Issuu on Google+

ANNO III - N° 219 - MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa:Tipografia Faiella Eboli (SA) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

Ricatto lica

Domani nuova protesta davanti alla giunta regionale www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL MINISTRO MATTEOLI Per il ministro alle Infrastrutture, Altero Matteoli, l’autostrada del Molise “deve diventare una realtà”. A parole forse sì, visto che non è presente nell’elenco delle 28 grandi opere prioritarie del governo per gli anni 2010-2013. Una banale dimenticanza? Difficile crederlo, visto che il premier Berlusconi l’ha inserita nelle 120 opere del programma governativo per le infrastrutture. Ma nella sua recente visita in Molise, Matteoli si è trincerato dietro banali dichiarazioni di circostanza che non gli fanno certo onore e gli procurano il tapiro del giorno.

L’OSCAR DEL GIORNO AL TRIBUNALE DI CAMPOBASSO In un periodo in cui si parla di magistratura in modo non sempre sereno e obiettivo, il Tribunale di Campobasso è riuscito a distinguersi anche per meriti che trascendono l’ambito strettamente professionale. I magistrati del capoluogo, infatti, in linea con le proprie competenze e disponibilità, hanno reso possibile l’espletamento del miglior percorso di cure terapeutico – riabilitative previsto per una paziente soggetta a misure di sicurezza. Un atto decisamente non semplice, viste le particolari condizioni giudiziarie della stessa, ma dalla valenza assolutamente necessaria.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Unioncamere diffonde i dati dell’Istat riferiti al 2009: cala la ricchezza prodotta (-3,6%), si perdono oltre 3mila posti di lavoro rispetto al 2008 ma i consumi tengono

Molise più povero ma meno di altre regioni CAMPOBASSO – E’ un Molise più povero quello mostrato dalla relazione di Unioncamere che ieri ha diffuso i principali dati dell’economia di questa regione basandosi sui numeri dell’Istat e su quelli rielaborati dall’Osservatorio economico statistico regionale. Più povero, ma meno delle sue ‘colleghe’. Le stime infatti che fanno riferimento al 2009 indicano come il Prodotto interno lordo (Pil) abbia subito una flessione del 3,6% determ i n a t a principalm e n t e dalla caduta del valore aggiunto industriale (-9,9%) e da quello agricolo (-8,7%). Ma è un calo comunque inferiore al dato nazionale (-5%) che è così distribuito tra le regioni del nord ovest (-6%), nord est (–

5,6%), centro ( 3,9%) e del Mezzogiorno (-4,3%). Stessa tendenza anche per quanto riguarda il Pil per abitante: in Molise, rispetto al 2008, è sceso dell’1,3% ma va detto che questo andamento è il migliore d’Italia, fatta eccezione per la Calabria dove è rimasto stabile. Peggio tutte le altre: Mezzogiorno (-2,7%), nord (-4,6%) nord ovest e nord est 4,5% In valori assoluti il Pil ai prezzi di mercato per abitante, in Molise, supera di poco i 20mila euro posizionandosi al di sopra della media del Mezzogiorno (che si aggira attorno ai 17mila euro) La congiuntura sfavorevole della produzione ha determina un calo delle unità produttive su tutto il territorio nazionale (ad eccezione delle Provincia autonoma di

Bolzano). Infatti l’input di lavoro, espresso in termini di lavoro annuo, diminuisce, rispetto al 2008, a livello nazionale del 2,6%. In linea l’andamento della regione Molise (-2,8%) le cui unità produttive, nell’anno 2009, raggiungono le 122,5 mila unità con una perdita di -3,5

Niro (Udeur): il Sud non può essere lasciato a se stesso CAMPOBASSO – Il coordinatore dei Popolari per il Sud, Vincenzo Niro, plaude alla proposta del patto per il sud, lanciata dal presidente della Regione, Michele Iorio, in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico. “Un concetto cardine intorno al quale già dalle elezioni europee del 2009 il nostro leader, Clemente Mastella e, in generale, il partito sul territorio sta

costruendo la sua proposta programmatica con convinzione e caparbietà. Le affermazioni di questi ultimi giorni, nonché la piattaforma unitaria approvata dai governatori nella Conferenza delle Regioni in vista del vertice sui decreti attuativi sul federalismo – spiega – dimostrano che abbiamo avuto ragione a rappresentare l’esigenza imprescindibile di un nuovo ‘Piano

Marshall’ per il Mezzogiorno d’Italia che elimini il divario con il resto del Paese e dia alle regioni meridionali una prospettiva certa e salda di sviluppo. Un argomento che acquista, dunque, sempre maggiore spazio nell’agenda politica e di questo non possiamo che essere soddisfatti”. Uno dei punti chiave di questo nuovo ‘Piano Marshall’ è costituito dalla formazione delle giovani

mila posti di lavoro rispetto al 2008. In calo anche la produttività del lavoro (-2,9%). La dinamica regionale risulta leggermente migliore con una variazione, rispetto al 2008 del –1,5% in linea con quanto registrato dalle regioni del Mezzogiorno. Si assottiglia anche la spesa delle

famiglie (-1,9%) passando da 758.447,6 milioni di euro a 743.933,5 milioni di euro. Più contenuta la diminuzione dei consumi in Molise con una perdita di 0,7 punti percentuali rispetto al 2008. In valore assoluto la spesa delle famiglie passa da 3.441,5 milioni di euro a 3.417,1 milioni di euro. Di questi 393,0 milioni di euro sono spesi per l’acquisto di beni durevoli, 1.586,3 milioni di euro per i beni non durevoli e 1.433,0 milioni di euro sono destinati all’acquisto di servizi. Positive le variazioni dei redditi da lavoro dipendente in tutte le regioni italiane con una media nazionale del 2,1%. In linea l’andamento dell’indicatore in Molise che, con una variazione del 2,4%, registra un valore dei redditi da lavoro dipendente (per unità di lavoro), di 34.109 euro rispetto ai 33.319 euro del 2008.

Vincenzo Niro generazioni. Su questo tema, Niro ci tiene a rimarcare il ruolo importante che in Molise riveste la Facoltà di Medicina e Chirurgia. “Il corso di Medicina e Chirurgia attivato da qualche anno è un elemento qualificante per il sistema sanitario molisano, sostenuto dal Miur che ha così inteso premiare la volontà della classe dirigente locale di offrire ai propri giovani un’offerta di-

dattica completa. Formare giovani medici in Molise è un vantaggio per questo territorio – conclude il coordinatore dei Popolari per il Sud – anche e soprattutto perché la Facoltà è incardinata all’interno delle strutture pubbliche ed è nata per collaborare anche con le realtà private, Cattolica e Neuromed, che possono fungere da scuole di alta specializzazione”.


PRIMO PIANO

Cattolica e Neuromed La parola ai giudici Oggi al Tar si discutono i ricorsi che impugnano i provvedimenti del commissario. Domani scade l’ultimatum della Regione per evitare la revoca dell’accreditamento di due istituti CAMPOBASSO – Non hanno alcuna intenzione di accettare l’offerta della Regione Molise. Neuromed e Cattolica continuano a tenere i piedi puntati ‘snobbando’ i milioni di euro dell’accordo (rispettivamente 30,4 e 39) che entro domani potrebbero ancora sottoscrivere, evitando la sospensione dell’accreditamento così come intimato nella diffida fatta dal presidente-commissario Michele Iorio. Giovedì, giornata dell’ultimatum, potrebbe esserci anche un’altra manifestazione. Un sit-in questa volta, ancora promosso dal comitato Pro-Cattolica ma davanti alla giunta regionale a via Genova. Venerdì poi il governatore prenderà parte al tavolo tecnico con il ministro alla Sanità, tavolo in cui non si esclude il ‘commissariamento del commissario’ con la conseguenza che ad attuare il piano di rientro dal disavanzo (54 milioni di euro) ci penserà un esterno inviato da Roma. E i provvedimenti potrebbero essere ancora più restrittivi (con i tagli ai posti letto, tanto per fare un esempio). Oggi intanto, al tribunale amministrativo regionale si discuteranno i ricorsi che i due centri medici hanno impugnato. Tanto per cominciare, e in via di principio, la struttura di Campobasso e quella di Pozzilli contestano tutti gli atti di programma-

zione fatti dalla Regione fino a questo momento, in particolare criticano la fissazione del budget e altri provvedimenti di spesa che disciplinano i rapporti stretti con la Regione. Per quanto riguarda l’istituto che fa capo alla famiglia dell’eurodeputato Aldo Patriciello, le limitazioni di spesa non possono essere accettate per il numero di posti letto (308) e in quanto Irccs (Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico); la Cattolica rispedisce al mittente perché dice di non essere un centro privato ma un’università (cioè equiparata al pubblico). Entrambe poi avanzano la remunerazione di altre somme. In attesa del pronunciamento dei giudici amministrativi, a fare chiarezza ci ha pensato il direttore della Cattolica, Savino Cannone, che ieri pomeriggio ha preso carta e penna per dire che “le attività svolte dall’università del Sacro cuore sono: didattica, ricerca, assistenza e formazione, questi sono i nostri unici scopi. Pertanto contesto fortemente, perché priva di fondamento, la dichiarazione del commissario il quale ha affermato che la nostra struttura avrebbe intenzione di ‘mettere in difficoltà il presidente della Regione’. Altra dichiarazione che mi vedo costretto a smentire è quella relativa ad eventuali aumenti di

Giovedì nuova manifestazione di protesta davanti alla giunta tasse per la mobilità attiva, volendo far pensare che con le risorse della Regione Molise vengono pagate le spese sanitarie delle altre regioni. Nulla di più inesatto, anche alla luce del fatto che la Cattolica ha in atto un sistema di pagamento posticipato: riceve i rimborsi delle prestazioni sanitarie dopo che la Regione ha incassato le somme dalle altre regioni, fino a due anni senza interessi. Mi corre l’obbligo di dichiarare che al policlinico Gemelli, che è parte integrante del sistema sanitario laziale, non è stato imposto alcun tetto per la mobilità extraregionale, così come affermato dal senatore Iorio. Non è possibile costringere i cittadini a rinunciare al diritto costituzionalmente garantito di farsi curare dove ritengono opportuno, anche se il tavolo tecnico ministeriale ha una diversa opinione in merito”. Cannone ha ragione. Nessuno infatti ha mai condannato la mobilità

extraregionale che sicuramente produce ricavi, ma non nel breve periodo. Il meccanismo è questo: un campano che va a curarsi alla Cattolica perché magari lì sono più bravi produce immediatamente un costo e il servizio reso lo pagheranno i molisani con le loro tasse. Quando, due anni dopo, arriverà il momento di incassare, dal governo nazionale avranno già bocciato il piano di rientro e quello regionale avrà già innalzato le imposte. Ecco perché Iorio, che pure ha le sue colpe si è detto amareggiato e che si aspettava maggiore comprensione almeno per quest’anno, in modo da superare il momentaccio. Ma evidentemente chi ha preso certe abitudini difficilmente farà un passo indietro. E chi doveva controllare che con i soldi pubblici non nascessero reparti doppione ha fallito nella missione. A pagarne le conseguenze però saranno tutti quanti. AD


REGIONE L’assessore Fusco Perrella ha sottoscritto l’accordo lo scorso 29 settembre

Lsu non stabilizzati Proroga dal ministero fino al 31 dicembre CAMPOBASSO – Lo scorso 29 settembre, l’assessore regionale al Lavoro, Angiolina Fusco Perrella, ha sottoscritto a Roma, al ministero del

Lavoro e delle Politiche Sociali, l’accordo che autorizza l’ulteriore proroga delle attività per i lavoratori socialmente utili non ancora stabilizzati alla data del 30 settembre 2010. “Recepite tempestivamente le istanze delle amministrazioni utilizzatrici degli Lsu – ha dichiarato l’assessore Fusco Perrella – relative ad un ulteriore periodo di proroga delle attività,

abbiamo riavviato la concertazione con il ministero, ottenendo la proroga, che consente il prosieguo delle attività fino al 31 dicembre 2010 per 21 lavoratori Lsu che non hanno usufruito del Programma di stabilizzazione, predisposto con deliberazione di giunta regionale numero 1309 del 2008. Al riguardo, voglio sottolineare l’impegno della Regione nell’azione di

supporto agli Enti, ai fini del completamento dei percorsi di stabilizzazione lavorativa intrapresi, che comporta una riapertura dei termini delle convenzioni in precedenza stipulate con il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e con l’Inps, che, per quanto di sua competenza, garantirà la corresponsione degli assegni Asu agli Lsu”.

Eolico selvaggio, Berardo respinge le accuse dei comitati In riferimento alle polemiche sorte in questi giorni in merito alla problematica dell’eolico, il presidente della terza commisisone Adelmo Berarado precisa: Il 14 agosto 2009 sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise n. 18 è stata pubblicata la L.R. 7 agosto 2009, n. 22 denominata “Nuova disciplina degli insediamenti degli impianti di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili nel territorio della Regione Molise”. Essa è una legge approvata dal Consiglio Regionale del Molise della quale, in qualità di Presidente della Commissione Consiliare competente in materia, ho assunto l’onore e l’onere di esserne il relatore, compito che ciascun Presidente di Commissione, di prassi, assume per i provvedimenti di una certa rilevanza. È quindi assolutamente improprio parlare di una “Legge Berardo” in quanto trattasi, al pari di tutte le altre, di una legge approvata dal Consiglio Regionale del Molise. Sono partito da questa doverosa precisazione per rispondere alle accuse incessanti che - negli ultimi giorni - hanno riguardato la mia persona e la legge in questione. Preciso inoltre che, ironia della sorte, a distanza di oltre un anno dalla entrata in vigore della Legge Regionale 22/2009, nessun nuovo campo eolico è stato autorizzato in Molise. Nello specifico il campo eolico che

sta suscitando maggiori polemiche è quello che interferirebbe con il Parco Archeologico di Altilia (per inciso la distanza in linea d’aria tra il Parco Archeologico ed il campo eolico è di circa dieci chilometri). Esso è stato autorizzato nel 2005, quando non ero neppure Consigliere regionale, ed aveva ottenuto tutti i nulla osta necessari compreso il parere vincolante della Sopraintendenza regionale. A seguito di vari ricorsi lo stesso impianto è stato autorizzato da un Commissario Prefettizio nominato dal Tribunale Amministrativo. In generale, voglio chiarire, inoltre, che ogni atto autorizzativo rilasciato dal Servizio Energia (del quale sono Consigliere delegato dal Maggio 2010), avviene in seguito all’esito di una Conferenza di Servizio che vede coinvolti tutti gli enti che debbono rilasciare il parere di competenza (pareri a volte vincolanti), senza i quali non è possibile rilasciare alcuna autorizzazione. Per estrema chiarezza e sintesi, elenco gli enti che nel “Procedimento Unico” ai sensi del D.Lgs 387/2003, esercitano con competenze specifiche ed in base a precisi poteri attribuitigli dalla legge, il loro ruolo: 1. il Comune che rilascia il Permesso di Costruire; 2. il competente Servizio della Regione che si pronuncia circa la valutazione di incidenza naturalistica (ai

sensi del D.P.R. n. 357/1997 come modificato ed integrato dal D.P.R. n. 120/03), pronunciamento che è condizione sine qua non per l’avvio dell’iter autorizzativo; 3. il competente Servizio della Regione che si esprime riguardo alla verifica ambientale o valutazione di impatto ambientale; 4. il competente Servizio della Regione Molise e la Direzione regionale del Ministero per i beni ed attività culturali che rilasciano l’autorizzazione paesaggistica; 5. i competenti Servizi della Regione Molise che rilasciano l’autorizzazione alla costruzione dell’elettrodotto di collegamento dell’impianto alla rete elettrica e della cabina di trasformazione, l’autorizzazione al mutamento di destinazione d’uso nel caso di impianti ubicati in aree sottoposte ad uso civico, il nulla osta idrogeologico, il nulla osta sismico, l’autorizzazione di cui al R.D. n. 1126/1926 relativa alle aree boscate; 6. la Società Terna che concede l’accordo per il collegamento dell’impianto alla rete, in mancanza del quale lo stesso non può essere realizzato; 7. i Vigili del Fuoco che rilasciano il Parere Antincendio; 8. le Forze Armate che rilasciano il nulla osta delle Forze Armate per le servitù militari e per la sicurezza del volo a bassa quota; 9. ed infine la Sopraintendenza per

i beni Culturali e Ambientali che rilascia il proprio nulla osta per quanto riguarda gli aspetti archeologici. Con la speranza di aver fornito elementi per una informazione utile e corretta, desidero rivolgere un pensiero di apprezzamento e gratitudine al personale tutto ed al Dirigente del Servizio Energia della Regione Molise che nonostante l’organico ampiamente ridotto, sta istruendo un numero notevole di istanze con grande trasparenza e dedizione con il rischio, purtroppo, che questo assurdo clima tocchi anche il loro lavoro. Auspico, infine, che tutti i soggetti coinvolti in questa polemica “pretestuosa e strumentale” non esondino dal proprio ruolo e rispettino l’opinione ed il lavoro di chi opera “essenzialmente per il bene collettivo”.


REGIONE Passa con 27 voti a favori, 12 contrari e 2 astenuti la linea del segretario Leva

Alternativ@ piace alla maggioranza del Pd CAMPOBASSO – Passa a larga maggioranza la linea politica del segretario Danilo Leva. L’assemblea regionale del Partito democratico con 27 voti a favore, 12 contrari e 2 astenuti impartisce la sua benedizione ad Alternativ@. In sala c’è pure il fondatore Roberto Ruta che così incassa un altro importante contri-

buto. La vecchia guardia diesse alza invece le barricate. Augusto Massa, Candido Paglione, Michele Petraroia, Gigino D’Angelo e affiliati votano contro. Si registra anche qualche assenza al momento del voto, come quella di Antonio Pardo D’Alete. Ma Michele De Santis, suo delfino, resta e si

esprime a favore. Il dibattito è lungo e articolato. Faticoso arrivare alla conclusione. Le resistenze degli ex diesse, che difendono la sacralità dei partiti, non sono però confortate dai numeri. Quelli che invece permettono ora al segretario di andare avanti senza per questo essere accusato di fughe in avanti. Adesso Leva

parla a nome del Pd dal quale ha ricevuto pieno mandato per ricercare l’unità di un nuovo centrosinistra e costruire un’alleanza inedita attraverso Alternativ@. Via libera anche alle primarie. I democratici sono convinti che questo sia il metodo più adeguato per la scelta dei prossimi candidati.

Danilo Leva

Il consigliere di Costruire Democrazia, Massimo Romano, ha presentato un’interrogazione al governatore e all’assessore alle Infrastrutture

L’autostrada del Molise fuori dalle 28 grandi opere del governo CAMPOBASSO – “La Termoli-San Vittore deve diventare una realtà”. Le parole pronunciate sabato scorso a Termoli dal ministro alle Infrastrutture, Altero Matteoli, non bastano a spiegarne l’esclusione dall’elenco delle 28 grandi opere prioritarie del governo per il triennio 2010-2013 con una spesa di 19,1 miliardi di euro. Il consigliere regionale di Costruire Democrazia, Massimo Romano, ha presentato un’interrogazione urgente sul tema al presidente della Regione e all’assessore alle Infrastrutture. In particolare, Romano chiede di sapere “se risulti alla Regione Molise la omessa inclusione dell’autostrada del Molise all’interno delle grandi opere prioritarie; se la omessa inclusione sia ascrivibile a dimenticanza, ovvero alla effettiva

esclusione dell’opera dalle priorità per il prossimo triennio 2010-2013; in tale ultimo caso, di conoscere le intenzioni della giunta regionale in ordine alle sorti della società autostradale e degli organi sociali in carica, anche con riferimento ai

compensi loro spettanti, nonché in ordine ai rapporti contrattuali con la società aggiudicataria della gara d’appalto per la scelta del promotore finanziario; se intendano rivolgere formale sollecito al governo, nelle persone del presidente del

Consiglio dei Ministri (eletto nel collegio elettorale molisano) e del ministro delle Infrastrutture, anche in relazione agli impegni politici assunti sia in occasione delle campagne elettorali, sia nell’incontro svoltosi a Termoli lo scorso 1° ottobre”. Tuttavia, l’autostrada è stata definita “di interesse nazionale” dal presidente Berlusconi che l’ha inserita tra le 120 opere che verranno realizzate in tutto il Paese nell’ambito del programma governativo per le infrastrutture. Ma tutto ciò risale al 23 gennaio 2009, quando a Roma è stata firmato l’Atto Integrativo all’Intesa Generale per le Grandi Infrastrutture del Molise con i ministri all’Ambiente, Prestigiacomo, agli Affari Regionali, Fitto, e lo stesso Matteoli. L’intesa ha dato la copertura economica

necessaria alla realizzazione del primo tratto tra San Vittore e Campobasso con il necessario impegno per il secondo tratto CampobassoTermoli. Nel complesso, il nuovo collegamento autostradale, con un tracciato di circa 150 km, che si svilupperà in due tratte: San Vittore-Venafro-Isernia-Bojan o-Campobasso e BojanoTermoli, e prevede la realizzazione di due corsie per senso di marcia, più corsia di emergenza; 121 viadotti (per complessivi 40,3 km); 15 gallerie (per uno sviluppo lineare complessivo di 11,8 km); e 35 svincoli di collegamento con la viabilità esistente. Numeri importanti per rilanciare una regione come il Molise, ma che forse per il governo (con Matteoli che si trincera dietro dichiarazioni di circostanza) sono ancora secondari.


CAMPOBASSO Un bando per accaparrarsi La maggioranza ‘fa’ Villa de Capoa quadrato prima di votare gli equilibri Domani pomeriggio si ritroveranno tutti attorno ad un tavolo per ripiantare quei paletti che più di un consigliere di maggioranza, da qualche mese, ha fatto finta di non vedere più. Ma la riunione del centrodestra a Palazzo San Giorgio sarà anche l’occasione per mettere in chiaro quelle posizioni un po’ ambigue e per arginare un malcontento che serpeggia nonostante i sorrisi di circostanza. Certo il sindaco Di Bartolomeo lo ha detto in più occasioni e senza peli sulla lingua che se non si dovesse più seguire una certa linea manderà tutti a casa. E a perderci non sarà di certo il primo cittadino che la sua carriera politica se l’è fatta. A rimetterci saranno i consiglieri dell’ultima ora quelli

che sembrano essere stati catapultati in aula per sbaglio e che nonostante l’anno di rodaggio appena concluso sembra facciano ancora fatica ad entrare nei panni del consigliere comunale, di quello che un’idea dovrebbe pur proporla. Insomma domani sarà l’occasione per chiarire le diverse posizioni anche se la prova del nove durante il consiglio di venerdì, con un unico punto all’ordine del giorno: gli equilibri di bilancio. Occasione fondamentale per dimostrare la compattezza della maggioranza. E forse vedersi il giorno prima di un appuntamento così importante sarà utile a rinfrescare le idee a chi di mettere ‘la testa a posto’ (è un eufemismo) proprio non ne vuole sapere.

L’esigenza di riaprire al traffico delle auto il Corso e Piazza Prefettura, pur se appare come la peggiore delle idee che un’amministrazione che guarda al futuro può anche solo immaginare a quanto pare, è solo l’antipasto di un pranzo che si preannuncia lungo e difficile da digerire. Ieri in commissione si è parlato (come già annunciato su queste colonne) di affidare ai privati villa de Capoa, l’unico polmone verde che Campobasso possiede. In realtà per evitare questo pericoloso affidamento sarebbero disposti a prendersene cura sia l’Università degli studi del Molise (che la utilizzerebbe come orto botanico) sia l’ordine degli agronomi (che la sfrutterebbe per mettere in pratica le abilità degli iscritti e come ritorno pubblicitario). Ieri in commissione i

consiglieri ci hanno provato a far capire la valenza che la villa ha per la città capoluogo ma il centrodestra senbra comunque intenzionato a fare il bando e affidare a qualche privato l’area. Chissà che ne faranno gli aggiudicatari? La trasformeranno in un parco divertimenti, in una ristornate all’aperto, in una sala, stile americano, per matrimoni di lusso all’ombra di sequoie e altre specie rare? Ancora non p dato saperlo ma sembra invece chiaro che se adesso nemmeno i bambini possono andare in villa con le biciclette poi ci sarà divieti ancora più restrittivi e magari per entrare toccherà pure pagare un biglietto. Ma se a questo governo sta bene perdere un patrimonio di tale bellezza pur di mettere qualche spicciolo in cassa…

‘Writers’ in azione beccati dalla Polizia Sono stati beccati proprio mentre erano intenti ad imbrattare le mura circostanti il parcheggio comunale di via Manzoni a Campobasso. A finire nei guai un gruppo di amici, tutti minorenni. I ragazzi, bomboletta alla mano sono stati sorpresi dagli agenti di una volante

durante un controllo del territorio. Vano il tentativo di fuga. Sono stati tutti bloccati dai poliziotti che hanno sequestrato, ad uno di loro, ben 13 bombolette. Consegnati alle famiglie, i giovani sono stati segnalati dalle forze dell’ordine alla Procura della Repubblica del Tribu-

nale di Campobasso. Dare sfogo alla propria creatività sui muri altrui costituisce reato. Secondo l’art. 639 del Codice Penale, infatti, chiunque deturpa o imbratta cose mobili o immobili altrui è punito, a querela della persona offesa, con la multa fino a 103 euro. La pena aumenta

e il reato diventa procedibile d’ufficio se “il fatto è commesso su cose di interesse storico o artistico ovunque siano ubicate o su immobili compresi nel perimetro dei centri storici”. In questo caso la pena è la reclusione fino a un anno o la multa fino a 1.032 euro.

7 ANNO III - N° 219 MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010


CAMPOBASSO Storia... di buona magistratura Riceviamo e pubblichiamo Negli ultimi anni ed in particolare negli ultimi mesi, i media hanno portato alle cronache "i magistrati e l’istituzione che essi rappresentano; ovviamente per un puro interesse non sempre sereno ed obiettivo ma soprattutto per preconcette difese ideologiche. Come in ogni attività e professioni esistono attori buoni, meno buoni e cattivi.

Questo è sempre stato e purtroppo così sempre sarà, ciò è insito nella natura dell'essere umano e certamente nessuno riuscirà a cambiarlo radicalmente (spero comunque in una modificazione). Ma non è sui problemi della magistratura che desidero soffermarmi; sarei la persona meno indicata per ruolo professionale e per altro i magistrati sanno bene come tutelarsi nelle sedi più oppor-

tune. Mi interessa, invece, portare la mia testimonianza di psichiatra, che nella sua attività professionale ha avuto la necessità e possibilità di rapportarsi con magistrati "diversi" da quanti nell'immaginario collettivo. Alcuni mesi fa è stata ricoverata nella struttura residenziale-terapeutico¬riabilitativa di cui sono medico responsabile una giovane paziente precedentemente

degente nella S.P.D.C. dell’ospedale di Campobasso. La paziente che naturalmente indico con le iniziati P.A., era ed è soggetta a misure di sicurezza. Orbene, il percorso terapeutico riabilitativo formulato mal si conciliava con la condizione giudiziaria di P.A. Esso è stato possibile e facilitato grazie alla comprensione dei magistrati del tribunale di Campobasso che mai hanno fatto mancare il

loro immediato supporto nei limiti della propria disponibilità e delle proprie competenze. E' mio desiderio esprimere ai magistrati del tribunale di Campobasso il mio personale ringraziamento per-la "diversità" manifestata nel rendersi partecipi anche dei bisogni psicologici della paziente P.A. Dr. Giacomo Pirolli medico responsabile delle Srtr “le palme’e ‘gli oleandri’

Oggi in tribunale Turbogas e Molise security Tra gli appuntamenti odierni, in Tribunale a Campobasso, tornano le vicende legate alla Turbogas e alla Molise Security. Nell’ambito del primo processo oggi dovrebbe tenersi l’audizione dei primi testimoni. Si tratta di un procedimento relativo all’accertamento sulle concessioni dell’autorizzazione a costruire l’impianto nella Zona Industriale di Termoli. Sono in sei ad essere imputati dinanzi al Collegio Penale di Campobasso, presieduto dal Giudice Mario Iapaolo, accusati dalla procura della repubblica del capoluogo di abuso d’ufficio: dirigenti della Sorgenia, già Energia Srl, titolare della centrale, dirigenti regionali deputati

alla verifica dei presupposti per la concessione del nulla osta, politici di spicco. Tutti al banco degli imputati perché, secondo il Pm Fabio Papa, avrebbero violato leggi e regolamenti sulle concessioni dell’autorizzazione. Parti civili nel processo il Codacons, difeso dall’avvocato del Vecchio, che invano i legali della difesa hanno cercato di estromettere dal processo, e la Provincia di Campobasso, difesa dall’avvocato Iacovelli. Circa la Molise Security, oggi saranno ascoltati nuovi testimoni. La scorsa volta i giudici hanno revocato i domiciliari a Vincenzo Miele, ex amministratore dell’istituto finito nel mirino nel maggio del 2009. In quella oc-

casione Miele fu arrestato dalla Polizia su richiesta della Procura della Repubblica del capoluogo regionale in seguito all’inchiesta sul buco di 5,5 milioni di euro, provento degli incassi dei attività commerciali, affidati a Molise Security per essere depositati presso la Banca d’Italia. I soldi, però sparirono dal caveau dell’Istituto e questo scatenò le denunce e le conseguenti indagini. Miele avrebbe ammesso di essersi impossessato dei soldi per pagare gli stipendi ai dipendenti e le spese di gestione della Molise Security, la cui attività fu sospesa dal Prefetto di Campobasso. A carico di Miele l’accusa di peculato.

Il comune molisano sede privilegiata della manifestazione internazionale

Giornata mondiale della poesia, successo a Guardialfiera

Una veduta aerea di Guardialfiera

Guardialfiera come Parigi. E’andata in scena lo scorso 2 ottobre anche nel centro molisano - in parallelo alla manifestazione stabile parigina – la 22esima edizione della “giornata mondiale della poesia”. Per la celebrazione del tema “i poeti salveranno il mondo” il centro studi Molise 2000 e l’associazione culturale “le nuvole” hanno chiamato a raccolta le voci degli artisti che, coordinati

da Antonio Mucciaccio, hanno dato vita ad un momento espressivo di indiscutibile valore e sentimento. Nel corso dell’evento - promosso dall’associazione internazionale “Poesia 2 ottorbe – la privilegiata cornice di palazzo Loreto è divenuta scenario di un’indimenticabile serata d’arte e di storia, resa attraverso i versi, talvolta gioiosi, talvolta malinconici, dei poeti. Lua.a.


SPETTACOLI L’ex magistrato sarà oggi nel capoluogo per “Ti racconto un libro”

Rispetto delle regole E’ il tema che affronta Gherardo Colombo nel suo libro di Charles N. Papa CAMPOBASSO - Quanto sia labile oggi, il confine tra lecito e meno lecito, sempre più frequente nella società, è sotto gli occhi di tutti. Ne sa certo molto di più Gherardo Colombo, ex magistrato del pool mani pulite, oggi a Campobasso nell’ambito di “Ti racconto un libro” per parlare del suo “Sulle regole”. Nella sala della Costituzione nel palazzo della Provincia oggi alle 18,30, Colombo parlerà di giustizia, ma non solo di quella convenzionale, ma anche di quella quotidiana, radicata nei valori della società contemporanea. Colombo in questo suo scritto, porta a galla quanto sia necessario restare nelle regole, non superare lo staccionato della legalità. Egli afferma infatti, che senza rispetto delle regole non potremmo vivere in società. L’ex magistrato incontrerà anche gli alunni delle scuole medie superiori domattina alle 11,00 nello stesso luogo. Info 3394995848.

Lounge bar CAMPOBASSO - Venerdì inaugura il Rudy’s lounge bar, in via Gazzani. Sarà un nuovo luogo tra gli appuntamenti del weekend, dove poter sorseggiare long drink ed ascoltare buona musica. Sui portici di via Gazzani, al primo piano, il locale ha anche un ampio terrazzo. Info 360731652.

Serata universitaria CAMPOBASSO - Questa sera al Mama’s cafè in via Scardocchia la serata universitaria. Play Pietro Rama. Dalla settimana prossima il mercoledì si realizza in collaborazione con il Red Passion, che effettuerà il preserata al Mama’s.

Laboratorio teatrale ISERNIA - La scuola di teatro Cast, diretta da Salvatore Mincione, ha inaugurato venerdì scorso “Il proscenio”, piccolo spazio culturale nel centro storico di Isernia. Un teatro di soli 40 posti per dare spazio a nuove leve e proporre un cartellone di spettacoli a tema. Il piccolo spazio libero, dice Mincione: “Per sperimentare. E’ fondamentale per l’attore e per l’allievo, per avvicinarsi al mondo del teatro”. Il 2 ottobre ha preso il via la rassegna teatrale dedicata a Mario Scarpetta. A breve anche un cineforum dedicato a Woody Allen. La rassegna prosegue sino al 30 gennaio mentre il cineforum avrà inizio l’8 ottobre con “Provaci ancora Sam” per terminare il 21 gennaio con “Hannah e le sue sorelle”.

I live del weekend S.MARIA DEL MOLISE - Venerdì 8 ottobre al Green pub live del trio CordiscoCampanella-Basirico. BARANELLO - Live in piazza venerdì la cover band di Ligabue Tra palco e realtà. CAMPOBASSO - Venerdì alle 19,30 in piazza V.Emanuele l’esibizione di Voice of the soul. BOJANO - Sabato 9 ottobre Ramegna shuffle (foto) al Caos liquid and sound. CAMPOBASSO - Al Ragnarok sabato live di FA.SI.RE.m5.

Roger Waters tacciato antisemita

Glastonbury, ticket finiti in tre ore

Roger Waters ha ribattuto alle accuse di antisemitismo appena mossegli. La Anti-Defamation League, ha accusato di antisemitismo lo show di Waters per il trentesimo anniversario di "The wall": incriminate le retroproiezioni che fanno da scenografia all'esecuzione di "Goodbye blue sky" sganciano bombe a forma di Stella di David.

Si sono volatilizzati in sole quattro ore, più precisamente tra le 9 e le 13 della scorsa domenica, tutti i tagliandi per la prossima edizione del festival di Glastonbury, decano di tutti i festival rock britannici: tra i diversi milioni di iscritti, solo (relativamente) pochi fortunati sono riusciti a conquistare uno dei 145.000 biglietti messi in vendita.

11 ANNO III - N° 213 MERCOLEDÌ 29 SETTEMBRE 2010


ANNO III - N° 219 - MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Tsunami elettromagnetico

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALL’AUDITORIUM DI ISERNIA Secondo quanto scrive un quotidiano sull’auditorium di Isernia si starebbe abbattendo una vera e proprio una tegola giudiziaria. La procura di Roma e quella di Isernia, infatti, sempre secondo il giornale locale, avrebbero aperto un’indagine per far luce su alcuni aspetti poco chiari riguardanti la grande opera celebrativa dei 150 anni dell’unità d’Italia. Gli inquirenti stanno valutando la posizione dei componenti dell’ormai famosa “cricca”. Come infatti abbiamo spiegato in precedenti articoli, tra i responsabili esecutivi e della progettazione dell’opera, ci sarebbero diversi personaggi indagati a vario titolo, tra cui Mauro Della Giovampaola. Un mistero dunque ancora tutto da chiarire, nonostante l’auditorium sia quasi ultimato.

L’OSCAR DEL GIORNO A TORQUATO DI TELLA Un altro molisano che a furia di sacrifici e lavoro ne ha fatta di strada. Torquato Di Tella sarà il nuovo ambasciatore d’Argentina in Italia. Di origini capracottesi, come lascia tradire il cognome, l’alto funzionario appena nominato dal governo centrale di Buenos Aires, è una delle persone che ci fanno sentire orgogliosi di essere molisani. Tanti dei nostri corregionali emigrati all’estero sono tornati dopo aver fatto fortuna nei paesi sudamericani. Ebbene si, Di Tella è uno di questi. Soddisfazione anche da parte del primo cittadino Monaco e di tutto il centro Alto Molisano.

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Kniahynicki: del caso se ne stava occupando la terza commissione, poi tutto è svanito nel nulla

Inquinamento, mistero al Comune È giallo sul documento che avrebbe dovuto regolamentare l’emissione di onde elettromagnetiche

ISERNIA – Mistero sul nuovo regolamento comunale in materia di inquinamento elettromagnetico. La stesura del documento, infatti, fu affidata alla terza commissione con a capo il consigliere Costantino Kniahynicki. Ma a distanza di qualche tempo fu deciso che questo compito sarebbe spettato ad altri or-

ganismi. Ed ora, dopo diversi mesi, il regolamento sembra essere sparito nel nulla. Una vicenda che ha quasi dell’incredibile vista l’attualità e la delicatezza della questione. Il problema dell’inquinamento elettromagnetico, infatti, non va sottovalutato. Lo sanno bene il Governo centrale ed il Parlamento Europeo che hanno emanato leggi sempre più restrittive in materia. Nel capoluogo pentro, invece, l’argomento sembra non interessare più di tanto il Municipio che ha deciso, almeno per il momento, di non affrontare la situazione. Ma andiamo con ordine e tentiamo di ripercorrere le tappe di una vicenda che ha ancora molti

lati oscuri. In principio il sindaco Melogli decise di affidare la stesura del regolamento relativo all’inquinamento elettromagnetico alla terza commissione consiliare che, come si sa, ha solo un potere consultivo. In sostanza i quindici consiglieri (sia di maggioranza che di opposizione) avrebbero dovuto redigere il documento che poi sarebbe passato al vaglio degli organismi decisionali. “Il nostro lavoro – ha spiegato Kniahynicki, presidente della III Commissione – procedeva spedito. Il giovedì di ogni settimana ci riunivamo e, nel giro di poco tempo, abbiamo fatto tanti progressi. Abbiamo incontrato più volte il responsabile del settore Fraraccio, e chiesto l’intervento di un importante fisico dell’Arpa Molise. Abbiamo persino scoperto che, probabilmente, alcune centraline installate in città non erano a norma e che erano stati innalzati pali che provocavano inquinamento elettromagnetico. Ma da lì a qualche giorno è successo quello che non ti aspetti.

Attraverso una missiva – ha continuato Kniahynicki - inviata da un dirigente comunale c’è stato fatto presente che da quel momento l’argomento non sarebbe stato più di nostra competenza bensì del Settore Ambiente”. Ma quello che preoccupa maggiormente il presidente della III Commissione è che da allora sono passati circa otto mesi e del nuovo regolamento se n’è persa

ogni traccia. “A questo punto – ha dichiarato Kniahynicki – mi chiedo che fine abbia fatto questo documento e, se l’argomento ancora non fosse stato trattato, vorrei capire il motivo per cui si è deciso di estromettere la terza commissione che stava raggiungendo risultati importanti. Fatto sta che questo è un comportamento inspiegabile che presenta non pochi lati oscuri”.

Presso gli Archivi Multimediali “Sergio Fregoso” a La Spezia (Liguria),lunedì prossimo,alle ore 17, il pubblico potrà incontrare Enzo Cicchino che presenterà il suo ultimo libro, “Il Duce attraverso il Luce” , nel quale racconta la politica e la storia di Benito Mussolini dagli anni trenta al quarantacinque. E’ una lettura in filigrana attaverso i cinegiornali dell’Istituto Luce, che diventano testimoni dell’anima profonda del Duce: delle sue intenzioni segrete, dei suoi timori, delle sue malie. In pace.In guerra. Fino a Milano, a Piazzale Loreto. E’ un utilizzo inedito dei documenti cinematografici. Non più solo oggetti televisivi ma organi vivi di storia. Enzo Cicchino è nato ad Isernia nel 1956. Allievo di Mario Benvenuti, è stato assistente alla regia di Paolo e Vittorio Taviani nei film “Il prato” e “La notte di San Lorenzo”, e di Valentino Orsini nei film “Uomini e no” e “Figlio Mio”.. Documentarista e autore per RaiTre di numerosi programmi di storia. Ha curato diverse inchieste per Mixer di Giovanni Minoli. Attualmente lavora per “La Grande Storia”, diretta prima da Pasquale D'Alessandro, poi da Luigi Bizzarri. Dal 1995 ha creato il sito internet www.larchivio.com (arte, letteratura, storia), di cui è anche il responsabile. Ha scritto altri libri di storia, “La grande guerra dei piccoli uomini”, sulle vicende della Prima Guerra Mondiale, vista attraverso le lettere dei combattenti, “L'attacco partigiano di Via Rasella”, e un bel romanzo sulla terra molisana: “La fonte di Mazzacane”.

Isernino scrive un volume su Mussolini

14 ANNO III - N° 219 MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010

Isernia, un nuovo bus per i disabili

Siap, convegno con Torre e D’Alterio

È convocata una conferenza stampa per domani, alle ore 11:30, presso la Sala Museo “Raucci” di palazzo San Francesco. Saranno illustrate le caratteristiche del nuovo autoveicolo adibito al «trasporto protetto» dei diversamente abili. Interverranno il sindaco Gabriele Melogli e l’assessore comunale alle politiche sociali Antonio Scuncio.

Si terrà il prossimo 18 ottobre, presso l’auditorium dell’Itis, alle ore 17, la presentazione dei due libri dal titolo “100% Sbirri” e “Catturandi. L’incontro è stato organizzato dal sindacato di Polizia Siap. All’interessante convegno interverrà anche il sindaco Melogli, il questore Torre ed il Procuratore Capo Sezione Antimafia di Campobasso.


ISERNIA Il sindaco Monaco: “Siamo onorati che questo incarico sia stato conferito a un concittadino”

Il nuovo ambasciatore argentino è originario di Capracotta Entro metà ottobre l’insediamento del nuovo ambasciatore d’Argentina in Italia: Torquato Di Tella originario di Capracotta. Il sindaco: “Un onore per noi capracottesi. Ci stiamo già adoperando per poterlo incontrare quanto prima”. “L’orgoglio capracottese è sparso nel mondo e molti figli di questa terra stanno portando alto il suo nome, facendone un vessillo che va mostrato con fierezza”. Le parole del sindaco di Capracotta, Antonio Monaco, racchiudono la grande soddisfazione di aver visto nuovamente sugli scudi il nome della località del Molise Altissimo, salita ancora alla ribalta grazie questa volta a Torquato Di Tella, neo ambasciatore della Repubblica Argentina in Italia. Un altro

importante personaggio dei nostri tempi, che ha radici capracottesi di cui va particolarmente fiero. Quella stessa fierezza di cui parla il sindaco riferendosi alla fresca nomina di Di Tella. “Non possiamo che esser onorati per questo importantissimo incarico – commenta il primo cittadino – conferito ad un nostro conterraneo, figlio di un capracottese emigrato in Argentina in cerca di fortuna alla fine dell’800. Un conterraneo che ha fatto tantissima strada, diventando Ambasciatore in Italia di un Paese, l’Argentina, che ha rappresentato la seconda patria per tantissimi nostri connazionali. Ora – prosegue Monaco – stiamo aspettando che l’incarico di Ambasciatore entri nella sua ufficialità, per

poterci mettere in contatto con Sua Eccellenza Torquato Di Tella ed incontrarlo ufficialmente con una nostra delegazione composta da amministratori e cittadini. Dalle notizie che abbiamo, il tutto dovrebbe avvenire entro la seconda decade di ottobre. Da quel momento i nostri “canali diplomatici” inizieranno ad operare ancor più alacremente per far si che l’incontro possa avvenire nel più breve tempo possibile, compatibilmente con l’agenda di impegni istituzionali che avrà l’Ambasciatore. Siamo comunque fiduciosi di potergli portare al più presto i saluti e le felicitazioni di tutta la comunità capracottese – conclude Monaco – orgogliosa, e non poco, di questo suo grande figlio”.

Disagio giovanile, scende in campo la Provincia L’Amministrazione Provinciale di Isernia, nell’ambito delle iniziative rivolte all'infanzia e alla genitorialità, organizza un Convegno dal tema “Adolescenti difficili e genitori in crisi: le risposte delle Istituzioni”. L’iniziativa, voluta dal Presidente della Provincia Luigi Mazzuto e dall’Assessore Domenico Izzi, coincide con il decennale dell’istituzione a livello provinciale del Centro Prevenzione Abuso e Maltrattamento ai Minori (CEPAM) e del Centro Ascolto Donna (CAD). “Sarà una giornata di

approfondimento su un tema di scottante attualità - ha affermato l’Assessore Izzi - in cui interverranno illustri relatori tra cui l’Onorevole Paola Binetti, membro della Commissione Affari Sociali della Camera. Un’occasione dunque per confrontarci sulla difficile relazione tra genitori e figli - ha continuato l’Assessore Izzi - avvalendoci della presenza al Convegno di esperti del settore”. Il Convegno si terrà lunedì 11 ottobre a partire dalle ore 9, presso la sala convegni della Provincia, e vedrà inol-

tre gli interventi del Prof. Giuseppe Mammana, in qualità di psichiatra psicoterapeuta e supervisore Clinico Cepam-Cad, della Dr.ssa Rosa Iorio, Direttore del Distretto Sanitario di Isernia, e della Dr.ssa Patrizia Esposito, Presidente del Tribunale dei Minori di Campobasso, nonché delle testimonianze degli operatori che da anni prestano la propria attività professionale all’interno del CEPAM e del CAD. “Il tema affrontato non è dei più semplici da trattare - ha concluso l’Asses-

Gilda: dibattito sul tema dell’istruzione

Il Pnalm pronto per Europarc Conference

ISERNIA - Giovedì 7 ottobre dalle ore 17,00 presso la saletta della Provincia di Isernia, la Federazione Gilda-Unams terrà una conferenza stampa sulle problematiche scolastiche nella provincia di Isernia. Seguirà un incontro-dibattito che avrà come tema l’istruzione quale veicolo di sviluppo ed inclusione sociale.

Il Pnalm ha avviato le iniziative dirette ad ottenere la carta europea per lo sviluppo per il turismo sostenibile in occasione della Europarc Conference 2011 che si terrà in Germania, mentre il prossimo 19 ottobre è previsto sul tema un importante Convegno con gli enti territoriali e gli operatori economici del Parco.

sore Domenico Izzi - e impone a tutti, in primo luogo alle istituzioni, di mettere in campo politiche concrete a sostegno della famiglia, dell'infanzia e dei minori, attraverso azioni mirate e volte a prevenire la proliferazione del disagio giovanile”. Il saluto conclusivo verrà affidato al Presidente Mazzuto, da sempre impegnato a sostegno delle politiche rivolte al mondo della famiglia. Il Convegno prevede il riconoscimento dei crediti formativi agli Assistenti Sociali e agli Psicologi del Molise iscritti all'Ordine.

15 ANNO III - N° 219 MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010


TERMOLI La rete con binario unico rappresenta una strozzatura lungo la dorsale adriatica

Termoli-Lesina, a Roma si discute sul raddoppio ferroviario Rfi ha definito il progetto, ma dall'altra parte ci sono le perplessità del ministero dell’Ambiente TERMOLI - A Roma si è tenuta la Conferenza unificata degli assessori regionali e si è parlato dei tagli del Governo sul trasporto pubblico locale e anche del raddoppio della linea ferroviaria Termoli – Lesina. Un tratto di rete con unico binario che rappresenta una vera e propria strozzatura lungo una delle vie di collegamenti che Trenitalia intende

ammodernare e velocizzare. Il raddoppio della Termoli – Lesina ha una storia lunga dieci anni e prevede anche la sopraelevazione della stazione di Ripalta, e analogo discorso anni fa è stato fatto anche per il tratto che dovrebbe attraversare il territorio di Campomarino. Se da una parte la Rete ferroviaria italiana (Rfi) ha da tempo definito il progetto, dall'altra

Agricoltura, appello di Galan all’unità in vista della nuova Pac “Abbiamo molto apprezzato l’appello all’unità tra le associazioni di categoria formulato dal Ministro Galan, che ha ricordato che presentarsi in Europa in maniera frammentata non ci aiuta”. Questo il commento delle organizzazioni cooperative agro-alimentari Fedagri-Confcooperative, Legacoop Agroalimentare e Agci-Agrital che sottolineano come “proprio nella direzione della condivisione e dell’unità la cooperazione italiana si è mossa sin dal mese di luglio, non solo mettendo a punto un documento congiunto di riflessioni e proposte sulla Politica Agricola Comunitaria (PAC) post-2013, già consegnato al Ministro Galan e al Parlamento europeo, ma rendendosi inoltre disponibili da subito ad aprire un dialogo con tutto il mondo agricolo per giungere ad una posizione comune del sistema Paese”. La cooperazione agroalimentare si dichiara quindi “pronta ad acco-

gliere la proposta di unità del mondo agricolo lanciata dal Ministro Galan, al fine di contribuire a rafforzare la posizione italiana nell’ambito della riflessione sulla nuova PAC, dalla quale, come ha ricordato il Ministro, ‘dipende il futuro del settore’”.

c'è il diniego del ministero dell’Ambiente e dei Beni culturali dal momento che la linea a doppio binario in quel punto di costa non sarebbe compatibile con l’eco - sistema locale. Nei prossimi giorni, forse, si avrà qualche notizia più certa e il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Altero Matteoli, dovrebbe essere più preciso in merito.

Il Tar: l’esigenza del dipendente prevale sull’azienda BARI - La pubblica amministrazione é tenuta ad accogliere la richiesta di trasferimento del lavoratore giustificata da una grave situazione personale, come la necessità di assistere il coniuge malato, anche se nell’ufficio di destinazione non risultano essere disponibili posti vacanti con il conseguente rischio del sovrannumerò. Lo ha stabilito il Tar della Puglia con sentenza (n.1990) del 24 settembre scorso. Ne dà notizia Giovanni D’Agata, del dipartimento tematico nazionale 'Tutela del consumatorè dell’Idv. Secondo il principio stabilito con la decisione, le gravi esigenze personali del dipendente prevalgono su quelle di organico della Pubblica amministrazione. I giudici amministrativi pugliesi hanno infatti accolto il ricorso di un ispettore capo in servizio presso la Questura di Brindisi contro il provvedimento con cui il ministero dell’Interno gli negava il trasferimento presso gli uffici di Lecce per assistere la moglie gravemente ammalata e provvedere ai due figli di 9 e 15 anni. La corte – secondo quanto viene riferito – ha giudicato illegittimo il rifiuto dell’amministrazione, “atteso che è consentito il trasferimento del dipendente, in presenza di gravissime situazioni personali, anche in soprannumerò, senza imporre alcuna espressa considerazione comparativa sulle esigenze organizzative degli uffici e impedendo all’Amministrazione, nel motivare il rigetto dell’istanza, di arrestarsi alla mera constatazione della mancanza di vacanze in organico”.

Il parco comunale intitolato a Padre Pio

Alla scoperta dei mosaici, un viaggio nella storia e nell’arte musiva

16 ANNO III - N° 219 MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010

MONTORIO NEI FRENTANI - All’interno dell’iniziativa “Alla Scoperta del Molise Frentano” dell’Ecomuseo Itinerari Frentani, è previsto un laboratorio sui mosaici. Il maestro d’arte Andrea di Maulo, a Montorio nei Frentani, insegnerà ai suoi allievi le tecniche per la realizzazione di mosaici, opere musive per pavimentazioni, per la realizzazione di tavoli, ma anche sottopiatti e altri piccoli oggetti. Il corso prevede 12 lezioni da 2,5 ore da tenersi, per tre mesi, una volta la settimana. Inoltre visto che nella vicina Larino, nei siti archeologici della antica città romana di Larinum e nel museo civico, sono custoditi bellissimi mosaici policromi, l’Ecomuseo offre anche alle scuole di ogni ordine e grado la possibilità di effettuare un percorso nella storia e nell’arte attraverso lo studio delle opere musive romane e la realizzazione, in un laboratorio didattico, di un piccolo mosaico. Nel percorso saranno impegnati studiosi di archeologia e il maestro Andrea Di Maulo. Tutte le attività, previste nell’iniziativa “Alla scoperta del Molise Frentano”, verranno presentate il prossimo 18 ottobre alle 19,30, presso la Sala consiliare del Comune di Larino.

CAMPOMARINO – Il presidente dell’Associazione “Borgo Antico”, Costanzo Carriero, esprime un vivo ringraziamento al sindaco Gianfranco Cammilleri, all’assessore Sandro Di Labbio ed alla Giunta Municipale tutta per la sensibilità dimostrata verso una proposta che l'Associazione ha fatto per le vie brevi, in cui si chiedeva di rinominare il Parco dell’Unità, adiacente al Borgo antico in Parco Padre Pio. Carriero fa presente che a seguito della messa a dimora della statua di Padre Pio, a cura dell'Associazione oramai qualche anno addietro, il parco ha recuperato un decoro che si era perso nel tempo e gli abitanti del paese vecchio si raccolgono intorno alla statua per momenti di preghiera e di spiritualità. “È stato bello vedere come da posto trasandato e dimenticato – scrive il Presidente -, il Parco Padre Pio si sia trasformato in punto di aggregazione come comunità, dove volontariamente le donne e gli uomini dedicano attenzione al mantenimento in buono stato della statua del Santo, curando l’aiuola che la circonda e che è sempre un tripudio di fiori e piante verdi. Colgo l’occasione anche per annunciare che è in preparazione la tradizionale mostra de “I Presepi del Borgo”, che aprirà il prossimo 8 Dicembre”. Infine Carriero rivolge l'invito “agli amici espositori che in questi lunghi anni ci hanno accompagnato, ma anche a nuovi appassionati che magari hanno intenzione di collaborare con l’Associazione, a preparare le proprie opere in vista appunto della nuova edizione 2010 – 2011”.


TERMOLI Un progetto la indica in via Montecarlo, davanti alla chiesa del Crocifisso

C’è l’area per il mercato rionale Agli atti dell’amministrazione esistono attualmente due delibere di Giunta approvate nel dicembre del 2004 TERMOLI – Ieri abbiamo affrontato la questione del mercato di Via Inghilterra, ritenuto abusivo, attualmente fatiscente come tutta la zona che lo ospita, le continue lamentele dei residenti che si sono accentuate, recentemente, con il posizionamento nel parchetto di container che fungono da bagni pubblici. Bagni che sono indispensabili, come richiesto dall’Asrem, oppure il mercato chiude. L’assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Turdò, ha annunciato che in Municipio si sta pensando di realizzare la nuova struttura in altra zona della città e noi abbiamo suggerito di prendere visione di una delibera di Giunta comunale di fine 2004 dove è indicato il luogo dove doveva sorgere la nuova struttura. L’abbiamo trovata e riproponiamo i passaggi salienti. La zona scelta è quella lingua di terreno che si affaccia in Via Montecarlo da un lato e Via Martiri della Resistenza dall’altra, proprio di frontiera Terminal dei bus. Il 7 Dicembre del 2004 l’allora Giunta deliberò di incaricare due tecnici esterni di fiducia dell’Amministrazione comunale per redigere il progetto per realizzare l’area mercato, progettazione da effettuarsi il collaborazione con il Settore Lavori Pubblici comunale. La stessa Giunta deliberò anche che l’importo progettuale non poteva superare complessivamente i 330mila euro da finanziarsi con apposito mutuo. Il 29 Dicembre dello stesso anno, avuti gli elaborati da parte dei progettisti, la Giunta delibero, in linea tecnica, l’approvazione del progetto definitivo anche allo scopo di attivare il mutuo. Dunque basterebbe riprendere le due delibere (276 e 294 del Dicembre 2004), aggiornarle per quanto concerne i costi e tutto sarebbe risolto in massima parte. Infatti il terreno da espropriare è ancora a disposizione ma abbandonato all’incuria. Realizzare il mercato rionale in quella zona servirebbe anche a riqualificarla. Infatti, nel progetto iniziale, i lavori da eseguire consistevano anche nella sistemazione dell’area tra Via Montecarlo e Via Martiri della Resistenza fino ai pressi della chiesa del Crocifisso dove oltre al mercato verrebbero realizzati parcheggi e una piazza a servizio della stessa chiesa. Dell’attuale maggioranza solo il consigliere Agostino De Fenza è a corrente delle due delibere perché a quel tempo era Assessore. Ora, dopo questo nostro, siamo certi che l’attuale assessore ai Lavori Pubblici, Luigi Turdò, vorrà visionarle e discuterne con il Sindaco e gli altri colleghi della Giunta e di maggioranza.

Scuola: il 5 ottobre giornata mondiale degli insegnanti Ogni giorno nel mondo gli insegnanti prestano la propria opera professionale per promuovere la crescita di milioni di giovani, alimentando in loro la speranza in un mondo migliore e in un’umanità più autentica. Ieri è stata la Giornata mondiale degli insegnanti, di tutti gli insegnanti, istituita dall’Unesco nel 1994. Una commemorazione che passa sotto silenzio, come spesso è dimenticato, misconosciuto se non denigrato lo spendersi con competenza nelle aule. L’Associazione Italiana Maestri Cattolici (AIMC) ha idealmente festeggiato domenica 3 ottobre anche la Giornata mondiale degli insegnanti durante la manifestazione “Cento piazze per la sfida educativa”, svoltasi su tutto il territorio nazionale, evento che ha avuto grande successo e affluenza di pubblico in tutt’Italia. In contemporanea, nelle oltre cento città della penisola impegnate nell’iniziativa si è vissuta una giornata di festa, memoria e riflessione, tutti insieme – docenti, genitori, adulti, bambini e ragazzi – con modalità originali e diversificate, l’organizzazione di tavole rotonde, l’allestimento di mostre, l’esibizione di artisti di strada, cori e bande musicali,… con l’obiettivo di testimoniare attenzione all’educazione e impegno per la scuola, questioni che non possono essere delegate esclusivamente al contesto familiare e scolastico, ma coinvolgono necessariamente tutte le dimensioni e gli ambiti in cui si vive e si cresce (lavoro, famiglia, scuola, sport, mass-media, spettacolo, consumo, impresa, comunità cristiana). Un’occasione per tessere insieme reti educative, mantenendo salda “la fedeltà” alle radici più vere dell’esperienza associativa e testimoniare tangibilmente l’attenzione ai più piccoli anche attraverso forme di solidarietà.

Dialetto termolese nelle scuole Sì dall’associazione Apt 15° 42° TERMOLI – Non si arresta la querelle sulla proposta di introdurre lo studio del dialetto termolese nelle scuole cittadine. Alle critiche giunte da più parti rispondono gli appartenenti dell'associazione Apt 15°42°, con a capo l'ex assessore della Giunta Di Giantomenico, Mimmo D'Arienzo, i quali sostengono l'iniziativa. “APT 15°42°, non solo approva, ma sostiene l’importanza dell’iniziativa che vede tra i promotori il Sindaco, la sua amministrazione e il dottor Antonio Smargiassi. Viviamo in un’epoca turbolenta, che ha velocemente appreso le moderne tecnologie della comunicazione e dei trasporti, ma che, come adolescente alla scoperta del mondo, potrebbe incorrere in errori fatali se, per troppo entusiasmo, perdesse i punti di riferimento ed i valori trascendenti e permanenti, che guidano l’uomo dalla sua comparsa sulla terra. Una piantina puoi trasportarla con il suo vaso in ogni angolo del mondo, basta fornirle luce ed acqua ed essa vive, ma, se le togli la terra e recidi le radici, muore. Non è necessario sfoggiare un pedigree per sentirsi termolese ed amare il luogo che ci accoglie e, magari, ha dato i natali al consorte ed ai propri figli. imparare ad apprezzare i valori, riconoscere l’identità, sviluppare il senso di appartenenza ed alimentare l’interesse reale e concreto della conoscenza dei luoghi e della cultura dove si vive, insegna ad apprezzare ciò che si possiede, a formare il senso civico e a rispettare se stesso e gli altri. Se così non fosse basterebbe avere una grande capacità di immagazzinare informazioni per essere preparati e “colti”, ma la capacità di immagazzinare oggettivamente dati ed elaborarli

velocemente è tipica dei “computer” e non degli “uomini”. Conoscere il dialetto, il vernacolo termolese, capire la memoria dei luoghi, il significato delle tradizioni significa “custodire il fuoco, non adorare la cenere”, esattamente come pensava venticinque secoli fa il fondatore del Taoismo. Siamo certi che non tutti i Termolesi sanno dell’importanza di Termoli durante la Seconda Guerra Mondiale, della Battaglia di Termoli del 3 ottobre 1943 per la liberazione dell’Italia dal Totalitarismo, dei luoghi di Termoli dove si è svolta la battaglia. Siamo certi che non tutti i Termolesi sanno dei rapporti tra Termoli e Ragusa (Dubrovnik) e del trattato del 1203, della sua importanza e delle finalità (che a scuola non si studiano). Ancora del sacco di Termoli del 2 agosto 1566 da parte dei Turchi di Pialì Pashà e delle iscrizioni datate 1589 rinvenute nel Castello di Termoli. Così, come siamo certi, che non tutti i Termolesi sanno localizzare esattamente il punto di Termoli dove si incrociano il 15° Meridiano Est ed il 42° Parallelo Nord che rappresentano le coordinate geografiche che determinano l’Ora dell’Europa Centrale o, più semplicemente non conoscono la toponomastica (il nome delle strade e dei quartieri di Termoli). Ecco perché il progetto “Termolesità” dell’Assessorato alla Cultura riveste una grande importanza e non sottrae nulla alla formazione dei nostri ragazzi che, prima di essere cittadini del mondo, devono sentirsi figli del proprio luogo. Lo studio della storia, del dialetto, del vernacolo e del territorio termolese da affiancare ai programmi ministeriali consentirebbero di contestualizzare temi e argomenti generali

rendendoli più vicini e più comprensibili agli studenti. Se tutto ciò non destasse interesse negli alunni e nei cittadini Termolesi non si spiegherebbe il successo della rievocazione storica dell’assalto dei turchi del 2 agosto 1566 rappresentata la scorsa estate ed apprezzata anche dai turisti incuriositi dall’evento. Non si spiegherebbe nemmeno la partecipazione alle serate dedicate al vernacolo termolese di agosto sulla scalinata del folclore e alla serata di “Tanti saluti da Termoli” nella quale sono stati proiettati filmati amatoriali degli anni ’60 e ’70 di Termoli per la “salvaguardia della memoria collettiva”. Conoscere il genere della piantina e la natura della terra, che ospita le sue radici, aiuta a farla sopravvivere anche in eventuali condizioni difficili di luce e di acqua. Concludiamo citando un’altra frase di Lao Tsu che non a caso amava l’oscurità più di ogni altra cosa e deliberatamente cancellò ogni traccia della sua vita, come ha scritto al capitolo LXIII lo storiografo Szu-ma ch’ien (137-87 a.C.) ANNO III - N° 219 nelle memorie storiche sul fondatore del Taoismo: “Più lontani si va e meno si apprende e ci avvicina MERCOLEDÌ 6 alla verità. Per questo l’uomo sagOTTOBRE 2010 gio non cammina e arriva”.

17


Meteo Campobasso Mattino Pomeriggio

TRENI CAMPOBASSO-TERMOLI

Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

“Curatella d’ainijelle che la cepolla alla cantalupara” 3 cipolle d’Isernia 3 pomodori pelati un ciuffo di prezzemolo una foglia di alloro q. b. di sale

Lasciate spurgare le frattaglie in acqua corrente per circa un’ora, sgocciolatele e tagliatele a piccoli pezzi. Versate l’olio in un tegame di terracotta, aggiungete le cipolle tagliate a velo e fatele soffriggere dolcemente. Unite la coratella, incoperchiate e fate cuocere a fuoco lento; aggiungete, quindi i pomodori lavati e tagliati a pezzi, la foglia di alloro spezzettata e un trito di prezzemolo. Continuate la cottura per il tempo necessario e servite la “Curatella” nello stesso tegame di cottura, accompagnata da fette di pane abbrustolite o da “Fallarielle” grigliati. tratta da Molisenda 2009 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno

CIPOLLA Piazza Cesare Battisti, 11 Tel. 0874.65391

FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123

PAOLO (di appoggio) Via Monforte, 63 Tel. 0874.416327 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421 Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno TRABOCCHI - Via Tevere, 17 - Tel. 0875.705030 Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Arrivo 07:27 08:39 11:25 14:11 16:02 19:04 19:30 20:13 22:45

TERMOLI-CAMPOBASSO

La Ricetta 800 g di frattaglie di agnello (fegato, polmone, cuore e milza) un dl di olio d’oliva extravergine

Partenza 05:47 06:49 09:35 12:30 14:12 17:14 17:40 18:23 20:55

(DIRETTI)

Partenza 05:46 06:25 12:08 13:30 14:30 16:00 17:14 18:40 20:48

Arrivo 07:36 08:15 13:58 15:20 16:20 17:50 18:55 20:30 22:38

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI (NON DIRETTI)

Partenza 05:50 07:20 08:30 14:15 16:30 19:33

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Sera

Oroscopo

ORARI

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:16 19:25 22:50

Partenza 06:15 09:15 14:15 14:47 16:45 17:15 18:42 19:40

Arrivo 09:23 12:15 17:30 19:25 20:15 20:44 21:30 22:40

Ariete 21 mar - 20 apr

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:24 06:54 13:11 14:15 16:30 18:03

Arrivo 07:48 09:18 10:47 16:03 17:39 20:02 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

Partenza 05:51 05:51 12:14 12:40 14:13 15:06 15:22 17:30 19:43

Arrivo 08:55 09:18 15:22 16:02 17:09 17:30 19:25 20:28 22:20

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45 FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45 NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI Tel. 0874.605220 Fax 0874.605230 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35-5,30-6,15 (festivo)-6,30-6,45-7,00-7,45 8,00-8,05 (anche festivo)-9,25-10,00 (festivo) 10,20-12,00-12,35-12,45 (festivo) -13,4514,10-14,15-15,30 (anche festivo) 16,10-17,10 (festivo) - 17,20 - 17,55 - 19,1020,35 (anche festivo)-20,45 (festivo)-21,15 TERMOLI-CAMPOBASSO 5,55-6,10 (festivo)-6,25-6,40-6,55-7,40-8,15 8,30 (festivo)-9,00-10,00-11,20-12,30-12,4013,30-13,45 -14,00 (anche festivo)-14,10-15,20-15,55-16,20-17,10 -17,40 (anche festivo)-18,40-20,00 (anche festivo)-21,35 (festivo)-22,10 (anche festivo)-22,20 (festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 5.30 6.40 8.00 6.30 7.40 9.00 8.05 9.15 10.35 14.15 15.25 16.45 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 8.40 10.00 11.10 11.10 12.40 13.50 14.35 15.55 17.05 18.30 20.00 21.10 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

Sagittario 23 nov - 21 dic

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata rifletterete senza dubbio in termini sentimentali e questo potrebbe agevolarvi, nonostante possiate pensare che non sia assolutamente una buona idea. Non lasciatevi troppo condizionare da quello che ha da dire la vostra estrema razionalità, perché sarebbe un peccato non lasciarvi andare! Toro - Potreste essere contagiati dalle questioni che riguardano più che altro la vostra famiglia o un amico, ma che non occuperanno molto i vostri pensieri e non ne dovrete condividere le ansie. Il vostro, sarà un punto di vista utile, in quanto obiettivo e fuori dai meccanismi intricati che di solito ci sono in questi casi! Gemelli - Oggi cercherete di fare il vostro meglio per mantenere le cose così come sono, in quanto sono perfette. Il vostro equilibrio è stabile e non potete di certo lamentarvi. Tuttavia, non sarà semplice evitare che qualche evento si intrometta nella vostra serenità, in quanto è invece piuttosto normale vivere certe situazioni! Cancro - È altamente probabile che vi sentiate stanchi ed affaticati e nessuno vi potrà biasimare se cercherete di tornare prima a casa, lasciando anche qualche lavoro incompiuto. Del resto, non potete iniziare qualcosa senza aver concluso qualcos'altro, quindi prendetevi tutto il tempo che vi occorre per terminare i vostri progetti, con calma! Leone - Ci saranno delle questioni da affrontare con la massima calma e serenità, in quanto non potete assolutamente permettere che il vostro carattere, mandi all'aria qualcosa che avete costruito con tanto sacrificio, trattasi esso di un rapporto amoroso o d'affari. Per cui, quando avvertirete delle sensazioni sgradevoli, prendetevi del tempo per voi e poi parlate in secondo tempo! Vergine - In questa giornata, ci potrebbe essere un cambio di programma e questo potreste prenderlo bene, come anche male. Dipende ovviamente con quale stato d'animo vi alzerete in mattinata, comunque vi si consiglia di essere preposti in senso positivo, qualsiasi cosa accada, poiché accadrà per agevolarvi! Bilancia - Solitamente, gradite la compagnia di chiunque, purché si tratti di compagnia, ma oggi non vi direte molto propensi a fare da balia a qualcuno che parla più di voi e che ama mettersi in mostra, in quanto non ne avrete la pazienza necessaria e soprattutto avrete la luna storta! Non dovete per forza risultare simpatici, tuttavia potreste fare un piccolo sforzo! Scorpione - Avrete bisogno di un aiuto per mettere insieme i pezzi di una storia che non vi è molto chiara e su cui avete la necessità di fare luce per andare avanti e passare ad altro. Non abbiate scrupoli a chiedere in giro a chi potrebbe avere delle informazioni, in quanto è giusto sapere e togliersi dei dubbi se sono questi a bloccarci! Sagittario - Nessuno potrà fare a meno di notare la vostra grande professionalità, soprattutto perché nessuno sarà alla vostra altezza e sarete i soli capaci di risolvere, grazie alla vostra esperienza e disponibilità, alcune questioni molto importanti. Potreste trarre dei benefici da tutto ciò, ma non sempre lo farete! Capricorno - Oggi sarete estremamente attenti a tutto quello che avrete intorno e farete proprio bene a comportarvi in questo modo, poiché qualcuno a cui tenete in particolare o a qualcosa, come un progetto o un affare, potrebbe essere in difficoltà o risschiare di non realizzarsi, proprio per una distrazione, anche se non vostra! Acquario - In questa giornata, se verrete attaccati da qualcuno, difficilmente resterete in disparte e vi farete mettere i piedi in testa, anche se si dovesse trattare del capo! Farete bene pertanto a far valere le vostre ragioni, in quanto solo in questo modo potete riuscire ad ottenere ciò che volete, ossia rispetto! Pesci - Riflettete per conto vostro su qualcosa che ultimamente occupa i vostri pensieri molto più del solito e, le persone che vi vogliono bene, capiranno l'importanza del vostro comportamento e vi lasceranno in pace. Con gli altri invece, bisongerà mantenere un atteggiamento freddo e distaccato, in modo che possano capire anch'essi!


ANNO III - N° 219 - MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it AGNONE, BERNARDI: ‘A TRIVENTO HO ESULTATO PERCHE’ SONO EMOTIVO’

PALLAVOLO, PER LA FENICE ISERNIA E’ INIZIATO IL CONTO ALLA ROVESCIA

Scongiurato lo sciopero dei calciatori e dello staff tecnico. E’ tornato il sereno in casa Bojano dopo il fine settimana agitato che aveva fatto presagire il peggio. L’incontro tenutosi lunedì sera presso Palazzo Colagrosso tra l’assessore allo sport del comune matesino Colalillo, il direttore sportivo della squadra biancorossa Palumbo ed il capitano dei bifernini Galliano si è protratto sino alla mattinata di ieri nel corso della quale si è risolta, nel migliore dei modi, la situazione economica pendente e relativa al pagamento degli stipendi. Ieri pomeriggio, prima della seduta di allenamento, alcuni esponenti della società hanno consegnato al direttore sportivo Palumbo gli assegni circolari il cui importo va a coprire tutte le spettanze arretrate dei calciatori e dello staff tecnico. A PAG. 21

Parte col piede sbagliato la Visure on Line Ripalimosani che di fronte al pubblico amico stecca la prima inchinandosi ad un Basket San Vito, che sorretto dal veterano Pacaccio e dallo straripante Rubino, porta a casa il risultato, sbancando per la prima volta in 5 anni di C2 la Maccabi Arena. Sconfitta prevedibile visto la differenza tecnica fra le due compagini, anche se giocando in casa ci si sarebbe aspettato qualcosa in più dal punto di vista dell'energia e della cattiveria agonistica, caratteristiche queste, si spera possano essere, per il resto della stagione, il pane quotidiano di cui nutrirsi visto i tanti giovani presenti nel roster. Gli ospiti partono subito forte grazie alle folate del possente Rubino che imbeccato da Florio buca la retina avversaria da tutte le parti, scavando un piccolo solco già al 6' (4-13). A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Il gruppo proverà a compattarsi in settimana in vista della prova d’appello di domenica

Carannante chiede aiuto ai suoi Duro faccia a faccia ieri alla ripresa degli allenamenti tra staff tecnico e calciatori Sono ripresi nel pomeriggio di ieri gli allenamenti del Campobasso e ovviamente l’umore non poteva essere dei migliori. Anche se dal quartier generale rossoblù ci hanno fatto sapere che la situazione è tranquilla. Prima della seduta, che si è svolta presso l’antistadio di Selva Piana, c’è stato un duro faccia a faccia tra calciatori e staff tecnico. Per capire meglio cosa c’è che non funziona e soprattutto se le sconfitte, condite da pessime prestazioni, sono addebitabili ad un problema mentale o tecnico. Nonostante tutto il gruppo sembra essere unito e vuole compattarsi in questa settimana, anche perché domenica ci sarà la prova d’appello. Se non dovesse arrivare un risultato positivo ci sarà uno scossone e a pagare, come succede sempre in questi casi, sarà l’allenatore. Già abbiamo riferito ieri dell’esistenza di un taccuino su cui il presidente Capone

La rabbia di Carannante

GIUDICE SPORTIVO 2 Gare Moscelli (Brindisi) Gaglione (Catanzaro) Cucinotta (Milazzo)

avrebbe già annotato i nomi dei possibili sostituti di Carannante, vale a dire Cosco, Di Meo e Mandragora. L’ex tecnico della Pro Vasto sembra essere quello con le chance maggiori, anche perché ha già visto all’opera in due circostanze il Campobasso: alla prima in casa contro l’Aversa e a Brindisi. Più difficile la pista che porta a Vincenzo Cosco, visto che il trainer molisano richiederebbe delle ampie garanzie, soprattutto tecniche. Tuttavia mister Carannante si giocherà sino alla fine le sue carte, sperando che il gruppo che ha disposizione possa seguirlo maggiormente. Perché non sempre è stato così, soprattutto nelle ultime due partite. Domenica sarà la prova della verità e l’avversario di turno non sarà dei più agevoli. Al Selva Piana arriva il Trapani, ma giunti a questo punto il Campobasso dovrà pensare solo a sé stesso e a ritrovare orgoglio e dignità perduti. Lo

chiedono anche i tifosi che a Isola Liri hanno inscenato, a ragion veduta, la prima piccola contestazione stagionale. Ieri il gruppo si è allenato all’antistadio di Selva Piana, mentre per la giornata odierna è prevista una doppia seduta. Domani, invece, è in programma un’amichevole a ranghi misti. Il tecnico ha tutti gli uomini a sua disposizione, è rientrato in gruppo anche l’infortunato Posillipo, e per il match con il Trapani sarà assente il solo Gennarelli che deve scontare l’ultima giornata di squalifica. Intanto ieri è giunta una batosta dal giudice sportivo che ha comminato alla società rossoblù un’ammenda di 1.500 euro perché – si legge nel comunicato ufficiale – ‘propri sostenitori in campo avverso più volte durante la gara indirizzavano verso un assistente arbitrale numerosi sputi che lo raggiungevano in più parti del corpo.’ mdi

NUOVE NORME IN LEGA PRO

Obbligatorio segnalare il recupero. Al riscaldamento solo in tre

1 Gara Piro (Brindisi) Sarao (Vibonese) AMMENDE Campobasso (€ 1.500)

Mario Macalli

Nuove norme firmate Lega Pro a partire da domenica 10 ottobre. La Lega e il suo timoniere Mario Macalli hanno disposto che le società ospitanti dovranno comunicare i minuti di recupero decisi dall'arbitro al termine del primo e del secondo tempo, e su segnalazione

degli ufficiali di gara, utilizzando obbligatoriamente il sistema già in uso per le sostituzioni dei calciatori. Quest'ultimi dovranno inoltre scaldarsi nel numero massimo di tre per volta senza essere accompagnati da altri soggetti e, se possibile, alle spalle del

guardalinee posizionato vicino alle panchine. Dalla prossima giornata di campionato, insomma, gli allenatori non potranno, come da rito, mandare tutti i panchinari contemporaneamente nella zona di riscaldamento per mettere pressione ai giocatori in campo.

Catanzaro: Catanzaro contestazione dei tifosi che assediano il Ceravolo Esonerato il tecnico Zè Maria, arriva l’ex Vibonese Galfano Si è conclusa ieri - non senza alcuni tragicomici colpi di scena - il rapporto tra Zé Maria e l' FC Catanzaro. Lo conferma direttamente Giuseppe Soluri ai giornalisti presenti ieri al Ceravolo. Un licenziamento quello dell'allenatore brasiliano, ampiamente annunciato già ieri mattina e di cui per la verità si parlava già da qualche

tempo. Insieme all’ex calciatore di Perugia e Inter sono stati licenziati l’allenatore in seconda Di Pierro e il direttore sportivo Malù. Ora si attende soltanto l'arrivo di Galfano in via Paglia e l'ufficializzazione dell'accordo che porterà l'ex tecnico della Vibonese sulla panchina del Catanzaro. Nel

frattempo fuori dai cancelli dello stadio Ceravolo c’è stata una durissima contestazione alla società. Una mossa questa, che avrebbe costretto Soluri a rimanere a lungo all'interno dell'impianto "concedendo" udienza ad un paio di tifosi. rs

Zè Maria


S P O RT CALCIO SERIE D

Ho esultato per il gol di Milozzi ma il calcio è fatto anche di emozioni Parla l’attaccante agnonese Bernardi che domenica è stato criticato dai tifosi del Trivento Il pareggio strappato con le unghie e con i denti all’Acquasantianni di Trivento ha dimostrato che l’Olympia Agnonese c’è ed è viva. La squadra di Massimo Agovino domenica ha giocato una delle partite più belle dall’inizio del campionato, sia sotto il profilo tattico che caratteriale e questo certamente è un segnale positivo che lascia ben sperare in vista di una stagione che si preannuncia molto dura, per tutti, poiché il girone

Alberto Bernardi

è senza ombra di dubbio più tosto rispetto agli anni precedenti. Domenica è andato in scena il derby dei tanti ex, tra questi uno ha indossato la casacca gialloblù per due stagioni consecutive e domenica ha vissuto da avversario del Trivento( dopo averlo già fatto in Coppa Italia) la sua partita e lo ha fatto come sa fare un giocatore di classe ed esperienza quale è Alberto Bernardi il quale ci ha confessato che tornare all’Acquasantianni lo ha emozionato particolarmente: “Dico la verità: è stata una forte emozione tornare a Trivento da avversario. Però dopo il fischio iniziale dell’arbitro è passato tutto. E’ stata una bella partita, abbiamo recuperato lo svantaggio e senza presunzione credo che l’Agnonese non meritasse assolutamente di perdere”. A qualche tifoso gialloblù non è andata giù la sua esultanza dopo la rete di Milozzi. “ L’ho detto anche nei giorni precedenti al derby: non sapevo quale sarebbe stata la mia reazione anche perché è davvero difficile controllare le emozioni. Il calcio è fatto anche di passione, mi è venuto da esultare, l’ho fatto, lo rifarei e non me ne vergogno e

non me ne pento. Penso di non aver mancato di rispetto a nessuno, ora la mia squadra è l’Agnonese e credo non ci sia nulla di male nel gioire per un gol, tra l’altro importante visto che ci ha regalato il pareggio”. La sensazione comune è che la partita di domenica sia stata la migliore di quelle giocate fino ad oggi. Tatticamente e caratterialmente le due componenti hanno viaggiato di pari passo: merito del derby o la squadra sta pian piano acquisendo i meccanismi del tecnico? “Sicuramente la seconda delle ipotesi. Entrare nei meccanismi di gioco che richiede Agovino non è facile, lui pretende molto. Siamo una squadra giovane che

all’inizio ha incontrato qualche difficoltà proprio a livello di gioco però se a tutt’oggi siamo ancora imbattuti vuol dire che siamo una squadra dai valori importanti. Adesso con il passare delle settimane stiamo riuscendo a mettere in pratica tutto quello che ci chiede il mister durante gli allenamenti, dobbiamo ancora crescere tanto e lavorare ma penso che siamo sulla strada giusta”. Dopo aver fermato il Trivento, domenica contro la capolista Jesina si presenterà per voi un importante banco di prova. “Arriviamo bene a questa gara, con un po’ di amaro in bocca per il risultato di domenica scorsa e quindi ci sarà ancora più cattive-

ria e determinazione per fare risultato pieno e per far divertire i nostri tifosi in una partita così importante”. ANPA

LUTTO IN CASA GIALLOBLU’ La società Atletico Trivento si associa al dolore che ha colpito la famiglia del direttore sportivo gialloblù Bruno Grillo per la scomparsa del carissimo padre.

Il Real Rimini esonera Neri al suo posto Iacobelli Il Real Rimini F.C. ha sollevato dall´incarico l´allenatore Maurizio Neri affidando la conduzione tecnica della squadra ad Agostino Iacobelli che ieri ha diretto il suo primo allenamento a Torre. Il nuovo tecnico del Real Rimini Iacobelli ha 47 anni ed è nativo di Torre del Greco (Na). Da calciatore ha avuto una carriera ventennale, vestendo, tra le altre, anche le maglie di Napoli, Catanzaro, Empoli, Cremonese, Piacenza e Udinese. Tolti gli scar-

pini nel 1998, si è subito accomodato in panchina nel ruolo di vice di Vincenzo Guerini, prima a Terni, poi a Catania, quindi a Siena. Da lì è approdato alla guida della Berretti dell´Arezzo, ultimo step prima di sedersi da titolare sulla panchina di una prima squadra. Sansovino, Vis Pesaro, Ancona e Cuoiopelli Cappiano sono state le prime tappe della carriera di Iacobelli. Oggi l´inizio della nuova avventura in biancorosso.

BASKET SERIE C REGIONALE L’Olimpia Campobasso butta alle ortiche una partita già vinta contro un Martinsicuro che ha avuto dalla sua molta fortuna. Dinnanzi ad un “totem” della pallacanestro italiana come l’eterno Capone, i campobassani non si fanno intimorire. Vanno in campo senza paura e gettano il cuore immediatamente oltre l’ostacolo. Nei primi dieci minuti i locali tengono bene gli avversari che si affidano subito a Capone che in pochissimo tempo si prende ben 7 tiri. Il gioco in velocità e l’abilità di Mario Greco tengono a galla i molisani che fanno capire di essere sul pezzo. Nel secondo quarto, invece, gli abruzzesi vengono fuori. Senza eseguire nulla di eccezionale, Di Carlo e soci trovano con una certa regolarità la via del canestro, mentre dall’altra parte del campo cala la notte. Molti errori ed alcuni fischi arbi-

Per l’Olimpia fatali i minuti finali trali incomprensibili che annullano un paio di canestri validi di Calcagni sembrano segnare la gara. Nonostante tutto, si va al riposo lungo solamente sotto di dieci lunghezze e questo margine non ampio lascia sperare i numerosi tifosi di casa. Il terzo quarto vede un’Olimpia notevolmente cambiata. L’impatto che hanno Petrone e compagni sulla partita è semplicemente devastante. Romito e Greco si portano sulle spalle la squadra che incomincia a difendere alla grande e a segnare in attacco, prendendosi tiri aperti e puliti. Tutti danno il loro contributo ed in pochissimo tempo si materializza una rimonta splendida. Si arriva

agli ultimi dieci minuti con i ragazzi di Sabatelli in vantaggio sul 46-44 e con l’inerzia della partita che è tutta in mano ai giovanissimi di casa che riescono a ribattere senza paura ai tentativi di sorpasso dei rivali. Romito si appiccica a Capone e non gli lascia spazio, mentre Greco e De Nunzio segnano quelli che sembrano essere i canestri della redenzione. A 32 secondi dalla fine l’Olimpia conduce 63-58. La frase game over sta per calare, quando su un tiro di Di Francesco arriva una stoppata di Calcagni. La palla va fuori. L’arbitro in un primo momento assegna la rimessa ai locali per poi invertire la decisone. Sulla susse-

guente azione Capone viene perso dalla difesa e piazza la bomba del 63-61. La conseguente rimessa dal fondo dei molisani è da libro dell’orrore. Palla persa e canestro con fallo del solito Di Francesco. A 16 secondi dal termine, Martinsicuro è incredibilmente sopra 63-64. Gli ultimi secondi sono palpitanti. Petrone prova il tiro da tre, ma prende il ferro. Lo stesso giocatore recupera la sfera, ma gli viene fischiato fallo. Pulcini è freddo dalla lunetta e fissa lo score sul 63-66 per la gioia di Carducci e del suo team e per la disperazione dei giovani atleti di casa che pagano ancora una volta il fattore esperienza.


S P O RT VOLLEY MASCHILE SERIE A2

Geotec: inizia il count-down Mancano ormai solo 2 settimane all'inizio del campionato e in casa pentra si intensificano i lavori. Oggi amichevole a Castellana Al via il count-down in Casa Geotec Isernia. A meno 12 giorni dalla prima giornata di Campionato, che vedrà Sabbi e compagni confrontarsi con la neo promossa Gela, si intensificano i lavori di preparazione. Sarà una settimana particolarmente impegnativa per i ragazzi di mister Cannestracci che, oltre ai consueti allenamenti, si cimenteranno in un doppio confronto amichevole. Il primo,oggi, a Castellana Grotte, con la Materdomini, squadra allenata dal brasiliano Lattari, quest'anno sa-

lita nella massima categoria. Sarà un test probante per i bianco-azzurri, che potranno misurarsi con una squadra di livello superiore, verificare i progressi svolti fino a questo momento e lavorare per migliorare l'affinità con il nuovo palleggiatore. Sarà occasione gradita ritrovare nel campo avversario l'agnonese doc Stefano Patriarca, che tra l'altro quest'estate ha condiviso con Sabbi e De Paola lo stage con la selezione nazionale di lega under 23. Il secondo confronto della settimana vedrà spostarsi la

compagine molisana dal Tavoliere delle Puglie sul Lago di Bracciano, questa volta per affrontare in allenamento congiunto il team neo-promosso in A2, il Club Italia Aeronautica Militare Roma. La squadra romana, tra le più giovani del campionato in termini di età media, insieme all'Isernia, sarà una delle avversarie della nuova stagione 2010/2011. Tale confronto sarà un opportunità per il team del Presidente Domenico Cicchetti per iniziare a conoscere simulare una situazione di gara.

PALLAVOLO

ATLETICA LEGGERA

Il Memorial Silvana Giannattasio va all’Antoniana Volley di Pescara

Di Mario e Novelli trionfano al“Madonna del Rosario”

Domenica nella palestra del quartiere San Giovanni è stata di scena la pallavolo. L’Eurovolley, grazie al patrocinio dell’Assessorato allo Sport della Regione Molise e della Fipav Molise e alla collaborazione dell’Associazione Nostro Quartiere S. Giovanni, ha organizzato un torneo interregionale di pallavolo femminile cui hanno preso parte, oltre all’Eurovolley, l’Antoniana Pescara, lo Spadano Volley di Castel Frentano e il Mille Sport Volley di Scerni. La manifestazione è iniziata già in mattinata con le padrone di casa che hanno rotto il ghiaccio contro lo Scerni. La gara è andata all’Eurovolley che ha chiuso l’incontro 2-0 pur senza dilagare. E’il primo impegno stagionale e il gioco non è fluido, ma alla fine in campo si trova l’intesa e la fantasia per mettere la palla a terra e per esprimersi su discreti livelli considerando che la preparazione atletica è terminata da poco. E’ stata l’unica partita del torneo che è finita in due set. Le partite, infatti, si sono giocate al meglio dei tre set e tutte le altre gare hanno registrato la vittoria

di un set per la squadra perdente. Si prosegue con la gara tra L’Antoniana Pescara e il Castel Frentano che si giocano l’accesso alla finale. Entrambe le squadre sono molto concentrate e non ci tengono a perdere e ne viene fuori una partita combattuta che il Pescara vince 2-1 e con un set finito ai vantaggi. E’ una sorpresa perché la squadra pescarese sulla carta era quella meno accreditata e quella che disputerà il campionato di serie inferiore. Il Castelfrentano, da parte sua si presenta con una squadra priva dell’alzatrice titolare, ma con una sua degna sostituta ed altre giovani promettenti giocatrici provenienti dal settore giovanile. La finale per il terzo e quarto posto, nel pomeriggio, vede opposte lo Scerni ed il Castel Frentano che non avendo niente da perdere si affrontano a viso aperto e ricorrendo a diverse sostituzioni per provare tutta la squadra. Il terzo posto va al Castel Frentano che deve comunque sudare non poco per avere la meglio dello Scerni sulla distanza dei tre set. Bella partita con parziali molto alti e

gli immancabili vantaggi nell’ultimo set. Si arriva alla finale con le padrone di casa a giocarsi il torneo contro l’Antoniana Pescara. La partita è equilibrata con scambi anche molto lunghi. Alla fine l’ha spuntata la squadra abruzzese che ha fatto valere una difesa disposta molto bene in campo e una maggiore intesa tra le sue giocatrici. L’Eurovolley ha provato diverse soluzioni d’attacco e ha usato la panchina, ma non è stato sufficiente per avere ragione del Pescara che ha giocato una partita con una concentrazione apprezzabile per delle giocatrici così giovani. Alla fine il vero vincitore, però, è stato il numeroso pubblico che ha assistito a delle partite belle, combattute e giocate con entusiasmo dalle ragazze. Questo è stato forse il miglior risultato della manifestazione sia per l’Eurovolley che l’ha organizzata che per la famiglia Giannattasio. il memorial, infatti, è stato intitolato a Silvana Giannattasio, giovane atleta dell’Eurovolley scomparsa l’anno scorso. Quale modo migliore per ricordarla?

Ivan Di Mario della Pol. Molise e Ilaria Novelli del Cus Molise si impongono nel VIII Trofeo “Madonna del Rosario” tenutosi domenica scorsa. Nella splendida cornice di contrada Camposarcone alle porte di Campobasso,oltre 160 atleti in rappresentanza di una decina di società provenienti anche da fuori regione, hanno dato vita all’VIII

edizione della gara podistica su strada organizzata dalla Polisportiva Molise, che si è snodata su un impegnativo circuito da ripetere 6 volte per un totale di 8 Km. In un’atmosfera festosa, registriamo la numerosa partecipazione alle gare riservate alle categorie giovanili, vera e propria “mission” della società organizzatrice del tecnico Tonino Bussone.

23 ANNO III - N° 219

La partenza della gara

MERCOLEDÌ 6 OTTOBRE 2010



lagazzettadelmolise061010a