Issuu on Google+

Il Pdl verso l’intesa Ma nessuno ha vinto

Segregrava in casa l’ex In manette un 30enne

CASSINO - Comune verso l’intesa senza vincitori. Sta per rientrare, infatti, la crisi politica all’interno del Pdl dopo due mesi di liti. Le due anime del Popolo della libertà starebbero per riavvicinarsi facendo entrambe un passo indietro. Secondo gli accordi ancora da sottoscrivere, Mignanelli rimarrebbe al suo posto e in Giunta rientrerebbero i quattro assessori dimissionari. PAG. 6

ROCCASECCA - L’ha segregata per un mese in casa perché non accettava di essere stato lasciato. Il suo piano, però, nonostante fosse stato studiato nei minimi dettagli, è stato scoperto e ieri mattina per lui sono scattate le manette. A finire in carcere un 30enne di Colle San Magno accusato di sequestro di persona, violenza sessuale, percosse e minacce. PAG. 8

ANNO I - N° 85 GIOVEdì 10 GIUGNO 2010 dISTRIbUzIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

QUALI I VERI INTERESSI DI QUESTI DUE?

www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A GIANNI ALEMANNO Il sindaco di Roma ha avuto un’idea che è a dir poco pessima: far costruire grattacieli più alti del Cupolone di San Pietro nella periferia della Capitale. E se l’ide è pessima, la motivazione è risibile. Il primo cittadino romano, infatti, si è giustificato dicendo che “bisogna far crescere in altezza le periferie perché eccessivamente disperse e, pertanto, da riqualificare senza, però, sciupare l’agro romano”. E, come era prevedibile, non si è fatto attendere il secco no di Vittorio Sgarbi, secondo il quale il sindaco di Roma, Alemanno, prima di fare queste proposte “dovrebbe studiare di più la nostra storia”.

L’OSCAR DEL GIORNO AL COMUNE DI PONTECORVO Per aver imposto regole severe e pene altrettanto ferree per chi non rispetterà le modalità e l’orario per il deposito dei rifiuti solidi urbani. Pertanto, per tutta la durata dell’estate, il deposito nei cassonetti potrà avvenire dal lunedì al venerdì dalle 18 alle 6 del mattino. Tolleranza zero anche per chi abbandona rifiuti ingombranti in strada o nei pressi dei cassonetti. Un esempio: gli scatoloni di cartone dovranno essere ripiegati, compattati e legati prima di essere gettati negli appositi contenitori presenti nelle zone servite dalla differenziata.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione Qualità della vita delle imprese Viterbo la prima nel Lazio La conferma arriva da un’analisi della Confartigianato ROMA – La Capitale è al 69 posto nella classifica di Confartigianato sulla qualità della vita delle imprese. Lo studio prende in esame 103 città italiane. Il dato, fornito dall'associazione ieri mattina nel corso dell'assemblea annuale, è stato ricavato misurando la capacità di ciascun territorio provinciale di mettere a disposizione le migliori condizioni per fare impresa. All'esame, 42 indicatori raggruppati in 11 ambiti: dalla densità imprenditoriale al mercato del

lavoro, dalla pressione fiscale alla concorrenza sleale del sommerso, dalla burocrazia al credito, dai tempi della giustizia civile alla legalità, fino ai servizi pubblici locali e alle infrastrutture. Nella classifica di Confartigianato, tra le province del Lazio Viterbo si piazza prima di Roma al sessantacinquesimo posto con un indice pari a 556. Latina, Rieti e Frosinone, invece, seguono la capitale rispettivamente al 78esimo, 79esimo e 80esimo posto.

Maltempo, tavolo tecnico Coldiretti e assessori sui kiwi Soddisfazione dei vertici Mattia e Gargano ROMA - "La pressione sindacale Coldiretti ha sortito i primi effetti, tant’è vero che l'assessore all'agricoltura Francesco Battistoni ha convocato le parti con grande celerità". Lo sottolineano il direttore regionale Coldiretti Aldo Mattia e il presidente Massimo Gargano. Il problema della batteriosi del kiwi, lanciato proprio da Coldiretti, sarà infatti oggetto di un incontro, che si terrà oggi 10 giugno, alle ore 15.30, presso la sala riunioni dell'assessorato all'agricoltura della Regione Lazio, parteciperanno l'assessore regionale Battistoni, l'assessore all'agricoltura della provincia di Roma, l'assessore della provincia di

Latina, i dirigenti delle associazioni di categoria e un referente del Consiglio per la ricerca e sperimentazione in agricoltura. "La nostra strategia è chiara, si articolerà in due fasi: una emergenziale ed una di programmazione - spiegano

Aldo Mattia e Massimo Gargano Per quel che riguarda il primo punto sarà chiesto subito lo stato di calamità, con l'obiettivo di attivare interventi economici utili ad evitare la chiusura delle imprese agricole, necessaria anche la ricerca di specialisti in grado di studiare e distruggere la batteriosi. Riguardo il secondo punto, nei prossimi giorni, presenteremo uno studio programmatico per il rilancio del settore, studio che verrà confrontato con il Consorzio di tutela del Kiwi del Lazio, la struttura più idonea nella definizione ed organizzazione di una seria progettualità del settore".

Sanità, disavanzo del meno 9 per cento ROMA - Nel Lazio il disavanzo del 2006 della sanità era del 24%, mentre nel 2009 ha raggiunto il 15%, dunque scende di nove punti percentuali. E' quanto si legge in una nota della Commissione parlamentare di inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari regionali, presieduta da Leoluca Orlando. Dunque, sta scendendo in modo graduale la spesa sanitaria nel Lazio.

Manovra, oggi si riunisce la conferenza delle Regioni Ordine del giorno: la Carta dei doveri ROMA - Il presidente Vasco Errani ha convocato la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome per oggi 10 giugno alle 10. All'ordine del giorno la Manovra varata dal Governo. Una delegazione della Conferenza sarà poi ascoltata sullo stesso tema dalla Commissione Bilancio del Senato alle 19. La Conferenza dovrà trattare anche alcuni temi in materia di affari istituzionali ed esattamente il disegno di legge ''Semplificazione dell'ordinamento regionale e degli enti locali, nonché delega al Governo in materia di trasferimento di funzioni amministrative e Carta delle autonomie'' e il disegno di legge

''Disposizioni in materia di semplificazione dei rapporti della Pubblica amministrazione con cittadini e imprese e delega al Governo per l'emanazione della Carta dei doveri delle amministrazioni pubbliche e per la codificazione in materia di pubblica amministrazione''. Sarà poi esaminata la bozza di regolamento per l'attività ed il funzionamento della Struttura tecnica di monitoraggio paritetica prevista dal ''Patto per la Salute 2010-2012'' (articolo 3 Intesa Stato-Regioni 3 dicembre 2009). Sempre in tema di sanità dovranno essere designati i componenti del ''Comitato di Settore Regioni-Sanità''.

Storace alla Lega: no a norma in favore di imprese locali In Veneto si sta lavorando a una legge regionale per gli appalti pubblici VENEZIA - ''Nell'Italia federalista possono accadere le cose più strane. Abbiamo appreso che in Veneto si sta lavorando ad una proposta di legge regionale per la quale le imprese che hanno sede nel territorio e assumono lavoratori lì residenti dovrebbero avere la priorità nell'assegnazione degli appalti per lavori Pubblici''. Lo dichiara con una nota il capogruppo

2 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010

de La Destra in Consiglio regionale del Lazio Francesco Storace. ''Libero il Veneto di pensare che si possa fare quello che gli pare - continua Storace -, persino di favorire aziende imbottite di extracomunitari residenti in Laguna e magari di escludere imprese con solido curriculum (ma senza permesso di soggiorno regionale), è evidente che se tale proposta do-

Prenestina, costringe romena a prostituirsi ROMA - Nella tarda serata di ieri l’altro i carabinieri della stazione di Colonna hanno arrestato un cittadino romeno di 23 anni che costringeva una sua connazionale, con minacce di morte, a prostituirsi lungo la via Prenestina. I militari, che già lo scorso 25 febbraio nell'ambito di un'attività di contrasto al fenomeno della prostituzione avevano arrestato 2 sfruttatori romeni liberando dal loro giogo due ragazze.

vesse passare, chiederemmo alla regione Lazio di ricorrere alla Corte costituzionale''. ''A meno che non si voglia stabilire lo stesso principio anche da noi ed escludere le tante aziende venete che vengono qui a beccarsi appalti - conclude Storace -. Con norme del genere non si sarebbe potuto fare nemmeno la bonifica a Littoria''.

Fiumicino, trovato cadavere di un uomo ROMA - Il cadavere di un uomo, in avanzato stato di decomposizione, è stato trovato poco dopo le 12 di ieri mattina in un campo incolto di via Murgias a Fiumicino. Il corpo era accovacciato in posizione fetale ed era regolarmente vestito. Sul posto i carabinieri della stazione di Fiumicino e della compagnia di Ostia. Ora si cerca di capire le generalità della persona.


regione “Sanità, non penalizziamo il policlinico Gemelli” L’appello alla Polverini di Fabio Desideri dirigente regionale del Pdl ROMA – E i tagli che colpiscono anche il Gemelli entrano nell’agone politico. ''Concordo pienamente sulla necessità di razionalizzare spese e costi della sanità, ma questo deve avvenire tagliando sprechi ed inefficienze e non penalizzando una struttura di eccellenza come il Policlinico Gemelli, da sempre punto di riferimento nella cura e nell'assistenza alla popolazione di tutto il nostro paese''. Lo dichiara, in una nota, Fabio Desideri del coordinamento regionale del Lazio del Pdl, già consigliere regionale. ''La riduzione di budget e posti letto a cui è stato sottoposto il Gemelli, in seguito ai decreti varati dalla Polverini nella sua veste di commissario ad acta - prosegue

Desideri - desta preoccupazione poiché va a colpire una struttura che andrebbe semmai tutelata e potenziata''. ''Con meno posti letto e finanziamenti - commenta Desideri - il

Gemelli avrà serie difficoltà nel continuare ad erogare quelle prestazioni di qualità che ha sempre garantito a tutti i cittadini''. E lancia un appello alla nuova giunta regionale: ''Mi auguro per-

tanto che la presidente Polverini e lo staff che l'ha coadiuvata nella stesura dei provvedimenti presentati al Tavolo Tecnico del Governo possano fare un passo indietro riconoscendo l'importanza assoluta del Gemelli nel nostro sistema sanitario''. Dello stesso avviso Cesare Cursi, responsabile salute e affari sociali del Pdl: ''Va riconosciuto il ruolo del Gemelli. La coraggiosa ed importante opera di risanamento della sanità laziale, cui ha messo mano con merito la Presidente Polverini, non potrà non tener conto dei livelli di qualità e del costo delle prestazioni erogate, elementi fondamentali in qualunque piano di rientro regionale''. ''Alla vigilia dell'importante riu-

nione tecnica - prosegue Cursi tra i vertici regionali ed il management del Policlinico Gemelli, non posso che auspicare che si tenga conto in sede di definizione dei tetti dell'insostituibile ruolo che svolge la struttura ospedaliera non solo nei confronti dei cittadini della Regione Lazio, ma anche in qualità di centro di riferimento di eccellenza sanitaria per l'intero centro-sud del Paese. Basta comparare - conclude Cursi - la qualità delle prestazioni erogate ed i relativi costi, inferiori fino al 28% in alcuni casi rispetto ad esempio all'azienda ospedaliera San Camillo-Forlanini, per capire dove è meglio tagliare in un ottica di completo risanamento della sanità laziale''.

“Grattacieli a Roma? Un’idea sbagliata”

“Alemanno pensa solo all’edilizia extralusso”

La condanna di Sgarbi

L’affondo del dipietrista Stefano Pedica

Roma - Un secco ''no'' espresso con convinzione. Questa la reazione del critico d'arte Vittorio Sgarbi alla proposta di costruire dei grattacieli nelle periferie di Roma lanciata dal sindaco della Capitale, Gianni Alemanno, in occasione dell'apertura dell'Eire, l'Expo italia real estate. "Non voglio neanche commentare un'idea simile - spiega -. Non hanno i soldi per restaurare il Colosseo e la Domus Aurea e vogliono far costruire a Roma, città storica per eccellenza, i grattacieli. E' una cosa impensabile". "La gente viene a Roma - continua - per vedere i suoi tesori archeologici ed artistici non certo per ammirare dei grattacieli che

non solo non hanno ragione di esistere, ma peggiorano l'immagine della città. E' una scelta plebea da regime comunista che ricorda molto la dittatura di Ceaucescu''. E conclude: ''Alemanno prima di fare queste proposte, davvero fuori luogo dovrebbe studiare di più la nostra storia''.

ROMA - ''In un momento di grave emergenza abitativa come quella che sta vivendo la Capitale, è scandaloso che la giunta Alemanno si concentri sull'edilizia extralusso''. Lo afferma Stefano Pedica, segretario regionale del Lazio dell'Italia dei valori. ''Secondo i dati resi noti nel piano casa del Comune di Roma - continua - sono 42mila le richieste per una casa popolare, ma il sindaco Alemanno, pur avendo promesso 6mila alloggi di edilizia popolare, inaugura il cantiere più alto e lussuoso della Capitale: la Eurosky Tower''. ''Il sindaco - continua l'esponente Idv - dimostra così che il suo vero interesse

non è per le fasce popolari ma per quella sua stretta cerchia di amici che vorrebbero fare gua-

dagni rendendo Roma un cantiere a cielo aperto''. Pedica conclude sottolineando l'importanza della questione abitativa, invitando il primo cittadino a ''stare più a fianco delle famiglie in difficoltà che alla lobby dei costruttori romani''. Pedica assicura il suo impegno nel ''vigilare che i fondi comunali destinati a risolvere l'emergenza abitativa siano effettivamente destinati alle fasce più deboli della popolazione piuttosto che ai palazzinari, ad iniziare dal controllo dell'iter di assegnazione delle case popolari e degli appalti per l'edilizia residenziale pubblica''.

Molesta una bimba, arrestato ad Anzio Romeno di 38 anni è accusato di violenza sessuale ROMA - I Carabinieri di Anzio hanno arrestato, in una villetta in periferia, un rumeno di 38 anni con l'accusa di violenza sessuale nei confronti di una minorenne, una bambina che deve ancora compiere 10 anni. L'uomo, già pregiudicato, condivideva l'appartamento con la

madre della bimba, che ha altri due figli di cui uno maggiorenne. Una notte, mentre tutti dormivano, si è introdotto nella camera da letto della bambina e l'ha pesantemente molestata. La triste vicenda è stata scoperta dalla madre che ha subito chiamato i Carabinieri. I particolari

“Province? Tagli sotto i 300mila abitanti” ROMA - ''E' ridicolo ridurre quattro Province. Riduciamo le Province sotto i 300 mila abitanti''. Lo ha detto il leader dell'Udc, Pier Ferdinando Casini, a margine dell'assemblea di Confartigianato, riferendosi alla decisione del governo di ridurre le Province. Ricordiamo che nel Lazio la Provincia a rischio è quella di Rieti, che al momento sembrerebbe salva dalla manovra economica di Tremonti.

riferiti dalla minore, con l'aiuto degli assistenti sociali e del personale di neuropsichiatria infantile dell'Asl, hanno permesso di dare fondamento al racconto della bambina e, quindi, di arrestare il 38enne che, in seguito, ha ammesso le sue responsabilità.

Roma, la voragine è posta in sicurezza ROMA - ''L'area di via di Malagrotta dove si è aperta la buca è stata posta in sicurezza e le squadre di pronto intervento della Grande viabilità sono operative sul posto''. Lo dichiara in una nota l'assessorato ai Lavori pubblici del Comune di Roma. ''Terminate le operazioni, conclude - si provvederà alla bonifica, al ripristino della funzionalità della sede stradale e alla riapertura parziale del traffico''.

3 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010


provincia Un fantasma si aggira tra le stanze di palazzo Gramsci: l’opposizione! Tranne Costanzo,Torriero e Materiale, il resto dei consiglieri proprio non esiste FROSINONE – In un sistema democratico “adulto e responsabile”, oltre al ruolo della maggioranza che ha il compito di governare, in un ente esiste anche la minoranza che avrebbe l’altrettanta importante funzione di controllare cosa fa la maggioranza, criticarla se è il caso, pungolarla con richieste varie. Questo, dicevamo, nel caso di un sistema democratico “adulto e responsabile”. Dunque, la Provincia di Frosinone non è un sistema democratico “adulto e responsabile”, in quanto a palazzo Gramsci, tranne alcune mosche bianche a questo punto, il ruolo della minoranza è ridotto proprio a zero. Vediamo chi sono i consiglieri battaglieri. Gradino più alto del podio, sicuramente, senza nemmeno pensarci, a Simone Co-

stanzo, consigliere provinciale del Pd. Interrogazioni, richieste, critiche, lui non si esime dal suo ruolo di consigliere di opposizione. Senza tralasciare un altro aspetto: partecipa ai lavori delle commissioni. Secondo gradino del podio ad Antonio Torriero, del Psi, anche lui sempre battagliero e animato dal sacro fuoco della vis polemica. Terzo posto, medaglia di bronzo, a Laura Materiale, che svolge anche un’importante funzione nella commissione pari opportunità. Il resto? Sinceramente non esiste, non c’è. Ci sono consiglieri che in un anno di amministrazione Iannarilli non si sono mai visti a palazzo Gramsci, non partecipano alle commissioni, non fanno interventi, non presenziano nemmeno ai consigli provinciali. Ma

che modo è questo? Che cosa si sono candidati a fare? Che rispetto hanno del cittadino elettore? Se fossero stati in maggioranza, si sarebbero comportati allo stesso modo? Non crediamo. Però la democrazia è fatta di vincitori e vinti e anche i vinti,

se sono rispettosi delle istituzioni, devono imparare a rispettare e svolgere appieno anche il ruolo di minoranza. A controllare e fare da pungolo alle azioni portate avanti da chi ha avuto il compito di amministrare. Una parola in conclusione la meritano senz’altro Gianfranco Schietroma e Domenico Marzi, candidati presidenti per il centrosinistra e il terzo polo. Chi li ha visti? Di Schietroma, comunque il leader dell’opposizione per ruolo acquisito sul campo, non si ricorda che il “dono” del libro di Sherlok Holmes al presidente Iannarilli per “canzonare” la sua decisione di indagare sui conti della Provincia. Scelta, quella del presidente Iannarilli, a posteriori rivelatasi azzeccatissima e che scoperchiato un vaso pieno di ne-

fandezze amministrative, come ha rivelato la relazione del ministero delle finanze, firmata dal funzionario Vincenzo Tatò. Forse a lui, vista l’incapacità a svolgere l’importante ruolo che gli elettori gli hanno conferito, capo dell’opposizione, dovremmo regalare il testo di Robert Musil, “L’uomo senza qualità”...Col senno di poi, ma come si sapeva abbondantemente anche in sede di definizione delle liste e dei candidati, mai scelta fu peggiore per il centrosinistra provinciale, quella di affidarsi come competitor per il governo di palazzo Gramsci ad un perdente di successo come Schietroma. Nulla sull’uomo e le sue qualità, ma non in grado di trascinare una coalizione alla vittoria. Chi è causa dei propri mali, pianga se stesso.

Lsu, bloccano il traffico e occupano le sale del Ministero del lavoro FROSINONE - Il Sindacato USB che già da tempo aveva chiesto, senza alcuna risposta, l’apertura di un tavolo con i Ministeri del Lavoro e dell’Economia e l’Inps per ottenere la regolarizzare del rapporto

Ministero del Lavoro a ricevere una delegazione, un gruppo di manifestanti si era spostato proprio in mezzo a Viale Giulio Cesare bloccando il traffico, sono intervenute le forze dell’ordine. Finalmente verso mezzogiorno, una delegazione di 10 rappresentanti di cui 5 del provincia di Frosinone, è stata ricevuta brevemente dal Direttore Generale per gli Ammortizzatori Sociali Matilde Mancini e gli stessi non avendo alcuna risposta concreta hanno deciso di restare all’interno del dicastero, dapprima collocati in una stanza della polizia e in seguito sistemati in una sala conferenze continuamente controllati dalle forze dell’ordine, mentre il gruppo più numeroso di manifestanti protestavano all’esterno facendo vivamente sentire le loro ragioni.

Dopo ore e non ricevendo alcuna risposta concreta in merito alla richiesta di un incontro con il Sottosegretario Sen. Viespoli per poter entrare nel merito tecnico e politico delle questioni poste dal sindacato di base e dai lavoratori, il gruppo di delegati ha deciso di continuare il presidio ad oltranza restando all’interno del Ministero in attesa di risposte concrete mentre un numeroso gruppo di manifestanti, nonostante la stanchezza e il caldo ed altri disagi, ha continuato con determinazione la protesta all’esterno del dicastero. Verso le 19 la delegazione dei lavoratori, rappresentati dal sindacato USB, ha incontrato di nuovo il Direttore Generale per gli ammortizzatori sociali e, tenuto conto dell’impegno assunto dal Sen. Sottosegretario P.Viespoli per voce

d e l l a Dott.ssa Mancini a convocare una riunione entro 15 gg da oggi per affrontare le problematiche poste durante l’odierna manifestazione, decide di sospendere la mobilitazione, dichiarando che, qualora entro il 24 giugno non dovesse tenersi la riunione chiesta, sono determinati a riprendere la mobilitazione presso il Ministero.

Salvati“invoca”la Regione:“Sbloccate i finanziamenti” di lavoro per gli Lsu/Lpu e la pensione vera per questi lavoratori ed il riconoscimento del valore pieno al contributo figurativo per la pensione, ha proclamato ieri lo sciopero nazionale di Lsu, Lpu, cassaintegrati e lavoratori in mobilità. Durante la manifestazione che è iniziata intorno alle 9 c’è stato il blocco del traffico stradale di via Fornovo e viale Giulio Cesare a Roma con qualche momento di tensione quando, per protestare contro la mancanza di disponibilità da parte del

4 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010

FROSINONE – “Sbrigatevi, prima che sia troppo tardi”. Potrebbe riassumersi così, il grido di dolore lanciato da Antonio Salvati. Sindaco di San Giovanni Incarico, presidente dell’Unione dei comuni “Antica Terra di lavoro” e consigliere provinciale, l’esponente del Pdl, lancia l’allarme sulla mancata erogazione dei finanziamenti regionali già concessi per progetti approvati. “Così si deprime e si strozza l’intera economia provinciale, mettendo a rischio numerosi posti di lavoro – tuona Salvati – una difficoltà

Consulta delle associazioni di ispirazione cristiana FROSINONE – Ucid, Acli, Cisl, Compagnia delle Opere, Confartianato, Confcooperative, Movimento cristiano lavoratori, Movimento cristiano lavoratori, Istituto di Cultura“Giovanni Paolo II”, Scienza e Vita, Fondazione Etica ed Economia, Pastorale regionale del lavoro, Unione delle Confraternite del Lazio, tutte insieme hanno dato vita ad una Consulta delle realtà associative di ispirazione cristiana impegnate nel sociale sul territorio della provincia di Frosinone.

economica che si ripercuote anche sulle aziende e sulle imprese, le cooperative e i privati che lavorano per gli enti locali e che non si vedono pagati, strozzando così l’intera economia della provincia. La mancanza di liquidità rispetto ai finanziamenti già ottenuti è una delle prime cause di difficoltà economica in cui versano gli enti locali della provincia di Frosinone, in particolare di quelli di piccole dimensione, per i quali le progettualità approvate e concesse dalla Regione costituiscono un vo-

lano fondamentale per lo sviluppo economico, strutturale e sociale. Pertanto lancio un appello a che la Regione Lazio saldi al più presto i contributi concessi agli enti locali e non ancora erogati, a volte nemmeno in piccola parte. E che tutte le parti in causa, interessate al problema si uniscano alla mia richiesta in modo da risolvere questa pericolosa situazione”. Conclude Salvati: “Mi rivolgo al presidente Abbruzzese a cercare di trovare una soluzione a questo problema”.

Disagi per i pendolari Sciopero della Cotral FROSINONE – Domani, il personale di movimento di Cotral Spa Lazio prenderà parte ad uno sciopero giornaliero “frazionato” indetto dall'Organizzazione Sindacale SDL. Lo rende noto la Direzione Centrale dell'azienda di trasporti laziale, evidenziando anche le fasce orarie in cui le vetture resteranno ferme: dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Incroceranno le braccia per l'intero turno i dipendenti operanti negli uffici e i responsabili degli impianti fissi.


provincia La formazione professionale della provincia di Frosinone Bandi fermi al 2009. Le associazioni accreditate sono ormai sul piede di guerra FROSINONE – La formazione professionale proprio non decolla in provincia di Frosinone. Sul banco degli imputati, l’amministrazione provinciale, che non emema i bandi per l’attivazione dei corsi professionalizzanti. Le associazioni accreditate sono sul piede di guerra, non ce la fanno più, criticano e sbraitano a più non posso contro palazzo Gramsci, ma ad ora non hanno ancora ottenuto risposte. Esiste un bando, dell’anno scorso, i cui progetti ancora non sono stati valutati dalla commissione. Si

dice che i tecnici della Provincia abbiano riscontrato alcune anomalie nel bando di gara. Però, comunque, da un anno tutto è fermo. Il che significa che un bel gruzzolo di soldi, di fondi regionali, sono fermi lì, non vengono erogati, non vengono di conseguenza attivati i corsi. Ciò produce un duplice danno: sia agli enti accreditati, che comuque vivono di formazione, sia per i possibili destinatari, che attraverso l’acquisizione di nuove competenze, sperano di avere una marcia in più per inserirsi nel mondo

del lavoro. Si parla tanto dell’importanza della formazione nella società moderna per essere competitivi a livelli occupazionali e poi però alla prova dei fatti, si disattende questo impegno. Non solo formazione professionale erogava la Provincia, ma anche tanti altri utili strumenti di avvicinamento tra domanda e richiesta di lavoro. Pensiamo solo alle Borse lavoro, un caso ancora spinosissimo, visto che ancora devono essere pagate le competenze dell’anno 2009. Tanti ragazzi e tutor in at-

La Consulta dei Sindaci Ato 5 si riunisce domani FROSINONE – Domani, di buon mattino, alle ore 9,30 sul “posto di lavoro”. Il presidente Iannarilli con la solita decisione che gli va riconosciuta, ha spedito i telegrammi di convocazione per la Consulta dei sindaci dell’Ato 5. Una riunione importante in cui prendere le decisoni che l’assemblea dei sindaci non è riuscita ad assumere, vista la mancanza del numero legale al momento delle votazioni. Tema della discussione: il tentativo di non mandare a carte quarantotto l’intero rapporto del territorio con l’Acea. Domani i sindaci saranno chiamati a stilare un documento da inviare all’Acea prima del giorno 15, il giorno in cui si deciderà la ricapitalizzazione dell’azienda o la messa in liquidazione. Il tentativo è quello di arrivare ad una conciliazione, una sorta di decisione che salvi capre e cavoli. L’Acea vuole un aumento della tariffa a 1,27, ma senza procedere ad investimenti e ripagare i comuni per i mutui e gli oneri concessori fermi al 2007. Cifra di partenza, tuttavia, per arrivare in sede di nuovo Piano d’ambito ad una nuova tariffa, al rialzo, pari a circa 1,50 euro al mc. I sindaci non ci stanno e vogliono anche arrivare a 1,27, ma con investimenti e pagamenti arretrati. Una bella gatta da pelare sicuramente. Tira a destra, molla a sinistra, speriamo che comunque una soluzione si

trovi e che alla fine non siano costretti a rimetterci come al solito i cittadini contribuenti, e, aggiungiamo, anche i dipendenti dell’azienda in Ciociaria. Circa 250 famiglie con l’incubo di non avere più un posto di lavoro.

tesa di percepire il compenso meritato sul campo, con quattro mesi di lavoro. Eppure ad oggi, quasi dodici mesi dopo, ancora niente. Così proprio non va. Aspettiamo uno scatto d’orgoglio del presidente Iannarilli, come sta facendo in tanti altri settori, vedi gestione del ciclo dell’acqua. La formazione professionale, e tutto ciò che ruota attorno alle possibilità di garantire e aumentare i livelli occupazionali in questo territorio, va sostenuto con forza. Presidente, metta a lavorare seriamente l’assessore

Il dipendente fantasma si dimette dall’incarico di consigliere FROSINONE – “E’tutta colpa di Tatò”. Il tormentone che gira a palazzo Gramsci ormai è questo. Scoperte le magagne di anni e anni di “vita allegra”, di movida addirittura, con privilegi assoluti per i dipendenti, ora le cose stanno cambiando. Soprattutto per una persona. Il famoso dipendente a metà, colui che stava tra “color che son sospesi”, che dal 2003 al 2009 ha percepito uno stipendio complessivo di circa 180mila euro rimanendo comodamente a casa, in quanto alla Provincia sapevano che era in distacco alla Saf e alla Saf, sapevano che lavorava alla Provincia, o meglio non sapevano che fosse in distacco presso di loro. Nel frattempo, il dipendente a riposo svolgeva l’importante compito di politico a Coreno Ausonio. Ora ha deciso di dimettersi dall’incarico di consigliere comunale di minoranza. Lo ha fatto con una lettera indirizzata al sindaco del centro della valle dei Santi. Subito la sua decisione è stata recepita dal consiglio. Ora avrà più tempo per lavorare, finalmente. Dove, ancora non lo sappiamo. Ma non solo per lavorare, anche per riflettere sulla “bella bravata” portata avanti a danno dei contribuenti e di chi, onestamente, ogni mattina, si alza e si reca sul proprio posto di lavoro. Ci auguriamo che il dipendente, non esattamemte modello, venga per questo suo malcostume adeguatamente sanzionato. Non è assolutamente giusto il modo in cui si è comportato, non è assolutamente giusto il modo di controllare di chi era incaricato di farlo. Una brutta vicenda che ha fatto di nuovo salire questo territorio, la provincia di Frosinone, agli onori della cronaca nazionale, ancora una volta non certo per qualcosa di positivo. Non abbiamo più vogli di essere etichettati come la zona del malcostume e del malaffare, anche perché qui ci sono fior di persone, degne e di rispetto, che svolgono il proprio lavoro con dignità. Le mele marce vanno allontanate e adeguatamente sanzionate, così che nessuno possa continuare a credere di fare il furbetto e di farla sempre franca.

Osservatorio sull’Immigrazione, ecco il bando FROSINONE – Il fenomeno dell’immigrazione anche in provincia di Frosinone ha assunto caratteristiche di significativa rilevanza, sia sotto l’aspetto numerico, sia sotto quello socio-culturale ed economico. L’amministrazione provinciale di Frosinone, che ha da tempo attivato interventi di accoglienza e di integrazione, nonché politiche di promozione della partecipazione dei cittadini stranieri alla vita della comunità locale della provincia stessa, vista la complessità del fenomeno, intende promuovere un’azione di analisi ed

approfondimento dei diversi aspetti che interessano la materia. A tal proposito ha deciso di avvalersi di un Osservatorio permanente sulle politiche dell’Immigrazione. Proprio per dare vita a questa importante struttura, ha bandito un avviso pubblico per la gestione del suddetto servizio, da parte di associazioni, enti, cooperative e ogni altro organismo privo di finalità di lucro costituito a termine di legge, impegnato nello specifico settore ed iscritto nel registro di cui all’art. 52 del D.P.R. 394/99.

I progetti dovranno pervenire all’ufficio di Protocollo dell’ente entro le ore 12.00 del 28 Giugno 2010. Eventuali informazioni e chiarimenti potranno essere richieste per iscritto (tramite email) all’indirizzo: cstaiano@provincia.fr.it fino a 10 giorni dalla data di scadenza del presente avviso. Il bando dell’avviso è reperibile sul sito internet della Provincia: www.provincia.fr.it. “Con la costituzione dell’osservatorio – ha dichiarato la dirigente del settore Immigrazione, la dottoressa Costanza Staiano – sarà possibile analizzare il fenomeno in maniera più scientica, capire come si dà nel nostro territorio, le caratteristiche, così da poter strutturare risposte e progetti più adeguati per favorire l’integrazione.


cassino Comune, verso l’intesa senza vincitori Sta per rientrare la crisi politica all’interno del Pdl dopo due mesi di liti CASSINO- Sono andati a vuoto gli incontri tra il sindaco Bruno Scittarelli e il gruppo degli alleati dopo un accordo che faceva prevedere una conclusione della crisi senza vinti e vincitori. Nelle riunioni di ieri e dell’altra sera, invece, il gruppo dei ribelli è tornato a chiedere la testa di Mignanelli. Su questa richiesta si è interrotta la trattativa che,però, dovrebbe riprendere in giornata. La crisi dovrebbe rientrare con un passo indietro di tutti. Mignanelli rimarebbe al suo posto e in giunta dovrebbero rientrare gli assessori dimissionari. Verrebbero presenjtati degli emendamenti al bilancio concordati tra il sindaco e il gruppo dei ribelli. Intanto Tommaso Altrui polemizza con Giuseppe Sebastianelli. Questo il testo del suo atto d’accusa. “Caro ex-assessore Sebastianelli, ora invochi l’unità del PdL? Sono d’accordo, ma solo dopo un regolare congresso. Ho letto con attenzione le tue dichiarazioni e ho notato che confondi l’unanimismo con l’unitarietà! Non solo. E’ ridicolo e superficiale tradurre la tua richiesta dopo oltre 3 mesi di

i giovani Consigli comunali su You Tube

rivendicazioni velleitarie e personalistiche! Addirittura chiedendolo ad un Sindaco del vostro stesso partito. Tanto più quando la richiesta di cambiamento e di corto circuito non è mai, e sottolineo mai, coincisa con una parte fondamentale del Pdl ovvero quella senza la quale sarà difficile vincere le prossime elezioni comunali. E’evidente, infatti, che, perché un partito possa garantire una leale dialettica con un dibattito di idee e di uomini, in cui l’alternativa sia tra diverse anime e non tra unanimisti e scissionisti, è fondamentale individuare regole di democrazia e trasparenza. Diversamente, si potrebbe correre il rischio di amplificare la distanza e il malessere degli elettori che sempre più si esprimono con l’astensionismo. Per questo c’è da fare un passo avanti.Dobbiamo incidere subito caro Peppe in modo determinante, sui processi regolatori del partito, fuori dal quale l’alternativa è solo una prospettiva personalistica o lobbistica che impoverisce le istituzioni.Fuori da pregiudizi e recinti, dobbiamo costituzionalizzare il partito per renderlo stabile e duraturo. Ma dal confronto e, soprattutto, tra culture simili ma diverse deve nascere finalmente la possibilità di scrivere lo statuto della nuova politica e di proiettare il PdL di Cassino a conquistare di nuovo Piazza De Gasperis.”

Allestita dagli studenti della Scuola Media di S.Elia

Mostra didattica “Sapere i sapori” SANT’ELIA -Anche quest’ anno la Scuola Media di S. Elia Fiumerapido ha privilegiato, tra le numerose attività proposte, il Progetto di Comunicazione ed Educazione Alimentare “ Sapere i sapori”.Tutti gli alunni sono stati impegnati, per classi parallele, in tre diverse tematiche: le classi prime nel progetto “ Buono… come il pane”, le seconde “ La dieta mediterranea” e le terze “Il peso giusto ti fa vivere con gusto”riguardante il problema dell’ obesità nell’ adolescenza. Attraverso la mostra didattica finale i ragazzi hanno potuto esprimere il loro sapere, le attitudini individuali, ma anche la creatività e la fantasia. Nei lavori si evidenziava un’atmosfera di impegno serio ma a l l o stesso tempo di divertimento ed entusiasmo. La partecipazione dei geni-

6 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010

tori è stata numerosa ed entusiasta nell’ammirare i lavori realizzati, attiva nella collaborazione. Sono stati esposti attrezzi agricoli usati un tempo per l’ aratura dei campi e la mietitura del grano, arnesi utilizzati per la preparazione della farina e del pane e per la cottura nei forni .E’stato riprodotto un vero e proprio campo di grano completo di fieno, papaveri e spaventapasseri. Sono stati realizzati svariati bouquets di frutta fresca da gustare , arricchiti dalle più diverse forme di animali che la frutta stessa ha assunto sotto le mani abili e perfette dei ragazzi. Sui tavoli erano presenti in bella mostra delle composizioni di ortaggi, con un’ esplosione di colori e profumi, sapientemente realizzate con i prodotti tipici della dieta mediterranea. Non è mancato un buffet di prodotti tipici preparati dalle mamme degli alunni e allestito su “tovaglie” di iuta ornate con spighe di grano e papaveri :pane di tipi, colori e forme diversi, frittelle dolci e salate, pizze rustiche e ripiene, tutte rigorosamente cotte nei forni a legna delle nonne.A fare da cornice fasci colorati di fiori di campo raccolti e sistemati dai ragazzi con gusto e delicatezza.

Università, progetti per la ricerca CASSINO - Allo scopo di favorire la conoscenza e l’utilizzo delle opportunità offerte dai programmi europei di ricerca, l’Ateneo ha aderito all’Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (APRE). Nel corso della giornata sarà illustrato l’iter progettuale dall’idea alla valutazione. Nel pomeriggio avrà luogo un focus sulle opportunità per le Piccole e Medie Imprese. Introduce i lavori il Rettore, prof. Ciro Attaianese.

CASSINO - Sabato 29 maggio è successo qualcosa di speciale, 200 ragazzi si sono fatti fotografare con un cartello in mano con scritto: Io Voglio i Consigli Comunali su You Tube, con un totale di 500 giovani coinvolti.” - Così esordisce il Presidente di Forza Cassino Giovani Gianluca Pistore, ideatore dell’iniziativa. “Le foto sono state diffuse su Facebook e con un video su You Tube ed hanno raccolto in totale circa un migliaio di visualizzazioni” “E’ stupendo vedere giovani di Cassino e del Cassinate impegnati in qualcosa che viene definita “politica” con un sorriso sulle labbra e con la voglia di fare, di essere partecipi del cambiamento e dell’innovazione che stiamo portando in questa città.” Il risultato che abbiamo ottenuto è stato quello di condurre la Campagna Pubblicitaria giovanile più grande della storia della nostra città. E questo è solo il primo passo, stiamo, infatti, preparando un convegno sui mezzi di comunicazione giovanile come Facebook, You Tube e i Social Network che vedrà come protagonisti proprio i ragazzi ed un politico di spicco e d’eccezione di cui non riveliamo ancora il nome.”

Ucciso dalla mafia 47 anni fa Cerimonia a Caira in memoria del carabiniere Marino Fardelli CASSINO - Si terrà nella frazione Caira di Cassino domenica 27 giugno con inizio alle ore 10 l’iniziativa curata dall’Associazione “Carabiniere Marino Fardelli” e dal Comune di Cassino in ricordo del tragico avvenimento di matrice mafiosa avvenuto a Palermo il 30 giugno 1963 dove perse la vita il giovane di Caira. Per il secondo anno consecutivo l’Associazione ha indetto un concorso-premio riservato quest’anno alle V elementari dei tre Circoli Didattici di Cassino e al IV e V Ginnasio del Liceo Classico “G.Carducci” della Città Martire. L’iniziativa, che ha visto un percorso didattico all’intero delle Scuole aderenti al concorso-premio grazie all’impegno degli insegnanti Giulia Fardelli e Sergio Saragosa, ha riscosso un grande successo di partecipazione se si pensa che

sono stati presentati circa 200 elaborati scritti che la commissione giudicatrice ora dovrà valutare. Gli organizzatori intendono per il prossimo anno ampliare il concorso anche alle altre Scuole di Cassino trattando il tema della “Legalità” e l’importanza del ruolo delle Forze dell’Ordine.

Premiazione torneo di calcio CASSINO - Domani alle ore 20.30 a l Te a t r o M a n z o n i d i C a s s i n o s i terrà la serata conclusiva della 3^ edizione del torneo di calcio giovanile " I Pa e s i d e l l a B a t t a g l i a " . I l programma della serata prevede uno spettacolo di musica e ballo e la premiazione delle squadre partecipanti.


cassinate I due consiglieri ribelli vogliono passare per “puri” ma nascondo affari poco chiari gestiti nel Palazzo di città

Gli scheletri negli armadi di Valente e Giangrande Un parente dell’ex assessore ha acquistato per 46mila euro un relitto che per“magia”oggi vale un milione.L’altro ha costruito abusivamente in centro CASSINO - La crisi politica al comune di Cassino, malgrado gli incontri, gli accordi sottoscritti e rimangiati, è ben lungi dall'essere risolta. A questo punto ci chiediamo, e se lo chiedono soprattutto i cittadini, perchè? I due alfieri e principali artefici del dissenso sono Gianni Valente e Nicola Giangrande. Questi due signori, a cui evidentemente poco importa delle sorti della città, hanno detto “no” a qualsiasi tipo di accordo. Gianni Valente è un politico di vecchia data, è stato assessore - padrone della manutenzione, e nell'amministrazione Scittarelli ha fatto il paio con l'assessore all'urbanistica Giuseppe Sebastianelli. Valente sta adottando la politica del tanto

peggio tanto meglio: ha una paura fottuta di un atto di autotutela da parte dell'amministrazione comunale, che gli farebbe sfumare un'operazione di un suo stretto familiare, che ha acquistato un relitto comunale a via Vetiche, pagato 46 mila euro, e poi grazie alla bacchetta magica dell'Urbanistica, dove siedeva il suo cugino di campagna, oggi vale un milione di euro. Operazione condannata da tutti i consiglieri comunali suoi colleghi, ed oggetto di attenzione da parte della magistratura. Valente non ha intenzione a ricomporre, anche perchè, lui ed il cugino Sebastianelli, ambiscono alla poltrona da primo cittadino: evidentemente vogliono ripresentarsi davanti agli elettori come duri e puri. Giangrande

è un giovanotto volenteroso, ma anche lui ha qualche scheletro nell'armadio, come la realizzazione abusiva di alcuni manufatti al centro della città, ed oggi cerca di fare la morale agli altri. Entrambi sono telecomandati da Mario Abbruzzese, almeno nella prima fase della crisi municipale, oggi il presidente del consiglio regionale, pressato anche dai vari Ciarrapico e Pallone, ha espresso la volontà di chiarire la vicenda e tornare a governare. Ma il ritorno alla normalità, significherebbe per Valente una Caporetto, e non solo politica, su tutti i fronti, e per Giangrande un ritorno nell'anonimato in cui quella manciata di voti recimolata qualche anno fa lo aveva sempre relegato.

Area Riformista Pd, Ernesto Polselli coordinatore del collegio cassinate Gestirà i vari comuni del cassinate in vista dell’assemblea provinciale del partito CASSINATE - Si è svolta martedì scorso a Cassino l’assemblea del “Collegio di Cassino” dell’area congressuale ex mozione Marino, che continua a strutturarsi sul territorio in vista dell’assemblea provinciale del Pd che si terrà il 25 giugno a Frosinone, con l’intento di dar vita ad “Area Riformista”, un luogo di confronto e discussione che cercherà di aggregare tante forze che oggi sono lontane dalla politica. “Occorre – ha dichiarato Mauro Buschini aprendo la riunione – un partito che diventi davvero l’interprete dei bisogni reali delle persone e che venga percepito come quella grande forza riformista in grado di cambiare il Paese e contrastare questa destra che sta distruggendo l’Italia.

Tra i nostri obbiettivi c'è quello di proporci come punto di incontro per approfondire e rilanciare un dibattito sui cambiamenti della politica, affrontando le tematiche attuali dell’economia, del sociale, della cultura e dello sviluppo. Per questo motivo vogliamo dare un contributo al Pd pieno di idee e proposte politiche, oltre la logica delle correnti che ne ha bloccato la crescita. Vogliamo avere un contatto diretto e continuo con la base e con i nostri elettori, dei quali ci ricordiamo solo in vista degli appuntamenti elettorali”. L’assemblea del Collegio di Cassino comprende, oltre alla città Martire, i comuni di Aquino, Ausonia, Castrocielo, Cervaro, Colle San Magno, Coreno Ausonio, Esperia, Falvaterra, Pa-

stena, Pico, Piedimonte San Germano, Pignataro, Pontecorvo, Sant’Elia Fiume Rapido, San Giovanni Incarico, San Vittore, Roccasecca, Terelle, Vallemaio, Vallerotonda, Villa Santa Lucia. Durante la riunione so è deciso, inoltre, unanimemente di affidare ad Ernesto Polselli, stimato dirigente di partito di lungo corso, il compito di coordinatore del collegio. “E’ un incarico importante ed impegnativo” – ha detto Ernesto Polselli – “Ringrazio tutti i rappresentanti del cassinate per questa proposta, che ho accettato con entusiasmo. Grazie per la fiducia. Cercherò di impegnarmi al massimo per far crescere questa nuova area all’interno del Partito democratico, un’area che vuole essere dialogante,

propositiva ed aperta e che non vuole sostituirsi al partito, ma anzi vuole essere un grande supporto. Per questo stiamo sviluppando il discorso di un nostro radicamento nel territorio, in modo che il Pd possa affrontare in modo più forte le prossime consultazioni elettorali”.

In cinquecento vogliono i Consigli su You Tube Piace l’iniziativa innovativa promossa dal gruppo Forza Giovani. In cantiere numerosi progetti CASSINO - “Sabato 29 maggio è successo qualcosa di speciale, duecento ragazzi si sono fatti fotografare con un cartello in mano con scritto “Io voglio i consigli comunali su You Tube” con un totale di cinquecento giovani coinvolti.” Così esordisce il presidente del gruppo politico Forza Cassino Giovani, Gianluca Pistore, ideatore dell’iniziativa. “Le foto sono state diffuse su Facebook e con un video su You Tube ed hanno raccolto in totale circa un migliaio di visualizzazioni”. “E’ stupendo – ha detto Pistore - vedere giovani di Cassino e del Cassinate impegnati in qualcosa che viene definita “politica” con un sorriso sulle labbra e con la voglia di fare, di essere partecipi del cambiamento e dell’innovazione che stiamo portando in questa città.” “Il risultato che

abbiamo ottenuto è stato quello di condurre la campagna pubblicitaria giovanile più grande della storia della nostra città. E questo è solo il primo passo, stiamo, infatti, preparando un convegno sui mezzi di comunicazione giovanile come Facebook, You Tube e i social network che vedrà come protagonisti proprio i ragazzi ed un politico di spicco e d’eccezione di cui non riveliamo ancora il nome.” I giovani cassinati aderenti a questo gruppo in sintesi chiedono che “l'amministrazione sia più vicina ai giovani e si diffonda in internet, lo vogliamo perché è arrivato il momento di una svolta, siamo nell'era informatica, sfruttiamo internet per avvicinare la politica ai giovani”. Della richiesta sono al corrente tutto gli amministratori comunali. M.B.

Gole del Melfa Una strada tra la roccia

Meeting Golden Gala Castrocielo all’Olimpico

ROCCASECCA – Gole del Melfa,“una strada tra la roccia”, di questo si parlerà in un convegno in programma domenica 20 giugno, al mattino presso la sala consiliare di Casalvieri, nel pomeriggio presso la sala San Tommaso a Roccasecca. I due comuni, infatti, sono interessati dal passaggio del fiume, un percorso ricco di memorie quello del cosiddetto Tracciolino ma anche con grandi problematiche attualmente legate alla viabilità.

CASTROCIELO - Anche quest’anno l’Amministrazione Comunale di Castrocielo parteciperà in maniera attiva al Golden Gala, un evento di risonanza mondiale, il meeting di atletica leggera, organizzato dalla Fidal a Roma. Sono felice di questa grande adesione. Ringrazio l’Assessore allo sport Giancarlo Abbate ed il dipendente Franck Vecchio per l’organizzazione. Buon Golden Gala a tutti!” ha detto il sindaco Laura Materiale.

7 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010


cassinate Segregata in casa, finisce l’incubo Da Roccasecca alla Francia, un viaggio fatto di abusi per una 30enne violentata più volte dal suo ex compagno originario di Colle San Magno arrestato per sequestro di persona, violenza sessuale, percosse e minaccia

ROCCASECCA - Per un mese segregata in casa dal suo ex compagno che non accettava la fine della loro relazione. Ma il piano premeditato e ben studiato da un 30enne di Colle San Magno si è concluso con un arresto.

Ieri mattina, infatti, per lui sono scattate le manette. M.M. queste le sue iniziali, è stato arrestato per i reati continuati ed aggravati di “sequestro di persona”, “violenza sessuale”, “percosse” e “minaccia”, a conclusione di una complessa attività investigativa condotta dai carabinieri del nucleo operativo radio mobile della compagnia di Pontecorvo e quelli della stazione di Roccasecca. L’ordinanza di custodia cautelare in carcere è stata emessa dall’ufficio Gip del tribunale di Cassino. Il provvedimento cautelare trae origine dalle risultanze investigative raccolte dai militari operanti che hanno consentito di accertare che l’arrestato, secondo un piano premeditato, l’ 08 aprile scorso, aveva costretto una trentaduenne originaria di Roccasecca a salire a bordo della sua autovettura, per condurla in Francia, dove appunto la teneva segregata, sotto la propria costante vigilanza. I due si erano conosciuti qualche mese fa ed avevano iniziato una relazione interrotta poi dalla donna a seguito delle gravissime condotte persecutorie subite, l’uomo infatti la obbligava sempre a seguire i suoi ordini con minacce e percosse. L’uomo, abilmente, costringeva la donna a contattare telefonicamente i propri familiari e a rassicurarli intratte-

Rifiuti, batoste per chi non rispetta le regole

nendo con questi conversazioni estremamente evasive e controllate che ad un certo punto, però, hanno iniziato a preoccupare i suoi cari insospettiti dall’atteggiamento innaturale della ragazza. Ed infatti, dopo qualche giorno, nei pochissimi momenti in cui la donna riusciva ad eludere la stretta sorveglianza dell’uomo, la 30enne è riuscita a contattare nuovamente i propri familiari riferendo loro di trovarsi in Francia contro la propria volontà, di avere l’intenzione di fuggire ma di temere fortemente, nel caso in cui fosse fallito il tentativo di fuga, la certa reazione violenta dell’uomo. Una storia triste, nei giorni del rapimento, la donna ha raccontato ai carabinieri di essere stata anche costretta a subire reiterate violenze sessuali presso abitazioni occasionali, alberghi o strade isolate. La vittima, solo il 30 aprile scorso, ormai esausta, approfittando di uno stratagemma e dell’aiuto di una donna conosciuta occasionalmente in Francia, aiutata dai contatti telefonici intercorsi con il comandante della stazione carabinieri di Roccasecca, è riuscita finalmente a fuggire a bordo di un taxi fino a Torino, dove, riabbracciando i familiari, è terminato l’ incubo, anche per i carabinieri che ieri mattina sono riusciti ad arrestare il maniaco. M.B.

Emergenza sangue. L’Avis chiama tutti a raccolta

L’ordinanza emessa dal Comune di Pontecorvo. Regole ferree e sanzioni

PONTECORVO - Pene severe per chi non rispetta le modalità e l’orario per il deposito dei rifiuti solidi urbani nel Comune di Pontecorvo. E’ stata emanata, infatti, nei giorni scorsi una ordinanza che regola tale attività e che chiama tutti i cittadini ad essere più rispettosi nei confronti dell’ambiente che li circonda. L’assessore all’igiene Raffaello Carocci, infatti, tramite un volantino ha diffuso l’ordinanza avvisando che i trasgressori saranno punti con una sanzione amministrativa il cui importo è fissato da 50 a 500 euro. Certamente converrà, quindi, ai pontecorvesi essere più attenti, seguendo gli orari imposti per depositare i

8 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010

rifiuti nei cassonetti: nel periodo estivo, già dal mese di aprile e fino settembre quindi, il deposito potrà essere effettuato dal lunedì al venerdì dalle ore 18 alle ore 6 del mattino; durante il periodo invernale, invece, da ottobre a marzo, dal lunedì al venerdì, dalle ore 16 alle ore 6 del mattino. E’ quindi vietato depositare i rifiuti nei cassonetti dalle ore 6 del mattino del sabato e prefestivi alle ore 18 della domenica e festivi. Altre regole per quanto riguarda i rifiuti ingombranti , ad esempio scatole di cartone: devono essere prima ripiegati, compattati, legati e poi depositati all’interno degli appositi contenitori per la carta e cartone (nelle zone servite) oppure depositati ai lati dei cassonetti, sempre ripiegati, compattati e legati (nelle zone non servite). I rifiuti, inoltre devono essere custoditi negli appositi sacchetti unifamiliari a perdere. E’ vietato depositare i rifiuti fuori degli appositi contenitori. “I cittadini sono invitati a collaborare depositando i rifiuti nei cassonetti – ricorda l’assessore Carocci – che potranno essere agevolmente aperti con l’apposito pedale, tutti i cittadini sono invitati a rispettare le disposizioni contenute nell’ordinanza n.1518 per l’igiene e il decoro della città”. E’ solo questa una delle tante iniziative promosse dall’avvocato pontecorvese che ricopre anche l’incarico di vice sindaco. Carocci è stato eletto per la prima volta consigliere comunale di Pontecorvo nel maggio 1990, sempre riconfermato fino al 2001 ed ha ricoperto la carica di assessore ininterrottamente dal 1994 al 1998. Ha anche ricoperto la carica di Presidente della XVI Comunità Montana "Monti Ausoni di Pico" nel 2001. Attesa dai cittadini anche la raccolta differenziata domiciliare che potrebbe realmente aiutare la città ad essere più pulita.

Castrocielo, lunedì il consiglio comunale CASTROCIELO – Tornerà a riunirsi il prossimo 14 giugno il consiglio comunale di Castrocielo. Alle ore 8,30, in seduta straordinaria, pubblica e di prima convocazione saranno trattati quattro argomenti, tra questi il regolamento per il funzionamento e la disciplina della Commissione Comunale di Vigilanza sui locali di pubblico spettacolo e le regole sull’utilizzo delle autovetture di proprietà comunale.

ROCCASECCA - Il 14 giugno prossimo si celebrerà la Giornata Mondiale del Donatore di Sangue, istituita nel 2004 dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Anche a Roccasecca la sezione locale dell’Avis organizza una raccolta sangue, in programma domenica 13 giugno, in occasione della giornata dedicata alla festa del volontariato, dalle ore 8 alle ore 11 presso i locali del Centro Sociale Anziani di Via Piave a Roccasecca Scalo. “Si invitano tutti quelli che possono donare a venire e quelli che non possono sono pregati di invitare gli amici a fare questo nobile gesto – dicono gli organizzatori -. Questa raccolta è molto importante, visto che siamo alla vigilia del periodo estivo che come è noto vi è una maggiore richiesta di sangue e meno donatori disponibili, e a causa di questa carenza di sangue molti interventi chirurgici vengono rinviati. L’Avis di Roccasecca vi invita a donare prima di partire per le vacanze, per far fronte all’emergenza sangue del periodo estivo”. In occasione di

questa importante ricorrenza, anche quest’anno Avis ha voluto realizzare un manifesto ad hoc con lo slogan “Tuttidovremmofarlo” lanciata a fine aprile. Lo stile del manifesto si ispira all’immagine ideata per le celebrazioni ufficiali della Giornata mondiale del donatore, che quest’anno si terranno a Barcellona. Fresco e divertente il messaggio veicolato, che attraverso la domanda “Chi indovina di cosa abbiamo bisogno?” punta a sensibilizzare il pubblico sull’importanza di un così semplice gesto come la donazione di sangue. “Il sangue è un elemento indispensabile alla vita normale. Inoltre è fondamentale nei servizi di pronto soccorso, nella chirurgia e nella cura di molte malattie. Il problema è che non è riproducibile in laboratorio. In caso di bisogno può essere solo donato. Qui entri in gioco tu: con un piccolo gesto puoi contribuire a costruire un patrimonio collettivo, fondamentale per la salute di tutti. Tutti dovremmo farlo, perché tutti abbiamo bisogno di sangue”.

Piedimonte, al via progetto News smiles PIEDIMONTE SAN GERMANO - Al via l’estate New Smiles. Da ieri mattina il centro sportivo "New Smiles" a Piedimonte San Germano,in localitàVolla,ha dato il via alle attività estive organizzate dall’associazione Nuovi Sorrisi di Cassino, dopo il successo dello scorso anno. La seconda edizione del Progetto Nemo – campus estivo è dedicata ai diversamente abili; e durerà per l’intera estate al fine di garantire continuità nella relazione educativa.


Corso Lazio “killer” Insorgono i cittadini

Rapina in centro Arrestati due giovani

FROSINONE -L’ennesimo incidente lungo Corso Lazio fa infuriare i cittadini di Frosinone i quali ieri, per bocca del presid ente del comitato “Vivere Corso Lazio” hanno sferrato un duro attacco contro l’amministrazione comunale e l’assessore Dialmi in modo particolare. Ad oggi, infatti, non avrebbe recepito le istanze dei residenti che chiedono interventi urgenti. PAG.11

FROSINONE - Sono saliti a bordo di una vettura ferma al semaforo di viale Mazzini e, dopo aver picchiato il conducente si sono fatti consegnare il denaro contenuto nel portafogli. Ma la rapina, per i due malviventi già noti alle forze dell’ordine, è terminata poco dopo. Bloccati dagli uomini della Squadra volanti dlela vettura, sono finiti in manette. PAG. 11

ANNO I - N° 85 GIOvEDì 10 GIuGNO 2010 DISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO ALL’AVIS

Un successo la manifestazione organizzata dall’Avis dal titolo “Corri..amo Patrica” e che ha visto come ospite d’onore il consigliere provinciale Andrea Amata. Nota per l’impegno nel campo della solidarietà, l’Avis anche questa volta è riuscita ad organizzare un evento molto importante nel quale, come sottolineato da Amata “si è riusciti a coniugare il valore insito nello sport con la solidarietà. Una giornata all’insegna del gesto atletico e della reciprocità che scaturisce da ogni donazione che l’Avis organizza in favore della vita”. Dunque davvero un bel momento di festa che dovrebbe ripetersi anche in altre circostanze e in alri luoghi.

IL TAPIRO DEL GIORNO A CHI IGNORA L’ARTE

E, pertanto, non solo non la comprende, ma scambia lucciole per lanterne. E’ paradossale quanto accaduto qualche giorno fa quando, un giornale locale, ha titolato a tutta pagina di vandali che stavano imbrattando la città. Niente di più falso. A Frosinone nei giorni scorsi era in atto una manifestazione dal titolo: “Nostra signora dell’Art”, evento internazionale che viene ospitato soltanto in alcune città italiane. Ora il cronista del quotidiano locale, evidentemente per nulla informato, ha redatto un articolo dettagliato in cui non recensiva le forme artistiche che facevano bella mostra di sé nel Comune capoluogo, ma atti “vandalici”. Non comprendendo, infatti, il significato di quelle opere, ha ipotizzato addirittura che potesse trattarsi anche un atto goliardico.

UN’OPPOSIZIONE FANTASMA

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


Frosinone Un quotidiano locale ha etichettato come atti vandalici le opere di “art invasion”

Artisti scambiati per “vandali” A Frosinone accade anche questo FROSINONE -Poche settimane fa un quotidiano locale titolava:“scritte e mutandine appese, mistero e goliardia nella notte” Nell'articolo veniva descritto il “folle gesto” di ignoti che , forse mascherati, forse con intento vandalico oppure con spirito goliardico, avevano imbrattato, niente di meno, con dei gessetti colorati, il parcheggio dell'ascensore inclinato. Oltre all'inciviltà e all'anonimato dei vandali goliardici si faceva anche riferimento all'insensatezza di certi loro scritti, frasi sconnesse senza senso, disegnate in una strana forma dove un rigo si e uno no erano al contrario. Dato l'ermetismo dei contenuti, probabilmente, non erano semplici vandali. Una frase, in rosso, spiccava vivace da alcune mutande appese sul fontanile romano, anche questa frase era incomprensibile, forse in latino. I resti di alcuni manichini facevano mostra di se in un prato vicino la villa co-

munale. Da un muro del palazzo che ricopre l'anfiteatro romano si lasciavano guardare le mani, le gambe e la faccia di un uomo mentre il resto del corpo restava incastrato nel muro. Pare che i cittadini si siano talmente allarmati, da quanto si legge nell'articolo, da chiedere l'intervento delle forze dell'ordine che starebbero indagando sulla terribile vicenda. Vi svelo il segreto: a Frosinone era in atto una manifestazione: Nostra Signora dell'Art. Una manifestazione a cui partecipavano circa trenta città italiane e consisteva nell'invadere di arte la città seguendo il tema prestabilito: il Sommerso, in questo caso. Tema che i ragazzi dell'Accademia delle Belle Arti e l'associazione Zerotremilacento hanno sfruttato per mostrare una Frosinone sommersa e dalle enormi possibilità. Una Frosinone in cui ogni reperto archeologico ritrovato viene, nella migliore delle ipotesi, ricoperto di terra, oppure peggio di asfalto o da palazzi di dubbio gusto. Ma davvero Frosinone risponde così brutalmente a questo genere di manifestazioni? Siamo diventati tutti tanto apprensivi ? Fatto sta che “l'art invasion” è solo un esempio di buona volontà di associazioni, giovani studenti dell'Accademia delle Belle Arti, che a Frosinone esiste, ahimè, ma quasi nessuno lo sa, di privati cittadini amanti delle manifestazioni artistiche e della espressione come abbellimento, un modo come altri per regalare a questo capoluogo cupo e spento un po' di vita, sana, movimento, vero, accrescimento culturale, genuino. Ora, partendo dal presupposto che in tanti certamente conoscono la situazione reale di Frosinone, la “fuga dalla città” che si verifica puntualmente ogni anno nei mesi estivi per l'as-

senza di attrazioni e iniziative, come pure durante il freddo inverno quando non c'è davvero molto da fare;posto inoltre che è sempre più accesa ed animata la polemica circa lo stato di degrado urbano del capoluogo e per concludere, detto che ci si lamenta sempre che i “giovani” altro non sappiano fare che confusione e guai, premesso ciò ci si chiede come mai tutti i tentativi fatti sino ad oggi di risolvere la “triplice” in un sol colpo siano andati in fumo. Oltre agli “invasori mascherati” molti altri hanno provato a darsi da fare per far “riemergere” la città. Pensiamo all'associazione culturale Artqube,un’associazione nata a Frosinone con l’intento di divulgare, sollecitare culturalmente ed artisticamente la collettività giovanile del territorio, instillando e suscitando l'interesse per l'arte in genere e per la pittura in modo particolare. Le proposte che questa associazione ha inoltrato all'amministra-

zione comunale sono disparate. Dal “rifacimento “dei Murales in via Ciamarra ,esempio massimo di degrado, ad opere e interventi di abbellimento del centro storico a eventi di altro genere, corsi, mostre, estemporanee, gli ingredienti, in poche parole, per coinvolgere tutti e in tutti i mesi dell'anno. Niente. A far da padrona “l'arte del No”. Pare che Frosinone non abbia l'ombra di un quattrino da investire in attività culturali di questo genere che oltre a privilegiare e occupare artisti autoctoni, giovani e non giovani del luogo, fungerebbe da assist alle politiche per il turismo e risolverebbe in parte il problema del degrado urbano per non parlare del grande valore educativo e sociale. Capoluogo, se investe, investe solo su “grandi nomi” su artisti di fama mondiale che certo lasciano il segno, il primo giorno, un critico chiacchierare , il giorno dopo, l'oblio dopo una settimana. J. Carobolo


Frosinone I due malviventi bloccano un automobilista fermo al semaforo e lo picchiano per pochi euro. Ma vengono fermati poco dopo da due volanti e spediti in carcere

Rapina lungo viale Mazzini Due giovani frusinati in manette FROSINONE -Pensavano di averla fatta franca due giovani malviventi di Frosinone, peraltro già noti alle forze dlel’ordine, dopo aver messo a segno una rapina ai danni di un malcapitato automobilista. Un magro bottino quello “recuperato” dai due rapinatori, soltanto dieci euro. La loro ccorsa, però, è teminata dopo neanche. Tutto è accaduto nella notte tra martedì e mercoledì quando gli uomini della squadra volanti della Questura di Frosinone hanno effettuato l’arresto di due rapinatori che con destrezza avevano sottratto effetti personali e danaro ad un ragazzo. Allertati da una telefonata al 113 che comunicava una probabile rapina ad un giovane in transito con la sua autovettura in viale Mazzini, due volanti della Polizia di Stato riuscivano a bloccare tempestiva-

mente grazie alla completa descrizione della vittima, uno dei due malviventi, pluripregiudicato frusinate del 1986. Grazie alla grande professionalità degli operatori di Polizia e alla collaborazione dello stesso arrestato, si riusciva successivamente a mettere le manette anche al secondo complice, dopo una capillare battuta di caccia per le vie della città. Dal racconto della vittima è emerso che i due individui dopo essere saliti a bordo della sua autovettura, uno al proprio fianco e l’altro dietro alle sue spalle e dopo averlo minacciato di farsi consegnare dei soldi, rimasti delusi dall’esiguo ammontare del bottino, solo dieci euro, cominciavano a rovistare nel veicolo per cercare oggetti preziosi da sottrarre. Spaventato per la situazione, il ragazzo

cercava di attirare l’attenzione di due suoi amici che lo seguivano, con un altro veicolo, frenando e spegnendo l’autovettura simulando un guasto. Per tali azioni veniva percosso con schiaffi al volto dal soggetto al suo fianco e morso sulla guancia dall’altro seduto alle sue spalle, subendo delle lesioni risultate guaribili in cinque giorni. Assicurati alla giustizia i due malviventi, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria sono stati condotti presso la Casa Circondariale di Frosinone. Nelle prossime ore il giudice per le indgaini preliminari di Frosinone li sottoporrà ad interrogatorio di garanzia per decidere se confermare la custodia cautelare in carcere o se disporre una misura cautelare alternativa.

Corso Lazio e gli incidenti stradali a catena I cittadini puntano il dito contro Dialmi FROSINONE Non si placano le polemiche sulla pericolosità del tratto stradale di Corso lazio. Dopo l’ennesimo incidente stradale è i n t e r v e n u t o Franco Gerli, presidente del comitato “Vivere Corso Lazio” il quale punta il dito contro l’assessore Dialmi per aver fatto “orecchie da mercanti” ai continui appelli relativi ad interventi per cercare di intervenire sui tratti più pericolosi. “Ennesimo incidente stradale in Corso Lazio. La serie continua ininterrotta e la causa è sempre da ricercare nell'alta velocità con la quale le

auto e le moto percorrono il viale in questione esordisce così Gerli che subito parte all’attacco dell’Amministrazione -. A nulla sono valsi i ripetuti appelli fatti all'assessore Dialmi affinchè mettesse in sicurezza corso Lazio. Il comitato "Vivere Corso Lazio" nella persona del suo presidente Gerli Franco è testimone delle tante promesse fatte dall'assessore Dialmi in merito all'argomento, la prima delle quali risale ad Ottobre 2008, in quell'occasione l'assessore prese l'impegno di "realizzare 5/6 attraversamenti pedonali, rialzati, illuminati e segnalati" in modo da rallentare notevolmente la velocità delle auto e delle moto. Dopo due anni non si è visto niente di tutto ciò. E gli incidenti continuano. Tutti con la stessa modalità, auto che sbandano, invadono anche la pista ciclabile (per la verità ridicola e pericolosa) per poi schiantarsi contro gli alberi che dividono la sede stradale. In alcuni incidenti sono stati abbattuti alberi e pali dell'illuminazione. Ma questo evidentemente non è ancora solidarietà. “ Questo quanto dichiarato dal Consigliere Provinciale Andrea Amata chiamato Domenica scorsa sul podio di Patrica per il conferimento dei premi ai vincitori della 5 a edizione del Trofeo AVIS Corri…amo Patrica - Memorial Peppe Conte 5^ tappa del Correndo in Ciociaria. Il Dott. Giuseppe Nucera ,Presidente della Podistica Oro Fantasy e Mario Cristini Presidente AVIS, in collaborazione con il Sindaco di Patrica e l’Assessore allo Sport,

Andrea Amata ospite d’onore al V trofeo “Avis corri...amo” FROSINONE - “A nome della Provincia di Frosinone rivolgo un ringraziamento agli organizzatori del 5° trofeo Avis corri..amo Patrica che rappresenta un importante evento agonistico e sociale, coniugando il valore insito nello sport con la solidarietà. È stata una giornata all’insegna del gesto atletico e

della reciprocità, che scaturisce da ogni donazione che l’Avis organizza in favore della vita. Quindi, una vetrina agonistica importante per tutti gli sportivi che onorano la loro passione per l’atletica nella cornice magica della Ciociaria, che ne esalta le prestazioni e le consegna, altresì, alla popolarità della

sufficiente a far capire all'assessore che bisogna intervenire subito, non si può perdere altro tempo in chiacchiere, in sterili riunioni, quando di mezzo c'è l'incolumità delle persone, oppure si aspetta che accada l'irreparabile. Speriamo che che ciò non accada mai e per questo facciamo i dovuti scongiuri, ma se succedesse qualcosa di irreparabile, qualcuno dovrebbe assumersi tutte le proprie responsabiltà!! Sempre nell'anno 2008 l'assessore Dialmi aveva annunciato per mezzo stampa l'arrivo di altri 8 Vigili di Quartiere che avrebbero affiancato gli altri 8 già operativi per un totale di 16. Nessuno li ha visti da queste parti. Ogni tanto li vediamo operativi in corso Lazio nel fare qualche contravvenzione per divieto di sosta. Per la sicurezza stradale non è stato fatto niente, la popolazione attende che si intevenga in maniera definitiva e risolutiva nel più breve tempo possibile a salvaguardia e tutela delle persone e delle cose”.

hanno migliorato lo standard organizzativo della manifestazione. La Podistica Oro Fantasy ha devoluto parte dell’incasso alla sezione AVIS “Giovanni Paolo II” di Patrica ricordando di donare il sangue prima di andare in vacanza. Le felicitazioni e congratulazioni del Presidente, Mario Cristini, vanno alla Podistica Oro Fantasy e a tutte le Società di atletica, ad Alberto Brizzi, Presidente della FIDAL Provinciale, al Presidente dei

“Banche e disabilità” Conferenza dell’Ugl

Festivalbanda 2010 Anteprima alla villa

FROSINONE - Si tiene questa mattina a mezzogiorno, presso la sede della UGL Frosinone in Piazza Caduti di Via Fani 66, si terrà una conferenza stampa su “Banche e disabilità: non li vogliono come dipendenti, non li vogliono come clienti.” Parteciperanno: Giovanni Scacciavillani – Responsabile Ufficio H della Confederazione UGL; Alessio Storace – Segretario Regionale del Lazio; Carlo Troccoli – Segretario Provinciale di Frosinone.

FROSINONE - Si è svolta nei giorni scorsi l’anteprima di FestivalBanda 2010, la grande rassegna di musica bandistica organizzata dall’Associazione Culturale Ottava Nota, con il suo presidente Giovanni De Vincentis, in collaborazione con la Banda Romagnoli di Frosinone, diretta dal maestro Fabio Cipriani e patrocinata dal Comune di Frosinone, Assessorato allo Sport e al Tempo libero, guidato da Angelo Pizzutelli.

Giudici di Gara, Sebastiano Midolo, il direttivo AVIS, gli sponsor e tutti i collaboratori. J.C.

11 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010


frusinate Anagni, l’assessore Roberto Ippoliti si è dimesso Noto: è stato un valido collaboratore ANAGNI - Si è dimesso ufficialmente ieri l’assessore con delega alle Periferie ed alla Vivibilità del Comune di Anagni, Roberto Ippoliti. Motivi “strettamente personali”: questo quanto riportato nella nota riservata al primo cittadino di Anagni, dottor Carlo Noto, il quale non ha risparmiato parole di forte apprezzamento per l’Amministratore dimissionario: “Voglio ringraziare Roberto Ippoliti, che ha fatto parte integrante del mio esecutivo, per il contributo importante che ha dato nella tornata elettorale che ci ha visto tornare al governo della città; per il lavoro sinergico con cui

ha collaborato attivamente ad amministrare la città di Anagni in questi primi anni di mandato. Con lui ringrazio fortemente anche la lista civica Patto per il Territorio di cui è esponente, la segreteria politica, gli elettori tutti, che hanno contribuito alla vittoria della nostra coalizione. Voglio inoltre ribadire la mia stima ad Ippoliti, aggiungendo che resterà per me referente per quello che riguarda le problematiche delle periferie, in particolare della zona di San Filippo”. In merito ad eventuali nuovi avvicendamenti, invece, il Sindaco Noto dichiara:

“Mi atterrò alle regole politiche e a quanto la normativa di riferimento asserisce, pensando prima di tutto ad amministrare la città con trasparenza e validità”. Dunque nessun nome è stato pronunciato dla primo cittadino della Città dei Papi in merito alla persona che dovrebbe andare a ricoprire l’incarico fino ad oggi svolto da Ippoliti. In ogni caso, il passaggio relativo al rispetto delle regole, fa pensare che non dovrebbero esserci colpi di scena di alcun tipo. All’interno della maggioranza cittadina, comunque, sono già iniziate le consultazioni.

130mila euro per un parcheggio “inutile” La Destra di Sora attacca l’Amministrazione SORA - Soldi bruciati per un parcheggio inesistente, mentre le auto continuano ad essere posteggiate lungo i marciapiedi. Accade anche questo a Sora e La Destra, che certo non sta a guardare pronta a rilevare le inefficienze dell’Amministrazione comunale, continua puntigliosa con la disamina di un problema che sta diventando una criticità. “La realizzazione di un parcheggio da 130 posti in Via Lungoliri Roccatani, una delle poche strade di Sora dotate di ampi spazi su ambo i lati della carreggiata e dove la disponibilità di posteggio rappresenta un dogma - ha dichiarato Lorenzo Mascolo -,è un buon modo per bruciare centomila euro pubblici e far inviperire ancor più gli esausti residenti di Viale San Domenico, zona dove la carenza di parcheggi è a dir poco drammatica.Le motivazioni elencate per giustificare l’opera sono ridicole. Difatti, poiché anche un bambino capirebbe che su Lungoliri Roccatani, dove sono ubicate l’Agenzia Entrate, la Protezione Civile e lo Skate Park, non c’è bisogno di nuovi parcheggi, i nostri amici del Comune hanno pensato bene di aggiungere anche strutture come la Caserma dei Carabinieri, la Biblio-

Incidente stradale, feriti quattro giovani FONTANA LIRI - Stavano rientrando a casa dopo aver trascorso una serata all’insegna dell’allegria quando, per cause ancora al vaglio, la loro macchina, al termine di una curva, è andata a schiantarsi contro un muro di recinzione di un’abitazione. È successo questa notte, poco dopo l’una, in via Moraglione, la strada che conduce a Fontana Liri.

12 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010

Quattro ragazzi, a bordo di una Ford Fiesta hanno riportato serie ferite in particolare due ragazzi che sono stati trasportati d’urgenza all’ospedale di Sora mentre per le due ragazze che erano sedute sul sedile posteriore solo lievi contusioni. Sul posto, oltre ai sanitari del 118 anche i Vigili del Fuoco di Sora per la rimozione del mezzo.

Palestra “Gil”, appaltati i lavori SORA - Sono stati appaltati in via provvisoria in corso di perfezionamento alla Ditta Vincenzo Di Pede di Sora i lavori per la messa in sicurezza della Palestra GIL. L’ importo risultante dalla gara è pari a euro 127.875,24. Tali opere sono finalizzate a dare definitiva soluzione ad un problema che esiste da sempre, in quanto l’area del piazzale antistante la Palestra GIL e lo stadio Tomei è caratterizzata da una depressione rispetto alle aree circostanti.

teca e il Parco S.Chiara (Villa comunale), situate a loro volta in Lungoliri Matteucci (zona centro storico) ossia dall’altra parte del Liri.La domanda nasce spontanea: quando mai i Sorani (e/o i forestieri) per andare in Villa hanno parcheggiato a Pontrinio? A me risulta che su Lungoliri Matteucci si riesca a trovare posteggio nel novanta per cento dei casi. Dunque l’opera è palesemente inutile.Quei centomila euro piuttosto, andrebbero spesi sì nella zona di Lungoliri Roccatani, ma non per un parcheggio inutile bensì per un parco giochi nell’area compresa tra Piazza XXV Aprile ed il Liri. Oppure per riqualificare il manto stradale palesemente disastrato. In ogni caso i parcheggi servono a Viale San Domenico, non a Pontrinio!”

“Rocca d’oro”, scelti i premiati La giuria del premio in programma a Paliano conferirà uno speciale a Mario Abbruzzese PALIANO - L’assessore alla Cultura del Comune di Paliano, Simone Marucci, Beatrice Curci ( vicesegretario Stampa Romana) e il presidente Giancarlo Flavi, hanno svelato le nomination dei premiati che riceveranno la prestigiosa scultura di Egidio Ambrosetti, in occasione della 21 edizione del Premio Internazionale Professionalità “Rocca D’oro” che si svolgerà in piazza Marcantonio Colonna a Paliano il 24 giugno. E’ stato l’assessore Trina, a presentare l’iniziativa, che si è complimentato per l’iniziativa ed ha auspicato che tutti i paesi della Ciociaria possano svolgere grandi iniziative come quella di Paliano. La giuria composta dal presidente Bruno Ferraro (Presidente del Tribunale di Tivoli ) e di cui fanno parte Monsignor Santino Spartà, il maestro Elvio Monti (arrangiatore di Claudio e Manuela Villa) direttore artistico; membri del direttivo i giornalisti Giuseppe Sanzotta (vice- direttore Il Tempo) Stefano Andreani (Sviluppo Italia), Roberto Simon e Dundar Kesapli, (stampa Estera a Roma), Daniele Flavi (direttore de Il Resto) Francesco Puglisi (Capo redattore “Il Tempo” Frosinone), Alfio Borghese (giornalista Rai e presidente di “Paliano Infiore”), Maurizio Sturvi Sindaco di Pa-

liano, Simone Marucci (Assessore alla Cultura comune di Paliano), Achille Pagliuca direttore generale Aci di Frosinone, ha deciso di assegnare un premio speciale a Mario Abbruzzese mentre la prestigiosa “Rocca” raffigurante quella storica e quella di Paliano, di Egidio Ambrosetti sarà consegnata a: Francesco Maria Giro (Sottosegretario di Stato Beni Culturali); Ciro Attaniese (Magnifico Rettore Università di Cassino); Enzo Barba (magistrato); Angelo Di Caprio (prefetto); Aldo Iorio (Comandante Compagnia Carabinieri Anagni ); Nadia Cersosimo (direttrice carcere Paliano); Tommaso Pironti (primario Titolare Università Sacro Cuore), Corrado Monaca ( Presidente Movimento Azzurra); Antonella Colonna Vilasi (saggista- scrittrice); Valerio Cingolani (Fondazione Film Commission Roma e Lazio); Piero Urbani (Manager Cinematografico e creatore centro di eccellenza per cartoni animati); Fiction Televisiva Capri ( terza edizione); Principessa Donna Letizia Giovanneli; Maria Luisa Busi (giornalista Rai); Paolo Butturini (segretario Stampa Romana); Alessandro Renna (Regia TV RAI Annozero); Maurizio Lozzi ( Professore Universitario presidente Conscom) e tanti altri.

Ad Anagni arriva la Carta qualità ANAGNI - E’disponibile presso l’ufficio postale di Anagni la Carta della qualità dei prodotti postali (corrispondenza e pacchi) realizzata da Poste Italiane in collaborazione con 18 Associazioni dei Consumatori.La Carta, stabilisce i diritti della clientela e gli impegni che l’Azienda assume per il rispetto dei criteri di qualità del servizio fissati dal Ministero delle Comunicazioni, definendo i rimborsi previsti nei casi di smarrimento, danneggiamento o ritardi.


Meteo

ORARI TReNI

Cassino Mattino

CASSINO ROMA

Pomeriggio Sera Notte Sora

Frosinone Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La ricetta Insalata con tonno, mozzarella e peperoni

Lavate ed asciugate bene il peperone, poi scaldate una padella antiaderente e arrostitelo a fuoco moderato girandolo su tutti i lati fino ad abbrustolirne la pelle (ci vorranno circa 20-25 minuti): una volta fatto, chiudete il peperone in un sacchetto di plastica e lasciatelo intiepidire. Poi togliete la pelle (dovrebbe venire via agevolmente), apritelo in due, togliete i semi e i filamenti interni e quindi tagliatelo a strisce di circa 1 cm di spessore. Lavate ed asciugate l’insalata e i pomodori che taglierete a spicchi. Sgocciolate il tonno dall’olio. Prendete 4 piatti da portata e adagiatevi, suddividendo gli ingredienti, le foglie di scarola tagliate, gli spicchi di pomodoro, i bocconcini di mozzarella, il tonno spezzettato grossolanamente, le olive nere, i filetti di peperone, le acciughe spezzettate e il peperoncino tagliato in sottili rotelline. In una ciotola a parte, emulsionate due cucchiai di aceto con l’olio e il sale, quindi versateli sull’insalata e servite.

Ingredienti: Acciughe sottolio; (4)Pomodori ramati (4); Peperoni (1); Peperoncino (1); Aceto (2 cucchiai); 200 gr. Mozzarella; 150 gr. Tonno sottolio; 100 gr. Scarola; 80 gr. olive nere; Sale (q.b.)

Numeri utili EMERGENZA 112 113 115 118 1515 800116

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE SANITA’

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

Abbazia di Montecassino ore 9.00 10.30 12.00

San Germano (chiesa Madre)

ore 8.30 11.00 19.00 San Pietro ore 7.30 10.00 11.30 18.00 Sant’Antonio ore 9.30 12.00 19.00 San Giovanni ore 7.30 11.00 19.00

AuTObuS CASSINO - FROSINONE 6.30 7.00 8.15 11.25 14.10 CASSINO - SORA 6.15 8.30 14.10 16.20 17.05 19.01 22.15

Tempi preparazione: --------> 20 min Cottura: ------------------------> 25 min Difficoltà: ---------------------> molto bassa N.persone: --------------------> 4

ORARI MeSSe

CASSINO - GAETA 4.56 6.00 7.01 8.00 8.21 9.16 11.16 12.41 13.10 14.15 15.31 16.31 17.46 19.36 CASSINO - ROMA 6.00 8.30

San Bartolomeo

APPUNTAMENTI

ore 8.30 11.00 18.00

Alatri: Concorso ippico Domenica 13 giugno ad Alatri, presso il Centro Ippico Alexandra, appuntamento con il primo Concorso Ippico Nazionale tipo C "Città di Alatri".

San Basilio (Caira) ore 10.00 San Giovanni (Sant’Angelo in Th.) ore 8.30 11.00

Atina: Campionato paraolimpico Ad Atina nei giorni 18-19 e 20 giugno sarà ospitato, nell’impianto appena rinnovato del Centro Ippico, il Campionato Italiano Paralimpico Assoluto Tecnico, Freestyle e per Società. In contemporanea lo stesso impianto vedrà impegnati i dressagisti del Lazio nella Tappa di Coppa Lazio, ed alcuni tra i più importanti cavalieri nazionali ed internazionali della specialità che si sfideranno nella Coppa Italia di dressage. Organizzato dall'Associazione Ippica Atina e dal Comune, in collaborazione con il Centro Commerciale Naturale e la Pro Loco.

TuRNI FARMACIe SABATO 5 GIUGNO

COSTA

DOMENICA 6 GIUGNO

EUROPA

LUNEDI’ 7 GIUGNO

RICCIUTI

MARTEDI’ 8 GIUGNO

EUROPA

MERCOLEDI’ 9 GIUGNO

PRIGIOTTI

GIOVEDI’ 10 GIUGNO

S.BENEDETTO

VENERDI’ 11 GIUGNO

COSTA

Stasera in tv su Rai Due (ore 21:00)

CONCERTO DI INAUGURAZIONE MONDIALI 2010 Un grande evento di 3 ore di musica e sport uniti nel Concerto che si svolge presso lo Stadio Orlando di Soweto a Johannesburg in Sudafrica: il Fifa World Cup Kick-Off Celebration Concert. La serata è una grande festa per celebrare l'arrivo dei Mondiali di Calcio in Africa, per la prima volta. Partecipano al Concerto artisti internazionali, africani e non, come: Alicia Keys, Shakira, Amadou & Mariam, Angélique Kidjo, BLK JKS, Hugh Masekela, John Legend, Juanes, K'Naan, Mzansi Youth Choir, Soweto Gospel Choir, The Black Eyed Peas, The Parlotones, Vieux Farka Touré e Vusi Mahlasela. Si prevedono numerosi ospiti. Il Concerto è prodotto da Kevin Wall, responsabile di una delle maggiori case di produzione di eventi musicali mondiali. Negli USA, ed è trasmesso dalla ABC. La serata è patrocinata dalla FIFA (International Federation of Football Associations), che devolverà i proventi della serata a favore dei “20 Centri per il 2010”, per la realizzazione di campi di calcio e di infrastrutture sociali per i giovani nel continente africano.

A D N AGE o n i s s Ca

13 ANNO I - N° 85 GIOVedì 10 GIuGNO 2010


sport BASKET FINALE PLAY-OFF LEgADuE

La Prima si guarda allo specchio ed incassa la sconfitta dal Banco di Sardegna Sassari

Veroli, uno scivolone inatteso Gli isolani vincono all’ultimo secondo un match equilibrato portando la serie in parità FROSINONE - Non basta un quarto tempo miracoloso con un parziale di 13 a 0 alla Prima per recuperare gli sfacelli di una gara giocata con troppa superficialità, e forse anche con un pizzico di presunzione. Il Banco di Sardegna Sassari vince la seconda partita giocata a Frosinone grazie ad una prestazione veramente incredibile dell'ala Kemp (30 + 39 di valutazione)che insieme agli italiani De Vecchi e Vannuzzo respingono la voglia di una Veroli parsa a tratti confusionaria (19 palle perse). Nella prima frazione non sembra neppure una finale di play off infatti si segna a raffica con percentuali veramente alte e con errori macroscopici da una parte e dall'altra. Ma Sassari appare subito più in giornata di Veroli e con la rabbia di quella squadra che non ci tiene ad essere la vittima sacrificale sull'altare della “Prima” butta fuori carattere e grinta fin dall'inizio. Veroli non riesce mai ad andare in vantaggio sugli ospiti che sfiorano anche il più dieci in tre occasioni. La partita comunque è un tira e molla incredibile con Veroli che anche se non in eccelsa giornata riesce a non far scappare i sardi nel punteggio. Allo scadere

del primo quarto addirittura con una bellissima tripla di Rosselli sulla sirena i padroni di casa passano per la prima volta avanti con un punteggio di 49-47. Per gli ospiti in difficoltà il play Rowe ben sostituito rispetto a gara 1 da il capitano Vannuzzo. Nella ripresa sembra riuscire a scappare la Prima con un Rossi e Nissim veramente ispirati che trovano sistematicamente le mani sotto le plance del centro Hines(22 punti col 9/12 e 34 di valutazione) ma quando si sveglia il numero 10 in maglia bianco azzurra Rowe il Banco piazza il break. Ottimi tiri dalla coppia Vannuzzo- De Vecchi che lanciano gli ospiti sul 77-90 del 35'. Un più tredici che taglierebbe le gambe a chiunque, ma Veroli non si abbatte e per poco fa il miracolo. Due fucilate dell'israeliano Nissim da lontanissimo riportano in linea di galleggiamento i giallo rossi di casa. Ancora da tre punti con Rossi e in contropiede con Draper i ragazzi di Cancellieri rientrano sul 88 a 90 confezionando un incredibile parziale di 13-0 con gli uomini di Sacchetti in evidente difficoltà. Finale al cardiopalma con Sassari non ancora in bonus che spende i due falli per

Hines cerca il canestro in gara2 vinta da Sassari far correre il tempo. Sbaglia la bomba Nissim a 3 secondi dal termine ma il rimbalzo è di Ivan Gatto che sbaglia però entrambi i tiri liberi del pareggio. Il neo entrato Baldassare recupera il rimbalzo per il definitivo game over. Vince il Banco di Sardegna e si torna sull'isola con gli gli uomini del patron Mele (presente in tribuna) che vincendo entrambe le sfide interne potrebbero festeggiare la salita in serie A. Ma Veroli non andrà certo in Sardegna in villeggiatura e venderà carissima

la pelle. Anche dopo questa sconfitta che porta così la serie in parità (1-1) si ha comunque l'impressione che i ciociari del patron Zeppieri hanno più talento e sono più squadra rispetto al Banco di Sardegna. Questo non vuol dire che bisogna abbassare la guardia, anzi, ma comunque sia Veroli era l'assoluta favorita in questi playoff un mese fa e lo è adesso. E' parso a tutti che Veroli abbia affrontato gara due commettendo l'errore gravissimo di sottovalutare gli avversari e di considerarsi

già in A1. Coach Cancellieri dovrà lavorare soprattutto sulla testa dei suoi ragazzi per evitare il contraccolpo psicologico di questa sconfitta casalinga. Domani in Sardegna in gara tre ci vorrà tutta la potenza di Hines, la classe di Nissim e la velocità di Rossi, unite alle doti di tutti gli altri giocatori ad iniziare da quel Draper che in gara due è apparso un po' sottotono per far capire a Kemp e compagni che Veroli non sarà si Siena (come dichiarato qualche giorno fa dall'ala sarda) ma che di certo non lo sono neanche loro. Intanto i tifosi del Veroli ci credono eccome alla possibilità di chiudere la serie in Sardegna e preparano un mini esodo in quel di Sassari. Molti infatti i tifosi che raggiungeranno l'isola entro domani pomeriggio con traghetti e voli low cost per assistere a gara due e tre. Tifosi non solo del paese ciociaro ma anche appassionati di basket provenienti dal capoluogo ciociaro e da paesi limitrofi che hanno trovato nella Prima Veroli un'altra grande realtà sportiva da sostenere, dopo il Frosinone calcio. Andrea Mastrantoni

CALCIO SERIE D

Boville, dopo l’addio di patron Capogna a rischio la permanenza tra i dilettanti battuto sapientemente da Alessio Carlini! Tre minuti prima della mezzora e Carlini chiudeva già i conti. Bravissimo Molinaro (tra i I giocatori del Boville festeggiano la salvezza ai play-out migliori in BOVILLE ERNICA - Il Boville imita i colcampo) nel sradicare palla dai piedi di un leghi più blasonati del Frosinone calcio e avversario per poi lanciare a rete il bomber dell'Isola Liri chiudendo positivamente Carlini che ostacolato da un avversario riequesta stagione all'ultimo respiro ed ottesce comunque con un tocco sotto a battere nendo una salvezza importantissima per il l'estremo Murtas. Neanche dieci minuti che calcio ciociaro che l'anno prossimo così Migliorelli decide di ricordare a tutti che è potrà vantare almeno una squadra nel tempo di farla finita e pensare alle vacanze. massimo campionato dilettantistico nazioIl folletto cassinate a conclusione di una nale di calcio. Ma sulla società ernica insplendida azione personale batteva ancora combono ora nuvoloni neri. Sulla gara l'incolpevole Murtas con un laterale basso salvezza non c'è molto da dire, non c'è stata da dentro l'area. Bisognava aspettare il storia al "Montorli", Carlini e compagni poker della formazione baucana per assihanno affondato i sardi con un pesante e stere ad un altro tiro in porta (calcio di rinetto 4 a 0 conquistando così la meritata gore su Perrotti). Sul dischetto si salvezza. Quasi 500 persone sulle tribune presentava lo stesso attaccante che realizza dello stadio ciociaro per assistere alla gocosi' l'ultima marcatura stagionale della leada dei blu granata che si apre subito al propria squadra. Ottima la prova di tutta la 10' quando Lucchese era bravissimo e lesto squadra che in questo finale di campionato a girare in rete di testa un calcio piazzato e nel play-out si è fatta valere per quello

14 ANNO I - N° 85 gIOvEDì 10 gIugNO 2010

che è veramente ed ha ottenuto meritatamente la salvezza. Liquidato quindi 4-0 l’Arzachena al triplice fischio la truppa di mister Perrotti pazza di gioia ha celebrato la vittoria nello spareggio play out di serie D. Significativo l’abbraccio finale tra il capitano ernico coraggioso e mai domo Alberto Molinaro ed il suo tecnico Perrotti. Un'altra foto della festa: il bomber Alessio Carlini, anche domenica a segno, che non regala la sua maglia numero 11 ai tifosi “perché – spiega – me l’ha chiesta il presidente”. Quest’ultimo, il patron Capogna, pur nel tripudio generale, ha confermato il suo addio: “Lascio il Boville. La salvezza è il giusto premio ad una stagione di sofferenza”, le sue parole. Poi mister Perrotti, pure lui ad un passo dall’addio: “Obiettivo raggiunto, ora godiamoci la festa. Il mio futuro? Presto per parlarne, aspettiamo la prossima settimana” (ma Perrotti lascerà sicuramente il Boville). “Boville farà per il terzo anno consecutivo la serie D”, aggiunge orgoglioso il ds ernico Stefano Caldaroni, anche lui dimissionario. “Questo successo è fondamentale – commenta il sindaco di Boville Piero Fabrizi ex arbitro di calcio – nel momento della difficoltà la squadra ha mostrato di

avere gli attributi. Il futuro del club? Se ci sarà da dare una mano il Comune non si tirerà indietro”. Intanto il centrocampista del Boville Giampaolo Renna ex colonna dell’Isola Liri ha annunciato il suo ritiro dal calcio giocato. Il mediano tarantino – esempio di serietà dentro e fuori il campo di gioco - con una laurea in Legge in tasca torna a casa e guarda ad una nuova vita. Nonostante la salvezza e l'aver raggiunto la semifinale di Coppa Italia c'è quindi aria di smobilitazione generale nel Boville. Molti i dubbi anche sull'eventuale iscrizione della squadra al prossimo torneo di serie D. La società e l'amministrazione comunale sono alla ricerca di nuove fonti di finanziamento. Ad oggi il destino del club ernico non pare però roseo, anzi. In ultimo si è leggermente affievolita l'ipotesi di cessione del titolo al Sora calcio, questo a causa delle cattive condizioni societarie in cui versa la società bianconera. E tutto questo non fa che accelerare il mercato in uscita dei ciociari. Il pezzo pregiato della rosa ad esempio, il bomber Alessio Carlini, che ha estimatori anche in LegaPro (Isola e Cassino su tutti), dovrebbe con molta probabilità accasarsi a Latina. andr.mastr.

Pato avverte il Milan: “Non so se resterò”

L’Italia è in Sudafrica Abete: “C’è fiducia”

«Adesso è presto per dire se resto al Milan. Di queste cose voglio parlare solo dopo il 20 luglio, della mia squadra non sto seguendo neppure il mercato. Sono venuto un Sudafrica per questo progetto benefico della Nike e per tifare Brasile suonando la mia vuvuzela». Lo ha detto Alexandre Pato, uno dei grandi esclusi della nazionale brasiliana.

«L'Italia è campione del mondo, questo non va dimenticato, ma è innegabile che ci sono squadre che hanno fatto meglio della nostra. Le favorite sono Brasile, Spagna, l'Argentina e l'Inghilterra. Però c'è grande fiducia». Lo ha detto il presidente della federcalcio, Giancarlo Abete, sul volo che portava la nazionale azzurra campione del mondo in Sudafrica.


sport CALCIO LegA PRO

Bruno Scittarelli replica alla richiesta di aiuto lanciata dal presidente Murolo

Cassino, la risposta del sindaco Convocato per sabato un tavolo con imprenditori per scongiurare il fallimento CASSINO - Mala tempora currunt in casa Cassino. Dopo l’appello del presidente Clodomiro Murolo che, attraverso un comunicato, ha reso nota l’intenzione di non proseguire l’avventura alla guida del sodalizio azzurro qualora non avesse ricevuto l’aiuto promesso dalle istituzioni locali, a stretto giro di posta è arrivata la replica del sindaco Bruno Scittarelli. Il primo cittadino della Città Martire, ha ribadito la sua vicinanza e l’interesse concreto per le sorti della squadra di calcio della città, convocando un tavolo con degli imprenditori fissato per sabato alle ore 12. In attesa di una probabile conferenza stampa della società azzurra nella giornata di domani, i tifosi, gli sportivi in genere, gli appassionati del Cassino calcio, si trovano costretti ad assistere all’ormai consueto e per certi versi stucchevole tira e molla tra la società che bussa a denari nella stanza dei bottoni chiedendo che vengano rispettati gli impegni informali da parte dell’amministrazione comunale, e la stessa che ribadisce, come si evince dalle dichiarazioni del primo cittadino, che è stato fatto il possibile e che nonostante ciò c’è la disposibilità a dare un ulteriore

Clodomiro Murolo contributo al presidente Clodomiro Murolo. “Mi rammarica dover verificare, sinceramente e senza polemica, che anche quest’anno, in questo periodo, ci si scaglia contro l’Amministrazione Comunale accusandola di non fare nulla per le sorti del Cassino Calcio. - ha dichiarato il sindaco Scittarelli nella sua nota Nel ringraziare sinceramente la famiglia Murolo per l’impegno economico che sta sostenendo per mantenere il calcio professionistico

a Cassino, credo sia altrettanto corretto ricordare l’impegno mio personale e dell’Amministrazione per questo stesso obiettivo. Impegno che si è concretizzato negli anni con l’indispensabile opera di mediazione per il passaggio del controllo della società dal presidente Corcione alla cordata Murolo/Tedesco prima e al presidente Murolo poi. Impegno che si è concretizzato nell’allestimento di una struttura sportiva che è un vero e proprio gioiello e nell’assicurare al Cassino la fruizione di vari campi della città. Impegno che si è concretizzato anche nell’adoperarsi, nel corso degli anni, per spingere imprenditori economici e finanziari ad affiancare la squadra e nell’erogazione, da parte dell’Amministrazione comunale, di un contributo economico che, seppure non ritenuto adeguato, rappresenta certamente un segnale forte dell’attenzione che abbiamo nei confronti del Cassino calcio; soprattutto se consideriamo le fortissime e ben note difficoltà finanziarie in cui versano le casse dell’Ente. Ciò premesso, e, ripeto, senza voler alimentare polemiche che servirebbero solo a sviarci dall’obiettivo primario, che anche per noi è quello di avere a Cassino una squadra di prestigio professioni-

Bruno Scittarelli stico, come già confermato e promesso al presidente in maniera riservata, anche quest’anno mi impegnerò, nel limite delle mie possibilità, per favorire un rafforzamento concreto della società. E’ purtroppo vero che, come sa bene Murolo, ed è il motivo principale della sua richiesta di aiuto finanziario, che la crisi globale ha fatto stringere i cordoni della borsa a tutti gli imprenditori. Ciò nonostante ho convocato gli imprenditori economici intorno ad

un tavolo tecnico-operativo, per sabato 12 giugno alle ore 12.00, con l’auspicio di poter ancora una volta dare un contributo concreto al calcio professionistico della nostra città”. In attesa che gli aspetti della vicenda vengano chiariti del tutto, la delusione per l’improvviso dietrofront del presidente Murolo è palpabile in città. Soprattuto dopo che si era deciso di programmare la stagione ventura contattando Gautieri per il ruolo di allenatore e Ruffini per quello del direttore sportivo e dopo che questa notizia, da tempo, era diventata di dominio pubblico. Ora, invece, ci si ritrova, da un giorno all’altro, col rischio incombente del fallimento per kappao tecnico della dirigenza azzurra. Proprio la stessa che ha parlato di programmazione pluriennale senza però dare mai seguito ai proclami, la medesima che ha curato meglio di qualsiasi aspetto tecnico un’immagine che, agli occhi dei tifosi stanchi delle reiterate minacce di abbandono qualora non venisse rispettata la notoria regola del “do ut des”, appare ormai sempre più insipida e sbiadita. La passione, quella vera, è merce rara. Antonino Massara

ANTePRIMA MONdIALe

Sudafrica 2010: nel girone E favoritissima la pimpante Olanda Nel raggruppamento F l’Italia avanti nel pessimismo collettivo Proseguiamo la carrellata sui gironi dei Mondiali che partiranno domani soffermandoci sulle opportunità che vengono offerte agli scommettitori. GIRONE E - Si tratta del raggruppamento in cui è inserita una delle probabili sorprese del Mondiale, se così si può definire un’Olanda che ha fatto l’en plein di punti nel girone di qualificazione europeo. Gli orange vantano uno dei potenziali offensivi migliori fra tutte le partecipanti: Robben, Snejder e uno tra Kuyt e Van Der Vaart agiranno die-

L’olandese Wesley Snejider

tro a Van Persie. La corsa e la velocità sono le caratteristiche migliori di una squadra a trazione anteriore, che lascia invece qualche perplessità in più sul proprio reparto difensivo, ed in particolare sulla coppia centrale Heitinga e Oijer, non certo dei fulmini di guerra. Il ruolo di terzini sarà ricoperto a destra dal promettente Van Der Wiel, giocatore dell’Ayax definito da Cruijff come un vero e proprio talento, e a sinistra dal maturo Van Bronckhorst. L’infortunio subito nell’ultima amichevole da Robben dovrebbe essere meno serio del previsto e il campione del Bayern dovrebbe essere disponibile dalla seconda partita. I principali pericoli per l’Olanda verranno da Camerun e Danimarca. Gli africani puntano tutto sui gol di Samuel Eto’o, ma anche su un portiere affidabile come Kameni, mentre per il resto il collettivo ha le sue falle. I danesi appaiono una squadra ringiovanita rispetto a quella di qualche anno fa e abbastanza affascinante, con diversi giocatori che in

Italia si conoscono bene: Kroldrup, Kyaer, Agger, Poulsen, Jorgensen, Tomasson e Bendtner. Un gradino sotto c’è il Giappone, con Honda e Nakamura ad ispirare un attacco latitante: per loro sarà dura andare avanti. Per quel che riguarda il betting si fa apprezzare soprattutto l’Olanda vincente del gruppo a quota 1,50. Gli amanti del rischio, considerando l’inizio in salita della Danimarca, che affronta gli orange, possono piazzare anche il Camerun che passa il turno reperibile a 1,90. Occhio infine ai bookie che permettono di giocare su quali squadre arriveranno ultime nei propri gironi: il Giappone, per questa tipologia, è bancato a 1,83 e non è niente male. GIRONE F - Ed eccoci arrivati ai nostri azzurri. Il pensiero collettivo è lo stesso che si respira da anni alla vigilia di un Mondiale o di un Europeo: pessimismo allo stato puro. E le esclusioni eccellenti di Lippi (su tutte quella di Cassano) e le recenti prestazioni nelle amichevoli, non hanno certo fatto cambiare opi-

nione, anzi. La formazione, a pochi giorni dall’esordio, non è ancora chiarissima. Il principale dubbio riguarda Chiellini, del quale non si sa ancora se verrà schierato centrale difensivo o terzino sinistro; in avanti è ballottaggio Camoranesi-Iaquinta-Pepe per il ruolo di esterno destro, mentre sembrano sicuri del posto, almeno nella prima partita, Di Natale e Gilardino. A centrocampo Montolivo, nelle prime e speriamo non uniche uscite, rileverà l’infortunato Montolivo, facendo coppia con De Rossi. La novità si chiama Marchisio, nel suo nuovo ruolo di trequartista. Le insidie maggiori all’Italia saranno portate probabilmente dal Paraguay, squadra nel complesso non trascendentale, ma dalla mentalità combattiva, specie contro le big. Il loro uomo migliore è l’ariete Santa Cruz. Altra avversaria dei nostri sarà la debuttante Slovacchia, che si aggrappa al napoletano Hamsik e al difensore del Liverpool Skrtel. Completa il raggruppamento la Nuova Zelanda, che appare come la squa-

La furia di Capello si abbatte sui fotografi

La Ferrari ingaggia un ragazzo di 11 anni

Il Mondiale è alle porte e Fabio Capello continua a dare sempre più segnali di nervosismo. Ieri prima dell'allenamento il ct inglese ha affrontato a muso duro le decine di fotoreporter e cameramen che seguono la nazionale, accorse per assistere all'allenamento a Rustenburg. A mandare su tutte le furie il tecnico ni di loro si fossero avvicinati troppo con i loro obiettivi per scattare foto all'interno dello spogliatoio.

La Ferrari guarda al futuro: la scuderia di Maranello ha confermato di aver opzionato un ragazzino di 11 anni come potenziale campione degli anni 2020. Si chiama Lance Stroll, è nato a Montreal nell'ottobre del 1998 ed è il più giovane pilota ad entrare a far parte del vivaio della Ferrari. Nelle diverse categorie kart è stato eletto "debuttante dell'anno" nel 2008 e "pilota dell'anno" nel 2009.

Ilct azzurro Marcello Lippi dra cuscinetto, se si pensa alla sua difesa colabrodo messa in mostra nella Confederations Cup dell’anno scorso. In sede di scommesse, per i più freddi e meno sentimentalisti, che pensano ad un’Italia fuori appena incontrerà una big, occhio all’opzione “Italia eliminata ai quarti” a quota 3,00. Dando quasi per certa l’eliminazione della Nuova Zelanda, a chi crede nel passaggio del turno del Paraguay, facciamo notare come sia quotata 1,50, cioè 0,20 in meno rispetto a “Slovacchia eliminata al primo turno”: da preferire la seconda, ovviamente. Luca Tedeschi

15 ANNO I - N° 85 gIOvedì 10 gIugNO 2010



lagazzettacassino100610a