Issuu on Google+

ANNO VIII - N° 197 - GIOVEDÌ 06 SETTEMBRE 2012 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso atto n. 05 del 05/03/2005 - Direttore Responsabile: Franco Boccia - Direttore Editoriale: Diana Esposito Blob di A. Piccirillo sede legale: via Veneto, 113 - 80054 Gragnano (NA) Tel. 0874.438918 - Fax 0874.318087 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it Stampa: Centro Offset Meridionale srl Caserta Il lunedì non siamo in distribuzione La collaborazione è gratuita

GIORNALE SATIRICO

30.000 copie in omaggio

www.lagazzettadelmolise.it | redazione@lagazzettadelmolise.it

L’Oscar del giorno a Stefano Trotta

L'Oscar del giorno lo assegniamo al prefetto di Campobasso, Stefano Trotta. Sulla questione della riduzione del numero dei consiglieri regionali da 30 a 20 ha ricordato al presidente Pietracupa di procedere perché, diversamente, qualora si dovesse tornare al voto resterebbe tutto invariato. Di grazia, però, i consiglieri regionali non dovrebbero essere a conoscenza del fatto di dovere procedere alla riduzione numerica dell'assise? Nella loro funzione, non avrebbero dovuto già ad adempiere? Si vuole fare come per lo Statuto che dopo 10 anni non è stato modificato?

Il Tapiro del giorno a Filoteo Di Sandro

TERMOLI Il Tapiro del giorno lo diamo all'assessore regionale alla sanità, Filoteo Di Sandro. Proprio nel momento in cui la struttura commissariale pensa di chiudere un proprio Piano regionale, l'esponente di Giunta se ne sta in silenzio come questo passaggio fosse una cosa del tutto normale. Il Molise e i molisani, invece, pretendono, mai come in questa momento, che la politica sradichi quel senso di lotta da condominio o, peggio, da Foro Boario, e lotti per il mantenimento in vita delle peculiarità di questo territorio, sanità compresa.

Trivellazioni in mare, tutti d’accordo per chiedere al governo un ripensamento A PAG. 17

POST SISMA

L’Abruzzo ha potuto assumere i precari il Molise no Un assurdo A PAG. 7

REGIONE

Il prefetto richiama l’attenzione sulla riduzione del numero dei consiglieri A PAG. 5


TAaglio lto

2 06 settembre 2012

FOCUS C’è chi ben vedrebbe l’Asrem L’attività legislativa non può appendice della sanità abruzzese genuflettersi nè sottomettersi per tagliarci un altro brandello a chi viene da chissà dove

Ma la politica è molisana o è tragicomica? CAMPOBASSO. Stiamo vivendo esperienze tragicomiche. Non si riesce a capire se le piccole fastidiosissime vicende di un condominio siano la parodia della politica oppure è il contrario, la politica come parodia del condominio. Ci spieghiamo. La quarta commissione regionale ha licenziato, martedì sera, la proposta di Piano sanitario. Ora, se la politica vuole redimersi dalle litanie delle liti di condominio, deve portarlo in Consiglio regionale già dalla prossima settimana. Discuterlo ed approvarlo per dimostrare che ancora esiste. Tocca, per legge, al Consiglio l'approvazione del Piano e deve essere questo a fare valere il suo giusto e doveroso peso. I consiglieri regionali, al di la delle polemiche, sono stati eletti per rappresentare gli interessi di questa terra. Non è pensabile che il Piano lo faccia chicchessia commissario piovuto in Molise senza conoscerne storie, situazioni, speranze e afflati. Tutti i sistemi politici appaiono malati, nel senso che non danno soluzioni soddisfacenti ai problemi, o peggio sembrano essere loro stessi buona parte dei problemi. Tutti i “dottori” guardano con grande interesse a come sembra funzionare meglio il loro vicino, e suggeriscono di copiarne sia istituzioni che regole di funzionamento (della serie “l’erba del vicino è sempre più verde”). Tutti alla fine si ritrovano a concludere, dopo un minimo di approfondimento, è questo l’aspetto comico, che le soluzioni possibili ritenute meritevoli di essere copiate, non funzionano bene nemmeno nella loro versione originaria, e dovrebbero essere

L’Asrem ha ridotto il passivo e c’è a chi non va nemmeno giù CAMPOBASSO. Dobbiamo avere il coraggio di guardare al domani e costruire una sanità a dimensione e capace di soddisfare le esigenze dei molisani. L'Asrem, alla cui guida dal 2009 siede Angelo Percopo, partiva con 78 milioni di euro di debiti. Si è scesi a 41 lo scorso anno e si chiuderà il 2012 con 28 milioni. Ora, però, va riorganizzato il sistema per potere affrontare il domani in condizioni ottimali. A qualcuno, però, tutto questo non va giù? Forse, che fare dell'Asrem un'appendice della sanità abruzzese farebbe comodo? Forse, che dispiace che il Molise possa uscire dal Piano di rientro? Altre spiegazioni o giustificazioni non riusciamo proprio a trovarle. Oggi la regione ha la necessità di trovare le sue ragioni con l'obiettivo di disegnare una propria ossatura del sistema regionale. Riducendo quanto non serve, potenziando le eccellenze, integrando quello che è possibile e, a questo punto, si troverebbe anche con un bel gruzzolo di soldi tra le mani per migliorare, qualitativamente, interventi e prestazioni. Basta, perciò, all'uso del Piano di rientro come documento tecnico per identificare colpevoli, capri espiatori e spazi di razionalizzazione (e razionamento). Si pensi, invece a uno strumento di valorizzazione delle potenzialità, di prefigurazione di scenari a cui tendere. Girando il ragionamento all’inverso: occorre cambiare non per risolvere tanti problemi, pur veri, ma soprattutto per ambire a costruire un Servizio sanitario regionale moderno, efficiente, innovativo. Può sembrare una questione di lana caprina, ma non lo è se consideriamo quanto sia importante nella motivazione delle persone la comprensione e la condivisione della ragione per cui vale la pena lavorare, impegnarsi al di là dei propri interessi individuali e di gruppo. Per questo è importante, basilare, vitale procedere sulla strada intrapresa fuori dalle ingerenze di chicchessia. Una sfida, dunque, delineata sulle attese di cambiamento. E per questo una politica responsabile a tutti i livelli (capace di attutire i localismi della «geopolitica» frazionata, in competizione) ad un sindacato veramente partecipe del problema. Forse non è chiaro che in gioco è il futuro del Servizio sanitario. Non tanto la sua sopravvivenza, legata a filo doppio alla politica ed al consenso, e quindi ragionevolmente al sicuro. Quanto la sua natura ancora prevalentemente pubblica e tesa a massimizzare l’uguaglianza delle prestazioni. Se ci svegliassimo tutti, di sicuro, non sarebbe un male.

DISAVANZO

78

mln €

41

28

mln €

mln € 2010

2011

2012

Se non si ha la capacità di portare a compimento un’azione progettuale è meglio che si sbaracchi modificate prima di essere copiate, con le modifiche da apportare che rimangono così vaghe e imprecise, da riportarci più o meno, al punto di partenza. Siamo di fronte, forse, alla ennesima riconferma che “nessuno purtroppo ha la soluzione”, oppure, forse, alla ennesima riconferma che vale il paradosso in un certo senso contrario: i problemi si possono risolvere solo se tutti sono convinti che “fortunatamente nessuno crede più di possedere la

soluzione”. Ed allora, che il presidente del Consiglio Mario Pietracupa convochi l'assise per l'approvazione della proposta di Piano sanitario. E' l'occasione di riscatto offerta ad un organismo che non sempre ha dato bella prova di sè. Questa volta, invece, la politica deve avere il coraggio di fare scelte, di guardare al domani, di essere degna della funzione legislativa che gli viene dalla legge. Non approvare il Piano sanitario sarebbe l'ultimo sgarro al Molise.


TAaglio lto

3 06 settembre 2012

Il Piano sanitario va iscritto da subito in Consiglio regionale di Giuseppe Di Iorio CAMPOBASSO. Va dato atto al presidente della quarta commissione regionale, Lucio De Bernardo, dell'avere tenacemente voluto portare avanti la proposta, riformulata del Piano sanitario. Innanzitutto, perchè spetta al Consiglio regionale procedere su questa strada. Poi, perchè non è pensabile che il tutto possa essere gestito da un commissario che viene da Roma senza alcuna investitura popolare a dirimere una questione che viene da lontano. Il Molise deve ritrovare la propria forza come autonomia proprio dal Piano sanitario. In tal senso, il Piano Sanitario regionale intende assolvere all’impegno assunto con il Piano di rientro, individuando una serie di obiettivi e di azioni per garantire adeguate risposte ai bisogni di salute dei cittadini, partendo dalle criticità sinora emerse nella nostra Regione e pienamente espresse nel Piano di rientro, nonché dall’insieme di dati e condizioni che caratterizzano l’attuale servizio sanitario molisano. Valutare la sostenibilità economica dell’assistenza sanitaria e l’effettiva erogazione dei Livelli Essenziali di Assistenza, nonché l’appropriatezza delle prestazioni risulta essere sem-

Perché approvare il piano sanitario Le decisioni relative alla nuova ossatura del sistema devono essere assunte da chi è stato eletto e non da chi pensa solo al fatto economico e non già ai cittadini Perché

Eletti esautorati dal proprio ruolo di programmazione In questa maniera il confronto ha perso il suo fascino e non ha più il linguaggio e la storia di una volta Perché

La politica è importante, perché è il luogo di valori e interessi comuni, è il luogo in cui conta la cittadinanza Se così non è cosa rappresenta quell’aula? Perché

Il tentativo è quello della struttura commissariale di esautorare l’assise pre più indispensabile e diviene, pertanto, uno dei principi a cui si ispira l’intero Piano. Le linee sin qui tracciate rappresentano la risposta adeguata per un accettabile riequilibrio tra l’insieme dei bisogni sanitari e sociosanitari dei nostri cittadini e le risorse disponibili intendendo, così, sostenere una sanità non intesa solo come un costo ma, soprattutto, come un investimento diretto al miglioramento della qualità della vita delle persone, a beneficio di tutta la società. Al contrario, si rischia che la struttura commissariale definisca un proprio percorso, un proprio Piano che, di fatto, cancella il Molise dal punto di vista della sua stessa autonoma gestione dei problemi legati al mondo della salute. Ecco perchè bisogna che il Piano regionale trovi nel Consiglio la sua sede opportuna per essere approvato. Anche il Tar, nella decisione in merito all'ospedale di Venafro, ha sottolineato come tocchi all'organo regionale procedere al ridisegno dell'ossatura del servizio sul territorio. Ed allora che i contenuti di questo documento trovino spazio nell'agenda dei lavori consiliari. Subito.

La questione. Non si tratta di vendere una vacca o il vitello. In gioco ci sono i destini di una regione

CAMPOBASSO. Sempre ragionando sul filo del paradosso, e spostandoci al foro boario, si potrebbe osservare che la vacca o il vitello di turno cambiano proprietario, con le strette di mano vigorosissime e un po’ teatrali cui qualche volta si è avuto la ventura di assistere in un lontano passato, solo se il prezzo sul quale alla fine si concorda è ragionevolmente vicino alle attese di venditore e compratore, e se ciascuno dei due ritiene basso il rischio di essere fregato dall’altro: in caso contrario, tutti perdono il loro tempo. Il modello “foro boario” non prevede il parere della vacca o del vitello, che invece ha un certo peso quando l’oggetto dello scambio sono gli interessi

Non si può essere al Foro Boario e lasciare la mano a chi è di fuori degli elettori, che possono essere fregati per un po’, ma non sistematicamente. Così, sulla sanità la politica non può lasciare campo aperto ai commissari. Abbiamo avuto modo già di scriverlo in una precedente edizione: basta con i commissari. Il Molise ha le forze per potere fare da sè. Tra l'altro, la situazione economica è migliorata di gran lunga rispetto al 2009 tanto che già da quest'anno si potrebbe chiudere il bilancio in pareggio. Ciò significa che il Molise potrebbe uscire dal

Piano di rientro. Fermo restando la necessità di chiudere le passività pregresse. Ma è già un gran bel risultato senza, poi, avere chiuso granchè. E' su questo che bisogna gettare il cuore oltre l'ostacolo rappresentato dai commissari. E' su questo che la politica deve ritrovare lo scatto d'orgoglio per non restare sotto i piedi di strumenti invasori proiettati in questa terra per risanare un qualcosa che, sicuramente, sarà andato pure storto ma è compito di chi legifera correggere. Basta,

allora, con i commissari. Qui ognuno deve tornare a giocare il proprio ruolo. Quello del Consiglio regionale è di approvare le proposte di indirizzo e programmazione. A partire, proprio, dal Piano sanitario. Intende derogare questo diritto, sancito dalla legge ma definito dagli elettori, ai commissari? Intende trasformare tutto in sorta di Foro boario? Noi ci auguriamo, sinceramente, di no anche perchè, ne siamo certi, i molisani trasalirebbero senza distinzioni di colori di maglie.


TAaglio lto

4 06 settembre 2012

Lo Statuto in vigore non fissa alcun numero e dunque la normativa va subito applicata

Taglio dei consiglieri, Petraroia: va recepita la legge. La riduzione va fatta automaticamente CAMPOBASSO. Si dice perplesso il consigliere regionale del Pd, Michele Petraroia, in relazione alla missiva che il prefetto di Campobasso Trotta ha inviato al presidente del Consiglio per sollecitare la revisione dello Statuto in ordine al numero dei consiglieri da eleggere. L’esponente di opposizione non è convinto che quella sia la strada da seguire. E lo dice con estrema chiarezza, come è suo stile. Consigliere cosa pensa dell’appello accorato del Prefetto a procedere rapidamente alla revisione dello Statuto? “Resto perplesso tanto è vero che ho già dato incarico ad alcuni esperti per valutare la nota in termini operativi”. Dove risiede la sua perplessità? “Laddove si menziona il rinvio al disposto statutario che precluderebbe la possibilità di far attivare da subito la riduzione automatica a venti unità. Avevo sollecitato, con apposita nota, il ministro degli Interni lo scorso 24 luglio. Qualche giorno fa è giunta la risposta. In sostanza è stato ritenuto ammissibile il quesito che avevo posto trasmettendo il tutto al Gabinetto del ministro dell’Interno affinché provvedesse a riscontrare la mia tesi”. E qual è la sua tesi? “Non essendoci un numero individuato nello Statuto oggi in vigore, che risale al 1971, si può applicare in modo automatico la norma nazionale, l’articolo 14 della legge 148 del 2011 in sostituzione della 108 del 1968, che è una legge ordinaria dello Stato che sancisce oggi l’assegnazione di trenta consiglieri al Molise. Nel momento in cui c’è una nuova legge che disciplina la stessa materia, si da per acquisito che que-

L’esponente del Pd esprime perplessità sulla via individuata per portare a venti il numero degli inquilini di palazzo Moffa st’ultima sostituisca la precedente, altrimenti non si comprende la ratio. Un conto è il rinvio alla disciplina dello Statuto, che è la carta fondativa della Regione, deve essere adottata in doppia lettura, va pubblicata in Gazzetta Ufficiale. A differenza di altre Regioni a Statuto ordinario, al momento non troviamo nessun articolo nel quale diciamo che il Consiglio è composto di 30 consiglieri”. Cosa proporrà? “Io proporrò un quesito aggiuntivo, un sollecito al ministero dell’Interno perché debbono argomentare in termini amministrativi e legislativi per quale motivo, per il Molise, non c’è l’immediata applicabilità della riduzione a venti consiglieri”. Lei ha letto la nota del Prefetto? “L’ho letta e riletta. Ma voglio ricordare che il nostro Statuto, quello che prevede il numero dei consiglieri non è mai stato promulgato. Quello in vigore non ne prevede e c’è una legge ordinaria nazionale che stabilisce che i consiglieri da trenta passano a venti. La legge nazionale automaticamente è in vigore perché non è subordinata a nulla”. Consigliere, ma è un pasticcio. Come se ne viene fuori? “Io sono rimasto oggettivamente sorpreso, non lo nascondo. Sarà mia cura fare i necessari approfondimenti e spero che il ministero degli Interni

possa darci ulteriori delucidazioni. Io voglio capire per quale motivo non si applica la legge automaticamente. Tornerò a sollecitare questo aspetto. Da un lato c’è un governo nazionale che adotta delle leggi in tutti i settori per contenere la spesa pubblica, anche con danni pesanti sui cittadini e dall’altro arrivano provvedimenti nei confronti delle istituzioni e delle amministrazioni, si adottano le leggi ma non possono entrare in vigore. Vorrei capire perché. Penso che non avendo uno Statuto che prevede il numero dei consiglieri possa essere un vantaggio per noi”. Perché? “Perché oggi c’è una legge nazionale che dispone la riduzione. Si applica la riduzione. Punto. Non vedo perché si debba andare tanto per il sottile, la situazione è così chiara che non trovo ragioni per le quali si

Non comprendo le motivazioni per le quali in Molise non si proceda come per le altre Regioni

Si parla di razionalizzare la spesa ma quando si tratta della politica c’è sempre un cavillo che fa slittare tutto

debbano seguire altre strade”. Eppure nella nota della prefettura si dice altro. “Lì si fa un ragionamento secondo il quale, per evitare rischi interpretativi, meglio modificare lo Statuto, quello in cui si fissa a 32 il numero dei consiglieri, lo si porta a venti recependo la normativa nazionale, si fanno trascorrere due mesi, il tempo necessario per la riapprovazione da parte dell’Aula delle modifiche statutarie, dopodichè si fa la promulgazione sulla Gazzetta Ufficiale e si può procedere. Questo ragionamento non fa una grinza, qualora noi avessimo avuto in vigore uno Statuto che prevedeva 32. Noi questo non ce l’abbiamo. Se non è stato promulgato come si fa? Continuo a sostenere che la riduzione vada applicata automaticamente. C’è una legge che è estremamente chiara. Perché non si applica? La mia posizione è anche un po’ risentita perché quando si tratta di ridurre i costi istituzionali o della politica c’è sempre quel cavillo che fa slittare le cose sempre a babbo morto. Non lo trovo corretto”.


TAaglio lto

5 06 settembre 2012

Statuto e legge elettorale, il Prefetto pungola il Consiglio Se la politica decide poco perché manca lo spirito di Giuseppe Di Iorio Oggi la politica decide poco, perché è tutto già deciso in altre sedi, abbiamo tutti la percezione che la politica conta sempre di meno, è esautorata dal suo ruolo, è diventata sempre più amministrativa, ha perso il suo fascino e non ha più il linguaggio e la storia di una volta. E non a caso, è stato ancora una volta il prefetto di Campobasso a richiamare l'attenzione del Consiglio regionale sulla necessità di legiferare su numero dei consiglieri e legge elettorale. Lo aveva già fatto per altre occasioni così come per la sanità, il Piano, vorrebbe scriverlo il commissario Filippo Basso. In principio erano le idee, poi fossilizzate nelle ideologie, che sono nuclei di principi astratti, sistemi che si contrappongono alla realtà, frutto di una cultura militante e di una visione politica rigida che produce orrori. Caduti muri e sistemi, siamo giunti alla politica della "faccia", dovuta ad un processo di americanizzazione, accentuato dal sistema maggioritario, che ha svilito la politica a banale spettacolo. Anzi, ad avanspettacolo senza politica. Intanto, però, passando da un’epoca ideologica alla politica spettacolo, si sono smarriti per strada sia i valori culturali, sia gli stessi partiti, che sono oggi soltanto dei "terminali spenti", incapaci di svolgere le loro due funzioni principali: la progettualità e la scelta della classe dirigente. In altri termini, la capacità di autorigenerarsi. Conseguenza: "la politica si fa fuori dai partiti". Ecco spiegata l'evanescenza del Consiglio regionale del Molise dinanzi alla necessità di adottare provvedimenti, di svolgere il ruolo di programmazione e di progettualità. Eppure, la politica è importante, perché è il luogo di valori e interessi comuni, è il luogo in cui conta la cittadinanza. La politica è specchio del sentire comune, è luogo di transito di valori condivisi. Dinanzi, però, a quanto non si ha nell'aula del Consiglio regionale siamo solo in presenza di vuote parole. Tanto da portare al richiamo del prefetto. E, allora, scusateci, cosa ci stanno a fare i consiglieri regionali?

CAMPOBASSO. La questione è seria e la politica stavolta deve fare la propria parte, assumersi le proprie responsabilità: se il Consiglio di Stato, il prossimo 16 ottobre dovesse confermare la sentenza del Tar di annullamento delle elezioni, il Molise tornerebbe al voto per eleggere 30 consiglieri più il presidente. Un rischio paventato dal Prefetto di Campobasso, Stefano Trotta, nella missiva fatta pervenire al presidente del Consiglio regionale e a quello della Giunta. In sostanza il rappresentante del Governo ha invitato caldamente gli inquilini di palazzo Moffa ad adeguare lo Statuto regionale, fermo al 1971, alle prescrizioni previste dal decreto legge 138

Il presidente Pietracupa: non possiamo tornare a votare per eleggere trenta consiglieri del 2011 approvato dal Governo. Un provvedimento inserito tra i provvedimenti previsti per razionalizzare i costi della politica e che stabilisce la riduzione del numero dei consiglieri regionali. In particolare il Consiglio regionale passerebbe dagli attuali trenta a venti. I contenuti della nota sono stati illustrati dal presidente dell’assemblea legislativa di palazzo Moffa, Mario Pietracupa, nel corso della conferenza stampa convocata ieri con urgenza. Perché urgente è l’argomento trattato. Il presidente, confortato anche dal sostegno e dal parere dello stesso Prefetto circa l’operatività del Consiglio in questa delicata fase, ha sottolineato la necessità di procedere in tempi brevi nella riforma statutaria, a cui è collegata anche quella della legge elettorale. Due atti che rientrano tra quelli urgenti ed indifferibili e come tali possono essere adottati dal Consiglio in questa particolare fase. Un appello, dunque a tutte le forze politiche affinché mettano da parte le divergenze e si confrontino sulla riforma statutaria e su quella elettorale. Perché il Molise non può correre il rischio di tornare ad eleggere trenta consiglieri. Sia perché si prefigurerebbe un conflitto tra il Governo e la Regione, sia perché sarebbe moralmente inaccettabile. “A quel punto ognuno dovrà assumersi la responsabilità delle proprie scelte”, ha commentato Pietracupa che ha anche ipotizzato, come estrema conseguenza, un commissariamento ad acta qualora la Regione risultasse inadempiente.

Conferenza stampa per illustrare i contenuti della missiva inviata dal rappresentante del Governo Insomma commissari da tutte le parti, come ha sottolineato lo stesso presidente, ricordando anche la questione legata al piano sanitario. “L’assemblea legislativa deve poter esprimere la propria opinione - ha precisato – Mentre in Campania il Consiglio regionale ha provveduto a rimodulare cinquecento posti letto, malgrado il pesantissimo deficit, qui noi non possiamo fare nulla, sembriamo gli scemi del villaggio. Fanno tutto i commissari. Anzi, a proposito: verificherò quanto ci costano, visto che a tutti noi è stato chiesto di fare sacrifici, data la difficile situazione finanziaria”. Un presidente intenzionato a dare maggiore peso al Consiglio regionale, convinto, mai come in questo momento, della necessità di dare vita ad un governo di larghe intese. Ora la palla passa alle forze politiche presenti in aula. Ed alle opposizioni. amdm

Leva: il Pd garantirà la massima collaborazione “Il Pd garantisce la massima e leale collaborazione nell’intessere un confronto proficuo con le altre forze politiche, purché la riforma trovi compimento”. E’ il commento del segretario regionale del partito, Danilo Leva, alla nota che il prefetto ha inviato al presidente del Consiglio circa la necessità di procedere nella riforma statutaria. Leva chiede che venga convocata immediatamente una

sessione specifica del Consiglio per affrontare l’argomento. “Si tratta di un atto urgente e indifferibile – ha affermato Leva – in ordine al contenimento della spesa. Altrimenti ci troveremo a vivere un paradosso, col Molise che, nonostante la sentenza numero 63 del 2012 della Corte Costituzionale, rappresenterebbe un’eccezione negativa nel panorama italiano”, ha concluso.


TAaglio lto

7 06 settembre 2012

La contrapposizione. La Regione Molise ha dovuto sospendere i contratti a L’Aquila si è passati al tempo indeterminato

Ricostruzione, l’Abruzzo potrà assumere i precari CAMPOBASSO. Due pesi e due misure. La Regione Abruzzo, con apposito Decreto legge, è stata autorizzata dal Governo nazionale all’assunzione a tempo indeterminato del personale impegnato per la ricostruzione a seguito gli eventi sismici del 6 aprile 2012. La Regione Molise, dopo la cessazione dello stato di criticità al 30 aprile 2012 e per continuare ad assicurare l’efficace esercizio delle competenze regionali in materia di protezione civile e di difesa e sviluppo del territorio a seguito degli eventi sismici del 31 ottobre 2002, è dovuta

intervenire con la Legge regionale 30 aprile 2012 n. 12, istitutiva dell’Agenzia Regionale di Protezione Civile, quale ente strumentale della Regione Molise. L'Agenzia, tra l’altro, è autorizzata al reclutamento di personale a tempo determinato “per una durata fino a ventiquattro mesi, prorogabili per un massimo di ulteriori dodici mesi”, procedura che si sta attuando attraverso appositi bandi di selezione. Il Consigliere Romagnuolo non ha dubbi. Per l’esponente politico di Progetto Molise, “non possono verificarsi disparità di trattamento per

cittadini appartenenti alla stessa Repubblica”. Con queste motivazioni e attraverso una mozione urgente presentata al presidente del Consiglio regionale, Mario Pietracupa, ha chiesto di “attivare l’iter governativo per uniformare alla normativa statale prevista per la Regione Abruzzo, anche la condizione del Molise e, quindi, di poter procedere all’assunzione a tempo indeterminato del personale che ha svolto servizio per la ricostruzione postsisma del Molise dal 2002 al 2012”.

L’interrogazione. Dopo i problemi che sono stati registrati negli ultimi tempi

CAMPOBASSO. In seguito all’incontro che si è svolto tra l’assessore regionale ai Trasporti ed i vertici dell’azienda ATM per affrontare la vertenza dei lavoratori senza stipendio, interviene il consigliere regionale di Costruire Democrazia Massimo Romano indirizzando una richiesta di accesso agli atti urgente agli Assessorati ai Trasporti e alle Finanze. L’intervento mira a chiarire la vicenda dal punto di vista societario, acquisendo dati ed elementi che Romano chiede ai competenti uffici di accertare in quanto potrebbero integrare gli estremi della revoca delle concessioni in essere e di quelle volturate dalle ditte successivamente confluite nell’Atm, con ogni risvolto anche rispetto alla gara d’appalto per l’affidamento del servizio che dovrebbe completarsi nelle prossime settimane. Ulteriore aspetto preso in considerazione dal consigliere

Atm, l’opposizione chiede di verificare i parametri societari Romano, quello delle problematiche relative al piano di rientro di circa 30 Milioni di euro che la Regione sta tentando, non senza difficoltà finanziarie e contrattuali, di concludere con gli istituti bancari cui le ditte del Tpl avrebbero ceduto il credito vantato nei confronti della Regione. In primo piano, nell’intervento di Romano, le spettanze pregresse dei lavoratori ed il rischio di licenziamenti derivante dalla riduzione dei chilometri posti a gara per effetto dei tagli statali e regionali. E la denuncia che della riforma della mobilità regionale integrata non si vede neanche l’ombra.

La manifestazione. L’Unimol incontra l’America latina

Coesione sociale con lo sguardo al futuro CAMPOBASSO. Si intensificano gli scambi culturali ed i programmi tra l’Università degli Sudi del Molise e le istituzioni universitarie dell’America Latina. Nella tarda mattinata di ieri, presso gli uffici del Rettorato, il rettore Cannata si è incontrato con una delegazione accademica e istituzionale colombiana, guidata dal prof. Francisco Angel Franco, rettore della Fundación Universitaria Católica del Norte (UCN) (Medellin, Colombia). Presente anche il dott. Luigi Grando, responsabile per l’America Latina del CISP, il Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Po-

poli. Scopo dell’incontro è stato quello di instaurare un proficuo rapporto di collaborazione in ambito formativo e didattico, con la possibilità di avviare reciproche relazioni di cooperazione economica, formativa, didattica soprattutto nell’ambito della promozione e pianificazione strategica partecipativa. Un momento, dunque, di confronto, di dialogo e di scambio culturale e scientifico nel conteso più generale del Programma di cooperazione regionale di educazione superiore tra l’America Latina e l’Unione Europea ALFA III, che vede tra i partners diverse

università del Sud America e due istituzioni europee: il Centre de Formaciò (Spagna) ed, appunto, l’Università degli Studi del Molise. E’ stata ribadita, da parte di tutti, l ‘opportunità di continuare a sviluppare ogni forma di reciproca relazione istituzionale, nonché di aumentare, ancor di più, la capacità di incidenza degli Istituti di Istruzione Superiore nei processi di pianificazione strategica partecipativa per la promozione della partecipazione democratica e la coesione sociale nei contesti territoriali nazionali, europei e d’oltreoceano.

All’incontro ha fatto seguito una breve visita al Campus universitario. Il rettore Cannata e il prof. Massimo Bagarani, referente Unimol per il progetto, hanno accompagnato gli ospiti nella Biblio-

teca di Ateneo e nella nuova Residenza universitaria, per soffermarsi poi nell’Aula Magna per poi proseguire alla volta del Parco Scientifico e Tecnologico “Moliseinnovazione”.


8

Regione

06 settembre 2012

Il progetto Cluster club.

Fiera della nautica, le aziende dell’area Adriatica s’incontrano in Croazia CAMPOBASSO. La Camera di Commercio di Campobasso, in qualità di partner del progetto Cluster club, sta collaborando con il partenariato di progetto all’evento che si terrà durante la Pula boat fair, il 18 ottobre a Pola, in Croazia, nella Marina Veruda. L’occasione è importante per le aziende dell’area adriatica - che già operano o che vorrebbero operare nel settore della filiera nautica nonché nei settori di subfornitura alla stessa (legno, meccanico, plastica-gomma, tessile, altri servizi/prodotti per nautica e cantieristica navale) - per conoscere altre imprese dello stesso settore. Nell’occasione, infatti, saranno organizzati incontri tra le aziende con l’obiettivo di presentare e conoscere nuovi prodotti e servizi, esplorare nuove opportunità di business, trovare nuovi potenziali clienti e fornitori, trovare partner per joint venture e progetti di innovazione. Per registrare la propria azienda e richiedere di partecipare all’evento è necessario collegarsi al sito h t t p : / / w w w. b 2 m a t c h . eu/pula-boat-fairb2b/participants/new procedendo ad una registrazione on-line con l’immissione di propria password entro e non oltre il 21 settembre 2012. Ciascuna azienda utilizzerà pertanto le proprie creden-

ziali di ingresso per accedere al sistema contenente i profili aziendali delle imprese iscritte, selezionando le imprese che ritiene più attraenti per il proprio business e richiedendo di incontrarle

(operazione possibile dal 27 settembre al 5 ottobre). Sulla base delle richieste registrate verrà elaborata un’agenda personalizzata per ciascuna azienda contenente il programma degli incontri

da tenersi in occasione del business to business event del 18 ottobre. Ogni incontro avrà una durata di circa 20 minuti. Per approfondimenti sulle condizioni e modalità di par-

tecipazione, si invitano le imprese interessate a visionare l’informativa disponibile sul sito web della Camera di Commercio, nella pagina dedicata al progetto Cluster club.

Notizie dall’Europa.

Crisi eurozona, Patriciello: “Dobbiamo difendere la moneta unica BRUXELLES. “Ci troviamo in un momento storico di profonda crisi economica, con problemi di crescita e occupazionali che toccano tutti gli Stati membri; in tale contesto l’UE deve tutelare i mercati finanziari e la moneta unica difendendoli dalle speculazioni. Una disponibilità a tutelare e difendere l’unione monetaria che ci ha ribadito il Presidente della Banca Centrale Europea, Mario

Draghi, che ha comunque riconosciuto una graduale ripresa in corso nonostante il momento di difficoltà”. Così l’on. Aldo Patriciello a seguito delle dichiarazioni del Presidente della BCE nel corso di un incontro privato avuto con i deputati membri della Commissione Affari Economici e Finanziari presso la sede del Parlamento Europeo di Bruxelles. Draghi ha espresso la possibilità di acquisto, da parte della Banca Centrale Europea, dei titoli di stato a breve scadenza rispettando l’interpretazione dei Trattati e lo Statuto della BCE; Draghi ha poi ribadito la necessità di una “politica monetaria integrata con il mercato unico”. “L’acquisto di bond a breve termine, e in generale le azioni calmieranti annunciate dalla Banca Centrale Europea, – continua Patriciello – potrebbero rivelarsi in un momento di difficoltà rilevanti

per il rilancio della nostra economia e dell’integrazione europea. Il nostro obiettivo dovrà essere quello di porre in essere tutti gli interventi possibili per la crescita al fine creare e promuovere nuove e migliori opportunità occupazionali senza le quali l’Eurozona non potrà andare avanti. La BCE in tutto questo ha un ruolo importante perché ci aiuta a contrastare la speculazione dei mercati e lo stress finanziario ed economico che ne deriva. Un’unione monetaria e politica insieme al patto di bilancio di cui ha parlato Draghi potrà garantire stabilità in linea con gli interventi della Commissione Europea che la settimana prossima presenterà una proposta in materia di unione bancaria. Solo attivando interventi mirati potremmo effettuare una reale ricostruzione dell’Eurozona assicurando a tutti gli stati sicurezza e sviluppo”.


9

Regione

06 settembre 2012

Il vademecum.

Scuola: come spendere meno per i libri CAMPOBASSO. La scuola sta per ricominciare e le famiglie sono alle prese con gli acquisti dei libri e del corredo scolastico. Quest’anno la spesa si presenta particolarmente onerosa, a causa della crisi che ha colpito il Paese. Eppure per l’acquisto dei libri di testo è sempre possibile risparmiare seguendo alcuni accorgimenti. Questi i consigli di Adiconsum: acquistare i libri di testo o a lista docenti confermata, in quanto il professore che subentra all’inizio dell’anno scolastico ha la facoltà di adottare nuovi libri; verificare se vi sono o testi obbligatori all’interno dell’e elenco dei libri consigliati; se si è in possesso di un reddito Isee basso, attendere la circolare della scuola con la specifica del tetto di Isee al di sotto del quale è possibile ottenere il buono per l’acquisto dei libri e del corredo scolastico; acquistare i testi presso i grandi magazzini: molte catene di supermercati consentono di prenotare e i libri del prossimo anno scolastico applicando

sconti o offrendo buoni spesa ai i possessori di carte fedeltà, per un risparmio che varia dal 10 al 20%; acquistare un corredo base e poi effet-

tuare, di volta in volta, gli acquisti necessari, seguendo le promozioni dei supermercati. Adiconsum ricorda che e dall'Anno scolastico 2011/2012 gli

istituti scolastici sono tenuti ad adottare libri di testo in formato misto (cartacei a accompagnati da supporti informatici, quali cd o dvd) o interamente scaricabili da internet (e¬book). Si ricorda, inoltre, che i il ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, pubblica ogni anno, per ogni classe ed ogni scuola secondaria di I e II grado i tetti di spesa dei testi scolastici che gli istituti sono tenuti a non superare (il ministero consente uno sforamento al massimo del 10%). In caso o di non rispetto, l’invito è quello di segnalare la scuola alle sedi territoriali Adiconsum di Campobasso (via Ziccardi n. 10, dal lunedì al giovedì dalle 15 5:30 alle 18:00), Isernia (via Gorizia n. 23 3, giovedì dalle 10:00 alle 13:00) e Termoli (corso Nazionale n. 170, venerdì dalle 9:30 alle 11:30), oppure scrivendo sul gruppo Scuola Adiconsum di Faceboook. Per ogni ulteriore informazione si ricordano i nostri recapiti: tel. 0874.478721 – mail: molise@adiconsum.it.

Dopo la pubblicazione dei dati di Altroconsumo. di Tiziano Pizza Riceviamo e volentieri pubblichiamo il commento di Tiziano Pizza, portavoce della Confcommercio di Campobasso, dopo la pubblicazione dei dati diffusi da Altroconsumo e pubblicati in questi giorni sui media nazionali e locali: “I centri commerciali, nel capoluogo molisano, monopolizzano il mercato e grazie a strategie politiche fallimentari e ad un evidente regime di concorrenza sleale sono in grado di fare il buono e il cattivo tempo e di speculare al meglio sulla spesa dei cittadini. Risultato? Campobasso, come rivela l’indagine di Altroconsumo, è la

Spesa senza risparmio, Confcomemrcio: sconfitta per tutti città in cui (negli ipermercati e supermercati e discount) si risparmia meno. Davvero un brutto risveglio per tutti coloro (amministratori, osservatori e specialisti di ogni ordine e grado) che hanno voluto farci credere che l’attuale sistema economico cittadino portasse immensi benefici al contesto sociale. A questo punto la sbornia è ufficialmente finita e la pro-

paganda vale meno di zero. La realtà rivela che le preoccupazioni della Confcommercio hanno più di un fondamento e che la sua battaglia non è solo di ‘categoria’ e non riguarda soltanto la sopravvivenza dei tanti piccoli negozi locali costretti in questo decennio ad abbassare la saracinesca ma anche la tutela di consumatori che, in un periodo di profonda crisi come questo, son costretti a pagare a caro prezzo (e proprio il caso di dirlo) scelte che hanno favorito pochi a discapito dell’intera comunità. E’ una sconfitta per tutti. Tranne ovviamente per chi si è arricchito sulle spalle dei campobassani. E’ anche l’inizio, però, di una nuova ‘stagione’, in cui il ruolo dei piccoli punti vendita – alla luce di questi numeri – sarà presto rivalutato non solo per il già

ben noto e consolidato servizio sociale che offrono alla cittadinanza ma anche dal punto di vista strettamente economico. Perché gli slogan

delle cosiddette ‘cattedrali della spesa’ hanno ormai perso credibilità e i consumatori sapranno valutare il vero risparmio”.

L’ufficio marketing de seleziona agenti pubblicitari, con età massima di 38 anni, per le zone di Campobasso, Isernia e Termoli in possesso di partita IVA e auto muniti. La raccolta pubblicitaria è per carta stampata e Quick Reporter, le news in diretta su IPHONE e IPAD. Info: 0874 438918 - fax 0874 318087 E-mail: commerciale@lagazzettadelmolise.it


10 06 settembre 2012

Campobasso

In piazza Municipio.

Happy hour, happy job: manifestazione informativa per la formazione e il lavoro CAMPOBASSO. La Sicurform Italia, ente di formazione accreditato dalla Regione Molise, nell’ambito del programma di iniziative volte ad informare ed orientare i giovani molisani

circa le opportunità nei settori della formazione, del mercato del lavoro, dell’imprenditorialità giovanile e della mobilità internazionale, nei giorni venerdì 7 e sabato 8 settembre, dalle ore 18 in piazza Municipio a Campobasso, promuove la manifestazione “Happy Hour, Happy Job! Dai la giusta direzione al tuo futuro”. L’evento prevede l’allestimento di alcuni stand informativi presso i quali sarà possibile raccogliere notizie utili, suggerimenti, materiale promozionale e una consulenza qualificata in merito ai corsi di formazione organizzati dalla Sicurform Italia e le nuove opportunità offerte, in questi settori, dalla Regione Molise e dai programmi comunitari. Grazie all’assistenza tecnica

Piazza Municipio

degli esperti di Sviluppo Italia Molise, presente in un’area dedicata, sarà possibile inoltre richiedere un accompagnamento personalizzato circa i finanziamenti e le agevolazioni per lavorare in proprio (auto impiego, microimpresa, franchising, ecc.).

L’anniversario.

Campobasso nord, quartiere in festa CAMPOBASSO - E’ un giorno decisamente di festa per l’associazione di quartiere Campobasso Nord. Si festeggia il secondo anno di attività di uno degli ultimi progetti portati avanti insieme al Centro di aggregazione giovanile e alla parrocchia di San Giuseppe Artigiano. Con l’uscita del mese di agosto, in distribuzione in questi giorni nel capoluogo di regione e nei comuni

dell’hinterland campobassano, il bimensile “Il Grillo parlante” taglia il suo primo ed importante traguardo. Un giornalino nato per caso, ma non a caso, che con il passare dei mesi ha sempre più riscosso un notevole successo tra i lettori. Il merito va senza dubbio attribuito alla giovane redazione diretta dal giornalista Stefano Venditti che sin da subito ha lavorato alacremente a questo

Per la pubblicità su questo giornale e su Quick Reporter la news in diretta Telefonare allo 0874 438918 E-mail: commerciale@lagazzettadelmolise.it

progetto editoriale. “L’affetto e l’attenzione che ci giungono dai nostri lettori quotidianamente – ha commentato Venditti - è la più lampante dimostrazione che la giovane redazione sta lavorando bene, realizzando, nel contempo, un prodotto editoriale di qualità. Per chi ci segue sin dall’inizio credo che si sia accorto dei migliora-menti che, mese dopo mese, hanno pian piano cambiato il giornale sia a livello grafico sia a livello contenutistico. Il merito va ad una squadra ben assortita e ben amalgamata che lavora a stretto contatto e in per-fetta armonia. La vostra vicinanza ci sprona a portare avanti un proget-to valido e formativo”.

Gli sbandieratori di Campobasso in trasferta a La Baule CAMPOBASSO. Gli sbandieratori ‘Castel Monforte’ di Campobasso andranno in tournée in Francia. Lo rende noto il presidente, Andrea Magno, che annuncia la trasferta nella città turistica di La Baule, vicino Nantes, in cui il gruppo si recherà i prossimi 8 e 9 settembre. Sono 30 gli elementi attivi, tra cui dame e cavalieri, chiarine, tamburi e sbandieratori, che solitamente partecipano a cortei storici, feste patronali e matrimoni. Il presidente, nell’annunciare l’evento, intende ringraziare anche il comitato promotore della festa dell’uva di Riccia che dovrà rinunciare alla loro esibizione a causa del viaggio in Francia e a cui ha prontamente trovato degni sostituti per la sagra molisana


11

Campobasso

06 settembre 2012

L’operazione della Polizia.

Casa a luci rosse, denunciati proprietari e tenutaria CAMPOBASSO. Ieri sera, la Polizia di Stato ha sequestrato un appartamento adibito a casa di prostituzione in centro a Campobasso e ha denunciato sia la tenutaria che i proprietari dell'appartamento. Gli agenti della Squadra Mobile, dopo diverse segnalazioni dei residenti della zona, avevano nei giorni scorsi avviato una serie di accertamenti e di appostamenti per verificare se quanto segnalato corrispondesse a verità. In effetti, gli investigatori avevano iniziato a raccogliere elementi tali da ipotizzare che alcune abitazioni venivano utilizzate per appuntamenti a luci rosse dietro corrispettivo in denaro. I poliziotti della Squadra Mobile, dopo alcuni giorni di appostamento, hanno fatto irruzione all'interno della casa e hanno accertato che la stessa era stata adibita a casa per appuntamenti a luci rosse. Infatti, all'interno di una stanza, hanno sorpreso un cliente che si accingeva ad avere un

rapporto sessuale con una persona. Il cliente aveva già concordato e pagato il corrispettivo della prestazione. La casa era gestita da una cittadina brasiliana con regolare permesso di soggiorno, nata nel 1970 e residente ad Anzio che a giorni alterni veniva a Campobasso per aprire l'appartamento. All'interno della casa sono stati ritrovati e sequestrati svariatissimi anticoncezionali e centinaia di euro in contanti provento dell'attività, nonchè altro materiale necessario per la prostituzione. All' abitazione sono stati apposti i sigilli. La tenutaria, B.C.M.L nata a Rio De janeiro il 28.04.1970, è stata denunciata in stato di libertà per avere aperto una casa di prostituzione in violazione della Legge Merlin. Gli investigatori hanno denunciato anche i proprietari dell'appartamento per averlo concesso in locazione, pur sapendo che avrebbe avuto un utilizzo illegale.

Colf e badanti, per gli adempimenti c’è il Caaf della Cgil CAMPOBASSO. In Italia, ma anche nel Molise, cresce il ricorso a colf e badanti da parte delle persone e delle famiglie. Ma l'assunzione presuppone una serie di adempimenti da parte di chi offre lavoro (datore di lavoro) e del lavoratore. Il Caaf Cgil Molise offre un servizio professionale e qualificato per colf e badanti in quattro centri molisani: Campobasso, via Tommaso Mosca n. 11 il martedì mattina dalle ore 9 alle ore 13 e il giovedì mattina dalle ore 9 alle ore 13; tel 0874493498; Termoli, via Asia n. 3/G il venerdì mattina dalle ore 9 alle ore 13; tel 087582839; Isernia, via Campania n. 45 il venerdì mattina dalle ore 9 alle ore 13; 086550156; Venafro, via Maiella n. 21 il venerdì mattina dalle ore 9 alle ore 13;0865904227. Il Caaf Cgil Molise offre: assistenza nell'assunzione con l'apertura della posizione presso l'Inps; compilazione prospetti paga mensili; predisposizione e compilazione bollettini Mav per il pagamento di contri-

buti Inps trimestrali; dichiarazione sostitutiva reddito annuale ai fini fiscali; ge-

stione e informazione sul contratto collettivo nazionale di lavoro.

In occasione del concorso Di Miss Italia.

Iorio: tutta la regione fa il tifo per Annalisa, Anna e Martina “Sono certo che l’intera regione farà unanimemente il tifo per Annalisa Ciarlante, Miss Molise, già qualificata per le serate del 9 e 10 settembre di Miss Italia, ma anche per le altre due molisane, Anna Di Risio e Martina Colarusso, che dovranno ancora affrontare altre preselezioni per poter accedere alle finali”. E’ questo l’auspicio del presidente Iorio che in occasione della preselezione si augura “che tutti i molisani, anche residenti fuori regione, quando ne avranno modo, possano esprimere il loro voto sostenendo le ragazze che li rappresentano. Ovviamente spero che tutte le ragazze molisane possano accedere alla serata finale e che la migliore conquisti il titolo più ambito. Miss Italia è sicuramente un concorso di bellezza di fama nazionale e internazionale, ma rappresenta anche un palcoscenico in cui si può valutare ed esaltare l’eleganza, il portamento, le prestanze fisiche unitamente alla dimensione privata che, spesse volte, è caratterizzata da un impegno professionale e di studi, portato avanti con particolare passione e volontà. Dunque questo concorso è un incipit a fare meglio e pensare alla bellezza come ad un elemento qualificante che deve essere pero ben armonizzato con un dinamico impegno nella vita lavorativa e sociale”.


ANNO VIII - N° 197 - GIOVEDÌ 06 SETTEMBRE 2012 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

ISERNIA

30.000 copie in omaggio www.lagazzettadelmolise.it | redazione@lagazzettadelmolise.it


15

Isernia

06 settembre 2012

Il fatto. Dopo la firma del protocollo d’intesa per la riqualificazione dell’area di Venafro

Mazzuto: “Per l’ambiente avviate ottime iniziative” ISERNIA. In merito al protocollo d’intesa relativo al Progetto di ricerca per identificare le cause dell’inquinamento nell’area di Venafro sottoscritto tra l’ente di via Berta con i Comuni di Venafro, Sesto Campano, Pozzilli, Conca Casale, Montaquila, con l’Agenzia regionale di Protezione Ambientale del Molise (Arpam), l’Associazione dei Medici per l’Ambiente di Campobasso e l’Ordine Provinciale dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Isernia, il presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto ha dichiarato: “Con la stipula del protocollo si suggella l’ennesima azione di tutela ambientale messa in campo per il controllo dei fenomeni di inquinamento atmosferico crescenti nell’area del venafrano, sulla quale persistono insediamenti industriali produttori di emissioni potenzialmente pericolose e che vengono costantemente monitorate. Non sono molte le risorse economiche di cui disponiamo, - ha lamentato Mazzuto - anche in termini di personale addetto al controllo del territorio, positivi sono però i risultati riscontrati. Proprio in questi giorni è stata portata a compimento un’importantissima operazione anti frodo a tutela della fauna ittica del fiume Volturno da parte di validi agenti della Polizia Provinciale. Esiti favorevoli si stanno registrando anche sul fronte dei

controlli effettuati sul territorio provinciale per arrestare il fenomeno del bracconaggio e della raccolta illecita di funghi e tartufi. L’azione di tutela messa in campo - ha sintetizzato il presidente - include dunque tutti gli aspetti potenzialmente lesivi del nostro habitat. Quanto all’area della Valle del Volturno, molto ricca per molteplici aspetti, ma al centro di molteplici rischi ambientali, non è nostra intenzione abbassare la guardia sulla questione Turbogas. Siamo schierati al fianco del Comitato ‘Mamme per la salute e l’Ambiente’ di Venafro e delle loro istanze. Sono già stati avviati tavoli tecnici interistituzionali presso la sede dell’Amministrazione provinciale per l’elaborazione di linee guida per la realizzazione di progetti di ricerca e di monitoraggio ambientale. La coalizione tra tutti i soggetti attuatori è forte e la Provincia di Isernia, - ha concluso Mazzuto - incaricata del ruolo di coordinamento, intende farsi garante della salubrità della nostra aria, delle nostre acque e del nostro territorio”.

Montecassino - San Vincenzo al Volturno,

8° Pellegrinaggio a piedi

MONTECASSINO SAN VINCENZO AL VOLTURNO - Sono numerose le persone, le associazioni e le istituzioni che aderiscono al Percorso rievocativo sulla strada dei monaci benedettini, nato nel 2005 per far memoria dei Martiri Volturnensi. “Ciò che abbiamo di più caro nel cristianesimo è Cristo stesso”, frase tratta dall’opera “Il racconto dell’Anticristo” di Solev’ev, è il tema del Pellegrinaggio a piedi da Montecassino all’abbazia di San Vincenzo al Volturno, in programma da Venerdì 7 a Domenica 9 Settembre, giunto quest’anno alla sua ottava edizione. Ma cosa muove oggi le persone, soprattutto giovani, a percorrere chilometri e chilometri, attraverso boschi, paesi, montagne, a meditare sulla Regola di un uomo vissuto 1500 anni fa, a “sprecare” così il week end in cui, altrove, si diffondono le più svariate iniziative? Il fascino e l’attrattiva dell’esperienza umana e concreta di Cristo. E’ un’iniziativa cui si aderisce con tutta la propria umanità, carica di desideri e con una gran sete di verità, giustizia e pace

La stessa esperienza vissuta da San Benedetto che proprio nel territorio tra Lazio, Campania e Molise ha gettato il seme della civiltà europea, regalando agli uomini con la sua “Regola” un immenso patrimonio spirituale, culturale, civile ed economico. E’ sulle sue orme che vogliono camminare quanti partecipano al Pellegrinaggio che muove proprio dalla sua tomba; è all’amicizia e alla consuetudine tra i suoi monaci delle abbazie di Montecassino e San Vincenzo al Volturno che vogliono guardare quanti si pongono sulla strada che porta infatti a “Passo dei Monaci”, tra Prati di Mezzo e Valle Fiorita; è la memoria dei Martiri Volturnensi (gli oltre 300 monaci sgozzati dai saraceni il 10 ottobre 881) che vogliono onorare i pellegrini, seguendo le indicazioni del Chronicon: “martiri che in modo assai particolare, non immeritatamente, sorvegliano sempre questi luoghi e sono continuamente apportatori di bene…”. Il pellegrinaggio è un gesto religioso semplice, popolare, in cui si alternano momenti di preghiera e di silenzio,

canti e meditazioni guidate; le intenzioni particolari di quest’anno sono: _ per Sua Santità il Papa Benedetto XVI _ per la missione educativa della Chiesa in Europa e nel mondo _ per i cristiani perseguitati _ per l’Emilia colpita dal terremoto _ per affidare il nuovo anno scolastico ed accademico alla protezione della Madonna e dei Martiri Volturnensi PROGRAMMA Giovedì 6 settembre 2012 Ore 19,00 Accoglienza dei pellegrini a Montecassino - Cena - Sistemazione per la notte Venerdì 7 settembre 2012 Montecassino-Picinisco Ore 5,00 S. Messa - Benedizione dei partecipanti - Preghiera sulla tomba di S. Benedetto - partenza Ore 13,30 Sosta ad Atina con pranzo al sacco Ore 18,00 Arrivo a Picinisco – “Laico cioè cristiano”: testimonianza di Isabella Briuoli. Ore 20,30 Cena offerta e momento di festa in piazza Sabato 8 settembre 2012 Picinisco-Prati di Mezzo Ore 7,00 Partenza Ore 10,30 S. Messa presso il santuario della Madonna di Canneto – “L’incantevole carità”: testimonianza dell’Associazione Culturale “San Bendetto” di Pescara Pranzo offerto Ore 18,00 Arrivo a Prati di Mezzo – Te-

stimonianza di Francesco Paolone (chitarrista) Ore 20,30 Cena offerta Domenica 9 settembre 2012 Prati di Mezzo -San Vincenzo al Volturno Ore 6,45 Partenza Ore 9,00 Arrivo a Passo Monaci - Breve ristoro Ore 11,30 Arrivo a Valle Fiorita – Pranzo offerto Ore 18,00 Arrivo all'Abbazia di S. Vincenzo al Volturno- Preghiera presso la cripta dell'Abate Epifanio Ore 18,30 S. Messa Ore 19,30 Conclusione del percorso, congedo dei pellegrini e convivio finale

Il meeting “Fraraccio” È convocata per domani 7 settembre, alle ore 12, presso la Sala Raucci del Comune di Isernia, la conferenza stampa di presentazione del VI meeting nazionale di atletica leggera Città di Isernia – memorial “Liborio Fraraccio”. L’evento sportivo è in programma per domenica prossima, 9 settembre, allo Stadio “Lancellotta”, con inizio alle ore 14.


16

Termoli

06 settembre 2012

Marinelli: “Grave atto del governo” TERMOLI. Si allarga il fronte del no all’azione del Governo Monti che, com’è noto, ha dato il via libera alle cosiddette prospezioni sui fondali dell’Adriatico centrale in un tratto di mare che riguarda anche la costa molisana e, in particolare, le Isole Tremiti. Lo stesso ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, ha fatto sapere che al momento si tratterebbe di una fase interlocutoria tesa solo a verificare cosa effettivamente vi sia nel sottosuolo e che l’eventuale autorizzazione finale spetta al Ministero dello Sviluppo economico. Rassicurazioni che non hanno convinto il movimento di protesta che unisce sindaci, istituzioni locali, ambientalisti. Il 3 settembre scorso, il presidente del Parco nazionale del Gargano, Stefano Pecorella, si è fatto promotore di una riunione con i i sindaci dell’area protetta, mentre nella giornata di oggi si sono dati appuntamento a Termoli i sindaci di tutti i Comuni rivieraschi di Abruzzo, Molise e Puglia per organizzare una grande manifestazione sull’abbrivio di quella che lo scorso anno vide la partecipazione convinta e solidale dell’indimenticato Lucio Dalla. Contro le esplorazioni, qualche giorno fa, ha preso posizione anche l’assessore all’Ambiente della Regione Molise, Luigi Velardi, il quale ha invitato il ministro Clini a <<rivedere la decisione di consentire ricerche petrolifere nell’Adriatico ed, in particolar modo, nelle vicinanze delle Isole Tremiti>> ed ha investito della questione i vertici del UDC nazionale, Cesa e Casini. E’ di ieri, invece, la proposta del Vicepresidente del Consiglio regionale, Franco Giorgio Marinelli, di portare il caso all’attenzione dell’Assise di Palazzo Moffa. <<Mi sono già battuto in passato – afferma Marinelli - contro operazioni che potessero risultare nocive per il territorio ed intendo farlo ancora, non potendo assolutamente permettere che il patrimonio ambientale venga sacrificato per l’estrazione, peraltro di quantità stimate irrisorie, di petrolio. Lo sfruttamento dei nostri mari non servirebbe neanche a ridurre la dipendenza energetica italiana dall’estero, a fronte di gravi danni all’ambiente e alle economie che da esso dipendono. Per non parlare del rischio di incidenti. Trovo, inoltre, davvero paradossale

La protesta. Lottare insieme alla Puglia

Di Pietro: “In piazza contro le trivellazioni Distruggono tutto”

pensare di deturpare l’ambiente per un’attività, quella dell’estrazione petrolifera, che ormai da anni si cerca di soppiantare a favore dell’energia pulita. I permessi di ricerca petrolifera già rilasciati nel mare italiano sono una ventina, ma rischiano di aumentare ogni anno di più, date le numerose richieste da parte di società petrolifere e royalties. E’ doveroso intervenire sia a sostegno della Regione Puglia, che si sta battendo per bloccare l’autorizzazione per la prospezione dei loro mari, sia per manifestare la nostra contrarietà alla strategia energetica nazionale che vuole puntare sulle estrazioni petrolifere. E, soprattutto, per far sentire la nostra presenza al sindaco di Termoli e ai suoi concittadini: saremo al loro fianco in questa “battaglia”. Il problema è che il parere delle Amministrazioni locali non è vincolante ai fini del rilascio dei permessi di ricerca o coltivazione di idrocarburi in mare; può semplicemente indurre a riflettere e a riconsiderare le scelte intraprese. <<Ma il Molise può contribuire - fa notare Marinelli - anche solo facendo sentire la propria voce, la propria sensibilità e l’interessamento alla questione, a scongiurare la concessione di nuove autorizzazioni che, per quest’insensata caccia al petrolio, rischiano di danneggiare per sempre una delle nostre risorse naturali più preziose>>.

TERMOLI. "La Regione Molise dia un seguito concreto alla propria delibera di Giunta con la quale si è opposta alle trivellazioni, al largo delle coste molisane e pugliesi, per la ricerca di petrolio e di idrocarburi". Lo sostiene il segretario del Pd, Danilo Leva. "Quasi due anni fa l’Esecutivo del presidente Iorio – lo si ricorda – si espresse in senso sfavorevole alla richiesta della Petroceltic Italia, adducendo come motivazione la mancanza di “informazioni e approfondimenti progettuali tali da poter escludere eventuali e irreparabili danni ad un ecosistema ad elevato impatto turistico

TERMOLI. “Abbiamo accolto con convinzione l’appello lanciato ieri da Nichi Vendola contro le trivellazioni e le prospezioni geofisiche nei fondali adriatici. Per questo l’Italia dei Valori ha depositato oggi una nuova interrogazione per ribadire la propria opposizione a questo scempio. In nome del petrolio e degli interessi delle lobby anche i nuovi governanti si preparano a dare l’assalto al mare di Puglia e Molise, colpendo l’ecosistema delle isole Tremiti, con un’operazione inaccettabile che rischia di compromettere seriamente le nostre coste e l’economia del Paese. Mentre in tutta Europa si punta sulle rinnovabili e si finanzia la ricerca, in Italia il governo moltiplica le trivellazioni per estrarre il petrolio e taglia i fondi per le energie alternative. Per mettere in pratica questo piano scellerato, pensano di abbattere i limiti che proteggono oggi, solo in minima parte, l'ambiente. Per permettere trivellazioni più vicine alla riva vorrebbero modificare la norma che vieta tali attività fino a 12 miglia dalla costa, riducendo considerevolmente tale limite. È un progetto folle che non guarda al futuro, ma favorisce solo le cricche economico-finanziarie a cui noi dell’IdV ci siamo sempre opposti”. Lo annuncia in una nota il leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, che oggi ha presentato un’interrogazione parlamentare cofirmata dai deputati Anita Di Giuseppe e Pierfelice Zazzera . “Sosteniamo questa battaglia e intendiamo mettere in campo tutte le iniziative possibili per bloccare le trivellazioni ed evitare che si faccia scempio della riserva marina delle Tremiti. Un governo serio e che ha a cuore il futuro del Paese dovrebbe comprendere che l’ambiente rimane una risorsa da tutelare e su cui investire con progetti di riqualificazione e di valorizzazione”.

Leva: “Diamo seguito alla delibera di Giunta” come quello delle isole Tremiti”. La Giunta regionale in quella circostanza seguì le orme tracciate dal Consiglio Regionale che si era pronunciato, nel 2010, contro le trivellazioni in Adriatico. Decisione che fu condivisa anche dalla Provincia di Campobasso. Oggi, alla luce delle scelte che starebbe percorrendo il ministro dell’Ambiente, Clini, il rischio di trivellazioni torna altissimo e la Regione Molise non potrà che ribadire quanto già espresso negli anni passati contro le decisioni assunte allora dal Governo Berlusconi nella persona del ministro Prestigiacomo. L’intero mare Adriatico, particolarmente nel tratto prospiciente la costa abruzzese, molisana e pugliese, è sempre più oggetto degli interessi economici delle compagnie petrolifere di tutto il mondo. Solo nell’area del medio-alto Adriatico operano circa 50 piattaforme (oltre a circa 940 pozzi per l’estrazione del gas). In quanto ad attività proprie, le piattaforme offshore, nella fase esplorativa ed in quella estrattiva,

sversano in mare un quantitativo di idrocarburi valutato nel 10% del totale dell’inquinamento marino da idrocarburi. Il Partito Democratico molisano, all’interno del quale opera il Dipartimento Ambiente, non mollerà l’attenzione su questo ed altri progetti tesi a minare in via definitiva la nostra risorsa migliore, quella che in questi anni è stata sempre oggetto di riflessioni e proclami, non riuscendo mai ad entrare nell’agenda politica del governo di centrodestra. La vocazione turistica del Molise è da sempre oggetto di interesse: è dalle nostre peculiarità geografiche, artistiche, culturali e paesaggistiche che possiamo ripartire con programmi ed azioni concrete ed innovative. Pertanto, le ‘progettualità’ che rischiano di distruggere questa vocazione naturale non possono che trovare la nostra ferma opposizione. Riteniamo, quindi, prioritario che le Istituzioni si facciano portavoce di questo dissenso che oggi, come qualche anno fa, dovrà vedere la massima coesione istituzionale".


Termoli

17 06 settembre 2012

Ancora disagi per i residenti negli stabili Iacp di via Sturzo a Montenero

Cristiano Di Pietro interroga Velardi e sollecita l’intervento dell’Istituto autonomo case popolari “Nostre segnalazioni cadute nel vuoto. Aspettiamo da mesi una risposta”

Il consigliere regionale dell’Italia dei Valori, Cristiano Di Pietro torna ad interessarsi alla questione degli stabili I.A.C.P. di via Don Luigi Sturzo a Montenero di Bisaccia che continuano a presentare situazioni di criticità dovute alla presenza di umidità, infiltrazioni, danni alla pavimentazione e malfunzionamento delle fognature. Proprio il consigliere Di Pietro, già in data 23 febbraio 2012, aveva provveduto a segnalare i disagi dei residenti di Via Sturzo attraverso un’interrogazione a risposta scritta e orale indirizzata all’assessore Velardi e p.c. all’Istituto Autonomo Case Popolari di Campobasso. Nella stessa interrogazione l’esponente IdV faceva anche presente che in uno degli appartamenti della palazzina in questione, risiede una donna anziana disabile con un’invalidità del 100% e che l’ascensore, dalle notizie ricevute, non risultava a norma e non era funzionante da oltre un anno. A seguito di tale segnalazione l’assessore Velardi informava il consigliere Di Pietro che, secondo lo IACP, “il fenomeno della condensa ne-

gli appartamenti è molto diffuso negli alloggi di edilizia Pubblica Residenziale e che le cause conclamate di tale fenomeno sono riconducibili ad un utilizzo del riscaldamento relativamente basso e ad un ricambio d’aria degli ambienti spesso insufficiente”. Dalla nota di Velardi si apprendeva inoltre che “lo Iacp avrebbe proceduto a dei lavori di adeguamento dell’impianto (riferendosi all’ascensore), così da renderlo nuovamente a norma, alla luce della regolamentazione vigente” e che l’Istituto Case Popolari stava già procedendo a contattare gli inquilini per stabilire le modalità dell’attivazione dell’impianto stesso. “Ebbene – ha sottolineato Di Pietro - da allora nessuno degli inquilini è stato ancora contattato dallo IACP, l’ascensore sta ancora aspettando di essere sistemato e gli stabili versano ancora in pessime condizioni. A causa della formazione di muffa sulle pareti – ha continuato - gli ambienti sono divenuti insalubri. L’incuria e la trascuratezza dimostrata finora dall’Istituto Autonomo Case Popolari è inaccettabile e indecoroso e mette a rischio la salute dei residenti. Per questo - ha concluso l’esponente IdV - ho presentato a Velardi un’altra interrogazione affinchè egli si faccia carico dei problemi segnalati intervenendo presso lo IACP e sollecitando a chi di dovere una tempestiva e definitiva risoluzione ai problemi lamentati dagli abitanti degli stabili popolari di Via Sturzo”.

Tesserino di caccia, il rinnovo presso il Centro per l’impiego MONTENERO DI BISACCIA. Il rinnovo del tesserino di caccia valido per l’annata venatoria 2012-2013 può essere richiesto anche presso l’ufficio del Centro per l’Impiego di Montenero di Bisaccia. Il servizio, confermato a seguito di un incontro tra il Sindaco Nicola Travaglini e il Presidente della Provincia di Campobasso Rosario De Matteis, è stato sollecitato da numerosi cittadini i quali avevano manifestato il timore di doversi recare a Campobasso, con un notevole aggravio di costi e disagi, per il rinnovo del documento. L’ufficio montenerese del Centro per l’Impiego, è aperto nelle mattine di Lunedì, Mercoledì e Giovedì, dalle ore 9 alle ore 12,30 e

nei pomeriggi di Lunedì e Mercoledì dalle ore 15,30 alle ore 17,15. “Ringrazio il Presidente De Matteis – ha dichiarato il Sindaco Nicola Travaglini – per aver compreso i termini della questione e per aver confermato il servizio di rinnovo del tesserino di caccia anche presso l’ufficio montenerese del Centro per l’Impiego, evitando così un possibile disagio ai cacciatori residenti in un’area molto estesa del Basso Molise, comprendente i paesi di Montenero, Mafalda, Tavenna, Palata, Acquaviva Collecroce, Montecilfone, Guglionesi e Petacciato. Un ringraziamento sentito anche agli assessori provinciali Micone e Tramontano”.

Campomarino.

Un’amministrazione con troppe e vistose lacune E lo sono ancora di più se accolgono in pieno i suggerimenti che quale Consigliere comunale di opposizione ho dato, alcune volte per le vie brevi altre con note scritte, nel corso del tempo. Per la sistemazione dei passaggi pedonali a Campomarino per i diversamente abili, già nel 2010 c’è stato un mio intervento, reiterato anche in altre occasioni. Il Circolo cittadino PD è sempre molto attento alle esigenze ed alle richieste dei nostri cittadini e ogni qualvolta ci giungono segnalazioni le facciamo nostre. Per esempio siamo molto compiaciuti dell’uso dei buoni lavoro sul quale abbiamo sempre insistito, di essere stati sollecitatori dei lavori di illuminazione di Via Novella e promotori dell’apertura e sistemazione di un varco al Parco della Solidarietà che collega, senza lunghi giri inutili per i pedoni, il quartiere delle case Fiat con la zona del Municipio, o ancora di avere evidenziato la impraticabilità ed illogicità della messa in opera delle “baracche di legno” della casba estiva al lido nella originaria sistemazione “lugliense” per poi essere invertite – a spese dei contribuenti, ovviamente? – nella prima settimana di agosto. Compiaciuti, altresì, del Regolamento per il funzionamento dell’asilo nido comunale “tana dei birichini”, oggetto di molta attenzione da parte nostra ed emendato (accettate!) a suo tempo in Commissione per le migliorie del testo che ha consentito, oggi, dopo tante vicissitudini di essere aperto. Certo ora vigileremo su funzionamento, costi, uso e sub appalto….. Ora attendiamo ancora che l’Amministrazione prenda atto delle segnalazioni fatte in Consiglio comunale circa la nebulosa che attanaglia la raccolta differenziata e dei costi lievitatissimi che ricadranno sui cittadini per non avere impostato il porta a porta al lido e avere – viceversa - inondato di bidoni grigi incrementando volutamente l’indifferenziata, l’opportunità politico-amministrativa che il Sindaco si dimetta dal direttivo del Cosib, oppure della necessità sottolineata all’Assessore ai LL.PP. di una programmazione di lavori basata su certezze e non su dati aleatori tanto per scrivere qualcosa salvo poi rispondere in Consiglio “non so, chieda al tecnico”. Insomma, in poche parole… “Grazie”, figurativamente parlando, Amministrazione per fare ogni tanto e a scoppio ritardato quello che l’opposizione PD segnala, magari se ci ascoltaste di più navighereste meno a vista… e a proposito di navigare, la prossima puntata riguarda il Porto, il suo Responsabile, la gestione, le spese certe e le entrate farlocche rispetto a quello che da molti, e tanti anni fa, veniva definito “il fiore all’occhiello” per il nostro Comune. Vincenzo Cordisco


18 6 settembre 2012

Spettacolo

PetrellArte, un tuffo nel Medioevo Sabato l’appuntamento a cura dell’associazione Mysteria Templi: ospite lo scrittore Marcello Simoni PETRELLA TIFERNINA – Un tuffo nel Medioevo tra i vicoli del borgo antico di Petrella sul quale domina la chiesa di San Giorgio Martire, una Bibbia scolpita nella pietra che parla da otto secoli. L’appuntamento all’insegna della letteratura, dell’architettura e della musica che allieterà i sapori e i giochi medievali della serata, a cura dell’associazione Mysteria Templi, è per sabato prossimo a partire dalle 16. L’ospite d’onore sarà lo scrittore Marcello Simoni, vincitore del premio Bancarella 2012, il quale terrà un convegno dal titolo “La pietra prima...il ro-

manzo poi, dal linguaggio universale della pietra alle avvincenti trame dei moderni romanzi medievali”. È stato “Il mercante dei libri maledetti” a segnare l’esordio di Simoni, archeologo-bibliotecario, il quale ha saputo raccogliere queste sue competenze e creare una vicenda avventurosa, credibile ed enigmatica, oltre che storicamente ben determinata, che ruota proprio attorno a un misterioso e potente libro. Nella stessa occasione, infine, saranno premiati i vincitori del concorso letterario “La penna del cantastorie”. Adimo

Chi è il vincitore del premio Bancarella 2012 Ex archeologo, laureato in Lettere, svolge attualmente il lavoro di bibliotecario. Nel 2011 ha pubblicato il romanzo "Il mercante di libri maledetti", che ha raggiunto il 2º posto nella classifica dei libri più venduti in Italia. Ha pubblicato diversi saggi storici, soprattutto per la rivista specialistica Analecta Pomposiana. Molte delle sue ricerche riguardano l'abbazia di Pomposa, con speciale attenzione agli affreschi medievali

che raffigurano scene del Vecchio e del Nuovo Testamento e dell'Apocalisse. Sul fronte della narrativa ha partecipato all’antologia 365 racconti horror per un anno, a cura di Franco Forte. Altri suoi racconti sono usciti per la rivista letteraria Writers Magazine Italia. Per il suo primo romanzo, Il mercante di libri maledetti, ha ricevuto il 24 novembre 2011 il premio What's up Giovani Talenti per la cultura. Il thriller medie-

vale di Marcello Simoni, pubblicato da Newton Compton, ha vinto la sessantesima edizione del Premio Bancarella 2012 e il premio Salgari. Ha pubblicato diversi saggi storici, ha partecipato all’antologia 365 racconti horror per un anno, a cura di Franco Forte (2011). Altri suoi racconti sono usciti per la rivista letteraria “Writers Magazine Italia”. Nel tempo libero, Simoni organizza eventi culturali di taglio letterario.

Agenda. Sagre, musica e teatro

Dance. Party fine estate

Festa dell’uva, della birra e live

Francesco Monte oggi alla Strada

CAMPOBASSO - Oggi dalle 0.30 presso La Baita, musica e arrosticini. CASTELLINO DEL BIFERNO - Ultima serata all’Oasi disko. Domani sera a bordo piscina dance con Antonio Sacco, Flavio Emme e GIanmarco Pascale. RICCIA - I prossimi 8 e 9 settembre, la 81ma edizione della “Festa dell’uva”. CERCEPICCOLA - Festa della birra il 14 e 15 settembre prossimi. Live dei 3ttnika feat dj Charles Papa. RICCIA - Live dei Noflaizon il 15 settembre. CAMPOBASSO - Il 16 settembre a piazzetta Palombo in scena “Molise, Italia,Mondo”, con Marco Caldoro e Diego Florio.

ISERNIA - Si chiude oggi la stagione estiva al discobar La Strada. Il party di fine estate avrà come special guest, il tronista Francesco Monte. In consolle dj Joseph.

Il Molise a Miss Italia

Tre reginette pronte a sfidare le concorrenti su Rai1 questo weekend Ripartito il torpedone di Miss Italia, il prossimo weekend tutte le reginette d’Italia, si sfideranno per indossare la corona di Miss Italia e per tentare la fortuna nel campo dello spettacolo. Per la nostra regione, oltre a Miss Molise Annalisa Ciarlante, saranno in gara Martina Colarusso e Anna Di Risio. Il patron regionale Francesco Tomasso (incaricato dalla Miren), è fiducioso in un buon piazzamento delle tre giovanissime miss. I loro numeri, quelli per cui votare sono, nell’ordine 16, 87 e 94.


ANNO VIII - N° 197 - GIOVEDÌ 06 SETTEMBRE 2012 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

30.000 copie in omaggio www.lagazzettadelmolise.it | redazione@lagazzettadelmolise.it

Serie D, mister Farina amareggiato per la sconfitta della sua Isernia

Basket, serie C regionale: il Maccabi Ripa si prepara per la nuova stagione

La brutta sconfitta subita domenica al Lancellotta contro la Vis Pesaro, nella gara inauguarale del campionato, è difficile da digerire. All’allenatore dell’Isernia Francesco Farina non è piaciuto l’atteggiamento mentale della sua squadra : “Onestamente io non me la sento di buttare via quaranta giorni di lavoro per parlare con l’arbitro. Non ho bisogno in questa squadra di attori che fanno spettacoli con gli arbitri, io ho bisogno di undici gladiatori che gettano il cuore oltre l’ostacolo anche e soprattutto in situazioni difficili. E’ inconcepibile giocare la prima partita di campionato in casa per settanta minuti in dieci e per tantissimi altri in nove. Questo atteggiamento non mi piace, non fa parte della mia mentalità. Io nelle difficoltà mi esalto, trovo la forza e vorrei che la squadra rispecchiasse questo”. Farina, salito sul banco degli imputati dopo il ko, si è assunto le sue responsabilità che ovviamente vanno condivise con l’intero gruppo che è tornato al lavoro in vista del prossimo impegno di campionato. A PAG. 21

Parte la stagione agonistica per il Maccabi Ripalimosani che già nell'ultima settimana di agosto si è messa al lavoro avviando la preparazione pre-campionato con una doppia seduta di allenamento quotidiana: al mattino lavoro atletico affidato al nuovo preparatore, il ripese Stefano Tudino e al pomeriggio seduta tecnico-tattica agli ordini del nuovo coach, il campobassano Fabio Ladomorzi, a lungo inseguito anche nelle passate stagioni dal Satiro e che finalmente il il D.G. Di Cesare quest'anno è riuscito a portare alla Maccabi Arena. Il nuovo coach è l'uomo giusto per gestire una squadra completamente rinnovata la cui ossatura è rappresentata dai giovani del vivaio ripese che hanno grandi potenzialità tecniche, ma pochissima esperienza nella categoria. Al nuovo tecnico toccherà, dunque, il difficile compito di completare il percorso di crescita dei ragazzi e tentare di mantenere nella categoria il sodalizio ripese, senza, tuttavia, eccessive pressioni. A PAG. 22


20

Sport

06 settembre 2012

Lega Pro - seconda divisione Morante non pensa ai suoi gol, ma al bene del gruppo: “Sono maggiormente soddisfatto per la prestazione della squadra e per la positiva partenza stagionale”

Daniele Morante

Il lupo vuole il bis, ma l’Arzanese sarà arrabbiata I campani sono reduci dalla batosta di Aprilia: i rossoblù stanno preparando minuziosamente l’incontro. Oggi, ore 15, amichevole con la Berretti di mister Rienzo

Allenamento mattutino nella giornata di ieri per il Campobasso che sta preparando la delicata trasferta di Mugnano. Domenica i rossoblù affronteranno, in campo neutro, l’Arzanese e non sarà certamente un match agevole per i molisani. Innanzitutto per il valore degli avversari, già visto all’opera mercoledì scorso al Selva Piana in Coppa Italia, ma soprattutto perché i campani sono reduci dalla batosta di Aprilia (5-1) e cercheranno un pronto riscatto. Di contro la squadra di Imbimbo è intenzionata a concedere il bis e per questo sta preparando nei minimi dettagli l’incontro. Questo pomeriggio i rossoblù sosterranno un test amichevole, alle 15 all’antistadio Acli, contro la Berretti, proprio in vista dell’incontro di domenica. Mister Imbimbo avrà tutti gli uomini a sua disposizione e potrà contare anche su Candrina che, con molta probabilità, sarà spedito in campo dal primo minuto. Venerdì è in programma un allenamento pomeridiano, mentre sabato mattina ci sarà la rifinitura e nel pomeriggio la par-

tenza per la trasferta di Mugnano. I molisani, dopo una giornata di campionato, hanno due gol all’attivo, messi a segno entrambi da Daniele Morante. Il quale aveva già timbrato il cartellino, in altre due circostanze, in Coppa Italia. Il bomber ha iniziato l’annata con il piede giusto, anche se preferisce non commentare le sue performance. “Sinceramente sono più soddisfatto per quello che ha fatto la squadra – ha dichiarato Morante – rispetto ai miei gol. Abbiamo incontrato un avversario temibile, che viene dalla D, ma ha giocatori importanti come Vicari e Franceschini. Domenica siamo partiti male, un po’ contratti e abbiamo

fatto fatica soprattutto perché venivamo da tre gare giocate in otto giorni. C’è stata un po’ d’emozione da parte di qualcuno, ma poi siamo usciti alla distanza.” Morante poi pone l’attenzione sul prossimo impegno di campionato. “Domenica incontreremo una squadra diversa da quella vista all’opera qui in Coppa Italia, quando mancavano cinque pedine titolari. Giocheremo su un campo sintetico, ma questo per noi non sarà un problema, dal momento che ci alleniamo quotidianamente sul sintetico. Cercheremo in questo giorni di compattarci ulteriormente e di proseguire sulla strada intrapresa.” rs

A metà settembte l’inizio dei campionati: Rienzo alla Berretti, Nunziata agli Allievi e Antoniani ai Giovanissimi

A giorni la presentazione dell’organigramma del settore giovanile Rienzo, tecnico della Berretti Sarà presentato a giorni l’intero organigramma dirigenziale e tecnico del settore giovanile del Nuovo Campobasso Calcio il cui presidente, come noto, sarà Marco Meo. Le attività inizieranno a metà settembre e precisamente il campionato Berretti il 22 settembre, Allievi e Giovanissimi il 16. L’allenatore della Berretti del Campobasso sarà Carmine Rienzo, ex tecnico della Juniores del Trivento, che sarà coadiuvato nella sua attività da Mario Vavolo. Ancora non vengono tesserati gli allenatori delle altre due squadre, ma quasi sicuramente saranno Enzo Nunziata per gli Allievi e Giuseppe Antoniani per i Giovanissimi. La quasi totalità dei giocatori delle tre formazioni sarà di proprietà delle Acli Campobasso. dim

Berretti - girone D Inizio: 22 settembre Aprilia Arzanese Ascoli Avellino Aversa Normanna Benevento Campobasso Chieti Foligno Fondi Frosinone L’Aquila Latina Perugia Teramo

Allievi - girone F Inizio: 16 settembre Aprilia L’Aquila Chieti Frosinone Pescara Benevento Melfi Aversa Normanna Campobasso Fondi Virtus Lanciano Latina Teramo Lecce

Nunziata guiderà gli Allievi

Giovanissimi - girone G Inizio: 16 settembre Andria Aversa Normanna Avellino Chieti Bari Arzanese Barletta Campobasso Benevento Melfi Virtus Lanciano Sorrento Juve Stabia Lecce


21

Sport

06 settembre 2012

Calcio serie D

Farina: “Voglio undici gladiatori in campo” Il tecnico dell’Isernia è amareggiato per la sconfitta rimediata nella prima di campionato e sprona la sua squadra ad invertire subito la rotta La brutta sconfitta subita domenica al Lancellotta contro la Vis Pesaro, nella gara inauguarale del campionato, è difficile da digerire. All’allenatore dell’Isernia Francesco Farina non è piaciuto l’atteggiamento mentale della sua squadra : “Onestamente io non me la sento di buttare via quaranta giorni di lavoro per parlare con l’arbi-

tro. Non ho bisogno in questa squadra di attori che fanno spettacoli con gli arbitri, io ho bisogno di undici gladiatori che gettano il cuore oltre l’ostacolo anche e soprattutto in situazioni difficili. E’ inconcepibile giocare la prima partita di campionato in casa per settanta minuti in dieci e per tantissimi altri in nove. Questo atteggiamento non mi

Ancona-Jesina in diretta tv Sabato 8 settembre alle 20.45 su Raisport 2 andrà in scena il derby marchigiano tra i biancorossi ed i leoncelli Il secondo appuntamento del campionato di Serie D con Raisport propone la sfida suggestiva tra due formazioni ambiziose del girone F. Ad aumentare il carico di emozioni per un confronto molto atteso, la diretta in notturna dallo Stadio del Conero. Calcio d'inizio fissato alle 20.45, in onda su Raisport 2. Racconto della gara affidato a Cristiano Piccinelli con il commento tecL'attaccante molisano nico di dell'Ancona Borrelli Franco Peccenini. Nella prima giornata di campionato l'Ancona, trascinata dai gol di Ruffini e Borrelli, ha battuto in trasferta la Maceratese per 2-0. I leoncelli di mister Amaolo sono invece reduci da un pareggio casalingo: 2-2 con gli abruzzesi di Celano.

piace, non fa parte della mia mentalità. Io nelle difficoltà mi esalto, trovo la forza e vorrei che la squadra rispecchiasse questo”. Farina, salito sul banco degli imputati dopo il ko, si è assunto le sue responsabilità che ovviamente vanno condivise con l’intero gruppo che è tornato al lavoro in vista del prossimo impegno di campionato che coincide con la trasferta di Recanati: “C’è ancora tanto da lavorare. Dobbiamo capire in fretta che siamo una squadra che si deve salvare, dobbiamo essere umili e non parlare troppo con gli arbitri. Voglio una squadre che corre, che s’impegna, che raddoppi, triplichi e gestisca bene le situazioni d’attacco. E’ stato mortificabile per me e per la società chiudere una partita in nove contro undici senza che sia stato commesso un solo fallo cattivo contro l’avversario. Siamo adulti e dobbiamo prenderci le proprie

responsabilità io sicuramente me le sono prese e devo cercare do far capire in fretta ai ragazzi che il calcio è u gioco di squadra e non si possono gettare al vento settimane e settimane di preparazione per protestare con l’arbitro”. La nota lieta per il trainer campano arriva dalla tifoseria isernina alla quale rivolge parole di elogio: “In tanti anni di carriera mi è capitato raramente di vedere la tifoseria incitare in casa la squadra fino all’ultimo minuto dopo aver

combinato quello che è successo a noi. Ho visto un atteggiamento del pubblico maturo e domenica questo tipo di pubblico, con quella prestazione, noi non lo abbiamo meritato. La squadra deve tenersi stretti i tifosi perché possono essere il nostro dodicesimo uomo in campo e chiedo scusa a loro, a nome mio e della squadra, per quello che è successo e prometto a tutti che non si ripeterà”. ANPA

Giudice sportivo.

Due turni di stop per Giacomarro ed Artiaco Come preannunciato l’allenatore del Termoli Domenico Giacomarro salterà la gara di esordio al Cnnarsa contro il San Cesareo. Il trainer giallorosso, dopo essere stato espulso a fine gara domenica nel tentativo di sedare una rissa scoppiata tra giocatori è stato fermato dal Giudice Sportivo per due giornate, nel comunicato si legge “ Per comportamento non regolamentare idoneo a suscitare reazioni violente nei componenti la panchina avversaria”. Il difensore giallorosso Ugo Frank Maglione ha rimediato un turno di stop dopo il rosso contro l’Astrea per intervento falloso da ultimo uomo. In casa Isernia Fc mano pesante del giudice sportivo che ha inflitto alla società una multa di 800euro “Perchè, al termine del primo tempo, persone non identificate ne autorizzate, sostavano all'ingresso degli spogliatoi e rivolgevano espressioni gravemente offensive all'indirizzo del direttore di gara”. Squalificato per due giornate l’attaccante Gigi Artiaco, per avere rivolto espressioni offensive al direttore di gara, un turno di stop al compagno di reparto Luigi Palumbo. redsport

2 giornate Artiaco (Isernia) 1 giornata Maglione (Termoli) Luigi Palumbo (Isernia) Rossini (Jesina) Battista ( San Nicolò) Allenatori Due giornate Giacomarro (Termoli)


22

Sport

06 settembre 2012

Basket serie C regionale

Il Maccabi Ripalimosani scalda i motori Parte la stagione agonistica per il Maccabi Ripalimosani che già nell'ultima settimana di agosto si è messa al lavoro avviando la preparazione pre-campionato con una doppia seduta di alle-

namento quotidiana: al mattino lavoro atletico affidato al nuovo preparatore, il ripese Stefano Tudino e al pomeriggio seduta tecnico-tattica agli ordini del nuovo coach, il campobassano Fabio Lado-

Coach Fabio Ladomorzi

Baket serie C.

Il Globo Isernia conferma Andy Igmanubo Continua la preparazione al prossimo campionato per il Globo Isernia con le sedute mattutine di atletica presso la pista del "Lancellotta", sotto la guida del preparatore atletico Antonio Izzi ed al pomeriggio presso il palasport di Isernia, lo staff tecnico continua a vionare atleti utili al progetto Isernia.La squadra del Presidente Domenico Ricci sta valutando le prestazioni dell'ala barese Nicola Santamaria,classe 1986 alto 1,92 che ha giocato la scorsa stagione a Reggio Calabria e del play maker Riccardo De Santis,ventiquattrenne di 188 centimetri impegnato nell'ultimo campionato a Cassino in C1,ma già in passato con il Globo.

Intanto ,con grosso sacrificio da parte della dirigenza pentra è stato confermato il forte atleta nigeriano Andy Igmanubo,che ben ha figurato nel passato campionato. L’ala pivot si è gia aggiunta al gruppo dimostrandosi subito in uno stato di buona forma. Al roster pentro manca ancora qualche piccolo tassello,ma si spera nella firma del giovane guardia /ala 91 Antonio Cardinale nel passato campionato in B con la Mens sana Campobasso (12 punti di media nei Playout e 7 in campionato con il 74 % da 2 e il 35 da 3 ).la prima amichevole è prevista contro il Maccabi Ripalimosani mercoledi 12 alle 19.00.

morzi, a lungo inseguito anche nelle passate stagioni dal Satiro e che finalmente il il D.G. Di Cesare quest'anno è riuscito a portare alla Maccabi Arena. Il nuovo coach è l'uomo giusto per gestire una squadra completamente rinnovata la cui ossatura è rappresentata dai giovani del vivaio ripese che hanno grandi potenzialità tecniche, ma pochissima esperienza nella categoria. Al nuovo tecnico toccherà, dunque, il difficile compito di completare il percorso di crescita dei ragazzi e tentare di mantenere nella categoria il sodalizio ripese, senza, tuttavia, eccessive pressioni. Sul fronte roster, oltre agli Under, sono stati riconfermati i vari Di Cesare, Cannavina, Santella, e Carlozzi ed è arrivata la giovane promessa campobassana, il diciannovenne Michele Libertucci in uscita dalla Mens Sana di Campobasso. Il classe '93, esuberante ala piccola di 190

La squadra per la prossima stagione è stata affidata al coach Fabio Ladomorzi, intanto è iniziata la preparazione atletica sotto la guida di Stefano Tudino

cm. avrà il compito di dare energia e qualità alla squadra ripese consegnando, con un ruolo particolare come quello del lungo atipico e in un sistema di gioco vocato alla corsa, diverse frecce all'arco di coach Ladomorzi. L'intera società sta lavorando alacremente per chiudere il roster con un playmaker di qualità che possa essere funzionale ed in linea con la struttura del nuovissimo team gialloblu: il giocatore sempre più corteggiato dal Satiro è Mattia Panichella, classe '94 che, in uscita anch'egli dalla Mens Sana Campobasso, sarebbe il vero e proprio valore aggiunto per la squadra ripese. Giovane e talentuoso, è l'uomo giusto secondo lo staff tecnico ripese al quale affi-

dare le chiavi della squadra, con l'obiettivo personale di crescere in un ambiente ideale per lui (al primo vero anno nella gestione di una squadra senior) lontano da pressioni legate alla classifica, visto che l'obiettivo dell'annata in quel di Ripa è, soprattutto, far crescere tutto il gruppo dei giovanissimi satiri. Nel frattempo, lo staff tecnico ripese sta organizzando per il fine settimana prossimo, a due settimane dall'inizio della preparazione, un'amichevole, molto probabilmente contro Il Globo Isernia, atta a tastare il polso alla squadra, verificando le vere potenzialità del nuovissimo e giovanissimo roster maccabiano.

Tennis.

Torneo “Città di Morcone”, oggi le finali Con inizio alle ore 16.00, presso il campo da tennis in via S. Erasmo si terranno le finali del IV torneo nazionale di Tennis di III categoria maschile e femminile organizzato dal Tennis Club Morcone del Presidente Girolamo Iacobelli. Sui campi del circolo si sono susseguiti incontri avvincenti , dove è stato espresso un tennis di alto livello, vista la bravura dei partecipanti provenienti soprattutto da circoli campani e molisani, ma anche da altre regioni. Nel campo maschile si sono avute 71 iscrizioni e in base alla loro classifica sono stati predisposti dal Giudice Arbitro Paolo Zerella tre tabelloni, due di selezione e uno finale. Nel tabellone di selezione 4/nc - 4/5 ha avuto la meglio Rosario Motisi 4.nc del TC Foglianise su Andrea Di Lonardo 4.4 del Tc Telesia per 6 -4/6-2 mentre nel secondo tabellone di selezione 4/4 - 4/1 invece la finale sarà disputata tra due atleti del TC Morcone Cristiano Pizza 4.1 e Antonello Scocca 4.1 per la soddisfazione del locale circolo che dopo il successo ottenuto con la conquista del titolo regionale di D2 vede in finale due dei suoi atleti. Il tabellone finale di III categoria vedrà come protagonisti i vincitori delle semifinali che saranno disputati tra :Murone 3.1 ( Parco Vanna)e Filippo Zocco 3.1 (Sporting Team AV) contro il vincente tra Starace Gianluca 3.3 (Tc San Giorgio del Sannio) e Perrella Fabrizio

3.1(AT Campobasso) . Dai nomi degli atleti che partecipano alle semifinali si preannunciano partite molto combattute e di qualità, che danno lustro a questa edizione del torneo . Nel campo femminile, invece, ci sono state 23 iscrizioni con due tabelloni . Nel tabellone di selezione 4/nc 4/3 la finale ha visto prevalere con il punteggio di 6-1 6-1 Camilla Santamaria 4.3 del (Tc 2002) su Federica Gentile 4.4 (Tc Morcone) . L’atleta locale veniva da un incontro di semifinale durato circa 5 ore disputato contro Aurora Marino sempre del circolo morconese. Per quanto riguarda la finale femminile, si affronteranno le sorelle Elisa Leone 3.2 e Valeria Leone 3.4 , entrambe appartenenti al Tc 2002. Gli incontri saranno diretti dal giudice arbitro Paolo Zerella coadiuvato dai GAT 1: Bernardino Ponte e Nik D’Andrea. Al termine delle finali si terranno le premiazioni e un buffet presso la sala convegni messa disposizione dalla Fiera di Morcone. Un doveroso ringraziamento l’organizzazione lo rivolge a tutti gli sponsor che hanno reso possibile questa manifestazione , soprattutto allo sponsor ufficiale la Banca Popolare delle Province Molisane e alla Gioielleria il Diadema di Marco Pasquale per il premio speciale offerto ai vincitori del torneo.Per informazioni e orari sul programma delle finali è posibile visitare il sito:www.tennisclubmorcone.it


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera Notte

Notte

La Ricetta Farfalle melanzane e pomodori Ingredienti per 4 persone: 250 gr di farfalle 2 pomodori maturi olio di oliva cipolla aglio pinoli basilico abbondante melanzane a fettine sottili Tempo di preparazione: circa 40 minuti Preparazione: Sbollentare il pomodoro, pelatelo e tagliatelo grossolanamente, rosolare nel contempo la cipolla con l'aglio aggiungere il pomodoro le melanzane fritte con olio d'oliva cuocere la pasta scolarla mescolare il tutto. Nel frattempo tritare il basilico con i pinoli e aggiungerlo alla fine. Buon appetito

CAMPOBASSO-TERMOLI Partenza Arrivo 05:50 07:35 06:48 08:35 09:30 11:15 12:30 14:20 14:15 16:03 17:18 19:03 17:40 19:30 21:00 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo 05:49 07:35 06:35 08:20 12:07 14:00 13:25 15:10 15:00 16:47 16:05 17:50 17:18 19:04 18:40 20:30 20:48 22:38

CAMPOBASSO-NAPOLI Partenza Arrivo 05:17 07:53 06:28 09:22 13:16 16:13 14:15 17:25 18:00 21:00

NAPOLI-CAMPOBASSO Partenza Arrivo 05:20 09:15 12:11 15:20 12:43 16:01 14:10 16:58 14:29 17:30 17:11 20:00 19:30 22:25

CAMPOBASSO-ISERNIAROMA TERMINI Partenza IS Arrivo 05:52 06:47 08:53 07:15 08:19 10:14 08:33 09:35 11:40 14:20 15:15 17:19 17:01 17:55 19:54 19:30 20:39 22:54

NERILLI (di appoggio) Via Monforte, 2 Tel. 0874.311373 Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091 Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021 Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116

ISERNIA Farmacia di turno

FORTINI P.zza G. Carducci, 15 Tel. 0865.414123 Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Tel. 0874.64744 - 0874.65050 Fax 0874.629847

Per maggiori informazioni consultare il sito: www.atm-molise.it TERMOLI-CAMPOBASSO-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì escluso festivi

Bojano: (P.zza Roma) 6,35 Isernia: (P.zza Repubbl.) 7,05 Venafro: (S.S. 85) 7,30 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,00

23 lug - 23 ago

TERMOLI-CAMPOBASSO 6,05 (anche festivo) - 6,30 - 6,50 - 7,45 8,15 - 8,30 (festivo) - 10,00 - 12,40 - 13,45 - 14,00 (anche festivo) - 14,10 - 16,05 (anche festivo) - 16,20 - 17,10 - 18,40 (anche festivo) - 19,40 - 20,00 - 22,05 (festivo) 22,10 (anche festivo) CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA 6.30 7.40 9.10 8.05 (anche festivo) 9.15 10.45 14.15 15.25 16.55 17.10 (festivo) 18.20 19.50 PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO 11.10 12.40 13.50 14.35 (anche festivo) 16.05 17.15 18.30 20.00 21.10 20.35 (festivo) 21.35 22.45

Siena: (P.zza Rosselli) 12,55 Firenze: (P.zza Adua) 14,00

IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI

FIRENZE-CAMPOBASSO-TERMOLI

Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,40

Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 20,10 Venafro: (S.S.85) 20,40 Isernia: (P.zza Repubbl.) 21,05 Bojano: (P.zza Roma) 21,35 Campobasso: (Terminal) 22,00 Termoli: (Terminal) 23,00 CAMPOBASSO-TERMOLI: 4,35 - 6,15 (festivo) - 6,30 - 7,00 - 7,45 8,05 (anche festivo) - 11,00 (anche festivo) - 12,35 (anche festivo) - 13,45 - 14,10 (anche festivo) - 14,15 - 16,00 - 17,10 (festivo) 17,20 - 18,05 - 19,55 - 20,35 (anche festivo)

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEA STATALE VENAFRO / ISERNIA / BOIANO / CAMPOBASSO / TERMOLI / RIMINI / FORLÌ / IMOLA / BOLOGNA

Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,30

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone

AGIENDA TRASPORTI MOLISANA

Firenze: (P.zza Adua) 14,10

PARAFARMACIA DI LENA - Tel. 0875.707976 c/c La Fontana (sempre aperta, anche sabato e domenica, orario continuato)

ROMA TERMINI-ISERNIACAMPOBASSO Partenza IS Arrivo 06:15 08:17 09:15 09:15 11:16 12:13 14:08 16:21 17:26 14:40 17:52 19:00 17:08 19:43 20:44 19:02 21:09 22:00 20:08 22:03 22:55

ATM

Municipio Tel. 0865.50601

TERMOLI Farmacia di turno CENTRALE - C.so Nazionale, 102 - Tel. 0875.702492

Gemelli

AUTOBUS

Campobasso: (Terminal) 6,10

CAMPOBASSO Farmacia di turno PICCA Via Mons. Bologna, 24 Tel. 0874.416177

Toro 21 apr - 20 mag

21 mag - 21 giu

Termoli: (Terminal) 5,10

Numeri utili

Ariete 21 mar - 20 apr

LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ

Bilancia 23 set - 22 ott

Scorpione 23 ott - 22 nov

DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area servizio Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini 13.00 Forlì - 13 .45 Imola - 14.30 Bologna DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.50 Forlì 17.40 Rimini - 19.20 Area servizio Conero Est e Ovest - 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

Sagittario 23 nov - 21 dic

AUTOLINEA STATALE CAMPOBASSO / BOIANO / ISERNIA / VENAFRO / CASSINO / ROMA DA CAMPOBASSO partenze 5.45 Campobasso - 6,15 Boiano - 6,45 Isernia 7.15 Venafro - 7.45 Cassino - 9.15 Roma

Capricorno 22 dic - 20 gen

DA ROMA partenze 12.35 Roma - 14.05 Cassino - 14.35 Venafro 15.05 Isernia - 15.35 Boiano - 16.05 Campobasso

NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

Acquario 21 gen - 19 feb

A D N E AG

Pesci 20 feb - 20 mar

Ariete - Qualcuno vicino a voi potrebbe avere bisogno di rallentare e voi dovrete necessariamente seguirli in qualche modo. Non siate quindi ossessionati dal tempo ma anzi, prendetevela comoda visto che in questo momento vi meritate proprio un po' di relax e un po' di successo senza avere ulteriori intralci. Avrete del tempo per entrare in sintonia. Toro - Se capirete profondamente le persone che vi sono vicino di certo riuscirete finalmente a prendere un po' di respiro dalle problematiche che vi hanno afflitto fino a questo momento e che non vi hanno permesso di sconfinare e di prendervi di diritto ciò che vi spetta. Non abbiate troppe remore nel buttarvi in futuro altrimenti non riuscirete ad esprimervi! Gemelli - Potete avere tutta l'influenza di questo mondo sugli altri ma non riuscirete a colpire nel segno con voi stessi ed a convincervi che per fare in modo che tutto vada per il meglio bisogna impegnarsi a fondo e rischiare di sembrare anche ridicoli nel perseguimento dei propri obiettivi! Cancro - Se in questa giornata aspetterete troppo a chiedere di uscire alla persona che vi piace o impiegherete troppo tempo a mettere a punto una questione lasciata in sospeso, allora è ben possibile che qualcuno lo faccia al posto vostro e che voi restiate per l'ennesima volta a guardare gli altri che grazie a voi hanno successo! Leone - Non allarmatevi troppo in questa giornata se un problema che credevate di aver risolto si ripresenterà poiché non sarà lì per voi ma per qualcun altro, quindi non saltate subito alle conclusioni ed attendete che vi siano altre persone ad occuparsene come è giusto che sia! Avete già fatto il vostro dovere una volta! Vergine - I vostri obiettivi in questa giornata potrebbero essere duplici e potrebbero riguardare sia il vostro lato nascosto e più intimo e quindi la sfera dei sentimenti, che quella lavorativa. Forse qualcuno oggi potrebbe anche deludervi ma per voi sarà comunque una conquista, ed in ogni caso saprete rialzarvi! Bilancia - Prima di immischiarvi in questioni che non vi riguardano in questa giornata sarebbe meglio dare una occhiata a qualcosa che vi potrebbe interessare davvero e che potrebbe fare la differenza. Non mollate come sempre una via perché non vi sembra quella più sicura! Scorpione - In questa giornata qualcuno di voi si potrebbe esporre troppo e finire per essere criticato aspramente oppure deriso. Va bene prendere posizione e mostrarsi forti, ma non tanto da rischiare di essere inopportuni. Ci sono modi e modi per rivelarsi, quindi attenti a non scegliere quello sbagliato! Sagittario - Se ascolterete ancora per molto i preziosi consigli di qualche vostro amico, finirete esattamente dalla parte opposta alla quale vorreste essere! Vi siete fatti forza spesso ed oggi dovrete farlo ancora una volta, senza prendere troppo sul serio certe baggianate che sapete essere tali. Capricorno - Oggi avrete una piccola missione, che sarà quella di rendere partecipi alcune persone in alcune situazioni della vostra vita che si stanno rapidamente susseguendo e che ormai hanno preso una certa via. Vi state evolvendo e siete di nuovo pronti ad accogliere con voi o affianco a voi persone nuove o nuovamente persone! Acquario - In questa giornata dovreste cercare di essere molto più sicuri di voi stessi non tanto perché ve ne sia bisogno in generale, ma semplicemente perché c'è bisogno che voi stessi vi convinciate di esserlo. Potete sfidare chiunque, ma soltanto se prima vi chiarirete le idee. Non date ad altri le vostre possibilità! Pesci - In questa giornata qualcuno potrebbe aspettarsi qualcosa di più nella propria vita, come se dovesse succedere da un momento all'altro. Non è oggi tuttavia il caso di mettersi a fare i bambini e negare agli altri di avere contribuito per qualche buona causa, poiché le persone come voi oggi se ne trovano poche!



Quotidiano - 6 Settembre 2012