Issuu on Google+

L’80° Reggimento non chiuderà

Bonifica discariche Mancano i fondi

CASSINO - La caserma militare dell’80° Reggimento Rav “Roma” non chiuderà. Lo ha comunicato ieri mattina il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, rispondendo ad un’interrogazione dell’onorevole dell’Udc, Anna Teresa Formisano, la quale aveva chiesto delle delucidazioni sulla paventata chiusura della struttura militare della Città martire. PAG. 6

AQUINO - L’amianto abbandonato circa un anno fa presso il campo di aviazione di Aquino non può essere rimosso perché non ci sono soldi disponibili per la bonifica di queste aree. Lo ha dichiarato il sindaco di Aquino, Antonino Grincia, a seguito delle interrogazioni delle minoranze. Per questa ragione il primo cittadino chiede l’intervento dell’assessorato provinciale all’Ambiente. PAG. 7

ANNO I - N° 78 MARTEDì 01 GIUGNO 2010 DISTRIbUzIONE GRATUITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

I PALAZZI SONO (QUASI) FINITI... CHI SONO I PAPPONI CHE CI GUADAGNANO? www.lagazzettacassino.it IL TAPIRO DEL GIORNO AD ANTONINO GRINCIA Solo dopo le interrogazioni delle opposizioni che chiedevano come mai non fossero stati presi provvedimenti per ripulire l’area del campo di aviazione dove sono state abbandonate lastre di amianto e dopo quasi un anno dalla scoperta, il sindaco di Aquino batte cassa. Si accorge, così, che i soldi non ci sono per poter bonificare quella come altre discariche a cielo aperto e chiede aiuto all’Amministrazione provinciale di Frosinone. E’ mai possibile, sindaco, che dallo scorso settembre non abbia mai avuto modo di contattare l’assessorato provinciale all’Ambiente per prendere provvedimenti contro quella che è una bomba che attenta alla salute dei cittadini?

L’OSCAR DEL GIORNO AI RICERCATORI Ai ricercatori degli Atenei italiani e, in modo particolare, a quelli dell’Università di Cassino che si stanno battendo contro la proposta del ministro Mariastella Gelmini che prevede la messa in esaurimento della figura del ricercatore a tempo determinato, con conseguente sostituzione degli stessi attraverso nuove forme di precariato; l’assenza di qualsiasi riferimento al destino degli attuali ricercatori di ruolo. Non è così che si aiuta la ricerca e che si evita che intelligenze nostrane vadano a lavorare all’estero.

redazione@lagazzettacassino.it 10.000 copie in omaggio


regione “L’ospedale di Atina non deve chiudere” La richiesta del capogruppo Pdl Fiorito FROSINONE - "Sulla ipotesi di chiusura della lungodegenza presso il presidio ospedaliero di Atina ho rassicurato il Consigliere provinciale Andrea Amata ed il sindaco di Atina Fausto Lancia: queste ventiliate ipotesi sono al momento prive di ogni fondamento politico, in quanto è interesse del Pdl, nonostante le dichiarazioni di qualche maggiorente del Pdl che ha sostenuto che in provincia di Frosinone dovranno rimanere soltanto tre ospedali", a dichiararlo è Fanco Fiorito, capogruppo del Pdl

in Consiglio regionale. "E´ volontà del Pdl potenziare la struttura ospedaliera di Atina che serve un vasto territorio la cui conformazione non consente la riduzione dei presidi ospedalieri di prossimità senza creare gravi disagi non soltanto nella gestione delle emergenze ma anche dei servizi sanitari di lunga durata - ha affermato Fiorito - Credo anzi che sia da rivedere la convenzione con l´Ares 118, la cui sospensione a fine aprile ha isolato il primo soccorso di Atina dalla rete sanitaria regionale, e ga-

rantire una presenza costante dei mezzi di soccorso nella Val Comino. E´ anche da rivedere il trasferimento del servizio veterinario da Sora ad Atina, visto che la maggior parte di questo servizio viene di fatto svolto proprio in quest´ultimo Comune. Confidiamo nel Presidente della Regione Renata Polverini – ha sottolineato il Capogruppo - in quanto la politica sociale è parte integrante del patrimonio culturale del centrodestra che non riducibile ad un´appendice della politica econo-

mica ma è consustanziale alla democrazia: solo così i cittadini possono sentirsi di appartenere all´Istituzione regionale. Ci sentiamo per questo in perfetta sintesi

col Governo nazionale che ha dichiarato la coesione sociale una priorità da difendere prima di ogni altra cosa nel momento in cui pone mano alla manovra finanziaria".

Spiagge pulite, raccolti 5 quintali di rifiuti Il bilancio regionale della campagna di Legambiente. Oltre cento i volontari ROMA - Cinque quintali di rifiuti, tra cicche e pacchetti di sigarette, stecche dei gelati, buste e bottiglie di plastica, carcasse di elettrodomestici, sono stati raccolti sulle coste del Lazio grazie alle centinaia di volontari che muniti di guanti, sacchi e rastrelli, da venerdì hanno partecipato a ''Spiagge e Fondali puliti 2010''. Questo il bilancio regionale della campagna di Legambiente che ogni anno raduna volontari da tutta Italia per la pulizia di spiagge libere, scogliere e fondali, nonché argini dei fiumi e laghi, realizzata con il contributo di Unipol Gruppo Finanziario. Oltre cento volontari, grande partecipazione degli scout di Viterbo, Sindaci e istituzioni del territorio all'appuntamento conclusivo sul Lago di Vico, nel Comune di Ronciglione, in località Renari, con una serie di iniziative finalizzata a riportare l'attenzione sulle gravi emergenze ambientali che stanno investendo il bacino lacustre, a partire dall'alga

rossa fino alla presenza di arsenico riscontrata nei pressi del sito militare dismesso, dove sono state prodotte armi chimiche. Alla tradizionale pulizia dell'arenile da parte dei volontari, si è accompagnato un presidio all'ingresso del centro chimico militare, per chiedere un'immediata bonifica dell'area. Sono inoltre stati raccolti sacchetti di terra su cui è stato scritto ''da bonificare'', che saranno consegnati da una delegazione al Centro Tecnico Logistico Interforze di Civitavecchia e alla Regione Lazio, un gesto altamente simbolico per sottolineare la necessità di trovare soluzioni rapide alla situazione che ormai da troppi anni interessa l'area. ''Anche questa volta spiagge pulite raccoglie un nuovo successo, con un gesto concreto da parte dei cittadini per prendersi cura del nostro litorale - ha dichiarato Lorenzo Parlati, presidente di Legambiente Lazio -, e con l'obiettivo di un impegno da portare avanti

durante tutto l'arco dell'anno, ponendo fine alla cattiva e intollerabile abitudine di abbandonare i rifiuti in spiaggia. Il nostro appello va alle istituzioni perché investano con più continuità sulla costa, mettendo in atto un piano complessivo per la sua tutela e valorizzazione, che ponga fine non solo a sporcizia e degrado, ma anche a spiagge blindate, abusivismo, traffico selvaggio, a favore di servizi improntati invece sulla sostenibilità e accessibilità, anche eliminando le barriere per i diversamente abili. Non ci siamo occupati solo di mare, ma anche del Lago di Vico, dove chiediamo che sia avviata subito la necessaria bonifica''. Ultimo straordinario appuntamento con ''Spiagge e Fondali puliti'' domenica 13 giugno sulla spiaggia di Nettuno (Rm), dove i volontari del circolo di Legambiente Le Rondini coinvolgeranno i cittadini in una giornata di recupero dei rifiuti sulla spiaggia libera davanti alla ''Divina Provvidenza''.

Enzimi di pace, premiazione in Campidoglio Al concorso hanno partecipato anche i bambini di Haiti. Molte scuole dell’est europeo ROMA - Giovedì prossimo alle 10 presso la Sala Gonzaga dei Vigili urbani di Roma, in Campidoglio, si terrà la cerimonia di premiazione della tredicesima edizione del concorso internazionale “Enzimi di Pace - L'Albero dei Colori”, promosso dalla Scuola di Pace con il patrocinio del Comune di Roma, assessorato alle Politiche culturali e della comunicazione. I

2 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010

principali temi del concorso erano la Natura e la Pace, con l'obiettivo di ''costruire ponti di pace e di solidarietà tra i bambini del Mediterraneo e del Mondo''. Hanno partecipato molte scuole dall'Italia, dalla Bosnia, dalla Serbia, dalla Romania e dal Libano, nonché i bambini di Haiti. Questi riceveranno un premio speciale che

Spaccio di droga, quattro gli arresti LATINA - Quattro persone arrestate e altre denunciate in stato di libertà nell'ambito dell'operazione "Turn over" conclusa dai carabinieri della compagnia di Aprilia dopo quasi due anni di indagini. L'operazione ha scardinato un'organizzazione che si riforniva di grossi quantitativi di cocaina nella Capitale per poi rivenderli sul mercato del nord della provincia pontina e del litorale romano.

sarà portato loro dalla prossima missione di solidarietà ad Haiti, nel mese di ottobre. Per le scuole della Bosnia, Serbia e Romania, la premiazione sarà ripetuta in loco nel mese di Ottobre. ''Enzimi di Pace'' sarà In Libano in occasione della “Settimana della Lingua Italiana nel Mondo', e ad Ostuni in Puglia, per la 'Settimana dei Bambini del Mediterraneo”.

Incidente stradale, non ce l’ha fatta Noemi LATINA - Un'altra giovane vita spezzata sulle strade della provincia di Latina. Non ce l'ha fatta Noemi Formiconi, la ragazza di 21 anni di Cisterna,rimasta ferita in un incidente stradale avvenuto domenica pomeriggio in via Acque Alte, nei pressi di Borgo Piave. La sua amica, anche lei di 21 anni, è ricoverata in condizioni serie. Le due viaggiavano a bordo LanciaY, hanno toccato un'altra auto e sono uscite fuori strada schiantandosi contro un palo della luce.


regione Sanità, tutto inviato a Giulio Tremonti La Polverini: “Ci sono le condizioni per non aumentare le tasse” ROMA - Dodici decreti, compreso quello sul riordino della rete ospedaliera, sono stati inviati oggi e sono già sul tavolo dell'economia. "Abbiamo consegnato tutto quello che ci era stato richiesto - ha annunciato il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, in conferenza stampa nella sede della Regione - la risposta del Governo non sara' immediata, ovviamente, si tratta di un piano complesso. I dodici decreti saranno la base per inaugurare un nuovo corso per la Regione come da programma elet-

torale. Getteranno le basi di un processo virtuoso, programmando interventi che incidono sul settore privato e su quello pubblico. Questa la base per la mia rivoluzione sanitaria", ha dichiarato Polverini. Nel decreto per la riorganizzazione della rete ospedaliera firmato dal governatore del Lazio Renata Polverini il territorio regionale viene suddiviso in 4 macro aree omogenee ed autosufficient». Lo ha la stessa Polverini nel corso di una conferenza stampa convocata in regione sul tema della sanità. «In cia-

Sel: è una vergogna l’attacco ai pacifisti

Regione, tour di Zappalà Incontro con Melilli

ROMA - ''E' una vergogna quello che è successo. La comunità internazionale non può adesso rimanere inerme o trincerarsi dietro il politicismo. Sono stati uccisi uomini e donne che portavano semi di pace, di speranza tra i popoli. Quello che è successo non ha giustificazioni. E' un atto di violenza inaudito, inumano. Il governo italiano prenda subito una posizione chiara, netta che non permetta ambiguità''. Così Marco Furfaro, portavoce regionale di Sinistra Ecologia Libertà del Lazio comunica in una nota l'adesione al presidio convocato dalla rete romana di solidarietà con il popolo palestinese.

scuna area - ha spiegatoi - c'è tutta la catena della specialità che si deve offrire, senza dover arrivare a Roma». Una suddivisione, come spiegato, predisposta per «arrivare immediatamente alla riduzione del numero delle Asl». «Questo piano ha aggiunto - adempie all'indicazione di 4 posti letto ogni 1000 abitanti e si prefigge di ricollocare tutto al giusto livello organizzativo». «Questa regione - ha continuato - è leader nel campo dell'inappropriatezza organizzativa: la gran parte delle prestazioni vengono erogate

Prima tappa dell’assessore regionale al Turismo ROMA - Incontro ieri mattina, presso la sede della Provincia di Rieti di Palazzo Dosi, tra il presidente della Provincia, Fabio Melilli, e l'assessore al Turismo della Regione, Stefano Zappalà, nell'ambito di un serie di incontri che l'assessore regionale ha deciso di compiere nelle varie province laziali. Durante l'incontro, cui ha partecipato anche l'assessore alle Politiche turistiche della Provincia di Rieti, Alessandro Mezzetti, si è discusso dell'accelerazione della chiusura delle Apt e il conseguente trasferimento dei loro beni strutturali, in questo senso nei prossimi giorni la Provincia invierà alla Regione l'atto di riorganizzazione dell'Apt. Altro argomento affrontato è stato quello del miglioramento della legislazione regionale in materia di Turismo e della possibilità da parte della Provincia di ottenere in comodato d'uso gra-

tuito altri beni di proprietà della Regione che potranno servire per lo sviluppo e il miglioramento dell'offerta turistica nel Reatino. Melilli ha espresso il suo apprezzamento per il metodo di lavoro adottato dell'assessore, che si spera possa inaugurare una proficua stagione di collaborazione, e ha fatto il quadro della situazione dei progetti turistici nella provincia di Rieti: il Termi-

nillo e il sistema montano, il Cammino di Francesco, la Navigabilità del Tevere e il sistema agrituristico della Sabina, la navigabilità del Velino, la via del Sale e la valorizzazione dei Laghi. Melilli, inoltre, si è anche riservato di inviare in seguito all'assessore un documento nel quale saranno evidenziate le priorità per la valorizzazione dei vari asset.

in assoluta inappropriatezza». «Con questo piano - ha concluso - poniamo le basi per quella rivoluzione sanitaria che ho annunciato in campagna elettorale». Per la presidente ci sono le condizioni per scongiurare un aumento delle tasse, dopo la presentazione dei decreti sulla sanità al Governo. «Assolutamente sì», ha risposto il governatore a margine della conferenza stampa convocata in Regione per parlare di sanità. «Credo ci siano le condizioni» per evitare l'aumento delle tasse, ha detto.

L’Idv: è una gestione personale del potere ROMA - ''Non capisco come la presidente delle ragione Lazio, Renata Polverini, per varare un piano così critico per le sorti della sanità regionale, non abbia sentito l'esigenza di una discussione con tutte le forze politiche chiamate in causa''. Lo dichiara in una nota Oscar Tortosa, vicesegretario per il Lazio dell'Italia deiValori, commentando il piano di riordino della rete ospedaliera regionale firmato da Renata Polverini. ''Probabilmente - continua - per la convocazione di un consiglio aspetterà la prossima sentenza del Tar che conferirà alla sua maggioranza altre tre poltrone. Credo proprio che siamo tornati ai tempi della gestione personalistica del potere''.

“La presidente deve rinviare il piano di rientro” La richiesta è arrivata dal vicepresidente del Consiglio Bruno Astorre ROMA - ''Chiediamo al presidente Polverini, commissario ad acta della sanità, lo slittamento della presentazione del piano di rientro al 31 dicembre 2010, così come previsto dal patto della salute per tutte le Regioni coinvolte''. A dichiararlo in una nota è Bruno Astorre, vicepresidente del Consiglio regionale. ''Senza questo necessario rinvio, - continua -

Passo Corese, butta la figlia dal balcone ROMA - Daniela Altamura, 32 anni, originaria di Roma e domiciliata a Passo Corese, in terapia farmacologica per una depressione post-partum, avrebbe confessato di aver gettato la sua bambina di sei mesi da un balcone a otto metri d'altezza dal suolo. La donna era stata arrestata dai carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto. Sarebbero attualmente in corso ulteriori accertamenti prima di procedere al suo trasferimento nel carcere romano di Rebibbia.

con i decreti che sarebbero stati presentati al ministero dell'Economia, è messa a rischio la sopravvivenza dei piccoli ospedali di provincia. I danni per i cittadini del Lazio, non solo dal punto di vista economico, sarebbero incalcolabili''. ''I tagli che si profilano per le piccole realtà locali, pensati senza una razionalizzazione del-

l'intero sistema assistenziale, - spiega il vicepresidente della regione - lasceranno gli abitanti sprovvisti di servizi indispensabili e vitali, e di strutture di eccellenza consolidate. Preoccupa il possibile blocco dei lavori di realizzazione del policlinico dei Castelli, che è stato cantierizzato dalla giunta uscente di centrosinistra, ed è vitale per il territorio tuscolano''.

Cicchitto: cancellata l’abolizione Province ROMA - La norma che prevedeva l'abolizione delle Province con meno di 220 mila abitanti è stata cancellata dalla manovra. A confermarlo è il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, entrando in Bankitalia, dove il governatore Mario Draghi ha letto la sua relazione. ''Credo - ha detto Cicchitto che la misura sia stata ridimensionata e che non ci sia più l'abolizione delle Province''.

3 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010


provincia “Difendete gli ospedali della nostra provincia” Antonello Iannarilli scrive ai consiglieri regionali ciociari per chiedere l’impegno contro il taglio dei posti letto FROSINONE – Sarebbe una enorme iattura per la provincia di Frosinone se il nuovo piano sanitarioregionale, come si dice in questi giorni dovesse prevedere il taglio di numerosi posti letto nei nosocomi ciociari. Nei giorni scorsi numerose sono state le azioni di protesta in tal senso, come la manifestazione davanti all’opedale di Pontecorvo, di domenica mattina. Anche il presidente della Provincia di Frosinone non è voluto essere da meno in questa battaglia e ha

preso carta e penna per scrivere una lettera ai consiglieri regionale eletti in questo territorio, affinché si battano nelle sedi dovute, il consiglio regionale, per difendere il diritto alla salute dei cittadini ciociari. Ha scritto a Mario Abbruzzese, Franco Fiorito, Annalisa D’Aduanno, Enzo Di Stefano, Alessandra Mandarelli, Francesco Scalia e Anna Maria Tedesci, maggioranza e opposizione, segno che in questa battaglia le differenze politiche vanno messe da parte. Quelleo che conta

è l’interesse comune: ossia scongiurare il taglio degli ospedali. Scrive Iannarilli: “In questa delicata fase di programmazione della spesa pubblica vi chiedo, il massimo impegno, a livello regionale, per la difesa e salvaguardia delle esigenze funzionali del servizio sanitario della provincia di Frosinone. Per la particolare gravità della situazione, si confida in un’attenta analisi dell’offerta sanitaria da parte della Regione anche alla luce della crescente domanda di posti letto. La garan-

zia dei livelli minimi di assistenza è indispensabile anche per tenere sotto controllo forti tensioni sociali sempre più sollecitate dalle condizioni della sanità pubblica. A differenza del passato, non possimo più accettare e subire passivamente le scelte romane, ma è necessario e quanto mai opportuno che le decisioni siano il risultato di un confronto serio e di un peculiare coinvolgimento di tutte le parti interessate. Infine, sono a chiedervi di vigilare anche sulle eventuali nomine dirigen-

ziali relative agli enti della nostra provincia. Non possiamo più tollerare che vengano offese le professionalità del nostro territoririo tramite nomine che ricadono su professionisti di altre province o addirittura di altre regioni”. Dunque, è chiaro Iannarilli rivolto ai consiglieri regionali ciociari. Tenete gli occhi aperti: Frosinone non può sempre subire torti, meno che mai in un settore di vitale importanza per la vita dei cittadini, come il diritto alla salute.

“Regione delle Province”, continua il tour nelle scuole dell’assessore Paliotta FROSINONE – Non si ferma un attimo l’assessore Paliotta. E soprattutto non si ferma la sua voglia di far conoscere il progetto “Una Regione delle Province”, ai ragazzi delle scuole secondarie della provincia. Il rappresentante del Movimento per le autonimie e assessore provinciale al riordino istituzionale e ai rapporti con la Regione e le province del Lazio, sta battendo in lungo e in largo i comuni ciociari per far capire a grandi e piccoli l’importanza di un nuovo assetto amministrativo del Lazio, che tenga conto delle esigenze dei territori fuori dal perimetro delle mura della città di Roma Nei giorni scorsi, è’ stato presentato l’opuscolo “Per una nuova Regione” e distribuito a tutti gli alunni nell’Istituto Tecnico Commerciale di Cassino in Via Gari e nell’ IPSIA in Via Berlino, mentre sabato mattina l’incontro si è svolto nell’Istituto Tec-

nico Industriale Statale in Via Folcara. Numerosa la partecipazione degli alunni del triennio, che hanno mostrato grande attenzione al delicato ed attuale tema trattato. E’ intervenuto oltre all’assessore Paliotta anche l’assessore ai trasporti ed ai rapporti con l’Università Gabriele Picano. Nell’incontro gli assessori hanno parlato della notevole distanza che passa tra Roma e le altre Province, attraverso un’ attenta ed approfondita analisi dei grafici relativi a tutti gli indicatori socio economici, infine si è arrivati a parlare del Progetto della Nuova Regione. Molti ragazzi, sollecitati dal Preside sono intervenuti con domande e curiosità inerenti il Federalismo Fiscale, Roma Capitale e l’area metropolitana, risposte molto esaustive sono state date dagli assessori Paliotta e Picano.

Grande partecipazione al corso di europrogettazione dell’Idv FROSINONE - “E’ stato un grande successo”. Così ha commentato Viviana Fuoco, Coordinatrice Provinciale dell'Italia dei Valori di Frosinone in merito al primo corso di europrogettazione tenutosi ieri alla Villa Comunale. L’incontro si è concluso con l’intervento dell’on. Niccolò Rinaldi, capo-

4 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010

delegazione dell’Italia dei Valori al Parlamento Europeo e Vicepresidente del Gruppo Alde, promotore dell'iniziativa. Hanno preso parte all'incontro rappresentanti dei lavoratori delle industrie del Frusinate che hanno chiesto informazioni all’eurodeputato di Italia dei Valori, membro della Com-

La Polizia provinciale recupera slot machine FROSINONE - Gli uomini della Polizia provinciale, agli ordini del comandante Massimo Belli, hanno rinvenuto a Sant’Apollinare tre slot machine visibilmente scassinate. I macchinari sono risultati rubati ad un esercizio commerciale, il bar-pizzeria “Incas”. Il furto era stato denunciato ai carabinieri della stazione che avvertiti dalla Polizia provinciale sono immediatamente giunti sul posto e, con essi, la vittima del furto.

missione Commercio Internazionale del Parlamento Europeo, su come e se sia possibile competere con i paesi in via di sviluppo come l’India e la Cina. “Non possiamo che essere felici dell'esito dell'incontro, che ha aperto un canale verso l’Europa proprio grazie all'in-

teress a mento d e i partec i panti a l l e parole dell'On. Rinaldi - ha continuato la Coordinatrice Provinciale Idv -. Prossimamente una delegazione di commercianti del Mercato Naturale della provincia di Frosinone potrebbe essere ricevuta a Bruxelles il prossimo autunno per partecipare a altre giornate di formazione”.

Stabilimento di patatine Violate le norme sanitarie FROSINONE - I militari della Stazione di Frosinone Scalo, congiuntamente quelli del NAS di Latina, nel corso di un controllo effettuato presso uno stabilimento per la produzione di patatine hanno rilevato violazioni normative in materia igienico-sanitarie. A segnalarele le irregolarità all’interno dell’azienda i dipendenti stessi che hanno chiesto a chi di competenza l’accertamento di conformità delle attrezzature.


cassino Ospedale, riapre ortopedia ma per 15 giorni Sono 34 i partecipanti al concorso per un posto di ortopedico indetto dall’Asl CASSINO - Dopo quasi un mese di sospensione per mancanza di personale da oggi riprendono i ricoveri al reparto Ortopedia dell’ospedale di Cassino per la nuova reperibilità di due medici. L’attività delle corsie,però, sarà di breve durata perché dal prossimo 15 giugno i ricoveri, con molta probabilità, saranno di nuovo sospesi, sempre per carenza di medici. Attualmente sono in servizio quattro ortopedici compreso il primario Giuseppe Fargnoli ma fra una settimana uno di questi andrà via per scadenza del contratto. E un altro andrà via tra luglio e settembre. Ieri doveva arrivare da Roma un nuovo ortopedico ma vi ha rinunciato perché il contratto era soltanto per otto mesi. Per questa cronicità di ortopedici il reparto è sempre a rischio chiusura. Il primario rischia di rimanere con l’ortopedico arrivato un mese fa da Roma con un contratto a tempo indeterminato. Proprio questo contratto ha fatto scatenare la protesta dei tanti medici

precari soprattutto ortopedici che finora non hanno ricevuto alcuna sistemazione definitiva. Nei prossimi giorni intendono protestare verso l’Asl per la mancata stabilizzazione. Intanto l’azienda sanitaria ha indetto per lunedi prossimo un concorso per un solo posto di ortopedico. Al bando hanno risposto 34 medici precari di cui la metà proveniente da altre province. L’ortopedico che vincerà il concorso sarà destinato, probabilmente, all’ospedale di Anagni o di Alatri ma non a Cassino dove la situazione è al limite. E poi c’è la polemica per le sale operatorie. Su undici ne sono disponibili soltanto due. Anche qui per la carenza di anestesisti. Sono nove i medici in servizio ma non sufficienti per le turnazioni e così a Ortopedia spetta la sala operatoria solo il mercoledi a parte le urgenze. L’appello all’Asl lanciato un mese fa dal sindaco Scittarelli per un intervento concreto in favore del Santa Scolastica non ha sortito alcun effetto.

Fardelli e Marsella ”L’ex Colonia solare in totale abbandono” CASSINO - “L’ex Colonia solare di via Montecassino e il centro anziani di San Pasquale a Cassino sono al centro di due interrogazioni dei consiglieri comunali Udc Marino Fardelli e Robertino Marsella che chiedono informazioni sullo stato di abbandono delle due strutture. “Nessuna riposta dal Comune di Cassino alla nostra interrogazione sulla situazione dell’ex Colonia Solare di via Montecassino. Lavori mai terminati e lo stabile in abbandono dopo tanti soldi spesi finora inutilmente”. Lo sostengono Fardelli e Marsella i quali spiegano che “i lavori furono finanziati dalla Regione Lazio per un importo di circa 661mila euro. Gli stessi lavori dovevano concludersi entro settembre 2005, invece da 5 anni l’abbandono prevale e la situazione non è bella dal momento che essa rappresenta un biglietto da visita non proprio qualificante agli occhi dei tanti pellegrini e turisti che si recano all’Abbazia.” Il Comune, secondo i due consiglieri, ancora non ha stabilito cosa farci di questa vecchia costruzione. Se affidarla in gestione all’Università e all’ADISU per alloggio a prezzi calmierati per gli studenti o altro. “Manca un progetto di assegnazione – osservano- e un serio programma di gestione in quanto non essendoci dagli Uffici del Comune le dovute autorizzazioni tecniche ed amministrative nel frattempo lo stabile è avvolto nell’incuria più totale”.

Il capogruppo Pd Marrocco sollecita interventi del Comune

Caritas: “L’emergenza sociale dalla mappa della povertà” CASSINO - L’11 giugno verrà presentato il report di uno studio della Caritas voluto dall’Abate Vittorelli sulle nuove povertà presenti a Cassino. Per il capogruppo del Pd Tommaso Marrocco si tratta di una “iniziativa non solo lodevole dal punto di vista sociologico ma anche da quello politico, poiché già dallo spaccato emerge quanto

6 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010

sia necessario investire sul sociale nella nostra città. Il banco di prova per la politica locale sarà, salvo sviluppi diversi legati alla tenuta dell’attuale giunta, l’approvazione del bilancio comunale di luglio. Posso già anticipare, però, che nel documento amministrativo finanziario più importante non c’è traccia di un’aumentata attenzione per le fasce più deboli della nostra cittadinanza, neppure alla luce dell’attuale panorama drammaticamente critico della nostra realtà locale e di quello ancora più difficile che si prospetta all’orizzonte”. Rilancia l’allarme della Caritas cassinate Tommaso Marrocco, capogruppo PD a Cassino. “L’attuale amministrazione di centrodestra si è persa dietro i continui litigi di potere ed ha ormai da tempo smesso di pensare a chi ha effettivamente bisogno di aiuto. Spero che non sia troppo tardi per tornare indietro, ma non credo esista al momento quella serenità giusta che possa far spostare l’attenzione sulle reali necessità della nostra comunità. Auspico che l’Abate Vittorelli riesca in quell’occasione, dall’alto della sua autorevolezza, a sensibilizzare gli animi di tutti gli autori di scelte strategiche per la nostra comunità, affinchè possano puntare verso obiettivi più umanamente sostenibili. L’opposizione, dal canto suo, sono certo che farà la sua parte”.

Università, è uscitoVox Studenti CASSINO - E’ uscito il nuovo numero di Vox Studenti (Giugno 2010), periodico degli iscritti all’ateneo di Cassino. Per sfogliarlo http://www3.netzine.unicas.it/index.php/Vox-Studenti allo spazio community/netzine sul nuovo sito d'Ateneo. Tra gli argomenti: Trionfa la sinistra alle elezioni del Cnsu. Elisa Ljiljanic è la più votata e l'unica eletta del nostro Ateneo. Il punto dell' avv. Franco Assante.

Mensa scolastica

Servizio sospeso CASSINO - Da oggi senza mensa nelle scuole di Cassino e fino al termine delle lezioni previste per metà giugno. La ditta che fornisce il servizio ha sospeso il servizio come previsto dall’incarico ricevuto dal Comune. E così diversi genitori dovranno provvedere direttamente per i loro figli con problemi per chi lavora. I consiglieri comunali (Udc) Fardelli e Marsella in una nota invitano il sindaco e l’Assessore Papa ad attivarsi con i circoli didattici al fine di prevedere tale opportunità del servizio mensa “che non si interrompa ma che sia organizzato ancora per altri 15 giorni

Prevenzione usura, sportello Fondazione CASSINO - L’attività della Fondazione WandaVecchi è stata presentata al comune di Cassino. Presente il vice sindacoMicheleNardoneiresponsabilidellaFondazionehanno illustrato l’attività che riguarda la prevenzione e la lotta all’usura.LaFondazioneagiscesutrelineeguida:culturadella legalità e corretto uso del denaro; sostegno ai soggetti in difficoltà economica che potrebbero cadere nell’usura e assistenza ai soggetti vittime di usurai. Sono intervenuti gli avvocatiFabioCirilli,GennaroPaganoeMariarosariaVioli.

per andare incontro alle tante famiglie che fanno affidamento su tale importante servizio mensa per non arrecare disagio alle stesse e ai genitori dei bambini delle scuole comunali.” “Abbiamo constatato, dichiarano ancora Fardelli e Marsella, che con il cambio di gestione si sono verificate ricadute positive in merito alla qualità, all’efficacia ed efficienza del servizio erogato grazie al personale sempre disponibile. Speriamo che la sensibilità amministrativa e politica con l’obiettività possa far si che tale servizio possa essere continuato almeno fino alla metàdel mese di giugno.”


cassinate Edilizia e speculazione I furbetti abitano qui CASSINO - L'articolo apparso sulle colonne del nostro giornale, riguardante la variante al Prg in zona Sferracavalli a Cassino, ha fatto prendere d'assalto i box dove la “Gazzetta” viene distribuita, segno che i cassinati non sanno, ma vogliono sapere. Ed allora ci è sembrato opportuno ritornare sull'argomento e parlare di opere compensative, ovvero, quelle realizzazioni che gli imprenditori che stanno costruendo i palazzi, devono di pari passo costruire, per il bene della collettività, e per contratto. San Bartolomeo: la ditta Bottoni ha ottenuto la variante al Prg ma poi l'imprenditore ha ceduto tutto a Fontana e Di Fiore. Oggi gli appartamenti sono quasi ultimati ma per quello che riguarda l’asilo che doveva soprgere in loco nessuno sa bene se la cubatura prevista sia quella in itinere, dal momento che qualcuno giura che il manufatto sia in realtà più piccolo del dovuto. A tal proposito nei giorni scorsi l’assessore comunale al Personale, Franco Evangelista, ha presentato richiestra formale per opoter entrare in possesso di copia del progetto redatto in convenzione. Sempre a San Bartolomeo,

l'impegno per il costruttore era il rifacimento della traversa che porta nel popoloso quartiere, oltre alla realizzazione di un nuovo ponte più largo e carrozzabile da costruire sulla traversa stessa,. peccato, però, che ad oggi di quel pontenon se ne sa nulla mentre, al contrario, le rifiniture agli appartamenti sono già quasi terminate. Spostandoci a via Casilina Sud, in prossimità della rotonda, una parte della proprietà che era di Clizia Carnevale, è stata ceduta al venafrano Petrecca (il quale, lo diciamo agli amministratori di Cassino, è stato denunciato a campobasso per furto d’acqua. pertanto non vorremmo che avesse “reiterato” il reato anche nella Città martire, prosciugandone le sorgenti). In questo caso, l'opera compensativa per i cittadini di Cassino, almeno la più importante,è la realizzazione di una stazione attrezzata per gli autobus di linea. Anche in questo caso, per la stazione di fermata la collettività dovrà attendere dato che la maggior parte degli sforzi dell'impresa è concentrato sugli ultimi piani dei palazzi da terminare. Sempre su via Casilina Sud, in un'area meglio conosciuta come

"ex Musilli", l'impresa Iavarone sta erigendo alcune unità abitative, non usiamo la parola palazzo per non ripeterci: in questo caso però, raccogliamo lo sfogo di alcuni residenti della zona, ovvero, mancanza di illuminazione, di acqua, di condotte fognarie, e di strade degne di questo nome. I cittadini a questo punto si chiedono, ma il comune di Cassino, ha una autorità preposta al controllo delle opere compensative? Perchè gli appartamenti hanno sempre la precedenza su tutte le altre opere? Ce ne sarebbero ancora molte di domande, ma per ora ci fermiamo a queste due con la speranza di ricevere almeno una risposta.

I giovani di Forza Cassino: “Vogliamo Il caso della strana multa Donatelli smentisce il consiglio comunale su You Tube” CASSINO - “Vogliamo i consigli comunali su You Tube”. A chiederlo sono oltre duecento ragazzi e ragazze coinvolti in una campagna pubblicitaria organizzata da Forza Cassino Giovani per promuovere questa proposta. “Nei consigli si prendono decisioni sulla nostra città e noi giovani vogliamo esserne al corrente e poterli vedere su You Tube. La nostra proposta non ha fini elettorali e propagandistici: ha fini di politica vera e seria” affermano. “Vogliamo che l'amministrazione sia più vicina ai giovani e si diffonda in internet, lo vogliamo perché è arrivato il momento di una svolta – afferma dall’account di Facebook il coordinatore del gruppo, Gianluca Pistore - siamo nell'era informatica, sfruttiamo internet per avvicinare la politica ai giovani che nei giorni scorsi ha scritto una lettera aperta indirizzata a tutti gli amministratori municipali: "Forza Cassino Giovani si pone l’obiettivo di riportare il contatto tra i cittadini e la politica; in particolare vogliamo avvicinare i giovani all’amministrazione della cosa pubblica; ma come possiamo farlo se la politica non è vicina ai giovani e non usa il loro linguaggio? Il progetto - spiega Pistore non costa nulla economicamente ma è certamente importante per una città che voglia essere al passo con i tempi; voglio ricordare che la Casa Bianca ha un proprio

canale youtube, così come il Quirinale, e in questo periodo di forte cinismo e repulsione verso la politica, la giusta risposta alle esigenze di onestà e trasparenza nella pubblica amministrazione è fare politica tra i cittadini; e quindi essergli vicino e parlare il loro linguaggio. In questo modo con un semplice click chiunque potrà vedere cosa fanno i rappresentanti in Comune e daremo una maggiore visibilità agli amministratori che difendono correttamente e con grande onestà gli interessi pubblici."

CASSINO - Una insolita multa a Cassino. Vittima sarebbe un giovane ragazzo di Cassino che a molti ha raccontato di essere stato vittima di un errore e per questo si sarebbe rivolto ad un legale per sapere se la multa è legittima o meno. Qualche giorno fa il giovane multato dalla polizia stradale di Cassino perché, stando al racconto, trovato alla guida della sua bicicletta mentre parlava al telefonino. A seguito del controllo gli agenti gli avrebbero presentato una multa di 155 euro, decurtandogli, inoltre, dieci punti dalla patente di guida. Il ciclista, che stava facendo delle consegne per conto del suo datore di lavoro, si è detto preoccupato non tanto per il pagamento dei soldi anche se pesante, quanto per la decurtazione dei

punti e proprio su questo punto vuole vederci chiaro. Intanto dalla sezione locale della polizia stradale il dirigente Roberto Donatelli smentisce categoricamente l’accaduto.

Strade pericolose a San Vittore, “presto i dissuasori” La richiesta dei consiglieri di minoranza Manzi e Spennato SAN VITTORE DEL LAZIO - Una richiesta presentata alcuni giorni fa ma per la quale ancora nessuno ha dato risposta. I consiglieri Comunali di “Alternativa per San Vittore”, infatti, hanno presentato al Comune di San Vittore e al prefetto di Frosinone la richiesta di installazione di dissuasori di velocità lampeggianti, non solo per la via Provinciale ma anche per la Frazione di San Cesario, presentando una vera e propria petizione popolare. “Tutto ciò, dimostra – si legge nella nota dei consiglieri Manzi Ennio e Spennato Domenico - che il gruppo “Alternativa per San Vittore” ha a cuore le problematiche non solo di una parte, ma dell’intero territorio. “Alternativa per San Vittore” è e sarà sempre al

Violenza sessuale 46enne nei guai FROSINONE - Una relazione finita male con una donna extracomunitaria che sarebbe stata vittima di violenze da parte del suo compagno,un 46enne di Frosinone. Sequestro di persona,violenza sessuale e rapina.Queste le accuse che penderebbero su di lui e per le quali è stato denunciato. La dottoressa Monica Montemerani della ProcuradelleRepubblicadiFrosinonehachiusol’indagine.Nei prossimi giorni il magistrato deciderà se rinviarlo o meno a giudizio.

fianco dei cittadini di San Vittore, disponibile ad ascoltare e farle proprie le problematiche di interesse collettivo, rappresentando quanti quotidianamente transitano su delle strade a grave rischio di percorrenza, all’indomani delle numerose e gravi vicende che si sono succedute in questi anni. “In tali zone pur vigendo il limite di 50 km/h viene spesso percorso, da veicoli ad elevata velocità, con conseguente rischio per i mezzi che si immettono su tale strada, per quelli che accedono o escono dalla zona abitata e per i pedoni residenti (anziani, studenti ed operai) che attraversano tale tratto di strada per ricondursi alle proprie abitazioni,recarsi presso le numerose attività commerciali esi-

Agip Castrocielo, nove dipendenti in difficoltà CASTROCIELO – Il consigliere regionale dell’Idv, Anna MariaTedeschi,ha incontrato ieri mattina nove dipendenti del distributore di carburante Agip di Castrocielo. I lavoratori non ricevono i pagamenti da quattro mesi.Tedeschi si è impegnata a sollecitare sia il competente assessorato regionale, sia i funzionari ministeriali. “In provincia di Frosinone la situazione sta diventando insostenibile. Il disagio economico delle famiglie coinvolte non può ormai essere sottaciuto o passare in sordina”.

stenti o alle annesse fermate delle autolinee urbane ed extraurbane in entrambe le direzioni. Sostanzialmente la richiesta di tale intervento, è intesa a migliorare la circolazione nella Frazione San Cesario, in entrambi i sensi di marcia, intervento necessario a soddisfare la sempre più crescente domanda di mobilità nel territorio, e allo stesso tempo per adeguare l'assetto viario sia in termini di capacità che di sicurezza. Compito delle Istituzioni in questo senso è quello di educare e soprattutto prevenire tale tipo di condizione, cercando in qualche modo di rendere quei tratti di strada più visibili e allo stesso tempo avvertire anzitempo gli automobilisti dell’immediato rischio”.

7 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010


cassinate L’ospedale “Del Prete” fuori pericolo Ieri pomeriggio la notizia ufficiale. Per il momento nessuna riconversione per il plesso ospedaliero per il quale si deciderà nel prossimo mese di dicembre. Cittadini soddisfatti

PONTECORVO - Il Del Prete per il momento non sarà riconvertito. La protesta dei cittadini ha funzionato anche questa volta che sono riusciti così a mantenere il polo ospedaliero ancora in piedi. Paura durante il fine settimana appena trascorso quando si parlava di riconversione di alcuni presidi e tra

questi anche quello di Pontecorvo per il quale si temeva una grande perdita in termini servizi offerti oppure la trasformazione in un grande poliambulatorio. L’ospedale di Pontecorvo, infatti, non rientra tra i tagli previsti dal nuovo piano di rientro che riguarderebbe, invece, al momento solamente i poli privati. Il presidente della Regione Polverini ha chiarito che ieri pomeriggio sono stati presentati ai dicasteri del Tesoro e della Salute dodici decreti correttivi al piano di rientro, decreti nei quali e' contenuto anche quello relativo alla rete ospedaliera. Il Lazio e' stato diviso in quattro macro aree che - ha assicurato - saranno totalmente autosufficienti, ogni cittadino della Regione Lazio avra' i servizi giusti nel proprio territorio. I tagli per quanto concerne le nostre strutture locali, invece, come annunciato anche dal presidente del consiglio Mario Abbruzzese , sono stati rinviati a dicembre 2010.

“Siamo soddisfatti – ha detto il coordinatore del comitato cittadino Gabriele Zonfrilli -. Rimaniamo sul piede di guerra, però. Non abbassiamo la guardia. Continueremo ad essere vigili, pronti a qualsiasi tipo di azione. Il nostro ospedale che rientra nel cosiddetto polo D Pontecorvo è sempre stato il fiore all’occhiello in termini di produttività e per esperienza del personale attivo. Se c’è qualcosa che non va non è di certo nella nostra struttura”. “Molti hanno speculato sull'ospedale di Pontecorvo, molti non hanno capito che la presenza di quella struttura è necessaria – ha detto Silvio Tedeschi dei Moderati - specie quando si parla di primo soccorso poiché l'ospedale di Cassino è distante. La vita di una persona si gioca a volte in pochi attimi, per le zone limitrofe a Pontecorvo è un'esigenza prima la presenza e il funzionamento dell'ospedale di Pontecorvo, soprattutto il pronto soccorso”.

Consumismo e tutela del consumatore: tra storia e attualità Successo per il convegno organizzato dalla Federconsumatori di Frosinone, presenti esperti e studenti PONTECORVO - “Consumo, Consumismo e Tutela del Consumatore”, di questo si è parlato sabato pomeriggio durante un convegno promosso dall’associazione Federconsumatori di Frosinone, con la supervisione della dott.ssa Damiana Pellegrini e patrocinata da Comune di Pontecorvo, dalla Provincia di Frosinone e dall’ordine forense di Cassino. Nella stupenda cornice della biblioteca comunale della città fluviale, dopo i saluti di rito delle autorità, nelle persone del sindaco di Pontecorvo, Michele Notaro, del vice Presidente della Provincia, Fabio De Angelis e del comandante provinciale dei carabinieri, Luigi Sparagna e dell’ avvocaro Attilio Turchetta in rap-

presentanza dell'Ordine Forense di Cassino. Il relatore della conferenza, prof. Avv. Gerardo Villanacci, ha preso la parola illustrando sapientemente il tema del consumo e la figura del consumatore tra riferimenti storici, d’attualità e legislativi. Folta, variegata ed entusiasta la platea intervenuta alla conferenza, composta da avvocati e operatori del settore giuridico, ma anche da studenti e da cittadini desiderosi di ampliare il proprio bagaglio culturale. A fare da moderatore ai lavori della conferenza, il presidente provinciale di Federconsumatori, Giovanni Nardone. La Federconsumatori è presente su tutto il territorio nazionale con una rete

Moderati: “Scalo ferroviario un quartiere abbandonato” ROCCASECCA - Quest’anno la quarta edizione del memorial Antonio Fava, gara podistica di un certo spessore, non è partita dallo scalo ferroviario di Roccasecca com’era accaduto nelle precedenti edizioni. A tal proposito il coordinatore del gruppo politico dei Moderati di Roccasecca ha detto: “Sono stati in tanti a chiedermi un giudizi, Non ho voluto prendere posizione né esprimere alcun giudizio proprio, per non essere coinvolto in una deleteria diatriba campanilistica che velatamente emerge ogni volta che si organizza qualcosa di buono a Roccasecca. Non lo farò nemmeno adesso a manifestazione conclusa perché si corre il solito rischio di rimanere isolati e perché amo la città di Roccasecca, tutta. Se responsabilità ci sono è bene che se le

8 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010

capillare di sportelli per fornire assistenza e consulenza a tutti i cittadini. Da qualche giorno, infatti, anche a Roccasecca è presente uno sportello “reclami” dove i cittadini possono rivolgersi per varie consulenze, possono accedere agli sportelli e alle sedi dell'associazione tutti i consumatori indistintamente. Gli operatori degli sportelli svolgono soprattutto un'attività di informazione dei consumatori, dei loro diritti, delle leggi vigenti e delle azioni da intraprendere per risolvere i loro problemi. A Roccasecc è possibile contattare Mario Di Rollo (345.6463968 - federconsumatorifrosinone@gmail.com). L'associazione collabora con istituzioni comunitarie e

nazionali: commissione europea per le politiche dei consumatori, Parlamento europeo, ilComitato economico e sociale, i Ministeri, il Cnel, la Commissione di garanzia legge n. 146/90, le Regioni, le Provincie,i Comuni e le Camere di commercio. Al termine del convegno, a Pontecorvo, il relatore ha omaggiato la biblioteca comunale con tre pubblicazioni di sua redazione. “Lo staff tutto di Federconsumatori – si legge in una nota dell’associazione - si dichiara altamente soddisfatto per la positiva riuscita dell’evento, e auspica che questo appuntamento sia solo il primo di una lunga serie di manifestazioni da organizzare sul territorio della provincia”.

prendano i rappresentanti dello scalo in seno al Consiglio Comunale, gli assessori dello scalo visto che domenica di mugugni se ne sono sentiti tanti. Un dato è certo, se certe manifestazioni nascono e vengono organizzate bene dagli amici di Roccasecca centro, vuol dire che allo scalo non ci sono persone in grado di farlo, vuol dire che allo scalo siamo abituati solo a chiacchierare, a criticare. Quella che dovrebbe essere la frazione più popolosa della città, la zona commerciale della città, la zona della ferrovia, della Casilina, non è in grado né di organizzarsi né di contare. Vuol dire che non è ben rappresentata nelle istituzioni, vuol dire che ancora una volta è costretta a delegare ad altri certe iniziative. Tutti insieme – conclude Tedeschi - dobbiamo fare mea culpa e guardarci allo specchio e riflettere, ormai lo scalo è un quartiere in abbandono, in totale degrado, dimenticato da tutti. Lo scalo serve solo a esprimere consensi e guarda caso negli appuntamenti elettorali è un serbatoio di voti unico e indispensabile all’elezione di consigliere ed assessori che non sono dello Scalo”.

“La forze delle idee” per ricordare Tarantelli

Parcheggio per disabili “Il Comune non fa nulla”

CERVARO – L’associazione culturale Pier Paolo Pasolini di Cervaro ha organizzato un incontro presso l’auditorium Bellini. Il 4 giugno, dalle ore 18 alle 21, sarà presentato il documentario dal titolo“La forze delle idee”, realizzato dalla Fondazione EzioTarantelli con la regia di Monica Repetto, a 25 anni dall'omicidio dell'economista da parte delle Brigate Rosse.Sarà presente suo figlio Luca che aveva tredici anni allora e oggi ha deciso di andare alla ricerca della memoria umana e intellettuale di suo padre.

ROCCASECCA -“Roccasecca oggi come oggi è nell' incapacitàpiùassolutadifarsicaricodellecategoriepiùdeboli esvantaggiateperchégliamministratori sonopresidaigiochi, dalle mostre e dalle manifestazioni podistiche. E' scandaloso che non si dia seguito ad una domanda di un parcheggio per disabili da ben quasi un anno e sembra che laresponsabilitàsiadell'UnioneCinqueCittàcheavrebbelo stampino adatto per segnalare il parcheggio”.A segnalarlo è la responsabile locale dell’Udc,Annamaria Rossini.


Multiservizi, lettera al ministro Sacconi

Scontro sull’Anticolana Tre feriti. Uno è grave

FROSINONE - Sulla sospensione di dieci lavoratori socialmente utili della Multiservizi Frosinone spa, il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Mario Abbruzzese, ha inviato una nota al ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, per conoscere il futuro di questi Lsu. Al momento non sarebbero giunte notizie, ma Abbruzzese ha confermato di voler vigilare sulla faccenda. PAG. 11

FIUGGI - Un grave incidente si è verificato nel primo pomeriggio di ieri all’interno del tunnelo sull’Anticolana. Tre le persone rimaste coinvolte nel sinistro di cui una versa in gravi condizioni. Si tratta dell’ennesimo episodio che si verifica su un tratto ritenuto estremamente pericoloso e che più volte è stato denunciato perché venissero presi provvedimenti. PAG. 11

ANNO I - N° 72 mARTEdì 25 mAGGIO 2010 dISTRIbuzIONE GRATuITA

Allegato alla Gazzetta del Molise free press. Registrazione Tribunale di Campobasso n. 3/08 del 21/03/2008. Direttore responsabile: Angelo Santagostino. Redazione di Cassino Corso della Repubblica n. 5. Tel: 0776.278040 Fax: 0776.325688 e-mail: redazione@lagazzettacassino.it. A.I. Communication sede legale: via Gorizia, 42 86100 Campobasso tel. 0874/481034. Tipografia A.I Communication Sessano Del Molise (IS) GIORNALE SATIRICO

L’OSCAR DEL GIORNO ADANTONELLOIANNARILLI

Non ci sta il presidente dell’Amministrazione provinciale di Frosinone ad essere annoverato tra coloro che percepiscono una doppia indennità. Così, senza perdere tempo, ha replicato seccamente ad un quotidiano locale che lo inseriva nella lista di coloro che percepiscono due indennità dallo Stato, soprattutto in un momento di crisi come questo. “Percepisco solo l’indennità di parlamentare - ha risposto Iannarilli - e non prendo neppure un euro per l’incarico che svolgo da presidente della Provincia di Frosinone. Con me lo Stato non fa sprechi. Anzi. Risparmia”. Sic!

IL TAPIRO DEL GIORNO AL COMUNE DI FROSINONE

Per i ritardi che sta accumulando coi lavori della realizzazione della piastra nel quartiere Cavoni. Ancor di più perché per asfaltare soltanto cinquceneto metri di strada, dal Comune arrivano sempre dilazioni per la consegna degli interventi. Se poi aggiungiamo il fatto che questi lavori stanno creanbdo disagi ai residenti, ai commercianti che lamentano un notevole calo di vendite e agli automobilisti che ogni giorno restano bloccati anche mezz’ora, soprattutto nelle ore di punta, per compiere poche centinaia di metri, si capisce bene quanto la chiusura del cantiere e la consgena dei lavori ultimati entro breve tempo, stia diventando molto importante per una città che, su un’arteria così trafficata, non può permettersi disagi a non finire come se nulla fosse.

redazione@lagazzettafrosinone.it 10.000 copie in omaggio


Frosinone Per asfaltare cinquecento metri di strada il Comune sta impiegando mesi rinviando la consegna

Cavoni, ecco la piastra dei dolori Cittadini e commercianti furiosi per i disagi che il cantiere sta arrecando FROSINONE -Intermittenti, più rumorosi, meno rumorosi, veloci, lentissimi, oggi sì... domani non si sa, un copione che si ripete quasi sempre e quasi sempre allo stesso modo e con pari disagi per tutti, parliamo dei lavori per la realizzazione di opere pubbliche, l'incubo vero dei cittadini. Pensiamo alla faccenda della Piastra sulla strada statale Monti Lepini zona Cavoni. Correva l'anno 2005 quando ebbero inizio i lavori che interessavano, e interessano tuttavia, 500 metri di strada per la realizzazione della piastra di raccordo, circa mezzo chilometro, teniamolo a mente. Il Comune aveva promesso la conclusione dei lavori per la prima settimana di giugno, di questo anno. I tecnici della Acmar, la società incaricata d'eseguire i lavori, fatte le verifiche allungano i tempi di una settimana. Pochi giorni fa da voci indiscrete, non ufficiali, si sentiva dire che l'asfaltatura sarebbe stata completata, tempo permettendo, e che il 4 giugno la questione sarebbe stata risolta come promesso. L'unica certezza in quel dei Cavoni sono disagi a non finire, disagi vecchi e meno vecchi che si rinnovano e moltiplicano puntualmente ad ogni ripresa

Doppia indennità Questioni di stile

tutta l'area interessata, la preoccupazione per il rischio incidenti, l'aumento dell'inquinamento acustico oltre che ambientale. Le lamentele arrivano da ogni dove e attraverso ogni mezzo mediatico, i più ironici hanno realizzato anche dei brevi spot comici pubblicati su i più diffusi social network che rappresentano fedelmente se non altro il malessere generale. Un vero disastro. Per 500 mt di strada. Ma questa piastra prima o poi si farà, tempo permettendo, tecnologia permettendo, cause di forza maggiore permettendo, ma si farà, quando non è dato sapere, abbiate pazienza. Joe Carobolo

dei lavori. Accanto al “cronoprogramma” dei lavori la “cronistoria” di tanta gente, residenti della zona o semplici passanti diretti al “capoluogo”. E fortuna vuole che dopo soli trenta anni sia stata conclusa la diramazione Ferentino Sora che consente uno snellimento del traffico sulla Monti Lepini ma certo non risolve la situazione. Percorrere poche centinaia di metri di deviazione intorno al cantiere ,direzione autostrada, può' significare annullare qualsiasi impegno preso e rimandare a conclusione lavori. Agli ovvi problemi di viabilità si affiancano le denunce dei negozianti e i commercianti di via Tommaso Landolfi , di quelli di

$

%

&

FROSINONE - Si riaccende , a giorni alterni, la faccenda intorno a quella famosa “settantina” di instancabili politici che si fanno in quattro, in effetti sino ad ora siamo arrivati massimo al “si fanno in tre”, per governare al meglio il Bel Paese. A possedere il “dono” della bilocazione sarebbero: sindaci e vicesindaci, e poi assessori, consiglieri comunali, consiglieri provinciali e due presidenti di giunte provinciali. Accusati di occupare cariche incompatibili per legge, legge (sic!) facilmente re interpretabile all'occorrenza, d'essere costantemente irreperibili (ma come irreperibili e l'ubiquità?) e di guadagnare per due e certe volte pure per tre, indennità e stipendi record. La vicenda vede protagonista pure un amministratore di casa nostra già onorevole della Repubblica. Il Presidente della Provincia Antonello Iannarilli che a differenza di altri, più reticenti, ha risposto quanto riportato di seguito: “Su un quotidiano leggo in prima pagina un articolo in cui

!

'

% 3 % "

(

) " *

!

+

#

,-

" #

+

ancora una volta vengo enumerato tra coloro che percepiscono due indennità . Credo che sia ora di farla finita con questa falsità .Io percepisco una sola indennità , quella da parlamentare. Dalla Provincia di Frosinone, come è giusto, non percepisco un euro. Contrariamente a quanto si scrive, dunque, per quel che riguarda la mia posizione, lo Stato risparmia altro che sprechi. Risparmia infatti interamente lo stipendio del Presidente della Provincia che, se non fossi io e cioè un parlamentare, verrebbe pagato. Voglio aggiungere che svolgo la mia funzione di parlamentare e di Presidente della Provincia con serietà e abnegazione, non sono un assenteista, non causo sprechi anzi, li ho sempre combattuti. Si parla anche di buon senso. Ecco, nel mio caso, visto che in tempi di magra lo stato risparmia concretamente, credo che la mia sia una posizione di buon senso.” Doppio incarico quindi che “fa risparmiare” e buon senso altro “dono “ innato. J.C.

.

+

/ / / / / / / / / / / / / / /

&

& 0 0 006 0(6 046 0 0 (5! ( 73! ! &(4 7(

8 2

!

. / / / / / / / / / / / / / / / / / / /

! 0 1 1 1 %

'

2 3

( ( 4 4 5 5 5

$ 3

$

" #

(

$ #

"""

!

-99: 8;<9::

9 8- =; 8-


Frosinone Il presidente del Consiglio regionale del Lazio ha inviato ieri una richiesta al ministero del Lavoro

Multiservizi, si faccia chiarezza Mario Abbruzzese chiede quale sarà il futuro dei dieci Lsu sospesi

Afa estiva, Frosinone sarà monitorata FROSINONE - Il Comune di Frosinone rientra nell’elenco delle 27 città iltaliane che la prossima estate saranno monitorate 24 ore su 24 per evitare le criticità legate alla calura estiva. Con l’arrivo della stagione calda, infatti, il Dipartimento della Protezione Civile ha avviato, per il settimo anno consecutivo, un progetto di tutela della salute rivolto alle fasce più deboli della popolazione e maggiormente esposte al rischio legato alle ondate di calore, quali gli anziani, i bambini e i malati affetti da patologie croniche e cardiovascolari. L’iniziativa della protezione civile nazionale garantirà quest’anno la copertura tutte le principali aree urbane del Paese. Sono infatti 27 le città che quotidianamente potranno disporre dell’apposito bollettino sulla presenza di eventuali criticità legate alle temperature particolarmente elevate. Il programma prevede l’attivazione di sistemi di monitoraggio che consentono

Il mostro dentro Sparta racconta la sclerosi e la vita

di individuare, per ogni specifica area urbana, le condizioni meteo-climatiche che possono avere un impatto significativo sulla salute delle categorie più esposte ai rischi legati alle ondate di calore. Sulla base di questi modelli vengono poi elaborati dei bollettini giornalieri sui possibili effetti sulla salute delle condizioni meteorologiche previste a 24, 48 e 72 ore, su una scala che va dal livello “zero”, corrispondente all’assenza di rischio, al livello “tre”, che prevede condizioni di rischio elevato e persistente per tre o più giorni consecutivi. Per l’estate 2010 il programma, che si concluderà il prossimo 15 settembre, prevede l’attivazione del sistema di allertamento in 27 città italiane: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo.

FROSINONE - Il ministero chiarisca subito quale sarà il futuro dei dipendenti della “Multiservizi”. E’ stato questo il succo di una nota inviata dal presidnete dle Consiglio regionale del lazio, mario Abbruzzese, ieri mattina dopo aver appreso della sospensione di dieci lavoratori. ““Sono stato informato della sospensione di dieci lavoratori socialmente utili assunti dalla società Multiservizi Frosinone Spa - ha dichiarato Abbruzzese - e ho ritenuto opportuno sollecitare gli uffici preposti del ministero del Lavoro per ottenere il loro parere in merito a tale questione che, una volta risolta, consentirebbe agli stessi di poter beneficiare degli ammortizzatori sociali e quindi al trattamento della cassa integrazione in deroga. Il Ministero ha prontamente risposto e, se anche non ha potuto esprimersi positivamente per una risoluzione immediata, ha fatto sapere di rimanere in attesa di ricevere dalla società Multiservizi maggiori dettagli sulla condizione di ‘sospensione’ nella quale versano gli Lsu. Ad oggi infatti non risulta ancora chiaro se le assunzioni di tali lavoratori sono state dichiarate effettivamente invalide o meno, presupposto necessario affinchè questi dieci possano essere riammessi nel bacino degli Lsu a carico del Fondo Sociale per l’Occupazione e il Lazio, già Fondo per l’Occupazione. Continuerò a seguire con

Una vita a sinistra, targa a Collalti FROSINONE- In occasione della riunione svolta a Frosinone della Federazione della Sinistra, l’Associazione Politico – Culturale “20 Ottobre” ha consegnato una targa al compagno Filippo Collalti per i suoi oltre sessant’ anni di militanza comunista tra il PCI e il PdCI. La targa è stata consegnata al compagno Sergio Collalti dal segretario provinciale del partito della Rifondazione comunista Giuseppe Sacco e dal coordinatore dell’associazione politico– culturale “20 Ottobre”, Oreste Della Posta. Nelle motivazioni del suddetto riconoscimento viene messo in luce che il compa-

FROSINONE - Dalla Ciociaria all'Ungheria: la lotta contro il “mostro” raccontata da Fabrizio Sparta. Domani, infatti, l’Istituto Italiano di Cultura di Budapest ospiterà il giovane autore frusinate Fabrizio Sparta che presenterà il suo romanzo “Un’estate con il mostro. Vivere, piangere e ridere con la sclerosi multipla “(Il Filo, 2008). All’evento organizzato dall’Istituto Italiano di Cultura di Budapest e da Radioinform.com, saranno presenti: Salvatore Ettorre, Direttore dell’Istituto Italiano di Cultura di Budapest; Fabrizio Sparta, autore del volume; Domitilla Antilici, protagonista del libro; Rita Faragó, Direttore Radioinform; Judit Máté, traduttrice del volume; Frigyesné Farkasvölgyi, Direttore Editore Medicina e István Hirtling, attore. Fabrizio Sparta racconta la lotta contro una malattia, quella di

Detenzione di droga 25enne in manette Venticinquenne di Ripi in manette per detenzione di droga. Nel corso di un servizio predisposto dal Comando provinciale dei carabinieri, il giovane è stato trovato in possesso di 0,4 grammi di marijuana. Gli ulteriori accertamenti del caso, hanno portato i Militari operanti ad eseguire una perquisizione presso l’abitazione dell’arrestato, ove sono stati rinvenuti ulteriori grammi 104,4 del medesimo stupefacente e n. 6 compresse di sobotex.

attenzione questa vicenda attraverso i miei uffici. E’ dal mese di ottobre 2009 che queste persone attendono una risposta certa e posso dire che, sebbene la situazione non sia ancora del tutto risolta, abbiamo raggiunto un primo obiettivo, contribuendo a riattivare un canale di comunicazione tra le istituzioni preposte affinché possano interfacciarsi e trovare la soluzione più idonea e nel più breve tempo possibile. Sono certo che anche insieme con il presidente della Provincia di Frosinone, Antonello Iannarilli, potremmo lavorare nella direzione di una risoluzione posizione che veda i dieci Lsu riappropriarsi dei loro diritti”.

gno partigiano Sergio Collalti che ha svolto nella resistenza un ruolo molto importante collaborando attivamente con i Gap romani, ha dedicato tutta la sua vita in difesa della libertà, della Costituzione Italiana e alla battaglia per la difesa dei diritti degli ultimi, perciò esempio per le nuove generazioni, come una figura morale che può essere da esempio ai nostri giovani. Collalti visibilmente emozionato ha dichiarato: “Ringrazio l’Associazione Politico – Culturale “20 Ottobre” per il riconoscimento che mi è stato conferito in questa occasione, ricordando

sua moglie, una sofferenza vera, inattesa, vissuta ogni giorno con coraggio e dignità. Pagine che uniscono e che rappresentano forse “la più grande dichiarazione d'amore che un uomo possa fare a sua moglie”. Due ragazzi che si amano, una malattia, un paese, una speranza, una storia semplice, è il racconto di una malattia terribile. È una storia d’amore condita dalla sofferenza nello scoprire il “mostro” e nel doverci convivere, portando avanti la vita quotidiana tra lavoro, amicizie, piccole avventure, spensieratezza. Il tutto narrato con una leggera ironia e con il sorriso e la serenità di chi ha speranza. Ingredienti ben mescolati hanno determinato il grande successo, le numerose ristampe del libro, la traduzione in lingua ungherese e la prossima presentazione a Budapest. J.C.

Conservatorio, confermato Tarquini FROSINONE - Tarcisio Tarquini, anche per i prossimi tre anni alla guida del Conservatorio di Frosinone. Il ministro Maria Stella Gelmini ha firmato il decreto di nomina di Tarcisio Tarquini a presidente del Conservatorio musicale di Frosinone. Per Tarquini, giornalista di Alatri, autore di numerose pubblicazioni, si tratta di una riconferma e resterà alla guida del "Refice" per i prossimi tre anni.

ai giovani l’importanza oggi della difesa della nostra costituzione che rimane un pietra miliare nella libertà e nella democrazia del nostro paese. Io giovane partigiano con tanti ideali nel ’43-44 oggi mi ritrovo a difendere ancora una volta la libertà di espressione messa a dura prova da questo Governo che si sta dimostrando un pericolo per il nostro paese e per la nostra democrazia.” L’associazione Politico – Culturale “20 Ottobre” ricorda che per la fine di giugno a Frosinone si terrà un convegno sul tema: “Lo Scioglimento del PCI in Provincia di Frosinone”.

Scontro auto-moto Grave un moldavo FROSINONE - Incidente stradale alle ieri pomeriggio sulla variante Casilina a Frosinone. A rimanere coinvolti una Lancia Y di colore rosso, condotta da S.F., 21 anni, residente in provincia e una motocicletta, cavalcata da P.Z, 24 anni moldavo. Dopo lo schianto, sul posto sono intervenuti gli operatori sanitari del 118 che hanno sottoposto entrambi i feriti alle prime cure del caso, prima di trasportali al pronto soccorso per gli accertamenti. Ad avere la peggio è stato il moldavo che ha riportato politraumi, ma non è in pericolo di vita.

11 ANNO I - N° 78 luNedì 01 gIugNO 2010


Meteo

ORARI TRENI

Cassino Mattino

CASSINO ROMA

Pomeriggio Sera Notte Sora

Frosinone Mattino

Mattino

Pomeriggio

Pomeriggio

Sera

Sera

Notte

Notte

La ricetta Pappardelle agli asparagi e gamberi

Pulite gli asparagi e metteteli a bollire nell’apposita asparagera o in un tegame alto e stretto, tenendo le punte fuori dall’acqua. La cottura non dovrebbe essere prolungata per non spappolare gli asparagi che devono mantenere una certa consistenza: in questo caso dovrete regolarvi in base alla grandezza degli asparagi stessi. Nel frattempo, sciogliete 30 gr di burro in una casseruola antiaderente, facendovi appassire una cipolla di piccole dimensioni finemente tritata; aggiungete le code di gamberoni sgusciate, spruzzate il tutto con il vino bianco e lasciate evaporare. Togliete gli asparagi dalla pentola e tagliate le punte. Tagliate anche la parte centrale del gambo, quella morbida, a rondelle. Aggiungete nel tegame, assieme alle code di gamberoni, gli asparagi tagliati a rondelle; fateli saltare qualche istante e poi aggiungete la panna e, se vi piace, un goccio di vodka; fate cuocere qualche istante, salate e pepate secondo il vostro gusto. Scolate le pappardelle che nel frattempo avrete fatto lessare e tenete da parte un po’ di acqua di cottura; unite le pappardelle al sugo preparato, facendole saltare brevemente e aggiungendo, se necessario, un goccio di acqua di cottura. Servite le pappardelle agli asparagi e gamberi ancora caldi.

Ingredienti: 320 gr. pappardelle 400 gr. asparagi 200 gr. gamberi 30 gr. burro sale e pepe macinato q.b.

Tempi preparazione: 20 min 25 min Cottura: Livello di difficoltà: bassa 4 N. persone:

Numeri utili EMERGENZA CARABINIERI

112

POLIZIA

113

VIGILI DEL FUOCO

115

EMERGENZA SANITARIA CORPO FORESTALE

118 1515

SOCCORSO STRADALE

800116

SANITA’ OSPEDALE

0776 39291

CLINICA S.ANNA

0776 311123

CLINICA VILLA SERENA SAN RAFFAELE

0776 21058 0776 3941

PRONTO SOCCORSO

0776 301222

GUARDIA MEDICA

0776 24422

NUMERI UTILI COMUNE

0776 2981

ABBAZIA

0776 311529

UNIVERSITA’

0776 2991

TRIBUNALE

0776 32091

AUTOSTRADE VI TRONCO FERROVIE DELLO STATO

ORARI MESSE

0776 3081 888088

3.45 4.27 5.04 5.20 5.57 6.32 7.11 7.30 8.03 8.12 8.18 9.10 10.14 10.25 12.11 13.24 14.36 14.39 15.06 15.54 16.21 17.16 18.06 18.25 19.30 20.15 20.18 21.26 21.37 22.16

5.55 6.40 7.07 7.15 7.55 8.35 8.48 8.53 9.40 9.45 9.52 11.25 11.40 12.20 14.40 15.22 16.25 16.46 17.24 17.16 18.22 19.20 19.25 20.40 21.46 21.52 22.35 22.50 23.40 23.48

CASSINO NAPOLI

ROMA CASSINO 5.34 6.15 6.17 6.25 7.25 7.54 8.20 8.25 9.15 10.20 12.47 13.15 13.47 14.15 14.47 15.20 16.15 16.47 17.15 17.47 18.15 18.20 18.47 19.15 19.47 20.15 20.25 21.20 22.20 23.30

7.33 7.37 7.57 8.36 9.29 9.34 9.48 10.49 10.35 12.51 14.44 14.48 15.51 15.42 16.44 17.39 17.50 18.52 18.42 19.44 19.48 20.39 20.44 20.55 21.50 21.56 22.40 23.39 00.44 01.16

1.40 5.23 5.50 6.57 7.59 8.45 9.30 13.54 14.49 15.15 17.13 18.20 18.47 18.54

5.46 7.18 7.42 8.58 9.27 10.37 12.48 15.47 16.28 17.28 19.09 20.20 20.40 21.00

NAPOLI CASSINO 4.20 5.18 5.51 6.08 6.16 7.50 11.35 12.14 12.20 14.50 15.49 16.50 18.45 19.50

6.30 7.10 7.46 8.11 8.11 9.48 13.25 14.31 14.31 16.55 17.50 18.50 20.13 21.50

Abbazia di Montecassino ore 9.00 10.30 12.00

San Germano (chiesa Madre)

ore 8.30 11.00 19.00 San Pietro ore 7.30 10.00 11.30 18.00 Sant’Antonio ore 9.30 12.00 19.00 San Giovanni ore 7.30 11.00 19.00

AUTObUS CASSINO - FROSINONE 6.30 7.00 8.15 11.25 14.10 CASSINO - SORA 6.15 8.30 14.10 16.20 17.05 19.01 22.15 CASSINO - GAETA 4.56 6.00 7.01 8.00 8.21 9.16 11.16 12.41 13.10 14.15 15.31 16.31 17.46 19.36 CASSINO - ROMA 6.00 8.30

San Bartolomeo

P a s t e n a ---> Domenica Sagra delle ciliegie

ore 8.30 11.00 18.00 San Basilio (Caira) ore 10.00 San Giovanni (Sant’Angelo in Th.)

Un tradizionale appuntamento con la prima domenica di giugno, per trascorrere una giornata all’insegna delle bellezze e delle bontà. Sfilata di carri sul tema delle ciliegie, che vengono distribuite gratuitamente presso le Grotte di Pastena, è accompagnata da visite guidate all'interno delle Grotte, con ingresso gratuito presso il Museo dell'Ulivo e della Civiltà Contadina nel centro storico, menu tipici nei ristoranti con piatti e prodotti tradizionali. Un pò di storia: la sagra delle ciliegie di Pastena è stata istituita molti anni fa come fiera del bestiame e, da allora, è una manifestazione folkloristica molto sentita. La ciliegia nasce sia dal prunus avium, che è il ciliegio dolce, sia dal prunus cerasus, detto anche agriotto o visciolo. Ha la sua origine nei territori occidentali dell'Asia. La sua diffusione capillare risale ad un paio di secoli fa. La distinzione fra le due piante però non è puramente accademica e non è da sottovalutare. Infatti, le ciliege sono il frutto di due specie di alberi della famiglia delle Rosacee, la stessa cui appartengono le rose. Dalla specie Prunus avium nascono le ciliege dolci, sia quelle a polpa tenera (tenerine) che quelle a polpa dura (duracine).

ore 8.30 11.00

TURNI FARMACIE SABATO 29 MAGGIO

PRIGIOTTI

DOMENICA 30 MAGGIO

S.BENEDETTO

LUNEDI’ 31 MAGGIO

PRIGIOTTI

MARTEDI’ 1 GIUGNO

EUROPA

MERCOLEDI’ 2 GIUGNO

RICCIUTI

GIOVEDI’ 3 GIUGNO

S.ANNA

VENERDI’ 4 GIUGNO

S.BENEDETTO

Al cinema a Cassino:

SEX AND THE CITY 2 Cosa accade dopo aver pronunciato il fatidico "sì"? Le nostre eroine hanno realizzato i loro desideri più importanti, ma non sarebbe "Sex and the City" se la vita non serbasse qualche sorpresa in più... e questa volta sotto le spoglie di un'avventura "glamour" e assolata che le porta via da New York verso uno dei luoghi più sontuosi, esotici e coloriti della terra,dove le feste non finiscono mai e dietro ad ogni angolo si nasconde qualcosa di misterioso. Una fuga che arriva al momento propizio per le quattro amiche che si trovano a vivere – e combattere contro – i ruoli tradizionali imposti dal matrimonio, dalla maternità e altro. A volte non resta altro che scappare via con le amiche.

capienza: 316 posti

orario spettacoli: 18.30; 21.30

prezzo: € 6,00

A D N AGE o n i s s Ca

13

ANNO I- N° 78

LUNEDì 01 GIUGNO 2010


sport CALCIO SERIE B

Missione compiuta per i canarini che impattano con la Triestina: salvezza raggiunta

Frosinone, cinque volte serie B Raddizzata una stagione deludente grazie al cambio di panchina avvenuto appena in tempo FROSINONE - Salvezza doveva essere e salvezza è stata. Il Frosinone parteciperà di diritto l'anno prossimo per la quinta volta consecutiva al torneo di serie B. Doveva conquistare almeno un punto contro la Triestina e un punto è arrivato. Alla fine negli spogliatoti del “Matusa”champagne per tutti! In un “Matusa” che per un giorno è stato stracolmo di gente, i gialloblu di mister Carboni hanno conquistato una salvezza a modo suo storica. Carboni ha presentato la migliore formazione possibile per questa ultima decisiva partita, fermo restando l'oramai collaudato 4-4-2. Arrigoni che era obbligato a vincere per evitare gli spareggi, ha optato per Godeas in panchina con il solo Della Rocca in avanti per un 4-4-1-1 che però regge pochi minuti. Il tecnico ciociaro capisce subito che gli alabardati hanno qualche problemino sulla fascia sinistra con Sabato e Testini che faticano a contenere le sfuriate di un Troianiello che sembrava incontenibile. L’inizio è stato subito scoppiettante ed al 9’il Frosinone creava il primo pericolo con Troianiello che appoggiava per Cariello il quale prolungava per Mazzeo che davanti a Calderoni sprecava. Ma il vantaggio era solo rimandato di due minuti. E’lo stesso numero 83 ciociaro che si fa-

L’applauso della squadra canarina al tecnico Guido Carboni ceva perdonare servendo un perfetto assist a Troianiello che dal lato sinistro lasciava partire un interno che superava imparabilmente il portiere giuliano. Esplode tutto lo stadio. La gioia però dura poco. Al 20’ Della Rocca serviva Testini che quasi a tu per tu con Sicignano lo batteva. La gara vive una fase di stanca. Tra i padroni di casa Basha era costretto ad uscire per un risentimento, al suo posto Caremi. Al 33’ ci provava Mazzeo a spezzare la monotonia con un’azione personale che però si spe-

gneva sul fondo. Il tempo si chiudeva con una opportunità degli ospiti, con Colombo che sfiora il palo. La ripresa iniziava con gli stessi effettivi ed è subito Cariello che ci provava la sua conclusione si spegne sul fondo con Calderoni comunque sulla traiettoria. Gli uomini di Arrigoni provano un forcing e allora è Testini che serve Della Rocca, ma il suo tiro termina alto. Proprio nel momento migliore degli ospiti arrivava il raddoppio dei ciociari. Al 56’Mazzeo vola in contropiede giunto in area tenta il cross che

viene però smanacciato da Calderoni, Stellone è il più lesto di tutti ed insacca. Il nuovo vantaggio procura in tutti la convinzione che il più è oramai fatto.Anche perché le notizie che giungevano dagli altri campi, Modena su tutti, lasciavano relativamente tranquilli. All'89' su un capovolgimento di fronte arrivava il pari degli ospiti con il nuovo entrato Silingardi che batteva Sicignano. Dopo cinque interminabili minuti terminava l'ultima partita per questa quarta avventura del Frosinone in seri B. Al triplice fischio giro d'onore per tutti i canarini acclamati e invocati da uno stadio festante e colorato di gialloblu. Momenti che al “Matusa” raramente si erano visti quest'anno con un entusiasmo che piano piano si era andato spegnendo lasciando spazio alla preoccupazione. Preoccupazione che però è svanita definitivamente domenica pomeriggio e come d'un tratto sono sparite le contestazioni dei tifosi ai giocatori e alla dirigenza, le accuse di partite “svendute” e non giocate a dovere. D'altronde nel calcio contano i risultati e questa salvezza acquisita negli ultimi minuti disponibili del campionato serve soprattutto a spegnare tutte le polemiche che si erano venute a creare dietro quest'annata così mal gestita.

Troianiello sempre decisivo Il Frosinone il prossimo anno giocherà di nuovo in B. Merito di tutti sia chiaro, ma in primis di Carboni (nessuno o pochi credevano in lui un mese fa) e soprattutto merito della “Nord”. Di quel tifo organizzato troppo spesso condannato a priori ma che rappresenta l'unica faccia ancora viva e spontanea del calcio moderno. La “Nord” quest'anno è stata fantastica Stirpe nel dedicare questa salvezza soprattutto a loro. Ora però bisogna guardare al futuro, al prossimo anno. Ma con calma, prima alcuni giorni di vacanza: i protagonisti di questa bella “favola” se li sono meritati. Andrea Mastrantoni

I VERDETTI DEL TORNEO CADETTO

CIOCIARI ANCORA IN B

Cesena in A, Mantova in C1 Padova-Triestina ai play-out

Festa grande al Matusa nel dopo gara Il presidente Stirpe conferma Carboni

Oltre alla salvezza del Frosinone di mister Carboni sono molteplici ed inappellabili molti altri verdetti. Sono Lecce e Cesena le due promosse in serie A. Ai pugliesi basta lo scontato pareggio 0-0 col Sassuolo, mentre i romagnoli vincono 1-0 a Piacenza. Il Brescia si rammarica per aver sprecato il match point con il Padova e viene superato 2-1, finendo ai play-off. Proprio il Padova e la Triestina (2-2 a Frosinone) ai play-out. Finisce il Lega Pro il Mantova col 2-2 di Ancona. Il Toro, con il gol di Belingheri, agguanta la quinta posizione in classifica, scavalcando il Cittadella. La 42esima giornata ha obbligato a rimanere attaccati alla radiolina fino all'ultimo minuto di recupero. Il Lecce torna in A dopo quindi una sola stagione di purgatorio, il Cesena lo fa dopo vent'anni di assenza e una sola stagione in B. Il Mantova retrocede insieme al Gallipoli e Salernitana e aspetta di conoscere chi gli farà compagnia tra la perdente degli spareggi play-out. Per la squadra di Di Michele è stata una domenica di tutta tranquillità, visto che il pari era un risultato utile a entrambe le Il tecnico cesenate Bisoli squadre. Ma non si può dire lo stesso per Cesena e Brescia: i bianconeri hanno fatto il loro dovere a Piacenza, grazie al gol di Parolo in avvio di ripresa, e poi si sono attaccati alla radio. Le rondinelle si sono scontrate con la forza della disperazione del Padova e dopo il primo tempo erano già sotto per 2-0. Il rigore di Caracciolo nel finale ha solo reso più amara la sconfitta. L'impresa di battere i lombardi non è bastata per ottenere la salvezza diretta: il Modena ha vinto in rimonta col Gallipoli e Reggina e Vicenza non hanno avuto troppi problemi con AlbinoLeffe e Salernitana. Il pareggio dell'Ancona col Mantova (2-2), firmato dalle doppiette di Mastronunzio e Pellicori, ha condannando il Mantova.

14 ANNO I - N° 78 MARTEDì 01 gIugNO 2010

FROSINONE - A dieci minuti dal termine di Frosinone-Triestina con i ciociari in vantaggio e con i risultati che giungevano dagli altri campi molto positivi la Nord si è lasciata andare a cori celebrativi per tutti, tra cui il classico “C'è solo un presidente” rivolto a Maurizio Stirpe. Tutto lo stadio “pressato” dall'insistenza della curva Nord ha tributato poi un grande applauso a Stirpe che ha ricambiato alzandosi in piedi e salutando a sua volta. Un grande momento per il presidente Stirpe che a sorpresa poi al termine della gara si è presentato anche in sala stampa. Subito una premessa. "Devo ringraziare tutti voi per questa salvezza che ad un certo punto sembrava un miraggio. E’ chiaro che grandi meriti vanno al tecnico Carboni con il quale, vi do questa chicca, abbiamo intenzione di proseguire anche l’anno prossimo. Per me se lui lo vorrà è confermato. E’ giusto dargli fiducia, un po’ come successe qualche anno fa a Bari. Ha fatto un lavoro eccezionale. Col senno di poi il cambio tecnico si poteva fare prima.“Guardate, come ho

già avuto modo di dire, il 20 febbraio lottavamo per andare ai playoff, poi è arrivato qualche risultato negativo come le sconfitte di Crotone e Torino, ma eravamo ancora in quota. A Sassuolo abbiamo

La commozione di Stirpe perso giocando un ottimo calcio. In casa col Piacenza dovevamo vincere invece alla fine siamo stati puniti. Da li probabilmente è iniziata la vera nostra fase calante che ci ha

portato a malincuore ad esonerare Moriero.” Su che Frosinone sarà quello prossimo, il presidente pare avere le idee chiarissime “Si deve intervenire sulla difesa. Ma non tanto sugli uomini, quanto sulla compattezza. Quest’anno nel reparto difensivo c’è mancata proprio quella. Dedico ai miei genitori questa soffertissima salvezza con la ripromessa che non deve più accadere. Oggi è come se abbiamo vinto la champions. Per una città come Frosinone è questa la nostra coppa. La serie A può attendere.” Per ultimo ma felice arriva il "fresco riconfermato" tecnico Carboni di poche parole: "Scusate ma sono distrutto. Il presidente ha detto che sono confermato? Bene se lo dice lui siamo tutti contenti. Scherzi a parte il matrimonio si deve celebrare in due. Se ci sono le condizioni sarò ben contento di rimanere. Oggi è un giorno importante non solo per me. In questo mese parecchie persone hanno sofferto, il direttore Graziani e Armando Ortoli che prima di essere dirigenti sono veri tifosi di questa squadra. Grazie a tutti." andr.mastr.

Mantova, Lori cerca di salvare il suo club

Sarà Atalanta low-cost Spunta l’ipotesi Bruno

Il presidente Fabrizio Lori non se l'è sentita di seguire il Mantova ad Ancona. Al termine della partita, ha dichiarato di sentirsi "molto triste" per la retrocessione. "Il momento è brutto - ha aggiunto - ma cercherò di risolvere la situazione. La retrocessione è un duro colpo finanziario, ma da domani lavorerò per salvare il club".

L'Atalanta pensa al mercato a parametro zero. Per l'attacco, oltre alla pista Francesco Ruopolo (27), seguito anche dal Chievo Verona, si parla anche del bomber del Modena Salvatore Bruno (31) che si libererà a parametro zero. Sempre dai canarini potrebbe arrivare il portiere Antonio Narciso (30), ex Albinoleffe.


sport

Armando con tuta da corsa e casco

Tutti in coda dietro il numero 80 in piega: spettacolo Pontone!

Domenica il debutto assoluto in 125

Il sogno di Armanduck è realtà Al Mugello l’esordio in 125Gp Il campioncino cassinate Armando Pontone debutterà tra i big del motomondiale CASSINO - A volte capita che i sogni si trasformino in realtà, proprio quando meno te lo aspetti. Nel caso di Armanduck invece, la possibilità di realizzarlo si è materializzata non per caso o peggio ancora per grazia ricevuta. Armando Pontone, classe 1992, cassinate diVilla S.Lucia, è una delle giovani promesse del motociclismo non solo nazionale. Domenica prossima sarà in gara al Mugello come wild-card nella classe 125gp del motomondiale, alla guida dell'Aprila del team gestito dal guru del circuito a due ruote, Giampiero Sacchi, un signore che di moto e sopratutto di nuovi talenti ne sa qualcosa, avendo plasmato piloti del calibro di un certo Valentino Rossi, Capirossi, Biaggi, Lorenzo, Dovizioso. Il team Junior Gp è una struttura organizzata al top, pronta per affrontare l'intero mondiale 2011, con un direttore tecnico che la dice lunga, Roberto Locatelli, campione del mondo della classe 250 nel 2000 con il team di Vasco Rossi, che da tempo segue le gesta del talentuoso Armandino, ragazzo schivo, timido ed umile che quando sale in sella alla sua moto mostra tutta la sua caparbietà nell’inseguire il sogno di una vita, disegnando traiettorie e staccate che in breve lo hanno portato a competere con i pari età più forti del globo. Pontone, con all'attivo più di 300

gran premi ed un titolo come campione italiano 125, è ormai prossimo al passaggio nell'Olimpo delle moto, nel “recinto dorato” dove ogni ragazzino con la passione per un motore montato su due ruote sogna di arrivare. Nel frattempo però, il campioncino in erba di Villa S.Lucia si è guadagnato a suon di prestazioni nel campionato italiano, tutte a dir poco convincenti, la possibilità di gareggiare con piloti che fino a pochi giorni fa ammirava solo in televisione. Un esordio al cardiopalma sul circuito di casa del Mugello è il giusto premio conferito ad un ragazzo che dietro di sè non ha grossi sponsor che possono garantirgli la possibilità di correre ai massimi livelli. Nel caso di Armandino, il talento cristallino ha giocato il ruolo decisivo nell’ascesa di questo diciassettene pronto al salto di qualità definitivo, come testimoniano gli ottimi risultati ottenuti nel campionato italiano di quest’anno che lo vede al terzo posto della classifica generale, pronto ad affrontare quello europeo che si correrà in ottobre in Spagna al meglio delle condizioni psicofisiche. Peccato per il problema ai tendini degli avambracci, derubricato come fastidioso inconventiente per ogni pilota di moto, che lo affligge da qualche tempo ma che sicuramente non condizionerà il suo esordio assoluto nella classe 125. Troppa la tensione,

Il primo piano di una piega sul cordolo di Pontone

l’emozione e la voglia di salire sulla sua Aprilia per stupire solo chi non lo conosce già, in uno scenario, quello del Mugello, davvero da brividi per un debuttante che si affaccia per la prima volta nel gotha delle

Armando Pontone due ruote. Roba da far tremare i polsi a chi ha speso una vita sui circuiti d’Italia con la speranza, un giorno, di coronare un sogno che fra pochi giorni sarà possibile toccare con mano. Teso al punto giusto e motivato nell’inseguire un risultato positivo, Armando Pontone, è venuto a farci visita in redazione con le idee chiare circa il suo esordio tra i big.

Con Locatelli a Misano

“Sarò il primo pilota ciociaro a partecipare ad una gara del motomondiale, nessuno si era spinto fino a questo punto prima di me. Mi sento carico, pronto e determinato, anche se prendere anche un solo punto a quel livello non è una cosa semplice. Proverò a fare del mio meglio, cercando di non deludere i miei sponsor e i tantissimi tifosi che stanno affrontando il viaggio fino in Toscana a bordo di pulman appositamente noleggiati. Per il momento il terzo posto in classifica nel CIV è una buona garanzia che mi da serenità. Ma se sono arrivato fino a qui, non è solo merito mio. Devo tantissimo ai grandi sacrifici, sopratutto economici che da circa dieci anni affronta mio padre. A Vittorio Celletti, presidente dell'associazione Kodec8, che ha fatto e sta facendo tantissimo, una persona importante che ha avuto un ruolo fondamentale nella mia storia. Ugo Passeri che mi accompagna in ogni trasferta, l'ultima nell'europeo ad Albacete in Spagna, un valido consigliere. Ed un grazie al mio commercial-manager Giorgio Di Folco che cura i rapporti con gli sponsor e la stampa seguendomi nei box e negli allenamenti. Voglio condividere questo traguardo con tutti loro, sperando di riuscire a cavarmela ottenendo un buon risultato”. Visibilmente emozionato Franco, il papà di Armandino, proprietario del ristorante “La Tavernetta”.

“Questi dieci anni sono stati durissimi, ancora non siamo arrivati, ma come potete vedere ci sono degli ottimi presupposti. Domenica non potrò essere lì con mio figlio e seguirò la gara tra una portata e l'altra nel mio ristorante. Per me è una grande soddisfazione e una gioia immensa che mi ripaga dei sacrifici di una vita”. Infine, il commento di Giorgio Di Folco, commercial-manager di Armanduck: “Da bambino il mio sogno era fare il pilota, ma non c'era né la stoffa né le possibilità. Per me Armando è una rivincita, attraverso le sue gare in un certo senso vivo quello che avrei voluto fare. Per quello che riguarda l'aspetto tecnico, devo ringraziare i fratelli Bevilacqua e Giovanni Plocco per l'aiuto importante e per aver creduto con forza in questo progetto. Forza Armandino, siamo tutti con te! La parola d'ordine sarà sinergia tra aziende e risorse umane: il nostro obiettivo è valorizzare ancora di più il nostro territorio che prima di Pontone nel panorama motociclistico mondiale non esisteva”. Seguiremo con entusiamo le prove libere, le qualifiche e la gara d’esordio di Pontone, riportando commenti a caldo di Armanduck appena terminate le varie sessioni, senza dimenticare di gridare, domenica mattina, tutti insieme, davanti alla televisione: “Go Armando, go!”. Antonino Massara

Armanduck in solitario sotto la bandiera a scacchi

Mou,al Real per vincere subito la Champions

Fiorentina contro la Figc sull’annuncio di Prandelli

Il tecnico portoghese presentato al Bernabeu: “Spero che l'Inter possa vincere tutto, tranne la Champions. Ho lasciato a Milano un gruppo fantastico. Sono un tecnico vincente e proverò a vincere tutto anche in Spagna. Io difensivista? Sono solo bugie: ho giocato e vinto tre finali segnando otto gol. Non ho parlato con Moratti del mio possibile sostituto”.

Durissima presa di posizione della società viola per l’annuncio di Cesare Prandelli come nuovo ct della nazionale: “Nessuno ci ha informati, reputiamo grave questo comportamento. E’ una grande mancanza di rispetto verso la società e i tifosi. La Federazione non ha coinvolto né la proprietà né i dirigenti viola in questa scelta».

15 ANNO I - N° 78 mArtedì 01 gIugNO 2010



lagazzettacassino010610a