Issuu on Google+

-

Macchia sul Liri Summit in Comune

Primo mese di bilancio per Michele Notaro

PONTECORVO - Dopo la comparsa di una strana macchia bianca lungo il corso del fiume Liri, l’Amministrazione comunale di Pontecorvo chiede aiuto alla Provincia di Frosinone. Interpellato l’assessore all’Ambiente Fabio De Angelis affinché le acque e la strana schiuma vengano analizzate per comprenderne la natura. Sul fenomeno indaga l’Arpa. PAG. 5

PONTECORVO - Primo mese di bilancio per il neo sindaco di Pontecorvo, Michele Notaro. A circa trenta giorni dal suo insediamento, il primo cittadino elenca gli interventi affrontati ed i progetti al varo dlel’Amnministrazione che si pongono come priorità. Tra questi la messa in sicurezza delle scuole ed il riordino della viabilità nel centro cittadino. PAG. 7

ANNO I - N° 57 vENERdì 07 mAGGIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

L’editoriale

Le verità nascoste Quando morì Giovanni Paolo II, Giuseppe Ciarrapico fu l’unico editore in tutto il mondo a mettere la notizia in seconda pagina perché all’epoca doveva sostenere la candidatura di Francesco Storace alla Regione Lazio. Anche i giornali pubblicati a l’Havana riportarono la morte del Pontefice in prima pagina. Ma sui giornali del gruppo Ciarrapico, niente, Storace era più importante del Papa morto. Martedì, come allora, a Cassino è successa una cosa simile. Mentre stampa e tv nazionali passavano la notizia della truffa milionaria del senatore di origine abruzzese, e non ciociara come vorrebbe far credere, Arnaldo Zeppieri decideva di omettere la notizia. Se è questo il modo di fare giornalismo in provincia di Frosinone, ci dissociamo. Sapevamo che i due ex rivali, dopo anni di guerra, avevano firmato l’armistizio. Sappiamo anche che ormai dichiararsi battaglia è una lotta tra titani,avendo Zeppieri anche lui grossi problemi finanziari causati soprattutto dalla nascita di “Extra tv”. Ma ci chiediamo: Quali accordi avete stabilito col Ciarra? Quali promesse vi siete scambiati? Forse quella di avere il monopolio dell’informazione come lo stesso senatore ha scritto in una lettera al figlio ora nelle mani della Procura di Roma: “Con i nostri giornali stiamo condizionando la politica regionale laziale e molisana”?

Gli scheletri nell’armadio di Zeppieri www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO A GIUSEPPE CIARRAPICO

E adesso spunta anche la gita stile amarcord a Predappio, pagata con i soldi dello Stato. Dunque i nostri. Viaggio in pullman, ristorazione offerta dal bar Rosati che, neanche a dirlo è di proprietà del senatore: il tutto per la modica cifra di 75mila euro. Sborsate non dal Ciarra ma dalla “Banca della Ciociaria” a cui il senatore di mussoliniana memoria aveva chiesto un finanziamento per un’iniziativa editoriale relativa ad un’opera di Giampaolo Pansa. Ma sono anche altri i retroscena di questa nuova vicenda giudiziaria. Come quello relativo ad un hard disk trovato in casa di una dipendente del Ciarra dove in un file nominato “Augello” c’è una lettera inviata all’allora assessore regionale in cui si sollecitano “aiuti” per le sue cliniche.

L’OSCAR DEL GIORNO A CIRO RIVIECCIO In qualità di assessore comunale ai Servizi sociali, Ciro Rivieccio, è sempre impegnato nelle battaglie per la tutela dei più deboli. Domani mattina, come già accaduto nel 2004 in Comune a Cassino verrà consegnato un nuovissimo Fiat Ducato appositamente attrezzato per il trasporto delle persone diversamente abili. le chiavi del mezzo verranno consegnate al sindaco Bruno Scittarelli e all’assessore Rivieccio in piazza De Gasperi. Subito dopo seguirà una conferenza stampa che illustrerà nei dettagli il progetto che ha consentito al Comune di Cassino di potersi dotare del nuovo mezzo di trasporto.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione Pisana, tra 15 giorni l’elezione del presidente del consiglio Ad annunciarlo la Polverini al termine della conferenza delle Regioni ROMA - Tra due settimane si riunirà la Conferenza delle Regioni per l'elezione del nuovo presidente del consiglio. Ad annunciarlo Renata Polverini, parlando con i giornalisti al Cinsedo al termine della Conferenza delle Regioni. ”Abbiamo deciso di convocare tra quindici giorni la Conferenza delle Regioni in cui si deciderà la presidenza”,

ha concluso Polverini al termine del suo intervento. Dopo le infinite polemiche scatenatesi all’interno del Pdl ciociaro che ha visto esclusi tutti i suoi rappresentanti dagli assessorati regionali, a Mario Abbruzzese spetta la carica di presidente del consiglio. “Quella di presidente è una carica importante”, aveva dichiarato Abbruzzese, ma questa sua convinzione non

ha di certo placato gli animi dei suoi compagni di partito che hanno prima manifestato la loro indignazione alla Polverini e poi messo in atto una campagna secessionista nei confronti di Roma Capitale. Insomma, tra quindici giorni, l’unico uomo del Pdl ciociaro, andrà ad occupare una poltrona a palazzo Gramsci. Che rimanga l’unico del Pdl a rivestire un ruolo all’inteno

della giunta regionale nessuno ancora è in grado di dirlo, bisognerà aspettare l’estate per sapere se il primo eletto nella provincia di Frosinone Franco Fiorito, che ancora non si è espresso sulla querelle ciociara mantenendo sempre e comunque toni pacati, andrà ad occupare la carica di assessore così come a bassa voce si vocifera nelle stanze di palazzo.

Caso Marrazzo, Cafasso teste scomodo Il tribunale del Riesame nel respingere le richieste dell’avvocato di Testini ROMA – Gianguerino Cafasso, pusher dei trans, deceduto il 12 settembre scorso per una dose letale di droga, fu eliminato perché "testimone ingombrante". A sostenerlo, questa volta, non è la procura di Roma ma il tribunale del riesame che ha respinto la richiesta della difesa del maresciallo dei carabinieri Nicola Testini di annullare l'ordinanza di custodia cautelare emessa per omicidio premeditato e aggravato dal gip Renato Laviola. Secondo i giudici della libertà, Quella di Testini fu "una lucida decisione di sbarazzarsi" di un soggetto "divenuto ormai troppo scomodo". Nelle 36 pagine del provvedimento il collegio (presidente Anna Criscuolo), ricostruisce

in modo dettagliato tutti i passaggi della vicenda Marrazzo: dall'irruzione dei carabinieri Simeone e Tagliente nel monolocale in via Gradoli dove si trovavano l'ex governatore del Lazio e il trans Natali, ai tentativi di vendita del video 'incriminato', ai rapporti tra gli indagati e Cafasso, passando per le dichiarazioni rese ai pm dai vari testimoni. Testini e' descritto come una persona "interessata ad acquisire le informazioni sull'attività' dei transessuali, degli spacciatori e dei clienti più facoltosi". Con riferimento a Marrazzo, il militare, secondo il tribunale, conosceva le abitudini sin dal 2008 e dal maggio 2009 era maturata l'idea di compiere un blitz ai danni del-

Consulta femminile, pronto il bando “Mai più violenza” ROMA - ”Il silenzio è spesso il nemico piu' insidioso della violenza. Perché la soffoca, la reprime, ma non la cancella e, quel che é più grave, la lascia impunita”. Per tali motivi, la Consulta Femminile del Lazio ha deciso di rinnovare, per il secondo anno consecutivo, il bando di concorso indirizzato alle scuole medie superiori, statali e paritarie, della Regione Lazio e intitolato “Mai piu' violenza: esci dal silenziO”. Obiettivo del concorso é quello di sensibilizzare docenti e studenti nei confronti di una realtà, purtroppo, sempre piu' diffusa: quella della violenza contro le donne. Il bando, pubblicato sul sito del Consiglio Regionale del Lazio il 26 aprile, prevede la realizzazione di un’opera in

2 ANNO I - N° 57 veNerdì 07 mAggIO 2010

grado di sollecitare una riflessione più ampia sul tema della violenza, elaborandone le devastanti conseguenze sulla persona e sulla collettività e individuando un messaggio rivolto alla cittadinanza che inviti a fermare la violenza.Il termine ultimo per la consegna e' fissato al 25 giugno, i vincitori del concorso verranno premiati con un riconoscimento in denaro nel corso della cerimonia di premiazione che si terra' il 25 novembre in concomitanza con la celebrazione della Giornata Internazionale contro la Violenza sulle Donne. Gli elaborati pervenuti saranno esposti all’interno di una mostra che sarà allestita negli spazi in cui avverra' la premiazione.

l'uomo politico con "finalità squisitamente ricattatoria". Cafasso "era l'unico in possesso di informazioni drammaticamente pregiudizievoli per i protagonisti di quell'episodio", era un "testimone pericoloso, certamente dai carabinieri direttamente controllabile in forza del patto illecitamente stipulato" che lo autorizzava a spacciare liberamente. Una volta però cominciati i tentativi di vendita del video 'incriminato', iniziano anche le domande dei potenziali acquirenti Quindi, si legge, "può ritenersi che gli indagati cominciassero ad avvertire il rischio della situazione in cui si erano incuneati" e di cui era a conoscenza solo il pusher. "E' quindi individuabile - scrive il tri-

bunale - un movente più che serio per eliminare Cafasso che rappresentava un potenziale, pericoloso ostacolo al tentativo di vendita del video". Di qui la decisione di uccidere dandogli della droga gratuitamente che poteva rappresentare "una forma di remunerazione per il ruolo svolto nella vicenda". Quel delitto, per i giudici, e' "un disegno lucido e diabolico, che marca il livello strategico e criminale dell'indagato, il quale certamente all'epoca non poteva prefiguarsi ne' lontanamente ipotizzare il proprio coinvolgimento in un procedimento penale per la vicenda Marrazzo, ma intendeva soltanto regolare il rapporto con il proprio confidente, divenuto ingombrante".

Nominati i membri delle autonomie locali ROMA - Le Regioni, l'Anci e l'Upi hanno raggiunto questo pomeriggio in Conferenza unificata l’accordo sui membri del Comitato dei rappresentanti delle autonomie locali. Si tratta di un organismo che avrà una funzione di raccordo tra la Commissione bicamerale per l’attuazione del Federalismo fiscale e la Conferenza Unificata stessa. Per le Regioni sono stati nominati i presidenti Roberto Cota (Piemonte), Vasco Errani (Emilia Ro-

magna), Enrico Rossi (Toscana), Renata Polverini (Lazio), Stefano Caldoro (Campania) e Nichi Vendola (Puglia). Per i Comuni sono stati indicai il sindaco di Torino, Sergio C h i a m p a r i n o, quello di Verona, Flavio Tosi, quello di Roma, Gianni Alemanno e quello di Cosenza, Salvatore Perugini. Per le Provincie l'indicazione è caduta sul presidente dell'Upi e della provincia di Catania, Giuseppe Castigione e sul presidente della provincia di Roma, Nicola Zingaretti.

15 chili di letame davanti la sede di Fi

“Voler bene all’Italia” torna per ilVII anno

ROMA - Letame davanti la sede di Forza Italia a Roma. Quindici chili di sterco animale sono stati scaricati ieri in via dell’Umiltà probabilmente da una ventina di ragazzi. Con il letame anche due bandierine, una del Pdl e una del centro sociale di destra CasaPound. Sopra il cumulo di sterco, rovesciato da un bidone, è stato messo un vaso da notte per bambini. Le forze dell’ordine hanno provveduto al sequestro della zona.

Roma - Domenica 9 maggio per il settimo anno, torna “Voler Bene all’Italia” la festa nazionale per la valorizzazione dei Piccoli Comuni Italiani. Oltre 2.000 comuni fino a 5.000 abitanti anche quest’anno avranno la possibilità di riaprire le loro porte ai cittadini e ai turisti in una giornata di grande festa mostrando i propri tesori, attraverso degustazioni, visite guidate, percorsi naturalistici, mostre, convegni, rappresentazioni folkloristiche e musica.


provincia Coordinamento provinciale del Pdl In trentanove sulla lista Celli: “Una squadra di amministratori eccellenti. Adesso tutti insieme per governare il territorio” FROSINONE – La riunione “romana” del Pdl ciociaro con il coordinatore regionale Vincenzo Piso ha prodotto un primo importante risultato. Finalmente, superando un’anomalia tutta frusinate, è uscito un primo elenco di nominativi che comporranno il coordinamento provinciale del Popolo delle Libertà. Ne fanno parte: Franco Fiorito, Adriano Roma, Modesto Della Rosa, Giorgio Pongelli, Gianfranco Pizzutelli, Gianni Celli, Vittorio Di Carlo, Enrico Giovannageli, Iris Pellegrini, Denis Campoli, Quirino Ciolfi, Agostino Di Pucchio, Fabio Leva, Mario Abbruzzese, Stefano Belli, Salvatore Meglio, Costantino Magliocca, Giandomenico Bastianelli, Mirella Colantonio, Massimiliano Mignanelli, Gabriele Picano, Danilo Magliocchetti, Antonio Salvati, Franco Giovannone, Ilaria Ianni, Francesco Di Cicco, Serenella Poggi, Giuseppe Patrizi, Giuseppe Galloni, Riccardo Mastrangeli, Tommaso Cenciarelli, Paolo Pulciani, Enrico Proia, Sara Petrucci, Fulvio De Santis, Fabio Tagliaferri, Andrea Amata. Un elenco di 39 nominativi, di cui 19 ex Forza Italia e 9 ex An. Sulla lista e sul processo che l’ha partorita è intervenuto il capogruppo del Pdl in Provincia, Giovanni Celli. “Un passo in avanti fondamentalein questo primo elenco che poi dovrà essere sottoposto all’attenzione dei vertici regionale e poi nazionali per la ratifica – ha spiegato il

sindaco di Ripi – L’incontro di Roma è stato certamente proficuo, sarà così eliminata un’anomalia tutta locale, l’assenza di un coordinamento provinciale del partito. Le persone che lo compongono sono tutte di ottimo spessore, tutti amministratori forgiati da anni e anni di lavoro sul campo”. Va più nel dettaglio, poi, il consigliere Celli: “Il coordinamento provinciale del Pdl era necessario, importante, perché serve a dare una struttura concreta al nostro partito, a fare da filtro tra i vertici e la base, ad evitare possibili frizioni. A fare politica. Fino a poco tempo fà ognuno poteve dire la propria, sentirsi legittimato in posizioni di tipo personale, ora non più. Ci sarà una linea di partito unica”. Sulle aspettative a livello regionale, Celli è chiaro: “Certamente nell’incontro con Piso abbiamo richiesto attenzione per questo territorio, attenzione a livello di rappresentanza. Ci è stato assicurato che un assessorato ci sarà dato, sui tempi non abbiamo indicazioni precise. Però saremo sicuramente rappresentati negli enti intermedi che comunque servono a governare il territorio. E’ questo che la gente ci chiede. Invertire la rotta qui in Ciociaria, far crescere la provincia. Perciò non è una questione di poltrone, ma di operatività”. Chiude con due riflessioni importanti il capogruppo provinciale del Pdl: “Ora sta a noi, sederci

“Il Popolo delle libertà locale è in pieno caos” FROSINONE Fa un’analisi a trecentosessanta gradi sul centrodestra provinciale il consigliere di minoranza del Partito democratico Simone Costanzo, evidenziando tutte le criticità che attreversano in Ciociaria i fedelissimi di Berlusconi: “Ancora una volta – spiega il consigliere -assistiamo ad un pessimo segnale politico da parte della classe dirigente del centro-destra della nostra Provincia. Un Caos totale : si fa fatica a trovare due posizioni simili; è una Babele di correnti e di posizionamenti solo di potere che nulla porta al territorio e che di fatto ingessa e paralizza l’attività amministrativa: vedi il nulla dell’Amministrazione Iannarilli che quasi ogni giorno deve minacciare le dimissioni o la secessione da Roma per reggere le frizioni interne o la paralisi totale del Comune di Cassino alle prese con una profonda crisi o la giunta anomala della Polverini senza ciociari e senza UDC, determinanti per la vittoria. Si dimostra chiaramente l’incapacità nella gestione della cosa pubblica del centro-destra che passa la maggior parte del tempo a litigare trascurando inevitabilmente i problemi veri dei nostri concittadini: il lavoro, l’istruzione, l’ambiente, le infrastrutture, ecc…” “Il Partito Democratico – conclude Costanzo -da questi temi deve ripartire con entusiasmo per tornare ad essere forza di governo stabile e matura sia in Provincia che in Regione”

tutti attorno ad un tavolo, e fare squadra per questa provincia. Non si può negare che molte dei problemi che sono successi in questi mesi, come la mancata presentazione della lista a Roma, sono dipesi anche da noi. Ora ci sarà il coordinamento però. Poi aggiungo che, attraverso questo passaggio, riusciremo anche a governare meglio l’amministrazione provinciale, dove assicuro, non ci sono assolutamente problemi in maggioranza. Dobbiamo solo governare”.

Una manifestazione provinciale dei lavoratori socialmente utili FROSINONE – In tutto questo caos susseguitosi alla nomina della nuova giunta regionale del Lazio e all’esclusione di rappresentanti locali nell’esecutivo della Polverini, si erano abbassati i fari sulla vicenda degli Lsu in servizio presso l’amministrazione provinciale di Frosinone. I precari dell’ente di piazza Gramsci si erano lasciati con il presidente Iannarilli con la promessa dell’incontro a Roma, in Regione con la Polverini. Ma le ultime vicende relative alla mancata nomina di rappresentanti ciociari nell’esecutivo regionale hanno un poco raffreddato i rapporti tra la Pisana e Palazzo Gramsci, e l’atrito è, di conseguenza, ricaduto anche sulle richieste dei lavoratori social-

mente utili. Ma i precari, non stanno rimanendo con le mani in mano, e nell’attesa dell’incontro romano, si stanno rganizzando di proprio conto per organizzare una menifestazione provinciale sulla loro situazione. La vogliono organizzare entro il mese di maggio, chamare anche i loro colleghi di sventura degli altri enti del territorio. Ricordiamo che la provincia di Frosinone ha un triste primato per quanto riguarda gli lsu. Sono circa 900, record nel centro Italia. Per cui hanno deciso di far di nuovo sentire la loro voce, per tener desta l’attenzione sul loro problema. E lo fanno a giusta ragione. E’ora che la loro telenovela che dura da 15 anni, si possa finalmente concludere positivamente.

Il bando per l’integrazione scolastica dei migranti FROSINONE – Scadrà il prossimo 31 maggio il bando rivolto alle scuole del territorio avente per oggetto la presentazione di progetti di integrazione interculturale e di integrazione scolastica degli allievi di origine migrante.A promuoverlo, la Provincia di Frosinone, attraverso il settore delle politiche sociali e migratorie. I progetti dovranno raggiungere i seguenti obiettivi: migliorare l’offerta formativa del sistema scolastico provinciale attraverso il sostegno di iniziative che si rivolgono alla realizzazione di una reale pratica interculturale capace di favorire un’esperienza condivisa di diffusione della cultura dei diritti umani; sollecitare il protagonismo della scuola all’interno di un progetto unificante condiviso; contribuire alla promozione, fra gli studenti di cittadi-

Pd, lunedi l’analisi del voto regionale

Un convegno sui centri commerciali naturali

FROSINONE – Una riunione molto attesa quella che si svolgerà lunedì prossimo, alle ore 17, presso l’Hotel Astor di Frosinone. E’ quella convocata dalla Direzione provinciale del Pd per analizzare il voto delle elezioni regionali. Il risultato delle urne è stato sconfortante per il Pd in Ciociaria. Sicuramente ci saranno polemiche sulla composizione delle lista, tutta schiaccita sul dualismo Scalia-Buschini.

FROSINONE – Lunedì, alle ore 9,30, presso il Salone di rappresentanza della Provincia di Frosinone, si svolgerà un convegno dal titolo: “Centri commerciali naturali – Sicurezza e legalità”. Ad organizzarlo, l’associazione regionale Lazio dei centri commerciali naturali, insieme con l’assessorato alle attività produttive di palazzo Gramsci. Il presidente Mattia: “Lunedì nascerà a Frosinone il primo coordinamento d’Italia dei centri commerciali naturali”

nanza italiana e non, di un’educazione alla cittadinanza e alla mondialità, capace di coniugare, in termini equilibrati, appartenenza locale e dimensione globale in un’ottica di confronto; creare esperienze di conoscenza che consentano una lettura/rilettura della propria identità culturale e un’apertura alla conoscenza di altri orizzonti culturali con i quali venire a contatto attraverso esperienze specifiche e dimensioni interculturali ed interdisciplinari. “Un bando per favorire l’integrazione scolastica degli stranieri – ha sottollineato la dirigente del settore, la dottoressa Costanza Staiano – E’importante che le scuole diventino i presidi sul territorio per arrivare a quella giusta integrazione tra italiani e stranieri che per essere efficace deve partire dalle giovani generazioni”.

3 ANNO I - N° 57 veNerdì 07 mAggIO 2010


primo piano A Pontecorvo l’ennesimo episodio: la schiuma bianca terrorizza i residenti. Questa mattina incontro importante al Comune

Fiume Liri, cosa succede alle nostre acque? PONTECORVO – Non è il primo episodio registrato dall’inizio dell’anno e i cittadini iniziano ad avere paura. Stiamo parlando del Fiume Liri a Pontecorvo che è tornato nei giorni scorsi a tingersi di bianco. In molti si sarebbero affacciati dal ponte, nella zona antica della città, per osservare preoccupati il fenomeno che di naturale sembra avere ha ben poco: una scia bianca lungo il corso d’acqua. Sul posto, allertati dai cittadini, sono intervenuti i carabinieri che hanno ritenuto necessario far intervenire le autorità in fatto ambientale: l’Asl di Frosinone e l’Arpa Lazio che avrebbero iniziato a fare alcuni esami. La diversa colorazione dell’acqua – secondo le testimonianze raccolte – sarebbe rimasta ben visibile per diverse ore. Episodi simili lasciano ipotizzare un inquinamento del

fiume Liri da parte di qualche azienda situata nel territorio circostante, il fenomeno si ripete ormai troppo frequentemente e sembrerebbe coincidere con il fine settimana. Un problema da affrontare immediatamente, infatti, il neo eletto assessore comunale, con delega all’ambiente, Fabrizio Falasca, per fare luce sulla questione ha chiesto l’intervento dell’assessore provinciale all’Ambiente, Fabio De Angelis, mercoledì prossimo nel pomeriggio. “E’ una questione che non riguarda solo il territorio di Pontecorvo ma tutta l’area circostante per questo la competenza non è solo più comunale”. Questa mattina, invece, si terrà un’importante riunione presso il palazzo comunale con le associazione ambientali competenti per territorio, le sezioni locali di Fare Verde e Wwf. Nel

pomeriggio, invece, una riunione con gli esponenti di maggioranza per fare il punto della situazione e l’assessore Falasca ha in mente di chiedere doppie analisi da parte dell’Arpa Lazio, che è l’ente preposto ad identificare i corpi idrici significativi da sottoporre a controllo e monitoraggio, con l’obiettivo di valutarne la qualità ambientale e di porre le Autorità competenti nelle condizioni di emanare provvedimenti di varia natura ai fini della tutela della risorsa e della salute umana. “Analizzare, dunque le acque prima e dopo tali fenomeni per capire realmente cosa sta accadendo. Sono due anni che i cittadini aspettano delle risposte, i responsabili non sono mai usciti fuori, il problema deve essere risolto immediatamente” ha detto Falasca. M.B.

Intanto Wwf Italia lancia la “Campagna Liberafiumi” I fiumi italiani trattati come ‘terra di nessuno’, a parte qualche perla naturale

Alla ricerca della biodiversità perduta, è stato questo il senso della Campagna Liberafiumi 2010, lanciata dal Wwf Italia ed ha interessato anche la nostra regione e in particolare il fiume Melfa che scorre nel nostro territorio. Oltre 600 volontari, infatti, in tutta Italia hanno setacciato lo scorso due maggio le sponde di 29 fiumi italiani. In tutto oltre 600 chilometri di corsi d’acqua sono stati monitorati per segnalare in speciali cartografie lo

stato delle fasce fluviali e ripariali, delle zone di esondazione. L’obiettivo è la realizzazione di una prima mappa aggiornata sullo stato dei principali corsi d’acqua italiani da presentare alla vigilia della Conferenza Nazionale della Biodiversità e avanzare in autunno proposte per la loro tutela, rinaturazione e valorizzazione. I volontari, insieme ad esperti e tecnici del WWF, associazioni di pescatori, Guardie volontarie, sono andati alla ricerca

delle zone umide circostanti, le aree boscate ancora presenti, le zone agricole, costruzioni e manufatti, le cave, i depositi e le discariche. Una vera e propria fotografia grazie all’elaborazione con sistema Gis (Geographic Information System) per capire quanto c’è ancora di naturale nei nostri fiumi o di come l’artificializzazione li abbia resi incapaci di restituire tutti quei ‘servizi naturali’ fondamentali alle comunità che vivono lungo il loro corso. L’iniziativa fa parte degli eventi promossi dal WWF nell’Anno Internazionale della Biodiversità dato che i fiumi italiani sono uno degli habitat più delicati e a rischio. I dati verranno elaborati nei prossimi giorni ma da una prima analisi emerge già un quadro desolante: scarichi a cielo aperto soprattutto civili, terreni agricoli che rubano spazio alla poca vegetazione residua, discariche di sostanze inquinanti. In Campania, lungo il fiume Volturno, scoperte pericolose discariche di amianto e eternit abbandonati lungo le sponde e numerose carcasse di bufale. Ovunque gli alberi riparali vengono tagliati abusivamente. Poche le ‘perle’naturali che ri-

Fiume Fibreno Ingenti fondi in arrivo

Centrale Garigliano i Verdi rassicurano

Un milione di euro per intervenire sulle sponde e sull’alveo del fiume Fibreno e scongiurare cosi future inondazioni sui terreni circostanti sul versante di Carnello. A tanto ammonta la spesa cui farà fronte la Regione Lazio per Assessorato all’ambiente al fine di procedere alla definitiva sistemazione spondale e i tratti esterni al centro abitato e ricadenti nel comprensorio comunale. Attualmente è in corso la pulizia delle sponde e la manutenzione dell’alveo.

“Nella ex centrale del Garigliano non si realizzerà un nuovo impianto nucleare perché in atto lo smantellamento delle turbine ed apparecchiature interne”. Lo ha detto rassicurando tutti il commissario regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli. “Lo smantellamento di questi macchinari è inevitabile perché sono stati costruiti oltre cinquant’anni fa e sono inutilizzabili per nuovi eventuali impianti”.

sulteranno nella nuova Mappa, come quella dell’alto Sangro, in Abruzzo, dove sono state rilevate tracce di lontra: non a caso, il mammifero più raro dei fiumi italiani, sceglie i tratti d’acqua più naturali e ancora in buono stato di salute. “La partecipazione è andata oltre alle aspettative: sono stati oltre 600 i volontari che ci hanno aiutato e grazie al loro aiuto saremo finalmente in grado di capire lo stato di salute dei nostri fiumi – dichiara Andrea Agapito Ludovici, responsabile del Programma acque del WWF Italia e della Campagna Liberafiumi – Grande l’aiuto dei pescatori e delle loro associazioni, particolarmente coinvolti in questa iniziativa. I primi risultati confermano purtroppo i nostri timori: i fiumi italiani sono trattati come ‘terra di nessuno’, a parte qualche perla naturale. Questo vuol dire che gli sforzi per difenderli devono essere attuati al più presto, a partire da una gestione unitaria del loro corso. In autunno faremo le nostre proposte concrete per una gestione alternativa che possa riportare i fiumi ad uno stato di naturalità necessaria alla comunità”.

5 ANNO I - N° 57 veNerdì 07 mAggIO 2010


cassino

Ad ottobre il candidato a sindaco Lo cercano i partiti del centrosinistra per le elezioni comunali del 2011. Ipotesi primarie CASSINO - Entro ottobre la scelta del candidato a sindaco del centrosinistra e in mancanza di indicazioni le primarie in vista delle elezioni comunali del prossimo anno a Cassino. Questi i tempi tecnici dettati l’altra sera nella prima riunione di partiti e movimenti del centrosinistra assente, però, il Pd in attesa di chiarimenti interni. “Nella prossima riunione- ha detto il socialista Varone- inviteremo tutti i consiglieri del Pd

per una disamina complessiva e per avviare un percorso comune alla ricerca del candidato a sindaco.” Intanto è stata costituita la confederazione in consiglio comunale tra il Psi rappresentato dal consigliere Alessandro Varone e il movimento politico “Cambiare Cassino” di Andrea Vizzaccaro. Capogruppo sarà Varone. “Intendiamo avviare un percorso – hanno detto – attraverso un’azione politica finalizzata alle prossime elezioni

comunali. L’obiettivo è quello di lavorare insieme alle altre forze del centrosinistra per un programma politico ed amministrativo.” Il segretario socialista Pino Spiridigliozzi ha annunciato l’avvio di un tavolo del centrosinistra con il Pd, l’Italia dei Valori e associazioni ambientaliste mirato a ricompattare queste forze politiche capaci di fare scelte mirate. In casa del Pdl, invece, è ancora in alto mare la soluzione della crisi al comune di Cassino nonostante le continue riunioni tra il sindaco Scittarelli e il gruppo dei dieci consiglieri ribelli che fanno capo ai consiglieri regionali Abbruzzese e D’Aguanno.“La crisi c’è- sostiene il portavoce del gruppo Nicola Giangrande - e perciò non si può far finta che non c’è e che finora abbiamo scherzato. Non capiamo perchè non si vuole trovare la soluzione alle nostre richieste che partono dalla presidenza del consiglio. Mignanelli non si dimette e tutto rimane fermo. A questo punto serve un’azione sinergica del sindaco e del gruppo dei dieci per tentare una mediazione”. Secondo alcuni il sindaco starebbe lavorando anche ad una maggioranza alternativa per far fronte alle scadenze amministrative come l’approvazione del bilancio a fine giugno.

Intervento critico dei consiglieri Di Zazzo, Marrocco e Lullo

“La città è senza governo” CASSINO - Dura analisi dei consiglieri comunali del Pd Tullio Di Zazzo, Tommaso Marrocco, Giovanni Lullo, sulla situazione amministrativa. Questo il testo del loro intervento. “Il PD di Cassino esprime forte preoccupazione per la situazione amministrativa a seguito della crisi interna al centro-destra, che riflette le profonde contraddizioni del PdL regionale.La città di fatto è senza governo, è alla deriva. I problemi irrisolti si accumulano con un incalcolabile danno per i cittadini. Il bilancio amministrativo presentato dal Sindaco nel recente Consiglio comunale è un maldestro tentativo del centrodestra di recuperare una sua credibilità. Il gruppo consiliare del PD, nonostante le difficoltà interne, è riuscito sempre a svolgere un’opposizione ferma e propositiva e adesso, più che mai, insieme a tutto il partito deve organizzare un’azione politica di verità sul bilancio amministrativo per i debiti fuori bilancio e una proposta di emendamenti che colgano le esigenze vere della cittadinanza. Occorre di fronte all’emergenza di tale ampiezza avviare una nuova politica capace di aggregare forze reali per un progetto di rinnovamento e di crescita della città. Parallelamente vanno avviati confronti politici su temi di interesse sia comunale ma anche di dimensione territoriale. Tali confronti, volendo ri-

dare alla Politica il giusto ruolo, ed ai Partiti la giusta dignità, devono essere affrontati in maniera democratica e libera da ogni forma di esasperato personalismo. Da parte nostra troviamo stimolante, nell’ambito di una discussione, la proposta di questi giorni portata avanti dal Presidente Iannarilli su una Regione delle Province. Al di sopra di ogni strumentalizzazione e di ogni preconcetto, il tema, che va da una assoluta dipendenza da Roma ad una piena autonomia, deve essere affrontato con strumenti politici nuovi per valutare, da 0° a 360°, quale livello di autonomia e su quali temi concentrare l’attenzione. Non si può liquidare il tema con un semplice si o un semplice no, ne tantomeno affrontare il tema con schemi e impostazioni superati, ma magari guardando a nuovi modelli federali come eventuali aree interprovinciali. Probabilmente con capacità critica, e con rispetto delle opinioni di tutti le migliori forze del territorio dovrebbero incontrarsi (nell’interesse dei cittadini del territorio) per confrontare le proprie idee (magari in un incontro dibattito) per il bene dei nostri concittadini. Questo vuol essere un appello ad impegnare le migliori energie non su dispute per vendette trasversali e personali ma su temi che interessano la qualità di vita ed il futuro dei cittadini.”

I n t e rrog a zion e d e ll’ Ud c

Caira, alberi pericolanti in corso San Basilio CASSINO - E’ ancora in alto mare la soluzione della crisi al comune di Cassino nonostante le continue riunioni tra il sindaco Scittarelli e il gruppo dei dieci consiglieri ribelli che fanno capo ai consiglieri regionali Abbruzzese e D’Aguanno.“La crisi c’è- sostiene il portavoce del gruppo Nicola Giangrande - e perciò non si può far finta che non c’è e che finora abbiamo scherzato. Non capiamo perchè non si vuole trovare la soluzione alle nostre richieste che partono dalla presidenza del consiglio. Mignanelli non si dimette e tutto rimane fermo. A questo punto serve un’azione sinergica del sindaco e del gruppo dei dieci per tentare una mediazione”. Secondo alcuni il sindaco starebbe lavorando anche ad una maggioranza alternativa per far fronte alle scadenze amministrative come l’approvazione del bilancio a fine giugno. Intanto il centrosinistra va verso la riorganizzazione in vista delle elezioni comunali del prossimo anno.

Prorogato il corso universitario sulla pubblica amministrazione

Sabato la consegna dei mezzi per i disabili

ASSINO -Prorogato fino al 14 maggior prossimo il bando per l’iscrizione al Corso Universitario di formazione e aggiornamento per il personale della Pubblica amministrazione, per i professionisti, privati cittadini e studenti.Un’altra settimana ancora per accreditarsi all’offerta formativa che annualmente propongono l’Anci Lazio, l’Università ed il Comune di Cassino, finalizzata a esemplificare e velocizzare le procedure amministrative. L’argomento di questa Sesta edizione è più specifico e riguarda i Servizi pubblici e l’altra novità rilevante è che il Consiglio di Facoltà dell’Università oltre a confermare il riconoscimento dei 5 crediti al Corso, ha stabilito che gli stessi crediti possono essere utilizzati per uno di questi esami: Diritto amministrativo, Diritto dei Contratti pubblici, Diritto degli Enti locali o Diritto regionale.

Il settore Servizi Sociali del Comune di Cassino da sabato avrà a disposizione un nuovissimo Fiat Ducato appositamente attrezzato per il trasporto di persone diversamente abili. Il mezzo verrà ufficialmente consegnato al sindaco Scittarelli e all’assessore Ciro Rivieccio, sabato mattina in piazza De Gasperi, alle ore 11.00. Seguirà una conferenza stampa che illustrerà nei dettagli il progetto che ha consentito al Comune di Cassino di potersi dotare del nuovo mezzo, come già avvenuto nel 2004.

Mutui e rinegoziazioni - Leasing - Fidejussioni Finanziamenti aziendali e personali Cancellazione protesti e banche bati Cassino (FR) - Corso Della Repubblica, 5 SOCIETA DI CONSULENZA E SERVIZI FINANZIARI ATTIVITA’ BANCARIE AZIENDALI

tel. 0776.24557 - fax 0776.326677 - e-mail elabostudio@libero.it


cassinate Amministrazione Notaro, un mese dopo A tu per tu con il sindaco. Le priorità e le promesse mantenute PONTECORVO - Ad un mese dall’insediamento della nuova Giunta Notaro a Pontecorvo, ecco le dichiarazioni del primo cittadino che abbiamo intervistato nel suo nuovo ufficio. Michele Notaro, Lei non è estraneo alla Casa Comunale avendo già coperto l’incarico di consigliere di maggioranza, e poi minoranza durante la passata amministrazione. Ora che sensazione prova nel sedere sulla poltrona di primo cittadino? “E' sicuramente una situazione completamente diversa. Grossa soddisfazione ma altrettanta responsabilità”. Utilizzando lo slogan noto in campagna elettorale, come “rinasce” Pontecorvo? “La rinascita del paese è affidata a tutti noi. Le prime impressioni sono molto positive, speriamo di continuare così”. Il grande numero di consensi ottenuti ha dimostrato che il programma amministrativo presentato da ‘Pontecorvo Rinasce’ è stato premiato. Prima promessa mantenuta la decisione di tagliare subito le indennità di sindaco, vice sindaco ed assessori. Ci dica qualcosa in merito, come saranno utilizzati questi soldi. “Avevamo promesso in campagna elettorale di tagliare queste indennità per il primo anno di

mandato e lo abbiamo fatto. Gran parte di questi fondi saranno destinati al sociale. Attraverso una delibera di giunta sì è deciso il dimezzamento delle indennità di sindaco, vice sindaco e assessori. La scelta di risparmiare con questa riduzione drastica, valida per il primo anno di mandato, permetterà quindi di creare nuove risorse da impiegare sulle fasce più deboli. Il comune di Pontecorvo potrà risparmiare circa 40mila euro che andranno a rimpinguare per la maggior parte il capitolo dei Servizi Sociali”. Tra le promesse fatte in campagna elettorale anche quella di un bilancio comunale più trasparente, in che maniera intendete coinvolgere i cittadini? “Anche questa è una promessa mantenuta. Abbiamo già pubblicato sul sito istituzionale dell'Ente una breve relazione per il cittadino scritta in maniera sintetica e di facile comprensione, un manuale sul bilancio comunale che è stato stilato dall’ufficio ragioneria, tutti i cittadini potranno consultarlo dal sito o scaricarlo e stamparlo per averne una copia a disposizione. Nel Bilancio sociale tra i principali investimenti da attivare nel 2010 quello più consistente tocca alla scuola media San Tommaso, per la quale è stato destinato un finanziamento regionale di oltre 551mila euro. 288mila saranno utilizzati per

l’edilizia scolastica; 264mila per la Viabilità comunale; 118mila per i beni strumentali; 20mila per interventi per la pubblica illuminazione; 10mila per i servizi generali dell’ente. Questo bilancio vuole essere un atto di trasparenza nei confronti dei cittadini ai quali mostrare chiaramente, attraverso un documento pubblico di semplice lettura, i punti di forza dell’Amministrazione e, perché no, anche quelli di momentanea debolezza. Sono questi ultimi, infatti, che andranno affrontati con nuovo vigore per fare sì che il contratto che avevamo idealmente stipulato con il cittadino, quando questa Amministrazione si è insediata, possa essere portato a termine nel migliore dei modi”. Tra qualche giorno secondo appuntamento con il consiglio comunale? Di cosa si parlerà, quali le priorità da affrontare per la città? “Sarà portato all'attenzione del Consiglio il bilancio preventivo 2010. Le priorità da affrontare sono quelle note: sicurezza delle scuole e viabilità come primissimi interventi. Per entrambi i settori si sono già tenuti nei giorni scorsi vari sopralluoghi. Mancano da attribuire ancora alcune deleghe, nel prossimo consiglio, infatti, saranno eletti anche i rappresentanti comunali per gli Enti esterni: Comunità Montana e Unione dei Comuni ad esempio”.

Sora-Roccasecca, novità per gli studenti pendolari Saranno modificati gli orari. Trenitalia adotta un sistema metropolitano veloce CASSINATE - Buone notizie per i pendolari che scelgono il treno per raggiungere la Capitale o spostarsi sul territorio provinciale. Dopo un incontro a Roma tra i componenti dell’Osservatorio Regionale dei Trasporti e il Direttore Regionale del Lazio di Trenitalia arrivano spiragli di luce per la tratta RomaCassino e per la storica tratta Sora- Roccasecca. Numerose le questioni che Trenitalia ha sottoposto alle associazioni dei consumatori, tra cui i provvedimenti ritenuti urgenti e necessari da

prendere nei confronti della tratta Cassino – Roma, nota per i famosi disservizi che quotidianamente investono la tratta. Secondo le dichiarazioni del Direttore Regionale di Trenitalia è in previsione la rivisitazione degli orari che riguardano il percorso, l’aumento del numero di convogli a disposizione e del numero delle partenze dei treni. Inoltre, pare sia in programmazione un accurato processo di restyling e ammodernamento delle vetture. “Non completamente soddisfatti delle novità presentate dalla s o cietà – di-

Pontecorvo rivive la tradizione Pronti a festeggiare il santo patrono “PONTECORVO - Un ritorno alla tradizione” questo il concetto che potrebbe interpretare al meglio il programma delle manifestazioni civili legate alla festa di S. Giovanni Battista, patrono di Pontecorvo. L’ottima organizzazione del comitato della Cattedrale e del comitato del santuario di Melfi, coadiuvati dall’impegno dell’amministrazione comunale e di tanti cittadini garantiranno la riuscita, anche quest’anno, di una splen-

dida commemorazione religiosa e civile. Per quanto riguarda i festeggiamenti civili si parte questa sera alle ore 21 presso il piazzale del Santuario di San Giovanni a Melfi dove si terrà una serata di intrattenimento musicale con il brillante artista locale Fabrizio Migliorelli. Sabato 8 Maggio alle ore 21.30 si terrà il concerto di Cristiano e la pork band, gruppo musicale che saprà intrattenere i cittadini con tanta buona musica ed esilaranti gag. Domenica 9 Maggio, la festa si sposta in Piazza Alcide De Gasperi e dalle ore 21.30, , dopo gli spettacolari fuochi pirotecnici, si terrà il concerto di Ambrogio Sparagna, musicista internazionale che allieterà la serata con la musica popolare e l’utilizzo dei strumenti musicali tipici della taranta e della pizzica e delle tante armonie provenienti da tutta Italia. Lunedi 10 Maggio si torna alla tradizione del concerto bandistico, dalle ore 21 in Piazza Alcide De Gasperi si terrà il concerto della Banda di Noicattaro, diretta dal maestro Rocco Eletto, compagine bandistica conosciuta in tutta Italia che proporrà un repertorio sinfonico d’eccezione. “Un ritorno alle tradizioni, quindi – spiega l’assessore allo spettacolo Daniele Mattaroccia -, legato ad un percorso che passa dalla musica popolare al ripristino della musica orchestrale del lunedì, un ritorno al passato che mieterà sicuramente successi e che porterà Pontecorvo ad immergersi nell’atmosfera dei festeggiamenti fino a Lunedì 10 Maggio”.

chiara Il Segretario Codici Provincia di Frosinone, Luigi Gabriele-. Codici ha espresso la necessità di istituire un Osservatorio permanete sulla tratta Cassino - Roma al fine di permettere la verifica sullo stato dei servizi e quindi di predisporre le misure necessarie a modificare eventuali disagi causati agli utenti. E’stata affrontata anche la questione relativa alla mancanza di sicurezza sui convogli, controlli, assenza delle macchinette obliteratrici, scarsa pulizia delle vetture sia internamente che esternamente, rilevando la necessità immediata di concordare con la Regione maggiori investimenti”. Per la storica tratta Sora- Roccasecca, Codici ha manifestato la necessità di rivisitare orari e modalità di funzionamento, migliorando in particolare la rete dei trasporti ferroviari utilizzata dagli studenti universitari che dalla Valle del Liri si spostano verso Cassino, come sistema metropolitano veloce.

Bagarre sulle bande musicali Proietti stempera gli animi PONTECORVO -“E’ sconsolante constatare il clima di polemica che si sta diffondendo in questi giorni che precedono l'antica tradizione del festeggiamento del Santo Patrono durante la seconda domenica di Maggio. Colgo l'occasione per stemperare gli animi e invitare tutta la cittadinanza a partecipare con devozione alla processione di domenica notte, ricordando che l'aspetto principale è la salvaguardia del messaggio religioso e la valorizzazione dell'onore di tutti i pontecorvesi per aver ricevuto l'unica apparizione di S.Giovanni Battista”. L’assessore Christian Proietti interviene in merito alla bagarre venutasi a creare negli ultimi giorni in merito alla banda musicale che dovrà esibirsi durante i festeggiamenti. Sulla questione gli esponenti di minoranza al Comune di Pontecorvo avevano presentato un'interrogazione consiliare “affinchè si lavori per la rivalutazione dell'importante figura del celebre maestro Davide Delle Cese, nato a Pontecorvo”. “Per quanto riguarda la spiacevole incomprensione relativa alla banda musicale mi dissocio completamente da ogni forma di polemica e di demagogia – ha detto Proietti -, invitando come sempre a meno parole e più fatti concreti: ho già fatto pervenire ad alcuni rappresentanti della banda della documentazione necessaria per attivarci per la richiesta di contributi; mi aspetto ampia collaborazione da tutti i componenti del consiglio comunale al fine di ridare dignità alla nostra banda musicale e di valorizzarne l'operato".

Roccasecca,“Tra la gente” nella Consulta associazioni

Castrocielo, Airc Un’azalea per la ricerca

ROCCASECCA - L’assessore Marcuccilli continua gli incontri con le organizzazioni sociali presenti sul territorio, tra queste anche‘Tra la gente’, sodalizio guidato da Annamaria Rossini che nei giorni scorsi si è recata a Palazzo Boncompagni per uno scambio di idee e di relazione con chi amministra il Comune.L’associazione potrebbe presto rientrare nell'albo della Consulta delle Associazioni che si renderà promotrice di una festa della Associazioni il prossimo 15 giugno.

CASTROCIELO – I volontari della Pro Loco di Castrocielo e dell’associazione Famiglia di Nazareth domenica 9 maggio saranno in Piazza San Rocco e Piazza Salvo D'Acquisto per raccogliere fondi a favore della ricerca Airc. Come tradizione, in occasione della Festa della Mamma, con l'Azalea della ricerca sarà offerto un modo unico e ricco di significati per festeggiare tutte le mamme.

7 ANNO I - N° 57 veNerdì 07 MAGGIO 2010


Incarichi dirigenziali Esposto della Fials

Edilizia, scoperta evasione milionaria

FROSINONE - E’ bufera su alcuni incarichi dirigenziali in seno all’Azienda sanitaria locale di Frosinone. Il sindacato Fials, infatti, ha presentato un esposto alla Corte dei Conti ed inviato due missive, di cui una al commissario regionale della Sanità, renata Polverini, perché si faccia chiarezza su questi incarichi i quali, andrannao a gravare sui costi dell’Asl per oltre 400mila euroannui per i prossimi cinque anni. PAG. 11

CEPRANO - Un’evasione da cinque milioni di euro è stata scoperta dalla Guardia di Finanza di Ceprano. Due ditte che operavano nel settore edilizio pubblico e privato sono finite nella rete delle Fiamme gialle. Indagate cinque persone ritenute colpevoli, tra l’altro, di aver ceduto a persone incapienti quote societarie e di aver distrutto tutti i libri contabili. PAG. 13

ANNO I - N° 57 vENERdì 07 mAGGIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

Il dado è tratto www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO ALL’AZIENDA ASL Rischiamo di essere ripetitivi e davvero vorremmo poter guardare altrove ma l’Azienda sanitaria locale di Frosinone non finirà mai di stupirci. Dopo le carenze ed i disservizi disseminati su tutto il territorio provinciale, adesso arrivano incarichi dirigenziali con parcelle d’oro che vanno ad incidere non poco su un budget che fa acqua da tutte le parti. Otto incarichi. Otto nuove nomine per il prossimo quinquennio, peraltro andate a chi aveva maturato soltanto tre anni di anzianità, che graveranno per oltre 400mila euro sul bilancio dell’Azienda. La Fials ha presentato un esposto. Noi speriamo di poter raccontare altro.

L’OSCAR DEL GIORNO AI PICCOLI COMUNI Spesso dimenticati, e molte volte “fagocitati” dalle realtà più grandi, i piccoli Comuni “crescono” e partecipano ad un’iniziativa a livello nazionale ideata proprio per quelle piccole realtà che sono tesori nascosti. Serrone e Villa Santo Stefano saranno protagonisti domenica di “Vivere bene l’Italia”, la manifestazione organizzata da Legambiente a Roma per promuovere il turismo e le piccole eccellenze locali. Un motivo in più per far conoscere ed apprezzare la Ciociaria e per dare nuovo impulso a quella grande risorsa economica che è il turismo e che nella nostra provincia va promossa e stimolata.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


primo piano

Fari puntati sulla Regione delle Province Paliotta presenta il suo movimento per un Lazio senza Roma. Il sostegno di Iannarilli FROSINONE – “Parte oggi, in questa sala, la battaglia di Frosinone per una Regione delle Province, senza la città di Roma”. Così, un gasatissimo Giuseppe Paliotta, ha presentato nel salone di rappresentanza della provincia di Frosinone, il suo Movimento per le Province del Lazio. Di fianco a lui, tutta la maggioranza che governa palazzo Gramsci, con il presidente Iannarilli in prima fila, molti sindaci e amministratori locali e anche rappresentanti di centrosinistra, segno che il problema del riequilibrio dei poteri e della rappresentanza tra Roma e i territori è trasversale e sentito in maniera bipartisan. Paliotta ha ripercorso l’iter della sua idea, che nasce da lontano, dalla sua frequentazione del palazzo regionale, quando vedeva che le forze del consiglio, sbilanciate verso la capitale, dirottavano risorse e finanziamenti su Roma e alle province non arrivava che poco o nulla. “Non è una battaglia contro Roma, che noi riconosciamo come la capitale dell’Italia, ma che deve essere sostenuta con fondi appositi che non ricadano soltanto sulle tasche degli altri cittadini del Lazio. Ecco perché occorre la ventunesima regione, la Regione Lazio delle Province”. E snocciola tutta una serie di dati sulla sproporzione di ricchezze e servizi tra Roma e i resto dei territori che attualmente ricadono nella giurisdizione della Pisana. E’ stato un suo cavallo di battglia della campagna elettorale per le provinciali 2009 ed ora è un tema di massima attualità, da non confon-

dere con le polemiche per la composizione della giunta regionale, che ha escluso i rappresentanti ciociari. Gli fa eco il presidente Iannarilli: “Qui non si tratta di secessione per l’esclusione dei nostri rappresentanti dall’esecutivo regionale, si tratta di trovare un assetto che garantisca attenzione e risorse alle province. Noi di Frosinone per adesso portiamo avanti questa battaglia, nessun superiore di partito mi ha chiamato per farmi desistere. Alla Polverini abbiamo dato voti, ora chiediamo attenzione, progetti e interventi in primis. Però andiamo avanti su questo progetto per un nuovo assessto amministrativo”. Dopo la persentazione in Provincia, l’associazione di Paliotta verrà fatta conoscere ai territori con gazebo nei vari comuni della Ciociaria. Poi, se non si troverà una soluzione nell’immediato, si passerà a seguire le vie che richiede la costituzione. Ossia il referendum per la creazione di una nuova Regione. Frosinone ha già l’appoggio di Latina, presente a palazzo Gramsci con un rappresentante, ora devono accodarsi Rieti e Viterbo e anche comuni dell’hinterland romano. Quella di oggi è comunque stata la vittoria dell’onorevole Paliotta, della sua lunga esperienza di amministratore che anticipa gli eventi. Da palazzo Gramsci parte la sacrosanta battaglia per il riscatto e la crescita della provincia di Frosinone. Non contro Roma, ma per i cittadini di Frosinone e degli altri territori del Lazio. La Ciociaria per una volta può fare scuola.


frosinone “Piccoli Comuni” protagonisti alla festa di Legambiente FRUSINATE - Ci saranno anche alcuni Comuni della provincia di Frosinone alla festa organizzata da Legambiente ed in programma domenica a Roma dal titolo: “Voler bene all’Italia”. Un’iniziativa tutta dedicata ai piccoli comuni protagonisti per un giorno attraverso stand espositivi che permetteranno di far conoscere ed apprezzare le ricchezze della terra d’origine. Nel Lazio sono 253 i piccoli Comuni su un totale di 378. Di queste realtà più piccole, il 35 per cento si trova in aree protette. Dunque in zone con caratteristiche tutte da scoprire. Parteciperanno tra gli altri all’evento Villa Santo Stefano e Serrone. Lo scopo dell’iniziativa, insomma, è quello di fornire un ritratto dei borghi laziali che emerge dal dossier “La sfida dei piccoli comuni tra qualità e innovazione”, presentato nei giorni scorsi da Legambiente per annunciare la settima edizione di “Voler bene all’Italia”, la festa di domenica organizzata sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica

per valorizzare e celebrare le risorse dei piccoli borghi. Decine le iniziative previste nella nostra Regione, tra degustazioni, visite guidate, escursioni, mostre, spettacoli folkloristici, ma l'evento speciale sarà quello in programma nella Capitale, lungo Via dei Fori Imperiali, organizzata con la Provincia di Roma, dove i piccoli comuni si presenteranno ai cittadini attraverso stand in cui esporranno le eccellenze della loro terra. “Sono proprio i piccoli Comuni a rappresentare l'ossatura del nostro paese, custodi di quei tesori e talenti del nostro territorio e potenziali motori di un nuovo modello di sviluppo per il futuro, fondato sulla sostenibilità – ha dichiarato Cristiana Avenali, direttrice di Legambiente Lazio-. Nel Lazio è centrale per il futuro economico ed occupazionale rafforzare la vocazione turistica dei nostri borghi, attraverso la valorizzazione delle bellezze naturali e paesaggistiche e delle produzioni tipiche e artigianali locali, puntando allo stesso sulle buone pratiche nel settore delle rinnovabili e della gestione dei rifiuti”.

Incarichi dirigenziali alla Asl Esposto alla Corte dei Conti FROSINONE - Incarichi amministrativi nel mirino della Corte dei Conti. A presentare un esposto su alcune nomine dirigenziali avvenute in seno all’Azienda sanitaria di Frosinone, è stato il sindacato Fials che ha inviato per conoscenza anche una lettera al commissario Asl, Antonietta Costantini, perché chiarisca alcune presunte anomalie che caratterizzerebbero tali promozioni. Si tratta, infatti, di otto incarichi di struttura semplice a dirigenti amministrativi e che comporteranno un aggravio di spesa per l’Azienda Asl superiore a 400mila euro annui. Una spesa importante che è stata comunicata tramite missiva anche al neo Governatore del Lazio, renata Polverini, nella sua veste di commissario regionale sulla sanità. “Con deliberazione 457 del 29 aprile 2010, il Commissario straordinario della Asl di Frosinone - scrive la Fials ha provveduto a conferire per la durata di cinque anni ben otto incarichi di Direzione di Strutture Semplici a dirigenti amministrativi con soli tre anni di anzianità di servizio nella qualifica dirigenziale ed in possesso di un corso di formazione manageriale. Per giustificare il con-

ferimento di tali incarichi a dirigenti amministrativi non in possesso del prescritto requisito dell'anzianità (almeno) quinquennale vengono richiamati taluni pareri resi dall'Aran in merito all'interpretazione della norma contrattuale che prevede la possibilità, in caso di carenza assoluta di personale dirigenziale avente titolo (anzianità quinquennale), di conferire incarichi dirigenziali anche a dirigenti del ruolo amministrativo, tecnico e professionale, con la sola anzianità triennale purchè in possesso di un corso manageriale. La disciplina del Ccnl fa espresso riferimento alla necessità che prima dell'applicazione della stessa si faccia inutilmente ricorso a procedure di mobilità che nel nostro caso non sono state neppure attivate. Non va sottaciuto, infine, che non appaiono affatto comprensibili le ragioni di necessità sottese a detto conferimento di incarichi al fine di garantire una maggiore funzionalità, operatività ed efficienza dell'attività amministrativa, atteso che, a ben vedere detti dirigenti erano di già assegnati a dette strutture espletando evidentemente le medesime funzioni dirigenziali per le quali oggi si ritiene di attribuire un incarico di responsabilità”.

Forum PA, Frosinone aderisce FROSINONE - Il Comune di Frosinone parteciperà al Forum nazionale sulla Pubblica amministrazione in programma dal 17 al 20 maggio prossimi a Roma. Si tratta di un’iniziativa voluta dal ministro Renato Brunetta e tutta incentrata sulla modernizzazione della Pubblica amministrazione attraverso una procedura di snellimento e semplificazione dei servizi resi all’utenza. Peraltro il ministero ha inteso agevolare anche quanti non potranno essere fisicamente presenti al Forum, permettendo loro di partecipare ai lavori tramite il sito web creato per l’occasione. Il Comune capoluogo, comunque, è impegnato in prima linea in ogni iniziativa finalizzata a rendere più snella ed efficiente la Pubblica amministrazione. Non a caso, infatti, è stato uno dei primi Comuni d’Italia a dotarsi della Posta elettronica certificata, un servizio innovativo che sostituirà in pieno la cara vecchia raccomandata e che permetterà a chiunque di poter semplicemente da casa inviare domande ed ottenere risposte dagli uffici comunali. Un segnale di cambiamento e di innovazione che si inserisce nel programma attuato a livello nazionale dal ministro Brunetta per ridurre al minimo le difficoltà di un settore che è stato spesso molto carente.

Tutto pronto per il “Bau day” FROSINONE - Tutto pronto per la terza edizione del“Bau Day”, la mostra canina amatoriale (aperta a cani di razza dai 4 mesi in su e ai meticci di tutte le età) organizzata dalla Pro Loco “Città di Frosinone”, con il patrocinio del Comune capoluogo, in programma domenica 23 maggio all’interno della galleria del Fornaci Cinema Village. Un’edizione ricca di novità e piena zeppa di premi e gadget.

Il Giro d’Italia fa tappa nel Comune capoluogo FROSINONE - Frosinone torna alla ribalta dello sport nazionale. Lunedì 17 maggio dal capoluogo partirà la nona tappa della novantatreesima edizione del Giro d’Italia. Tappa che porterà i corridori da Frosinone a Cava de’ Tirreni, dopo aver percorso 188 chilometri. "La partenza della nona frazione del Giro d’Italia - ha esordito l’assessore allo Sport Pizzutelli nel corso della presentazione - è un ulteriore riconoscimento da parte della Rcs Sport (la società organizzatrice della gara) alla nostra città, ritenuta meritevole di ospitare ancora una volta la manifestazione. Questa volta come sede di tappa. Un ringraziamento va indubbiamente al

Guida turistica Ecco il bando FROSINONE - Come diventare accompagnatore turistico. Si terrà questa mattina alle 11 presso la sede dell’Amministrazione provinciale di Frosinone di Piazza Gramsci, la conferenza stampa del bando pubblico per l’acquisizione dell’attestato di abilitazione alla professione di accompagnatore turistico. Si tratta di un’iniziativa promossa dall’assessore provinciale, Massimo Ruspandini.

Sindaco Michele Marini che ha sempre creduto fortemente in questo tipo di eventi". La partenza del Giro d’Italia a Frosinone verrà preceduta dalla “Pedalata rosa - Aspettando il Giro”, manifestazione non agonistica che si svolgerà domenica prossima (9 maggio) in occasione della “Giornata nazionale della bicicletta” indetta dal Ministero dell’Ambiente. La “pedalata” prenderà il via alle 9,30 da piazza Vittorio Veneto per concludersi intorno alle 13 in via Aldo Moro. Sabato 15 invece si terrà il “Motoraduno Frusino Fashion Days” e domenica 16 la manifestazione “Frusino Fashion Days”. Entrambe avranno anche uno scopo benefico.

11 ANNO I - N° 57 veNerdì 07 mAggIO 2010


frusinate La Guardia di Finanza scopre due società edili che erano completamente sconosciute al fisco

Un’evasione da cinque milioni di euro Denunciati imprenditori di Ceprano Attraverso le verifiche dei movimenti bancari le Fiamme gialle hanno scoperto l’esistenza di quote societarie cedute a soggetti incapienti con lo scopo di spostare verso terzi gli obblighi fiscali. Le ditte una volta “regalate” a terzi erano destinate all’abbandono e all’inoperosità Distrutti dai vertici aziendali tutti i registri contabili per depistare le indagini

CEPRANO - Società operanti nel settore edilizio, completamente sconosciute al fisco. Quote societarie cedute a soggetti incapienti con lo scopo di spostare verso terzi tutti gli obblighi fiscali. E’ questo lo scenario che si sono trovati davanti gli uomini della Guardia di Finanza di Ceprano indagando su alcuni movimenti bancari che facevano capo a due ditte che si occupano di edilizia pubblica e privata. Un’intensa attività investigativa che ha permesso di scovare un’evasione pari a cinque milioni di euro. Si tratta di due società che operano entrambe sul territorio di Ceprano e sulle quali si è iniziato ad indagare attraverso una delicata attività di intelligence. Infatti, la ricostruzione delle somme sottratte al fisco è stata resa possibile grazie ad una preliminare azione investigativa che ha consentito di scovare le due società completamente sconosciute al fisco ed una ulteriore fase investigativa che ha permesso di ricostruire i redditi evasi at-

A Ferentino sorgerà una centrale “solare” FERENTINO - Una centrale per energia solare a Ferentino. Un progettoi che diventa realtà quello dell’azienda californiana “SunPower”, la stessa che ha costruito in passato il più grande impianto fotovoltaico italiano, la centrale da 24 megawatt di Montalto di Castro, e che realizzerà una centrale per

l'energia solare da 1,3 megawatt a Ferentino. L'impianto, che occuperà uno spazio di 4,7 ettari e dovrebbe essere operativo entro la fine dell'anno, è stato commissionato da Solar Green Energy (Sge), una joint venture fra Edf Energie Nouvelles, il ramo dedicato all'elettricità "verde" del colosso e la ditta italiana Emmecidue.

traverso l’analisi delle movimentazioni bancarie. Nel corso delle verifiche, inoltre, è stato accertato anche un singolare sistema di frode posto in essere attraverso la cessione di quote societarie a soggetti incapienti al solo fine di spostare a questi tutti gli obblighi fiscali. Le società una volta cedute a terzi, oltre a non pagare le tasse, erano destinate all’abbandono ed all’inoperosità. Cinque i soggetti denunciati all’autorità giudiziaria che si sono resi responsabili oltre dell’evasione di redditi per cinque milioni di euro, anche dell’emissione di fatture per operazioni inesistenti per oltre un milione di euro e dell’annotazione nelle scritture contabili di fatture false per altre 500.000 euro. Contestata anche l’omessa presentazione delle dichiarazione dei redditi nonché la distruzione di contabilità al fine di depistare le indagini. L’attività posta in essere dalle Fiamme Gialle mira alla tutela dei tanti cittadini

onesti che sono i primi truffati da chi evadendo le tasse non solo non contribuisce ai fabbisogni della collettività ma non presentando dichiarazione dei redditi risulta addirittura “povero” a spregio di un tenore di vita elevato ad a scapito di tutti coloro che bisognano di aiuti sociali.

Ambulanza senza medico: ultimatum dai Comuni o sarà denuncia in Procura FERENTINO - E’ guerra tra i Comuni di Ferentino, Fumone e Supino e l’Ares 118 per la ormai nota vicenda relativa alla soppressione della figura del medico a bordo dell’ambulanza. Il Consiglio comunale straordinario di mercoledì sera sul problema che sta sollevando rabbbia ed indignazione, ha fatto registrare anche momenti di tensione quando qualcuno ha proposto, come provocazione, le dimissioni in massa dei Consiglio comunali. Per gli amministratori dei Comuni interessati, si tratta di interruzione di pubblico servizio che, se dovesse perdurare, avrà degli strascichi giudiziari. Infatti, al termine della seduta è stato stilato un documento congiunto che

non lascia margini di equivoci e trattative. “Si chiede l’immediato ripristino del servizio 118 medicalizzato per le esigenze di salute del cittadino presso la postazione di Ferentino, a servizio del territorio anche dei Comuni di Morolo, Supino e Fumone si legge nella nota - poiché tale decisione configura l’interruzione di pubblico servizio. In caso contrario il consiglio comunale entro cinque giorni a partire da oggi, presenterà formale esposto alla Procura della Repubblica e si costituirà parte civile qualora dal provvedimento dovessero scaturire eventuali danni alla salute dei cittadini”.. Nel documento gli amministratori hanno posto l’accento soprattutto sulle preoccupazioni dei cittadini

che vedono minato il loro diritto alla salute e alla cura. Per questa ragione, se non si ottempererà entro il termine stabilito, anche la cittadinanza sarà accanto a consiglieri, sindaci ed assessori in questa comune battaglia. “Visti i gravi pericoli per la tutela della salute dei cittadini di Ferentino e centri limitrofi - si legge ancora -, stante l’interruzione del servizio di ambulanza medicalizzata e premesso che l’emergenza sanitaria rappresenta uno dei compiti primari del sistema della tutela della salute del cittadino e comprende situazioni che per imprevedibilità e gravità mettono a repentaglio la sopravvivenza dell’individuo, saremo pronti a qualsiasi iniziativa di protesta”.

Patrica e il mistero dello stadio. Intervento dei Giovani democratici PATRICA - Il circolo dei Giovani Democratici di Patrica denuncia quella che definisce "l’ennesima verità nascosta” ai cittadini Patricani: la chiusura del campo sportivo”. “Sono giorni che sentiamo rumors di malcontento - ha dichiarato la coordinatrice del circolo dei Giovani democratrici, Vanessa Cardilli -e soprattutto sono molte, troppe, le ipotesi della chiusura del campo, dall’inagibilità dello stesso all’impossibilità del comune di assolvere ai costi per la gestione. Bene, chiediamo pubblicamente al signor sindaco spiegazioni per quanto accaduto e soprattutto se vuole prendere impegni per la riapertura dell’impianto”. A farle

da eco, Danilo Piroli, membro della direzione regionale dei GD per il quale: “Purtroppo questa è l’ulteriore riprova che in questo paese si tende sempre a nascondere la verità sui problemi che si arrecano alla popolazione: i ragazzi impegnati nella squadra locale sono costretti ad andare nei paesi limitrofi per effettuare i doppi allenamenti settimanali. Inoltre, i ragazzi sono costretti addirittura a disputare le partite casalinghe lontano dal territorio patricano. Direi proprio un bel modo per avvicinare nuovi visitatori a Patrica. Insieme ai ragazzi del circolo dei Giovani Democratici abbiamo effettuato un sopralluogo del campo ed abbiamo po-

tuto notare l’unica caratteristica che ormai contraddistingue il nostro paese: lo stato d’abbandono ed i tanti lucchetti a chiudere tutti i cancelli e neanche un cartello per spiegare ai cittadini, e soprattutto contribuenti, il perché.” Il circolo dei Giovani democratici chiede delucidazioni all’amministrazione comunale, pregandola di avere un contatto più diretto con la cittadinanza, nel rispetto delle regole e della trasparenza. Un problema molto sentito in paese, soprattutto per il campo sportivo rappresenta un luogo di aggregazione per i più giovani che, altrimenti, rischierebbero di essere attratti da altre realtà meno sicure.

Autista ciociaro rapinato a Bologna

“Buchi dell’anima” Poesie in biblioteca

ANAGNI - Autista di tir rapinato sull’Autostrada. Vittima un 56enne di Anagni che è stato sorpreso nel sonno da due malviventi che gli hanno puntato una pistola, lo hanno legato e imbavagliato e gli hanno portato via il carico di decoder che stava trasportando. La rapina è avvenuta nell'area di servizio Aglio Nord dell'Autostrada A1, tra Bologna e Firenze. Sull’accaduto indaga la polizia autostradale.

SORA - La Biblioteca Comunale di Sora torna ad ospitare un nuovo prestigioso appuntamento culturale. Ieri pomeriggio, infatti,, presso la Sala Conferenze, è stata presentata la raccolta di poesie “Buchi nell’anima” dell’artista Alessandra De Michele. Sono intervenuti il professor Egidio Paolucci che ha curato la prefazione del volume, il Sindaco di Sora Cesidio Casinelli, l’assessore alle Politiche culturali Bruno La Pietra.

13 ANNO I - N° 57 veNerdì 07 mAggIO 2010


sport CALCIO SerIe B

Per il tecnico canarino la priorità è proporre un assetto tattico affidabile in quel di Cittadella

Carboni alla ricerca dell’equilibrio Fondamentale anche una reazione psicologica del Frosinone; al Tombolato fischia De Marco FROSINONE - Domani prova d'appello per il Frosinone di mister Carboni. Per il tecnico dei ciociari infatti la sfida contro il Cittadella sarà si di fondamentale importanza per la lotta salvezza ma non rappresenta certo l'ultimo appello. La“Cassazione” sarà quindi rappresentata dalla gara casalinga contro il Grosseto. Se non arriveranno punti neanche in quell'occasione si potrà dire addio al sogno salvezza. Tutti abili e arruolati, eccetto Basso e Biso, nel Frosinone che ieri mattina è partito in pullman alla volta di Cittadella (Pd) , anche se in realtà è stato scelto Camposampiero come sede del ritiro operativa. Sono 21 i convocati da mister Carboni che questa ieri hanno preso parte al viaggio in pullman con destinazione la località veneta, quartier generale dei canarini in vista del match di sabto prossimo con il Cittadella di mister Foscarini. Resta a casa Biso che non ce la fa a recuperare per la gara del Tombolato. Elenco convocati: Portieri: Frattali e Sicignano. Difensori: Ascoli, Bocchetti, Cordos, Del

Ancora problemi per Biso, non convocato per Cittadella Prete, Giubilato, Guidi, Maietta, Scarlato e Semenzato. Centrocampisti: Basha, Bolzoni, Caremi e Cariello, Attaccanti: Aurelio, Calil, Mazzeo, Troianiello, Santoruvo e Stellone. All’arrivo nel primo pomeriggio, Carboni ha fatto effettuare ai suoi uomini una mini seduta di risveglio muscolare, rimandando ad oggi pomeriggio la consueta rifinitura pre partita. La gara del Tombolato non sarà determinante quindi come dice

il tecnico aretino nella consueta conferenza stampa, ma è fuori di dubbio che riveste un’importanza quasi decisiva. “Il campionato non finisce a Cittadella -chiosa subito Carbonima è normale che contro una delle formazioni più forti e in forma del momento dobbiamo farci trovare pronti e farci valere. E’ importante sia per la classifica che per il morale tornare a casa con un risultato positivo”. Anche perché dopo

un’intensa settimana lavorativa le idee saranno sicuramente più chiare: “Inutile nasconderci dietro un dito, la condizione generale è migliorata, soprattutto sotto l’aspetta atletico. Ritengo, nonostante la sconfitta, anche sotto quello psicologico. Detto questo nessuno nega che la squadra aveva ed ha dei problemi come si è evidenziato sabato scorso. Il primo senza dubbio è rappresentato dalla mancanza di reazione per tentare di uscire da questa situazione. Manca quella scintilla necessaria, spero arrivi al Tombolato dove è difficile fare punti ma non impossibile.” Il ruolo impone a Guido Carboni di crederci ed essere ottimista “A me piace sempre vedere il bicchiere mezzo pieno piuttosto che mezzo vuoto. Sto cercando di trasmettere questo concetto anche ai ragazzi i quali dal primo giorno, ci tengo a sottolinearlo, mi hanno dato piena disponibilità. Rimango convinto che la squadra abbia tutti i mezzi per venirne a capo di questa situazione, ma deve dimostrarlo sul campo, le chiacchiere non servono più,

indipendentemente dall’avversario. Oramai il nostro calendario è questo e non possiamo cambiarlo. Ho visto in cassetta le ultime vittorie dei veneti, in particolare il 6-0 sul Mantova ed il 2-0 con Triestina e Ascoli, beh è chiaro che è una squadra molto forte e che quindi va affrontata in un certo modo altrimenti rischia seriamente di farci fare brutta figura” . Intanto sono state rese note le designazioni arbitrali per la 39^ giornata del campionato di Serie B TIM, in programma sabato 8 maggio alle ore 15.30. Cittadella – Frosinone è stata affidata al Signor De Marco Andrea di Chiavari. Il fischietto ligure ha già diretto i canarini per ben 4 volte nella stagione in corso in occasione di: Salernitana – Frosinone 1-2, Empoli – Frosinone 2-0, Frosinone – Brescia 1-0 e Frosinone – Vicenza 0-1. Gli Assistenti saranno il Signor Stallone Giuseppe di Foggia e il Signor De Pinto Giuseppe di Bari. IV Ufficiale sarà il Signor Merchiori Filippo della sezione di Ferrara. Andrea Mastrantoni

CALCIO SerIe D

Morolo, per la retrocessione manca solo la matematica L’attacco spuntato il punto debole del team di Castiello MOROLO - Dopo due stagioni consecutive in serie D sta terminando l'avventura del Morolo nel massimo campionato dilettantistico italiano di calcio. Dopo una stagione intera passata a fare il fanalino di coda del torneo, concedendosi a volte anche il “lusso” della penultima piazza, la sconfitta in quel di Roma contro i penitenziari dell'Astrea per due reti a zero che rappresentava per i lepini l'ultimo bagliore di speranza, ha proiettato i biancorossi nel buio più totale. Ora il Morolo a due giornate dal termine si ritrova sempre ultimo in classifica ma con ben sei punti di distanza rispetto alla terzultima piazza che rappresenta la scialuppa di salvataggio dei play-out. Terzultima posizione che attualmente è occupata dal Castelsardo. La matematica non condanna ancora la formazione di mister Castiello ma a

14 ANNO I - N° 57 veNerDì 07 mAggIO 2010

meno di scenari apocalittici nelle ultime due gare del girone nei bassifondi della classifica il Morolo calcio la prossima stagione abbandonerà il torneo di Serie D per l'Eccellenza. Per assurdo infatti non basterebbero neanche due vittorie nelle ultime due gare ai ragazzi di Castiello per salvarsi. Bisognerà sperare infatti che il Castelsardo non faccia nemmeno un punto in caso del doppio successo biancorosso. Cosa molto difficile in se, a maggior ragione se si considera che gli ultimi due avversari si chiamano Rondinelle Latina e Viterbese. Un punto quindi attualmente divide i biancorossi dalla ufficiosità della retrocessione in Eccellenza alla ufficialità. Da quando si apprende dagli ambienti vicini alla società la squadra appare rassegnata al suo destino ma comunque è certo che lotterà

fino alla fine per dare dignità a questo campionato negli ultimi centoottanta minuti. Hasa e compagni sono giustamente delusi dal cammino in questo campionato ma se si analizzano i numeri non poteva non essere il Morolo una delle due formazioni a scendere direttamente di categoria. I biancorossi infatti con soli ventuno gol realizzati sono di gran lunga il peggior attacco del girone. Questo infatti è stato il vero punto debole della formazione di Castiello in questo campionato. La via del gol è stata sempre molto difficile da trovare e nel girone di ritorno è diventato quasi un lusso quello del gol per i lepini. Nonostante infatti una difesa che è pienamente in linea nei gol subiti con le altre formazioni di media-bassa classifica (quarantasei gol subiti) il Morolo paga quindi in maniera molto pesante la scarsa vena

dei suoi attaccanti assestandosi a quota -25 di differenza reti. Domenica nove maggio il Morolo affronterà le Rondinelle Latina al “N.Marocco”. Sarà quasi certamente per Hasa e compagni l'occasione per salutare nel migliore dei modi i tifosi biancorossi. Tifosi che non hanno mai abbandonato la squadra in questa stagione così travagliata e che si aspettano un regalo nell'ultima partita casalinga. Sarà importantissimo infatti congedarsi dai propri tifosi al “N.Marocco” con una bella prestazione e magari anche con la conquista dei tre punti sperando quindi di evitare la triste ufficialità della retrocessione diretta proprio tra le mura amiche. Gli ospiti non hanno più niente da chiedere a questo campionato e sicuramente non faranno la partita della vita in Ciociaria. andr.mastr. L’attaccante del Morolo Hasa

La carica di Alonso: “Voglio tornare primo”

I Phoenix Suns volano San Antonio Spurs ko

«Voglio riprendere la leadership del campionato mondiale il più presto possibile». Il pilota spagnolo della Ferrari ha le idee chiare sui suoi obiettivi a breve termine. L'asturiano punta a tornare al comando della classifica e assicura di non temere per l'affidabilità della sua F10 che sul circuito di Montmelò si presenterà con alcune novità.

I Phoenix Suns battono i San Antonio Spurs per 110-102 portandosi 2-0 nella serie di semifinale della Western Conference della Nba. Gli ospiti si illudono grazie a un grande Tim Duncan (29 punti e 10 rimbalzi), ma a decidere è la prestazione collettiva di Phoenix, con Amare Stoudemire (23 punti), Steve Nash (19), Jason Richardson (19) e Grant Hill (18 punti) su tutti.


sport CALCIO LEGA PRO

Intanto Pellegrino ha provato l’undici anti Cisco Roma nell’amichevole contro la Berretti

Cassino, due iniziative solidali Saranno presenti al Salveti una delegazione di detenuti ed una ventina di bambini autistici CASSINO - Il programma di avvicinamento alla sfida di domenica contro la Cisco Roma che chiuderà la stagione azzurra, prevede per questa mattina la consueta seduta che precede la rifinitura del sabato. Ieri, intanto, il gruppo guidato da Maurizio Pellegrino ha effettuato il test amichevole del giovedì contro la formazione Berretti. L’obiettivo è quello di chiudere l’annata provando a raggiungere quota cinquantuno punti. Per riuscirci non è escluso che il tecnico di Siracusa confermi la fiducia a quei giocatori che durante l’arco della stagione hanno avuto meno possibilità di mettersi in mostra come accaduto nell’ultimo turno in casa della capolista Juve Stabia. Probabile quindi che venga dato spazio ai vari Bica Badan, Romeo, Bardeggia, Suarino, soprattutto in considerazione del fatto che sia Jefferson che Bracaletti non sono al meglio della condizione a seguito dei recenti acciacchi subìti. Cassino - Cisco Roma sarà

occasione per alcune iniziative solidali varate dalla società del presidente Clodomiro Murolo, in condominio con le associazioni interessate. Come accaduto a Marzo, in occasione della sfida contro l'Igea Virtus, sarà presente al "Salveti" una delegazione di detenuti della casa circondariale "San Domenico" di Cassino. Inoltre un'iniziativa particolare interesserà i bambini della A.I.D.E., associazione italiana disabili età evolutiva. Il presidente dell'ente, Antonino Raffagnino, ed il responsabile marketing del sodalizio azzurro Debora Di Mascio, hanno messo a punto un programma con i fiocchi per fare trascorrere una giornata particolare ai piccoli autistici: una ventina coloro i quali comporranno la delegazione. Sia il Cassino che la Cisco Roma scenderanno in campo con indosso una maglietta celebrativa dell'associazione. Raffagnino racconta che l'associazione è nata nello scorso anno grazie all'inter-

CALCIO LEGA PRO

Incocciati pensa al turnover

Un contrasto tra Leo Bardeggia ed un calciatore della Juve Stabia vento di alcuni genitori, desiderosi di vigilare in maniera "attiva" circa le condizioni e le prospettive della struttura del "San Raffaele" che garantisce le necessarie cure mediche ai bambini. Proprio la clinica cassinate, convenzionata con la società di corso della Repubblica per le cure ortopediche dei suoi atleti, è stata il trat d'union tra l'associa-

zione e la compagine calcistica, che hanno deciso di giocare insieme questa partita. "Siamo felici - ha detto il responsabile marketing Di Mascio - di regalare a questi bambini l'opportunità di scendere in campo con noi. La S.S. Cassino è stata e sarà sempre una società molto attenta al sociale e siamo orgogliosi di poter essere al fianco di ognuno di loro".

ROMA - La corazzata Cisco Roma che domenica farà visita al Cassino, si gode la terza piazza che ha consolidato dopo le ultime tre vittorie consecutive ottenute rispettivamente controMonpoli, Scafatese e Siracusa. La compagine allenata da Beppe Incocciati ha disputato ieri un test amichevole al “Francesca Gianni” sfidando la formazione dell’Albalonga. Una sgroppata in cui il tecnico capitolino ha provato l’undici che scenderà in campo dal primo minuto al Salveti, nella gara che rappresenta l’ultima fa-

CALCIO PROMOZIONE

U.S.Arce: la prossima stagione sarà ancora Promozione Patriarca: “E’ la salvezza del gruppo abbandonato da tutti” ARCE – Sembrava che tutto si dovesse decidere nell’ultimo turno, nella difficilissima trasferta di Anitrella, invece l’U.S.Arce, con la vittoria casalinga ottenuta domenica scorsa sulla Nuova Itri e complice il successo del Fontana Liri in quel di Supino, ha raggiunto la tanto attesa salvezza. I gialloblù hanno tenuto col fiato sospeso il proprio pubblico per un tempo, per poi nella ripresa portarsi sul 3a0 dopo soli undici minuti, così da rendere inutile il gol segnato dagli ospiti a dieci dal termine. Contento ovviamente Roberto Patriarca, allenatore-giocatore dei giallobù, che ci spiega il perché siano riusciti a sbloccarsi solo nella ripresa: “Il primo tempo in effetti è stato molto combattuto, con occasioni da ambo le parti. Credo che il nervosismo per la posta in palio e l’eccessiva voglia di vincere ci abbiano tolto un po’ di lucidità. Nella ripresa siamo entrati in campo più concentrati e i risul-

tati si sono visti da subito, anche grazie a qualche cambio e a qualche aggiustamento in corso d’opera”. Uno dei protagonisti del match è stato il giovane Andrea Arcese, autore della rete del vantaggio per la propria squa-

damento e immaginavo che prima o poi Andrea, nel caso specifico, lo avrebbe dimostrato sul campo”. Patriarca, le cui scelte sono state spesso soggette a critiche durante la stagione, non manca poi di togliersi qual-

Le formazioni di Arce e Nuova Itri schierate a centrocampo dra. “Mi è piaciuto il modo in cui Andrea ha interpretato la partita. D’altronde non mi meraviglio più di tanto: so che sui ragazzi di Arce si può fare affi-

che sassolino dalle scarpe: “Nel calcio quel che contano sono i risultati e questa salvezza è stata fortemente voluta da me e dai giocatori, che ci siamo sentiti ab-

bandonati da tutti, specialmente nel rush finale. A qualcuno non è andata giù la mia decisione di rinunciare a certi calciatori, ma ho avuto la testardaggine di andare dritto per la mia strada ed è andata bene”. Molti sono i dubbi sulla permanenza di Patriarca sulla panchina gialloblù nella prossima stagione, come fa intendere lo stesso mister: “Se la situazione è quella attuale non credo che la mia avventura da allenatore dell’Arce continuerà. C’è bisogno di una maggiore organizzazione, visto che spesso mi è successo di ricoprire anche ruoli che non erano di mia competenza. In ogni caso c’è tempo per prendere qualsiasi decisione. Ora mi godo questa salvezza che è la cosa più importante”. Per l’ultima giornata in casa dell’Anitrella, in piena lotta per il secondo posto, spazio a chi ha giocato meno, tra cui Arcese, che verrà così premiato per quanto fatto domenica scorsa”. Luca Tedeschi

Mou choc:“Ora la Roma può pagare il Siena”

Totti:“Un intero popolo insultato da Balotelli”

I l t e c ni c o d e ll 'I n te r l a n ci a u n a sto cc a t a a i g i a l l o ro s s i : « S e è v e r o ch e i l p re s i d e n t e d e l S i e n a è f e l i c e s e b a t t o n o l ' I n t e r e p a g h e rà l o s t e s s o ch e pa ghe re b b e p e r l a s a l v e z z a , s a rà u n a motivazione in più per i giocatori. E ch i s s à s e l a R o ma , ch e o g g i n o n p a g a p re m i o d i g i o c o , è d i s p o n i b i l e p e r d a re qua l che s o l d o i n p i ù » .

«In momenti così importanti della stagione credo possa capitare di essere nervosi. Va anche detto che sul campo non si riescono sempre ad ignorare offese così pesanti, dirette ad infangare una città e intero popolo. Soprattutto quando poi questi insulti provengono sempre dalla stessa persona, che fa della provocazione sistematica il suo biglietto da visita».

Il tecnico Beppe Incocciati tica prima degli spareggi play-off. Proprio per questo si può ipotizzare un ampio turnover per lasciare spazio ai calciatori che sono stati utilizzati di meno. Una Cisco quella ammirata di recente che ha lanciato segnali di risveglio eclatanti negli ultimi incontri, confermando il suo alto rendimento se solo si guardano i numeri dellel ultime 10 giornate. Infatti, sui trenta punti a disposizione, i biancorossi ne hanno conquistati ben 23, frutto di 7 vittorie, 2 pareggi ed una sola sconfitta quella di Brindisi, con sette reti siglate nelle ultime tre gare. Solo la Juve Stabia ha saputo fare di meglio, ottenendo 24 punti ovvero 8 vittorie e 2 sconfitte. Il Catanzaro invece ha significato 5 vittorie, 2 pareggi e ben 3 sconfitte per un totale di 17 punti sui 30 a disposizione.

15 ANNO I - N° 57 vENERdì 07 MAGGIO 2010



lagazzettacassino070510a