Page 1

APPUNTI I Consiglieri e il Commissario

PERLE Aspiranti sindaci

Gli ex capigruppo consiliari ieri sono andati a rendere la visita di cortesia al Commissraio Pagliuca. Non c’erano tutti. Chissà perchè? Malati o al lavoro. Tutti hanno riproposto le cose non fatte in questi anni. Critici quelli della maggioranza più di quelli dell’opposizione. Forse sono ancora arrabbiati con Scittarelli.

Dopo l’abbuffata di nomi delle settimane scorse adesso pare fermarsi la corsa alla candidatura alla poltrona che fu di Scittarelli. Forse tutti stanno lavorando in sordina per non far sentire al nemico i propri programmi. E’ probabile, però, che diversi ci abbiano ripensato. Troppo alta la spesa.

ANNO I - N° 179 MARTEDì 19 OTTObRE 2010 DISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. e fax 0776.278040 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

LE “CORNA” NEL PDL www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO AGLI INDISCIPLINATI A quegli automobilisti indisciplinati che domenica sera al corso della repubblica e in via Marconi hanno parcheggiato in curva, c’era il mercatino, impedendo a dun pulman turistico di passare. Dopo una vana attesa sono dovuti intervenire i vigili urbani che hanno liberato la strada facendo passare il pulman. E poi sono fioccate le multe a decine di vetture parcheggiate irregolarmente, oltre che in curva anche negli spazi per i disabili, sui marciapiedi. Insomma ci sono voluti i vigili urbani per riportare l’ordine nel traffico caotico di una domenica sera.

L’OSCAR DEL GIORNO A FACOLTA’ INGEGNERIA Alla facoltà di Ingegneria per UnicasNet che ha un valore di 4,550 milioni di euro finanziati dal Miur, Ministero Università e Ricerca, ed è stata interamente progettata dai ricercatori dell’ateneo cassinate. Un cavo di 72 fibre ottiche che attraversa 80 chilometri di provincia, arrivando fino a zone neanche raggiunte dall’adsl, come la Val di Comino. La realizzazione di UnicasNet ha rappresentato una straordinaria occasione per studiare, affrontare e risolvere i principali aspetti tecnologici, impiantistici e realizzativi.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE Ordine del gip, il 20enne romano condotto nel carcere di “Regina Coeli”

Maricica, manette a Burtone Si teme la fuga da parte del giovane. Il legale :“non è l’unico responsabile” ROMA - Si aprono le porte del carcere per Alessio Burtone, il giovane di 20 anni accusato di avere con un pugno provocato la morte di Maricica Hahaianu, infermiera romena deceduta venerdì scorso in un ospedale romano. Il gip ha firmato l'ordinanza notificata dai carabinieri a Burtone. Il giovane lascerà gli arresti domiciliari e sarà condotto nel carcere di Regina Coeli. Pericolo di fuga e di inquinamento delle prove. Per questo motivo il gip Sandro Di Lorenzo ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per Alessio Burtone. Nonostante tutto è «sereno e pronto a rispettare la decisione del gip». A riferirlo è Fabrizio Gallo, avvocato del ventenne romano che dopo una banale lite per una fila alla stazione dellametropolitana Anagnina ha sferrato un pugno ad un'infermiera romena, Maricica Hahaianu, 32 anni, morta venerdì scorso dopo una settimana di agonia.«Ci potremmo trovare anche davanti al fatto che Alessio non abbia tutta la responsabilità. Così cambierebbe il quadro probatorio. Nel caso in cui fossero accertate responsabilità da parte dell’ospedale, Alessio risponderebbe di delitto colposo per

reato di omicidio e la pena prevista sarebbe da uno a cinque anni». Lo ha detto Fabrizio Gallo, legale di Alessio Burtone. «Se tornassi indietro mi farei menare ma non alzerei più le mani in vita mia». Sono queste le parole di Alessio Burtone, il ragazzo che ha sferrato un pugno all’infermiera romena Maricica alla stazione metro Anagnina di Roma, ripetute in questi giorni e riferite dal legale del ragazzo, Fabrizio Gallo. «Stiamo valutando la possibilità di presentare querela contro chi ha definito Alessio assassino. Qualora la perizia dovesse dare la responsabilità della morte di Maricica ad altri chi ha usato frasi offensive ne subirà le conseguenze sia penali che civili». Lo ha detto Fabrizio Gallo, avvocato di Alessio Burtone. «Il sindaco ha usato delle frasi offensive. Mi pare abbia definito Alessio un assassino. Se fosse così ci sarà una querela da parte della famiglia», ha concluso il legale. «I politici dovrebbero essere più prudenti prima di chiamare un ragazzo assassino. Perché se così non fosse non ci farebbero una bella figura». Ha aggiunto Fabrizio Gallo. I medici del Policlinico Casilino: accuse strumentali. «Le dichiarazioni

di alcuni familiari di Maricica Hahaianu sono gravi. Crediamo che le accuse sulla responsabilità dei medici riguardo alla sua morte possano essere strumentalizzate e utilizzate per alleggerire la pena dell'accusato». È quanto hanno fatto sapere alcuni medici del Policlinico Casilino di Roma, dove era ricoverata la donna romena. Il grande piazzale della stazione Anagnina intitolato a Maricica Hahaianu. La proposta verrà approvata nel prossimo Consiglio del

X Municipio per poi essere sottoposta all’attenzione del Consiglio comunale. «Sono sicuro riceverà il consenso di tutte le forze politiche», aggiunge il presidente del X Municipio Sandro Medici. «La violenza è sempre da condannare ed è sempre stupida, al di là di chi la compie e di chi, ahimè, la subisce». Lo dice il presidente della Camera, Gianfranco Fini, riferendosi alla morte di un infermiera romena a Roma. «Si tratta - spiega Fini - di uno degli episodi di ordinaria violenza nelle città italiane. Mi rifiuto di dare una lettura di tipo etnico-razziale. Così come è profondamente sbagliato quando uno straniero aggredisce un italiano dire vergognatevi, siete incapaci di rispettare le regole, sarebbe altrettanto fuor di luogo rovesciare il ragionamento», conclude. « Alessio Burtone con il gravissimo gesto che ha commesso si è dimostrato un soggetto socialmente pericoloso che non merita di rimanere agli arresti domiciliari. Un atteggiamento di questo genere sarebbe visto da tutta la città di Roma come una pericolosa indulgenza, un atto di ingiustizia ed un esempio assolutamente negativo», questo il parere del sindaco Gianni Alemanno.

Mondiali nuoto 2009, il gip “Palombara Sabina” dissequestra l’Aquaniene senza sala operatoria ROMA - Il gip Donatella Pavone ha disposto il dissequestro il circolo sportivo Aquaniene, accogliendo una istanza presentata dal legale di Giovanni Malagò, presidente del circolo. Il gip ha disposto «la restituzione all'avente diritto» della struttura sportiva di via dell'Acqua Acetosa che era stata sede di alcuni eventi dei Mondiali di nuoto. Il circolo era stato posto sotto sequestro per abusi edilizi legati proprio alla kermesse sportiva del 2009 e per i quali il pm Sergio Colaiocco ha chiesto e ottenuto la citazione a giudizio di 33 persone: il processo inizierà il prossimo aprile. Nell'ordinanza il gip scrive che «il reato ipotizzato nel decreto di sequestro preventivo emesso il 31 luglio scorso è quello di realizzazione di un manufatto (impianto sportivo) in mancanza del permesso di costruire». Il giudice ha «ritenuto per i motivi già espressi nel provvedimento ablatorio, che non possa costituire valido titolo per l'edificazione il provvedimento emesso dal commissario giudiziale». Il Tribunale del riesame aveva, quindi, demandato al gip «la valutazione della delibera adottata dal comune il 22 settembre». In merito al provvedimento del Campidoglio il gip ritiene che «la delibera non costituisca fatto nuovo modificativo del quadro indiziario poich‚ la valutazione del manufatto come opera pubblica effettuata dal Comune non indice sull'interpretazione già espressa». Al contrario il gip afferma «che il rilascio del certificato di agibilità (rilasciato nei giorni scorsi dal Comune ndr) e la relazione della sostenibilità urbanistica dell'intervento redatta

2 ANNO I - N° 179 MARTEDì 19 OTTObRE 2010

dagli uffici comunali competenti incida sulla valutazione delle esigenze cautelari sottese al provvedimento di sequestro».

ROMA - I soldi ci sono, stanziati dalla Regione un anno fa. Le camere operatorie della “Casa della salute” Santissimo Salvatore (l’ex ospedale di Palombara Sabina) sono però chiuse e non si vede nemmeno un operaio al lavoro. L’ospedale di Palombara Sabina venne riconvertito due anni fa in Casa della Salute, in pratica un mega poliambulatorio. Da subito (raccontano i cittadini di Palombara che affollano le ormai inaccettabili liste d’attesa) venne avviato nell’unica sala operatoria, il day surgery per la piccola chirurgia tradizionale, l’urologia, l’otorino e l’oculistica. Ogni due settimane veniva anche organizzato il “one day surgery” per interventi più particolari (tipo la chirurgia della mammella) e i medici si fermavano in reparto anche di notte. Tutto bene fino al novembre scorso quando per un problema alla distribuzione dei gas anestetici, l’attività nella sala operatoria venne sospesa e la struttura smantellata. «I chirurghi ci avevano promesso che entro un paio di settimane, un mese al massimo - continuano nella denuncia gli abitanti di Palombara - tutto sarebbe tornato come prima perché i lavori previsti erano semplici e finanziati. Invece non si vede nulla». Da quel giorno non si è visto nemmeno un operaio, gli abitanti di Palombara sono esasperati perché anche per un intervento piccolo piccolo devono recarsi negli altri ospedali. «Non sappiamo cosa rispondere alle gente, siamo disperati e questa situazione danneggia i malati. Quando è possibile sfruttiamo le amicizie con i colleghi dell’Ifo e mandiamo lì i nostri pazienti - spiega Giuseppina Nuccio, chirurgo e senologa -. Siamo demoralizzati e non conosciamo il nostri futuro. I soldi ci sono i lavori non sono iniziati e le risposte vengono rimandate di settimana in settimana». Sulla Casa della salute incombono anche i tagli del Piano di rientro dal deficit sanitario. A Palombara doverbbe restare un punto di primo soccorso con “letti tencici” per la breve osservazione e la postazione del 118, gran parte dei servizi ambulatoriali ma nelle centinaia di pagine del piano presentato al governo dalla Regione non ci sono tracce del day surgery.

Spavento Gazzè, rapinato in villa

Notizie su Di Pietro, finanziere in arresto

ROMA - Sabato mattina, poco prima dell’alba, quattro uomini con il volto coperto dai passamontagna, sono entrati nel giardino della villa del cantautore, a Campagnano, un piccolo centro a pochi chilometri da Roma. I rapinatori hanno forzato la serratura del portone d’ingresso, l’allarme era rotto e sono entrati indisturbati.Bottino 10.000 euro.

ROMA - I giudici di Milano hanno ordinato l'arresto di Fabio Diani, un militare della Guardia di Finanza in servizio a Pavia, per una seria di accessi abusivi agli archivi informatici delle Fiamme Gialle. Il finanziere avrebbe fornito informazioni riservate al giornalista di Panorama Giacomo Amadori, che riguardavano Antonio Di Pietro, Beppe Grillo, Marco Travaglio e la escort D'Addario.


REGIONE Anche tre mesi per espletare la richiesta di un over 80. Le informazioni latitano

Anziani al volante, iter interminabile ROMA - «Pronto? Vorrei sapere qual è la nuova procedura per rinnovare la patente se si ha più di 80 anni». Inizia con una telefonata al numero verde della Motorizzazione civile l’odissea per capire cosa deve fare nonno se vuole continuare a guidare. Le modifiche al Codice della strada entrate in vigore il 15 settembre prescrivono giustamente regole più ferree: obiettivo, la maggiore sicurezza in strada. Ci vorrà una mattinata e tanta volontà per scoprire, nei panni una nipote premurosa, cosa si debba fare per rinnovare la guidare. Prenotazione, certificati e visita. Gli ultraottantenni dovranno essere sottoposti a una visita presso una delle tre commissioni mediche locali (coprono il territorio di tutta Roma e Provincia) e non più come una volta esibire il semplice certificato rilasciato da un medico legale o militare presso una scuola guida ad esempio. Il giorno della visita (che va prenotata di persona) si devono presentare tre certificati. La difficoltà nel reperire informazioni: dal numero verde della

Motorizzazione (800232323) le informazioni date a volte sono giuste, in altri casi si parla di una visita presso l’Asl di appartenenza. Difficoltà anche nel reperire i numeri di telefono delle tre commissioni (al Laurentino 38 (Asl RomaC), San Basilio (AslRomaB) e Lungotevere della Vittoria (AslRomaE) se ci si rivolge alla Asl più vicina (come quella di via dell’Acqua Donzella). Quasi panico

poi, quando dicono che la visita va prenotata di persona. Ma quando? I numeri di telefono delle tre commissioni sono o perennemente occupati (quello del Laurentino 38) o sembrano non funzionanti (quelli delle atre due commissioni). Corsa alla commissione più vicina (la patente sta per scadere): gli impiegati al Laurentino 38, gentilissimi, finalmente spiegheranno la procedura. Ma i dubbi non finiscono. Attese estenuanti: alle tre commissioni si rivolgono tutti i residenti di Roma e Provincia che hanno un’invalidità o hanno avuto problemi con la droga o l’alcol. Il risultato? Tempi di attesa lunghissimi: se si prenotava al Laurentino 38 l’ultima settimana di settembre, si veniva visitati a gennaio. «Siamo già oberati dalle visite per le patenti speciali» spiega Luigi Tisei, presidente della commissione della AslRomaC (4.000 visite ogni anno). E figuriamoci gli ultraottantenni che di persona dovranno affrontare file estenuanti negli uffici già stracolmi di richieste. Può prenotare anche una terza per-

sona, ma tutti consigliano di far venire il diretto interessato. Certificati da presentare: alla visita presso la commissione si dovrà portare l’elettrocardiogramma, un certificato di una visita geriatrica, un’autocertificazione e un certificato anamnestico fatto dal medico di famiglia. «Il ministero della Sanità deve ancora predisporre un modulo standard – aggiunge Luigi Tisei – questo crea problemi di uniformità tra i certificati presentati dai medici di famiglia». Non solo: non c’è uniformità formale neanche nei certificati medici da presentare il giorno della visita. «Di concerto con il ministero della Sanità – spiegano dal ministero dei Trasporti – predisporremo al più presto indicazioni uniformi per tutte le commissioni, evitando che gli accertamenti presso una sede siano più semplici rispetto a un’altra». E se la patente scade in attesa della visita? Enrico Meneghin, 90 anni, ha appena prenotato la visita alla commissione della AslRomaC del Laurentino 38: dovrà presentarsi a gennaio, ma la sua patente scade il 26

settembre. Nel frattempo che farà? Meneghin risponde con un velo di tristezza: «Non potrò guidare». E invece il ministero dei Trasporti fa sapere che l’interessato, con il foglio che certifica la prenotazione della visita, può recarsi presso uno degli sportelli della Motorizzazione civile, e ottenere una proroga. L’informazione però non è stata ancora data agli uffici delle commissioni mediche. Mentre al Laurentino 38 consigliano comunque agli utente di chiedere alla motorizzazione, a Lungotevere della Vittoria sono categorici: «Se la patente nel frattempo scade non si può guidare». «Per accelerare le procedure - spiega Maurizio Ferraresi, presidente della commissione della AslRomaE dove ogni anno vengono fatte 30mila visite - attiveremo presto anche la prenotazione via internet». E il numero di telefono per ottenere le prime informazioni? Per un lungo periodo è stato irraggiungibile. «Per lavori alla palazzina» conclude Ferraresi. Nessuno aiuto neanche dal web: i siti della Asl non sono aggiornati.

Latina, elezioni comunali in vista Santoni della Tuscia “Nuova Area” per il centrodestra appiglio per disperati LATINA - Nuova Area, la corrente Pdl che fa capo al presidente della commissione Finanze della Camera, Gianfranco Conte, ha annunciato l'intenzione di presentare una propria lista alle comunali. Una squadra di professionisti su cui spicca il nome dell'avvocato Alfredo Loffredo, ex presidente della Camera di Commercio e figura in grando di attrarre tanti delusi del Pdl. Fra questi il noto avvocato Roberto Mantovano, fra i promotori di Forza Italia nel 1994. Non mancano esponenti politici in crescita di spazi e di consensi come Maurizio Antonelli, consigliere circoscrizionale con trascorsi in An. Presenti alla conferenza stampa indetta dalla corrente anche il consigliere provinciale Mauro Sasso, il sindaco di Priverno Umberto Macci, la

coordinatrice provinciale Elena Palazzo, il dirigente provinciale Lubiana Restaini, il "promotore" del movimento Raffaele Gallo e l'esponente latinense Dino Napolitano. Un vero e proprio «manifesto» è stato invece redatto dalla lista civica delle circoscrizioni «Latina e il Territorio». «Ci sono persone di destra e di sinistra, decideremo più avanti con chi stare, intanto pensiamo a ricevere più adesioni possibili» ha detto il portavoce della lista Mauro Bruno. Con lui anche Marco Marini, vicepresidente della terza circoscrizione e Claudio Falso, consigliere fuoriuscito dall'Udc. Per il primo «occorre badare più ai programmi piuttosto che ai nomi», il secondo ha lanciato un appello per «salvaguardare le piccole e medie industrie».

VITERBO - Maghi e cartomanti nella Tuscia continuano ad essere molto richiesti. A loro si rivolgono le persone prevalentemente insicure, che stanno vivendo un momento della propria vita difficile e che si buttano sulla magia come ultima ancora di salvezza. Non ci sono distinzioni sociali o d'età tra i clienti dei cartomanti e maghi del Viterbese: possono rivolgersi a loro sia laureati che non, sia giovani che anziani. Tutte in comune hanno però dei problemi e la sostanziale perdita di fede e di fiducia nelle proprie capacità e nelle istituzioni. C'è ad esempio, Stefano, poliziotto, che non nasconde di essersi rivolto ad un mago per avere una protezione, visto il lavoro pericoloso che svolge. Ma ci sono anche tanti ragazzi che chiedono ai maghi di aiutarli a scuola o per superare esami universitari. Anche gli anziani si rivolgono ai maghi per vari motivi. La signora G.M, di 82 anni di Viterbo, ricorda che in passato c'era a Viterbo un certo Nunziato che agiva come pranoterapeuta sistemando con le mani legamenti ed articolazioni. Ma oltre a ciò diceva di poter riportare «l'amato bene» a chi l'aveva perduto. G.M. giura che grazie a lui è riuscita a superare una crisi matrimoniale. Nella Tuscia un nome rinomato è il mago Cagliostro, più volte oggetto di servizi da parte dei media. Ai maghi ed ai cartomanti le persone si rivolgono principalmente per problemi di cuore, ma anche per trovare lavoro e per la salute, permettendo che il mago si sostituisca al medico. Ci sono poi coloro che esercitano la magia nera e, purtroppo, anche qui non mancano casi nel Viterbese, dove si registra, tra l'altro, un'alta percentuale di nuovi movimenti magici: ben 6, sui 16 laziali e dove non manca di certo la presenza di sette sataniche.

Finisce sotto il trattore, bimbo di 7 anni in coma

Si finge agente, rapina un bengalese

VITERBO - Un bambino di sette anni è in coma farmacologico al Policlinico Gemelli di Roma dopo essere stato investito dal trattore guidato dal padre nelle campagne di Sutri, in provincia diViterbo. Il piccolo si sarebbe avvicinato al trattore condotto dal padre, che stava lavorando un appezzamento di sua proprietà. L'uomo non si è accorto della presenza del figlio e lo ha travolto con una delle due ruote posteriori.

ROMA - Si è spacciato per un appartenente alle forze dell'ordine e, pistola alla mano, ha costretto un bengalese a salire sulla sua auto in un'area di servizio sulla Casilina. Poi, dopo averlo rapinato di 200 euro, lo ha abbandonato sulla Togliatti. I carabinieri della Compagnia Casilina sono riusciti ad arrestare il rapinatore, un romano di 32 anni, con l'accusa di rapina aggravata e sequestro di persona.

3 ANNO I - N° 179 MARTEDì 19 OTTObRE 2010


provincia Sanità, Polverini corregge il tiro Il governatore assicura: “Frosinone avrà il Dea di II livello”. E annuncia: “Rivedrò il Piano” FROSINONE - Si è tenuto presso la sede della Regione Lazio l’atteso incontro tra Renata Polverini, il presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli e il sindaco del capoluogo ciociaro, Michele Marini. Un colloquio tutto incentrato sul tema della sanità, dopo la rivolta che si sta accendendo in Ciociaria, all’indomani della presentazione del Piano sanitario della Regione Lazio, con i tagli e le chiusure di ospedali che prevede. Il colloquio è stato franco. Il presidente Iannarilli, come è solito e come è caratteristica del suo carattere, ha parlato chiaro. Ha detto che a Frosinone il piano è stato troppo penalizzante. Che è giusto tagliare le spese superflue, ma bisogna tenere in conto le esigenze dei cittadini. Bisogna garantire i livelli minimi di assistenza. La Ciociaria e i suoi cittadini non meritano di essere trattati in questo modo, hanno diritti che non si possono negare a nessuno. E la salute è uno di questi. Vediamo cosa è stato deciso, o almeno che impegni ha preso la Polverini. In primis la governatrice ha assicurato che Frosinone avrà il Dea di II livello, così come era scritto, uno per ogni provincia. Quindi per il nuovo ospedale Spaziani le prospettive sono positive. Dopo le aspre polemiche arrivate proprio dalla Ciociaria sul Piano, la Polverini si è detta disposta a rivedere alcuni aspetti del riassetto della

rete ospedaliera e tra pochi giorni invierà a Frosinone una commissione di tecnici per incontrarsi con i sindaci e i tecnici della Provincia, sempre nel rispetto delle linee-guida del Piano e della necessità di rientrare dal forte deficit - così come richiesto in sede governativa - ereditato dalla

precedente amministrazione regionale guidata da Piero Marrazzo. Il presidente della Regione Lazio si è detta inoltre disponibile ad accogliere le richieste circa un potenziamento del 118, soprattutto per la presenza di un medico a bordo di ogni ambulanza, ed ha assicurato che, sempre presso il nuovo ospedale di Frosinone, sorgerà una elipostazione di soccorso, attiva 24 ore su 24 (Frosinone finora è l'unica provincia a non avere questo servizio). Ora bisogna vedere se alle parole seguiranno i fatti, se la Polverini che ha dato ampie assicurazioni al presidente Iannarilli, poi le metterà in pratica. Certo, gli impegni che ha presi lasciano ben sperare, anche se nulla è stato detto circa il tema spinoso delle macroaree, visto che i sindaci chiedevano a gran voce di rivedere anche quest’ultima tematica. Positivo è l’invio dei tecnici regionali in provincia per ascoltare le esigenze del territorio, anche se si poteva fare prima. Ora, se veramente verrà messa mano al Piano, con aggiustamenti e cambiamenti, sarà un intervento a mò di rattoppo. Ai nostri rappresentanti alla Pisana, tanti e autorevoli, il compito di fare pressione sulla governatrice, in modo che anche Frosinone possa avere una sanità, se non proprio di livello eccelso, perchè comunque ad ora non è possibile, ma almeno un sistema sanitario decente.

Trasporti FS, D’Aguanno “Lavoro in chiaro”, presentata l’iniziativa della Regione Lazio e Picano incontrano i sindacati FROSINONE - Si è tenuto presso il Salone di Rappresentanza della Provincia di Frosinone il seminario di presentazione di “Lavoro in Chiaro”. La Sovvenzione Globale “LAVORO IN CHIARO” è uno strumento promosso dalla Regione Lazio, Assessorato al Lavoro e Formazione, per le politiche attive del lavoro e la prevenzione del lavoro sommerso, in attuazione del Programma Operativo del FSE 20072013, Asse II - Occupabilità. E’ volta a sostenere e accrescere l’occupazione e la sua qualità, attraverso l’inserimento e/o il reinserimento lavorativo delle persone in condizione di svantaggio e alla riduzione dei rischi di emarginazione e di esclusione sociale, con particolare riferimento al lavoro irregolare e/o sommerso. L’erogazione di contributi, per un totale di 10.000.000 di euro, ha l’obiettivo di incentivare le imprese all’assunzione e alla formazione dei lavoratori in condizioni di svantaggio. Il programma ha previsto la registrazione dei partecipanti, il saluto di benvenuto a cura dell’Assessore alla Formazione a al Lavoro della Provincia di Frosinone, Ernesto Tersigni, su-

4 ANNO I - N° 179 mArtedì 19 OttObre 2010

bito dopo l’apertura dei lavori a cura dell’Assessore regionale al Lavoro e Formazione, Mariella Zezza. Seguiranno gli interventi di Giuseppe Drei della direzione regionale Formazione e Lavoro; Dario Bergamo e Valentina Roselli della Ernst & Youg; Patrizia Di Santo e Maria Grazia Mastrangelo di Studio Come Srl; Davide De Santis e Leonardo Mariggiò di Mbs Srl. Dunque, anche la Regione Lazio scende in campo con misure concrete per arginare l’emorragia di posti di lavoro che sta investendo il territorio.

FROSINONE - Si è tenuto, presso il Palazzo della Provincia di Frosinone, un incontro tra l’Assessore Provinciale ai Trasporti, Gabriele Picano, il Consigliere regionale Annalisa D’Aguanno e i rappresentanti delle parti sindacali Oreste Della Posta (Cgil), Luigi Cocuzzoli (Orsa), Nicola Recine (Ugl), Enrico Capuano e Brunello Maggi (Cisl), sui gravi problemi che si incontrano quotidianamente sulla tratta ferroviaria Roma Cassino e tanti disagi creano ai viaggiatori, in particolare ai pendolari. In particolare la discussione si è focalizzata sulle ripercussioni, gravissime, che si sono registrate anche sulla nostra tratta a causa dei tagli applicati dalle regioni confinanti, in particolare Campania e Molise, che vanno ad aggravare una situazione già molto pesante per i viaggiatori (ritardi, treni stracolmi, riscaldamento e aria condizionata spesso guasti, toilette sporche o guaste ed inutilizzabili ecc.). A tal proposito è stato preso l’impegno di convocare entro la prossima settimana una riunione dei sindaci

della provincia per realizzare un documento unitario da presentare nelle sedi opportune per fare in modo che qualcosi cambi in concreto. Inoltre, nei primi giorni del mese di novembre, è previsto un incontro dell’Assessore Picano con i parlamentari regionali eletti a Cassino e il direttore di Trenitalia Lazio proprio per presentare ed in seguiti affrontare in maniera concreta i problemi dei pendolari. Servono questi incontri perché il problema dei pendolari è sempre più grave. Ma soprattutto serve intervenire concretamente per risolverli. Sono sempre più pressanti le richieste che vengono dai territori. Fa bene l’assessore Picano ad interessati al disagio. Da questo punto di vista, la Provincia è presente e attenta. Ora tocca agli enti che gestiscono il servizio intervenire. Cotral e Fs, se ci siete battete un colpo e interevenite. I pendolari non ce la fanno proprio più ed una soluzione a questa situazione inscresciosa dovrà essere trovata nel minor tempo possibile.

Quadrini: “Subito i lavori a Ceccano”

Corsi agricoltura, ok Cia-Provincia-Agenzia

L’assessore provinciale all’edilizia scoalstica e pubblica istruzione, Gianluca Quadrini interviene in merito ai lavori che si devono realizzare al Liceo Scientifico e all’Istituto alberghiero di Ceccano:“Per i lavori da effettuarsi all’Ipssar e al Liceo Scientifico e che prevedono l’adeguamento di nuove aule voglio precisare che la Provincia ha completato già da 2 settimane tutte le procedure amministrative necessarie alla realizzazione degli interventi.

Pare avere prodotto gli effetti sperati il vertice che si è tenuto a Frosinone tra il presidente della Cia, Confederazione italiana agricoltori, Mario Mancini con i rappresentanti dell’Agenzia Frosinone Formazione,. L’Agenzia Frosinone Formazione ha ribadito la sua volontà di investire in questo importante settore di crescita e sviluppo per il territorio. I corsi ci saranno appena la Regione assegnerà le risorse alla Provincia.


provincia Due bandi per l’occupazione Stage ed incentivi per l’assunzione dei disoccupati. La soddisfazione di Iannarilli e Tersigni FROSINONE - Dopo le tante polemiche relative all’inoperosità dell’amministrazione provinciale, tanto che un sondaggio non ha premiato il presidente Iannarilli sul gradimento da parte dei cittadini, ecco una nuova risposta che dimostra come dalle parti di palazzo Gramsci in realtà si sta operando. Prima il colpo assestato nel settore dei lavori pubblici con i 129milioni di euro stanziati per il piano triennale delle opere pubbliche, la manutenzione delle strade e degli edifici scolastici. Ora un nuovo squillo di trombra in un settore strategico per la crescita del territorio. Il settore del lavoro e della formazione professionale. Come recita un comunicato emesso dall’ufficio stampa della Provincia sono in arrivo due interessanti iniziative messe a bando che possono servire a risollevare, a livello lavorativo, le disastrate condizioni in cui versa il nostro territorio. Il settore Politiche Formative e del Lavoro ha pubblicato due bandi nell’ambito del servizio delle “Attività formative e della Formazione Pro-

fessionale”. Il primo, molto importante e innovativo per la nostra area, è l’avviso per l’Attivazione del programma integrato per favorire l’inserimento occupazionale della provincia di Frosinone. E’ concepito per favorire esperienze di lavoro presso le imprese mediante una indennità sotto forma di borsa lavoro e, nella seconda fase, nell’erogazione di aiuti per l’assunzione dei soggetti che le imprese stesse hanno formato, a patto che li tengano con un contratto a tempo indeterminato. “Sentiamo dire da anni – commenta il presidente della Provincia, Antonello Iannarilli – che il lavoro presso le aziende del nostro territorio ci sarebbe ma mancano le figure professionali adatte. Ecco, il nostro bando non solo fornisce l’indennità a coloro che si sottopongono alla formazione lavorativa presso le aziende, in modo che esse stesse possano formarli per il lavoro che serve ma le aiutiamo anche ad assumerli con un contributo. Credo – conclude Iannarilli – che si tratti di un bando molto

efficace e che gli imprenditori e i potenziali lavoratori possano usufruirne con profitto. Abbiamo anche pensato di destinare specificamente buona parte dell’impegno finanziario di questo bando a coloro che costituiscono l’anello debole del mondo del lavoro:

i giovani, le donne e le persone con problemi. Inoltre abbiamo emesso un bando indirizzato all’alta formazione e cioè destinato ai laureati per favorirne l’ingresso nel mondo della ricerca e dello sviluppo”. “L’Obiettivo dell’iniziativa – dice l’assessore provinciale alla Formazione professionale Ernesto Tersigni - è favorire l’inserimento nel mondo del lavoro delle fasce più giovani, anche con particolare riguardo ai laureati e alle donne, contrastando il fenomeno della mancata assunzione per carenza di esperienza lavorativa, attraverso la realizzazione di percorsi di accompagnamento a un primo inserimento lavorativo di figure professionali specializzate ed al passo con le richieste di occupazione dei giorni nostri, in un momento storico in cui i nostri giovani non trovano sbocchi soddisfacenti vedendosi costretti a valutare l’ipotesi di guardare altrove. Si tratta di un bando cospicuo dove sono stati impegnati due milioni di euro e dove l’Amministrazione provinciale ha intenzione in futuro di destinare altre risorse”.

Giansanti e Patrizi dicono la loro Messe a tacere le polemiche sulla riforma dei collegi elettorali col nuovo piano triennale FROSINONE - A chiarimento dell’atto deliberativo inerente la riorganizzazione dei collegi, il Presidente ed il Vice Presidente della Commissione Affari Generali Riordino Istituzionale, Sara Giansanti e Giuseppe Patrizi precisano quanto segue. Chiarisce Sara Giansanti: “La riduzione del numero dei collegi è un problema molto delicato e sentito dalle forze politiche, proprio per questo sono stati fatti tutti gli sforzi possibili coinvolgendo Consiglieri, sia di maggioranza che dell’opposizione e non solo i consiglieri facenti parte della Commissione, ma l’intero Consiglio Provinciale. L’Assessore Paliotta ha cercato di ascoltare tutti tenendo presente le difficoltà territoriali e le esigenze di quei piccoli comuni confinanti tra di loro. Certo che una ridefinizione dei collegi riducendo da 30 a 24 non trova tutti d’accordo e nemmeno l’amministrazione Provinciale poteva non presentare una sua proposta e lasciare che il Ministero dell’Interno se ne occupasse.

Le forze politiche dovrebbero analizzare come erano prima i 30 collegi, con numero di elettori che oscillava da 10.000 a 20.000 e che questi ultimi erano fortemente penalizzati. Aggiunge il consigliere Patrizi: “Molti dei consiglieri di opposizione che per ragioni di propaganda politica e di interessi di partito ora gridano allo scandalo, hanno dato il loro lasciapassare perché contenti della definizione dei proprio collegi. Sarebbe scortese fare i nomi, ma vi assicuro che sono davvero tanti e che il loro continuo trasformismo a questo punto è inaccettabile oltre che intollerabile”. Ha votato a favore anche la Consigliera Provinciale Laura Materiale la quale ha giudicato la proposta seria ed equilibrata, svincolata da logiche politiche e partitiche e soprattutto tra le tante proposte, la migliore possibile. Di conseguenza riteniamo che sia la Commissione che l’Assessore Paliotta abbiano fatto il massimo sforzo possibile nella sua continua opera di mediazione posta in essere.

FROSINONE - Finalmente la giunta provinciale e la maggioranza cara al presidente Iannarilli ha perso la decisione che tutti stavano aspettando. L’approvazione del Piano triennale delle opere pubbliche e l’intervento per la manutenzione delle strade e della messa in sicurezza degli edifici scolasticiSe ben ci pensiamo, erano in tanti, da tutte le latitudini e da ogni colore politico, che lamentavano questa mancanza. Ora, ed è proprio il caso di aggiungere, “Era ora!”, è stato fatto. Ed è un atto importantissimo perchè la delega ai lavori pubblici, così come quella alla formazione, sono le attività più importanti che gestisce l’amministrazione provinciale. Proprio per non passerà come un ente inutile, va benissimo l’approvazione della delibera di giunta. La manutenzione stradale serve a prevenire incidenti e ad assicurare la perfetta funzionalità delle arterie, anche in vista dell’imminente arrivo della stagione invernale. Lo stanziamento di fondi per la messa in sicurezza degli edifici sco-

lastici, con un piano di ampio respiro, è un altro obiettivo centrato e che si aspettava da tempo. Forse, il ritardo, era dovuto ad un bilancio non ancora perfettamente partorito dall’attuale amministrazione. Si sentivano ancora le influenze, negative, viste le indagini in corso, dela passato. Il provvedimento, però, segna un’inversione di tendenza. Ora, è tempo di concentrarsi di più sui problemi di questo territorio. Non solo opere pubbliche, ma anche lavoro, ambiente e formazione. Attendiamo, fiduciosi, i segnali da palazzo Gramsci.


CASSINO Ascoltati anche gli ex assessori comunali. Domani tocca a Scittarelli

Comune/ Il Commissario Pagliuca ha ricevuto i capigruppo consiliari cità della polizia municipale e sulla gestione delle strisce blu. Ossia una maggiore presenza di vigili lungo le strade e l’affidamento temporaneo della gestione dei parcheggi a pagamento alla cooperativa di ausiliari del traffico fino ad agosto in carico alla ditta Urbania ed ora in mobilità. “Questo – ha detto Fardelli – in attesa dello sblocco della gara d’appalto ferma per l’inchiesta giudiziaria. Così il Comune potrebbe incassare soldi e gli ausiliari riprendere a lavorare”. I capigruppo hanno anche chiesto di rivedere la situazione dei dirigenti comunali, il regolamento degli esercizi pubblici, l’occupazione di suolo pubblico, il problema delle affissioni pubblicitarie, e a che punto sta la pratica del mercato coperto presso la regione Lazio. Fardelli ha anche invitato il Commissario a fare un giro nei quartieri

CASSINO - Il Commissario Angela Pagliuca è andata ieri mattina a piedi, appena scesa dal treno da Roma, dalla stazione ferroviaria al Comune per rendersi conto del traffico e delle strade. Girerà per la città per vedere di persona ciò che non funziona per cercare di trovare delle soluzioni. Lo ha ribadito il neo commissario straordinario al comune di Cassino Angela Pagliuca ricevendo i capigruppo consiliari. Sono state riproposte le attività rimaste incomplete e così Nicola Giangrande (Pdl) ha sollecitato il Commissario a presentare prima della scadenza la domanda di finanziamento per la realizzazione del progetto dei cosiddetti “Parchi tematici” che consistono nel riutilizzo dell’ex campo boario e la valorizzazione della Rocca Janula mentre il capogruppo Udc Marino Fardelli ha chiesto di intervenire sulla situazione di criti-

e nelle periferie per rendersi conto dello stato di abbandono. Nel pomeriggio il prefetto Pagliuca ha ricevuto gli ex assessori Michele Nardone e Antonio Valente. L’avvocato Nardone, in predicato di essere candidato a sindaco per il Pdl, ha sollecitato la presentazione della domanda di finanziamento per il bando sulla sicurezza. Nardone sta già lavorando su un vasto programma elettorale mirato a proposte operative per il potenziamento delle strutture esistenti e per il miglioramento della macchina amministrativa. L’avv. Nardone è ormai pronto per l’investitura di candidato a sindaco della città. L’ex sindaco Scittarelli sarà ricevuto nei prossimi giorni. Il prefetto Pagliuca nel frattempo inizierà le visiste di cortesia agli altri organi istituzionali.

C’è anche Lullo, direttore del Polo D

Svincolo Folcara-S.Angelo Aspiranti manager A breve l’attesa apertura dell’Asl frusinate CASSINO - Centinaia di persone hanno partecipato, sabato sera, alla festa “Ancora una notte insieme” organizzata da Giuseppe Sebastianelli ma soprattutto da tutti i residenti, che si sono autodefiniti “Quelli che… la tenda”, che hanno partecipato alla battaglia iniziata a luglio per l’apertura di

6 ANNO I - N° 179 mArtedI 19 OttObre 2010

via Ausonia vecchia, avvenuta poi lo scorso 11 ottobre. E di notti come quella trascorsa insieme sabato sono pronti a passarne molte altre: <Quello che ha vinto in questa esperienza – ha dichiarato Giuseppe Sebastianelli – è stata infatti la forte voglia di partecipazione e condivisione da parte dei cittadini di un problema concreto. Nessuno di loro si è tirato indietro, tutti ci hanno messo la faccia. Un grazie particolare va alle signore della località Folcara che nelle due settimane di protesta in tenda hanno cucinato e, come questa sera, preparato piatti caldi e tanti dolci>. Sebastianelli ha quindi ricordato le tappe della manifestazione, iniziata il 21 luglio scorso davanti all’agenzia delle Entrate con il sit-in, proseguita il 13 settembre all’altezza dello svincolo sulla statale 630 e culminata il 27 settembre con la scelta di montare la tenda da campeggio e trascorrere là le notti fino all’apertura della strada. <Diamo atto all’onorevole Mario Abbruzzese che non solo stasera ma anche il 1° ottobre ci ha fatto visita – ha detto Sebastianelli durante la festa – dell’impegno personale profuso per la risoluzione del problema>. Quindi ha voluto affianco a sé sul palco anche i politici che hanno sposato la protesta dall’inizio, Gianni Valente, Franco Evangelista e Orazio Picano, ma ancora di più sono stati quelli, anche di diverso orientamento partitico, che hanno sostenuto l’iniziativa.

CASSINO - Sono 754 gli aspiranti manager di Aziende sanitarie del Lazio. La Giunta Polverini ha approvato l’elenco venerdì: è il prodromo alla nomina dei direttori generali delle Asl, a cominciare da quella ciociara dove l’incarico di commissario straordinario di Carlo Mirabella è scaduto da due giorni. A Frosinone, ormai sembra assodato, non ci saranno sorprese: Mirabella, ottenuta l’idoneità sarà nominato direttore generale dell’Azienda sanitaria al più presto. Nel lungo elenco di idonei tanti i ciociari che hanno ottenuto il via libera ad una eventuale nomina. Tra questi tante “vecchie” conoscenze come il manager uscente Giancarlo Zotti o Antonietta Costantini che è stata direttore amministrativo e poi commissario prima dell’arrivo di Mirabella. Nell’elenco ci sono poi Renato Sponzilli, in predicato per diventare manager in una Asl romana, e Mauro Vicano, il dirigente Asl che potrebbe essere il nuovo direttore sanitario frusinate. Ma nell’elenco c’è anche l’attuale direttore sanitario Raffaele Ciccarelli e il direttore sanitario dell’Umberto I, Nicola Vacchiano. C’è poi l’ex manager Carmine Cavallotti, il direttore del personale dell’Ini Città Bianca Manuela Mizzoni, il primario di Nefrologia a Sora, Mauro Parravano, il primario di Geriatria a Cassino Luigi Di Cioccio e il responsabile dell’Antinfortunistia Asl, Giancarlo Pizzutelli; nonché il sorano Celso Antonio Costantini. C’è Gianni Lullo direttore del polo D dell’Asl cassinate. Non ce l’ha fatta invece Iris Volante, la sua domanda è stata esclusa per un ritardo nella presentazione.

Dolce sapere, Perotti presenta il suo libro

Il rugby anche a S. Giovanni Incarico

CASSINO - Seconda edizione della Rassegna letteraria DOLCE SAPERE, promossa dalla Banca Popolare del Cassinate in collaborazione con la Libreria Mondadori di Cassino. Mercoledi 20 ottobre Simone Perotti, presenta il suo ultimo libro “Uomini senza vento”, di recentissima pubblicazione.

CASSINO - Il campo sportivo di San Giovanni Incarico ospiterà una nuova disciplina: il rugby. Una novità per i giovani del territorio già in molti interessati a seguire le lezioni. La nuova società di rugby, nata a Ceprano, si chiama “ASD Celtic Irish”, al suo interno conta una ventina di giocatori.


CASSINATE Due esponenti politici cassinati se le sono date di santa ragione sull’Autogrill dell’A1

L’ultima moda nel Pdl: “condividere” anche le consorti CASSINO - Botte da orbi domenica scorsa, all'interno dell'area di servizio Casilina Sud, sull'autostrada A1. A darsele di santa ragione, due esponenti del Pdl cassinate, di cui uno molto noto alle cronache politiche cittadine. Erano da poco passate le 19, uno dei due politici era in macchina in compagnia della moglie del suo collega di partito. I due, secondo il racconto dei presenti al fatto, si erano appartati nella parte posteriore dell'autogrill dove di solito parcheggiano gli autobus ed i camion. La coppia clandestina, si stava scambiando innocenti effusioni da fidanzatini, quando all'improvviso alle loro spalle si è materializzata un altra auto di grossa cilindrata. Una segnalazione con i fari, e dalla macchina dei due, è scesa prima la donna, che in men che non si dica è stata fatta oggetto di schiaffi da parte del marito. A quel punto,il "fidanzato" ha fatto per andarsene, ma il legittimo consorte si è parato davanti all'autovettura battendo le mani sul cofano. Non avendo vie di fuga, il fedigrafo è dovuto per forza uscire dall'auto e i due hanno iniziato

Il CaffE

a prendersi a botte, tra le decine di persone presenti rimaste di ghiaccio davanti ai due che si scazzottavano. Qualcuno ha anche provato a dividerli ma i due sembravano due ossessi, giacche all'aria, camicie strappate e cravatte al vento. Il tutto ovviamente, condito da epiteti e parolacce irripetibili. La donna intanto urlava ai due di smettere, spiegando al marito che si trattava di un equivoco, che la realtà non era di certo quella che lui aveva visto con i suoi occhi. I due contendenti sembrava fossero ritornati alla ragione, anche con l'aiuto di alcuni persone presenti, ovviamente estranee alla vicenda, ma mentre i due si allontanavano il suo collega di partito gli ha fatto l'inequivocabile gesto delle corna ed allora riapriti cielo! Il siparietto è durato diversi minuti, poi il "traditore" è riuscito a guadagnare la macchina e sfrecciare via in direzione Cassino. Il "tradito" invece, ha continuato ad inveire contro la legittima consorte, ma questa volta senza alzare le mani. Ritornato alla ragione, ha recuperato la giacca, non prima di aver detto alla moglie di non farsi più vedere e di non ritornare a casa. I

Della Posta: i pagamenti Cotral bloccati dalla Polverini spettano ai dipendenti AQUINO - “Da maggio scorso la Regione Lazio, guidata da centrodestra, ha bloccato i pagamenti dovuto al Cotral per 320 milioni di euro. Questo da ottobre mette a rischio gli stipendi dei lavoratori, la solvibilità delle imprese dell’indotto e soprattutto le corse anche in provincia di Frosinone”. A denunciarlo è l’Associazione Politico-Culturale “20 Ottobre” di Aquino,per voce del suo massimo esponente Oreste Della Posta. “Quelli che la Presidente Polverini ha bloccato sono soldi che spettano al Cotral. Il loro versamento non è discrezionale da parte della Regione Lazio. Sono soldi che servono all’azienda per il pagamento degli stipendi dei dipendenti e per pagare le imprese collegate. Se ciò non avviene subito gli autobus si potrebbero fermare – dice Oreste Della Posta – con pendolari e studenti che non potranno più raggiungere né i posti di lavoro né le scuole. Si andrebbe nel caso più totale nella provincia di Frosinone. Per non parlare poi- continua- della stangata che si abbatterà su tutte le imprese dell’indotto che dovrebbero chiudere e quindi licenziare. Sarebbe drammatico e ciò si andrebbe ad aggiungere alla già gravissima situazione economica, lavorativa e sociale della provincia di Frosinone”. “L’Associazione “20 Ottobre” – annuncia- sostiene convinta l’interrogazione presentata dai consiglieri Peduzzi e Nobile di Sinistra e Libertà. I due consiglieri – spiega Oreste Della Posta – chiedono all’assessore ai trasporti che

di Zio Ciro La campagna elettorale Ugo il mio cagnolino Ugo, è ormai in piena campagna elettorale. Ha deciso di chimare la sua lista “Bau”e giovedì prossimo farà il suo primo comizio elettorale. Gli ho spiegato, però, che nessuno capirà niente perché lui parla in cagnesco ma lui, sempre più arrabbiato, mi ha risposto: “Ma tui che parli l’italiano, capisci qualcosa quando parlano gli altri candidati a sindaco?”.

due, sono poi andati via ognuno con la sua autovettura. Insomma, nel Pdl si litiga anche per le mogli. Nel popolare partito di Berlusconi evidentemente qualcuno aveva pensato di poter condividire anche il talamo coniugale, ma è evidente che questo non fosse nelle intenzioni del premier. Un’altra vittima dell'infedeltà, fu un altro giovane politico del centro destra cassinate, che la sera della vittoria del presidente Iannarilli, beccò la sua giovane consorte in compagnia di un'altro giovanotto, ma questa volta l'attentatore alla serenità familiare era del Pd. Sembra essere una nuova moda quella di mischiare politica e sottane, una moda lanciata si dal presidente Berlusconi, ma che sembrava recintata in storie di escort, non certo di legittime consorti. Dopo questo episodio i due, protagonisti di questa vicenda come minimo non staranno nello stesso partito, dato che si sono scambiati anche promessa di querele reciproche, forse uno di loro passerà con Futuro e Libertà? Ve lo faremo sapere. I.A.

in commissione risponda e chiarisca se la gestione diretta affidata al Cotral e la riunificazione Contral e Cotral Patrimonio saltano, se salta la programmazione e l’integrazione del sistema regionale dei trasporti”.

Furti fuori la discoteca Due 31enni in manette

Lieve evento sismico a Cassino

ATINA - I Carabinieri della Stazione di Atina, al termine di predisposto servizio, hanno tratto in arresto nella flagranza del reato di “furto aggravato continuato in concorso” Ivanoe Miranda, 33 anni, Davide Valentino, e Lorenzo SantinoValentino, entrambi 31enni. I giovani sono stati sorpresi mentre rubavano oggetti nella auto parcheggiate nel piazzale antistante la discoteca Millenya.

CASSINO - La stazione periferica della rete sismica sperimentale italiana di San Giovanni Incarico ha rilevato questa mattina un evento sismico localizzato nel distretto sismico di Cassino con magnitudo 1,7 Richter ad una profondità di 8,7 km alle ore 6,32 Utc (8,32 locali).

7 ANNO I - N° 179 mArtedì 19 OttObre 2010


CASSINO Realizzata dall’Università di Cassino

L’opera finanziata dal Miur

Unicasnet copre ottanta La rete wireless poco utilizzata chilometri del territorio dagli altri enti pubblici provinciali CASSINO - Internet a banda larga. Il nuovo sistema è stao relizzato dall’ateneo c a s s i n a t e. Un collegamento in fibra costa intorno ai 25/30 euro al metro. E in genere le distanze non superano i due/chilometri. Inoltre, noi mettiamo a disposizione gratuitamente lo staff tecnico». Sarebbe quel che si dice un investimento a lungo termine, in vista, tra l’altro, di un incremento sempre più esponenziale dell’utilizzo delle nuove tecnologie. «Certo - afferma Attaianese - la rete non è solo digitare l’indirizzo di un sito internet. E’ governo del territorio come potrebbe essere, per esempio, per una pubblica amministrazione, la videosorveglianza. E ancora è opportunità di sviluppo con il commercio elettronico, e via di questo passo. Potenzialità infinite». Serve solo la lungimi-

r a n z a p e r sfruttarle. UnicasNet ha un valore di 4 , 5 5 0 milioni di euro finanziati dal M i u r, M i n i s t e r o Università e Ricerca, ed è stata interamente progettata dai ricercatori dell’ateneo cassinate. Un cavo di 72 fibre ottiche che attraversa 80 chilometri di provincia, arrivando fino a zone neanche raggiunte dall’adsl, come la Val di Comino. La realizzazione di UnicasNet ha rappresentato una straordinaria occasione per studiare, affrontare e risolvere i principali aspetti tecnologici, impiantistici e realizzativi, ivi inclusi quelli relativi alle opere civili, connessi alla implementazione di una infrastruttura di rete per le comunicazioni a larga banda con un’estensione provinciale.

CASSINO - Il comune e la provincia di Frosinone studiano come far utilizzare la rete wireless ai cittadini, dimenticando che sul territorio esiste già un’infrastruttura dell’università di Cassino ed è polemica Manca una visione strategica da parte della classe politica sul territorio», ammette Ciro Attaianese, rettore dell’Università di Cassino. Succede quindi che il comune e la provincia di Frosinone sono ancora in fase di valutazione sulla opportunità di estendere o meno l’utilizzo della rete wireless ai privati cittadini, dimenticando che sul territorio esiste già un’infrastruttura potentissima, in grado di sostenere un traffico telematico come quello degli Stati Uniti nelle ore di punta. E’ la rete di connettività a banda larga realizzata in fibra ottica dall’Università di Cassino nel 2008. E’ un patrimonio dalle immense potenzialità, che giace lì, sfruttato solo in minima parte. Minima parte che pure è una fetta consistente, si intende. Grazie all’accordo stipulato con Fastweb, infatti, la dorsale principale del progetto attraversa Cassino, Atina, Sora e Frosinone per collegare tutti i poli dell’Università. Fastweb poi, oltre a garantire la manuten-

zione della linea, ha realizzato una seconda linea, che dal capoluogo torna indietro a Cassino lungo l’A1 a chiudere l’anello per consentirne l’utilizzo con maggior sicurezza. L’Università, così, ha esteso la propria rete telematica anche a tutte le strutture della Asl in provincia (e si appresta a farlo anche presso il polo di Terracina) e ha iniziato un discorso in questo senso anche con il Conservatorio di Frosinone. Ma le pubbliche amministrazioni? E i cittadini? E le aziende? «Per legge possiamo fornire la nostra rete solo ad enti di ricerca e istituzioni, non ai privati spiega Attaianese - i quali dovrebbero invece riunirsi in consorzi e stipulare contratti a

tariffa vantaggiosa con l’operatore. Ma le pubbliche amministrazioni, che potrebbero fare da mediatore, non hanno colto appieno la portata di questa infrastruttura. Vengono a chiederci il funzionamento, il costo. Poi però rimane tutto fermo». Un collegamento in fibra (cavi a terra per arrivare alla dorsale principale, ndr) costa intorno ai 25/30 euro al metro. E in genere le distanze non superano i due/chilometri. Inoltre, noi mettiamo a disposizione gratuitamente lo staff tecnico». Sarebbe quel che si dice un investimento a lungo termine, in vista, tra l’altro, di un incremento sempre più esponenziale dell’utilizzo delle nuove tecnologie.

Parco Montecassino, visita Casa dello studente di tecnici all’area protetta Molti iscritti in attesa CA S S I N O - S o p r a l l u o g o a M o n t e c a s s i n o di Iris Volante, Commissario straordinario dell’Ente, insieme ai proprietari dei terreni che ricadono nella nuova area protetta. Hanno partecipato anche il direttore Giuseppe Marzano, il responsabile del settore naturalistico, Lucio De Filippis, ed i guardaparco Antonio Tedeschi, Lucio Campopiano e Antonio Gionta. L’obiettivo era quello di verificare, direttamente sul Colle benedettino, la reale superficie dell’area protetta che circonda il monastero ed i confini che delimitano il Monumento naturale Montecassino, che la Regione Lazio ha istituito con un Decreto lo scorso aprile ed affidato in gestione al Parco dei Monti Aurunci. Il sopralluogo ha permesso di individuare anche i siti di interesse archeologico, storico e naturalistico che si trovano all’interno dei 694 ettari, per i quali non è escluso che nei prossimi mesi, appena si avrà una mappatura chiara dei siti, si potrà intervenire con progetti mirati per valorizzarne anche il patrimonio ambientale. Un esempio di quello che custodisce l’area sono i sentieri naturalistici che si snodano at-

8 ANNO I - N° 179 MARTEDì 19 OTTObRE 2010

torno a Monte Maggio e si estendono lungo il versante che conduce nella frazione di Caira e non solo, oppure quei percorsi che realizzarono i tedeschi nella Seconda Guerra Mondiale per impedire l’avanzata degli Alleati angloamericani verso Roma. Ed ancora i resti di una chiesa oggetto di studi da parte di storici ed archeologi della città. Un altro sito di interesse sarebbe anche una Grotta denominata “ dei briganti” che fu utilizzata dagli abitanti locali come rifugio, sempre durante il periodo bellico. Si tratta, quindi, di un’area di grande interesse oltre che culturale, anche naturalistico ed ora che la Regione l’ha affidato in gestione al Parco dei Monti Aurunci si profila all’orizzonte anche la possibilità di dirottare in questa zona nuovi finanziamenti regionali, ovvero quei finanziamenti destinati alla salvaguardia, tutela e valorizzazione della biodiversità esistente nelle aree protette (il nuovo Monumento naturale di Montecassi n o, i n f atti , r i spetta l e caratteristiche paesaggistiche e culturali delle aree protette, così come sono indicate dalla Legge Regionale n. 29 del 6 ottobre 1997) .

CASSINO - La casa dello studente dell’ateneo di Cassino è ambita dagli studenti meritevoli. Alla scadenza delle iscrizioni l’Adisu assegnerà i posti agli aventi diritto. Ma i posti letto non sono molti anche se in proporzione agli iscritti. A roma invece on la consegna dei primi 950 posti letto sui 1.500 previsti, Inpdap, l'Universit… degli Studi di Roma Tor Vergata e Fabrica Immobiliare inaugurano il complesso di residenze per studenti realizzato all'interno del comprensorio universitario di Roma Tor Vergata. La cerimonia si svolger… mercoled 20 ottobre alle ore 10 nella sede delle residenze, in via di Passolombardo. Saranno presenti, tra gli altri, Paolo Crescimbeni, presidente Inpdap, il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, la presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Gianni Letta. Il complesso sar… aperto agli studenti gi… a partire dal prossimo mese di novembre, mentre la piena operativit… avverr… a marzo 2011, quando saranno consegnati i restanti 550 posti letto: a regime, il complesso incrementer… di oltre il 60% l'offerta di posti letto per gli studenti fuori sede della Capitale. «Sull'esempio delle migliori e più consolidate realtà internazionali, la struttura - spiega una nota Inpdap - offrirà a studenti e ricercatori un moderno campus che, a soluzioni abitative di varia tipologia e metratura, affianca servizi di utilità e per il tempo libero, quali ristorazione, palestra ed aree per l'attività sportiva all'aperto, auditorium.

Terelle, castagne A novembre la sagra

Turismo, rassegna del camper

CA S S I N O - G l i i n n u m e r e v o l i c a s t a g n i s e c o l a r i d i Te r e l l e offrono ogni anno ottime qualità di castagne. Si rende omaggio alle "peloselle" con canti e balli e degustazioni non solo di prodotti tipici, ma dei tanti dolci a base di castagne.

CASSINO - Il 23 e 24 ottobre 2010 anche in Ciociaria si terrà la terza Festa Nazionale del Pleinair, un appuntamento da non perdere per scoprire in camper l'Italia più autentica. Due i Comuni della provincia di Frosinone interessati: Arpino e San Donato Val di Comino.


SPORT CALCIO PROMOZIONE

Quarto risultato utile consecutivo per gli azzurri settimi in classifica reduci dal pari di Tecchiena

Cassino, un punto prezioso Scorsini:“La carica dei tifosi è stata fondamentale, buona la reazione nella ripresa” CASSINO - Il quarto risultato utile consecutivo conquistato sull’ostico campo del Tecchiena ha consegnato agli azzurri la settima posizione in classifica. In pochi o forse nessuno, alla vigilia della prima giornata, avrebbero scommesso su un Cassino così in alto considerando tutte le variabili che hanno caratterizzato dapprima la nascita della nuova società, poi l’allestimento di una rosa che potesse raccogliere risultati più che soddisfacenti in così poco tempo. Il tecnico Scorsini in tempi record ha costruito un gruppo solido, formato da ragazzi volenterosi che lavorano sodo sul campo per onorare la prestigiosa casacca che indossano. I risultati sono sotto gli occhi di tutti: dopo sette turni la graduatoria del girone D di Promozione vede il Cassino stazionare nella parte medio alta, a ridosso delle primedella classe, precisamente a tre lunghezze dai play-off e con un margine di sicurezza confor-

Il tecnico Marco Scorsini tante di cinque punti sulla zona play-out. Su sette incontri disputati il Cassino ha colto due vittorie, una sola sconfitta e quattro pareggi, affrontando alla pari alcune tra le compagini più attrezzate del girone. Domenica ad Alatri il Cassino reduce da un impegnativo match infrasettimanale in Coppa Italia ha sofferto molto, evitando la capitolazione in almeno tre occasioni in una prima frazione in cui alcuni

giocatori che tirano avanti la carretta da due mesi sono apparsi stanchi soprattutto mentalmente. Nella ripresa la musica è cambiata, il Tecchiena è calato e gli azzurri sono stati bravi ad approfittarne per portarsi in vantaggio per poi subìre il pari ciociaro proprio quando la gara sembrava destinata all’epilogo favorevole per i cassinati. Poco male, l’ottimo punto viene accolto con soddisfazione dal tecnico Scorsini che ci tiene a rivolgere un particolare ringraziamento ai tifosi azzurri presenti ad Alatri. “L’incitamento costante dei nostri supporters si è rivelato fondamentale per portare a casa un pari pesante che ci consentirà di preparare con serenità la gara col Colleferro. Quello fra tifosi del Cassino e squadra è un binomio inscindibile che testimonia come questi ragazzi giochino prima di tutto per onorare la maglia a prescindere dal risultato. Senza tifosi forse non saremmo riusciti ad uscire indenni dal Chiappitto di Alatri: lo

L’attaccante De Luca dico perchè sapevamo che ci saremo trovati di fronte una squadra tosta ed organizzata che aveva bisogno di una vittoria per risalire una classifica deficitaria, ma anche perchè immaginavo una partenza “diesel” del Cassino dovuta alla stanchezza non tanto fisica quanto mentale del momento. Col passare dei minuti abbiamo preso le misure all’avversario disputando un buon secondo tempo in cui la squadra ha rischiato poco pro-

vando con insistenza ad impensierire la retroguardia locale. Peccato aver subìto la rete del pari a pochi minuti dalla fine, quando ormai assaporavamo il gusto della prima vittoria esterna, ma accettiamo di buon grado l’ottimo punto che ci mantiene vicini al vertice e distanti dalla zona play-out, quella a cui il sottoscritto guarda con maggiore attenzione in quanto non va dimenticato che il nostro obiettivo primario resta quello di mettere la salvezza in cassaforte il prima possibile. In questa settimana dovremo lavorare sui limiti evidenziati, su tutti quello di subire espulsioni evitabilissime che ci mettono in seria difficoltà anche in vista degli impegni futuri”. In attesa di ospitare la capolista Colleferro domenica prossima al Salveti, il Cassino si gode un meritato settimo posto, senza dubbio il miglior viatico possibile per lavorare con tranquillità con l’obbiettivo di stupire ancora. a.m.

IL PUNTO SUL GIRONE D

CASA CASSINO

Il Colleferro ritorna in vetta col Segni Sezze unica squadra a secco di vittorie

Due giorni di riposo assoluto concessi a Raia e compagni

pontini, unica squadra ancora alla ricerca della prima vittoria dopo sette turni di campionato. Primo successo invece che raccoglie il Pro Calcio Fondi che si risolleva dall'ultima posizione sbancando il terreno del SS Pietro e Paolo(che in sol colpo accusa la prima sconfitta e perde l'imbattibilità interna), lasciando fanalino di coda l'Arce superato in casa dallo Scauri Minturno nei minuti finali di gara. Successo tra le mura amiche per il Bellegra che incamera tre punti pesanti contro una diretta concorente per la salvezza quale il Pontina. vik

CASSINO - Dopo le fatiche delle ultime settimane caratterizzate da impegni ravvicinati, il Cassino torna ad avere una settimana a disposizione per preparare il big match dell’ottava giornata con la capolista Colleferro. Il tecnico azzurro Marco Scorsini ha optato per un cambio di programma, concedendo alla truppa azzurra 48 ore di riposo assoluto, indispensabile per gran parte dei giocatori utilizzati con continuità negli undici impegni ufficiali di questi primi due mesi. Saranno sempre quattro le sedute di lavoro settimanale: si riprenderà domani con il consueto lavoro aerobico ed atletico; giovedì gli azzurri effettueranno un test amichevole al Salveti contro la formazione juniores nazionale del Venafro. Poi venerdì la seduta basata su esercizi atletici e tattici che precederà la rifinitura prevista per sabato mattina. Da valutare attentamente le condizioni del ginocchio sinistro di Emiliano De Luca, uscito anzitempo nella gara col Tecchiena ma recuperabile per la sfida col Colleferro. Mister Scorsini farà di tutto per avere a disposizione anche Danilo Macari soprattutto in considerazione della squalifica che verrà inflitta a Kiszka a seguito dell’espulsione rimediata ad Alatri.

La settima giornata si conclude con 16 reti messe a segno che determinano 4 vittorie interne, 3 esterne e solo 2 pareggi (entrambi per 11).Uno dei due pareggi viene fuori proprio nel big match che opponeva Bassiano e Segni, con gli ospiti in vantaggio fino all'ultimo minuto di recupero quando la squadra di casa vede premiati i propri sforzi per un meritata divisione della posta in palio. L'altro pari premia il Cassino in trasferta a Tecchiena, ed anche qui i padroni di casa riacciuffano il risultato nei minuti finali dopo il vantaggio cassinate che porta la firma del poi espulkso Kiszka.

Il Colleferro approfitta appieno del rallentamento del Segni e lo affianca in testa sbarazzandosi del Sant'Apollinare(anche grazie a due clamorose disattenzioni del portiere Sardelli) che sta rallentando dopo un inizo di stagione super. Vittorie casalinghe come da pronostico anche per le altre squadre che stazionano nei quartieri alti: Nuova Circe e Nuova Itri hanno pochi problemi a regolare rispettivamente il Fontana Liri e l'Olevano. Risale prepotentemente anche il Valmontone corsaro di misura a Sezze, risultato questo che apre ufficialmente la crisi per i

Ranieri carica la Roma Vincere anche in Europa

Mourinho contento se non gioca Inzaghi

Il tecnico della Roma Claudio Ranieri alla vigilia del match di Champions col Basilea: «Voglio vedere lo stesso spirito che ci ha portato a vincere contro il Genoa. Totti e Borriello? Sono un'ottima coppia d'attacco. Vucinic, De Rossi e Menez non convocati perché non sono ancora pronti». Burdisso: «Dobbiamo ancora crescere, ma la strada è quella giusta».

Il tecnico del Real Madrid josè Mourinho risponde a Massimiliano Allegri del Milan: «Può schierare tutti gli attaccanti che vuole, ma se mette Super Pippo è più complicato. Kakà non si muove dal Bernabeu: sarà il nostro acquisto di gennaio a costo zero. Il suo ritorno sarà fondamentale per noi e per una stagione in cui vogliamo conquistare trofei in Spagna ed Europa».

9 ANNO I - N° 179 MARTEDì 19 OTTObRE 2010


Il Pd in soccorso di Michele Marini

Evasi tre milioni al fisco Imprenditore nei guai

FROSINONE - Dopo settimane di clamoroso, quanto colpevole silenzio, il partito democratico di Frosinone tende una mano al sindaco del Comune capoluogo Michele Marini. E lo fa con una nota a firma dei responsbaili Nichilò, Belli e Migliorelli per i quali la crisi del Comune va risolta al più presto se non si vuole perdere il governo della Città. PAG. 2

FROSINONE - Oltre tre milioni di euro evasi al fisco. E’ questo l’ammontare di una truffa scoperta dagli uomini del comando provinciale di Frosinone nell’ambito di una capillare attività investigativa compiuta su un’azienda edile di Sora. Denunciato il titolare che ora dovrà rispondere di evasione e bancarotta fraudolenta. PAG. 3

ANNO I - N° 179 mARTEdì 19 OTTObRE 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GIORNALE SATIRICO

www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A FRANCESCO RAFFA Alla faccia dell’assessorato comunale all’Ambiente di cui è titolare e del coordinamento provinciale di Legamebiente, incarico da lui ricoperto per tanto tempo. Per Raffa, infatti, i problemi della Città di Frosinone si risolvono tagliando pini secolari, con il suo “placet” e realizzando piste ciclabili. Queste ultime da lui viste come unica soluzione per impedire l’alta concentrazione di polveri sottili nell’atmosfera. Ma intanto ieri Legambiente ha pubblicato la lista delle città italiane più inquinate: ebbene, su un totale di 103, Frosinone si trova al 94° posto! Tutto merito dell’attività indefessa e della lungimiranza di questo assessore, militante ambientalista, che di ambiente non capisce un tubo!

L’OSCAR DEL GIORNO A FRANCESCO SCALIA Finalmente ha partorito! Dopo settimane di interventi che nulla aggiungevano su temi già ampiamenti sciorinati da altri, il consigliere regionale del Pd ha elaborato un piano che potrà servire per rilanciare l’economia delle province del Lazio e per creare nuove infrastrutture. Parliamo del progetto relativo al sistema aeroportuale regionale pensato da Scalia nell’ottica di un più ampio utilizzo delle strutture presenti sul territorio regionale, al fine di creare una rete che sia di asservimento agli scali di Fiumicino e Ciampino che rischiano il collasso.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


frosinone Nella classifica elaborata da Legambiente sulle città più inquinate. Frosinone al 94° posto

Siamo il fanalino di coda Nel capoluogo ciociario la presenza di Pm10 supera,in proporzione,quella della Capitale FROSINONE - Come volevasi dimostrare. A nulla sono valsi i tentativi di associazioni ambientaliste e di semplici tittadini i quali più volte hanno sollecitato interventi atti a migliorare lo stato della qualità dell’aria di Frosinone. In diverse circostanze sono state lanciate proposte per rivedere il piano traffico o per creare condizioni di trasporto alternative. Ma a dire tutta la verità, con un assessore all’Ambiente, tale Raffa, impegnato soltanto nei taglio dei pini secolari della Città, che già la dice lunga sul suo impegno e sul suo mandato, e per il quale l’unica soluzione contro il crescente aumento di inquinamento nell’atmosfera era la creazione delle piste ciclabili, i dati diffusi ieri da Legmabiente non rappresentano una novità. Siamo il fanalino di coda dell’Italia e il Comune capoluogo della Ciociaria è tra i peggiori in fatto di inquinamento. Stiamo meglio soltanto rispetto a Latina, dove neppure le brezze marine riescono a dissipare le polveri sottili altamente concentrate nell’atmosfera. Così, se il capoluogo pontino si attesta al centesimo posto della classifica, ultimo per dirla in altri termini, noi siamo soltanto al 94°. Una vergogna!

Ma d’altra parte che l’aria fosse così inquinata e che fra poco per girare per Frosinone ci vorrà la mascherina, non sembra fregare nulla a nessuno. In primis al sindaco Michele Marini che in questi ultimi mesi è preoccupato soltanto di rimanere in sella. Che poi l’aria sia irrespirabile, che la gente si possa ammalare e morire, che i bambini che vanno al parco respirano solo Pm10, a chi può interessare? I giochi di potere in Comune sono molto più importanti di questo. E nel frattempo Legambiente pubblica dei dati che fanno più spavento delle scritte che si trovano sui pacchetti di siagrette. Nonostante, infatti, la crescente attenzione sul fronte dell'ecosistema, si registra un divario preoccupante fra le piccole città e i capoluoghi di provincia con più di 500mila abitanti. E' quanto emerge dalla classifica annuale di 'Ecosistema urbano', l'indagine di Legambiente realizzata in collaborazione con Il Sole 24 Ore giunta alla 17esima edizione. Fra le grandi città Genova si conferma la più vivibile anche se perde dieci posizioni, passando dal 22° al 32° posto. Male Milano e Roma, che precipitano rispettivamente dal 46° al 63° posto e dal 62° al 75°. E Frosinone? Peggio della Capitale.

Il Pd ora tende una mano al sindaco Michele Marini FROSINONE - “Riguardo alla questione politica ed amministrativa che sta interessando il Comune di Frosinone, è opportuno ribadire alcuni concetti”. Il Coordinamento provinciale del Partito Democratico, d’intesa con il circolo di Frosinone e con il livello Regionale del Partito, interviene nel dibattito sulla situazione interna alla maggioranza alla guida del Comune di Frosinone e lo fa attraverso le parole dei tre coordinatori Emanuele Belli, Lucio Migliorelli e Giovanni Nichilò. “Il Partito Democratico, esprimendo un giudizio positivo sull’azione dell’amministrazione del capoluogo, è fortemente impegnato nella salvaguardia e nel rilancio dell’alleanza di governo

della città, tenendo anche conto del fatto che Frosinone è l’unico capoluogo in tutto il Lazio governato dal centrosinistra in un momento in cui il centrodestra mostra tutti i suoi limiti e difficoltà sia alla guida dell’Amministrazione Provinciale che della Regione Lazio. Allo stesso modo e con la stessa determinazione, si intende preservare e rafforzare l’alleanza con l’UDC ritenuta di un valore strategico fondamentale per la città e per gli equilibri politici più generali. Per queste ragioni, anche nella giornata odierna, il PD, insieme al Sindaco Marini, sta lavorando per garantire il successo dell’intesa e del rilancio dell’amministrazione della città capoluogo”.

Cisl: la green economy Sistema aeroportuale, può salvare la Ciociaria buona proposta di Scalia FROSINONE - “La crisi, che pesa anche sul tessuto produttivo ed industriale della provincia di Frosinone, non mette in discussione i primi barlumi della cosiddetta green economy o economia verde caratterizzata dalla cultura della sostenibilità, della responsabilità sociale d'impresa”. A dichiararlo Domenico Di palma, segretario provinciale della Cisl di Frosinone a seguito di un convegno tra sindacato ed istituzioni. “Il problema - continua il dirigente sindacal - è legato al fatto che nel nostro territorio non esiste ancora, purtroppo, una forte cultura della responsabilità sociale d'impresa nelle nostre aziende. Basta guardarsi intorno, ad esempio, per registrare come viene trattato il capitolo inquinamento collegato al più vasto libro dell'ambiente. Siamo ancora in attesa, nonostante allarmi giornalieri, ad esempio, di vedere risposte concrete sulla grave questione della Valle del Sacco o dei

2 ANNO I - N° 179 mArtedì 19 OttObre 2010

Latini, un'area altamente inquinata che ha bisogno di norme e finanziamenti regionali e più ampiamente nazionali. Tuttavia, non mancano casi di eccellenza, rispetto all'applicazione della responsabilità sociale d'impresa, come quello della Viscolube di Ceccano, società che senza dubbio, negli anni, ha saputo tradurre le esigenze aziendali con quelle dell'ambiente. Noi della CISL, continua Di Palma, siamo stati sempre attenti alle problematiche ambientali collegate con l'impresa, siamo aperti alla sfida in atto da diversi anni per dare corpo a rapporti industriali basati sulla responsabilità sociale. Infatti va evidenziato che la Femca Cisl, la categoria dei lavoratori del settore chimico-farmaceutico, ha portato avanti un percorso, a livello nazionale e territoriale, che, nel giugno scorso, si è concretizzato, ad esempio, con la firma del contratto nazionale del chimico-farmaceutico”.

FROSINONE - Il consigliere regionale del PD Francesco Scalia ha presentato una proposta di legge in materia dei aeroporti di interesse regionale, per disciplinarnemodalità di localizzazione e di affidamento della relativa gestione. Le linee Guida del Piano Generale della Mobilità pubblicate dal Ministero dei Trasporti nell’ottobre del 2007 evidenziano che il forte sviluppo del traffico aereo impone una politica di pianificazione di tale traffico a livello nazionale e regionale. In base agli studi condotti dall’Enac e compendiati nel dossier “Potenzialità e limiti della rete aeroportuale nella Regione Lazio”, la domanda di trasporto aereo interessante il bacino della Capitale si assesterà nel 2020 a 50 milioni circa di passeggeri l’anno, per raggiungere la quota di 115 milioni di passeggeri nel 2040, secondo un trend di crescita continuo rispetto all’attuale volume di traffico che, nel corso del 2006, è stato di circa 35 milioni di passeggeri. L’attuale

assetto del sistema aeroportuale della Capitale, incentrato sui due aeroporti di Fiumicino e Ciampino, è inidoneo a fronteggiare lo sviluppo previsto della domanda di traffico aereo. “La possibilità di realizzare uno o più aeroporti di interesse regionale – ha dichiarato Scalia -, di limitate dimensioni ed impatto ambientale, ben collegati con la principale meta di destinazione (Roma) ed integrati con il sistema aeroportuale di interesse nazionale, rappresentato dagli aeroporti di Fiumicino e Ciampino ed in futuro di Viterbo, costituisce un contributo alla soluzione del problema posto dalla crescente domanda di trasporto aereo interessante il bacino della Capitale. Rappresenta, inoltre, un’occasione di rilancio di economie in crisi, quali quelle delle province laziali, e l’opportunità di un migliore utilizzo delleinfrastrutture di collegamento con la città di Roma, ripartendosi i passeggeri in un contesto territoriale più ampio”.

Vertenza agricoltura, si parte domani

Sequestri clan Di Maio Dda anche a Frosinone

FROSINONE - Al via la 'vertenza regionale' dell'agricoltura: domani mattina, alle ore 11, in via Don Minzioni a Latina, la Coldiretti con una conferenza stampa che si terra' nella sala consiglio dell'organizzazione agricola, presentera' la "Vertenza agricoltura. parteciperà anche la Coldiretti di Frosinone.

FROSINONE - L’operazione condotta nei giorni scorsi contro il clam camorristico Di maio, è giunta anhe in provincia di Frosinone. Numerosi i beni mobili ed immobili sequestrati perlopiù a Sabaudia, ma diversi anche i sigilli apposti a Frosinone e provincia dove gli affiliati si stavno ramificando e dove risultano numerose proprietà riconducibili proprio alla famiglia Di Maio.


frosinone Denunciato dalla Guardia di Finanza un imprenditore sorano per bancarotta fraudolenta

Evade il fisco per tre milioni Nel mirino delle Fiamme gialle una società edile che per anni ha evaso le tasse FROSINONE -Una nuova evasione fiscale milionaria. Un altro impenditore che, neanche a dirlo operava nel settore edilizio, denunciato dalla Guardia di Finanza per truffa ai dnani dlelo Stato. L’ennesima operazione delle Fiamme gialle è stata condotta ieri dal Comando provinciale di Frosinone nel Comune di Sora dove, nella rete investigativa, è finito un noto imprenditore locale che avrebbe evaso il fisco per circa tre milioni di euro. La Guardia di Finanza ha, infatti, denunciato l’amministratore di una società, operante nel settore edilizio, per una evasione fiscale di oltre 3 milioni di euro e bancarotta fraudolenta. L’attività, eseguita dalle Fiamme Gialle di Sora, scaturisce da accertamenti di polizia tributaria e giudiziaria, finalizzati a rilevare, eventuali, condotte penalmente rilevanti, quali reati fiscali, societari e/o fallimentari, perpetrate da una società e dal suo amministratore pro-tempore. Nel corso delle attività di controllo veniva rilevato che l’impresa, e per essa il suo rappresentante legale pro tempore, aveva tenuto i libri e le altre scritture contabili dell’azienda

in maniera da non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento degli affari ed, inoltre, che aveva omesso di presentare le previste dichiarazioni dei redditi omettendo di dichiarare ricavi per oltre tre milioni di euro, con un evasione all’iva per oltre seicentomila euro. Al termine delle indagini i finanzieri redigevano apposito verbale amministrativo per il recupero a tassazione delle imposte evase e a denunciare, a piede libero, l’amministratore della società alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cassino, per i reati di bancarotta fraudolenta e di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi. Violazioni penali per i quali, al termine del processo, rischia condanne che vanno dai tre ai dieci anni di reclusione per il reato di bancarotta fraudolenta e fino a tre anni per il reato di omessa dichiarazione. L’operazione di servizio eseguita costituisce una ulteriore testimonianza del costante impegno profuso dal Corpo sul territorio e rientra nel piano programmato di controlli, disposti e pianificati dal Comando Provinciale di Frosinone, finalizzati a garantire il pieno rispetto della normativa fiscale e delle disposizioni in materia di diritto societario.

Il latte di Paliano, nasce in Ciociaria una nuova realtà PALIANO -Ieri pomeriggio, nella sala del teatro comunale, si è svolto un convegno/dibattito a chiusura degli appuntamenti succedutisi nel corso della settimana scorsa per informare i cittadini circa la nascita di una nuova ed importante realtà produttiva sorta nel territorio di Paliano: l’impianto di imbottigliamento del latte, unico in Provincia di Frosinone, realizzato dall’azienda agricola Faustini inaugurato nella giornata di ieri. Dall’Amministrazione Comunale, che ha partecipato alla presentazione dell’iniziativa sia presso l’Istituto Comprensivo, dove sono stati consegnati oltre 800 litri di latte, sia ai commercianti di Paliano, è stata ribadito il pieno appoggio all’attività intrapresa da Giuseppe Faustini. “L’iniziativa merita il nostro sostegno – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Simone Marucci prendendo la parola nel corso del convegno – intanto per la qualità del prodotto garantito in tutte le fasi della lavorazione, e poi per il risvolto ‘socio-economico’ dell’attività in que-

stione. Con questo impianto, infatti, è stato fatto un taglio trasversale per mettere in collegamento diretto il produttore e il consumatore. Siamo in presenza, è evidente, di una sfida contro i colossi ma tutti noi possiamo dare una mano ad un imprenditore che si è messo in gioco e che sta tentando di offrire anche una prospettiva economica ed occupazionale diversa per la zona”. Anche dal Sindaco di Paliano, Maurizio Sturvi, sono arrivate parole di plauso e di incoraggiamento: “Da imprenditore so cosa significa metterci la faccia come sta facendo Giuseppe Faustini. La sua è una scommessa forte che l’Amministrazione Comunale ha ritenuto di promuovere intanto perché rappresenta un orgoglio poter presentare un prodotto di queste caratteristiche proveniente dalle terre di Paliano. L’altra ragione per cui abbiamo sposato questa causa è che vogliamo sia da sprone per altri imprenditori che con il loro lavoro possono rivalutare il nostro territorio.

“Week-end” sicuro, vasta operazione dei Cc FROSINONE -Operazione “week end sicuro” da parte dei Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone, condotto in tutta la provincia di Frosinone attraverso capillari servizi a largo raggio di controllo del territorio, predisposti dal Comandante Provinciale per contrastare il fenomeno dei reati contro il patrimonio, stupefacenti e contrasto fenomeno guida sotto effetto sostanze alcoliche. Nella notte tra sabato e domenica sono stato ottenuti i seguenti risultati: la Compagnia di Alatri ha effettuato il controllo di 50 automezzi, l’identificazione di 148 persone, il controllo di 20 stranieri, di cui 2 accompagnati presso la Stazione CC di Veroli per identificazione ed il controllo di 4 esercizi pubblici. Il dispiegamento del dispositivo, composto da 15 militari e 7 automezzi, diretto dal Capitano Mengasini, ha consentito di effettuare un capillare controllo nell’ambito delle giurisdizioni di Alatri e Veroli. Nella circostanza, ricorrendone i presupposti di legge, è stata inoltrata una proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del rimpatrio con Foglio di Via Obbligatorio e si è proceduto al deferimento in stato di liberta alla Procura della Repubblica per violazione dell’art. 21 D.L. nr. 30/07 nei confronti di una straniera controllata. La Compagnia di Sora ha effettuato il controllo di 72 automezzi, l’identificazione di 98 persone. Sono state inoltre elevate 4 contravvenzioni al C.d.S., ritirate 2 patenti di guida e controllati 4 esercizi pubblici. In particolare i servizi, coordinati dal Capitano Luca Cesaro e dal Tenente Angelo La Chimia effettuati con l’impiego di 13 militari e 6 automezzi nel territorio della Compagnia di Sora, hanno portato all’arresto in flagranza di reato per violazione della normativa sull’immigrazione A.J., 26enne cittadino nigeriano dimorante in Roma con precedenti penali a ca-

Facebook bandito alla Regione Lazio

Alatri, il cimitero si rifà il look

REGIONE LAZIO - I dipendenti della Regione Lazio fanno un eccessivo uso ludico dei social network durante l’orario lavorativo. Questo si evince dalle due circolari emanate dal segretario generale della Pisana, dott. Salvatore Ronghi, che vietano in ufficio l’utilizzo dei network, in particolar modo di Facebook.

ALATRI - Secondo mini lotto ormai ultimato e l’ingresso del Cimitero Civico cambia volto. Per la ricorrenza dei defunti i cittadini troveranno un ingresso completamente rimesso a nuovo. Lavori a grande ritmo presso il Cimitero Monumentale della città. Terminato anche il rifacimento della cinta esterna dell’ingresso dove sono installate le storiche “Edicole della Via Crucis”.

rico. Il prevenuto, sottoposto a controllo di polizia è risultato inottemperante al decreto di espulsione dal territorio nazionale emesso dal Questore di Frosinone in data 18 giugno 2010. Inoltre è stato deferito in stato di libertà un 40enne del posto sorpreso alla guida dell’ autovettura di proprietà del genitore, in evidente stato di ebbrezza alcolica, con tasso alcolemico superiore a quello consentito dalla normativa vigente ed è stato segnalato all'Ufficio territoriale del Governo di Frosinone un 24enne di Sora sorpreso alla guida dell’autovettura di proprietà della madre, in stato di ebbrezza alcolica con tasso alcolemico pari a 0,73 g/l. È stato inoltre avviato l’iter amministrativo per l’emissione del F.V.O. nei confronti di un pregiudicato campano che si aggirava con fare sospetto ed ingiustificata nei pressi di vari obbiettivi sensibili. La Compagnia di Frosinone ha controllato 40 automezzi, identificato 80 persone, elevato 10 contravvenzioni al C.d.S., ritirato una patente di guida, effettuato 10 controlli etilometrici e sequestrato un automezzo. Sono state inoltre denunciate in stato di libertà un 21enne di Ceccano, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente ed un 49enne di Supino, per guida in stato di ebbrezza alcolica. Il prevenuto, controllato alla guida della propria autovettura e sottoposto ad accertamento etilometrico, risultava aver assunto sostanze alcoliche in misura superiore al limite consentito della normativa vigente. Tre giovani (un 22enne di Ceccano, un 24enne di Frosinone ed un 30enne di Ceccano) a seguito di perquisizione personale e veicolare, sono stati trovati in possesso di sostanza stupefacente del tipo “hashish” e segnalate ai sensi dell’art. 75 D.P.R. 309/90. Infine, sette persone sono state proposte per il rimpatrio con foglio di via obbligatorio.

3 ANNO I - N° 179 mArtedì 19 OttObre 2010


IL METEO

ORARI TRENI

SORA

CASSINO ROMA

POMERIGGIO SERA NOTTE

CASSINO

MATTINO

MATTINO

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

LA RICETTA

Sformato di maccheroni Cuocere i maccheroni in abbondante acqua bollente salata e scolarli ad dente. Intanto in una ciotola sbattere le uova con il sale, la noce moscata, il latte e il parmigiano grattugiato. In un tegame da forno alternare gli strati di maccheroni con il composto a base di uova avendo cura di terminare con quest'ultimo e un'abbondante spolverata di parmigiano grattugiato che servirà da gratinatura. Infornare in forno precedentemente scaldato a 250° per 20 minuti. Servire ben caldo.

Preparazione: -> 45 min

Cottura: -> 25 min

ABBAZIA DI MONTECASSINO

TRENI

MATTINO

FROSINONE

MESSE

N.persone: -> 4

INGREDIENTI: Maccheroni (300 gr); Uova (4); Latte (1/8); Sale (q.b.); Parmigiano (reggiano, 2-3 cucchiai); Noce moscata (una spolverata).

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

CASSINO NAPOLI 1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

ORE

9.00 10.30 12.00

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE

8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE

7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE

9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE

7.30 11.00 19.00

APPUNTAMENTI Il 19 ottobre 2010 presso il Palasport di Frosinone (ore 17:30) la Banca Popolare del Frusinate, in collaborazione e con la partecipazione dei giocatori del Frosinone Calcio, Isola Liri Calcio, Basket Veroli, Banca Popolare del Frusinate Basket Cassino, Banca Popolare del Frusinate Globo Sora, presenta la FESTA DELLO SPORT. Premiazione dei ragazzi che hanno partecipato all’iniziativa “L’ECCELLENZA PREMIA L’ECCELLENZA”. Presentazione del nuovo progetto borse di studio per l’anno scolastico 2010-2011 “BPF TEN”.

SAN BARTOLOMEO ORE

8.30 11.00 18.00

SAN BASILIO (CAIRA)

ORE

10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.)

NUMERI UTILI

ORE

8.30 11.00

FARMACIE

EMERGENZA CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE

112 113 115 118 1515 800116

SANITA’ OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

NUMERI UTILI COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

SABATO 16 OTTOBRE

S.ANNA

DOMENICA 17 OTTOBRE

EUROPA

LUNEDI’ 18 OTTOBRE

S.BENEDETTO

MARTEDI’ 19 OTTOBRE

EUROPA

MERCOLEDI’ 20 OTTOBRE

PRIGIOTTI

GIOVEDI’ 21 OTTOBRE

S.ANNA

VENERDI’ 22 OTTOBRE

RICCIUTI

Stasera in tv su Italia Uno (ore 21:10)

IO SONO LEGGENDA

(fantascienza - 2007)

Anno 2012. Robert Neville sembra essere l'unico sopravvissuto a una spaventosa epidemia generata dal virus del morbillo geneticamente modificato e originariamente concepito dalla dottoressa Alice Krippin per combattere il cancro. L'epidemia ha infettato quasi tutti gli esseri umani e gli animali domestici con risultati diversi: la stragrande maggioranza è morta, mentre una piccola percentuale ha subìto una degenerazione simile a quella provocata dalla rabbia, che li ha condotti allo stato di zombi (questa una delle differenze rispetto al testo originale dove si trattava di vampiri) necessitati a nascondersi dai raggi UV. Meno dell'1% della popolazione è risultato completamente immune agli effetti dell'epidemia, ma è stato cacciato e ucciso dagli infetti. Regia di Francis Lawrence, con Will Smith, Alice Braga, Dash Mihok, Charlie Tahan.

4 ANNO I - N° 179 MARTEDì 19 OTTObRE 2010


SPORT CALCIO SERIE B

Mai così in basso i canarini dopo 10 turni in 5 anni di B: Carboni aspetta tempi migliori

Al Frosinone gira tutto storto Il tecnico:“In questo momento concretizziamo poco: dobbiamo crescere molto” FROSINONE - Prosegue il momento no della compagine canarina. Il pareggio di sabato col Modena è servito a poco: era necessario tornare alla vittoria ed il Frosinone non c’è riuscito evidenziando ancora una volta le lacune nella finalizzazione di una buona manovra in un momento in cui anche la mala sorte sembra essersi accanita su Sicignano e compagni. I numeri del resto sono impietosi: il Frosinone in cinque anni di serie B non si è mai ritrovato così in basso (quartultimo in classifica con la media di un punto a partita)dopo le prime dieci giornate; l’attacco resta un punto interrogativo, Lodi appare come la fotocopia sbiadita del giocatore che illuminò il Matusa e la classifica comincia a preoccupare. In questo contesto il tecnico Guido Carboni ammette senza nascondersi di attendere tempi migliori. L’allenatore capisce che il suo Frosinone

Guido Carboni non è ancora uscito dalla crisi (di risultati e in alcuni casi anche di gioco) e dunque si augura che giungano in fretta giorni più felici rispetto a quelli attuali. “Il pareggio - ha esordito Carboni - mi lascia l’amaro in bocca per le numerose occasioni avute e non concretizzate. Qualche leggerezza l’abbiamo commessa, non lo nego, però ai punti potevamo

vincerla questa partita. In questo momento ci gira così. La squadra comunque voleva fortemente la vittoria. Purtroppo adesso non abbiamo equilibrio, perché troppi giocatori non sono al meglio. Dobbiamo rimboccarci le maniche e lavorare, verrà il momento in cui partite come questa le vinceremo. Abbiamo concretizzato poco, però non voglio vedere tutto negativo. La nostra squadra ha ampi margini di miglioramento. Dobbiamo crescere e sono convinto che arriveranno tempi migliori. La trasferta di Torino? Bisogna andare là ed avere coraggio, non è detto che non possiamo riprenderci quello che abbiamo lasciato per strada in queste ultime partite in cui avremmo meritato qualche punto in più”. Carboni ha parlato della mancanza di equilibrio per via di qualche giallazzurro non al top della condizione. Uno di questi è ovviamente Santoruvo. “Vincenzo si è

Alfredo Cariello messo a disposizione della squadra ancora una volta, cercando di dare una mano come può. Vorrei averne tanti di giocatori così, che non si tirano mai indietro. Ci sono elementi che lo fanno, altri invece no”, la prima stoccata del tecnico. Che poi si è soffermato pure su Lodi, ancora una volta in ombra: “Francesco avverte enormemente l’importanza di giocare a Fro-

sinone. Non dobbiamo caricarlo di troppe responsabilità, non ci aspettiamo che ci risolva ogni partita. Lodi, e questo per me conta tantissimo, è uno di quelli che si sacrificano. A differenza di altri”. Ma è Alfredo Cariello, al primo gol stagionale, a gettare un pizzico di ottimismo sulla prova di sabato e sul futuro del Frosinone. “Abbiamo fatto il massimo per vincere la partita - ha spiegato Cariello -. Questo è un periodo in cui ci gira male. Non dimentichiamoci che oggi abbiamo dovuto fare i conti con pali, traverse e palloni respinti da noi stessi. E’ un punto che muove la classifica, cosa questa che non fa mai male. Vero è che queste partite si dovrebbero vincere, però abbiamo dato il massimo e questo a mio giudizio è un buon punto. Avevamo una grande voglia di vincere e dopo tre sconfitte era oggettivamente anche difficile fare di più”.

VOLLEY SERIE A2

Per la Globo Sora falsa partenza in campionato La neopromossa Carige Genova si impone 3 a 0 Falsa partenza per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora che al Pala Figoi di Genova perde 3-0 contro la neo promossa Carige. Nel complesso buona la prestazione dei ragazzi di coach Gatto che si sono difesi egregiamente facendo vedere buone cose in ricezione con un complessivo 80% di positività e dei personali alti per tutti i ricettori soprattutto Michele Gatto che ha dato alla sua squadra affidabilità e reattività. Ma Genova ha messo in campo molta organizzazione e regolarità che l'ha portata al primo successo stagionale con Paoletti mattatore dell'incontro. Allo starting six coach Alberto Gatto schiera la diagonale Scappaticcio-Roberti data l'indisponibilità dell'infortunato Darraidou, i centrali Polidori-Pavan, la coppia di martelli LibraroRoberts e il libero Michele Gatto. In avvio di gara Enrico Libraro con un bellissimo

diagonale mette a segno il primo punto del campionato 2010/2011 e poi grandi attacchi dal centro con il recuperato Pavan e da posto 4 con Roberts (5 pt/set) che lavora molto bene a muro e sul muro avversario. Genova si riporta sotto con Ogurcak e, Max Di Franco murando Libraro pareggia i conti, 18-18. La Globo allunga ancora e con un diagonale in extra-rotazione di Roberts è di nuovo a +2, 19-21. Ma la Carige non molla e con un ace del solito Paoletti (10 pt/set) ritorna avanti 23-21. Saranno due errori degli attaccanti sorani a consegnare nelle mani dei liguri il primo set sul 25-22. Nel secondo parziale, sull'1-2, i liguri mettono a segno un break di 6-0 con Manassero in battuta e Paoletti in attacco, così al technical time out è 3-8 per i padroni di casa. Le 6 lunghezze di vantaggio vengono mantenute dai ragazzi di Del

Federico fino al secondo tempo obbligatorio, 10-16, quando un turno in battuta positivo di Libraro, che mette a segno anche un ace, riduce un pochino il distacco. Nel frattempo mister Gatto sostituisce in posto 2 Salvatore Roberti con Lorenzo Scuderi ma Genova ora è galvanizzata e sulle ali dell'euforia del loro settimo uomo in campo, il pubblico, scappa velocemente avanti. L'esperienza del Pocho annulla ai bianco-blu questa prima possibilità ed esordisce anche De Rosas in serie A2 chiamato da coach Gatto in battuta sul 19-24 ma nulla può ed è 2-0 nel conteggio set. Nel terzo parziale la lotta si accende: Genova è in vantaggio di 2 lunghezze al primo tempo obbligatorio di sospensione e Sora, scesa in campo con Scuderi in posto due, non ci sta così riconquista la palla e manda il top scorer Nathan Roberts al servizio. L'australiano

Fiorentina, i nomi per il dopo Mihailovic

Torino, ipotesi future Per Lerda ultima chance

Sulle pagine di La Repubblica si cominicia a pensare anche ad un eventuale dopo Mihajlovic. Si va dalle soluzioni d'emergenza come Franco Colomba e Papadopulo, alle candidature eccellenti di Leonardo e Carlo Dunga. Per ora però, i Della Valle vanno diritti per la loro strada, confermando la fiducia a Sinisa Mihajlovic.

Se l'era Cairo dovesse prevedere un altro cambio di panchina chi sarebbe pronto a sostituirlo? Questi sono i nomi fatti da Srweb: Mandorlini, Colomba, Cagni e Campilongo. I tifosi, potessero scegliere, vorrebbero Camolese, ma Cairo difficilmente lo richiamerà. Al momento è ipotizzabile che a Lerda verrà concessa un’ultima chance, quella si sabato prossimo col Frosinone di Carboni.

Il coach Alberto Gatto mette a segno prima un ace su Zappaterra, poi un altro su Ogurcak e anche un bellissimo mani-out da seconda linea e la Globo è avanti 14-16. Tra le fila liguri salgono in cattedra lo schiacciatore Ogurcak e il solito opposto Paoletti, MVP dell'incontro con 23 punti totali realizzati di cui 2 muri e 1 ace, e non ci basterà il miglior Michele Gatto a fermare la loro furia. La Carige Genova vince la prima partita del 66° Campionato Italiano di serie A2 3-0 ai danni della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora.

5 ANNO I - N° 179 mARtEdì 19 OttOBRE 2010


lagazzettacassino181010a  

IL TAPIRO DEL GIORNO AGLI INDISCIPLINATI L’OSCAR DEL GIORNO A FACOLTA’ INGEGNERIA DISTRIbuzIONE GRATuITA MARTEDì 19 OTTObRE 2010 Dopo l’abbu...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you