Issuu on Google+

ANNO i1 - N° 102 - GiOVEDì 05 MAGGiO 2011 - DistribuziONE GrAtuitA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita GiOrNALE sAtiriCO

L’OSCAR DEL GIORNO ALLA POLIZIA DI STATO

PARENTI SERPENTI

Per l’azione di controllo e prevenzione nel fine settimana quando per le strade centrali di Cassino si scatena la folla dei giovani per la movida notturna fatta di lunghe bevute e di fumate… stupefacenti. E’ la polizia di Stato ad intervenire per sedare eventuali risse notturne scatenate da giovani che hanno alzato il gomito o per scoraggiare quelli dediti all’uso di sostanze proibite. Controlli serali più frequenti sarebbero ben accetti dai residenti della zona.

IL TAPIRO DEL GIORNO AI BALORDI NOTTURNI

A quei giovani che fracassoni e bevitori creano il caos durante la movida soprattutto del sabato sera. Un avvertimento a quei balordi notturni che rendono avvelenata le tranquille serate della movida che caratterizza Cassino e che richiama giovani da tutto il circondario per un sano divertimento. Divertimento spesso interrotto dalle risse che provocano questi balordi che la polizia dovrebbe respingere con punizioni esemplari.

CRONACA

LEGALITÀ

ELEZIONI

Numerose le proteste dei cassinati per i ritardi e i continui disagi con l’acquedotto

Siglato tra il Comune e Prefettura il Protocollo per la legalità negli appalti

Gianni Valente di Forza del Sud propone un ufficio per gli acquisti e per la gestione diretta delle tasse

A PAG. 5

A PAG. 6

A PAG. 7

www.lagazzettacassino.it

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione Si tratta di aziende per il recupero dei tributi già attive in alcune regioni del Nord

Nascono le società di riscossione Anche il Lazio si avvia verso la fase del federalismo fiscale. Presente La Loggia ROMA - “Creeremo una nostra società per la riscossione dei tributi come già hanno Regioni importanti come la Lombardia”. Lo ha annunciato il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, intervenendo in Consiglio regio-

SETTORE TERZIARIO

Dal turismo numerose opportunità di lavoro ROMA ''Il settore turistico-alberghiero rappresenta una valida e qualificata possibilita' occupazionale per tanti giovani della nostra Regione. Solo lo scorso anno, nonostante le oltre 11 mila nuove assunzioni, un'azienda su tre ha avuto difficolta' nel reperire il personale qualificato di cui aveva bisogno. Per questo la Giunta Polverini sta mettendo in campo numerose iniziative per favorire l'incrocio tra la domanda e l'offerta di lavoro nei settori strategici dell'economia laziale''. Lo ha dichiarato l'assessore al Lavoro e Formazione della Regione Lazio, Mariella Zezza, partecipando ad un incontro organizzato dall'Ada, Associazione direttori d'albergo, per presentare due nuove iniziative per la formazione nel settore alberghiero. Nello specifico, i due interventi riguardano l'istituzione di borse di studio, con tirocini in Italia e all'estero, per gli studenti piu' meritevoli degli Istituti di Formazione Superiore del Lazio e l'avvio di un corso di laurea triennale in Scienze del Turismo organizzato in collaborazione con la scuola di istruzione a distanza dell'Universita' Tor Vergata.

2 ANNO II - N° 102 gIOvedì 05 mAggIO 2011

nale in occasione dell'audizione del senatore Enrico La Loggia, presidente della Commissione parlamentare bicamerale per l'attuazione del Federalismo Fiscale, nel corso della Commissione regionale su Federalismo e Roma Capitale. “E' un progetto che è già in una fase avanzata e che avevamo temporaneamente sospeso perché il decreto sul Federalismo sembrava eliminare in qualche modo la riscossione diretta dei tributi da parte delle Regioni – ha spiegato Polverini - Dal momento che così non è, sicuramente andremo avanti e ci sarà un risparmio in termini di costi e la reale possibilità di incidere in termini concreti rispetto all'eva-

sione. Ricordo che il Lazio ha tassi di evasione troppo importanti”. Ad aprire i lavori della commissione, il presidente, Marco di Stefano, per il quale la proposta di una società di riscossione della Regione va nella direzione auspicata anche dalla commissione consiliare. “Crediamo che il modello di gestione dei tributi propri, nonché dell'Irap,deve prevedere l'accertamento e la riscossione direttamente dalla Regione Lazio- ha detto - . Solo in tal modo ci potrà essere un più incisivo e diretto recupero dell'evasione che contribuirà in futuro alla riduzione del carico fiscale su famiglie e imprese”. Dal canto suo, La Loggia ha ricordato come solidarietà e responsabilità siano i pilastri fondamentali del federalismo. “Bisogna dar prova di saper bene amministrare i fondi a disposizione – ha aggiunto Devo dare atto alla presidente Polverini di essersi messa per tempo, e prima di tanti altri, su questa strada. Mi auguro che la

Regione Lazio possa diventare un esempio per la realizzazione del federalismo”. “Il Lazio si sta incamminando in questa nuova avventura con la volontà di competere con le Regioni migliori ha affermato Polverini – Il Lazio punta a essere l'anello di congiunzione tra il Nord e il Sud del Paese. Mi farò carico di organizzare un momento di riflessione con i rappresentanti di tutte le giunte regionali per dare modo anche alla commissione bicamerale di approfondire i nodi del federalismo". Polverini ha inoltre ricordato come la riduzione del disavanzo sanitario “ha consentito di diminuire immediatamente le super-aliquote, che scenderanno da giugno per le imprese e da gennaio per le persone fisiche. Stiamo cercando di ricondurre le spese della Regione alle cose concrete, ai servizi intervenendo pesantemente sugli sprechi attraverso la centrale unica degli acquisti. Più lavoreremo prima ci sarà la possibilità di abbassare le aliquote”.

CRISI LAVORO

La Regione sostiene i lavoratori pontini della “Evotape” Ad assicurarlo è stato l’Assessore alle Politiche Sociali, Aldo Forte ROMA - ''Si e' trattato di un incontro molto importante, perche' era necessario creare un fronte unico e unitario tra gli operai, i sindacati, i sindaci, la provincia di Latina e la Regione. Ritengo, infatti, che far luce sul destino della Evotape sia doveroso, perche' parliamo prima di tutto del futuro dei circa 140 lavoratori, per lo piu' monoreddito, e delle loro famiglie. La perdita di un numero cosi' alto di posti di lavoro avrebbe delle pesanti ricadute non solo da un punto di vista economico, ma soprattutto sociale. Per questo l'impegno che abbiamo as-

sunto a livello regionale e' quello di vigilare attentamente sul nuovo piano industriale, che dovra' garantire la piu' larga rioccupazione dei lavoratori attualmente in cassa integrazione''. Lo ha dichiarato l'assessore alle Politiche sociali e Famiglia, Aldo Forte, a margine della riunione che si e' svolta presso la sede della Regione Lazio per discutere del caso Evotape, l'azienda di nastri adesivi situata nel comune di Santi Cosma e Damiano che dallo scorso gennaio ha dichiarato lo stato di crisi. Oltre all'assessore Forte, all'incontro

hanno partecipato l'assessore al Lavoro e Formazione, Mariella Zezza, e le maestranze e le rappresentanze sindacali dell'azienda, nonche' i sindaci di Santi Cosma e Damiano, Minturno e Castelforte e l'assessore della Provincia di Latina allo sviluppo economico.

AMBIENTE

Incendi boschivi, ok della Regione alla campagna ROMA - Parere favorevole all’unanimità da parte della commissione Ambiente del Consiglio regionale del Lazio allo schema di delibera di giunta sugli incendi boschivi. Confermata la dichiarazione di “area a rischio di incendio boschivo e di interfaccia” per tutto il territorio del Lazio, nel periodo di massimo rischio - con stato di grave pericolosità - individuato dal 15 giugno al 30 settembre. Previsto, inoltre, dallo schema di delibera per la campagna “Antincendio boschivo 2011” che la sala operativa regionale permanente assicuri - in maniera continuativa tutti i giorni, festivi compresi - il coordinamento e lo svolgimento di tutte le attività e di tutti gli interventi sull’intero Lazio. La sala si avvarrà, nel periodo di massimo rischio, di rappresentanti del Corpo forestale dello Stato, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, dei carabinieri, degli enti locali e del volontariato regionale di protezione civile. La commissione ha proposto il coinvolgimento nella campagna anche dei guardiaparco limitatamente nelle aree di competenza, formulando un’osservazione allo schema di delibera, che torna ora in giunta per l’approvazione definitiva. Tra le varie misure preventivate dallo schema di delibera: la concessione di contributi per operazioni di pulizia e manutenzione silvicolturale oltre a qualsiasi altra tipologia di intervento strutturale utile per la prevenzione degli incendi boschivi anche alle comunità montane, agli enti gestori delle aree naturali protette ed alle amministrazioni comunali.

Trovata morta una clochard

Droga, maxioperazione dei Ros a Roma

''La notizia del ritrovamento di una clochard in zona San Silvestro ci riempie di dolore e, allo stesso tempo, ci induce a riflettere su un'emergenza, come il disagio sociale, rispetto alla quale e' necessario non abbassare mai la guardia. Quanto accaduto e' una terribile disgrazia, tuttavia stiamo aspettiamo il risultato dell'esame autoptico per capire le cause che hanno portato al decesso della donna.

Trentotto ordinanze di custodia cautelare ancora in corso di esecuzione. Questo l'esito di una maxioperazione dei carabinieri contro il traffico di droga a Roma. I Ros hanno sequestrato beni mobili e immobili per circa 5 milioni di euro, in via preventiva. Associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti,tentato omicidio e sequestro di persona, con l'aggravante del metodo mafioso, le accuse con cui sono indagati gli arrestati.


regione La Commissione Affari istituzionali ha dato l’ok allo stanziamento di 500mila euro

Regione, si lavora alla...sicurezza I fondi erogati saranno destinati a progetti di videosorveglianza e all’acquisto di etilometri ROMA - La commissione Affari istituzionali del Consiglio regionale del Lazio, presieduta da Stefano Galetto, ha dato parere favorevole all'unanimità allo schema di delibera di Giunta relativo a un bando di 500 mila euro rivolto ai Comuni laziali e ai Municipi di Roma in tema di sicurezza del territorio. La somma, spiega una nota, servirà a finanziare progetti di videosorveglianza e ad acquistare dispositivi, quali etilometri e autovelox, per ridurre i rischi di incidenti stradali. La delibera tornerà in Giunta per l'approvazione definitiva. Comuni laziali e Municipi della Città di Roma potranno accedere ai finanziamenti presentando due tipologie di progetti: 1) installazione di impianti

di videosorveglianza integrabili con le preesistenti e le successive realizzazioni, nonché interconnettibili con le sale operative delle forze dell'ordine; 2) acquisto e installazione di strumenti per la sicurezza stradale (alcoltest, autovelox). Intanto, parere favorevole all'unanimità da parte della commissione Ambiente del Consiglio regionale del Lazio allo schema di delibera di Giunta sugli incendi boschivi. Confermata la dichiarazione di ''area a

rischio di incendio boschivo e di interfaccia'' per tutto il territorio del Lazio, nel periodo di massimo rischio - con stato di grave pericolosità - individuato dal 15 giugno al 30 settembre. Previsto, inoltre, dallo schema di delibera per la campagna ''Antincendio boschivo 2011'' che la sala operativa regionale permanente assicuri - in maniera continuativa tutti i giorni, festivi compresi - il coordinamento e lo svolgimento di tutte le attività e di tutti gli interventi sull'intero Lazio. La sala si avvarrà, nel periodo di massimo rischio, di rappresentanti del Corpo forestale dello Stato, del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, dei Carabinieri, degli enti locali e del volontariato regionale di protezione civile.

IDEATO DAL PRESIDENTRE DEL CONSIGLIO REGIONALE, MARIO ABBRUZZESE

“Essere italiani”, il tour fà tappa anche a Cassino ROMA - QUINTA TAPPA A CASSINO PER IL TOUR ‘ESSERE ITALIANI’. Il tour Essere Italiani, organizzato dalla Presidenza del Consiglio regionale del Lazio per festeggiare insieme con le scuole il 150° anniversario dell’Unità d’Italia, fa tappa a Cassino. Il tour ‘Essere italiani’, manifestazione aperta alle scuole delle cinque province laziali e organizzata dalla presidenza del Consiglio regionale del Lazio in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, è giunta alla sua quinta tappa. Giovedì 5 maggio, alle ore 10.00, presso il Teatro Manzoni di piazza Diamare a Cassino, il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, incontrerà alunni ed insegnanti delle scuole medie “Di Biasio” e “Diamare-Conte” e delle elementari “D’Annunzio” e “Mattei”. Circa 600 bambini parteciperanno all’iniziativa, leggendo gli elaborati che sono stati chiamati a comporre sui temi e i personaggi più significativi del Risorgimento italiano, e si intratterranno con lo spettacolo interattivo curato dall’Associazione ‘Il palco e la cornice’. All’evento, oltre a dirigenti ed insegnanti dei quattro istituti scolastici, saranno presenti il Comandante dei Carabinieri di Cassino, Adolfo Grimaldi e il Dirigente del Commissariato, Francesco Putortì.

Nel corso della manifestazione verrà consegnato a tutti i bambini il volumetto per fumetti sull’Unità d’Italia “Come è nata l’Italia: il Risorgimento – 2011: L’Italia compie 150 anni”. Il tour “Essere Italiani” proseguirà a Viterbo il 12 maggio con il 3° Circolo Didattico e si concluderà a Roma il 26 maggio all’Istituto Comprensivo “Via Giulia 25”.

MUSICA E SPETTACOLO

Centrale Montemartini, dal 6 maggio torna il Jazz ROMA - Saranno cinque weekend di grande jazz alla Centrale Montemartini di via Ostiense a Roma. Dopo la rassegna dedicata ai suoni del Mediterraneo, ritorna “Montemartini Blue Note” che porterà alcuni dei protagonisti del jazz ad esibirsi su un palcoscenico insolito e affascinante, tra i macchinari della ex centrale elettrica e i capolavori di arte antica provenienti dai Musei Capitolini. Dal 6 maggio al 4 giugno, durante il fine settimana in doppia replica alle 20 e alle 22, si esibiranno Enzo Pietropaoli Quartet, Maria Pia De Vito, Lenny White, Rosario Bonaccorso T.N.T. Quartet, Rita Marcotulli e Luciano Biondini. La rassegna, promossa dall’assessorato alle Politiche culturali e Centro storico – Sovraintendenza ai Beni culturali di Roma Capitale in collaborazione con Rai Nuovi Media, è realizzata da Zètema Progetto Cultura con la direzione artistica di Federica Gentile. Primo appuntamento

sarà venerdì 6 e sabato 7 maggio con Enzo Pietropaoli Quartet che presenterà il suo primo cd “Yatra”, prodotto da Jando Music e Via Veneto Jazz e distribuito da Emi. Registrato nel marzo del 2011 dopo una serie di concerti in India, Yatra in urdu hindustani significa appunto viaggio. È un disco che si basa sulla ricerca della semplicità in un mix di composizioni originali di Enzo Pietropaoli e brani presi in prestito da mondi lontani da quello del jazz. Il quartetto è formato da: Enzo Pietropaoli al contrabbasso, Fulvio Sigurtà alla tromba, Julian Oliver Mazzariello al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria. Nel corso della sua trentennale carriera Pietropaoli si è esibito in Europa, America, Asia e Africa suonando con i più grandi strumentisti tra cui Chet Baker, Enrico Rava, Woody Shaw, Michael Brecker, Enrico Pieranunzi, Stefano Bollani, Pat Metheny e molti altri.

INTERVENTO DI CANGEMI

“Dobbiamo ricordare le vittime del terrorismo” ROMA - ''Ricordare le vittime degli anni di piombo rappresenta un dovere per tutte le Istituzioni''. E' quanto ha dichiarato in una nota l'Assessore agli Enti Locali e Sicurezza della Regione Lazio, Giuseppe Cangemi deponendo questa mattina una corona insieme al Questore di Roma, Francesco Tagliente per commemorare il 32mo anniversario della morte del maresciallo di P.S. Antonio Mea e dell'appuntato Pierino

Wojtyla, code davanti alla bara

Strage di Erba, ergastoli confermati

CITTA' DEL VATICANO - Sono stati in tutto circa 350 mila i pellegrini che in due giorni - il Primo Maggio giorno della beatificazione e ieri dopo la messa di ringraziamento - hanno reso omaggio al feretro del beato Giovanni Paolo II esposto nella basilica di San Pietro davanti all'altare della Confessione. Dopo che nel primo giorno erano stati 250 mila a sfilare e a pregare davanti alla bara.

ROMA - E' definitiva la condanna all'ergastolo per Olindo Romano e Rosa Bazzi, i coniugi accusati della strage di Erba. Lo ha deciso la prima sezione penale della Cassazione. L'11 dicembre 2006 uccisero, in seguito a liti condominiali, Rafaella Castagna con il figlio di 2 anni Youssef, sua madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini.

Ollanu, trucidati da un commando delle Brigate Rosse. ''Ricordare le vittime delle forze dell'ordine, dei dirigenti politici dei sindacalisti gambizzati ed uccisi in quegli anni, in quella che fu una vera e propria guerra contro lo Stato, e' importante affinche' le nuove generazioni abbiano ben chiaro che democrazia e liberta' sono valori che conquistati pagando anche un alto tributo in termini di vite umane'', ha concluso.

3 ANNO II - N° 102 GIOVEDì 05 MAGGIO 2011


provincia Amministrazione provinciale e Apef a difesa dei diritti e della salute dei cittadini

Fotovoltaico, arriva la class action La promozione “1000 gazebo fotovoltaici” si è rivelata una vera e propria bufala FROSINONE - Il caso dei gazebo fotovoltaici, tornato agli onori delle cronaca su alcuni organi di stampa nei giorni scorsi e nella giornata odierna per la raccolta di alcuni documenti da parte della magistratura, vedrà cittadini e amministratori insieme in una class action. Sul caso va sottolineato il tentativo messo in atto dalla Provincia di Frosinone e dall’Apef di farsi parte attiva cercando di contattare la società Energesco responsabile del progetto intimando alla stessa di procedere con il completamento degli impianti ed evitare ulteriori problemi alla stessa azienda e soprattutto ai cittadini. Tentativo purtroppo non andato a buon fine perché, di fatto, non ha avuto risposte da parte dei legali rappresentanti della medesima azienda. Per questo motivo Pro-

che e cittadini. L’Apef, nella persona del suo attuale presidente, On.Iannarilli e la Provincia di Frosinone hanno provveduto ad una puntuale segnalazione dell’accaduto a tutti gli organismi interessati e, precisamente, per quanto riguarda il versante finanziario, alla Banca d’Italia e all’Obusmann bancario nonché alle società finanziarie interessate che immediatamente hanno tentato di farsi valere sugli ignari cittadini; per il versante amministrativo, al Ministero dello Sviluppo Economico, competente per l’accreditamento delle società che operano nel settore fotovoltaico, l’Autorità di Vigilanza dei contratti pubblici competente per la tenuta del casellario informatico delle imprese che eseguono lavori pubblici, la Società Organismo di Attestazione che ha rilasciato la omonima attesta-

vincia di Frosinone e Apef stanno mettendo a punto delle doverose azioni in difesa dei tanti cittadini che sono rimasti vittime delle inadempienze della Energesco. Questa ditta, infatti, secondo quanto stabilito dal progetto “1000 gazebo fotovoltaici”, avrebbe dovuto installare dei gazebo fotovoltaici ad erogazione gratuita di energia presso le abitazioni dei cittadini. Al bando, patrocinato dalla stessa Provincia ai tempi della passata amministrazione, aderirono 187 cittadini sui 1180 selezionati da Apef, che però non hanno mai visto l’allaccio dell’energia. Questi 187 cittadini della provincia di Frosinone vanno ad unirsi a tanti altri, sparsi nella Penisola, che versano nella medesima condizione, in quanto Energesco risulta inadempiente nei confronti di tante amministrazioni pubbli-

PUBBLICATO UN BANDO DAL MIUR

Comunicazione digitale, la scuola ora cambia davvero FROSINONE - Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca ha pubblicato un bando rivolto a tutte le Scuole Statali di ogni grado per proseguire il percorso di innovazione didattica e di trasformazione degli ambienti di apprendimento attraverso l’utilizzo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione. L’Assessore alla Edilizia Scolastica e Pubblica Istruzione della Provincia di Fro-

4 ANNO II - N° 102 gIOvEDì 05 MAggIO 2011

sinone Gianluca Quadrini commenta:"La Provincia di Frosinone, a seguito delle richieste di varie scuole, ha voluto supportare le candidature dell’ITIS di Cassino, il Liceo Scientifico di Ceccano il I Circolo di Cassino, il IV Circolo di Frosinone, il Liceo Classico di Cassino, il Magistrale di Cassino, l’IPSIA di Frosinone, l’IC di Castro dei Volsci. Già per il bando Cl@ssi 2.0 erano state finanziate le scuole Primarie Frosinone IV Circolo; I.C. Castro dei Volsci ; Cassino II; Cassino I e per le Secondarie di secondo grado l’ I.T.I.S. “A.Volta” di Frosinone e il Liceo scientifico di Ceccano. Sono importanti queste azioni del MIUR che hanno l’obiettivo di innovare la scuola dall’interno attraverso metodi e strumenti didattici che rispondono alle

nuove esigenze degli studenti e alle sfide della società della comunicazione digitale e interattiva. In concreto i ragazzi, attraverso le singole postazioni con computer ed accesso personalizzato, potranno scrivere e leggere testi, guardare immagini, animazioni e video ed interagire tra loro e con i docenti e utilizzare una lavagna interattiva multimediale che consente di visualizzare ed interagire con contenuti e applicazioni in formato digitale. Voglio infine rivolgere un plauso ai dirigenti scolastici e ai loro collaboratori delle scuole che si adoperano affinché le scuole della nostra provincia possano partecipare e ottenere finanziamenti per innovare le strutture e la didattica rivolta ai nostri ragazzi." Per info: http://www.istruzione.it/web/hub.

zione SOA e la società di Certificazione energetica che ha certificato in qualità Energesco; per il versante tecnico si è chiesta la collaborazione di Enel e del GSE per risolvere le pratiche di allaccio in tempi rapidi soprattutto per coloro che avendo l’impianto collaudato attendono solo l’allaccio. Ulteriormente, sotto il profilo operativo, gli uffici dell’APEF stanno prestando assistenza informativa, tecnica, legale, ai cittadini al fine di definire un’azione comune contro la società, azione nella quale l’APEF sarà parte processuale accanto ai cittadini e la Provincia si costituirà con un proprio intervento a tutela prima dei cittadini e, poi,

della propria immagine gravemente danneggiata dall’accaduto. “Su questa vicenda – sostiene il Presidente Iannarilli – non posso che sottolineare mio malgrado come la pessima gestione dell’amministrazione che mi ha preceduto continui a proporre solo gravissimi problemi per la Provincia di Frosinone. Problemi che noi siamo chiamati a risolvere e pesanti danni ai nostri concittadini. Non mi diverto a gestire continue crisi dovute ai miei predecessori ne’ a doverle commentare continuamente. Sono obbligato a farlo, con il caso della Energesco come in tanti altri casi”.

DURO INTERVENTO DI ABBATE

L’uso improprio del logo provinciale FROSINONE - "Come noto, l’utilizzo del logo istituzionale della Provincia di Frosinone, nelle versioni bianco/nero e colore, è consentito solo previa autorizzazione del Presidente della Provincia”. Così l’assessore provinciale alla Cultura, Antonio Abbate, su un argomento che tante polemiche aveva suscitato nei giorni scorsi e del quale nessuno, a dire il vero, aveva osato parlare sino proprio all’intervento di Abbate. “Talvolta, in occasione di eventi di varia natura, il logo della Provincia viene apposto sui materiali pubblicitari in forme diverse da quelle prescritte, senza alcuna autorizzazione e con l’indicazione di uno o più Assessorat continua il responsbaile dell’assessorato alla Cultura di Piazza Gramsci. Nello stigmatizzare tale consuetudine e nel rilevare che l’Assessorato alla Cultura più di altri è vittima di questo uso improprio, giova ricordare e riba-

dire che occorre tener sempre presenti il profilo istituzionale ed il decoro istituzionale degli Enti e delle Istituzioni, e, nel caso specifico, della Provincia di Frosinone. Profilo e decoro istituzionali ancor più da esaltare in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Spiace dover constatare che in talune situazioni questo non solo non avvenga , ma che si giunga a voler scoprire lapidi commemorative recanti stemmi non riferibili allo Stato ed alla Bandiera Italiana, presso sedi comunali e in occasione del 150° anniversario dell’Unità d’Italia! Non si può che restare sconcertati di fronte ad iniziative di tal natura ed auspicare un soprassalto di dignità e decoro istituzionale da parte dei pubblici amministratori sia esso spontaneo che indotto dall’Ufficio Territoriale del Governo di Frosinone."

Fiat, alla ex Bertone passa il“Sì”

Truffe ai vip Parte il Riesame

TORINO - La maggioranza dei lavoratori dell'ex Bertone ha detto sì all'investimento Fiat: hanno votato a favore 886 lavoratori, i no sono 11, le schede nulle 10, le bianche 4. "In presenza della firma di un accordo e della esistenza delle condizioni applicative necessarie, provvederà a dare il via libera al piano di investimenti previsti dal progetto". Lo afferma l'azienda commentando l'esito del referendum.

''Nella fase di raccolta delle somme emerge un intento fraudolento da parte dei promotori finanziari che omettevano di comunicare ai clienti l'effettiva condizione giuridica delle loro società e le facevano apparire come dotate dei requisiti formali''. Lo scrivono i giudici del riesame nei motivi di rigetto delle richieste di revoca degli arresti di Gianfranco Lande, Raffaella e Andrea Raspi nonché di Gian Piero Castellacci DeVillanova.


cronaca SOTTO ACCUSA IL SETTORE MANUTENZIONE DEL COMUNE DI CASSINO

CERVARO

Acquedotto colabrodo, proteste per i ripetuti ritardi nelle riparazioni

Approvato il bilancio di previsione

CASSINO - Sono giunte numerose segnalazioni a CODICI Cassino in merito a una perdita d’acqua dalla condotta idrica sita in Via Pescarola, guasto che è stato tempestivamente segnalato al servizio manutenzione in data 15/04/2011 da un utente della zona. In un primo momento, a questi cittadini, CODICI Cassino ha consigliato di attendere qualche giorno prima di intraprendere qualsiasi azione. Infatti, successivamente alla prima segnalazione fatta al servizio manutenzione, Oliviero Niro di CODICI Cassino verificava telefonicamente, rivolgendosi al servizio manutenzione del Comune, lo stato della cosa.

Veniva riferito in questa occasione che non era stato ancora

possibile eseguire alcun intervento ma gli veniva assicurato che entro pochissimi giorni la situazione sarebbe rientrata nella normalità. Purtroppo a tutt’oggi il problema non è stato ancora risolto e la perdita d’acqua sta creando notevoli disagi agli abitanti della zona. La riflessione che Roberto Capitanio, delegato di CODICI Cassino, pone alle istituzione è la seguente: “Ma quanti giorni devono passare affinchè un problema, segnalato e sollecitato, come quello di un guasto sulla condotta idrica venga risolto ? Se fossimo in un’area con delle emergenze particolari i cittadini potrebbero aspettarsi dei tempi di risposta

VERSO LE ELEZIONI

non proprio tempestivi, ma non mi pare,” afferma Capitanio “che Cassino sia in zona di terremoti o di alluvioni, per cui non riesco a comprendere per quale motivo il servizio manutenzione e di conseguenza il Commissario Prefettizio tardino a risolvere i problemi dei cittadini che pagano le tasse. Nei venti giorni trascorsi dalla prima segnalazione vorrei sapere quali e quante sono state le emergenze che il Comune ha dovuto affrontare”. CODICI Cassino auspica che questo problema venga immediatamente risolto e che le prossime volte i cittadini abbiano da parte di chi di dovere una maggiore considerazione.

PARLA L’EX CONSIGLIERE COMUNALE

Appuntamenti elettorali Robertino Marsella per oggi e domani a difesa dell’ospedale CASSINO - S’intensifica la campagna elettorale a Cassino con l’avvicinarsi del 15 e 16 maggio. Oggi alle 15,30 nella sede del Psi, in via Marconi, il segretario nazionale del partito Riccardo Nencini incontrerà i candidati della lista socialista. Per sostenere il candidato sindaco Giuseppe Petrarcone oggi alle ore 18, presso l'Edra Palace Hotel si svolgerà l'incontro "Imprenditoria e commercio di qualità" con le associazioni di categoria del commercio, dell'artigianato e dell'industria. Intervengono: Viviana Fuoco, Segretaria Provinciale Idv Frosinone; Anna Maria Tedeschi, Vice Presidente Commissione piccola e media impresa, commercio e artigianato alla Regione Lazio;Vincenzo Maruccio, Segretario Regionale Idv Lazio; Massimo Donadi, Capogruppo Idv alla Camera. Alle ore 20 al Forum Palace Hotel di Cassino per la manifestazione a sostegno della candidatura di Maurizio Russo a

sindaco appoggiato da quattro liste: Patto della libertà- La Rondine, Noi Sud, Giovani Cassino e Fiamma Tricolore. Interverranno il generale dell’Arma dei carabinieri l’on. Antonio Pappalardo, l’on. Luca Romagnoli, europarlamentare di Fiamma Tricolore, il sottosegretario di Stato on. Vincenzo Scotti, l’on. Arturo Ianaccone, segretario nazionale di Noi Sud, l’on. Elio Belcastro. Alla manifestazione parteciperanno Maurizio Russo e i candidati delle quattro liste, simpatizzanti e sostenitori. Domani alle 11 al Forum Palace Hotel di Cassino l’Associazione Piccole e Medie Imprese Lazio Meridionale presenterà ai candidati le linee di guida di “Cassino 2015”. Saranno illustrate le linee guida di sviluppo per la città di Cassino, elaborate dal Comitato Tecnico Scientifico della Associazione che è costituito da tecnici, professionisti, progettisti e docenti universitari.

CASSINO - L’ospedale Santa Scolastica di Cassino va potenziato nelle sue strutture come garanzia per i degenti. Lo sostiene Robertino Marsella, ex consigliere comunale e candidato nella lista Udc, il quale aggiunge che il complesso ospedaliero cassinate va arricchito di reparti ma anche di macchinari strumentali e sanitari per la migliore assistenza ai malati. L’aumento dei ricoveri è costante e questo sta a dimo-

strare che il bacino d’utenza è molto ampio e soprattutto dopo la chiusura degli ospedali dei comuni vicini. “Proprio per questo motivo dichiara Marsella - l’Asl e la regione Lazio devono assicurare migliori prestazioni sanitarie ai ricoverati i quali devono sentirsi sicuri in questo ospedale. Solo così si potranno evitare migrazioni passive verso ospedali fuori regione con costi a carico della sanità del Lazio”.

CERVARO - L’Amministrazione comunale di Cervaro, nonostante le ulteriori e pesanti riduzioni dei trasferimenti ordinari dello Stato per 174.650 euro e trasferimenti regionali per 55.000 euro, ha mantenuto invariate tutte le aliquote (Ici, Tarsu, Addizionale Irpef, Trasporti scolastici, Refezione scolatica, Tosap e tasse sulla pubblicità) confermando totalmente tutti i servizi. Lo ha annunciato il sindaco Ennio Marrocco nella relazione durante la seduta consiliare per l’approvazione del bilancio di previsione 2011. Il sindaco ha evidenziato la nota dolente della situazione dei Comuni costretti a lavorare con i continui tagli dei trasferimenti statali che nel bilancio comunale di quest’anno hanno raggiunto una riduzione del 20 per cento della spesa corrente. “Per questo, essere ottimisti – ha detto - significa per esempio essere riusciti a predisporre un bilancio di previsione senza mettere le mani nelle tasche dei cittadini. Magari siamo costretti a programmare meno, ma ci siamo posti l’obiettivo di non aumentare il carico degli impegni finanziari della popolazione, e ne siamo fieri. Anche quest’anno abbiamo centrato l’obiettivo del “rispetto del patto di stabilità”, che impone il contenimento della spesa corrente e il ricorso all’assunzione di impegni finanziari, nonostante tutto, abbiamo deciso di non toccare le tariffe comunali.” Marrocco ha elencato poi gli introiti previsti tra cui la regolarizzazione delle pratiche di condono edilizio pari a 230.000 euro, il recupero dell’evasione tributaria Ici per 110.000 euro e della tarsu per 82 mila euro. Inoltre si sta definendo la realizzazione del progetto per la raccolta differenziata porta a porta su tutto il territorio comunale che dovrebbe partire a breve.


cassino Firmato dal Prefetto di Frosinone e dal Commissario straordinario Angela Pagliuca

Appalti sospetti: ecco il protocollo di legalità tra Comune e Prefettura Alla sottoscrizione presenti anche i sei candidati a sindaco per le oramai imminenti elezioni CASSINO -“Non ci sono segnali di criminalità organizzata in questo territorio ma il Commissario ha mostrato la disponibilità a firmare il protocollo sulla legalità anche per lasciare una continuità tra l’attività commissariale e la prossima amministrazione ordinaria”. Lo ha detto il Prefetto di Frosinone Paolino Maddaloni subito dopo aver sottoscritto insieme al Commissario Straordinario del Comune di Cassino, Prefetto Angela Pagliuca, il Protocollo di Legalità mirato a contrastare ogni forma di infiltrazione da parte della criminalità organizzata nei cantieri edili. Il commissario Pagliuca ha fatto presenziare alla sottoscrizione dell’atto i sei candidati alla carica di sindaco perché “uno di voi – ha detto – tra breve sarà alla guida della città e potrà far applicare nelle gare d’appalto questo protocollo che sarà

di contrasto alla criminalità organizzata.” Il protocollo (Cassino è uno dei primi comuni in provincia ad averlo sottoscritto) ha origine dalle direttive del ministero dell’interno emanate a giugno 2010 finalizzate alle attività di prevenzione dei tentativi di infiltrazione della criminalità attraverso l’estensione delle cautele antimafia all’intera filiera degli esecutori e dei fornitori negli appalti dei lavori pubblici e attraverso il monitoraggio dei cantieri e delle imprese. L’obiettivo è di evitare appalti sospetti ma per il Prefetto Maddaloni “è prematuro pensare alla stazione unica appaltante (Sua). Saranno i singoli amministratori comunali a proporla ove ricorrano le circostanze”. Con questo atto il comune di Cassino s’impegna a “richiedere alla Prefettura le informazioni antimafia per gli appalti e le conces-

sioni di lavori pubblici di importo pari o superiore a 250 mila euro mentre per i subcontratti di lavori, forniture e servizi l’importo è sopra i 150 mila euro.” Sono soggetti a controlli le ditte di trasporto materiale alle discariche, di trasporto e smaltimento rifiuti, fornitura e trasporto terra e materiali inerti, acquisizione di materiale da cava per inerti e di materiale da cave per movimento terra, trasporto di calcestruzzo, ferro lavorato, bitume, macchinari, fornitura con posa in opera. Il comune dovrà acquisire tutti i dati delle imprese e inviarli alla Prefettura e solo dopo il parere favorevole potrà affidare gli incarichi o indire le gare d’appalto. Inoltre le ditte dovranno garantire la tracciabilità dei flussi finanziari con pagamenti o transazioni solo attraverso banche o poste. Chi non rispetterà le clausole dell’atto sarà

escluso dalle gare d’appalto e dall’elenco dei fornitori. Il Protocollo di Legalità (che ha una durata di due anni) potrà essere applicato anche

dagli enti consortili e dagli enti intermedi oltre che dalle associazioni di categoria. La Confindustria vi ha già aderito.

ELEZIONI COMUNALI / PRESA DI POSIZIONE SUL DEPOTENZIAMENTO DEL SANTA SCOLASTICA DI CASSINO

IrisVolante:”No al declassamento del reparto di neonatologia” CASSINO -“La situazione della sanità nel sud della provincia è sotto gli occhi di tutti: gli ospedali vengono chiusi e su quelli che rimangono c’è una totale assenza di investimenti per renderli adeguati alla domanda del territorio che preme per una riduzione dei viaggi della speranza verso Roma dove, la pressione dei pazienti provenienti dalle provincie rende ormai ingovernabili anche strutture grandi e moderne come il Sant’Andrea”. A parlare è Iris Volante, candidata a sindaco di Cassino che aggiunge: “L’assistenza territoriale è demandata più alla buona volontà dei singoli operatori piuttosto che ad una vera razionalizzazione dei servizi con l’adempimento di leggi che pure esistono. Basti pensare alla realizzazione della rete della terapia del dolore ed a quella delle

6 ANNO II - N° 102 gIOvedì 05 mAggIO 2011

cure palliative che vede la nostra provincia essere l’unica del Lazio a non avere nessuna struttura del genere. Un esempio significativo di quanto grande sia l’approssimazione con cui si gestiscono le problematiche sanitarie della nostra provincia è la vicenda dell’Unità Operativa di Neonatologia del Santa Scolastica di Cassino, su cui pende la concreta minaccia di declassamento da struttura di II° Livello (quello più tecnologicamente e professionalmente elevato) ad una di I° Livello (quello con dotazione organica e tecnologica ridotta). Sarà anche vero che la contrazione delle nascite porta a dover ridistribuire le risorse ad esse dedicate ma è altrettanto vero che se le nascite sono di meno è ancora più giusto che quelli che nascono abbiano a disposizione il meglio che si possa

offrire. Sicuramente il declassamento della Neonatologia di Cassino non va in questa direzione. Una decisione del genere significa, in buona sostanza, che tutti i neonati patologici non potranno essere più seguiti al Santa Scolastica ma dovranno essere immediatamente trasferiti in altra struttura (Roma? Frosinone?). Ma il trasferimento di un paziente in situazioni critiche necessita preventivamente di un’adeguata stabilizzazione delle condizioni cliniche che, nel caso di un neonatoal Santa Scolastica, non sarebbe più garantita dalla riduzione dell’organico e della tecnologia che sono invece ora disponibili. Per evitare tutto questo, sarà necessario – dice la dottoressa Voltante - inviare preventivamente in altra sede tutte le madri a rischio di una gravidanza patologica per evitare di dover

poi trasferire in emergenza il neonato: siamo proprio sicuri che Roma disponga di così tanti posti letto per ospitare le madri con minaccia di parto pretermine o con neonati prematuri? La nostra provincia, come quella limitrofa di Latina, ha una disposizione geografica molto estesa in direzione Nord-Sud e necessita di un opportuno bilanciamento tra le strutture sanitarie presenti. I due poli naturali – sottolinea - sono Frosinone e Cassino e sguarnire il secondo significa solamente penalizzare i genitori del sud che dovranno fare i conti con il triste calvario di chi deve trasferire un paziente: ricerca del posto letto in strutture già sovraccariche, ricerca di un mezzo adeguato per il trasporto (spesso non disponibile), difficoltà logistiche in particolare per le mamme, la cui presenza è essenziale nel percorso di malattia dei loro bambini. Il mio auspicio – conclude la candidata - è che tutti i rappresentanti istituzionali del territorio lavorino di concerto, al di fuori degli schieramenti politici, per evitare che un declassamento così penalizzante per la sanità del cassinate vengaportato a termine”.

Denunciati in 5 per evasione fiscale

Ingegneria, consegna delle pergamene

La brigata Guardia di Finanza di Anagni ha concluso una verifica fiscale nei confronti di una società operante nel commercio alimentari. L’operazione ha permesso di disarticolare l’intera associazione criminosa e il recupero a tassazione di circa 20 milioni di euro con un’i.v.a. evasa di circa 4 milioni di euro e 5 persone denunciate.

CASSINO - Oggi alle 11 cerimonia di consegna delle pergamene di Laurea di Ingegneria nell’Aula Magna - Polo didattico Folcara - dell’Ateneo cassinate.E' previsto un intervento dell'ing. Donato Carlea, provveditore dell’OO.PP. Lazio, Abruzzo e Sardegna, oltre che autore di pubblicazioni e testi in materia di restauro, di dogane, di eliminazione di barriere architettoniche e di legislazione di opere pubbliche.


cassino ELEZIONI

Con il federalismo fiscale il bilancio dovrà essere corretto e trasparente

Valente:”Ufficio unico per gli acquisti e per la gestione diretta delle tasse” Questa la proposta del candidato sindaco per Forza del Sud:“Per non aumentare le imposte” CASSINO - <Il Bilancio è lo strumento per eccellenza di programmazione del futuro della città attraverso la gestione delle entrate e il controllo della spesa, che il prossimo sindaco di Cassino dovrà saper governare per contribuire allo sviluppo economico e sociale delle famiglie e delle piccole medie imprese del nostro territorio>: è quanto dichiara il candidato a sindaco di Forza del Sud, Gianni Valente, che paragona il Comune e la gestione del Bilancio ad un padre di famiglia che deve gestire le entrate mensili per amministrare l’ordinario, ma anche creare le condizioni per progettare investimenti per il futuro dei suoi figli. Ed ecco la ‘ricetta’ di Valente: <L’applicazione

del federalismo municipale imporrà innanzitutto alla nuova amministrazione di gestire le entrate e le casse comunali in modo trasparente, certo e condiviso, cioè in modo da non aumentare le tasse, cosa che è lontana dal nostro ‘dna’, – precisa Valente - in modo da controllare le somme che entrano e quelle che escono direttamente, attraverso la totale informatizzazione dei dati e in collaborazione con l’Agenzia delle Entrate, e in modo da personalizzare e calendarizzare le scadenze in base alle esigenze delle famiglie per realizzare una reale partecipazione dei cittadini ed evitare pesanti coincidenze con i pagamenti dovuti allo Stato centrale>. Dunque nessun aumento

ELEZIONI COMUNALI / CURIOSITÀ STATISTICHE

delle tasse; allora come si può aiutare la crescita sociale ed economica della città? Gianni Valente spiega: <Amministratori con chiare capacità contabili e finanziarie sapranno risparmiare sui costi e razionalizzare le spese, innanzitutto attraverso l’istituzione di un ufficio unico degli acquisti e attraverso la gestione, in capo al Comune, di alcuni aspetti oggi affidati a terzi, come l’acqua e la Tarsu, su cui abbiamo una posizione ben definita da tempo. La nostra prospettiva parte dalla considerazione che non bisogna però ‘tagliare’ sui servizi, anzi noi, una volta eletti, ci impegniamo per il miglioramento e la pianificazione di servizi ‘sociali’. Non solo: una parte del risparmio de-

rivante dalla gestione diretta e dal controllo si ripercuoterà a favore delle politiche sociali e della famiglia, un’altra parte potrà e dovrà essere utilizzata dal sindaco e dagli amministratori co-

munali per incentivare nuova occupazione per i giovani e per i padri di famiglia rimasti senza lavoro, perché, in fondo, fare sociale

significa fare lavoro. Un bilancio con i conti regolari e in attivo permette al Comune anche di studiare strategie che aiutino i commercianti e i piccoli medi imprenditori a investire nella città e in nuova occupazione>. A proposito dell’acqua e della Tarsu, Gianni Valente ribadisce: <Ritengo che le famiglie numerose e meno abbienti debbano avere a disposizione più metri cubi d’acqua garantiti così come più chili di rifiuti al minor costo possibile, e tutto questo è possibile grazie alla rendicontazione certa del bilancio e alla conoscenza della ‘famiglia Cassino’, che comprende anche la scuola, il lavoro, la cultura, il sociale, l’ambiente e tutti gli aspetti del vivere quotidiano>.

UNIVERSITA’/ NO ALLA PROPOSTA DEL RETTORE

Sono più anziani Ateneo, i candidati a sindaco che giovani gli elettori contrari al cambio del nome In testa i sessantenni e quarantenni. Pochi 18enni CASSINO - Dall’analisi dei dati relativi all’anagrafe del Comune di Cassino si evince che il corpo elettorale che si recherà alle prossime consultazioni amministrative è composto prevalentemente da votanti di età matura, il che significa che a Cassino ci sono pochi giovani e molti anziani. Nello studio che ha con-

dotto a questa conclusione gli elettori sono stati raggruppati in otto fasce d’età: A - 18 (18 anni), B - Giovani (da 19 a 20 anni), C Universitari (da 21 a 27 anni), D Trentenni (da 28 a 36 anni), E Quarantenni (da 37 a 46 anni), F - Mezza Età (da 47 a 56 anni), G Giovani Nonni (da 57 a 69 anni), H - Terza Età (da 70 anni in su). In testa alla classifica si piazzano i Giovani Nonni con 6.090 unità, seguiti dai Quarantenni con 5.754 unità e dagli elettori della Terza Età con 5.747 unità. In ultima posizione i diciottenni che possono fare affidamento su appena 127 elettori. L’analisi è stata curata dal prof. Roberto Capitanio, candidato alle prossime elezioni comunali nella lista Cassino Per Te.

CASSINO - Contrarietà al cambio della denominazione dell’Università di Cassino è stata espressa da tutti e sei i candidati a sindaco ma anche dall’ex primo cittadino Bruno Scittarelli. “L’idea del rettore Ciro Attaianese – dice Scittarelli - di cambiare il nome all’ateneo non è una buona cosa. Credo sia evidente che il problema non è solo di natura nominalistica. Dietro questa iniziativa c’è sicuramente un progetto di cui non è dato sapere fino in fondo la natura. Forse è il caso di ricordare che già nei primi anni settanta, al momento della trasformazione dell’Università, da pareggiata a statale, ci fu un ampio dibattito sul nome e sulla natura dell’ateneo.” Scittarelli ricorda che si confrontarono due tesi contrap-

poste: università statale monocentrica o università statale territoriale con appendici sia in provincia di Frosinone che Latina. “Il problema - conclude - fu risolto dopo un ampio e serrato confronto tra le forze politiche in sede di Consiglio regionale del Lazio che decretò definitivamente l’Università di Cassino “monocentrica e residenziale”. Si lasci dunque l’Università con il proprio nome di Cassino – che tra l’altro le assicura una immagine importante nel mondo – e si metta mano eventualmente a progetti che ne qualifichino sempre più, in termini qualitativi, l’offerta formativa.” Gianni Valente e l’ex assessore Giuseppe Sebastianelli hanno detto:” La storia della nostra città non si tocca” rivendicando il

Cinghiali nella piscina di una villa

Operazione della polizia nel frusinate

ALVITO - Un branco di cinghiali, precisamente dodici, facevano il bagno nella piscina di una villa ad Alvito durante l’assenza dei proprietari ma davano la caccia anche ai polli. L’intervento della Polizia Provinciale non è stato facile. Per convincere i suini ad abbandonare la confortevole postazione gli agenti hanno dovuto faticare non poco.

Costante il monitoraggio svolto dalla Questura di Frosinone. L’attività di prevenzione ha consentito inoltre di ottenere risultati il cui bilancio è riscontrato dai numeri con 23 posti di controllo, sono state identificate 482 persone (di cui 13 extracomunitari), 393 veicoli controllati, 55 contravvenzioni elevate, nonché rinvenuto un veicolo risultato rubato.

fatto di essere stati i primi a dichiararsi contrari al cambio del nome dell’università cassinate. Anche per Barbara Di Rollo il nome non va cambiato. Dice:”Tantissimi atenei italiani hanno il nome della città di riferimento, sia quelli più giovani che quelli più vecchi. Perchè cambiare?” Anche Carmelo Palombo si è detto perplesso sulla volontà del rettore di modificare il nome. Nettamente contrario e senza appelli Maurizio Russo. “Dobbiamo difendere – ha detto – l’identità del nostro ateneo, patrimonio culturale della città e del territorio”. Dello stesso parere Giuseppe Golini Petrarcone mentre Iris Volante, invece, ha scritto una lettera al rettore nella quale lo invita a mantenere l’attuale denominazione.

7 ANNO II - N° 102 gIOvedì 05 mAggIO 2011


cassinate Il ballottaggio è cosa oramai certa, si scatena la bagarre per gli apparentamenti vincenti

AAA, cercasi parenti per accordo CASSINO - Se ci fermiamo un attimo ad analizzare la situazione, ci rendiamo conto che, la campagna elettorale è praticamente finita, ed i giochi sono quasi fatti. Nessuno vincerà a primo turno, non che facciamo i veggenti, ma lo dice la matematica, e come usa dire l’ex sindaco Scittarelli: “I numeri hanno la capa tosta”. Si andrà quindi al ballottaggio. Uno dei sicuri che andrà all’elezione bis, è Carmelo Palombo. Il medico cassinate, forte dell’appoggio di Abbruzzese sarà quindi uno degli sfidanti, ma di chi? La partita per il ballottaggio con Palombo, se la giocano Iris Volante e Giuseppe Golini Petrarcone. La prima, sostenuta dai vertici del Pd dall’Udc e dai socialisti, il secondo, in quota all’Idv, ha costituito “Bene comune” una sorta di cartello elettorale, che comprende anche partiti di estrema sinistra, come Rifon-

dazione Comunista ed altri, cui vanno aggiunti gli scontenti del Pd che hanno deciso di appoggiare Petrarcone. Gli altri tre, a meno che non si verifichi la fine del mondo, ci sembrano fuori gioco. Il dilemma diventano a questo punto gli apparentamenti. Carmelo Palombo, ma anche Abbruzzese, hanno già fatto sapere che non hanno intenzione di raccogliere parenti per strada, ma sono pronti ad un accordo di carattere politico, con la squadra di Barbara Di Rollo. Scusate, ma che significa? Noi abbiamo provato a tradurre il politichese: per accordo politico, Abbruzzese e Palombo intendono più o meno questo: voi dagguanesi dite ai vostri elettori di votarci, sguinzagliate i vostri mastini candidati, ci fate vincere, e poi, Dio provvede. Va da sé, che questo tipo di accordo, non sarà mai abbracciato dalla D’Aguanno, che lo vedrebbe

come un cappio legato al collo, senza contare che, chi fino al 17 maggio gli è stato vicino proprio perché in contrapposizione ad Abbruzzese, la scaricherebbe senza alcuna remissione di peccato. Una cosa è però certa: l’accordo post elettorale tra D’Aguanno ed Abbruzzese è cosa certa, con i due consiglieri comunali eletti dalla Lady al fianco di Carmelo Palombo in caso di vittoria. E viste come si sono messe le cose, non è difficile prevedere anche la ricostituzione della vecchia coppia Abbruzzese – Scittarelli. Diversa la posizione di Iris Volante. La ginecologa cassinate, per ora non sembra avere preclusioni verso nessuno, anche perché in fondo l’accordo con la sinistra è sempre in piedi, e quindi nessuno griderebbe allo scandalo se la Iris, in nome di una vittoria certa, imbarcasse tutta l’armata Petrarcone.

L’avvocato Petrarcone è un capitolo a parte. Se arriva al ballottaggio sono dolori di panza per Palombo, e la sua vittoria nel 1993 con soltanto il 26% dei voti ne è la prova provata. Se Petrarcone finisse ai tempi supplementari, si creerebbe un gruppo di fuoco contro Carmelo Palombo, che il medico nemmeno immagina. O magari anche lo immagina dato che sta facendo il diavolo a quattro per carriarsi la Volante al ballottaggio finale. La partita insomma si giocherà al ballottaggio, gli apparentamenti fanno paura, sono armi a doppio taglio, ma alla fine qualche apparentamento sarà inevitabile, anzi necessario e ognuno proverà a farlo, Abbruzzese compreso. Alla faccia del rinnovamento, in comune comanderanno sempre gli stessi. Ignazio Annunziata

VILLA SANTO STEFANO

AQUINO

“Voler bene all’Italia” Una festa per i piccoli Comuni

L’opposizione“spara”su Grincia

VILLA SANTO STEFANO Anche il Comune di Villa Santo Stefano ci sarà per aprire le porte del nostro borgo ai cittadini ed ai visitatori per una giornata di grande festa a noi dedicata PROGRAMMA 8 MAGGIO Ore 09,30 accoglienza-punto di partenza : Piazza Umberto 1° Ore 10,30 passeggiata guidata centro storico “Ass. Pomponio Palombo” Ore 10,30 estemporanea di pittura per ragazzi “Ass. Gente di Villa”nei vicoli ( i ragazzi dovranno portare con sé una piccola tela ed una vecchia camicia di papà, ai colori pensiamo noi!!!) Ore 11,00 il Coro comunale canterà l’Inno all’Italia Ore 12,00 degustazione delle mozzarelle ed altri prodotti di bufala offerte dal consorzio Cab e Fattorie Saullo di Amaseno, del miele dell’apicoltura De Rose di Supino e di altri prodotti tipici offerti dall’ Ass. Gente di Villa Mostre fotografiche itineranti sul paese e sull’Unità d’Italia Pranzo

8 ANNO II - N° 102 gIOvEDì 05 mAggIO 2011

tipico all’aperto organizzato dal Ristorantino “La Piazzetta” Solo su prenotazione - pranzo a menu fisso con prodotti tipici al numero 0775632324 Non mancheranno fave e pecorino!!!! Si ringraziano : il Consorzio Cab di Amaseno , Le fattorie Saullo, Apicoltura De Rose di Supino l’Associazione Gente di Villa e l’Ass. Pomponio Palombo Informazioni sui siti www.comune.villasantostefano.fr .it - www.villasantostefano.com www.piccolagrandeitalia.it

AQUINO - Dal gruppo Aquino nel cuore riceviamo e pubblichiamo. “Dopo gli ultimi scempi perpetrati ai danni della Città e dei cittadini, primi tra tutti il disinteresse amministrativo per la raccolta differenziata, dopo che assistiamo all’imperterrita azione della maggioranza che continua ad approvare atti contro gli innumerevoli pareri negativi espressi dai funzionari finanziari e dal revisore, da loro stessi nominati, pensiamo – dice L. Mazzaroppi (Capogruppo di Aquino del cuore ed a nome dell’intero Coordinamento delle Opposizioni) – che mai, come oggi, il nostro ruolo di oppositori assume un significato importante, fondamentale. Penso, sinceramente, - continua – che se noi ci fossimo defilati dall’assumere con coraggio, con solerzia, con ostinazione e determinazione talune iniziative, i nostri concittadini sarebbero rimasti senza tutela alcuna, sopraffatti dalle angherie di una maggioranza che ha come unico scopo il trasporto

di Grincia al marzo del 2013. E tutto questo anche contro le evidenze contrarie manifestate da loro stessi. Purtroppo, dall’analisi dei fatti amministrativi, occorre fare un’amara considerazione: penso che questa amministrazione non ha saputo dare risposte ad alcuno. E’ evidente a tutti, infatti, che dopo il sindacato di Grincia, il peggior sindaco che la storia ricordi, i figli stanno decisamente peggio di come stavano i loro padri. Nel Consiglio Comunale del 29 aprile è stata approvata la Salvaguardia degli Equilibri di Bilancio del 2010, il cui termine ultimo di approvazione era scaduto, con diffida del Prefetto il 20 ottobre 2010, pena lo scioglimento del Consiglio Comunale. Grincia stesso si è reso conto dell’anomalia della cosa che noi non lasceremo dormire e scivolare come se nulla fosse accaduto. Arriveremo ad informare tutti i livelli siano essi amministrativi, contabili e giudiziari allo scopo di non far si che in Italia ogni amministrazione comunale

sia legittimata a scrivere 4 cacchiate, anche sulla carta per incartare il pane, non approvare alcunché, salvo poi ritornarci dopo a distanza di sei mesi e tentare di mettere tutto a posto, magari utilizzando (come dice il revisore ed il segretario) conti falsi. Abbiamo chiesto alla maggioranza cosa stava facendo. Nessuna risposta seria e concreta. Da 3 anni il Consiglio Comunale di Aquino è impegnato, costantemente, a “mettere le pezze” ai pasticci che il sindaco propone sistematicamente, all’approvazione, ogniqualvolta si presenta una scadenza contabile. Noi ci siamo davvero stancati di questo “andazzo” poiché non siamo chiamati ad assolvere il nostro campito per affrontare grandi temi e tentare di risolvere i problemi che affliggono la Città di Aquino, bensì assistiamo ad un’azione di una maggioranza, costantemente, precettata per adempiere ad un unico scopo, una sola funzione: risolvere i problemi di Grincia.

Il Prc ricorda le morti bianche

Convegno ad Isola sull’oncologia

CECCANO -“Il lavoro deve tornare ad essere lo strumento fondamentale per realizzare la nostra societa' democratica . rimettiamo al centro la vita umana e il lavoro- dichiara G.Palmieri Mossi da tali propositi , anche quest'anno il cicolo "5 aprile",il primo maggio,con una sua delegazione ha voluto ricordare i morti sul lavoro della nostra citta' mettendo dei fiori ai piedi del monumento in piazzale Bachelet.

ISOLA DEL LIRI - L’Associazione Onlus “Il Glicine” organizza per domani venerdì 6 maggio alle ore 15.30 presso la Sala Agape ad Isola del Liri, un importante convegno sulla prevenzione in campo oncologico. Programma del Convegno: Prevenzione come arma contro le neoplasie Dott.ssa Teresa Gamucci.


sport CALCIO ECCELLENZA

Il bomber Dante Volante sottoposto ieri ad un intervento al ginocchio

Sora, in bocca al lupo al “Principe” I bianconeri, ad un passo dalla promozione in Serie D, sono vicini al loro cannoniere

I

eri Dante Volante (nella foto a destra), il bomber cassinate in forza ai volsci, è stato sottoposto all'operazione al ginocchio in artroscopia per la rottura del menisco con parziale interessamento dei legamenti. Quindi il Sora dovrà fare a meno di lui per il finale di stagione che vede proiettati i bianconeri verso il ritorno in Serie D. Il pareggio del “Nicola Perrone” di Formia ha avvicinato il Sora alla promozione diretta. Per raggiungere matematicamente tale traguardo i bianconeri dovrebbero conquistare un solo punto nelle restanti due partite di campionato ma, con il ricorso del Frascati che cerca uno “sconto di pena” alla sentenza della Commissione Disciplinare Territoriale, bisognerà fare bottino pieno nelle restanti gare per evitare situazioni grottesche e paradossali. La compagine bianconera ha ripreso gli allenamenti in vista del prossimo incontro casalingo contro il Monte San Giovanni Campano. Per l’in-

contro contro i gialloblù monticiani il trainer di Aversa Pasquale Luiso dovrebbe avere tutta la rosa a sua disposizione tranne l’infortunato Volante. Le buone notizie arrivano però dai recuperi di Giuseppe Pagnani e Pablo Ferreyra. Il centrocampista di Campoli Appennino ha scontato la sua gior-

nata di squalifica mentre il play maker argentino ha ripreso ad allenarsi dopo lo stiramento subito a Terracina e dovrebbe tornare tra i convocati per il match con i monticiani. Gli uomini di mister Carlini dopo una stagione strepitosa, iniziata con il chiaro intento di ben figurare ed ottenere una salvezza senza patemi, occupano il settimo posto in classifica con 46 punti all’attivo e sono andati ben oltre le più ottimistiche aspettative di inizio anno e lo hanno fatto mettendo in mostra un gioco gradevole e redditizio. In città l’attesa è febbrile per il match che potrebbe sancire il ritorno del Sora nel panorama calcistico nazionale. Dopo quasi sei anni da quel lontano ma sempre attuale 30 giugno 2005 che sancì il fallimento del Sora calcio, dopo campionati passati sui campi sterrati di periferia dalla Terza Categoria all’Eccellenza, dopo stagioni travagliate a livello societario ma che hanno avuto sempre un comune deno-

minatore che ha caratterizzato il popolo bianconero in oltre cento anni di storia e cioè la passione e l’amore viscerale per la squadra della propria città, l’approdo in serie D ed il ritorno nel panorama nazionale del calcio anche se, per ora, dilettantistico potrebbero risultare un importante trampolino di rilancio per l’intera città di Sora e per ritrovare quell’entusiasmo del popolo volsco andato inevitabilmente a scemare negli ultimi anni. In occasione del match di domenica 8 maggio alle ore 16.30 contro il Monte San Giovanni l’ingresso al campo sarà, per la seconda volta consecutiva, gratuito e la società bianconera e l’intera squadra si augurano che il “Claudio Tomei” possa tornare ad essere quella bolgia infernale di tifo che, anche in categorie professionistiche, sapeva spesso fare la differenza ed incutere timore sportivo anche a squadre blasonate abituate a calcare palcoscenici superiori.

CALCIO PRIMAVERA

Frosinone, il campionato si chiude con una sconfitta S UPINO - Si conclude con una sconfitta il campionato Primavera dei ragazzi allenati da Gianluca De Angelis che viene sconfitto per 1 a 0 dal Crotone nell’ultimo impegno stagionale. I calabresi si impongono al Selvotta di Supino grazie alla rete realizzata da Lomonaco su punizione al 18’. Una forte acquazzone ha accompagnato lo svolgersi della gara. Sono gli avversari i primi a spingersi in avanti, è appena scoccato l’8’ quando parte Mauro in cavalcata, elegante la chiusura di Rea che manda in angolo. Primo corner del match, ma il Crotone non lo sfrutta a dovere. Quattro minuti dopo arriva la prima conclusione del Frosinone che parte dalle gambe di Cretaro, bravo a ricevere palla sulla sinistra e a portarla avanti, si allunga però un po’ troppo la sfera e al momento del cross consente a Cuda di uscire in presa sicura. Un minuto

10 ANNO II - N° 102 GIOVEDì 05 mAGGIO 2011

dopo ci prova Frabotta dall’altra parte del campo, ma ancora una volta la risposta del numero uno calabrese non si fa attendere. Al 18’ gli uomini di mister Galluzzo passano in vantaggio con un calcio piazzato. Punizione centrale, alla battuta va Lomonaco che non sbaglia e deposita la sfera alla sinistra alle spalle di Fiorini. E’ questo il gol che deciderà la gara. Alla mezzora ecco Ialongo ri-

cevere un cross dalla destra, ben posizionato a centro area e bravo a girarsi e ad andare al tiro, trova l’angolo. Non cambia il risultato nella ripresa: al 16’ Crotone vicino al raddoppio, ma Fiorini fa il miracolo e salva due volte. In pieno recupero azione di velocità dei padroni di casa: porta palla capitan Casalese, serve Altobelli che subito appoggia per Di Dionisio che va al tiro, la palla si infrange sulla traversa e poi scema fuori. FROSINONE: Fiorini, Frabotta, Funari, Giacinti, Casalese, Rea, Cretaro (1’st Paganini), Di Dionisio, Ialongo (24’st Altobelli), Salvi, Mancini (1’st Rotondi). A disp. Scarsella, Formato, Frau, Crescenzi. All. De Angelis. CROTONE: Cuda, Martucci, Malerba, Bramati, Venneri, Galletto, Lomonaco , Fiorentino (39’st Leonetti), Colosino (20’st Aiello), Mauro, Berlingeri (10’st Errigo). A disp. Perini, Gori, Donato, Liotti. All. Galluzzo. ARBITRO: Petroni di Roma I. Assistenti: Dioletta di Teramo, Tiburzi di Roma I MARCATORI. 18’pt Lomonaco (C). NOTE. Espulsi. Martucci (C) al 48’st. Ammoniti: Mancini (F), Lomonaco (C), Fiorini (F). Calci d’angolo: 8-3. Recupero: 1’pt, 5’st.

VOLLEY UNDER18

La Globo Bpf accede ancora alla Top Pool

L

a formazione Under 18 di Lega guidata da Antonio Cortese e Ottavio Conte, espugna il Palasport “Fraraccio” di Isernia con il punteggio di 3 set a 1 nell’ultima partita della Seconda Pool del torneo juniores di Lega, consolidando definitivamente il quarto posto nella classifica del girone I e conquistando l’accesso alla Top Pool, terza fase del campionato in cui rimangono in lizza solamente 9 squadre che si contendono gli ultimi 3 posti per le Finali Nazionali di categoria. I ragazzi cari al Dirigente Giuseppe Celani e supportati in questa occasione anche dal Dirigente accompagnatore Alberto D’Ovidio, avevano come obiettivo la conquista dei 3 punti per la certezza matematica della qualificazione e non si sono fatti scappare l’occasione distanziando così in graduatoria la quinta classificata, l’Eurogroup Gela che nel frattempo ha vinto 3-2 la partita con l’Andreoli Latina. In virtù dei risultati di quest’ultima giornata, la classifica del girone I vede vincente l’M.Roma Volley che accede direttamente alle finali nazionali di Castellana Grotte, seconda piazza per la Tonno Callipo Vibo Valentia, terza l’Andreoli Latina e quarta appunto la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora, queste ultime 3 ammesse alla top Pool, mentre l’Eurogroup Gela e la Geotec Isernia, quinta e sesta, vengono eliminate. Gli incroci già definiti dalla formula del torneo vedranno la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora inserita nel gruppo J della Top Pool in compagnia di Bre Banca Lannutti Cuneo e Rpa-LuigiBacchi.it San Giustino.

Burdisso carica: “Champions possibile”

Caliendo:“Trezeguet al Napoli? Possibile”

«Possiamo centrare la Champions ma servirà una Roma perfetta in difesa». Nicolas Burdisso è pronto in vista del big match di sabato sera contro il Milan, una sfida che potrebbe rilanciare i giallorossi al quarto posto in classifica, in caso di notizie positive da Udine. «Quest’anno nelle partite importanti siamo stati sempre all’altezza della situazione», ha detto il difensore a Sky.«Contro il Milan avremo davanti una grande opportunità e dovremo essere bravi a sfruttarla».

Antonio Caliendo, agente dell'ex attaccante juventino ha fatto il punto del mercato: «Il futuro di Trezeguet? Sto andando ad Alicante per convincere il suo presidente a liberarlo, non esistono più le ragioni che resti all'Hercules. Ci sono molte probabilità, c'è da fare una scelta, che può essere di cuore, o anche economica. Il Napoli? Sarebbe felice di giocare al San Paolo - ha confermato per David sarebbe una scelta ponderata».


ANNO i1 - N°102 - giOvedì 05 MAggiO 2011 - distribuziONe grAtuitA Allegato alla Gazzetta del Molise free press - Registrazione Tribunale di Campobasso n°3/08 del 21/03/2008 - Direttore Responsabile: Angelo Santagostino - Redazione di Cassino: Corso della Repubblica, 5 Tel. 0776.278040 - e-mail: redazione@lagazzettacassino.it - A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 - 86100 Campobasso - Tel. 0874.481034 - Fax 0874.494752 Stampa: A.I. Communication Sessano Del Molise (IS) - Il lunedì non siamo in distribuzione - La collaborazione è gratuita giOrNALe sAtiriCO

L’OSCAR DEL GIORNO AD ENZO DI STEFANO

Bisogna ammettere che l'ex sindaco di Sora ed ex consigliere regionale eletto nella Lista Polverini, ha lavorato molto bene in tutti questi mesi, tanto che alla fine ne è stato premiato. Ovviamente bisogna attendere il responso delle urne e vedere se la gente davvero lo vuole alla guida della Città di Sora, ma a vedere la folla presente l'altra sera all'ufficiliazzazione della sua lista, sembra che i giochi siano quasi fatti. Il merito, come dicevamo, è tutto in quell'interesse che negli ultimi mesi Di stefano ha mostrato verso i problemi della gente. problemi veri e seri che lo hanno portato a condurre battaglie in nome e per conto di coloro che spesso restano inascoltati. Non a caso il suo slogan è stato: riparto dalla gente.

IL TAPIRO DEL GIORNO AD ERNESTO TERSIGNI

E' lui il grande assente della politica sorana. E' lui che poco sta facendo in questi giorni di fibrillazione per l'imminente campagna elettorale. Compare poco Tersigni e non ne comprendiamo la ragione. Era partito molto bene poi, sul più bello si è arrestato. Esponente di punta dell'Amministrazione provinciale di Frosinone, Tersigni è delfino di Mario Abbruzzese che lo ha voluto candidato alla carica di primo cittadino di Sora. Lui, però, né a Piazza Gramsci né altrove ha dato mai prova di grandi doti politico-amministrative ed ora, che dovrebbe sfoderare quel quid in più tace. Sono questi i figli della politica locale?

L’ORA DEI FACCIONI E DELLE PROMESSE www.lagazzettacassino.it

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


frosinone E’ continua la presentazione degli aspiranti consiglieri all’assise civica di Sora

“Dare un nuovo volto alla Città” Il giovane Gianpiero Antonini crede e sostiene fermamente il progetto di Alberto La Rocca

SORA - Gianpiero Antonini è capolista di Rinnoviamo Sora con Alberto La Rocca. Un giovane entusiasta che si affaccia alla politica con tanta voglia di fare. “Oggi più che mai, c'è bisogno di rinnovare la politica sorana. Il vero rinnovamento passa attraverso giovani determinati, coraggiosi, onesti.” E’ quanto sottolinea An-

tonini. “Negli ultimi dieci anni – ricorda Antonini - siamo stati mal rappresentanti dalla classe dirigente, composta, con qualche eccezione, da persone culturalmente insignificanti, senza scrupoli e senza nessuna proposta efficace per la città, che non sia la loro sopravvivenza politica. Ne è riprova il deprimente spettacolo offerto da alcuni “saltinbanco”, che all’occorrenza, per pura convenienza personale, hanno dato vita in Consiglio a “cambi di casacca” in corsa, anche multipli, passando agevolmente tra un banco e l’altro della maggioranza, rinnegando loro stessi ed il mandato conferitogli dai sorani. E sono quegli stessi personaggi che oggi, tutti raccolti sulla “LOVE BOAT” (nella cui stiva già si tramano congiure di palazzo), campeggiano su “Vele”

e “Manifesti”, ripresentandosi agli elettori con slogan quali “Puoi Fidarti”!!! “Io amo Sora… e Tu”!!! Con il tempo sono divenuti tutti cloni di se stessi, distinguendosi solo per il loro diverso grado di ‘rapacità’ nel pretendere ed ottenere prebende varie al fine di saziare il loro inesauribile ‘appetito’, e di colmare la loro sfrenata ambizione. Per questo bisogna avere il coraggio di investire sulla nuova generazione che si affaccia sulla scena della politica sorana. In tanti abbiamo aderito con entusiasmo alla creazione di questo nuovo laboratorio di idee che è rappresentato dalla lista Rinnoviamo Sora con Alberto La Rocca, e che vuole contribuire attivamente alla costruzione di un futuro migliore per SORA e per i sorani”. Per Antonini non è più tempo di rimanere alla finestra a

AVVENUTA LA PRESENTAZIONE

Grande successo di pubblico per la lista “Patrica Mia”

2 ANNO II - N° 102 gIOvedì 05 MAggIO 2011

Guerrieri a fare le spese del pericoloso incrocio, trovandosi coinvolto in un incidente da cui è uscito fortunatamente illeso. Nel programma elettorale di Patrica Mia una particolare attenzione è rivolta al benessere e alla vita sociale dei cittadini, con la proposta di rilancio di quelle manifestazioni a carattere sportivo e culturale che in passato attiravano centinaia di visitatori, oltre ad essere momento di scambio e aggregazione per i residenti stessi. E sempre in questa ottica si è inserita la critica al prossimo Piano Regolatore, che prevede lo sviluppo di una edilizia urbana tale da rendere Patrica una sorta di quartiere-dormitorio, in cui le persone rivolgeranno altrove la

anagnine. La figura in grado di restituire alla nostra Città il ruolo di guida che le compete nel panorama politico provinciale e regionale. Ruolo che nell’ultimo decennio, chi ci ha governato e vorrebbe continuare a farlo, ha avuto la colpa di azzerare, chinandosi prono alla sirena “Abbruzzese” ed al futuro “Fiorito” che, spenti i riflettori elettorali, tradendo la nostra gente, lasciando una mancia ai garzoni, hanno fatto le valigie per tornare a fare gli interessi in casa propria. Che nessun Sorano debba conoscere ancora oltraggio simile alla nostra dignità e fierezza!!!”

APPUNTAMENTO MUSICALE

Presentato il libro sulla Palestina Scritto dalla giornalista Antonella Ricciardi

Comizio avvenuto in località Quattrostrade, simbolo della viabilità PATRICA - Grande affluenza di pubblico al comizio di Patrica Mia tenutosi il primo Maggio in località Quattrostrade. Tanta la curiosità intorno alla lista che sostiene il candidato Mirko Guerrieri per la carica di prossimo sindaco di Patrica, e tanti i punti programmatici esposti dai singoli candidati che a turno si sono presentati ai cittadini. Considerato il luogo in cui si è svolto il comizio, era d’obbligo affrontare il tema della viabilità e quindi affrontare il problema del pericoloso incrocio delle Quattrostrade, che ha visto decine di incidenti verificarsi negli ultimi anni, per fortuna senza gravi conseguenze. Per uno scherzo del destino, pochi giorni fa è stato lo stesso candidato Mirko

guardare. “Le istanze di rinnovamento messe in campo dalla Lista Rinnoviamo Sora con Alberto La Rocca che mi onoro di capeggiare – sottolinea Giampiero Antonini - , hanno trovato la loro naturale espressione nella coalizione che il 15 e 16 maggio prossimi, sosterrà con forza e passione, senza se e senza ma, ENZO DI STEFANO - CANDIDATO SINDACO DI SORA. Siamo certi che Enzo Di Stefano rappresenti la miglior garanzia di buon governo per Sora, un governo fatto da Sorani per Sora e per i Sorani, senza influenze ed imposizioni cassinati, romane ed

propria vita lavorativa e i propri momenti di svago. Sulla questione ambientale, in un incisivo intervento il candidato Guerrieri ho sottolineato l’esigenza di un costante monitoraggio delle fonti di inquinamento, in particolare nell’area industrializzata che, soprattutto nel periodo estivo, emana cattvi odori e rende invivibile tutta l’area adiacente. In conclusione, quello di Patrica Mia è stato un vero e proprio appello a riscoprire le radici e rinnovare il senso di appartenenza dei patricani al proprio paese, e lo slogan “Ecco i giovani”, che campeggia nei manifesti elettorali, è la sintesi del nuovo spirito di iniziativa e della ventata di freschezza che Patrica Mia vuole trasmettere.

FROSINONE - Sabato 30 aprile 2011, presso la Villa Comunale di Frosinone, si è tenuta con successo la presentazione del libro “Palestina. Una Terra troppo promessa” della giornalista e scrittrice Antonella Ricciardi, organizzata dall’Associazione culturale Interattiv@Mente, e con la gentile partecipazione dell’Assessore alla Cultura, Dott. Angelo Pizzutelli. La Ricciardi ha trattato della questione israelo-palestinese, destinata a solleticare l’interesse degli studiosi del Medio Oriente e del Novecento, per colmare le lacune informative a proposito della storia della fondazione di Israele e dei crimini a danno dell’umanità a essa riferita. “Palestina, una terra troppo promessa mette in luce la tragedia del popolo palestinese e gli aspetti più sconcertanti del modo in cui i padroni del mondo trattano il conflitto in Palestina. Si moltiplicano le cariche di odio e di violenza per cancellare gli

effetti di una forte identità che non si arrende e combatte per una terra ricca di memoria e di sentimenti, simboleggiati dall'attaccamento dei palestinesi alle chiavi di casa. Se qualcuno pensa di comprare il dolore dei palestinesi con un fiume di dollari, si sbaglia. L'appoggio americano e israeliano ai politicanti palestinesi è solo fattore di divisione e di corruzione e non produce che una ulteriore destabilizzazione: una guerra civile, una guerra senza fine, con il rischio di diventare mondiale perché la Terrasanta è troppo piccola per tre Religioni monoteiste, è una zona geostrategica molto importante e molto ricca. E' molto difficile, infatti, uscire dalla situazione attuale, nella quale, al di là di tutte le occasionali condanne, nulla di sostanziale viene fatto per impedire che i governanti di Tel Aviv continuino in una politica che ha come fine ultimo la creazione di una Grande Israele”.

Mafia, Brusca cita il premier

Pazienti violentate Psichiatra in manette

MILANO - Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri «non c'entrano niente» con le stragi del 1993. Giovanni Brusca lo disse dialogando con il cognato e lo ha ripetuto a Firenze, deponendo al processo al boss FrancescoTagliavia.Il collaboratore di giustizia lo ha voluto precisare: Berlusconi e Dell'Utri «non sono i mandanti esterni delle stragi», ma, nel contro-esame ha poi dichiarato che, subito dopo la seconda ondata di attentati, mandò Mangano in missione a Milano.

LODI - Un medico di 55 anni,operante nel reparto psichiatrico di Codogno (Lodi), è stato arrestato dai carabinieri per violenza sessuale pluriaggravata ai danni di due pazienti ricoverate nel suo reparto.Tutto è iniziato nel giugno 2010, quando una giovane italiana di circa 20 anni era stata ricoverata in quel reparto per una grave crisi depressiva. Durante il periodo di ricovero, approfittando del proprio ruolo, il medico ha superato un po' per volta le resistenze.


Meteo

ORARI

SORA CASSINO ROMA

SERA NOTTE

FROSINONE

CASSINO

MATTINO

MATTINO

POMERIGGIO

POMERIGGIO

SERA

SERA

NOTTE

NOTTE

La ricetta ROTOLO AI LAMPONI E COCCO Per preparare il rotolo ai lamponi e cocco iniziate a sbattere con una frusta elettrica i 4 tuorli con lo zucchero, fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso, aggiungete poi il burro fuso e la farina setacciata. Incorporate anche la noce di cocco grattugiata e mescolate per amalgamare gli ingredienti. Montate gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale e incorporateli al composto, mescolando dal basso verso l'alto delicatamente in modo da non farli smontare. Imburrate una teglia di 25 x 35 cm e rivestitela di carta da forno, imburrate poi anche il foglio di carta da forno; stendetevi il composto delicatamente e cercate di livellarlo con una spatola senza però lavorarlo troppo per evitare di smontare gli albumi. Cuocetelo in forno caldo a 220 °C per circa 8 minuti. Sfornatelo e rovesciatelo su un foglio di pellicola trasparente che avrete steso sul piano da lavoro inumidito, di modo che la parte attaccata alla carta da forno rimanga verso l’alto. Staccate delicatamente la carta da forno e iniziate ad arrotolare la pasta con la pellicola, con delicatezza, facendo attenzione a non romperla. Chiudete bene la pellicola e lasciate raffreddare il rotolo a temperatura ambiente. Quando la pasta del rotolo si sarà raffreddata, srotolatela sempre con delicatezza e farcitela con la marmellata di lamponi, disponetevi i lamponi freschi in modo uniforme e avvolgete di nuovo il rotolo con attenzione. Ponete in frigorifero il rotolo ai lamponi e cocco per circa un'ora ed estraetelo 10 minuti prima di gustarlo!

ABBAZIA DI MONTECASSINO

TRENI

MATTINO POMERIGGIO

MESSE

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

ORE

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

9.00 10.30 12.00

S.GERMANO (CHIESA MADRE)

ORE

8.30 11.00 19.00

S. PIETRO ORE

7.30 10.00 11.30 18.00

S.ANTONIO ORE

9.30 12.00 19.00

SAN GIOVANNI ORE

7.30 11.00 19.00

SAN BARTOLOMEO ORE

APPUNTAMENTI

FROSINONE,

8.30 11.00 18.00

CINEMATEATRO ARCI

SAN BASILIO (CAIRA)

CINE D’ESSAI PRESENTA:

LA SCOMPARSA DI PATÒ (2010)

Numeri utili CASSINO

EMERGENZA 112

CARABINIERI POLIZIA VIGILI DEL FUOCO EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE SOCCORSO STRADALE

113 115 118 1515 800116

SANITA’

OSPEDALE CLINICA S.ANNA CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE PRONTO SOCCORSO GUARDIA MEDICA

0776 39291 0776 311123

STASERA IN TV

0776 21058

Rete Quattro, ore 23.15

0776 3941

BORDERTOWN

0776 301222

(thriller - 2007)

0776 3081

La città di Juarez, al confine tra Messico e Stati Uniti, è una delle principali vittime del BAFTA, il trattato che avrebbe dovuto portare lavoro nello stato latinoamericano limitando l'immigrazione negli States. Qui un personale a prevalenza femminile produce televisori, computer… che verranno poi venduti a prezzi contenuti negli Usa e nel mondo. Queste donne, in gran parte giovani, godono di poche garanzie sul piano lavorativo, e di nessuna su quello della dignità della persona. Centinaia di loro sono state infatti rapite, stuprate e uccise senza che le autorità locali andassero oltre le formalità di rito. La polizia è stata più di ostacolo che di aiuto, e le difficoltà e le minacce nel corso delle riprese non sono mancate. Ne è nato un film di sincera denuncia che purtroppo deve fare i conti con lo star system. Regia di Gregory Nava, con Jennifer Lopez, Antonio Banderas, Kate del Castillo.

888088

ANNO 1I - N° 102 - gIOVEdì 05 MAggIO 2011

0776 24422

NUMERI UTILI

COMUNE ABBAZIA UNIVERSITA’ TRIBUNALE AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

Vigata 1890, Venerdì Santo. Nella piazza del paese viene messo in scena il "Mortorio" ossia la Passione di Cristo, nella quale l’integerrimo e irreprensibile direttore della sede locale della banca di Trinacria Antonio Patò interpreta la parte di Giuda. La rappresentazione giunge all'acme con l'impiccagione di Giuda-Patò che, accompagnato dagli improperi degli spettatori, cade in una apposita botola. Ma alla fine della spettacolo Pat�� sembra scomparso. Nel suo camerino non si trovano né i suoi abiti né il costume di scena. Su un muro di Vigata qualche giorno dopo compare una scritta "Murì Patò o s'ammucciò (si nascose)?". E' quello che vogliono sapere la cittadinanza tutta, la moglie signora Mangiafico Elisabetta in Patò e soprattutto S.E. il Senatore Pecoraro Grande Ufficiale Artidoro, Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Interno, nonché altolocato zio dell'involato ragioniere... (continua). La delegazione di Pubblica Sicurezza di Vigàta nella persona di Ernesto Bellavia e la locale Stazione dei Reali Carabinieri nella persona del maresciallo Paolo Giummaro sono allertate; bisogna far luce nel mistero. I due entrano in competizione e si ostacolano nelle indagini, ma finiscono per diventare amici e complici. Le ipotesi si rincorrono: una qualche irregolarità nella conduzione della banca? Una perdita di memoria dovuta alla caduta nella botola? Un qualche complotto mafioso? Alla fine la verità emerge ma “brucia” nelle mani dei due investigatori... Attraverso le indagini, gli interrogatori e una serie di flashback che danno vita a un caleidoscopo di personaggi, costumi e malcostumi estremamente attuali, esce fuori un quadro sorprendente e inaspettato della Sicilia e dell’Italia tutta.

0776 2981 0776 311529 0776 2991 0776 32091

ORE

10.00

SAN GIOVANNI (SANT’ANGELO IN TH.) ORE

8.30 11.00 CASSINO

FARMACIE LUNEDÌ 02 MAGGIO

COSTA

MARTEDÌ 03 MAGGIO

EUROPA

MERCOLEDÌ 04 MAGGIO

PRIGIOTTI

GIOVEDÌ 05 MAGGIO

S.ANNA

VENERDÌ 06 MAGGIO

S.BENEDETTO

SABATO 07 MAGGIO

RICCIUTI

DOMENICA 08 MAGGIO

COSTA



lagazzettacassino050511a