Issuu on Google+

In assenza del gatto i topi ballano e così quelli che pensano di valere qualcosa (lo pensano solo loro, meno male) se la spassano senza controlli e senza far niente, ovviamente. Sono quelli del palazzo comunale che criticavano gli amministratori

comunali cacciati ma ai quali si raccomandavano. Ed ora senza sindaco e anche senza commissario tutti ballano, naturalmente senza far filtrare nulla fuori dal palazzo. Sono i nuovi silenziatori, quelli che non trasmettono ma che fanno i loro comodi.

PERLE

APPUNTI

Silenziatori comunali

Gli scontenti di Pdl e Pd Sono tabnti gli scontenti all’interno del P d l m a s o p ra t t u t t o d e l P d n o s t ra n o . I n e n t ra m b i i p a r t i t i s i l o t t a a f a rs i m a l e tra ex forzis t i ed ex alleanzini ma anche t ra e x d i e s s i n i e d e x m a rg h e r i t i n i . I n som ma è lot t a int erna ed es t erna alla ric e r c a d i u n p o s t o i n c o n s i g l i o m a s a rà du ra per t ut t i per la riduzione dei s eggi d a 3 0 a 2 4 . B i s o g n e rà i n v e s t i re m o l t o e così ad avere la meglio saranno sempre i sol i ti ric chi.

ANNO I - N° 155 SABATO 18 SETTEMBRE 2010 DISTRIBuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel. e Fax 0776.278040 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

LA CLINICA DEGLI ORRORI www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A RENATA POLVERINI Al presidente della giunta regionale per aver presentato un piano sanitario dove si prevede il declassamento dell’ospedale di Pontecorvo. E oggi contro questo probabile depotenziamento sindaci e cittadini scenderanno in piazza per manifestare contro la regione Lazio e l’Asl per mancanza di risposte valide e rassicuranti. Questa situazione danneggia i pazienti ma anche il territorio. Ora tutti corrono al capezzale della sanità malata in provincia ma nessuno presenta la ricetta giusta. Finora i politici hanno promesso tanto ma mantenuto poco.

L’OSCAR DEL GIORNO A CIRO RIVIECCIO Pe r l a r u b r i c a “ I l caffè di zio Ciro” , che appare a pagina sette del nostro q u o t i d i a n o. L a r u brica di Ciro Rivieccio sta riscuotendo un not e vo l e s u c c e s s o t r a i lettori per gli argomenti trattati in chiave iron i ca e sim patica. U n appunt a me n t o q u otidiano atteso dagli am ici del bar e dai lettori ormai abituati alla lettura della rubrica sulla vita a mmin is t ra tiva cittadina, m a anch e su e p is od i d i a ltr a dim ensione.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione Consultori familiari, il no della Provincia L’assessore Cecchini: possibile però il dialogo ROMA - Ha espresso parere negativo sul testo di legge regionale di riforma dei consultori familiari l'assessore provinciale alle politiche sociali e della famiglia, Claudio Cecchini, e ha suggerito "di avviare un percorso di confronto e coinvolgimento delle comunità territoriali, mediante audizioni della Commissione regionale e l'organizzazione di eventi pubblici di confronto". Cecchini è stato ascol-

tato ieri dalla Commissione lavoro e politiche sociali, presieduta da Maurizio Perazzolo (Lista Polverini) sulla proposta di legge regionale di "Riforma e riqualificazione dei consultori familiari". L'assessore ha motivato le sue conclusioni con numerose osservazioni di carattere generale e alcune osservazioni specifiche sul testo di legge. "Su un tema così delicato e socialmente rilevante quale l'identità e il

ruolo dei consultori familiari - ha affermato l'assessore provinciale occorre ricercare e perseguire il livello massimo di confronto e possibilmente di condivisione tra le varie forze politiche presenti nell'assemblea regionale, e non procedere a colpi di maggioranza". In Commissione è stato ascoltato anche l'assessore alle politiche sociali della provincia di Rieti, Luigi Taddei. "Condivido moltissime os-

servazioni fatte da Cecchini - ha detto Taddei - In particolare, mi sembra che certe tutele previste dal provvedimento riguardino solo

la famiglia, escludendo le coppie di fatto". Le audizioni sul provvedimento riprenderanno nelle prossime settimane.

SCRITTE ANTISEMITE

Zingaretti “L’autore chieda scusa” ROMA - ''Purtroppo ancora una volta ci troviamo a commentare il gesto di qualche imbecille che non ha capito il significato del rispetto e dell'educazione e che probabilmente si convince di essere più forte offendendo la Comunità ebraica e la sua storia''. Lo dichiara in una nota il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti, commentando le scritte antisemite comparse nei pressi del Liceo Mameli. ''Voglio condannare con forza e decisione questo ennesimo episodio - conclude Zingaretti - e mi auguro che l'autore della scritta possa essere presto identificato, che comprenda la sua immensa stupidità e soprattutto che chieda scusa alla Comunità ebraica a cui voglio ribadire la nostra vicinanza''. Esprime ''sdegno'' e ''vergogna'' anche Massimiliano Smeriglio, assessore al Lavoro e Formazione della Provincia di Roma.

Carceri chiuse per mancanza di agenti La denuncia arriva dal Garante dei diritti del detenuto, Marroni detenuti a fronte di una capienza regolamentare di 208 - è stato da tempo ultimato, su un'area di 12 ettari, un nuovo padiglione con 16 celle di 19 metri quadri (ognuna delle quali dotate di bagno e doccia) ed una per portatori di handicap, per piano, per un totale di circa 200 nuovi posti. Il padiglione (costato 8.600.000,00 euro) è in grado di raddoppiare la capienza dell'istituto ed alleviare il sovraffollamento della struttura. Tuttavia, come certificato dai collaborati del Garante, nessuno parla di aprire il nuovo padiglione di Contrada Lazzaria. ''All'inizio - dice il Garante - il problema era legato all'allaccio della struttura al depuratore, poi risolto. Oggi, invece, il nodo è la mancanza degli agenti di polizia

ROMA - ''In una regione come il Lazio - quarta in Italia per numero di detenuti e con un sovraffollamento penitenziario che sfiora il 40% - due strutture carcerarie all'avanguardia che potrebbero ospitare oltre 300 detenuti, realizzate a Rieti e Velletri, restano inesorabilmente chiuse o sottoutilizzate per la mancanza degli agenti di polizia penitenziaria necessari a farle funzionare''. La denuncia arriva dal Garante dei diritti dei detenuti del Lazio Angiolo Marroni che, sull'argomento, ha chiesto un incontro urgente al Provveditore regionale dell'amministrazione penitenziaria Angelo Zaccagnino. Spiega Marroni:nel carcere di Velletri - entrato in servizio nel 1992, che attualmente ospita 365

penitenziaria necessari a far funzionare il padiglione visto che, come detto dalle organizzazioni sindacali di categoria, a Velletri vi sarebbero gravi carenze di organico quantificabili in alcune decine di unità in meno''. Ancor più paradossale il caso di Rieti, dove per mancanza di agenti di polizia penitenziaria, il nuovo carcere da 306 posti è attualmente utilizzato a meno di 1/3 delle sue possibilità, con 113 reclusi ospitati nelle sole due sezioni aperte da 78 posti disponibili e dunque sovraffollate. La Casa circondariale di Rieti, che si estende su 60.000 metri quadrati, ha le carte in regola per essere un istituto all'avanguardia visti gli spazi destinati ad accogliere detenuti comuni e

di alta sicurezza, e attività formative e trattamentali. Oggi sono in funzione due sezioni nell'unico dei due padiglioni detentivi aperti. I reclusi sono così stipati in celle singole o doppie, comprese le sei di isolamento. Nel padiglione ancora chiuso ci sono invece tre reparti, ognuno dei quali con tre sezioni. ''I casi di Velletri e a Rieti sono l'emblema della lontananza della politica dalla realtà - ha detto il Garante Angiolo Marroni -. L'emergenza carceri in Italia si potrebbe affrontare cominciando col rendere pienamente operative le strutture esistenti e inutilizzate, usando i fondi altrimenti destinati alla costruzione di nuove carceri per reintegrare il personale che manca''.

Sorpresi con oltre 6 chili di droga: due in manette A Ostia i carabinieri notano una busta passata frettolosamente ROMA - Ai carabinieri del gruppo di Ostia è bastato un movimento sospetto, una busta passata frettolosamente da una persona all'altra, per intuire che quell'azione potesse celare qualcosa di illecito. Atteggiamento sufficiente per in-

2 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 settembre 2010

durre i militari in abiti civili in servizio antidroga nella zona dell'Idroscalo ad effettuare un controllo. La busta in questione conteneva 2 chilogrammi di hashish. Sono stati arrestati così due pregiudicati, T.F. 57enne, ro-

mano, residente al Trullo e P.A. 35enne, cittadino albanese residente ad Ostia. Subito sono scattate le perquisizioni nelle rispettive abitazioni: in quella del cittadino albanese, i carabinieri hanno rinvenuto 4 chilogrammi di

marijuana, un giubbotto antiproiettile, circa 13.000 euro in contanti e due potenti bombe carta contenenti ognuna mezzo chilo di polvere nera; in quella del romano, invece, sono stati sequestrati 20 grammi di cocaina.

Gdf, Gibilaro neo comandante

Rubano motorino due nei guai

ROMA - Cambio al vertice del comando provinciale della Guardia di finanza. Il generale Andrea De Gennaro cede il comando al generale di Brigata Ignazio Gibilaro, 49enne già alla guida del Comando provinciale di Catania. "E' una gioia per me poter guidare il Comando provinciale di Roma", ha detto il generale Gibilaro, durante un incontro con la stampa.

ROMA - I carabinieri hanno arrestato, dopo un breve inseguimento, due romani di 30 e 42 anni, che avevano da poco rubato un ciclomotore al quartiere Alessandrino. Un cittadino aveva segnalato al 112 di aver notato una Fiat Panda con a bordo due persone allontanarsi velocemente dopo aver caricato uno scooter a bordo, segnalandone anche la direzione di fuga. I ladri sono stati immediatamente fermati.


regione Tar, via tre politici dal consiglio regionale Si complica la situazione per la Polverini ROMA - La situazione si complica al Consiglio Regionale. Il Tar del Lazio ha accolto i due ricorsi presentati all'indomani del voto di marzo e, questa decisione riporta a 70, da 73, il numero complessivo degli eletti alla Pisana. Nel dispositivo della sentenza che è stato pubblicato ieri si stabilisce che dovranno lasciare la Pisana tre esponenti del centrodestra: il capogruppo e il componente della

Lista Polverini Enzo Di Stefano e Gianfranco Sciscione e il Pdl Giancarlo Gabbianelli. Il Tar del Lazio ha dunque accolto i ricorsi proposti da Movimento per la difesa del Cittadino e dal consigliere del Pd ed ex vice presidente della giunta Esterino Montino, insieme con molti dei consiglieri del Pd eletti nel Lazio nel marzo scorso. I giudici della II Sezione bis del Tar del Lazio,

Pd, Chiti commissario del partito nel Lazio ROMA - ''Il Segretario nazionale, Pier Luigi Bersani, ha nominato Commissario del Partito democratico regionale, Vannino Chiti, autorevole dirigente di esperienza ed

equilibrio, al quale va naturalmente il pieno sostegno di tutto il gruppo dirigente nazionale e un sincero augurio di un proficuo lavoro. La decisione è maturata, in accordo con la segreteria laziale, al fine di superare una situazione di difficoltà del gruppo dirigente regionale a seguito del risultato negativo delle elezioni regionali della scorsa primavera''. E' quanto si legge in una nota del Pd. ''L'importanza del Lazio e l'instabilità del quadro politico nazionale hanno motivato l'apertura di una nuova fase, nella quale dovrà consolidarsi, ed essere chiaramente percepita, la costruzione del PD continua il comunicato - ed il suo radicamento nella società, attraverso la valorizzazione delle tante energie vitali ancora presenti, e sicuramente disponibili ad un rinnovato impegno, ed il coinvolgimento di nuove risorse di cui è certamente ricca la società laziale''.

hanno così dato ragione ai ricorrenti, che chiedevano l'annullamento dei verbali con i quali, dopo l'assegnazione di tutti i seggi previsti, sono stati attribuiti ulteriori seggi nelle circoscrizioni di Latina, Frosinone e Viterbo, con ciò, aumentando da 70 a 73 il numero dei consiglieri regionali. Alla luce di questa sentenza ora la maggioranza a sostegno di Renata Polverini perde tre voti e se do-

vesse formarsi un gruppo di Futuro e Libertà, la situazione si complicherebbe ulteriormente.Intanto i legali del Pdl hanno annunciato che presenteranno

l'appello al Consiglio di Stato, con la richiesta di sospensione immediata del dispositivo delle sentenze emesse oggi dai giudici amministrativi di primo grado.

Rauti al salone del lusso “Sono realtà ben radicate” ROMA - "I settori di eccellenza dell'economia sono una realtà radicata nel Lazio, che può sostenere e rilanciare il Made in Italy nel mondo": a dichiararlo è la consigliera Isabella Rauti, membro dell'Ufficio di Presidenza del Consiglio regionale del Lazio, in occasione dell'inaugurazione a Roma di Expo Luxe 2010, alla quale partecipa in rappresentanza del Presidente Mario Abbruzzese. L'evento si tiene oggi, venerdì 17 settembre, alle ore 10.00 presso le Scuderie Ruspoli in via di Fontanella Borghese 56/B a Roma. "I settori d'eccellenza, come la ricerca e lo sviluppo di nuovi materiali,

tecnologie e design per la realizzazione di oggetti di uso comune, producono sviluppo e crescita in interi settori merceologici. E' questo il principio che ha determinato il fenomeno del Made in Italy, leader nel mondo in settori come la moda, il design industriale, la gastronomia. Come ha affermato la Presidente Renata Polverini, è necessario dare alla

Regione Lazio il profilo internazionale che da troppo tempo attende, e la promozione delle produzioni regionali rappresenta una opportunità per realizzare questo obiettivo. Eventi come Expo Luxe contribuiscono quindi a rilanciare la parte migliore della nostra economia, che fa scuola nel mondo. E' importante che questo rilancio parta dalla nostra regione e da Roma, che ospitano numerose realtà produttive di eccellenza e che vedono oggi un significativo aumento dell'export soprattutto verso le economie emergenti come l'India e la Cina".

Riducono in schiavitù una romena, 4 arresti La ragazza era venuta in Italia per conoscere un amico del fratello ROMA – Ieri notte i Carabinieri di Roma hanno liberato una ragazza romena di 21 anni, arrestando i suoi quattro aguzzini, per riduzione in schiavitù e sequestro di persona. La ragazza era venuta in Italia perché il fratello, che vive a Milano, voleva farle conoscere un suo amico. Dopo l'incontro, avvenuto

a Roma, tra i due non è sbocciato l'amore così ognuno è tornato per la sua strada. Prima di fare rientro in Romania la ragazza ha salutato uno zio che vive a Roma e che si è offerto di ospitarla per qualche giorno. Una volta entrata nell'abitazione dell'uomo per la 21enne romena è iniziato l'incubo. Il parente, un

36enne già pregiudicato, insieme ad altri tre connazionali (due uomini di 37 anni e una donna di 23) tutti domiciliati presso la stessa abitazione hanno ridotto in schiavitù la ragazza costringendola, sotto la minaccia di morte e di pesanti ritorsioni fisiche, a prostituirsi.

Rumore dello scooter scatena una rissa

Mafie, sequestrati 473 milioni a Roma

ROMA - E' stato il rumore del suo scooter con la marmitta rotta a scatenare la rissa tra 6 connazionali a Trigoria ieri notte. Alcuni cittadini romeni sono stati svegliati dallo scooter e sono usciti in strada aggredendo il conducente. Questi è stato aggredito da B.A. che gli ha spruzzato dello spray urticante negli occhi. Gli stranieri sono perciò passati ben presto alle vie di fatto. Ne è nata una colluttazione scatenando una rissa.

ROMA - Cresce vertiginosamente negli ultimi tre anni il numero dei beni sequestrati alla mafia, a Roma e provincia, da parte della Guardia di Finanza. Dai 43 del 2008 si é passati a 955 dell'anno in corso per un valore che supera i 473 milioni di euro. Sono alcuni dati forniti dal generale Andrea De Gennaro in occasione dell'avvicendamento con il nuovo comandante, il generale Ignazio Gibilaro.

3 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 settembre 2010


provincia Provincia, stanziati i fondi per la frana a Roccasecca Abbate e Colantonio rispondono alle accuse di Giorgio: “E’ un sindaco del giorno dopo” FROSINONE – “Purtroppo a Roccasecca, e questo si vede dal totale stato di abbandono in cui versa la città, abbiamo un sindaco del giorno dopo” – inizia così il duro comunicato dell’assessore provinciale Antonio Abbate e del consigliere di maggioranza a Palazzo Gramsci Antonio Colantonio, rivolto al sindaco Giorgio. “Del giorno dopo – spiegano i due esponenti della coalizione guidata da Antonello Iannarilli perché quando si tratta di affrontare i problemi del nostro paese, lui lo fa con un giorno di ritardo, se va bene, quando è la dura re-

altà a metterlo davanti ai fatti e alle emergenze, perché di persona, autonomamente, non riesce ad individuare quali sono le necessità del territorio. E lo fa comparendo puntualmente sui giornali per riempire un vuoto amministrativo, di idee e di progetti ormai arrivato ai limiti del ridicolo, usando la solita tecnica: riprendere tesi e affermazioni di altri”. Continuano Abbate e Colantonio: “Mentre tutti i sindaci del circondario hanno lanciato appelli contro la chiusura dell’Ospedale di Pontecorvo, lui se n’è stato

zitto, tanto i pazienti non li manda là, non si fida, salvo poi ricomparire sulla scena dopo che i giornali avevano riportato le esternazioni dei primi cittadini di Pontecorvo, Castrocielo, Colfelice, Esperia e San Giorgio. Forse, consigliato da qualche suo fedele scudiero, stratega della politica dello strillo, anzi in questo caso dell’eco, visto che ha ripreso affermazioni altrui, si è ricordato dell’Ospedale di Pontecorvo, del rischio chiusura e ha inveito sulla stampa. Peccato che l’ha fatto fuori tempo, spigolando sul già detto da altri e non ha mai prtecipato alle riunioni dei sindaci per scongiurare il problema”. “Ma il massimo è stato raggiunto proprio oggi – attaccano i due esponenti de La Destra quando è apparso sulla stampa per la frana sulla strada di accesso a Roccasecca centro, strada di competenza provinciale. Il sindaco ha chiesto interventi e lavori alla Provincia, prospettando situazioni da tragedia come lo sgombero delle abitazioni e appellandosi addirittura a Bertolaso. Tralasciando la teatralità dell’intervento - visto che la stessa

lettera a Bertolaso potrebbero scriverla i cittadini di Roccasecca per le catastrofi amministrative che sta riversando sulla città, tanto che il suo nome ormai viene accostato a quello di tragedie della natura come gli uragani, l’uragano Giorgio - bisogna sottolineare ancora una volta come il suo grido di dolore arriva in ritardo, ancora una volta sollecitato da qualcuno ben informato. Infatti, proprio ieri la giunta provinciale ha approvato il progetto e lo stanziamento, pari a 340 mila euro, per i lavori di rifacimento e messa in sicurezza di tutta l’area

interessata allo smottamento, compreso il costone di roccia sul lato della strada per San Francesco. La Provincia targata Antonello Iannarilli, di centrodestra, in cui siedono e operano due cittadini di Roccasecca amanti del proprio paese, Antonio Abbate e Antonio Colantonio, dimostra coi fatti di operare per la crescita del territorio. Per l’approvazione del progetto, vorremmo ringraziare l’assessore Cardinali, disponibile alle nostre sollecitazioni. Qualche domanda, però, vorremmo farla noi al sindaco in conclusione. Visto che la frana in questione è ormai vecchia di anni, visto che amministri da quasi un lustro la città, visto che prima a Palazzo Gramsci c’erano i tuoi amici del centrosinistra, perché non hai mosso le stesse critiche in tempi precedenti? Perché te se n’è ricordato solo ora? Perché la tua attenzione al territorio e alle emergenze varia a seconda del colore politico degli interlocutori? Caro sindaco, rispondi alle domande, anche non subito, puoi farlo anche domani, visto che sei il sindaco del giorno dopo”.

Il Popolo della Libertà Caccia,incontro soddisfacente tra vuole sfatare l’ultimo tabù l’assessore regionale e provinciale FROSINONE – Il centrodestra può considerare la provincia di Frosinone un vero e proprio serbatoi di voti, una terra che non tradisce mai quando si tratta di riversare consenso verso il polo che fa riferimento al presidente Berlusconi. Percentuali bulgare, di solito, si registrano alle elezioni politiche e regionali, quando la competizione è fortemente ideologizzata. Più complicato è il discorso delle amministrative, delle elezioni a livello locale. Qui, il quadro sembra non rispecchiare il trend solito e possono realizzarsi clamorosi imprevisti come accade da anni al comune di Frosinone, o a Sora, o accadeva all’amministrazione provinciale. Questo a causa, spesso, delle liti interne allo schieramento, che impedivano di fare fronte comune, di individuare un candidato forte, sostenuto da tutti. Purtroppo alla fine si ricorreva ad un candidato di bandiera, poco apprezzato dall’elettorato, ma soprattutto inviso agli stessi dirigenti che l’avevano proposto. Proprio le elezioni provinciali dello scorso anno hanno segnato un cambio di rotta. Finalmente per la competizione a palazzo Gramsci è stato scelto un candidato vero, forte, autorevole come Antonello Iannarilli e i risultati si sono visti. Vittoria e cambiamento epocale al-

4 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 settembre 2010

l’amministrazione provinciale. Ora si avvicina una nuova tornata amministrativa in cui sfatare l’ultimo tabù. Che non è certo il comune di Sora, dove la vittoria del centrodestra sembra cosa fatta. Il tabù è la città di Frosinone. Una città di centrodestra amministrata da quindici anni dal centrosinistra. Non per meriti di questi ultimi però, ma per demeriti dei primi. Ora è tempo di invertire ala rotta anche al palazzo comunale di viale Mazzini. Il centrodestra, se non si andrà alle elezioni anticipate, ha un anno di tempo per lavorare ad una candidatura unitaria, apprezzata e voluta da tutti. Caso mai partendo da un programma condiviso. In questo senso bene ha fatto il consigliere Magliocchetti a lanciare l’idea di Frosinone 2012, subito sostenuto dal presidente Iannarilli che è stato chiaro: “Bisogna posizionare la bandiera del Pdl sul pennone del comune di Frosinone”. La rotat è tracciata, ora è tempo di fare squadra. Basta autogol. Con la non recondita ipotesi che il programma di Magliocchetti, viste le fibrillazioni della giunta Marini, non debba cambiare titolo a causa di elezioni anticipate. Da Frosinone 2012 a Frosinone 2011.

FROSINONE – L’Assessore provinciale alla Caccia, Giovanni Melone, ha incontrato nei giorni scorsi l’Assessore regionale competente, Angela Birindelli. Alla base della discussione un’intesa volta ad affrontare la questione del nuovo calendario venatorio. Melone ha espresso soddisfazione per il confronto con la Birindelli per aver ottenuto un rapido riscontro alle sue richieste più pressanti. Come ad esempio quella di una visita a breve nella nostra provincia per incontrare personalmente i referenti del mondo venatorio e toccare con mano una realtà dai connotati di grande interesse che nella Capitale si conoscono poco e male. “Voglio ringraziare l’Assessore Birindelli – ha detto Melone – in primo luogo per l’attenzione prestata fin da subito alle nostre richieste e poi anche per la gentilezza con la quale si è rivolta non solo a noi, ma anche a tutti i rappresentanti delle associazioni che nei giorni scorsi si sono recati a Roma. Sono comportamenti che anche nelle more di interscambi istituzionali non guastano, anzi, e purtroppo sono diventati un bene sempre più raro. Molto presto dunque avremo l’assessore Birindelli nella nostra provincia e

affronteremo insieme a lei, con spirito collaborativi, come è accaduto per il nuovo calendario venatorio, le diverse questioni che abbiamo ancora sul tavolo e che dobbiamo definire quanto prima, raccogliendo con accortezza e scrupolosità le istenze pervenuteci da parte di coloro che praticano l’attività venatoria in modo tale da presentarle in ambito regionale. Una volta portata a termine questa operazione si dovrà agire per attuarle rendendole operative al più presto”.

Ruspandini presenta la Globo Sora volley

Pd, continua la festa del partito a Frosinone

FROSINONE – Con l’assessore Ruspandini, ormai è diventata una bella abitudine presentare le eccellenze dello sport ciociaro a palazzo Gramsci e augurare loro una ottima stagione agonistica. Dopo il Veroli basket, è stata la volta della Globo Sora di pallavolo. L’assessore Ruspandini ha sottolineato la bontà del progetto portato avanti dalla Globo: unire sport a educazione dei giovani. Infatti la società sportiva collabora con le scuole del territorio.

FROSINONE – Si concluderà domani, nella zona del Sacro Cuore a Frosinone, la festa provinciale del Partito democratico. Benchè in seria difficoltà, in pedita di consenso e in crisi di identità, i“Democrat” hanno deciso di celebrare lo stesso l’appuntamento. Tutto dedicato al lavoro la festa di quest’anno. I big sfileranno alla celebrazione e parleranno dei tanti temi in agenda e soprattutto delle tante difficoltà ed emergenze del territorio.


provincia Turismo, Camera di Commercio e Provincia unite per lo sviluppo Massimo Ruspandini e Mario Papetti concordano la partecipazione all’evento“GTI Lazio” FROSINONE - Camera di Commercio e Provincia di Frosinone unite per lo sviluppo e la promozione del turismo. Presso la Sala Giunta dell'Ente camerale il presidente Mario Papetti, insieme ai membri di giunta Florindo Buffardi e Gianpiero Canestraro, ha incontrato l'assessore provinciale al Turismo Massimo Ruspandini. All'ordine del giorno della riunione: la partecipazione al “GTI Lazio Expo” e la manifestazione del settore turistico dedicata alle eccellenze della Regione Lazio che si terrà presso la Fiera di Roma dal 18 al 21 novembre prossimi. L'evento fieristico, alla sua prima edizione, è organizzato dalla Fiera di Roma, Regione Lazio e Federalberghi e si propone di attrarre i buyers internazionali per promuovere Roma e le province del Lazio.

Per la provincia di Frosinone sarà un appuntamento di grande rilievo in quanto le aziende, i comuni, le associazioni e tutte le realtà locali, interessate alla promozione turistica del territorio, saranno protagoniste e potranno così far conoscere a tutti il patrimonio storico-culturale, artistico, archeologico, museale, termale e paesaggistico, le tradizioni, il folklore e l'enogastronomia della Ciociaria a livello nazionale ed internazionale. L'incontro ha segnato l'avvio per il futuro di una collaborazione sinergica tra la Camera di Commercio e la Provincia di Frosinone finalizzata alla promozione e alla valorizzazione del territorio. La manifestazione, una vera e propria vetrina, dove il “Made in Lazio” sarà protagonista nel corso delle

quattro giornate di business e incontri per far conoscere tradizioni e novità. Alla Fiera parteciperanno 350 Hosted Buyer provenienti da tutto il mondo, mentre sono attesi circa 30 mila visitatori. La manifestazione è stata illustrata, nei giorni scorsi, alle Province e alla Camere di Commercio del Lazio dall'assessore regionale al Turismo on. Stefano Zappalà. “Una grande disponibilità e la rinnovata sinergia" sono questi i punti cardini dell'intervento dell'assessore provinciale al Turismo Massimo Ruspandini. “La manifestazione – ha detto sempre Ruspandini - rappresenta un appuntamento indispensabile per il business e la promozione del turismo nel Lazio. L'iniziativa coinvolgerà tutti

i comuni della provincia, le aziende e le associazioni per arrivare ad innescare un meccanismo di partecipazione condivisa. Lavoreremo per presentare la nostra provincia a livello nazionale ed internazionale”. “La partecipazione all'evento fieristico è un'occasione per avviare un discorso unitario tra Camera di Commercio e Provincia di Frosinone e realizzare insieme idee e progetti tese allo sviluppo turistico. L'evento fieristico proposto dall'assessore regionale al Turismo Zappalà costituirà la prima vera occasione di presentare le risorse turistiche del Lazio. La Fiera rappresenterà una importante vetrina per gli operatori del turismo”. E' quanto ha affermato Florindo Buffardi a margine dell'incontro.

L’unione fa la forza e crea Tutti a manifestare in difesa le condizioni per lo sviluppo della sanità ciociara. Basterà? FROSINONE – Se nel settore turismo non si opera per mettere insieme tutti gli attori territoriali in provincia di Frosinone, non avverrà mai il tanto sospirato salto di qualità, la tanto auspicata inversione di tendenza che deve portare a far si che il prodotto Ciociaria diventi un qualcosa da vendere e d esportare nei mercati internazionali. Bene hanno fatto dunque la Camera di Commercio e la Provincia ha raccordarsi per partecipare all’evento fieristico Expo Lazio. Solo facendo squadra e non andando in ordine sparso si può competere all’estero. Questo lo ha capito bene l’assessore Ruspandini che sta allacciando una politica di rete con tutti gli attori territoriali interessati al turismo. Lazio Expo è una iniziativa importante per le imprese che operano nel turismo. Una - per incontrare i

Borse lavoro, pagati tutti i partecipanti. Ora bisogna guardare avanti

buyer che operano nel settore e per far conoscere e proporre le offerte di questo territorio. Realizzare una fiera così prestigiosa è una occasione unica per fare rete e presentare progetti integrati tra i vari operatori. Forza dunque Ciociaria. Rialzati anche in questo settore.

FROSINONE – Oggi, dal nord al sud della provincia, sarà tutto un manifestare per difendere i presidi sanitari della Ciociaria. Ceccano, Pontecorvo, Anagni, Alatri, Ferentino. Lunedì il Pd marcerà per quello di Frosinone. Tutti i politici faranno a gara a chi starà più in prima fila e a chi la sparerà più grossa. “E’ colpa del centrodestra! No, è colpa del centrosinistra”. Sicuramente questo sarà il succo dei tanti discorsi che i novelli tribuni del popolo faranno dai palchi all’uopo organizzati. Al di là delle sterili chiacchiere, però, resta il fatto che se passerà così come è prospettata la riforma del sistema sanitario ciociaro, questo territorio sarà costretto a dover aggiungere ai tanti disservizi, difficoltà ed emergenze, anche il declassamento sanitario. Ospedali con servizi ridotti all’osso, trasferte nei nosocomi romani, flusso di denaro verso le strutture della capitale, ingrassamento dei professionisti pri-

FROSINONE – Si chiude finalmente una delle pagine più tristi raccontate dalla Gazzetta. Quella relativa alle Borse lavoro 2009. Il progetto promosso dall’Agenzia provinciale Frosinone Formazione per impiegare in stage formativi di lavoro circa 350 disoccupati per quattro mesi di lavoro e che da dicembre dello scorso anno dovevano esser pagati. Non solo gli stagisti, ma anche i tutor e i coordinatori. Lo scorso mese di agosto erano stati saldati i borsisti. Ora sono stati saldati anche i tutor e i coordinatori. Dopo mesi e mesi di polemiche infuocate, articoli sulla stampa, minacce di inguinzioni, di appelli a Striscia la notizia, finalmente tutto sanato. Purtroppo, per i destinatari dei soldi, i fondi a loro dovuti erano stati impegnati per altre destinazioni dai precedenti vertici dell’Agenzia. Ora, grazie allo sforzo comune della Provincia, del presidente Iannarilli e dell’assessore Tersigni, dei vertici attuali dell’Agenzia, il presidente Mastrangeli e il direttore

vati. Cui prodest? Certamente non all’inerme cittadino, vittima di interessi e rendite superiori. Perché se taglio ci sarà, diciamolo chiaro e tondo, anche se ammantato e addolcito, si fa per dire, dall’obbligo di ridurre le spese, in realtà qualche interesse di parte lo si va a soddisfare. Pensate un pò al cittadino di Viticuso che senza prestazioni in loco va a Roma, paga profumatamente in termini di costi per il viaggio, il soggiorno, le prestazioni, senza contare che potrebbe essere anche accompagnato dai familiari. Costi su costi. Tutto questo non è giusto. Vanno bene le proteste, soprattutto se sono di popolo. Ma quando alla testa di tali cortei vediamo solo le facce dei soliti noti, quelli che qui fanno finta di difendere il territorio e poi vanno o Roma e se lo vendono, allora questo non ci stà più bene. Meditate gente.

Mignanelii, tutto è ok. In conclusione, ci rivolgiamo proprio alla nuova amministrazione dell’Agenzia. L’ente è importante, svolge una funzione specifica. La formazione, se ben organizzata, è uno strumento importantissimo per la qualificazione dei ragazzi e per un migliore accesso al mondo del lavoro. Fatela funzionare come si deve. Rivolgiamo questo appello, perché l’Agenzia è in mani ottime e sapienti. Direttore Mignanelli fino ad oggi hai dovuto affrontare solo problemi creati da altri. E l’hai fatto nel migliore dei modi, ponendo come prioprità gli interessi dei lavoratori costretti ad operare in una situazione di assoluta precarietà, privi della seppur minima garanzia di un futuro impiego nei ranghi dell’Agenzia di Formazionbe. Ora è tempo che, visto il tuo curriculum personale, tu riesca a fare la differenza nel settore di competenza. Siamo sicuri che lo farai al meglio. Vai Massimimiliano.


cassino

Elezioni: Pdl diviso in cerca di candidati Polemica a distanza tra Pdl e Pd per l’esclusione dei tre consiglieri regionali CASSINO - Il centrosinistra va ava n t i c o n l a s p i n a n e l f i a n c o r a p pre s en tata d al Pd m a a n c h e n e l Pd l so n o pi ù s pi n e c h e r o s e p e r i l c o n tinuo duello Scittarelli-Abbruzzese. Da q ues ta l o tta d i p e n d e rà l a sc e l t a d e l f u t u r o c a n d i d a t o a s i n d a c o. I n molti ci sperano ma alla fine sarà s o l t a n t o u n o a d e m e r g e r e. Pe r ades s o è to p s ec re t . Tu t t o è a ffi d a t o all’ermeticao silenzio di Abbruzzese. Intanto è battaglia a Roma per l a s e n t e n z a d e l Ta r. “ L a p r o c l a m a zione degli eletti, a differenza di quanto possa affermare e pensare l ’ ex r e g g e n t e, o r a c a p o g r u p p o d e l P d a l l a P i s a n a E s t e r i n o M o n t i n o, no n s petta n e’ a l l a m a g g i o r a n z a n e ’ al P d l . N o n c ap i sc o c o m e s i p o ssa , in maniera così demagogica e sup e r f i c i a l e, attribuire questa vol o n t à a l Po p o l o d e l l a L i b e r t à . Ancora una volta, con le sue dichiar a z i o n i , e ’ l ’ ex t r a g h e t t a t o r e M o n tino che dimostra di voler inter p r etar e a m o d o s u o l e g g i e d e moc r az i a. Co me h o g i à av u t o m o d o di af f er mar e, au s p i c o fo r t e m e n t e d i p o t e r i n f u t u r o c o n t i n u a r e a l av o rare con i colleghi Giancarlo Gabbianelli, Enzo Di Stefano e Gian f r an c o S c i s c i o n e, c h e i n q u e st i mesi hanno dimostrato serietà e competenza. «Abbiamo un patto programmatico con la presidente Po l ve r i n i , m a s o p r a t t u t t o a b b i a m o stipulato un patto con gli elettori che per noi è sacro e inviolabile e

dunque non intendiamo prendere i n ostaggi o n essun o» . L o af f er ma i l capogruppo dell'Udc in Regione Fr a n c e s c o C a r d u c c i c o m m e n t a n d o l a d e c i s i o n e d e l Ta r. « L a s e n t e n z a d e l Tar ch e h a r i dotto i l n umer o dei c o nsi gl i er i al l a Pi san a - spi ega - va rispettata e non strumentalizzata da tutti, da chi si è opposto ai ricorsi ma anche da chi li ha sostenuti. Si illudono, dunque, le forze di opposizione che pensano di tirarci p e r l a gi acca. Il n ostr o sen so di r esponsabilità è fuori discussione».

Oggi alle 16 al Palazzo Comunale

Poeti e pittori presentano liriche e dipinti al pubblico CASSINO - Sabato 18 settembre (ore 16 presso nella sala Pier Carlo Restagno del comune di Cassino) in casa dell’Associazione culturale Art-Opera DEUS DAY si festeggerà il 5° anniversario della fondazione con la presentazione al pubblico della raccolta di Liriche e Dipinti dei Soci Poeti-Artisti .Tale iniziativa voluta fortemente dal suo Presidente – Sebastiano Midolo – e sostenuta dai componenti del Direttivo a cominciare dal vice Presidente Orazio Di Resta e dal Direttore Artistico Concetta Laura Mauceri, ha riscosso tra i Soci un interesse senza pari, dimostrando di essere un collettivo unito e che crede nell’attività che viene posta in essere, condividendone le finalità di divulgazione della Cultura sotto tutte le espressioni creative. L’opera raccoglie il meglio dell’espressione interiore di tredici poeti-soci, costituita da dieci liriche ed una pittrice-socia della

6 ANNO I - N° 155 SABATO 18 SETTEMBRE 2010

quale sono esposte ben quattordici dipinti i cui soggetti esprimono una parte della vitalità artistica dell’autore. Questi gli Autori – Poeti : Bottino Maria Luisa di Velletri, Cavallaio Venera di Cassino, De Simone Gaetano di Napoli, De Santis Anna di Cassino, Di Resta Orazio di Cassino, Fabbrocile Gianni di Roccasecca, Maceri Concetta Laura di Cassino, Miconi Mafalda di Cassino, Orgiti Ennio di Alatri, Pavone Maria di Villa S. Lucia, Perrone Antonietta di S. Pietro Infine, Pizzutelli Giovanni di Frosinone, Vernile Dario di Cassino; Socio-Pittrice : Michèle Padoy Fusco di origine francese e residente in Casalattico. La variegata composizione del contenuto ha indotto scegliere un titolo emblematico che, nella sintesi, ne esprimesse il contenuto – Arcobaleno … di Emozioni. La realizzazione della raccolta è frutto di autofinanziamento e di una compartecipazione dell’Associazione.

Uscite le opere di Amerigo Iannone CASSINO - È uscita la pubblicazione “Umanità e Cultura in Amerigo Iannacone – Testimonianze per trent’anni di attività letteraria” (Ed. Eva, Venafro 2010, pp. 80, € 10,00), che raccoglie gli atti del convengo tenuto a Venafro il 22 maggio 2010. Vi sono raccolte le relazioni di Carmine Brancaccio, Aldo Cervo, Ida Di Ianni, Rita Iulianis, Giuseppe Napolitano e Gerardo Vacana.

«Lo abbiamo dimostrato in questi primi mesi di consiliatura, in cui abbiamo dato - conclude - un contr i buto i mpor t ante ad affrontare le e m e r g e n z e d i b i l a n c i o, e c o n t i n u e r emo a di mostrarlo alla rip res a dei l avor i , quan do dovrem o avviare con gli altri partiti di maggioranza il pr ogr amma di ris anam ento e rilancio economico e sociale del Lazio per il quale siamo stati scelti dai cittadini Insomma a sentire l’Udc t u t t o d ov r e b b e r i m a n e r e s e n z a u l ter i or i scosse. Chis s à.

Festa degli Antichi Mestieri di Arpino CASSINO - Domenica 19 settembre 2010 appuntamento con la Festa degli Antichi Mestieri di Arpino, iniziativa che rientra nell’ambito del Centro Commerciale Naturale di Arpino all'insegna di degustazioni, mostre di artigianato, visite guidate, lavorazioni artistiche ed artigianali con orario 10-13 e 1519 in piazza Municipio. Il centro storico della città di Cicerone fa un salto nel passato grazie alle rappresentazioni dei mestieri tradizionali e delle antiche tecniche di lavorazione delle ciocie (antichi calzari dei

contadini ciociari), del legno, dell’arte della lana e della liuteria, delle attività agricole, e della produzione della ceramica in collaborazione con l’istituto comprensivo “Marco Tullio Cicerone”.Una manifestazione in cui sarà possibile riscoprire quelli che sono i mestieri che hanno lasciato ormai il passo alla modernità e scoprire invece come, un tempo, le giornate si dilatavano e ruotavano intorno alle attività manuali, trasformate in veri e propri rituali di grande importanza sociale oltre che pratica.

Exodus

Talenti: quattro giorni di cultura, politica e musica CASSINO - Tutto pronto per TALENTI Esperienze, idee e progetti al servizio del bene comune, l’evento promosso dalla Fondazione Exodus di Cassino in occasione dei 20 anni di attività e di presenza sul territorio e sponsorizzato dalla Banca Popolare del Cassinate. Alla conferenza stampa, guidata dalla prof.ssa Adriana Letta, erano presenti il Padre Abate e Ordinario di Montecassino dom Pietro Vittorelli, il Vicario per la Pastorale Don Antonio Colella, il responsabile del Progetto Culturale e del Servizio Diocesano di Pastorale Giovanile don Nello Crescenzi, e Benedetto Leone, per l’Associazione A Viso Aperto. Alla presentazione dell’iniziativa era presente anche il Presidente della Banca Popolare del Cassinate Donato Formisano. Il Consiglio di Amministrazione, infatti, ha scelto di sostenere questo progetto affiancando gli organizzatori e mettendo la propria sede a disposizione della manifestazione per ospitare il primo incontro. Lunedi 20 settembre, infatti, alle ore 11.00, la Sala S. Benedetto della Filiale di Corso della Repubblica a Cassino, ospiterà la prima tappa di Talenti. La manifestazione, infatti, si aprirà con la presentazione del Primo rapporto sulla condizione giovanile a Cassino, alla presenza di Marisa Del Maestro, Manuela Sacco e Rosy Marino. L’incontro sarà l’occasione per iniziare una serie di dibattiti che si protrarranno nei giorni successivi e metteranno al centro l’idea del bene comune che, come ha ricordato l’Abate questa mattina, viene sempre prima del bene individuale. La Banca Popolare del Cassinate è stata ben lieta di contribuire alla realizzazione di una manifestazione che è certamente molto in sintonia, nei suoi intenti, con lo stile che la BPC cerca di interpretare. L’idea, infatti, di mettere insieme i talenti di chi ha a cuore il territorio, oltre ad essere fortemente condivisa e condividibile da parte degli Amministratori della BPC, corrisponde anche alla funzione di una banca locale, che deve impegnarsi non solo a tutelare la ricchezza economica, ma anche a promuovere il bene e il benessere in generale, sostenendo le iniziative culturali, artistiche, solidali e sociali che rendono la nostra terra una terra migliore. Non va neppure dimenticato l’impegno della BPC per i giovani, attraverso il sostegno agli studenti, la promozione del diritto allo studio, la creazione di opportunità formative e di impiego. Per questo la BPC è ben lieta di ospitare nella sua sede proprio un appuntamento dedicato alla condizione giovanile. La presenza della BPC, comunque, non si limiterà all’apertura dell’evento, ma accompagnerà la manifestazione non solo attraverso il supporto dato agli organizzatori, ma anche mettendo a disposizione la propria esperienza nei dibattiti e negli incontri. Inoltre il Prof.Vincenzo Formisano, nel duplice ruolo di Vice Presidente della Banca Popolare del Cassinate e di docente della facoltà di Economia dell’Università degli Studi di Cassino, sarà ospite nei dibattiti e nelle tavole rotonde per contribuire alla manifestazione anche con l’apporto di idee ed esperienza.

Firme per tutela tradizioni popolari CASSINO - L’Unpli (Unione Nazione Pro Loco d’Italia) sta raccogliendo, in tutta Italia, le 50.000 firme necessarie per una Legge di iniziativa popolare per la tutela e la promozione del Patrimonio Culturale Immateriale (tradizioni, folklore, tipicità, cultura del territorio, ecc.), il principale ambito di attività delle Pro Loco italiane! A Fondi si potrà firmare domenica 19 settembre in piazza San Francesco.


cassinate Al “San Raffaele” vige un clima di “terrore”. Numerosi i provvedimenti verso chi non si allinea

La clinica delle intimidazioni E’ “Fuori” chi osa dire la sua I sindacati non intervengono e all’interno della struttura circola malcontento CASSINO - Quando l'allora Center Hospital, fece il suo approdo a Cassino, scatenò immediatamente feroci polemiche. Il gruppo sanitario, aveva rilevato, non si è mai saputo come, ma anche grazie alla complicità degli amministratori locali, la proprietà dell'istituto "Figli d'Italia", un orfanatrofio costruito con i soldi degli italiani all'estero, che dopo la seconda guerra mondiale, grazie alle loro offerte i bambini che avevano perso tutto, genitori compresi nel bombardamento di Cassino, potevano avere un tetto ed una minestra calda. La spericolata ed oscura operazione economica ai danni del popolo di Cassino, si compì lo stesso, l'istituto, conosciuto anche come “Padre Minozzi” fu ceduto ai privati, che ci realizzarono un centro di recupero per persone in difficoltà neuro-motoria. Il Center divenne poi San Raffaele, facente capo alla Tosinvest, altra discutibile società con la quasi totalità dei vertici dirigenziali indagata per reati che vanno dalla corruzione alla truffa. Per qualcuno scattarono anche le manette. Il San Raffaele di Cassino, ha sempre risposto

Il “Caffè” di zio Ciro P OV E R I E R I C C H I Due poveri si incontrano e si lamentano per quanto la vita abbia riservato loro. “Sempre fame e stenti”, dice il primo, e il secondo di rimando:”Non capisco perché noi dobbiamo avere sempre quell’unico sogno proibito: il benessere”. Allora il secondo, confortandolo, gli dice: “Non te la prendere. E sai perché? Pensa al fatto che anche i ricchi hanno un sogno proibito. Vuoi sapere quale è? Quello di diventare pov e r i . . .”

alle richieste di Anna Teresa Formisano e Bruno Scittarelli, sono stati loro che hanno deciso la maggior parte delle assunzioni, e grazie anche alla compiacenza dei dirigenti del gruppo Tosinvest, hanno sempre fatto il bello ed il cattico tempo. San Raffaele oggi, ha un movimento tra degenti e day hospital di circa 500 pazienti al giorno. Da qualche giorno ha messo in cassa integrazione a zero ore, una decina tra impiegati e personale ausiliario. Ogni giorno minaccia licenziamenti, e provvedimenti verso quei dipendenti che non si allineano. Il capataz generale si chiama Vallone, anche lui indagato, il quale per poter agire come meglio crede, ha affidato alla moglie la dirigenza della struttura di Cassino. Il San Raffaele è però sotto tiro, e sotto tiro dei cittadini, della gente comune, che non dice di non fidarsi più così tanto della struttura sanitaria, che giova ricordare percepisce generosi fondi dalla regione Lazio, quella con un buco miliardario alla sanità. Molti cassinati, ma anche persone che vengono da fuori, accusano l'hospital di non rendere più

quel che servizio preciso ed impeccabile che all'inizio della sua attività erogava. Insomma, il San Raffaele, tra lotte intestine tra dirigenti e lavoratori, non riuscirebbe ad erogare al meglio quei servizi che l'hanno reso celebre non solo a Cassino, ma in tutto il circondario. I dipendenti denunciano un clima di forte intimidazione da parte dell'azienda, e in alcuni casi, come quello relativo a qualche prepensionamento, anche ricattatorio. I sindacati, o meglio i sindacalisti, troppo spesso non se la sentono di discutere gli ordini dei vertici dell'azienda, ed allora si lavora nel malcontento e nella sotterranea protesta, con il risultato che a rimetterci è sempre il servizio, quel servizio che i cittadini pagano. E salato. E nei prossimi giorni vi terremo informati sulla proprietà e sulla dirigenza del “San Raffaele”. Come è nostro costume e come piace ai nostri affezionati lettori, vi forniremo dossier dettagliati su chi regge e, soprattutto, in quale modo, una struttura sanitaria che deve occuparsio di recupero dei malati. Ignazio Annunziata

Non rilasciava scontrini La finanza chiude un’attività

D’Aguanno: sull’ospedale attenzione a chi strumentalizza

CASSINO -Non rilasciavano scontrini fiscali né fatture a seguito della vendita dei prodotti che commercializzavano. Per questa ragione sono stati scoperti dalla Guardia di Finanza e sono stati costretti a chiudere battenti. Si tratta di un’operazione condotta dalla Guardia di finanza di Cassino che ha agito su provvedimento dell’Agenzia delle Entrate. Infatti le Fiamme gialle, nell’ambito delle istituzionali attività di polizia tributaria, rivolte alla tutela della finanza pubblica, hanno proceduto alla chiusura temporanea di una attività com-

PONTECORVO - “Se fossi nei pontecorvesi diffiderei di chi si fa pubblicità elettorale a spese di una manifestazione a difesa dell’ospedale cittadino o di chi, quando alla Regione governava il centrosinistra, si è sempre guardato bene dal frequentare il “Del Prete” o il “Santa Scolastica”, magari anche perché, in generale, più attento a frequentare solo determinati ambienti del cassinate ma non certo le piazze e le strade”: il consigliere regionale del Pdl, Annalisa D’Aguanno, torna a parlare dei problemi della sanità alla vigilia della mobilitazione che vedrà, stamane, i cittadini scendere in piazza per sostenere il diritto ad una assistenza sanitaria efficiente e moderna. “Il problema vero – commenta – è che le manifestazioni ed i cortei non servono a granché in una materia complessa come quella della sanità pubblica, in cui oltretutto l’amministrazione del presidente Renata Polverini si trova a gestire una situa-

Pico ospita il terzo “Duetto day” PICO - L’associazione Vita Ciociara, organizza la terza edizione del “Duetto day”, il raduno Duetto Alfa Romeo, esteso anche a Spiders e Cabriolettes, quest’ultime non concorreranno all’assegnazione dei premi previsti. Tutti coloro che vorranno partecipare, dovranno compilare l’apposito modulo, scaricabilie sul sito dell’Associazione: www.vitaciociara.it .

merciale, per mancata emissione di scontrini e ricevute fiscali. Il provvedimento di chiusura, disposto dall’Agenzia delle Entrate, è una delle sanzioni che vengono applicate al contribuente che, per tre volte nell’arco di cinque anni, non emette il previsto documento fiscale. Nel caso specifico, si tratta di un esercizio commerciale ambulante, operante nel settore della vendita di vari prodotti presso i mercati di vari Comuni dell’area cassinate. Al soggetto interessato, di nazionalità italiana, è stata sospesa la licenza commerciale.

Incidente agricolo Muore 55enne COLLE SAN MAGNO - Stava lavorando il campo quando, per cause ancora al vaglio dei Carabinieri, è stato investito da un mezzo agricolo in movimento rimanendo schiacciato. È morto così sul colpo un imprenditore edile 55enne di Colle San Magno, Antonio Marciano. L’incidente è avvenuto poco dopo le 17 di ieri, in un campo di proprietà dell’imprenditore, situato tra Colle San Magno e Roccasecca Nonostante i soccorsi, per lui non c’è stato nulla da fare.

zione finanziaria che è diretta emanazione della presidenza Marrazzo. Il centrosinistra non ha certo previsto le risorse necessarie a far decollare i Dea di primo e secondo livello a Frosinone ed a Cassino. Ma quelle risorse andranno trovate proprio nell’approntare il prossimo esercizio finanziario”. “Il nostro obiettivo è di confermare i tre poli di eccellenza dello “Spaziani”, del “Santa Scolastica” e del “Santissima Trinità” in un’ottica di integrazione funzionale con le strutture territoriali e quindi anche con l’ospedale “Del Prete” – assicura l’onorevole D’Aguanno -. Ma per far ciò occorre il tempo tecnicamente necessario, assicurando nel frattempo, come ho più volte detto e ripetuto, che la sanità non venga meno agli standard indispensabili di efficienza nel Cassinate. Non è un caso se fra i temi della discussione col commissario Mirabella la permanenza in attività del pronto soccorso del “Del Prete” è stata tra le questioni centrali”.

7 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 settembre 2010


cassino Installate quattro centraline alimentate da pannelli solari

Importante progetto dell’ateneo sull’inquinamento elettromagnetico CASSINO - Le emissioni degli impianti per le telecomunicazioni installati in prossimità di condomini, scuole e parchi giochi, le antenne radiotelevisive, le sorgenti domestiche, le linee di trasporto, la distribuzione di energia elettrica; così cresce l’inquinamento elettromagnetico costituendo una seria minaccia per la salute pubblica. L’esposizione ai campi elettromagnetici può generare effetti nocivi sull’organismo umano. Un pericolo impercettibile che desta forti e maggiori preoccupazioni nell’opinione pubblica. Per combattere l’elettrosmog scende in campo la facoltà di Ingegneria dell’Università di Cassino con il progetto “Mappatura, Monitoraggio e Prevenzione Ambientale” finanziato dalla Regione Lazio nel settembre del 2008. Ieri, il progetto ha visto la conclusione della prima fase: l’installazione di quattro centraline che, alimentate da pannelli solari, sono collegate via GPRS alla centrale dell’Ateneo monitorando 24 ore su 24 i livelli di inquinamento elettromagnetico in città. Dalla centralina ogni 5 minuti viene inviato un sms al Laboratorio di Compatibilità Elettromagnetica per comunicare i livelli di inquinamento. Il laboratorio è stato realizzato nell’ambito

dello stesso progetto di cui è responsabile il rettore Ciro Attaianese. “Se nell’arco dei cinque minuti – spiega il prof. Giuseppe Tomasso, responsabile delle attività inerenti il progetto - il limite di inquina-

mento dovesse aumentare, immediatamente, parte il segnale di allarme”. Le centraline installate sono state posizionate in quattro punti strategici della città in prossimità di sorgenti di disturbo elettromagnetico o

siti particolarmente sensibili, come parchi e scuole: via Di Biasio (monitoraggio villa comunale); Municipio (monitoraggio centro storico); via Mazzaroppi (monitoraggio aria S. Giovanni-Via De Nicola) e

Scuola Media G. Di Biasio (monitoraggio aria Sud Cassino). A breve è prevista una quinta centralina nei pressi della Stazione ferroviaria di Cassino. “Sono già disponibili i primi grafici. I dati sui valori di inquinamento elettromagnetico

Al progetto, che coinvolge tutti i dipartimenti della facoltà di Ingegneria, sono interessati altri centri della provincia, come Boville Ernica. saranno disponibili sul sito internet dell’Ateneo – sottolinea il prof. Tomasso – attraverso le mappe dell’elettrosmog. L’utente collegandosi al sito potrà verificare in tempo reale il livello dell’inquinamento nei punti monitorati”. Al progetto, che coinvolge tutti i Dipartimenti della facoltà di Ingegneria, sono interessati altri centri della provincia, come Boville Ernica, che ha fatto richiesta di istallazione di centraline di rilevazione.

Civita Del Greco, 104 anni, è ricoverata in ospedale per una frattura

E’ di Cassino la donna più longeva della provincia di Frosinone CASSINO - E’ di Cassino la donna più anziana della provincia di Frosinone. Si chiama Civita Del Greco vedova D’Alessandro che compirà 104 anni il prossimo 15 novembre e l’Amministrazione provinciale ha già pronto una targa per l’eccezionale anniversario. La nonnina, che abita in via Cesa Martino nella frazione di S.Angelo in Theodice di Cassino, è stata vittima, però, di una brutta ca-

8 ANNO I - N° 155 SABATO 18 SETTEMBRE 2010

duta in casa fratturandosi il femore e perciò si trova ricoverata nel reparto ortopedia dell’ospedale Santa Scolastica dove è assistita, oltre che dai parenti, dal primario Giuseppe Fargnoli, dai medici e dal coordinatore del reparto Vincenzo Tiseo, infermieri e portantini ed anche dai sanitari di geriatria e nefrologia. Civita Del Greco ha anche un altro record oltre a quello dell’anzianità secolare. E’ la donna più anziana, 104 anni, ad essere entrata in sala operatoria nell’ospedale cassinate. Operata dal prof. Fargnoli e dalla sua equipe, con la tecnica dei fissatori esterni assiali e con l’ausilio del centro trasfusionale per il sangue necessario durante l’intervento (anestesista Arturo Gnesi), la donna ha superato bene la fase critica. A casa l’attendono i suoi tre figli Giovanni di 70 anni, Emilio di 69, e Carmela di 66. L’anziana donna ha superato indenne le

due guerre mondiali non senza soffrire fame e dolori per le distruzioni. E’ vissuta anche una decina d’anni in Inghilterra dove risiede una figlia. Ora sono tutti in attesa della sua guarigione per festeggiare insieme il 15 novembre il compimento dell’età e ricevere le targhe del comune di Cassino e della Provincia.

Telethon a settimana della scienza

Sakineh,nuovo appello ateneo cassinate

CASSINO -“Tra passato e futuro, tra storia e innovazione”, sabato 18 settembre prenderà il via la 5^ edizione della Settimana della scienza di Frascati, in programma fino al 26 settembre. Si tratta di un’iniziativa promossa dalla Comunità Europea, che vede come fulcro la Notte europea dei ricercatori, venerdì 24, contemporaneamente attiva in 260 città europee e dell’area mediterranea.

CASSINO - È intenzione dell'Università di Cassino continuare nella campagna di esortazione alla definitiva liberazione di Sakineh Mohammadi Ashtiani. Il messaggio che inoltriamo riporta l'appello inviato all'autorità irachena lo scorso 7 settembre, in sostegno alla sospensione della pena per la cittadina Sakineh Mohammadi Ashtiani.


sport CALCIO PROMOZIONE

Gli azzurri reduci dalle fatiche di Coppa sono tornati ad allenarsi in vista della gara di campionato di domani. Il tecnico cassinate: “La nostra condizione mi preoccupa molto più degli avversari”

Cassino pronto alla sfida di Valmontone Scorsini chiede l’ultimo sforzo “Vogliamo chiudere in bellezza questo mese così impegnativo”

Danilo Macari CASSINO - La compagine azzurra ha ripreso ieri pomeriggio gli allenamenti per preparare la sfida di domani a Valmontone. Dopo le fatiche infrasettimanali di Coppa Italia che hanno portato Raia e compagni a cogliere un meritato passaggio del turno, il Cassino si rituffa nel campionato dove, nelle prime due giornate, è riuscito a racimolare due pari entrambi a reti

bianche rispettivamente contro Olevano e Fontana Liri. Il tecnico cassinate Marco Scorsini ha valutato attentamente, durante la seduta pomeridiana di ieri svoltasi presso lo stadio Salveti, le condizioni dei calciatori più affaticati a seguito degli impegni ravvicinati disputati nelle ultime due settimane. Il mister azzurro presenta i prossimi avversari del Cassino. “Siamo attesi dall’ultimo esame del tour de force che ha caratterizzato il nostro avvio di stagione. Conosco molto bene il Valmontone, una formazione guidata da un tecnico preparato come Di Cori che da un paio d’anni tenta il salto di categoria. Inoltre i giocatori romani sono abituati a giocare insieme: l’ossatura della squadra confermata quasi in toto ad inizio preparazione è stata rinforzata con l’innesto di Pacetti, un attaccante

molto pericoloso in grado di far compiere il salto di qualità ai suoi. Non devono ingannare i primi due risultati colti dal Valmontone che ha perso in casa all’esordio col Segni e poi è riuscito a riacciuffare il Sant’Apollinare nel finale di match di domenica scorsa. Ci aspetta una gara dura, andremo a giocarcela in casa di un avversario ostico e determinato a conquistare la prima vittoria dell’anno. Ma più del Valmontone, in questo momento mi preoccupa maggiormente la nostra condizione. Finora il Cassino ha fatto cose egregie: viaggiamo col vento in poppa dal punto di vista del morale dopo aver conquistato il passaggio del turno in Coppa Italia, anche se scendere in campo ogni tre giorni ha inevitabilmente appesantito le gambe dei ragazzi. Per questo motivo abbiamo lavorato per

CALCIO FEMMINILE

L’Asd Cassino in “rosa” di mister Fabbri è pronta all’avventura in serie C CASSINO - Da quest’annolo stadio Salveti ospiterà le gare della squadra femminile dell’Asd Cassino 1924, un’assoluta novità nel panorama calcistico cassinate. Il dirigente responsabile Emiliano Branca, dopo aver provveduto all’iscrizione della compagine al campionato regionale di serie C, ha allestito, insieme all’allenatore Gianfranco Fabbri, un organico composto da diciannove elementi, alcuni dei quali prelevati da formazioni di serie B. All’ombra dell’Abbazia sono arrivate atlete del calibro di Davida Moro e Ilaria Gallone entrambe ex Montaquila, da Marina Zannone, Flavia Purificato e Sara Presutto provenienti da Formia, oltre alle giocatrici del cassinate quali Eleonora Tamburrino, Margherita Vitelli, Daniela Vitelli ed il capitano Amelia Castelli. Il campionato inizierà nella prima settimana di ottobre e la compagine dell’Asd Cassino femminile si pone come obiettivo quello di disputare un campionato di medio-alta classifica. Le gare casalinghe verranno disputate presso lo stadio Salveti la domenica mattina: intanto, dopo aver svolto i primi dieci giorni di preparazione, la formazione cassinate ha disputato un primo test contro la compagine dei giovanissimi regionali dell’Asd Cassino. Amelia Castelli e compagne hanno evidenziato già una buona intesa: qualche problemino invece per quanto concerne il ruolo del portiere. C’è tanta curiosità intorno a questa nuova realtà che cerca di espandersinel cassinate: manca poco al fischio d’inizio di una nuova avventura, stavolta al femminile, che tutta la Cassino sportiva seguirà con interesse e passione.

Milan col tridente anche senza Pato L'allenatore rossonero Massimiliano Allegri alla vigilia dell’impegno di campionato con il Catania: “L'infortunio del brasiliano non mi preoccupa. Andiamo avanti con il 4-3-3, cambiare sarebbe sbagliato. Ibrahimovic sarà il terminale offensivo che ci garantisce il salto di qualità con la sua forza e la sua tecnica”.

smaltire le tossine accumulate nella gara di mercoledì anche se a dire il vero più di qualche calciatore ha palesato un affaticamento che mi mette in apprensione in vista della sfida di domani. Abbiamo tanta voglia di re- Il tecnico azzurro Marco Scorsini galare una gioia ai nostri tia forze fresche: Macari è senza fosi anche in campionato: dubbio uno dei candidati a partire confidiamo tutti nel loro prezioso dall’inizio. Alla squadra chiedo un ed indispensabile supporto soultimo sforzo: dalla settimana prattutto in questa fase in cui eviprossima potremo finalmente codenziamo qualche problemino minciare a lavorare sulla brillanrelativo alla tenuta fisica. Proprio tezza”. Al termine della rifinitura per questo dovrò valutare attenin programma stamane al Saltamente le condizioni di ogni sinveti, mister Scorsini diramerà golo giocatore: abbiamo speso l’elenco dei convocati. Intanto tanto nella battaglia di mercoledì nell’allenamento di ieri pomee nonostante miglioriamo di parriggio si è unito al gruppo il ditita in partita dobbiamo crescere fensore Raponi proveniente dal in fretta per metterci al pari delle Tecchiena, probabile ultimo rinaltre dal punto di vista della conforzo di questa sessione di merdizione. In questo senso sto valucato. a.m. tando la possibilità di dare spazio

CALCIO PROMOZIONE

Il Sant’Apollinare atteso dalla sfida di Sezze in cui mancheranno Capraro e gli attaccanti Delicato e Carbone SANT’APOLLINARE - Dopo aver colto una qualificazione insperata nel preliminare di Coppa Italia in cui la compagine gialloblù ha ottenuto la qualificazione grazie ad una rete in pieno recupero siglata dal portiere reale nella gara di Grottaferrata, il Sant’Apollinare si rituffa in campionato. Domani Zollo e compagni faranno visita al Sezze Setina, una tra le formazioni più accreditate per disputare un torneo di vertice. Il morale del gruppo è sicuramente molto alto dopo aver ottenuto quattro punti nei primi due impegni contro Fontana Liri e Valmontone. Il terzo esame però si preannuncia, almeno sulla carta decisamente più complicato per il sodalizio del vulcanico presidente Adnan Abu Samra che si presenterà in terra pontina

privo di almeno tre elementi titolari indispensabili nello scacchiere tattico del Sant’Apollinare. Il tecnico D’Amico fa il punto della si-

Luca Delicato tuazione alla vigilia dell’ostico impegno in casa del Sezze. “Siamo attesi da una sfida difficilissima che comunque non ci spaventa. Andremo a giocare la nostra partita puntando ad

Coppa Italia, Cassino pesca il Ciampino Sono stati sorteggiati ieri gli abbinamenti per i trentaduesimi di Coppa Italia: il Cassino di Scorsini affronterà il Ciampino: la gara d’andata si disputerà al Salveti il prossimo 29 settembre, il ritorno è previsto per mercoledì 6 ottobre. Quattro gli azzurri fermati dal giudice sportivo: si tratta di Lombardi, Marsella, Kiszka e Fiorentini. Il Sant’Apollinare sfiderà invece il Rocca di Papa.

ottenere un risultato positivo. Mercoledì abbiamo raggiunto una qualificazione inaspettata: ho schietrato un undici imbottito di fuoriquota che hanno tenutoi bene il campo cercando di pu8ngere nelle ripartenze. Purtroppo devo fare i conti con tre assenze pesanti: mancheranno sicuramente il centrocampista Capraro che domenica scorsa col Valmontone ha rimediato un’espulsione, l’attaccante Carbone che quest’oggi si sposa e l’altra punta Delicato afflito da un problema muscolare al polpaccio. Punteremo a disputare una gara accorta sfruttando al mjeglio le ripartenze in contropiede e sperando che la difesa riuscirà a contenere le sortite offensive portate da giocatori esperti e di categoria quali Di Trapano, Cappuccilli e Pecorilli”.

9 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 sEttEMbRE 2010


Violenzesullavoro,vittima unadonnasudue

Il corpo carbonizzato appartiene a Valerio

FROSINONE - Una donna su due è vittima di violenze sessuali sul lavoro. Lo rende noto Alessandra Romano, segretario provinciale della Cisl di Frosinone, la quale ha reso noto ieri i risultati di un’indagine effettuata a livello nazionale. E neanche la provincia di Frosinone sarebbe esebte da questo tipo di situazioni per le quali si richiede maggiori attenzioni. PAG.2

FROSINONE - Purtroppo ciò che si temeva ha trovato conferma: i resti carbonizzati rinvenuti lo scorso 3 settembre in un campo lungo la Prenestina appartengono aValerioVespaziani, il 32enne di Supino scomparso a giugno scorso. E’stato l’esame del Dna a confermare quello che già altri esami peritaliavevano fatto ipotizzare. Gli investogatori, comunque, sono a lavoro per capire il movente di quello che sembra un delitto. PAG.3

ANNO I - N° 155 SAbATO 18 SETTEmbRE 2010 DISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

“CREPATI” www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A FRANCESCO DE ANGELIS Dall’agricoltura, ai pedaggi autostradali, fino ad arrivare alle fibre ottiche. Francesco De Angelis potrebbe sembrare un fiume in piena se non fosse che spazia da un argomento all’altro tanto per parlare. Stupisce, infatti, la vastità di argomenti che settimanalmente l’eurodeputato del Pd affronta, dicendosi pronti a schierare per questa e quella causa, accanto agli agricoltori, agli allevatori, ai pendolari, a chi viaggia verso Roma e vede i pedaggi aumentati. De Angelis “prezzemolino” è ovunque e disserta di ogni cosa. Chiediamo: ma come mai non si è adoperato anche soltanto per un solo problema quando poteva farlo davvero?

L’OSCAR DEL GIORNO AANTONELLO IANNARILLI Per aver finalmente adeguato nei giorni scorsi la dotazione organica dell’Amministrazione provinciale, trasformando il rapporto di lavoro a tempo parziale di 121 dipendenti in un rapporto di lavoro a tempo pieno. Il Presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli ha dichiarato in merito: “Un primo fondamentale passo verso la definizione definitiva del personale del nostro Ente, come promesso, è stato compiuto”. Ciò a dimostraziopne di quanto l’Amministrazione Iannarilli sia attenta alle problematiche sociali.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


Frosinone La festa provinciale di Frosinone ha messo in evidenza le profonde lacerazioni interne

Pd, personaggi in cerca d’autore e un partito sull’orlo del collasso Duro monito di Save Sardaro: esclusi i colleghi sono stati invitati invece esponenti del Pdl FROSINONE - Nelle intenzioni iniziali la festa provinciale del Partito democratico di Frosinone doveva essere la festa della ritrovata unità d’intenti. Un partito che, dopo le lacerazioni e le forti contrapposizioni dei mesi scorsi, soprattutto evideniazte all’indomani del voto regionale e della sonora sconfitta, si roipresentava ai suoi elettori armato di voglia di fare e di progettare. Ma in due giorni di “festa”, laddove il termine in questa circostanza appare piuttosto eufemistico, non si è visto niente di tutto questo. E la gente, che non è stupida, se ne è accorta immediatamente. “Più che la Festa Provinciale del Partito Democratico, a leggere il programma sembra la Festa del Trasversalismo”. Non usa mezzi termini, infatti, Vittorio Save Sardaro, membro del Coordinamento Provinciale del PD ed esponente di Area Riformista, nel commentare la Festa Democratica Provinciale che si svolge da Giovedì fino a domani sera a Frosinone. “La Festa – continua Save Sardaro – è il momento più alto della vita politica di un Partito, in quanto oc-

casione di confronto tra dirigenti, militanti, iscritti, volontari e semplici simpatizzanti dell’intera provincia, per vivere momenti di dibattito, discussione, approfondimento e di rilancio dell’attività politica. Quale momento migliore, dunque, di stare tutti insieme intorno ad un tavolo a discutere di partito, di

Molestie sessuali a lavoro Un fenomeno in crescita FROSINONE - Molestie sessuali sul luogo di lavoro: una donna su due ne è vittima e la provincia di Frosinone non è da meno. Sono preoccupanti i dati emersi da un’indagine condotta dalla Cisl di Frosinone e così commentati dal segretario provinciale Cisl, Alessandra Romano:”Circa la metà delle donne italiane in età 14-65 anni (10 milioni 485 mila, pari al 51,8 per cento) ha subìto nell’arco della vita ricatti e/o molestie sessuali sul lavoro. I dati diffusi il 15

settembre u.s. dall’Istat, a seguito dell’indagine multiscopo per la sicurezza dei cittadini, restano preoccupanti, dichiara Alessandra Romano, Segretario Provinciale CISL. Le vittime predilette sono le ragazze di 14-24 anni (38,6 per cento), seguite dalle 25-34enni (29,5 per cento). I valori più alti riguardano le laureate (26,1 per cento) e le diplomate (22,3 per cento). Negli ultimi tre anni il fenomeno risulta maggiormente diffuso tra le donne del Sud e le lavoratrici più a rischio sono quelle che vivono nelle

amministrazione e dei problemi della provincia? Purtroppo non è stato così. Il programma non prevede il coinvolgimento di tutti ed esclude realtà locali importanti, penalizzando i dibattiti ed aprendo un problema sull’identità e sul progetto politico del PD. Infatti, è quanto meno singolare che sono stati invitati amministratori che governano insieme al Pdl, mentre Sindaci ed amministratori che guidano coalizioni di centrosinistra non sono stati nemmeno chiamati! Su tutto ciò è necessario aprire una discussione che faccia finalmente chiarezza su ruolo, funzione e coerente costruzione di un’alleanza di centrosinistra alternativa al governo della destra”. Affremazioni pesanti, soprattutto perché giunte non da avversari politici ma da personaggi di spicco del partito a cui, evidentemente, le sorti dlelo stesso stanno a cuore ma le cui condizioni precarie non lasciano di certo intravedere nulla di buono e di positivo. Ora noi ci chiediamo: E’ così che il pd intende presentarsi agli elettori all’importante appuntamento del voto comunale di Frosinone del prossimo anno?”.

grandi città o nei comuni periferici . Le forme di molestia verbale sono le più diffuse (ne è colpito il 26,6 per cento delle donne di 14-65 anni), seguite dagli episodi di pedinamento (21,6 per cento), dagli atti di esibizionismo (20,4 per cento), dalle molestie fisiche (19 per cento) e dalle telefonate oscene (18,2 per cento). Nell'1,7% dei casi il ricatto è finalizzato all'assunzione e una quota equivalente al mantenimento del posto di lavoro o all’avanzamento di carriera. Sono inoltre mezzo milione le donne cui è stata richiesta disponibilità sessuale nel corso della ricerca del lavoro. Il 43,1% dei ricatti viene perpetrato quotidianamente, soprattutto se è finalizzato al mantenimento del posto o ad un avanzamento professionale. Il settore commerciale (24,4%), quello delle attività immobiliari e informatiche (14,3%) e dei servizi (10,3%), insieme a quello manifatturiero (10,3%),

sono i settori nei quali, negli ultimi tre anni, i ricatti sono stati più frequenti. Il numero delle vittime di molestie fisiche appare, però, sensibilmente diminuito nell’ultimo decennio; l’inversione di tendenza, spiega il Segretario Provinciale CISL, è strettamente correlata ai cambiamenti socio-culturali ed alla maturazione normativa avvenuta nel recente lustro (Legge 23 aprile 2009 , n. 38). L'attenzione legislativa, delle istituzioni, dei media e della società intera ha consentito una sostanziale e generalizzata riflessione sul fenomeno, tale da renderlo “pubblico” e non più sommerso, con la progressiva eliminazione di quell’alea di vergogna che avvolge le vittime. È ciò che occorre, conclude la Romano, per inibire le svariate manifestazioni della violenza di genere e per far acquisire alle donne la consapevolezza di dover pretendere il diritto all’integrità fisica e morale in ogni luogo e contesto”.

Sito Nexans, il piano industriale Poste italiane, in Ciociaria prevede 240 nuove assunzioni il servizio funziona davvero FROSINONE - Presentato un progetto di reindustrializzazione per il sito Nexans di Borgo Piave che coinvolge quattro società e ipotizza un impiego di personale (a regime) di oltre 240 persone. È questo, in sintesi, ciò che è emerso al termine del tavolo tecnico presso il Ministero dello Sviluppo economico. Sindacati soddisfatti a metà. Oggi l'assemblea con i lavoratori. “Dal punto di vista occupazionale - fa sapere la multinazionale francese - le proposte

2 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 settembre 2010

presentate da Nexans ipotizzano il pieno riassorbimento di tutte le persone di Nexans (160, ndr) e, a regime, un potenziale incremento dell'occupazione con relativo aumento dell'indotto e dei servizi. Il progetto di reindustrializzazione mantiene inalterata la vocazione industriale del sito e rivaluta l'area. Il progetto, inoltre, prevede nuovi e consistenti investimenti industriali e l'ingresso di società di prestigio per reputazione, know how e certificazioni di qualità. I soggetti interessati e i relativi

progetti comprendono il Consorzio Alliance, Vetreco Srl, Mixer SpA e IMQ SpA che hanno in corso trattative con Nexans per la realizzazione delle diverse iniziative che comporterebbero investimenti per una cifra che supera i 20 milioni di euro». I dubbi dei sindacati. «Il numero maggiore di assunzioni è legato al Consorzio Alliance afferma il segretario generale della Femca-Cisl di Latina, Roberto Cecere -Vetreco è disposta ad assumerne 35, la IMQ 6 e la Mixer 8”.

Precari all’attacco Nuova protesta FROSINONE - Lunedì alle 15 ci sarà una manifestazione di protesta davanti la sede dell'amministrazione provinciale, organizzata dal coordinamento precari scuola. Le richieste alle istituzioni riguardano il rispetto delle leggi e della costituzione, il diritto allo studio, il rispetto delle norme di sicurezza nelle scuole, il ritiro del piano dei tagli del personale docente e Ata, la stabilizzazione di tutti i precari.

FROSINONE - Migliorare sempre di più la qualità dei servizi per aumentare la soddisfazione dei milioni di clienti che ogni giorno entrano negli uffici postali. Sono questi gli argomenti centrali del Meeting dell’Area Centro Lazio-Abruzzo-Sardegna di Poste Italiane che si è svolto a Roma presso l’Auditorium della Tecnica in viale Tupini. Il Meeting ha rappresentato un importante momento di aggregazione e di confronto ed è culminato nella premiazione degli uffici postali dell’Area che hanno raggiunto risultati di eccellenza nella vasta gamma di servizi e prodotti offerti quotidianamente da Poste Italiane. La Filiale di Frosinone ha ottenuto numerosi riconoscimenti. In particolare si è distinta la città di Fiuggi, che

ha visto premiati gli uffici postali di Fiuggi Città e Fiuggi Fonte per aver raggiunto il primo posto rispettivamente per il numero di Pacchi Corriere Espresso accettati e per il numero dei Conti InProprio aperti. Sono stati premiati anche gli uffici postali di Falvaterra e Settefrati, primi per il numero di PolizzeVita collocate e per il numero di SIM PosteMobile attivate. Il responsabile di Area Gino Frastalli, che coordina il principale canale di accesso ai prodotti e ai servizi offerti da Poste Italiane attraverso una rete di 17 Filiali e 1.850 uffici postali, ha dato l’avvio ai lavori davanti ad una platea di 650 partecipanti formata dai vertici aziendali nazionali, dai 17 direttori di Filiale e dai numerosi collaboratori provenienti dalle tre regioni.

Ccn di Fiuggi, due giorni di eventi FIUGGI - Continuano le magie nel Centro Commerciale Naturale di Fiuggi, quello con l’anima: musica, divertimento, degustazioni gastronomiche e solidarietà. Da domani e fino a domenica, infatti, per la città di Fiuggi ed i suoi ospiti saranno due giorni all’insegna della solidarietà e del divertimento. Il programma, infatti, prevede l’apertura delle manifestazioni domani con eventi dedicati alla solidarietà.


frosinone Confermata l’identità della salma rivenuta lo scorso 3 settembre a Roma Si tratta dell’impiegato della Regione di Supino scomparso a giugno scorso

L’esame del Dna non lascia dubbi I resti carbonizzati sono diValerio SUPINO - Purtroppo quello che i familiari temevano è doventata una tristissima realtà. La notizia che hanno sperato fino alla fine potesse essere smentita dagli investigatori, ha invece trovato una tragica conferma. Il corpo carbonizzato ritrovato lo scorso 3 settembre nelle campagne di via Prenestina a Roma è di Valerio Vespaziani, il giovane di Supino scomparso di casa la sera del 18 giugno. A dire il vero che quel corpo appartenesse a Valerio si era già più che ipotizzato qualche settimana fa, quando dalla comparazione dell’arcata dentaria della salma carbonizzata con un’impronta lasciata presso il dentista di valerio, erano state notate diverse somiglianze. Gli investigatori di Roma, polizia scientifica in testa, attendevano però maggiori conferme dall’esame del Dna. Unica perizia

in grado di poter dire con estrema esattezza che quel corpo era proprio quello di valerio. E così è stato. Ieri mattina, infatti, è spettato ai poliziotti che stanno conducendo le indagini, ifnormare i genitori ed il fratello di Valerio dell’avvenuta, completa, identificazione della salma. Quella salma sulla quale, lo scros 3 settembre, era stata trovata la carta d’indentià del 32enne supinese. Confermato questo aspetto, il magistrato ha concesso il nulla osta per la restituzione dei resti di valerio ai familiari i quali hanno organizzato per questo pomeriggio alle 15, presso la chiesa di san Pietro in Supino, il rito funebre. Una cerimonia a cui sicuramente prenderà parte tutta la comunità supinese, a

stringersi attorno al dolore dei familiari e degli amici di questo sfortunato ragazzo. E per far sentire ancora di più la propria vicinanza, gli abitanti di Supino ieri sera hanno organizzato in paese una fiaccolata silenziosa per ricordare Valerio. Il corteo, partito dal piazzale della Chiesa di San Sebastiano, ha raggiunto la chiesa di san Pietro, quella dove oggi tutti potranno salutare per l’ultima volta il 32enne. Intanto le indgaini sul caso procedono a ritmo serrato. Adesso spetta agli inquirenti dissipare le numerose ombre di questo che potrebbe sembrare a tutti gli effetti un delitto. Ma la vicenda si contorna di giallo poiché dalle testimonianze raccolte fino ad oggi, non vi sono elementi che possano indurre a pensare ad una fine così tragica per un ragazzo dalla vita apparentemente tranquilla.

“Buy Lazio”, la Camera di Commercio ospita a Cassino e Fiuggi buyers europei FROSINONE - Ha preso il via ieri a Sabaudia, nel contesto naturalistico della sede del Parco Nazionale del Circeo, la tredicesima edizione del workshop turistico Buy Lazio, organizzato dall’Unione Regionale delle Camere di Commercio del Lazio in collaborazione con l’assessorato al Turismo della Regione Lazio, l’Agenzia regionale per il Turismo, l’Enit, il coinvolgimento delle singole Camere di Commercio del Lazio, il Comune di Sabaudia e il Parco nazionale del Circeo. L’edizione 2010 del Workshop Turistico Internazionale vede la partecipazione di 84 Buyers provenienti dai mercati europei e di 163 Sellers laziali accreditati in rappresentanza di 300 operatori. Sono, invece, venti i Paesi europei presenti. Come nelle ultime tre edizioni, la tredicesima del Buy Lazio è dedicata all’Europa quale mercato di riferimento. Questa la ripartizione geografica di provenienza dei Buyers: il 30% di presenze è del Centro/Est Europa, il 20% della Scandinavia, il 15% Area di Lingua Tedesca, il 10% della Francia, il Benelux e le Repubbliche Baltiche con una quota procapite del 7%, il 6% Spagna e il 5% del Regno Unito. C’è da sottolineare inoltre che la tredicesima edizione del Buy Lazio segna l’in-

gresso di 56 new entries pari al 67% dei Buyers invitati. Duplice l’intento con cui sono stati invitati i Buyers all’evento: da una parte offrire agli operatori che già vendono il Lazio la possibilità di allargare la loro “programmazione” a zone nuove della regione; dall’altra permettere agli operatori che non conoscono le realtà laziali l’inserimento del Lazio nella loro programmazione. Al fine di migliorare l’incontro tra domanda straniera ed offerta laziale presente al workshop, in questa edizione i buyers sono stati selezionati anche in ragione delle caratteristiche dei singoli territorio di ogni provincia. Per ogni provincia del Lazio è stato individuato un elemento “catalizzatore” che ha così permesso di effettuare una mirata selezione di buyer interessati alle varie linee di prodotto per poter promuovere al meglio le singole specificità territoriali. Pertanto sono stati selezionati i seguenti prodotti: ambiente e natura, religioso, mare, terme e golf, enogastronomia, piccole città d’arte. Il Buy Lazio si articola in tre giorni. Per l’intera giornata di oggi si svolgerà a Sabaudia il Workshop. Domani e domenica, invece, si svolgeranno gli educational tour post-workshop per le province del

Scoperte a Ferentino false etichette per mozzarelle doc FROSINONE - Il falso Made in Italy "è un mercato allettante soprattutto per i prodotti esportati", grazie a uno “stacca-attacca” di etichette. Lo testimoniano i risultati delle operazioni dei Carabinieri per le Politiche agricole “che a Ferentino hanno sequestrato rotoli di etichette recanti la dicitura 'mozzarella bufala' e 'frozen

bufala mozzarella' e confezioni di plastica contenenti prodotto destinato al mercato estero con etichettatura recante la dicitura mozzarella di bufala”. Insomma, dopo le mozzarelle blu, rosa e a pois, si capisce quanto le frodi alimentari si colorino di fantasia mettendo sempre più a repentaglio la sicurezza e la qualità del

cibo italiani. Non solo i casi delle 'mozzarelle colorate' ma anche sequestri di latte qualificato come 100% italiano, e in realtà prodotto da una miscela di latte ungherese e italiano, allevamenti dopati con ormoni, vini e prodotti di qualità falsi. Carni, allevamenti e prodotti lattiero caseari e Made in Italy sono i settori più nel mirino dei contraffattori del cibo.

Lazio. In questo modo i buyers ospiti avranno la possibilità di scoprire il vasto patrimonio artistico e le ricchezze turistiche, architettoniche, paesaggistiche dell’intera regione. Dopo Sabaudia i Buyers domani e domenica arriveranno in provincia di Frosinone, dove visiteranno le città di Cassino e Fiuggi. Il programma predisposto dalla Camera di Commercio di Frosinone prevede i Buyers facciano tappa sabato a Cassino. In mattinata visiteranno l’abbazia di Montecassino. Subito dopo scenderanno in città per il light lunch a base di prodotti tipici del territorio e vino Cabernet.

Rette scolastiche abbassate Boom di iscrizioni al nido PALIANO - In una settimana la lista delle iscrizioni all’asilo nido comunale è completa. Il Treninonido’ era stato progettato per accogliere fino a 25 bambini, quota che è stata raggiunta in seguito all’abbassamento delle rette. L’Ufficio dei Servizi socio-culturali continuerà, in ogni caso, a raccogliere le iscrizioni che saranno inserite in una lista di

attesa in caso dovessero liberarsi dei posti durante l’anno. “Possiamo dire finalmente di aver raggiunto l’obiettivo che fino a poche settimane fa sembrava una chimera. La soddisfazione per quanto mi riguarda – dichiara l’Assessore ai Servizi Sociali Giuseppe Nevoso – è doppia, in quanto se oggi la struttura esiste e se, soprattutto, è andata

Cade da un’impalcatura Grave un 35enne

I piccoli Comuni all’esame della Pisana

SORA - E' caduto da un'impalcatura mentre stava lavorando all'interno di un cantiere. A rimanere gravemente ferito un uomo di 35 anni. L'incidente si è verificato questa mattina intorno alle 10.00 in via Agnone Maggiore a Sora. Un volo di circa 12 metri che gli ha provocato ferite serie tanto che i sanitari del 118 hanno disposto il suo trasferimento in elicottero presso un nosocomio romano.

REGIONE - La Regione nei prossimi mesi dovrà occuparsi del riordino territoriale del Lazio: Piccoli Comuni, Comunità Montane e Unioni di Comuni. Quale il loro futuro? Quale modello associativo progettare per i Comuni? Quale riforma per le Comunità Montane? Come superare gli Ato? Come dovranno svilupparsi i Servizi Pubblici Locali? Per rispondere a tutte queste domande è stato fissato un incontro il 21 prossimo.

a regime, lo si deve alla lungimiranza del sottoscritto e alla determinazione con la quale l’Amministrazione Sturvi ha creduto al progetto investendo risorse comunali su di esso. Ci tenevamo a favorire le giovani coppie con difficoltà lavorativa che fino all’anno scorso non riuscivano a fruire del servizio a causa dei costi giudicati troppo alti”.

3 ANNO I - N° 155 sAbAtO 18 settembre 2010


Meteo

ORARI TRENI

CASSINO

MATTINA

CASSINO ROMA

POMERIGGIO SERA NOTTE SORA

FROSINONE

MATTINA

MATTINA

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

La ricetta Quindim brasiliani

Il quindim è un dolce molto popolare in Brasile. Di derivazione portoghese, questo dolce si presenta come un flan. Il quindim brasiliano è una preparazione a base di cocco e latte condensato, dal sapore molto dolce e leggero, ha una cottura prolungata in forno anche se poi servito fresco regala sensazioni tropicali e davvero gustose. Mettete la farina di cocco in una ciotola, unite il latte condensato e mescolate. Unite anche i tuorli, amalgamate il tutto mescolando bene con una spatola e infine il succo di lime; lasciate così riposare il composto circa 15 minuti. Nel frattempo, imburrate con un pennellino i 4 stampini monouso e passateli con poco zucchero; trasorsi i quindici minuti dividete il composto negli stampini e riempiteli per due terzi; disponete gli stampi in una teglietta che riempirete con dell'acqua calda per la cottura a bagnomaria; l'acqua deve coprire per due terzi gli stampini. Infornate in forno caldo a 180° per circa 40 minuti.

Preparazione: -> 25 min N.persone: -> 4

Cottura: -> 40 min Difficoltà: -> bassa

INGREDIENTI: Farina (di cocco, 150 gr); Lime (succo, 1 cucchiaio); Uova (6 tuorli); Latte (condensato, 350 gr); Burro (per stampini, q.b.); Zucchero (per stampini, q.b.).

Numeri utili EMERGENZA 112 113 115 118 1515 800116

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE SANITA’

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

ORARI MESSE

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

ABBAZIA DI MONTECASSINO ORE 9.00 10.30 12.00

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE 8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE 7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE 9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE 7.30 11.00 19.00

AUTOBUS CASSINO - FROSINONE 6.30 7.00 8.15 11.25 14.10 CASSINO - SORA 6.15 8.30 14.10 16.20 17.05 19.01 22.15 CASSINO - GAETA 4.56 6.00 7.01 8.00 8.21 9.16 11.16 12.41 13.10 14.15 15.31 16.31 17.46 19.36

SAN BARTOLOMEO

APPUNTAMENTI Frosinone

ORE 8.30 11.00 18.00

19 settembre SAN BASILIO

STADIO

(CAIRA)

IN CONCERTO - P.ZZA SACRA FAMIGLIA E’ stata cosi ufficializzata la data del recupero del concerto annullato lo scorso 5 settembre, a causa di un’improvvisa influenza che costrinse a letto Gaetano Curreri, cantante e leader della band bolognese. Erano in migliaia domenica scorsa ad attenderli, per cui gli STADIO invitano di nuovo il pubblico ad essere ancora di più e a seguire l’unica data in Ciociaria (e una delle poche nel Lazio) del tour 2010.

ORE 10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.)

ORE 8.30 11.00

TURNI FARMACIE

CASSINO - ROMA 6.00 8.30

SABATO 11 SETTEMBRE

PRIGIOTTI

DOMENICA 12 SETTEMBRE

S.BENEDETTO

LUNEDI’ 13 SETTEMBRE

PRIGIOTTI

MARTEDI’ 14 SETTEMBRE

S.ANNA

MERCOLEDI’ 15 SETTEMBRE

RICCIUTI

GIOVEDI’ 16 SETTEMBRE

S.BENEDETTO

VENERDI’ 17 SETTEMBRE

COSTA

Stasera in tv su Italia 1 (ore 21:10)

HARRY POTTER E IL CALICE DI FUOCO

(fantastico - 2005)

Harry Potter assiste alla Coppa del Mondo di Quidditch assieme ad Hermione Granger e a tutta la famiglia Weasley eccetto Molly. Durante i festeggiamenti dei vincitori, alcuni Mangiamorte seminano il panico e i ragazzi sono costretti ad abbandonare il luogo. Fanno ritorno ad Hogwarts per frequentare il quarto anno di istruzione. Durante l'anno, Harry si trova coinvolto, suo malgrado, nel Torneo Tremaghi, una competizione che prevede il superamento di tre pericolose prove. Harry deve quindi competere con altri tre maghi: Viktor Krum da Durmstrang e Fleur Delacour da Beauxbatons e Cedric Diggory. Harry si scontra con Ron Weasley convinto che l'amico gli abbia nascosto l'iscrizione al torneo che in effetti è concessa solo a chi ha già compiuto 17 anni. Regia di Mike Newell, con Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint e Bonnie Wright.

A D N AGE o n i s s Ca

4 ANNO I - N° 155 SABATO 18 SETTEMBRE 2010


sport CALCIO SerIe b

I canarini tornano in campo questo pomeriggio in casa del Cittadella di Foscarini

“Voglio un Frosinone aggressivo” Il diktat di Carboni:“Solo con la giusta mentalità riusciremo a cogliere un risultato positivo” CITTADELLA - E’ il giorno della sfida del Tombolato che opporrà i canarini ai padroni di casa del Cittadella, in cerca di un pronto riscatto dopo un avvio di torneo cadetto caratterizzato da tre clamorosi passaggi a vuoto. Il tecnico del Frosinone Guido Carboni, ha parlato dell’arduo compito che attende la sua squadra, chiamata a confermare i progressi palesati nelle ultime due uscite. “Stellone resterà fuori per la gara di Cittadella dopodiché lunedì o martedi prossimo ripeterà l’ecografia per stabilire i tempi di recupero. Gli altri ragazzi rimarranno ad allenarsi a Frosinone con tutta probabilità. A Cittadella troveremo un avversario ostico, dovremo essere bravi, abbiamo bisogno di dare continuità e dobbiamo cercare di fare un grosso passo in avanti contro un avversario che ha già una precisa identità oltre che una società che ha saputo ben operare sul mercato. Bisogna giocare in maniera aggressiva con la giusta mentalità. In questo momento siamo tutti allo stesso livello perché in questo momento la serie B è un

campionato equilibrato. Dobbiamo migliorare molto e se vogliamo fare risultato ci vorrà l’atteggiamento giusto contro un avversario, il Cittadella, che a Siena ha fatto 20’ da grande squadra. Non conta lo schieramento tattico se 4-4-2 o 43-3, l’importante è l’atteggiamento. Ad esempio a Piacenza nel secondo tempo avevamo due ali ma non abbiamo mai tirato in porta. Dobbiamo avere un atteggiamento propositivo come quando ero ragazzino ricordo che il primo cazzotto lo davo sempre per primo

ecco insomma dobbiamo avere questa mentalità. Non voglio adattarmi all’avversario per non prenderle ma per capire come potergli far male, poi le gare si vincono con i cambi e tutti quelli chiamati in causa. Per me tutti sono importanti e allo stesso livello. Il Cittadella viene da due sconfitte e proprio questo deve essere per noi la grande motivazione perché a noi serve un grande risultato. Piovaccari e Bellazzini mi piacciono molto come anche Di Roberto che tra l’altro è un ex. Anche noi abbiamo delle defezioni ma questo non deve rappresentare un alibi. Il Cittadella è una società che insegna che in questa categoria possiede un allenatore che sa dare il massimo in tutto l’ambiente. Noi dobbiamo dimostrare anzitutto a noi stessi di star bene. Se andiamo li mosci è finita. Ho ancora dei dubbi sulla formazione, ci sono molte opzioni e a me piace avere questi dubbi, fanno crescere anche me. Il Cittadella è una squadra che sfrutta le corsie esterne sia alte che basse”. Sono 18 i convocati da mister Carboni che dopo la seduta di rifini-

5^ GIORNATA Albinoleffe - Crotone Ascoli - Empoli Cittadella - Frosinone Grosseto - Piacenza Livorno - Portogruaro Reggina - Modena Sassuolo - Vicenza Siena - Atalanta Torino - Novara Triestina - Padova Varese - Pescara tura a porte chiuse di ieri mattina, si sono diretti in viaggio verso Cittadella. Restano a casa gli infortunati Gucher, Cariello, Stellone e Faccioli. Questa la distinta dei convocati: Portieri: Frattali, Sicignano; Difensori: Bendjemia, Bocchetti, Catacchini, Guidi e Terranova; Centrocampisti: Basso, Biso, Bottone, Di Tacchio, Grippo e Lodi; Attaccanti: Di Carmine, Caetano Calil, Sansone e Santoruvo.

CLASSIFICA Novara Ascoli Atalanta Siena Vicenza Modena Crotone Empoli Portogruaro Padova Frosinone Livorno Triestina Varese Sassuolo Torino Albinoleffe Reggina Cittadella Grosseto Pescara Piacenza

10 8 8 8 7 7 6 6 6 5 5 5 5 5 4 4 4 4 3 2 2 1

SOTTO A CHI TOCCA

Per il rinnovato Cittadella avvio in sordina Tra le fila del Cittadella i tre ex canarini Di Roberto, Nocentini e Semenzato

CITTADELLA - Il Cittadella ha avuto un avvio di campionato difficile, tre punti conquistati in quattro gare con una vittoria e tre sconfitte. L’esordio ha visto la squadra di Foscarini uscire sconfitta dal “Friuli” di Udine contro la matricola Portogruaro. I primi tre punti sono arrivati nella sfida interna con il Torino, la gara è stata decisa dall’ex giallo-azzurro Nocentini e da Dalla Bona che hanno replicato al vantaggio iniziale siglato proprio dall’ex Cittadella Iunco.Alla terza giornata la formazione granata ha ceduto per due a zero in casa al cospetto del Novara, mentre nell’ultimo turno disputato il Siena si è imposto per tre a uno con reti di Mastronunzio, Terzi e Calaiò, prima del gol della bandiera per i veneti dell’ex Frosinone Di Roberto su rigore. Calcio di inizio sabato ore 15.00, dirige la gara il signor Bagalini di Fermo. LA SQUADRA – La formazione di Foscarini ha perso diversi pezzi pregiati nel mercato

estivo, a partire dal tandem d’attacco composto da Ardemagni, ceduto all’Atalanta, e Iunco, passato al Torino, senza dimenticare le partenze nel reparto arretrato del ciociaro Pesoli verso Varese e di Cherubin in direzione Bologna. Per il ruolo di portiere confermato il quarantunenne Pierobon, mentre come secondo ci sarà ancora l’ex Primavera dell’Inter Villanova. La società ha provveduto a rinforzare la difesa con gli ingaggi del giovane centrale Gasparetto dal Padova e dei terzini Semenzato dal Frosinone e Scardina dal Chievo Verona. A disposizione anche il veterano Gorini, il terzino sinistro Teoldi ed il centrale Nocentini che ha militato tra le fila del Frosinone nella stagione 2008/09. Il centrocampo è stato confermato in blocco a partire dal forte Bellazzini, autore di dieci reti nello scorso campionato, e della vecchia guardia composta da Carteri, Musso e Volpe.Alla seconda stagione in maglia granata l’argentino Magallanes, l’ex Pro Patria Dalla Bona ed il mediano Giordano. La società ha piazzato un importante colpo per le corsie esterne assicurandosi le prestazione dell’ex Ascoli Job, svincolato dal Grosseto, senza dimenticare anche l’ingaggio del giovane fran-

cese Carra dal Vicenza. Il reparto avanzato ha visto gli arrivi di Perna dalla Ternana, Piovaccari dal Ravenna, Di Roberto dal Foggia e del giovane Gabbiadini dall’Atalanta. Reparto quindi totalmente rivoluzionato che avrà al compito di non far rimpiangere Ardemagni e Iunco, a dar supporto ai neo acquisti una delle bandiere del Cittadella, De Gasperi, fondamentale per la sua duttilità tattica che gli permette di giocare sia da seconda punta che da esterno offensivo. IL TECNICO – La carriera da allenatore di Claudio Foscarini comincia nella stagione 1997/98 quando siede sulla panchina dell’Alzano Virescit in C1 con cui vince la Coppa Italia di categoria sconfiggendo il Cesena in finale. In campionato le cose vanno altrettanto bene, terzo posto finale che vale la qualificazione ai play-off, ma i bergamaschi vengono eliminati in semifinale dal Livorno. Il campionato seguente vede i lombardi conquistare la promozione in Serie B grazie al primo posto nel girone A di C1, Foscarini viene confermato anche per la stagione 1999/2000. Parte forte la matricola bianconera, il girone d’andata lascia ben sperare i tifosi orobici, ma la squadra nella seconda

Triestina-Salernitana E’ volata per Carrus

Si ferma Jackson, Reynolds riprende

Secondo indiscrezioni di mercato raccolte da Tuttomercatoweb, Triestina e Salernitana sarebbero le due squadre rimaste in corsa per assicurarsi le prestazioni di Davide Carrus. Il centrocampista, attualmente svincolato, ha vestito nell'ultima stagione la maglia del Mantova e non ha ancora deciso per quale destinazione optare.

Prima Veroli comunica che è in via di risoluzione il trauma distorsivo alla caviglia per l'atleta Jarrius Jackson. Il giocatore nella giornata di domani comincerà di nuovo ad allenarsi. Si è fermato invece l'altro americano Scottie Reynolds per un risentimento al tendine d'achille. L'ex playmaker di Villanova University riprenderà ad allenarsi con il gruppo martedì prossimo.

parte di stagione non è riuscita a mantenere i piedi per terra ed è incappata in una serie di sconfitte che l’hanno riportata in terza serie. In C1 la crisi dell’Alzano persiste e Foscarini viene esonerato a marzo. Dopo nove mesi di inattività, viene ingaggiato dal Rimini in C2 con cui conclude al secondo posto il campionato perdendo poi i play-off. Nel 2003 viene chiamato dal Cittadella per guidare la formazione Primavera, mentre nel 2005 l’addio di Maran gli apre le porte della prima squadra con cui ottiene due sesti posti prima della seconda storica promozione dei veneti in B nel campionato 2007/08. In una categoria ostica come quella cadetta, il Cittadella parte bene rimanendo sempre in zona salvezza prima di un calo nell’ultimo mese di campionato. Due punti in quattro partite portano i granata in zona playout e soltanto all’ultima giornata arriva la salvezza grazie alla vittoria 2 a 0 contro il Rimini. Nel campionato 2009/10 il tecnico trevigiano conduce la squadra alla semifinale play-off, il doppio confronto se lo aggiudica il Brescia. Il sorprendente sesto posto finale gli vale la conferma sulla panchina del Cittadella per la sesta stagione consecutiva.

5 ANNO I - N° 155 SAbATO 18 SeTTembre 2010



lagazzettacassino180910a