Issuu on Google+

ANNO IV - N° 99 - DOMENICA 01 MAGGIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA Quotidiano del mattino - Registrato al Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso -Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 -Tel. Isernia 0865.414168 E-mail Redazione Campobasso: redazione@lagazzettadelmolise.it - E-mail RedazioneIsernia: lagazzettaisernia@alice.it - E-mail: Amministrazione - Pubblicità: commerciale@lagazzettadelmolise.it - www.lagazzettadelmolise.it - www.gazzettadelmolise.com Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO A VALERIA IACOVINO

Merita anche il nostro oscar Valeria Iacovino, la giovane pianista di Larino che si è aggiudicata il primo premio alla XV edizione del celebre concorso musicale europeo ‘Città di mercato San Severino’ in provincia di Salerno. Valeria si è distinta per il suo talento e la sua abilità interpretativa, doti che le hanno garantito il completo appoggio da parte della giuria composta da importanti direttori di conservatorio. Una prova non facile dunque. La musicista, già protagonista di altri prestigiosi concorsi musicali a livello nazionale, rappresenta un vanto per l’intero Molise e questo non può che renderci tutti orgogliosi.

IL TAPIRO DEL GIORNO AI CONSIGLIERI REGIONALI

Hanno fuso tre diverse proposte di legge per dire no al nucleare. E hanno annunciato che punteranno sull’energia rinnovabile. Peccato che questa lodevole iniziativa bipartisan dell’assemblea regionale serva soltanto a cloroformizzare l’opinione pubblica. Senza un piano energetico la nostra Regione non andrà molto lontano. E non potrebbe nemmeno puntare su eolico e fotovoltaico senza un piano paesistico corredato dal regolamento di applicazione. Se non ci pensassero i giudici a mettere dei paletti, saremmo già invasi da pali con la conseguente deturpazione dell’ambiente. E come se non bastasse è assente anche un’intesa con lo Stato. Insomma, sarà davvero efficace questa legge recentemente approvata?

CAMPOBASSO

CAMPOBASSO

SAN MARTINO IN P.

Allarme furti: una traccia di sangue per risalire agli autori dei colpi Svolta ad un passo

Schianto sulla statale 650 Perde la vita veterinario 55enne di Trivento

I Giovani si aggiudicano l’edizione 2011 della Carrese Migliaia gli spettatori

A PAG. 7

A PAG. 7

A PAG. 17

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


PRIMO PIANO Wojtyla, il santo business CAMPOBASSO – C’è chi lascia il suo bilocale per fittarlo anche a mille euro per due giorni. C’è l’enoteca che propone il vino del Papa, ci sono i biscotti di Wojtyla e altre centinaia di ricordini del Santo padre che più che alla commemorazione sono utili ad alimentare un bieco consumismo. La beatificazione è anche questo: un gigantesco business che non lascia indifferente nessuno. E di-

stante soprattutto dalla fede. Ai gadget autorizzati dal Vaticano c’è tutto un’universo parallelo del made in China che troppo spesso si confonde nelle vendite controllate a San Pietro. La Finanza ha già sequestrato oltre 5 milioni di oggetti, tra penne, orologi, prodotti elettronici, giocattoli con l’immagine di Giovanni Paolo II in una serie di capannoni gestiti da cinesi a Tor bella Monaca e

all’Esquilino. Il valore della merce è stato stimato in 15 milioni di euro. Una cifra quattro volte superiore al costo dichiarato dal Comune di Roma per la sicurezza dei pellegrini e per l’accoglienza primaria: 3 milioni e mezzo investiti per vigili urbani, protezione civile, pulizie e trasporti, a cui vanno aggiunti altri 900mila euro per i servizi. redpol

Iorio: Karol monito ad ogni cittadino, ad ogni istituzione e ad ogni forza politica CAMPOBASSO – Riceviamo e volentieri pubblichiamo il messaggio del presidente della Regione, Michele Iorio, in occasione della cerimonia di beatificazione di Papa Giovanni Paolo II: “La giustizia sociale consiste, per un aspetto essenziale, nel riconoscimento della dignità del lavoro umano e in un’equa remunerazione, grazie alla quale il lavoratore possa mantenersi insieme con la propria famiglia. D’altra parte, essa richiede anche adeguati interventi a favore di coloro che, pur volendolo, si trovano nella precaria e avvilente situazione di disoccupati”. Con queste parole pronunciate in una ventosa giornata di marzo del 1995, ai piedi del santuario dell’Addolorata di Castelpetroso, in occasione della festa di San Giuseppe Artigiano, Giovanni Paolo II testimoniava ancora una volta con eloquenza dialettica il suo impegno sociale e politico nell’Italia e nel mondo. Un impegno che, partendo dall’importante incarico di pontefice, e quindi massima guida dei cattolici, travalicava le frontiere ideologiche, culturali e religiose per ergersi a monito universale e a incitamento per tutta l’umanità a cancellare le divisioni e a porre in essere iniziative comuni per eliminare le ingiustizie assicurando a tutti, attraverso il lavoro, dignità e libertà. Oggi la Chiesa cattolica innalza questo grande ‘testimone del nostro tempo’ agli onori degli altari con il titolo di beato. Lo fa in un giorno particolare per l’Italia: la Festa dei lavoratori. Una coincidenza non credo casuale. Giovanni Paolo II, infatti, come in quel 19 marzo del 1995 in Molise, ha ritenuto elemento imprescindibile del suo impegno, della sua missione, del suo pontificato, il riconoscimento dei diritti dell’uomo in ogni luogo del mondo, partendo dal diritto per ogni persona ad avere un lavoro che le desse sostentamento adeguato e che fosse elemento di crescita sociale e collettiva della civiltà umana. Un messaggio che è un monito ad ogni cittadino, ad ogni istituzione e ad ogni forza politica. La strada è impegnativa, lui stesso ne sottolineava le difficoltà, soprattutto in momenti difficili come quelli odierni; ma proprio in queste circostanze egli ebbe ad invitare, nella successiva tappa ad Agnone a ‘non arrendersi di fronte ai gravi problemi del momento e non rinunciare a

progettare il proprio futuro’. Tante volte nella mia esperienza istituzionale, in momenti di difficoltà, ho ricordato quel giorno e questa frase. In essa ho trovato la forza di andare avanti e ho visto la responsabilità personale e politica di non arrendermi e di dare il mio contributo per un futuro migliore. Penso che negli ultimi sedici anni il Molise abbia trovato anche in queste parole l’energia necessaria per rialzarsi dopo il terremoto, l’alluvione, e le crisi economiche che si sono succedute. Le stesse energie che tutti insieme, come sistema Molise, dobbiamo sviluppare in questo periodo di ennesima difficoltà per progettare il nostro futuro. Quello di oggi per il Molise è un giorno di festa, lo è perché sappiamo di essere stati amati da questo Papa venuto da lontano, e ricambiamo quindi tale affetto, con partecipazione convinta ad un evento che non è solo religioso ma è anche culturale, sociale, antropologico e politico. Oggi la Chiesa universale, infatti, pone ad esempio globale una vita fatta di impegno, di scelte difficili e coraggiose, di dolore, ma anche di amicizia e di affetto gratuito per i giovani e per chi soffre fisicamente e moralmente. Sono certo, infine, che questa regione vorrà rispondere all’ennesimo invito che le venne quel 19 marzo da Karol Wojtyla: vorrei esortare ciascuno a rimanere fedele alle tradiz i o n i cristiane di questa terra”.

Picciano sul Papa: “Il più amato al mondo” CAMPOBASSO – Riceviamo volentieri pubblichiamo il messaggio del presidente del Consiglio regionale, Michele Picciano, in occasione della beatificazione di Giovanni paolo II: “Voce di popolo, voce di Dio”. Si usa dire così dalle nostre parti e non solo dalle nostre parti. Il giorno della cerimonia funebre di Giovanni Paolo II, sei anni fa, da piazza San Pietro si levò alto il grido di ‘Santo subito’. Ebbene, bruciando tutte le tappe a tempo di record, un Papa viene proclamato beato, per la prima volta nella storia della Chiesa, addirittura dal suo successore. Un evento, quello del primo maggio 2011, doppiamente straordinario per rendere merito ad un pontefice che ha sempre, comunque e dovunque, evidenziato il rispetto per la dignità umana, in ciò mettendo tutti gli uomini sullo stesso livello, senza distinzione di latitudini e di ceti sociali. Sicuramente Karol Wojtila, sacerdote polacco, è stata la persona più amata al mondo, perché il mondo l’ha girato in lungo e in largo, portando dappertutto la sua forte carica di umanità con la quale ha predicato un dettato evangelico fatto solo di bene, raccogliendo a piene mani oceaniche presenze e convinti consensi. Un Papa che ha fatto dell’amore, per Cristo e per il prossimo, il motivo principale della vita e che nei suoi ventisette anni di pontificato ha saputo dare il meglio di sé, cambiando il corso della storia. Noi molisani dobbiamo essere particolarmente riconoscenti e devoti a Giovanni Paolo II poiché per ben due volte nel corso del suo Alto ruolo di vicario di Cristo ha messo piede nella nostra piccola terra: a Termoli, giorno di San Giuseppe, 19 marzo 1983 e a Campobasso, Castelpetroso e Agnone, ancora nel giorno di San Giuseppe, il 19 marzo 1995. “Sì rendo grazie al Signore per lo spettacolo di fede che mi offrite in questo incontro, nel quale mi è dato di prendere diretto contatto con la popolazione forte e generosa di questa terra molisana dalle antiche tradizioni di laboriosità, di rettitudine, di fedele attaccamento alla religione dei padri. Rendo grazie al Signore e rivolgo a voi il mio saluto più cordiale”. Così si espresse nella sua omelia termolese, nella piazza gremitissima di fedeli e autorità, a lui dedicata, nel pomeriggio del 19 marzo 1983, per porgere il saluto ad una regione intera, presente con la quasi totalità dei sindaci dei suoi 136 comuni. Fu Cosmo Francesco Ruppi, vescovo di Termoli-Larino, a invitare il Papa nel Molise, per la prima volta. La seconda visita pastorale di Giovanni Paolo II alla nostra terra, in occasione della solennità di San Giuseppe il 19 marzo 1995, fu promossa dal vescovo di Campobasso-Boiano, Ettore De Filippo, per la benedizione, in mattinata, della prima pietra del “Centro di Ricerca e di formazione ad alta tecnologia nelle scienze biomediche” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Sempre nel corso della mattinata il Papa si recò a Castelpetroso per la celebrazione della Santa Messa davanti al Santuario dell’Addolorata e, nel pomeriggio, ad Agnone per incontrare il mondo del lavoro e benedire la “colata” di una campana alla pontificia fonderia “Marinelli”.


PRIMO PIANO Oggi a Campomarino l’iniziativa in onore del giovane romeno morto mentre raccoglieva pomodori

Gheorghe, il 1° Maggio è anche suo CAMPOMARINO - E’ calato un assordante silenzio sulla triste vicenda di Gheorghe Radu. Il giovane lavoratore rumeno morto, o forse lasciato morire, a Campomarino durante la raccolta dei pomodori. Gheorghe aveva 35anni. Ha lasciato una moglie, Maria e una figlia. Oggi Valentina ha 13 anni. E ancora non è riuscita a capire perché il padre non è più tornato a casa. Perché nessuno ha salvato il suo papà. E, soprattutto, cosa è successo quel 29 luglio del 2008 nelle campagne del basso Molise. Per questa ragione il comitato promotore nato dopo questo assurdo decesso ha or-

ganizzato una festa dei lavoratori a contrada Cliternia in memoria di Gheorghe “per evitare –come si legge nella nota inviata alle redazioni - che accadano altri episodi simili. In attesa che la giustizia faccia il suo corso, ci posizioniamo al fianco di Maria e Valentina Radu che, dignitosamente, continuano a lottare per non far dimenticare la memoria del proprio familiare, un lavoratore morto di lavoro nei nostri territori”. All’appello si unisce anche il consigliere regionale del Pd, Michele Petraroia che scrive: “Gheorghe Radu è la fotografia del nostro tempo di chi

cerca una vita migliore e si ritrova clandestino e preda del caporalato. Di chi viene messo su un furgone quando è ancora notte e rientra a casa quando è nuovamente notte. Di chi nelle campagne è spremuto, sfruttato e privato di qualsiasi diritto nell’indifferenza e nell’ignavia di una società distratta, assente, collusa e silente. Il Primo Maggio è la festa dei lavoratori e merita rispetto. E in quel solco la società deve proseguire il proprio cammino in questo terzo millennio di destrutturazione sociale, degrado etico e arretramento umano”.

Picciano ai giovani: il Molise può diventare Lavoro, le proposte della Cgil grande con voi La segretaria regionale Mignelli sarà a Santa Croce di Magliano

CAMPOBASSO – Riceviamo e volentieri pubblichiamo l’intervento della segretaria regionale della Cgil, Erminia Mignelli, in occasione della festa dei lavoratori. “In nome della crisi si vuole attuare un peggioramento delle condizioni di lavoro, come se questo potesse servire ad incentivare i consumi ed a favorire la ripresa. Non è questo di cui hanno bisogno i cittadini, bensì di risorse economiche vere da poter spendere. Occorre avviare una riforma fiscale che diminuisca la tassazione sul reddito da lavoro, da pensione, che incentivi gli investimenti produttivi, spostando il carico sulle rendite ed i patrimoni. Le risorse necessarie vanno recuperate attraverso una più efficace lotta all’evasione fiscale e all’illegalità, attraverso un ruolo attivo degli enti preposti. In Molise non è più sostenibile l’immobilismo del governo regionale, mentre si stanno consumando crisi irreversibili, basta citare il nucleo industriale di Venafro, le aziende dell’indotto del settore metalmeccanico quelle dell’agroalimentare e del tessile. E’ necessario avviare un piano regionale di sviluppo e per le politiche del lavoro comin-

ciando a riconoscere la valenza sociale del lavoro per poter continuare a vivere in questa regione. Unitamente all’utilizzo degli ammortizzatori sociali necessari per il sostegno al reddito, occorre avviare percorsi formativi. Solo così si potranno dare risposte ai tanti padri di famiglia che hanno perso il lavoro ed ai tanti giovani laureati in questa università del Molise. Ripartiamo dal lavoro, dal suo valore, per dare futuro anche a questa regione, domani in occasione della festa del lavoro la Cgil lo ribadirà con la sua presenza a Santa Croce di Magliano”.

CAMPOBASSO - Riceviamo e volentieri pubblichiamo il messaggio del presidente del Consiglio regionale, Michele Picciano, in occasione della festa dei lavoratori indirizzato ai giovani: “L’articolo 1 della Costituzione italiana pone al centro della vita democratica del nostro Paese il lavoro. L’operosità diventa pertanto una possibilità di realizzazione sociale ed economica, l’opportunità per chiunque di emergere in virtù delle proprie capacità e della propria tenacia. Se il diritto e la tutela del lavoro rappresentano i due pilastri del nostro impianto costituzionale, bisogna avere il coraggio di affrontare le profonde trasformazioni in atto nel mondo del lavoro, con riforme che cancellino una volta per tutte l’idea che flessibilità e precarietà sono sinonimi. I nostri figli accettano la competizione, firmano senza remore contratti legati agli obiettivi e quasi mai superiori ai 12 mesi. È il momento di investire su di loro, sulla loro voglia di cambiamento, sulle loro capacità e non più sulle ansie, sulla paura di non vedersi confermati”.


REGIONE L’europarlamentare del Pdl, Aldo Patriciello, ha presentato i progetti comunitari per l’ente

Provincia “cittadina” d’Europa E De Matteis punge il Pd: nessun confronto con chi non ha argomenti CAMPOBASSO – “Una Provincia europea”, in questa campagna elettorale, è uno degli slogan più gettonati dai vari candidati alla presidenza. Rosario De Matteis non si accontenta di questo semplice auspicio e guarda oltre, grazie ad Aldo Patriciello che ieri ha presentato “Idee per una Provincia europea”. Gli obiettivi e gli strumenti sono molteplici: il programma “Cittadini per l’Europa” (che ha una dotazione di 215 milioni euro) punta a sviluppare un’identità comune contribuendo al dialogo interculturale; il patto dei sindaci (lanciato il 29 gennaio 2008) per coinvolgere le città europee sulla sostenibilità energetica e

ambientale; i fondi strutturali attraverso il programma del Fesr per la Regione Molise per incentivare la competitività tramite la ricerca e l’innovazione (39,5% del finanziamento), ridurre le emissioni e incentivare le fonti rinnovabili (13,5%), migliorare i trasporti e l’ambiente (24%) con particolare attenzione alle città e alle zone di montagna; accessibilità attraverso il partenariato per le infrastrutture (19%) e il monitoraggio, la valutazione e il controllo (4%); Erasmus per i giovani imprenditori e programma gioventù in azione. Intanto, lo stesso De Matteis respinge anche al mittente il suo presunto “timore per un

pubblico incontro con il sindaco pro tempore di Riccia”, paventato da “esponenti di centro sinistra e da candidati avversari”.

“Rimettiamo al centro i problemi della gente” Pd, Sel, Alternativ@, Psi, Pdci e Cd con la Fanelli

CAMPOBASSO – La campagna elettorale si avvia verso la fase calda e Micaela Fanelli, assieme alla coalizione di partiti che la sostiene (Pd, Sel, Alternativ@, Psi, PdCi e Costruire Democrazia), rilancia la sua azione. Non contro qualcuno o qualcosa, ma sui temi e i contenuti che interessano i cittadini: “C’è bisogno di una risposta corale forte per riportare l’attenzione sui temi che ci stanno più a cuore”. Si parte dall’alto (o, in aziendalese, in una gerarchia top-down): “Gli insuccessi nazionali e regionali della filiera politica del centrodestra sono sotto gli occhi di tutti e noi vogliamo invertire questo andamento negativo”. E si arriva al piano “orizzontale”: “Basta parlare con un cittadino che gira in macchina per raggiungere un ospedale o una scuola e abbiamo la percezione dettagliata dei problemi globali”. Per la Fanelli, è questa visione corale (il voto politico più che il voto di opinione) che “ci porterà alla vittoria”. Per puntare al massimo obiettivo, il presidente di Cd, Romano, auspica “un confronto costruttivo tra le forze politiche, basato su temi sostanziali come la pressione fiscale, le cause, il soggetto e le modalità che l’hanno determinata con una politica (quella del centrodestra) fine a se stessa e non con una politica fondata sulla

responsabilità come è la nostra”. Il segretario del PdCi, Montesano, punta, invece, sul lavoro e su quali grandi opere siano realmente necessarie: “La centrale nucleare per soddisfare gli interessi delle lobby o la viabilità che manca di direttrici importanti? Questo serve e non altro”. L’ambiente, il recupero e il riciclaggio dei rifiuti sono le priorità per Notarangelo (Sel) che punta il dito contro “le troppe centrali turbogas e le scorie radioattive tenute sotto silenzio a Castelmauro”. Il federalismo fiscale con servizi pubblici già ridotti all’osso è il tema sollevato da Miniscalco (Psi) che non vede certo il Molise un terreno favorevole con “il 22% di autonomia finanziaria rispetto al 66% della Lombardia”. Infine, Leva (Pd) (ri)lancia l’idea di “un piano straordinario per l’occupazione e il welfare utilizzando un regime fiscale che consenta alle imprese di investire in Molise” e Ruta chiude con un invito deciso e con una presa di coscienza che dovrebbe bipartisan: “Vogliamo cambiare registro o no? Abbiamo i pensionati più poveri d’Italia ed è assurdo che non si parli e non si accendano i riflettori su questo. La politica deve difendere la dignità delle persone”. E riprendersi (finalmente) il ruolo nobile per cui è nata. Adimo

I quali, per De Matteis, vanno fuori argomento: “Evidentemente, dal Pd non hanno capito che il 15 e 16 maggio si elegge-

ranno il presidente e il consiglio provinciale di Palazzo Magno. Di conseguenza, non avendo interlocutori idonei, non posso esimermi dal prendere le distanze da un modo di fare scorretto, che non mi rappresenta e che non tutela nemmeno i cittadini elettori”. E allora, De Matteis non sente ragioni: “Alla luce di quanto esposto, non accetto più pubblici inviti e nemmeno lezioni da qualche giovane segretario regionale o da qualche rampollo senza partito, che scalda i muscoli ora, sperando solo nel ballottaggio e a novembre per restare in minoranza alla Regione”. Adimo

Ausiliari del traffico, Ferocino ribatte al gruppo Ora per Jelsi All’indomani della lamentela manifestata dai consiglieri di minoranza del comune di Jelsi Francesco Maiorano, Andrea Gentile e Massimo Tatta circa la mancata trasparenza ed informazione della giunta Ferocino nei confronti degli jelsesi, soprattutto giovani, in merito al bando regionale sugli ausiliari del traffico, interviene il primo cittadino della località in provincia di Campobasso. Il gruppo consiliare ha contestato la non pubblicazione dello stesso all’albo pretorio cartaceo, inducendo anche il sospetto di trame che avrebbero portato alla “rimozione” dell’avviso segnalate addirittura da un dipendente comunale. “Vaneggiamenti di primavera e film già visto – il commento del sindaco Mario Ferocino - Normalmente si è scelto di non seguire la minoranza su profili di tale bassezza, ma quando il troppo è raggiunto bisogna reagire per ristabilire la verità, seppur in modo breve e riassuntivo. Al contrario di quello che la minoranza afferma, sul sito del comune di Jelsi è stato regolarmente ed integralmente pubblicato in data 20.04.11 il bando regionale sugli ausiliari del traffico, ben visibile e raggiungibile, con tutte le indicazioni e le scadenze. All’inizio del corrente anno, nonostante l’avvenuta attivazione dell’albo pretorio on line, una disposizione dell’amministrazione comunale, proprio per dare il massimo della trasparenza, ha inteso far proseguire, senza averne l’obbligo, anche le pubblicazioni in cartaceo al vecchio albo pretorio in bacheca. La materiale affissione spetta, come ovvio, ai dipendenti del competente ufficio, che vi provvedono con regolarità e puntualità. L’approvazione del bando in questione – ha poi aggiunto - è avvenuta, da parte della giunta, con specifica delibera n.56/2011 del giorno antecedente la pubblicazione del bando (19.04.11), delibera a cui lo stesso bando è stato integralmente allegato e regolarmente comunicata alle minoranze. I consiglieri Maiorano, Gentile e Tatta, quindi, se solo avessero letto la delibera in questione o visitato il sito comunale avrebbero conosciuto quel che disconoscevano (e che hanno appreso dagli uffici) . Al sindaco Ferocino, candidato alle elezioni provinciali, sembra di ricordare che anche il consigliere Massimo Tatta si sia candidato alle elezioni provinciali, col declamato intento di rappresentare i giovani, si pensa soprattutto di Jelsi. Ebbene, sarà il caso di rammentare che se intende farlo come avviene in consiglio comunale, dove non si registra un solo intervento a verbale nei consigli comunali tenutisi da quando è stato eletto, deve ritrovare il dono della parola, oltre quello della scrittura (magari non sua), rammentando anche che chi vuole rappresentare i giovani lo fa cercando di tutelare i loro interessi e non scrivendo cose non vere. Al consigliere Maiorano, professionalmente al vertice di una struttura amministrativa di rango – conclude Ferocino - si consiglia un ripasso delle competenze di una giunta comunale, vista la continua confusione in cui incorre tra quello che fa tale organo e quello che fa la struttura comunale”.


REGIONE Ieri in città, a sostegno di De Matteis, il leader nazionale dell’Adc accolto dal vice, Pietracupa, e dal coordinatore regionale, Tamburro

Pionati: il Molise è l’elemento più forte per il nostro partito CAMPOBASSO – “Il Molise è l’elemento più forte per il nostro partito”. Alleati di Berlusconi in Parlamento (nel gruppo di Iniziativa responsabile) e di Rosario De Matteis per conquistare la Provincia di Campobasso, l’Adc di Francesco Pionati (ieri in città, accolto dal vice presidente della Regione e vice segretario nazionale del partito, Mario Pietracupa e dal coordinatore regionale, Riccardo Tamburro) vuole continuare ad essere il “collante del centrodestra” ed è “un elemento di forza e lungimiranza”. E proprio per questo,

Pionati respinge le accuse di non voler più appoggiare il Cavaliere: “Sulla Libia deciderà il premier e noi vogliamo continuare su questa strada, anche se la Lega ha posto un problema legittimo e l’opposizione può altrettanto legittimamente criticare. Ma l’assenza di una posizione unitaria favorirà Gheddafi. In Paesi come Francia e Gran Bretagna questo problema non si pone affatto”. Poi, sulla sua presunta nomina a sottosegretario al ministero delle Comunicazioni, Pionati risponde da par suo: “Siccome ero un giorna-

lista, l’accostamento (degli ex colleghi…) è venuto spontaneo…”. Adesso, la sfida è quella di riconquistare Palazzo Magno e l’Adc punterà sui valori cristiani e la sensibilità verso i temi etici del popolo moderato, sulle politiche per la famiglia, tenendo sempre presente il valore e l’importanza della solidarietà e sussidiarietà. Ma sempre all’interno del centrodestra che, anche in Molise, soffre ancora di qualche spiffero che le imminenti elezioni hanno contribuito a tappare. Adimo

Il Consiglio regionale ha riunito tre diverse proposte bipartisan

Nucleare: poca sostanza, molte riserve L’ assenza di intesa con lo Stato, non preclude alcunché, tantomeno le centrali nucleari e i depositi di materiali e rifiuti radioattivi Una leggina regionale votata all’unanimità (Disposizioni in materia di produzione di energia), di appena 2 articoli, per tappare la bocca agli ambientalisti in campagna elettorale, per cloroformizzare l’opinione pubblica: uovo pasquale dei consiglieri di Palazzo Moffa ai molisani. Sostanza poca, e molte riserve: una leggina, appunto, cosiddetta bipartisan. Infatti è il risultato della fusione di tre diverse proposte di legge (la 161, la 197 e la 222) provenienti dai banchi della maggioranza e dell’opposizione. Eccola riprodotta: Art.1 – La Regione, nel rispetto dell’articolo 117 della Costituzione e degli indirizzi e delle norme vigenti, individua obiettivi, parametri e indicatori di qualità in relazione alla produzione, al trasporto, alla distribu-

zione ed al consumo di energia; Nell’esercizio delle proprie competenze, la Regione promuove lo sviluppo sostenibile del sistema energetico regionale, favorendo l’incremento della produzione dell’energia da fonti rinnovabili nel rispetto dei vincoli ambientali, paesaggistici ed archeologici, nonché la produzione di misure di risparmio energetico; Tenuto conto degli elevati rischi connessi alla sismicità ed al dissesto idrogeologico del territorio, è preclusa nella regione, in assenza di intesa con lo stato, l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti nucleari, nonché di depositi di materiali e rifiuti radioattivi. Art. 2 – La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino

Ufficiale della Regione. Una legge di principio. Solo una legge di principio. Varata con notevole ritardo, favorita dal clima di paura generato dal disastro nucleare di Fukushima. Intanto, perché questa legge abbia un senso, la Regione deve darsi un piano energetico, senza il quale non va da nessuna parte. Cioè, in parole povere, deve individuare gli obiettivi, i parametri e gli indicatori di qualità relativi alla produzione, al trasporto, alla distribuzione e al consumo di energia. E mentre dice no al nucleare dichiara, senza più alcuna riserva, di voler puntare all’incremento della produzione di energia da fonti rinnovabili, che sono l’eolico e il fotovoltaico in prevalenza, ma anche qui la Regione si produce in un salto nel buio fin-

tanto non si dota di un piano paesistico corredato del regolamento di applicazione perché, come stiamo constatando, il cosiddetto rispetto dei vincoli ambientali, paesaggistici ed archeologici, finora non è servito ad evitare l’invasione di pale eoliche, la distruzione del paesaggio e l’inquinamento visivo delle aree archeologiche. Non ci fossero i giudici amministrativi e penali a fare da argine, saremmo fritti. Questa legge, in assenza di un’intesa con lo stato, nonostante il territorio molisano sia notoriamente sismico e idrogeologicamente dissestato, non preclude alcunché, tantomeno “l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti nucleari, nonché di depositi di materiali e rifiuti radioattivi”. La

Regione deve pertanto necessariamente dotarsi di un piano regionale di sviluppo e di un regolamento di applicazione in cui siano spiegate e dimostrate le ragioni delle scelte che fa. Seppure tra le righe, e con una sottile prudenza che lo segnala ancora una volta amministratore e legislatore esperto e responsabile, per non trovarsi scoperto di fronte ad eventi futuri che investono il campo della produzione di energia e le politiche energetiche europee e nazionali, il presidente della Regione Molise Angelo Michele Iorio non ha mancato infatti di esprimere riserve sulla efficacia di questa legge, con ciò smorzando sul nascere inutili e fatui entusiasmi, ancorché bipartisan. Dardo


132,00

142,00

216,00

252,00

396,00

816,00

1.320,00

2.160,00

4.800,00

480,00

540,00

672,00

960,00

2.040,00

48,00

96,00

132,00

168,00

240,00

480,00

900,00

1.560,00

3.600,00

156,00

216,00

264,00

348,00

600,00

1.008,00

1.560,00

4.080,00

0,085

0,0066

cad

cad

432,00

0,0072

cad


CAMPOBASSO Schianto sulla Ss 650: muore 55enne di Trivento Ancora un weekend di sangue sulle strade molisane. Ieri pomeriggio, poco dopo le 14,30, un violento frontale si è verificato sulla strada statale 650, meglio nota come fondovalle del Trigno. Tragiche le conseguenze. A rimetterci la vita è stato Vincenzo Terrera, veterinario 55enne di Trivento, che in quel momento stava rientrando a casa.

Nel sinistro coinvolta anche una donna, rimasta ferita nello schianto e subito trasportata all’ospedale San Pio di Pietrelcina di Vasto dai soccorsi intervenuti sul luogo dell’incidente. Ancora da accertare le cause dell’incidente, anche se non è da escludere che a facilitare l’impatto possa esser stata proprio la pioggia.

Allarme furti, si stringe il cerchio degli inquirenti Decisiva la traccia ematica trovata nell’auto rubata l’altra notte dai malviventi

La Croce rossa in piazza con 8 minuti per la vita Anche quest’oggi, i volontari della Croce Rossa Italiana di Campobasso allestiranno, in piazza Municipio, uno stand per sostenere il progetto nazionale ‘Otto minuti per la vita’. Una iniziativa sostenuta dall’edizione 2011 di ‘Trenta ore per la vita’(famosa manifestazione di sensibilizzazione e raccolta fondi) e volta a diffondere tra la popolazione la conoscenza delle pratiche di rianimazione cardiopolmonari in situazioni di emergenza ed incrementare la disponibilità di attrezzature mediche salvavita nelle scuole statali e nelle strutture sportive pubbliche. Nell’occasione, i mo-

lisani non solo potranno partecipare alla raccolta fondi con una libera donazione alla quale corrisponderà il rilascio di un simpatico gadget ma nelle tende montate dai volontari potranno partecipare alle dimostrazioni delle manovre di Primo soccorso e di disostruzione pediatrica, ovvero quelle manovre atte alla liberazione della trachea di un bambino da un corpo estraneo. Con i fondi raccolti, Trenta ore per la Vita si impegnerà all’acquisto di defibrillatori semiautomatici esterni, mentre i volontari della Cri terranno corsi di formazione per il personale degli istituti beneficiari della raccolta.

L’attesa svolta potrebbe davvero essere ad un passo. La preoccupante serie di furti che negli ultimi mesi ha interessato l’hinterland campobassano continua ad essere sotto la lente d’ingrandimento delle autorità, che in queste ore sono al lavoro per cercare di dare nomi e volti agli autori delle scorribande avvenute sul territorio provinciale. L’opera della task force istituita dal prefetto di Campobasso per arginare il fenomeno, dunque, sta dando i propri frutti e adesso le risultanze investigative in mano agli inquirenti potrebbero presto portare a sviluppi importanti. A risultare decisiva ai fini delle indagini potrebbero infatti essere proprio le tracce di sangue lasciate dai malviventi sull’auto rubata l’altra notte nel corso dell’incursione condotta nell’area del fortore e più precisa-

mente a Gambatesa. I ladri avevano abbandonato il veicolo, incidentato nel corso della fuga, per poi proseguire a piedi la diserzione nelle campagne limitrofe. Sin da subito alcuni indizi avrebbero fatto pensare a una banda di professionisti con sede in Campania: un’ipotesi che potrebbe essere confermata proprio grazie alle tracce ematiche, già inviate al reparto Ris di Roma per verificare la possibile presenza di soggetti compatibili all’interno dei database delle forze dell’ordine. Se dovesse esserci corrispondenza, si potrebbe così risalire all’identità di almeno uno dei ricercati. Un risultato che porterebbe certamente un po’ di tranquillità tra la gente, in molti casi esasperata dalla sorprendente frequenza dei ‘colpi’ - messi a segno o anche solo tentati dai cosiddetti ‘topi d’appartamento’.

Falsifica documentazione, assicuratore denunciato Aveva pensato di ottenere l’annullamento di un verbale in suo danno falsificando la data di scadenza di un documento assicurativo che la sua agenzia aveva emesso, presentandolo così al Giudice di pace. Ma la furbata non ha di certo premiato un assicuratore 52enne di Vinchiaturo, ora denunciato dai carabinieri del centro molisano – gli stessi che nello scorso dicembre avevano provveduto ad elevare all’uomo la contravvenzione – per falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico.

7 ANNO IV - N° 99 DOMENICA 01 MAGGIO 2011


CAMPOBASSO La rinuncia al collegamento in galleria del terminal con via San Lorenzo probabile contenzioso tra il Comune e l’impresa aggiudicataria dei lavori

Sarà ancora la carta bollata a decidere il futuro della città La rinuncia del Comune di Campobasso al collegamento del terminal delle autocorriere a Via S. Lorenzo previsto con un lungo tratto in galleria, che questo giornale ha largamente anticipato da mesi, rischia di generare un circuito tecnico-amministrativo, politico e giudiziario particolarmente acceso. I meccanismi avviati 5 anni fa con il finanziamento di 11 milioni di euro dalla Regione Molise (ex articolo 15) si sono inceppati in una fase in cui diventa delicato, oltre che difficile, stabilire perché. Sta di fatto che a monte ci sono, appunto, un finanziamento, una progettazione di massima da parte dell’ufficio tecnico comunale, un bando di appalto concorso per l’aggiudicazione dell’opera e, quindi, la presentazione del progetto esecutivo da parte di un’Associazione temporanea d’impresa (subentrata a sua volta ad Europa 92), la sottoscrizione del contratto d’appalto, la consegna dei lavori e l’impianto del cantiere. Da quel momento, a procedure amministrative concluse, è sopravvenuto lo stop, sono affiorati i primi tentennamenti, quindi una lunga fase d’inerzia a cavallo della fine della gestione Di Fabio e l’inizio della gestione Di Bartolomeo. A rimuovere le acque stagnanti, come diciamo, è intervenuta la rinuncia del collegamento da parte del Comune, comunicata alla Regione, dicono, priva di una precisa e ben documentata argomentazione. La Regione ha accettato il cambio di rotta di Palazzo san Giorgio con evidente disponibilità a non creare problemi all’amministrazione comunale, autorizzando l’idea di spalmare gli 11 milioni (che poteva revocare) su altre opere pubbliche cittadine (una parte destinata alla sicurezza delle strutture scolastiche, una parte alla viabilità interna e alla messa in sesto

del terminal delle autocorriere). Tutto questo però finora è confinato in una stringata corrispondenza tra Iorio e Di Bartolomeo in cui, ribadiamo, mancherebbero le necessarie indicazioni tecniche o comunque i motivi per cui s’è creata la necessità di interrompere la realizzazione del collegamento. La situazione pertanto si presta ad essere interpretata a seconda delle convenienze: da parte del Comune, con la pretesa del risarcimento del danno causato dal fermo dei lavori; dall’associazione temporanea d’impresa, con la stessa pretesa nei confronti del Comune per aver deciso di rinunciare all’opera stradale. Finora nessuna delle due parti ha fatto trapelare il proprio punto di vista sulle implicazioni che potrebbero verificarsi. Ma quando sarà il momento di smantellare il cantiere dovrà essere detto il perché. Di conseguenza, una delle due parti dovrà farsi carico della decisione e, quindi, dovrà accollarsi gli oneri e la responsabilità. Sarà il Comune? Sarà l’impresa? Nessuno può dirlo con certezza in quanto, allo stato delle cose, l’unica certezza è l’inutile trascorrere del tempo. Nel frat-

tempo l’inflazione sé mangiato parte del finanziamento, la città non ha avuto alcun beneficio, e all’orizzonte si addensano minac-

ciose le nuvole di una complessa strategia di rivalsa (allertati giudici e avvocati). Difatti, è impensabile che l’impresa non pretenda di es-

sere risarcita per il mancato utile pari al 10 per cento dell’importo complessivo dell’opera, e che il progettista non pretenda di essere a sua volta ristorato. L’amministrazione comunale è impensabile che non cerchi di mettersi al riparo addebitando all’impresa l’inadempienza contrattuale, chiedendole i danni. Come la si giri e la si volti la faccenda, che all’apparenza sembra andare de plano, si preannuncia carica di sorprese. Col risultato di aver perso un’opera stradale per collegare l’area urbana di Vazzieri e di San Giovanni dei Gelsi all’area di San Lorenzo, e ricominciare una nuova trafila di progetti e di appalti senza la certezza che vadano in porto. La storia di Campobasso è piena zeppa di queste castronerie. Dardo

Favole a merenda nel carcere di Campobasso Il 2011 promette un calendario ricco di libri, musica, spettacoli e tanti incontri entusiasmanti per soddisfare il pubblico più esigente che esista, quello dei bambini. Ma ‘Ti racconto un libro Infanzia’ 2011 quest’anno si aprirà in maniera insolita e originale, in linea con lo spirito di forte impegno civile e sociale che da sempre contraddistingue la programmazione. Sarà infatti nella casa circondariale di Campobasso che si svolgerà l’appuntamento inaugurale dedicato all’infanzia, dove i musicisti dell’Aigam terranno un concerto destinato ai figli dei detenuti. Il progetto parallelo di Ti racconto un libro 2011 - laboratorio permanente sulla lettura e sulla narrazione, promosso e organizzato dall’Unione Lettori Italiani e dalla Provincia di Campobasso, con la direzione artistica di Brunella Santoli e la collaborazione del Comune di Campobasso - pensato apposta per i più piccoli, comincia con uno speciale di favole a merenda che ospiterà ‘Ma che

musica!’ (concerto a cura dell’associazione italiana Gordon per l’apprendimento musicale che propone autentiche esperienze di ascolto e di coinvolgimento emotivo per i bambini e per gli adulti presenti). Un modo del tutto originale per avvicinare i più piccoli al fascino delle sette note, guidati, tra gli altri, dalla simpatia travolgente di Andrea Apostoli, musicista, autore e presidente dell'Aigam. Al termine verrà offerta una merenda gustare insieme. L’appuntamento è in programma per domani alle 15e30 nella casa circondariale del capoluogo.


Meteo

Oroscopo

ORARI

Campobasso Mattino

TRENI

Pomeriggio CAMPOBASSO-TERMOLI

Sera Notte Isernia

Termoli Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

Arrivo 07:42 08:34 11:06 14:11 15:53 18:58 19:30 20:03 23:00

TERMOLI-CAMPOBASSO (DIRETTI)

La Ricetta Bandisti agnonesi in brodo di trippa 800 g di trippette di agnello grani di pepe, a piacere alcune cucchiaiate di passata di pomodoro q.b. di sale una costa di sedano

2 carote un ciuffo di prezzemolo un peperoncino piccante q. b. di sale 350 g di mezze maniche abbondante pecorino grattugiato

Pulite accuratamente le trippette strofinandole con farina di granturco o sale grosso, quindi raschiatele con la lama di un coltello per sbiancarle e lavatele con abbondante acqua corrente. Quando saranno ben pulite, tuffatele, una per volta, per un attimo, in acqua bollente salata, quindi mettetele in un recipiente, coperte di acqua fredda, avendo cura di rinnovarla spesso. Lasciate a spurgare le trippette per 12 ore, quindi fatele sgocciolare a lungo e tagliatele a striscioline. In una pentola versate la quantità di acqua necessaria, aggiungete il sedano e le carote in precedenza pulite e lavate, l'olio e il sale e fate cuocere a lungo il brodo, schiumando di tanto in tanto. A cottura, togliete le trippette dal brodo e tenetele in caldo. Regolate la quantità di brodo necessaria a cuocere la pasta, portate a bollore e in esso lessate al dente i bandisti. Aggiungete alcune striscioline di trippa e versate tutto in una zuppiera. Insaporite di peperoncino tritato, spolverizzate con abbondante formaggio e servite caldo. tratta da Molisenda 2010 a cura di Enzo Nocera e Rita Nocera Mastropaolo

Numeri utili CAMPOBASSO

ISERNIA

Farmacia di turno

Farmacia di turno SAN LAZZARO Via Tedeschi G., 39 Tel. 0865.299310

CARUSO Corso V. Emanuele II, 69 Tel. 0874.415360 DI TORO (di appoggio) P.zza Gabriele, 32 Tel. 0874.311018

Ospedale Veneziale centralino 0865.4421

Ospedale Cardarelli centralino 0874.4091

Municipio Tel. 0865.50601

Municipio 0874.4051 Stazione Ferroviaria Tel. 892021

Stazione Ferroviaria Tel. 0865.50921

Taxi 0874.311587-92792 Soccorso Aci 803116 TERMOLI Farmacia di turno MARINO - C.so Nazionale, 42/44 - Tel. 0875.706234

Ospedale San Timoteo centralino 0875.71591 Municipio 0875.7121 Stazione Ferroviaria Tel. 0875.706432 Capitaneria di porto Tel. 0875.706484

Partenza 05:49 06:49 12:17 13:17 14:38 16:14 17:12 18:40 20:48

Arrivo 07:38 08:24 13:58 15:00 16:19 17:57 18:49 20:30 22:38

Partenza 06:15 09:15 10:20 14:08 14:40 16:45 17:08 19:02 20:08

Arrivo 09:23 12:15 15:22 17:29 19:08 20:15 20:47 22:02 22:58

(NON DIRETTI)

Arrivo 08:53 10:10 11:40 17:19 19:54 22:54

Toro 21 apr - 20 mag

CAMPOBASSO-NAPOLI (NON DIRETTI)

Partenza 05:18 06:23 13:11 14:15 18:01

Arrivo 07:53 09:22 16:13 17:44 21:00

Gemelli 21 mag - 21 giu

NAPOLI-CAMPOBASSO (NON DIRETTI)

CAMPOBASSO-ROMA TERMINI Partenza 05:50 07:15 08:30 14:18 17:00 19:30

Ariete 21 mar - 20 apr

(NON DIRETTI)

(DIRETTI)

Partenza 06:00 06:48 09:30 12:20 14:14 17:11 17:40 18:18 21:00

ROMA TERMINI-CAMPOBASSO

Partenza 04:56 05:20 12:11 14:10 14:29 17:04 17:29 19:30

Arrivo 08:35 08:35 15:22 16:58 17:30 20:04 20:15 22:26

Cancro 22 giu - 22 lug

Leone 23 lug - 23 ago

AUTOBUS MOLISE TRASPORTI Tel. 0874.493080-60276 Fax 0874.628193 TERMOLI-CAMPOBASSO-ROMA-FIRENZE Il prolungamento per Perugia, Siena e Firenze si effettua solo il lunedì, mercoledì e venerdì Termoli: (Terminal) 5,10-12,30-18,00 Campobasso: (Terminal) 5,00-5,45-6,107,30-9,30- 11,30-13,30-16,00-19,00 Bojano: (P.zza Roma) 5,20-6,18-6,30-7,5010,00-11,55-13,55-16,30-19,25 Isernia: (P.zza Repubbl.) 5,45-6,50-7,008,20- 10,30-12,20-11,30-14,25-17,00-19,50 Venafro: (S.S. 85) 6,05-7,18-7,25-8,45-10,55 12,45-12,00-14,50-17,25-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 7,45-7,55-11,2013,20- 12,25-15,15-17,55 Roma: (Staz. Tiburtina) 8,00-9,25-10,3013,00- 14,50-16,45-19,30-22,00 Perugia: (Staz. Fontivegge) 11,25 Siena: (P.zza Rosselli) 12,40 Firenze: (P.zza Adua) 13,45

Vergine 24 ago - 22 set

AUTOLINEE SATI SI AVVISANO I SIGNORI UTENTI CHE DAL 1 APRILE 2011, IN SEGUITO ALL'APPLICAZIONE DEL PIANO DEI SERVIZI MINIMI APPROVATO DALLA REGIONE MOLISE, LE CORSE SUBIRANNO DIVERSE MODIFICHE SULLE LINEE DI:

Bilancia 23 set - 22 ott

CAMPOBASSO-TERMOLI: TERMOLI-CAMPOBASSO

Scorpione 23 ott - 22 nov

CAMPOBASSO-TERMOLI-PESCARA PESCARA-TERMOLI-CAMPOBASSO

FIRENZE-ROMA-CAMPOBASSO-TERMOLI Firenze: (P.zza Adua) 14,10 Siena: (P.zza Rosselli) 15,15 Perugia: (Staz. Fontivegge) 16,30 Roma: (Staz. Tiburtina) 7,00-9,30-11,3013,30 15,00-16,30-18,30-20,15 Cassino: (P.zza Garibaldi) 8,30-11,00-9,3014,05 15,00-16,30-20,00 Venafro: (S.S.85) 9,00-11,35-9,55-13,1514,30 15,35-17,00-18,15-20,30-22,00 Isernia: (P.zza Repubbl.) 9,25-12,00-10,25-13,45 15,00-16,00-17,25-18,45-20,55-22,25 Bojano: (P.zza Roma) 10,00-12,25-14,10 15,30 16,25-18,00-19,10-21,25-22,45 Campobasso: (Terminal) 10,30-12,50-14,3016,05 16,45-18,30-19,30-21,45-23,15 Termoli: (Terminal) 11,30-17,45-22,45

DA VENAFRO partenze 5.30 Venafro - 5.55 Isernia - 6.25 Bojano 6.50 Campobasso - 7.50 Termoli - 10.50 Area ser. Conero Est e Ovest - 12.10 Rimini - 12.55 Cesena - 13.45 Imola - 14.30 Bologna

NUOVA AUTOLINEA STATALE: VENAFRO - ISERNIA 7.15 Venafro - 7.45 Isernia ISERNIA - VENAFRO 16.30 Isernia - 17.00 Venafro

DA BOLOGNA partenze 15.20 Bologna - 16.05 Imola - 16.55 Cesena - 17.40 Rimini - 19.20 Area ser. Conero Est e Ovest 22.00 Termoli - 23.00 Campobasso - 23.25 Bojano - 23.55 Isernia - 00.20 Venafro

PERTANTOVI INVITIAMO, PER EVENTUALI INFORMAZIONI, A RIVOLGERVI ALL’AGENZIA INFORMAZIONI SITA AL TERMINAL DI CAMPOBASSO.

Sagittario 23 nov - 21 dic

Tel. 0874.65050 AUTOLINEA STATALE VENAFRO/ISERNIA/BOIANO/CAMPOBASSO/TERMOLI/ RIMINI/CESENA/IMOLA/BOLOGNA IL SERVIZIO È SVOLTO NEI GIORNI FERIALI DI LUNEDÌ - MERCOLEDÌ - VENERDÌ

Capricorno 22 dic - 20 gen

Acquario 21 gen - 19 feb

Pesci NON SI EFFETTUA ALCUN SERVIZIO NEI GIORNI: CAPODANNO- PASQUA - 1° MAGGIO E NATALE

20 feb - 20 mar

Ariete - In questa giornata potrete esprimere le vostre sensazioni o le vostre idee come meglio vorrete, tuttavia lasciate che le persone che vi sono accanto possano altrettanto assistere a queste esternazioni, altrimenti non avrà molto senso manifestarle se non per chi vi ama! Toro - Se in questa giornata siete convinti di poter dare una svolta alla vostra ultimma ambizione allora potrete benissimo andare avanti con i vostri progetti, anche se questo dovesse voler dire andare contro qualcuno che stimate e che potrebbe restarci male! Gemelli - Forse vi siete esposti troppo con una persona e questo ultimamente vi ha provocato qualche disguido anche a livello professionale. Non abbiate troppi dubbi in merito, in quanto le scelte che non potete più fare non riguardano più loro e allentando la presa vi sentirete man a mano più liberi di riprendere normalmente tutta la vostra routine!

Cancro - In questa giornata, la miglior cosa che potreste fare sarà quella di dedicarvi esclusivamente al lavoro, in quanto in altri campi non riscontrerete particolare successo! Sarà una di quelle giornate in cui ogni frase detta potrebbe essere interpretata in modi diversi, quindi meglio dedicarsi ad altro! Leone - In questa giornata potreste trovarvi nuovamente faccia a faccia con il passato, in quanto le persone che vi sono vicino potrebbero non fare altro che ricordarvi quello che avete e che non avete trascorso. Ogni tanto bisogna sopportare certe invadenze per mantenere la pace! Vergine - In questa giornata vi renderete conto di come siete riusciti ad organizzare tutta una macchina produttiva intorno a voi e di come essa funzioni perfettamente senza ritocchi! Cercate quindi di stare allegri e tranquilli, in quanto il più del cammino verrà percorso senza il minimo sforzo Bilancia - In questa giornata dovrete necessariamente fare degli sforzi, in quanto non è possibile spendere troppo tempo in discussioni inutili e lasciare da parte certe questioni inerenti la vostra professione. Dovete porre dei limiti alle persone che vi sono intorno e che non mostrano abbastanza rispetto! Scorpione - Non potrete sorprendervi troppo in questa giornata delle abilità altrui, poiché dovete ssempre considerare che nel mondo ci possa sempre essere qualcuno più bravo di voi! Cercate inoltre di non invidiare troppo chi mostra certe capacità, perché potrebbe esere di male interpretazione per chi vi sta di fronte! Sagittario - Potrebbe rivelarsi difficile scoprire certe questioni che riguardano l'intimità di una persona che vi è accanto ed in certi casi è proprio meglio non chiedere affatto. Cercate quindi di essere discreti e di lasciare parlare apertamente lapersona che avete davanti. Così conquisterete la sua fiducia! Capricorno - In questa giornata è tempo di darsi un limite, in quanto se non raggiungerete i vostri scopi entro un determinato lasso di tempo, sarà bene abbandonare e lasciare che siano gli altri ad occuparsene. In fondo non potete fare tutto da soli e quindi le vostre reazioni potrebbero essere giustificate! Acquario - Il tempo forse non corre dalla vostra parte, infatti il problema principale è proprio che corre troppo! Pertanto dovrete accontentarvi di fare qualcosa piuttosto che qualcos'altro insomma, dovrete sacrificare ciò che non è poi così importante, anche se poteva essere fonte di soddisfazione! Pesci - Qualsiasi cosa farete in queste giornata, sicuramente rapporterete tutto all'amore e al sentimento. Sarete insomma particolarmente sensibili e non permetterete a nessuno di destarvi dal vostro sogno! In fondo volete soltanto rendere tutti partecipi del vostro grande cuore!


ANNO V1 - N° 99 - DOMENICA 1 MAGGIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

Redazione: via Carlomagno, 9 - Tel. 0865.414168 e-mail: lagazzettaisernia@alice.it L’OSCAR ALLA FONDERIA MARINELLI

VOGLIA DI EQUILIBRIO E MODERAZIONE

L’antica Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone, in occasione della beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, che si terrà quest’oggi a Roma, in Piazza San Pietro, ha deciso di donare un regalo speciale al Vaticano. In questo giorno di festa e di preghiera per tutti i cattoloci i fratelli Marinelli hanno realizzato la prima campana dedicata al Santo Padre. I fratelli agnonesi ancora ricordano con affetto ed emozione la visita di Carol Wojtyla nell’antica fonderia, avvenuta nel 1995. Una parte importante del Molise, dunque, prenderà parte all’avvenimento più importante degli ultimi anni, non solo per i cattolici ma per tutto il mondo che ancora ricorda con commozione la figura del Santo Padre.

IL TAPIRO DEL GIORNO AL VENEZIALE

Continuano a piovere critiche da parte dei medici e dei sanitari del pronto soccorso dell’ospedale Veneziale di Isernia nei confronti dell’Asrem. Secondo questi ultimi, infatti, l’azienda sanitaria regionale non avrebbe dato seguito all’accordo stipulato ad inizio aprile. Protocollo d’intesa che prevedeva l’arrivo imminente di altro personale medico e paramedico per far fronte alle maggiori utenze con cui è costretto a fare i conti il nosocomio pentro. I medici del pronto soccorso sono sul piede di guerra. Chiedono che le loro istanze vengano raccolta il prima possibile. Altrimenti si sono detti pronti a mettere in atto forme estreme di protesta, come già avvenuto gli anni precedenti.

CAPRACOTTA

OSPEDALE

ISERNIA

Elezioni comunali E’ sfida vera tra centrodestra e centrosinistra

Medici e infermieri del pronto soccorso sul piede di guerra

Il Comune mantiene le promesse: internet veloce nelle contrade

A PAG. 16

A PAG. 14

A PAG. 14

www.lagazzettadelmolise.it

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


ISERNIA

Manca il personale “Pronto Soccorso in tilt” Protestano i medici e i sanitari dell’ospedale Veneziale ISERNIA - Minacciano clamorose proteste i medici del pronto soccorso dell’ospedale Veneziale di Isernia. E non sarebbe la prima volta dopo il corteo pacifico, avvenuto negli anni scorsi, che tanto fece parlare di sé. La richiesta è sempre la stessa: maggiore personale per rispondere al meglio alle richieste degli utenti e per facilitare l’enorme mole di lavoro a carico dei sanitari presenti attualmente nel punto di primo soc-

corso. Una situazione che, secondo il personale, sarebbe andata peggiorando con i tagli al settore sanitario imposti dal governo centrale e attuati dalla Regione. Con l’accentramento ad Isernia di diversi reparti, infatti, il Pronto Soccorso avrebbe subito un notevole sovraccarico di pazienti. Ogni giorno sono tantissime le persone che si recano presso il nosocomio pentro. I medici ora chiedono l’attuazione del protocollo d’intesa firmato ad inizio aprile dal

direttore generale Angelo Percopo. Un accordo che avrebbe dovuto decongestionare la struttura ospedaliera ed, in particolare, proprio il Pronto Soccorso. Si attende l’arrivo di due medici, di tre infermieri e di altri due operatori tecnico-assistenziale. Ma per ora l’Asrem, secondo i sanitari del Veneziale, continua a rimanere in silenzio. Ma se la situazione non dovesse sbloccarsi in tempi rapidi, i medici ed il personale del Pronto Soccorso sono di nuovo pronti a scendere in piazza.

Tombolo e opere d’arte, successo per la mostra della Fidapa ISERNIA - Taglio del nastro oggi per la mostra di prodotti molisani organizzata dalla Fidapa, Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari, presso l’Officina della Cultura di Isernia con il patrocinio della Provincia. Un’esposizione di artigianato tipico che si concluderà solo lunedì. E sono già tantissimi gli stand allestiti. Non poteva mancare il tombolo isernino ed i vestiti tipici di Carpinone. Spazio anche alle sculture e ai dipinti. Tutti realizzati da artisti molisani, sia donne che uomini, provenienti da ogni parte della regione. Per questo importante evento, dunque, la Fidapa, associazione al femminile, ospita anche le opere realizzate dall’altro sesso. Un giorno importante per la sezione isernina che proprio in questo pe-

14 ANNO IV - N° 99 DOMENICA 1 MAGGIO 2011

riodo compie quarant’anni. L’associazione è articolata in 277 Sezioni distribuite su tutto il territorio nazionale , raggruppate in 7 Distretti. L’obiettivo del sodalizio è quello di incoraggiare le donne a un continuo impegno nonché ad una consapevole partecipazione alla vita sociale, amministrativa e politica, adoperandosi per rimuovere gli ostacoli ancora esistenti. Un valore recepito in pieno dalla giunta provinciale. “Quaranta anni fa – ha dichiarato il presidente della Provincia di Isernia Luigi Mazzuto – nasceva ad Isernia una sezione della Fidapa. Dal 1971 ad oggi, la Federazione continua a proporsi per risvegliare nelle donne il nobile senso di responsabilità verso il proprio paese e la società”.

L’Adsl nelle borgate diventa realtà ISERNIA – A breve internet veloce nelle borgate di Isernia. Pubblicato dal Comune pentro un avviso pubblico per installare il servizio adsl, mediante tecnologia wireless, sistema senza fili, attraverso una rete di ripetitori del segnale. Tale opera è stata realizzata grazie all’impegno di due consiglieri comunali: Giuseppe Pisani (Udc) e Quintiliano Chiacchiari (Pdl) che, dopo aver ricevuto delega esplicita dal sindaco Melogli, si sono attivati con impegno. Oggi, dunque, tutte le borgate di Isernia saranno servite da tale importantissimo sistema. Un plauso ai due consiglieri di maggioranza che con abnegazione hanno trasformato un sogno in realtà.

Il Mattei-Fascitelli visita il Senato

Nasce una casa per gli animali in difficoltà

Nuovo appuntamento, lunedì 2 e martedì 3 maggio, con "Un Giorno in Senato", l'iniziativa riservata agli alunni delle ultime classi delle scuole superiori organizzata dal Senato della Repubblica in collaborazione con il ministero dell'Istruzione. I giovani visiteranno le sedi del Senato e conosceraattraverso le sue strutturenno i servizi offerti ai cittadini

L’ azienda sanitaria regionale e la Provincia di Isernia hanno sottoscritto una convenzione per il soccorso temporaneo della fauna in stato di difficolta'. In base all'accordo l'Asrem assicurera' gli interventi mentre la Provincia mettera' a disposizione un fabbricato dismesso dell'Anas ristrutturato e dotato di attrezzature di primo soccorso.


ISERNIA L’assessore Di Sandro: “Una squadra che saprà lavorare per il bene della comunità”

“Visco, presente e futuro di Colli” Presentata la lista Equilibrio e Moderazione. Tanti i big regionali

Filoteo Di Sandro

Gianfranco Visco COLLI A VOLTURNO – Bagno di folla al ristorante “La Falconara”, dove è stata presentata ufficialmente la lista “Equilibrio e Moderazione” del candidato sindaco Gianfranco Visco che prenderà parte alle prossime elezioni amministrative. Oltre a lui c’erano tutti i candidati consiglieri. Una squadra forte e sicura di sé quella che ha come sponsor d’eccezione l’assessore regionale Filoteo Di Sandro. Presso il ristorante di Colli a Volturno tantissimi i cittadini accorsi. Per un’occasione del genere non poteva mancare un parterre d’eccezione. Presenti, infatti, i massimi esponenti regionali e provinciali del centrodestra. Oltre al già citato assessore Filoteo Di Sandro, che ha fatto gli onori di casa, sono arrivati nel centro della Valle del Volturno anche il Senatore della Repubblica, Ulisse Di Giacomo, l’assessore regionale Salvatore Muccilli, l’assessore provinciale di Isernia, Filomena Calenda, il presidente del Consiglio provin-

ciale Lauro Cicchino, il coordinatore regionale di Progetto Molise, Cosmo Galasso, il consigliere comunale di Isernia Costantino Kniahynichi, la coordinatrice regionale di Alleanza per il Molise Luisa Iannelli, e il coordinatore provinciale Pdl di Campobasso, Pierluigi Lepore. Quest’ultimo è intervenuto per portare il sostegno di tutti quei cittadini nati a Colli ma che per motivi di lavoro o di famiglia si sono trasferiti nell’area campobassana. Assente per motivi istituzionali il presidente della Regione, Michele Iorio, che comunque ha portato i suoi saluti. Tutti si sono detti certi che la lista guidata da Gianfranco Visco trionferà alle prossime elezioni. Entusiasta soprattutto l’assessore Di Sandro che ha rimarcato la bontà della lista da lui stesso sponsorizzata. “Tutte persone perbene, pronte ad impegnarsi a fondo per il bene della comunità”, ha commentato. All’interno della squadra non è stata trala-

Ulisse Di Giacomo

sciata la parte femminile, visto che concorreranno nelle prossime elezioni anche due donne. Non è mancata qualche critica all’altra lista, guidata da Gianni Leva. Di Sandro ha spiegato che gli avversari politici hanno messo in campo una squadra che è “un’espressione del centrosinistra visto che accorpa soggetti politici appartenenti al Pd, all’Idv e a Futuro e Libertà”. “A Colli, siamo noi il vero centrodestra”, ha concluso l’assessore regionale. Poi la parola è passata al senatore Ulisse Di Giacomo che ha ringraziato il sindaco Arcaro (anche lui presente) e tutta la giunta comunale uscente che “ha amministrato al meglio in questi ultimi anni”. Poi Di Giacomo, in qualità di coordinatore regionale del Pdl si è rivolto ai candidati ed in particolare a Gianfranco Visco: “In qualità di futuro sindaco – ha detto – potrai sempre contare sull’appoggio del centrodestra molisano”.

Alessandro Arcaro

Ecco tutti i componenti

Ecco come è composta la lista “Equilibrio e Moderazione”. Il candidato sindaco è Gianfranco Visco. Mentre i candidati consiglieri sono: Giuliano Di Sandro; Tommaso Angelone; Lorenzo D’Alessio; Carmela Filice; Pierino Giacca; Angelo Incollingo; Emilio Incollingo; Claudio Izzi; Marisa Ranieri.

Primo Maggio, aperta La Pineta

Festa di primavera a Sant’Agapito

ISERNIA - La Uilbac Molise coordinata da Emilio Izzo entusiasta per l’apertura, prevista per oggi 1 maggio, del sito archeologico La Pineta di Isernia. Dopo anni in cui il sito è rimasto abbandonato a se stesso, in questi ultimi tempi, nei giorni di festa, è usufruibile e visitabile dalle tante persone appassionate di archeologia.

SANT’AGAPITO - Festa della primavera nel centro in provincia di Isernia. Evento organizzato dall’Associazione Ambientalista Matese. Protagonista indiscusso l’asparago selvaggio. Sul palco inoltre si sono esibiti la tribute band di Carosone e i “Nerocafè”. Peccato che nonostante il titolo, la manifestazione ha dovuto fare i conti con il maltempo.

15 ANNO IV - N° 99 DOMENICA 1 MAGGIO 2011


ISERNIA Oggi la beatificazione. L’opera dei Marinelli sarà collocata accanto alla tomba di Wojtyla

Da Agnone campana speciale per Papa Giovanni Paolo II AGNONE – Il grande giorno è arrivato. Oggi, per la beatificazione di papa Giovanni Paolo II ci saranno tantissimi molisani in Piazza San Pietro a Roma. Ma ci sarà – per ora solo idealmente – anche un regalo speciale preparato ad Agnone: la prima campana dedicata alla beatificazione del Santo Padre. È stata ideata e fusa nella fonderia pontificia della famiglia Marinelli, che ancora ricorda con grande emozione la visita di Carol Wojtyla in occasione della festa di San Giuseppe Artigiano del 1995. “Per fissare nel bronzo la storica data del primo maggio, giorno in cui Papa Wojtyla sarà ufficialmente dichiarato Beato – si legge in una nota - la Pontificia Fonderia Marinelli ha fuso una campana commemorativa che sarà presto consegnata a Papa Ratzinger in Vaticano”. In tal senso sta già lavorando il vescovo di Trivento, monsignor Scotti. L'augurio di pasquale e

armando Marinelli è questo: sognano che la loro campana venga collocata accanto alla tomba del Santo Padre. Il Rito Sacro della fusione – si ricorderà - è stato celebrato dal cardinale Sergio Sebastiani il 19 maroz scorso, anniversario della visita del Papa in fonderia.

Capracotta, è sfida vera tra i due poli

Antonio Monaco

16 ANNO IV - N° 99 DOMENICA 1 MAGGIO 2011

CAPRACOTTA - Per le Comunali della località turistica altomolisana sono scese in campo duie liste civiche: “Uniti per Capracotta”, guidata dal sindaco uscente Antonio Monaco, e “Per Capracotta”, del candidato sindaco Giancarlo Ciolfi. In genere nei paesi lo schieramento politico non conta. Ma in questa caso, si può parlare di sfida tra i due poli. Un piccolo test che - insieme al risultato di Agnone - dirà qualcosa sull’Alto Molise in vista delle Regionali. A Capracotta da un lato c’è Monaco, segretario provinciale dell’Italia dei Valori, dall’altro Ciolfi, vicino alle posizioni del Popolo della libertà. Ieri, infatti, i big del partito erano presenti ieri alla presentazione della sua lista. Oggi pomeriggio sarà la volta del sindaco uscente. Fino a qualche tempo fa Capracotta era la roccaforte del centrosinistra. Ora le cose stanno cambiando. Il centrodestra, affidandosi a un giovane e a una lista giovane, prova a dare filo da torcere a Monaco.

Giancarlo Ciolfi

La campana, del peso di 50 chili e del diametro di 40 cm e nota musicale “do”, reca in rilievo insieme al ritratto del Beato Wojtyla, il primo Papa di Roma San Pietro, la Basilica Vaticana e gli stemmi degli ultimi due pontificati. La lunga, sorprendente, visita di Giovani Paolo II rimane l’avvenimento più prestigioso ed emotivamente coinvolgente nella storia della millenaria Fonderia di Agnone: un evento che col passar del tempo si colora ancor più di valori, significati ed indescrivibili emozioni. L’indimenticabile frase del santo Padre dopo la visita in fonderia: “…ciascuno di noi porta in sé una campana, questa campana si chiama cuore e questo cuore suona e, spero suoni sempre belle melodie…” è sicuramente il commento più profondo ed emozionato che mai sia stato trasmesso, dicono i Marinelli. Oggi, primo maggio, la nuova nata suonerà con l'auspicio che possa vibrare molto in alto i suoi primi rintocchi festosi, durante la proclamazione ufficiale della Beatificazione di Carol Wojtyla, all’unisono di tutte le campane del mondo.

Salone del libro C’è anche il Molise

Roccamandolfi Escursioni sul Matese

ISERNIA - Dal 12 al 16 maggio la Regione sarà presente con un proprio stand al XXIV Salone Internazionale del libro di Torino, dedicato al 150° anniversario dell’Unità. La Regione Molise esporrà opere sui movimenti artistici, storici, sociali e politici che hanno contrassegnato la realtà molisana dall’Unità d’Italia ad oggi.

ROCCAMANDOLFI - La pro loco di Roccamandolfi ha organizzato una bella manifestazione per domenica otto maggio: a partire dalle 9:00 ritrovo in piazza per i partecipanti alle varie escursioni previste. Si andrà a piedi, a cavallo, in mountain bike, mentre i più avventuruosi faranno la discesa torrentistica del Callora. Previste degustazioni.


TERMOLI I biancocelesti hanno dominato la gara precedendo i Giovanotti e i Giovanissimi

Carrese 2011, i Giovani si concedono il bis Sotto una pioggia battente, migliaia di persone hanno assistito ad una delle più belle manifestazioni del Molise SAN MARTINO IN PENSILIS – Il carro dei Giovani, contraddistinto dai colori Bianco – Celeste, hanno vinto la carrese bissando il successo dello scorso anno. Una gara condotta sin dalla partenza senza problemi di sorta avendo avuto a loro disposizione, secondo gli esperti, due coppie di buoi troppo forti. Al secondo posto i Giova-

notti (Giallo – Rosso) e al terzo i Giovanissimi (Giallo Verde): questi ultimi si sono visti superare a metà percorso al cambio dei buoi ed hanno recriminato a lungo sul comportamento dei Giovanotti. Comunque non sono mancate le emozioni ma senza incidenti fisici di rilievo. La cronaca della corsa, che ha aperto il trittico molisano (le

altre carresi si terranno ad Ururi e Portocannone) ha avuto inizio intorno alle 13 con la benedizione di animali e cavalieri davanti la chiesa di San Pietro Apostolo. Quindi, scortati dai rispettivi cavalieri la lunga marcia verso la linea di partenza posta in contrada Ramitelli. I tre carri si dispongono a circa 20 metri l'uno dall’altro con i

buoi rivolti verso il mare e poi il via dato dal Sindaco. I tre carri mantengono le posizioni conquistate all’arrivo nell’anno scorso (Giovani, Giovanissimi, Giovanotti) fino a metà percorso al cambio dei buoi. Qui i Bianco Celeste sfilano regolarmente mentre ci sono problemi per i Giallo Rossi che comunque riescono a superare i Gio-

Allevatori, Cianfoni (Fai-Cisl): le competenze dovevano restare alle Regioni

BASSO MOLISE - “E' proprio Il caso di denunciarlo con forza! I pesanti problemi oggi vissuti dalle Associazioni degli Allevatori o meglio dai loro dipendenti sono l'esito annunciato di tante demagogie e di non poche cattive gestioni diffuse negli ultimi anni”. Lo ha dichiarato il segretario generale della Fai Cisl, Augusto Cianfoni, il quale ritiene che le demagogie sono quelle di “una Politica pasticciona come quella che nel 2001 riformò il Titolo V della Co-

Al via lavori sulla bretella del Sinarca MONTECILFONE – Domani saranno aperti i cantieri e l'inizio dei lavori di due opere che daranno risposta alle esigenze di una larga fascia di cittadini del basso Molise. Alle 10 si inizia dalla Provinciale 163, per la quale è prevista la bonifica idrogeologica e il consolidamento del rilevato del tratto tra il bivio di Acquaviva Collecroce e Santa Giusta in agro di Palata per un importo di poco superire ai 200mila euro, per proseguire, nei pressi di Montecilfone, con la realizzazione della bretella alla Fondovalle Sinarca, che accorcerà di circa 1 chilometro l’attuale percorso. In corrispondenza dell’inizio della nuova variante, che avrà un costo di 600mila euro, cofinanziati per due terzi dalla Provincia di Campobasso e per un terzo dall’Amministrazione comunale di Montecilfone. Per le 11 è prevista una cerimonia alla quale prenderanno parte il Sindaco Pallotta e il Presidente della provincia D’Ascanio insieme a numerosi altri amministratori e tecnici.

stituzione creando la Babele nella sussidiarietà innescando un conflitto permanente tra Stato e Regioni. Nel caso specifico delle Associazioni Allevatori, il miglioramento genetico e i relativi controlli sarebbero dovuti restare nelle competenze dello Stato perché il loro affidamento alle Regioni si sta dimostrando incongruo e dannoso in quanto estraneo al carattere unitario, legislativamente sempre riconfermato, che il made in Italy pretende per le produzioni agroalimentari in genere e zootecniche in particolare”. Altra demagogia citata è quella del diffuso vertenzialismo cui le Regioni si sono votate rivendicando competenze esclusive senza il coraggio di metterci fino in fondo la faccia. “Nè possiamo non evidenziare – continua Cianfoni - che alla confusione ha contribuito la eliminazione del DPCM che ogni anno finalizzava i finanziamenti alle attività delegate alle associazioni Allevatori le quali, nonostante tutto, riescono ad essere tuttora apprezzate a livello internazionale. Quanto alle elusioni ci riferiamo alle esasperanti renitenze con cui le associazioni Allevatori, pur annunciando da anni il bisogno di autoriformare il sistema, non hanno mai trovato il tempo e il modo per farlo veramente. Quanto alle

cattive gestioni molti debbono fare seri esami di coscienza circa la credibilità di un sistema che, sviluppatosi per oltre cinquant’anni all'insegna della sussidiarietà orizzontale, negli ultimi anni si è trasformato in una grande cuccagna per gli Allevatori che valorizzano il loro patrimonio zootecnico esclusivamente con risorse pubbliche e con insignificanti proprie compartecipazioni. Ora, di fronte allo sfascio del sistema, è obbligatorio metterci riparo e i convocati a queste inusitate virtù sono lo Stato (Governo), le Regioni e le Organizzazioni imprenditoriali”. Cianfoni lancia la sfida e dichiara che la a manifestazione del 19 Maggio davanti al Ministero sarà l'inizio di una lotta che non avrebbero voluto convocare ma si è costretti dalle promesse mancate e lo scaricabarile che la categoria sta subendo da mesi. Infine il Segretario generale della Fai Cisl si appella al Presidente Berlusconi, al Ministro Tremonti e al Ministro Romano affinchè, con un Decreto di urgenza “interrompano l'altalena delle reciproche accuse con le Regioni e diano alle APA le risorse necessarie al pronto soccorso, condizionato ad una radicale riforma del sistema dalla quale scaturisca un trasparente concorso tra Pubblico e Privato”.

vanissimi. La corsa trionfale dei Giovani termina al passaggio dell'arco di Porta San Martino che immette nello spiazzo prospiciente la chiesa di San Pietro Apostolo. Poi sono iniziati i festeggiamenti del partito dei vincitori che il 2 Maggio avranno l’onore di portare in processione il busto del Patrono San Leo.

Primo Maggio sempre, oggi l’incontro al Comune PETACCIATO - “Primo Maggio sempre” è il titolo di un incontro pubblico su diritti, lavoro e precarietà, che si terrà alle 18 nella Sala consiliare del Comune. L'appuntamento è organizzato dal locale circolo del Partito democratico che, inoltre, mette a disposizione dei cittadini la documentazione sui lavori del forum nazionale Pd e i contributi sindacali.

Dalla sofferenza alla gioia, “pace a voi” Dopo la morte del Maestro i discepoli erano diventati inoperosi; il momento era triste, erano delusi, sfiduciati ed erano chiusi in un alto solaio per paura dei giudei, nonostante Maria Maddalena avesse già detto loro che Gesù era resuscitato e che lo aveva visto di persona. Era apparso poi ad altri due discepoli sulla strada di Emmaus. Proprio quando tutto sembrava perduto, Gesù comparve nella camera salutandoli con le parole abituali “Pace a voi”, parole che assumono un valore particolare se pronunciate dal Signore della pace. Mostra loro le mani e i piedi, le ferite per ricordare le sofferenze patite per amor loro sulla croce. Il maestro era veramente risorto così come lui stesso aveva detto. La resurrezione confermava che il suo sacrificio era gradito a Dio come sacrificio espiatorio per i peccati del mondo, confermava che tutto quello che aveva detto si era adempiuto, perciò egli era davvero il figlio di Dio che stava per tornare in cielo da dove era venuto. Dal cielo era venuto al cielo ritornava, la sua grande opera era compiuta!Aveva vinto il mondo, aveva distrutto le opere di Satana, aveva distrutto la morte e prodotto la Luce, la Vita e l’Immortalità per l’uomo, la cui disubbidienza nel giardino dell’Eden lo aveva ridotto allo stato di schiavitù del peccato. Ora finalmente con la crocifissione e la resurrezione, il Signore Gesù lo aveva affrancato da questa schiavitù riscattandolo con un prezzo altissimo: la morte in croce! La conseguenza di tale sacrificio è la redenzione dell’uomo, opera del tutto divina poiché essa è stata voluta, preparata e compiuta da Dio stesso;

l’uomo da solo non ci sarebbe mai riuscito e solo per Grazia del Padre Celeste ciò è stato possibile. Essa segna l’alba di una fase nuova e decisiva, in cui la vittoria del bene ha trionfato sul male. La conseguenza naturale dell’accettazione da parte dell’uomo della redenzione è la rigenerazione, è una vita nuova vissuta con Cristo e il coronamento di questa opera sarà la sua santificazione e la sua gloria eterna. I riscattati saranno scagionati da ogni colpa, grazie al sangue versato sulla croce da Cristo che morto e risuscitato, siede alla destra del Padre ed intercede per loro. Come afferma il profeta Isaia, “quelli che saranno riscattati torneranno a Sion con canti di gioia, una gioia eterna coronerà il loro capo; otterranno gioia e letizia e il dolore e il gemito fuggiranno”(Isaia capitolo 35 versetto 10). Vivere questa redenzione significa accettare l’opera di Cristo e saperlo amare perché lui ci ha amati per primo; significa avere sempre presente la sua morte ed aver orrore del peccato che ci rende schiavi di Satana. Diventare cristiano significa accettare questa redenzione iniziando con Cristo una relazione che neppure la morte farà cessare, anzi la porterà a compimento; significa ristabilire il rapporto di comunione e d’amore con il Padre celeste in termine di giustificazione, di riconciliazione e di perdono. Cristo è perciò l’unico mediatore tra Dio e l’uomo, non c’è altra via che conduce al Padre d’amore, che accoglie nel suo regno chiunque accetta questo mediatore. Egli pur essendo in cielo continua un servizio per i suoi riscattati sulla terra, è un’attività d’amore instancabile che terminerà

solo quando i credenti non saranno più sulla terra. Per chi ha fede sapere che Gesù è alla destra del Padre dà sicurezza e non fa sentire la solitudine nei momenti difficili. CHIESA CRISTIANA EVANGELICA COLLE MACCHIUZZO (via delle orchidee), TERMOLI VIA DEI GRECIIS,ISERNIA www.evangelicatermoli.org. info@evangelicatermoli.org.


TERMOLI In azione i carabinieri del centro adriatico, di Campomarino e Lucito

Termoli, furto di cosmetici in centro: denunciati in quattro Sequestrati anche un coltello e una scacciacani priva del tappo rosso e refurtiva per un valore di 100 euro TERMOLI – Ancora in azione i carabinieri delle stazioni dipendenti delle Compagnie di Termoli e Larino che in distinte operazioni di servizio hanno denunciato in totale 4 persone e recuperato della refurtiva. A Termoli sono stati denunciati D. R. N., 43enne pregiudicato del posto e G. B. M., 39enne polacca residente a Petacciato. I due sono stati fermati dopo che avevano compiuto un furto di cosmetici all'interno della rivendita “Acqua e Sapone” di Via Corsica. I due

Udc, martedì arriva il segretario nazionale Cesa TERMOLI - Martedì prossimo alle 19, presso l’Hotel Meridiano, l’UDC presenterà la lista dei candidati alle prossime elezioni alla Provincia di Campobasso. Per l'occasione interverrà il Segretario Nazionale del Partito Onorevole Lorenzo Cesa.

denunciati dovranno rispondere all'accusa di furto aggravato in concorso e la merce, per un valore di 100 euro, riconsegnata al titolare del negozio. A Campomarino i militari dell'Arma hanno denunciato E.S., un bracciante agricolo di nazionalità romena, con l'accusa di atti contrari alla pubblica decenza. Sono stati alcuni cittadini a far intervenire i carabinieri dopo aver notato che il romeno stava urinando in un luogo pubblico, proprio davanti alla scuola elemenare di via Fa-

vorita. A Lucito, infine, i militari della locale Stazione hanno denunciato a piede libero il pregiudicato B.P., 69enne pensionato di Castelboccaccio. Durante un controllo l'uomo è stato perquisito e trovato in possesso di una pistola giocattolo scacciacani priva del tappo rosso e di un coltello a serramanico. Dovrà rispondere alle accuse di porto di arma giocattolo priva di tappo rosso e porto ingiustificato di oggetti atti ad offendere: sia la scacciacani che il coltello sono stati sequestrati.

Pd, oggi Giovanna Melandri in città per Micaela Fanelli TERMOLI - I temi del lavoro, dell'occupazione che non c'è e della disoccupazione giovanile che ha raggiunto percentuali allarmanti al centro del primo incontro con i big nazionali organizzati dal Partito Democra-

tico in vista delle Provinciali 2011. Questa mattina sarà in Molise l'onorevole Giovanna Melandri: alle 10,30 sarà a Termoli, presso l'Hotel Meridiano, per la Conferenza regionale del Pd sul lavoro; alle 12 parteci-

perà al comizio che si terrà a San Martino in Pensilis, in Piazza Umberto. Agli appuntamenti elettorali prenderà parte il candidato alla presidenza della Provincia Micaela Fanelli.

No alle trivellazioni Beato Giovanni Paolo II, l’8 maggio la veglia di preghiera Martedì riunione in Municipio

TERMOLI - Su invito del vescovo diocesano Monsignor Gianfranco De Luca, si svolgerà il prossimo 8 Maggio, con inizio alle 21 presso la chiesa di San Timoteo, un momento di preghiera, ringraziamento e ricordo in memoranno presenti alcuni rappresenTERMOLI - Martedì alle 10, ria di Papa Giovanni Paolo II. “Carissimi, nella gratitudine al Signore - si tanti delle istituzioni, delle assonella Sala Giunta del Comune, si legge nella nota di Monsignor De Luca -, per la beatificazione del Santo ciazioni e dei comitati svolgerà la riunione organizzaPadre Giovanni Paolo II, vi invito a vivere insieme questo momento partiambientalisti delle Regioni di tiva in vista della manifestazione colarmente sentito per ringraziare Dio per il dono di Giovanni Paolo II”. Il Abruzzo, Molise e Puglia. A sea carattere nazionale, indetta per ricordo di Papa Wojtyla è ancora vivo anche nella nostra Termoli. Il suo viguire, nella Sala Consiliare del sabato 7 Maggio nell’area porsitarla, ventott’anni fa, è indelebilmente scritto nella memoria di una città Municipio, si terrà un' apposita tuale di contro le perforazioni che si é stretta intorno all’”Uomo venuto da lontano” in occasione della sua conferenza stampa per fare il petrolifere previste a largo delle beatificazione”. Uno speciale a cura di don Benito Giorgetta con i ricordi di punto della situazione. Isole Tremiti. All’incontro saMonsignor Cosmo Francesco Ruppi, vescovo diocesano in occasione della visita del Santo Padre del 1983; Monsignor Gabriele CAMPOMARINO - Il Movimento dei Focolari fondato da Chiara famiglie, giovani, adulti e bambini con una presenza stimata di circa Mascilongo, segretario Lubich, da più di 60 anni opera in tutto il mondo e concorre a portare 800 persone provenienti dall’Abruzzo e dal Molise. Il titolo scelto per del vescovo diocesano e

coordinatore della visita nel 1983; Remo di Giandomenico, sindaco di Termoli di allora e la firma del dottor Gaetano Vallini, termolese e giornalista de L’Osservatore Romano, è disponibile all’indirizzo web www.diocesitermolilarino.it

Convegno annuale del movimento dei Focolari

tra gli uomini la fraternità universale attraverso la spiritualità dell’unità e dell’amore evangelico. Presente da diversi anni anche nel Molise, organizza annualmente nell’ambito della realtà Abruzzo-Molise un incontro per tutti i propri aderenti e per coloro che intendano conoscerne ed approfondirne gli ideali. Questo appuntamento, denominato “Mariapoli” è divenuto itinerante: allo scopo di portare questi valori all’interno delle varie realtà cittadine e di anno in anno si svolge in luoghi diversi. Quest’anno - esplicitamente sollecitato dalla Chiesa locale - torna in Molise. Dopo la precedente esperienza del 2008, avendo riscontrato e ampiamente apprezzato l’idonea ricettività alberghiera, la speciale accoglienza da parte dell’intera comunità cittadina, la Mariapoli si svolgerà nuovamente nell’accogliente comune di Campomarino. A questo evento, programmato dal 4 all’8 Maggio nei locali della Chiesa di Sant’Anna al Lido, parteciperanno

il programma di quest’anno è: “Tutti tasselli di un magnifico mosaico”. Vario e nutrito il programma, che prevede momenti di riflessione su tematiche di forte pregnanza civile e religiosa, quali il senso del bene comune, la famiglia, i giovani; attuato attraverso testimonianze, approfondimenti, dialogo tra generazioni, momenti e spazi creativi. Per i ragazzi e i bambini sono previsti programmi idonei alle loro età, alcuni dei quali si svolgeranno nei locali della Chiesa dello Spirito Santo. È prevista la partecipazione di personalità del mondo civile e religioso, tra i quali il professor Piero Coda, presidente dell’Associazione Teologica Italiana, Preside e docente di Teologia Sistematica dell’Istituto Universitario Sophia di Loppiano (Firenze); l’Arcivescovo di Campobasso – Boiano, Monsignor Gian Carlo Maria Bregantini e il Vescovo della diocesi di Termoli-Larino Monsignor Gianfranco De Luca.

Referendum, a giorni l’incontro a Difesa Grande TERMOLI – In vista dei referendum la Fondazione “Lorenzo Milani” organizza un incontro sul tema “I beni comuni riscrivono la democrazia”. L'appuntamento è per le 17,30 del 7 Maggio nella Sala Giovanni Paolo II della parrocchia di Santa Maria degli Angeli a Difesa Grande. Interverranno quali relatori: Luis Infanti de La Mora, un vescovo in Patagonia a difesa del creato, che tratterà il tema “Dacci oggi la nostra acqua quotiduana”, privatizzazione e mercificazione dell'acqua; “Il Nuclere, se lo conosci lo eviti” è l'argomento che affronterà Elena Sassi, del Dipartimento Scienze Fisiche dell'Università di Napoli Federico II; L'Enel e l'ENI: i poteri forti, verrà affrontato da Riccardo Barlaam, economista e giornalista de “Il Sole 24 ore”.


ANNO IV - N° 99 - DOMENICA 01 MAGGIO 2011 - DISTRIBUZIONE GRATUITA

SPORT

www.lagazzettadelmolise.it SERIE D, TRASFERTA PER IL TRIVENTO IL VENAFRO RICEVE IL RIMINI Acquisita la matematica salvezza nell’ultima gara di campionato disputata prima della sosta pasquale, in casa Atletico Trivento l’obiettivo prioritario in questo momento, a due giornate dalla fine del campionato, è quello di chiudere la stagione con due vittorie e quindi confermare il “primato” in classifica per quanto riguarda le molisane del girone F. La squadra di Massimiliano Favo sta attraversando un periodo di flessione sotto il profilo dei risultati: basti pensare che nelle ultime cinque partite sono arrivate tre sconfitte consecutive ed un pareggio. Dunque la gara in casa del Real Rimini, tra l’altro ultima trasferta dell’anno, rappresenta l’occasione giusta per archiviare il periodo non proprio positivo e tornare al successo che manca da oltre un mese. A PAG. 21

BASKET, PLAY OFF: ACCADEMIA A REGGIO, MENS SANA A FRANCAVILLA Dopo una settimana movimentata che ha visto l’avvicendamento in panchina di coach Montemurro con il duo De Vivo – Sabatelli, è tempo di ritornare sul parquet per il Nuovo Basket Campobasso che oggi è di scena a Reggio Calabria per gara 1 del primo turno di playoff. E’ francamente un sfida molto impegnativa quella che attende la compagine campobassana che se la dovrà vedere con una dei quintetti più forti del girone, costruito alla vigilia per salire di categoria. Chiaramente servirà una vera e propria impresa per poter portare a casa un successo che indirizzerebbe la serie tutta in favore di Torresi Lelli e soci. Non sarà facile, anche se in campionato, nonostante le due sconfitte maturate contro i calabresi, non si è vista tutta questa differenza tra le formazioni in questione. A PAG. 22

redazione@lagazzettadelmolise.it 30.000 copie in omaggio


S P O RT LEGA PRO - II DIVISIONE

Mister Cosco avrà tutti gli uomini a disposizione ad eccezione dell’infortunato Cammarota

I lupi vogliono chiudere con onore Questo pomeriggio ultima gara casalinga per il Campobasso che ospiterà il forte Milazzo Il Campobasso è pronto a salutare il suo pubblico. Anche se probabilmente ci sarà ancora una volta l’assenza dei tifosi in curva nord, i rossoblù sono intenzionati a regalare un’ultima soddisfazione ai supporters del lupo. Questo pomeriggio andrà in scena la penultima giornata di campionato, ultimo match casalingo per il Campobasso che ospiterà il Milazzo. Potrebbe trattarsi dell’ultima uscita al Selva Piana per il tecnico Vincenzo Cosco che, comunque, ha già lasciato il segno. Ma anche lui vorrebbe salutare nel migliore dei modi. Per questo i molisani hanno preparato l’incontro in settimana con dovizia di particolare. Certamente sarà una gara complicata, non solo per il valore della formazione siciliana, ma soprattutto perché il Milazzo ha motivazioni in più rispetto ai molisani. Gli isolani, infatti, sono ancora in corsa per il secondo posto e si giocheranno le proprie chances sino alla fine della stagione. Mister Cosco avrà tutti gli uomini a sua disposizione, ad eccezione dell’infortunato

FIGC

Nel consiglio federale Macalli ha ribadito l’obiettivo di una riforma che porti ad una Lega unica Ibekwe e Todino Cammarota. In porta dovrebbe tornare Mattia Ascani. La difesa dovrebbe essere composta da Minadeo e Maglione al centro, con Scudieri a destra e Sivilla a sinistra. A centrocampo opereranno Fazio e Chiazzolino in mediana, Todino a destra e il rientrante Monti a sinistra. In attacco dovrebbe essere Ibekwe a supportare Balistreri. Ad arbitrare la gara tra Campobasso e Milazzo sarà il sig. Marini di Roma 1, coadiuvato da Cipolloni di Frosinone e Zuccaro di Napoli.

COSI’ IN CAMPO AL SELVA PIANA ALLE 15.00 4-4-2

3 SIVILLA 6 MINADEO

1 ASCANI

5 MAGLIONE

10 MONTI 8 FAZIO

11 BALISTRERI

4 CHIAZZOLINO

2 SCUDIERI

9 IBEKWE

7 TODINO

ALLENATORE: Cosco

SQUALIFICATI: -

INDISPONIBILI: Cammarota ARBITRO: Marini di Roma 1 ASSISTENTI: Cipolloni di Frosinone e Zuccaro di Napoli

20 ANNO IV - N° 99 DOMENICA 01 MAGGIO 2011

Si è tenuto nella giornata di venerdì il consiglio federale della Figc per decidere su iscrizioni e ripescaggi per la prossima stagione. Relazione del Vice Presidente Macalli sui lavori Commissione Riforma Campionati Professionistici. Sui lavori della Commissione Riforma Campionati Professionistici ha relazionato il Vice Presidente Macalli, che ha presieduto il gruppo di lavoro. Macalli si è richiamato al documento già noto e presentato il 30 marzo scorso, documento che riassume le posizioni delle componenti interne. E ha confermato l’obiettivo di una riforma che porti l’organico a 60 squadre con 3 gironi di Prima Divisione. L’AIC ha evidenziato come risulti più opportuno dare luogo a due gironi di Prima Divisione e due di Seconda Divisione. Campionati Professionistici Stagione 2011/2012 – Licenze Nazionali Il Consiglio federale ha esaminato le proposte per regolare il sistema delle Licenze nazionali

BERRETTI

I rossoblù terminano con una sconfitta E’ calato il sipario nella giornata di ieri sul campionato nazionale Dante Berretti e il Campobasso ha chiuso con un’ennesima sconfitta. I rossoblù, in vantaggio di due gol, sono stati rimontati e poi battuti per 5-2 dal Matera e chiudono in tal modo la stagione regolare con 14 punti in classifica generale. Si è trattata ovviamente di un’annata disastrosa per i rossoblù che hanno quasi sempre dovuto cedere il passo alle avversarie. RS

per la stagione 2011-2012. Sono stati approvati i principi che fissano modalità, termini e scadenze degli adempimenti per le società di Serie A, B, Prima e Seconda Divisione. Su delega del Consiglio, le norme saranno definite nei prossimi giorni dal Presidente federale d’intesa con i vice-presidenti, con particolare riguardo al problema di eventuali ripescaggi. Si è peraltro già convenuto che -ferma restando, in caso di non completamento degli organici, la titolarità della vincitrice dei play off della Serie D a partecipare al Campionato di Seconda Divisione- si procederà a ripescaggi soltanto qualora le squadre ammesse ai campionati di Prima e Seconda Divisione risultassero in numero inferiore a 76 e limitatamente al raggiungimento di tale numero. Per le fidejussioni, sentiti i presidenti della Lega di Serie B e della Lega Pro, il Consiglio Federale ha fissato i seguenti importi: Serie B: 800 mila euro Prima Divisione: 600 mila euro Seconda Divisione: 300 mila euro

29^ GIORNATA

CLASSIFICA

AVERSA N.-AVELLINO BRINDISI-MELFI CAMPOBASSO-MILAZZO ISOLA LIRI-FONDI NEAPOLIS M.-VIBONESE POMEZIA-CATANZARO TRAPANI-MATERA VIGOR LAMEZIA-LATINA

LATINA

61

TRAPANI (-1)

55

PROSSIMO TURNO 8 maggio-ORE 15.00 VIBONESE-BRINDISI AVELLINO-CAMPOBASSO MATERA-ISOLA LIRI MILAZZO-NEAPOLIS M. LATINA-AVERSA N. MELFI-POMEZIA CATANZARO-TRAPANI FONDI-VIGOR LAMEZIA

MILAZZO

53

AVELLINO

49

AVERSA NORMANNA

47

NEAPOLIS MUGNANO

46

MATERA (-1)

33

MELFI (-6)

30

VIGOR LAMEZIA

30

ISOLA LIRI

30

POMEZIA (-16)

29

CAMPOBASSO (-2)

29

FONDI

28

BRINDISI (-5)

23

VIBONESE (-2)

17

CATANZARO (-8)

5

Allegri: ‘Pensiamo a vincere lo scudetto’

Reja: ‘Con la Juve in gioco la stagione’

'Pensiamo soltanto a noi e a farcela oggi contro il Bologna. Poi, se non sara' questa domenica, sara' la prossima. L'obiettivo e' vincere questo scudetto'.Cosi' Massimiliano Allegri alla vigilia della partita che potrebbe laureare il Milan campione d'Italia. Allegri resta coi piedi per terra e osserva: 'Finora, non abbiamo vinto niente. Ci sono il campionato e la Coppa Italia. Rimandiamo le domande a quando tutto sara' fatto, magari davanti a un bel bicchiere di vino...', scherza.

Per Edy Reja quella di lunedi' contro la Juve e' la partita piu' importante della stagione. 'Ci giochiamo il nostro destino in Champions - dice il tecnico della Lazio - .Da qui alla fine dobbiamo vincerle tutte, ma quella con i bianconeri e' la sfida determinante'. Reja si rammarica per l'assenza di Sculli, alle prese nuovamente con la lombosciatalgia, e spera nell'aiuto del pubblico (sono attese all'Olimpico oltre 50 mila persone). 'Speriamo di regalargli il sogno Champions', conclude Reja.


S P O RT CALCIO SERIE D

Ultima trasferta stagionale per il Trivento La squadra di Favo è ospite del Real Rimini, diverse assenze per i gialloblù chiamati a riscattare le ultime opache prestazioni Acquisita la matematica salvezza nell’ultima gara di campionato disputata prima della sosta pasquale, in casa Atletico Trivento l’obiettivo prioritario in questo momento, a due giornate dalla fine del campionato, è quello di chiudere la stagione con due vittorie e quindi confermare il “primato” in classifica per quanto riguarda le molisane del girone F. La squadra di Massimiliano Favo sta attraversando un periodo di flessione sotto il profilo dei risultati: basti pensare che nelle ultime cinque partite sono arrivate tre sconfitte consecutive ed un pareggio. Dunque la gara in casa del Real Rimini, tra l’altro ultima trasferta dell’anno, rappresenta l’occasione giusta per archiviare il periodo non proprio positivo e tornare al successo che manca da oltre un mese. Per la

Il difensore Varchetta

CLASSIFICA

37^GIORNATA Venafro – Rimini

Santarcangelo

74

Luco Canistro – Miglianico

Rimini

68

Santegidiese – Jesina

Teramo

67

Sambenedettese – Teramo

Forlì

62

Cesenatico – R. C. Angolana

Jesina

58

Santarcangelo – Bojano

Santegidiese

54

Atessa – O. Agnonese

R.C. Angolana

52

Real Rimini – Atletico Trivento

Civitanovese

51

B.Fossombrone – Recanatese

Sambenedettese

51

Real Rimini

50

Recanatese

50

A. Trivento

48

Luco Canistro

48

O.Agnonese

47

Atessa

46

Venafro

46

Cesenatico

32

Miglianico

32

Fossombrone

22

Bojano

10

Civitanovese – Forlì

Esordio con un pari per la juniores gialloblù Ieri pomeriggio all’Acquasantianni la Juniores gialloblù guidata da Carmine Rienzo ha esordito nella fase nazionale del campionato Juniores, in cui si sfidano le vincitrici di tutti i gironi. I trignini, inseriti nel raggruppanemto 7, hanno ospitato la Forza e Coraggio Benevento (mentre riposava l’altra squadra Arzanese). La gara è terminata in parità, a reti inviolate. Mercoledì i gialloblù saranno nuovamente in campo per la seconda gara, ospiti dell’Arzanese.

sfida odierna il trainer gialloblù è alle prese con diverse defezioni: mancheranno infatti i due difensori Voria e Ruggieri squalificati e gli under Lucà e Scarano infortu-

VENAFRO

nati. Nella gara di andata i gialloblù molisani si imposero con un netto 5-0 e per mister Favo si trattò della sua prima vittoria sulla panchina del Trivento. Ad arbitrare l’incontro sarà il fischietto abruzzese Andrea Costantini della sezione di Pescara. ANPA

BOJANO

I bianconeri al Del Prete cercano A Santarcangelo di scena il testa-coda il punto salvezza contro il Rimini Ultima gara casalinga della stagione per il Venafro che questo pomeriggio al De Prete riceverà il Rimini 1912. Per i bianconeri si tratta di una partita fondamentale poiché manca un solo punto per la matematica salvezza in serie D. La squadra di Corrado Urbano spera di poter festeggiare insieme, ai propri tifosi,questo traguardo inseguito con caparbietà da inizio stagione. L’occasione insomma è di quelle che non possono essere colte anche se di fronte i molisani si troveranno la vicecapolista del girone, che ha sei punti di ritardo dalla vetta,la squadra che insieme al Teramo era data tra le favorite alla vittoria del campio-

nato e che invece ha deluso le attese ed ora deve puntare tutto nei play off. Dal canto suo il Venafro, vuole sfruttare la scia positiva di nove risultati utili consecutivi( frutto di cinque pareggi e quattro vittorie) per chiudere la pratica-salvezza con una giornata di anticipo rispetto al termine della regular season. Vista l’importanza dell’evento la società presieduta da Patriciello confida nel sostegno numeroso della tifoseria chiamata ad assiepare numerosa gli spalti del Del Prete. Venafro - Rimini sarà diretta da Andrea Morreale della sezione di Roma 1. AP

Per uno strano scherzo del destino, l’ultima trasferta dell’ormai retrocesso Bojano coinciderà con la festa promozione del Santarcangelo che domenica, in caso di vittoria proprio contro i matesini, potrà gioire per la matematica vittoria del campionato ed il conseguente approdo in Lega Pro. I romagnoli, reduci da ventiquattro risultati utili consecutivi, hanno bisogno di un solo punto per festeggiare l’approdo nei professionisti. La squadra di Carmelo Gioffrè, tornata in Eccellenza già da diverse settimane, ha comunque intenzione di onorare il campionato fino alla fine e dunque si recherà in terra romagnola con l’intento di giocarsi la partita a viso aperto, sperando di interrompere il digiuno di vittorie che ormai perdura da oltre un anno. Per l’occasione il trainer dei matesini dovrà fare a meno di Sabatino, fermato dal giudice sportivo per due turni(per lui dunque la stagione si è chiusa anzitempo). Resta in dubbio invece la presenza i difesa del capitano Galliano costretto a saltare gli ultimi allenamenti per un problema alla caviglia. Santarcangelo-Bojano sarà diretta da Lorenzo Maggioni di Lecco. PA

ECCELLENZA - ULTIMA DI CAMPIONATO

30^ GIORNATA A.Ururi- Turris Montenero- Campobasso 1919

AGNONE

F.Larino-Real Isernia Miletto-Roccasicura

Ad Atessa i granata saranno al completo Ci voleva la penultima giornata di campionato per avere a disposizione l’intera rosa. Massimo Agovino dunque avrà l’imbarazzo della scelta nell’individuare l’undici che oggi affronterà in trasferta l’Atessa Val Di Sangro, ultima gara della stagione lontano

dal Civitelle. Anche De Stefano e Bernardi infatti hanno recuperato dai rispettivi infortuni per cui, eccetto il giovane Di Lollo operato lunedì al ginocchio, quella che scenderà in campo in terra abruzzese sarà un’Olympia Agnonese carica e desiderosa

di chiudere la stagione nel miglior modo possibile, dopo aver raggiunto nell’ultima giornata ,disputata prima della sosta,la matematica salvezza in serie D. Agovino in settimana ha stimolato i suoi ragazzi e, temendo un senso di appagamento, ha esortato la

Monti Dauni-V.M.Santangiolese O.Limonano-Petacciato Roccaravindola-S.Campano Vastogirardi-Fornelli

squadra a tentare di raggiungere quota 50 punti, ripetendo così le imprese delle ultime due stagioni. Questo significa che occorre vincere oggi ad Atessa. La gara sarà diretta da Emanuele Mancini della sezione di Fermo. PA

CLASSIFICA Real Isernia Turris Montenero Sesto Campano Petacciato Campobasso 1919 A.Ururi Fornelli M.Dauni V.M.Santangiolese Vastogirardi F.Larino Oratoriana Roccaravindola Miletto Roccasicura

71 69 66 62 49 42 36 34 33 32 30 29 28 26 23 12


S P O RT PALLACANESTRO SERIE B DILETTANTI-PLAY OFF

Il Nuovo Basket a Reggio Calabria Dopo l’esonero di Montemurro, oggi ci sarà il debutto in panchina per il duo De Vivo-Sabatelli

Gino De Vivo

Dopo una settimana movimentata che ha visto l’avvicendamento in panchina di coach Montemurro con il duo De Vivo – Sabatelli, è tempo di ritornare sul parquet per il Nuovo Basket Campobasso che oggi è di scena a Reggio Calabria per gara 1 del primo turno di playoff. E’ francamente un sfida molto impegnativa quella che attende la compagine campobassana che se la dovrà vedere con una dei quintetti più forti del girone, costruito alla vigilia per salire di categoria. Chiaramente servirà una vera e propria impresa per poter portare a casa un successo che indirizzerebbe la serie tutta in favore di Torresi Lelli e soci. Non sarà facile, anche se in campionato, nonostante le due sconfitte maturate contro i calabresi, non si è vista tutta questa differenza tra le formazioni in questione. Sul fronte infortunati ci sono da annotare due assenze importanti per i molisani che non potranno contare sull’apporto di Luigi Sergio (che in questi giorni ha ripreso leggermente a correre dopo l’operazione) e Mimmo De Falco che potrebbe essere pronto per gara 2 prevista per mercoledì 4 maggio alle ore 20.30

a Vazzieri. Mimmo Sabatelli, intanto, fa capire quello che è lo spirito che aleggia nella squadra: “Abbiamo delle motivazioni forti. Sicuramente tutti i ragazzi vogliono fare bene in vista di questa partita che è davvero molto importante per tutti”. Sulla forza della Viola le parole usate sono molto chiare: “Il valore dei nostri avversari lo conosciamo bene. Sappiamo che questa squadra è stata allestita per vincere il campionato. Hanno anche loro qualche assenza, ma possiedono dei giocatori di esperienza. Inoltre hanno a loro favore il fattore del campo. Sicuramente hanno più pressione rispetto a noi e questo potrebbe essere un vantaggio. Di sicuro andiamo a Reggio Calabria per giocarcela senza aver paura. Dobbiamo mantenere l’intensità giusta”. Le ultime considerazioni sono poi sul piano partita da attuare: “Sicuramente non dobbiamo andare al loro ritmo. Sono più esperti e cercheranno di metterla sul loro piano. Dobbiamo correre tanto. Questo è sicuro. Se poi non dovessimo giocare in questo modo, dovremo usare la testa, scegliendo le soluzioni più giuste da attuare”. Serie C regionale. Se la prima squadra è impegnata nei playoff, i giovani ragazzi dell’Olimpia dovranno evitare la retrocessione in serie D attraverso la lotteria dei playout. Il primo turno, giocato con il fattore campo a favore, porrà la compagine campobassana contro Nereto. Il teatro dell’evento di gara uno sarà la Maccabi Arena di Ripalimosani. La palla a due è prevista per le ore 18.30. Sicuramente non si tratta di un impegno facile per Calcagni e soci che si trovano dinnanzi un Nereto che si è rinforzato parecchio negli ultimi mesi e che avrebbe meritato una classifica migliore di quella poi messa in dote al termine della regular season. Va detto che nel caso in cui le cose non dovessero andare per il verso giusto, ci sarebbe un altro spareggio alle porte per il team del duo Sabatelli – D’Alessio che se la dovrebbe vedere contro la perdente tra Roseto e Popoli. Chiaramente tutto l’ambiente vicino all’Olimpia spera di risolvere la pratica salvezza il più velocemente possibile.

La Mens Sana all’esordio ospite del Francavilla Fontana Il momento tanto atteso è arrivato. Gara 1 dei quarti di finale in programma sul parquet di Francavilla Fontana. Appuntamento importante per entrambe le squadre che si ritrovano, al primo anno nella cadetteria, a fronteggiarsi, a distanza di poco meno di un anno, in spareggi promozione. Palla a due questa sera alle ore 18 sotto la direzione della coppia arbitrale Traspedini di Verona e Bonfantedi Altavilla Vicentina – VI. La squadra della presidente Franzeseha già raggiunto la città degli Imperiali per trascorrere la vigilia con la massima concentrazione. Convinto che sarà una partita combattuta ed avvincente è il vice di coach Anzini, Alessandro Di Pasquale, che nutre grande rispetto per la squadra di Davide Olive ‘ Francavilla è una squadra molto solida e capace di giocare su doppie dimensioni , sia interne che esterne. Ha giocatori esperti e molto ben rodati come il play Stella, i due esterni Sarli e Labate (ndr. ex di turno) e i due lunghi Di Marcantonio e Leo. Inoltre beneficia di validi contributi anche dalla

I fratelli Stijepovic

FISE MOLISE

A Salerno ottima prova per gli atleti della Ippoform Il Concorso Ippico Nazionale a 5 stelle "Gran Premio città di Salerno" Memorial Pierluigi Schiavone ha visto la partecipazione di cavalieri ed amazzoni provenienti da tutta Italia. Al termine delle tre giornate i risultati sono stati entusiasmanti per tutti i ragazzi della Ippoform, infatti il consuntivo finale vede: nella categoria C125 Federica Colitti su Barcibal che, scontrandosi con atleti di fama nazionale, ha ottenuto un ottimo doppio zero; nella categoria C115 è stato meritatissimo ed emozionante il 1°posto di Vincenzo Cornacchione, come sempre determinato e sicuro sul suo Dusty, ed ottimi piazzamenti, sempre nell'impegnativa categoria anche per Alessio Vitullo su Silabanta e Alice Trivisonno su Grace che non hanno tradito

le aspettative effettuando percorsi interessanti; nella categoria B100, zero le penalità per Gabriele Galasso su Helmbrecht che ha aperto la stagione con soddisfazione. Il percorso netto e primo posto ex equo, per Francesco Zarrilli su Farfelu' e Melissa D'Agata su John Spillo nella categoria Bp90, regala ulteriori conferme e ottimi spunti per il futuro. Grande la soddisfazione del tecnico della Ippoform Peppino Di Buono per i risultati conseguiti nella splendida competizione che ha affascinato il numeroso pubblico presente. Il presidente della Ippoform, Giuseppe Ruscitto, ha elogiato i successi ottenuti al di fuori dei confini regionali dalle amazzoni e dai cavalieri molisani anche in preparazioni dei rispettivi Campionati Italiani.

panchina come quello che riesce a dare Menzione…. ne sappiamo qualcosa….(ndr si riferisce alla partita di ritorno). In settimana ci siamo allenati bene e con la giusta intensità. Qualcuno accusa qualche acciacco, ma è normale visto che siamo al termine di una stagione lunga e impegnativa. I play off, comunque, danno uno stimolo e una forza che consentono di anestetizzare tutto. Sarà una partita dura, ma noi cercheremo di giocarcela fino alla fine contando sulle nostre capacità, sulle nostre forze e sull’opportunità di essere finalmente al completo visto che quest’anno fra infortuni vari è accaduto pochissime volte.’ Con questi auspici non resta che aspettare il risultato proveniente dal centro brindisino per poi concentrare tutte le energie sul retour match in programma giovedì 5 maggio, ore 20, a Campobasso. Evento per il quale il sodalizio biancoverde stà preparando simpatiche iniziative a corollario di un evento che appena un anno fa sembrava un sogno e che invece è diventata una splendida realtà.



/lagazzettadelmolise010511a