Page 1

Terribile scontro; perde la vita Gabriele Caccavaio

ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010

CAMPOBASSO - Non c’è stato nulla da fare per Gabriele Caccavaio. Il 29enne di Campobasso era alla guida della sua Peugeot 206 quando sulla Provinciale 166 si è scontrato con un camion Iveco. Un impatto terribile che non ha lasciato scampo al ragazzo che oltre allo studio si dedicava anche al volontariato alla Croce Rossa. Sconforto in città dove il 29enne era molto conosciuto e stimato per le sue doti umane. Dopo lo scontro la salma del campobassano è stata trasportata all’obitorio di Bonefro.

DISTRIBUZIONE GRATUITA

Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO A DANILO LEVA Spesso capita di formulare giudizi affrettati e di prendere granchi clamorosi. Danilo Leva, consigliere regionale del Pd, ha definito lo Iacp (Istituto Autonomo Case Popolari) “carrozzone e sacca di spesa improduttiva per questa Regione”. La precisazione dell’Ente non si è fatta attendere: “Non riceviamo alcun finanziamento della spesa corrente, come avviene per altri enti, così come stabilito dall’articolo 14 della finanziaria regionale 2010, ma è lo Iacp che, a sua volta, deve versare alla Regione il 20% dei proventi dei canoni di locazione”. Leva, quindi, in qualità di rappresentante delle istituzioni, farebbe bene ad informarsi meglio prima di esprimere valutazioni di un certo rilievo. Il nostro tapiro può essergli d’aiuto.

L’OSCAR DEL GIORNO A SAVINO CANNONE Fa sempre piacere quando qualcuno (caso più unico che raro in realtà) ci riconosce la bontà e la professionalità del lavoro che svolgiamo quotidianamente. Il direttore di sede della Cattolica di Campobasso, Savino Cannone, ha ringraziato i giornalisti “per aver partecipato alla conferenza stampa di martedì scorso e per l’attenzione, la sensibilità e la competenza dimostrate nell’affrontare un argomento molto delicato come la sanità”. Si tratta di un importante attestato di stima per una categoria, spesso oggetto di critiche feroci, che ha il non facile compito di raccontare ogni giorno i fatti in modo distaccato, obiettivo e, se possibile, accattivante. Per questo, ringraziamo il professor Cannone con l’oscar del giorno.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Dura replica alle dichiarazioni del capogruppo del Pd Danilo Leva

I dipendenti: lo Iacp non è un ente carrozzone CAMPOBASSO - I dipendenti dell’Istituto autonomo case popolari di Campobasso non vogliono passare come lavoratori di un carrozzone inutile e mangiasoldi e per questo rispondono per le rime al capogruppo del Partito democratico Danilo Leva. Grazie ad un suo emendamento presentato insieme a Massimo Romano, infatti, la prima commissione (coi voti decisivi di Chierchia e Pietracupa) ha soppresso gli enti sub regionali stravolgendo l’impianto della manocra correttiva della giunta. Leva però ha anche rincarato la dose e in un’intervi-

Danilo Leva

sta rilasciata a Telemoslie ha ribadito la necessità di “sopprimere gli enti inutili che rappresentano dei carrozzoni e delle sacche di spesa improduttive per questa Regione, tra cui gli Iacp, Arsiam, Ept, ……..” Naturalmente in totale disaccordo con quanto dice Leva, i dipendenti dell’Istituto di via Montegrappa affermano che questo “non è né un ente carrozzone e tantomeno una sacca improduttiva della Regione Molise dalla quale non riceve alcun finanziamento della spesa corrente, come avviene per altri enti, così come si evince dall’art.14 della legge regionale n.3 del 2010 (finanziaria per il 2010 della Regione Molise)”. Articolo che i lavoratori riportano integralmente a conforto della loro indignazione e dal quale si evince che i contributi regionali per le spese di funzionamento degli enti dipendenti della Regione sono erogati agli Ept, all’Arsiam, all’Esu, all’Iresmo, All’Arpam, all’Agenzia “Molise Lavoro” ma non agli Ept! Insomma Leva non è affatto informato. E prima di parlare avrebbe dovuto farlo per evitare la brutta figura. In base alla legge regionale n. 17 del 2006, art.20, comma 4, è lo Iacp che deve versare alla Regione Molise il 20% dei proventi derivanti da canoni di locazione.

“Disposizione che l’Istituto di Campobasso ha rispettato – aggiungono a loro difesa i dipendenti - tanto è vero ogni anno vengono versati, su un conto speciale, alla Regione Molise circa 500mila euro, così come può essere verificato dalla lettura dei

bilanci regolarmente trasmessi alla Regione”. In ultimo il rammarico per essere stati equiparati “ad un carrozzone politico perché, è opportuno chiarire - concludono - che un ente pubblico che svolge un servizio per la collettività, non è un’entità astratta

ma è formato di persone che, nel caso dello Iacp di Campobasso, lavorano seriamente e con responsabilità”. Chiariti gli aspetti legislativi, ora i dipendenti si aspettano da Leva quantomeno le scuse. redazionepolitica

Crisi in Regione, Psi: gestione allegra ed antica CAMPOBASSO - Un altro duro affondo alla politica regionale. Questa volta ad intervenire sulla difficile situazione che sta attraversano il Molise è il Partito Socialista Italiano che ieri, a poche ore dalla discussione del maxiemenadamento alla manovra finanziaria in Consiglio regionale, ha tenuto un incontro a Campobasso. Presenti i massimi esponenti del partito che hanno analizzato le criticità di un sistema economico allo sbando che sta colpendo soprattutto il sud Italia. “Ed è proprio in questo contesto che le difficoltà maggiori per la Regione emergeranno con l’applicazione del federalismo fiscale”. Ne è convinto il segretario regionale del Psi Giuseppe Scarano: “in Molise sono andate avanti politiche sbagliate”. Non ha usato mezzi termini il segretario, aggiungendo che “la gestione è stata troppo allegra, antica (con riferimento alla politica clientelare) e poco strategica. A partire dal cattivo impiego dei fondi per alluvione e post sisma

I socialisti puntano il dito contro il governo Iorio

fino allo sfascio della sanità molisana con l’istituzione dell’Asrem. Questa situazione la pagheremo a lungo e non verrà risolta con la manovra finanziaria che prevede decine di milioni di euro di tagli. Le difficoltà sono tante ed evidenti”. Scarano ha inevitabilmente por-

tato l’attenzione sullo stato del centrosinistra: “non in grado di poter offrire un’alternativa concreta al centrodestra”. Per il Psi è dunque indispensabile ritrovare l’unità, individuare una figura che possa dare speranza ad un nuovo Molise; guardare a nuove alleanze anche con l’Italia dei Valori e con-

dividere un unico programma. Scarano si è poi soffermato sui costi della politica: “non bisogna limitare la democrazia ma i privilegi. Si devono eliminare gli sperperi non le rappresentanze. E’ qui che si inserisce pure la questione morale. L’approccio alla politica deve essere trasparente e

non una facciata per curare solo interessi personalistici”. Ed ancora, circa la sanità il Psi evidenzia una ridotta qualità del servizio offerto promuovendo l’ospedalizzazione domiciliare. Il paziente curato a casa, salvo i casi che necessitano del ricovero in ospedale, costerebbe appena 100 euro al giorno contro gli 800 in un nosocomio. La gestione del comparto, dunque, dovrebbe essere affidata ad operatori del settore piuttosto che ai politici. A sostenere le argomentazioni di Scarano anche il consigliere regionale Pangia, il presidente del Consiglio provinciale Perugini, altri vertici del partito, ed alcuni assessori di palazzo Magno. Tra questi Vincenzo di Narzo che dall’Italia dei Valori è transitato proprio nel Psi. Tra le motivazioni quelle di condividere a pieno i principi del partito (ormai in vita da oltre 100 anni) basati sulla libertà, la trasparenza e la meritocrazia ed il progetto di rilanciare una nuova politica in Molise.

In Provincia nasce il gruppo “Futuro e libertà per l’Italia” CAMPOBASSO – I finiani si organizzano anche in Molise. Alla Provincia di Campobasso si è costituito infatti il gruppo “Finiano” e ne fanno parte Giuseppe Notartomaso, che ne è il capogruppo, ed Antonio Felice. I due consiglieri sono stati di recente espulsi dal Pdl perché, con la loro strategica assenza a

palazzo Magno, qualche mese fa consentirono al presidente D’Ascanio di restare in sella anche senza una maggioranza. Sulla variazione di bilancio infatti anche l’Idv prese le distanze. Ma alcune defaillance tra i banchi dell’opposizione ‘salvarono’ il centrosinistra e la legislatura.

Oggi i due – che abbracciano la causa del presidente della Camera - fanno sapere che il loro gruppo “agirà sempre nell’area del centro-destra ma in totale autonomia rispetto al Pdl e alle altre forze politiche di minoranza presenti a Palazzo Magno”. Il che significa che si pronunceranno sugli ar-

gomenti che arriveranno in aula in maniera autonoma. “Se si dovesse istituire la prassi, altrove già utilizzata, di fare riunioni pre-consiliari – dicono il gruppo, se chiamato, interverrà con il proprio capogruppo che apporterà senza dubbio un contributo di leale collaborazione ai lavori”.

Giuseppe Notartomaso


PRIMO PIANO È iniziato ieri a Palazzo Moffa il dibattito sulla manovra che taglia la spesa pubblica

Maxiemendamento, Iorio chiede alla maggioranza di serrare le file Oggi alle 12 si torna in Aula: si potranno presentare emendamenti fino alle 17. Poi il voto finale CAMPOBASSO – Michele Iorio chiede alla sua maggioranza (“quella dialogante e rassicurante”) di serrare le file. In vista dell’approvazione della proposta di legge numero 233 sulle misure di razionalizzazione della spesa (il cui saldo è di 27 milioni di euro), di iniziativa della giunta regionale, il presidente della Regione può sfruttare l’occasione per “fare la conta” e vedere se c’è la crisi” dopo lo “strappo” dei consiglieri di Alleanza di Centro, Pietracupa e Chierchia, che hanno votato insieme al centrosinistra gli emendamenti al provvedimento in I commissione. L’ipotesi dimissioni, comunque, viene scartata categoricamente dal governatore: “Non ho alcuna intenzione di dimettermi. Lo farei solo se non avessi più la maggioranza numerica per andare avanti”. Intanto, la maggioranza (qualunque essa sia) sarà chiamata ad apportare, se necessarie, aggiunte e correzioni alla maxiemendamento che conterrà l’intera manovra. Dopo la relazione illustrativa del presidente della I commissione, Antonino Molinaro, e le rimostranze del consigliere del Pd, Danilo Leva, sull’approvazione degli emendamenti dell’opposizione, Iorio ha difeso a spada tratta la matrice politica e gli obiettivi economici del provvedimento: “La nostra manovra riduce le spese

senza usare l’accetta e restituisce dignità agli organi istituzionali, quali la giunta e il Consiglio; è credibile e seria e fornisce riposte ai molisani in maniera armonica. È incomprensibile, quindi, qualsiasi tentativo di sfiducia verso il presidente e gli assessori: l’opposizione ha un indirizzo politico distruttivo e, in particolare, nei confronti di un assessore in particolare”. Il presidente si è detto, poi, “sconcertato per la relazione di Leva, intrisa di argomentazioni politiche e assunzione di meriti nei confronti dei molisani che, quattro anni fa, hanno approvato il nostro operato che ha gettato le basi anche per il futuro”. Un futuro, quello dell’attuale legislatura, in cui “abbiamo consentito alla regione di crescere dal punto di vista economico, culturale, della formazione e della valorizzazione degli elementi di pregio territoriali e civili”. Per cui “non cediamo alla tentazione di accusare chi è stato responsabile del contesto che abbiamo ereditato”. Il governatore ha proseguito, senza battere ciglio, a “smontare” il quadro a tinte fosche disegnato dall’esponente del Pd: “La relazione propagandistica del centrosinistra, non suffragata dai numeri, è lontana dalle aspettative dei molisani. Vi sono tante inesattezze: non è stato

fatto alcun riferimento alla serie di crisi che la regione ha attraversato come il terremoto, l’industria, l’economia globale, per la quale l’opposizione ha tentato di far ricadere la colpa su questo governo, quando ad essere in ginocchio sono le amministrazioni, di centrodestra e centrosinistra, di tutto il mondo. Si sottacciono le capacità che questa regione ha avuto in questo momento difficile: nonostante il Pil sia crollato dieci volte in più rispetto alle stime, il Molise ha risposto positivamente a ciò, anche nel periodo del terremoto, grazie al sostegno di tutte le amministrazioni”. In particolare, “sono orgoglioso di aver gestito l’emergenza come commissario delegato, alla luce del sole e con centinaia di milioni impiegati attraverso investimenti grossi, provenienti anche dall’Unione Europea. La nostra azione è stata incisiva, forte e, senza di essa, avremmo potuto assistere al materializzarsi di un Molise disastrato”. In questo momento, “abbiamo il problema industriale delle difficoltà nell’accesso al credito delle piccole imprese e le questioni dello Zuccherificio e della Solagrital. Anche se qualche oppositore (chiaro il riferimento a Massimo Romano) ha voluto spostare la questione in Tribunale, quello che abbiamo fatto è servito per far continuare a lavorare le persone. Avrei preferito che la cosa si risolvesse attraverso un dibattito politico. Ma questa è la politica, la verve accusatoria di chi si propone di formare – non si sa con chi e quando – il nuovo governo regionale”. Iorio ha anche rintuzzato, in maniera ancor più recisa, gli attacchi sulla politica sanitaria: “Perché non convenire sulla bontà delle misure che stiamo adottando in linea con le disposizioni impartite dal governo nazionale? Ma preferisco non dilungarmi nell’argomento in questa sede…”. Infine, dal cilindro del presidente, salta fuori la stoccata finale alle opposizioni:

“Domani (oggi, ndr) la giunta approverà il programma Geosat che prevede investimenti per 20 milioni, tra fondi pubblici e privati, in Molise da parte dell’Agenzia Spaziale Italiana per sviluppare nuove tecnologie per lo spazio. Entro settembre o, al massimo, ottobre, sarà pronto un bando formativo per reclutare 60 ingegneri in regione. È il risultato – ha concluso Iorio – di una politica che guarda al futuro e che cerca di investire per un Molise moderno e competitivo, al contrario della politica distruttiva portata avanti dal centrosinistra che mi ha deluso, iniziando il dibattito nel peggiore dei modi, volendone esasperare i contenuti. E per questo mi sono sentito in dovere di rispondere alle accuse. Ma ora è arrivato il momento della verità: tutti devono assumersi le proprie responsabilità nell’interesse dei molisani”. L’ora “X”, come stabilito dal presidente dell’assemblea, D’Alete, è a mezzogiorno di oggi con la discussione generale

sulla proposta di legge, in cui sarà possibile, fino alle 17, presentare eventuali emendamenti sia al maxiemendamento del presidente Iorio, sia alla relazione del consigliere Leva sul testo approvato dalla Commissione che ha modificato profondamente la proposta della giunta. Con tutta probabilità, al termine della discussione, ci sarà il voto finale sul provvedimento: il Molise si gioca un buona fetta del suo futuro. Adimo

Il governatore difende il provvedimento: riduce le spese senza usare l’accetta e restituisce dignità a Giunta e il Consiglio


REGIONE Avviso pubblico per il reperimento di 60 candidati ad un corso di formazione che ha l’obiettivo di diffondere la cultura di genere e favorire una maggiore partecipazione delle donne e degli uomini nei centri decisionali

La Provincia di Campobasso per le pari opportunità

Annamaria Macchiarola assessore provinciale alle Pari opportunità e istruzioni

CAMPOBASSO - L’assessorato alle Pari Opportunità della Provincia di Campobasso ha indetto un avviso pubblico per il reperimento di 60 candidati per la partecipazione al corso di formazione “La politica delle pari opportunità… per le pari opportunità nella politica”. Si tratta di un progetto che rientra nell’ambito del piano di azioni positive del triennio 2010/2012 presentato dal Comitato Pari Opportunità ed approvato dalla Giunta provinciale il primo giugno scorso. L’obiettivo del corso è diffondere la cultura di genere e delle pari opportunità, promuovere e favorire una maggiore partecipazione delle donne e degli uomini nei centri decisionali, sia a livello nazionale che locale, attraverso una formazione specifica che tenga

conto anche delle politiche di settore europeo. Il percorso formativo è articolato in 8 moduli ed avrà la durata di 40 ore così ripartite: Modulo I: Differenza di genere e rappresentanza politica (ore 4) Modulo II: Le funzioni amministrative degli enti locali (ore 8) Modulo III: Il sistema elettorale. Come si organizza una campagna elettorale (ore 4) Modulo IV: Tecniche di comunicazione verbale e non verbale (ore 8) Modulo V: Mercato del lavoro ed imprenditoria femminile (ore 4) Modulo VI: Programmazione europea in tema di parità e pari opportunità ed accesso ai finanziamenti (ore 4) Modulo VII: Conciliazione vita-lavoro

(ore 4) Modulo VIII: Storia della politica (ore 4) Sono ammessi a partecipare al corso 60 unità, di cui 30 a Campobasso e 30 a Termoli. I corsi sono riservati per due terzi alle donne ed il restante terzo agli uomini. I corsi si terranno in via Roma a Campobasso e nel Centro per l’Impiego di Termoli. La partecipazione è gratuita. Richiesta soltanto la frequenza obbligatoria dell’80% delle lezioni complessive. Per tutte le informazioni riguardanti l’avviso è possibile contattare l’Ufficio Risorse Umane della Provincia (Tel. 0874 401345 / 401220 / 401207 / 401386 / 401504 / 401268 E-mail: risorseumane@provincia.campobasso.it).

Nove dirigenze scolastiche soppresse A Palazzo Magno passa il piano CAMPOBASSO – Nove dirigenze scolastiche soppresse su un totale di 61. Primo via libera al piano di dimensionamento 2011-2013. Il provvedimento che ‘riorganizza e migliora l’offerta formativa’ sul territorio provinciale è stato approvato dalla giunta di via Roma. Dall’ente fanno sapere che siamo di fronte ad un buon piano che ha cancellato ‘sole nove dirigenze, distribuite in maniera equa e razionale sul territorio provinciale ed in maniera proporzionale nei centri maggiori, salvaguardando le realtà delle aree interne”. Sia ben chiaro: il taglio riguarderà i presidi ma che comunque verranno ricollocati visto che in Molise ci sono più posti da dirigenti che dirigenti stessi. Sulla proposta della Provincia adesso è chiamata a pronun-

ciarsi in via definitiva la Regione. C’è tempo per emendare il piano: l’approvazione deve arrivare entro il 31 docembre. Ma l’assessore al ramo Filoteo Di Sandro ha promesso di mantere aperto il tavolo di concertazione. La riorganizzazione di palazzo Magno non ha potuto prescindere dai parametri numerici imposti dal governo: hanno mantenuto la propria autonomia le scuole con un numero di alunni non inferiore a 500 e non superiore a 900. Concessa la deroga solo ai comuni montani e alle comunità poliglotte: in tali casi la soglia minima che garatisce l’autonomia scende a 300 alunni. Tenendo quindi conto di questi parametri la Provincia ha soppresso tre direzioni a Campobasso dove in altrettanti

quartieri si è proceduto ad un accorpamento con una verticalizzazione di materne, elementari e medie; una a Trivento (dove qualcuno ha gridato allo scippo ma dove le scuole erano sottodimensionate); una direzione a Termoli, un’altra a Bo-

jano, accorpate quelle di Ururi e Portacannone, nell’area del fortore soppressa quella di Jelsi rimpiazzata da due gradi istituti risultato di un lavoro di squadra di undici sindaci. Durante l’ultima seduta, l’esecutivo provinciale ha deliberato

anche un contributo per la manifestazione “Il Molise a Termoli: rassegna dei Comuni molisani”. Si tratta di un’iniziativa che punta a valorizzare le tipicità tipiche locali, a tutelare le unicità dei Comuni che prenderanno parte all’evento e a sostenere le attività di sviluppo locale per una crescita economica dell’intero territorio provinciale. Nell’ambito delle “Giornate della Cultura”, la Giunta provinciale ha poi delegato una rappresentanza istituzionale a partecipare all’inaugurazione della “Casa d’Italia” nella città di Montreal, dove contestualmente, sarà allestita una mostra fotografica sull’emigrazione voluta dell’Associazione “Centre Communaitaire de la Petite Italie”, promotrice della manifestazione transnazionale.


CAMPOBASSO Per la ditta di costruzioni arriva la sanatoria e i lavori vanno verso l’ultimazione

Palazzina di via Longano, una parte dovrà essere abbattuta

Sembra un film a puntate una di quelle pellicole dove la fine è attesa ad ogni episodio e invece le puntate continuano e i colpi di scena pure. La storia della palazzina in realizzazione a via Longano è un po’ questa. Dal momento in cui è stata poggiata la prima pietra ad oggi il palazzo della Gf costruzioni ha vissuto alterne vicende tra le sentenze dei giudici e i conseguenti stop ai lavori. L’ultima novità su quella che è

stata ribattezzata la palazzina della discordia è arrivata non più di qualche giorno fa: la ditta dovrà pagare le spese della sanatoria e in aggiunta una parte dell’immobile, pur se minima, dovrà essere abbattuta. E questa volta pare non ci siano scappatoie. Sarà questa la decisione finale o dobbiamo prepararci ad aprire un altro capitolo? In effetti non si tratta di una decisione che passa inosservata. Per chi sta lavorando si tratta di

una perdita e non di poco conto per i vicini invece è forse la prima vera conquista e anche se non saranno pienamente soddisfatti almeno un sospiro di sollievo potranno tirarlo. In effetti a scatenare la polemica furono proprio i residenti della zona che si sono visti murare vivi dal nuovo edificio che affaccia su via IV Novembre ma che dista solo pochi metri dai vecchi stabili. A fine gennaio i giudici del Tri-

bunale amministrativo del Molise hanno bloccato i lavori e condannato la ditta al pagamento di una multa di 7mila euro. La penultima tessera di un mosaico piuttosto complicato iniziato nel 2006 quando da Palazzo San Giorgio concessero alla ditta Gf il permesso di realizzare il palazzo lì dove per 40 anni non era stato possibile. Poi dall’oggi al domani il permesso fu rilasciato. E chissà per quale motivo visto che l’area non è stata variata e i problemi

sono rimasti quelli di sempre. E basta guardare le foto per capire che in quel punto la concentrazione di cemento è davvero troppa, e la vicinanza dei balconi è piuttosto inconfutabile. Ma quando si tratta di questioni così delicate e soprattutto di questioni economicamente importanti le chiacchiere valgono poco e così per dovere di cronaca va comunque detto che la ditta GF Costruzioni per avviare i lavori di carte scritte ne ha dovute accumulare tante. Permessi e licenze, queste ultime annullate tre anni fa. Ma i residenti (capeggiati da Michele Stella) non fecero in tempo a cantare vittoria e nonostante gli striscioni, le manifestazioni e il primo pronunciamento la ditta ottenne la sospensione della decisione e gli operai continuarono a lavorare. Poi di nuovo un altro stop. Oggi invece la ditta può ultimare la palazzina. Almeno quella che rimarrà in piedi

Apparecchiatura per la Municipale parzialmente distrutta dai topi La conferma arriva da un responsabile di Palazzo San Giorgio I dubbi sollevati dalla Gazzetta del Molise sulle ricetrasmittenti e sul resto dell’attrezzatura acquistata per ammodernare la Polizia municipale erano, e sono, più che fondati. Ma facciamo un riassunto delle puntate precedenti. Il Comune di Campobasso ha ottenuto un finanziamento regionale di 500mila euro (stesso importo andò anche al Comune di Isernia) per acquistare una serie di apparecchiature, molto sofisticate, che sarebbero servite per tenere sotto controllo i vigili sparsi sul

territorio, ma anche per poter creare un collegamento radio più agevole tra le pattuglie e il comando e, infine,per gestire in videoconferenza i rapporti con le polizie municipali dei comuni limitrofi. Il finanziamento della Regione risale al 2006/2007. Insomma tre o quattro anni fa. Fatto sta che subito dopo l’acquisto dei macchinari e la conferenza stampa di presentazione (delle nuove frontiere della Polizia Municipale) delle ricetrasmittenti e degli impianti fissi se ne sono perse le tracce. O meglio le

I macchinari pare siano ancora in garanzia

‘radio’ sono state consegnate ai vigili ma non sono mai entrate in funzione così come avrebbero dovuto (sono molto sofisticate e con molteplici possibilità di utilizzo) mentre le strumentazioni installate sul castello Monforte non sono mai entrate in azione perché praticamente divorate dai topi magicamente entrati nei costosi congegni per divorare i fili e rendere vano l’acquisto. Per sapere effettivamente come stanno le cose, e per avere conferma su quanto scritto su

queste colonne, abbiamo chiesto informazioni al Comune. Da lì nessuna spiegazione incoraggiante. O meglio uno dei responsabili della polizia locale ha spiegato che la questione sta più o meno come l’abbiamo raccontata. Ha confermato il parziale utilizzo delle apparecchiature, ha confermato pure la storia dei topi che hanno danneggiato l’impianto sul Castello (con tanti altri tubi da distruggere hanno gradito proprio quelli dei vigili). Unica nota positiva è che per

settembre i tecnici della ditta che ha venduto al Comune i macchinari dovrebbero rimetterli a posto. E a costo zero perché ancora in garanzia. Speriamo solo che l’intervento non venga posticipato troppo (di tempo se n’è perso parecchio) altrimenti anche il beneficio della garanzia svanirà e aggiungere altri soldi ad un’operazione costata già parecchio non farebbe fare una bella figura al Comune di Campobasso.

Nel nuovo codice della strada meno tolleranza per i trasgressori Tolleranza zero: sembra esser questa la parola chiave idonea a interpretare le novità introdotte dalla legge n. 120 del 29 luglio scorso sul codice della strada. La legge entrerà in vigore solo dal 13 agosto, ma il regime di operatività è già attivo per le disposizioni che influiscono in maniera diretta sui livelli di sicurezza della circolazione stradale: prime tra tutte quelle che riguardano la guida in stato d’ebbrezza alcolica o di alterazione

per uso di sostanze stupefacenti. Divieto di bere alcolici prima di mettersi alla guida per neopatentati e conducenti professionali, inasprimento delle sanzioni per tutti i conducenti “condannati” dall’etilometro e istituzione di nuovi test anti-droga effettuati sulla saliva. Le altre disposizioni riguardano l’uso delle cinture di sicurezza, di lenti o altri apparecchi durante la guida, la circolazione dei ciclomotori e delle minicar. Lu.a.


CAMPOBASSO L’incidente nel pomeriggio sulla Provinciale 166 nei pressi di Bonefro

Scontro auto contro camion muore un giovane di Campobasso Gabriele Caccavaio, appena 29 anni e volontario della Croce Rossa viaggiava sulla sua Peugeot 206 quando sul viadotto ha impattato col mezzo pesante La vita di Gabriele Caccavaio si è spezzata ieri sulla provinciale 166. Un terribile incidente in cui il 29enne di Campobasso non ha avuto scampo. Il giovane si trovava alla guida della sua Peugeot 206, sulla strada tra Casacalenda e Bonefro, quando all’altezza del viadotto di San Vito è avvenuto lo spaventoso impatto con un camion Iveco, il cui autista è rimasto illeso. Sul posto sono sopraggiunti immediatamente i vigili del fuoco di Santa Croce di Magliano, i carabinieri di Larino ed i sanitari del 118. Questi ultimi, che nulla hanno potuto fare per sal-

vare la vita di Gabriele, conoscevano bene il ragazzo. Il 29enne, infatti conduceva le ambulanze del pronto soccorso ed era un volontario della Croce Rossa nel capoluogo molisano. Un guidatore esperto dunque. E mentre le dinamiche dell’incidente sono al vaglio dei carabinieri, il corpo del giovane è stato trasportato all’obitorio di Bonefro. Intanto, il bilancio della giornata di ieri si sarebbe potuto essere ben più grave. Un altro incidente è avvenuto poco dopo le 13, sulla statale 87, all’altezza dello Zuccherificio. Una Opel Zafira si è scontrata con un tir.

Secondo una prima ricostruzione, l’uomo alla guida del mezzo pesante stava per svoltare verso lo stabilimento quando ha urtato la Zafira che pare stesse in fase di sorpasso. A bordo della utilitaria una coppia di coniugi di Ururi. L’auto, dopo lo scontro è finita contro la segnaletica dello spartitraffico, fortunatamente senza gravi conseguenza. Il 55enne alla guida della Zafira è stato trasportato al san Timoteo per accertamenti. Per l’autista del tir un colpo di frusta al collo. In questo caso sono intervenuti gli agenti di Polizia di Termoli.

Droga, ancora un caso di overdose Sale il numero di casi di overdose in città. Un 25enne del capoluogo, infatti, è finito in ospedale dopo essersi sentito male. Ad accorgersi delle cattive condizioni del figlio, la madre che ha quindi allertato i sanitari che hanno provveduto al ricovero del giovane. Il fenomeno, dunque, non si placa, nonostante la nota operazione antidroga, denominata “via Bakù”, che lo scorso ottobre ha visto smantellare una corposa organizzazione e finire in carcere 17 persone. Tutti pusher che si rifornivano di droga a Napoli per poi rivenderla in Molise.

Lotta al lavoro nero: controlli a tappeto Operazione congiunta della direzione regionale per il lavoro, dell’Inail e dei carabinieri contro l’impiego di minorenni ed extracomunitari Dieci giorni di controlli capillari e serrati per contrastare il fenomeno del lavoro nero in Molise:gli ispettori della direzione regionale per il lavoro e dell’Inail, insieme ai carabinieri delle direzioni provinciali di Campobasso e Isernia, hanno dato vita ad una vera e propria campagna di indagini negli esercizi pubblici localizzati sul fronte turistico – balneare della costa molisana.

Ben cinquantadue le aziende rientrate sotto la lente dell’operazione cominciata lo scorso 20 luglio e coordinata dal dottor Parisi, vertice della direzione regionale per il lavoro. I controlli hanno portato alla luce una situazione piuttosto allarmante: per il 70% circa degli esercizi esaminati - tra stabilimenti balneari, ristoranti ed altre attività in collegate al turismo - si sono accertate irregolarità di varia natura.

Le autorità hanno riscontrato la presenza di trentaquattro lavoratori completamente sconosciuti alla pubblica amministrazione (di cui quattro minorenni e un extracomunitario), oltre alla verifica di sessantasei posizioni irregolari. Durissimi, di conseguenza, i provvedimenti adottati: sospensione dell’attività produttiva in undici casi, per l’uso di personale in nero in misura superiore al 20% della forza lavoro im-

piegata, quattro i datori di lavoro denunciati all’autorità giudiziaria; centoundici, invece, le sanzioni amministrative irrogate, per un totale di oltre 160mila euro. Un’iniziativa di vigilanza straordinaria che ha inflitto un duro colpo al fenomeno del lavoro nero: un problema che sta assumendo proporzioni non trascurabili anche nella nostra regione. Lu.a.


SPETTACOLI Prosegue la rassegna Molisecinema, si chiude domenica

Grande schermo, piccoli paesi Stasera nell’arena incontro con Giovanna Mezzogiorno di Charles Papa

Festival di Glasgow

CASACALENDA - Una volta ogni paese aveva il suo cinema. Oggi, le piccole sale sono state divorate dalle multisala, dalle grandi città, dalla distribuzione che non tiene più conto delle piccole, piccolissime realtà. La rassegna Molisecinema, che da otto anni si tiene a Casacalenda, ha portato nel piccolo paese, ogni anno, ospiti internazionali del grande schermo, e l’opportunità di far conoscere il nome del paese a tutto il mondo, visto che i corti giunti alla giuria per essere ammessi, sono arrivati da tutti i continenti. Oggi in programma una fitta serie di appuntamenti, tra visioni, mostre, workshop. Sicuramente il momento più atteso è quello del l’incontro, nell’arena, con Giovanna Mezzogiorno. Sarà lei a presentare il documentario sul padre Vittorio scomparso nel 1994: “Negli occhi”. La regia è di Citto maselli, presente anche lui nell’arena. Altre informazioni 3407364203.

Dal 9 al 15 agosto a Glasgow (Scozia) si terrà il Piping live international festival. Anche quest’anno l’Ecletnica Pagus sarà presente, e sarà la band che aprirà la manifestazione con il concerto inaugurale, quello del 9. Il gruppo si esibirà anche in George Square e l’11 allo Street Cafè. L’ultima esibizione il 13 nei pressi della Royal Scottish Academy of Music and Drama. Sul palco saliranno: Tiziana Tamasi, Antonello Iannotta, Ernets Carracillo, Piero Ricci, Maurizio Marino, Lelio Di Tullio.

Folk multirazziale

Concerto

RICCIA - Terza giornata del Riccia folk festival. Oggi a partire dalle 21.30 in piazza Umberto si esibiranno i gruppi folk dell’India e della Serbia, il coro alpino Monte Penegra di Cunardo. Domani i celtici Cisalpipers e si conclude domenica con i gruppi folk di Italia, Senegal e Ucraina. Per altre info 3288368635.

CAMPOMARINO - Stasera al campo sportivo si terrà il concerto di Alex Britti con il suo “23 tour 2010”. La scaletta prevede tutte le sue hit, da “Solo una volta” a “Piove”. Il tour è in giro per tutta l’Italia ed è ancora lungo, avendo molte altre date. Stasera apertura cancelli ore 18.00, ingresso euro 20,00. Informazioni 0875538859.

Live RIPALIMOSANI Oggi “Love&peace” propone alle 22.00 il live di Enzo Avitabile & Bottari, al parco Morgione. Domani terza ed ultima giornata con Teatro con il cappello, Blues Ash e Barracuda.

Cabaret

Matese Friend Festival BOJANO - La sesta edizione del Matese Friend Festival prende il via (un pò sottotono) questa sera a palazzo Colagrosso a Bojano. Il nuovo cartellone, seppure con le difficoltà di risorse esigue quest’anno, spazia nell’ambito delle proposte musicali tra reggae, ska, polka, taranta, con incursioni nel cantautorato italiano come in passato con Francesco De Gregori e Daniele Silvestri. La tre giorni si conlude domenica con il live di Après la Classe.

TERMOLI - Sarà Pino Campagna domani, l’ospite per l’inaugurazione del Martur resort. Dalle 19.00 la nuova struttura sul lungomare nord, aprirà i cancelli per una serata di cabaret, piano bar, dj set, buffet. Info 3357402314.

G’n’R confermate due date in Italia

Aretha Franklyn annulla concerti

Axl Rose e la sua band, i Guns’n’Roses (tutti nuovi) saranno in Italia per due date a settembre: a Roma il 4 e a Milano il 5. Il tour europeo terminerà il 14 ottobre, con date quali Praga e Anversa. Al momento il management della band sta trattando per una data in Israele, ma la politica locale crea spesso problemi.

La regina del soul Aretha Franklyn, l’interprete di ‘Think’ in ‘The Blues brothers’, è caduta nella sua casa di Detroit e si è fratturata due costole. I medici le hanno ordinato riposo, ed ha così dovuto annullare alcune date date del suo tour. La Franklyn si è recentemente esibita a Philadelphia con, al pianoforte, Condoleeza Rice.

On the beach TERMOLI - A grande richiesta dei nostalgici, l'esclusivo privè Paradiso con la musica: revival ’70 ’80 – happy music – soulful house; ed il caliente Inferno latino con la musica: salsa – bachata – merengue – reggaeton; "tornano a casa" in quella che è la loro location naturale: VIlla Paraiso!!... Questa sera dalle ore 23 Il Divina Commedia ritorna ad offrire il format che ha segnato l'estate 2008!. per info:Gabriele 340 9860308. La vera Estate Notte 2010 sta per iniziare ora...

11 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010


Lite con fucile per l’eredità di famiglia

Incendiato un negozio di computer

AGNONE - Sfiorata la tragedia in un comune dell’Alto Molise. Nel corso di una discussione tra familiari, si è accesa una polemica tra due fratelli. Uno dei due, preso dalla rabbia, ha cominciato a sparare colpi di fucile contro la macchina dell’altro e lo ha inseguito per tutto il paese. Arrestato dall’Arma.

La Squadra Mobile di Isernia sta indagando sull’incendio dell’insegna di un negozio di computer di via Umbria. Spetterà agli agenti isernini scoprire se si tratta di un gesto di qualche vandalo o se dietro ci sia un atto intimitadorio. A breve potrebbero esserci importanti novità.

ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it

Sagra della salsiccia per i politici nazionali www.lagazzettadelmolise.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALLE CENTRALI EOLICHE Continua a far discutere l’installazione di una centrale eolica nei pressi del sito archeologico di Pietrabbondante. Dopo i sigilli da parte della Forestale e l’immediato dissequestro da parte del Tribunale pentro, il coro dei no alla realizzazione dell’impianto torna alla ribalta. E lo fa in modo forte e deciso. Se Emilio Izzo, segretario regionale della Uilbac Molise, annuncia una imminente manifestazione di piazza, Tiziano Di Clemente, coordinatore regionale del Partito Comunista dei Lavoratori è pronto ad occupare l’area dove dovrebbe sorgere la centrale. Insomma non c’è tregua per l’eolico in Molise... questa volta le polemiche non vanno via col vento!

L’OSCAR DEL GIORNO A GINO TACCONE È stata ufficializzata la nomina dell’assessore provinciale Gino Taccone nell’ambito del Consiglio Direttivo del Parco Nazionale Lazio, Abruzzo e Molise. L’assise si è svolta lo scorso 2 agosto presso la sede di Pescasseroli di Viale Santa Lucia. Taccone era stato eletto all’unanimità da tutti i sindaci del versante molisano del parco in una precedente riunione e, successivamente, la sua candidatura è stata formalizzata dal Ministro dell’Ambiente prima e alla presenza degli altri vertici dell’Ente Parco poi. A lui oggi va il nostro oscar.

lagazzettaisernia@alice.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA Per due giorni il piccolo comune sarà al centro dell’attenzione mediatica internazionale

Party di Ferragosto a Longano per tutti i politici nazionali Amato Berardi ospiterà colleghi del Pdl e imprenditori provenienti da tutto il mondo

Riuscite ad immaginare Berlusconi, Tremonti e Bossi, ed altri politici mentre gustano una grossa salsiccia made in Molise? O che si cimentano vicino ad un barbecue? Ebbene questa scena potrebbe presto diventare realtà. Forse non ci saranno proprio loro, ma molti altri big della politica nazionale ed internazionale hanno già fatto sapere che saranno presenti alla quarta sagra

della Salsiccia che si svolgerà a Longano i prossimi 13 e 14 agosto. Per chi si aspettava che gli ospiti d’onore fossero Umberto Tozzi e Pupo, che canteranno durante la manifestazione, dovrà ricredersi. Sono ben altri i personaggi famosi che in quei giorni potrebbero essere paparazzati per le strade del piccolo comune in provincia di Isernia. State sicuri, non è uno scherzo. Vi

chiederete perché per il Ferragosto i politici nazionali hanno scelto Longano e non Ischia, Capri o magari la Sardegna. Semplice, sono stati invitati dal parlamentare Amato Berardi. Come i più sapranno, il deputato italiano del Pdl eletto nella circoscrizione dell’America del Nord è originario proprio del piccolo comune. Berardi, oltre che un importante politico è un personaggio molto influente, soprattutto negli States, dove è presidente della National Italian American Political Action Committee. Ha fondato nel1983 negli Stati Uniti la Berardi & Associates Inc. operante nel settore previdenziale e assicurativo, ed è cofondatore della Camera di Commercio Italo-Americana di Philadelphia. Un invito di Berardi, insomma, è difficile che venga rifiutato. A diffondere lo staff di Berardi: “Il 13 e 14 di agosto a Longano si legge in una nota -, si festeggerà l’estate Longanese con la quarta sagra della salsiccia e la partecipazione di artisti e cantanti tra i quali Umberto Tozzi e Pupo. Longano, piccolo comune italiano in provincia di Isernia in

Molise è il paese natale dell’onorevole Berardi che mai ha dimenticato pur nella lunghissima permanenza negli U.S.A. Ciò lo si evince dalla sua politica sempre tutta protesa a valorizzare il made in Italy e le eccellenze italiane. Per l’occasione l’onorevole Berardi ha invitato una delegazione di colleghi parlamentari ed anche

molti italiani che giungeranno espressamente dall’America, dalla Francia, dalla Svizzera, dall’Argentina e da altre località italiane”. “Il mio è un paesino di pochissime anime dove però si concentrano ancora i valori ed i sapori di un tempo ecco perché ho deciso quest’anno di trascorrervi il ferragosto invitando non solo personalità della politica miei colleghi ma anche italiani oltre confine ai quali offriremo l’accoglienza di cui noi Longanesi siamo fieri”ha detto Berardi. Non solo politici, dunque, ma anche imprenditori ed industriali internazionali. Magari uno di loro si innamora delle bellezze della provincia di Isernia e deciderà anche di investire qualche milione di euro su un territorio che sta diventando sempre più povero. Incrociamo le dita. Ma il Ferragosto longanese potrebbe essere anche l’occasione per fare una sorta di summit tra i deputati del Pdl. Top secret, ovviamente la lista dei presenti. La cosa certa è che, alla luce delle note vicende nazionali, chi non ci sarà di sicuro sarà Gianfranco Fini e gli altri dissidenti.

Aiuti per famiglie Subisce violenze e altri drammi in difficoltà Ma trova la forza di donarsi a Dio ISERNIA - Il Comune ha pubblicato il bando relativo agli “Interventi per l’abbattimento dei costi dei servizi sostenuti dalle famiglie numerose”, ossia i nuclei familiari con almeno quattro figli a carico, compresi i minori in affido. L’intervento è indirizzato alla riduzione degli oneri sostenuti per le spese di gas (o di altri combustibili per uso domestico), dell’acqua, dell’energia elettrica e di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Le spese devono far riferimento alla residenza del nucleo familiare. Sono previsti aiuti economici anche per far fronte alle spese della mensa scolastica e del trasporto pubblico scolastico, nonché per il pagamento delle quote di iscrizione ai servizi relativi a: classe primavera, asilo nido, scuola materna, scuola primaria, scuola media inferiore, nonché per le attività ludico-motorie, le attività formative e quelle culturali extrascolastiche. Le famiglie interessate devono dimostrare un indice di situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 25.000 euro, risultante dall’ultima dichiarazione dei redditi valida ai fini fiscali. Il termine di presentazione delle domande è fissato al 31 agosto 2010. Per ogni altra utile informazione, si consiglia l’attenta lettura dell’avviso pubblico, consultabile sul sito web del Comune (www.comune.isernia.it), nella sezione “bandi e avvisi”.

14 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010

CAROVILLI - La mitezza è una “virtù attiva” nel senso che il concetto e la volontà di mitezza si integra strettamente con il comportamento e con i fatti che ne susseguono; questa la prima definizione che ne ha dato Mons. Giancarlo Bregantini, Arcivescovo di Campobasso e Boiano, nel corso dell’intervento all’annuale seminario che si tiene a Carovilli per l’assegnazione del premio “Beati i miti” istituito per ricordare Santo Stefano del lupo, carovillese e patrono di Carovilli, fulgido esempio di mitezza. Proprio questo modo di intendere la mitezza ha portato la commissione giudicante alla decisione di assegnare il premio ad Antonietta Maria Profico, una signora di Te-

ramo, che nel corso della sua vita matrimoniale, caratterizzata da incomprensioni, divisioni, mancanza di attenzioni, ha dovuto accettare tradimenti, comportamenti violenti, rifiuti di vita nascente e di handicap. Tutto questo, che avrebbe potuto condurre Antonietta alla disperazione o al risentimento o alla ribellione violenta, verbale o fisica, al contrario le ha dato il modo di rafforzare la sua fede cristiana e fronteggiare ogni situazione con la bontà, la dolcezza, la mitezza, il domino di sé; una vera beatitudine evangelica. Proprio quella “virtù attiva” descritta da Mons. Bregantini, le ha dato anche la forza e la capacità di cercare il dialogo, per chiarire,

comprendere e perdonare, di sacrificarsi per il marito ed i figli, nel tentativo di avvicinarli, affinché superassero le fratture e le chiusure che si erano create fra loro. Alla manifestazione hanno preso parte anche il Sindaco di Carovilli, Antonio Cinocca, e l’Assessore regionale Franco Giorgio Marinelli.

Finanziaria, conferenza stampa dell’Idv

Terme a Suio per i nonni di Scapoli

ISERNIA - È stata fissata per oggi, a partire dalle 10:30, presso la sede di Corso Garibaldi la conferenza stampa indetta dall’Italia dei Valori per discutere della manovra finanziaria che si appresta ad approvare la Regione Molise. A comunicarlo il nuovo coordinatore provinciale dell’Idv, Antonio Monaco.

SCAPOLI - Il Comune , nell’ambito delle iniziative a sostegno della Terza Età, ha previsto un ciclo di cure termali dal 23 agosto al 4 settembre per gli anziani residenti. Al soggiorno programmato presso lo stabilimento S. Egidio di Suio Terme, hanno aderito circa 45 persone. Al termine delle cure, ci sarà anche un pranzo conviviale.


ISERNIA L’episodio avvenuto in un centro dell’Alto Molise. Un uomo arrestato dai Carabinieri

Fratelli coltelli, tragedia sfiorata Una discussione sull’eredita si trasforma in una caccia all’uomo, con tanto di fucile AGNONE - Accesa discussione in famiglia per questioni di eredità, sfiorata la tragedia. Un epilogo che non si è tramutato in dramma solo grazie alla scaltrezza dei famigliari che intuita l’intenzione del parente hanno fatto in tempo a cercare un riparo sicuro. Finisce dietro le sbarre un 55enne di un piccolo centro dell’Alto Molise che è stato arrestato dagli uomini dell’Arma prima che potesse continuare a commettere ulteriori gravi gesta nei confronti dei suoi congiunti. Nel corso di un incontro in famiglia finalizzato a definire l’asse-

gnazione dell’eredità di famiglia, l’uomo evidentemente mosso da ira incontenibile, nonostante le dissuasioni della madre, ha prelevato un fucile da caccia legalmente detenuto ed ha scaricato la propria collera prendendo a bersaglio l’autovettura del fratello. Quest’ultimo, una volta viste le intenzioni del fratello è fuggito via. Ma l’uomo non si è rassegnato e con il fucile in mano si è messo sulle sue tracce, ispezionando tutte le strade del paese. Provvidenziale è stato l’intervento degli uomini dei Carabinieri della stazione di Agnone,

che, nonostante qualche minaccia nei confronti di un militare, ancora connessa alla rabbia, hanno convinto l’uomo a consegnare l’arma e ad arrendersi. Lesioni di rimbalzo di lieve entità anche per un altro componente della famiglia. Con l’accusa di porto abusiva di arma da fuoco, spari in luogo pubblico, minacce aggravate e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento, l’uomo è stato associato al carcere del capoluogo Isernino a disposizione della competente autorità giudiziaria.

Venafro, dirigenti comunali spiati dai supervisori VENAFRO - La Pubblica Amministrazione va verso la modernizzazione e verso il cittadino. “Per questo –spiega il consigliere incaricato all’organizzazione delle risorse umane Michele Mascioanche a Venafro sono stati adottati alcuni strumenti, se pur facoltativi, formati, portati a regolamento ed assunti con delibere di Giunta Municipale. Uno di questi, grazie anche all’Assessore al Bilancio Benedetto Iannacone, è il Piano Esecutivo di Gestione (PEG). Il PEG è uno strumento con un budget definito teso alla realizzazione del programma politico-amministrativo che responsabilizza i dirigenti e permette, nel tempo, la valutazione dei risultati e della performance di chi ne è gestore”. Le prestazioni dei dirigenti, l’azione amministrativa realizzata dai vari settori saranno sottoposte anche alla verifica del Nucleo di Valutazione: un team di tre persone designato dal Sindaco e approvato dalla Giunta Municipale con compiti di supervisione. “Queste autorevoli persone che compongono il gruppo, esterne al mondo politico, autonome, particolarmente esperte, (il dott. Giuseppe Di Meo, ex dirigente Inpdap), (il dott. Mario Melone, ex dirigente Pubblica Istruzione), (e di diritto in quanto Direttore Gene-

rale dott.ssa Anna Cascardi), attraverso un processo di analisi e di controllo devono verificare il raggiungimento degli obiettivi definiti nel documento programmatico e suggerire correzioni organizzative-gestionali per meglio soddisfare l’utenza – continua Mascio -. Per far sì che la funzione pubblica possa strutturarsi sempre più come un insieme di prestazioni che devono andare incontro al cittadino e renderlo attore della cosa pubblica e affinchè alle sue istanze corrispondano risposte chiare, comprensibili e certe, si stanno assumendo condivise modifiche operative, per rendere anche l’informazione esatta, tempestiva ed inequivocabile”. Presto tutti gli uffici e i dipendenti saranno muniti di strumenti idonei di riconoscimento. Il sito internet del Comune sarà reso ancora più funzionale ed interattivo con la pubblicazione di ordinanze, concessioni, determine dirigenziali e delibere. Da settembre inoltre, scatterà un nuovo orario di apertura al pubblico degli uffici, che sarà più ampio per il cittadino. “Questo ed altro per far sì che il Comune non venga visto più come un centro dove pochi esercitano un potere, ma come una macchina operativa efficiente ed efficace al servizio dei cittadini”.

Alla scoperta delle bellezze di S. Maria SANTA MARIA DEL MOLISE Presentato il progetto “Alla Scoperta del Bello”, organizzato dal Comune di Santa Maria del Molise presentato dal Sindaco Anton Giulio Giallonardi, si propone di realizzare delle azioni concrete di valorizzazione delle più importanti risorse turistico-culturali, presenti nel territorio di Santa Maria del Molise. L’amministrazione comunale ha predisposto un programma di visite guidate

gratuite, che consentirà ai visitatori di scoprire gli affreschi della cripta della chiesa di San Pietro in Vincoli di Sant’Angelo in Grotte e il Mulino ad acqua all’interno del Parco Fluviale dei Mulini di Santa Maria del Molise. Le visite guidate saranno realizzate dalle guide turistiche abilitate dell’AGTM, Associazione Guide Turistiche del Molise e si svolgeranno nei giorni 07 e 16 agosto. Maggiori informazioni sugli orari

e sui punti di partenza delle visite guidate sono disponibili sul sito www.viaggiomolise.it e al numero: 328.15.60.577.

L’OPINIONE

Eolico, pronti a scendere in piazza “Mi appello al Procuratore Albano. Quanto si sta verificando in queste ore relativamente all’impianto eolico previsto nei pressi dell’area archeologiche di Pietrabbondante lascia sgomenti e molto preoccupati. La decisione del giudice del tribunale di Isernia di non convalidare il sequestro operato dal Corpo Forestale dello Stato sull’area interessata dai lavori eolici, aldilà delle motivazioni tutte da conoscere, non garantisce affatto il rispetto delle disposizioni e nemmeno del patrimonio culturale e paesaggistico. Si vuole ricordare che si è in attesa di conoscere quanto vorrà decidere il Tar Molise in seguito all’ordinanza 148/2010 di nomina di un commissario ad acta per gli approfondimenti delle questioni paesaggistiche e che, nel frattempo, nessuno può operare, così come previsto dal codice per il paesaggio sui luoghi. Invece, la brama delle società attrici di questo disgustoso film dell’orrore, incurante di contravvenire al disposto, avanza come caterpillar senza timore alcuno. Anche l’agire del comando del Corpo Forestale dello Stato viene inficiato! Se la chiara e puntuale nota del direttore regionale per i Beni e le Attività Culturali Famiglietti e l’operato della Forestale non valgono niente, allora è evidente come il mondo civile non può che manifestare il proprio risentimento. Chi scrive ritiene che non ci sia più spazio per le mediazioni, i giochi di potere non gli appartengono, i conflitti politici meno e i paladini a comando ancora meno. Non si permetterà a nessuno di infrangere regole e leggi, sui luoghi interessati saremo pronti e presenti e ci opporremo con ogni mezzo lecito. All’eolico diciamo no senza condizioni poiché il territorio è già stato tanto abbondantemente umiliato. Sarà meglio che gli assessorati al turismo o gli altri operatori del settore, che, a vario titolo, raccontano di province da paradiso, comincino a cambiare le immagini che fanno veicolare sui depliants a consumo dei tours operator, molto del territorio molisano è cambiato grazie all’invasione delle orrende pale. A tal proposito piace ricordare all’A.N.T.A (Associazione nazionale per la tutela dell’ambiente) che non è certamente utile allo sviluppo e alla difesa del territorio, palificare un’intera regione, magari invitando i turisti a visitarle come per i mulini a vento. Intanto oggi 5 agosto la Uilbac parteciperà ad un incontro con il comitato della Valle del Tammaro al fine di organizzare una grande mobilitazione per il primo di settembre con tutte le forze civili sul territorio”. Il Segretario Regionale UILBAC Molise Emilio Izzo

Lupi attaccano cavalli Ecco le soluzioni

Un libro dedicato alla banda di Monteroduni

Si avvia a soluzione il problema degli attacchi dei lupi alle mandrie di cavalli Pentri (specie autoctona protetta) allevati in località Montenero Valcocchiara, a ridosso del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Buone nuove sono giunte al termine dell’incontro, sollecitato e tenuto dall’Associazione regionale Allevatori del Molise.

MONTERODUNI - Sarà presentato il prossimo 10 agosto, presso in castello Pignatelli, il libro di Paolo Di Cristinzio dedicato alla banda musicale del centro in provincia di Isernia.All’evento, tra gli altri, interverrano anche il sindaco Custode Russo, l’assessore provinciale Clementino Pallante ed il parroco don Paolo Greco.

15 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010


TERMOLI Tremiti. La proposta è stata avanzata da un professore di astronomia in pensione

Nel faro un osservatorio astronomico La struttura è fatiscente dal 1987 quando venne danneggiata da un attentato che costò la vita ad uno dei due dinamitardi ISOLE TREMITI – Realizzare un osservatorio astronomico non professionale, una stazione meteorologica automatica e un planetario. Questo è quanto contenuto in un progetto di Giovanni Fantetti, professore di astronomia ora in pensione, che propone di realizzare nel faro di Punta del Diavolo a San Domino. Un faro che da oltre venti anni, dopo un attentato dinamitardo, è abbandonato. Per il professore, oltre che per studi appropriati, l'osservatorio sarebbe un richiamo per i turisti sempre alla ricerca di novità: un circuito di percorsi turistico-

culturale-scientifico. “Il turista – dice Fantetti – anche se è in vacanza ha bisogno di distrazioni culturali e cosa vi è di più bello e distensivo che girovagare in un cielo stellato? Realizzando una stazione merceologica automatica, con riferimenti sui cambiamenti climatici e oceanografici nell’area dell’arcipelago, le Isole Tremiti diventerebbe un sito con un apparato di studi e ricerche di una vastità unica nel suo genere. Un fiore all’occhiello con forti richiami nei settori del turismo e scientifico. Per non considerare il Parco del Gargano e la riserva

marina delle Tremiti che riceverebbero vantaggi forse inimmaginabili”. L'idea non è da scartare anche se bisogna valutare bene i costi dell'operazione. Infatti il faro è nel più totale abbandono sin dal novembre del 1987 quando ci fu un attentato che costò la vita ad uno dei dinamitardi Jean Louis Nater, ex artificiere di nazionalità svizzera con alle spalle un passato “movimentato”. Poche ore dopo, mentre cercava di imbarcarsi sulla Motonave, venne arrestato il presunto suo complice Samuel Albert Wampfler, anche lui svizzero. Quest'ul-

Dimensionamento scolastico, interviene Di Bello

LARINO – Botta e risposta tra l'assessore alla Cultura del comune di Larino, Massimo Starita, e il consigliere provinciale Antonio Di Bello sul dimensionamento scolastico 20112013. Una replica quela di Di Bello che risponde alla chiamata in causa da parte dell'amministratore larinese. “La politica del “ghe pensi mi”, salvo poi chiamare in causa gli assenti, tali non per loro volontà! Mi riferisco alla mia chiamata in causa dell’assessore alla cultura del Comune di Larino in merito alla proposta provinciale di dimensionamento scolastico 2011-2013. L’assessore ha dato per scontato che le sue considerazioni e richieste fossero ovviamente giuste e altrettanto ovviamente dovessero essere anche le mie. Purtroppo non ero presente alla conferenza decisoria del 27 ultimo scorso e tantomeno ho partecipato alle riunioni che l’hanno preceduta, non per mia volontà, ma semplicemente perché il virgolettato di cui sopra non è più, purtroppo, prerogativa del centro destra. Da quando il Presidente D’Ascanio ha deciso di non avere più bisogno dell’IDV per il governo provinciale ed ha nominato la sua nuova Giunta, noi poveri consiglieri IDV, legittimamente eletti ma poco propensi a chinare la testa, è bene si sia tenuti lontani da quelle assemblee dove democrazia vuole si possa prendere la parola e dire la propria. Se fossi stato presente avrei potuto esprimere le mie considerazioni, che sono le seguenti: pur essendo d’accordo sulle peculiarità e unicità del nostro Istituto Agrario, oggi purtroppo i numeri contano, e ben se ne sono resi conto altri paesi del circondario che hanno preferito costituire poli scolastici totalmente verticalizzati, piuttosto che garantire dirigenze a tempo determinato, preludio di accorpamenti con istituti di altri paesi in tempi brevi. A Larino non vi è solo l’Istituto Agrario, che è vero potrebbe ottenere la deroga alla legge dei numeri, ma ci siamo chiesti a

16 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010

discapito di chi? L’Istituto Superiore D’Ovidio (Liceo) già adesso non rispetta i numeri per l’autonomia dirigenziale e dovrebbe essere accorpato con istituti di altri paesi, quindi quale soluzione più logica che accorpare i due Istituti di Larino, anche se questo comporta la perdita non della scuola ma del solo dirigente, che tra l’altro a me risulta intenzionato a prossimo pensionamento. A proposito della totale diversità dell’offerta formativa dei due istituti, essa mi risulta sia determinata dal collegio dei docenti, altre sono le mansioni del dirigente. Inoltre, sono convinto che l’accorpamento proposto potrà portare ad una tranquillità programmatoria che permetterà uno sviluppo quantitativo e qualitativo di entrambe le scuole, non più costrette a rincorrere i numeri per la sopravvivenza. Non vorrei che, come al solito, il voler preservare tutto oggi ci porti a non avere più niente domani, esempio ne sia la vicenda dell’Ospedale Vietri. Mi auguro che questa vicenda faccia riflettere sia chi decide di chiamarmi in causa dando per scontato che le sue idee siano anche le mie, sia chi decide di evitare il mio coinvolgimento nelle riunioni che riguardano il territorio che mi ha eletto, ultimo ulteriore esempio la riunione del 2 agosto presso il Comune di Larino tra l’Assessore Provinciale Spina e i sindaci di Larino e Rotello relativa ai problemi della viabilità. Non so quali siano stati gli impegni presi dall’Assessore Spina in detta riunione, il loro mancato rispetto non potrà certamente essere a me addebitato. Nel mio ruolo di consigliere provinciale di “ex maggioranza” potrò però essere testimone tra i miei concittadini di ciò che l’Assessore Spina e il Presidente D’Ascanio avranno o non avranno fatto per loro. L’assessore Comunale Starita e la sua maggioranza avranno invece sempre in mano la carta della Regione presso cui far valere i propri diritti, proprio come per l’Ospedale Vietri! Antonio Di Bello consigliere provinciale

Prende il via l'iniziativa “Città in Bicicletta”

timo, processato e condannato dal Tribunale di Foggia, riuscì a fuggire durante un traferimento, varcò la frontiera con la Svizzera e di lui non si è più sa-

puto nulla. A quei tempi, e i dubbi restano ancora oggi, si parlò di un'azione dei servizi segreti sia per l'attentato che per la fuga di Wampfler.

Rinnovato il contratto lavoro della cooperazione agricola BASSO MOLISE – E' stato firmato il rinnovo del contratto nazionale della cooperazione agricola con un incremento nel triennio di 80 euro circa alla categoria dei lavoratori specializzati, 4° livello. “Il rinnovo del contratto della cooperazione agricola conclude, prima delle ferie, una lunga serie positiva di rinnovi contrattuali della nostra Federazione – ha affermato Augusto Cianfoni, Segretario Generale della FAI Cisl – con un risultato molto importante sia per l’aumento economico, ma anche per le tante novità introdotte: l’una tantum di 140 euro riparametrati, il fondo sanitario, la previdenza complementare e la contrattazione di secondo livello, oltre a molte altre migliorie sul versante normativo. “La cooperazione – ha proseguito Cianfoni – rappresenta uno dei più importanti comparti produttivi del mondo agricolo, con significa-

GUGLIONESI – Il sindaco Bartolomeo Antonacci ha comunicato che dopo anni di giacenza nei magazzini del Comune, le biciclette messe a disposizione del Comune dalla Regione Molise, potranno essere affidate, nel giro di pochi giorni, alle attività che intenderanno aderire all’iniziativa “Città in bici-

tive presenze in tanti settori della produzione agricolo-alimentare; con questa firma si migliorano contrattualmente i diritti dei dipendenti della cooperazione, si segnano altresì positivamente le relazioni con le centrali cooperative che nel Paese rappresentano una realtà significativa dell’imprenditoria italiana”.

cletta”. Ieri 14 esercizi pubblici hanno ricevuto la modulistica necessaria all’adesione che, comunque, dovrà pervenire entro le ore 14 di lunedì prossimo. Il primo cittadino si augura che il servizio abbia successo, nel rispetto delle poche regole da rispettare per la fruizione gratuita delle biciclette.

Castelbottaccio, al via un giorno diVino

“Delegazione di spiaggia”, inaugurata la sede

CASTELBOTTACCIO – Domenica dalle 17 alle 24 si terrà la V edizione di “Un giorno diVino”, organizzata dal circolo neo illuminista Donna Olimpia Frangipane. La manifestazione, espositiva e culturale al tempo stesso, presenterà momenti di coinvolgimento anche in chiave spettacolare, con la presenza di gruppi folkloristici, di poeti e cantastorie popolari, di figuranti in abiti tradizionali.

ISOLE TREMITI - E' stata inaugurata la sede della “Delegazione di spiaggia” della Capitaneria di porto. Presenti al taglio del nastro il Comandante Generale delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Ferdinando Lolli, Amministratori pugliesi, il sindaco delle Isole Giuseppe Calabrese, oltre a varie autorità civili e militari.


TERMOLI I giovani francescani di ogni regione d'Italia restano in città fino a domenica

Si entra nel vivo del 70esimo GifraEvento Fuori programma nella serata inaugurale con l'arrivo del vescovo Gianfranco De Luca in bicicletta e in maniche di camicia

TERMOLI – Si è entrati nel vivo del 70° GifraEvento in programma in città fino a domenica. Sono circa 800 i ragazzi provenienti da ogni regione d'Italia che prendono parte a questo appuntamento che per la prima volta si tiene nella città rivierasca. Nella serata inasugurale non è mancato un fuori programma: la presenza e i saluti del vescovo. Il fuori programma non è stata la presenza di Monsignor Gianfranco De Luca ma il modo come si è presentato. E' sbucato all'improvviso dalla penombra in maniche di camicia ed ha subito preso il centro del palco catturando l'attenzione dei giovani con i quali si è intrattenuto per circa mezzora ricordando loro i significati di fratellanza, amore verso il prossimoe gli insegnamenti di San Francesco. Non ha dimenticato di esaltare il compito “dei nostri frati” esortando i presenti a continuare a percorrere la strada indicata da Gesù. Ma il bello

della serata è venuto al momento del comiato quando il presule, tra l'ingredulità di tutti, ha inforcato la bicicletta con la quale era giunto al Terminal Bus, e salutando con la mano come un vincitore di tappa si è eclissato tra gli applausi dei giovani. Un siparietto che conferma ancora una volta che De Luca è un Vescovo a cui piace stare tra la gente con semplicita.Tornando ai lavori del GifraEvento, ieri mattina dopo la messa i giovani più adulti hanno preso parte ad un momento formativo tenuto da Don Tonino dell’Olio mentre i più piccoli si sono cimentati in un laboratorio dinamico curato dalla Commissione Nazionale Formazione Adolescenti. Nelle ore pomeridiane,alle 16, “La voce del silenzio” dinamica di gruppo divisa per fasce d’età a cura della Commissione Nazionale Formazione; alle 19 Testimoniando per le vie della città e dopo la cena con prodotti tipici di ogni re-

TERMOLI - Il Sindaco di Termoli Basso Antonio Di Brino e tutta l’Amministrazione Comunale, esprimono un sincero plauso alle forze di sicurezza: al Corpo dei Carabinieri, alla Polizia di Stato, alla Polizia Municipale, alla Guardia di Finanza, ai Vigili del Fuoco, alla Guardia Forestale, alla Protezione Civile e alla Capitaneria di Porto, per aver gestito in modo encomiabile le attività di coordinamento, durante le festività del Patrono San Basso. Giorni di intensa attività per l'affluenza in centro e nella zona portuale, superiore agli altri anni, di turisti e cittadini. In particolar modo, si ringrazia il Corpo della Capitaneria di Porto e il Capitano di Fregata Raffaele Esposito, per la gestione delle competenze, in materia di sicurezza della navigazione dei pescherecci e dei natanti, durante la processione del Santo, ma soprattutto per aver condiviso e reso possibile il ritorno delle giostre nell’area portuale. E sempre in merito alle festività del patrono, sono gione d'Italia alle 22 fraternità in gioco mentre alle 23,30 Compieta. Oggi altra giornsata piena di appuntamenti e subito dopo la messa verrà affrontato il tema “Rivestiti di Vita”: alle 9,45 Fontane di Vita (divisi per fasce d'età) e dopo la pausa prazo continua

La Finanza denuncia due persone per droga

Mare sicuro, esercitazione della Capitaneria TERMOLI – Oggi alle 10, nel porto turistico, ci sarà "Mare sicuro 2010", una esercitazione dimostrativa da parte degli uomini della Capitaneria di Porto. I militari spiegheranno in pratica come devono essere usate le attrezzature di sicurezza della dotazione di bordo: segnali di soccorso e apertura della zattera di salvataggio. L'esercitazione e indirizzata ai diportisti e ai giovani. Durante la giornata di “Mare sicuro 2010” verrà impiegata una Motovedetta della Guardia Costiera e saranno illustrate tutte le capacità operative del mezzo.

San Basso, il sindaco Di Brino ringrazia le forze dell’ordine

TERMOLI – Continuano i servizi lungo il litorale da parte della Guardia di finanza per contrastare possibili reati. Durante gli ultimi controlli tra Termoli e Campomarino, gli uomini delle Fiamme gialle hanno denunciato tre persone, sequestrato droga e materiale audiovisivo. Grazie all'impiego e al fiuto delle unità cinofile, due giovani di nazionalità italiana sono stati denunciati per possesso di sostanze stupefacenti perché trovati in possesso di 13 grammi di droga fra hashish e marijuana.

Sempre durante lo stesso servizio hanno anche sequestrato un migliaio tra Cd e DVD sprovvisti del regolare contrassegno

SIAE, eludendo così i diritti d’autore. Il materiale era esposto al pubblico su una bancarella per essere venduto.

Guerriero Sannita, Serafino nuovo presidente a Guglionesi

Veglia di Preghiera, Comune emana l’ordinanza

BASSO MOLISE – Gaetano Nino Serafino è stato nominato presidente cittadino e dell'interland del movimento del Guerriero Sannita e “avrà il compito di farne conoscere i valori salienti come la dignità, solidarietà, sicurezza, pari opportunità, rispetto delle norme, giustizia sociale. Il Movimento gli augura un buon lavoro, consapevole delle sue capacità e della sua umile bontà”.

TERMOLI – Questa sera dalle 19 alla mezzanotte , sul tratto di spiaggia libera nei pressi del Lido Cala Sveva, si terrà una veglia religiosa di preghiera. In merito il Sindaco ha emesso una ordinanza per regolamentare l'uso dello spazio. Infatti durante la manifestazione l'arenile è interdetto alla balneazione e sarà aperto alla libera fruizione durante tutta la serata.

stati estratti i biglietti vincernti della lotteria di San Basso: 13176, 11046, 23341, 27039, 14550, 7784, 21026, 21027, 21713, 9506, 21028, 6822, 29428. l premi si possono ritirare dalle 19 alle 20 fino al 28 Agosto e per qualsiasi informazione conyayyate i numeri telefonici 327 8614169 – 340 2208261

Fontane di Vita, alle 21 Flash Mob..per le strade della città. Alle 22,30 appuntamento al Lido Cala Sveva con “Pregando sotto le Stelle”, momento presieduto da Sua Eccellenza Monsignor Giancarlo Bregantini, arcivescovo della diocesi Campobasso - Boiano.

Presentazione della mostra sui Beatles TERMOLI – Domani alle 10 nella Galleria Civica in Piazza Sant’Antonio si terrù la conferenza stampa per la presentazione della Mostra a tema sui Beatles, dal titolo “Let It Be”, a cura dell’Official Beatles Fan Club Pepperland. Alla conferenza parteciperanno l’assessore alla Cultura, Michele Cocomazzi, il referente di settore Basso Caruso e il segretario nazionale dell’Official Beatles Fan Club, Giacomo Mascilongo. La mostra verrà aperta al pubblico il 9 Agosto dalle 17 alle 24 presso la scuola Principe di Piemonte. Alle 21 ci sarà la presentazione del libro “The Beatles Italian Tour” di L. Luppola e A.Durazzi, a seguire la proiezione dell’ultimo film della famosa Band inglese, “Let It Be”, tratto dal mitico concerto dal vivo sul terrazzo degli Apple’s Studios.

17 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010


Serie D, ripescate 16 squadre. Il Bojano spera

Basket, la Mens Sana riabbraccia Grimaldi

La Serie D 2010/2011 inizia a prendere compiutamente forma. A seguito delle decisioni assunte dal Consiglio Federale del 4 agosto, durante il quale sono stati ufficializzati i ripescaggi in Lega Pro di 16 società di Interregionale, il massimo campionato dilettantistico apre le porte ad altre 20 formazioni che hanno fatto richiesta di ripescaggio nei termini e nelle modalità previste.

Alberto Grimaldi è di nuovo un giocatore della Mens Sana Campobasso. Nato a Trieste il 10 settembre 1988, Alberto è una guardia, capace anche di giocare da ala, di 192 cm.. Cresciuto nell’inesauribile vivaio triestino, dopo alcune esperienze in serie C e B, nel Venezia Giulia Muggia e Nuova Pallacanestro Gorizia, ritorna in Molise.

ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010 DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

GLI ALTRI GIÙ DAL CARRO

www.lagazzettadelmolise.it LAVORI AL SELVA PIANA, LE PRIME GARE POTREBBERO GIOCARSI FUORI E’ tornato nella serata di ieri nel ritiro di Caposele il Campobasso dopo l’amichevole di mercoledì con il Cagliari. Un test utile allo staff tecnico rossoblù che si è potuto fare un’idea dell’organico attualmente a disposizione. Rosa che tuttavia necessita, ora, di nuovi innesti e soprattutto di elementi all’altezza della categoria che si andrà ad affrontare. Ma la società è già al lavoro in tal senso e proprio ieri c’è stata una prima riunione tecnica per fare il punto della situazione e per stabilire le strategie di mercato. Nelle prossime ore ci saranno nuovi summit dai quali scaturiranno gli obiettivi imminenti. Innanzitutto occorre un attaccante in grado di garantire un certo numero di gol. Sempre per comporre l’ossatura centrale occorrerà un portiere, non essendo più necessario schierare elementi under.

LE PAROLE DI GIOIA DEL CAPITANO ANTONIO MINADEO Come avete festeggiato il ripescaggio? “E’ stata una festa molto dimessa, anche perché eravamo a Cagliari. Abbiamo stappato qualche bottiglia di champagne però la vera festa è giusto che la facciamo a Campobasso, condividendo la gioia con i nostri tifosi. Ho saputo che c’è stata già una festa in piazza e che il presidente Capone ha ricevuto un’accoglienza incredibile, sono contento per lui perché se lo merita dopo tutti i sacrifici che ha fatto. Questa volta credo sia doveroso anche un ringraziamento alla classe politica molisana che ci ha dato una grossa mano e ci è stata vicina per raggiungere questo traguardo che Campobasso sognava da tanto tempo. Speriamo che non ci abbandonino proprio ora perché abbiamo bisogno di tutti”.

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT CALCIO LEGA PRO - II DIVISIONE

Le prime gare potrebbero giocarsi fuori per i lavori che stanno interessando il Selva Piana

Il Campobasso torna al lavoro Passata l’euforia per il ripescaggio, i rossoblù riprendono la preparazione a Caposele Tutti sul carro Ma c’è un limite

V

a bene ora salire tutti sul carro del vincitore. Ma occorrerebbe un minimo di dignità e di decenza. Passare da strenui oppositori del calcio campobassano, per via di beghe di campanile (è proprio il caso di dirlo), a grandi tifosi del lupo, ci sembra davvero troppo. Capiamo che il limite è sempre facilmente oltrepassabile e che il fondo non si tocca quasi mai, ma ora voler guidare il carro appare un esercizio mentale difficilmente comprensibile. Anche se era facilmente pronosticabile. Lo aveva preannunciato anche il sindaco Di Bartolomeo nella festa di mercoledì sera: ‘Ora tutti vorranno salire sul carro, ma non glielo consentiremo’, aggiungendo, poi, con una metafora che è nel suo stile ‘Tanto la Madonna sa chi porta gli orecchini.’ I molisani, e i campobassani in particolare, non hanno memoria corta, e non dimenticano facilmente. Gli insulti e gli improperi contro una società e un’intera città quando si era vestiti di abiti istituzionali non passarono inosservati. A maggior ragione quando l’istituzione rappresentata è quella regionale, appare anacronistico ed inopportuno indossare sciarpette e sventolare bandiere. Ed ora il paradosso. Esplodere di gioia e di entusiasmo, ringraziare colui al quale non sono state rivolte parole dolci e gentili, e infine sbandierare ai quattro venti la presunta fede rossoblù, ci è sembrato forzato ed ipocrita (espressione chiaramente eufemistica). Ma tant’è. Apprendiamo con soddisfazione il repentino trasformismo (questa volta non politico). Miracoli del calcio. Del resto lo abbiamo detto anche ieri. Il rossoblù unisce. E di questo siamo felici. Mdi

20 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010

E’ tornato nella serata di ieri nel ritiro di Caposele il Campobasso dopo l’amichevole di mercoledì con il Cagliari. Un test utile allo staff tecnico rossoblù che si è potuto fare un’idea dell’organico attualmente a disposizione. Rosa che tuttavia necessita, ora, di nuovi innesti e soprattutto di elementi all’altezza della categoria che si andrà ad affrontare. Ma la società è già al lavoro in tal senso e proprio ieri c’è stata una prima riunione tecnica per fare il punto della situazione e per stabilire le strategie di mercato. Nelle prossime ore ci saranno nuovi summit dai quali scaturiranno gli obiettivi imminenti. Innanzitutto occorre un attaccante in grado di garan-

tire un certo numero di gol. Sempre per comporre l’ossatura centrale occorrerà un portiere, non essendo più necessario schierare elementi under. Gioacchino Cavaliere, come già riferito in numerose circostanze, è in pole position e ad ore la trattativa dovrebbe concretizzarsi. L’unico dubbio riguardava la categoria che si andava ad affrontare, ma ormai questo nodo è sciolto e pertanto c’è il via libera per il suo tesseramento. Come noto la coppa Italia prenderà il via il 15 agosto, mentre il campionato il 22. E’ probabile che la società del presidente Capone chieda alla Lega di riposare la prima di coppa, o even-

tualmente giocarla in trasferta, e di disputare il primo match di campionato lontano dalle mura amiche. Questo per permettere la conclusione dei lavori di adeguamento al manto erboso del Selva Piana. A giorni arriverà nel capoluogo di regione anche il responsabile dell’area marketing e del settore giovanile Anna Favi. Che inizierà a prendere conoscenza con l’ambiente e partirà con l’arduo lavoro delle sponsorizzazioni e della cartellonistica. Fermo restando che lo sponsor principale dovrebbe essere l’Energy Premier Power di Marco Pulitano: in tal senso manca solo la firma del contratto. IR

Maglione su Nenè

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

NODO RETROCESSIONI

CURIOSITA’

Franco Giorgio Marinelli ‘Un’esplosione di gioia’

Il torneo partirà il 22 o il 29 agosto?

Doppio salto per Pisa e Sanremese

Dopo l’attesa e la speranza dei giorni scorsi, adesso un’esplosione di gioia ed entusiasmo: il Nuovo Campobasso Calcio è stato ripescato in II divisione e si prepara a vivere un campionato impegnativo e sicuramente più prestigioso, degno di occupare le cronache sportive nazionali. Ringrazio la Figc nazionale e regionale per aver voluto che il sogno di tutti i campobassani, e dei molisani, si realizzasse. Esprimo la mia gratitudine anche al Sindaco Di Bartolomeo e a quanti hanno dedicato tempo ed impegno al raggiungimento di questo importante traguardo: che non solo segna trionfalmente la storia sportiva della nostra regione, ma promette anche significativi riscontri in ambito turistico, economico e promozionale per il territorio. Un grazie di cuore, in particolare, a Capone - Presidente del Nuovo Campobasso Calcio - che con passione e professionalità ha guidato la squadra durante questa sfida. Mi tornano in mente i primi anni ‘80, quando migliaia di persone di tutte le età si riunivano a tifare per la loro squadra e a gioire delle sue vittorie. Emozioni forti ed importante occasione di crescita territoriale sono i due fattori che rendono il ripescaggio del Campobasso in C2, una preziosa conquista. Agli sportivi, i grandi protagonisti di questa nuova avventura, vanno i miei auguri più calorosi. Forza Campobasso! Franco Giorgio Marinelli

Da ottobre la riforma dei campionati Si pensa a 2 gironi di B e 3 di Lega Pro

Venerdì 13 agosto 2010 si parte con i calendari di Lega Pro. I club di Prima e Seconda Divisione conosceranno le avversarie per la prima giornata di campionato prevista per domenica 22 agosto. Ma qui c'è un piccolo dubbio. Se è scontata la partenza per quanto riguarda la Prima Divisione, non è tanto sicura invece per la Seconda, che potrebbe slittare il via di una settimana (29 agosto). Il motivo è molto semplice: le squadre partecipanti sono in tutto 49: 17 club nel girone A e 16 squadre negli altri due e il campionato si concluderebbe prima. Sul nodo retrocessioni siamo ancora in alto mare: l'intenzione è quella di far scendere in D un solo club per girone, con eventuali playout solo se il distacco tra squadre è ridotto. Unico problema è che dalla LND verranno promosse nove società e quindi i conti non tornano. A breve anche questi ultimi due dubbi saranno sciolti. RS

Triestina in B al posto dell’Ancona: vinto il testa a testa col Verona. In Prima Divisione 8 ripescate: Barletta, Bassano, Gela, Nocerina, Paganese, Pavia, Pisa, Siracusa. In Seconda mancavano 21 squadre, 16 le ripescate: Avellino, Bellaria, Campobasso, Carpi, Carrarese, Casale, Entella, Latina, L’Aquila, Matera, Pomezia, Pro Belvedere, Renate, Sanremese, Trapani, Lamezia. Curiositá. Doppio salto per Pisa e Sanremese. Per il Pisa dell’ex granata Cuoghi, passaggio diretto dalla D alla Prima Divisione. Per la Sanremese, volo dall’Eccellenza, vinta, alla Seconda. Exploit anche per la Nocerina, passata dal 13esimo posto nel girone B di Seconda Divisione al ripescaggio in Prima. In festa anche l’Avellino: Seconda Divisione dopo una sola stagione in D. Riforme. Da ottobre partiranno le commissioni per riformare i campionati di Lega Pro, dal torneo 2011-2012. Se si trovasse un accordo immediato con la serie B, potrebbe esserci una riforma in grado di arrivare a due gironi di B e a 3 soli gironi di Lega Pro. Tale eventualità potrebbe tradursi in numero elevato di promosse in B dalla Lega Pro, otto o nove per girone.

Messi:“Vorrei che Maradona rimanesse”

Parma: ufficiale l’arrivo di Giovinco

'Vorrei che Maradona non lasciasse la guida tecnica della nazionale argentina: mi farebbe molto piacere se rimanesse'. Così Lionel Messi. Arrivato a Pechino con il suo Barcellona privo degli otto campioni del mondo della nazionale spagnola, chiamati dal ct Del Bosque per l'amichevole contro il Messico, Messi ha parlato della vicenda della nomina del ct della selezione biancoceleste, e anche del possibile arrivo di Fabregas: 'un giorno o l'altro vorrei davvero giocare dalla sua stessa parte'.

Sebastian Giovinco e' ufficialmente un giocatore del Parma. Il fantasista della Juventus e' stato acquistato a titolo temporaneo con diritto di riscatto. Ventitre' anni, lascia Torino dopo due anni in cui ha avuto difficolta' a trovare spazio e a giocare con continuita'. Il Parma ha cosi' battuto la concorrenza del Bari.


S P O RT CALCIO LEGA PRO - II DIVISIONE

“I tifosi, come me, adesso sono lupi affamati” Il capitano ha risentito più di tutti nel gruppo rossoblù della tensione dell’ultima settimana

Minadeo con Daniele Conti, capitano del Cagliari

Nei giorni che hanno preceduto la decisione del Consiglio Federale il capitano del Campobasso ha sofferto, forse più di tutti, la tensione di quei momenti che possono cambiare il volto di una stagione. Lui che ama i colori rossoblu come pochi, lui che è stato il primo riconfermato di questa stagione, accettando la politica di austerità adottata dalla società, e inconsapevole che per la squadra del capoluogo, di lì a poco, ci sarebbe stato il ritorno nei professionisti dopo otto lunghissimi anni. E’ felice, finalmente sereno il capitano Antonio Minadeo che non nasconde di aver vissuto giorni ad altissima tensione:

“La mia gioia credo sia paragonabile a quella di tutti i tifosi. In questi giorni nel ritiro di Caposele sono stato nervossissimo e ho stressato tutti i miei compagni, ero diventato insopportabile. Adesso finalmente sono tranquillo”. Come avete festeggiato il ripescaggio? “E’ stata una festa molto dimessa, anche perché eravamo a Cagliari. Abbiamo stappato qualche bottiglia di champagne però la vera festa è giusto che la facciamo a Campobasso, condividendo la gioia con i nostri tifosi. Ho saputo che c’è stata già una festa in piazza e che il presidente Capone ha ricevuto un’ac-

coglienza incredibile, sono contento per lui perché se lo merita dopo tutti i sacrifici che ha fatto. Questa volta credo sia doveroso anche un ringraziamento alla classe politica molisana che ci ha dato una grossa mano e ci è stata vicina per raggiungere questo traguardo che Campobasso sognava da tanto tempo. Speriamo che non ci abbandonino proprio ora perché abbiamo bisogno di tutti”. Il tempo di realizzare che siete in Seconda Divisione e già dovete fare i conti con una realtà nuova e soprattutto con un girone di ferro che lei conosce molto bene. “Questo per me sarà il mio quattordicesimo campionato in

ABITANTI, PROVINCE E DISTANZE DA CAMPOBASSO

serie C; è vero il girone meridionale è molto duro, soprattutto sotto il profilo ambientale, ma credo che abbiamo qualche chance di fare bene perché siamo mossi da un grandissimo entusiasmo”. Dall’alto della sua esperienza cosa manca a questo Campobasso? “Beh, credo manchi un po’ di esperienza perché se si da uno sguardo alla formazione scesa in campo mercoledì a Cagliari si vede chiaramente che la formazione tipo era composta da 4, 5 senior e poi tutti giovani che non hanno avuto esperienze nei professionisti e comunque non abbiamo affatto sfigurato e questo è già un segnale molto positivo. Credo che almeno tre giocatori di categoria, che possano fare la differenza, siano necessari”.

4.853 chilometri in giro per l’Italia Latina è la città più grande del raggruppamento C della II divisione con i suoi 107.898 abitanti., seguita a ruota da Catanzaro con 95.251. Gradino più basso del podio della speciale classifica per Brindisi con 89.081 abitanti. Il comune più piccolo, invece, è quello

di Isola Liri, abitato da 12.191 persone. A metà classifica si piazza Campobasso con i suoi 50.762 abitanti. Tanti i chilometri da percorrere per tutti i tifosi del lupo che vorranno seguire la squadra in tutte le trasferte: ben 4.853. Da ben 900 ce ne vorranno solo per

arrivare a Trapani, trasferta più lunga del girone. Segue l’altra siciliana Milazzo: per raggiungere il centro in provincia di Messina bisognerà percorrere 606 chilometri. La trasferta più vicina sarà Avellino che dista dal capoluogo moliano 109 chilometri. Dim

Squadra

Regione

Provincia

Abitanti

Distanza da Cbasso

Avellino Aversa N. Brindisi Campobasso Catanzaro Fondi Isola Liri Latina Matera Melfi Milazzo Neapolis Mugnano Pomezia Trapani Vibonese Vigor Lamezia

Campania Campania Puglia Molise Calabria Lazio Lazio Lazio Basilicata Basilicata Sicilia Campania Lazio Sicilia Calabria Calabria

Avellino Caserta Brindisi Campobasso Catanzaro Latina Frosinone Latina Matera Potenza Messina Napoli Roma Trapani Vibo Valentia Catanzaro

52.703 53.369 89.081 50.762 95.251 31.023 12.191 107.898 57.785 16.110 32.108 30.069 43.960 68.346 33.957 70.501

109 km 151 km 332 km 486 km 155 km 139 km 196 km 269 km 164 km 606 km 156 km 246 km 900 km 487 km 457 km Tot. 4.853 km

Lei è amatissimo dalla piazza campobassana, cosa si sente di dire ai tifosi che sembrano aver ritrovato l’entusiasmo di un tempo? “Rinunciando a tanti soldi e contentissimo comunque di fare la serie D, non immaginando cosa sarebbe accaduto, ho compiuto un gesto che credo faccia capire come tengo a questa piazza e a questa città. Sarei stato orgoglioso di essere un giocatore del Campobasso anche in interregionale figuriamoci adesso nei professionisti. Ai tifosi credo che non dobbiamo dire niente perché sono dei lupi affamati e saranno loro a trasmetterci l’entusiasmo e le energie positive necessarie per affrontare questo durissimo campionato”. JSV

CURIOSITA’

Un amore che non conosce età e neanche confini

La notizia del ripescaggio del Campobasso in Lega Pro è giunta anche a Milano dove la piccola Giada ha festeggiato con mamma Brunella Mauro e papà Alfredo Alberico, nostro collega campobassano ed ora redattore del sito web di Sky Sport. Lontano dal Lupo ma sempre vicini con il cuore.

Sacchi:“L’Italia non è un paese per giovani”

Saluto romano ai tifosi, deferito Zarate

L'Italia non è un paese per giovani. Ad ammetterlo è Arrigo Sacchi, appena nominato dalla Figc coordinatore delle nazionali giovanili. 'Lavorerò per fare in modo che il calcio italiano torni a ricoprire un ruolo da protagonista - ha detto - ben sapendo però che da noi non si e' mai creduto nei giovani, il nostro è un Paese per vecchi'. Parlando dell'attuale momento vissuto del calcio italiano, l'ex ct ha spiegato che sarà fondamentale ''avere pazienza, far crescere i giovani'.

La Figc ha deferito il laziale Zarate per aver fatto il saluto romano assieme ai tifosi mentre assisteva in curva Nord a Lazio-Bari. Lo rende noto un comunicato della federcalcio con cui si precisa che il procuratore federale Stefano Palazzi ha ravvisato in questo comportamento una violazione 'ai principi di lealtà, correttezza e probita''. Per responsabilità oggettiva è stata deferita anche la Lazio.

21 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010


S P O RT CALCIO SERIE D

Urbano soddisfatto della squadra Il test contro la quotata Cavese ha dato indicazioni utili Domani l’esordio al Del Prete contro il Roccaravindola Corrado Urbano, ieri mattina, ha avuto un lungo colloquio con la squadra per analizzare, insieme ai giocatori, i contenuti del match amichevole contro la Cavese, disputato mercoledì scorso a Telese e terminato 1 a 1 con i gol di Cetra e Marziale. “Avete occupato bene gli spaziha detto tra l’altro Urbano ai giocatori nel colloquio di ieri mattina al “Del Prete”-. Su questo abbiamo avuto riscontri positivi dal match con la Cavese. Certo siamo solo all’inizio ma dobbiamo tendere al meglio e lavorare sodo.” Poi tante piccoli approfondimenti sul piano tattico e del possibile modulo da adottare tenendo conto delle caratteristiche tecniche della squadra. Il gruppo degli under ha ricevuto unanimi consensi per la prova di Telese. Un gruppo che può conoscere sono margini di miglioramento. Benedetto e Velardi cominciano a

coniugare il verbo di Urbano così pure Riccitiello che sfugge a qualsiasi schematismo per la sua naturale predisposizione al gioco universale, a tutto campo. La dirigenza è soddisfatta per quanto visto finora da bordo campo. Si stanno creando le premesse per un gruppo compatto, coeso, predisposto al sacrificio e composto da giocatori veterani e under disarmanti per umiltà e attaccamento alla casacca bianconera. Un valore aggiunto questo che, di certo, ritornerà utile a Urbano, in ogni momento della stagione agonistica oramai alle porte. PROSSIMA AMICHEVOLE Esordio per capitan Keytà e compagni dinanzi al pubblico amico sabato 7 agosto alle ore 17,30. Al “Marchese del Prete” scende il Roccaravindola di mister Berardi, compagine ambiziosa che quest’anno è

approdata nella serie A Molisana. Per la squadra di Urbano l’occasione per cominciare a delineare il quadro in vista dell’esordio in Coppa Italia, il prossimo 22 settembre. MERCATO La società si sta muovendo con molta circospezione per mettere a segno due, tre colpi. Senza correre troppo, si sta cercando di chiudere operazioni di mercato mirate alle reali esigenze di mister Urbano. COMUNICAZIONE, NUOVO SITO E GIORNALINO PER I TIFOSI

La società vuole investire decisamente nella comunicazione. Il sito sarà rifatto, con una grafica accattivante e spazi interattivi per aprire confronti e dibattiti con tifosi e appassionati. Un vero e proprio social network con tv web per un filo diretto con giocatori e tecnici del Venafro. A tutto questo si aggiunge l’iniziativa editoriale

Urbano a colloquio con la squadra cartacea. L’Ufficio stampa curerà un quindicinale da consegnare durante le partite interne del Venafro. Un programma ambizioso che necessita della collaborazione di tutti. CAMPAGNA ABBONAMENTI 2010 - 2011 Sono in vendita gli abbonamenti per l'ingresso al Campo Sportivo "Marchese Del Prete" nelle partite della U.S. VENA-

FRO nel Campionato Nazionale Dilettanti - Serie D Gli abbonamenti possono essere acquistati, al prezzo unico di 130,00 euro, presso la Sede Sociale di Piazza Marconi, 1 oppure presso la sede del Circolo Sportivo "Venafro" in piazza Garibaldi (Porta Nuova). Ci sarà uno sconto sostanzioso per le persone anziane ultrasessantacinquenni.

CALCIO SERIE D

CALCIO ECCELLENZA

Ripescate venti squadre Il Bojano spera ancora

Miletto: ingaggiati Nkengni, Colella e Nunziante

La Serie D 2010/2011 inizia a prendere compiutamente forma. A seguito delle decisioni assunte dal Consiglio Federale del 4 agosto, durante il quale sono stati ufficializzati i ripescaggi in Lega Pro di 16 società di Interregionale, il massimo campionato dilettantistico apre le porte ad altre 20 formazioni che hanno fatto richiesta di ripescaggio nei termini e nelle modalità previste dalla procedura supervisionata dalla Co.Vi.So.D. A tal proposito

22 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010

si è provveduto a integrare l'organico con le seguenti società: Fiorenzuola, Santhià, Sporting Terni, Castelnuovo Sandrà, Arzachena, Novese, Castel San Pietro Terme, Voluntas Spoleto, Derthona, Jesina, Bacoli Sibillla Flegrea, Virtus Pavullese, Monteriggioni, Camaiore, Noto, Arzanese, Castiadas, Montecchio Maggiore, Francavilla Calcio, Treviso. Il Bojano nutre ancora qualche speranza di essere riammessa al campionato di

serie D. Questa mattina l’avvocato Chiacchio presenterà il ricorso all’Alta Corte del Coni; in casa matesina regna un moderato ottimismo: occorrerà dimostrare che il club biancorosso ha tutte le carte in regola per essere riammesso in serie D e che il bonifico sostitutivo della fideiussione è stato presentato con qualche giorno di ritardo rispetto al previsto. Si farà leva soprattutto su un precedente risalente alla scorsa stagione e che ha riguardato il Grottaglie, inizialmente escluso dall’Interregionale perché la società pugliese aveva presentato con ritardo la documentazione relativa all’iscrizione al campionato ma poi, dopo il ricorso all’Alta Corte, riammesso con ritardo e inserita come diciannovesima squadra nel girone H della serie D. Se il ricorso dei matesini dovesse essere accolto, insieme a quello del Gaeta, si potrebbe profilare un girone a 20 squadre( anziché le 18 previste nei nove dell’Interregionale). JM

Il Miletto comunica che hanno lasciato il ritiro di Spinete il difensore centrale Bernardo Ferrara e l’attaccante, classe ’92, Vincenzo Scognamiglio. Sono arrivati, invece, alla corte di patron Michele Scinocca il jolly centrale (difensore e centrocampista) camerunense Georges Nkengni, classe 1987, ex Cerignola e Real Altamura; l’interno di centrocampo Antonio Colella, classe 1989, proveniente dall’Atletico Trivento, e

l’esterno di centrocampo Carmine Nunziante, classe 1992. La prima partita amichevole ci sarà sabato mattina a Spinete in famiglia, mentre giovedì 12 all’Acquasantianni il Miletto farà visita all’Atletico Trivento. La rosa bifernina è in continua evoluzione( come si vede dallo specchietto riepilogativo)e sicuramente nelle prossime ore ci saranno novità sia in entrata che in uscita.

Georges Nkengni

Benitez:“Sei obiettivi, un passo per volta”

Real Madrid: operato Kakà, stop di 2 mesi

'Abbiamo sei obiettivi, faremo un passo alla volta, prepareremo la squadra per ogni singolo obiettivo'. E' la strategia di Rafa Benitez. La sconfitta contro i greci del Panathinaikos nella seconda amichevole in terra americana - la terza, contro l'F.C. Dallas è per stanotte alle 3 non preoccupa il tecnico interista, pronto a raggiungere gli obiettivi di stagione 'un passo alla volta'. L'impressione sulla squadra -ha osservato, ripreso dal sito Internet nerazzurro- 'e' sempre buona'.

Brutta tegola in casa Real Madrid. Kakà è stato operato al menisco del ginocchio sinistro ed ora rischia un stop di almeno due mesi. Il brasiliano è stato operato ad Anversa, dove era arrivato questa mattina proveniente dagli Usa, dove il Real ha iniziato ieri la sua tournee americana battendo per 3-2 i messicani dell'America. Kakà era stato operato al menisco già nel 2008 in Brasile.


S P O RT L’EVENTO

American Experience, che festa a Ripa In una gara unica per svolgimento e modalità, si sono imposti gli americani Al termine, nella partita davvero particolare per svolgimento e modalità, ad imporsi sono stati gli americani per 66-51, ma quella consumata alla Maccabi Arena di Ripalimosani (nella sera di mercoledì dopo la visita al palazzo ducale ed al centro storico della cittadina) alla presenza del nucleo storico del Maccabi (Raffaele Di Cesare, Gianluca Cannavina ed Alessandro Di Pasquale, cui hanno dato manforte Mimmo Sabatelli e Mario Greco) è stata una festa per tutti. Per gli under, ma anche per i più piccoli del minibasket scesi in campo sul finale per sfidare anche loro le stelle d’Oltreoceano (i fratelli Frye, Thomas e Woodward), con una conclusione all’insegna di tiri e schiacciate ed il momento socializzante degli autografi e degli scambi di ‘high five’. Una festa per la stessa presidentessa della Molise Founda-

tion Raffaella Granitto, che ha ricevuto la canotta numero uno del team gialloblu dei satiri, ed aveva al suo fiaco, come un ombra, Pino Di Nobile, referente regionale dell’associazione. E, soprattutto, una festa per Marco Lombardi, numero uno della Fip Molise, che ha incassato il sostanzioso impegno di lavorare sul fronte di una collaborazione futura che porterà una delegazione molisana, probabilmente, già la prossima estate negli States. E altri elementi che dall’America raggiungeranno il Molise per un progetto a largo respiro di un campus in regione. Nonché per le diverse autorità (con in testa il sindaco del centro, il presidente del Coni Campobasso Rosari e l’arbitro internazionale termolese Enrico Sabetta) che hanno voluto testimoniare con forza la propria vicinanza all’evento. Insomma, il pieno spirito del basket, disciplina in grado di

convogliare ed unire intorno a quel termine (‘sistema’) al centro dell’azione della struttura di via Nobile. E la festa, per la comunità ripese, si è prolungata stamani (5

BASKET - SERIE B DILETTANTI

Mens Sana, torna anche Alberto Grimaldi

Alberto Grimaldi Alberto Grimaldi è di nuovo un giocatore della Mens Sana Campobasso. Nato a Trieste il 10 settembre 1988, Alberto è una guardia, capace anche di giocare da ala, di 192 cm.. Cresciuto nell’inesauribile vivaio triestino, dopo alcune esperienze in serie C e B, (lui, che è ancora un under!) nel Venezia Giulia Muggia e Nuova Pallacanestro Gorizia, ritorna in Molise, dopo aver nel frattempo conquistato, con largo anticipo sul calendario, la promozione in serie A dil. con La Fortezza Recanati. Grimaldi è anche lui entusiasta e fortissimamente desideroso, (al pari dei suoi “ex” compagni ufficializzati nei giorni precedenti: Basili e Murtas) di rientrare a Campobasso, comune base di partenza della loro esplosione tecnica ed agonistica che li ha portati a farsi conoscere ed apprezzare nella ca-

tegoria superiore a dispetto della giovanissima età. Come già ampiamente ribadito, si tratta di una precisa volontà di dare forma ad un progetto che non poteva essere assolutamente lasciato privo di prosecuzione, visti i risultati raggiunti. Come per gli altri giocatori, abbiamo chiesto coach Leonetti un parere su Grimaldi : “ Il livello di affidabilità di Alberto è sicuramente quello di un atleta molto più maturo della sua giovane età. Due anni fa mi aveva impressionato per positività ed equilibrio, che premiavo con molti minuti sul campo. E’ un giocatore disposto a sacrificarsi molto ed a collaborare. Ha una buona visione del gioco dei compagni ed è a suo agio nei movimenti senza palla. Anche lui ritorna con una grande voglia di giocare per la squadra e di fare bene”. Soddisfatta, eccome, anche la Presidente Raffaela Franzese “Anche il ritorno di Grimaldi, come per Basili e Murtas, è frutto di una istintiva convergenza da parte di tutti: società, allenatore e giocatore stesso. Un naturale ritrovo di intenti, di voglia di lottare per traguardi sportivi di prestigio, sapendo di stare bene insieme. Quello di esserci cercati e ritrovati è un aspetto che per la straordinaria spontaneità ci rende molto orgogliosi ed ancora più carichi di energie. Adesso, però, viene il bello perchè dobbiamo dimostrare ciò che la Mens Sana deve essere : una squadra sempre più vera e viva, sia in

campo che fuori”. Come è da tradizione abbiamo chiesto ad Alberto le personali impressioni dopo l’ufficialità del suo “rentrèe” in canotta campobassana “sono davvero molto felice ed entusiasta di ritornare a vestire la maglia della Mens Sana e questa volta in B dil., con cui ho passato un anno bellissimo nella stagione 2008/2009. Contattato dal Direttore Generale Umberto Anzini e dal coach Leonetti e , dopo avere valutato il programma e le ambizioni della società per questa stagione, non ho tentennato un attimo ed ho sposato subito il progetto menssanino. Dopo l’esperienza a Recanati, dove ho avuto la fortuna di provare l’emozione della promozione e di crescere ancora molto cestisticamente, voglio mettere a disposizione del coach e della squadra, prima in allenamento e poi in partita, tutta la mia determinazione per raggiungere i risultati prefissati. Sono certo che la società stà allestendo una squadra molto competitiva per una stagione che sarà sicuramente molto dura ma anche piena di soddisfazioni. Riabbraccerò alcuni dei miei vecchi compagni, i dirigenti ed i tifosi che non mi hanno mai fatto mancare il loro supporto. Poi a Campobasso continuerò anche a studiare, essendo uno studente dell’Unimol. Insomma, non vedo l’ora di iniziare”. Un ragazzo dalle idee chiare, Alberto Grimaldi, un senatore nonostante la sua giovane età!

agosto) con le ultime foto per la delegazione ed il saluto coi ragazzi prima della partenza per gli States con la comitiva che, da Roma, questo pomeriggio, ha fatto rientro in America.

BASKET - SERIE B D’ECCELLENZA

Continua la campagna acquisti della Women’s Continua in casa Women’s Basket la scelta delle giocatrici che comporranno il prossimo roster della Campobasso cestista in rosa. Riconfermate Alessandra Ciminelli e Serena Scoglia, che, anche per la stagione 2010-2011 vestiranno la maglia bianco rossa e calcheranno il parquet del capoluogo. Un occhio di riguardo la società lo sta ponendo per il ruolo più importante del roster, lasciato vuoto da Stefania Lombardo: le attenzioni sono rivolte a Marta Vargiu e Simona Antonelli, proveniente dalla B d’eccellenza del Verona e con trascorsi in A1, con il Viterbo, e in A2 con l’Ancona ed il Rende. Per quanto riguarda le “lunghe” è considerata chiusa la trattativa con Daniela Errico, durante la scorsa stagione tra la panchina del CUS Chieti in A2, e con Eleonora Isacchi, proveniente dal Carpedil Battipaglia, squadra con la quale ha sfiorato la promozione. E’, inoltre, ancora aperto il dialogo per portare a Campobasso Eleonora Campisi, l’anno scorso a Battipaglia. Nel frattempo la società di Luigi Maiella sta valutando l’ipotesi di portare in squadra un’ulteriore lunga, l’ala pivot Giorgia Ermito, neo promossa in A1 con la maglia del Ducato Lucca. Sono state, invece, accantonate le trattative con Ludovica Stamegna, proveniente dal Potenza, e Giulia Fantauzzi, Ciminelli tra le riconfermate da Orvieto.

Ucciso un allenatore russo, forse una vendetta

Anelka a Domenech: “Vergognati!”

Potrebbe essere la vendetta di un suo ex collega, la morte di un allenatore russo morto in seguito alle ferite da arma da fuoco riportate. La polizia pensa che ad uccidere Iuri Shishlov, 65 anni allenatore del Vladivostovk Luch Energia, sia stato un killer su commissione, forse per la sua testimonianza chiave contro il capo dello Yaroslavl Shinnik, Vladimir Shepel, di cui era vice. Il 20 luglio Shepel era stato condannato a cinque anni e mezzo per frode e appropriazione indebita di denaro.

'Domenech è riuscito a darmi il disgusto del calcio mentre partecipavo ai miei primi e ultimi Mondiali': così Nicolas Anelka. Il giocatore del Chelsea, che fu espulso dalla competizione sudafricana per aver pesantemente insultato l'ex ct dei Bleus, torna a prendersela con Domenecq in una intervista al quotidiano France Soir: 'dovrebbe vergognarsi. Vorrei che confessasse alla Francia e al mondo che non sono state le mie parole'.

23 ANNO III - N° 180 VENERDÌ 6 AGOSTO 2010


lagazzettadelmolise060810  

L’OSCAR DEL GIORNO A SAVINO CANNONE DISTRIBUZIONE GRATUITA VENERDÌ 6 AGOSTO 2010 ANNO III - N° 180 palazzo Magno, qualche mese fa consentiro...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you