Page 1

Giunta da azzerare Interviento di Altrui

Rifiuti radioattivi Chi li gestisce?

CASSINO - “Il sindaco Bruno Scittarelli deve azzerare la Giunta”. E’ quanto sostiene in un documento il consigliere del Pdl Tommaso Altrui il quale ha criticato chi sta gestendo dall’esterno la crisi al Comune di Cassino. E nella nota l’esponente del Popolo della libertà non risparmia critiche neppure ai neo eletti alla Pisana. “Si sforzino di meritare una fiducia accordata al simbolo”. PAG. 6

CASSINATE - Lo hanno soprannominato il “Triangolo dei rifiuti ciociari” con un problema che adesso si pone in tutta la sua gravità: quello cioè relativo alla presenza di rifiuti radioattivi. Sulla delicata questione è intervenuta il neo consigliere regionale, Anna Maria Tedeschi, secondo la quale l’impianto di Colfelice non è in grado di gestire i carichi radioattivi. PAG. 5

ANNO I - N° 59 dOmENICA 09 mAGGIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALLA PROVINCIA Per i lavori fermi, da gennaio scorso, senza una ragione e senza che nessuno si sia preso la briga di fornire la benché minima spiegazione, sullo svincolo della Folcara. Trattasi di un punto nevralgico della circolazione stradale di Cassino, perché di asservimento al polo universitario. Ebbene l’Amministrazione provinciale ha appaltato i lavori, li ha iniziati, li ha eseguiti, in parte e poi, improvvisamente, li ha bloccati. Il cantiere è chiuso da mesi, nonostante la consegna dei lavori doveva avvenire entro gennaio e gli automobilisti si lamentano per gli ingorghi che la chiusura della carreggiata determina. Soprattutto per coloro che debbono recarsi presso la frazione di Sant’Angelo in Theodice.

L’OSCAR DEL GIORNO ALL’APROCIS Sempre impegnata in prima linea per la difesa e la tutela delle fasce più deboli, all’Aprocis consegiamo oggi l’Oscar per la lodevole iniziativa in programma fra sette giorni. Domenica 16 maggio, infatti, la Città di Cassino ospiterà l’edizione 2010 della maratona dedicata alle persone affette dalla sindorme di Down. Un appuntamento che da qualche anno è diventato quasi obbligatorio e che coinvolge sempre di più la cittadinanza. Ma soprattutto un’inziativa che possa servire da insegnamento per educare ciascuno di noi all’integrazione e all’abbattimento di ogni forma di pregiudizio.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione La crisi internazionale colpisce in parte il turismo Maurizio Cutrufo, vicesindaco di Roma, parla addirittura di un aumento nel primo semestre 2010 'ROMA - “La crisi economica internazionale ha colpito solo in parte il turismo a Roma che ha chiuso il 2009 con un sostanziale pareggio rispetto all'anno precedente''. A parlare Mauro Cutrufo, vicesindaco di Roma commentando i dati resi noti dalla Camera di Commercio. “'Roma chiude il 2009 con un -1.3 %, a fronte di importanti perdite delle altre Capitali europee: -9 di Londra, -8 di Parigi, -16 di Vienna, oltre

che rispetto alle altre citta' d'arte italiane. Il risultato lievemente negativo del 2009 e' dovuto soprattutto al primo quadrimestre dell'anno, ampiamente recuperato nei restanti otto mesi, fino al raggiungimento del sostanziale pareggio. Il fatto straordinario che va registrato e' che nel primo quadrimestre 2010 Roma guadagna un +5/6 % conclamando la fine della crisi ed il consolidamento

della ripresa, con un picco eccezionale, nel periodo di Pasqua del +9.2% - sostiene il Vicesindaco che ieri ha presentato lo stato di avanzamento dei lavori del Secondo Polo turistico della Capitale in un workshop all'Universita' Luiss insieme con le universita' Luiss, Tor Vergata e Sapienza. - Come tutte le societa' di ricerca internazionali certificano, Roma rimane la meta piu' desiderata al

mondo. Anche secondo Trivago.fr, il portale leader in Europa per la comparazione dei prezzi degli hotel, i francesi sceglieranno Roma come meta nel weekend dell'Ascensione (13-16 maggio)''. ''Sta crescendo la domanda turistica sia dall'Europa, come la Francia, sia da paesi piu' lontani come il Giappone o gli Stati Uniti - aggiunge Cutrufo - Roma si conferma meta ambita non solo per le vacanze,

anche sulle pagine della stampa estera. Keith Miller nel suo articolo sul quotidiano inglese ''Daily Telegraph'' scrive che, se potesse, sceglierebbe proprio la citta' eterna come luogo in cui vivere perche', per mille motivi diversi e' semplicemente perfetta. E' evidente che anche la nostra politica di marketing internazionale - conclude il vice sindaco - in questi 22 mesi ha dato i suoi frutti''.

Immigrazione, novità in arrivo Pubblicato il decreto su interventi e capacità ricettive dei centri d’accoglienza ROMA - E' stato pubblicato il decreto del Capo Dipartimento per le Liberta' Civili e l'Immigrazione del ministero dell'Interno che, come previsto dall'articolo 2 del D.M. del 22 luglio 2008, dispone la durata degli interventi e la capacita' ricettiva del Sistema di Protezione per Richiedenti asilo e Rifugiati (Sprar) 2011/2013, ai fini dell'accesso al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell'asilo. L'articolo unico del Decreto prevede la durata triennale degli interventi di accoglienza, per il periodo 2011/2013 e una capacita' ricettiva di 3.000 posti, di cui 500 per le “categorie piu' vulnerabili”.

Prima giornata della bicicletta Presentazione in Campidoglio ROMA- Questa mattina alle 11.30 presso la Sala delle Bandiere del Campidoglio, si terra' la conferenza stampa della prima Giornata Nazionale della Bicicletta, manifestazione indetta dal Ministero dell'Ambiente per celebrare le due ruote ecologiche. Interverranno il Sindaco di Roma Gianni Alemanno, il direttore generale del ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Corrado Clini, l'Assessore all'Ambiente del Comune di Roma Fabio De Lillo, l'Assessore alla Mobilita' del Comune di Roma Sergio Marchi, il Coordinatore del Piano Quadro della Ciclabilita' Marco Contadini e il Presidente Nazionale Legambiente Vittorio Cogliati Dezza. Nel corso della conferenza sara' presentato il nuovo Piano Quadro della Ciclabilita' del Comune di Roma, con i progetti e gli investimenti pianificati dal Comune per rendere Roma una citta' a misura di ciclista, dall'ampliamento delle piste ciclabili all'aumento delle postazioni di bike sharing per fare della bicicletta una reale alternativa di mobilita'.

2 ANNO I - N° 59 dOmeNIcA 09 mAggIO 2010

Vulcano, in arrivo nuove nubi di cenere Sono attese per oggi sui cieli italiani le nubi del vulcano islandese che, dopo un periodo di inattiuvità, ha ripreso con il fenomeno dell’eruzione. Sercondo gli esperti le nubvi potrebbero arrivare già dalle prime ore della mattinata, ragion per cui sicuramente si avvertiranno disagi per i voli nazionali ed internazionali. Infatti già ieri pomeriggio a Malpensa sono stati cancellati alcuni voli diretti perlopiù a Lisbona.

Lo si legge in una nota dell'Anci. La notizia dell'allungamento dei tempi di durata degli interventi e' stata accolta con soddisfazione da Flavio Zanonato, Sindaco di Padova e Vice Presidente dell'associazione con delega alle politiche dell'immigrazione. “I Comuni chiedevano da tempo di poter programmare gli interventi di accoglienza dei rifugiati su un periodo di piu' lunga durata”', ha dichiarato il Sindaco. “E' un riconoscimento importante del lavoro e del ruolo che hanno avuto in questi anni i Comuni della rete e l'Anci. Tuttavia, per poter avere un sistema davvero rispondente ai bisogni di acco-

glienza - ha aggiunto Zanonato - manca ancora un passo importante, che è l'aumento del numero di posti disponibili nella rete. Le liste di attesa per entrare nello Sprar sono molto lunghe, e le risposte trovate fuori dal Sistema sono soluzioni temporanee che non risolvono davvero i problemi'”. “'Ci auguriamo dunque - ha concluso Zanonato - che si possa presto far confluire i diversi interventi in un unico sistema coordinato e integrato, perche' solo cosi' si potra' rispondere al meglio ai bisogni di tutela di tutti i richiedenti protezione internazionale presenti nel nostro Paese”'.

Petrolio nel mare Proteste a via Lazio ROMA - Si è svolto ieri mattina a Roma, a partire dalle 11,30 un sit.in di protesta presso la msede italiana della “Bp Petrolio” di via Lazio 20. La manifestazione e' stata promossa da Sinistra Ecologia Liberta' per denunciare gli effetti del disastro ambientale provocato dalla rottura della piattaforma della compagnia petrolifera situata nel Golfo

del Messico. ''Abbiamo convocato questo sit in - ha affermato Paolo Cento - per richiedere il risarcimento del danno ambientale provocato nella sua interezza compresa la fauna ittica, la sospensione di ulteriori trivellazioni e sollecitare la totale revisione del piano di estrazione petrolifera approvato dall'amministrazione Obama''.

Terrorismo, ricordate tutte le vittime Il capo dello Stato, Giorgio Napolitano ha celebrato ieri al Quirinale il giorno della Memoria delle vittime del terrorismo ricordandole tutte con commozione e sottolineando come il terrorismo abbia impoverito l'Italia oltre a sconvolgere la vita civile e politica. Il Presidente della Repubblica nel corso del suo intervento, inoltre, ha chiesto verità e giustizia per la strage della stazione ferroviaria di Bologna e per quella di Ustica.


provincia “Autonomia? Zingaretti, come al solito, ha parlato a vanvera” Iannarilli replica al presidente della Provincia di Roma sulle“colpe romane”del centrodestra FROSINONE - ‘Zingaretti parla a vanvera”. E’ la replica del presidente della Provincia di Frosinone Antonello Iannarilli a quanto dichiarato da Nicola Zingaretti relativamente ai problemi delle autonomie provinciali, nati ad avviso dell’esponente Pd dal modo di gestire tutto “romanocentrico” della destra. ‘Sbaglia il presidente della Provincia di Roma quando attribuisce esclusivamente al centrodestra una cultura egoistica e romanocentrica. Sproloquia invece di tacere. Il disagio delle province nasce da una gestione scellerata e irresponsabile del governo uscente della Regione: debito, sfascio della sanità, rifiuti, servizi sociali, burocrazia elefantiaca, esigue risorse alle province, drammatiche emergenze che Renata Polverini ha ereditato e a cui deve porre rimedio. Le risposte che i sindaci attendono in tempi brevi dalla Regione, così come da impegno preso in campagna elettorale, saranno date dalla

Polverini e dal suo governo. La cultura romanocentrica è patrimonio di tutti i consigli regionali che si sono succeduti nel anni, perchè come è noto, esiste una netta preponderanza della rappresentanza di Roma rispetto a quella delle province. La regione a statuto speciale come proposto da Zingaretti è una stupidaggine perché, nella stagione del federalismo, si va rapidamente verso il superamento di tali enti. Figurarsi se è possibile prefigurare una regione a statuto speciale per il Lazio! Per superare il disagio profondo e crescente delle province nei confronti dell’attuale assetto occorre una rappresentanza equilibrata che si raggiungerebbe soltanto dotando Roma Capitale anche della potestà legislativa. Il resto è solo mistificazione della realtà attraverso un linguaggio politichese. Che Zingaretti non abbia in nessun conto il ruolo delle province di Latina, Frosinone, Viterbo e Rieti è dimostrato da un passo del suo intervento quando individua gli attori interessati ad un confronto nella regione, nella provincia e in tutti i comuni del Lazio dimenticando le 4 province citate. Perché egli possa meglio comprendere il problema cui ho accennato, lo invito a sentire tutti comuni della sua provincia e non soltanto quello di Roma. Desidero infine precisare che non è in atto alcuna rivolta delle

province il nuovo presidente della Regione né contro Alemanno né esiste alcun desiderio di secessione. Farebbe bene anche Zingaretti, come stanno facendo i presidenti delle altre province, a farsi carico dei concreti problemi esistenti con una discussione al di sopra delle parti. Sono certo che gli impegni assunti in campagna elettorale dal Presidente Polverini nei nostri confronti saranno pienamente mantenuti. Ho già avuto un primo incontro con Giuseppe Gangemi, assessore regionale con delega ai Rapporti con gli Enti locali il quale ha dimostrato ampia disponibilità per la valutazione e la verifica delle criticità ereditate dalla precedente gestione del centrosinistra. In ogni caso, al fine di evitare qualsiasi artificiosa e interessata strumentalizzazione del delicato argomento relativo al nuovo assetto istituzionale, preferiamo rinviare la discussione nel merito anche dopo i necessari approfondimenti con il presidente Polverini’.

La Provincia punta sui centri commerciali naturali

FROSINONE - “La crisi che sta interessando il comparto del commercio può essere combattuta solo se si riesce a mettere in piedi una rete provinciale dei centri commerciali naturali”. Ha le idee chiare l’assessore provinciale alle attività produttive e commercio Francesco Trina, tanto che, in occasione del primo seminario provinciale sui centri commerciali naturali, in programma lunedì 10 maggio alle ore 9:30, presso il salone di rappresentanza di Palazzo Gramsci, proporrà la costituzione di un coordinamento composto dai sindaci dei 32 comuni finanziati dalla Regione Lazio insieme ai ri-

spettivi comitati di gestione dei centri commerciali naturali. Primo ed unico caso nel Lazio e in Italia in cui commercianti, enti locali e Provincia si mettono insieme per attivare uno strumento capace di innescare processi di trasformazione progressiva, in grado di coniugare marketing urbano, proprio delle amministrazioni locali, con il marketing imprenditoriale promosso dai privati, costruendo su questa base, azioni di marketing territoriale quali sintesi utile e proficua di una rinnovata convergenza tra attori pubblici e privati in grado di rafforzare l’offerta commerciale e turistica del territorio. “L’obiettivo – afferma Trina - è quello di definire un vero e proprio know-how che sia in grado non solo di rilanciare le attività, ma anche uno stimolo per riscoprire la storia e le tradizioni culturali dei paesi, rivitalizzando i centri storici e incentivando sia gli abitanti che i visitatori a viverli pienamente. Grazie ai finanziamenti regionali e con iniziative programmate e non concorrenziali tra le diverse realtà provinciali i centri commerciali naturali potranno quindi configurarsi come un vero e proprio itinerario socio-cultural-commerciale per rispondere al declino sempre più forte che vivono i centri storici delle nostre città. Per questo sarà importante, con i comuni e gli

stessi commercianti, nonché con le associazioni di categoria, studiare e programmare soluzioni organizzative idonee alla creazione di un sistema commerciale all’aperto che possa avvalersi di tutti gli attrattori di eccellenza co-

stituiti dalla cornice del centro storico e dalla presenza di decori urbani, di eventi culturali, di proposte gastronomiche e di aree di sosta. Proprio per rafforzare la filiera del commercio e dell’artigianato, nonché intervenire anche

sui problemi legati alla sicurezza, ci rivolgeremo alla Regione Lazio per chiedere l’attivazione di un tavolo istituzionale che di volta in volta verrà allargato, ad esempio, alle associazioni agricole e a quelle dei consumatori”.

Scuola d’impresa, al via i corsi per manager e titolari di PMI FROSINONE - Dopo le positive e incoraggianti esperienze avute in diverse realtà italiane, la Scuola d’Impresa arriva anche a Frosinone grazie all’iniziativa di Innova – Azienda Speciale per la Formazione della Camera di Commercio – e della Compagnia delle Opere. La Scuola, che ha come obiettivo aiutare sia gli imprenditori sia i manager delle piccole e medie imprese della provincia a sviluppare metodi capaci di intercettare le opportunità del mercato, è stata tenuta a battesimo nel corso di un convegno svoltosi presso la sede dell’Ente Camerale dal vice presidente Gianni Lisi, dal presidente di Aspin Stefano Venditti, dal presidente vicario di Roma e Lazio della CDO Claudio Di Luzio e dal presidente nazionale della Compagnia delle Opere Bernhard Scholz. La Scuola d’Impresa è una iniziativa fortemente voluta dal presidente di

Innova, Florindo Buffardi, e dal Consiglio d’Amministrazione dell’Azienda speciale che, su proposta di Monica Di Vito, componente dello stesso CdA, hanno deciso di porre in essere il progetto in collaborazione con la Fondazione per la Sussidarietà, costituita dalla Compagnia delle Opere di Roma e del Lazio. La Scuola d’Impresa è un progetto di alta formazione rivolto ai piccoli e medi imprenditori e ai dirigenti,

Di Stefano:“Certo del seggio alla Pisana”

D’Angelo :“Un ciociaro alla guida dell’Asl”

FROSINONE – Mentre gli organi di informazione riportano notizie “allarmanti” sulla possibilità che la Lista Polverini in provincia di Frosinone perda il seggio dopo che il Tar si sarà pronunciato sul merito dell’allargamento del consiglio regionale a 73 consiglieri, l’interessato dal provvedimento, l’ex sindaco di Sora, Enzo Di Stefano, mostra sicurezza: “Il seggio in bilico non c’è. Anche se ci fosse, non sarebbe il mio.”

FROSINONE –“Possibile che in provincia di Frosinone non ci sia un professionista con un curriculum tale da poter assumere la guida della Asl di Frosinone e che debba essere sempre affidata a professionisti esterni? A farsi questa domanda, l’esponente del sindacato Fials,Francesco D’Angelo che in questi anni ha combattuto tante battaglie con i vertici per il modo di operare e ora chiede un’inversione di tendenza alla nuova giunta regionale.Un ciociaro alal guida dell’Asl.

nato dalla convinzione che le piccole e medie imprese, da sempre forza economica e primaria del nostro Paese e della nostra provincia, meritano un’attenzione e un aiuto specifico nell’affrontare le sfide di un mercato globale sempre più competitivo e caratterizzato da continui cambiamenti. La Scuola vuole comunicare – è stato più volte sottolineato nel corso dei lavori – una modalità diversa che usa per stare di fronte alle piccole e medie imprese: al centro del progetto c’è la persona, la sua creatività e le sue potenzialità. La Scuola d’impresa ha ricevuto il plauso e l’adesione anche dalla Provincia di Frosinone. In apertura con l’assessore Gianluca Quadrini e a conclusione del convegno con l’assessore alle attività produttive Francesco Trina, il quale ha annunciato l’adesione ai corsi di alcuni dipendenti della Provincia.

3 ANNO I - N° 59 dOmeNIcA 09 mAggIO 2010


primo piano Anna MariaTedeschi: “Come gestire i carichi che si manifestano positivi ai controlli sulla radioattività? L’impianto non è competente per farlo”

Il triangolo dei rifiuti ciociari L’analisi del consigliere regionale dell’Italia dei Valori “La vicenda assume connotati preoccupanti e disegna una situazione di carenza tecnico-gestionale non accettabile se riferita ad un contesto territoriale di dimensione provinciale”

COLFELICE - Le complesse ed articolate vicende della gestione dei rifiuti ciociari, in particolare quelle collegate alla triade degli impianti di Colfelice (impianto di riciclaggio gestito dalla Saf), Roccasecca (discarica provinciale gestita dalla Mad) e San Vittore (inceneritore della Eall SrL) si va in questi ultimi mesi caricando di un ulteriore e pesante macigno: la gestione di rifiuti radioattivi la cui presenza è stata segnalata in primis dall’Arpa nel mese di novembre del 2009 ed in merito a rilevazioni effettuate presso l’inceneritore di San Vittore. A seguito di tali rilevazioni si è innescato il doveroso iter procedurale che ha portato i relativi soggetti competenti ad installare presso l’impianto di Colfelice un apposito portale finalizzato a rilevare la presenza di rifiuti radioattivi all’interno dei carichi dei camion in entrata. Sulla delicata vicenda interviene il consigliere Regionale dell’Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi che da diverso tempo segue la questione: “il problema che ora si pone – ha detto - è come gestire i carichi che si manifestano positivi ai controlli sulla

radioattività dal momento che l’impianto in oggetto non presenta al suo interno né le competenze, né i sistemi idonei al trattamento dei rifiuti radioattivi. I soggetti istituzionalmente competenti hanno tenuto un tavolo tecnico per entrare nel merito del problema e le risultanze di tale incontro sembrano essere quelle di segregare in una sorta di “quarantena” i carichi positivi ai controlli in attesa che vengano bonificati. Il mio ruolo di consigliere regionale mi impone di avere una visione ampia dei problemi e di contribuire a dare input che tengano conto dei molteplici interessi presenti sul territorio; tuttavia è doveroso tutelare anche il diritto alla salute di minoranze, e mi riferisco agli abitanti della zona circostante l’impianto in oggetto, dal momento che l’art. 32 della Costituzione, che tutela il diritto alla salute, non fa riferimento alla maggioranza della

Liberiamo l’acqua Continua la campagna CASSINO – “Venderesti tua madre? Nove maggio festa della mamma continua la raccolta firme per i tre referendum sull'acqua pubblica. Perche' l'acqua e' madre, non puo' essere merce per profitti”. A Cassino le associazioni proseguono la raccolta firme contro la privatizzazione dell’acqua. Oggi dalle 9:30 alle 13 i banchetti saranno allestiti a Caira e dalle 17 alle 20 sul Corso della Repubblica.

popolazione, bensì tutela la salute di tutti i cittadini italiani nessuno escluso! L’urgenza della situazione non può consentire che vengano lesi i diritti costituzionali sia pur di una minoranza della popolazione della Provincia di Frosinone! Nemmeno possiamo legittimare il principio del sacrificio di una minoranza in virtù della tutela della maggioranza dal momento che è un principio che non trova fondamento nella nostra Carta Costituzionale”. In realtà, secondo l’esponente dell’Idv, il problema della gestione dei rifiuti radioattivi sembra cogliere impreparati i diversi soggetti che pure negli anni avrebbero dovuto approntare sia azioni preventive, sia azioni di monitoraggio.“Essere parte attiva di un processo gestionale complesso che vede ripartite le responsabilità, ripartiti i compiti di controllo, ripartiti i compiti gestionali, significa che ciascuno dei soggetti preposti, ognuno per la propria parte di competenza, avrebbe dovuto – ha continuato Tedeschi - farsi parte promotrice di azioni di integrazione e di raccordo al fine di rendere sinergica, efficiente ed efficace la somma delle azioni ripartite che costituiscono l’intero flusso logistico/gestionale dei rifiuti distribuito nella triade degli impianti in oggetto. Lo scotto di queste pregresse carenze gestionali diffuse non può ora essere messo del conto di chi vive a ridosso degli impianti, si tratta di una palese e grave violazione dei diritti costituzionalmente sanciti. Alcuni dei soggetti interessati, a diverso titolo, tentano di minimizzare la presunta pericolosità della situazione riconducendola a rifiuti immessi nel circuito dei cassonetti urbani da malati che, sottoposti a trattamenti e/o esami particolari (scintigrafie, trattamenti tiroidei), sono poi rientrati presso le loro abitazioni. Se da un lato è doveroso non creare un clima di allarmismo che forse potrebbe non essere giustificato, dall’altro è invece doveroso approntare una serie di misure correttive che, nelle more di una gestione che si è rivelata essere gravemente lacunosa, ormai sono urgenti. Ma per misure correttive non si devono intendere soluzioni tampone come la “quarantena” dei carichi positivi e la troppo generica “attività di bonifica”. Le misure correttive devono essere volte a ridisegnare l’intero flusso logistico dei rifiuti per individuare carenze e responsabilità specifiche per approntare, con celerità, le necessarie misure di intervento. Probabilmente sarà necessario coinvolgere le amministrazioni comunali, tutti gli organi di controllo presenti sul territorio e tutte le autorità preposte alla salvaguardia della tutela della sicurezza e della salute pubblica. La vicenda, che nasce come emergenza successiva ad un’azione di controllo da parte

Croce Rossa, festa anche a Cassino CASSINO - In tutto il mondo ogni anno l’8 maggio si festeggia la Croce Rossa. La giornata è stata ricordata anche a Cassino, dove ieri mattina i volontari della Cri di Cassino e dei paesi limitrofi hanno allestito alcuni stand per una serie di iniziative volte alla prevenzione ed informazione su malattie quali l’Aids ma anche alla sicurezza stradale. Inoltre i volontari, hanno distribuito preservati allo scopo di incentivare il sesso sicuro contro malattie veneree come l’aids.

dell’ARPA, assume connotati ben più preoccupanti e disegna una situazione di insufficienza e/o carenza tecnico-gestionale non accettabile se riferita ad un contesto territoriale di dimensione provinciale. Così come è moralmente ed eticamente condannabile l’elusione fiscale (l’azione di quei cittadini che pur non contravvenendo a norme di legge, mettono in atto una serie di “raggiri” per non pagare le tasse dovute, vedi le famose residenze in Paesi esteri), così non può essere moralmente ed eticamente giustificata l’omissione gestionale di soggetti che, benché formalmente rispettosi delle norme e procedure vigenti, non si sono attivati per prevenire situazioni di grave pericolosità per la cittadinanza tutta. Certi ruoli sia politici, sia gestionali impongono un’azione di proposizione che vada al di là di quanto già previsto; è solo così che si prevengono situazioni di rischio in relazione a processi che sono in continua evoluzione e per i quali le criticità rilevate solo in tempi successivi sono l’evidenza oggettiva che la gestione è stata inefficace e probabilmente anche inefficiente se si considerano i costi aggiuntivi da sostenere per porre rimedio. A tutto questo è da aggiungere che nelle more e nelle carenze di una gestione inefficace del ciclo dei rifiuti può trovare agevole collocazione una gestione “sostitutiva” facente capo ad organizzazioni illegali”. Nella certezza che tutti gli organi ed enti preposti sono ben consapevoli dei gravi rischi di ordine pubblico derivanti da una gestione sostitutiva del ciclo dei rifiuti, il consigliere regionale Tedeschi auspica la costituzione di un ampio tavolo tecnico che veda il coinvolgimento di tutti gli attori presenti sulla scena e non da ultimo la rappresentanza dei cittadini residenti a ridosso degli impianti. “Qualche millennio fa si diceva “mors tua vita mea”, si sono condotte molte battaglie che hanno portato alla proclamazione delle Carte Costituzionali, quella italiana, benché giovane, è ancora molto valida” ha concluso.

5 ANNO I - N° 59 dOmeNIcA 09 mAggIO 2010


cassino “Il sindaco deve azzerare la giunta” Lo sostiene in un documento il consigliere Pdl Altrui che critica gli eletti alla Pisana CASSINO - Il sindaco azzeri la giunta e metta alla prova i consiglieri regionali. Lo sostiene in una nota il consigliere comunale del Pdl Tommaso Altrui il quale continua criticando chi sta gestendo dall’esterno la crisi al comune di Cassino. “Invece – scrive - di offrire trasparenza preferisce intrattenere rapporti nel chiuso delle sue stanze, dalle quali esce di tanto in tanto per distribuire

articoli e pillole di guarigione oltre a decine di “determine” dirigenziali ignote ai più.Mi pare evidente quale sia il suo impegno nei confronti della città ed oggi, alla luce degli ultimi avvenimenti, è bene che tutti i cittadini sappiano la verità.Con un colpo improvviso, Lei ha gettato la maschera per farla indossare dai suoi più stretti collaboratori, per coprire e far sanare (da un com-

missario) una voragine che soprattutto Ella ha creato. Ha richiamato i suoi consiglieri chiedendogli di far inghiottire a qualcuno l’ultima polpetta avvelenata. Ma pensa che non si è capito che l’unico suo obbiettivo è far commissariare il Comune di Cassino, con conseguente aumento di tasse per riequilibrare le casse dell’ente? Ma pensa veramente che i cittadini hanno l’anello al naso e le faranno governare nel 2011 la città? Invito pubblicamente il Sindaco, come già fatto in precedenza, a rialzarsi e mettere in campo una convinta azione che passi inevitabilmente attraverso scelte coraggiose ma realmente nell’interesse della comunità, quali l’azzeramento della Giunta Comunale ed il taglio dei “rami secchi” nella Sua squadra di governo e nelle società partecipate dal Comune. Anche varando una giunta di salute pubblica, ma con dentro dei “veri” professionisti della nostra città, senza guardare al colore politico. Un doveroso invito ai “big” della politica regionale a spostarsi dai salotti romani e scendere in prima persona nella nostra ormai bistrattata provincia, ovvero nei luoghi dove hanno raccolto i voti e offrire vere soluzioni ai veri problemi. Si sforzino di meritare quella fiducia che in verità non è rivolta a loro ma ad un simbolo.”

A rischio l’attività ad Ortopedia

Ospedale, polemiche per carenza di personale CASSINO - E’ a rischio l’attività al reparto Ortopedia dell’ospedale di Cassino per la mancanza di medici. Sono rimasti solo in tre per una ventina di ricoverati. Infatti da lunedi scorso il primario si è vosto costretto a sospendere le accettazioni per la mancanza di ortopedici. Dall’Asl hanno assicurato che arriverà da Roma un altro medico ma uno solo non basta per sopperire alle carenze. ne servono altri sia per consentire i riposi e le ferie e sia per le urgenze. Ma a lamentarsi sono anche altri reparti come Oculistica, Pronto Soccorso, Cardiologia e Medicina. E poi i medici che vengono trasferiti dopo un pò chiedono di andare in altre strutture sanitarie. Dall’Asl rassicvurano ma questo non basta se il problema non viene affrontato in maniera sinergica come sostiene il sindaco Scittarelli. Serve un piano operativo della regione lazio e della direzione aziendale per risolvere la cronica carenza di personale.

Organizzata dal Consorzio Valle del Liri

Attività universitarie

La settimana della bonifica e dell’irrigazione

Parte il programma Castoro

CASSINO - Si terrà anche questo anno, dall’8 al 16 maggio, la “Settimana della Bonifica e dell’Irrigazione” organizzata dal Consorzio di Bonifica Valle del Liri di Cassino. Il programma prevede lunedì 10 maggio ore 10, sistemazione dissesto idrogeologico località S.Antonino Cassino. Visita guidata con l’Associazione “Le Contrade” e gli studenti della Facoltà Ingegneria Università degli Studi di Cassino. Mercoledì 12 maggio ore 10.00: sistemazione idraulica torrente Fosso Bosco d’Olmi S.Andrea sul Garigliano. Visita guidata con gli studenti delle scuole medie e gli studenti facoltà Ingegneria Università di Cassino. Giovedì 13 maggio ore 10.00: “Viviamo i colori della natura” manifestazione presso il lago di Capod’acqua in Castrocielo con gli studenti delle scuole elementari di S.Elia Fiumerapido. Sabato 15 maggio ore 14.30: “Corriamo intorno al lago” 2^ edizione. Manifestazione presso il lago di Isoletta di Arce e S.Giovanni Incarico. Gara podistica e passeggiata ecologica. Domenica 16 maggio ore 9 ritrovo presso centro commerciale “Panorama” Cassino. “Ambiente e solidarietà”. “Corriamo intorno all’Abbazia” Gara podistica nazionale. (Riservata anche a bambini diversamente abili) Il tema della manifestazione di que-

sto anno, sul quale si vuole polarizzare l’attenzione della politica e dell’intera società civile, è il seguente: Manutenzione del territorio: valore da riscoprire – Il contributo dei Consorzi di Bonifica. La sicurezza del territorio, nonostante le poche risorse economiche di cui dispongono, è da sempre impegno costante e prioritario dei Consorzi di Bonifica; ma questo, purtroppo, in pochi lo sanno.

CASSINO - Il Laboratorio di Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento del Dipartimento di Scienze umane e sociali dell’Università di Cassino dal 2009 rappresenta l’Italia nel comitato scientifico organizzativo della competizione internazionale “Castoro”. La competizione è stata istituita nel 2004, a partire da un’idea della prof.ssa Valentina Dagiene dell’Università di Vilnius (deve peraltro il suo nome al noto roditore chiamato “Bebras” in lingua lituana); essa ha coinvolto un numero sempre crescente di nazioni (al momento 15) e quasi centomila giovani, studenti dei diversi ordini e gradi di scuole, dei paesi che ogni anno vi hanno partecipato. Quest’anno la competizione si avvarrà ancora dell’utilizzo della piattaforma di e-learning Moodle, già utilizzata nel 2009, contente anch i questionari di prova per le esercitazioni dei ragazzi. Le scuole che intendono partecipare alla competizione individueranno un docente per classe e ne trasmetteranno il nominativo al comitato organizzatore (cartan@unicas.it); il docente individuato avrà cura di trasmettere al medesimo comitato l’elenco degli alunni partecipanti (cognome, nome e indirizzo e-mail). Una volta creati gli account e le password dei ragazzi che si prevede prenderanno parte alla competizione, i dati corrispondenti verranno trasmessi dal comitato organizzatore al docente, che potrà utilizzarli, nel periodo di svolgimento della competizione, per consentire l’accesso dei concorrenti al questionario della competizione.

Mutui e rinegoziazioni - Leasing - Fidejussioni Finanziamenti aziendali e personali Cancellazione protesti e banche bati Cassino (FR) - Corso Della Repubblica, 5 SOCIETA DI CONSULENZA E SERVIZI FINANZIARI ATTIVITA’ BANCARIE AZIENDALI

tel. 0776.24557 - fax 0776.326677 - e-mail elabostudio@libero.it


cassinate Domenico Iacovella: “Lo sviluppo del Comune bloccato dal patto di stabilità” Piedimonte San Germano tra gli Enti virtuosi che rientrano nel provvedimento per contenere la spesa pubblica ma per questo i progetti finanziati sono fermi da tempo. Il sindaco allora“contratta”con i privati

PIEDIMONTE SAN GERMANO – Si è rimessa in moto la macchina amministrativa a Piedimonte San Germano. Dopo l’approvazione del bilancio previsionale 2010, il sindaco Iacovella e la sua Giunta sono alle prese con le priorità da affrontare per la comunità. I maggiori interventi riguardano il sociale, la sicurezza degli edifici scolastici e la stabilità del territorio in termini ambientali. Proprio su questo ultimo aspetto il primo cittadino ha fatto sapere che sono in corso alcuni studi. Per quanto riguarda il sociale, circa una quarantina di persone stanno ricevendo un piccolo contributo da parte dell’Ente, chi ha perso lavoro oppure chi si trova in situa-

zioni di disagio, grazie ad un bando interno al comune pubblicato lo scorso anno. Somme abbastanza rilevanti, il Comune di Piedimonte San Germno, per far fronte a quest emergenza sta spendendo quasi 400mila euro. “E contestualmente – afferma in una sua riflessione il sindaco Iacovella - la crisi economica persiste. Purtroppo nonostante abbiamo approvato il Bilancio e avremmo la disponibilità finanziaria per poter concludere alcuni progetti, c’è un grande problema che blocca le amministrazioni, ossia il patto di stabilità, varato dal Governo per ridurre il debito pubblico. C’è tutta la volontà di ripartire ma i comuni sono letteralmente bloc-

cati. La spesa pubblica deve essere controllata, non può essere toccata ma i costi aumentano per tutti i servizi. La messa in sicurezza di una scuola, ad esempio, dipende anche da questo meccanismo. Ed oggi, quindi, dobbiamo sollecitare l’impegno del privato, in quanto noi amministratori siamo legati da tanti lacci che non ti permettono di operare liberamente e di investire sul territorio. Per questo stiamo approfondendo molte iniziative di imprenditori locali per creare assieme a loro posti di lavoro. Molti progetti, infatti, nel territorio comunale non possono essere appaltati – ha concluso Iacovella - proprio per rispettare il Patto di stabilità”. Il Comune di Piedimonte, come affermato dal primo cittadino avrebbe a disposizione 575mila euro per la parte alta della città; 243mila euro per il rifacimento del manto stradale; 300mila euro

per Via Leonardo; 300mila euro per la ex scuola in località Volla e 200mila euro per un parcheggio presso il centro commerciale Le Grange. Un progetto che partirà, invece, subito dopo il termine delle lezioni, è la messa in sicurezza della scuola media Don Minzoni, per la quale la Regione aveva stanziato 580mila euro. Partiti già alcune opere stradali in Via Venezia e Via Vespucci. È previsto l’ampliamento del campo sportivo situato nei pressi della Casilina, della palestra comunale e lavori di manutenzione per tutto il paese rivolti alla pulizia e al decoro. Intanto, il prossimo consiglio comunale tornerà a riunirsi il 13 maggio alle ore 17.00 per discutere i seguenti argomenti: eleggere le commissioni istituzionali, individuare i componenti dell’Unione intercomunale Cinque Città; esprimere una posizione in merito alla realizzazione dell’im-

pianto per lo smaltimento d’amianto a Villa Santa Lucia (punto richiesto anche dalla minoranza); illuminazione di alcune strade; istituire una commissione per il lavoro; si parlerà di cultura e grandi eventi.

A Pontecorvo il giorno della purificazione Il rito si ripete in città in occasione di San Giovanni PONTECORVO - Camele e il diavolo, si rivive la tradizione a Pontecorvo dove, la seconda domenica di maggio, quindi oggi, si svolge la festa di san Giovanni Battista, patrono della città, secondo una tradizione risalente al 1137. Un evento che mescola sacro e profano. Da un lato emerge il carattere agrario di questa festa che sembrerebbe rientrare nei rituali magico - propiziatori tradizio-

cessione si confessa. Nella processione San Giovanni è portato a braccia dagli uomini che fanno a gara per contendersi questo onore. Nella processione figurano due fantocci in cartapesta simboleggianti Camele (Giovanni Mele), il contadino credulone che si lascia tentare, e il diavolo ingannatore. Anticamente lungo il percorso ciascuno raccoglieva delle pietre e le gettava nel fiume, liberandosi così dai peccati. Lungo il percorso Camele viene fatto oggetto di scherno e ironia da parte dei partecipanti: un atteggiamento non di disprezzo ma autoi- presente una nuova statua raffigurante il concittadino ronia come se schernire Camele per le sue debolezze Giovanni Mele, a memoria della miracolosa apparizione servisse ai pontecorvesi per mettere a nudo le proprie che il giovane contadino ebbe l'onore di ricevere da parte debolezze, come atto liberatorio. Di fatto il pontecorvese riconosce Camele in se stesso, l’identità culturale, agricola e popolare di un passato che vive in lui come radice del presente. Quando si giunge sul luogo dell’apparizione, CASSINO - È fuori pericolo di vita la Camele e il diavolo vengono getragazza di San Vittore del Lazio rimasta tati nel fiume, come se venisse coinvolta in un incidente la notte tra vegettata nel fiume la miseria, la nerdì e sabato sulla strada provinciale che carestia e la cattiva stagione.Dal collega all’abbazia di Montecassino. Poco punto di vista della simbologia dopo l’una la giovane si è schiantata con religiosa il fantoccio rappresenta la sua Fiat Panda contro il muro di recinla parte caduca della persona zione di un abitazione. Avrebbe perso il soggetta ad essere corrotta che ficontrollo della vettura, probabilmente nisce nel fiume con il suo corrutquesta la causa dell’incidente, e per quetore, il demonio. L’anima di sto si è schiantata ribaltandosi più volte Camele, però, resta nel cuore dei fino a rimanere imprigionata tra le lapontecorvesi, che ogni anno rinmiere. Immediati i soccorsi dei vigili del novano il legame con essa attrafuoco di Cassino e di un’ambulanza del verso una ritualità corale che si 118 che ha trasportato la giovane al Santa conclude con la Comunione. È un atto di purificazione collettiva, Scolastica di Cassino. Non è il primo incidente che si verifica lungo la provinciale, poi i fedeli, liberati dal peccato dove il tratto stradale risulta spesso toriniziano i festeggiamenti. Da oggi tuoso. nel santuario, in contrada Melfi, è

Si ribalta con la sua auto Ragazza miracolata a Montecassino

nalmente connessi in tutta Italia alla festa cattolica di San Giovanni Battista, dall’altra parte l’aspetto puramente religioso. La leggenda di fondazione della festa, relativa all’apparizione di San Giovanni Battista a Pontecorvo nel 1137, è arrivata ai giorni nostri grazie alla fonte scritta degli Acta Sanctorum (1643), una relazione del vescovo Guarino . Il giorno della festa la popolazione si raduna all’alba nella cattedrale di Pontecorvo dove è collocata la statua del santo e prima di avviarsi in pro-

“Io amo Roccasecca” riunione del gruppo

Il tempo delle tenebre Nuovo libro di Vallone

ROCCASECCA - A Roccasecca prima riunione operativa dei promotori della lista Io amo Roccasecca. Si tratta di un gruppo di persone che hanno deciso di mettersi in gioco per le prossime consultazioni elettorali 2011.“C’è grande voglia di cambiamento – hanno detto i partecipanti - soprattutto tra i giovani e questo fa ben sperare per il futuro.Roccasecca ha bisogno di un cambiamento radicale, una rivoluzione culturale che deve per forza di cose partire da una nuova classe dirigente”.

PONTECORVO - E’ stato presentato a Pontecorvo il terzo libro scritto dall’insegnante Mauro Vallone. Il testo affronta il problema del bene e del male oggi: la società tende in maniera spudorata alla ricerca dei beni terreni e le sfugge il bene primario che è quello dello spirito; ma questa tendenza spesso degenera nei vizi e anche nel peccato e qui viene avvertita la presenza del diavolo che fa leva sul libero arbitrio dell' uomo.

7 ANNO I - N° 59 dOmeNIcA 09 mAGGIO 2010


Il futuro del Pdl si decide a cena

La casa come diritto Al via una petizione

Cicchitto, Tajani, Pallone, Iannarilli e Abbruzzese, tutti insieme appassionatamente intorno ad un tavolo. L’incontro conviviale si è svolto qualche sera fa in un noto ristorante della Capitale dove i cinque esponenti del Pdl si sono ritrovati per discutere del futuro del partito e, soprattutto, delle future strategie da mettere in campo in Ciociaria. Un incontro seguito alle polemiche delle ultime settimane per la composizione della nuova Giunta regionale. PAG. 10

FROSINONE - Una raccolta di firme perché la casa divenga un diritto per tutti e non una speculazione. A farsi promotori di un’iniziativa che ieri mattina è stata accolta con grande entusiasmo dai frusinati, gli aderenti al movimento Gioventù italiana. Tantissime le persone che hanno visitato lo stand allestito lungo via Aldo Moro per la raccolta firme. PAG. 11

ANNO I - N° 59 dOmENICA 09 mAGGIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

Le speranze del domani

www.lagazzettacassino.it ILTAPIRO DEL GIORNO A CHI DETURPAVILLA CICERONE Le polemiche fioccano contro l’Amministrazione comunale di Sora che avrebbe deciso di ripulire il parco di Villa Cicerone per l’occasione della Giornata della bicicletta. A lanciare strali contro il sindaco gli esponenti de La Destra. Noi, però, non vorremmo che venissero dimenticati tutti quegli incivili che, puntualmente, si recano presso Villa Cicerone a Sora e, forse, credendo di stare in casa loro, fanno quello che non dovrebbero fare. Per buon gusto e civiltà. Rifiuti a terra, atti vandalici contro lampioni e panchine ed un’assoluta mancanza di rispetto verso un bene comune. La lezioncina imparata a scuola sul rispetto dell’ambiente, dovrebbe essere ripetuta ogni tanto...

L’OSCAR DEL GIORNO AD ANTONIO ABBATE Per la nomina nel coordinamento nazionale dell’Unione delle province d’Italia che prevede soltanto diciassette componenti. Una nomina importante per l’assessore provinciale Abbate ma che può essere determinante anche per il rilancio della nostra Provincia. Attraverso l’Upi, infatti, i componenti hanno la possibilità di presentare programmi e proposte a livello nazionale e regionale, quali dirette espressioni del territorio. Va detto che la nomina di Abbate giunge dopo anni di attività politica e di impegno che lo hanno sempre visto occuparsi del territorio e delle progettualità per il suo rilancio.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


primo piano

Pdl, una cena per ritrovare l’unità Gli ex Fi si ritrovano a Roma dopo le polemiche per la composizione della giunta Polverini ROMA – Metti una sera a cena. Metti che si svolga in uno dei locali alla moda della capitale. Metti che l’atmosfera che regni sia allegra e gioviale. Metti che il cibo sia di ottima fattura, accompagnato anche da una buona scelta di vini. Ci sono tutti gli ingredienti perché la serata possa essere davvero fruttuosa e se tra i commensali, qualche frizione, per usare un eufemismo, in passato e anche nel presente, ci sia stata o ci sia, comunque un accordo, o un un qualcosa che assomigli ad un accordo comunque alla fine si possa sempre trovare. Metti poi che l’appuntamento non ha come protagonisti due amanti litigiosi, ma un gruppo di politici e allora il quadro è completo. Ecco in scena la “cena della grande riconcilia-

zione”, così potremmo definirla, o almeno della riconciliazione momentanea. Intanto cominciamo a definire per appartenenza questi commensali. Se fossimo ad una cena di matrimonio, il segnaposto del tavolo in questione non potrebbe che essere il simbolo del Pdl, infatti i commensali appartengono al Popolo delle Libertà, in particolare all’area ex Forza Italia. Vediamo, poi, chi sono questi commensali, seduti in ordine sparso, pensiamo attorno ad un tavolo, possibilmente ovale, quello delle grandi occasioni. Fabrizio Cicchitto, capogruppo del Pdl alla Camera, Antonio Tajani, commissario europeo, Alfredo Pallone, europarlamentare, il consigliere regionale Mario Abbruzzese e il presidente della Provincia

di Frosinone, l’onorevole Antonello Iannarilli. Noi alla cena non c’eravamo, e sicuramente dalla lontana Ciociaria, non abbiamo potuto ascoltare l’argomento della discussione, ma visti i presenti, potremmo provare ad immaginare i temi affrontati e soprattutto il motivo che ha spinto i commensali a sedersi attorno al tavolo, immaginiamo, non proprio, o non soltanto, per il piacere di una buona mangiata in compagnia, Intanto, per andare a cena insieme, sicuramente qualcuno l’ha deciso, o almeno si è messo avanti per oraganizzarla. Non è possibile che sia stato un caso che il gruppo di amici si sia ritrovato seduto allo stesso tavolo. Supponiamo che il “capotruppa” sia stato Mario Abbruzzese. Proprio l’onorevole

cassinate, prossimo presidente del consiglio regionale in pectore, salvo sgambetti dell’ultima ora, si sta accreditando come il “pontiere”, il pacificatore dell’ala Fi del partito, soprattutto dopo le frizioni che stanno arrivando da Frosinone, con l’amministrazione provinciale in protesta per la mancata inclusione di un ciociaro nella giunta Polverini. Cosa si saranno detti i commesali è presto detto. Si sarà parlato della “secessione” delle Province, anche se il presidente Iannarilli si è subito affrettato a chiarire i termini della questione: non secessione, ma maggiore autonomia e rispetto per i territori extrametropolitani, e in termini di rappresentanza e in termini di dislocazione di risorse.

Forse davanti ad un bel bicchiere di vino, forse proprio un nettare di Bacco ciociaro, il cabernet di Atina o il cesanese di Piglio, si sarà siglata l’intesa per una rappresentanza forte della Ciociaria negli enti intermedi, quelli che comunque servono per governare un territorio, unita alla promessa di un’attenzione forte alle emergenze della provincia di Frosinone. E a livello politico? A breve sarà composto il coordinamento provinciale del Pdl, un grande passo in avanti, sicuramente. Poi risoluzione politica delle crisi al comune di Cassino e convergenza sul programma alla Provincia. Una cena fruttusosa per il Pdl ciociaro, dunque. Dopo le nuvole, sembra tornare il sereno.

Le grane interne

Le richieste

Il coordinamento

La composizione della giunta regionale del Lazio, che ha escluso i rappresentanti della provincia di Frosinone, ha creato un vero e proprio terremoto in Ciociaria. Una terra che si è sentita mortificata e poco rappresentata, anche se aveva concorso in maniera preponderante alla vittoria della Polverini. Ma niente assessorati. Da qui la protesta, soprattutto della maggioranza che governa la Provincia con in testa il presidente Iannarilli, fin sotto i cancelli della Pisana, con il lutto al braccio. Poi i disegni autonomisti per una Regione delle Province. E come dimenticare le altre “grane” relative alla mancanza di un coordinamento provinciale del Pdl e la crisi al comune di Cassino. Forse le vicende di questi ultimi giorni, aprono uno spiraglio di luce positiva all’interno del Popolo delle Libertà ciociaro.

Se assessorato regionale non può essere, almeno per il momento, allora Frosinone deve essere rappresentata alla grande negli enti intermedi. E’ questa la richiesta che fa il Pdl ciociaro. “Puntiamo a gestire in proprio il nostro territorio, condividendo le scelte del partito – ha spiegato il vicecoordinatore del partito, Adriano Roma – E Vincenzo Piso si è impegnato affinché la classe dirigente del Pdl ciociaro sia coinvolta direttamente nelle scelte più importanti politiche e amministrative”

Un abbozzo di nominativi è già uscito, una lista di circa una trentina di nominativi. Il coordinamento provinciale del Pdl sta prendendo forma, mancano da limare gli ultimi dettagli, forse qualche aggiustamento nell’area ex An. Poi, tempo una decina di giorni e verrà ratificato ufficialmente. Così si sanerà una mancanza tutta ciociara. L’unica provincia a non avere il coordinamento provinciale del Pdl. Tracciata poi anche la strada per arrivare al primo congresso provinciale. Tra ottobre e novembre prossimi, si svolgeranno i congessi comunali, a seguire quelli provinciali. Con molta probabilità sarà marzo 2011 la data persecelta per la kermesse provinciale.


Frosinone “Non speculate sul diritto Casa” Gioventù Italia promuove una petizione popolare per un progetto innovativo Passi carrabili, sospeso il pagamento della Cosap FROSINONE - Niente più tasse per i passi carrabili. E’ concreto il sostegno che arriva dall’Amministrazione provinciale di Frosinone per aiutare l’economia in un momento di grave crisi. Soltanto attraverso queste iniziative, infatti, è possibile dare nuovo slancio ad un territorio che deve necessariamente riprendersi ed uscire da questa situazione di stallo. Per questa ragione lo scorso 18 marzo, l'Amministrazione provinciale ha così deciso di sospendere il pagamento del canone Cosap per l’anno 2010, in considerazione della contingente crisi economica che interessa la provincia di Frosinone, al fine di concorrere fattivamente al rilancio dell’economia locale e di intervenire a sostegno del reddito delle famiglie. “Ripianeremo la differenza da mancati introiti della tassa (circa un milione e 200mila euro) - ha spiegato il Presidente della Provincia, Antonello Iannarilli - con la piena applicazione degli oneri per la cartellonistica stradale. Sinora, invece, anche a causa del contenzioso in corso con la società che aveva l’appalto per la gestione della riscossione degli oneri, le entrate sotto questa voce sono state irrisorie”. Dunque una svolta importante ed una mano tesa alle famiglie che possono “respirare” grazie alla sospensione di una tassa che, in situazioni come quella attuale, incidono non poco sul budget familiare. Soprattutto quando i salari sono ridotti all’osso, per effetto ad esempio della cassintegrazione, e nuclei familiari composti anche da cinque persone, sopravvivono con un unico reddito.

FROSINONE- Gioventù Italiana, movimento giovanile de La Destra di Storace lancia una nuova battaglia per il diritto alla casa. “La proposta del nostro movimento, denominata “Progetto casa” - scrive il dirigente nazionale del partito Lucia Alonzi - si pone come obiettivo quello di garantire il diritto alla casa per tutte le famiglie italiane.Per fare questo inizieremo a raccogliere le firme sia a livello regionale che nazionale per poter supportare le nostre proposte. La nostra proposta verte su un Progetto sociale che dovrà essere formulato attraverso il contributo di tutte le istituzioni: Comuni,Province, Regioni e Governo. La proposta dovrà sintetizzarsi in un semplice quanto chiaro Progetto casa il quale avrà come obbiettivo quello di sostituire l'odierna visione commerciale e di profitto delle vendita delle abitazioni in una più giusta forma di comprensione del concetto di casa intesa come diritto

sociale e umano”. Con questa finalità ieri Gioventù italiana ha allestito uno stand in via Aldo Moro per sensibilizzare i cittadini su un argomento molto sentito e che, soprattutto in un momento di crisi come questo, riuschia di diventare un miraggio per molte famiglie che non riescono ad investire sul mattone.

Unione delle province d’Italia Abbate nel coordinamento

Fiorito neo capogruppo Gli auguri di Iannarilli

Rimini ed i Vice Presidenti delle Province di Milano e Lecce. Un riconoscimento molto importante per l'ass e s s o r e provinciale AntonioAbbate, che gli consentirà di promuovere all'interno del Coordinamento nazionale dell'Upi, un'azione proficua ed efficace per la valorizzazione ed il rilancio della nostra provincia. Tra i compiti della rete di amministratori c'è infatti quello di mettere in campo progetti innovativi e proposte unitarie per elaborare politiche e relazioni rispondenti alle molteplici esigenze del settore. La riunione di insediamento si è svolta a Roma il 29 aprile scorso dove si è dibattuto sulla programmazione di attività nel settore della cultura e del turismo in raccordo con i Ministeri competenti. “Si tratta di una nomina che accetto con grande entusiasmo e che mi onora molto - ha dichiarato l’assessore provinciale,

FROSINONE - All’indomani della nomina di Franco Fiorito quale nuovo capogruppo del Pdl alla Regione Lazio, si registrano i primi commenti ed i primi auguri. Così il presidente dell’Amministrazione provinciale di Frosinone,Antonello Iannarilli, esprime i migliori auguri di buon lavoro al neo capogruppo della Pisana.“Sono certo - ha dichiarato Iannarilli - che alla guida del gruppo consiliare alla Pisana, l’amico Franco Fiorito svolgerà un ottimo lavoro e soprattutto saprà rappresentare al meglio le esigenze del nostro territorio che lui stesso ben conosce. La esperienza acquisita in seno al consiglio regionale e le sue qualità politiche lo guideranno al meglio nell’importate compito che lo aspetta”.

FROSINONE - L'assessore alla Cultura della Provincia di Frosinone, Antonio Abbate, è stato nominato componente del Coordinamento nazionale dell'Upi, l’Unione delle province d'Italia che si occupa della programmazione dell'azione degli Assessori alla Cultura e al Turismo di tutta Italia. Di tale organismo, presieduto da Nuccio Altieri, Vice Presidente della Provincia di Bari e dall'onorevole Nicola Bono, responsabile Upi del settore cultura e turismo, fanno parte diciassette amministratori tra cui: gli assessori al Turismo delle Province di Venezia, Ancona, Pescara, Ascoli Piceno, Pesaro-Urbino, Siena, Torino,

Una mostra inedita sull’Art flash mob FROSINONE - Come imparare a trasformarsi nientemeno che in una statua. Si tratta di un evento molto particolare quello in programma domenica 23 maggio a Frosinone dal titolo “Art Flash mob: trasformarsi in statua. Un appuntamento unico nel suo genere che avrà come location il parcheggio dell’ascensore inclinato. L’inizio dlela mostra è previsto per le 11.La finalità quella di far riemergere la storia sommersa di Frosinone.

Ljiljanic al Cnsu Antonio Abbate - anche perché si tratta di un organismo che conta poco meno di venti componenti su tutto il territorio nazionale. Dunque un’opportunità importante per il nostro territorio che rappresenta quasi una sorta di appendice al lavoro che mi vede impegnato nel mio assessorato presso l’Amministrazione provinciale di Frosinone. L’Unione delle province d’Italia, infatti, ha la possibilità di presentare, sia a livello regionale ma, soprattutto, nazionale, proposte e progetti che sono la diretta espressione delle istanze del territorio. Va da sé che avere un referente della nostra provincia, rappresenta un’occasione in più”.

Il Pd frusinate sostiene la candidata FROSINONE - Un incontro per sostenere la candidatura di Elisa Ljiljanic quello organizzato da Mauro Buschini, presso l’“Elleti” a Frosinone, in vista del rinnovo del Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari dei prossimi 12 e 13 maggio. Elisa Ljiljanic è fortemente sostenuta dal Partito Democratico e dai Giovani Democratici del Lazio. Oltre a Buschini e alla candidata, erano presenti molti simpatizzanti e iscritti al Pd. Si è parlato dei temi riguardanti il mondo studentesco, dell’importanza del Cnsu, organo consultivo di rappresentanza studentesca presso il Ministero dell’Università che ha la capacità di incidere, at-

Intercettazioni Convegno del Silp “Intercettazioni, legalità e diritti” è il titolo del convegno organizzato dal sindacato SilpCgil per dibattere su un tema molto scottante nel nostro paese. Soprattutto per conoscere quelli che sonoi confini oltre i quali non si può andare nell’utilizzo delle trascrizioni relative alle intercettazioni telefoniche. Il convegno si svolgerà a Roma il 12 maggio alle 9,30 presso l’Hotel “Quirinale” di via Nazionale.

traverso mansioni di consulenza e di proposta, su questioni fondamentali che riguardano l’università come, per esempio, il riordino della didattica, l’orientamento e la mobilità degli studenti, l’assegnazione dei fondi. In particolare, Buschini, che ha aperto i lavori, ha posto l’accento sull’importanza di avere all’interno del CNSU una rappresentanza di sinistra e di sostenere, dunque, Elisa. Gli ha fatto eco la giovane candidata che, dopo aver ringraziato tutti per la calorosa partecipazione, ha esposto quelle che sono le sue priorità in merito ad alcune problematiche a cui devono far fronte studenti universitari.

11 ANNO I - N° 59 dOmeNIcA 09 mAggIO 2010


frusinate “Sanofi-Aventis” punta sul sito di Anagni “In Italia investimenti per 320 milioni” ANAGNI - Ammontano a circa 320 milioni di euro gli investimenti che il gruppo “Sanofi-Aventis” intende fare sul territorio nazionale. E tra gli stabilimentio interessati dal nuovo piano aziendale, c’è anche quello di Anagni per il quale sono previste importanti novità. A dichiararlo è stato uno dei dirigenti dell’azienda, il chief executive, Chris Viehbacher, in visita in Italia proprio in questi giorni il quale, dopo un sopralluogo negli stabilimenti italiani, tra cui quello anagnino, ha dichiarato: “L'area in cui prevediamo la crescita maggiore in Italia e' quella della ricerca e dello sviluppo: nel periodo 20102013 abbiamo in programma investimenti pari a 320 milioni di euro". "L'Italia e' un Paese molto importante per Sanofi-Aventis - ha spiegato il Ceo all'Adnkronos Salute - qui abbiamo oltre tremila dipendenti, cinque siti produttivi ed esportiamo medicinali in molti Paesi del mondo proprio dall'Italia. Abbiamo inoltre tre centri di ricerca e sviluppo, con attivita' relative ai vaccini e alla salute animale. Insomma, e' uno dei Paesi chiave per noi, registriamo circa 1,2 miliardi di euro di vendite annue, cosa che ci rende la prima azienda nel settore farmaceutico". L'attivita' di ricerca 'azzurra' di Sanofi-aventis conta, a Milano, oltre che su un Cen-

Videocon, tutti a Roma per l’incontro al Ministero ANAGNI - Mentre il Sindaco di Anagni è in Polonia per una visita istituzionale nell’ambito di un meeting sulla “Salute”, l’Amministrazione resta concentrata sui problemi della città mantenendo in tempo reale il filo diretto con il Primo Cittadino. In accordo anche con il Sindaco, infatti, il suo vice Daniele Natalia e l’Assessore Guglielmo Retarvi hanno voluto ribadire il sostegno ai lavoratori Videocon in particolare relativamente a domani quando, alle ore 17 presso il Ministero dello Sviluppo Economico ci sarà lo strategico incontro in cui è prevista la presentazione del piano industriale da parte della cordata

arabo-canadese che ha firmato il preliminare di accordo con la proprietà indiana. Gli amministratori, a tal proposito, hanno voluto mettere a disposizione un autobus che consentirà ai lavoratori di raggiungere la sede ministeriale di via Molise a Roma. Un piccolo gesto con il quale l’Amministrazione intende ribadire “sostegno alle maestranze VDC, sperando che l’incontro previsto sia definitivamente foriero di novità positive per un’azienda che ha dato tanto e che ancora dovrà dare non solo al nostro territorio ma all’intera area nord della Provincia”.

tro di Drug Discovery specializzato nella ricerca preclinica, su un'unita' di ricerca clinica, a Brindisi, su un centro multidisciplinare di biotecnologie e a Scoppito (L'Aquila) e su un laboratorio di galenica, cioe' di sviluppo industriale di nuove formulazioni chimiche, che sara' operativo nel corso del 2010. Nel periodo 2010-2013 il gruppo parigino prevede dunque di stanziare un piano di investimenti di circa 320 milioni di euro mirato allo sviluppo della sua presenza industriale e delle attivita' di ricerca nel nostro Paese, che va ad aggiungersi agli oltre 200 milioni stanziati nel 2006-2009. Per quanto riguarda l'attivita' di ricerca clinica, nel 2007-2009 sono stati investiti 114 milioni. "Ma la vera opportunita' - assicura Viehbacher - e' rappresentata dall'estensione della collaborazione con le universita', gli ospedali e con il settore biotech emergente in Italia. Il vostro Paese ha una storia importante per quanto riguarda le malattie infettive e si potrebbero trovare occasioni di collaborazione in quest'area. Anche la medicina personalizzata e' molto promettente e bisogna continuare a investire nella ricerca di biomarker. In Italia abbiamo storicamente avuto vendite massicce e la nostra volonta' e' quella di rimanere fortemente impegnati nelle attivita' in questo Paese".

"Se dovessi scegliere la parola chiave per il futuro dell'industria farmaceutica direi senza dubbio innovazione" sottolinea Viehbacher intervistato dall'Adnkronos Salute in occasione di una visita in Italia, dove l'azienda francese possiede cinque stabilimenti: Origgio (Va), Garessio (Cn), Anagni (Fr), Scoppito (Aq) e Brindisi, che producono farmaci destinati a tutto il mondo, compresi i Paesi in via di sviluppo. "Occorre dare nuovo slancio all'innovazione - evidenzia Viehbacher - guardando anche al di fuori della propria azienda. Ci sono molte opportunita' che si possono cogliere in giro per il mondo, anche attraverso partnership e accordi di licenza". Per accelerare lo sviluppo di prodotti innovativi e vaccini, la strategia del Gruppo francese e' infatti basata su una politica strutturata di acquisizioni e collaborazione, che costituisce o rafforza piattaforme di crescita a lungo termine. "A oggi - ricorda il Ceo - abbiamo stretto circa 33 tra partnership, collaborazioni e acquisizioni". Tra le piu' importanti oltre a Chattem, il completamento dell'acquisizione di Merial per la salute animale, di BiPar Sciences nel settore dell'oncologia, l'alleanza con la societa' biotecnologica Exelixis e l'acquisizione di Zentiva, strategica per i mercati emergenti.

“Giù le mani dall’acqua pubblica” Raccolta firme a Sora e Isola Liri SORA - “Anche l'area del Sorano è fortemente attiva sul fronte della raccolta delle firme per il referendum sulla ripubblicizzazione dell'acqua spiega Lucia Pallagrosi, referente del Comitato provinciale per l'Acqua Pubblica per l'area del Sorano -. E così dopo i banchetti del 25 aprile ad Arpino e Sora e quello del 1 maggio a Isola del Liri - continua Pallagrosi - si prosegue oggi con i banchetti di Isola del Liri in località San Carlo dalle 9 alle 13, di Castelliri di fronte la chiesa sempre dalle 9 alle 13 e di Sora in piazza Santa Restituta (in occasione del mercatino dell'antiquariato) dalle 16 alle 20. Non è immaginabile un modo migliore per onorare, nel giorno della festa della mamma, la Madre primigenia ossia l'Acqua. La gente dell'area del Sorano

sta rispondendo numerosa e convinta e questo ci sprona alla partecipazione politica e all'attivismo sui temi civili e sociali più a cuore dei cittadini. L'acqua è bene fondamentale non assoggettabile alle logiche del profitto e tutti si stanno rendendo conto che i servizi ad essa collegati non possono che essere gestiti dal pubblico con la puntuale partecipazione dei cittadini. Altri banchetti sono previsti il 23 Maggio a Castelliri dalle 9 alle 13 e il 30 maggio ad Arpino località Scaffa di fronte la chiesa dalle 9 alle 13. Si invitano tutti i cittadini ad apporre la propria firma e contribuire così alla riuscita di questa battaglia di civiltà". Chi volesse informazioni per l'area del sorano può contattare Lucia Pallagrosi 349 7338911 e Otello Martini 3395679386.

Raccolta rifiuti, a Fiuggi i debiti comunali sono raddoppiati FIUUGGI - Si sono raddoppiati i debiti che il Comune di Fiuggi ha contratto con il Consorzio Gaia relativamente al servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani. Questo è quanto emerso nel corso di un incontro svoltosi qualche giorno fa tra gli amministratori comunali e i dirigenti del Consorzio per fare il punto della situazione debitoria. A conti fattio, però, dai 2 milioni e 700.000 euro, che erano emersi in uno degli ultimi conteggi avvenuto nel corso dell'amministrazione guidata da Virginio Bonanni, si è passati all’attuale debito, pari a ben quattro milioni e 500 mila euro. Dunque un raddoppio che è ca-

duto come una tegola sulla testa degli amministratori. “Si tratta dell’ennesimo regalo del precedente governo cittadino- ha dichiarato l’assessore al Bilancio Marco Fiorini- . Quello che infatti è emerso, nel corso dell'incontro, è come l'amministrazione Bonanni abbia versato dei piccoli acconti annui tra i 100 ed i 150.000 euro al Gaia fino al primo semestre del 2008, poi più nulla. In questo modo il debito nei confronti del consorzio è cresciuto in modo esponenziale, fino ad arrivare alla cifra da lei citata. L'amministrazione comunale comunque, vanta dei crediti importanti nei confronti degli utenti, ma noi non

Ubriaco alla guida provoca incidente ALATRI - Provoca un incidente stradale con feriti ma, una volta in ospedale, si scopre che guidava piuttosto “alticcio”. Un 39enne di Alatri è stato denunciato la notte scorsa dai carabinieri della locale Compagnia per “guida in stato di ebbrezza alcolica”. Infatti, sottoposto ad accertamento presso il “San Benedetto” risultava avere un grado alcolemico superiore a quello consentito dalla legge. La patente di guida è stata ritirata.

vogliamo vessare nessuno, per riscuoterli, poiché siamo perfettamente coscienti del momento di grande difficoltà economica che i nostri concittadini stanno vivendo. Pertanto li rateizzeremo- ha concluso Fiorini - per consentire a tutti di avere il tempo di ammortizzarne gli effetti”. In ogni caso il debito con la società di raccolta, deve essere affrontato tempestivamente, per evitare che possa crescere ulteriormente. A tal proposito il primo cittadino Fabrizio Martini, incontrerà una banca convenzionata con il consorzio Gaia giovedì tredici maggio, per tentare di rateizzarlo in una maniera sostenibile per il comune.

Atina, Concerti di primavera ATINA - Al via l’appuntamento “Concerti di primavera” che ormai per la cittadina di Atina sono divenuti una vera e propria tradizione. Organizzati dall'assessorato alla Cultura del Comune diAtina in collaborazione con il Conservatorio di Musica "L. Refice" di Frosinone, i “Concerti di primavera” avranno luogo oggi,alle 18 presso le sale del Palazzo Ducale con l’esibizione del Quartetto Armaleo per - Quartetto d'archi.

13 ANNO I - N° 59 dOmeNIcA 09 mAggIO 2010


sport CALCIO SERIE B

I canarini passano a sorpresa sul campo del Cittadella grazie ad una rete di Stellone

Il Frosinone torna a ruggire Vittoria preziosa per morale e classifica: la cura Carboni ha prodotto la reazione auspicata Cittadella: Pierobon, Manucci, Cherubin, Nocentini, Marchesan, Pettinari, Bellazzini (Volpe 75'), Magallanes (Martignano 85'), Musso (Curiale al 60'), Ardemagni, Carteri A disp: Villanova, Gorini, Teoldi, Pisani. All.Foscarini. Frosinone: Sicignano, Bocchetti, Scarlato (Guidi 56'), Maietta, Del Prete, Cariello (Ascoli 85'), Basha, Bolzoni, Troianiello, Santoruvo, Stellone (Aurelio 74') A disp: Frattali, Caremi, Calil, Mazzeo. All.Carboni. Arbitro: De Marco della sezione di Chiavari. Marcatori: Stellone al 64' Ammonti: Musso (C), Santoruvo, Maietta , Stellone, Bolzoni (F). CITTADELLA - Vince a sorpresa il Frosinone di mister Carboni in terra veneta. Vittoria esterna che mancava ai ciociari da più di quattro mesi. Ora la salvezza è, seppur di poco, più vicina. Man of the match il bomber Stellone che con una sua prodezza porta i ciociari a quota quarantasei punti ma per differenza reti con la Triestina ancora in zona play-out. Il cambio di panchina ha prodotto la reazione auspicata dal presidente Stirpe: i canarini scesi ieri al Tombolato

hanno dimostrato di possedere le credenziali per raggiungere la salvezza evitando i play-out. Grandi tutti i ragazzi che hanno seguito le direttive di mister Guido Carboni con una prestazione tutta grinta e cuore. La cronaca della gara: Frosinone che parte bene e già al 5' azione personale di Troianiello che entra in area e mette al centro per Ca-

che scatta sul filo del fuorigioco, entra in area ma Sicignano si oppone deviando in angolo. Un minuto più tardi però è il Frosinone a rendersi pericoloso con una conclusione di Basha dalla distanza, Pierobon blocca in due tempi. Un primo dopo è ancora il Frosinone che insiste sulla via del gol. Sempre da fuori Basha si rende pericoloso ma Pierobon è

Roberto Stellone ha realizzato la rete della vittoria canarina riello che leggermente in ritardo non impatta la palla. Risponde il Cittadella con una punizione di Bellazzini dal limite, alta sulla traversa. Ancora i padroni di casa pericolosi al 14' con Ardemagni

attento e non si lascia sorprendere. Partita sostanzialmente equilibrata. Al 30' contropiede del Cittadella che va al cross dalla destra con Musso, colpo di testa di Ardemagni ma Sicignano

si rifugia in angolo. Sugli sviluppi del calcio d'angolo Manucci svetta di testa e Sicignano si salva con l'aiuto della traversa. Frosinone fortunato in questa occasione e risultato che rimane inchiodato sullo 0 a 0. Al 38' Cross di Basha dalla destra, mezza rovesciata di Santoruvo che finisce alta. Ultima azione del primo tempo ancora di marca Cittadella che ci prova con un destro di Manucci dalla distanza, palla di poco alta sulla traversa. Termina così il primo tempo. Frosinone non molto pericoloso in attacco ma apparso più quadrato e voglioso rispetto alle ultime uscite. La ripresa inizia con subito due pericoli consecutivi per il Frosinone. Il Cittadella infatti usufruisce di due calci di punizione da ottima posizione che fortunatamente per la squadra ciociara vengono respinti dalla barriera. Padroni di casa che comunque sembrano essere rientrati in campo molto più determinati. Ma il Frosinone non sta a guardare e pare esprimersi molto meglio fuori dal Matusa. All' 8' Santoruvo sfonda in area e a tu per tu con Pierobon spara di destro ma l'estremo di casa si rifugia in angolo. Sull'angolo Basha prova la conclusione al volo, ancora bravo Pierobon che

blocca a terra. Al 13' è il Frosinone che prova con un azione tambureggiante a sfondare la retroguardia di casa ma Bolzoni chiude male il triangolo con Stellone che strozza così il tiro da buona posizione. Ciociari che comunque interpretano la gara in maniera buona e sembrano essere lontani parenti di quei giocatori apparsi svogliati e fuori forma nelle ultime gare. Al 64' episodio che potrebbe risultare decisivo nella stagione dei canarini. Il Frosinone, meritatamente, passa in vantaggio !Splendido gol di Stellone, che dai 30 metri stoppa di petto e lascia partire un potente sinistro che si infila sotto il sette con Pierobon immobile. Gol bellissimo e pesantissimo del puntero ciociaro. Vittoria pesante come un macigno per i ciociari. La squadra vista al “Tombolato” è apparsa molto sicura di se e molto ben messa in campo. Sicuramente il 4-4-2 varato da mister Carboni ha giovato e non poco. Ora però i ciociari non devono commettere l'errore di cullarsi troppo dopo questa vittoria. Bisognerà ripetere questa bella prestazione già sabato prossimo in casa contro il Grosseto che ieri ha chiuso con uno scoppiettante tre a tre interno contro il Piacenza. Andrea Mastrantoni

CALCIO LEGA PRO

BASKET LEGADUE

Isola, a Gela per i tre punti

Prima Veroli inizia i play-off da assoluta favorita Coach Cancellieri: “Guai a sottovalutare Scafati”

L’Isola Liri, con un piede e mezzo nei play-out, quest’oggi sarà impegnato a Gela nell’ultimo turno della stagione regolare. Necessario in casa biancazzurra evitare un’ulteriore battuta d’arresto al cospetto di una compagine che non ha nulla da chiedere al campionato. Anche perchè sarà fondamentale tenere alla larga il Noicattaro impegnato in quel di Scafati che con un successo potrebbe scavalcare proprio i biancorossi in gtraduatoria. Fondamentale quindi per il team isolano mantenere la quintultima piazza che gli consetirebbe di affrontare nei playout il Vico Equense, la formazione più debole del lotto. Mister Sandro Grossi potrebbe decidere di tenere a riposo i diffidati Paolacci, Mangiapelo, D’Alessandro e Raffaello: tutte pedine preziose indispensabili per gli spareggi che appaiono quasi inevitabili.

14 ANNO I - N° 59 DOmENICA 09 mAGGIO 2010

VEROLI - Prima Veroli inizia i suoi play-off con la “scomoda” etichetta di favorita. La formazione di coach Cancellieri è a detta di molti la strafavorita per raggiungere Brindisi in A1. Ma il primo ostacolo Scafati sarà durissimo !Cancellieri è riuscito a bissare il successo in Coppa di Lega dello scorso anno e a ripetersi pure nella conquista del secondo posto in classifica, che vuol dire partire come teste di serie per la griglia play off. Ma se Veroli è la squadra da battere in questo finale di stagione, Scafati, con il gruppo a disposizione che ha dopo la rivoluzione invernale, non è da meno. Anche qui: bravo Calvani per aver raggiunto i play off nelle ultime gare; i suoi ragazzi non hanno nulla da perdere e affronteranno queste gare con estrema serenità. Ma se cominciasse ora il campionato una squadra lunga e con talento come l’attuale Bialetti sarebbe

sicuramente inserita fra le prime tre o quattro candidate al salto di categoria. Goss, Apodaca, Chiacig, solo per citare alcune stelle a disposizione dei campani, sono avversari che Cancellieri farebbe volentieri a meno di incontrare. Veroli Vs. Scafati – come lo scorso anno, con una differenza sostanziale. Veroli c’arriva con il vento in poppa sulla spinta di tre vittorie negli ultimi tre turni di campionato. Tre successi ottenuti in maniera convincente che la pongono in una situazione fisica e mentale all’opposto di quella dell’anno passato. Serie apertissima comunque per il valore di Scafati, squadra ricostruita in corso d’ opera che non vale sicuramente il 9° posto. E poi Scafati è sicuramente il campo più caldo di tutti i play-off. E’ sembrato uno strano scherzo del destino ma se il primo esordio nei play off rimase indigesto a Veroli, il secondo nasce con tutt’altre

aspettative e presupposti. E poco importa che come l’anno scorso l’avversario si chiami Scafati perché ciò che è cambiato è so-

Coach Massino Cancellieri prattutto lo stato mentale e fisico con cui Veroli si presenta a questi play off. La squadra di Cancellieri è reduce da tre vittorie consecutive che le hanno fatto vincere lo sprint per la testa di serie numero uno ma soprattutto

sembra avere quella mentalità da play off che può fare la differenza. “Non mi interessa l’avversaria che andiamo ad affrontare ma il modo in cui l'andremo ad affrontare. – si è sforzato di dire Massimo Cancellieri - Alla vigilia di questa gara 1- non possiamo considerare questa serie come la sfida tra la testa di serie numero uno e l’ultima: sarebbe un grave errore da parte nostra. Scafati è una formazione che compete meglio con le grandi squadre che con le piccole, hanno delle chance che noi dobbiamo annullare nell’arco di queste cinque partite. Dobbiamo innanzitutto partire bene con le due gare in casa e poi essere coscienti che laggiù sarà una bolgia. Sarà difficile ma non impossibile perché con Scafati c'abbiamo già vinto, quindi possiamo avere la serenità, la fiducia e la solidità per iniziare un play off che speriamo duri il più a lungo possibile”. andr.mastr.

Crotone non si ferma più ColpoToro a Sassuolo

Il Lecce vede la serie A Brescia e Cesena ok

Questi i risultati della 39^ giornata del torneo cadetto in attesa del positicipo che metterà di fronte l’Albinoleffe alla Salernitana: Triestina-Reggina 2-1; AscoliLecce 1-2; Brescia-Ancona 3-0; Cesena-Padova 2-0; Cittadella-Frosinone 0-1; Gallipoli-Crotone 2-3; Grosseto-Piacenza 3-3; Mantova-Modena 1-1; Sassuolo-Torino 2-3; Vicenza-Empoli 2-1.

Questa la classifica della serie B dopo le gare pomeridiane della 39^ giornata: Lecce 73, Brescia 66, Cesena 65, Sassuolo 62, Torino 61, Cittadella 60, Crotone e Grosseto 59; Empoli 55, Ascoli 54, Ancona e Modena 51, Albinoleffe, Vicenza e Piacenza 49; Reggina 47, Triestina e Frosinone 46; Mantova 45, Padova 42, Gallipoli 40, Salernitana 17.


sport CALCIO LEGA PRO

Oggi si chiude il campionato degli azzurri che al Salveti ospitano i capitolini di Incocciati

Cassino, il giorno dei saluti E’la partita d’addio di Pellegrino e di molti giocatori che non verranno confermati CASSINO - Siamo arrivati al giorno dell’epilogo e dei saluti che manderanno in archivio una stagione in chiaroscuro. In particolare, Cassino-Cisco Roma sarà l’ultima gara in azzurro per molti giocatori che cambieranno aria ma soprattutto per il tecnico Maurizio Pellegrino che chiuderà quest’oggi la sua breve ma intensa esperienza cassinate. Al termine della rifinitura di ieri mattina

Maurizio Pellegrino

il mister siracusano ha diramato l’elenco dei calciatori convocati per la sfida contro i capitolini allenati da Beppe Incocciati, valida per il trentaquattresimo turno di campionato. Out solo gli infortunati Frisenda, Scappaticci e Sfanò, l’allenatore ha convocato 23 giocatori. Portieri: Amadio, Indiveri, Paoletti.Difensori: Bianciardi, Bica Badan, Cafiero, Goisis, Lolli, Martinelli, Merli Sala. Centrocampisti: Berardi, Bonacquisti, Bracaletti, Conti, Giannone, Kone, Romeo, Suarino, Vigna. Attaccanti: Bardeggia, Jefferson, Mezgour, Morello. Praticamente impossibile abbozzare l’undici che Pellegrino manderà in campo dal primo minuto. Probabile comunque che decida di dare spazio a quei giocatori che hanno avuto poche chance di mettersi in mostra durante l’arco della stagione, come accaduto una settimana fa in quel di Castellammare di Stabia. La squadra azzurra non andrà in ritiro: l’appuntamento è previsto per questa mattina alle ore 10 presso

34^ GIORNATA Aversa - Juve Stabia Brindisi - Manfredonia Cassino - Cisco Roma Gela - Isola Liri Melfi - Catanzaro Monopoli - Igea Virtus Scafatese - Noicattaro Siracusa - Barletta Vico Equense - Vibonese l’Hotel “Al Boschetto” per il pranzo. Gli atleti rientreranno a Cassino martedì; mercoledì 12 il “rompete le righe”. Cassino e Cisco Roma si incontrano per la quarta volta negli ultimi dieci anni. Il bilancio complessivo è di assoluta parità. Una vittoria ciascuno ed un pareggio.Il primo precedente risale alla stagione sportiva 2007/08, quando alla ottava giornata di andata, il Cassino in casa vinse di misura con la rete di Imperio Carcione direttamente da calcio d’angolo. Nel

SCOMM E S S E

CLASSIFICA Juve Stabia Catanzaro (-3) Cisco Roma Barletta (-1) Brindisi Siracusa Cassino Gela Melfi Manfredonia Aversa Normanna Monopoli Scafatese Isola Liri Noicattaro Vibonese (-1) Vico Equense Igea Virtus (-5)

72 68 65 56 54 51 48 46 46 42 41 40 38 35 34 28 26 8

girone di ritorno allo stadio Flaminio finì 0-0. Sempre di misura invece nella gara di andata la Cisco Roma vinse con una straordinaria rete di Daniel Ciofani. Antonino Massara

SOTTO A CHI TOCCA

La Cisco Roma si presenta in forma play-off ROMA- La terza squadra della Capitale, tra le quattro che si presenteranno ai nastri di partenza dei play-off, è senza dubbio la formazione che nell’ultimo periodo ha mostrato una brillante condizione atletica oltre al gran carattere che domenica scorsa ha dato il via ad una splendida rimonta contro il Siracusa inizialmente in vantaggio di due reti. I biancorossi di Incocciati hanno avuto un rendimento elevato e costante per tutto l’arco del campionato: quasi sempre impeccabili tra le mura amiche del Flaminio, è stato qualche passo falso di troppo nelle gare esterne(sconfitta a Vibo Valentia, pareggio a Vico Equense e Isola Liri) a frenarne l’ascesa verso il primo posto. Già, perchè con questo obiettivo è stato costruito l’organico dal cassinate di nascita Di Santo ad inizio stagione. Le mire del presidente Ciaccia, suben-

trato all’imprenditore Tulli del gruppo Cisco il quale, nonostante gli sforzi finanziari

Il bomber Daniel Ciofani non è riuscito ad ottenere i risultati auspicati, sono state chiare sin dalle prime battute e senza badare troppo a spese ha portato alla corte di

Beppe Incocciati calciatori del calibro dell’ex difensore del Torino Doudou, del portiere fresco vincitore di campionato con la maglia del Cosenza Ambrosi, dell’esterno offensivo ex Lecce Babù, dei centrocampisti Chiappara(ex Novara) e Romondini(ex Avellino, Salernitana, Padova e Venezia). Ma, oltre a Max Caputo(prelevato a gennaio dal Catanzaro), a Di Vicino(svincolato) ed al promettentissimo Lanteri, il vero fiore all’occhiello della sonstuosa campagna acquisti della formazione capitolina è stato l’attaccante Daniel Ciofani, autore di ben 21 reti nella stagione in corso tra cui quella che all’andata decise la sfida tra Cisco e Cassino. Centravanti moderno, forte fisicamente e bravo anche con i piedi, Ciofani(classe 1985) detiene il record di segnature stagionali in tutti e cinque i gironi di Lega Pro: la sua esplo-

sione attirerà sicuramente l’interesse di società di categoria superiore. Intanto c’è da chiudere al meglio questa annata, e l’obiettivo è quello di vincere gli spareggi playoff magari partendo dalla seconda piazza che la Cisco potrebbe conquistare in caso di vittoria al Salveti e contemporanea sconfitta del Catanzaro in quel di Melfi. Contro gli azzurri mancherà il solo Balzano, fermato per un turno dal giudice sportivo. Probabile che il tecnico Bedppe Incocciati lasci a riposo in panchina i vari Babù, Doudou e Ciofani come successo domenica scorsa nel match del Flaminio contro il Siracusa, in primis per preservarli da eventuali infortuni in vista dei play-off. In secondo luogo per dare spazio alle cosiddette seconde linee che rispondono ai nomi di Caputo, Di Vicino e Lanteri. ant.mass.

Spagna, super Red Bull Alonso soltanto quarto

Mou attacca Ranieri: “Allenatore di bambini”

Prima fila Red Bull nel Gran Premio di Spagna. L'australiano Mark Webber ha conquistato la pole position davanti al compagno di squadra Sebastian Vettel. Quarta la Ferrari di Fernando Alonso. terza piazza per la McLaren di Lewis Hamilton, mentre l'altra Freccia d'argento di Jenson Button ha ottenuto il quinto posto davanti alla Mercedes di Michael Schumacher. Nono Felipe Massa.

Il tecnico dell'Inter Josè Mourinho ci va giù pesante attaccando Claudio Ranieri: «Non ho mai detto di essere un fenomeno, però non è certo colpa mia se, nel 2004, dopo essere arrivato al Chelsea e aver chiesto perchè stavano cambiando Ranieri, mi hanno risposto che volevano vincere e con lui non sarebbe mai capitato. Di questo io non proprie ho colpe».

Tutte le dritte sulla serie A Chi l’avrebbe mai detto. La penultima giornata di serie A, tra le tante quote inguardabili, offre ancora qualche buona occasione. Certo per scovarle bisogna approcciarsi al betting in un modo un po’anticonformista, evitando di fare l’errato ragionamento “quota alta, esito impossibile”, ricordandosi di come i bookie, nel fare le loro valutazioni, cerchino semplicemente di indovinare in che percentuale verrà giocata una determinata opzione. La domanda da porsi è: chi ci dice che la massa abbia per forza ragione? Con questa mentalità è più facile notare certi prono, nel 37esimo turno della massima serie italiana, che pagano più del dovuto (chiamasi value bets). Innanzitutto Livorno-Lazio. Chi gioca il 2 a 1,60 dimostra di non sapere nulla della forte rivalità esistente tra le due tifoserie che porterà i già retrocessi toscani a giocarsela al massimo, né del fatto che i biancocelesti sarebbero salvi anche con una sconfitta, nel caso l’Atalanta non batta il Napoli al San Paolo. In considerazione di ciò l’1 a 4,75 appare una bella singola, da provare a basso investimento ovviamente. L’1X a 1,96 è una doppia da inserire assolutamente nelle nostre multiple e, perché no, anch’essa da giocare singolarmente. Spropositato anche l’under di Inter-Chievo a 2,80. Ai nerazzurri bastano i tre punti, non hanno bisogno della goleada: chi ci dice che sarà per forza goleada (ammesso e non concesso che il Chievo non segni) contro i veronesi che hanno terminato in under il 78% delle loro trasferte? Per il resto l’1 migliore appare quello di Udinese-Bari a 1,80: i friulani saranno impegnati a far segnare ancora Di Natale, desideroso di battere il record di Bierhoff di 27 reti in A con la maglia bianconera. Da over, nonostante la quota non esaltante (1,60) l’apertissima Napoli-Atalanta, in cui il pari non serve a nessuno. Da non fidarsi del 2 del Milan a Genova. Il materiale per una quartina c’è: sicuramente rischiosa ma molto meglio che legare un’infinità di quotucce solo all’apparenza scontate. Luca Tedeschi

15 ANNO I - N° 59 dOMENICA 09 MAGGIO 2010


lagazzettacassino090510a  

Giunta da azzerare Interviento di Altrui Rifiuti radioattivi Chi li gestisce? dISTRIbuzIONE GRATuITA dOmENICA 09 mAGGIO 2010 ANNO I - N° 59

Advertisement