Page 1

ANNO I - N° 219 - mArtedì 7 dICembre 2010 - dIstrIbuzIONe grAtuItA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita gIOrNALe sAtIrICO

A CASSINO “DE PROFUNDIS” DEL COMMERCIO www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO AL PARTITO DEMOCRATICO Nomi “eccellenti”, si fa per dire, hanno disertato domenica scorsa il congresso provinciale del Partito democratico, a dimostrazione di quanto il Pd stia non solo a corto di argomenti ma non ha neppure progetti da avanzare. Peraltro nelle relazioni lette dagli inter venuti non è stato fatto alcun cenno a Cassino. Risibile, altresì, è apparsa la motivazione resa dagli organizzatori i quali, dinanzi ad una platea semivuota si sono giustificati asserendo che l’incontro era avvenuto di domenica. ma come, chiediamo, non è stato deciso proprio di organizzarlo di domenica per permettere a tutti di partecipare?

L’OSCAR DEL GIORNO A LAURA MATERIALE Al sindaco di Castrocielo bisogna dare atto di un impegno che da tempo sta portando avanti per rivitalizzare il centro storico del suo paese, peraltro uno degli scorci più caratteristici della Ciociaria. Infatti, dopo le diverse iniziative organizzate durante l’estate adesso, in occasione delle festività natalizie, Laura Materiale ha organizzato per sabato 18 dicembre “Sapori di natale”, un percorso enogastronomico che si snoderà tra i vicoli del paesino dove sarà possibile degustare i piatti elaborati dalle sapienti mani della massaie locali.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE Il manager partenopeo, 62 anni, è stato voluto dal sindaco Alemanno per il dopo “parentopoli”

Basile, l’uomo che salverà l’Atac ROMA - Quarantacinque giorni è un arco di tempo troppo ridotto per rimettere in moto l’Atac SpA finita in panne per eccesso di fusioni e overdose di dipendenti. Maurizio Basile, il manager chiamato da Alemanno a far ripartire l’azienda di via Ostiense, li ha impiegati a certificare il malessere seguito al frenetico gioco dei compattamenti e spacchettamenti con Met.Ro e Trambus. Non c’è consiglio municipale che non abbia ormai un suo rappresentante espressione vicina o indiretta di Atac. E questo da solo basterebbe a spiegare lo strano intreccio con la vita politica della città. I legami, le clientele, la parentopoli che risalirebbero addirittura ai trisavoli. Ma ora c’è poco da scherzare: la situazione è critica. «Abbiamo convocato la prossima settimana un CdA in cui faremo il punto al 31 ottobre 2010 - va subito al sodo Basile, 62 anni, napoletano, artefice in passato di altri salvataggi in extremis, esperto in liquidazioni (Italsanità) e privatizzazioni (Ente Tabacchi). Siamo ragionevolmente convinti che le perdite supereranno già ora un terzo del capitale sociale (300 milioni di euro, ndr) . Dovremo dunque convocare l’Assemblea ai sensi dell’articolo 2446 del codice civile». E’ ragionevole dunque parlare di una perdita di esercizio a fine 2010 vicina ai 120 milioni di euro? «Si faccia il conto, non siamo lontani». Con questi chiari di luna mantenere anche l’incarico di capo di gabinetto... «... la fermo subito: domani presenterò le dimissioni e mi occuperò a tempo pieno di Atac. Ne ho già parlato col sindaco. Mi ha dato carta bianca. La missione è chiara: farne un’azienda “normale”. Abbiamo avviato un’analisi comparativa con le altre aziende pubbliche del settore per capire come e dove intervenire. A fine

2 ANNO I - N° 219 mArtedì 7 dIcembre 2010

gennaio presenteremo il piano industriale». Cubista a parte, la parentopoli è imbarazzante, lo ammetta. «Abbiamo affidato un’indagine interna al dottor Castaldo, uno dei componenti del collegio dei sindaci. Avrà il compito di verificare le procedure seguite nella selezione del personale negli ultimi 10 anni e in particolare le assunzioni degli ultimi 3 anni». E la Praxi, pagata per assumere “raccomandati”? «E’ uno dei punti dell’indagine. Bisogna capire che ruolo ha svolto e tutto ciò che eventualmente emergerà sotto tutti i profili, giuridici, civilistici, juslavoristici e penali se ci fossero». Il sindaco Alemanno ha parlato di provvedimenti per chi non risulterà in regola. Li licenzierete? «Quella del sindaco è una dichiarazione di principio, prima dovremo aspettare la fine dell’indagine interna. E’un controllo che va fatto in alcuni casi su tre aziende diverse, vista la fusione. Non è semplice. Dovremo capire se si tratta di un problema isolato o di una vera patologia. Per questo il nostro lavoro viene filtrato da alcuni avvocati. Se emergeranno raggiri o falsificazioni di documenti è chiaro che i provvedimenti ci saranno. L’azienda deve ripartire».

“Rispetto ad altre aziende di settore, abbiamo margini di recupero per ciò che riguarda la produttività” Diciamo ripartire in tutti i sensi: 4000 corse in meno ogni giorno per guasti, traffico, mancanza di personale specializzatio, etc, etc. Vuol

dire a fine 2010, circa 4 milioni di chilometri/vettura in meno rispetto al contratto di servizio. «Non mi meraviglierei se alle fine delle indagini emergessero

sta fa almeno 10 corse al giorno. Anche per questo aumentano le attese alle fermate e si sospendono le ferie ai conducenti? «E’ tutto da verificare, ripeto. Ma

numeri del tipo di quelli pubblicati dal Messaggero. C’è un’anzianità media della flotta di 7 anni e mezzo e questo non aiuta. Gli investimenti della Regione Lazio e in particolare del Comune di Roma, i due enti che potevano finanziarci, sono stati insufficienti. Questo sarà un punto principale del piano, una verifica sull’adeguatezza dei mezzi». Nei depositi più importanti gli ex controllori hanno preso il posto degli ingegneri. Non sarà anche per questo? «E’ indubbio che la riqualificazione delle competenze tecniche del personale di periferia è un passaggio importante. Dobbiamo immaginare un recruiting di giovani. Porterà vantaggi a livello tecnico e un maggiore link con le indicazioni tecniche aziendali. Ma è chiaro che sarà importante anche valorizzare le competenze interne». Mancano 200 autisti. Ogni auti-

già ora sono in grado di dire, rispetto al benchmark delle altre aziende del settore, che abbiamo ampi spazi di recupero della produttività. E’ chiaro che sia per i macchinisti che per gli autisti in un certo arco di tempo le assunzioni ci saranno. Fa parte di quello che prima ho definito il processo di normalizzazione dell’Atac. Ma non posso ancora fare i numeri. Li faremo a gennaio quando ci metteremo intorno al tavolo con i sindacati». E’ vero che oltre alle assunzioni facili ci sono state anche le promozioni facili? E che molti autisti hanno chiesto di scendere dagli autobus per diventare impiegati? «Stiamo verificando, tutta l’area del personale è oggetto di verifiche» Anche i manager? «E’ ovvio che dovrò procedere ad alcune ottimizzazioni dell’assetto organizzativo e affidarmi a poche eccellenze manageriali. Ab-

biamo dato incarico a Spencer Stuart di valutare le prime 20 posizioni per verificare la rispondenza dei profili professionali con i ruoli che ricoprono e le esigenze dell’azienda. Ma questo è solo il primo step. Poi scenderemo al secondo livello e faremo le stesse verifiche». Capitolo appalti. Com’è possibile che i disco freni per la metro B stavano per costare all’Atac una cifra 4 volte superiore al prezzo di mercato? «Sono in corso indagini e non solo su questo appalto in particolare. Ma già prima che arrivassi io era stata avviata una verifica seria. Su questo punto e su altri con il presidente Luigi Legnani e con il CdA c’è la volontà di prendere decisioni in piena collegialità. E vista l’eccezionalità del momento ci stiamo riunendo una volta a settimana». L’assessore alla Mobilità Sergio Marchi ha parlato di privatizzazione. Non è che l’hanno chiamata per questo? «La legge impone che entro il 2011 l’azionista debba assumere una delibera di orientamento. Le strade sono due: o si decide il mantenimento in house del servizio, previa autorizzazione dell’Autorità garante della concorrenza, alla quale bisognerà dimostrare comunque la convenienza di una scelta del genere. O invece si va verso la cessione di una quota di minoranza con il coinvolgimento di privati. Io mi limiterò a riferire all’azionista. Ma sia in un caso che nell’altro la cosa più importante sarà rimettere i conti a posto e dare un’altra immagine dell’azienda». A proposito. Chi gestirà la comunicazione? «Io stesso, come ho sempre fatto. Anche in questo settore del resto ho notato un disordine complessivo e molte aree che dopo la fusione si sovrappongono fra loro».

Speronano agente, arrestati due italiani

Arrestati 19 ultrà, provocarono incidenti

ROMA - È finita male per due incensurati italiani di 47 e 39 anni, i quali, a bordo di un'utilitaria, ieri intorno alle 18 hanno tentato di speronare un altro automobilista che stava procedendo sulla carreggiata interna il G.R.A. all'altezza di via Casilina. Per loro sfortuna si trattava di un poliziotto fuori servizio.

ROMA - Diciannove ultrà di Pescara e Roma sono stati arrestati dagli agenti delle Questure di Pescara, Roma e Milano su ordine di custodia cautelare emesso dal Gip del Tribunale di Pescara per avere causato, lo scorso 8 agosto, gli incidenti prima e dopo la gara amichevole Pescara-Roma; per 18 dei 19 arrestati, sono stati disposti i domiciliari.


REGIONE Soddisfatta la presidente Polverini: “Prima regione ad aver presentato la manovra del 2011”

Finanziaria, via libera della giunta R O M A - Vi a l i b e r a d a l l a giunta regionale del Lazio al Bilancio di previsione e alla manovra finanziaria per il 2011. Il bilancio si attesta sui 25,2 miliardi di e u r o. L a p a r t e c o r r e n t e prevede 700 milioni di rimodulazione dei fondi e 500 di fondi non impegnati e s b l o c c a t i c o n i l Pa t t o r e g i o n a l i z z a t o. Pe r q u a n t o r i guarda invece la parte in c o n t o c a p i t a l e, s o n o p r e v i sti 200 milioni di euro per l a r i modul azi on e di i nvesti menti, 1,5 miliardi per quelli nuovi e 800 milioni di di smi ssi on i patr i mon i al i . Annunciati anche un mutuo di 750 milioni per abbatt e r e i l d i s av a n z o, 2 5 m i l a euro per tre anni per il

Un centinaio di manifestanti salgono sul tetto della Pisana ROMA - Reddito garantito, casa e lavoro: sono queste le richieste avanzate da alcuni esponenti dei movimenti che questa mattina hanno occupato il palazzo della Regione Lazio, a Roma, e che dopo essere stati allontanati dalle forze dell’ordine hanno bloccato la circolazione su via Cristoforo Colombo. I manifestanti (un centinaio di persone) appartengono al Movimento per la casa, al Movimento per l'acqua, ai comitati per il lavoro e la precarietà e chiedono un incontro con la governatrice Renata Polverini. Sette di loro, arrampicandosi su un’impalcatura, sono riusciti a salire sul tetto del palazzo, mentre

altri, insieme ad alcuni bambini piccoli, si sono accampati nel giardino interno della Regione. In mattinata i manife-

stanti hanno prelevato nel cantiere delal Regione alcune sbarre di alluminio con le quali per qualche ora sono riusciti a bloccare via Maria Drago Mazzini. Sul posto, oltre alle forze dell'ordine, in assetto antisommossa, sono arrivati anche i consiglieri regionali del Prc Ivano Peduzzi e Fabio Nobile e il consigliere provinciale Gianluca Peciola. Dopo essere stati respinti dalle forze dell’ordine all’esterno del cortile, i manifestanti hanno chiuso via Cristoforo Colombo in entrambe le direzioni con alcuni vasi del guardrail. Al momento risultano feriti due manifestanti mentre resta presidiato il tetto.

museo della liberazione di v i a Ta s s o, 6 0 m i l i o n i p e r i l fondo unico di ricerca, 235 per il servizio idrico e 50 milioni per non fermare i l av o r i s u l l ’ A 2 4 . “ S i a m o l a p r i m a g i u n t a a d av e r p r e sentato la manovra finanziaria per il 2011 – ha sottolineato la governatrice R e n a t a Po l ve r i n i - . E n t r o i l 3 1 d i c e m b r e a r r i ve r e m o a l l ’ a p p r ova z i o n e i n C o n s i g l i o perché questo era l’impeg n o c h e aveva m o p r e s o c o n il ministero dell’Economia con il piano di rientro dal deficit della sanità. Malgrado le ristrettezze economiche siamo riusciti a mettere in campo una manovra che consente condiz i o n i d i s v i l u p p o. S o n o

molto orgogliosa, perché abbiamo coperto i 100 milioni che il decreto 78 di Tr e m o n t i t a g l i av a s u l s o c i a l e. R e s t a n o a l c e n t r o p o i l ’ a m b i e n t e, l a c a s a , l a f a m i g l i a , i l l av o r o, l a c u l t u r a e la famiglia. Non ci sono s o l o t a g l i m a p r o s p e t t i ve d i s o s t e g n o ” . Pe r q u a n t o r i g u a r d a , i nve c e, i l t r a s p o r t o p u b b l i c o l o c a l e, h a a g giunto la p r e s i d e n t e, “siamo ancora in discussione con il ministero Economia e come Regioni s t i a m o a s p e t t a n d o d i ave r e una risposta per dare ossig e n o a l l e n o s t r e c a s s e. A b b i a m o t e m p o d i i n t e r ve n i r e fino al 31 dicembre e lo faremo senza penalizzare i cittadini”.

Cibi“Chilometri zero”nelle mense scolastiche di Roma ROMA - Nelle mense delle scuole comunali di Roma verranno aboliti i cibi biologici. Il Campidoglio, dopo aver deciso due anni fa di abolire la cucina etnica, ora punta sui prodotti a chilometro zero: il parmigiano reggiano bio sarà sostituito da quello convenzionale; la carne di suino al posto di quella di coniglio e il prosciutto cotto arrosto o il cotto senza derivati dal latte sarà, invece sostituito dalla bresaola. La decisione è stata presa a causa dell’insussistenza di fondi in bilancio, e, proprio in questi giorni una circolare, emanata il primo dicembre, inviata dal Comune agli istituti scolastici autorizza “i gestori delle mense a sostituire alcune pietanze”. “Meglio i prodotti a chilometri zero che il biologico astratto - ha fatto sapere il sindaco Gianni Alemanno -. Rispetto a un prodotto biologico che viene dalla Sicilia o da qualche altra parte noi preferiamo un prodotto anche non biologico ma che venga dal territorio romano. È questo il senso della circolare che punta a far diventare le derrate delle mense a chilometri zero”. Immediata la polemica sul fronte politico. “È un atto gravissimo che denuncia l’incapacità della giunta Alemanno di governare la città - denuncia Gianluca Peciola, consigliere provinciale di Sinistra Ecologia e Libertà -. Prima si aumenta il costo delle mense scolastiche, per poi abbassare e peggiorare la qualità del servizio”.

Roma, il Natale arriva prima

Alemanno a Villa Glori, visita alla Caritas

ROMA - Quella dell’altro ieri è stata la prima vera domenica di Natale, arrivato in anticipo quest'anno come accade sempre nei momenti di crisi. Addobbi e panettoni sono comparsi ben prima del tradizionale 8 dicembre.Pienone a via del Corso e via Condotti. Da mercoledì negozi aperti fino alle 22, navette bus e nuovi orari Ztl.

ROMA - Ha rispettato la promessa fatta a Lourdes a Ciro, un ospite del centro, e ieri, in occasione del 22esimo anniversario della struttura Caritas Villa Glori, il sindaco Alemanno si è recato in visita nei locali che ospitano e offrono servizi ai malati di Aids. Ad accogliere il sindaco, mons. Enrico Feroci, direttore Caritas.

3 ANNO I - N° 219 mArtedì 7 dIcembre 2010


prOVINCIA Iannarilli flirta con la Lega Sud Possibile un abbandono del Pdl? Una mossa a sorpresa contro le “imposizioni romane” FROSINONE - Mossa a sorpresa del presidente della Provincia di Frosinone, ma soprattutto deputato del Pdl ex ed forzista della prima ora, Antonello Iannarilli. Il fedelissimo di Berlusconi sembra non essere più tale. Infatti ha avuto un incontro con l’on. Gianfranco Miccichè, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio con delega alla supervisione nelle materie di investimenti pubblici e affari economici. ‘Si è trattato - ha commentato l’on.Iannarilli - di un incontro proficuo e assai significativo per le opportunità che si potrebbero creare e sviluppare in provincia di Frosinone nel settore delle opere pubbliche e delle infrastrutture”. L’incontro tra Miccichè e Iannarilli ha assunto contorni interessanti non solo sul lato amministrativo e istituzionale ma anche sotto l’aspetto politico. Particolare interesse, infatti, è stato mostrato dall’on. Iannarilli per ‘Forza sud’, il movimento berlusconiano fon-

dato da Miccichè, presentato lo scorso mese di ottobre. Un nuovo movimento politico alleato e condiviso dal presidente del Consiglio Silvio Berlusconi che potrebbe rappresentare una valida alternativa all’attuale contesto politico locale qualora gli attuali equilibri e la situazione degenerasse e cadesse nell’assoluta omertà intellettuale. Ciò in riposta alla più volte contestata censura e sordità romana e alle prese di posizioni individuali dettate dalla sola volontà di apparire o di imporre senza tener conto del rispetto e dei ruoli e che ciascuno di noi ha nel contesto politico provinciale, potrebbe in un prossimo futuro far decidere per altre strade, lasciando “la strada vecchia per quella nuova” sapendo già cosa si troverà. In definitiva, se la situazione politica amministrativa attuale continuasse a rivelarsi deludente in termini di garanzie e risorse per la provincia ciociara, Iannarilli potrebbe essere disposto a prendere

in seria considerazione di proporre alla classe dirigente, imprenditoriale e ai cittadini la costituzione, anche a Frosinone, di un nuovo movimento con il fine ultimo che rimane sempre e solo la difesa degli interessi della provincia e la tutela delle sue esigenze che qualcuno, più in alto, dovrà decidersi ad ascoltare. Un fulmine a ciel sereno, ci sembra, che scombussola il quadro consolidato della

politica locale ed apre a nuovi scenari fino ad ora impossibili ed inimmaginabili. Se Iannarilli dovesse abbandonare il Pdl che succederebbe con gli altri componenti della sua maggioranza che governa palazzo Gramsci? Chi lo seguirebbe nella strada? Escludiamo sicuramente gli ex An che fanno riferimento a Franco Fiorito. Come si metterannno questi ultimi che governano con uno che ha litigato con la Polverini, ma sono fedeli al capogruppo alla Regione del Pdl, partito che sostiene la Governatrice? Tutti interrogativi che secondo noi possono risolversi con un bel pacco di soldi che da Roma venga fatto transitare nella casse dell’amministrazione provinciale di Frosinone. Vedrete: in questo caso, cioè se arrivasse linfa vitale, tutte le diatribe finirebbero e si brinderebbe a tarallucci e vino, anzi a prosecco, come è successo per il cambio di uomini nella giunta provinciale.

Mostra fotografica sul progetto Se il presidente va con Miccichè di rilancio della Valle del Sacco Paliotta diventa un intoccabile FROSINONE - La Fondazione Kambo, l’associazione che insime alla Provincia di Frosinone e la diocesi si è attivata per il rilancio della Valle del Sacco, presenta la mostra fotografica “UNTITLED” della giovane fotografa Marzia Bianchi, oggi, martedì 7 Dicembre alle 18.30 presso la villa comunale di Frosinone. Verranno “alzati” i veli e saranno esposte le opere che la fotografa ha realizzato in occasione dei rilievi effettuati per la realizzazione del Master Plan. Kipar, autore del masterplan per la riqualificazione della valle del Sacco, ha percorso in lungo e in largo il nostro territorio alla ricerca dei punti nevralgici da cui sviluppare la visione del masterplan. Individuando, quelle che erano le grandi criticità e al tempo stesso le leve di sviluppo. Marzia Bianchi, camminando al fianco dell'architetto ha fissato nelle foto quelle tappe. Un lavoro che è diario e cronaca della realizzazione del masterplan ma è

4 ANNO I - N° 219 mArtedì 7 dIcembre 2010

anche prima visione della realtà attraverso nuovi occhi. Una serie di immagini dal forte impatto visivo ed altre che invece, nella loro “normalità”, nascondono l'insidia e il pericolo. A fianco delle opere fotografiche, sarà esposta un’ installazione dell'artista romano, Gualtiero Redivo. L’installazione mutua il titolo del noto film del comico Verdone “Un sacco bello” per richiamare con leggerezza l’attenzione sull’importanza che riveste l’ottimismo, non quello di maniera e di facciata che è orientato solamente a formare consenso, ad assopire le coscienze e negare il futuro ma quello virtuoso che ha la capacità di stimolare al cambiamento. Una mostra che è riflessione e consapevolezza. Per ricercare insieme il momento preciso in cui abbiamo dimenticato la nostra storia e le nostre radici. Per ricercare il momento preciso in cui, senza accorgercene, abbiamo reso impermeabili i nostri sensi al nostro territorio.

FROSINONE - Tra i tanti possibili riflessi dell’ipotetico abbandono del Pdl da parte del presidente I a n n a r i l l i e d e l s u o p a s s a g g i o, ar mi e bagagli con la Lega S u d ce n ’è un o ch e potrebbe avere dei riflessi anche sui futuri assetti della g i u n t a p r o v i n c i a l e, c h e, c o m e s i d i c e i n s i s t e n t e m e n t e, d ov r e b b e an cor a un a volta m u tare all’ inizio del n uovo an no. Tr a gl i assess ori di cu i s i dice che potr ebber o l as ciare, c’ è il nom e di Giuseppe Paliotta, delegato ai rappor ti con l a Regione Lazio. Or a, per ò, i l qu adro p otrebbe cam bi ar e deci samente e l’ as s es s ore di Pasten a di venterebbe, anche s e la s u a p o s i z i o n e è g i à f o r t e, p r a t i c a men te bl i n dat o. Infatti se Iannarilli aderisce alla Lega Sud, con tutto il suo portato i d e o l o g i c o d i r i ve n d i c a z i o n i d e l t e r r i t o r i o d e l s u d e d e s s e n d o Pa l i o t t a s o s t e n i t o r e d i u n a n u ova

struttura della Regione Lazio che dia più fondi, autonomia e peso alla Province, p raticam ente le du e ideologie s i s alderebbero e diventerebbero u n u nicu m . M o t i vo p e r i l q u a l e, i l Pa l i o t t a pensiero sarebbe la filosofia dominante a palazzo Gramsci, motivo per il quale Paliotta sarebbe intocc a b i l e. D i ve r r e b b e c o s ì , i l n o s t r o a m m i n i s t r a t o r e, u n a s o r t a s d i f e delissimo di Iannarilli pronto a seguirlo anche in questa nuova avve n t u r a c o n i l p a r t i t o f o n d a t o d a l d i s s i d e n t e s i c i l i a n o M i c c i c h è, ex u om o di fidu cia del p rem ier S ilvio Berlu s coni. Du nqu e, il s u o as s es s orato non s arebbe né smantellato né affidato ad altri. Il disimpegno di Iannarilli dal Pdl sarebbe salutato come un regalo di N atale p er l’ u om o di Pas tena. Già lo abbiamo ascoltato esultare al grido di: “Forza S u d!”.

Corso di formazione sui malati d’Alzheimer

L’Idv attacca la Regione per i tagli alla cultura

Il prossimo 10, 13 e 20 dicembre la Casa del Volontariato di Frosinone ospiterà le lezioni del corso di formazione sull’Alzheimer organizzato dall’associazione Anteas, con la dottoressa Annarita Menditto, psicologa con esperienza specifica sul tema. Il corso è rivolto a tutti gli interessati sul tema dell’Alzheimer, a chi vuole svolgere volontariato nei confronti di queste persone, alle famiglie che vivono con questi malati.

“Il taglio alla cultura di 42 milioni da parte della giunta Polverini penalizza ancora una volta la provincia di Frosinone”.Lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell'IdvAnna MariaTedeschi.“Con un atto arbitrario, non imposto dal governo come erroneamente ha dichiarato la Polverini,la giunta dirotta questi fondi sulla sanità.Considerata la forte penalizzazione della sanità frusinate scaturita dal piano di riorganizzazione della rete ospedaliera, la beffa è doppia”.


prOVINCIA Roccasecca, conti comunali in rosso Il consigliere provinciale Colantonio“I dati riportati da“Il Sole 24 ore”parte dei debiti esistenti” FROSINONE - Il consiglieri provinciale ed esponente di minoranza del comune di Roccasecca Antonio C o lan to n i o i n ter v i e n e su i d a t i p u b blicati dal quotidiano “Il Sole 24 ore” circa i comuni più indebitati d’Italia, tra cui c’è anche Roccase cca. “ N o n d eve p a s s a r e s o t t o s i l e n z i o – spiega Colantonio – l’allarmante notiz i a d i f f u s a da u n q u o t i d i a n o d i grande importanza come “Il Sole 2 4 ” , l a ve r a e p r o p r i a B i b b i a d e l l ’ e c o n o m i a n a z i o n a l e, s u l l a s i t u a zione debitoria del comune di R o c c a s e c c a . Tu t t av i a q u e l l o c h e s c r i ve i l q u o t i d i a n o m i l a n e s e, r i portando dati certi del Ministero dell’Interno e non chiacchiere c o m e d i c e i l s i n d a c o, è s o l o u n a p a r t e d i q u e l l a c h e è l a ve r i t à . I n fatti, mentre l’articolista parla di c o n t i i n r o s s o, l a r e a l t à d i c e c h e i

c o n t i son o i n pr of on do r osso”. “ Pa r t i a m o d a l d a t o d e l l e s p e s e c o r r en ti – ch i ar i sce C ol an ton i o – l e spese che servono per far funzionare la macchina amministrativa. Si parla di una cifra pari a 4 mil i o ni e 600mi l a eur o. Ecco il comune di Roccasecca riesc e a f ar f r on te a queste spese sol o p e r u n a c i f r a p a r i a 4 6 0 m i l a e u r o, f r u t t o d i e n t r a t e s t r a o r d i n a r i e, come la bucalossi, la tarsu per capirci, che non possono nememno e sser e uti l i zzate a tal e scopo”. “ Tu t t e l e a l t r e c i f r e i n d i c a t e i n sede di bilancio di previsione come entrate – continua l’esponente d e l l a D estr a - son o sol o i poteti ch e, non sono entrate certe e mai entreranno: vedi i fondi relativi alla vendita degli immobili comunali m e ssi al l ’asta”. A r g o m e n t a i l c o n s i g l i e r e p r ov i n -

ciale: “Questo profondo rosso nei con ti pubbl i ci è u na s itu azione già n o t a t r a l ’ a l t r o, p e r l a q u a l e l a C o r t e d e i C o n t i aveva c h i e s t o d i p o r r e r i m e d i o g i à l o s c o r s o a n n o, con una politica di risanamento, ma n on è stato f att o dai nos ti am m inistratori, anzi è stata perseguita la politica opposta: quella dei mutui, quella dell’ulteriore indebitamento, quel l a ch e sta p ortando al collas s o l e casse comun ali”. “Infatti è la situazione debitoria, soprattutto dei debiti fuori bilancio, quella che allarma di più - dice C ol an ton i o - si p arla di u n m ilione di debiti, quando la realtà supera di cer to i quattro. Il rischio fallimento è dietro l ’an gol o. Ed è g iu s to che i cittadini lo sappiano e sappiano chi sono coloro che stanno facendo sprofondare nel ridicolo e nel disseto

finanziario il nostro comune: sono il s indaco Giorgio e la s u a m aggioranza. “A t t e n z i o n e, i n f i n e – c o n c l u d e Antonio Colantonio- alle ricette che questi cattivi amministratoti stanno architettando per far entrare denaro fresco: puntare sul fot ovo l t a i c o. L a s c i a t e p e r d e r e, n o n è per voi. Tornate a casa, è quello che vi chiedono i cittadini”. D u n q u e, u n a t t a c c o d i r e t t o d e l c o n s i g l i e r e p r ov i n c i a l e a l l a m a g gioranza che regge le sorti del com u ne di Roccas ecca. L a b a t t a g l i a p e r i l r i n n ovo d e l consiglio comunale in programma i n p r i m ave r a è i n i z i a t a c o n m o l t o anticip o e s i p ros p etta du ris s im a e all’insegna di tanti e possibili colpi di s cena. N e ve d r e m o s i c u r a m e n t e d e l l e belle.

L’istituto albelghiero di Cassino “Zero infortuni”, Ruspandini si complimenta con Viscolube protesta contro Quadrini FROSINONE - Undici classi dell'Istituto Alberghiero di Cassino entro il mese di dicembre saranno trasferite presso la sede del Geometra in via Folcara. Poi successivamente anche gli altri studenti. Ovviamente il tutto avverrà come aveva anche già annunciato l'assessore provinciale alla Pubblica Istruzione Gianluca Quadrini quando nella sede saranno presenti le cucine ed i laboratori adatti. “Per prima pensiamo di portare nella sede di Sant'Angelo in Theodice gli alunni del quarto e del quinto in quanto loro non devono fare le esercitazioni - ha spiegato il preside Lelio Imbriglio - . Il trasferimento avverrà durante le vacanze di Natale e sempre in questo periodo verrà risolto anche il problema del ciclo della depurazione”. Nel frattempo ieri mattina una massiccia delegazione di studenti non sono entrati a scuola e si sono recati pressi gli uffici dell'Amministrazione Provinciale per

chiedere ulteriori spiegazioni circa il trasferimento alla nuova sede e circa alcuni lavori di riparazione che devono ancora avvenire presso la sede centrale dell'Istituto Alberghiero. “Per quanto riguarda la messa in opera delle porte nei bagni maschili - ha continuato il dirigente scolastico Imbriglio nel suo intervento ai ragazzi - la ditta addetta ai lavori sta monitorando il da farsi quindi al più presto verranno affisse le porte nei locali igienici e quindi i ragazzi potranno usufruirne. Mentre le esercitazioni tanto richieste dai nostri studenti inizieranno a giorni. Inoltre ci tengo anche a precisare che da ieri il riscaldamento funziona”. Come si vede proprio non si placano le proteste successive all’approvazione del Piano scolastico provinciale e ancora una volta l’assessore alla pubblica istruzione, Gianluca Quadrini, suo malgrado, è sotto il tiro incrociato delle polemiche.

F R OSINONE - C’ è u n’ azienda nel panorama della provincia di Frosinone che si sta distinguendo per l ’atten zi on e c he s ta dando al tem a del l a si cur ezz a s u l lavoro. E’ la Viscol ube di C e ccano che nei giorni scor si h a or ga nizzato u n convegno proprio per spiegare il brillante r i sul tato r eal izzato: s ei anni s enza i n f or tun i sul lavoro. D a a n n i l ’ a z i e n d a i nve s t e i n g e n t i r i sor se econ o m iche p rop rio p er la salute dei dipendenti e la sicur ezza sul posto di lavoro. In p articol ar e, gl i i nves tim enti s os otenu ti vanno nella direzione di assicurare una formazione dei lavoratori stessi f on dam entale p er garantire l a si cur ezza del lu ogo di lavoro. A t a l e p r o p o s i t o ve n g o n o s vo l t i annualmente corsi di formazione per i propri dipendenti garanten do l ’i n f or mazione p er i lavoratori delle ditte terze che operano nei due stabilimenti, nel rispetto

del Piano annuale della formaz i o n e. G r a z i e a q u e s t a a t t e n z i o n e n e i c o n f r o n t i d e i d i p e n d e n t i , Vi s colu be ha raggiu nto orm ai da dive r s i a n n i l ’ o b i e t t i vo d i “ a z i e n d a s enza infortu ni”. Tu t t i i d i p e n d e n t i , d i q u a l u n q u e l i ve l l o g e r a r c h i c o, s o n o c o i nvo l t i affinché i loro comportamenti c o n t r i b u i s c a n o a d ev i t a r e i n f o rtuni a loro stessi e ai loro colleghi. A s a l u t a r e i l r i s u l t a t o r a g g i u n t o, anche l’assessore p r ov i n c i a l e Massimo Ruspandini: “Sono di Ceccano e non posso che essere orgoglios o del ris u ltato raggiu nto. L a Vi s c o l u b e c h e o p e r a o r m a i d a tem p o s u l territorio è u n es em p io p er l’ im p renditoria locale, nonché un vanto e la nuova gestione la val o r i z z a a l m e g l i o. D a c e c c a n e s e sono contento che l’evento in cui è stato presentato il successo raggiu nto s i s ia s volto nel Cas tello di Ceccano”.


CASSINO Dopo il danno delle strisce blu, anche il blocco delle vendite di alcuni immobili

Il “pianto” delle casse comunali CASSINO - Dalle ultime dismissioni immobiliari il comune di Cassino potrebbe incassare circa un milione di euro. Una somma notevole per le anemiche casse comunali ma le procedure sono ferme per la mancanza della volontà politica non essendoci un’Amministrazione comunale. Da luglio scorso c’è il commissario straordinario. Ed è giallo su questo blocco perché, come per la gara d’appalto per le strisce blu sospesa con un eventuale danno economico per il Comune, anche in questo caso la Corte dei Conti potrebbe ipotizzare lo stesso danno. Le dismissioni vennero avviate per ripianare i debiti fuori bilancio per 14 milioni di euro nel 2006. Attualmente sono bloccate le vendite a privati dell’ex scuola di via Montecifalco (al rione Colosseo) per circa 500 mila euro e due terreni nei pressi di piazza Rea per 550 mila euro. La scuola di via Montecifalco è stata venduta

ad una società immobiliare che intende realizzarvi un edificio residenziale. La ditta ha versato al comune la somma di 150 mila euro mentre il resto non si quando arriverà. I 150 mila euro, però, sono stati pignorati dal tribunale su istanza di un professionista che da anni chiede il pagamento di parcelle per circa un milione di euro per progetti sulla sicurezza nelle scuole. I legali del comune hanno presentato opposizione a tale decreto e così la vendita è ferma. Per motivi poco chiari sono ancora ferme le procedure di vendita dei due terreni, uno per 450 mila e l’altro per 100 mila euro. Anche qui dovrebbero sorgere dei palazzi ad uso abitazione. E poi c’è la situazione del mercato coperto e dell’area circostante venduta ad una società molisana per 5 milioni e 150 mila, somma già interamente incassata dal comune. Il progetto iniziale che prevedeva un edifi-

cio a torre è stato bocciato dalla regione tanto che la ditta ha dovuto modificarlo riducendolo di un piano. A farne le spese è stato il Comune che ha perso il pian terreno di 900 metri quadri da destinare a locali commerciali per gli ambulanti a suo tempo sfrattati. Per l’avvio dell’abbattimento del manufatto e la costruzione dell’edificio la ditta aspetta dalla regione il parere sul vincolo paesaggistico e idrogeologico. Critici su queste dismissioni gli ex consiglieri comunali di minoranza. “Pur apprezzando – dice Vincenzo Vittorelli – la riservatezza del commissario straordinario ma rivestendo un ruolo istituzionale e politico la città deve sapere in quali condizioni è stata lasciata dalla vecchia maggioranza. Queste dismissioni erano state collegate alla manovra di risanamento finanziario del 2006 e i cittadini devono sapere se l’iter si è concluso o meno.“

Congresso provinciale Pd, quante assenze eccellenti! bilità di vincere. E anche zione Ernesto Polselli néparticolare, CASSINO E’ polemica sivamente, dugestite dall’Acea Atoe5.In la petizione CASSINO -- “Inizia domenica mattina gli altricittapartiti rante intendono lo la ha fatto l’avvocato Asnel Pd corso per aver ininTheodice l’Amminisarà condotta dalle associazioni politiche lungo Triestedisertato a Sant’Angelo fare alleanze. Per fare que-Di sante. Del Pd cassinate molti aldelle congresso provinstrazione dine“Cassino la mia città”,“Libertà e benessere”, raccolta firme dei cittadini a favore della gesto che si dobbiamo pochi in “Popolo sala. “Si sa – dice ciale che si è etenuto Cas- del servizio Zazzo,restare quando di Cassino” e “Terra nostra”, prestione pubblica diretta delaComune uniti.” In sala siassessore sono all’Amvisti Polselli -sentano il congresso è lo per sino. del riunite sotto slogan“Diventa partecipe idrico inUn’attenzione tutto il tutto il territorio comunale. Gianni Zazzo,biente Cardarelli, i delegati. Poi domenica. partito verso Sebastianelli, la città Franco di Evangeera Gianni della tuaè città”. La città di Cassino,Tullio spieganoDi infatti Valente,Giuseppe Giannì, D’Onofrio masi non Pd e il gli centrosinistra atCassino, città amministrata Valente, maniex amministratori,da sempre contrari alla prilista, Emilio Iannetta, Orazio Picano, FabioIlFioTommaso gli avvenimenti dal dopoLa la festaronoleDei prime vatizzazione e all’ambivalenza della situazione,è Marrocco. rillo,commissario Aldo Diodati e Pino Norcia, tendono primi settetraconsiglieri comunali dicemcaduta maggioranza prese di posizione sempredel stata14 ambigua sull’argomento il cenfirmataridella nelfebbraio 2010dellarichiestadelparlamentari coneletti nel 2006 contro hanno rinbre. in- prima dicsiglio centrodestra. la gestione città e le periferie, servite dal Consorcomunale per la revisione della norma sta- Poi trodecideremo novato la tessera soltanto sieme seziofare le primarie Nessun accenno nella re-comeservizio dell’Ato da parte degliAurunci e,dal 1996 dall’Ato 5,in seguito tutariaeladichiarazione dell’acqua Di n. 89/14 Zazzo Marrocco. o meno. lazione di Migliorelli al nelle per stessoassesalla delibera del consiglio comunale del e dello pubblico locale senza scopo di lucro, pros-il sindaco Hanno lasciato sore Perna, Comunque c’è dal la sindaco necescaso Pd cassinate e stessa né iniziativa e dellaVitmag28 guidato Petrarcone. Una scelta, simedel settimane porteranno la torelli, Vizzaccaro, Lullo e sità di allargare le fatta alleanze tanto dadi Caira, parte del Sant’Angioranza che, nel quest’ultima, con il voto contrario dell’allora anchemeno nelle località S.Michele, Fardelli. se vogliamo avere la possi- Sebastianelli. neo segretario della esemaggio del 2002, consigliere di opposizione Succestonino, Collecedro,Panaccione Antridonati, tutte

6 ANNO I - N° 219 MARTEDì 7 DICEMbRE 2010

Sapori di Natale a Castrocielo

Progetto di fotovoltaico ad Aquino

CASTROCIELO - Sabato 18 dicembre 2010 a partire dalle ore 19.30 nel centro storico di Castrocielo "Sapori di Natale", tipico percorso enogastronomico natalizio con la cucina tipica castrocielese. Con gli zampognari, i presepi di Natale e tutta l’atmosfera del borgo natalizio. Alle ore 20.30, nella chiesa Parrocchiale di Santa Lucia, il concerto “Note di Natale”.

AQUINO - “E’ con estremo piacere che ho letto sui quotidiani locali che il comune di Aquino ha preso un’iniziativa di apertura verso il fotovoltaico ed ha pubblicato un bando per la realizzazione di un parco fotovoltaico lungo la Via Casilina”. A parlare è Pietro Ferone segretario del PdCI di Aquino.


CASSINO Treni/ Pendolari esasperati dai ritardi CASSINO - Prendendo spunto dalle continue lamentele che diversi pendolari avevano sollecitato l’Udc di Cassino a prendere posizione in merito a quello che accade ogni mattina sulla tratta ferroviaria RomaCassino, puntuale dopo qualche mese arriva in questi giorni la denuncia di Altroconsumo che disegna le criticità sulle tratte italiane. “Se la maglia nera è stata attribuita alla Roma-Frosinone non si capisce che tipo di classificazione possa avere la tratta Roma-Cassino, commenta Marino Fardelli. Forse è talmente nera da non essere proprio vista nemmeno nei rapporti ufficiali”. Il segretario cittadino dell’Udc vive quotidianamente i disagi dei pendolari essendo anche egli un pendolare da diversi anni e “le condizioni di viaggio sono sempre

peggiorate. Se da qualche mese a questa parte le pulizie sono garantite e meglio effettuate, rimangono critiche forti in merito alla al comparto strutturale messo in campo da Ferrovie che ultimamente si è presa anche il gusto di prendere in giro i pendolari stessi stilando una relazione letta alla Camera dei Deputati a seguito di una precisa risposta ad una interrogazione parlamentare dell’on.le Anna Teresa Formisano che metteva

a conoscenza il Governo e il Ministro delle criticità registrate sulla tratta Roma-Cassino”. “Ora noi pendolari dovremmo sperimentare sulla nostra pelle i cambi di orario che hanno effettuato e che saranno in vigore da metà dicembre. La questione a mio modesto avviso non è l’orario in partenza ma la frequenza dell’offerta proposta e la qualità della stessa. Se il treno delle 14.15 che partirà alle 14.07 è composto sem-

pre da due carrozze e centinaia di persone restano in piedi, non credo che la cosa possa definirsi migliore. Se viene eliminato quello delle 17.15 che arrivava a Cassino alle 18.45 circa, ora bisogna prendere quello delle 17.47 che arriva a Cassino dopo circa 2 ore non penso che qualcuno possa definirsi contento. O forse chi si dichiara contento effettivamente non ha mai preso il treno da Roma per Cassino e viceversa e che lancia proclami solo dietro una scrivania”. Attendiamo, conclude Fardelli, che la Regione Lazio possa convocare Trenitalia, la Regione Campania e la Regione Molise per capire come andare incontro alle esigenze dei pendolari che desiderano arrivare in orario decente a Cassino e senza fare a lotta per un posto a sedere”.

Alla caserma militare

Il Requiem di Mozart ai caduti per la patria CA S S I N O - I l R e q u i e m d i Mozart per ricordare i caduti per l a patria. A C assino, l’ 8 dicem bre, alle ore 19, nella Sala Europa, della caserma dell’80° Reggimen to Fanteria Rom a, il Concentus Musicus fabraternus Jo s q u i n D e s P r e s e s e g u i r à l a gr an de op era m ozartiana: alle note della musica sarà affidato il ricordo dei tanti giovani caduti per difendere la patr i a n e lle gu erre che hanno visto impegnato il Reggimento c h e o g g i h a s t a n z a a C a s s i n o. Il Reggimento è stato decorato con l’Ordine Militare d’Italia nella I Guerra Mondiale, dove fu impegnato nelle t r i n c e e d e l c o n f i n e o r i e n t a l e, o p p o n e n d o s i s u l P i ave a l l o sfondamento austriaco del-

l’ au tu nno del 1917. H a av u t o p o i d u e m e d a g l i e d’ oro p er il valore dim os trato nella campagna del Don in Russia, 1942-1943, a testimonianza del grande tributo di s angu e offerto alla Patria. Il Requiem sarà eseguito dal s o p r a n o Vi t t o r i a d ’ A n n i b a l e, dal mezzosoprano Fa b i o l a M a s t r o g i a c o m o, d a l t e n o r e E n r i c o Ta l o c c o e d a l b a s s o Mario Mas troianni. Saranno accompagnati dall’Orchestra Sinfonica Frances co A lviti, cos titu ita da giovani m u s icis ti dip lom ati al C o n s e r va t o r i o L i c i n i o R e f i c e di Fros inone. Il coro è qu ello del Concent u s M u s i c u s Fa b r a t e r n u s Jo squin des Pres e la direzione è affidata a Mau ro Gizzi.


cassinate Impietosi i dati: in 18 mesi chiuse circa 500 attività. Mancano politiche per il rilancio

Cassino, la crisi del commercio CASSINO - Sono scomparse a Cassino, in poco più di un anno e mezzo almeno 500 attività commerciali. Gli esercizi più colpiti, generi alimentari, abbigliamento, calzature, macellerie, profumerie, e tanto altro. Scomparse anche centinaia di bancarelle degli ambulanti. La crisi, abbassa la saracinesce soprattutto in pieno centro. Colpa della crisi planetaria? Anche, ma a Cassino, una buona dose di responsabilità è anche della classe politica, sia di destra che di sinistra, che in cambi magari di qualche assunzione, hanno facilitato l'apertura della grande distribuzione. Certo, si può parlare anche della poca propensione a spendere da parte dei cassinati, ma i centri commerciali registrano specie nei fine settimana, qualcosa come 30-40 mila presenze. Qualcosa come 1500 famiglie, che vivevano del commercio a Cassino, si sono improvvisamente trovate senza un reddito minimo di sostentamento: negozi anche storici, che se la passavano bene, hanno chiuso i battenti, e gettato sul lastrico gente che era anche benestante. Al posto dei negozi, nascono istituti di credito, sportelli di agenzie finanziarie che prestano

soldi in maniera più o meno chiara. A rilevare le attivtà dei cassinati, molti stranieri, cinesi, anche coreani, romeni. Senza contare le attività di una sempre più spregiudicata criminalità organizzata, che a Cassino ha sempre trovato terreno fertile per investimenti ed attività commerciali, così come ha detto lo stesso ministro Maroni nel suo rapporto, proprio di questi giorni. La classe politica cassinate, è sempre stata poco attenta ai problemi dei commercianti, tanto per fare qualche esempio, in questi giorni che precedono il Natale, gli esercenti hanno chiesto che venisse abolita almeno fino alla Natività, l'isola pedonale nei fine settimana, per rendere più agevole il transito nel centro, ma anche in questo caso i commercianti cozzano contro un muro di gomma. Ma il problema è molto più complesso: mancano delle vere e proprie politiche per il rilancio delle attività commerciali, tutto fa leva sulle singole inziative: il complessino fuori il negozio, o babbo Natale che distribuisce le caramelle. Oppure ci si affida ad attività estemporanee, come la tre giorni dedicata alla shopping e rovinata dalla pioggia. Il commercio cassi-

nate ha urgente bisogno di provvedimenti drastici, risolutivi. Tanto per gettare fumo negli occhi alla gente, il per fortuna ex assessore regionale Francesco De Angelis, si era inventato i centri commerciali naturali. Un altro fallimento. De Angelis è riuscito solo a creare inimicizie tra i commercianti stessi, non è riuscito a cavare un ragno del buco, malgrado i milioni di euro erogati a pioggia alle singole amministrazioni locali. Ci vogliono dei rimedi, anche i commercianti devono fare la loro parte: il concetto di spesa, di acquisto, è cambiato, i consumatori chiedono più attenzione, non solo il tappeto rosso e le luminarie, chiedono prezzi chiari, sconti veri, saldi reali, e a volte il solito furbetto del quartiere rovina la reputazione di centinaia di operatori onesti. Alla classe politica, i commercianti chiedono anche interventi strutturali: parcheggi, sorveglianza, chiedono una città a dimensione d'uomo, affinchè il consumatore giri per i negozi, guardi le vetrine, senza andarsi a chiudere tra le mura troppo calde e troppo accoglienti dei centri commerciali. Ignazio Annunziata

Gervasio: difendiamo Il borsino di giovanni trupiano il terzo settore CHI SALE CHI SCENDE AQUINO - “In occasione della Giornata Mondiale del Volontariato, che si è svolta lo scorso 5 dicembre, voglio esprime la vicinanza a questo mondo da parte del Circolo del Partito Democratico di Aquino”. Lo ha dichiarato il coordinatore del Pd, Fabio Gervasio, il quale ha aggiunto: “In un momento difficile per il nostro territorio, il terzo settore rappresenta un elemento da difendere e valorizzare soprattutto quando si assiste a tagli che vanno a limitare l’assistenza alle fasce più deboli della società. Gli ultimi esempi sono i tagli ai servizi di riabilitazione, l'imposizione del ticket per le persone disabili voluti dalla Giunta Polverini, nonché la paventata sospensione dei servizi offerti dal Consorzio dei Servizi Sociali del Cassinate a partire dal prossimo gennaio sempre dovuto alle scelte incomprensibili dell’Amministrazione Regionale e del Governo di Centrodestra”.

8 ANNO I - N° 219 mArtedì 7 dIcembre 2010

GIUSEPPE TEDESCO:

CARMELO PALOMBO:

Direttore generale dell'Ater di Frosinone, ha avviato una politica di risanamento non solo delle case di proprietà dell'ente, ma anche un risanamento delle casse e della macchina amministrativa Ater. E'un tipo spinoso, ma ha carattere, professionalità, e coraggio da vendere.

La kermesse di venerdì scorso è stata sicuramente un successo per lui, purtroppo gli interventi dei relatori sono stati scarsi e privi di contenuti politici. Solo una vetrina. Cassino ha bisogno di proposte. Le attendiamo.

DANIELA PONTONE:

ALCUNI AUTOMOBILISTI:

Ancora una volta in prima linea a combattere con le famiglie bisognose. La giovane non si risparmia quando c'è da perorare una causa a favore delle categorie più deboli della città, come ad esempio le famiglie che attendono il pagamento dei buoni libro.

Quando c'è l'isola pedonale, fanno i furbetti e passano lo stesso, rischiando anche di investire qualcuno. Sabato sera, quando i vigili urbani sono intervenuti hanno protestato con tale veemenza che sono dovuti accorrere polizia e carabinieri. Le regole vanno rispettate. Da tutti.

Il castagneto di Terelle è a rischio

Auto rimossa, scoppia l’aggressione

TERELLE - La Regione Lazio in prima fila per difendere il castagneto di Terelle. Il rischio è cui è sottoposta una delle ricchezza ambientali più belle della nostra zona riguarda è stata al centro di un incontro che si è svolto sabato scorso presso la Sala Consiliare di Terelle. Nell’occasione la Regione Lazio ha fatto sapere che si attiverà per risolvere il problema.

CASSINO - Scene da far west l’altra sera a Cassino dove un automobilista, a cui i vigili urbani hanno fatto rimuovere la macchina, ha aggredito prima verbalmente e poi tentando di impossessarsi del carro attrezzi, l’operatore addetto alla rimozione.


SPORT CALCIO PROMOZIONE

Il tecnico azzurro analizza il pari con lo Scauri: “Il Cassino ha dato prova della sua forza”

Scorsini: “Meritavamo la vittoria” “Bene la reazione dopo lo svantaggio, peccato per le occasioni sprecate nel finale” CASSINO - La compagine azzurra si è dovuta accontentare del pari nella sfida con lo Scauri Minturno, presentatosi al Salveti forte della quinta posizione in classifica. La gara si è incanalata subito su binari favorevoli alla formazione pontina, passata in vantaggio alla prima occasione creata. Il Cassino ad inizio ripresa ha riportato il match in equilibrio grazie al rigore procurato da Marsella e realizzato da Russo(alla terza segnatura di fila). Ma non è stato in grado di sfruttare l’uomo in più e l’inerzia di una gara sostanzialmente equilibrata, che Marco Scorsini analizza così. “Mi ritengo estremamente soddisfatto della prestazione offerta dal Cassino

– afferma il mister viterbese analizzando la gara con i pontini – meno per il risultato che, devo ammetterlo, mi lascia con l’amaro in bocca per aver visto sfumare la conquista dell’intera posta in palio. Mi è piaciuta la reazione della squadra che dopo essere andata sotto nell’unica occasione prodotta dai nostri avversari, non ha accusato il colpo riuscendo a riportare le sorti del match in equilibrio e sfiorando ripetutamente la rete di una vittoria sfumata solo a causa di un pizzico di sfortuna. Contro lo Scauri, i miei splendidi ragazzi hanno dimostrato che il gruppo è vivo, unito e soprattutto che sussistono le condizioni per allungare la striscia di quattro risultati utili consecutivi. Se

l’occasionissima capitata allo scadere sul destro di Macari fosse stata concretizzata, ci troveremmo ad analizzare una vittoria che ci avrebbe proiettato a ridosso delle primissime posizioni di una classifica molto corta. Questo campionato sta andando avanti all’in-

segna dell’equilibrio e non va mai dimenticato che il Cassino deve guardarsi prima di tutto dalle inseguitrici come Vis Sezze e Tecchiena che dispongono delle qualità per risalire: è importante allontanarsi il più possibile dalla zona play-out. Poi, una volta messa in cassaforte la salvezza, nessun obiettivo sarà precluso”. Scorsini esalta la prova di maturità della sua squadra fornendo delucidazioni di carattere tecnico che riguardano la posizione in campo di Emiliano De Luca, schierato da centrocampista aggiunto e troppo spesso lontano dalla porta e dal compagno di reparto Simone Marsella. “Le vittorie finora conseguite, sono state ottenute gio-

CASA CASSINO

IL PUNTO SUL GIRONE D

Ecco il programma settimanale azzurro Cappelli col gruppo, La Manna a parte CASSINO - La truppa azzurra si ritroverà questo pomeriggio allo stadio Salveti per la ripresa degli allenamenti: Il neo arrivato La Manna non potrà svolgere la seduta col gruppo a causa di impegni lavorativi: pertanto effettuerà un allenamento in mattinata sotto l’occhio attento di mister Scorsini che nel corso della settimana potrebbe già contare su altre due pedine di spessore come il centrocampista Grillotti ed il jolly Ferdinandi, con il quali il ds Gimmy Capitanio è vicinissimo all’accordo per portarli a vestire la casacca azzurra. Anche il lungodegente Antonio Cappelli è ormai pronto al rientro: il forte difensore centrale, che la settimana scorsa ha effettuato tutte le sedute col gruppo, potrebbe debuttare dal primo minuto nella sfida di Pontinia, dove mancherà Kiszka a causa dell’ennesima espulsione ri-

cando con un centrocampista centrale a fungere da schermo davanti alla difesa, il punto di riferimento in attacco e quattro giocatori, di cui due esterni, pronti ad inserirsi partendo da dietro. Con il classico 4-4-2 facciamo fatica e questo dipende principalmente dalle caratteristiche dei giocatori di cui dispongo. De Luca in quel ruolo può sembrare sacrificato ma in molti frangenti si è rivelato devastante partendo da lontano piuttosto che giocando spalle alla porta”. A prescindere dalla disposizione tattica, qualche meccanismo offensivo va ancora ben oliato ed al momento sussistono le condizioni per affrontare con tranquillità l’ostica sfida di Pontinia. a.m.

mediata in questa prima parte di stagione. Un provvedimento giudicato troppo severo da Scorsini che domenica prossima non potrà contare sull’eclettico centrocampista in un reparto che soffre già l’assenza forzata del capitano Raia e che vede Russo, a segno negli ultimi tre incontri, in diffida. Il programma di lavoro stilato dal tecnico azzurro prevede una giornata di riposo per domani, giorno di festa. Poi giovedì solita partita amichevole con avversario ancora da definire. Il giorno seguente verrà recuperato il mercoledì concesso libero effettuando una seduta pomeridiana prima della rifinitura in programma per sabato mattina, durante la quale il mister cassinate scioglierà gli ultrimi dubbi di formazione sull’undici che scenderà in campo dal primo minuto in quel di Pontinia.

Colleferro di nuovo in vetta S.Apollinare, tre punti d’oro La quattordicesima giornata del girone D di Promozione ha visto il Colleferro riprendersi la vetta in solitario: la compagine allenata da Baiocco si è imposta a domicilio della Nuova itri che ha rimediato la seconda battuta d’arresto consecutive dopo aver perso il recupero con la Nuova Circe). I rossoneri così distanziano il Segni fermato dal quarto pari consecutivo: l’involuzione dell’ex capolista ha evidenziato la vulnerabilità di una squadra sicuramente non pronta a fare da battistrada. Risale anche il Valmontone che grazie al successo col minimo scarto sul Bellegra raggiunge la terza piazza condivisa con Bassiano(bloccato sullo zero a zero dalla Nuova Circe9 e dal SS Pietro e Paolo(sconfitto a Sezze). Proprio i pontini della Vis Sezze compiono, grazie ad i tre punti, un grosso passo in avanti in classifica. Così come il Sant’Apollinare che con una rete di Reale batte il Pontinia, lasciandosi alle spalle un periodo negativo e scavando un margine di tre lunghezze sulla zona play-out. Sempre più critica la situazione in casa Arce dove tira aria di smobilitazione: dopo la sconfitta di Fontana Liri molti giocatori cambieranno casacca.

Sneijder fuori dal podio Moratti: «Non è giusto»

Il gruppo Angelucci interessato alla Roma

I giocatori del Barcellona Iniesta, Xavi e Messi sono i tre finalisti per l'assegnazione del Pallone d'Oro che sarà annunciata il 10 gennaio. L'olandese escluso dal podio. Il presidente dell'Inter Massimo Moratti commenta con amarezza la decisione della Fifa: «Wesley l'anno scorso ha fatto un'annata fenomenale, ha vinto tutto quello che si poteva vincere, lui per me meritava il premio».

«Con riferimento ad alcune notizie di stampa a proposito dell'acquisto della Roma Calcio, la Tosinvest smentisce di essersi ritirata, per qualsivoglia motivo, dalla procedura in corso e dichiara di aver conferito un mandato per lo svolgimento della necessaria due diligence». Lo scrive la Tosinvest, la finanziaria del gruppo Angelucci in una nota a proposito delle trattative per la vendita della società giallorossa.

9 ANNO I - N° 219 MARTEDì 7 DICEMbRE 2010


ANNO i - N° 219 - mArtedì 7 dicembre 2010 - distribuziONe grAtuitA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita giOrNALe sAtiricO

MARINI SNOBBA PURE I DISABILI www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A MICHELE MARINI Che sia allergico ad ogni forma di project financing, lo avevamo capito da tempo, dal momento che il primo cittadino di Frosinone non ha mai dato seguito a progetti che potessero riqualificare il Comune, ma che lo faccia anche per quelle iniziative che servono per migliorare la qualità della vita delle persone con gravi handica fisici, proprio non ce lo aspettavamo. Alla premiazione di un concorso su tre progetti varati per la creazione di strutture per disabili, Michele Marini non si è neppure presentato. Ma vi è di più, poichè interpellato dagli ideatori del piano, sembra che non abbia neppure risposto loro, assumendo un atteggiamento che la dice lunga sull’appoggio che vorrebbe dare all’iniziativa.

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA POLSOLE Neppure gli agenti della polizia autostradale di Frosinone sono esenti dai problemi, ormai cronici, legati alla carenza di personale. Da anni, infatti, combattono con una forte riduzione dell’organico che quasi quotidianamente li costringe a sopportare turni di lavoro massacranti, per non parlare poi di quando si vengono creare le emergenze. E’ allora che la fatica raggiunge e supera i limiti dell’umana sopportazione. Per questa ragione il Siulp, ha lanciato l’ennesima denuncia, anche se stavolta ha annunciato eclatanti forme di protesta se non si interverrà in tempi brevi.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


frosinone Il sindaco Marini snobba un piano per la creazione di un edificio senza barriere

Bocciato un progetto per disabili Invitato alla presentazione il primo cittadino non si è neppure presentato FROSINONE - L’unica cosa buona che l’Amministrazione Marini avrebbe potuto fare per lasciare un segno alla Città e, soprattutto, ai disabili, rimarrà sulla carta. Infatti, durante il recente congresso nazionale della Società italiana di medicina fisica e riabilitativa (Simfer), presieduta dal David A. Fletzer, sono stati proclamati i vincitori del concorso di idee «ProgettAbile», indetto dalla stessa Simfer e rivolto ad architetti e ingegneri, scelti dalla commissione giudicatrice presieduta dall'architetto Antonella Galassi (presidente), dagli architetti An-

drea Malaspina (Fand) e Fabrizio Mezzalana (Fish), dalla dott.ssa Maddalena Pelagalli (Cittadinanzattiva), dal dott. Germano Pestelli (Simfer), dall'arch. Carlo Pisanò e dal dott. Angelo M. Palmieri (Fiaba). La commissione ha preso in esame i progetti presentati che dovevano ideare una struttura accessibile e aperta al pubblico con soluzioni innovative in merito a partecipazione e attività svolte da disabili. Ebbene, dei tre progetti proclamati vincitori, il primo è quello denominato «Una struttura per tutti e per divertimento» degli architetti Pisana Posocco (capogruppo) e

Filippo Lambertucci. A questo punto il lettore si chiederà: che c'entra Frosinone con le notizie che abbiamo dato finora? C'entra, in quanto, come prevedeva il bando, gli autori hanno scelto tre localizzazioni per l'attuazione del loro progetto e tra queste Frosinone, oltre ai quartieri romani di Tor Bella Monaca e Passeggiata delle Arti. Ebbene, alla cerimonia di premiazione, pur invitato, Marini non si è presentato a causa di addotti impegni istituzionali e non ha delegato nessuno, come sarebbe stato doveroso avendo i due professionisti studiato qualcosa di utile ai disabili frusinati.

Polizia stradale A1 ridotta all’osso I sindacati annunciano proteste FROSINONE - Il personale della polizia stradale dell’A1 è ridotto all’osso e il Silp lancia l’allarme. “Nonostante da tempo questa O.S. abbia posto all’Amministrazione il problema della carenza di risorse esistente presso la Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone - recita il comunictao sindacale - , la situazione del reparto è andata via via peggiorando. Oramai è diventato un serio problema predisporre le normali turnazioni e, considerato il periodo festivo che si avvicina, la situazione rischia di divenire insostenibile. Se questo è il modo di garantire sicurezza Iin autostrada, allora non c’è da stare sereni. E’ necessario intervenire tempestivamente e non con i soliti palliativi, ossia, spostando risorse da altri uffici anch’essi carenti in auto-

2 ANNO I - N° 219 mArtedì 7 dIcembre 2010

strada, ma a s s e gnando personale ad un Reparto in grave crisi, che si regge sulla sola buona volontà del personale. Intervenga immediatamente la Sezione Polstrada, il Compartimento Regionale, la Direzione Centrale ma la situazione deve essere sanata, perché se così non sarà questa O.S. si vedrà costretta ad azioni pubbliche di protesta nel periodo festivo, a supporto dei lavoratori di polizia della Sottosezione A1 di Frosinone. Servono almeno 10 unità per garantire l’autonomia gestionale del Reparto ed assicurare i servizi h/24 in autostrada, che non può continuare a contare sul supporto del personale di altri reparti della provincia, come la Sezione di Frosinone, perché afflitti anche questi da gravi carenze di organico. E’ una vergogna ed è inammissibile che si sia verificato ciò senza che il Ministero dell’In-

La disattenzione a un importante avvenimento, però, non finisce qui. «Abbiamo scritto ai sindaci delle città in cui i progetti dovrebbero svilupparsi – ha reso noto Fletzer – per poter passare alla fase della costruzione. Con l'aiuto dei fondi privati, ma sempre su iniziativa dei Comuni, speriamo che questi progetti possano realizzarsi al più presto». Non risulta che il sindaco abbia risposto a una proposta che andrebbe colta al volo. Né che intenda farlo. Del resto, conoscendo l'«allergia» della sua amministrazione ai project financing non c'è da meravigliarsi...

terno sia intervenuto per evitare questa “debacle”. Altro che roboanti comunicati prefestivi dove si assicura la presenza di un numero fantascientifico di pattuglie, perché quest’anno saremo costretti a fare i calcoli e pubblicare le vere cifre del disastro Polstrada in questa provincia. Come si può pensare di continuare a prendere in giro i cittadini, dicendo che saranno potenziati i servizi sotto le festività, se in quel periodo devono essere assicurate anche le giuste ferie a parte del personale, quindi, devono essere sottratte risorse a quelle già carenti per colpa delle scelte sbagliate compiute dall’Amministrazione? Se veramente si vuole aumentare la prevenzione sulle strade e non lasciare che soltanto gli autovelox o i tutor svolgano questa opera, tra l’altro questi possono anche far guadagnare di più, ma non possono prevenire i reati, allora è il caso che da subito siano assegnate nuove risorse alla Polstrada di Frosinone. Ci chiediamo se sia il caso di continuare a perseguire la sicurezza tramite i proclami o cambiare agendo affinché sia prodotta sicurezza reale.”

Piano sanitario, giovedì protesta davanti alla Asl

Anagni, nessun rinvio per il mercato di domani

La DAS (Associazione Diritto alla Salute) e le associazionidivolontariatodiAnagniedellaprovincia diFrosinone aderisconoallamanifestazioneindetta da CGIL,CISL e UIL per giovedì 9 dicembre 2010, indifesadellasanitàpubblicacontrolachiusuradegli ospedali,i tagli dei servizi e dei posti letto previsti dal Piano dell’On. Renata Polverini. L’appuntamento è per le ore 9,30 davanti all’attuale ingresso della ASL, inVia Armando Fabi a Frosinone.

ANAGNI - Nessuna alterazione per il mercato settimanale nella Città dei Papi,che,nonostante la giornata di festa di mercoledì 8 dicembre,si terrà lo stesso nel centro cittadino.Lo ha reso noto l’assessore al Commercio e Riqualificazione del Centro Storico,GiuseppeViti,che,proprio nell’ambito di quest’ultima delega assessorile, ha aggiunto: “Tutte le iniziative volte al rilancio del Centro cittadino vanno supportate con impegno”.


frosinone Il presidente del Cda della Sif parla del varo di un progetto per rilanciare l’infrastruttura

“Stiamo lavorando per l’Interporto” Galloni: da cinque mesi stiamo studiando un piano per dare risposte concrete FROSINONE - “Stiamo ricreando le giuste condizioni per far ripartire il progetto Interporto, e dotare il nostro territorio di una infrastruttura necessaria per il suo rilancio”. Lo ha dichiarato il presidente del Cda della Sif Spa, Giuseppe Galloni a margine delle vicende legate alla società degli ultimi mesi. “Sono cinque mesi che siamo al lavoro, senza sosta, per dare risposte concrete. Soluzioni che purtroppo la nostra Provincia aspetta da molti anni. Insieme all’ufficio amministrativo, con un lavoro di squadra con pochi eguali - spiega il presidente - a distanza di poco tempo siamo riusciti a ottenere lo svincolo delle aree archeologiche che avevano, a suo tempo, fermato i lavori sulla struttura interportuale. Infatti, con lettera del 7 ottobre 2010, a seguito della nostra richiesta datata 30 settembre 2010, il soprintendente Dott.ssa Marina Sapelli Ragni e il funzionario responsabile, Dott.ssa

Sandra Gatti della Soprintendenza per i beni archeologici del Lazio hanno rilasciato, previa analisi della documentazione scientifica, grafica e fotografia inviatagli, l’autorizzazione definitiva per la prosecuzione dei lavori e quindi per la realizzazione dell’interporto di Frosinone. Un ottimo traguardo – continua - che va ad unirsi al prossimo rinnovo della Convenzione con il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture. Da tempo, infatti, stiamo aggiornando progetti e relazioni per riuscire a presentare un analisi completa delle esigenze territoriali nel campo logistico. Analisi a cui hanno contribuito tutti gli enti e le associazioni di categoria della provincia di Frosinone, che abbiamo incontrato, ricevendo e facendo nostri i loro giusti e condivisibili suggerimenti e che incontreremo di nuovo. In piena sintonia è stata finora l’azione politica messa in campo con l’Ammini-

Latte ciociaro: Iannarilli punta sul “federalismo” FROSINONE - Il latte di mucca viene pagato troppo poco ai produttori e viene venduto a un prezzo decisamente alto ai consumatori. La Provincia di Frosinone mette in campo una serie di interventi ed è intenzionata a sviluppare progetti mirati per favorire il consumo di latte locale facilitando il contatto diretto tra produttori e consumatori. "Siamo convinti - dice il Presidente Iannarilli - che il consumo dei prodotti della nostra terra e dei nostri allevamenti debba essere promosso in ogni circostanza e con iniziative efficaci e mirate continuando a proporre quel che definiamo il "federalismo dei consumi" per un rilancio in primis all'interno della nostra società e del nostro territorio dei nostri stessi prodotti. I cittadini della provincia di Frosinone devono essere consapevoli dell'ottima qualità dei prodotti agricoli della Ciociaria e chiediamo loro di acquistarli, di preferirli agli altri. In questo modo facciamo del bene a tutti: ai produttori che possono ottenere un incasso superiore e ai consumatori che possono acquistare a un prezzo migliore”.

strazione provinciale, con in particolare l’Assessorato e la Commissione Trasporti. Ringrazio, a tal proposito, l’ex assessore ai trasporti Gabriele Picano, oggi presidente della società Aeroporto, con il quale ho collaborato magnificamente e faccio gli auguri al neo assessore Marrocco, con il quale mi incontrerò presto per metterlo al corrente sullo stato dei fatti e per continuare insieme a lui il buon lavoro fatto finora. A tal proposito - conclude Galloni - mi preme porre all’attenzione di tutti, che i prossimi mesi saranno decisivi per la realtà interportuale frusinate e che se quanto seminato, come noi pensiamo, si trasformerà in un ottimo raccolto, per il nostro territorio si aprirà una nuova fase di sviluppo basato su un lavoro sinergico-infrastrutturale che a mio avviso non può prescindere dalla realizzazione dell’Interporto e del futuro scalo aeroportuale”.

De Angelis: siamo pronti per rilanciare il partito FROSINONE -“L'appuntamento di domenica scorsa rappresenta un passaggio fondamentale per gettare le basi per rilanciare il nostro Partito”, ha commentato l'europarlamentare Francesco De Angelis.“In queste tre settimane di consultazioni dei circoli abbiamo assistito ad un confronto molto costruttivo,con dibattiti sempre partecipati ed interessanti. Ben 80 circoli hanno rinnovato i propri organismi dirigenti ed hanno espresso il proprio voto per l'assemblea provinciale. All'interno di questa ampia partecipazione, con quasi cinquemila persone che si sono recate al voto,c'è stato l'ottimo risultato della lista "Cambia l'Italia", che ha ottenuto il 44% dei consensi. Un grande risultato che noi mettiamo a disposizione e sostegno del candidato segretario Lucio Migliorelli per

Oggi la benedizione del presepe di Sora

Filettino, posti i sigilli ad una discarica abusiva

SORA - Oggi alle 19,30 presso la Cappellania Sant’Antonio Forletta, eretta sulla sommità dell’omonima strada, sarà benedetto da Mons. Filippo Iannone e dal Parroco Mons.Alfredo Di Stefano il Presepe Natalizio 2010, che l’Associazione Sant’Antonio Forletta realizza da anni. I visitatori potranno osservare un suggestivo Presepe realizzato esclusivamente in maniera artigianale con la passione di tutti i soci.

FILETTINO - I Carabinieri, nell’ambito di un servizio mirato a contrastare il fenomeno dei reati ambientali, individuavano una discarica abusiva di circa 70 mq. La predetta area, al cui interno erano presenti rifiuti eterogenei costituiti da calcinacci,eternit,plasticaematerialeinerteproveniente da cicli di lavorazioni edili, dopo essere stata delimitata veniva sottoposta a sequestro ed affidata al responsabile dell’ufficio tecnico di quel Comune.

consolidare quel percorso unitario che abbiamo ricercato con tanta forza. L'unità del Partito è il bene più prezioso.Girando nei comuni ed incontrando i cittadini è emerso il malessere di un'Italia con gravi problemi da risolvere e c'è bisogno di uno spirito estremamente costruttivo e unitario. Gli elettori si aspettano questo da noi.Assistiamo a politiche inadeguate in tutti i livelli: nazionale, regionale,provinciale.Il centro destra sta fallendo miseramente alla sfida di governo.Siamo consapevoli che senza PD non può esserci alternativa al governo delle destre e per questo motivo abbiamo una responsabilità molto importante.Tutti insieme dobbiamo lavorare per costruire un PD unito e forte, democratico e pluralista, che riesca a tenere insieme culture riformiste diverse”.

3 ANNO I - N° 219 mArtedì 7 dIcembre 2010


Meteo

ORARI

SORA

MESSE ABBAZIA DI MONTECASSINO

TRENI

MATTINO

CASSINO ROMA

POMERIGGIO SERA NOTTE

FROSINONE

CASSINO

MATTINO

MATTINO

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

La ricetta KIPFERL ALLA VANIGLIA I kipferl sono dei buonissimi biscottini alla vaniglia, tipici della tradizione gastronomica Austriaca e soprattutto della città di Vienna. La prima cosa da fare è scottare le mandorle in acqua bollente e, dopo aver tolto loro la buccia, tritarle finemente. Prendete una ciotola abbastanza capiente e versateci la farina, aggiungete le mandorle tritate, lo zucchero e unite poi tutti gli altri ingredienti.Impastate, quindi, la farina con lo zucchero, il burro, l’uovo, la vanillina, amalgamando bene il tutto. Quando l'impasto sarà sufficientemente compatto, schiacciatelo dandogli la forma di un panetto, avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare in frigo per almeno 2 ore. Trascorse le due ore, preparate i vostri kipferl prendendo un po’ d’impasto e creando dei piccoli ferri di cavallo dello spessore di 1-2 centimetri e disponeteli su una placca da forno rivestita con l'apposita carta. Mettete il tutto in forno preriscaldato a 170° per almeno 15 minuti. I kipferl saranno pronti quando avranno assunto un bel colore dorato: a quel punto, toglieteli dal forno e spolverateli con dello zucchero a velo.

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

Mandorle (100 gr); Zucchero (100 gr); Burro (150 gr); Zucchero (a velo, 70 gr); Farina (250 gr).

Numeri utili EMERGENZA 112 113 115 118 1515 800116

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE SANITA’

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

9.00 10.30 12.00

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE

8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE

7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE

9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE

7.30 11.00 19.00

SAN BARTOLOMEO

APPUNTAMENTI

SORA

ORE

DAL 04 AL 12 DICEMBRE (CAIRA)

ORE

10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.)

Dieci giorni di atmosfere natalizie, di svago e di relax per tutta la famiglia. Un’occasione per scegliere il regalo di Natale giusto tra varie proposte di prodotti d’artigianato, accessori e abbigliamento, cosmetici, profumi, bigiotteria, biancheria ed articoli per la casa, elettrodomestici e arredamento, artigianato etnico, creazioni artistiche, prodotti enogastronomici e decorazioni natalizie.

ORE

8.30 11.00 CASSINO

FARMACIE

STASERA IN TV Rete Quattro, ore 21.10

AUTUMN IN NEW YORK

8.30 11.00 18.00

SAN BASILIO

FIERA DEL NATALE INGREDIENTI: Uova (1); Vanillina (1 busta);

ORE

VENERDI’ 03 DICEMBRE

COSTA

SABATO 04 DICEMBRE

RICCIUTI

DOMENICA 05 DICEMBRE

S.BENEDETTO

LUNEDI’ 06 DICEMBRE

PRIGIOTTI

MARTEDI’ 07 DICEMBRE

EUROPA

MERCOLEDI’ 08 DICEMBRE

COSTA

GIOVEDI’ 09 DICEMBRE

S.BENEDETTO

(drammatico - 2000)

Will incontra Charlotte, decisamente più giovane di lui. Potrebbe essere una delle tante che colpisce con il suo fascino. Ma non è così. La ragazza lo costringe a rivedere il suo passato (compreso quello che l'ha visto tra i corteggiatori di sua madre). Ma c'è un 'ma': lei soffre di una forma tumorale che ostacola gravemente il lavoro del cuore. Ha poco da vivere. Tra abbandoni romantici e improvvise incapacità di responsabilizzarsi da parte di lui, si giunge all'epilogo che non è dei più lieti. Tranne che per un'appendice di paternità accettata. C'era una volta Love Story. C'erano un Ryan O'Neal e una Ali MacGraw quasi sconosciuti. C'è, oggi, Autumn in New York. Con Richard Gere e Winona Ryder dove tutto è previsto e prevedibile. Regia di Joan Chen,c on Richard Gere, Winona Ryder, Anthony LaPaglia.

ANNO I - N° 219 - MARTEdì 7 dICEMbRE 2010


SPORT CALCIO SERIE B

La sconfitta di Vicenza ha certificato la crisi canarina: Stirpe potrebbe lasciare

Il Frosinone in ritiro punitivo Il presidente:“Mi sono stancato, questa squadra è senz’anima: così si retrocede” FROSINONE - L’involuzione palesata dalla compagine canarina nell’ultimo mese e mezzo ha mandato su tutte le furie il presidente maurizio Stirpe che dopo l’ennesima sconfitta esterna subìta a Vicenza ha deciso di applicare il pugno di ferro spedendo la squadra in ritiro. Ancora da definire la sede(Montesilvano e Avezzano le probabili destinazioni) ma la certezza è che da domani Sicignano e compagni non avranno più alibi. Occorre invertire la tendenza di un ruolino di marcia impietoso che parla di numeri da retrocessione. Il Frosinone non sa più vincere tra le mura amiche del Matusa. Fuiro casa poi si ri-

trova a commettere sempre i soliti errori difensivi e l’inconsistenza dell’attacco spuntato fa il resto. Non è possibile continuare su questa falsa riga: anche a Vicenza i canarini non sono stati capaci di portare a casa un risultato positivo, puniti

mdalla rete di Abbruscato giunta a quindici minuti dallo scadere del tempo regolamentare. Un sigillo che ha certicficato la crisi in cui versa il Frosinone. Continuando di questo passo, sarà impresa quasi impossibile salvarsi per la quinta stagione di fila. Al momento il tecnico Guido Carboni non sembra a rischio esonero, anche se la prossima partita con la capolista Novara giunge come una sorta di prova d’appello finale per il mister aretino, costretto a pagare per colpe anche non sue. Ci riferiamo soprattutto all’ennesima campagna acquisti fallimentare approntata dalla dirigenza canarina: Ortoli,

Stirpe e Graziani non sono riusciti a liberarsi di contratti esosi di giocatori poco utilizzati ed assolutamente inutili alla causa(Scarlato, Biso, Ascoli, Caremi), ed ora la squadra, con il tecnico in prima persona, ne pagano le conseguenze. Lo sfogo del

presidente Stirpe è di quelli che preoccupano non poco la piazza frusinate. “Dopo la partita col Crotone, sono sempre più preoccupato - ha detto Stirpe - ed ora mi sono veramente stancato. Sento attorno a me solitudine e non è escluso che potrei anche decidere di lasciare. L’impegno da parte dei giocatori non è più sufficiente: ho visto anche a Vicenza una squadra sen’anima che ha meritato di perdere e che deve trovare il modo di affrontare le partite con un piglio decisamente più combattivo. Pretendo che venga fuori il carattere del gruppo o con questa situazione si retrocede facilmente”.

BASKET PROMOZIONE

Terza vittoria consecutiva per il Sora 2000 I ragazzi di Pielucci asfaltano anche Frassati SORA - Vittoria casalinga, terza consecutiva per i ragazzi di Coach L.Pielucci, contro un A.C.S. Frassati. Gara disputata con poca concentrazione da parte dell’N.B.Sora 2000, rispetto alla buona prova agonistica avuta nel derby. Concentrazione e agonismo avuto, invece, degli ospiti. Si chiude il primo periodo con un parziale di (25-19) vedendo primeggiare Vinciguerra sotto canestro e Rossini nelle penetrazioni. La ripresa dove gli ospiti, cercano una timida reazione viene subito stroncata con tre bombe da tre punti di ottima fattura, effettuate da Bifera, Panunzi e Caringi consentendo la NB Sora 2000 di andare al riposo con 10 punti di vantaggio. Nella ripresa il Frassati fa

ruotare tutti i sui giocatori per cercare di recuperare qualche punto ma, la situazione non cambia nonostante la poca lucidità nei nostri giocatori , il divario fra le due formazione diventa sempre maggiore, (14) punti al termine del terzo periodo. L’ultimo quarto gli ospiti entrano nel rettangolo di gioco attuando una difesa uomo contro uomo per sfruttare il momentaneo appannamento dei ragazzi di Piellucci, il quale corre subito ai ripari dettando ai sui ragazzi, con le ultime sospensioni a lui disponibili, nuovi schemi e stimolarli, visto il repentino recupero avuto dagli avversari(14-19). Dunque ancora una buona prestazione per NB Sora 2000, che mercoledì prossimo ore 21.00 farà visita alla Pall. Colleferro.

Commento del Coach Luigi Piellucci a fine gara: “Partita molto strana. Avevamo impostato la partita sul gioco dentro l'area e nelle penetrazioni ed all'inizio lo stavamo facendo bene, il vantaggio del primo quarto è figlio di questo atteggiamento. Poi ci siamo disuniti a causa della poca concentrazione e determinazione avuta. Questo hanno permesso al Frassati di riprendere fiducia e tornarci dietro all’ultimo quarto. Ora ci concentreremo per la partita difficile di Colleferro dove bisogna trovare agonismo e concentrazione” Buona la direzione dei direttori di gara Sig.ri Trulli e Biasini, sempre ben presenti in tutte le azioni di gioco. TABELLINI: SORA 2000: CARINGI 3

Atalanta e Piacenza: scambio di attaccanti

Padova, passi avanti per la punta De Paula

Rimbalza oggi a tal proposito l'indscrezione relativa a un possibile scambio intavolato in atto dalla dirigenza atalantina con il Piacenza, che detiene il cartellino dell'exFiorentina e Lecce (seguito anche da alcune piccole di A): tra le file degli emiliani finirebbe Matteo Ardemagni (23), insieme a un possibile conguaglio economico che non ha convinto in maglia neroazzurra.

In probabile uscita dai ranghi del Chievo (presumibilmente in prestito secco) verso la serie cadetta in gennaio, l'attaccante brasiliano Marcos De Paula (26) potrebbe finire per accasarsi all'ambizioso Padova, come prima alternativa alla coppia d'attacco titolare Succi-Vantaggiato. Rimangono comunque sulle sue tracce, seppur a maggior distanza, Torino, Livorno e Triestina.

BIFERA 9, SAVONA ne, PANUNZI 19, PROIA , VINCIGUERRA 17, PASSANITI 2, ROSSINI 16, MANCO 6, SERAFINIne. All. PIELLUCCI Luigi. A.C.S. FRASSATI: LISI 5, DE LUCA, FRANCESCHETTI 2, VENTURA 18, CARACCI 11, RICCITELLI 14, VALENTINI 16,ANGELI 19, SEBASTIANELLI, All. PIELLUCCI Luigi. MIGLIOR QUINTETTO: PANUNZI, CARACCI, VENTURA, VINCIGUERRA, ROSSINI. PARZIALI: 25-19, 15-11, 18-11, 14-19 ARBITRI: TRULLI di ANAGNI e BIASINI di VEROLI.

5 ANNO I - N° 219 MARTEdì 7 dICEMBRE 2010


lagazzettacassino071210a  

IL TAPIRO DEL GIORNO AL PARTITO DEMOCRATICO L’OSCAR DEL GIORNO A LAURA MATERIALE ANNO I - N° 219 - mArtedì 7 dICembre 2010 - dIstrIbuzIONe g...

Read more
Read more
Similar to
Popular now
Just for you