Issuu on Google+

Reddito minimo, un’attesa infinita

Incendio nella notte alla Reno de’ Medici

CASSINO - Quando la pubblicazione delle graduatorie definitive degli aventi diritto agli assegni per il reddito minimo? Lo chiede pubblicamente il consigliere di minoranza del Pd di Cassino, Tommaso Marrocco, al presidente dell’Amministrazione provinciale, Antonello Iannarilli, facendosi portavoce delle istanze di centinaia di famiglie per le quali quell’assegno significa sopravvivenza. PAG.7

VILLA SANTA LUCIA - Poteva trasformarsi in una tragedia il rogo scoppiato all’alba di ieri mattina all’interno della cartiera “Reno de’ Medici” di Villa Santa Lucia. Improvvisamente, per cause che sono ancora al vaglio ma che sembrano sempre più accreditare l’ipotesi del corto circuito, un incendio è divampato all’interno della macchina continua. Fortunatamente non ci sono stati feriti. PAG. 7

ANNO I - N° 109 vENERdì 09 LuGLIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel. e Fax 0776.278040 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

I boss della movida contro lo Stato

www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A FRANCO FIORITO Un comportamento poco “onorevole” per un consigliere regionale che si fa chiamare, anche nel corso della recente campagna elettorale, quando ancora non era stato eletto alla Pisana, onorevole pur non essendolo, poiché lo ricordiamo si tratta di appellativo che va riconosciuto soltanto ai parlamentari. In ogni caso, dal momento che a lui piace così, oggi consegniamo il tapiro all’Onorevole Franco Fiorito per non aver pagato tutti i ragazzi assoldati nella recente competizione elettorale, per distribuire manifesti, presenziare agli eventi e seguirlo nei tour. Aveva ragione il grande Totò quando diceva: Onorevoli si nasce. Pardon, signori...

L’OSCAR DEL GIORNO A “VISO APERTO” Si tratta di un gruppo di giovani cassinati davvero volenterosi che si stanno impegnando, spinti da grande entusiasmo e da una forte voglia di cambiamento, per dare una sferzata alla Città e ai suoi costumi. Si definiscono una fucina di idee e di programmi e puntano sul cambiamento, appunto. “Visto il preoccupante stato in cui versa la nostra città - dichiarano abbiamo capito che è finito il tempo di aspettare un cambiamento che altrimenti non verrà”.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione “Sui tagli alle Regioni se ne può discutere” Fitto anticipa i temi dell’incontro con Berlusconi ROMA - ''L'esecutivo, dando disponibilità a discutere della manovra con i Presidenti di Regioni, ha dimostrato, qualora ce ne fosse bisogno, ancora una volta grande senso di democrazia e di responsabilità''. Lo ha affermato il ministro per gli Affari regionali, Raffaele Fitto. Il ministro ha inoltre anticipato i temi di cui si discuterà oggi nell'incontro tra governo e Governatori. ''Una cosa, però, deve essere chiara:

MORTI BIANCHE

Zezza: stiamo lavorando ad aumentare la sicurezza ROMA - Ancora una persona morta sul lavoro. ''Alla famiglia vanno la nostra vicinanza e il nostro cordoglio''. Lo afferma l'Assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, Mariella Zezza in merito all'incidente avvenuto ieri l’altro a Pontinia in cui ha perso la vita un'operaia di Terracina. ''La Regione - aggiunge - è impegnata per aumentare i livelli di sicurezza sul lavoro e potenziare la prevenzione degli infortuni''. ' 'A breve - conclude l'assessore - firmeremo un protocollo d'intesa con l'Inail proprio per incentivare la promozione delle politiche della sicurezza e della regolarità del lavoro''.

l'incontro di oggi (ieri per chi legge) non servirà e non otterrà modifiche ulteriore ai tagli. Non è possibile e i governatori lo sanno benissimo. Si potrà, invece, ragionare insieme, visto che sarà presente anche il ministro Tremonti, sulle modalità e le scadenze entro cui effettuare i tagli. Possiamo discutere dentro quegli 8,5 miliardi ma diminuire è irresponsabile e irrealizzabile. Il saldo deve rimanere, volenti o

nolenti, invariato. I margini di trattativa sono ristetti, questo è fuori dubbio, ma noi non possiamo assolutamente fare concessioni''. ''Penso ci sia il margine per una discussione di merito, il Governo ha dimostrato disponibilità fermo restando i tagli e la distribuzione per ogni livello istituzionale. ''Non è in discussione né l'entità dei tagli, né l'attribuzione ai diversi livelli istituzionali. Entro

quei numeri - ha spiegato - è possibile fare una discussione''. Fitto ha poi detto che il parere in Conferenza Unificata: ''Ci sarà la settimana prossima, dopo l'incontro con il premier'', invece

Discarica di amianto a Villa Ada La denuncia arriva da Legambiente Lazio ROMA - Pericolosi e inquinanti brandelli di vecchi cassoni per l'acqua, realizzati in micidiale cemento amianto, sono sparsi per decine di metri sui bordi del sentiero che si snoda sul vecchio tracciato di una carrabile in disuso sul lato del parco di Villa Ada . Questa la denuncia di Legambiente. L'inquietante presenza di questa discarica è stata segnalata da diversi cittadini al numero verde (800-911856) dell'Osservatorio Ambiente e Legalità istituito dall'assessorato regionale Ambiente, su progetto di Legambiente Lazio, proprio per raccogliere, coordinare, elaborare e fornire dati sugli illeciti consumati a danno dell'ambiente - come si legge in una nota dell'Associazione ambientalista. Secondo la segnalazione, che è stata verificata da Legambiente

con un sopralluogo fotografico, lungo il muro perimetrale di Villa Ada sempre nella zona di con-

fine con Villa Polissena vi sono anche delle vere e proprie montagne di rifiuti ''normali'' sparse impunemente nel verde. Ad allarmare, in particolare, è il fatto che si tratta della seconda scoperta di amianto, materiale altamente cancerogeno, all'interno della grande villa storica. Nel novembre 2009, infatti, era già stata individuata una discarica di calcinacci e onduline in eternit nei dirupi sotto il maneggio; discarica che dopo essere stata recintata per alcune settimane ad oggi non risulta essere stata ancora bonificata dal Servizio Giardini - riferisce Legambiente. Legambiente Lazio aderisce anche all'iniziativa “Occhi aperti su Villa Ada”, passeggiata collettiva di sensibilizzazione e protesta per dare un futuro al parco che è stata annunciata per martedì 13 luglio.

sulla richiesta fatta da Regioni, Anci, Upi e Uncem di essere ricevuti domani tutti insieme ha concluso: ''Adesso valuteremo e nel pomeriggio daremo un'indicazione''.

POLEMICHE

Alemanno “Va avanti il restauro del Colosseo” ROMA - ''Sta andando avanti il lavoro svolto dal ministero dei beni culturali che punta alla riqualificazione di tutta l'area archeologica centrale e del Colosseo, per il quale attendiamo, da un momento all'altro, il benedetto bando che deve attivare le sponsorizzazioni per il suo restauro''. Parole del sindaco di Roma, Gianni Alemanno, che così - a margine di un incontro nella sede della facoltà di architettura - replica ad un'inchiesta del New York Times, secondo la quale Roma sta puntando alle trasformazioni urbane future senza accorgersi che il suo passato si sta sbriciolando.

Roma Capitale, si delinea il futuro della città Francesco Smedile, presidente Commissione riforme istituzionali ROMA - ''Nel corso delle sedute della Commissione per le Riforme Istituzionali di Roma Capitale di questi giorni si sta delineando il futuro assetto della nostra città, grazie anche al lavoro fondamentale di concertazione e convergenza nel raccogliere e sintetizzare le idee di maggioranza e opposizione. Posso con soddisfazione anticipare che è oramai pronta la

2 ANNO I - N° 109 veNerdì 09 luglIO 2010

prima bozza di parere al decreto del Governo, con al suo interno tutte le modifiche al testo che nei prossimi giorni porteremo in Consiglio Comunale e all'attenzione del sindaco Alemanno''. Lo dichiara Francesco Smedile, presidente della Commissione per le Riforme Istituzionali per Roma Capitale e Consigliere comunale Pd al termine della commissione odierna. ''Ringrazio

il collega Storace - aggiunge - per la cooperazione e per la grande passione mostrata in questi giorni nell'elaborare un documento che donerà a Roma una governance più moderna e funzionale, poteri di governo adeguati al suo ruolo di Capitale e una giusta ed adeguata rappresentanza all'interno della futura Assemblea Capitolina''.

Termini, tre in manette per spaccio e furto

Riano, trovato corpo di una donna

ROMA - Nell'ambito delle operazioni di polizia giudiziaria sono stati arrestati 2 cittadini di nazionalità rumena, che avevano sottratto un bagaglio a un turista americano che attendeva il treno per Fiumicino. In un'altra operazione è stato tratto in arresto un cittadino di nazionalità tunisina che all'interno della Stazione Termini spacciava eroina ad un tossicodipendente. I tre arrestati sono stati condotti presso le camere di sicurezza per il rito direttissimo.

ROMA - Il cadavere di una donna è stato trovato lunedì scorso in un fondo agricolo non recintato a Riano, in provincia di Roma. Si tratta di una donna non ancora identificata, dall'età apparente di circa 30-40 anni, alta 1.70, con capelli lunghi, mossi, di color biondo rame. L'autopsia ha evidenziato i segni di una morte violenta e non naturale, sulla quale sono in corso indagini a cura dei carabinieri e coordinate dalla Procura di Tivoli.


regione La Polverini:“Non aumenterò le tasse” E’ quanto scaturito dall’incontro con il governo a Palazzo Grazioli ROMA - Per capire cosa abbiamo ottenuto l’altro ieri ''basta leggere il comunicato di Berlusconi e Tremonti, in particolare quando parla di effettività, realizzabilità, sostenibilità dei piani di rientro, per apprezzare l'apertura fatta dal Governo. Ora posso dire che se lavoreremo bene potremo anche evitare nel Lazio l'automatico scatto delle addizionali. Io devo dare risposte, non aumentare le tasse''. Così la presidente della Regione, Renata Polverini, in un'intervista ad un

quotidiano nazionale, spiega come è riuscita ad ottenere un incontro delle Regioni con il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi. ''Sono stata insistente - spiega molto insistente, ma avevo il dovere il esserlo visto che solo tre mesi fa ho preso tanti voti e creato grandi aspettative''. ''Dovevo fare qualcosa - racconta - ero con Caldoro e Scopelliti, i governatori di Campania e Calabria, ci siamo messi in contatto con i capigruppo di Pdl che

Trasporto pubblico a rischio paralisi ROMA - Città a rischio paralisi oggi per lo sciopero nazionale di 24 ore nel trasporto pubblico locale e ferroviario. Lo sciopero è stato proclamato unitariamente Cgil-Cisl-Uil, Ugltrasporti, Orsa Trasporti, Faisa e Fast a sostegno della vertenza per il nuovo contratto della mobilità che va avanti da due anni. Da ieri sera alle 21 fino alla stessa

ora di oggi si fermano i treni ma per quelli regionali saranno garantiti i servizi essenziali nelle fasce orarie 6-9 e 18-21. Assicurati anche i collegamenti tra Roma Termini e l'aeroporto di Fiumicino. Ma il caos è previsto per domani quando si fermeranno bus, metro e tram, secondo modalità decise a livello locale

erano a palazzo Grazioli e attraverso di loro con Tremonti al quale finalmente abbiamo esposto le difficoltà delle nostre Regioni che si sommano a quelle create dalla manovra. Ha capito. C'e' stato un chiarimento''. Sui tagli contestati da sindaci e governatori, conclude, ''sarà importante l'appuntamento con Berlusconi e Tremonti: siamo tutti d'accordo nel fare il nostro dovere, ma pensiamo che attraverso il patto si possano orientare i tagli''.

“Pedaggio Fiumicino dannoso per l’economia” Il sindaco Canapini scrive al ministro Mattioli FIUMICINO - Il sindaco Mario Canapini ha inviato ieri mattina una lettera al ministro delle Infrastrutture e Trasporti Altero Matteoli e al Presidente dell'Anas, Pietro Ciucci, chiedendo la convocazione immediata di un incontro per discutere dell'attuazione di quanto previsto dalla manovra finanziaria, in merito all'introduzione del pedaggio sull'autostrada RomaFiumicino. ''Tale provvedimento, qualora venisse adottato, produrrebbe effetti fortemente dannosi sulla coesione socio economica della nostra cttà''. Lo ha dichiarato il sindaco nella nota. ''Infatti, continua - il tratto autostradale in questione interessa non solo

i residenti di Fiumicino ed i passeggeri provenienti o diretti allo scalo internazionale, ma anche decine di migliaia di addetti aeroportuali e giornalmente 15.000 automobilisti del limitrofo Municipio di Ostia, i quali devono raggiungere la Capitale e non possono utilizzare la via del Mare, ormai insufficiente ed inadeguata a sopportare gli attuali flussi di traffico veicolare''. ''Ritengo necessario, - ha concluso - pur comprendendo le finalità e gli obiettivi della manovra, un confronto serio sulle possibili soluzioni alternative a tali misure che danneggiano le fasce più deboli della popolazione e gravano sull'economia di territori già in crisi''.

Olimpiadi ‘60, le celebrazioni del cinquantenario Si parte con il convegno dal tema“50 anni di Roma olimpica 1960-2010” ROMA - Prenderanno il via mercoledì 14 luglio, come annunciato nell'ultimo Consiglio nazionale del Coni, le celebrazioni per il cinquantenario dei Giochi Olimpici di Roma 1960. Il primo appuntamento sarà un convegno dal tema ''50 anni di Roma Olimpica 1960-2010. Eredità e sostenibilità di un'Olimpiade a dimensione umana: Ieri, Oggi,

Domani''. Il convegno avrà inizio alle 10 e si svolgerà al Salone d'onore a Roma. Il presidente del Comitato olimpico Italiano, Giovanni Petrucci, unitamente al segretario generale, Raffaele Pagnozzi, fara' gli onori di casa nell'ambito del primo atto ufficiale delle celebrazioni del Cinquantenario dei Giochi

Olimpici di Roma 1960, alla presenza di alcune medaglie d'oro azzurre e di importanti personalità del mondo dello sport e delle istituzioni. Sono previsti gli interventi di Franco Carraro, Mario Pescante, Gianni Alemanno, Rocco Crimi, Paolo Garimberti, e Luca Pancalli, Presidente Comitato Paralimpico. E Gianni Letta.

Velletri, svaligiata casa di un imprenditore

Eolico, arrestato l'imprenditore Carboni

ROMA - Hanno aspettato che rientrasse nel giardino della sua abitazione e armati di una pistola l'hanno costretto ad aprire la cassaforte. E' accaduto la scorsa notte intorno alle 3 a Velletri. I quattro avevano il volto coperto da passamontagna. Il bottino ammonterebbe a circa 25mila euro tra contanti e gioielli. L'imprenditore è stato colpito con un oggetto riportando una lieve contusione.

ROMA - Arrestato a Roma l'imprenditore Flavio Carboni, coinvolto nell'inchiesta sugli impianti eolici da realizzare in Sardegna. La richiesta di arresto è stata effettuata dai pm della Procura capitolina che indagano sugli appalti per l'eolico. Il legale di Carboni ha fatto sapere che presenterà immediato ricorso al Tribunale della libertà contro il provvedimento. Disposto anche l'arresto di Pasquale Lombardi, ex esponente della Dc.

3 ANNO I - N° 109 veNerdì 09 luglIO 2010


provincia La Provincia promuove tredici grandi eventi culturali L’assessore Abbate: “Un cartellone di eccellenze che l’anno prossimo renderemo ancora più corposo” FROSINONE - E’ stato presentato oggi, nel corso di una Conferenza stampa, nel Palazzo della Provincia, il cartellone dei grandi eventi selezionato dall’Assessorato cultura retto dall’arch. Antonio Abbate. Alla conferenza stampa erano presenti anche il Presidente della Commissione Cultura della Provincia, Fabio Bracaglia, il vice presidente Sara Giansanti e il dirigente del settore Andrea Di Sora. “Gli eventi selezionati come eccellenze della programmazione culturale della nostra provincia – ha detto l’assessore Abbate – sono tredici. Ma la nostra speranza è che già dal prossimo anno questa compagine possa essere ampliata e arricchita. Intanto vi invito a considerare come, in un momento in cui un po’ ovun-

que si tagliano i fondi alla Cultura, le scelte del Presidente Iannarilli in primis e di tutti noi, siano andate in senso contrario. Tra fondi di bilancio e quelli messi a disposizione dalla Legge 32 ci si può avvalere per il 2010 di circa un milione di euro. Risorse che, come sapete, sono molto difficili da reperire e che quindi sono frutto di una scelta ben precisa”. I tredici eventi che fanno parte del cartellone “(Fr) Cultura” e cioè gli eventi nei quali la Provincia di Frosinone ha deciso di avere una partecipazione attiva sono: il Certamen Ciceronianum Arpinas; il Liri Blues Festival; Atina Jazz; il Festival delle Città Medievali; Alatri in Blues; Fiuggi Family Festival; Fasti Verulani; Festival Lirico di Casamari; Cassino Arte; Festival Internazionale del Folklore

di Alatri; Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni; Ascolta la Ciociaria; Premio Letterario Val di Comino.

Gli eventi in programma • Certamen Ciceronianum Arpinas • Liri Blues Festival • Atina Jazz; • Festival delle Città Medievali • Alatri in Blues • Fiuggi Family Festival • Fasti Verulani • Festival Lirico di Casamari

• Cassino Arte • Festival Internazionale del Folklore di Alatri • Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni; • Ascolta la Ciociaria; • Premio Letterario Val di Comino.

Amata plaude la ritrovata unità del Pdl FROSINONE – “Apprendo con soddisfazione – scrive il consigliere Amata – che si sta procedendo alla ratifica del coordinamento provinciale del Pdl. Soprattutto nell’attuale fase politica che ci vede protagonisti nell’amministrazione regionale e provinciale, abbiamo bisogno di una permanente e funzionante azione di partito che filtri le varie questioni, liberando i rappresentanti istituzionali dalla incombenze organizzative del Pdl che potrebbero distoglierle dai processi di governo. Le ragioni dell’unità devono prevalere sulle divisioni nel rispetto dei rapporti di forza democraticamente sanciti. Va dato atto all’amico Franco Fiorito di aver lavorato prima per la crescita elettorale del Pdl e poi per aver tentato di realizzare una sintesi rispettosa dei nuovi equilibri, prescindendo dalle appartenenze antecedenti la nascita del Pdl. La classe dirigente della provincia di Fro-

sinone ha dimostrato impegno e coesione, insieme ad Antonello Iannarilli, negli appuntamenti elettorali per spicconare l’intonaco del vecchiume che rivestiva l’apparato amministrativo locale. Questo spirito di rinnovamento ha consentito di raggiungere importanti traguardi, che meritano il supporto di una dirigenza pienamente legittimata a sviluppare a sviluppare una forte strategia d’esaltazione delle eccellenze locali. Abbaimo una sinistra in palese crisi d’identità e smemorata che attacca e strepita, senza cognizione, il centrodestra per l’inasprimento fiscale, mentre i più grandi aumenti delle addizionali sono stati fatti dalla Regione Lazio col governo di sinistra. Il Pdl è nato per modernizzare la politica italiana e accellerare la transazione verso una democrazia finalmente compiuta e non può diventare un contenitore partitocratico dove le affiliazioni

prevalgono sui meriti. Ad un anno dell’amministrazione Iannarilli abbiamo conseguito importanti obiettivi che consolidano il rapporto di fiducia con gli elettori, nonostante i disastri lasciti dalla sinistra. Non stiamo andando alla ricerca dei colpevoli per rinunciare ai rimedi, ma per trovare le soluzioni abbiamo dovuto conoscere la realistica situazione dell’ente anche per programmare con fondatezza le scelte qualificanti della nostra azione. Vogliamo fare chiarezza di concerto con il presidente Iannarilli senza accendere fumogene che servono solo a disorientare chi vuole rilanciare con efficicia la nostra provincia. Sono tante le battaglie che come classe dirigente dobbiamo ingaggiare per lo sviluppo del territorio, per traghettare questa provincia fuori dalal crisi economica, esigendo la riscossione dei tanti crediti maturati in contrapposizione alla preponderanza romana”.

La Polizia provinciale libera una nitticora un capriolo e un falco pellegrino FROSINONE – Sono stati liberati dalla Polizia Provinciale alcuni animali selvatici di ritorno dal centro di assistenza veterinario di Fogliano (Lt) dove erano stati portati perché trovati feriti. E’ la prima volta che ciò accade dopo oltre 30 anni di questa attività. Gli animali selvatici provenienti dalla provincia di Frosinone, infatti, una volta portati fuori provincia non sono mai tornati nel loro habitat originario. Presso il lago di Canterno è stata liberata una nitticora, un trampoliere piuttosto raro. Nei boschi sopra Trisulti un capriolo, un falco pellegrino e anche un riccio. “Valorizzare il nostro territorio – ha detto l’assessore provinciale Giovanni Melone - e mettere a frutto tutte le nostre potenzialità è lo sforzo che la Provincia di Frosinone sta compiendo in ogni settore. Salvaguardare e valorizzare il nostro aambiente è, ovviamente, la prima cosa. Per questo ci siamo stupiti

4 ANNO I - N° 109 veNerdì 09 luglIO 2010

quando abbiamo saputo che gli animali provenienti dalla provincia di Frosinone non sono mai stati reintrodotti, una volta curati, nel nostro territorio e, accogliendo le richieste anche di alcuni esponenti della Polizia provinciale che si sono battuti per questo risultato e mai, in anni e anni, fino ad ora avevano ottenuto ascolto, abbiamo iniziato questa attività di reintegro della nostra fauna selvatica. Si tratta, tra l’altro, di momenti veramente suggestivi”. “Abbiamo scelto due luoghi adatti alla sopravvivenza di questi animali e li abbiamo liberati nei punti meno raggiungibili dalla gente. Nel caso del capriolo è stato scelto un punto dove sono stati avvistati altri esemplari della sua specie. Questa volta il rilascio è stato effettuato nel nord della Ciociaria, per il prossimo opteremo per località adatte collocate nella zona sud della provincia”

Vicepresidenza dell’Aspin Confermato Mancini FROSINONE - Si è riunito il rinnovato Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Frosinone ASPIN che, nel corso della prima riunione, ha confermato, su indicazione del Presidente – Stefano Venditti -, la carica di Vice Presidente a Mario Mancini – Presidente della CIA di Frosinone, Confederazione Italiana Agricoltori. L’attenzione e l’impegno che Mancini ha profuso nel corso degli ultimi tre anni verso le attività di promozione internazionale dell’economia provinciale ed in particolare verso il settore agroalimentare, partecipando attivamente alle azioni strategiche di Aspin, hanno contribuito alla conferma del Suo mandato a Vice Presidente. “Ringrazio il Presidente Venditti ed i Colleghi del Consiglio di Amministrazione che hanno voluto confermare la mia Vice Presidenza. Dichiara Mario Mancini. Sono nuovamente onorato di essere parte attiva di questa Azienda Speciale che ritengo importante ed indispensabile per sostenere ed affermare sui mercati esteri le produzioni delle imprese di questa provincia ed in particolare, per l’Associazione che rappresento, delle imprese che compongono la filiera agroalimentare”.

La Destra a Quadrini I complimenti di Abbate

Tedeschi protesta contro i tagli ai fondi per i disabili

ISOLA DEL LIRI - Antonio Abbate, segretario provinciale de La Destra, augura buon lavoro a neo commissario della città di Isola del Liri, Antonello Quadrini.“Caro Antonello, formalizzo con la presente la tua nomina a Commissario della città di Isola del Liri, esprimendoti gratitudine per il contributo che saprai offrire al nostro partito. Ti giungano i rallegramenti ed i saluti di benvenuto da parte dell’intero organo esecutivo provinciale”.

FROSINONE –“In 1.500 abbiamo manifestato questa mattina a Piazza Montecitorio in difesa dei diritti delle persone disabili." Lo dichiara in una nota AnnamariaTedeschi, consigliere regionale dell'Idv. Ho fatto dono al Presidente del Consiglio Abbruzzese, in assenza del Presidente Polverini,di una maglietta che riporta la scritta “TREMONTI: debole con i forti, forte con i deboli”,ma Abbruzzese ed altri componenti della Giunta si sono dimostrati infastiditi dal gesto”.


provincia Multiservizi, monta la delusione dei dipendenti lasciati senza lavoro Dopo la stabilizzazione degli Lsu,gli 84 in cassa integrazione si domandano:“Per noi quale futuro?” FROSINONE – Non manca giorno che qualcuno di loro, non salga gli scalini della sed provinciale on non sosti nell’androne o, nel peggiore dei casi, nello spiazzale antistante a palazzo Gramsci per avere quella risposta che ormai attendono da mesi: sapere se hanno ancora un lavoro per il quale hanno partecipato ad un bando di concorso, hanno superato le prove e sono entrati in organico circa un anno fa. Sono gli 84 dipendenti della Multiservizi, attualmente in cassa integrazione e che attendono dalla Provincia, come promesso da Iannarilli di essere richiamati in servizio attraverso bandi specifici di manutenzione stradale. Ma ad oggi, nonostante le promesse non hanno aveuto nulla di concreto. Dopo aver visto che la provincia ha deciso la stabilizzazione del personale Lsu, hanno deciso di inviare una nota alla stampa in cui esprimono tutto il loro disagio: “Ancora una volta ad esprimere il coraggio per la difesa dei propri

diritti, per dire basta alle prese in giro, alle menzogne e al temporeggiare di chi siede nelle stanze dei bottoni e non ha considerazione per chi umilmente e rispettosamente resta in una composta e democratica attesa al di là della soglia, delle tanto decantate, tanto attese e mai arrivate risposte dovute agli 84 lavoratori della Multiservizi in cassa lavoratori della Multiservizi in cassa integrazione che sono abbastanza adulti da non credere più alla befana (anche se almeno quella i doni li portava!). Agli inizia di marzo risale la parola data dai vertici dell’amministrazione provinciale sul rientro nei posti di lavoro, ad oggi si prende ancora tempo e si rinvia di una quindicina di giorni ancora, ma non è necessario specificare che non sarà così neanche questa volta! Le ditte aggiudicatrici del bando di gara emesso dalla Provincia, dovranno come condizione necessaria all’aggiudicazione della stessa, esprimere il loro impegno ad assumere tali lavoratori,

senza lcun obbligo di fatto sottoscritto quindi! ...un altro sottile escamotage, uno specchietto per le allodole che avrà giusto il tempo utile a far propagare fra la gente la voce che l’amministrazione provinciale ha reintegrato le 84 unità Multiservizi...ma è doveroso che i soggetti stessi in questione ed il popolo sappiano che la favola chiamata assunzione durerà solo 9 mesi...giusto il tempo di un parto! Ci si chiede inoltre se tutti e 84 saranno reintegrati in base alla graduatoria che l’ente Provincia successivamente procederà a fare, dalla quale per logica si evince che non ci sarà possibilità per tutti gli 84 di accesso ed allora di quale rientro di lavoro si parla? Beh, cari signori, penso che un caso simile mai abbia ad essersi verificato in altre province d’Italia...84 unità assunte con regolare procedura di concorso pubblico bandito a settembre del 2008 ed a tempo indeterminato e ad oggi messi fuori senza nessuna ragione e senza che fosse mai

La vicenda FROSINONE – Nel settembre del 2008 la Provincia di Frosinone bandisce un avviso pubblico per 84 lavoratori da assumere nella società Multiservizi per

diverse figure professionali. La società, a capitale pubblico, avrà in gestione alcuni servizi propri dell’amministrazione provinciale. Tra marzo ed aprile 2009 vengono espletate le prove concorsuali, decretati i vinncitori e a giugno, poco prima delle elezioni per il rinnovo del consiglio provinciale, i lavoratori entrano in servizio. Passano le elezioni, cambia il governo di Palazzo Gramsci, e la nuova amministrazione si accorge di procedure non proprio regolari per la costituzione della società, con mancanza di capitale e anomalie nelle prove concorsuali. Viene bloccato tutto, da settembre i lavoratori sono in cassa integrazione. Ora si parla di riassumerli attraverso dei bandi per affidare a ditte esterne i lavori di manutenzione stradale.

stato contestato per giusta causa o giustificato motivo alcun procedimento. E ci si chiede, la società Multiservizi cosa ha fatto per tutelare i lavoratori? E i sindacati? Beh, un unico bavaglio per tutti, una sola risposta, anche questa della durata di un anno, scaduto il quale provvedimento di cassa integrazione adottato a sostegno degli 84 soggetti, i quali pagamenti non portano nemmeno regolarità di erogazione in quanto fermi al mese di marzo!!! Lavoratori illegittimi, secondo i piani alti, ma il concorso di fatto non è mai stato invalidato, servizi antieconomici, per i quali paradossalmente l’amministrazione provinciale governante spenderà adesso il triplo, affidandoli a ditte private con bandi formali e informali! Dal 2 novembre 2009 si è a casa, senza una soluzione di ricollocamento, come da impegni presi...con un mandato di pagamento INPS fermo a marzo pari a 300 euro mensili; sulle nostre

Le domande dei lavoratori FROSINONE – Sono veramente esasperati, esausti, moti non hanno nemmeno più la voglia di combattere per il loro diritto al lavoro. Non credono più a nessuna promessa: della politica, dei sindacati, di nessuno. Perché, se abbiamo vinto un regolare concorso pubblico, ora ci troviamo a casa, senza soldi e senza incarico? Perché dai sindacati non viene nessuna parolo di soccorso o interevento a nostro favore? Perché ancora non si sblocca l’iter per l’affidamento degli appalti alle ditte che ci devono riassorbire? Perché solo per nove mesi il lavoro, se mai arriverà? E poi? Tutte queste domande attendono una risposta, perché al di là dei pastrocchi realizzati dal-

La replica del presidente Iannarilli “Noi ce la stiamo mettendo tutta p e r r i s o l ve r e l e t a n t e s p i n e n e l settore personale ereditate dall’ammi n i s tr az i o n e S c a l i a . N o n s o l o la Multiservizi, ma l’Agenzia di Fo r m a z i o n e, g l i L s u , i l av o r a t o r i p a r t t i m e. Pe r o r a a b b i a m o r i s o l t o già una vertenza storica, quella dei

l av o r a t o r i s o c i a l m e n t e u t i l i , p o i abbiamo aumentato le ore a tutti coloro che non svolgevano il tempo p i e n o. S u l l a M u l t i s e r v i z i l a s i t u a zione è alquanto ingarbugliata. Pe r ò c ’ è l a p o s s i b i l i t à , a n z i è u n a c e rtezza, ch e i l avor ator i ver r an n o reimpiegati in quelle ditte che si

spalle nostre solo il peso di una politica malsana che nulla avrebbe a che fare con i posti i posti di lavoro, che si è concessa il lusso impropriamente di mettere in discussione professionalità, impegno, dignità e diritti, che non guarda in faccia nessuno, che non conosce i limiti e gli spazi di intervento che è fatat di abusi di potere e non di coscienze, che ha il volto dell’arroganza e dell’attivismo. Abbandonati da tutti, abbandonati a se stessi, abbandonati alla volontà di chi non vuole, a tutti i costi per prese di posizione infondate, risolvere il problema; eppure solo pochi mesi, la campagna elettorale portava ai vertici del programma lo slogan propandistico del lavoro! Non sono però riusciti a imabavagliare il coraggio, la forza di alzare la testa ogni giorno e di dire io pretndo il mio futuro! Non sarà mai smorzato il grado di rabbia. Quale potrà mai essere il motivo di così tanto ostinato accanimento accanimento nel decidere di cacciarli?

a g g i u d i c h e r a n n o l ’ a p p a l t o. L o a b b i a m o e s p r e s s a m e n t e p r ev i s t o n e l b a n d o. U n p u n t e g g i o m a g g i o r e a ch i si i mpegn a a u tilizzate il m agg i o r n u m e r o d i l avo r a t o r i d e l l a M u l t i s e r v i z i p o s s i b i l e ” . D u n q u e, i l p r e s i d e n t e è c h i a r o. Pe r i l avo r a tor i i l f utur o n on è p rop rio al bu io.

l’amministrazione provinciale di centrosinistra proprio in merito al settore personale, questi lavoratori hanno diritto a delle risposte.


cassinate Alzano la voce per imporre le loro regole ed i politici locali chiudono un occhio

I boss della movida notturna dettano le leggi ed imperano Musica a palla fino all’alba ed alcolici venduti anche ai minorenni CASSINO I boss della movida cassinate alzano il tiro. I criminali del divertimento cassinate si coalizzano per chiedere totale anarchia nelle notti estive della città, supportati nel loro delirante intento di annullare le leggi dello Stato, guarda caso dal solito quotidiano Ciociaria Oggi, che anzichè pensare che sta per chiudere i battenti, difende, e fomenta chi per primo dovrebbe rispettare la legge. Siamo oramai arrivati al capolinea: le intenzioni dei boss sono quelle di avere campo libero nelle strade, sui marciapiedi, nei condomini dei palazzi, di poter fare quello che vogliono. Musica a tutto volume, vendita di alcolici anche ai ragazzini che di notte girano ubriachi con le bottiglie in mano. Chiedono a gran voce l'assenza dello Stato, come fanno i narcos messicani e boliviani per poter operare ed agire senza nessuna regola. L'assessore alla sicurezza Michele Nardone, sta seriamente provando a mettere un freno ad uno stato di cose da terzo mondo, ma i boss attaccano, e il quotidiano del senatore con il bastone li fiancheggia prevedendo per il coraggioso vice

sindaco, sicura disfatta. La situazione intanto peggiora. Forti del sostegno che si danno l'uno con l'altro, e forti del sostegno dei loro parenti politici, continuano nella loro opera di disgregazione delle famiglie, di distruzione del riposo e della tranquillità, del diritto a poter camminare liberamente sui marciapiedi della città. Non si lasci ingannare il cittadino, ai boss dell'incolumità dei giovani che rimangono in città non gliene frega nulla, altrimenti non venderebbero alcolici anche ai dodicenni che nelle notti dei week end sciamano per Cassino ubriachi fradici per poi vomitare all'interno di qualche portone. Quella dei ragazzi che non rischiano la vita guidando la macchina è solo una favola, dato che la maggior parte dei frequentatori dei locali viene da fuori, dal casertano, isernino, anche cassinate, ma giovani di Cassino proprio, ce ne sono ben pochi. La realtà, nuda e cruda, è che i boss pensano solo al guadagno, pensano solo e soltanto a fare cassa: camerieri, ragazzi immagine, e altre figure chiamiamole professionali che dovrebbero preservare il

posto di lavoro, vengono ricompensati al nero e con pochi spiccioli. In altre parole: sfruttati. Questo dovrebbe scrivere Ciociaria, non le farneticazioni dei boss che non vogliono ingerenze dallo Stato, dalle forze dell'ordine,dalle Istituzioni. E la politica oramai deviata, assuefatta e complice li sostiene. I boss alzano la voce e la politica chiude un occhio anzi tutti e due, anche per non dispedere il patrimonio di famiglia. Le regole vanno rispettate e fatte rispettare, in gioco c'è la credibilità di Scittarelli, c'è la democrazia, il diritto dei bambini, degli anziani, dei malati a vivere dignitosamente e non a subire la legge del più forte, che di forte ha solo i decibel delle casse acustiche. Vada avanti l'assessore Nardone, e alle chiacchiere delle conferenze stampa, faccia seguire i fatti, concreti, tangibili. Restituisca al residente, quel senso di sicurezza, di essere considerato e difeso. Annulli Nardone, questo sciagurato progetto eversivo partorito dai boss, di annichilire una città intera, di tenere fuori lo Stato garante dai loro affari. Più o meno leciti.

I tifosi azzurri replicano Reddito minimo: quando alla “Gazzetta Cassino” l’erogazione degli assegni? Pubblichiamo di seguito una nota recapitata alla nostra redazione seguita alla diffusione di un articolo

Lo chiede il consigliere comunale del Pd, Tommaso Marrocco al presidente della Provincia, Antonello Iannarilli

CASSINO - In merito all’articolo pubblicato nei giorni scorsi dal nostro quotidiano circa il bailamme che sta interessando il futuro della squadra del Cassino calcio, abbiamo ricevuto una nota da un rappresentante della tifoseria azzurra che si è risentita di un passaggio ritenuto lesivo della loro dignità e presente nell’articolo di cui sopra. Per questa ragione, come la deontologia professionale ci impone, pubblichiamo di seguito la lettera recante la firma Corrado Delicato. “Spettabile Redazione - inizia la nota scrivo queste poche righe per rispondere all’articolo senza forma (quando si dice il coraggio del giornalista) pubblicato a pagina 7 del numero 106 del 06.07.2010. Premetto di essere un sostenitore del Cassino calcio e che sabato scorso ho partecipato, insieme ai miei amici di sempre, alla manifestazione indetta dalla tifoseria cassinate al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica, le istituzioni e la famiglia Murolo, verso la necessità di non far sparire il calcio professionistico dalla nostra Città. Premesso questo, mi preme evidenziare che nel sucitato articolo si legge: I tifosi. Quelli visti sabato scorso sono quattro gatti: un manipolo di ragazzini a cui vanno aggiunti una decina di perdigiorno appesantiti dal quotidiano fancazzismo. Orbene, appare chiaro sia il tono mistificatorio dell’inciso, sia la sua portata offensiva. Non si capisce, infatti, come il vostro (anonimo) reporter abbia potuto conoscere le nostre realtà personali, giudicarle e trarvi le

CASSINO - Tommaso Marrocco, capogruppo Partito Democratico al comune di Cassino, chiede conto all’Amministrazione provinciale della gestione del percorso conclusivo per l’attribuzione dell’assegno del reddito minimo garantito. “Il reddito minimo garantito non arriva ancora nelle tasche degli aventi diritto. Nonostante le rassicurazioni del Presidente della Provincia Iannarilli di un mese fa circa, che garantiva sulla conclusione del processo e sulla massima trasparenza e legittimità nell’assegnazione, nulla ancora è successo. L’Amministrazione provinciale – continua Marrocco – è stata sorda anche alle sollecitazioni polemiche di circa tre settimane fa dell’Assessore ai servizi sociali di Cassino proprio in merito all’argomento e pubblicate sui giornali locali. Sono trascorsi mesi ormai dall’approvazione delle graduatorie di merito, ma ancora non si riesce a dare attuazione a questo importantissimo strumento di sostegno ai cittadini della nostra provincia. Quasi quotidianamente ne incontro tanti che attendono in maniera molto dignitosa una risposta che però non arriva. La Regione Lazio a guida centrosinistra, per credere troppo nel decentramento amministrativo, ha rimesso nelle mani dell’ente intermedio provinciale le sorti del reddito minimo, con risultati a dir poco molto discutibili. Sono certo –

conclusioni (aberanti) sopra trascritte. Tralasciando il contenuto diffamatorio dell’articolo, che comunque faremo valutare nella sua rilevanza penale ai nostri avvocati di fiducia, per adesso ci limitiamo a chiedervi: il nome del giornalista autore dell’articolo chidendogli sin da o0ra un incontro chiarificatore; le scuse del Vs giornale sul prossimo numero. In attesa di riscontro porgo distinti saluti. Pertanto a questo punto permetteteci di fare alcune precisazioni. Tanto dovevamo, nel rispetto della deontologia professionale e della legge che regola l’attività giornalistica, nei confronti della tifoseria del Cassino calcio. Una cosa però vogliamo dirla: lungi da noi dal voler offendere chicchessia e dal volerci addentrare nel privato dei tifosi che, a dire il vero, non conosciamo ma il cui vissuto francamente non ci interessa, nessuno però potrà smenire il fatto che sabato scorso tra di loro, c’erano molte persone a cui del Cassino interessa poco o nulla, intervenute o trovatesi lì per caso e poi mischiate al gruppo solo per fare baldoria e cavalcare la protesta del momento. Per quello che riguarda, invece, il nome dell’articolista, non siamo tenuti a rivelarlo così come non siamo tenuti, neppure dinanzi ad un giudice, a rivelare le fonti delle notizie che pubblichiamo. Le stesse sono riservate e tali debbono rimanere. E’ quella stessa legge professionale che ce lo impone. Se poi, i tifosi riterranno di doversi rivolgere al magistrato, vedremo di quali reati possiamo essere incirminati.

Reno de’ Medici, incendio nella fabbrica VILLA SANTA LUCIA - Incendio presso la Cartiera Reno De Medici situata sulla via Casilina a Villa Santa Lucia. Ieri mattina, verso le 5, per cause ancora al vaglio degli inquirenti (anche se l’ipotesi più accreditata dovrebbe essere quella del corto circuito) la macchina continua, all’interno della quale viene formato il cartoncino, ha preso fuoco. A chiamare i Vigili del Fuoco di Cassino, intervenuti con diversi mezzi, sono stati gli operai . Per fortuna non ci sono stati feriti.

“A viso aperto” fucina di idee CASSINO -Si è tenuto ieri sera, presso il Bar del Corso, la conferenza stampa di presentazione del movimento “A Viso Aperto”. "Non siamo un’associazione. Noi siamo un laboratorio, un cantiere di idee, di sogni, di progetti da portare avanti, da realizzare - si legge nel comunicato del Movimento "A Viso Aperto".Visto il preoccupante stato in cui versa la nostra città, pensiamo che non sia più il tempo di aspettare”.

conclude il capogruppo PD – che, se tutto il procedimento fosse stato gestito dall’amministrazione regionale, a quest’ora non saremmo qui ad affrontare una questione così importante dagli esiti ancora sconosciuti. Spero che il mio intervento serva a stimolare una risposta dai contenuti positivi ai tanti che attendono l’effettività di un loro diritto, verso i quali rinnovo la mia solidarietà e la mia disponibilità”. Quello del reddito minimo, così come sottolineato dal consigliere Marrocco che se ne è fatto portavoce, è un problema molto sentito dalla cittadinanza, soprattutto in un momento di crisi come quello che stiamo attraversando, con nuclei familiari che a stento riescono a vivere alla giornata per la perdita dei posti di lavoro. D’altra parte l’elevato numero di domande presentato ai tempi della pubblicazione del bando, la dice lunga sulle reali esigenze di una popolazione che spera, proprio da questi aiuti, di poter perlomeno comprare il necessario per vivere. A questo punto, tenuto conto della delicatezza della questione e della necessità di questi assegni, l’Amministrazione provinciale ed il suo presidente Antonello Iannarilli, dovrebbero attivarsi in tempi brevi e d avviare l’iter per i pagamentoi, dal momento che sono già passati oltre sei mesi dalla pubblicazione delle graduatorie.

7 ANNO I - N° 109 veNerdì 09 luglIO 2010


Revisori dei conti: “Via dalle partecipate”

Bandi europei: quando le domande?

FROSINONE- Un invito che suona quasi come un ultimatum: il Comune di Frosinone deve immediatamente abbandonare le società partecipate. Lo hanno detto i revisori dei conti al sindaco Marini dopo l’analisi del bilancio. In modo particolare l’invito riguarda la Multiservizi che, per il Comune, prevede una spesa di 4.2 milioni di euro. Ma il rpimo cittadino frena. PAG.11

FROSINONE -A che punto sono le domande per poter accedere ai fondi messi a a disposizione dall’Unione europea per gli Enti locali. Lo chiede in un’interrogazione scritta al primo cittadino di Frosinone, Michele Marini, il consigliere di minoranza esponente del Pdl, Danilo Magliocchetti. Si tratta, secondo Magliocchetti, di un’opportunità che il Comune non può farsi sfuggire. PAG. 10

ANNO I - N° 109 vENERdì 09 LUGLIO 2010 dISTRIbUzIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO ALLAPOLIZIAPROVINCIALE

Per aver riportato nei loro habitat naturali, animali selvatici che prima vivenano nelle oasi protette della nostra provincia. Una grande sesnibilità dimostrata dal comandante Belli e dagli agenti che hanno lavorato in tutto questo tempo per il recupero di questi animali, molti dei quali rappresentanto anche specie molto rare. E’ la prima volta, infatti, in trenta anni di attività della polizia provinciale, che accade una circostanza simile. Gli animali, “prelevati” dai loro ambienti d’origine, erano stati portati presso un centro di recupero veterinario della provincia di Latina per essere curati, dopodiché è nata la decisione di riportarli a “casa loro”.

IL TAPIRO DEL GIORNO A IANNARILLI

Per non aver mantenuto quanto promesso in merito alla pubblicazione definitiva delle graduatorie recanti i nomi degli aventi diritto agli assegni per il reddito minimo. Più volte sollecitato da amministratori provinciali e comunali, ultimo in ordine di tempo il cosnigliere di minoranza del pd presso il Comune di Cassino, Tommaso Marrocco, Antonello Iannarilli sembra voler prendere tempo su una questione che è molto delicata e che, per centinaia di nuclei familiari senza neppure un reddito mensile fisso, appare davvero vitale. Per questa ragione, il presidente dell’Amministrazione provinciale, che già qualche mese fa aveva annunciato il completamento delle graduatorie, dovrà fare in modo di accelerare l’iter burocratico anche perché con la burocrazia “nun se magna”.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


Frosinone Interrogazione di Magliocchetti al sindaco Marini per chiedere lo stato delle domande

Bandi europei, questi “sconosciuti” FROSINONE - Danilo Magliocchetti, Consig l i e r e C o m u n a l e d e l P d L d i Fr o s i n o n e, h a r i volto una interrogazione urgente a risposta s c r i t t a a l S i n d a c o d e l C o m u n e d i Fr o s i n o n e Michele Marini e all'assessore al Bilancio e a l l a P r o g r a m m a z i o n e E c o n o m i c a , l a D r. s s a S t e f a n i a M a r t i n i , ave n t e a d o g g e t t o l a p a r t e c i p a z i o n e d e l C o m u n e d i Fr o s i n o n e a i B a n d i E u ropei. "Il sottoscritto Consigliere Comunale - si legge nell’interrogazione consiliare premesso che la situazione finanziaria dell’Amm i n i s t r a z i o n e C o m u n a l e d i Fr o s i n o n e è o r m a i da tempo particolarmente preoccupante; la c i r c o s t a n z a è s t a t a c o n f e r m a t a a n c h e d a i R ev i sori dei Conti dell’Ente nella relazione al bilancio 2010; i Revisori certificano che la p r ev i s i o n e d i s p e s a p e r i nve s t i m e n t i r i p o r t a t a n e l d o c u m e n t o d i bi l a n c i o 2 0 1 0 , s a r à p o s s i b i l e a condizione che siano concretamente reperiti i correlativi finanziamenti; Considerato che; i b a n d i e u r o p e i c o s t i t u i s c o n o a l l o s t a t o, p e r l e Amministrazioni Locali, una delle poche fonti di finanziamento certe e solvibili; i bandi Eu-

ropei offrono la possibilità di reperire risorse economiche in tutti i settori della vita ammin i s t r a t i va e d i n p a r t i c o l a r e p e r q u a n t o a t t i e n e le tematiche ambientali, politiche per i gio-

Donate le poltrone al reparto di Pediatria FROSINONE - Al reparto di pediatria dell’ospedale Umberto I di Frosinone la beneficenza “piccola ma utile” si è concretizzata ieri mattina. L’associazione “Società del cinema Nino Manfredi”, infatti, a seguito della raccolta fondi derivata dalla vendita del calen-

dario di beneficenza distribuito all’inizio del corrente anno e delle magliette celebrative del festival Cinema e Ciociaria 2009, ha provveduto all’acquisto di poltrone da destinare al reparto di pediatria dell’ospedale di Frosinone Umberto I, le quali permetteranno ai

va n i , p e r l a r i c e r c a , l ’ o c c u p a z i o n e, p e r i l t u r i smo; Ritenuto che: Il Comune Capoluogo mostra particolari problemi proprio nel settore d e l l ’ a m b i e n t e, d e l l o s v i l u p p o s o s t e n i b i l e, d e l l e politiche dei giovani e per l’occupazione in gen e r a l e ; R i t e n u t o a l t r e s ì c h e : - L’ a m m i n i s t r a zione Comunale nel bilancio di previsione 2010 ha individuato per assunzione di mutui e prestiti ben Euro 19.447.552,09 le cui concrete possibilità di rimborso sono tutte da verificare. Tu t t o c i ò p r e m e s s o, c o n s i d e r a t o e r i t e n u t o i n t e r r o g a i l S i n d a c o d i Fr o s i n o n e D r. M i c h e l e M a r i n i , n o n c h é l ’ A s s e s s o r e a l B i l a n c i o D r. s s a Stefania Martini per sapere: - A quanti e quali Bandi Europei ha partecipato l’amministraz i o n e C o m u n a l e d i Fr o s i n o n e n e l c o r s o d e l 2009; - Quali progetti ed in quali settori hanno av u t o u n e s i t o p o s i t i vo c o n u n c o n c r e t o f i n a n z i a m e n t o e u r o p e o. ; - L’ a m m o n t a r e t o t a l e d e i finanziamenti europei percepiti dal Comune di Fr o s i n o n e n e l c o r s o d e l 2 0 0 9 ” . I n f i n e M a g l i o c chetti chiede anche < quali bandi europei ha partecipato o sta partecipando l’Amministrazione per il primo semestre 2010.

genitori dei piccoli degenti di riposare vicino ai loro bambini. Il Presidente Gianluca Volpari e il direttivo dell'Associazione Società del cinema "Nino Manfredi” le hanno consegnate ufficialmente ieri mattina alle ore 11. Installate nelle stanze del reparto, le dieci poltrone, colorate e reclinabili, sono state già apprezzate dai genitori dei piccoli degenti che si trovano ricoverati in questi giorni nei letti del reparto. Sorrisi sui volti dei genitori, ma anche degli addetti ai lavori: “Abbiamo lavorato un anno in silenzio – ha commentato il primario dott. Luigi Di Ruzza – ma adesso il risultato, concreto e tangibile, è qui. E sarà utilissimo alle mamme e ai genitori dei ra-

gazzini ricoverati”. Il progetto, nato da un’idea di Gianluca Volpari e del consigliere comunale di Frosinone Fabio Tagliaferri, si è concretizzato dopo aver lavorato i primi mesi dell’anno sul calendario e dopo aver raccolto i fondi necessari grazie agli sponsor che hanno collaborato all’iniziativa e ai singoli donatori rimasti anonimi che hanno acquistato il calendario. “E’ una soddisfazione essere di aiuto ma soprattutto portare a termine gli impegni che si sono presi” hanno commentato all’unisono i due. “E per il prossimo anno – ha ribadito il presidente Gianluca Volpari – stiamo già pensando ad un’altra iniziativa”.


Frosinone In modo particolare si sollecita il primo cittadino Marini ad uscire dalla Multiservizi poiché la stessa grava sui bilanci comunali per una cifra pari a 4.2 milioni di euro

Ultimatum dei revisori dei conti “Abbandonare le partecipate” Attualmente sono sedici in tutto le società che vedono la partecipazione del Comune Ma il sindaco frena: “Si tratta di una decisione che è solo di natura politica” FROSINONE – I Revisori dei Conti fanno un ulteriore pressante invito all’Amministrazione Comunale di Frosinone perché esca dalle società partecipate. Sono sei, attualmente, le società in cui partecipa il Comune: Sif (Società interportuale di Frosinone, di cui il Comune detiene il 10,31% del capitale sociale), Adf (ha il 5,8% della spa dell’Aeroporto), Multiservizi (20%), Asi (14,1%), Ciociaria Sviluppo (dell’agenzia per la promozione del tessuto produttivo provinciale detiene il 10%) e Saf (Società Ambiente Frosinone, di cui possiede l’1,1%). E’ soprattutto la Multiservizi la società che pesa sulle casse comunale con un costo annuale di 4,2 milioni di euro. “E’ una decisione di natura politica – risponde il sindaco Michele Marini - e va eventualmente adottata dall’intero consiglio comunale, non posso essere il solo a decidere. Per Adf il Comune crede fortemente nel progetto aeroporto che potrebbe costituire un forte volano per lo sviluppo del

territorio. Sull’Interporto il presidente ci ha assicurato che stanno ripartendo i lavori per il primo lotto funzionale. Se poi i soci sono convinti che questo progetto così come prospettato qualche anno fa non sia più attuabile oppure non serva più allora potremo prendere in seria considerazione l’ipotesi di abbandonare”. Per quanto riguarda la Multiservizi: “E’ una questione che tocca anche il sociale perché riguarda 150 persone che, senza il sostegno del comune, perderebbero il posto di lavoro e comunque fino al 2011 è un’ipotesi non percorribile per gli impegni già adottati”. Dunque una situazione da risolvere entro breve tempo se non si vogliono evitare grossi guai finanziari per il Comune che, a questo punto, rischia davvero grosso. Sollecitazioni, in tal senso, giungono anche dalle opposizioni (vedi articolo a pag. 10), le quali sollecitano Marini almeno a presentare domanda per ottenere i fondi europei.

Aspin, Mario Mancini confermato dal nuovo Cda alla vicepresidenza FROSINONE - Si è riunito nei giorni scorsi il rinnovato Consiglio di Amministrazione dell’Azienda Speciale della Camera di Commercio di Frosinone ASPIN che, nel corso della prima riunione, ha confermato, su indicazione del Presidente, Stefano Venditti-, la carica di Vice Presidente a Mario Mancini, già Presidente della Cia di Frosinone, Confederazione Italiana Agricoltori. L’attenzione e l’impegno che Mancini ha profuso nel

corso degli ultimi tre anni verso le attività di promozione internazionale dell’economia provinciale ed in particolare verso il settore agroalimentare, partecipando attivamente alle azioni strategiche di Aspin, hanno contribuito alla conferma del suo mandato a Vice Presidente. “Ringrazio il Presidente Venditti ed i Colleghi del Consiglio di Amministrazione che hanno voluto confermare la mia Vice Presidenza - ha dichiarato Mario Mancini dopo la riconferma alla carica di vicepresidente. Sono nuovamente onorato di essere parte attiva di questa Azienda Speciale che ritengo importante ed

indispensabile per sostenere ed affermare sui mercati esteri le produzioni delle imprese di questa provincia ed in particolare, per l’Associazione che rappresento, delle imprese che compongono la filiera agroalimentare”. Questa la composizione del rinnovato Consiglio di Amministrazione che guiderà Aspin nel nuovo mandato: Stefano Venditti Presidente Mario Mancini Vice Presidente Pierluigi Caterino Consigliere Alfredo Collalti Consigliere Flavia D'Auria Consigliere Tommaso De Santis Consigliere Giovanni Proia Consigliere. Va detto che negli ultimi anni l’Aspin sta portando avanti un programma mirato alla diffusione e alla commercializzaizone dei prodotti ciociari all’estero, attraverso anche il riconoscimento di marchi che sono sinonimo di garanzia e di affidabilità.

Animali selvatici liberati nei loro habitat naturali

FROSINONE - Sono stati liberati dalla Polizia Provinciale alcuni animali selvatici di ritorno dal centro di assistenza veterinario di Fogliano , in provincia di Latina dove erano stati

portati perché trovati feriti. E’ la prima volta che ciò accade dopo oltre trenta anni di questa attività. Gli animali selvatici provenienti dalla provincia di Frosinone, infatti, una volta portati fuori provincia non sono mai tornati nel loro habitat originario. Presso il lago di Canterno è stata liberata una nitticora, un trampoliere piuttosto raro. Nei boschi sopra Trisulti un capriolo, un falco pellegrino e anche un riccio. “Valorizzare il nostro territorio – ha detto l’assessore provinciale Giovanni Melone - e mettere a frutto tutte le nostre potenzialità è lo sforzo che la Provincia

di Frosinone sta compiendo in ogni settore. Salvaguardare e valorizzare il nostro ambiente è, ovviamente, la prima cosa. Per questo ci siamo stupiti quando abbiamo saputo che gli animali provenienti dalla provincia di Frosinone non sono mai stati reintrodotti, una volta curati, nel nostro territorio e, accogliendo le richieste anche di alcuni esponenti della Polizia provinciale che si sono battuti per questo risultato e mai, in anni e anni, fino ad ora avevano ottenuto ascolto, abbiamo iniziato questa attività di reintegro della nostra fauna selvatica. Si tratta, tra l’altro, di momenti veramente suggestivi”. “Abbiamo scelto due luoghi adatti alla sopravvivenza di questi animali – ha dichiarato il comandante della Polizia Provinciale, Massimo Belli – e li abbiamo liberati nei punti meno raggiungibili dalla gente. Nel caso del ca-

Max Gazzé in concerto martedì 13 luglio

Seminario a Fiuggi su politica e territorio

FROSINONE - Si svolgerà martedi 13 luglio l’attesissimo concerto di Max Gazzè a Frosinone. L’evento, che avrebbe dovuto svolgersi durante i festeggiamenti in onore dei Patroni del capoluogo ciociaro, il 20 giugno scorso, è saltato a causa del maltempo ma l’Amministrazione Comunale aveva promesso che si sarebbe tenuto a metà luglio. E così sarà (tempo permettendo).

FIUGGI - Il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, prenderà parte, sabato10 luglio, alle 10.30, al seminario dal titolo “Rimettere a fuoco mete e percorsi”, promosso da Praxis – Scuola di politica e territorio, in collaborazione con l’Associazione TrecentoSessantagradi. La manifestazione si terrà presso il Park Hotel Atlantic di Fiuggi.

priolo è stato scelto un punto dove sono stati avvistati altri esemplari della sua specie. Questa volta il rilascio è stato effettuato nel nord della Ciociaria, per il prossimo opteremo per località adatte collocate nella zona sud della provincia. Intendo ringraziare tutti coloro che si sono adoperati affinché questa operazione, che ai più potrebbe sembrare semplice e addirittura automatica, si verificasse. Insieme con i miei colleghi della Polizia Provinciale ringrazio anche l’Ispettore capo Roberto Mayer del Centro tutela fauna selvatica di Fogliano e i colleghi del Corpo Forestale”. Con l’assessore provinciale Melone e il Comandante della polizia provinciale Belli c’erano l’ispettore superiore Mario Rinna, l’Ispettore capo Gianluca Gatto, l’ispettrice capo Paola Cacciarella, il Vs Marcello Greco e l’As Gianfranco Rinna.

11 ANNO I - N° 109 veNerdì 09 luglIO 2010


Meteo

OrArI TreNI

CASSINO

MATTINA

CASSINO ROMA

POMERIGGIO SERA NOTTE SORA

FROSINONE

MATTINA

MATTINA

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

La ricetta Ravioli alle uova Preparate un impasto mescolando la farina con due uova ed un po’ d’acqua; aggiungete l'acqua un poco alla volta, fino ad ottenere un impasto elastico e ben compatto. Una volta terminato lasciate riposare per circa 30 minuti, coprendo la pasta con un panno per garantire una certa temperatura e favorire la lievitazione. Rassodate le 4 uova rimanenti, sgusciatele e tagliatele a fette. Sbucciate i pomodori, togliete i semi e tagliuzzateli; fateli saltare in padella con i porri affettati, un po' d'olio e sale. Stendete la pasta aiutandovi con un mattarello e tagliatela a quadrati di circa 6-7 centimetri di lato. Farcite la meta dei quadrati di pasta con una fettina di uovo sodo, prezzemolo tritato e sale. Richiudete con un'altro quadrato di pasta e sigillate i bordi aiutandovi con una forchetta. Fate cuocere infine i ravioli preparati in acqua salata, scolateli e ser vite con burro fuso e il sughetto di porri e pomodori. Accorgimenti: I ravioli sono cotti appena riaffiorano a galla. Scolateli aiutandovi con una schiumarola affinché non si rompano. Idee e varianti: La farcitura dei ravioli può anche essere preparata con ricotta e gamberetti lessati. Molto buoni anche i ravioli ripieni con uova sode, ricotta e olive nere tritate.

Tempi preparazione: ---> 40 min Cottura: ------> 50 min Difficoltà: ----> media N.persone: ----------> 4

Ingredienti: Farina (400 g); Uova (6); Pomodori (6); Porri (2); Prezzemolo (q.b.); Pepe (q.b.); Sale (q.b.).

Numeri utili EMERGENZA 112 113 115 118 1515 800116

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE SANITA’

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

OrArI MeSSe

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

ABBAZIA DI MONTECASSINO ORE 9.00 10.30 12.00

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE 8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE 7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE 9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE 7.30 11.00 19.00

AUTObUS CASSINO - FROSINONE 6.30 7.00 8.15 11.25 14.10 CASSINO - SORA 6.15 8.30 14.10 16.20 17.05 19.01 22.15 CASSINO - GAETA 4.56 6.00 7.01 8.00 8.21 9.16 11.16 12.41 13.10 14.15 15.31 16.31 17.46 19.36 CASSINO - ROMA 6.00 8.30

SAN BARTOLOMEO

APPUNTAMENTI Cassino

ORE 8.30 11.00 18.00

18/23/24 luglio

Ad allietare le calde serate estive, tornano anche quest’anno a Cassino, nel magnifico Teatro Romano, tre importanti appuntamenti con il divertimento e la cultura inseriti nella variegata rassegna di CASSINO ARTE 2010. La rinnovata scelta di spettacoli d’indiscutibile qualità consolida il progetto di sensibilizzazione sul territorio avviato nella scorsa edizione che tende unicamente ad aumentare la visibilità della Rassegna valorizzandola. Selezionati per offrire alla cittadinanza un momento di svago ma anche di piacevole intrattenimento, gli spettacoli teatrali curati da Mara Fux, abbracciando dalla commedia moderna, al recital, alla drammaturgia contemporanea, confermano l’intento di valorizzazione e promozione di un sito classico attraverso l’allestimento di eventi culturali che soddisfino il gusto di quanti più spettatori possibili. Ancora una volta qualità, originalità e cultura vengono evidenziate nella scelta di una rosa di spettacoli attualmente in circuitazione, presenti in importanti festival e persino meritevoli di attenzione internazionale. A conferma dell’intento di permettere a quante più persone di assistere alle rappresentazioni l’organizzazione ha aggiunto al promesso ribasso dei biglietti d’ingresso fissato per tutti gli spettacoli a € 15,00, uno speciale biglietto a € 9,00 per gli studenti, per gli iscritti alle associazioni culturali teatrali e musicali nonché per gli iscritti al CUT il Centro Universitario Teatrale che sotto la direzione artistica di Giorgio Mennoia da anni opera a favore della promozione dell’attività teatrale. Novità assoluta introdotta per la prima volta nella rassegna è invece il connubio con la Iperclub Vacanze che al termine di ciascuno spettacolo con una semplice estrazione tra i presenti, trasformerà il biglietto d’ingresso in un Buono di Soggiorno Vacanza, da utilizzare con la propria famiglia o con amici.

SAN BASILIO (CAIRA)

ORE 10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.)

ORE 8.30 11.00

TUrNI FArMACIe SABATO 03 LUGLIO

RICCIUTI

DOMENICA 04 LUGLIO

EUROPA

LUNEDI’ 05 LUGLIO

S.ANNA

MARTEDI’ 06 LUGLIO

EUROPA

MERCOLEDI’ 07 LUGLIO

RICCIUTI

GIOVEDI’ 08 LUGLIO

PRIGIOTTI

VENERDI’ 09 LUGLIO

RICCIUTI

Stasera in tv su Rai Uno (ore 21:20)

IL MISTERO DEI TEMPLARI

(avventura - 2004)

Un avventuriero alla ricerca di un favoloso tesoro. Benjamin Franklin Gates è l'ultimo discendente di una famiglia da sei generazioni è impegnata nella ricerca del tesoro dei Templari, bottino di guerra dei padri fondatori degli Stati Uniti. Benjamin venuto a sapere che la mappa è celata sul retro della Dichiarazione d'Indipendenza, deve fare i conti con chi vorrebbe impadronirsi del prezioso documento. Mette quindi a punto un piano al quale collaborano Riley, mago della tecnologia e Abigail, direttrice degli archivi nazionali di Washington. Il ritmo è incalzante, i personaggi sono pure funzioni narrative (Justin Bartha è una buona spalla), il montaggio non annoia, la musica è da emicrania.

A D N AGE o n i s s Ca

13 ANNO I - N° 109 veNerdì 09 LUGLIO 2010


sport BASKET LEgAduE

La Prima ufficializza l’acquisto di Davis Brkic, protagonista ad Udine con coach Cavina

Veroli, il primo grande colpo L’ala ex Bologna e Caserta: “In Ciociaria per provare il salto nella massima serie” VEROLI - E’ arrivato il primo grande colpo di mercato della Prima Veroli. La società del presidente Zeppieri ha comunicato che ha sottoscritto un contratto biennale per le prestazioni sportive dell’atleta David Brkic. Nato a Cesena il 19 luglio 1982, 210 cm d’altezza, Brkic è cresciuto cestisticamente nelle giovanili della Virtus Bologna dove è

A sx David Brkic

rimasto dal 1998 al 2003, con una piccola parentesi nelle file della formazione austriaca dell'Arkadia Traiskirchen nella stagione 2001-02. Nel 2003-04 approda in Legadue al Carisbo Castelmaggiore. A Castelmaggiore Brkic ha davanti giocatori del calibro di Samuele Podestà e Cristiano Zanus Fortes. Chiude la stagione però con 4,4 punti, 1,8 rimbalzi in quasi 11 minuti di utilizzo. Nella stagione successiva approda a Rimini che a dicembre lo gira alla Carife Ferrara, dove resta fino alla fine della stagione. Chiude la regular season con 29 minuti di utilizzo, 7,3 punti e 5 rimbalzi di media per partita. A Ferrara dimostra anche tutta la sua duttilità che lo permette di giocare indifferentemente sia da ala che da centro. Nell'estate 2005 Brkic viene ingaggiato dall'Andrea Costa Imola. Ad Imola in 32 minuti di utilizzo medio a gara, il lungo romagnolo registra cifre di tutto rispetto:

12,5 punti e 5,9 rimbalzi di media tirando con un il 44,9% da tre. Nella stagione seguente arriva a Fabriano, sponda Indesit, dove chiude la stagione sulla scia di quella precedente. Nell’estate del 2007 ancora un trasferimento, con la firma per l’Edimes Pavia. A metà stagione Brkic decide di trasferirsi alla Pepsi Caserta per provare a vincere il campionato. Qui parte dietro Gatto e Frosini ma chiude comunque la stagione con 8,8 punti di media, col 44,6% da tre e 4,9 rimbalzi di media, conquistando la promozione nel massimo campionato. Con la Juve Caserta l’anno seguente disputa il massimo campionato. Chiuso il rapporto con Caserta, Brkic decide di scendere nuovamente in Legadue accasandosi a Udine dove ritrova in panchina coach Demis Cavina. Una stagione d’assoluto protagonista con la maglia della Snaidero chiudendo la regular season con

Brkic in azzurro 14.7 punti a partita e 7.5 rimbalzi, risultando decisivo nella conquista dei playoff da parte della Snaidero risultando il miglior italiano della LegaDue. «Sono contento della mia scelta – commenta a verolibasket.it l’ex-Udine che poi prosegue - vengo da una stagione molto buona per me. Torno volentieri a lavorare con Cavina, il mio obiettivo per questa sta-

gione era trovare una squadra LegaA per giocar tanto o una Legadue di vertice, insomma una squadra per vincere. Appena ho saputo che Cavina sarebbe venuto a Veroli non ho avuto problemi ad accettare questa nuova soluzione, tra l’altro ritrovo anche Ferencz Bartocci con cui ho condiviso l’esperienza di Fabriano. Veroli sono due anni che fa campionati di vertice, credevo che quest’anno potesse arrivare fino in fondo, che potesse vincere il campionato. Arrivo a Veroli per far bene, in due anni spero di riuscire a fare il salto. Sono due anni che Veroli sfiora la promozione e non vedo perché non possiamo riprovarci. In due anni credo possa essere un obiettivo fattibile.» David Brkic sarà a Veroli lunedì 12 Luglio per sostenere le visite mediche agli ordini del Dottor Berardi e del Professor Cortina e successivamente nella stessa giornata verrà presentato a stampa e tifosi verolani.

VOLLEY SERIE A2

Globo Sora, altro arrivo firmato dal ds Vitullo Alla corte di Gatto il martello Paolo De Rosas: “Per me è un salto doppio, sono pronto alla sfida” SORA - Il Ds Alberico Vitullo presenta alla corte di coach Gatto un altro schiacciatore: Paolo De Rosas. Il neo martello sorano è nato a Olbia il 14 settembre 1986 dove è anche cresciuto pallavolisticamente. Dopo le giovanili, sempre nella sua città natale ha militato per quattro stagioni consecutive in serie B1 (dal 2003 al 2007). Paolo De Rosas non crede nel destino, ma nella piccola intervista che ci ha rilasciato sono emerse tante coincidenze e di quelle che contano, e riportano tutte all’estate 2007. “Prima che andassi a giocare a Marcianise ho avuto dei contatti con Sora, nell’estate 2007, quindi già diversi anni fa la Globo aveva pensato a me e io a lei. L’accordo stretto in questi giorni era già propiziato, o forse no, perché io non credo nel destino, è semplicemente una storia che parte da lontano. Fa piacere comunque che a distanza di tempo Sora si sia ricordata di me. Come non farà di certo fatica a farlo Michele Gatto con il quale, sempre nell’estate 2007, mi sono allenato per due intensissimi mesi a beach volley, seguito anche atleticamente dal preparatore Mau-

14 ANNO I - N° 109 VENERdì 09 LugLIO 2010

rizio Crispino”. Nella stagione sportiva seguente, quella del 2007/08, Paolo è entrato a far parte della rosa del Marcianise, disputando il campionato di B2 nello stesso girone della Globo Pallavolo Sora, quello G. Il club volsco arrivò primo in classifica e quindi salì di diritto in serie B1, seguito a ruota dall’Italgrafica Marcianise che conquistò il salto di categoria ai play-off. L’anno seguente De Rosas venne riconfermato e ancora una volta si ritrovò dall’altra parte della rete la Globo essendo inserite entrambe le Società nel girone C della B1. “Con Sora c’è sempre stato un bel rapporto sia per quanto riguarda il campo, nei due anni consecutivi in cui ci siamo affrontati, che al di fuori. C’è un episodio che mi è rimasto impresso e ricordo con piacere: l’inverno scorso sono andato a vedere al Pala Tiziano il ritorno del derby M.RomaSora e sugli spalti ho salutato il patron Gino Giannetti e il presidente Enrico Vicini. Mi hanno riconosciuto e mi ha gratificato molto sentirmi chiamare per nome”. La scorsa stagione lo schiacciatore sardo ha cambiato società stuzzicato dal progetto

ambizioso dell’Ostia Volley Club e visti i risultati ha fatto benissimo: vittoria netta del campionato di serie B2 con accesso diretto nella categoria superiore grazie a ben 26 vittorie consecutive su altrettante gare disputate nella regular season di cui solo 4 al tie break. “É stata una scommessa fin dall’inizio entrare a far parte di questa squadra formata prevalentemente da atleti scesi dalla serie A2 per scelte personali. Una stagione straordinaria dal punto di vista dei risultati: non abbiamo mai perso neanche in amichevole e probabilmente un’annata così sarà difficile che si ripeta. Ci sono stati solo 4 tie-break, sicuramente anche per merito degli avversari che hanno messo in campo delle belle situazioni tattiche, ma noi comunque ne siamo usciti sempre vincitori. Sono stato molto soddisfatto della mia scelta di fare un campionato di un gradino più basso, in B2 piuttosto che in B1, perché mi ha permesso di lavorare bene tecnicamente sia con l’allenatore che con un altro giocatore, Spanakis che è stato per me un maestro. Alessandro mi ha fatto crescere tecnicamente facendomi migliorare l’attacco

Lo schiacciatore Paolo De Rosas in tutte le sue parti, la rincorsa, il movimento del braccio, ma anche la ricezione e la difesa con tutti gli spostamenti in campo compresa la posizione del corpo rispetto alla palla”. Ora per De Rosas arriverà la sua prima esperienza nella serie cadetta che lui immagina positivamente “perché la squadra titolare è di altissimo livello. Ma tutta la rosa allestita da Alberico Vitullo è competitiva al massimo, quindi anche chi sarà in panchina con me e dovesse essere chiamato in causa, potrà dire la sua tranquillamente”.

Piacenza: De Falco nuovo direttore sportivo

Atalanta, in attacco arriva Ardemagni

Il Piacenza Calcio comunica - attraverso una nota sul proprio sito ufficiale - di aver definito in serata a Milano l'accordo con il Dirigente Sportivo Franco De Falco. La conferenza stampa di presentazione viene rinviata considerando lo sciopero dei giornalisti indetto per la giornata di oggi: il nuovo ds già al lavoro per il Piacenza che verrà.

L'attaccante del Cittadella Matteo Ardemagni è da oggi un giocatore dell'Atalanta. E' stato trovato un accordo con il giocatore e la società e domani sarà a Bergamo per le visite mediche e sarà presentato alla stampa sabato mattina a Zingonia dalle 11. Al Cittadella - riporta TuttoAtalanta.com - vanno i giovani Manolo Gabbiadini e Daniele Gasparetto in prestito con diritto di riscatto.


sport CALCIO LEGA PRO

Finisce nel modo peggiore il calcio professionistico: Murolo non iscriverà la squadra

Cassino, oggi l’addio alla Lega Pro Il sindaco Scittarelli chiama Zarelli per trovare un posto vacante in Eccellenza CASSINO - La conferma definitiva arriverà stasera alle 19 quando avremo la certezza che la società azzurra non avrà depositato la fideiussione bancaria necessaria al completamento dell’iscrizione al prossimo campionato di Seconda Divisione. Ma affermare che le speranze del Cassino siano ridotte al lumicino equivale ad essere fin troppo ottimisti: dopo quattro tornei consecutivi disputati nella vecchia

Scittarelli pensa all’Eccellenza

serie C, i tifosi azzurri si preparano a vedere la propria squadra del cuore sparire da ogni torneo professionistico. La morte calcistica giungerà proprio per mano di quel Clodomiro Murolo che aveva paventato progetti a lunga scadenza con l’ambizione di puntare alla scalata verso la Prima Divisione. E magari anche oltre(sic!). Invece, per quanto lo si voglia nascondere, la giornata odierna sancirà il fallimento di una società a gestione familiare, il cui principale protagonista venne acclamato come un Re nel giorno della sua investitura a presidente e che invece ha condotto il Cassino calcio verso un baratro dentro il quale precipiterà proprio quest’oggi. Risulta davvero improbabile che entro stasera Murolo si decida a completare l’iscrizione: non lo ha fatto finora, sperando in un aiuto economico da parte di politici ed imprenditori che non è arrivato. Dalle ultime indiscrezioni raccolte, non lo farà neanche oggi, pur avendo la possibilità di espletare tutti gli adempimenti, stretto nella morsa della famiglia

che ha tirato i cordoni della borsa dicendo basta allo sperpero di denaro verso una realtà che sembrava ormai consolidata ma che non interessa a nessuno, nemmeno a lui, tranne pochi intimi fedelissimi(ovviamente). Clodomiro Murolo distruggerà così il sogno di un’intera città che era tornata a competere tra i professionisti a distanza di ventisei lunghissimi anni, grazie agli immani sacrifici di un presidente come Ciro Corcione che anche in una situazione di difficoltà finanziaria estrema aveva comunque garantito l’iscrizione prima di cedere il passo(anche all’attuale patron). Si, proprio quello che verrà ricordato come il più grande venditore di fumo della storia azzurra, colui il quale ha illuso i tifosi, rinsaviti a seguito dei fallimenti tecnici che hanno preceduto quello definitivo che stasera porterà alla morte del calcio professionistico nella città di Cassino. Mentre la squadra di calcio scompare avvolta da un silenzio assordante, e mentre Murolo si appresta a provare la giusta(e

NOCERA - Sono giorni di incontri e confronti continui tra il presidente Giovanni Citarella, il consulente di mercato Ivano Pastore ed il tecnico Gaetano Auteri; si valutano i pro ed i contro delle varie scelte da compiere, compresa quella legata agli under ed all’eventuale accesso ai contributi garantiti dalla Lega Pro per il loro impiego. Una scelta che economicamente potrebbe pesare molto sulla stagione della Nocerina ma che anche dal punto di vista tecnico avrà un impatto importante per una squadra che punta in alto. Intanto lo stop imposto negli ultimi due giorni dalla Lega di Firenze e dalla Covisoc a tante squadre di Prima Divisione ha riacceso qualche timida speranza di ripescaggio per i molossi; speranze legate a tanti fattori, che i dirigenti rossoneri Mister Gaetano Auteri dovranno valutare con la dovuta attenzione, e coltivate soprattutto dai sostenitori rossoneri, che ci credono anche in considerazione della volontà della società di voler puntare in ogni modo all’accesso alla categoria superiore in questa stagione.

forse mai troppa) dose di vergogna, il sindaco Bruno Scittarelli nella giornata di ieri pare abbia contattato telefonicamente il presidente del Comitato Regionale Lazio, Melchiorre Zarelli, chiedendo allo stesso la possibilità di inserire gli azzurri nel campionato regionale di Eccellenza. Una magrissima consolazione che

non cancella il fallimento di tutti i protagonisti dell’”affare” Cassino, a partire dai rappresentanti delle istituzioni incapaci di dare risposte concrete, passando dagli imprenditori locali e presunti “romani”, per finire all’attuale presidente, il principale artefice della fine ingloriosa del Cassino calcio. A.M.

CALCIO LEGA PRO

CAOS IN LEGA PRO

La Nocerina di Auteri mosca bianca che pensa al ripescaggio in Prima

MAI PIU’ SU QUEGLI SPALTI - Murolo al Salveti

La Lega Pro al collasso: 34 società escluse, 25 delle quali hanno tempo fino a domani per essere riammesse La Lega Pro in pieno dramma: le società escluse sono in tutto 34. La Covisoc ha decimato mezza Lega Pro rendendo noto l’elenco dei club non risultati in regola con le normative federali previste per l’iscrizione al prossimo campionato di Prima Divisione e di Seconda Divisione. Queste società, per motivazioni diverse, sono state temporaneamente escluse dai rispettivi campionati. Entro le ore 13 del 10 luglio, previo il ricorso di rito, potranno regolarizzare la propria posizione e produrre la documentazione mancante. Il 16 luglio, in occasione del Consiglio federale, si conosceranno i verdetti definitivi e sarà ufficializzato l’elenco dei club estromessi in modo definitivo dai rispettivi campionati. Per le società bocciate a

causa della mancata presentazione della fideiussione occorre ricordare che l’ultimo giorno utile per ottenere la garanzia bancaria è venerdì 9 luglio, in quanto

nel giorno di sabato gli sportelli degli istituti di credito non sono operativi. Ricordiamo che 8 società delle 90 che formano l’orga-

Tour, Cavendish vince lo sprint della 5^ tappa

Sneijder: “Resterò all’Inter per vincere”

Mark Cavendish ha vinto in volata la quinta tappa del Tour de France. Alessandro Petacchi non è riuscito a tenere le posizioni migliori e quando ha tentato la rimonta è stato anche chiuso alle transenne da Farrar. Ma probabilmente, a quel punto era già troppo tardi. Fabian Cancellara conserva la maglia gialla. Domani 6/a tappa Montargis-Gueugnon, km 227,5: è la tappa più lunga del Tour, nel finale due salitelle.

Il centrocampista olandese Wesley Sneijder: "Resto, giocherò per tutta la prossima stagione con i colori nerazzurri. Il mio cuore è a Milano, con l'Inter ho vinto tutto nell'ultima stagione e resta ancora molto da vincere come la Supercoppa Europea, la Supercoppa italiana e la Coppa del mondo per club, che sono dei bei trofei".

nico della Lega Pro sono già fuori, in quanto non hanno neppure presentato la domanda di iscrizione. Si tratta di: Gallipoli, Mantova, Perugia e Rimini (Prima Divisione) più Itala San Marco, Monopoli, Pescina Valle del Giovenco e Scafatese. Questo l’elenco completo delle altre 25 società, sul totale delle 82 aventi diritto, al momento non ammesse ai campionati di Prima e Seconda Divisione: Prima Divisione (10 squadre): Arezzo, Cavese, Cremonese, Figline, Foggia, Real Marcianise, Salernitana, Spal, Triestina, Viareggio. Seconda Divisione (15 squadre): Alghero, Cassino, Chieti, Fondi, Gavorrano, Legnano, Manfredonia, Olbia, Paganese, Potenza, Prato, Pro Vasto, Pro Vercelli, Sangiovannese, Villacidrese.

15 ANNO I - N° 109 vENERdì 09 LuGLIO 2010



lagazzettacassino090710a