Page 1

ANNO I - N° 204 - veNerdì 19 NOvembre 2010 - dIstrIbuzIONe grAtuItA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita gIOrNALe sAtIrICO

GOSAF: CARTELLE PAZZE A GO-GO www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A TELEUNIVERSO Per aver fatto ritardare di almeno un’ora l’inizio della conferenza introduttiva al corso di formazione politica dell’Udc ieri sera in Comune tenuta dall’on. Ciriaco De Mita. La troupe ha tenuto impegnato l’ex presidente del consiglio per molto tempo per una lunga intervista, ignorando la presenza di tante persone in aula in attesa di ascoltare la voce della politica importante, qual è quella di un personaggio come Ciriaco De Mita. Comprendendo benissimo le esigenze dei programmi televisivi di una rete locale bisogna però stare anche attenti alle esigenze di chi va ad ascoltare, nel rispetto dei tempi, gli oratori di un convegno politico. E tra i presenti c’erano non solo giovani ma anche anziani e inoltre sindaci ed altri.

L’OSCAR DEL GIORNO ALLE MAMME DEL COLOSSEO Che con molto coraggio si sono recate dal commissario del comune di Cassino ad esprimere il loro disappunto per la situazione precaria in cui vivono molte famiglie della città e in particolare di quel rione. Mentre la politica fa solo chiacchiere le famiglie sono senza soldi per la mancanza di lavoro. Daniela, una mamma agguerrita, ha sollecitato il commissario straordinario ad intervenire con propri provvedimernti a favore delle famiglie bisognose utilizzando i finanzaiamenti riservati ai servizi sociali. Un gesto, quello di Daniela, apprezzato da tutti.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE Approvato in aula il nuovo progetto triennale. Risalto alle coste e piccoli comuni

Piano turistico, ok della Pisana ROMA - Far conoscere i piccoli comuni e le antiche tradizioni etrusche, promuovere le terme della regione, valorizzare le coste, migliorare l’Osservatorio sul Turismo, velocizzare le autorizzazioni per stimolare le iniziative dei privati e ammodernare le strutture ricettive: sono alcuni degli obiettivi del nuovo Piano turistico triennale (2011-2013) della Regione Lazio, approvato questa sera dall’Aula della Pisana. Elaborato dagli uffici dell’assessorato e sottoposto all’esame di circa 500 operatori del settore e istituzioni locali prima dell’adozione da parte della Giunta avvenuta lo scorso

8 ottobre, il Piano è poi passato in Commissione Sviluppo economico, ricerca, innovazione e turismo dove è stato integrato con ulteriori osservazioni. “Su questi obiettivi abbiamo individuato una serie di settori – ha spiegato l’assessore al Turismo e Marketing del “Made in Lazio”, Stefano Zappalà – l’ecoturismo, il turismo del mare dei laghi e dei fiumi, il turismo montano, sportivo, sociale, della salute e del benessere, quello congressuale e fieristico, il turismo culturale e enogastronomico, e il turismo religioso”. “La commissione ha scelto di intervenire sul testo proprio per accogliere quanto

Corteo anti-Gelmini, migliaia i giovani Una città in tilt. Paralizzata. Con l'auto che non va avanti né indietro. Col clacson a urlare in cerca di una via di fuga da un traffico claustrofobico che trasforma l'ingorgo in un film horror. Chi ieri si è trovato in macchina tra 9 e le 14 ha subito il peggio dei cortei degli studenti. La mattinata del caos vede la sua genesi alle 8.30. È la giornata internazionale del diritto allo studio. Si raduna il popolo anti-Gelmini. Una parte in piazza della Repubblica. Un'altra all'università La Sapienza. Ci sono tutti: universitari, liceali, e giovanissimi delle scuole medie inferiori. Obiettivo: raggiungere piazza Navona. Il percorso è tracciato. L'operazione-protesta si deve svolgere nel modo più semplice: partenza separata dei due gruppi, marcia, poi il corteo diviene unico e si arriva in piazza. Eppure, qualcosa non va secondo i piani. Le due sfilate si fondono, ma molti studenti vanno per la loro strada. Si staccano dal gruppone e formano tante mini-sfilate. Cinquanta ragazzi da una parte. Venti da un'altra. Altri venti da un'altra ancora. A farne le spese i romani che devono spostarsi in città. Le ore più «calde» sono tra le 9 e le 11 (anche se fino alle 14 i vigili saranno impegnatissimi). Viene chiusa piazza della Repubblica per far unire i due cortei. Il centro storico si blocca. Poi la lunga discesa per via Cavour fino a «toccare» via dei Fori Imperiali e raggiungere piazza Venezia. Quando gli striscioni in testa al serpentone si affacciano al Vittoriano, ecco un gruppetto di alunni con scudi di gommapiuma e fumogeni che si stacca e imbocca via del Corso. È la prima di tante deviazioni. Gli indisciplinati se ne vanno a piazza Montecitorio per protestare contro Berlusconi, Gelmini e Tremonti sotto la Camera dei deputati.

2 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010

è stato messo in luce dalle comunità locali – ha detto in Aula

“Siamo la terza regione d’Europa, siamo dietro la Francia con la regione di Parigi. Noi vogliamo competere con loro, siamo un museo a cielo aperto” il presidente della Commissione nonché relatore, Giancarlo Miele (Pdl) – Sottolineo l’apporto non solo degli operatori e delle province ma anche delle opposizioni, per mettere a sistema tutto ciò che potrà portare al rilancio di tutti i nostri territori che hanno delle potenzialità turistiche spesso inespresse. Questo Piano non rompe con il passato, ma è in continuità; si è riconosciuto il lavoro positivo fatto nella scorsa legislatura”. Per Miele questo testo segna la “fine del turismo visto come settore legato allo spontaneismo e all’occasionalità”. Come ha spiegato Zappalà infatti, si tratta di “un piano programmatico per definire le strategie. Alla Regione compete il coordinamento con le altre realtà internazionali, l’Europa e le altre regioni, la programmazione e soprattutto la promozione, oltre al sostegno degli operatori”. Il Piano triennale, che si attua mediante singoli piani annuali, verrà sottoposto a verifica ogni 18 mesi. “Sulla base dei dati e dei risultati conseguiti – ha proseguito Zappalà - aggiorneremo il nostro punto di vista soprattutto nel rispetto degli operatori del

settore che ci mettono la maggior parte dei soldi”. “Il Lazio è terzo in Europa dopo la regione di Parigi – ha ricordato Zappalà – Noi vogliamo competere con Parigi. Il Lazio è un museo a cielo aperto e dobbiamo risalire le posizioni attuali in termini di arrivi e presenze. Il Lazio non è - solo una squadra di calcio ma una regione che va fatta conoscere nella sua interezza, dobbiamo far uscire il Lazio dall’anonimato”. A questo proposito, arriverà a breve all’esame del Consiglio un provvedimento per un marchio identificativo del Lazio. Zappalà ha poi annunciato la realizzazione del Convention bureau di Roma entro il prossimo mese di dicembre, “a dimostrazione che il Lazio non si è mai fermato”. Mario Mei (Pd), vicepresidente della Commissione, ha sottolineato la portata strategica di

dell’aula che in questi mesi è risultata un po’”disoccupata”. Il Piano turistico è il primo atto vero dopo 8 mesi, dopo le tante mozioni presentate, un atto vero per la vita dei cittadini. Un piano condiviso dove sono stati approvati alcuni emendamenti portati dall’opposizione, anche se alcune cose in più potevano essere accolte, come gli emendamenti dell’Idv sui Grandi Attrattori Culturali. Non risolve tutti i problemi, ma dà un contributo forte per creare il brand Made in Lazio”. “Il turismo può essere un attrattore di investimenti formidabile a condizione che ci sia una strategia - ha detto Francesco Storace, capogruppo della Destra - esprimiamo grande fiducia nella prospettiva che questo piano delinea”. Voto contrario solo dall’Idv, mentre si sono astenuti la Federazione della Sinistra, Sini-

questo documento che va in attuazione alla legge 13 del 2007. “L’opposizione ha anche garantito il numero legale affinché si potesse portare in aula questo Piano – ha ricordato -. Il clima positivo e collaborativo in commissione ha portato a licenziare il provvedimento in tempo record per l’esame

stra Ecologia Libertà e Lista Bonino-Pannella. “Nonostante le linee guida di questo piano siano condivisibili – ha dichiarato Annamaria Tedeschi (Idv) – non abbiamo ritenuto opportuno dare un voto favorevole per la mancanza di elementi di raccordo con la grande realtà culturale della nostra regione”.

Arrestato 42enne, rapinava farmacie

Assolto il“cecchino” di Guidonia

ROMA - I carabinieri della Stazione di Roma Monte Mario hanno arrestato un 42enne originario della provincia di Viterbo. L'uomo ha cominciato a fare il giro degli scaffali destando qualche sospetto tra i dipendenti della farmacia. La chiamata al 112 ha permesso ai carabinieri di giungere sul posto immediatamente, sequestrando un coltello e un martello.

Si è conclusa con l’assoluzione la vicenda giudiziaria che vedeva coinvolto Angelo Spagnoli, l’ex ufficiale dell’esercito che il 3 novembre 2007 sparò sui passanti dal balcone della sua casa in via Gualandi. Il gup del tribunale penale di Tivoli Pierluigi Balestrieri, ha prima riaperto il caso revocando la sospensione del processo poi ha proceduto con rito abbreviato emettendo la sentenza.


REGIONE Il sindaco Alemanno traccia un bilancio dopo 30 mesi e rilancia pure per il 2013

“Ecco come ho salvato Roma” ROMA - «Due anni e mezzo dopo l'elezione abbiamo salvato Roma, ora lo sviluppo. In questi 30 mesi di governo, abbiamo svolto un enorme lavoro per salvare la Capitale dal fallimento e per rilanciare lo sviluppo del suo tessuto economico e imprenditoriale nel mezzo di una crisi generale. È mia intenzione portare fino in fondo il programma con cui sono stato eletto in Campidoglio e ricandidarmi alle prossime elezioni comunali del 2013». Lo scrive Gianni Alemanno nella sua rubrica mensile pubblicata sul numero di dicembre del magazine free press Pocket, diretto da Daniele Quinzi. «Con l'orgoglio del lavoro svolto nei primi due anni

e mezzo a Palazzo Senatorio aggiunge - rivendico il risul-

tato di aver risolto l'emergenza finanziaria del Comune

grazie al piano di risanamento delle casse capitoline, che ha salvato la città dal default, fronteggiando un indebitamento di 12,2 miliardi». «In questi anni abbiamo anche reso Roma una città più sicura - lo dimostra il calo del 26% dei reati - e solidale. Legalità e coesione sociale sono i capisaldi e principi ispiratori della nostra linea politica, che ha aumentato del 25% il capitolo della spesa sociale, passata dai 280 milioni del 2007 ai 350 milioni del 2010, senza dimenticare un sostegno concreto alle famiglie, ricalibrato, per ora in via sperimentale, in funzione di vari parametri. Questo in parallelo all'incremento del 22 per cento dei posti negli asili nido e alla diminuzione del 50

per cento delle liste d'attesa. Roma sta fronteggiando la crisi anche sul versante turistico, con la tenuta dei flussi, tornati ai livelli del 2007, e l'incremento dei visitatori nei musei romani. Ha avuto un'accelerazione anche il Piano nomadi, con la stabilizzazione di 7 campi autorizzati e la chiusura di 320 accampamenti abusivi». Alemanno scrive poi del Piano strategico di sviluppo «da portare avanti insieme alla candidatura alle Olimpiadi 2020. Compiuto il passaggio dal Comune di Roma a Roma Capitale, aspettiamo il decreto attuativo che definirà i nuovi poteri del Campidoglio, con funzioni amministrative di notevole ampiezza».

Subiaco, terminerà domenica 21 Buttava posta nei rifiuti la mostra “Piacentini” sul cinema Denunciato portalettere

Si concluderà domenica, dopo un successo di pubblico e di critica, iniziato lo scorso 22 ottobre, la prima mostra sul cinema “Memorial Tullio Piacentini”, che si si sta svolgendo a Subiaco. La kermesse che si svolge presso il prestigioso Chiostro di San Francesco, offrirà la proiezione in anteprima assoluta del film ‘Passeggiando per Subiaco’ (domenica ore 16) girato dal regista e produttore Tullio Piacentini, e la proiezione di altre note opere cinematografiche realizzate a Subiaco e nella Valle dell’Aniene, oltre la visione di immagini realizzate da alcuni amatori che con le loro pellicole hanno contribuito a mantenere vivo il ricordo di una importante città che si è evoluta nei decenni. Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha destinato una Medaglia come Premio alla “1^ Mostra dell’audiovisivo e del Cinema di Subiaco e della Valle dell’Aniene – Memorial Tullio Piacentini”. All’interno della Mostra è allestita una sala con diverso materiale privato ed inedito sulla vita pubblica e privata di Tullio Piacentini: la sceneggiatura “Antonio

Gramsci” che creò bruschi dissapori con il P.C.I. (1959), la sceneggiatura “Giustizia all’italiana” nella quale era pronosticato l’attuale stato sociale italiano (1960), lo scandalo della “Ceat Gomme” (1972), ecc. Tra gli ospiti che si sono susseguiti nelle settimane si cita la presenza dell’Editore Michele Piacentini figlio del regista, dell'attore Ninetto Davoli come testimonial della cinematografia di Pier Paolo Pasolini, di numerosi cantanti degli anni ‘60 che furono interpreti dei videoclip musicali contenuti nei film del regista Piacentini, della cantante Patty Pravo (previa conferma), di Greg (Latte e Suoi Derivati), di Fabio Piacentini (affermato fumettista e restauratore della locandina del film “Passeggiando per Subiaco”), dell’associazione musicale Luigi Tenco 60s (che porteranno i documenti relativi alla tesi dell’omicidio dello scomparso cantautore), di varie personalità del mondo della politica dei primi anni della Repubblica Italiana e, infine, di numerosi testimonial ed artisti che hanno partecipato. alla manifestazione.

ROMA - I carabinieri della stazione Roma Gianicolense hanno denunciato un 26enne romano, con mansione di portalettere per conto di una società privata di recapito posta, per soppressione di corrispondenza. Il giovane, forse per farsi notare dal suo datore di lavoro o per dimostrare le sue capacità professionali o forse perché non trovava il numero civico dove recapitare le missive, ha trovato un ingegnoso modo per smaltire in brevissimo tempo tutto il lavoro che gli era stato affidato. Dopo aver recapitato solo qualche lettera, il 26enne si è disfatto della corrispondenza a lui assegnata, gettandola in un cassonetto. I carabinieri della stazione Roma Gianicolense, avvertiti da alcuni cittadini che hanno notato le buste affrancate e mai aperte nel contenitore dei rifiuti, dopo alcuni accertamenti, sono risaliti al postino infedele. Tutta le lettere sono state recuperate e consegnate ai destinatari, mentre il postino, denunciato, dovrà rispondere di soppressione di corrispondenza.

Prostituzione, arrestata la “Contessa”

Spaccio fatto in casa, famiglia in arresto

ROMA - «La Contessa», come veniva chiamata, gestiva una vera e propria «casa di appuntamenti».La donna si preoccupava infatti di reclutare avvenenti ragazze, procurare loro i clienti, contrattare e cedere in comodato «d'uso» la sua abitazione.Per C.R., romana di 74 anni, le porte del carcere si sono aperte per reclutamento, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

ROMA - Un'intera famiglia composta da madre, figlio e fidanzata aveva messo su una vera e propria catena di montaggio per il confezionamento e la vendita al dettaglio di cocaina all'interno del loro appartamento. Il terzetto è stato bloccato martedì sera dagli investigatori del Commissariato Romanina, diretti da Antonio Pignataro.

3 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010


prOVINCIA Un bando che non funziona Il consigliere Simone Costanzo critica l’avviso pubblico sulle borse lavoro.“Criteri poco chiari” FROSINONE - Il consigliere provinciale del Pd Simone Costanzo interviene in merito al progetto delle borse lavoro e lo fa con un duro affondo contro l’amministrazione Iannarilli, rea di avere elaborato un bando che nessuno conosce per la poca informazione, tanta confusione nella gestione e con criteri di assegnazione poco chiari. Insomma, un vero e proprio pastrocchio. Spiega il consigliere del Pd: “L’Amministrazione provinciale di centro destra, dopo quasi 18 mesi di inerzia totale ripropone uno strumento buono, già utilizzata dalla giunta precedente con ottimi risultati sotto tutti i punti di vista, per favorire l’incrocio fra domanda e offerta di lavoro con la formazione professionale per i disoccupati della nostra provincia”. Dopo un premessa in cui si unisce il bastone e la carota, Costanzo parte con un affondo preciso e circostanziato sui

termini del bando provinciale, mettendo sotto accusa la scarsa diffusione delle informazioni: “Però anche gli strumenti migliori vanno comunicati bene, con puntualità e precisione: parliamo di un bando particolarmente astruso e complicato senza un servizio d’informazione adeguato. Decine di cittadini interessati che si sono recati presso gli uffici provinciali o che hanno telefonato

non hanno avuto notizie, né tantomeno risposte chiare sui vari aspetti, generando tanta confusione e sfiducia nelle istituzioni”. Costanzo evidenzia anche altre pecche: “Inoltre rivolgersi alle imprese, che devono poi presentare la domanda e non viceversa ai disoccupati credo che sia un errore metodologico importante, si priva chi cerca questa possibilità della parte attiva del progetto e dell’eventuale ricerca per coerenza con il suo profilo lavorativo e professionale”. E’ onesto nella sua analisi Costanzo e sottolinea anche un merito del bando, quello di avere coinvolto i Centri per l’impiego: “Giusto il coinvolgimento dei Centri per l’Impiego, troppo spesso dimenticati da questa amministrazione, ma anche qui però inesistente la comunicazione senza il coinvolgimento degli uffici e degli operatori all’oscuro di tutto. Solo con una sinergia virtuosa fra

tutti gli attori del territorio si può immaginare il percorso migliore per favorire l’inserimento lavorativo in una realtà difficile e complessa come la nostra”. Ultima critica riferita al sistema di assegnazione dei finanziamenti. Conclude l’ex assessore della giunta Scalia: “Infine il criterio cosiddetto “a sportello”, cioè chi prima presenta la domanda fino a esaurimento è un criterio che ritengo perlomeno discutibilissimo. L’amministrazione precedente, politicamente aveva deciso di fare delle graduatorie per NECESSITA’ e MERITO utilizzando l’indicatore ISEE sullo stato economico della famiglia del disoccupato e la votazione del diploma o della laurea. Con la giunta Iannarilli c’è un significativo arretramento della nostra provincia sulle politiche del lavoro senza un progetto complessivo, con tanta approssimazione e pessima amministrazione”.

Work experience, qualcosina Il Pd rialza la voce sul piano in più si capisce nella domanda rifiuti della Regione Lazio FROSINONE - Le work experience, il bando emesso dalla Provincia di Frosinone per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro nel nostro territorio, l’inserimento lavorativo dei giovani e aumentare il tasso di occupazione, comincia a dare segnali di ripresa. Noi avevamo denunciato per primi l’incomprensibilità del bando, effettivamente se ne capiva molto poco e alla tante domande dei ragazzi che ci chiedevano notizie in merito, non sapevamo rispondere. Purtroppo noi ci facevamo latori delle domande a chi avesse materialmente emesso il bando e clamorosamente non ci sapevano rispondere nemmeno là. E poi, un’altro aspetto oscuro: c’è voluto molto tempo dalla sua pubblicazione prima che il territorio ne venisse a conoscenza, molti non lo sapevano, tanto che la Provincia ha dovuto inviare una lettera a tutte le attività produttive locali, in modo che, se interessate, si preparassero a fare le

4 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010

domande e a selezionare gli stagisti. Non solo, ha dovuto anche investire tanto in termini di comunicazione e di mass media Ora, invece, pare che la situazione sia migliorata. Il bando almeno è conosciuto tra i disoccupati e nelle aziende ciociare, e, ma non vogliamo essere troppo ottimisti, cominciano a chiarirsi anche le idee coloro che devono dare le risposte all’utenza. Ne abbiamo avuto una testimonianza l’altro giorno quando ci siamo recati personalmente nell’ufficio dell’Urp della Provincia e finalmente l’addetto ci ha chiarito alcuni nostri dubbi. Un ultimo aspetto però ancora non c’è chiaro. Si tratta della fidejussione che l’azienda deve presentare in sede di invio della domanda. Che vuol dire? Deve anticipare dei soldi per pagare il borsista? Ma non si era detto che per l’azienda non c’erano oneri. Lo abbiamo chiesto ma non ci è stato chiarito il dilemma.

FROSINONE - C’è servita la “munnezza” per far rialzare la voce al Pd, sono servite le indiscrezioni sul piano rifiuti che giungono da Roma per far rialzare la testa ai democrat della provincia di Frosinone. Soprattutto al segretario in pectore, Lucio Migliorelli, che ne sta approfittando per mostrasi come il nuovo capopopolo del centrosinistra. “La pazienza è finita. Dopo l’adozione di un piano sanitario che calpesta i territori, dopo l’aumento dei pedaggi autostradali, dopo la scelta di escludere rappresentanti di Frosinone dalla Giunta regionale, oggi la Polverini vuole risolvere i problemi di gestione dei rifiuti nella capitale “scaricandoli” sulle province, tra cui la nostra”. Netta la presa di posizione del futuro segretario provinciale del PD Lucio Migliorelli sulla questione del piano dei rifiuti che venerdì dovrebbe essere approvato dalla Giunta regionale e che estende dall’ambito provinciale a quello regionale l’autosufficienza per i rifiuti av-

viati in discarica. “In buona sostanza, qualora venisse adottato, questo piano creerà il presupposto per il trasferimento dei rifiuti romani nelle discariche delle province. Un abuso inaudito, soprattutto nei riguardi di Frosinone, unica provincia della regione in cui, grazie alla responsabile gestione del problema avvenuta negli ultimi anni, il ciclo di smaltimento dei rifiuti è chiuso e completo. Siamo pronti a batterci con le unghie e con i denti per scongiurare la possibilità che arrivino da noi anche i rifiuti romani. Se, com’era prevedibile, Malagrotta andrà presto in esaurimento, non è certo la nostra provincia a doverne pagare il prezzo. Anche se non ci sono riusciti finora, spetta agli amministratori della capitale porre rimedio ad un problema che non doveva certo spingersi fino a questi livelli”. Non tutte le immondizie vengono per nuocere, almeno per il Pd. Ci può fare politica, visto che di altri argomenti ne ha pochi.

Piano casa, Patrizi si reca alla Pisana

Una scuola intitolata al vescovo Boccaccio

Dopo le numerose prese di posizione della Provincia di Frosinone in merito al Piano Casa proposto dalla Regione Lazio e la proposta di diversi emendamenti al testo realizzato dalla vecchia,ieri la Provincia di Frosinone è stata rappresentata alla Pisana dal consigliere Giuseppe Patrizi delegato a rappresentare le istanze della Provincia di Frosinone su diversi punti del Piano Casa in discussione presso gli organismi amministrativi della Regione Lazio.

Il nuovo istituto scolastico del quartiere Cavoni sarà intitolato a Mons. Salvatore Boccaccio, il Vescovo della Diocesi di Frosinone, Veroli e Ferentino scomparso nell'ottobre del 2008. E’ quanto il Consiglio Comunale di Frosinone ha deciso al termine della seduta di ieri, votando la proposta avanzata dal gruppo UdC. Una decisone finalmente concreta da parte del consiglio comunale di Frosinone, dopo mesi e mesi di tentennamenti.


prOVINCIA Corso di educazione al consumo La Provincia finanzia iniziative rivolte agli istituti scolastici per una spesa critica e consapevole FROSINONE - La Provincia di Frosinone, con scadenza il prossimo 12 dicembre, ha bandito un avviso pubblico per la realizzazione di corsi di formazione finalizzati all’educazione al consumo. Il bando è stato messo appunto dall’Ufficio Attività produttive su diretta disposizione dell’assessore al ramo, Francesco Trina. Obiettivo del bando è dare attuazione all’iniziativa “Corsi di formazione sull’educazione al consumo” per il miglioramento della condizione informativa degli studenti delle scuole provinciali pubbliche secondarie di primo grado e del biennio superiore. Il bando è rivolto esclusivamente alle Associazioni dei consumatori iscritte al Comitato Regionale Utenti e Consumatori (C.R.U.C.) ai sensi della L.R. 44/1992, che dovranno presentare alla Provincia di Frosinone specifico progetto di intervento formativo, da

ammettere a contributo, secondo le modalità di seguito specificate. Saranno ammessi ai benefici previsti dal presente bando, le Associazioni dei consumatori che proporranno la realizzazione di corsi di formazione ed informazione degli studenti sulle seguenti tematiche, approvate dalla Regione Lazio nel progetto generale presentato dalla Provincia di Frosinone: Qualità alimentare, prodotti biologici e biodinamici, etichette; Educazione al risparmio e all’uso consapevole del denaro; Riduzione dei rifiuti, riciclo e riuso; Scuola sostenibile; Turismo sostenibile. Ogni intervento dovrà trattare minimo una e massimo cinque, tematiche sopra elencate. Le proposte progettuali dovranno dettagliare le modalità attuative, gli strumenti didattici, le modalità operative che si intende utilizzare al fine di sviluppare ogni sin-

Iannarilli e il pacchiano errore di sospendere la tassa Cosap FROSINONE - In questi ultimi giorni ci stiamo concentrando su alcune scelte del presidente Iannarilli che a posteriori si stanno rivelando sbagliate, anzi più che sbagliate, populiste. E ci spieghiamo meglio. Abbiamo parlato della vicenda dell’acqua, delle tariffe e della battaglia contro l’Acea che Iannarilli ha voluto fare. Ha sostenuto l’idea che bisognava abbassare la tariffa idrica che gli utenti pagano, riportandola a quella del 2005. Certo la scelta di per se è anche positiva. Ma bisogna chiarirsi prima su come voler gestire il servizio in Ciociaria. Infatti l’Acea Ato 5 è piena di debiti e per non farla fuggire da Frosinone, occorreva ingoiare il rospo dell’aumento delle tariffe deciso durante l’amministrazione Scalia, chiedendo il rispetto degli impegni presi in termini di investimenti e di canoni di concessione. Non si è fatto, si è deciso lo scontro. Ma ora Iannarilli ha dovuto fare marcia in-

dietro e deve purtroppo abbassare il capo e far votare alla prossima assemblea dei sindaci un nuovo aumento delle tariffe. Lo stesso, crediamo, avverrà per la Cosap, la tassa sui passi carrabili che è stato un cavallo di battaglia della propaganda del centrodestra per le provinciali. Iannarilli ha deciso di sospenderla per il 2010 e per tutti gli anni che verranno. Questo però non significa l’eliminazione, perché una prossima amministrazione potrebbe decidere di ripristinarla con i conseguenti arretrati. Non solo, senza questa entrata a soffrirne è proprio il bilancio provinciale e le casse dell’amministrazione. Si è detto che si sarebbero stabilizzati tutti gli Lsu, ora si dice che non ci sono soldi per tutti. Forse, con le entrate della Cosap, la stabilizzazione sarebbe stata possibile per tutti i precari.

golo tema di progetto. Con il primo corso “Qualità alimentare, prodotti biologici e biodinamici, etichette” si intende favorire la consapevolezza su scelte e abitudini alimentari, per indurre: Azioni quotidiane che possono portare salute e benessere; Sensibilità verso i diversi significati che il cibo riveste nella cultura alimentare propria e altrui e nella esperienza di ciascuno, nella quale confluiscono emozioni, ricordi, ricette, tradizioni e abitudini familiari, mode, sollecitazioni pressanti della pubblicità; Attenzione alle ricadute dei comportamenti individuali sulla comunità e, in modo particolare, sull’ambiente. Con il secondo corso “Educazione al risparmio e all’uso consapevole del denaro” si intende favorire la consapevolezza su scelte e abitudini di consumo, per indurre: sensibilità verso i diversi significati che i singoli atti di

consumo implicano; azioni quotidiane che possono introdurre elementi di criticità nei confronti del consumismo esasperato;attenzione alle ricadute dei comportamenti individuali sulla comunità e, in modo particolare, sull’ambiente. I laboratori “Riduzione dei rifiuti, riciclo e riuso” invece hanno la finalità di sensibilizzare e coinvolgere attivamente il mondo della scuola riguardo le tematiche dello sviluppo sostenibile, promuovendo una riflessione sui propri comportamenti rispetto al mondo dei rifiuti e al loro possibile riuso creativo. L’obiettivo di “Scuola sostenibile” è quello di sensibilizzare i giovani sul tema del rispetto per l’ambiente sul territorio. “Turismo sostenibile” è invece un corso che mira a sviluppare una cultura del viaggio fondata sul rispetto del luogo che si visita.

Scuola, una provincia di studenti in protesta FROSINONE - Sarà una settimana intensa e le iniziative sono iniziate nel capoluogo con il corteo di protesta partito alla villa comunale e che si è concluso in largo Turriziani, dove c'è stato il comizio organizzato dalla Rete degli studenti medi e dalla Cgil. Hanno preso la parola diversi studenti delle varie scuole ciociare e la denuncia più frequente ha riguardato lo stato in cui si trovano gli edifici scolastici e la mancanza di fondi anche per le attività quotidiane. Insieme agli studenti anche il segretario provinciale della Cgil Domenico De Santis, che ha puntato il dito sui tagli alla scuola e all'università. Poi la protesta si è spostata nella sala consiliare di Sora per un'iniziativa dal titolo ‘L'arte e la scienza sono liberi e libero ne è l’insegnamento', per un incontro tra generazioni sui temi della cultura, della storia e della Costituzione. Interver-

ranno, tra gli altri, il sindaco di Sora Cesidio Casinelli, Carlo Costantini dell'Anpc, il professor Massimo Terracciano, la segretaria dello Spi di Roma e del Lazio Silvia Asoli, quello provinciale Guido Tomassi e Domenico De Santis. La settimana si chiuderà dopodomani a Frosinone, alle 10 all'Itc Leonardo da Vinci, per l'iniziativa dal titolo “I diritti per i giovani” sui diritti di cittadinanza, sul diritto allo studio e sul diritti al lavoro e sul lavoro, sull’importanza di superare le discriminazioni per nascita e per condizione sociale. Interverranno il coordinatore della RsSM Alex Albu, la segretaria generale Flc Luigia Mastrosanti, Fabrizio Samorè e Salvatore Marra della Cgil Regionale, studenti delle Scuole Superiori della Provincia, Silvia Ioli e Tina Balì della segreteria Cgil di Roma e Lazio e Bruna Cossero della segreteria Cgil di Frosinone.


CASSINO L’avv. Nardone si esprime in attesa del convegno sull’industria. Presente Gianni Alemanno

”Non c’è sviluppo senza partecipazione” CASSINO - L’avvocato Michele Nardone, autorevole esponente del Pdl e prossimo candidato a sindaco di Cassino, ha organizzato un convegno sul futuro industriale del territorio con la partecipazione di operatori economici. Nardone spiega l’attuale momento. La situazione economica ed occupazionale del nostro territorio necessita l’adozione di un cambiamento strategico nell’approccio gestionale del modello produttivo.«Ci stiamo tutti accorgendo che uscire dalla crisi economica internazionale si sta dimostrando un percorso complesso e faticoso: occorre non solo comprendere le ragioni che hanno determinato la crisi, ma anche contribuire ad elaborare un modello di gestione dell’impresa che, per il futuro, sappia prevenire i rischi di ricaduta ed aprire lo spazio ad un nuova strategia di esperienze e di relazioni gestionali.A questo fine, come componente del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Nuova Italia, presieduta dal Sindaco di Roma Capitale On. Gianni Alemanno, ho promosso la realizzazione di un convegno che si terrà a Cassino il prossimo 23 novembre, dal titolo ‘Cassino, avamposto industriale’: sarà un’occasione unica per riunire autorevoli esponenti del mondo universitario, politico, industriale, sinda-

cale e sociale, al fine di mettere insieme idee, esperienze, visioni e prospettive utili per elaborare le linee di una nuova progettualità d’impresa.Anche per il concetto di impresa, a mio avviso, oc-

corre partire dal quel riconoscimento della centralità della persona umana che, nella mia visione politica, costituisce la base di un nuovo modello di governance: dobbiamo inserire il concetto

di impresa in una visione generale di tipo comunitario, nella quale si affermi l’idea che l’impresa rappresenta effettivamente il ‘luogo’ di cooperazione in cui si incontrano gli interessi imprenditoriali e gli interessi dei lavoratori per dar vita ad una stessa “comunità di destino”.Solo con questa consapevolezza si possono progettare e raggiungere nuove frontiere di competitività, e la chiave di volta per dare attuazione a questa prospettiva è rappresentata dalla partecipazione dei lavoratori nell’impresa.Occorre incrementare i livelli quali-quantitativi degli spazi esistenti di partecipazione dei lavoratori ma, soprattutto, introdurne di nuovi a livello legislativo e, quindi, aprire ad un modello aziendale partecipato, sull’organizzazione e sui risultati dell’impresa, anche guardando alle esperienze già in essere in alcuni Paesi europei.Sono convinto che dalla partecipazione potranno derivare anche forme di responsabilizzazione reciproca, tra investitori e lavoratori, maggiormente condivise: con la partecipazione si potranno garantire forme più stabili di organizzazione, e dal modello di partecipazione potrà nascere la prospettiva generale di un nuovo e più stabile sviluppo, di tipo economico e, quindi, sociale».

Sebastianelli:” Servizi Rifondazione critica le primarie: più informatizzati ”Strumento di personalizzazione” CASSINO - L’informatizzazione degli uffici comunali e la creazione di front office polifunzionali nel palazzo municipale e nei principali quartieri della città renderà il Comune concretamente “a portata” dei cittadini e “decongestionerà” il traffico del centro. E’ la teoria proposta da Giuseppe Sebastianelli, impegnato in queste settimane a definire come, a suo avviso, sarebbe utile ripartire le attività dell’Amministrazione comunale rivolte al pubblico in sei macroaree: risorse umane; risorse

6 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010

finanziare; servizi al cittadino; sviluppo economico; pianificazione del territorio; qualità della vita e dell’ambiente; infrastrutture pubbliche. Il candidato Sindaco in particolare punta ora l’attenzione sull’area che più di altre rappresenta l’interfaccia tra le famiglie e il Comune, quella dei cosiddetti Servizi al cittadino: su di essi – secondo Sebastianelli – deve concentrarsi maggiormente il lavoro del personale e degli amministratori nell’era del Federalismo e delle nuove Tecnologie.

CASSINO - Analisi sull’attuale situazione politica all’interno del centrosinistra. Lo fa in una nota il Prc. “Il Partito della Rifondazione Comunista di Cassino, a conclusione della riunione del Direttivo del Circolo cassinate convocato per discutere i rapporti con il centro-sinistra in vista delle prossime elezioni amministrative, esprime le seguenti valutazioni. Il progetto “Bene comune” nato timidamente tra le forze del centro-sinistra (PD, Partito socialista, IDV e PRC) si è gradualmente guadagnato la simpatia dell’opinione pubblica favorevole al rinnovamento della Città dopo decenni di malgoverno. La sua idea principale, infatti, era che anche a Cassino fosse possibile ricostruire l’unità tra le forze del centro-sinistra superando personalismi e divisioni a volte immotivate attraverso la partecipazione diretta dei cittadini nella scelta del candidato sindaco ed un programma che segnasse una netta alternatività e discontinuità con le logiche che muovono l’azione amministrativa e politica del centro-destra. Il PRC non guarda con favore alle primarie perché sono uno strumento di personalizzazione della politica e, tuttavia, tale strumento nella nostra Città può essere utile al fine di preparare per tempo la coalizione nella difficile sfida con il centro-destra. Inoltre il progetto denominato “Bene comune” prima di tutto ha elaborato e condiviso un programma minimo da proporre alla cittadinanza e la scadenza delle primarie rappresenta piuttosto un punto di arrivo per prepararsi alla sfida della campagna elettorale.”

Arrestato rapinatore di pizzerie

A1, tamponamento fra tre autotreni

CASSINO - Il padre sindacalista anticamorra ucciso dai sicari, lui, insieme al suo amico di Pontecorvo, rapinatore di pizzerie. Si tratta di S. Del Prete, 22 di Casal Di Principe, figlio di Federico Del Prete ucciso il 18 febbraio 2002 dalla Camorra, arrestato dalla polizia insieme a Antonio A., 18 anni di Pontecorvo.

CA S S I N O - U n t a m p o n a m e n t o a c a t e n a t ra c a m i o n , h a c a u s a t o la chiusura del tratto autostrad a l e R o m a N a p o l i t ra i c a s e l l i d i C e p r a n o e Po n t e c o r v o i n d i r e z i o n e s u d . S o n o s t a t i t re g l i a u t o treni che, per cause ancora al vaglio della polizia stradale, si sono tamponati.


cassinate La Gosaf ci riprova: inviate bollette sull’eccedenza acqua con importi da capogiro.Tutte false

L’invasione delle cartelle pazze CASSINO - La Gosaf, azienda incaricata dal comune di Cassino, alla riscossione di Ici,Tarsu ed acqua potabile, ci riprova. Proprio in queste ore, i cittadini di Cassino, stanno ricevendo le bollette per il pagamento dell'eccedenze sull'acqua. E' inutile dire che i cassinati sono infuriati. Gli importi da pagare, per i residenti, vanno dalle 100 fino ad arrivare a quasi 500 euro, una bella batosta per le famiglie. Ma diversi destinatari delle bollette, hanno già fatto sapere che quello che la Gosaf richiede è falso. E' evidente che l'azienda d' o professor di Benevento, cerca di spremere i cassinati più che può. Ci aveva già provato qualche mese fa, con risultati disastrosi: aveva inviato centinaia di richieste di pagamento dell'Ici, che non risultavano versate, sono stati sconfessati dagli stessi cittadini, che pagamenti alla mano, si sono recati sia in comune, sia negli uffici dell'azienda beneventana, dimostrando di aver ampiamente pagamento quanto era loro dovuto. ma la Gosaf ci prova. Ci prova sempre, a tale proposito, invitiamo i cassinati ad andare all'ufficio comunaledei tributi, e a chiedere l'effettivo conteggio delle eccedenze.Tanto per citare un caso, un residente del cen-

Il CaffE’ di Zio Ciro IL MIO MEDICO Ieri, per sbaglio, ho ingoiato due tubetti di inchiostro. Subito ho chiamato il mio medico raccontandogli quanto era successo. “Non ti preoccupare”, mi ha detto. “Devi ingoiare un chilo di carta assorbente”.

tro, in 4 anni che ha vissuto in una casa non ha mai fatto eccedenze di acqua, secondo la Gosaf, in sei mesi, nella nuova casa dove vive avrebbe totalizzato ben 256 euro di eccedenza idrica. Un vero e proprio tentativo di truffa, un vero e proprio tentativo di imbrogliare e carpire la buona fede dei cassinati, che al contrario di quello che pensa o' professor di Benevento, sempre molto amico di politici e politichetti del comune, è invece smaliziata ed accorta. La Gosaf, approdata a Cassino nel 2001, gioca su importi milionari,percepisce percentuali su importi da capogiro, come ad esempio il pagamento della Tarsu che a Cassino sfiora in bilancio, i 4 milioni di euro. C'è poi l'Ici, forse ora gli importi si sono ridotti, dato che sulla prima casa non si paga, ma resta un capitolo di bilancio che tocca i 2 milionidi euro. E la Gosaf incassa. O' professor si arricchisce alle spalle della città. Ora ci riprova con le bollette dell'acqua, cerca di accaparrarsi quanti più pagamenti possibile, cerca ancora una volta di raggirare i cassinati. Ma perchè il comune di Cassino continua a tenere questa gente sul libro paga? Perchè il versamento non si fa direttamente al comune? Perchè le autorità competenti

non indagano su questa azienda che ogni tanto si inventa qualcosa da pagare? E' evidente il maldestro tentativo di prendere soldi da chi non vuole fare discussioni, da chi è troppo indaffarato per andare al comune a protestare, ma un fatto è certo: molte, troppe richieste da parte di Gosaf, sono solo pretestuose, non corrispondono alla realtà, non trovano riscontri. E' evidente che al comune di Cassino, almeno a qualcuno all'interno del comune, questa situazione va bene, calza a pennello, i motivi non li sappiamo, ma possiamo solo immaginarli, e invitiamo i cassinati ad avere la nostra stessa immaginazione. Facciamo un appello al commissario prefettizio Angela Pagliuca, che si è dimostrata molto sensibile ai problemi delle famiglie meno abbienti. Faccia luce commissario, vada a vedere quale necessità ha il comune di Cassino, di pagare addirittura una azienda esterna per incassare delle bollette che per quasi 60 anni ha incassato l'ufficio della ragioneria. Quando andrà a spulciare le carte, signora Prefetto, si metta una mascherina, perchè questa vicenda puzza. Puzza di imbroglio, ancora una volta a danno dei cassinati. Ignazio Annunziata

La dottoressa Pagliuca si è impegnata a risolvere il problema dei buoni libri CASSINO - Lo abbiamo anche scritto nel pezzo di apertura, e lo confermiamo: la dottoressa Angela Pagliuca, commissario prefettizio in Cassino, è molto sensibile ai problemi delle persone meno abbienti, più disagiate della città. Lo ha dimostrato qualche giorno fa: la commissaria infatti, ha incontrato una delegazione di cittadini di Cassino, capitanata da una signora molto in gamba e che sa il fatto suo:Daniela Pontone. La signora Pontone, che risiede nel quartiere Colosseo, e che si è sempre battuta in favore delle persone ultime, ha illustrato al prefetto lo stato in cui versano oramai centinaia di famiglie cassinati. Uno stato di indigenza assoluto, uno stato da fame. Daniela Pontone, ha sottolineato come le famiglie non riescono più a mandare i figli a scuola, dato che la regione Lazio, non ha ancora provveduto al pagamento dei buoni libri, addirittura del 2008. Ha fatto notare al prefetto, come tanta gente non

riesca a pagare le bollette di luce elettrica o dell'acqua, o del riscaldamento per mancanza di un lavoro e di un minimo di sostentamento che la legge prevede. La dottoressa ha ascoltato con attenzione i problemi che le sono stati esposti, dichiarandosi a più riprese molto dispiaciuta per queste situazioni di disagio e povertà. Ha anche acceso una luce di speranza, sono andati in pagamento, almeno questo, i contributi per i fitti, ovvero un aiuto a chi non ha casa e deve pagare il fitto. La dottoressa Pagliuca, si è fatta carico di indagare sui motivi per cui la giunta Marrazzo non ha mai corrisposto gli emolumenti dovuti alle famiglie. Famiglie ridotte male, che hanno bisogno, e che per ora si sono limitate ad una chiacchierata con il prefetto. Ma la fame è brutta, e i cassinati che hanno bisogno, non sono più disposti ad aspettare i comodi di chi lo stipendio lo ha, ed anche bello sostanzioso. I.A.

“Miss mani d’Italia” IV edizione di successo

Tamponamento tra tir Due feriti sull’A1

PONTECORVO - Successo per la quarta edizione del concorso “Miss Mani Italia”, la competizione originale proposta dall’associazione Mediashow di Pontecorvo, presieduta da Pio Di Letizia che anche quest’anno ha coinvolto tantissime concorrenti, in tutto ventisei, a tal punto che l’organizzazione ha dovuto riaprire le iscrizioni.

PONTECORVO - E' di due feriti gravi il bilancio del tamponamento tra tre camion avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì, verso le 24, lungo l'Autostrada del Sole al chilometro 657 nei pressi di Pontecorvo, in corsia sud. Per cause ancora al vaglio degli agenti della Sottosezione della polizia Stradale di Frosinone, distaccamento di Cassino, i tre mezzi sono entrati in collisione.

7 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010


CASSINO Progetti di sviluppo per le cave di marmo Abbruzzese:”L’impegno della regione per la modifica della legge 17 del 2004” e Gina Cetrone e agli amministratori dei Comuni del distretto. L’iniziativa, tenutasi all’Hotel Edra Palace di Cassino, è servita per aprire un importante tavolo di discussione e confronto sulle “Tematiche relative al rinnovo delle autorizzazioni all’esercizio estrattivo”, in vista delle modifiche che la X Commissione intende apportare alla Legge Regionale n. 17 del 6 dicembre 2004, quella che, in sintesi, disciplina l’attività estrattiva di materiali di cava e torbiera. All’incontro hanno preso parte anche il consigliere regionale Annalisa D’Aguanno e il Commissario

CASSINO – “Il Distretto del Marmo costituisce una grande risorsa, un valore aggiunto per il nostro territorio, una certezza economica per tutta la Provincia di Frosinone”. Con queste parole, Mario Abbruzzese, presidente del Consiglio regionale del Lazio, ha introdotto il suo intervento nel corso dell’incontro di oggi che ha visto protagonisti i vertici del Cosilam (Consorzio Industriale del Lazio Meridionale), rappresentato dal vice presidente Antonio Gargano, insieme al presidente e ai vice presidenti della Commissione regionale Piccola e Media Impresa, Francesco Saponaro, Anna Maria Tedeschi

prefettizio del Comune di Cassino, Angela Pagliuca. “Per capire l’importanza dell’argomento, basti pensare - ha continuato il presidente Mario Abbruzzese - che le 90 aziende localizzate nel territorio di sei piccoli Comuni rappresentano circa il 40% del totale provinciale, con una capacità produttiva di 350mila tonnellate annue ed un fatturato di circa 50milioni di euro, mantenendo un occupazione stabile per oltre 800 addetti. Inoltre in questo momento il Distretto del Marmo, anche se tra mille difficoltà, è tra i pochissimi settori in provincia che registrano un segno positivo nell’export.

L’on. De Mita ha inaugurato la scuola dell’Udc L’ e x p r e s i d e n t e d e l c o n s i g l i o e p a r la me n t a re e u rop e o C iria c o De Mita ha inaugurato a Cassino la s c uola d i forma zion e p olit ic a d e ll ’ U d c. P r e s e n t i l ’ o n . A n n a Te r e s a Fo r mis a n o, l’ on . Pic a n o, s in d a c i e rappresentanti di altri partiti il s e g r e t a r i o c i t t a d i n o M a r i n o Fa rd e l li ha p ort a t o il s a lu t o d e l p a rt i t o. S a l u t i a n c h e d a l p r e s i d e n t e c i t t a d i n o Fr a n c e s c a C a l v a n i , d a l d i r e t t ore d e l c ors o Filip p o A c e t i.

8 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010

L’ o n . Fo r m i s a n o ha l’obiettivodella scuola

spiegato mentre

l’on. De Mita ha fatto un escursus della politica.

Arrestato per tentato furto a Roccasecca

Controlli dei carabinieri aVallerotonda

CASSINO - A Roccasecca, i militari della locale Stazione, nell’ambito di un servizio di controllo , traevano in arresto L.F.M., 40enne del posto, resosi responsabile del reato di “tentato furto aggravato”. Veniva sorpreso dai militari operanti mentre tentava di introdursi all’interno di un’abitazione, dopo aver forzato la serratura del portone d’ingresso.

VALLEROTONDA - I militari della locale Stazione, nel corso di predisposto servizio di controllo del territorio, deferivano in stato di libertà per “ricettazione e guida senza patente” R.A., 20enne di S. Elia Fiumerapido. Il predetto controllato alla guida di un ciclomotore marca Aprilia Scarabeo, veniva sorpreso senza patente.


SPORT CALCIO PROMOZIONE

Nel test amichevole con i molisani del Fornello, Scorsini ha provato l’undici anti gialloblù

Cassino, fari puntati sull’Arce Molto probabili le riconferme di Vendittelli, Raponi e Bucolo dal primo minuto CASSINO - Procede senza intoppi in casa azzurra il cammino verso l’impegno interno di domenica contro l’Arce. Una gara assolutamente da vincere se Raia e compagni vorranno dare continuità al punto conquistato nell’ultimo turno di Bellegra. Un altro scontro diretto che vale doppio e che giunge in un momento in cui la formazione guidata da Mollicone è riuscita a risalire le sabbie mobili del fondo classifica con una serie di prestazioni convincenti che hanno fruttato punti preziosi ad un gruppo partito nel peggior modo possibile ma che ha saputo rialzare la testa nel giro di un mese, anche grazie a qualche innesto operato da una società corsa ai ripari. Ieri pomeriggio, sotto

una pioggia battente, la truppa cassinate ha svolto il classico test amichevole del giovedì, sfidando il Fornelli, compagine che milita nel campionato d’Eccellenza molisana protagonista di un ottimo avvio di stagione. Gli azzurri si sono trovati di fronte un avversario tosto ed

organizzato, proprio quello che aveva chiesto il tecnico marco Scorsini che, come d’abitudine, ha fatto ruotare tutti i giocatori della rosa. Gli unici assenti erano i portieri D’Aguanno e Pocino(la porta azzurra è stata difesa dal preparatore Tagliaferri) e Danilo Macari che, a differenza dei compagni, si allenerà questo pomeriggio prima di svolgere la rifinitura di domani mattina col resto della squadra. Il test amichevole ha fornito importanti indicazioni per quanto concerne l’undici che scenderà in campo dal primo minuto con l’Arce. Scorsini ha scelto una linea difensiva formata da Vendittelli, Fiorentini, Raponi e Capocci; a centrocampo Di Vito, Raia, Russo e

Bucolo con De Luca e Marsella di punta. Potrebbe essere questo il Cassino anti Arce, soprattutto considerando la buona prestazione di Vendittelli e Raponi in quel di Bellegra che relegherebbero in panchina Palombo e Tomas, due giocatori che hanno speso tanto e che

non sembrano essere al massimo della forma. Stesso discorso per Palma che potrebbe essere sostituito dal rientrante Di Vito, con Lata pronto a giocarsi la sua chance per partire dall’inizio. Confermato anche Bucolo: il giovane fuoriquota classe ‘92 ha convinto il mister che sembra orientato a confermarlo anche domenica. La partita amichevole con il Fornello è terminata con il punteggio di 2 a 1 per gli ospiti che hanno approfittato della mancanza dei portieri azzurri. Per il Cassino è andato a segno Tarabonelli nel secondo tempo, quando Scorsini ha dato spazio a tutti gli effettivi a disposizione, provando anche la soluzione tattica della difesa a 3 formata da Palombo, Fiorentini e Tomas.

SCHERMA

CASA CASSINO

Il Cus Cassino ottiene grandi risultati con i ragazzi impegnati nella scherma

I dubbi del tecnico azzurro legati al terreno pesante

CASSINO - Ancora belle prestazioni degli atleti del Cus Cassino Scherma che nell’ultimo week end hanno ben figurato nelle gare a cui hanno partecipato. Grandi soddisfazioni sono arrivate da Maurizio Lischetti che nella Seconda Prova Master di Spada, disputata domenica 14 novembre a Foggia, si è piazzato al sesto posto assoluto. Dopo una bella e convincente prova nel girone, dove vinceva ben 6 dei 7 assalti previsti, entrava di diritto nel tabellone dei migliori sedici riuscendo a sconfiggere Andrea Vernalone 10 a 9 al termine di un entusiasmante assalto e accedendo così ai quarti di finale. Qui la strada si interrompeva contro Marco Catto dopo un altro assalto incertissimo terminato 9 a 8 per lo schermidore del Club Santeramo. Nella classifica finale l’atleta cassinate chiudeva così al sesto posto che rappresenta un risultato di prim’ ordine e che gli consente di entrare nel ranking italiano dopo la prima prova. Mentre a Foggia si disputava la se-

conda prova Master a La Spezia andava in scena la Prima Prova Nazionale Giovani, in pedana tutti i migliori under 20 italiani, la squadra del Cus Cassino era rappresentata nella spada da Renato Nunziata, diciassettenne cassinate, inserito nell’undicesimo dei quaranta gironi, ben si comportava tuttavia non riusciva a qualificarsi per la fase ad eliminazione diretta. Nella gara femminile il Cus Cassino schierava Marta Zapparato, classe 96, che partecipava a questa importante gara grazie alla qualificazione ottenuta tre settimane fa a Novara nella prova cadetti. Nella categoria delle più grandi, la giovane Marta non si qualificava per i turni ad eliminazione diretta pur disputando un buon girone di qualificazione dove incontrava ben tre azzurrine tutte vincenti di una sola stoccata. Alla luce di questi risultati la scherma cassinate compie un altro importante passo in avanti dimostrando la crescita continua dei propri atleti.

CASSINO - La formazione anti Arce sembra fatta, ma restano di considerare una serie di variabili che consentiranno al tecnico Scorsini di sciogliere i nodi relativi all’undici che partirà dall’inizio soltanto al termine della rifinitura che si svolgerà presso lo stadio Salveti nella mattinata di domani. In particolare, l’attenzione del mister cassinate è rivolta sui fuoriquota a sua disposizione: considerato che verrà concessa un’altra chance a Vendittelli resterà fuori Palombo. In questo modo l’unico fuoriquota della difesa sarà Capocci e gli altri due, di conseguenza, andranno ad occupare i ruoli di cursori di fascia di centrocampo. Di Vito, Bucolo, Palma e Lata sono in ballottaggio per due posti, con i primi due nettamente favoriti per una maglia da titolare. Si profila ancora panchina per il rientrante Kiszka, mentre la variabile del campo appesantito dalla pioggia potrebbe suggerire al tecnico Scorsini di optare per una formazione più muscolare. Magari con Tarabonelli al fianco di Marsella in luogo del “folletto “ De Luca.

Ronaldinho sicuro: “Resto in rossonero”

Stampa contro Capello: “Stupido col cappello”

«Sono tranquillo, voglio fare bene per restare tanto tempo al Milan, voglio restare anche l'anno prossimo e non manca nulla».Ronaldinho ha parlato così a proposito del suo futuro al Milan,legato a un contratto che scade a giugno e solo in primavera sarà ridiscusso, come ha chiarito anche ieri l'amministratore delegato Adriano Galliani. Ronaldinho è sbarcato a Malpensa assieme agli altri milanisti e interisti protagonisti ieri della sfida fra Brasile e Argentina a Doha, in Qatar.

Senza logica e senza anima: la stampa britannica boccia senza appello l'Inghilterra di Fabio Capello, nuovamente bersaglio degli insulti dei tabloid: «Uno stupido col cappello». Irriverente e volgare con il commissario tecnico,il Sun è tranciante nel giudicare la prestazione deiTre Leoni,sconfitti aWembley dalla Francia.Tutta colpa del tecnico italiano - scrive il tabloid - «apparso una volta di più incapace di capire mentre la Francia dominava a Wembley».

9 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEMbRE 2010


ANNO i - N° 204 - veNerdì 19 NOvembre 2010 - distribuziONe grAtuitA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita giOrNALe sAtiriCO

PIANO RIFIUTI: LA PATTUMIERA DEL LAZIO www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A RENATA POLVERINI Più passa il tempo più il Governatore del Lazio dimostra non solo di non avere rispetto, ma neppure di tenere in considerazione la nostra provincia. Prima con la composizione della Giunta, poi con il piano sanitario regionale adesso con il piano rifiuti che ci penalizza e non poco. Sappia, però, l’ex sindacalista dell’Ugl che i ciociari non hanno alcuna intenzione di diventare la “pattumiera” della Capitale, ricevendo tutti i rifiuti di Roma una volta che la discarica di Malagrotta sarà esaurita. La provincia di Frosinone, in modo particolare la zona meridionale, hanno pagato un prezzo molto alto in fatto di discariche, rifiuti e siti di stoccaggio, ragion per cui la gente è davvero stufa di continuare a respirare “monnezza”.

L’OSCAR DEL GIORNO A CARLO MIRABELLA Ha deciso di raddoppiare gli ambulatori presenti nel Comune capoluogo per ridurre le lunghissime liste di attesa. In occasione della conferenza stampa per informare la cittadinanza dell’apertura del nuovo nosocomio, il direttire generale della Asl aveva precistato che in Via Mazzini sarebbero rimasti tutti gli ambulatori per continuare a garantire il servizio all’utenza. Ieri, invece, Mirabella ha annunciato il raddoppio di quei servizi, informando che oltre agli ambulatori di Via Mazzini funzioneranno anche quelli della “Città della salute” a supporto della rete ospedaliera.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


frosinone Lo ha annunciato Mirabella. Funzioneranno quelli di via Mazzini e della Città della salute

Raddoppio degli ambulatori In questo modo si spera di poter ridurre le lunghissime liste di attesa FROSINONE - Mentre procedono a passo spedito i piani di trasferimento deelle Unità operative dell’ospedale dalla vecchia struttura di Via Mazzini a quella nuova di Via Armando fabi, una’altra buona novità giunge sem,pre dal settore sanitario. Si tratta di una notizia che dovrebbe far ben sperare i frusinati almeno per quello che rigurada le erogazioni dei servizi ambulatori. Raddoppieranno, infatti, gli ambulatori nel Comune capoluogo. Il direttore generale della Asl Carlo Mirabella, ci tiene a fare sapere agli utenti che “gli ambulatori che sono ormai allocati in viale Mazzini non sono gli unici a operare ma ci sono pure quelli ospedalieri che sono allocati nella "Città della salute" di pertienza ospedaliera”. Insomma, raddoppieranno gli ambulatori spe-

cialistici. E le liste d'attesa dovrebbero ridursi sensibilmente. E questo è l’espetto più rilevante di una questione che non è certamente da sottovalutare. Il problema delle liste di attesa per una visita specialistica rappresentano il grosso “male” della sanità ciociara. Con il raddoppio dei servizi ambulatoriali la speranza è che si possano snellire le procedure di attesa e permettere a tutti i pazienti, in tempi relativamente brevi, di essere sotoposti a visita. Intanto, come dicevamo, le normali attività, in questi giorni di trasloco, non hanno fatto registrare intoppi o disagi. Inoltre va sottolineato che la struttura di viale Mazzini riceverà anche gli allievi infermieri e quanto prima altre branche grazie alla collaborazione con Tor Vergata e Sapienza. Da non dimenticare che anche gli altri

Parco degli Aurunci Fondi per la sentieristica FROSINONE - Manutenzione, tabellazione e riqualificazione dei sentieri del Parco dei Monti Aurunci. E’il complesso progetto a cui ha lavorato l’ufficio del settore Naturalistico, studi, ricerche e tutela della biodiversità dell’Ente. Si tratta di un intervento finalizzato a migliorare sia la conoscenza del territorio, attraverso una lettura più semplice dei sentieri naturalistici, storici ed archeologici della cultura Aurunca sia a rendere maggiormente fruibile l’ area protetta. L’intero progetto fa parte del POR ed è stato finanziato per 327 mila euro per “Valorizzare le strut-

2 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010

ture di fruizione dell’area carsica Aurunca “. L’attività di ricognizione dei sentieri è stata seguita da un team di progettisti che sono stati coordinati dall’Ufficio naturalistico ed ha tenuto conto delle esigenze degli escursionisti e delle normative generali riconosciute a livello nazionale. Sono state coinvolte, pertanto, le istituzioni locali ed alcune associazioni per supporti tecnici, culturali e naturalistici. Per la numerazione dei sentieri si è tenuto conto del Catasto regionale del Lazio, del manuale del Club alpino italiano e si è utilizzata la Toponomastica in Igm.

presidi di zona non saranno completamente cancellati ma presteranno dei servizi ambulatoriali e radiologici.

Piano regionale rifiuti Migliorelli: adesso basta! FROSINONE - “La pazienza è finita. Dopo l'adozione di un piano sanitario che calpesta i territori, dopo l'aumento dei pedaggi autostradali, dopo la scelta di escludere rappresentanti di Frosinone dalla Giunta regionale, oggi la Polverini vuole risolvere i problemi di gestione dei rifiuti nella capitale “scaricandoli” sulle province, tra cui la nostra”. Netta la presa di posizione del futuro segretario provinciale del PD Lucio Migliorelli sulla questione del piano dei rifiuti che venerdì dovrebbe essere approvato dalla Giunta regionale e che estende dall'ambito provinciale a quello regionale l'autosufficienza per i rifiuti avviati in discarica.“In buona sostanza, qualora venisse adottato, questo piano creerà il presupposto

per il trasferimento dei rifiuti romani nelle discariche delle province. Un abuso inaudito, soprattutto nei riguardi di Frosinone, unica provincia della regione in cui, grazie alla responsabile gestione del problema avvenuta negli ultimi anni, il ciclo di smaltimento dei rifiuti è chiuso e completo. Siamo pronti a batterci con le unghie e con i denti per scongiurare la possibilità che arrivino da noi anche i rifiuti romani. Se, com'era prevedibile, Malagrotta andrà presto in esaurimento, non è certo la nostra provincia a doverne pagare il prezzo. Anche se non ci sono riusciti finora, spetta agli amministratori della capitale porre rimedio a questo problema!”

Scuola, le linee guida esposte in Provincia

Mercatino in musica sul Corso Repubblica

FROSINONE - Ieri mattina presso il Palazzo della Provincia si è tenuta la riunione dei sindaci della Provincia di Frosinone, dei Capi d’Istituto e degli Assessori alla Pubblica Istruzione con l’Ass. Regionale alla Pubblica Istruzione, Sentinelli e l’Assessore Provinciale alla PI Quadrini. Scopo dell’incontro il dimensionamento scolastico 2011-2012.

FROSINONE - Continuano gli appuntamenti musicali durante il mercatino che si tiene in Corso Della Repubblica a cadenza quindicinale. Così, dopo aver portato a Frosinone il bluesman americano Michael Burks, l’associazione culturale musicale Organ Music Club, domenica 21 novembre, delizierà gli avventori del mercatino, a partire dalle ore 16,00 con altri due appuntamenti musicali.


frosinone Scoperta dalla Guardia di Finanza di Frosinone dopo alcuni controlli su una società edile

Un’evasione da tre milioni Il titolare della ditta, un imprenditore di Veroli, è stato denunciato al fisco FROSINONE - Una nuova evasione fiscale milionaria. Un’altra attività imprenditoriale finita nel mirino della Guardia di Finanza. L’ennesima conferma di un settore che lavora in bilico tra ciò che è illegale e ciò che non lo è. Che sia una consuetudine consolidata o un’emergenza dettata dalla crisi economica, è difficile stabilirlo. Fatto sta che si tratta di un fenomeno che andrebbe attenzionato e studiato da parte delle Istituzioni le quali hanno l’obbligo di intervenire per comprendere cosa si sta inceppando nel sistema. L’ultimo episodio di ieri si riferisce alla scoperta avvenuta nell’ambito dell’ennesima attività istituzionale del Corpo gli uomini della Sezione Operativa della Compagnia della Guardia di Finanza di Frosinone che hanno concluso una verifica fiscale nei confronti di un’impresa edile di

Veroli accertando tre milioni di euro di ricavi non dichiarati al fisco ed oltre 135 mila euro di iva sottratti alle casse dell’erario. L’impresa, nonostante avesse eseguito numerosi lavori anche fuori provincia, è risultata completamente sconosciuta al fisco poiché non ha mai presentato alcuna dichiarazione né tantomeno istituito libri e registri contabili, obbligatori

per l’esercizio di tale attività. Solo il paziente e certosino lavoro svolto, con estrema professionalità, dai militari delle Fiamme Gialle ha permesso di ricostruire l’intero volume di affari realizzato dell’impresa. L’attività ispettiva in parola permetteva di contestare complessivamente 3.000.000 di euro di ricavi sottratti a tassazione, 135.000,00 euro di Iva evasa e 117.165,00 euro di IRAP. Venivano, inoltre, segnalati all’Autorità Giudiziaria numero due soggetti, titolari dell’impresa, per reati di natura fiscale. L’azione di servizio condotta a tutela dell’Entrata si è ispirata, come di consueto, agli indirizzi strategici trattati in materia dall’Autorità di Governo anche attraverso un rafforzamento della presenza ispettiva sul territorio ed una selezione mirata dei contribuenti da sottoporre a verifica.

Centri commerciali naturali Concerto “in rosa” contro il tumore al seno Nato il direttivo provinciale FROSINONE - Domani pomeriggio alle ore 17.30 presso la Sala “Daniele Paris” del Conservatorio di Musica “Licinio Refice” avrà luogo l'evento "Concerto Rosa", frutto della collaborazione tra la Lilt di Frosinone e il Conservatorio. L'evento, possibile grazie alla sensibilità del Direttore del Conservatorio Antonio D'Antò e dei suoi musicisti, è stato organizzato a conclusione della "Campagna Nastro Rosa", campagna di sensibilizzazione verso il tumore del seno e che

ha avuto luogo ad ottobre, estendendosi, con le visite di screening senologiche, dermatologiche e ginecologiche, anche al mese di novembre per via delle numerose adesioni ricevute dalla associazione Onlus. Il concerto di sabato vedrà, tra gli altri musicisti, anche l'esibizione della soprano Veronica Marini e della pianista Federica Spalvieri. La partecipazione al concerto, che è aperto a tutti, è totalmente gratuita.

FROSINONE - Presso la sede Regionale dell'Associazione dei Centri Commerciali naturali di Frosinone , si e' svolto l' incontro tra i Rappresentanti dei Centri Commerciali Naturali della Provincia di Frosinone per la costituzione del Direttivo Provinciale dell'Associazione Provinciale di Frosinone dei Centri Commerciali Naturali. Il Direttivo provinciale si propone di creare una struttura territoriale capace di coordinare le attivita' dei singoli CCN comunali assicurando agli stessi un organismo efficacemente rappresentativo dei loro bisogni davanti ad interlocutori istituzionali. Inoltre esso avrà il compito di coordinare e associazioni provinciali e le istituzioni del territorio, assicurare

Patrica, al via i lavori per installare l’Adsl

Natale 2010 a Pofi tra musica e spettacoli

PATRICA - In questi giorni, ci sono cantieri aperti lungo il territorio del Comune di Patrica e tra i lavori, in corso c’è anche il cantiere aperto dalla Telecom, per l’installazione dell’adsl a Patrica.Gli scavi per ora aperti stanno interessando la zona del Lagoscillo ed al termine dei lavori si riuscirà a dotare tutto il paese di un importante servizio.

POFI - Cultura, musica, spettacolo. Anche quest'anno l'Amministrazione Comunale di Pofi, in stretta collaborazione con le associazioni presenti nel territorio, ha predisposto un nutrito calendario di iniziative per le Festività Natalizie 2010. L’intenzione è quella di dare maggiore vitalità al Paese, creando momenti di aggregazione e di incontro. Il programma degli eventi si è aperto domenica scorsa.

ed incentivare lo scambio delle informazioni e il supporto e la collaborazione nelle iniziative intraprese. Le sinergie tra i vari Comuni della Provincia sono infatti utili allo svolgimento di attività finalizzate alla rivitalizzazione dei centri cittadini e delle attività commerciali presenti sul territorio e alla loro difesa. I servizi forniti dall'Associazione prevedono l'affiancamento per la partecipazione al bando regionale per il finanziamento dei progetti e le attività dei CCN. L'accesso per i negozi e gli artigiani ai finanziamenti a fondo perduto erogati dalla Regione per ristrutturare, ampliare oppure avviare una nuova attività.

3 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEmbRE 2010


Meteo

ORARI

SORA

MESSE ABBAZIA DI MONTECASSINO

TRENI

MATTINO

SERA NOTTE

FROSINONE

CASSINO

MATTINO

MATTINO

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

ROMA CASSINO

CASSINO ROMA

POMERIGGIO

La ricetta

Pannacotta al cocco e cioccolato Mettete in ammollo in acqua fredda i fogli di colla di pesce fino al completo ammorbidimento. Nel frattempo versate in un tegame la panna, lo zucchero e il latte di cocco quindi, mescolando per sciogliere lo zucchero, portate il composto a sfiorare l’ebollizione. Togliete il tegame dal fuoco, estraete dall'acqua e strizzate la colla di pesce, poi incorporatela al composto di panna e mescolate per farla sciogliere completamente. Suddividete il tutto in 6 stampini monoporzione, lasciate raffreddare il composto a temperatura ambiente e poi mettete gli stampini in frigorifero per almeno 4 ore. Mezz’ora prima di servire la panna cotta, preparate la salsa, tritando il cioccolato e facendolo sciogliere a bagnomaria; quando il cioccolato sarà ridotto in una crema liscia e priva di grumi, aggiungete nel bagnomaria il latte di cocco bollente e mescolate per amalgamare gli ingredienti. Lasciate intiepidire la salsa mescolando di tanto in tanto, quindi sformate la panna cotta. Per farlo, immergete lo stampino in acqua bollente per 3-4 secondi fermandovi a 2-3 mm dal bordo; col la punta di un coltellino a lama liscia incidete il perimetro della panna cotta fermandovi a ½ cm di profondità e capovolgete lo stampino sul centro del piatto da portata prescelto. Guarnite la panna cotta con la salsa di cioccolato e spolverizzatela con un cucchiaino di cocco grattugiato. Servite immediatamente.

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

CASSINO NAPOLI 1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

NAPOLI CASSINO

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

Latte (di cocco, 300 ml); Panna liquida (fresca, 400 ml); Zucchero (120 gr); Cioccolato (fondente, 100 gr); Noce di cocco (grattugiata, 6 cucchiai)

Numeri utili EMERGENZA 112 113 115 118 1515 800116

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE SANITA’

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

9.00 10.30 12.00

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE

8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE

7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE

9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE

7.30 11.00 19.00

SAN BARTOLOMEO

APPUNTAMENTI

CORENO AUSONIO

“OFFICINE CULTURALI” E' partito il 12 novembre 2010 a Coreno Ausonio il progetto “Officine Culturali” – Rassegna di Gruppi Musicali e Compagnie Teatrali emergenti. Gli spettacoli in programma prenderanno vita presso l’Auditorium Ex Chiesa San Sebastiano di Coreno Ausonio durante i mesi di novembre e dicembre 2010. Il 19 novembre sul palco si esibiranno i SouLiri di San Giorgio a Liri che presenteranno uno spettacolo di musica soul. Il festival, dedicato a gruppi emergenti che per parteciparvi hanno risposto ad un bando pubblico, verrà registrato e ciascun gruppo avrà un proprio brano inserito nel cd rappresentativo della rassegna che successivamente sarà posto in distribuzione. Obiettivo del festival è di valorizzare la cultura e l’arte nel nostro comprensorio del Basso Lazio sottolineando il legame con le nostre origini ma, nel contempo, promuovendo nuovi incontri e commistioni culturali. Incentivare e sostenere gruppi emergenti oltre ad essere un messaggio indirizzato ai più giovani vuole anche essere un modo di promuovere una terra che da sempre reca il suo contributo all’espressione artistica e culturale della nazione.

STASERA IN TV

Rete Quattro, ore 23.30

FORMULA PER UN DELITTO

ORE

19 NOVEMBRE

RASSEGNA DI GRUPPI MUSICALI E COMPAGNIE TEATRALI EMERGENTI INGREDIENTI: Colla di pesce (8 gr);

ORE

8.30 11.00 18.00

SAN BASILIO (CAIRA)

ORE

10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.) ORE

8.30 11.00

FARMACIE VENERDI’ 19 NOVEMBRE

COSTA

SABATO 20 NOVEMBRE

PRIGIOTTI

DOMENICA 21 NOVEMBRE

S.ANNA

LUNEDI’ 22 NOVEMBRE

COSTA

MARTEDI’ 23 NOVEMBRE

EUROPA

MERCOLEDI’ 24 NOVEMBRE

PRIGIOTTI

GIOVEDI’ 25 NOVEMBRE

S.ANNA

(thriller - 2002)

Due studenti Richard e Justice, ricchi, intelligenti, sicuri di sé, soprattutto annoiati, decidono, così, senza alcun movente, di uccidere una donna a caso, per compiere il delitto perfetto. Il leader è Justice, ambiguo, completamente padrone della personalità dell’altro, che sarebbe la mente scientifica dell’ ”impresa”. A indagare è Cassie (Bullock), detta la Jena, pragmatica e aggressiva. Le danno un nuovo compagno, Sam, anche lui in gamba. Dopo il falso suicidio del falso colpevole, il piano degli studenti diabolici viene intuito. I due poliziotti riescono a metterli l’uno contro l’altro e alla fine la verità viene a galla. Non è facile, in un thriller, non essere banali o cadere inesorabilmente nel già visto. Schroeder c’è riuscito. Presentato a Cannes. Regia di Barbet Schroeder, con Sandra Bullock, Chris Penn, Ben Chaplin, Ryan Gosling.

ANNO I - N° 204 - VENERDì 19 NOVEMbRE 2010


SPORT CALCIO SERIE B

Alla vigilia della sfida con gli abruzzesi di Di Francesco, Carboni cambia pelle alla squadra

Frosinone, prove anti Pescara Lodi accentrato nel ruolo di playmaker, Aurelio o Basso sulla corsia di destra FROSINONE - E’ la vigilia del match verità contro il Pescara di Eusebio Di Francesco: il Frosinone, come di consueto, effettuerà questo pomeriggio la seduta a porte chiuse allo stadio casaleno, durante la quale il mister Guido Carboni scioglierà gli ultimi dubbi di formazione. Il tecnico canarino fa la conta degli acciaccati, quei giocatori che non sono al meglio ma che faranno di tutto per recuperare in vista di un impegno dal quale il Frosinone deve trarre il massimo possibile: semplicemente i tre punti, se possibile corredati da una prestazione convincente che sgombri il campo dalle ultime polemiche nate a seguito dele tre sconfitte consecutive subìte

nel giro di una settimana. Hanno lavoro in palestra a base di fisioterapie per Grippo, Santoruvo, Biso e Stellone mentre Sicignano è tornato ad allenarsi seppur con carichi di lavoro ridotti sia in palestra che sul campo. Allenamento misto tra palestra e campo anche per Cariello, Bottone e Sansone, che sono tutti e tre recuperati, così come Sicignano e Santoruvo. Per quanto riguarda il modulo al quale si affiderà carboni, Tutto lascia pensare che si vada verso la conferma di Francesco Lodi nel ruolo di regista, così come capitato lo scorso sabato a Padova. Carboni sembra orientato a riproporre l’esperimento (riuscito) di una settimana fa, quando accentrò Lodi asse-

gnando al suo giocatore di maggior talento i compiti del playmaker. In quella occasione Francesco ha disputato una delle migliori partite di questa stagione e, visto che il Frosinone nei precedenti appuntamenti aveva palesato la carenza di qualità in mezzo al

campo, Carboni ha pensato bene di accentrare Lodi per farlo agire da “direttore d’orchestra”. Questa soluzione dunque ha fornito delle risposte incoraggianti e allora proprio per questo motivo anche contro il Pescara si rivedrà il Lodi regista dell’ultima trasferta. L’accentramento di Lodi libera un posto sulla fascia destra che verrà occupato da uno tra Aurelio o Basso. Il primo appare in leggero vantaggio sul compagno, anche se Carboni potrebbe pensare ad una fisiologica alternanza tra i due esterni: se Aurelio ha giocato a Padova adesso potrebbe allora toccare a Basso. Il resto della formazione è praticamente deciso, con Guidi che rientrerà in

difesa al posto di Ben Djemia e Sansone che sarà ancora l’esterno di sinistra pronto ad aiutare Santoruvo in attacco. E allora il probabile undici antiPescara sembra essere il seguente: Sicignano tra i pali; linea difensiva composta da Catacchini, Terranova, Guidi e Bocchetti; a centrocampo largo a Aurelio (o Basso), Lodi, Bottone, Cariello e Sansone; in attacco confermato ovviamente Santoruvo. Naturalmente, come detto prima, Sansone sarà tra tutti i centrocampisti quello che più di frequente avanzerà il proprio raggio d’azione e allora in questo caso il modulo tattico diventerà un 4-4-2 classico con Lodi e Bottone centrali e Aurelio (o Basso) e Cariello esterni.

VOLLEY SERIE D FEMM.

EQUITAZIONE

Le ragazze di coach Lollo riprendono la marcia con un grande colpo esterno

Capocchia e Leri laureati Campioni Europei 2010

SORA - Le ragazze di coach Lollo della Biosì Sora aggiungono altri 2 preziosissimi punti alla classifica di serie D imponendosi in casa sulla Caf C.D.P. Roma con un bello e combattuto 3-2. Si è trattato di una delle migliori partite giocate fin’ora dalla compagine rosa di corso Volsci che anche questa settimana ha mosso la classifica e con essa anche la soddisfazione e la gioia di atlete e società. L’avvio di gara non è stato tra i migliori con il primo set che ha viaggiato tra il molle e l’incerto però, con i consigli di mister Lollo il sestetto in campo reagisce e comincia a lottare su ogni pallone. La reazione d’orgoglio ha permesso al team rosa di recuperare il gap dal 16-21 e vincere il parziale ai vantaggi, 29-27, mostrando davvero tanta tenacia e determinazione. Questo andamento è stato mantenuto fino alla fine del match e ha permesso alla Biosì Sora di regalare un’altra gioia casalinga al proprio pubblico. Pro-

cede quindi positivamente il cammino del team volsco nel campionato di serie D che continua a raccogliere risultati positivi contro tutte quelle squadre che lotteranno assieme ad essa per la permanenza nella categoria. Queste infatti, sono vittorie che valgono doppio in quanto ottenute contro le dirette rivali. Coach Lollo ancora una volta ci tiene a fare “un elogio a tutto il gruppo che è stato davvero eccezionale. Vorrei complimentarmi in modo particolare con la nostra alzatrice, Martina Terzigni, una ragazza davvero in gamba che partita dopo partita sta crescendo davvero tanto dal punto di vista tecnico riuscendo a organizzare il nostro gioco con sapienza e acume tattico. Dobbiamo continuare ad allenarci duramente tutta la settimana in palestra per cercare di migliorarci sempre più cercando di non sentirci mai appagate per i risultati positivi che stiamo raccogliendo il sabato in campo”.

Ottime notizie dalla Francia, dove, nel Campionato europeo FITE di monta da lavoro in svolgimento a Montpellier in Francia, gli atleti laziali Eros Capocchia e Daniele Leri, in squadra con l' umbro Enrico Biancarini, si sono laureati Campioni Europei di Monta da Lavoro Tradizionale". Quando Eros mi ha telefonato per comunicarmi la notizia - ci ha detto il Presidente Regionale del Lazio Avv. Alessandro Silvestri - la gioia è stata enorme perchè , per Daniele Leri e Eros Capocchia ,che sono stati vittima a Verona di una ingiustizia che non gli ha permesso di arrivare rispettivamente primo e terzo nel Campionato Italiano di specialità. Dopo aver trionfato nel Campionato Regionale di Monta da Lavoro Tradizionale, il bravissimo Franco De Mattia ha vinto a Fieracavalli Verona anche il titolo di Campione Italiano Juniores di Monta da Lavoro Tradizionale."Con tutto il rispetto per i nostri atleti seniores- ha commentato il Presidente del Comitato Regionale del Lazio Avv. Alessandro Silvestri -la vittoria di un giovane viene accolta sempre con enorme soddisfazione perchè significa che questa disciplina non morirà mai e dietro i più esperti incominciamo a creare nuove leve.

Perinetti:“Paolucci fuori per sua scelta”

Ogbonna corteggiatoanche dal Man. City

Il direttore sportivo del Siena, Giorgio Perinetti sta già lavorando per cercare di cedere, alla riapertura della campagna trasferimenti calciatori, l'attaccante Michele Paolucci ormai da tempo ai margini della prima squadra. "Il giocatore non è potuto andar via a giugno – spiega Perinetti- e adesso stiamo lavorando per trovare una collocazione a gennaio visto che noi abbiamo fatto altre scelte”.

Dai rumours circolati presso i media inglesi e rimbalzati sul fronte italiano giunge una novità riguardante il futuro del nazionale Under-21 Angelo Obinze Ogbonna (22). L'ambìto difensore centrale del Torino, nativo di Cassino e di origine nigeriana, come noto da tempo nel mirino di Arsenal ed Everton, sarebbe stato ora adocchiato anche dalla dirigenza del Manchester City.

5 ANNO I - N° 204 VENERDì 19 NOVEMBRE 2010


lagazzettacassino191110a  

IL TAPIRO DEL GIORNO A TELEUNIVERSO L’OSCAR DEL GIORNO ALLE MAMME DEL COLOSSEO ANNO I - N° 204 - veNerdì 19 NOvembre 2010 - dIstrIbuzIONe gr...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you