Issuu on Google+

ANNO ii - N° 4 - veNerdì 7 geNNAiO 2011 - distribuziONe grAtuitA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita giOrNALe sAtiriCO

L’OSCAR DEL GIORNO AL SINDACATO UGL

LA CITTA’ CHE VORREI...

Per aver fatto rilevare in un documento le gravi carenze di personale dell’ospedale di Cassino. La segretaria dell’Ugl Rosa Roccatani nel corso di una riunione sindacale con il personale ha fatto emergere la precarietà dei reparti e i disagi dei pazienti per la mancanza di medici e infermieri e di altro. L’accorpamento è uno dei rischi maggiori per evitare il tracollo e la chiusura di alcuni reparti. Il sindacato ha annunciato altre proteste se la situazione non dovesse migliorare. Nel frattempo il direttore generale dell’Asl di Frosinone Carlo Mirabella ha annunciato che visiterà l’ospedale cassinate il prossimo 12 gennaio.

IL TAPIRO DEL GIORNO ALL’ASL

Pe r l a c a r e n z a d i p e r s o n a l e e d i apparecchiature adeguate a far fronte ai servizi sanitari dell ’ o s p e d a l e d i C a s s i n o. s e c o n d o una denuncia del sindacato Ugl mancano infermieri e medici tanto che diversi reparti rischiano l’accorpamento entro il mese con gravi disagi per i paz i e n t i . L’ A s l f i n o r a h a s o l o p r o messo ma senza intervenire efficacemente e né le promesse d e l l a Po l ve r i n i s i s o n o av v e r a t e. Tu t t o c o m e p r i m a . E a l l o r a i l personale è in allarme per questa situazione di precarietà.

ATTUALITA’

TRADIZIONI

CRONACA

Tarsu, la Finanziaria del 2005 impone ricalcolo delle superfici

Acquafondata, inaugurato monumento alla zampogna per 50mo anniversario

Tutti con i manifestanti denunciati per l’occupazione dell’Autostrada

A PAG. 6

A PAG. 7

A PAG. 7

www.lagazzettacassino.it redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


REGIONE Accolto con gioia, benedice i bimbi del reparto pediatrico. “Ritrovare vero spirito di Natale”

Papa, visita al Policlinico Gemelli ROMA - Il Papa è arrivato al Policlinico Gemelli di Roma per rendere visita ai bimbi ricoverati nei reparti pediatrici. Al suo arrivo è stato accolto nella hall del policlinico dal cardinale vicario Agostino Vallini, da monsignor Armando Brambilla, delegato per l’assistenza religiosa negli ospedali di Roma, dal rettore dell’Università Cattolica Lorenzo Ornaghi e dal nuovo direttore amministrativo Marco Elefanti. Insieme a loro l’assistente ecclesiastico dell’ateneo, monsignor Sergio Lanza, il direttore del policlinico, Cesare Catananti, il preside della facoltà di

medicina e chirurgia, Rocco Bellantone e il direttore della sede di Roma della Cattolica, Giancarlo Furnari. Il Papa sale al reparto di pediatria, dove viene accolto dal direttore, Costantino Romagnoli. Bendetto XVI saluta i 28 piccoli pazienti e sosterà anche davanti alle dodici incubatrici dei neonati in terapia intensiva. Prima di questi incontri il Papa benedirà il day hospital - inaugurato nel novembre scorso - del Centro di riferimento per la cura e l’assistenza dei bambini con spina bifida, che attualmente segue circa 700 pazienti da tutto il centro e sud Italia.

Roma, dal 2013 verrà pedonalizzato il centro ROMA - Dal 2013 nel “Tridente mediceo” e cioè l'area del centro storico di Roma compresa tra via del Babuino, via del Corso e via di Ripetta, le auto non potranno più parcheggiare e, nella maggior parte delle vie, nemmeno transitare. Così cambia, gradualmente, una delle aree storiche della Capitale che sarà liberata dal traffico ma anche utilizzata per la sperimentazione della raccolta sotterranea dei rifiuti. Non solo, l'area sarà abbellita da una uniformità del colore delle facciate, armonizzate tra loro. Tutto questo sarà possibile grazie all'incremento delle auto elettriche, tra cui i mezzi pubblici, ma soprattutto all'apertura o ampliamento dei parcheggi. L'intera operazione, ha spiegato il sindaco di Roma Gianni Alemanno, «costerà circa 250 milioni di euro ripartiti tra oneri concessori derivanti da opere come la Rinascente e lo Spazio Etoile, fondi stanziati per la manutenzione stradale che verranno convogliati in queste opere e alcuni fondi di Roma Capitale che entro novembre saranno stanziati per piazza Augusto Imperatore»; a questo si aggiungeranno investimenti privati mentre i parcheggi verranno realizzati in project financing. Nel momento in cui verrà ultimato il progetto, comunque, via del Babuino rimarrà transitabile. Nel resto dell'area, e in particolare in 15 strade e nell'intera Piazza di Spagna, dalle 11 in poi cesserà il carico e scarico merci e il traffico sarà interdetto a tutti tranne ai veicoli del trasporto pubblico elettrico, ai veicoli elettrici privati e ai mezzi autorizzati che non includono le auto blu. Per il sindaco Alemanno si tratta «di cambiare l'atteggiamento verso il centro storico: modificare il modello di fruizione di quest'area per realizzare un vero e proprio salto di livello. Se adottassimo solo una serie di divieti si darebbe il via ad una sfida per aggirarli e invece bisogna far capire e comunicare che nel centro storico si vive in un modo magico».

2 ANNO 1I - N° 4 veNerdì 7 geNNAIO 2011

Dopo la visita ai reparti, il Papa sale al settimo piano per una breve visita all’ambulatorio dell’istituto scientifico internazionale “Paolo VI” per la ricerca, la diagnosi e la terapia della sterilità coniugale. Subito dopo scende nella hall del policlinico per incontrare i bambini ospiti nei vari reparti, circa 50, con i loro genitori e il

personale medico. Dopo il canto dei bambini e il saluto di uno di loro, il Papa pronuncerà un discorso, al termine del quale saluterà personalmente i 50 bambini, offrendo a ciascuno di loro un dono natalizio. Il rientro in Vaticano è previsto per le 18.30. L’incontro del Papa con i piccoli degenti del Gemelli si svolge alla

vigilia di una festa, quella dell’Epifania, molto popolare tra i bambini. Proprio questa mattina, nel corso dell’udienza generale, Benedetto XVI ha avuto modo di soffermarsi proprio su questo periodo di Natale, esortando a “riscattare questo tempo natalizio da un rivestimento troppo moralistico e sentimentale”. Ha parlato del fascino di questa festa che “affascina oggi come una volta, più di altre grandi feste della Chiesa; affascina perché tutti in qualche modo intuiscono che la nascita di Gesù ha a che fare con le aspirazioni e le speranze più profonde dell’uomo. Il consumismo può distogliere da questa interiore nostalgia – ha aggiunto - ma se nel cuore c’è il desiderio di accogliere quel Bambino che porta la novità di Dio, che è venuto per donarci la vita in pienezza, le luci degli addobbi natalizi possono diventare piuttosto un riflesso della Luce che si è accesa con l’incarnazione di Dio”.

Regione: 2,9 milioni per l’integrazione ROMA - La giunta regionale del Lazio, presieduta da Renata Polverini, ha approvato uno stanziamento di oltre 2,9 milioni di euro per la realizzazione di sei progetti di integrazione socio-sanitaria. I fondi saranno destinati ad un progetto di assistenza e cura per l’autismo e alla creazione di un centro di cura per i malati di Alzheimer, al potenziamento della rete regionale di contrasto all’alcolismo grazie alla costruzione di due nuovi Centri Alcologici e alla realizzazione di un Centro terapeutico specializzato in bulimia, anoressia, diabete e obesità.Verrà, inoltre, attuato uno studio che metterà a confronto i servizi sanitari con quelli socio-assistenziali, individuando, anche sulla base dell’analisi economica e di specifici case studies, quali siano gli interventi maggiormente appropriati per determinate patologie. “La Regione Lazio – dichiara Polverini - prosegue nel suo impegno per il potenziamento della realtà socio-sanitaria del nostro territorio con progetti mirati per far fronte a patologie specifiche e ponendo le basi per un miglioramento degli interventi assistenziali. Un ulteriore tassello nella direzione di un sistema socio-sanitario realmente efficiente e vicino ai bisogni dei cittadini. L’integrazione socio-sanitaria sarà la vera sfida di questa amministrazione, grazie alla quale arriveremo a un’assistenza più appropriata e alla razionalizzazione dei costi, così da liberare risorse da destinare ad altri settori strategici delle politiche regionali - aggiunge l’assessore alle Politiche sociali e Famiglia Aldo Forte - Si tratta di una vera e propria politica strutturale, all’interno della quale vanno letti anche i 15 milioni previsti per il 2011 per il potenziamento della domiciliarizzazione. E che, a breve, troverà un’ulteriore conferma nella nostra proposta di legge sui servizi sociali con la quale – conclude Forte - rivoluzioneremo il sistema assistenziale del Lazio”.

Apriliana, muore giovane di Ardea

Tuscolano, trovato teschio in via Lemonia

ROMA - Un giovane di 29 anni, originario di Ardea, Tiziano Tofani, è morto nel primo pomeriggio in un incidente che si è verificato lungo via Apriliana,al confine tra Aprilia e Ardea.Secondo la ricostruzione della polizia municipale di Aprilia l'auto sulla quale viaggiava il ragazzo ha improvvisamente sbandato scontrandosi frontalmente con un furgoncino a bordo del quale viaggiava una coppia di Aprilia.

ROMA - Il personale dell'Ente Parchi ha trovato un teschio, probabilmente di un uomo, durante i lavori di manutenzione in un giardino in via Lemonia, al Tuscolano. Il teschio è stato ritrovato in un cumulo di terra smosso da una ruspa. Sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Tuscolano e della polizia scientifica.


REGIONE Mettere alle spalle un 2010 buio. Per Confcommercio ogni famiglia spenderà circa 450 euro

Saldi al via, si spera in una svolta ROMA - Il 6 gennaio, giorno dell’Epifania, è il giorno di inizio dei saldi in tutto il Lazio. Dopo un inizio non particolarmente esaltante nel sud del paese ora tocca alle Regioni centrali. La crisi per il settore del commercio si è fatta sentire per tutto il 2010 e la categoria punta molto per recuperare parte dello svantaggio registrato negli ultimi dodici mesi. Gli acquisti per i regali di Natale hanno dato segnali incoraggianti: maggiore numero di scontrini stampati dai negozianti ma per un fatturato minore rispetto alle festività del 2009. Secondo le previsioni di Confcommercio, le famiglie del nostro Paese spenderanno mediamente 400 euro in prodotti di abbigliamento e accessori, per

una spesa complessiva di 6,2 miliardi di euro. Renato Borghi, il presidente di FerdermodaConfcommercio esprime un parere positivo su questo inizio di saldi: “Anche quest’anno, la coda della crisi si è resa evidente per il settore della moda con un andamento della stagione autunno-inverno certamente non brillante. Di conseguenza, gli stock di invenduto dei negozi sono alti e l’offerta per i ‘saldisti’ molto ampia e gli sconti interessanti”. I commercianti sperano nel lungo weekend per riuscire a registrare buoni risultati nelle vendite. Partire, infatti, in un giorno di festa come giovedì 6 gennaio permetterà alle famiglie di avere a propria disposizione ben quattro giorni per scegliere cosa comprare. Una

decisione, quella della partenza delle vendite nel giorno della Befana, non priva di polemiche: i commercianti romani aderenti a Confesercenti a settembre avevano espresso con un sondaggio la volontà di cambiare la legge regionale che regola i saldi, facendoli partire addirittura a fine gennaio per quelli invernali e a fine luglio per quelli estivi. Lo scorso anno i saldi erano partiti il 2 gennaio 2010 ed erano terminati il 13 febbraio. Dopo lunghe polemiche, e decisioni che indicavano nel 15 gennaio la partenza delle vendite, il provvedimento della Regione Lazio che impone il giorno dell’Epifania, insieme alle altre regioni del centro Italia (Toscana, Umbria, Marche, Abruzzo). Accantonate le di-

Lsu, regolarizzata la metà Contratto per 800 persone ROMA - “Oltre 800 lavoratori socialmente utili sono stati stabilizzati nelle ultime ore nel territorio del Lazio, grazie anche alla mobilitazione di tutti gli uffici dell’assessorato. Si tratta di un risultato definito ‘storico’ da più parti, vista la situazione che si trascinava da oltre 15 anni”. Lo annuncia l’assessore regionale al Lavoro e formazione, Mariella Zezza, in merito agli accordi sottoscritti con gli enti che utilizzano i Lavoratori socialmente utili, che hanno permesso una riduzione di oltre il 50 per cento del numero di questi lavoratori sul territorio laziale. “Grazie a queste intese – spiega l’assessore - siamo riusciti a dare certezze occupazionali a lavoratrici e lavoratori che aspettavano da tempo di essere regolarizzati”. La Regione Lazio garantirà la totale copertura del costo salariale, comprensivo degli oneri per cinque anni, per ogni stabilizzazione conseguita “a dimostrazione di come la collaborazione tra gli enti consenta l'attuazione di politiche virtuose”, aggiunge Zezza, che sottolinea “il confronto serio e costruttivo avuto con le parti sociali.

Un impegno che è stato riconosciuto dal ministero del Lavoro e delle politiche sociali, che ha assegnato al Lazio una premialità aggiuntiva in funzione proprio delle stabilizzazioni effettuate”. “Altro risultato importante – precisa l’assessore - è che per molti enti si è ottenuta l’assunzione di tutti gli Lsu in dotazione, la maggioranza dei quali è costituita da donne e lavoratori con meno di 40 anni. La Giunta Polverini conferma ancora una volta l’attenzione e l’impegno a garantire alle lavoratrici e ai lavoratori della nostra regione tutti gli strumenti a disposizione per assicurare loro un futuro più stabile. Un’azione che sarà ulteriormente rafforzata nei prossimi giorni con il nuovo avviso per la stabilizzazione dei precari, del valore di 12 milioni di euro. Abbiamo preso alla lettera – conclude – l’esortazione a favore dei giovani e del lavoro del Capo dello Stato nel suo messaggio di fine anno, tanto che dopo il 2010 in cui abbiamo lanciato le iniziative legate al ‘Lavoro Formato Famiglia’, il 2011 sarà all’insegna del ‘Lavoro Formato Giovani’”.

scussioni sulla partenza delle vendite restano le possibili stime sulle vendite. Secondo il Codacons i consumatori della

Capitale durante i saldi spenderanno per capi di abbigliamento e calzature circa 140 euro a testa, ma solo il 60 per cento delle famiglie romane potrà permettersi acquisti. Mentre per l’Osservatorio di Confcommercio Roma i cittadini romani nel periodo dei saldi, 6 gennaio - 16 febbraio, spenderanno in media circa 150 euro ad individuo e circa 450 euro a famiglia. Le aspettative, dunque, da parte dei commercianti romani sono positive, visto che in questo periodo si concentra circa il 18 per cento del giro d’affari totale di un esercizio commerciale e che un buon 70 per cento dei clienti si dimostra interessato ad acquistare, con un aumento considerevole delle transazioni effettuate.

“Progetto Donna”, visita della Polverini aViterbo ROMA - La presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, ha visitato questa mattina a Viterbo uno dei quattro camper attrezzati di “Progetto Donna - Mi state a cuore”, la campagna di prevenzione rivolta a tutte le donne del territorio alla quale la governatrice ha destinato le risorse del fondo di rappresentanza della presidenza. Nel camper, che sarà operativo fino al 6 gennaio a Viterbo, solo nella giornata di ieri sono state erogate 35 prestazioni, di cui 14 mammografie, sette visite ginecologiche, sei pap test, cinque ecografie e tre consulti psicologici. Oltre ad aver portato il suo saluto ai volontari dell’Istituto San Gallicano di Trastevere (Inmp), che da dicembre collaborano al progetto, Polverini si è sottoposta ad un controllo dermatologico, effettuato dal professore Aldo Morrone, il direttore dell’ Inmp. L’iniziativa, supportata da una campagna di informazione e sensibilizzazione attraverso i principali media e che ha toccato tutte le province del Lazio, ha portato all’erogazione complessiva, dal 23 dicembre al 2 gennaio, di quasi 2 mila prestazioni, tra visite, esami e controlli. Nel dettaglio, solo a Roma le prestazioni effettuate sono state 1228, a Rieti (dal 29 al 31 dicembre) 246, a Latina (il 27 e 28 dicembre) 270, mentre a Frosinone, dove il camper è stato operativo il 21 ed il 22 dicembre, le prestazioni sono state 181. Oltre a Viterbo, i camper saranno disponibili anche a Roma fino al 6 gennaio al centro commerciale Roma Est.

Minaccia suicidio al Quirinale

Morte giovane calciatore, 18 mesi al commissario

ROMA - Strade di accesso a piazza del Quirinale chiuse per un'ora ieri mattina,quando un uomo armato, chiuso nella sua automobile, ha minacciato di suicidarsi con una pistola.I carabinieri hanno parlato a lungo con l'uomo per cercare di dissuaderlo dal suo proposito, chiudendo nel frattempo per motivi di sicurezza le strade di accesso alla piazza.Dopo circa un'ora i militari sono riusciti a convincere l'uomo.

ROMA - Sandro Silvestri, già commissario della Lega nazionale dilettanti del Lazio, è stato condannato a un anno e mezzo di reclusione con sospensione della pena: l'uomo diede il nulla osta all'omologazione del campo dove il 2 febbraio 2008, a Roma, durante una partita di calcio giovanile morì Alessandro Bini. La sentenza è stata emessa dal giudice monocratico Annamaria Planitario.

3 ANNO 1I - N° 4 veNerdì 7 geNNAIO 2011


prOVINCIA Interinali: scontro Iannarilli-Forte Il sindaco di Arpino sembra essere diventato il nemico numero uno del Presidente della Provincia FROSINONE - Botta e risposta tra Fabio Forte, consigliere provinciale di minoranza e il presidente Iannarilli. Motivo del contendere il bando per gli esperti all’Agenzia di Formazione, annullato dopo un regolare avviso pubblico e la selezione affidata ad una società interinale. Forte aveva attaccato Iannarilli per la poca trasparenza, il presidente ha risposto piccato: “Mi trovo nuovamente a dover leggere l’ennesima eresia del consigliere provinciale Fabio Forte che ancora una volta dimostra di non aver capito la sua identità e posizione politica;evidentemente neanche il Santo Natale ha destato in lui momenti di pace e di serenità intellettuale. I suoi attacchi infondati sembrano essere le lamentele di un “ragazzino” viziato che solo perché sa qualche “parolina” in latino pretende dal padre l’acquisto del motorino; ribadisco, nuovamente, che io sono stato fortemente voluto dalla gente e lotto continuamente per il mio popolo, quello che mi ha eletto e che ogni giorno mi carica e

mi sprona a fare meglio; non metto in dubbio che il consigliere sia dalla parte della gente ma credo che la gente non sia dalla sua, visti gli ultimi risultati elettorali. Ricordo, inoltre, al consigliere, che diverso tempo fa furono abolite “le carte bollate” proprio per facilitare l’iter burocratico a quelle persone che come lui si definiscono poco “inclini” o forse sarebbe stato meglio dire poco “avvezze”. Non raccolgo, quindi, le inutili e puerili accuse e fornisco solo ai cittadini, non a lui, le risposte chiarissime alle sue domande. La nostra esigenza di rispondere in breve tempo e con efficacia alle richieste di formazione, che già troppi ritardi aveva scontato e non per colpa nostra, ci ha fatto intraprendere la strada dell’affidamento a una società di lavoro interinale. In pochissimo tempo, infatti, le domande giunte per quel bando sono state circa

1.300, impossibili da gestire in tempi congrui dagli uffici dell’Agenzia perché sarebbero serviti almeno tre mesi ancora, e come è evidente a tutti coloro che si sono occupati delle spinose questioni legate alla formazione lo scorso anno, non era proprio possibile avere quel tempo a disposizione. Ecco il motivo del “passaggio della palla in Giunta” come dice Forte. La società interinale, la “Tempor Spa” non ha nulla a che fare con me. Ha vinto un bando emesso dalla Provincia di Frosinone nel

2007 (con determina dirigenziale n.4826 del 3 dicembre 2007) aggiudicato nel 2008 (con determinazione n.2198 del 9 giugno 2008) ed ha un contratto con la Provincia di Frosinone, stipulato il 2 settembre del 2008 e che scade nel settembre del 2011. Bando emesso ai tempi di Scalia e contratto siglato sempre ai tempi della giunta di centrosinistra per la somministrazione di lavoro a tempo determinato. Dunque viene da chiedersi che cosa facesse a quei tempi Forte, visto che era consigliere provinciale di opposizione già allora e a tutti gli sfracelli della formazione non ci sembra si sia mai opposto. Per quanto attiene agli avvocati sappia Forte che io li coinvolgo solo nelle pratiche legali e non nelle mie risposte. Anzi sarebbe consigliabile a lui contattarne qualcuno in caso gli occorresse di difendersi per aver diffuso “dure critiche” o meglio “calunnie” come ha fatto questa volta. Perché c’è chi è forte di nome e chi è forte di fatto. Questione di voti.

Cantieristi, nessuna delibera Trina:“Attivo fondo solidarietà di autotutela della Provincia sui mutui per le abitazioni” FROSINONE - E’ stato un Natale da incubo per i 59 lavoratori dell’amministrazione provinciale che sono stati inseriti nella pianta stabile dell’ente di piazza Gramsci attraverso la procedura dei cantieri scuola lavoro. Infatti nei corridoi del palazzo provinciale, a cavallo tra Natale e Capodanno, si è diffusa la notizia di un rilievo della Corte dei conti sulle procedure di assunzione viziate da un errore di forma. Un’assunzione illegittima che rimetteva in discussione il loro posto di lavoro a tempo indeterminato. E via alle polemiche e agli attacchi. Ora pare che la situazione sia più calma e che forse si possa addiveniere ad una soluzione positiva. Una soluzione che salvi capra e cavoli. C’era in ballo una delibera di autotutela da parte della giunta Iannarilli che per adesso non si farà. Una delibera di cui si è parlato molto nel Palazzo ma che non giungerà, per il momento, all'attenzione della giunta provinciale.

4 ANNO ii - N° 4 veNerdì 7 geNNAiO 2011

E' quella che doveva decidere della posizione dei 59 cantieristi della provincia assunti in pianta stabile dall'ente, tra il dicembre 2007 e l'aprile 2008, dall'allora giunta provinciale Scalia. L'ispezione ministeriale sulla gestione amministrativa ha contestato tale procedura, evidenziandone profili di possibile illegittimità. Per questo, l'attuale esecutivo provinciale era pronto a correre ai rimedi per tutelare e tutelarsi da eventuali danni erariali. Tuttavia le tensioni che un provvedimento contrario a tali assunzioni ha generato all'interno della squadra di governo ha condotto ad un confronto tra le diverse anime, conclusosi nella decisione che, per adesso, non è necessario assumere alcuna deliberazione al riguardo, visto anche come contestazioni a simili procedure d'assunzione, in altri comuni della provincia, hanno portato a pronunciamenti giudiziali favorevoli agli enti coinvolti.

FROSINONE - “Il Fondo di solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa che prevede, per le famiglie in difficoltà, la possibilità di sospendere il pagamento delle rate per un periodo massimo di 18 mesi e la copertura delle spese collegate allo spostamento del mutuo è finalmente realtà. Il decreto, firmato dal ministero dell'Economia, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 agosto ed è entrato definitivamente in vigore”. Ad annunciarlo è l’Assessore provinciale con delega alla difesa del consumatore, Francesco Trina. “A distanza di oltre due anni - afferma Trina - sarà quindi operativo il fondo approvato alla fine del 2007, con la finanziaria 2008, deciso per fronteggiare la crisi economica che prevedeva una dotazione di 20mld di euro per il 2008 ed il 2009 per il "pagamento dei costi delle procedure bancarie e degli onorari notarili" che derivano dalla sospensione del pagamento delle rate e dei mutui stessi. Un fondo che sarà istituito al Tesoro e gestito da una società ad hoc”. Continua Trina: “Il regolamento pub-

blicato definisce i soggetti beneficiari, Potranno perciò accedere al beneficio i titolari di un mutuo che non sia superiore a 250 mila euro, in ammortamento da almeno un anno, che abbiano un indicatore Isee non superiore ai 30 mila euro relativo ad un immobile non di lusso e che, successivamente alla stipula del contratto, siano impossibilitati a pagare le rate per una serie determinata di eventi che vanno dalla perdita del posto di lavoro, per quelli a tempo indeterminato, alla scadenza del contratto per quelli parasubordinati (o assimilati) che non siano riusciti a stipulare un nuovo rapporto di lavoro per almeno tre mesi. Si potrà richiedere la sospensione del mutuo anche in caso di morte o insorgenza di non autosufficienza di uno dei componenti il nucleo familiare il cui reddito rappresenti il 30% di quello complessivo o a causa del pagamento di spese mediche, di assistenza domiciliare, non inferiori a 5 mila euro o per spese di manutenzioni sostenute per opere indifferibili per almeno 5 mila euro.

Anagni: crisi turismo L’attacco della Destra

Villa S.Stefano, libro su Pomponio Palombo

“Purtroppo non mi sono stupito per nulla dopo aver letto l’articolo dei giornali sui dati riguardanti il turismo ad Anagni. La crisi delle presenze turistiche in città è allarmante e senza bisogno di ricorrere ad attacchi politici verso l’amministrazione, bisogna però immediatamente stilare un piano di rilancio del turismo di Anagni”. E' quanto afferma in una nota il Segretario de La Destra Anagni,Valeriano Tasca.

L’Associazione Culturale “Pomponio Palombo” è lieta di invitare tutti alla presentazione del libro“Pomponio Palombo – Pictor diVilla Santo Stefano”di Edmondo Angelini, che si terrà sabato 8 gennaio 2010 alle ore 16:30 in piazza Umberto I, Villa S. Stefano, presso la Biblioteca Comunale nel Palazzo Cardinale Domenico Jorio. Pomponio Palombo, artista e mecenate, nacque a Castro Santo Stefano (l’attuale Villa) nel‘500 e mori' a Priverno nel marzo del 1592.


prOVINCIA Cultura, la salvezza è Abbate Il prof. Santulli denuncia il degrado del monumento di Mastroianni a Frosinone FROSINONE - Lo stato di degrado in cui versa il monumento ai Caduti del grande artista ciociaro Umberto Mastroianni è oggetto di una nota alla stampa del prof. Michele Santulli. “Nel 1977 - si legge nel documento - il monumento fu posto in quello che fu chiamato pomposamente Piazzale della Pace, vale a dire alla grande curva di Viale Mazzini, di fronte al nuovo garage pubblico multipiano, cioè nel luogo meno idoneo e meno accogliente della città. Un’opera d’arte della più grande importanza, del più grande significato, alla quale in una società civile avrebbero dedicato giustamente il luogo espositivo migliore, vista anche la inimmaginabile capacità di attrazione di un tale monumento, qui invece nel nostro capoluogo è stato fatto vero e proprio segno di un bidone della spazzatura, conseguendo così un altro glorioso primato da aggiungere agli altri: qui a Frosinone le opere d’arte sono considerate ferro arrugginito. Non solo infognato in un posto indecente e indegno, non solo messo in compagnia di vetture in parcheggio in un garage all’aperto, non solo invisibile al passante in quanto il passante non esiste in quella zona, ma il colmo è che da anni è tenuto

come la foto documenta, nelle condizioni che solo il nostro capoluogo poteva realizzare e conseguire: una discarica pubblica per un’opera d’arte! Ma l’altro aspetto è che da un anno-due anni è stato ribattezzato: non si chiama più Piazzale della Libertà bensì Piazzale dei tre martiri toscani: infatti all’estremità del largario è stato realizzato, offerto da una banca locale, un piccolo memoriale in ricordo della vicenda di tre giovani fucilati dai nazisti a suo tempo. In aggiunta, fino a poco tempo fa, il Comune di Frosinone aveva un suo sito internet in cui alla voce: monumenti, si parlava e si faceva la storia del monumento di Mastroianni. Ora il sito è stato ammodernato quindi è cambiato e alla voce: monumenti, si legge: tre martiri toscani, si va dentro e vi è tutta la storia del memoriale di cui sopra e dei tre ragazzi fucilati. Ma Mastroianni è scomparso. Nel sito ufficiale del Comune di Frosinone il monumento ai caduti di Umberto Mastroianni è stato elimninato, è stato cancellato!!! Il solito impappamento nostrano. Non si tratta di politica o di partiti ma, ripeto, di un pizzico di decoro e di rispetto dell’ambiente e anche dei cittadini, non dico dell’arte. Rattrista e spa-

venta che la cittadinanza non veda e non senta, vista tale abiezione perdurante. Bello e civile sarebbe se il cittadino di Frosinone in uno scatto virtuoso, ignorando se necessario le autorità amministrative colpevoli di siffatta situazione di estremo e imperdonabile degrado, facesse uno sforzo di civiltà e autonomamente e coralmente ne ripristinasse la funzione e soprattutto lo trasferisse in un luogo degno, aperto alla ammirazione del pubblico e al richiamo del turista e non in un parcheggio pubblico a cielo aperto. In merito ci si chiede, a parte le altre domande naturalmente, che cosa ha fatto la Fondazione Mastroianni di Arpino, custode della memoria dell’artista, per impedire o lottare o rimediare a tale scempio, e, purtroppo aggiungo, ad altri scempi di opere di Mastroianni perpetrati in provincia". Ma ora interviene la Provincia con l’assessore Abbate che subito ha messo in campo un intervento di pronto soccorso per l’opera. Che verrà resa di nuovo funzionale, evitando che possa andare perduta per sempre. L’assessore sul tema della salvaguardia dei nostri beni culturali è in prima linea.

Il personale della Provincia ha Alatri, l’ex assessore Cittadini percepito compensi non dovuti torna a far parlare di sè FROSINONE - “Date a Cesare quel che è di Cesare”, recita un vecchio ammonimento della tradizione cristiana. Però alla Provincia, negli anni scorsi non lo si è rispettato molto. E a Cesare, inteso come nome generico del dipendete dell’ente tipo, veniva dato molto di più di quello che era dovuto. E ora la Provincia targata Iannarilli chiede il conto, chiede di restituire le somme percepite illegittimamente. I dipendenti dell'amministrazione provinciale di Frosinone sono sul piede di guerra. I sindacati annunciano lo stato di agitazione e già prospettano lo sciopero generale. Motivo del contendere la richiesta di restituzione, da parte dei dipendenti con funzioni dirigenziali, di coordinamento, ricompresi in alcuni progetti o per particolari produttività, delle indennità percepite oltre il regolare stipendio negli ultimi 5 anni. Indennità che l'ispezione della Ragioneria generale dello Stato, lo scorso gennaio 2010, ha prospettato non legittime. Il referto dell'ispezione condotta dall'inviato del ministero delle Finanze è ora al vaglio

delle autorità contabili, a cui spetterà assumere i provvedimenti a tutela dell'erario qualora riscontrasse operati illegittimi e danni economici arrecati all'ente. Per questo la giunta provinciale, nei giorni scorsi e come già riferito da queste colonne, anche per non incorrere in termini prescrittivi, ha proceduto a contestare ai dipendenti che le avevano riscosse le somme ritenute "in dubbio" mentre, già precedentemente, la stessa giunta aveva proceduto a simili contestazioni per quanto concerne i compensi di produttività erogati ai dirigenti dell'ente ed ugualmente ritenuti non dovuti dal referto ispettivo - per quasi 1,3 milioni di euro. Dunque un braccio di ferro dagli esiti non prevedibili. Comunque un fatto è certo. Senza voler colpevolizzare nessuno, chi ha sbagliato deve pagare. Anche se percepiti perché qualcuno più in alto l’ha permesso, i dipendenti i soldi devono restituirli. Sono soldi pubblici. Non solo: con quei soldi percepiti si poteva stabilizzare molto prima il personale precario. Ma non lo si è potuto fare.

FROSINONE - Dall’ex assessore provinciale della giunta Scalia riceviamo e pubblichiamo: “Questa triste constatazione avevamo già avuto modo di farla in tante altre occasioni e dobbiamo ripeterla ancora oggi quando falsamente afferma che i rappresentanti della minoranza hanno ostacolato e contrastato la stabilizzazione degli LSU. Infatti per quanto mi riguarda, e può essere verificato attraverso la registrazione degli interventi nell’ultimo Consiglio, ho ripetuto più volte che la stabilizzazione degli LSU era un atto dovuto e che la maggioranza stava solo perdendo tempo in un consiglio comunale che avrebbe dovuto approvare un atto di indirizzo politico del tutto inutile per il completamento dell’iter amministrativo. Ho affermato ancora che invece di essere seduti del tutto indegnamente su quelle poltrone, avrebbero fatto meglio ad essere presso gli Uffici Regionali per la stipula della Convenzione tesa alla stabilizzazione degli LSU. Nessun dissenso dunque all’atto ammini-

strativo che ancora doveva essere stipulato ma solo verso una proposta di delibera del tutto inutile stante che, anche a detta del relatore e del capogruppo di maggioranza, si trattava solo di una delibera di indirizzo politico. Al che ho personalmente risposto che noi siamo abituati a mantenere gli impegni che qualsiasi l’Amministrazione prende specialmente se presi in favore dei lavoratori, Purtroppo dobbiamo ancor più preoccuparci di quello che il Segretario Generale ha riferito nella stessa seduta di Consiglio in merito alla situazione finanziaria disastrosa. A questo punto è doveroso un appello a tutti quelli che intendono opporsi a questa amministrazione di qualunque colore o pensiero politico essi siano: facciamo scegliere dalla gente attraverso le primarie il candidato a sindaco da opporre a Magliocca o chi per lui, perché in questo momento la Città necessita di essere amministrata da un governo di salute pubblica che riunisca le sue migliori forze.


CASSINO Ricalcolate le superfici delle abitazioni in base ai dati catastali. Lo impone la Finanziaria 2005

Tarsu, 3000 avvisi di accertamento

CASSINO - Più di tremila avvisi di accertamento tarsu (tassa rifiuti solidi urbani), per un introito presunto di circa un milione e mezzo di euro, sono stati recapitati entro il 31 dicembre scorso ad altrettante famiglie scatenando le solite proteste. Si tratta di una tarsu cosiddetta aggiuntiva ricalcolata in base alla superficie catastale delle abitazioni rispetto alle misurazioni effettuate negli anni scorsi dagli addetti comunali o incaricati da agenzie di riscossione, a Cassino in que-

sto caso è la Gosaf. Con il ricalcolo basato sui dati catastali sono scaturiti i metri in più in moltissime abitazioni, soprattutto per le case a più piani e con garage od altro. Da qui le differenze da pagare dal 2005 al 2008 e poi per il 2009 e il 2010. Tutto nasce dalla normativa prevista dalla legge finanziaria 2005 mirata al recupero dell’evasione della tarsu per i calcoli forfettari sulle superfici abitative. Tutti i comuni si stanno adeguando e quello di Cassino lo sta facendo ora. Ad emanare questa disposizione è stata l’ex giunta Scittarelli e che il commissario straordinario sta facendo applicare. In molti casi, però, i dati sono sbagliati e dall’ufficio tributi fanno rilevare che è a disposizione un modello per le eventuali correzioni. “Questa attività accertativa- è detto in una nota del Comune - non prevede né sanzioni e né interessi perchè ha finalità perequative oltre ad evitare una responsabilità per danno erariale a carico del Comune. Gli uffici sono a disposizione dei cittadini per chiarimenti ed eventuali rettifiche degli avvisi di accertamento.” Sono già tante le correzioni accettate dall’ufficio tributi in base alla documentazione catastale presentata dagli utenti ed inviate all’Agenzia del Territorio a Frosinone. In molti casi gli errori sarebbero dovuti ad una errata impostazione tecnica dei dati per il servizio in appalto ad una società straniera. Molti cittadini si sono rivolti alle associazioni dei consumatori per la tutela dei loro diritti non condividendo questi avvisi di pagamento e sono già annunciati ricorsi contro l’iniziativa del Comune.

Primarie del centrosinistra

Delegazione del Pd per avviare le trattattive con gli altri partiti CASSINO - Dopo la presa di posizione del segretario provinciale del Pd Lucio Migliorelli di non far svolgere le primarie per l’indicazione del candidato a sindaco di Cassino del centrosinistra sulla questione interviene anche il circolo cittadino con un documento. “Il Comitato direttivo del circolo del PD di Cassino, riunitosi per una valutazione politica in vista delle prossime elezioni amministrative, ritiene che occorra compiere ogni sforzo per definire una proposta politico-programmatica in grado di ottenere il più ampio consenso per dare alla città un nuovo governo. Il direttivo considera essenziale giungere alla formazione di un ampio schieramento di forze politiche che si propongono di sconfiggere il centro-destra e presentare ai cittadini un programma di risanamento e di rinnovamento della politica amministrativa della città. IL PD intende sollecitare e attivarsi per costruire, prioritariamente insieme al Centrosinistra, una convergenza politico-programmatica di quanti ritengano di volere cambiare e offrire un futuro alla città. È essenziale questa iniziativa per arrivare successivamente a una condivisione per la scelta del candidato a sindaco. Il Comitato direttivo all’unanimità, considera che in questa fase di costruzione di forze alternative al vecchio modo di governare e per favorire le alleanze con forze non disponibili a questo sistema, sia preferibile non attivare le primarie, che restringerebbero il campo d’azione di un fronte del rinnovamento. Il Comitato direttivo, assumendo pienamente la responsabilità di operare con l’obiettivo di una coalizione forte e credibile, considera indispensabile avere la piena disponibilità di tutto il partito, unito, convinto e vincolato sulle scelte adottate. Il Comitato direttivo indica una delegazione per avviare i necessari incontri per arrivare alla definizione di una coalizione e di un programma nell’interesse della città.”

Dai rifiuti agricoli biogas ed energia elettrica CASSINO - Dai rifiuti agricoli biogas ed energia elettrica. Accade nell’azienda Mad di Roccasecca dove è entrato in esercizio in una vecchia discarica un impianto modello realizzato dalla società italo-tedesca Schmack Biogas di Bolzano che ha consegnato in questi giorni anche un impianto per l’azienda agricola Pezza di Busseto (Parma). Ad inizio di dicembre è stata completata l’attivazione dell’impianto di Roccasecca. Realizzato all’interno di una discarica modello, ma interamente alimentato con biomasse di origine agricola (mais conservato nei sili e deiezioni animali), è un impianto particolare. Non ha infatti un proprio cogeneratore: il biogas prodotto (equivalente ad 1 MW elettrico) può essere utilizzato sia in combustione diretta nei cogeneratori a disposi-

6 ANNO II - N° 4 veNerdì 7 geNNAIO 2011

zione dell’impianto di captazione dei gas da discarica, sia per una postcombustione dei gas di scarico di quegli stessi motori, in modo da poter estrarre ulteriore energia anche da questi, grazie ad una turbina. Diverso l’impianto in provincia di Parma. È una struttura da 999 kW, alimentata prevalentemente da insilato di mais, in grado di fornire energia elettrica pulita a circa 2000 nuclei familiari. La prima immissione in rete di energia elettrica è avvenuta ad inizio di settembre, ed è stata seguita dalla fase di collaudo, conclusa positivamente poche settimane dopo. Secondo i tecnici del settore il biogas si dimostra una fonte di energia non soltanto pulita, ma anche flessibile, ed in grado di integrarsi con altre forme di protezione dell’ambiente. Schmack Biogas è

azienda leader nella progettazione e realizzazione di impianti biogas. Nel 2006 ha aperto la propria filiale italiana, con sede a Bolzano, dove un team di 40 persone segue l’intero progetto, dalla fattibilità alla progettazione, dalla realizzazione all’avviamento.

Carabinieri in azione a Isola Liri e Cassino

Operazione anticrimine dei carabinieri

CASSINO - I carabinieri di Isola Liri hanno multato un esercizio pubblico del centro storico per non aver rispettato l’orario di chiusura imposto dal comune e contravvenzionato un 45enne del posto sorpreso a piedi in stato di manifesta ubriachezza. Operazione di controllo anche nell’area di Cassino.

CASSINO - A Isola del Liri, i carabinieri, nell’ambito di servizi per il controllo del territorio in un più ampio quadro di prevenzione e repressione di reati, controllavano15 automezzi e 20 persone; contestavano 5 contravvenzioni al C.D.S. per uso di apparecchi radiotelefonici durante la guida con la conseguente perdita di complessivi 25 punti sui documenti di guida.


CASSINO Acquafondata, monumento alla zampogna CASSINO - Inaugurato un monumento ad Acquafondata per il 50° anniversario della nascita del Festival della Zampogna che anticiperà la 40 edizione della manifestazione che si terrà il 9-10 luglio 2011. Il Sindaco Antonio Di Meo ha inaugurato in Piazza dei Caduti, alla presenza di tutte le autorità civili e religiose, il monumento alla zampogna. Il 9 e il 10 luglio ad Acquafondata il 40° Festival della Zampogna. Concerti, documetari e convegni con i più grandi musicisti contemporanei, cultori, esperti e costruttori di zampogne nella capitale del triangolo della zampogna tra Lazio Abruzzo e Molise. Un evento fatto di suoni che ricordano il passato. La musica delle zampogne italiane centro-meridionali è in gran parte oggi costituita da un repertorio ricco, difficile e di grande suggestione. Per questo il Festival della zampogna di Acquafondata vuole ridonare fiato vitale all’antico strumento pastorale ad ancia che riesce così a sopravvivere. A Villa Latina si può visitare il Museo-Laboratorio della zampogna. Un pò di storia: Le origini della zampogna sono antiche e perciò anche difficili da ricostruire con esattezza. E' nel Medioevo che si diffonde con certezza l'uso di strumenti dotati di un otre che alimenta una o più canne ad ancia. In Italia centro-meridionale l'otre è stato applicato agli strumenti ad ancia che erano stati adottati da tempo immemorabile dalle genti italiche di diversa origine (già a partire dagli abitanti delle colonie della Magna Grecia e dei centri Etruschi), e vale a dire l'aulos e le tibiae (doppi oboi del mondo antico) e doppi e tripli clarinetti del

Mediterraneo, importati da Fenici, Greci, Slavi, Albanesi, Arabi, eccetera, sino a tutto il Medioevo. Nell'immaginario collettivo urbano, il suono della zampogna (la "cornamusa" dell'Italia centro-meridionale) evoca subito la questua, la novena pre.natalizia, le "pastorali". Certo, è questo il suo uso più visibile, rituale. Nei cinque decenni che sono trascorsi dalla prima tappa fondamentale della ricerca etnomusicologica in Italia, la diffusione dello strumento è stata in molte occasioni verificata anche fuori dell'ambito magico-religioso. Oggi ancora, il suo uso profano anima le occasioni festive, al suono trascinante della zampogna si ballano saltarelli e tarantelle, si accompagnano le serenate e i canti. Ma la zampogna non è più legata al lavoro: si suonava durante il lavoro nei campi, oppure, in occasione delle grandi transumanze, al seguito del gregge. Il risultato di due decenni di intervento è che, nelle terre dell'Italia rurale del Centro e del Sud, sono stati individuati non pochi costruttori e suonatori ceh rimangono portatori del più ampio repertorio musicale della zona, un repertorio di zampogna che ha ripreso ad essere in funzione, al servizio della comunità.Musiche e stili differenti si incrociano e si oppongono, le formazioni strumentali variano per il tipo di sonorità richiesta per un tipo particolare di canto augurale, serenata o ballo: zampogna sola o coppia di zampogne; il più spesso delle volte in combinazione con la ciaramella, e con l'accompagnamento di tamburello e talvolta anche di tamburo o grancassa.

Coldiretti fiduciosa

Il rilancio dell’agricoltura CA S S I N O - L’ a g r i c o l t u r a n on è m orta, com e s p es s o s i s e n t e d i r e, m a p u r n e l l e tan te difficoltà dettate dalla crisi economica in atto il settore gu arda al fu tu ro con m o d e r a t o o t t i m i s m o. Q u e s t o è emerso nel corso dei lavori del l ’ultim o cons iglio p rovinci al e della Coldiretti di Frosinone che si è tenuto nei gi or ni s cors i. N el cors o della r i u n i o n e s i a i l p r e s i d e n t e, Loris Benacquista che il dir e t t o r e, G i a n n i L i s i , h a n n o stilato una sorta di bilancio d e l l ’ a n n o c h e è a p p e n a t e rminato sottolineando gli elementi che hanno caratterizzato l’impegno della Coldiretti ciociara al ser vi zio dei p rop ri as s ociati. “Impegno e partecipazione ch e – ha s p iegato il direttore Lisi– crescerà nel corso del

2 0 1 1 c o n n u ove i n i z i a t i ve vo l t e a s u p p o r t a r e i l p r o getto della filiera agricola t u t t a i t a l i a n a , c o i nvo l g e n d o sempre più gli agricoltori aderenti a Coldiretti con incontri a tem a s u tu tto il territorio”. Intanto sono senz’altro buoni i risultati raggiunti dalla fondazione ‘ C a m p a g n a A m i c a ’ c h e, a d o g g i , i n p r ov i n c i a p u ò c o n tare su circa 50 accrediti, fra aziende e mercati, che offrono prodotti di alta qualità, certificati ed a prezzi concorrenziali. “Dobbiamo l avo r a r e i n s i e m e p e r f a r e ancora più squadra”, ha afferm ato il p res idente Benacquista, sottolineando l’impegno della Coldiretti per la nascita dell’Associaz i o n e A g r i m e r c a t o Fr o s i none.

Pontecorvo, solidarietà ai manifestanti denunciati CA S S I N O - "Esprimo la mia piena solidarietà a Gianluca Narducci, Gabriele Zonfrilli e Maddè Guglielmo per essere stati denunciati in seguito alla partecipazione alla manifestazione del 18 settembre scorso che portò all’occupazione dell’autostrada Roma-Napoli per circa 20 minuti. La manifestazione era stata indetta per protestare contro la chiusura dell’Ospedale di Pontecorvo ed aveva visto la partecipazione di circa 5.000 cittadini della zona. Ma oltre ai cittadini avevano partecipato alla manifestazione un nutrito gruppo di amministratori dei comuni della zona tra cui molti sindaci. Io stessa ho partecipato attivamente alla manifestazione, quindi mi sento anch’io moralmente “denunciata”,

probabilmente nei prossimi giorni lo sarò di fatto. Oggi come allora ritengo che il popolo abbia il diritto di esprime il proprio dissenso quando tutte le altre vie perseguite trovano

le porte sbarrate. Il Commissario Polverini non ha voluto intraprendere nessuna forma di dialogo con i cittadini che sono stati costretti, amministratori in testa, a manife-

Venturi aderisce al movimento L’Impegno

Uno spazzino al comune di Pontecorvo

CASSINO - L’associazione “L’ottimismo della volontà”, che fa capo a Norberto Venturi, noto ed apprezzato oncologo ciociaro e Direttore Scientifico della LILT, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, ha aderito, nei giorni scorsi, a “L’Impegno”, l’associazione frusinate del presidente, Aldo Mattia.

PONTECORVO - IL COMUNE DI PONTECORVO ha chiesto al Centro Impiego di CASSINO, l’avviamento a selezione a TEMPO DETERMINATO di un “OPERATORI ECOLOGICO” Orario di lavoro: “PART-TIME” per 24 ORE SETTIMANALI , Durata : 60 GIORNI

stare nelle strade e nelle autostrade. Se si intende perseguire le vie giudiziarie mi auguro allora che lo facciano anche tutte quelle amministrazioni locali che vedranno chiudere i presidi ospedalieri presenti sui loro territori attraverso ricorsi sia al TAR, sia alla Corte dei Conti per tutti gli investimenti effettuati nei vari ospedali che adesso saranno chiusi. Chi rimborserà i cittadini per aver finanziato con le loro tasse fior fior di sale operatorie che saranno inutilizzate o smantellate e costate sicuramente di più dei danni che possono essere stati arrecati con 20 minuti di blocco dell’autostrada?" lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell'Italia dei Valori Anna Maria Tedeschi.

7 ANNO II - N° 4 veNerdì 7 geNNAIO 2011


cassinate Giuseppe Sebastianelli ascolta l’umore della gente, facendosi carico delle richieste di tutti

“Priorità e bisogni del cittadino” Da Giuseppe Sebastianelli (Pdl), riceviamo e pubblichiamo: <Per me la partecipazione è una reale politica di coinvolgimento dei cittadini>. Giuseppe Sebastianelli ribadisce la centralità che ha nel suo progetto politico il punto di vista dei cassinati e rende pubblici i messaggi lasciati dal numeroso pubblico che ha partecipato lo scorso dicembre alla convention dal significativo titolo “Diventa partecipe della tua città per rendere migliore Cassino”, che parte dalla considerazione che la città martire ha caratteristiche storiche e naturali che la rendono unica, caratteristiche che chi guida l’amministrazione comunale ha il compito di valorizzare ed esaltare al massimo grado. Una concezione, questa, che Sebastianelli porta avanti da mesi e che è chiara sin dai nomi delle associazioni politiche cittadine che sostengono la sua candidatura a sindaco, “Popolo di Cassino”, “Terra nostra”, “Cassino la mia città” e “Libertà e benessere”: <Il Popolo di Cassino – spiega riferendosi ai cittadini che hanno lo stemma civico stampigliato nel cuore prima che sulla carta d’identità come ama dire Sebastianelli - attraverso la sua terra si sente parte della sua città e avverte il dovere di partecipare attivamente per trovare la sua libertà e il suo benessere>. Tutto ciò è emerso più chiaramente dal video trasmesso durante lo stesso incontro del 18 dicembre. <I cittadini – precisa

l’esponente del Pdl - chiedono di risolvere problemi concreti e suggeriscono soluzioni fattibili. Tra gli argomenti maggiormente posti al centro dell’attenzione ci sono innanzitutto la viabilità e gli arredi urbani, l’eliminazione della rotatoria, ritenuta per lo più inutile e dannosa, di via Enrico de Nicola, il potenziamento della Polizia municipale, un maggior controllo dei parcheggi e la realizzazione di una pista ciclabile che non solo colleghi le frazioni di Caira, Sant’Angelo e Folcara ma che preveda anche un percorso di accesso diretto dal centro alla pista stessa. I cittadini chiedono inoltre di istituire la raccolta differenziata, di riordinare gli uffici e il personale comunale, di regolamentare la presenza dei cani sul territorio, di rendere comunale l’acqua in tutta la città, di sistemare alcune strade della periferia, di realizzare l’illuminazione pubblica in altre, di posizionare le panchine sui marciapiedi, ma suggeriscono anche di prevedere poliziotti di quartiere e lavorare per politiche sanitarie più efficienti, argomenti che non sono di per sé di competenza del Comune ma che dimostrano come l’amministrazione comunale può e deve impegnarsi per sollecitare la loro realizzazione. Chiedono poi di predisporre strategie per l’occupazione giovanile, di attivare politiche turistiche più capillari che certamente abbiano l’abbazia di Montecassino come punto centrale ma che includano anche le peculiarità storiche e ambien-

Denuncia manifestanti, Il borsino Tedeschi (Idv) solidale PONTECORVO - "Esprimo la mia piena solidarietà a Gianluca Narducci, Gabriele Zonfrilli e Maddè Guglielmo per essere stati denunciati in seguito alla partecipazione alla manifestazione del 18 settembre scorso che portò all'occupazione dell'autostrada Roma-Napoli per circa 20 minuti.La manifestazione era stata indetta per protestare contro la chiusura dell'Ospedale di Pontecorvo ed aveva visto la partecipazione di circa 5.000 cittadini della zona.Ma oltre ai cittadini avevano partecipato alla manifestazione un nutrito gruppo di amministratori dei comuni della zona tra cui molti sindaci. Io stessa ho partecipato attivamente alla manifestazione, quindi mi sento anch'io moralmente "denunciata", probabilmente nei prossimi giorni lo sarò di fatto. Oggi come allora ritengo che il popolo abbia il diritto di esprime il proprio dissenso quando tutte le altre vie perseguite trovano le porte sbarrate. Il Commissario Polverini non ha voluto intraprendere nessuna forma di dialogo con i cittadini che sono stati costretti, amministratori in testa, a manifestare nelle strade e nelle autostrade. Chi rimborserà i cittadini per aver finanziato con le loro tasse fior fior di sale operatorie che saranno inutilizzate o smantellate e costate sicuramente di più dei danni che possono essere stati arrecati con 20 minuti di blocco dell'autostrada?" lo dichiara in una nota il consigliere regionale dell'Italia dei Valori Anna Maria Tedeschi.

8 ANNO I1 - N° 4 veNerdì 7 geNNAIO 2011

tali della città>. <Tra le priorità che abbiamo chiesto di segnalarci – prosegue Giuseppe Sebastianelli – figurano moltissime altre “cose” concrete di cui sicuramente l’amministrazione comunale può interessarsi, come il mercato settimanale e la realizzazione di un multisala, il rafforzamento del trasporto pubblico e un osservatorio speciale sulle periferie, ma in tanti pretendono anche che i candidati abbiano il certificato penale pulito e siano disponibili a sottoporsi al test antidroga, per essere davvero all’altezza di governare una città importante come la nostra>. <Alla luce del continuo e costante dialogo con i cittadini che abbiamo instaurato da tempo – ha concluso Sebastianelli – il nostro monito può essere sintetizzato dalle espressioni lasciate da alcuni partecipanti alla convention e che confermano quello che è per noi una verità da sempre, ossia che il passato ci appartiene e che insieme possiamo costruire il futuro: “Abbiamo un pozzo di ricchezze, dobbiamo solo attingerlo” e “Vogliamo riavere fiducia per questa città e vogliamo che la nostra fiducia sia contagiosa”. Ritengo – ha chiosato Sebastianelli - che la fiducia possa essere garantita dalla politica del fare a partire dalla partecipazione e dalla condivisione di tutti alla vita della città. La massiccia partecipazione al questionario del 18 dicembre conferma la mia idea che la città non la fanno gli amministratori ma i cittadini>.

di giovanni trupiano

CHI SALE

CHI SCENDE

ERNESTO DI MUCCIO:

ANTONIO MARZOCCHELLA:

Il suo "Tentacoli" è andato bel oltre le più rosee aspettative. Un libro che è una denuncia, un grido di allarme oltre che di dolore, di una città ferita, aggredita dalla malavita organizzata. Un volume da leggere e su cui riflettere.

Come presidente della "Vecchia Cassino" ha consentito il diffondere della pasquetta epifanica dalle trombe comunali di Gino Milone per tutta la giornata di ieri. Un insulto ai cassinati che l'aspettano il 5 gennaio notte.

GIUSEPPE MESSINA: Il generale dei carabinieri è instancabile nelle sue analisi politiche cittadine. Un po' troppo arzigogolate, ma sempre lucide e veritere. Profondo conoscitore della realtà cassinate, la estrinseca in ogni minimo particolare.

ANGELA PAGLIUCA: La città sta letteralmente affondando, e il commissario si concede il lusso di fare le ferie lunghe. Ci sono problemi urgenti e vitali: tasse, traffico, manutenzione, e tanto altro che non conoscono ferie...

Presto la bonifica degli alloggi Ater

Roccasecca, arriva il progetto Edu.Care

CASSINO - “Il bando di gara per la rimozione e lo smaltimento dei tetti di amianto dalle palazzine A, B e C di via Volturno a Cassino, di proprietà dell’ATER, è una realtà. La determinazione che autorizza la pubblicazione del bando è stata firmata il 15 dicembre scorso”. Tommaso Marrocco, ex capogruppo PD al comune di Cassino, rassicura gli inquilini.

ROCCASECCA - EDU.CARE è un progetto promosso e finanziato dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri, in stretta collaborazione con UNODC- Ufficio Droghe e Crimine dell’ONU, che fa seguito ad un precedente Programma di Sostegno alle Famiglie SPF (Support Family Programme) gestito dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.


SPORT CALCIO PROMOZIONE

Mister Barbabella a caccia di una vittoria che darebbe slancio al gruppo azzurro

“Cassino, tre punti per il morale” Per il derby col Sant’Apollinare indisponibile Capocci, rientra Palombo CASSINO - Torna in campo quest’oggi la truppa azzurra che nel giorno dell’Epifania ha riposato. Marsella e compagni nell’ultima seduta di mercoledì hanno svolto un test a ranghi misti con la formazione juniores: mister barbabella ha avuto modo di provare nuovamente l’assetto tattico che proporrà contro il Sant’Apollinare. La novità dovrebbe essere rappresentata dall’impiego di Roberto ferdinandi nella zona nevralgica del campo: l’ex Bassiano porta in dote dinamismo, esperienza e carattere da vendere. Quello che serviva ad una squadra giovanissima che ha bisogno di maturare sotto molti aspetti. Prima su tutti quello caratteriale: l’incostanza mo-

strata nelle amichevoli natalizie è un elemento che desta qualche preoccupazione, ma il Cassino nel match del salveti di domenica col Sant’Apollinare non può sbagliare. “A Sesto Campano il Cassino ha sciorinato un’ottima prestazione dal punto di vista

dell’atteggiamento e dell’applicazione tattica. – dice Barbabella – Poi, nel test successivo col Montaquila, la squadra ha compiuto un passo indietro che credo dipenda da un calo di concentrazione che non deve verificarsi più. I tanti fuoriquota di cui dispongo devono capire che indossano la maglia del Cassino, una casacca prestigiosa che merita un approccio il più professionale possibile. Non ammetto che si “dorma” in campo: i ragazzi prendessero esempio dal loro coetaneo Luca Carlino, aggregato in prima squadra dalla juniores e disposto a dare l’anima per questa maglia. E’ giunto il momento della scossa e di raccogliere i frutti del lavoro svolto

nell’ultimo mese. Questo concetto deve essere chiaro: o si è utili alla causa o si resta fuori.”. A cominciare dal derby del “Salveti” col Sant’Apollinare, un incontro da vincere ad ogni costo. “Serve un successo soprattutto per il morale e per

conferire entusiasmo ad un gruppo che ha bisogno di acquistare fiducia nelle proprie possibilità: le potenzialità sono elevate ma devono trovare espressione sul rettangolo verde, altrimenti ogni sforzo verrà vanificato”. Per la gara di dopodomani mancherà sicuramente Alberto Capocci che rientrerà dalle vacanze il giorno prima. Rientra Antonio Palombo mentre sarà a disposizione anche Danilo Macari che è in lizza con Daniele Pittiglio per un posto da titolare. Davanti dovrebbe essere confermato il tandem Carbone-Marsella anche se mister Barbabella scioglierà i nodi di formazione soltanto dopo la rifinitura in programma domattina.

VOLLEY SERIE A2

I ringraziamenti della società Argos Volley per la conquista dell’obiettivo della final four SORA - Usualmente quando si arriva alla fine del girone d'andata o anche al saluto dell'anno solare passato è tempo di bilanci, ma in casa Globo Banca Popolare del Frusinate Sora più che una cronistoria di quello che è stato si festeggia per quello che si è raggiunto. Ed è per questo che la società Argos Volley ci tiene a ringraziare tutti coloro i quali hanno permesso la conquista di importantissimi obiettivi prefissati a inizio stagione, primo fra tutti la final four di Coppa Italia. Non era semplice quest'anno entrare a farne parte innanzi tutto perché rispetto all'edizione scorsa i posti disponibili sono stati dimezzati passando dalla qualificazione di otto squadre a quattro ma soprattutto perché la serie

A2 ha un livello più alto dove nessun risultato, di nessuna gara può essere dato per scontato come ci ha dimostrato l'ultima giornata di campionato. Allora l'Argos Volley, con a capo il Presidente Enrico Vicini, ci tiene a ringraziare gli atleti della Globo Banca Popolare del Frusinate Sora per "tutte le soddisfazioni che ci hanno regalato"; lo staff tecnico per "aver saputo guidare, gestire, dirigere e accompagnare la Globo al raggiungimento di tutti i traguardi arrivati"; lo staff medico "per aver supportato e curato patologie, stati d'animo, infortuni, oltre a prevenire e mantenere in ottime condizioni fisiche i giocatori"; "ma soprattutto bisogna ringraziare immensamente tutti i collaboratori dell'Argos Volley che

sono il vero motore societario. Senza il loro contributo molte cose difficilmente potrebbero essere realizzate o per lo meno non si presenterebbero nel modo impeccabile in cui lo sono adesso". La bellissima vittoria sui lupi di Santa Croce è un risultato importantissimo per la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora perché, al di la di tutte le conseguenze che ha portato con i suoi 3 punti che sono andati a sommarsi alla classifica, imporsi su una delle compagini più forti del campionato è indice di molteplici fattori e serve soprattutto a fare tanto morale. Quel morale che nelle ultime tre giornate sembrava essersi perso un pochino ma che comunque ha sempre tenuto unito il gruppo anche nei mo-

Effetto Peterson Milano batte Caserta

Tra Mutu e Fiorentina una clamorosa rottura

La seconda era di Dan Peterson alla guida dell'Olimpia Milano inizia nel modo migliore: l'Armani Jeans vince e convince contro Caserta, e si guadagna gli applausi di un Forum che fa registrare una buona presenza di pubblico (5.750 persone). Tifosi che si godono una Milano inedita, capace di realizzare 98 punti e mandare sei uomini in doppia cifra (più Mancinelli a 9), giocando spesso in velocità.

Il giocatore ha lasciato l'allenamento della squadra alla vigilia della sfida con il Bologna. Durissimo comunicato della società: «È andato via senza giustificazione. Tale atto di insubordinazione e di mancato rispetto della maglia e della squadra, buon ultimo di una sequela di comportamenti analoghi, costringono la società a riservarsi ogni azione in ogni sede, federale e civile».

menti più difficili. "Credo nei miei ragazzi - ci dice il vice presidente Ubaldo Carnevale, e sono convinto che ci porteranno molto lontano perché sono in gamba, degli ottimi atleti, professionisti che fanno del volley la loro prima passione. Andare a giocarsi una final four di Coppa Italia mi riempie d'orgoglio e voglio per questo ringraziare tutti gli artefici di questo traguardo guadagnato sul campo e fuori da tutta la società Argos Volley senza nessuno escluso".

9 ANNO II - N° 4 VENERdì 7 gENNAIO 2011


ANNO ii - N° 4 - veNerdì 7 geNNAiO 2011 - distribuziONe grAtuitA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - Fax 0776.325688 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita giOrNALe sAtiriCO

L’OSCAR DEL GIORNO A CGIL, CISL E UIL

Contro il piano sanitario region a l e t a r g a t o R e n a t a Po l v e r i n i st an n o p o r ta n d o ava n t i u n a b a t t a g lia m o lto im p o r t a nt e, fi n a l i z zata n o n s o lo a l l ’ o rg a n i z z a z i o n e delle azioni di protesta (ultima in ordine di tempo quella svoltasi in occasione dell’inaugurazione del nuovo ospedale di Fro s in o n e), m a a nch e a l c o i nvo l gimento di Enti ed Istituzioni pe r f ar sen tir e l a l o ro vo c e e p e r mob ilitar e q u a n t a p i ù g e nt e p o s s i b i l e. I s i n d a c a t i p a r l a n o d i u n “Piano iniquo e deterrente”, contro il quale si stanno studia n o n u ove az i o n i d i l o t t a .

IL TAPIRO DEL GIORNO A MICHELE MARINI

Non solo disservizi e carenze più volte denunciati e mai risolti. Non solo una mancanza di progettazione che dovrebbe servire a rilanciare un Comune capoluogo. Ci mancava soltanto il grosso disinteresse nei confronti delle opere artistiche presenti in Città la cui tutela e la cui salvaguardia sono il primo segnale di civiltà. La denuncia che arriva dal professor Santulli sullo stato di degrado in cui versa il monumento di Mastroianni eretto sul finire degli anni ‘70 nel Piazzale della Pace, è sintomatico di quanto l’Amministrazione comunale di Frosinone con il sindaco Marini in testa, abbiano completamente dimenticato la Città, i suoi problemi, le sue necessità e le prospettive di rilancio.

PER LORO L’ARTE E’ FERRO ARRUGGINITO ATTUALITA’

CRONACA

POLITICA

Installazione colonnine “Speed check”, Fiamma tricolore vuole capire

Beta-Hch: animali contaminati nella Valle del Sacco

Tedeschi (Idv) esamina il 2010: “Bilancio politico simile ad una tragedia”

A PAG. 2

A PAG. 3

A PAG. 3

www.lagazzettacassino.it

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


frosinone Dura nota di Michele Santulli contro le condizioni del Piazzale della Pace

Opera di Mastroianni nel degrado Il professore: qui le opere d’arte sono considerate ferro arrugginito FROSINONE - Lo stato di degrado in cui versa il monumento ai Caduti del grande artista ciociaro Umberto Mastroianni è oggetto di una nota alla stampa del prof. Michele Santulli. "Nel 1977 - si legge nel documento - il monumento fu posto in quello che fu chiamato pomposamente Piazzale della Pace, vale a dire alla grande curva di Viale Mazzini, di fronte al nuovo garage pubblico multipiano, cioè nel luogo meno idoneo e meno accogliente della città. Un’opera d’arte della più grande importanza, del più grande significato, alla quale in una società civile avrebbero dedicato giustamente il luogo

espositivo migliore, vista anche la inimmaginabile capacità di attrazione di un tale monumento, qui invece nel nostro capoluogo è stato fatto vero e proprio segno di un bidone della spazzatura, conseguendo così un altro glorioso primato da aggiungere agli altri: qui a Frosinone le opere d’arte sono considerate ferro arrugginito. Non solo infognato in un posto indecente e indegno, non solo messo in compagnia di vetture in parcheggio in un garage all’aperto, non solo invisibile al passante in quanto il passante non esiste in quella zona, ma il colmo è che da anni è tenuto come la foto documenta, nelle condizioni che solo il nostro ca-

poluogo poteva realizzare e conseguire: una discarica pubblica per un’opera d’arte! Ma l’altro aspetto è che da un anno-due anni è stato ribattezzato: non si chiama più Piazzale della Libertà bensì Piazzale dei tre martiri toscani: infatti all’estremità del largario è stato realizzato, offerto da una banca locale, un piccolo memoriale in ricordo della vicenda di tre giovani fucilati dai nazisti a suo tempo. In aggiunta, fino a poco tempo fa, il Comune di Frosinone aveva un suo sito internet in cui alla voce: monumenti, si parlava e si faceva la storia del monumento di Mastroianni. Ora il sito è stato ammodernato quindi è cambiato e alla voce:

monumenti, si legge: tre martiri toscani, si va dentro e vi è tutta la storia del memoriale di cui sopra e dei tre ragazzi fucilati. Ma Mastroianni è scomparso. Nel sito ufficiale del Comune di Frosinone il monumento ai caduti di Umberto Mastroianni è stato elimninato, è stato cancellato!!! Il solito impappamento nostrano. Non si tratta di politica o di partiti ma, ripeto, di un pizzico di decoro e di rispetto dell’ambiente e anche dei cittadini, non dico dell’arte. Rattrista e spaventa che la cittadinanza non veda e non senta, vista tale abiezione perdurante. Bello e civile sarebbe se il cittadino di Frosinone in uno scatto virtuoso, ignorando se necessario

le autorità amministrative colpevoli di siffatta situazione di estremo e imperdonabile degrado, facesse uno sforzo di civiltà e autonomamente e coralmente ne ripristinasse la funzione e soprattutto lo trasferisse in un luogo degno, aperto alla ammirazione del pubblico e al richiamo del turista e non in un parcheggio pubblico a cielo aperto. In merito ci si chiede, a parte le altre domande naturalmente, che cosa ha fatto la Fondazione Mastroianni di Arpino, custode della memoria dell’artista, per impedire o lottare o rimediare a tale scempio, e, purtroppo aggiungo, ad altri scempi di opere di Mastroianni perpetrati in provincia".

“Speed-check”, la Fiamma Tricolore chiede lumi a Marini FROSINONE – Dal gruppo de la Fiamma Tricolore di Frosinone riceviamo e pubblichiamo. "Dobbiamo constatare l'abile mossa messa in scena dal Comune di Frosinone, dopo tanto parlare di semafori T-RED ( i fantomati semafori intelligenti ), cosa fanno, ti propinano le colonnine di nuova generazione denominate SPEED CHECK. Forse perchè illuminati dai troppi problemi che hanno causato in tutta Italia i TRED, hanno pensato bene di "riparare" con queste Colonnine spara contravvenzioni, perchè tanto cari Concittadini è solo questione di poco

2 ANNO II - N° 4 veNerdì 7 geNNAIO 2011

tempo". Così aprono il loro intervento Sergio Arduini e Michele Iannarilli, rispettivamente segretario provinciale e vice segretario provinciale della Fiamma Tricolore - Destra Sociale. "Non siamo contrari a tali forme di controllo stradale, visto il livello di Piloti esistente in questa Città, ma sarebbe comunque il caso di rivedere alcuni limiti di velocità. Ma il nostro intervento - continuano - è fondamentalmente rivolto esclusivamente ad una problematica poco chiara , vorremmo che l'amministrazione dia subito delle risposte molto chiare in

merito. Apprendiamo che dopo un periodo di "sperimentazione" il Comune dovrà decidere se acquistare queste colonnine spara-contravvenzioni. Ci domandiamo, sarà un acquisto " integrale " da parte dell'amministrazione e tutti i proventi andranno a riempinguare le piangenti casse Comunali oppure spartiti "fifty - fifty" con qualche Società appaltante, com'era nelle intenzioni con i T-RED ? Visto che tali domande su questa problematica continuiamo a porle solo NOI in Città e non l'opposizione Comunale, è troppo chiedere com’è la reale situazione dei fatti?”

Stabilizzazione Lsu, avviato l’iter

Alatri, il presepe che ha stupito tutti

SORA - In questi giorni l’Amministrazione Comunale è impegnata a concludere il faticoso iter amministrativo iniziato il 29 dicembre per la stabilizzazione degli Lsu in servizio presso l’Ente. Dei 62 aventi diritto 13 lavoratori, soprattutto quelli prossimi al pensionamento, hanno preferito approfittare dell’incentivo dei 35.000 euro chiedendo la fuoriuscita dal bacino degli Lsu.

ALATRI - Concluse le due edizioni del Presepe Vivente al Rione Piagge, il sei invece si avrà la seconda data del Presepe nella zona di Carano. Ma intanto per ordine cronologico riguardo quello effettuato nello storico rione arriva il plauso dell’assessore al centro storico e turismo Sandro Vinci per conto dell’intera Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Costantino Magliocca.


frosinone Cgil, Cisl e Uil stanno studiano un’altra protesta contro il progetto di riordino regionale

Piano sanitario, nuova mobilitazione FROSINONE - Non demordono i Segretari Generali di CGIL – CISL e UIL di Frosinone che preparano un’altra eclatante manifestazione per dissentire dal Piano di Riordino della Rete Ospedaliera decretato dal Commissario AD ACTA Alias Renata Polverini. " Nei giorni scorsi - esordiscono De Santis, Maceroni e Stamegna - abbiamo chiesto un incontro al Presidente Iannarilli ed al Sindaco Marini, in qualità di Presidente della Consulta dei Sindaci, che tra l’altro ci hanno già dato disponibilità, per condividere con loro questa battaglia di civiltà. Stiamo calendarizzando, inoltre, assemblee nei luoghi di lavoro, volantinaggi, comunicati stampa, trasmissioni televisive, per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa macelleria sociale che la Polverini vuole attuare a Frosinone. Dal 1 gennaio, la chiusura dei primi soccorsi di Ferentino e Ceprano, hanno dimostrato, nei fatti, che quello che dicevamo da tempo era esatto, ovvero, che si stanno congestionando gli Ospedali di Frosinone e Cassino. Altresì, i pronti soccorsi non riescono a smaltire, anche a causa della carenza di personale, le emergenze, abbassando notevolmente la qualità dell’assistenza. Questo è solo l’inizio della devastazione che il

Piano porterà alla Provincia di Frosinone, un piano iniquo e deterrente, continuano i Sindacati, che oltre a ridurre i posti letto, sta

spaccando il tessuto sociale dando assistenza e possibilità di cura solo ai ricchi, per questo vogliamo ribadire la nostra contrarietà a queste pratiche. Pratiche da Robin Hood al contrario, che invece di Sherwood e Nottinghamshire hanno come triste ambienta-

zione le Provincie della Regione Lazio. Mai ci fermeremo dinnanzi a queste sopraffazioni, non ci fermeranno i profeti di sventura, perché se i nostri rappresentanti, eletti nella Provincia di Frosinone, hanno già deposto ed abbassato la guardia, noi no perché siamo abituati a lottare per ottenere ciò che riteniamo giusto per i più deboli. Per questo, nelle prossime settimane, organizzeremo una manifestazione di protesta sotto la Regione Lazio per urlare tutto il nostro sdegno. Siamo delle forze sociali responsabili e se diciamo no, a questo Piano di riordino, è perché ne siamo davvero convinti. Attendiamo ora altri segnali di compartecipazione dalle altre istituzioni, dal mondo del volontariato, dal terzo settore, dalle persone di buona volontà che si adoperano per il bene Comune, dai comitati che spontaneamente stanno nascendo, per creare una grande alleanza territoriale e fare fronte comune. Mai nella storia della nostra Regione è accaduto che non costituisse un tavolo di confronto e di concertazione su un tema così delicato come la Sanità, consapevoli anche dell’esistenza dell’enorme debito, mai con così tanta ostinazione la Regione si era rifiutata di incontrare le forze sociali".

Tedeschi (Idv): devastante Valle del Sacco: animali il bilancio politico del 2010 contaminati da Beta-Hch FROSINONE - "Il bilancio politico del 2010 per la nostra Provincia non può che essere devastante: a seguito della vittoria del centro-destra alle Regionali, il nostro territorio ha visto compiersi lo scempio del sistema sanitario. Unica nota positiva per la salute dei frusinati l'apertura del nuovo ospedale di Frosinone realizzato, è bene precisarlo, dal centro-sinistra". Lo dichiara in una nota il Consigliere Regionale dell'Italia dei Valori, Anna Maria Tedeschi. "Per quello che riguarda il versante ambientale - prosegue Tedeschi -, il 2010 si è concluso con la bella notizia della denuncia a mio carico del Presidente della SAF di Colfelice, Fardelli, segno evidente che la mia attività di contrasto nei confronti di una ge-

stione scellerata dell'impianto è stata forte ed incisiva, così come la mia presa di posizione verso l'ipotesi di scaricare i rifiuti campani nella discarica di Roccasecca (Cerreto) già sequestrata per due mesi nel corso del 2010. La situazione occupazionale è e resta l'incubo di tutti: cassa integrazione e mobilità sono ammortizzatori sociali necessari e doverosi, ma non sono la soluzione. Il rilancio economico in tutti gli ambiti, non solo industriale, deve essere l'obiettivo vero dell'azione politica, solo progettando e realizzando interventi innovativi nel campo dell'energia, dell'economia verde, del turismo integrato, della cultura, sarà possibile dare nuova linfa ad un tessuto economico in declino”.

CECCANO - Nell’ambito dei controlli disposti dal Comandante Provinciale dei Carabinieri, Col. MENGA, il Comando Stazione Carabinieri di Ceccano, in collaborazione col personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Frosinone, effettuavano, accertamenti, nei confronti di allevamenti di bestiame, siti nelle aree adiacenti il fiume Sacco, aree queste, come noto, già interdette al pascolo. In particolare si procedeva, a campione, ad accertamenti sanitari su ovini e caprini presso l’Azienda Agricola ubicata in Ceccano via Anime Sante, di proprietà di C.F. di anni 55, residente ad Alatri. I risultati delle analisi, eseguite dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle regioni Lazio e Toscana, hanno stabilito su un capo, la contaminazione BETA-HCH con valore superiore a quello stabilito. A seguito dell’accertata contaminazione, nella mattinata odierna, i militari operanti, unitamente al suddetto personale sanitario, procedevano al sequestro di nr. 130 capre e di oltre 300 ovini. Gli animali sono stati affidati al titolare dell’Azienda Agricola e potranno essere macellati e/o venduti solo dopo essere stati sottoposti ai dovuti controlli sanitari. In caso di contagi, da residui di detta sostanza, e in concentrazioni superiori ai limiti di legge, ne verrà impedita la commercializzazione con conseguentemente abbattimento.

Lavori sulla condotta in contrada Amici

Chiusura ospedale, Scalia replica al Pdl

VEROLI - Sono iniziati i lavori di sostituzione della vecchia condotta idrica in Contrada Amici a Veroli. E’ quanto comunica la società Acea Ato5 Spa che precisa inoltre che l’intervento riguarderà circa 1 km di tubazioni in polietilene ad alta densità (sostituendo quelle precedenti in acciaio).

FERENTINO - "È singolare che il gruppo consiliare del PDL del Comune di Ferentino accusi me e Marrazzo di aver chiuso l'ospedale della città". Secco il commento del consigliere regionale del PD Francesco Scalia rispetto alla polemica sollevata dagli esponenti del gruppo PDL al Consiglio Comunale di Ferentino sulla chiusura del locale presidio ospedaliero.

3 ANNO ii - N° 4 veNerdì 7 geNNAiO 2011


Meteo

ORARI

SORA

MESSE ABBAZIA DI MONTECASSINO

TRENI

MATTINO

CASSINO ROMA

POMERIGGIO SERA NOTTE

FROSINONE

CASSINO

MATTINO

MATTINO

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

La ricetta INSALATA CON FINOCCHI E ARANCE Mettete l'uvetta in ammollo in una ciotolina con acqua tiepida per circa 10 minuti. Mondate i finocchi, eliminando la parte del gambo e la prima foglia più legnosa; affettateli molto sottilmente con l'aiuto di una mandolina e trasferiteli in una grande ciotola. Spremete una delle due arance e tenete da parte il succo. Pulite l'altra a vivo:tagliate le due estremità e incidete la buccia in modo da eliminare sia questa che la parte bianca, affettate il più sottile possibile anche questa e unitela ai finocchi; strizzate l'uvetta e unitela nella ciotola e unite anche i semi di zucca, mescolate il tutto.In una padellina antiaderente fate tostare senza aggiunta di altri grassi i pinoli e poi fateli intiepidire; Preparate il condimento riunendo in una brocca dai bordi alti, 5-6 gr di sale fino, il succo dell'arancia che avete tenuto da parte, 5 cucchiai di olio extravergine e l'aceto di mele; frullate il tutto con il mixer ad immersione fino ad ottenere un'emulsione cremosa quasi quanto una maionese; versatela sulla vostra insalata e mescolate il tutto.

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

Numeri utili EMERGENZA 112 113 115 118 1515 800116

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE SANITA’

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA

0776 39291 0776 311123 0776 21058 0776 3941 0776 301222 0776 24422

NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091 0776 3081 888088

9.00 10.30 12.00

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE

8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE

7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE

9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE

7.30 11.00 19.00

SAN BARTOLOMEO

APPUNTAMENTI

ATINA

DAL 7 AL 9 GENNAIO

ATINA JAZZ WINTER 2011

CASSINO

ORE

La seconda edizione dell’AtinaJazz Winter presenterà grosse novità sia per la ricca programmazione artistica sia per la dislocazione logistica sul territorio, con un occhio particolarmente attento anche gli aspetti di promozione turistica del territorio. La sera gustosa appendice a Sora dove prenderà via un nuovo format ideato da AtinaJazz con ChefForJazz incontro di musica e cucina, dove il jazz si fonderà con la cucina così come un buon vino, secondo i gusti dell’artista di turno. Il primo appuntamento vedrà Rita Marcotulli cimentarsi in questa nuova iniziativa. Tornando alla programmazione della sessione più tradizionale, grazie anche alla collaborazione con Claudia Fayenz, vedrà l’allestimento di un cartellone multimediale che, ai classici concerti, affianca la presentazione di libri, iniziative editoriali, incontri con artisti e giornalisti di settore, proiezione di documentari… un insieme di eventi spalmati nell’arco delle 3 giornate Atinati e tra le diverse location prescelte, in modo da formare un vero e proprio “itinerario musicale” che guidi gli spettatori anche alla scoperta del nostro territorio. Uno degli obiettivi di detta programmazione è, infatti, proprio quello di sfruttare al meglio le potenzialità sul piano turistico che può esprimere una manifestazione come Atina Jazz, offrendo agli spettatori un programma pieno e incalzante per una 3 giorni intensa di appuntamenti musicali e non di grande livello, che andranno ad incastonarsi con visite guidate del territorio e degustazioni dei prodotti tipici nei ristoranti convenzionati con il festival. Andiamo infatti dal concerto d’apertura con e le giovani formazioni che hanno vinto il Demo Jazz Award realizzato da Atina Jazz in collaborazione con Radio 1 Rai, all’incontro con Adriano Mazzoletti (uno dei più grandi giornalisti e critici musicali italiani), al concerto Gospel presso al Cattedrale di S. Maria Assunta di Atina, la proiezione del documentario realizzato da Renzo Arbore su Nick La Rocca, figura storica del jazz di chiare origini italiane, per poi arricchirsi di una esclusiva anteprima con il concerto di Luca Aquino, uno dei più promettenti trombettisti del panorama europeo, che suonerà con i Lokomotive trio, apprezzata formazione locale, per concludersi con il concerto di Danilo Rea con il suo ultimo progetto su Fabrizio De Andrè, che sta scalando le classifiche di vendita.

STASERA IN TV

Rete Quattro, ore 23.30

LA VEDOVA NERA

ORE

8.30 11.00 18.00

SAN BASILIO (CAIRA)

ORE

10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.) ORE

8.30 11.00 CASSINO

FARMACIE LUNEDI’ 03 GENNAIO

RICCIUTI

MARTEDI’ 04 GENNAIO

EUROPA

MERCOLEDI’ 05 GENNAIO

COSTA

GIOVEDI’’ 06 GENNAIO

PRIGIOTTI

VENERDI’ 07 GENNAIO

S.BENEDETTO

SABATO 08 GENNAIO

S.ANNA

DOMENICA 09 GENNAIO

EUROPA

(giallo - 1987)

Una donna investiga su un'altra donna sospettata di essere una pluriuxoricida che sposa uomini ricchi e poi li avvelena, ereditandone le sostanze. Ma le due donne si assomigliano più di quel che sembra. Battaglia di dame in una tela di ragno. Rafelson mescola l'indagine poliziesca con l'inchiesta sulle motivazioni profonde delle due donne in lizza e sa trarre partito dai paesaggi di Seattle, New York, Hawaii. Apparizione del commediografo David Mamet a un tavolo di poker. Regia di Bob Rafelson. Con Barbara Frey, Debra Winger, Theresa Russell, Diane Ladd.

ANNO 1I - N° 4 - VENERDì 7 gENNAIO 2011


SPORT CALCIO SERIE B

Mister Carboni carica la squadra: “Il gruppo è finalmente pronto a voltar pagina

Frosinone, fari sul Livorno Il 18 gennaio Arrigo Sacchi farà visita al settore giovanile dei canarini FROSINONE - Si torna a fare sul serio: alla vigilia della sfida interna col Livorno i canarini si sono recati nella consueta sede del ritiro pre gara. Il Frosinone ha l’obbligo di tornare a fare punti dopo le batoste di fine 2010 che hanno evidenziato la necessità di tornare sul mercato e rinforzare un organico che finora non si è dimostrato all’altezza di puntare ad una salvezza tranquilla. Nell’ultima seduta Sicignano e compagni hanno svolto, dopo un leggero lavoro atletico, un intenso allenamento incentrato sul lavoro tattico e su partitelle a tre quarti campo. Tutti presenti i canarini a disposizione, eccezione fatta per Simone Grippo

che, smaltita l’influenza, si è limitato ad un leggero lavoro in palestra. Cariello ha continuato nel suo programma di lavoro differenziato che non desta comunque particolari preoccupazioni, mentre Sansone ha svolto la prima parte dell’allenamento in gruppo

evitando solamente la partitella finale a metà campo. Intanto mister Guido Carboni, alla vigilia di un impegno così importante come quello contro i labronici, carica la squadra canarina. «E' giunto il momento di voltare pagina. Siamo troppo indietro in classifica, ora dobbiamo assolutamente ripartire. Abbiamo lavorato bene sia a Montesilvano che qui a Frosinone. Abbiamo effettuato tante sedute di allenamento e i giocatori li ho visti concentrati. La squadra ha capito il momento che abbiamo attraversato e vuole rialzarsi. Bisogna ritrovare lo spirito giusto, quello che ci è mancato fino adesso. Il prossimo 18 gennaio Ar-

rigo Sacchi farà visita al Frosinone Calcio per incontrare gli allenatori del Settore Giovanile. Arrigo Sacchi, da qualche mese responsabile delle nazionali giovanili azzurre per conto della Federcalcio, prosegue il suo giro d’orizzonte tra le società di A e B

per sondare gli aspetti organizzativi, i metodi di allenamento e le opportunità di inserimento offerte ai giovani calciatori. L’incontro che segue quelli che l’ex tecnico di Milan e Nazionale ha già avuto con i vari Settori Giovanili di Milan, Inter e Juventus, sarà l’occasione per valutare metodi e visioni di un calcio che deve costruire il futuro puntando sempre di più allo sviluppo e alla crescita di giovani calciatori. L’appuntamento è fissato per le 10.00 del mattino di Martedì 18 gennaio, a seguire Arrigo Sacchi e i responsabili del Settore Giovanile del Frosinone Calcio risponderanno alle domande dei cronisti.

PALLAVOLO FEMMINILE

Ihf Volley Frosinone: Spataro e Monacelli raccontano i segreti di un gruppo vincente FROSINONE - Nel volley, come nella maggior parte degli sport di squadra “sono tutti indispensabili”, ma questo la IHF Volley lo sa bene, ed è il concetto che fa della squadra di Patron Iacobucci un gruppo sempre più coeso. Questa settimana la nostra attenzione è rivolta a due giocatrici che hanno una forte intesa in campo e molto coese tra loro: il centrale Virginia Spataro classe 1983 per 188cm di altezza e l’alzatrice Chiara Monacelli, classe 1982 per 171 cm di altezza. ALLORA RAGAZZE, CHE COS’E’ PER VOI LA PALLAVOLO? Virginia: Prima di tutto per me è una passione che mi consente di costruire solide basi per il futuro, anche se per seguire questa mia forte passione mi sono trovata spesso, come adesso, a molti chilometri da casa e dalla mia famiglia. Chiara: Per me è

solo passione, una grande passione che riempie la mia vita di gioie. QUAL’E’ IL SEGRETO PER ARRIVARE DOVE SIETE ARRIVATE VOI? Virginia: Tanta dedizione e sacrificio, sacrifico che mi ha portato a rinunciare sempre a qualcosa, come a tanti sabati in compagnia delle mie amiche o a numerose gite scolastiche. Ma non importa perché io faccio questo lavoro con il cuore e non è mai stato un peso. Chiara: Lavorando duramente, tante ore di lavoro in palestra hanno contribuito alla mia formazione da atleta, ma anche la fortuna nel conoscere le persone giuste come l’allenatore e le compagne che mi permettono di lavorare bene. COME MAI C’E’ QUESTA FORTE INTESA TRA DI VOI? Virginia: Elogio Chiara. E’ una persona disponibile, basta poco e ci

capiamo al volo. E’ una giocatrice in gamba ed in grado di mettere le compagne nelle condizioni di fare bene. Chiara: Non lo so, forse è il caso. Ma Virginia è una giocatrice forte e quindi è molto più facile adattare le mie caratteristiche ad un’atleta come lei, in grado di fare bene e di collaborare non solo con me ma con tutta la squadra. COSA CI DITE DI QUEST’INIZIO CAMPIONATO DI B1? Virginia: Sono davvero contenta del risultato, contare 9 vittorie su 10 partite è davvero una sorpresa e spero che tutta la squadra possa continuare così, dando il massimo anche per questo 2011. Chiara: Un inizio davvero positivo che spero continui anche per questo nuovo anno, senza star a pensare a ciò che fanno le altre squadre del nostro girone l’impor-

Atalanta-Gonzalez dopo l’Epifania

Reggina, in difesa si pensa a Siviglia

l'entourage atalantino è pronto ad intavolare la propria proposta economica del contratto all'agente del giocatore Jorge Cyterszpiler, in arrivo nei prossimi giorni in Italia. Per tutti gli addetti ai lavori, l'acquisto dell'attaccante rappresenterebbe un primo investimento in vista della Serie A. L'affare dai 5 ai 6 milioni di euro, il club bergamasco è intenzionato a chiudere la trattativa subito alla cifra più bassa.

Svincolato dopo la naturale conclusione del contratto a fine giugno scorso con la Lazio, l'esperto difensore centrale Sebastiano Siviglia, classe 1973, secondo quanto riferisce il portale reggiotv.it, la dirigenza amaranto starebbe pensando a lui per dare maggior solidità ed esperienza al giovane reparto arretrato attualmente a disposizione del tecnico Atzori.

tante è che si riesca a far bene e a dare il meglio. COME VI TROVATE IN IHF VOLLEY? Virginia: Bene, molto bene. La IHF Volley è una società giovane, nata da poco ma ben organizzata e non fa mancare nulla alle sue atlete. Tutte noi siamo supportate quotidianamente e anche un po’“coccolate” nei giusti termini. Chiara: Anche io mi trovo davvero bene. Siamo un gruppo vario, formato da caratteri forti. Il fatto che siamo ragazze provenienti da paesi diversi con differenti curriculum agonistici poteva essere un problema, ma non lo è stato. Siamo entrate subito in sintonia e ci siamo amalgamate molto presto sia in campo che fuori.

5 ANNO II - N° 4 VENERdì 7 gENNAIO 2011



lagazzettacassino070111a