Page 1

Due progetti per le case popolari

Tre frane minacciano la sicurezza dei cittadini

CASSINO - Il Psi e Cambiare Cassino hanno presentato in un convegno due progetti per ridurre l’emergenza abitativa delle famiglie bisognose. Inoltre hanno sollecitato il Comune a indicare nuove aree per costruire gli edifici con pagamenti agevolati per i richiedenti che hanno un reddito basso. PAG.6

PONTECORVO - Il consigliere comunale di minoranza al Comune di Pontecorvo, Patrizia Danella, ha chiesto all’amministrazione di intervenire urgentemente per risolvere il problema frane: sono in tutto tre e rappresentano ad oggi un minaccia per la sicurezza dei cittadini. Dell’emergenza è stata informata anche la protezione civile provinciale e regionale. PAG.8

ANNO I - N° 82 dOmENICA 06 GIUGNO 2010 dISTRIbUzIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

IL GRANDE BLUFF

www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO AI FERRARISTI EVASORI A quei due imprenditori arrestati per frode fiscale da 25 milioni di euro ma ufficialmente nullatenenti. Andavano in giro, però, a bordo di potenti e costosissime Ferrari nonchè possessori di ville ed altri beni immobili. Titolari, però, di nulla perchè intestato a teste di legno. La Guardia di Finanza li ha scoperti mettendo a nudo le proprietà e le lussuose vetture e il grande giro di affari ma senza pagare le tasse dovute. Il tutto alla faccia di chi le paga e lavora ma senza guadagnare quella montagna di soldi, forse anche in maniera illecita visto che le fiamme gialle li hanno arrestati insieme ad altri complici. Una bella cricca come ce ne sono ormai tantissime in Italia.

L’OSCAR DEL GIORNO AGLI AMBIENTALISTI L’oscar del giorno va alle associazioni ambientaliste Fare VerdeeSinistraecologicaelibertà di Pontecorvo che ieri hannodatounsensoconcreto alla giornata mondiale dell’ambiente attuando un tour tra le perle e non del territorio comunale. In particolare, in compagnia del consigliere comunale delegato all’ambiente Falasca,hanno fatto un sopralluogo tra le strutture “dimenticate” , tra queste la Canonica, un’antica chiesa oggi ridotta a discarica o rifugio per coppiette, e l'incompiuto Cinema-Teatro, il quale presenta un vero e proprio lago d'acqua nascosto alla base della sua struttura. Speriamo i nuovi amministratori come promesso mettano mano a tali costruzioni per il bene della comunità.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione Criminalità, Pedica (Idv): “Commissione antimafia apra indagine nel Lazio” ROMA - «Ascoltando durante il convegno sulla criminalità nel Lazio, organizzato a Gaeta ieri dall'associazione Caponnetto, i magistrati, il sindacato della polizia e le associazioni antimafia del sud pontino, Caponnetto e Libera, si evince che i politici locali vogliono mantenere la situazione cosi come è». Lo afferma, in una nota, il senatore Idv Stefano Pedica. «Dal caso Fondi in poi la sfida lanciata da alcuni rappresentanti delle istituzioni nazionali e locali alle forze dell'ordine e alla Prefettura non è più tollerabile, considerando che il Governo Berlusconi ha varato provvedimenti come lo scudo fiscale, tagli alle forze dell'ordine, ddl anti pentiti, per fortuna ancora in commissione, legge sulle intercettazioni, legittimo impedimento, viene meno l'applica-

zione della legge La T o r r e quando lo Stato era in prima linea per combattere la criminalità organizzata - continua Con questi provvedimenti fa pensare che si sta ribaltando q u e l l a l e g g e . Ascoltare che un presidente della Provincia avrebbe lanciato la sfida addirittura denunciando un Prefetto di eccessivo accanimento verso luoghi malavitosi, fa

pensare e riflettere. Oltre a Fondi la criminalità e gli intrecci tra mafia camorra e 'ndrangheta ha p r e s o piede stabile ad Aprilia, Cisterna di Latina, S p e r l o n g a , Fo r m i a , dove la sicurezza della malavita induce le forze dell'ordine ad un grido di allarme per scongiurare il controllo assoluto dei casalesi e altre famiglie mala-

“Oltre a Fondi la criminalità e gli intrecci tra mafia camorra e 'ndrangheta ha preso piede stabile ad Aprilia, Cisterna di Latina, Sperlonga, Formia”

Memorial Francesco Alviti al liceo di Ceccano CECCANO - Bach e Goldoni, la musica e le smanie della villeggiatura, la forza dell'orchestra di fiati e la delicatezza dell'arpa, l'insieme entusiasmante del coro: questi alcuni dei molteplici motivi del II Memorial Francesco Alviti che il Liceo di Ceccano ha voluto dedicare al giovane musicista, ex alunno, scomparso un anno fa,dopo una drammatica lotta contro il male. Il memorial si svolgerà al Liceo, nel piazzale, lunedì 7 giugno dalle ore 18 alle 20, con i gruppi rock della scuola e al teatro Antares, martedì 8 maggio, in due momenti: il primo avrà come protagonista la musica e vedrà sulla scena oltre 100 allievi, segno concreto dell'attenzione che il Liceo fabraterno ha sempre dato alla musica e ai talenti musicali degli studenti. Il secondo momento, alle 21, sarà invece dedicato al teatro e sarà, questo, dedicato al prof. Domenico Cipriani, Memmino, scomparso improvvisamente il 26 aprile scorso. Ci sarà la messa in scena di Le smanie per la villeggiatura di Carlo Goldoni, con attori, ballerini ed orchestrali. La regia è di Marco Angelilli con le scene di Domenico Cipriani, già preparate prima della sua morte. La rappresentazione dell'opera goldoniana costituirà anche il I Memorial dedicato a Memmino Cipriani. L'iniziativa ha il patrocinio dell'Amministrazione Provinciale di Frosinone, del Comune di Ceccano e di numerosi privati che hanno contribuito alla raccolta di fondi. In scena martedì ci saranno oltre 200 allievi del Liceo, impegnati nella parte musicale e in quella teatrale. I due memorial aprono una intensa settimana di attività per il Liceo di Ceccano che si concluderà poi domenica 13 con il Corteo Storico.

2 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010

Giovani, forum tra Italia e Russia ROMA- Il rapporto tra i giovani e il mondo del lavoro, quello del volontariato, dell'impresa e dell'immigrazione: sono stati questi i temi al centro dell'incontro tra il Forum Nazionale dei Giovani e il rispettivo organo russo, il National Youth Council of Russia, che ha concluso stamane la sua visita ufficiale a Roma.

vitose. Invito dunque la commissione antimafia ad aprire una indagine conoscitiva seria ed approfondita sul fenomeno

della mafia e criminalità nel Lazio, dove esponenti politici la rappresentano nelle istituzioni».

Reduci americani sui luoghi di guerra a San Vittore del Lazio SAN VITTORE DEL LAZIO - In questa settimana sono stati ospiti del cassinate, del venafrano e dell’alto casertano 75 reduci della First Special Service Force che hanno combattuto nel 1943-44 lungo la linea Winter Line, sulle pendici di Monte Sammucro, Monte Aquilone, Monte Maio, Monte La Defensa. L’iniziativa, organizzata dall’Associazione Winterline Venafro, ha una rilevanza straordinaria in considerazione dei forti legami che i canadesi hanno con la nostra terra, dovuti anche alla presenza di un grande numero di emigrati ciociari nel Nord America. EVENTI PROGRAMMATI A SAN VITTORE DEL LAZIO in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, a cura dell’Associazione Winter Line Venafro Presidente Dott. Luciano Bucci, coordinatore dell’evento e visita nei luoghi delle battaglie Prof. Gianni Blasi. A conclusione delle visite che in questi giorni sono state effettuate presso le località dellebattaglie ed i cimiteri di guerra, i reduci ed i loro familiari saranno ospiti del Comune di San Vittore del Lazio dove si terrà una significativa cerimonia con l’inaugurazione di una lapide commemorativa sul pianoro della forcella di Monte Sammucro. SABATO 5 GIUGNO

2010 - MONTE SAMMUCRO ore 10,30: inaugurazione dellatarga commemorativa degli eventi bellici del 25 dicembre 1943 dedicata alla FirstSpecial Service Force. In quella data durante l’attacco a quota 720 sono morti 62 soldati canadesi.Alla cerimonia parteciperanno 75 reduci veterani e loro familiari, autorità militari canadesi,gli organ i z z a t o r i dell’Associazione Winterline di Venafro, il Vice Sindaco del Comune di San Vittore del Lazio. Subito dopo, alle ore 11,30 circa gli ospiti scenderanno nel centro storico dove i veterani saranno ricevuti presso la Sede Municipale di via Santa Croce dal Vice Sindaco Prof. Vittorio Casoni, nell’occasione delegato espressamente dal Sindaco Francesco Paolo Pirollo, perché a sua volta nella stessa mattinata è impegnato in rappresentanza istituzionale a Frosinone.Parteciperà alla cerimonia di saluto il Cavaliere Ufficiale Vittore Spennato, reduce deicampi di concentramento tedeschi e autore del Martirologio delle vittime delle guerre del XX secolo di San Vittore del Lazio. La visita dei reduci canadesi si concluderà domenica 6 giugno con lascalata di Monte La Defensa per riportare i veterani dopo 66 anni sul luogo del loro battesimo del fuoco avvenuto il 3 dicembre 1943.

Call center per immmigrati romeni ROMA -Creare un ufficio, una sorta di call center, che diventi punto di riferimento per le diverse comunità di immigrati romeni che vivono a Roma. Ma anche destinare un luogo fisico ai romeni di religione ortodossa per il loro culto. Sono questi gli impegni assunti dal sindaco di Roma, Gianni Alemanno, con il sindaco di Bucarest Sorin Oprescu oggi a Bucarest


regione Playtex, rischio mobilità per 120 lavoratori Sollecitato un tavolo tecnico tra sindacati e azienda POMEZIA- “La questione della Playtex di Pomezia non può più attendere. Se la Regione e gli altri enti locali hanno intenzione di intervenire concretamente per difendere lo stabilimento ed i lavoratori che da mesi protestano per difendere il proprio posto di lavoro, è giunto il momento di dimostrarlo con i fatti”. Lo dichiara, in una nota, Fabio Desideri, del coordinamento regionale del Pdl, già consigliere regionale. “Ai dipendenti è stato

comunicato telefonicamente l'avvio della procedura di mobilità -prosegue Desideri- che porterà alla chiusura del sito ed al licenziamento di oltre 120 persone. Questo perchè la proprietà ha ritenuto più vantaggioso trasferire l'attività nei pressi di Bergamo, nonostante un dossier realizzato dalle rappresentanze sindacali dimostri come, numeri alla mano, lo stabilimento di Pomezia offra maggiori garanzie”.“Considerati gli interventi

che la Regione Lazio sta attuando per porre rimedio a situazioni di crisi analoghe ed essendo certo che nel nostro territorio non esistano lavoratori di serie A e lavoratori di serie B, rinnovo ancora una volta l'invito alla presidente Polverini ed all'assessore al Lavoro Mariella Zezza ad istituire immediatamente un tavolo di confronto con i vertici dell'azienda ed i sindacati per scongiurare la chiusura dello stabilimento che non può e

non deve essere abbandonato al suo destino nell'indifferenza dell'istituzione regionale”. “Così come auspico -conclude Desideri- che anche la premiata ditta "Pi.Pa", costituita dai coordina-

tori regionali del Pdl, Piso e Pallone, sempre pronta a riunirsi quando si tratta di decidere incarichi e poltrone, si interessi alla vicenda della Playtex mobilitando il partito”.

A Romala settimana La Polverini “Per Umbria e Festival Spoleto” da oggi in Israele ROMA - Il presidente della Regione Lazio Renata Polverini domenica 6 e lunedì 7 giugno accompagnerà a Gerusalemme i ragazzi vincitori del concorso promosso dalla Regione Lazio «Il percorso dei Giusti - La memoria del bene patrimonio dell'Umanità». Il premio quinquennale, giunto all'ultima edizione, quest' anno ha coinvolto gli studenti degli ultimi due anni degli istituti superiori della provincia di Latina. La giuria ha premiato il cortometraggio 'Panni sporchì, realizzato dai ragazzi dall'Istituto Nautica e commerciale 'Giovani Cabotò di Gaeta, e la ricerca multimediale 'Darchei Shalom', pre-

ROMA - Una intera settimana, dal 9 al 16 giugno, sarà dedicata all'Umbria e al Festival dei Due Mondi di Spoleto dall«'Associazione Via Condotti» di Roma, con un programma che prevede incontri, «desks» per la distribuzione di materiale promozionale e «workshops» con gli operatori turistici. L'iniziativa sarà presentata mercoledì 9 giugno a Roma in una conferenza-stampa a Palazzo Caffarelli (Via Condotti 61/a, con inizio alle ore 20) da Gianni Battistoni, presidente dell'Associazione «Via Condotti», Fabrizio Bracco, assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Umbria, Stefano Cimicchi, amministratore unico dell'Agenzia Regionale di Promozione Turistica, Giorgio Mencaroni, presidente della Camera di Commercio di Perugia, Giorgio Ferrara, Soprintendente e Direttore Artistico della Fondazione Festival dei Due Mondi e Dniele Benedetti, sindaco di Spoleto. La conferenza-stampa sarà preceduta (alle ore 19) da un concerto del Quartetto d'Archi de «I Solisti di Perugia» nella Chiesa della Santissima Trinità degli Spagnoli (Via Condotti 41).

sentata dall'Isiss 'Pacifici e De Magistris' di Sezze. Il programma - spiega una nota della Regione - prevede domenica 6 giugno una visita alla Arrow Ecology di Tel Aviv, azienda per il trattamento dei rifiuti solidi urbani. Alle 21.30 a Gerusalemme, presso l'Hotel Dan Panorama, si svolgerà invece la cerimonia della premiazione. Lunedì 7 giugno, in mattinata, è prevista la visita allo Yad Vashem, il museo della Shoah. Il progetto ha ottenuto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e ha inoltre il Patrocinio dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane e della Comunità Ebraica di Rom

SANITA’: “Debito con l’ospedale Gemelli colpa della giunta precedente” ROMA - La responsabilità del debito che la Regione ha con il Policlinico Gemelli non è del centrodestra ma diversamente da come la racconta Montino la colpa è della sua giunta«. Lo dichiara Donato Robilotta del coordinamento del pdl del Lazio. Secondo l'ex consigliere regionale »mentre la vecchia giunta di centro-destra riconosceva sì i maggiori oneri del personale derivanti dall'applicazione della normativa contrattuale nazionale ma solo se finanziati con risorse dello Stato. La Giunta Marrazzo

Alemanno inaugura la Madonnina ROMA - «Il 24 giugno ci sarà l'inaugurazione della Madonnina di Monte Mario restaurata. All'inaugurazione parteciperà anche il Papa». Lo ha annunciato il sindaco Gianni Alemanno a margine della visita a Bucarest. «Si tratta di una cerimonia molto importante per la città di Roma, per il valore affettivo di questa Madonnina», ha aggiunto Alemanno che ha anche ricordato che «l'Acer ha finanziato e curato il restauro insieme alla nostra Sovrintendenza».

con una delibera dell'1 Agosto 2007 quantificava in 259 mln il debito e nell'Aprile del 2008 siglava un accordo con il Gemelli in cui, 'secondo il lodo arbitralè, si parifica il Policlinico a quelli statali con conseguente impegno della Regione a ripianare il debito al di là dei finanziamenti statali sui maggiori oneri contrattuali«. E ancora, Robilotta sottolinea che »mentre i giudici del lodo sostengono che a fronte di un debito complessivo di 271 mln la Regione ha già versato un acconto di 47 mln per cui

resta un debito di 224 mln, la Regione per ben due volte in sede di adunanza pubblica ha sostenuto di non aver mai versato quella somma. Credo proprio sia il caso che la nuova amministrazione guardi con più attenzione le carte relative al lodo e più rivalesse sulla precedente giunta che ha riconosciuto un debito non esigibile, aumentando così non solo l'attuale deficit ma creando le condizioni per ricorsi a catena che possono far esplodere la spesa sanitaria«

Furti in calo nel viterbese ROMA - Sono diminuiti del 15% i furti commessi in provincia di Viterbo nel 2009 rispetto all'anno precedente. Di conseguenza,i reati perseguiti sono scesi dai 9.441 del 2008 agli 8.613 del 2009. Sono i dati diffusi questa mattina dal comandante provinciale dei carabinieri di Viterbo colonnello Giorgio Dino-Guida, nel discorso tenuto in occasione del 196/mo anniversario della fondazione dell'Arma

3 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010


provincia Le Fiamme Gialle a palazzo Gramsci per mezza giornata Acquisiti tutti gli atti utili all’inchiesta della Procura sulla gestione“allegra”dal 2004 al 2009 FROSINONE – Mezzogiorno di fuoco. Come il celebre film western di Sergio Leone, gli uomini delle Fiamme Gialle, si sono presentati negli uffici dell’amministrazione provinciale proprio mentre la campana della chiesa antistante a palazzo Gramsci suonava i dodici rintocchi. I militi delle fiamme gialle hanno così dato avvio all’indagine della Procura della Repubblica di Frosinone sui conti dell’amministrazione provinciale

nel periodo di gestione compreso tra il 2004 e il 2009. I militare in divisa sono saliti al terzo piano del palazzo provinciale. Hanno lavorato molte ore, da mezzogiorno fino prime luci della sera. Hanno acquisito molti documenti e faldoni. Nel mirino delle fiamme gialle sono finite le carte relative ai punti elencati nella famigerata relazione di verifica amministrativo-contabile dell’ ispettore del ministero delle finanze Vincenzo Tatò nella quale si parlava di pre-

sunte anomalie inerenti bilanci, appalti, e la gestione del perso-

quale passano tutte le informazioni dell'attività dell'ente, e altro sui bilanci. Da quello che trapela, comunque, l'indagine, al momento, è di semplice natura conoscitiva, non ci sono né indagati, né sono state formulate ipotesi di reato, né tantomeno vi sono state contestazioni formali nei confronti di alcuno. Ora spetta alla Procurai studiare le carte per la valutazione del caso. Se si accerteranno irregolarità, sicuramente scatteranno le denunce.

L’Acea chiede l’aumento della tariffa a 1,27 senza fare investimenti

De Angelis critica i tagli del governo nell’istruzione FROSINONE - “Siamo di fronte ad una manovra economica che, oltre al fatto di essere iniqua, è impostata su tagli indiscriminati alla scuola ed alla ricerca”. L’europarlamentare Francesco De Angelis comincia così il suo intervento estremamente critico sul provvedimento finanziario approntato dal Governo in q u e s t i giorni, in particolare per i tagli previsti al m o n d o d e l l a scuola e dell’Università. “Sapere, ricerca e conoscenza sono elementi che segnano la qualità

nale in ordine ai semplici dipendenti e ai dirigenti. Nel blocco di documenti portati via dalla Finanza sono così finiti gli atti relativi alle posizioni di qualche dirigente (fari puntati anche sulla posizione del dipendente che avrebbe percepito 180.000 euro senza aver mai preso servizio, secondo quanto è scritto nella relazione, presso un ente nel quale era stato comandato), documenti contabili, e quelli inerenti la gestione del sistema informatico nel

della vita di un Paese e sono le basi sulle quali bisogna investire. Invece assistiamo a continui tagli che rischiano di far collassare il sistema dell’istruzione. In questo modo si colpiscono in primo luogo le lavoratrici e i lavoratori della scuola che già soffrono di salari al lumicino e di precariato pluriennale, inoltre costringono i presidi a ridurre l’offerta didattica. Anche la situazione degli atenei è gravissima e i dati forniti dal governo sono inquietanti perché confermano che il fondo di finanziamento ordinario subirà, di fatto, un’ulteriore riduzione delle disponibilità di circa il 2% nel 2010 e un taglio di circa un miliardo nel 2011. Questi tagli potrebbero avere ripercussioni pesanti anche per la nostra provincia: penso, ad esempio, al Campus di Chimica Applicata di Ceccano, la cui esistenza è a forte rischio, viste le riduzioni imposte a tutte le Università, quindi anche a Tor Vergata. Ed ancora, potrebbe svanire sul nascere l’ipotesi, sicuramente positiva, della sede distaccata della facoltà di Medicina a Sora. Mentre l’Europa investe sull’istruzione, il Governo procede in senso opposto. Solo un forte investimento in formazione superiore, in ricerca e in reclutamento di giovani ricercatori consente crescita e futuro al Paese”.

FROSINONE - Ancora una fumata nera per un accordo tra Assemblea dei sindaci della provincia di Frosinone e Acea Ato5. Nel corso della riunione della Consulta d’Ambito, i responsabili di Acea hanno fatto presente che la società necessita per operare di una tariffa minima per il 2010 di euro 1,27. Questa tariffa, però, basterebbe a loro dire, solo per la copertura dei costi operativi. Dunque Acea, nel caso di un aumento della tariffa fino a euro 1,27 dagli attuali stabiliti di 0,94, non opererebbe comunque nuovi investimenti ne pagherebbe gli oneri concessori che i Comuni attendono con ansia. Molti Comuni, infatti, senza la riscossione degli oneri concessori che non vengono corrisposti dalla società dal 2007, non sanno come far fronte ai mutui che avevano sottoscritto in precedenza e che compaiono nel

contratto con Acea stipulato nel 2003. Le risultanze del confronto odierno saranno riportate nell’Assemblea dei Sindaci che si riunirà il prossimo 8 giugno. In quella circostanza sarà l’Assemblea dei Sindaci a decidere il da farsi, se tentare ancora una volta un percorso conciliativo con Acea o meno. Noi l’avevamo detto già nei giorni scorsi, forse il problema di Acea è proprio il management estraneo a questo territorio. Se i responsabili fossero della provincia di Frosinone, fossero conoscitori del territorio, tutto questo muro contro muro non ci sarebbe e al dila là della logica aziendale del profitto a tutti i costi, si cercherebbero anche di salvaguardare gli interessi dei cittadini, che, ad oggi, ricevono un servizo non adeguato a quello che pagano.

Un sit in di protesta in occasione della Conferenza dei sindaci FROSINONE – “Aquabenecomune” che sta organizzando la raccolta di fime per il referendum domani farà un sit in davanti a palazzo Gramsci, in occasione della riunione della conferenza dei sindaci. Recita un volantino a firma di www.acquabenecomune.org: “Lunedì si riunisce la Conferenza dei Sindaci e il gestore, con la complicità di alcuni amministratori, sta cercando di ottenere per il 2010

4 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010

una tariffa provvisoria di 1,27 € a mc, cioé addirittura superiore a quella illegale e illegittima revocata il 21 dicembre 2009. L’altra settimana si è svolta la vergognosa ultima cena! Vergognosa perché il gestore ha offerto una cena ad alcuni sindaci della provincia per convincerli a votare a favore dell’aumento delle tariffe il prossimo 7 giugno. Intanto, nel tentativo di fare cassa, in questi giorni sta aggre-

dendo gli utenti con fatture anche superiori a 1000 €.Con le oltre 16.000 firme raccolte sui tre referndum per l’acqua pubblica in poco più di un mese è necessario ora che i cittadini facciano sentire al “palazzo” la loro voce: non consentiremo mai un simile mercimonio sulla nostra pelle. Dobbiamo mobilitarci e dobbiamo essere in tanti, serve la persenza di tutti: ACEA deve andare via!

Congresso, “Sinistra e Libertà” si organizza

La Cisl Fp preoccupata per i tagli alle cliniche

FROSINONE – Il partito di Sinistra e Libertà che fa capo a NikiVendola si organizza in vosta del congreso anche in provincia di Frosinone. “L’idea di strutturasi – spiega Gaetano Capuano – nasce dall’esigenza di mettere in campo tutta una serie di opzioni politiche che la sinistra non sembra più riuscire a proprorre. Per questo motivo partiremo subito con del Forum che ci vedranno impegnati per tutta l’estate”

FROSINONE – Riusciranno a tenere le strutture private convenzionate con il servizio sanitario regionale? E’l’interrogativo che assilla la Cisl Fp.“I decreti sulla sanità privata – spiegano in una nota dal sindacato – provocheranno ulteriori disparità tra strutture private che rispettano le regole e strutture private che operano con personale non contrattualizzato. Si chiede pertanto alla presidente Polverini di convocare un tavolo con i sindacati”.


provincia “In autunno pronta la nuova struttura del Provveditorato” La “strana” vicenda di un immobile progettato negli anni novanta e concluso nel 2008

FROSINONE – L’annuncio è di quelli ufficiali, la fonte è ottima, quindi stavolta dovrebbe essere la volta buona. Ci stiamo riferendo al

trasferimneto del provedditorato agli studi da via Verdi al nuovo palazzo nei pressi del Casaleno. A dare la notizia, l’assessore provinciale all’edilizia scolastica, Gianluca Quadrini: “L’allaccio dei servizi, in particolare l’installazione di una cabina elettrica, ha comportato tanta perdita di tempo. Ora, però, ultimata questa incombenza, non resta che trovare le risorse per il trasloco del Csa da via Verdi al Casaleno”. Continua l’assessore Quadrini: “Sulla data precisa del trasferimento non posso dire un giorno certo, ma posso comunque assicurare che, in autunno, il trasferimento del nuovo Provveditorato sarà avvenuto. E’

ora di porre fine a questa storia ereditata dall’amministrazione Scalia. Verso settembre-ottobre il nuovo edificio sarà pienamente funzionante”. Ma facciamo un passo indietro per descrive il parto difficile della struttura del Casaleno. Erano i primi anni novanta quando la Provincia decise di costruire una sede più idonea per il Provveditorato agli studi, soprattutto una sede di proprietà pubblica, in modo tale da risparmiare nel lungo tempo l’esorbitante costo dei canoni di locazione. Ad oggi, sono trascorsi circa venti anni ma non è accaduto nulla di quanto deciso nel 1990, soltanto migliaia e migliaia di euro di af-

fitto buttati, soldi pubblici naturalmente. Il 1997 è un anno importante: iniziano i lavori per la stuttura del Casaleno, solo che le ditte incaricate, caso strano, falliscono sempre. Dal 2000 al 2003 nessun lavoro effettuato. Gli interventi riprendono nel 2004, ma a seguito di un incidente mortale sul lavoro, il cantiere viene sequestrato nel 2006. Poi la ripresa e l’ultimazione dei lavori, circa due anni fà. Per aprire finalmente l’agognata nuova sede occorrevano solo alcuni allacci come quelli dell’Acea e dell’Enel, ma anche stavolta ritardi su ritardi a causa delle solite lungaggini burocratiche. Per ovviare alla non

apertura della struttura, si è rimasti in affitto nei locali provati. Come ben si vede, un esempio lampante di come vanno le cose in Italia, di come si gestisce il denaro pubblico, di come si ingrassano i “palazzinari” privati, il tutto senza che nessuno batta ciglio, protesti, si indigni. Dimenticavamo, il nuovo stabile del Provveditorato agli studi di Frosinone in località Casaleno, la zona dello stadio dove si allena il Frosinone calcio per intenderci, è costata ad oggi circa 6 milioni di euro, denaro pubblico, dei contribuenti. Speriamo finalmente che stavolta sia quella giusta per vederlo finalmente attivo e funzionante.

Spreco di denaro pubblico, tutti i “peccati” dei furbetti di palazzo Gramsci FROSINONE – Mamma mia! Verrebbe proprio da mettersi le mani nei capelli e non solo, leggendo la relazione del funzionario del ministero delle finanze, Vincenzo Tatò, sui conti interni all’amministrazione provinciale. Anche se le mani nei capelli sarebbe il gesto meno adatto. Infatti, a vedere la serie di privilegi e di autoregali che alcuni dirigenti si sono autocorrisposti viene da fare altri gesti. Un senso di rabbia e di indignazione sarebbero certamente più adatti a descrive la reazione a tali privilegi, dell’onesto burocrate o lavoratore che ogni mattina si alza, svolge le sue otto/dieci ore di lavoro per 1.200 euro al mese, e deve definirsi pure fortunato, visto che un

lavoro comunque ce l’ha rispetto a chi non può dire di avere nemmeno quello. Comunque fa rabbia leggere che i dirigenti avevano “una illegittima determinazione del trattamento retributivo accessorio, con particolare riferimento all’erogazione di competenze retributive accessorie in misura eccedente le disponibilità effettive del fondo per un importo pari a 436.777,22 euro”. Capito bene, oltre allo stipendio normale, circa 100.000 euro all’anno, prendevano in più, in totale tra tutti i responsabili dei settori, circa 500mila euro. Ritornando all’operaio che guadagna 1200 al mese, significa che per arrivare a tale cifra deve lavorare più di 400 mesi, circa 35 anni, ossia

tutta una vita. No, non è possibile! Ma non è tutto qui, la relazione parla anche di “irregolare corresponsione di emolumenti aggiuntivi alla normale retribuzione accessoria per 287.852,65 euro”. Si parla di “indebita erogazione di emolumenti retributivi a favore del direttore generale, del segretario generale e del vice segretario, con particolare riferimento alla corresponsione di somme al direttore generale in eccedenza rispetto al limite massimo di 120.192,99 euro e al segretario generale di 127.068,98 euro di compensi quale componeneted el nucleo di valutazione”. Dunque un vero e proprio sistema, una casta ristretta, che faceva e disfaceva a

Al palazzo della Provincia la 21esima edizione del premio “Rocca d’Oro” FROSINONE - Con la prima conferenza stampa, che si è svolta presso il palazzo dell’amministrazione provinciale di Frosinone, è partita la 21esima edizione del Premio Internazionale Professionalità “Rocca D’Oro”, che si svolge a Paliano il 24 Giugno prossimo. E’ stato l’assessore Trina, a presentare l’iniziativa, complimentandosi con gli organizzatori e auspicando che tutti i paesi della Ciociaria possano svolgere grandi iniziative come quella di Paliano. La qualificata Giuria composta da eminenti personaggi quali: il presidente Dott. Bruno Ferraro (Presidente del Tribunale di Tivoli ) e ne fanno parte Mons. Santino Spartà, Il M°. Elvio Monti (arrangiatore di Claudio e Manuela Villa) di-

rettore artistico; membri del direttivo i giornalisti Giuseppe Sanzotta (vice- direttore IL TEMPO) Stefano Andreani (Sviluppo Italia), Roberto Simon e Dundar Kesapli, (stampa Estera a Roma), Daniele Flavi (direttore de IL RESTO ) Francesco Puglisi (Capo redattore “Il Tempo” Frosinone), Dott. Alfio Borghese ( giornalista Rai e presidente di “ Paliano Infiore”) il Sig. Maurizio Sturvi Sindaco di Paliano, Simone Marucci (Assessore alla Cultura comune di Paliano). Dott. Achille Pagliuca Direttore Generale (Presidente ACI – FR) i quali hanno deciso di assegnare un premio speciale all’on. Mario Abbruzzese mentre la prestigiosa “Rocca” raffigurante quella storica e quella di Paliano, di Egidio

Ambrosetti sarà consegnatala: Prof. Ciro Attaniese (Magnifico Rettore Università di Cassino); Capitano Aldo Iorio (Comandante Compagnia Carabinieri di Anagni); alla Dott.ssa Nadia Cersosimo (direttrice Carcere Paliano); al Prof. Maurizio Lozzi (Professore Universitario presidente Conscom); alla Scuola Volo Elicotteri (Aeroporto Moscardini FR), per i 50 anni di attività, all’ Amea (Paliano) per i cento anni di attività al sig. Carlo De Angelis Paltubi (Industriale), ai fratelli, Raffaele e Maurizio Collalto (Artigiani), al sig. Mariano Donati (Azienda Agricola) aziende con oltre 40 anni di attività e alla Cantina Sociale Cesanese del Piglio di Piglio (per i 50 anni di attività).

proprio piacimento. Ci auguriamo, e se lo augurano i cittadini contribuenti, che nel momento in cui vengano accertate da chi di dovere le mancanze, siano costretti a restituire il mal tolto.

“Fr Studios”, giovedì si presenta il programma FROSINONE - Si terrà il prossimo 10 giugno, alle ore 12, presso i locali dell'ex mattatoio comunale di Frosinone, la conferenza stampa per la presentazione del programma delle serate della rassegna artistica “FR STUDIOS”. Saranno presenti l'assessore alla cultura e pubblica istruzione del comune di Frosinone Narciso Mostarda, l'assessore alle politiche giovanili della Provincia di Frosinone Massimo Ruspandini, il rappresentante con delega alle pubbliche relazioni dell'associazione culturale “CI VEDIAMO IN PROVINCIA!” Paolo Ruggeri ed il presidente dell'associazione. Fabrizio Catenacci L'associazione culturale “CI VEDIAMO IN PROVINCIA” ha creato in collaborazione con l'assessorato pubblica istruzione del comune di Frosinone e l'assessorato alle politiche giovanili della Provincia, un progetto per la realizzazione di una piattaforma volta a fornire le strutture per la divulgazione dell'arte dei giovani artisti della provincia di Frosinone. Per questa prima edizione della rassegna (12, 13, 19, 20 giugno 2010) il Comune ha fornito la concessione dei locali del ex mattatoio comunale divenuto “Casa Della Cultura”, in questi stessi locali l'associazione allestisce una mostra di opere in gara per il Premio “FR STILE” (tema: natura ed ecologia, ammessi solo studenti 16-40 anni), ed uno spazio destinato all'esposizione di artsti della zona (formula: vieni ed esponi), i vincitori allestiranno una mostra personale presso il palazzo provinciale.


cassino Case popolari, nuove aree per costruire Due proposte del Psi-Cambiare Cassino al Comune per le famiglie bisognose CASSINO- Positivi riscontri al convegno organizzato dal gruppo consiliare Psi-Cambiare Cassino, dal titolo “L’edilizia popolare, tra sviluppo e soldarietà”, si registrano le due proposte dei consiglieri Alessandro Varone e Andrea Vizzaccaro. La prima, sulla quale sta già lavorando in qualità di Direttore dell’Ater, Giuseppe Tedesco, si riferisce all’housing sociale, strumento fondamentale per la creazione di società miste pubblico-private, di cui possono far parte enti

come Comuni e Ater, finalizzata alla realizzazione o all’acquisto degli alloggi da destinare alle famiglie con ridotte possibilità economiche, consentendo loro di pagare una accessibile rata di mutuo, in base al proprio reddito per un periodo massimo di 35 anni, al termine del quale il locatario dell’immobile ha la possibilità di diventare il proprietario. La seconda proposta è diretta all’amministrazione comunale di Cassino, proposta che trae origine dalle richieste

Oggi la presentazione

ArchiVillage, un ricco cartellone estivo di spettacoli sempre più numerose di alloggi popolari. E’ necessario individuare nuove aree dove poter costruire alloggi popolari, cambiando però la filosofia delle destinazioni urbanistiche, non più alloggi in periferia, quartieri ghettizzati, ma così come successo a Frosinone, individuare delle aree al centro della città, proposta quest’ultima assolutamente possibile ancor di più se si pensa a quanto affermato ieri dal presidente dell’Ater il quale ha detto che i fondi per la costruzione di nuovi alloggi ci sono. Queste le proposte del gruppo consiliare Psi-Cambiare Cassino, che continua a mettere al centro della propria azione politica, il sociale e la solidarietà.

CASSINO - “Gli Archi Village 2010” al suo debutto ufficiale. Oggi con inizio alle ore 18.00, all’interno del Centro Commerciale di via Casilina sud a Cassino verrà presentato il cartellone degli eventi e degli artisti che, per il secondo anno consecutivo, allieteranno l’estate cassinate. Per l’occasione i promotori hanno organizzato una grande festa all’interno della Galleria commerciale. Musica, attrazioni e tanto, tanto divertimento. Sono questi gli ingredienti scelti per trasformare un pomeriggio in un grande evento, preludio alla kermesse che ci accompagnerà dal 31 luglio al 14 agosto prossimi. A fare da cornice alla festa saranno il mercatino dell’antiquariato e uno spettacolo musicale.Grandi artisti del panorama musicale italiano e internazionale accompagneranno nel “Villaggio delle Meraviglie” che, con i suoi effetti speciali, si prepara ad accogliere 150 mila visitatori ampliando il suo bacino di utenza in tre regioni. Descrivendo in numeri la manifestazione, la quale lo scorso anno ha portato il Centro “Gli

Archi” a vincere l’Oscar nazionale dei Centri Commerciali, dobbiamo sottolineare la portata delle cifre. Anche per questa seconda edizione non mancherà una vasta area attrezzata, dedicata al mini club per i più piccoli. Quattro serate, invece, saranno interamente riservate al concorso canoro “Giovani Voci”, divenuto un vero e proprio format. I giovani talenti, provenienti da tutta Italia, si esibiranno dal vivo accompagnati dall’orchestra. Ogni serata del festival avrà ospite d’onore un grande artista.

Allestita dagli studenti della scuola media di Sant’Elia

Mostra didattica sull’orrore della Shoa SANT’ELIA - - Dalla lettura del testo di narrativa “Se questo è un uomo” di Primo Levi, alla realizzazione della mostra didattica: “L’orrore della shoah”. Questo il lavoro realizzato dalla classe III B della Scuola media “A.Santilli” di S.Elia F.R. Gli alunni, guidati dalla Prof.ssa Pota Giuseppina, docente di lettere, ed affiancati dal Prof. Cione Dimitri, hanno condotto un meticoloso lavoro di ri-

6 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010

cerca sul periodo storico che va dagli anni 20 alla fine della Seconda guerra mondiale. Sono stati analizzati gli eventi storici vissuti dagli ebrei per opera del nazifascismo a partire dal rastrellamento alle deportazioni nei campi di concentramento in Polonia ed in Germania per la soluzione finale. Attraverso la lettura delle testimonianze rilasciate dai sopravvissuti, si è giunti alla conoscenza

Giornata sportiva del Coni CASSINO - Si celebra in piazza Labriola la giornata sportiva dalle 10 alle 21 con la partecipazione di società sportive di tutta la provincia. Durante la giornata dimostrazioni di prove sportive e diffusione di programmi delle varie discipline per diffondere la cultura dello sport in famiglia e nelle scuole.

degli orrori, delle sofferenze, delle atrocità vissute dagli ebrei nei lager ed il disumano sterminio di questi nelle camere a gas e nei forni crematori. La mostra ha riscosso grande successo ed apprezzamenti da parte del Dirigente Scolastico, Prof. Roberto Cocorocchia, dall’assessore alla cultura Antonio Trelle, dalla vicaria Prof.ssa Filomena Tamburro, dal direttore amministrativo Anna Petrone, dai genitori degli allievi e da tutto il pubblico presente alla manifestazione tenutasi nei locali della Scuola Media. Il Dirigente Scolastico ha elogiato l’insegnante e gli alunni che hanno illustrato con chiarezza la cronologia storica degli avvenimenti, suscitando molte emozioni e riflessioni su quanto è stato portato alla ribalta della società moderna. Essa, oggi, più che mai, ha detto il Dirigente, è presa dalla tecnologia avanzata sotto tutti i punti di vista e gode di un benessere tale che mai porterebbe a credere che, nel XX secolo, per colpa di un uomo, un popolo sia stato oggetto di razzismo a tal punto da essere portato allo sterminio. Anche l’assessore alla cultura Trelle ha voluto dimostrare forti apprezzamenti nei confronti dell’insegnante e degli alunni della III B per aver trasmesso, attraverso la mostra, un alto valore pedagogico e

un ammonimento alle future generazioni, affinché mai più si possano ripetere orrori di tale portata. Fortemente significative sono state le parole con cui si è chiusa la manifestazione: esse invitavano la chiesa, la scuola, la famiglia,l le istituzioni democratiche a mantenere vivo il ricordo dell’olocausto, quale motivo di monito e di speranza per il futuro.

Un nuovo libro di Brancaccio CASSINO - Sabato 12 giugno 2010, alle ore18,00, sarà presentato a Sant’Elia Fiumerapido,Villa comunale, il libro “Simplegadi o la notte” di Carmine Brancaccio (Ed. Eva, Venafro, aprile 2010, pp. 56, € 8,00). Dopo i saluti del sindaco Fabio Violi e dell’Assessore alla Cultura Antonio Trelle, interverranno Amerigo Iannacone, poeta ed editore, e Rita Iulianis, poetessa. Sarà presente l’autore.


cassinate I finti litigi dei politici per guadagnare consensi CASSINO -Da qualche giorno, sulla stampa locale di regime, vale a dire Ciociaria Oggi e La Provincia, è in atto un insipido dibattito, tutto a colpi di politichese e "capisci a me". I due protagonisti, a cui si è aggiunto anche l'assessore Gianfranco Petrillo, sono l'ex titolare dell'urbanistica Giuseppe Sebastianelli ed il consigliere comunale di maggioranza Maurizio Verrecchia. Non si faccia ingannare il cassinate elettore, i due che oggi fingono di litigare sono in realtà le due facce della stessa medaglia. Su Sebastianelli, e sul

suo predecessore Modesto Della Rosa, pesa la grave responsabilità politica e non solo, di aver svenduto un territorio a colpi di variante al Prg. Pesa la responsabilità, di aver consentito ai vari Bottoni, Carnevale, Petrecca e così via, di arricchirsi alle spalle di una città in cambio di opere di urbanizzazione mai realizzate o fatte con i piedi come il marciapiede di via Sferracavalli tanto per dirne una. Per quanto riguarda le osservazioni al Prg, in consiglio comunale sono passate solo quelle portate dai "padrini" ed allora come per

incanto, terreni votati alla pastorizia sono diventati edificabili, capannoni industriali hanno lasciato il posto a palazzi e negozi. Verrecchia, dopo quasi 5 anni dalla sua elezione finge di indignarsi. Nemmeno il più sprovveduto lettore delle due iatture editoriali del territorio però abbocca: Verrecchia dov'era quando Sebastianelli e cugini di campagna portavano e si facevano approvare le varianti al Prg in consiglio? Verrecchia dov'era quando Sebastianelli cambiava la destinazione di un terreno a via Vetiche venduto come relitto

ad una parente di un consigliere comunale a 46 mila euro ed oggi vale 1 milione? Perchè Verrecchia anzichè cazzeggiare sulla stampa non prende carta e penna e denuncia i vari costruttori, che hanno fatto soldi grazie anche al suo voto in consiglio comunale, ma almeno facessero quello che gli spetta fare per la città? E allora si ha la certezza, che i due hanno solo paura di una futura batosta elettorale. E anche di altro. Per capire invece, quanto vale quello che dice l'assessore Petrillo, assessore alla manutenzione si badi, basta an-

Finanziaria:“Reagire con fermezza” L’appello di Oreste Della Posta ai ciociari. L’organizzazione politico-culturale “20 ottobre”il prossimo 12 giugno a Roma per la manifestazione indetta dalla Cgil AQUINO - “Di fronte alla manovra finanziaria presentata dal governo, che è iniqua e divide il paese colpendo i più deboli, occorre reagire con fermezza”. A dirlo è Oreste Della Posta, a capo dell’organizzazione politico-culturale “20 ottobre”. “Tutto avviene a spese dei lavoratori – afferma l’ex assessore provinciale - nonostante i nostri salari siano tra i più bassi dell’Europa: basta vedere a quanto ammonta lo stipendio di un poliziotto francese o di un metalmeccanico tedesco. Nella manovra inoltre non c’è traccia di riforme, i provvedimenti sono pasticciati e non sostengono gli investimenti e l’occupazione; in poche parole si tratta di una manovra di tagli che reprime la crescita e farà aumentare la di-

soccupazione nei prossimi anni. Per questi motivi l’associazione politico-culturale “20 ottobre” aderisce alla manifestazione nazionale indetta dalla Cgil per il 12 giugno a Roma con partenza alle ore 15.00 in piazza della Repubblica. Nello stesso tempo l’associazione fa appello a tutti i partiti di centrosinistra, alle associazioni culturali, ai cittadini della provincia di Frosinone di aderire a tale manifestazione divulgando l’iniziativa. La nostra provincia già martoriata da una grave crisi occupazionale verrà ulteriormente penalizzata. Occorre – aggiunge Della Posta - che tutti insieme ci battiamo affinché nella manovra siano presenti degli elementi di giustizia sociale quali: inserimento di una addi-

zionale di solidarietà sui redditi superiori a 150 mila euro per liberare risorse da destinare al futuro dei giovani; ripristino dell’Ici, ma solo per redditi superiori a 50 mila euro; una tassazione unica sulle rendite finanziarie da portare quindi dal 12% al 20%(come avviene in tutta Europa); innalzare la tassazione sullo scudo fiscale dal 5 al 7%; creare norme anticorruzione dato che secondo la Corte dei Conti le tangenti in Italia sono stimate in 50 miliardi all’anno. Per questi motivi noi invitiamo tutti gli abitanti della nostra Ciociaria a partecipare il 12 giugno a Roma, perché come ha detto qualcuno nella storia:”ribellarsi è giustizia” ora più che mai” conclude Oreste Della Posta.

Giornata mondiale dell’ambiente, Pontecorvo non dimentica le sue ricchezze.Ambientalisti in missione sul territorio P O N T E CORVO - Pont e c o r v o partecipa attivamente alla Giornata Mondiale dell'Ambiente. L'associazione Fare Verde e Sinistra Ecologia Libertà hanno colto l'occasione ieri per realizzare la prima giornata di monitoraggio ecologico della città, coinvolgendo il consigliere comunale delegato all'Ambiente, Fabrizio Falasca. Un tour nelle zone pontecorvesi per constatare lo stato ambientale della città e rilevarne eventuali criticità. A partire dal Giardino dello Sport, il cui complesso è circondato da rifiuti indistinti e mini discariche; il lungo fiume a San Giovanni Appare, luogo frequentato da pescatori, dove nonostante le pulizie varie, rimangono ancora resti da "pic-nic" e da "effusioni amorose". Situazione migliore invece in località "Peccata Mea", dove permane uno stato di pulizia dopo la bonifica del mese scorso. “Naturalmente

sarà necessario mantenere alta la guardia – hanno detto le due associazioni -. Scenario completamente diverso e sconcertante ai piedi di Monte Leuci, dove nel giro di 100 metri si trovano ben tre mini discariche di ingombranti ed inerti, anche grazie alla minima visibilità della zona. Un vero peccato per una delle perle naturali più famose di Pontecorvo”. Soddisfatto per l'iniziativa Giuseppe Ferrara (Fare Verde): "Era importante che questa giornata venisse dedicata al nostro territorio e purtroppo abbiamo trovato molte realtà sulle quali bisognerà intervenire. Ma allo stesso tempo ho constatato con piacere che l'impegno del delegato all'ambiente Falasca e dell'assessore. Carocci, ha già portato ottimi risultati come la bonifica dell'amianto in via Ravano. In attesa del dissequestro dell'area ci aspettiamo anche lo smaltimento del resto dei rifiuti ancora presenti. Altro risultato visibile a tutti che merita un plauso è la pulizia di LungoLiri, che finalmente ha riacquistato dignità." A seguito delle segnalazioni fatte per lo stato della Canonica, Maurizio Paolozzi (Sel) ha apprezzato il rapido impegno degli amministratori: "Armati di carta penna e macchine fotografiche, abbiamo visitato anche le strutture abbandonate, come la Canonica e l'incompiuto Cinema-Teatro, il quale presenta un vero e proprio lago d'acqua nascosto alla base della sua struttura. E' importante che il delegato all'ambiente abbia voluto visitare anche queste pagine nascoste della nostra città." Avendo accolto con entusiasmo l'invito all'iniziativa, Fabrizio

dare all'ufficio legale del comune, e chiedere quante denunce pendono sul municipio per gente che si è fatta male nelle buche nelle strade e sui marciapiedi che lui non ha mai fatto riparare. Gianfranco Petrillo tra l'altro, è il responsabile dell'ufficio vaccinazioni della Asl. L'ambulatorio anzichè di essere in una struttura di proprietà della Asl, ne ha a decine completamente vuote,è in affitto in un condominio di un altro palazzinaro della zona. Ma questa è un'altra storia di cui vi racconteremo presto.

Sgominata banda di ladri

CASSINATE - Arrestati a Santa Maria Capua Vetere e Castelvolturno tre nomadi slavi ritenuti responsabili di diversi furti in abitazione che avevano interessato anche, nelle scorse settimane alcuni comuni del cassinate. I malviventi avevano preso di mira anche Roccasecca e Ceprano e diverse abitazioni nelle province di Caserta e Salerno. Ma i carabinieri della stazione di San Prisco (ce) hanno messo fine alla loro missione arrestandoli, in esecuzione di ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall'ufficio G.i.p. presso il tribunale di Santa Maria Capua Vetere su richiesta della locale procura della repubblica. Si tratta di pregiudicati poco più che trentenni due dei quali domiciliati a Portico di Caserta e l’altro a Castelvolturno. L'attività' d'indagine ha consentito di accertare che i predetti nel corso dei vari furti hanno asportato oggetti preziosi, elettrodomestici di varia natura, personal computer, telefoni cellulari, caschi e giubbotti da motociclista ed anche un cagnolino di piccola taglia. Tutti e tre gli arrestati si trovano ora ristretti presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Falasca insiste nel nuovo modo di amministrare il paese: "Questa Amministrazione difende il proprio territorio e lo dimostrano i fatti e l'impegno costante sulle tematiche amb i e n t a l i . L'obiettivo è quello di proporre nuovi stili di vita eco-compatibili e soprattutto monitorare costantemente la città. Gli ingombranti avranno presto la loro destinazione, visto che stiamo lavorando ogni giorno al progetto definitivo di raccolta e in contemporanea ci aspettiamo più rispetto dell'ambiente da parte di tutti. Ringrazio Fare Verde e Sel per l'importante contributo e posso annunciare che tutto il materiale informativo e fotografico realizzato oggi, sarà posto all'attenzione delle commissioni del Forum Ambiente, il quale sarà a breve istituzionalizzato. Questa giornata è l'ennesima riprova che Pontecorvo cammina verso un futuro sempre più verde”.

Case Ater Pontecorvo Lunedì il sopralluogo

A Roccasecca Scalo il mercato domenicale

PONTECORVO – E’ previsto per lunedì pomeriggio, alle ore 17,30, il sopralluogo dei tecnici dell’Ater presso le case popolari di Viale Dante a Pontecorvo. L’azienda avrà così modo di constatare il degrado in cui vivono oltre ottanta famiglie, residenti in strutture fatiscenti, qualche giorno fa è emerso che una delle tre strutture interessate presenta un piccolo cedimento strutturale. Sarà presente il comitato guidato da Ludovico Zonfrilli.

ROCCASECCA-QuestavoltaicommerciantidelloScalo nonscherzano.Hannoraccoltocirca1000firmeperchiedere al sindaco e all’assessore al commercio di istituire la domenica il mercato settimanale nel quartiere.Tra le motivazioni, la pressante richiesta degli abitanti dello Scalo e delle campagne , quasi il 70% dell’intera popolazione roccaseccana. Molti affermano che il mercato potrebbe essere uno strumento per aiutare i commercianti dello Scalo che come tanti vivono il particolare momento di crisi.

7 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010


cassinate Operazione Goldfinger, si chiude il cerchio Ieri arrestato il nono elemento dell’organizzazione scoperta dalla guardia di finanza di Cassino e Roma. L’anello mancante è stato catturato nella Capitale Accusati di frode fiscale internazionale anche due imprenditori cassinati

CASSINO - Aveva tentato di sottrarsi alla cattura da parte della Guardia di Finanza del Comando Provinciale Frosinone, ieri, tentando di darsi alla macchia nelle strade della Capitale. La sua fuga è però durata solo poche ore: notato dalle pattuglie delle Fiamme Gialle che, sotto copertura, vigilavano sui luoghi di riferimento del latitante (abitazioni proprie, di amici, bar e locali da lui abitualmente frequentati), è stato tratto in arresto nel momento in cui è stato avvistato nella zona di abitazione. A nulla è valso il suo tentativo di negare la propria identità: riconosciuto a mezzo delle impronte digitali, gli è stata notificata l’ordinanza del giudice ed è stato immediatamente posto agli

arresti domiciliari. Arrestato così l’ultimo elemento coinvolto nell’organizzazione cassinate accusata di frode fiscale internazionale. Una vasta operazione congiunta della guardia di Finanza di Roma e Cassino, denominata “Goldfinger”, ha permesso di porre fine alle loro azioni malavitose, in tutto sono stati arrestati nove evasori fiscali e riciclatori di denaro sporco, di cui due imprenditori del cassinate compresi nell’ordinanza di custodia cautelare in carcere ed agli arresti domiciliari emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma, Dott.ssa Marina Finiti, su richiesta dei Pubblici Ministeri Dott. Pier Filippo Laviani (Procuratore Aggiunto presso la Procura di

dagnavano somme rilevanti, le occultavano al fisco e le riciclavano in paradisi fiscali esteri, avvalendosi della consulenza professionale di quattro commercialisti romani, che fornivano ogni indicazione riguardo al metodo migliore per frodare il fisco, organizzando il giro di false fatturazioni e reperendo prestanome novantenni che, dietro compenso di 1.200 euro al mese, assumevano le funzioni di amministratori delle società fittizie strumentali all’eva-

Roma) e Dott.ssa Patrizia Ciccarese (Sostituto Procuratore presso la Procura di Roma), al termine delle complesse indagini condotte dal Comando Provinciale Frosinone della Guardia di Finanza. Tali investigazioni hanno svelato l’esistenza di un complesso di società, italiane ed estere, finalizzato ad occultare enormi guadagni al fisco italiano ed a riciclarli in paradisi fiscali esotici, dove avevano creato un vero e proprio impero economico esentasse. L’indagine, iniziata dalla Procura della Repubblica di Cassino e poi transitata a quella di Roma per competenza territoriale, nasce dall’attività di controllo economico del territorio svolta dalla Guardia di Finanza, che ha individuato nella provincia frusinate alcune persone che giravano con lussuosissimi fuoristrada, con targa del Principato di Monaco e della Repubblica di San Marino, pur dichiarando al fisco guadagni bassissimi. Dai successivi accertamenti è emerso che i due imprenditori ciociari che utilizzavano le costose fuoriserie, in realtà gua-

Ambiente e legalità Cineforum a San Giorgio

Tre frane minacciano la sicurezza dei cittadini. Danella: “Si faccia qualcosa” PONTECORVO - Tre frane che minacciano la sicurezza dei cittadini a Pontecorvo e su questa delicata questione è intervenuta la minoranza del Comune, nella persona del consigliere Patrizia Danella che ha richiesto ufficialmente un intervento urgente all’amministrazione affinchè si tuteli la pubblica incolumità e la salvaguardia dell’ambiente. Nello specifico il consigliere Danella ci si riferisce alla frana nei pressi di Lungo Liri, a quella nelle vicinanze della Chiesa di San Nicola e alla frana nella zona diVia San Giovanni Battista nei pressi dell’Ospedale. Nella richiesta inviata al sindaco Michele Notato, all’assessore delegato alla protezione civile Del Signore e quello ai lavori pubblici Longo, scrive: “Tali frane ad oggi costituiscono un grave pericolo per la cittadinanza, soprattutto perché prive di qualsiasi azione di monitoraggio che possa prevenire possibili aggravamenti della situazione. Sia la strada che conduce alla chiesa di San. Nicola, sia la zona che interessa la frana di Via San Giovanni Battista ad oggi sono ancora chiuse e abbandonate a se stesse. Nel primo caso la carreggiata stradale è ancora invasa dalla terra che, probabilmente continua a cadere; nel secondo caso regna lo stato del più completo abbandono che genera un evidente situazione di pericolo. Più pericolosa appare la situazione della frana di Lungo Liri che interessa la parte di collina di Belvedere, delimitata dalle mura di cinta della città, che si affaccia sulla menzionata strada e che, a detta di alcuni, sarebbe causata dalla poca consistenza della terra, sempre stata bagnata a causa di scarichi fognari. Lungo Liri per l’instabilità del terreno e le lesioni riportate è ad oggi a rischio cedimento. Sembra che in questi ultimi tempi la frana abbia aumentato le sue dimensioni tanto da costituire pericolo. La consistenza del fenomeno sta peggiorando di giorno in giorno e i lavori di recupero e di messa in sicurezza sono ad oggi un miraggio.

8 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010

sione fiscale. Le Fiamme Gialle hanno accertato, solo per gli ultimi tre anni d’imposta, evasioni fiscali per circa 25 milioni di euro ai fini delle imposte dirette e di oltre 6 milioni di euro di IVA, con fatture false per 11 milioni di euro. Le società di cui si sono avvalsi gli evasori avevano sede in Ciociaria, a Napoli, a Roma, in Gran Bretagna, in Portogallo, ed in paradisi fiscali quali la repubblica centroamericana di Panama e l’isola di Madeira, territorio portoghese.

SAN GIORGIO A LIRI - “CineforumVas.Ambiente e legalità” questo il nome del Cineforum organizzato dall’AssociazioneVas di San Giorgio a Liri. Per la prima volta sul territorio Sangiorgese viene organizzato un cineforum dai contenuti forti con l’intento di far conoscere e riflettere i cittadini su problematiche apparentemente lontane ma in realtà molto vicine! Il primo appuntamento è fissato per questa sera alle ore 21 in Piazza Santa Maria, nel centro storico del paese, dove sarà proiettato il documentario “Biùtiful Cauntri” di Esmeralda Calabria, Peppe Ruggiero e Raffaele Del Giudice. Storie di denuncia e testimonianza del massacro di un territorio, siamo in Italia, nella regione Campania dove sono presenti 1200 discariche abusive di rifiuti tossici.Sullo sfondo una camorra imprenditrice che usa camion e pale meccaniche al posto delle pistole.Una camorra dai colletti bianchi, imprenditoria deviata ed istituzioni colluse, raccontata da un magistrato che svela i meccanismi di un'attività violenta che sta provocando più morti, lente nel tempo, di qualsiasi altro fenomeno criminale. Il documentario sarà introdotto da Riccardo Consales, consigliere nazionale Vas, con la partecipazione di

Mario Catania dell’Associazione“Libera contro le mafie”.Il circolo di San Giorgio a Liri – afferma la coordinatrice dott.ssa Giovanna Minchella “nasce da pochi mesi sul territorio con l’intento di coinvolgere e sensibilizzare i cittadini sui temi dell’ambiente, della legalità e delle tradizioni popolari rifiutando ogni tipo di collateralismo politico. Con tale iniziativa cogliamo l’occasione per farci conoscere ai cittadini creando spunti per riflessioni e dibattiti su problemi di cui nella maggior parte dei casi non si parla pur essendone a conoscenza.” Nel corso della serata si raccoglieranno le firme per il Referendum per l’acqua pubblica. Tutti sono invitati a partecipare. In caso di pioggia si svolgerà all’Auditorium R.A. Livatino.

Né, almeno per quello che risulta alla scrivente, è stato fatto alcun intervento di quelli previsti in sede di sopralluogo regionale (quantificati circa € 900 mila) oltre al telone di plastica che mal cela lo smottamento che appare aumentare di giorno in giorno. Non sembra che si stia dando seguito ai propositi venuti fuori dai sopralluoghi di monitorare la zona ad intervalli mensili. Nel Bilancio di Previsione 2010 non c’è traccia di fondi comunali per questo intervento né per gli altri. Ci si limita ad assegnare un incarico per piano di indagine geologica e di monitoraggio frana ad un geologo. Né c’è traccia di risorse di altri enti”. Ritenendo che pericolosità dei luoghi meriti l’immediata attenzione dell’Amministrazione, Danella chiede celermente che si programmi un immediato intervento dell’amministrazione per ovviare a possibili pericoli che la degenerazione delle menzionate frane potrebbe causare ai cittadini; che l’amministrazione si attivi presso gli organi superiori competenti al fine di programmare interventi immediati e definitivi di messa in sicurezza delle menzionate criticità.Tale nota è stata trasmessa alla Protezione Civile Regionale e Provinciale, nonché alle altre autorità interessate.

Scuola e festa del pane Alunni vanno in scena

Happy hour a Pico Iniziativa dell’oratorio

PONTECORVO – Gli alunni delle scuole elementari del primo circolo di Pontecorvo di scena con “Natale in casa Cupiello”. Ieri l’iniziativa si è tenuta in Piazza Europa nell’ambito della tradizionale festa del pane,l’evento organizzato dall’associazione Don Tommaso De Bernardis che si concluderà questo pomeriggio. Soddisfatta la direttrice Lungo,con questa rappresentazione teatrale si conclude un lungo percorso di progetti e iniziative promossi durante l’anno scolastico.

PICO-LacomunitàparrocchialediPico,sediciannifaha dato vita all’oratorio Arcobaleno: un’esperienza che coinvolge settimanalmente venticinque giovani animatori e un centinaio di ragazzi in una splendida struttura immersa nel verde. Adesso l’oratorio si apre alla fascia dei giovanissimi dai 14 ai 18 anni con una iniziativa originale. Nascono gli Happy Hour: incontri con momenti di riflessione,videoproposte, musica e gastronomia. Il primo appuntamento si è svolto domenica scorsa all’Oasi Santa Maria del Cammino.


Encomi e medaglie ai militari dell’Arma

Intercettazioni, il Silp scende in piazza

FROSINONE - Non solo celebrazioni ma anche encomi per i carabinieri che nel corso dell’ultimo anno si sono distinti in particolari attività di servizio. Sono molti i nomi dei carabinieri, appuntati, marescialli ed ufficiali che conosciamo bene perché presenti nel Frusinate e nel Cassinate e che quotidianamente sono impegnati per la difesa ed il rispetto della legge e contro ogni forma di reato. PAG.11

Contro il disegno di legge sulle intercettazioni telefoniche, il Silp-Cgil, organizzerà una protesta dinanzi al Palazzo del Senato a Roma. Lo ha reso noto il segretario provinciale della Silp, Marco Galli, il quale ha invitato tutti a partecipare contro una decisione che metterebbe il “bavaglio” all’informazione e che limiterebbe di fatto le attività investigative. PAG. 11

ANNO I - N° 82 dOmENICA 06 GIuGNO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO AI CARABINIERI

Peccato che soltanto nelle grandi occasioni, come quella di ieri organizzata a Frosinone per la ricorrenza del 196° anniversario della Fondazione dei carabinieri, ci si ricordi dell’importanza di questo Corpo. Un lavoro che è una missione quella dei militari dell’Arma ed un impegno che, come sottolineato dal comandante provinciale Sparagna, è stato sin dall’inizio, lo è ancora oggi e lo saràè sempre: vigilare sulla sicurezza pubblica e su quella privata. Ai carabinieri che ogni giorno vigilano su tutti noi, un grazie per l’impegno e l’abnegazione che mostrano anche quando non indossano la divisa.

IL TAPIRO DEL GIORNO ALL’ACEAATO 5

Siamo stufi di vederci recapitare bollette salatissime per l’erogazione del ser vizio idrico come se l’acqua che scende dai nostri rubinetti fosse oro colato. E siamo indignati dal fatto che la Consulta dei sindaci che dovrà riunirsi domani insieme ai vertici di AZcea, sia d’accordo con l’aumento delle tariffe per l’anno in corso. Per questa ragione condividiamo in pieno la decisione di organizzare un sit-in di protesta davanti alla sede dell’Amministrazione provinciale di Frosinone di Palazzo Gramsci in programma per domani. In concomitanza, infatti, con l’assemblea, i cittadini protesteranno contro un ser vizio che non è più sostenibile e che sta arrecando solo danni.

I TENTACOLI DELLA MAFIA SUI RIFIUTI

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


Frosinone Domani manifestazione di protesta in piazza Gramsci contro la gestione privata dell’acqua

“No” all’Acea e ai sindaci compiacenti I cittadini dichiarano guerra all’aumento delle tariffe previsto per il 2010

FROSINONE - Un amico mi ha chiesto di aiutarlo a far ricorso per una bolletta di 3.170.00 euro, in tre mesi ha consumato 1960 mc. di acqua...sarà possibile? Mandiamoli via e i politici che li appoggiano staniamoli e manifestiamo per farli dimettere...” “Ma i nostri politici si sono dimenticati, quando in campagna elettorale dicevano che ci pensavano loro alla questione acqua?” Due significative testimonianze pubblicate online che dimostrano quanto i cittadini di Frosinone siano sempre più preoccupati e arrabbiati, perché no, vittime di bollette dell'acqua esorbitanti,all'innalzamento vertiginoso delle tariffe non è affatto

corrisposto un miglioramento del servizio. La stessa Commissione di vigilanza del ministero dell'Ambiente ha definito illegittimo l'aumento del 20%, registrato a Frosinone. Il malcontento si estende ovviamente ben oltre il capoluogo. La faccenda ACEA ATO 5, è il caso di dirlo, fa acqua da tutte le parti. Proprio per questo, stanchi, dopo ben tre referendum sull'acqua pubblica, oltre 16 mila firme, i cittadini stanno organizzando per Lunedì 8, giorno in cui si riunirà l’Assemblea dei Sindaci per decidere se tentare ancora una volta un percorso conciliativo con Acea o meno, un sit in di protesta in piazza Gramsci contro “l'acea e tutti i sindaci sostenitori”.

Nel corso dell'ultima riunione della Consulta d’Ambito, i responsabili di Acea hanno fatto presente che la società necessita per operare di una tariffa minima per il 2010 di euro 1,27. Questa tariffa, però, basterebbe ,a loro dire, solo per la copertura dei costi operativi. Dunque Acea, nel caso di un aumento della tariffa fino a euro 1,27 dagli attuali stabiliti di 0,94, non opererebbe comunque nuovi investimenti nè pagherebbe gli oneri concessori che i Comuni attendono con ansia. Molti Comuni, infatti, senza la riscossione degli oneri concessori che non vengono corrisposti dalla società dal 2007, non sanno come far fronte ai mutui che avevano sottoscritto in precedenza e che compaiono nel contratto con Acea stipu-

lato nel 2003. Intanto la gente continua a ricevere bollette da “svenimento” per un bene ,l'acqua, di primissima necessità e pretende ora di comprendere le motivazioni e di chi sia la responsabilità di un tale “maremoto” sociale. Al di la della contrapposizione tra pubblico e privato è necessario, comunque, che l'affidamento a terzi dei servizi pubblici, a Frosinone la privatizzazione s'è concretizzata sin da molto tempo ma il rodaggio ancora pare non essere finito, preveda un'autorità garante, preposta al controllo dell'equità della tariffe. E, purtroppo, quest'elemento è, al momento, del tutto assente nella relativa legge. In ogni caso si tratta di un problema sentito davvero da tutti in considerazione delle tariffe salatissime che arrivano ogni giorno e che pesano sui bilanci familiari. Abituati, infatti, a pager costi contenuti, adesso i cioicari sono stanchi di dover sborsare cifre da capogiro. Soprattutto in considerazione anche di un altro aspetto che non è assolutamente trascurabile: i servizi forniti dall’Acea non sono proprio eccellenti. Settimanalmente registriamo di perdite di acqua e di quartier con i rubinetti a secco e di interventi che vengono effettuati anche dopo mesi. Il tutto con un costo elevato che davvero non è sostenibile. Joe Carobolo


Frosinone Grandi festeggiamenti ieri mattina a Frosinone per la ricorrenza del 196° anniversario della fondazione

Celebrata l’Arma dei carabinieri Il comandante Sparagna: un unico impegno, vegliare sulla sicurezza di tutti FROSINONE - L’Arma dei carabinieri ha festeggiato ieri i 196 anni della Fondazione. Sin dalle prime ore del mattino a Frosinone si respirava l’aria delle grandi occasioni. Poi, ad uno ad uno, sul palco delle autorità hanno iniziato a prendere posto politici, ufficiali e rappresentanti del territorio. A fare gli onori di casa il comandante provinciale dell’Arma dei carabinieri di Frosinone ha richiamato innanzitutto il compito istituzionale per l’Arma dei Carabinieri, che dal 13 luglio 1814 con la promulgazione delle Regie Patenti concesse dal Re Vittorio Emanuele I fino ad oggi, quindi per 196 anni, è sempre stato quello di “vegliare alla conservazione della pubblica e privata sicurezza”. Come di consueto, seppure brevemente, è stato fornito un bilancio dell’attività svolta: circa 8.000 delitti perseguiti, oltre 600 arresti per assicurare alla giustizia responsabili di vari reati, in particolare nei settori dello spaccio di droga e per infrenare il fenomeno dei reati predatori; più di 3.000 servizi di ordine pubblico assicurati su tutta la Provincia, che è stata vigilata con costanza attraverso 35.000 servizi di pattuglia e perlustrazione svolti da tutti i Reparti; oltre un centinaio le sanzioni per guida sotto l’effetto di alcolici e stupefacenti. Non è stato sottaciuto, seppure con la discrezione ritenuta inevitabile, un impegno delicato per tutte le volte che i Carabinieri hanno soccorso, aiutato e confortato quanti versavano in condizioni di disperazione e di bisogno, ripagandosi esclusivamente della gratitudine ricevuta con immensa soddisfazione. L’esaltazione del valore della persona umana, dei nobili sentimenti militari, prerogativa per ogni Carabiniere a partire dal formale atto di giuramento quale momento di assunzione di responsabilità e di dedizione al servizio, ha coronato il discorso che si è concluso con l’esortazione ad ogni Carabiniere a rispettare i valori dell’Arma nella certezza testimoniata a tutti gli ospiti invitati che l’assoluta fedeltà dell’Arma dei Carabinieri resta, immutata nel tempo, a garantire la legalità e la dignità del vivere civile. Durante la cerimonia, inoltre, sono stati consgenati i riconoscimenti ai militari del Comando provinciale che nel corso dlel’anno si sono distinti in operazioni di servizio.

Intercettazioni Il sindacato dei poliziotti martedì in marcia su Roma

Encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Campania” concesso al Tenente Colonnello Paolo D’Aguanno: “Comandante di Nucleo Operativo di Comando Provinciale caratterizzato da elevato indice delinquenziale, dimostrando elevate qualità professionali e spiccato intuito investigativo, organizzava e dirigeva, partecipandovi personalmente, complesse ed articolate indagini che consentivano di localizzare e trarre in arresto due pericolosi latitanti, esponenti di spicco di clan malavitoso, entrambi sorpresi in un nascondiglio abilmente ricavato in un’abitazione. L’operazione si concludeva con il sequestro di tre pistole, un fucile a canne mozze e copioso munizionamento”. Encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Campania” concesso al Capitano Pierfrancesco Di Carlo: “Comandante di Nucleo Operativo e Radiomobile di Compagnia distaccata, operante in territorio caratterizzato da elevato indice di criminalità, dando prova di elevata capacità professionale e spiccato senso del dovere, conduceva, partecipandovi personalmente, complessa attività di indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale dedito al traffico di stupefacenti. L'operazione si concludeva con l'arresto di 53 affiliati, il sequestro di ingenti quantitativi di stupefacenti del tipo cocaina e marijuana e di euro 15.000 in contanti provento dell'attività illecita".

FROSINONE – Il Silp-Cgil, sindacato italiano dei lavoratori di polizia, manifestera' a Roma davanti al Senato l'8 giugno alle ore 16.30 contro il ddl intercettazioni in concomitanza con la ripresa della discussione in aula del provvedimento. Anche la delegazione provinciale di Frosinone parteciperà all’iniziativa. Ecco a tal proposito le dichiarazioni di Marco Galli, rappresentante territoriale nel direttivo nazionale del Silp per a Cgil:“Contro il Ddl sulle intercettazioni è moralmente giusto protestare ed il Silp per la Cgil lo farà l’8 giugno davanti al Senato della Repubblica a partire dalle ore 16.30, contestualmente all’inizio del dibattito sul provvedimento. Una norma pericolosa, sia perché compromette gravemente la possibilità di investigare e quindi contrastare la criminalità, sia perché comprime la libertà di stampa, quindi, il diritto dei cittadini ad essere informati. Una norma di cui non si sente il bisogno, che favorisce la mafia ed i corrotti, che si tenta di far passare dopo una strumentale campagna me-

Ecomafia: il Lazio è al secondo posto Un business che non ha certamente risentito della crisi. Stiamo parlando dell’Ecomafia il cui rapporto 2010 di Legambiente è stato presentato oggi con dati certamente non confortanti che vede la regione Lazio salire al secondo posto. Non è un caso che proprio in questi giorni c’è stata l’importante operazione della Guardia di Finanza in cui è stato scoperto, in un complesso industriale alla periferia di Ceprano, una vasta area di 40.000 metri quadri, adiacente al fiume Cosa.

Encomio semplice del Comandante della Legione Carabinieri “Lazio” concesso a: Tenente Vincenza Sannino, Maresciallo Gianni Mastrantuoni, Brigadiere Antonio Caporusso, Appuntato Luigi Giobbe e Appuntato Giuseppe De Santis. “Dando prova di notevole capacità professionale, spiccata competenza e spirito di abnegazione conducevano complessa indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale dedito allo spaccio di stupefacenti. L'operazione si concludeva con l'arresto in flagranza di 10 persone, l'esecuzione di 8 fermi di indiziato di delitto ed il sequestro di sostanze psicotrope, materiale vario per la pesatura, taglio e confezionamento della droga". Encomio semplice collettivo del Comandante della Legione “Lazio” concesso all'Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Anagni (ritira la ricompensa il Luogotenente Marco Conetta in rappresentanza del Reparto): “Aliquota Operativa di Compagnia distaccata, con corale partecipazione di tutti i militari, che palesavano elevata professionalità, spiccato acume investigativo e lodevole dedizione, conduceva complessa indagine che consentiva di disarticolare un sodalizio criminale dedito allo spaccio di stupefacenti. L'operazione si concludeva con l'esecuzione di 9 ordinanze di custodia cautelare in carcere, il sequestro di sostanze psicotrope, denaro contante, titoli di credito e materiale vario per la pesatura, il taglio e confezionamento della droga". Compiacimento del Comandante della Legione “Lazio” concesso a: Maggiore Fernando Maisto, Capitano Pietro Caprio, Luogotenente Erasmo Di Lorenzo, Luo-

diatica senza precedenti finalizzata a prospettare agli Italiani un’Italia completamente spiata da magistrati e poliziotti. Una rappresentazione ridicola, di una realtà completamente inventata, considerato che la normativa attuale sulle intercettazioni telefoniche è la più restrittiva in assoluto. In questo Paese intercettare legalmente, - poiché esiste invece un problema di ascolti illegali ma fanno parte di altre dinamiche e non c’entrano né con la magistratura né con le forze di polizia -, è difficilissimo ed è possibile soltanto in presenza di particolari requisiti. E’ assolutamente falso, quanto riferito da chi ha interesse a far passare il Ddl in argomento, che in Italia vi sia un numero spropositato di cittadini intercettati, semmai, può esserci un numero consistente di utenze intercettate, considerato che l’Italia è il Paese in Europa con il più alto numero di telefonini (una sim e mezza ogni cittadino); non solo, gli Italiani sono quelli che in Europa conversano di più in mobilità (dai 52 miliardi di minuti del 2003 ai 97 miliardi del

Cabine telefoniche Rimosse quelle vecchie SORA - E’ stata rimossa la cabina telefonica posizionata sotto il portico in Piazza Santa Restituta ormai da diverso tempo in disuso e in cattive condizioni, presto verranno eliminate quelle presso Piazza Risorgimento ed infine le due cabine site in via Lungo Liri Mazzini sono state sostituite con altrettante di nuova tipologia e a gettone. “Siamo soddisfatti per l’intervento” dichiarano da “Codici”.

gotenente Pasquale Sito e Maresciallo Salvatore Strusciolo. “Per le capacità professionali evidenziate nell’ambito di una complessa indagine che consentiva di trarre in arresto 7 soggetti di origine albanese, tra cui un latitante, responsabili a vario titolo di omicidio e tentato omicidio in danno di tre connazionali”. Compiacimento del Comandante Provinciale concesso a: Capitano Adolfo Grimaldi, Capitano Francesco Maceroni, Maresciallo Gennaro Salato, Maresciallo Gianni D’Arpino e Appuntato Marino Cicchelli, “Per i risultati conseguiti in complessa indagine che ha permesso di identificare ed assicurare alla giustizia nel corso delle investigazioni, 10 malviventi tratti in arresto ed altri 8 sottoposti a fermo di polizia giudiziaria, responsabili di reati predatori nei confronti di privati e commercianti, nonché il recupero di ingente refurtiva in oro, contante e preziosi”. Compiacimento del Comandante Provinciale concesso a: Maresciallo Elpidio Cepparullo, Maresciallo Gabriele Tersigni, Maresciallo Domenico De Innocentis, Maresciallo Walter Papa, Brigadiere Felice Conflitti, Appuntato Giancarlo Fioroni e Appuntato Roberto Rocco. “ Per la professionalità e l’efficace condotta investigativa che consentiva l’identificazione, il rintraccio e l’arresto di tre soggetti di origine straniera, responsabili di rapina aggravata, sequestro di persona e lesioni in danno di due anziani coniugi aggrediti di notte all’interno della loro abitazione”.

2008). Tutto ciò dovrebbe far riflettere su quante utenze potrebbe disporre un mafioso o, comunque, chi teme di essere intercettato essendo un criminale. Il pericolo reale è che, se venisse approvato il Ddl in discussione, la magistratura e le forze dell’ordine avrebbero le armi spuntate per svolgere il proprio lavoro ed il grido d’allarme lanciato dai procuratori della repubblica, tra i quali, Nello Rossi, Armando Spataro e Antonio Ingroia, le perplessità degli Stati Uniti, le critiche durissime e gli allarmi lanciati dai giornalisti, sono la riprova dei rischi insiti in un provvedimento legalicida e liberticida. In un momento storico come quello attuale ci sarebbe bisogno di ben altro, ossia, avremmo voluto un impegno così tenace dell’Esecutivo nei confronti della crisi terribile che affligge il Paese, un impegno capace di partorire una finanziaria equa, dove finalmente a pagare i costi della crisi fossero gli evasori fiscali e non i lavoratori, già spremuti per l’incapacità della politica di colpire i potenti ed i furbi”.

11 ANNO I - N° 82 dOmeNIcA 06 gIugNO 2010


Meteo

ORARI TRENI

Cassino Mattino

CASSINO ROMA

Pomeriggio Sera Notte Sora

Frosinone Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La ricetta

Cavatelli con bottarga e pomodorini Ponete sul fuoco una pentola con abbondante acqua. Lavate i pomodorini e tagliateli in quattro parti. Mondate e tagliate due spicchi d’aglio a metà, poi metteteli in una padella con l’olio e il cipollotto fresco tagliato a fettine sottili; fate appassire il tutto senza rosolare. Buttate poi nella padella i pomodorini e fate cuocere a fiamma moderata fino a che il pomodoro si sia ammorbidito ma non spappolato ( 5 minuti dovrebbero essere sufficienti), poi aggiustate di sale, pepate, unite le foglie di basilico tagliate grossolanamente e spegnete il fuoco. Grattugiate la bottarga (conservandone un pezzetto intero che taglierete a lamelle) e unitela agli altri ingredienti in padella mescolando per farla sciogliere. Quando i cavatelli saranno cotti al dente, scolateli e buttateli in padella, facendoli saltare per qualche secondo. Disponete la pasta nei piatti da portata, guarnendo ognuno di essi con le lamelle di bottarga e foglie di basilico fresche , e servite immediatamente.

Ingredienti:

Tempi preparazione: 15 min Cottura:

15 min

Difficoltà:

molto bassa

N. persone:

400 gr. Cavatelli 400 gr. Pomodori ciliegino 60 gr. Bottarga di muggine Basilico (12 foglie) Aglio (2 spicchi) Cipolle (1 cipollotto bianco) Olio extrav. d’oliva (5 cucc.) Sale (q.b.) Pepe nero macinato (q.b.)

4

Numeri utili EMERGENZA CARABINIERI

112

POLIZIA

113

VIGILI DEL FUOCO

115

EMERGENZA SANITARIA

118

CORPO FORESTALE

1515

SOCCORSO STRADALE

800116

SANITA’ OSPEDALE

0776 39291

CLINICA S.ANNA

0776 311123

CLINICA VILLA SERENA

0776 21058

SAN RAFFAELE

0776 3941

PRONTO SOCCORSO

0776 301222

GUARDIA MEDICA

0776 24422

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

(chiesa Madre)

ore 8.30 11.00 19.00 San Pietro ore 7.30 10.00 11.30 18.00

ore 9.30 12.00 19.00 San Giovanni ore 7.30 11.00 19.00

San Bartolomeo

C i o c i a r i a

CASSINO - FROSINONE 6.30 7.00 8.15 11.25 14.10

Domenica 06 --->

CASSINO - SORA 6.15 8.30 14.10 16.20 17.05 19.01 22.15

Il 6 giugno 2010 in Ciociaria si rinnova il tradizionale appuntamento con le infiorate del Corpus Domini. I borghi si trasformano in prati fioriti con scene della vita di Gesù e della Vergine. Alcuni tra i più spettacolari sono quelli di Alatri, Ceprano, Cervaro, Sora e l’Abbazia di Casamari a Veroli.

CASSINO - ROMA 6.00 8.30

San Germano

Sant’Antonio

AUTObUS

CASSINO - GAETA 4.56 6.00 7.01 8.00 8.21 9.16 11.16 12.41 13.10 14.15 15.31 16.31 17.46 19.36

Abbazia di Montecassino ore 9.00 10.30 12.00

Infiorata Corpus Domini

Segnaliamo inoltre che a Ferentino, la tradizionale infiorata artistica lungo le strade della parte alta della città, è stata spostata a sabato 5 giugno, mentre il 13 giugno toccherà alla parte inferiore. Come ogni anno, le migliori infiorate verranno premiate.

ore 8.30 11.00 18.00 San Basilio (Caira) ore 10.00 San Giovanni (Sant’Angelo in Th.) ore 8.30 11.00

TURNI FARMACIE SABATO 5 GIUGNO

COSTA

DOMENICA 6 GIUGNO

EUROPA

LUNEDI’ 7 GIUGNO

RICCIUTI

MARTEDI’ 8 GIUGNO

EUROPA

MERCOLEDI’ 9 GIUGNO

PRIGIOTTI

GIOVEDI’ 10 GIUGNO

S.BENEDETTO

VENERDI’ 11 GIUGNO

COSTA

Stasera in tv su Canale 5 (ore 21:30)

I DELITTI DEL CUOCO

NUMERI UTILI COMUNE

0776 2981

ABBAZIA

0776 311529

UNIVERSITA’

0776 2991

TRIBUNALE

0776 32091

AUTOSTRADE VI TRONCO

0776 3081

FERROVIE DELLO STATO

ORARI MESSE

888088

Dopo una vita dedicata a stanare criminali e ad assicurarli alla giustizia, Carlo Banci (Bud Spencer) ha deciso di ritirarsi sulla tranquilla e bellissima isola d'Ischia per dedicarsi alla sua vera passione, la cucina. Ha aperto il rinomato ristorante Polipo Allegro e ha portato con sé tre vecchie conoscenze: Antonio (Giovanni Esposito), Margherita (Monica Dugo) e Castagna (Monica Scattini). Ognuno di loro è stato in passato arrestato dall'ex poliziotto ed allo stesso tempo gli deve riconoscenza per avergli dato una nuova possibilità nella vita e compongono la ‘‘ciurma'' alle sue dipendenze. Ad Ischia vive anche Francesco (Enrico Silvestrin), l'attuale commissario di polizia dell'isola e figlioccio dello chef, che lo ha adottato quando il padre del ragazzo, migliore amico e collega di Carlo all'Interpol, è stato ucciso durante uno scontro a fuoco. La tranquilla vita di Carlo e dei suoi amici viene sconvolta dall'arrivo di Elsie (Sascha Zacharias), un'avvenente turista tedesca, che in realtà sta cercando di mettere a segno il furto di un preziosissimo disegno di Leonardo da Vinci. Elsie creerà problemi alla storia di Francesco con la fidanzata Serenella (Eleonora Sergio), sconvolgerà la vita del Polipo Allegro, ma soprattutto riporterà nella vita dell'inflessibile Carlo memorie e responsabilità che aveva sepolto. I destini di Carlo, Francesco ed Elsie si intrecceranno nell'arco di 11 storie poliziesche farcite di commedia e di azione per il divertimento di tutta la famiglia.

A D N AGE o n i s s Ca

13 ANNO I- N° 82 DOMENICA 06 GIUGNO 2010


sport BASKET LEgADUE

Al Palasport di Frosinone la Prima ospita i sardi in gara1 della finalissima play-off

Veroli, ecco l’ostacolo Sassari Coach Cancellieri:“Mi aspetto una sfida molto intensa e poco tattica: noi siamo pronti” FROSINONE - Il grande giorno è arrivato. Parte stasera l'avventura di Veroli nella finale play-off di Legadue contro Sassari per agguantare l'ultimo posto disponibile per la prossima stagione nell'olimpo del basket italiano. L'ambiente è carico al punto giusto, il Palas di Frosinone è esaurito in ogni ordine di posti per gara 1 di stasera contro il Banco di Sardegna e si preannuncia esaurito anche in gara due martedi sera. Veroli arriva a questa finale con un doppio 3 a 0 rifilato prima a Scafati e poi a Reggio Emilia. Morale alle stelle quindi per i verolani che non

devono commettere però l'errore di considerare abbordabile questa finale. Sassari infatti è squadra si, meno talentuoso di Veroli ma capace di grandi gare e per questo molto temibile negli scontri diretti. Certo la squadra ciociara ormai è un'armata che fa paura, è precisa nei passaggi, difende bene e in attacco ha tre caterpillar come Hines, Gatto e Rosselli che tutti vorrebbero in squadra, ma quello che conta è che i giallorossi hanno imparato a gestire le emozioni e la mente ora è rivolta solo e soltanto su un obiettivo, la promozione in Al. Il tifo al «Città di Frosinone» farà il resto, come sempre, mentre in queste giornate girando per la città di Veroli ci si accorge che c'è un fermento enorme che però non da fastidio e non mette pressione ai giocatori, anzi, forse li carica maggiormente, al punto giusto. La sfidante della Prima Veroli, quella Dinamo di Meo Sacchetti che è stata leader per diverse giornate nella regular season, ha avuto meno giorni per prepararsi alla serie di sfide finali, certo, se si doveva fare una scelta i giallorossi preferivano incontrare Sassari in finale, e così è stato, perchè Casale è stata l'unica squadra che nella regular season ha battuto i ciociari due volte su due. La

Coach Cancellieri

squadra di coach Crespi è più organizzata rispetto ai sardi che sono più talentuosi quindi più vicini alle caratteristiche di Veroli. Il talento di Veroli dunque, che mixato con i mezzi che ha la squadra di Cancellieri, ha il vantaggio di poter giocare rilassata, sapendo che se un giocatore non è in serata ci pensano i suoi compagni a portare a casa la vittoria. Coach Cancellieri nei giorni scorsi è stato chiaro - “Direi che si giocherà la finale che tutti aspettavano, e sicuramente la più giusta per quello che ha detto il campionato. Si affronteranno una squadra come Sassari che ha a lungo dominato il torneo, che è poi calata, riuscendo però a ricompattarsi negli ultimi mesi, e una Prima, invece, che era partita alla grande, ha avuto un calo, ma che negli ultimi mesi è sempre riuscita ad avere un rendimento abbastanza costante. Le due possibili sfide di finale ci avrebbero posto di fronte a due squadre totalmente diverse, una squadra quadrata come Casale che ha lottato fino alla fine dimostrando di essere una delle pretendenti per la vittoria finale, e una Dinamo invece che fonda il suo gioco soprattutto sull’attacco, e che ormai conosciamo molto bene. Direi che si prospetta una finale bellissima, molto intensa e poco tattica, nella quale le

CALCIO PLAY-OUT SERIE D

Il Boville si gioca la salvezza in casa con due risultati su tre a disposizione BOVILLE ERNICA - Salvo il Frosinone in serie B e salvo l'Isola Liri in Legapro la ciociaria calcistica attende oggi un'altra salvezza in zona “Cesarini”. Gara da dentro o fuori infatti quella odierna per il Boville di mister Perrotti. In serie D dunque si giocano oggi pomeriggio le gare di ritorno dei play-out di categoria e il Boville dopo il 2 a 2 ottenuto sul campo dell' Arzachena proverà oggi pomeriggio ad ottenere il pass decisivo per la permanenza in serie D davanti al pubblico amico del “Montorli”. Alle 15.00 infatti sul terreno sintetico ciociaro ci sarà la sfida decisiva contro i sardi. Ma il Boville appunto può partire da un rassicurante 2 a 2 ottenuto fuori casa domenica scorsa e potrà quindi giocare per due risultati utili su tre. In caso di pareggio quindi, per via del miglior piazzamento in campionato, la squadra di Carlini avrà assicurata la permanenza nel massimo campionato dilettantistico nazionale. La gara contro i sardi si preannuncia difficile in quanto è a tutti gli effetti un match da dentro o fuori e chi perde retrocederà in ec-

14 ANNO I - N° 82 DOmENICA 06 gIUgNO 2010

cellenza (anche se per il Boville in caso di retrocessione sportiva ci sarebbe il probabilissimo ripescaggio in virtù della semifinale di Coppa Italia raggiunta). Nelle sfide di campionato il Boville ha battuto i sardi in entrambe le occasioni e si

Il tecnico Perrotti è dimostrato nettamente superiore alla compagine isolana.Perrotti dovrebbe schierarsi in campo con il giovane portiere campano Mainardi a difendere la porta, linea difensiva imprescindibile da Padovani e Palo che “sfortunatamente” per il Boville sono entrati in forma solo a fine stagione. Cen-

trocampo classico guidato da Molinaro e reparto offensivo affidato al bomber Alessio Carlini (autore della doppietta in Sardegna) con affiancato il cassinate Luca Migliorelli. Arbitro dell'incontro il direttore di gara signor Fabio Maresca di Napoli.“Ce la metteremo tutta per conquistare la salvezza – le parole di mister Perrotti – non possiamo rovinare una stagione con un brutta gara. Dobbiamo vincere, o pareggiare a tutti i costi. I ragazzi se lo meritano per come hanno affrontato questo finale di stagione. Abbiamo dovuto affrontare e superare molte difficoltà in questa stagione ed a questo punto salvarsi ai play-out per noi sarebbe un grandissimo risultato. Indipendentemente da come andrà a finire oggi, ma sono molto ottimista, devo ringraziare tutti i miei giocatori per come si sono comportati in questa stagione.” Appuntamento quindi per il Boville oggi pomeriggio alle 15.00 al “Montorli” per garantire l'anno prossimo la partecipazione di almeno una squadra della provincia di Frosinone nel campionato di serie D. andr.mastr.

Kyle Hines della Prima due squadre si affronteranno a viso aperto, e nella quale sarà decisivo il modo in cui da una parte e dall’altra si riuscirà a limitare il grande talento offensivo delle due compagini. Stasera quindi il primo atto di una saga da combattere al meglio delle cinque partite, le prime due a Frosinone. Jack Devecchi, giovane veterano biancoblù, analizza così la sua seconda finale consecutiva in maglia Dinamo: «In una serie come questa non c’è una favorita, si gioca in un contesto nel quale si parte alla pari, perché ci sono tante situazioni che si possono creare sul campo e nella

mente capaci di fare la differenza, da una parte e dall’altra. Penso che la Dinamo abbia assolutamente meritato di arrivare in finale. Ora dovremo sfruttare il gioco di squadra, la voglia e lo spirito di gruppo - afferma il numero 8 della squadra sassarese componenti che già ci hanno aiutato a uscire dalla serie negativa delle sei sconfitte consecutive di fine stagione regolare. Allora come adesso abbiamo dimostrato di crederci e di poter far bene. Veroli è una squadra tosta, con buoni giocatori e ricca di talento offensivo. Noi non siamo da meno e la nostra difesa, grazie anche alle indicazioni e alle scelte di coach Sacchetti, sta costantemente migliorando. - conclude Devecchi - Siamo consapevoli delle nostre potenzialità e dei nostri mezzi, abbiamo già battuto la Prima Veroli nella stagione regolare, possiamo ripeterci anche in finale». Nella speranza che questo non succeda, anche perchè Veroli cabala a parte è la favorita, stasera ci vorrà una grande prestazione della squadra di Cancellieri e delle grandi giocate per partire subito col piede giusto in questa finale play-off e far capire a tutti che Veroli fa sul serio e vuole scrivere un pezzo di storia del basket italiano. Andrea Mastrantoni

TENNIS

Impresa riuscita alla Schiavone che trionfa al Roland Garros PARIGI - Trionfo azzurro nel torneo d’oltralpe più prestigioso: l'italiana Francesca Schiavone ha vinto il Roland Garros, il più importante torneo del mondo sulla terra battuta. In finale ha sconfitto l'australiana Samantha Stosur, numero 7 del mondo, col punteggio di 6-4 7-6 (2) in un'ora e 37'. È la prima vittoria di una tennista italiana in una prova del Grande Slam. Lacrime di felicità per Francesca Schiavone, fresca vincitrice del Roland Garros. La milanese all'errore della sua avversaria che le ha regalato la vittoria nel più importante torneo del mondo su terra battuta, ha alzato le braccia al cielo agitandole in segno di incredulità per poi gettarsi, esausta e felice, a terra portandosi le mani al viso prima di baciare la terra del campo centrale Philippe Francesca Schiavone con la coppa Chatrier del Roland Garros. Quindi la Schiavone ha raggiunto il gruppo di amici e parenti che per tutto l'incontro l'ha incoraggiata e si è stretta in un abbraccio col suo allenatore Corrado Barazzutti. «È la gioia più grande della mia carriera, è incredibile. Tutto è andato per il verso giusto, ma oggi ero più aggressiva della mia avversaria»: queste le prime parole alla tv francese dell'emozionatissima Francesca Schiavone, reduce dall'impresa del primo Roland Garros conquistato per i colori italiani a Parigi.

Nigeria, torna a casa Mikel del Chelsea

Maicon:“Se Moratti vuole resto all’Inter”

Il centrocampista del Chelsea di Carlo Ancelotti Obi Mikel salterà la Coppa del Mondo che si disputerà in Sudafrica e che avrà inizio tra pochi giorni. «Abbiamo deciso di lasciarlo fuori dopo che lo stesso giocatore ha detto di non sentirsi pronto e di non voler mettere a rischio la propria carriera», ha spiegato un portavoce della nazionale africana.

«La mia intenzione è quella di rimanere all'Inter. Non voglio andar via, lo farei soltanto se a chiedermelo fosse Moratti». Maicon, fa dal ritiro mondiale del Brasile fa sapere di non voler lasciare Milano e di voler restare nerazzurro. «Le mie parole sono state maleinterpretate, ho un contratto fino al 2014 e voglio rispettarlo, i tifosi stiano tranquilli».


sport MOTOMONDIALE

Il pilota cassinate al debutto in 125 cade nelle qualifiche e non migliora il crono delle libere

Mugello, Pontone fa il 28° tempo Stamane alle ore 11 il via della gara: Armanduck tenterà una rimonta delle sue MUGELLO (FI) - Dopo aver ottenuto un ottimo piazzamento nelle prove libere del venerdì classificandosi al ventunesimo posto della graduatoria, il pilota cassinate Armando Pontone ha concluso ieri pomeriggio la sessione di qualifiche ufficiali del Gran Premio d’Italia al ventottesimo posto. Un leggero passo indietro quindi per il centauro cassinate, nella giornata che ha fatto registrare il pauroso fuori pista di Valentino Rossi che, dopo essersi fratturato tibia e perone, ha praticamente consegnato il titolo mondiale nelle mani dello spagnolo Jorge Lorenzo. Delle qualifiche a dir poco “strane” al Mugello per la classe 125cc. Sandro Cortese ha conquistato la seconda pole position in carriera (la prima lo scorso anno a Barcellona) mentre il suo avversario più credibile, l’iberico Pol Espargaro, era fermo ai box a guardare i tentativi dei propri colleghi complice un highside nel finale in uscita dalla “Poggio Secco”. Sono bastati 21/1000 al pilota tedesco del

team Ajo Motorsport, a piedi fino allo scorso mese di febbraio complice una difficoltà nel reperire uno sponsor per completare il budget, per battere il vincitore dei GP di Jerez e Le Mans, sfruttando al meglio la propria Derbi RSA e la scia di Nico Terol davanti a sè, quarto in griglia per una

seguire Randy Krummenacher, sempre più convincente con l’Aprilia (la stessa RSA condotta nel 2009) del team Molenaar, quanto basta per tenersi alle spalle Marc Marquez inspiegabilmente indietro nel finale vedendo i positivi riferimenti cronometrici delle prove di questa

Per Armanduck 28 piazza nelle qualifiche del sabato prima fila completata anche dal terzo tempo di Bradley Smith. Cortese, Espargaro, Smith e Terol davanti a tutti, a

mattina. In queste qualifiche molte le cadute con coinvolti anche Efren Vazquez, ottavo in gri-

glia preceduto da Tito Rabat, ed alcuni dei nostri piloti come Luigi Morciano, 16°, ed Armando Pontone, 28°, entrambi wild-card con l’Aprilia del programma Junior GP voluto dalla Federmoto che ha portato Alessandro Tonucci in 15° posizione, pochi centesimi proprio davanti a “Gigio” Morciano. Recupera fino alla ventesima posizione Simone Grotzkyj Giorgi all’esordio con l’Aprilia RSA del Fontana Racing, 22° Riccardo Moretti, Tommaso Gabrielli è 24° (Racing Team Gabrielli) subito davanti a Lorenzo Savadori (Matteoni Racing), Mattia Tarozzi (Faenza Racing), 30° l’infortunato Luca Marconi e 32° Marco Ravaioli con la Lambretta. Nessun tempo utile per Adrian Martin, caduto rovinosamente a inizio sessione in uscita dal “Correntaio”, sarà ammesso alla corsa avendo ottenuto buoni tempi nelle prove libere. Nonostante l’inconveniente che ha caratterizzato le qualifiche ufficiali di ieri, nella gara che prenderà il via questa mattina con partenza fissata per le ore

Armando Pontone 11, Armando Pontone proverà la rimonta per piazzarsi in posizioni più consone alle proprie potenzialità. Sarà impresa ardua, quasi impossibile pensare di andare a punti ma, almeno fino ad ora, la primissima esperienza di Armanduck tra i big del motomondiale, nelle due giornate di prova, resta molto positiva. A prescindere dall’esito della gara, stamane ci ritroveremo tutti incollati al televisore per gustarci le pieghe del campioncino nostrano. Antonino Massara

CALCIO LEGA PRO

CALCIO SCOMMESSE

Primo atto della finalissima play-off Cisco Roma all’attacco del Catanzaro

Segunda spagnola, Norvegia, Serie B e Lega Pro: dritte sulle sfide di oggi in attesa dei promo mondiali

ROMA - Fari puntati sullo stadio Flaminio di Roma dove oggi pomeriggio alle ore 16 andrà in scena il primo atto della finalissima play-off che metterà di fronte la Cisco Roma al Catanzaro. Ancora 180 minuti di passione e sopriremo il nome della compagine che farà compagnia alla Juve Stabia già promossa in Prima Divisione. Una sfida avvicente quella del girone C in cui si daranno battaglia due formazioni molto diverse ma che, comunque, durante l’arco dell’intera stagione, hanno dimostrato di avere le carte in regola per ambire al salto di categoria. Partirà leggermente favorito il Catanzaro di Auteri che potrà contare sulla forza di un collettivo capace di lasciarsi scivolare addosso le tante difficoltà societarie che non GRANDE EX - Max Caputo hanno minimamente influito sui risultati di una squadra capace di fare gruppo e di esprimere discrete individualità. Sul versante capitolino invece Beppe Incocciati punterà sul grande potenziale offensivo e su una difesa granitica e quasi imperforabile nelle uscite casalinghe. Osservato speciale dell’incontro del Flaminio sarà sicuramente Max Caputo, ex beniamino dei giallorossi calabresi, venduto per fare cassa e passato alla Cisco durante la sessione di mercato invernale. Attesi oltre 1500 tifosi catanzaresi da ogni parte d’Italia.

In attesa di scommettere sul Mondiale, ormai alle porte, in questo fine settimana ci concentriamo in prevalenza sulla Segunda spagnola, in cui ci piace particolarmente un giochetto da fare piazzando tre singole. Il campionato in questione, che già di per sé si caratterizza per la buona percentuale di incontri terminati in pareggio, tra sabato e domenica, presenta tre sfide in cui il segno X appare particolarmente probabile. Si sfidano tra di loro sei squadre che hanno la salvezza come obiettivo comune e che sono sopra la soglia retrocessione dalle due alle quattro lunghezze. Il punticino a testa potrebbe accontentare tutti, e non pensiamo per forza al “biscotto”, ma alla possibilità che le partite prendano una certa direzione, spin-

gendo le contendenti a non farsi del male. Stiamo parlando di Celta Vigo-Gimnastic, Las Palmas-Girona e Rayo Vallecano-Cordoba. L’idea è la seguente: essendo i tre pareggi tutti quotati da 3,00 in su, giocandoli singolarmente, si recupererebbe l’intera spesa nel caso ne uscisse uno, si raddoppierebbe il proprio investimento con due, si triplicherebbe con tre. Ci si può seriamente pensare. Dallo stesso campionato si può pescare l’over, bancato alla pari (2,00) di Cartagena-Hercules: il pari non serve a nessuno in quello che è uno scontro promozione e, se il match non si sblocca troppo tardi, ne potremmo vedere delle belle. Nella Tippeligaen norvegese invece occhio alla forma dello Stabaek, team partito per contendere il titolo al

Brutta caduta per Rossi Almeno 2 mesi di stop

Juve, Marotta conferma “Per Pepe quasi fatta”

Spaventoso incidente per Valentino Rossi durante il secondo turno di prove ufficiali del Gp d'Italia del Mugello. Il pluricampione della MotoGp ha riportato la doppia frattura scomposta ed esposta alla gamba destra. A Firenze in corso l'operazione chirurgica, prognosi di circa due mesi. In pole Pedrosa, alle sue spalle l’altro spagnolo Lorenzo.

Beppe Marotta, nuovo direttore generale della Juventus, intervistato da Sky Sport, ha confermato che l’ormai ex Udinese Simone Pepe è quasi ufficiale, per Trezeguet invece al momento non ci sono offerte dell'Atletico Madrid, Dzeko costa troppo e Giampaolo Pazzini ed Angelo Palombo non faranno parte della nuova Juve targata Del Neri.

Rosenborg, che ha le carte in regola per espugnare il campo del modesto Sandefjord: ci piace il 2 a 1,90. E in casa nostra? Si giocano le partite di ritorno dei playoff di serie B e di lega pro. Della nostra cadetteria non ci dispiace l’1,75 di Brescia-Cittadella. Gli ospiti devono sbilanciarsi e non poco, perché dopo la sconfitta subita in casa propria, devono vincere con due gol di scarto per approdare alla finale, ma è probabile che paghino la forza casalinga di Caracciolo e compagni, ai quali non mancheranno gli spazi. Per quanto riguarda la vecchia serie C, difficile che si scappi dall’under in Verona-Pescara, che tuttavia sarà quotato molto basso: occhio al risultato esatto di 0-0, un abituè nei precedenti tra le due squadre. Luca Tedeschi

15 ANNO I - N° 82 DOMENICA 06 GIuGNO 2010


lagazzettacassino060610a  

L’OSCAR DEL GIORNO AGLI AMBIENTALISTI Tre frane minacciano la sicurezza dei cittadini dISTRIbUzIONE GRATUITA dOmENICA 06 GIUGNO 2010 ANNO I...