importante è certamente motivo di orgoglio per la nostra Città e apre ulteriori canali di confronto per rafforzare la collaborazione istituzionale tra gli enti in cui rappresentiamo l’elettorato venafrano. Potersi rapportare ad un rappresentante istituzionale venafrano, che ricopre la seconda carica per importanza

contesto, i finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Isernia, durante un mirato controllo effettuato nella ore notturne in una sala giochi di Isernia, hanno sorpreso quattro avventori intenti ad un tavolo al gioco illegale del “Poker” che è stato prontamente interrotto. Tutto il materiale utilizzato per il gioco ed il denaro rinvenuto è stato sequestrato mentre i giocatori ed il gestore del locale sono stati denunciati alla Autorità Giudiziaria ed Amministrativa per l’adozione dei provvedimenti di rispettiva competenza.

in ambito regionale, è sicuramente un’opportunità per far emergere le problematiche di Venafro ed individuare in sinergia le opportune soluzioni da mettere in campo. Nel ribadire le mie congratulazioni porgo al Presidente Pietracupa i miei personali auguri per un proficuo e sereno lavoro”.

Il sindaco si congratula con il comandante Falso dopo l'operazione che ha permesso di arrestare una banda di ladri


16

Termoli

07 dicembre 2011

Grandinata 2010, in arrivo i fondi per il risarcimento dei danni La Regione trasmette le procedure per la liquidazione dei lavori eseguiti sui fabbricati colpiti PALATA – L’Amministrazione comunale ha comunicato alla cittadinanza che in merito al ristoro dei danni causati dagli eventi meteorici del Luglio 2010, la Regione Molise ha trasmesso le procedure per la liquidazione dei lavori eseguiti a beni immobili e mobili registrati. Per tutti gli immobili del centro abitato, per gli immobili “abitazione principale” ubicati in zona agricola e per la “seconda casa” ubi-

cata in zona agricola e censiti in catasto fabbricati, il Comune provvederà a liquidare il contributo non appena ricevuto l’accredito delle somme da parte della Regione. Per gli immobili “seconda casa” ubicati in zona agricola e censiti ancora in catasto terreni, per la liquidazione del contributo il proprietario dovrà presentare in Comune la propria visura camerale dalla quale si dovrà evincere l’iscri-

zione al registro delle imprese agricole. Per i beni mobili registrati, prima della liquidazione del contributo i proprietari dovranno trasmettere al Comune la documentazione fotografica che attesta la riparazione avvenuta. Infine per i lavori da eseguire a bene immobili ed a beni mobili registrati, a breve termine saranno rese note le procedure per la liquidazione dei contributi.

Prospettive di lavoro a Portocannone La minoranza interroga il sindaco Ogni giorno sentiamo alla TV e leggiamo sui quotidiani le difficoltà che le persone e soprattutto i giovani incontrano nel trovare un’occupazione nel nostro territorio. Ormai questo disagio si manifesta con cortei e occasionalmente anche con scene di guerriglia e di questa situazione si incomincia a parlare anche nella nostra piccola realtà che è la Regione Molise. Questa non è la via giusta della democrazia. Una premessa, abbiamo seguito sui giornali, la vicenda del primo cittadino di Termoli che ha chiesto un incontro con i massimi responsabili dello Stabilimento FPT Powertrain di Termoli, per discutere sulla situazione che sta vivendo in questo momento l’azienda di Pantano Basso. Ci domandiamo, con l’investitura da primo cittadino che cosa stai pensando di fare su questo argomento? Ti ricordiamo che presso azienda FPT e nelle altre allocate nel Nucleo Industriale ci sono oltre 300 lavoratori che fanno parte della comunità di Portocannone e molti di questi sono allocati presso aziende che sono in via di chiusura oppure già chiuse. E i nostri giovani, quelli che dovranno essere il perno della nostra comunità, quale futuro avranno? L’unica opportunità di lavoro che gli stessi e non solo loro, riescono a trovare oggi nel nostro territorio, sono nelle cooperative. Ma sono queste le uniche reali opportunità che si possono mettere

in campo, oppure e meglio accontentarsi e soprattutto stare zitti, così almeno qualcuno di loro mangia? Ma questi contratti danno la possibilità di avere una posizione stabile e farsi anche una famiglia o devono emigrare come fecero i nostri antenati? E soprattutto gli è stata spiegata quale sarà la loro prospettiva, lavorando presso le stesse, sulla situazione contributiva a livello pensionistico? Su quest’ultima domanda possiamo dare noi della minoranza una reale risposta arriveranno alla vecchiaia per reclamare il tutto, recependo solo pochi euro. Noi della minoranza ti chiediamo di rivedere il tuo piano politico sull’occupazione, e nello stesso tempo ti proponiamo di usare più spesso le borse lavoro oppure incominciare a fare delle assunzioni part time. Tutto questo perché quello che esiste oggi con le cooperative porta solo a delle spese eccessive senza una reale stabilità di nessuno (vedi contratto CIBELE pari 146.000 euro annui / retribuzione media di 950,00 euro lordi per 8 dipendenti). Come sempre, si paga tanto per i servizi alle cooperative mentre nelle tasche degli addetti va sempre poco . Consiglieri di Minoranza Antonio Vigliotti Teresa Licursi Angelo Musacchio

Misure alternative alla detenzione e società civile Il seminario del Melograno LARINO - Il protocollo d'intesa firmato nel 2010 tra il Provveditorato Regionale per l'Abruzzo e Molise - Ufficio Esecuzione Penale Esterna, i Centri di Servizio per il Volontariato e la Conferenza Regionale Volontariato Giustizia di Abruzzo e Molise prevede la promozione di “iniziative e progetti di educazione alla legalità ed alla solidarietà anche al fine di far più adeguatamente conoscere la natura ed il contenuto delle singole misure alternative alla detenzione, nonché le modalità della loro esecuzione, affinché l'opinione pubblica possa comprenderne i fondamenti e considerarle come delle risposte adeguate e credibili ai comportamenti delinquenziali”. In quest'ottica, accanto alle riflessioni sulla legalità che porta avanti da anni, il CdS il “Melograno”, di concerto con l'UEPE di Campobasso, propone al volontariato, ai cittadini impegnati, ai professionisti del settore, alla società civile, un momento di informazione, riflessione, confronto su “Misure alternative alla detenzione e società civile” che si terrà giovedì 15 Dicembre alle 17 nella Sala della Comunità alla presenza di Anna Maria Di Nunzio. Ai partecipanti iscritti all'Ordine degli Avvocati saranno riconosciuti crediti formativi.

Diocesi, mostra fotografica Domani l’intitolazione della strada su Giovanni Paolo II a monsignor Carlo Maglia Oggi la presentazione TERMOLI – L’Ufficio della Diocesi di Termoli – Larino ha convocato una conferenza stampa che si terrà questa mattina alle 12 presso la residenza vescovile in Piazza Duomo. L’occasione è suggerita dalla necessità di voler presentare agli organi d’informazione tutte le indicazioni circa una mostra fotografica su Giovanni Paolo II che si terrà a partire dal prossimo 9 Dicembre e fino all’8 Gennaio 2012. Gli scatti fotografici, scelti e selezionati, sono del noto fotografo pontificio Arturo Mari che, per ben 53 anni, è stato al servizio di 6 Pontefici. Il noto giornalista RAI Fabio Zavattaro, commenterà i pannelli predisposti per la mostra. Saranno loro due, in una pubblica conferenza, venerdì 9 Dicembre alle 17,30 presso il cinema Sant’ Antonio, ad inaugurare la mostra dal titolo “Redemptor Hominis” con la partecipazione del Vescovo diocesano. A tutti coloro che prenderanno parte alla convocata conferenza stampa sarà data una cartella con ampio materiale esplicativo e documentale.

GUGLIONESI – Domani alle ore 16 sarà ufficialmente dedicato alla memoria di monsignor Carlo Maglia il viale centrale della Villa Comunale. Seguirà, nella Casa del Fanciullo, un convegno dedicato alla figura del Parroco don Carlo Maglia che, proprio a partire dall’8 Dicembre del 1947 e fino al 1973, tante opere importanti ha donato alla città, soprattutto nel campo sociale ed educativo. Il programma prevede alle 16 a Castellara il raduno delle autorità, ospiti e cittadinanza e l’inaugurazione de Viale monsignor Carlo Maglia. Alle 16,30 nella Casa del Fanciullo il ricordo di don Carlo attraverso le testimonianze di ex convittori. Interverranno: Antonio Sisto, rappresentante del Comitato d'onore Per Don Carlo, il sindaco Bartolomeo Antonacci, il Vescovo della diocesi Termoli – Larino, monsignor Gianfranco De Luca, don Gianfranco Lalli, parroco di Guglionesi, l’ex convittore Antonio Staniscia. Per l’occasione Adele Terzano e Antonio Sisto leggeranno brani tratti da Le Opere dell'Amore, edito in occasione del suo decennale di apostolato a Guglionesi dal 1947 al 1957.

Auguri a Piero Jannacci per il compleanno URURI - Sono 60 e non dimostrarli, tanti auguri di buon compleanno a Piero Jannacci di Ururi da parte di Fiorella ed Enrico del Bar Di Spirito di Portocannone e dagli zii Rita e Leo. Che tu possa avere ancora tanta salute, e che la vita ti possa dare ancora tante soddisfazioni. Auguri anche dalla redazione de “La Gazzetta del Molise”.


17

Termoli

07 dicembre 2011

Il colpo lunedì sera poco prima della chiusura del supermercato. Indagano i carabinieri

Rapina al Conad Scutti: mille euro il bottino Ad agire una sola persona armata di coltello che ha minacciato la cassiera facendosi consegnare il denaro TERMOLI - Ammonta a circa 1000 euro in contanti il bottino di una rapina compiuta intorno alle 19 di lunedi sera nel supermercato Conad Scutti di Via Tremiti. Un uomo che calzava un cappello e occhiali scuri si è parato davanti alla cassiera con un taglierino in mano e fatto consegnare il contante per poi fuggire indisturbato. Immediata la reazione della dipendente che, anche se frastornata, ha dato l’allarme e

sul posto sono giunti i carabinieri della locale Compagnia che hanno avviato le indagini. Al momento del “colpo” non erano presenti clienti nel locale che si apprestava alla chiusura e questo non facilità l’opera delle forze dell’ordine che indagano solo grazie alla testimonianza della cassiera. Pochi gli elementi forniti anche perché il malvivente nel momento di agire non ha proferito parola. Non è questa la

prima rapina che il Conad Scutti subisce e la tecnica è sempre la stessa. Il locale, punto di riferimento del quartiere e non solo, ha due ingressi: uno su Via Tremiti, l’altro sul retro a poche decine di metri da Via del Molinello che consente la fuga o verso il Parco comunale o verso il nuovo ospedale. Ed è proprio la seconda entrata che il malvivente ha usato per mettere a segno la rapina e per la fuga.

Cantieri Navali, convocato un tavolo tecnico in Provincia TERMOLI - Torno sulla questione Cantieri Navali con l’unico scopo di confermare quanto già affermato, in modo chiaro ed inoppugnabile, nell’intervento da me prodotto durante il Consiglio Provinciale del 25 Novembre. Un discorso che non avrebbe dovuto avere propaggini, cosa che invece si è resa necessaria a causa di interpretazioni che hanno rischiato di dirottare il pensiero dell’opinione pubblica rispetto a quello che era lo scopo della mia proposta: il tentativo di risolvere nel migliore dei modi una situazione delicata. Ho caldeggiato, durante i lavori, una via concreta per superare la mozione che, di norma, segue in Assise un percorso di voto che può essere ed è condizionato, inutile negarlo, dalle appartenenze politiche. Le mie intenzioni erano e sono quelle di affrontare sul serio il problema e tracciare la strada per una possibile soluzione in salvaguardia e tutela dei dipendenti che rischiano di perdere il posto di lavoro. Tanto è vero tutto questo che, in tempi brevissimi e nel rispetto del preciso impegno assunto, con nota ufficiale protocollata al n. 0050246 del 5 Dicembre 2011 è stato

convocato il tavolo tecnico da me sollecitato, per il giorno 9 Dicembre 2011 alle ore 12, presso l’Amministrazione Provinciale a Campobasso, in via Roma 47. Una urgenza che è stata quindi immediatamente recepita dal Presidente De Matteis, al quale vanno i miei ringraziamenti sentiti per aver dato seguito alla mia richiesta nel giro di pochissimi giorni, praticamente il tempo materiale per i necessari contatti. Sono stati invitati i referenti aziendali sia della Cantieri Navali Termoli s.p.a. che della Cantieri Navali s.r.l., un rappresentante del Comune di Termoli, i delegati dei sindacati CGIL, CISL e UIL nonché due Consiglieri Provinciali, il sottoscritto e Massimo Caravatta. La presenza di quest’ultimo dimostra l’apertura e la disponibilità al dialogo costruttivo che sono proprie della mia maggioranza. Credo di aver fatto tutto quanto era nelle mie possibilità e spero che il dialogo tra le parti, con l’intermediazione della Provincia di Campobasso, possa condurre ad una soluzione ottimale. Roberto Crema Consigliere provinciale

EcoDem Molise: si faccia chiarezza fino in fondo sul Cosib TERMOLI - E’ trascorso un anno dagli arresti al Consorzio Industriale di Termoli per vicende connesse con la gestione e lo smaltimento di rifiuti. Al riguardo presidente e vice EcoDem Molise, rispettivamente Piera Liberanome ed Elisabetta Brunetti, hanno diramato un documento che riportiamo. “Sul piano politico istituzionale nemmeno gli arresti indussero i partiti e gli amministratori locali a riflettere su un salvifico atto di discontinuità nella direzione del COSIB. Infatti i rimanenti componenti degli organi amministrativi del Consorzio Industriale, come se nulla fosse, hanno continuato a dirigere l’Ente e a presiedere le riunioni, nonostante il contenzioso sollevato dalla Provincia di Campobasso e dal Comune di Termoli. E’ di queste ore la sentenza di merito del TAR Molise con cui si sancisce l’illegittimità delle procedure di elezione del Presidente del COSIB e si dà ragione, giustamente, al Sindaco di Termoli, Antonio Basso Di Brino, che a differenza del Presidente della Provincia di Campobasso, Rosario De Matteis, ha avuto il coraggio di andare fino in fondo nella richiesta di chiarezza circa le procedure elettive utilizzate al COSIB. Adesso si apre una nuova fase che porterà, auspicabilmente, a sanare tali incongruenze e resta sullo sfondo la mancata attuazione della legge regionale di riordino dei Consorzi Industriali del Molise. Ciò che colpisce è il silenzio connivente di troppi amministratori locali e di tante formazioni politiche che nulla hanno avuto da ridire circa la gestione del depuratore del COSIB ai fini dello smaltimento dei reflui campani, come se tale attività rientrasse nelle normali funzioni dell’Ente”. Per gli Ecologisti Democratici del Molise è necessario andare fino in fondo a tutti i livelli per capire implicazioni, accordi e modalità di gestione di uno dei principali enti sub-regionali del Molise.

Mensa, il gruppo consiliare Pdl in visita alla scuola di via Stati Uniti TERMOLI - L’assessore alle Politiche Sociali Fernanda De Guglielmo, unitamente ai componenti del gruppo consiliare del Pdl, ha effettuato un sopralluogo nella scuola elementare di via Stati Uniti, al fine di verificare l’andamento e la qualità del servizio mensa ad opera dalla ditta incaricata CIR Food di Reggio Emilia. Gli amministratori comunali hanno potuto constatare personalmente come la ditta stia operando con assoluta scrupolosità in materia di igiene ed ordine del servizio offerto, ottenendo altresì un ottimo riscontro anche da parte dei bambini presenti, i quali hanno espresso pareri positivi sulla qualità e quantità dei pasti somministrati. In un clima di assoluta cordialità l’assessore ed i componenti del gruppo Pdl, in presenza del referente della ditta incaricata e del dirigente scolastico Giuseppe Carducci, hanno manifestato la necessità di utilizzare stoviglie in materiale plastico di qualità superiore a quelle in uso, invitando altresì il referente della CIR ad un incontro nei prossimi giorni al fine di risolvere la questione. In merito al sopralluogo l’assessore De Guglielmo ha dichiarato che: “Al momento siamo soddisfatti dal servizio offerto dalla ditta CIR Food ed in particolar modo dal riscontro positivo dei bambini, in quanto nessuno più di loro può confermarci la reale qualità del servizio offerto. Insieme ai miei colleghi abbiamo però constatato la necessità di utilizzare stoviglie in materiale plastico di qualità superiore a quelle in uso e abbiamo deciso di fissare a breve un incontro con il responsabile della ditta preposta, in modo da poter migliorare tale aspetto, garantendo ai bambini una maggiore sicurezza durante i pasti”.

Contrada Rio Vivo, via alla bitumazione TERMOLI - L’assessore ai Lavori Pubblici, Vincenzo Sabella, informa la cittadinanza che da oggi iniziano i lavori di ripristino del manto stradale in contrada Rio Vivo-Marinelle. L’opera, inserita nel progetto che riguarda il completamento della litoranea Termoli - Campomarino e finanziata dalla Regione Molise con Fondi Cipe, interesserà alcuni tratti di strada deteriorati presenti sulla viabilità che collega Via Rio Vivo all’innesto con la S.S.16 verso Campomarino.


18

Spettacolo

07 dicembre 2011

Altre cinque date sino al 7 gennaio per i suoni della ciaramella

La Zampognorchestra in tour Il collettivo molisano live da stasera a Reggio Calabria TRADIZIONI

di Charles N. Papa

Quattro giorni per la ‘Ndocciata

Le tipologie di zampogna sono tante, quella a doppia ancia è tipica del Molise come la ciaramella di Catanzaro. E’ uno strumento che viene visto e posizionato solo in un periodo dell’anno, Natale, ma in realtà è molto versatile e soprattutto ha una sonorità che lascia stupiti. Sono ben quattro i suoni che può emettere contemporaneamente, e questo lascia intuire quale possa essere l’effetto di quattro zampogne che suonano simultaneamente. Facile comprendere perchè la Zampògnorchestra ha dunque questo nome. La duttilità musicale dello strumento fa si che il collettivo messo su da Giuseppe ‘spedino’ Moffa diventi appunto un’esibizione alla pari di un’orchestra. La commistione della tradizione musicale con la modernità della scaletta, mette in evidenza la peculiarità del collettivo. Il successo delle date date molisane, li ha catapultati in tutta Italia. Stasera la Zampògnorchestra si esibirà a Reggio Calabria, domani a Maida (Catanzaro), il 29 dicembre a Lagonegro (Potenza), il 30 a Sorrento (Napoli), il 4 gennaio a Chieti e il 7 a San Polo Matese (Campobasso). Il gruppo è composto da Giuseppe Moffa, Aldo Iezza, Antonello di Matteo e Christian Panichella .

Bandabardò RIPALIMOSANI - Dal cartellone “Winter season 2011” del Blue Note, stasera il primo appuntamento con il live della Bandabardò. Erriquez Greppi & Co. tornano in Molise e sempre con grandi consensi. Il prossimo, atteso appuntamento, è fissato al 16 dicembre con l’esibizione di Patty Pravo.

Clubbing CAMPOBASSO Questa sera, la discoteca Alexander presenta il dj Mirko Loco (foto), uno dei maggiori dj house al mondo. CAMPOBASSO Oggi alla discoteca Red Passion “Odio la mia disco”, special guest Incubi di palstica. ISERNIA - Stasera al discobar La Strada “One night event”. BOJANO- Stasera selezioni di Manu al Tijuana cafè.

AGNONE - La ‘Ndocciata è sicuramente l’evento (con la sfilata dei Misteri) che più rappresenta la tradizione popolare molisana. Il fuoco, la sua magia nella notte, la ‘ndoccia come raffigurazione del lavoro e della continuità contadina, sono elementi che hanno fatto di questa rievocazione (in epoca romana illuminavano le valli durante gli spostamenti notturni) un appuntamento annuale. L’importanza dei questa festa è tale, che nel 1996 hanno sfilato in piazza San Pietro a Roma. Da oggi e sino al 10 dicembre, una serie di eventi, faranno da contorno al clou di domani sera. Oggi aprono i mercatini natalizi per le vie del centro. Domani la ‘Ndocciata alle 18.00 (che verrà riproposta il 28 dicembre), e alle 20.00 in piazza Plebiscito la “Notte del fuoco”. Il 9 dicembre al teatro Italo-Argentino, in scena Paola Quattrini con “Oggi è già domani”. Si chiude il 10 con un convegno di studio su Baldassarre Labanca. Fuori cartellone, ma nel programma ufficiale, domenica 11 dicembre alle 18.00 all’Italo-Argentino “Il gobbo di Notre Dame” della compagnia Ouverture.

AGENDA CAMPOBASSO - Venerdì 9 dicembre alla birreria Konig-Ludwig concerto di Antonella Aprea swing quartet. CAMPOBASSO - Venerdì live di Cafè Wha! alla Balera del Molise di San Giovanni in Golfo. ISERNIA - Venerdì alla birreria Holzhaus live dei Carpacho. CAMPOBASSO - Venerdì alla discoteca Red Passion serata caraibica. Stage gratuito di Rueda De Casino. CAMPOBASSO - Sabato 10 dicembre al Don Giuglielmo serata dedicata ala mandolino e alla chitarra classica.

Concorso fotografico CAMPOBASSO - In quattromila su Facebook hanno raccolto l’invito del concorso “On line Leica”, competizione a colpi di scatti fotografici, giudicati dai ‘mi piace’ del social network sino alla scrematura finale formata da 24 fotografi che saranno scelti da una giuria tecnica. In questo gruppo finale ci sono due molisani, Maurizio Ioia e Paolo Cardone con i loro scatti.Ora per loro c’è il viaggio alla volta di Solms (Germania) patria della Leica per l’ultima tappa del concorso che si articolerà nello sviluppo finale di un progetto fotografico sulla propria regione.

Black Keys: cinque brani inediti in streaming

I Metallica in tour per i vent'anni del Black Album

Sul sito ufficiale dei Black Keys sono stati caricati cinque brani per l’ascolto in streaming estratti da "El Camino" il nuovo album della band che uscirà il 6 dicembre su etichetta Nonesuch/Warner Music. Oltre al singolo “Lonely boy” e al brano “Run right back” già diffuso qualche settimana fa, cliccando sul link www.theblackkeys.com sarà possibile ascoltare in anteprima “Gold on the Ceiling”, “Little Black Submarines” e “Sister” tre brani inediti.

I Metallica hanno annunciato un tour primaverile per celebrare il ventennale del loro celebre “Black Album”. In questa serie di concerti europei i “Four Horsemen” eseguiranno per intero tutta la tracklist del disco. Fra i luoghi che ospiteranno le date suscita particolare curiosità l’ex penitenziario di Horsens, in Danimarca. Altre tappe: Oslo, Norvegia – Vallehovin – Norimberga, Germania – Horsens, Danimarca – Donington, UK – Nickelsdorf, Austria.


ANNO IV - N° 278 - MERCOLEDÌ 07 DICEMBRE 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

Nella foto un canestro dell’impianto retto con lo scotch

www.lagazzettadelmolise.it CAMPOBASSO, MISTER IMBIMBO PENSA GIA’ ALLA GARA DI DOMENICA Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti in casa Campobasso dopo l’ottima affermazione di domenica sul campo dell’Isola Liri. I rossoblù, messo da parte il successo in terra laziale, sono già proiettati sul prossimo impegno di campionato. Domenica al Selva Piana arriverà il Chieti dell’ex tecnico rossoblù Silvio Paolucci e sarà un match complicato per la compagine di Eduardo Imbimbo. Alla seduta di ieri non hanno partecipato Triarico, ancora fermo ai box, e Mateo, che ha lavorato a parte dopo il risentimento muscolare rimediato ad Isola Liri. Il brasiliano questa mattina si sottoporrà ad ecografia che dovrà stabilire l’entità del suo infortunio. E’ tornato a lavorare con il gruppo il difensore Altobello che sembra aver recuperato pienamente la forma fisica. Oggi è in programma una doppia seduta di allenamento, mentre domani potrebbe esserci un test amichevole. La vittoria in terra laziale è stata la prima dell’era Imbimbo. Il trainer ha modificato l’assetto tattico della squadra che è diventata più prudente. A PAG. 20

SERIE D, ANTICIPO PER L’AGNONE CHE OGGI RICEVE LA SAMB Il rocambolesco pareggio di Città Sant’Angelo è ormai un triste ricordo. Non c’è tempo per le recriminazioni. Infatti l’Olympia Agnonese torna in campo questo pomeriggio nell’anticipo della quindicesima giornata e al Civitelle arriva la Sambenedettese, una delle squadre più in forma del momento. La società altomolisana, di comune accordo con il club marchigiano, ha ottenuto di giocare la gara anticipatamente poiché domani ci sarà ad Agnone la ‘Ndocciata ed il paese altomolisano sarà invaso da migliaia di turisti. In un clima pre festivo i granata sperano di dare continuità ai risultati positivi e soprattutto riproporre il trend favorevole in casa dove due settimane fa è capitolata la Civitanovese, fino ad allora imbattuta. La Sambenedettese di mister Ottavio Palladini, quarta forza del girone, è in serie positiva da ben otto giornate (infatti l’ultima sconfitta risale alla gara persa contro la capolista Teramo). A PAG. 21

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


20

Sport

07 dicembre 2011 L’inchiesta. L’amministrazione non si preoccupa del degrado

Vazzieri senza illuminazione e canestri che si reggono con lo scotch

La poca attenzione nei confronti dello sport è da sempre un vezzo delle amministrazioni del capoluogo di regione. In questo periodo, però, la situazione sta letteralmente degenerando. E a farne le spese non sono solo i tanti spor-

tivi di Campobasso, ma l’immagine stessa della città. La situazione è drammatica dalle parti di Selva Piana per l’incuria in cui versano stadio e antistadio. Impianti che puntualmente ospitano avvenimenti di rilievo nazionale.

Lo scotch che regge un canestro

Indicati dalle frecce due dei tre fari attualmente non funzionanti

Problematiche ancora peggiori si riscontrano a Vazzieri, dove il palazzetto dello sport (espressione inadeguata per la struttura, ma solo convenzionale) si trova in condizioni disastrose. Di quest’impianto ci stiamo occupando da qualche tempo, portando alla luce i vari disservizi dei quali l’amministrazione comunale sembra non volersi occupare. Qualche mese fa denunciammo l’assenza di riscaldamento e di acqua calda in una struttura che ha ospitato gare di alto livello nazionale come quelle della divisione nazionale B di basket maschile e di serie B d’Eccellenza di pallacanestro femminile. Problema che ha creato imbarazzo a chi vive

quotidianamente la struttura, ma anche alle formazioni e ai tifosi ospiti. Per non parlare del grave danno d’immagine subito. Sono state necessarie numerose proteste affinché la situazione tornasse alla normalità. Da qualche settimana, invece, il disservizio riguarda l’illuminazione dell’impianto. Problema puntualmente denunciato attraverso i nostri tapiri. Due domeniche fa i fari spenti era quattro, mentre nell’ultimo week end sono passati a tre. Una condizione indegna per una struttura del capoluogo di regione e che rischia di

arrecare anche un danno economico alle società ospitanti: non è remota, infatti, l’ipotesi di ricevere una multa per scarsa illuminazione. In più i canestri si reggono con lo scotch, come documentano le nostre foto. Una situazione non più tollerabile, della quale ci auguriamo che l’amministrazione comunale del capoluogo di regione possa occuparsi al più presto. Noi resteremo vigili sulle varie problematiche riguardanti l’impiantistica sportiva campobassana, dandone puntuale informazione ai nostri attenti lettori. mdi

LEGA PRO - II DIVISIONE

Imbimbo: il gruppo è unito e compatto Il tecnico del Campobasso è proiettato al prossimo match. Ieri in prova quattro under Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti in casa Campobasso dopo l’ottima affermazione di domenica sul campo dell’Isola Liri. I rossoblù, messo da parte il successo in terra laziale, sono già proiettati sul prossimo impegno di

GIUDICE SPORTIVO 2 GARA Menichetti (Gavorrano) Bianchini (Isola Liri) Aquino (Aprilia) 1 GARA Gomes (Aprilia) Salese (Aprilia) Bifulco (Aprilia) Salvati (Arzanese) Falco (Isola Liri) Colombaretti (Fano) Varriale (Aversa Normanna) Iovinella (Fondi) Benedetti (Perugia) Mister Imbimbo

Ammende V.Lamezia (€ 500)

campionato. Domenica al Selva Piana arriverà il Chieti dell’ex tecnico rossoblù Silvio Paolucci e sarà un match complicato per la compagine di Eduardo Imbimbo. Alla seduta di ieri non hanno partecipato Triarico, ancora fermo ai box, e Mateo, che ha lavorato a parte dopo il risentimento muscolare rimediato ad Isola Liri. Il brasiliano questa mattina si sottoporrà ad ecografia che dovrà stabilire l’entità del suo infortunio. E’ tornato a lavorare con il gruppo il difensore Altobello che sembra aver recuperato pienamente la forma fisica. Oggi è in programma una doppia seduta di allenamento, mentre domani potrebbe esserci un test amichevole. La vittoria in terra laziale è stata la prima dell’era Imbimbo. Il trainer ha modificato l’assetto tattico della squadra che è diventata più prudente: ‘Domenica la classifica non ci permetteva di rischiare – ha dichiarato l’allenatore

GLI ARBITRI DELLA 20^ GIORNATA Aprilia - L’Aquila Arzanese - Melfi Campobasso - Chieti Catanzaro - Fondi Celano - Neapolis Ebolitana - Giulianova Fano - Paganese Milazzo - Aversa N. Perugia - V.Lamezia Vibonese - Isola Liri

Roca di Foggia Aloiosi di Avezzano Reni di Pistoia Sacchi di Macerata Ferrari di Mestre Brasi di Seregno Benassi di Bologna Abisso di Palermo Pezzuto di Lecce Formato di Benevento

Riposa: Gavorrano rossoblù – e quindi abbiamo puntato su aggressività e compattezza, cercando di sfruttare le ripartenze. Forse dovevamo essere più concreti e migliorarci in cinismo. Ad ogni modo non era facile vincere ad Isola Liri contro una squadra che aveva necessità di fare risultato in casa. I tre punti servono per la classifica, ma anche per il morale perché dobbiamo avere la consapevolezza di potercela giocare contro tutti. Infine – ha concluso mister Imbimbo –

voglio smentire categoricamente quanto ho letto sui giornali in merito ad una presunta litigata nel nostro spogliatoio. Confermo, invece, che c’è grande compattezza e unità.’ Intanto ieri al Selva Piana sono stati in prova quattro under, uno dei quali è l’esterno Mazza, classe ‘92, la passata stagione in forza alla Berretti della Salernitana. Lo staff tecnico sta effettuando le valutazioni del caso prima dell’eventuale tesseramento. RS

Abete: ‘Luis Enrique? Apprezzo l’uomo’

Abete: ‘Tecnologia sì, ma solo in alcune aree’

'Non intervengo sulle questioni tecniche ma posso di certo esprimere il mio apprezzamento e la mia simpatia per la persona, per il modo che ha di porsi e di fare comunicazione di prima qualita'. Il presidente della Federcalcio Giancarlo Abete commenta cosi' il momento di difficolta' dell'allenatore della Roma Luis Enrique. 'Parlo da tifoso di calcio - aggiunge Abete a margine della presentazione della 7/a edizione del trofeo Karol Wojtyla - ma non mi permetto di dare giudizi tecnici'.

'Siamo dalla parte di chi pensa che alcune aree debbano essere oggetto d'innovazione tecnologica. Ma anche gli arbitri di porta hanno ricevuto il nostro appoggio, producendo buoni risultati nelle competizioni europee. Quella di Blatter e quella di Platini sono filosofie diverse. Una privilegia l'aspetto tecnologico l'altra quello umano:credo serva giusto equilibrio'.Il n.1 Figc Giancarlo Abete commenta l'apertura del n.1 Fifa all'utilizzo tecnologico sul gol fantasma a partire dai Mondiali 2014.


21

Sport

07 dicembre 2011

Calcio serie D.

L’Agnonese riceve la Samb turisti. In un clima pre festivo i granata speARBITRI 15^ GIORNATA GIRONE F rano di dare continuità ai risultati positivi e soprattutto riproporre il trend favorevole in casa dove due settimane fa è capitolata la CivitanoO. Agnonese-Sambenedettese Scarica di Castellam.St. oggi vese, fino ad allora imbattuta. La SambenedetAncona-Atessa Castello di Potenza tese di mister Ottavio Palladini, quarta forza Atletico Trivento-Isernia Boggi di Salerno del girone, è in serie positiva da ben otto giornate (infatti l’ultima sconfitta risale alla gara Luco Canistro-R.C. Angolana Lopreiato di Perugia persa contro la capolista Teramo). In settiMiglianico-Jesina Di Stefano di Brindisi mana, tra l’altro, il club marchigiano si è assiRecanatese-Santegidiese Detta di Mantova curato le prestazioni di Elia Donzelli attaccante classe 1986 che ha indossato le maglie di ToRiccione-Teramo Marchesini di Legnago lentino, Renato Curi Angolana, Luco Canistro, San Nicolò-Real Rimini Celentano di Torre Annunziata Mezzocorona e Fossombrone. Proprio con la casacca dei forsempronesi ha segnato alla Vis Pesaro-Civitanovese De Lorenzo di Brindisi Samb nella passata stagione. Quest'anno ha iniziato la stagione col Real Rimini realizzando una rete in sette apparizioni. Donzelli sarà a disposizione sin dalla gara di oggi. Se in casa Samb ci sono problemi di abbondanza, con il rientro tra l’altro in campo anche di bomber Pazzi, nel quartier generale altomolisano ci sono invece grossi problemi di formazione: due assenze pesantissime per squalifica, quella in attacco di Bernardi ed in difesa di Scampamorte ed una in panchina, quella del tecnico Urbano fermato per due turni. Con le partenze di Pesce Rojas, Pezone e Fruggiero ora la squadra altomolisana è ridotta ai minimi termini ed il trainer laziale per la sfida odierna sarà costretto ad inventarsi qualche soluzione alternativa nella speranza che l’Agnonese possa bissare il colpaccio della scorsa stagione quando al Civitelle la Samb, allora guidata da Giudici, subì in Molise la prima sconfitta stagionale per 2-1. A dirigere la gara, con fischio d’inizio fissato alle 14.30, è stato designato il fischietto campano Giuseppe Scarica della sezione di Castellamare di Stabia. ANPA

Gara impegnativa nell’anticipo della quindicesima giornata per i granata che, orfani

Corrado Urbano sarà assente per squalifica

Il rocambolesco pareggio di Città Sant’Angelo è ormai un triste ricordo. Non c’è tempo per le recriminazioni. Infatti l’Olympia Agnonese torna in campo questo pomeriggio nell’anticipo della quindicesima giornata e al Civitelle arriva la Sambenedettese, una delle squadre più in forma del momento. La società altomolisana, di comune accordo con il club marchigiano, ha ottenuto di giocare la gara anticipatamente poiché domani ci sarà ad Agnone la ‘Ndocciata ed il paese altomolisano sarà invaso da migliaia di

di Urbano in panchina, dovranno fare a meno

di Scampamorte e Bernardi

Il Trivento proiettato al derby

Alessandro Varchetta

Un punto d'oro che ha mosso la classifica ed ha restituito morale alla squadra. Il Trivento è tornato da Ancona con la consapevolezza di aver fatto qualcosa di importante su un campo dalla storia prestigiosa come è il "Conero". La squadra di Agovino ha chiuso a dovere tutti gli spazi difensivi alla formazione del neo tecnico Osio, ha saputo far male con Di Vito e nella ripresa ha agito di rimessa. E' stata una gara accorta

quella dei trignini che, soprattutto in trasferta, hanno confermato di essere avversario temibilissimo. Ora alle porte c’è il derby casalingo di domani contro l’Isernia: una sfida dal sapore particolare come conferma il difensore dei gialloblù Alessandro Varchetta: "I derby sono sfide particolari e per questo dovremo affrontare la partita con l'Isernia con grande concentrazione. Poi alla fine tireremo le somme".

Guglielmi via da Ancona e approda in gialloblù La notizia era nell’aria già da diversi giorni. Ieri invece è arrivata l’ufficializzazione: “L’Ancona 1905 comunica di aver interrotto consensualmente i rapporti con i giocatori Andrea Bertozzini e Carmine Guglielmi che la società ringrazia per quanto di buono fatto con la maglia biancorossa e ai quali augura un grande in bocca al lupo per il loro futuro calcistico e personale”. L’attaccante di Mirabello Sannitico domenica scorsa, nonostante la buona prova offerta sul campo contro il Trivento, a fine match è stato oggetto di pesanti insulti da parte di alcuni esponenti della tifoseria dorica, segno evidente che tra il giocatore e l’ambiente marchigiano non si è creato mai un gran feeling. Un presagio per il ritorno in gialloblù di Guglielmi che è diventato realtà ieri sera, quando è arrivata l’ufficializzazione da parte del sodalizio trignino, con il quale ha condiviso le ul-

Calcio a 5 serie B

Venafro sconfitto dalla capolista Nella undicesima giornata del Campionato Nazionale di Serie B, il Venafro Calcio a 5 perde in trasferta per 4 a 2 contro la capolista Fuente Foggia. I pugliesi confermano in campo la leadership del girone con una squadra molto organizzata, condita da ottime individualità. Con Mister Terenzi in tribuna per

squalifica e con alcune assenze, tutti i bianconeri in campo hanno dato prova di grande carattere e hanno giocato alla pari con la capolista, passando anche in vantaggio nel primo tempo. Poi nella ripresa c’è stato un netto predominio dei pugliesi che hanno preso il sopravvento.

time cinque stagioni, lasciando un ottimo ricordo. In realtà, le trattative erano già state avviate nei giorni scorsi e ieri sera sono arrivati i frutti... Gialloblù sperati. AP


22

Sport

07 dicembre 2011

L’appuntamento.

Galà sotto canestro, venerdì arriva Meneghin Il presidente della Provincia di Campobasso Rosario De Matteis comunica che venerdì alle ore 17.30 presso la sala della Costituzione, ci sarà il “Galà sotto canestro” organizzato in collaborazione con la Regione Molise e la federazione italiana pallacanestro regionale. Il presidente De Matteis è entusiasta dell’arrivo nel capoluogo di un grande campione del basket di tutti i tempi: Dino

Basket serie C regionale.

Il Ripa mette al tappeto la capolista Desiderata. Sofferta. Meritata. Sono questi gli aggettivi che meglio si addicono alla vittoria che la Visure Online strappa con le unghie e con i denti alla capolista Martinsicuro davanti al numeroso e caloroso pubblico della rinnovata Maccabi Arena di Ripalimosani. Il team di coach Filipponio ritrova quel cocktail esplosivo di grinta, entusiasmo, agonismo e abnegazione che era mancato nelle due ultime opache uscite in trasferta e che si è rivelato, stasera più che mai, fattore imprescindibile per la conquista della posta in palio. Il Ripa che vieniva da una settimana difficile, è costretta a rinunciare a Carlozzi e Santella infortunati, ma ha visto Emnanuel Chukwuka tornare a vestire la casacca gialloblù dopo la positiva stagione scorsa. Si tratta di un match ostico, complicato, e le prime battute lo confermano: Martinsicuro parte subito

Meneghin. La storica bandiera dello sport italiano oggi ricopre l’incarico di presidente della Federazione italiana pallacanestro e la sua presenza riveste un evento irripetibile. Alle ore 16.00 il presidente De Matteis riceverà l’ex campione e l’intera delegazione della F.I.P. in forma privata. Alle ore 16.30 avrà luogo presso la Sala Giunta una conferenza stampa dove Meneghin sarà a disposizione degli organi di informazione. Un’ora dopo, alla presenza delle massime autorità politiche e sportive della Regione, inizierà il Galà.

Il Premio Sollazzo 2011 al Maccabi

forte, la difesa ripese non è impeccabile e Wu Andrà al Maccabi, la squadra di basket che in questi ultimi e Maggioni ne approfittano per perforare la reanni ha raccolto numerosi successi, il Premio “Francesco Soltina avversaria con sistematica frequenza. lazzo” 2011. Qualche difficoltà iniziale in attacco per i gialIl circolo Ripa Club, che ogni anno propone nel giorno delloblù di casa, ma Cannavina e Antonelli suol’Immacolata la cerimonia di consegna, ricorda da 24 anni in nano la carica consentendo ai satiri di questo modo un amico prematuramente scomparso. La scelta è impattare sull’undici. Gli abruzzesi mettono di caduta sul Maccabi per aver offerto a tanti ragazzi una valida nuovo la testa avanti, ma vengono prontaalternativa per il tempo libero con i valori più veri dello sport. mente riagguantati sul 23 pari da una tripla di L’evento si terrà nella sala del Convento San Pier Celestino doDi Cristofaro sulla sirena che chiude il primo mani 8 dicembre alle ore 20.00. In programma una rappresenquarto. Il secondo quarto prosegue sulla falsa tazione teatrale proposta dall’associazione “Ars Nova” e un riga del primo: da una parte i cecchini Wu e rinfresco in amicizia. Maggioni, ora supportati nell’area pitturata da Di Marco, continuano ad essere una fastidiosissima spina nel fianco della difesa di casa, Del Zoppo e Maggioni spingono Martinsicuro sul 69-68, mentre in attacco i ragazzi di Filipponio incontrano qualChukwuka con un jumper dalla lunetta fa 70-69 Ripa a che noia nel fronteggiare la difesa 3-2 orchestrata da 2’10’’dalla sirena. La tensione è ora alle stelle: per gli coach Gramenzi. Cannavina e Di Cristofaro mantengono abruzzesi ottenere i 2 punti significherebbe mantenere la in scia i ripesi con Martinsicuro che scava un piccolo testa della classifica, per i ripesi ritrovare ossigeno dopo break verso la fine del secondo quarto chiudendo in vandue sconfitte brucianti in due derby. C’è un time out Martaggio 41-36, complice anche una svista del tavolo che sottinsicuro, Di Marco trova il 71-70 per i suoi, così è Filippotrae un punto ai satiri. L’inizio del terzo quarto, è il vero e nio a chiamare un’altra sospensione per organizzare la proprio tallone d’Achille delle ultime due uscite ripesi. rimessa offensiva che consente a Chukwuka di realizzare Stavolta, però, c’è il fattore Maccabi Arena a pesare sulle da sotto il 72-71 Ripa a pochi secondi dalla fine. Martinsisorti della gara e i ragazzi di Filipponio escono dagli spocuro avrebbe ancora tempo per agguantare il pari, ma su gliatoi con la giusta attenzione e rabbia agonistica alla un pick’n’roll Del Zoppo viene raddoppiato da Cannavina quale ci hanno abituato nei match tra le mura amiche. e Antonelli che causano una palla contesa: la regola del Fiorilli, Antonelli e Chukwuka sono i protagonisti del possesso alternato dà ragione ai satiri. Antonelli dalla lumortifero parziale di 14-2 che costringe Gramenzi al timenetta segna il 73-71 con pochissimi secondi da giocare: il out dopo soli tre minuti e 14 secondi per spezzare la stritiro di Maggioni sulla sirena si infrange sul ferro insieme scia realizzativa dei gialloblù sul 50-43. Sul fronte ai sogni degli abruzzesi di lasciare la Maccabi Arena con difensivo, le alchimie di coach Filipponio consentono ora la vittoria in tasca. I satiri possono finalmente tornare ad di arginare le bocche di fuoco Wu e Maggioni, mentre i esultare grazie ad una prestazione maiuscola dal punto di muscoli e la fisicità del ritrovato Chukwuka sono un punto vista del carattere e dell’orgoglio, condita da una buona di riferimento importante per i ripesi sia in attacco che in capacità di scelte nei momenti topici dell’incontro. Contidifesa. Martinsicuro si aggrappa al veterano Caivano per nuare su questa strada è ora l’imperativo in casa gialloblù: restare attaccata al match, Ripa dal canto suo punisce andomani infatti, sarà di scena nella bolgia della Maccabi cora in attacco con una bomba di Antonelli e una di LagoArena il Campli di coach Castorina capace di violare in nigro, ancora sulla sirena, su assist di Pennacchio: si va giornata niente di meno che il parquet della capolista all’ultimo riposo corto sul 62-51 per la squadra di casa. I Vasto dinanzi a numerosissimi tifosi al seguito. Ma sapgialloblù di Gramenzi riordinano velocemente le idee, Wu piamo bene che proprio in queste occasioni i ragazzi di e Di Marco tornano a realizzare canestri importanti e a Filipponio sono capaci di tirare fuori quella forza d’animo 6’16’’ dalla fine Martinsicuro è di nuovo avanti 65-64. Da che tanto appassiona ed esalta i propri tifosi (e non solo). questo momento in poi le due squadre procedono a bracDomani andrà in scena una nuova battaglia, gli stimoli cetto, con piccoli strappi ora dell’una, ora dell’altra: Fiorilli non mancheranno affatto, il calore neanche. e due liberi di Cannavina portano il punteggio sul 68-65,

Tennis

Mastrangelo si aggiudica il Torneo Sociale

Sui campi in terra rossa del circolo tennis Termoli si è svolta la finale del 36° Torneo Sociale fra la migliore promessa del tennis molisano Alberto Mastrangelo e il veterano Vincenzo Fiorentino che tecnica tennistica e lealtà sportiva ne fanno un esempio per tutti i componenti del circolo. Mastrangelo ha guadagnato la finale eliminando nel turno precedente l'altra grande speranza Sgrascia, mentre Fiorentino aveva avuto la meglio sul coriaceo D'Attilio. In finale il giovane talento

termolese ha vinto per 6-2 6-2 in poco più di un'ora, opponendo alla regolarità di Fiorentino, soprattutto potenti e precisi rovesci. Il pubblico che ha assistito imparziale alla sfida ha tributato un caloroso applauso ai contendenti al termine dell'ultimo game. Tutti i componenti del circolo ringraziano Pina Cupone per l'organizzazione, il Presidente Guido Paradisi, Paolo dall'Acqua e Carlo Barbieri per l'eccellente livello raggiunto dal circolo.


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso

TRENI

Mattino Pomeriggio

Ariete CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera

Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 17:05 18:58 19:30 21:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta Cauciune di Natale all’uso di Campobasso 500 g di farina 00 un bicchiere di olio extravergine di oliva q. b. di vino bianco secco una presa di sale una bustina di vainiglia 500 g di ceci lessati 3 cucchiai di cacao amaro 3 cucchiai di zucchero 200 g di cedro candito

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Passate i ceci al setaccio, facendo cadere la purea in un’insalatiera, dolcificate con lo zucchero e il miele sciolto a fuoco moderato, quindi aggiungete il cacao e una dadolata di cedro. Aromatizzate il composto con il liquore, una spolverata di cannella e i chiodi di garofano pestati. Amalgamate, coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigo per un giorno. Trascorso il tempo necessario, preparate la sfoglia: disponete la farina sulla spianatoia, aggiungetevi un pizzico di sale, la vainiglia, l'olio e il vino necessario ad ottenere un composto della giusta consistenza. Lavoratelo, raccogliendo tutta la farina, fino a renderlo liscio e morbido. Avvolgete la panetta ottenuta con un canovaccio pulito e fatela riposare in luogo fresco per circa un’ora, quindi stendetela in una sfoglia sottile e con la rotella dentata, seguendo l’orlo di un piattino da caffè, tagliatela in tanti dischi, Ponete al centro di ognuno un'abbondante cucchiaiata di ripieno, ripiegatelo su se stesso e chiudetelo bene con i rebbi di una forchetta. Quando avrete terminato, friggete i Cauciune, pochi per volta, in una padella con abbondante olio caldo. Appena dorati, sgocciolateli con un mestolo forato, fateli asciugare su un foglio di carta assorbente da cucina, spolverizzateli con zucchero e cannella e gustateli, sono ottimi sia caldi sia freddi. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI

una stecca di cannella qualche chiodo di garofano 200 g di miele un bicchierino di liquore Milk q. b. di olio per friggere q. b. di zucchero e di cannella in polvere. per spolverizzare

(NON DIRETTI)

Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30 Campobasso: (Terminal) 6,10-7,30-9,3013,30-16,00 Bojano: (P.zza Roma) 6,30-7,50-10,0013,55-16,20 Isernia: (P.zza Repubbl.) 7,00-8,20- 10,3014,25-16,50 Venafro: (S.S. 85) 7,25-8,45-10,55-14,5017,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,55-11,2015,15-17,40 Roma: (Staz. Tiburtina) 9,25-10,30-13,0016,45-19,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,30 Siena: (P.zza Rosselli) 12,55

NERILLI Via Monforte, 2 Tel. 0874.311373 MANZONI (di appoggio) Via Manzoni Alessandro, 89 Tel. 0874.97070

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,40

Municipio Tel. 0865.50601

18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 15,00-16,3020,00 Venafro: (S.S.85) 13,15-15,35-17,00-20,3022,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 13,45-16,00-17,2520,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 14,10-16,25-18,0021,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 14,30-16,45-18,3021,45-23,15 Termoli: (Terminal) 17,45-22,45

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

TERMOLI Farmacia di turno D’ABRAMO - Piazza Garibaldi - Tel. 0875.706769 PARAFARMACIA DI LENA - Tel. 0875.707976 c/c La Fontana (sempre aperta, anche sabato e domenica, orario continuato)

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Arrivo 09:23 12:15 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:15 06:23 13:11 14:04 14:15 17:00 18:15

Arrivo 08:20 09:50 16:53 17:44 17:36 20:26 21:54

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:37 17:11 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:28 17:50 20:30 20:15 22:48

Gemelli 21 mag - 21 giu

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193

ISERNIA Farmacia di turno SILVESTRI Via Lazio, 10 Tel. 0865.50789

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

Partenza 06:15 09:15 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

AUTOBUS

Firenze: (P.zza Adua) 14,00

CAMPOBASSO Farmacia di turno

21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 15:22 17:11 17:40 18:18 21:00

Notte

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Roma: (Staz. Tiburtina) 11,30-13,30 15,00-

NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

A D N E AG

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35 - 6,15 (festivo) - 6,30 - 7,00 - 7,45 8,05 (anche festivo) - 11,00 (anche festivo) - 12,35 (anche festivo) - 13,45 - 14,10 (anche festivo) - 14,15 - 16,00 - 17,10 (festivo) 17,20 - 18,05 - 19,55 - 20,35 (anche festivo) TERMOLI-CAMPOBASSO 6,10 (anche festivo) - 6,40 - 6,50 - 7,45 8,15 - 8,30 (festivo) - 10,00 - 12,40 - 13,45 - 14,00 (anche festivo) - 14,10 - 16,05 (anche festivo) - 16,20 - 17,10 - 18,40 (anche festivo) - 19,25 - 20,00 - 21,35 (festivo) 22,10 (anche festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 6.30 7.40 9.10 8.05 (anche festivo) 9.15 10.45 14.15 15.25 16.55 17.10 (festivo) 18.20 19.50 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 11.10 12.40 13.50 14.35 (anche festivo) 16.05 17.15 18.30 20.00 21.10 20.05 (festivo) 21.35 22.45

Vergine 24 ago - 22 set

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

AUTOLINEA STATALE VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / FORLÌ / IMOLA / BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI

LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area servizio Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini 13.00 Forlì - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.50 Forlì 17.40 Rimini - 19.20 Area servizio Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro AUTOLINEA STATALE CAMPOBASSO / BOIANO / ISERNIA / VENAFRO / CASSINO / ROMA DA CAMPOBASSO partenze 5.45 Campobasso - 6.15 Boiano - 6.45 Isernia 7.15 Venafro - 7.45 Cassino - 9.15 Roma DA ROMA partenze 12.35 Roma - 14.05 Cassino - 14.35 Venafro 15.05 Isernia - 15.35 Boiano - 16.05 Campobasso

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata dovrete lasciare che le vostre opinioni vengano conosciute e dissertate poiché è giusto avere un confronto con le altre persone non soltanto per quel che riguarda la vostra vita professionale ma anche tutti gli altri campi poiché questo esercizio vi insegna sempre qualcosa di buono e di saggio che prima ignoravate! Toro - Qualsiasi cosa vi venga in mente di fare in questa giornata l'importante sarà farla con grande onestà e soprattutto con spontaneità. Siete grandi sostenitori della genuinità, quindi sarebbe un peccato per gli altri ricevere da voi il cattivo esempio proprio oggi che al contrario ci sarebbe bisogno di uno sforzo da parte di tutti! Gemelli - Se in questo periodo avete imparato ad avere pazienza allora significa che tutto quello che c'è stato nel vostro passato è servito a qualcosa, altrimenti significa semplicemente che c'è ancora molto da lavorare poiché prima o poi dovrete imparare a saper aspettare e a non pensare che tutto vi sia dovuto o che tutto vada risolto in modo repentino! Cancro - Qualcuno ultimamente vi ha coinvolto in qualcosa che avreste preferito proprio evitare e soprattutto ciò vi ha portato a conoscere persone che avreste fatto a meno di incrociare. Purtroppo queste situazioni meritano di essere vissute in quanto possono sempre tornare utili in un modo o nell'altro, sta a voi scoprire come! Leone - Oggi vedrete che fare conoscenza o essere a contatto con persone completamente differenti da voi vi potrà aiutare moltissimo a superare i vostri problemi di socializzazione. Infatti non siete timidi ma talvolta credete di essere talmente diversi da tutti da chiudervi inspiegabilmente in voi stessi, con enorme dispiacere da parte di chi vi conosce meglio. Vergine - Forse i vostri sentimenti attuali non rispecchiano esattamente quelli che in un recente passato gli altri avevano compreso in voi e per questo nella giornata di oggi potreste avere degli scontri in questo senso. Il partner potrebbe restare male o comunque sorpreso di certi vostri atteggiamenti non proprio consoni alla situazione che si sta vivendo. Bilancia - In questa giornata se avrete un pensiero rivoluzionario e completamente diverso da quello altrui fareste bene ad esprimerlo poiché incontrerete comunque molti pareri positivi sulle vostre idee e soprattutto sul vostro conto. Avete avuto abbastanza tempo per riflettere ed ora siete pronti a camminare con le vostre gambe verso un radioso futuro. Scorpione - In questa giornata potreste essere in grado di far cambiare idea ad una persona che proprio non ne voleva sapere di pensieri diversi dal suo, almeno fino a che non si è dovuto scontrare con il vostro modo di pensare. Non siete costretti di certo a fare da porta bandiera di una nuova filosofia, ma nulla comunque ve lo impedisce. Sagittario - In questa settimana cercate di mettere tutto il vostro impegno in un progetto che varrà la pena di sostenere poiché soltanto in questo modo visentirete realizzati. Se infatti siete intrappolati in un lavoro poco gratificante, soltanto così potrete riuscire ad ovviare alla monotonia e ad essere felici in tutto quello che fate! Capricorno - In questa giornata ci potrebbe davvero essere qualcosa di diverso in voi che non ha nulla a che fare con il vostro lavoro o con la situazione sentimentale che state vivendo. Semplicemente avrete dentro qualcosa di differente, che vi farà guardare a tutto in modo nuovo ed anche più interessante, creando sempre altri stimoli per andare avanti. Acquario - Nella giornata di oggi potreste trovare qualcosa che vi ricorderà il vostro passato, magari in cantina tra le cose che avevate messo via, che vi provocherà un senso di nostalgia e che vi porterà ad avere un atteggiamento molto più dolce e pacato con tutte le persone che vi sono intorno quindi indubbiamente vi farà bene! Pesci - Il vostro modo di fare in questo periodo potrebbe avere infastidito qualcuno e vi ritroverete a dovervi giustificare nonostante poi non dobbiate assolutamente farlo. Comunque potrete recuperare un rapporto e non è mai da snobbare una cosa del genere perché potete contare su qualcuno sul quale prima non potevate contare!



Quotidiano - 7 Dicembre 2011